Sei sulla pagina 1di 13

PUBBLICAZIONE BANDO indice

4 settembre 2017

SCADENZA CALL
10 novembre 2017 ore 23.00
4 PREMESSA: IL CONTESTO ATTUALE

6 1. OBIETTIVI, OGGETTO E RISORSE


DEL BANDO

un progetto di 9 2. LINEE GUIDA


2.1 TERRITORI AMMISSIBILI
2.2 DESTINATARI DEL BANDO E SOGGETTI AMMISSIBILI
2.3 PROGETTI E SPESE AMMISSIBILI
2.4 MODALIT DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA
con il patrocinio di
2.5 CRITERI DI VALUTAZIONE
2.6 MODALIT DI COMUNICAZIONE DEGLI ESITI
CITT METROPOLITANA
DI FIRENZE DEL BANDO
2.7 MODALIT DI EROGAZIONE DEL CONTRIBUTO
ECONOMICO E RENDICONTAZIONE
2.8 MANLEVA E RESPONSABILIT
2.9 RINUNCE E REVOCHE
2.10 OBBLIGHI DEI BENEFICIARI, monitoraggio
DEI RISULTATI E DISSEMINAZIONE

22 3. FASI DEL BANDO E TIMELINE


3.1 Fasi del Bando
3.2 TIMELINE

24 4. PRIVACY E TRATTAMENTO DATI

24 5. INFORMAZIONI E CONTATTI
spazi attivi bando percorsi di rigenerazione urbana del territorio PREMESSA: IL CONTESTO ATTUALE 4 5

PREMESSA:
IL CONTESTO
ATTUALE

Rigenerazione urbana e innovazione culturale e sociale sono possibile, in tale senso, individuare alcune dimensioni
espressioni oggi molto usate. La prima non nuova, anche principali che un processo di rigenerazione urbana deve
se oggi pare aver ritrovato uno slancio in molteplici direzioni contemplare:
grazie allinsostenibilit dellulteriore consumo di suolo che ha
spostato lattenzione sullambiente costruito e sui tanti luoghi 1. Rigenerazione socio culturale: rigenerare davvero alcune
in crisi e da ripensare. La seconda, ha acquisito rilevanza per il aree cittadine significa in primis riuscire ad accrescere le
crescente spaesamento territoriale e relazionale che richiede connessioni, le relazioni tra i suoi abitanti e generare nuovi
di innescare azioni affinch le comunit partecipino attivamente spazi di socialit aperti ad una molteplicit di usi. Tali
alle pratiche culturali. pratiche sono il risultato di una condivisione del territorio
Oggi le nostre citt, a fronte di una complessit che colpisce e della convergenza di pratiche culturali e sociali.
le numerose dimensioni del quotidiano, esprimono la necessit 2. Territorialit: un secondo fattore che sembra centrale nel
di tenere insieme i bisogni della comunit nel suo complesso, processo di rigenerazione rappresentato dalla capacit
coniugando approcci economici relazionali, territoriali di connettere tra loro territori diversi, non solo da un punto
e culturali. Il nuovo affiancamento tra rigenerazione urbana di vista materiale e fisico ma anche simbolico e di senso.
e innovazione sociale e culturale ha proprio nei suoi aggettivi 3. Sostenibilit: si pu davvero parlare di processi realmente
identificativi, urbana e socio - culturale, la vera potenzialit, innovativi e rigeneranti per i tessuti urbani quando le pratiche
quella cio di mettere al centro limportanza della qualit e le politiche in oggetto pongono al centro la sostenibilit
e quantit degli spazi per lo sviluppo della comunit. di crescenti parti di citt.
spazi attivi bando percorsi di rigenerazione urbana del territorio Obiettivi, oggetto e risorse del bando 6 7

rafforzare e potenziare tale processo attraverso la duplice


e combinata rigenerazione di asset fisici e di protagonismi

1.
sociali, specialmente se sinterviene su aree e spazi che nel
tempo hanno perduto le originarie funzioni e impieghi
e reclamano una rinascita e una restituzione alla dimensione
sociale collettiva;
rimettere in gioco nuove energie sociali, attivare pratiche
cooperative, denotare modelli di offerta e di gestione
alternativi, intercettare emergenze e nuove spinte creative
e realizzare, nuovi luoghi culturali che possano rispondere
a bisogni collettivi ed esigenze, anche di socialit, derivanti
dalla complessit del vivere sociale e della dimensione

Obiettivi, territoriale.
I progetti, pertanto, dovranno prevedere la rigenerazione

oggetto
creativa, in ambito culturale ed economico, di spazi fisici
situati allinterno dei territori ammissibili (sezione 2.1).
Ai fini di cui sopra, il presente Bando pone le regole per
e risorse lammissibilit e la selezione di proposte progettuali volte a
sviluppare soluzioni di riqualificazione e riuso di spazi fisici

del bando per la messa a disposizione di luoghi e servizi a supporto della


creativit della comunit locale.

