Sei sulla pagina 1di 4

28 La Vigna

P U B B L I C A Z I O N E T R I M E S T R A L E
D E L L A B I B L I O T E C A I N T E R N A Z I O N A L E
L A V I G N A

2 0 1 5 / A N N O 8 / N U M E R O 2 8
LA VIGNA NEWS
Anno 8, n 28 - Vicenza 15 marzo 2015

Editrice
Centro di Cultura e Civilt Contadina
Biblioteca Internazionale La Vigna
Contr Porta S. Croce, 3 - 36100 Vicenza
tel. +39 0444 543000 - fax +39 0444 321167
Direttore responsabile
Mario Bagnara
Redazione
Alessia Scarparolo > alessia.scarparolo@lavigna.it
Coordinamento
Attilio Carta
Segretaria di produzione > segreteria@lavigna.it
Rita Natoli
Bibliotecaria > biblio@lavigna.it
Cecilia Magnabosco
Segretario Generale
Massimo Carta

Progetto grafico e impaginazione


Paolo Pasetto, Vicenza

Registrazione Tribunale di Vicenza n. 1170 del 3 marzo 2008 L A V I G N A N E W S 2


A T T I V I T

Prosecco e Pucino: storia di vescovi e castelli


di Fulvio Colombo

al tempo di Federigo padre di Massimiliano, suoi


ambasciadori capitarono a Trieste, et simbarcarono per
andar a Vinegia. In quella barca entr anche esso, no-
minato Pietro Buonohuomo, povero giovine ma studio-
so di lettere, et haveva seco Plinio.

Cos nel 1519 il padovano Girolamo Muzio descri-


veva gli inizi delle fortune politiche del vescovo Pietro
Il castello di Prosecco in un disegno del 1560 Bonomo, divenuto a seguito del fortuito incontro di
quarantanni prima una delle figure pi influenti della
corte austriaca. Gli ambasciatori di Federico III, che si
recavano a Venezia alla ricerca di giovani letterati da
impiegare per la stesura di documenti in latino nella
cancelleria imperiale, rimasero colpiti a tal punto dalla
preparazione del giovane triestino, che lo convinsero ad
abbandonare gli studi a Padova per assumere il nuovo
incarico.
Laneddoto, per quanto possa sembrare strano in
questo contesto, pertinente alla nostra storia per
quellultimo accenno, quell haveva seco Plinio,
allapparenza insignificante, ma non ricordato a caso a
distanza di tanti anni perch documentava la familiarit
che Pietro aveva con la Naturalis Historia di cui andava
evidentemente fiero.
Prosecco. Ampelografia Italiana, Torino 1887 La presenza, infatti, nellopera di Plinio dei passi in
cui si descrivono le qualit del vino prediletto da Livia,
la moglie di Augusto e soprattutto lubicazione preci-
sa di quelle vigne, non era certo passata inosservata al
triestino e sugger forse gi in quegli anni al Bonomo
la possibilit che luso intelligente dei classici potesse
trasformarsi anche in unopportunit economica.
Il pretesto? Lesistenza a Trieste, in posizione geografi-
ca compatibile con le citazioni pliniane, di una struttura
fortificata posta in unarea completamente ricoperta da
vigneti sino al mare: il castello di Prosecco. Quel forti-
lizio diviene quindi per Pietro lerede naturale del ca-
stellum nobile vino Pucinum, perch costruito sulle
sue fondamenta e il vino prodotto nelle vigne prossime
alle sue mura (comprese quelle della sua famiglia), la
ribolla, per naturale conseguenza il Pucino dellanti-
chit, con tutte le propriet medicinali dellantico che
consentirono allimperatrice di raggiungere la veneran-

