Sei sulla pagina 1di 82

Bilancio 2015

Bilancio 2015

3
Barilla festeggia linaugurazione della nuova sede
della Regione Americhe a Chicago
Da sinistra: Luca Barilla (Vicepresidente), Jean-Pierre Comte (Presidente della Regione Barilla
Americas), Paolo Barilla (Vicepresidente), Claudio Colzani (Amministratore delegato e Direttore
generale),
4 Guido Barilla (Presidente).
Indice

Lettera del Presidente 7 Note illustrative 39


1. Struttura e attivit del Gruppo Barilla 39
Cariche sociali 10 2. Fatti di rilievo avvenuti dopo
la chiusura dellesercizio 39
Relazione sulla gestione 17 3. Dichiarazione di conformit
Operazioni relative alle partecipazioni 18 ai principi contabili internazionali (IFRS) 39
Principi contabili di riferimento IFRS 18 4. Base per la presentazione - Principi
Nota metodologica 18 contabili e criteri di valutazione 39
Sintesi dei risultati economici 5. Variazioni nellarea di consolidamento 48
e finanziari consolidati 18 6. Note sui prospetti consolidati 48
I nostri marchi 20 7. Strumenti finanziari
Struttura e organizzazione 22 e posizione finanziaria netta 68
Scenario economico 22 8. Informativa ai sensi dello IAS 24
Attivit operative del Gruppo 22 sulle parti correlate e sulla retribuzione
Investimenti in beni strumentali 24 del management con responsabilit
Informazioni relative strategiche 73
alla corporate governance 24
Buono per Te, Buono per il Pianeta: Allegati
la missione del Gruppo Barilla 25 1. Elenco delle societ
Risk management 28 incluse nel consolidamento 76
Eventi successivi alla chiusura 2. Elenco delle societ collegate
dellesercizio 28 e delle altre societ del Gruppo 79
Prevedibile evoluzione della gestione 28 3. Tassi di cambio 80
Altri eventi relativi alla gestione 28
Informazioni relative ai rapporti infragruppo Relazione della Societ di revisione 82
e con parti correlate 28

Bilancio consolidato dellesercizio


chiuso il 31 dicembre 2015
Prospetto della situazione
patrimoniale e finanziaria 32
Prospetto di conto economico consolidato 34
Prospetto di conto economico complessivo 35
Prospetto delle variazioni di patrimonio netto 36
Prospetto dei flussi finanziari 37

5
Date da mangiare alle persone quello che dareste ai vostri figli (Pietro Barilla)
Da sinistra: Paolo Barilla (Vicepresidente), Luca Barilla (Vicepresidente),
Guido Maria Barilla (Presidente), Claudio Colzani (Amministratore delegato e Direttore generale).

6
Lettera del Presidente

Il mondo in cui viviamo sempre pi complicato. Gli stato quello dei nuovi silos di stoccaggio e il collega-
sconvolgimenti politici e sociali a cui stiamo assistendo mento ferroviario che ci permetteranno di consegnare il
pesano anche sulleconomia. Nonostante questo sce- grano con il treno nel pi grande stabilimento di pasta
nario molto incerto e impegnativo, il Gruppo Barilla al mondo, nella nostra sede di Parma. Grazie a questa
stato in grado, nel 2015, di continuare il suo percorso di impresa, Barilla sar in grado di rimuovere circa 3.300
crescita graduale, grazie alla sua strategia Buono per camion dalle strade, riducendo di 1.100 tonnellate le
Te, Buono per il Pianeta. emissioni di gas serra.
Il fatturato netto cresciuto del 2% rispetto allanno Abbiamo tecnologie innovative che rispettano lambien-
precedente (al netto delleffetto cambio), raggiungen- te e chi ci lavora, che ci hanno consentito di raggiungere
do 3.383 milioni di euro, mentre i volumi sono rimasti livelli di efficienza e produttivit molto elevati. Grazie a
sostanzialmente stabili. Lutile al lordo di interessi, queste, inoltre, dal 2010 sono state ridotte del 20% circa
imposte e ammortamenti (EBITDA) stato pari a 440 le emissioni di CO2 e il consumo di acqua per tonnellata
milioni di euro (rispetto a 427 milioni nel 2014), con di prodotto. Siamo determinati a investire per riuscire a
unincidenza media sul fatturato del 13%, in linea con raggiungere il 30% di riduzione nel 2020.
lanno precedente. Nel 2015 abbiamo continuato a lavorare sul nostro
La buona generazione di cassa del 2015 ha consentito progetto di agricoltura sostenibile e sulla tracciabilit
unulteriore riduzione del debito netto del Gruppo, sce- della materia prima, in risposta alla crescente domanda
so a 170 milioni di euro rispetto ai 250 milioni del 2014. da parte delle persone di sapere cosa c dietro il cibo
Questo dimostra la solidit nel generare valore e costi- che mangiano. Dopo il successo del progetto Guarda
tuisce la premessa necessaria per la crescita futura. tu stesso per i sughi, abbiamo presentato una pasta in
I risultati positivi sono stati raggiunti grazie alla discipli- edizione limitata nel supermercato del futuro della
na, la passione e limpegno che mettiamo nella gestione Esposizione Universale di Milano, che mostra cosa c
quotidiana della societ, nel percorso intrapreso con la dietro un piatto di pasta. Il lavoro della Fondazione
strategia Good for You, Good for the Planet. Barilla Center for Food & Nutrition di informare le per-
Dal 2010, 219 prodotti Barilla sono stati riformulati con sone sui grandi temi alimentari del mondo proseguito
una riduzione consistente dei livelli di grassi e sale, e un con la pubblicazione del libro Eating Planet.
aumento di fibre e di farine integrali. Sono stati lancia- Noi riteniamo che il nostro ruolo come impresa leader
ti diversi nuovi prodotti da forno con meno zucchero nel settore alimentare sia quello di nutrire il progresso
rispetto alla media del settore. Solo negli ultimi 3 anni per tutti, contribuendo a offrire soluzioni concrete per
Barilla ha ridotto i grassi totali e i grassi saturi in 73 una vita migliore.
prodotti, e il sale in 15 prodotti. La nuova linea di pasta
biologica e il senza glutine che ora disponibile anche Guido Barilla
in alcuni prodotti da forno sono state due innovazioni
significative.
Sempre pi determinati a migliorare la qualit della
nostra offerta, nel 2015 abbiamo investito circa 147 mi-
lioni di euro (4% dei ricavi) in beni strumentali e attrez-
zature. Un investimento particolarmente significativo

7
Pierfrancesco Favino il protagonista della nuova campagna Barilla,
diretta da Gabriele Salvatores.

8 9
Cariche sociali

BARILLA HOLDING S.p.A BARILLA G. E R. FRATELLI S.p.A

Consiglio di Amministrazione Consiglio di Amministrazione

Presidente Presidente
Guido Maria Barilla Guido Maria Barilla

Vicepresidenti Vicepresidenti
Luca Barilla Luca Barilla
Paolo Barilla Paolo Barilla

Amministratore delegato Amministratore delegato e Direttore generale


Claudio Colzani Claudio Colzani

Consigliere Consiglieri
Emanuela Barilla Emanuela Barilla
Antonio Belloni
Nicolaus Issenmann
Andrea Pontremoli


Collegio sindacale Collegio sindacale

Presidente Presidente
Luigi Capitani Augusto Schianchi

Sindaci effettivi Sindaci effettivi


Alberto Pizzi Mario Tardini
Augusto Schianchi Marco Ziliotti

Revisore legale dei conti


KPMG S.p.A.

10
La storia di Barilla in pillole, dal 1877

11
GIANNI E PIETRO
ALLA GUIDA DELLAZIENDA

COMINCIA LAVVENTURA
ALLA MORTE DI RICCARDO BARILLA,
NEL 1947, I SUOI FIGLI PIETRO E GIANNI
PRENDONO LE REDINI DELLAZIENDA,
SVILUPPANDO MODERNI SISTEMI
1971
B A R I L L A D I V E N TA
BARILLA
PRODUTTIVI E INTENSE ATTIVIT
CON PIETRO BARILLA, IN UNA
AMERICANA
COMUNICATIVE E PUBBLICITARIE.
BOTTEGA DI PANE E PASTA NEL

1947
CENTRO DI PARMA, INIZIA NEL 1877 LA PARENTESI AMERICANA
LA STORIA DELLA BARILLA. NEL 1971 LA FAMIGLIA
BARILLA CEDE LA SOCIET

1877
AL GRUPPO AMERICANO
IL SECONDO GRACE.
BARILLA LEADER
DOPOGUERRA
I TA L I A N O
GLI INIZI

RICCARDO 1958
ALLA GUIDA
DELLA BARILLA 70
1910 STASERA CANTA MINA!
ALLINIZIO DEGLI ANNI 60 BARILLA
DIVENTA SOCIET PER AZIONI. HA
NASCE IL PRIMO STABILIMENTO 1.300 DIPENDENTI E 200 ADDETTI
AL FONDATORE SUCCEDONO NEI PRIMI ALLE VENDITE. NEL 1965 BARILLA
ANNI DEL 900 I FIGLI RICCARDO E ENTRA PER LA PRIMA VOLTA NEL
GUALTIERO. NASCE IL PRIMO STABILIMENTO, MERCATO DEI PRODOTTI DA FORNO
CON 100 OPERAI E LA PRODUZIONE DI 80 CONFEZIONATI, PRODUCENDO
QUINTALI DI PASTA AL GIORNO, E NELLO GRISSINI E CRACKER. NEL 1969 VIENE
STESSO ANNO VIENE REGISTRATO IL COSTRUITO LO STABILIMENTO DI
PRIMO MARCHIO: UN BIMBO CHE VERSA UN PEDRIGNANO (PARMA), IL PI GRANDE
TUORLO DUOVO IN UNA MADIA DI FARINA. SITO PRODUTTIVO PER LA PASTA
NEL MONDO, CON UNA CAPACIT
RICCARDO BARILLA, DOPO LA MORTE
PRODUTTIVA DI 1.000 TONS AL GIORNO.
DEL PADRE E DEL FRATELLO, GUIDA LA
CRESCITA NEGLI ANNI VENTI E TRENTA. NEL
1936 PIETRO, FIGLIO DI RICCARDO, ENTRA IN
AZIENDA E COMINCIA LO SVILUPPO DELLA
RETE COMMERCIALE.

A TREDICI ANNI HO COMINCIATO A LAVORARE. NELLA STORIA DELLIMPRESA CI SONO TANTE IL PROFITTO INGREDIENTE FONDAMENTALE IO SOSTENGO CHE LE TRE CARATTERISTICHE DURANTE QUEGLI ANNI FUI VERAMENTE INFELICE,
MIO PADRE MI MANDAVA A PRENDERE CON IL TAPPE, TANTI EPISODI, TANTI FATTI CHE DELLA VITA ECONOMICA, MA PERCH SI REALIZZI DELLIMPRENDITORE SIANO IL CORAGGIO, PER UN INSIEME DI RAGIONI, E POI MI ANDAVA
CARRETTO QUALCHE SACCO DI FARINA CHE, RIMANGONO E CHE SONO COME GRADINI DI UNA E SI MANTENGA UNA CONVIVENZA CIVILE LINTUIZIONE E LOTTIMISMO. IO PENSO CHE TUTTO MALE CHISS PERCH MI ANDAVA TUTTO
CON IL NOSTRO ANTICO FORNETTO DI MATTONI, SCALINATA. PER IL TRATTO DOMINANTE LA NECESSARIA LESISTENZA ED IL RISPETTO DI LIMPRENDITORE IN TUTTI I CAMPI ABBIA UN MALE ERO UN UOMO CHE SOFFRIVA PER DIVERSE
SI TRADUCEVA IN PANE. DOPO QUALCHE ANNO, GENERAZIONE PIONIERISTICA DAVANTI ALLA REGOLE MORALI E DI VALORI. QUESTO CI HANNO RUOLO IMPORTANTE. MA LALIMENTARE NE HA RAGIONI, MA LA PI IMPORTANTE ERA DI AVER
IN UNA PICCOLA BOTTEGA, CON LAIUTO DELLE QUALE IO MI INCHINO SEMPRE CON GRANDE TRASMESSO LE PASSATE GENERAZIONI E PER UNO SPECIFICO, DIREI UN PO PI PROFONDO ABBANDONATO LA NAVE CHE MI ERA STATA
MIE SORELLE E DI MIA MADRE CHE STAVANO AL DEVOZIONE, AMMIRAZIONE E RICONOSCENZA. QUESTO NOSTRO DOVERE ONORARNE LA E IMPEGNATIVO, PERCH LALIMENTO VA A AFFIDATA E CON LA QUALE AVEVO NAVIGATO
BANCO, VENDEVAMO IL PANE CHE IO E MIO PADRE MEMORIA. COS FACENDO AIUTIAMO I GIOVANI DI TUTTI: DAI BAMBINI AI VECCHI, ALLE FAMIGLIE. FINO ALLET DI 58 ANNI
PIETRO BARILLA
PRODUCEVAMO LAVORANDO FINO A 18 ORE AL OGGI A CAPIRE LA STORIA, AD AVERE COSCIENZA LALIMENTO HA QUESTA DELICATEZZA, QUESTA
PIETRO BARILLA
GIORNO. DELLE NOSTRE RADICI. IMPORTANZA PER LA SALUTE DEGLI UOMINI.

RICCARDO BARILLA PIETRO BARILLA PIETRO BARILLA

12 13
1979
NASCE MULINO BIANCO
NEL 1975 NASCE MULINO BIANCO,
UNA NUOVA LINEA DI PRODOTTI

93
DA FORNO, TRA CUI BISCOTTI,
SOSTITUTI DEL PANE E MERENDE,
CARATTERIZZATI DA GENUINIT E
RICETTE CON INGREDIENTI NATURALI,
I GIORNI

2014
CHE SI AVVALE DELLA SECOLARE
IL RITORNO NOSTRI
ESPERIENZA MATURATA DA BARILLA

2010
NELLA LAVORAZIONE DEI CEREALI. DI PIETRO
BARILLA

2000
BARILLA AZIENDA
NEL 2014 IL BCFN DIVENTA 2015
FONDAZIONE E CONSOLIDA IL
IL RILANCIO NASCE IL BARILLA CENTER
INTERNAZIONALE FOR FOOD AND NUTRITION SUO IMPEGNO NEL TROVARE
LA FONDAZIONE BCFN

1975
NEL 1979 PIETRO BARILLA RITORNA
SOLUZIONI CONCRETE ALLE
ALLA GUIDA DEL GRUPPO. LO STORICO NEL 2009 VIENE LANCIATO IL CONTRIBUISCE ALLA CARTA
IMPORTANTI ACQUISIZIONI GRANDI SFIDE DELL'ALIMENTA-
RIACQUISTO COINCIDE CON LA RIPRESA BARILLA CENTER FOR FOOD AND DI MILANO, LA PROPOSTA
ZIONE NEL MONDO. VIENE
DI UNA STRATEGIA INDUSTRIALE E GLI ANNI 90 E IL PRIMO NUTRITION (BCFN), DEL GOVERNO ITALIANO
PROPOSTO UN ACCORDO
COMUNICATIVA DI LUNGO PERIODO, DECENNIO DEGLI ANNI 2000 UN CENTRO DI PENSIERO ALL'EXPO UNIVERSALE
C O M I N C I A L E R A SONO CARATTERIZZATI DA MULTIDISCIPLINARE IMPEGNATO
MONDIALE SUL CIBO DA
FONDATA SULLIDEA DI DI MILANO PER UN ACCORDO
DEL MULINO BIANCO RILANCIARE LA PASTA E IL UN FORTE PROCESSO DI NELLA PROMOZIONE E
SOTTOSCRIVERE IN OCCASIONE
A LIVELLO MONDIALE
DI EXPO 2015 A MILANO.
PRIMO PIATTO ALLITALIANA INTERNAZIONALIZZAZIONE, CON NELLA CONDIVISIONE A GARANTIRE UN'ALIMENTAZIONE
LACCORDO, DENOMINATO
E DI SVILUPPARE LOFFERTA LA CRESCITA SUI MERCATI EUROPEI DEI TEMI LEGATI ALLA SANA, SICURA E SUFFICIENTE
"PROTOCOLLO DI MILANO"
DEI PRODOTTI DA FORNO. E STATUNITENSE, LAPERTURA NUTRIZIONE E ALLA PER TUTTI.
DALLA FONDAZIONE BCFN, SI
DI NUOVI IMPIANTI PRODUTTIVI E ALIMENTAZIONE
PONE TRE MACRO-OBIETTIVI:
LACQUISIZIONE DI IMPORTANTI
- TAGLIARE LO SPRECO
MARCHI QUALI PAVESI (ITALIA), MISKO
GUIDO, ALIMENTARE
(GRECIA), FILIZ (TURCHIA), WASA
LUCA (SVEZIA), YEMINA E VESTA (MESSICO),
- LOTTARE CONTRO
E PAOLO LIEKEN (GERMANIA) E HARRYS
LA FAME E LOBESIT
- PROMUOVERE
ALLA GUIDA (FRANCIA).
UNAGRICOLTURA
DEL GRUPPO PI SOSTENIBILE
NEL 1993, DOPO LA SCOMPARSA
DI PIETRO BARILLA, LA GUIDA
DELLAZIENDA PASSA NELLE MANI DEI
FIGLI GUIDO, LUCA E PAOLO.

LA MARCA DEVE SAPER COSTRUIRE RELAZIONI IL RITORNO NON STATO FACILE. INCONTRI, PENSO CHE I MIEI FIGLI NON ABBIANO UNA DIVENTEREMO SEMPRE PI GLOBALI E PRONTI IL MODELLO ALIMENTARE ITALIANO IL PUNTO DI
CON I CONSUMATORI, NON SOLO TRANSAZIONI; OSTACOLI, FINANZA, DENARO, VIAGGI: NEW YORK, CATTIVA OPINIONE DI ME, MI ILLUDO CHE ABBIANO AD AFFRONTARE IL FUTURO SVILUPPANDO RIFERIMENTO FONDAMENTALE PER SANE ABITUDINI
E IL NOSTRO SAR UN AVVENIRE POSSIBILE SE ZURIGO... A MOLTI DI QUESTI VIAGGI PARTECIPARONO FIDUCIA, STIMA; CHE MI CREDANO E CHE QUESTA LE PERFORMANCE NEI CONFRONTI DEL ALIMENTARI, PER IL RISPETTO E LA TUTELA DELLE
CONTINUEREMO A RINNOVARE CREATIVAMENTE ANCHE I FIGLI CHE VOLLI TESTIMONI DI QUESTA TRASMISSIONE DELLE ESPERIENZE CHE PU FARE CONSUMATORE; NON PERSEGUENDO UN SEMPLICE RISORSE NATURALI DEL NOSTRO PIANETA, PER
IL NOSTRO MODO DI COMPETERE. AVVENTURA. ALLA FINE DEL 1978 NON RIUSCII AD UN PADRE AI FIGLI SIA EFFETTIVAMENTE UNA E TRADIZIONALE AUMENTO DELLE DIMENSIONI, LA SALVAGUARDIA DEI DIRITTI DELLE FUTURE
AVERE LA CIFRA. DAVANTI AI CAPI DELLA GRACE VERIT CHE SI POSSA REALIZZARE. LOBIETTIVO MA ADATTANDO LA NOSTRA CULTURA DELLA GENERAZIONI.
GUIDO BARILLA
IO RIMASI COS MALE CHE PIANSI. UNO DI QUESTI, IL LA SUCCESSIONE, CHE LA FAMIGLIA CONTINUI QUALIT E LA NOSTRA PROFESSIONALIT AI
GUIDO, LUCA E PAOLO BARILLA
SIGNOR GRAFF - PERSONA ECCELLENTE - CAP IL MIO PER UNALTRA GENERAZIONE, CHE VUOL DIRE CAMBIAMENTI DI SCENARIO CHE SARANNO
DRAMMA E MI CHIAM NEL SUO UFFICIO A PARTE E 30-40 ANNI NELLIMPRESA. POI LA NUOVA SEMPRE PI RAPIDI.
MI DISSE: NON SI SCORAGGI, VEDREMO COSA SI PU GENERAZIONE PROVVEDER... SE PROVVEDER...
GUIDO BARILLA
FARE.... ERA LA FINE DEL 1978 E NEL LUGLIO DEL 1979 ALLA SUCCESSIONE...
SIAMO RIUSCITI A CHIUDERE LA TRATTATIVA.
PIETRO BARILLA
PIETRO BARILLA

14 15
TUTTO FATTO PER IL FUTURO

PIETRO BARILLA

16
Relazione sulla gestione

In un contesto economico caratterizzato da grande incer- cienti in termini di espansione della domanda, dalla Banca
tezza e differenti dinamiche di sviluppo nelle varie regioni in Centrale Europea nel corso dellanno.
cui opera, il Gruppo Barilla ha confermato nel 2015 volumi Lincertezza sui mercati stata accentuata, specialmen-
di vendita stabili e un fatturato netto pari a 3.383 milioni di te nei primi mesi dellanno, dalla crescita dellindebitamento
euro, con una variazione positiva del 4% rispetto allo scorso globale e dalla forte volatilit sulle Borse mondiali, pena-
anno che, al netto delleffetto cambio, corrisponde a un in- lizzando drasticamente le scelte di investimento. Anche le
cremento del 2%. prospettive per il 2016 presentano perdurante incertezza.
Lindebolimento del quadro economico globale del A fronte di queste difficolt e capitalizzando le recenti
quarto trimestre ha comportato un rallentamento dei risul- esperienze, il Gruppo conferma le linee strategiche gi avvia-
tati nel finale danno, contenendo una performance annuale te da alcuni anni:
che si era avviata, nei primi 6 mesi, con prospettive decisa- La nostra missione quella di dare da mangiare alle
mente migliori. persone quello che daremmo ai nostri figli racchiusa
La buona generazione di cassa del 2015 ha consentito nellespressione Buono per Te, Buono per il Pianeta. Il
una riduzione dellindebitamento del Gruppo, sceso a 170 nostro impegno quello di promuovere il benessere delle
milioni di euro, dimostrando solidit e capacit nel generare persone e del pianeta in tutto ci che facciamo dal campo
valore, premessa, questa, necessaria per una politica futura alla tavola di promuovere un dialogo aperto e trasparen-
di espansione anche attraverso linee esterne. te con la societ. La nostra filosofia ispirata al modello
Se il mercato italiano, dove il Gruppo realizza circa la mediterraneo, incentrato su un modello nutrizionale vario
met del proprio fatturato, evidenzia una sostanziale stabili- e bilanciato, associato a uno stile di vita attivo e a una
t, il resto dEuropa contraddistinto da una moderata cre- filosofia di convivialit e passione per il buon cibo.
scita, nonostante il permanere dellincertezza relativamente In termini di categorie, elemento essenziale della strate-
allarea euro, schiacciato tra il problema dellimmigrazione e gia del Gruppo il rilancio della pasta. Negli ultimi anni,
riforme istituzionali incompiute. Andamento economico de- la categoria stata caratterizzata in molti paesi da una
cisamente migliore si registrato negli Stati Uniti, seconda perdita percepita di valore legata al prevalere di dinamiche
area di riferimento del Gruppo, anche se con percentuali di di prezzo, volatilit nel costo della materia prima, limitata
crescita inferiori alle attese. Soddisfacente il trend di crescita differenziazione e tendenze di consumo avverse ai carboi-
per Canada e Messico. drati. Un obiettivo fondamentale del Gruppo quello di
A causa del crollo dei prezzi delle materie prime, accrescere il valore della categoria pasta (contrastando il
anzitutto petrolio e alimentari, i paesi emergenti, con- trend di commoditization) attraverso innovazioni di pro-
siderati i principali motori delleconomia globale, sono dotto improntate al benessere, alleccellenza culinaria e alla
stati colpiti da una forte crisi. Fra questi, Brasile, Russia sostenibilit ambientale.
e Turchia hanno visto un significativo rallentamento del Ricercare nuovi prodotti e al contempo continuare nella
loro prodotto interno, per effetto del crollo in valore politica di customization per i nuovi mercati.
delle loro esportazioni. Anche leconomia cinese, ca- Preservare le quote nei mercati consolidati (Italia, Eu-
ratterizzata da grave incertezza finanziaria, continua a ropa e USA) e sostenere limpegno di espansione nei
registrare tassi di crescita elevati ma inferiori ai risultati mercati emergenti caratterizzati da elevati consumi di
degli ultimi anni. pasta, ma cogliendo le opportunit di ampliare lofferta
Lindebolimento della domanda estera e la discesa dei anche ad altri mercati per i prodotti Bakery.
prezzi del petrolio hanno consolidato in Europa un processo Definire la route-to-market i cui obiettivi geografici
deflattivo, contrastato con vigore, ma con effetti insuffi- sono le big cities.