1.2 OGGETTO Allinterno della cornice delineata nel quadro di contesto, la


DEL BANDO Fondazione CR Firenze, nellambito delle sue azioni territoriali
a valenza strategica, indice il presente Bando il cui oggetto,
centrato sui concetti di rigenerazione urbana e innovazione
socio-culturale, consiste nel supportare:
1.1 FINALIT Scopo finale del Bando quello di sostenere progetti in grado progetti innovativi di rigenerazione, recupero, riuso
E OBIETTIVI di generare esternalit e utilit positive sul piano degli impatti e riattivazione di spazi fisici, da utilizzare per funzioni
sociali culturali di medio/lungo periodo e nuove opportunit e progettualit durevoli e sostenibili, di tipo sociale,
di crescita e di coesione per le comunit territoriali interessate. culturale e creativo.
Liniziativa di Fondazione CR Firenze sinserisce nel pi I progetti in questione dovranno configurarsi come veri e propri
ampio dibattito circa limportanza assegnata, oggi, alla percorsi di rigenerazione di spazi individuati, ridisegnando
rivitalizzazione urbana, attraverso limpiego di risorse culturali, il profilo produttivo ed urbano degli insediamenti coinvolti
sociali e creative, per guidare la trasformazione e il rilancio e scommettendo sulla creativit come volano in grado di
virtuoso delle citt, specialmente quelle medie e dei territori. produrre e accelerare ricadute produttive ed economiche sul
Obiettivi: tessuto delle comunit locali, e quindi nuove funzioni sociali
stimolare la leva della cultura per riattivare un
ed urbane.
metabolismo urbano positivo, capace di valorizzare Sono spazi fisici eleggibili i beni immobili e spazi pubblici
vocazioni, identit e competenze distintive nei territori o privati, urbani e non, edifici e loro pertinenze dismessi, sotto
oggetto del Bando (creare valore e riconoscere valore utilizzati, con una destinazione duso diversa da quella socio-
di tipo multidimensionale) e dare corpo alle evoluzioni culturale o con una destinazione socio-culturale iniziale che ha
della resilienza territoriale, avviando nuovi slanci; necessit di essere recuperata o rinnovata.
spazi attivi bando percorsi di rigenerazione urbana del territorio linee guida 8 9

Lo spazio fisico identificato nel progetto, deve essere di


propriet dellente proponente o comunque di uno dei soggetti

2.
che fa parte della rete, ovvero, in alternativa, nella piena
disponibilit dellente proponente (ad esempio a titolo
di comodato, locazione o concessione). La Fondazione
si riserva il proprio giudizio di congruit.

1.3 RISORSE La Fondazione CR Firenze mette a disposizione per il presente


ECONOMICHE Bando complessivamente 980.000,00 euro, ripartiti in
contributi di natura economica per la realizzazione dei progetti
selezionati, la cui entit sar stabilita, a insindacabile giudizio,
dal CdA della Fondazione CR Firenze su proposta della linee
guida
Commissione Valutatrice e sulla base delle richieste contenute
nei singoli progetti e della graduatoria ottenuta a seguito del
processo di valutazione.

Le risorse a disposizione sono cos ripartite:


590.000,00 euro destinati a progettualit presentate
dal territorio della Citt Metropolitana di Firenze escluso
il capoluogo;
390.000,00 euro destinati a progettualit presentate
dal territorio delle province di Arezzo e Grosseto.

2.1 TERRITORI Il Bando interessa esclusivamente progetti da realizzarsi


AMMISSIBILI nei seguenti territori:
Citt Metropolitana di Firenze ad esclusione del capoluogo;
Citt di Arezzo e comuni situati nella sua area provinciale;
Citt di Grosseto e comuni situati nella sua area provinciale.

