Sei sulla pagina 1di 26

Ugo Villani professore ordinario di Diritto internazionale nel

Dipartimento di Scienze politiche dellUniversit Aldo Moro di Collana di Studi sullintegrazione europea
Bari e docente di Diritto internazionale e dellUnione europea nel
Dipartimento di Scienze della formazione, psicologia, comunica- 1
zione; Presidente del Collegio dei Garanti dei comportamenti.

UGO VILLANI
Presidente della Societ Italiana di Diritto internazionale e Diritto
dellUnione europea. stato ordinario di Diritto internazionale e
docente di Organizzazione internazionale nella Facolt di Giuri-
sprudenza dellUniversit di Bari, nella quale ha ricoperto linca-
rico di Presidente dei corsi di laurea di Scienze Politiche e di Giuri-
sprudenza, di Direttore del Dipartimento di Diritto internazionale
e dellUnione europea e di coordinatore del Dottorato di ricerca

Istituzioni di Diritto dellUnione europea


in Diritto internazionale. stato ordinario di Diritto dellUnione
europea nella Facolt di Giurisprudenza dellUniversit La Sa-
pienza di Roma e coordinatore del Dottorato di ricerca in Diritto

Istituzioni
internazionale e dellUnione europea. stato ordinario di Diritto
internazionale nella LUISS Guido Carli di Roma e docente di Tu-
tela internazionale dei diritti umani, Diritto dellUnione europea,
Organizzazione internazionale. condirettore della collana Studi
di Diritto Internazionale, Giappichelli, Torino, della collana e della

di Diritto
rivista Studi sullintegrazione europea, Cacucci, Bari. coordina-
tore scientifico per il diritto internazionale e dellUnione europea
degli Annali della Enciclopedia del diritto, Giuffr, Milano.
Oltre a numerosi articoli e contributi in materia di diritto inter-
nazionale pubblico e privato e di diritto dellUnione europea, ha

dellUnione
pubblicato i seguenti volumi: La conciliazione nelle controversie
internazionali, Napoli, Jovene, 1979 (ristampa con appendice di
aggiornamento 1989); Garanzie bancarie, commercio internazio-
nale e diritto internazionale privato, Padova, CEDAM, 1984 (con
A. Giardina); La citt fraterna. Per il quarantesimo anniversario

europea
della dichiarazione universale dei diritti delluomo, Milano, Giuf-
fr, 1988 (curatore); Lezioni su lONU e la crisi del Golfo, Bari,
Cacucci,1991 (III edizione, con il titolo LONU e la crisi del Golfo,
2005); La giurisprudenza italiana di diritto internazionale privato e
processuale. Repertorio 1967-1990, Milano, Giuffr, 1991 (coau-
tore); La Convenzione di Roma sulla legge applicabile ai contratti,
Bari, Cacucci, 1997 (II edizione 2000); Les rapports entre lONU
et les organisations rgionales dans le domaine du maintien de la
paix, in Recueil des cours de lAcadmie de droit international de
La Haye, tome 290 (2001), The Hague/Boston/London, Nijhoff,
2002; Studi su La protezione internazionale dei diritti umani, 4a edizione riveduta
Roma, LUISS University Press, 2005; A tutti i membri della fami-
glia umana. Per il 60 anniversario della Dichiarazione universale, e aggiornata
Milano, Giuffr, 2008 (curatore); Valori comuni e rilevanza delle

UGO VILLANI
identit nazionali e locali nel processo dintegrazione europea,
Napoli, Editoriale Scientifica, 2011; Dalla Dichiarazione universale
alla Convenzione europea dei diritti delluomo, Bari, Cacucci, 2012
(II edizione 2015); Nozioni di diritto internazionale privato. Parte
generale e obbligazioni, Napoli, ESI, 2013 (coautore).

