Sei sulla pagina 1di 1

Sul fondo

Dopo essere stato liberato dal lager di Auschwitz il protagonista passa per pi o meno
tempo in molti campi per italiani o ex-prigionieri. Per molti mesi rimasto in campi sempre
gestiti dai russi, con i quali aveva seri problemi di comunicazione e dallapparente
disorganizzazione pi completa.
Ogni tanto veniva trasferiti da un campo ad un altro anche senza avvertire gli ex-prigionieri,
dicendogli che potevano rimpatriare, per poi il treno che avrebbe dovuto portarli a casa
cambiava direzione e puntava verso nord portandoli in un campo ancora pi lontano
dallItalia del precedente e con la guida che scompariva nella notte. Il protagonista e i suoi
compagni rimasero per alcuni mesi nel campo di Staryje Doroghi in cui non avevano notizie
ne del loro possibile rimpatrio ne di qualunque altra cosa; quantomeno non gli veniva chiesto
niente e non dovevano neanche lavorare. Una sera ricevono la notizia dellimminente
partenza che viene confermata. Dopo un viaggio che dura per il protagonista un po pi di un
mese riesce a tornare a casa, avendo attraversato numerose frontiere riesce a rimpatriare.