Sei sulla pagina 1di 82

D.L. 353/2003 (conv. in L.27/02/2004 n46) art.1, comma 2, DCB Forl.

Tariffa Associazioni Senza Fini Di Lucro: Poste Italiane s.p.a. Sped. in Abb. Postale -
2016 Numero 4

PentagrammB
Lectorium Rosicrucianum

CONTRIBUTI
s -BUUFO[JPOF
s *M grandF BOFMMPEJDPOHJVO[JPOF
s *M pasTP DIe UV nPO vuPJ fare
s *M GJPSF suCMJNF
s *gnorPJM sVo nomF
s LaNBMBUUJB QFSUVSCB[JPOF OFM cuPrF deMlFTTFre
s F MFNFOUJ UFNJ BTQJSB[JPOJ EFTJEFSJ
identica[ionJ
s MBDPOPTDFO[BDJOFTFEFHMJFMFNFOUJ
s SJmposiP dAlkmaar
s JMGVPDP MB(OPTJFMB3PTBDSPDFPHHJ

SE;ION*
s $SPOBDB: MondP JNNBHJOBSJP
s 4JNCPMP:-BDSPDFDFMUJDB 2016 Numero 4

La ricerca del proprio


SA((*0
centro apporta larmonia,
s -"OJNB 4QJSJUP6OJWFSTBMFs3BMQI8BMEP&NFSTPO
lequilibrio e
la sicurezza di s
co
s mi im
co ea
tr ee nd
ri
s de
re lm
ter on
gio do
iag de
nv lla
nim
e ru a
li p
g na
se
poss

er m p
ibilit

emb
: com

r i,
e in

alliev
alto

e am i
cos

ici
in ba

lecto
sso

r iu
il mir

m ro
acolo

ruci sic
del

anum
quot
idian
o

pentagramma base della coscienza dellanima La rivista Pentagramma esce Indirizzo della redazione Abbonamenti: Stampata dalla tipografia:
quattro volte allanno nelle italiana: . 25.00 abbonamento annuale, ATENA.NET S.r.l.
seguenti lingue: Italiano, Bul- Via Montepaolo 29, . 7.00 a copia, Via del Lavoro, 22
garo, Francese, Greco, Tedesco, 47013 Dovadola (FC) . 7.00 copia arretrata. 36040 Grisignano VI
Inglese, Spagnolo, Ungherese, Tel.0543 934721
Olandese, Polacco, Portoghese, pentagramma@rosacroce.info Proprietario: Associazione Autorizzazione del Tribunale
Russo, Slovacco, Svedese. Lectorium Rosicrucianum di Forl n.16/99 dell11/05/99

pentagramma
Amministrazione e
Redazione: abbonamenti: Editore: Per concessione della
Pentagramma, Lectorium Rosicrucianum, S.A.S. Edizioni Rozekruis Pers, Olanda.
Maartensdijkseweg I, Via Montepaolo 29, Lectorium Rosicrucianum
NL - 3723 MC Bilthoven. Dovadola, Forl. Tribunale competente per
e-mail: info@rozekruispers.com www.rosacroce.info Direttore responsabile: qualsiasi controversia:
Eva Cristina Casciello Tribunale di Forl.
2016 numero 4 pentagramma
Un bambino, dimentico di se stesso, gioca sulla spiaggia. Si meraviglia del
mare, senza essere consapevole che i quattro elementi sono davanti a lui
in perfetta armonia. Il fuoco (il sole), laria, lacqua e la terra, nella loro
pi semplice espressione di calore, di freddezza, di mare e di sabbia,
costituiscono insieme londa portante del prana, la forza vitale che permea
latmosfera. In migliaia affolliamo le spiagge, e quando la sera ritorniamo
a casa, possiamo ancora trarre beneficio dei loro effetti per giorni.
Per quanto riguarda larmonia, non automatico. La societ e il lavoro
sono pesanti contrappesi nella nostra ricerca di equilibrio. Nel pensiero
cinese, questo equilibrio dipende dallinterazione armonica tra i cinque
elementi e luomo. In un simposio, che ha avuto luogo nel centro
congressi Noverosa, Dianne Sommers ha esposto le correlazioni tra questi
elementi e gli esseri umani, e tra il corso della vita e la salute.
Jan Scholten ha completato il tema, portando nuova luce sulla
suddivisione della tavola periodica degli elementi e i suoi rapporti con gli
esseri umani. In questo numero del Pentagramma sono riportati gli
interventi dei due relatori.
Sulla stessa onda portante troverete larticolo Ignoro il suo nome, che tratta
del settimo capitolo, capitolo che deve ancora essere scritto. E forse riuscirete
a fare Il passo che non si vuole fare, dopo aver letto larticolo con questo titolo.
Ci auguriamo che questo numero del Pentagramma possa contribuire a un
giusto equilibrio nella vostra vita.

Copertina
Greeting the Ocean by deadpoet88

1
Sommario

4 Essere realmente uomo


Catharose de Petri

8 Ignoro il suo nome

14 Il passo che tu non vuoi fare

20 Il grande anello di congiunzione

26 La malattia perturbazione nel cuore dellessere


28 Lazione dei lantanidi Jan Scholten
38 Larte della guarigione nel pensiero cinese Dianne Sommers

50 Comprendere la ragion dessere della malattia

52 LAttenzione

58 Il fiore sublime

60 LAnima, Spirito Universale


Saggio R. W. Emerson

78 La croce celtica
Simbolo

80 Mondo immaginario
Cronaca

2
immagini dal mondo

Ti ascolto, selvaggio trombettista! Ora, trombettista, come conclusione,


Musicante inconsueto che plani invisibile nellaria dammi una melodia pi eccelsa di quante vennero udite.
e fai vibrare melodie capricciose nella notte. Canta allanima mia, rinnova le mie speranze,
Tendendo lorecchio afferro le tue note, desta la mia pigra fede,
che mi turbinano attorno come una tempesta. [...] offrimi una visione del futuro,
O trombettista, mi pare di essere io stesso e concedimi per una volta la gioia della profezia.
lo strumento che tu suoni. O canto di gioia, pieno di slancio e di giubilo;
Mi fai sciogliere il cuore e il cervello, nelle tue note vibra un celeste vigore.
li sconvolgi, li tendi, Marcia vittorioso, uomo liberato, sei il vincitore.
li muti a tuo piacimento. E luomo universale intona canti per il Dio universale.
Ma ora, le tue cupe note Tutto gioia.
infondono tenebra in me.
Tu rimuovi ogni luce che allegra, ogni speranza. Walt Whitman, Leaves of Grass, 1855
Vedo gli schiavi, i percossi, gli offesi,
vedo gli oppressi di tutta la terra. [] Jesse Garnier SFBAY. Gabriel Angelo, 12 anni, San Francisco

3
Essere realmente uomo

4
Il corpo fisico dellessere umano vivificato e mantenuto, fin in
ogni atomo, da un doppio eterico o corpo vitale. Lorganismo
fisico vive quindi grazie a questo corpo eterico. Si parla di un
doppio, perch il corpo eterico penetra e circonda interamente
il corpo fisico e cos duplica la materia. Sono quindi due corpi
che ne formano uno. CATHAROSE DE PETRI

i sa, anche, che questi due dispone anche del potere del pensiero, di La particolare filosofia di

S veicoli dellessere umano


sono, a loro volta, penetrati e
circondati da un terzo, pi
sottile e pi grande dei due
corpi citati, il corpo astrale. Dunque tre
corpi che, in unit, collaborano e
rendono possibile la creazione vivente: il
un corpo del pensiero. In realt,
inesatto parlare gi di un corpo del pen-
siero, essendo ancora lontano dallessere
sviluppato. , dal pi lontano inizio dello
sviluppo dellumanit, lacquisizione pi
recente dellessere umano. In realt,
ancora lontano dal costituire il quarto
Jan van Rijckenborgh e il
suo amore per lumanit lo
condussero a fondare con
Catharose de Petri una
moderna scuola di sviluppo
della coscienza, il Lectorium
corpo astrale, il corpo eterico e il corpo corpo che deve penetrare e circondare gli Rosicrucianum. Inizialmente,
fisico. Questi tre corpi si distinguono altri tre. No, lo si pu tuttal pi ricono- la loro idea era che la
facilmente. Tutti e tre sono organizzati, scere come unattivit fiammeggiante, chiave per rimuovere la sof-
ognuno di loro ha quindi un sistema, quindi luminosa, allaltezza del santuario ferenza del mondo fosse di
una statura esteriore. Una statura della testa. Cos non si pu dire che les- superare lignoranza di
conforme a quella del tipo nato dalla sere umano disponga gi pienamente di quello che il background
natura, del corpo fisico. Durante la notte, un potere del pensiero. Non gli somiglia dellesistenza.
quando lessere umano si trova immerso neppure lontanamente! Al contrario. E,
nel sonno, quando la personalit compo- anche quando questo potere del pensiero
sta dai tre veicoli scissa, il corpo astrale esister, lessere umano potr essere chia-
impegnato molto spesso attivamente, mato Uomo completo solo con una
in maniera autonoma riconoscibile triplice manifestazione dello Spirito; una
come limmagine di colui o di colei che manifestazione che corrisponde ai tre
dorme. Non si deve immaginare tuttavia raggi primari dello Spirito Settemplice,
che tutto questo, da solo, designi e defi- designati nella Scuola spirituale come il
nisca lessere umano in manifestazione. triangolo equilatero. Cos, possiamo con-
No, chi lo credesse commetterebbe il pi siderare il vero essere umano, completo,
grande errore! Infatti, lessere umano come una Manifestazione settemplice:

5
quattro veicoli e tre manife-
stazioni dello Spirito. Un
triangolo di manifestazione
dello Spirito e un quadrato di
costruzione! Se potete rap-
presentarvi in questo modo
il vero uomo, sapete allora
con certezza che lessere
umano, come lo conosciamo,
non pu ancora, nel senso
divino assoluto, essere defi-
nito nato. Siamo ancora in
uno stadio in divenire. Siamo
ancora, come dice Paolo, dei
non-nati. Dovrete, ora,
considerare sotto questa luce
i vostri problemi e le vostre
difficolt. La vita ordinaria
che viviamo non una vita
umana, perch non ne posse-
diamo ancora le capacit, ma
solo le possibilit. La nostra
espressione veicolare pi ele-
vata , proprio come negli
animali, il corpo astrale.
Cos, a giusto titolo, Ermete
Trismegisto non fa alcuna
distinzione tra lessere
umano naturale e lanimale.
Lessere umano disposto in
modo negativo, che dovesse
leggere tutto ci e riflettervi,
Scultura di Buddha in uno stupa della
piattaforma superiore del tempio di
Borobudur. La posa delle sue mani
quella del dharmachakra mudra,
il gesto del predicatore. Il termine
dharmachakra significa letteralmente
la Ruota dellInsegnamento.
Gunawan Kartapranata, 2010
potrebbe adottare il seguente punto di pensiero, appena accesa nella sua giovane
vista: Allora, perch ci preoccupiamo e purezza, d alluomo in divenire una
ci diamo pensiero! Siamo dei non-nati comprensione tanto estesa della Ragione
ancora in uno stato in divenire. divina da essere in grado di mangiare del
Attendiamo tranquillamente il momento frutto dellalbero della vita, che si trova al
della nostra nascita, che far di noi real- centro del Paradiso di Dio. Dovete sapere
mente degli uomini. Numerosi, nel fino a che punto una gran parte dellonda
mondo, sono coloro che parlano cos! di vita umana ha abusato di questa
Essi aderiscono alla dottrina dellevolu- purezza originale, di questa preparazione
zione: Siamo partiti, come coscienza, allattivit personale, e quanto in tal
dallo stadio minerale, passando in modo si allontanata dalla razza origi-
seguito allo stadio vegetale, poi a quello nale. Dobbiamo sapere tutto questo e
animale, e ora siamo in procinto di dive- potremmo tutti saperlo molto bene
nire uomini. Nel raggio dazione dellera perch apparteniamo tutti a queste entit,
dellAcquario, nella quale attualmente che, come conseguenza di questo errore,
siamo entrati, potremo intraprendere un formano attualmente il gruppo umano
nuovo importante passo sulla scala del- ancora non-nato ed errante nella notte e
levoluzione. bene sapere che la Scuola nella morte, nella sofferenza e nella tri-
spirituale si oppone categoricamente a stezza, e in mezzo a tante aspirazioni. La
questa concezione; perch non unevo- morte nostra compagna, e lillusione
luzione che si realizza automaticamente, nostro stato di vita. Abbiamo perso la
senza difficolt! Vi fu una volta, per purezza originale. Come un abito trascu-
quanto ci riguarda, unevoluzione che si rato inizialmente molto difficile da
realizzava sotto la direzione divina! Ma pulire, cos tutto sar inutile, se tardiamo
questo momento, questa fase, gi da troppo a lungo a intraprendere uno
molto tempo dietro di noi. Non appena i sforzo in questo senso. Labito troppo
tre veicoli, il corpo fisico, il corpo eterico malandato diverr inutilizzabile. E quello
e il corpo astrale si incastreranno luno che successo in modo drammatico con
nellaltro in una unit piena di bellezza una parte dellumanit nel passato del-
e meravigliosamente costruita e, molto lorigine sarebbe, senzaltro, solo un vago
lentamente, la fiamma del pensiero sar ricordo. Ma Dio sia lodato! i nostri
accesa, alluomo in divenire sar affidata microcosmi possono sempre ricevere,
una missione. Una missione che deves- grazie a una nuova vivificazione, unaltra
sere realizzata dalluomo, in unattivit possibilit di entrare in una nascita reale,
pienamente autonoma. Una missione da vero Uomo! Se lo comprendete inte-
che pu essere eseguita, perch la colla- riormente, con grande certezza non
borazione dei tre veicoli mette luomo vorrete attendere un giorno in pi per
in divenire in possesso di unanimatrice, mettere a profitto il tempo, finch la cosa
di unAnima, e perch la fiamma del possibile.

7
Ignoro il suo nome
La vita delluomo moderno sottomessa al tempo fin
nei minimi dettagli. Il tempo uno degli aspetti pi
sorprendenti che determinano luomo.

i dice spesso che il tempo si messo a correre; ci si pu spiegare col

S fatto che ciascuno di noi fa ed costretto a fare molte pi cose nello


stesso tempo. Tutto avviene molto pi velocemente, e le conseguenze
possono essere pesanti. Pu accadere che unimpresa postale sia
costretta a licenziare seimila persone, perch una email impiega solo
pochi secondi per arrivare a destinazione, mentre un corriere necessita di qualche
giorno. Oggi, niente ci perseguita pi dellorologio.
Il tempo vola a tutta velocit, travolgendo tutto ci che dietro di noi. Mai come
ora stata percepita levanescenza delle cose della vita. Oltre allagitazione quoti-
diana, vediamo la fine di mondi che furono in grado di mantenere la loro potenza
per secoli, ma che il tempo ha inghiottito. Cos vanno le cose.
Alcuni sistemi filosofici ed esoterici suddividono il corso di milioni di anni in
ere, periodi e ronde. Questo lungo periodo di eoni caratterizzato dal numero
7. Sette ere ed altrettanti periodi, sette domni cosmici, un settemplice cosmo
Terra, un settemplice cosmo solare e un settemplice microcosmo. una inspira-
zione ed espirazione settemplice dello Spirito, che proviene dal Creatore
originale dellUniverso. Fiumi di sostanza originale, onde di campi astrali elet-
tromagnetici si diffondono attraverso lo spazio e raggiungono senza errare il
loro scopo, provocando effetti in profondit. In ogni manifestazione dellUni-
verso intero in unalternanza che ingloba una scala temporale ben al di l delle
nostre capacit di rappresentarla possiamo scoprire qualcosa della mano divina
che ne fissa il carattere.
Quattro secoli fa, i Rosacroce classici affermavano: Non esiste spazio vuoto, e oggi sap-
piamo che luniverso colmo di bolle di campi elettromagnetici, di costellazioni
astrali e di oceani di atomi. Come il movimento della terra, simile a quello di una
trottola, determinato dalla corda elettromagnetica del sole, cos la natura vivente
influenzata fin nei minimi dettagli dal flusso di atomi provenienti dallUniverso
che inondano la terra. Le onde cosmiche, il ruotare come una trottola del globo
terrestre, lalternarsi delle stagioni, tutto ci che ritma lemergere e il declino dei Dark Dull Pink Large X,
viventi nello spazio di frazioni di secondo o nel corso di anni stellari, ogni cosa si Gianni Piacentino, 1966

8
9
manifesta secondo la propria durata.
Luomo crede di essere perch pensa. Per dirla come Cartesio: Penso (o
dubito), quindi sono. Tuttavia, lessere umano solo una scintilla di pensiero
nelleternit della creazione. Con il suo pensare limitato, prigioniero nel
mondo che gli fu destinato. Pensa di vivere nelluniverso, ma conduce unesi-
stenza solitaria. I geologi scavano la terra in profondit per esaminare i fossili,
vita cristallizzata da milioni di anni. Gli storici indagano negli archivi del pas-
sato e vedono sfilare civilt estinte. I fisici sono protesi sui segreti della vita,
per cercare di comprenderla. Dei biologi effettuano esperimenti su animali,
indifferenti alle loro sofferenze; manipolano geni e cromosomi e analizzano
quello che sembra rappresentare lalbero della vita umano: il DNA. Gli astro-
nomi scrutano gli innumerevoli sistemi stellari nello spazio insondabile.
Pianeti e stelle nascono e muoiono. Secondo i fisici, il nostro sole dovrebbe
spegnersi tra circa una decina di miliardi di anni, ma ben prima ogni vita sulla
terra sarebbe gi scomparsa. A farla breve, la vita sulla terra sotto linfluenza
del tempo; eppure la vita immortale. Locchio dello spirito vede come in una
visione lo spazio senza fine dove crede di vedere, nel caos, il lampo di fuoco
che sarebbe stato linizio primordiale di ogni manifestazione. Ora che stato
scoperto il segreto della forza di gravit nel sistema solare, forse scopriremo
anche come lesplosione originaria sia stata la causa di tutto. E scopriremo
anche come, secondo un piano divino, sia stato fatto ordine nel caos dellUni-
verso immateriale. Un Ordine corrispondente allidea del maestro costruttore
delluniverso, il Demiurgo.

10
Lao Tze lesprime cos: Prima che il cielo e la terra fossero, vi era un Essere indi-
stinto. Splendida espressione per designare il segreto del Creatore Quello che
anche il segreto della concezione primordiale del microcosmo! Il saggio cinese
prosegue: Quantera silenzioso e calmo. Quantera incorporeo. Esso solo, in se
stesso, e non si trasforma. Ignoro il suo Nome.
Anche Ermete Trismegisto tenta di formulare la causa del Tutto: Dio non la
ragione, ma il fondamento esistenziale della ragione; Egli non il soffio vitale, ma
il fondamento esistenziale del soffio vitale; Egli non la luce, ma il fondamento Luomo
dellesistenza della luce. Per questo, Dio deve essere venerato con i nomi il Bene
e il Padre, nomi che spettano solo a Lui e a nessun altro.
crede di
Nel corso del tempo, il termine Dio stato svalutato. Ci che in passato era realt
vivente ed energia ispiratrice stato ridotto da molti a una finzione antropomorfa.
essere
Con il pensiero incatenato al mondo che gli stato assegnato, luomo ha plasmato perch
questa finzione con laiuto di numerosi concetti. Cos, nel corso dei secoli s
costituita una potenza, una configurazione arbitraria simile agli uomini, che cerca pensa
di occuparsi in modo personale di ogni creatura, di guidarla e di dimostrare atten-
zione per ogni sua pena e preoccupazione.
Pertanto, secondo le parole di Lao Tze: Ignoro il suo Nome, una scuola spiri-
tuale trasfiguristica indirizza sempre luomo verso il suo Dio interiore, verso la
scintilla di Spirito, lessere indistinto che esisteva come principio di vita primor-
diale prima ancora che il cielo e la terra fossero. Questo vero seme di vita
nelluomo non potr mai essere misurato n trovato con un bisturi o con laiuto
di qualsiasi strumento sofisticato. Esso si risveglia oggi in molte persone, per

11
linfluenza di un nuovo impulso o respirazione spirituale.
La nozione di spirito rimanda alla forza originale di ogni vita. La parola spirito
potrebbe tradursi con aria in movimento, vento o soffio che sia. Il pneuma di
cui un tempo parlavano gli gnostici significa anche soffio o spirito. Il soffio della
respirazione un segno di vita. Quando la saggezza indiana parla del Maha-Atma,
parla del grande Soffio della Vita. Lo Spirito un fuoco nel senso che la sua
respirazione ignea, ardente. Cos come il fuoco divino nella natura delluniverso
il soffio ardente che pu risvegliare nelluomo il principio divino primordiale.
Antichi miti raccontano che il grano sacro stato portato sulla terra dai draghi
della saggezza, chiamati anche i figli del fuoco, i servitori dello Spirito o della
Fiamma divina. Attraverso questi miti traspaiono il piano e lo scopo del cielo e
della terra, sulla quale luomo, dalla notte insondabile dei tempi, prosegue il suo
cammino senza fine. Cos, un tempo, il grano divino fu mescolato alla natura ter-
restre e destinato ad essere trasmutato dal Fuoco dello Spirito nella messe della
creazione. Dovr essere seminato sette volte e mietuto in sette riprese nel seno di
sette razze, durante sette ronde, per far fiorire la rosa settemplice.
Prima che il cielo e la terra fossero, vi era un Essere indistinto. Questo vale
anche per il microcosmo, che deve generare luomo-spirito settemplice, il quale
suoner la lira divina dalle sette corde per interpretare il suo canto particolare, in
piena autonomia, sulle melodie degli spartiti dello Spirito Santo settemplice.
Il microcosmo potenzialmente settemplice, poich nato dalla matrice del
corpo solare settemplice. E la creatura umana, soggetta al tempo, ma che porta in
s tutto il tempo, dallinizio alla fine, a sua volta gravida della promessa delleter-
nit. questa promessa che i grandi guaritori dellUniverso si sforzano di salvare
da una morte precoce, ed per questo che fu acceso il Fuoco dello Spirito.

12
Tutti i semi divini furono sparsi nel campo dello spirito del pianeta per
manifestare luomo in base ad una formula settemplice. Ci nonostante, la mag-
gior parte di questa semenza divina non ancora germogliata ed celata
nelluomo. La storia dellumanit nel mondo, considerata dallinizio alla fine, si
divide in sette capitoli. Tuttavia, non sempre il settimo scritto. Nellattesa, luomo
e il mondo rimangono nelloscurit e nellignoranza. Chi lo comprende, si chiede
come poter scrivere il capitolo mancante per completare il settenario della crea-
zione. Il numero 7 definito il Tempio compiuto nella Cabala. Negli episodi
simbolici del Libro delle Sette Chiavi*, il 7 rappresenta la vittoria sulla materia.

