Sei sulla pagina 1di 71

Quadrato

Magico 114
Passato, Presente e Futuro

Poste Italiane spa - Sped. in A.P. 70% LO/BG - contiene un allegato

Notiziario
del
CENTRO DIFFUSIONE ORIGAMI
Inverno 2015/2016
indice
Editoriale 1 Dal presidente di Roberto Gretter

Quando il foglio si trasforma e


Convegni 3
al Convegno prende la giusta piega! di Marco Torredimare
Un convegno che lascia il segno! di Alessandro Ripepi
Un'esperienza indimenticabile!!! di Roberto Ciancia
Ognuno un trait dunion che
permette allorigami di essere
CENTRO DIFFUSIONE ORIGAMI CASELLA POSTALE 28 27011 BELGIOIOSO (PAVIA)

ovunque in ogni momento di Alain Georgeot


Gentile presidente di Andrea Borsa

Carta Bianca 17 Jerry Bogani di Jerry Bogani


e-mail: info@origami-cdo.it www.origami-cdo.it

Flipp di Gabi Ferraro e Yuri Carminati


Origamisti in 20 le mille facce di Oscar Orlandi di Roberto Morassi
controluce
Mondorigami 23 Appuntamenti e date a cura di Francesco Mancini
Convegno origami pro di Luisa Canovi

Origami insieme 26 La masu nel "cuore" di Paolo Bascetta


Portacandele di Nilva Fina Pillan
Shark di Nicholas Terry
Nice Star di Andrey Hechuev
Eve di Ekaterina Lukasheva
Libellula di Pasquale D'Auria
Cassettina della frutta di Francesco Decio

Didattica 50 Italiani al convegno di Friburgo di Costanza Gheri


"Segnare" immagini in origami di Vittoriana Losavio
III Convegno italiano su origami,
dinamiche educative e didattica di Roberto Gretter

Recensioni 59 I "favolosi" animali di La Fontaine di Pasquale D'auria

Oh... Ricordi! 64 di Francesco Miglionico


Come abbonarsi abbonamento Italia cartaceo + digitale
annual fee for Italy 35 printed + digital
bollettino postale su c/c postale Nr. 17619214
bonifico sul c/c postale n. 17619214 abbonamento Europa cartaceo + digitale
IBAN: IT39I0760110800000017619214 - BIC: BPPIITRRXXX annual fee for Europe 50 printed + digital
bonifico sul c/c bancario n. 05000100000123181 abbonamento Extra Europa cartaceo + digitale
presso Banca Prossima annual fee for extra Europe 70 printed + digital
IBAN: IT68Y0335901600100000123181 - BIC BCITITMX abbonamento digitale solo digitale
Paypal allindirizzo pagamenti@origami-cdo.it digital annual fee 35 only digital

Editore: Centro Diffusione Origami Direttore Responsabile: Roberto Morassi


Autorizz.: Trib. Firenze n. 2835 del 21/3/1980 Stampa: GIERRE SRL - Bergamo CDO 2016
La Redazione QM ringrazia tutti gli amici che, contribuendo, hanno permesso la realizzazione di questo notiziario. Inoltre, pur ponendo
attenzione, il CDO declina ogni responsabilit in merito alloriginalit di quanto pubblicato, di esclusiva responsabilit dellautore.
Quanto inviato al CDO non verr restituito, pur rimanendo all'autore tutti i diritti di copyright.
Editoriale Dal Presidente

CENTRO DIFFUSIONE ORIGAMI

Il XXXIII convegno di dicembre ha segnato un paio di record: 278 partecipanti, di cui 76


stranieri, a testimonianza di una notoriet che supera i confini nazionali. E stato un convegno
ricco di spunti e di soddisfazioni: i tre ospiti sono stati molto apprezzati per la loro disponibilit,
i laboratori che hanno tenuto sono stati seguitissimi. Non mi ci dilungo troppo, anche perch
riportiamo diverse lettere che danno un bel quadro di tutto linsieme. Grazie alleccezionale
partecipazione, da un punto di vista economico il convegno terminato in lieve attivo
nonostante avessimo deciso di abbassare la quota rispetto allanno precedente e avessimo
invitato ben tre ospiti da altri continenti. Lassemblea stata ricca di spunti e di discussioni
vivaci ma proficue, che potete ritrovare nellarea soci del sito, sezione verbali. Il direttivo gi
al lavoro da tempo per organizzare il XXXIV convegno, che possiamo anticipare sar ancora a
Tabiano dall8 dicembre (gioved) all11 dicembre 2016 (domenica).
Il convegno stato caratterizzato dalla presenza di numerosi ragazzi, il che ha suggerito di
organizzare un faccia a faccia presidente ragazzi al duplice scopo di far capir loro quanto
siano importanti per il futuro del CDO e di sondare eventuali loro esigenze. Lincontro stato
annunciato durante lassemblea e fissato per il tardo pomeriggio dello stesso giorno. Ci siamo
ritrovati in una saletta tranquilla, abbiamo lasciato la porta aperta per permettere a chi volesse
dare unocchiata di curiosare, ogni ragazzo doveva portare un origami che lo rappresentasse.

1
Editoriale Dal Presidente
Lincontro stato bello, abbiamo parlato per lo pi di origami, ognuno ha avuto modo di
raccontare agli altri i tipi di modelli che preferisce, le tecniche che usa, se ha gi raggiunto uno
stadio creativo o se deve ancora arrivarci. Dopo qualche rapido giro di tavolo la timidezza
iniziale sparita, e quando arrivata ora di cena abbiamo deciso di prenderci un tavolo
tutto per noi e continuare la riunione a cena, e poi ancora nel salone, piegando qualcosa.
In assemblea era emerso il dubbio se non bisognasse fare qualcosa di specifico per i ragazzi,
ma dalla riunione questo non emerso, anzi. Loro si sentono perfettamente integrati nel
convegno, lo vivono in maniera perfettamente naturale, percepiscono che i grandi non li
considerano affatto piccoli ma prendono seriamente ogni loro richiesta, vista la grande
offerta trovano come tutti i tavoli adatti alle loro esigenze. Daltra parte ovvio, per
chiunque sappia osservare, che il grado di maturit origami di una persona ha ben poco a
che vedere con la sua et anagrafica, semmai col tempo che ha dedicato allorigami stesso, e i
piccoli imparano ed assorbono prima e meglio dei grandi. E stato bello, da ripetere.

Per quanto riguarda il ruolo di tesoriere, dopo la defezione per motivi di lavoro di Rossella
Scarpa, il direttivo ha individuato unaltra socia che in prospettiva sostituir Luigi Leonardi:
Stefania Serre, che stata ufficialmente presentata ai soci durante lassemblea. Stefania
affiancher Luigi nel ruolo di tesoriere durante tutto il 2016, ed entrata formalmente a far
parte del direttivo dal 1 gennaio 2016.

C un gran fermento nella didattica origami. Archiviato il convegno di Friburgo, descritto


in un articolo in questo QM, siamo lanciatissimi nellorganizzazione del Terzo convegno
italiano su origami, dinamiche educative e didattica, che si terr a Bellaria dal primo al 3
aprile. Questo appuntamento nazionale viene preceduto da almeno due altri appuntamenti
locali che si terranno in marzo: una giornata a Busto Arsizio, dove le prenotazioni sono state
cos numerose da costringere gli organizzatori a chiuderle dopo aver raggiunto quota 120,
e un pomeriggio per insegnanti a Trento, innescato dal mio intervento al TEDxTrento ed
organizzato in collaborazione col MUSE, il nuovo museo di scienze.

Questo QM la prima pubblicazione del 2016, e ha come allegato il QQM57 origamload


di Francesco Miglionico che risulta invece essere lultima pubblicazione del 2015, ed stata
consegnata in anteprima ai partecipanti al convegno.

Ho infine il grande piacere di segnalare che nei prossimi convegni ci saranno ben tre ospiti
italiani: Federico Scalambra in Israele, Francesco Mancini in Francia, Riccardo Foschi in Spagna.
Complimenti a tutti loro, hanno certamente meritato questo riconoscimento e siamo certi
che si faranno onore.
DIFFUSIO
O
buone pieghe a tutti
NE
- CENTR

ORIGA

Roberto M
2

I-
QM 11

2
Convegni
Ricordando il convegno
Qui di seguito c una raccolta di pensieri, suggestioni e impressioni che i soci pi scriverecci
ci hanno mandato.
Grazie mille e buona lettura!

Quando il foglio si
trasforma e al Convegno
prende la giusta piega!

di Marco Torredimare

Appena mi sono seduto nella macchina che mi avrebbe riportato a casa e alla vita
normale, capii che il convegno era finito e dovr aspettare altri dodici mesi prima
di rivivere questa bellissima esperienza. Sistemai i bagagli sul retro, chiusi gli occhi
e incominciai a pensare agli ultimi quattro giorni e a come la mia passione si sia
trasformata negli anni.
La mattina del primo giorno, quando partii per questa nuovissima esperienza, la
mia testa era piena di domande. Non sapevo bene cosa aspettarmi e come mi sarei
trovato in un nuovo ambiente di cui non conoscevo in pratica nessuno. Ho sempre
piegato da solo, con diagrammi e video su internet, senza fare mai troppo caso alla
carta che usavo n alla struttura generale che stavo modellando con le mie mani,
quindi la realt che stavo per scoprire mi avrebbe fatto riflettere sulla mia passione
pi grande e sul come io la facessi.
Gi allandata iniziai a piegare con le mie compagne di viaggio, Stefania Serre, la
persona che mi ha riportato allorigami in prima superiore, e Anna Giordano, che
intanto millustrarono un po come funziona al convegno e tra un modello e laltro
arrivammo a Tabiano. Appena entrati nellhotel, notai la struttura allingresso,
la piramide dellamicizia di Francesco Decio, e l gi realizzai Sono arrivato al
convegno del CDO!.
Posai velocemente le valigie in camera e mi lanciai ai tavoli.

