Sei sulla pagina 1di 160

Volume 1

Energia
Quantit di moto
Entropia

Traduzione italiana - settembre 2006

Repubblica e Cantone Ticino


Dipartimento dell'educazione, della cultura e dello sport
Divisione della scuola / Centro didattico cantonale

Eduard-Job-Stiftung
fr Thermo- und Stoffdynamik
D - Ahrensburg
Titolo originale dell'opera:

F. Herrmann
Der Karlsruher Physikkurs
Ein Lehrbuch fr den Unterricht der Sekundarstufe I
Volume 1

Edizione italiana: settembre 2006

Redazione: Karen Haas, Prof. Friedrich Herrmann, Dr. Matthias Laukenmann,


Dr. Lorenzo Mingirulli, Dr. Petra Morawietz, Dr. Peter Schmlzle

Traduzione: Paolo Pianezzi

Disegni : F. Herrmann

www.physikdidaktik.uni-karlsruhe.de
www.scuoladecs.ti.ch
Indice
ENERGIA
1. Energia e portatori di energia ...............................................................................................9

1.1 L'energia .............................................................................................................................9


1.2 Sorgenti di energia e ricevitori di energia ........................................................................10
1.3 Trasferitori di energia .......................................................................................................12
1.4 L'intensit della corrente di energia ..................................................................................13

CORRENTI
2. Correnti di liquidi e gas .......................................................................................................17

2.1 La pressione ......................................................................................................................17


2.2 Pressione atmosferica, sovrapressione, vuoto ..................................................................17
2.3 La differenza di pressione come spinta di una corrente di liquidi o di gas .....................18
2.4 Le pompe ..........................................................................................................................19
2.5 L'intensit della corrente ...................................................................................................19
2.6 Intensit di corrente e spinta .............................................................................................20
2.7 Intensit di corrente e resistenza .......................................................................................21
2.8 Trasmissione idraulica di energia .....................................................................................22

QUANTIT DI MOTO
3. Quantit di moto e correnti di quantit di moto ...............................................................25

3.1 Grandezze fisiche .............................................................................................................25


3.2 Quantit di moto e velocit ...............................................................................................26
3.3 Pompe di quantit di moto ................................................................................................30
3.4 Conduttori e non conduttori di quantit di moto ..............................................................31
3.5 Propulsori e freni ..............................................................................................................33
3.6 Equilibri dinamici .............................................................................................................35
3.7 La direzione delle correnti di quantit di moto ................................................................35
3.8 Compressione e trazione ...................................................................................................36
3.9 Circuiti di quantit di moto ...............................................................................................37
3.10 L'intensit della corrente di quantit di moto ...................................................................39
3.11 La forza .............................................................................................................................40
3.12 Misurazione dell'intensit della corrente di quantit di moto ...........................................41
3.13 Le correnti di quantit di moto possono distruggere ........................................................43
3.14 La velocit ........................................................................................................................44
3.15 La relazione tra quantit di moto, massa e velocit ..........................................................45
3.16 Unit SI .............................................................................................................................48
4

4. Il campo gravitazionale ........................................................................................................49

4.1 Il moto verticale ................................................................................................................49


4.2 L'attrazione terrestre - il campo gravitazionale ................................................................49
4.3 Da cosa dipende l'attrazione terrestre ...............................................................................50
4.4 La caduta libera ................................................................................................................51
4.5 La caduta con attrito .........................................................................................................52
4.6 L'assenza di peso ..............................................................................................................54
4.7 La densit delle sostanze ..................................................................................................56
4.8 Quando un corpo galleggia e quando affonda ..................................................................57
4.9 La relazione tra pressione e altezza nei liquidi e nei gas ..................................................58

5. Quantit di moto e energia ..................................................................................................59

5.1 La quantit di moto come portatore di energia .................................................................59


5.2 Contenitori meccanici di energia ......................................................................................61
5.3 I percorsi tortuosi dell'energia e della quantit di moto ...................................................63

6. La quantit di moto come vettore .......................................................................................65

6.1 I vettori .............................................................................................................................65


6.2 La direzione della corrente e la direzione di ci che scorre .............................................66
6.3 L'addizione di vettori ........................................................................................................69
6.4 Satelliti, Luna e pianeti .....................................................................................................71
6.5 Ruote .................................................................................................................................72
6.6 Corde ................................................................................................................................74
6.7 La regola dei nodi per le correnti di quantit di moto ......................................................75

7. Momento meccanico e baricentro .......................................................................................77

7.1 Carrucole e paranchi .........................................................................................................77


7.2 Il bilancio energetico per il paranco .................................................................................80
7.3 La legge della leva ............................................................................................................81
7.4 Equilibrio ..........................................................................................................................85
7.5 Il baricentro ......................................................................................................................86
7.6 L'equilibrio stabile ............................................................................................................88
7.7 Baricentro e energia ..........................................................................................................89

8. Quantit di moto angolare e correnti di quantit di moto angolare ................................93

8.1 Quantit di moto angolare e velocit angolare .................................................................93


8.2 Pompe di quantit di moto angolare .................................................................................95
8.3 Il volano ............................................................................................................................96
8.4 Conduttori di quantit di moto angolare ...........................................................................97
8.5 Circuiti di quantit di moto angolare ................................................................................99
8.6 La quantit di moto angolare come portatore di energia ................................................100

9. Compressione e trazione ....................................................................................................101

9.1 La relazione tra pressione e intensit della corrente di quantit di moto .......................101
9.2 Tensione in tre direzioni .................................................................................................102
9.3 La pressione nei liquidi e nei gas ...................................................................................104
9.4 La densit ........................................................................................................................105
9.5 La pressione gravitazionale ............................................................................................105
5

9.6 Recipienti pi complessi .................................................................................................107


9.7 La spinta idrostatica ........................................................................................................108
9.8 Trazione nei gas e nei liquidi ..........................................................................................110
9.9 Trasporto idraulico di energia ........................................................................................112

ENTROPIA
10. Entropia e correnti di entropia .......................................................................................117

10.1 Entropia e temperatura ...................................................................................................117


10.2 La differenza di temperatura come spinta di una corrente di entropia ...........................118
10.3 La pompa di calore .........................................................................................................120
10.4 La temperatura assoluta ..................................................................................................121
10.5 Produzione di entropia ....................................................................................................122
10.6 L'intensit della corrente di entropia ..............................................................................124
10.7 La resistenza termica ......................................................................................................125
10.8 Trasporto di entropia per convezione .............................................................................127

11. Entropia e energia ............................................................................................................129

11.1 L'entropia come portatore di energia ..............................................................................129


11.2 La relazione tra corrente di energia e corrente di entropia .............................................130
11.3 Produzione di entropia per mezzo di correnti di entropia ..............................................131
11.4 I motori termici ...............................................................................................................133
11.5 Le sorgenti di entropia per i motori termici ....................................................................134
11.6 Le perdite di energia .......................................................................................................135
11.7 La relazione tra contenuto di entropia e temperatura .....................................................137
11.8 La relazione tra apporto di energia e variazione di temperatura ....................................138

12. Transizioni di fase ............................................................................................................141

12.1 Transizioni di fase ..........................................................................................................141


12.2 Bollire e evaporare .........................................................................................................142
12.3 Transizioni di fase in natura e nella tecnica ...................................................................143

13. I gas ....................................................................................................................................145

13.1 Gas e sostanze condensate ..............................................................................................145


13.2 Le propriet termiche dei gas .........................................................................................146
13.3 Il funzionamento dei motori termici ...............................................................................148
13.4 Perch l'aria pi in alto sopra la superficie terrestre pi fredda? .................................150
13.5 La convezione termica ....................................................................................................150

14. La luce ...............................................................................................................................153

14.1 Trasporto di entropia attraverso lo spazio privo d'aria ...................................................153


14.2 Tipi di luce ......................................................................................................................153
14.3 Trasporto di entropia e di energia con la luce ................................................................154
14.4 La temperatura della luce ...............................................................................................155
14.5 Bilancio entropico e bilancio energetico della Terra ......................................................155
14.6 L'effetto serra ..................................................................................................................156

Indice analitico ........................................................................................................................159


Energia
1. Energia e portatori di energia

1.1 L'energia
Le automobili vanno a benzina, le locomotive diesel viato in J. Grandi quantit di energia si misurano in
a gasolio, le locomotive elettriche a elettricit. Ogni chilojoule (kJ) o in megajoule (MJ):
veicolo ha bisogno di un carburante - ma non solo 1 kJ = 1000 J
ogni veicolo. Anche per andare a piedi o in bicicletta
ci vuole carburante: la persona che cammina o che 1 MJ = 1000 kJ.
pedala consuma del cibo. Tutti questi "carburanti"
hanno una cosa in comune: grazie a loro il veicolo, Come per le altre grandezze fisiche, anche per
rispettivamente la persona, riceve energia. L'ener- l'energia si usa un simbolo. Cos come la lunghezza
gia ci di cui si ha veramente bisogno per il tra- rappresentata con la lettera l e il tempo con la t,
sporto. l'energia abbreviata in E. Se la benzina contenuta
nel serbatoio di un'auto contiene un quantitativo di
L'energia ha a che fare con lo sforzo. Se trasciniamo energia di 800 megajoule, allora possiamo scrivere:
una macchina, facciamo uno sforzo. Per farlo abbia-
mo bisogno di energia. Mentre tiriamo, spediamo E = 800 MJ.
energia nella macchina. Non confondere il simbolo E dell'energia con il
Per muovere qualcosa ci vuole energia. simbolo J della sua unit di misura.

Ma non solo per muoversi ci vuole energia. Molti Di un combustibile possiamo dire che un kg contie-
altri processi accadono solamente se c' un apporto ne tot joule, tabella 1.1. Il contenuto energetico di un
continuo di energia. alimento spesso stampato sulla confezione. Una
batteria piatta carica contiene circa 10 kJ, una batte-
Per riscaldare ci vuole sempre un qualche combusti- ria d'auto carica circa 2000 kJ - pi o meno come una
bile: legna, carbone, gas naturale, olio combustibile tavoletta di cioccolato. La locomotiva di un treno
o elettricit. Anche qui ci che conta l'energia che merci ha bisogno di circa 10 000 MJ all'ora, un
viene fornita con il "combustibile". orologio da polso digitale 0,1 J.
Per riscaldare ci vuole energia. Per misurare l'energia si ricorre a procedimenti di-
versi a seconda del portatore coinvolto. Per determi-
Chiamiamo portatori di energia quei carburanti o nare il consumo energetico di un'auto si deve
combustibili grazie ai quali l'energia arriva al moto- solamente misurare il quantitativo di benzina con-
re o alla stufa. Legna, carbone, benzina, gasolio, gas sumata (in kg) e moltiplicarlo con il corrispondente
naturale e elettricit sono dei portatori di energia. valore indicato nella Tab. 1.1. L'energia che giunge
Dipende solo dall'energia se possiamo muovere o elettricamente in una casa misurata dal cosiddetto
riscaldare qualcosa. Che portatore utilizziamo contatore elettrico.
spesso secondario. Ma allora non si potrebbe par-
lare di energia senza introdurre il portatore? Forse
sarebbe pi comodo ma purtroppo non si pu, in
quanto non c' energia senza portatore.
Tabella 1.1. Contenuto energetico di alcuni combustibili
Carburanti, combustibili, alimenti e elettricit,
sono portatori di energia. Non c' energia senza
portatore. carbone fossile 30 000 kJ al kg
bricchetta 20 000 kJ al kg
L'energia una grandezza fisica. Cosa vuol dire?
Esattamente come a una lunghezza, un intervallo di legna fresca 8 000 kJ al kg
tempo o una temperatura, possiamo associarle un propano 46 000 kJ al kg
numero e, esattamente come lunghezza, tempo e
temperatura, anche l'energia ha la sua unit di mi- olio combustibile 42 000 kJ al kg
sura. L'unit di misura dell'energia il joule, abbre- benzina 43 000 kJ al kg
10

Calorifero

ENERGIA
caldaia calorifero

Pompa acqua calda


Caldaia

Fig. 1.1. L'energia va dalla caldaia al calorifero, con il Fig. 1.4. Diagramma di flusso dell'energia per la fig. 1.1
portatore "acqua calda".

Motore
ENERGIA
serbatoio motore

benzina
Serbatoio

Fig. 1.2. L'energia giunge al motore dal serbatoio, con il Fig. 1.5. Diagramma di flusso dell'energia per la fig. 1.2
portatore benzina.

centrale ENERGIA
lampadina
elettrica
elettricit

Fig. 1.3. L'energia arriva alla lampadina dalla centrale, con il Fig. 1.6. Diagramma di flusso dell'energia per la fig. 1.3
portatore elettricit

1.2 Sorgenti di energia e ricevitori di qual la sorgente e qual il ricevitore di energia. Se


si risale il percorso dell'energia partendo dal ricevi-
energia tore, si giunge alla sorgente. Se si parte dalla sorgen-
La fig. 1.1 mostra il dettaglio di un impianto di te e si segue il suo percorso fino alla fine, si giunge al
riscaldamento centrale. L'acqua calda viene pom- ricevitore.
pata nei tubi fino ai singoli caloriferi. In fig. 1.1 I processi rappresentati nelle figg. 1.1-1.3 hanno
rappresentato un solo calorifero. Chiamiamo la qualcosa in comune: in ogni situazione, l'energia,
caldaia sorgente di energia e il calorifero ricevitore con il suo portatore, fluisce da una sorgente a un
di energia. Il motore dell'auto in fig. 1.2 riceve la sua ricevitore. Se non ci occupiamo dei dettagli, se vo-
energia dal serbatoio con la benzina come portatore. gliamo esprimere ci che gli apparecchi e gli im-
In questo caso la sorgente di energia il serbatoio, il pianti descritti hanno in comune, opportuno rap-
ricevitore di energia il motore. L'energia per la presentare in simboli i processi, come fatto nelle
lampadina in fig. 1.3, arriva da una centrale elettrica figg. 1.4-1.6. Le sorgenti e i ricevitori di energia
con il portatore elettricit. La centrale elettrica la sono rappresentati come delle scatole. Le scatole
sorgente di energia, la lampadina il ricevitore di sono collegate da frecce spesse per l'energia e da
energia. frecce sottili per i portatori di energia. Chiamiamo
Quando da qualche parte fluisce energia (ovvia- queste illustrazioni simboliche diagrammi di flusso
mente sempre con un portatore) si pu sempre dire dell'energia.
11

ENERGIA
ENERGIA Sole Terra
caldaia calorifero
luce
acqua calda

martello
compres- ENERGIA pneuma-
sore tico
Fig. 1.7. Diagramma di flusso completo, per la fig. 1.1 aria
compressa

motore ENERGIA pompa


ENERGIA elettrico idraulica
serbatoio motore
quantit di
benzina moto angolare

gas di scarico
Fig. 1.10. Alcuni diagrammi di flusso dell'energia

Fig. 1.8. Diagramma di flusso completo, per la fig. 1.2 Il trasporto di energia descritto in fig. 1.8 diverso.
La benzina brucia nel motore e si trasforma in gas di
scarico. I gas di scarico ovviamente non sono ricon-
dotti al serbatoio. Escono dallo scappamento, ven-
gono "gettati via", come una bottiglia con il vetro a
perdere. Definiamo la benzina portatore di energia
del tipo "vuoto a perdere".
ENERGIA
centrale lampadina Questi due tipi di portatore di energia sono facil-
elettrica mente distinguibili. Visto che i portatori del tipo
"vuoto a rendere" circolano in un circuito chiuso, ci
elettricit sono sempre due condutture che collegano sorgente
e ricevitore. Nel caso dei portatori del tipo "vuoto a
perdere" per contro c' una sola conduttura.
L'elettricit deve essere un portatore del tipo "vuoto
Fig. 1.9. Diagramma di flusso completo, per la fig. 1.3 a rendere", visto che in un cavo elettrico ci sono due
fili, fig. 1.9.
Completiamo le figg. 1.4-1.6 con un'aggiunta. Il
portatore di energia giunge dalla sorgente al ricevi- A volte non facile decidere se si ha a che fare con
tore con l'energia. Dopo avere scaricato la sua ener- un portatore del tipo "vuoto a rendere" o del tipo
gia, solitamente lascia il ricevitore, come rappre- "vuoto a perdere".
sentato nelle figg. 1.7-1.9. Puoi notare che al porta- Un portatore di energia che non abbiamo ancora
tore di energia non succede sempre la stessa cosa citato la luce. Trasporta per esempio l'energia dal
dopo che ha lasciato il ricevitore. Sole alla Terra, fig. 1.10. Il ricevitore non ha
Nel caso del riscaldamento centrale viene riportato un'uscita per la luce. La luce di conseguenza un
alla sorgente. L'acqua giunge al calorifero attraver- portatore del tipo "vuoto a perdere". Maggiori
so la tubazione, cede energia al locale da riscaldare e dettagli pi avanti.
cos facendo si raffredda. Continua poi nella tuba- Esattamente come l'acqua calda che trasporta
zione, tornando alla caldaia per essere nuovamente energia dalla caldaia ai caloriferi, anche l'aria calda
riscaldata. L'acqua viene quindi riutilizzata. come trasporta energia. L'impianto di riscaldamento di
per una bevanda venduta in bottiglie con deposito. un'auto sfrutta questa possibilit.
Una volta vuota, la bottiglia torna alla fabbrica per
essere riempita di nuovo. Vogliamo quindi definire Un martello pneumatico per funzionare deve essere
l'acqua di un impianto di riscaldamento centrale collegato a un compressore. Riceve la sua energia
portatore d'energia del tipo "vuoto a rendere". dal compressore. In questo caso il portatore di ener-
gia, del tipo "vuoto a perdere", l'aria compressa.
12

Anche liquidi in pressione possono essere usati Allo stesso modo, nel motore di un'automobile l'e-
come portatori di energia: una turbina idraulica nergia viene trasferita dalla benzina alla quantit di
riceve la sua energia dall'acqua ad alta pressione. Il moto angolare e in una lampadina viene trasferita
cucchiaio e il braccio di una scavatrice ricevono la dall'elettricit alla luce. In fig. 1.11 sono rappresen-
loro energia dall'olio idraulico in pressione. tati simbolicamente alcuni trasferitori di energia e la
tabella 1.3 contiene una lista pi lunga di trasferitori
L'aria e l'acqua possono fare da portatore di energia di energia, con i rispettivi portatori in entrata e in
anche senza essere calde o in pressione. sufficien- uscita.
te che si muovano velocemente. Un mulino a vento
riceve energia con il portatore "aria in movimento". Per ogni apparecchio che trasferisce energia da un
portatore A a un portatore B, se ne pu trovare un
Quando un motore aziona una qualsiasi macchina, altro che fa esattamente l'opposto, cio che trasferi-
per esempio una pompa idraulica con un albero sce energia dal portatore B al portatore A. In un mo-
rotore, dal motore alla macchina fluisce energia. Il tore elettrico l'energia viene trasferita dal portatore
portatore grazie al quale l'albero trasmette energia, elettricit al portatore quantit di moto angolare, nel
si chiama quantit di moto angolare. La quantit di generatore passa dalla quantit di moto angolare
moto angolare un portatore del tipo "vuoto a ren- all'elettricit. C' lo stesso legame tra una lampadi-
dere": rifluisce dalla macchina al motore attraverso na e una cellula solare o una turbina idraulica e una
il supporto su cui entrambi sono montati. Anche su pompa idraulica.
questo avrai maggiori dettagli pi avanti.
Spesso l'energia viene trasferita da un portatore
Nella tabella 1.2 sono elencati nuovamente tutti all'altro pi volte di seguito. La fig. 1.12 mostra una
questi portatori di energia. lampadina alimentata da una centrale idroelettrica.
Se si attaccano due trasferitori di energia l'uno all'al-
Esercizi tro, il portatore che esce dal primo deve essere lo
stesso che entra nel secondo. La regola che permette
1. Cita tre diversi ricevitori di energia che sfruttano il portatore di concatenare i trasferitori di energia uguale alla
elettricit. regola del gioco del domino.
2. Cita tre diverse sorgenti di energia che cedono energia con
il portatore quantit di moto angolare.
3. Cita tre portatori di energia del tipo "vuoto a rendere" e tre
del tipo "vuoto a perdere".

ENERGIA ENERGIA
1.3 Trasferitori di energia caldaia
Alcune delle sorgenti di energia che abbiamo elen- olio da riscal-
cato sono fatte in modo da non svuotarsi mai: rice- damento
acqua calda
vono continuamente nuova energia - per con un
gas di scarico
altro portatore. Sono sorgenti di energia con un
portatore A e ricevitori di energia con un portatore
ENERGIA
B. Cos, la caldaia di un impianto di riscaldamento lampadina ENERGIA
centrale riceve energia con il portatore "olio combu-
stibile" e la cede con il portatore "acqua calda". Di-
luce
ciamo: nella caldaia l'energia viene trasferita dal elettricit
portatore "olio combustibile" al portatore "acqua
calda", la caldaia un trasferitore di energia.
ENERGIA ENERGIA
motore

Tabella 1.2. Portatori di energia benzina


quantit di
moto angolare
carburanti, combustibili, alimenti gas di scarico

elettricit
luce ENERGIA ENERGIA
dinamo
quantit di moto angolare
acqua calda, aria calda quantit di elettricit
moto angolare
acqua e aria in pressione
acqua in movimento, aria in movimento
Fig. 1.11. Trasferitori di energia
13

ENERGIA turbina ENERGIA ENERGIA ENERGIA


idraulica generatore lampadina
acqua sotto
pressione quantit di moto elettricit luce
angolare

Fig. 1.12. Trasporto di energia durante il quale l'energia viene trasferita tre volte

Esercizi 5. Perch un mulino a vento possa far funzionare una lampadina


ci vuole un apparecchio supplementare. Quale? Disegna il dia-
1. In fig. 1.13 mancano i nomi dei portatori di energia in
gramma di flusso.
entrata e in uscita dal trasferitore. Completa la figura.
6. L'apparecchio 1 carica energia dal portatore A al portatore
2. Completa la fig. 1.14 con i nomi dei trasferitori di energia.
B. L'apparecchio 2 fa esattamente il contrario, carica energia
3. Disegna una catena di trasferitori che coinvolga almeno dal portatore B al portatore A. Trova tre coppie di trasferitori di
tre trasferitori di energia. energia con queste caratteristiche.
4. Alcuni apparecchi possono essere rappresentati in modi
diversi con i simboli per trasferitori. Un aspirapolvere pu
essere considerato un solo trasferitore e rappresentato da un 1.4 L'intensit della corrente di
unico simbolo, oppure con due simboli concatenati. Dai en- energia
trambe le rappresentazioni.
Per valutare il consumo di energia di un apparec-
chio, ci si deve chiedere quanta energia vi fluita in
un intervallo di tempo predefinito. (Naturalmente
Tabella 1.3. Trasferitori di energia con i rispettivi portatori in l'energia deve poi uscire di nuovo). Un apparecchio
entrata e in uscita in cui fluiscono 1000 J al secondo, "consuma" di pi
rispetto a un apparecchio in cui fluiscono 500 J al
secondo.
Trasferitore portatore portatore
di energia in entrata in uscita

ENERGIA cella ENERGIA


motore elettrico elettricit q. di moto angolare solare
lampadina " luce
stufetta elettrica " aria calda
scaldabagno " acqua calda
pompa elettrica " acqua in pressione
ENERGIA centrale ENERGIA
ventilatore " aria in movimento
eolica
compressore diesel combustibile aria compressa
centrale a carbone " elettricit
motore a benzina " q. di moto angolare
lampada a petrolio " luce
stufa a olio " aria calda Fig. 1.13. Quali sono i portatori in entrata e in uscita?
caldaia " acqua calda

cella solare luce elettricit


radiometro " q. di moto angolare
collettore solare " acqua calda ENERGIA ENERGIA
bosco " legno
aria calda
compressore quantit di moto aria compressa elettricit

pompa idraulica angolare acqua in pressione


dinamo, generatore " elettricit
elica " aria in movimento ENERGIA ENERGIA

turbina idraulica acqua sotto quantit di moto acqua


quantit di moto
pressione angolare angolare
mulino a vento aria in movi- quantit di moto
mento angolare
Fig. 1.14. Di quali trasferitori di energia si tratta?
14

Immaginati di sapere che un apparecchio usa 25 000 Una grande centrale elettrica fornisce una corrente
joule in 50 secondi. Come si calcola il consumo di di energia (portata dall'elettricit) di 1000 MW. La
energia al secondo? Dividendo l'energia totale di corrente di energia solare che giunge sulla Terra, ha
25000 J per 50 s: in questo caso l'apparecchio ha un'intensit pari a 1,7.1011 MW; tanto quanto
bisogno di 25 000 J/50 s = 500 J/s. sarebbe prodotto da centosettanta milioni di grandi
centrali elettriche. Mangiando, un uomo assorbe
La quantit di energia divisa per il tempo viene energia: l'uomo quindi attraversato da una corren-
chiamata intensit della corrente di energia o pi te di energia. In media questa corrente ha un'intensi-
brevemente corrente di energia. t di 100 W.
Intensit della corrente di energia = energia/tempo Ci sono sorgenti di energia che possono svuotarsi,
Con le abbreviazioni E per l'energia, t per il tempo e per esempio la batteria di un'auto, la cella combusti-
P per l'intensit della corrente di energia si ottiene bile e il serbatoio della benzina. In questi apparecchi
si pu immagazzinare energia. Li chiamiamo conte-
E nitori di energia. Altri esempi di contenitore di
P= energia sono il verricello a motore, il volano, il
t bacino di accumulazione, la stufa ad accumula-
Accanto a "corrente di energia", per indicare P si zione, il serbatoio per l'olio combustibile, la vernice
usa anche la parola "potenza". L'unit di misura fosforescente e il Sole.
della corrente di energia joule/secondo, chiamato
anche watt. In breve:
W = J/s. Esercizio
In una comune lampadina fluisce una corrente di Su un asciugacapelli a due velocit si legge:
energia di 60 watt (con il portatore elettricit).
Livello 1 : 500 W
Quindi:
Livello 2 : 1000 W.
P = 60 W
Qual il significato di questa indicazione?
Dal motore di un'auto alle sue ruote (con il portatore
quantit di moto angolare) fluiscono circa 50 kW.
Correnti
2. Correnti di liquidi e gas

La maggior parte delle scavatrici, alcune gru e molte Tabella 2.1. Alcuni valori tipici di pressione
altre macchine sono azionate idraulicamente. Lo
si pu notare dai tubi che vanno da una pompa prin- Conduttura dell'acqua 2 - 5 bar
cipale a quei punti dove si vuole muovere qualcosa. Pneumatico d'automobile 4 bar
Vapore acqueo nella caldaia di una
Inoltre ci sono macchine e apparecchi azionati centrale elettrica 150 bar
pneumaticamente, come il martello pneumatico. Liquido idraulico di una scavatrice 150 bar
Il sistema di comando pneumatico funziona come Nel punto pi profondo dell'oceano 1 100 bar
quello idraulico, ma in questo caso il portatore di Bombola di ossigeno piena 150 bar
energia utilizzato l'aria compressa. Bombola di propano piena 8 bar
In questo capitolo studieremo correnti di liquidi e di Per la produzione di diamante artificiale a
gas come quelle applicate alle macchine citate. Sco- partire da grafite, la grafite viene sotto-
priremo delle semplici regole che varr la pena an- posta a una pressione di almeno 15 000 bar
notarsi. Non valgono solo qui, cio solo per correnti Al centro del Sole 221 000 000 000 bar
d'aria e d'acqua. Valgono, leggermente modificate,
anche per altre e diverse correnti: per correnti elet- Il bar pi comodo e pi usato del pascal. Per i fisici
triche, correnti di calore e cosiddette correnti di per l'unit pi piccola, il pascal, ha un vantaggio: la
quantit di moto. relazione tra la pressione e altre grandezze fisiche
diventa pi semplice. Lo capirai meglio pi tardi.

2.1 La pressione
Se apriamo un rubinetto al massimo, il getto d'acqua 2.2 Pressione atmosferica, sovra-
molto forte, fig. 2.1. Il motivo che l'acqua nella pressione, vuoto
conduttura ha una pressione alta. Se apriamo la
valvola di un pneumatico d'auto o di bicicletta, l'aria L'aria che ci circonda ha una pressione di quasi esat-
esce sibilando. Il motivo che l'aria nel pneumatico tamente 1 bar. Questa pressione detta pressione
ha una pressione alta. normale. La pressione atmosferica provocata
dagli strati d'aria pi alti che premono, a causa del
Esattamente come peso, lunghezza e energia, anche loro peso, sugli strati pi bassi.
la pressione una grandezza fisica. L'unit di misu-
ra della pressione il bar. Gli apparecchi che mi- Per questo motivo la pressione atmosferica dimi-
surano la pressione sono detti manometri, fig. 2.2. nuisce dal basso verso l'alto, prima rapidamente e
Nella tabella 2.1 sono elencati alcuni valori tipici di poi sempre pi lentamente. In fig. 2.3 mostrato
pressione. l'andamento della pressione atmosferica in
funzione dell'altezza sul livello del mare. A 4000 m
Oltre al bar si usa un'altra unit di misura per la pres- di altitudine, cio in alta montagna, la pressione at-
sione: il pascal, abbreviato in Pa. Vale la relazione: mosferica vale appena circa 0,6 bar.
1 bar = 100 000 Pa.

Fig. 2.1. L'acqua nella conduttura in pressione. Fig. 2.2. Le pressioni si misurano con il manometro.
18

1 p (bar)

0,5

h (km)

0
0 10 20

Fig. 2.3. Pressione atmosferica in funzione dell'altitudine sul Fig. 2.4. L'aria fluisce dal pneumatico con la pressione
livello del mare maggiore al pneumatico con la pressione minore.

La pressione atmosferica non la stessa in ogni mo- dove la pressione pi bassa. Colleghiamo a un
mento. Il suo valore dipende dalle condizioni atmo- rubinetto un tubo lungo e sottile e poi apriamolo.
sferiche. L'apparecchio che misura la pressione Ovviamente uscir dell'acqua. L'acqua nella con-
dell'aria che ci circonda ha un nome particolare: duttura a pressione elevata. Alla fine del tubo a
barometro. una pressione pi bassa, a pressione normale. Dun-
que anche l'acqua fluisce da un punto a pressione
Il motivo per cui non percepiamo la pressione atmo- elevata verso uno a pressione bassa. Lo stesso vale
sferica, che l'aria preme sul nostro corpo da tutte le per altri liquidi o gas.
direzioni. Anche nelle cavit del nostro corpo, come
i polmoni o le orecchie, c' aria alla stessa pressione Liquidi e gas fluiscono spontaneamente da punti
dell'aria esterna. La maggior parte dei manometri a pressione pi alta verso punti a pressione pi
non misura la pressione reale, cio il suo valore as- bassa. La differenza di pressione la spinta delle
soluto, ma la cosiddetta sovrapressione. Ad esem- correnti di liquidi o gas.
pio: il manometro con cui si controlla la pressione
dei pneumatici di un'auto, misura la differenza tra la Un pneumatico d'auto viene gonfiato e poi collegato
pressione dell'aria dentro il pneumatico e quella con un tubo a un altro pneumatico, sgonfio, fig. 2.4.
all'esterno. Si sente l'aria fluire nel tubo, ma dopo un po' di tem-
po il flusso si ferma. Togliamo il tubo e misuriamo
In un contenitore si pu anche avere aria a una la pressione dei due pneumatici. Risultato: la pres-
pressione minore di quella esterna. Diremo allora sione nei due pneumatici la stessa. Nel pneumatico
che nel contenitore c' una sottopressione. Se nel inizialmente gonfio, dove la pressione era pi alta,
contenitore non c' n aria n nessun altra sostanza, la pressione diminuita, nell'altro aumentata.
allora la pressione di 0 bar. Questo spazio privo di Cosa successo? L'aria fluita dal pneumatico con
materia viene detto vuoto. la pressione maggiore verso quello con la pressione
minore finch la differenza di pressione, cio la
spinta della corrente, svanita. Lo stato finale dove
Esercizi l'aria non fluisce pi (anche se c' ancora il collega-
mento) detto equilibrio di pressione.
1. Se a casa tua hai un barometro: leggi per 7 giorni consecutivi
la pressione al mattino e alla sera. Rappresenta la pressione in Tieni presente che nello stato finale la quantit
funzione del tempo. d'aria nei pneumatici diversa: nel pneumatico pi
grande c' pi aria.
2. Un automobilista controlla la pressione della ruota di scorta.
Il manometro segna 0 bar di sovrapressione. Qual il valore Si vede chiaramente che la spinta della corrente
effettivo della pressione nella ruota di scorta? d'aria non la pressione ma la differenza di pres-
sione: quando c' equilibrio di pressione l'aria non
fluisce pi anche se la pressione stessa ancora alta.
2.3 La differenza di pressione come
spinta di una corrente di liquidi o di gas Esercizio
Se apriamo la valvola di un pneumatico gonfio, La pressione dell'aria in un pneumatico grande di 1 bar e in uno
l'aria fuoriesce. Fluisce dall'interno del pneumatico, piccolo di 4 bar. I due pneumatici vengono collegati con un tu-
dove c' una pressione elevata, all'esterno, dove la bo, in modo che l'aria possa fluire dall'uno all'altro.
pressione minore. Se apriamo una confezione di (a) Cosa succede?
arachidi "sotto vuoto", si sente un sibilo. L'aria entra
nella confezione dove c' una pressione pi bassa (b) La pressione di equilibrio pi vicina a 1 bar o a 4 bar?
rispetto all'esterno. In entrambi i casi l'aria fluisce (c) In quale pneumatico c' pi aria alla fine?
da un punto dove la pressione alta, verso un punto
19

Fig. 2.5. All'uscita della pompa, l'acqua ha una pressione Fig. 2.7. Pompa a ingranaggi
maggiore che all'entrata.

2.4 Le pompe 2.5 L'intensit della corrente


Spesso vorremmo trasportare un liquido o un gas, da Pu succedere che si vogliano confrontare due cor-
un punto dove la pressione bassa verso uno dove renti, per esempio due correnti d'acqua. Si potrebbe
pi alta. Si riesce a farlo grazie a una pompa. La chiedere: "quale delle due correnti pi larga?", op-
pressione dell'acqua all'uscita dalla pompa in fig. pure "quale delle due correnti pi rapida?" Spesso
2.5, maggiore di quella in entrata. per non interessano n la larghezza n la velocit di
una corrente, ma l'intensit della corrente. L'inten-
Esistono diversi tipi di pompa. La fig. 2.6 mostra un sit di una corrente d'acqua equivale alla quantit
pompa centrifuga. L'acqua che entra, giunge al d'acqua che scorre da un determinato punto in un
centro tra le pale dell'elica. Visto che l'elica gira, certo intervallo di tempo, divisa per quell'intervallo
anche l'acqua costretta a girare e viene cos accele-
rata verso l'esterno (come i passeggeri di un'auto in di tempo:
curva) e spinta fuori. Le pompe centrifughe vengo- quantit d'acqua
no utilizzate per esempio per togliere l'acqua da una Intensit della corrente = intervallo di tempo
lavatrice. Il funzionamento di una pompa a ingra-
naggi illustrato in fig. 2.7. Con le pompe a ingra- La quantit d'acqua pu essere misurata in litri o in
naggi si possono generare differenze di pressione chilogrammi. Come unit di misura dell'intensit di
molto grandi. Una versione un po' pi raffinata di corrente, si ottiene quindi l/s o kg/s. A Karlsruhe,
questo tipo di pompa viene usata nelle scavatrici sotto il ponte sul Reno scorrono circa 1 500 000 litri
come pompa idraulica. Le pompe che permettono di al secondo. L'intensit della corrente del Reno
aumentare la pressione di un gas, sono dette anche quindi di 1 500 000 l/s.
compressori.
Nel capitolo precedente abbiamo gi incontrato l'in-
Le pompe trasportano gas e liquidi da punti a tensit della corrente di energia. Indica quanti Joule
pressione bassa verso punti a pressione alta. fluiscono in un secondo da un determinato punto.
L'intensit di una corrente e la sua velocit, si posso-
no facilmente confondere. L'intensit della corrente
del fiume in fig. 2.8 la stessa dappertutto. La velo-
cit invece maggiore nei punti pi stretti e minore
nei punti pi larghi.

Fig. 2.6. Pompa centrifuga Fig. 2.8. L'intensit della corrente la stessa in tutti i punti del
fiume.
20

B
0,5 l/s
1 l/s
C

A 0,2 l/s
D
Fig. 2.9. Ogni secondo, dalla conduttura A, affluisce al raccor- Fig. 2.10. Pi la pressione nel pneumatico alta, pi in fretta
do tanta acqua quanta ne esce attraverso le condutture B, C e D si riempie il sacchetto di plastica
In fig. 2.9, nella conduttura A scorre, da sinistra
verso il raccordo, una corrente d'acqua di 1 l/s. Dalle 2.6 Intensit di corrente e spinta
condutture B e C escono rispettivamente una cor- Hai aperto al massimo il rubinetto ma non esce tanta
rente di 0,5 l/s e una corrente di 0,2 l/s. Che intensit acqua come di solito. Da cosa potrebbe dipendere?
e che direzione ha la corrente che attraversa la con- Naturalmente dalla pressione nella conduttura del-
duttura D? Visto che nel raccordo non viene prodot- l'acqua. La differenza di pressione tra l'acqua nella
ta acqua ma nemmeno ne scompare, la quantit conduttura e l'esterno, cio la pressione normale di 1
d'acqua che entra nel raccordo ogni secondo deve bar, la spinta della corrente che esce dal rubinetto.
essere uguale alla quantit che esce. Affinch nel Pi la pressione nella conduttura alta, maggiore
nostro esempio il bilancio sia giusto, dalla conduttu- sar la differenza di pressione e di conseguenza l'in-
ra D devono uscire 0,3 l/s: tensit della corrente.
nel raccordo entra Riempiamo un sacchetto di plastica con l'aria che
1 l/s esce da un pneumatico gonfio, fig. 2.10. Facciamo
dal raccordo esce l'esperimento una volta con un pneumatico con una
0,5 l/s + 0,2 l/s + 0,3 l/s = 1 l/s. sovrapressione di 2 bar e una volta con uno a 0,5 bar.
Constatiamo che nel primo caso il sacchetto di
Un punto dove si incrociano pi correnti detto plastica si riempie pi in fretta. Anche in questo ca-
nodo. Per calcolare l'intensit della corrente d'ac- so, da una maggiore differenza di pressione conse-
qua attraverso la conduttura D, abbiamo applicato la gue una maggiore intensit della corrente.
regola dei nodi: Pi la differenza di pressione tra due punti
Le intensit delle correnti che fluiscono in un no- grande (pi la spinta grande), maggiore sar
do, sono complessivamente uguali alle intensit l'intensit della corrente che fluisce da un punto
delle correnti che escono dal nodo. all'altro.

Esercizi Esercizio
1. Una vasca da bagno da 120 l si riempie in 20 minuti. Qual Nel tubo in fig. 2.11 scorre acqua.
l'intensit della corrente d'acqua che fluisce nella vasca? (a) L'intensit della corrente all'estremit sinistra del tubo di
2. In un tubo c' una corrente d'intensit 2 l/s, in un altro di 3 10 l/s. Qual l'intensit della corrente all'estremit destra del
l/s. Da questi dati, si pu stabilire in quale tubo l'acqua scorre tubo? Motiva la tua risposta.
pi in fretta? Motiva la tua risposta. (b) La differenza di pressione tra l'estremit sinistra e la stroz-
3. Tre fiumi dalle intensit 5 m3/s,2 m3/se 3 m3/s, zatura di 2 bar. La differenza di pressione tra la strozzatura e
confluiscono in un punto. Qual l'intensit della corrente del l'estremit destra del tubo maggiore o minore di 2 bar? Motiva
fiume dopo la confluenza? la tua risposta.

2 bar
?
Fig. 2.11. La differenza di pressione tra la strozzatura e l'estremit destra del tubo, maggiore o minore di 2 bar?
21

intensit della corrente


dipende da

differenza resistenza
di pressione dipende da

sezione lunghezza

Fig. 2.12. Il tubo da giardino oppone una resistenza alla Fig. 2.13. Relazione tra intensit di corrente, differenza di
corrente d'acqua. pressione e caratteristiche della conduttura

2.7 Intensit di corrente e resistenza


L'intensit di una corrente non dipende quindi uni-
A un rubinetto, dal quale solitamente esce un getto camente dalla spinta, ma anche dalle caratteristiche
intenso, si allaccia un tubo da giardino lungo 50 m. della conduttura che attraversa.
Se apriamo al massimo il rubinetto, il getto d'acqua
che esce dal tubo nettamente meno forte. L'inten- L'intensit di una corrente di gas o di liquidi
sit della corrente d'acqua con il tubo, minore che maggiore quando:
senza il tubo, fig. 2.12. Da cosa dipende? Non pu - la differenza di pressione tra le estremit
dipendere dalla spinta, che la stessa in entrambi i della conduttura maggiore;
casi. il tubo il responsabile della diminuzione del-
l'intensit di corrente: ostacola la corrente d'acqua, - la resistenza della conduttura minore.
le oppone una resistenza. Le relazioni tra intensit di corrente, differenza di
Rifacciamo l'esperimento con il pneumatico e il pressione e resistenza cos come tra resistenza, lun-
sacchetto di plastica. Riempiamo il sacchetto due ghezza e sezione, sono riassunte in fig. 2.13.
volte di fila con l'aria proveniente dallo stesso pneu- La fig. 2.14 mostra una lunga conduttura per l'acqua
matico. La prima volta li colleghiamo con un tubo il sulla quale, a intervalli regolari, sono montati dei
pi corto possibile, la seconda con un tubo molto manometri. Vogliamo cercare di capire i valori se-
lungo ma della stessa grossezza del primo. La prima gnati dai manometri. Dal fatto che il manometro pi
volta il sacchetto si riempie pi in fretta che la a sinistra segna un valore maggiore di quello pi a
seconda, l'intensit della corrente d'aria maggiore destra, possiamo concludere che l'acqua scorre da
nel primo caso. Il tubo lungo oppone una resistenza sinistra verso destra: dalla pressione maggiore a
maggiore di quello corto. Si dice anche che il tubo quella minore. Ma gi tra il primo e il secondo
lungo "ha" una resistenza maggiore. manometro la pressione deve diminuire perch, per
Confrontiamo ora la resistenza di due tubi che han- superare questa distanza, l'acqua ha bisogno di
no la stessa lunghezza, ma diametri diversi e con- spinta, cos come tra il secondo e il terzo ecc. Inoltre
statiamo che quanto pi grande la sezione della constatiamo che nella parte sottile le differenze di
conduttura, tanto minore la sua resistenza. pressione tra due manometri vicini sono tutte uguali
a 0,6 bar. Anche nella parte grossa del tubo le
Ogni conduttura oppone resistenza a una cor- differenze di pressione tra due manometri vicini
rente di gas rispettivamente di liquidi che la sono uguali tra loro: 0,2 bar. Per la differenza di
attraversa. La resistenza maggiore tanto pi pressione tra due manometri vicini nella parte
lunga la conduttura e tanto pi piccola la sua sottile non uguale a quella nella parte grossa.
sezione.

4,0 bar 3,4 bar 2,8 bar 2,4 bar 2,2 bar 2,0 bar

Fig. 2.14. Nella parte stretta del tubo la caduta di pressione maggiore che nella parte larga.
22

pompa
motore
idraulico

Fig. 2.15. La scavatrice pu spostarsi, ruotare la parte supe- Fig. 2.17. Circuito idraulico
riore, piegare e oscillare il braccio e inclinare il cucchiaio.

Anche questo facile da capire: per far passare la Vogliamo ancora descrivere i processi dal punto di
stessa quantit d'acqua attraverso il tubo sottile ci vista energetico. L'energia arriva alla pompa dal
vuole una differenza di pressione maggiore che per motore diesel con il portatore quantit di moto
farla passare attraverso il tubo pi grosso. angolare. Nella pompa cambia portatore: viene
trasferita all'olio idraulico. Assieme all'olio giunge
al motore idraulico attraverso la conduttura ad alta
2.8 Trasmissione idraulica di energia pressione e l viene nuovamente trasferita alla quan-
tit di moto angolare. L'olio, dopo aver scaricato la
La scavatrice una macchina poliedrica. Pu sua energia, torna alla pompa. La fig. 2.18 mostra il
spostarsi, ruotare la parte superiore, pu piegare e corrispondente diagramma di flusso.
oscillare il braccio e pu inclinare il cucchiaio posto
alla fine del braccio, fig. 2.15. Tutte queste funzioni
sono rese possibili da una serie di circuiti idraulici.
Un motore diesel aziona una pompa. La pompa
spinge dell'olio idraulico nei tubi fino ai punti dove
si deve muovere qualcosa. Attraverso una seconda
conduttura l'olio torna alla pompa. Dove si deve
girare qualcosa (le ruote della scavatrice, la parte
superiore) c' un motore idraulico, dove qualcosa
deve essere mosso in avanti e indietro, un cilindro
idraulico, fig. 2.16.
La fig. 2.17 mostra la sezione di un circuito
idraulico di una scavatrice: la pompa e uno dei
motori idraulici. Si pu notare che l'olio idraulico
fluisce in un circuito chiuso. Nella conduttura che
va al motore, a pressione elevata, nella conduttura
che torna alla pompa, a pressione minore.

ENERGIA motore
pompa
idraulico

olio idraulico

Fig. 2.16. Cilindro idraulico Fig. 2.18. Diagramma di flusso dell'energia per un comando
pneumatico
Quantit di moto
3. Quantit di moto e correnti di quantit di moto

Affrontiamo ora un'area vastissima della fisica: la 3.1 Grandezze fisiche


meccanica. Per cominciare diamo una definizione
provvisoria: la meccanica si occupa del moto degli tipico della fisica descrivere la natura in modo
oggetti. Andando avanti, ci renderemo conto sem- quantitativo. Con "quantitativo" vogliamo dire che
pre pi che questa definizione troppo riduttiva; per si esprime in numeri. Cos un fisico non soddisfat-
il momento comunque sufficiente. to se sa che un oggetto ha una temperatura elevata,
una piccola massa o una bassa velocit. Tenta so-
La meccanica la parte pi vecchia della fisica. Le prattutto di procurarsi i valori di temperatura, massa
leggi pi importanti della meccanica sono cono- e velocit. Il suo scopo quindi potrebbe essere di
sciute da pi di 200 anni. Per lungo tempo l'obiettivo calcolare o misurare che una temperatura di 1530
dichiarato della fisica fu di riuscire a spiegare tutti C, una massa di 5,3 milligrammi o una velocit di
gli aspetti della natura in modo meccanico, ricondu- 882 metri al secondo.
cendoli alla meccanica. Non solamente quei proces-
si palesemente connessi al moto, ma anche processi Temperatura, massa e velocit sono dette gran-
termici, ottici, elettrici e chimici. Ne sarebbe conse- dezze fisiche. Ci sono molte altre grandezze fisiche.
guito che tutto il mondo non sarebbe altro che un Molte di loro ti saranno gi note, altre le conoscerai
enorme, complicatissimo "meccanismo". durante questo corso di fisica.
Dall'inizio del XX secolo sappiamo che questo Le grandezze fisiche sono tra gli strumenti pi
punto di vista non pi sostenibile. Altre parti della importanti a disposizione del fisico.
fisica sono equiparate alla meccanica, per esempio Vogliamo qui richiamare alla memoria alcune
l'elettrologia e la termologia. Inoltre, di solito in un regole fondamentali nella pratica con le grandezze
processo oltre alla meccanica hanno un ruolo anche fisiche; regole che conosci da tempo, magari senza
elettricit, calore e altri fenomeni fisici. Quindi, esserne consapevole e magari senza averle sempre
occupandoci della meccanica consideriamo sempre rispettate.
solo un aspetto dei processi: l'aspetto meccanico.
Quando esaminiamo un oggetto ci interesser sape- Ogni grandezza fisica viene abbreviata con una
re se e come si muove. Non ci interesser la sua tem- lettera. Queste abbreviazioni sono internazionali. In
peratura, sapere se elettricamente carico o di quale tabella 3.1 trovi alcuni esempi.
colore sia; e ovviamente non ci occuperemo per Nota che c' differenza tra simboli in maiuscolo e in
niente di problemi che nulla hanno a che vedere con minuscolo. Spesso una lettera minuscola rappre-
la fisica, come il suo prezzo o il fatto che sia bello o senta una grandezza fisica diversa dalla rispettiva
brutto. lettera maiuscola. Ad esempio v la velocit mentre
Prima di cominciare con la meccanica, nel prossimo V il volume. A volte per una grandezza sono
paragrafo, dobbiamo ancora imparare qualcosa ammessi pi simboli. L'energia non si abbrevia solo
sullo strumento pi importante del fisico: la gran- con E, ma spesso anche con L.
dezza fisica. Come gi saprai, ogni grandezza fisica ha un'unit
di misura. Il tempo si misura in secondi, l'energia in
joule e la pressione in bar. La tabella 3.2 mostra al-
cuni esempi di unit di misura.

Tabella 3.1. Nomi e abbreviazioni di alcune grandezze Tabella 3.2. Nomi e unit di misura di alcune grandezze
fisiche fisiche
Nome della grandezza Simbolo Nome della grandezza Unit di misura

massa m massa chilogrammo


velocit v velocit metri al secondo
tempo t tempo secondo
volume V volume metro cubo
energia EoL energia joule
pressione P pressione bar
26

Tabella 3.3. Nomi e unit di misura di alcune grandezze Spesso si ha a che fare con valori molto grandi o
fisiche e abbreviazioni per entrambi molto piccoli di una grandezza fisica. In questo ca-
so, come unit si possono usare dei multipli o delle
Nome della grandezza Unit di misura frazioni dell'unit normale. Questi multipli e queste
(simbolo) (simbolo) frazioni sono caratterizzate dal prefisso anteposto al
nome dell'unit. Il significato dei prefissi elencato
massa (m) chilogrammo (kg) in tabella 3.4. Ogni prefisso ha a sua volta un'abbre-
velocit (v) metri sl secondo (m/s) viazione. Anche le abbreviazioni sono in tabella
tempo (t) secondo (s) 3.4. Ad esempio:
volume (V) metro cubo (m3)
energia (E) joule (J) 40 000 Joule = 40 kJ = 0,04 MJ,
pressione (p) bar (bar)
oppure
0,000 002 m = 0,002 mm = 2 m.
L'unit rappresenta un quantitativo ben preciso
della grandezza. Il valore di una grandezza quindi
sempre dato come multiplo o frazione della sua
unit. Quando diciamo "l'energia contenuta nell'og- Esercizi
getto di 1000 J" intendiamo che l'oggetto contiene 1. Cita quattro grandezze (diverse da quelle in tabella 3.1), le
1000 volte l'unit di energia definita come "1 joule". loro unit di misura cos come i simboli per le grandezze e le
Esattamente come il nome di una grandezza, anche unit di misura.
il nome della sua unit di misura viene abbreviato. 2. Serviti dei prefissi elencati in tabella 3.4 per abbreviare:
Cos "metro" abbreviato con "m", "joule" con "J" e
"secondo" con "s". Perch non nascano confusioni E = 12 000 000 J
tra i simboli delle grandezze fisiche e quelli delle v = 1 500 m/s
unit di misura, i simboli delle grandezze sono in
corsivo. Quindi m la grandezza fisica massa p = 110 000 Pa.
mentre m e l'unit di misura metro. Anche le unit di 3. Esprimi la velocit v = 72 km/h nell'unit di misura m/s.
misura sono fissate a livello internazionale. In tabel-
la 3.3 riassunto quanto detto finora per alcune 4. Cita delle unit di misura qualsiasi che oggi non sono pi
grandezze. La tabella contiene 1. i nomi di alcune usate.
grandezze 2. le abbreviazioni di questi nomi 3. le
unit di misura corrispondenti 4. le abbreviazioni
delle unit di misura.
3.2 Quantit di moto e velocit
Grazie alle abbreviazioni dei nomi e delle unit di
misura, determinate affermazioni possono essere Secondo la nostra attuale definizione, la meccanica
scritte in modo molto compatto. Invece di "la si occupa del moto di oggetti o, come si usa dire, di
velocit di cento metri al secondo" scriviamo sem- corpi.
plicemente Per poter cominciare una descrizione fisica del
v = 100 m/s. moto, dobbiamo munirci degli strumenti adatti. Ri-
corda che i nostri strumenti pi importanti sono le
Oppure, invece di "l'energia quarantamila joule" grandezze fisiche. Poco alla volta conosceremo
scriviamo molte grandezze. Per ora possiamo accontentarci di
E = 40 000 J. due sole grandezze, due grandezze con le quali pos-
siamo caratterizzare lo stato di moto di un corpo.
Importante: 1. Non confondere i nomi delle gran- Una ti familiare da tempo: la velocit, abbreviata
dezze e delle unit di misura! 2. Non confondere i v. Per la velocit c' tutta una serie di unit di
simboli delle grandezze e delle unit di misura! misura: chilometri all'ora (chilometri orari), nodi,
millimetri al giorno, ecc. L'unit usata in fisica,
Tabella 3.4. Prefissi con i quali si indicano multipli e frazioni come gi visto nel paragrafo precedente, il metro
delle unit di misura al secondo, abbreviato m/s.
Prefisso Abbreviazione Significato La seconda grandezza di cui abbiamo bisogno, ti
sicuramente sconosciuta come grandezza fisica,
chilo k migliaia cio come qualcosa a cui si possa assegnare un valo-
mega M milioni re numerico. A parte questa propriet per la cono-
giga G miliardi sci gi bene. E ti familiarizzerai cos in fretta con lei
tera T bilioni da essere in grado di precisarne i valori. Si tratta
ancora di una grandezza con la quale descrivere il
milli m millesimi moto, con la quale per esempio distinguere un vei-
micro milionesimi colo fermo da uno in movimento. Rispetto alla
nano n miliardesimi velocit ha per una particolarit: rappresenta qual-
pico p bilionesimi cosa che contenuto nel corpo quando si muove e
27

che non vi contenuto quando fermo. Ognuno


conosce dei concetti che descrivono esattamente
questa propriet. Ognuno di noi dice ad esempio che
un pesante vagone in movimento ha "slancio" o
"impeto". Lo stesso vagone, quando fermo, non ha
n slancio n impeto. Le propriet di ci che viene
comunemente chiamato slancio o impeto, coinci-
dono molto bene con le propriet della grandezza
fisica che stiamo cercando. In effetti potremmo
chiamarla cos, la grandezza fisica, per esempio
"slancio". Un termine settoriale si per affermato.
Questa grandezza detta "quantit di moto". Il suo
simbolo p. (Attenzione: lo stesso simbolo usato
per la pressione.) Fig. 3.2. I due veicoli viaggiano alla stessa velocit. Quello
pesante ha pi quantit di moto di quello leggero.
Un corpo in movimento contiene quantit di
moto. Se si muove rapidamente ed massiccio, nemente chiamata "peso", nella scienza si chiama
contiene molta quantit di moto. Se non si muo- massa. Cos possiamo dire:
ve, non contiene quantit di moto.
Pi la massa di un corpo grande, pi quantit di
Come determinare quantitativamente la quantit di moto contiene.
moto (slancio) contenuta in un corpo, verr discusso
pi avanti. Vogliamo per conoscere subito l'unit Siamo gi in grado dare la definizione dell'unit di
di misura della quantit di moto. Il suo nome misura della quantit di moto, l'huygens:
huygens, abbreviato Hy, in onore del fisico Chri- Un corpo con la massa di 1 kg e la velocit di 1 m/s
stian Huygens (1629-1695) che ha contribuito mas- contiene 1 Hy.
sicciamente alla scoperta della grandezza quantit
di moto. Faremo molti esperimenti nei quali l'attrito darebbe
fastidio. Utilizziamo quindi dei veicoli con poco at-
Studieremo ora a fondo le propriet principali della trito. Un modo efficace per ridurre notevolmente
grandezza p. Basta tener presente che sostanzial- l'attrito, consiste nel sostituire le ruote con un cusci-
mente la quantit di moto ci che comunemente netto d'aria. La fig. 3.3 mostra una rotaia a cuscino
viene detto slancio. d'aria come quelle che usiamo volentieri per questi
Due auto identiche percorrono una strada, una velo- esperimenti. La rotaia ha delle file di fori dai quali
cemente, l'altra pi adagio, fig. 3.1. In quale dei due esce l'aria. Le slitte non toccano la rotaia, galleggia-
veicoli c' pi quantit di moto? (Quale auto ha pi no su un cuscino d'aria.
slancio?) In quella che si muove pi in fretta, che ha Si consideri un veicolo praticamente privo di attrito
la velocit pi alta. che si muove su una rotaia orizzontale. Potrebbe
Pi la velocit di un corpo elevata, pi quantit trattarsi di un vagone ferroviario (senza locomo-
di moto contiene. tiva) su un binario orizzontale, ma anche di una slit-
tao su un cuscino d'aria. Osserviamo il veicolo in tre
Un autocarro e un'utilitaria si muovono affiancati momenti diversi, fig. 3.4. All'inizio, fig. 3.4a, il
alla stessa velocit, per esempio 60 km/h. Il peso vagone si muove con una certa velocit; di conse-
dell'autocarro sia 8000 kg, quello dell'utilitaria guenza nel vagone c' una certa quantit di moto. In
1200 kg, fig. 3.2. Quale dei due veicoli ha pi quan- un secondo momento, fig. 3.4b, la velocit ancora
tit di moto questa volta? Naturalmente l'autocarro. la stessa e alla terza osservazione, fig. 3.4c, pure. La
La grandezza che si misura in kg e che viene comu- quantit di moto che il vagone aveva all'inizio ce

rotaia slitta

soffiatrice

Fig. 3.1. Le due auto sono fatte allo stesso modo. Quella pi Fig. 3.3. Rotaia a cuscino d'aria. La slitta si muove quasi
veloce ha pi quantit di moto. senza attrito.
28

plastilina a

Fig. 3.4. Il vagone si muove quasi senza attrito. Non perde Fig. 3.6. Prima dell'urto (a) la slitta a sinistra si muove e quella
quasi quantit di moto. a destra ferma. Dopo (b) si muovono entrambe, ma a veloci-
t ridotta.
l'ha ancora pi tardi: la quantit di moto semplice-
mente rimasta nel vagone - come una qualsiasi altra 3.6. Questa volta l'esperimento procede diversa-
carica che stesse portando e di cui nulla fosse andato mente. Come prima, all'inizio la slitta A si muove e
perso. la slitta B ferma. Dopo l'urto per, le due slitte si
Se invece il veicolo fosse mal lubrificato, la sua ca- muovono verso destra alla stessa velocit. Velocit
rica di quantit di moto diminuirebbe nel tempo. comunque minore di quella della slitta A prima
Cosa succede in questo caso alla quantit di moto, dell'urto. Come si spiega? Questa volta non tutta la
dove va a finire, verr esaminato pi avanti. Per ora quantit di moto passata da una slitta all'altra. I 12
sperimenteremo solamente con veicoli che si Hy si sono piuttosto suddivisi met-met su A e B,
muovono senza o con un trascurabile attrito. cos che alla fine ogni slitta ha 6 Hy.
La fig. 3.5a mostra due slitte identiche; quella a La quantit di moto si pu distribuire su pi
sinistra, slitta A, si muove verso destra, quella a de- corpi.
stra, slitta B, ferma. Poco tempo dopo, fig. 3.5b, A Quello che successo alla quantit di moto in fig.
urta B e osserviamo che dopo l'urto A ferma e B si 3.6, paragonabile a ci che succede all'acqua in
muove verso destra. Vogliamo chiarire questo pro- fig. 3.7. In fig. 3.7a tutta l'acqua nel recipiente a si-
cesso, spiegando cos' successo alla quantit di mo- nistra. Dopo aver aperto il rubinetto, esattamente
to. All'inizio, cio prima dell'urto, A aveva una certa met dell'acqua fluisce nel recipiente a destra. L'ac-
quantit di moto, diciamo 12 Hy, B non ne aveva. qua si distribuisce quindi tra i due recipienti, cos
Durante l'urto tutta la quantit di moto di A passa su come durante l'urto in fig. 3.6, la quantit di moto si
B. Tutti i 12 Hy sono stati scaricati da A su B cos distribuisce sulle due slitte.
che dopo l'urto, la slitta A non ha pi quantit di
moto. Facciamo ora urtare la slitta A (con il respingente
anelastico) non contro una, ma contro due slitte B e
La quantit di moto pu passare da un corpo a C agganciate tra loro, fig. 3.8. Adesso la quantit di
un altro. moto che A aveva all'inizio, si distribuisce equa-
Nell'esperimento in fig. 3.5, tra le due slitte c' un re- mente su tutti e tre le slitte A, B e C. Ogni slitta ha ora
spingente a molla. Ripetiamo ora l'esperimento, ma solo 1/3 della quantit di moto iniziale di A. Se la
questa volta con un respingente totalmente anelasti- quantit di moto iniziale di A era 12 Hy, dopo l'urto
co: sostituiamo la molla con un po' di plastilina, fig. ogni slitta ha 4 Hy.

molla d'acciaio a

Fig. 3.5. Prima dell'urto (a) la slitta a sinistra si muove e quella Fig. 3.7. L'acqua si distribuisce nei due recipienti cos come
a destra ferma. Dopo (b) si muove quella a destra ed ferma la quantit di moto in fig. 3.6 si distribuisce sulle due slitte.
quella a sinistra.
29

a
A B C

b
A B C

Fig. 3.8. Nell'urto la quantit di moto di A si distribuisce su Fig. 3.10. Secchio bucato. L'acqua si disperde nell'ambiente
tutti e tre le slitte A, B e C. circostante, fino a che non la si nota pi.

