Sei sulla pagina 1di 13

UNIVERSITA DI FIRENZE

Facolt di Ingegneria
Fisica Tecnica G. Grazzini
________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Scambiatori di calore

Con il termine scambiatori di calore indichiamo una apparecchiatura in cui si ha


trasmissione di calore da un fluido ad un altro.
In campo termotecnico queste apparecchiature sono della massima importanza: basti
pensare ai comuni radiatori, ai termoconvettori impiegati per il riscaldamento ambientale,
ai radiatori delle automobili, oppure agli evaporatori ed ai condensatori delle macchine
frigorifere.
La prima fondamentale distinzione tra:
scambiatori a contatto diretto (o a miscela - ad es. torri evaporative)
scambiatori a contatto indiretto (o a superficie - ad esempio caldaia a tubi di fumo).

In base alla configurazione del moto si possono poi distinguere:


scambiatori in equicorrente (a correnti parallele equiverse)
scambiatori in controcorrente (a correnti parallele con versi opposti)
scambiatori a flussi incrociati

Le configurazioni costruttive si caratterizzano poi in base alla complessit geometrica, a


partire dal semplice scambiatore tubo in tubo sino ai tipi a piastre o a tubi alettati.

pag. 1-13
UNIVERSITA DI FIRENZE
Facolt di Ingegneria
Fisica Tecnica G. Grazzini
________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Un parametro di
valutazione della
geometria il
rapporto tra la
superficie di scambio
ed il volume.
Scambiatori con
elevati valori di tale
rapporto (> 700
m2/m3) vengono detti
compatti.

pag. 2-13
UNIVERSITA DI FIRENZE
Facolt di Ingegneria
Fisica Tecnica G. Grazzini
________________________________________________________________________________________________________________________________________________

pag. 3-13
UNIVERSITA DI FIRENZE
Facolt di Ingegneria
Fisica Tecnica G. Grazzini
________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Una delle configurazioni pi comuni quella dello scambiatore a fascio tubiero. In tale
schema un fluido passa entro un fascio di tubi e laltro entro il volume libero tra i tubi e il
mantello dello scambiatore. Appositi setti verticali costringono il fluido che scorre entro il
mantello ad assumere un moto sinuoso, onde potenziare lo scambio termico convettivo.

pag. 4-13
UNIVERSITA DI FIRENZE
Facolt di Ingegneria
Fisica Tecnica G. Grazzini
________________________________________________________________________________________________________________________________________________

In genere i due fluidi sono separati da una parete di superficie A per cui lo scambio
termico tra il fluido caldo, alla temperatura Tc, e quello freddo, alla temperatura Tf,
avviene per convezione nel primo fluido, poi per conduzione attraverso la parete di
spessore s e conducibilit termica k ed infine nuovamente per convezione nel secondo
fluido. Lo scambio termico per irraggiamento normalmente non esplicitato negli
scambiatori, a meno che non si sia in presenza di gas ad elevata temperatura provenienti
da una combustione, come ad esempio accade in una caldaia. In generale negli scambiatori
l'eventuale irraggiamento incorporato nelle relazioni sperimentali che forniscono il Nu.
La quantit di calore scambiata sar data da:

Q = U A ( Tc - Tf)

dove U il coefficiente globale di scambio termico, calcolabile come:

U = 1/[1/hc + Rk + 1/hf]

dove hc ed hf sono i coefficienti di convezione ( o ebollizione o condensazione) dei due


fluidi ed Rk la resistenza di conduzione che dipender dalla geometria e dalla
conducibilit termica della parete di separazione tra i due fluidi. Tale parete negli
scambiatori per lo pi metallica di non grande spessore, per cui la Rk pu spesso venir
trascurata nei confronti delle altre due resistenze termiche.
pag. 5-13
UNIVERSITA DI FIRENZE
Facolt di Ingegneria
Fisica Tecnica G. Grazzini
________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Risulta quindi evidente che per poter scambiare delle grandi quantit di calore occorre
operare con elevati hc ed hf, dove questo non sia possibile, come nel caso in cui uno od
entrambi i fluidi siano rappresentati da un gas, bisogna ricorrere all'estensione della
superficie di scambio termico, ossia operare con superfici alettate.
Nel dimensionamento di uno scambiatore di calore occorre tener presente che
attraversando lo scambiatore la differenza di temperatura tra il fluido caldo e quello freddo
non costante, per cui varia la potenza trasmessa da sezione a sezione e risente della
configurazione dello scambiatore.
Nel caso dello scambiatore equicorrente si ha una forte differenza allingresso e una
differenza minima alluscita. Nel caso dello scambiatore controcorrente la differenza
invece pi costante e il fluido freddo pu uscire dallo scambiatore a temperatura maggiore
di quella delluscita
del fluido caldo.
Termodinamicamente
quindi questa confi-
gurazione superiore,
per la minore caduta
di temperatura dell'
energia termica .