2.2 DESTINATARI Le proposte possono essere presentate da:


DEL BANDO Singole organizzazioni o enti, nella forma dellente pubblico
E SOGGETTI singolo o di pi comuni limitrofi associati;
AMMISSIBILI Reti di soggetti come di seguito descritti, che assumono un

2.2.1 DESTINATARI ruolo attivo nella implementazione del progetto.

Le suddette reti possono essere composte da soggetti


anche di differente natura giuridica purch rientranti nelle
categorie di cui ai punti a), b) e c) del successivo punto
spazi attivi bando percorsi di rigenerazione urbana del territorio linee guida 10 11

2.2.2, che presentino un progetto in partenariato, realizzato fondazioni, organizzazioni di volontariato, organizzazioni
congiuntamente da tutti i componenti della rete, con non governative, associazioni e societ sportive
lidentificazione di un soggetto capofila, tassativamente un ente dilettantistiche senza fini di lucro, associazioni
di cui al successivo punto a). di promozione sociale, cooperative sociali, imprese sociali,
Lente capofila assume il coordinamento di tutte le attivit altre ONLUS non ricomprese in questo elenco);
progettuali e rappresenta tutti i partner, nessuno escluso. C. cooperative che operano nel settore culturale, come
In caso di approvazione del progetto il destinatario del risultante dalloggetto sociale del proprio Statuto e dalle
contributo, il responsabile della rendicontazione intermedia e attivit pregresse.
finale, nonch del corretto trasferimento delle somme spettanti
ai singoli partner ed lunico referente per la Fondazione CR Sono esclusi dal presente Bando le societ e le organizzazioni
Firenze. Gli altri partner della rete devono avere un ruolo for profit di ogni tipo e natura.
nel progetto e prendervi parte attivamente ad esempio a titolo
di fornitori o finanziatori. La rete deve essere formalizzata in un
accordo unico di partenariato che stabilisca in maniera formale
i patti fra tutti i partner coinvolti, sottoscritto dai rappresentanti
legali del soggetto capofila e di tutti i partner, nel quale 2.3 PROGETTI Le proposte progettuali, che dovranno essere redatte
siano indicati: lambito, loggetto e la durata dellaccordo; gli E SPESE utilizzando il form dedicato, dovranno avere le seguenti
impegni e i ruoli del capofila e di ogni singolo partner; il budget AMMISSIBILI caratteristiche di base:
complessivo e la ripartizione dello stesso per ogni partner. 2.3.1 TIPOLOGIA A. progetti di manutenzione, adeguamento, ristrutturazione,
La domanda di partecipazione al presente Bando pu DEI PROGETTI riqualificazione e ri-funzionalizzazione di aree, contenitori
essere presentata unicamente dagli enti territoriali che AMMISSIBILI culturali, spazi fisici, strutture edilizie esistenti, di propriet
assumeranno la veste di capofila e potranno presentare pubblica o privata (se privata in disponibilit del soggetto
proposte progettuali o da soli o nella forma di pi comuni capofila proponente in varie forme di godimento da
limitrofi o in partenariato con soggetti rientranti nelle documentare e secondo un periodo congruo), urbani
categorie di cui ai punti b) e c) del successivo punto 2.2.2. e non (periferici, rurali), aperti, dismessi, abbandonati
Ogni soggetto proponente, sia in qualit di capofila che di o parzialmente utilizzati, con una destinazione duso diversa
partner, pu presentare una sola proposta. La contemporanea da quella culturale oppure con una destinazione culturale
presenza di uno o pi soggetti proponenti in pi proposte iniziale che ha necessit di essere recuperata o rinnovata,
comporter lesclusione di tutte le proposte dalla valutazione. dichiaratamente destinati nel progetto a funzioni, servizi
Alla data di scadenza del Bando, i soggetti ammissibili e attivit culturali, educative e sociali o anche attivit
devono dimostrare di avere sede legale e/o operativa nei ibride legate alla creativit, in particolar modo giovanile,
territori eleggibili. La data di costituzione di tutti i soggetti da far realizzare a soggetti pubblici e privati, a disposizione
ammissibili deve essere antecedente la data di apertura della collettivit. Per questi progetti il Bando finanzia
del Bando. Tale criterio dovr essere dimostrato attraverso principalmente i lavori di realizzazione dellintervento,
documentazione aggiuntiva. mentre sono esclusi i costi di progettazione e le spese
per le procedure di gara e di affidamento dei lavori;
2.2.2 SOGGETTI Il Bando rivolto a tutti i soggetti che risultino ammissibili B. previsione di un piano di gestione dello spazio oggetto
AMMISSIBLI in base a quanto previsto dal Codice Etico della Fondazione dellintervento, almeno triennale a partire dalla data di
CR Firenze e riportato al capitolo 5.2 di tale documento conclusione del progetto. Il piano dovr essere congruente
Rapporti con i beneficiari delle erogazioni (il documento e conseguente rispetto alla proposta progettuale presentata.
disponibile sul sito della Fondazione alla pagina http://www.
fondazionecrfirenze.it/wp-content/uploads/Codice_Etico.pdf ).
2.3.1.1 TIPOLOGIA Il Bando aperto a progetti ancora da avviare, progetti
Esso, pertanto, indirizzato a: DINTERVENTO avviati e progetti gi consolidati che hanno necessit di un
A. enti pubblici territoriali;
rinnovamento significativo sul piano infrastrutturale e dei
B. organizzazioni senza scopo di lucro, (associazioni, comitati,
spazi attivi bando percorsi di rigenerazione urbana del territorio linee guida 12 13

