Sei sulla pagina 1di 124

AG G I O R N A M E N TO lu g l io 2 017

Guida alla Norma CEI 64-8


Soluzioni per impianti residenziali
3

Sommario

005013 La Norma CEI 64-8

015020 Dal punto di consegna


al centralino

021035 Il centralino

037067 Dotazione degli impianti

069099 Esempi di impianti a vari livelli

101105 Ricarica domestica delle auto


elettriche

107115 Nuova parte 8 sull'efficienza


energetica

117122 Le principali attivit introdotte


con le varianti V3 e V4
Licona identifica il suggerimento ABB
e guida linstallatore verso la scelta
della soluzione migliore.
5

La Norma CEI 64-8


Aggiornamento
Luglio 2017

006007 L'evoluzione nel corso degli anni

008 I livelli di prestazione


dellimpianto elettrico

009 La potenza impegnabile

010013 I tre livelli dellimpianto:


dotazione minima
6 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

La Norma CEI 64-8


L'evoluzione nel corso degli anni
La Norma CEI 64-8 attualmente in vigore la VII edizione pubblicata nel 2012.
Dal 2102 la Norma ha subito aggiornamenti sia per tener conto dellevoluzione
tecnologica del settore avvenuta in questi anni sia per mantenere
lallineamento con i contenuti tecnici dei documenti internazionali ed in
particolare a quelli del TC64 del CENELEC, il Comitato europeo di normazione
elettrotecnica del quale il CEI membro.

Dal 2012 sono state introdotte 4 Varianti e una elettrico nel quadro di un approccio di gestione
nuova parte (la 8-1). dell'efficienza energetica per ottenere il miglior
servizio permanente funzionalmente equivalente
La Variante 1 (V1) alla Norma CEI 64-8 (2012) con il consumo di energia elettrica pi basso e
stata pubblicata nel 2013 e contiene le seguenti nelle condizioni di disponibilit di energia e di
modifiche principali: equilibrio economico pi accettabili. Questo
Parte 4 Sezione 442 documento fornisce prescrizioni, misure e
Protezione degli impianti contro i guasti raccomandazioni supplementari per il progetto,
tra sistemi di II e III categoria e la terra l'installazione e la verifica di tutti i tipi di impianti
Parte 5 Articolo 526.4 elettrici a bassa tensione, compresi la
relativo al corretto utilizzo delle cassette di produzione locale e l'accumulo dell'energia per
derivazione dal punto di vista termico ottimizzare l'utilizzo efficiente globale
Parte 7 Sezione 722 dell'elettricit. Queste prescrizioni e
Alimentazione dei veicoli elettrici raccomandazioni si applicano, all'interno della
Norma CEI 64 -8, agli impianti nuovi ed alla
La Variante 2 (V2) alla Norma CEI 64-8 (2012) modifica degli impianti esistenti.
stata pubblicata nel 2015 e contiene le seguenti
modifiche principali: Una nuova Variante (V3) alla Norma CEI 64-8
Parte 5 modifica allarticolo 512.1.5, relativa (2012) stata pubblicata a marzo 2017 dopo una
agli obblighi di consegna documentazione seconda inchiesta pubblica (terminata il
tecnica, se richiesta, al committente da parte 30 Gennaio 2017) e contiene le seguenti
dellimpresa installatrice modifiche principali:
Parte 5 nuova Sezione 557 Circuiti ausiliari
Parte 7 modifica all'articolo 701.55, relativa Parte 4
alla corretta installazione di apparecchi elettrici Prescrizioni per la sicurezza
nei bagni, in funzione della zona 1. Capitolo 42. Protezione contro gli effetti
Parte 7 nuova Sezione 710 Locali medici termici Sezione 422 Protezione contro gli
incendi
Nel mese di agosto 2016 stata pubblicata la Nuovo articolo 422.7. Raccomandazioni relative
nuova parte 8-1 Efficienza energetica degli al possibile utilizzo di un dispositivo di
impianti elettrici della Norma CEI 64-8 (2012) che rilevazione del guasto darco (AFDD) in circuiti
recepisce lequivalente documento Cenelec HD finali nei luoghi a maggior rischio in caso di
60364-8-1. incendio (sez. 751) e nei luoghi soggetti a
La parte 8-1 tratta le prescrizioni e le vincolo artistico/monumentale e/o destinati
raccomandazioni per il progetto di un impianto alla custodia di beni insostituibili.
7

Parte 5 Parte 7
Scelta ed installazione dei componenti elettrici Ambienti ed applicazioni particolari
1. Capitolo 53 Dispositivi di protezione, 1. Sezione 714 Impianti di illuminazione situati
sezionamento e comando allesterno
Prescrizioni generali per il sezionamento, la Prescrizioni particolari per la scelta e
protezione, il comando ed il controllo nonch le linstallazione degli apparecchi e degli impianti
prescrizioni per la scelta e linstallazione dei di illuminazione che fanno parte di un impianto
dispositivi destinati a tali funzioni fisso situato all'esterno
2. Sezione 551 Gruppi generatori a bassa 2. Sezione 715 Impianti di illuminazione a
tensione bassissima tensione
Prescrizioni per la scelta e linstallazione dei Prescrizioni particolari per gli impianti di
gruppi generatori a bassa tensione e a illuminazione a bassissima tensione alimentati
bassissima tensione destinati ad alimentare, in ad una tensione nominale massima di 50 V
modo continuo od occasionale, tutto limpianto in c.a. o 120 V in c.c.
o parte di esso. 3. Sezione 753 Sistemi di riscaldamento per
3. Sezione 559 Apparecchi e impianti di pavimenti e soffitti
illuminazione Prescrizioni particolari per i sistemi di
Prescrizioni particolari per la scelta ed riscaldamento elettrici integrati per il
installazione degli apparecchi di illuminazione e riscaldamento di superficie, applicabili anche ai
degli impianti di illuminazione destinati a far sistemi di riscaldamento elettrici per lo
parte di un impianto. scongelamento o la prevenzione del gelo o per
4. Capitolo 57 Coordinamento dei dispositivi di applicazioni simili.
protezione, sezionamento, manovra e
comando La Variante 4 (V4) alla Norma CEI 64-8 (2017) e in
Prescrizioni per la scelta e linstallazione dei vigore dal 1 giugno 2017. La Variante 4 disciplina
dispositivi elettrici per la protezione, il la scelta dei cavi elettrici destinati ad essere
sezionamento, la manovra ed il comando incorporati in modo permanente in opere di
(dispositivi elettrici e assiemi) in relazione al costruzione o in parti di esse.
coordinamento.
8 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

La Norma CEI 64-8


I livelli di prestazione dellimpianto
elettrico
La classificazione in base alle prestazioni Il primo livello quello base, obbligatorio per la
01 Tabella dei 3 livelli
previsti dalla Norma dellimpianto conformit dellimpianto alla NormaCEI 64-8.
Nel Capitolo 37 - Ambienti residenziali. Questo livello di base garantisce allutilizzatore un
Prestazioni dellimpianto presente la impianto non solo sicuro, ma anche con un livello
classificazione per livelli degli impianti elettrici funzionale sufficiente.
nelle abitazioni, in relazione alle prestazioni I livelli due e tre, non obbligatori, hanno lo scopo
dellimpianto e al numero di circuiti terminali. di valorizzare impianti con prestazioni pi elevate
I livelli secondo cui devono essere classificati gli del minimo necessario e offrono la possibilit di
impianti sono 3; ciascun livello contraddistinto classificare limpianto di maggiore pregio,
da una dotazione funzionale minima e da una analogamente a quanto avviene gi per gli
suddivisione minima dei circuiti terminali, impianti termici, dove il parametro di riferimento
entrambe in funzione della metratura il risparmio energetico.
dellappartamento. La scelta del livello Il livello due pi elevato del livello uno e prevede
prestazionale oggetto di accordo fra prestazioni maggiori come, ad esempio, un
committente e impiantista/progettista ed numero maggiore di prese di corrente e di circuiti,
consigliabile che sia riportata nella il videocitofono e il controllo dei carichi elettrici.
documentazione allegata alla Dichiarazione di Il terzo livello indica un impianto innovativo di
Conformit alla Regola dellArte rilasciata pregio e prevede, fra laltro, anche le funzioni
dallimpresa installatrice (ai sensi del DM 37/08). domotiche.

Livello 3
Il terzo livello indica un impianto innovativo di pregio e prevede,
fra laltro, anche le funzioni domotiche.

Livello 2
Prevede prestazioni maggiori come un numero maggiore
di prese di corrente e di circuiti,
il videocitofono e il controllo dei carichi elettrici.

Livello 1
Minimo obbligatorio per la conformit
alla NormaCEI 64-8 garantisce
allutilizzatore un impianto
non solo sicuro, ma anche
con un livello funzionale
sufficiente


01
L a Norma CEI 6 4 - 8 9

La Norma CEI 64-8


La potenza impegnabile

La potenza impegnabile in funzione della Superficie abitazione Potenza impegnabile


02 Bisogna considerare
solo la superficie superficie
< 75 m2 3 kW - 4,5 kW - 6 kW o superiore
calpestabile, escludendo Secondo la Norma CEI 64 -8, la superficie
dalla metratura eventuali < 75 m2 6 kW o superiore
pertinenze come abitativa, insieme al livello prestazionale
box o giardino prescelto, la potenza impegnabile, cio la potenza
A seconda della superficie calpestabile
per la quale dimensionato limpianto, diventa il
linstallatore deve predisporre limpianto per
parametro per la definizione del minimo numero
accettare almeno le potenze impiegabili indicate
di circuiti e delle altre dotazioni minime
dalla Norma. La potenza minima richiesta dalla
obbligatorie. La superficie da considerare
norma indipendente dal contratto che lutente
quella calpestabile, espressa in metri quadrati,
stipuler con il Distributore di energia elettrica.
escludendo dalla metratura eventuali pertinenze
In questo modo si d la possibilit allutente di
dellabitazione, come box o giardino.
richiedere al suo Distributore di energia un
incremento di potenza impegnabile fino al suo
massimo valore possibile, senza modificare
Nella Norma CEI 64-8 prescritto limpianto. Ad esempio, per ununit abitativa
che gli impianti elettrici delle superiore a 75 m2, occorre che il montante sia
dimensionato almeno per una corrente
abitazioni siano dimensionati per corrispondente a 6kW e il centralino sia gi
una potenza impegnabile di adeguato a 6kW, anche se lutente ha un
contratto da 3 kW.
almeno 3 kW, in unit abitative La potenza disponibile oggetto di accordo fra
sino a 75 m2, e di 6 kW per committente e impiantista/progettista
(comunque non deve essere inferiore a quanto
superfici superiori, prescritto come minimo) e dovrebbe essere
indipendentemente dal livello sempre indicata nella documentazione allegata
alla Dichiarazione di Conformit alla Regola
prestazionale. dellArte rilasciata dallimpresa installatrice.


02
10 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

La Norma CEI 64-8


I tre livelli dellimpianto:
dotazione minima
Livello 1 1)
Dotazione dispositivi di sezionamento
e protezione per ogni unit abitativa Superificie unit abitativa
Interruttore generale centralino
A 50 m2 2
50 m2 < A 75 m2 3
Numero minimo dei circuiti (esclusi eventuali circuiti destinati
allalimentazione di scaldacqua, caldaie, condizionatori, 75 m2 < A 125 m2 4
estrattori ed esclusi anche circuiti di box, cantina e soffitte) 2) A > 125 m2 5
Numero minimo di interruttori differenziali
su cui suddividere i circuiti 3) 2

SPD allarrivo linea se necessari


Protezione contro le sovratensioni (SPD) secondo CEI 81-10 per rendere tollerabile il rischio 1
e CEI 64-8 Sezione 534 4) (rischio di perdita di vite umane)
Dotazione lampade anti black-out per ogni unit abitativa 5) Superificie unit abitativa
A 100 m2 1
A > 100 m2 2
Dotazioni prese e illuminazione dimensione punti presa punti prese
per ambiente 6) locale energia luce radio/TV
8 m2 < A 12 m2 4 [1]* 1 1

Per tutti i locali, ad esclusione di quelli 12 m2 < A 20 m2 5 [2]* 1 1


sotto elencati (ad es. soggiorno, studio, ) A > 20 m2 6 [3]* 2 1
8 m2 < A 12 m2 3 [1]* 1 1
12 m2 < A 20 m2 4 [2]* 1 1
Camere da letto A > 20 m2 5 [3]* 2 1
Ingresso 1 1
Angolo cottura (di cui su piano di lavoro) 2 (1)
Locale cucina (di cui su piano di lavoro) 5 (2) 1 1
Lavanderia (locale lavatrice) 3 1
Locale da bagno o doccia con attacco lavatrice 2 2
Locale da bagno o doccia senza attacco lavatrice 1 2
Locale servizi (WC) 1 1
5m 1 1
Corridoio >5m 2 2
Balcone / terrazzo 10 m2 1 1
Ripostiglio 1 m2 - 1
Cantina/ soffitta 1 1
Box auto 1 1
Giardino 10 m2 1 1