Se facciamo urtare A contro 3, 4 o 5 slitte ferme, la Se un veicolo si muove con attrito in modo da fer-
sua quantit di moto si distribuir su 4, 5 o 6 slitte. marsi spontaneamente, la sua quantit di moto
Pi lungo il "treno" contro il quale urta A, meno defluisce a terra.
quantit di moto ricever ogni singola slitta e pi
lentamente si muover il treno dopo l'urto. Anche in questo caso utile un paragone tra quantit
di moto e acqua. Un veicolo mal lubrificato, che sca-
Infine, invece che contro un treno di slitte, facciamo rica a terra la sua quantit di moto, corrisponde a un
urtare A contro il respingente all'estremit della ro- secchio bucato, fig. 3.10. L'acqua si spande sempre
taia a cuscino d'aria, fig. 3.9. Naturalmente la slitta pi nell'ambiente circostante, fino a che non la si
A si ferma immediatamente. Dove finita questa nota pi.
volta la quantit di moto? Chi fa da controparte ad A
nell'urto? La controparte la rotaia. La quantit di Una cattiva lubrificazione, cio l'attrito, quindi
moto si distribuisce quindi su A e sulla rotaia. La come una falla per la quantit di moto. Un veicolo
rotaia per fissata a un tavolo. La quantit di moto ben lubrificato come un secchio senza buchi.
si distribuisce quindi su slitta, rotaia e tavolo. Inoltre Facciamo ora un nuovo esperimento con due vagoni
il tavolo appoggiato per terra. La quantit di moto (o due slitte su una rotaia a cuscino d'aria) con un
si distribuisce quindi anche a terra. In altre parole: la respingente anelastico. I vagoni siano spinti in mo-
quantit di moto si scarica a terra. In questo modo do tale da muoversi l'uno verso l'altro alla stessa ve-
viene per cos dire "diluita" cos tanto che non la si locit. Si urtano e restano fermi, fig. 3.11. Ci chie-
nota pi. diamo nuovamente: dov' finita la quantit di moto?
Un'altra versione dell'ultimo esperimento la se- Questa volta non pu essere fluita a terra, perch i
guente: lanciamo una slitta e, prima che raggiunga due vagoni sono sempre senza attrito. Per di pi: due
l'estremit della rotaia, spegniamo la soffiatrice. Il oggetti che si urtassero in questo modo nello spazio,
cuscino d'aria scompare, la slitta si adagia sulla resterebbero fermi allo stesso modo, e nello spazio
rotaia e si ferma. Finch c'era il cuscino d'aria, il non c' la Terra che pu assorbire la quantit di
moto della slitta era senza attrito. Togliendo il cusci- moto. La risposta alla nostra domanda deve essere
no d'aria facciamo intervenire l'attrito. Possiamo questa: le quantit di moto dei due vagoni si sono in
quindi concludere: un qualche modo annullate, compensate. Ma come
possibile?

a
b

b
Fig. 3.9. Nell'urto, la quantit di moto della slitta defluisce a Fig. 3.11. Due carrelli si muovono alla stessa velocit l'uno
terra. verso l'altro. Nell'urto si fermano entrambi.
30

La spiegazione molto semplice se contiamo la


quantit di moto di un corpo come positiva e l'altra
come negativa. Se prima dell'urto uno dei vagoni ha
+20 Hy e l'altro -20 Hy, allora la quantit di moto
totale 0 Hy gi prima dell'urto. L'esperimento
dimostra che dopo l'urto ancora 0 Hy - il bilancio
coincide. Possiamo concludere:
La quantit di moto pu assumere valori positivi
e negativi.
Quale dei due corpi in fig. 3.11a ha la quantit di quantit di moto
moto positiva e quale quella negativa? Possiamo
deciderlo noi. Dalle lezioni di matematica sai che
solitamente si traccia l'asse x rivolto verso destra. Fig. 3.12. Mentre la persona tira, la quantit di moto del
Facciamo la stessa cosa con la quantit di moto. carrello aumenta.
Stabiliamo che:
La quantit di moto di un corpo positiva se il 3.3 Pompe di quantit di moto
corpo si muove verso destra, negativa se si muove Prima ci eravamo chiesti dove finisse la quantit di
verso sinistra. moto di un corpo che perde velocit. Avevamo tro-
vato: la quantit di moto fluisce a terra. Ci poniamo
ora la domanda contraria: da dove riceve la sua
Esercizi quantit di moto un veicolo che viene accelerato?
1. Un vagone che contiene una quantit di moto di 1 500 Hy, Un carrello viene mosso con l'aiuto di una corda, fig.
urta quattro vagoni fermi. Tutti i vagoni sono uguali e dopo l'ur- 3.12. Mentre la persona tira il carrello, quest'ultimo
to restano agganciati. Qual la quantit di moto totale dei cin- diventa pi veloce e questo vuol dire: la sua quantit
que vagoni dopo l'urto? Che quantit di moto c' in ognuno? di moto aumenta. Da dove riceve il carrello la quan-
2. Due vagoni agganciati tra loro e con una quantit di moto tit di moto? Dalla persona che tira? Allora la
totale di 12 000 Hy, urtano un terzo vagone inizialmente fermo. quantit di moto della persona dovrebbe diminuire,
Tutti i vagoni sono uguali e dopo l'urto restano agganciati. Che cosa che non fa. La persona ferma all'inizio e
quantit di moto contenuta in ogni vagone prima dell'urto? anche alla fine, la sua quantit di moto era ed 0 Hy.
Che quantit di moto contenuta in ogni vagone dopo l'urto? Possiamo per modificare l'esperimento in modo
3. Due slitte identiche si muovono l'una verso l'altra alla che la quantit di moto provenga veramente dalla
stessa velocit. Sono equipaggiate di un respingente elastico. persona, fig. 3.13. Quando la persona tira la corda,
La slitta a sinistra contiene una quantit di moto di +5 Hy, quella la quantit di moto del carrello a sinistra aumenta.
a destra contiene -5 Hy. Cosa succede durante l'urto alla Anche il carrello a destra, inclusa la persona, si met-
quantit di moto delle due slitte? te in moto, ma verso sinistra. Acquista quantit di
moto negativa, in altre parole: la sua quantit di mo-
4. Due vagoni, con un totale di 500 Hy, si muovono verso to diminuisce. Quindi, tirando, della quantit di mo-
destra e urtano un terzo vagone che va loro incontro. Il terzo to fluita dal carrello a destra (+ persona) al carrello
vagone ha -200 Hy. (Tutti i vagoni sono uguali e dopo l'urto a sinistra. A far fluire la quantit di moto da destra a
restano agganciati). Che quantit di moto contenuta in ogni sinistra ha provveduto la persona con i suoi muscoli.
vagone dopo l'urto? In che direzione si muovono i vagoni? Ha funto da "pompa di quantit di moto".
5. Una palla colpisce orizzontalmente un muro e rimbalza Ora possiamo capire cosa dev'essere successo nel
alla stessa velocit con cui l'ha colpito. La sua quantit di moto caso della figura 3.12: la persona ha pompato, attra-
prima dell'urto era 1 Hy. Qual la quantit di moto dopo l'im-
patto? Quanto vale la differenza di quantit di moto tra prima e
dopo? Dove finita la quantit di moto mancante?

quantit di moto

Fig. 3.13. La persona trasmette quantit di moto da destra a


sinistra attraverso la corda.
31

quantit di moto B
A

Fig. 3.14. La persona pompa quantit di moto dal carrello a Fig. 3.16. Il motore dell'automobilina giocattolo pompa
destra in quello a sinistra. quantit di moto dal cartone nell'auto.

verso la corda, della quantit di moto da terra al per, il cartone rotola verso sinistra, quindi la sua
carrello. Che la quantit di moto della Terra diventi quantit di moto diventa negativa, diminuisce. Il
negativa impercettibile come lo il suo aumento motore dell'auto giocattolo ha quindi pompato
quando un'auto frena (e cos facendo cede quantit quantit di moto dal cartone nell'auto.
di moto alla Terra).
Due carrelli (o slitte su una rotaia a cuscino d'aria)
Facciamo ancora qualche esempio di come la quan- sono trattenuti da una corda, fig. 3.17. Su uno dei
tit di moto possa venir pompata da un corpo all'al- carrelli montato un respingente a molla. La corda
tro. cos corta che la molla compressa. Tagliamo la
corda e i due carrelli si metteranno in moto, quello a
La persona in fig. 3.14 tira i due carrelli A e B verso destra verso destra e quello a sinistra verso sinistra.
di s in modo da farli muovere pi in fretta. La quan- Il carrello a destra acquista quantit di moto (positi-
tit di moto di A aumenta e quella di B assume valori va), quello a sinistra perde quantit di moto (posi-
negativi sempre pi grandi, cio diminuisce. La tiva). In questo caso la pompa di quantit di moto
quantit di moto della persona nel mezzo e rimane la molla. Mentre si distendeva ha trasferito quantit
0 Hy. Quindi, la persona trasferisce quantit di moto di moto dal carrello a sinistra in quello a destra.
dal carrello a destra in quello a sinistra. La persona
in piedi su uno skateboard per assicurarsi che nes-
suna quantit di moto arrivi da terra o finisca a terra.
Un'auto procede a velocit crescente, la sua quantit 3.4 Conduttori e non conduttori di
di moto aumenta. Qui il motore a fungere da pom- quantit di moto
pa di quantit di moto. Trasferisce quantit di moto
da terra all'auto, attraverso le ruote motrici (di solito Abbiamo visto che la quantit di moto pu essere
quelle anteriori), fig. 3.15. trasferita da un corpo A a un corpo B. Diciamo
anche che la quantit di moto fluisce da A verso
Un'auto giocattolo telecomandata appoggiata su B, oppure che fluisce una corrente di quantit di
un cartone sotto il quale vengono posti dei rulli, per moto tra i corpi A e B.
esempio cannucce o matite, fig. 3.16. Facciamo par-
tire l'auto verso destra. Nella fase iniziale, la sua Un presupposto indispensabile perch da A a B
quantit di moto aumenta. Contemporaneamente possa fluire quantit di moto, che tra A e B ci sia un
collegamento. Non basta per un collegamento

quantit di
moto

Fig. 3.15. Il motore dell'auto trasferisce quantit di moto da Fig. 3.17. La molla pompa quantit di moto dal carrello a
terra all'auto attraverso le ruote motrici. sinistra in quello a destra.
32

a a
quantit di moto quantit di moto

b b

quantit di moto

Fig. 3.18. Attraverso la sbarra fluisce quantit di moto da ter- Fig. 3.20. Nella corda la quantit di moto pu fluire da destra
ra nel carrello. (a) Nella sbarra la quantit di moto fluisce verso sinistra (a) ma non da sinistra verso destra (b).
verso destra. (b) Nella sbarra la quantit di moto fluisce verso
sinistra.
L'aria non conduce la quantit di moto.
qualsiasi, deve essere fatto in modo tale da risultare Vedremo pi avanti che questa frase valida entro
permeabile alla quantit di moto. Deve essere un certi limiti. In ogni caso ne abbiamo sfruttato la
collegamento "conduttore di quantit di moto". Che validit nel caso della rotaia a cuscino d'aria: la pre-
aspetto hanno questi collegamenti che conducono la senza d'aria tra binario e slitta, impedisce alla quan-
quantit di moto? Quali oggetti conducono la quan- tit di moto di defluire dalla slitta al binario.
tit di moto? Quali non la conducono? In fig. 3.20 qualcuno esamina la conducibilit di
fig. 3.18a, una persona preme una sbarra contro un quantit di moto di una corda e constata che la quan-
carrello. Il carrello diventa pi veloce, la sua quanti- tit di moto fluisce bene da destra verso sinistra, fig.
t di moto aumenta. Quindi la persona pompa quan- 3.20a, ma non fluisce per niente da sinistra verso
tit di moto da terra nel carrello. Nella sbarra, la destra, fig. 3.20b.
quantit di moto fluisce da sinistra verso destra. Le corde conducono la quantit di moto in una
Anche in fig. 3.18b un carrello viene caricato di sola direzione.
quantit di moto - questa volta perch la persona tira
il carrello, ancora grazie a una sbarra. In questo caso Facciamo un esperimento che non facile come i
la quantit di moto fluisce nella sbarra da destra precedenti da spiegare. Su un carrellino viene fissa-
verso sinistra. Da questi processi capiamo che la ta una calamita A, fig. 3.21. Le avviciniamo un'altra
sbarra un conduttore di quantit di moto. ovvio calamita B in modo che i poli uguali si stiano di
che ci non dipende dalla forma esatta della sbarra e fronte: il nord al nord e il sud al sud. Se con la
tantomeno dal materiale di cui fatta, a condizione calamita B ci avviciniamo a sufficienza alla cala-
che sia rigida. Concludiamo: mita A, il carrello si muove, la sua quantit di moto
aumenta. Abbiamo pompato questa quantit di mo-
I materiali rigidi conducono la quantit di moto. to da terra, attraverso la calamita B e la calamita A,
La fig. 3.19 mostra una persona che crede ai miraco- nel carrello. Chiediamoci ora come la quantit di
li. Tenta di mettere in moto il carrello spingendo moto sia passata da B a A. Dall'osservazione con-
l'aria - nella speranza che l'aria conduca la quantit cludiamo che tra le calamite deve esserci un colle-
di moto fino al carrello. Alla fine comunque si lascia gamento. Tra le calamite deve esserci una struttura
convincere: invisibile che conduce quantit di moto. Questa

B A
N N
S S

Fig. 3.19. La persona tenta inutilmente di spedire quantit di Fig. 3.21. Tra le calamite c' un campo magnetico. Il campo
moto attraverso l'aria un conduttore di quantit di moto.
33

Fig. 3.22. Trasmissione di quantit di moto in un processo Fig. 3.23. Il veicolo deve disfarsi velocemente della sua
con attrito. quantit di moto

struttura che circonda ogni polo magnetico viene 2. Un automobilista tenta di frenare bruscamente sul ghiaccio.
detta campo magnetico. Cosa succede? La conducibilit di quantit di moto ha un ruolo
importante nella frenata. Cosa si pu dire al riguardo nel caso
I campi magnetici conducono la quantit di
del ghiaccio?
moto.
3. Un automobilista tenta di partire velocemente sul ghiaccio.
La fig. 3.22 mostra una persona che carica di
Cosa succede?
quantit di moto un carrello spingendo una sbarra
appoggiata sul carrello stesso. Cos facendo, la
sbarra scivola sulla parte superiore del carrello, non
vi quindi fissata. In questa maniera si pu vera- 3.5 Propulsori e freni
mente caricare un carrello di quantit di moto, ma in
modo poco efficace. Si nota che la trasmissione di Le ruote sono non-conduttori di quantit di moto
quantit di moto funziona meglio quando l'attrito solo quando girano liberamente. Le ruote motrici di
tra sbarra e carrello grande. Se la sbarra scivola un'automobile non sono degli isolatori per la quan-
facilmente sul carrello la corrente di quantit di tit di moto. Attraverso il motore sono collegate al
moto dalla sbarra al carrello, sar molto piccola. Se telaio e alla carrozzeria - cos che il motore possa
l'attrito forte, ad esempio se la sbarra e il carrello pompare quantit di moto da terra all'auto.
hanno una superficie ruvida, la trasmissione di
quantit di moto buona. Concludiamo: Spesso ci si vuole liberare il pi rapidamente possi-
bile della quantit di moto contenuta in un veicolo,
Sfregando due oggetti l'uno contro l'altro, della fig. 3.23. A questo scopo i veicoli hanno dei freni.
quantit di moto fluisce dall'uno all'altro: pi Frenando, si aumenta notevolmente l'attrito delle
l'attrito grande, pi ne fluisce. ruote; le ruote vengono trasformate in buoni con-
duttori di quantit di moto, cos che la quantit di
In fondo abbiamo sempre presupposto la validit di moto del veicolo possa defluire rapidamente a terra.
questa regola: per evitare che la quantit di moto di Un freno quindi un conduttore per la quantit di
un oggetto defluisca a terra, dobbiamo impedire che moto che si pu "aprire" e "chiudere", una specie di
tra terra e oggetto ci sia un collegamento conduttore valvola o interruttore, per la corrente di quantit di
di quantit di moto; dobbiamo fare in modo che l'at- moto.
trito sia minimo.
Un'auto che viaggia velocemente non perde quanti-
Il congegno pi importante che permette di ridurre t di moto solo a causa dell'attrito delle ruote, ma
l'attrito tra la Terra e un corpo, la ruota. anche per l'attrito tra la sua superficie e l'aria. A ve-
Le ruote fungono da isolatore di quantit di locit superiori a circa 80 km/h diventa addirittura
moto. questa la principale causa di perdita di quantit di
moto. In questo processo la quantit di moto fluisce
Esistono chiaramente altri metodi: l'aria per le ro- inizialmente nell'aria. Che l'aria contenga effettiva-
taie a cuscino d'aria e anche per aerei ed elicotteri, le mente questa quantit di moto, si capisce dal fatto
lame per i pattini e le slitte, l'acqua per le barche e le che appena passata l'auto, l'aria si muove turbinosa-
navi. mente. A poco a poco per cede la sua quantit di
moto alla Terra (nuovamente per attrito).
Esercizi Anche l'esperimento rappresentato in fig. 3.24
mostra che nell'aria pu essere contenuta quantit di
1. Le corde conducono la quantit di moto verso sinistra ma moto. Un palloncino viene montato su un carrello.
non verso destra. Inventa un congegno che non conduca la Se apriamo il palloncino e lasciamo andare il
quantit di moto verso sinistra ma solamente verso destra. carrello, questo si metter in moto. Il palloncino si
34

Fig. 3.24. L'aria che esce dal palloncino riceve quantit di Fig. 3.26. L'elica pompa quantit di moto dall'acqua alla
moto negativa, il carrello quantit di moto positiva. barca.

contrae, spingendo l'aria che contiene verso tiva. In altre parole: l'elica pompa quantit di moto
sinistra. L'aria riceve quantit di moto negativa, il (positiva) dall'acqua alla nave. Quando la nave deve
carrello positiva. frenare, l'elica viene fatta girare nell'altro senso e
pompa quantit di moto dalla nave all'acqua.
Il propulsore del carrello in fig. 3.24 funziona
sostanzialmente come quello di un razzo. Anche un I propulsori degli aerei lavorano come quelli delle
razzo acquista quantit di moto grazie al fatto che navi. La quantit di moto non viene estratta dall'ac-
espelle gas ad alta velocit. In un razzo la parte pi qua ma dall'aria.
grande occupata da due serbatoi, fig. 3.25. Uno In un aereo a elica, sono le eliche a pompare quantit
contiene il carburante, per esempio idrogeno liqui- di moto dall'aria all'aereo. In un jet questo compito
do, l'altro contiene ossigeno liquido. La combu- del motore a reazione. In sostanza un motore a rea-
stione dell'idrogeno produce vapore acqueo ad alta zione non altro che un potente ventilatore nascosto
pressione. Esce dalla parte posteriore del razzo ad nel telaio del motore e azionato da una turbina. La
alta velocit e si porta dietro della quantit di moto. turbina ottiene l'energia dal cherosene, un carbu-
In questo modo il razzo acquista quantit di moto di rante simile alla benzina.
segno opposto.
Gli aerei devono frenare in fretta dopo l'atterrag-
Le navi vengono spinte da eliche, fig. 3.26, che gio: devono perdere in fretta la loro quantit di mo-
girano sotto la superficie e che sono azionate dal to. Possono fare come le auto e far defluire a terra la
motore della nave. L'elica spinge all'indietro l'ac- quantit di moto attraverso le ruote, ma il metodo
qua, caricandola con quantit di moto negativa. La dell' inversione di spinta pi efficace. In certi aerei
nave riceve la corrispondente quantit di moto posi- facile osservarlo anche dall'interno, attraverso gli
obl. Dietro ogni motore vengono posizionati dei
deviatori che rimandano in avanti l'aria espulsa dai
motori, fig. 3.27. L'aria riceve cos quantit di moto
carico utile positiva dall'aereo e di conseguenza la quantit di
moto dell'aereo diminuisce (abbiamo assunto che
sistema di guida l'aereo si muovesse verso destra).

combustibile

ossigeno

camera di
combustione

Fig. 3.25. Struttura di un razzo Fig. 3.27. Motore a reazione durante l'inversione di spinta:
l'aereo cede quantit di moto all'aria
35

chio continua a fluire acqua, ma esattamente altret-


quantit tanta ne esce dal foro, cos che la quantit d'acqua
di moto quantit nel secchio non cambia.
di moto
Un processo nel quale la corrente di deflusso si asse-
sta in modo da equivalere alla corrente di afflusso,
viene detto equilibrio dinamico.
Equilibrio dinamico: la corrente di deflusso si
stabilizza ad un valore equivalente a quello della
quantit quantit corrente di afflusso.
di moto di moto
Spesso c' equilibrio dinamico quando qualche cosa
si muove a velocit costante.
Fig. 3.28. Auto che viaggia a velocit costante. Tutta la Cos, grazie ai pedali un ciclista pompa quantit di
quantit di moto che il motore pompa nell'auto defluisce di moto nella bicicletta (+ persona). Una corrente della
nuovo nell'ambiente a causa dell'attrito. stessa intensit defluisce a causa dell'attrito attra-
verso le ruote e l'aria. Lo stesso vale per aerei e navi.
Esercizi
1. Da dove riceve una barca a vela la quantit di moto? Esercizi
2. Una nave si muove a velocit costante, cio la sua quantit 1. Descrivi le seguenti situazioni specificando cosa succede
di moto non cambia. Dove finisce la quantit di moto che il alla quantit di moto.
motore pompa costantemente nella nave? (a) Un'auto parte.
(b) Un'auto procede lentamente in folle.

3.6 Equilibri dinamici (c) Un'auto frena.


(d) Un'auto procede a velocit elevata e costante.
Un'automobile accelera: il motore pompa in conti-
nuazione quantit di moto da terra all'auto. Pi la 2. Abbiamo visto precedentemente un processo dove un corpo
velocit dell'auto elevata, maggiore diventa l'attri- si muove a velocit costante senza che ci sia equilibrio dinami-
to dell'aria e pi quantit di moto perde. Si raggiun- co. Perch in quel caso la quantit di moto restava costante?
ger una velocit alla quale la quantit di moto che
viene pompata nell'auto equivarr a quella che de-
fluisce a causa dell'attrito. Il bilancio nullo, la
quantit di moto dell'auto non aumenta pi, fig. 3.7 La direzione delle correnti di
3.28. quantit di moto
Questo quanto succede a un'auto che procede a Il seguente esperimento pu solo essere immagi-
velocit costante su un tratto orizzontale. L'afflusso nato visto che avremmo bisogno di un treno in
di quantit di moto uguale al deflusso. corsa.
Anche questa situazione pu essere confrontata con In un vagone ferroviario V in moto verso destra, fig.
una dove l'acqua assume il ruolo della quantit di 3.30, un oggetto O viene gettato per terra in modo da
moto, fig. 3.29: il secchio con il foro corrisponde scivolare verso destra. La velocit di O subito dopo
all'auto. Il secchio ha una falla per l'acqua cos come aver toccato il pavimento quindi maggiore di quel-
l'auto ha una falla per la quantit di moto. Nel sec- la del treno. L'oggetto per si "ferma" quasi subito.

Fig. 3.29. Attraverso il foro defluisce tanta acqua quanta ne Fig. 3.30. Un oggetto scivola sul pavimento di un vagone
affluisce dal rubinetto. La quantit d'acqua nel secchio resta ferroviario.
costante.
36

b
di moto
quantit

quantit
di moto

c
Fig. 3.31. Auto in folle. La quantit di moto fluisce dal corpo
a velocit maggiore verso quello a velocit minore.
Con fermo vogliamo dire che non si muove rispetto
al treno. Per dirla diversamente: ora si muove alla
stessa velocit del vagone. Durante la scivolata, la Fig. 3.32. (a) Nella sbarra fluisce quantit di moto verso
quantit di moto di O diminuita, da O a V fluita destra. (b) Nella sbarra non fluisce quantit di moto. (c) Nella
quantit di moto. sbarra fluisce quantit di moto verso sinistra.

Lanciamo di nuovo O sul pavimento, ma questa Immagina ora di essere al posto della sbarra. Note-
volta verso sinistra. Adesso la sua velocit inizial- resti una differenza nei tre casi? Naturalmente.
mente minore di quella del treno. Ancora una volta Dopo tutto le braccia si possono considerare come il
per, le due velocit si uguagliano in fretta. La quan- prolungamento della sbarra e la persona nota una
tit di moto dell'oggetto O, durante la scivolata au- differenza fra le tre situazioni. Nel primo caso per-
menta. Quindi, dal vagone V all'oggetto O fluisce cepisce compressione, nel terzo trazione e nel se-
quantit di moto. condo caso n compressione n trazione.
Hai notato che per la direzione in cui fluisce la cor- Queste affermazioni possono essere riferite anche
rente di quantit di moto, vale una semplice regola? alla sbarra. Nel primo caso sottoposta a compres-
In entrambi i casi, la quantit di moto fluisce dal sione, nel secondo a riposo e nel terzo sottoposta
corpo con la velocit pi grande verso il corpo con la a trazione. Abbiamo quindi la seguente regola:
velocit pi piccola: nel primo caso da O verso V,
nel secondo caso da V verso O. Questa regola vale Corrente di quantit di moto verso destra:
sempre quando il flusso di quantit di moto compressione
causato dall'attrito. Anche nel caso dell'auto in folle, Corrente di quantit di moto verso sinistra:
fig. 3.31, la quantit di moto fluisce dal corpo con la trazione
velocit maggiore (l'auto) a quello con velocit mi-
nore (la Terra, che ha velocit 0 km/h). Vogliamo convincerci della validit di questa
regola con un altro esempio. La fig. 3.33a mostra un
Ogni volta che la quantit di moto deve fluire nell'al- autotreno che sta partendo. Il suo motore pompa
tro senso, cio dal corpo a velocit minore verso quantit di moto da terra nell'autocarro e, attraverso
quello a velocit maggiore, si deve usare una pompa il gancio di traino, verso sinistra nel rimorchio. Sap-
di quantit di moto. piamo che l'asta d'aggancio sottoposta a trazione -
La regola quindi: in accordo con la nostra regola.
La quantit di moto fluisce spontaneamente da
un corpo a velocit maggiore verso un corpo a ve-
locit minore. Una "pompa di quantit di moto"
(motore, persona) la trasporta nella direzione quantit di moto
opposta.

3.8 Compressione e trazione


quantit di moto
In fig. 3.32a qualcuno mette in moto un carrello.
Attraverso la sbarra fluisce quantit di moto da sini-
stra verso destra. In fig. 3.32b il carrello continua a
muoversi da solo. La sua quantit di moto non cam- Fig. 3.33. Un autotreno viaggia una volta verso destra (a) e
bia pi (trascurando le perdite dovute all'attrito). un'altra verso sinistra (b). In entrambi i casi l'asta d'aggancio
Attraverso la sbarra non fluisce nessuna quantit di sottoposta a trazione e in entrambi i casi la quantit di moto
moto. Nella fig. 3.32c la sbarra attraversata dalla fluisce verso sinistra.
quantit di moto che fluisce da destra verso sinistra.
37

Esercizi
lunghezza normale
1. Un'auto che viaggia verso sinistra, frena improvvisamente.
Da dove a dove fluisce la quantit di moto? Viene rispettata la
elastico regola secondo la quale la quantit di moto fluisce dal corpo con
velocit maggiore verso quello con velocit minore?
2. Una persona spinge un carrello accelerandolo verso sinistra.
Cos facendo, le sue braccia sono sottoposte a compressione. In
che direzione fluisce la corrente di quantit di moto nelle
braccia?
3. Un autotreno viaggia verso destra a velocit costante ed
elevata. A che tipo di tensione (compressione o trazione) sot-
Fig. 3.34. Attraverso la corda elastica, fluisce una corrente di
toposta l'asta d'aggancio? Fai uno schizzo con il percorso della
quantit di moto verso sinistra. La corda sottoposta a trazio-
quantit di moto.
ne e si allunga.
Consideriamo ora un autotreno che parte verso
sinistra, fig. 3.33b. Qui il motore pompa nell'auto-
carro quantit di moto negativa, cio ne estrae 3.9 Circuiti di quantit di moto
quantit di moto positiva. Attraverso l'asta d'aggan- Pu succedere che da qualche parte fluisca una
cio fluisce quindi verso sinistra della quantit di corrente di quantit di moto e, malgrado ci, in
moto (positiva). Ovviamente anche in questo caso nessun punto cambi la quantit di moto presente. La
l'asta sottoposta a trazione. Quindi anche in questo fig. 3.36 mostra un esempio: una persona trascina
caso la nostra regola valida. una cassa a velocit costante sul pavimento.
Guardando una sbarra non si pu capire se sotto- Invece di una cassa la persona potrebbe anche trai-
posta a compressione, a trazione o a nessuna delle nare a velocit costante un carrello. Per le nostre
due. Come dire che non si riesce a capire in che dire- considerazioni, la cassa ha il vantaggio di permet-
zione fluisce la corrente di quantit di moto. Ci sono terci di vedere chiaramente il punto dove avviene
per oggetti che mostrano chiaramente il loro stato l'attrito: la superficie di contatto tra la cassa e il
di tensione: sono tutti quegli oggetti che si deforma- pavimento. Nelle ruote non c' attrito solamente nei
no elasticamente, come elastici di gomma o molle cuscinetti a sfera ma anche nei pneumatici e nella
d'acciaio. superficie di contatto tra pneumatico e suolo.
Questi oggetti si allungano se sottoposti a trazione e Poniamoci ora di nuovo la vecchia domanda: qual
si accorciano se sottoposti a compressione. Osser- il percorso seguito dalla quantit di moto? Rispon-
vandoli si pu quindi capire in che direzione fluisce dere non ti dovrebbe essere difficile. La persona
la corrente di quantit di moto che li attraversa, fig. pompa quantit di moto da terra, attraverso la corda,
3.34 e fig. 3.35. nella cassa. Dalla cassa rifluisce a terra a causa
Riassumiamo: dell'attrito tra il fondo della cassa e il pavimento.
Potremmo quindi dire che la quantit di moto
Allungamento: fluisce "in cerchio", anche se non ne conosciamo il
trazione, corrente di quantit di moto verso percorso esatto attraverso la Terra.
sinistra Ancora una volta si pu simulare questa situazione
Accorciamento: con una corrente d'acqua. Sai come?
compressione, corrente di quantit di moto La fig. 3.37 mostra una variante dell'esperimento di
verso destra fig. 3.36: la cassa non viene trascinata sul pavimen-

lunghezza
molla normale

quantit di moto

Fig. 3.35. Attraverso la molla fluisce una corrente di quantit Fig. 3.36. Anche se c' una corrente di quantit di moto, la
di moto verso destra. La molla si accorcia. quantit di moto non si accumula da nessuna parte.
38

quantit di moto

Fig. 3.37. Circuito chiuso di quantit di moto Fig. 3.39. La cassa non si muove. Ci malgrado fluisce una
corrente di quantit di moto.

to, ma su una tavola a sua volta appoggiata su dei Modifichiamo nuovamente l'esperimento e precisa-
rulli. Visto che la tavola sui rulli, la quantit di mente in due passi successivi. Per prima cosa bloc-
moto non pu defluire a terra e la persona non pu chiamo la cassa, fig. 3.39. La persona tira ancora ma
pompare quantit di moto da terra. Perci, la perso- la cassa non si pu muovere. Ci rendiamo conto che
na in un primo tempo pompa quantit di moto dalla cos la persona non pi nemmeno necessaria: basta
tavola, la quantit di moto fluisce attraverso la corda trovare un modo di fissare l'estremit destra della
e nella cassa, da dove fluisce nuovamente nella ta- corda tesa, fig. 3.40. Come prima la corda
vola, per continuare verso destra fino alla persona. sottoposta a trazione, la tavola a compressione. Ci
Quindi, la quantit di moto fluisce in "cerchio" an- significa che la quantit di moto continua a circolare
che in questo caso. E questa volta il percorso cono- nel circuito - e questo anche se niente pi si muove,
sciuto per intero. Si dice anche che la quantit di addirittura senza pi avere una "pompa di quantit
moto forma un circuito. di moto".
Che la quantit di moto fluisca veramente verso si- Che qualcosa possa scorrere senza spinta ti sorpren-
nistra nella corda e verso destra nella tavola, si der. Dopotutto abbiamo gi visto, nel capitolo 3,
capisce con un'ulteriore variante dell'esperimento, che se vogliamo far fluire una corrente abbiamo
fig. 3.38. Sia la corda che la tavola sono interrotte da bisogno di spinta. Constatiamo ora che la regola non
una molla. Le molle ci indicano in che direzione sempre valida. Esistono correnti senza spinta. Non
fluisce la corrente di quantit di moto. La molla aver bisogno di spinta, naturalmente vuol dire che
nella corda allungata, quindi sottoposta a tra- alla corrente non viene opposta nessuna resistenza.
zione e ci significa che la corrente fluisce verso
sinistra. La molla tra le due met della tavola com- Vedrai pi tardi che anche le correnti elettriche di
pressa, quindi sottoposta a compressione e ci solito necessitano una spinta, ma che esistono dei
significa che qui la quantit di moto fluisce verso conduttori elettrici che non hanno resistenza, i
destra. superconduttori. In un circuito elettrico fatto da
materiali superconduttori, la corrente elettrica pu
La quantit di moto pu fluire in circuito chiuso. fluire senza spinta.
In quel caso la quantit di moto non aumenta n
diminuisce in nessun punto. In ogni circuito di I circuiti elettrici senza resistenza sono rari, invece i
quantit di moto, c' una parte sottoposta a circuiti di quantit di moto senza resistenza sono
compressione e un'altra sottoposta a trazione. frequenti. Le figg. 3.41 e 3.42 mostrano due esempi.

Fig. 3.38. Le molle indicano la direzione della corrente di Fig. 3.40. Corrente di quantit di moto senza spinta.
quantit di moto.
39

Fig. 3.41. Circuito chiuso di quantit di moto Fig. 3.44. Dalla motrice al rimorchio fluisce una corrente di
quantit di moto costante nel tempo.

3.10 L'intensit della corrente di


quantit di moto
Dalla motrice in fig. 3.44, fluisce nel rimorchio una
corrente costante di quantit di moto: fluisce un
certo numero di huygens al secondo attraverso l'asta
d'aggancio. Chiamiamo intensit della corrente di
quantit di moto, la quantit di moto che fluisce in
un conduttore, divisa per l'intervallo di tempo.
Intensit della corrente = quantit di moto
di quantit di moto intervallo di tempo
Fig. 3.42. Circuito chiuso di quantit di moto
Si pu scrivere la stessa equazione in modo pi bre-
ve, utilizzando al posto delle grandezze i simboli
Esercizi corrispondenti:
1. Un trattore sta tentando di sradicare un albero, fig. 3.43a. p = quantit di moto
Schizza il percorso della quantit di moto. F = intensit della corrente di quantit di moto
2. La fig. 3.43b mostra una corda da bucato tesa. Schizza il t = tempo
percorso della quantit di moto. Dove c' trazione, dove com-
pressione? Otteniamo quindi:
3. Come si pu realizzare una corrente di materia senza p
resistenza? Esiste qualcosa del genere in natura?
F=
t
Se ad esempio attraverso il gancio di traino in fig.
3.44 fluissero ogni secondo 500 Hy, allora:
F = 500 Hy/s.
Per l'unit di misura Hy/s utilizziamo l'abbreviazio-
ne newton (N):
Hy
a N=
s
Cos, per l'intensit della corrente di quantit di mo-
to possiamo scrivere:
F = 500 N.
L'unit di misura dell'intensit della corrente di
quantit di moto, prende nome da Isaac Newton
b (1643-1727). Newton diede alla meccanica sostan-
zialmente quella forma in cui ancora oggi l'impa-
riamo. Tra le altre cose anche l'equazione F = p/t
risale a Newton.
Fig. 3.43. Per gli esercizi 1 e 2 Le intensit delle correnti di quantit di moto si la-
sciano misurare facilmente, precisamente con un
40

a
50 N 50 N

b
A 20 N
70 N

B C
50 N
nodo

Fig. 3.45. Dinamometro Fig. 3.47. (a) Una corrente attraversa consecutivamente due
dinamometri. (b) Ramificazione di una corrente di quantit di
moto
cosiddetto dinamometro, fig. 3.45. Un dinamome- Esercizi
tro fatto essenzialmente da una molla d'acciaio che
si allunga tanto pi, quanto maggiore il flusso di 1.In un carrello privo di attrito fluisce una corrente di quantit di
quantit di moto che la attraversa. La scala tarata in moto di intensit costante. In 10 secondi si accumula una quan-
newton. tit di moto di 200 huygens. Qual era l'intensit della corrente?
La fig. 3.46 mostra come si usa un dinamometro. Si 2. Durante la partenza di un autotreno, il gancio di traino
deve misurare l'intensit della corrente di quantit attraversato da una corrente di quantit di moto di 6000 N. Che
di moto che fluisce attraverso la corda in fig. 3.46a. quantit di moto ha il rimorchio dopo 5 s? (Le perdite dovute
Si taglia la corda in un punto qualsiasi e si legano le all'attrito siano trascurabili).
due estremit cos ottenute ai ganci del dinamome- 3. Cosa segnano i dinamometri C e D in fig. 3.48a?
tro, fig. 3.46b.
4. Le casse in fig. 3.48b sono trascinate sul pavimento a ve-
In fig. 3.47a viene misurata due volte consecutive locit costante. Quanto intensa la corrente di quantit di moto
l'intensit della stessa corrente di quantit di moto. che defluisce a terra dalla cassa a sinistra? Quanto intensa
Ovviamente, entrambi i dinamometri segnano lo quella che defluisce a terra dalla cassa a destra?
stesso valore, lo stesso che sarebbe segnato anche da
un dinamometro solo. 5. In un veicolo, il cui attrito trascurabile, fluisce una corrente
di quantit di moto costante di 40 N. Rappresenta graficamente
Come per le correnti d'acqua, anche per le correnti la quantit di moto in funzione del tempo.
di quantit di moto possono esserci delle ramifica-
zioni. La fig. 3.47b ne d un esempio. In questo caso
la somma delle intensit delle correnti nelle corde A
e B, deve essere uguale all'intensit della corrente 3.11 La forza
nella corda C. Abbiamo applicato la regola dei nodi
che gi conosci per le correnti d'acqua (vedi para- Lo scopo di questo paragrafo unicamente intro-
grafo 2.5). durre un nuovo nome per un concetto gi noto.
Le intensit delle correnti che fluiscono in un L'espressione "intensit della corrente di quantit di
nodo sono complessivamente uguali alle inten- moto" esiste solo dall'inizio del novecento. La
sit delle correnti che escono dal nodo. grandezza esiste per gi dai tempi di Newton, vale
a dire da circa 300 anni. A quei tempi per, alla gran-

a a
A B 200 N D
600 N C

b b
100 N 300 N

Fig. 3.46. (a) Si vuole misurare l'intensit della corrente di Fig. 3.48. (a) Per l'esercizio 3. (b) Per l'esercizio 4
quantit di moto in una corda. (b) Si taglia la corda e si
aggancia il dinamometro alle estremit cos ottenute.
41

A B

Fig. 3.49. La persona esercita una forza sul carrello. In questo Fig. 3.50. La molla A esercita sul carrello una forza diretta
modo la quantit di moto del carrello cambia. verso sinistra, la molla B verso destra. Visto che le forze han-
no la stessa intensit, la quantit di moto del carrello non
dezza fu dato un altro nome: venne chiamata forza. cambia.
F la prima lettera della parola inglese "force", che
significa appunto forza. Il nome forza per la gran-
dezza F a tutt'oggi molto usato, viene addirittura 3.12 Misurazione dell'intensit della
utilizzato pi spesso di intensit della corrente di corrente di quantit di moto
quantit di moto. Dobbiamo quindi abituarci al suo
uso. A questo punto sorge per un problema: anche Vorremmo costruire da soli un apparecchio per la
se "forza" si riferisce alla stessa grandezza fisica misurazione della corrente di quantit di moto. Fac-
chiamata "intensit della corrente di quantit di mo- ciamo finta che i dinamometri non siano ancora stati
to", i termini sono usati in modo molto diverso. inventati e che l'unit di misura dell'intensit della
Chiameremo la descrizione che fa uso delle intensi- corrente di quantit di moto non sia ancora stata fis-
t delle correnti, modello di corrente di quantit di sata.
moto e una che fa uso delle forze modello di forza. Cominciamo dalla definizione della nostra unit di
In greco, forza si dice dynamos: ci ti fa capire come misura. Per farlo abbiamo bisogno di un gran nume-
mai lo strumento che misura la corrente di quantit ro di elastici dello stesso tipo. Ne teniamo uno
di moto sia chiamato dinamometro. davanti a un righello, allungandolo completamente
ma senza tirare, fig. 3.51, e misuriamo la sua lun-
Per fare pratica con il modello di forza riferiamoci ghezza. Mettiamo che siano 10 cm = 0,1 m. Visto
alle figg. 3.49 e 3.50. Nella fig. 3.49 una persona che l'elastico non allungato, non ancora attraver-
traina un carrello privo di attrito in modo da muo- sato da nessuna corrente di quantit di moto. Ora lo
verlo verso destra. Prima, come pro memoria, la de- tendiamo finche diventa lungo 15 cm. Ovviamente
scrizione nel modello di corrente di quantit di ora fluisce una corrente di quantit di moto. Definia-
moto: la persona pompa quantit di moto da terra nel mo come unit dell'intensit della corrente, proprio
carrello attraverso la corda. Cos facendo la quantit l'intensit di questa corrente di quantit di moto.
di moto del carrello aumenta. Nel modello di forza (Visto che l'elastico fatto da due fili di gomma,
lo stesso processo viene descritto cos: sul carrello ognuno dei fili attraversato da una corrente la cui
agisce una forza e di conseguenza la quantit di intensit mezza unit.)
moto del carrello aumenta.
Adesso con gli altri elastici possiamo creare tutte le
La descrizione della fig. 3.50 un po' pi difficile. unit di intensit di corrente che vogliamo. Vale a
Due molle A e B sono agganciate a un carrello, la
molla A tira verso sinistra, la molla B verso destra.
Naturalmente i due dinamometri segnano lo stesso a
valore; facciamo 50 N. Anche in questo caso comin-
ciamo dalla descrizione nel modello di corrente di
quantit di moto: da terra fluisce una corrente di
quantit di moto di 50 N che da destra, attraverso la
molla B, giunge al carrello e da l, attraverso la molla
A, nuovamente a terra. Nel modello di forza la de- b
scrizione la seguente: la molla A esercita sul
carrello una forza orientata verso sinistra di 50 N, la
molla B esercita sul carrello una forza orientata
verso destra dello stesso valore, cio 50 N. Visto che
le forze hanno lo stesso valore ma agiscono in dire-
zioni opposte, la quantit di moto del carrello non Fig. 3.51. Per la determinazione della corrente di quantit di
cambia. moto unitaria. (a) L'elastico non teso. (b) L'elastico stato
allungato di 5 cm.
42

Fig. 3.52. La corda dell'estensore viene tarata con l'aiuto de- Fig. 3.54. In una molla d'acciaio c' proporzionalit diretta tra
gli elastici. l'intensit della corrente di quantit di moto e l'allungamento.

dire che possiamo generare dei multipli della nostra in un altro oggetto: una molla d'acciaio. La fig. 3.54
corrente di intensit unitaria. Ad esempio: aggan- mostra il risultato. La relazione ancora pi sempli-
ciando tre elastici unitari l'uno accanto all'altro, ce rispetto al caso dell'estensore: lineare. Allunga-
complessivamente i tre elastici saranno attraversati mento s e intensit della corrente di quantit di moto
da una corrente di tre unit. F, sono direttamente proporzionali. Si dice anche
che la molla segue la legge di Hooke. Sotto forma di
Grazie alla nostra scorta di elastici possiamo anche formula, la legge di Hooke ha questo aspetto:
tarare altri oggetti elastici, per esempio un esten-
sore, fig. 3.52. Per farlo facciamo fluire attraverso F = k s.
l'estensore una, due, tre ecc. unit di intensit di
corrente e misuriamo di volta in volta la variazione Per una determinata molla, k solo una costante.
della sua lunghezza rispetto alla lunghezza a riposo. k viene detta costante della molla. La sua unit di
misura il N/m. In generale per molle diverse la
La fig. 3.53 mostra l'intensit di corrente rispetto costante della molla ha valori diversi. La fig. 3.55
all'"allungamento". Questa curva rappresenta la mostra la relazione tra F e s per due molle diverse. Il
curva di taratura dell'estensore. Adesso, quando valore di k maggiore per la molla A rispetto alla
vogliamo misurare un'intensit di corrente di quan- molla B. Se tendiamo sia la molla A che la molla B
tit di moto, possiamo fare a meno del procedimento con lo stesso allungamento, la corrente di quantit di
laborioso con gli elastici e utilizzare invece l'esten- moto nella molla A maggiore che nella molla B.
sore. Una corrente di quantit di moto pi forte, significa
quindi una trazione pi grande. Di conseguenza la
Si debba ad esempio misurare l'intensit della cor- molla con la pi grande costante anche la molla pi
rente che fluisce in un carrello che stiamo tirando. rigida.
Basterebbe tirarlo con l'estensore e misurare di
quanto si allunga. Se l'allungamento dovesse essere Oltre che con la trazione, molte molle si possono
di 0,25 m, allora potremmo dedurre dalla curva di sollecitare anche con la compressione. Per queste
taratura che la corrente di quantit di moto ha un'in- molle la legge di Hooke, cio la proporzionalit
tensit di 4 N. diretta tra variazione di lunghezza e intensit della
corrente, vale sia per l'allungamento (valori positivi
Vogliamo ora determinare la relazione tra allunga- di s) che per l'accorciamento (valori negativi di s).
mento e intensit della corrente di quantit di moto

6 F (N) F A

2
B

s (m)
0 s
0 0,1 0,2 0,3

Fig. 3.53. Curva di taratura dell'estensore: intensit della cor- Fig. 3.55. La costante della molla A pi grande di quella
rente di quantit di moto in funzione dell'allungamento. della molla B. La molla A pi dura della B.
43

30
3.13 Le correnti di quantit di moto
F (N) possono distruggere
20
Se una corrente di quantit di moto diventa troppo
intensa, il conduttore attraverso il quale fluisce si
pu rompere, fig. 3.58. Spesso si vuole evitare che
10
succeda. A volte per si vuole strappare, rompere o
frantumare qualcosa di proposito. Vogliamo discu-
s (m) tere degli esempi per entrambi i casi.
0 Il traino di un'auto
0 0,1 0,2 0,3 0,4
Il cavo di traino si rotto al momento di mettersi in
moto, fig. 3.58. Come si sarebbe potuto evitare?
Fig. 3.56. Per l'esercizio 2 Prova a portare fino a una certa velocit un veicolo
pesante tirandolo con un filo sottile. Se tiri molto
forte, cio se lasci fluire una corrente di quantit di
6 moto molto forte, il filo si strappa. comunque
F possibile caricare il veicolo con la quantit di moto
5
voluta. Si deve far fluire una corrente di quantit di
4 moto sufficientemente debole ma che in compenso
scorra per molto tempo. In altre parole: si deve tirare
3
meno forte ma pi a lungo. Per il traino di un'auto
2 questo significa: si deve partire con precauzione in
modo che l'intensit della corrente di quantit di
1 s moto non diventi troppo forte.
0
0 1 2 3 4 5 6
Afferrare un sasso
Un sasso che colpisce una finestra cede al vetro la
Fig. 3.57. Per l'esercizio 3 sua quantit di moto in un breve lasso di tempo. L'in-
tensit della corrente quindi molto alta. La conse-
guenza: il vetro si rompe. Per contro, se prendiamo
il sasso con la mano durante la frenata ne assecon-
Esercizi diamo per un po' il movimento. Cos facendo, l'in-
tervallo di tempo durante il quale dal sasso defluisce
1. Una molla ha la costante k = 150 N/m. Di quanto si
quantit di moto si allunga e l'intensit della cor-
allunga se viene attraversata da una corrente di quantit di moto
rente di quantit di moto diminuisce. Non ci sono
di
danni.
a) 12 N b) 24 N
Il martello
2. La fig. 3.56 rappresenta la relazione F-s misurata per una
Pu capitare di voler distruggere qualcosa di propo-
determinata corda elastica.
sito, come un mattone. Per farlo si pu usare un
a) Di quanto si allunga la corda se attraversata da una corrente di martello. In un primo tempo il martello viene carica-
quantit di moto di 15 N? Di quanto si allunga con una corrente to lentamente di quantit di moto mentre lo abbas-
di intensit 30 N? siamo. Quando poi colpisce il mattone, la quantit
di moto defluisce in breve tempo. L'intensit della
b) Che intensit ha la corrente di quantit di moto se la corda si corrente di quantit di moto molto alta e il mattone
allunga di 20 cm? si rompe.
c) Cosa percepiamo se allunghiamo la corda con le mani?
Confronta con una molla.
3. Come si potrebbe costruire un congegno che abbia una
relazione F-s come quella in fig. 3.57?
4. Due molle vengono agganciate l'una all'altra e inserite in
una corda attraversata da una corrente di quantit di moto. Una
molla si allunga quattro volte pi dell'altra. Che rapporto c' tra
le costanti delle due molle?