17
Sostenere lo snellimento dei processi, grazie al contributo rente, al lordo degli ammortamenti e delle svalutazioni delle
della digitalization nelle attivit giornaliere. immobilizzazioni materiali e immateriali (EBITDA), stato
Perseguire una maggiore efficienza produttiva e una co- pari a 440 milioni di euro (427 milioni), con unincidenza
stante riduzione dei costi di struttura, per poter disporre media sul fatturato del 13%, in linea con lanno precedente.
di maggiori risorse per lo sviluppo sui mercati. Il risultato ante imposte ammonta a 278 milioni di euro
Proseguire il percorso di miglioramento delle politiche (252 milioni).
di Diversity&Inclusion, viste come crescita culturale e di Il risultato netto consolidato totale evidenzia un utile
potenziale sviluppo e creazione di valore per il business. pari a 172 milioni di euro, al netto degli oneri e proventi
Il progressivo azzeramento dellindebitamento come straordinari, rispetto al risultato del 2014 pari a 150 milioni
gi evidenziato non solo conferma la solidit reddituale di euro, grazie a una riduzione degli oneri finanziari e a mag-
del Gruppo, ma ci consente di perseguire iniziative stra- giori margini operativi.
tegiche di elevata potenzialit, sia in termini di espansio- Il risultato netto consolidato del Gruppo (al netto della
ne geografica che di efficientamento produttivo. quota riservata alle minoranze) chiude con un utile pari a
144 milioni di euro, rispetto ai 126 milioni di euro realizzati
nellesercizio precedente. Lutile netto attribuibile alle mino-
Operazioni relative alle partecipazioni ranze stato pari a circa 28 milioni di euro.
Le imposte correnti e differite rilevate nellesercizio
ammontano a 106 milioni di euro (102 milioni); laliquota
La struttura del Gruppo rimasta sostanzialmente uguale
fiscale effettiva, escludendo leffetto delle componenti stra-
allanno precedente.
ordinarie, si riduce di un punto al 39% (40%).
Le considerazioni che seguono chiariscono analitica-
Lindebitamento netto si attestato a 170 milioni di
mente i vari aspetti delle attivit delle singole societ e di
euro (250 milioni); per il dettaglio delle sue componenti si
Barilla Holding Societ per Azioni, in ottemperanza ai criteri
rinvia alle Note illustrative.
informativi di cui allarticolo 2428 Codice Civile e allarticolo
Le principali operazioni finanziarie in essere per coprire
40 del Decreto Legislativo del 9 aprile 1991 n. 127, modifica-
il fabbisogno finanziario del Gruppo sono:
to dal D.Lgs. 32/2007.
prestiti obbligazionari emessi da Barilla France S.A.S.
per complessivi 200 milioni di dollari, collocati presso
investitori istituzionali statunitensi nel luglio 2011 e
Principi contabili di riferimento IFRS
articolati in pi tranche (con scadenze comprese tra il
2018 e il 2023). Tali prestiti, includendo i relativi derivati
Il Bilancio consolidato del Gruppo stato redatto in applicazio-
di copertura, esprimono un saldo di bilancio a fine eser-
ne dei principi contabili internazionali - International Financial
cizio di 136 milioni di euro;
Reporting Standards - IFRS (nel seguito indicati come IAS/IFRS)
prestito obbligazionario emesso da Barilla Iniziative S.p.A.
adottati dallUnione Europea. Per informazioni di maggiore
per 150 milioni di dollari, collocato presso investitori isti-
dettaglio si rinvia alle Note illustrative al Bilancio consolidato.
tuzionali statunitensi, con scadenza 2025. Tale prestito,
includendo i relativi derivati di copertura valutati al mark-
to-market, esprime un saldo di bilancio a fine esercizio di
Nota metodologica
110 milioni di euro;
prestito obbligazionario emesso da Barilla Iniziative S.p.A.
Tutti i valori sono espressi in migliaia di euro, se non altri-
per 185 milioni di dollari, collocato presso investitori isti-
menti specificato. Tutti i confronti nel prosieguo della pre-
tuzionali statunitensi, con scadenza 28 ottobre 2027. Tale
sente Relazione e del Bilancio consolidato sono effettuati
prestito, includendo i relativi derivati di copertura valutati
rispetto ai dati dellesercizio precedente (indicati fra parente-
al mark-to-market, esprime un saldo di bilancio a fine eser-
si). I rapporti percentuali (margini e variazioni) sono calcolati
cizio di 167 milioni di euro;
con riferimento a valori espressi in migliaia di euro.
linea di credito revolving sottoscritta nel luglio 2014 tra
Il Gruppo facente capo alla societ Barilla Holding
Barilla Iniziative S.p.A., Barilla G. e R. Fratelli Societ per
Societ per Azioni qui indicato come Gruppo Barilla Hol-
Azioni, Barilla France S.A.S. e gruppi bancari internazio-
ding o semplicemente Gruppo.
nali, per un importo complessivo di 700 milioni di euro
Quando le note si riferiscono alla Capogruppo o a socie-
e di durata quinquennale, interamente non utilizzata al
t controllate sono utilizzate le denominazioni sociali com-
31 dicembre 2015;
plete e la natura giuridica delle societ stesse.
finanziamento a termine sottoscritto in gennaio 2012
tra Barilla Iniziative S.p.A., Barilla G. e R. Fratelli Societ
per Azioni e Banca Europea per gli Investimenti per un
Sintesi dei risultati economici e finanziari
importo di 50 milioni di euro e scadenza 2020, ammor-
consolidati
tizzabile. Al 31 dicembre 2015, limporto di debito resi-
duo era di 28 milioni di euro.
Il margine operativo ricorrente (EBIT) stato pari a 305 milioni
di euro (293 milioni) con unincidenza del 9% sul fatturato (9%). In accordo con le strategie finanziarie da tempo adottate, il
In termini di flusso di cassa, il margine operativo ricor- Gruppo ha mirato a mantenere unelevata durata media del

18
Share the Table, il progetto per far conoscere agli americani
limportanza della convivialit durante i pasti.

19
I nostri marchi

Il marchio Barilla, nato nel 1877 da un piccolo negozio di Nato nel 1975, Mulino Bianco oggi parte della cultura ali-
pane e pasta a Parma, rappresenta oggi la pasta numero uno mentare italiana come testimone della vita quotidiana della
in Italia e nel mondo. Grazie ai migliori grani duri e a tecno- famiglia italiana: offre prodotti da forno in tutte le categorie,
logie allavanguardia, offre una pasta sempre al dente e sughi semplici e genuini, adatti al consumo in casa e fuori casa.
pronti a milioni di persone in tutto il mondo.

Voiello stato fondato nel 1879 come piccola bottega arti- Il marchio Pavesi nato nel 1937 grazie a Mario Pavesi,
giana a Torre Annunziata, fin dal XVI secolo uno dei maggio- geniale pasticcere e imprenditore di Novara. Offre una vasta
ri centri per la produzione di pasta. La pasta Voiello presenta gamma di prodotti da forno e pasticceria, unici per gusto e
i formati tipici della tradizione gastronomica napoletana, tecnologia produttiva. Pavesi fa parte di Barilla dal 1992.
il cui segreto nella ruvidezza conferita dalla trafilatura a
bronzo. Voiello entrato in Barilla nel 1973.

Il 1 dicembre 2013 Barilla ha aperto il primo ristorante a Marchio leader della pasta in Grecia, Misko stato fondato
New York, 6th Avenue 52nd, con lobiettivo di portare nel nel 1927 e incarna i valori della tradizione pastaia ellenica,
mondo la ricetta della convivialit italiana. Attualmente i identificata nel monaco Akakio che, con lasinello, va ad
ristoranti sono tre e il piano di crescita ambizioso. acquistare la pasta al mercato del villaggio. Misko fa parte di
Barilla dal 1991.

Fondato nel 1977, Filiz uno dei maggiori produttori di pa- Lanciato nel 1970 sul mercato francese dei prodotti da
sta in Turchia, paese che si segnala fra quelli con i pi elevati forno, il marchio Harrys oggi leader nel settore del pane
consumi di pasta. Filiz parte di Barilla dal 1994. e riveste un ruolo da protagonista in quello dei morning
goods. Qualit e innovazione sono due dei principali punti di
forza che ne hanno decretato il successo.

Fondato in Svezia nel 1919, Wasa il pi grande produttore


al mondo di pani croccanti. Con una vasta gamma di pro-
dotti a base di segale e frumento, Wasa distribuisce oggi in
pi di 40 paesi. Wasa entrato in Barilla nel 1999.

20
Gran Cereale nasce nel 1989 come biscotto integrale di Pan di Stelle nasce nel 1983 come uno dei biscotti Mulino
Mulino Bianco e cresce fino a diventare il marchio Barilla per Bianco per la colazione. Nel 2007, con il lancio della meren-
i prodotti integrali e naturali. Ad oggi il marchio offre al con- da e della torta, inizia il suo percorso come brand autonomo
sumatore una vasta gamma di prodotti che va dai Biscotti ai fino a diventare un vero e proprio marchio amato dalle
Cereali, dal Cracker agli Snackbiscotto. Persone.

Yemina, nato nel 1952, e Vesta, nato nel 1966, sono due FIRST un marchio specializzato in servizi di vendita al
marchi leader del mercato messicano entrati in Barilla a se- dettaglio.
guito della joint venture costituita con la societ messicana
Grupo Herdez nel 2002.

21
proprio debito, per prevenire eventuali restrizioni creditizie. Attivit operative del Gruppo
Tali operazioni, in aggiunta ai flussi di cassa generati dalla
redditivit operativa, hanno assicurato al Gruppo ampia
disponibilit di risorse finanziarie, non solo a garanzia del Barilla G. e R. Fratelli
rispetto degli impegni, ma anche in funzione di sviluppo di Grazie a un corretto equilibrio tra dimensioni globale e lo-
future opportunit. cale, il Gruppo si posto nella condizione di poter servire
una molteplicit di mercati, adattando la propria vision di
modello gastronomico italiano nel mondo, senza snaturare
le proprie caratteristiche e peculiarit. Questo significa che
Struttura e organizzazione
le competenze distintive del Gruppo, inclusi lidentit dei
brand e i valori simbolici ad essi correlati, sono salvaguardati
Barilla Holding Societ per Azioni presenta una struttura so-
e tutelati, pur adattando lofferta locale dei prodotti alle di-
cietaria nella quale la partecipazione nelle societ operative
verse realt.
detenuta in via indiretta attraverso la sub-holding Barilla
Il Gruppo ha individuato le seguenti Regioni come le
Iniziative S.p.A., controllata all85% dalla stessa Barilla Hol-
aree geografiche oggetto di presidio e sviluppo:
ding Societ per Azioni.
Italia;
La struttura organizzativa del Gruppo identifica come
Europa (escluso Italia);
sub-holding operative Barilla G. e R. Fratelli Societ per
America che include tutto il continente americano;
Azioni, dedicata alla produzione e commercializzazione, a
Asia, Africa e Australia includendo Russia e Turchia.
livello nazionale e internazionale, di paste alimentari, sughi
e prodotti da forno, e Italian Kitchen S.r.l., destinata allo svi-
Le competenze specifiche sono invece mantenute e salva-
luppo e gestione del progetto Restaurants.
guardate attraverso le Categorie e i Brand:
Il Gruppo opera direttamente in 26 paesi, esporta i pro-
Meal Solutions, per la produzione e commercializzazione
pri prodotti in oltre 100 paesi e possiede 29 siti produttivi in
dei prodotti primo piatto (paste e sughi) a marchio Ba-
9 paesi.
rilla, Voiello, Misko, Filiz, Yemina e Vesta;
Bakery, per la produzione e commercializzazione dei
prodotti da forno, principalmente con i marchi Mulino
Scenario economico
Bianco, Pavesi, Wasa e Harrys.
In Italia il 2015 stato il primo anno in cui la domanda interna
Inoltre larea di business Academia Barilla e Barilla Restau-
ha iniziato, seppure lentamente, a crescere, grazie a un leggero
rants ha il mandato di creare e sviluppare modelli di Business
ma significativo aumento delloccupazione stabile, come di-
to Consumer e di promuovere la cultura gastronomica italia-
retta conseguenza della riforma del mercato del lavoro e degli
na nel mondo.
sgravi contributivi per le aziende. La lieve crescita del PIL ha
avuto limportante ruolo nel catalizzare una rinnovata fiducia
Regione Italia
delle imprese e delle famiglie. Le aspettative erano, a met
anno, pi elevate ma la lenta realizzazione del processo di In un contesto economico e sociale ancora difficile, i consu-
riforme (in particolare con riguardo al processo di innovazione mi nelle categorie di prodotti in cui il Gruppo compete sono
della Pubblica Amministrazione) ha continuato a influire nega- in declino.
tivamente. A questo si aggiunga il permanere di una sempre Il mercato della pasta stato caratterizzato da un au-
diffusa e gravosa evasione fiscale e contributiva, che continua mento dei prezzi nel primo trimestre del 2015, conseguente
ad allontanare la prospettiva di una riduzione del carico fi- alla inflazione nei prezzi delle materie prime registrata nel
scale. Il panorama internazionale vede, invece, il prolungato e 2014 e alla necessit di preservare la marginalit.
accentuato stato di difficolt dei paesi emergenti, in partico- Le categorie sughi e pani morbidi evidenziano un trend
lare della Cina, con conseguenze sullespansione degli scambi di mercato in crescita rispetto allesercizio precedente.
globali. Il commercio internazionale cresciuto in volumi di In questo contesto, Barilla ha avuto nel 2015 un fattura-
scambio, ma diminuito in valore. to leggermente inferiore al 2014, per leffetto combinato di
Se la ripresa di importanti economie avanzate, come gli dinamiche differenti nei due settori Meal Solutions e Bakery.
Stati Uniti, grazie al ciclo positivo della Borsa (che in 7 anni I risultati del business Meal Solutions sono stati parti-
ha quasi triplicato il suo valore) e alla ripresa del mercato del colarmente positivi nel 2015, con un aumento del fatturato
lavoro, o come il Regno Unito, hanno avuto effetti positivi, netto, principalmente guidato dallo sviluppo dei sughi che ha
ha invece agito negativamente lacuirsi dellinstabilit geo- raggiunto quote di mercato importanti e registrato una lea-
politica in Ucraina con i suoi riflessi sulla Russia, e soprattut- dership in tutti i segmenti, grazie soprattutto alla categoria
to, nellarea del Nord Africa e del Medio Oriente, con con- Pesto e al successo dei prodotti a base di carne.
seguenti effetti depressivi sullattivit in queste economie e Le quote di mercato della Pasta Barilla e Voiello sono
aumento dellincertezza mondiale. cresciute grazie a efficaci politiche di marketing, eviden-
Il permanere del petrolio su bassi livelli di prezzo com- ziando un significativo cambiamento rispetto al passato. La
prime la domanda di beni da parte dei paesi esportatori, Pasta Senza Glutine e la Pasta Integrale continuano a cre-
fortemente dipendenti dallestero per lapprovvigionamento scere a tassi superiori a quelli di mercato, contribuendo ad
di beni di consumo. aumentare la quota complessiva del marchio Barilla.

22
Se i volumi del settore Bakery sono in linea con il 2014, incrementare le quote di mercato per la Pasta e tutte le
negativi marketing mix e aumentati livelli di attivit promo- categorie correlate.
zionali hanno portato a una contrazione del fatturato netto Larea Northern Europe ha conseguito buoni risultati sia
verso lanno precedente, nonostante il lancio negli ultimi a volume che a fatturato. In Svezia il Gruppo ha conseguito
anni di prodotti innovativi come Nascondini, Biscottone e un aumento importante di quota sulla Pasta, a conferma
Focaccelle. della indiscussa leadership di Barilla nel mercato. In Nor-
In un contesto particolarmente competitivo, le quote vegia, il processo di ristrutturazione delle condizioni com-
di mercato di Minicakes, Grissini e Crackers, Pani Morbidi merciali e la revisione del modello di business, porter a un
continuano a crescere, mentre le Fette Biscottate non au- miglioramento dei margini a partire dal prossimo esercizio.
mentano pur restando saldamente oltre il 50%. La categoria Larea Eastern Europe, in crescita nella sua totalit, ha
Biscotti ha subito le negative conseguenze di una contra- mostrato in Grecia un calo dei volumi e contemporanea-
zione dei consumi legati ai prodotti per la prima colazione e mente un incremento del fatturato, grazie a una migliore ge-
dellingresso di nuovi concorrenti, entrati nel mercato attrat- stione delle leve di marketing e nonostante la grave crisi che
ti da nuovi trend di consumi (fra cui i prodotti salutistici). ha colpito il paese durante lestate. Anche negli altri paesi
Nel corso dellanno stato lanciato Cucina Barilla, un dellarea si registrata una crescita sostenuta, con risultati
nuovo modello di business che prevede lutilizzo di un for- eccellenti soprattutto nei paesi dellarea adriatica (Croazia,
no (integrato e con una dedicata tecnologia) e dei prodotti Serbia e Slovenia) e in Romania, Ungheria e Repubblica Ceca.
Barilla venduti on line e consegnati a casa, al fine di offrire
alle famiglie lopportunit di preparare una vasta scelta di Regione America
prodotti convenienti e di qualit per i bisogni di tutti i giorni. Nel 2015 il fatturato netto della regione America cresciuto
A giugno 2015 stato inaugurato a Parma il Customer grazie al contributo di tutti i paesi in cui il Gruppo opera.
Collaboration Center, un luogo dove incontrare i propri clien- Gli Stati Uniti continuano ad essere il mercato prin-
ti in un ambiente innovativo, atto a facilitare le dinamiche cipale della regione. La crescita stata sostenuta dalla
di relazione e di sviluppo condiviso del Business. Grazie alle categoria della Pasta, con un incremento della quota di
tecnologie applicate, Barilla in grado di sviluppare meglio e mercato a valore pari all1%, raggiungendo il 30,3% grazie
con pi efficacia le proprie attivit per ribadire limportanza principalmente allaumento dei prezzi e al lancio di nuovi
e la centralit del Consumatore. prodotti, come Pasta Pronto, e al consolidamento di pro-
dotti nei settori premium e senza glutine, attivit iniziata
Regione Europa nel corso del 2014.
In uno scenario macroeconomico caratterizzato da tassi mo- Il Messico ha raggiunto nel canale Modern Trade una
derati di crescita nella maggior parte delle economie svilup- quota di mercato a valore del 33,1% (incremento dello 0,9%
pate in cui il Gruppo opera, le nostre categorie di prodotto rispetto allanno precedente) grazie alleffetto combinato di
hanno generalmente avuto trend a volume stabili, come la una migliore efficienza distributiva del prodotto, di pi ampi
Pasta, o in crescita, come i Sughi, Pane e Prodotti per la pri- e migliori spazi espositivi nei punti vendita, di una riduzione
ma colazione. degli sconti e di un aumento dei prezzi al consumo.
In questo contesto, i volumi del Gruppo nellarea sono Il Brasile ha raggiunto la quota a valore del 5% (+0,9%
cresciuti del 4% rispetto al precedente esercizio. rispetto allo scorso anno), grazie alla continua crescita della
Le quote di mercato sono significativamente cresciute distribuzione di pasta di grano tenero e di pasta importata di
per la Pasta, i Sughi, Pani secchi e prodotti Bakery soprattut- grano duro. Lincremento stato supportato da investimenti
to in Francia, grazie a significativi investimenti commerciali e in attivit promozionali e di marketing, particolarmente
di marketing. focalizzati nellarea di San Paolo, dove la quota di mercato
Larea Western Europe ha mostrato risultati positivi in salita al 19,1% con un aumento del 3% rispetto allanno pre-
termini di crescita a volume e a valore, grazie allottima per- cedente.
formance del Gruppo in Francia. Il Canada ha mantenuto il 10,5% di quota di mercato a
La penisola Iberica ha portato una crescita a doppia valore nella categoria della Pasta, principalmente grazie a un
cifra sia a volume che a fatturato, mentre in Belgio abbiamo aumento dei prezzi al consumo.
raggiunto risultati positivi grazie allestensione della nostra
presenza presso i distributori. Regione Asia, Africa, Australia
Il 2015 ha visto consolidare la presenza anche nel Regno Nel 2015 le economie di riferimento in Asia, Africa e Austra-
Unito, con una maggiore penetrazione nella grande distribu- lia sono entrate in una fase di incertezza, principalmente do-
zione, dopo liniziale ingresso in Tesco nel 2014. vuta alla frenata della crescita in Cina, allinstabilit in Medio
Nel 2015 stato completato limportante investimento Oriente e alla recessione in Russia. Le principali valute hanno
di modernizzazione del sito produttivo La Malterie (Chateau- continuato a svalutarsi, specialmente il rublo in Russia e la
roux), creando il pi grande stabilimento di prodotti da forno lira in Turchia. Nonostante il contesto, il mercato della pasta
industriale in Francia. mantiene un trend positivo di crescita. Anche le quote di
Larea Central Europe ha evidenziato crescita sia a li- mercato a valore del marchio Barilla sono cresciute in tutti i
vello di volume che di fatturato, rispetto al 2014, in tutti principali mercati dellarea: in Russia il Gruppo ha conferma-
i principali paesi: Germania, Svizzera e Olanda. In Svizzera to la propria presenza, diventando un concorrente a livello
un pronto adeguamento dei prezzi non ha impedito di nazionale, mentre in Turchia la leadership di mercato stata

23
confermata ed ampliata la presenza in Medio Oriente e in Gli investimenti relativi a Sicurezza, Salute e Ambiente sono
Israele, grazie a una aggressiva e dedicata strategia. dettagliati nelle successive sezioni dedicate.
I mercati asiatici, incluso il Giappone, hanno tutti avuto
buoni risultati, ad eccezione della Cina dove la presenza del
Gruppo sul mercato procede a un ritmo pi lento rispetto a Informazioni relative
quello atteso. alla corporate governance
Complessivamente nel 2015 i volumi della Regione sono
cresciuti del 2% rispetto allesercizio precedente, grazie prin- Le societ italiane del Gruppo adottano il sistema di ammi-
cipalmente allo sviluppo del brand Barilla, mentre i marchi nistrazione e controllo di tipo tradizionale, composto da
locali Filiz e Harrys rimangono stabili. un Consiglio di Amministrazione, da un Collegio sindacale
Il fatturato aumentato del 14% rispetto allo scorso e da un soggetto incaricato della Revisione Legale dei Con-
anno a parit di cambi, grazie agli aumenti di listino im- ti, nominati dallAssemblea dei Soci. Pi in particolare, per
plementati, con tassi di crescita a due cifre in tutti i nostri quanto riguarda Barilla G. e R. Fratelli Societ per Azioni e
principali mercati (Russia, Africa, Medio Oriente, Giappone e le sue societ controllate, la struttura di governance ana-
Asia). loga a quella di Barilla Holding Societ per Azioni, mentre
Durante lanno stato completato limportante investi- il sistema di controllo interno e Modello di Organizzazione,
mento a Solnecnogorsk (Russia) per la produzione di pasta Gestione e Controllo della Societ, di cui al D.Lgs. 231/2001,
per il mercato russo, che migliorer sensibilmente la flessibi- sono pi specifici. I citati Modelli di Organizzazione, Gestio-
lit e profittabilit nellarea. ne e Controllo comprendono una Parte Generale e pi Parti
Speciali, oltre al Codice Etico. Essi individuano le fattispecie
Academia Barilla e Barilla Restaurants di reato presupposto, le aree aziendali a rischio commissione
Nel corso del 2015 il business Barilla Restaurants ha conti- reato, le procedure, i sistemi e i protocolli volti a prevenire
nuato la propria mission di ambasciatore della cucina italiana la commissione, nonch linsieme di principi e valori in cui le
nel mondo focalizzando la propria attivit sulla apertura di societ del Gruppo Barilla si identificano, alla cui osservanza
due nuovi ristoranti, entrambi a Manhattan, e continuando sono chiamati amministratori, sindaci, dipendenti, collabora-
lo sviluppo di un nuovo modello di business pi vicino al tori esterni, fornitori e clienti.
cliente finale. Il Codice Etico stato aggiornato con la previsione di
Il business Academia Barilla ha invece concentrato la una parte relativa alla protezione/benessere degli animali
propria strategia sulla produzione e commercializzazione di (Animal Welfare) e approvato, nella sua versione aggiornata,
pasta di alta qualit presso importanti distributori italiani ed dal Consiglio di Amministrazione il 29 febbraio 2016.
esteri. Il Consiglio di Amministrazione lorgano investito dei
pi ampi poteri per lordinaria e straordinaria amministrazio-
ne, salvo quanto riservato per legge o per statuto allAssem-
Investimenti in beni strumentali
blea dei Soci. Ad esso spettano lindirizzo della gestione, la
valutazione delladeguatezza dellassetto organizzativo, am-
Nel corso del 2015, la spesa per investimenti in beni stru-
ministrativo e contabile e la valutazione del generale anda-
mentali del Gruppo Barilla stata di circa 147 milioni di
mento della gestione. Lattuale Consiglio di Amministrazione
euro, con unincidenza sul fatturato del 4%.
composto da cinque Amministratori, il cui mandato termi-
In dettaglio, il Gruppo ha destinato le proprie risorse
ner alla data della prossima Assemblea dei Soci convocata
principalmente alle seguenti aree:
per lapprovazione del Bilancio 2015.
completamento del riassetto industriale presso lo stabi-
Il Collegio sindacale vigila sullosservanza della legge e
limento francese di Chateauroux; dello statuto e sul rispetto dei principi di corretta ammini-
acquisizione di una nuova linea produttiva per la Pasta strazione. I suoi componenti sono nominati per un periodo
Gluten Free in America; di tre esercizi e sono rieleggibili. Lattuale Collegio sindacale
localizzazione della produzione di Pasta in Russia, con composto da tre Sindaci effettivi e due supplenti, il cui
implementazione di una linea produttiva; mandato terminer alla data della prossima Assemblea dei
completamento di un nuovo impianto di stoccaggio e Soci convocata per lapprovazione del Bilancio 2017.
inaugurazione di una linea ferroviaria per la consegna LOrganismo di Vigilanza di Barilla Holding Societ
di materie prime presso il sito produttivo di Pedrignano per Azioni monocratico a partire dal 21 giugno 2013,
(Parma): mentre lOrganismo di Vigilanza di Barilla G. e R. Fratelli
potenziamento e aumento della capacit produttiva Societ per Azioni composto di tre membri, in carica fino
nello stabilimento di Lione in Francia; al 4 marzo 2017. LOrganismo di Vigilanza di Barilla G. e R.
inaugurazione di nuovi uffici per le sedi di Parigi (Fran- Fratelli Societ per Azioni composto dai responsabili delle
cia) e Chicago (USA); direzioni Group Legal and Corporate Affairs e Group Internal
creazione di un innovativo Customer Collaboration Cen- Audit, nonch da un membro esterno, docente universitario
ter a Parma; e libero professionista, che riveste anche il ruolo di membro
incremento della capacit di stoccaggio a Bolu (Turchia); monocratico dellOrganismo di Vigilanza di Barilla Holding
riallocazione di una linea per la Bakery presso lo stabili- Societ per Azioni. Gli Organismi di Vigilanza relazionano
mento di Ascoli. semestralmente ai rispettivi Consigli di Amministrazione

24
sulla loro attivit. Sono state predisposte e attuate anche ventato nel 2014 la Fondazione Barilla Center for Food and
attivit di testing, con esiti pi che soddisfacenti. Nutrition (BCFN). BCFN una istituzione privata non profit e
I citati Organismi di Vigilanza nel corso del 2015 hanno apartitica, riconosciuta dal Presidente della Repubblica, che
svolto la propria attivit per prevenire la commissione dei opera come centro di pensiero multidisciplinare e indipen-
reati di cui al medesimo decreto (e successive integrazioni/ dente aperto a tutti e analizza i fattori economici, scientifici,
modifiche) attraverso la verifica delladeguatezza del Model- sociali e ambientali connessi al cibo. Il BCFN informa non
lo di Organizzazione, Gestione e Controllo e del Codice Etico solo policy makers e addetti ai lavori, ma tutti i cittadini in
adottati dalla Societ, nonch attraverso la verifica dellos- merito ai grandi temi legati a cibo e nutrizione, in relazione al
servanza delle previsioni in essi contenute. cambiamento climatico e paradossi del mondo alimentare.
Il soggetto incaricato della Revisione Legale dei Conti Gli studi sviluppati da BCFN vengono considerati dal
la societ di revisione KPMG S.p.A. Alla stessa stato confe- Gruppo Barilla come punto di riferimento per fare impresa,
rito anche lincarico della Revisione Legale dei Conti del Bi- come ad esempio il Modello della Doppia Piramide e pi re-
lancio consolidato del Gruppo Barilla Holding e del Bilancio centemente il Protocollo di Milano sullalimentazione.
delle principali societ del Gruppo. Il Protocollo di Milano in particolare ha espresso aspi-
La governance delle principali societ controllate ita- razioni condivise a livello mondiale per adottare soluzioni
liane strutturata in modo coerente alle loro realt opera- sostenibili nel settore agroalimentare, generando petizioni
tive, mentre nelle societ estere fa comunque riferimento internazionali che hanno raccolto ampio consenso. Tale do-
alle legislazioni locali. cumento ha ispirato il Governo italiano a redigere la Carta
di Milano, considerata leredit culturale di Expo 2015 e sot-
toscritta da oltre un milione di persone.
Buono per Te, Buono per il Pianeta:
la missione del Gruppo Barilla La gestione ambientale
Tutte le Fornerie, i Pastifici e i Mulini del Gruppo presenti in
La strategia aziendale del Gruppo identifica in Buono per Europa possiedono un Sistema Integrato di Gestione Am-
Te, Buono per il Pianeta la missione di Barilla e il solo modo bientale Barilla, sviluppato in accordo con la norma tecnica
di fare impresa che lazienda ha scelto per crescere. Si tratta ISO 14001; a questi, nel 2015, si aggiunto lo stabilimento
dellessenza del business, che si esprime a pieno solo se si americano di Ames. In questo modo circa l89% dei volumi
considera lintera filiera produttiva lungo cui il Gruppo opera prodotto in stabilimenti con un Sistema di Gestione Am-
dal campo alla tavola sia per rafforzare la propria presenza bientale certificato ISO 14001.
nei mercati attuali che per espandersi nei mercati emergenti. Tutte le Fornerie e i Pastifici Italiani e i Mulini di Alta-
Barilla non solo offre prodotti, ma promuove benessere mura, Castelplanio e Ferrara sono in possesso dellAuto-
per le persone e le famiglie che la scelgono ogni giorno, per rizzazione Integrata Ambientale in accordo alla stringente
le loro comunit e il Pianeta. In particolare, per Barilla Buo- normativa Europea IPPC (Integrated Pollution Prevention and
no per Te, Buono per il Pianeta si concretizza attraverso un Control). Lo stabilimento Sughi di Rubbiano (Italia), sebbene
impegno comune di tutti gli individui che collaborano allin- non rientrante nei vincoli della normativa, ha fatto domanda
terno dellorganizzazione e un coinvolgimento costante dei volontaria per lottenimento di tale autorizzazione.
principali stakeholder allesterno. Barilla il primo gruppo alimentare ad aver sviluppato
Pi in dettaglio Buono per Te, Buono per il Pianeta si- e certificato, attraverso un ente terzo, un sistema di calcolo
gnifica: degli impatti ambientali dei suoi prodotti attraverso lo stru-
Buono per Te mento dellAnalisi del Ciclo di Vita (Life Cycle Assessment)
offrire un portafoglio di prodotti adatto a diversi mo- in accordo al sistema internazionale EPD (Environmental
menti di consumo; Product Declaration) - www.environdec.com - che permette
promuovere stili di vita sani e unalimentazione sostenibi- la pubblicazione di dati di impatto ambientale certificati. Nel
le in linea con il Modello Mediterraneo. 2015, il 69% dei volumi di produzione era in possesso di una
Buono per il Pianeta dichiarazione pubblica dei propri impatti ambientali.
100% delle materie prime acquistate responsabilmente; Tutto il cartoncino in fibra vergine utilizzato per realiz-
sviluppo di progetti per promuovere pratiche agricole pi zare i nostri astucci per la pasta proviene da foreste gestite
efficienti e sostenibili in tutte le filiere strategiche; in modo sostenibile, in accordo ad almeno uno dei seguenti
gestione delle emissioni di gas serra e dei consumi idrici standard internazionali gestiti da organizzazioni non gover-
delle sedi Barilla. native non profit: FSC (Forest Stewardship Council), PEFC
Buono per le Comunit (Programme for the Endorsement of Forest Certification) o
promuovere percorsi di educazione alimentare e incenti- SFI (Sustainable Forestry Initiative).
vare limprenditoria giovanile nel mondo del cibo; Inoltre, il 98% degli imballi immessi sul mercato risulta
favorire laccesso al cibo per tutti e supportare le popola- tecnicamente riciclabile.
zioni colpite da emergenze; Tutta lenergia elettrica necessaria per la produzione di
essere una grande azienda per cui lavorare, che promuo- Mulino Bianco e Wasa coperta da speciali certificati (GOs
ve la diversit e uno stile di vita equilibrato e sostenibile. - European Guarantees of Origin) che attestano la produ-
zione da fonti di energia rinnovabile prodotta in impianti
Il Gruppo aveva fondato nel 2009 il centro di pensiero di- idroelettrici.

