Sei sulla pagina 1di 36

CLASSIFICAZIONE DEI

MATERIALI
I materiali possono essere classificati
secondo:
il TIPO di legame chimico
la struttura (cristallina o amorfa)
le propriet (es. meccaniche,
elettriche.....)
le applicazioni
1
CLASSIFICAZIONE
TRADIZIONALE
METALLI
CERAMICI
POLIMERI
COMPOSITI (combinazione
sinergica propriet)

2
Materiali METALLICI
Generalmente i metalli sono:
opachi
riflettono la luce,
altoresistenziali
rigidi
duttili (si piegano prima di
rompersi),
conduttori di calore ed
elettricit (e- liberi)
resistenti agli sbalzi termici
di norma allo stato cristallino,
facilmente lavorabili.
3
sono costituiti da elementi (Fe, Al, Mg, Cu,)
sono di norma allo stato cristallino
vengono preparati per fusione
sono (quasi) tutti solidi a temperatura ambiente
danno origine a leghe

Esempi: acciaio; ghisa; leghe di alluminio, rame,


titanio; bronzo; ottone; metalli nobili;

4
Materiali CERAMICI
Generalmente i ceramici sono:
fragili
rigidi
ad elevata durezza
resistenti allusura
isolanti elettrici e termici
refrattari e resistenti ad alte
T
chimicamente inerti
cristallini, amorfi,
vetroceramici
comprendono i vetri e i leganti
5
CERAMICI AVANZATI: Sono combinazioni di
metalli/semiconduttori ed ossigeno/azoto/carbonio/boro:
ossidi (Al2O3), carburi (SiC), nitruri (Si3N4), boruri (TiB2)
La maggior parte delle sostanze minerali appartengono a
questa categoria

FONDONO A TEMPERATURE ELEVATE


vengono preparati per SINTERIZZAZIONE, MAI
FUSIONE

6
VETRI
Materiali AMORFI (no cella elementare)
Preparati per fusione a partire da OSSIDI
LAVORABILI A CALDO
Per trattamento termico ottengo VETROCERAMICI
Isolanti termici ed elettrici

APPLICAZIONI
Vetri di sicurezza
Vetri avanzati (termocromici)
Fibre ottiche
Biomateriali

7
Materiali POLIMERICI
La maggior parte dei polimeri:
bassa densit
non pu sopportare alte T
isolante termico ed elettrico
ha una modesta res. meccanica
deformabile plasticamente
alcuni hanno propriet elastiche
(elastomeri: gomma)
Alcuni sono riciclabili
(termoplastici)

8
Sono costituiti da composti organici macromolecolari,
naturali o sintetici
Sono legati da legami covalenti e anche da legami
secondari (Van der Waals e a idrogeno)
Vengono preparati attraverso la sintesi organica dei
monomeri e la loro successiva polimerizzazione
Possono essere preparati al momento delluso (adesivi)
Sono in genere lavorabili meccanicamente

Esempi: contenitori, mobili, bottiglie, pneumatici, adesivi,


vernici, bitumi,...

9
Materiali COMPOSITI
La combinazione SINERGICA fra le propriet dei
materiali stata estesa grazie allo sviluppo dei
MATERIALI COMPOSITI.
I materiali compositi sono sistemi ETEROGENEI,
costituiti da una MATRICE di tipo ceramico,
polimerico o metallico in cui si trova DISPERSA
una seconda fase.
Il materiale mostra propriet NON OTTENIBILI
con i singoli costituenti.