Fig. 3.58. Se la corrente di quantit di moto troppo grande, il


conduttore si pu rompere.
44

causano la distruzione dell'auto e il ferimento dei


A passeggeri. Per ridurre almeno in parte le correnti di
quantit di moto, le auto sono provviste della cosid-
detta zona ad assorbimento d'urto. Durante lo scon-
tro l'automobile si accartoccia un po'. In questo
modo il processo di trasmissione della quantit di
moto viene leggermente dilatato nel tempo e le cor-
B renti di quantit di moto diventano un po' pi deboli.
Le cinture di sicurezza hanno svariate funzioni.
Primo: in un incidente si allungano leggermente. In
questo modo la trasmissione di quantit di moto dai
passeggeri al veicolo viene leggermente estesa nel
Fig. 3.59. La sezione della corda B doppia di quella della tempo e l'intensit della corrente si riduce.
corda A.
Secondo: la corrente di quantit di moto che deflui-
La capacit o meno di una corrente di quantit di sce dal passeggero viene ripartita su una superficie
moto di distruggere qualcosa non dipende solo dalla piuttosto grande, visto che le cinture sono abba-
sua intensit. ovvio che la rottura del cavo di stanza larghe. In questo modo, come abbiamo visto,
traino in fig. 3.58 si poteva evitare in altro modo: viene ridotto l'effetto distruttivo delle correnti di
prendendo una corda pi spessa. Se ne pu dedurre: quantit di moto. Senza cintura i passeggeri potreb-
ai fini della rottura non importante solamente la bero anche finire addosso a qualche parte appuntita
corrente di quantit di moto pi forte, quanto dell'abitacolo.
piuttosto la corrente forte che fluisce attraverso una
sezione ridotta. La corda A in fig. 3.59, quando at- Infine, grazie alla cintura le correnti di quantit di
traversata da una corrente di 50 N si rompe; la corda moto vengono dirette su parti del corpo dove il peri-
B, che ha una sezione doppia, non si rompe. Questo colo di ferimento non molto alto. Sarebbe molto
facile da capire. Se la corda A ha una sezione di 1 peggio se il passeggero cedesse la sua quantit di
cm2 e la corda B di 2 cm2, possiamo facilmente moto attraverso la testa.
immaginarci la corda B come due corde parallele di In questa situazione l'airbag ancora pi efficace: la
1 cm2 di sezione, attraversate ognuna da una superficie attraverso la quale la quantit di moto
corrente di 25 N, cio meno sollecitate. Quindi defluisce dai passeggeri ancora pi grande.
possibile ridurre il carico del materiale di un
conduttore rendendolo pi spesso. Anche a questo
proposito alcuni esempi. Esercizio
Chiodi, puntine da disegno, coltelli, scalpelli Un'auto deve trainarne un'altra. Si pu prevedere una corrente
Questi sono oggetti con cui si pu distruggere qual- di quantit di moto di 2000 N. Purtroppo gli automobilisti non
cosa. (Fare un buco nel muro una forma di distru- hanno una corda da traino. Alla fine trovano un rotolo di spago.
zione.) In tutti i casi una corrente di quantit di moto Quest'ultimo per sopporta una corrente di quantit di moto di
viene condotta nel materiale da lavorare attraverso soli 100 N. Cosa proponi?
una punta o un'altra strozzatura. Nel punto di contat-
to, il materiale sottoposto a un carico cos grande
da rompersi.
3.14 La velocit
Cintura di sicurezza e airbag
La grandezza fisica che ci dice quanto in fretta si sta
In un incidente un'automobile si ferma molto rapi- muovendo un veicolo o un altro oggetto, si chiama
damente. Cede la sua quantit di moto molto in velocit, abbreviata v.
fretta: a un albero, a un guardrail o a un altro veicolo.
Anche i passeggeri hanno quantit di moto di cui Un automobilista deve sempre sapere quanto in
disfarsi durante l'incidente. Le forti correnti di fretta sta viaggiando, deve conoscere la velocit
quantit di moto che fluiscono in quei momenti, della sua auto. A questo scopo ogni auto provvista
100
v (km/h)

50

t (min)
0
0 2 4 6 8 10 12 14 16 18 20 22 24 26 28

Fig. 3.60. Tracciato del tachigrafo di un autocarro: la velocit riportata in funzione del tempo.
45

di un misuratore di velocit: il tachimetro. Indica Trasformiamo l'unit km/h in m/s:


la velocit nell'unit di misura chilometri orari, ab-
breviata in km/h. km 1 km 1000 m
1 = = = 0,2778 m/s
h 1h 3600 s
La fig. 3.60 mostra il tracciato di un tachigrafo: la
velocit di un autocarro stata riportata automatica-
mente rispetto al tempo. Cerchiamo di spiegare il
diagramma. L'autocarro partito all'istante t = 0
minuti. Dopo 4 minuti si dovuto fermare un attimo Tabella 3.5. Spazio percorso, tempo necessario per percor-
e ancora dopo 9 minuti. Probabilmente alcuni sema- rerlo e quoziente tra spazio e tempo per un veicolo che
fori erano sul rosso. Dal 12 al 16 minuto ha viag- viaggia a velocit costante.
giato abbastanza lentamente, circa 35 km/h. Forse
era in salita o forse il traffico era intenso. Dal 18 s in km t in h s/t in km/h
minuto in avanti andato a una velocit alta e
costante, a 85 km/h. Evidentemente era uscito dalla 60 0,5 120
citt. 90 0,75 120
120 1 120
Fintanto che un corpo si muove a velocit costante, 180 1,5 120
esiste una semplice relazione tra la sua velocit, il 240 2 120
tratto percorso e il tempo impiegato per percorrere
quel tratto. Esercizi
Se un'auto che viaggia a velocit costante impiega 1. Un ciclista impiega 40 minuti per percorrere 10 km. A che
mezz'ora per percorrere 60 km, impiegher 0,75 ore velocit (in km/h) viaggia?
per 90 km, 1 ora per 120 km, 2 ore per 240 km e cos
via, vedi tabella. 3.5. Il tratto percorso s quindi 2. Un treno viaggia per 1 h 32 min a velocit costante per-
proporzionale al tempo t: correndo in questo tempo 185 km. Qual la sua velocit? Dai il
risultato in km/h e in m/s.
s~ t
3. Un'auto procede per 10 minuti a 90 km/h. Durante questo
In fig. 3.61 questa relazione rappresentata tempo, quanti km percorre?
graficamente. Questa constatazione pu essere
espressa in altro modo: il quoziente s/t costante. 4. Un aereo che vola a 800 km/h percorre 1600 km. Quanto
In effetti dura il volo?
60 km 90 km 120 km 240 km 5. La velocit della luce 300 000 km/s, la distanza tra il
= = = = Sole e la Terra 150 000 000 km. Quanto tempo impiega la luce
0,5 h 0,75 h 1h 2h
del Sole per arrivare sulla Terra?
e questo quoziente equivale alla velocit v = 120
km/h. Di conseguenza quando la velocit costante
possiamo scrivere:
s
3.15 La relazione tra quantit di
v=
t
moto, massa e velocit
Come altre grandezze, anche la velocit ha diverse Gi sappiamo: pi veloce e pi pesante un oggetto,
unit di misura. La velocit delle automobili si d in maggiore la sua quantit di moto. Questa frase
km/h, quella delle navi in nodi. Secondo una con- un'affermazione sulla relazione tra tre grandezze fi-
venzione internazionale l'unit di misura utilizzata siche: la quantit di moto p, la massa m e la velocit
in fisica il metro al secondo, abbreviata in m/s. v. Ora vogliamo esaminare l'aspetto esatto di que-
sta relazione: cerchiamo una relazione "quantitati-
va".
400 Ci chiediamo in che modo la quantit di moto di-
s (km) penda dalle altre due grandezze. molto pi facile
300
rispondere se scomponiamo il problema in due
parti: prima esaminiamo la relazione tra la quantit
di moto e la massa dell'oggetto considerato, poi la
200 dipendenza dalla velocit.
100
Per fare in modo che la quantit di moto sia influen-
t (h) zata solo dalla massa, consideriamo diversi oggetti
di massa diversa che si muovono alla stessa
0 velocit. Il problema acquista in chiarezza se
0 1 2 3 scegliamo i corpi come mostrato in fig. 3.62. Il
corpo A una slitta su una rotaia a cuscino d'aria. Il
Fig. 3.61. Relazione tra spazio percorso e tempo impiegato, corpo B composto da due slitte entrambi pesanti
per un'automobile come il corpo A. La massa di B quindi doppia
rispetto alla massa di A:
46

A
barriera barriera
fotoelettrica m/s fotoelettrica

C
A B

Fig. 3.62. Il corpo B ha una massa doppia, il corpo C tripla Fig. 3.63. Durante l'urto la quantit di moto del corpo A si
rispetto al corpo A. Inoltre il corpo B ha il doppio e il corpo C dimezza. La misurazione rivela che anche la velocit
il triplo di quantit di moto. dimezzata.

mB = 2 mA l'urto pp si distribuisce equamente su A e B, dopo


l'urto A ha esattamente la met della quantit di
Il corpo C composto da tre di queste slitte, ha moto che aveva prima. Quindi:
quindi una massa tripla rispetto ad A:
pd = (1/2) pp
mC = 3 mA
La velocit viene misurata prima e dopo l'urto.
Possiamo immaginare dei corpi che abbiano il Risulta che la velocit dopo l'urto vd esattamente la
quadruplo, quintuplo della massa. Tutti i corpi A, met della velocit prima dell'urto vp:
B, C, ecc. devono muoversi alla stessa velocit. Che
rapporto c' tra le quantit di moto? Il corpo B non vd = (1/2) vp
altro che due esemplari del corpo A agganciati. Se A
ha una quantit di moto pA, allora B deve avere Se facciamo urtare A contro due corpi fermi B e C,
una quantit di moto pB che doppia: fig. 3.64, allora la quantit di moto si distribuisce su
tre corpi e
pB = 2 pA
pd = (1/3) pp
Visto che C consiste di tre esemplari del corpo A e
che ognuno di loro veloce come gli altri, C deve In questo caso la misurazione della velocit d:
avere una quantit di moto tripla rispetto ad A: vd = (1/3) vp
pC = 3 pA Concludiamo che per un certo corpo (cio per una
Notiamo quindi che la relazione : la quantit di massa che resta costante) la quantit di moto e la
moto di due corpi si differenzia dello stesso fattore velocit sono direttamente proporzionali:
delle masse corrispondenti a condizione che le velo- p~v per m = costante
cit siano uguali. In altre parole: quantit di moto e
massa sono direttamente proporzionali: Abbiamo quindi trovato separatamente le due rela-
zioni cercate: quella tra p e m e quella tra p e v.
p~m per v = costante Le scriviamo una sotto l'altra:
Questa la prima delle relazioni cercate. La secon- p~m per v = costante (1)
da, cio quella tra quantit di moto e velocit, pi
laboriosa da ricavare. p~v per m = costante (2)
L'idea che seguiremo : riduciamo a met la
quantit di moto di un corpo e vediamo come
cambia la sua velocit. Poi la riduciamo a un terzo e m/s
osserviamo di nuovo come cambia v e cos via. Nel
dettaglio l'esperimento ha l'aspetto mostrato in fig.
3.63.
Il corpo A si muove verso il corpo B, fermo. A urta B
e vi resta agganciato cos che A e B continuano
assieme verso destra. Misuriamo la velocit di A
prima e dopo l'urto. (Dopo l'urto naturalmente
uguale a quella di B). Poi esaminiamo i valori di A B C
quantit di moto del corpo A prima e dopo l'urto.
Chiamiamo pp la quantit di moto che ha prima Fig. 3.64. Durante l'urto sia la quantit di moto che le velocit
dell'urto e pd quella che ha dopo. Visto che durante del corpo A si riducono a un terzo del valore iniziale.
47

La matematica ci dice che queste due relazioni e per il corpo B


possono essere riassunte in una sola:
p~mv (3) p 1 Hy
v B= = = 0,001 m/s
Si capisce che questa proporzionalit corretta dal mB 1000 kg
fatto che le relazioni (1) e (2) ne sono una conse- Quindi A 1000 volte pi veloce di B. pi facile
guenza. Se lasciamo v costante, dalla relazione (3) si muovere un corpo di piccola massa piuttosto che un
ottiene la (1). Se invece in (3) lasciamo m costan- corpo di grande massa. Pi in generale si pu dire
te, allora otteniamo la relazione (2). che:
Dalla (3) non possiamo per ancora calcolare la
quantit di moto di un corpo conoscendone massa e pi facile modificare la velocit di un corpo di
velocit. Si deve ancora introdurre nella (3) un piccola massa che quella di un corpo di grande
coefficiente di proporzionalit. Per siamo fortuna- massa.
ti: non abbiamo bisogno di un coefficiente di pro-
porzionalit perch l'unit di misura della quantit Si dice anche che i corpi pesanti hanno un'inerzia
di moto (huygens) definita in modo tale che, se la maggiore di quelli leggeri.
massa data in kg e la velocit in m/s, quel coeffi-
ciente uguale a uno. Quindi: La massa di un corpo responsabile della sua
inerzia.
p=mv
Questo il risultato cercato. Abbiamo a disposizio-
ne una formula molto utile con la quale calcolare la
quantit di moto di un corpo di cui conosciamo Esercizi
massa e velocit. La massa e la velocit sono per
facili da misurare. Quindi abbiamo ottenuto un 1. Un autocarro di 12 t (= 12 000 kg) viaggia a una velocit
metodo semplice per la determinazione dei valori di di 90 km/h. Che quantit di moto ha?
quantit di moto. Tieni presente che con questa for-
mula, la quantit di moto risulta nell'unit di misura 2. Un portiere para un tiro che arriva a una velocit di 20 m/
huygens solamente se la massa data in kg e la s. Che quantit di moto defluisce a terra dal portiere? (Il pallone
velocit in m/s. pesa 420 g.)

La quantit di moto di un corpo direttamente 3. Una pallina da tennis viene lanciata perpendicolarmente
proporzionale alla massa e alla velocit del contro un muro a una velocit di 30 m/s. Che quantit di moto
corpo. fluisce nel muro? (La pallina da tennis pesa 50 g.)
Studiamo ancora l'equazione p = m v ma da un
altro punto di vista. Immaginati due corpi A e B 4. Una persona accelera un carrello privo di attrito. Un dina-
dalla massa molto diversa. Siano mometro indica la corrente di quantit di moto che fluisce nel
carrello. La persona tira per 5 secondi. Qual la velocit finale?
mA = 1 kg (Il carrello pesa 150 kg, il dinamometro segna 15 N.)
e
5. Un treno parte tirato da una locomotiva. Nel gancio che
mB = 1000 kg. collega la locomotiva ai vagoni fluisce una corrente di quantit
di moto di 200 kN. Qual la quantit di moto del treno (senza
A entrambi i corpi viene fornita una quantit di moto
locomotiva) dopo 30 secondi? A quel punto il treno ha una
di 1 Hy. Come reagiscono i corpi? Naturalmente
velocit di 54 km/h. Quanto pesa il treno?
entrambi cominciano a muoversi, ma lo fanno in
maniera molto diversa. Da
6. Un carrello di 42 kg, inizialmente fermo, viene accelerato
p=mv da una corrente di quantit di moto di 20 N. Che quantit di moto
fluita nel carrello in 3 secondi? A quel punto la sua velocit di
segue 1,2 m/s. Qual la sua quantit di moto? Dov' finita la quantit
p di moto mancante?
v=
m
7. In un tubo rettilineo lungo 2 km e dal diametro di 10 cm
Per il corpo A si ottiene quindi una velocit di scorre acqua a una velocit di 0,5 m/s. Con una valvola posta
all'estremit del tubo, l'acqua viene bloccata. Calcola la
p 1 Hy quantit di moto ceduta dall'acqua. Dove va a finire la quantit
vA = = = 1 m/s
mA 1 kg di moto? L'uscita resta bloccata per 2 secondi. Quanto vale la
forza dell'acqua sulla valvola (l'intensit della corrente di
quantit di moto)? Suggerimento: calcola dapprima il volume
dell'acqua in litri. 1 l d'acqua ha una massa di 1 kg.
48

Tabella 3.6. Nome, unit SI e loro abbreviazioni per alcune Tabella 3.7. La maggior parte della grandezze ha altre unit di
grandezze fisiche misura oltre all'unit SI.
Nome (simbolo) Unit SI (simbolo) Nome della grandezza Unit SI

pressione (p) pascal (Pa) pressione pascal, bar, atmosfera


energia (E) joule (J) energia joule, caloria
intensit della corrente intensit della corrente
di energia (P) watt (W) di energia watt, cavallo vapore (CV)
tempo (t) secondo (s) tempo (t) secondo, minuto,anno
quantit di moto (p) huygens (Hy) intensit della corrente di
intensit della corrente di quantit di moto, forza newton, dina
quantit di moto, forza (F) newton (N) velocit (v) metri al secondo, nodi,
velocit (v) metri al secondo (m/s) chilometri orari
spazio percorso (s) metro (m) spazio percorso (s) metro, pollice, anno luce
massa (m) chilogrammo (kg) massa (m) chilogrammo, libbra

3.16 Unit SI L'uso delle unit SI non ha solo il vantaggio di


facilitare la comprensione internazionale. Il sistema
In ci che finora hai potuto conoscere della fisica si infatti strutturato in modo da semplificare il pi
dimostrato vero quanto affermato all'inizio della possibile le formule fisiche. Se nelle formule che hai
meccanica: per dare una descrizione fisica del mon- conosciuto inserisci a destra dell'uguale i valori
do ci vogliono le grandezze fisiche. Un obiettivo delle grandezze in unit SI, allora anche il risultato,
importante della fisica, se non addirittura il pi im- cio il valore della grandezza a sinistra, si ottiene in
portante, trovare delle relazioni tra queste gran- unit SI. Se per contro inserissimo a destra dei valori
dezze. in altre unit il risultato potrebbe risultare in un'uni-
Vogliamo ricordare alcune delle grandezze incon- t di misura completamente inutilizzabile.
trate finora, tabella 3.6. Vogliamo considerare due esempi.
Sai gi che per ogni grandezza c' un'unit di L'equazione P = E/t permette di calcolare l'inten-
misura. Per la maggior parte delle grandezze ce n' sit della corrente di energia a partire da energia e
per pi di una, tabella 3.7. Il fatto che per una stessa tempo. Se diamo l'energia in joule e il tempo in
grandezza esistano diverse unit di misura ha secondi, l'intensit della corrente di energia risulta
svariate cause. Spesso, in ambiti scientifici, tecnici in joule al secondo. Per 1 J/s esattamente 1 watt.
o professionali diversi, sono state definite unit di Otteniamo quindi il risultato nell'unit SI watt.
misura differenti: i sarti usano il braccio, gli idrauli- Avessimo dato l'energia in calorie e il tempo in
ci il pollice e i fisici il metro. A volte ci si accordati minuti avremmo ottenuto un risultato in calorie al
per una stessa unit di misura, ma in paesi diversi minuto, quindi in un'unit di misura assolutamente
per unit diverse. Cos nella maggior parte dei paesi inutilizzata.
europei la massa si misurava in grammi, mentre Da queste considerazioni vogliamo trarre il seguen-
negli USA si misurava in libbre. Alla fine per ci si te insegnamento:
accordati e si stabilito un sistema vincolante di
unit di misura internazionali, il Systme Interna- Quando vuoi risolvere un esercizio e i dati non
tional, in conformit con il quale ogni grandezza sono in unit SI, per prima cosa trasformali in
ha una sola unit di misura (con poche eccezioni). unit SI.
Queste unit sono dette unit SI.
4. Il campo gravitazionale

4.1 Il moto verticale 4.2 L'attrazione terrestre - il campo


Nei seguenti paragrafi ci occuperemo dei concetti di gravitazionale
attrazione terrestre e forza di gravit e degli oggetti Tutti gli oggetti sono attratti dalla Terra. Lo dedu-
che cadono per terra. Mentre finora abbiamo con- ciamo da due fenomeni:
siderato solo dei moti in orizzontale, ora tratteremo
quelli in direzione verticale. Possiamo comunque 1. Prendiamo in mano un oggetto e lo lasciamo
applicare anche ai moti verticali tutto quello che ab- andare: cade verso il basso.
biamo imparato su quelli orizzontali. Dobbiamo 2. Ogni oggetto ha un peso.
solamente ruotare l'asse delle x di 90. L'asse x
viene ruotato in modo che la parte positiva punti Entrambi i fenomeni mostrano che l'oggetto riceve
verso il basso. Questo significa: quantit di moto dalla Terra. Un oggetto che cade,
durante la caduta diventa sempre pi veloce. La sua
La quantit di moto di un corpo positiva se il quantit di moto aumenta.
corpo si muove verso il basso, negativa se il corpo
si muove verso l'alto. Anche un corpo che non cade riceve quantit di mo-
to, come ci si rende conto appendendolo a un dina-
Nel paragrafo 3.8 avevamo trovato le seguenti mometro come in fig. 4.2. Il dinamometro indica
regole: che dal corpo una corrente di quantit di moto flui-
Corrente di quantit di moto verso destra: compres- sce costantemente verso l'alto, attraverso il sup-
sione porto e a terra. Questa quantit di moto deve essere
continuamente sostituita. Quindi, nel corpo fluisce
Corrente di quantit di moto verso sinistra: trazione ininterrottamente quantit di moto, ma attraverso
Visto che ci che prima era a destra ora in basso e un collegamento tra il corpo e la Terra che non si pu
ci che prima era a sinistra ora in alto, la nuova vedere.
regola dice: Abbiamo gi visto un simile collegamento condut-
Corrente di quantit di moto verso il basso: tore di quantit di moto, un collegamento che non si
compressione pu vedere: il campo magnetico. Nel nostro caso
non si pu trattare di un campo magnetico, altrimen-
Corrente di quantit di moto verso l'alto: ti solo le calamite e gli oggetti di ferro potrebbero
trazione essere attirati dalla Terra. Il collegamento consiste
Prendiamo come esempio il circuito chiuso di quindi in una struttura che non il campo magnetico
corrente di quantit di moto in fig. 4.1. ma che con il campo magnetico imparentata.
Viene chiamato campo gravitazionale. Esattamen-
te come un polo magnetico circondato da un cam-
po magnetico, cos ogni struttura dotata di massa,
cio ogni corpo, circondata da un campo gravita-
zionale. Pi grande la massa del corpo, pi denso
questo campo.
quantit di moto
corrente di

Fig. 4.1. Circuito chiuso di quantit di moto con l'asse x in Fig. 4.2. La quantit di moto che defluisce costantemente a ter-
direzione verticale. ra attraverso il dinamometro e il corpo, torna al corpo
attraverso un collegamento invisibile.
50

Ogni corpo circondato da un campo gravitazio- Tabella 4.1. Valore della costante locale in luoghi diversi.
nale. Pi la massa del corpo grande, pi il
campo denso. Attraverso il campo gravita- Luogo g in N/kg
zionale la quantit di moto fluisce da un corpo
all'altro. L'attrazione terrestre causata da una centroeuropa 9.81
corrente di quantit di moto tra la Terra e il polo nord e polo sud 9.83
corpo considerato. equatore 9.78
superficie della Luna 1.62
superficie di Marte 3.8
superficie del Sole 274
4.3 Da cosa dipende l'attrazione superficie di una stella di neutroni 1 000 000 000 000
terrestre
superficie del Sole, su una stella di neutroni. I risul-
Verifichiamolo. Appendiamo a un dinamometro tati delle pesate sono riassunti nella tabella 4.1.
prima un pezzo di ferro di massa 1 kg, poi un pezzo
di legno di 1 kg. Il dinamometro segna la stessa cosa In ogni luogo, vale la proporzionalit
in entrambi i casi. una sorpresa? Naturalmente no. F ~ m,
D'altra parte come stabiliamo che un pezzo di ferro o
di legno ha una massa di 1 kg? Mettendolo su una ma il coefficiente di proporzionalit cambia a di-
bilancia. Ma la maggior parte delle bilance funziona pendenza di dove ci si trova. Tra i vari punti della
esattamente come il nostro dinamometro. Quindi superficie terrestre i valori variano di poco, ma su
usiamo la bilancia o il dinamometro per definire altri corpi celesti si differenziano notevolmente dal
cosa si intende con due masse uguali: se due corpi valore sulla Terra. La relazione tra F e m viene
causano la stessa variazione di lunghezza in un di- scritta nella forma:
namometro, allora hanno la stessa massa. F = m g
Possiamo anche formularlo diversamente: se in due Visto che il coefficiente di proporzionalit g dipen-
corpi fluiscono dalla Terra due correnti di quantit de dal luogo dove si trova il corpo di massa m,
di moto della stessa intensit, hanno la stessa massa. viene detto costante locale.
Prendiamo ora due corpi con una massa di 1 kg cia- L'intensit della corrente di quantit di moto che
scuno. Possiamo unirli per ottenere un unico corpo fluisce dalla Terra in un corpo, uguale al pro-
di massa 2 kg. Ora nei due corpi assieme, fluisce una dotto tra la massa del corpo e la costante locale.
corrente di quantit di moto di intensit doppia di Sulla superficie terrestre la costante locale vale
quella che fluisce in un singolo corpo. Probabilmen- 9,81 N/kg 10 N/kg.
te ti sembrer ovvio. Per poteva anche sembrare
ragionevole che l'aggiunta di un secondo corpo Torniamo ora alla descrizione dell'attrazione ter-
influenzasse la corrente di quantit di moto che restre nel modello di forza: la grandezza F viene
fluisce nel primo. chiamata forza di gravit o forza peso e si dice che
su un corpo agisce la forza di gravit.
Quanto forte la corrente di quantit di moto che
scorre in un corpo di 1 kg? Leggiamo dal dinamo- Cosa intendiamo esattamente quando di un corpo
metro che ha un'intensit di circa 10 N. Una diciamo che molto pesante? Intendiamo dire che
misurazione pi precisa d un valore di 9,81 N. In un difficile sollevarlo da terra. Ma allora intendiamo
corpo con una massa di 2 kg, fluiranno di conse- dire che ha una grande massa? Probabilmente no.
guenza 2 9,81 = 19,62 N e in corpo di 10 kg 98,1 N. Sulla Luna non sarebbe per niente difficile sollevare
Abbiamo ancora a che fare con una proporziona- questo "pesante" oggetto dal suolo (lunare). Con
lit: l'intensit della corrente di quantit di moto che "pesante" intendiamo piuttosto che nel corpo flui-
fluisce dalla Terra in un corpo direttamente pro- sce una forte corrente di quantit di moto, o in altre
porzionale alla massa del corpo: parole, che la forza peso che agisce sul corpo gran-
de. Lo stesso oggetto pu quindi essere pesante o
F~m leggero, a dipendenza del luogo dove si trova.
Il coefficiente di proporzionalit ha un valore di
9,81 N/kg:
Esercizi
F = m 9,81 N/kg
1. Che corrente di quantit di moto fluisce dalla Terra nel tuo
Il nostro ragionamento non ancora completo. Un corpo? (Che forza peso agisce sul tuo corpo?) Che intensit
chilogrammo di ferro pesa effettivamente tanto avrebbe la corrente di quantit di moto sulla Luna, che intensit
quanto un chilogrammo di legno, ma un chilogram- avrebbe su una stella di neutroni?
mo di ferro sulla Luna pesa meno che sulla Terra.
Facciamo quindi - mentalmente - il seguente esperi- 2. Durante una spedizione lunare, degli astronauti misurano
mento. Prendiamo un oggetto della massa di 1 kg e con un dinamometro la forza peso su un corpo. Trovano F =
lo pesiamo in diversi luoghi: qui da noi, poi al Polo 300 N. Che massa ha il corpo?
Nord, all'equatore, sulla Luna, su Marte, sulla
51

4.4 La caduta libera Da cui segue in effetti: per portare il corpo pesante a
una determinata velocit, ci vuole quattro volte pi
Prendiamo in mano un oggetto e lasciamolo andare. quantit di moto che per portare quello leggero alla
Cade per terra. Adesso siamo in grado di spiegare il stessa velocit. Il corpo con una massa pi grande ha
fenomeno: nell'oggetto fluisce una corrente di un'inerzia maggiore del corpo con la massa pi pic-
quantit di moto di intensit m g, quindi la sua cola.
quantit di moto aumenta costantemente. Pi a
lungo cade, pi velocemente lo fa. Otteniamo lo stesso risultato anche con un semplice
calcolo. Uguagliamo i termini di destra di (1) e (2) e
Per c' un particolare curioso. Se lasciamo cadere otteniamo
nello stesso momento e dalla stessa altezza due og-
getti, uno pesante e uno leggero, toccheranno terra mgt=mv
contemporaneamente. Non dovrebbe arrivare pri- La divisione di entrambi i termini per m, d
ma il pi pesante? Dopotutto riceve pi quantit di
moto dalla Terra. v=gt (3)
Vogliamo calcolare quale legge segue la quantit di Questa equazione ci dice che la velocit di un corpo
moto, mentre aumenta nei due corpi. Poniamo che che cade aumenta regolarmente. Visto che la massa
la massa del corpo pesante sia 4 kg e quella del corpo del corpo non appare nemmeno, ci dice pure che la
leggero 1 kg. Sostituiamo velocit con la quale un corpo cade, non dipende
dalla sua massa. In fig. 4.4 riportata la velocit di
F=mg un qualsiasi corpo che cade liberamente, in funzio-
in ne del tempo.

p=Ft Il fatto che nell'equazione (3) appaia la costante lo-


cale, significa che la velocit di caduta dipende dal
e otteniamo luogo dove si trova il corpo che cade. Sulla Luna ad
esempio, un corpo cade circa sei volte pi lenta-
p=mgt (1) mente che sulla Terra.
Inserendo la massa e il valore della costante locale, Il nostro ragionamento si basava sul presupposto
per il corpo pesante otteniamo che il corpo ricevesse quantit di moto unicamente
p = 4 kg 10 N/kg t = 40 N t dalla Terra e che non ne perdesse durante la caduta.
Cos facendo abbiamo semplificato la situazione
e per quello leggero effettiva: in realt il corpo perde quantit di moto a
p = 1 kg 10 N/kg t = 10 N t causa dell'attrito con l'aria. Se un corpo non troppo
leggero e cade per un breve tratto, la nostra semplifi-
Queste due relazioni tra p e t sono rappresentate cazione giustificata. Questo tipo di moto detto
in fig. 4.3. La figura evidenzia che la quantit di caduta libera. Se il corpo troppo leggero e oltre a
moto di ognuno dei due corpi aumenta ci ha una grande superficie, i nostri ragionamenti
regolarmente. La quantit di moto del corpo pesante non sono pi validi.
aumenta per pi rapidamente di quella del corpo
pi leggero. In ogni momento il corpo pesante ha Per i corpi in caduta libera vale:
quattro volte pi quantit di moto di quello leggero.
Se un corpo A ha una massa doppia di un corpo B
Allora perch i corpi cadono alla stessa velocit? riceve anche il doppio di quantit di moto al
Per dare risposta a questa domanda, abbiamo biso- secondo dalla Terra. Ha per bisogno anche del
gno della formula doppio di quantit di moto per raggiungere la
p=mv (2) stessa velocit di B.

20 5
p (Hy) v (m/s)
4
15
3
10
2
5
1
t (s) t (s)
0 0
0 0,1 0,2 0,3 0,4 0,5 0 0,1 0,2 0,3 0,4 0,5

Fig. 4.3. Quantit di moto in funzione del tempo per due corpi Fig. 4.4. La velocit di un corpo in caduta libera aumenta
di massa diversa che stanno cadendo. linearmente con il tempo.
52

Esercizi
4
v (m/s) 1. Ti tuffi dal trampolino di 3 m. La caduta libera dura 0,77
2
s. Qual la tua quantit di moto al momento dell'impatto con la
lancio superficie dell'acqua? Qual la tua velocit?
t (s)
0 2. Quanto vale la velocit di un corpo dopo una caduta libera
di 1/2 secondo sulla Terra, sulla Luna e sul Sole?
-2 ricaduta
3. Un sasso viene lanciato verso l'alto. La sua velocit iniziale
15 m/s. Dopo quanto tempo toccher di nuovo terra?
-4
4. Un sasso viene lanciato verso l'alto con una fionda. Dopo
-0,4 -0,2 0 0,2 0,4
5 s ricade a terra. Quanto era la sua velocit iniziale?

Fig. 4.5. La velocit di un corpo che stato lanciato verso l'al-


to. Nella salita la velocit negativa, nella discesa positiva.
4.5 La caduta con attrito
La velocit dei corpi in caduta aumenta regolar-
mente. Spesso la resistenza dell'aria non per niente trascu-
rabile. Il suo valore dipende:
Tutti i corpi cadono con la stessa celerit.
1. dalla forma del corpo
Consideriamo ora un'altra variante della caduta li-
bera: non lasciamo semplicemente cadere un ogget- 2. dalla sua velocit.
to fermo ma lo lanciamo in aria verticalmente. Sicuramente sai gi che proprio cos per le auto-
All'inizio avr quindi quantit di moto negativa. mobili:
Come prima, riceve costantemente quantit di moto
positiva dalla Terra e di conseguenza la sua quantit 1. si cerca di dare alla carrozzeria una forma che
di moto negativa diventa sempre pi piccola: l'og- riduca al minimo la resistenza dell'aria.
getto sale sempre pi adagio, si ferma e infine co- 2. quando si guida in fretta, l'attrito, e di conseguen-
mincia a muoversi nella direzione positiva (verso il za il consumo di benzina (al chilometro), molto
basso). maggiore di quando si guida piano.
La salita un'immagine speculare della discesa. Le figg. 4.6 e 4.7 dimostrano che l'attrito, cio l'in-
Nella caduta la quantit di moto del corpo aumenta tensit della corrente di quantit di moto che deflui-
regolarmente, nella salita la sua quantit di moto sce nell'aria, aumenta fortemente all'aumentare del-
negativa diminuisce regolarmente. Lo stesso vale la velocit. In entrambi i diagrammi sono riportate
per la velocit: nella salita la velocit negativa dimi- le perdite di quantit di moto dovute all'attrito in
nuisce linearmente con il tempo, nella discesa la funzione della velocit; in fig. 4.6 per una comune
velocit (positiva) aumenta linearmente con il utilitaria, in fig. 4.7 per un oggetto molto pi picco-
tempo. lo: una palla di 30 cm di diametro.
La fig. 4.5 mostra la velocit in funzione del tempo. Avevamo visto: se non ci fossero perdite dovute
Come zero dell'asse del tempo abbiamo scelto all'attrito o fin quando queste sono trascurabili, tutti
l'istante dell'inversione di direzione. In questo con- i corpi cadono allo stesso modo. Come si comporta
teggio il lancio avviene all'istante "meno 0,4 secon- per la velocit di caduta quando non si pu pi
di". Dal diagramma notiamo che l'oggetto impiega trascurare l'attrito?
lo stesso tempo sia per la salita che per la caduta.

1000 8
F (N) F (N)
6

500 4

2
v (km/s) v (m/s)
0 0
0 40 80 120 160 0 5 10 15 20

Fig. 4.6. Intensit della corrente di quantit di moto che Fig. 4.7. Intensit della corrente di quantit di moto che
defluisce nell'aria in funzione della velocit, per una comune defluisce nell'aria in funzione della velocit, per una palla di
utilitaria. 30 cm di diametro .
53

Lasciamo cadere una palla grande ma molto leg-


gera, fig. 4.8 parte sinistra. La sua massa sia
INIZIO m = 100 g = 0,1 kg ,
il suo diametro 30 cm = 0,3 m. Dalla Terra al corpo
N

fluisce in permanenza una corrente di quantit di


1

N
0,5 moto di

N
4

5
0,
F = m g = 0,1 kg 10 N/kg = 1 N.
All'inizio della caduta la velocit ancora molto
N

bassa e cos anche la perdita nell'aria di quantit di


1

moto. A una velocit di 2 m/s, la corrente di quantit


N

N di moto che defluisce nell'aria ha ancora un'intensit


1

4
inferiore a 0,1 N, vedi fig. 4.7. La perdita quindi

N
1
ancora piccola rispetto alla corrente di quantit di
moto di 1 N che arriva dalla Terra. Questa perdita
N

per aumenta rapidamente e alla fine la palla perde


1

nell'aria esattamente la quantit di moto che riceve


dalla Terra. Da quel momento in poi la sua quantit
N
4

di moto non aumenta pi. Dalla fig. 4.7 leggiamo


che a quel punto la palla ha una velocit di 7 m/s.
La fig. 4.9 mostra la velocit della nostra palla in
funzione del tempo: all'inizio la velocit aumenta
linearmente con il tempo, si comporta come una
N

palla in caduta libera. A poco a poco per la perdita


1

aumenta. Alla fine, quando le quantit di moto che


7 m/s fluiscono dalla e alla palla sono uguali, la sua quan-
tit di moto, e di conseguenza la sua velocit, non
N

aumenta pi. Ha raggiunto la sua velocit limite.


1

La palla si trova in uno stato di equilibrio dinamico.


Lasciamo ora cadere un'altra palla. Deve avere lo
stesso diametro (30 cm) ma essere quattro volte pi
pesante della prima, fig. 4.8, parte destra:
m = 0,4 kg.
Dalla Terra, attraverso il campo gravitazionale,
fluisce nella palla una corrente di quantit di moto di
F = m g = 0,4 kg 10 N/kg = 4 N.
A che velocit la palla smette di diventare pi ra-
pida? Lo chiediamo nuovamente al diagramma in
fig. 4.7. La corrente di quantit di moto persa
uguale alla corrente di quantit di moto che arriva
dalla Terra quando la velocit di 14 m/s. La palla

8 v (m/s)

4N 4

2
14 m/s
N

t (s)
4

0
0 1 2 3

Fig. 4.8. Una palla leggera (sinistra) e una pesante (destra) Fig. 4.9. In presenza di attrito con l'aria, la velocit di un
cadono per terra. Quella leggera raggiunge la sua velocit corpo che cade aumenta fino a una velocit limite.
limite prima di quella pesante.
54

60 v (m/s)

40

20
t (s)
0
0 50 100 150

Fig. 4.10. Velocit di una persona che si lancia con il paracadute in funzione del tempo

pesante raggiunge quindi l'equilibrio dinamico a In mancanza d'aria o di un altro mezzo che generi at-
una velocit superiore rispetto alla palla leggera. trito, i nostri ragionamenti sulla velocit limite non
sono validi. La Luna non ha atmosfera. Di conse-
A velocit elevate l'attrito dell'aria non pi guenza i corpi cadono veramente alla stesso modo:
trascurabile. un foglio di carta cade a terra alla stessa velocit di
La velocit di un corpo in caduta aumenta solo un sasso. Possiamo osservarlo anche sulla Terra.
fino a una velocit limite. La velocit limite di- Dobbiamo solo eseguire gli esperimenti di caduta in
pende dalla forma del corpo. Per corpi pesanti un recipiente dal quale sia stata pompata l'aria. La-
maggiore che per corpi leggeri. sciamo cadere alcuni piccoli oggetti di massa molto
diversa in un tubo di vetro da cui sia stata tolta l'aria.
Un'applicazione interessante dei nostri ragiona- Come previsto cadono tutti assieme.
menti il lancio con il paracadute. La persona che si
lancia salta dall'aereo e in pochi secondi raggiunge
una velocit di circa 50 m/s. Poi "cade" per parec- Esercizio
chio tempo a questa velocit. La corrente di quantit
di moto che fluisce nella persona attraverso il Che velocit limite raggiunge una palla di 30 cm di diametro e
campo gravitazionale ha la stessa intensit di quella con una massa di 0,8 kg?
che defluisce a causa dell'attrito.
A circa 400 m dal suolo si apre il paracadute. L'aper-
tura del paracadute significa che improvvisamente 4.6 L'assenza di peso
la resistenza dell'aria aumenta notevolmente. La
corrente di quantit di moto che defluisce diventa L'uomo in fig. 4.11a si sente pesante, il suo corpo
improvvisamente molto pi intensa di quella che deve portare la pesante testa e i suoi piedi sono messi
affluisce. In questo modo la quantit di moto dimi- anche peggio: devono portare tutto il corpo. L'uomo
nuisce. Con la quantit di moto diminuisce anche la ha un'idea, vedi fig. 4.11b. Le gambe sono alleggeri-
velocit e quindi le perdite dovute all'attrito. Alla te. In compenso ora sono le braccia che devono reg-
fine la corrente di perdita di quantit di moto, rag- gere tutto il carico. In fig. 4.11c vediamo il suo terzo
giunge nuovamente il valore della corrente gravita- tentativo di liberarsi del suo peso - nuovamente
zionale di quantit di moto, per a una velocit infruttuoso.
relativamente bassa: a circa 4 m/s. Il paracadute ora
fluttua fino a terra con la persona appesa, a una velo- Quello che disturba l'uomo in fig. 4.11 la "sensa-
cit bassa e costante. In fig. 4.10 riportata la zione di peso". Vogliamo provare a definire fisica-
velocit della persona che si lancia in funzione del mente questa sensazione. Ci che l'uomo avverte in
tempo. ognuno dei tre casi sono le correnti di quantit di
moto che fluiscono nel suo corpo. In ogni parte del
corpo fluisce quantit di moto attraverso il campo
gravitazionale e questa quantit di moto deve essere
a b c deviata e rifluire alla Terra. In fig. 4.12 sono schiz-
zate queste correnti per una persona in piedi: fluisce
quantit di moto nella testa, nelle braccia, nel busto,
ecc. Tutta questa quantit di moto deve defluire alla
Terra attraverso le gambe e i piedi. La corrente di
quantit di moto ha quindi l'intensit massima nei
piedi.
Consideriamo ora una sorta di modello di persona:
composto da due blocchi posti l'uno sopra l'altro (in
un certo senso la parte superiore del corpo e quella
inferiore), fig. 4.13. Vediamo che l'intensit della
corrente di quantit di moto, doppia sulla superfi-
Fig. 4.11. Indipendentemente dai suoi tentativi, la persona
cie inferiore del blocco sottostante rispetto alla su-
non riesce a liberarsi della sensazione di peso.
perficie inferiore del blocco sovrastante.
55

Fig. 4.12. Le correnti di quantit di moto che fluiscono nella Fig. 4.14. Un corpo in caduta libera in assenza di peso. Non
persona attraverso il campo gravitazionale, devono nuova- attraversato da nessuna corrente di quantit di moto.
mente defluirne.
Vogliamo mettere questa "persona" in stato di as- sottoposto a compressione o trazione. Il blocco
senza di peso: in uno stato nel quale nessuna corren- inferiore non sente pi il peso di quello superiore.
te di quantit di moto la attraversa. In altre parole: in
uno stato nel quale nessuna delle sue parti sottopo- Per te, cio per una persona vera, valgono natural-
sta a compressione o trazione. mente le stesse conclusioni: se ti lanci da qualche
parte, fintanto che cadi sarai senza peso. Anche
Probabilmente penserai che per farlo si dovrebbe quando salti verso l'alto sei in assenza di peso, dal
trasportare la persona molto, molto lontano dalla momento in cui lasci il suolo fino a quando tocchi
Terra, in un punto dove il campo gravitazionale ter- terra nuovamente.
restre non pi percepibile. L, nessuna corrente di
quantit di moto fluirebbe nella nostra persona. La caduta dura per cos poco tempo, che non pos-
Quindi nessuna corrente di quantit di moto potreb- siamo renderci veramente conto della sensazione di
be attraversarla. Effettivamente questa sarebbe una assenza di peso. Facciamo quindi un esperimento
possibilit. C' anche un altro metodo, molto pi con il nostro modello di persona, fig. 4.15. I due
semplice: lasciamo che la quantit di moto entri blocchi sono appoggiati su una lastra appesa con dei
nella persona ma non ne esca pi. Anche in questo fili come il piatto di una bilancia. Tra il blocco infe-
caso non c' quantit di moto che fluisce attraverso riore e quello superiore inserita una sottile tavola
la persona e lei si sente senza peso. collegata al muro mediante una corda elastica tesa.
La corda elastica estrarrebbe la tavola, se questa non
Come possiamo fare? Molto semplice. Per fare in fosse incastrata dal peso del blocco sovrastante.
modo che la quantit di moto non esca dalla
persona, cio per fare in modo che la quantit di Ora l'esperimento: tagliamo il filo che sostiene il
moto non defluisca a terra, basta interrompere il tutto. Nello stesso istante la tavola schizza via tirata
collegamento con la Terra. Quindi dobbiamo dalla corda elastica. Perch? Per un breve tempo la
semplicemente lasciar cadere la persona in caduta torre di blocchi era in caduta libera. Durante questo
libera, fig. 4.14. Ora in ogni blocco (in ogni parte tempo era in assenza di peso. Il blocco sovrastante
della persona) e in ogni punto dei blocchi, affluisce non premeva pi su quello inferiore, ha lasciato
quantit di moto dal campo gravitazionale. Ma andare la tavola.
questa quantit di moto non circola pi nei blocchi. Saprai gi che gli astronauti nella loro navicella
In particolare nessuna quantit di moto fluisce da un spaziale si sentono senza peso. Qual la spiegazio-
blocco all'altro. La conseguenza: nessun punto pi ne? perch sono cos lontani dalla Terra? Per

corda elastica

Fig. 4.13. Un modello di persona. composto unicamente da Fig. 4.15. Durante la caduta libera i blocchi sono in assenza di
una parte superiore e una inferiore. peso. La tavola, prima incastrata, viene lasciata libera.
56

Ci rendiamo conto che le parole "pesante" e "legge-


ro" vengono usate con due significati leggermente
diversi:
- da un lato per definire un peso o una massa: 1,5
kg di zucchero pesano pi di 0,8 kg di farina.
- dall'altro per esprimere una caratteristica della
sostanza: diciamo che il ferro pi pesante del
legno perch un pezzo di ferro ha una massa pi
grande di un pezzo di legno dello stesso volume.
Questo secondo significato delle parole "pesante" e
"leggero" espresso quantitativamente dalla den-
Fig. 4.16. Lo space shuttle vola a soli 250 km di altezza, dove sit della sostanza. Con densit si intende il
la costante locale di poco inferiore rispetto alla superficie quoziente tra la massa m e il volume V, in breve
terrestre. massa su volume:
niente. Lo space shuttle vola a circa 250 km di altez- m
za. Molto poco se paragonato al diametro terrestre. =
V
In effetti vola appena sopra la superficie terrestre,
fig. 4.16. L il campo gravitazionale della Terra L'unit SI ottenuta il kg/m3. In tabella 4.2 sono
quasi tanto denso quanto quaggi da noi: la costante elencate le densit di alcune sostanze.
locale a 250 km di altezza g = 9,64 N/kg, quindi C' ancora un punto da considerare: alcune sostan-
appena pi piccola di quella sulla superficie terre- ze, in particolare quelle gassose, si possono compri-
stre. mere facilmente. In questo modo si pu modificare
La spiegazione dell'assenza di peso deve essere la loro densit variando la pressione o la temperatu-
un'altra. esattamente la stessa che avevamo trova- ra. Se diamo una densit, dobbiamo anche dire a che
to per gli oggetti in caduta: una navicella spaziale , pressione e a che temperatura valida. Per sostanze
dopo che i razzi propulsori si sono spenti, un corpo solide e liquide questo effetto comunque molto
in caduta libera. Allora perch una navicella spa- piccolo. I valori della tabella si riferiscono alle con-
ziale, o un satellite, non precipita sulla Terra? A dire dizioni normali: valgono per p = 1 bar e = 20
la verit esattamente quello che fa. Ma lo fa mante- C.
nendo comunque una grande quantit di moto in di- Dai valori nella tabella appare evidente che le
rezione orizzontale. Cade quindi come un sasso lan- densit dei gas sono molto pi piccole di quelle dei
ciato orizzontalmente; solo che cade cos lontano da liquidi e dei solidi. Prendiamo nota di questa regola
"cadere sempre oltre l'orizzonte". Quindi "cade" empirica:
sempre in cerchio e non tocca mai la superficie A condizioni normali la densit di liquidi e solidi
terrestre. circa 1000 volte maggiore di quella dei gas.
I corpi in caduta libera sono in assenza di peso.
Tabella 4.2.
La densit di alcune sostanze a p = 1 bar e = 20 C
Esercizi
(kg/m3)
1. Un astronauta, nella sua navicella spaziale, ha davanti a s
due oggetti dallo stesso aspetto ma dalle masse diverse. Pu legno di faggio 600 - 900
scoprire quale dei due ha la massa maggiore e se s, come? granito 2600
2. Una navicella spaziale si trova in un punto cos lontano alluminio 2700
dalla Terra che il campo gravitazionale impercettibile. Gli ferro 7800
astronauti desidererebbero provare nuovamente la sensazione rame 8960
di peso. Cosa possono fare, senza dover tornare sulla Terra o an- oro 19300
dare su un altro corpo celeste?
benzina 720
etanolo (alcol) 790
acqua 998
4.7 La densit delle sostanze tricloroetilene 1460
mercurio 13550
"Cosa pesa di pi: 1 kg di ferro o 1 kg di legno?"
Tutti conoscono questa domanda trabocchetto. La idrogeno 0,090
risposta naturalmente dev'essere: "hanno lo stesso azoto 1,25
peso". Chi non sta attento e non sente il "kg" dir aria 1,29
probabilmente che pi pesante il ferro. ossigeno 1,43
anidride carbonica 1,9
57

Per misurare la densit di una sostanza, prendiamo 4.8 Quando un corpo galleggia e
una quantit qualsiasi di quella sostanza, ne mi-
suriamo la massa m e il volume V e dividiamo m quando affonda
per V. Un pezzo di legno, un po' di benzina o una goccia
A volte le misurazioni di m e V sono molto sem- d'olio, galleggiano sull'acqua. Un pezzo di ferro,
plici, a volte invece no. Ad esempio: per rame o alluminio va gi, affonda. E una goccia d'ac-
determinare la densit della benzina sufficiente qua nell'acqua: galleggia o affonda? Una domanda
versarne 1 l = 0,001 m3 e pesarlo. Troviamo m = senza senso, penserai. Non si pu distinguere una
0,72 kg. Per la densit si ottiene goccia d'acqua da tutto il resto. Per non per niente
difficile renderla distinguibile: semplicemente co-
0,72 kg lorandola. Il risultato: non galleggia e non affonda;
benzina = = 720 kg/m 3
0,001 m 3 rimane sospesa.
Per una sostanza solida, la determinazione del volu- Se un corpo pu o no galleggiare in un liquido, di-
me pi difficile se il corpo ha una forma irregolare. pende da quanto pesante. Ma cosa si intende qui
La fig. 4.17 mostra come si pu procedere. Immer- con "pesante" e "leggero"? Sicuramente non si in-
giamo il corpo in acqua e osserviamo il volume d'ac- tende la massa. Un pezzo di legno galleggia sull'ac-
qua che sposta. qua indipendentemente dalla sua massa. Quello da
Per la determinazione della densit dei gas il proble- cui dipende piuttosto la densit. Un corpo galleg-
ma maggiore misurare la massa. Vogliamo trovare gia su un liquido se la sua densit minore di quella
la densit dell'aria. A questo scopo prendiamo un del liquido. Se la densit maggiore affonda e se le
recipiente del volume di 1 l che abbia una chiusura a densit del corpo e del liquido sono uguali, allora il
tenuta stagna e lo pesiamo. In seguito, con una pom- corpo rimane sospeso.
pa a vuoto, ne estraiamo l'aria e lo pesiamo nuova- (Abbiamo usato la parola corpo in senso lato: po-
mente. La differenza dei risultati delle pesate deve trebbe anche essere un'altra porzione di liquido.)
essere la massa dell'aria che era nel recipiente
all'inizio. Mettiamo alla prova la nostra affermazione con
acqua e benzina. Una goccia d'acqua versata in un
recipiente di benzina affonda. Una goccia di benzi-
Esercizi na versata in un recipiente pieno d'acqua, si spande
sulla superficie.
1. Si pesano 1,6 litri di un liquido. Si trova m = 1,3 kg. Qual
la densit del liquido? Si tratta in entrambi i casi dello stesso fenomeno. Lo
si nota chiaramente facendo il seguente esperimen-
2. Una pietra da pavimentazione in granito pesa 2,2 kg. Che to: si versano in un recipiente di vetro alcuni liquidi
volume ha? dalle densit diverse, per esempio tricloroetilene,
3. Il serbatoio di un auto pu contenere 40 l. Quanto pesa la acqua e benzina. I tre liquidi si stratificano in modo
benzina del serbatoio pieno? che pi in basso ci sia il liquido con la densit
maggiore, sopra quello con la seconda maggiore
4. Una lamiera di rame, lunga 120 cm e larga 80 cm, pesa densit e cos via, fig. 4.18. Possiamo mettere nel
8,2 kg. Che spessore ha la lamiera? recipiente anche un paio di corpi solidi. Un corpo
5. Qual la massa dell'aria nel salotto di casa vostra? metallico andr a fondo del tutto; un corpo di
gomma dura ( = 1200 kg/m3) galleggia sul tri-
cloroetilene ma non sull'acqua; un corpo di una
materia plastica pi leggera ( = 900 kg/m3)
galleggia sull'acqua ma non sulla benzina; un corpo
di legno infine galleggia sulla benzina. Le sette
sostanze si ordinano quindi secondo la densit.

legno
benzina
plastica
acqua
ebanite
tricloroetilene
ottone

Fig. 4.17. Per misurare il volume di un corpo solido, misuria- Fig. 4.18. I 7 corpi (liquidi e solidi) si ordinano secondo la
mo il volume dell'acqua che sposta. loro densit.
58

Visto che i gas hanno una densit inferiore ai liquidi, Riempiamo d'acqua un recipiente alto che su un
tutti i gas "galleggiano" su tutti i liquidi. Una bolli- fianco ha tre fori a diverse altezze, fig. 4.19. L'acqua
cina d'aria nell'acqua o una bollicina di anidride car- schizza da tutte e tre le aperture. La pressione che
bonica in una gazzosa, salgono verso l'alto. spinge fuori l'acqua detta pressione gravitaziona-
le perch generata dal peso dell'acqua, per il
Finora ci siamo chiesti quali corpi galleggiano sui fatto che l'acqua pesante. Il getto d'acqua dell'aper-
liquidi. Possiamo per porre la stessa domanda per i tura pi in basso arriva pi lontano. La pressione
gas. Ovviamente tutte le sostanze liquide e solide gravitazionale deve essere massima. Il getto pi in
affondano nei gas: goccioline d'acqua e particelle alto va meno lontano di tutti. La pressione qui mi-
solide nell'aria cadono. Per contro un gas pu "gal- nima. La pressione gravitazionale dell'acqua quindi
leggiare" su un altro. Questo fenomeno sfruttato aumenta dall'alto verso il basso.
nei palloni aerostatici. Se un pallone aerostatico
riempito con un gas la cui densit inferiore a quella Possiamo misurare l'aumento di pressione e consta-
dell'aria, per esempio con idrogeno, il pallone sale tiamo: ogni 10 m di profondit d'acqua la pressione
(a condizione che l'involucro del pallone non sia gravitazionale aumenta di 1 bar. Nel punto pi
troppo pesante, visto che anche lui deve essere sol- profondo del mare, cio a circa 10 000 m di profon-
levato dall'idrogeno). I dirigibili, molto diffusi dit, la pressione vale quindi 1000 bar. Adesso
all'inizio del novecento, funzionano secondo questo capisci perch le capsule di immersione con le quali
principio. si raggiungono le grandi profondit devono avere
pareti molto spesse.
Riassumiamo:
Le centrali idroelettriche hanno spesso l'aspetto
Un corpo la cui densit inferiore a quella mostrato schematicamente in fig. 4.20. In alta
dell'ambiente circostante, sale verso l'alto. Se la montagna si trova un lago artificiale: un bacino di
sua densit superiore a quella dell'ambiente accumulazione per raccogliere l'acqua di diversi
affonda. fiumi e ruscelli. Alcuni grossi tubi collegano il lago
artificiale con la vera e propria centrale a valle, con i
generatori delle turbine. Se per esempio il lago
Esercizi situato 500 m pi in alto delle turbine, la pressione
1. Esistono liquidi sui quali il ferro galleggia? Motiva la all'entrata delle turbine di 50 bar.
risposta! Lo stesso fenomeno, cio l'aumento della pressione
2. Un pallone aerostatico viene gonfiato con diossido di con la profondit, si osserva anche nell'atmosfera
carbonio. Salir o scender? Motiva la risposta! terrestre, o in altre parole: nel "mare d'aria" che
circonda la Terra. Sul "fondo del mare", cio sulla
superficie terrestre, la pressione gravitazionale va-
le, come gi sai, circa 1 bar. Se si sale diminuisce,
4.9 La relazione tra pressione e vicino alla superficie terrestre al ritmo di circa 1
altezza nei liquidi e nei gas mbar ogni 10 m. Salendo sempre pi in alto non
diminuisce solo la pressione ma anche la variazione
Andando sott'acqua in piscina sentiamo una "pres- di pressione per differenza di altezza (vedi anche
sione nelle orecchie"; la stessa cosa succede quando paragrafo 2.2)
un ascensore sale o scende rapidamente da un palaz- La pressione gravitazionale nei liquidi e nei gas
zo molto alto. aumenta con la profondit.
In entrambi i casi la pressione cambia e le orecchie
sono il nostro organo sensoriale sensibile alle varia-
zioni di pressione.

lago artificiale

tubo
differenza di
altitudine tra il
lago artificiale
e la turbina
turbina

Fig. 4.19. La pressione dell'acqua aumenta verso il basso. Fig. 4.20. La pressione all'entrata della turbina dipende dalla
differenza di altitudine tra la turbina e il lago artificiale.
5. Quantit di moto e energia

5.1 La quantit di moto come


portatore di energia
Se facciamo uno sforzo fisico consumiamo energia.
Cosa si intende per "consumare"? Per esempio che
si deve mangiare molto per poter sostenere lo
sforzo. Mangiando riceviamo energia e durante lo
sforzo la cediamo nuovamente. "Consumi molta
energia" significa quindi "molta energia fluisce q. di moto
attraverso di te, ricevi e cedi molta energia".
La persona in fig. 5.1 trascina una cassa sul pavi-
mento. (Sicuramente potrebbe trasportare la cassa
in modo meno faticoso, ma in quel caso non potrem- Fig. 5.2. Anche se fluisce una corrente di quantit di moto, in
mo discutere bene il nostro problema.) Fa uno sfor- nessun punto fluisce una corrente di energia.
zo, cede energia. Dove va a finire questa energia?
Va alla faccia inferiore della cassa, l crea calore e Se agganciamo una corda a una parete, fig. 5.2,
poi si disperde nell'ambiente con il calore. fluisce una corrente di quantit di moto ma sicura-
Vogliamo ora esaminare il trasporto di energia tra mente non una corrente di energia, visto che niente
persona e cassa. Il primo punto da chiarire : qual il si scalda e niente si muove. Qual la differenza tra le
portatore di energia? Parallelamente alla corrente di corde in fig. 5.1 e fig. 5.2? La prima corda si muove,
energia, nella corda fluisce anche una corrente di la seconda no. Vediamo quindi che il trasporto di
quantit di moto. Concludiamo quindi che il porta- energia dipende dalla velocit con cui si muove il
tore di energia cercato sia la quantit di moto. conduttore di quantit di moto.
La quantit di moto un portatore di energia. Inoltre, l'intensit della corrente di energia dipende
ovviamente anche dall'intensit della corrente di
Notiamo subito che non tutte le correnti di quantit quantit di moto, visto che se la corda non sottopo-
di moto sono accompagnate da una corrente di sta a tensione meccanica non pu essere usata per
energia: come sappiamo la corrente di quantit di trasportare energia.
moto in fig. 5.1 fluisce dalla cassa alla persona
attraverso la Terra. L'energia per contro ,va per la Abbiamo cos ottenuto un risultato importante:
sua strada a partire dalla faccia inferiore della cassa. L'intensit P della corrente di energia che at-
Quindi la quantit di moto che rifluisce alla persona traversa una corda dipende
non trasporta energia.
- dall'intensit F della corrente di quantit di
Da cosa dipende allora l'intensit della corrente di moto che attraversa la corda;
energia? Formulato diversamente: come dobbiamo
procedere se vogliamo trasportare il massimo di - dalla velocit v della corda.
energia con una corda o una sbarra?
Vogliamo chiarire l'aspetto quantitativo di questa
relazione. Da che equazione sono collegate tra loro
le grandezze P, F, e v?
La dipendenza dell'intensit della corrente di ener-
gia P dall'intensit della corrente di quantit di moto
energia F facile da trovare. In fig. 5.3 si vedono dall'alto
due casse assolutamente identiche che vengono tra-
scinate sul pavimento. Confrontiamo i due pezzi di
quantit di moto corda A e B. Si muovono tutti e due alla stessa
velocit. Sia la corrente di quantit di moto che la
corrente di energia si suddividono equamente al
nodo N: la corrente di quantit di moto nella corda B
la met che nella corda A e la corrente di energia
Fig. 5.1. La quantit di moto fluisce in circuito chiuso. L'ener-
pure. Quindi a velocit uguali l'intensit della cor-
gia fluisce dai muscoli della persona alla faccia inferiore
rente di energia proporzionale all'intensit della
della cassa.
60

esattamente come in B, cos che la regola dei nodi


rispettata.) Quindi possiamo scrivere:
B FA = 2FB
I tre risultati assieme sono descritti correttamente
N A dalla relazione
P ~ v F,
visto che questa proporzionalit, da un lato ci dice
che P proporzionale a F se la velocit mantenuta
costante e dall'altro dice: se raddoppiamo v e con-
temporaneamente dimezziamo F, allora P resta
costante, proprio quello che abbiamo trovato dal
Fig. 5.3. Due casse, viste da sopra, sono trascinate sul pavi- nostro esperimento con la carrucola.
mento.
Se trasportiamo energia con il portatore quan-
corrente di quantit di moto: tit di moto, l'intensit della corrente di energia
P~F proporzionale all'intensit della corrente di
quantit di moto e alla velocit con la quale si
Per trovare la relazione tra P e v facciamo un esperi- muove il conduttore.
mento. Una cassa viene tirata con l'aiuto di un "pa-
ranco", fig. 5.4. Confrontiamo i pezzi di corda A e B. Per fare di questa proporzionalit un'equazione,
Dapprima per la corrente di energia: tutta l'energia dovremmo ancora inserire un coefficiente di pro-
che da destra fluisce in B, dalla carrucola in avanti porzionalit. Fortunatamente le unit SI delle tre
continua nella corda A. Nella corda C non pu fluire grandezze coinvolte sono scelte in modo tale che
energia visto che C non si muove. Abbiamo quindi: vale semplicemente:
PA = PB P=vF
Ora confrontiamo le velocit di A e B. Quando la Questo il risultato cercato. Possiamo calcolare
cassa si sposta di un certo tratto verso destra, l'estre- l'intensit della corrente di energia nella nostra cor-
mit destra di B si sposta verso destra di un tratto da, se conosciamo l'intensit della corrente di quan-
lungo il doppio. Poniamo che la cassa si sposti di 10 tit di moto nella corda e la velocit della corda.
cm, allora anche la carrucola si sposta di 10 cm. Se la Un esempio: tiriamo una corda in cui inserito un
corda B non passasse sulla carrucola ma fosse legata dinamometro. Il dinamometro segna 120 N, la cor-
alla corda A, anche B si sposterebbe di 10 cm verso da si muove a 0,5 m/s. Per l'intensit della corrente
destra. Ma a causa della carrucola la corda C si ac- di energia si ottiene:
corcia di 10 cm e questi 10 cm si aggiungono alla
corda B. B si allunga quindi di 20 cm. Questo signi- P = v F = 0,5 m/s 120 N = 60 W.
fica anche che la velocit di B sempre doppia di Tieni presente che, affinch l'intensit della corren-
quella di A. Vale perci: te di energia esca in unit SI, la velocit deve essere
vB = 2vA data in m/s e l'intensit della corrente di quantit di
moto in N.
Confrontiamo infine le correnti di quantit di moto
in A e B. Possiamo farlo solo con una misurazione. La formula
L'intensit della corrente di quantit di moto in B P=vF
esattamente la met che in A. (In C tra l'altro
si pu trasformare ottenendo un'equazione che per
alcuni problemi pi comoda. Sostituiamo P con
E/t e v con s/t :
E s
t
=
t
F
B e moltiplichiamo a destra a e sinistra per t. Si ottiene
A E=sF
L'equazione ci dice ad esempio: se spingiamo una
C sbarra e la spostiamo di un tratto s, attraverso la
sbarra fluisce una quantit di energia pari a s F,
dove F l'intensit della corrente di quantit di moto
che fluisce nella sbarra mentre si spinge.
Fig. 5.4. L'intensit della corrente di quantit di moto dop- Un esempio: tiriamo una corda in modo che fluisca
pia nella corda A che nella corda B. La velocit della corda A una corrente di quantit di moto di 120 N e che la
la met della velocit della corda B. corda si sposti di 2 m. Quanta energia viene traspor-
61

tata attraverso la corda? Applichiamo la nostra affluisce nel punto A non esce da C. Viene imma-
nuova formula. Con F = 120 N e s = 2 m si ottiene gazzinata nella molla.
E = s F = 2 m 120 N = 240 Nm = 240 J Possiamo analizzare le correnti anche in altri punti
della molla, per esempio in B, a met della molla. La
Esercizi corrente di quantit di moto nuovamente uguale a
quella in A e in C. La velocit del centro della molla
1. Un trattore traina un rimorchio a 20 km/h su una strada esattamente la met di quella di A. Quindi anche la
piatta. Attraverso il gancio di traino fluisce una corrente di corrente di energia intensa la met di quella che
quantit di moto di 900 N. Qual il consumo di energia del affluisce in A. Ci plausibile: met dell'energia
rimorchio? (Qual l'intensit della corrente di energia tra viene immagazzinata nella met destra della molla e
trattore e rimorchio?) Dove finisce la quantit di moto che l'altra met dell'energia continua a fluire verso la
fluisce nel rimorchio, dove finisce l'energia? met sinistra della molla. Possiamo estendere il
2. Un autocarro traina un rimorchio su una strada piatta da ragionamento: in ogni terzo della molla viene im-
una citt a un'altra. La distanza tra le citt di 35 km. Il gancio di magazzinato un terzo dell'energia, in ogni quarto
traino attraversato da una corrente di quantit di moto di 900 della molla viene immagazzinato un quarto del-
N. Quanta energia fluita in totale dall'autocarro al rimorchio? l'energia e cos via. In breve: l'energia si distribuisce
3. La cinghia di trasmissione di una macchina, si muove a uniformemente su tutta la lunghezza della molla.
una velocit di 10 m/s. La corrente di energia trasportata con la Se possibile comprimere la molla senza che si
cinghia ha un'intensit di 800 W. Con che forza la cinghia tira allarghi lateralmente, anche in questo modo possia-
sulla puleggia? (Quanto intensa la corrente di quantit di moto mo immagazzinare energia.
nella cinghia?)
4. Una gru solleva un carico di 50 kg a una velocit di 0,8 m/ Una molla un contenitore di energia. Maggiore
s. Quanto forte la corrente di energia attraverso il cavo della l'allungamento rispettivamente l'accorcia-
gru? Il carico viene sollevato di 5 m. Quanto dura il processo? mento della molla, pi energia vi immagazzi-
Quanta energia attraversa il cavo in questo lasso di tempo? nata.
Naturalmente questi ragionamenti non valgono
solo per le molle ma per tutti quegli oggetti
5.2 Contenitori meccanici di energia deformabili elasticamente: anche un estensore teso
contiene energia cos come una fionda tesa, un
a) Corpi deformati elasticamente come contenitori trampolino piegato o un pallone deformato, fig. 5.6.
di energia
Tendiamo una lunga molla rigida, fig. 5.5. Faccia- b) Corpi in moto come contenitori di energia
mo fatica perch per farlo ci vuole energia. Conside-
riamo l'estremit destra della molla (il punto A in Carichiamo di quantit di moto un'auto priva di at-
fig. 5.5). Questo punto della molla sottoposto a trito, come abbiamo gi fatto spesso, fig. 5.7. Questa
tensione meccanica, vale a dire che attraversato da volta per, sappiamo che attraverso la corda non
una corrente di quantit di moto F, e si muove a fluisce solo quantit di moto ma anche energia.
velocit v. Secondo la nostra formula P = v F Come la quantit di moto, nemmeno l'energia pu
nel punto A fluisce anche una corrente di energia. lasciare l'auto. Quindi, tirando si accumula nell'auto
Consideriamo ora l'estremit sinistra della molla (il sia quantit di moto sia energia.
punto C). La corrente di quantit di moto uguale a
quella in A. Visto per che C non si muove non c' Un corpo in moto contiene energia. Pi la sua
pi la corrente di energia. Quindi l'energia che velocit elevata, pi energia contiene.

energia

C B A

C B A

quantit di moto
Fig. 5.5. Mentre la molla viene tesa, dall'estremit destra Fig. 5.6. In un estensore teso, in una fionda tesa, in un tram-
fluisce energia nella molla. polino piegato e in un pallone deformato, immagazzinata
energia.
62

di moto
quantit

energia

Fig. 5.7. Durante l'accelerazione, nell'auto oltre alla quantit Fig. 5.9. Sollevando l'oggetto si immagazzina energia nel
di moto fluisce anche energia. campo gravitazionale.
Se lasciamo che un'auto si fermi da sola, la sua fluisce energia. Come sappiamo, la quantit di moto
quantit di moto defluisce a terra. L'energia prende giunge al corpo dalla Terra attraverso il campo gra-
un'altra strada. utilizzata per creare calore. Il vitazionale.
calore viene prodotto ovunque c' attrito. L'energia
si spande nell'ambiente: in parte nel terreno ma Possiamo immaginare il campo gravitazionale
anche nell'auto e nell'aria. come una molla invisibile che tira il corpo. Esatta-
mente come immagazziniamo energia in una molla
L'energia contenuta in un carrello in moto si pu tendendola, quando solleviamo un oggetto imma-
portare in una molla e l immagazzinarla: lasciamo gazziniamo energia nel campo gravitazionale. Se
che il carrello tenda una molla, fig. 5.8. Cos facen- lasciamo ricadere l'oggetto, il campo gravitazionale
do, il carrello si ferma. Ci sono due modi per tendere rilascia questa energia.
la molla: o ne fissiamo l'estremit sinistra alla parete
e lasciamo che l'estremit destra sia tirata verso de- Per sollevare un oggetto pesante ci vuole pi
stra dal carrello, oppure fissiamo l'estremit destra energia che per sollevarne uno leggero. Quindi nel
alla parete e lasciamo che la sinistra sia tirata verso campo gravitazionale viene immagazzinata pi
sinistra dal carrello. Il risultato sempre lo stesso: energia se il corpo sollevato pesante.
una molla tesa carica di energia. Nel primo caso Il campo gravitazionale un contenitore di ener-
l'energia proveniva da un carrello carico con quan- gia. Pi in alto si solleva un oggetto e pi l'oggetto
tit di moto positiva, nel secondo da un carrello con pesante, pi energia si mette nel campo gravita-
quantit di moto negativa. Evidentemente entrambi zionale.
i carrelli avevano per energia positiva.
L'energia del campo gravitazionale sfruttata dalle
L'energia di un corpo in moto sempre positiva centrali idroelettriche, fig. 5.10.
indipendentemente dalla direzione in cui si
muove. L'acqua dei fiumi e dei ruscelli d'alta montagna
viene raccolta e condotta a valle con dei tubi. Inca-
nalata verso il basso l'acqua, ricava energia dal
c) Il campo gravitazionale come contenitore di campo gravitazionale. Scorrendo poi nelle turbine
energia cede la sua energia. Quindi, nella turbina l'energia
entra con il portatore "acqua". Dalla turbina l'ener-
Solleviamo un oggetto pesante, fig. 5.9. Anche in gia prosegue verso il generatore con il portatore
questo caso, oltre alla quantit di moto, nella corda quantit di moto angolare.