3
convegni Marco Torredimare

L incontrai la prima difficolt: dovevo scegliere solo un modello da piegare


per sessione, ma ne volevo fare quattro, o cinque, tutti nello stesso momento!
Cercai di organizzarmi affinch riuscissi a fare il numero maggiore di tavoli che
minteressavano, ma in seguito notai che era pieno di persone che potevano
insegnarmi migliaia di cose, dagli origami pi disparati a come scegliere la carta,
da tecniche per migliorare il mio processo di piegatura al design dei modelli...
insomma stata una vera e propria lezione di vita!
Un altro aspetto che mi ha sorpreso ed entusiasmato allo stesso tempo, stato
il fatto di piegare con persone che io conoscevo solo per nome e per gli origami
da loro realizzati, come i tre ospiti Tomoko Fuse, Jun Mitani e Bernie Peyton,
ma anche Alessandro Beber, Alessandra Lamio, Daniela Carboni, Naomiki Sato,
Alexander Kurth, ... penso la lista sia
infinita. Persone che nella vita odierna
sono come tutti, ma in quel piccolo
ambiente diventano come degli dei
scesi sulla terra, disposti a condividere
con noi mortali ci che la loro mente
riesce a partorire. Come le centinaia di
opere darte esposte alla mostra e per
il concorso, modelli che spaziavano
dai figurativi piegati da Loel Guy agli
interi castelli di carta di Franco Pavarin.
La cos grande variet di origami
rispecchiava anche la vasta fascia
det che coinvolgeva il convegno: da
persone nate nel terzo millennio a chi ha nipoti con anni a due cifre! Probabilmente
proprio questa la bellezza di cui tutti parlano, la diversit, lunicit e lunit.
Caratteristiche che chi viene da mondi esterni a quello dellorigami cerca, ma trova
raramente...
Trovo risposta a questo dilemma solo con i partecipanti: interessati, disponibili,
umili, sempre con il sorriso sulla bocca e con la carta tra le mani, anche dopo
tre giorni di assenza di sonno (ho anche visto il primo caso di sonnambulismo
origamista!) e con persone come me, che non avevano mai visto prima. A tutti loro,
chi gi conoscevo e chi ho avuto modo di conoscere, pongo i miei pi forti e sinceri
ringraziamenti, mi hanno fatto passare delle giornate bellissime che volavano via,
quasi pi velocemente delle banconote nel mio portafoglio nel mercatino! Grazie
a Stefania Serre, Anna Giordano ed Enrica Pelissero per la compagnia in viaggio; al
team notturno di Francesco Cirillo, Alessandro Beber, Alessandra Lamio, Daniela

4
convegni Marco Torredimare/ Alessandro Ripepi

Carboni, Riccardo Foschi, Daniela Cilurzo e Martin Rohrmann, per tutte le cose
che mi avete insegnato e alla pazienza che avete avuto con me; a Yuri Carminati
e Gabriela Ferraro per le belle serate a piegare modelli semplici e stupendi, in
particolare con Naomiki Sato; a Roberto Gretter per aver dedicato del tempo per
approfondire il tema origami e le sue applicazioni al mondo di tutti i giorni; a tutti
i tavoli a cui ho partecipato, Luisa Canovi, Jun Mitani, Bernie Peyton, Tomoko Fuse,
Alessandro Ripepi, Ilan Garibi e Krystina Burczyk; a tutti coloro che hanno mangia -
piegato con me e a tutti gli origamisti con cui ho avuto il piacere di condividere una
risata, una piega o anche solo uno sguardo di sfuggita! Grazie ancora a tutti e grazie
al direttivo del CDO per organizzare questo magnifico evento... sto gi prenotando
il treno per il prossimo anno!

Un convegno che
lascia il segno!
And the countdown
for the next... restArt

di Alessandro Ripepi

Dal 5 all8 dicembre 2015 si tenuto al Grand Hotel Terme Astro, a Tabiano Bagni
(PR), lannuale Convegno italiano sugli origami organizzato dal C.D.O.
Lappuntamento nazionale pi atteso da tutti gli origamisti del Bel Paese, questanno
giunto alla sua XXXIIIa edizione, ha registrato un nuovo record di iscrizioni: 280
partecipanti provenienti da ogni parte dItalia e dallestero (Francia, Germania,
America, Giappone, Israele, giusto per citare alcune nazionalit).
Una quattro giorni ricca di appuntamenti, emozioni, esperienze e, naturalmente
e soprattutto, tanta carta di qualit e tante pieghe. Gli ospiti ufficiali di questanno -
Tomoko Fuse, Jun Mitani e Bernie Peyton hanno regalato a tutti noi un patrimonio
di esperienza umana e artistica di alto, altissimo profilo, con la semplicit e la
disponibilit che contraddistingue i grandi maestri e, prima ancora, i grandi uomini.

5
convegni Alessandro Ripepi

Ognuno di loro ha tenuto una conferenza tematica, offrendo ai presenti


lopportunit di conoscere ed esplorare, sia pure per un momento, lorizzonte
immenso, in continua espansione, dellarte del piegare la carta. In questa direzione
mi ha colpito lintervento di Jun Mitani sugli origami computazionali, progettati
grazie a software sempre pi avanzati che si occupano dellelaborazione di fogli
virtuali, fornendo unanteprima del modello in ogni fase, intuizione che trova la sua
prima espressione in un programma del 1996 che illustrava sul monitor la sequenza
di passaggi che trasformano un foglio quadrato in una gru tradizionale.
Le opere cos create sono davvero molto belle da vedere, anche se, a parer mio,
perdono il fascino dellorigami inteso come poesie di carta (per usare un termine
caro a Francesco Guarnieri), frutto dellumana creativit che esplora geometrie e
tecniche pi o meno avanzate attraverso lesperienza, reale anzich virtuale, del
trial and error.
Esperienza, questultima, assente negli origami computazionali, peraltro assemblati
partendo da fogli in cui le pieghe del crease pattern vengono incise e impresse
da macchinari ad hoc, cos rendendo certo pi veloce il tempo di esecuzione di
unopera, ma anche riducendo il
tasso specifico di manualit che
sta tanto a cuore a molti.
E proprio in tema di pieghe ma-
nuali, tantissime quelle fatte da
tutti prima, durante e dopo i
numerosi workshop in calen-
dario, tenuti dai tre ospiti sud-
detti e da altri paper designer,
alcuni dei quali possono e dev-
ono essere considerati, per ren-
dere loro lonore che meritano,
ospiti non ufficiali. Tra i tavoli
organizzati da altri origamisti, infatti, ecco spuntare nomi importanti come: David
Brill, Carmen Sprung, Ilan Garibi, Naomiki Sato ... giusto per dirne alcuni.
Ricca la presenza di workshop made in Italy, tenuti da Luisa Canovi, Paolo Bascetta,
Pasquale DAuria, Franco Pavarin, Daniela Carboni, Alessandra Lamio, Alessandro
Beber, Riccardo Foschi, per citare i primi che ricordo al volo ... e molti altri di noi
(s, cero anchio). In tal senso come emerso dallinvito espresso dal Presidente,
Roberto Gretter, in occasione dellassemblea dei soci lauspicio che la volont
di insegnare dei modelli, propri e/o altrui, cresca di anno in anno, tra gli origamisti

6
convegni Alessandro Ripepi

italiani. E chiss che, tra qualche anno, agli ospiti internazionali possa essere
affiancato un quarto ospite italiano, a titolo onorario, con criteri e modalit ancora
tutti da definire. Lassemblea ha rappresentato un momento di confronto anche su
altri temi, quali le modalit migliori per incentivare la gi crescente partecipazione di
giovani e giovanissimi piegatori, e lopportunit di rivedere lattuale organizzazione
dei magazzini del C.D.O. relativamente ai modelli da esposizione.
Questa stata la mia prima partecipazione a un Convegno e voglio concludere
larticolo con parole che sgorgano ancor pi dirette dal cuore: incontrare da vicino
cos tante persone che condividono con te una passione; vivere quattro giorni (e
buona parte delle tre notti, se per
questo) in albergo a piegare, imparare
e insegnare modelli; parlare con maestri
di lungo corso e allievi alle prime armi;
rimanere estasiati di fronte ad una
vastissima gamma di modelli in mostra
(tassellazioni, modulari, figurativi, gioielli
di ogni dimensione, colore e forma) e la
ricchissima selezioni di libri e di carta
da poter acquistare nel mercatino
del C.D.O. (davvero fornitissimo! Il
paradiso di noi piegatori, che dalla
prima sera lo abbiamo letteralmente
assaltato); confrontarsi con tutti, ma
anche sorridere e scherzare sin dalle
primissime battute con la familiarit
che soltanto amici storici sviluppano nellarco di una vita beh, tutto questo
unesperienza unica, intensa, bellissima, che ti fa crescere in pochi giorni tanto
quanto nemmeno decenni di esperienza artistica solitaria possono offrirti.
Una prova in pi? Eccola: The Big Bat, un modello unico qui riprodotto in foto,
nato lultimo giorno, sintesi dei tanti insegnamenti ricevuti (tra cui quelli di Daniela
Carboni, che ringrazio ancora per avermi insegnato a piegare un draghetto da
lei creato), primo frutto tangibile di un Convegno che, appena finito, ha segnato
linizio del mio countdown personale per lappuntamento del prossimo anno, che
certo sar, come questo stato, unoccasione unica per crescere insieme nella
meravigliosa arte del piegare la carta: lorigami.

Alessandro Ripepi

7
convegni Roberto Ciancia

Unesperienza
indimenticabile!!!
di Roberto Ciancia

3 anni sono passati dalla mia prima iscrizione al CDO, arrivatami come regalo di
Natale dai miei genitori, ed altrettanti anni sono passati prima di riuscire a poter
partecipare al Convegno per cause di lavoro (faccio il cuoco e si sa, quando vi son
le festivit, per noi il momento di maggior lavoro)
Questanno, finalmente, chiedendo le ferie con parecchio anticipo, ho potuto
partecipare anchio al mio primo Convegno!!!
Le aspettative erano veramente enormi e, man mano che si avvicinava il fatidico
giorno, cresceva anche lansia e la paura di non riuscire ad integrarmi se non
troppo tardi quando oramai il congresso sarebbe gi stato agli sgoccioli (ebbene
s, sono parecchio timido :-P )
Lultima settimana prima del Convegno, ho fatto divenire matti i colleghi di lavoro,
per non parlare di amici e parenti. Poi, finalmente, quel giorno arrivato e tutto
stato un turbinio di emozioni e di sensazioni stupefacenti!!!
Appena arrivato ero un po spaesato, ma intervenuto subito Yuri a farmi da
Cicerone ed a portarmi ed a presentarmi Donatella (finalmente ci siamo conosciuti!!
:-D ). Da quel momento il tempo passato veramente troppo in fretta.
A ripensarci ora, a mente fredda, fosse stata unaltra circostanza, per come sono
fatto, a vedere tutta quella gente probabilmente sarei scappato via allistante. Ma
in testa mi suonano ancora le parole di Donatella che mi hanno spronato fin da
subito a sedermi al primo tavolo e cominciare a piegare.
E bello vedere come tanta gente, con culture diverse, esperienze diverse e di
qualunque et possa superare qualsiasi differenza, persino la lingua e stare bene tra
loro come ho visto fare durante questa occasione.
Con il lavoro che faccio ne vedo parecchi di gruppi (che siano turisti o di lavoro)
ed il risultato sempre lo stesso: un manicomio sia per noi della cucina per
non parlare dei camerieri. Invece sono rimasto stupito di quanta collaborazione da
parte di tutti per non lasciare nessuno indietro e non far sentire nessuno escluso: in
un tavolo sono stato lunico italiano e da subito hanno capito che avevo leggere