L A V I G N A N E W S 54
A T T I V I T

da et per lepoca di ottantasei anni. to, con un cambio di denominazione del prodotto. La
La riscoperta come si pu ben capire non fu disinte- scelta era obbligata, poich la localit che possedeva
ressata e produsse effetti che forse andarono al di l di caratteristiche tali da garantire una continuit storico-
quelli sperati poich ancora oggi ritroviamo quel nome, documentaria o storico-mitologica con il Pucino era una
Prosecco, sulletichetta di uno dei vini pi famosi al sola: Prosecco. Naturalmente non il piccolo abitato in
mondo. cui invano, allora come oggi si sarebbe potuto ravvisare
Pietro, divenuto nel frattempo segretario di Federico traccia di vigneti, ma il castello con la sua storia, vera o
III e poi consigliere di Massimiliano I, fa conoscere il presunta e i riferimenti classici, le citazioni erudite.
proprio vino a Corte e lo cita nelle sue composizioni piuttosto sorprendente rilevare che la prima cita-
poetiche, creando in questo modo un saldo legame, zione conosciuta del cambio univoco di denominazione
nellambiente colto dellepoca, tra i riferimenti di Plinio sia dovuta al gentiluomo inglese Fynes Moryson, che
e il prodotto enologico triestino. visitando il nord Italia nel 1593 cos descriveva la sua
Il Pucino, associato al castello di Prosecco, entra parte orientale: Histria is devided into Forum Julii, and
cos in cartografia e di conseguenza quale sinonimo Histria, properly so called (...). Here growes the wine
nei commenti cinquecenteschi alla Naturalis Historia Pucinum, now called Prosecho, much celebrated by
e comincia a essere esaltato, sulla scorta dei giudizi Pliny, collocando in un passo successivo addirittura il
dellantichit, anche per le sue propriet salutistiche. La Prosecco tra i vini famosi dItalia These are the most
pubblicit di queste doti trova la sua definitiva consa- famous Wines of Italy. La lagrima di Christo, (the teare
crazione nei Discorsi sul De materia Medica di Diosco- of Christ) and like wines neere Cinqueterre in Liguria:
ride del senese Pier Andrea Mattioli, opera divenuta in La vernaza, and the white Muskadine, especially that of
breve tempo un vero e proprio best-seller per la classe Montefiaschoni in Toscany: Cecubum and Falernum in
medica del tempo, viste le numerose ristampe e tradu- the Kingdome of Naples, and Prosecho in Histria.
zioni. Nel testo si esaltavano le propriet medicinali del Il vino trovava in questo modo, nel corso del Cinque-
vino che il Mattioli speriment con successo sulla pro- cento, la sua denominazione definitiva con due brillanti
pria persona, gli effetti sulla longevit di chi ne facesse operazioni di marketing nelle quali il richiamo al Pucino,
uso e le caratteristiche esteriori piuttosto lusinghiere: al famoso vino dellantichit, era costante e vincente.
sottile, chiaro, lucido, proprio di color doro, odorifero, et Senza quelle citazioni il vino attuale, il Prosecco, non
al gusto gratissimo. esisterebbe o avrebbe forse un altro nome.

Come spesso accade per leccessiva pubblicit


destinata inevitabilmente a produrre anche effetti col-
laterali, ed incredibile scoprire come le situazioni si - F. Colombo, Prosecco. Patrimonio del Nordest, Trieste
ripetano nel corso dei secoli a definire problematiche 2014.
uguali, anche se dai contorni diversi. I triestini non - F. Di Brazzano, Pietro Bonomo (1458-1546), diploma-
erano infatti i soli a commercializzare la ribolla ora tico, umanista e vescovo di Trieste: la vita e lopera lette-
Pucino (prodotta anche nel goriziano e a costi inferiori raria, Trieste 2005.
in Istria), vino che beneficiava ora senza distinzione di - Il Dioscoride delleccellente dottor medico M.P. And.
provenienza di quella straordinaria promozione e che, Matthioli da Siena; con li suoi discorsi da esso per la terza
particolare non trascurabile, era destinato agli stessi uolta illustrati, et copiosamente ampliati, Vinegia 1551.
identici mercati: Austria, Germania, Carniola (lattuale - F. Moryson, An Itinerary. Written by Fynes Moryson
Slovenia), Friuli e Venezia. Gent. First in the Latine Tongue, and then traslated by
Lunica soluzione possibile per risolvere a proprio him into english, London 1617.
vantaggio la questione era di insistere, allora come - C. Plinii Secundi, Naturalis historiae libri trigintaseptem,
oggi, su una precisa caratterizzazione geografica che a Paulo Manutio multis in locis emendati. Castigationes
doveva necessariamente coincidere, nel Cinquecen- Sigismundi Gelenij. Index plenissimus, Venetiis 1559.

L A V I G N A N E W S 55

Potrebbero piacerti anche