* il valore indicato tra parentesi [ ] indica il numero di punti presa che possono essere spostati da un locale
allaltro purch non vari la somma totale dei punti presa previsti per labitazione.
1) Minimo obbligatorio per la conformit alla Norma 64-8
2) V edi sezione Il numero minimo di circuiti a pagina 27
3) V edi sezione Gli interruttori differenziali a pagina 25
4) Vedi sezione La protezione contro le sovratensioni a pagina 28
5) V edi sezione Requisiti per illuminazione di sicurezza a pagina 50
6) V edi sezione Requisiti per i punti di comando e di prelievo energia a pagina 4 4
L a Norma CEI 6 4 - 8 11

Livello 2 Livello 3 Le dotazioni in base al livello dellimpianto


Le dotazioni minime previste per i tre livelli sono
riepilogate nella seguente tabella.
Le prescrizioni del Capitolo 37 - Ambienti
3 3 residenziali. Prestazioni dellimpianto si
3 4 applicano agli impianti elettrici realizzati in edifici
5 5 di nuova costruzione e ai rifacimenti completi di
6 7 impianti elettrici esistenti, eseguiti in occasione
di ristrutturazioni edili delledificio.
2 2
SPD nellimpianto ai fini della protezione Nel caso di rifacimenti di impianti in
SPD allarrivo linea se necessari contro le sovratensioni impulsive,
per rendere tollerabile il rischio 1 oltre a quanto stabilitoper i livelli 1 e 2
appartamenti facenti parte di un condominio,
(rischio di perdita di vite umane) (protezione degli apparecchi) i requisiti relativi al citofono/videocitofono e
prese TV, non si applicano se incompatibili con gli
2 2 impianti condominiali esistenti.
3 3 Per le dotazioni elettroniche (TV, telefonia-dati,
punti presa punti prese punti presa punti prese domotica, antintrusione), se affidate ad altra
energia luce radio/TV energia luce radio/TV impresa, linstallatore elettrico si limiter alla loro
5 2 1 5 2 1 predisposizione (canalizzazioni, scatole).
7 2 1 8 3 1
8 3 1 10 4 1
4 2 1 4 3 1
6 2 1 7 3 1
7 4 1 9 4 1
1 1 1 1
2 (1) 1 3 (2) 1
6 (2) 2 1 7 (3) 2 1
4 1 4 1
2 2 2 2
1 2 1 2
1 1 1 1
1 1 1 1
2 2 2 2
1 1 1 1
- 1 - 1
1 1 1 1
1 1 1 1
1 1 1 1
12 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

La Norma CEI 64-8


I tre livelli dellimpianto:
dotazione minima
Livello 1 1)
Dotazione prese telefono e/o dati per ogni unit Superificie unit abitativa
A 50 m2 1
50 m2 <A 100 m2 2
A > 100 m2 3
Dotazioni apparecchi ausiliari per unit abitativa
Campanello
Citofono (o videocitofono)
Videcitofono
Dispositivo controllo carichi
Allarme anti intrusione
Impianto domotico 7)

1) Minimo obbligatorio per la conformit alla Norma 64-8


7) Vedi sezione Funzioni domotiche a pagina 53
L a Norma CEI 6 4 - 8 13

Livello 2 Livello 3

1 1
2 3
3 4

(integrabile nel sistema domotico)


(integrabile nel sistema domotico)
15

Dal punto di consegna


al centralino

016017 Il montante

018 La scelta dellinterruttore alla


base del montante

020 Lapplicazione della Norma nella


realizzazione del montante
16 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

Dal punto di consegna al centralino


Il montante
Il montante quel tratto di conduttura che collega il gruppo di misura,
di propriet del Distributore, con il quadro elettrico dellimpianto
posto nellabitazione.

Il dimensionamento del montante


01 Cavo multipolare
con guaina Con la Norma CEI 64-8 continuano a valere i noti
criteri di dimensionamento e di protezione del

02 Cavi unipolari montante a cui si aggiunge lulteriore vincolo


posti in un tubo della sezione minima pari a 6 mm2.
protettivo isolante Come realizzare il montante
consigliabile che il montante sia realizzato
senza masse (cio in doppio isolamento o
La Norma CEI 64-8 chiede isolamento equivalente). In questo modo, infatti,
che la sezione minima del il montante risulter per costruzione protetto dai
contatti indiretti e, quindi, non sar necessario
montante deve essere non alcun interruttore differenziale alla sua base.
inferiore a 6mm2. Ci si pu ottenere semplicemente utilizzando
per il montante cavi unipolari posti in un unico
La protezione del montante con masse tubo protettivo isolante, oppure cavi multipolari
Qualora il montante non sia realizzato senza con guaina (questi posti anche in un tubo
masse (doppio isolamento o isolamento metallico o su passerella metallica), alloggiati
equivalente), occorre installare un interruttore anche con altri montanti nello stesso tubo
differenziale alla sua base per garantire la (si veda CEI 64-8, art. 413.2.4).
protezione dai contatti indiretti.


La Norma CEI 64-8 prescrive
che tale eventuale interruttore
differenziale sia selettivo nei
confronti di tutti gli interruttori
differenziali situati a valle.


01 02
D al punto di c o nse g na al cent r alin o 17

La caduta di tensione sul montante Linterruttore alla base del montante


La sezione del montante deve essere scelta non
solo tenendo conto della portata in relazione alla

potenza dellimpianto, ma anche considerando la La Norma CEI 0-21 Regola tecnica
caduta di tensione, in base alla sua lunghezza.
di riferimento per la connessione
di utenti attivi e passivi alle reti BT
Una pratica consigliata quella di delle imprese distributrici di
prevedere una caduta di tensione energia elettrica ammette che la
lungo il montante non superiore protezione da cortocircuito del
al 2% circa, in modo che, montante possa essere ottenuta
ipotizzando unulteriore caduta di tramite leventuale interruttore
tensione nellimpianto domestico magnetotermico di fornitura,
di un altro 2%, la caduta totale dal presente nel contatore stesso
punto di consegna ai diversi (di solito, un interruttore
apparecchi utilizzatori non superi magnetotermico C63), purch
il 4% (cos come raccomandato siano soddisfatte alcune
dalla norma CEI 64-8). condizioni (CEI 0-21, art. 7.4.6.1).

Negli edifici di nuova costruzione consigliabile Dato che difficile verificare lidoneit di tale
un po di margine nel dimensionamento del interruttore alla protezione da cortocircuito nei
montante, al fine di facilitare successivi diversi casi pratici e in considerazione del fatto
incrementi della potenza installata senza la che il Distributore non tenuto a garantire il
necessit, nel limite del possibile, di dover funzionamento di tale protezione, consigliabile
sostituire il montante per passare ad una sezione installare, in ogni caso, un interruttore
superiore, operazione a volte complessa, se non magnetotermico dedicato alla protezione da
addirittura impossibile. cortocircuito del montante, posto a breve
distanza dal contatore.
18 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

Dal punto di consegna al centralino


La scelta dellinterruttore alla base
del montante
Il dimensionamento della protezione dimensionamento e di protezione da
01 Interruttore
magnetotermico S201Na Delegando la protezione da sovraccarico del cortocircuito del montante tramite interruttori
montante allinterruttore posto nel centralino, si magnetotermici ABB posti alla sua base.
pu dimensionare la protezione alla base del Questi esempi mantengono una caduta di
montante considerando unicamente il tensione del 2% sul montante (rimanendo nel
cortocircuito (ad eccezione di montanti posti in limite di lunghezza massima indicata) e tengono
luoghi a maggior rischio in caso di incendio, nel conto anche della possibilit offerta dai moderni
qual caso anche la protezione da sovraccarico contatori elettronici di prelevare, per un certo
deve essere posta subito a valle del contatore). tempo, una potenza superiore a quella
La seguente tabella fornisce esempi di contrattuale (potenza di picco).

Potenza impegnabile kW 3 3 4,5 4,5 6 6 6


Lunghezza massima m 35 57 23 39 17 29 45
Sezione del montante mm2 6 10 6 10 6 10 16
Curva e In C16, C20, C16, C20, C32, C40,
dellinterruttore C25, C32, C25, C32, C25, C32, C25, C32, C32, C40, C50, C63,
di protezione C40 C40, C50 C40 C40, C50 C32,C40 C50 C80

Ai fini della scelta del potere dinterruzione del Si consiglia, quindi, di prevedere in ogni caso, alla
primo interruttore dellutente, la Norma CEI 0-21 base del montante, un interruttore avente un
Regola tecnica di riferimento per la connessione potere dinterruzione non inferiore a 6kA, se
di utenti attivi e passivi alle reti BT delle imprese monofase, ed a 10kA, se trifase. La protezione da
distributrici di energia elettrica (art. 5.1.3) sovraccarico del montante, invece, si pu
prescrive che il valore della corrente di ottenere tramite un interruttore magnetotermico
cortocircuito da considerare ai morsetti del posto allingresso del quadro dellabitazione
contatore : (purch non sia posto in luoghi a maggior rischio
6 kA, per le utenze monofase; in caso di incendio e, ovviamente, lungo il
10 kA, per le utenze trifase sino a 33kW di montante non siano presenti derivazioni o prese
potenza disponibile. intermedie).


01
D al punto di c o nse g na al cent r alin o 19

Si ricorda che, ai fini della protezione da Affinch linterruttore differenziale posto alla
sovraccarico, non ammesso utilizzare gli base del montante garantisca la protezione dai
eventuali dispositivi di limitazione della potenza contatti indiretti, la sua corrente differenziale
(DLP), siano essi elettronici o elettromeccanici, di dintervento In deve essere coordinata con la
propriet del Distributore. , quindi, necessario resistenza RE dellimpianto di terra delledificio,
che linstallatore/progettista provveda ai rispettando la relazione (CEI 64-8, art. 413.1.4):
dispositivi di protezione senza tenere conto del
limite contrattuale di potenza (di cui, per altro, RE In 50 V
lutente pu chiedere un innalzamento con una
semplice telefonata al Distributore). La seguente tabella fornisce utili esempi di
A tal proposito si rimanda al capitolo coordinamento fra interruttore differenziale e
Il centralino a pagina 21. resistenza di terra:

In A 0,1 0,3 0,5 1

Qualora fosse necessario RE 500 166 100 20

installare un interruttore Ci si pu realizzare utilizzando alla base del


differenziale alla base del montante un interruttore magnetotermico
differenziale ABB di tipo S, con corrente
montante (ad esempio, in caso di differenziale di intervento In, per esempio,
dubbio della presenza di masse), di 0,3A (purch coordinata con la resistenza RE
dellimpianto di terra delledificio).
la Norma CEI 64-8 prescrive che Sulla selettivit fra interruttori differenziali si
esso sia selettivo nei confronti di veda il successivo capitolo Il centralino
a pagina 21.
tutti gli interruttori differenziali
situati a valle.
20 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

Dal punto di consegna al centralino


Lapplicazione della Norma nella
realizzazione del montante
La realizzazione pratica del montante
01 Esempio di linea
montante Non ammesso realizzare un montante di sezione
con masse e inferiore a 6 mm2, oppure installare un
protezione errata
interruttore solo magnetotermico a protezione
02 Esempio di linea del montante con masse subito dopo il contatore.
montante
con masse e
protezione secondo
la Norma CEI 64-8


01 02

Gruppo Gruppo
di misura di misura
Montante (< 6 mm2)

Montante ( 6 mm2)

Max 3 m Max 3 m

Protezione dal Interruttore


cortocircuito magnetotermico
del montante. differenziale
SN201/S201Na selettivo
Interruttore (DDA202+S202)
magnetotermico
21

Il centralino

022023 La scelta del centralino

024 Linterruttore generale

025026 Gli interruttori differenziali

027 Il numero minimo di circuiti

028 La protezione contro le


sovratensioni

029035 Realizzare il centralino


applicando la Norma
22 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

Il centralino
La scelta del centralino
Il centralino domestico rappresenta il cuore dellimpianto elettrico
e deve essere dimensionato anche in funzione di un possibile
ampliamento con apparecchiature conformi alla Norma.

La possibilit di ampliare il centralino Le prescrizioni riportate valgono anche per


01 Il centralino deve
essere dimensionato Bisogna prevedere sufficenti moduli eventuali altri quadri secondari.
con il 15% di spazio per lampliamento del centralino
libero con un minimo Numero moduli centralino 12 24 36
di 2 moduli

Numero moduli vuoti 2 4 6


02 Il conduttore di
protezione principale Il quadro elettrico dellabitazione,
deve raggiungere
direttamente il comunemente detto centralino,
centralino
deve essere dimensionato con un
15% di spazio libero a disposizione
(per eventuali futuri ampliamenti),
si deve considerare un numero
minimo di due moduli.


