Sei sulla pagina 1di 2

Carta Archeologica Online del Friuli Venezia Giulia - www.archeocartafvg.

it

Itinerario 15: La costiera triestina.

Questo itinerario, iniziando da Trieste, attraversa i luoghi pi tipici dal punto di vista
paesaggistico e geografico, oltre che archeologico, della provincia di Trieste.
Partendo dal mare, si giunge sul Carso con le sue caratteristiche formazioni
geologiche, con le tipiche basse formazioni circolari dette doline e con le
caratteristiche trattorie ove si possono gustare specialit della cucina mitteleuropea
ed assaggiare il vino locale chiamato "terrano".

Km. 35 c. + ritorno. Dal centro della citt di Trieste ci si dirige verso Villa Opicina
(frazione di Trieste), posta sull'altipiano carsico a circa 8 km. di distanza.

Evitando la superstrada E 63, da Villa Opicina ci si diriga verso Monrupino (c. 5


km.) per accedere al grande castelliere ben visibile nei pressi della chiesa (vedi).
Poco prima di Monrupino, si tocca il Borgo Grotta Gigante dove si trova appunto
un'ampia caverna, formatasi per sprofondamento ed erosione, interessante sia dal
punto di vista speleologico che paleontologico, detta Grotta Gigante (vedi).
Ultimata la visita ci si sposta di circa 4 km. a Rupinpiccolo (Comune di Sgonico)
(vedi), facilmente raggiungibile seguendo la segnaletica stradale, per visitare il
secondo castelliere e poi proseguire verso Duino, distante circa 14 km.
Visitati i due castellieri preistorici, tra i numerosi presenti nella zona, il percorso si
sposta verso le cave romane di marmo di Aurisina (a c. met percorso fra
Rupinpiccolo e Duino) ed in seguito sulla costiera, ove si potr ammirare dall'alto il
Carta Archeologica Online del Friuli Venezia Giulia - www.archeocartafvg.it

magnifico panorama del golfo di Trieste, ben visibile soprattutto percorrendo il


sentiero attrezzato "Rilke" che si estende da Sistiana a Duino (vedi). Da
quest'ultima localit si arriva a S. Giovanni di Duino (vedi), percorrendo la S.s. 14.
L'itinerario termina con la visita della chiesa paleocristiana di S. Giovanni di Duino
(detta anche S. Giovanni in Tuba), visitando anche le sorgenti del fiume sotterraneo
Timavo, luogo ameno e celebrato anche dal poeta latino Virgilio nell'Eneide e nelle
Bucoliche.

Potrebbero piacerti anche