10
Sono costituiti da DUE FASI:
MATRICE e SECONDA FASE (o fase
rinforzante)
si classificano a seconda della matrice in:
compositi a matrice metallica
compositi a matrice polimerica
compositi a matrice ceramica tra cui
anche compositi a matrice vetrosa o
vetroceramica

11
Materiali COMPOSITI
Possono essere classificati anche a seconda
della seconda fase:
compositi rinforzati con fibre (lunghe o corte)
compositi rinforzati con particelle
la seconda fase puo appartenere ad ognuna
delle classi principali dei materiali

12
I COMPOSITI: combinazioni di propriet
Obiettivi:
aumentare la durezza di materiali metallici
rinforzi ceramici
aumentare la rigidit e la resistenza a trazione di
materiali polimerici rinforzi di fibre di vetro, di
carbonio
ridurre il peso dei componenti matrice polimerica
Esempi:
calcestruzzo armato (matrice ceramica e rinforzo
metallico) ;
pneumatico (matrice polimerica e rinforzo metallico),
vetroresine (matrice polimerica)

13
CONFRONTO FRA I
MATERIALI

14
Competizione tra i materiali
Limpiego dei diversi materiali in continua evoluzione.
Fattori importanti sono rappresentati da:
- costo
- propriet specifiche per una particolare
applicazione

15
Impiego di materiali nelle automobili
prodotte negli USA

16
Sviluppi futuri dei materiali
Materiali metallici: in atto una continua ricerca di nuove e pi evolute
leghe per impieghi aerospaziali (es. superleghe di Ni per alta temperatura,
leghe di Al e leghe di Ti), con maggiore resistenza meccanica ad alta T e alla
corrosione.

Materiali polimerici: la ricerca indirizzata verso la sintesi di engineering


polymers e verso lo studio di nuove leghe polimeriche.

Materiali ceramici: si stanno studiando i cosiddetti ceramici avanzati, a


base di nitruri, carburi e ossidi, per impieghi ad alta T e applicazioni di tipo
elettronico.

Materiali compositi: sono in continuo sviluppo, soprattutto ora che la


ricerca si concentrata sulle nanotecnologie. Stanno diventando sempre pi
importanti nelle applicazioni avanzate ad alte prestazioni.

Materiali per lelettronica: limpiego del silicio e di altri materiali


semiconduttori in microelettronica sempre pi massiccio. Tendenza a
diminuire fortemente le dimensioni dei circuiti, collocando su di un unico chip
di silicio pi transistors.
17
Propriet fisiche densit, propriet meccaniche, termiche,
elettriche/magnetiche, ottiche,

Propriet meccaniche risposta alle sollecitazioni meccaniche,


resistenza, rigidezza,

Propriet termiche collegate alla trasmissione del calore, alla


capacit termica, espansione termica, transizioni termiche

Propriet elettriche e magnetiche risposta a campi elettrici e


magnetici, conducibilit elettrica,

Propriet ottiche comprendono lassorbimento, la


trasmissione, la diffusione della luce,

Propriet chimiche composizione chimica, risposta al contatto


con lambiente (propriet superficiali, resistenza alla corrosione,
reattivit chimica,)
18
Propriet dei materiali: densit
Propriet dei materiali: rigidezza
Propriet dei materiali: resistenza
Propriet dei materiali: tenacit
Classificazione dei materiali- TIPO
DI LEGAME
Solidi ionici
(es. MgO, NaCl, gesso, etc.)

Solidi covalenti e molecolari


(es. polimeri, diamante, grafite, carburi e
nitruri di silicio)
Solidi metallici
(metalli puri e le loro leghe)

23
LEGAME METALLICO E SOLIDI METALLICI

Tipico dei metalli e delle loro leghe


Gli e- di valenza sono CEDUTI dagli atomi a
formare la nuvola degli elettroni di valenza

Disposizione degli atomi in un cristallo di rame. Ogni


atomo di rame coordinato a 12 atomi di rame: struttura
cubica a facce centrate. 24
LEGAME IONICO E SOLIDI IONICI
Formazione di una COPPIA di ioni di segno
opposto: possibile tra atomi con una elevata
differenza di elettronegativit
Comporta un TRASFERIMENTO di e-