8
convegni Roberto Ciancia

difficolt di comprensione di lingua, eppure, con infinita pazienza e gentilezza,


sono riuscito a portare a casa anche quellesperienza di piegatura.
Lorganizzazione davvero impeccabile e lunica difficolt stata la scelta dei tavoli
a cui partecipare: vi erano parecchi tavoli a cui avrei voluto partecipare, ma per
mancanza di tempo ho dovuto rinunciare spero di essere pi fortunato lanno
prossimo e riuscire a partecipare a tavoli diversi per fare nuove esperienze ed
imparare nuovi modelli, ma soprattutto nuove tecniche da coloro che hanno ed
avranno la voglia e la pazienza di insegnare.
Continuare a descrivere questi quattro giorni impossibile senza far scendere
una lacrimuccia di nostalgia, bisogna vivere questa esperienza almeno una volta
(sperando non sia lunica) per capire appieno lo spirito che vi allinterno di
questo gruppo. Consiglio a tutti coloro che non lhanno ancora fatto, di provare
a venire anche solo per una giornata e
vedrete che non vorrete pi andare via!!
Siamo una squadra fortissima (dal
primo istante che ho messo piede in
albergo mi sono sentito a mio agio e
come fossi stato a casa propria grazie
a voi tutti che mi avete accolto e mi
avete portato a tutti gli effetti nel
vostro, ma anche nel mio, mondo fatto
di carta!!) e sono vivamente contento
di aver potuto conoscere molti di voi
di persona.
Il mio unico rammarico di non essere
riuscito a parlare con tutti, ma siamo veramente tantissimi e non vedo lora di
rivedervi a dicembre di questanno nuovamente al Convegno!! (ho gi chiesto ferie
per essere certo di poter partecipare!! :-D )
Un ringraziamento particolare a coloro che mi hanno spronato a partecipare, a
coloro che hanno organizzato e che hanno reso il tutto possibile ed a coloro che
mi hanno sopportato per questi quattro indimenticabili giorni.
Vi invio un caloroso saluto a tutti ed auguro a tutti Buone Pieghe sperando di
rivedervi tutti quanti a dicembre (e che tale mese arrivi in fretta!!). Io nel frattempo
mi metto a piegare perch tra le varie cose che ho scoperto in tale occasione che
piegare non solo unarte, ma un grandissimo divertimento, soprattutto se fatto
in compagnia!!
Con Infinita Ammirazione verso tutti Noi, gruppo fantastico
Roberto

9
convegni Alain Georgeot

Ognuno un trait
dunion che permette
allorigami di essere
ovunque in
ogni momento

di Alain Georgeot

Ins, Viviane, Robert e io percorriamo i 950 chilometri che separano Tolosa da


Tabiano, vicino Parma, in 10 ore.
I piegatori non si annoiano mai: possono sempre parlare di origami. Le pieghe sono
un tale nutrimento spirituale che il viaggio passa in fretta.
Neanche Robert si annoia a condurci in tutta sicurezza fino alla meta, un hotel
termale dove staremo ben caldi... forse un po troppo.
Da un anno, la squadra organizzativa italiana, composta da una dozzina di persone,
prepara il convegno.
Roberto Gretter e Francesco Decio sono le figure chiave ma, ciascuna e ciascuno fa,
in modo eccellente, la sua parte.
Saremo, tutti i giorni, accolti calorosamente... forse un po troppo
Gli ospiti donore sono:
-Tomoko Fuse, con la sua riservatezza giapponese, il suo sorriso amichevole, la sua
disponibilit per ognuno, il resoconto delle sue attivit artistiche;
-Bernie Peyton e la sua famiglia, con la sua incredibile energia, la sua disponibilit, la
sua amicizia e i suoi buffi cappelli di animali;
-Jun Mitani e il suo originale approccio informatico alle pieghe, con le sue forme
futuriste e belle.
Tuttintorno all immensa sala di piegatura spuntano una moltitudine di esposizioni
individuali. Al suo centro spuntano molteplici tavoli di piegatura.
Viviane, per esempio, ha deciso per il suo di non parlare, ma di correre tutto intorno
ai tavoli. Un po paradossale, visto che insegna una lumaca!
Viviane crea con ostinazione modelli innocui, deliziosi e ricchi di trovate tecniche.
.

10
convegni Alain Georgeot

Gli italiani, durante il convegno, sono indaffaratissimi: Dona, Gaby, Francesco, Yuri,
Pasquale e tutti gli altri, ma trovano sempre un momento per abbracciarmi!
Ins e Robert piegano e insegnano
Io insegno in modo un po anarchico uno zebu di Kawahata. Per fortuna che c
con me Charlotte che resta rigorosa. Tutti arrivano in fondo, anche Anna che non
aveva mai piegato!
In seguito non perdo tempo a piegare, ci sono troppi amici da incontrare! Ho giusto
il tempo di sfogliare gli Atti dove trovo il Cuore con le ali di Lisa (che non potuta
venire ma in questo modo presente lo stesso) che piegher pi tardi.
E pi urgente in effetti ritrovare dopo anni che ci eravamo persi di vista:
-Herman van Goubergen, che ha inventato poliedri che non esistono: me li mostra
e improvvisamente esistono, pieni di promesse fantascientifiche!
-Dave Brill, che far comprendere a tutti che lorigami non pazienza ma passione!
-Yves Clavel, sempre disponibile a gustare qualche momento di calma!
-Naomiki Sato, con il suo superbo libro sulle rose e la sua gentilezza!
-Chantal, la svizzera, che mi offre cioccolatini. Con lei si pu sempre avere una
conversazione umana, interessante e delicata (Siamo nati lo stesso giorno)
-Sara Giarrusso, conosciuta e amicata da tanti anni;
-Giuseppe e i suoi genitori, che mi riconoscono: mi insegner il suo elegante colibr.
Piega veramente bene!
-Marc Bolitho: in tanti anni non ci eravamo mai incontrati!
-Roberto Morassi, a cui do notizie di Jean-Claude Correia!
-Mou Leng, che mi insegner una farfalla!
-Gerwin Sturm, assiduo piegatore austriaco!
-Luigi Leonardi, che si occupa, insieme ad altri, di un immenso mercatino di carta e
libri, dove tutti trovano la felicit, al termine di una coda di unora alla cassa.
-Paolo Bascetta, ladorabile matematico, piegatore di stelle modulari!
-Natale Fietta, il riservatissimo, delicato e freddoloso piegatore!
-Linfaticabile Federico Scalambra, che ha piegato, con tutti i dettagli, un ospedale
intero!

11
convegni Alain Georgeot

-Claudia Battigamba, che non si pu


dimenticare, tanto il suo cognome
divertente!
-Ruthli, sempre amichevole con tutti!
-Josiane e i deliziosi ricordi del convegno
alsaziano!
-I tedeschi Robin Scholz, Carmen
Sprung e suo marito e Hilli Zenz (La
nostra amicizia grande quanto una
tonnellata e non abbiamo passato che
un chilo di tempo insieme!), le cui carte
sono marmi dipinti.
-Ilan Garibi e i suoi bijoux, ma tutta la
squadra israeliana, liperattivo Guy e
Masha. Ci siamo molto divertiti a tavola dove non mancavano mai il vino e la pasta,
sempre diversa e cotta alla perfezione, serviti da un personale impeccabile e sempre
caloroso..forse un po troppo!
-Luisa Canovi !
-Francesco Cirillo, che parla francese perch qualche secolo fa i Francesi hanno
invaso la sua citt Napoli.
E ancora, ci sono dei giovani entusiasti, una serata di giochi che si protrae fino alle
cinque del mattino.
280 partecipanti, mi scuso se ne scordo qualcuno!
-Beata Kupczak e i polacchi... e tutti quelli che hanno portato delle stelle!
-Il gruppo dei portoghesi: Telma ha fatto un albero di Natale con 1590 cuori!
-Ramon, il solo spagnolo, naviga in mezzo a tutti!
-Alessandro Beber, il marziano, condivide con tutti con semplicit e umilt!
-Rivedo Wendy Zeichner, incontrata pi di 20 anni fa, e so che il legame con gli
origamisti di Jane Polish, negli USA, esiste ancora!
-Augusta ci fa gustare una focaccia ancestrale e deliziosa che Claudine, se fosse
stata in grado di venire, avrebbe di sicuro apprezzato.

12
convegni Alain Georgeot

I nomi si mescolano, qualcuno mi parla di pizza al cioccolato e allarancia!


Parliamo tutti un nostro gergo fatto dinglese, francese, tedesco e origami, una
nuova lingua internazionale molto utile.
Ricevo in regalo un pacchetto di fogli di grande formato come ringraziamento
per aver tenuto un tavolo di piegatura: un gesto elegante e nobile da parte degli
organizzatori italiani!
Mi delizio con caff strettissimi e, malgrado le file, nessuno si lamenta: ci sono
troppe cose da dire e da sorridersi!
Tutto ci riscalda davvero, forse un
po troppo... e permette a un virus
influenzale di proliferare. In molti ne
saranno affetti, per fortuna solo alla fine.
Quando si a un convegno italiano, si
vivi e non malati!
C anche la foto di gruppo!
I valori dellorigami ci uniscono come
una vera famiglia. Lorigami un
ambiente che piega.
Gli inglesi, al telefono, danno il buongiorno
ai francesi.
I ricordi newyorchesi crepitano tra me
e Dave. Simone in ripresa, ma nei
nostri cuori...
Nessuna frontiera...
Questo lorigami.
E memoria.
Di quelli che non ci sono pi, di quelli che ci sono e di quelli che ci saranno
E dunque insieme nostalgia e speranza
E ciascuno pu essere un raggio di sole, nascente o calante!
E ciascuno , da parte sua, ancora pi sole!
Per il ritrovarsi indipendentemente dal tempo!
Per il rispetto interpersonale!

13
convegni Alain Georgeot/ Andrea Borsa

Per lamicizia realmente sentita!


Come un raggio di sole in primavera!
Lascio che sia Giulia Pesaro, unamica finalmente ritrovata, a concluedere e
proseguire:
Sono stata veramente felice di vederti...
E molto difficile spiegare a quelli che non sono Orig-Amici che cos, davvero,
rivedere un amico di pieghe dopo tanto tempo...
Spiegare che si ha ancora voglia di dirsi migliaia di cose...
Spiegare che si ha ancora voglia di condividere con loro una bella e rara atmosfera!
Spiegare che il nostro primo gesto di pieghe un grande grande abbraccio!

Gentile Presidente

di Andrea Borsa

Gentile presidente, caro Roberto,

scrivo allo stesso tempo alla figura istituzionale e allamico con


ancora fresche le sensazioni catturate nellultimo convegno. Vi ho
partecipato brevemente e non in perfetta salute, ma stato come
sempre un evento carico di intense emozioni.