Ricordiamo la bella storia di Cristiano Rosacroce. La vigilia di Pasqua, appena ter-


minata una violenta tempesta che scosse fino alle fondamenta la sua capanna, gli
fu consegnato linvito a intraprendere un viaggio.
La settemplice promessa contenuta in questo invito lo porta a prendere la
decisione di recarsi sulla collina dove si trovano tre templi, dove una settemplice
iniziazione lattende. La tempesta e la consegna dellinvito rappresentano il
momento in cui la forza della sostanza primordiale provoca un risveglio. In questi
istanti, il pellegrino vede con locchio interiore che il suo cammino svolta verso
lalto, e che davanti a lui appare la cima della montagna dello Spirito. Da quel
momento comincia a scrivere il settimo capitolo. Mentre progredisce nella stesura,
gli vengono restituiti dei gioielli smarriti molto, molto tempo prima; gioielli che,
quali luminosi simboli del potere di soccorso, lassistono e contribuiscono al
compimento della settima tappa. Dietro le porte dei tre templi, al pellegrino
porto il benvenuto come Cristiano Rosacroce. L comincer listruzione, allo scopo *Isidore Kozminski, I numeri magici
di ripristinare la casa microcosmica nella sua gloria originale. Ed. Garzanti-Vallardi 1978

13
Il passo che tu non vuoi fare
Dopo aver ascoltato le sue poesie, una per-
sona si rivolse al poeta: come se voi ave-
ste inventato la vostra propria lingua, una
nuova lingua. In effetti, colui o colei che
ascolta David Whyte declamare la sua
opera, o che legge le sue poesie, scopre il
suo linguaggo. Il linguaggio dellanima.

Granaio in Southampton, 1968


Ellsworth Kellen

Nella sua poesia Start Close In,


che significa allincirca: Inizia
vicino, il poeta anglo-irlandese
si esprime cos:

Inizia vicino,
non fare il secondo passo
n il terzo.
Inizia dalla prima cosa vicina,
il passo che tu non vuoi fare.
nizia vicino, dellanima che, lungo larco della tua

I non fare il secondo passo


n il terzo.
Inizia dalla prima cosa vicina,
il passo che tu non vuoi fare.

A prima vista queste parole si riferiscono


a unantica saggezza popolare: inizia
vita, ti fa segno dallo sfondo. Tu la cogli
forse da sempre, ma non sai ancora come
farla tua. S, di tanto in tanto qualcosa
risuona. Qualche cosa che non sembra
essere legato ai tempi. Ma non appena tu
vuoi toccarla, coglierla, questa cosa spari-
sce. Eppure tu sai che era l.
vicino, inizia da te stesso. Com possibile che qualcosa di cos
Non anticipare troppo. Tuttavia, la sotti- essenziale, di cos importante, non si
gliezza si trova nelle ultime parole: lasci cogliere nel momento in cui noi lo
inizia dal passo che tu non vuoi fare. vorremmo tanto? necessario un certo
Questo passo richiede un altro approc- stato danimo per avvicinarsi alla verit?
cio. sempre possibile scegliere la fuga Forse un cuore aperto, uno slancio spon-
o la fuga in avanti. Il nostro ego cos taneo? Nel silenzio del tuo cuore? Nel
ingegnoso quando si tratta di cercare desiderio pi autentico, il desiderio di
delle scuse! S, del S pi reale?
- Per il momento no... Il poeta continua:
- Lo far pi tardi...
- Quando mi sentir dellumore... Inizia dal suolo che tu conosci,
- So da anni che si tratta di questo, ma il pallido suolo sotto ai tuoi piedi,
non posso... la tua maniera caratteristica
Ed ecco che ti ritrovi faccia a faccia con di avviare la conversazione.
la tua coscienza. Questa voce, la voce

Sinistra: Sidewalk, Los Angeles, 1978.


Destra : Wall, Majorca, 1967.
Ellsworth Kellen

16
Tu sei disposto ad ascoltare, ma la que- tua attenzione su ci che ti cos fami-
stione : che cosa ascolti? Magari liare e avvia il dialogo con te stesso.
lanima che ti fa segno da giorni, da Cerca il tuo S con onest e sincerit.
anni, da vite intere, aspettando che tu doloroso, ma l che tu devi
torni verso di lei, verso ci che era l cominciare. Prudentemente ma senza
davanti a te per tutto questo tempo. Lo piet tu ti metti a nudo. Poich si tratta di
vuoi veramente? Vuoi realmente ascoltare vincere la tua resistenza interiore, di
la verit? La vuoi conoscere nuda, cos vedere dove questa incastra sempre.
com questa verit che smaschera? Non E il poeta continua:
tanto per curiosit, ma per un reale desi-
derio di comprendere? Come un assetato Inizia con la tua domanda,
nel deserto? Se tu vi aspiri veramente, il abbandona le domande delle altre persone,
tuo essere diviene ricettivo alla voce non lasciare che queste soffochino
dellanima che vuole farsi conoscere. qualcosa di semplice.
Lei non pu fare altrimenti. Il poeta ci
insegna: Inizia dal pallido suolo sotto ai Qual la questione che il poeta
tuoi piedi, affidati a ci che tu gi cono- considera? Qual codesta questione
sci cos bene. A ci che attende da cos dimportanza vitale che tu eludi forse
tanto tempo. Non desiderare delle nuove continuamente? Qui nessuno ti pu aiu-
sensazioni, delle nuove promesse. N una tare, la devi trovare da solo, codesta
visione pi larga, pi estesa. Inizia l, domanda. Ma c una forza che aiuta,
vicino. Inizia dal pallido suolo sotto ai molto vicina e molto familiare, sempre
tuoi piedi. Il suolo nudo che non offre presente. la voce sussurrante
niente di nuovo. E guardalo. Concentra la dellanima, che avvia il dialogo con te,

Pazienza,
impara a
non aspet-
tarti troppo
presto dei
risultati dal
tuo dialogo
interiore

17
Mulebarn (Fienile per muli).
W.D. Killen, 1912

sollevando la questione essenziale, quella qualcosa di sottile, una fiamma interiore vero s, scoprirai di accor-
da cui cominciare. che tu vorresti onorare? E il poeta continua: darti senza fatica allaltro.
Darle spazio come una respirazione per Comprenderai allora le
lanima. Lo spazio interiore singrandisce Per sentire la voce dellaltro parole del poeta: Aspetta
e la voce dellanima si fa sentire meglio. segui la tua propria voce. che questa voce diventi un
Poi il poeta mette in guardia rispetto alle Aspetta che quella voce orecchio interiore, che
questioni degli altri. A cosa allude? Cono- diventi un orecchio intimo e privato, ascolta laltro. Armati di
sci quel fenomeno di essere strappato dal che pu davvero ascoltare laltro. pazienza, aspetta, e in questa
tuo dialogo interiore e di perderti istan- maniera imparerai a non
taneamente, perch altri reclamano la tua Nel dialogo interiore, in luogo di rispo- aspettarti dei risultati rapidi
attenzione? Quali sono le questioni che ti ste, di affermazioni e di convincimenti, da questo dialogo interiore.
distraggono? tu invece ti fai strada con una domanda Lattenzione orientata sul-
Questa riflessione in relazione col tuo che, allo stesso tempo, porta in essa una lambiente diretto, su
personale dialogo interiore. Cosa vuol risposta. Lunica domanda essenziale con unattivit protettrice, gui-
dire allora: Non lasciare che soffochino lunica risposta essenziale, il tutto data dalla domanda interiore
qualcosa di semplice? Qualche cosa di espresso dalla tua propria voce, dalla tua che d una direzione e forni-
semplice... Era sempre stato l, ma non si anima. La voce che riempie lo spazio del sce una risposta a partire dal
lasciava percepire se non raramente. Se tu dialogo interiore con le sue sonorit. Una vero s, di una bellezza che
fai silenzio in te, con tutta la tua atten- vibrazione che penetra tutto, un timbro appaga il cuore.
zione e tutto il tuo essere, quello cerca di di gioia, senza misura n limite, in altre Grazie alla pazienza e alla
farsi conoscere. Cos semplice. E una parole, la vita come risposta. perseveranza questo cresce,
volta di pi, cos facilmente calpestato. Se tu segui la vera voce del tuo essere, come in natura. In primavera
Conosci anche tu questa tendenza sponta- non quella dellessere-io pi piccolo di tutto sboccia in uno splen-
nea a voler preservare dal calpestamento quanto tu sia, ma piuttosto quella del tuo dore multicolore. Poi arriva

18
lestate. I caldi raggi del sole scaldano i Ed eccoti qui e ora. Inizia ora. Fai un pic- Inizia con la tua domanda,
frutti in maturazione e, lentamente, i colo passo che tu possa considerare il abbandona le domande
succhi si colorano di rosso scuro. Questa tuo. ora il miglior momento, il miglior delle altre persone,
maturazione anche chiamata endura. luogo per compiere il passo interiore non lasciare che queste soffochino
Continuare pazientemente, perseverare. che non hai ancora mai fatto. Realizza qualcosa di semplice.
Non aspettarsi nulla, donando tutto. questo passo, insignificante per il mondo
E nel frattempo maturare. Lendura... forse, ma cruciale per te. In tutta umilt, Per sentire la voce dellaltro
Aspetta che la voce diventi un orecchio con tutta la tua attenzione, un passo segui la tua propria voce.
interiore, che ascolta laltro. Non sem- verso linteriore, senza preoccuparti di Aspetta che quella voce
plicemente un pensiero meditativo, un ci che ne penseranno gli altri, del loro diventi un orecchio
bel sentimento meritevole. No, si tratta giudizio, ma fidandoti della tua valuta- intimo e privato,
qui di un cambiamento fondamentale. zione. Non la loro realt ma la tua. Non che pu davvero ascoltare laltro.
La voce diventa un orecchio interiore che la loro verit ma la tua. Riponi fiducia in
ascolta la voce dellaltro. Impari ad ascol- questa voce interiore, nella voce Inizia adesso,
tare con un altro orecchio, che prima dellanima. Allora non ci sono raffronti fai un piccolo passo,
non sentiva veramente. Di qui la necessit da fare, n esempi da prendere. il dia- che tu possa definire il tuo.
di aspettare. Questo non potr accadere logo interiore al quale tu partecipi e che, Non seguire
se non quando tu avrai vissuto sufficien- allo stesso tempo, sembra svolgersi al di le gesta eroiche di qualcun altro,
temente la tua propria voce, il tuo fuori di te. Pur essendo intimo, sembra sii umile e concentrato.
proprio suono, la tua domanda sincera. Il svolgersi malgrado te. Pi potente del Inizia vicino,
carattere casuale delle tue considerazioni tuo piccolo ego, pi familiare e anche non scambiare quellaltro
ha fatto posto alla volont di ascoltare pi vero. Questo s, che non si accon- per te stesso.
laltro, di ascoltarlo e di seguirlo. tenta pi di mezze verit, esulta quando
riconosce il vero S. Cos come fu detto Inizia vicino,
Chi questo altro? Lo si pu conoscere? molto tempo fa: non fare il secondo passo
Lintuizione dellanima che ti fa segno, ti n il terzo.
mostra il cammino. E ogni volta che vero, Inizia dalla prima cosa vicina,
quello si attenua, si allontana, lei aspetta certo, il passo che tu non vuoi fare.
pazientemente. Finch il tuo essere non la perfetta verit.
di nuovo sufficientemente maturo, puri-
ficato, placato, da poter sentire e seguire In te stesso, nel mondo, nelluniverso.
il mormorio dellanima, che non puoi Cos vicino. Pi vicino dei piedi e delle
distinguere se non con il tuo orecchio mani.
interiore.
Inizia vicino,
Inizia adesso, non fare il secondo passo
fai un piccolo passo, n il terzo.
che tu possa definirlo il tuo. Inizia dalla prima cosa vicina,
Non seguire il passo che tu non vuoi fare.
le gesta eroiche di qualcun altro,
sii umile e concentrato. Inizia dal suolo che tu conosci,
Inizia vicino, il pallido suolo sotto ai tuoi piedi,
non scambiare quellaltro la tua maniera caratteristica
per te stesso. di avviare la conversazione.

19
Il grande anello di congiunzione

ono loro che portano il cam- Certo, essi rigettano i vecchi limiti, rom-

S biamento! Vi aspirano, lo
desiderano ardentemente,
anche se per la maggior parte
del tempo non ne sono
coscienti! Questa la ragione per la quale
questi microcosmi, queste anime erranti,
viaggiando attraverso il tempo e i mondi,
pono tutto, distruggono tutto, si
combattono a morte, perch inconsape-
volmente lo sanno: se non c n morte
n cambiamento, il nuovo non potr
nascere. Ecco come losservatore che
lascia scorrere il suo sguardo spiritualiz-
zato sulla terra, vede questa perla
sono venuti sulla terra, si sono incarnati offuscata nel mezzo delluniverso. Sono
qui, forse per lennesima volta. Essi cer- coloro che viaggiano sulla terra che
cano il rinnovamento, perch ci che si aspettano la Luce primordiale. Senzaltro
trasforma qui, sulla terra, nella materia sono parecchi a non vederla, a non sen-
pi densa, conquistato definitivamente. tirla, a ignorarla ancora, tuttavia in essi

20
Mai prima dora ci sono stati cos tanti uomini sulla terra.
Passano da un continente allaltro in un movimento rotatorio che non
finisce mai. A che scopo? Dove vanno? Che cosa lasciano alle
spalle? A cosa contribuiscono? Qual la loro visione?

luccica la Resurrezione. Gli uomini si tro- stato un esempio che diventa reale nel
vano davanti alla grande trasformazione nostro tempo. Ora, la Resurrezione si rea-
della materia in spirito. Cominciano ora a lizza gi da migliaia di anni; e in tutto
scoprire ci che in loro, pur questo tempo delle onde di vita si sono
mantenendo una limpida percezione del- incarnate sulla terra e hanno contemplato
lesteriore tipica di una coscienza il divenire dellUomo di Luce nel loro
orientata verso lapparenza. Quella di cui microcosmo. Non pensate, dunque, che
sono portatori la Resurrezione stessa, la Resurrezione sia unillusione, scriveva
simile a una nuova creatura delicata, il Valentino nella sua lettera a Regino,
chiarore della Luce primordiale. Noi, piuttosto la vita materiale a essere unil-
esseri umani del XXI secolo, ci sentiamo lusione, un sogno. Nella nostra Scuola
orientati spiritualmente; crediamo che la spirituale, nella sua vita interiore, si
Resurrezione sia attuale, che il Cristo sia riflette limmagine del Risorto, del manas

21
neonato, dellanima-Spirito.
limmagine, la nostra, del microcosmo Luomo non un computer
ristabilito. limmagine che da tempi
immemorabili stata affidata come una biologico, lanello di uno sviluppo
promessa e un ideale alle pi alte sfere
del nostro Logos planetario. Manifestata logico teso verso la libert
di nuovo per e nel Cristo, cos come
affermato anche dalla Scuola spirituale.

Un nuovo mattino per lumanit della Luce sulle tenebre sicura e certa.
Vivere per morire, morire per vivere. S, ma sovente, non prima di una lunga
la formulazione pi concisa della lotta. Non sar mica questo che d al suc-
nozione di trasfigurazione, diversamente cesso un carattere particolare? Proprio
detta della resurrezione. esattamente di per questo motivo le storie, i miti e
ci che si tratta nella Scuola spirituale, ed anche gli scritti di saggezza sono molto
lo scopo del vero apprendistato dellal- preziosi perch descrivono questa lotta, il
lievo. Ci troviamo al mattino della nostra modo in cui si ottiene la vittoria, quali
resurrezione, del processo di rinascita qualit sono necessarie affinch si possa
della nostra anima. Ma non parlare di un risultato. E anche come
inganniamoci; nellumanit intera che dobbiamo morire per essere chiamati a
si profila molto chiaramente linizio di una nuova dimensione di vita.
un grande cambiamento che si manifesta Quale rapporto c con la lotta alla quale
in numerosi ambiti. Perch luomo non noi assistiamo nel mondo intorno a noi,
un computer biologico, ma un anello che nella natura e nella societ? La trasfigura-
aspira alla libert in unevoluzione piena zione non una lotta interiore,
di senso... personale? Forse, ma anche quella di
tutto il genere umano. E la causa di que-
Uscire dalla sabbiera sto combattimento lignoranza.
Siamo pi elevati del cielo, pi nobili degli angeli. S, siamo ignoranti, ignoranti di tutto ci
Perch non andare oltre? La nostra casa vicina che si trova al di fuori della nostra perce-
alla Sublime Maest! zione sensoriale. E ci include anche il
Che cosa fa la perla cos pura in questa sabbiera, funzionamento del nostro corpo, sia
in questo mondo? laspetto fisico sia quello della coscienza.
Perch sei venuto qua? Prendi i tuoi bagagli e Siamo ignoranti del nostro stato di esseri
torna a casa tua! umani. Il beneficio di essere in questo
Come luccello di mare, lanima proviene stato che ci mantiene concretamente in
dalloceano delle anime. movimento. Esso fa di noi dei cercatori
Come pu questuccello nato nelloceano restare che cercano il modo di sbarazzarsi del-
qui? linconsistenza generale dovuta al fatto di
essere vissuti in modo totalmente arbitra-
La risposta alla domanda posta da Rumi: rio dalle circostanze o dallambiente.
Che cosa fa la perla pura nella sabbiera? Esaminare, sperimentare, riflettere, sco-
non difficile da trovare. Perch siamo prire tutto al fine di eliminare questa
qui? Perch c una cosa di cui siamo ignoranza, questa mancanza di
stati rassicurati ripetutamente: la vittoria conoscenza. Realizziamo, nel contempo,

22
che la coscienza di essere veramente un sviluppo di una coscienza anima-Spirito,
uomo, spiritualmente parlando, non pu che significa la fine dellorientamento
essere colta direttamente da noi. Occorre unico verso lesteriore. il collegamento tra
un ponte, un intermediario, unanima esteriore, interiore, basso e alto.
che porti chiarezza, freschezza e vigore. Lo Spirito: lardente verit eterna, la
Chi comincia a riconoscerne la Luce sco- pi veloce che sia concepibile;
pre le forze che emanano LAnima: delicatissima e mobile
ininterrottamente dal Bene. Questo rico- bellezza, penetrabile dallessere;
noscimento la conseguenza della E il corpo, in quanto testimonianza
comprensione e dellaccettazione dei primi due e per essi: la bont
dellesistenza dellanima. Possiamo darle assoluta.
fiducia. La trasfigurazione consiste allora Una trinit Spirito-Anima-corpo, la
in lasciarsi riempire dallanima. Invece di verit, la bellezza e la bont.
perdersi, fare la scelta logica di una gloria
inimmaginabile. Ma dobbiamo avanzare Lo Spirito che si manifesta creazione
ancora di un passo. perfetta, idea pura, che dal non-esistente
Dopo il riconoscimento dellanima assume una forma vivente e gloriosa. Ci
avviene il vero incontro. Perch, se la che vediamo attualmente attorno a noi
incontriamo, nel cuore inizia una reale dello Spirito, della luce radiosa, la sua
interazione o scambio di correnti energe- densificazione pi materiale, simile a una
tiche, si potrebbe dire che in noi una vita deformazione contaminata, una
si unisce a unaltra vita. vibrazione perturbata. Cos, la luce
Perch questo legame tra luomo e mescolata a una forza limitante, restrit-
lanima o il suo cuore microcosmico tiva, di corrosione e oscurit. Ora,
cos importante? Non siamo gi in proprio per questa ragione che la forma
uninterazione costante con lei, la forza in quanto espressione divenuta possi-
motrice della nostra vita? Certo, pro- bile, ed unicamente per questo che il
prio cos. Ma dopo il primo incontro e mistero della Resurrezione una realt
dopo avere imparato realmente a cono- potente, oggi come ieri e domani. In sin-
scere lanima, arriva lamicizia. tesi, la percezione della Luce in questa
densificazione materiale linizio della
Lamicizia Resurrezione.
Il modo in cui viviamo attualmente in
amicizia con la nostra anima potrebbe Il sole interiore
essere rappresentato cos: essa ci fa per- Questo incontro straordinario tra luomo
cepire dallinteriore verso lesteriore, e la sua anima, e lo scambio delle
affinch lesperienza ci orienti, noi e lei, correnti di energia di cui parlavamo
nuovamente verso linteriore, insieme e prima, costituiscono la trasmutazione
con maggior consapevolezza. Impariamo della materia, il cambiamento del vestito
cos a comprendere meglio lo scopo di luce, dello stato astrale, mentale ed
della nostra esistenza e, a nostra volta, eterico della persona. Chi questanima
possiamo condurre lanima dal basso che possiamo incontrare? Abbiamo gi
verso lalto. Questo in realt il grande provato realmente a rappresentarcela?
processo di trasmutazione dello Spirito un fuoco immortale, una fiamma
in materia e della materia in Spirito, lo ardente, lessere-uomo divino...

