Sei sulla pagina 1di 1

PLACCHE E TERREMOTI

I terremoti sono strettamente associati ai movimenti delle placche e a quanto avviene ai loro
margini.
La sismicit l'espressione dei movimenti relativi tra placche litosferiche.
Si distinguono 4 tipi di zone sismiche:
1) Rappresentato dall'asse delle dorsali oceaniche,dove i terremoti sono poco profondi e
accompagnati da attivit vulcanica. Lungo gli assi delle dorsali inizia l'espansione dei fondi
oceanici e le placche si allontanano tra loro.
2) Caratterizzata da terremoti poco profondi ma assenza di attivit vulcanica.
Ad esempio : Faglia di San Andreas in California e la faglia dell'Anatolia in Turchia.
3) Rappresentato dalle fosse oceaniche e i sistemi di archi insulari,come quelli che bordano il
Pacifico Occidentale. In queste zone possono verificarsi terremoti superficiali,intermedi o
profondi. La profondit dei sismi aumenta con la distanza della fossa,seguendo un ipotetico
piano inclinato detto Piano di Benioff. Esso interpretato come l'evidenza di un fenomeno
di subduzione. La subduzione consiste nello scorrimento di una placca litosferica sotto
un'altra e nel suo conseguente riassorbimento nell'astenosfera.
4) Rappresentato dalla fascia che si estende dalla Birmania al Mediterraneo. I terremoti sono
generalmente superficiali e associati a elevate catene montuose originate da fenomeni di
compressione.

PLACCHE E VULCANI
Anche la maggior parte dei vulcani ha a che fare con le placche ed il loro movimento. La quasi
totalit dei vulcani si trova allineata in corrispondenza dei limiti di placca, e in particolare delle
zone di subduzione o al centro degli oceani.
Si possono distinguere diversi tipi di vulcani correlati alle placche :
1) vulcani legati alla subduzione
In conseguenza alla subduzione,le lave basaltiche oceaniche,scendendo sempre gi
all'interno della Terra,subiscono un progressivo riscaldamento.
Alla fine,le lavi basaltiche oceaniche diventano cos calde da subire una parziale fusione.
I fluidi ricchi di acqua tendono a migrare verso l'alto verso la parte superiore del mantello e
innescano un ulteriore fusione parziale delle rocce.
Questi magmi risalgono nella crosta dove si localizzano in camere.
I vulcani che ne derivano sono fortemente esplosivi.

2) vulcani legati alle dorsali oceaniche


A causa delle caratteristiche chimiche dei basalti,i vulcani delle dorsali oceaniche sono di tipo
effusivo e non esplosivo. Normalmente i vulcani delle dorsali oceaniche sono subacquei,ma in
alcuni casi affiorano a formare isole, come nel caso dell'Islanda.

3) Vulcani intraplacca
Esistono tuttavia vulcani attivi localizzati all'interno delle placche,sia in crosta continentale che
oceanica. I casi pi noti sono quelli dei vulcani africani ( il Kilimangiaro) o di quelli del Pacifico
( le Hawaii). Questi vulcani si trovano lungo le fratture che attraversano la litosfera.
I vulcani intraplacca pi noti sono i punti caldi.