14
convegni Andrea Borsa

Per se devo estrapolare da tutto una singola immagine di ci che mi


ha colpito maggiormente questa rappresentata da una sedia vuota. Era
il pranzo di luned ed ero al tavolo con Nicoletta Maggino. Tra me e
lei cera una sedia tenuta occupata per te che stavi preparando la
presentazione per lassemblea dei soci. Fra poco arriver, ci
dicevamo, ma la sedia rimasta vuota. Mi spiaciuto tantissimo. Mi
spiaciuto per te, perch sei stato costretto anche a saltare il pasto
per tutti noi. Mi sembrato tremendamente ingiusto che mentre tutti
si divertono, piegano, pranzano insieme, c chi impegnato ogni
singolo minuto del convegno per far si che le cose funzionino a
dovere. Questo riguarda te e tutti i membri del direttivo e so bene
che il vostro impegno notevole per tutto lanno e non solo in
coincidenza del convegno. E da pi di 15 anni che frequento i
convegni del CDO e so che le cose sono sempre state cos. Negli ultimi
tempi poi il numero di partecipanti notevolmente cresciuto, il
magazzino sempre pi grande, ci sono altri impegni quali il convegno
sulla didattica. Immagino che ormai il tempo che dedicate al Centro si
avvicini molto ad unattivit lavorativa vera e propria.

Io negli ultimi anni ho potuto dedicare solo brevi toccate e fuga al


convegno. Ho tre bambini piccoli e sai bene anche tu quanto questo sia
impegnativo. Cerco di dare il mio contributo al CDO e alla diffusione
dellorigami a livello locale organizzando le attivit del gruppo

15
convegni Andrea Borsa

locale di Sulbiate, ma solo una goccia.


Ti dico la verit, quella sedia vuota mi ha fatto sentire piccolo. In
tutti questi anni di CDO ho ricevuto tanto, tantissimo, unenormit. E
mi sembra di aver dato proprio poco. Posso dire con assoluta certezza
che lorigami ha cambiato la mia vita. Certamente per le soddisfazioni
tratte dallorigami in s, ma soprattutto per quello che gli
origamisti mi hanno insegnato. Per il cuore con cui affrontano ogni
cosa, per quello che sanno condividere con gli altri. Per quanto sanno
sacrificarsi per questa incredibile passione.

Quando ti ho salutato prima di ripartire avrei voluto ringraziarti a


dovere, ma mi sono mancate le parole. Lo faccio ora. A te e a tutti i
membri del consiglio un grazie grande quanto tutto il mio cuore.

Lanno prossimo ti terr ancora il posto e spero che avr lonore di


pranzare con il presidente, con Roberto.

Andrea

errata corrige
Anche il migliore Flipp si pu sbagliare:
Abbiamo attribuito erroneamente due modelli a pagina 165
degli atti del convegno:
Invece di Bow tie Christmas tree di Krystyna Burczyk
Albero Piramidato di Fioretta Corti Milesi (numero 18)
ed invece di Presepe 2D di Daniela Carboni
Presepe piegato da Graciela Vicente e Nicols Gajardo (numero 20)

16
carta bianca
BUONVENTO
di Jerry Bogani

Jerry Bogani durante uninstallazione

Apparse per la prima volta a Milano, nelle acque del Naviglio, nella primavera del 2011, le
Barchette di Jerry Bogani sono ormai una presenza costante sulla scena milanese: appa-
iono allimprovviso, navigano un po in giro - fontane, pozzanghere, scale della metropo-
litana, impalcature - e poi spariscono, per riapparire a sorpresa in altri luoghi inaspettati.
Simbolo del vento che soffia mutevole sulle cose della vita, portando con s stupore e
poesia, si trasformano in opere darte ed installazioni fantasiose, colorate e originali.
Buonvento tutto questo: una ventata di creativit, fantasia, colore e augurio di bellezza
e semplicit in un mondo spesso troppo grigio.
Jerry Bogani, classe 1965, un artista milanese versatile ed eclettico. Coreografo e sceno-
grafo, attraverso un accurato studio dei materiali e la progettazione, con le sue Barchette
porta la magia teatrale nella vita di tutti i giorni, trasformando semplici fogli di carta in
immagini poetiche e dense di significati.
Nel 2012 nasce la collaborazione con Navigli Lombardi ed Evoluzioni Urbane. La barchetta
di carta il simbolo del Naviglio, e Jerry viene quindi scelto per lideazione e la realizzazio-
ne di allestimenti e flash-mob promozionali in occasione di FAN Navigli Acqua Festival,
NavigaMI Salone nautico di Milano, Stranavigli.
Durante la presenza sul Naviglio, Jerry realizza anche laboratori artistici con i bambini,
perch il messaggio culturale quello su cui punta: coinvolgere le giovani generazioni in
unattivit divertente e creativa e, nello stesso tempo, educare alla fantasia, alla bellezza e
al rispetto per lambiente che ci circonda.
17
carta bianca di Jerry Bogani
Nel 2014 la prima personale, BARCHETT IN DE LA NEBIA, in collaborazione con 77 Art
Gallery (Corso di Porta Ticinese), riscuote un discreto successo e molta curiosit.
Nel 2015, in occasione della riapertura della Darsena, Navigli Lombardi ed Evoluzioni Ur-
bane propongono a Jerry uno degli spazi galleggianti in Alzaia Naviglio Grande: nasce cos
AQUARIUM (maggio giugno 2015), esposizione realizzata insieme allarchitetto Stefano
Prina, che ha per protagonista un immaginario mondo subacqueo popolato di creature
fantastiche e tesori nascosti. Barchette di diversi materiali (carta, cartapaglia, carta da
lucido, acetato) danno vita a pesci di vari forme e colori, balene, meduse. Tuttintorno,
uninstallazione di barchette turchesi a rappresentare lacqua e una barchetta rossa, per
ricordare sempre quelle barche, cariche di sogni e vite preziose, che in ogni epoca affron-
tano il mare nella speranza di incontrare un futuro migliore.
La collaborazione continua poi con NAUTILUS (giugno luglio 2015), in cui le opere si
affacciano sul Naviglio da sei obl che trasformano lo spazio espositivo nel fantastico
sottomarino di Jules Verne, e LOVE BOAT (luglio agosto 2015), allestimento ispirato alla-
more: amore tra le persone, amore per Milano, amore per larte. Barchette rosso fuoco si
uniscono a formare un grande cuore che accoglie i visitatori, che vengono poi abbracciati
da SunShower (installazione ottogonale di barchette arcobaleno, illuminata dallinterno) e
guidati alla scoperta delle altre opere.
Sulla piattaforma galleggiante, infatti, vengono esposte anche le Riflessioni, piccoli quadri
in cui la barchetta diventa portatrice di messaggi che si leggono specchiandosi sul fon-
do dellopera stessa; TIME, quadrittico di alberi che rappresentano le stagioni secondo
il vissuto dellartista; B-LOVED, in cui una B di carta bianca iridescente spicca sul rosso
dello sfondo, prendendo la forma di cuore, e tante altre, tutte accomunate dalloriginalit
dellidea e dallaccurato studio dei materiali. Ogni opera unica, realizzata interamente a
mano seguendo lispirazione del momento.
Buonvento pagina ufficiale: www.facebook.com/barchette

Foto di Gabi Ferraro

Per informazioni: Elena Bellini - EBcomunicazione@gmail.com


18
carta bianca
Flipp
di Gabi Ferraro e Yuri Carminati

Finalmente sei arrivato Flipp,


ti aspettavamo!
Ma cosa hai fatto sembri cambiato!?

Sono giovane, figo, bello


e sono un formato
modello!

Dai su, siamo tutti un po come te


non importa se quadrati, 2, 3
Al Covegno questanno
tondi o pentagonali: anchio ero presente
siamo tutti dei Flipp speciali ma non tutti mi ricorderanno:
e amanti di carte eccezionali. mi sono perso tra la gente.
Giocando con un kami stellato
di scoiattoli mi sono ammalato!

19
origamisti in controluce
Anagrammi a cura di Roberto Morassi
LE MILLE FACCE DI
OSCAR ORLANDI
CARLO SORDINA Trombettista modesto
ALDO RINCORSA Campione di salto in lungo
LADIN CORSARO Pirata svizzero
LARDIS CORONA Cugino ciccione di Fabrizio Corona
SANDRO CALORI Rappresentante di termosifoni
LARIDO SCARNO Beduino rifinito
CARNA LORDOSI Ortopedica ben tornita
CARLINA DOORS Portiera di Hotel
ORSOLA CARDIN Sartina, nipote di Pierre
SICARO LADRON Killer e scassinatore
SORCINA LORDA Zozzona seguace di Renato Zero
ORRIDO CANALS Gondoliere bruttissimo
SALON CORRIDA Parrucchiere di Madrid
LORD CASINARO Il pi agitato della Camera dei Pari
CORSO IRLANDA Assessore alla viabilit di Dublino
CRANIO DORSAL Osteopata di ernia cervicale
CORRADO SALIN Venditore di generi di Monopolio
LIRA SORDOCAN Produttrice di protesi per animali
CARRO DISOLAN Puparo siciliano
CIRRO SANDALO Scarparo con la testa fra le nuvole
CANDOR SOLARI Commerciante di detersivi
LINDA CORROSA Esperta di anticalcare
SANDRA COLORI Pittrice naif
SARDINA CLORO Contrabbandiera di pesce avariato
SCORIA ALNORD Inquinatore lombardo
CASARO LINDOR Formaggiaio goloso
DAR SCOLORINA Correttrice di bozze
SORA CLORINDA Nobile toscana
CLARINO SARDO Flautista di Oristano
SANDRO RICOLA Playboy dallalito balsamico
RODOR CANALIS Zio ungherese di Elisabetta
DORAR SCALONI Decoratrice barocca
DORA SCOLARIN Maestra dasilo
CLORIS ARANDO Contadina romagnola
RODIN SCAROLA Scultore vegetariano
INDRO LA SORCA Giornalista assatanato
RINO DAL CARSO Imprenditore friulano
SCOLAR DORINA Incontinente cronico
20
origamisti in controluce di Roberto Morassi

Pubblicato su Quadrato Magico n. 64


(Settembre 2001)

Anagrammi a cura di Roberto Morassi

LE MILLE FACCE DI
OSCAR ORLANDI
SALDO RINCARO Commerciante truffaldino
LORD ARANCIOS Nobile inglese trapiantato in Sicilia
RISALDO CORNA Consulente matrimoniale
CARINO SARDOL Belloccio di Cagliari
LARDO CARNOSI Vincitore del Campionato Grassoni
DISCORRA LANO Petomane chiacchierona
CARLA SORDINO Fabbricante di protesi acustiche
RINALDO SACRO Cavaliere in odore di santit
COLOR SARDINA Pittore dai toni pastello
*DAR SCOLORINA Falsificatore di assegni
ROLAND CORSIA Infermiere parigino
LASCIAR ONORD Emigrante irlandese
DON CARRIOLAS Prete operaio spagnolo
NARCO DORSALI Anestesista esperto in punture lombari
RINASCO LADRO Rapinatore reincarnato
NARRA DI SCOLO Specialista in malattie veneree
SCORIA LONDRA Inquinatrice britannica
SIOR CALANDRO Fabbro veneziano
RISALA CONDOR Uccellatore che usa il sale sulla coda
ARNALDO SORCI Allevatore di topi da laboratorio
CARLONA SIDRO Ubriacona della Valtellina
*SCOLAR DORINA Malato di incontinenza cronica
DARLA INCORSO Battona di Corso Sempione
*LINDA CORROSA Adultera punita col vetriolo
DORA CLARINOS Concertista messicana
ISLANDA CORRO Maratoneta di Rejkiavik
RANCIDO SOLAR Fabbricante dolio abbronzante schifoso
DORIN LASORCA Magnaccia padovano