Fig. 5.8. Un carrello in movimento cede la sua energia a una Fig. 5.10. Centrale idroelettrica. Scendendo nei tubi, l'acqua
molla. (a) Il carrello si muove verso destra. (b) Il carrello si preleva energia dal campo gravitazionale. Nella turbina cede
muove verso sinistra. questa energia.
63

moto positiva per non si interrompe. Quindi, il


sasso si mette in moto in direzione positiva (verso il
energia energia basso) e la sua quantit di moto (positiva) aumenta
durante la caduta. Nell'impatto con il suolo cede
nuovamente la quantit di moto alla Terra.

quantit di moto
quantit di moto

b) L'oggetto oscillante
La slitta in fig. 5.12 si muove avanti e indietro su una
rotaia a cuscino d'aria, compie una cosiddetta
oscillazione. Avrai gi incontrato parecchie volte
dei moti di questo tipo. Per la maggior parte di quei
processi, i percorsi di energia e impulso sono molto
simili a quelli in fig. 5.12. Per questo motivo
Fig. 5.11. Il percorso della quantit di moto e dell'energia in vogliamo esaminare pi da vicino la slitta in fig.
un oggetto lanciato verso l'alto. 5.12. Spostiamo il corpo un po' sulla sinistra del
punto di equilibrio e lo lasciamo andare.
5.3 I percorsi tortuosi dell'energia e L'energia
della quantit di moto Nel momento del rilascio entrambe le molle sono
Analizziamo ora due diversi moti: il moto di un caricate di energia: quella sinistra perch com-
sasso lanciato verso l'alto, fig. 5.11, e il moto di un pressa, quella destra perch tesa. La slitta si mette
corpo che oscilla avanti e indietro tra due molle, fig. in moto verso destra. Cos facendo riceve energia da
5.12. In entrambi i casi ci poniamo le domande: entrambe le molle, visto che entrambe le molle si
scaricano. Quando raggiunge il centro, le molle
- Che percorso segue l'energia? hanno ceduto la loro energia, tutta l'energia
- Che percorso segue la quantit di moto? contenuta nel corpo. Il corpo continua verso destra e
rallenta, cede di nuovo la sua energia alla molle. Nel
a) Il sasso lanciato verso l'alto punto pi a destra tutta l'energia tornata nelle
L'energia molle e tutto il processo ricomincia nella direzione
opposta.
Durante il lancio l'energia va dai muscoli della per-
sona al sasso. Durante la salita l'energia fluisce nel La quantit di moto
campo gravitazionale. Nel punto di inversione, tutta Nel momento del rilascio la molla a sinistra sotto-
l'energia uscita dal sasso, durante la discesa fluisce posta a compressione e quella a destra a trazione.
nuovamente nel sasso dal campo gravitazionale. Quindi, nella molla a sinistra fluisce una corrente di
Nell'impatto con il suolo viene creato calore. L'e- quantit di moto verso destra, in quella a destra
nergia si disperde nell'ambiente con il calore: nel verso sinistra. In totale ci sono due correnti di
sasso, nel terreno e nell'aria. quantit di moto che fluiscono da terra nel corpo. La
La quantit di moto quantit di moto del corpo aumenta finch raggiun-
ge il centro. Ora le molle sono rilassate, la corrente
Nel lancio, la persona "pompa" quantit di moto di quantit di moto non fluisce pi. Appena la slitta
negativa dalla Terra al sasso. Durante la salita, nel supera il centro, le molle ricominciano a tendersi,
sasso fluisce quantit di moto (positiva) dalla Terra per questa volta la molla a destra a essere sottopo-
attraverso il campo gravitazionale e di conseguenza sta a compressione e quella a sinistra a trazione. La
la quantit di moto negativa del sasso diminuisce. quantit di moto fluisce nella direzione opposta
Nel punto di inversione tutta la quantit di moto rispetto a prima: dal corpo in entrambe le direzioni e
negativa compensata. L'afflusso di quantit di poi a terra.

energia
Esercizi
1. Un vagone ferroviario urta un respingente a molla. Che
percorso seguono energia e quantit di moto?
quantit di moto quantit di moto
2. Una palla rimbalza per terra. Che percorso seguono energia e
energia quantit di moto?
3. Un oggetto appeso al soffitto con una corda elastica in
modo da poter oscillare su e gi. Descrivi il percorso di energia
e quantit di moto.
quantit di moto quantit di moto

Fig. 5.12. Il percorso della quantit di moto e dell'energia in


un oggetto che oscilla.
6. La quantit di moto come vettore

moto non sono uguali. Le auto non si muovono nella


6.1 I vettori stessa direzione. L'auto A viaggia in direzione x,
Fitta nebbia in una zona di traffico navale intenso. l'auto B perpendicolarmente a x.
L'operatore radio comunica al capitano Amundsen come per la velocit: per definire in modo univoco
posizione e velocit delle navi nei paraggi della la quantit di moto di un corpo si devono dare modu-
Gigantic: "A una distanza di 5,6 miglia in direzione lo e direzione. Nel nostro caso:
nordest, una petroliera naviga alla velocit di 35 Quantit di moto dell'auto A
nodi (65 km/h)." sufficiente questa indicazione modulo: 2000 Hy
per permettere al capitano Amundsen di evitare la direzione: x
collisione? Naturalmente no, fig. 6.1. "In che dire-
zione naviga?" chiede Amundsen. Sa che se naviga Quantit di moto dell'auto B
in direzione ovest la situazione si fa pericolosa. In modulo: 2000 Hy
quel caso dovrebbe per forza compiere una mano- direzione: perpendicolare a x
vra per evitare la collisione. Se invece la petroliera
naviga verso est, non c' nessun pericolo. Due quantit di moto sono uguali solo a condizione
che coincidano sia il modulo che la direzione.
Per descrivere chiaramente il moto di un corpo (in
questo caso la petroliera), si deve fornire: Le grandezze fisiche che sono definite in questo
mo-do vengono dette vettori.
- la velocit del corpo, per esempio 65 km/h;
Un vettore definito dal suo modulo e dalla sua
- la direzione in cui si muove il corpo, per direzione.
esempio verso est.
La velocit e la quantit di moto sono vettori.
Entrambi i dati appartengono alla velocit. La sola
indicazione "65 km/h" non basta per determinare la Le grandezze fisiche "normali", cio quelle definite
velocit. La direzione del moto parte integrante da un solo dato numerico, sono dette scalari.
della determinazione di una velocit. Di una massa sufficiente dire
Si dice che la velocit ha un modulo e una dire- m = 5 kg.
zione. Nel nostro caso
Una direzione non avrebbe senso. La massa quindi
- modulo della velocit: 65 km/h; uno scalare. Altri esempi di scalari sono l'energia,
- direzione della velocit: est. l'intensit di corrente elettrica e la temperatura.
Ci sono altre grandezze che possono essere deter- Come possiamo comunicare a qualcuno il valore di
minate in modo univoco solo dopo indicazione di una grandezza vettoriale, come la quantit di moto
modulo e direzione. La quantit di moto una di di un corpo? Per esempio cos:
queste grandezze. - modulo della quantit di moto: 200 Hy;
Entrambe le automobili in fig. 6.2 hanno una quanti- - direzione della quantit di moto: 35 rispetto
t di moto di 2000 Hy. Malgrado ci, le quantit di all'asse x.

petroliera N
NO NE
B
O E A
SO SE
S
Gigantic
x

Fig. 6.1. Le posizioni della Gigantic e di una petroliera. La Fig. 6.2. Le quantit di moto delle due auto non sono uguali.
petroliera naviga in direzione est. Non c' pericolo.
66


pA


pB

p C

50 Hy 600 Hy

Fig. 6.3. Le quantit di moto dei tre corpi A, B e C nella Fig. 6.4. Per l'esercizio 3
rappresentazione a frecce.

C' un modo pi pratico per descrivere la quantit di 6.2 La direzione della corrente e la
moto (e ogni altro vettore): con un disegno. Prima si
stabilisce la scala, per esempio: direzione di ci che scorre
1 cm sul disegno corrisponde a 50 Hy. Qualcuno in piedi in riva a uno stagno e tenta di
muovere una zattera con l'aiuto di una lunga stanga.
Ora possiamo rappresentare la quantit di moto con Le figg. da 6.5a a 6.5c mostrano tre diverse scene
una freccia. La lunghezza della freccia corrisponde viste dall'alto. Vogliamo descrivere cosa succede.
al modulo della quantit di moto, la direzione della
freccia alla direzione della quantit di moto. Per facilitare l'esercizio abbiamo indicato la dire-
zione x. Diamo sempre la quantit di moto rispetto a
La fig. 6.3 mostra le quantit di moto di tre corpi A, questa direzione.
B e C. Tieni presente: 1 cm corrisponde a 50 Hy.
In fig. 6.5a la zattera spinta verso destra dalla
Per facilitarci la vita, diamo dei nomi diversi ai tre persona, quindi nella direzione positiva dell'asse x.
tipi di quantit di moto in fig. 6.3: a quella del corpo Poniamo che la persona prema in modo che ogni
A diamo il nome quantit di moto a 0, perch la secondo attraverso la stanga fluiscano 150 Hy. L'in-
freccia della quantit di moto descrive un angolo di tensit della corrente di quantit di moto quindi di
0 con l'asse x;a quella del corpo B quantit di moto 150 Hy/s = 150 N. In fig. 6.5b, la persona spinge la
a 45 perch la freccia della quantit di moto descri- zattera lontano da s, verso il centro dello stagno.
ve un angolo di 45 con l'asse x; a quella del corpo C Spinge nuovamente in modo che ogni secondo alla
quantit di moto a 270. zattera giungano 150 Hy. Anche in fig. 6.5c preme
Anche il simbolo usato serve a indicare se la gran- con 150 N, ma questa volta di sbieco dalla destra.
dezza un vettore: sopra la lettera che rappresenta la Anche se nei tre casi ogni secondo fluisce lo stesso
grandezza si traccia una freccia. Cos il simbolo per numero di huygens, le tre correnti di quantit di
il vettore velocit v e quello per la quantit di moto differiscono tra loro visto che non fluisce la
moto p. In fig. 6.3 stata usata questa scrittura. stessa cosa.
Nel primo caso la zattera riceve quantit di moto a
0. Quindi nella stanga fluita quantit di moto a 0.
Esercizi Nel secondo caso la zattera riceve quantit di moto a
1. Rappresenta graficamente le seguenti quantit di moto. 90. Perci attraverso la stanga deve fluire quantit
di moto a 90. Nel terzo caso nella stanga fluisce
Corpo P: modulo: 20 Hy
quantit di moto a 45.
direzione: 270 rispetto all'asse x
Corpo Q: modulo: 1200 Hy La quantit di moto che fluisce dalla persona alla
direzione: 10 rispetto all'asse x zattera rappresentata dalle frecce disegnate a sini-
2. Finora abbiamo sempre considerato solo il moto parallelo stra della stanga. Puoi immaginarti ogni freccia
a un asse. In questo modo avevamo quantit di moto positiva e come una porzione di quantit di moto che si muove
negativa. Rappresenta come freccia i valori di quantit di moto dalla persona alla zattera.
p1 = 3,5 Hy e p2 = -4,5 Hy. La lunga linea tratteggiata rappresenta il percorso
3. Come sono modulo e direzione delle quantit di moto rap-
seguito dalla quantit di moto.
presentate dalle frecce in fig. 6.4? Come puoi vedere: con l'intensit della corrente di
quantit di moto ci troviamo nella stessa situazione
che con la quantit di moto stessa. Un solo valore
numerico non sufficiente alla determinazione.
67

x
x
x

a b c

Fig. 6.5. Alla zattera, cio dal basso verso l'alto, attraverso la stanga fluisce: (a) quantit di moto a 0, (b) quantit di moto a 90, (c)
quantit di moto a 45.

L'intensit della corrente determinata, se oltre al Confrontiamo ora la fig. 6.7 con la fig. 6.5c. Anche
modulo (qui 150 N) diamo anche la direzione della in fig. 6.7 nella zattera fluisce quantit di moto a 45
quantit di moto che fluisce (0, 90 oppure 45). - a differenza della fig. 6.5c per non attraverso una
Quindi: stanga diritta ma una ricurva. La quantit di moto
deve fluire attraverso una doppia curva. Quindi: in
L'intensit della corrente di quantit di moto entrambe le figure fluisce la stessa quantit di moto
un vettore. e in entrambe le figure fluiscono 150 Hy/s. Ma la
Come ogni altro vettore, possiamo rappresentare quantit di moto fluisce una volta attraverso un
con una freccia anche questo. In questo caso vale: conduttore diritto e una volta attraverso uno ricurvo.
Le frecce che indicano i vettori corrispondenti alle
lunghezza della freccia: modulo dell'intensit del- figg. 6.5c e 6.7 sono per uguali.
la corrente di quantit di moto;
Il percorso seguito dalla quantit di moto nelle figg.
direzione della freccia: direzione della quantit di 6.5c e 6.7 rappresentato da una linea tratteggiata.
moto che fluisce nel conduttore.
Come simbolo per il vettore intensit di corrente Non confondere la direzione del percorso con la
direzione della quantit di moto trasportata.
usiamo F.
Abbiamo descritto i tre processi nelle figure da 6.5a
La fig. 6.6 mostra i vettori intensit di corrente corri- a 6.5c, dicendo che tipo di quantit di moto e quanta
spondenti alle figg. 6.5a-c. ne fluita, da terra alla zattera. Per possiamo an-
che descrivere i processi dicendo che tipo di quanti-
t di moto e quanta ne fluita dalla zattera, cio a
terra. Le due descrizioni sono equivalenti.
"Da terra fluiscono alla zattera x huygens al secondo
Fig. 6.5b di quantit di moto di una certa direzione" ha lo
Fig. 6.5a
stesso significato di "dalla zattera fluiscono a terra x
huygens al secondo di quantit di moto della dire-
zione opposta".
La fig. 6.8 mostra lo stesso processo della fig. 6.5a
100 Hy ma la descrizione diversa. La fig. 6.8 non mostra la
Fig. 6.5c quantit di moto che fluisce alla zattera, ma la
quantit di moto che fluisce a terra, cio quantit di
moto a 180.
Fig. 6.6. Vettori intensit di corrente per le quantit di moto
che fluiscono alla zattera nelle figgc. 6.5a-c. Nota che la freccia vettore dell'intensit di corrente,
nelle due descrizioni deve avere direzione opposta.
68

x x

Fig. 6.7. Nella zattera fluisce quantit di moto a 45 Fig. 6.8. Lo stesso processo di fig. 6.5a descritto in modo di-
attraverso una stanga ricurva. verso: a terra fluisce quantit di moto a 180.
Le seguenti affermazioni sono quindi equivalenti: 3. Una mela cade dall'albero, fig. 6.11. Nella mela fluisce
quantit di moto. (Proviene dalla Terra attraverso il campo gra-
- da terra fluiscono alla zattera 150 Hy/s di vitazionale.) La mela pesa 300 g.
quantit di moto a 0;
a) Qual l'intensit della corrente di quantit di moto?
- dalla zattera fluiscono a terra 150 Hy/s di b) Che tipo di quantit di moto fluisce nella mela?
quantit di moto a 180. (Espresso con un angolo in un piano verticale).
c) Disegna la freccia vettore dell'intensit della corrente di
quantit di moto.
Esercizi
1. Nella sbarra fra trattore e rimorchio fluisce una corrente di
quantit di moto di 300 N, fig. 6.9. Che tipo di quantit di moto
fluisce al rimorchio? Rappresenta l'intensit della corrente di
quantit di moto con una freccia vettore. Descrivi lo stesso x
processo indicando quanta e che tipo di quantit di moto fluisce
dal rimorchio attraverso la sbarra.
2. Qualcuno spinge un carrello in direzione x positiva con
l'aiuto di un sbarra a forma di spirale, fig. 6.10. Fluisce una
corrente di quantit di moto di 25 N.
a) Che tipo di quantit di moto fluisce nel carrello?
b) Segna il percorso seguito dalla quantit di moto.
c) Disegna la freccia vettore dell'intensit di corrente.
Fig. 6.10. Per l'esercizio 2

300 N

90

180 0
x
270

Fig. 6.9. Per l'esercizio 1 Fig. 6.11. Per l'esercizio 3


69

500 Hy

p1


p 2
p3

x 200 Hy

Fig. 6.12. La zattera ha 500 Hy di quantit di moto a 0 e Fig. 6.14. L'addizione vettoriale commutativa.
riceve 150 Hy di quantit di moto a 90.

6.3 L'addizione di vettori Poi disegniamo una terza frecciap3 il cui inizio coin-
Ancora lo stagno con la zattera, fig. 6.12. La zattera cida con l'inizio di p1 e la cui punta coincida con
si muove verso destra. Detto fisicamente: ha quanti- la punta di p2. La freccia p3 rappresenta la quantit
t di moto a 0 - poniamo 500 Hy. La persona spinge
la zattera, nella figura dal basso verso l'alto. Spinge di moto totale cercata.
in modo che nella zattera fluiscano, ogni secondo, Ci che abbiamo fatto si chiama addizione vetto-
50 huygens di quantit di moto a 90. Spinge per tre riale. Simbolicamente descritta da
secondi. Che quantit di moto ha la zattera alla fine?

Ha 500 Hy di quantit di moto a 0 e 3 50 Hy di p1 + p2 = p3
quantit di moto a 90. S, ma quant' in totale? E che
tipo di quantit di moto ? Invece di appendere p2 a p1 possiamo anche ap-
Puoi immaginarti che alla fina la zattera non si muo- pendere p1 a p2, fig. 6.14. Otteniamo lo stesso
ver n parallela n perpendicolare alla direzione x, risultato. Quindi la somma vettoriale commutati-
ma si muover un po' di sghembo, verso l'alto e la va, come la normale addizione.
destra della figura. La quantit di moto totale alla fi-
ne, non quindi quantit di moto a 0 ma nemmeno Esempio
quantit di moto a 90. Un sasso di 0,5 kg viene lanciato orizzontalmente,
Il problema della quantit di moto totale pu essere fig. 6.15. Subito dopo il lancio ha 3 Hy di quantit di
formulato anche cos: come si sommano i vettori? moto a 0. A causa della gravit, riceve continua-
Come addizioniamo 500 Hy di quantit di moto a 0 mente dalla Terra nuova quantit di moto. Si tratta
e 150 Hy di quantit di moto a 90? di quantit di moto a 270. Quanta e che tipo di
quantit di moto ha dopo 2 secondi?
Se utilizziamo le frecce per rappresentare i vettori
quantit di moto, il risultato facile da trovare. Calcoliamo l'intensit della corrente di quantit di
moto che arriva dalla Terra
Rappresentiamo ognuna delle due quantit di moto
con la sua freccia, fig. 6.13a. Chiamiamo le due F = m g = 0,5 kg 10 N/kg = 5 N
frecce p1 e p2.Ora le colleghiamo in modo tale che Quindi il sasso riceve dalla Terra 5 Hy ogni secon-

l'inizio di p2 coincida con la punta di p1, fig. 6.13b. do. La quantit di moto ricevuta dalla Terra in 2

a 90

p
1
180 0
b
p2
270

p3

p2
200 Hy
p
1

Fig. 6.13. Addizione vettoriale Fig. 6.15. All'inizio il sasso ha solo quantit di moto a 0. At-
traverso il campo gravitazionale riceve in continuazione
quantit di moto a 270.
70

p1


F1 F2
p2
p3
2 Hy

F3
30 Hy

Fig. 6.16. Frecce vettore per il lancio di fig. 6.15. Fig. 6.18. Frecce vettore delle intensit delle correnti, per la
fig. 6.17.

secondi ammonta a: moto il cui modulo 90 N. Che quantit di moto al


secondo riceve la barca? Di che quantit di moto si
p = F t = 5 Hy/s 2 s = 10 Hy tratta?
Ora dobbiamo sommare Nella corda in alto fluiscono alla barca 90 N di

p1 + p2 = p3 quantit di moto a 30, dalla corda in basso 90 N di
quantit di moto a 330. In fig. 6.18 le due frecce
dove delle intensit di corrente sono state composte. L'in-
tensit totale della corrente che entra nella barca,

p1 : 3 Hy di quantit di moto a 0 la somma vettoriale. Dal disegno apprendiamo:


Intensit totale: 156 N di quantit di moto a 0
p2 : 10 Hy di quantit di moto a 270

La fig. 6.16 mostra il risultato. Il modulo della Esempio


quantit di moto totale si pu calcolare grazie al teo-
rema di Pitagora: Un'auto curva di 90, fig. 6.19a. La sua quantit di
_____________________ moto, prima e dopo la curva ha lo stesso modulo,
modulo di p3 = (3 Hy)2 + (10 Hy)2 cio 30 000 Hy. Durante la curva l'auto riceve quan-
_________ tit di moto da terra. Inoltre vale: quantit di moto
= 9 + 100 Hy iniziale dell'auto + quantit di moto da terra =
quantit di moto finale dell'auto. Naturalmente il
= 10,44 Hy segno "+" significa somma vettoriale.
Esempio La fig. 6.19b mostra come si costruisce la freccia
vettore della quantit di moto ricevuta da terra. La
Due persone trainano una barca in un canale. Una direzione di questa quantit di moto la direzione
persona cammina su una riva, l'altra sull'altra, fig. della bisettrice dell'angolo formato dai due tratti
6.17. Le corde e il canale descrivono un angolo di rettilinei di strada. Il modulo della quantit di moto
30. (Pi precisamente: la corda in alto nel disegno che da terra va all'auto si calcola con il teorema di
descrive un angolo di 30, quella in basso di 330.) Pitagora ottenendo circa 42 000 Hy.
In ogni corda fluisce una corrente di quantit di

a b

pda terra

pprima


pdopo
10 000 Hy

Fig. 6.17. La barca riceve quantit di moto a 30 da una perso- Fig. 6.19. (a) Un'auto curva di 90. (b) Costruzione della frec-
na e quantit di moto a 330 dall'altra. cia vettore della quantit di moto che l'auto riceve da terra.
71

Esercizi
1. Un sasso di 100 g viene lanciato orizzontalmente dall'alto
di una torre. La sua quantit di moto iniziale 0,5 Hy.
a) Quanta e che tipo di quantit di moto riceve dalla Terra entro
a
un secondo?
b
b) Costruisci la freccia vettore della quantit di moto del sasso
F c
un secondo dopo il lancio.
c) Qual il modulo della quantit di moto del sasso un secondo
dopo il lancio?
F
2. Un sasso di 0,3 kg viene lanciato orizzontalmente dall'alto
di una torre. La sua velocit iniziale 5 m/s. Fig. 6.20. Un oggetto viene lanciato dalla cima di una monta-
a) Qual la sua quantit di moto iniziale? gna molto alta. Le tre traiettorie corrispondono a tre diversi
valori iniziali di quantit di moto.
b) A un certo punto l'angolo di caduta del sasso esattamente di
45. Che quantit di moto ha ricevuto dalla Terra il sasso fino a Se riusciamo a dare alla quantit di moto iniziale un
quel momento? Costruisci un diagramma a frecce per i vettori. valore elevato e appropriato, allora ci si presenta la
Qual il modulo della quantit di moto in quell'istante? situazione di fig. 6.21. Il corpo continua a cadere e
ciononostante non si avvicina alla Terra.
3. Una sfera pesante 3 kg viene lanciata in alto a un angolo
di 45 rispetto all'orizzontale. Ha una quantit di moto iniziale Nel punto A riceve quantit di moto a 270, in B
di 12 Hy. Dopo quanto tempo cadr a un angolo di 45 verso il quantit di moto a 225, in C quantit di moto a
basso? 180, in D quantit di moto a 90, in E quantit di
moto a 0, ecc. La quantit di moto che affluisce fa
4. Un treno imbocca una curva di 30. Viaggia a 70 km/h e in modo che la traiettoria del corpo sia
ha una massa di 1200 t. Costruisci la freccia vettore della continuamente piegata verso la Terra. Se si sceglie
quantit di moto che il treno riceve da terra. bene la quantit di mo-to iniziale il corpo descrive
5. Un'auto percorre una curva di 90. La sua velocit prima una traiettoria circolare.
della curva 30 km/h, dopo 50 km/h. La sua massa 1400 kg. La direzione della quantit di moto che il corpo rice-
Costruisci la freccia vettore della quantit di moto che l'auto ve in ogni istante sempre perpendicolare alla dire-
riceve durante la curva. Qual il modulo di questa quantit di zione della quantit di moto che ha in quell'istante.
moto? Cos in B il corpo ha quantit di moto a 315 e riceve
6. Il portiere rilancia la palla in campo. Un giocatore la calcia quantit di moto a 225. In C ha quantit di moto a
immediatamente verso la porta. Descrivi a parole da dove la 270 e riceve quantit di moto a 180, ecc.
palla riceve quantit di moto lungo il percorso e a chi la cede. Avrai notato che non abbiamo discusso un "esperi-
Tieni conto anche della resistenza dell'aria. mento mentale" (o Gedankenexperiment) comple-
tamente folle e non realistico.
Quando si dice che un satellite posto in "orbita" si
6.4 Satelliti, Luna e pianeti intende:
Abbiamo visto: un oggetto nei pressi della superfi- - che viene portato a una determinata altezza;
cie terrestre riceve quantit di moto a 270. Se lo - che gli viene data esattamente la quantit di mo-
lasciamo andare la sua quantit di moto a 270 au- to necessaria affinch abbia un'orbita circolare.
menta e l'oggetto si mette in moto - verso la Terra.
Ma un oggetto cade per terra anche se, invece di es- A
sere semplicemente lasciato cadere, viene lanciato
orizzontalmente, fig. 6.15. B
FA
Immaginiamo di lanciare un oggetto da una monta-
gna molto alta e in modo che abbia moltissima quan- FB
FE
tit di moto a 0. La fig. 6.20 mostra le traiettorie per E C

tre diversi valori iniziali della quantit di moto a 0. FC
Il corpo vola cos lontano da percepire la curvatura
della superficie terrestre. In questo modo succede FD
qualcosa di sorprendente: nei pressi del punto di
lancio il corpo riceve quantit di moto a 270. D
Durante il volo per, la direzione della nuova quan-
tit di moto ricevuta cambia. Cos, alla fine della sua Fig. 6.21. La direzione della quantit di moto che affluisce
traiettoria il corpo in fig. 6.20 non riceve pi quanti- dalla Terra perpendicolare alla direzione della quantit di
t di moto a 270 ma quantit di moto a 240. moto che il corpo ha in quell'istante.
72

orbita del satellite


Terra

Fig. 6.22. Se la quantit di moto iniziale maggiore di quella Fig. 6.23. Il carrello isolato da terra grazie alle ruote. La
necessaria per un'orbita circolare, il satellite si muove su quantit di moto che riceve dalla persona non pu defluire e
un'orbita ellittica. quindi si accumula nel carrello.

Se al satellite non viene data una quantit di moto La fig. 6.23 mostra ancora una volta come ci si pu
sufficiente ricade sulla Terra - come il corpo in fig. convincere che le ruote impediscono alla quantit di
6.20. Se gli diamo un po' pi della quantit di moto moto di fluire a terra. La persona tira, attraverso la
necessaria per l'orbita circolare, inizialmente si corda nel carrello fluisce quantit di moto. Visto che
allontana: percorre un'orbita ellittica, fig. 6.22. la quantit di moto non pu defluire a terra attra-
verso le ruote, si accumula e il carrello diventa pi
Solamente per valori iniziali di quantit di moto veloce.
molto pi elevati si riesce a fare in modo che voli via
del tutto dalla Terra. In quel caso non pi un satelli- Anche in fig. 6.24 una persona tira un carrello. Mal-
te ma diventa una sonda spaziale. (Una sonda spa- grado le ruote per, la quantit di moto non resta nel
ziale di grande successo stata Voyager 2. Dopo un carrello. Defluisce e il carrello non si muove. La dif-
viaggio durato circa dieci anni ha lasciato il sistema ferenza dalla fig. 6.23: la quantit di moto che flui-
solare.) sce nel carrello perpendicolare alle ruote. Quindi:
Il moto dei satelliti non per una scoperta umana. Le ruote lasciano defluire a terra la quantit di
Esisteva gi in natura molto prima che esistessero moto trasversale. Quella longitudinale invece
gli uomini. Il moto attorno alla Terra del suo non viene lasciata passare.
satellite naturale, la Luna, lo stesso tipo di moto di
un satellite artificiale. Solo che la Luna gira a una Abbiamo forzato un po' la mano e dipinto la situa-
distanza nettamente pi grande. Mentre i satelliti zione in bianco e nero. Da un lato a causa dell'attrito
artificiali orbitano a un'altezza tra i 200 km e i 40 defluisce anche una piccola parte di quantit di
000 km sopra la superficie terrestre, la distanza della moto longitudinale. Dall'altro, fig. 6.25, tirando con
Luna dalla Terra di quasi 400 000 km. forza (cio con una corrente di quantit di moto
molto intensa) il collegamento conduttore di quanti-
Probabilmente saprai che oltre alla Terra anche altri t di moto trasversale in fig. 6.24 si pu rompere.
pianeti hanno delle lune.
L'auto che percorre una curva in fig. 6.26 deve libe-
Da ultimo, anche il moto della Terra e degli altri pia- rarsi della sua quantit di moto a 0. Ci succede
neti attorno al Sole un moto del tipo che hai appena perch le ruote lasciano defluire a terra la quantit di
conosciuto. La Terra (come gli altri pianeti) riceve moto trasversale. A parte sul ghiaccio. In quel caso
costantemente quantit di moto dal Sole. La direzio- le ruote non conducono quantit di moto in nessuna
ne della quantit di moto ricevuta in ogni istante
perpendicolare alla direzione della quantit di moto
che ha gi.

6.5 Ruote
Quando ci siamo occupati di conduttori e non con-
duttori di quantit di moto, non sapevamo ancora
che la quantit di moto un vettore. Allora conosce-
vamo solo quantit di moto di un tipo e considerava-
mo il moto in una sola direzione. Tra le altre cose
avevamo trovato la seguente regola: le ruote fungo-
no da isolazione per la quantit di moto.
Fig. 6.24. La quantit di moto che riceve dalla persona deflui-
Questa regola diventa pi complicata se lasciamo sce a terra. La quantit di moto trasversale non viene trattenu-
fluire quantit di moto di diverse direzioni. ta dalle ruote.
73

Fig. 6.25. Se la corrente di quantit di moto diventa troppo in- Fig. 6.27. Le ruote sono orientabili. Non lasciano passare n
tensa, il collegamento conduttore si rompe. quantit di moto longitudinale n trasversale.
direzione. Per questo motivo sono pi sicuri i mezzi Esempio
di trasporto che si muovono su rotaia, dove le ruote
sono sempre dei buoni conduttori di quantit di mo- Un carrello di 20 kg fermo su una strada ripida, il
to trasversale. freno viene disinserito, fig. 6.29. Cosa fa il carrello?
Attraverso il campo gravitazionale nel carrello flui-
Per una nave la distinzione pi sfumata. La quanti- sce continuamente quantit di moto a 270. Il modu-
t di moto longitudinale defluisce all'acqua in misu- lo dell'intensit della corrente di quantit di moto
ra minore della quantit di moto trasversale, ma la
differenza molto meno marcata che per i veicoli F = m g = 20 kg 10 N/kg = 200 N
sulla terra ferma. Cosa succede a questa quantit di moto? Defluisce a
A volte si desidera che un veicolo non perda n terra? Si accumula?
quantit di moto trasversale n longitudinale. Un Non sappiamo cosa succede alla quantit di moto a
metodo per ottenere questo risultato: montiamo le 270 ma sappiamo cosa succede alla quantit di
ruote in modo che possano cambiare direzione. Pro- moto parallela alla strada e alla quantit di moto
babilmente anche i carrelli che usate per spostare gli perpendicolare alla strada.
apparecchi nel laboratorio di fisica hanno delle
ruote di questo tipo, fig. 6.27.
Abbiamo finito con le ruote? Non del tutto, abbiamo
considerato solo il moto nel piano in cui si muove il
carrello. Manca ancora la terza direzione.
Prendi un carrellino e premilo dall'alto sul tavolo.
Ovviamente non si muove. Tiralo perpendicolar-
mente verso l'alto. Si muove verso l'alto. Ora invece
che sul tavolo fai la stessa cosa contro la parete. Se
premiamo il carrello contro la parete non si muove,
la quantit di moto defluisce, fig. 6.28. Se tiri il
carrello si muove staccandosi dalla parete, la
quantit di moto non defluisce. Tra l'altro in questo
caso le ruote sono del tutto superflue. Fig. 6.28. La quantit di moto di direzione perpendicolare al
piano d'appoggio del carrello, viene condotta alla parete.

90
90
180 0
15
180 0
270
270

Fig. 6.26. L'auto deve liberarsi della sua quantit di moto a 0. Fig. 6.29. Nel carrello entra quantit di moto a 270. Viene
Durante la curva deve ricevere da terra quantit di moto a 90. scomposta in una parte che defluisce a terra e in una parte che
si accumula nel carrello.
74


Flong


F

Ftras

90
100 N 180 0
270
Fig. 6.30. Scomposizione del vettore intensit di corrente Fig. 6.32. Qualcuno, con una corda, cerca di muovere lateral-
della quantit di moto a 270 in una componente a 255 e in mente un carrello.
una componente a 345.
La quantit di moto nella direzione di moto del 6.6 Corde
carrello quantit di moto a 345. Non pu defluire
e quindi si accumula nel carrello. Un'altra vecchia regola che va completata: le corde
conducono la quantit di moto solo in una direzione.
La quantit di moto perpendicolare quantit di
moto a 255. Defluisce a terra totalmente. Quello che succede in fig. 6.32 non facile da capi-
re: la persona cerca di mettere in moto lateralmente
Quindi quello che dobbiamo fare : scomporre la il carrello con una corda - ovviamente senza succes-

corrente di quantit di moto a 270 F che affluisce in so. In termini di quantit di moto: cerca di trasmette-

una corrente di quantit di moto a 345 Flong e una re quantit di moto a 90 con una corda in direzione

0. E questo non si pu fare. Le corde sono selettive:
corrente di quantit di moto a 255 Ftras, fig. 6.30. Attraverso una corda si pu spedire unicamente
quantit di moto parallela alla corda e solo in una
Dalla figura otteniamo direzione.
Flong = 50 N Vogliamo applicare la nuova formulazione della
Ftras = 190 N regola. La fig. 6.33 mostra, visto dall'alto, un carrel-
lo tirato con una corda. Non viene tirato dal davanti
Quindi: ogni secondo defluiscono a terra 190 Hy e la ma un po' di lato. Nella corda fluisce una corrente di
quantit di moto del carrello aumenta di 50 Hy. quantit di moto di 40 N. Di quanti Hy al secondo
cambia la quantit di moto del carrello? Qual la
quantit di moto che defluisce a terra?
Esercizi La quantit di moto che fluisce nella corda deve

1. Un'impugnatura cilindrica C pu scivolare avanti e indie- avere la stessa direzione della corda. Chiamiamo F
tro senza attrito su una sbarra S, fig. 6.31a. A quale tipo di il corrispondente vettore intensit di corrente, fig.
quantit di moto permeabile il collegamento tra sbarra e 6.34. Scomponiamo questa corrente in due compo-
impugnatura, a quale impermeabile? nenti:
2. Il cilindro C1 pu scivolare liberamente sulla sbarra S, i cilin-
dri C2 e C3 fanno lo stesso sul telaio T. A quale tipo di quantit di - una componente Ftras perpendicolare alla dire-
moto permeabile il collegamento tra C1 e il telaio, a quale zione del carrello e che defluisce a terra;
impermeabile?

a
C S 30

90
b
S C3 180 0
C2 C1
T 270

Fig. 6.31. (a) Per l'esercizio 1. (b) Per l'esercizio 2 Fig. 6.33. Carrello con corda, visti dall'alto. La corda viene
tirata. La quantit di moto a 0 del carrello aumenta.
75


F

Ftras

1m
Flong

20 N

Fig. 6.34. Il vettore intensit di corrente della quantit di Fig. 6.36. Per l'esercizio 2
moto della corda, viene scomposto in una componente longi-
tudinale e una componente trasversale.
6.7 La regola dei nodi per le correnti
- una componente Flong nella stessa direzione del di quantit di moto
carrello, che causa l'aumento di quantit di moto Un lampione appeso con due corde ai muri di due
del carrello. case, fig. 6.37. La sua massa 3,5 kg. Che carico
Dal disegno leggiamo: sopportano i ganci sui muri?
Ftras = 20 N Spero avrai capito che cerchiamo i vettori delle in-
tensit di corrente che attraversano le corde B e C.
Flong = 34 N. Per ora possiamo calcolare facilmente la corrente di
Quindi, ogni secondo defluiscono a terra 20 Hy di quantit di moto che attraversa A. Nel lampione
quantit di moto trasversale e la quantit di moto fluisce quantit di moto a 270 attraverso il campo
longitudinale del carrello aumenta di 34 Hy. gravitazionale. Il modulo dell'intensit di corrente
uguale a
F = m g = 3,5 kg 10 N/kg = 35 N
Esercizi
Questa corrente di quantit di moto fluisce attraver-
1. Un'auto giocattolo viene tirata con una corda su un so la corda A verso il nodo N. Come prosegue da
pavimento orizzontale. La corda inclinata verso l'alto, fig. N in avanti?
6.35. Nella corda fluisce una corrente di quantit di moto di 20
N. Quanti N contribuiscono a far muovere in avanti l'auto?
Visto che B una corda, pu essere attraversata solo
da quantit di moto parallela alla sua direzione. Lo
2. Un'auto ne traina un'altra. Le auto viaggiano nella stessa stesso vale per C. Dobbiamo quindi scomporre il
direzione ma sono sfasate lateralmente di 1 m, fig. 6.36. La
vettore FA in due vettori: un vettore FB parallelo a
corda di traino lunga 3 m. Attraverso la corda fluisce una cor-
rente di quantit di moto di 500 N. Che corrente di quantit di
moto contribuisce al moto dell'auto trainata? B e un vettore FC parallelo a C. L'intensit totale
delle correnti in B e C deve essere uguale a quella in
A, deve cio valere

FA = FB + FC

70
C
B
15
N
A

Fig. 6.35. Per l'esercizio 1 Fig. 6.37. Che carico sopportano i muri a causa del lampione?
76


FB


FA

FC
40

Fig. 6.38. La corrente di quantit di moto che fluisce al nodo Fig. 6.39. Per l'esercizio 1
N dalla corda A ha la stessa intensit delle due correnti che
attraversano le corde B e C messe assieme.

La scomposizione mostrata in fig. 6.38. FA
10 10

parallelo alla corda A, FB parallelo a B e FC
parallelo a C. Misurando la lunghezza delle frecce

vettore FB e FC troviamo

FB = 9 N
e
FC = 33 N.
Fig. 6.40. Per l'esercizio 2
Hai notato che abbiamo avuto a che fare con una
vecchia amica? Abbiamo applicato la regola dei no-
di, la regola dei nodi per correnti di quantit di Esercizi
moto:
1. Due rimorchiatori trainano una nave, fig. 6.39. Ogni rimor-
Le intensit delle correnti di quantit di moto chiatore tira con un'intensit di 15 000 N. Quanto intensa la
che fluiscono in un nodo sono complessivamente corrente di quantit di moto nel pezzo di cavo agganciato alla
uguali alle intensit delle correnti che escono dal nave?
nodo.
2. Un oggetto pesante 10 kg deve essere appeso ai ganci in
Un nodo un punto dove confluiscono tre o pi cor- fig. 6.40. La corda resiste a intensit di correnti di 200 N, con
renti di quantit di moto. Con "complessivamente" correnti pi intense si rompe. Cosa succede? Si rompe o no?
si intende che le correnti di quantit di moto devono
essere sommate vettorialmente.
7. Momento meccanico e baricentro

7.1 Carrucole e paranchi


FB = FC.
Le ruote su cui scorrono corde, catene o cinghie,
sono molto importanti per la tecnica. Ruote con cor- Con queste due equazioni si ottiene
de si usano come carrucole in una gru o in un cosid- FB = FA/2
detto paranco. Le ruote dentate per le catene ti sa-
ranno note da biciclette e motociclette. Ruote sulle e
quali passa una "cinghia trapezoidale" si trovano, FC = FA/2.
spesso nascoste, in molte macchine, ad esempio nei
grossi trapani. Le cinghie di trasmissione piatte era- Se FA = 12 N, allora FB = 6 N e FC = 6 N.
no molto usate nel passato per azionare i macchinari
di una fabbrica. Le linee tratteggiate in fig. 7.2 rappresentano il
percorso della quantit di moto. Le frecce accanto
Vogliamo occuparci dei flussi di quantit di moto e alle linee indicano la direzione della quantit di mo-
di energia attraverso ruote del genere. Cominciamo to che fluisce attraverso le corde. Queste frecce sono
dalle ruote che possono girare liberamente: le cosid- parallele alle corde.
dette carrucole. Non sono fissate a un albero con
il quale azionano qualcosa, sono montate su dei cu- Possiamo tirare l'anello con pi o meno forza. Il va-
scinetti a sfera che permettono loro di girare molto lore segnato dal dinamometro nella corda A sar pi
facilmente. o meno grande. Ma cambieranno sempre anche i
valori delle correnti di quantit di moto nelle corde
La fig. 7.1 mostra una carrucola su cui passa una B e C e precisamente in modo che
corda. In ognuno dei tre pezzi di corda A, B e C
inserito un dinamometro. Misurano l'intensit della FB = FC = FA/2.
corrente di quantit di moto attraverso la rispettiva Ovviamente se tiriamo la corda B o C invece di
corda. L'anello all'estremit destra della corda A tirare la corda A, fig. 7.3, non cambia niente.
viene tirato in modo che il dinamometro corrispon-
dente segni 12 N. Cosa segnano i dinamometri nelle Passiamo a un caso pi complesso, fig. 7.4.
corde B e C? Tiriamo la corda A e constatiamo: non importa
Possiamo prevedere il risultato. Innanzitutto sap- quanto forte tiriamo - il dinamometro in A segna
piamo che la corrente di quantit di moto che attra- sempre lo stesso valore di quello in B. Malgrado ci
versa A, continua e fluisce nelle corde B e C. Quindi le intensit delle correnti di quantit di moto in A e
deve valere in B non sono uguali. Hanno lo stesso modulo ma si
differenziano per la direzione: la quantit di moto
FA = FB + FC. che fluisce in una corda ha sempre la stessa direzio-
Visto che tutta la costruzione simmetrica, deve ne della corda. Quindi nella corda A fluisce verso la
valere anche: carrucola quantit di moto a 30, mentre nella corda
B, verso la carrucola fluisce quantit di moto a 0.

B
A
C
carrucola

Fig. 7.1. Il dinamometro A segna il doppio di B e di C Fig. 7.2. Nella carrucola la corrente di quantit di moto pro-
veniente da destra si suddivide in due parti uguali.
78

B
A FC

FA
C
FB

Fig. 7.3. Tirare A, B o C la stessa cosa. Fig. 7.5. Somma vettoriale delle intensit delle correnti di
quantit di moto nelle corde in fig. 7.4.

Attraverso il supporto della carrucola la somma del- Si sottolineato che la ruota deve poter girare libe-
le due quantit di moto defluisce a terra. Con "som- ramente. Ne vedi il motivo? Immaginati che la car-
ma" si intende naturalmente la somma vettoriale, rucola in fig. 7.4 sia bloccata e che la corda non
fig. 7.5. possa nemmeno scivolarvi sopra. In quel caso po-

tremmo tirare la corda A senza che la corda B se ne

Visto che FA e FB hanno lo stesso modulo, FC ha accorga: le intensit di corrente FA e FB non
la direzione della bisettrice dell'angolo formato hanno pi lo stesso modulo.
dalle due corde.
Per cosa possiamo usare queste carrucole?
La fig. 7.6 mostra una variante della situazione in
fig. 7.4. Visto che il supporto della carrucola colle- Un carico deve essere sollevato da un motore, fig.
gato al muro con una corda (e non con un collega- 7.7. Il carico collegato al motore da una corda che
mento rigido) il conduttore C deve avere la stessa passa su due carrucole. Le intensit delle correnti di
direzione della quantit di moto che vi fluisce. Lo si quantit di moto hanno lo stesso modulo in tutti e tre
nota tirando A. La corda C si allinea spontaneamen- le parti della corda, ma non la stessa direzione.
te nella direzione della bisettrice tra A e B. Questa applicazione delle carrucole cos semplice
I tre dinamometri a molla mostrano che che per capirla non c' bisogno di fare dei ragiona-

menti fisici complicati. Ci sono per anche delle
FC = FA + FB applicazioni pi complesse.
Di nuovo un carico che viene sollevato con un moto-
cos come re, fig. 7.8. La corda per montata diversamente.
FA = FB. Nella corda C fluisce una corrente di quantit di
Riassumiamo: moto di
Se una corda scorre su una ruota che gira libera- FC = m g = 50 kg 10 N/kg = 500 N.
mente (una carrucola), le correnti di quantit di Quanto forte la corrente in A e in B?
moto nei due pezzi di corda hanno lo stesso
modulo.

A A

30
C
C B B

Fig. 7.4. Anche in questo caso i dinamometri A e B segnano lo Fig. 7.6. La corda C si allinea spontaneamente nella direzione
stesso valore. Malgrado ci le intensit di corrente sono di- della bisettrice tra A e B.
verse.
79

1 2 3 4 5 6 7 8
motore
T
C
400
kg

Fig. 7.7. Il motore sul pavimento. Per sollevare il carico, la Fig. 7.9. Paranco scomodo ma comprensibile
corda viene deviata con due paranole.

Secondo la nostra regola le correnti di quantit di T e il carico appeso a C.


moto in A e B in hanno la stessa intensit. Visto che
le corde sono parallele, non solo i moduli, ma anche Per sollevare il carico tiriamo la corda T. Che inten-
le direzioni sono uguali, quindi: sit ha la corrente di quantit di moto in T?
Procediamo verso la soluzione passo dopo passo.
FB = FB Visto che i due pezzi di corda 1 e 2 appartengono a
una stessa corda che scorre su una carrucola (la car-
Visto che deve valere rucola in basso a sinistra), le intensit delle correnti

in questi pezzi di corda devono essere uguali:
FA + FB = FC , F1 = F2.
ne segue che Puoi immaginare come andare avanti. In conclu-
sione deve valere:

FA = FB = FC/2. F1 = F2 = F3 = F4 = F5 = F6 = F7 = F8 = FT.
Il prossimo passo: possiamo interpretare come un
Nella corda A e nella corda B fluiscono quindi solo nodo, tutta la sbarra su cui si trovano le carrucole po-
250 N per parte - e questo interessante: per solleva- ste in basso. La corrente di quantit di moto FC,
re il carico, il motore deve tirare con solo met della proveniente dal carico, fluisce nella sbarra, le
forza che sarebbe necessaria senza la carrucola. correnti da F1 a F8 defluiscono dalla sbarra. Con
Questo trucco per la riduzione dell'intensit della la regola dei nodi possiamo concludere:
corrente di quantit di moto in una corda, sfruttato FC = F1 + F2 + F3 + F4 + F5 + F6 + F7 + F8
ancora pi efficacemente dal cosiddetto paranco.
Visto che le intensit di corrente F1 fino a F8 sono
La fig. 7.9 mostra una versione di paranco un po' uguali tra loro, vale
fuori dal comune ma in compenso di facile interpre-
tazione. F1 = F2 = F3 = F4 = F5 = F6 = F7 = F8 = FC /8.
I supporti delle quattro carrucole poste in alto sono Ma anche FT ha lo stesso valore di F1 fino a F8 e
fissati al soffitto, quelli delle carrucole poste in bas- quindi:
so a una sbarra. Il carico da sollevare appeso a que-
sta sbarra. I primi otto pezzi di corda sono numerati FT = FC /8.
da 1 a 8, la corda di trazione contrassegnata da una Per sollevare il carico quindi sufficiente 1/8 della
corrente di quantit di moto che fluisce attraverso il
motore carico. Di conseguenza molto pi facile sollevarlo
con il paranco che senza.
Un vero paranco si differenzia poco da quello che
abbiamo appena esaminato, fig. 7.10. Tutte le carru-
A B cole poste in alto sono montate sullo stesso perno,
ognuna pu girare liberamente. Lo stesso vale per le
altre carrucole.
C Questi paranchi si possono trovare nelle gru in
grado di sollevare pesanti carichi, ad esempio nei
50 kg porti.
Un paranco un oggetto molto utile. Ci fa guada-
Fig. 7.8. La corrente di quantit di moto nella corda di trazio- gnare qualcosa: con una piccola corrente di quantit
ne intensa la met di quella nella corda di carico. di moto si riesce a produrne una grande.
80

7.2 Il bilancio energetico per il


paranco
Tiriamo la corda di trazione T (fig. 7.9) in modo che
la sua estremit si sposti di un tratto sT. Secondo
la nostra vecchia formula, la quantit di energia che
cos facendo spediamo attraverso la corda :
ET = sT FT (1)
Alla corda che sostiene il carico giunge energia dal
paranco. Ne arriva
EC = sC FC (2)
Fig. 7.10. Paranco
Vogliamo confrontare ET e EC. Per farlo sfruttia-
mo la relazione
Per quanto riguarda l'energia per contro non abbia-
mo guadagnato niente. FT = FC /8 (3)
Nel prossimo paragrafo faremo il bilancio energeti- Inoltre dobbiamo prima procurarci la relazione tra
co per il paranco. sC e sT. Ci chiediamo quindi: di che tratto sC sale
il carico quando tiriamo la corda di trazione in modo
che la sua estremit scenda di un tratto sT?
Esercizi Quando tiriamo T, i pezzi di corda da 1 a 8 si accor-
ciano complessivamente dello stesso tratto. Quindi
1. Disegna un paranco dove la corrente di quantit di moto
ogni singolo pezzo di corda si accorcia di sT /8.
che fluisce attraverso il gancio a cui appeso il carico sia quattro
Ma l'accorciamento delle corde da 1 a 8 coincide
volte pi forte che nella corda di trazione.
con il tratto sC di cui viene sollevato il carico.
2. Qual l'intensit della corrente di quantit di moto nella Quindi
corda di trazione del paranco in fig. 7.11?
sT = 8sC (4)
3. Qual lo svantaggio del paranco in fig. 7.12?
Sostituiamo (3) e (4) in (1) e otteniamo:
ET = 8sC FC /8 = sC FC
La quantit di energia ET che forniamo al paranco
tirando la corda T uguale a sC FC , cio uguale
a EC, stando all'equazione (2).
Quindi l'energia che forniamo a T riappare in C - un
risultato che spero non troverai sorprendente.
Espresso diversamente: paghiamo la minore inten-
sit della corrente di quantit di moto con un percor-
C T so pi lungo da percorrere. Se vogliamo sollevare il
100
carico di 1 m, dobbiamo far passare 8 m di corda sul
kg paranco.

Fig. 7.11. Per l'esercizio 2


Esercizi
1. Con il paranco in fig. 7.11 si solleva di 1 m un carico di
100 kg. Quanti metri della corda di trazione si devono tirare?
Quanta energia ci vuole?
2. La corda di trazione T in fig. 7.13 viene tirata verso l'alto
di 1 m. Quanta energia fluisce nel paranco?
C
3. La fig. 7.14 mostra come sollevare un carico con l'aiuto di
T due motori. Il carico ha una massa di 200 kg. Il motore a sinistra
avvolge la corda Tsin in modo che abbia una velocit di 0,2
m/s. Il motore a destra avvolge la corda Tdes in modo che abbia
una velocit di 0,4 m/s. Che intensit hanno le correnti di
quantit di moto in Tsin e Tdes? Qual l'intensit della corrente
Fig. 7.12. Per l'esercizio 3 di energia nelle due corde?
81

20
kg C

Fig. 7.13. Per l'esercizio 2 Fig. 7.16. La carrucola pu essere sostituita con una sbarra
senza che le correnti di quantit di moto cambino.