ISBN 978-88-6611-507-6

40,00
In copertina:
Gustav Klimt, Il fregio di Beethoven, particolare: Inno alla gioia
Collana di Studi sullintegrazione europea
1

UGO VILLANI

ISTITUZIONI DI DIRITTO
DELLUNIONE EUROPEA
4a edizione riveduta e aggiornata

CACUCCI EDITORE

2016
1a edizione 2008

2a edizione 2010

3a edizione 2013

4a edizione 2016

propriet letteraria riservata

2016 Cacucci Editore - Bari


Via Nicolai, 39 - 70122 Bari Tel. 080/5214220
http://www.cacucci.ite-mail:info@cacucci.it
Ai sensi della legge sui diritti dAutore e del codice civile
vietata la riproduzione di questo libro o di parte di esso
con qualsiasi mezzo, elettronico, meccanico, per mezzo di
fotocopie, microfilms, registrazioni o altro, senza il con-
senso dellautore e delleditore.
A Francesco Capotorti e Vincenzo Starace
ch n la mente m fitta, ed or maccora,
la cara e buona imagine paterna
di voi, quando nel mondo ad ora ad ora
minsegnavate...
When we come to matters with a European ele-
ment, the treaty is like an incoming tide. It flows
into the estuaries and up the rivers. It cannot be
held back.
Lord A. T. Denning
INDICE

Prefazione alla quarta edizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . XV


Prefazione alla terza edizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . XVI
Prefazione alla seconda edizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . XVII
Prefazione alla prima edizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . XVIII

Capitolo I
ORIGINI, EVOLUZIONE E CARATTERI
DELLINTEGRAZIONE EUROPEA
1. I primi movimenti europeisti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
2. Le organizzazioni europee del secondo dopoguerra . . . . . . . . . . . . . 3
3. La nascita della Comunit europea del carbone e dellacciaio (CECA) 4
4. Il fallimento della Comunit europea di difesa (CED) e il rilancio
del processo dintegrazione europea: la Comunit economica europea
(CEE) e la Comunit europea dellenergia atomica (CEEA) . . . . . . . 6
5. Il carattere sopranazionale delle Comunit europee: il parziale tra-
sferimento di poteri legislativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
6. Segue: il parziale trasferimento di poteri giudiziari e della sovranit
monetaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
7. Lallargamento dellUnione europea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
8. Gli sviluppi dellintegrazione europea: in particolare, lAtto unico eu-
ropeo del 1986 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
9. Il Trattato di Maastricht del 1992 e la nascita dellUnione europea
(UE) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
10. Gli sviluppi successivi e il fallimento della Costituzione europea . 19
11. Il Trattato di Lisbona del 2007 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
XIndice

Capitolo II
OBIETTIVI, VALORI E PRINCIPI DELLUNIONE EUROPEA
1. Gli obiettivi dellUnione europea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
2. I valori fondanti dellUnione europea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33
3. Segue: il meccanismo sanzionatorio nel caso di violazione grave e
persistente di tali valori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
4. I principi democratici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
5. Il rispetto dei diritti umani fondamentali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47
6. I procedimenti di revisione dei Trattati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57
7. Lammissione di nuovi membri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63
8. Il recesso dallUnione europea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65

Capitolo III
I PRINCIPI DELIMITATIVI TRA LE COMPETENZE
DELLUNIONE EUROPEA E QUELLE DEGLI STATI MEMBRI
1. Le competenze di attribuzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67
2. Le competenze sussidiarie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 72
3. I c.d. poteri impliciti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74
4. Le categorie di competenze dellUnione europea . . . . . . . . . . . . . . . 77
5. Il principio di sussidiariet . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80
6. Il principio di proporzionalit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 86
7. Le situazioni puramente interne a singoli Stati membri . . . . . . . . . . 89
8. Il principio di leale cooperazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97
9. Lintegrazione differenziata (o flessibile) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 103
10. Le cooperazioni rafforzate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105