25
In tutti i Pastifici italiani presente un impianto di co- 31/12/2015 31/12/2014
generazione per la produzione combinata di energia elettrica Manager e impiegati 3.088 3.182
e calore, che ne migliora lefficienza riducendone gli impatti Operai 5.207 5.108
ambientali.
Totale 8.295 8.290
Prosegue inoltre il percorso di riduzione dei consumi
energetici.
Dopo i progetti di miglioramento lanciati in tutti gli Nel 2015 il Gruppo ha proseguito il percorso di rafforza-
stabilimenti, ora in corso limplementazione di un Siste- mento dellorganizzazione potenziando i mercati sui quali si
ma di Gestione dellEnergia sviluppato in accordo con la spostato il centro di gravit della struttura, attraverso la
recente norma tecnica internazionale ISO 50001. Dopo la definizione ed esecuzione di strategie locali coerenti con la
certificazione dello stabilimento di Castiglione delle Sti- strategia globale.
viere e del mulino di Altamura, che affiancano il sito Wasa Come ulteriore passo per valorizzare le risorse Barilla
di Celle (Germania), nel 2015 hanno conseguito lo stesso stato lanciato un programma globale di Job Posting nato per
risultato lo stabilimento di Ascoli Piceno e il mulino di Ca- promuovere la mobilit interna, allinsegna della trasparen-
stelplanio (Italia). za, del merito e della diversit e inclusione. La possibilit di
I due impianti di Parma e Foggia (Italia) sono soggetti cambiare, di sviluppare la propria carriera, ma soprattutto la
a Emissions Trading Scheme sono regolarmente verificati e crescita in azienda, sono gli elementi distintivi del program-
certificati da un ente terzo. ma in termini di crescita personale e professionale, di ferti-
Dal 2014, inoltre, presente una procedura per la defi- lizzazione incrociata tra famiglie professionali, businesses,
nizione, validazione e pubblicazione di asserzioni di carattere mercati, geografie.
ambientale, con riferimento alle norme ISO 14020 e 14021, Il 2015 stato un anno di conferma del successo del-
che viene periodicamente certificata da un ente terzo. lo Smart Working, il programma di cambiamento basato
Nel mese di novembre 2015 sono stati inaugurati, nel sullutilizzo di tecnologie di comunicazione e collaborazione,
comprensorio di Parma, nuovi silos per lo stoccaggio di gra- spazi di lavoro avanzati e flessibilit lavorativa fondata sulla
no duro, serviti da un raccordo ferroviario per il trasporto. In cultura della performance. Esso offre ai dipendenti la possi-
questo modo si ridurranno su base annua circa 1.100 ton- bilit di una maggiore autonomia su come, dove e quando
nellate di emissioni di gas serra e non verranno pi impiegati lavorare adattando i metodi di lavoro alle esigenze personali
circa 3.300 camion nelle strade. e aziendali. Una survey globale effettuata sulle persone coin-
volte ha confermato che tale nuova modalit di lavoro con-
Salute e Sicurezza sente di ottenere risultati a somma positiva per i dipendenti,
stata completata in Europa lestensione a tutte le strutture lazienda e il pianeta. Il livello di soddisfazione espresso dai
operative del Sistema Integrato di Gestione della Sicurezza dipendenti coinvolti rappresenta un vero fattore di successo.
sul Lavoro Barilla. Il sistema sviluppato in accordo alla nor- Nel 2015 il Diversity & Inclusion Advisory Board, il cui
ma tecnica OHSAS 18001 (Occupational Health and Safety scopo quello di fissare obiettivi sfidanti sostenendo una
Assessment Series), a garanzia di una sempre migliore tutela forza lavoro caratterizzata da un alto livello di diversit e
della salute e sicurezza del personale. coinvolgimento oltre a promuovere programmi per la Di-
Nello stabilimento di Solnecnogorsk (Russia) laudit cer- versit e Inclusione nelle comunit in cui Barilla opera, ha
tificativo previsto per il 2016. continuato a guidare il cambiamento culturale e a fortificare
In questo modo l86% degli stabilimenti possiede un lorientamento dellazienda con il forte supporto dei leader.
Sistema di Gestione della Sicurezza sul Lavoro certificato Lorganizzazione ha realizzato un significativo progresso
OHSAS 18001. sui temi del bilanciamento di genere, migliorando in un solo
Nel 2015, sono state erogate circa 57.000 ore di forma- anno la percentuale di donne in posizioni di leadership da
zione su tematiche di salute, sicurezza sul lavoro, ambiente e 28% a 35%, e le donne nella leadership pipeline da 32% a
prevenzione incendi. 41%.
Continua inoltre a essere applicato il programma globa- Nel 2015 Barilla ha pubblicato le sue linee guida per
le di audit riguardante i temi sicurezza, ambiente, prevenzio- Employee Resource Groups (ERG), incoraggiando e sostenen-
ne incendi ed energia: nel 2015 su tutti i Pastifici, le Fornerie done la costituzione. Sono stati lanciati due gruppi ERG -
e i Mulini sono state realizzate circa 125 attivit specifiche di Balance, uno globale per promuovere lequilibrio di genere
verifica, grazie al supporto di societ specializzate. in Barilla e uno per supportare i dipendenti LGBT (lanciato
Nel corso del 2015, non si sono registrati infortuni mor- inizialmente negli Stati Uniti e in corso di estensione alle al-
tali sul lavoro che abbiano coinvolto il nostro personale di- tre realt estere).
pendente, n condanne definitive per temi legati alla salute Barilla ha imparato molto in questi ultimi anni di per-
e alla sicurezza. corso sui temi di Diversit e Inclusione ed pi che mai
determinata a creare una societ diversa e inclusiva in grado
Il capitale umano di supportare i propri dipendenti con uguaglianza, offrendo
Il numero di dipendenti al 31 dicembre 2015 era pari a 8.295 pari opportunit, rispettando i propri clienti e consumatori,
(8.290) unit, di cui 3.991 (4.037) in Italia e 4.304 (4.253) che abbraccia le differenze tra esseri umani e riconosce la
allestero. La composizione dellorganico rispetto alla chiusu- ricchezza che queste differenze portano alla nostra vita e a
ra dellesercizio precedente ha avuto la seguente evoluzione: quella dellazienda.

26
Attivit di ricerca e sviluppo no raccolto secondo questo sistema avanzato passata dal
Nelle attivit di ricerca e sviluppo di processo e di prodotto, il 9 al 18%.
Gruppo ha investito 37 milioni di euro nel 2015. In Grecia, dopo il premio Environmental Awards 2015
Garantire unofferta di prodotto nutrizionalmente equi- ottenuto per lo sviluppo di progetti avanzati per la colti-
librata uno dei principali contributi di Barilla al benessere vazione sostenibile del grano duro, si passati alla fase di
delle persone. In tale percorso, il dipartimento di Ricerca e campo in collaborazione con lUniversit della Tessaglia, de-
Sviluppo si avvale della collaborazione di specialisti di fama finendo metodi di coltivazione sostenibile.
internazionale componenti il Nutrition Advisory Board. stato inoltre realizzato il Decalogo per la coltivazione
Il 2015 stato dichiarato da Barilla lanno della Pasta, sostenibile del grano duro ed in corso il test del sistema di
varie ricerche sono state effettuate per valutare la risposta supporto alle decisioni agronomiche Granoduro.net gi uti-
glicemica e in generale il ruolo di questo alimento nelle diete lizzato in Italia.
delle persone, col fine di diffondere una corretta consape- Con lobiettivo di migliorare le filiere di grano duro nei
volezza sulla qualit nutrizionale dei carboidrati complessi. paesi in cui Barilla opera, anche in Turchia, Stati Uniti e Ca-
Il valore della pasta si esprime in modo particolarmente nada sono state avviate o concluse collaborazioni simili con
efficace allinterno della Dieta Mediterranea, che si conferma rispettivamente il Bahri Dagdas International Agricultural
come modello di riferimento nutrizionale per Barilla, dove il Research Institute di Konya, la North Dakota State Universi-
consumo di pasta si associa a quello di altri alimenti salubri ty e Agrifood - Canada.
e consigliati, come verdure e olio di oliva. Nel 2015, il 73% del grano duro utilizzato per le varie
Inoltre, nel corso dellanno sono state riviste e aggior- marche del Gruppo Barilla stato coltivato localmente, nel
nate le Linee Guida Nutrizionali Barilla che, sulla base di ela- paese di produzione della pasta, migliorando lefficienza del-
borazioni di indicazioni internazionali ampiamente condivise, la filiera.
prevedono la riduzione di sodio, la riduzione di grassi totali e Per i marchi Mulino Bianco, Pavesi e Le Emiliane, Barilla
saturi e un ampliamento dellofferta di prodotti integrali. ha mantenuto gli accordi di filiera per garantire il completo
In particolare, con partner internazionali sono in atto utilizzo di uova provenienti da galline allevate a terra con
studi per valutare i benefici del consumo di prodotti a lutilizzo esclusivo di mangimi vegetali, mentre accordi inter-
base di segale, partendo dalla prassi diffusa dei paesi nor- nazionali garantiscono che il 100% di cacao e olio di palma
deuropei. siano forniti da soggetti membri degli enti internazionali re-
sponsabili della sostenibilit, garantendo il rispetto dei diritti
Gestione sostenibile della filiera umani e ambientali.
e rapporti con il territorio Nel 2015, il 100% dellolio di palma utilizzato proviene
Barilla da anni impegnata a diminuire limpatto ambien- da coltivazioni sostenibili e certificate RSPO (Roundtable of
tale, favorendo la coltivazione di materie prime nel paese Sustainable Palm Oil) con accordi che vanno oltre la sempli-
di produzione e sviluppando confezioni riciclabili, nel ten- ce certificazione, garantendo lassenza di deforestazione e di
tativo di contribuire al benessere dei territori in cui opera, utilizzo di torbiere per la coltivazione della palma da olio.
non solo in termini ambientali ma anche occupazionali e di Inoltre il 70% del pomodoro utilizzato per i sughi a mar-
opportunit per le persone. I prodotti Barilla nascono dalla chio Barilla prodotti in Italia dal 2015 proviene da coltivazio-
collaborazione con oltre 1.200 fornitori in tutto il mondo ni certificate Global Gap, con lobiettivo di arrivare al 100%
con 800 tipi di materie prime e 50 tipologie di materiali di entro il 2020.
confezione. Infine il 98% degli imballi utilizzati tecnicamente ri-
Grazie alla collaborazione con i diversi attori delle filie- ciclabile e il 99% delle confezioni riporta le istruzioni per un
re, Barilla si data lobiettivo di acquistare le materie prime loro corretto riciclaggio.
strategiche entro il 2020 con elevati standard di responsabi-
lit, e il 2015 ha rappresentato un altro importante passo in Rapporti con i consumatori
avanti verso il raggiungimento di questo obiettivo. Il principio ispiratore che porta a lavorare per il miglio-
Per quanto riguarda la filiera integrata del grano duro, ramento continuo della qualit e della sostenibilit dei
Barilla ha sempre coinvolto diversi partner produttori e ac- prodotti Barilla dal campo alla tavola, la frase di Pietro
cademici con lobiettivo di favorire la coltivazione sostenibile Barilla: Date da mangiare alle persone quello che dareste
con tecniche a minore impatto ambientale, assicurando al ai vostri figli.
contempo maggiore controllo sulla qualit della produzio- In questo contesto, Barilla applica rigorosi controlli
ne, una equilibrata formazione dei prezzi e una maggiore lungo tutta la filiera: dallacquisto delle materie prime, ai
sostenibilit economica per gli agricoltori. Gli accordi con i processi produttivi, al monitoraggio dei prodotti sui punti
partner di filiera, che consentono di ottimizzare la selezione vendita, attraverso un efficace sistema di gestione della qua-
delle variet, la moltiplicazione delle sementi, i protocolli di lit e della sicurezza alimentare.
coltivazione e conservazione del grano, hanno coperto nel Inoltre, il confronto continuo con le persone attraverso
2015 circa il 47% dellacquistato totale in Italia. Per il secon- i diversi canali di ascolto, nelle diverse geografie, consente di
do anno una quota del raccolto stata coltivata secondo le essere pi vicini ai loro bisogni e monitorare la qualit perce-
regole riportate nel Decalogo per la Coltivazione Sostenibile pita nella logica del miglioramento continuo.
del Grano Duro abbinate allutilizzo del sistema di supporto Lobiettivo rimane sempre quello di essere la prima scel-
alle decisioni (DSS) via web Granoduro.net; la quota di gra- ta di marca e di prodotto per le persone e per i nostri clienti,

27
agendo sulla qualit di prodotto e di servizio e sulla fiducia Eventi successivi
che nasce da un rapporto trasparente e di vicinanza. alla chiusura dellesercizio
Successivamente al 31 dicembre 2015, data di chiusura
Risk management dellesercizio, non sono emersi fatti di rilievo da segnalare.

Nel corso dellanno 2015, la funzione di Enterprise Risk


Management ha aggiornato lanalisi del profilo di rischio Prevedibile evoluzione della gestione
aziendale attraverso limplementazione del processo di risk
identification, assessment e scoring svolto insieme a tutte le Per lesercizio 2016 si confermano, al momento, le previsioni
unit organizzative aziendali. di budget con un trend di stabilit rispetto allultimo trime-
Lattivit ha consentito quindi a Barilla di: stre 2015.
individuare i rischi critici per lazienda;
aggiornare il profilo di rischio e compararlo con quello
degli anni passati; Altri eventi relativi alla gestione
definire e dare priorit ai piani di mitigazione dei rischi
di cui sopra; Non si segnalano cambiamenti nella struttura societaria del
monitorare periodicamente limplementazione dei piani Gruppo nel corso dellesercizio, ad eccezione della apertu-
ra di una nuova societ commerciale in Giappone e della
di mitigazione e condividere con il top management
cessione della partecipazione nella societ produttiva Zao
aziendale sia i rischi critici, sia lefficacia e il livello di
Kondi in Russia.
presidio dei piani di azione previsti.

Quanto sopra realizza e concretizza un percorso volontario


che Barilla ha intrapreso a partire dal 2010 e che ha portato Informazioni relative ai rapporti
alla determinazione sia del proprio livello di propensione al infragruppo e con parti correlate
rischio (Financial & Reputational Risk Appetite) sia di metri-
Le operazioni intervenute con le societ del Gruppo e con
che condivise a livello aziendale per la valutazione di ciascun
le parti correlate non sono qualificabili n come atipiche n
evento di rischio.
come inusuali, rientrando invece nellordinario corso degli
Inoltre lorganizzazione del registro dei rischi aziendali affari delle societ del Gruppo. Tali operazioni sono avvenu-
(Risk Register) ha portato allidentificazione delle aree di ri- te a condizioni concordate tra le parti considerando le condi-
schio a cui lazienda potenzialmente esposta e allassegna- zioni di mercato.
zione delle responsabilit di gestione alle unit organizzative Si rimanda al paragrafo 8 delle Note illustrative al Bi-
responsabili per la gestione dei singoli rischi (Risk Owner- lancio consolidato dove descritta la natura dei principali
ship). rapporti con le parti menzionate e riportate le informazioni
Nel corso del 2015, lattivit svolta si quindi focalizza- di dettaglio previste dallo IAS 24.
ta sullo svolgimento di sessioni di assessment dei rischi con
tutte le unit organizzative: tale processo ha consentito di
mappare a 360 gradi i rischi principali cui lazienda esposta,
misurandoli e classificandoli con metriche comuni finaliz-
zate alla loro prioritarizzazione con definizione di adeguati
piani di azione per la loro mitigazione. Il risultato di questa
mappatura, insieme alle azioni di mitigazione in essere,
stato presentato allalta direzione aziendale in una sessione
dedicata (1 ottobre 2015) che si fatta garante che i rischi
pi rilevanti (critici) per il Gruppo disponessero delle ade-
guate risorse per poter essere gestiti e mitigati. Al fine di
monitorare le esposizioni pi critiche e limplementazione
delle misure di contenimento pianificate, un aggiornamento
del profilo di rischio verr presentato periodicamente al top
management aziendale.

28
Barilla inaugura il terzo ristorante a New York, per offrire alle persone
unautentica esperienza gastronomica italiana.

29
La Fondazione BCFN presenta a Expo lo Youth Manifesto, e lo consegna
a Maurizio Martina, Ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali.

30 31
Bilancio consolidato dellesercizio
chiuso il 31 dicembre 2015

Prospetto della situazione patrimoniale e finanziaria

(migliaia di euro)
Attivit Note 31/12/2015 31/12/2014

Attivit correnti
Cassa, depositi bancari e postali 6.1 306.541 183.728
Crediti verso clienti 6.2 446.422 389.141
Crediti tributari 6.3 24.530 15.012
Altri crediti verso controllante 6.4 1.281 1.269
Altre attivit 6.5 108.908 122.972
Rimanenze 6.6 272.189 286.407
Strumenti finanziari derivati 6.20 1.411 6.277
Totale attivit correnti 1.161.282 1.004.806

Attivit non correnti


Immobili, impianti e macchinari 6.7 936.331 911.891
Avviamento 6.8 477.906 474.698
Immobilizzazioni immateriali 6.9 47.415 54.482
Crediti verso clienti e altri crediti 6.10 1.879 1.882
Altri crediti verso controllante 6.4 7.620 7.620
Imposte differite attive 6.11 59.165 60.929
Attivit finanziarie disponibili per la vendita 6.12 1.551 1.551
Strumenti finanziari derivati 6.20 104.254 64.633
Totale attivit non correnti 1.636.121 1.577.686
Totale attivit 2.797.403 2.582.492

32
(migliaia di euro)
Passivit e patrimonio netto Note 31/12/2015 31/12/2014

Passivit correnti
Debiti verso fornitori 6.13 673.858 668.746
Debiti verso banche e altri finanziatori 6.14 19.644 140.393
Strumenti finanziari derivati 6.20 1.801 2.477
Passivit per benefici futuri ai dipendenti 6.15 8.245 11.042
Debiti per imposte correnti 6.16 12.424 7.405
Altre passivit 6.17 162.441 167.074
Fondi rischi e oneri 6.18 54.999 54.839
Totale passivit correnti 933.412 1.051.976

Passivit non correnti


Debiti verso banche e altri finanziatori 6.19 558.745 361.648
Strumenti finanziari derivati 6.20 2.247 -
Passivit per benefici futuri ai dipendenti 6.15 135.709 145.191
Imposte differite passive 6.11 43.220 48.402
Altri debiti 6.21 4.765 4.253
Fondi rischi e oneri 6.18 15.926 18.963
Totale passivit non correnti 760.612 578.457

Patrimonio netto 6.22


Capitale 131.000 131.000
Riserve:
- Riserve di conversione 75.245 34.068
- Altre riserve 574.929 504.685
Utili/(Perdite) dellesercizio 143.651 125.519
Totale patrimonio netto di competenza del Gruppo 924.825 795.272
Capitale e riserve delle minoranze 150.138 132.249
Risultato delle minoranze 28.416 24.538
Totale patrimonio netto di competenza delle minoranze 6.23 178.554 156.787
Totale patrimonio netto 1.103.379 952.059
Totale delle passivit e del patrimonio netto 2.797.403 2.582.492

33
Prospetto di conto economico consolidato

(migliaia di euro)
Note Esercizio 2015 Esercizio 2014

Ricavi 6.24 3.382.767 3.254.095


Costo del venduto 6.25 (2.084.412) (1.948.608)
Margine lordo 1.298.355 1.305.487
Costi logistici 6.25 (291.408) (294.270)
Spese di vendita 6.25 (142.350) (141.804)
Spese di marketing 6.25 (347.016) (358.231)
Costi di ricerca e sviluppo 6.25 (25.331) (25.103)
Spese generali e amministrative 6.25 (185.388) (176.653)
Altri (oneri) e proventi 6.26 1.507 (19.519)
Margine operativo 308.369 289.907
(Oneri) e proventi finanziari 6.27 (30.079) (37.653)
Risultato prima delle imposte 278.290 252.254
Imposte 6.28 (106.223) (102.197)
Risultato netto dallattivit corrente
del Gruppo e delle minoranze 172.067 150.057
Utile/(Perdita) dellesercizio di pertinenza di minoranze 28.416 24.538
Utile/(Perdita) dellesercizio di pertinenza del Gruppo 143.651 125.519

34
Prospetto di conto economico complessivo

(migliaia di euro)
Note Esercizio 2015 Esercizio 2014

Risultato dellesercizio del Gruppo e di minoranze (a) 172.067 150.057


Altre componenti che non saranno successivamente riclassificate
nel conto economico consolidato:
Utili / (perdite) attuariali relativi a benefici futuri dei dipendenti 6.15 9.531 (24.143)
Effetto fiscale 6.11 (2.521) 6.702
Totale altre componenti che non saranno successivamente
riclassificate nel conto economico consolidato (b) 7.010 (17.441)
Altre componenti che saranno successivamente
classificate al conto economico consolidato:
Riserva per copertura di rischio flussi di cassa (5.217) (688)
Effetto fiscale 6.11 1.187 252
Differenza di conversione 47.490 34.789
Totale altre componenti che saranno successivamente classifica- (c) 43.460 34.353
te al conto economico consolidato
Totale altre componenti del conto economico complessivo
consolidato (b+c) 50.470 16.912
Totale risultato complessivo del periodo (a+b+c) 222.537 166.969
Totale utile/(perdita):
- di pertinenza di minoranze 28.416 24.538
- di pertinenza del Gruppo 143.651 125.519
Totale 172.067 150.057
Totale altre componenti del conto economico complessivo
di periodo:
- di pertinenza di minoranze 35.173 27.276
- di pertinenza del Gruppo 187.364 139.693
Totale 222.537 166.969

35
Prospetto delle variazioni di patrimonio netto

(migliaia di euro)

Saldo al Destinazione Dividendi e Conto economico Saldo al


31/12/2014 del risultato distribuzione complessivo 31/12/2015
Altri componenti Totale di riserve Risultato
del conto
economico

Capitale sociale 131.000 - - - - - 131.000


Riserva di conversione 34.068 - - - 41.177 41.177 75.245
Riserva per utili/(perdite)
attuariali (41.496) - - - 8.105 8.105 (33.391)
Riserva per hedging (1.812) - - - (4.434) (4.434) (6.246)
Imposte differite 12.064 - - - (1.135) (1.135) 10.929
Riserve e utili a nuovo 535.929 125.519 (57.811) - - - 603.637
Risultato dellesercizio 125.519 (125.519) - 143.651 - 143.651 143.651
Totale patrimonio
di Gruppo 795.272 - (57.811) 143.651 43.713 187.364 924.825
Totale patrimonio
di minoranze 156.787 - (13.406) 28.416 6.757 35.173 178.554
Totale patrimonio netto 952.059 - (71.217) 172.067 50.470 222.537 1.103.379

Saldo al Destinazione Dividendi e Conto economico Saldo al


31/12/2013 del risultato distribuzione complessivo 31/12/2014
Altri componenti Totale di riserve Risultato
del conto
economico

Capitale sociale 131.000 - - - - - 131.000


Riserva di conversione 4.710 - - - 29.358 29.358 34.068
Riserva per utili/(perdite)
attuariali (20.989) - - - (20.507) (20.507) (41.496)
Riserva per hedging (1.228) - - - (584) (584) (1.812)
Imposte differite 6.157 - - - 5.907 5.907 12.064
Riserve e utili a nuovo 495.985 92.455 (52.511) - - - 535.929
Risultato dellesercizio 92.455 (92.455) - 125.519 - 125.519 125.519
Totale patrimonio
di Gruppo 708.090 - (52.511) 125.519 14.174 139.693 795.272
Totale patrimonio
di minoranze 142.699 - (13.188) 24.538 2.738 27.276 156.787
Totale patrimonio netto 850.789 - (65.699) 150.057 16.912 166.969 952.059

36
Prospetto dei flussi finanziari

(migliaia di euro)
Esercizio 2015 Esercizio 2014

Risultato prima delle imposte 278.290 252.254


Proventi e oneri finanziari netti escluse plusvalenze su partecipazioni 30.079 37.653
Ammortamenti immobilizzazioni materiali e immateriali 134.845 134.094
Ricavi e perdite derivanti dalla vendita di immobilizzazioni materiali e immateriali (357) 2.822
Variazione crediti/debiti commerciali (52.168) 28.714
Variazione rimanenze 14.218 (40.516)
Variazione fondi (inclusi fondi del personale) (2.383) (13.877)
Variazione altre attivit e passivit (9.726) (12.193)
Imposte sul reddito pagate (119.297) (132.248)
Differenze cambio e altre minori 29.355 36.838
Flusso di cassa netto generato (assorbito) da attivit operative (A) 302.856 293.541
Investimenti in immobilizzazioni materiali (139.620) (111.216)
Investimenti in software (7.554) (4.503)
Incassi per disinvestimenti in immobilizzazioni materiali 2.498 939
Investimenti in immobilizzazioni immateriali (2.011) (2.108)
Incassi per cessioni di partecipazioni o rami dazienda al netto dei relativi costi 2.700 -
Investimenti in altre attivit finanziarie disponibili per la vendita - (300)
Incassi di contributi per acquisto immobilizzazioni materiali 5.152 240
Flusso di cassa netto generato (assorbito) da attivit di investimento (B) (138.835) (116.948)
Variazione netta debiti finanziari 76.700 (64.603)
Pagamento di dividendi e distribuzione di riserve (71.217) (65.699)
Interessi pagati (9.981) (13.890)
Flusso di cassa netto generato (assorbito) da attivit di finanziamento (C) (4.498) (144.192)
Totale variazione cassa e mezzi equivalenti (A+B+C) 159.523 32.401
Cassa e mezzi equivalenti al netto dei conti correnti bancari
passivi allinizio del periodo 139.865 106.824
Cassa e mezzi equivalenti al netto dei conti correnti bancari
passivi alla fine del periodo 301.430 139.865
Differenze di conversione su disponibilit liquide (2.042) (640)
Totale variazione cassa e mezzi equivalenti 159.523 32.401
Conti correnti bancari attivi 306.541 183.728
Conti correnti bancari passivi (5.111) (43.863)
Totale cassa e mezzi equivalenti al netto dei conti correnti bancari passivi 301.430 139.865