21
origamisti in controluce di Roberto Morassi
Sapete, a una certa et

Bah. Non sono mica poi tanti, solo (2^6 + 3^2) appena compiuti. Ma la memoria, qualche
colpo comincia a perderlo

Qualche mese fa mi venuta voglia di riprendere la mia rubrica ORIGAMISTI IN


CONTROLUCE (anagrammi di nomi e cognomi). Cos ho scelto il nostro consigliere Oscar
Orlandi e lho anagrammato ben bene: potete vedere il risultato in questo numero di QM.
Ieri stavo sfogliando alcuni vecchi numeri della rivista, e ad un tratto mi preso, come si
suol dire, uno sturbo: eccoli l, in bella vista a pagina 79 di QM 64 (settembre 2001), gli
anagrammi di Oscar, gi allora nel Consiglio Direttivo: LI AVEVO GI FATTI E NON ME NE
SONO RICORDATO! Ma vi rendete conto?
Vabbe, non mi resta che riproporvi la mia fatica del 2001 a fianco di quella attuale. Salta
subito allocchio il fatto che i nuovi, salvo 3, sono TUTTI diversi dai precedenti: magia
dellanagramma! Chiss cosa avr pensato il buon Oscar quando se n accorto. Ma forse
non se n ricordato neppure lui: sapete, a una certa et

Roberto Morassi

Ahi ahi caro Roberto, non e una


questione di eta ma di scartoffie
cartacee tanto care a noi origamisti!

22
mondorigami
dal 17 al 20 Marzo Third OASIS Convention
Nof Ginosar Hotel Info:
Nof Ginosar (Israele)
http://oasisorigami.wix.com/oasis#!english/c1uid
Ospiti speciali:
Nicolas Terry
Federico Scalambra

dall 1 al 3 Aprile III convegno Origami, Didattica


Istituto comprensivo A.Panzini e dinamiche Educative
Bellaria Info:
http://lnx.origami-cdo.it/3OrigamiDidattica2016/

dal 8 al10 Aprile BOS Spring Convention


Campanile Hotel Info:
Birmingham (Inghilterra)
http://www.britishorigami.info/society/meetings/condata.php
Ospiti speciali:
Giles Towning

dal15 al 17 Aprile OSN Convention


Conferentie Hotel Info:
Mennorode (Olanda)
http://www.origami-osn.nl/en/content/origami-convention

dal 14 al 16 Aprile 8th Israeli Origami Center Convention


Neve Ilan Hotel and Info:
Conference Center
http://www.origami.co.il/
Neve Ilan (Israele)
Ospiti speciali:
Robert Lang
Yehuda Peled

dal 22 al 24 Aprile 9e Rencontres Suisse dOrigami


Ferme Golay Info:
Chtelaine-Genve
http://www.origamigeneve.sitew.fr/#Accueil.A
(Svizzera)
Ospiti speciali:
Viviane Berty
Robin Scholz
23
mondorigami
dal 28 Aprile al 1 Maggio XIX Convencion Internacional AEP
Hotel Ilunion Info:
Valencia (Spagna)
http://convencion.pajarita.org/
Ospiti speciali:
Beata Kupczak
Fernando Castellanos
Riccardo Foschi
Carmen Sprung
Gen Hagiwara

dal 29 Aprile al 2 Maggio 15th Plener Origam


Cracovia Info:
(Polonia)
www.origami.edu.pl
Ospiti speciali:
Robert Lang

dal 5 all 8 Maggio Rencontres de Mai


Association Carrefour Info:
Metz
(Francia)
Ospiti speciali:
Fernando Gilgado Gomez
Francesco Mancini
Naomiki Sato

dal 13 al15 Maggio 28. Internationales Treffen


Erker des Origami Deutschland e.V.
(Germania) Info:
http://www.papierfalten.de/jahrestreffen.htm
Ospiti speciali:
Beth Johnson
Sbastien Limet
Dirk Eisner
24
mondorigami
CONVEGNO ORIGAMI PRO
A tutti i soci del CDO e a chi si sta dedicando allOrigami professionalmente

Al recente Convegno di Tabiano Paolo Bascetta ed io (Luisa Canovi) abbiamo chiacchierato di


come sia cambiato lorigami in questi anni, e di come alcuni di noi da origamisti a tempo perso
o per passione, siano diventati origamisti a tempo pieno, o quasi. Da un po di tempo avevo
lidea di organizzare un incontro con chi ha fatto dellorigami un lavoro e parlandone con Paolo
ecco la soluzione: un Convegno per incontrare i professionisti (o aspiranti tali) dellorigami:
insegnanti di corsi, animatori, autori di libri, artisti, designer, consulenti dimmagine, ecc. e
confrontare le diverse esperienze per cercare di dare uniformit e regole al nostro operare in
questo nuovo settore.
Il Convegno si svolger presumibilmente in un fine settimana del mese di giugno nei pressi
di Bologna. (Luogo e data da definire anche in base alle adesioni).
Chiariamo che non sar un Convegno di piegatura.
Il programma comprender una serie di brevi conferenze dove ciascun partecipante racconter
e illustrer il proprio lavoro con lorigami e poi successive tavole rotonde di discussione delle
varie tematiche: creativit, diritti dautore, vendita di modelli, consulenze aziendali ecc.
Potremmo creare una specie di albo professionale dellorigami.
Sarebbe interessante avere tra noi un esperto legale, se c un socio avvocato si faccia avanti!
Sono molto gradite idee e argomenti con cui stileremo una scaletta di lavoro.
A chi di voi interessa partecipare a questo Convegno chiediamo di rispondere entro la fine
di febbraio in modo da trovare un posto adatto ad ospitarci (agriturismo o piccolo albergo
o altro).

Per ulteriori informazioni o per aderire alliniziativa inviare una mail a


luisa@origami-do.it e paolo.basc@gmail.com

*Lettere di Paolo Bascetta


25
origami insieme
La masu nel cuore di Paolo Bascetta.
Disegni di Francesco Decio

1 2 3

4 5

6 7

26
origami insieme La masu nel cuore di Paolo Bascetta

8 9

10 11
45

x
x x
x

12

13 a
x
x

13
x
x

27
origami insieme La masu nel cuore di Paolo Bascetta

14

x
x

15

x
x

16
x
x

28
origami insieme La masu nel cuore di Paolo Bascetta

17

x
90

18

19

20

90

29
origami insieme La masu nel cuore di Paolo Bascetta

21
22

23

24

30
Origami insieme

Eve di Ekaterina Lukasheva Eve di Ekaterina Lukasheva

Cassetta della frutta di Francesco Decio

Nice Star di Andrey Hechuev

Libellula di Pasquale DAuria

Shark di Nicholas Terry

La masu nel cuore


di Paolo Bascetta
D.O
C .
o .
n .O
veg C. D
C on g no
III nve
XX o
. O.
X
III C
C.D X XX
gn
o . O.
nve C.D
C o no
III veg
XX
X
Con
. II
. D.O X XI
C X
g no . O.
nve C.D
o n o D.O
II C veg C .
XI on n o
II C veg
XI on
XX II C
. XI
D.O X
C. O.
X
no .
ve
g C.D
o n
g no
I II C nve
X Co
. XX II
D.O XXI
C. O.
X
no .
veg o C.D g
on gn ve
I II C ve
Co n
X on II
XX II C XI
O. X I X X
D. XXXIII Convegno CDO . XX . O.
D.O C.D
C. g no
g no nve
nve Co
o II
I II C XXI
X X
. XX . O.
.O C.D
C .
no
veg
In una notte di folle piegatura al convegno... n
I Co
I
X XI
X
. O.
C .D
o
e gn
o nv
C
I II
X XX
. O.
Pasqu C
.D
o
gn
ale DA
uria
e ne di Sara G
iarrusso
o nv Rielaborazio re ignoto
llo di auto
IC su un mode
ve
o n
C
II
X XI
X
. O.
C.D
no
veg
C on
Auria II
Pasqu
ale D XI
. XX
D.O
H. Van Gouberghen
C .
i o Alessa
Sterbingn
ndro R
e ipepi
D av i d
v e Pasquale DAuria
Con
II
XXI
X I
O. XX
I
X
. O.
o C.D
e gn
v
Con
I II
XSterbini e soprattutto Daniela Carboni
XX
Si ringrazia lo sforzo di memoria di Sara Giarrusso, Davide
origami insieme

Portacandele di Nilva Fina Pillan Diagrammi di Pietro Macchi


di Alessandro Masiero e
Francesco Decio

1
2

3
4

5 4-5
6

7
8

31
origami insieme Portacandele di Nilva Fina Pillan

10
9 3D

11

12

12 A

14

13

32
origami insieme Portacandele di Nilva Fina Pillan

15 16

15 - 16 - 17

17

18

Portacandele finito

33
origami insieme

Shark di Nicolas Terry

1 2
BASE PESCE

Iniziare con la base pesce.


Piegare il lembo superiore fino all'angolo. Piegare e riaprire portando i piccoli
Ripetere per il lembo inferiore. angoli ai bordi dei lembi poi riaprire.

3 4

Fare un REVERSE-FOLD dei due triangoli


per portarli all'interno del modello. Girare.

5 6

Piegare ciascun angolo verso il centro, pie-


gando tutti gli strati.
Girare.

34
origami insieme Squalo di Nicolas Terry

7 8

Piegare la punta fino al punto indicato


Piegare la punta utilizzando le pinne
come punte di riferimento.

89 10 1
10

Messa a fuoco sulla pinna Piegare il lembo usando Tirare fuori il


dorsale un angolo retto. lembo nascosto.

2
11 3
12 4
13

Piegare a valle il lembo. Tirare fuori il Girare


lembo nascosto.

35
origami insieme Squalo di Nicolas Terry

14
5 17

156 Piegare la pinna. Ripetere


dall'altro lato per l'altra pinna.
Piegare gli angoli. Piegare la coda fino al punto
di riferimento e riaprire.

Piegare a met
18 19

Fare un reverse-fold Fare un reverse-fold


verso l'esterno. verso l'esterno.

20 21

Fare un reverse-fold verso Piegare a monte la pancia.


l'esterno. Ripetere dall'altro lato.

22
Squalo completato.

36
origami insieme
Unaka
toile Nioise primo
Nice convegno
Star internazionale
Design: Andrey Hechuev, 2015.
Bonn 2015Diagram: Da everov, 2016.
Carta: 8 triangoli (o 4 quadrati) di carta bicolore o carta in 2 colori.
di of
Paper: 8 triangles (or 4 squares) Alessandro
bicolor paperMasiero
or paper in 2 colors.
Dimensioni:
Size: 7,5 cm squares cut in half produce a star cca 11 cmstella
quadrati di 7,5cm tagliati a met per fare una big. di circa 11cm di grandezza

1 2 Taglia lungo
Cut along una diagonale.
one diagonal. 3
Prepara
Prepare 88triangles.
triangoli.