Capitolo IV
LA CITTADINANZA EUROPEA
1. Lattribuzione della cittadinanza europea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113
2. Lo status di cittadino europeo: il diritto di libera circolazione e di
soggiorno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 116
3. Il diritto di elettorato alle elezioni amministrative e del Parlamento
europeo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 119
4. Il diritto di petizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 121
Indice XI

5. La denuncia al Mediatore europeo e gli altri diritti del cittadino eu-


ropeo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 123
6. La tutela diplomatica e consolare allestero . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 127

Capitolo V
LE ISTITUZIONI DELLUNIONE EUROPEA
1. Quadro generale delle istituzioni e degli organi . . . . . . . . . . . . . . . . 131
2. Il Parlamento europeo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 136
3. Lorganizzazione e il funzionamento del Parlamento europeo . . . . . 143
4. Le funzioni e i poteri del Parlamento europeo . . . . . . . . . . . . . . . . . . 145
5. Il Consiglio europeo: composizione e funzionamento. Il Presidente
del Consiglio europeo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 151
6. Le funzioni del Consiglio europeo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 155
7. Il Consiglio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 159
8. La votazione nel Consiglio. La possibilit di concludere accordi nellam-
bito del Consiglio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 163
9. Le funzioni del Consiglio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 172
10. La Commissione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 175
11. La nomina, la cessazione e lorganizzazione della Commissione . . . 179
12. Le funzioni della Commissione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 183
13. LAlto rappresentante dellUnione per gli affari esteri e la politica di
sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 192
14. La Corte di giustizia dellUnione europea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 195
15. La Banca centrale europea e gli organi monetari . . . . . . . . . . . . . . . . 200
16. La Corte dei conti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 202
17. Gli organi ausiliari consultivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 205
18. La Banca europea per gli investimenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 208

Capitolo VI
I PROCEDIMENTI INTERISTITUZIONALI
1. Il finanziamento dellUnione europea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 211
2. I principi relativi al bilancio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 214
3. Lapprovazione e lesecuzione del bilancio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 217
4. Ladozione degli atti dellUnione europea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 221
5. La proposta della Commissione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 225
6. La procedura legislativa ordinaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 228
XIIIndice

7. Le procedure legislative speciali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 231


8. La conclusione di accordi internazionali e la competenza dellUnione
europea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 235
9. Segue: la competenza esclusiva o concorrente dellUnione europea . . . 237
10. Gli accordi misti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 240
11. La procedura di stipulazione degli accordi dellUnione europea e i
loro effetti giuridici. Il parere della Corte di giustizia . . . . . . . . . . . . 243

Capitolo VII
LE FONTI DELLORDINAMENTO DELLUNIONE EUROPEA
1. Caratteri generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 253
2. I Trattati sullUnione europea e sul funzionamento dellUnione eu-
ropea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 255
3. Lefficacia diretta delle disposizioni dei Trattati . . . . . . . . . . . . . . . . 258
4. I principi generali del diritto dellUnione europea . . . . . . . . . . . . . . . 263
5. Gli accordi internazionali dellUnione europea . . . . . . . . . . . . . . . . . 269
6. Gli accordi conclusi tra gli Stati membri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 271
7. Gli accordi tra Stati membri e Stati terzi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 274
8. Il diritto internazionale generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 277
9. Gli atti dellUnione europea e i loro requisiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . 280
10. I regolamenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 288
11. Le direttive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 294
12. Le decisioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 304
13. Le raccomandazioni e i pareri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 309
14. Gli atti atipici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 311
15. Gli atti in materia di politica estera e di sicurezza comune (PESC) . 318

Capitolo VIII
LE COMPETENZE GIUDIZIARIE
1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 323
2. Il riparto di competenze tra la Corte di giustizia e il Tribunale . . . . . 325
3. La litispendenza tra la Corte di giustizia e il Tribunale e limpugna-
zione delle sentenze di tale Tribunale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 328
4. La procedura dinfrazione nei confronti di Stati membri . . . . . . . . . 332
5. Segue: le fasi di tale procedura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 336
6. Segue: i ricorsi promossi da Stati membri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 339
Indice XIII