37
Le chef australiane Sammy & Bella, in visita in Barilla,
registrano una puntata del loro programma di cucina.

38
Note illustrative

1. Struttura e attivit del Gruppo Barilla 4. Base per la presentazione - Principi


contabili e criteri di valutazione
Il Gruppo Barilla Holding (di seguito il Gruppo o Barilla)
fa capo alla controllante Barilla Holding Societ per Azioni Ai sensi del regolamento n. 1606 emanato dal Parlamento
(di seguito Barilla Holding o la Capogruppo), societ di Europeo e dal Consiglio Europeo nel luglio 2002, il Bilancio
diritto italiano con sede a Parma (Italia), ed attivo nella consolidato (di seguito Bilancio) stato predisposto in
produzione e vendita, a livello nazionale e internazionale, di base ai principi contabili internazionali IAS/IFRS in vigore al
paste alimentari, sughi e prodotti da forno. 31 dicembre 2015.
Lintero capitale azionario detenuto indirettamente dalla Gli IFRS sono stati applicati in Italia e in altri paesi e nel
societ Guido Maria Barilla e F.lli S.a.p.A. tramite le sue control- loro contesto vi sono numerosi principi di recente pubbli-
late CO.FI.BA. S.r.l. e Gelp S.p.A. cazione, o revisione, per i quali non esiste ancora una prassi
Per il dettaglio delle societ consolidate si rimanda consolidata alla quale fare riferimento ai fini dellinterpre-
allAllegato 1 e allAllegato 2 per le societ collegate e altre tazione e applicazione. Il Bilancio stato pertanto redatto
minori. sulla base delle migliori conoscenze degli IFRS e tenuto con-
to della miglior dottrina in materia; eventuali futuri orien-
tamenti e aggiornamenti interpretativi troveranno riflesso
2. Fatti di rilievo avvenuti dopo la chiusura nei successivi esercizi, secondo le modalit di volta in volta
dellesercizio previste dai principi contabili di riferimento.
Il Bilancio al 31 dicembre 2015 comparato con leser-
Successivamente al 31 dicembre 2015, data di chiusura cizio precedente (importi indicati tra parentesi nella parte
dellesercizio, e fino alla data della sua pubblicazione non descrittiva delle Note) ed costituito da situazione patri-
sono emersi fatti di rilievo da segnalare. moniale e finanziaria, conto economico consolidato, conto
economico complessivo, prospetto delle variazioni di patri-
monio netto e prospetto dei flussi finanziari nonch dalla
3. Dichiarazione di conformit presente nota illustrativa. I dati ivi contenuti sono espressi in
ai principi contabili internazionali (IFRS) migliaia di euro, valuta funzionale del Gruppo, essendo leuro
la moneta corrente nelleconomia in cui la Capogruppo e le
Il Bilancio stato predisposto nel rispetto di tutti i principi principali societ del Gruppo operano.
contabili internazionali (IFRS) emessi dallInternational Ac- Si precisa che il Gruppo ha adottato una struttura di
counting Standards Board (IASB) e omologati dallUnione conto economico con rappresentazione delle componenti
Europea (UE). Per IFRS si intendono tutti gli International Fi- di costo ripartite per destinazione nonch una struttura di
nancial Reporting Standards, tutti gli International Accounting stato patrimoniale con ripartizione fra attivit e passivit
Standards (IAS), tutte le interpretazioni dellInternational Re- correnti e non correnti.
porting Interpretations Committee (IFRIC), precedentemente Il Gruppo ha optato per un conto economico dove il
denominato Standing Interpretations Committee (SIC). costo del venduto comprende tutti i costi di produzione dei

39
prodotti venduti, ovvero lacquisto di materie prime, lacqui- avranno inizio il 1 febbraio 2015 o in data successiva)
sto di componenti, i costi di lavorazione diretti e indiretti sia Tali emendamenti riguardano la semplificazione del tratta-
interni che esterni, gli ammortamenti industriali e tutti gli mento contabile delle contribuzioni ai piani a benefici defini-
oneri accessori alla produzione. ti da parte dei dipendenti o di terzi in casi specifici.
I flussi di cassa evidenziati nel prospetto dei flussi finan- Gli emendamenti sono applicabili, in modo retroattivo,
ziari sono presentati secondo il metodo indiretto. per gli esercizi che hanno inizio il o dopo il 1 febbraio 2015.
I principi di consolidamento, i criteri applicati nella con-
versione dei bilanci espressi in valuta estera, i principi conta- Modifiche agli IFRS - Ciclo annuale di miglioramenti agli
bili, i criteri e le stime di valutazione adottati sono omogenei IFRS 2010-2012 (applicabile per i periodi contabili che
a quelli utilizzati in sede di redazione del Bilancio consolida- avranno inizio il 1 febbraio 2015 o in data successiva)
to al 31 dicembre 2014. Tra gli altri, i temi pi rilevanti trattati in tali emendamenti
sono: la definizione di condizioni di maturazione nellIFRS 2
- Pagamenti basati su azioni; lidentificazione e linformativa
Prinicipi contabili, emendamenti e interpretazioni in vi- di una transazione con parte correlata che sorge quando una
gore dal 1 gennaio 2015 societ di servizi fornisce il servizio di gestione dei dirigenti
con responsabilit strategiche alla societ che redige il bilan-
I seguenti principi contabili, emendamenti ed interpretazioni cio nello IAS 24 - Informativa sulle parti correlate.
sono in vigore a partire dal 1 gennaio 2015 e sono omolo-
gati dalla Commissione Europea: Modifiche allIFRS 11 - Contabilizzazione delle acquisi-
zioni di interessenze in attivit a controllo congiunto
IFRIC 21 - Tributi (applicabile per i periodi contabili che avranno inizio il
In data 20 maggio 2013 lo IASB ha pubblicato linterpreta- 1 gennaio 2016 o in data successiva)
zione in oggetto. LIFRIC 21 chiarisce che una entit ricono- Le modifice forniscono chiarimenti in merito alla contabiliz-
sce una passivit per tributi non prima di quando si verifica zazione dellacquisizione di interessenze in una joint venture
levento a cui legato il pagamento, in accordo con la legge la cui attivit costituisca un business nellaccezione prevista
applicabile. Per i pagamenti che sono dovuti solo al supe- dallIFRS 3. Le modifiche richiedono che per questa fattispe-
ramento di una determinata soglia minima, la passivit cie si applichino i principi riportati dallIFRS 3.
iscritta solo al raggiungimento di tale soglia.
Modifiche allo IAS 16 e allo IAS 38 - Chiarimento sui
Modifiche agli IFRS - Ciclo annuale di miglioramenti agli metodi di ammortamento accettabili (applicabile per i
IFRS 2011-2013 periodi contabili che avranno inizio il 1 gennaio 2016 o
Tali interventi hanno apportato modifiche: (i) allIFRS 3, chia- in data successiva)
rendo che lIFRS 3 non applicabile per rilevare gli effetti Le modifiche allo IAS 16 stabiliscono che i criteri di ammor-
contabili relativi alla formazione di una joint venture o joint tamento determinati in base ai ricavi non sono appropriati,
operation (cos come definiti dallIFRS 11) nel bilancio della in quanto, secondo lemendamento, i ricavi generati da
joint venture o joint operation; (ii) allIFRS 13, chiarendo che unattivit che include lutilizzo dellattivit oggetto di am-
la disposizione contenuta nellIFRS 13 in base alla quale mortamento generalmente riflettono fattori diversi dal solo
possibile misurare il fair value di un gruppo di attivit e pas- consumo dei benefici economici dellattivit stessa.
sivit finanziarie su base netta, si applica a tutti i contratti Le modifiche allo IAS 38 introducono una presunzione
(compresi i contratti non finanziari) rientranti nellambito relativa, secondo cui un criterio di ammortamento basato
dello IAS 39 o dellIFRS 9; (iii) allo IAS 40, chiarendo che per sui ricavi considerato di norma inappropriato per le mede-
stabilire quando lacquisto di un investimento immobiliare sime ragioni stabilite dalle modifiche introdotte allo IAS 16.
costituisce una aggregazione aziendale, occorre fare riferi- Nel caso delle attivit immateriali questa presunzione pu
mento alle disposizioni dellIFRS 3. essere peraltro superata, ma solamente in limitate e specifi-
che circostanze.
Alla data del presente bilancio ladozione di tali interpreta-
zioni e modifiche non ha avuto impatti significativi allinter- Modifiche agli IFRS - Ciclo annuale di miglioramenti agli
no del Gruppo. IFRS 2012-2014 (applicabile per i periodi contabili che
avranno inizio il 1 gennaio 2016 o in data successiva)
Tra gli altri, i temi pi rilevanti trattati in tali emendamenti
Principi contabili, emendamenti ed interpretazioni non sono i seguenti:
ancora applicabili e non adottati in via anticipata dal nello IAS 19 viene chiarito che il tasso di attualizzazione
Gruppo di unobbligazione per piani a benefici definiti deve esse-
re determinato sulla base degli high-quality corporate
I seguenti principi contabili, emendamenti ed interpretazioni bonds or governaments bonds identificati nella stessa
saranno applicabili dal 1 gennaio 2016: valuta utilizzata per pagare i benefici;
nellIFRS 7 viene chiarito che, con riferimento alle
Modifiche allo IAS 19 - Piani a benefici definiti: contribu- compensazioni (offsetting) delle attivit e passivit
ti dei dipendenti (applicabile per i periodi contabili che finanziarie, le informazioni integrative sono obbligatorie

40
solo con il bilancio annuale. Viene inoltre chiarito che principi contabili sono applicati omogeneamente in tutte le
unentit che ha trasferito delle attivit finanziarie e le societ del Gruppo. Le transazioni finanziarie sono contabi-
ha eliminate integralmente dalla propria situazione pa- lizzate alla data di negoziazione.
trimoniale-finanziaria obbligata a fornire le informa-
zioni integrative con riferimento al suo coinvolgimento Formulazione di stime e assunzioni
residuo, qualora abbia sottoscritto dei contratti di La preparazione del Bilancio consolidato comporta per il
servizio che evidenziano uninteressenza dellentit nella management la necessit di effettuare stime che si fondano
futura performance delle attivit finanziarie trasferite; su assunzioni soggettive talora basate sullesperienza storica
nellIFRS 5 viene chiarito che non vi sono impatti con- di volta in volta considerate ragionevoli e realistiche in fun-
tabili se unentit, cambiando il proprio piano di dismis- zione delle relative circostanze. Tali stime influenzano i valori
sione, riclassifica unattivit o un gruppo in dismissione contabili di alcune attivit e passivit, costi e ricavi, cos
da/a posseduti per la vendita a/da posseduti per la come linformativa relativa ad attivit/passivit potenziali
distribuzione. Tale cambiamento nel piano di dismissio- alla data di riferimento del bilancio.
ne viene considerato come una continuazione del piano Le stime e le assunzioni fanno principalmente riferimen-
originario. to alla valutazione sulla recuperabilit delle immobilizzazioni
immateriali, alla definizione delle vite utili delle immobi-
Modifiche allo IAS 1 - Iniziativa di informativa (applica- lizzazioni materiali, alla recuperabilit dei crediti nonch al
bile per i periodi contabili che avranno inizio il 1 genna- riconoscimento e alla valutazione dei fondi per rischi e oneri.
io 2016 o in data successiva) Le stime e le assunzioni si basano su dati che riflettono
Lemendamento fornisce chiarimenti in merito ad elementi lo stato attuale delle conoscenze disponibili.
di informativa che possono essere percepiti come impedi-
menti a una chiara e intelligibile redazione di bilanci. Principi contabili di particolare rilevanza
e maggior soggettivit
Il Gruppo sta ancora valutando il possibile impatto relativo Di seguito sono brevemente descritti i principi contabili che
alladozione dei nuovi principi sopra elencati. richiedono pi di altri una maggiore soggettivit da parte del
management nellelaborazione delle stime e per i quali un
cambiamento nelle condizioni sottostanti le assunzioni utiliz-
Principi contabili, emendamenti e interpretazioni zate potrebbe avere un impatto significativo sul bilancio:
non ancora omologati dallUnione Europea al 31 dicem-
bre 2015 a. Avviamento
Il valore dellavviamento verificato annualmente al fine di
I seguenti principi contabili, emendamenti e interpretazioni accertare lesistenza di eventuali perdite da rilevare a conto
sono stati emessi dallo IASB ma non ancora recepiti dallUE: economico (impairment test). In particolare, la verifica in
oggetto comporta lallocazione dellavviamento alle unit
IFRS 9 - Financial Instruments (applicazione obbligatoria a generatrici di flussi di cassa (cash generating units) e alla
partire dal 1 gennaio 2018) successiva determinazione del relativo valore recuperabile,
IFRS 15 - Revenue from Contracts with Customers (applica- inteso come il maggiore tra il fair value e il valore duso.
zione obbligatoria a partire dal 1 gennaio 2018) Qualora il valore recuperabile dovesse risultare inferiore al
IFRS 14 - Regulatory Deferral Accounts (applicazione obbli- valore contabile delle cash generating units, comprensivo
gatoria a partire dal 1 gennaio 2016) dellavviamento allocato, si dovr procedere a una svalu-
Emendamento IFRS e IAS 28 - Sale or Contribution of Assets tazione. Lallocazione dellavviamento alle cash generating
between an Investor and its Associate or Joint Venture (ap- units e la determinazione del valore duso di queste ultime
plicazione non ancora definita) comportano leffettuazione di stime che dipendono da as-
Emendamento IFRS 10, IFRS 12 e IAS 28 - Investment En- sunzioni soggettive nonch da fattori che possono cambiare
tities: Applying the Consolidation Exception (applicazione nel tempo con conseguenti effetti anche significativi rispet-
obbligatoria a partire dal 1 gennaio 2016) to alle valutazioni effettuate dagli amministratori.

Il Gruppo sta ancora valutando il possibile impatto relativo b. Ammortamenti


alladozione dei nuovi principi sopra elencati. Il costo di immobili, impianti e macchinari ammortizzato
a quote costanti lungo la loro vita utile. La vita utile delle
immobilizzazioni del Gruppo stimata dagli amministratori
Principi contabili e criteri di valutazione adottati nel momento in cui limmobilizzazione stata acquistata; la
stima basata sullesperienza storica per analoghe immobi-
Criteri di redazione lizzazioni, condizioni di mercato e anticipazioni riguardanti
La valuta di presentazione del Bilancio leuro e i saldi di eventi futuri che potrebbero avere impatto sulla vita utile,
bilancio sono espressi in migliaia di euro (salvo ove diver- tra i quali variazioni nella tecnologia. Pertanto, leffettiva
samente indicato). Il Bilancio redatto secondo il criterio vita utile pu differire da quella stimata. Il Gruppo valuta
del costo, eventualmente ridotto per perdite di valore a ec- periodicamente i cambiamenti tecnologici e di settore per
cezione di alcuni strumenti finanziari valutati a fair value. I aggiornare la vita utile residua. Tale aggiornamento periodi-

41
co potrebbe comportare una variazione nel periodo di am- In particolare, le valutazioni al fair value degli strumenti
mortamento e quindi anche nella quota di ammortamento finanziari di livello 2 sono state effettuate sulla base di mo-
degli esercizi futuri. delli finanziari standard di mercato.
Barilla ha sviluppato un modello sulla base delle practi-
c. Svalutazione degli attivi immobilizzati ces di mercato, che di norma fanno riferimento a strumenti
Gli attivi immobilizzati sono oggetto di verifica al fine di similari, ad analisi basate sui flussi di cassa o modelli di prez-
accertare se si sia verificata una perdita di valore, che va rile- zo basati sullutilizzo di indicatori di mercato. Nel processo di
vata tramite una svalutazione quando sussistono indicatori formulazione delle valutazioni, il Gruppo privilegia lutilizzo
che facciano prevedere difficolt per il recupero del relativo di informazioni di mercato rispetto allutilizzo di informazio-
valore netto contabile tramite luso o la vendita. La verifica ni interne.
dellesistenza dei suddetti indicatori richiede da parte degli Il Gruppo non presenta strumenti finanziari valutati in
amministratori leffettuazione di valutazioni soggettive basate bilancio secondo il livello 3 della gerarchia del fair value.
sulle informazioni disponibili sia da fonte interna che esterna,
nonch da assunzioni soggettive talora fondate sullesperienza
storica. Inoltre, qualora si ritenga che possa essersi generata Principi di consolidamento
una potenziale perdita di valore, si procede alla determinazio-
Il Bilancio comprende i bilanci di Barilla Holding, societ
ne della stessa utilizzando tecniche valutative ritenute idonee.
capogruppo, e delle controllate nelle quali Barilla Holding
La corretta identificazione degli indicatori dellesistenza di una
detiene, direttamente o indirettamente, il controllo. Sono
potenziale perdita di valore nonch le stime per la determi-
societ controllate quelle su cui Barilla Holding detiene il
nazione delle stesse dipendono da assunzioni soggettive e da
controllo, ovvero quando il Gruppo esposto ai rendimenti
fattori che possono variare nel tempo, influenzando le valuta-
variabili derivanti dal proprio rapporto con lentit, o vanta
zioni e le stime effettuate dagli amministratori.
dei diritti su tali rendimenti, avendo nel contempo la capaci-
t di influenzarli esercitando il proprio potere sullentit stes-
d. Imposte differite attive
sa. I bilanci delle societ controllate sono inclusi nel Bilancio
La contabilizzazione delle imposte differite attive effettua-
consolidato dal momento in cui la controllante inizia a eser-
ta sulla base delle aspettative di generazione di reddito im-
citare il controllo fino alla data in cui tale controllo cessa.
ponibile negli esercizi futuri, nonch sulla valutazione degli
Le operazioni fra le societ controllate del Gruppo sono
elementi tecnico-istituzionali propri dellordinamento tribu-
eliminate integralmente. Tutte le societ del Gruppo chiudo-
tario a cui tali imposte si riferiscono (per esempio lesistenza
no lesercizio al 31 dicembre.
di limiti temporali per lutilizzo di perdite fiscali). La stima dei
redditi imponibili attesi ai fini della contabilizzazione delle
Interessi di minoranze
imposte differite dipende da fattori e assunzioni che posso-
Gli interessi di minoranze sono misurati alla quota di posses-
no variare nel tempo e che possono avere effetti significativi
so delle attivit a partire dalla data di acquisizione.
sulla valutazione delle imposte differite attive.
Operazioni in valuta estera
e. Fondi rischi e oneri Tutte le operazioni sono contabilizzate nella valuta funziona-
A fronte di taluni rischi, quali quelli legali e fiscali, sono le del principale ambiente economico in cui opera ciascuna
rilevati accantonamenti rappresentativi del rischio di soc- societ del Gruppo. Le transazioni effettuate con valuta
combenza. Il valore dei fondi iscritti in bilancio rappresenta diversa dalla valuta funzionale delle societ del Gruppo
la miglior stima possibile alla data di chiusura del bilancio. sono convertite nella stessa sulla base del tasso di cambio
Tale stima comporta ladozione di assunzioni che dipendono alla data delloperazione. Le attivit e le passivit monetarie
da fattori che possono cambiare nel tempo e che potrebbero sono convertite al cambio della data di fine esercizio e le
pertanto avere effetti significativi rispetto alle stime correnti differenze cambio sono imputate al conto economico tra le
effettuate dagli amministratori per la redazione del bilancio.
componenti finanziarie. Le attivit e passivit non moneta-
rie, che sono valutate al costo storico in valuta estera, sono
f. Determinazione del fair value di strumenti finanziari
convertite al cambio storico della data della transazione.
Il fair value degli strumenti finanziari determinato sulla
base delle quotazioni di mercato ovvero, in loro assenza, Conversione dei bilanci in valuta estera
sulla base di adeguate tecniche di valutazione che utilizzano I bilanci delle societ con valuta funzionale diversa dalleuro
variabili finanziarie aggiornate e utilizzate dagli operatori di sono convertiti secondo le seguenti modalit:
mercato nonch, ove possibile, tenendo conto dei prezzi rile- le attivit e le passivit sono convertite ai cambi di fine
vati in transazioni recenti su strumenti finanziari similari. esercizio;
I fair value sono distinti in vari livelli gerarchici, in base i ricavi e i costi sono convertiti al cambio medio del pe-
ai dati di input utilizzati nelle valutazioni: riodo;
Livello 1: corrisponde a prezzi quotati su mercati attivi le differenze cambio emergenti dal summenzionato pro-
per attivit e passivit identiche; cesso di conversione sono imputate nel conto economi-
Livello 2: corrisponde a valori stimati attraverso ele- co complessivo.
menti desunti da dati di mercato osservabili;
Livello 3: corrisponde a valori stimati attraverso altri Al momento della dismissione dellentit economica da cui
elementi differenti dai dati di mercato. sono emerse le differenze di conversione, le differenze di

42
cambio accumulate e riportate negli altri componenti del di investimenti, il costo delle immobilizzazioni materiali non
conto economico complessivo sono riclassificate nel conto include, di norma, interessi passivi capitalizzati.
economico. Gli ammortamenti sono contabilizzati a partire dal mese in
cui il cespite disponibile per luso, ovvero quando potenzial-
mente in grado di fornire i benefici economici a esso associati.
Immobilizzazioni immateriali Gli ammortamenti sono imputati su base mensile a
quote costanti mediante aliquote che consentono di am-
Le immobilizzazioni immateriali sono valutate al costo, al netto mortizzare i cespiti fino a esaurimento della loro vita utile
delle perdite di valore accumulate, e per le sole immobilizzazio- oppure, in caso di dismissioni, fino allultimo mese intero di
ni immateriali a durata definita, degli ammortamenti, mentre utilizzo.
quelle a vita indefinita sono sottoposte ogni anno a impai- Gli anni di vita utile sono i seguenti:
rment test. Il costo non include interessi passivi capitalizzati.
Lammortamento inizia quando lattivit disponibile alluso.
Categoria Vita utile

Avviamento Fabbricati 33 anni


La differenza positiva tra il costo di acquisto e la quota di in- Impianti e macchinari:
teressenza del Gruppo nel fair value delle attivit, passivit e - generici 13 anni
passivit potenziali acquisite nellambito di unaggregazione - specifici 10-20 anni
aziendale iscritta come avviamento ed classificata come
- alto contenuto tecnologico 5-8 anni
attivit immateriale a vita indefinita.
Lavviamento non ammortizzato ma assoggettato Attrezzature industriali e commerciali:
a impairment test annuale. Ai fini di tale valutazione lav- - beni mobili 8 anni
viamento allocato a gruppi di cash generating units che - macchine elettroniche 3,5 anni
di norma rappresentano un segmento operativo (unit di Automezzi 5 anni
business). In nessun caso si procede al ripristino del costo Attrezzature 2,5 anni
precedentemente svalutato.
I contributi in conto capitale che si riferiscono a immobiliz-
Marchi e licenze zazioni materiali sono registrati in diminuzione del valore del
I marchi e le licenze sono valutati al costo al netto degli cespite di riferimento e accreditati al conto economico lungo
ammortamenti e delle perdite di valore accumulate. I marchi il suo periodo di ammortamento.
sono ammortizzati in base alla loro vita utile, mentre le li- Le migliorie su beni di terzi sono classificate nelle im-
cenze nel periodo minore tra la durata contrattuale e la loro mobilizzazioni materiali, coerentemente alla natura del
vita utile. costo sostenuto. Il periodo di ammortamento corrisponde al
minore tra la vita utile residua dellimmobilizzazione mate-
Software riale e la durata residua del contratto di locazione.
I costi delle licenze software, comprensivi degli oneri I pezzi di ricambio di valore rilevante sono capitalizzati
accessori, sono capitalizzati e iscritti in bilancio al netto e ammortizzati sulla base della vita utile del cespite a cui si
degli ammortamenti e delle eventuali perdite di valore riferiscono; gli altri sono spesati a conto economico quando
accumulate. la spesa sostenuta.
Costi di ricerca e sviluppo
I costi di ricerca di nuovi prodotti e/o processi sono intera- Leasing
mente spesati quando sostenuti. In base alla tipologia del
business del Gruppo, non vengono sostenuti costi di svilup- Gli immobili, impianti e macchinari posseduti in virt di
po che abbiano i requisiti per la capitalizzazione. contratti di leasing finanziario, attraverso i quali sono so-
Le vite utili delle immobilizzazioni immateriali sono le stanzialmente trasferiti al Gruppo i rischi e i benefici legati
seguenti: alla propriet, sono riconosciuti come attivit del Gruppo
al loro valore corrente o, se inferiore, al valore attuale dei
Marchi da 5 a 20 anni pagamenti minimi dovuti per il leasing, inclusa leventuale
Software da 3 a 5 anni somma da pagare per lesercizio dellopzione di acquisto. La
corrispondente passivit verso il locatore rappresentata
in bilancio tra i debiti finanziari. I beni sono ammortizzati
Immobilizzazioni materiali applicando il criterio e le aliquote precedentemente indicati
per la voce di bilancio Immobili, impianti e macchinari,
Le immobilizzazioni materiali sono iscritte al costo dacqui- salvo che la durata del contratto di leasing sia inferiore alla
sizione o di produzione, comprensivo degli oneri accessori vita utile rappresentata da dette aliquote e non vi sia la ra-
di diretta imputazione al netto degli ammortamenti e delle gionevole certezza del trasferimento della propriet del bene
perdite di valore accumulate, a eccezione dei terreni, che locato alla naturale scadenza del contratto; in tal caso il pe-
non sono ammortizzati e sono valutati al costo, al netto riodo di ammortamento sar rappresentato dalla durata del
delle perdite di valore accumulate. Alla luce della tipologia contratto di locazione.

