Sei sulla pagina 1di 2

L'invidia, la gelosia e l'amore di Dio

Pagina 3 di 6 INDICE ARTICOLO


L'invidia, la gelosia e l'amore di Dio
Agap ou zeloi l'amore non si ingelosisce, scrive letteralmente Pagina 2
Paolo. Molte traduzioni preferiscono rendere con non invidia:
Pagina 3
forse per evitare il problema di far conciliare questa
Pagina 4
affermazione con quella fatta dal Signore a Mos: Tu non
Pagina 5
adorerai altro dio, perch il Signore, che si chiama il Geloso,
Pagina 6
un Dio geloso. (Esodo, 34:14). (D'altra parte, citando la
versione dei Settanta, Giacomo nella sua lettera (4:5) rammenta che la Scrittura dice di Dio che Egli ci
brama fino all'invidia: pros phthonon, che la nostra traduzione rende infatti con fino alla gelosia.)

Il fatto che nella parola di Dio la questione non mai una questione di soli termini, ma sempre di
sostanza. Non conta tanto il sentimento in s o come lo chiamiamo, quanto piuttosto verso cosa o meglio
verso chi orientiamo il nostro cuore. Dice infatti l'apostolo Paolo: Noi () abbiamo ricevuto () lo Spirito
che viene da Dio, per conoscere le cose che Dio ci ha donate; e noi ne parliamo non con parole insegnate
dalla sapienza umana, ma insegnate dallo Spirito, adattando parole spirituali a cose spirituali. (1 Corinzi,
2:12-13).

Scopo della parola di Dio farci conoscere il suo amore spirituale: il desiderio dello Spirito, che, come
dice Paolo, opposto a quello della carne, perch la carne ha desideri contrari allo Spirito e lo Spirito ha
desideri contrari alla carne; sono cose opposte tra di loro; in modo che non potete fare quello che
vorreste. (Galati, 5:17).

E questo appunto il senso della gelosia di Dio. Ges ha detto ai suoi discepoli Nessuno pu servire due
padroni; perch o odier l'uno e amer l'altro, o avr riguardo per l'uno e disprezzo per l'altro. Voi non
potete servire Dio e Mammona. (Matteo, 6:24). Mammon la traslitterazione di una parola aramaica
che significa mucchio, ricchezza, gruzzolo.

Se cerchiamo le ricchezze non possiamo trovare l'amore di Dio. D'altra parte, se non cerchiamo l'amore
di Dio, finiremo comunque per cercare le ricchezze.

La fornicazione e l'idolatria (strettamente ed esplicitamente connesse lungo tutti i libri della Bibbia)
diventano cio inevitabili. verso questo amore idolatra e interessato che si accende la gelosia
dell'amore di Dio. La gelosia di chi teme che l'amato sia preso dall'amore della carne e non possa pi
seguire quello puro dello spirito.

La gelosia di Dio la gelosia dello Spirito di purezza verso l'amore interessato per gli idoli e le loro false
promesse di abbondanza e di felicit.

La gelosia di Dio non per da confondersi con quella della carne, n deve darle autorit. Come scriveva
Paolo ai Corinzi (13:4-5), l'amore spirituale non n geloso, n sospettoso. La gelosia di Dio la gelosia
di chi ci ama di un amore vero. Come quello del buon pastore che vuole proteggere la vita delle sue
pecore e che a questo scopo mette a repentaglio la sua stessa vita.

Questa gelosia pu anche essere quella dello sposo. Non per niente in ebraico le parole per pastore e per
coniuge si scrivono con le stesse lettere. Ma l'amore fiducia e non sospetto. La gelosia pu
effettivamente corrodere la struttura stessa (le ossa) di un matrimonio. Per questo il Signore aveva
previsto una cura per eliminare i sospetti del marito. Una procedura che permetteva al sacerdote di
rivelare l'infedelt di una donna, se colpevole, o di fugare interamente i dubbi del marito, se la moglie
era innocente: una legge relativa alla gelosia per il caso in cui la moglie di uno si svii ricevendo un altro
invece di suo marito e si contamini, per il caso in cui lo spirito di gelosia s'impossessi del marito e questi
diventi geloso della moglie (Numeri, 5:29-30).
L'amore di cui ci parla la parola di Dio, al contrario dell'amore naturale, non n sospettoso n
possessivo, perch dona sempre, perfino la vita; si misura, anzi, in base a quello che porta a donare.
Difatti, Ges ha detto che nessuno ha amore pi grande di quello di dar la sua vita per i suoi amici.
(Giovanni, 15:13).

Questo l'amore di Dio per il suo popolo e questo, secondo la parola di Dio, deve anche essere l'amore
del marito verso la moglie. Dice infatti sempre l'apostolo Paolo: Mariti, amate le vostre mogli, come
anche Cristo ha amato la chiesa e ha dato s stesso per lei (Efesini, 5:22).

Dio ha tanto amato il mondo, la sua creazione, da dare la sua Parola, il suo unico Figlio, perch
potessimo essere salvati (Giovanni, 3:36). Ma l'uomo da solo non in grado di ricambiare questo amore.
Perch pensiamo che il nostro bene ci venga dalle cose che ci piacciono e non riusciamo a intendere che
ogni cosa buona e ogni dono perfetto vengono dall'alto e discendono dal Padre degli astri luminosi
(Giacomo, 1:17). Nel libro del profeta Osea scritto di Israele, raffigurato come una donna infedele si
prostituita; () ha fatto cose vergognose, poich ha detto: "Seguir i miei amanti, che mi danno il mio
pane, la mia acqua, la mia lana, il mio lino, il mio olio e le mie bevande" () Lei non si resa conto che
ero io che le davo il grano, il vino, l'olio; io le prodigavo l'argento e l'oro, che essi hanno usato per Baal!
(Osea, 2:5 e 8).