7. Segue: la sentenza della Corte e la sua esecuzione . . . . . . . . . . . . . . 341


8. La responsabilit dello Stato per i danni derivanti da violazione degli
obblighi previsti dal diritto dellUnione europea . . . . . . . . . . . . . . . . 345
9. La competenza sulla legittimit degli atti dellUnione europea: gli atti
impugnabili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 350
10. Segue: la legittimazione allimpugnazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 358
11. Segue: il termine dimpugnazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 367
12. Segue: i motivi dimpugnazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 368
13. Segue: la sentenza della Corte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 374
14. Leccezione dinvalidit degli atti dellUnione europea . . . . . . . . . . 378
15. Il ricorso in carenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 380
16. Lazione di responsabilit contro lUnione europea . . . . . . . . . . . . . 384
17. La competenza in via pregiudiziale e le sue funzioni . . . . . . . . . . . . 391
18. Segue: loggetto della competenza pregiudiziale . . . . . . . . . . . . . . . . 398
19. Segue: la natura giudiziaria dellautorit nazionale di rinvio e le altre
condizioni di ricevibilit della domanda . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 402
20. Segue: gli effetti della sentenza della Corte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 410
21. La competenza della Corte nelle controversie sottoposte in base a
compromesso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 414

Capitolo IX
I RAPPORTI TRA LORDINAMENTO DELLUNIONE EUROPEA
E QUELLO ITALIANO
1. Il fondamento costituzionale del trasferimento di poteri sovrani allU-
nione europea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 417
2. Il primato del diritto dellUnione europea direttamente applicabile su
quello italiano in caso dincompatibilit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 418
3. Levoluzione della giurisprudenza europea e di quella costituzionale 423
4. I controlimiti al diritto dellUnione europea e le residue competen-
ze della Corte costituzionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 429
5. Ladeguamento legislativo del diritto italiano al diritto dellUnione
europea. La legge di delegazione europea e la legge europea . . 432
6. Il ruolo delle regioni nellattuazione del diritto dellUnione europea 437

Bibliografia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 441

Elenco delle abbreviazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 487


XIVIndice

Indice analitico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 489

Indice della giurisprudenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 497


PREFAZIONE ALLA QUARTA EDIZIONE

Dalla precedente edizione vari cambiamenti sono intervenuti nellUnione


europea: cessata lefficacia delle disposizioni transitorie concernenti le istitu-
zioni, previste dal Protocollo n. 36, si rinunciato alla riduzione del numero dei
membri della Commissione, stato eletto il nuovo Parlamento europeo ed stata
costituita la nuova Commissione, la Croazia entrata nellUnione, si arrestato
il procedimento di adesione alla Convenzione europea dei diritti delluomo, la
giurisprudenza della Corte di giustizia ha fornito, come sempre, importanti con-
tributi e anche quella della Corte costituzionale italiana ha mostrato rilevanti
evoluzioni. Peraltro il dato che oggi emerge in maniera pi appariscente il mo-
mento critico del processo di integrazione europea, messo a dura prova dal per-
manere di seri problemi economici, finanziari e sociali e dalla pressione migrato-
ria, rispetto alla quale lUnione stenta a trovare risposte adeguate alle dimensioni
e alla drammaticit del fenomeno e una strategia unitaria di lungo respiro. Lat-
tacco di vari Stati membri al sistema di Schengen e lo stato di diffusa disaffe-
zione dellopinione pubblica verso lEuropa sono segni evidenti dellattuale fase
di crisi. In momenti come questo appare ancor pi necessario ritornare alle radici
del progetto europeo, progetto di pace, di convivenza, di solidariet, cos come
a quei valori, oggi consacrati nellart. 2 del Trattato sullUnione europea, sui
quali lUnione si fonda. Se essi non possono, di per s, risolvere i numerosi pro-
blemi che travagliano lEuropa, solo il loro rigoroso rispetto pu garantire che
le soluzioni siano sempre conformi alle eredit culturali, religiose e umanitarie
dellEuropa, che ne costituiscono il pi prezioso patrimonio di civilt.
Nella preparazione della presente edizione ho potuto giovarmi della scrupolosa
e intelligente collaborazione di Ivan Ingravallo, Egeria Nalin, Francesco Cherubini
e Martina Guidi, i quali hanno provveduto anche allaggiornamento della biblio-
grafia; Roberto Virzo ha predisposto, con grande competenza, lindice analitico e
quello della giurisprudenza. A loro va il mio pi vivo, affettuoso ringraziamento.
Il volume aggiornato al 31 dicembre 2015.