23
vero! certo! lintera verit!
Jan van Rijckenborgh la descrive cos: struttura di linee nelle quali la colonna
Emana dalla nuova anima una luce di fuoco con i suoi sette aspetti assume
molto potente, un fuoco radioso che un posto centrale.
potreste paragonare alla coda luminosa di Tuttavia non vediamo il suo nucleo. Allo
una cometa. Lanima nuova, il nostro sole stesso modo, contemplando il nostro
interiore, una colonna di fuoco ardente essere, noi vediamo il nostro corpo e fac-
e puro, che non nuoce, e di una dimen- ciamo lesperienza del suo raggio
sione inimmaginabile. dazione in ci che chiamiamo la nostra
Pensiamo ancora al sole visibile. Che vita. Ma solamente quando lanima
cosa vediamo? La sua superficie un stessa ci d orecchi e occhi che noi pos-
mare fiammeggiante di sostanza o di siamo imparare a conoscerla nella sua
materia che si manifesta come un fuoco essenza, che costituisce la nostra profon-
luminoso.In questo fuoco constatiamo dit; quando ci dona nuovamente il senso
chiaramente sette aspetti: sono i sette della percezione affinata, il nuovo pen-
chakra del nuovo corpo vitale. In tal sare, lintuizione pura.
modo lanima nuova perfettamente in Luomo nel quale la natura interiore si
grado di funzionare in maniera manifesta sino a questo punto, luomo
autocreatrice; essa emana da s una che vive in amicizia con lanima, riceve

24
questa intuizione pura come bussola porre le domande giuste. Pertanto, la
interiore. Essa dirige la forza della sua comprensione aumenta, principalmente
coscienza verso linteriore, ed l che nei confronti del suo prossimo. Si diventa
incontra la volont del Padre. Quando la realmente permeati del fatto di essere noi
volont delluomo divenuta uno con stessi lespressione di un uomo-Dio in
la volont divina, egli entra nello spazio divenire! A proposito di una tal anima
dove impara a conoscere veramente lo gnostica veramente devota, Ermete scrive:
Spirito, affinch lanima veda e provi Lanima devota seleva verso lo Spirito che la
attraverso lui. Cos potr contemplare la conduce alla luce della Gnosi. Questanima non
realt che si trova dietro le cose, e di con- si stanca mai di cantare lodi a Dio, di elargire le
seguenza giungere a comprendere il suo sue benedizioni su tutti gli uomini e di fare del
valore, che , in effetti, quello dellanima. bene a tutti in parole e in atti sullesempio del
suo maestro.
Lo splendore dellessere interiore
Il nostro corpo perde il suo splendore Lanima il grande anello
quando vive solo per luomo esteriore. di congiunzione
Ma ne beneficia quando si trova in quel- solamente tramite lanima che luomo
linterazione particolare con lanima, che impara a conoscere la volont e lordine
si eleva nello Spirito, nel Nos, come lo divino secondo il quale si compie lunico
chiama la saggezza ermetica. Cos rice- grande Piano. Lamore dellanima per lo
viamo la Gnosi del Nos. E lamicizia per Spirito dipende dalla sua purezza che in
lanima rimpiazzata dallamore, lanima realt orientamento. La resurrezione e lo
diventa la beneamata, e lo Spirito diventa smarrimento sono stati di orientamento
il beneamato dellanima. La Gnosi del spirituale in voi come in me. Sia che
Nos provoca una trasformazione profonda, aspiriamo a Dio, e ci dirigiamo verso di
una conoscenza che, come il soffio di Lui, sorgente della vita, sia che ci allonta-
Dio, vitalizza la sostanza del nostro corpo. niamo da Lui, quando il peso della
Perch essere significa tre in uno: Spi- materia trattiene lanima verso il basso.
rito, anima e corpo ovvero Luce, vita e Luomo che non orientato puramente
sostanza uniti per leternit si condizio- verso lanima si perde nel deserto...
nano reciprocamente nel loro valore Solo grazie alla purezza dellanima,
equivalente. luomo vede Dio e impara a cammi-
nare con Lui! Ora che si nuovamente
Chi ama presente rivolta verso lalto, lanima pu affermare
sufficiente amare sinceramente la pro- con Ermete:
pria anima affinch si realizzi la
resurrezione che forma la trinit: corpo- vero!
anima-Spirito, triangolo radioso certo!
delluomo perfetto nei tre gioielli. Che lintera verit!
cosa implica questo nuovo modo di Quello che in basso come quello che in alto,
amare? Di non creare scomparti, separa- e quello che in alto come quello che in basso,
zioni, di non dividersi dalluniverso. Chi affinch si compiano i miracoli dellUno.
ama presente. In lui cresce la nozione
di una Coscienza onnipresente. Chi ama
impara a pensare veramente, perch sa

25
La malattia - perturbazione

26
nel cuore dellessere
Mentale oppure fisica, quali sono le cause della malattia? Da dove provengono le perturbazioni
che agitano il centro del nostro sistema? Quali sono i mezzi di guarigione? In un simposio,
che si tenuto il 12 settembre 2015 nel centro conferenze di Noverosa a Doornspijk, questi
argomenti hanno occupato un posto centrale.

uando parliamo del cuore di sono nate le incomprensioni e i conflitti. dotata di un cuore per rice-

Q qualcosa, intendiamo ci
che si trova nel mezzo, nel
centro. Molto si potrebbe
dire sul centro, ma
impossibile assegnargli un
nome con precisione. Da un punto di
vista matematico, naturalmente
Se rivolgiamo la nostra attenzione a que-
sto cuore nel nostro cuore, allora ci sar
equilibrio nel nostro spirito, nella nostra
anima e nel nostro corpo. Quindi, le
effusioni di Tao diventeranno evidenti
nel nostro sistema e noi ritroveremo lar-
monia, in un ordinamento di livello
vere laspetto spirituale
proveniente dal cielo. Grazie
a ci, luomo ha la capacit
di connettersi a dimensioni
superiori e di sperimentare
queste come fonte di vita.
Una parte costituente della
evidente, ma quando si tratta di processi superiore. Il legame tra Dio (o Tao), il nostra condizione umana ci
fisiologici o relativi allanima, molto cosmo e luomo sar ristabilito. Durante mostra che siamo obbligati a
pi difficile. In termini di cose spirituali questo simposio, gli oratori si sono con- trovare lequilibrio in questa
facile smarrirsi; per questo motivo centrati su questi tre livelli e sulle loro doppia natura. Jan Scholten
vediamo nel nostro mondo cos tante correlazioni. Questa organizzazione cos esplora il mondo di oggi, in
divisioni su tale argomento. speciale, che va dal pi piccolo al pi particolare il mondo dellin-
Quando siamo malati diciamo: Mi sento grande, ha sempre affascinato gli esseri finitamente piccolo, latomo.
squilibrato, il centro del mio essere umani. La correlazione tra il mondo
disturbato. Sia che si tratti di malattie Jan Scholten ha evidenziato le propriet atomico e levoluzione
gravi oppure no, alla base c spesso un particolari dei nuovi elementi chimici, i umana sorprendente.
conflitto interiore che, in generale, par- lantanidi, che in campo medico sono E su questo, gli ultimi
zialmente o totalmente inconscio. Molti sempre pi necessari. decenni ci hanno rivelato
medici e filosofi hanno indagato su que- Sembra che vi sia unanalogia tra la sco- molte cose. Ma Jan Scholten
sto tema. Ermete Trismegisto, il grande perta di elementi come il ferro, il rame, ci porta in un contesto com-
filosofo egiziano, ha definito luomo un lo stagno, luranio e il plutonio, e lo svi- pletamente nuovo.
microcosmo, e ha parlato dellunit Dio- luppo della coscienza umana. Nelluso La conoscenza della testa e il
cosmo-uomo. Il centro di questo omeopatico, questi elementi hanno un pensiero analitico molto ci
microcosmo corrisponde al centro del- effetto favorevole sulle malattie autoim- hanno apportato; ma la
luomo: il cuore. Secondo Ermete, di muni e sui disturbi dellautismo. conoscenza del cuore e il
questo cuore microcosmico che si tratta. Dianne Sommers ha affrontato il tema pensiero associativo che
Poich ci siamo allontanati dal vero cen- dellincarnazione dello spirito nel corpo. potranno condurci sino alla
tro, abbiamo perso il nostro punto di Questo principio fondamentale alla sintesi del tutto.
orientamento profondo. base della medicina cinese, in cui lessere
Quantomeno questo punto di orienta- umano considerato originario di due
mento divenuto molto sfocato, e nella mondi. Il suo corpo ha origine dalla
nostra vita, pi o meno caotica e confusa, terra, una massa di argilla recalcitrante

27
Elementi, serie, temi, aspirazioni,
La medicina classica prende in considerazione soprattutto ci che non
funziona nel corpo umano. Il suo sguardo ricade su ci che chimicamente
rientra nellordine delle cose, su ci che c di erroneo o di squilibrato
nellanima di una persona. Occupa dunque un importante dominio.

e antiche opere di riferimento particolarmente interessato alla funzione degli atomi. Per esempio, il

L di medicina omeopatica
menzionano una moltitu-
dine di rimedi che
corrispondono a unampia
serie di sintomi. Quando incontrai
tutto questo per la prima volta, mi
chiesi: Che cosa si pu trovare? In
carbonio lelemento centrale, essenziale, di tutto ci che vive. Tutti
gli elementi chimici, come le proteine, gli zuccheri e i grassi, si rag-
gruppano intorno al carbonio. Ogni elemento ha il suo specifico
significato, sia sul piano chimico sia psicologico. Le file sono chiamate
serie e le colonne stadi. Ogni serie ha il suo proprio tema e il suo
campo di vita corrispondente. Le colonne differenziano le serie. Potete
attribuire loro un numero; personalmente (vedi p.30) ho dato loro un
realt, molto difficile da nome in funzione degli elementi pi importanti della serie.
comprendere. In Olanda, in questi
ultimi ventanni, lomeopatia si Una spirale
molto sviluppata. Nela tavola di pagina 29 c un disegno a forma di spirale. Nel mezzo,
in una casella che in realt vuota, figura lidrogeno. Nel mezzo non
Prima tavola c niente, e tuttavia tutto deriva da esso. Lidrogeno dunque il primo
La tavola periodica degli elementi degli elementi, a partire dal quale tutti gli altri divengono maggior-
suddivisa in un certo numero di campi mente complessi. un bel simbolo per esaminare le strutture viventi.
e comprende parecchie linee e Da una parte, la vita ciclica, dallaltra ben di pi, perch le cose ap-
colonne. Nella figura riprodotta a paiono e scompaiono e mostrano uno sviluppo la cui la forma una
pag.30, vediamo otto file di elementi; spirale.
in realt lottava solamente il seguito
della settima che presentata su due Un sistema e sette serie
linee per ragioni pratiche; ve ne sono La terza tavola rappresenta la stessa cosa sotto forma di un sistema
dunque soltanto sette, perch se si solare. Possiamo vederlo sia come il macrocosmo sia come il micro-
fosse voluto presentare i gruppi dei cosmo, cio un insieme presente in noi. In modo sommario, si
lantanidi e degli attinidi su una stessa potrebbe dire che ciascuno degli elementi sia lespressione di una fase
linea, sarebbe stata troppo lunga. Le particolare della nostra vita. Allinizio c lidrogeno, poi, dopo parec-
otto file comprendono diciotto chie fasi, si raggiunge la vecchiaia che corrisponde agli elementi
colonne. Coloro che hanno studiato radioattivi. Questi ultimi si decompongono, cos come accade a noi al
questa tavola lhanno forse abbando- termine della vita.
nata rapidamente, mentre lomeopata Le sette serie sono: 1 lidrogeno; 2 il carbonio; 3 il silicio; 4 il

28
desideri, identificazioni

JAN SCHOLTEN, omeopata

ferro; 5 largento; 6 loro e 7 i lanta- essere o non essere. la serie pi


nidi che formano, col gruppo degli enigmatica, poich si riferisce soltanto
attinidi come abbiamo detto una al periodo della vita fetale, quella in cui
sola serie che presenta un tema non si ancora nati e di cui ignoriamo
comune ma anche alcune differenze. La tutto. Tuttavia, com noto, gli avveni-
serie 7 lultima, quella delluranio, menti vissuti durante questo periodo
chiamata anche il gruppo degli possono esercitare pi tardi una grande
elementi radioattivi. Ciascuna di queste influenza. Ecco alcune esperienze sim-
serie possiede una nota filosofica, boliche per il gruppo idrogeno: subire
riflette una fase della vita e traduce una senza sapere; fare delle esperienze e
tappa della coscienza. memorizzarle senza tuttavia esserne
coscienti, senza alcuna possibilit di
La prima serie la pi corta e com- ricordarle. Questo il tema essere o
prende solo due elementi: lidrogeno e non essere, fare delle esperienze in
lelio, i quali simboleggiano lidea modo inconsapevole.

29
Il secondo gruppo porta il nome del alla paura del freddo e delle infezioni. A
carbonio, perch lelemento pi questo stesso gruppo associato il tema Il bene e il
importante della serie. Questo gruppo
di elementi parla del corpo, di essere se
del bene e del male, il tema dei valori
inculcati. la fase in cui i bambini male, tema di
stessi, cio dello sviluppo dellego,
della personalit. Io sono io, e ho un
imparano a riconoscere la differenza tra
il bene e il male. Rinvia alleducazione,
molti racconti
corpo. Sopravvivere quel che conta,
perch senza corpo non esisto. la pi
ai divieti, alle intimazioni del tipo:
Questo cattivo! che inducono nel
e di miti,
grande delle paure, caratteristica della
serie carbonio. Pi ci si identifica con il
bambino le nozioni di fare il bene o il
male. Questo tema anche molto pre-
interessano
corpo, pi si teme di perderlo. sente nelle fiabe e nei miti, adorati dai
bambini. Si riferisce peraltro anche
molto i
Parimenti, pi si crede di essere il pro-
prio cervello, pi si angosciati allimmagine di s. Voglio essere qual- bambini
dallidea di perdere la testa. Questo cuno, sono io, IO sono Giovanni. Allo
un atteggiamento generalmente accet- stesso tempo, la misura del nostro
tato. In compenso, persone che hanno grado di identificazione con ci che
vissuto unesperienza di morte immi- crediamo importante. Cominciare a
nente, NDE o EMI, ritornano con la uscire dalla folla una tappa indispen-
convinzione che il loro essere qual- sabile che deve essere vissuta. Questa
cosa di diverso dal loro corpo. Secondo serie carbonio riguarda dunque il
le loro parole, la paura della morte li ha periodo dellinfanzia fino al
abbandonati. In breve, tutta questa serie dodicesimo anno circa, il periodo dello
carbonio rappresenta i timori e le sviluppo dellio, dove si ha il dovere di
angosce legate alla perdita del corpo, imparare prima a dire io e in seguito a
alla paura di ammalarsi, alla paura degli formarlo.
animali selvaggi, alla paura di morire,

Sistema periodico degli elementi Serie Teoria degli elementi

7 Uranio filosofia
6 Oro mistica
6 Lantanide politica
5 Argento sviluppo di s
4 Ferro estetica
3 Silicio pragmatismo
2 Calcio fenomenologia, etica
orizzontale: le serie 1 Idrogeno ontologia
verticale: gli stadi

30
La terza serie quella del silicio. Qui fabbricazione degli attrezzi da lavoro. Si tratta in particolare del lavoro
il tema quello delle relazioni. il in ambito locale. Quale posizione si occupa nella societ? Se si vuole
tema specifico della pubert, la fase in essere importanti per gli altri bisogna rivestire un ruolo, e per trovarlo
cui si impara a stabilire dei contatti, a dobbiamo fare qualche cosa: il panettiere, il falegname o il muratore,
condividere, a coltivare delle amicizie, a quel che importa che il lavoro sia ben fatto, cosa spesso
stringere relazioni affettive. accompagnata dalla paura di deludere e di essere esclusi. Esistono
Logicamente, assai pi importante diverse comunit, ma nella serie ferro, unicamente quella del vil-
per gli adolescenti avere degli amici, laggio che conta, quella dove tutti si conoscono per nome e per la
privilegiare un amico o unamica piut- loro funzione. Essere messi in disparte drammatico come subire le
tosto che studiare. Che la scuola angherie dei bambini a scuola. Nella terza serie, quella del silicio, la
manchi assolutamente di interesse per paura dellesclusione si riferiva al cerchio degli amici, ai vicini di casa,
loro, si spiega con il fatto che appren- a un altro tema dunque. Se osserviamo una persona che possiede una
dere e studiare sono propriet della forte immagine ferro, la vediamo molto occupata a crearsi una posi-
tappa successiva. Il gruppo silicio zione o ad esercitare la sua mansione nella comunit o nel suo lavoro.
concentrato sui rapporti affettivi: Chi Abbiamo constatato che le diverse colonne stabiliscono delle
frequento? Le relazioni di questo distinzioni concernenti il modo di vivere il tema in questione. Lottava,
periodo della vita sono talvolta cos per esempio, corrisponde allo stadio della condotta,
importanti che esse possono determi- dellatteggiamento: lavorare sodo, fare del proprio meglio, credere che
nare lintera esistenza. tra i dodici e questo non sia mai abbastanza, mettere sotto pressione se stessi o gli
venti anni che ci capita di scegliere tra i altri. Chi soffre di questa pressione ha bisogno di ferro. Lomeopata gli
nostri amici quello o quella che divi- prescriver del ferrum metallicum, il ferro puro, senza nessun legame,
der con noi la vita. che gli permetter di risolvere il problema. In linea di principio,
molto semplice.
La serie del ferro. Qui, il tema domi-
nante il lavoro. Il ferro un metallo La quinta serie quella dellargento. Non pi il lavoro, saperlo
destinato ad essere lavorato, utile per la padroneggiare ed eseguirlo ad essere in primo piano. Qui loggetto si

Teoria degli elementi Qualit


Serie Regioni

7 Uranio luniverso Differenti prospettive


6 Oro il mondo, il potere
6 Lantanide il mondo Differenti livelli
5 Argento la nazione, la cultura
4 Ferro la comunit, il villaggio Differenti serie
3 Silicio le relazioni, la famiglia
2 Calcio il corpo
1 Idrogeno lessere

31
trova sul piano del pensiero. I rappre- sviluppa nelle grandi citt, nei grandi centri, l dove si trovano anche
sentanti di questo gruppo sono persone le universit, mentre ci non pu avere luogo nella serie ferro, perch
del mondo dellarte o della scienza che nello spazio del villaggio tutti sono impegnati in modo produttivo. In
sviluppano delle idee, le divulgano, le breve, nella quinta serie, si assiste a unestensione della coscienza.
volgarizzano. Sono impegnate nella cul-
tura e talvolta anche nella religione, Veniamo al gruppo dei lantanidi, alla sesta serie che va in parte di
campi importanti di questa serie. Lar- pari passo con quella delloro. In questo gruppo lattenzione rivolta
gento fa anche parte della serie silicio, al potere e alla potenza. Qui, la coscienza si estende al mondo intero.
quella dei pensatori e di una parte della In questa serie delloro e dei lantanidi, luomo si sente responsabile
filosofia. Secondo ci che si intende per del benessere nel mondo. La coscienza ingloba laltro, il prossimo.
filosofia, la si ritrover nella serie dei Stiamo bene quando tutti i membri della comunit possono dire
lantanidi e anche in quella delluranio. altrettanto. dunque facile determinare quali siano le persone e quale
La prima serie esaminata era quella del- gruppo identifica il loro tipo; con alcuni si sentono a casa, con altri
lidrogeno, quella dellessere o non provano dellostilit. Coloro il cui sviluppo localizzato nella serie car-
essere. La successiva quella del carbo- bonio vedranno tutti come una minaccia o un nemico. Nella serie
nio, con il corpo al centro e la silicio, una famiglia costituir una minaccia per unaltra famiglia dello
consapevolezza che se ne ha. Nella serie stesso villaggio. Nella serie ferro, il villaggio accanto che rappresen-
silicio, la coscienza si estende alla fami- ter questa minaccia. Nella serie argento il pericolo verr da un altro
glia ed agli amici. La conoscenza di s e popolo perch parla unaltra lingua e la sua religione differente cos
del posto che si occupa nel mondo si come la sua cultura; saranno i barbari, i miscredenti. Invece, nella serie
allarga. Nella serie ferro, questa oro e lantanidi, lumanit intera parte di me, cos non ho pi nemici.
coscienza si estende alla comunit, Qui valgono i temi della fraternit e della libert. Dobbiamo soltanto
alloccorrenza al villaggio. Nella serie porre attenzione agli extraterrestri, marziani o altri! Gli appartenenti al
argento, essa in relazione con la cul- gruppo lantanidi si occupano soprattutto della padronanza di s piut-
tura locale, un tempo tipico di una tosto che del potere nel mondo. Vogliono avere il controllo di se stessi,
provincia, oggi di una regione, e si a cominciare dalle loro emozioni. Sono individui che desiderano

Qualit
Serie Centri di orientamento Serie Personalit

7 Uranio trascendenza 7 Uranio sapere


6 Oro mondo, orientamento 6 Oro volont
6 Lantanide visione del mondo 6 Lantanide volont
5 Argento cognizione, pensiero, cultura 5 Argento pensieri, illusioni
4 Ferro relazioni, sviluppo 4 Ferro emozioni, azione
3 Silicio identit propria, valori 3 Silicio sentimenti
2 Calcio morale 2 Calcio sensazioni, vitalit
1 Idrogeno bisogni, sviluppo 1 Idrogeno essere

32
andare per la loro strada, in autonomia, potere acquisito. Le persone di questa
in osservanza della loro legge. Non serie vogliono diventare dei capi: sin-
hanno bisogno di nessuno che insegni daco, direttore, prefetto o presidente. In
loro come sincarnano i propri valori. I principio ambiscono a migliorare il
giovani possono accordarvi molta mondo, ma poi ci si accorge che lo
importanza: Voglio andare per la mia fanno soprattutto per soddisfare i loro
strada. Voglio condurre da solo la mia interessi. Quindi il principio della serie
vita. Voglio fare ci che voglio. E oro stato mescolato a quello che
anche i bambini: Lo faccio io! Voglio dominante nella serie del calcio.
farlo da solo. Vogliono avere il
controllo della loro vita. Va da s che la
libert per loro un tema fondamen-
Lultima serie quella delluranio.
Dal punto di vista dellet, il periodo La serie
tale. A cominciare dalla libert nella
realt esteriore in cui si deve condurre
della vecchiaia, delle persone che si
ritirano dalla vita esteriore. Ritornano
uranio
la propria vita. Questo sviluppo si
esprime nelle convinzioni o nella reli-
in loro stesse; si occupano pi di loro
che di esercitare un potere o
quella dello
gione di ciascuno. Queste convinzioni
provengono da me o da altri? Si
uninfluenza. la serie
dellorientamento spirituale, quella del
sviluppo
comincia cos a praticare yoga, si aderi-
sce a qualche gruppo oppure si diventa
lasciare la presa. In questo approfondi-
mento dellessere ci si sente nel
spirituale
omeopati Alcuni cercano ci che li migliore dei casi in unione con
definisce interiormente e non solo luniverso intero.
esteriormente. Nella serie oro, que- Pi nessuno rappresenta allora un
sto sviluppo prosegue. Non cercano nemico. In un certo senso, le serie idro-
pi unicamente di controllarsi, ma geno e uranio si congiungono per
anche di dirigere verso lesterno il chiudere un ciclo, come luroboro, il

Serie Serie Cultura

7 Uranio universo, trascendenza 7 Uranio intimit


6 Oro mondo, potere, autorit 6 Oro carriera, autobiografia
6 Lantanide autonomia, libert, s 6 Lantanide reciprocit
5 Argento paese, cultura, arte, scienza 5 Argento ruolo, famiglia, scuola
4 Ferro emozioni, azione 4 Ferro cure parentali
3 Silicio sentimenti 3 Silicio cure materne
2 Calcio sensazioni, vitalit 2 Calcio
1 Idrogeno essere 1 Idrogeno

33
Luomo della fase lantanide non ha
nemici; per lui ognuno un fratello,
una sorella
serpente o drago che si morde la coda. propria legge, in mancanza di ci non
Il verbo greco lanthanein significa: si pu mantenere il controllo sullin-
essere, rimanere nascosti. I lantanidi, sieme. Maestri che non dominano se
difatti, sono dei metalli racchiusi nelle stessi provocano, in molti movimenti
pietre. Questi elementi sono chiamati spirituali, delusioni e disappunto.
metalli rari, pur non essendolo davvero, forse un caso che gli elementi della
perch rimangono celati e non li si serie dei lantanidi segnano la congiun-
trova mai allo stato totalmente puro; tura attuale? Sono molto utilizzati nella
sono sempre mescolati ad altri elementi tecnica moderna: nei laser, in tutti i
da cui molto difficile separarli. stato computer, nei lettori CD e negli
cos per numerosi gruppi spirituali schermi televisivi. Giocano un grande
nascosti, cenacoli che non erano emersi ruolo negli effetti luminosi e nel
perch non erano abbastanza forti per colore, in particolare negli schermi TV
stabilire un potere nel mondo. per produrre i colori rosso, verde e
Potremmo considerare i lantanidi come giallo che danno forma alle immagini.
persone che aspirano a divenire La high-tech informatica forse non
sovrani. Per raggiungere lo stato di potrebbe esistere senza questa serie di
regalit bisogna avere acquisito la elementi. Evidenziano cos il passaggio
padronanza di s, essere divenuti la a un livello superiore della coscienza.

