Sei sulla pagina 1di 8

SORGIMENTO DEI PRIMI MOVIMENTI LGBTI DEL VENETO:

UNO SGUARDO RETROSPETTIVO CON DANIELE BORTOLOTTI

Grazie alla distanzia ideologica e culturale che possiedo 1 LGBTI un acronimo che identifica
per appartenere a una diversa nazione ho scoperto il ventaglio dei diversi generi ed
casualmente che nel ambito storiografico non si conosce orientamenti sessuali: Lesbiche, Gay,
tanto ovvero non si ha voluto intendere la storia recente Bisessuali, Transessuali, Intersessuali.
dei movimenti nettamente veneti dove si lottava per
laccettazione ed inclusione delle persone lesbiche, gay, 2 Lintervista si sviluppata
bisessuali e transgender. Per questo motivo ho intrapreso il 16 maggio 2016.
una ricerca delle persone che magari avevano vissuto
in prima persona la nascita e sviluppo degli stessi,
avendo la fortuna di trovare a Daniele Bortolotti (1964).
Personalmente avevo un gran interesse per la sua
1
esperienza come membro di diversi gruppi LGBTI negli
anni 80 e 90; anche Bartolotti era molto interessato
in testimoniare le sue vicende personali per una
possibile conoscenza da parte delle generazione future.
Il narratore appartiene a una tipica famiglia dambito
borghese fermata nella realt mestrina. Sin dallinizio
aveva voluto cercare persone con cui condividere i suoi
dubbi, paure ed aspirazioni e cos scopre dei gruppi
che offrivano supporto alla comunit gay nella regione
del Veneto. Lintervista si sviluppata a Venezia ed
2
durata unora. Nel trascorso dessa il narratore lascia
momentaneamente la lotta per i diritti delle persone
LGBT per parlare di altri temi anzi importanti come
il cambio generazionale nei gruppi, lepidemia del
HIV avvenuta negli anni 80 e perfino i suoi resultati
fatali, il rapporto fra religione ed omosessualit, la
discriminazione in diversi ambienti academici, le battaglie
al senato per le unioni civili e cos via. Come accade
spesso nella storia orale importante per lintervistato
poter esprimere i suoi ricordi sebbene il relato non
segua un ordine cronologico e bench si allontani del
ambito della nostra ricerca siamo costretti ad ascoltare
con calma ed attenzione e poi registrare i fatti storici;
finalmente se ascoltiamo bene avremmo conosciuto
un frammento importante duna storia tanto personale
come collettiva. Questa breve premessa stata senza
dubbio lo scopo della intervista a Daniele Bortolotti.

1
3
Daniele Bortolotti. Okay. Io vengo di una famiglia di 3 La trascrizione e posteriore
estrazione piccolo borghese cattolica, quindi nessuna intervista comincia dopo
possibilit di coming out prematuro. Ho cominciato lacconsentimento dal narratore.
quindi a venir fuori, stiamo parlando del 87. Il 87 in
Italia voleva dire che cerano in quel momento nella 4 Si riferisce alla regione del Veneto.
4
realt vicina qualche discoteca, qualche sauna e
cera un Arcigay che esisteva gi da cinque anni. Per 5 Giuseppe Tasca stato una figura
cui io, une delle prime cose che ho cercato, stato di primo piano nellArcigay veneziano
proprio lArcigay. Ho trovato che cera effettivamente e nazionale. Negli anni 80 e 90
un minimo nucleo di persone e ha avuto un po di fu tra i primi a condurre battaglie
anni in cui c stato una frequentazione numerosa decisive (in quegli anni la coscienza
a Mestre, una piccola sede di ospiti sempre del collettiva non era quella di oggi) per
Arcigay e riuscivano almeno ad avere un posto dove lassistenza e strutture adeguate per i
trovarci, una cosa molto bella, quindi ho stretto une malati di AIDS e per la prevenzione. A
delle mie amicizie pi importanti grazie al Arcigay, Tasca si deve anche lorganizzazione
e tra laltro ho conosciuto al mio compagno l. del Pride a Venezia nel 1997.