Es: NaCl

25
Legame ionico: distanza di equilibrio
Frisultante = Fattrattiva + Frepulsiva
Fattrattiva
Z1e Z 2e

Z1Z 2e 2
4 0 a 2 4 0 a 2
nb Z1, Z2 = numero cariche ioni.
Frepulsiva n 1 e = carica dellelettrone.
a
a = distanza di separazione
interionica.
Z1Z 2e 2 nb
Frisult. 0 = permettivit nel vuoto.
4 0 a 2 a n 1
n,b = costanti

Z1Z 2e 2 b
Enetta n
4 0 a a
Esempi di legame ionico
Legame tipico dei materiali ceramici
NaCl
MgO
H He
2.1 CaF2 -
Li Be O F Ne
1.0 1.5 CsCl 3.5 4.0 -
Na Mg Cl Ar
0.9 1.2 3.0 -
K Ca Ti Cr Fe Ni Zn As Br Kr
0.8 1.0 1.5 1.6 1.8 1.8 1.8 2.0 2.8 -
Rb Sr I Xe
0.8 1.0 2.5 -
Cs Ba At Rn
0.7 0.9 2.2 -
Fr Ra
0.7 0.9

Give up electrons Acquire electrons

27
Legame covalente e solidi covalenti
Nel legame covalente la configurazione elettronica
stabile viene raggiunta in seguito alla
CONDIVISIONE DI ALCUNI ELETTRONI DI
VALENZA da parte di atomi adiacenti

Gli e- condivisi tra due atomi possono essere


considerati come appartenenti ad entrambi gli atomi

28
Legame covalente e solidi covalenti

Il legame covalente DIREZIONALE:


presente solo tra atomi specifici e pu
esistere soltanto nella direzione congiungente
gli atomi partecipanti alla condivisione
elettronica

Diamante

29
Esempi di legame covalente

H2O

column IVA
H2 F2
C(diamond)
H He
2.1
SiC - Cl2
Li Be C O F Ne
1.0 1.5 2.5 2.0 4.0 -
Na Mg Si Cl Ar
0.9 1.2 1.8 3.0 -
K Ca Ti Cr Fe Ni Zn Ga Ge As Br Kr
0.8 1.0 1.5 1.6 1.8 1.8 1.8 1.6 1.8 2.0 2.8 -
Rb Sr Sn I Xe
0.8 1.0 1.8 2.5 -
Cs Ba Pb At Rn
0.7 0.9 1.8 2.2 -
Fr Ra
0.7 0.9 GaAs

Molecole con non metalli


Molecole con metalli e non metalli
Solidi elementari (C diamante, Si, Ge, )
30
LEGAMI SECONDARI o Van der Waals
Il legame secondario risulta dallinterazione di
dipoli atomici o molecolari ed debole
NON COINVOLGE trasferimenti di e-
1. Legami a dipolo 2. Legami a dipolo permanente
indotto fluttuante
legame ad idrogeno (nelle
Esempio: i gas inerti molecole nelle quali lidrogeno legato
covalentemente a F, O e N)
Esempio: HF

Polimeri: legami
secondari fra le
catene 31
Legami secondari
Classificazione dei materiali- TIPO DI
LEGAME

Caso molto frequente: LEGAMI MISTI


Ionico - covalente (es. alcuni ceramici,
semiconduttori GaAs, ZnS),
Metallico - covalente (Si e Ge),
Metallo - ionico (composti intermetallici Al- Co, Fe-
Zn)

33
covalente
Semiconduttori

Polimeri

metallico secondario

Metalli ionico Ceramici e


vetri

34
Tipo di legame-propriet dei materiali

Perch importante studiare il legame chimico:

Il tipo di legame, la sua direzionalit e la sua forza


determinano la STRUTTURA e molte delle
PROPRIET dei materiali:
La T di fusione
Lespansione termica
Le PROPRIET MECCANICHE (modulo elastico,
duttilit, tenacit, )
Le propriet elettriche

35
Es.: Forza di legame temperatura di
fusione
T fusione direttamente proporzionale alla f.za di legame
Tfusione: Polimeri < (metalli, ceramici)

36