Bari-Roma, febbraio 2016


U.V.
PREFAZIONE ALLA TERZA EDIZIONE

Sebbene siano trascorsi solo due anni e mezzo dalla seconda edizione, gli
sviluppi normativi realizzati sia a livello europeo, con ladozione di atti notevole
portata (per esempio, il regolamento n. 211/2011 sulliniziativa europea dei citta-
dini), che a livello nazionale, con la nuova legge 24 dicembre 2012 n. 234 sulla
partecipazione dellItalia alla formazione e allattuazione della normativa e delle
politiche dellUnione europea, mi hanno suggerito di procedere a una nuova re-
visione del presente volume. A ci mi ha indotto anche la giurisprudenza della
Corte di giustizia, la quale, come gi in passato, ha fornito importanti contributi
alla riflessione e al dibattito sul diritto dellUnione, nonch al chiarimento dei
problemi interpretativi posti dal Trattato di Lisbona.
Ho potuto contare, nella preparazione di questa terza edizione, sulla preziosa
collaborazione di Ivan Ingravallo, Roberto Virzo, Egeria Nalin, Giuseppe Mor-
gese e Martina Guidi, i quali hanno provveduto anche allaggiornamento della
bibliografia. A tutti un grazie affettuoso.

Bari-Roma, febbraio 2013


U.V.
PREFAZIONE ALLA SECONDA EDIZIONE

Lentrata in vigore del Trattato di Lisbona del 13 dicembre 2007 ha reso ne-
cessario non un semplice aggiornamento, ma una profonda revisione di questo
volume, per adeguarlo alle modifiche concernenti, anzitutto, larchitettura dellU-
nione europea con leliminazione dellarticolazione in tre pilastri , nonch i
suoi principi, la struttura organizzativa, le competenze, le procedure. Per certi
aspetti, il Trattato di Lisbona risulta non privo di problemi interpretativi, acuiti
dalla divisione nei due Trattati (sullUnione europea e sul funzionamento dellU-
nione europea), con conseguenti ripetizioni e sovrapposizioni di norme, dalla ter-
minologia usata (cosa vorr dire, per esempio, che il Presidente del Consiglio
europeo anima i lavori del Consiglio?), persino dalla scelta di sostituire le tra-
dizionali denominazioni di Comunit europea e di diritto comunitario con quella
(invero pi fredda) di Unione europea. In proposito non sempre ho fornito delle
risposte, ma ho cercato almeno di individuare i principali problemi, con lauspicio
che come spesso gi accaduto in passato essi trovino soluzioni adeguate nella
prassi applicativa e, specialmente, nella giurisprudenza della Corte di giustizia.
Anche per la preparazione della seconda edizione ho potuto giovarmi della
preziosa e generosa collaborazione di Ivan Ingravallo, Roberto Virzo e France-
sco Cherubini, i quali, oltre a predisporre la bibliografia, hanno effettuato unat-
tenta rilettura, con lefficace ausilio di Giuseppe Morgese, dandomi utili consigli.
A tutti un grazie di cuore.
Con questa seconda edizione si apre la Collana di Studi sullintegrazione eu-
ropea, rivista fondata nel 2006 da Ennio Triggiani e da me, che in questi cinque
anni ha raggiunto elevati livelli di partecipazione e di qualit scientifica. Credo
che il successo della Rivista sia dovuto oltre che, naturalmente, ai preziosi
contributi di illustri colleghi e di giovani studiosi allo spirito di squadra che
anima i direttori, la redazione e linsostituibile editore Nicola Cacucci; uno spi-
rito di squadra che nasce dalla passione per tale iniziativa, da un forte senso di
abnegazione e di sacrificio, da una condivisione di valori culturali, ma anzitutto
e lo dico senza alcuna retorica da un sentimento di reale e profonda amicizia
che lega quanti danno il loro contributo alla realizzazione della Rivista.