01
I l cent r alin o 23

Il conduttore di terra principale nel centralino


Questa nuova prescrizione stata inserita al fine
Il conduttore di protezione di permettere unefficace installazione dei
principale, cio quello che collega limitatori di sovratensione (SPD) (sui limitatori di
tensione e sulla loro corretta installazione vedi la
limpianto di terra delledificio con sezione: La protezione contro le sovratensioni
labitazione, deve raggiungere a pagina 28.

direttamente il centralino:
quello principale di arrivo se sono
pi di uno.

Centralino
nellappartamento

Impianto di terra
delledificio

02
24 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

Il centralino
Linterruttore generale
Linterruttore generale deve essere identificato chiaramente
per essere subito visibile anche allutente.

Per semplificare al massimo la funzionalit del


centralino, linterruttore generale deve essere
La Norma CEI 64-8 prescrive identificato chiaramente, per consentire
linstallazione di un interruttore unimmediata localizzazione a chiunque ne abbia
accesso.
generale nel quadro
dellappartamento posto in una La disponibilit di un interruttore generale
consente, tramite ununica operazione, di
posizione facilmente accessibile togliere tensione in tutta la casa. Lutente in
allutente (nel quadro principale di questo modo pu, con ununica manovra, togliere
tensione a tutto limpianto identificando subito
arrivo se sono pi di uno). lapparecchio su cui agire anche in presenza di pi
apparecchi.
Linterruttore generale del centralino
Il centralino il cuore dellimpianto elettrico di
una abitazione ed accessibile anche a coloro che
non sono persone addestrate, come potrebbero
essere gli utenti dellabitazione. Per questo
motivo bisogna rivolgere particolare attenzione
ai requisiti che devono avere le apparecchiature
installate.
I l cent r alin o 25

Il centralino
Gli interruttori differenziali
Gli interruttori differenziali sono gli apparecchi che garantiscono
la sicurezza delle persone.


Il Capitolo 37 - Ambienti La Norma CEI 64-8 consiglia
residenziali. Prestazioni lutilizzo di interruttori
dellimpianto della Norma differenziali di tipo A
CEI 64-8 prescrive la suddivisione per i circuiti che alimentano:
in parallelo dei circuiti terminali - lavatrici;
dellabitazione su almeno due - condizionatori fissi.
interruttori differenziali. La tipologia degli interruttori differenziali
Gli interruttori differenziali di tipo A sono adatti a
Il numero minimo di interruttori differenziali
rilevare indifferentemente sia correnti
importante garantire la continuit del servizio
differenziali di tipo alternato, sia correnti
con un numero minimo di interruttori
differenziali di tipo unidirezionale pulsante, che si
differenziali, cos, in caso di guasto, almeno una
possono avere con alcuni apparecchi dotati di
parte dellimpianto rester sempre attiva.
circuiti elettronici di potenza.

La selettivit orizzontale
La massima selettivit orizzontale, ovviamente, si
ottiene utilizzando un interruttore differenziale
Al fine di garantire unadeguata
separato per ogni circuito, cio installando per la continuit di servizio, la Norma
protezione dei circuiti terminali interruttori
magnetotermici differenziali, che, in un unico
CEI 64-8 raccomanda lutilizzo di
apparecchio, abbinano la protezione da interruttori differenziali ad elevata
sovracorrente a quella differenziale. In questo
modo, un guasto su un apparecchio o su una
immunit contro gli scatti
parte dellimpianto, non avr effetti su nessun intempestivi, e/o di interruttori
altro circuito, garantendo la massima continuit
di servizio.
differenziali dotati di dispositivi
di riarmo automatico.

Fra gli interruttori ad aumentata resistenza contro gli scatti intempestivi


(che non vanno confusi con gli interruttori di tipo A comuni), la gamma ABB
contiene gli interruttori differenziali APR, disponibili in numerose varianti.
26 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

Il centralino
Gli interruttori differenziali

01 Esempio di selettivit
Infatti, la Norma prescrive che leventuale
interruttore differenziale posto alla base del
verticale su guasto
differenziale
La Norma CEI 64-8 rende montante, sia totalmente selettivo nei confronti
obbligatoria la selettivit fra gli di tutti gli interruttori differenziali posti a valle
di esso.
interruttori differenziali. Per linterruttore generale del quadro (quello
posto nellabitazione), qualora sia di tipo
La selettivit verticale obbligatoria tra gli
differenziale, sono possibili due alternative:
interruttori differenziali
Per un maggiore comfort diventa importante
utilizzare un interruttore differenziale selettivo;
separare opportunamente i carichi: la selettivit
utilizzare un interruttore differenziale dotato
verticale la condizione di coordinamento fra due
di dispositivo di richiusura automatica
interruttori differenziali collegati in serie in modo
(es. F2C-ARH greenlight), che per non
che, in caso di guasto, sul sottocircuito a valle di
garantisce la continuit di servizio, ma solo il
entrambi di essi, solo linterruttore differenziale
suo ripristino automatico.
pi a valle dei due intervenga, garantendo la
continuit di alimentazione ad altri eventuali
sottocircuiti (cfr. CEI 64 -8, articolo 536.3).

Interruttore
magnetotermico
differenziale
selettivo
0,3 A - tipo S

Interruttore
magnetotermico
differenziale

Click! 0,03 A


01
I l cent r alin o 27

Il centralino
Il numero minimo di circuiti
La Norma CEI 64-8 prescrive il numero minimo dei circuiti necessari
per le abitazioni, in base al livello prestazionale dellimpianto (1, 2 o 3) e
alla sua superficie.

Definizione di circuito La scelta dei circuiti e la suddivisione dei vari


Per circuito si intende una parte di impianto apparecchi utilizzatori non specificata nella
alimentato dal medesimo dispositivo di Norma ed lasciata alla discrezione del
sezionamento e di protezione dalle sovracorrenti, progettista/installatore.
cio, in pratica, dal medesimo interruttore
magnetotermico, oppure da un interruttore

magnetotermico differenziale, posto nel La Norma CEI 64-8 prescrive che
centralino principale o in un eventuale centralino
secondario.
gli interruttori del centralino siano
facilmente identificabili tramite,
Si parte da un impianto suddiviso in almeno due
circuiti, per le abitazioni di dimensioni minori e di
per esempio, unetichetta.
livello 1, e si segue la seguente tabella:

Numero minimo di circuiti esclusi i circuiti dedicati


Livello 1 Livello 2 Livello 3
50 m2 2 3 3
5175 m2 3 3 4
76125 m2 4 5 5
Identificazione dei circuiti
126 m2 5 6 7
Utilizzando i pratici portacartellini presenti su
molti interruttori ABB lidentificazione dei circuiti
Ad essi vanno aggiunti eventuali circuiti
risulta chiara e ordinata.
dedicati per

cantina, box;
scaldacqua, caldaia, condizionatore, estrattori.
28 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

Il centralino
La protezione contro le sovratensioni

I limitatori di sovratensione Per le comuni abitazioni, lunico elemento


01 La gamma ABB
di limitatori I limitatori di sovratensione, noti anche come SPD obbligatorio da prendere in considerazione
di sovratensione OVR (Surge Protective Devices), hanno la funzione di quello dei danni alle persone (perdita di vite
prevenire i danni dovuti alle sovratensioni causate umane: rischio R1).
dalle fulminazioni, dirette o indirette, oppure da In generale, quindi, non obbligatorio proteggere
manovre sulla rete (meno pericolose, ma pi limpianto dalle sovratensioni in grado di
frequenti). provocare unicamente perdite economiche
(rischio R4), quali, ad esempio, guasti di
apparecchi elettronici (televisori, caldaia, ecc.) o
La Norma CEI 64-8 (art. 443.3) dellimpianto elettrico stesso. Ovviamente,
auspicabile farlo ugualmente, visto che nelle
precisa che la necessit abitazioni oltre il 60% dei guasti ad
dellinstallazione degli SPD, e apparecchiature elettriche ed elettroniche
dovuto a sovratensioni atmosferiche o di rete,
degli altri eventuali dispositivi di questo soprattutto nelle aree pi soggette a
protezione dai fulmini, dipende sovratensioni (ad esempio, zone rurali o
suburbane, edifici isolati).
dalla valutazione del rischio di
fulminazione, effettuato in base
alla Norma CEI 81-10 La Norma CEI 64-8 precisa che,
(CEI EN 62305). Inoltre, la Norma per gli impianti elettrici delle
CEI 64-8 (Sezione 534) fornisce abitazioni classificati al livello 3,
prescrizioni per la corretta scelta non basta considerare il rischio di
ed installazione degli SPD. danni alle persone. Per un
impianto di livello 3, il progettista-
installatore deve garantire la
protezione anche contro le
sovratensioni in grado di causare
danni alle apparecchiature,
installando nel centralino
adeguati limitatori di
sovratensione (SPD) di tipo 2.


01
I l cent r alin o 29

Il centralino
Realizzare il centralino applicando
la Norma
La scelta dellinterruttore generale
02 Installazione
di un interruttore Linterruttore generale del centralino prescritto
magnetotermico come dalla Norma pu essere un interruttore
generale del centralino
magnetotermico, un interruttore differenziale o un
interruttore di manovra (sezionatore sotto carico).

Come interruttore generale, tuttavia evitare lintervento dellinterruttore


consigliabile installare un interruttore magnetotermico posto alla base del montante,
magnetotermico, delegando a questo la dedicato alla protezione da cortocircuito.
protezione da sovraccarico del montante. Per evitare lintervento del limitatore di energia
In questo modo si avr il vantaggio che, in caso di assorbita dellazienda elettrica, necessario
un eccessivo prelievo di potenza, scegliendo ricorrere ad altri dispositivi illustrati nel capitolo
opportunatamente gli interruttori, sar possibile La dotazione degli impianti a pagina 37.

Interruttore Interruttori
magnetotermico magnetotermici
C40 SN201 C25 e
SN201 C40

Interruttore
magnetotermico
C16/C20/C25/C32

T T


02
30 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

Il centralino
Realizzare il centralino applicando
la Norma
Tenendo conto delle tolleranze di norma, la Questa soluzione indispensabile se il centralino
01 Installazione
di un interruttore selettivit su sovraccarico fra interruttori in materiale metallico non a doppio isolamento,
magnetotermico magnetotermici si ottiene quando la corrente per garantire la necessaria protezione dai
differenziale come
generale del centralino nominale dellinterruttore alla base del montante contatti indiretti.
pari ad almeno 1,28 volte quella dellinterruttore
generale allingresso del centralino. Ad esempio,
mettendo alla base del montante un interruttore
magnetotermico C40 per la protezione da
cortocircuito della linea e, come generale del
centralino, un interruttore magnetotermico C16/
C20/C25 si ha la garanzia di selettivit in caso di
sovraccarico. Con un interruttore differenziale generale, oltre
ad aggiungere un secondo livello di protezione
Linstallazione di un interruttore magnetotermico contro i contatti indiretti, possibile alimentare
differenziale come generale del centralino, qualora direttamente alcuni carichi ad elevata priorit
un interruttore differenziale non sia gi posto alla come, ad esempio, gli impianti di allarme.
base del montante, una soluzione pi completa.