43
Le locazioni nelle quali il locatore mantiene sostanzial- Se il valore contabile dellunit generatrice di flussi di
mente i rischi e i benefici legati alla propriet dei beni sono cassa (o del gruppo di unit), comprensivo dellavviamento
classificate come leasing operativi. I costi riferiti a leasing allocato, eccede il rispettivo valore recuperabile, si rileva a
operativi sono rilevati linearmente a conto economico lungo conto economico una perdita per riduzione di valore.
la durata del contratto di leasing. La perdita per riduzione di valore imputata dapprima
a riduzione del valore contabile dellavviamento allocato
allunit (o al gruppo di unit) e solo successivamente alle
Perdita di valore di immobilizzazioni materiali altre attivit dellunit in proporzione al loro valore contabile
e immateriali (impairment test) fino allammontare del valore recuperabile delle attivit a
vita definita.
In presenza di indicatori specifici di perdita di valore, le im- I flussi di cassa futuri sono desunti dai piani azienda-
mobilizzazioni materiali e le immobilizzazioni immateriali li approvati dal Consiglio di Amministrazione (o organo
sono soggette a impairment test. equivalente), i quali coprono normalmente un periodo non
La verifica consiste nella stima del valore recuperabile superiore a cinque anni. Il tasso di crescita a lungo termine
dellattivit e nel confronto con il relativo valore netto utilizzato al fine della stima del valore terminale dellunit (o
contabile. del gruppo di unit) viene assunto normalmente in misura
Se il valore recuperabile di unattivit inferiore al valore non eccedente il tasso medio di crescita a lungo termine del
netto contabile, questultimo ridotto al valore recuperabile. settore, del paese o del mercato nel quale lunit (o il gruppo
Tale riduzione costituisce una perdita di valore imputata a con- di unit) opera.
to economico. Per attivit non soggette ad ammortamento, I flussi di cassa futuri sono stimati facendo riferimen-
per le immobilizzazioni materiali non utilizzate e per le immo- to alle condizioni correnti dellunit generatrice di flussi di
bilizzazioni immateriali e materiali non ancora disponibili per cassa e, pertanto, non si considerano n i benefici derivanti
lutilizzo, limpairment test effettuato con frequenza annuale, da ristrutturazioni future per le quali lentit non ancora
indipendentemente dalla presenza di specifici indicatori. impegnata, n gli investimenti futuri di miglioramento o di
Durante lanno, il Gruppo verifica se esistono indicazioni ottimizzazione dellunit.
che le attivit sia materiali che immateriali a vita definita Il Gruppo ha identificato le cash generating units a livel-
possano aver subito una riduzione di valore. A tal fine si lo di linea produttiva.
considerano sia fonti interne che esterne. Relativamente alle Ai fini dellimpairment test, lavviamento allocato a livel-
fonti interne si considerano lobsolescenza o il deteriora- lo di gruppi di cash generating units che normalmente rappre-
mento fisico dellattivit, eventuali cambiamenti significativi sentano segmenti operativi. I segmenti operativi del Gruppo
nelluso dellattivit e landamento economico dellattivit ri- sono rappresentati dalle seguenti unit di business: Regione
spetto a quanto previsto. Relativamente alle fonti esterne, si Italia, Regione Europa, Regione America e Regione AAA (Asia,
considerano landamento dei prezzi di mercato delle attivit, Africa e Australia), con le categorie Meal Solutions e Bakery.
eventuali discontinuit tecnologiche, di mercato o normati-
ve, landamento dei tassi di interesse di mercato e del costo
del capitale utilizzato per valutare gli investimenti. Criterio del costo ammortizzato per la misurazione
Il valore recuperabile di unattivit definito come il di attivit e passivit finanziarie
maggiore tra il fair value, al netto dei costi di vendita, e il
suo valore duso. Il valore duso di unattivit costituito Il criterio del costo ammortizzato prevede la quantificazio-
dal valore attuale dei flussi di cassa futuri attesi calcolato ne del tasso di interesse effettivo allinizio delloperazione.
applicando un tasso dattualizzazione che riflette le valu- Il tasso di interesse effettivo quel tasso che, se applicato
tazioni correnti di mercato del valore temporale del dena- come tasso di attualizzazione dei flussi di cassa futuri, li ren-
ro e dei rischi specifici dellattivit. Quando non possibile de equivalenti al flusso di cassa iniziale.
stimare il valore recuperabile di una singola attivit, il Eventuali modifiche nei flussi di cassa futuri, se non
Gruppo stima il valore recuperabile dellunit generatrice attribuibili a cambiamenti nei parametri di mercato, deter-
di flussi di cassa cui lattivit appartiene. Quando vengono minano una rimisurazione del valore di bilancio dellattivit
meno i motivi che hanno determinato una riduzione di va- o passivit finanziaria con contropartita a conto economico.
lore, il valore contabile dellattivit o dellunit generatrice
di flussi di cassa incrementato sino alla nuova stima del
valore recuperabile, ma non pu eccedere il valore che si Attivit finanziarie
sarebbe determinato se non fosse stata rilevata alcuna ri-
duzione di valore. Il ripristino di valore iscritto nel conto Al momento della loro rilevazione iniziale, le attivit finan-
economico. ziarie sono iscritte al fair value e classificate in una delle
Lavviamento acquisito e allocato a unit o gruppi di seguenti categorie in funzione della loro natura e dello scopo
cash generating units nel corso dellesercizio sottoposto a per cui sono state acquistate:
impairment test prima della fine dellesercizio in cui lacquisi- (a) attivit finanziarie al fair value con contropartita nel
zione e lallocazione sono avvenute. conto economico;
Al fine della verifica della sua recuperabilit, lavviamen- (b) crediti e finanziamenti attivi;
to allocato, alla data di acquisizione, a ogni unit o gruppo (c) attivit finanziarie disponibili per la vendita.
di cash generating units che beneficiano dellacquisizione.

44
Gli acquisti e le vendite di attivit finanziarie sono conta- previste per leliminazione dal bilancio delle attivit finanziarie,
bilizzati alla data di negoziazione delle relative operazioni. sono eliminati dal bilancio al momento della loro cessione. Gli
Vengono rimosse dallo stato patrimoniale quando il diritto utili o le perdite relativi alla cessione di tale attivit sono rilevati
di ricevere i flussi di cassa dallo strumento si estinto o il quando le attivit stesse sono rimosse dallo stato patrimoniale.
Gruppo ha sostanzialmente trasferito tutti i rischi e benefici
relativi allo strumento stesso. (c) Attivit finanziarie disponibili per la vendita
La voce comprende le partecipazioni in altre imprese e le altre
Successivamente alla prima iscrizione in bilancio, le attivit attivit finanziarie rappresentate da titoli non detenuti allo
finanziarie sono valutate come segue: scopo di negoziazione. Sono incluse nelle attivit non correnti
in quanto il management non ha manifestato lintenzione di
(a) Attivit finanziarie al fair value con contropartita cederle nei dodici mesi successivi alla data del bilancio. Sono
nel conto economico valutate al fair value in contropartita delle altre componenti
La voce comprende attivit finanziarie, rappresentate da titoli, del risultato complessivo. Leventuale riclassifica a conto eco-
acquisite principalmente con lo scopo di essere rivendute nel nomico nella voce Utile/perdita variazione di fair value atti-
breve termine. Tali titoli sono classificati fra le attivit correnti. vit finanziarie effettuata solo nel momento in cui lattivit
Le attivit finanziarie appartenenti a questa categoria finanziaria effettivamente ceduta.
sono inizialmente rilevate al fair value e i relativi costi acces- Il Gruppo valuta a ogni data di bilancio se esiste unog-
sori sono spesati nel conto economico. gettiva evidenza di perdita di valore delle attivit finanziarie.
Gli utili e le perdite derivanti dalle variazioni di fair va- Nel caso di partecipazioni classificate come attivit finanziarie
lue delle attivit finanziarie al fair value con contropartita disponibili per la vendita, un prolungato o significativo declino
nel conto economico sono presentati nel conto economico nel fair value della partecipazione al di sotto del costo iniziale
allinterno della voce Proventi/oneri finanziari, nel periodo considerato un indicatore di perdita di valore. Nel caso esista
in cui sono rilevati. questo tipo di evidenza per le attivit finanziarie disponibili per
la vendita, la perdita cumulata, calcolata come la differenza tra
(b) Crediti e finanziamenti attivi il costo di acquisizione e il fair value alla data del bilancio al net-
Per crediti e finanziamenti attivi si intendono attivit finan- to di eventuali perdite di valore contabilizzate precedentemente
ziarie, prevalentemente relative a crediti verso clienti, non nel conto economico, riconosciuta nel conto economico.
costituenti strumenti derivati e non quotati in un mercato Eventuali riprese di valore di attivit finanziarie, rappre-
attivo, dai quali sono attesi pagamenti fissi o determinabili. I sentate da strumenti di capitale e precedentemente svalutate
crediti e i finanziamenti attivi sono inclusi nellattivo corren- a conto economico, sono classificate tra le altre componenti
te, a eccezione di quelli con scadenza contrattuale superiore del risultato complessivo.
ai dodici mesi rispetto alla data di bilancio, che sono classifi- Eventuali dividendi derivanti da partecipazioni iscritte
cati nellattivo non corrente. nelle attivit finanziarie disponibili per la vendita sono presen-
Tali attivit sono riconosciute inizialmente al fair value tati tra i componenti positivi di reddito nel conto economico
e successivamente valutate in base al metodo del costo am- allinterno della voce Dividendi nel momento in cui sorge in
mortizzato, utilizzando il tasso di interesse effettivo, al netto capo al Gruppo il diritto a ricevere il relativo pagamento.
di un fondo svalutazione. Le perdite su crediti sono contabi-
lizzate in bilancio quando si riscontra unevidenza oggettiva
che il Gruppo non sar in grado di recuperare il credito Passivit finanziarie
dovuto dalla controparte sulla base dei termini contrattuali.
Lobiettiva evidenza che unattivit finanziaria o un gruppo Le passivit finanziarie sono registrate inizialmente al fair
di attivit ha subito una riduzione di valore include dati ri- value al netto degli oneri accessori e, successivamente alla
levabili che giungono allattenzione del Gruppo in merito ai prima iscrizione, sono valutate al costo ammortizzato utiliz-
seguenti eventi di perdita: zando il metodo dellinteresse effettivo. La differenza fra il co-
(a) significative difficolt finanziarie dellemittente o debi- sto ammortizzato e il valore di rimborso imputata a conto
tore; economico durante la durata delle passivit.
(b) inefficacia dellattivit di escussione del credito a causa Le passivit finanziarie sono classificate tra le passivit
dellindisponibilit di attivit da parte del debitore; correnti a meno che il Gruppo, alla data del bilancio, non ab-
(c) probabilit che il beneficiario dichiari bancarotta o altre bia un diritto incondizionato a estendere la durata del finan-
procedure di ristrutturazione finanziaria. ziamento almeno oltre dodici mesi dalla chiusura delleserci-
zio. I debiti commerciali e gli altri debiti la cui scadenza rien-
I crediti verso clienti con scadenza inferiore a un anno sono tra nei normali termini commerciali sono iscritti al fair value
iscritti al fair value che approssima normalmente il valore che normalmente approssima il loro valore nominale.
nominale. I crediti cartolarizzati o ceduti con contratti di
factoring pro solvendo o pro soluto per i quali non sono
rispettate tutte le condizioni richieste per leliminazione dal Rimanenze
bilancio delle attivit finanziarie sono mantenuti nellattivo
patrimoniale; una passivit finanziaria di pari importo con- Le giacenze di magazzino sono valutate al minore tra il costo,
tabilizzata nel bilancio come Debiti verso banche. valorizzato con il metodo FIFO (first in - first out), e il loro
I crediti ceduti, dove sono rispettate tutte le condizioni presunto valore di realizzo.

45
Per tenere conto di rimanenze obsolete o a lenta movi- Fondi rischi e oneri
mentazione sono effettuati accantonamenti a un apposito
fondo, rilasciato nel caso in cui le condizioni di tali svaluta- I fondi per rischi e oneri sono iscritti a fronte di oneri per ob-
zioni vengano meno. bligazioni del Gruppo di natura legale, contrattuale o impli-
cita, che derivano da un evento passato. I fondi per rischi e
oneri sono iscritti se probabile che si manifestino tali oneri
Disponibilit liquide e mezzi equivalenti e se possibile effettuarne una stima attendibile. Qualora si
stimi che tali obbligazioni si manifestino oltre dodici mesi e
Le disponibilit liquide e i mezzi equivalenti comprendono i i relativi effetti siano significativi, le stesse sono attualizzate
valori contanti in cassa, i depositi bancari e postali e i mezzi a un tasso di sconto che tiene conto del costo del denaro e
equivalenti liquidabili entro brevissimo termine (tre mesi del rischio specifico della passivit iscritta. Leventuale va-
dalla data di acquisto degli stessi) e non soggetti a significa- riazione di stima degli accantonamenti riflessa nel conto
tive variazioni di valore. economico nel periodo in cui avviene. Nei casi in cui viene
effettuata lattualizzazione, lincremento dellaccantona-
mento dovuto al trascorrere del tempo e leventuale effetto
Passivit per benefici ai dipendenti derivante dal cambiamento del tasso di attualizzazione sono
rilevati come onere finanziario.
(a) Fondi pensione Gli oneri per un piano di ristrutturazione sono rilevati
Le societ del Gruppo hanno in essere sia piani a contribu- quando sussistono le condizioni affinch sorga unobbligazio-
zione definita che piani a benefici definiti. ne implicita, ovvero quando il Gruppo rende noto alle parti
Un piano a contribuzione definita un piano al quale il interessate il piano di ristrutturazione o quando il Gruppo
Gruppo partecipa mediante versamenti fissi a soggetti terzi effettua annunci sufficientemente specifici che facciano
gestori di fondi e in relazione al quale non vi sono obblighi sorgere nelle parti interessate laspettativa alladempimento
legali o di altro genere a pagare ulteriori contributi qualo- dellobbligazione stessa.
ra il fondo non abbia sufficienti attivit per far fronte agli I fondi per rischi fiscali vengono riconosciuti a fronte di
obblighi nei confronti dei partecipanti al piano. Per i piani a passivit fiscali di natura probabile, non ancora definite alla
contribuzione definita, il Gruppo versa contributi, volontari data di bilancio.
o stabiliti contrattualmente, a fondi pensione assicurativi
pubblici e privati. I contributi sono iscritti come costi del
personale secondo il principio della competenza economica. Strumenti derivati
La passivit iscritta nel bilancio per i piani a benefici de-
finiti corrisponde al valore attuale dellobbligazione alla data Contabilizzazione degli strumenti derivati
di bilancio, al netto, ove applicabile, del fair value delle attivit Gli strumenti derivati sono valutati al loro fair value con
asservite al piano. Gli obblighi per i piani a benefici definiti contropartita nel conto economico, a eccezione dei derivati
sono determinati annualmente da un attuario indipendente di copertura di flussi finanziari (cash flow hedge) che sono
utilizzando il metodo della Proiezione Unitaria del Credito rilevati in contropartita delle altre componenti del reddito
per determinare il valore attuale delle relative obbligazioni complessivo.
(projected unit credit actuarial method). Il valore attuale del
piano a benefici definiti determinato scontando i flussi di Derivati qualificati come strumenti di copertura
cassa futuri a un tasso di interesse pari a quello di obbligazioni In tutti i casi in cui i derivati sono designati come strumenti
high-quality corporate emesse nella valuta in cui la passivit di copertura, il Gruppo documenta in modo formale, a par-
sar liquidata e che tenga conto della durata del relativo piano tire dallinizio della copertura stessa, la relazione di coper-
pensionistico. La rilevazione delle variazioni degli utili/perdite tura tra lo strumento di copertura e lelemento coperto, gli
attuariali rimisurazioni iscritta fra le altre componenti del obiettivi della gestione del rischio e la strategia perseguita
conto economico complessivo consolidato. nelleffettuare la copertura.
Il costo relativo alle prestazioni di lavoro nonch gli Il Gruppo documenta altres la valutazione dellefficacia
interessi passivi relativi alla componente del time value nei dello strumento di copertura nel compensare le variazioni
calcoli attuariali (questi ultimi classificati tra gli oneri finan- attribuibili al rischio coperto sulla base delle variazioni di
ziari) sono iscritti a conto economico. valore dello strumento di copertura rispetto alle variazioni di
valore dellelemento coperto. Tale valutazione effettuata
(b) Benefici per cessazione del rapporto di lavoro allinizio della copertura e in misura continuativa per tutta la
I benefici per cessazione del rapporto di lavoro sono corri- sua durata.
sposti quando il dipendente termina il suo rapporto di lavoro
prima della normale data di pensionamento, o quando un Classificazione degli strumenti derivati
dipendente accetta la risoluzione consensuale del contratto. Gli strumenti derivati sono cos classificati:
Il Gruppo contabilizza i benefici per cessazione del rapporto (i) Strumenti derivati designati di copertura di flussi
di lavoro quando dimostrabile che la chiusura del rapporto finanziari (cash flow hedge): se uno strumento finan-
di lavoro in linea con un formale piano che definisce la ces- ziario designato con finalit di copertura dellespo-
sazione del rapporto stesso, o quando lerogazione del bene- sizione alla variabilit dei flussi di cassa associati
ficio il risultato di un processo di incentivazione alluscita. a unattivit o una passivit iscritta in bilancio o a

46
unoperazione prevista o altamente probabile, gli utili di bilancio. Il fair value di strumenti che non sono quotati
o le perdite derivanti dalla valutazione dello strumen- in un mercato attivo determinato utilizzando tecniche di
to finanziario sono rilevati nelle altre componenti del valutazione basate su una serie di metodi, assunzioni e infor-
reddito complessivo per la parte considerata efficace, mazioni desumibili dai mercati alla data di bilancio.
mentre leventuale quota non efficace contabilizzata
nel conto economico. A seconda delloggetto di coper-
tura, meramente finanziario o relativo a commodities, Attivit e passivit non correnti destinate a essere
la quota non efficace viene classificata rispettivamen- vendute (held for sale) e attivit e passivit operative
te alla voce Proventi/Oneri su operazioni finanziarie cessate
oppure nei Costi/Ricavi operativi.
Gli importi che sono stati rilevati nelle altre componenti Unattivit, o un gruppo di attivit e passivit non correnti,
del risultato complessivo sono riclassificati nel conto classificata come destinata alla vendita quando il suo
economico nellesercizio in cui lelemento coperto pro- valore di bilancio verr realizzato principalmente tramite la
duce un effetto sul conto economico. vendita anzich il suo utilizzo. Le attivit (o gruppi di attivi-
Quando uno strumento di copertura giunge a matu- t) destinate a essere vendute sono valutate al minore fra il
razione o ceduto, oppure non soddisfa pi le condi- valore contabile al momento della decisione della vendita e
zioni per essere designato come di copertura, i relativi il loro fair value, al netto degli oneri di vendita stimati.
aggiustamenti di fair value cumulati fino a quella data Unattivit operativa che rappresenta un importante
rimangono sospesi fino a che lelemento coperto non ramo autonomo di attivit o area geografica di attivit viene
manifesta i suoi effetti nel conto economico, e solo in classificata separatamente nel conto economico e nello sta-
quel momento avverr la contabilizzazione nel conto to patrimoniale al momento in cui soddisfa le condizioni per
economico in modo coerente al suddetto elemento co- la classificazione come attivit posseduta per la vendita o
perto. Se si prevede che lelemento coperto non gene- attivit cessata.
rer alcun effetto a conto economico, gli aggiustamenti
di fair value sono immediatamente riversati nel conto
economico. Patrimonio netto
Nel caso di copertura di rischi di flussi finanziari relativi a
passivit finanziarie, si rimanda al relativo paragrafo per I costi direttamente attribuibili a operazioni sul capitale sono
maggiori dettagli circa la valutazione del sottostante. contabilizzati a riduzione del patrimonio netto.
(ii) Strumenti derivati designati di copertura del rischio
di fair value: sono classificati come attivit o passivit
correnti o non correnti a seconda della loro scadenza Riconoscimento dei ricavi
contrattuale.
Le variazioni di fair value di questi strumenti sono im- I ricavi sono riconosciuti al fair value del corrispettivo rice-
putate nel conto economico. A seconda delloggetto di vuto per la vendita di prodotti o servizi al netto di sconti ed
copertura, meramente finanziario o relativo a commo- eventuali resi.
dities, la variazione di fair value viene classificata rispet-
tivamente alla voce Oneri e proventi finanziari oppure Vendite di prodotti
nei Costi/Ricavi operativi. I ricavi per vendite di prodotti sono rilevati quando sono
Nel caso di copertura del rischio di fair value relativa a soddisfatte tutte le seguenti condizioni che normalmente
passivit finanziarie, si rimanda al relativo paragrafo per coincidono con la consegna al cliente:
maggiori dettagli circa la valutazione del sottostante. i rischi significativi e i benefici connessi alla propriet
(iii) Strumenti derivati con fair value a conto economico dei beni sono stati trasferiti allacquirente;
non designati come di copertura: sono classificati leffettivo controllo sulla merce trasferito;
come attivit o passivit correnti o non correnti a se- il valore dei ricavi determinato in maniera attendibile;
conda della loro scadenza contrattuale. Le variazioni probabile che i benefici economici derivanti dalla ven-
di fair value di questi strumenti sono imputate nel dita saranno fruiti dallimpresa;
conto economico. A seconda delloggetto di copertura, i costi sostenuti o da sostenere sono determinati in
meramente finanziario o relativo a commodities, la va- modo attendibile.
riazione di fair value viene classificata rispettivamente
alla voce Oneri e proventi finanziari oppure nei Co- Dividendi
sti/Ricavi operativi. I ricavi per dividendi sono riconosciuti nel momento in cui
sorge il diritto legale allincasso del dividendo.
Determinazione del fair value di uno strumento derivato
Il fair value degli interest rate swap calcolato in base al va-
lore attuale dei flussi di cassa previsti futuri. Il fair value dei Contributi
contratti a termine su valute determinato usando il tasso
di cambio a termine alla data di bilancio. I contributi ottenuti dal Gruppo in conto esercizio sono ri-
Il fair value di altri strumenti derivati quotati in un mer- conosciuti a conto economico nel momento in cui sorge il
cato attivo si basa sui prezzi di mercato prevalenti alla data diritto allincasso.

47
Oneri e proventi finanziari 5. Variazioni nellarea di consolidamento
Gli oneri e proventi finanziari sono riconosciuti per compe- Larea di consolidamento variata a seguito della costitu-
tenza e includono gli interessi passivi maturati su qualunque zione di una nuova societ commerciale situata in Giappone
forma di finanziamento, i proventi finanziari sulle disponibi- e per la cessione della partecipazione in Zao Kondi, societ
lit liquide e titoli assimilabili, i dividendi, gli utili e le perdite operativa in Russia. In particolare, la vendita della partecipa-
su cambi nonch gli effetti economici derivanti dalla valu- zione in Zao Kondi, con un incasso al netto dei relativi costi
tazione delle operazioni di copertura dei rischi di tasso e di per di 2.700 euro, ha generato una plusvalenza di 2.204
cambio imputate a conto economico. euro, iscritta negli altri proventi non inerenti la gestione ri-
corrente.
Le variazioni del perimetro non hanno effetti significati-
Imposte vi sulla comparabilit dei dati di bilancio rispetto allesercizio
precedente.
Le imposte sul reddito includono le imposte correnti e le
imposte differite.
Le imposte correnti sono rilevate in funzione della stima 6. Note sui prospetti consolidati
dellimporto che il Gruppo si attende debba essere pagato
applicando ai redditi imponibili laliquota fiscale vigente o Situazione patrimoniale e finanziaria
sostanzialmente in vigore in ciascun paese di riferimento ne-
gli esercizi di atteso realizzo delle differenze temporanee. 6.1 Cassa, depositi bancari e postali
Le imposte differite attive e passive sono stanziate se- La voce, pari a 306.541 euro (183.728 euro), include i depo-
condo il metodo dellallocazione globale (liability method), siti bancari e postali nonch gli assegni e altri valori presenti
ovvero sono calcolate su tutte le differenze temporanee che in cassa.
emergono tra il valore determinato ai fini fiscali delle attivi- Per lanalisi della variazione di liquidit registrata nel
t e delle passivit e il relativo valore di bilancio a eccezione periodo si rinvia a quanto rappresentato nel prospetto dei
dellavviamento. Le imposte differite attive e passive sono flussi finanziari.
calcolate con le aliquote fiscali che ci si attende, alla data di
bilancio, saranno applicabili nellesercizio in cui sar realiz- 6.2 Crediti verso clienti
zata lattivit o estinta la passivit. Le eventuali imposte sul
reddito derivanti dalla distribuzione di dividendi sono iscritte
31/12/2015 31/12/2014
nel momento della loro distribuzione.
Ai fini delliscrivibilit delle imposte differite attive viene Crediti 490.833 434.874
effettuata una stima della probabilit che in futuro sia di- Fondo svalutazione crediti (44.411) (45.733)
sponibile un reddito imponibile sufficiente al loro recupero. Totale 446.422 389.141
Le attivit e le passivit fiscali, sia correnti sia differite, sono
compensate ove dovute alla stessa autorit fiscale, se il La voce contiene i crediti verso clienti per transazioni com-
periodo di riversamento il medesimo e se esiste il diritto merciali e prestazioni di servizi, al netto delle perdite di valo-
legale di compensazione. re cumulate.
Gli accantonamenti e i rilasci del fondo svalutazione
crediti sono stati inclusi nel conto economico negli Altri
Distribuzione di dividendi oneri e proventi, rispettivamente nelle righe di dettaglio
Svalutazione e perdite su crediti e Accantonamenti al net-
La distribuzione di dividendi agli azionisti riconosciuta nel to di rilasci di fondi rischi.
momento in cui sorge lobbligo legale al pagamento del di- Il fair value dei crediti commerciali approssima il valore
videndo. di carico alla data di chiusura di bilancio. La massima esposi-
zione al rischio di credito rappresentata da tale valore.

Transazioni con i soci di minoranza Il dettaglio dei crediti per scadenza al netto del relativo fon-
do svalutazione il seguente:
Le acquisizioni e le cessioni di quote di minoranza di entit
per le quali esiste gi il controllo sono assimilate a operazio- 2015 2014
ni con gli azionisti del Gruppo. Leventuale differenza tra il Crediti non scaduti 398.233 359.779
valore di bilancio e il prezzo pagato o incassato iscritta in Scaduti fino a 3 mesi 38.614 26.384
contropartita del patrimonio netto.
da 3 a 6 mesi 7.557 2.491
da 6 a 12 mesi e oltre 2.018 487
Totale 446.422 389.141

48
Al 31 dicembre 2015 tutti i crediti in essere scaduti sono og- La voce Ratei e risconti attivi essenzialmente relati-
getto di analisi per lindividuazione di eventuali rischi di non va ai risconti per affitti e assicurazioni.
solvibilit dei clienti. Il fair value dei crediti approssima il valore di bilancio.
La movimentazione del fondo svalutazione crediti stata la 6.6 Rimanenze
seguente: La composizione della voce Rimanenze la seguente:

2015 2014
31/12/2015 31/12/2014
Saldo allinizio dellesercizio 45.733 45.234
Materie prime e semilavorati 118.981 141.177
Accantonamenti 2.407 4.804
Prodotti finiti 153.181 144.629
Utilizzi e rilasci (2.101) (4.272)
Acconti 27 601
Delta cambio (1.628) (33)
Totale 272.189 286.407
Saldo alla fine dellesercizio 44.411 45.733
La movimentazione del Fondo svalutazione magazzino
stata la seguente:
6.3 Crediti tributari
I Crediti tributari sono rappresentati dai crediti vantati 2015 2014
verso le amministrazioni finanziarie dei paesi in cui opera il
Gruppo. Saldo allinizio dellesercizio 9.721 10.890
Il fair value dei crediti tributari approssima il valore di Accantonamenti 4.067 1.871
bilancio. Utilizzi (8.165) (3.083)
Differenze cambio (195) 43
6.4 Altri crediti verso controllante
Il saldo di 8.901 euro (8.889 euro) relativo ai crediti verso Saldo alla fine dellesercizio 5.428 9.721
la controllante CO.FI.BA. S.r.l. conseguente alladesione da
parte del Gruppo al consolidato fiscale di cui la stessa
CO.FI.BA. S.r.l. capofila.
Si segnala che il saldo comprende la quota corrente
per 1.281 euro (1.269 euro) e la quota non corrente per
7.620euro (7.620 euro).

6.5 Altre attivit


La composizione la seguente:

31/12/2015 31/12/2014
Crediti IVA 51.873 69.990
Crediti verso societ
di factoring 27.372 18.628
Crediti verso fornitori
per anticipi 7.933 11.852
Crediti verso il personale 3.745 3.708
Crediti verso istituti di previdenza
e sicurezza sociale 3.090 4.710
Depositi cauzionali 283 538
Altri crediti 7.255 4.596
Contributi governativi 257 340
Ratei e risconti attivi 7.100 8.610
Totale 108.908 122.972

Nel corso dellanno sono stati incassati crediti IVA per 63,5
milioni di euro in Italia.
La voce Crediti verso societ di factoring si riferisce a
crediti vantati nei confronti di societ di factoring per crediti
ceduti non ancora liquidati.