4 Pinch eonly
Pinch and
riapri.
unfold.

5 Piega usando
Fold using pinchcome
mark
6 Piega e riapri.
Fold and unfold. as the reference.
referimento il pinch.

Effetua un sink
7 della
Insidepiega precedente.
reverse fold.

10 Riapri
Unfoldlultimo
the last 11 Prepara
Prepare 8 8 units
unit
step. Turn
passo. Giraover. come questa.
like this.

8 IlThe
risultato
result deve
should look 9 Fold as
essere cos.
like this. Gira.
Turn over.
Piega
indicated.
come indicato.

37
origami insieme Nice Star di Da everov

Joining units.
Unendo le unit 13 14

12 Prepara
Prepare due unit.
two units.

15 Aggiungi ununit
Add another unit
in
seguendo lo stesso
the same manner.
procedimento.
17 16

Continue
Continua ad in adding alltutte
aggiungere otherle
altreunits
unitin seguendo
the same way.
lo stesso
To connect last
procedimento. and first
Per unire unit
lultima
bring all white layers of paper
unit con la prima avvicina porta
to the backside.
tuttiTurn
gli strati
over.
di carta bianca al lato
posteriore. Gira

18
These two units need to
Queste due unit devono essere unite seguendo
be properly connected
lo
in stesso procedimento
the same manner as di prima.
we did before.

19
Fare una girandola. Ripiega
Do a pinwheel:
nuovamente
Refold the folds le pieghe
we diddel passo 9,
in step
tutte allo
9 all at thestesso
sametempo. Le punte
time. Tips of
di
alltutti i triangolihave
the triangles devono
to beessere
nascoste allinterno.
hidden inside.
Back side.
Lato posteriore.

Finished model, front side.


Modello terminato, lato anteriore.

38
origami insieme
Ekaterina Lukasheva, 2011, contact: art@kusudama.me

EVE
7quadrati
x 7 cm square,
7 x 7 30
cm,units
30 pezzi

1 2 3

4 5 piegare precisamente
fold precisely through 6
lungo
marked ipoints
tracciati

39
4 5 fold precisely through 6
marked points
origami insieme Eve di Ekaterina Lukasheva

7 8 iltherisultato
result 9 piegare soltanto
fold only upper layers gli
strati di sopra

10 distendere lapart
flatten the upper parte 11 tirare
pull thela carta
paper fromda sotto 12 piegare utilizzando
fold using existing
di sopra the underneath linelinea
la behindsottostante

riaprire
13 unfold the la parte
upper part 14 ruotare
swivel foldla piega 15 piegare
fold uppeergli strati
layers
di sopra di sopra

40
origami insieme14
13 unfold the upper part
Eve di Ekaterina Lukasheva
swivel fold 15 fold uppeer layers

tasca
pocket

13 unfold the upper part 14 swivel fold 15 fold uppeer layers hook
gancio

pocket
modulo completato
complete unit

hook
16 17 ripetere sullaltro
repeat steps 9-17 on lato
ithepassi
other 9-17
side

complete unit

16 17 repeat steps 9-17 on


the other side

to connect the units hook one 2 connected units


onto another connect the other so that 5 meet at the poins marked
with the star and 3 meet at the point marked with triangle

per unire i moduli, agganciarne


to connect the unitsuno
hookallaltro
one moduli
2 connected uniti agganciano un altro affinche
units
onto another connect5 themoduli
other so si
that 5 meet at thealpoins
incontrano puntomarked
segnati
with the star and 3 meet at the point marked with triangle
con la stella e 3 moduli si incotrano al punto
segnato con il triangolo

41
origami insieme
Libellula di P. DAuria
http://www.origamidauria.it
Partire con un rettangolo 1 X 2
preferibilmente carta metallizzata.
1 2 3

4 5 6

42
origami insieme Libellula di Pasquale dAuria
7 8

9 (7-8)

10 estrarre uno
strato di carta

11

12

13 modellare
ulteriormente

43
origami insieme Libellula di Pasquale dAuria

(10-13)
14 15

16 17

19 arrotondare e assottigliare
la parte finale del corpo

18

44
origami insieme Libellula di Pasquale dAuria

22 aprire e modellare
21 gli occhi
20

23
24

25
Secondo le leggi della Fisica, molti insetti
non potrebbero volare perch la loro
superfice alare non proporzionata alla
loro grandezza corporea, ma gli insetti
non lo sanno e continuano a volare.....
O

A
R

I
S
G
I
A M

45
origami insieme Cassetta di Francesco Decio

La cassettina della frutta


di Francesco Decio.
Disegni dellautore

1 2 3 4

Formato A4
(210 x 297 mm)

5 6 7 8

9 10 11 12

46
origami insieme Cassetta di Francesco Decio

13 14 15 16

3D 90
17

18 A
( in progressione)

18 19 A


90

19
17 - 18
18 A - 19

17 - 18
18 A - 19

17 - 18
18 A - 19

47
origami insieme Cassetta di Francesco Decio
20 A
20
20 - 20 A
20 B - 20 C

20 B

90

20 C

90

21
22

23 24

48
origami insieme Cassetta di Francesco Decio
25 26

27 La cassettina
della frutta terminata

X 3 o pi
a piacere

28

29

49
didattica
ITALIANI AL CONVEGNO DI FRIBURGO
di Costanza Gheri

13 Novembre 2015, ore 6:00 del mattino, sveglia per prendere il treno Firenze-Milano, prima
tappa del mio viaggio verso Friburgo dove, insieme ad altri membri del CDO, rappresenteremo
lItalia al decimo convegno internazionale di origami e didattica fino a domenica 15.
Incrociamo le dita, lo sciopero inizia alle 9.00. Il treno l e... partita! Adesso devo solo arrivare
a Milano, trovare la metro gialla direzione Comasina e intercettare Emma Frigerio ed il resto
della comitiva con la quale raggiungere Friburgo in macchina.
Treno puntualissimo, indicazioni di Emma impeccabili, eccomi giunta alla fermata Comasina.
Risalgo a vedere la luce e, dopo due secondi circa, sento la voce di Emma che mi chiama,
ci siamo conosciute a Bellaria due anni fa e sentite alcune volte via mail, potevano esserci
problemi nel riconoscerci e invece... stato come se ci fossimo viste il giorno prima!!!
Giriamo lo sguardo e... anche Antonella Graniero gi l, tempo due minuti ed arrivano
anche Antonio Criscuolo e Roberto Gretter automuniti!!! Che organizzazione spettacolare!
Orari rispettati al secondo!!! Carichiamo i bagagli e partiamo alla volta di Friburgo dove
incontreremo gli altri ospiti italiani: Francesco Mancini, Alessandra Lamio, Alessandro Beber,
Caterina Cumino, Maria Luisa Spreafico, Stefania Serre, Ursula Zich e Vittoriana Losavio.
Ormai il pi fatto! E un onore per me far parte di questo gruppo, non mi sembra possibile! Io
sono uninsegnante di matematica delle superiori, credo molto nel valore didattico dellorigami
ed ogni volta che le condizioni lo consentono, cerco di utilizzarlo in classe. Attualmente
insegno allIstituto Alberghiero Aurelio Saffi di Firenze e chi lavora in questi tipi di scuole sa
bene quanto sia problematico il rapporto degli alunni con la mia materia. Ebbene, ogni volta
50
didattica di Costanza Gheri
che utilizzo lorigami in classe, resto sorpresa dai risultati che si possono ottenere e da quanto
gli alunni, spesso annoiati e disinteressati, si facciano coinvolgere dalle attivit che propongo
loro.
Ma torniamo al convegno: arriviamo in albergo, ci sistemiamo nelle camere e poi via, ci
rechiamo allinaugurazione, prevista per le ore 16. I tempi sono abbastanza rilassati, quando
siamo tutti riuniti, Joan Sallas, lorganizzatore, presenta il convegno ed i vari ospiti stranieri, una
rapida cena e via ai primi laboratori.
Lofferta molto varia, ci sono laboratori ad alto contenuto matematico ed altri pi incentrati
sulla piegatura di un particolare modello, oltre ad alcuni relativi allapplicazione dellorigami
come tecnica di comunicazione in classe o nel sociale.
Gli argomenti sono molto interessanti ed i workshops sono unoccasione importante per
scambiare le proprie esperienze in ambito educativo. Per quanto mi riguarda, mi ha fatto
piacere, come del resto era successo a Bellaria, vedere che la mia fiducia nellorigami condivisa.
Ho tratto spunto dai lavori visti per progettare altre attivit in classe, ed ho fornito particolari
pi precisi in merito ai miei laboratori.
Il secondo giorno dovevamo presentarci in quanto ospiti stranieri ed eravamo pi o meno
pronti a descrivere i nostri workshops, ma dato che molti di noi avevano gi tenuto i propri
laboratori non era pi necessario farlo e quindi, da bravi italiani, abbiamo improvvisato, con
risultati stupefacenti.
Immagini di Roberto che viene assalito dal suo pangolino origami, filmati della festa della
matematica presentata dagli alunni di Stefania, Francesco e il Giardino di Archimede, il museo
della matematica di Firenze, il Mountain Folding di Alessandra e Alessandro, piegature di
volte architettoniche e... narrazione di favole con traduzioni simultanee in inglese, tedesco e
linguaggio dei segni!!!
Con questo e molto altro, abbiamo raccontato il nostro rapporto con lorigami ed il lavoro che

51
didattica di Costanza Gheri

Scuola di Piegatura di Christine Krauss

ci ha portati ad essere membri della rappresentanza italiana.


Confesso che ero molto preoccupata per questa presentazione a tutta la platea, soprattutto
per il mio inglese, ma latmosfera stata cos piacevole ed accogliente che tutto andato bene.
Quello di Friburgo stato il mio primo convegno internazionale, in precedenza ho partecipato
soltanto ai due convegni italiani di Bellaria e, pur essendo membro del CDO dal 2006, non
sono ancora riuscita a partecipare al convegno italiano annuale.
Il convegno di Friburgo stato per me stimolante soprattutto perch mi ha permesso di
conoscere altri punti di vista ed esperienze didattiche. Lorganizzazione decisamente diversa
da quella di Bellaria il limite maggiore stato, a mio parere, la mancanza di una presentazione
da parte dei relatori, antecedente al laboratorio. Credo che questo abbia condizionato la scelta
dei laboratori da seguire in quanto, nonostante noi avessimo preparato descrizioni scritte
molto dettagliate, questo non era successo per tutti i relatori, quindi alcune scelte si sono
basate quasi esclusivamente sul titolo, senza unidea precisa del laboratorio che si andava a
seguire.
Insieme agli altri componenti del gruppo italiano abbiamo notato che diversi partecipanti
avevano pi interesse per i modelli piegati che per le applicazioni didattiche o le implicazioni
matematiche dei laboratori.
Joan Sallas stato molto disponibile durante il convegno, mettendosi a disposizione di tutti
per la buona riuscita dei laboratori, fornendoci tutto quello di cui avevamo bisogno.
Sono stati per me tre giorni molto intensi, sono rimasta soddisfatta dei miei laboratori anche se
ho solo intravisto la citt di Friburgo perch il ritmo dei lavori era molto serrato, e soprattutto
ho avuto modo di conoscere meglio i miei compagni di avventura. Mi sono sentita onorata di
rappresentare lItalia allestero, ed ho trovato tanti appassionati origamisti che credono come
me nel valore didattico, artistico e sociale di questa pratica. Spero sinceramente di riuscire, nei
prossimi anni, ad utilizzare sempre di pi gli origami a scuola, magari realizzando un progetto
didattico pi strutturato ed esteso a tutte le classi, per riuscire finalmente a spiegare piegando.

