Sei sulla pagina 1di 19

Sussidi didattici per il corso di

COSTRUZIONI EDILI
Prof. Ing. Francesco Zangh

STRUTTURE IN LEGNO II
I
AGGIORNAMENTO 14/01/2013
Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zangh

FLESSIONE SEMPLICE RETTA


La verifica a flessione retta soddisfatta quando:

M Sd f m, d kmod f m, k
= km 1 f m, d = kh
W km che pu essere scritta nella forma f m, d M

km un coefficiente convenzionale che tiene conto del diverso comportamento del legno a trazione e
compressione e della disomogeneit del materiale. Vale km=0.7 per sezioni rettangolari e km=1 per le altre
sezioni.

kh un coefficiente che incrementa la resistenza quando la dimensione della sezione Lmax, parallela al piano
di sollecitazione, inferiore a 15 cm per legno massiccio o 60 cm per il lamellare.

150 2
k h = min ;1.3 se Lmax < 15 cm per legno massiccio
h

600 2
k h = min ; 1.1 se Lmax < 60 cm per legno lamellare
h

2
Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zangh

FLESSIONE SEMPLICE DEVIATA


Scomponiamo il momento flettente totale, agente sulla sezione, nelle due componenti parallela e perpendicolare
al sistema di riferimento locale x-y della sezione: y s

M x = M cos M y = M sin
Calcoliamo i moduli di resistenza Wx e Wy della sezione rettangolare: My x

M
b h2 h b2
Wx = Wy =
6 6 Mx
Calcoliamo le tensioni di progetto nelle due direzioni:
M My
x = x y =
Wx Wy F


s
Calcoliamo le resistenze di progetto nelle due direzioni, valutando il coefficiente kh in funzione della dimensione
della sezione :
k mod f m ,k k mod f m ,k
f m , x ,d = kh,x f m , y ,d = kh, y
M M

Applicando il principio di sovrapposizione degli effetti, considerando il coefficiente km agente in modo alternato
nelle due direzioni, la verifica a flessione deviata risulta positiva se sono soddisfatte le due diseguaglianze:

x y x y
km + 1 + km 1
f m, x , d f m, y , d f m, x , d f m, y , d

3
Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zangh

ESEMPIO N2
Progettare gli arcarecci di cui allESEMPIO 1 sapendo che il manto di copertura realizzato mediante tegole
marsigliesi (G2=0.45 kN/m2), e che il sovraccarico accidentale per neve vale Q=0.70 kN/m2. La luce degli
arcarecci pari allinterasse fra le capriate cio 3.00 m. Linterasse fra gli arcarecci di 80 cm.

Predimensioniamo gli arcarecci tramite, la tabella di prontuario, scegliendo


linterasse minimo di 1.20 m, luce pari a 3.00 m e carico compreso tra 1.40 e 1.60
(0.45+0.70=1.15 kN/m2):

Arcarecci 12x18 cm
Analisi dei carichi per metro di trave

Peso proprio arcareccio: (0.12 x 0.18 x 1.00) x 4.20 kN/m3 G1 = 0.09 kN/m

Peso proprio copertura: 0.45 kN/m3 x 0.8 G2 = 0.36 kN/m

Sovraccarico accidentale (neve): 0.70 kN/m3 x 0.8 Q = 0.56 kN/m

Calcolo sollecitazioni allo SLU:

q sd = 1.3 G1 + 1.5 G 2 + 1.5 Q = (1.3 0.09 ) + (1.5 0.36 ) + (1.5 0.56 ) = 1.50 kN / m

4
Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zangh

ql 2 1.50 3 2 M x = M cos = 169 cos 18 161 kNcm


M sd = = = 1.69 kNm = 169 kNcm
8 8 M y = M sin = 169 cos 18 53 kNcm
Verifica a flessione deviata:
Calcolo dei moduli di resistenza:

b h 2 12 18 2 3 h b 2 18 12 2
Wx = = = 648 cm ; W y = = = 432 cm 3
6 6 6 6
Calcolo delle resistenze di progetto nelle due direzioni:
k mod f m ,k 0 . 7 2 .4 kN
- Il direzione x, kh,x = 1 perch 18>15 cm f m , x ,d = kh,x = 1 = 1.120
M 1 .5 cm 2
- Il direzione y, poich 14<15 cm:
k mod f m ,k 0 .7 2 .4 kN
150 2 150 2 f m , y ,d = kh = 1.30 = 1.456
k h, y = min ;1.3 = min ;1.3 = min[1.56 ;1.3] = 1.30 M 1 .5 cm 2
h 120