49
6.7 Immobili, impianti e macchinari
La movimentazione intervenuta nella voce Immobili, im-
pianti e macchinari stata la seguente:

Terreni Fabbricati Impianti e Attrezzature Altri beni Immobilizza- Totale


Macchinari ind.li zioni in corso
e comm.li
Movimentazione 2014
Saldo al 1/1/2014 29.143 309.398 497.628 22.402 7.411 48.367 914.349
Acquisti - - - - - 111.216 111.216
Capitalizzazioni 112 12.926 91.948 4.530 2.944 (112.460) -
Contributi incassati - (4) (236) - - - (240)
Alienazioni - costo (22) (2.163) (30.929) (2.392) (428) - (35.934)
Alienazioni - utilizzo fondi
amm.to e perdite di valore
cumulate - 1.133 28.481 2.141 418 - 32.173
Ammortamenti
e perdite di valore - (17.502) (88.228) (6.309) (4.008) - (116.047)
Differenze cambio 765 (903) 6.200 (555) 402 465 6.374
Saldo al 31/12/2014 29.998 302.885 504.864 19.817 6.739 47.588 911.891
Di cui:
Costo storico 29.998 608.467 2.194.922 96.452 64.809 47.588 3.042.236
Ammortamenti
e perdite di valore cumulate (305.582) (1.690.058) (76.635) (58.070) - (2.130.345)
Movimentazione 2015
Acquisti - - - - - 139.620 139.620
Capitalizzazioni 214 33.136 111.040 9.600 4.916 (158.906) -
Contributi incassati - (5.114) (38) - - - (5.152)
Alienazioni - costo - (5.011) (20.041) (1.114) (6.149) - (32.315)
Alienazioni - utilizzo
fondi amm.to - 3.161 19.402 957 6.131 - 29.651
Variazione area
di consolidamento (165) (1.870) - - - - (2.035)
Ammortamenti
e perdite di valore - (17.801) (89.114) (7.940) (3.400) - (118.255)
Differenze cambio 773 3.400 7.205 748 103 697 12.926
Saldo al 31/12/2015 30.820 312.786 533.318 22.068 8.340 28.999 936.331
Di cui:
Costo storico 30.820 633.103 2.304.087 108.622 64.150 28.999 3.169.781
Ammortamenti
e perdite di valore cumulate (320.317) (1.770.769) (86.554) (55.810) - (2.233.450)

La variazione dellarea di consolidamento relativa alla ven-


dita della partecipazione Zao Kondi in Russia.
Le perdite di valore comulate al 31 dicembre 2015 am-
montano a 22.032 euro (17.746 euro).

Beni in leasing finanziario


Il valore netto contabile dei beni in leasing finanziario am-
monta a 24.764 euro (29.151 euro) ed relativo a:

Terreni Fabbricati Impianti e Altri Totale


macchinari beni
Saldo al 31/12/2015 191 4.023 20.379 171 24.764
Saldo al 31/12/2014 191 4.140 24.624 196 29.151

50
Si riportano di seguito i principali contratti di leasing in esse- 6.8 Avviamento
re al 31 dicembre 2015: La movimentazione della voce Avviamento la seguente:
Barilla G. e R. Fratelli ha in essere due contratti di lea-
sing finanziario relativi a impianti di cogenerazione in Avviamento
Italia, con scadenza 2020 e 2022 con lopzione di riscat- Movimentazione 2014
to alla scadenza, per 18.308 euro. Saldo al 1/1/2014 483.755
Barilla Deutschland ha in essere un contratto di leasing
Differenze cambio dellesercizio (9.057)
finanziario su un impianto molitorio con scadenza entro
agosto dellanno 2029. Il valore netto contabile al 31 Totale saldo 31/12/2014 474.698
dicembre 2015 pari a 2.142 euro. Movimentazione 2015
Differenze cambio dellesercizio 3.208
Di seguito si riporta il valore dei pagamenti minimi futuri dei
Totale saldo al 31/12/2015 477.906
canoni leasing per scadenza:
- di cui valore lordo 506.260
31/12/2015 31/12/2014 - di cui svalutazioni (28.354)
Entro 1 anno 5.052 5.229
Da 1 a 5 anni 19.217 20.208
La svalutazione relativa alla parte di avviamento allocata
al segmento Bakery - Russia, svalutato negli esercizi prece-
Oltre 5 anni 3.502 7.964 denti.
Totale valore pagamenti minimi
futuri 27.771 33.401 Al 31 dicembre 2015, la ripartizione dellavviamento per seg-
menti ai fini dellimpairment test riportata nella seguente
La riconciliazione fra i pagamenti minimi futuri e il valore
tabella:
attuale di tali pagamenti la seguente:

31/12/2015 31/12/2014 Segmenti operativi - Unit di business Importo


Valore pagamenti minimi futuri 27.771 33.401 Regione Europa - categoria Bakery 475.836
Quota interessi (4.082) (5.892) Altri minori 2.070
Valore attuale canoni leasing 23.689 27.509 Totale 477.906

Beni in leasing operativi Limpairment test dellavviamento annuale e consiste nella


Di seguito si riportano i pagamenti minimi futuri di leasing stima del valore recuperabile dei gruppi di cash generating
operativi per i maggiori contratti in essere per scadenza: unit a cui lavviamento allocato e nel confronto con il va-
lore netto contabile dei relativi beni, incluso lavviamento. Il
2015 2014 valore recuperabile dei gruppi di cash generating unit stato
Entro 1 anno 13.947 10.900 determinato in base al valore duso, ossia al valore attuale
dei flussi finanziari futuri che si prevede saranno associati ai
Da 1 a 5 anni 22.601 14.409
gruppi di cash generating unit.
Oltre 5 anni 27.509 4.709 I flussi finanziari utilizzati per determinare il valore duso
Totale pagamenti minimi futuri 64.057 30.018 coprono un arco temporale di cinque anni pi un valore
terminale. I piani vengono sviluppati con dettaglio variabile
Lincremento rispetto al precedente esercizio da imputare a seconda delle esigenze e delle significativit delle variabili
prevalentemente a nuovi contratti di affitto di immobili. scelte partendo da una serie di indicatori macroeconomici
Lammontare netto dei canoni di locazione per leasing chiave (es. tassi di cambio, tassi di inflazione, dinamica atte-
operativi riconosciuti a conto economico pari a 21.547 sa nei vari mercati) e da target economico-finanziari.
euro (19.884 euro). Lelaborazione qualitativa e quantitativa del piano uti-
lizzato per limpairment di riferimento derivante da piani
approvati dal management del Gruppo. Il flusso derivante da
gruppi di cash generating unit al termine del periodo di rife-
rimento corrisponde alla rendita perpetua basata sullultimo
anno di piano opportunamente normalizzato.

51
Le assunzioni chiave utilizzate per limpairment test sono le
seguenti:

Segmenti operativi - Tasso Tasso


Unit di business di sconto di crescita
2015 2014 2015 2014
Regione Europa - categoria Bakery 5,7% 6,3% 1,3% 1,3%

Lesercizio di verifica di tenuta del valore svolto con riferimen-


to al 31 dicembre 2015 non ha comportato la necessit di
ulteriori svalutazioni.
Lanalisi di sensitivit compiuta sulle assunzioni chiave ha
segnalato che una variazione delle stesse tale da causare una
perdita di valore delle CGU alle quali allocato un avviamen-
to altamente improbabile, a fronte del significativo excess
value delle stesse rispetto al relativo carrying amount.
Gli avviamenti denominati in valuta estera, principal-
mente in corone svedesi e norvegesi, hanno subito una varia-
zione di valore per effetto del cambio.
Al 31 dicembre 2015 leffetto di conversione mostra un
saldo netto accumulato negativo pari a 3.082 euro.

6.9 Immobilizzazioni immateriali


La composizione della voce la seguente:

Licenze e Marchi Altro Immobilizza- Totale


Software zioni in corso
Movimentazione 2014
Saldo al 1/1/2014 13.422 50.913 112 1.481 65.928
Acquisti e capitalizzazioni dellesercizio 4.522 1.217 - 872 6.611
Differenze cambio dellesercizio 5 9 (26) 2 (10)
Ammortamenti (6.608) (11.430) (9) - (18.047)
Totale saldo al 31/12/2014 11.341 40.709 77 2.355 54.482
Di cui:
Costo storico 95.122 265.731 256 2.355 363.464
Ammortamenti e perdite di valore cumulate (83.781) (225.022) (179) - (308.982)
Movimentazione 2015
Acquisti e capitalizzazioni dellesercizio 5.861 1.519 - 2.171 9.551
Differenze cambio dellesercizio 14 (45) (6) 9 (28)
Ammortamenti (5.173) (11.411) (6) - (16.590)
Totale saldo al 31/12/2015 12.043 30.772 65 4.535 47.415
Di cui:
Costo storico 100.950 268.035 245 4.535 373.765
Ammortamenti e perdite di valore cumulate (88.907) (237.263) (180) - (326.350)

La voce Marchi riguarda principalmente Harrys. Il valore dei


marchi di Barilla G. e R. Fratelli Societ per Azioni (Barilla, Mu-
lino Bianco) non riflesso in bilancio in quanto essi sono stati
sviluppati internamente.
Lincremento delle voci Licenze e software e Immo-
bilizzazioni in corso si riferisce per 7.554 euro (4.503 euro) a
software, fra cui sistemi ERP (Enterprise Resources Planning),
sistema di contabilit, finanziario, di gestione e controllo.
Le Immobilizzazioni in corso si riferiscono principalmen-
te a costi per sistemi software non ancora entrati in funzione.

52
6.10 Crediti verso clienti e altri crediti esclusivamente a fronte di differenze temporanee tra il
La voce include: valore di bilancio e il valore fiscalmente riconosciuto a
componenti attive e passive dello stato patrimoniale.
31/12/2015 31/12/2014 Le imposte differite attive a fronte di perdite fiscali ri-
portate a nuovo sono iscritte solo se probabile il loro
Depositi cauzionali 287 295
realizzo grazie a un reddito imponibile atteso non infe-
Atri crediti non correnti 1.592 1.587 riore allammontare delle differenze che si andranno a
Totale 1.879 1.882 riversare.

Il valore di bilancio dei crediti verso clienti e altri crediti ap- La composizione e i movimenti delle imposte differite atti-
prossima il fair value. ve e passive, rappresentati al netto per singola societ ove
effettivamente compensabili, sono indicati nelle tabelle se-
6.11 Imposte differite attive e passive guenti suddivise per le voci di stato patrimoniale e periodo
Le imposte differite attive e passive sono riconosciute a cui si riferiscono:

2015 Saldo di apertura Accrediti/addebiti Effetti sul Effetto cambio Saldo finale
Conto economico Patrimonio Netto
Imposte differite
Immobili, impianti e macchinari (46.982) 4.800 - (1.576) (43.758)
Leasing 2.740 (1.654) - 2 1.088
Immobilizzazioni immateriali (723) (444) - 45 (1.122)
Debiti finanziari e derivati (1.431) 953 1.187 (8) 701
Magazzino (5.648) 4.275 - 16 (1.357)
Ricambi 7.116 (857) - 280 6.539
Fondi rischi e oneri 10.980 (1.809) - (41) 9.130
Fondi pensione 13.470 1.898 (2.521) (78) 12.769
Perdite fiscali riportabili a nuovo 8.075 (5.926) - (694) 1.455
Altro 24.929 4.558 - 1.012 30.499
Totale 12.527 5.794 (1.334) (1.042) 15.945
Imposte differite attive 60.929 59.165
Imposte differite passive (48.402) (43.220)
Totale 12.527 15.945

2014 Saldo di apertura Accrediti/addebiti Effetti sul Effetto cambio Saldo finale
conto economico Patrimonio Netto
Imposte differite attive
Immobili, impianti e macchinari (52.555) 7.339 - (1.766) (46.982)
Leasing 4.047 (1.302) - (5) 2.740
Immobilizzazioni immateriali (594) (119) - (10) (723)
Debiti finanziari e derivati (619) (1.092) 252 28 (1.431)
Magazzino (5.038) (629) - 20 (5.648)
Ricambi 8.048 (1.105) - 173 7.116
Fondi rischi e oneri 1.821 9.148 - 11 10.980
Fondi pensione 6.831 (8) 6.702 (55) 13.470
Perdite fiscali riportabili a nuovo 5.093 2.880 - 103 8.075
Altro 14.915 8.699 - 1.315 24.929
Totale (18.050) 23.811 6.954 (187) 12.527
Imposte differite attive 43.534 60.929
Imposte differite passive (61.584) (48.402)
Totale (18.050) 12.527

53
Non sono state iscritte imposte differite sulle riserve di utili le di 92 milioni di dollari, corrispondenti a un valore nomi-
non distribuiti delle controllate, dal momento che il Gruppo nale in euro di 78.700.
in grado di controllare le tempistiche di distribuzione di I debiti finanziari a breve termine sono iscritti al costo am-
dette riserve ed probabile che esse non verranno distribui- mortizzato che si ritiene rappresentativo del relativo fair value.
te nel prevedibile futuro.
6.15 Passivit per benefici futuri ai dipendenti
6.12 Attivit finanziarie disponibili alla vendita La voce Passivit per benefici ai dipendenti include gli
La voce include principalmente la partecipazione in stanziamenti per piani a prestazione definita relativi al rap-
BRWS.p.A., per 1.109 euro, e altre attivit finanziarie non porto di lavoro quali il trattamento di fine rapporto, i piani
correnti per un totale di 1.551 euro (1.551 euro). equivalenti e i fondi pensionistici.
Il Gruppo non ha valutato con il metodo del patrimonio Il totale delle passivit per benefici futuri ai dipen-
netto in quanto non in grado di esercitare uninfluenza denti pari a 143.954 euro (156.233 euro), di cui entro
notevole sulla partecipazione in BRW S.p.A. nonostante una lesercizio successivo per 8.245 euro (11.042 euro) e oltre
percentuale di partecipazione compresa tra il 20 e il 50%. lesercizio successivo per 135.709 euro (145.191 euro),
Il mercato di riferimento di BRW S.p.A. quello pubbli- iscritto al netto di attivit a servizio del piano per 5.196
citario e di comunicazione. euro (4.750 euro).
In Italia, il trattamento di fine rapporto (TFR) la re-
6.13 Debiti verso fornitori tribuzione differita dovuta da parte dei datori di lavoro ai
I debiti commerciali, pari a 673.858 euro (668.746 euro), dipendenti al momento della cessazione del rapporto di la-
sono debiti relativi agli acquisti di beni e servizi. I debiti sono voro, come previsto dallarticolo 2120 del Codice Civile.
iscritti al loro valore nominale che approssima il loro fair va- La quota di TFR maturata in azienda al 31 dicembre
lue. Tutti i debiti sono scadenti entro lesercizio successivo. 2006, a seguito della Riforma sulla Previdenza Complemen-
Il saldo include 1.191 euro (488 euro) verso la societ tare, rimane un piano previdenziale a prestazione definita.
BRW S.p.A. I principali rischi specifici relativi a questo piano si riferi-
Il saldo dei debiti verso fornitori include i debiti verso scono al vantaggio maturato che dovuto ai membri come
copackers, regolati da contratti di acquisto a medio-lungo una somma forfettaria al momento della pensione o quando
termine, stipulati a condizioni di mercato ma che prevedono lasciano la societ. Secondo la legge italiana, possibile
minimi garantiti, iscritti negli impegni contrattuali per acqui- ricevere un anticipo dal beneficio totale accumulato, con il
sti di prodotti finiti. rischio che i membri lascino il piano prima o che i pagamenti
richiesti in anticipo siano in misura maggiore del previsto,
6.14 Debiti verso banche e altri finanziatori generando una perdita attuariale a causa di unaccelerazione
La voce Debiti verso banche e altri finanziatori, inclusa tra dei flussi di cassa. Altri rischi ai quali sono esposti i piani in
le passivit correnti, contiene debiti per i quali il rimborso Italia sono limitati allinflazione, a cui i benefici maturati
previsto entro i dodici mesi. sono collegati, e al tasso di sconto.
Allestero, gli altri piani pensionistici equivalenti e i fondi
Nel seguito si riporta il dettaglio della voce: pensione si riferiscono a societ operanti in Francia, Grecia,
Germania, Svezia, Turchia, Norvegia, Messico e Svizzera.
31/12/2015 31/12/2014 Le principali caratteristiche di alcuni tra i piani pi im-
portanti sono:
Debiti a breve verso banche
e societ di leasing 13.425 58.382 in Francia sono presenti il piano dindennit di pensio-
namento (Retirement Indemnity Plan) e i piani Seniority
Quota corrente dei finanziamenti
bancari a durata ultrannuale 6.219 6.250 Awards Plans. Il primo piano conferisce il diritto di ri-
cevere una somma di denaro allatto della cessazione
Prestiti obbligazionari - 75.761
del rapporto di lavoro per pensionamento, in relazione
Totale debiti verso banche allanzianit aziendale maturata, allammontare dello
e altri finanziatori 19.644 140.393
stipendio e al fatto che la cessazione dallattivit lavora-
tiva sia volontaria o meno. I rischi specifici di questo pia-
I debiti verso banche e societ di leasing includono i conti no sono collegati al fatto che sono obbligatori per legge
correnti bancari passivi per 5.111 euro (43.863 euro), debiti e definiti in base alla contrattazione collettiva nazionale.
verso societ di leasing con scadenza entro dodici mesi per I principali rischi sono quindi legati a un cambiamento
3.870 euro (3.820 euro), finanziamenti allesportazione per della legislazione e del tasso di ritiro.
944 euro (3.757 euro), finanziamenti con scadenza entro I piani Seniority Awards Plans prevedono invece benefici
lanno per 3.500 euro (6.942 euro). salariali allo scadere di determinati anniversari di vita
I finanziamenti bancari non sono garantiti da immobi- lavorativa. I premi pagati in questa occasione sono esenti
lizzazioni materiali. dalle tasse sui salari fino al valore di un mese di stipendio.
La quota con scadenza entro dodici mesi del finanzia- I principali rischi sono connessi a cambiamenti nella spe-
mento con la Banca europea per gli Investimenti pari a cifica esenzione fiscale che caratterizza questi piani, che
euro 6.219 euro (6.250 euro). comporterebbero eventuali nuovi costi. Altri rischi sono
Il 9 dicembre 2015 stata rimborsata la tranche del correlati alla variazione del tasso di sconto.
prestito obbligazionario in scadenza con un valore nomina- In Grecia il piano dindennit di pensionamento (Reti-

54
rement Indemnity Plan) prevede il pagamento di unin- La voce Costi per servizi composta dallaccantonamento
dennit da parte dellazienda al lavoratore in caso di dellesercizio.
raggiungimento dellordinaria et pensionabile oppure Nel corso dellesercizio 2015 si sono registrati comples-
di uscita non volontaria dallazienda. Tale indennit sivamente significativi utili attuariali, dovuti a un generaliz-
dipende da diversi fattori, quali lanzianit aziendale ma- zato incremento dei tassi di sconto e alla riduzione dellinfla-
turata, lo stipendio (compresi i bonus) dellultimo mese zione nellarea euro.
di lavoro e la ragione della cessazione del rapporto.
inoltre prevista una scala di multipli, che ha lo scopo Le ipotesi utilizzate per la determinazione delle obbligazioni
di graduare il numero di mensilit da corrispondere in a benefici definiti sono:
funzione dellanzianit aziendale, considerando inoltre la
ragione della cessazione del rapporto. I principali rischi 2015 Tasso di sconto Tasso di Tasso di Tasso di
rendimento incremento inflazione
sono correlati alla variazione del tasso di sconto. atteso delle retributivo
In Germania il piano pensione prevede la correspon- attivit del atteso
sione di una prestazione pensionistica e non di unin- piano
dennit una tantum. Esso si sviluppa applicando una Italia 1,80% na 2,97% 1,75%
percentuale prefissata al salario annuale e prevede la Germania 0,10% - 1,75%- 2,14 % 2,25% 1,75%
corresponsione della prestazione in caso di pensiona- 2,15%
mento per anzianit e in caso di invalidit, oltre alla Francia 1,60% - 2,15% na 2,25% 1,75%
reversibilit a favore del coniuge. Il rischio specifico di Grecia 2,20% na 1,25% 1,25%
questo piano, legato ai contratti nazionali, relativo
Messico 7,25% 7,25% 4,50% 3,50%
allaumento delle pensioni stabilito dalla legge locale
che potrebbe comportare un incremento retroattivo Norvegia 2,70% 2,70% 2,75% 1,50%
(fino a 3 anni) a fronte degli aumenti futuri. Svezia 3,00% na 3,00% 2,00%
In Svezia il piano IPT2 Plan un regime pensionistico per Turchia 10,85% na 6,50% 5,00%
gli impiegati basato sul contratto collettivo. I rischi le- Svizzera 0,90% 0,90% 2,00% 1,00%
gati a questo piano sono perci da collegarsi a eventuali
modifiche del contratto di lavoro.
2014 Tasso di sconto Tasso di Tasso di Tasso di
rendimento incremento inflazione
Le passivit per benefici ai dipendenti sono determinate con atteso delle retributivo
metodologia di valutazione attuariale, attraverso il supporto attivit del atteso
di una societ attuariale terza, e adeguate in relazione al ve- piano
rificarsi di eventi che ne richiedano laggiornamento. Italia 1,60% na 3,22% 2,00%
La data dellultima valutazione attuariale il 31 dicem- Germania 0,20% - 1,45%- 1,89% 2,50% 2,00%
bre 2015 e il metodo di valutazione attuariale utilizzato per 1,90%
la maggior parte dei piani il Metodo della Proiezione Uni- Francia 1,40% - 1,90% 1,88% 2,50% 2,00%
taria del Credito, in base al quale viene determinato il valore Grecia 2,05% na 1,25% 1,25%
attuale dellobbligazione per lazienda relativa ai benefici da
Messico 6,75% 6,75% 4,50% 3,50%
corrispondere ai dipendenti successivamente alla cessazione
del rapporto di lavoro. Norvegia 2,30% 2,30% 2,75% 1,50%
Svezia 2,50% na 3,00% 2,00%
31/12/2015 31/12/2014 Turchia 8,60% na 7,90% 6,40%
Saldo iniziale 156.233 132.910 Svizzera 1,05% 1,05% 2,00% 1,00%

Costi per servizi 3.521 3.112


Il costo per Benefici futuri ai dipendenti addebitato a con-
Settlement ed emendamenti to economico rilevato nelle seguenti voci:
ai piani - (1.276)
Oneri finanziari 2.908 4.222
31/12/2015 31/12/2014
(Utili)/Perdite attuariali a riserva (9.531) 24.147
Costo del venduto 1.428 864
Differenze cambio dellesercizio 141 (925)
Costi logistici 233 138
Benefici erogati (9.318) (5.957)
Spese di vendita 577 69
Saldo finale 143.954 156.233
Spese di marketing 67 69
Di cui:
Spese generali e amministrative,
- Entro lesercizio 8.245 11.042 costi tecnici e di sviluppo 1.216 1.972
- Oltre lesercizio 135.709 145.191 Totale 3.521 3.112

55
La composizione delle attivit a servizio dei piani la se- 6.17 Altre passivit
guente: La composizione della voce la seguente:

2015 2014 31/12/2015 31/12/2014


Azioni e obbligazioni quotate 2.580 2.587 Debiti verso controllanti 680 8.956
Disponibilit liquide 101 74 Debiti verso il personale 97.598 94.148
Totale attivit quotate 2.681 2.661 Debiti verso istituti di previdenza
e sicurezza sociale 25.917 28.520
Contratti con primarie
assicurazioni 2.255 1.546 Ritenute a dipendenti,
professionisti e lavoratori autonomi 12.064 12.090
Altro - non quotato 260 543
Debiti IVA 2.397 1.298
Totale attivit 5.196 4.750
Altre imposte 5.905 4.674
La durata media ponderata dellobbligazione per benefici Debiti verso clienti 5.380 4.816
futuri ai dipendenti pari a 12,2 anni suddivisa come segue Altri debiti diversi 9.129 9.183
sui diversi piani:
Ratei e risconti passivi 3.371 3.389
Totale 162.441 167.074
Anni Media Italia Germania Francia Svezia
Durata media I Debiti verso controllanti si riferiscono ai saldi relativi al
ponderata 12,2 9,5 15,4 14,8 16,9
consolidato fiscale di CO.FI.BA. S.r.l.
Durata media Fra i Ratei e risconti passivi si evidenziano principal-
vita lavorativa
futura 11,9 12,1 8,3 16,9 12,9 mente ratei per interessi passivi maturati.
Il fair value degli altri debiti approssima il valore di bi-
Al verificarsi di variazioni ragionevolmente possibili nelle lancio.
ipotesi attuariali alla data di chiusura dellesercizio, si avreb-
be un effetto sullobbligazione a benefici definiti come de-
scritto nella seguente tabella:

Incremento/(decremento) obbligazione a benefici definiti


Incremento Decremento
Effetto ipotesi attuariale ipotesi attuariale
Tasso di sconto
(variazione dello 0,5%) (6,11%) 6,76%
Incrementi retributivi attesi
(variazione dello 0,5%) 2,69% (2,34%)
Tasso di inflazione
(variazione dello 0,25%) 2,64% (2,50%)
Mortalit attesa
(variazione di 1 anno) 4,58% na

6.16 Debiti per imposte correnti


I debiti tributari per imposte correnti pari a 12.424 euro
(7.405 euro) sono rappresentati dai debiti per lo stanziamen-
to delle imposte correnti dellesercizio.
Per le societ italiane facenti parte del consolidato fi-
scale il debito per imposte correnti relativo al solo saldo
per IRAP. Il saldo per IRES stato ceduto alla controllante
CO.FI.BA. S.r.l. in seguito alladesione al consolidato fiscale.

56
6.18 Fondi rischi e oneri
La composizione della voce, sia per la parte corrente che non 2012
corrente, la seguente:

31/12/2014 Accantonamento Decrementi/ Utilizzi/ Delta cambio 31/12/2015


Riclassifiche
Fondi rischi personale 3.409 2.542 (1.681) - 4.270
Fondo per ristrutturazioni 32.941 4.122 (9.452) (10) 27.601
Fondi rischi fiscali 245 436 (48) - 633
Fondi per rischi su
operazioni a premio 154 750 (152) (3) 749
Fondo resi
e prodotti invenduti 2.286 - - - 2.286
Fondi revocatorie 9.278 300 (1.717) - 7.861
Fondi cause legali 270 52 - (50) 272
Altri fondi 25.219 5.966 (3.955) 23 27.253
Totale 73.802 14.168 (17.005) (40) 70.925
Di cui:
- Entro lesercizio 54.839 54.999
- Oltre lesercizio 18.963 15.926

I Fondi rischi personale e i Fondi per ristrutturazioni sono


stati iscritti a fronte di programmi di ristrutturazione che
prevedono, tra laltro, incentivi allesodo e altri oneri futuri
nei confronti del personale.
I Fondi revocatorie sono stati iscritti per crediti com-
merciali incassati per cui sussiste il rischio di una azione re-
vocatoria.
Gli Altri fondi includono rischi commerciali e con di-
stributori.
I fondi oltre lesercizio non sono stati prudenzialmente
attualizzati a fronte della difficolt di stima del periodo di
utilizzo.