Modifichiamo ulteriormente la costruzione: fis-


siamo la corda A non pi al centro della sbarra, ma
asimmetricamente - come mostra la fig. 7.17. Chia-
miamo rB e rC le lunghezze dei bracci della leva.
Misurando troviamo
motore rB FB = rC FC
motore
che pu anche essere espresso nella forma
FB r
= C
FC rB
Fig. 7.14. Per l'esercizio 3
A parole:
7.3 La legge della leva Le intensit delle correnti di quantit di moto
sono inversamente proporzionali ai bracci della
Le carrucole le conosciamo bene. Sappiamo che la leva.
corrente di quantit di moto che in fig. 7.15 arriva da Questa la legge della leva.
A, si ramifica in due parti uguali. Visto che tutto
quanto fermo, possiamo anche sostituire la car- Nel caso in fig. 7.17
rucola con una sbarra senza che per le correnti di
quantit di moto cambi qualcosa, fig. 7.16. rB = 0,3 m
Anche in questo caso valgono: rC = 0,6 m.
FB = FA/2 Di conseguenza
e FB 0,6 m
= =2
FC = FA/2. FC 0,3 m
Se non ne sei convinto verificalo sperimentalmente. e cio FB = 2 FC.

B B
FB rB = 0,3 m
A
FA =120 N
A
rC = 0,6 m
C
C FC

Fig. 7.15. Nella carrucola la corrente di quantit di moto che Fig. 7.17. La corrente di quantit di moto che arriva dalla
arriva da A si suddivide in due parti uguali. corda A, si suddivide in due parti di intensit diversa.
82

Inoltre, considerando che


FB + FC = 120 N B
si ottiene FS =80 N
A
FB = 80 N FD =120 N
rS = 0,9 m
e
rD = 0,6 m
FC = 40 N.
La legge della leva pu essere espressa in una forma C
pi comoda. Per farlo descriviamo nuovamente la P
costruzione di fig. 7.17 ma con parole un po' diverse
e usando altri simboli, fig. 7.18.
Fig. 7.19. La corda A vorrebbe ruotare la sbarra in senso ora-
Abbiamo una sbarra rigida e ferma. In tre punti della rio attorno al fulcro P, la corda B in senso antiorario.
sbarra sfociano delle correnti di quantit di moto.
Chiamiamo fulcro uno dei tre punti e lo contras- 7.17 in modi diversi da quelli usati finora. Dobbia-
segniamo con una P. Le distanze da P degli altri due mo per ancora aggiungere che sei libero di sceglie-
punti sono i bracci della leva. Le chiamiamo rD e re la posizione del fulcro P.
rS. Con FD e FS indichiamo le intensit delle
correnti di quantit di moto che sfociano nei punti La fig. 7.19 mostra la stessa sbarra di fig. 7.17. Que-
esterni. Fin qui niente di nuovo. sta volta il fulcro stato posto all'estremit inferiore
della sbarra. La corda A tende a ruotare la sbarra in
A questo punto introduciamo un nuovo termine senso orario attorno al nuovo fulcro, la corda B
importante: chiamiamo momenti meccanici i due tende a ruotarla in senso antiorario. I bracci della
prodotti rD FD e rS FS. In particolare rD FD il leva misurano
momento meccanico destrorso (ossia in senso ora-
rio) e rS FS il momento meccanico sinistrorso rD = 0,6 m e rS = 0,9 m.
(ossia in senso antiorario). Le intensit delle correnti di quantit di moto sono
Ma cosa c'entra il nostro problema con le rotazioni? gi note:
La sbarra pu ruotare attorno al punto P. Immagi- FD = 120 N e FS = 80 N.
niamo che non ci sia la corda in basso. In quel caso la
corda in alto farebbe ruotare la sbarra, una rotazione Il momento meccanico destrorso
in senso antiorario. Da cui il nome momento mecca- rD FD = 0,6 m 120 N = 72 Nm
nico sinistrorso. Immaginiamo che sia invece la
corda in alto a mancare. Allora la sbarra ruoterebbe effettivamente uguale al momento meccanico
in senso orario attorno al punto P. sinistrorso:
Con i nuovi simboli, la legge della leva ha la forma: rS FS = 0,9 m 80 N = 72 Nm.
rD FD = rS FS Nota che l'unit di misura del momento meccanico
il Nm (letto "Newton-metro").
e a parole
Infine poniamo il fulcro all'estremit superiore
Il momento meccanico destrorso uguale al mo- della sbarra, fig. 7.20. Ora la corda A tira in senso
mento meccanico sinistrorso. antiorario e la corda C in senso orario. I bracci della
Se formuliamo in questo modo la legge della leva, ci leva misurano
accorgiamo di poterla applicare alla sbarra in fig. rD = 0,9 m e rS = 0,3 m.

B B P
FS =80 N rS = 0,3 m rS = 0,3 m
A A
P
rD = 0,9 m FS =120 N

rD = 0,6 m
C C
FD=40 N FD =40 N

Fig. 7.18. Come la fig. 7.17; solo i nomi sono cambiati. Fig. 7.20. La corda C vorrebbe ruotare la sbarra in senso ora-
rio attorno al fulcro P, la corda A in senso antiorario.
83

Le rispettive intensit delle correnti di quantit di


moto sono
FD = 40 N e FS = 120 N.
3 cm 20 cm
Per il momento meccanico destrorso si ottiene
rD FD = 0,9 m 40 N = 36 Nm
1
e per il momento meccanico sinistrorso
rS FS = 0,3 m 120 N = 36 Nm. 2
Ancora una volta i due momenti meccanici sono
uguali, la legge della leva rispettata.
Esempio: sbarra caricata Fig. 7.22. Una tenaglia composta da due leve. Ognuna delle
Un corpo pesante (m = 80 kg) appeso a una sbarra leve ha un braccio corto e uno lungo.
orizzontale, fig. 7.21. Il peso della sbarra sia cos Esempio: la tenaglia
piccolo rispetto a quello del corpo da permetterci di
trascurarlo. Che carico devono sopportare i supporti Una tenaglia fatta da due leve collegate da uno
della sbarra? snodo, fig. 7.22. Esaminiamone una, la leva 1. Per
tranciare un chiodo la stringiamo a una distanza di
Scegliamo come fulcro il punto della sbarra dove 20 cm dallo snodo. La corrente di quantit di moto
appeso il carico. che fluisce nell'impugnatura ha un'intensit di 30 N.
La corrente di quantit di moto che fluisce dal corpo Le lame della tenaglia sono a 3 cm dallo snodo. Sce-
al punto P ha l'intensit gliamo lo snodo come fulcro e cos
FP = m g = 80 kg 10 N/kg = 800 N. rD = 0,2 m, rS = 0,03 m e FD = 30 N.
Il supporto C tende a ruotare la sbarra in senso antio- Calcolando l'intensit della corrente di quantit di
rario, il supporto B tende a ruotarla in senso orario. I moto nel chiodo si ottiene:
bracci della leva sono: rD
FS = FD = 0,2 m 30 N = 200 N
rD = 4,5 m e rS = 1,5 m. rS 0,03m
La legge della leva afferma Con una leva, una piccola corrente di quantit di
FS r 4,5 m moto pu produrne una grande.
= D = =3
FD rS 1,5 m La legge della leva applicabile anche in situazioni
completamente diverse. Primo, non indispensabi-
quindi: FS = 3FD. le che i tre punti considerati siano allineati e secon-
La corrente di quantit di moto di 800 N che afflui- do, non necessario che i tre vettori intensit delle
sce alla sbarra nel punto P, si suddivide nel seguente correnti di quantit di moto siano paralleli.
modo: verso il supporto C fluisce il triplo di quantit La fig. 7.23 mostra un corpo in cui sfociano tre cor-
di moto che in direzione di B. renti di quantit di moto. Scegliamo come fulcro il
Sapendo che FP = FD + FS , otteniamo supporto fissato alla parete. La corda in alto tende a
FD = 200 N generare una rotazione in senso antiorario, la corda
in basso in senso orario.
FS = 600 N.
Quali sono i bracci della leva? Tracciamo due rette
che passano dai punti dove le corde sono fissate al

4,5 m 1,5 m
B C

80 kg

Fig. 7.21. La corrente di quantit di moto che fluisce da P Fig. 7.23. Non indispensabile che i tre punti dove sfociano
verso C tre volte pi intensa di quella che fluisce verso B. le correnti di quantit di moto siano allineati e i tre vettori in-
tensit delle correnti di quantit di moto non devono necessa-
riamente essere paralleli.
84

rD = 0,2 m
rS
rS = 0,4 m
P
P

rD

Fig. 7.24. Come in fig. 7.23, ma con i bracci della leva e le Fig. 7.26. Ingrandimento di una parte della fig. 7.25 con i
linee di costruzione. bracci della leva e le linee di costruzione.

corpo e le cui direzioni siano parallele a quelle delle


FP = FD + FS

rispettive corde, fig. 7.24.


I bracci della leva non sono altro che le distanze di
queste rette dal fulcro P.
Esercizi
Esempio: la leva di inversione
1. La fig. 7.27 mostra una parte dei freni di un veicolo. Si tira una
Qual l'intensit della corrente di quantit di moto leva con una sbarra. La leva tende un cavo collegato ai freni che
che attraversa la corda orizzontale in fig. 7.25? si trovano sulle ruote. Che intensit deve avere la corrente di
Scegliamo arbitrariamente come fulcro il punto quantit di moto nella sbarra di trazione affinch nel cavo del
dove la leva fissata al muro, fig. 7.26. La corda freno fluisca una corrente di 50 N?
orizzontale tende a generare una rotazione in senso 2. La gru a ponte in fig. 7.28 larga 12 m, come il magazzino. La
orario attorno a P, quella verticale in senso antiora- gru sta sostenendo un carico di 9 tonnellate (1 tonnellata = 1000
rio. In fig. 7.26 sono disegnati i bracci della leva e le kg). Quanto vengono caricati i binari alle estremit (oltre al
linee usate per trovarli. Dal disegno otteniamo: peso della gru) quando il carico appeso al centro? Quanto ven-
rD = 0,2 m e rS = 0,4 m. gono caricati se invece il carico appeso a una distanza di 4 m
dal binario a sinistra?
L'intensit della corrente di quantit di moto nella
corda verticale :
FS = m g = 24 kg 10 N/kg = 240 N.
La legge della leva ci d: leva
FD =
rS
FS =
0,4 m 25 cm
240 N = 480 N
rD 0,2 m
Possiamo anche chiederci che carico deve soste-
nere il supporto, cio l'intensit della corrente di 5 cm
quantit di moto nel punto P. Visto che i vettori in-
tensit di corrente nelle due corde non sono paralle- cavo del freno (alle ruote)
li, non possiamo semplicemente sommare i moduli
di FD e FS. Dobbiamo sommare vettorialmente:
Fig. 7.27. Per l'esercizio 1

24
kg

Fig. 7.25. Leva di inversione Fig. 7.28. Per l'esercizio 2


85

5 cm 15 cm corda

0,4 m
1
0,4 m
sbarra 1,2 m
2

Fig. 7.29. Per l'esercizio 3 Fig. 7.31. Per l'esercizio 5

3. L'impugnatura dello schiaccianoci in fig. 7.29 viene stretta 7.4 Equilibrio


a una distanza di 15 cm dalla noce. Per rompersi, la noce deve
essere attraversata da una corrente di quantit di moto di 80 N. In fig. 7.32 tutto a posto. Da destra e da sinistra
Con che forza dobbiamo stringere? entrano nella sbarra due correnti di quantit di moto
di 50 N, da P defluiscono 100 N. La legge della leva
4. Un peso appeso a una sbarra orizzontale. La sbarra
fissata in due punti, fig. 7.30. In A preme verso il basso, in B rD FD = rS FS
verso l'alto. Questo significa che i vettori intensit delle correnti rispettata.
di quantit di moto in A e in B sono verticali - esattamente come
quello della corda che sostiene il peso. Quanto sono caricati i Cerchiamo ora di violare la legge della leva: nessu-
punti A e B? (Che intensit hanno le correnti di quantit di moto no ci pu impedire di appendere alla sbarra due pesi
che defluiscono dalla sbarra in A e in B?) di massa diversa, fig. 7.33a. La natura per si ribella
a questa violazione della legge della leva. Come si-
Per calcolare l'intensit della corrente in B, scegli A come ful- curamente avrai previsto, succede quanto mostrato
cro; per calcolare l'intensit della corrente in A, scegli B come in fig. 7.33b: i corpi si mettono in moto assieme alla
fulcro. sbarra. In altre parole non c' pi equilibrio,a dif-
5. Un lampione pesante 8 kg appeso a una sbarra trattenuta ferenza della fig. 7.32.
da una corda, fig. 7.31. Qual l'intensit della corrente di
quantit di moto che fluisce attraverso la corda?
Scegli come fulcro il punto dove la sbarra fissata al muro.
6. A cosa serve una chiave inglese? Perch non fissiamo il
dado con le mani?

0,5 m 0,5 m

P
5 kg 5 kg

Fig. 7.32. La legge della leva rispettata, la sbarra in equili-


brio.

80 cm 80 cm
B a b

120 2 kg
5 kg
kg

Fig. 7.30. Per l'esercizio 4 Fig. 7.33. (a) Un tentativo di violare la legge della leva. (b)
Corpo e sbarra si muovono.
86

2 kg 2 kg
30 cm 10 cm

2 kg 2 kg
0,2 kg
0,6 kg a b

Fig. 7.34. Situazione di equilibrio con bracci della leva di di- Fig. 7.37. (a) La sbarra in equilibrio. (b) Il corpo a forma di
versa lunghezza. bilanciere in equilibrio.
La legge della leva rispettata anche nella situazio- 7.5 Il baricentro
ne in fig. 7.34, la costruzione resta in equilibrio -
questa volta con bracci della leva diversi tra loro. La sbarra in fig. 7.37a in equilibrio. Confronta la
Siamo ora in grado di precisare la formulazione del- situazione con quella in fig. 7.37b. L'unica differen-
la legge della leva: za: le sfere non sono pi appese a delle corde ma
sono fissate alla sbarra; con la sbarra costituiscono
Un corpo sospeso e libero di ruotare, in equili- un solo corpo, una specie di bilanciere per il solleva-
brio se il momento meccanico destrorso uguale mento pesi.
al momento meccanico sinistrorso.
Ovviamente anche il bilanciere in equilibrio. Due
correnti di quantit di moto affluiscono alle estremi-
t dal bilanciere. (Provengono dalla Terra
Esercizi attraverso il campo gravitazionale.) Le correnti di
1. Calcola i momenti meccanici destrorso e sinistrorso per la quantit di moto si incontrano nel fulcro e da l
sbarra in fig. 7.35. Si trova in equilibrio? lasciano il bilanciere.
2. Un sasso pesante 500 kg deve essere sollevato con l'aiuto La stessa cosa con altre parole: abbiamo appeso un
della leva in fig. 7.36. Supponi che met della massa del sasso unico corpo in un punto attorno al quale pu ruotare
gravi sulla leva. Ce la far la ragazza? (Pesa 50 kg) liberamente e quel corpo in equilibrio: non si muo-
ve spontaneamente.
Ora ruotiamo leggermente il bilanciere, fig. 7.38a.
Cosa succede se lo lasciamo andare? Assolutamen-
te nulla. Resta nella nuova posizione, ancora in
equilibrio.
82 cm 210 cm Capiamo il perch grazie alla fig. 7.38b. I punti in
cui sfociano le correnti di quantit di moto prove-
nienti dalla Terra sono l dove ci sono le sfere. I
45 kg vettori intensit di corrente sono verticali. Da cui le
linee tratteggiate verticali. Entrambi i bracci della
150 kg leva rD e rS sono pi corti che nella fig. 7.38a.
Per si sono accorciati allo stesso modo: con la
rotazione rD si ridotto della met e anche rS si
Fig. 7.35. Per l'esercizio 1 ridotto della met.

rD
0,15 m

1,5 m
rS

a b

Fig. 7.36. Per l'esercizio 2 Fig. 7.38. Con la rotazione i bracci della leva si sono ridotti
della met.
87

a b

Fig. 7.39. Ancora il corpo di fig. 7.37b. Solo il fulcro stato Fig. 7.41. Assi diversi che passano per il baricentro: il corpo
scelto diversamente. sempre in equilibrio.

Naturalmente FD e FS sono rimaste invariate. Anche Perforiamo il corpo passando per il baricentro e
i momenti meccanici rD FD e rS FS si sono infiliamo un asse nel foro ottenuto. L'asse viene
ridotti della met e questo significa che come prima appoggiato su dei supporti che lo lasciano libero di
ruotare. Il corpo ancora in equilibrio indipenden-
rD FD = rS FS. temente da come lo giriamo, fig. 7.40.
Il bilanciere quindi rimasto in equilibrio. Pos- Ci sono molti modi per fare un buco di questo tipo. Il
siamo ruotarlo come vogliamo - resta sempre in metodo irrilevante. L'importante che il buco
equilibrio. passi per il baricentro, fig. 7.41.
Se la costruzione del fulcro lo permette, possiamo Riassumiamo:
ruotarlo anche nella terza dimensione, perpendico-
lare al piano del disegno in fig. 7.38. Nemmeno que- Ogni corpo ha esattamente un baricentro. Se lo
sto cambia il fatto che il bilanciere resta in equili- appendiamo in modo che possa ruotare libera-
brio. mente attorno al baricentro, il corpo resta in
equilibrio indipendentemente dalla direzione in
Ancora lo stesso bilanciere, fig. 7.39a, ma con un cui lo orientiamo.
altro fulcro. Ovviamente non pi in equilibrio e
non lo nemmeno in fig. 7.39b. Esiste un solo fulcro Se un oggetto sufficientemente simmetrico,
che lo mantiene in equilibrio indipendentemente dal facile prevedere la posizione del baricentro.
suo orientamento. Questo punto viene chiamato
baricentro. In una sfera, un cubo, un cilindro o un parallelepipe-
do semplicemente il centro geometrico, fig. 7.42.
Non solo i corpi a forma di bilanciere hanno un bari-
centro. Ogni oggetto ha un baricentro e ne ha solo Ma solo a condizione che la massa sia distribuita
uno. Se appendiamo un oggetto in questo punto, in uniformemente. Se un cubo fatto per met di
equilibrio e resta in equilibrio anche se lo ruotiamo. piombo e per met di alluminio, fig. 7.43, il suo bari-
centro non pi al centro, ma spostato dalla parte
Spesso il baricentro di un corpo si trova nel suo del piombo.
interno. Come facciamo allora ad appenderlo per
questo punto lasciando che possa ruotare libera- In molti corpi il baricentro si trova al di fuori del
mente? materiale di cui fatto il corpo, per esempio in un
anello o in un oggetto a forma di U, fig. 7.44.

B B

B B

Fig. 7.40. L'asse passa per il baricentro. Il corpo in equili- Fig. 7.42. In questi corpi il baricentro coincide con il centro
brio in ogni posizione. geometrico.
88

rS rD
alluminio P

B
B piombo

a b

Fig. 7.43. Il baricentro non nel centro del cubo. Fig. 7.46. (a) Il corpo non resta in questa posizione. (b) Un
braccio della leva pi lungo dell'altro.

7.6 L'equilibrio stabile


B
Appendiamo un oggetto ma di proposito non sce-
gliamo il baricentro come fulcro. Per semplicit
prendiamo ancora un bilanciere. Per far s che il ful-
cro e il baricentro non coincidano, il bilanciere
viene piegato, fig. 7.45.
B
Cosa succede se il bilanciere messo nella posi-
zione mostrata in fig. 7.46a? Probabilmente il tuo
intuito ti dice che non resta cos: comincia a ruotare
e si assesta nella posizione mostrata in fig. 7.45.
Fig. 7.44. In questi casi il baricentro si trova al di fuori del ri- Ma non hai bisogno di affidarti all'intuito per giun-
spettivo oggetto. gere a questa conclusione. La fig. 7.46b mostra
Esercizi come il braccio della leva rS sia pi lungo di rD.
Visto che le sfere hanno la stessa massa, questo vuol
1. Dov' il baricentro di una ruota di bicicletta? dire che il momento meccanico sinistrorso pi
2. Dov' il baricentro della Terra? grande del momento meccanico destrorso. Il bilan-
ciere comincia quindi a ruotare in senso antiorario.
3. Prova a cercare il baricentro di diversi oggetti sollevandoli Durante la rotazione, la lunghezza dei bracci della
con il pollice e l'indice in modo che possano ruotare. leva cambia. Quando il bilanciere raggiunge la posi-
4. Possiamo immaginare la Terra e la Luna come un bilanciere: zione di fig. 7.45 i bracci hanno nuovamente la
la "sbarra" tra i due corpi celesti il campo gravitazionale. Dove stessa lunghezza. la posizione di equilibrio. Il
si trova il baricentro? (Massa della Terra: circa 100 volte la bilanciere continua oltre la posizione di equilibrio,
massa della Luna, distanza Terra-Luna = 380 000 km). ma poco a poco si assester in quella posizione.
Cosa succede al baricentro in questo processo? Si
muove verso il basso.
Se ruotiamo il corpo dalla posizione di equilibrio,
l'altezza del baricentro aumenta, sia che si ruoti
verso destra che verso sinistra. Nella posizione di
equilibrio il baricentro nel punto pi basso che pu
raggiungere. Inoltre esattamente sotto il fulcro.
Il bilanciere ha un'altra posizione di equilibrio:
quando il baricentro sulla verticale del fulcro, fig.
P 7.47. Se per lo muoviamo leggermente da questa
posizione non torner nella sua posizione iniziale, al
contrario se ne allontaner sempre pi e si assester
B nella posizione di equilibrio inferiore. La posizione
di equilibrio in alto instabile, quella in basso
stabile.

Fig. 7.45. Il fulcro non coincide con il baricentro. Il corpo in


equilibrio stabile.
89

Fig. 7.47. Posizione di equilibrio instabile. Fig. 7.49. Per l'esercizio 2

Un corpo appeso, libero di ruotare. Se il fulcro 7.7 Baricentro e energia


si trova sulla verticale al di sopra del baricentro,
il corpo in equilibrio stabile. Se si ruota legger- Per spostare un corpo dalla sua posizione di equi-
mente il corpo dalla posizione di equilibrio, esso librio ci vuole energia. Ci dipende dal fatto che il
torna spontaneamente ad assestarsi nella posi- baricentro viene spostato verso l'alto.
zione iniziale.
come quando si solleva un qualsiasi corpo, fig.
Ora abbiamo a disposizione un comodo metodo per 7.50. Anche in quel caso il baricentro viene spostato
la determinazione del baricentro di un corpo. Ap- verso l'alto e anche in quel caso ci vuole energia.
pendiamo un corpo in un punto qualsiasi, fig. 7.48.
Si assester nella posizione in cui il baricentro Per spostare verso l'alto il baricentro di un corpo
esattamente sotto il fulcro. Conosciamo cos una ci vuole energia.
retta sulla quale deve trovarsi il baricentro. Lo ap- Questa energia viene immagazzinata nel campo
pendiamo poi a un altro punto e aspettiamo che si gravitazionale. Se il corpo torna a muoversi verso il
fermi. Otteniamo un'altra retta che passa per il bari- basso, il campo gravitazionale la cede nuovamente.
centro, che di conseguenza deve essere il punto di
intersezione tra le due rette.

Esercizi
1. Cerca di trovare il baricentro di alcuni oggetti appendendoli,
liberi di ruotare, consecutivamente in due punti.
2. Due forchette sono conficcate in un turacciolo a sua volta
infilzato su un chiodo, fig. 7.49. Perch il turacciolo con le
forchette non cade?

Fig. 7.50. Per spostare verso l'alto il baricentro di un corpo ci


vuole energia.

Fig. 7.48. Un corpo si assesta sempre in modo che il baricen- Fig. 7.51. Il processo a sinistra spontaneo, quello a destra
tro sia esattamente sotto il fulcro. no.
90

a b

Fig. 7.52. Il processo a sinistra spontaneo, quello a destra Fig. 7.54. La cassa si ribalta sulla sinistra. Il suo baricentro si
no. sposta verso il basso.
Perch il processo a sinistra in fig. 7.51 spontaneo
e invece quello a destra no? Perch il processo a sini-
stra in fig. 7.52 spontaneo e invece quello a destra a b
no?
Perch sempre pi facile liberarsi dell'energia che
riceverne. (Con l'energia un po' come con i soldi.)
L'energia liberata nella transizione alla posizione di
equilibrio, usata per creare calore. Questo proces- B B
so per irreversibile, il calore non si pu annien-
tare. Per questo motivo la transizione da equilibrio a
non-equilibrio non spontanea. Dobbiamo procu-
rarci l'energia da qualche altra parte.
Esaminiamo la transizione all'equilibrio con un Fig. 7.55. L'oggetto si ribalta sulla destra perch cos facendo
paio di esempi. il suo baricentro si abbassa.
La sfera in fig. 7.53a rotola fino al punto pi basso.
In quel punto anche il baricentro ha la sua posizione parole: dobbiamo dare al corpo poca energia per poi
pi bassa. Il veicolo in fig. 7.53b si ferma quando ricavarne molta di pi.
orizzontale. Per farlo le ruote a sinistra devono ri- La fig. 7.56 mostra una situazione del genere. Ci
salire, ma il baricentro si sposta comunque verso il vuole poca energia affinch la sfera superi il bordo,
basso. La cassa in fig. 7.54a non resta in questa posi- poi rotoler spontaneamente lungo il fianco del
zione. Si ribalta sulla sinistra e il suo baricentro monticello. Un altro esempio ben noto mostrato in
scende. Neanche l'oggetto in fig. 7.55a resta in quel- fig. 7.57. Anche qui il baricentro deve essere
la posizione, in quanto il suo baricentro ha la possi- sollevato di poco affinch il vaso abbia una
bilit di abbassarsi ancora di pi, fig. 7.55b. posizione dalla quale il baricentro pu andare
A volte sufficiente sollevare di poco il baricentro spontaneamente molto pi in basso.
di un corpo per portarlo in una posizione dalla quale Abbiamo ottenuto un metodo per la determinazione
scende spontaneamente molto pi in basso. In altre della massa di un corpo. La fig. 7.58 mostra una

a b

Fig. 7.53. (a) La sfera rotola fino al punto pi profondo del- Fig. 7.56. Ci vuole pochissima energia per far rotolare la sfera
l'avvallamento. (b) Il veicolo si assesta in modo da essere oltre il bordo.
orizzontale.
91

B
B B

Fig. 7.57. Ci vuole pochissima energia per rovesciare il vaso. Fig. 7.59. Per l'esercizio 3

Fig. 7.58. Bilancia a piatti. Il fulcro centrale un po' pi in alto Fig. 7.60. Per l'esercizio 4
rispetto ai fulcri esterni.
vecchia bilancia a piatti. Il fulcro centrale del giogo Esercizi
leggermente pi in alto dei fulcri a cui sono appesi
i piatti della bilancia. 1. Se, spostando un corpo, il suo baricentro rimane alla stessa
altezza, si dice che il corpo in equilibrio indifferente. Il corpo
Quando i piatti sono caricati allo stesso modo, la bi- rester fermo nella posizione in cui viene messo. Fai degli
lancia si assesta nella posizione con il giogo perfet- esempi.
tamente orizzontale. Cos il baricentro pi in basso
possibile. 2. Una bicicletta non sta in piedi da sola, un'auto s. Perch?

La bilancia comprende una pesiera: una serie di 3. Il corpo in fig. 7.59 in una posizione di equilibrio stabile? Se
corpi dalle masse note, con cui si possono comporre no - in che direzione si muover?
i vari valori di massa - esattamente come con mo- 4. Si ribalta o no il corpo in fig. 7.60?
nete e banconote si compongono i vari importi in
denaro. 5. Alcune bilance hanno i bracci della leva diversi tra loro,
fig. 7.61. I pesi vengono messi sul piatto appeso al braccio pi
Per pesare un oggetto lo mettiamo su uno dei piatti lungo. Come si determina la massa dell'oggetto che si vuole pe-
della bilancia. Sull'altro mettiamo dei pesi in modo sare? Che vantaggio ha questa bilancia rispetto a una bilancia
che il giogo sia orizzontale. A quel punto sappiamo con i bracci della stessa lunghezza?
che la massa del corpo equivale alla massa totale dei
pesi.

Fig. 7.61. Per l'esercizio 5


8. Quantit di moto angolare e correnti di quantit di moto
angolare
In questo capitolo tratteremo un tipo particolare di
moto: le rotazioni. Ti renderai conto che le rotazioni
sono molto frequenti e particolarmente importanti.
Faremo una scoperta interessante: La descrizione
delle rotazioni ha molte similitudini con la descri- r
zione del moto rettilineo. Si pu dire che c' una
analogia tra queste due aree della meccanica.
Grazie a questa analogia potremo risparmiare molto
tempo.

8.1 Quantit di moto angolare e


Fig. 8.2. La velocit angolare il quoziente tra l'angolo spaz-
velocit angolare. zato dal raggio r e l'intervallo di tempo.
Una ruota montata su un albero motore, il motore
acceso, la ruota gira in modo regolare, fig. 8.1. Cosa ta, fig. 8.3. Gira a una certa velocit angolare, com-
si intende con "in modo regolare"? A velocit co- pie cio un certo numero di giri al secondo. Con un
stante - dirai magari. Ma allora con che velocit? Il cronometro possiamo determinare il valore della
punto B vicino al bordo della ruota si muove in fret- velocit angolare. In questo modo descriviamo la
ta, il punto A vicino al centro della ruota si muove rotazione della ruota.
adagio. Ci significa che non c' una velocit uni- La velocit angolare per le rotazioni quello che la
forme. Quello che cerchiamo quindi un modo ra- comune velocit per i moti rettilinei. Per la descri-
gionevole di quantificare la velocit della rotazione. zione dei moti rettilinei per, avevamo introdotto
Questa misura l'angolo "spazzato" da un raggio una seconda grandezza: la quantit di moto, una mi-
ogni secondo, fig. 8.2. Il quoziente tra l'angolo e il sura dello "slancio" di un corpo.
tempo necessario alla ruota per ruotare di quell'an
Allo stesso modo possiamo dire che anche la nostra
golo, viene detto velocit angolare: ruota che gira ha slancio: qualcosa che si immette
angolo nella ruota quando la si fa girare e che ne fuoriesce
velocit angolare = nuovamente quando la ruota si ferma. Questo tipo di
intervallo di tempo slancio viene detto quantit di moto angolare.
Per l'angolo esistono diverse unit di misura. Sicu-
ramente il grado quella che conosci meglio. Per La quantit di moto angolare e la comune quantit di
noi per pi comodo prendere come unit un giro moto non sono la stessa cosa. Se la ruota in fig. 8.4a
completo di 360. Diamo quindi la velocit angola- avesse della comune quantit di moto, dovrebbe
re in "giri al secondo". muoversi come mostrato in fig. 8.4b.

Consideriamo una ruota libera di girare senza at- Esaminiamo le caratteristiche della quantit di moto
trito. Per esempio la ruota di una bicicletta capovol- angolare. Da cosa dipende? Che percorso segue nei
diversi processi?

Fig. 8.1. Il punto B vicino al bordo della ruota si muove pi in Fig. 8.3. La ruota che gira ha una determinata quantit di
fretta del punto A. moto angolare.
94

alluminio ferro
b

Fig. 8.4. (a) La ruota ha quantit di moto angolare. (b) La Fig. 8.6. Le ruote hanno la stessa forma ma masse diverse.
ruota ha comune quantit di moto Quale ha pi quantit di moto angolare?
Due ruote identiche girano a velocit diverse (velo- La ruota che gira, rallenta e l'altra, che all'inizio non
cit angolari diverse), fig. 8.5. In quale ruota c' pi girava, si mette a girare. Dopo che i dischi della fri-
quantit di moto angolare (slancio)? Ovviamente in zione hanno scivolato l'uno sull'altro per un po' di
quella pi veloce. tempo, le due ruote raggiungono la stessa velocit.
Pi la velocit angolare di un corpo grande, pi Questa l'osservazione. Com' la spiegazione? Co-
quantit di moto angolare contiene. sa successo alla quantit di moto angolare durante
il processo?
Le due ruote in fig. 8.6 hanno la stessa forma ma
sono fatte di materiali diversi, cosicch una molto La quantit di moto angolare contenuta nella ruota
leggera e l'altra molto pesante. Vengono fatte girare inizialmente in rotazione, diminuita. La quantit
alla stessa velocit. Quale contiene pi quantit di di moto angolare della ruota inizialmente ferma,
moto angolare? Sicuramente la pi pesante. aumentata. Da una ruota all'altra deve essere passata
quantit di moto angolare.
Pi la massa di un corpo grande, pi quantit di
moto angolare contiene. La quantit di moto angolare pu passare da un
corpo a un altro.
Due corpi possono avere la stessa massa e girare alla
stessa velocit e tuttavia contenere quantit di moto La quantit di moto angolare che all'inizio era in una
angolare diverse. Capiremo meglio come ci sia sola ruota, si distribuita su entrambe le ruote.
possibile, quando avremo pi dimestichezza con la
quantit di moto angolare. La quantit di moto angolare si pu distribuire
su pi corpi.
Eseguiamo un semplice esperimento, fig. 8.7. Ab-
biamo bisogno di due ruote - una con il mozzo fis- Prendiamo ancora una sola ruota, fissata al suo asse.
sato al tavolo e una che possiamo portare in giro. Le L'asse privo di attrito. La ruota viene fatta girare,
due ruote possono essere collegate tramite una spe- viene caricata di quantit di moto angolare. Ora
cie di giunto a frizione. In quel caso una ruota trasci- prendiamo in mano l'asse e "freniamo", fig. 8.8.
na l'altra. Dopo un po' la ruota si ferma. Dov' finita la quantit
di moto angolare?
Inizialmente le ruote sono separate. Poi una viene
fatta girare, l'altra no. Infine mettiamo in contatto i La situazione simile a una che gi conosci: un vei-
dischi della frizione. Cosa succede? colo in moto rettilineo che frena. Esattamente come
la quantit di moto del veicolo defluisce a terra,

Fig. 8.5. Le ruote girano a velocit diverse. Quale ha pi Fig. 8.7. Appena i dischi della frizione si toccano, comincia a
quantit di moto angolare? fluire quantit di moto angolare dalla ruota destra verso quel-
la sinistra.
95

La quantit di moto angolare pu assumere va-


lori positivi e negativi.
Possiamo scegliere arbitrariamente quale delle
quantit di moto angolare ha segno positivo e quale
negativo. Come facciamo? Una possibilit molto
pratica la regola della mano destra, fig. 8.9:
Pieghiamo le dita della mano destra in modo che
puntino nella direzione della rotazione. Se il pol-
lice punta nella direzione x positiva, la quantit
di moto angolare positiva, se punta nella dire-
zione x negativa, la quantit di moto angolare
negativa.
Fig. 8.8. La quantit di moto angolare defluisce a terra.

anche la quantit di moto angolare della ruota de- Esercizio


fluisce a terra.
Cerca nel paragrafo 3.2 di questo libro le frasi in grassetto che
Per altro, sarebbe successa la stessa cosa anche se corrispondono alle frasi in grassetto di questo paragrafo.
non avessimo frenato la ruota di proposito. In quel Mettile a confronto in una tabella.
caso la quantit di moto angolare sarebbe defluita a
terra attraverso il supporto - per pi lentamente.
Ora capisci a cosa servono i cuscinetti a sfera delle 8.2 Pompe di quantit di moto
ruote: devono trattenere un asse senza che la quanti-
t di moto angolare defluisca a terra. angolare
Se una ruota non priva di attrito e si ferma La quantit di moto angolare defluisce spontanea-
spontaneamente, allora la sua quantit di moto mente da una ruota che gira: attraverso i mai perfetti
angolare defluisce a terra. cuscinetti a sfera, defluisce a terra. Per dare quantit
di moto angolare a una ruota, invece, si deve fare
Torniamo all'esperimento con due ruote, fig. 8.7. uno sforzo. Una ruota non comincia a girare da sola.
Facciamo girare la ruota fissata al tavolo. Poi faccia-
mo girare anche l'altra - ma in direzione opposta. Si pu caricare di quantit di moto angolare una
Facciamo in modo che il numero di giri al secondo ruota facendola girare a mano, per esempio con una
sia lo stesso per le due ruote. manovella, o si pu lasciare che se ne incarichi un
motore, fig. 8.10.
Colleghiamo nuovamente le ruote con il giunto a
frizione. Qual la situazione finale? Entrambe le In entrambi i casi ci vuole qualcosa che forzi il tra-
ruote sono ferme. Come si spiega? Prima c'era della sferimento di quantit di moto angolare: una pompa
quantit di moto angolare. Dov' finita? di quantit di moto angolare. Nel primo caso la
persona che funge da pompa di quantit di moto an-
All'inizio ogni ruota aveva una quantit di moto golare, nel secondo il motore.
angolare diversa da zero. Se per alla quantit di
moto angolare di una ruota diamo il segno opposto Ma la pompa da dove prende la quantit di moto an-
che alla quantit di moto angolare dell'altra, allora golare? come per la quantit di moto: anche la
gi all'inizio la quantit di moto angolare totale era quantit di moto angolare pu essere presa da terra.
zero. Dall'esperimento concludiamo: Un esperimento lo dimostra chiaramente.

a b
motore

Fig. 8.9. La regola della mano destra. Fig. 8.10. (a) La persona lavora come pompa di quantit di
moto angolare. (b) Il motore lavora come pompa di quantit
di moto angolare.
96

a b

Fig. 8.11. (a) Solo la ruota ha quantit di moto angolare. (b) Fig. 8.13. Per l'esercizio
Dalla ruota fluisce quantit di moto angolare alla persona e
allo sgabello. Se la persona appoggia un piede a terra mentre cari-
ca la ruota lo sgabello non gira. In questo caso la
Fissiamo l'asse x verticalmente verso l'alto. Abbia- quantit di moto angolare stata pompata nella
mo bisogno di uno sgabello girevole e di una ruota ruota direttamente da terra.
abbastanza grande, priva di attrito e che possa essere
comodamente tenuta per il mozzo. La persona sta in
piedi accanto allo sgabello tenendo in mano la ruota Esercizio
in modo che il suo asse sia verticale e la fa girare. Poi
si siede sullo sgabello, fig. 8.11, e frena la ruota fino La persona in fig. 8.13 tiene in ogni mano una ruota che gira
a fermarla. A questo punto, osserviamo che cos fa- attorno a un asse di rotazione verticale. Le ruote sono di identica
cendo, la persona e lo sgabello cominciano a girare. fattura. Le loro velocit angolari hanno lo stesso modulo ma le
La spiegazione di quanto osservato: durante la fre- direzioni di rotazione sono opposte. Mentre seduta sullo sga-
nata la quantit di moto angolare della ruota de- bello la persona frena contemporaneamente le due ruote. Cosa
fluita alla persona e allo sgabello - ma non oltre. Non succede? Cosa succederebbe frenando due ruote che prima gi-
potuta defluire a terra perch lo sgabello girevole ravano nella stessa direzione?
isolato da terra.
Se la persona appoggia un piede a terra mentre frena
la ruota, la quantit di moto angolare pu defluire 8.3 Il volano
direttamente a terra.
Una ruota che gira contiene quantit di moto ango-
Ora una variante dell'esperimento. La persona lare. un contenitore di quantit di moto angolare.
seduta sullo sgabello e tiene in mano la ruota, fig. Alcune ruote servono al solo scopo di immagazzi-
8.12. Sgabello girevole e ruota sono fermi. Poi la nare quantit di moto angolare. Sono dette volani.
ruota viene messa in rotazione dalla persona. Cosa
succede? Anche lo sgabello con la persona sopra A cosa servono i volani? Le macchine a vapore e i
comincia a girare - per in senso opposto alla rota- motori a scoppio (i motori di automobile) non pom-
zione della ruota. pano quantit di moto angolare con regolarit, lo
fanno a intermittenza. Il motore di un'auto produce
Evidentemente la persona ha pompato quantit di circa 50 impulsi di quantit di moto angolare al
moto angolare da s stessa e dallo sgabello nella secondo. Tra questi impulsi ci sono dei brevi inter-
ruota. Ora, la persona e lo sgabello hanno quantit di valli di tempo in cui il motore non "pompa". Per
moto angolare negativa. superare questi tempi morti, cio per non fermarsi,
ha un volano. Mentre il motore lavora una parte del-
a b la quantit di moto angolare va nel volano, durante il
tempo morto una parte torna fuori. In questo modo
l'albero di trasmissione fornisce una corrente di
quantit di moto angolare pi o meno regolare.
Come possiamo stipare il massimo di quantit di
moto angolare in un volano? Abbiamo gi visto: un
corpo contiene tanta pi quantit di moto angolare,
quanto pi veloce gira e quanto pi pesante.
Quindi: un volano deve girare velocemente e avere
una grande massa.
Descriviamo ora un metodo molto semplice ma un
Fig. 8.12. (a) Ruota, persona e sgabello senza quantit di
po' grossolano per confrontare le quantit di moto
moto angolare. (b) Dalla persona e dallo sgabello, la quantit
angolari. Il corpo da esaminare ruota attorno a un
di moto angolare viene pompata nella ruota.
asse privo di attrito, fig. 8.14. Prendiamo l'asse tra
pollice e indice e freniamo il pi possibile. Passa un
97

Fig. 8.14. Pi tempo ci vuole per frenare la rotazione del Fig. 8.16. Volano. I raggi sostengono un pesante anello.
corpo, pi quantit di moto angolare contiene.

certo tempo prima che il corpo si fermi. Pi quantit no possibile. Un volano che pu immagazzinare
di moto angolare ha il corpo, pi tempo ci vuole molta quantit di moto angolare ha il seguente
affinch tutta la quantit di moto angolare defluisca. aspetto: un grande anello pesante fissato al mozzo
con dei raggi sottili, fig. 8.16.
Confrontiamo ora di volta in volta due corpi in rota-
zione.
1. I corpi sono di identica fattura. Uno gira veloce- Esercizi
mente, l'altro lentamente. Ovviamente ci vuole pi
tempo per fermare quello veloce che per quello len- 1. Le ruote hanno svariate funzioni. Immagazzinare quantit
to, in quanto il corpo veloce contiene pi quantit di di moto angolare solo una di loro. A cos'altro servono le ruote?
moto angolare di quello lento. Elenca alcuni usi differenti.

2. I corpi ruotano alla stessa velocit ma hanno mas- 2. Cita alcuni esempi di applicazione del volano.
se diverse. Ci vuole pi tempo per fermare quello 3. Non possibile immagazzinare in un volano una quantit
pesante che per quello leggero, in quanto quello pe- di moto angolare sempre pi grande semplicemente facendolo
sante aveva pi quantit di moto angolare di quello girare pi in fretta. Perch?
leggero.
3. Confrontiamo ancora due corpi che non si diffe-
renziano n per la massa n per la velocit angolare. 8.4 Conduttori di quantit di moto
L'unica differenza che in uno una parte della massa
sta pi all'esterno che nell'altro, fig. 8.15. Il risultato angolare
inequivocabile: la frenata dura pi a lungo per il La fig. 8.17 mostra come si pu caricare un volano
corpo con le masse pi all'esterno. Di conseguenza di quantit di moto angolare. Il motore prende da
doveva contenere pi quantit di moto angolare terra la quantit di moto angolare e la fa fluire al
dell'altro. volano attraverso l'albero motore. Possiamo con-
Abbiamo trovato un'altra relazione: cludere che gli alberi motore servono al trasporto
della quantit di moto angolare, sono dei conduttori
Pi la massa di un corpo distribuita all'esterno, di quantit di moto angolare.
pi quantit di moto angolare contiene.
Qual la caratteristica dell'albero motore che ne fa
Questa una regola da tener presente nella costru- un conduttore di quantit di moto angolare? Di che
zione dei volani: la massa deve stare il pi all'ester-

Fig. 8.15. Il corpo la cui massa pi all'esterno ha pi quantit Fig. 8.17. La quantit di moto angolare fluisce dal motore al
di moto angolare. volano attraverso l'albero motore.
98

a
quantit di moto angolare

b quantit di moto angolare

Fig. 8.18. Il collegamento tra motore e volano pu essere Fig. 8.20. (a) La quantit di moto angolare fluisce da sinistra
interrotto dalla frizione. verso destra. (b) La quantit di moto angolare fluisce da de-
stra verso sinistra.
materiale devono essere fatti? L'unica condizione
che il materiale sia rigido. Una qualsiasi sbarra rigi- Facciamo fluire quantit di moto angolare in un
da pu essere usata come conduttore di quantit di volano attraverso un albero motore. Fa differenza
moto angolare. per l'albero se la corrente di quantit di moto angola-
re fluisce o no? E fa differenza se fluisce da sinistra
I materiali rigidi conducono la quantit di moto verso destra o da destra verso sinistra?
angolare.
Osservando l'albero motore non notiamo differen-
Analizziamo qualche altro meccanismo che riguar- ze, perlomeno non se l'albero spesso. Usiamo
da il trasporto di quantit di moto angolare. allora come albero motore un oggetto elastico, pie-
Un cuscinetto a sfera serve a trattenere un albero ghevole, per esempio un righello di plastica, fig.
motore senza che la quantit di moto angolare de- 8.20a. Come reagisce il righello quando attraver-
fluisca a terra. sato da una corrente di quantit di moto angolare? Si
torce perch sottoposto a una determinata tensio-
I cuscinetti a sfera fungono da isolatori di quanti- ne. Diciamo che sottoposto a torsione. Anche se in
t di moto angolare. un oggetto rigido non si vede nessuna deformazione
La fig. 8.18 mostra una frizione. Con una leva pos- quando attraversato da una corrente di quantit di
siamo interrompere e ripristinare il collegamento moto angolare, l'oggetto sottoposto a torsione.
tra motore e volano. La direzione della torsione dipende solo dalla dire-
Con una frizione si pu interrompere il condut- zione in cui fluisce la quantit di moto angolare. In
tore di quantit di moto angolare. fig. 8.20a la ruota caricata con quantit di moto
angolare positiva, la quantit di moto angolare
Ogni auto ha una frizione. Si trova fra il cambio e il fluisce nel righello da sinistra a destra.
motore, fig. 8.19. Schiacciando il pedale della fri-
zione (quello pi a sinistra) la si "stacca", il collega- Anche nella ruota in fig. 8.20b affluisce quantit di
mento tra motore e cambio viene interrotto. moto angolare positiva. In questo caso proviene da
destra, fluisce quindi da destra verso sinistra. In
Si deve staccare prima di "cambiare marcia", cio cosa si distinguono i due righelli?
prima di cambiare l'ingranaggio di trasmissione. Se
cambiamo senza staccare la frizione e lasciamo che I bordi del righello formano una spirale. Come forse
l'intensa corrente di quantit di moto angolare saprai ci sono due tipi di spirale: spirali destrorse e
fluisca dal motore alle ruote, il cambio si danneggia. sinistrorse, fig. 8.21. Una spirale destrorsa come
quella di un cavatappi o di una normale filettatura.
Una spirale sinistrorsa quella di un cavatappi
guardato allo specchio.
motore
cambio Torniamo alle nostre correnti di quantit di moto
angolare. In fig. 8.20a la quantit di moto angolare
ruota posteriore fluisce da sinistra verso destra. Il righello si torce in
una spirale sinistrorsa. In fig. 8.20b la quantit di
moto angolare fluisce da destra verso sinistra. Il
righello si torce in una spirale destrorsa.
albero motore Una corrente di quantit di moto angolare verso
frizione
destra causa una torsione sinistrorsa;
Una corrente di quantit di moto angolare verso
sinistra causa una torsione destrorsa.
Fig. 8.19. Parte del motore di un auto.
99

vapore, alta temperatura


alta pressione elettricit
quantit di moto
angolare genera-
turbina a
vapore tore

vapore,
a b c bassa temperatura
bassa pressione

Fig. 8.21. (a) Spirale destrorsa. (b) Spirale sinistrorsa. (c) Fig. 8.23. Turbina e generatore di una centrale elettrica. La
Cavatappi e sua immagine allo specchio quantit di moto angolare fluisce in circuito chiuso.
Esercizi Allora cosa succede alla quantit di moto angolare?
Deve necessariamente defluire dalla macina.
1. Progetta un esperimento per scoprire se l'acqua conduce la Niente di sorprendente. Dopotutto, tra la parte
quantit di moto angolare. interna girevole della macina e la parte esterna fissa
2. Progetta un esperimento per dimostrare che i campi ma- c' molto attrito; e l'attrito come un cattivo
gnetici conducono la quantit di moto angolare. cuscinetto, cio un cuscinetto dal quale la quantit
di moto angolare defluisce facilmente.
3. L'aria conduce malissimo la quantit di moto angolare.
Descrivi un esperimento, o cita un apparecchio, per dimostrare Quindi ci troviamo di fronte a un circuito chiuso di
che l'aria un po' di quantit di moto angolare la conduce quantit di moto angolare: il motore pompa quantit
comunque. di moto angolare dal basamento della macchina alla
macina attraverso l'albero motore. Da l passa al
4. Gli alberi motore sono conduttori di quantit di moto an- telaio del macinino e torna al motore attraverso il
golare. In un'auto ce ne sono parecchi. Hanno nomi diversi che basamento.
dipendono dalla loro funzione. Cita alcuni alberi motore di
un'auto. A cosa servono? Naturalmente sia il motore che il macinino devono
essere saldamente fissati al basamento.
5. Perch certi alberi motore sono spessi e altri sottili?
La turbina e il generatore di una centrale elettrica
sono in una situazione molto simile, fig. 8.23.
8.5 Circuiti di quantit di moto In fig. 8.24a qualcuno sta perforando una tavola. La
quantit di moto angolare fluisce da terra, attraverso
angolare l'uomo e il trapano, alla tavola e da l torna a terra
Un macinacaff fatto come mostra la fig. 8.22. attraverso la morsa.
Uno vero fatto in modo pi compatto ma in sostan- La fig. 8.24b mostra cosa succede se il circuito di
za ha questo aspetto. corrente di quantit di moto angolare non chiuso.
La macina azionata da un motore elettrico. Il mo- La tavola stata tolta dalla morsa. La quantit di
tore pompa quantit di moto angolare alla macina moto angolare non pu pi defluire. Il motore gira a
attraverso un albero motore. La quantit di moto vuoto, non pompa pi. La tavola gira, ma non pi in
angolare della macina aumenta? No, altrimenti do- fretta, vale a dire che alla tavola non giunge pi
vrebbe girare sempre pi in fretta e non lo fa. nuova quantit di moto angolare.

a b

macina
motore elettrico

quantit di moto angolare

Fig. 8.22. Macinacaff. La quantit di moto angolare fluisce Fig. 8.24. (a) Il circuito di quantit di moto angolare chiuso.
in circuito chiuso. (b) Il circuito di quantit di moto angolare interrotto.
100

Esercizi
1. Che percorso segue la quantit di moto angolare in un
ventilatore?
2. Qualcuno tempera una matita. Che percorso segue la quantit ENERGIA turbina ENERGIA
generatore ENERGIA
idraulica
di moto angolare?
acqua quantit di moto elettricit
angolare

8.6 La quantit di moto angolare


come portatore di energia
Esaminiamo di nuovo il macinacaff - ma da un Fig. 8.26. Diagramma di flusso di una centrale idroelettrica.
altro punto di vista: facciamo un bilancio energeti-
co. Il motore riceve energia e la trasmette alla maci- Probabilmente avrai gi visto un'automobilina gio-
na. Quali sono i portatori di energia? Al motore cattolo azionata a volano: le si d una forte spinta sul
l'energia arriva con il portatore elettricit. pavimento. Il volano si carica di quantit di moto
Ormai ti sar chiaro come andare avanti. Tra motore angolare e energia, con la quale l'automobilina per-
e macina, oltre all'energia fluisce anche quantit di corre qualche metro da sola.
moto angolare. Quindi il portatore di energia dev'es-
sere la quantit di moto angolare, fig. 8.25.
Esercizi
La quantit di moto angolare un portatore di
energia. 1. Disegna i diagrammi di flusso di una turbina idraulica, di
un mulino a vento, di una pompa idraulica e di un'elica di
In altre parole: nel motore l'energia viene trasferita ventilatore.
dal portatore elettricit al portatore quantit di moto
angolare. Con la quantit di moto angolare va dal 2. Cita delle sorgenti di energia che forniscono energia con il
motore alla macina, dove viene scaricata dalla portatore quantit di moto angolare. Da cosa le si riconosce?
quantit di moto angolare che torna al motore attra- 3. Cita dei ricevitori di energia che la ricevono con il portatore
verso il basamento. La fig. 8.26 mostra il diagram- quantit di moto angolare.
ma di flusso di una centrale idroelettrica.
4. Da cosa si riconoscono gli apparecchi che ricevono energia
Infine, facciamo il bilancio della quantit di moto dall'uomo con il portatore quantit di moto angolare?
angolare e dell'energia, per un volano. Il volano in
fig. 8.27 viene caricato di quantit di moto angolare:
il motore pompa quantit di moto angolare da terra
al volano attraverso l'albero motore.
Nel frattempo abbiamo scoperto che nell'albero non
passa solo quantit di moto angolare ma anche ener- ENERGIA motore ENERGIA
elettrico volano
gia. Dove va questa energia? Visto che non pu
uscire dal volano, l'energia vi si accumula. Quindi il
volano non immagazzina solo quantit di moto an- elettricit quantit di
moto angolare
golare ma anche energia.
Con un volano in rotazione, cio con un volano che
stato caricato di quantit di moto angolare e di ener-
gia, possiamo azionare qualcosa, per esempio una
Fig. 8.27. Un volano viene caricato con quantit di moto
dinamo, fig. 8.28.
angolare e energia.

ENERGIA ENERGIA
ENERGIA ENERGIA volano dinamo

q. di moto ang. quantit di


elettricit moto angolare elettricit

Fig. 8.25. L'energia giunge dal motore alla macina con il por- Fig. 8.28. Volano che aziona una dinamo.
tatore quantit di moto angolare
9. Compressione e trazione

9.1 La relazione tra pressione e


intensit della corrente di quantit
di moto
Un blocco K incastrato tra due pareti da una molla
M, fig. 9.1. Una corrente di quantit di moto fluisce
attraverso il dispositivo. La corrente di quantit di
moto sempre associata al fatto che il conduttore
della corrente sottoposto a tensione meccanica:
a trazione o a compressione. Ti ricordi la nostra re-
gola: corrente di quantit di moto verso destra
significa compressione, corrente di quantit di moto
verso sinistra significa trazione. Fig. 9.2. La corrente di quantit di moto si distribuisce su tutta
Vogliamo analizzare la tensione nel blocco. Visto la sezione del blocco.
che la corrente di quantit di moto distribuita su Concludiamo: l'intensit della corrente di quantit
tutto il blocco, ogni sua parte sottoposta a com- di moto per unit di superficie pu essere usata per
pressione; ogni parte "sente" la pressione, fig. 9.2. caratterizzare la tensione meccanica in un punto
Confrontiamo i due blocchi K1 e K2 in fig. 9.3. Vi- qualsiasi all'interno di un corpo. Questa grandezza,
sto che le molle sono identiche, la corrente di quan- cio il quoziente tra l'intensit della corrente di
tit di moto ha la stessa intensit - poniamo 200 Hy/s quantit di moto e la superficie attraversata dalla
= 200 N. Il blocco K2 ha una sezione pi grande di corrente, viene detta pressione. la stessa grandez-
K1. Quindi, la corrente di quantit di moto si za fisica che avevamo gi conosciuto in altro modo.
distribuisce su una superficie pi grande. L'inten- Visto che per la pressione si usa la lettera p, pos-
sit della corrente di quantit di moto per unit di siamo scrivere:
superficie di conseguenza pi piccola. Attraverso
ogni centimetro quadrato della sezione di K1 F
p=
fluiscono A
200
Hy/s = 8 N
25
Attraverso ogni centimetro quadrato della sezione
di K2 fluiscono K1
200
Hy/s = 2 N A 1 = 25 cm2
100
Un pezzo di materia di K1 "sente" una pressione
maggiore che un pezzo di materia di K2.