servizi offerti. Per progetti gi avviati si intendono i progetti E. essere concretamente fattibili, sul piano amministrativo
non conclusi alla data di chiusura del Bando e con un SAL e delle autorizzazioni di legge, finanziario, operativo
(Stato di Avanzamento Lavori) non superiore al 50% del costo e dei tempi di realizzazione;
complessivo del progetto. Gli interventi proposti devono F. contemperare linsediamento di attivit che siano durevoli
riguardare servizi, attivit ed iniziative di tipo sociale, culturale e sostenibili;
e creativo che, attraverso la rigenerazione, il recupero, il riuso o G. prevedere la conclusione delle attivit entro il 30 giugno
la riattivazione dello spazio fisico identificato, si propongano di 2019 (potranno essere richieste proroghe se debitamente
mettere questi luoghi a disposizione della pi ampia collettivit. motivate).

Sono ammessi, quindi: 2.3.2 IMPORTO Indipendentemente dal costo complessivo di ogni singolo
A. servizi, attivit ed iniziative socio culturali da realizzarsi in MASSIMO progetto, il contributo richiesto dagli enti territoriali
combinazione con il recupero dello spazio fisico individuato EROGABILE singolarmente o in partenariato, non potr essere superiore
e che siano parte di un piano di gestione declinato in a 150.000,00 euro.
unottica pluriennale, oltre i termini previsti nel presente Limporto del contributo non potr, di norma, superare
Bando; il 50% del costo totale del progetto.
B. interventi di ristrutturazione, messa a norma ed in La parte di costo del progetto non coperto dal contributo
sicurezza dello spazio fisico rispetto alle normative vigenti della Fondazione pu essere a carico, in tutto o in parte, del
in materia ed interventi che possano garantire un pieno soggetto proponente. Sono quindi ammessi anche altri soggetti
utilizzo e fruizione dello spazio per il quali si richiede il co-finanziatori.
finanziamento anche da parte dei soggetti diversamente
abili. Tali interventi devono risultare funzionali e circoscritti 2.3.3 SPESE Sono ammesse le voci di spesa dellelenco che segue
allattivazione dei servizi, attivit ed interventi di cui al AMMISSIBILI e che dovranno essere quantificate nel Piano Finanziario
precedente punto a); allegato alla proposta progettuale; non saranno, invece
finanziati alcuni costi di progetto.
Sono esclusi, pertanto, progetti finalizzati alla sola Elenco delle voci di spesa ammissibili:
ristrutturazione di spazi o progetti che prevedano solo A. prestazioni di terzi
interventi sociali, culturali o creativi non inseriti nella B. promozione e diffusione
rigenerazione dello spazio fisico. C. acquisto di beni e attrezzature
D. materiali di consumo
Per accedere alla fase di valutazione, i progetti devono essere E. rimborsi trasferte per progetto
presentati dai soggetti destinatari del Bando e devono avere le F. spese generali (non oltre il 10% del costo del progetto)
seguenti caratteristiche, pena lesclusione:
A. essere inviati esclusivamente attraverso la procedura 2.4 MODALIT Per partecipare alla selezione, gli enti territoriali da soli
ed entro il termine (data e ora) fissati dal Bando; DI PRESENTAZIONE o in associazione con altri enti o in partenariato, dovranno
B. essere coerenti con loggetto e le finalit del Bando; DELLA DOMANDA presentare la propria candidatura seguendo lapposita
C. lo spazio fisico indicato nel progetto, deve trovarsi nei procedura attivata sul sito internet www.fondazionecrfirenze.it
territori contemplati nel Bando; nella sezione Bandi Tematici, entro e non oltre le ore 23.00 del
D. lo spazio fisico indicato nel progetto, deve essere: di giorno 10 novembre 2017, (salvo eventuali proroghe in corso
propriet dellente capofila o comunque di uno dei soggetti dopera, debitamente comunicate).
che fa parte della rete, oppure gi affidato o concesso
oppure in corso di affidamento o concessione, da parte 2.4.1 Il form per la presentazione delle proposte progettuali sar
dellente proprietario allente che presenta il progetto, MODULISTICA compilabile esclusivamente on-line e conterr i seguenti campi:
o comunque a uno dei soggetti facenti parte di una rete, A. Dati generali del progetto e di identificazione dello spazio.
in caso di progetti in partenariato; B. Motivazioni e bisogni: descrizione in termini quali-
quantitativi, del contesto territoriale sul quale si propone
spazi attivi bando percorsi di rigenerazione urbana del territorio linee guida 14 15