Interruttore
magnetotermico
C40

Interruttore
magnetotermico
differenziale
selettivo
C16/C20/C25/C32
0,3 A - tipo S

T T

Allarme
C6


01
I l cent r alin o 31

La suddivisione dei circuiti ridurre gli inconvenienti che potrebbero


La scelta dei circuiti e la suddivisione dei vari derivare da un guasto su una parte di impianto.
apparecchi utilizzatori non specificata nella Ad esempio, in caso di guasto sullimpianto di
Norma ed lasciata alla discrezione del condizionamento, se esso dotato di circuito
progettista/installatore. In generale si possono individuale, sar possibile escluderlo,
seguire le seguenti suddivisioni e le loro continuando ad usare il resto dellimpianto;
combinazioni: permettere il mantenimento dellalimentazione
a particolari apparecchi utilizzatori in caso di
suddivisione in circuiti separati per le prese e assenza prolungata. Ad esempio, realizzando
per lilluminazione; circuiti separati per frigorifero e congelatore,
c ircuiti suddivisi per zone; quando si lascia labitazione vuota durante le
circuiti individuali per particolari carichi vacanze, sar possibile mantenere alimentate
(frigorifero, condizionatore, impianti di allarme, solo queste utenze prioritarie e togliere
ecc.). tensione al resto dellimpianto, a vantaggio
della sicurezza dei vari apparecchi.
Gli obiettivi che si ottengono con unadeguata
suddivisione di un impianto domestico in diversi La suddivisione dei circuiti su due o pi
circuiti sono fondamentalmente i seguenti: interruttori differenziali, obbligatoria per gli
impianti di qualunque livello, serve innanzitutto a
facilitare la ricerca di eventuali guasti e la garantire la continuit di alimentazione almeno
manutenzione sullimpianto. Ad esempio, su una parte di impianto quando un guasto ha
suddividendo lilluminazione in due o pi circuiti provocato lintervento di un interruttore
(zona giorno e zona notte), sar possibile differenziale (selettivit orizzontale).
cambiare una lampadina in piena sicurezza
senza togliere la luce a tutto lappartamento,
ma solo alla zona interessata (ci presuppone
che gli interruttori del centralino siano
correttamente e chiaramente identificati
tramite etichetta!);
32 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

Il centralino
Realizzare il centralino applicando
la Norma
Inoltre, numerosi apparecchi utilizzatori
01 Interruttore
differenziale tipo APR presentano, in assenza di guasto, una piccola
corrente di dispersione, che fluisce verso terra
02 SPD di tipo 2
autoprotetto tramite il loro cavo di protezione (il cavo giallo/
verde). Questa corrente, alla frequenza di rete o a
In definitiva, i criteri con cui suddividere i circuiti
frequenze superiori, principalmente dovuta ai
nei diversi interruttori differenziali e ottenere
filtri elettrici installati allingresso di diversi
unaffidabile selettivit orizzontale, sono i
apparecchi per limitare i disturbi immessi nella
seguenti:
rete. il caso, ad esempio, dei personal computer,
dei decoder, degli elettrodomestici elettronici a
le conseguenze dovute ad unimprovvisa
velocit variabile (lavatrici, condizionatori, ecc.).
mancanza di alimentazione. Ad esempio,
Valori tipici di queste correnti di dispersione sono
suddividendo lilluminazione su due interruttori
dellordine di 0,51,5mA per apparecchio.
differenziali separati, in caso di guasto su una
lampada, si eviter limprovvisa mancanza di
Anche gli stessi cavi di alimentazione, se
luce in tutta labitazione;
particolarmente estesi, sono causa di piccole
i diversi requisiti di protezione per i circuiti.
dispersioni verso terra, dovute allaccoppiamento
Ad esempio, interruttore differenziale
capacitivo fra i conduttori attivi e il cavo di
di tipo A o di tipo AC, interruttori differenziali
protezione. evidente che pi elevato il numero
con In = 0,03 A o con In = 0,01 A;
di apparecchi utilizzatori, maggiore sar la
stima delle correnti di dispersione permanente
dispersione totale. Se gli apparecchi utilizzatori
prodotte dai vari apparecchi
ricevono energia da un unico interruttore
in assenza di guasto
differenziale, che alimenta e somma le diverse
dispersioni, chiaro che aumenta il rischio di
distacco anche in assenza di guasto.
Si pu utilizzare come generale un interruttore
tipo S con In pari a 0,3A, oppure 0,1A,
coordinato con la resistenza di terra RE,
ipotizzando che gli interruttori differenziali a valle
sui circuiti terminali, abbiano come di consueto
una In di 0,03A o di 0,01A.

Gli interruttori differenziali ad elevata resistenza


contro gli scatti intempestivi, come gli
interruttori ABB APR, sono in generale
raccomandabili nelle aree soggette a
perturbazioni sulla rete, come zone ove sono
frequenti i temporali o in vicinanza di grandi
industrie. Inoltre, sono consigliabili per i carichi
che richiedono elevata continuit di servizio,
come frigoriferi, congelatori, computer.


01
I l cent r alin o 33

La scelta del dispositivo contro le sovratensioni Si rinvia, per maggiori informazioni, alla guida
Le sovratensioni possono danneggiare tecnica ABB: OVR Guida pratica per la protezione
apparecchi elettrici od elettronici. Un SPD di tipo contro le sovratensioni.
2 della gamma OVR di ABB in grado di ridurre di
100 volte tale rischio. Gli SPD si collegano in parallelo fra i conduttori di
linea (fasi e neutro) e il cavo di protezione
Per proteggersi dai danni causati da questi collegato a terra. Il loro principio di
spiacevoli inconvenienti, come richiesto nelle funzionamento si basa sulla capacit di assumere
abitazioni di livello 3, nella maggior parte dei casi unimpedenza molto bassa quando si manifesta
sufficiente linstallazione nel centralino di un una sovratensione, in modo da cortocircuitarla,
SPD di tipo 2, adatto alla protezione da riducendo la tensione presente ai morsetti
sovratensioni originate da fulminazioni indirette dellSPD al livello Up (livello di protezione
o da manovre sulla rete, che costituiscono la dellSPD). Gli SPD ripristinano lisolamento subito
principale causa di danni sugli apparecchi e sugli dopo che il fenomeno terminato.
impianti.

Si sottolinea il fatto che, in alcuni casi, qualora la


probabilit di fulminazione diretta delledificio o
della linea entrante non fosse trascurabile, per
proteggere la struttura potrebbe essere
necessario anche un SPD di tipo1, da installare a
monte dellSPD di tipo2. In casi particolari pu
anche essere necessario installare SPD
addizionali in prossimit dei carichi da
proteggere, se essi sono molto lontani dallSPD
nel centralino. Inoltre, necessario prendere in
considerazione lopportunit di installare SPD
sulla linea telefonica entrante o sulle linee dati.

02
34 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

Il centralino
Realizzare il centralino applicando
la Norma

01 Corretto cablaggio

dellSPD

importante considerare il
02 Utilizzo di un
rel di massimo corretto coordinamento dellSPD
consumo ABB RAL
con i dispositivi di protezione. Cablare un SPD in modo corretto
La soluzione pi semplice e pi efficace per
In generale, necessario collegare un SPD allinterno di un centralino
provvedere alla protezione da domestico quella di collegarlo direttamente ai
conduttori di linea e al conduttore di protezione,
cortocircuito e dai guasti nellSPD mediante la tecnica dellentra-esci sui morsetti
stesso (CEI 64-8, articolo 534.2.4), stessi dellSPD. Per non interrompere il conduttore
di protezione necessario realizzare un piercing,
seguendo le istruzioni allegate cio effettuare il collegamento allSPD su un punto
allSPD (protezione di back up). del cavo che stato privato dellisolante senza
interrompere lanima in rame. Per questo motivo
importante prevedere sin dallinizio una quantit
sufficiente di cavo per la protezione principale,
con questo semplice accorgimento potranno
essere installati facilmente gli SPD tramite
lesecuzione del piercing.

SPD Interruttore
generale
abitazione

Conduttori di protezione,
equipotenziali e di terra
funzionale dellappartamento

Conduttori di
protezione principale


01
I l cent r alin o 35

Come prevenire il distacco per prelievo oltre la


soglia contrattuale
Consideriamo ora il dispositivo di controllo dei
carichi, prescritto per gli impianti di livello 2; la
soluzione pi semplice linstallazione del rel di
OVR PLUS: ABB aiuta gli installatori
massimo consumo ABB RAL. Questo dispositivo
Gli SPD della gamma OVR PLUS di ABB
posto nel centralino subito dopo linterruttore
dispongono di protezione di back up integrata,
generale, misura continuamente tutta la potenza
perci risultano autoprotetti e linstallatore non
prelevata dal contatore e avvisa lutente con un
deve preoccuparsi di provvedere alla protezione.
segnale acustico quando necessario spegnere al
Gli OVR PLUS possono, quindi, essere installati a
pi presto alcuni carichi, poich si e verificato un
monte dellinterruttore generale, anche di tipo
avvicinamento della potenza assorbita a quella di
differenziale. In questo modo si protegger
distacco.
integralmente limpianto a partire dal quadro
elettrico stesso, evitando, nel contempo, di
provocare inutili scatti intempestivi degli
interruttori differenziali.

Utilizzando il rel ABB RAL, si realizza il pi


semplice sistema di prevenzione contro il
distacco del carico, se lutente una volta avvertito
il segnale provvede allo spegnimento di un carico
non prioritario.

Interruttore
generale
abitazione

Preavviso
distacco per
intervento
del limitatore

Rel di
massimo
consumo RAL

02
37

Dotazione
degli impianti

038 Requisiti per i punti di comando


e di prelievo dellenergia

039 Protezione da sovracorrente


delle prese e posa dei cavi

040041 La sicurezza prima di tutto

042043 Possibilit installative nelle zone


di rispetto dei bagni

044046 Requisiti per i punti di comando


e di prelievo energia Livello 1

047049 Requisiti per i punti di comando


e di prelievo energia Livello 2

050 Requisiti per illuminazione di


sicurezza Livello 1 e Livello 2
Appartamento uguale o
inferiore a 100 m2

051 Requisiti per illuminazione di


sicurezza Livello 3
Appartamento uguale o
inferiore a 100 m2

052 Requisiti per limpianto


videocitofonico Livello 2

053067 Requisiti per dotazioni evolute


Livello 3 - Funzioni domotiche
38 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

Dotazione degli impianti


Requisiti per i punti di comando
e di prelievo dellenergia
La Norma stata sviluppata per aumentare la sicurezza
e la funzionalit degli impianti.

Morsetti delle prese ed entra-esci Per linstallazione di un numero maggiore di


01 Collegamento
entra-esci Per aumentare la sicurezza, il cosiddetto entra- prese, o di altre apparecchiature, nel medesimo
esci ammesso se sono soddisfatte le seguenti circuito quindi, necessario prevedere sin
02 Lentra-esci sui
morsetti delle prese condizioni: dallinizio un numero adeguato di cassette di
ammesso solo in derivazione, di eventuali quadri secondari e di
determinate condizioni
le prese da collegare sono nella medesima canalizzazioni provenienti da essi.
scatola, oppure in due scatole successive.
i morsetti sono destinati a tale scopo oppure
sono dimensionati per ricevere la sezione totale
dei conduttori da collegare e se la corrente
ammissibile su questi terminali non inferiore a
quella del circuito (cfr: CEI 64 -8, articolo 526.3,
commento);


01

Cassetta di
derivazione

connessioni effettuate tramite


entra-esci sui morsetti

Ma x 2 sc
atole o
ca ssett
e


02
D ota z i o ne de g li i m pianti 39

Dotazione degli impianti


Protezione da sovracorrente
delle prese e posa dei cavi
Sicurezza delle prese di energia vuol dire anche protezione specifica.

Nella Norma CEI 64 -8 (articolo 537.5.2) viene Spia di segnalazione per punti luce non visibili
stabilito in modo esplicito che le prese di corrente Il dispositivo di comando, situato allinterno del
devono essere protette da sovracorrente tramite centralino domestico, per punti luce esterni
un dispositivo di corrente nominale non superiore (balconi, terrazze, giardini), o comunque non
alla corrente nominale delle prese (alla minima fra direttamente visibili, deve essere associato a una
esse, se il medesimo dispositivo protegge prese spia di segnalazione, che pu essere integrata nel
di tipo diverso). comando stesso.
Quindi, ad esempio, non ammesso installare Questa spia ha la funzione specifica di segnalare
prese da 10 A in un circuito protetto da un lo stato di acceso dellapparecchio comandato.
interruttore magnetotermico da 16 A. Qualora sia
necessario distribuire una potenza totale
maggiore, sar necessario prevedere un numero
maggiore di circuiti per le prese, oppure
provvedere alla protezione individuale, ad
esempio, per mezzo di interruttori da incasso
magnetotermici e magnetotermici differenziali
disponibili in tutte le serie civili ABB.

Cavi, tubazioni e scatole di derivazioni


Per facilitare le modifiche e la manutenzione
dellimpianto, la norma richiede che i cavi siano
sfilabili.
Per questo necessario che

il diametro minimo delle condutture elettriche


deve essere di 16 mm;
il diametro interno delle condutture elettriche di
forma circolare deve essere almeno 1,5 volte il
diametro del cerchio realizzato dal fascio di cavi
in esse contenuti;
per i canali a sezione diversa dalla circolare, il
rapporto tra la sezione interna degli stessi e
larea della sezione retta occupata dai cavi deve
essere non inferiore a 2;
nelle cassette di derivazione deve essere
garantita una riserva di spazio
approssimativamente non inferiore al 30% dello
spazio occupato da cavi, morsetti etc.
40 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

Dotazione degli impianti


La sicurezza prima di tutto
Linstallatore deve facilitare allutente lutilizzo dellenergia elettrica
prevedendo un numero di prese adeguato allambiente e alla circostanza.

Con punto presa si intende una scatola


predisposta per linstallazione di una o pi prese
La Norma CEI 64-8, prescrive di energia, indipendente dal numero di prese
linstallazione di un numero effettivamente installato al momento della
consegna dellimpianto. La Norma cita
minimo di punti presa per precisamente punti presa perch vuole evitare
lenergia separati e di punti luce in che linstallatore metta tutte le prese nella stessa
scatola: vuole che si lasci spazio, per facilitare
funzione del tipo del locale leventuale aggiunta di frutti su richiesta
(camera da letto, cucina, dellutente.

soggiorno, ecc.), della dimensione


e del livello prestazionale
dellimpianto, come riportato
dalla tabella di pagina 10.

