Sei sulla pagina 1di 2

Sul Mito

https://it-it.facebook.com/La-via-delliniziazione-691374137579408

Il mito una narrazione atemporale e ciclica della realt raccontata per soddisfare profondi bisogni
religiosi e psicologici, ha una funzione allegorica e didascalica, attraverso immagini e simboli i miti
facilitano nel lettore o nellascoltatore un atteggiamento aperto, semplice e immediato per la
comprensione del significato di eventi e misteri primordiali, fenomeni naturali, gesta eroiche o
circostanze morali, psicologiche e spirituali, pertanto il mito diviene un mezzo per trasmettere una
conoscenza ancestrale favorendo l'acquisizione di una maggiore consapevolezza di se stessi e della
realt.

Ogni mito si compone fondamentalmente di due parti: una falsa o fantasiosa che rappresenta una
sorta di contenitore che ha lo scopo di attrarre il lettore o lascoltatore, accessibile a tutti e non
assolutamente un fatto storico; unaltra parte vera e nascosta che rappresenta il contenuto, dove
l'ascoltatore o lettore grazie alla sua intelligenza e capacit intuitiva, riesce a comprendere i vari
risvolti morali, politici, esistenziali e psicologici racchiusi nei miti, non vincolati n dalla storia, n
dal tempo e dallo spazio.

Il mito per chi lo sa cogliere pu contenere delle verit eterne pi significative che qualsiasi verit
storica. La storia sempre schiava del passato, al contrario il mito ispira libert, non soltanto nel
passato ma sempre aperto al futuro. La storia collegata alla coscienza, superficiale, il mito
invece molto pi profondo poich collegato allinconscio umano.

Ogni religione sostanzialmente si basa su di un mito. Se il mito vivo, allora la religione viva, se
il mito morto, la religione morta. Quando un mito e una religione sono morti, non vuol dire che
scompaiano necessariamente dalla storia. Se nel mito tolto tutto ci che di vero, vivo, sacro e
significativo, rimane soltanto la sua parte falsa e finta un guscio vuoto cui si tenta di riempirlo con
ogni sorta di menzogna e mistificazione o per riutilizzarlo per scopi di controllo e di potere.

I preti, i sacerdoti, i predicatori religiosi sono come dei negromanti che cercano con il fervore, il
carisma, le loro invenzioni e speculazioni di ridare nuova vita al mito ma finiscono per ricrearlo a
loro immagine e somiglianza, il mito nelle loro mani finisce per diventare una grande bugia, una
finzione e se ne serviranno come un catalizzatore per soggiogare e manipolare le coscienze dei
propri seguaci o fedeli, sostituendo la verit insita nel mito con un falso credo o con una vacua fede.

Un mito religioso vivo soltanto quando incarnato da un Maestro vivente, ma quando egli ha
lasciato il corpo o questo pianeta, la Verit se n andata con lui, a meno che quest'ultima si
manifesti di nuovo in uno dei suoi discepoli, il suo Mito perder ogni rapporto con la realt e la
verit, cos come dalla religione di cui il fondamento.

Il mito dunque qualcosa di fragile e di delicato, non pu essere strumentalizzato, altrimenti si


perder il suo autentico significato e rimarranno soltanto le idiozie, le assurdit, i cadaveri dei santi,
profeti e maestri che saranno adorati per secoli e secoli.

Il razionalismo occidentale ha smantellato tutti i vecchi miti. Tutto ci che di bello, vero e poetico
del mito stato distrutto dalla logica, dalla modernit, dallutilitarismo, che uccidono il Cuore
stesso dellumanit. Senza il mito, la poesia, larte, il teatro, la musica, la filosofia, la vita stessa
perdono ogni significato, il mondo ridotto soltanto a un mercato, ogni relazione e rapporto umano
divengono privi di amore, passione e compassione.
Salvo che ogni individuo scopra in se stesso la Verit e diventi un Mito Vivente, i miti
continueranno ad aiutare gli uomini a sopportare questa breve esistenza terrena, altrimenti senza di
essi ben pochi potranno sopportare langoscia di una vita senza significato e come purtroppo sta
accadendo, si autodistruggeranno con le droghe e col alcol, l' alternativa il suicidio.

Il mito in definitiva il Simbolo del significato dellEsistenza e ogni racconto mitico riconduce
sempre a se stessi. E dunque responsabilit di ogni individuo trovare questo significato dentro di s,
contribuendo a salvare lumanit, riscoprendo l'essenza originaria dimenticata del proprio Essere e
infondendo nuova linfa ed energia creativa nella propria vita.