Tradizioni Qualit
1 Fenomenologia Martin Buber, Prescott Lecky, ,Roolo May, Maslow bisogni
esistenziale Abraham Maslow, Andras Angyal, Kegan equilibrio, relazioni
Carl Rogers, Ludwig Binswanger
Kohlberg sviluppo morale
2 Neo-psicoanalisi Anna Freud, Erik Erikson, Ronald Fairbairn Gebser concezione del mondo
Donald Winnicott, Margaret Mahler, Harry
Guntrip, John Bowlby, Heinz Kohut Fowler pensiero
Loevinger identit, valori
3 Sviluppo James Baldwin, John Dewey, Jean Piaget
costruttivo George Herbert Mead, Kohlberg, Graves, Wade valori
William G. Perry, Jane Loevinger Spiral dynamics sviluppo
4 Psicologia dialettica Commons funzionamento
Piaget conoscenza
5 Transpersonalismo Wilber
Wilber centro dorientamento

34
Verso lunit gruppi e movimenti vogliono mantenere separati il loro paese, la loro
Vedete, lo sviluppo del genere umano si regione, la loro etnia, la loro cultura. Si potrebbe dire che vogliono
realizza secondo la successione delle regredire verso lo stadio argento, la fase dove le differenti culture e
serie che abbiamo tratteggiato sopra. religioni sono nemiche.
Dalle relazioni della famiglia e del clan,
siamo passati a quelle dei villaggi e Tavola delle corrispondenze
delle citt, per arrivare a quelle di prin- La tavola IV riassume linsieme. Abbiamo visto che tutto comincia nel
cipati e di regni. Gli Stati si sono uniti proprio essere grazie allidrogeno; che si prosegue sulla scala del
per formare ununit pi importante, corpo, poi su quella della comunit del villaggio, poi su quella del
come lUnione Europea. Lumanit paese, poi sulle altre culture del mondo e, per finire, luniverso. Pos-
sul punto di concepire un mondo siamo stabilire anche un parallelo tra le serie e i sensi. I lantanidi si
unico, un tutto che riunisca tutti gli riferiscono agli occhi, alla visione, per cui la luce molto importante
uomini. Il movimento New Age ne era per questo gruppo. Largento riguarda ludito e la parola, il che aiuta a
unespressione, come anche lo slogan comprendere il detto: La parola dargento, il silenzio doro.
Fate lamore, non la guerra. La Bisognerebbe dire invece: La parola dargento, la vista doro.
guerra significa che gli altri sono dei Le differenti serie possono essere messe anche a confronto con la pira-
nemici. Invece, per colui o colei che mide dei bisogni e molte altre suddivisioni stabilite dai ricercatori.
nella fase lantanide, tutti sono fratelli e Prendiamo la gerarchia dei bisogni secondo Maslow. Il primo gradino
sorelle. Per loro non vi sono nemici e la quello dellinsieme dei bisogni fisiologici. Corrisponde alla serie
pace dunque un tema fondamentale, idrogeno. Il secondo quello dei bisogni di sicurezza e di salute: serie
tanto quanto quello della libert. Molte carbonio. Il terzo, silicio: gli amici e la famiglia. Il successivo, ferro:
delle libert di cui godiamo oggi sono bisogno di stima e di rispetto. Tuttavia, Maslow non precisa stando a
state conquistate dai sostenitori della ci che vediamo quello che corrisponde al villaggio. Aspettarsi stima
New Age durante gli anni 70. Ecco la e rispetto da parte dei propri amici appartiene alla serie silicio. E se
strada che dobbiamo percorrere. Ma un oratore omeopata che desidera tali riguardi in un centro della
purtroppo osserviamo che numerosi Rosacroce, ci appartiene alla serie argento. Il livello seguente quello

Maslow
Serie Bisogni

7 Uranio trascendenza
6 Oro auto-attualizzazione
6 Lantanide autorealizzazione
5 Argento cognizione, intelligenza,
4 Ferro stima, rispetto, obiettivi
3 Silicio amore, amicizia, famiglia
2 Calcio sicurezza, salute, morale
1 Idrogeno fisiologia, nutrimento, sonno

35
dei bisogni cognitivi, dellintelligenza e c nulla nel modello di Kohlberg.
dellestetica. Il bisogno di autorealizza- Il poeta e filosofo polacco Hans Gebser ha fatto una descrizione delle
zione e di attualizzazione corrisponde differenti fasi storiche della concezione del mondo. Limmagine
anche al gruppo dei lantanidi, come a arcaica delluniverso cos come la concezione molto primitiva del
quello delloro. In ultimo arriva il biso- mondo magico del bambino si accordano alla serie idrogeno. La pi
gno di elevazione e di coscienza basica, la visione razionale e terra-terra corrisponde alla serie ferro.
trascendentale. Tutto abituale e normale, e si tratta di comportarsi secondo un ada-
gio olandese molto ferro: Sii normale, e sarai gi sufficientemente
Altri modelli pazzo. il contrario della serie argento, dove ci si vuole distinguere
Abbiamo appena esposto uno schema in modo chiaro, e dove la persona si considera come unica, speciale e
universale. Anche degli economisti, soprattutto non qualsiasi. Il suo sguardo sulle cose particolare; pu
degli antropologi, dei ricercatori scien- ammirare il mondo, contrariamente a una persona della serie ferro che
tifici fanno uso di strumenti simili. non conosce il sentimento di ammirazione, e vede la terra soltanto
Lo psicologo americano Robert Kegan come un suolo da sfruttare.
parla di misure e relazioni che tro- Linformatico Martin Fowler ha concepito una scala che rappresenta i
vano la loro corrispondenza nelle serie modi di pensare. Riscontriamo che i suoi pioli corrispondono comple-
della tavola periodica. tamente alle nostre serie: magico, mitico, funzionale, conformista,
Lamericano Lawrence Kohlberg, filo- individuale, non convenzionale e trascendente. Alla fine, si arriva sem-
sofo e psicologo, utilizza un modello di pre alla stessa conclusione; ovunque la serie ferro la pi conformista.
sviluppo morale che mostra come lob- Lo spiritualista e filosofo integrale americano Ken Wilber d la
bedienza del bambino si accorda alla seguente descrizione dei diversi modi di essere nel mondo. Parte dalla
serie calcio. Se lobbedienza strumen- domanda: Qual il centro della vostra coscienza?, distinguendo
talizzata, si riferisce alla serie ferro; se quattro centri: il cosmo, il mondo, letnia e lio. Nel caso delletnocen-
integrata come principio o esperienza trismo, il suo gruppo la cosa pi importante, che sia quello del
interiore, riguarda i lantanidi. Ma al di villaggio o del paese, ma si dovrebbe fare la distinzione tra la serie
qua (idrogeno) e al di l (uranio), non ferro o argento.

Graves, Wade Wilber


Serie Valori Serie Centro

7 Uranio unit 7 Uranio cosmo


6 Oro sistemicit 6 Oro mondo
6 Lantanide molteplicit, relativit 6 Lantanide
5 Argento assoluto 5 Argento etnocentrico
4 Ferro egocentricit 4 Ferro
3 Silicio animico 3 Silicio
2 Calcio magico 2 Calcio egocentrico
1 Idrogeno 1 Idrogeno

36
Noi constatiamo che tutti questi diffe- bene che tutti questi elementi interagiscono senza sosta. In realt,
renti modelli e sistemi mettono potremmo vederci dei frattali, e il pi grandioso quello che fa rin-
laccento su qualche aspetto non men- contrare il macrocosmo e il microcosmo, il pi grande si ritrova nel
zionato nelle serie che abbiamo pi piccolo.
presentato. Maslov vede le cose a partire
dai bisogni; Kegan osserva lequilibrio Stadi
o le misure e le relazioni; Kohlberg Le colonne coprono una serie da 0 a 17, o da 1 a 18 secondo il modo
prende in considerazione lo sviluppo di vedere. 1 linizio dello sviluppo. Paragonatelo a un seme che
morale; Gebser considera le differenti comincia a germogliare e spinge fino a rompere la superficie del
concezioni del mondo; Fowler fa delle suolo, poi cresce e si sviluppa senza interruzione fino alla fioritura.
distinzioni nel funzionamento mentale, Viene allora la fase dei semi, la pianta deperisce e poi muore. cos
nei valori, nei gradi di maturit, che possiamo studiare lo stadio di sviluppo di un essere umano, il
nelloggetto principale suo modo dessere, ci che fa, come agisce. Ripetiamo che in
dellorientamento di una persona. La relazione con la serie ferro, la persona crede di avere ancora molto da
variet delle prospettive riflette fare, crede di dover lavorare sodo per arrivarci. Si tratta dello stadio
linsieme delle serie. otto, il modo di agire. Ad ogni grado corrisponde un modo di pro-
Si potrebbe dire che questi differenti cedere. Allo stadio 10, lo sviluppo quello della piena fioritura; il 15
modi di vedere, rappresentati da la fase finale di uno sviluppo; il 16 quello in cui stato raggiunto
ciascuna delle serie, fanno parte il termine, e restano solamente delle rovine, delle tracce. Oltre, lo svi-
anchessi di queste serie. Potreste costi- luppo completamente terminato. Lo stadio 0 quello del riposo,
tuire un nuovo quadro dove tutti questi non c pi nulla.
dati potrebbero essere introdotti. Lo Per finire, accenniamo che possiamo anche stabilire le corrispondenze
sviluppo morale si accorda bene con la tra le serie di elementi e i plessi: idrogeno - plesso radice; calcio -
serie carbonio; lorientamento sul plesso sacro o sessuale; silicio - plesso solare; ferro - plesso del cuore;
benessere del mondo con la serie oro, argento - plesso della gola, la parola; oro - plesso della fronte, gli
ecc. Il sistema complesso ma mostra occhi; uranio - plesso coronale.

37
La rte della guarigione
nel pensiero cinese

Ichi, il numero 1. Finch siamo aperti a nuove idee, lo sviluppo


possibile. Nella tradizione Zen, si dice che i maestri hanno fallito pi
volte dei loro studenti, nei loro tentativi di raggiungere la perfezione.
WG von Krenner, K Jeremiah, D Apodaca,
Aikido Ground Fighting: Grappling and Submission Techniques, 2015

38
DIANNE SOMMERS, filosofa, agopuntrice e fisioterapista, analizza lo
spirito incarnato, il fondamento del pensiero medico cinese.

el pensiero cinese, les- I cinque shen aiutano lessere umano a effettuare dei cambiamenti in

N sere umano il risultato


di due mondi. Il suo
corpo viene dalla terra;
un grumo di argilla
indisciplinato con un cuore capace di
ricevere laspetto spirituale del cielo.
Luomo ha la capacit di connettersi
modo consapevole e, quindi, a realizzare il suo destino.
La salute pu essere definita come uno stato in cui siamo in grado di
mantenere un certo equilibrio fisico, mentale, emozionale e spirituale;
mentre un malanno palesa uno squilibrio nellespressione individuale.
Durante la terapia, alcuni cercano di ridurre il dolore fisico o emotivo,
mentre altri sono alla ricerca di un processo di guarigione che induca
una crescita spirituale. Comunque sia, nella medicina cinese ogni
con le dimensioni superiori e di perce- sistema di organi ha una base energetica, e i sintomi fisici e mentali
pirle come sorgenti di vita. sono indicazioni utili per localizzare la perturbazione energetica. Dopo
Una parte importante della nostra esi- aver identificato il problema, un sostegno pi mirato pu avvenire per
stenza umana consiste nel rimanere in incanalare il flusso di energia in modo appropriato.
equilibrio in questa doppia natura. Quando i cinque spiriti sono portati alla loro piena espressione, c un
Negli esseri umani, cinque aspetti spi- contatto con la conoscenza interiore, una connessione che permette di
rituali (shen) sono radicati nei diversi vivere in conformit col destino individuale dellessere umano.
organi del corpo. Tutto ci che accade Quando si devia dal cammino e non si segue pi il proprio dao, la
nelluomo e attorno a lui attiva gli malattia si pu introdurre. I sintomi e i dolori del corpo rivelano i
aspetti spirituali che consentono lo svi- sistemi di organi e gli aspetti spirituali che faticano a svolgere le
luppo e la trasformazione dellessere proprie funzioni.
interiore.
Le esperienze dellindividuo nel mondo I cinque elementi
svolgono un lavoro nel corpo e nello Il disordine interiore o squilibrio del centro, il tema della confe-
spirito. Le emozioni e gli aspetti spiri- renza di oggi: un concetto familiare ai filosofi cinesi. Zhongguo, nome
tuali esercitano una influenza sulla con cui la Cina si definisce, significa il Regno di Mezzo. Il concetto di
formazione del corpo fisico, poich le mezzo gioca un ruolo importante nel pensiero cinese.
qualit spirituali lo controllano e lo Nel mito della creazione vediamo cose pesanti che sorgono e cadono
determinano. I cinque spiriti consen- nel caos originario, mentre le pi leggere salgono. Le prime hanno
tono alluomo di percorrere il proprio formato la terra, le seconde il cielo. Tra le due c lo spazio pi impor-
cammino di evoluzione, un cammino tante, dove tutte le trasformazioni avvengono, dove tutto ci che
(dao) in cui il potenziale della persona- scende dal cielo e si alza dalla terra dovr trovare il suo posto. Nelles-
lit individuale pu essere espresso. sere umano, che un riflesso perfetto di questa immagine, il mezzo

39
anche il luogo in cui avvengono le tra- che succede e cosa cambia. Perch non c realt statica nel tempo; per
sformazioni. Oggi prenderemo in dimostrarlo, tutto mostrato in forma di associazioni. Si considera
considerazione luomo in quanto sempre in quale fase di un processo di cambiamento una persona si
microcosmo, e lo faremo dal punto di trova, oppure quali sono i processi che agiscono in lei. Le associazioni
vista del grande tutto, il macrocosmo. sono un modo di descrizione. Ci si riflette nel pensiero yin-yang. In
La filosofia cinese , in un certo senso, esso, non ci si fissa su una cosa, ma la si descrive in relazione a
lopposto della nostra filosofia occiden- qualcosaltro.
tale materialistica. Esagerando, si Yin-yang loscurit in relazione alla luce, il pesante rispetto al leggero,
potrebbe dire che secondo il maschile rispetto al femminile. Si pu descrivere qualcosa con un
questultima tutto costruito a partire certo numero di termini, ma senza limitarlo nelle sue propriet, come
dalla materia, tutto proviene da questa noi facciamo con un materiale o una particolare sostanza.
base. Anche lo spirito considerato un Ogni oggetto, ogni cosa porta in s il cambiamento. Ci vale anche
fenomeno derivante dalla materia. Il per le cinque fasi o i cinque elementi. Noi preferiamo parlare di una
pensiero cinese afferma esattamente suddivisione in cinque fasi perch rispecchia meglio di cosa si tratta:
lopposto: dello spirito, della cinque fasi di trasformazione in cui necessario considerare una cosa.
coscienza, di questa grande e vasta Ci accostiamo a un modello che stato scritto 2500 anni fa, e pubbli-
estensione che comprende tutto; la cato nel libro Shu Jing. Jing significa letteralmente classico, libro
materia generata da una condensa- fondamentale. Cos abbiamo Nei Jing, Nan Jing e I Jing, tutti terminano
zione continua. in Jing, che significa il fondamento.
Un secondo aspetto importante del Il Shu Jing contiene documenti che descrivono quello che successo nel
pensiero cinese che esso non si Regno di Mezzo verso il VII secolo a.C. Uno dei capitoli lo Hong Fan, il
occupa di ci che esiste, ma considera piano che ingloba tutto. Questo piano particolarmente ambizioso
ogni cosa parte di un processo, unap- perch descritto tutto in un unico capitolo. Tuttavia, diventato de
parenza in costante trasformazione. La facto la linea normativa per tutta la filosofia, per tutti i successivi svi-
stesso avviene con il Dao, il cammino. luppi. Lidea di base che noi, esseri umani, siamo fallibili. Circondati
Tutto sempre in movimento, e la filo- da ogni sorta di giudizi, soggetti a ogni sbalzo di umore, ci affidiamo
sofia cinese si propone di descrivere ci a opinioni che abbiamo sentito qua e l. Secondo i saggi di quel

40
tempo, ci deve essere qualcosaltro per Ci rappresentato dal numero 1.
orientarsi e pensare, qualcosa di un Lelemento associato a questa fase
ordine del tutto diverso rispetto alla lacqua e anche il nord. lo yin, il
mutevolezza della natura umana. Se quale indica che siamo gi nel mondo,
questultima volubile e quindi poco in una forma in cui lunit presente.
affidabile, la natura stessa un riflesso Le associazioni diventeranno immedia-
di un ordine superiore, celeste. Se tamente pi chiare quando arriveremo
potessimo conoscere le leggi di natura al fondo delle cose. Nel processo di svi-
e percepirne la loro essenza superiore, luppo, andiamo verso il 2.
avremmo in mano un filo che potrebbe Il fuoco rappresenta il lato opposto, il
guidarci nel nostro ambiente sociale. sud, dove c lo yang. Dallunit
Vedremmo cos chiaramente ci che ci passiamo alla dualit, dove lo yin e lo
mostra lordine naturale celeste. yang sono entrambi presenti. A causa di
Lo Hong Fan, questo classico scritto questa dualit, lo yin animato dallo
nel IV secolo a.C., in seguito divenuto yang, il quale fa sorgere la vita. L dove
il canone sia per la filosofia della medi- lo yin, loscurit, linerte, rappresenta
cina sia per la politica e lordinamento ci che fisso, lo yang, dallinterno
sociale. Questi non sono, nel pensiero della dualit, rappresenta ci che vivo,
cinese, degli aspetti individuali, bens luminoso, leggero e mobile. Questo
un modello dinsieme che permea tutti lasse verticale iniziale, lalbero tra il
i livelli della societ. Questo modello cielo e la terra. In questo processo ini-
mostra come il processo della vita si ziale, le parti pi pesanti cadono e
sviluppa, come il mondo naturale si formano la terra, le parti pi leggere
manifesta. I pensatori cinesi utilizzano salgono e formano il cielo.
volentieri la numerologia. Nel mezzo, tra lo yin e lo yang, tra 1
Tutto iniziato quando siamo usciti dal e 2 c il 3. Qui troviamo
caos iniziale per giungere nel mondo. lelemento legno, la fase legno

41
rappresenta lest, dove sorge il sole, gran numero di altri processi. A parte il fatto che ci sono molte cose
dove tutto ha il suo inizio, l nel che si suddividono in due o tre, molte altre sono divisibili in quattro o
mezzo, dove appare la creazione. cinque fasi. Il numero 5 la base delluniverso, esso permette di osser-
Il legno la fase in cui le cose vare come si sono svolti i fatti. Come abbiamo detto allinizio: si tratta
appaiono, tra il cielo e la terra. Quindi del movimento, della trasformazione.
vi il cielo, luomo e la terra. Questa Questo il motivo per cui possibile vedere cinque tipi di
la prima tricotomia, prima della com- movimento. Lenergia del legno il movimento che viene dallest, il
parsa del tempo e dello spazio. sole che sorge, o la primavera; lenergia di espansione il potenziale
Dal 3, appare sullasse orizzontale il per andare in tutte le direzioni, per determinare tutti i movimenti. Allo
tempo, e lo spazio dallaltro lato. La stesso modo, tutto ci che appartiene allelemento fuoco contiene in
comparsa del tempo, nel senso delle s il potere di stabilire una connessione con il cielo; lovest,
quattro stagioni, e dello spazio, nel strettamente legato ai metalli, rivela il movimento verso linteriore, e
senso delle quattro direzioni. permette alle cose di essere assimilate.
Lelemento il metallo; la direzione, Poi, c lenergia dellacqua, che realizza il collegamento con la terra, il
lovest. Lo spazio ora esteso in quattro legame con la base o il fondamento. Il movimento del centro in rela-
direzioni. Possiamo vederci la presenza zione con la trasformazione: la conversione, lassimilazione e
della totalit. Nel pensiero cinese, que- lassemblaggio dei diversi aspetti.
sta totalit dei quattro elementi deve Vediamo ritornare la filosofia dei processi, uno sviluppo che
ottenere un dinamismo che si acquisi- comprende tutti i movimenti della vita: salire, brillare e scendere, tutti
sce nella posizione centrale, nel mezzo i processi, grandi o piccoli, in cui siamo coinvolti nella vita.
dei cinque, dellelemento o fase terra, Questo vale anche per le stagioni: primavera, estate, autunno e
la fase che assicura uninterazione dina- inverno, nelle quali la posizione centrale, il mezzo, non sempre
mica tra le quattro direzioni nello stesso posto. Vediamo qui il centro nel mezzo, ma a volte,
individuali. Cos le cose sono in movi- quando si mettono i cinque elementi in fila, si scopre che questa
mento. Il 5 letteralmente il numero posizione tra le fasi yang e yin. Le due fasi yang sono le fasi di
che mette la materia in movimento. ascesa e di uscita, il legno e il fuoco; poi c laspetto terra, collocato
Dopo il IV secolo a.C., appaiono un tra la fase yang e yin del metallo e dellacqua. Una terza possibilit

42
contemplata dalla filosofia cinese per la nuti non sono soltanto quelli che
posizione centrale posta tra ciascuna conosciamo, sono dei sistemi che,
fase, perch ogni uomo, nelle diverse energeticamente parlando, corrispon-
fasi, vive un processo di trasformazione. dono alle qualit che abbiamo sopra
In breve, la posizione centrale pu scor- enunciato. Lenergia del
rere ed essere vista in luoghi diversi. La Lenergia del fegato appartiene allele-
parte superiore, laspetto fuoco, corri- mento legno, che in relazione con la fegato fa
sponde al cielo. La parte inferiore, il
legame dellacqua con la terra, ha una
creativit dellessere umano. Allinizio
della primavera, quando il sole sorge, vi parte dellele-
connessione con il suolo.
Tra le due si trova la zona, la sfera in
un grande potenziale, ma nulla
ancora formato. In primavera non mento legno,
cui deve accadere ci che di dominio
degli umani, cio trasformare, oppure
potete vedere cosa diventer la foglia o
il filo derba che spuntano. La stessa
che in rela-
collegare ci che accade tra cielo e
terra. Cos, da questa grande prospet-
cosa per lenergia del fegato nelluomo:
unenergia creativa, un potenziale,
zione con la
tiva relativa al tempo e allo spazio,
vogliamo ora ritornare alluomo e al
delle possibilit, una forza che aiuta a
creare, ad avviare un progetto.
creativit
nostro interesse per la medicina
cinese. E vedremo che negli esseri
Nel pensiero cinese, tutto questo reso
possibile dallenergia del fegato. Con
dellessere
umani, in modi diversi, le cinque fasi
si presentano.
essa possiamo, in modo visionario,
progettare ogni sorta di idee e
umano
creazioni. Anche se qui si tratta piutto-
Fondamenti della medicina cinese sto di qualit dello spirito, nel pensiero
Uno dei principi dellagopuntura si cinese esse sono associate agli aspetti
trova nel funzionamento dei sistemi di del corpo. Provate a immaginare: il
organi. Questi sono al centro, formano legno corrisponde al fegato, ma anche
il mezzo. I diversi organi in essi conte- agli occhi. Vedere, non soltanto con gli