Unalternativa pi efficace alle prolunghe

Situazione comune.
Con lincremento del numero degli apparecchi
elettrici/elettronici presenti nelle abitazioni,
molto spesso il cliente non possiede un numero
di prese adeguato, perci deve ricorrere a
collegamenti artificiosi oppure a fastidiose
prolunghe. Questa soluzione risulta pericolosa
perch si rischia di sovraccaricare o danneggiare
la presa di energia.

Soluzione sicura.
La Norma prescrive linstallazione di un numero
minimo di punti presa di energia separati e
distribuiti in punti chiave allinterno
dellabitazione. In questo modo lutente evita
lutilizzo di prolunghe o totem di prese.
D ota z i o ne de g li i m pianti 41

Ciabatte e prese multiple: come sostituirle

Situazione comune.
A corredo della TV esistono una serie di
apparecchi che normalmente lutente collega
alla rete elettrica con numerose ciabatte o prese
multiple.

Soluzione sicura.
Per una presa TV dellappartamento, in prossimit
di essa bisogna predisporre linstallazione di sei
prese di energia (utili per lalimentazione di
decoder, lettori multimediali, ecc.), installando
una o pi scatole con spazio adeguato.

Adattatori: quando possiamo farne a meno

Situazione comune.
Quasi tutti gli elettrodomestici sono sempre
pi spesso dotati di presa schuko (standard
tedesco), e se lutente non possiede prese a
muro appropriate costretto a servirsi di
adattatori.

Soluzione consigliata.
Il Capitolo 37 - Ambienti residenziali. Prestazioni
dellimpianto consiglia di installare prese schuko
in punti strategici della casa in modo da evitare
luso degli adattatori in maniera fissa.
42 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

Dotazione degli impianti


Possibilit installative nelle zone
di rispetto dei bagni
La variante V2 della norma CEI 64 -8 VII, consente Tali apparecchi sono:
l'installazione di alcuni apparecchi, prima vietati,
nelle zone "con presenza di umidit" come quelle vasca idromassaggio;
dei bagni. pompe doccia;
Nella zona 1, si possono installare solo apparecchi apparecchi protetti mediante circuiti SELV o
utilizzatori fissi e connessi in modo permanente. PELV con tensione nominale non superiore
Gli apparecchi devono essere adatti a 25 V a.c. o 60 V d.c.;
all'installazione in zona 1 secondo le istruzioni per impianti di ventilazione;
l'uso e il montaggio fornite dal costruttore. portasciugamani
scaldacqua elettrici;
apparecchi di illuminazione.
D ota z i o ne de g li i m pianti 43

Poich la grande maggioranza di Unit di comando per vasche da bagno per


portasciugamani elettrici in commercio in idromassaggi che soddisfino le relative Norme,
Classe I ed alimentata a 230V (e sono da previste per generare per es. aria compressa per
considerare pertanto non idonei all'installazione vasche da bagno per idromassaggi, possono
in Zona 1) in pratica nella zona 1 si possono tuttavia essere installate nella parte della zona 1
installare solo scaldacqua elettrici e apparecchi di che si trova sotto la vasca da bagno, a condizione
illuminazione purch protetti da SELV con che siano soddisfatte le prescrizioni di 701.413.1.2
tensione non superiore a 25 V c.a. od a 60 V c.c. e che tale zona situata al di sotto della vasca da
bagno sia accessibile solo con l'aiuto di un
Nella zona 2 (che corrisponde al volume attrezzo.
circostante alla zona 1 che si sviluppa in verticale,
parallelamente e ad una distanza in orizzontale
dalla zona 1 di 0,6 m, fino ad un'altezza di 2,25 m
dal piano del pavimento) si possono installare
solo:

scaldacqua elettrici;
apparecchi di illuminazione di Classe I e II,
apparecchi di riscaldamento di Classe I e II ed
unit di Classe I e II per vasche da bagno per
idromassaggi che soddisfino le relative Norme,
previste per generare per es. aria compressa
per vasche da bagno per idromassaggi
(vedere 701.412.5).
44 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

Dotazione degli impianti


Requisiti per i punti di comando
e di prelievo energia
Livello 1
Come si realizza
Soggiorno 25 m2
In un ambiente come la sala la Norma si concentra prevista la predisposizione per almeno sei prese
sul televisore, ormai affiancato da numerosi altri di energia, evitando cos il proliferare di prese
dispositivi elettronici: per questo motivo multiple.

1 2 3 4
Presa Telefono Presa 10/16A 3 Prese 10/16A Interruttore per
punto luce

5
1 4
8 6
2
7
3

5 6 7 8
Presa TV 2 Prese 10/16A 2 Prese 10/16A Interruttore per
1 Presa Schuko 1 Presa Schuko punto luce
D ota z i o ne de g li i m pianti 45

Camera 20 m2
In camera limportante un adeguato numero di Nel caso fosse presente una TV valgono le stesse
punti presa e luce, per aumentare il comfort. regole della sala.

1 2 3 4
Presa Telefono 3 Prese 10/16A 2 Prese 10/16A 3 Prese 10/16A

4
5 7
2 6
8
8

1
3
3

5 6 7 8
Predisposizione Presa TV Interruttore per Interruttore per
prese energia punto luce punto luce
46 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

Dotazione degli impianti


Requisiti per i punti di comando
e di prelievo energia
Livello 1
Come si realizza
Camera 16 m2
Una cucina moderna include ormai un numero limpianto pi sicuro evitando luso di adattatori.
sempre pi elevato di elettrodomestici. Ogni presa inaccessibile deve inoltre essere
Proprio per questo la Norma consiglia adesso comandata da un interruttore bipolare.
linstallazione di prese Schuko, per rendere

1 2 3 4 5
Presa Telefono Presa 10/16A 3 Prese 10/16A Predisposizione Presa TV
prese energia

3 10
6
4 7
5

1
2

6 7 8 9 10
Presa 10/16A 2 interruttori bipolari Presa Schuko Presa Schuko Interruttore per
Presa Schuko 1 Presa 10/16A punto luce
D ota z i o ne de g li i m pianti 47

Dotazione degli impianti


Requisiti per i punti di comando
e di prelievo energia
Livello 2
Come si realizza
Camera 25 m2
Quando si passa ad un impianto di livello 2, il Laumento dei punti presa e luce in aggiunta
comfort lelemento in pi da considerare. allinstallazione di dimmer va proprio in questa
direzione.

1 2 3 4 5
Presa Telefono Presa 10/16A 3 Prese 10/16A 2 Prese 10/16A 2 Prese 10/16A
1 Presa Schuko 1 Presa Schuko

4 8
5
6
3

1
9
2

10

6 7 8 9 10
Presa TV Dimmer Dimmer Interruttore per Presa 10/16A
punto luce Presa Schuko
48 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

Dotazione degli impianti


Requisiti per i punti di comando
e di prelievo energia
Livello 2
Come si realizza
Bagno 12 m2
In un ambiente come il bagno deve essere ancora con un interruttore differenziale da incasso
la sicurezza al centro dellattenzione: la garantisce una tutela delle persone ancora
protezione delle prese in prossimit dei lavandini maggiore.

1 2
Interruttore per Interruttore per
punto luce punto luce

5
1
3

3 4 5
Presa 10/16A con Presa Schuko Interruttore bipolare
magnetotermico
differenziale
10 mA C16
D ota z i o ne de g li i m pianti 49

Cucina 18 m2
Norma aumenta il numero minimo di punti
Il comfort in una cucina di livello 2 dato da
presa e luce da inserire nellimpianto.
ulteriori elettrodomestici in pi, per questo la

1 2 3 4 5
Presa Telefono Presa 10/16A 3 Prese 10/16A Predisposizione Presa TV
prese energia

6
7 10

3
4
8 9 5

1
2

6 7 8 9 10
Interruttori bipolari Presa 10/16A Presa 10/16A Presa Schuko Interruttore per
Presa Schuko Presa Schuko punto luce
50 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

Dotazione degli impianti


Requisiti per illuminazione di sicurezza
Livello 1 e Livello 2
Appartamento uguale o inferiore a 100m2

Le lampade di emergenza
01 Livello 1
Per non restare improvvisamente al buio la Norma Numero minimo di lampade anti black out
02 Livello 2 CEI 64-8 prescrive linstallazione di lampade ad
Livello 1 Livello 2 Livello 3
accensione automatica in caso di mancanza di
100 m2 1 2 2
tensione. Tali lampade devono essere ad
> 100 m2 2 3 3
installazione fissa (non asportabili), oppure
estraibili, ma non tramite una spina da inserire in
una presa di corrente comune.


01 02

1 2 3

1 2 3
Lampada Lampada Lampada
di emergenza di emergenza di emergenza
D ota z i o ne de g li i m pianti 51

Dotazione degli impianti


Requisiti per illuminazione di sicurezza
Livello 3
Appartamento uguale o inferiore a 100m2

1 2
Lampada Lampada
di emergenza di emergenza

2 3

3 4 5
Lampada Lampada Lampada
di emergenza segnapasso segnapasso
52 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

Dotazione degli impianti


Requisiti per limpianto videocitofonico
Livello 2

Per tutte le abitazioni di livello 2 richiesta


linstallazione di un sistema videocitofonico:
nel caso di appartamenti estesi, si consiglia
linstallazione di posti interni aggiuntivi, anche
solo citofonici, per garantire un livello di comfort
adeguato.

1 2 3
Videocitofono Citofono Videocitofono
Touch Screen

2
1
D ota z i o ne de g li i m pianti 53

Dotazione degli impianti


Requisiti per dotazioni evolute Livello 3
Funzioni domotiche
Negli impianti elettrici di livello 3 viene richiesta una gestione pi sofisticata delle
apparecchiature tramite il sistema domotico: un metodo intelligente per avere sotto
controllo in tempo reale pi sistemi.

Gestione e controllo dellabitazione Conformit dellimpianto domotico alla Norma


Lintelligenza domotica va a coordinare impianti Ai fini della corrispondenza con il livello 3 della
di diversa natura: riscaldamento, gas e Norma, limpianto si considera domotico se i
condizionamento, solo per citarne alcuni. Devono dispositivi sono connessi fra loro tramite uno o
essere svolte almeno quattro funzioni dal sistema pi supporti di comunicazione (cavo, onde radio,
domotico, scelte dallinstallatore e dal ecc), attuando il trasferimento dati secondo un
committente. protocollo di comunicazione prestabilito.
Qui di seguito ne vengono citate alcune solo a Le singole funzioni domotiche possono essere
titolo desempio: integrate anche nei livelli 1 e 2.

gestione carichi elettrici


gestione comando luci
allarme antintrusione
gestione temperatura (se non realizzata
separatamente dallimpianto termico)
gestione scenari (tapparelle, ecc.)
sistema di diffusione sonora
r ilevazione incendio
(purch secondo Norma UNI 9795)
sistema antiallagamento e/o rilevazione gas
controllo remoto di funzioni
(es. via telefono o via internet)
54 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

Dotazione degli impianti


Requisiti per dotazioni evolute Livello 3
Funzioni domotiche
Negli impianti elettrici di livello 3 viene richiesta una gestione pi sofisticata delle
apparecchiature tramite il sistema domotico: un metodo intelligente per avere sotto
controllo in tempo reale pi sistemi.

Gestione luci Gestione temperatura


Limpianto domotico permette una gestione Il cronotermostato, combinato con uno o pi
integrata ed intelligente di tutte le fonti luminose termostati, permette di realizzare un sistema di
presenti allinterno dellabitazione. In particolare, termoregolazione multizona con lobiettivo di
dispositivi di attuazione consentono di gestire in modo efficiente la temperatura
controllare i punti luce in modalit ON/OFF allinterno dellabitazione e di ottenere di
oppure di realizzare una dimmerizzazione, conseguenza un risparmio energetico. In tale
regolando di conseguenza lintensit luminosa ottica possibile, ad esempio, mantenere un
emessa. livello di temperatura confortevole nella zona
giorno durante le ore diurne e riscaldare la zona
notte solo a partire dalle ore serali.

Gestione tapparelle Gestione scenari


Il sistema domotico consente una gestione Gli scenari consentono di richiamare una
automatizzata delle tapparelle e/o delle tende da determinata condizione ambientale, realizzata
sole presenti nellabitazione. Tramite la pressione sulla base dei diversi stati delle utenze (luci,
di un pulsante possibile andare ad alzare/ tapparelle, temperatura, etc).
abbassare le singole tapparelle/tende in base alle A titolo di esempio, lo scenario Risveglio
necessit e alle esigenze dellutente. permette di ricreare le condizioni ideali per il
risveglio mediante lalzata delle tapparelle,
laccensione delle luci, ed il passaggio automatico
del sistema di termoregolazione nella modalit
comfort.
D ota z i o ne de g li i m pianti 55

Antintrusione Controllo carichi


Il sistema antintrusione, perfettamente integrato La gestione carichi disattiva temporaneamente
nellimpianto domotico, consente di garantire un le utenze elettriche qualora la corrente totale
elevato livello di sicurezza attraverso una serie di assorbita superi una soglia selezionata,
dispositivi atti a rilevare e segnalare tentativi di evitando cos il black-out dellimpianto.
intrusione e/o effrazione. I carichi vengono disattivati automaticamente
in base al loro livello di priorit per riportare la
potenza utilizzata sotto la soglia stabilita,
mantenendo comunque attive le utenze
classificate come alta priorit.