Cristian Acevedo. Quante persone 6 Per comodit si dispone in ordine


frequentavo pi o meno questo circolo? cronologico tutti i gruppi nati in
ambito veneziano-mestrino: Arcigay
Bortolotti. Cera un giro di una trentina di persone di Mestre, 1987; Sede occupata a
e quindi serate in cui eravamo una quindicina, non Venezia in S. Giacomo dallOrio,
facevamo magari niente di speciale, nessuna attivit 1992; Arcigay di Venezia rinato a
esterna ma era un punto di socializzazione, di ritrovo per Mestre nel 2000; Collettivo LGBTIQ
noi, di riferimento, di amicizia e supporto e poi qualche Stonewall di Venezia nato nel 2014.
cosa, qualche iniziativa, ci cominciava ad essere. Nel
94, mi pare, il responsabile di questo gruppo che
5
purtroppo morto, Beppe Tasca , una figura molto nota
poi nel ambiente anche politico, ha occupato insieme
ad altri una sede qua a Venezia in campo San Giacomo
dallOrio, quindi abbiamo occupato come si usava una
volta loccupazione; quel primo piano era vuoto quindi
stato occupato abusivamente []; Tra laltro in quello
stesso anno c stato anche un Pride proprio a Venezia.
Questo Arcigay terminato e poi rinato nuovamente
agli inizi del 2000 a Mestre con nuova sede, un nuovo
giro di persone, nuove attivit e anche questo come
succede poi finisce per ho visto che un anno e mezzo
o due anni fa nato questo circolo Collettivo Stonewall
6
qua a Venezia, la prima volta che proprio a Venezia.
Quindi questa stata una cosa che mi ha molto aiutato
ed accompagnato; poi ne ho cercate degli altre.
Acevedo. Cosa ti riferisci con altre cose?

2
Bortolotti. Anzi, la prima importante, parlo del 90 7 La Chiesa Evangelica Valdese una
a Padova cera un gruppo chiamato Lincontro, un chiesa cristiana con unorganizzazione
gruppo di gay credenti. Allora io non lo ho cercato di tipo presbiteriano, fondata nel XII
perch sia credente, perch non lo sono pi [] ma secolo con gli insegnamenti di Valdo
lho cercato perch sapevo che facevano delle attivit di Lione come risposta alla corruzione
culturali ospitavano persone interessanti. Eravamo dellepoca della Chiesa di Roma. Cfr.
ospiti della chiesa Valdese e Valdese allepoca e Gregorio Plescan, La chiesa Valdese
ancora oggi sono assolutamente alla avanguardia da di fronte allomosessualit, in Le
7
questo punto di vista. Il pastore, valdese, partecipava persone omosessuali nelle chiese
e sua moglie era sempre con noi perch era molto cristiane, ed. Meridiana, pp. 32-38.
interessata alla questione teologica, culturale e
politica. Infatti, da quella tappa la successiva stata 8 Cfr. Ibidem, pp. 38-43.
andare a un centro valdese ecumenico, molto alla
avanguardia dove dal 85 organizzano dei campi su fede 9 Cfr. Pasquale Quaranta, In
8
ed omosessualit. Il centro si chiama AGAPE nei valli principio fu Agape, in Babilonia,
9
del Piemonte. Al inizio magari era molto centrato alla n 227, gennaio 2004, p. 57-60.
questione religiosa alla quale io non ero interessato
poi invece sempre pi aperti alla questione culturale, 10 Alessandro Zan (1973) uno
sociale, politica, sul essere gay in Italia. Mi sono fatto sponente della comunit LGBT, noto
tre anni di camping, una esperienza bellissima [] soprattutto per aver promosso ed
ottenuto il primo registro anagrafico
Acevedo. Ma che cosa si faceva in questi campi di fede? italiano delle coppie di fatto, aperto
anche alle coppie omosessuali. stato
Bortolotti. Attivit di tipo seminario quindi con degli assessore allambiente, al lavoro e
esperti, studiosi e persone con grande esperienza, alla cooperazione internazionale del
ci si confronta, si parlava e poi ci si giocava un po Comune di Padova. Candidato alle
portando il proprio vissuto, le proprie esperienze, elezioni politiche italiane del 2013,
riflessioni, ecc. Dopo di quella, non direi oltre realt risulta eletto alla Camera dei deputati
cos strutturate non ne ho pi conosciuto per nel nelle liste di Sinistra Ecologia Libert.
frattempo era nato linternet, il social, quindi i contatti
cominciano a essere molto pi diversi. Nel frattempo 11 Si riferisce allo storico discorso
si era sviluppa anche la realt commerciale a Padova, pronunciato per Alessandro Zan il
quindi i locali, bar, saune E poi a Padova arrivato 11 di maggio del 2016 prima della
10
un bel gruppo di Arcigay con Alessandro Zan , lui approvazione delle unioni civili
deputato adesso, proprio quello che laltro giorno ha fra coppie dello stesso sesso.
tenuto il discorso finale alla camera per lapprovazione
11
sulla legge delle unioni civili. Loro, poi a Padova 12 Il Padova Pride Village nacque nel
12
hanno creato in questi ultimi anni il Pride Village 2008 in partnership con il comune di
quindi alla fiera di Padova c tutta una parte dedicata a Padova e con la regione del Veneto.
queste serate della comunit gay; la cosa pi viva che
ci sia nel Veneto praticamente destate, veramente
allavanguardia solo a Roma hanno una realt simile.