52
didattica
SEGNARE IMMAGINI IN ORIGAMI
di Vittoriana Losavio

Appena lessi il messaggio di Joan Sallas che mi invitava al primo convegno Origami e
Didatticadi Badalona (Barcellona) il 24 e il 25 ottobre di questanno, non mi sembrava vero. Io
come relatrice ad un convegno straniero?
Utilizzo molto gli origami a scuola, ma non tanto da considerarmi esperta nel poter
raccontare ed insegnarli ad un gruppo di insegnanti, e per di pi stranieri. Per me stato
anche un onore far parte del gruppo italiano invitato, sempre da Joan, a Friburgo (Germania)
dal 13 al 15 novembre 2015, un gruppo ricco di origamisti di una certa importanza e con una
grande esperienza alle spalle. Fui presa da mille domande e mille dubbi: come impostare un
workshop? Cosa posso dire? Cosa posso insegnare? Cosa ho di speciale da raccontare? Beh
forse qualcosa ci sarebbe
iniziamo con il presentarmi
Mi chiamo Vittoriana, abito a Scandiano, un paese in provincia di Reggio Emilia ma sono
pugliese doc. Ho due grandi passioni: gli origami e la LIS. Cosa sono gli origami?... ehm no sapete
gi cosa sono. Cos la LIS? La Lingua dei Segni Italiana, praticamente la lingua che usano i sordi
per comunicare. Avete presente il TG di 5 minuti sulle reti nazionali? La donnina in piedi a
fianco della giornalista televisiva? Quella che muove le mani in aria con eleganza e maestria?
Beh non sono io (magari) ma utilizzo per lavoro la stessa lingua, non in uno studio televisivo

53
didattica di Vittoriana Losavio
ma a scuola, non in piedi ma seduta, non
per cinque minuti ma per qualcosa in pi.
Lei un interprete della lingua dei segni, io
un assistente alla comunicazione. Unici miei
spettatori sono gli alunni sordi ed udenti
che osservano incuriositi il movimento delle
mie mani. Si chiederanno: Cosa fa? Disegna
parole in aria?. Ebbene si, io segno immagini.
A scuola lavoro con un bambino sordo di
9 anni ed utilizzo molto le immagini per
spiegare le varie materie scolastiche. Lo
scorso anno il bambino mi chiese il motivo
per il quale lui fosse sordo e lunico nella classe. Si sentiva solo. Nella scuola presente un altro
alunno sordo, straniero e con difficolt comunicative. Era loccasione giusta per proporre un
progetto che vedesse coinvolti i due bambini sordi. Da qui mi venne lidea di unire origami e
lingua dei segni.
Per me gli origami erano lunico mezzo disponibile per poter avvicinare i due bambini sordi.
Nacque cosi il progetto Origami in LIS che porto tuttora avanti con la mia collega Giulia.
Possiamo considerare gli origami come lunica lingua che comunica senza parole. Il bambino
non deve ascoltare con le orecchie ma con gli occhi. Tra un origami e laltro io comunicavo con
la LIS per osservare la reazione del bambino sordo straniero che non la conosceva. Qualche
settimana fa la mamma e la sorella diciassettenne hanno terminato un corso base di lingua dei
segni per comunicare meglio con lui. Una mia piccola grande soddisfazione.
Ma torniamo al motivo per il quale sto scrivendo questo articolo: i convegni Origami e
didattica di Badalona e di Friburgo.
A Badalona per me era la prima volta che relazionavo e presentavo i miei progetti. Tra i miei
mille dubbi cera anche quello della lingua, ma Joan aveva pensato a tutto: un origamista
catalana che parlava perfettamente litaliano. Che potevo desiderare di pi? Tra intoppi
vari con le slides (le avevo organizzate in modo poco fruibile per la mia forte emozione)
e il mio italiano segnato, il primo workshop ebbe un notevole successo personale. Dopo
questesperienza ero pronta ad affrontare anche il convegno di Friburgo.

54
didattica di Vittoriana Losavio

Pronta per una nuova avventura con un bel gruppo di amici origamisti.
Essendo sorda al suono inglese e facendo fatica a mettere insieme due parole, mi spaventava
un po lidea di non aver una lingua con la quale comunicare (ma in realt non era cos, una
lavevo: la lingua dei segni e da brava italiana comunicavo con i gesti-segni). A Friburgo ho
avuto anche la fortuna di essere ospitata da una collega tedesca che utilizza la lingua dei segni
locale. stato meraviglioso comunicare con lei. Non abbiamo fatto grandi discorsi a causa del
mio pessimo inglese, ma siamo riuscite a confrontarci sui nostri lavori a scuola, tra un segno
quasi simile ed una mezza parolina in inglese. Il venerd 13 lho accompagnata nella scuola
dove lei lavora, una scuola speciale dedicata a bambini con varie disabilit. Per me stato
molto emozionante vedere la normalit quotidiana in una scuola speciale. Il bambino che lei
segue sordo con difficolt nel muovere le mani e nel camminare.
Mi ha colpito la straordinariet degli insegnanti;
Mi ha colpito la bellezza della mia collega nel porre il ragazzino in una situazione in cui si
sentisse libero di esprimersi secondo le proprie
modalit (usava i piedi per scrivere al computer
e segnava lettere dellalfabeto cambiando la
forma del piede);
Mi ha colpito lintelligenza e la perspicacia
del bambino nellintuire ci che gli accadeva
intorno, nel cercare nellastuccio con i suoi
piedi il taglierino aprilettere che io cercavo
disperatamente nella mia borsa.
Mi ha colpito la sua precisione e gestione
del foglio nel piegare qualche segnalibro in
origami insegnato da me e nel mostrarmi di
essere capace di far tutto da solo creando un
bellorigami.

55
didattica di Vittoriana Losavio
Mi ha colpito la normalit nellessere speciale.
Questo stato il mio convegno: il conoscere ed il confrontarmi con gente nuova.
A Friburgo, come ben sapete, eravamo un bel gruppo di origamisti italiani che ho avuto modo
di conoscere meglio in quei giorni. Ognuno di loro mi ha lasciato qualcosa di speciale che io
porter sempre con me. Li ringrazio ad uno ad uno:
Roberto Gretter per la sua professionalit ed esperienza;
Alessandra Lamio per la sua semplicit e determinatezza;
Francesco Mancini per la sua precisione ed interesse;
Alessandro Beber per la sua umilt nellessere grande;
Antonella Graniero per il suo entusiasmo e la sua allegria;
Emma Frigerio per la sua tanta voglia di fare;
Ursula Zich per la sua simpatia;
Antonio Criscuolo per la sua modestia;
Stefania Serre per il suo sorriso;
Costanza Gheri per la sua tranquillit;
Sonia Maria Luisa Sperafico per la sua dolcezza;
Caterina Cumino per la sua calma.
Un ringraziamento speciale va a Joan Sallas che ha creduto in me e che mi ha dato loccasione
di vivere queste esperienze ricche di emozioni.
Grazie in LIS.

56
didattica
Terzo convegno italiano suorigami,
dinamiche educative e didattica
1-3 aprile 2016, Bellaria

Il terzo convegno imminente, stiamo lavorando per organizzare al meglio il programma


delle conferenze e dei laboratori. Avremo un ospite speciale, Joan Sallas, anima dei convegni di
Friburgo. Le iscrizioni sono aperte dal 20 gennaio, ricordiamo che per motivi logistici verranno
accettati un massimo di 200 partecipanti. Tutte le informazioni sono sul sito del CDO.
Qui il programma preliminare delle conferenze:
RELATORE TITOLO CONFERENZA
Roberto Gretter, Joan Sallas Origami: twist & fold
Emma Frigerio, Simona Gallina Pieghe curve e volte: tra matematica e
architettura
Nicoletta Bagarella Origami e... dinamiche educative innovative
Alessandra Lamio Diversamente origami
Antonella Graniero Una scuola incartata!
Antonio Criscuolo Laboratori itineranti di Geometria origami:
unesperienza per la diffusione della piegatura
della carta nellinsegnamento della geometria.
Costanza Gheri Spiegare la matematica: unesperienza didat-
tica trasversale
Davide Salvaggio Nelle pieghe della tecnologia
Eleonora Troisi Dalla magia della carta al gioco della carta
Federico Scalambra Storia degli origami
Giovanna Mattioli Come spiegare il concetto di paesaggio con
un librino origami
Luca Congia Il Mattoncino-Prisma a base triangolare
quale supporto per favorire lo sviluppo
delle abilit spaziali, creative e di problem
solving nei bambini

57
didattica di Roberto Gretter

Maria Luisa Spreafico Aritmetica e origami: il pesce e lo scoglio.