Controllo remoto
Le funzionalit dellimpianto domotico possono
essere gestite via remoto grazie alla centrale
DomusTech Free. Nello specifico, lutente,
attraverso palmari/telefoni cellulari, in grado di
impartire comandi da remoto che consento di
alzare/abbassare le tapparelle/tende, accendere/
spegnere le fonti luminose, intervenire sul
sistema di termoregolazione, attivare/disattivare
limpianto antintrusione oppure richiamare
determinati scenari precedentemente
memorizzati.
56 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

Dotazione degli impianti


Requisiti per dotazioni evolute Livello 3
Funzioni domotiche
Sicurezza vuol dire anche antintrusione.
Lantintrusione si avvale di diversi tipi di sensori
che offrono la protezione interna (sensori
volumetrici) e perimetrale, sui varchi di accesso e
sugli infissi (contatti magnetici e a fune per porte
e tapparelle, sensori microfonici per rottura vetri).

1 2 3
Centrale antintrusione Rilevatore IR Rilevatore perimetrale

3 2

1
D ota z i o ne de g li i m pianti 57

4
Sirena dallarme
per esterno*

*Sirena posizionata allesterno


dellappartamento

4 3
2
3
58 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

Dotazione degli impianti


Requisiti per dotazioni evolute Livello 3
Funzioni domotiche
Sicurezza delle persone con la rilevazione gas.
Il rivelatore per gas metano o GPL consente di
individuare eventuali fughe di gas nel locale dove
sono collocati e segnalarle alla centrale
DomusTech Free. Questultima in grado di
garantire la sicurezza delle persone adottando
una serie di azioni: chiusura dellalimentazione del
gas mediante unelettrovalvola, segnalazione
acustica ed invio di un allarme ai numeri di
telefono programmati, con messaggi vocali
e/o SMS.

1
Avviso Centrale Rilevatore di gas Elettrovalvola
allutente DomusTech Free 230V - 50 Hz 230V - 50 Hz

Allarme

1
D ota z i o ne de g li i m pianti 59

La sicurezza con lantiallagamento.


I rivelatori di allagamento individuano la presenza
di acqua sul pavimento e segnalano levento alla
centrale DomusTech Free. Questultima in
grado di mettere in atto una serie di azioni:
blocco dellerogazione dellacqua mediante
unelettrovalvola, segnalazione acustica e invio di
un allarme allagamento ai numeri di telefono
programmati, con messaggi vocali e/o SMS.

1
Rilevatore Centrale Interfaccia e Elettrovalvola
di allagamento DomusTech Free modulo DIN 4 rel 230V - 50 Hz

Avviso
allutente

Allarme

1
60 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

Dotazione degli impianti


Requisiti per dotazioni evolute Livello 3
Funzioni domotiche
Gestione carichi secondo DomusTech Free. disattiva le prese controllate in base alle priorita
La funzione controllo carichi si realizza mediante stabilite dallutente in funzione di particolari
lutilizzo di prese controllate a cui collegare gli situazioni, come il superamento di una soglia di
apparecchi elettrici. DomusTech Free attiva o potenza elettrica assorbita dallimpianto.

1 2
Presa 10/16A Presa 10/16A
Presa Schuko Presa Schuko

Interfaccia e Modulo DIN gestione


modulo DIN 4 rel carichi elettrici
3

3 4
Presa 10/16A Presa 10/16A
Presa Schuko Presa Schuko
D ota z i o ne de g li i m pianti 61

Disattivazione carichi secondo le priorit


stabilite.
Linterruttore di gestione carichi LSS1/2 in
grado di disattivare temporaneamente le utenze
in base al loro livello di priorit. Qualora la
corrente totale assorbita superi la soglia
selezionata, lLSS1/2 andr a disattivare
conseguentemente i carichi a bassa priorit e
media priorit, mantenendo attive le utenze
classificate come ad alta priorit.

Interruttore
generale

Carichi Carichi Carichi


alta priorit media priorit bassa priorit

Interfaccia e
modulo DIN 4 rel
62 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

Dotazione degli impianti


Requisiti per dotazioni evolute Livello 3
Funzioni domotiche
Gestione illuminazione. I dimmer regolano lintensit luminosa per
La gestione dellle luci una delle funzioni che adattarla alle esigenze legate alle diverse attivit
rendono la casa ancora pi confortevole e nel che si svolgono nellambiente ed semplice
contempo consente di ridurre i consumi aggiungere comandi per controllare le luci da
energetici. qualsiasi punto della stanza sia comodo.

1 2
Dimmer Pulsante luce Dimmer Pulsante luce
Attuatore rel 1 comando Modulo 2 ingressi 1 comando

*Placca posizionata lato


battente porta esterno

3
Modulo 2 ingressi
2 comandi*
D ota z i o ne de g li i m pianti 63

Gestione tapparelle.
La domotica consente anche una gestione
ottimale di tapparelle, tende e veneziane.
Mediante gli attuatori specifici possibile
controllarle in maniera semplice e comoda ed
integrarne la gestione con le altre funzioni della
casa.

1 2
Attuatore tapparella 1 comando Modulo 2 ingressi
Attuatore rel 2 comandi 2 comandi

4
3
1

*Placca posizionata lato


battente porta esterno

3 4
Modulo 2 ingressi Attuatore tapparella 1 comando
2 comandi* Attuatore rel 2 comandi
64 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

Dotazione degli impianti


Requisiti per dotazioni evolute Livello 3
Funzioni domotiche
Gestione del clima a zone per il massimo Un sistema di termoregolazione composto da un
comfort. cronotermostato e da uno o pi termostati
Il cronotermostato consente una gestione consente, ad esempio, di mantenere pi fredda la
efficiente della temperatura allinterno dei diversi zona notte durante il giorno e riscaldarla solo a
ambienti della casa. Nello specifico, consente di partire dalle ore serali. La discriminazione tra
regolare la temperatura in diverse fasce orarie o zone e diverse fasce orarie garantisce un rilevante
in diverse giornate, con lobiettivo di utilizzare il risparmio energetico.
riscaldamento solo nei momenti di effettiva
necessit.

1 2 3
Cronotermostato Termostato Termostato

1
3

2
D ota z i o ne de g li i m pianti 65

Centralizzazione e scenari
OFF Generale: lo scenario consente di uscire
dallabitazione in tutta tranquillit e sicurezza.
Tramite la pressione di un pulsante, limpianto
domotico in grado di spegnere tutte le fonti
luminose, di chiudere le tapparelle, di portare la
temperatura ad un livello che consenta un
risparmio energetico e di attivare il sistema
antintrusione.

1 2 3
Attuatore 1 rel Modulo 2 comandi per Presa Schuko
2 comandi attivazione scenari Attuatore 1 rel

1
2

3
66 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

Dotazione degli impianti


Requisiti per dotazioni evolute Livello 3
Funzioni domotiche
Gestione da remoto alzare/abbassare le tapparelle, accendere/
Le funzionalit dellimpianto possono essere spegnere le fonti luminose, intervenire sul
gestite via remoto grazie alla centrale sistema di termoregolazione, attivare/disattivare
DomusTech Free. Nello specifico, lutente, limpianto antintrusione oppure richiamare
attraverso un telefono cellulare, in grado di determinati scenari precedentemente
impartire comandi da remoto che consentono di memorizzati.

Avviso Centrale
allutente DomusTech Free Impianto domotico

Luci
OFF
D ota z i o ne de g li i m pianti 67
69

Esempi di impianti
a vari livelli

070071 Livello 1 - Appartamento


con superficie compresa
fra 50 m2 e 75 m2
072073 Livello 1 - Appartamento
con superficie compresa
fra 75 m2 e 125 m2
076077 Livello 2 - Appartamento
con superficie compresa
fra 50 m2 e 75 m2
078079 Livello 2 - Appartamento
con superficie compresa
fra 75 m2 e 125 m2
080081 Livello 2 - Appartamento con
superficie maggiore di 125 m2
084087 Livello 3 - Appartamento
con superficie compresa
fra 75 m2 e 125 m2
088091 Livello 3 - Appartamento con
superficie maggiore di 125 m2
092095 Livello 3 - Automazione su
misura
096097 Livello 3 - Appartamento
residenziale
70 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

Esempi di impianti a vari livelli


Livello 1 - Appartamento con superficie
compresa fra 50 m2 e 75 m2
La Norma CEI 64-8 prevede per il livello 1 i mappa dei punti presa per ciascun locale.
requisiti minimi obbligatori per la sicurezza e la Lo schema elettrico pu essere visto come il
funzionalit dellimpianto elettrico. Viene minimo indispensabile per garantire
illustrato lesempio di un appartamento la protezione di un qualsiasi appartamento con
di livello 1, con il relativo schema elettrico e metratura tra i 50m2 e i 75m2.

Scaricatore Magnetotermico
di Tipo 2 SN201 L
OVR Plus 25 A
Codice
SN201LC25
Max 3 m

Sezione Montante 6 mm2

Differenziale Differenziale Differenziale


magnetotermico magnetotermico magnetotermico
DS901L DS901L DS901L
Magnetotermico
16 A 10 A 16 A
SN201
30 mA 30 mA 30 mA
40 A
tipo A tipo AC tipo AC
Codice
Codice Codice Codice
SN201C40
DS91LC16A30 DS91LC10AC30 DS91LC16AC30

Caratteristiche impianto:
Superficie 75 m2
Livello 1 (3 circuiti)
Potenza imp. 3 kW
Corrente di corto circuito 6 kA
Il centralino in questa configurazione
risulta gi dichiarabile per una
potenza impegnata di 4,5kW

Lavatrice Luci FM
E se m pi di i m pianti a va r i livelli 71

Linterruttore generale del centralino pu essere dellinterruttore generale del centralino, per la
sostituito con un interruttore protezione dalle sovratensioni di tutti gli
di manovra-sezionatore prevedendo un apparecchi connessi allimpianto elettrico
interruttore magnetotermico C20/25 al posto ABB raccomanda sempre linstallazione di uno
dellinterruttore C40 alla base del montante per la scaricatore di sovratensione a monte
protezione da sovraccarico. dellinterruttore generale del centralino, per la
ABB raccomanda sempre linstallazione di uno protezione dalle sovratensioni di tutti gli
scaricatore di sovratensione a monte apparecchi connessi allimpianto elettrico.

Punti presa Punti Luce Presa Telefono Presa TV


1 Camera da letto da 12 a 20 m2 4 1 1** 1***
2 Camera da letto da 8 a 12 m2 3 1 1** 1***
3 Soggiorno oltre 20 m2 6 2 1** 1***
4 Locale cucina 5* 1 1***
5 Locale da bagno 2 2
6 Ingresso 1 1
7 Lavanderia 3* 1
8 Corridoio 5 m 1* 1
9 Balcone / Terrazzo 10 m2 1* 1

* La normativa consiglia linstallazione di prese 2P+T 16 A bivalenti standard italiano/tedesco.


** Le prese telefoniche e/o dati richiedono, secondo normativa, almeno una presa energia.
*** La normativa prescrive che accanto ad una sola presa TV di quelle presenti nellappartamento (di solito si sceglie quella del soggiorno) sia
presente la predisposizione per 6 prese energia (le ulteriori prese TV presenti nel medesimo ambiente necessitano di almeno 1 presa energia).

8
4

7
9

6
3 Lampada di emergenza 2)

Citofono / Videocitofono 1)

Campanello 1)

1) La normativa prescrive la presenza di


un campanello e di un sistema citofonico
(consigliato videocitofono).

2) La normativa prescrive, per


appartamenti di metratura 100m2 e di
livello1, la presenza di un dispositivo per
lilluminazione di sicurezza.
72 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

Esempi di impianti a vari livelli


Livello 1 - Appartamento con superficie
compresa fra 75 m2 e 125 m2
Per questo tipo di appartamento il livello 1 della stanze sar maggiore perci varier anche il
Norma CEI64-8prevede un impianto con un numero dei punti presa. Prestare attenzione nello
maggior numero di circuiti. Incrementando la schema elettrico, alla suddivisione dei circuiti
superficie dellappartamento la dimensione delle riguardanti le prese.