di intervenire, facendo emergere chiaramente le opportunit G. piano di gestione, almeno triennale, dello spazio rigenerato
legate allarea scelta e le criticit e i bisogni dello spazio con descrizione dei contenuti delle attivit e dei beneficiari;
fisico individuato che il progetto intende affrontare. Indicare H. cronoprogramma delle attivit;
e descrivere eventuali piani o programmi legati alle politiche I. progetto architettonico dei lavori, in forma preliminare
del territorio in essere, evidenziandone il collegamento con o definitiva, corredato da una documentazione grafico/
il progetto. fotografica/rendering di non pi di 10 cartelle, in formato
C. Obiettivi generali e specifici: descrizione delle finalit del A3, contenente una planimetria dinsieme, nella scala
progetto e degli elementi di innovazione che si vogliono minima di 1:1000, e schemi interpretativi o disegni tecnici
introdurre rispetto al contesto descritto, indicando anche in scala adeguata, che illustrino compiutamente il progetto
gli obiettivi specifici da raggiungere in termini di utilit delle proposto;
azioni e di valore aggiunto per la popolazione beneficiaria. J. documentazione attestante la propriet dello spazio
D. Presentazione dellente proponente e degli eventuali identificato in capo allente capofila o ad uno degli eventuali
partner soggetti partner;
E. Attivit proposte: Breve descrizione delle attivit K. nel caso di concessione o affidamento dello spazio
infrastrutturali e attivit socio culturali identificato, la documentazione comprovante tale
F. Risultati e impatto attesi: descrivere i risultati che si intende condizione.
raggiungere attraverso il progetto, fornendo indicatori
qualitativi e quantitativi volti a valutare limpatto nel breve Allegati non obbligatori al momento della presentazione
e medio termine rispetto agli obiettivi proposti. della proposta:
G. Budget: identificare i costi in conformit con le tipologie A. dichiarazione di conformit dei lavori proposti con gli
di spesa ammissibili di cui al punto 2.3.3 del presente Bando; strumenti di pianificazione urbanistica vigenti o adottati,
quantificare eventuali co-finanziamenti. nonch con i regolamenti edilizi e limpegno a non
consumare suolo;
2.4.2 Al form per la partecipazione al Bando da compilare on-line B. per i lavori costituiti da lotti funzionali, apposita relazione
DOCUMENTAZIONE dovranno essere allegati, pena linammissibilit, in formato PDF, tecnica che dimostra come essi sono autonomamente
OBBLIGATORIA i seguenti documenti: fruibili;
DA ALLEGARE A. domanda di partecipazione sottoscritta dal capofila; C. qualora i progetti comportino interventi su strutture o aree
B. statuto vigente, atto costitutivo o regolamento dellente sui cui permangono tutela e vincoli ai sensi delle parti II
capofila e degli eventuali soggetti componenti la rete di e III del Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio di cui
partenariato, eccezion fatta per i Comuni; al decreto legislativo 22 gennaio 2004 n. 42, o di natura
C. copia di un documento di riconoscimento in corso di validit paesaggistica e ambientale, dovranno essere trasmesse
del legale rappresentante dellente capofila e degli eventuali a corredo del progetto le necessarie autorizzazioni o
soggetti partner; dichiarazioni in merito alla compatibilit degli interventi
D. accordo di partenariato sottoscritto da tutti i soggetti rilasciate dalle amministrazioni competenti in materia;
partecipanti; Sono da considerarsi esclusi dalla selezione i progetti non
E. eventuale accordo di co-finanziamento da parte di soggetti presentati entro il termine previsto, quelli presentati in forma
esterni al partenariato; parziale o comunque in contrasto con una qualsiasi regola
F. delibera di Giunta, ovvero dellOrgano Amministrativo del presente Bando, quelli privi della documentazione richiesta.
equivalente dellente pubblico territoriale contenente Ogni dichiarazione falsa o incompleta implica lesclusione
lapprovazione della domanda di partecipazione al presente immediata del proponente e quindi del progetto proposto
Bando con tutti i suoi allegati, eventuale impegno al dal Bando.
cofinanziamento e la garanzia della copertura della quota
di cofinanziamento eventualmente messa a disposizione dai
partner in caso di inadempienza degli stessi;
spazi attivi bando percorsi di rigenerazione urbana del territorio linee guida 16 17