3
Acevedo. Senti, come hai visto il cambio 13 Volevo conoscere la sua opinione
13
generazionale nel ambito del attivismo LGBTI? in quello che riguarda al cambio
generazionale dentro gli Arcigay, se
Bortolotti. Questo cambiamento lho registrato secondo lui i pi giovani siano coscienti
bene, questo passaggio. Quando siamo venuti fuori della storia, lotte e questioni pi premiati
noi parlo per me del 87 non cera niente, bisognava del collettivo LGBTI. Comunque, pi
14
un po cercare, buttarsi, cerano i luoghi di cruising avanti Bortolotti ritorner a questo punto.
ovviamente e poi un po alla volta cercare informazione.
15
Cera anche Babilonia , una rivista di cultura gay 14 Luoghi specifici frequentati da
veramente fatta bene []. Poi sono arrivati i locali persone alla ricerca di rapporti
dagli anni 90 e Padova ha avuto un boom. Dal 90 la sessuali occasionali.
prima discoteca, poi unaltra discoteca, poi due saune,
ecc. Padova diventata la capitale del mondo gay 15 Babilonia stata una rivista mensile
del Triveneto; cera qualcosaltro a Verona, in Friuli italiana rivolta al pubblico omosessuale,
molto poco, in Trentino mi dicevano (che cera) fondata da Felix Cossolo nel 1982 e
poco quindi si faceva riferimento a Padova per tutta chiusa nel maggio 2009. stato il pi
larea del Nordest, voleva dire tanto cos come un longevo periodico italiano a tematica
16
po continua a essere oggi in state il Village. Poi gay. Cfr. Vincenzo Patan, Oasi gay: Miti
c stato il cambiamento successivo, i locali si sono e titani della cultura omosessuale e
ancora ridimensionati, si sviluppato linternet, i lesbica, Venezia, Cicero Editore, 2010.
social, le chat []. Mi sembra un ottimo strumento
(linternet) usato alla volta male, per cui la gente si 16 Il gi citato Padova Pride Village.
perde in fantasie mentale e si dimentica che poi c la
realt, le persone, le situazioni reali; il problema non 17 Il narratore si riferisce ai farmaci
nel mezzo, il mezzo neutro, luso e labuso che antiretrovirali. Dal 1996 entra in
se ne fa. importante che invece resistano i locali, vigore un protocollo farmacologico
posti fisici dove ci si vede, si conosce, come avviene in altamente efficace, basato su tre
qualsiasi altra cosa. Per, insomma, se gli avessi io inibitori virali (triterapia), attuale
avuto nei miei tempi sarebbe stato molto pi facile. terapia standard, detta HAART (Highly
Ho perso due amici per lAIDS, lho vissuta da vicino Active Antiretroviral Therapy).

Acevedo. Parlando di questanni, une delle


prime cose che mi venuta in mente la
tragedia del HIV. Come lhai vissuto?

Bortolotti. Venendo io appunto degli anni 80, era


il momento culmine in cui non si faceva altro che
parlare di AIDS [] come problema sociale era il
primo. Quindi si era bombardati da notizie, pi o
meno vere, eravamo a un punto allettarti, terrorizzati
anzi; non cera ovviamente la cura attuale. Poi le
cose sono cambiate io ho sperimentato una cosa e
ho perso due amici per lAIDS quindi lho vissuta da

4
vicino, dalla met dagli anni 90 con la cura famosa 18 una domanda che apporta
17
trifasica mi pare che si dica ed allora la gente non informazione apprezzabile per intendere
pi morta o non con quella frequenza, si sopravvive la realt gay di questepoca. Volevo sapere
lungo e diventa una malattia sostanzialmente la opinione personale del intervistatore
cronica. Questo per ha fatto che spesso i pi giovani in quello che riguardava alla possibile
pensassero che non era pi necessario preoccuparsi discriminazione nella regione del Veneto.
della AIDS perch era tanto come avere il diabete o Sembra che i movimenti LGBTI di questi
una qualsiasi malattia cronica [] Questo stato un anni abbiano scommesso su una lotta per
errore clamoroso perch in realt ha portato a un calo i diritti pi al interno di piccoli gruppi, non
fortissimo delle precauzioni e quindi una ulteriore tanto come quel attivismo cos visibile
diffusione; mentre in realt poi ci spiegano che per sulle strade degli Stati Uniti allepoca.
fare la cura una cosa molto impegnativa, fisicamente
non per niente facile, faticosa, dolorosa, costosa
Per me questo una follia perch ho visto (sparire)
intere generazioni anche di personaggi famosi erano
quegli anni di Freddy Mercury, Rock Hudson.