Scaricatore Magneto-
di Tipo 2 termico
OVR Plus SN201 L
32 A
Codice SN201LC32
Max 3 m

Sezione Montante 6 mm2

Differenziale Differenziale
F202 F202
25 A 40 A
Magnetotermico
30 mA 30 mA
SN201
tipo AC tipo A
40 A
Codice Codice
Codice SN201C40
F427800 F427826

Magneto- Magneto-
termici termici
SN201 L SN201 L
10 A 16 A
Codice Codice
SN201LC10 SN201LC16

Caratteristiche impianto:
Superficie 100 m2
Livello 1 (4 circuiti)
Potenza imp. 6 kW
Corrente di corto circuito 6 kA

Luci zona Luci zona Prese zona Prese zona


giorno notte giorno notte
E se m pi di i m pianti a va r i livelli 73

Linterruttore generale del centralino pu essere ABB raccomanda sempre linstallazione di uno
sostituito con un interruttore scaricatore di sovratensione a monte
di manovra-sezionatore se viene verificata la dellinterruttore generale del centralino, per la
protezione da sovraccarico del montante da parte protezione dalle sovratensioni di tutti gli
dellinterruttore magnetotermico C40 installato apparecchi connessi allimpianto elettrico.
alla base.

Punti presa Punti Luce Presa Telefono Presa TV


1 Camera da letto oltre 20 m2 5 2 1** 1***
2 Camera da letto da 12 a 20 m2 4 1 1** 1***
3 Locale cucina 5* 1 1***
4 Soggiorno da 12 a 20 m2 5 1 1** 1***
5 Ingresso 1 1
6 Corridoio 5 m 1* 1
7 Locale da bagno (senza lavatrice) 1 2
8 Locale da bagno (con lavatrice) 2 2
9 Balcone / Terrazzo 10 m2 1* 1

* La normativa consiglia linstallazione di prese 2P+T 16 A bivalenti standard italiano/tedesco.


** Le prese telefoniche e/o dati richiedono, secondo normativa, almeno una presa energia.
*** La normativa prescrive che accanto ad una sola presa TV di quelle presenti nellappartamento (di solito si sceglie quella del soggiorno) sia
presente la predisposizione per 6 prese energia (le ulteriori prese TV presenti nel medesimo ambiente necessitano di almeno 1 presa energia).

3
9

4 5

Campanello 1)

Citofono / Videocitofono 1)
1
Lampada di emergenza 2)

1) La normativa prescrive la presenza di


un campanello e di un sistema citofonico
(consigliato videocitofono).

2) La normativa prescrive, per


appartamenti di metratura 100 m2 e di
livello 1, la presenza di un dispositivo per
lilluminazione di sicurezza.
74 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

Esempi di impianti a vari livelli


Livello 1

SN201 F200
Gli interruttori magnetotermici 1P+N in un Gli interruttori differenziali F200 rappresentano
modulo consentono di realizzare la protezione da lofferta pi ampia sul mercato per questa
sovracorrenti dei circuiti monofase fino a 40A. tipologia di apparecchi. Questi interruttori sono
Gli interruttori SN201 sono disponibili in 3 poteri dotati dellinnovativo morsetto compact con due
di interruzione: 4,5-6-10kA. Il pratico sedi per la connessione di cavi e pettini di
portacartellino consente lidentificazione dei collegamento. Questi interruttori risultano
circuiti. Lingombro ridotto a un modulo permette particolamente adatti quando si devono collegare
di realizzare centralini di dimensioni contenute pi cavi allo stesso interruttore proprio grazie alla
anche nel caso occorra realizzare numerosi capienza dei morsetti.
circuiti.
DDA200
S200 I blocchi differenziali DDA200 consentono,
Gli interruttori magnetotermici S201Na e S202 in unitamente agli interruttori magnetotermici
due moduli consentono di realizzare la protezione S200, di realizzare interruttori magnetotermici
da sovracorrenti di circuiti fino a 63A. Questi differenziali in innumerevoli configurazioni.
interruttori sono dotati dellinnovativo morsetto In particolare la disponibilit di blocchi di tipo
compact con due sedi distinte per la connessione selettivo permette di disporre di apparecchi
di cavi e pettini di collegamento. Grazie alla differenziali selettivi da installare a monte degli
capienza dei morsetti, risultano particolamente interruttori instantanei, per realizzare la
adatti quando sono da collegare pi cavi o cavi di selettivit verticale richiesta dalla Norma.
sezione importante.
OVR PLUS
DS901L Gli scaricatori di sovratensioni OVR PLUS sono di
Gli interruttori magnetotermici differenziali Tipo 2 autoprotetti per sistemi TT monofase.
compatti 1P+N in due moduli DS901L sono gli Sono ideali per salvaguardare dalle sovratensioni
apparecchi che garantiscono la pi completa di origine atmosferica o di manovra le
protezione delle linee monofase. Lingombro apparecchiature pi delicate: televisori LCD e
ridotto a due moduli permette di realizzare plasma, computer, elettrodomestici. Con un
centralini di dimensioni contenute anche nel caso ingombro ridotto: scaricatore 1P+N e interruttore
occorra realizzare numerosi circuiti. 16A di back-up integrati in solo due moduli,
Gli interruttori sono disponibili con potere possono essere installati a monte dellinterruttore
dinterruzione 4,5kA essendo particolarmente differenziale generale, grazie allo schema 1+1
indicati per lutilizzo in ambito residenziale. che prevede uno spinterometro verso terra.


SN201 S200 DS901L F200 DDA200 OVR PLUS
E se m pi di i m pianti a va r i livelli 75

Trasformatori Serie civile Chiara


I trasformatori TM, provvisti di secondario in Il design di Chiara espressione della creativit
bassissima tensione di sicurezza, sono adatti per italiana unita alleccellenza dei processi
il comando di carichi che richiedono tecnologici e produttivi di ABB. Chiara valorizza
unalimentazione discontinua, come in particolare qualsiasi ambiente e anche dal punto di vista
campanelli e suonerie. Questa tipologia di dellinstallazione, la flessibilit una sua
trasformatori a prova di guasto e garantisce un caratteristica. I dispositivi sono adatti
ottimo livello di sicurezza grazie al perfetto allinserimento in tutte le scatole a incasso
isolamento e separazione dei circuiti primario e rotonde e rettangolari in commercio; i supporti e
secondario. le placche sono disponibili nelle versioni da 2, 3, 4
e 7 moduli.
Suonerie e ronzatori
La gamma di suonerie e ronzatori modulari Videocitofonia Welcome M
include le versioni per uso intermittente SM1 e Il nuovo sistema di videocitofonia Welcome M
RM1, adatte per la segnalazione acustica in consente, grazie allestrema flessibilit, di
ambito residenziale e terziario. soddisfare tutte le esigenze installative. I suoi
punti di forza sono la semplicit installativa e di
Centralini serie MISTRAL utilizzo, e un design inconfondibile adatto a
Versatilit ed efficienza in un design unico, qualsiasi contesto abitativo.Le funzioni avanzate,
elegante e inconfondibile. Mistral la nuova ed come funzione intercomunicante e servizio di
innovativa serie di centralini ABB. La gamma portineria, contribuiscono ad aumentare il livello
comprende soluzioni con porta trasparente di comfort dellappartamento.
nellesclusivo colore blue petrol oppure cieca, con
apertura fino a 180 gradi e totale reversibilit di Lampade di emergenza
utilizzo. Lo spazio interno ampio e facilmente La lampada di emergenza diventa dotazione
accessibile stato progettato per ottimizzare i obbligatoria dellimpianto fin dal livello 1. Il
tempi di cablaggio, oltre a permettere una totale numero di lampade di emergenza dipende dalla
integrazione fra interruttori modulari a barra DIN, superficie e dal livello dellappartamento.
scatolati e fronte quadro. Tutte le serie civili ABB offrono lampade di
emergenza che sono conformi alla norma:

lampada di emergenza fissa


(disponibile per serie civili Chiara e Mylos)
lampada di emergenza estraibile non a spina
(disponibile per la serie civile Elos)


Suonerie
Trasformatori e ronzatori Centralini serie MISTRAL


Videocitofonia Lampade
Serie civile Chiara Welcome M di emergenza
76 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

Esempi di impianti a vari livelli


Livello 2 - Appartamento con superficie
compresa fra 50 m2 e 75 m2
La Norma CEI 64-8prevede per il livello 2 un conforme a tale livello, bisogna aggiungere nello
impianto con prestazioni maggiori, perci viene schema elettrico un sistema di controllo per i
previsto un incremento del numero di circuiti e di carichi elettrici. Limpianto prevede anche
prese di corrente. Per rendere un appartamento lintroduzione di un videocitofono e di un sistema
di superficie compresa tra 50m2 e 75m2. antintrusione.

Caratteristiche impianto:
Superficie 75 m 2
Livello 2 (3 circuiti)
Scaricatore Magneto-
Potenza imp. 3 kW
di Tipo 2 termico
Corrente di corto circuito 6 kA
OVR Plus SN201 L
Con controllo carichi
25A
Codice SN201LC25
Il centralino in questa
configurazione risulta gi
dichiarabile per una potenza
impegnata di 4,5kW
Max 3 m

Sezione Montante 6 mm2

Controllo
carichi LSS1/2

Magneto-
termico
SN201
40 A
Codice
SN201C40

Differenziale Differenziale
F202 magneto-
25 A termico
30 mA DS901L
tipo AC 16 A
Codice 30 mA
F427800 tipo A
Codice
DS91LC16AC30

Magneto- Magneto-
termico termico
SN201 L SN201 L
10 A 16 A
Codice Codice
SN201LC10 SN201LC16

Luci Prese FM carichi


non prioritari
E se m pi di i m pianti a va r i livelli 77

Se presente un box/cantina opportuno ABB raccomanda sempre linstallazione di uno


derivare dal gruppo di misura una linea dedicata scaricatore di sovratensione a monte
protetta da un interruttore magnetotermico dellinterruttore generale del centralino, per la
differenziale 1P+N 16A 30mA tipo AC. protezione dalle sovratensioni di tutti gli
apparecchi connessi allimpianto elettrico.

Punti presa Punti Luce Presa Telefono Presa TV


1 Camera da letto da 12 a 20 m2 6 2 1** 1***
2 Camera da letto da 8 a 12 m2 4 2 1** 1***
3 Soggiorno oltre 20 m2 7 4 1** 1***
4 Locale cucina 6* 2 1***
5 Localeda bagno 2 2
6 Ingresso 1 1
7 Lavanderia 4* 1
8 Corridoio 5 m 1* 1
9 Balcone / Terrazzo 10 m2 1* 1

* La normativa consiglia linstallazione di prese 2P+T 16 A bivalenti standard italiano/tedesco.


** Le prese telefoniche e/o dati richiedono, secondo normativa, almeno una presa energia.
*** La normativa prescrive che accanto ad una sola presa TV di quelle presenti nellappartamento (di solito si sceglie quella del soggiorno) sia
presente la predisposizione per 6 prese energia (le ulteriori prese TV presenti nel medesimo ambiente necessitano di almeno 1 presa energia).

Lampade di emergenza 2)

Citofono / Videocitofono 1)

Campanello 1)

1) La normativa prescrive la presenza di


un campanello e di un sistema
videocitofonico).

2) La normativa prescrive, per


appartamenti di metratura 100 m2 3
e di livello 2, la presenza di due dispositivi
per lilluminazione di sicurezza.
6

2
8
4

7
9
1
Antintrusione
n. 1 Centrale DomusTech Free

n. 5 Rivelatore IR

n. 1 Sirena esterna
78 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

Esempi di impianti a vari livelli


Livello 2 - Appartamento con superficie
compresa fra 75 m2 e 125 m2
Con queste dimensioni il livello 2 della Norma previsto un interruttore dedicato alla
CEI64-8prevede una gestione controllata dei protezione della linea che alimenta carichi non
carichi elettrici suddividendoli in prioritari e non. considerati prioritari.

Caratteristiche impianto:
Superficie 100 m2
Scaricatore Magnetotermico Livello 2 (5 circuiti)
di Tipo 2 SN201 L Potenza imp. 6 kW
OVR Plus 32 A Corrente di corto circuito 6 kA
Codice Con controllo carichi
SN201LC25
Max 3 m

Sezione Montante 6 mm2

Controllo
carichi LSS1/2
Magnetotermico
SN201
40 A
Codice
SN201C40

Differenziale Differenziale
F202 magneto-
40 A termico
30 mA DS901L
tipo A 16 A
Codice 30 mA
F427826 tipo AC
Codice
DS91LC16AC30

Magneto- Magneto- Magneto- Magneto-


termico termico termico termico
SN201 L SN201 L SN201 L SN201 L
10 A 16 A 10 A 16 A
Codice Codice Codice Codice
SN201LC10 SN201LC16 SN201LC10 SN201LC16

Luci zona Prese zona Luci zona Prese zona FM carichi


giorno giorno notte notte non prioritari
E se m pi di i m pianti a va r i livelli 79

Se presente un box/cantina opportuno ABB raccomanda sempre linstallazione di uno


derivare dal gruppo di misura una linea dedicata scaricatore di sovratensione a monte
protetta da un interruttore magnetotermico dellinterruttore generale del centralino, per la
differenziale 1P+N 16A 30mA tipo AC. protezione dalle sovratensioni di tutti gli
apparecchi connessi allimpianto elettrico.