43

organi esteriori, ma anche con locchio strumento per realizzare questa connes-
interiore. sione. A questo proposito,
Entrambi giocano un ruolo importante interessante notare che nel nostro cer-
in quello che vedete davanti a voi, in vello, in proporzione al resto del
quello che potrebbe accadere. I tendini sistema sensoriale, la parte che
formano un aspetto che collegato coordina la lingua occupa la superficie
allenergia del fegato, perch
rappresentano il potenziale della mobi-
maggiore. Se davvero volete sentire
bene qualcosa, il miglior modo farlo
Se esaminiamo
lit, essi permettono di applicare una
forza e di sviluppare una potenza
con la vostra lingua, il modo migliore
per scoprire il legame.
il carattere
improvvisa per mettere qualcosa in Inoltre, la circolazione del sangue e i cinese che
movimento. Nel pensiero cinese, tutto vasi sanguigni sono associati con questa
questo appartiene allenergia del legno. energia. Il cuore permette che il legame significa cuore
Continuiamo con unaltra energia. Il
fuoco lenergia dellestate, lenergia
con il cielo possa stabilirsi e
trasmettersi in tutto il corpo. Attraverso
vediamo un
del cuore. Il cuore un organo molto
speciale. Se esaminiamo il carattere
i vasi sanguigni e il sangue, possiamo
effettivamente provare la connessione
pozzo vuoto,
cinese che significa cuore vediamo un con il cielo. Nel pensiero cinese, il san- con tre trattini
pozzo vuoto, con tre trattini sopra. Il gue non solo materiale,
cuore ci collega al cielo, lenergia unimportante sostanza colma sopra
con cui le cose possono essere unite dellenergia del cielo.
tra di loro, con cui si pu sentire o Rivolgiamo ora la nostra attenzione
fare una connessione. Lentusiasmo allenergia del metallo. Essa riflette lau-
che nel vostro cuore e che voi potete tunno ed in rapporto con i polmoni.
collegare o trasferire ad altre persone, Grazie a questa energia, le cose
ne una prova. possono discendere e farsi sentire nel
La lingua ne associata, la lingua come vostro sistema. I polmoni

44
rappresentano la sensazione. Ci che Qui, le orecchie sono gli organi senso-
nellenergia del fegato diretto princi- riali che esercitano una grande
palmente verso lesteriore, i polmoni la influenza. Le ossa, come una forma di
dirigono verso linteriore. Cosa ti senti estrema densificazione, meglio si adat-
dentro? lenergia della discesa, del tano alla terra; esse assicurano anche la
lasciar andare, la capacit di apprendere stabilit che il sistema deve fornire
e di rinunciare. affinch possiamo stare in piedi.
Quando questa energia penetra in voi, Con al centro il 5 la fase della terra
potete realmente entrare in voi stessi, abbiamo i processi di digestione e di
una fonte di ispirazione che vi tocca assimilazione. Lelemento che si trova
interiormente e che vi stupisce: Oh, nel mezzo deve formare un legame con
ecco qualcosa di speciale, si tratta di gli altri aspetti. Laspetto terra diretta-
me, qualcosa sta cambiando in me! Il mente in rapporto con la digestione e
naso, dove il respiro entra ed esce, lassimilazione, non solo di cibo e di
lorgano di senso che accompagna que- bevande, ma di tutto quello che incon-
sta energia. Anche la pelle un sistema triamo, viviamo e sperimentiamo. Qui,
sensoriale che ci permette di sentire le dobbiamo convertire tutte le informa-
cose. I polmoni, con lenergia del zioni in qualcosa che ci proprio.
metallo, sono permeabili alle vostre Dobbiamo attivare le nostre trasforma-
esperienze. zioni, prima di poter assimilare. Ci
Arriviamo poi allenergia dellacqua. sono persone che mangiano buone
Questa collegata ai reni; la connes- cose, ma ne assorbono pochi elementi.
sione con la terra, il legame con il Dobbiamo imparare queste cose con un
fondamento, con la base ereditaria. processo personale. Non come le per-
Lenergia dei reni la simboleggia e gioca sone che seguono vari corsi di
nel nostro corpo il ruolo importante di formazione e pensano: Oh, fantastico! E
collegarci, di farci sentire sicuri e stabili. poi continuano la loro vita senza alcun

45
cambiamento. Nulla stato assimilato o contatto con la terra. Per la semplice ragione che noi siamo esseri
trasformato. che si trovano tra la terra e il cielo. Siamo esseri che, dal cielo,
Ci che voi coltivate, trasformate e assi- devono trovare un posto sulla terra, dove lesistenza e le necessit ci
milate in voi stessi, il vostro raccolto. E impongono di lavorare per creare una trasformazione, un
sar riposto nel vostro granaio soltanto cambiamento, un arricchimento per il raccolto.
se lavorate duramente per ottenerlo. Nel Dal punto di vista spirituale, iniziamo dagli aspetti fisici ed energetici
pensiero cinese, la bocca lorgano di per giungere allaspetto dellanima. Seguiamo di nuovo la stessa linea,
senso corrispondente a esso, cos come come nel macrocosmo e nella fisiologia del corpo umano, per ritro-
i muscoli, poich danno consistenza varla nella vita dellanima. Cos, sotto laspetto dellenergia del legno,
alla carne. si trova quella dellanima, che lenergia del fegato. Nella filosofia
cinese questo chiamato Shen.
I cinque aspetti dellanima umana lanima leggera ed eterea, e di fronte c la sua antagonista: lanima
Con tutto questo, abbiamo una base di fisica o animale, lanima grossolana. Lo shen e il po sono i due motori in
lavoro, una sorta di fondamento sul cui avvengono i movimenti appartenenti alleconomia energetica, lin-
quale il modello medico cinese opera. gresso e luscita delle energie. Lo shen e il po formano la dualit nella
Questo modello non si accontenta quale unanima tende a salire e unaltra a discendere verso la terra.
degli organi, della materia organica Una tende verso la sublimit, si eleva al mondo delle idee e dei pen-
con le sue caratteristiche e funzioni sieri superiori, mentre laltra affascinata dalla terra che tutto
basate su studi medici e fisiologici; no, promette.
il modello cinese sinscrive in un con- La mattina, al risveglio, sperimentiamo il dilemma: Oh, mi devo
testo molto pi ampio, ci familiarizza alzare, devo meditare, devo fare questo e quello! Ma il nostro corpo
con le capacit e gli aspetti di trasfor- dice: Oh, come si sta bene a letto! Possiamo cos comprendere lo shen
mazione propri del sistema umano. Vi e il po. Entrambi sono presenti, e inducono un movimento
troviamo anche la tricotomia del cielo, nellinsieme. Lo shen etereo, tende verso lalto, verso la spiritualit,
della terra e del cuore. Lenergia del lo shen va con lo spirito, dicono i Cinesi. Esso comprende un certo
cuore mantiene la connessione con il numero di qualit spirituali e ha anche una connessione con i sogni,
cielo, lenergia del rene assicura il che sono un aspetto importante della nostra vita.

46
Il potere dimmaginazione, di cui ragione essa e definita la pulsazione del
abbiamo gi parlato, la capacit di po, e rende possibile la penetrazione
vedere con locchio interiore che corri- dellelemento anima nel corpo. Ogni
sponde, in senso spirituale, alla fantasia,
agli ideali e alle visioni, appartengono
terapia respiratoria utilizza questo prin-
cipio per fare letteralmente passare
Ognuno
allo stesso tipo di energia.
Allo stesso modo, la possibilit di
attraverso il corpo fisico le esperienze
che devono essere sperimentate. Questa
partecipa al
uscire dal proprio corpo, perch lo shen
considerato una qualit spirituale che
energia assicura che le esperienze siano
assimilate nel e attraverso il corpo. Lo
tutto, ma
pu manifestare qualche forma di indi-
pendenza, di distacco; per esempio
shen e il po sono un motore duplice che
esprime congiuntamente le forze cen-
deve prepa-
sognare di essere occupati a meditare tripete e centrifughe dellorganismo. rare la sua
su una montagna in Cina; oppure agire C ancora un terzo aspetto dellanima,
al di fuori del corpo, conoscere espe- lenergia dellacqua. I cinesi chiamano casa affinch
rienze di morte imminente, questa fase lo zhi. la forza che costi-
sperimentare trance o estasi... Lo shen tuisce la vostra base, e lenergia mentale una certa
pu osservare da lontano; una forza
yang e pu volgersi verso lesteriore.
per esprimere la vostra volont, non in
modo compulsivo, pur mantenendo la cosa possa
Allopposto, c il po. Il po lanima
fisica, lanima animale, grossolana. la
concentrazione nel tempo, evitando
lentusiasmo iniziale ricorrente che ha restare in lui
vita terrestre in noi, la forza terra che ci bisogno ogni volta di essere riempito
fa sentire che siamo umani. Sono le con qualcosa di diverso.
sensazioni che sperimentiamo nel Qui pu nascere e ancorarsi un ideale.
nostro organismo, le reazioni e le pul- Lo zhi vi d la forza e la determinazione
sioni istintive. Alla respirazione, che per fare ci che volete nella vostra vita.
funziona automaticamente, non dedi- anche una risorsa, un aspetto
chiamo alcuna attenzione. Per questa dellanima che unisce un atto di

47
volont con lenergia di base. I reni grande insieme. E ci non automatico
sono il sistema di organi che o facile.
corrisponde allo zhi. Lelemento succes- Ognuno partecipa al tutto, ma deve
sivo lo yi, lenergia appartenente alla preparare la sua casa affinch una certa
terra, che al centro; anche la forza cosa possa restare in lui. In altre parole,
che rende le cose personali. Come si deve creare, per questa parte dello
abbiamo visto nella digestione, dove le spirito universale, la possibilit di
essenze sono estratte dalletere e
formano il vostro raccolto, la stessa
dimorare in lui. Questa la
connessione alla sorgente originale, alla Nel pensiero
cosa accade qui a livello spirituale, il
dominio dello spirito. Questa mattina
quale tutto collegato. Grazie a questa
connessione, si pu compiere il nostro
cinese,
forse avete imparato qualcosa leggendo
il giornale o ascoltando la radio. Se
destino, perch non siamo solo i figli
di un padre e di una madre naturale.
il saggio
foste invitati ora a riprodurne lessen-
ziale, lo fareste in un modo molto
Secondo il pensiero cinese, i genitori
forniscono una base fisica per
adegua la
personale, in funzione della vostra
visione del mondo e del vostro approc-
lesistenza, il fondamento della natura
terrena, ma riceviamo la nostra ispira-
sua volont
cio alle cose. Questa energia assicura
che le informazioni si trasformino in
zione da un altro polo, dallaspetto
celeste, dove ci anche indicata la
personale
qualcosa di personale. Il processo per- nostra destinazione, il ming. Ancora una alla volont
mette di riporre come raccolto volta vediamo la triade: il cielo, la terra
personale ci su cui si concentra e foca- e luomo. I processi di trasformazione del cielo
lizza la vostra attenzione. avvengono nella parte umana. Il cuore
con lo shen ci collega al cielo; lo zhi alla
Il cuore il nostro patto con il cielo terra; e il ming alla nostra destinazione.
Ci sono quindi quattro aspetti spirituali Il carattere cinese per questo concetto
associati agli esseri umani. Il quinto, lo include un piccolo tetto che
shen, correlato allenergia del fuoco e rappresenta il cielo. Una bocca in basso
al cuore. Gli altri quattro sono anche a sinistra significa la terra, e la linea
annoverati tra i cinque shen, nome orizzontale tra i due, luomo. Bocca
generico che significa anche spirito o perch la terra nutrimento, d la pos-
qualit spirituale. Tuttavia, poich que- sibilit di esistere. La parte del carattere
sto spirito specifico in contrasto con in basso a destra significa sigillo; il
gli altri quattro, egli appartiene alle nostro contratto, il nostro patto con il
energie del fuoco e del cuore. cielo, perch noi siamo qui con uno
Torniamo a ci che abbiamo detto in scopo preciso, speciale, unico per ogni
precedenza sul cuore. Si tratta infatti di individuo.
un organo cavo. Nel pensiero cinese, Al momento del concepimento,
anche considerato una sorta di vuoto, quando si forma il substrato, tale con-
una casa che pu ricevere lo shen. tratto assicura una direzione, un senso
notevole che nel pensiero cinese alla materia al fine di garantire lo svi-
ognuno abbia un spazio personale luppo e portarlo allespressione. C
affinch dimori in lui un elemento del qualcosa che il cielo mette veramente

48
nel seme del destino per avviare un del cielo affatto diversa. Il guaio
processo. Due elementi si fondono che noi non sappiamo cogliere
insieme. Nel terreno fertile terrestre dallesteriore quello che ci destinato,
posto un obiettivo, una missione. Nel possiamo farlo soltanto dallinteriore.
pensiero cinese questo Un aspetto importante di questo
particolarmente importante. apprendimento laccettazione, lac-
Durante tutta la vita, il cielo, luomo e cettazione delle cose cos come sono.
la terra nutrono questo seme. In altre ci che intendiamo per wu wei: non
parole, ci saranno sempre degli stimoli agire contro la natura delle cose. Que-
per garantire che il destino si esprima sto include una forma di rassegnazione
in qualche modo, stimoli che assicu- che ci permette di lasciar accadere gli
rano che ci che nel nostro interiore eventi come devono svolgersi.
venga alla superficie. Sovente, grazie Lo scopo della medicina cinese di raf-
alla nostra educazione e alle persone forzare e sostenere lequilibrio del
che ci vogliono bene, andiamo in una centro. Il mitico imperatore Shennong,
certa direzione. Ma quante volte ci il Coltivatore celeste, uno dei tre
viene in mente: s, ma io dovrei fare Augusti, eroi che, secondo la tradi-
qualcosaltro. zione, hanno portato la civilt al
Non ci sono prove, ma un dinamismo popolo cinese. Shennong nel libro Clas-
stimola e rafforza ancora una volta il sico delle radici e delle erbe del Coltivatore
destino. Allora si dice: tutto questo non Celeste, riassume la medicina cinese
sembra logico, ma lo far. Oppure come segue:
qualcosa ti chiarisce quello che devi
fare. Perch la cosa importante realiz- La pi elevata forma di medicina in rapporto
zare il proprio destino. Ecco perch i con il favore del destino, e corrisponde al cielo.
cinesi vi augurano sempre la benedi- Se si vuole prolungare la vita senza invecchiare,
zione di una lunga vita, essa lei che si deve applicare. La forma intermedia
necessaria per raggiungere la vostra della medicina in relazione con lalimenta-
destinazione. zione, e corrisponde allessere umano. Se si
Questo richiede tempo, perch spesso vuole prevenire la malattia, soddisfare le
facciamo una deviazione e incontriamo carenze e i difetti, questa che deve essere
ogni tipo di difficolt. Ma si tratta di applicata.
esprimere quello che siamo. E quello La forma meno elevata della medicina in
che siamo diverso per ognuno e non relazione con il trattamento della malattia e
c un criterio esteriore per scoprirlo. A corrisponde alla terra. Se si vuole rimuovere il
volte le necessit terrene ci impongono freddo, il caldo, o altre influenze patogene dal
di fare prima qualcosaltro. Nel corpo, eliminate gli accumuli e curate la
pensiero cinese, il saggio adegua la sua malattia, su questo che ci si deve applicare.
volont personale alla volont del cielo.
La personalit si orienterebbe
volentieri su altre influenze, come pos-
sedere una seconda casa allestero o
qualcosa del genere, mentre la volont

49
Comprendere la ragion dessere della malattia
Molte storie della creazione del mondo cose, ogni elemento chimico ha un impatto sulluomo, rende possibile lo
descrivono come il Grande Soffio, o Spi- sviluppo e svolge un ruolo di supporto; inoltre, che luomo e il cosmo
rito, muove le acque della sostanza non devono essere considerati separatamente; che lessenza vivificante il
primordiale, la Materia Magica. Come un centro di tutto in tutti.
fuoco, il principio dellanima acceso. Il simposio ha contribuito alla comprensione delle cause della malattia e
Questo fuoco contiene una formula della salute; essere consapevoli che la guarigione apportata dallo Spirito
alchemica, un piano di manifestazione. riguarda un ordine superiore. Chi si orienta verso lo Spirito lanima,
un fluido estremamente sottile, simile lessenza delle cose sa che una malattia un aiuto per trovare in se
allidrogeno. stesso questo nuovo ordine, pi elevato; e che per arrivarci, egli deve
Non per nulla lidrogeno il primo ele- abbandonare il vecchio.
mento del cosiddetto sistema periodico. Siamo abituati a considerare la malattia opposta alla salute. E ci sembra
La vita inizia sempre con un processo logico. Chiedete a chi ha linfluenza da alcuni giorni cosa desidera di
basato sullidrogeno, un principio-anima. pi... Tuttavia, chi si dedica a studiare, in libert di spirito, la malattia e la
Subito dopo, una seconda serie di salute, scoprir che la malattia anche uno strumento di forza vitale. La
elementi sono disponibili per la seconda malattia sempre unattivit di questa misteriosa forza dinamica che ci
fase del processo. Grazie allincontro incoraggia a conquistare un equilibrio pi alto, la vera armonia.
dellidrogeno con lossigeno si accende Chi ne cosciente vivr la malattia in un modo del tutto differente. Sapr
un fuoco, e con laiuto degli elementi che nella sofferenza non abbandonato, al contrario, guidato. Larte
azoto e carbonio la base formata per la della guarigione, dellauto-guarigione, non accettare passivamente la
costruzione di un corpo. sofferenza, ma di lasciarsi guidare verso un comportamento molto consa-
Tuttavia, il livello vibratorio dellidro- pevole e quindi molto attivo. La guarigione, nel senso di un processo che
geno che sar decisivo per la porta alla vera armonia, non ha alcuna relazione con la passivit.
prosecuzione del processo. Non fare nulla equivale a retrocedere, e la passivit una resistenza. Essere
I grandi in spirito conoscevano la attenti, in un tale processo, sempre unattivit intelligente e consapevole,
grande legge di coerenza da cui tutto fatta con calma. Si richiede inoltre di lasciar fare, di abbandonare lantico,
dipende. Essi si sono sempre rivolti ai i retaggi. anche necessario avere una chiara visione dei processi vitali
loro discepoli in parabole. Ed in que- nascosti dietro le apparenze, e una comprensione della ragion dessere
sto modo che lanima ricettiva del della malattia, vale a dire dove vuole condurci.
discepolo riceveva il fluido dalla verit; Chi si ammala, spesso si tormenta chiedendosi perch malato. Perch
era cos motivato a informarsi e a cer- accade a me? Che cosa ho fatto di male? Cosa avrei dovuto fare? Per con-
care la massima autorit, il potere dello tro, chiederci qual il fine ci pone di fronte a una possibilit, si apre un
Spirito che genera tutto, che vivifica, percorso, il percorso verso una nuova dimensione di vita, una vita eterna.
nutre, riscalda e guarisce. Questo pensiero molto ben espresso in queste poche righe estratte da
Questanima risvegliata, Karl von Eckar- Neiye (Il Tao dellarmonia interiore):
tshausen la definisce luomo interiore, un
uomo sempre giovane e nobile, limma- Nella vita umana
gine originale dellessere e un modello Il cielo ti d lessenza,
per luomo esteriore. La terra ti d la forma. WG von Krenner, K Jeremiah, D Apodaca,
Il simposio ha contribuito a rilanciare La loro unione ha fatto luomo. Aikido Ground Fighting: Grappling and
lidea che, nella grande coesione delle Submission, 2015

50
51
LA ttenzione
Un giorno, un uomo si rec da Lao Tze e gli chiese: Maestro,
potreste scrivermi qualche principio della pi alta saggezza?
Lao Tze prese un pennello e scrisse: Attenzione.
Tutto qui? domand luomo.
Lao Tze riprese il pennello e scrisse: Attenzione, attenzione.
Maestro, non comprendo bene ci che di profondo vi in quello
che scrivete.
Per la terza volta Lao Tze prese il pennello:
Attenzione, attenzione, attenzione.
Contrariato, luomo insistette: Qual il significato di questa parola?
Lao Tze gli rispose amabilmente: Attenzione significa attenzione.
Parole di saggezza su http://r.news.zintenz.nl/parolesdesagesse@zintenz.com

onostante limponente concentrato su qualcosa. Raramente ci contribuisce ad arricchire il

N flusso di informazioni che


agita le nostre vite, la
nozione di attenzione
molto presente alla nostra
coscienza. Per riporre ordine nel nostro
quotidiano, qualit nelle nostre relazioni
e serenit nella nostra testa, ci sforziamo
focalizziamo sullessere attenti, bench si
tratti di una delle nostre facolt pi
potenti e al tempo stesso pi interessanti.
Parliamo della nostra attenzione e disin-
voltamente ci identifichiamo con essa al
punto da definirci come pieni di atten-
zione, non considerandola pi come
mondo delle esperienze. Le
valutiamo come importanti o
accessorie, facendocene
unimmagine, unidea della
quale possiamo ricordarci. In
questo caso lattenzione
loggetto del pensiero, di ci
ad essere attenti. In tale accezione, lat- una delle facolt di cui disponiamo. Lat- a cui si pensa. Cos, quando
tenzione equivale a focalizzarsi, ad essere tenzione diretta su cose e situazioni ci si ricorda di qualcosa, la

52
nostra attenzione si sposta dal momento per fortuna continuamente se ne siamo ben consapevoli,
presente. In effetti, il ricordo ci conduce attenzione. Inoltre, sia essa positiva o ci sembra di non averne il
direttamente verso il passato o verso uno negativa, essa il nutrimento controllo. Lattenzione
scenario non ancora vissuto. Di fatto, deccellenza per lego. sufficiente osser- talvolta si affievolisce, si
questo modo di essere attenti altro non vare ci che lo circonda per scoprire lascia distrarre e noi lottiamo
che una funzione del nostro motore di quanto lessere umano ricorra a diverse per mantenerla. Se si
ricerca sulla tela della nostra memoria strategie per beneficiare dellattenzione. presenta qualcosa che desta il
personale. Lattenzione di una madre per Molti considerano lattenzione totale e nostro interesse, ecco che
il suo bambino le determina una sensa- incondizionata inarrestabile. Da notare essa vi si posa senza sforzo.
zione di sicurezza. Riceviamo e diamo che quando qualcosa la sollecita, e anche Nello stesso tempo sfuggono

53
diverse cose. Quando ci si dedica intera- permetterebbe di conoscere la dualit:
mente a una questione, si perde di vista osservazione propriamente detta ed
tutto il resto. Siamo perlopi soggetti a esperienza soggetto-oggetto?
un turbinio di pensieri difficile da Ecco un problema serio su cui il cerca-
fermare. Ci sentiamo vittime impotenti tore di verit incappa allo stesso modo di
di ci che attraversa lo spirito. Ma pro- coloro che si dedicano alla ricerca fonda-
prio cos? Ci vorrebbe sicuramente un mentale. Gli scienziati si rendono sempre
serio esame di s prima di giungere alla pi conto che loggetto osservato
conclusione che i pensieri non possono dipende dallosservatore; ci significa che
irrompere nel nostro sistema senza la non esiste obiettivit n indipendenza di
nostra attiva collaborazione. In effetti, spirito nellatto di esaminare un
questo succede perch la nostra fenomeno. Non si pu mettere da parte e
attenzione orientata su di essi, perch limitarsi a guardare come le cose acca-
noi stessi diamo loro credito, perch in dono. Il cercatore si trova allinterno del
essi troviamo un interesse, in breve, per- processo di osservazione e per questo,
ch noi stessi ci identifichiamo con essi. ineluttabilmente, ne influenza o ne deter-
Dal momento in cui si accoglie o si scac- mina il risultato.
cia un pensiero, ci si lega ad esso e, di Di conseguenza, il ricercatore deve sapere
conseguenza, esso diventa reale. Pu che non in grado di osservare ci che
anche rivelarsi talmente ossessionante reale, ma soltanto la propria realt.
che diventer impossibile liberarsene. Lo Se consapevolmente o inconsapevolmente
stesso vale per i sogni. Lunica soluzione
sforzarsi di raddoppiare lattenzione su
si aspetta di veder confermato ci che
spera, la sua attenzione e la sua speranza La ricerca
un oggetto scelto. Il cerchio infernale dei
pensieri ci mostra che finch esiste un
ne saranno influenzate ed orientate. Cer-
care di essere confortato nel senso procede
interesse per qualcosa, garantito che i
pensieri ad essa collegati faranno
desiderato pu soltanto esitare in una
conferma. Di conseguenza, ci che non dalloggetto
irruzione nella nostra realt. E lenergia
impiegata a concentrarsi non fa che per-
possiamo o non vogliamo vedere non
potr nemmeno rivelarsi giusto o vero. cercato; essa
durare i pensieri. Lattenzione non dunque una costante
indipendente sullo sfondo di ci che dapprima
Soggetto oggetto
Fissare lattenzione su qualcosa essere
accade; no, essa si modifica seguendo ci
che osserva. Si rafforza e sindebolisce volta
soggetto per un oggetto, si tratta di una
situazione duale in cui loggetto osser-
secondo gli oggetti specifici della sua
osservazione, ma mai su tutto contempo-
allesteriore,
vato non pu mai essere identico
allosservatore. Un curioso fenomeno si
raneamente. Per i fisici quantistici,
dovunque andiate, dovunque dirigiate il
poi il
produce allorch prestiamo attenzione
allattenzione stessa: essa ci sembra inaf-
vostro sguardo, la vostra attenzione,
incontrerete sempre voi stessi. Diciamo
movimento
ferrabile. Possiamo esaminare il fatto di
essere attenti, sapendo che tale atto
che accordate qualcuna delle vostre pecu-
liarit alloggetto sul quale vi orientate.
sinverte
implica contemporaneamente il soggetto
e loggetto, io e quello? possibile un
Listante vissuto definito dalla nostra
attenzione. un circolo vizioso che pu
verso
altro tipo di attenzione senza oggetto n
soggetto? Quindi una facolt che
essere illustrato con un esempio: un
osservatore guarda attraverso uno
linteriore.