Calcolo delle tensioni di progetto nelle due direzioni:

M x 161 kN My 53 kN
x = = = 0.248 2 y = = = 0.123 2
Wx 648 cm Wy 432 cm
Verifica:

0 .248 0 .123 0 .248 0 .123


0 .7 + = 0 .24 1 + 0 .7 = 0 .28 1 VERIFICA POSITIVA
1 .120 1 .456 1 .120 1 .456

5
Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zangh

PRESSO-FLESSIONE SEMPLICE
2
Applicando, anche in questo caso, il principio di sovrapposizione degli effetti, c , 0, d
procedendo con la stessa logica adottata per la verifica a compressione e a + k m m,d 1
f f m,d
flessione, la verifica a presso-flessione semplice risulta positiva se soddisfatta c , 0,d
la diseguaglianza indicata a lato.

Nel calcolo della tensione di progetto a compressione, in direzione parallela alla fibratura, c ,0,d , occorrer
tenere conto dellinstabilit, come gi visto in precedenza.

PRESSO-FLESSIONE DEVIATA
Stessa logica. Questa volta occorrer soddisfare due diseguaglianze:
2 2
c , 0, d c , 0, d m, x , d m, y , d
+ km m , x , d + m , y , d 1 + + km 1
f f m, x , d f m, y , d f f f
c , 0, d c , 0, d m, x , d m, y , d

TENSO-FLESSIONE SEMPLICE
t , 0 ,d m ,d
+ km 1
f t , 0 ,d f m ,d

TENSO-FLESSIONE DEVIATA
t , 0 ,d m , x ,d m , y ,d t , 0 ,d m , x ,d m , y ,d
+ km + 1 + + km 1
f t , 0 ,d f m , x ,d f m , y ,d f t , 0 ,d f m , x ,d f m , y ,d

6
Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zangh

ESEMPIO N3
Verificare la catena di cui allESEMPIO 1 sapendo che lo sforzo di trazione su di essa agente pari a +75 kN.
La catena, di dimensioni 14x21, soggetta a TRAZIONE, quale componente del sistema reticolare della capriata e a
FLESSIONE SEMPLICE RETTA, quale trave isostatica in semplice appoggio, di luce l=8.00 m , soggetta al proprio peso
pari a:
q sd = 1.3 (0.14 0 .21 1.00 ) 4.2 = 0.16 kN / m
Verifica a tenso-flessione retta
ql 2 0 .16 8 2
Il momento flettente massimo allo SLU : M sd = = = 1 .28 kNm = 128 kNcm
8 8
b h 2 14 212
Il modulo di resistenza, per sezione rettangolare, : W = = = 1029 cm 3
6 6
Poich laltezza > di 15 cm il coefficiente kh vale 1. La resistenza di progetto per flessione, per legno di classe C24, :
k mod f m ,k 0 .7 2 .4 kN
f m ,d = kh = 1 = 1.120
M 1 .5 cm 2
La resistenza di progetto a trazione :
k mod f t , 0 ,k 0 .7 1 .4 kN
f t , 0 ,d = = = 0.653
M 1.5 cm 2
Le tensione di progetto a trazione e a flessione valgono rispettivamente:
N Sd 75 75 kN M Sd 128 kN
t , 0 ,d = = = = 0.255 2 m ,d = = 0.125 2
A 14 21 294 cm W 1029 cm

Verifica:
t , 0 ,d m ,d 0.255 0.125
+ km 1 + 0.7 = 0.468 < 1 VERIFICA POSITIVA
f t , 0 ,d f m ,d 0.653 1.120
7
Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zangh

ESEMPIO N4
Verificare il puntone di cui allESEMPIO 1 sapendo che lo sforzo di compressione allo SLU, calcolato
risolvendo lo schema di trave reticolare, vale -70 kN.
Il puntone, di dimensioni 14x18, soggetto a COMPRESSIONE, quale componente del sistema reticolare della capriata e
a FLESSIONE SEMPLICE RETTA, quale trave isostatica in semplice appoggio, di luce l=2.80 m , soggetta al proprio peso
e alle azioni concentrate trasmesse dai due arcarecci che gravano sullasta.
Analisi dei carichi SLU
Il valore allo SLU del carico concentrato trasmesso dallarcareccio si ricava facilmente da calcoli eseguiti nellESEMPIO 2.
Il carico ripartito calcolato vale 1.50 kN/m e la luce dellarcareccio 3.00 m.