6.19 Debiti verso banche e altri finanziatori


La composizione della voce la seguente:

31/12/2015 31/12/2014
Prestiti obbligazionari 516.994 309.911
Debiti verso banche e societ
di leasing 41.751 51.737
Totale 558.745 361.648

57
Di seguito si riporta il dettaglio dei prestiti obbligazionari in
essere, tutti con scadenza oltre lesercizio:

Valore nomi- Cedola Scadenza Valore in Operazione di Tasso


nale in valuta nominale in Bilancio copertura dinteresse
(migliaia di USD effettivo in
USD) Valore nomina- Tasso euro
le in euro pagato
Senior Notes 2011 75.000 4,14% 15 lug. 2018 70.658 50.460 2,92% (F) 3,07%
Senior Notes 2011 75.000 4,76% 15 lug. 2021 75.566 50.562 1,31% (V) 1,42%
Senior Notes 2011 50.000 4,86% 15 lug. 2023 51.612 33.718 1,20% (V) 1,29%
Senior Notes 2013 150.000 4,43% 13 dic. 2025 144.060 115.050 0,97% (V) 1,01%
Senior Notes 2015 185.000 4,03% 28 ott. 2027 175.098 169.867 1,02% (V) 1,07%
Totale Notes 535.000 516.994 419.657
(F) a tasso fisso
(V) a tasso variabile

Nellanno stato emesso un nuovo prestito obbligazionario


US Private Placement con valore nominale di 185 milioni di
dollari americani e scadenza in ottobre 2027. Tale prestito
risulta coperto da contratto di Cross Currency and Interest
Rate Swap che ha fissato il valore di rimborso alla scadenza
in 169.867 euro.
I rischi di tasso e di cambio delle summenzionate No-
tes sono stati coperti con operazioni di Cross Currency and
Interest Rate Swap per i cui dettagli si rinvia al successivo
paragrafo 7.
La voce Debiti verso banche e societ di leasing in-
clude un finanziamento, sottoscritto in gennaio 2012, con la
Banca europea per gli Investimenti per un importo iniziale di
50.000 euro, con scadenza 2020 e ammortizzabile. Il saldo
di tale finanziamento, con scadenza oltre lesercizio, al 31
dicembre 2015 pari a 21.830 euro (28.125 euro).
Allinterno della suddetta voce si inoltre decrementata
la quota a medio e lungo termine dei debiti in relazione ai
leasing finanziari principalmente per impianti di cogenera-
zione in Italia, con un saldo a fine esercizio di 19.818 euro
(23.689 euro).
La linea irrevocabile per 700.000 euro, scadente nel
2019, non era utilizzata al 31 dicembre 2015.
Per lanalisi delle politiche di gestione dei rischi di tasso
del suddetto prestito sindacato si rimanda al successivo pa-
ragrafo 7.

Nella successiva tabella si riporta la composizione per sca-


denza del debito a medio-lungo termine:

Scadenti Scadenti oltre Totale


fra 2 e 5 anni i 5 anni
Prestiti obbligazionari 146.224 370.770 516.994
Debiti verso banche e societ di leasing 39.994 1.757 41.751
Totale debiti finanziari a medio-lungo termine 186.218 372.527 558.745

58
La spaccatura del totale dei debiti verso banche e altri finan-
ziatori, inclusi gli strumenti finanziari derivati, per scadenza e
per tipologia di tasso la seguente:

Debitore Descrizione Tasso Saldo al Scadenza


dinteresse 31/12/2015
Barilla France Prestiti obbligazionari (inclusi cross currency
e interest rate swap) fisso-variabile 135.648 2018 - 2023
Barilla Iniziative Prestiti obbligazionari (inclusi cross currency
e interest rate swap) variabile 277.199 2025 - 2027
Barilla Iniziative Finanziamento BEI variabile 28.049 2020
Barilla G. e R. Fratelli gruppo Debiti verso banche variabile 8.830 2016
Barilla G. e R. Fratelli gruppo Leasing fisso 23.689 2019 - 2029
Totale debiti finanziari entro e oltre lesercizio 473.415*

Il dettaglio dei debiti per data di rideterminazione dei tassi


di interesse il seguente:

Periodo Importo netto in bilancio 2015 Importo netto in bilancio 2014


Entro 1 anno 421.677 385.835
Da 2 a 5 anni 28.049 41.535
Oltre 5 anni 23.689 10.202
Totale debiti finanziari entro e oltre lesercizio 473.415* 437.572

Il dettaglio dei debiti verso banche e altri finanziatori entro


e oltre lesercizio denominato nelle seguenti valute (a pre-
scindere dalle coperture effettuate):

Valuta Importo netto in bilancio 2015 Importo netto in bilancio 2014


Euro 57.302 100.175
USD 413.002 327.537
Altre valute 3.111 9.860
Totale debiti finanziari entro e oltre lesercizio 473.415* 437.572

* Il totale dei debiti verso banche e altri finanziatori entro e oltre lesercizio, dettagliato nelle tabelle, include i derivati passivi ed espresso al netto dei derivati

attivi, a eccezione dei derivati su commodities sia attivi che passivi dettagliati al paragrafo 6.20 Strumenti finanziari derivati.

Il tasso di interesse effettivo relativo al debito finanziario


pari al 2% (2,2% per il 2014). Il calcolo non include le
componenti non ricorrenti relative ai prestiti obbligazionari
o per estinzione anticipata dei finanziamenti.
Per il confronto tra il valore di bilancio e il fair value dei
debiti finanziari si rimanda al paragrafo 7.

Covenant finanziari e altri impegni contrattuali


I prestiti obbligazionari emessi e i contratti di finanziamento
sottoscritti (i Finanziamenti) prevedono il rispetto di una
serie di obbligazioni contrattuali e di requisiti finanziari (co-
munemente definiti covenant).
I principali tra questi, che di volta in volta sono richia-
mati in uno o pi contratti, in linea con la prassi di mercato
applicabile a operazioni analoghe, sono i seguenti:
Covenant finanziari
rapporto tra debiti finanziari netti ed EBITDA;
rapporto tra EBITDA e interessi finanziari netti;
rapporto tra indebitamento delle societ operative pi

59
indebitamento assistito da garanzie reali (salvo eccezio-
ni contrattuali) e totale attivo di bilancio.
Altre limitazioni e impegni contrattuali
cambio di controllo;
impegno a non creare subordinazioni dei finanziamenti
rispetto a eventuali nuovi finanziamenti (cosiddetto pari
passu) e/o a non creare pegni a favore di terzi (salvo ec-
cezioni contrattuali);
mantenimento dei componenti fondamentali dellattivo
aziendale (inclusi taluni stabilimenti chiave, marchi, li-
cenze e propriet intellettuali);
disciplina dellutilizzo dei proventi delle cessioni, politi-
che di acquisizione e dividendi (quando applicabile).
Eventi di default (casi di inadempimento che comportano la
decadenza del beneficio del termine)
I principali eventi di default, dalla cui applicazione sono escluse
le societ minori del Gruppo, sono di seguito riassunti:
mancato pagamento di somme dovute ai sensi di un
finanziamento;
mancato rispetto dei covenant finanziari nonch di talu-
ne altre limitazioni e impegni contrattuali aventi carat-
tere di materialit;
cross default (verificarsi di eventi tali da causare la de-
cadenza del beneficio del termine in altri finanziamenti
per un importo superiore a certi limiti contrattuali);
insolvenza, fallimento o altra procedura concorsuale;
cambiamento sostanziale dellattivit del Gruppo.

Al verificarsi di un evento di default, qualora non sanato


nei tempi contrattualmente previsti, i finanziatori hanno
la facolt di richiedere il rimborso delle somme erogate ai
sensi dei finanziamenti in oggetto, insieme al pagamento
degli interessi e di ogni altra somma contrattualmente
dovuta.
Tali circostanze non si sono verificate n nel corso n a
fine esercizio.

6.20 Strumenti finanziari derivati

31/12/2015 31/12/2014
Attivit Passivit Attivit Passivit
- Cash flow hedge - interest rate derivatives 19.712 - 12.379 -
- Fair value hedge - interest rate derivatives 84.542 - 50.900 -
- Cash flow hedge - commodities - 2.247 1.354 -
Totale quota non corrente 104.254 2.247 64.633 -
- Cash flow hedge - interest rate derivatives - - - 2.130
- Cash flow hedge - commodities - 1.525 795 -
- Detenuti per la negoziazione - cambi 997 276 3.667 347
- Detenuti per la negoziazione - commodities 414 - 1.815 -
Totale quota corrente 1.411 1.801 6.277 2.477
Totale strumenti finanziari derivati 105.665 4.048 70.910 2.477

Il Gruppo ha designato le seguenti tipologie di copertura:


contratti di currency and interest rate swap, legati alla
tranche dellUS Private Placement sottoscritto nel 2011,
per USD 75 milioni, con scadenza il 15 luglio 2018, de-

60
signati come cash flow hedge. I fair value positivi al 31
dicembre 2015 ammontano a 19.712 euro, mentre lef-
fetto a conto economico per differenza cambio stato
pari a 7.076 euro;
contratti di currency and interest rate swap legati alle
tranche con scadenze il 15 luglio 2021 e 2023, per USD
125 milioni, designati come fair value hedge. I fair value
positivi al 31 dicembre 2015 ammontano a 42.546 euro,
contabilizzati a conto economico;
contratti di currency and interest rate swap relativi
allUS Private Placement per USD 150 milioni e scadenza
il 15 dicembre 2025, designati come fair value hedge.
I fair value positivi al 31 dicembre 2015 ammontano a
33.912 euro, contabilizzati a conto economico;
contratti di currency and interest rate swap, relativi
allUS Private Placement per USD 185 milioni e scadenza
il 28 ottobre 2027, sottoscritti nel corso dellanno e de-
signati come fair value hedge. I fair value positivi al 31
dicembre 2015 ammontano a 8.082 euro, contabilizzati
a conto economico.

I derivati su commodities includono principalmente contratti di


copertura sul costo dellenergia elettrica e del grano.

La movimentazione della riserva di cash flow hedge stata


la seguente:

2015 2014
Riserva lorda Effetto imposte Riserva lorda Effetto imposte
Saldo di inizio esercizio (2.132) 855 (1.444) 603
Variazione fair value (12.296) 3.544 (17.092) 5.682
Differenza cambio rilasciata a conto economico 7.076 (2.357) 16.404 (5.430)
Saldo a fine esercizio (7.352) 2.042 (2.132) 855
di cui Gruppo (6.246) 1.736 (1.812) 727

La riserva di cash flow hedge include la parte di copertura


considerata efficace relativa al tasso dinteresse e ai derivati
per acquisto commodities.
In particolare, il valore nozionale dei contratti cross
currency and interest rate swap al 31 dicembre 2015 pari
a 50.460 euro e relativo al prestito obbligazionario con sca-
denza 2018, mentre per i derivati su commodities pari a
10.032 euro e relativo ad acquisti di energia.
Per lanalisi delle politiche di gestione dei rischi finanzia-
ri si rimanda al successivo paragrafo 7.

6.21 Altri debiti


La voce, pari a 4.765 euro (4.253 euro), rappresentata pre-
valentemente da un debito per contributi previdenziali.

6.22 Patrimonio netto


Al 31 dicembre 2015, cos come al precedente esercizio,
il capitale sociale interamente versato era suddiviso in
nr. 13.100.000 azioni, di cui nr. 11.790.000 ordinarie e nr.
1.310.000 di categoria B. Le azioni di categoria B godono di
diritto di voto nelle assemblee ordinarie e straordinarie nella
stessa misura delle azioni ordinarie ma hanno priorit nella
ripartizione degli utili.

61
Si segnala che la societ non possiede, n ha detenuto o
acquisito azioni proprie durante lesercizio, n direttamente
n indirettamente tramite societ controllate o collegate.
In data 3 luglio 2015 gli azionisti hanno deliberato di di-
stribuire un dividendo complessivo di 57.811 euro, attribuito
nel seguente modo:
alle azioni di categoria B un totale di 26.043 euro;
alle azioni ordinarie un totale di 31.768 euro.

Il dividendo stato pagato in data 14 luglio 2015.

6.23 Patrimonio netto di competenza di minoranze


Le seguenti tabelle forniscono delle informazioni sulle con-
trollate dal Gruppo con partecipazione di minoranze signifi-
cative, al lordo delle elisioni infragruppo:

31 dicembre 2015 Barilla Mexico Barilla Iniziative


SA de CV Spa
sotto-gruppo sotto-gruppo
Percentuale di pertinenza di minoranze 50% 15%
Ricavi 69.756 3.382.762
Risultato dellesercizio 5.718 173.242
Utile /(Perdita) dellesercizio di pertinenza di minoranze 2.859 25.557 28.416
Totale conto economico complessivo (1.964) 50.448
Totale conto economico complessivo di pertinenza di minoranze senza risultato (952) 7.709 6.757
Totale conto economico complessivo di pertinenza di minoranze 1.907 33.266 35.173

Attivit correnti 30.741 1.158.385


Attivit non correnti 12.019 1.638.615
Passivit correnti (10.606) (936.177)
Passivit non correnti (550) (760.002)
Attivit nette 31.604 1.100.821
Attivit nette di pertinenza di minoranze 15.802 162.752 178.554

Flusso di cassa netto generato (assorbito) da attivit operative 4.536 301.800


Flusso di cassa netto generato (assorbito) da attivit di investimento (191) (138.644)
Flusso di cassa netto generato (assorbito) da attivit di finanziamento (5.747) (2.178)
Totale variazione cassa e mezzi equivalenti (1.402) 160.978

Totale dividendi pagati a minoranze


(inclusi nei flussi di cassa delle attivit di finanziamento) 2.812 10.594 13.406

62
31 dicembre 2014 Barilla Mexico Barilla Iniziative
SA de CV Spa
sotto-gruppo sotto-gruppo
Percentuale di pertinenza di minoranze 50% 15%
Ricavi 63.958 3.254.095
Risultato dellesercizio 4.408 151.097
Utile /(Perdita) dellesercizio di pertinenza di minoranze 2.204 22.334 24.538
Totale conto economico complessivo 440 16.976
Totale conto economico complessivo di pertinenza di minoranze senza risultato 220 2.518 2.738
Totale conto economico complessivo di pertinenza di minoranze 2.424 24.852 27.276

Attivit correnti 27.452 1.003.949


Attivit non correnti 15.326 1.580.197
Passivit correnti (7.655) (1.055.721)
Passivit non correnti (1.709) (577.852)
Attivit nette 33.414 950.573
Attivit nette di pertinenza di minoranze 16.707 140.080 156.787

Flusso di cassa netto generato (assorbito) da attivit operative 7.635 285.860


Flusso di cassa netto generato (assorbito) da attivit di investimento (276) (116.671)
Flusso di cassa netto generato (assorbito) da attivit di finanziamento (5.747) (137.782)
Totale variazione cassa e mezzi equivalenti 1.612 31.407

Totale dividendi pagati a minoranze


(inclusi nei flussi di cassa delle attivit di finanziamento) 2.874 10.314 13.188

Impegni contrattuali
Gli impegni contrattuali in essere a fine esercizio, non iscrit-
ti nelle poste patrimoniali, ammontano a 734.447 euro
(705.641 euro) e includono:
impegni per acquisto prodotti finiti, grano, altre materie
prime e imballi 574.834 euro (609.210 euro);
impegni per acquisto immobilizzazioni 12.902 euro
(45.431 euro);
impegni per acquisto energie 146.711 euro (51.000
euro).

Garanzie a terzi
Trattasi di garanzie rilasciate da istituti di credito e compa-
gnie di assicurazione nellinteresse di Barilla G.e R. Fratelli
Societ per Azioni a uffici finanziari dello Stato per richieste
di rimborso IVA, pari a 266.832 euro (232.216 euro).

Passivit potenziali
Sono in corso procedimenti legali e fiscali di varia natura che
si sono originati nel tempo nel normale svolgimento dellat-
tivit operativa del Gruppo. Non si ritiene che tali procedi-
menti possano dare origine a passivit significative per le
quali non esista gi un accantonamento in bilancio.

63
Conto economico consolidato

6.24 Ricavi
La composizione dei ricavi la seguente:

2015 2014
Totale vendita prodotti finiti 3.322.032 3.193.322
Vendita sottoprodotti 39.481 42.746
Vendita imballi e altri materiali 21.254 18.027
Totale 3.382.767 3.254.095

6.25 Dettaglio costi per natura


Nella seguente tabella si espone la composizione per natura del
totale derivante dalla somma di costo del venduto, costi logistici,
spese di vendita, spese di marketing, costi tecnici e di sviluppo
e spese generali e amministrative, dettagliati nel prospetto del
conto economico:

2015 2014
Acquisti di materie prime, semilavorati, prodotti finiti, materiali e variazione rimanenze 1.445.211 1.328.969
Altri materiali 25.834 24.671
Costo del personale 487.873 469.337
Ammortamenti delle immobilizzazioni materiali, immateriali 134.845 134.094
Prestazioni di trasporto e magazzinaggio 274.124 291.723
Prestazioni promozionali e pubblicitarie 260.014 275.426
Lavori di manutenzione 43.895 32.679
Servizi 69.458 59.121
Consulenze 33.511 26.974
Lavorazioni di terzi 81.817 76.542
Provvigioni vendita 52.422 51.314
Acquisto fonti di energia 74.868 77.396
Spese viaggio e rimborsi spese 15.940 19.106
Affitti di immobili, noleggi e leasing operativi 21.547 19.884
Compensi ad amministratori e sindaci 5.006 4.925
Assicurazioni 7.829 7.901
Altre tasse 9.050 9.948
Costi per formazione personale 3.699 3.904
Postali e telefoniche 6.496 7.233
Dazi doganali 9.785 10.910
Commissioni e servizi di factoring 1.203 1.633
Altro 11.478 10.979
Totale 3.075.905 2.944.669

64
Il costo per ammortamenti delle immobilizzazioni materiali e imma-
teriali addebitati a conto economico rilevato nelle seguenti voci:

2015 2014
Costo del venduto 107.022 103.958
Costi logistici 5.921 5.806
Spese di vendita 297 344
Spese di marketing 63 75
Spese generali e amministrative, costi tecnici e di sviluppo 21.542 23.911
Totale 134.845 134.094

6.26 Altri oneri e proventi


La composizione degli Altri oneri e proventi la seguente:

2015 2014
Oneri e proventi ricorrenti:
- Plusvalenze/(Minusvalenze) nette su cespiti 357 (2.822)
- Rimborsi assicurativi 876 1.239
- Accantonamenti al netto di rilasci di fondi rischi 945 (3.792)
- Svalutazione e perdite su crediti (2.482) (4.692)
- Imposte su beni immobili e altre tasse (6.388) (6.190)
- Liberalit a terzi e a favore dei dipendenti (6.333) (5.590)
- Contributi associativi (1.602) (1.628)
- Incentivi allesodo (4.639) (1.834)
- Sopravvenienze attive/(passive) 9.758 5.762
- Commissioni bancarie e assicurative (1.536) (1.905)
- Prestazioni nette di servizi e altro minore 9.310 4.715
Totale oneri e proventi ricorrenti (1.734) (16.737)
Proventi/(Oneri) netti non ricorrenti 3.241 (2.782)
Totale oneri e proventi non ricorrenti 3.241 (2.782)
Totale altri (oneri)/proventi 1.507 (19.519)

I proventi non ricorrenti includono la plusvalenza realizzata


dalla cessione della partecipazione in Zao Kondi per 2.204
euro e altri componenti non relativi alla gestione corrente.

65
6.27 Oneri e proventi finanziari
La composizione degli oneri finanziari netti la seguente:

2015 2014
Oneri netti relativi alla posizione finanziaria netta:
Interessi attivi su conti correnti bancari 1.391 1.161
Interessi passivi su operazioni bancarie/finanziarie a breve (778) (1.067)
Interessi passivi su operazioni bancarie a medio-lungo termine (1.546) (6.840)
Interessi passivi su prestiti obbligazionari (5.283) (4.644)
Interessi passivi su leasing finanziari (1.388) (1.606)
Totale oneri netti relativi alla posizione finanziaria netta (7.604) (12.996)
Altri (oneri)/proventi finanziari:
Utili/(Perdite) su cambio netti realizzati (4.799) 14.568
Utili/(Perdite) su cambio netti non realizzati (12.736) (32.664)
Commissioni di mancato utilizzo (2.269) (2.670)
Interessi netti su piani pensionistici (2.908) (4.222)
Altri (oneri)/proventi 237 331
Totale altri (oneri)/proventi finanziari (22.475) (24.657)
Totale oneri e proventi finanziari (30.079) (37.653)

Gli interessi passivi su operazioni bancarie a medio-lungo


termine includono anche lammortamento delle spese legate
alla stipula della linea revolving a prescindere dal suo uti-
lizzo. Lo scorso esercizio la voce includeva costi straordinari
per la chiusura anticipata dei finanziamenti in essere e della
relativa copertura per 4.100 euro.
Gli interessi passivi su prestiti obbligazionari includono
la variazione positiva di fair value dei relativi strumenti di
copertura per 1.763 euro (2.857 euro) e 463 euro relativi a
oneri straordinari a seguito di operazioni effettuate sul pre-
stito obbligazionario con scadenza 2025.
Le commissioni di mancato utilizzo sono relative alla
Committed Revolving Credit Facility, non utilizzata nel corso
dellesercizio.
La parte non realizzata degli utili e perdite su cambi
principalmente imputabile ai rapporti commerciali e finan-
ziari della controllata Harrys Cis con la controllante Barilla
G.e R. Fratelli Societ per Azioni.
Il saldo include inoltre la variazione positiva di fair value
degli strumenti finanziari derivati su cambi detenuti per la
negoziazione per 721 euro (3.320 euro).
Nelle voci Altri (oneri)/proventi sono inclusi gli inte-
ressi per dilazioni di pagamenti e interessi attivi per crediti
vari.

6.28 Imposte
Nel seguito si riporta il prospetto di riconciliazione delle im-
poste teoriche e le imposte effettive.
Lincidenza percentuale sul risultato prima delle imposte
al netto di costi non ricorrenti relativi prevalentemente alle
svalutazioni delle immobilizzazioni pari al 38,6%, in linea
con lesercizio precedente.

66
Esercizio 2015
Risultato prima delle imposte 278.290
Imposta teorica 88.497
Imposte differite attive non iscritte 14.890
Costi non deducibili/(proventi) netti (non soggetti a tassazione) 5.384
Utilizzo di imposte attive non iscritte in esercizi precedenti e rimisurazione di imposte differite (2.548)
Carico dimposta effettivo 106.223

Il maggior carico di imposta effettivo rispetto a quello teo-


rico, calcolato ponderando le aliquote fiscali dei vari paesi in
cui opera il Gruppo per risultati prodotti localmente, dovu-
to principalmente alla mancata attivazione di imposte diffe-
rite attive non iscritte su perdite conseguite nellesercizio da
talune consociate, e a costi non deducibili.

Le aliquote fiscali nominali dei paesi nei quali operano le


principali societ del Gruppo sono le seguenti:

Europa Nord America


Italia 31,40% Stati Uniti 40,00%
Germania 29,65%
Svezia 22,00% Altro
Francia 33,33% Russia 20,00%
Austria 25,00% Brasile 34,00%
Turchia 20,00% Messico 30,00%
Grecia 29,00% Australia 30,00%

Nella tabella seguente riportato il dettaglio delle perdite


fiscali in essere e delle imposte differite attive non iscritte:

Societ Perdite fiscali Durata periodo Aliquota % Imposte Imposte


riporto a nuovo differite attive differite attive
delle perdite iscritte non iscritte
Barilla Espaa S.L. 1.165 Illimitata varie - 291
Barilla America Inc. 21.100 20 anni varie 1.001 -
Barilla Do Brazil LTDA 13.684 Illimitata 34% - 4.653
Harrys Cis LLC 40.027 10 anni 20% - 8.005
Barilla Danmark A/S 1.637 Illimitata 23,5% - 401
Barilla Canada Inc. 9.772 20 anni 26,5% - 3.029
Barilla Belgium S.A. 5.814 Illimitata 33,99% - 1.976
Barilla Poland Sp. Z.o.o. 4.910 5 anni 19% - 933
Barilla Singapore 5.425 Illimitata 17% 454 468
Barilla Shanghai 1.804 5 anni 25% - 451
Italian Kitchen USA Inc. 3.324 20 anni 35% - 1.163
Finba Bakery Holding GmbH 99.865 Illimitata varie - 15.803
Totale 208.527 1.455 37.173

67
7. Strumenti finanziari
e posizione finanziaria netta

Politiche di gestione dei rischi

Le attivit del Gruppo sono esposte a diverse tipologie di


rischi finanziari, tra cui rischio di mercato (di tasso di in-
teresse, di cambio e di prezzo), rischio di credito e rischio
di liquidit.
Nellambito della sua attivit di gestione del rischio
e al fine di ridurre leventuale impatto dei rischi di mer-
cato, il Gruppo utilizza anche strumenti derivati con
finalit di copertura (mentre non sono usati per finalit
meramente speculative). Le operazioni di copertura sono
gestite centralmente.
Sono state inoltre diffuse linee guida che disciplina-
no la gestione del rischio e sono state introdotte proce-
dure atte a controllare tutte le operazioni effettuate su
strumenti derivati.

(a) Rischio di mercato


(i) Rischio di tasso di interesse
Lesposizione al rischio di mercato derivante dalla varia-
zione dei tassi principalmente collegata alle variazioni
dei tassi di interesse delleuro, valuta che rappresenta
la quasi totalit dellindebitamento a tasso variabile del
Gruppo, al netto delleffetto delle coperture in essere. Il
Gruppo mantiene un equilibrio tra esposizione a tasso
fisso e a tasso variabile, in considerazione del ridotto
indebitamento. Al 31 dicembre 2015, incluso leffetto dei
derivati di copertura, circa il 16% (36%) dellindebita-
mento finanziario lordo era a tasso fisso.
Il Gruppo analizza la propria esposizione al rischio
tasso di interesse su base dinamica, ricorrendo a simula-
zioni di fabbisogni e di generazioni di cassa prospettici,
con diversi scenari previsti, sulla base delle aspettative
economiche, delle posizioni esistenti e di eventuali rinno-
vi, del ricorso a fonti alternative, delle politiche di coper-
tura e delle aspettative di rifinanziamento.

Sensitivity analysis
I potenziali effetti sul risultato netto e sulle altre com-
ponenti del reddito complessivo, dopo le imposte, di una
ipotetica variazione dei tassi di interesse legati alleuro
pari a +0,5/0,25 punti percentuali, calcolata sui debiti
finanziari a tasso variabile del Gruppo al 31 dicembre,
mantenendo invariate tutte le altre condizioni, sarebbero
stati pari a:

ricavo (costo) 2015 2014


+0,5% 0,25% +0,5% 0,25%
Effetto sul risultato netto 673 (328) (98) 52
Effetto sulle altre componenti del reddito complessivo (128) 65 93 (47)

Per il calcolo delleffetto imposte si considerato il tax


rate effettivo di Gruppo al 31 dicembre 2015 e 2014.

68
(ii) Rischio di cambio
Operando a livello internazionale, il Gruppo soggetto al
rischio che variazioni nel tasso di cambio di valute este-
re impattino sul valore di attivit, passivit e dei cash
flow generati fuori dallarea euro. In pratica, tale rischio
abbastanza limitato e quello che si genera per effetto
dellattivit caratteristica gestito attraverso una politi-
ca di compensazione di attivit e di passivit, utilizzando
quando necessario contratti derivati (principalmente in
forma di compravendita a termine di valuta).

Sensitivity analysis
Nellanalisi sono inclusi i crediti e debiti in valuta oltre
agli strumenti finanziari derivati.
Al 31 dicembre 2015 e 2014 i potenziali effetti sul
risultato netto e sulle altre componenti del reddito com-
plessivo, dopo le imposte, di un ipotetico apprezzamen-
to/(deprezzamento) delleuro contro le altre divise, pre-
valentemente dollaro americano, mantenendo invariate
tutte le altre condizioni, sarebbero stati pari a:

ricavo (costo) 2015 2014


+10% 10% +10% 10%
Effetto sul risultato netto (6.009) 9.002 1.030 (792)
Effetto sulle altre componenti del reddito complessivo (230) 230 102 (102)

(iii) Rischio di prezzo


Il Gruppo persegue la riduzione dei rischi operativi con-
nessi allandamento delle quotazioni delle materie prime
utilizzate nel processo produttivo prevalentemente attra-
verso accordi quadro di acquisto di medio termine con i
fornitori, utilizzando anche contratti derivati sul grano a
completamento di quanto sopra. Nel mercato elettrico
svedese vengono effettuate operazioni di copertura attra-
verso il meccanismo localmente denominato Nord Pool.