K2

K A 2 = 100 cm2

Fig. 9.3. Le correnti di quantit di moto in K1 e K2 hanno la


stessa intensit. L'intensit della corrente di quantit di moto
Fig. 9.1. Il blocco K sottoposto a compressione. per superficie, cio la pressione, maggiore in K1.
102

1 2

A = 100 cm 2

Fig. 9.4. Il blocco sottoposto a trazione, la pressione Fig. 9.6. Per l'esercizio 2
negativa.
Se l'intensit della corrente di quantit di moto viene -200 N
data in N e l'area in m2, per la pressione otteniamo p = = -20 000 Pa = -20 kPa
l'unit di misura N/m2. Questa unit di misura 0,01 m 2
chiamata pascal, abbreviato in Pa. Quindi Una pressione negativa significa trazione.
N Riassumendo:
Pa =
m2 Pressione uguale forza per unit di superficie.
1 Pa una pressione molto piccola. Si usano spesso
le unit pi grandi
Esercizi
1 kPa = 1 000 Pa
e 1. Un'auto viene trainata. La fig. 9.5 mostra un dettaglio: il
gancio dell'auto trainata e un pezzo di cavo metallico al quale
1 MPa = 1 000 000 Pa, annodata una corda di materiale sintetico. Nell'auto fluisce una
oppure il bar: corrente di quantit di moto di 420 N. Calcola la tensione nei
1 bar = 100 000 Pa. punti 1, 2 e 3. Attento al segno: compressione o trazione?
Torniamo al nostro blocco. Nel blocco K1 c' una 2. La corda in fig. 9.6 ha una sezione di 1,5 cm2. La cassa ha
pressione, o pi precisamente una tensione di una massa di 12 kg. Calcola la trazione nei punti 1, 2 e 3.
compressione, di
3. Schiaccia una puntina da disegno in un pannello di legno.
F 200 N Stima la pressione a met altezza della parte che si conficca
p1 = = = 80 000 Pa = 80 kPa nella tavola. Che pressione c' sulla punta della puntina?
A1 0,0025 m 2

4. Stima la pressione sulla punta di un chiodo quando lo


Per il blocco K2 otteniamo: colpisci con un martello.
F 200 N
p2 = = = 20 000 Pa = 20 kPa
A2 0,01 m 2
(Le aree A1 e A2 devono essere date in m2 affinch il 9.2 Tensione in tre direzioni
risultato sia in pascal.) Vogliamo sottoporre un corpo a compressione e tra-
Attraverso il corpo K in fig. 9.4 fluisce una corrente zione contemporaneamente. "Non possibile" si
di quantit di moto di 200 N in direzione negativa. potrebbe obiettare, "o sottoposto a compressione o
Nel calcolo della grandezza p, se ne tiene conto fa- a trazione, si escludono a vicenda!" Ignoriamo l'o-
cendo precedere il valore dell'intensit di corrente biezione e proviamo - e abbiamo successo.
dal segno meno. Quindi: Afferriamo un oggetto con entrambe le mani, per
esempio una spugna, e stringiamo. Contempora-
neamente la allunghiamo, fig. 9.7. L'interno della
1 2 3 spugna effettivamente sottoposto sia a compres-
sione che a trazione: compressione in direzione
orizzontale e trazione in direzione verticale. La fig.
9.8 mostra una situazione simile: il blocco K sot-
toposto a trazione in direzione orizzontale e a com-
pressione in direzione verticale. Naturalmente po-
trebbe essere sottoposto a trazione o compressione
A 1 = 2 cm 2 A 2 = 3 cm 2 A 3 = 3 cm 2 in entrambe le direzioni. Inoltre compressione e tra-
zione possono assumere valori diversi nelle due
Fig. 9.5. Per l'esercizio 1 direzioni.
103

Fig. 9.7. L'interno della spugna sottoposto a trazione in dire- Fig. 9.10. La pressione pu essere esercitata in tre direzioni
zione verticale e a compressione in direzione orizzontale perpendicolari tra loro .
p1 = 5000 Pa
p2 = - 2000 Pa
compressione p3 = - 40 000 Pa.
Potresti essere indotto a credere che si possa andare
K avanti creando pressione in altre direzioni. Perch
trazione trazione non cinque diverse compressioni (o trazioni) in
cinque direzioni diverse, fig. 9.11? Perch non fun-
compressione ziona. La dimostrazione alquanto complicata, ci
limitiamo quindi al risultato:
Si pu generare compressione (o trazione) in tre
direzioni tra loro perpendicolari.
Fig. 9.8. Il blocco sottoposto a compressione in direzione
verticale e a trazione in direzione orizzontale. Quando si tenta di variare la pressione in una quarta
direzione, automaticamente cambiano anche le
pressioni nelle tre direzioni iniziali.
Nel caso in fig. 9.9 la pressione orizzontale vale
Questo risultato valido per tutti i punti all'interno
50 N di un corpo. In ogni caso, in punti diversi la tensione
p1 = = 5000 Pa = 5 kPa meccanica pu essere differente. La compressione e
0,01 m 2 la trazione al centro della spugna strizzata in fig. 9.7
e quella verticale sono sicuramente diverse che al bordo inferiore.
Se il valore della pressione lo stesso nelle tre dire-
300 N zioni perpendicolari, poniamo 12 kPa, allora anche
p2 = = 20 000 Pa = 20 kPa in tutte le altre direzioni c' la stessa pressione, cio
0,015 m 2
12 kPa.
Infine potremmo sottoporre il blocco a una qualsiasi
compressione o trazione anche nella terza dimen- Ogni materiale resiste solo fino a una certa com-
sione, fig. 9.10. Per esempio pressione o trazione. In genere i materiali sopporta-
no meglio la compressione rispetto alla trazione.

100 cm2

150 cm2

Fig. 9.9. Le pressioni in direzione orizzontale e verticale sono Fig. 9.11. In tre dimensioni non si possono dare pi di tre
diverse. pressioni (in due dimensioni non pi di due).
104

compressione

trazione

Fig. 9.12. Nella parte superiore della trave c' compressione Fig. 9.14. Lo stantuffo sottoposto a pressione solo in dire-
in direzione orizzontale, in quella inferiore c' trazione. zione orizzontale, l'acqua in tutte le direzioni.
Il cemento, ad esempio, sopporta compressioni di 9.3 La pressione nei liquidi e nei gas
circa 50 MPa ma trazioni di circa 1/20 di questo
valore. A volte per, determinati punti di una trave Finora abbiamo trattato la tensione meccanica negli
di cemento devono essere sottoposti a trazione. La oggetti solidi. (Anche la spugna un "solido"
fig. 9.12 mostra una trave di cemento sostenuta alle perch n liquida n gassosa.) Vediamo ora cosa
estremit e caricata al centro - una situazione tipica. succede a un liquido, per esempio l'acqua,
Nella parte superiore della trave il cemento sot- sottoposto a pressione. Inizialmente procediamo di
toposto a compressione in direzione orizzontale. proposito in modo maldestro facendo come con il
Nella parte inferiore sottoposto a trazione, pure in blocco in fig. 9.1: premiamo nel mezzo da sopra, fig.
direzione orizzontale. Visto che il cemento non resi- 9.13. Succede quello che deve succedere: l'acqua si
ste alla trazione la parte inferiore viene rinforzata scansa di lato.
con acciaio. L'acciaio resiste a trazioni pi elevate.
Allora proviamo diversamente: imprigioniamo
Per lo stesso motivo, cio aumentare la resistenza l'acqua in modo che non possa sfuggire lateralmen-
del materiale alla trazione, alcune materie plastiche te, fig. 9.14. Se la sezione di A = 5 cm2 e la cor-
sono rinforzate con fibre di carbonio. Questi mate- rente di quantit di moto ha un'intensit di F = 200
riali sono usati per esempio nella produzione di sci, N, in direzione orizzontale c' una pressione
trampolini per piscine e alianti.
F 200 N
Molti materiali hanno una resistenza alla pressione p= = = 2 000 000 Pa = 2 MPa
diversa nelle tre direzioni. Un esempio classico il A 0,0005 m 2
legno. Il legno di conifera sopporta una trazione di Ma l'acqua tenta comunque di scansarsi perpendi-
circa 10 MPa nella direzione della venatura e solo 1/ colarmente alla direzione in cui preme lo stantuffo e
20 perpendicolarmente. di conseguenza anche in quella direzione si svilup-
Esercizi pa una pressione che ha lo stesso valore di quella
parallela allo stantuffo. E anche in tutte le altre dire-
1. Cita dei materiali molto resistenti alla trazione ma poco zioni c' una pressione dello stesso modulo.
alla compressione. L'esperimento in fig. 9.15. lo mostra chiaramente.
2. Cita dei materiali molto resistenti alla compressione ma In un punto qualsiasi di un liquido c' la stessa
poco alla trazione. pressione in tutte le direzioni.
3. Cita dei materiali che hanno una resistenza a compressione o Lo stesso vale naturalmente anche per i gas, in quan-
trazione molto diversa in direzioni diverse. to anche i gas si scansano di lato se non ostacolati.

acqua

Fig. 9.13. Cos non si riesce a sottoporre l'acqua a compres- Fig. 9.15. Visto che c' pressione in tutte le direzioni, l'acqua
sione. Si scansa di lato. schizza da tutte le parti.
105

9.4 La densit Questa corrente di quantit di moto proviene da due


sorgenti.
Consideriamo un corpo di composizione omoge-
nea. Il corpo ha la massa m e il volume V. Il quo- 1. Visto che la pressione atmosferica sulla superfi-
ziente tra massa e volume la densit : cie dell'acqua di
m patm = 1 bar = 100 000 Pa,
=
V una corrente di quantit di moto di intensit
Un corpo di ferro ha una densit maggiore di un F1 = patm A
corpo di legno in quanto un m3 di ferro ha una massa affluisce all'acqua dall'alto e la attraversa.
maggiore di un m3 di legno. Visto che la massa viene
divisa per il volume, la densit indipendente da 2. Secondo la nostra vecchia equazione
grandezza e forma del corpo. Dipende solo dal ma- F = m g, (1)
teriale di cui fatto il corpo. una propriet
della sostanza. in ogni parte di acqua affluisce una corrente di
Quindi non c' bisogno di dire: "il corpo di ferro ha quantit di moto dal campo gravitazionale, corrente
una densit di 7800 kg/m3", perch basta dire: "il che defluisce verso il basso attraversando l'acqua (m
ferro ha una densit di 7800 kg/m3". = massa, g = costante locale). Quindi, la nostra
Abbiamo parlato di corpi solidi per avere un'imma- sezione attraversata da tutta la corrente di quantit
gine pi concreta, ma il quoziente m/V si pu cal- di moto che affluisce nell'acqua che le sta sopra. Per
colare allo stesso modo anche per liquidi e gas. calcolare l'intensit di questa corrente dobbiamo
inserire nell'equazione (1) la massa msopra dell'ac-
Esistono molte altre propriet delle sostanze che si qua sovrastante la sezione:
possono esprimere con un valore numerico: con-
ducibilit elettrica, conducibilit termica, colore, F2 = msopra g (2)
riscaldabilit, magnetizzabilit, potere di assorbi- La massa msopra si pu calcolare facilmente. Risol-
mento viamo la formula

m
=
V
9.5 La pressione gravitazionale
rispetto a m e sostituiamo con la densit dell'acqua
Abbiamo appena visto: la pressione in un deter- e V con il volume dell'acqua al di sopra della
minato punto di un liquido uguale in tutte le sezione:
direzioni. Questo non significa che la pressione
debba essere uguale in tutti i punti del liquido. Ora msopra = acqua Vsopra
esamineremo una situazione dove la pressione varia dove
da luogo a luogo.
Vsopra = A h.
La fig. 9.16 mostra un recipiente cilindrico riempito
d'acqua. Nell'acqua c' una pressione che aumenta Sostituiamo
dall'alto verso il basso. Vogliamo calcolare la msopra = acqua A h
pressione a una distanza h dalla superficie.
nell'equazione (2) e otteniamo:
Consideriamo una sezione S della colonna d'acqua.
L'area della sezione A. Cominciamo cercando l'in- F2 = msopra g = acqua A h g.
tensit della corrente di quantit di moto che attra- L'intensit totale F della corrente di quantit di moto
versa la sezione. costituita da F1 e F2.
F = F1 + F2
= patm A + acqua A h g
= (patm + acqua h g) A
Con p = F/A possiamo calcolare la pressione all'al-
h tezza della sezione:
S F ( p atm + acqua g h)A
p= =
A A
= p atm + acqua g h

Fig. 9.16. La pressione aumenta con la profondit.


106

Quindi la pressione a una profondit h dalla superfi-


1 p (bar)
cie :
p = patm + acqua h g (3)
Cos come la corrente di quantit di moto, anche la
pressione ha due componenti: 0,5
- la pressione patm dell'aria che sovrasta l'acqua;
- la pressione pG = acqua h g causata dal peso h (km)
dell'acqua. L'acqua sul fondo sente il peso del-
l'acqua che sta sopra. Questa componente pG 0
detta pressione gravitazionale dell'acqua. 0 10 20

In effetti si tratta di una pressione in direzione verti- Fig. 9.18. Pressione atmosferica in funzione dell'altezza.
cale ma, visto che si ha a che fare con un liquido, ci L'altezza positiva verso l'alto.
deve essere la stessa pressione anche in direzione
orizzontale. La fig. 9.17 mostra la pressione in funzione dell'al-
Naturalmente i ragionamenti valgono anche per tezza h. Lo zero di h posto sulla superficie dell'ac-
liquidi diversi dall'acqua. Si deve solo sostituire la qua.
densit acqua con la densit del liquido in questione. Cos come nell'acqua la pressione diminuisce salen-
In generale quindi: do, anche la pressione dell'aria sopra la superficie
La pressione gravitazionale di un liquido : terrestre diminuisce salendo. La pressione dell'aria
che ci circonda la pressione gravitazionale dell'a-
pG = g h ria. In questo caso per la diminuzione di pressione
verso l'alto non lineare. Per calcolare la pressione
Calcoliamo concretamente la pressione gravitazio- atmosferica non possiamo pi usare la formula
nale nell'acqua. Sostituiamo
pG = g h
= 1000 kg/m3 e g = 10 N/kg
perch la densit dall'aria diminuisce con l'altezza.
e otteniamo La fig. 9.18 mostra la pressione (gravitazionale)
pG = 1000 kg/m3 10 N/kg h dell'aria in funzione dell'altezza. Nota che le altezze
nelle figg. 9.17 e 9.18 hanno unit di misura diverse.
= 10 000 h N/m3
La fig. 9.19. mostra la pressione in funzione dell'al-
A una profondit dalla superficie tezza sopra e sotto il livello del mare. L'asse delle
h = 10 m altezze comincia a 100 m di profondit, dove la
pressione di 11 bar. Risalendo in superficie la
si ha pressione scende fino a 1 bar. Questa la pressione
pG = 100 000 N/m2 = 100 000 Pa = 1 bar, gravitazionale dell'aria a livello del mare. Salendo
pi in alto la pressione cala ulteriormente, ma visto
e per la pressione totale: che la densit dell'aria molto piccola, anche la
p = patm + pG = 1 bar + 1 bar = 2 bar. diminuzione molto lenta.
Quindi, a una profondit di 10 m la pressione su-
periore di 1 bar a quella sulla superficie dell'acqua, a Esercizi
20 m di profondita di 2 bar, ecc.
1. Quant' la pressione gravitazionale sul fondo di una piscina
di 4 m? Quant' la pressione totale?
p (bar) 2. La profondit massima del mare circa 11 000 m. Calcola
10 la pressione in quel punto.
3. Che pressione c' sul fondo del recipiente in fig. 9.20? Il
disco che separa i due liquidi si pu spostare facilmente ed co-
s piccolo e leggero, che il suo influsso sulla pressione pu
5 essere trascurato. La densit del mercurio 13 550 kg/m3.

0
-100 -50 0 h (m)

Fig. 9.17. Pressione in funzione dell'altezza dell'acqua. L'al-


tezza zero la superficie dell'acqua.
107

p (bar)

acqua
aria
10

0
0 500 1000 h (m)
Fig. 9.19. Pressione in funzione dell'altezza sotto e sopra il livello del mare. L'altezza zero la superficie del mare.

Quindi alla pressione in B non contribuisce solo


l'acqua del recipiente inferiore ma, a causa del
collegamento, anche quella del recipiente
superiore.
acqua 0,5 m
Possiamo concludere: nel punto B la pressione gra-
vitazionale di tutta l'acqua :
pG,B = pG,A + pG,B' = acqua g (hA + hB')
mercurio 0,3 m = acqua g hB
La pressione in B quindi la stessa che avremmo sul
fondo di un unico recipiente di altezza hB, fig.
9.21b. In altre parole: la profondit h che appare
Fig. 9.20. Per l'esercizio 3 nell'equazione
pG = g h
9.6 Recipienti pi complessi la distanza verticale dal piano della superficie del-
Per trovare la formula l'acqua - non importante che la superficie si trovi
sopra il punto considerato e non conta nemmeno la
pG = g h grandezza della superficie.
ci siamo serviti di un recipiente con le pareti verti- Quindi, in tutti i punti a una determinata profondit
cali. lecito pensare che la formula valga solo per dalla superficie c' la stessa pressione, come eviden-
quel tipo di recipienti. zia la fig. 9.22.
La fig. 9.21a mostra un recipiente fatto da due parti Peraltro la pressione a una certa profondit la
collegate con un tubo. Qual la pressione gravita- stessa in tutti i punti solo se il liquido non scorre. Se
zionale nel punto A e nel punto B? Applichiamo la
nostra formula e troviamo
in A: pG,A = acqua g hA a b
in B: pG,B' = acqua g hB'
Le pressioni ottenute sono esatte - si deve solo sape- hA
re cosa si calcolato. Aggiungiamo ancora che l'aria A
preme sulla superficie con 1 bar. hB
A hB
pG,A la pressione gravitazionale nel punto A h B'
causata dall'acqua contenuta nel recipiente
superiore. E pG,B'? pG,B' la pressione gravitazionale B
che l'acqua del recipiente inferiore causa nel punto
B. Dobbiamo per tener conto del fatto che l'acqua B
del recipiente superiore preme su quella del Fig. 9.21. La pressione nel punto B nel recipiente a sinistra,
recipiente inferiore attraverso il tubo che li collega. la stessa che in B nel recipiente a destra.
108

1 bar
2 bar
3 bar 3 bar
alcol
4 bar 4 bar
acqua 30 cm
5 bar
6 bar
7 bar
8 bar

Fig. 9.22. In una massa continua di liquido, la pressione la Fig. 9.25. Per l'esercizio 2
stessa in tutti i punti di un piano orizzontale.
Esercizi
1. Cosa succede aprendo il rubinetto in fig. 9.24? Perch?
2. Nel recipiente a sinistra in fig. 9.25 c' acqua, in quello a
destra alcol. Il confine tra i due liquidi nel tubo orizzontale. Il
livello del liquido nel recipiente a destra pi alto che nell'altro.
Perch? Qual la differenza di altezza? (alcol = 790 kg/m3)

9.7 La spinta idrostatica


Una palla viene spinta sott'acqua. Ci accorgiamo
Fig. 9.23. In due recipienti collegati le superfici del liquido che la palla "vuole" risalire. Da cosa dipende? L'ac-
sono alla stessa altezza. qua preme da tutte le parti sulla superficie della pal-
la. Visto che nell'acqua la pressione aumenta con la
il liquido (o il gas) non fermo, se c' corrente, la profondit, la pressione sulla palla sar maggiore
pressione non pi costante in quanto proprio una sulla parte inferiore che su quella superiore. La con-
differenza di pressione a causare la corrente. seguenza: la palla viene spinta verso l'alto, fig. 9.26.
Riassumiamo: Non sono solo gli oggetti leggeri come una palla a
Nei liquidi e nei gas a riposo, la pressione uguale sentire questa spinta verso l'alto, ma tutti i corpi im-
in tutti i punti di un piano orizzontale. mersi in un liquido.
L'affermazione in accordo con un'osservazione Un pezzo di ferro viene appeso a un dinamometro e
che ognuno di noi ha gi potuto fare: in due recipien- poi immerso in acqua, fig. 9.27. L'allungamento del
ti collegati, le superfici dell'acqua sono alla stessa dinamometro si riduce. L'acqua spinge il pezzo di
altezza, fig. 9.23. ferro verso l'alto, apparentemente il pezzo di ferro
diventa pi leggero.
Su entrambe la superfici la pressione gravitazionale
di 0 Pa, quindi uguale. Di conseguenza, secondo Attraverso il campo gravitazionale terrestre, nel
la nostra regola, le due superfici giacciono nello corpo fluisce una corrente di quantit di moto di
stesso piano. intensit

pressione
bassa

pressione alta

Fig. 9.24. Per l'esercizio 1 Fig. 9.26. La pressione maggiore sulla parte inferiore della
palla che sulla parte superiore.
109

La spinta idrostatica FA che cercavamo equivale a


macqua g, cio alla diminuzione, causata dall'im-
a b mersione, della corrente di quantit di moto:
FA = macqua g
Ricordiamoci il significato di macqua: la massa
del nostro corpo di acqua, cio la massa d'acqua spo-
stata dal corpo di ferro.
Naturalmente il ragionamento vale anche quando il
corpo non di ferro e il liquido non l'acqua. Sosti-
tuiamo nell'equazione (1) la massa mferro con la
massa del corpo mC e la massa macqua con la massa
Fig. 9.27. Un pezzo di ferro appeso a un dinamometro viene
del liquido mliq e otteniamo:
immerso in acqua. Apparentemente diventa pi leggero. Fnetta = (mC - mliq) g (2)
F = mferro g La spinta idrostatica quanto viene tolto a mC g,
In fig. 9.27a, questa corrente di quantit di moto cio:
defluisce nuovamente attraverso la corda. In fig. FA = mliq g
9.27b solo una parte defluisce attraverso la corda, il
resto defluisce attraverso l'acqua. L'intensit della Possiamo anche dire:
corrente di quantit di moto che defluisce attraverso La massa apparente equivale alla massa
l'acqua viene detta spinta idrostatica. Vogliamo effettiva diminuita della massa del liquido
calcolarla. spostato.
Cominciamo dall'acqua senza il corpo immerso, Vogliamo riscrivere l'equazione (2) in una forma
limitandoci per a considerare quella porzione di pi comoda. Sostituiamo le masse mC e mliq con
acqua che dovr far posto al corpo. (Puoi anche im- l'aiuto dell'equazione
maginare che quest'acqua sia separata dal resto da
una sottilissima pellicola di plastica.) Questo "cor- m=V
po d'acqua" resta naturalmente sospeso, non risale e ottenuta da
non affonda. Ci significa che non c' n un guada-
gno netto n una perdita netta di quantit di moto. = m/V.
Tutta la quantit di moto che affluisce al corpo Quindi
Fentra = macqua g mC = C V (3)
- gli arriva tramite il campo gravitazionale - deflui- e
sce nuovamente attraverso la sua superficie, all'ac-
qua che lo circonda e poi a terra. Quindi, sappiamo mliq = liq V (4)
che anche l'intensit della corrente di quantit di Il volume V del corpo lo stesso volume dell'ac-
moto che defluisce deve essere qua spostata.
Fesce = macqua g Sostituendo le equazioni (3) e (4) nella (2) si ottiene:
Sostituiamo il nostro corpo immaginario fatto d'ac- Fnetta = (C - liq) V g
qua con il corpo di ferro. Nel corpo fluisce una
corrente di quantit di moto Questa equazione ci dice che la corrente netta di
quantit di moto positiva se C maggiore di
Fentra = mferro g liq ed negativa se C minore di liq. Una
Dal corpo defluisce la stessa corrente di prima, in corrente netta positiva significa che il corpo si
quanto la distribuzione della pressione sulla super- muove verso il basso. Una corrente netta negativa
ficie del corpo di ferro la stessa che c'era sulla significa che il corpo si muove in direzione
superficie del corpo di acqua. Quindi defluisce una negativa, cio verso l'alto: risale, galleggia. Quando
corrente di intensit C = liq , la corrente Fnetta = 0 e il corpo rimane
sospeso.
Fesce = macqua g
C > liq : il corpo affonda.
Questa volta la corrente netta non nulla ma
C < liq : il corpo galleggia.
Fnetta = Fentra - Fesce
C = liq : il corpo rimane sospeso.
= (mferro - macqua) g (1)
110

Esercizi
a
1. Calcola la spinta idrostatica FA su un pezzo di ferro di vo-
lume 5 cm3 completamente immerso in mercurio. Se lo 1 bar
lasciamo andare affonda o galleggia? Di quanti grammi sembra
1 bar
essersi ridotta la massa del pezzo di ferro? (Densit del ferro:
7900 kg/m3, densit del mercurio: 13 550 kg/m3)
2. Un masso di granito da 150 tonnellate giace sul fondo del b
mare (densit del granito: 2600 kg/m3). Quanto vale la spinta
idrostatica? Di quanto sembra pi piccola la sua massa rispetto 0,7 bar
a quando si trova sulla terra ferma? 1 bar
3. Un sasso con una densit di 2400 kg/m3 giace sul fondo di
una piscina. Nell'acqua "pesa" 1,4 kg. Qual la sua vera massa? Fig. 9.29. L'aria preme sullo stantuffo sia dall'interno che
4. Il legno ha una densit inferiore all'acqua. Di conseguenza dall'esterno. (a) La pressione all'interno e all'esterno la stes-
un pezzo di legno tenuto sott'acqua tende a riemergere. Quando sa. (b) La pressione maggiore all'esterno.
una parte del pezzo di legno spunta dall'acqua, smette di salire. preme con la stessa intensit e le due pressioni sono
Perch? in equilibrio.
5. Una nave pesa 1500 t. Qual la massa dell'acqua spostata? Tiriamo lo stantuffo verso destra e lo teniamo fer-
6. Una nave naviga prima su un fiume e poi in mare. La
mo, fig. 9.29b. La pressione interna diminuisce, la
densit dell'acqua di mare leggermente superiore a quella
pressione esterna ovviamente non cambia. Ora ab-
dell'acqua dolce. Che conseguenza ha per la nave?
biamo l'impressione che qualcuno tiri lo stantuffo
verso sinistra, dobbiamo trattenerlo. In effetti per
semplicemente la pressione esterna che spinge ver-
so sinistra. All'interno la pressione ancora positiva
9.8 Trazione nei gas e nei liquidi anche se pi piccola di prima. In ogni caso non c'
trazione.
Se beviamo una gazzosa con una cannuccia, abbia-
mo l'impressione di "tirarla", fig. 9.28. Altrimenti Si potrebbe pensare che si possa comunque creare
perch dovrebbe risalire nella cannuccia? Quando un trazione all'interno tirando a sufficienza, cio
cominciamo a bere, nella cannuccia c' ancora aria. muovendo lo stantuffo molto lontano verso destra,
Aspiriamo e la gazzosa risale. Quindi sembrerebbe fig. 9.30. L'esperimento dimostra che non possibi-
possibile tirare anche l'aria. le. La pressione continua a diminuire ma sempre pi
lentamente. Non raggiunge mai il valore 0. Resta
Vedremo che questa conclusione sbagliata. Non sempre positiva.
possiamo tirare n l'aria n la gazzosa, in generale:
Invece di estrarre lo stantuffo possiamo allacciare il
I gas e i liquidi non possono essere sottoposti a cilindro a una pompa a vuoto, fig. 9.31. Mentre la
trazione. pompa in funzione la pressione diminuisce e solo
Ma dov' l'errore? Come arriva in bocca la gazzosa, quando tutta l'aria stata tolta la pressione raggiun-
se non aspirando? ge 0 bar. Neanche pompando pi a lungo la pressio-
ne diventa negativa. Niente di strano: quando tutta
Nel cilindro in fig. 9.29a c' aria a pressione nor- l'aria stata tolta non c' pi niente che potrebbe
male: p = 1 bar. Pure all'esterno c' aria a pressione 1 essere sottoposto a trazione.
bar. Anche se dall'interno l'aria preme sullo stan-
tuffo, non necessario trattenerlo: l'aria all'esterno Se proviamo con un liquido, per esempio l'acqua,
succede qualcosa di un po' diverso, fig. 9.32. Sol-

1 bar

0,1 bar

Fig. 9.28. La gazzosa viene spinta, non aspirata, verso l'alto. Fig. 9.30. Possiamo estrarre lo stantuffo quanto vogliamo - la
pressione resta sempre positiva.
111

pompa a vuoto

Fig. 9.31. Neanche con una pompa a vuoto si ottiene una pres- Fig. 9.33. La pompa diminuisce la pressione (positiva) alla sua
sione negativa. entrata. L'acqua viene spinta verso l'alto attraverso il tubo, dal-
l'aria che la sovrasta.
levare lo stantuffo non facile come con un gas. Il
motivo ancora la pressione esterna dell'aria sullo
stantuffo e non una trazione all'interno. Se tiriamo
abbastanza forte da superare la pressione esterna, ri-
usciamo a muovere lo stantuffo. Osserviamo per
che il liquido non si dilata come fa l'aria in fig. 9.29.
Si forma invece una bolla, uno spazio dove non c'
acqua liquida. Non pu essere una bolla d'aria. Da
dove proverrebbe l'aria? In effetti questo spazio
quasi vuoto, ma un'analisi pi precisa rivela che non
lo del tutto: vi si trova una piccola quantit di vapo-
re acqueo, cio di acqua allo stato gassoso.
Torniamo alla nostra gazzosa. Aspirando si toglie
aria dalla cannuccia. In questo modo la pressione
dell'aria nella cannuccia diminuisce. Visto che l'aria Fig. 9.34. Per l'esercizio 2
all'esterno preme sulla gazzosa, questa risale nella
cannuccia. Quindi la gazzosa non tirata ma spinta Esercizi
verso l'alto.
1. Un bicchiere rovesciato viene spinto sott'acqua. Perch
Per una pompa aspirante, fig. 9.33, il discorso non si riempie d'acqua?
molto simile. Sembra che la pompa aspiri l'acqua
verso l'alto, ma in realt diminuisce solo la pressio- 2. Un bicchiere tenuto sott'acqua finch si riempito e poi
ne nel tubo per permettere alla pressione dell'aria di viene sollevato con l'apertura verso il basso, fig. 9.34. Perch
spingere in alto l'acqua. l'acqua resta nel bicchiere?
3. Qual la pressione dell'acqua nel punto A in fig. 9.35?
Qual la pressione nel punto B? Cosa succede se si apre il
rubinetto?

1m A

2m
vapore
acqueo

Fig. 9.32. Nel cilindro c' acqua. Sollevando lo stantuffo si Fig. 9.35. Per l'esercizio 3
forma una bolla di vapore acqueo.
112

2
S
1

Fig. 9.36. Trasporto di energia con un liquido che scorre. Fig. 9.37. Trasporto di energia in un tubo la cui sezione au-
menta.

9.9 Trasporto idraulico di energia L'intensit della corrente di energia diventa:

Ora siamo in grado di capire perch le macchine P=vAp


idrauliche sono cos pratiche. Questa formula molto comoda perch permette di
Cominciamo esaminando la trasmissione idraulica calcolare l'intensit della corrente di energia in ogni
pi semplice che si possa immaginare, fig. 9.36: un punto di un tubo di forma e diametro qualsiasi.
tubo con due stantuffi alle estremit e un liquido tra Esaminiamo un tubo pi complicato: un tubo la cui
gli stantuffi. Puoi immaginare che il liquido sia sezione aumenta da A1 a A2, fig. 9.37, e confron-
acqua. In realt di solito si usa un olio. Il vantaggio tiamo le intensit delle correnti di energia nei punti 1
dell'olio di gelare a temperature molto pi basse e 2. Nel punto 2 il liquido scorre pi lentamente che
dell'acqua. Inoltre lo stantuffo viene automatica- in 1, quindi v2 minore di v1. Non difficile
mente lubrificato. trovare la relazione tra v1 e v2.
Se spingiamo verso destra lo stantuffo a sinistra, Quando lo stantuffo a sinistra si muove di un tratto
contemporaneamente si muove anche l'altro stan- x1 , viene spostato verso destra un volume di li-
tuffo. Se lo stantuffo a destra si pu muovere libe- quido di
ramente trasmettiamo pochissima energia. Quella
poca energia che dobbiamo fornire a sinistra ne- V1 = A1 x1
cessaria per vincere l'attrito. Lo stantuffo a destra deve fare spazio all'acqua spo-
Se usiamo lo stantuffo a destra per azionare qual- stata da quello a sinistra, quindi
cosa, spingere lo stantuffo a sinistra pi difficile: V1 = V2
forniamo energia a sinistra e questa energia esce
nuovamente da destra. oppure
Vogliamo calcolare l'intensit P della corrente di A1 x1 = A2 x2 (1)
energia da sinistra verso destra, vogliamo cio Se lo stantuffo a sinistra viene mosso in modo re-
esprimerla con delle grandezze facilmente misura- golare e se per muoversi del tratto x1 impiega il
bili. Cerchiamo l'intensit della corrente di energia tempo t, la velocit v1 dello stantuffo a sinistra
che attraversa la sezione S: quanti Joule al secondo :
fluiscono attraverso questa superficie?
x 1
Per quanto riguarda il trasporto di energia, il liquido v1 = (2)
nel tubo l'equivalente di una sbarra e per una sbarra t
siamo in grado di dare l'intensit della corrente di e la velocit v2 dello stantuffo a destra:
energia:
x 2
P=vF v2 = (3)
t
dove v la velocit con cui si muove la sbarra e F
l'intensit della corrente di quantit di moto che la Dividiamo per t entrambi i termini dell'equazio-
attraversa. ne (1) e otteniamo
La stessa formula deve valere anche per i fluidi x 1 x2
A1 = A2
idraulici. In quel caso v la velocit con cui si t t
muove il liquido. L'intensit della corrente di quan-
tit di moto F pu essere espressa in funzione della che con le equazioni (2) e (3) diventa
pressione p e dell'area A della sezione: v1 A1 = v2 A2
F=Ap Moltiplichiamo entrambi i termini per la pressione
p del liquido, che la stessa a sinistra e a destra:
113

A2
A1

Fig. 9.38. Nello stantuffo a destra fluisce una corrente di Fig. 9.40. difficile sollevare a mano l'automobile.
quantit di moto pi forte che in quello a sinistra.
p v1 A1 = p v2 A2 (4) della ruspa la pressione di 150 bar = 15 MPa, la
sezione dei tubi 6 cm2 = 0,0006 m2 e la velocit
Prima avevamo trovato che l'intensit della corrente di scorrimento 0,5 m/s. Per l'intensit della corrente
di energia : di energia otteniamo
P=vAp (5) P = v A p = 0,5 m/s 0,0006 m2 15 MPa
Quindi, nell'equazione (4), a sinistra c' l'intensit = 4500 W.
della corrente di energia in 1 e a destra l'intensit
della corrente di energia in 2 e l'equazione dice che Quindi, con gli impianti idraulici possiamo traspor-
sono uguali: l'energia che immettiamo a sinistra tare energia comodamente. Questi impianti hanno
esce di nuovo a destra - un risultato che sicuramente per altri vantaggi. Vogliamo citarne uno.
non ti sorprender. L'intensit della corrente di quantit di moto nello
Di conseguenza l'intensit della corrente di energia stantuffo 1 in fig. 9.38
la stessa in ogni punto del tubo. Dove la sezione F1 = A1 p,
pi piccola la velocit della corrente pi elevata,
dove la sezione pi grande la velocit della corren- nello stantuffo 2
te pi piccola. Ma la corrente di energia ha la stessa
intensit dappertutto. F2 = A2 p.
L'equazione (5) ci dice anche cosa fare se vogliamo Dalle due equazioni segue
trasmettere molta energia (al secondo): pressione F1 A
elevata, tubo con una grande sezione e alta velocit. = 1
Tutte e tre le possibilit hanno comunque dei limiti. F2 A2
Se la pressione troppo alta il tubo scoppia. Un tubo Perci, premendo sullo stantuffo a sinistra si crea in
troppo grosso non pratico perch poco manegge- quello a destra una corrente di quantit di moto pi
vole e una velocit di scorrimento troppo elevata ha intensa di un fattore A2/A1. Possiamo sfruttare
lo svantaggio che le perdite di energia dovute all'at- questo effetto per esempio per sollevare dei grossi
trito diventano consistenti. pesi. Grazie all'idraulica, l'auto in fig. 9.39 pu
Quindi si cerca un compromesso che renda accetta- essere sollevata a mano. Ma non dimenticare: in
bili tutti gli svantaggi. questo modo non si risparmia energia. Il
sollevamento di un'auto s pi facile con l'idraulica
Esaminiamo un caso tipico: la trasmissione di ener- che fatto direttamente, fig. 9.40, ma in compenso
gia dalla pompa al braccio di una ruspa. Nei tubi prende pi tempo.

Esercizi
1. In un tubo dell'impianto idraulico di una ruspa c' una
pressione di 150 bar. La sezione del tubo di 5 cm2, la velocit
di scorrimento dell'olio 20 cm/s. Quanta energia viene traspor-
tata? Qual l'intensit della corrente di quantit di moto nel
tubo?
2. All'entrata di una turbina idraulica c' una pressione di 80
bar. Il diametro del tubo 1 m. La turbina riceve 12 MJ di
energia al secondo. A che velocit scorre l'acqua nel tubo?

Fig. 9.39. facile sollevare a mano l'automobile.


Entropia
10. Entropia e correnti di entropia

La seconda grande area della fisica di cui ci occupia- 10.1 Entropia e temperatura
mo la termologia. Gi dal nome possiamo intuire
di cosa si tratta: della descrizione di fenomeni che Come ogni volta che affrontiamo una nuova area
dipendono da quanto un oggetto sia caldo o freddo. della fisica, cominciamo conoscendo i nostri stru-
Cos come in meccanica abbiamo sempre fatto il bi- menti pi importanti: le grandezze fisiche con le
lancio della quantit di moto, in termologia avremo quali lavoreremo. In meccanica avevamo iniziato
costantemente a che fare con bilanci termici. con due grandezze per descrivere lo stato di moto di
un corpo: con la velocit e la quantit di moto. Ana-
Anche la termologia importante per capire feno- logamente, iniziamo termologia con due grandezze
meni naturali, apparecchiature tecniche e che descrivono lo stato termico di un corpo.
macchine.
Una di queste grandezze ti gi nota: la tempera-
La vita sulla Terra possibile solo grazie a un'enor- tura. Si abbrevia con la lettere greca (leggi:
me corrente di calore che viene dal Sole. Il clima e le teta) e si misura in C (leggi: gradi Celsius). La frase
condizioni meteorologiche sulla Terra sono deter- "la temperatura di 18 gradi Celsius", pu quindi
minati principalmente da processi termici. ("Termi- essere riassunta in:
ci" nel senso di "inerenti lo studio del calore".)
= 18 C.
Molte macchine funzionano sfruttando le leggi
della termologia: il motore di un'auto, la turbina a Anche la seconda grandezza di cui abbiamo biso-
vapore delle centrali elettriche, la pompa di calore gno dovrebbe esserti nota, ma con un nome diverso
del frigorifero. da quello usato in fisica. Si tratta di ci che viene
comunemente detto "quantit di calore" o sempli-
La perdita di calore di ogni casa e la fornitura di cemente "calore". Per mostrare la differenza tra
calore mediante impianto di riscaldamento, pos- quantit di calore e temperatura, facciamo un sem-
sono essere descritte quantitativamente grazie alla plice esperimento, fig. 10.1. In un bicchiere A c' 1 l
termologia. d'acqua a una temperatura di 80 C. Travasiamo me-
Da non dimenticare il ruolo importante ricoperto t dell'acqua in un recipiente vuoto B. Cosa succede
dal calore nel corso delle reazioni chimiche. alla temperatura e cosa alla quantit di calore? La
temperatura dell'acqua dopo il travaso la stessa in
La termologia si occupa quindi di fenomeni diversi entrambi i recipienti A e B ed anche la stessa che
della meccanica. Per questo motivo usa anche gran- nel recipiente A prima del travaso. La quantit di
dezze fisiche diverse. Ci non significa per che calore invece, si distribuita, con il travaso, nei re-
trattando di termologia si possa dimenticare com- cipienti A e B. Se all'inizio in A c'erano 10 unit di
pletamente la meccanica. Primo, perch alcune calore, alla fine ce ne sono 5 unit in A e 5 in B.
grandezze sono usate sia in meccanica che in termo-
logia: ad esempio l'energia e l'intensit della corren- La temperatura caratterizza quindi l'essere caldo
te di energia. Secondo, perch ci sono leggi, relazio- (oppure freddo) di un corpo, indipendentemente
ni e regole della meccanica, che hanno un loro corri-
spondente in termologia. Quindi, non dobbiamo A B
ricominciare da zero per capire la termologia.
A
B

A B

Fig. 10.1. Met dell'acqua del bicchiere A viene versata nel


bicchiere B.
118

70C 10C 10C 70C

Fig. 10.2. L'acqua nel bicchiere a sinistra contiene pi entro- Fig. 10.4. In questo caso non facile decidere in quale bic-
pia di quella nel bicchiere a destra. chiere ci sia pi entropia.
dalla sua grandezza. La quantit di calore, invece, Pi la massa di un corpo grande, pi entropia
qualcosa di contenuto nel corpo. contiene.
Per ci che viene comunemente chiamato quantit Quale dei bicchieri in fig. 10.4 contiene pi en-
di calore, in fisica si usa un termine tecnico: detta tropia, qualcosa che al momento non pu ancora
entropia, il simbolo per questa grandezza S e la essere stabilito.
sua unit di misura il Carnot, abbreviato Ct. Quindi,
se il contenuto di entropia di un corpo di 20 Carnot, Consideriamo nuovamente un esperimento come
possiamo scrivere: quello di fig. 10.1. Nel bicchiere A c' 1 l d'acqua
con una quantit di entropia di 4000 Ct. Travasiamo
S = 20 Ct. 1/4 dell'acqua, cio 250 ml, nel bicchiere vuoto B.
Quanta entropia c' in A dopo il travaso e quanta in
L'unit di misura prende il nome dal fisico Sadi B? Con il travaso l'entropia stata distribuita nelle
Carnot (1796 - 1832), il cui contribuito alla scoperta stesse proporzioni della quantit d'acqua. Quindi,
dell'entropia stato essenziale. 1000 Ct sono finiti nel bicchiere B, 3000 Ct sono
Quando studieremo le propriet della grandezza rimasti in A.
entropia, dovrai solo ricordarti che si tratta di ci Come possiamo immaginarci 1 Carnot? Si tratta di
che comunemente chiamiamo calore. molta o poca entropia? Sai che per fondere il ghiac-
Confrontiamo i due bicchieri d'acqua in fig. 10.2. In cio ci vuole "calore", vale a dire entropia. 1 Carnot
entrambi c' la stessa quantit d'acqua. L'acqua nel la quantit di entropia necessaria per fondere 0,893
bicchiere a sinistra calda, la sua temperatura di cm3 di ghiaccio. Quindi, come regola empirica:
70 C, l'acqua nel bicchiere a destra fresca, la sua 1 Carnot fonde circa 1 cm3 di ghiaccio.
temperatura di 10 C. Quale bicchiere contiene pi
entropia? (In quale bicchiere c' pi calore?) Natu-
ralmente quello a sinistra.
Esercizi
Pi la temperatura di un corpo alta, pi entro-
pia contiene. 1. In un locale A di 75 m3 di volume, l'aria ha una temperatura di
25 C. In un altro locale B di 60 m3 di volume, la temperatura
Confrontiamo ora i bicchieri d'acqua in fig. 10.3. dell'aria di 18 C. Quale locale contiene pi entropia?
Qui le temperature sono uguali, ma la massa d'acqua
non la stessa a sinistra e a destra. Quale bicchiere 2. Il caff in una caffettiera piena contiene una quantit di
contiene pi entropia? Ancora quello a sinistra. entropia di 3900 Ct. Il caff viene versato in tre tazze, la stessa
quantit in ogni tazza. La caffettiera resta mezza piena. Quanta
entropia c' nella caffettiera dopo aver versato? Quanta ce n' in
ogni tazza?

10.2 La differenza di temperatura


come spinta di una corrente di
entropia
Teniamo un recipiente A contenente acqua calda, in
20C 20C un recipiente B contenente acqua fredda, fig. 10.5.
Vogliamo osservare cosa succede e poi spiegare
l'osservazione.
FIg. 10.3. L'acqua nel bicchiere a sinistra contiene pi entro-
pia di quella nel bicchiere a destra.
119

Adesso facile capire perch negli esperimenti


A delle figg. 10.5 e 10.6 l'entropia alla fine smette di
B scorrere: appena le temperature diventano uguali,
scompare la spinta per la corrente di entropia.
La stato di uguaglianza delle temperature che si in-
staura alla fine, viene detto equilibrio termico.
Davanti a te c' una tazza di t. Il t ancora troppo
caldo per essere bevuto. Quindi, aspetti che si raf-
freddi. Cosa gli succede esattamente nel raffreddar-
15C si? Visto che all'inizio la temperatura del t pi alta
60C di quella dell'aria e di quella del tavolo, una corrente
di entropia fluisce dal t all'ambiente circostante. In
Fig. 10.5. Dal contenitore interno A al contenitore esterno B, questo modo, l'ambiente diventa pi caldo? A es-
fluisce entropia. sere molto precisi: s. Per l'entropia proveniente
dal t si distribuisce cos lontano e si diluisce cos
Prima l'osservazione: la temperatura dell'acqua in A tanto, che alla fine praticamente non la si nota.
scende, quella dell'acqua in B sale. Le temperature
si avvicinano l'una all'altra e alla fine si uguagliano. Tocchiamo diversi oggetti in giro per l'aula. Alcuni
La temperatura di B per, non supera quella di A. sono freddi al tatto: il metallo dei banchi, i pilastri in
cemento. Altri sembrerebbero meno freddi, p. es. il
E la spiegazione: da A a B scorre entropia fintanto- legno dei banchi. Altri ancora sono quasi piacevol-
ch le temperature sono diventate uguali. mente caldi: un guanto di lana o un pezzo di polisti-
Possiamo ripetere l'esperimento con altri recipienti, rolo. La temperatura di un oggetto di ferro, sembra
figg. 10.6a e b. Ogni volta le temperature assumono quindi essere inferiore a quella di un oggetto di
lo stesso valore. Nel caso della fig. 10.6a, la tempe- legno. Questa constatazione dovrebbe darti da pen-
ratura finale vicina alla temperatura iniziale di B, sare. Abbiamo appena detto: "l'entropia fluisce
in fig. 10.6b vicina alla temperatura iniziale di A. spontaneamente da punti a temperatura pi alta
Comune a tutte le situazioni, che alla fine si ha: verso punti a temperatura pi bassa." Di conseguen-
za, dalle parti in legno verso le parti in ferro del ban-
A = B. co, dovrebbe scorrere entropia in continuazione. In
Naturalmente si pu anche iniziare con il recipiente questo modo il ferro diventerebbe pi caldo e il le-
interno A a una temperatura pi bassa e il recipiente gno pi freddo, fino a quando...? Fino a quando le
esterno B a una temperatura pi alta. Anche in que- temperature sono uguali.
sto caso, le temperature si avvicinano l'una all'altra e Prima di speculare oltre, determiniamo la tempera-
infine assumono lo stesso valore. Concludiamo che: tura di vari oggetti presenti in aula, con un apparec-
L'entropia fluisce spontaneamente da punti a chio per misurare la temperatura, cos da non dover
temperatura pi alta verso punti a temperatura fare affidamento alle nostre sensazioni. Il risultato
pi bassa. sorprendente. Tutte le temperature sono uguali.
Ferro, legno e polistirolo hanno tutti la stessa tempe-
Sicuramente questa frase ti ricorda qualcosa. Se ratura, a condizione che gli oggetti siano rimasti nel
sfogli in avanti ne troverai due varianti. (E le rincon- locale abbastanza a lungo da aver uguagliato le loro
treremo pi avanti ancora.) Quindi, possiamo inter- temperature.
pretare una differenza di temperatura A - B, co-
me spinta per una corrente di entropia Solo in inverno gli oggetti posti pi in alto nel locale
sono a una temperatura un po' pi alta di quelli in
Una differenza di temperatura la spinta per basso. Questo perch il riscaldamento riscalda l'aria
una corrente di entropia. che poi sale. L'instaurarsi dell'equilibrio termico
viene costantemente disturbato dal riscaldamento.
D'estate, invece, di solito c' un buon equilibrio.
a b Possiamo trarre la prima conclusione: la nostra sen-
A sazione di "caldo" e "freddo" ci ha ingannati. In uno
A dei prossimi paragrafi scoprirai la causa di questo
B B inganno e il perch in effetti non un inganno.

Esercizi
1. (a) Quando si cucina, dalla piastra alla pentola fluisce en-
60C 15C tropia. Perch? (b) La pentola viene messa sul tavolo
60C 15C
appoggiata su un sottopentola. Perch c' entropia che fluisce
dalla pentola al sottopentola? (c) Una bottiglia di bevanda
Fig. 10.6. In entrambi i casi l'entropia scorre dal contenitore gassata viene tolta dal frigorifero e messa sul tavolo. Nel punto
interno a quello esterno. dove appoggiata la bottiglia, il tavolo si raffredda. Perch?
120

2. Un grande blocco A di metallo, ha una temperatura di 120


C, un piccolo blocco B dello stesso metallo, ha una
temperatura di 10 C. I blocchi vengono messi in contatto in
modo che dall'uno all'altro possa fluire entropia. Da quale a uscita per
quale fluir? La temperatura finale pi vicina a 120 C o a 10 l'entropia
C?
3. Davanti a te vedi un piccolo blocco di metallo caldo e uno
pi grande e pi freddo. (a) Puoi stabilire quale dei due contiene
pi entropia? (b) Poni in contatto i due blocchi. Cosa succede a
temperatura e entropia? (c) Alla fine, quale blocco contiene pi
entropia?
pompa di calore
Fig. 10.8. Retro di un frigorifero. Si vedono la pompa di calo-
re e la serpentina dalla quale l'entropia lascia dal frigorifero.
10.3 La pompa di calore
Il fatto che l'entropia scorra spontaneamente dagli riscaldare un oggetto significa fornirgli entropia.
oggetti a temperatura pi alta agli oggetti a tempera- Guardando la fig. 10.7, possiamo immaginare che
tura pi bassa, non significa che non possa in nessun una pompa di calore possa essere usata sia per raf-
caso fluire in direzione opposta, cio dal freddo al freddare che per riscaldare. Effettivamente, le pom-
caldo. Pu farlo - per appunto non "spontaneamen- pe di calore sono utili a entrambi gli scopi.
te". Perch lo faccia si deve "usare violenza": ci
vuole una pompa per l'entropia. Il nome adottato per Esaminiamo pi da vicino il frigorifero, fig. 10.8.
un apparecchio del genere pompa di calore. La pompa di calore posta in basso, nella parte
posteriore del frigorifero. Visto da dietro, si nota fa-
Oggigiorno, chiunque ha in casa una pompa di calo- cilmente anche l'uscita per l'entropia: una serpenti-
re: una parte del frigorifero e serve a convogliare na che copre gran parte della parte posteriore del fri-
l'entropia dall'interno all'esterno del frigorifero. gorifero. Per facilitare il passaggio dell'entropia
Prima di studiare pi a fondo il frigorifero, dobbia- nell'aria, tra i tubi c' una griglia metallica. Che l'en-
mo imparare alcune cose essenziali sulle pompe di tropia esca dal frigorifero in questo punto, si deduce
calore. dal fatto che la serpentina calda quando il frigori-
fero in funzione. L'entrata dell'entropia all'inter-
Come ogni altra pompa, anche una pompa di calore no del frigorifero: una serpentina inserita nella pare-
ha due allacciamenti per ci che dev'essere pompa- te del vano di surgelazione.
to: un'entrata e un'uscita. Una pompa idraulica ha
un'entrata e un'uscita per l'acqua, una pompa di Alcune case sono riscaldate con una pompa di ca-
quantit di moto ha un'entrata e un'uscita per la lore. In questo caso l'entropia viene presa dall'aria
quantit di moto. Analogamente, una pompa di ca- all'esterno, oppure, se c', da un ruscello o da un fiu-
lore ha un'entrata e un'uscita per l'entropia, fig. 10.7. me che scorre nei paraggi. Anche l'acqua di alcune
Sia l'entrata che l'uscita consistono in una serpenti- piscine riscaldata in questa maniera.
na, dentro la quale scorre un liquido o un gas. in
questo modo che l'entropia trasportata dentro e La pompa di calore utilizzata anche in un altro
fuori dalla pompa. apparecchio, il climatizzatore. Un climatizzatore
regola la temperatura e l'umidit dell'aria all'interno
Una pompa di calore trasporta entropia da punti di un edificio. A questo scopo, deve anche essere in
a temperatura bassa verso punti a temperatura grado di raffreddare l'aria nell'edificio e lo fa con
alta. una pompa di calore. La fig. 10.9 mostra climatizza-
tore semplice, capace solo di raffreddare l'aria
Raffreddare un oggetto significa sottrargli entropia; all'interno del locale.

esterno interno

entrata per uscita per


l'entropia l'entropia pompa
di calore

Fig. 10.7. La pompa di calore ha un'entrata e un'uscita per Fig. 10.9. Climatizzatore semplice. I due ventilatori servono
l'entropia. a migliorare lo scambio di calore con l'aria.
121

Esercizi Malgrado gli sforzi e l'uso di ogni mezzo a disposi-


zione, non si riesce a scendere oltre.
1. Esamina il frigofero di casa tua. Cerca la pompa di calore,
l'entrata e l'uscita per l'entropia. Tieni premuta una mano sulla La spiegazione semplice:
serpentina dell'uscita per l'entropia.
1) A quella temperature il nostro mattone non con-
2. Cosa succede all'entropia se lasciamo aperta a lungo la tiene pi entropia.
porta del frigorifero?
2) L'entropia non pu assumere valori negativi.
La temperatura pi bassa che un oggetto pu
avere, -273,15 C. A questa temperatura non
10.4 La temperatura assoluta contiene pi entropia.
Quanta entropia possiamo estrarre da un oggetto? Quando = -273,15 C, S = 0 Ct.
Quanta entropia contiene?
Dopo aver scoperto che esiste una temperatura mi-
Innanzitutto dobbiamo renderci conto che si tratta nima, sembr ragionevole introdurre una nuova
di due domande diverse. scala di temperatura. Questa nuova scala della tem-
Se c' solo entropia positiva, allora da un oggetto peratura assoluta solamente sfasata rispetto alla
non possiamo estrarre pi entropia di quanta ne scala Celsius, in modo che il suo zero corrisponda a
contenga. Esattamente come da un recipiente non -273,15 C. Il simbolo per la temperatura assoluta
possiamo pompare pi aria di quanta ne contiene. T, l'unit di misura il Kelvin, abbreviato K. La
fig. 10.10 mostra la relazione tra le due scale. Tieni
Sarebbe diverso se ci fosse anche l'entropia negati- presente che una differenza di temperatura di 1 C
va. In quel caso potremmo estrarre entropia da un equivalente a una differenza di temperatura di 1 K.
oggetto anche se il suo contenuto di entropia fosse di
zero Carnot: se p. es. togliessimo 5 Carnot, il conte- Sulla scala Celsius la temperatura di ebollizione
nuto di entropia diventerebbe appunto di meno 5 dell'acqua :
Carnot. Che una cosa del genere sia possibile, lo
sappiamo dalla quantit di moto: anche da un corpo
fermo, cio un corpo con la quantit di moto zero scala scala
Huygens, si pu estrarre quantit di moto; la sua assoluta Celsius
quantit di moto diventa negativa.
Sosituiamo quindi le due domande poste all'inizio
con un'altra domanda: c' entropia negativa? (Nel
qual caso, forse, potremmo dire che l'entropia nega-
tiva ci che comunemente viene detto "freddo" o 400 K
"quantit di freddo"). 100 C
In linea di massima facile dare una risposta a que-
sta domanda. Tutto ci di cui abbiamo bisogno di
un'ottima pompa di calore. Prendiamo un oggetto
qualsiasi, per esempio un mattone, ed estraiamo en-
tropia fin quando possibile. Cominciamo provan- 300 K
do con il frigorifero: la temperatura del mattone
scender forse fino a -5 C. Non scende oltre perch 273,15 K 0 C
la pompa di calore del frigorifero non riesce a fare
meglio. Possiamo togliere pi entropia al mattone,
se lo mettiamo nel congelatore: la temperatura scen-
de fino a circa -18 C. Ci sono anche pompe di calore 200 K
migliori (e naturalmente pi costose) che permetto-
no di raggiungere temperature pi basse. Queste
pompe di calore sono dette macchine del freddo.
Esistono macchine del freddo che potrebbero raf-
freddare il nostro mattone fino a -200 C. A questa
temperatura l'aria gi liquida. Infatti, macchine di
questo tipo sono utilizzate anche per la liquefazione 100 K
dell'aria. E ci sono macchine del freddo con cui si
pu estrarre ancora pi entropia dal nostro mattone.
Lo si capisce dal fatto che la temperatura scende
ulteriormente. Cos si raggiungono i -250 C, poi i
-260 C, e con dispendio ancora maggiore i -270 C, Fig. 10.10 Scala Celsius
-271 C, -272 C, -273 C. A -273,15 C smette. e scala della temperatura
assoluta 0K -273,15 C
122

400
T (K) e n t ro p i a
300

200

100
S (Ct)
0
0 20 40 60

Fig. 10.11. Temperatura in funzione del contenuto di entro- Fig. 10.12. Nella fiamma viene prodotta entropia
pia, per 100 g di rame.

= 100 C 10.5 Produzione di entropia


e sulla scala assoluta Per riscaldare un locale si pu usare una pompa di
T = 373,15 K. calore: prendiamo entropia dall'esterno e la traspor-
tiamo nella casa. In realt per, la maggior parte
Lo zero della scala della temperatura assoluta a degli impianti di riscaldamento funziona in altro
-273,15 C. L'unit di misura della temperatura modo: bruciando un combustibile: olio combu-
assoluta il Kelvin. stibile, carbone, legna o un gas combustibile. La
La fig. 10.11 mostra la relazione tra contenuto di combustione una reazione chimica che trasforma
entropia e temperatura per un pezzo di rame di 100 combustibile e ossigeno, in altre sostanze, solita-
g. mente anidride carbonica e acqua (in forma gas-
sosa). Ma da dove viene l'entropia ceduta dalle
fiamme durante la combustione? Non era contenuta
Esercizi n nel combustibile, n nell'ossigeno, in quanto en-
trambe le sostanze prima erano fredde. Evidente-
1. Trasforma le seguenti temperature Celsius in temperature mente appare durante la combustione. Nella fiam-
assolute: ma viene prodotta entropia, fig. 10.13.
0 C (temperatura di fusione dell'acqua)
Un altro tipo di riscaldamento il riscaldamento
25 C (temperatura normale)
elettrico. Attraverso un filo sottile viene spedita una
100 C (temperatura di ebollizione dell'acqua)
corrente elettrica intensa. Il filo si riscalda. Nel
-183 C (temperatura di ebollizione dell'ossigeno)
filo viene prodotta entropia, fig. 10.13.
-195,8 C (temperatura di ebollizione dell'azoto)
-268,9 C (temperatura di ebollizione dell'elio) Molte apparecchiature elettriche funzionano secon-
-273,15 C (zero assoluto) do questo principio: la piastra di cottura, il ferro da
2. Trasforma le seguenti temperature assolute in temperature stiro, il riscaldatore a immersione, il radiatore ad
accumulazione, il riscaldamento dell'asciugacapel-
Celsius:
li, la lampada a incandescenza.
13,95 K (temperatura di fusione dell'idrogeno)
20,35 K (temperatura di ebollizione dell'idrogeno)
54,35 K (temperatura di fusione dell'ossigeno)
63,15 K (temperatura di fusione dell'azoto)
entropia
3. Quanta entropia contenuta in 1 kg di rame a una temperatura
di 20 C? Per rispondere alla domanda, utilizza la fig. 10.11.