- peso proprio puntone allo SLU: 1.3 x (0.14 x 0.18 x 1.00) x 4.20 kN/m3 = 0.14 kN/m

- carico concentrato arcareccio: (1.50 x 3.00)/2 = 2.25 kN

- sforzo di compressione puntone: 70 kN

8
Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zangh
Calcolo delle tensioni e delle resistenze

FLESSIONE

Il momento flettente massimo allo SLU :

ql 2 Fl 0 .14 2 .80 2 2 .25 2 .80


M sd = + = + = 2 .24 kNm = 224 kNcm
8 3 8 3
b h 2 14 18 2
Il modulo di resistenza, per sezione rettangolare, : W = = = 756 cm 3
6 6
Poich laltezza > di 15 cm il coefficiente kh vale 1.
La resistenza di progetto a flessione, per legno di classe C24, :

k mod f m ,k 0 .7 2 .4 kN
f m ,d = kh = 1 = 1.120
M 1 .5 cm 2
Le tensione di progetto a flessione vale:
M Sd 224 kN
m ,d = = = 0.296
W 756 cm 2
COMPRESSIONE + INSTABILIT

Il puntone si considera incernierato agli estremi pertanto la lunghezza libera di inflessione l0=l=2.80 m.

18 14 3 J min 4116 280


J min = = 4116 cm 4 imin = = = 4.04 cm = = 69 .31
12 A 252 4.04

f c , 0,k 69 .31 21 1 + c ( rel ,c 0.3) + 2 rel ,c 1 + 0.2 (1.175 0.3) + 1.175 2


rel ,c = = = 1.175 > 0.3 k = = = 1.28
E 0, 05 7400 2 2

9
Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zangh

1 1
k crit ,c = = = 0.33
2 2 2 2
k + k rel ,c 1.28 + 1.28 1.175

La resistenza a compressione parallela alla fibratura vale, pertanto:

k crit ,c k mod f c , 0 ,k 0.33 0.70 2.1 kN


f c , 0 ,d = = = 0.323
M 1 .5 cm 2

Le tensione di progetto a compressione vale:


N Sd 70 kN
c ,0,d = = = 0.278
A 252 cm 2
Verifica a presso-flessione retta

2
c ,0, d 0.278
2
0.296
+ km m , d 1 + 0.7 = 0.93 < 1 VERIFICA POSITIVA
f f m, d 0.323 1.120
c , 0, d

10
Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zangh

TAGLIO
Ipotizzando per semplicit che la sezione sia di materiale omogeneo, calcoleremo la massima
tensione tangenziale agente sulla sezione applicando la nota formula di Jourawski (vedi
dispensa Sollecitazioni semplici). La verifica a taglio retta soddisfatta quando:

VSd S k mod f v ,k
=
b J M
Per sezioni rettangolari, la massima tensione tangenziale pu essere facilmente espressa in funzione del taglio e
delle dimensioni della sezione. La formula di verifica diventa:

3 VSd kmod f v ,k
=
2 bh M
ESEMPIO N5
Verificare a taglio gli arcarecci di cui allESEMPIO 2.
ql 1 .50 3
Il taglio massimo di progetto massimo allo SLU : V sd = = = 2 .25 kN
2 2
Verifica:
3 VSd 3 2.25 kN k f 0.7 0.25 kN
max = = = 0.016 2 < mod v ,k = = 0.12 2 VERIFICA POSITIVA
2 b h 2 12 18 cm M 1 .5 cm

11
Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zangh

VERIFICHE DI DEFORMABILIT ALLO SLE


Generalmente la verifica consiste nel calcolare la freccia per elementi inflessi e controllare che questa rientri
entro valori accettabili in relazione alla funzionalit dellopera. Le deformazioni dovute a sforzo normale possono
essere ritenute trascurabili. Quelle dovute a flessione sono determinanti in relazione al valore relativamente
basso del modulo elastico del legno e alla notevole influenza dellumidit e degli effetti viscosi (fluage), cio
quei fenomeni che implicano il progredire lento, nel tempo, delle deformazioni per i carichi permanenti.