pag. 6-13
UNIVERSITA DI FIRENZE
Facolt di Ingegneria
Fisica Tecnica G. Grazzini
________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Ammettendo che gli scambi di calore avvengano solo tra i due fluidi, ossia che la
superficie esterna dello scambiatore sia adiabatica, il bilancio dell'energia ci porta a
scrivere, ad una coordinata generica, in condizioni stazionarie e condotti orizzontali,
trascurando variazioni di energia cinetica:

dQ = -mc cpc dTc= mf cpf dTf= U(Tc- Tf) dA


Considerando le due relazioni separatamente e sommandole membro a membro, essendo il
differenziale un operatore lineare, si pu scrivere:
1
d (Tc T f ) = dQ
1
+
m& c
f pf m& c c pc
da cui si pu ottenere:
1
d (Tc T f ) = U (Tc T f )
1 dA
+
m& c &
m c
f pf c pc
Questa relazione pu essere integrata tra lingresso 1 e luscita 2 dello scambiatore,
assumendo costanti i calori specifici ed il coefficiente di scambio termico globale U.
Si ottiene:

pag. 7-13
UNIVERSITA DI FIRENZE
Facolt di Ingegneria
Fisica Tecnica G. Grazzini

(T )
________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Tf 1 1
ln
c 2
= UA +
(T c Tf ) 1
m& c
f pf m& c c pc


Il calore globalmente scambiato da ciascuno dei due fluidi :
Q = m& f c pf (T f 2 T f 1 ) = m& c c pc (Tc 2 Tc1 )
quindi:
(T T )
c f 2 UA
[
(Tc T f )1 (Tc T f )2 ]
=
ln
(T T )
c f 1 Q
da cui:
T2 T1
Q = UA = UATm
T2 dove
ln
T1 = Tc1 T f 1 e T2 = Tc 2 T f 2
T
1
Tm e' invece la differenza di temperatura media effettiva per tutto lo scambiatore, ossia la
media logaritmica delle temperature (MLDT) valida sia per controcorrente che
equicorrente.
pag. 8-13
UNIVERSITA DI FIRENZE
Facolt di Ingegneria
Fisica Tecnica G. Grazzini
________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Nel caso della configurazione controcorrente, se mccpc = mfcpf, la differenza di


temperatura costante.
Bisogna tener presente che l'uso della MLDT solo una approssimazione in quanto
U non costante.
Per scambiatori pi complessi non e' possibile ricavare semplici espressioni analitiche, in
pratica si opera moltiplicando la MLDT per dei fattori di correzione che si trovano
diagrammati.

Se la differenza tra le temperature di estremit non elevata (<30%) si pu approssimare


la MLDT con la media aritmetica delle differenze di estremit, approssimazione ottenibile
espandendo in serie il logaritmo al denominatore ed arrestandosi al secondo termine della
serie.

x 1 1 x 1 3
ln x = 2 + + ...... +
x + 1 3 x + 1

pag. 9-13
UNIVERSITA DI FIRENZE
Facolt di Ingegneria
Fisica Tecnica G. Grazzini
________________________________________________________________________________________________________________________________________________

T2 T2 T1 1 T2 T1
3

ln = 2 + + ...... +
T1 T2 + T1 3 T2 + T1

T2 T1 T2 T1 T2 + T1
= =
T2 2 T2 T1 2
ln
T
1 T 2 + T1

pag. 10-13
UNIVERSITA DI FIRENZE
Facolt di Ingegneria
Fisica Tecnica G. Grazzini
________________________________________________________________________________________________________________________________________________

pag. 11-13
UNIVERSITA DI FIRENZE
Facolt di Ingegneria
Fisica Tecnica G. Grazzini
________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Comunque in fase di progetto non sempre possibile conoscere la temperatura di uscita ;


e' utile valutare la potenza termica scambiata prescindendo dalle differenze di tempe-
ratura, e per questo definire l'efficienza di uno scambiatore di calore.
Definiamo l'efficienza di uno scambiatore come il rapporto tra la potenza termica
effettivamente scambiata e la massima potenza termica scambiabile.
Questa potenza massima sar esprimibile in funzione della massima variazione di
temperatura possibile nel sistema, variazione attribuita alla massima capacit termica
utilizzabile, quest'ultima corrispondendo al minore dei due prodotti (m cp).
L'efficienza pertanto data da:
Qscambiato (m c p )c(Tci - Tcu ) (m c p )f (T fi - T fu )
= = =
QMax scambiabile (m c p )min(Tci - T fi ) (m c p )min(Tci - T fi )
per cui si ha, con Cmin=(m cp)min
Q = Cmin ( Tci - Tfi )
L'efficienza di uno scambiatore riportata in letteratura in funzione dei due parametri
adimensionali Cmin/Cmax e UA/Cmin ; il primo determinato dalle caratteristiche dei due
fluidi e dalle rispettive portate di massa, mentre il secondo il rapporto tra la conduttanza
termica globale, determinata dalle caratteristiche geometriche dello scambiatore e dal
moto dei fluidi, e la Cmin; questo parametro di solito indicato con NUT, ossia numero di

pag. 12-13
UNIVERSITA DI FIRENZE
Facolt di Ingegneria
Fisica Tecnica G. Grazzini
________________________________________________________________________________________________________________________________________________

unit di trasmissione
del calore.
Ovviamente, pi
elevato il NUT pi
lo scambiatore
vicino al suo limite
termodinamico.

Si ha Cmin/Cmax =
0 quando lo
scambiatore un
condensatore od un
evaporatore in cui
uno dei due fluidi
subisce una
trasformazione a T e
P costante, come se
avesse capacit
termica infinita.

pag. 13-13