Martino Pavignano, Ursula Zich Modellare per capire larchitettura: origami
come medium per poter visualizzare e toc-
care realt non sempre accessibili.
Nicol Zanotti Le due semirette monte-valle e il cono di
carta
Stefania Serre Chimica, geometria, tecnologia e creativit:
ecco le pieghe in controluce
Valeria Bosetto, Caterina Cumino, Laura Il Re e lOrigami. Giochi di carta tra Archi-
Mongi tettura e Geometria.
Valeria Dorigo Magia, stelle e poliedri stellati
Vittoriana Losavio Origami e lingua dei segni

58
recensioni
I favolosi animali di
La Fontaine prendono vita.
di Pasquale DAuria

Dal 10 ottobre possibile acquistare in libreria Le favole di La Fontaine e i protagonisti


in origami facili per bambini.
Il libro, che rivisita sedici fra le pi celebri favole di Jean de La Fontaine, catapulta il letto-
re nel fantastico mondo dello scrittore e poeta francese. Un mondo abitato da simpatici
animali parlanti come il topo di campagna, il re della foresta, il saggio galletto o la scaltra
volpe; i quali rappresentano tutti, i vizi, le virt e le debolezze degli uomini regalando a
chi le legge una morale attraverso una narrazione lieve e divertente.
Le fiabe di La Fontane sono considerate degli autentici capolavori della letteratura fran-
cese, tanto che lautore considerato il continuatore della tradizione di Esopo e Fedro.
A rendere unico questo libro sono i sedici origami di cui corredato, ideati ad hoc da
Pasquale DAuria.
59
recensioni di Pasquale Dauria
I sedici modelli uno per ogni fiaba, infatti, permettono al lettore attraverso la magia na-
scosta nelle pieghe di un semplice foglio di carta, di dare vita ai protagonisti delle fiabe.
Gli origami trasmettono lo spirito pi autentico di ogni animale pur restando molto
semplici; sono stati ideati, infatti, per essere piegati dai bimbi o da genitori inesperti.
Ogni modello accompagnato da diagrammi semplici e precisi, da istruzioni molto
dettagliate e da un link e QR code con cui collegarsi a un video tutorial che allontaner
qualsiasi ipotetica difficolt riscontrata.
Il libro stato curato dalla casa editrice NuiNui in ogni suo aspetto: tutto a colori, ha
una grafica moderna e accattivante, prevede lutilizzo di tecnologie innovative, ha una
copertina cartonata ed soprattutto munito di 40 fogli di carta illustrata, con splendide
fantasie, per origami di grande formato (21x21 cm) che permettono al lettore di metter-
si subito alla prova e cimentarsi in questa affascinante arte.
Le favole di La Fontaine e i protagonisti in origami facili per bambini un ottimo rega-
lo per forgiare futuri origamisti!
Dopo questa breve recensione, dove spero di essere riuscito a mettere in luce tutti i
punti di forza di questo libro voglio svelarvi qualche retroscena.
Scrivere un libro dorigami sempre stato un mio grande desiderio; grazie al CDO avevo
gi pubblicato 5 QQM interamente dedicati ai miei modelli, e unaltra lha pubblicato
lassociazione francesei, ma mai mi era stato possibile vedere un mio libro esposto in
libreria. Doccasioni me ne si erano paventate parecchie ma nessuna si era concretizzata.

60
recensioni di Pasquale Dauria

Quindi quando mi contatt la Nuinui per fare questo libro ho subito accettato con entusiasmo.
Quello che non mi aspettavo erano i tempi cos stretti :per essere precisi ho dovuto
creare, diagrammare e fare i video per 40 modelli tutti originali ed idonei ad essere pie-
gati da bambini in 10 mesi. A differenza di quello che si portati a pensare inventare e
disegnare per i bambini molto pi complicato che farlo per persone esperte o almeno
adulte.
Ne ho dovuti creare 40 perch oltre ai 16 del libro delle favole, abbiamo preparato altri
3 libri, uno di modelli samurai (che prevede 4 miei origami), uno di animali marini (10
modelli) e per finire uno di animali preistorici (altri 10). La mole di lavoro ha sfibrato
anche un autore molto prolifero come me; per farvi capire fino a che punto, vi racconto
un aneddoto: nel periodo in cui stavo diagrammando gli animali preistorici ho sognato
di trovarmi in un parco tipo quello del film jurassic park e di camminare con molta di-
sinvoltura tra quei colossi, fino a quando non sono stato aggredito da un tiranno sauro
rex che mi voleva per forza far diventare la sua colazione. Il mio tentativo di scappare si
rivel subito vano poich il rex era troppo veloce; a quel punto la mia unica possibilit
di salvarmi fu di piegare un dinosauro, per lesattezza un dimetrodon, che ovviamente
prese subito vita e le mie difese, permettendomi di fuggire mentre loro combattevano.
Questo sogno mi ha fatto capire che mi urgeva un lungo periodo di riposo! Proprio in
questi giorni per mi hanno contattato per il quinto libro, ma fino a questo momento
(fine Dicembre 2015) il progetto non si ancora concretizzato.
61
Soci... chi c di nuovo?
2519 Rossetto Silvano 2529 Ruffoni Luisa
V.lo I Maggio 13 31052 Maserada sul Piave (TV) C.so Italia 27 36078 Valdagno (VI)
tel: 347 971 0 772 e-mail: rossetto49@gmail.com tel: 329 201 4 890 e-mail: luisamapaolo@gmail.com

2520 D Addetta Salvatore 2530 Manconi Dario


Via Passo della Canonica 2 40033 Casalecchio di Reno (BO) Vicolo E. Grosso 28 10081 Castellamonte (TO)
tel: 349 864 5 687 e-mail: s_daddetta@libero.it tel: 347 044 7 120 e-mail: frolamarica@libero.it

2521 Ricciardulli Maria Eugenia 2531 Magliano M. Rosaria


Via Villaggio Baviera 47030 Sogliano al Rubicone (FC) Via Cirana 5 84013 Cava Dei Tirreni (SA)
tel: 340 740 7 873 e-mail: ma_merchandising@hotmail.com tel: 333 351 2 819 e-mail: mariarosariamag@gmail.com

2522 Pedrini Cristina 2532 *** PRIVATO***


Piazza Arduino 3 20149 Milano (MI)
tel: 338 167 2 599 e-mail: pedrinicristina@gmail.com
2533 Somazzi Simone
Piazza Bach 17 20064 Gorgonzola (MI)
tel: 338 336 4 536 e-mail: somazzi.claudio@gmail.com
2523 Sarfati Alessandro
Via Sabatino 38 20135 Milano (MI)
tel: 344 165 8 758 e-mail: ale@sarfati.it
2534 Mancin Alessia
Strada Morano 28 / A 15033 Casale Monferrato (AL)
tel: 333 243 4 322 e-mail: alessiamancin@virgilio.it
2524 Ripepi Alessandro
Via Toledo 205 80132 Napoli (NA)
tel: 333 228 4 213 e-mail: origamiohnapoli@gmail.com
2535 Ricciardulli Maria Eugenia
Via Villaggio Baviera 47030 Sogliano al Rubicone (FC)
tel: 340 740 7 873 e-mail: ma_merchandising@hotmail.com
2525 Pulvirenti Marina
Via S. Bartolo 80 47822 Santarcangelo di Romagna (RN)
tel: 338 684 3 029 e-mail: marinapulvirenti@hotmail.com 2536 *** PRIVATO***

2526 Garofalo Emanuele 2537 Bramanti Agnese


Via Poggio da Ripoli a Baroncelli 50012 Bagno a Ripoli (FI) Via Silvestri 14 56125 Pisa (PI) tel: 347 413 9 346
tel: 347 323 0 571 e-mail: anna.margherita.v@gmail.com e-mail: agnese.bramanti@gmail.com

2527 De Martino Maria 2538 Ciavarella Paolo


Via Vigna 47 80071 Anacapri (NA) Via Ruggero Grieco 4 71016 San Severo (FG)
tel: 338 113 3 557 e-mail: roberto05052002@yahoo.it tel: 380 692 3 248 e-mail: ciavarellapaolo0@gmail.com

2528 Welch Susan 2539 Stucco Christian


Via Traforo 47 - B4 10053 Bussoleno (TO) Via Peroldrado 21 10040 Caprie (TO)
tel: 340 731 8 305 e-mail: suegeneral57@gmail.com e-mail: stuccojunior@gmail.com
62
Coriandoli
Briciole di origami
a cura della redazione

Il sito web di CBILL (pagamento bollette online)


utilizza modelli origami per alcune delle sue pagine:
http://www.cbill.it

coriandoli trovati da Lorenzo Lucioni

Coriandolo trovato in una


pagina web da Roberto
Morassi

63
oh!...ricordi!
a cura di Francesco Miglionico
Quadrato magico n.25
(Aprile 1991)

Di questo QM avrei potuto scrivere dei miei primi origami pubblicati o del concorso proposto
(la base della casetta dalla quale scaturito il primo origami da me considerato importante:
la tartaruga - Poi al concorso ha vinto un altro mio modello: il leprotto -).
Invece no, voglio invitarvi a cercare il CARTAGIOCHI alla pag. 36, dove c una chicca
ELEGANTE (probabilmente lautore THOKI YENN) che mi appassion per tantissimo
tempo. E se a qualcuno di voi, che non ne fosse a conoscenza, scaturisse la stessa passione ne
sarei veramente felice. fran(es(o:
64
lo staff Incarichi e compiti
Consiglio direttivo Vanda BATTAGLIA Gabriella FRANZETTI Oscar ORLANDI
Yuri CARMINATI Donatella GHISI Stefania SERRE
Antonio COIANA Roberto GRETTER Sonia SPREAFICO
Francesco DECIO Luigi LEONARDI Gemma TURNONE
Gabi FERRARO Francesco MANCINI

Presidenza Segreteria e soci


Roberto GRETTER Donatella GHISI
robertogretter@gmail.com segreteria@origami-cdo.it
cell. 334 112 9 796
tel. 0461 512330
Convegno Tesoreria
Donatella GHISI Luigi LEONARDI
segreteria@origami-cdo.it leonardi.luigi@gmail.com
cell. 334 112 9 796 Stefania SERRE
Roberto GRETTER stefyserre@gmail.com
robertogretter@gmail.com Biblioteca e magazzino
tel. 0461 512330
Gabriella FRANZETTI
Web gabriella.franzetti@poste.it
Antonio COIANA cell. 349 892 2 089
webmaster@origami-cdo.it ordini fax 0332 706270
tel. 070 666057 Sonia SPREAFICO
Gemma TURNONE sorigami3@gmail.com
gemma.turnone@virgilio.it cell. 328 761 9 679

Francesco MANCINI Quadrato Magico


fmancini@ymail.com Yuri CARMINATI (Impaginazione)
yuri.carminati@yahoo.it
Quaderni di QM cell. 349 8204216
Oscar ORLANDI
osorland@tin.it
Gabi FERRARO (Gestione materiali)
ferrarogabi@gmail.com
Atti del Convegno Roberto MORASSI (supervisore)
Francesco MIGLIONICO (varie)
Gemma TURNONE f.miglionico@virgilio.it
Francesco MANCINI Francesco DECIO (diagrammi)
francesco.decio@tin.it
Francesco DECIO Donatella GHISI (nuovi soci)
segreteria@origami-cdo.it
Diagrammi Roberto GRETTER (tecniche)
Francesco DECIO robertogretter@gmail.com
francesco.decio@tin.it Luigi LEONARDI (varie)
tel. 349 245 4 205 leonardi.luigi@gmail.com
Francesco MANCINI (varie)
Mostre fmancini@ymail.com
Oscar ORLANDI (varie)
Vanda BATTAGLIA osorland@tin.it
vandabattaglia@me.com Luciano PETINO (varie)
tel. 035 614949 lucianocdo@libero.it
CENTRO DIFFUSIONE ORIGAMI
CASELLA POSTALE 28
27011 BELGIOIOSO (PAVIA)
e-mail: info@origami-cdo.it
www.origami-cdo.it

L'attacco dell'aquila

BERNIE PEYTON
Composizione di uno degli ospiti all'ultimo convegno
del CDO: il movimento del rapace che cambia direzione
per inseguire il coniglio di un realismo straordinario.