Bari-Roma, luglio 2010 U. V.


PREFAZIONE ALLA PRIMA EDIZIONE

Il presente volume costituisce, essenzialmente, il risultato dellattivit di do-


cenza di diritto dellUnione europea svolta negli ultimi sei anni nella Facolt
giuridica dellUniversit La Sapienza di Roma, delle riflessioni a tal fine com-
piute, del dialogo, sempre stimolante, con gli studenti. E agli studenti, princi-
palmente, esso diretto, nella speranza di fornire un utile strumento di studio.
Lesposizione condotta avendo costantemente presente la giurisprudenza co-
munitaria, al fine di presentare il diritto dellUnione nella sua realt vivente; per
consentire un approccio diretto del lettore a tale giurisprudenza sono riportati i
brani delle sentenze pi significative (o pi recenti).
Il testo, limitato alla parte generale del diritto dellUnione europea, considera
tale diritto quale oggi vigente, prescindendo quindi se non per qualche cenno
essenziale dal Trattato di Lisbona del 13 dicembre 2007.
Concludendo questo lavoro, desidero esprimere la mia viva gratitudine, oltre
che ai miei Maestri, ai quali il volume dedicato, ai dottori Ivan Ingravallo, Ro-
berto Virzo e Francesco Cherubini, che hanno predisposto la bibliografia e che,
assieme alla dottoressa Laura Oliverio alla quale pure va il mio ringraziamento
hanno fornito un prezioso e intelligente contributo nella rilettura e sistemazione
del testo.

Bari-Roma, gennaio 2008


U. V.
Collana di Studi sullintegrazione europea
diretta da Ennio Triggiani e Ugo Villani

1. Ugo Villani, Istituzioni di Diritto dellUnione europea4, 2016.


2. Piero Pennetta (a cura di), Levoluzione dei sistemi giurisdizionali regionali ed
influenze comunitarie, 2010.
3. Ennio Triggiani (a cura di), Le nuove frontiere della cittadinanza europea, 2011.
4. Elena Falletti e Valeria Piccone (a cura di), Il nodo gordiano tra diritto nazio-
nale e diritto europeo, 2012.
5. Rossana Palladino, Il ricongiungimento familiare nellordinamento europeo,
2012.
6. Francesco Cherubini, Lasilo dalla Convenzione di Ginevra al diritto dellUnio-
ne europea, 2012.
7. Marina Castellaneta, La libert di stampa nel diritto internazionale ed euro-
peo, 2012.
8. Rosita Del Coco e Emanuela Pistoia (a cura di), Stranieri e giustizia penale,
2013.
9. Andrea Cannone (a cura di), La protezione internazionale ed europea dei beni
culturali, 2014.
10. Angela Maria Romito, La tutela giurisdizionale nellUnione europea tra effetti-
vit del sistema e garanzie individuali, 2015.
11. Giovanni Cellamare, Le operazioni di peacekeeping delle organizzazioni re-
gionali, 2015.
12. Ennio Triggiani, Spunti e riflessioni sullEuropa, 2015.
Ragusa Grafica Moderna Srl Bari
Ugo Villani professore ordinario di Diritto internazionale nel
Dipartimento di Scienze politiche dellUniversit Aldo Moro di Collana di Studi sullintegrazione europea
Bari e docente di Diritto internazionale e dellUnione europea nel
Dipartimento di Scienze della formazione, psicologia, comunica- 1
zione; Presidente del Collegio dei Garanti dei comportamenti.