2.5 CRITERI I progetti pervenuti dovranno rispettare i seguenti requisiti


DI VALUTAZIONE formali: CRITERIO DESCRIZIONE
A. rispetto dei termini di scadenza del Bando per linoltro
della domanda; Rilevanza e qualit qualit dei luoghi e degli spazi
B. completezza dei contenuti richiesti e regolarit del progetto sul
della documentazione prodotta; qualit e coerenza interna degli interventi
piano architettonico-
C. sussistenza dei requisiti formali e delle condizioni e dei lavori previsti
urbanistico
di partecipazione. tempestiva esecutivit degli interventi

I progetti che avranno superato la verifica formale saranno innovativit del progetto architettonico
valutati in ununica fase e in base ai criteri espressi in tabella. e urbanistico, qualit sul piano ecologico
Saranno, inoltre, particolarmente premiate le proposte e ambientale
che prevedano partenariati allargati, formati da una pluralit capacit di innescare un processo
di soggetti, al fine di favorire la costruzione e il consolidamento di rivitalizzazione anche economica del contesto
di partenariati efficaci e sostenibili nel tempo. urbano di riferimento

Valore e impatto carattere innovativo del progetto e dei suoi


culturale e sociale contenuti

significativit della proposta di valore culturale


per i cittadini e per la comunit

capacit di rispondere a bisogni socio culturali


manifesti del territorio

capacit di accogliere e sviluppare progettualit


durature e articolate capaci a loro volta di
produrre esiti e impatti sociali e culturali

utilit oggettiva del progetto al sistema


culturale del territorio

capacit di promuovere inclusione, coesione


sociale, integrazione culturale e multiculturale

capacit di favorire laccesso alla cultura


da parte del maggior numero di persone,
coinvolgere nuovi pubblici, agevolare
laccessibilit di soggetti deboli o categorie
svantaggiate

capacit di innestare processi dinnovazione


sociale
spazi attivi bando percorsi di rigenerazione urbana del territorio linee guida 18 19