54
specchio, e simultaneamente osservato Loggetto della sua ricerca pu essere sua forza di gravit. Questo
dalla propria immagine riflessa nello spec- definito in molti modi, ma in ogni caso, permette di scoprire, in un
chio, che gli rinvia la sua forma definita. allinizio, lattenzione risulta raddoppiata, istante, la tensione esistente
Ecco come perdura la questione secolare al punto da essere fisicamente osserva- tra diversi tipi di aspirazione.
della certezza che si pu avere a riguardo bile. Una misurazione elettroencefalografica La persona toccata dal desi-
della veridicit della percezione dei feno- rivelerebbe, infatti, un aumento dellatti- derio di liberazione giunge a
meni. Ogni condizionamento colora vit delle onde gamma, poich lego comprendere di non dover
losservazione e ha un effetto ridimensio- cerca di superare se stesso con laiuto sfruttare lego, quanto piut-
nante sulloggetto. Se anche i pi scettici dellenergia della coscienza. Una tale for- tosto di sbarazzarsi di lui,
tra gli scienziati moderni riconoscono zatura dellego, questo atto di violenza poich adombra e
che losservazione attenta e i pensieri della volont, produce un aumento della imprigiona il S.
conferiscono realt alle cose e quindi forza gravitazionale dellidentit e fa Il poeta persiano Hafez un
anche alla propria realt come potremo coincidere questultima con la realt giorno disse, giocando a
districarci da questo ipnotico circolo egoica. In questo modo ci che essen- scacchi con un amico: La
vizioso? per noi possibile trovare una ziale rimane nascosto. Continuando a differenza tra il tuo modo di
realt indipendente? E in effetti, perch ci focalizzarsi in questo modo, il cercatore giocare e il mio che io,
interessa tanto? Forse perch vogliamo tenta di conquistarsi la strada fino al quando vedo il gioco imper-
impiegare lattenzione per studiare la cuore della vita. Tuttavia, tutti i suoi ten- scrutabile di Dio, mi arrendo
fonte e la natura dellattenzione stessa, tativi lo portano a constatare che gli immediatamente con gioia.
pur sapendo che la ricerca stessa sem- obiettivi elevati si allontanano sempre Tu invece speri di giocare
pre intrisa di soggettivit? Si tratta di un pi. Dopo numerose sconfitte ancora con lui e sfidarlo
salto nel buio. sopraggiunge un sentimento di mille volte.
Nella materia, la coscienza non ha alcun impotenza di fronte al vuoto interiore. In
punto di riferimento, per la semplice quel momento emerge la consapevolezza Spazio al sapere sottile del
ragione che il reale e il fondamentale non che si tratta di un ambito inaccessibile cuore
sono oggetti n informazioni sulle quali allego, che tentava di penetrarvi da un Facciamo dunque esperienza
sia sensato basarsi. Possiamo dunque finestrino. Lego non pu penetrare in della forza gravitazionale del-
constatare che esiste qualcosaltro che, queste regioni, perch vi si trova gi il S. lego che svia incessantemente
dallesterno, pu osservare contempora- Questo ci fa comprendere che il deside- la nostra attenzione. Di
neamente lattenzione e gli eventi. rio di liberazione non viene dalla nostra fronte al rischio che sugge-
persona, ma indotto in noi dalla nostra stioni di tipo mentale ci
Quando lego prova di superare se stesso essenza. un errore assai diffuso quello facciano vivere questo come
Bench la ricerca della liberazione di credere che i pensieri o lintelligenza un fallimento, fondamen-
cominci da un interesse superficiale, essa possano apportarci ci che siamo gi. tale che non ci
di fondamentale importanza. Poich la Luomo rende le cose pi complicate di colpevolizziamo per il fatto
realt essenziale ci tocca, il cuore comin- quanto siano in realt. Le aspirazioni che di essere sovente sviati dal-
cia a risuonare incitandoci alla ricerca. provengono dalla personalit sono cari- loggetto. Constatiamo
Pu darsi che nel frattempo si sia presa la che di un buon numero di aspettative e semplicemente che ci
decisione di spostare risolutamente lat- di proiezioni della realt come la si vor- accade, senza giudizio, e spo-
tenzione dallesteriore allinteriore; rebbe. Di fatto, lobiettivo ricercato stiamo nuovamente la nostra
tuttavia questa ancora unazione propria molto semplice, troppo semplice per attenzione sullessenziale: il
dellego. Il cercatore che ha trovato il ban- essere afferrato. Lidea di insuccesso non punto di contatto nel cuore.
dolo della matassa solitamente euforico proviene mai dal s essenziale; al contra- In tal modo la concentrazione
ed entusiasta, motivato a intraprendere il rio, esso si insinua nella sfera diviene uno strumento utile
cammino verso il proprio obiettivo. dellattenzione dellindividuo e annulla la alla conoscenza di s.

55
Illustrazioni StudioRVG

Poich siamo aperti, una volta stabilito il rivolgersi al flusso dei pensieri, oppure si ci raggiunge e pu quindi
contatto, il nostro cuore comincia a lasciano scorrere cos come sono. essere realmente vissuta.
risuonare e su di esso siscrive un sapere Possiamo paragonare questo al motore Questa trasformazione
sottile. E se diviene parte di noi, che gira di unautomobile ferma: non implica la sparizione dellego
possiamo decidere di orientare la nostra necessario girare la chiave, il motore con- che sostituito da una nuova
attenzione sulla verit. Limportante tinuer a borbottare sullo sfondo fino a forza animatrice. Il risultato
lasciare spazio a questo sapere sottile del quando sar necessario. Liberarsi dai con- che il sapere nato dal
cuore, sperimentarlo, approfondirlo. dizionamenti della propria persona contatto del quale parliamo
Smettiamo di dirci che tenteremo, per richiede uno stato di vigilanza continua, non sirrigidisce in una teo-
quanto lodevole questo sia, perch ten- in tal modo il contatto con il nostro ria, diventa invece una pura
tare immaginare, cio una essere essenziale diretto, immediato. coscienza vitale in ogni cel-
manipolazione mentale. Lattenzione si Nel corso di un processo di trasforma- lula del nostro corpo. Fino a
sposta o non si sposta, ci simpegna a zione, la luce della connessione nel cuore un certo punto il mentale

56
induceva il pensiero che questo rappre- qualcosa; essa attenzione, senza le possibilit di manifestarsi.
sentasse una perdita didentit, ora la mettersi in disparte. Questa coscienza Un potente oceano di possi-
persona scopre che questa perdita uno specchio che non conosce il bene o bilit che offre alla vita tutte
riguarda lemancipazione dallego. Anche il male, la preferenza o la repulsione, la le opportunit del divenire.
se lindividuo conserva delle idee su di s bellezza o la bruttura. inutile cercare di Ci equivale a una ri-crea-
e sulla propria vita, ci che scopre sul accostarsi a questo specchio, desiderarlo zione, un compimento per
suo essere essenziale acquisito per sem- o volerlo costruire. Esso non pu essere lanima e per la personalit.
pre. Arrivato a quel punto, ha compreso trattenuto, non il risultato di una tec- In effetti, se lattenzione del
che restare legato a tutti gli oggetti e gli nica, esso , semplicemente. Tutto ci che cercatore coincide con la
avvenimenti sui quali applica il pensiero appare, tutta la sedicente realt che speri- non-attenzione del Padre-
non ha alcun senso. Un tale attaccamento mentiamo, assolutamente tutto, Madre, la sua anima si colma
allorigine dellidea di essere un indivi- contenuto in esso. di una nuova luce. Nella pura
duo-soggetto in mezzo a una percezione, la natura e les-
realt-oggetto, il che ci riduce ad essere Il campo di attenzione dellessenza senza di ogni manifestazione
oggetto a nostra volta. La trasformazione Unimmagine: Un uccello occupato a sono perfettamente
della nostra persona fa s che essa diventi costruire il suo nido su un albero. Non conosciute. Nessun io si
un osservatore imparziale. nota che su un ramo pi in alto un altro intromette, e questa perce-
uccello guarda quietamente il suo via zione non attribuire
Lo specchio imparziale del s. vai per costruire il nido. In cima allal- significati ad ogni cosa, come
Quindi, non c un individuo che scopre bero si trova un terzo uccello che, con le facciamo normalmente.
di essere il sole, noi stessi siamo il sole. sue ali, abbraccia lalbero intero. La Nella luce di questo sapere
Questo s unestensione infinita, un persona, in quanto fenomeno, si lascia cosciente, lanima e la perso-
non spazio in cui appare una realt spa- trasportare dalle proprie attenzioni che nalit sono cambiate,
zio-temporale in cui la persona il sono delle identificazioni. In questo diventando un solo essere,
bambino che, giocando, fa delle stato costretta a seguire mille e uno un essere cosciente della sor-
esperienze. Questo gioco, in cui latten- stimolo. Questi innumerevoli fenomeni gente. Si ha allora
zione aveva una sua funzione, nel sono in realt uno solo per lattenzione unattenzione libera, illimi-
contesto dello spazio e del tempo, porta silenziosa, per lo spettatore che si man- tata per ogni cosa.
alla scoperta che ci che siamo in realt tiene fuori dal dedalo delluniverso Tutto merita la sua
non ha minimamente bisogno di atten- apparente. Uno spettatore che non un attenzione, in una libert
zione, dal momento che noi stessi siamo soggetto che osserva e giudica un che fa vivere. Ma oltre a ci
lattenzione. oggetto; egli unessenza percettiva la che stato finora detto, esi-
Una terapia o un eventuale allenamento cui percezione non procede da se stessa ste unaltra presenza, il terzo
dellattenzione che non ponga al centro il come da un centro, per la semplice uccello: il S assoluto, che
s essenziale, sar sempre un addestra- ragione che tale essenza in ogni cosa. precede e sorpassa ogni
mento dellego. Tuttavia, tutte le fatiche e Essa come un campo infinito datten- significato di questa
gli sforzi per concentrarsi, tutte le inten- zione, allinterno del quale tutto, nozione. Lattenzione asso-
zioni che, dallinizio, accompagnano nellessere cosciente, si rischiara nella luta e silenziosa lattore
lattenzione non sono inutili: sono pic- propria reale natura. Ogni forza e sag- immobile che, nellamore,
coli passi verso labbandono della presa. gezza vi sono presenti, ora, sempre. muove ogni vita.
La coscienza razionale e la sua capacit di Qui la pura attenzione lamore del
attenzione sono dei fenomeni transitori Padre-Madre universale, portatore del
contenuti nella pura coscienza dellessen- tutto e da cui procedono tutte le anime-
zialit. Essa percepisce tutto a modo luce viventi. Qui, tutto ci che appare,
proprio, e non dirige i suoi pensieri su qualunque sia la sua natura, riceve tutte

57
e dovessi farne la descrizione, lo farei raccontando ci bens alla scintilla di luce presente in loro, allo

S che segue. Camminavo in un paesaggio lugubre, senza


orizzonte. Che fosse inospitale, lo percepii subito, anche
se non lavevo mai visto prima. Oppure mi ci ero imbat-
tuto in circostanze diverse. Per quanto camminassi, non
cera vita, da nessuna parte. A tratti, tuttavia, lo si sarebbe potuto cre-
dere, ma ogni volta dovevo arrendermi allevidenza che si trattava di
pura illusione. Penso comunque che loggetto della mia ricerca fosse
scopo di infondergli coraggio, speranza e
amore.

Gustav Hessing, Landschap


(Paesaggio), 1980,
la vita o qualcosa di simile. I giorni si avvicendavano alle notti, Leopold Museum, Vienna
senza che la mia situazione mutasse. Avevo di che nutrirmi, di che
occuparmi e tuttavia mi sembrava di dover continuamente proteg-
gere la mia vita. E trovavo la cosa massacrante. Vedevo altri che, alla
meno peggio, giravano in tondo e si trascinavano, lo sguardo spento.
Quandecco, ho scoperto il fiore. Da qualche giorno avevo una sen-
sazione inesprimibile e indefinita di anticipazione. Doveva trattarsi
del fiore che emanava il suo profumo tuttintorno.
Era l, davanti a me. Mi chinai per guardarlo meglio e anche per
rispetto: era raggiante di vitalit, sfolgorante di coraggio, speranza e
amore. Il suo nucleo era ancora racchiuso dalle foglie, il che non mi
impediva di sentire che il fiore portava in s un principio di vita.
Doveva trattarsi, senza dubbio, del fiore trovato dal Piccolo Principe.
In quel momento lho compreso; ma come capirlo senza averne fatto
da se stessi la scoperta? Non lho mai pi abbandonato, quel fiore.
Ha dato un senso ai miei giorni e alle mie notti. Quando avvertivo la
fredda indifferenza intorno a me, volgevo lo sguardo a quel fiore.
Potevo disegnarne il profilo col pensiero, potevo lasciarmi penetrare
dalla sua luce. Quel fiore era veramente mio.
Comera triste vederlo denigrato quando io, entusiasta, lo mostravo
ad altri! Un fiore? S, lo vedo. E allora?
Mi dicevo: Non vedono dunque di cosa si tratta? Ritengono vera-
mente che la sola parola fiore esprima compiutamente ci che
tento di mostrar loro? Il loro naso non abbastanza sensibile al suo
profumo? Non si sentono toccati dalla sua presenza? Non risveglia
esso alcun desiderio in loro? Com possibile? Guardandoli, consta-
tavo il vuoto nel loro sguardo; linospitalit dellambiente si era
impadronita anche di loro.
Daltra parte, mi sono imbattuto anche in persone che mi risponde-
vano in modo gioioso, esibendo il loro proprio fiore. E tutti questi
fiori, pur cos diversi tra loro, non ne costituivano che uno solo.
Potessimo noi condividere in questo modo il miracolo del fiore! In
quel momento arrivai a comprendere che, prima di tutto, era neces-
saria una scintilla di luce per sperare nella nascita del fiore.
Da allora, quando sono davvero allascolto degli altri, senza che se ne
avvedano, percepisco nella loro voce le propriet di questa scintilla.
Non mi rivolgo pi quindi alla loro personalit poco accogliente,

58
Il fiore sublime

59
Saggio
LA nima,
Spirito Universale
RALPH WALDO EMERSON
UN SAGGIO DI RALPH WALDO EMERSON
THE OVER-SOUL LA NIMA SPIRITO UNIVERSALE

Proponiamo la traduzione di The Over-Soul, uno dei saggi della raccolta


Essays, First series, pubblicata nel 1841.
Nel trascendentalismo di Ralph Waldo Emerson, Over-Soul unessenza
spirituale, o forza vitale nelluniverso, a cui tutte le anime partecipano e
che trascende la coscienza individuale.

Egli ama le anime che partecipano


della sua buona vita come se stesso;
care come il suo occhio sono per Lui.
Non le abbandoner mai
e quando moriranno, Dio stesso sar messo a morte.
Esse vivono, vivono nelleternit beata!
Henry More

Lo spazio ampio ad ovest e ad est,


Ma due non possono andare al passo,
in esso, due non possono viaggiare.
Lass, il cuculo magistrale
ammassa ogni uovo fuori dal nido, tranne il suo.
Fa presto o muori.
Un incantesimo steso sulla terra e sulla pietra,
la Notte e il Giorno sono gi stati manomessi,
ogni qualit e ogni essenza soffocate con un potere
che impone la sua volont su ogni et e ogni ora.

62
c
C una bella differenza tra unora e unaltra, tra momenti diversi nella vita, una diffe-
renza nella loro influenza e nel conseguente effetto. La nostra fede si manifesta solo in
alcuni momenti, i nostri vizi sono abituali. Eppure c una profondit in quei brevi
momenti che ci costringe ad attribuire pi realt a questi momenti che a tutte le altre
esperienze. Per questo motivo, vano fare appello alla consuetudine, quel noioso
argomento che quasi sempre vuole ridurre al silenzio coloro che hanno il coraggio di
concepire speranze straordinarie per lumanit. Lasciamo dunque il passato e la con-
suetudine come bottino a coloro che obbiettano e si oppongono mentre continuiamo
a sperare. Dobbiamo motivare questa speranza. Ammettiamo che la vita umana abbia
valore: ma con quale criterio consideriamo questo valore?
Qual il fondamento del disagio che spesso avvertiamo, di questo antico
malcontento? Cos quel senso universale della mancanza e dellignoranza, se non la
profonda suggestione con cui lAnima fa sentire le sue enormi richieste? Perch
vediamo chiaramente che la storia naturale dellumanit non mai stata scritta, ma si
sempre lasciata alle spalle ci che hanno detto di lei, mentre noi diventiamo vecchi
e i trattati di metafisica diventano inutili? La filosofia, in seimila anni, non ha cercato
davvero le segrete stanze dellAnima. Nei suoi esperimenti ha sempre lasciato, in
fondo, un residuo, qualcosa che non si poteva risolvere. Lessere umano un fiume la
cui fonte resta nascosta. Il nostro essere discende in noi da non si sa dove. La calcola-
trice pi precisa non ha prescienza che qualcosa di incalcolabile potrebbe capitare in
qualsiasi momento. In ogni circostanza, sono costretto a riconoscere che gli eventi
hanno unorigine pi elevata della volont che io chiamo la mia.
Come accade per gli eventi, cos per i pensieri. Quando guardo quel fiume che
scorre e che, attraversando regioni che non vedo, versa per una stagione il suo flusso
in me, vedo che sono un ospite; non una causa, uno spettatore sorpreso da queste
acque eteree; desidero e guardo verso lalto e mi preparo a essere ricettivo, ma le
visioni arrivano a me da qualche energia altra.
LOsservatrice Suprema degli errori del passato e del presente, lunica profetessa di ci
che deve essere, la grande natura in cui riposiamo, come la terra riposa tra le mor-
bide braccia dellatmosfera; quellUnit, quellAnima Spirito Universale, allinterno
della quale ogni essere particolare, ogni essere umano contenuto in unit con tutti

63
gli altri; quel cuore comune, a cui ogni conversazione sincera rende un sacro tributo,
a cui tutte le giuste azioni si sottomettono; quella realt preponderante che rifiuta le
nostre finzioni e i talenti troppo individuali, che costringe ognuno a essere quello che
, a parlare secondo il suo carattere e non secondo la sua istruzione superficiale, quella
stessa realt che, quando tende a passare nel nostro pensiero e nelle nostre azioni,
diventa saggezza, virt, potenza e bellezza. Viviamo nella divisione, nella frammenta-
zione in parti, in particelle. E, tuttavia, dentro lessere umano vive lanima del tutto, il
saggio silenzio, la bellezza universale, a cui correlata in egual misura ogni parte e
ogni particella: lEterno UNO. Questo immenso, profondo potere in cui esistiamo, la
cui beatitudine completamente accessibile a noi, autosufficiente e perfetto in ogni
istante, ma anche latto di vedere e la cosa vista, losservatore e losservato, il
soggetto e loggetto, il tuttuno. Siamo abituati a vedere il mondo pezzo per pezzo: il
sole, la luna, lanimale, lalbero; ma lintero, di cui queste sono le parti brillanti,
lAnima. Grazie alla visione di questa Saggezza possiamo decifrare loroscopo dei
secoli, nutrendo i nostri pensieri migliori, cedendo allo spirito di profezia innato in
ognuno, soltanto allora siamo in grado di sapere che cosa ci dice. Ogni parola, che
parla da quella vita, deve risuonare vuota per coloro che non partecipano allo stesso
pensiero in se stessi. In effetti non oso parlare in loro nome. Le mie parole non comu-
nicano il loro senso profondo; cadono inutili e fredde. Se chi pu farsi ispirare
parler, ecco! il suo discorso sar poetico, dolce, universale come il sollevarsi del
vento. Eppure io desidero, anche con parole profane, se non posso usare quelle sacre,
indicare il cielo di questa divinit e portare ci che ho raccolto, i suggerimenti della
semplicit trascendente, lenergia della Legge Suprema.
Consideriamo un momento ci che accade in una conversazione, quando
fantastichiamo, quando siamo assaliti dal rimorso, nei momenti di passione o di sor-
presa, nelle delicate istruzioni dei sogni, in cui spesso ci vediamo come mascherati i
travestimenti buffi non fanno che ingrandire e valorizzare qualcosa di reale, costrin-
gendoci a notarlo distintamente cos facendo, potremmo cogliere molti
suggerimenti che ampliano e illuminano le nostre conoscenze dei segreti della natura.
Tutto ci concorre a dimostrare che lanima umana non un organo, ma che essa
anima e presiede alla vita di tutti gli organi; non come il potere della memoria, una
funzione di calcolo o di confronto, ma utilizza questi aspetti come noi facciamo con
le mani e con i piedi; non una facolt, ma una luce; non lintelletto o la volont,
ma la signora dellintelletto e della volont; il background del nostro essere, in cui
tutte le suddette funzioni si trovano a vivere, unimmensit non posseduta e che non
potrebbe mai essere posseduta. Dallinterno o da un oltre ignoto, brilla attraverso di
noi una Luce sulle cose, e ci rende consapevoli che non siamo nulla, ma la Luce
tutto. Lessere umano la facciata di un tempio in cui abita ogni saggezza e ogni bene.
Quello che comunemente chiamiamo essere umano, quello che mangia, che beve,
che semina, che calcola, come abitualmente lo conosciamo, non rappresenta se stesso,
ma piuttosto si travisa. Ebbene ci che rispettiamo non questa apparenza, ma le
nostre ginocchia si piegano davanti allanima, il cui organo lessere umano che si
qualifica attraverso le sue azioni. Quando il suo intelletto diventa il suo respiro, un
genio; quando la sua volont a respirare attraverso di lui, la virt che si fa carne;
quando agisce attraverso il suo affetto e la sua compassione, lamore.