Acevedo. Puoi dirmi come si era vista questa


problematica del HIV al Arcigay?

Bortolotti. stato creato appositamente un


consultorio, quindi un punto fisso che stato concesso
dallospedale e con una linea telefonica stata pagata
allepoca proprio dal comune grazie al impegno di
Giuseppe Tasca []. Diversi ragazzi telefonavano
perch avevano bisogno di informazione ed avevano
piacere di sentire che dallaltra parte cera una
persona gay che forniva queste informazioni tecniche
e poi poter sfogarsi, parlare. Questo consultorio
stato per alcuni anni e poi chiusa lesperienza
del Arcigay si chiusa anche questa perch non
cerano pi volontari disponibili; Nel frattempo
stato anche sempre pi facile ottenere informazione
tramite internet, organizzazioni pi grandi, ecc.
Ma anche qui a Venezia c stato un presidio che
sicuramente avr aiutato a tante persone.
Treviso ancora unaltra realt

Acevedo. Tornando al tema dei collettivi, sai se per


caso in questi incontri organizzati per i diversi Arcigay
18
esisteva un ambiente di paura, di repressione?

5
Bortolotti. Non ci sono stati molti occasioni esterni 19 Bortolotti parla anche della
in cui ci si presentava al esterno, erano soprattutto influenza negativa che si pu
rivolte al interno del gruppo, poi le volte che ci percepire intorno al partito polittico
sono state presentazioni di libri, dei film, ecc. Non che ha la maggioranza nella regione
c stato mai nessun problema perch comunque del Veneto, cio la Lega Nord.
la sensazione che lambiente sia di Venezia che di
Mestre fosse abbastanza aperto, un po pi volute 20 Si deve osservare che nel trascorso
rispetto alla media del Veneto. Per cui ad esempio un della intervista, dentro del collettivo
Pride nazionale c gi stato a Venezia nel 2004; Per LGTBI il narratore solamente parla
farlo adesso a Treviso i ragazzi del collettivo LGBT della omosessualit perch quello
hanno avuto un sacco di problemi per ottenere il che ha vissuto e conosciuto meglio,
19
permesso, perch Treviso ancora unaltra realt. lasciando fuori un ampissimo campo che
meritassi altro studio pi specifico come
Acevedo. Allora possiamo dire, recapitolando, che il collettivo lesbico, transessuale, ecc.
i centri principali del movimento LGTBI erano?
21 Bortolotti ha precisato al momento che
Bortolotti. Padova, un po Mestre-Venezia quando suo padre era morto prematuramente.
c stato qualche punto di riferimento come un Sicuramente se questo non fosse
Arci(gay) o adesso un collettivo e anche Verona ha accaduto sarebbe stato un problema
avuto un po di vivacit. Adesso so che ci sono altre perch secondo lui era omofobo: un
realt in centri pi piccoli per esempio Bassano uomo della sua generazione, cos era.
del Grappa dove hanno fatto recentemente una
manifestazione contro lomofobia e anche l tanti
problemi per avere lautorizzazione cos via

Acevedo. In quello che riguarda al


ambiente del lavoro, come hai vissuto la tua
sessualit? Hai dovuto nasconderla?

Bortolotti. Ancora troppi stano nascosti, della mia


20
generazione. Nei ragazzi invece vedo che sempre
pi facile: non accettano pi di stare nascosti, vengono
fuori, lo dicono ai genitori, ai famigliari, ai nonni, ai
compagni di scuola e poi in universit. Quando si
viene allo scoperto cadono propri muri dignoranza
soprattutto, di no conoscenza del fenomeno. Io
invece fin dallinizio ho voluto fortemente essere
visibile mi sentivo che stavo molto male se ci tenevo
tutto dentro. La mia famiglia lo aveva praticamente
capito [], lo avevano capito e quindi lo avevano
21
accettato. Mi dispiaciuto un periodo nella mia
vita dove ero insegnante dentro di una scuola privata