Sensitivity analysis
Nellanalisi sono inclusi i derivati su commodities, riguardanti
contratti di copertura sul costo dellenergia elettrica e del
grano.
Al 31 dicembre 2015 e 2014 i potenziali effetti sul risul-
tato netto e sulle altre componenti del reddito complessivo,
dopo le imposte, di un ipotetico apprezzamento/(deprezza-
mento) del costo delle materie prime, mantenendo invariate
tutte le altre condizioni, sarebbe stato pari a:

ricavo (costo) 2015 2014


+5% 5% +5% 5%
Effetto sul risultato netto 185 (127) 1.129 (791)
Effetto sulle altre componenti del reddito complessivo 192 (192) 356 (356)

(b) Rischio di credito

Rappresenta il rischio che una delle parti che abbia as-


sunto unobbligazione pecuniaria non adempia a tale ob-

69
bligazione. Tale rischio si manifesta in relazione ai crediti
commerciali, a titoli e disponibilit liquide e nei rapporti
con banche e altre istituzioni finanziarie, relativamente
a: depositi e altre attivit, strumenti derivati e capacit
di rispettare il commitment legato a linee di credito irre-
vocabili.
La concentrazione dei crediti del Gruppo prevalente-
mente riferita al canale della grande distribuzione.
Il Gruppo valuta periodicamente il merito di credito
delle controparti nel rispetto dei limiti di credito assegnati.
Sono state stipulate polizze assicurative su parte dei
crediti commerciali a copertura di eventuali perdite.
Da un punto di vista del rischio del credito relativo
ad attivit finanziarie e depositi bancari, il Gruppo ha
fissato un limite di esposizione per ogni banca (che si
evolve dinamicamente in relazione al rating, al livello dei
Credit Default Swaps e alle notizie di mercato).

(c) Rischio di liquidit

Il Gruppo persegue una politica volta a rendere ragio-


nevolmente remoto il rischio di liquidit, attraverso la
costante disponibilit di linee di credito irrevocabili non
utilizzate, che consentono di poter far fronte agli impe-
gni finanziari futuri ragionevolmente prevedibili, tenuto
anche conto della significativa generazione di cassa del
Gruppo.
Al 31 dicembre 2015, il Gruppo ha a disposizione linee
inutilizzate con scadenza nel 2019, per 700.000 euro, oltre a
disponibilit liquide per oltre 306.541 euro.
Le seguenti tabelle includono unanalisi per scadenza
delle passivit finanziarie. Le varie fasce di scadenza sono
determinate sulla base del periodo intercorrente tra la data
di riferimento del bilancio e la scadenza contrattuale delle
obbligazioni.

Meno di 1 anno Da 1 a 5 anni Oltre 5 anni Totale


Al 31 dicembre 2015
Debiti verso banche, altri finanziatori e leasing finanziari 27.292 170.629 354.173 552.094
Strumenti finanziari derivati con contropartita a conto economico 721 - - 721
Debiti commerciali e altri debiti 848.778 4.765 - 853.543
Totale 876.791 175.394 354.173 1.406.358

Meno di 1 anno Da 1 a 5 anni Oltre 5 anni Totale


Al 31 dicembre 2014
Debiti verso banche, altri finanziatori e leasing finanziari 153.278 120.104 227.226 500.608
Strumenti finanziari derivati con contropartita a conto economico 3.320 - - 3.320
Debiti commerciali e altri debiti 843.225 4.253 - 847.478
Totale 999.823 124.357 227.226 1.351.406

Strumenti finanziari per categoria

A completamento dellinformativa sui rischi finanziari, si


riporta di seguito una riconciliazione tra classi di attivit
e passivit finanziarie cos come identificate nello stato

70
patrimoniale del Gruppo e tipologie di attivit e passivit Derivati
finanziarie identificate sulla base dei requisiti dellIFRS 7, ol- di copertura
tre allindicazione del livello per tipologia di fair value, come
previsto dallIFRS 13:

31 dicembre 2015 Attivit Crediti e Attivit Passivit Passivit Derivati Derivati Fair Livello
finanziarie al finanziamenti finanziarie finanziarie al finanziarie di di value per
fair value con attivi disponibili fair value con a costo copertura copertura valutazione
contropartita per la contropartita ammortizzato attivit passiivit al fair
nel conto vendita nel conto value
economico economico
Attivit finanziarie
disponibili per la vendita
non quotate sul mercato - - 1.551 - - - - na
Derivati (attivit) 1.411 - - - - 104.254 - 105.665 Livello 2
Crediti commerciali
e altri crediti - 590.640 - - - - - 590.640
Disponibilit liquide
e attivit finanziarie - 306.541 - - - - - 306.541
Debiti verso banche
e altri finanziatori - - - 33.346 545.043 - - 575.264
Debiti commerciali - - - 673.858 - - - 673.858
Altri debiti - - - 179.630 - - - 179.630
Derivati (passivit) - - - - - - 3.772 3.772 Livello 1
Derivati (passivit) - - - 276 - - - 276 Livello 2
Totale 1.411 897.181 1.551 887.110 545.043 104.254 3.772

31 dicembre 2014 Attivit Crediti e Attivit Passivit Passivit Derivati Derivati Fair Livello
finanziarie al finanziamenti finanziarie finanziarie al finanziarie di di value per
fair value con attivi disponibili fair value con a costo copertura copertura valutazione
contropartita per la contropartita ammortizzato attivit passivit al fair
nel conto vendita nel conto value
economico economico
Attivit finanziarie
disponibili per la vendita
non quotate sul mercato - - 1.551 - - - - na
Derivati (attivit) - - - - - 3.964 - 3.964 Livello 1
Derivati (attivit) 3.667 - - - - 63.279 - 66.946 Livello 2
Crediti commerciali
e altri crediti - 537.896 - - - - - 537.896
Disponibilit liquide
e attivit finanziarie - 183.728 - - - - - 183.728
Debiti verso banche
e altri finanziatori - - - 82.104 419.937 - - 503.864
Debiti commerciali - - - 668.746 - - - 668.746
Altri debiti - - - 178.732 - - - 178.732
Derivati (passivit) - - - 347 - - 2.130 2.477 Livello 2
Totale 3.667 721.624 1.551 929.929 419.937 67.243 2.130

Nel corso dellesercizio non sono state trasferite attivit/pas-


sivit valutate al fair value dal Livello 1 al Livello 2. Per quanto
concerne le tecniche valutative degli strumenti finanziari valu-
tati secondo il Livello 2 si rimanda ai principi contabili prece-
dentemente commentati nelle presenti Note illustrative.
Nel corso dellesercizio non vi sono state attivit/passi-
vit finanziarie per le quali si cambiato il metodo di valuta-
zione (da fair value a costo ammortizzato o viceversa).
Il valore di mercato dei Debiti verso banche e altri fi-
nanziatori stato determinato come di seguito indicato:

71
per lUS Private Placement, emesso a tasso fisso e de-
nominato in dollari americani, si distinto fra la parte
contabilizzata come cash flow hedge, valutato con il me-
todo del tasso di interesse effettivo costante (c.d. costo
ammortizzato), convertendo il tutto in euro al cambio
corrente, mentre per la parte contabilizzata come fair
value hedge si considerato il valore attuale netto dei
flussi futuri di cedole e capitale utilizzando il tasso In-
terest Rate Swap corrente incrementato per lo spread
di emissione, tenuto conto dei costi da ammortizzare e
convertendo il tutto in euro al cambio corrente;
per il restante indebitamento diverso dai precedenti, in
considerazione del modesto valore assoluto e del fat-
to che si tratta prevalentemente di strumenti a breve
scadenza e/o a tasso variabile, si ritiene che i valori di
bilancio rispecchino sostanzialmente il loro fair value.

Con riferimento alle partecipazioni in societ non quotate,


iscritte fra le attivit finanziarie disponibili per la vendita, non
possibile determinarne attendibilmente il fair value. Tali
partecipazioni sono iscritte al costo al netto di eventuali per-
dite di valore. Per ulteriori dettagli si rimanda alla nota 6.12.

Posizione finanziaria netta (indicatore alternativo


di performance non previsto dai principi contabili)
La posizione finanziaria netta del Gruppo alla chiusura
dellesercizio calcolata sommando algebricamente i debiti
e i crediti finanziari originati rispettivamente da operazioni
di provvista di mezzi di terzi e di deposito, le disponibilit
liquide, i titoli classificati nelle attivit finanziarie al fair value
con contropartita nel conto economico. Lindebitamento
finanziario netto del Gruppo al 31 dicembre 2015 pari a
170.231 euro, rispetto a 249.880 euro del 2014, valore che
comprende il mark-to-market dei derivati.
Tra essi, i derivati su commodities esprimono un mark-
to-market complessivo negativo di 3.358 euro (3.965 euro
positivo nel 2014).

Nel seguito si espone la composizione della posizione finan-


ziaria netta del Gruppo:

31/12/2015 31/12/2014
Cassa e mezzi equivalenti 306.541 183.728
Attivit finanziarie correnti al fair value 1.411 6.277
Debiti finanziari (include derivati passivi) (21.445) (142.870)
Posizione finanziaria netta di breve termine 286.507 47.135
Attivit finanziarie non correnti al fair value 104.254 64.633
Debiti finanziari (include derivati passivi) (560.992) (361.648)
Posizione finanziaria netta di medio-lungo termine (456.738) (297.015)
Totale posizione finanziaria netta (170.231) (249.880)

72
Gestione del capitale
Lobiettivo del Gruppo nellambito della gestione del capi-
tale principalmente quello di salvaguardare la continuit
aziendale in modo tale da garantire rendimenti agli azionisti
e benefici agli altri portatori di interesse. Il Gruppo si prefigge
inoltre lobiettivo di mantenere una struttura equilibrata del
capitale in modo tale da ridurre il costo dellindebitamento e
i rischi connessi.
Tra laltro, il Gruppo monitora il rapporto tra posizio-
ne finanziaria netta ed EBITDA, indicatore della capacit di
rimborso dei debiti finanziari, normalizzato per escludere gli
effetti non ricorrenti.

Dettaglio dei margini operativi ricorrenti (EBIT-EBITDA):

2015 2014
Margine operativo 308.369 289.907
Oneri e Proventi non ricorrenti (3.241) 2.782
Margine operativo ricorrente (EBIT) 305.128 292.689
Ammortamenti e perdite di valore delle immobilizzazioni immateriali (attivit ricorrente) 16.590 18.047
Ammortamenti e perdite di valore delle immobilizzazioni materiali (attivit ricorrente) 118.255 116.047
Margine operativo ricorrente al lordo degli ammortamenti e perdite di valore
delle immobilizzazioni (EBITDA) 439.973 426.783

Tale rapporto al 31 dicembre 2015 e al 31 dicembre 2014


era il seguente:

2015 2014
Posizione finanziaria netta (170.231) (249.880)
EBITDA 439.973 426.783
Rapporto Posizione finanziaria netta/EBITDA 0,4 0,6

8. Informativa ai sensi dello IAS 24


sulle parti correlate
e sulla retribuzione del management
con responsabilit strategiche

8.1 Retribuzione del management con responsabilit


strategiche
I dirigenti con responsabilit strategica nella gestione, pia-
nificazione e controllo sono individuati negli Amministratori
esecutivi e non esecutivi, nelle figure dei Direttori Generali e
dei Direttori Amministrativi e Finanziari della Barilla Holding
e delle principali societ operative del Gruppo.

I compensi dei summenzionati soggetti sono di seguito indicati:

2015 2014
Benefici a breve termine 13.322 13.499
Benefici successivi alla fine del rapporto di lavoro 1.284 879
Benefici a lungo termine 2.667 3.100
Totale 17.273 17.478

73
8.2 Parti correlate
Le operazioni intervenute con le societ del Gruppo e con
le parti correlate non sono qualificabili n come atipiche n
come inusuali, rientrando invece nellordinario corso degli af-
fari delle societ del Gruppo. Tali operazioni sono avvenute a
condizioni concordate tra le parti considerando, ove possibile,
le condizioni di mercato.
Per maggiori dettagli si rimanda alla Relazione sulla ge-
stione.
Lincarico di revisione legale del Bilancio consolidato
affidato, per gli esercizi dal 2013 al 2015, a KPMG S.p.A. ai
sensi dellarticolo 14 del Dlgs 39/2010 e degli articoli 2409-
bis e seguenti del Codice Civile.
Si evidenzia che, per lesercizio 2015, gli importi spettan-
ti a KPMG S.p.A. per le attivit legate alla revisione legale dei
conti annuali, agli altri servizi di verifica svolti e alle attivit
di consulenza fiscale sono stati pari a 866 euro.

8.3 Rapporti con organi societari


Il compenso degli Amministratori della Barilla Holding Socie-
t per Azioni relativo allesercizio 2015 stato pari a 4.044
euro.
I compensi attribuiti ai membri del Collegio sindacale di
Barilla Holding per incarichi ricevuti allinterno del Gruppo
per lesercizio 2015 sono stati fissati complessivamente in
448 euro.

74
Guido Barilla premia Daniel Evangelista, chef del ristorante Peperoncino
di Ankara, che si aggiudica la quarta edizione del Pasta World Championship.

75
Allegati

Allegato 1 - Elenco delle societ incluse nel consolidamento

Denominazione, sede e attivit Valuta Capitale % possesso Tramite %


sociale del Gruppo
(valori
puntuali)
Barilla Iniziative S.p.A.
Via Mantova 166 Parma (Italia) Barilla Holding Societ per
Societ finanziaria EURO 101.000.000 85,00 Azioni 85,00
Italian Kitchen S.r.l. - Socio Unico
Via Mantova 166 Parma (Italia)
Societ finanziaria EURO 100.000 85,00 Barilla Iniziative S.p.A. 100,00
Italian Kitchen USA. Inc.
2711 Centerville Road. Suite 400 Wilmington
County of New Castle DE (USA) Italian Kitchen S.r.l. - Socio
Attivit di coordinamento ristoranti USD 10.000 85,00 Unico 100,00
IKRG Midtown LLC
c/o Tarter Krinsky & Drogin LLP, 1350 Broadway
New York, NY (USA)
Societ di ristorazione USD 10.000 85,00 Italian Kitchen USA. Inc. 100,00
Finba Bakery Holding GmbH
Fritz-Vomfelde-Strasse 14-20 Dusseldorf
(Germania)
Societ finanziaria EURO 25.000 85,00 Barilla Iniziative S.p.A. 100,00
Barilla G. e R. Fratelli Societ per Azioni - Socio
Unico
Via Mantova 166 Parma (Italia)
Societ di produzione e commercializzazione EURO 180.639.990 85,00 Barilla Iniziative S.p.A. 100,00
Barilla Servizi Finanziari S.p.A. - Socio Unico
Via Mantova 166 Parma (Italia) Barilla G. e R. Fratelli Societ
Societ di leasing EURO 30.000.000 85,00 per Azioni - Socio Unico 100,00
F.I.R.S.T. RETAILING S.p.A. - Socio Unico
Via Mantova 166 Parma (Italia) Barilla G. e R. Fratelli Societ
Societ commissionaria EURO 5.000.000 85,00 per Azioni - Socio Unico 100,00
F.I.R.S.T. Commerciale S.r.l. - Socio Unico
Via Mantova 166 Parma (Italia) F.I.R.S.T. RETAILING S.p.A. -
Societ di commercializzazione EURO 10.000 85,00 Socio Unico 100,00
Barilla Hellas S.A.
26 Pappou & Akragantos Str. Atene (Grecia) Barilla G. e R. Fratelli Societ
Societ di produzione e commercializzazione EURO 7.611.840 85,00 per Azioni - Socio Unico 100,00
Barilla America Inc.
191 North Wacker Drive Chicago, IL (USA) Barilla G. e R. Fratelli Societ
Societ di produzione e commercializzazione USD 1.000 85,00 per Azioni - Socio Unico 100,00
BRJ KK
Minamiaoyma Minato ku. Tokyo (Giappone) Barilla G. e R. Fratelli Societ
Societ di commercializzazione JPY 10.000.000 85,00 per Azioni - Socio Unico 100,00
Barilla Japan KK
Minamiaoyma Minato ku. Tokyo (Giappone)
Societ di commercializzazione JPY 50.000 85,00 Barilla Singapore PTE. Ltd. 100,00
Barilla Do Brasil LTDA Barilla G. e R. Fratelli Societ
A.V. Pinzon. 144 7 Andar CJ 71e 72 per Azioni - Socio Unico 99,99
Vila Olimpia San Paolo (Brasile) Barilla Servizi Finanziari S.p.A.
Societ di commercializzazione BRL 50.430.641 85,00 - Socio Unico 0,01
Barilla Austria GmbH
Grabenweg 64 Innsbruck (Austria) Barilla G. e R. Fratelli Societ
Societ di commercializzazione EURO 436.000 85,00 per Azioni - Socio Unico 100,00

76
Denominazione, sede e attivit Valuta Capitale % possesso Tramite %
sociale del Gruppo
(valori
puntuali)
Barilla Mexico S.A. de C.V.
Calzada San Bartolo Naucalpan
360 Col. Argentina Ponente Deleg. M. Hildalgo
Citt del Messico (Messico) Barilla G. e R. Fratelli Societ
Societ di produzione e commercializzazione MXN 227.348.096 42,50 per Azioni - Socio Unico 50,00
Serpasta S.A. de C.V.
Calzada San Bartolo Naucalpan
360 Col. Argentina Ponente Deleg. M. Hildalgo Barilla G. e R. Fratelli Societ
Citt del Messico (Messico) per Azioni - Socio Unico 0,05
Societ di produzione e commercializzazione MXN 2.050.000 42,50 Barilla Mexico S.A. de C.V. 99,90
Barilla Singapore PTE. Ltd.
27 Kreta Ayer Road Singapore (Singapore) Barilla G. e R. Fratelli Societ
Societ di commercializzazione SGD 1.000.000 85,00 per Azioni - Socio Unico 100,00
Barilla (SHANGHAI) Trading Company Ltd
Room 830-838, Floor 8, Central Plaza n.381, Middle
Huai Road, Huangpu District Shanghai (Cina)
Societ di commercializzazione USD 6.120.000 85,00 Barilla Singapore PTE. Ltd. 100,00
Barilla Middle East FZE
Office No. LB191803, Jebel Ali Dubai
(Emirati Arabi)
Societ di commercializzazione AED 1.000.000 85,00 Barilla Singapore PTE. Ltd. 100,00
Barilla Espana S.L.
Zurbano 43 Madrid (Spagna) Barilla G. e R. Fratelli Societ
Societ di commercializzazione EURO 3.100 85,00 per Azioni - Socio Unico 100,00
Barilla Canada Inc.
26 Yonge Street Toronto (Canada) Barilla G. e R. Fratelli Societ
Societ di commercializzazione USD 10.000 85,00 per Azioni - Socio Unico 100,00
Barilla Gida A.S.
Askent sokak n.3A Kosifler Plaza D 11Atasehir
Istanbul (Turchia) Barilla G. e R. Fratelli Societ
Societ di produzione e commercializzazione TRY 2.940.000 85,00 per Azioni - Socio Unico 100,00
Barilla Switzerland A.G.
Zugerstrasse 76B Baar (Svizzera)
Societ di commercializzazione CHF 1.000.000 85,00 Barilla Netherlands B.V. 100,00
Barilla Sverige AB
PO BOX 6722, 113 85 Stoccolma (Svezia) Barilla G. e R. Fratelli Societ
Societ di produzione e commercializzazione SEK 5.000.000 85,00 per Azioni - Socio Unico 100,00
Barilla Norge AS
Sandvikavegen 55 Ottestad (Norvegia)
Societ di commercializzazione NOK 1.950.000 85,00 Barilla Sverige AB 100,00
Barilla Danmark A/S
c/o Mazanti-Andersen, Kors Jensen & Partnere
Amaliegade 10 Copenaghen (Danimarca)
Societ di commercializzazione DKK 500.000 85,00 Barilla Sverige AB 100,00
Barilla Poland Sp. Z.o.o.
Ul. Poleczki. 23 Varsavia (Polonia)
Societ di commercializzazione PLN 29.050.004 85,00 Barilla Sverige AB 100,00
Barilla Deutschland GmbH
Gustav-Heinemann-Ufer 72 c Colonia (Germania)
Societ di produzione e commercializzazione EURO 51.100 85,00 Barilla Sverige AB 100,00
Barilla Australia PTY Ltd
c\o Norton rose Australia, level 16, 225 George
Street Sydney (Australia) Barilla G. e R. Fratelli Societ
Societ di commercializzazione AUD 26.050.000 85,00 per Azioni - Socio Unico 100,00
Barilla Netherlands B.V.
Lange Dreef. 13i Vianen (Olanda) Barilla G. e R. Fratelli Societ
Societ di commercializzazione EURO 18.000 85,00 per Azioni - Socio Unico 100,00

77
Denominazione, sede e attivit Valuta Capitale % possesso Tramite %
sociale del Gruppo
(valori
puntuali)
Barilla Adriatik d.o.o.
Traka cesta. 315 Lubiana (Slovenia) Barilla G. e R. Fratelli Societ
Societ di commercializzazione EURO 50.000 85,00 per Azioni - Socio Unico 100,00
Barilla Hrvatska D.o.o.
Radnicka cesta 39 Zagabria (Croazia) Barilla G. e R. Fratelli Societ
Societ di commercializzazione HRK 75.200 85,00 per Azioni - Socio Unico 100,00
Barilla America N.Y. Inc.
Livington County New York, NY (USA) Barilla G. e R. Fratelli Societ
Societ di produzione e commercializzazione USD 1.000 85,00 per Azioni - Socio Unico 100,00
Harrys CIS LLC
Butyrski Tupik 1 Solnechnogorsk Mosca (Russia) Barilla G. e R. Fratelli Societ
Societ di produzione e commercializzazione RUB 500.000.000 85,00 per Azioni - Socio Unico 100,00
Barilla France SAS
30 Cours de lle Seguin Boulogne Billancourt
(Francia) Barilla G. e R. Fratelli Societ
Societ di produzione e commercializzazione EURO 126.683.296 85,00 per Azioni - Socio Unico 100,00
Harrys Restauration SAS
72 Route de Chauny Gauchy (Francia)
Societ di produzione e commercializzazione EURO 153.000 85,00 Barilla France SAS 100,00
Barilla Belgium S.A.
9 Boulevard de France Braine-lAlleud (Belgio) Barilla Netherlands B.V. 71,20
Societ di commercializzazione EURO 693.882 85,00 Barilla France SAS 28,80

78
Allegato 2 - Elenco delle societ collegate e delle altre societ del Gruppo

Denominazione. sede e attivit Valuta Capitale % pos- Tramite %


sociale sesso del
(valori pun- Gruppo
tuali)

BRW S.p.A.
Via Savona 16 Milano (Italia) Barilla G. e R. Fratelli Societ
Societ di produzione cinematografica EURO 6.306.121 24,65 per Azioni - Socio Unico 29,000
Fiere di Parma S.p.A.
Via delle Esposizioni 393A, Baganzola
Parma (Italia) Barilla G. e R. Fratelli Societ
Societ di gestione fiere EURO 25.401.010 0,2391 per Azioni - Socio Unico 0,2814
C.E.P.I.M.
Piazza Europa 1, Fontevivo Parma (Italia) Barilla G. e R. Fratelli Societ
Societ di gestione magazzini EURO 6.642.928 0,323 per Azioni - Socio Unico 0,380
Immobiliare Caprazucca S.p.A.
Strada al Ponte Caprazucca 6 Parma (Italia) Barilla G. e R. Fratelli Societ
Societ di compravendita immobiliare EURO 7.517.948 0,00002 per Azioni - Socio Unico 0,00003
SI.GRA.D. Scrl
Piazza Annibaliano 18 Roma (Italia) Barilla G. e R. Fratelli Societ
Consorzio di ricerca agro-alimentare EURO 40.000 2,125 per Azioni - Socio Unico 2,500
SOGEAP - Aeroporto di Parma
Societ per la gestione S.p.A.
Via Ferretti Licinio 50/A Parma (Italia) Barilla G. e R. Fratelli Societ
Altro, gestione aeroporto EURO 20.456.100 1,3005 per Azioni - Socio Unico 1,530
Pallino Pastaria Company
1207 208th Avenue S.E. Sammamish WA (USA)
Societ di produzione e commercializzazione USD 501.500 9,401 Barilla America Inc. 11,060
Italia del Gusto - Consorzio Export
La gastronomia di marca
Via delle Esposizioni 393A, Baganzola
Parma (Italia) Barilla G. e R. Fratelli Societ
Societ di commercializzazione EURO 90.000 2,363 per Azioni - Socio Unico 2,780
COMIECO
Via Litta Pompeo 5 Milano (Italia) Barilla G. e R. Fratelli Societ
Altro EURO 1.291.000 0,032 per Azioni - Socio Unico 0,037
CO.NA.I.
Via Tomacelli 132 Roma (Italia) Barilla G. e R. Fratelli Societ
Altro EURO 13.625.007 0,077 per Azioni - Socio Unico 0,090
FASTIGHETSAKTIEBOLAGET TAREDOM
Pumpgatan 5 Karlstad (Svezia)
Altro SEK 796.700 0,17 Barilla Sverige AB 0,200
STOREBRAND ABA
Professor Kohts vei 9 Lysaker (Norvegia)
Altro NOK 2.250.000.000 0,0002 Barilla Norge AS 0,0003
TGKERIET I BERGSLAGEN AB
Kristinehamn (Svezia)
Altro SEK 3.000.000 8,50 Barilla Sverige AB 10,000

79
Allegato 3 - Tassi di cambio

I principali tassi di cambio utilizzati per la conversione dei bilanci consolidati sono i seguenti:
Valuta

Valuta cambio cambio


medio 2015 al 31 dicembre 2015
AUD Dollaro Australia 1,478 1,490
AED Dirham Emirati Arabi 4,073 3,997
BRL Real Brasile 3,700 4,312
CAD Dollaro Canada 1,419 1,512
CHF Franco Svizzera 1,068 1,084
CNY Yuan - Cina 6,973 7,061
DKK Corona Danimarca 7,459 7,463
HRK Kuna - Croazia 7,614 7,638
JPY Yen - Giappone 134,314 131,070
MXN Peso Messico 17,616 18,915
NOK Corona Norvegia 8,950 9,603
PLN Zloty Polonia 4,184 4,264
RUB Rublo Russia 68,072 80,674
SEK Corona Svezia 9,353 9,190
TRY Lira Turchia 3,025 3,177
USD Dollaro USA 1,110 1,089

80
Barilla diventa main sponsor delle nazionali italiane
di pallacanestro (senior e giovanili, maschili e femminili)
Paolo Barilla (Vicepresidente) al centro della Nazionale italiana maschile.

81
Relazione della Societ di revisione

82
83
Informazioni legali
e contatti

Barilla Holding - Societ per Azioni

Sede legale e amministrativa


Via Mantova, 166 - 43122 Parma, Italia

Capitale sociale: euro 131.000.000,00 i.v.


Registro imprese di Parma, Codice fiscale
e P. IVA n. 02068780341
REA di Parma n. 208304

Tel. +39 0521 2621


Fax +39 0521 270621
relazioniesterne@barilla.com
www.gruppobarilla.it
www.barillagroup.com

Foto archivio Barilla


Stefano Zardini

Redazione e impaginazione
Studio Norma (Parma - Italia)

Stampa
Grafiche Step (Parma - Italia)

84
Bilancio 2015
Barilla