UGO VILLANI
Presidente della Societ Italiana di Diritto internazionale e Diritto
dellUnione europea. stato ordinario di Diritto internazionale e
docente di Organizzazione internazionale nella Facolt di Giuri-
sprudenza dellUniversit di Bari, nella quale ha ricoperto linca-
rico di Presidente dei corsi di laurea di Scienze Politiche e di Giuri-
sprudenza, di Direttore del Dipartimento di Diritto internazionale
e dellUnione europea e di coordinatore del Dottorato di ricerca

Istituzioni di Diritto dellUnione europea


in Diritto internazionale. stato ordinario di Diritto dellUnione
europea nella Facolt di Giurisprudenza dellUniversit La Sa-
pienza di Roma e coordinatore del Dottorato di ricerca in Diritto

Istituzioni
internazionale e dellUnione europea. stato ordinario di Diritto
internazionale nella LUISS Guido Carli di Roma e docente di Tu-
tela internazionale dei diritti umani, Diritto dellUnione europea,
Organizzazione internazionale. condirettore della collana Studi
di Diritto Internazionale, Giappichelli, Torino, della collana e della

di Diritto
rivista Studi sullintegrazione europea, Cacucci, Bari. coordina-
tore scientifico per il diritto internazionale e dellUnione europea
degli Annali della Enciclopedia del diritto, Giuffr, Milano.
Oltre a numerosi articoli e contributi in materia di diritto inter-
nazionale pubblico e privato e di diritto dellUnione europea, ha

dellUnione
pubblicato i seguenti volumi: La conciliazione nelle controversie
internazionali, Napoli, Jovene, 1979 (ristampa con appendice di
aggiornamento 1989); Garanzie bancarie, commercio internazio-
nale e diritto internazionale privato, Padova, CEDAM, 1984 (con
A. Giardina); La citt fraterna. Per il quarantesimo anniversario

europea
della dichiarazione universale dei diritti delluomo, Milano, Giuf-
fr, 1988 (curatore); Lezioni su lONU e la crisi del Golfo, Bari,
Cacucci,1991 (III edizione, con il titolo LONU e la crisi del Golfo,
2005); La giurisprudenza italiana di diritto internazionale privato e
processuale. Repertorio 1967-1990, Milano, Giuffr, 1991 (coau-
tore); La Convenzione di Roma sulla legge applicabile ai contratti,
Bari, Cacucci, 1997 (II edizione 2000); Les rapports entre lONU
et les organisations rgionales dans le domaine du maintien de la
paix, in Recueil des cours de lAcadmie de droit international de
La Haye, tome 290 (2001), The Hague/Boston/London, Nijhoff,
2002; Studi su La protezione internazionale dei diritti umani, 4a edizione riveduta
Roma, LUISS University Press, 2005; A tutti i membri della fami-
glia umana. Per il 60 anniversario della Dichiarazione universale, e aggiornata
Milano, Giuffr, 2008 (curatore); Valori comuni e rilevanza delle

UGO VILLANI
identit nazionali e locali nel processo dintegrazione europea,
Napoli, Editoriale Scientifica, 2011; Dalla Dichiarazione universale
alla Convenzione europea dei diritti delluomo, Bari, Cacucci, 2012
(II edizione 2015); Nozioni di diritto internazionale privato. Parte
generale e obbligazioni, Napoli, ESI, 2013 (coautore).

ISBN 978-88-6611-507-6

40,00