6
cattolica e chiaramente sono rimasto nascosto perch 22 Senza dubbio sarebbe interessante
22
temevo di perdere il posto . Quando finalmente non risegnare la enorme differenza fra le
lavoravo pi dalle suore e sono arrivato dove sono due esperienze che ha avuto Bortolotti
allora la prima cosa che ho voluto fare dirlo, era con le religioni (prima con la chiesa
23
una liberazione. Dopo ho visto una cosa molto valdese e poi con la cattolica).
bella e mi riferisco alla attestazione destima che mi
hanno fatto al lavoro perch ho dimostrato di vincere 23 Il narratore mi ha rivelato dopo
i pregiudizi al presentarmi integro, come sono. che nel posto dove lavora ci sono
altre persone omosessuali della sua
Acevedo. Guarda, non so se hai sentito parlare sul generazione per magari per pregiudizi
caso di questa insegante del Veneto che lanno scorso o paura sono rimasti nascosti.
ha deciso, dopo aver vissuto come uomo, presentarsi
24
di fronte ai suoi studenti con la sua nuova identit. 24 Ho voluto intervistare alla insegante
Bortolotti. Si, lho seguito sui giornali. Immagino il del liceo per dopo aver parlato, mi
coraggio che deve aver avuto perch fare una cosa dal ha raccontato che la persecuzione
genere a scuola, in una citt di provincia del Veneto mediatica stata cos forte che non voleva
difficilissimo. stata una pioniera nella realt veneta essere sposta unaltra volta. In quello
perch nel ambiente della scuola sei a rischio di che riguarda a Bortolotti, desideravo
trovarti contro presidi, genitori non tanto i ragazzi, loro sapere la sua opinione rispetto al
non sono cos ottusi, non solo il problema. Il Veneto famosissimo caso dato che lui conosceva
una regione profondamente conservatrice, non a caso in primo piano la discriminazione
la Lega ha la maggioranza, quindi si sentono queste dentro lambito scolastico.
25
cose. Fa una grande differenza fra lEmilia Romagna
dove c una realt di sinistra pi aperta e avanzata [] 25 Il narratore si riferisce alle
dichiarazioni omofobiche e discriminatorie
Acevedo. Volevo chiederti se anche il tu compagno proferite da alcuni politici del Veneto.
26
partecipava in questi gruppi veneti.
26 Secondo me era importante sapere
Bortolotti. Con me alla volta, ma un po meno. Per se Bortolotti aveva frequentato questi
esempio siamo stati lanno scorzo al Pride di Milano circoli da solo oppure insieme al suo
con un cartello grande con uno scritto: venticinque compagno; Forse avevano vissuto
anni insieme, vogliamo sposarci []. Ci presentiamo vicende importanti per la ricerca.
come copia, perch presentiamo lassoluta normalit
di una coppia che sta insieme da ventisei anni. Infatti 27 Si parla della cosiddetta legge Cirin,
aspettavamo questa cosa (lunione civile) che stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale della
una sofferenza per me in particolare che seguivo Repubblica italiana il 21 maggio 2016 e
questa battaglia parlamentare prima al senato e poi denominata Regolamentazione delle
adesso alla camera. Allora la legge, questa legge, non unioni civili tra persone dello stesso
27
il vero obiettivo finale, una tappa intermedia ; visto sesso e disciplina delle convivenze.
che la situazione di partenza tremenda comunque Cfr. AA.VV, Le coppie dello stesso
questi sono buoni resultati purch si tenga presente sesso: la prima volta in cassazione,
che il risultato finale deve essere il matrimonio Roma Tre-press, Roma, 2013.
egualitario, non c dubbio. Avendo anni (desperienza)

7
hai la percezione storica delle cose, non solo del 28 Lintervista conclude finalmente dopo
presente ma del passato e quindi gli apprezzi di pi, una conversazione pi colloquiale dove
sai quanto difficile stato arrivare al oggi, ti ricordi Bortolotti mi raccontava le differenze
cosa cera trentanni fa. Questultimi anni ho sentito che lui osserva fra la Spagna e lItalia
il bisogno di testimoniare a quelli pi giovani perch in quello che riguarda ai diritti delle
non diano tutto per scontato, perch si rendano conto persone LGBTI dove certamente la
limportante che sono certe cose Testimoniare e Penisola Iberica si trova alla avanguardia.
quindi rendere pi facile le cose a quelli che vengano
28
dopo di noi, insieme a noi. Bisogna farlo.