Fig. 10.13. Il filo attraversato da una corrente elettrica. In


questo modo viene prodotta entropia.
123

Conosci gi un terzo modo di produrre entropia: con Approfittiamo dell'occasione per ricordare altre due
l'attrito meccanico. Se ti lasci scivolare troppo velo- grandezze: l'energia e la quantit di moto. Entrambe
cemente da una pertica, puoi renderti conto in modo non possono essere n prodotte n annientate, come
spiacevole della formazione di entropia. Lo si nota peraltro avevamo sempre dato per scontato. Se in un
anche trapanando con un trapano spuntato o segan- punto qualsiasi la quantit di energia aumenta, deve
do con una sega non affilata. Nella superficie di diminuire da qualche altra parte, se in un punto
contatto tra gli oggetti che si sfregano, viene pro- qualsiasi diminuisce, da qualche parte deve aumen-
dotta entropia. tare. Lo stesso vale per la quantit di moto.
In tutti questi processi, l'entropia veramente pro- L'energia non pu essere n prodotta, n annien-
dotta dal nulla, non viene presa da una qualche altra tata.
parte.
La quantit di moto non pu essere n prodotta,
L'entropia pu essere prodotta n annientata.
- in una reazione chimica (p. es. combustione); La possibilit di produrre entropia pone delle que-
stioni interessanti e ha delle conseguenze curiose.
- in un filo attraversato da una corrente elet-
trica; Ecco il primo problema. L'entropia pu essere pro-
dotta, e viene effettivamente prodotta, in innumere-
- con attrito meccanico. voli processi che si svolgono sulla Terra. Le combu-
Tra l'altro, tutti questi processi possono essere inter- stioni sono una sorgente di entropia particolarmente
pretati come una forma di attrito. Ogniqualvolta redditizia. Tieni presente che la combustione non
qualcosa fluisce attraverso un collegamento o in un avviene solo nei forni, nelle caldaie e nei motori
conduttore che oppone una resistenza al passaggio delle auto, ma in misura preponderante avviene in
della corrente, si manifesta un "attrito". Nel caso natura: in tutti gli esseri viventi, dai microbi ai mam-
dell'attrito meccanico la quantit di moto che miferi, avvengono in continuazione dei processi di
fluisce da un corpo a un altro attraverso un collega- ossidazione, cio delle combustioni, che producono
mento che conduce male la quantit di moto. Negli entropia. In queste condizioni, la quantit di entro-
apparecchi elettrici che servono a riscaldare, un filo pia della Terra non dovrebbe diventare sempre pi
che le oppone resistenza attraversato da una cor- grande? La Terra non dovrebbe diventare sempre
rente elettrica. E anche in una reazione chimica si pi calda? In realt la temperatura della Terra, a
deve vincere una specie di attrito, la cosiddetta resi- parte piccole oscillazioni, rimasta invariata per
stenza di reazione. milioni di anni. La spiegazione: non sufficiente
prendere in considerazione solo la Terra. Innanzi-
Abbiamo discusso il problema di come procurarci tutto la Terra riceve incessantemente entropia dal
l'entropia necessaria per riscaldare un locale o un Sole con la luce. (Anche in questo caso l'entropia
oggetto. Occupiamoci ora del problema inverso: scorre dalla temperatura alta verso quella bassa: la
dobbiamo raffreddare un oggetto. Conosciamo gi temperatura sulla superficie del Sole di circa 6000
un metodo per farlo: possiamo estrarre entropia dal- K, sulla superficie della Terra circa 300 K.) Inoltre
l'oggetto con una pompa di calore. la Terra cede incessantemente entropia allo spazio.
Un secondo metodo funziona solo a condizione che (Di nuovo l'entropia scorre dalla temperatura alta
l'oggetto sia pi caldo dell'ambiente circostante verso quella bassa: l'universo ha una temperatura di
(che la sua temperatura sia pi alta). Cosa facciamo circa 3 K.) Anche l'entropia ceduta dalla Terra
quando il t scotta? Aspettiamo. L'entropia deflui- portata dalla luce, ma da luce infrarossa non visibi-
sce spontaneamente nell'ambiente circostante. le. Questa luce infrarossa porta via esattamente l'en-
tropia necessaria perch la temperatura della Terra
In entrambi i casi, con e senza pompa di calore, l'en- rimanga pressocch costante. Resta la questione di
tropia che scompare dall'oggetto da raffreddare ri- sapere cosa succede all'universo se la sua entropia
appare da qualche altra parte. Non si potrebbe far aumenta costantemente. Fino ad oggi questa do-
sparire definitivamente questa entropia? Non si manda non ha ancora risposta. comunque solo un
potrebbe farla sparire senza che riappaia in un altro piccolo problema se confrontato con le grandi que-
posto? Non la si potrebbe annientare? Dopotutto stioni sulla struttura e l'evoluzione del cosmo.
abbiamo appena visto che la si pu produrre dal
nulla. Il fatto che si possa produrre ma non annientare en-
tropia, ha un'altra conseguenza singolare. Qualcuno
Molti inventori e molti scienziati ci hanno provato - proietta un film (senza sonoro), senza per dirti se
senza successo. Oggigiorno si fermamente con- viene proiettato in avanti o indietro. Puoi capire in
vinti che l'entropia non si possa annientare. che direzione proiettato il film? Il "film" in fig.
L'entropia pu essere prodotta ma non annien- 10.14, se proiettato normalmente, mostra una can-
tata. dela che brucia. Proiettato al contrario mostra qual-
cosa che non esiste nella realt: una candela che
124

Fig. 10.14. Una candela che brucia un processo irreversibile.

Fig. 10.15. Le immagini sono messe nella giusta sequenza?

Fig. 10.16. Una palla passa davanti a una finestra. Il processo reversibile.

diventa pi grande. Il film, quindi, mostra un pro- 10.6 L'intensit della corrente di
cesso irreversibile. Perch il processo irreversi-
bile? Perch viene prodotta entropia. Un'inversione entropia
significherebbe che viene annientata entropia - e L'estremit sinistra della sbarra metallica in fig.
questo non pu succedere. 10.17 viene riscaldata, quella destra raffreddata. In
Un altro processo irreversibile mostrato in fig. altre parole: a sinistra viene fornita entropia alla
10.15: una persona scivola gi da una pertica. sbarra, a destra le viene tolta entropia. Nella sbarra,
Anche questo processo irreversibile perch viene l'entropia scorre da sinistra a destra, dalla tempera-
prodotta entropia. tura alta a quella bassa. Diciamo che fluisce un cor-
rente di entropia. Il numero di Carnot che scorrono
Ci sono per processi che possono svolgersi in en- attraverso la sbarra ogni secondo, ci d l'intensit
trambi i sensi: tutti quei processi dove non viene della corrente di entropia:
prodotta entropia. La fig. 10.16 mostra una palla
lanciata davanti a una finestra. La palla veramente
andata da sinistra a destra come mostrato dal film? Intensit della corrente = entropia
Oppure andata nell'altra direzione e il film di entropia intervallo di tempo
proiettato al contrario?
Per l'intensit della corrente di entropia utilizziamo
I processi nei quali viene prodotta entropia sono il simbolo IS . Cos possiamo scrivere:
irreversibili.

Esercizi
1. Una lampada allacciata a una batteria. La lampada
accesa e la batteria lentamente si svuota. Descrivi il processo
inverso. (Supponi che sia possibile annientare entropia.)
2. Descrivi nei particolari quali processi si manifesterebbero
se il processo "automobile in corsa" si svolgesse al contrario e
se non fosse vietato annientare entropia.
3. Un ciclista frena. Descrivi nei particolari cosa succederebbe
se il processo si svolgesse al contrario. (Supponi che l'entropia
si possa annientare.)

Fig. 10.17. Nelle sbarra fluisce una corrente di entropia


dall'estremit calda a quella fredda.
125

A B A a B
80C 20C 80C 20C

A B A b B
30C 20C 80C 20C

Fig. 10.18. Nel dispositivo in alto, la differenza di temperatu- Fig. 10.20. Attraverso il conduttore pi spesso, fluisce una
ra tra i corpi A e B maggiore. corrente di entropia pi intensa.

S ratura, cio 60 K. La sezione del conduttore b per


IS =
t doppia di quella del conduttore a. Ora, in ogni met
del conduttore b (quella superiore e quella inferiore)
L'unit di misura dell'intensit della corrente di en- scorre tanta entropia quanta ne scorre nel condut-
tropia, il Carnot al secondo, abbreviato Ct/s. tore a, complessivamente, quindi, ne scorre il dop-
Da cosa dipende l'intensit della corrente di entro- pio che nel conduttore a.
pia tra i punti A e B? Diamo un'occhiata alla fig. La fig. 10.21 mostra altri due conduttori a e b, con b
10.18. Nell'esempio in alto, la differenza di tempe- lungo il doppio di a. Confrontiamo una delle due
ratura tra i corpi A e B maggiore di quella in basso. met di b, p. es. la met sinistra, con il conduttore a.
Per il resto, sopra e sotto tutto uguale. Visto che Sono fatti allo stesso modo, ma ai capi di a c' una
nell'esempio in alto la spinta per la corrente di entro- differenza di temperatura maggiore che ai capi della
pia pi grande, anche l'intensit della corrente met di b. Di conseguenza, attraverso questo pezzo
maggiore. di b scorre una corrente di entropia pi debole che
Pi la differenza di temperatura tra due punti attraverso a. Quindi anche attraverso l'altro pezzo di
grande (pi la spinta grande), pi sar intensa b scorre una corrente di entropia pi debole.
la corrente di entropia che fluisce da un punto Infine, la fig. 10.22 mostra due conduttori della stes-
all'altro. sa lunghezza, della stessa sezione e con la stessa
differenza di temperatura tra le estremit. Malgrado
ci la corrente che scorre in b ha un'intensit minore
di quella che scorre in a, perch b di legno ,mentre
10.7 La resistenza termica a di rame.
La corrente di entropia pu avere intensit diverse Ogni conduttore oppone resistenza a una cor-
anche con la stessa differenza di temperatura. Infat- rente di entropia che lo attraversa. La resistenza
ti, non dipende solo dalla differenza di temperatura, maggiore tanto pi lungo il conduttore e tanto
ma anche dal tipo di collegamento, dalla resistenza pi piccola la sua sezione. Inoltre, dipende dal
termica del collegamento, fig. 10.19. Ma da cosa materiale del conduttore.
dipende la resistenza termica del collegamento?
In fig. 10.23 sono riassunte le dipendenze dell'inten-
La fig. 10.20 mostra due conduttori di entropia a e b, sit della corrente di entropia e della resistenza ter-
le cui estremit hanno la stessa differenza di tempe- mica.

A B
80C 20C A a B
80C 20C
ferro

vetro A b B
A B 80C 20C
80C 20C

Fig. 10.19. Collegamenti con diverse resistenze termiche. Fig. 10.21. Attraverso un conduttore pi corto, fluisce una
corrente di entropia pi intensa.
126

A a B
r a m e
80C 20C

A b B
l e g n o
80C 20C

Fig. 10.22. Attraverso il conduttore di rame, fluisce una cor- Fig. 10.24. A dipendenza della resistenza termica della sbar-
rente di entropia pi intensa che attraverso quello di legno. retta, l'estremit destra si riscalda pi o meno rapidamente.

Esaminiamo alcuni materiali per scoprire se hanno Se tocchiamo un pezzo di legno o di metallo, en-
una resistenza termica bassa o alta, se sono dei trambi alla temperatura di 10 C, con il nostro dito a
buoni o dei cattivi conduttori termici. Prendiamo tra 25 C, inizialmente scorre entropia dal dito all'og-
le dita un'estremit di una piccola sbarra rigida fatta getto, fig. 10.25. Il legno, nel punto di contatto si ri-
di un determinato materiale e teniamo l'altra scalda velocemente, assume la temperatura del dito,
estremit in una fiamma, fig. 10.24. A dipendenza visto che l'entropia non scorre oltre. Nel metallo in-
della resistenza termica del materiale, le nostre dita vece l'entropia scorre via dal punto di contatto verso
sentiranno pi o meno in fretta che la sbarra diventa l'interno dell'oggetto e il punto di contatto si riscalda
calda. solo di poco.
Constatiamo che legno, vetro e plastica, hanno una Toccando un oggetto che conduce male l'entropia,
resistenza termica particolarmente alta. I metalli, non sentiamo quindi la temperatura dell'oggetto
per contro, hanno una piccola resistenza termica, prima che lo toccassimo, ma la temperatura che
sono dei buoni conduttori termici. L'aria e altri gas l'oggetto assume in seguito al contatto.
hanno una resistenza termica molto elevata. Questo
spiega l'ampio uso di materiali che contengono mol-
ta aria nell'isolazione termica degli edifici: mattoni Esercizi
forati, blocchi di calcestruzzo poroso, materie pla-
stiche espanse e fibre isolanti. Ma anche un maglio- 1. Come si deve costruire una casa affinch le perdite di
ne di lana tiene cos caldo perch contiene molte calore (perdite di entropia) siano minime?
cavit (piene d'aria). 2. L'entropia contenuta nell'acqua del calorifero di un impianto
Adesso possiamo spiegare come mai un oggetto di riscaldamento centrale deve raggiungere l'esterno il pi facil-
metallico pi freddo al tatto di uno di legno. mente possibile. In che modo viene facilitata? Cita altri oggetti
nei quali si cerca di avere una buona conducibilt termica.
Innanzitutto dobbiamo constatare che l'affermazio-
ne valida solo per le basse temperature. Immergia-
mo in acqua bollente un pezzo di legno e un pezzo di
metallo per portarli a una temperatura di 100 C.
Togliamo gli oggetti dall'acqua e li tocchiamo con
un dito. Questa volta l'oggetto metallico sembra pi
caldo di quello in legno. Come si pu spiegare?

intensit della corrente di entropia


dipende da 25C 25C
10C
10C 25C 10C
differenza di resistenza termica
temperatura dipende da

sezione lunghezza materiale

Fig. 10.23. Relazione tra intensit della corrente, differenza Fig. 10.25. Prima del contatto gli oggetti hanno la stessa tem-
di temperatura e caratteristiche del conduttore. peratura, dopo non pi.
127

10.8 Trasporto di entropia per


convezione
Una differenza di temperatura la spinta per una corrente d'aria con
corrente di entropia. Se vogliamo portare entropia finestra molta entropia
da A a B, basta fare in modo che A abbia una tempe-
ratura pi alta di B. Un trasporto di entropia del ge-
calorifero
nere detto conduzione termica. In un certo senso,
il modo normale per portare entropia da A a B. corrente d'aria con
poca entropia
Se osserviamo con attenzione l'ambiente, ci possia-
mo rendere conto che la maggior parte dei trasporti
di entropia, in particolare quelli su lunghe distanze,
non avvengono affatto in questo modo. C' un altro Fig. 10.27. L'entropia viene distribuita nel locale per conve-
metodo per trasmettere entropia, il trasporto con- zione.
vettivo di entropia, o convezione.
Riscaldiamo un liquido o un gas e poi trasportiamo Trasporto convettivo di entropia: un liquido o
questo liquido, rispettivamente gas, da A a B - per un gas che scorre, porta con s entropia. Per un
esempio con l'aiuto di una pompa. La sostanza si trasporto convettivo di entropia non necessaria
porta dietro anche la sua entropia. Non c' bisogno una differenza di temperatura.
di una differenza di temperatura come spinta; in La natura e la tecnica forniscono molti esempi di tra-
compenso ci vuole una spinta per la corrente del sporto convettivo di entropia.
liquido rispettivamente del gas.
In una camera riscaldata, l'entropia deve distribuirsi
Il riscaldamento centrale un esempio di trasporto in tutto il locale dal calorifero o dalla stufa. Come
convettivo di entropia, fig. 10.26. Nella caldaia, pu farlo, considerando che l'aria un cattivo con-
solitamente in cantina, l'acqua viene riscaldata, per duttore termico? Viene trasportata convettivamente
esempio bruciando olio combustibile. L'acqua con l'aria. In questo caso, tra l'altro, l'aria si muove
calda poi pompata attraverso le tubazioni fino ai senza pompa. Sopra il calorifero o la stufa, l'aria
caloriferi nei diversi locali della casa. Nei caloriferi calda sale in quanto ha una densit minore dell'aria
rilascia una parte della sua entropia e poi ritorna alla fredda, fig. 10.27.
caldaia attraverso le tubazioni.
Ogni motore d'automobile deve essere raffreddato,
I trasporti convettivi di entropia sono pi facili da gli deve essere tolta entropia, fig. 10.28. La maggior
realizzare rispetto a quelli normali, cio quelli spinti parte dei motori raffreddata a acqua: come nel
da una differenza di temperatura. Il motivo: non ci riscaldamento centrale, l'entropia trasportata con
sono dei conduttori termici veramente buoni. l'acqua dal motore al radiatore. La pompa dell'im-
Anche un conduttore termico relativamente buono pianto di raffreddamento mantiene l'acqua in circo-
come il rame, nei fatti si rivela un pessimo lazione. Nel radiatore l'entropia ceduta all'aria che
conduttore termico. Sarebbe ad esempio vi soffia attraverso.
impossibile trasportare l'entropia dalla sala caldaia
del riscaldamento centrale ai singoli locali di una Anche tutti i grandi trasporti di entropia che av-
casa, utilizzando delle sbarre di rame. Per contro, vengono in natura e che determinano le condizioni
non per niente difficile trasportare acqua o aria, meteorologiche, sono trasporti convettivi. Nell'at-
assieme alla loro entropia, anche su lunghe mosfera, l'entropia trasportata su grandi distanze
distanze. assieme al vento, quindi all'aria in movimento.

tubo dell'acqua di
ventilatore raffreddamento

calorifero

aria

pompa
caldaia motore
radiatore trasmissione
pompa

Fig. 10.26. Riscaldamento centrale. L'entropia giunge con- Fig. 10.28. Impianto di raffreddamento di un motore d'auto-
vettivamente dalla caldaia ai caloriferi. mobile. L'entropia va per convezione dal motore al radiatore.
128

vettivo. Attraversa la parete in modo normale, cio


spinta da una differenza di temperatura. Poi scorre
convettivamente con l'acqua fino ai caloriferi. At-
traversa le pareti del calorifero in modo normale e,
dalla superficie esterna del calorifero, giunge infine
convettivamente, assieme all'aria, in tutti i punti del
locale. Possiamo notare che nel lungo tragitto dalla
fiamma nella caldaia al locale da riscaldare, solo
piccoli tratti di pochi millimetri vengono superati
con la normale conduzione termica.
Tutti i trasporti di entropia su lunghe distanze
sono convettivi.
Fig. 10.29. La corrente del Golfo. L'entropia viene trasporta-
ta dai Caraibi all'Europa con le correnti marine.
Esercizi
La corrente del Golfo un altro esempio interessan-
te di trasporto convettivo di entropia. Porta entropia 1. Descrivi in quali modi una casa perde calore. Quali perdite
dai Caraibi all'Europa, fig. 10.29. La conseguenza sono dovute a conduzione e quali a convezione?
che il clima europeo pi mite di quanto ci si 2. Descrivi il percorso dell'entropia dall'interno del motore di
aspetterebbe sulla base della sua latitudine. un'auto fino all'aria circostante. In quali tratti del percorso l'en-
Confrontiamo ancora una volta il trasporto di entro- tropia fluisce a causa di una differenza di temperatura e in quali
pia attraverso un conduttore termico e mediante tra- tratti convettivamente?
sporto convettivo, seguendo il percorso dell'entro- 3. Come funziona il riscaldamento di un'automobile? Descrivi
pia in una casa con riscaldamento centrale. L'entro- il percorso dell'entropia.
pia prodotta dalle fiamme nella caldaia, raggiunge
la parete esterna del serbatoio d'acqua in modo con-
11. Entropia e energia

11.1 L'entropia come portatore di


energia
Vogliamo stilare i bilanci per un riscaldamento elet-
trico. Parlando di riscaldamento elettrico intendia- ENERGIA riscaldamento ENERGIA
elettrico
mo semplicemente un filo che diventa caldo perch
attraversato da elettricit. Come gi sai, ci sono
molte applicazioni di un riscaldamento di questo elettricit entropia
tipo: piastra di cottura, ferro da stiro, lampada a in-
candescenza...
Da un lato sappiamo che nel riscaldamento viene
prodotta entropia. Mentre in funzione, il riscalda-
mento cede entropia. D'altro canto sappiamo che un Fig. 11.2. Diagramma di flusso completo per un riscalda-
riscaldamento "consuma" energia, cio che dal mento elettrico
cavo di alimentazione affluisce energia al riscalda-
mento. Il portatore dell'energia che affluisce, l'e- tropia. Il nostro riscaldamento rappresentato sche-
lettricit. maticamente in fig. 11.1.
Ma questa energia che entra incessantemente nel- Il diagramma di flusso incompleto in un punto. Il
l'apparecchio assieme all'elettricit, da qualche par- portatore dell'energia in afflusso, l'elettricit, deve
te deve uscire di nuovo. E anche qui, come facciamo uscire di nuovo dall'apparecchio, visto che l'elettri-
spesso, ci chiediamo: qual il portatore di questa cit non pu essere n prodotta n annientata. In fig.
energia? 11.2 l'elettricit oltre a un'entrata ha anche un'uscita.
La risposta ovvia: dal riscaldamento, con l'energia Nota che elettricit e energia hanno sia un'entrata
esce anche entropia e questa entropia il portatore che un'uscita, mentre l'entropia ha solo un'uscita.
cercato. Possiamo generalizzare questa constata- Possiamo formularlo in questo modo: nel riscalda-
zione: sempre quando in un punto scorre una cor- mento elettrico l'energia trasferita su entropia
rente di entropia, scorre anche una corrente di appena prodotta.
energia. I risultati di questi ragionamenti possono essere
L'entropia un portatore di energia. applicati anche ad altri processi dove viene prodotta
entropia. La fig. 11.3 mostra il diagramma di flusso
Il riscaldamento elettrico fa parte di quegli apparec- di una stufa a olio. L'energia affluisce alla stufa con
chi che abbiamo chiamato trasferitori di energia. il portatore "olio combustibile + ossigeno". Mentre
L'energia entra nell'apparecchio con il portatore scaricano energia, l'olio combustibile e l'ossigeno si
elettricit. Nell'apparecchio viene prodotta entropia trasformano in gas di scarico (vapore acqueo e ani-
e l'energia lascia l'apparecchio con l'entropia pro- dride carbonica). La combustione produce entropia
dotta. Viene quindi trasferita dall'elettricit all'en- e l'energia lascia la stufa con questa entropia.

ENERGIA riscaldamento ENERGIA


elettrico ENERGIA stufa ENERGIA
a olio
olio combustibile
elettricit entropia + ossigeno entropia

gas di scarico

Fig. 11.1. Diagramma di flusso per un riscaldamento elettrico Fig. 11.3. Diagramma di flusso di una stufo a olio
130

La fig. 11.5 mostra il diagramma di flusso per que-


sto trasferitore di energia. Questa volta, per ogni
corrente che defluisce ce n' una della stessa inten-
sit che affluisce , anche per la corrente di entropia.
L'energia giunge ancora all'apparecchio con il por-
tatore elettricit. L'elettricit lascia la pompa di
calore dopo aver scaricato la sua energia. Dall'altra
parte, l'entropia affluisce alla pompa di calore e
viene caricata con l'energia portata dall'elettricit.
Questa energia lascia la pompa di calore con l'entro-
pia che defluisce.
Analizziamo pi da vicino la parte destra del dia-
Fig. 11.4. Per l'esercizio 1. L'entropia viene prodotta alla
gramma. La freccia dell'energia di destra rappresen-
superficie di contatto.
ta solo l'energia portata dall'elettricit. Si potrebbe
rappresentare la parte destra del diagramma con pi
Esercizi precisione, come in fig. 11.6. Anche l'entropia che
affluisce alla pompa di calore porta energia. L'en-
1. Disegna il diagramma di flusso per il processo d'attrito
tropia che defluisce porta per pi entropia di quella
descritto in fig. 11.1. Suggerimento: il "trasferitore di energia"
che affluisce, in quanto viene aggiunta quella porta-
la faccia inferiore della cassa.
ta dall'elettricit. La fig. 11.5 rappresenta quindi
2. Una torre di cubetti di legno crolla. In quale fase del solo la "corrente netta di energia".
processo prodotta entropia? Da dove viene l'energia
In fig. 11.6 possiamo notare come due correnti di
necessaria?
entropia della stessa intensit, possano portare
quantit diverse di energia. Quella che affluisce
porta poca energia, quella che defluisce molta. Di.
11.2 La relazione tra corrente di conseguenza, l'intensit della corrente di energia
non dipende solo dall'intensit della corrente di
energia e corrente di entropia entropia.
Ogni corrente di entropia accompagnata da una Cos'ha di diverso l'entrata per l'entropia dall'uscita
corrente di energia. Che relazione c' tra le intensit per l'entropia? La temperatura. L'intensit della cor-
di queste correnti? Una risposta parziale a questa rente di energia deve dipendere anche dalla tempe-
domanda facile da dare: una forte corrente di en- ratura del conduttore attraverso il quale scorre l'en-
tropia sar associata a una forte corrente di energia. tropia. Possiamo anche dire: la costante di propor-
Possiamo anche essere un po' pi precisi: due cor- zionalit che trasforma la relazione (1) in un'equa-
renti di entropia della stessa intensit, portano il zione, dipende dalla temperatura.
doppio di energia di una corrente sola. Espresso ma-
tematicamente: In effetti la costante di porporzionalit semplice-
mente la temperatura assoluta:
P ~ IS (1)
P = T IS (2)
Naturalmente questa non la relazione completa tra
P e IS . Per trovare la parte mancante esaminiamo Un caso? Per niente. La scala di temperatura che
ancora dei bilanci, ma questa volta per un apparec- tutti usiamo e con cui abbiamo gi avuto a che fare
chio diverso dal riscaldamento elettrico. Per il no- cos spesso proprio definita dall'equazione (2).
stro scopo pi adatta un pompa di calore elettrica. Una corrente di entropia di intensit IS, porta
una corrente di energia di intensit T IS.

ENERGIA
ENERGIA
pompa di
ENERGIA pompa ENERGIA elettricit calore
di calore entropia
entropia
ENERGIA

elettricit

Fig. 11.5. Diagramma di flusso di una pompa di calore. Fig. 11.6. Pompa di calore. Le correnti di energia che scorro-
no con l'entropia, sono raffigurate separatamente.
131

L'equazione (2) mostra che la temperatura pu la differenza non poi cos grande, perch anche in
anche essere interpretata cos: ogni pompa di calore viene prodotta un po' di en-
tropia.
La temperatura indica quanto una corrente di
entropia sia caricata di energia.
Ora siamo in grado di stilare un bilancio energetico Esercizi
pi preciso, quantitativo, della pompa di calore.
Chiamiamo TA la temperatura, alta, che ha l'entro- 1. Una casa riscaldata a una temperatura di 20 C con una
pia quando esce dalla macchina e TB quella pi stufa a olio combustibile, ha una perdita di calore di 35 Ct/s.
bassa di quando entra. Con l'entropia a bassa tempe- Calcola il consumo di energia del riscaldamento.
ratura, entra una corrente di energia di intensit 2. Il radiatore di un'auto disperde nell'aria 60 Carnot al secondo
PB = TB IS e ha una temperatura di 90 C. Qual l'intensit della corrente di
energia che fluisce dal radiatore all'aria?
Dall'uscita (ad alta temperatura) esce una corrente
di energia di intensit 3. La piastra di un ferro da stiro da 1000 W ha una temperatura di
300 C. Quanta entropia esce ogni secondo dal ferro da stiro?
PA = TA IS
4. Una piscina riscaldata con una pompa di calore. La
L'intensit della corrente netta di energia : pompa di calore prende l'entropia da un ruscello che scorre nelle
vicinanze. La temperatura dell'acqua nel ruscello di 15 C,
P = PA - PB = TAIS - TBIS
quella dell'acqua nella piscina 25 C. L'acqua della piscina
e quindi disperde entropia nell'ambiente a un ritmo costante di 500 Ct al
secondo. Affinch mantenga la sua temperatura, la pompa di
P = (TA - TB) IS (3) calore deve costantemente sostituire questa entropia. Calcola il
Questa corrente netta deve avere esattamente la consumo di energia della pompa di calore?
stessa intensit della corrente di energia che afflui- 5. (a) Una casa riscaldata con una pompa di calore. La tem-
sce alla pompa di calore attraverso il cavo di alimen- peratura esterna 0 C, la temperatura in casa 25 C. La pompa
tazione. L'equazione (3) ci d quindi il consumo di di calore trasporta 30 Ct/s. Calcola il consumo di energia.
energia della pompa di calore. Interpretiamo cos
l'equazione (3): (b) La stessa casa viene riscaldata con un comune riscaldamen-
to elettrico, in altre parole i 30 Ct/s non vengono pompati dall'e-
La pompa di calore consuma pi energia se sterno ma prodotti nella casa. Calcola il consumo di energia.
- deve trasportare pi entropia
- la differenza di temperatura che deve superare
pi grande. 11.3 Produzione di entropia per
Esempio: una pompa di calore che riscalda una mezzo di correnti di entropia
casa trasporta 30 Ct al secondo dall'esterno all'inter-
no della casa. La temperatura esterna di 10 C, la Una sbarra fatta di un materiale che conduce bene il
temperatura in casa 22 C. Quant' il consumo di e- calore, attraversata da una corrente di entropia, fig.
nergia della pompa? 11.7. La corrente mantenuta da una differenza di
temperatura. A parte alle estremit, la sbarra isola-
Non dobbiamo nemmeno trasformare le tempera- ta, cos che non vada persa entropia. All'inizio
ture Celsius in temperature assolute, visto che le dell'esperimento le temperature nei diversi punti
differenze di temperatura sono uguali su entrambe della sbarra varieranno. Dopo un po' di tempo que-
le scale. Quindi TA - TB = 12 K. Otteniamo: ste variazioni si interrompono: si instaura un e-
P = (TA - TB) IS = 12 K 30 Ct/s = 360 W. quilibrio dinamico.

Ipotizziamo ora che la stessa casa venga riscaldata


con un comune riscaldamento elettrico, cio che
l'entropia non venga pompata dall'esterno ma sia 2 1
prodotta in casa. Naturalmente la temperatura in 3
casa deve ancora essere di 22 C e naturalmente in
casa abbiamo ancora bisogno di 30 Ct/s, tanti quanti
ne perde la casa attraverso le pareti. Calcoliamo con
l'equazione (2) l'intensit della corrente di energia
che esce dal riscaldamento elettrico, dove la tempe- sbarra isolazione
ratura T = (273 + 22)K = 295 K e IS = 30 Ct/s:
P = T IS = 295 K 30 Ct/s = 8850 W.
Secondo i nostri calcoli il consumo di energia di un
comune riscaldamento elettrico nettamente mag-
giore di quello della pompa di calore. Nella pratica Fig. 11.7. Dall'estremit destra della sbarra esce pi entropia
di quanta ne sia affluita da sinistra.
132

L'equazione che lega le intensit delle correnti di viene prodotta entropia anche quando in una resi-
entropia e di energia, fa un'affermazione sorpren- stenza fluisce entropia.
dente riguardo a questo semplice esperimento.
Possiamo immaginare l'entropia all'uscita dalla
Consideriamo tre diversi punti della sbarra: l'estre- sbarra, cio all'estremit destra, come suddivisa in
mit destra fredda, il centro e l'estremit sinistra due parti: la parte che affluita da sinistra e quella
calda. Contrassegniamo i valori riferiti a questi prodotta nel tragitto da sinistra a destra. Quindi:
punti rispettivamente con un "1", un "2" e un "3". Da
sinistra affluisce alla sbarra una corrente di energia IS1 = IS3 + IS prodotta
di intensit P3. Visto che si in equilibrio dinamico, IS prodotta la quantit di entropia prodotta nella sbarra
l'energia non si accumula in nessun punto e la cor- ogni secondo.
rente di energia deve avere in ogni punto la stessa
intensit: Quando dell'entropia fluisce in una resistenza
termica, viene prodotta dell'altra entropia.
P3 = P2 = P1 (4)
Esempio: il filo della resistenza di un riscaldatore
Sappiamo che la relazione tra intensit della corren- a immersione di 700 W, fig. 11.8, a una temperatu-
te di energia P e intensit della corrente di entropia ra di 1000 K (727 C). La corrente di entropia che
IS fuoriesce dal filo ha un'intensit di:
P = T IS (5)
P 700 W
Sostituiamo le intensit della corrente di energia di IS = = = 0,7 Ct/s
equazione (4) con l'aiuto dell'equazione (5) e otte- T 1000 K
niamo: La temperatura sulla superficie esterna del riscalda-
T3 IS3 = T2 IS2 = T1 IS1 (6) tore la stessa dell'acqua. Supponiamo che sia di
350 K (77C). Di conseguenza l'intensit della cor-
Sappiamo inoltre che la temperatura T3 pi alta rente di entropia nella parete esterna del riscaldatore
di T2 e che T2 pi alta di T1: a immersione di:
T3 > T2 > T1.
P 700 W
Affinch l'equazione (6) sia valida, deve valere: IS = = = 2 Ct/s
T 350 K
IS3 < IS2 < IS1
Nel breve tragitto dal filo della resistenza alla parete
vale a dire: la corrente di entropia diventa pi inten- esterna del riscaldatore vengono quindi prodotti:
sa da sinistra verso destra. A destra, dove c' l'acqua
fredda, esce pi entropia dalla sbarra di quanta ne (2 - 0,7) Ct/s = 1,3 Ct/s.
sia entrata a sinistra, dove c' la fiamma. Di conse- La corrente elettrica produce 0,7 Ct/s. La corrente di
guenza nella sbarra deve essere stata prodotta entropia verso l'esterno produce dunque pi entro-
entropia. Come possibile? pia della corrente elettrica.
In fondo questo risultato non poi cos sorprendente
come pu sembrare. Abbiamo gi constatato che
viene sempre prodotta entropia durante un qualsiasi Esercizi
processo di attrito, quando una corrente confronta-
ta con una resistenza. Esattamente come succede in 1. Una casa viene riscaldata con 20 kW. La temperatura
questo caso. Tuttavia, qui ci che fluisce non un li- interna 20 C, la temperatura esterna -5 C.
quido e non un gas, non nemmeno quantit di
moto o elettricit, ma l'entropia stessa. Quindi, (a) Qual l'intensit della corrente di entropia sulla parete inter-
na della casa?

(b) Qual l'intensit sulla parete esterna?

(c) Quanta entropia viene prodotta ogni secondo dalla corrente


di entropia che fuoriesce dalla casa?

2. Il filo della resistenza di una piastra di cottura da 1000 W


ha una temperatura di 1000 K.

(a) Quanta entropia viene prodotta ogni secondo nel filo?

mantello metallico filo che riscalda (b) Una pentola contenente acqua a 373 K viene posta sulla pia-
isolazione in ceramica stra. Quanta entropia riceve l'acqua ogni secondo?

Fig. 11.8. Riscaldatore a immersione. Sulla destra, una sezio- (c) Quanta entropia viene prodotta nel tratto che va dal filo della
ne (semplificata e ingrandita). resistenza all'acqua?
133

ENERGIA motore ENERGIA ENERGIA turbina ENERGIA


temperatura alta
termico pressione alta
idraulica

temperatura bassa pressione bassa


quantit di moto quantit di moto
entropia angolare acqua angolare

Fig. 11.9. Diagramma di flusso di un motore termico. Fig. 11.10. Diagramma di flusso di una turbina idraulica.

11.4 I motori termici In un motore termico l'energia viene trasferita


dal portatore entropia al portatore quantit di
Il modo migliore per spiegare cosa sia un motore moto angolare.
termico osservare il suo diagramma di flusso, fig.
11.9: un trasferitore di energia che riceve energia Calcoliamo l'energia ceduta dal motore termico
con il portatore entropia e la cede con il portatore ogni secondo. La macchina riceve in entrata, alla
quantit di moto angolare. Il fatto che il portatore di temperatura TA, una corrente di energia di intensit
energia all'uscita della macchina sia la quantit di TAIS e cede in uscita, alla temperatura inferiore
moto angolare, significa che l'energia passa da un TB, una corrente di energia di intensit TBIS. La
albero motore; la macchina serve ad azionare qual- differenza tra le intensit l'energia che viene
cosa. trasferita sulla quantit di moto angolare. Quindi,
con la quantit di moto angolare, dalla macchina
Appartengono alla categoria dei motori termici: esce una corrente di energia di intensit:
- la turbina a vapore P = TAIS - TBIS = (TA - TB) IS
- la macchina a vapore Un motore termico cede con il portatore quanti-
t di moto angolare tanta pi energia
- tutti i motori a combustione interna (motore a
scoppio e motore diesel) - quanto pi intensa la corrente di entropia
che scorre nella macchina;
- il motore a reazione
- quanto maggiore l'abbassamento di tempe-
- altre macchine meno diffuse. ratura della corrente di entropia.
Vedremo pi avanti nel dettaglio il funzionamento Nella maggior parte delle centrali elettriche il ge-
di queste macchine. Per ora ci occupiamo di ci che neratore azionato da un motore termico. Il dia-
tutti i motori termici hanno in comune. Per arrivarci gramma di flusso delle due macchine collegate
prendiamo una piccola deviazione. mostrato in fig. 11.11. Possiamo per rappresentare
La fig. 11.10 mostra il diagramma di flusso di una simbolicamente i due trasformatori di energia con
turbina idraulica, quindi di un apparecchio che non un'unica scatola, fig. 11.12. Confronta questo dia-
un motore termico. Nella turbina idraulica affluisce gramma di flusso con quello di una pompa di calore
acqua ad alta pressione che poi fuoriesce a pressione elettrica, riproposto in fig. 11.13 ( lo stesso che in
pi bassa. L'acqua ad alta pressione porta molta fig. 11.5). I diagrammi di flusso si differenziano
energia, quella a pressione pi bassa ne porta poca. solo nella direzione delle frecce.
Nella turbina, l'acqua "scende" dall'alta alla bassa
pressione e scarica energia. Questa energia lascia la
turbina attraverso l'albero con il portatore quantit
di moto angolare.
Il confronto tra la fig. 11.10 e la fig. 11.9 evidenzia ENERGIA ENERGIA
motore generatore ENERGIA
che il motore termico e la turbina idraulica hanno in termico
comune qualcosa di essenziale. Nel motore termico
affluisce entropia a temperatura alta, cio entropia entropia
quantit di
moto angolare elettricit
che porta molta energia. La stessa entropia defluisce
a temperatura pi bassa, cio portando meno ener-
gia. Nel motore, l'entropia "scende" dall'alta alla
bassa temperatura e scarica energia. Anche questa
energia lascia la turbina attraverso l'albero con il
portatore quantit di moto angolare. Fig. 11.11. Diagramma di flusso di una centrale termica.
134

2) dobbiamo avere la possibilit di liberarci dell'en-


tropia a una temperatura pi bassa, per cos dire ne-
cessitiamo di una "discarica per entropia".
Possiamo risolvere questi problemi in vari modi.
ENERGIA centrale ENERGIA
termica
Sorgenti naturali di entropia
entropia elettricit La soluzione che danneggia meno l'ambiente: sfrut-
tiamo sorgenti naturali di entropia a temperatura
elevata.
Ci sono alcuni luoghi sulla Terra dove del vapore
Fig. 11.12. Diagramma di flusso di una centrale termica. Tur- caldo imprigionato negli strati rocciosi a una pro-
bina e generatore sono rappresentati da un solo simbolo. fondit non troppo grande. Lo portiamo in superfi-
cie con delle trivellazioni e lo utilizziamo per far
Ne deduciamo che una centrale elettrica f esatta- funzionare una centrale elettrica. Purtroppo i luoghi
mente il contrario di una pompa di calore. Mentre dove sfruttare questa energia geotermica non sono
una pompa di calore elettrica trasferisce energia dal molti.
portatore elettricit al portatore entropia, nella
centrale elettrica di fig. 11.12 l'energia viene Un'altra possibilit: con la luce solare la Terra
trasferita dall'entropia all'elettricit. riceve delle enormi quantit di entropia a
temperatura molto alta. Questa entropia gi
Una centrale termica trasferisce energia dall'entro- sfruttata in alcune centrali solari. Anche se questa
pia all'elettricit. Una centrale del genere un im- sorgente di entropia inesauribile, ci pone di fronte
pianto molto grande e complesso. Esistono appa- a problemi di difficile soluzione. Per cominciare la
recchi che fanno la stessa cosa, cio trasferire luce solare sparsa su spazi immensi, l'entropia, e
energia dall'entropia all'elettricit, ma che sono con lei l'energia, estremamente diluita e deve
molto piccoli e maneggevoli e allo stesso tempo essere "raccolta" da superfici molto grandi
robusti, gli elementi Peltier. illuminate dal Sole. Lo si pu fare erigendo degli
E un elemento Peltier pu addirittura essere usato a specchi e concentrando la luce su una caldaia a
rovescio: come pompa di calore. quindi una vapore. Un secondo problema in relazione all'ener-
pompa di calore contemporaneamente semplice, gia solare il fatto che non sempre splende il Sole: di
non troppo cara e molto compatta. notte non c' del tutto e in inverno, cio quando il
bisogno di energia massimo, splende molto
Purtroppo gli elementi Peltier hanno delle grandi debolmente.
perdite di calore. Di conseguenza sono adatti solo
per quelle applicazioni dove le perdite non hanno un
ruolo importante. Sorgenti artificiali di entropia
L'entropia di gran lunga pi usata per azionare dei
motori termici quella prodotta in un modo meno
11.5 Le sorgenti di entropia per i elegante: la si produce bruciando combustibili e
motori termici carburanti, o con la fissione nucleare.
Quando vogliamo far funzionare un motore termico Visto che dei motori termici si fa ampio uso, non si
sorgono sempre due problemi: pone solo il problema di procurarsi l'entropia ma
anche quello della "discarica termica". Vediamo
1) abbiamo bisogno di una sorgente di entropia a come risolvono il problema i motori termici pi
temperatura elevata, importanti.
Centrali termiche
La maggior parte delle centrali lavora con le turbine.
Nelle centrali a carbone l'entropia prodotta nella
ENERGIA pompa ENERGIA caldaia a vapore bruciando carbone. Nelle centrali
di calore nucleari prodotta nel reattore con la fissione di
atomi di uranio e plutonio.
entropia Quando l'entropia lascia la centrale elettrica, la tem-
elettricit peratura solo leggermente superiore a quella
dell'ambiente. Di solito l'entropia ceduta all'acqua
di un grande fiume. Se non c' un fiume, o se non ha
abbastanza acqua, viene ceduta all'aria attraverso
delle torri di raffreddamento.
Fig. 11.13. Diagramma di flusso di una pompa di calore.
135

Motori a combustione interna questa corrente di entropia?


L'entropia prodotta all'interno del motore brucian- 3. Pensa a delle possibilit per sfruttare l'entropia a temperatura
do il carburante - benzina o gasolio. La maggior elevata presente in natura. Discuti anche quelle che non ti sem-
parte lascia il motore con i gas di scarico. A essere brano realistiche.
precisi, il diagramma di flusso in fig. 11.9 non
corrisponde affatto a un motore a combustione
interna, visto che al motore non affluisce entropia
dall'esterno. 11.6 Le perdite di energia
Macchine a vapore Nel tragitto dal rubinetto allo spruzzatore viene
persa acqua, fig. 11.15. Dal rubinetto escono 2 litri
Prima dell'apparizione dei motori elettrici e di quelli d'acqua al secondo, allo spruzzatore arrivano solo
a combustione interna erano i propulsori pi impor- 1,8 litri al secondo. La differenza, cio 0,2 l/s,
tanti. Erano usate nelle locomotive a vapore, nei fuoriuscita dal foro nel tubo. Abbiamo una perdita
piroscafi, negli aratri a vapore, per azionare trebbia- di 0,2 l/s. Si tende a esprimere la perdita come
trici e le macchine di molte fabbriche. percentuale di quanto si aveva all'inizio. Esprimia-
Anche in questo caso l'entropia era prodotta nella mo questa perdita con un valore percentuale. Nel
caldaia a vapore bruciano carbone. Dopo aver azio- nostro caso quindi:
nato le macchine, di solito il vapore era semplice-
mente liberato nell'aria. Con il vapore se ne andava 0,2 l/s
nell'aria anche l'entropia. perdita = 100% = 10%
2 l/s
Motore a reazione
In quasi tutti gli apparecchi che trasferiscono ener-
Serve a far volare la maggior parte dei grandi aerei gia su un altro portatore e in quasi tutti i conduttori
di linea. Non corriponde esattamente alla nostra de- che servono alla trasmissione di energia, ci sono
finizione di motore termico. Non cede energia gra- delle perdite di energia. Cosa significa? L'energia
zie a un albero con la quantit di moto angolare, ma non pu certo essere annientata! come per l'acqua
con il portatore di energia quantit di moto, fig. in fig. 11.15: una parte dell'energia non arriva l
11.14. "Pompa" quantit di moto dall'aria nell'ae- dove dovrebbe, per cos dire va persa per strada.
reo. Le perdite di energia sono quasi sempre causate da
Come per il motore a combustione interna, l'entro- produzione di entropia. Consideriamo una turbina
pia viene prodotta nella macchina mediante combu- idraulica. Finora abbiamo disegnato il diagramma
stione di un carburante, e lascia il motore con i gas di di flusso di una turbina idraulica come in fig. 11.16
scarico. (vedi anche la fig. 11.10). In realt questa sarebbe
una turbina perfetta, idealizzata, come non ce ne
sono, perch in ogni turbina reale viene involonta-
Esercizi riamente prodotta entropia in vari punti: dall'attrito
tra l'acqua e le pareti dei tubi, dall'attrito dell'acqua
1. Un motore termico attraversato da una corrente di entropia con s stessa (attrito interno) e dall'attrito nei sup-
di 100 Ct/s. La temperatura all'entrata 150 C, all'uscita 50 C. porti dell'albero della turbina. L'entropia prodotta
Quanta energia con il portatore quantit di moto angolare cede lascia la turbina in vari modi: in parte nell'acqua che
il motore ogni secondo? defluisce, in parte nell'aria dell'ambiente.
2. Una centrale elettrica cede con l'elettricit una corrente di
Con questa entropia viene persa anche dell'energia.
energia di 1000 MW. La temperatura del vapore all'entrata della
La fig. 11.17 mostra il diagramma di flusso di una
turbina 750 K, all'uscita 310 K. Qual l'intensit della
turbina reale. La larghezza delle frecce di energia
corrente di entropia che defluisce con l'acqua di raffred-
proporzionata alle intensit delle correnti cossi-
damento? Qual l'intensit della corrente di energia portata da
spondenti.

ENERGIA motore a ENERGIA


reazione

entropia quantit di moto

Fig. 11.14. Diagramma di flusso di un motore a reazione. Fig. 11.15. A causa del foro nel tubo, viene persa acqua.
136

motore ENERGIA
ENERGIA
elettrico
ENERGIA turbina ENERGIA
idraulica
elettricit quantit di

ENERGIA
moto angolare

entropia
quantit di moto
acqua angolare

Fig. 11.16. Diagramma di flusso di una turbina idraulica Fig. 11.18. Diagramma di flusso di un motore elettrico non
ideale. idealizzato.
Chiamiamo Pperdita l'intensit della corrente di e- generatore sono solo una piccola parte. La causa
nergia persa. La relazione tra entropia prodotta e e- principale che nella camera di combustione rispet-
nergia persa allora tivamente nel reattore, viene prodotta entropia. Ma
allora come possiamo parlare di perdite? Non
Pperdita = T IS prodotta dobbiamo produrre questa entropia proprio per far
e la perdita (percentuale) della macchina funzionare la centrale? Non necessariamente.
In linea di massima potremmo trasferire l'energia
Pperdita del carbone (risp. dell'uranio) direttamente all'elet-
perdita = 100% (7) tricit, senza passare dall'entropia e dalla quantit di
P entrata
moto angolare. Gli apparecchi che lo fanno sono
Pentrata l'intensit della corrente di energia che detti celle a combustibile. Il funzionamento di una
affluisce alla macchina. cella combustibile simile a quello di una pila.
Essenzialmente una pila che viene costantemente
La fig. 11.18 mostra il diagramma di flusso di un rifornita della sostanza che consuma. Per ora le celle
motore elettrico reale, non idealizzato. Anche qui, combustibili lavorano per solo con combustibili
involotariamente viene prodotta entropia. Una liquidi o gassosi molto puri e non con carbone. Inol-
parte dell'entropia prodotta nei fili (quando un filo tre la loro vita media troppo breve per fare concor-
attraversato da una corrente elettrica viene sempre renza alle comuni centrali elettriche.
prodotta entropia), un'altra parte nei supporti.
Con la formula (7) si pu calcolare anche la perdita
di energia di un semplice cavo elettrico. Esercizi
Abbiamo visto che le perdite di energia dipendono
dalla produzione di entropia. Naturalmente si vo- 1. Il motore di un'auto cede 20 kW attraverso l'albero motore.
gliono evitare queste perdite. Prendi nota: Alle ruote giungono solo 18 kW perch nella trasmissione e
nelle sospensioni (per attrito) viene prodotta entropia. Qual la
Evita la produzione di entropia. perdita percentuale?
Per certi trasferitori di energia le perdite sono molto 2. Un motore elettrico consuma 10 W e ha una perdita del
importanti. In tabella 11.1 sono elencati alcuni 40%. Quanta energia al secondo cede con la quantit di moto
valori tipici. angolare? Quanta entropia al secondo produce? (La
Forse ti meravigli delle grosse perdite delle centrali temperatura ambiente 300 K.)
elettriche. Le perdite nella turbina a vapore e nel

ENERGIA turbina ENERGIA


idraulica Tab. 11.1. Valori tipici delle perdite di energia

perdita
acqua quantit di
ENERGIA

moto angolare
entropia

grande turbina a vapore 10%


grande motore elettrico 10%
motore elettrico da giocattolo 40%
cellula solare 90%
centrale a carbone 57%
centrale nucleare 67%
Fig. 11.17. Diagramma di flusso di una turbina idraulica reale
137

400
T (K)

rame
300
alluminio

200

100

S (Ct)
0
0 200 400 600 800 1000 1200 1400

Fig. 11.19. Temperatura in funzione del contenuto di entropia, per 1 kg di rame e 1 kg di alluminio.

3. Un generatore che ha una perdita dell'8%, cede con l'elet- di alluminio, entrambi di massa 1 kg. Dal grafico
tricit una corrente di energia di 46 kW. Qual l'intensit della deduciamo che ci vuole meno entropia per portare a
corrente di energia che affluisce al generatore dall'albero? Che una determinata temperatura il rame che l'allumi-
intensit ha la corrente di energia di perdita? Qual l'intensit nio. Per esempio: a una temperatura di 300 K il con-
della corrente di entropia prodotta? (La temperatura ambiente tenuto del rame di circa 500 Ct, quello dell'allumi-
300 K.) nio 1000 Ct, quindi il doppio di quello del rame.
Oppure, dal grafico deduciamo che con una deter-
minata quantit di entropia il rame si riscalda pi
11.7 La relazione tra contenuto di dell'alluminio: con 500 Ct il rame raggiunge i 300
K, l'alluminio solo circa 150 K.
entropia e temperatura
Se ci interessa sapere cosa succede attorno alla tem-
Se forniamo entropia a un corpo, la sua temperatura peratura ambiente, pi adatto un grafico i cui assi
aumenta. Perlomeno era cos per gli oggetti visti non comincino da zero: un dettaglio ingrandito del
finora. (Pi avanti conosceremo casi dove ci non grafico originale.
succede.)
La fig. 11.20 mostra questi ingrandimenti per 1 kg di
Da cosa dipende l'entit del riscaldamento di un rame, ferro, alluminio, olio combustibile e acqua.
corpo a cui forniamo una determinata quantit di Pi la curva ripida, meno entropia ci vuole per
entropia? causare una determinata variazione di temperatura.
Innanzitutto ovviamente dalla grandezza del corpo,
pi precisamente dalla sua massa. Possiamo anche
dire: se due corpi sono fatti dello stesso materiale Esercizi
ma uno ha massa doppia dell'altro, per portare en- 1. A un chilogrammo di rame e a un chilogrammo di alluminio,
trambi da 0 K alla stessa temperatura finale, ci vuole entrambi alla temperatura iniziale di 25 C, vengono forniti 80
il doppio di entropia per il corpo pesante che per Ct. Quale metallo si riscalda di pi? Di che fattore si differen-
quello leggero. ziano le due variazioni di temperatura?
La quantit di entropia necessaria dipende inoltre 2. Quanta entropia ci vuole per riscaldare 100 l d'acqua da 20
dal materiale di cui sono fatti gli oggetti. La fig. C a 100 C? (1 l d'acqua ha una massa di 1 kg).
11.19 mostra come la temperatura aumenta con il
contenuto di entropia per un corpo di rame e per uno
138

100 100 100


(C) (C) (C)
80 80 80
rame ferro alluminio
60 60 60
a b c
40 40 40

20 20 20
S (Ct) S (Ct) S (Ct)
0 0 0
450 550 450 550 900 1100 1300

100
(C)
80
olio combustibile
60 d
40

20
S (Ct)
0
2600 2800 3000 3200 3400

100
(C)
80

60 e
acqua
40

20
S (Ct)
0
3500 3700 3900 4100 4300 4500 4700

Fig. 11.20. Temperatura in funzione del contenuto di entropia per 1 kg di (a) rame, (b) ferro, (c) alluminio, (d) olio combustibile,
(e) acqua. Le rispettive scale dell'entropia non cominciano con il valore S = 0 Ct. Le scale della temperatura non cominciano
allo zero assoluto ma allo zero della scala Celsius.

11.8 La relazione tra apporto di damento dell'acqua, da non confondere con l'ener-
gia totale contenuta nell'acqua. Per riscaldare 1 kg
energia e variazione di temperatura d'acqua da 20 C a 100 C ci vuole una certa quantit
Per scaldare l'acqua dobbiamo fornirle entropia. di energia. Per riscaldare 2 kg d'acqua da 20 C a 100
Assieme all'entropia, l'acqua riceve anche energia. C naturalmente ce ne vuole il doppio. Quindi deve
Probabilmente questo fatto noto ai pi: si sa che valere:
scaldare l'acqua costa dei soldi e che questi soldi ser- E ~ m.
vono a pagare l'energia.
L'energia necessaria al riscaldamento dell'acqua
Vogliamo trovare una formula per il consumo di proporzionale alla sua massa.
energia necessario a scaldare l'acqua. Chiamiamo
E la quantit di energia fornita durante il riscal-
139

Inoltre l'energia E dipende anche da quanti C Esercizi


vogliamo aumentare la temperatura. Se la tempera-
tura deve aumentare di 20 C ci vuole pi energia 1. Dobbiamo scaldare mezzo litro d'acqua da 25 C a 100 C
che se deve aumentare solo di 10 C. Con un riscal- con un riscaldatore a immersione da 500 W. Quanto tempo ci
datore a immersione forniamo energia a una deter- vuole? (1 l d'acqua ha una massa di 1 kg.)
minata quantit d'acqua e misuriamo l'aumento di 2. Qual il consumo di energia per una doccia di cinque
temperatura T in funzione dell'energia fornita E. minuti?
Constatiamo che T proporzionale a E:
Prima calcola quanti kg d'acqua calda vengono usati nei cinque
E ~ T. minuti.
Questa relazione non pi valida a temperature Supponi che durante la doccia dal rubinetto escano 0,1 l d'acqua
molto alte e nemmeno a temperature molto basse, al secondo. Supponi inoltre che l'acqua affluisca allo scaldaba-
ma soddisfatta nell'intervallo tra 0 C e 100 C. gno a 15 C e ne fuoriesca a 45 C.
Con la proporzionalit trovata in precedenza otte-
niamo:
E ~ m T.
Per fare di questa relazione di proporzionalit un'e-
quazione, introduciamo la costante di proporziona-
lit c:
E = c m T
c viene detta capacit termica specifica. Affinch
entrambi i termini dell'equazione abbiano le stesse
unit di misura, c deve essere misurata in J/(kg
K).
Il valore di c dipende anche dal materiale del corpo
che riscaldiamo o raffreddiamo. Per l'acqua:
c = 4180 J/(kg K).
12. Transizioni di fase

12.1 Transizioni di fase


Immergiamo un riscaldatore in un bicchiere conte- cio a 0 C in 1 kg d'acqua a 0 C (vale a dire per fon-
nente acqua, lo accendiamo e misuriamo la tempe- dere 1 kg di ghiaccio), gli si deve fornire una quanti-
ratura dell'acqua, fig. 12.1. Mentre il riscaldatore a t di entropia di 1200 Ct. Allo stesso modo: per tra-
immersione fornisce entropia all'acqua, la tempera- sformare 1 kg di acqua liquida in un 1 kg di ghiaccio,
tura aumenta - perlomeno all'inizio. Alla fine per, dobbiamo toglierle 1200 Ct.
quando la temperatura ha raggiunto i 100 C, l'ac- Il contenuto di entropia di 1 kg di acqua liquida
qua comincia a bollire e la temperatura non aumenta 1200 Ct in pi di quello di 1 kg di ghiaccio.
pi, anche se il riscaldatore continua a cedere
entropia. Come mai? A proposito dei termini: si dice che la materia si pre-
senta in diverse fasi . Cos l'acqua ha una fase solida,
Bollendo, l'acqua si trasforma da liquida a gassosa, una liquida e una gassosa. La fase gassosa anche
diventa vapore acqueo. Il vapore acqueo ha la stessa detta vapore. Con vapore acqueo si intende quindi
temperatura dell'acqua liquida durante la bollitura, acqua gassosa. Ci sono espressioni specifiche anche
cio 100 C. L'entropia che forniamo all'acqua evi- per le transizioni tra le diverse fasi:
dentemente ora serve a farla evaporare. Ne conclu-
diamo che il vapore acqueo contiene pi entropia solido > liquido: fondere;
dell'acqua liquida. liquido > solido: solidificare;
liquido > gassoso: evaporare;
Il vapore pu essere ulteriormente riscaldato. Lo gassoso > liquido: condensare.
facciamo passare in un tubo e riscaldiamo il tubo Non solo l'acqua si presenta in diverse fasi ma anche
dall'esterno, fig. 12.2. altre sostanze. Sai sicuramente che i metalli si pos-
La fig. 12.3 riporta la temperatura di 1 kg d'acqua in sono fondere. Ma possono addirittura evaporare.
funzione del suo contenuto di entropia, per un inter- Tutte le sostanze che normalmente sono gassose
vallo di temperatura pi grande che in fig. 11.20 (e). possono essere liquefatte e portate alla fase solida.
La curva ci dice che 1 kg di vapore acqueo contiene La tabella 12.1 riporta la temperatura di fusione e la
circa 6000 Ct in pi di 1 kg di acqua liquida. temperatura di ebollizione per alcune sostanze.
Il contenuto di entropia di 1 kg di vapore acqueo Ma non ci sono solo le tre fasi "solido", "liquido" e
6000 Ct in pi di quello di 1 kg d'acqua liquida. "gassoso", ce ne sono molte altre. Di solito le so-
stanze hanno diverse fasi solide che si differenziano
Inoltre il diagramma mostra che un fenomeno simi- in molte propriet. Alcune sostanze hanno anche
le succede alla transizione solido > liquido. L'acqua diverse fasi liquide con propriet molto differenti.
liquida contiene circa 1200 Ct in pi dell'acqua soli-
da, cio del ghiaccio. Per trasformare 1 kg di ghiac-

Fig. 12.1. Malgrado un ulteriore apporto di entropia, la tem- Fig. 12.2. Il vapore acqueo, inizialmente a una temperatura di
peratura smette di salire una volta raggiunti i 100 C. 100 C, viene ulteriormente riscaldato.
142

T (K)
gassosa
400

liquida
300

200

solida
100

S (Ct)
0
0 2000 4000 6000 8000 10000 12000

Fig. 12.3. Temperatura in funzione del contenuto di entropia per 1 kg d'acqua.