La freccia finale, fin, sar ottenuta sommando alla freccia iniziale, istantanea, in, il valore dellincremento
dif dovuto allumidit e alla viscosit.
fin = in + dif
in verr calcolato con riferimento alla combinazione di carico RARA:
Fd = G1 + G2 + Q

dif verr calcolato con riferimento alla combinazione di carico QUASI PERMANENTE:
Fd = G1 + G2 + 21 Q E0,mean
Inoltre il modulo elastico del legno dovr essere corretto secondo la seguente espressione: Edif =
1 + k def
Tabella per il calcolo del coefficiente kdef

12
Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zangh
Tabella per il calcolo del coefficiente 21

La freccia calcolata dovr essere confrontata con i limiti riportati nella seguente tabella:

Elementi strutturali fin


Strutture a sbalzo senza carichi mobili L/150
Elementi di copertura (esclusi solai) L/200
Solai, travi che non sostengono tamponature, sbalzi con carichi mobili L/300
Travi che sostengono tamponature o carichi mobili L/400

N.B.
Allo SLE, il calcolo delle frecce elastiche verr effettuato con riferimento al modulo elastico medio
parallelo alle fibre (E0.mean) e non quello caratteristico (E0,05), utilizzato per le verifiche allo SLU.

13
Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zangh

14
Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zangh

ESEMPIO N6
Verificare a deformazione gli arcarecci di cui allESEMPIO 2.
Si riporta per maggior chiarezza lanalisi dei carichi per metro di trave gi effettuata in precedenza:

Analisi dei carichi per metro di trave

Peso proprio arcareccio: (0.12 x 0.18 x 1.00) x 4.20 kN/m3 G1 = 0.09 kN/m
Peso proprio copertura: 0.45 kN/m3 x 0.8 G2 = 0.36 kN/m
Sovraccarico accidentale (neve): 0.70 kN/m3 x 0.8 Q = 0.56 kN/m

Combinazione di carico SLE RARA:


kN kN
q sd , R = G1 + G 2 + Q = 0.09 + 0.36 + 0.56 = 1.01 = 0.0101
m cm
Combinazione di carico SLE QUASI PERMANENTE:
Dalla tabella di normativa, per strutture di copertura 21=0:
kN kN
q sd ,QP = G1 + G 2 = 0.09 + 0.36 = 0.45 = 0.0045
m cm
Calcolo delle frecce:

FRECCIA INIZIALE
b h 3 12 18 3 kN
Jx = = = 5832 cm 3 ; E0 ,mean = 11000 MPa = 1100
12 12 cm 2
4
5 qsd , R l 5 0.0101 300 4
in = = = 0.17 cm
384 E0, mean J 384 1100 5832
15
Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zangh
FRECCIA DIFFERITA
Per legno massiccio, in classe di servizio 2, kdef=0.8, pertanto il modulo elastico corretto per effetto dei fenomeni lenti
sar:

4
E 1100 kN 5 qsd ,QP l 5 0.0045 3004
Edif = 0,mean = = 611.11 2 dif = = = 0.14 cm
1 + kdef 1 + 0.8 cm 384 Edif J 384 611.11 5832

Verifica:
L 300
fin = in + dif = 0.17 + 0.14 = 0.31 cm < = = 1.5 cm VERIFICA POSITIVA
200 200

16
Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zangh

TABELLA PER IL PREDIMENSIONAMENTO DELLE CAPRIATE SEMPLICI


(per luci fino a 7.00 m)

TABELLA PER IL PREDIMENSIONAMENTO DEGLI ARCARECCI

17
Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zangh

TABELLA PER IL PREDIMENSIONAMENTO DELLE CAPRIATE COMPOSTE


(per luci da 7.00 a 14.00 m)

18
Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zangh

Fonti

D. M. Infrastrutture Trasporti 14 gennaio 2008 (G.U. 4 febbraio 2008 n. 29 - Suppl. Ord.)


Norme tecniche per le Costruzioni
Circolare 2 febbraio 2009 n. 617 del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (G.U. 26 febbraio 2009 n. 27
Suppl. Ord.)
Istruzioni per l'applicazione delle 'Norme Tecniche delle Costruzioni' di cui al D.M. 14 gennaio 2008.
U.Alasia M.Pugno Corso di Costruzioni 4 SEI 2010

19

Potrebbero piacerti anche