64
RALPH WALDO EMERSON
Emerson (1803-1882) sempre vissuto nello stato del Massachusetts (USA). considerato uno
dei pi importanti filosofi della societ americana del diciannovesimo secolo. Ad essa e ai suoi
cittadini egli forn una cornice spirituale in cui lavorare con ottimismo per conseguire un mondo
perfetto. I suoi lunghi scritti, pubblicati come saggi, hanno avuto successo in tutto il mondo. Essi
hanno permesso di far conoscere la piena misura del suo talento nello svolgimento del suo tema
preferito: l'istruzione pubblica. Egli denunci tutte le imperfezioni della societ americana e, nel
contempo, stimol il pensiero, l'elevazione e l'amicizia tra le anime.
Secondo Emerson, il materialismo priva l'uomo della sua indipendenza spirituale. In linea con il
pensiero di Thoreau e di Walt Whitman, rifiut il conformismo, le certezze borghesi e la
tendenza a imitare ci che viene fatto in altri paesi. Ci che primeggia ancora in tutte le opere
di Emerson, lo spirito positivo e la vita spirituale.

La cecit dellintelletto inizia quando egli La sovranit della Natura di cui parliamo
ritiene di essere qualcuno. La debolezza si manifesta a noi attraverso la sua indi-
della volont inizia quando lindividuo pendenza assoluta da quelle limitazioni
crede di essere se stesso. Ogni autentica che, invece, circoscrivono noi umani da
riforma, tende a lasciare che lanima trovi ogni parte. LAnima circoscrive tutte le
la sua strada in noi; in altre parole, ci cose. E, come ho detto, questo sembra
impegna ad obbedirle. contraddire ogni esperienza. Allo stesso
Di questa natura pura, ognuno di noi , in modo lAnima abolisce il tempo e lo spa-
certi momenti, consapevole. Il linguaggio zio. Nella maggioranza degli umani,
non riesce a dipingerla con le sue tonalit. linfluenza dei sensi cos forte da aver
troppo sottile. indefinibile, non misu- sopraffatto la mente al punto che le bar-
rabile, ma sappiamo che ci pervade e ci riere del tempo e dello spazio ci
contiene. Sappiamo che lessenza spiri- appaiono reali e insormontabili; parlare
tuale ci pervade completamente. Un con leggerezza e noncuranza di questi
proverbio dellantica saggezza dice: Dio limiti , nel mondo, il chiaro segno della
viene a visitarci senza campana, vale a follia. Eppure, il tempo e lo spazio non
dire che se non esiste alcuna separazione sono altro che misure inverse della forza
o barriera tra le nostre teste e il cielo infi- dellanima. Lo spirito fa a gara con il
nito, cos non c separazione o parete tempo: Possiamo affollare leternit in unora,
nellanima dove lessere umano leffetto o allungare unora fino alleternit. [Byron]
cessi di essere e Dio la causa abbia
inizio. Le pareti sono spazzate via. Ci tro- Spesso affiora in noi il sentimento di
viamo aperti nel nostro interiore alle unaltra giovinezza, unet diversa da
profondit della Natura spirituale, agli quella che si misura dallanno della
attributi di Dio che vediamo e sappiamo nostra nascita naturale. Alcuni pensieri
essere Giustizia, Amore, Libert, Potere. ci trovano sempre giovani e ci manten-
Su questi attributi nessun essere umano gono tali. Uno di questi pensieri
ha mai ottenuto sovranit, ma essi tor- lamore per la bellezza universale ed
reggiano su di noi, soprattutto nel eterna. Ogni essere umano parte di
momento in cui i nostri interessi ci spin- questa contemplazione con la
gono a travisarli e a tradirli. sensazione chiara che questa visione

65
Le cose che in questo momento crediamo fisse,
una dopo laltra si staccheranno, come frutti maturi,
dalla nostra esperienza e cadranno. Il vento le
soffier via e nessuno sa dove

appartiene a tutte le epoche e non alla vita mortale. Luso delle funzioni intellettuali
governato dalla misura ci redime in un certo grado dalle condizioni e afflizioni del
tempo. Nella malattia, nelle preoccupazioni, ci offre la sollecitazione di una poesia o
di una frase profonda e ne siamo ristorati; o ci offre un libro di Platone o di
Shakespeare, oppure ci ricordiamo i loro nomi e subito entriamo in una sfera di lon-
gevit. Ecco come il profondo pensiero divino riduce i secoli e i millenni e si fa
presente attraverso tutte le et. Forse linsegnamento di Ges il Cristo oggi meno
efficace di quanto lo sia stato la prima volta che la sua bocca ha parlato? Lenfasi dei
fatti e delle persone nel mio pensiero non ha nulla a che fare con il tempo. E cos,
sempre, la proporzione dellanima inalterabile e coerente; quella dei sensi e della
comprensione ordinaria altra. Di fronte alla rivelazione dellAnima, Tempo, Spazio e
Natura si ritirano. Nel linguaggio comune, riferiamo tutte le cose al tempo, cos come
abitualmente collochiamo le infinite stelle in una sfera concava. E cos diciamo che il
Giudizio Universale lontano o vicino, che il Millennio si approssima, che il giorno
delle grandi riforme morali, sociali e politiche a portata di mano e cos via, quando
sappiamo che, nella natura delle cose, i fatti che contempliamo esternamente sono
fuggitivi, mentre quelli connaturati allanima sono permanenti. Le cose che in questo
momento crediamo fisse, una dopo laltra si staccheranno, come frutti maturi, dalla
nostra esperienza e cadranno. Il vento le soffier via e nessuno sa dove. Il paesaggio, le
figure, Boston, Londra, sono fatti fuggitivi come qualsiasi passata istituzione o qual-
siasi nuvola di nebbia o di fumo: cos la societ, cos il mondo. Lanima vede
costantemente in avanti, creando un mondo al suo cospetto, lasciando dietro di s i
mondi. Non ha date, n riti, n persone, n specialit, n uomini. Solo lAnima cono-
sce lAnima; la rete degli eventi la veste fluente che indossa.
Il passo del suo progresso pu essere calcolato solo in ragione della sua legge interna,
non secondo laritmetica. Il progresso dellAnima non consiste in uno sviluppo gra-
duale, come ad esempio possiamo dire del movimento lungo una linea retta;
piuttosto unascensione, una trasformazione di stato, potremmo dire una metamor-
fosi, dalluovo al baco, dal baco alla farfalla. La crescita del genio ha un carattere totale,
non porta il singolo eletto a trionfare prima su John, poi su Adam, poi su Richard, per
dare a ciascuno il cocente dolore della scoperta dellinferiorit, ma ad ogni impulso di
crescita il genio si espande l dove si manifesta, attraversando, ad ogni pulsazione, le

66
classi sociali, le popolazioni, i singoli. Ad
ogni impulso divino la mente supera le
sottili pareti del visibile e del finito per
sbocciare nelleternit, mentre ispira e
diffonde la sua aria. Dialoga con verit
che sono sempre state conosciute nel
mondo e diventa consapevole di nutrire
una simpatia pi stretta per Zenone e
Arriano (rispettivamente, un filosofo del
V sec. a.C. e uno storico del II sec. d.C
ndr), piuttosto che con le persone che
abitano nella sua casa.
Questa la legge del perfezionamento e
del progresso morale e mentale.
Unascesa guidata da una leggerezza spe-
cifica, non in una virt particolare, ma
nella sfera di tutte le virt, nello Spirito
che le contiene tutte. LAnima purezza,
ma non si identifica con la purezza;
richiede la giustizia, ma la giustizia non
la sua essenza; richiede la benevolenza,
ma oltre la benevolenza stessa; in modo
che avvenga una sorta di discesa e di pre-
senza sentita quando ci abbandoniamo a
parlare di natura morale, per sollecitare
una virt che essa (Anima) richiede. Per
chi di buona nascita, tutte le virt sono
naturali e non dolorosamente acquisite.
Parlando al suo cuore, lessere diventa legato a tutte le sue opere; percorre una
virtuoso allistante. strada maestra verso particolari
Lo stesso sentimento nutre limpulso conoscenze e poteri. Nella sua ascesa a
della crescita intellettuale, che obbedisce questo sentire primario dellOrigine, ci
alla stessa legge. Coloro che sono capaci troviamo proiettati, dalla nostra
di umilt, di giustizia, di amore, di aspi- posizione remota sulla circonferenza,
razione, sono gi su un piano che suscita istantaneamente al centro del mondo, e
e coltiva le scienze e le arti, il discorso e come nella segreta camera di Dio,
la poesia, lazione e la grazia nellessere. vediamo le cause e pre-vediamo
Chiunque si trovi in questa beatitudine luniverso quasi come un lento effetto.
morale gi anticipa in s quei poteri spe- Una delle modalit utilizzate dallinse-
ciali che gli umani considerano cos alti e gnamento divino lincarnazione dello
degni. Lamante non lascia passare inos- spirito in una forma, in forme tali quale
servato un solo talento o abilit che il suo pu essere la mia. Io vivo nella societ, in
amato o amata mostri, per quanto insi- mezzo a persone che corrispondono ai
gnificante sia; cos il cuore che si pensieri che dimorano allinterno della
abbandona alla Mente Suprema si ritrova mia mente, o che esprimono una certa

67
analogia responsiva ai grandi istinti che governano la mia vita. Posso vedere in essi
una tale presenza. Constato con certezza una comune natura; e tali altre anime, tali
esseri separati, mi attirano pi di ogni altra cosa. Suscitano in me nuovi sentimenti di
passione che chiamiamo amore, odio, paura, ammirazione, piet; allora nasce la
comunicazione, la competizione, la persuasione, nascono citt e guerre. Le persone
sono un aiuto integrativo allinsegnamento primario dellanima. Da giovani andiamo
pazzi per le persone. Linfanzia e la giovinezza vedono in esse lintero mondo. Ma les-
sere umano con maggiore esperienza sa scorgere una stessa identica natura che si fa
presente in tutte. Sono le persone stesse che ci fanno avvicinare alla comprensione
dellimpersonalit. In ogni conversazione tra due persone ci si basa sempre come
tacito riferimento a una terza parte presente su una comune natura. Questa terza
parte o natura comune non di natura sociale, bens impersonale: Dio. E quindi, nei
gruppi dove si esprime un dibattito serio, specialmente quando si affrontano i grandi
temi, i partecipanti divengono coscienti che il pensiero sorge dallo stesso piano nella
segreta intimit di ognuno, e che ad ognuno propria una qualit di natura spirituale,
sia in ci che dice che in ci che . Ognuno diviene in tal modo pi saggio di prima.
Si trova cos distesa al di sopra di essi questa unit di pensiero, simile alla volta di un
tempio, in cui ogni cuore pulsa con un pi elevato senso del potere e del dovere, pen-
sando e agendo con insospettata solennit. Tutti sono consci del conseguimento del
possesso di un livello superiore dellessere. Tale possesso risplende per tutti. Esiste una
particolare saggezza propriamente umana che comune sia ai pi grandi che ai pi
umili e che la nostra educazione ordinaria si sforza spesso di ridurre al silenzio e di
ostacolare. Lo spirito uno, e i migliori spiriti, che amano la verit per se stessa, non
pensano ad essa in termini di propriet. Laccolgono in qualsiasi luogo con
gratitudine e non gli incollano sopra alcuna etichetta col nome di tale o talaltro indi-
viduo, poich essa appartiene loro gi da prima, dalleternit. Gli eruditi e coloro che
si applicano allo studio del pensiero non hanno il monopolio della saggezza. La forza
dei loro pregiudizi, in una certa misura, li priva di un pensiero veramente libero. Noi
siamo debitori di molte valide osservazioni a persone che non risultano
particolarmente acute o profonde, e che ci consegnano per senza sforzo conclusioni
a cui magari noi abbiamo per lungo tempo aspirato inutilmente. Lazione dellanima
si trova pi spesso in ci che sentito e lasciato non detto, piuttosto che in ci che
viene esplicitato in una qualsiasi conversazione. Aleggia al di sopra di ogni riunione di
persone, ed esse inconsciamente la ricercano luna nellaltra. Le nostre azioni non
sono allaltezza del nostro sapere. Non possediamo ancora il nostro vero essere, e tut-
tavia, allo stesso tempo, sappiamo di essere molto di pi. Percepisco spesso la stessa
verit nelle ordinarie conversazioni con i miei vicini, quando avverto che qualcosa di
superiore in ognuno dei presenti guarda dallalto questa sottospecie di rappresenta-
zione, e il divino sorride al divino dietro ciascuno di noi.
Gli esseri umani discendono per incontrarsi. Nel loro abituale e volgare rapporto col
mondo, per il quale abbandonano la propria innata nobilt, assomigliano a quegli
sceicchi arabi che abitano in squallide dimore ostentando unapparenza di povert,
per sfuggire allavido Pasch, mentre conservano labbondanza delle loro ricchezze in
luoghi appartati e protetti allinterno delle loro case.
Come questanima presente in ogni essere, cos lo in ogni et della vita. Essa

68
Noi siamo pi saggi di quanto immaginiamo.
Se non interferiamo col nostro pensiero, ma
agiamo nellintegralit del nostro essere

adulta gi nel fanciullo. Nel rapporto col il segno e la caratteristica


mio bambino, il mio Greco e il mio dellintelligenza. Quando leggo un
Latino, le mie conquiste e il mio denaro libro, il pensiero giusto mi riconduce,
non mi servono a nulla; posso invece ser- come fa ogni verit, allimmagine
virmi di ci che appartiene alla mia dellanima tutta intera. Quanto ai
anima. Se mi armo della mia volont, pensieri errati che vi ritrovo, invece, la
subito la sua si oppone alla mia, una con- stessa anima diviene per questi una spada
tro laltra, e mi consegna alla che discerne e separa, recidendoli da s.
degradazione, se lo desidero, di batterlo Noi siamo pi saggi di quanto immagi-
con la superiorit della mia forza. Ma se niamo. Se non interferiamo col nostro
rinuncio alla mia volont, e agisco per pensiero, ma agiamo nellintegralit del
lanima, elevandola ad arbitro al di sopra nostro essere, ossia percependo la totalit
di noi due, vedo la stessa anima trasparire di ogni realt cos come presente in
dal suo giovane sguardo; allora rispetta e Dio, allora possiamo conoscerne qualsiasi
ama insieme a me. aspetto particolare, ed ogni aspetto di
Lanima percepisce e rivela la verit. Noi qualsiasi cosa, di qualsiasi essere. Poich
riconosciamo la verit quando la il Creatore di tutte le cose e di tutte le
vediamo. Lo scettico e il derisore dicano persone si tiene alle nostre spalle e distri-
ci che vogliono. Quando dite qualcosa buisce la sua eccelsa onniscienza,
che non vogliono intendere, gli stolti vi attraverso noi, sulle cose.
domandano: Come sapete voi che la Ma oltre a questo auto-riconoscimento,
verit e non un errore da parte vostra? proprio di certe tappe dellesperienza
Noi riconosciamo la verit quando la individuale, lanima si trova anche a rive-
vediamo, in base al punto di vista, cos lare la verit. E a questo punto noi
come sappiamo di essere svegli quando dovremmo cercare di fortificarci con la
siamo svegli. Conosciamo unimportante sua reale presenza, per poter parlare di
considerazione di Emmanuel questo evento con un tono pi degno ed
Swedenborg che basterebbe, di per s, a elevato. Poich la comunicazione della
rivelare la profondit di percezione di verit da parte dellanima levento pi
questuomo: Non fornisce prova della importante allinterno della natura, poi-
capacit di comprensione di un essere ch questanima allora non dona
umano la sua attitudine ad avvalorare qualcosa di se stessa, bens si dona essa
qualsiasi cosa gli sia gradita, bens la sua stessa, penetrando e divenendo essa stessa
attitudine a discernere che ci che vero lessere da lei illuminato; ovvero, in pro-
vero, e ci che falso falso: questo porzione alla verit da questi ricevuta,

69
Il Creatore di tutte le cose e di tutte le persone
si tiene alle nostre spalle e distribuisce la sua
eccelsa onniscienza, attraverso noi, sulle cose

essa dirige tale essere verso di s.


Noi caratterizziamo questi appelli dellanima, queste manifestazioni della sua natura,
con il termine Rivelazione. Tali esperienze sono sempre accompagnate dal sentimento
del sublime. Poich tale comunicazione avviene per influsso dello spirito divino nel
nostro proprio spirito. Si pu anche vedere come il riflusso del rigagnolo individuale
di fronte ai flutti impetuosi delloceano della vita. Qualsiasi chiara percezione di que-
sta legge fondamentale riempie gli uomini di timore reverenziale e di gioia. Un
brivido percorre sempre gli esseri umani quando entra in essi una nuova verit, o
portano a compimento una grande azione, un brivido proveniente dal cuore della
natura. In queste comunicazioni, la capacit di visione non separata dalla volont
dagire, poich lintuizione nasce dallobbedienza, e lobbedienza trae origine da una
percezione colma di gioia. Ogni momento in cui lindividuo si sente invaso da tale
realt costituisce un istante memorabile. Per via della nostra stessa costituzione un
certo entusiasmo accompagna sempre la presa di coscienza individuale di questa
divina presenza.
Il carattere e la durata di questo entusiasmo variano con la qualit dellindividuo,
dallestasi o trance o ispirazione profetica la sua forma pi rara al pi debole
calore di un sentimento virtuoso, forma sotto la quale vengono alimentate, come nei
nostri focolari domestici, tutte le famiglie e associazioni umane, rendendo possibile la
societ. Una certa tendenza alla follia ha sempre accompagnato la nascita del senso
religioso presso lumanit, come una sorta di disintegrazione per eccesso di luce.
Fenomeni quali le trances estatiche di Socrate, lunione di Plotino, la visione di Por-
firio, la conversione di Paolo, laurora di Bhme, le convulsioni di George Fox e dei
suoi Quaccheri, lilluminazione di Swedenborg, appartengono allo stesso ordine. Ci
che, nel caso di questi esseri speciali, si manifestato come estasi mistica, apparso,
in un numero incalcolabile di esempi di vita quotidiana, in una forma meno dirom-
pente. Ovunque la storia della religione ci mostra una tendenza allentusiasmo. Il
rapimento mistico del Fratello Moravo o del Quietista; lapertura del senso nascosto
del Verbo, nel linguaggio della Chiesa Della Nuova Gerusalemme; il risveglio delle
chiese calviniste; le esperienze dei metodisti sono altrettante varianti di quel senti-
mento di tremore misto a rispettoso timore e di gioia che si produce inevitabilmente
quando lanima individuale si fonde nellanima universale.
La natura di queste rivelazioni la stessa: si tratta di percezioni della legge assoluta.
Soluzioni alle domande sorte dallanima stessa. Esse non rispondono alle domande
poste dal nostro intelletto. Lanima non risponde mai attraverso parole, ma attraverso
la cosa stessa su cui ci si interroga.