Esercizi transizione liquido > gassoso sempre detta "eva-


1. Leggi in fig. 12.3 quanta entropia hanno 1 kg di vapore porare". Se l'evaporazione avviene alla temperatura
acqueo a 100 C e 1 kg d'acqua liquida a 100 C. Il valore del di ebollizione, cio velocemente, si parla anche di
vapore acqueo superiore a quello del liquido di che fattore? "bollire". Se avviene al di sotto della temperatura di
ebollizione, cio lentamente, diciamo che l'acqua
2. Quanta entropia serve per trasformare 10 l di acqua liquida a evapora.
90 C in vapore a 100 C?
Perch l'evaporazione lenta e l'ebollizione veloce?
3. Per fondere un blocco di ghiaccio ci vogliono 6000 Ct. In cosa si differenziano i due processi? Consideria-
Qual era la massa del ghiaccio? mo una superficie d'acqua a diverse temperature,
4. Un quarto di litro di limonata viene raffreddato da 20 C
fig. 12.4.
fino a 0 C con dei cubetti di ghiaccio. Quanto ghiaccio fonde A 20 C sormontata da aria con una piccola parte di
nel processo? (La limonata praticamente acqua.) vapore acqueo. Affinch il processo di evaporazio-
5. Un bicchiere di latte (0,2 l) viene riscaldato da 15 C a 60
ne possa svolgersi, questo vapore acqueo deve spa-
C con il getto di vapore di una caffettiera per espresso. Quanti
rire verso l'alto, l dove l'aria contiene meno vapore
grammi di vapore vengono utilizzati? (Il latte sostanzialmente
acqueo. Un processo del genere, quando un gas (qui
fatto d'acqua.)
vapore acqueo) deve "farsi largo" attraverso un altro
(qui aria), viene detto diffusione. Il secondo gas
oppone una grande resistenza al movimento del
primo. Nel nostro caso ci significa che il vapore
12.2 Bollire e evaporare acqueo si allontana con difficolt dalla superficie
d'acqua.
Abbiamo visto che l'acqua bolle a 100 C. Ma gi a
temperature pi basse passa allo stato gassoso, per
pi lentamente. Riassumiamo i diversi termini: la

Tabella 12.1. Alcune temperature di fusione e ebollizione


molta aria niente aria
poco vapore acqueo solo vapore acqueo
sostanza temperatura di temperatura di
fusione (C) ebollizione (C)
alluminio 660 2450
rame 1083 2590 100C
ferro 1535 2880 20C 80C
acqua 0 100
etanolo - 114,5 78,3
ossigeno - 218,8 - 183
azoto - 210 - 195,8 Fig. 12.4. Quando l'acqua bolle, il vapore acqueo spinge via
idrogeno - 259,2 - 252,2 tutta l'aria che sta sopra la superficie dell'acqua.
143

A temperature pi elevate c' pi vapore acqueo Le miscele refrigeranti


sopra la superficie d'acqua. La spinta per il processo
di diffusione ora maggiore, il vapore acqueo se ne L'acqua salata ha una temperatura di fusione pi
va pi rapidamente. Di conseguenza anche l'acqua bassa della normale acqua pura. Riempiamo un bic-
liquida pu fornire vapore pi in fretta: l'evapora- chiere di ghiaccio sbriciolato (o neve). Misuriamo
zione accelerata. la temperatura e, come previsto, troviamo 0 C. Ag-
giungiamo ora un bel po' di sale da cucina e rime-
A 100 C infine, sopra la superficie d'acqua resta stiamo. La temperatura scende fin sotto i -10 C.
solo puro vapore acqueo. Per allontanarsi dalla su-
perficie d'acqua non ha pi bisogno di farsi largo Con l'aggiunta del sale la temperatura di fusione
nell'aria. Non ha pi bisogno di diffondere ma pu diminuisce. Una parte del ghiaccio fonde. Per farlo
scorrere liberamente come l'acqua in un tubo o ci vuole entropia. Visto che l'entropia non fornita
come l'aria quando tira vento. Ora il vapore acqueo dall'esterno, il miscuglio acqua-ghiaccio che si
se ne va allo stesso ritmo a cui viene fornito dall'ac- raffredda. Dell'altro ghiaccio fonde e la temperatura
qua liquida, e l'acqua liquida ne fornisce allo stesso scende ancora fino a raggiungere la nuova tempera-
ritmo con cui, dal riscaldamento, riceve l'entropia tura di fusione. A quel punto il processo si arresta.
necessaria all'evaporazione.
Ora siamo in grado di capire un fenomeno interes- Contenitori di entropia
sante: se la pressione atmosferica inferiore a 1 bar
(pressione normale), l'acqua bolle a una temperatu- Si pu immagazzinare entropia riscaldando un og-
ra inferiore a 100 C. Questo perch, se la pressione getto. Se lasciamo uscire l'entropia dall'oggetto,
atmosferica inferiore, il vapore acqueo provenien- l'oggetto si raffredder di nuovo. Questo metodo
te dalla superficie di acqua liquida riesce prima, cio utilizzato nelle cosiddette stufe ad accumulazione,
a temperatura inferiore, a spostare completamente fig. 12.5. Una stufa ad accumulazione composta in
l'aria. gran parte da mattonelle di ceramica. Durante la
notte, cio quando l'energia costa meno, le matto-
Questo fenomeno si pu osservare per esempio in nelle vengono caricate di entropia e si riscaldano
montagna: su una cima elevata, cio dove la pressio- fino a pi di 600 C. Di giorno si recupera l'entropia
ne atmosferica minore, la temperatura di ebolli- soffiando aria attraverso le mattonelle.
zione dell'acqua inferiore a 100 C. A 5400 m di
altitudine la pressione atmosferica circa 0,5 bar, la In estate abbiamo a disposizione entropia in abbon-
temperatura di ebollizione dell'acqua 83 C. danza. Sarebbe comodo immagazzinarla e metterla
da parte per l'inverno. Il metodo delle stufe ad accu-
mulazione per non adatto, perch le mattonelle
non possono assorbire molta entropia.
12.3 Transizioni di fase in natura e C' un metodo pi promettente che sfrutta una trans-
nella tecnica izione di fase. Scegliamo una sostanza che abbia
una transizione solido > liquido a una temperatura
Durante una transizione di fase, una sostanza, a di- adatta. Circa 50 C andrebbe bene. (Non deve essere
pendenza della direzione della transizione, acqui- una transizione solido > gassoso perch i gas
sice o cede entropia senza cambiare temperatura. occupano troppo spazio.) D'estate fondiamo una
Questo fatto trova molte applicazioni tecniche ed grande quantit della sotanza sfruttando l'entropia
la spiegazione di alcuni fenomeni naturali interes- (e l'energia) del Sole. D'inverno preleviamo l'entro-
santi. pia e la usiamo per riscaldare la casa.
Se in futuro il prezzo dell'energia dovesse aumenta-
Il freddo da evaporazione re molto, questo metodo di sfruttamento dell'ener-
gia solare potrebbe diventare concorrenziale.
Quando esci dalla piscina, e in particolare se l'aria si
muove, hai freddo. L'acqua che hai sulla pelle eva-
pora. Per farlo ha bisogno di entropia che preleva
dal tuo corpo. L'evaporazione particolarmente isolamento termico
rapida se l'acqua gi evaporata viene portata via canali per l'aria
dall'aria.
sbarre di riscaldamento

Il vapore caldo pi pericoloso dell'acqua calda mattonelle in ceramica


ventilatore
Se il tuo dito si bagna con acqua a 100 C molto
meno grave che se viene in contatto con vapore a
100 C. In entrambi i casi viene trasferita entropia al
dito e ne pu risultare un'ustione. Ma con il vapore il
pericolo maggiore, in quanto il vapore condensa
Fig. 12.5. Stufa ad accumulazione
sul dito e facendolo cede al dito stesso un notevole
quantitativo supplementare di entropia.
144

Raffreddare le bevande con il ghiaccio gassoso


entropia
Per raffreddare una bevanda la possiamo mettere in
frigo. La pompa di calore del frigorifero estrae en-
tropia dalla bevanda. Spesso per si vuole raffred- entropia
dare la bevanda, o perlomeno mantenerla fresca, la-
sciandola sul tavolo. Sai come fare: aggiungi un
paio di cubetti di ghiaccio. Ma perch non aggiun- pompa liquido
gere semplicemente un po' d'acqua fredda? Il risul-
tato sarebbe decisamente peggiore. Il ghiaccio nella
bevanda fonde e per fondere ha bisogno di entropia,
che estrae dalla bevanda. La fusione continua fino a
che la temperatura della bevanda raggiunge 0 C (a
condizione che ci sia abbastanza ghiaccio). Fig. 12.6. A sinistra, una sostanza viene fatta evaporare. In
questo modo si carica di molta entropia che cede nuovamente
a destra, quando condensa.
Azoto liquido
pia, a sinistra. Cos facendo assorbe molta entropia.
Per raffreddare qualcosa a temperature molto pi Poi scorre verso destra nel tubo in alto, condensa
basse senza poter disporre della macchina del fred- nella serpentina a destra e cede l'entropia caricata in
do adatta, si usa azoto liquido, acquistabile a buon precedenza. Una volta i riscaldamenti centrali fun-
mercato. zionavano secondo questo principio ed erano detti
La temperatura di fusione dell'azoto 77 K (vale a riscaldamenti a vapore. Avevano per qualche
dire -196 C). Ma come pu esistere azoto liquido svantaggio: erano difficili da regolare e la conden-
quando l'ambiente che lo circonda ha una tempera- sazione del vapore nei caloriferi creava dei rumori
tura molto pi alta? Lo si conserva in un contenitore fastidiosi.
ben isolato termicamente. La poca entropia che esce Al giorno d'oggi questo metodo usato soprattutto
dall'isolazione causa una costante, molto lenta ebol- nelle pompe di calore, per esempio nel frigorifero.
lizione dell'azoto. La temperatura dell'azoto Un liquido refrigerante evapora nella serpentina
rimasto resta comunque di 77 K, esattamente come all'interno del frigorifero, assorbendo entropia. Nel-
la temperatura dell'acqua che bolle resta a 100 C. In la serpentina esterna condensa e cede entropia.
questo modo l'azoto liquido pu essere mantenuto (Affinch condensi nel punto pi caldo e evapori in
per giorni. quello pi freddo, nel punto pi caldo la pressione
deve essere maggiore che in quello freddo. A questo
pensa un compressore.)
Trasporto di entropia con le transizioni di fase
Anche la natura sfrutta questo metodo di trasporto
Abbiamo visto in precedenza che il trasporto di en- di entropia. Nell'atmosfera si svolgono incessante-
tropia per convezione molto pi efficace di quello mente processi di evaporazione e di condensazione.
per conduzione termica. C' un metodo di trasporto Un punto da cui evapora acqua si raffredda. Il vapo-
che funziona ancora meglio della normale conve- re acqueo viene portato con l'aria in un altro punto
zione, fig. 12.6. La sostanza che si trova nei tubi dove condensa. L diventa pi caldo.
viene fatta evaporare dove c' la sorgente di entro-
13. I gas

13.1 Gas e sostanze condensate


sigaretta
La materia pu essere solida, liquida o gassosa. alla alla
pompa pompa
Le fasi liquida e gassosa hanno qualcosa in comune:
sia le sostanze liquide che quelle gassose possono
fluire. Quando soffia il vento, o quando si accende
un ventilatore o un asciugacapelli, scorre aria. L'ac-
qua scorre in fiumi e ruscelli, nei mari e ovviamente
anche quando si apre il rubinetto. Visto che le cor-
renti di liquidi e quelle di gas hanno molto in
comune, a volte liquidi e gas sono raggruppati in
un'unica classe di sostanze: i cosiddetti fluidi.
Quindi i fluidi sono l'opposto delle sostanze solide. Fig. 13.2. I gas occupano tutto lo spazio a disposizione, i li-
D'altro canto, anche le sostanze solide e quelle li- quidi no
quide hanno delle caratteristiche comuni, caratteri- I gas occupano tutto lo spazio a loro disposizione,
stiche che le distinguono dai gas. Cos le sostanze le sostanze condensate no.
liquide e quelle solide hanno una densit molto pi
alta dei gas. Spesso anche le sostanze solide e liqui- Spesso per ridurre qualcosa a una breve formula si
de vengono raggruppate in una classe: le sostanze deve semplificare. La frase in grassetto una di
condensate. Le sostanze condensate sono l'oppo- queste semplificazioni. Di solito valida, ma non
sto dei gas, fig. 13.1. sempre. Non vale ad esempio per l'aria sopra la su-
perficie terrestre, vista nel complesso. Quest'aria ha
Cerchiamo altre propriet che differenziano i gas a disposizione tutto il cosmo. Ciononostante non si
dalle sostanze condensate. allontana dalla Terra. Come mai?

La tendenza a espandersi La comprimibilit


Aspiriamo l'aria da un recipiente di vetro e vi lascia- In un recipiente cilindrico con un pistone mobile, c'
mo gocciolare un po' d'acqua, fig. 13.2. L'acqua aria. Se premiamo il pistone nel cilindro, l'aria viene
cade sul fondo, come in un recipiente pieno d'aria. schiacciata, o "compressa", fig. 13.3a. Se per contro
Ripetiamo l'esperimento ma invece dell'acqua nel nel cilindro invece di aria c' acqua, fig. 13.3b, non
recipiente facciamo entrare aria. Per poter vedere si riesce a spingere il pistone. L'acqua non compri-
dove va, prima la facciamo fluire attraverso una si- mibile. Se osserviamo attentamente notiamo una
garetta. (Vedi a cosa servono le sigarette.) Questi piccolissima comprimibilit anche dell'acqua, ma
esperimenti mostrano che: per molti scopi pratici pu essere trascurata.

solido liquido gassoso

fluidi

sostanze condensate

a b c
Fig. 13.1. Due suddivisioni in classi di sostanze Fig. 13.3. I gas (a) sono comprimibili, i liquidi (b) e i solidi (c)
non lo sono.
146

Anche quando nel cilindro oltre all'acqua mettiamo


un oggetto solido, fig. 13.3c, non si riesce a spingere
il pistone, in quanto anche gli oggetti solidi sono
(quasi) incomprimibili. Alcuni corpi solidi danno
l'impressione di essere facilmente comprimibili,
per esempio una spugna. In realt ci che
comprimiamo non la materia solida in s, ma l'aria
che si trova nei suoi pori.
Possiamo riassumere le nostre osservazioni:
I gas si lasciano comprimere facilmente, le so-
stanze condensate quasi per niente.
"Comprimere" significa diminuire il volume di una Fig. 13.5. Mongolfiera (per l'esercizio 2)
determinata porzione di materia senza che la sua
massa cambi. Dalla formula = m/V segue che
comprimendo, la densit della sostanza aumenta. accorgiamo ma possiamo renderla visibile con un
Quindi la densit di una sostanza comprimibile pu trucco, fig. 13.4b.
essere aumentata aumentando la pressione. Per una Un afflusso di entropia fa espandere un gas; non
sostanza non comprimibile un aumento di pressione fa espandere o quasi una sostanza condensata.
non causa una variazione della densit. Riassumen-
do:
Un aumento di pressione provoca nei gas un au- Esercizi
mento della densit, nelle sostante condensate no
1. Perch le gomme delle biciclette sono riempite d'aria?
o quasi.
Perch non sono riempite d'acqua?
Questo fatto ha conseguenze interessanti, per esem-
2. La fig. 13.5 mostra una mongolfiera. La mongolfiera
pio: la densit dell'acqua di un lago aumenta pochis-
aperta verso il basso, l'aria che contiene viene riscaldata con una
simo con la profondit, malgrado l'aumento di pres-
fiamma a gas. Perch la mongolfiera sale?
sione. A qualsiasi profondit la densit dell'acqua
praticamente la stessa, cio 1000 kg/m3. Tutt'altra
cosa per l'aria sopra la superficie terrestre. Salendo,
diminuisce la pressione e di conseguenza anche la 13.2 Le propriet termiche dei gas
densit. Per questo scalando una montagna molto
alta sempre pi faticoso respirare. Nel paragrafo precedente abbiamo messo a con-
fronto gas e sostanze condensate. D'ora in poi ci
occuperemo solo dei gas. Per quanto riguarda le
La dilatazione termica propriet termiche, sono molto pi interessanti
delle sostanze condensate.
I gas e le sostanze condensate reagiscono diversa-
mente anche quando si fornisce loro entropia. Per cominciare forniamo entropia a un gas. Per gli
impediamo di espandersi rinchiudendolo in un reci-
Se riscaldiamo un corpo solido il suo volume resta piente rigido, fig. 13.6. Il manometro mostra che du-
praticamente invariato. Lo stesso vale per i liquidi. rante l'apporto di entropia la pressione aumenta.
Tutt'altro per i gas. Se riscaldiamo l'aria in un reci- Possiamo riassumere questa ossevazione e l'ultima
piente aperto verso l'alto, fig. 13.4a, si espande mol- del paragrafo precedente in:
to e "trabocca". Visto che l'aria invisibile non ce ne
Se forniamo entropia a un gas a pressione co-
a b stante il suo volume aumenta.
Se forniamo entropia a un gas a volume costante
la sua pressione aumenta.
Naturalmente in entrambi i casi aumenta anche la
temperatura del gas.
Possiamo descrivere questi processi con dei simboli
che indichino per ognuna delle quattro grandezze
entropia, temperatura, volume e pressione, se rima-
ne costante, aumenta o diminuisce:
S T V p = cost (1)
Fig. 13.4. I gas si espandono quando si fornisce loro entropia. S T V = cost p (2)
Nell'esperimento di destra, viene reso visibile il traboccare
dell'aria dal recipiente.
147

25C
p aumenta
S S
25C

Fig. 13.6. Se forniamo entropia a un gas a volume costante, la Fig. 13.8. Se spingiamo il pistone nel cilindro molto lenta-
sua pressione aumenta. mente, dal gas sfugge entropia.
Comprimiamo nuovamente l'aria in un cilindro, ma molto lentamente, l'aria ha il tempo di pareggiare in
questa volta misuriamo la temperatura, fig. 13.7. continuazione la temperatura dell'ambiente. In que-
Constatiamo che comprimendo la temperatura au- sto modo fluisce entropia dal gas all'ambiente. Di
menta. Se lasciamo espandere l'aria, la temperatura conseguenza nel gas ci deve essere meno entropia
ridiscende. alla fine che all'inizio. In simboli otteniamo:
Questo comportamento dell'aria in fondo plausi- S T = cost V p (4)
bile: comprimendo l'aria anche l'entropia che
contiene viene compressa, concentrata in uno Anche questa interessante. Conferma quanto ave-
spazio pi piccolo. Molta entropia in poco spazio vamo sperimentato: pi il volume di una porzione di
significa quindi temperatura elevata. materia grande (con una determinata massa e a una
determinata temperatura), pi entropia contiene. Ce
Se riduciamo il volume di un gas la sua tempera- n'eravamo gi accorti con la transizione di fase
tura aumenta. liquido > gassoso: alla stessa temperatura, il gas
(grande volume) contiene pi entropia del liquido
Espresso in simboli si ottiene: (piccolo volume).
S = cost T V p (3) In fig. 13.9 sono riassunti i processi da (1) a (4) e i
Le espressioni da (1) a (3) descrivono tre diversi loro opposti.
processi a cui si possono sottoporre i gas. Ovvia-
mente valgono anche le affermazioni opposte. L'in-
versione della (1) darebbe: Esercizi
S T V p = cost 1. Sono necessari: una bottiglia con chiusura ermetica, una
ciotola con acqua calda e una con acqua fredda (vanno bene
In ognuno dei processi da (1) a (3) una delle gran-
anche le due sezioni di un lavello).
dezze mantenuta costante: in (1) la pressione, in
(2) il volume e in (3) l'entropia. Ci manca ancora un a) L'aria nella bottiglia aperta viene raffreddata con l'aiuto
processo dove resta costante la temperatura. Ma dell'acqua fredda. La bottiglia viene chiusa e spinta sotto la
anche questo facile da realizzare. sufficiente superficie dell'acqua calda. Svitiamo leggermente il tappo in
comprimere molto lentamente il gas di fig. 13.7, fig. modo che la chiusura non sia pi ermetica. Cosa succede?
13.8. La compressione dovrebbe causare un Come lo spieghi?
aumento della temperatura. Se per premiamo
S T V p = cost (1a)
25C S T V p = cost (1b)

S T V = cost p (2a)
S T V = cost p (2b)

S = cost T V p (3a)
70C
S = cost T V p (3b)

S T = cost V p (4a)
S T = cost V p (4b)

Fig. 13.7. Comprimendo un gas, la sua temperatura aumenta. Fig. 13.9. Rappresentazione simbolica di quattro processi. In
ognuno di loro, una delle quattro grandezze S, T, V e p,
viene mantenuta costante
148

b) L'aria nella bottiglia aperta viene riscaldata con l'aiuto


dell'acqua calda. La bottiglia viene chiusa e spinta sotto la su-
S S
perficie dell'acqua fredda. Svitiamo leggermente il tappo. Cosa
succede? Come lo spieghi? T alta espansione T bassa
2. In due contenitori c' la stessa quantit dello stesso gas
alla stessa temperatura. Ai due gas viene fornita la stessa
quantit di entropia. Di uno viene mantenuto costante il
volume, dell'altro la pressione. Le variazioni di temperatura dei
gas sono uguali? Se la risposta no, in quale gas la variazione di
temperatura maggiore? La temperatura aumenta o
diminuisce? Motiva le risposte! a b c
3. Come si pu fare per diminuire la temperatura di un gas
malgrado gli si fornisca entropia? Fig. 13.10. Principio di funzionamento dei motori termici.
(a) L'entropia viene fornita a un gas compresso. (b) Il gas si e-
spande. La sua temperatura scende e cede energia. (c) L'en-
tropia viene nuovamente ceduta a temperatura inferiore.
13.3 Il funzionamento dei motori scoppio, perch aziona la maggior parte delle auto-
termici mobili.
Nel paragrafo 11.4 avevamo visto che in un motore La macchina a vapore
termico l'entropia va da una temperatura alta a una
bassa e cos facendo "aziona" qualcosa - esattamen- Il problema pi grosso nel realizzare una macchina
te come in una turbina idraulica l'acqua va da una che lavori secondo il principio di fig. 13.10, sta nel
pressione alta a una bassa e cos aziona qualcosa. riuscire a far entrare e uscire in fretta l'entropia dalla
macchina. In nessun caso si procede come suggerito
Come facciamo a portare entropia da una tempera- dalla fig. 13.10, cio lasciando che l'entropia afflui-
tura alta a una bassa e far muovere qualcosa? sca al cilindro per normale conduzione termica. Il
Portare l'entropia da una temperatura alta a una processo sarebbe decisamente troppo lento. Cono-
bassa senza azionare niente non un problema. Di sciamo gi un trucco per portare rapidamente entro-
solito succede spontaneamente: lasciamo semplice- pia da un punto a un altro: per convezione. Ed cos
mente "scivolare" l'entropia in un conduttore, dalla che si fa anche nella macchine a vapore.
temperatura alta a quella bassa (vedi anche il para- Prima si riscalda un gas al di fuori del cilindro e poi
grafo 11.3). Ma l'energia che avremmo voluto tra- lo si conduce, assieme alla sua entropia, nel cilindro.
sferire al portatore di energia utile, per esempio la L si espande e contemporaneamente cede energia
quantit di moto angolare, se ne va interamente con al pistone. Poi, assieme alla sua entropia, lo lascia-
l'entropia prodotta. Viene sprecata. mo uscire nuovamente dal cilindro.
Come facciamo allora a portare l'entropia dalla tem- La fig. 13.11 mostra nel dettaglio come funziona
peratura alta a quella bassa senza produrre ulteriore una macchina a vapore. Il gas di lavoro utilizzato il
entropia? Da quando conosciamo le propriet ter- vapore acqueo. Il vapore prodotto nella caldaia e
miche dei gas, per noi non pi un problema. La fig. in seguito surriscaldato. L'immissione e lo scarico
13.10 mostra come fare. del vapore sono regolati dalla distribuzione a cas-
Si fornisce entropia a un gas compresso e poi lo si setto (un sistema che permette di aprire e chiude-
lascia espandere. Secondo la linea (3b) in fig. 13.9 la re alternativamente le aperture sul fondo del cilin-
temperatura diminuisce e contemporaneamente il dro). All'inizio il pistone tutto a sinistra, immagine
pistone viene spinto fuori. L'energia scaricata dal- a. Da sinistra affluisce vapore molto caldo alla parte
l'entropia se ne va con l'asta del pistone, per esempio sinistra del cilindro. Dopo che il pistone si mosso
a una manovella che fa ruotare un albero. un po' verso destra, immagine b, il cassetto chiude
l'immissione del vapore. Espandendosi, il vapore
In un motore termico un gas viene lasciato e- spinge il pistone verso destra, la pressione e la tem-
spandere. Cos facendo la pressione e la peratura diminuiscono. Il pistone raggiunge il punto
temperatura del gas diminuiscono e il gas cede morto a destra, immagine c, e comincia a tornare in-
energia. dietro. Nel frattempo il cassetto ha aperto lo scarico
Questo il principio che sta alla base di tutti i motori del vapore. Il vapore espanso e raffreddato viene
termici. C' per un gran numero di realizzazioni spinto all'aperto assieme alla sua entropia.
tecniche diverse di questo principio: la macchina a Lo stesso processo si ripete nella parte destra del
vapore, la turbina a vapore, il motore a scoppio, il cilindro. Il vapore nella parte destra spinge il pistone
motore diesel, il motore a reazione e molte altre verso sinistra.
ancora.
Le diverse parti di una macchina a vapore di questo
Analizziamo pi da vicino due di queste macchine: tipo sono facilmente riconoscibili su una locomoti-
dapprima le macchine a vapore, poich nel passato va, fig. 13.12.
hanno avuto un ruolo importante; poi il motore a
149

a caldaia

entra vapore esce vapore


b
cilindro

chiuso Fig. 13.12. Locomotiva a vapore.


esce vapore
c dro, fig. 13.13, immagine a. Nella fase di compres-
sione viene compresso, immagine b. Il pistone ora
nel punto morto superiore ed pronto a lavorare,
immagine c. Con l'aiuto di una scintilla elettrica
prodotta dalla candela, la miscela aria-benzina
prende fuoco. Brucia istantaneamente. Nella
entra vapore combustione viene prodotta entropia, la
esce vapore temperatura e la pressione aumentano
notevolmente. Ora il gas caldo spinge il pistone
Fig. 13.11. Macchina a vapore in tre diversi istanti. verso il basso. Intanto la temperatura e la pressione
diminuiscono. Questa la fase di lavoro, immagine
Il motore a scoppio d. Poi, nella fase di scarico, i gas di scarico con la
loro entropia sono spinti nello scappamento,
In questo caso il trucco per avere subito a disposi- immagine e.
zione entropia nel cilindro, consiste nel produrre
l'entropia nel cilindro stesso mediante combustione Si pu notare che un motore monocilindrico come
di una miscela di benzina in forma gassosa e aria. La questo lavora solo un quarto del tempo, cio nella
combustione avviene in maniera esplosiva, vale a fase di lavoro. Durante le altre fasi continua sullo
dire molto in fretta. slancio. Un motore a scoppio gira "pi rotondo" se
ha pi cilindri che si alternano al lavoro. La maggior
Quindi si deve prima riempire il cilindro con la mi- parte delle auto ha un motore a quattro cilindri.
scela infiammabile aria-benzina, e anche fare in Quando un motore del genere acceso, in ogni mo-
modo che il pistone sia spinto in fondo al cilindro. mento uno dei cilindri nella fase di lavoro.
Per farlo si lascia che il motore, per una rotazione,
lavori come pompa. Un motore a scoppio possiede una serie di strumenti
ausiliari:
Ogni mezza rotazione dell'albero motore viene
detta fase. Caricare il motore, vale a dire pompare, - il carburatore; qui la benzina viene vaporizzata
dura quindi due fasi: durante la fase di aspirazione e mescolata all'aria;
la miscela aria-benzina viene risucchiata nel cilin- - la pompa della benzina; porta la benzina dal
serbatoio al carburatore;
fase di
a aspirazione fase di
b compressione c accensione d fase di fase di
e scarico
lavoro
candela
valvola valvola

aspirazione scarico

caricamento del motore con


la miscela aria-benzina

Fig. 13.13. Motore a scoppio in cinque diversi istanti del suo ciclo.
150

- bobina di accensione e ruttore; generano l'eleva- A una porzione d'aria che si sta muovendo verso l'al-
ta tensione elettrica necessaria per le scintille; to succede esattamente il contrario: la sua tempera-
tura diminuisce.
- lo spinterogeno; distribuisce di volta in volta
l'alta tensione alla candela giusta. Quindi, la temperatura di un determinato pacchetto
d'aria con un determinato contenuto di entropia,
cambia se lo si muove su e gi. In alto pi freddo, in
Esercizi basso pi caldo. A ogni altitudine corrisponde una
temperatura.
1. Immagina che la "sostanza di lavoro" del motore termico
in fig. 13.10 sia un liquido invece di un gas. Il motore funzione-
rebbe? Motiva!
2. Un motore diesel costruito in modo molto simile a un
13.5 La convezione termica
motore a scoppio. Una differenza: non ha le candele. La miscela L'aria calda sale, come tutti sanno. Ma perch? Per
carburante-aria prende fuoco da sola. Come possibile? noi, che ormai siamo esperti di propriet termiche
3. Invece di chiudere il rifornimento di vapore al cilindro di dei gas, spiegarlo risulta facile. Consideriamo il
una macchina a vapore dopo che il pistone si spostato verso calorifero di un riscaldamento centrale. L'aria nei
destra, potremmo lasciarlo aperto finch il pistone pressi del calorifero si riscalda, si espande (vedi
completamente a destra. La macchina sarebbe allora pi paragrafo 13.2). In questo modo la sua densit di-
potente, cederebbe pi energia. Nelle locomotive a vapore venta inferiore a quella dell'aria non riscaldata che
questa modalit di funzionamento era possibile. Era usata per la la circonda. Quindi l'aria calda sale (vedi paragrafo
partenza e per le salite. Che svantaggi ha? 4.8). Cos l'essenziale spiegato.
Alla nostra aria per, dopo essere salita, succede
dell'altro: cede in continuazione entropia all'aria pi
fredda che ha attorno e agli oggetti presenti nel loca-
13.4 Perch l'aria pi in alto sopra la le e intanto si raffredda nuovamente. La sua densit
superficie terrestre pi fredda? torna ad aumentare e viene scacciata dall'aria appe-
na riscaldata che sale: scorre verso il basso e va a so-
Su in alta montagna pi freddo che gi a valle. Pi stituire l'aria calda che salita. In breve: si forma un
in alto saliamo, pi scende la temperatura. Per ogni circuito, fig. 13.14. Un processo del genere, dove
100 m di aumento di altitudine scende di circa 1 C. una corrente scorre in continuazione, viene detto
Molto spesso sugli aerei il comandante annuncia convezione termica.
l'impressionante basso valore della temperatura
esterna. Per un aereo che vola a 10 000 m di quota La convezione termica responsabile di molti tra-
sono circa -55 C. sporti di entropia in natura e nella tecnica. Un esem-
pio gi stato discusso: la convezione termica fa s
Come si spiegano temperature cos basse? La diffe- che l'entropia ceduta dai caloriferi sia ripartita in
renza di temperatura tra sopra e sotto non dovrebbe tutto il locale.
annullarsi? Come sappiamo, l'entropia scorre dalle
temperature pi alte a quelle pi basse. C' per un La convezione termica gioca un ruolo importante
ostacolo. L'entropia scorre solo se la resistenza alla anche nella formazione del vento. Alcuni venti na-
corrente non troppo grande. E l'aria scono in modo molto complicato, ma in altri casi ci
notoriamente un buon materiale isolante. Pochi troviamo di fronte a una semplice convezione ter-
millimetri d'aria tra i cristalli di una finestra a doppi mica.
vetri sono gi molto efficaci. Tra la parte superiore e Un esempio il vento di mare. il vento che soffia
quella inferiore dell'atmosfera terrestre c' una sulla costa durante il giorno, dal mare verso terra. La
strato d'aria spesso alcuni chilometri. Di radiazione solare fa salire molto la temperatura
conseguenza un riequilibrio delle temperature per
conduzione termica praticamente impossibile.
Ma come nasce questa differenza di temperatura?
Per capirlo dobbiamo scomodare le nostre cono- S S
scenze delle propriet termiche dei gas. L'aria
dell'atmosfera terrestre in continuo movimento. Il
finestra

perch lo vedremo nel prossimo paragrafo. Per il


momento immaginiamo semplicemente che qual-
cuno rimesti l'aria in continuazione.
calorifero

S
Consideriamo una determinata porzione d'aria che S
si sta muovendo verso il basso. Visto che la pressio-
ne in basso maggiore, si contrae. Ma il contenuto
di entropia della porzione d'aria non cambia e
secondo la linea (3a) in fig. 13.9, la sua temperatura Fig. 13.14. Correnti di convezione termica in un locale riscal-
deve aumentare. dato.
151

S S

aliseo
aliseo

sud
nord equatore
S
terraferma mare
Fig. 13.15. Il suolo riscaldato molto dal Sole, il mare molto Fig. 13.16. Sulla formazione degli alisei.
debolmente. Si forma una corrente di convezione.
della terraferma, poco quella dell'acqua (perch nel- Vogliamo considerare la convezione termica da un
l'acqua l'entropia si distribuisce su una profondit ulteriore punto di vista. L'aria assorbe entropia a
molto maggiore). L'aria sopra la terraferma si bassa altitudine e sale. Salendo, la temperatura
espande, diminuisce la sua densit e sale, fig. 13.15. dell'aria scende poich la sua densit diminuisce.
Dal mare, sopra il quale l'aria non si espande, scorre Poi continua a cedere entropia, in quanto la sua
aria in direzione della terraferma. Giunta ad alcune temperatura sempre pi alta di quella dell'ambien-
centinaia di metri di altitudine, l'aria della terrafer- te in cui si trova di volta in volta. Per cede l'entropia
ma scorre verso il mare e, giunta sopra il mare, ridi- a una temperatura pi bassa di quando l'ha assorbita.
scende. La superficie terrestre riscaldata dal Sole
corrisponde al calorifero nell'esempio di correnti Quindi all'aria succede ci che succede al gas di la-
convettive visto in precedenza. voro in un motore termico: assorbimento di entropia
a temperatura elevata, cessione a temperatura bassa.
Differenze di temperatura che causano differenti Di conseguenza possiamo interpretare ogni corren-
riscaldamenti dell'aria non sussistono unicamente te convettiva termica come un motore termico. Non
tra mare e terraferma, ma anche tra molti altri punti uno che fa ruotare un albero ma uno che fa muovere
della superficie terrestre. l'aria.
Quando un punto della Terra pi caldo dei suoi Infine, si estrae spesso l'energia dall'aria in movi-
dintorni immediati, si formano sempre delle corren- mento: nei mulini a vento, nelle turbine eoliche e
ti ascendenti, quando pi freddo delle correnti di- nelle barche a vela. Dalla corrente convettiva in un
scendenti. locale si pu estrarre energia per esempio con una
girandola natalizia.
Le correnti ascendenti che si formano nei punti caldi
(le cosiddette termiche) sono spesso sfruttate dagli
uccelli e dagli alianti per prendere quota.
Esercizi
Anche gli alisei sono un esempio di corrente convet-
tiva termica, fig. 13.16. Vicino all'equatore l'aria 1. Un liquido a cui si fornisce entropia si dilata molto poco.
viene riscaldata fortemente. Sale, e in altitudine Questa dilatazione comunque sufficiente per mettere in moto
scorre verso sud e verso nord, cio verso regioni pi correnti convettive. Fai un esempio. In che punto viene fornita
fredde. Attorno al 30 grado di latitudine (nord e entropia al liquido, da che punto gli viene tolta?
sud) ridiscende e torna all'equatore scorrendo a 2. Perch la fiamma di una candela va verso l'alto, vista dallo
bassa quota. Questa corrente che scorre in direzione stoppino, e non verso il basso?
dell'equatore l'aliseo.
14. La luce

14.1 Trasporto di entropia attra-


verso lo spazio privo d'aria.
Di solito un oggetto caldo si raffredda da solo, la sua un oggetto caldo porta quindi anche entropia. Di
entropia defluisce nell'ambiente: nell'aria e nel conseguenza un oggetto radiante cede incessante-
supporto su cui poggia. Vogliamo impedire questo mente entropia.
raffreddamento. Facilissimo, potremmo pensare:
basta mettere l'oggetto sotto vuoto, fig. 14.1. L'en- Il nostro problema per non ancora risolto del
tropia non pu pi sfuggire attraverso l'aria. Inoltre tutto: l'oggetto O considerato all'inizio non era per
abbiamo appeso l'oggetto, che chiameremo O, a dei niente incandescente. Quindi non emetteva luce.
fili lunghi e sottili che sono solo una minima falla Oppure s?
per l'entropia. Prima di rispondere dobbiamo ancora scoprire una
E qui osserviamo una cosa curiosa: primo, la cam- cosa che riguarda la luce.
pana a vuoto diventa chiaramente pi calda e
secondo, l'oggetto O si raffredda (come possiamo
constatare se lo togliamo dalla campana a vuoto). In 14.2 Tipi di luce
altre parole: l'oggetto caldo ha perso entropia anche
in assenza di un collegamento termicamente Dirigiamo su un prisma di vetro un sottile raggio di
conduttore. luce solare, o di luce di una lampadina a incande-
In linea di massima l'esperimento si potrebbe rea- scenza, o di una lampada ad arco e lo raccogliamo su
lizzare anche portando O dove non c' aria: nello uno schermo bianco posto a una certa distanza die-
spazio. Ma anche l l'oggetto si raffredderebbe. tro il prisma. Quello che vediamo non una macchia
bianca come forse ci saremmo aspettati, ma una
Quindi l'entropia deve essere in grado di muoversi striscia colorata, uno spettro, fig. 14.2.
attraverso lo spazio privo d'aria in un qualche colle-
gamento invisibile o con un portatore invisibile. La luce del Sole e quella delle lampade composta
Come si forma questo collegamento, qual il porta- da molti tipi di luce. Questi diversi tipi di luce
tore, si scopre facilmente riscaldando ulteriormente stimolano nel nostro occhio diverse sensibilit cro-
O, al punto da renderlo incandescente. Quando in- matiche. Se tutti i tipi di luce arrivano mescolati al
candescente emette qualcosa che noi tutti conoscia- nostro occhio, percepiamo il "bianco".
mo: luce. La luce addirittura passa particolarmente Il prisma per, devia i vari tipi di luce in maniera
bene attraverso lo spazio privo d'aria. Supera ad diversa, scompone la luce. La luce rossa quella che
esempio i 150 milioni di chilometri tra il Sole e la il prisma devia di meno. Poi seguono la luce aran-
Terra quasi senza perdite. La luce che proviene da

vuoto

infrarosso
rosso
O verde
violetto
ultravioletto

verso la pompa a vuoto

Fig. 14.1. L'oggetto O si raffredda anche se attorno a lui sta- Fig. 14.2. Grazie a un prisma di vetro, la luce bianca viene
to fatto il vuoto. scomposta nelle sue componenti.
154

cione, quella gialla, quella verde e quella blu. La a


luce viola infine quella che viene deviata maggior- vuoto b
mente.
La luce che possiamo percepire con gli occhi
comunque solo una piccola parte tra tutti i tipi di
luce presenti in natura e che possiamo anche
generare con mezzi tecnici. Oltre alla luce visibile ci Talta Tbassa
sono molti tipi di luce per i quali non abbiamo degli
organi sensoriali. Tutti questi tipi di radiazione,
visibile e non visibile, vengono chiamati "radiazio-
ne elettromagnetica". Tbassa Talta
Anche la luce solare e la luce delle lampade conten-
gono radiazione non visibile e anche quella viene Fig. 14.3. Anche in uno spazio privo d'aria, tra i corpi si in-
deviata dal prisma. Grazie a speciali apparecchi di staura l'equilibrio termico.
misurazione si pu provarne la presenza. Constatia- anche energia. Quindi, il corpo che si raffredda con
mo che c' "luce" che viene deviata pi del viola. la luce cede sia entropia che energia.
Questa radiazione detta radiazione ultravioletta.
E c' "luce" che viene deviata meno della luce rossa: La luce (visibile e non visibile) trasporta entro-
la radiazione infrarossa. pia e energia.
Quali tipi di luce vengono emessi da un corpo e Sulla base dei ragionamenti appena fatti potremmo
quanta ne emette, dipende dalla temperatura del trarre una conclusione errata. Se ogni corpo con una
corpo. temperatura superiore a 0 K irradia entropia, allora
se messo sottovuoto dovrebbe raffreddarsi sempre
Pi un corpo caldo, pi la sua temperatura alta, pi fino a raggiungere 0 K. Questo per non succe-
pi luce al secondo emette. Solo alla temperatura di de. Al contrario: se portiamo un corpo O a una tem-
0 K non emette pi niente. peratura inferiore alla temperatura ambiente e poi lo
Inoltre la composizione della radiazione cambia se mettiamo sottovuoto (come in fig. 14.1), non si
cambia la temperatura del corpo radiante. La super- raffredda. Anzi, addirittura si riscalda.
ficie del Sole ha una temperatura di circa 5800 K. La Si riscalda anche se cede entropia. Come si pu
maggior parte della luce che irradia luce visibile. Il spiegare? Abbiamo dimenticato di tener conto di
filamento di una lamdapina a incandescenza ha una una cosa: non solo il nostro oggetto O a irradiare
temperatura di circa 3000 K. Per lui la componente ma anche tutti gli oggetti attorno. Con la radiazione
di luce infrarossa molto pi grande in rapporto alla emessa, O cede entropia - ma riceve anche entropia,
luce visibile. Se il corpo radiante ha una temperatura con la radiazione emessa dai corpi che ha attorno. Se
di circa 1100 K ( 800 C) al calor rosso. Della luce la temperatura di O superiore alla temperatura am-
visibile resta solo la luce rossa, la maggior parte biente, O cede all'ambiente pi entropia di quanta ne
luce infrarossa. Sotto i 900 K ( 600 C) un oggetto riceva, fig. 14.3a. Se la sua temperatura inferiore a
emette solo luce infrarossa. quella dei corpi che ha intorno, riceve pi entropia
Pi la temperatura di un corpo elevata, pi di quanta ne ceda, fig. 14.3b. In entrambi i casi
radiazione elettromagnetica emette. quindi, la "corrente netta di entropia" va dalla
temperatura pi alta a quella pi bassa. E in
Se avesse ls temperatura della superficie del Sole entrambi i casi anche il risultato finale lo stesso: le
(5800 K) la maggior parte della radiazione sa- temperature si uguagliano, si instaura l'equilibrio
rebbe luce visibile. Pi si scende con la tempera- termico.
tura del corpo radiante, pi piccola la parte di
luce visibile e pi grande quella di luce infraros- La corrente (netta) di entropia scorre da punti a
sa. Sotto i 900 K non emette che luce infrarossa. temperatura alta verso punti a temperatura pi
bassa anche quando il trasporto di entropia av-
viene per radiazione elettromagnetica.
14.3 Trasporto di entropia e di
energia con la luce Esercizio
Torniamo al nostro corpo O che si raffredda sot- Un corpo C viene posto tra due pareti parallele A e B che sono a
tovuoto. Abbiamo constatato che O emette luce, vi- temperature diverse TA e TB, fig. 14.4. TA maggiore di TB.
sibile o anche non visibile, che pu attraversare il a) Cosa si pu dire della temperatura assunta da C?
vuoto. Evidentemente - visto che si raffredda - O
cede entropia che deve essere portata via dalla luce. b) Cosa si pu dire delle correnti di energia tra le pareti e di quel-
le tra il corpo C e le pareti?
Ma sappiamo da tempo che l'entropia un portatore
di energia. Dove fluisce entropia fluisce sempre
155

specchio
A

C
B
termometro

Fig. 14.4. Per l'esercizio alla fine del paragrafo 14.3. Fig. 14.6. Lo specchio parabolico fa in modo che la luce sola-
re colpisca il termometro da tutte le direzioni.

14.4. La temperatura della luce abbiamo di nuovo tralasciato qualcosa. In effetti il


termometro fa ancora un compromesso: oltre che
La luce emessa da un corpo ha la stessa temperatura con la luce solare il termometro in contatto termico
del corpo. Cos la luce che proviene dalla superficie anche con la radiazione infrarossa dell'ambiente.
del Sole ha la temperatura della superficie del Sole, Questa radiazione a temperatura ambiente, cio
cio circa 6000 K. Questa affermazione non sembra circa 300 K. E, mentre la radiazione solare lo colpi-
molto plausibile: se la luce solare avesse questa sce da una sola direzione, la luce a 300 K giunge al
temperatura, non dovrebbe bruciare termometro da angolazioni diverse, fig. 14.5.
istantaneamente tutto ci che esposto alla Quindi normale che anche questa volta la misura-
radiazione solare? E se questa la temperatura della zione sia nettamente in favore della temperatura
luce solare, allora la si dovrebbe poter misurare ambiente.
anche esponendo un termometro al Sole.
Ma allora come possiamo misurare la temperatura
Per risolvere questo problema dobbiamo capire della luce solare? Dobbiamo fare in modo che la
meglio come utilizzare un termometro. Per misura- luce giunga al termometro da tutte le direzioni, non
re la temperatura di un oggetto o di una sostanza, solo da alcune, e lo facciamo usando lenti o specchi,
l'oggetto o la sostanza devono essere messi in con- fig. 14.6. Il termometro indicher la temperatura del
tatto con il termometro. Se teniamo semplicemente Sole se dal suo punto di vista il Sole visibile in tutte
un termometro alla luce del Sole, il termometro s le direzioni (naturalmente i nostri normali termo-
in contatto con la luce solare - la luce solare "tocca" metri non sono pi adatti).
il termometro - ma viene toccato anche da altre cose.
Sai che con una lente si possono ottenere temperatu-
Innanzitutto c' l'aria. Anche lei tocca il termome- re molto elevate focalizzando la luce solare in un
tro. Quale temperatura indicher il termometro? piccolo punto, per esempio su un pezzo di legno.
Quella dell'aria o della radiazione solare? Il termo- Possiamo descrivere il processo in questo modo:
metro far un compromesso e indicher una tempe- tentiamo di esporre il legno alla luce solare da tutte
ratura che non n quella dell'aria, n quella della le direzioni, in modo che il legno assuma la tempe-
luce del Sole. ratura della luce. Naturalmente nei fatti, usando una
comune lente, la luce non giunge al legno da tutte le
Possiamo provare ad aiutarci pompando tutta l'aria direzioni ma ancora da una regione limitata. Quindi
da un recipiente trasparente e mettendovi il termo- il legno raggiunge una temperatura abbastanza ele-
metro. La temperatura che indica ora comunque vata ma sempre ben lontana da quella della luce.
ancora lontana dai 6000 K attesi. normale poich

Sole termometro
14.5 Bilancio entropico e bilancio
luce
solare
energetico della Terra
u c e
l Assieme alla luce, la Terra riceve continuamente
dal Sole entropia e quindi anche energia.
i
L'intensit della corrente di energia che, venendo
n
dal Sole, cade su un metro quadrato di superficie
a f terrestre un numero importante e anche facile da
s r ricordare: vale circa 1 kW. Si dice anche che la
s o r
a costante solare vale 1 kW/m2. La superficie di un
metro quadrato considerata dev'essere perpendico-
Fig. 14.5. La luce del Sole proviene da una sola direzione. Da lare ai raggi del Sole, fig. 14.7. Ovviamente se di
tutte le altre direzioni proviene radiazione infrarossa a 300 K.
156

luce ra d i a z i on e
solare i n f r
a
r
1 m2 o
perpendicolare s
ai raggi di luce s
1 kW luce a
solare

1 m2
non perpendicolare
ai raggi di luce
meno di 1 kW

Fig. 14.7. Su una superficie di 1 m2 perpendicolare alla di- Fig. 14.8. La Terra riceve luce solare da una sola direzione e
rezione della luce solare, l'intensit della corrente di energia irradia in tutte le direzioni.
incidente 1 kW
sbieco riceve meno di 1 kW. Inoltre questo valore
14.6 L'effetto serra
della costante solare valido solamente con cielo L'atmosfera notoriamente trasparente alla luce
sereno. visibile. (Altrimenti sarebbe buio anche di giorno e
Costante solare 1 kW/m2 non solo di notte.) Per contro l'atmosfera lascia pas-
sare male la radiazione infrarossa. La colpa prin-
Ora, se la Terra non cedesse n energia n entropia, cipalmente della piccola quantit di anidride car-
dovrebbe riscaldarsi sempre pi - e non lo fa. Come bonica contenuta nell'atmosfera. Quindi l'anidride
riesca a mantenere costante la sua temperatura carbonica - in simboli chimici CO2 - una specie
chiaro: visto che la sua temperatura non 0 K, emet- di materiale isolante per la radiazione infrarossa.
te lei stessa luce infrarossa e, con la luce, entropia e Vogliamo analizzare cosa succede quando il
energia. contenuto in CO2 dell'atmosfera aumenta in seguito
a un qualsiasi evento.
Mentre la luce solare giunge alla Terra solo da una
parte, la Terra emette in tutte le direzioni, fig. 14.8. La luce solare incidente non ne toccata: la Terra
viene riscaldata dal Sole come prima. Invece la per-
Visto che la Terra non si riscalda e non si raffredda, dita di calore inizialmente diminuisce, in quanto la
la corrente di energia che viene emessa deve avere la radiazione non riesce pi a passare tanto facilmente.
stessa intensit di quella che viene ricevuta: In questo modo la temperatura aumenta. A sua volta
Pentra = Pesce temperatura elevata significa emissione pi intensa
di radiazioni. L'emissione aumenta sempre pi - e lo
Con l'entropia non cos facile. Sulla Terra viene fa fino a riprendere il suo vecchio valore: fino a
prodotta molta entropia. Quindi la luce emessa deve quando la corrente di energia emessa e quella rice-
portare pi entropia della luce solare ricevuta. Oltre vuta hanno di nuovo la stessa intensit. Il nuovo
all'entropia proveniente dal Sole, la luce infrarossa equilibrio dinamico si distingue dal vecchio (prima
emessa deve portar via nello spazio anche tutta l'en- che aumentasse il contenuto in CO2) per la tem-
tropia prodotta sulla Terra, in modo che il contenuto peratura: la temperatura aumentata.
di entropia della Terra resti costante:
Pi il contenuto in CO2 dell'atmosfera alto, pi
I S esce = I S entra + I S prodotta la temperatura che si instaura sulla Terra elevata.
Il bilancio energetico e il bilancio entropico della Come chiarimento confrontiamo ancora una volta
Terra sono descritti dalle stesse equazioni dei bilan- la Terra con una casa riscaldata. Se miglioriamo l'i-
ci corrispondenti per la sbarra di fig. 11.7, vedi para- solazione della casa senza ridurre il riscaldamento,
grafo 11.3. la temperatura in casa si assesta su un valore pi
Possiamo anche paragonare la Terra a una casa ri- alto. Ma a questa temperatura pi elevata la corrente
scaldata. La caldaia della casa fornisce una determi- di energia che defluisce a causa delle perdite di
nata corrente di energia e una determinata corrente calore ha nuovamente la stessa intensit della
di entropia. L'intera corrente di energia esce dalla corrente di energia fornita dal riscaldamento.
casa a causa delle varie perdite di calore. Con questa Il contenuto di CO2 dell'atmosfera di circa 0,03%
corrente di energia non se ne va solo l'entropia cedu- (lo 0,03 % delle molecole dell'aria sono molecole di
ta dal riscaldamento, ma anche l'entropia prodotta CO2). Al momento la componente CO2 dell'aria
nella casa e nelle pareti. sta aumentando fortemente: la combustione di
Visto che la corrente di entropia che esce dalla carbone nelle centrali elettriche, di olio
Terra, risp. dalla casa, assume un valore costante nel combustibile negli impianti di riscaldamento delle
tempo, si tratta di equilibrio dinamico. case e dei carburanti (benzina e gasolio) nei motori
delle automobili, genera CO2. L'anidride carbonica
157

viene scomposta dalle piante, che cos producono Esercizio


ossigeno. Attualmente per la scomposizione del
CO2 da parte delle piante sta diminuendo a causa Se il contenuto in CO2 della Terra dovesse cambiare, sulla Terra
del continuo abbattimento di nuove aree di foresta si instaurerebbe una nuova temperatura. Nel capitolo 4
tropicale. Quindi si deve presupporre che nei avevamo una situazione del tutto analoga: avevamo cambiato
prossimi decenni la temperatura della Terra la resistenza all'aria di un corpo. Cos facendo la velocit del
aumenter. Anche se l'aumento solo di pochi C corpo si era assestata su un altro valore. Di che processo si
pu avere gravi conseguenze. Alcune parti dei tratta? Confronta i due fenomeni.
ghiacci polari potrebbero sciogliersi. Il livello del
mare aumenterebbe e il mare inonderebbe vasti
territori.
Questo fenomeno per cui l'atmosfera lascia passare
la luce del Sole ma non la radiazione infrarossa
emessa dalla Terra, detto effetto serra. Infatti nelle
serre si svolge lo stesso processo, ma con il vetro al
posto dell'atmosfera. Anche il vetro trasparente
alla luce visibile ma non alla luce infrarossa. Trattie-
ne la radiazione infrarossa generata nella serra e
quindi la temperatura nella serra pi elevata che se
il vetro fosse trasparente alla luce infrarossa.
Indice analitico

addizione vettoriale 69 energia 9 segg.


affondare 57, 109 - contenitori di 14, 61 segg.
airbag 44 - corrente di 14
assenza di peso 54 segg. - diagramma di flusso della 11
attrito 28, 33 - intensit della corrente di 14
- perdita di 135 segg.
bar 17 - portatori di 9 segg., 59 segg., 100 segg., 129 segg.
baricentro 86 segg., 89 segg. - ricevitore di 10
barometro 18 - sorgente di 10
bollire 142 - trasferitore di 12 segg.
braccio della leva 81 - trasporto convettivo di 127
- trasporto idraulico di 22, 112
caduta con attrito 52 entropia 117 segg.
caduta libera 51 - come portatore di energia 127 segg.
calore 117 - contenitore di 143
- pompa di 120, 130 - contenuto di 137
- quantit di 117 - corrente di 117 segg.
campo gravitazionale 49, 62 - intensit della corrente di 124
campo magnetico 33 - produzione di 122, 131, 136
capacit termica specifica 139 - sorgente di 134
carnot 118 equilibrio 87
carrucola 77 - dinamico 35, 53, 154
cella solare 13 - di pressione 18
centrale a carbone 134 - instabile 88
- elettrica 10 - stabile 88
- idroelettrica 62 - termico 119
- nucleare 134 evaporare 142
- solare 134
- termica 134 fluido 145
cintura di sicurezza 44 forza 40
circuito 11 - di gravit 50
climatizzatore 120 - peso 50
combustibile 9 frazioni delle unit di misura 26
compressione (tensione di) 36 segg.,101 freddo da evaporazione 143
compressore 11 freni 33
comprimibilit 145 frigorifero 120, 144
condensare 141
convezione 127 galleggiare 57, 109
convezione termica 150 gas 145 segg.
corda 32, 74 segg. generatore 12
corrente del Golfo 128 grandezza fisica 9, 25
costante locale 50
costante solare 155 huygens 27

densit 56 segg., 105, 146 intensit della corrente 19 segg.


diffusione 142 inversione di spinta 34
dilatazione termica 146
dinamometro 39 joule 9

effetto serra 156 kelvin 122


elettricit 9 segg.
lago artificiale 58 quantit di moto angolare 12, 93 segg.
legge di Hooke 42 - circuito di 99 segg.
legge della leva 81 - come portatore di energia 102 segg.
luce 153 segg. - conduttore di 97 segg.
- tipi di 153 - corrente di 93 segg.
Luna 71 - pompa di 95

macchina a vapore 135, 148 radiazione infrarossa 154


macchina del freddo 121 radiazione ultravioletta 154
manometro 17 razzo 34
martello pneumatico 11 reazione chimica 123
massa 27 regola dei nodi 20
miscela refrigerante 143 - per le correnti di quantit di moto 40, 75
molla 42, 61 regola della mano destra 95
- costante della 42 resistenza 21
momento meccanico 82 segg. - di reazione 123
motore a combustione interna 135 - termica 125, 132
- a reazione 34, 135 ruota 33, 72
- a scoppio 149 riscaldamento centrale 10, 127
- diesel 147
- termico 133 segg., 148 satellite 71
multipli delle unit di misura 26 scavatrice 12, 22
sonda spaziale 72
newton 39 sovrapressione 17
nodo 20 spinta 18, 118
spinta idrostatica 108 segg.
oscillazione 63 superconduttore 38
Systme International 48
paracadute 54
paranco 79 tachimetro 45
pascal 17 temperatura 117 segg.
pianeti 71 - assoluta 121
pompa 19 - di ebollizione 141
portatore di energia del tipo "vuoto a perdere" 11 - di fusione 141
portatore di energia del tipo "vuoto a rendere" 11 tenaglia 83
pressione 17, 101 segg. tensione meccanica 101
- gravitazionale 105 segg. torsione (tensione di) 98
- normale 17 transizione di fase 141 segg.
processo irreversibile 124 trazione (tensione di) 36 segg., 101
turbina 133 segg.
quantit di moto 25 segg. turbina idraulica 12
- circuito di 37
- come portatore di energia 61 segg. velocit 26, 44
- conduttore di 32 - angolare 93
- corrente di 32 - limite 53
- intensit della corrente di 39 segg. vettore 65 segg.
- longitudinale 72 volano 96
- non conduttore di 32 vuoto 17
- pompa di 30 segg.
- trasversale 72 watt 14