2.5.1 La valutazione dei progetti, sulla base dei criteri sopradescritti,


CRITERIO DESCRIZIONE COMMISSIONE verr effettuata da una Commissione Valutatrice formata da
VALUTATRICE esperti nelle diverse aree di valutazione e da componenti del
Qualit del progetto capacit di pensare modelli ibridi in cui CdA della Fondazione CR Firenze.
sul piano della futura la sostenibilit si combina con la produzione La Commissione Valutatrice, fermo restando il principio
gestione e sostenibilit di impatti sociali e culturali dimostrabili della qualit complessiva del progetto presentato, stabilir per
ogni criterio i relativi punteggi, controller lammissibilit alla
capacit del progetto di mantenersi attivo selezione previo possesso dei requisiti formali e completezza
ed efficiente sviluppandosi nel medio-lungo della documentazione inviata, esaminer i progetti presentati
periodo ammissibili, rediger la graduatoria finale dei progetti
validit del modello gestionale e organizzativo selezionati per il finanziamento.
Lassegnazione dei contributi sar deliberata a insindacabile
capacit di attivare sinergie tra finanziamenti giudizio del Consiglio dAmministrazione della Fondazione
pubblici e privati previa acquisizione dei lavori della Commissione Valutatrice.
capacit di operare con logiche sistemiche
e di attivare networking, anche su temi di
co-progettazione e coinvolgimento dei cittadini
2.6 MODALIT DI Ogni tipo di comunicazione relativa al Bando sar pubblicata
COMUNICAZIONE sul sito del Bando www.fondazionecrfirenze.it nella sezione
Fattibilit economica credibilit e realizzabilit delliniziativa, presenza DEGLI ESITI Bandi Tematici.
e finanziaria di co-finanziamenti di varia natura DEL BANDO Lesito della valutazione e la graduatoria finale verranno
del progetto comunicati entro il 15 dicembre 2017 sul sito e sui social
network di Fondazione CR Firenze, oltre che tramite lettera
Efficacia solidit e credibilit del proponente, da solo in formato elettronico inviata a tutti i soggetti partecipanti
e competenze o in qualit di capofila di un partenariato al Bando.
del partenariato
coerenza delle competenze messe in campo
proposto
capacit di coinvolgere professionalit utili
alla realizzazione di un progetto strutturato 2.7 MODALIT Le modalit di erogazione saranno oggetto di uno specifico
e sostenibile nel tempo DI EROGAZIONE accordo tra Fondazione CR Firenze e i soggetti capofila
DEL CONTRIBUTO selezionati, denominato Convenzione dove verranno
ECONOMICO E esplicitate anche le regole di rendicontazione delle spese.
RENDICONTAZIONE
Lerogazione del contributo in favore dei beneficiari sar
disposta secondo le modalit che seguono:
A. 20% del contributo ad avvenuta sottoscrizione delle
Convenzione con Fondazione CR Firenze, previa
Ai fini della valutazione, verranno considerate la rilevanza e presentazione di una dichiarazione attestante lavvio delle
lincidenza di quanto messo a disposizione dal Bando, in termini attivit a firma del legale rappresentante dellente capofila
economici, per leffettiva realizzazione del progetto presentato. o del responsabile del progetto indicato in Convenzione;
La presentazione della domanda di partecipazione B. 50% ad avvenuta presentazione di una relazione descrittiva
al Bando implica laccettazione incondizionata delle condizioni delle attivit svolte nel primo semestre (o anno) di attivit e
e modalit in esso indicate e delle decisioni della Commissione della rendicontazione delle spese sostenute;
Valutatrice. C. 30% ad avvenuta presentazione della relazione finale sulle
attivit svolte e del rendiconto analitico e riepilogativo
di tutte le spese sostenute.
spazi attivi bando percorsi di rigenerazione urbana del territorio linee guida 20 21

2.8 MANLEVA Ciascun progetto presentato non deve violare alcuna norma C. mancata implementazione del progetto o di sue parti
E RESPONSABILIT a tutela del diritto dautore o di altri diritti di terzi ed da rilevanti;
ritenersi originale. D. rilascio di dati, notizie o dichiarazioni false o reticenti.
A tale riguardo, ogni soggetto proponente dovr dichiarare Fondazione CR Firenze si riserva di utilizzare i contributi
espressamente per s e per i suoi aventi causa di manlevare inutilizzati derivanti da rinunce o revoche assegnandoli
integralmente Fondazione CR Firenze da qualsivoglia a progetti presenti in graduatoria e non finanziati.
rivendicazione da parte di terzi.
Fondazione CR Firenze si ritiene indenne da ogni
responsabilit e controversia, di qualunque genere e tipologia,
connessa ai progetti presentati ed eventualmente finanziati 2.10 OBBLIGHI I soggetti destinatari del finanziamento sono tenuti a:
dal Bando e dallesito della loro effettiva realizzazione. In DEI BENEFICIARI, A. realizzare puntualmente le attivit e gli interventi secondo
particolare, per ogni progetto finanziato dal Bando, i soggetti monitoraggio le specifiche stabilite in Convenzione e nel Progetto
richiedenti si assumono a loro volta ogni responsabilit legata DEI RISULTATI E presentato, secondo il cronoprogramma proposto e nel
al pieno rispetto di tutte le norme e gli adempimenti connessi DISSEMINAZIONE rispetto delle normative vigenti, garantendo leventuale
alleffettuazione dei lavori, alle prestazioni lavorative, alla tutela 2.10.1 OBBLIGHI copertura e la spesa della quota di co-finanziamento
e sicurezza dei lavoratori, allapplicazione delle prescrizioni eventualmente indicata in sede di domanda;
del Nuovo Codice degli Appalti e delle direttive ANAC per B. partecipare ad eventuali incontri convocati da Fondazione
interventi soggetti a evidenza pubblica. CR Firenze;
Con la presentazione del progetto ogni soggetto richiedente C. dare tempestiva comunicazione di qualsivoglia evento
dichiara di far proprio il Codice Etico di Fondazione CR Firenze, di che possa incidere sul normale andamento del progetto;
rispettarlo e farlo rispettare ai terzi (il documento disponibile sul D. dare tempestiva comunicazione e relativa motivazione
sito della Fondazione alla pagina http://www.fondazionecrfirenze. per richiedere eventuali modifiche al progetto approvato,
it/wp-content/uploads/Codice_Etico.pdf ). considerando che eventuali variazioni sono da concordare
Ogni soggetto richiedente concede liberatoria a Fondazione con Fondazione CR Firenze.
CR Firenze per la eventuale pubblicazione su siti web o
altri strumenti di sintesi o estratti del proprio progetto a fini 2.10.2 I soggetti destinatari del finanziamento sono tenuti a facilitare
promozionali e di divulgazione del Bando. MONITORAGGIO lattivit di monitoraggio e di vigilanza da parte di Fondazione
DEI PROGETTI CR Firenze garantendo laccesso a documenti, informazioni
SOSTENUTI e luoghi, fornire documenti o informazioni necessari al migliore
espletamento delle attivit di verifica, etc..
2.9 RINUNCE La rinuncia da parte di un soggetto responsabile di un progetto
E REVOCHE selezionato dovr essere motivata e comunicata nel pi 2.10.3 I responsabili dei progetti selezionati si impegnano a segnalare
breve tempo possibile tramite posta elettronica con espressa DISSEMINAZIONE nei propri materiali di comunicazione off e on-line il supporto
dichiarazione sottoscritta dal legale rappresentante dellente DEI RISULTATI fornito dal presente Bando promosso dalla Fondazione CR
capofila. Tale comunicazione dovr pervenire in forma cartacea Firenze tramite dizione concordata e apposizione del logotipo
alla Fondazione CR Firenze e potr essere anticipata a mezzo della Fondazione.
posta elettronica.
La revoca di un contributo assegnato a uno dei progetti
selezionati potr esser disposta da Fondazione CR Firenze
in presenza di:
A. accertate violazioni al regolamento del Bando;
B. tardivo avanzamento del progetto rispetto al
cronoprogramma dichiarato, privo di motivazioni oggettive
o conseguente a responsabilit del titolare
del finanziamento;
spazi attivi bando percorsi di rigenerazione urbana del territorio fasi del bando e timeline 22 23