70
Rivelazione significa svelamento
dellanima. Nel linguaggio popolare per
rivelazione sintende una profezia sul
proprio destino. Attraverso gli antichi
oracoli lintelletto tenta di trovar risposte
a questioni di ordine sensoriale, e cerca
di sapere da Dio la durata della vita degli
esseri umani, quali azioni intraprende-
ranno, a quali altri esseri si
accompagneranno, aggiungendo nomi,
date, luoghi. Ma non si tratta di forzare
serrature. Si tratta piuttosto di tenere a
freno tali meschine curiosit. Una rispo-
sta fatta di parole sarebbe deludente; non
esiste alcuna risposta alle domande che
poni. Non chiedere una descrizione dei
paesi verso cui stai andando. Una descri-
zione non potrebbe descriverteli, e
domani tu giungerai l, e li conoscerai
abitandovi. Lumanit pone domande sul-
limmortalit dellanima, sulle attivit nel
paradiso, sulla condizione del peccatore,
e via di seguito. Si sognano anche che
Ges abbia lasciato risposte proprio a
questo genere di questioni. Mentre in
alcun momento questo spirito divino ha
parlato la loro lingua privata [lett. il
loro dialetto]. Alla verit, alla giustizia,
allamore a simili attributi dellanima caduto. Nella corrente dellamore, nel-
lidea di immutabilit essenzialmente ladorazione dellumilt, non esiste il
associata. Ges, vivendo in tali sentimenti problema della durata. Nessun essere
morali, ignorando le circostanze dordine ispirato si porrebbe mai una tale
sensoriale, occupandosi unicamente della domanda, o accondiscenderebbe alle
manifestazione dei primi, non separ prove di cui sopra. Poich lanima vera
mai lidea di durata dallessenza di questi di fronte a se stessa, e lessere nel quale si
attributi, n mai pronunci una sola sil- effonde non pu lasciarsi sviare dal pre-
laba riguardo la durata dellesistenza sente, che infinito, verso un futuro che
dellanima. Fu lasciato ai suoi discepoli il risulterebbe finito.
compito di separare la durata dagli ele- Queste domande che noi bramiamo
menti morali, e di insegnare porre sul futuro sono aperta confessione
limmortalit dellanima in quanto dot- di uno stato di peccato. Dio non ha rispo-
trina, sostenendola attraverso delle prove. ste per esse. Nessuna risposta espressa a
Dal momento in cui la dottrina dellim- parole pu essere adeguata a una
mortalit viene insegnata separatamente, questione di stati di realt. Non in un
ci indica che lessere umano gi arbitrario decreto di Dio, ma nella

71
natura stessa dellessere umano, che viene posto un velo sugli eventi futuri; perch
lanima non ci permette di decifrare altro codice che quello di causa ed effetto. Con
tale velo, che ricopre gli eventi, essa insegna ai figli degli uomini a vivere nel presente.
Il solo modo di ottenere una risposta a tali domande dordine sensoriale di rinun-
ciare ad ogni meschina curiosit e, accettando la corrente di vita che ci trascina nel
segreto della natura, lavorare e vivere, ancora e sempre, e in modo inatteso
lanima in cammino avr allora costruito e forgiato per se stessa una nuova
condizione, laddove la domanda e la risposta sono una cosa sola.
Con lo stesso fuoco, vitale, benedetto, celeste, che arde fino a quando abbia dissolto
ogni cosa nelle onde e tra i flutti delloceano di luce, noi vediamo e conosciamo gli
uni gli altri, e anche lo spirito proprio ad ognuno. Chi pu dire da quali basi ognuno
tragga la sua conoscenza della personalit degli individui che formano la sua cerchia
di amici? Nessuno. E tuttavia i loro atti e le loro parole non gli sono estranei. Di un
certo individuo, bench non trovi in lui nulla di male, non riesce a fidarsi. Di un altro,
persino se non si sono incontrati che raramente, sono stati gi colti segni autentici,
che gli indicano che pu fidarsi come di qualcuno che ha qualcosa in comune con
lui. Noi ci conosciamo reciprocamente molto bene sappiamo chi stato giusto
verso se stesso e se quello che insegniamo o rileviamo non altro che aspirazione o
se comprende anche un nostro onesto sforzo.
Siamo tutti discernitori degli spiriti. Questa caratteristica emerge apertamente nella
nostra vita o come potenza inconscia. I rapporti sociali il commercio, la religione, le
amicizie, le dispute non sono che una allargata inchiesta giudiziaria sulla persona-
lit. In grandi assemblee, in consigli ristretti, o in confronti faccia a faccia, accusatore
e accusato, gli esseri umani si espongono per esser giudicati. Essi mostrano, contro la
propria volont, quei dettagli decisivi che rivelano la personalit. Ma chi giudica? E
cosa? Certo non il nostro intelletto. N labilit n lapprendimento possono aiutarci
in questa lettura. No. La saggezza del saggio consiste in ci: che egli non giudica gli
esseri umani, ma lascia che si giudichino essi stessi e non fa che leggere e registrare il
loro proprio verdetto.
Grazie alla virt propria di questa inevitabile natura, la volont personale vinta e,
malgrado i nostri sforzi o le nostre imperfezioni, il vostro genio si esprimer, altret-
tanto come far il mio. Ci che siamo, linsegneremo, non volontariamente, ma
involontariamente. Pensieri vengono al nostro spirito per vie che noi mai abbiamo
lasciato aperte e pensieri vanno dal nostro spirito per vie che noi non abbiamo mai
aperto volontariamente. La personalit comunica al di l del nostro controllo
cosciente. Lindice infallibile di un reale progresso lo si trova nel tono con cui ognuno
si esprime. Et, educazione, amicizie, cultura, imprese, doti, nulla di tutto ci pu
impedirgli unumilt rispettosa nei confronti di uno spirito superiore a s. Se non ha
stabilito la propria dimora in Dio, il suo atteggiamento, il modo di esprimersi, lo
svolgersi delle sue argomentazioni, lossatura, direi, di tutte le sue opinioni, lo testi-
monieranno involontariamente, affronti pure quanto voglia qualsiasi situazione a testa
alta. Se ha trovato il suo centro, la divinit risplender attraverso di lui, perforando
tutte le maschere dellignoranza, vincendo temperamenti avversi e circostanze sfavore-
voli. Il tono di chi cerca uno, quello di chi ha trovato un altro.
La grande differenza tra coloro che insegnano il sacro oppure letteratura, tra poeti

72
inutile farmi un discorso che si basa su unapparenza
esteriore. Posso farlo facilmente da solo. Ges parla
sempre a partire da une sperienza interiore e da un
grado di profondit che trascende tutti gli altri

come Herbert e poeti come Pope; tra non saggezza e la classe pi illuminata
filosofi come Spinoza, Kant e Coleridge e di esseri umani indubbiamente supe-
filosofi come Locke, Paley, Mackintosh e riore alla fama letteraria, senza essere
Stewart; tra gente del mondo, scrittori. Tra la moltitudine degli studiosi
riconosciuti come oratori perfetti e, qua e degli autori non percepiamo uno spi-
e l, un mistico fervente, un profeta, che rito benedetto, siamo sensibili alla
la pienezza traboccante del proprio pen- tecnica, allabilit piuttosto che allispira-
siero rende quasi folle; questa differenza zione; essi possiedono una luce senza
si deve al fatto che gli uni parlano a par- sapere da dove proviene e la considerano
tire dallinteriore, o dallesperienza, propria; il loro talento una facolt in
come parte in causa e padroni dei fatti qualche modo esagerata, un elemento
trattati. Gli altri parlano a partire cresciuto troppo in fretta, per cui la loro
dallesteriore, come dei semplici spetta- forza diventa una malattia. In questi
tori, o forse come se avessero conoscenza esempi i doni intellettuali non
dei fatti attraverso la testimonianza di una producono unimpressione di virt ma
terza persona. inutile farmi un discorso piuttosto di mancanza, e sentiamo che i
che si basa su unapparenza esteriore. talenti di un essere umano sono di impe-
Posso farlo facilmente da solo. Ges parla dimento al suo avanzare nella verit. Ma
sempre a partire da unesperienza inte- il genio pio ed in grande misura par-
riore e da un grado di profondit che tecipe del cuore comune. Non anomalo
trascende tutti gli altri. In ci sta il mira- ma pi e non meno simile al resto
colo. Io credo per prima cosa che sia cos degli esseri umani. In tutti i grandi poeti
che dovrebbe essere. Tutti sono in conti- c la saggezza dellumanit, superiore a
nua attesa dellapparizione di un simile qualsiasi talento che esercitano. Lo scrit-
maestro. Ma se quello che uno dice non tore, il genio, il guerrigliero, il
trae origine dallinterno del velo, dove la gentiluomo non rappresentano la totalit
parola una con ci stesso di cui parla, delle persone. Lumanit appare in
lasciamo che questi lo confessi Omero, in Chaucer, in Spenser, in Shake-
umilmente. speare, in Milton. Sono paghi della verit.
La stessa Onniscienza scorre Appaiono freddi e flemmatici a chi si
nellintelletto e forma il cosiddetto genio. inebriato delle passioni violente e dei
Molta parte della saggezza del mondo colori forti che caratterizzano gli scrittori

73
In tutti i grandi poeti c la saggezza dellumanit,
superiore a qualsiasi talento che esercitano

inferiori ma popolari. Sono poeti della libert, libert che concedono allanima che d
la forma e che, attraverso i loro occhi, osserva nuovamente e benedice ci che ha
creato. Lanima superiore al suo sapere, pi saggia di ogni sua opera. Il grande poeta
ci fa sentire tutta la ricchezza dellanima e le sue composizioni passano in secondo
piano. La sua comunicazione migliore quella di insegnarci a disprezzare tutta la sua
opera. Shakespeare ci innalza a un tale livello di attivit spirituale da creare ricchezze
che impoveriscono la sua. E allora sentiamo che le splendide opere che ha creato, e
che in altri momenti decantiamo come una sorta di poesia che esiste da s, non col-
gono la natura reale pi di quanto non faccia lombra di un passante che si proietta
sulla roccia. Lispirazione che ha creato le figure di Amleto e Lear potrebbe esprimere
lo stesso bene, la stessa elevatezza, eccellenza, nobilt giorno dopo giorno e per sem-
pre. Perch, allora, dovrei considerare Amleto e Lear come se anche noi non avessimo
quellanima da cui essi sono scaturiti come le sillabe dalla bocca?
Questa energia non discende nella vita individuale se non attraverso un possesso
totale. Viene agli umili e ai semplici, viene a tutti quelli che allontanano da s ci che
straniero e superbo; viene come un segno interiore; viene come serenit e
grandezza. Quando guardiamo coloro in cui essa dimora, percepiamo nuovi livelli di
grandezza. Da una tale ispirazione lessere umano ne esce mutato. Egli non considera
la loro opinione quando parla con gli altri; li mette alla prova. Lanima richiede sem-
plicit e verit. Il viaggiatore frivolo si sforza di circondare di bellezza la propria vita
citando grandi signori, principi e contesse, come essi lo hanno considerato e cosa gli
hanno detto. Il plebeo ambizioso vi mostra la loro argenteria, i loro gioielli e conserva
i loro carteggi e i loro omaggi. I pi colti, nel racconto delle loro esperienze, selezio-
nano le circostanze piacevoli e poetiche la visita a Roma, luomo dingegno che
hanno incontrato, lamico brillante che conoscono e poi, ancora, il paesaggio meravi-
glioso, le luci accese della montagna e i momenti goduti ieri cercando in questo
modo di creare un alone romantico attorno alla loro vita. Ma lanima che serve il
grande Dio semplice e vera, non ha colori rosati, non ha amici prestigiosi, non ha
titoli n avventure; non chiede ammirazione, vive il momento presente nell assidua
esperienza di tutti i giorni, perch lattimo presente e la pi piccola inezia sono
diventati trasparenti ai pensieri e imbevuti del mare di luce.
Dialoga con uno spirito di elevata semplicit e la letteratura apparir solo pedanteria.

74
Le affermazioni pi semplici sono le pi
degne di essere scritte, e tuttavia sono
cos a buon mercato e naturali che, nella
infinita ricchezza dellanima, come rac-
cogliere sassolini dal terreno o come
riempire una fiala di aria, quando la terra
intera e latmosfera ci appartengono.
Niente pu allora passare, n farvi entrare
nel cerchio, se non mettere da parte i
propri imbrogli e trattare gli esseri
umani da esseri umani nella nuda verit,
nel riconoscimento aperto, nella afferma-
zione onnisciente.
Tali anime ti trattano come farebbero gli
dei, se ne vanno sulla terra come divinit,
accettano il tuo spirito senza ammirarlo,
accettano la tua bont, persino la tua
virt o piuttosto il tuo adempimento
del dovere in quanto la tua virt gli
appartiene come il sangue, regale come
loro stessi, anzi pi che regale, impa-
rentata con gli dei. Ma quale rimprovero
affiora dalla loro condotta semplice e fra-
terna verso la mutua adulazione con cui
gli autori si confortano e si feriscono
vicendevolmente! Essi non lusingano.
Non mi meraviglio che queste persone
vadano a vedere Cromwell, e Christina, e
Carlo II, e Giacomo I, e il Gran Turco
essendo, in quanto eletti, compagni del rit e toglier loro ogni speranza di pren-
re e costretti ad adeguarsi al tono servile dersi gioco di te. Questa ladulazione
della conversazione in societ. Devono pi alta che puoi esprimere. La loro
apparire agli occhi dei principi come ricompensa maggiore, disse Milton, non
degli inviati di Dio, essendo sempre a ladulazione, il loro consiglio pi one-
confronto col re, re con re, senza nessun sto una forma di ricompensa.
atteggiamento servile, senza arrendevo- Lunione tra Dio e lessere umano si
lezza, portando a cos alti lignaggi il rivela ineffabile in ogni azione
ristoro e la soddisfazione della resistenza, dellanima. La persona pi semplice, che
della semplice umanit, persino del nella sua integrit onora Dio, diventa
cameratismo e di nuove idee. Li rendono, Dio; tuttavia linflusso di questo s
cos, persone superiori e pi sagge. Que- migliore e universale eternamente
ste anime ci insegnano che la sincerit nuovo e impenetrabile. Ispira timore e
superiore alladulazione. Agisci quindi in meraviglia. Come sorge cara e rassere-
modo onesto con uomini e donne in nante lidea di Dio nellessere umano,
modo da trarre da loro la massima since- colma la solitudine e cancella le cicatrici

75
dei nostri errori e delle nostre delusioni! Quando abbiamo rotto col nostro dio della
tradizione e abbandonato il dio della retorica, allora Dio pu incendiare il cuore con
la sua presenza. la duplicazione del cuore stesso, s, linfinita espansione del cuore
con una forza di crescita in tutte le direzioni, verso un nuovo infinito. Ispira nelles-
sere umano una fiducia incrollabile. Non si tratta di essere convinto ma di vedere il
valore della verit e in quel pensiero allontanare con facilit ogni incertezza e paura,
rimandando alla sicura rivelazione del tempo la soluzione dei propri problemi pri-
vati. Egli ha la certezza che il suo benessere caro al cuore universale. Seguendo la
legge nella sua mente, colmato da una fiducia cos assoluta da spazzare via tutte le
speranze pi care e i progetti pi concreti della natura mortale. Egli crede che questo
bene non possa essergli tolto. Le cose che per te sono reali gravitano attorno a te. Ti
affretti a cercare il tuo amico. Lascia pure che le tue gambe corrano, la tua anima non
ne ha bisogno. Se non lo trovi, non converrai che stato meglio per te non trovarlo?
Poich esiste una forza che, cos come in te, anche in lui e potrebbe perci farvi
incontrare, se fosse la cosa migliore. Ti prepari con passione per andare a compiere
ci che il tuo talento e la tua sensibilit ti spingono a fare, lamore per le persone e la
speranza della fama. Non ti capitato di pensare di non aver diritto di andare senza
essere ugualmente pronto a rinunciarvi? O credi, finch vivrai, che ogni suono
emesso sulla terra risuoner nelle tue orecchie! Ogni proverbio, ogni libro, ogni
sinonimo che ti appartenuto come aiuto e consolazione ritorner a te sicuramente
per strade diritte o tortuose. Ogni amico che in te desidera non la tua fantastica
volont ma il tuo grande e tenero cuore ti stringer nel suo abbraccio. E questo per-
ch il cuore in te il cuore di tutti; nella natura non esistono muri, pareti divisorie o
intersecazioni, al contrario c un unico sangue che fluisce ininterrottamente in
ununica circolazione, attraverso tutta lumanit, cos come le acque della terra con-
fluiscono in un unico mare e, in verit, in ununica corrente. Possa cos lessere
umano riconoscere nel suo cuore la rivelazione di tutta la natura e di tutto il
pensiero, e cio che lAltissimo dimora in lui, che le sorgenti della natura si trovano
nella sua anima. Se per udisse le parole del grande Dio dovrebbe, come disse Ges,
andare nella sua camera e chiudere la porta dietro di s. Dio non si manifesta ai
codardi. Egli deve ascoltare la propria voce, allontanando da se stesso tutti gli accenti
della devozione altrui. Persino le loro preghiere gli sono nocive, se non ha ancora
detto le sue. La nostra religione si basa, comunemente, sul numero dei fedeli.
Quando ci si appella ai numeri in modo anche indiretto diventa palese che la
religione non esiste pi. Chi sperimenta Dio come un pensiero dolce e avvolgente
non sente il bisogno di contare i suoi fedeli. Quando sono alla presenza
dellAltissimo, chi oser avvicinarmi? Quando riposo in perfetta umilt, quando
brucio di puro amore, cosa mi importa di Calvino o Swedenborg?
Non fa nessuna differenza se lappello rivolto a molti o a uno. La fede che si basa
sullautorit non fede. La fiducia nellautorit d la misura del declino della
religione, della fuga dellanima. La propriet, che gli esseri umani hanno attribuito a
Ges attraverso secoli di storia, quella di essere unautorit, e questo fatto li caratte-
rizza. Ci non pu alterare le cose eterne. Lanima grande e semplice, non
adulatrice, n seguace, non fa appello contro se stessa. Crede in se stessa. Di fronte alle
immense possibilit umane, alle esperienze pure, a tutte le biografie passate, per

76
Chi sperimenta Dio come un pensiero dolce e
avvolgente non sente il bisogno di contare i suoi
fedeli. Quando sono alla presenza dellAltissimo,
chi oser avvicinarmi?

quanto immacolate e sante, di fronte a e cos controllo il sole e le stelle e sento


tutto ci essa si ritira. Davanti a quel che essi sono avvenimenti ed effetti
paradiso che intravediamo con i nostri meravigliosi che cambiano e passano.
presentimenti, impossibile lodare una Sempre pi entrano in me gli impulsi
qualche forma di vita conosciuta o di cui della natura eterna e io divento pubblico
abbiamo letto. Constatiamo che, non solo e umano nei miei pensieri e nelle mie
abbiamo pochi grandi esseri umani ma, azioni. Cos imparo a vivere nei pensieri
in senso assoluto, non ne abbiamo nean- e ad agire secondo delle forze che sono
che uno; che non ci sono storie, immortali. Onorando lanima e
personaggi, vite che ci soddisfano com- imparando come dicevano gli antichi
pletamente. I santi e i semidei celebrati che la sua bellezza incommensurabile,
dalla storia li accettiamo un po forzata- gli esseri umani impareranno che il
mente. Bench nei nostri momenti di mondo il perenne miracolo che
solitudine ricaviamo una forza nuova dal lanima crea, e sar meno stupito davanti
loro ricordo, tuttavia, alterati nella nostra a piccoli prodigi, riconoscer che non
attenzione dalla leggerezza e dallabitu- esiste nessuna storia profana, che tutte le
dine, alla fine essi risultano stancanti e storie sono sacre, che luniverso rap-
importuni. Lanima, sola, originale e presentato in un atomo, in un attimo del
pura, si concede a quanto Solo, Origi- tempo. Non costruir pi una vita piena
nale e Puro che, a quelle condizioni, di brandelli e di toppe ma vivr in una
volentieri vi abita guidandola e parlando divina unit. Porr fine alle bassezze e
attraverso di essa. Allora diviene contenta, alle piccinerie e sar soddisfatto di ogni
giovane e viva. Non saggia ma vede posto in cui si trover e di ogni servizio
attraverso tutte le cose. Non la si pu che svolger. Affronter il domani con
chiamare pia ma innocente. Definisce la calma, nella imperturbabilit derivante
luce come sua e sente che lerba cresce e dalla fiducia che Dio racchiude in s,
il sasso cade, secondo una legge inferiore avendo gi tutto il futuro nel fondo del
alla sua natura ma dipendente da essa. suo cuore.
Guarda, dice, sono nata dal grande Spi-
rito che tutto comprende. Io,
limperfetto, adoro la mia propria Perfe-
zione. Sono partecipe della grande anima

77
La croix celtique
Simbolo
La croce celtica
Lantica saggezza ci insegna che nei tempi precristiani la croce celtica
era un simbolo druidico dei quattro campi nei quali la vita si dispiega.
I quattro bracci della croce esprimono linterazione tra il s, la natura, la
saggezza e la vita divina. Il cerchio nel mezzo il punto focale dellaspi-
razione spirituale, alla quale, in fin dei conti, ogni vita cosciente
ambisce: lautorealizzazione e la pace interiore. nel cuore che sincon-
trano tutti i piani, nellamore universale che tutto ingloba.
La naturale espressivit della croce celtica corrisponde alle quattro dire-
zioni del vento: Est alla giovane vita nascente; Ovest alla
retrospettiva, alla riflessione, al tramonto; Nord allispirazione, allin-
tuizione; Sud alla realizzazione, allattuazione.
Le due stagioni buie e le due luminose erano contrassegnate dai giorni
del fuoco o della luce: i quattro Albans. I Celti festeggiavano Alban Arhuan,
la luce di Art, in seguito chiamata la luce di Cristo, il 21 dicembre.
Alban Eiler, la luce della Terra, segnava la primavera. Alban Heruin, la Luce
della Costa, annunciava linizio dellestate e Alban Elved, la luce dellAc-
qua, indicava linizio dellautunno. Leterno ritorno nella natura
conferiva costanza a un mondo che era soggetto a continui
cambiamenti.
Dal punto di vista spirituale, la croce celtica pu rappresentare un
grande sostegno. In tempi difficili, i quattro bracci possono orientare il
vostro pensiero. Seguite la giusta direzione: il s, con le gambe salde sul
terreno, nel giusto rapporto con la natura. Elevatevi alla profonda sag-
gezza che tutto ha creato e che segue il suo destino, sulla traccia divina
della radiazione. E non abbandonate mai il centro, in cui giace nascosta
la coscienza divina, sempre presente nellamore universale.

79
Cronaca

Mondo immaginario
In un sogno talvolta intuisci che stai sognando. In que- dobbiamo prima smarrirci. Limprevisto nella nostra
sto modo sai di avere la scelta, di ritorno vita una delle poche cose certe, che abbiamo. Tutta-
dallesperienza onirica, di concludere il sogno o di via, continuiamo a pensare che tutto ci che pensiamo
risvegliarti. Grandi maestri, che avevano conoscenza di sulla vita sia vero. Ed proprio questo atteggiamento
unaltra natura, hanno descritto, non senza motivo, la il pensare che i nostri pensieri siano veri che man-
nostra vita terrena come uno stato di sogno. Risveglia- tiene intatto il nostro mondo di sogno, fino a quando
tevi, voi che dormite. non cessiamo di credere ai nostri pensieri e accettiamo
Da ci scaturiscono due visioni sconcertanti, a condi- la realt. Che shock. Ma in quale realt vivo veramente,
zione che le si voglia ammettere: la prima lesistenza se permetto che losservazione del mangiare o essere
di un altro mondo; ne consegue che tutto ci per cui mangiato entri nella mia coscienza?
lavoriamo cos duramente e che troviamo cos sensato Cosa succede se consento alla realt dei miei pensieri e
non sia vero! Ci dedichiamo al lavoro, corriamo avanti convinzioni di dominare la realt? Riconosco allora di
e indietro, senza giungere tuttavia da qualche parte, aver sognato. Alcuni ritornano in fretta nel sogno, ren-
senza cambiare nulla. Una corsa veramente faticosa, dono di nuovo reale il loro sogno, spegnendo cos la
solamente per tirare avanti. loro coscienza e lasciando che i loro pensieri sulla
Miliardi di persone vivono con una loro idea personale realt circolino liberamente.
della realt. Lo stesso mondo vissuto interiormente I coraggiosi, per, si fermano e ammettono lo
in modo diverso, per cui ognuno crede al proprio sgomento, la sensazione di vuoto, lassurdit e la soli-
sogno e lo vuole realizzare. Quando si uniscono tudine. Nel risveglio dal sogno il vuoto per un
gruppi, questi creano sogni collettivi per una realt presentimento di una pienezza di altro tipo. Il vero
collettiva, e loro sanno che: Ci che noi crediamo risveglio avviene quando comprenderemo (e questo
vero, perch noi tutti nel gruppo lo crediamo. ben altra cosa che riflettere) che il nostro essere, fatto
Fino a quando... fino a quando la nostra coscienza di idee, convinzioni e ricordi, non centra con ci che
sconfigge i pensieri. Vivere dormienti e sognanti in siamo interiormente. Lego, di fatto, non ha una pro-
questo mondo significa restare non coscienti dellaltra pria identit, poich era destinato quale strumento per
natura. Risvegliarsi in questo mondo significa contem- lanima, fintanto che ne assunse il dominio.
poraneamente risvegliarsi nellaltro mondo. Ora, sulla In sostanza, lego un meccanismo, non unentit
Terra il sogno pi ostinato proprio quello di non realmente vivente. Con il suo guscio lego si oppone
essere consapevoli di sognare. alla dura realt terrena, perch, se lammettesse, il
Abbiamo riempito la Terra e il nostro mondo personale sogno la base dellego svanirebbe. Questo meccani-
con le nostre convinzioni, con le nostre folli idee e smo utilizza due braccia: uno per allontanare e uno per
obiettivi futuri, fino ad essere completamente prigio- afferrare cose, creando cos un proprio mondo imma-
nieri di questo sognare a occhi aperti. ginario. Non un caso che i grandi maestri ponevano
Ma a un certo punto il sogno pu cessare, proprio lequilibrio e la neutralit come presupposto per il
quando meno ce lo aspettiamo. Improvvisamente il cammino.
corso della nostra vita cambia e lIo si accorge di tro- Affrettiamoci, giunto il tempo di iniziare con il
varsi sulla strada sbagliata. Per ritrovare la strada, lavoro del cuore invece del duro lavoro!

80