Fase III: Avvio e termine dei progetti


I progetti finanziati dal Bando potranno essere avviati

3.
anche antecedentemente alla data di stipula della Convenzione,
ma non prima del 1 gennaio 2017 e dovranno concludersi
entro il 30 giugno 2019.

fasi
del bando 3.2 TIMELINE

e timeline
4 settembre 10 novembre entro il 15 dicembre
2017 2017 2017
Pubblicazione Chiusura presentazione Comunicazione diretta
on line del Bando delle domande e pubblicazione dellelenco
e dei documenti (le domande presentate dei progetti ammessi
per la procedura dopo questa data NON a finanziamento sul sito
di partecipazione verranno ritenute valide) www.fondazionecrfirenze.it

3.1 Fasi Fase I: Apertura e scadenza del Bando


del bando Il Bando verr pubblicato on-line sul sito
www.fondazionecrfirenze.it nella sezione Bandi Tematici e aperto
ai soggetti interessati dalle ore 14.00 del 4 settembre 2017.
La Call del Bando scadr alle ore 23.00 del 10 novembre
2017, salvo proroghe che saranno comunicate tempestivamente
attraverso il sito internet www.fondazionecrfirenze.it.

Fase II: Pubblicazione elenco dei vincitori del Bando


Entro il 15 dicembre 2017 lesito della valutazione sar
pubblicato sul sito internet www.fondazionecrfirenze.it
nella sezione Bandi Tematici e comunicato a mezzo lettera
in formato elettronico a tutti i soggetti proponenti.
4. PRIVACY
E TRATTAMENTO
DATI

La Fondazione CR Firenze garantisce che


il trattamento dei dati, siano essi acquisiti
via posta elettronica, moduli elettronici
o con altra modalit, conforme a quanto
previsto dalla normativa in materia di
protezione dei dati personali. Si veda al
riguardo http://www. garanteprivacy.it/.

5.
Titolare del trattamento dei dati
Fondazione Cassa di Risparmio
di Firenze: Via Maurizio Bufalini, 6 50121
Firenze.

INFORMAZIONI
E CONTATTI

Per informazioni sul Bando e sulle


modalit di partecipazione possibile
consultare il sito allindirizzo
www.fondazionecrfirenze.it; oppure
contattare Fondazione CR Firenze al
numero 055 5384 011 (marted, mercoled
e gioved) dalle ore 9.00 alle ore 13.00 e
dalle ore 15.00 alle ore 17.00 o allindirizzo
mail spaziattivi@fondazionecrfirenze.it
specificando nelloggetto Bando SPAZI
ATTIVI.