Punti presa Punti Luce Presa Telefono Presa TV


1 Camera da letto da 12 a 20 m2 6 2 1** 1***
2 Camera da letto da 8 a 12 m2 4 2 1** 1***
3 Camera da letto da 8 a 12 m2 4 2 1** 1***
4 Locale cucina 6* 2 1***
5 Soggiorno oltre 20 m2 8 4 1** 1***
6 Ingresso 1 1
7 Corridoio 5 m 1* 1
8 Locale da bagno con lavatrice 2 2
9 Locale da bagno senza lavatrice 1 2
10 Balcone / Terrazzo 10 m2 2 2

* La normativa consiglia linstallazione di prese 2P+T 16A bivalenti standard italiano/tedesco.


** Le prese telefoniche e/o dati richiedono, secondo normativa, almeno una presa energia.
*** La normativa prescrive che accanto ad una sola presa TV di quelle presenti nellappartamento (di solito si sceglie quella del soggiorno) sia
presente la predisposizione per 6 prese energia (le ulteriori prese TV presenti nel medesimo ambiente necessitano di almeno 1 presa energia).

Antintrusione
n. 1 Centrale DomusTech Free

n. 5 Rivelatore IR

2 n. 1 Sirena esterna

3 9
7

1
4

5
Lampade di emergenza 2)

6 Citofono / Videocitofono 1)

Campanello 1)

10 1) La normativa prescrive la presenza di


un campanello e di un sistema
videocitofonico.

2) La normativa prescrive, per


appartamenti di metratura 100 m2
e di livello 2, la presenza di due dispositivi
per lilluminazione di sicurezza.
80 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

Esempi di impianti a vari livelli


Livello 2 - Appartamento con superficie
maggiore di 125 m2
Con un appartamento di maggiore superficie il
livello 2 della Norma CEI64-8prevede sia un
incremento del numero di circuiti, sia una
gestione differenziata dei carichi. Sono previsti
due interruttori dedicati alla protezione di due
ABB raccomanda sempre linstallazione di uno
linee destinate ad alimentare carichi non
scaricatore di sovratensione a monte
considerati prioritari.
dellinterruttore generale del centralino, per la
protezione dalle sovratensioni di tutti gli
apparecchi connessi allimpianto elettrico.

Caratteristiche impianto:
Superficie 150 m2
Scaricatore Magnetotermico Livello 2 (6 circuiti)
di Tipo 2 SN201 L Potenza imp. 6 kW
OVR Plus 32 A Corrente di corto circuito 6 kA
Codice Con controllo carichi
SN201LC32
Sezione Montante 6 mm2
Max 3 m

Controllo
Magneto- carichi LSS1/2
termico
SN201
40 A
Codice
SN201C40

Differenziale Differenziali
F202 magneto-
40 A termici
30 mA DS901L
tipo A 16 A
Codice 30 mA
F427826 tipo AC
Codice
DS91LC16AC30

Magneto- Magneto- Magneto- Magneto-


termico termico termico termico
SN201 L 1SN201 L SN201 L 1SN201 L
10 A 16 A 10 A 16 A
Codice Codice Codice Codice
SN201LC10 SN201LC16 SN201LC10 SN201LC16

T T

Luci zona Prese zona Luci zona Prese zona FM carichi FM carichi
giorno giorno notte notte non prioritari non prioritari
E se m pi di i m pianti a va r i livelli 81

Punti presa Punti Luce Presa Telefono Presa TV


1 Camera da letto oltre 20 m2 7 4 1** 1***
2 Camera da letto da 12 a 20 m2 6 2 1** 1***
3 Camera da letto da 8 a 12 m2 4 2 1** 1***
4 Locale cucina 6* 2 1***
5 Soggiorno oltre 20 m2 8 4 1** 1***
6 Locale da bagno con lavatrice 2 2
7 Locale da bagno senza lavatrice 1 2
8 Ripostiglio 1 m2 2
9 Ingresso 1 1 1**
10 Corridoio > 5 m 2* 2
11 Balcone / Terrazzo 10 m2 1* 1

* La normativa consiglia linstallazione di prese 2P+T 16 A bivalenti standard italiano/tedesco.


** Le prese telefoniche e/o dati richiedono, secondo normativa, almeno una presa energia.
*** La normativa prescrive che accanto ad una sola presa TV di quelle presenti nellappartamento (di solito si sceglie quella del soggiorno) sia
presente la predisposizione per 6 prese energia (le ulteriori prese TV presenti nel medesimo ambiente necessitano di almeno 1 presa energia).

Antintrusione
n. 1 Centrale DomusTech Free

n. 6 Rivelatore IR

n. 1 Sirena esterna

n. 9 Rivelatore perimetrale
n. 1 New concentratore/
ripetitore universale
2

7
11

8
5

10

6
4
1

Lampade di emergenza 2)
Citofono / Videocitofono 1)
Campanello 1)
82 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

Esempi di impianti a vari livelli


Livello 2

Greenlight RAL
Il dispositivo di riarmo automatico per Installato a valle dellinterruttore generale,
differenziali puri F2C-ARH Greenlight garantisce effettua un costante controllo comparativo tra la
la richiusura dellinterruttore in caso di apertura soglia contrattuale di assorbimento ed il
intempestiva. Questo dispositivo garantisce consumo effettivo dellimpianto. Un allarme
quindi la continuit di servizio. La richiusura viene acustico avvisa lutente che occorre spegnere
effettuata dopo un controllo preventivo alcuni apparecchi per evitare lo sgancio del
dellimpianto garantendo la massima sicurezza. contatore. RAL dotato inoltre di un contatto in
scambio che permette anche di aprire uno
F200 + DS201 APR specifico interruttore automatico divisionale, per
Gli interruttori differenziali della tipologia APR disattivare un particolare apparecchio elettrico
risultano particolarmente resistenti contro il non prioritario. Il ripristino deve essere manuale,
fenomeno degli scatti intempestivi causati da ma si pu rendere automatico aggiungendo un
perturbazioni esterne (fulmini e sovratensioni). rel temporizzato.
Nella gamma ABB sono presenti numerosi
interruttori differenziali con questa LSS1/2
caratteristica. Linterruttore LSS1/2 interviene quando la
corrente totale assorbita nellimpianto supera la
soglia, impostata tramite il commutatore posto
sul fronte dellapparecchio. quindi possibile
evitare lintervento dellinterruttore generale
tramite lo stacco in successione di un massimo di
due carichi non prioritari, CNP1 e CNP2. Dopo un
tempo prefissato linterruttore verifica la
possibilit di ripristinare i carichi non prioritari
disattivati; il tentativo viene ripetuto fino a che
non si sia ristabilita una situazione di normalit.
Un pratico LED segnala la situazione dintervento
dellinterruttore.


Greenlight F200 + DS201 APR RAL LSS1/2
E se m pi di i m pianti a va r i livelli 83

Serie civile Chiara Sistema di antintrusione DomusTech Free


Il design di Chiara espressione della creativit La sicurezza prima di tutto. Molte funzioni svolte
italiana unita alleccellenza dei processi da DomusTech Free sono dedicate alla sicurezza
tecnologici e produttivi di ABB. Chiara valorizza della casa e delle persone. Lantintrusione si
qualsiasi ambiente e anche dal punto di vista avvale di diversi tipi di sensori che offrono la
dellinstallazione, la flessibilit una sua protezione interna (sensori volumetrici e
caratteristica. I dispositivi sono adatti perimetrali), sui varchi di accesso e sugli infissi
allinserimento in tutte le scatole a incasso (contatti magnetici e a fune per porte e
rotonde e rettangolari in commercio; i supporti e tapparelle, sensori microfonici per rottura vetri).
le placche sono disponibili nelle versioni da 2, 3, 4
e 7 moduli. C11
Il C11 il contatore di energia della gamma
Videocitofonia Welcome M EQ Meters che permette la misura dei consumi di
Il nuovo sistema di videocitofonia Welcome M energia attiva di utenze monofase fino a 40 A, e la
consente, grazie allestrema flessibilit, di possibilit di visualizzare i principali parametri
soddisfare tutte le esigenze installative. I suoi elettrici della rete.
punti di forza sono la semplicit installativa e di Di dimensioni compatte, un solo modulo DIN, e
utilizzo, e un design inconfondibile adatto a con display LCD che permette la lettura dei
qualsiasi contesto abitativo.Le funzioni avanzate, consumi con il contatore installato sia in verticale
come funzione intercomunicante e servizio di sia in orizzontale, il C11 rappresenta la soluzione
portineria, contribuiscono ad aumentare il livello ideale in applicazioni residenziali dove e richiesta
di comfort dellappartamento. lallocazione dei consumi tra pi utenze e
lottimizzazione dei costi di utilizzo dellimpianto.
Il C11 dotato di unuscita programmabile che
pu essere usata come uscita impulsi o uscita
allarme per il controllo di apparecchi esterni.


Videocitofonia Sistema di antintrusione
Serie civile Chiara Welcome M DomusTech Free C11
84 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

Esempi di impianti a vari livelli


Livello 3 - Appartamento con superficie
compresa fra 75 m2 e 125 m2
La Norma CEI 64-8 prevede al livello 3 alcune prevista lintegrazione con la domotica di un
aggiunte allimpianto elettrico allo scopo di sistema di allarmi, della gestione comando luci e
integrare anche il sistema domotico. di altri sistemi a richiesta (vedi pagina 86).

Caratteristiche impianto:
Superficie 100 m2
Scaricatore Magneto- Livello 3 (5 circuiti)
di Tipo 2 termico Potenza imp. 6 kW
OVR Plus SN201 L Corrente di corto circuito 6 kA
32 A Con sistema domotico e
Codice funzione di controllo carichi
SN201LC32
Max 3 m

Sezione Montante 6 mm2


Montante con masse

Differenziale Differenziale
F202 F202
40 A 25 A
30 mA 30 mA
tipo A tipo AC
Codice Codice
F427826 F427800

Interruttore
magnetotermico
differenziale selettivo Magneto- Sistema
0,3 A tipo S termici domotico con
SN201 L funzione di
16 A stacco carichi
Codice
SN201LC16

Magneto-
termici
SN201 L
10 A
Codice
SN201LC10

Prese FM Prese FM AUX Luci zona Luci zona


cucina giorno notte
E se m pi di i m pianti a va r i livelli 85

ABB raccomanda sempre linstallazione di uno


scaricatore di sovratensione a monte
dellinterruttore generale del centralino, per la
protezione dalle sovratensioni di tutti gli
apparecchi connessi allimpianto elettrico .

Punti presa Punti Luce Presa Telefono Presa TV


1 Camera da letto da 12 a 20 m2 7 2 1** 1***
2 Camera da letto da 8 a 12 m2 4 2 1** 1***
3 Camera da letto da 8 a 12 m2 4 2 1** 1***
4 Locale cucina 7 2 1***
5 Soggiorno oltre 20 m2 10 4 1** 1***
6 Ingresso 1 1
7 Corridoio 5 m 1* 1
8 Locale da bagno con lavatrice 2 2
9 Locale da bagno senza lavatrice 1 2
10 Balcone / Terrazzo 10 m2 2 2

* La normativa consiglia linstallazione di prese 2P+T 16 A bivalenti standard italiano/tedesco.


** Le prese telefoniche e/o dati richiedono, secondo normativa, almeno una presa energia.
*** La normativa prescrive che accanto ad una sola presa TV di quelle presenti nellappartamento (di solito si sceglie quella del soggiorno) sia
presente la predisposizione per 6 prese energia (le ulteriori prese TV presenti nel medesimo ambiente necessitano di almeno 1 presa energia).

Antintrusione
n. 1 Centrale DomusTech Free

n. 5 Rivelatore IR

n. 1 Sirena esterna
2
8

3 9
7

1
4

5
Lampade di emergenza 2)

6 Citofono / Videocitofono 1)

Campanello 1)
10
1) La normativa prescrive la presenza di
un campanello e di un sistema
videocitofonico.

2) La normativa prescrive, per


appartamenti di metratura 100 m2
e di livello 2, la presenza di due dispositivi
per lilluminazione di sicurezza.
86 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

Esempi di impianti a vari livelli


Livello 3 - Appartamento con superficie
compresa fra 75 m2 e 125 m2
Integrazione domotica
Gestione luci Gestione tapparelle Gestione temperatura Gestione scenari

1 Camera da letto da 12 a 20 m2

2 Camera da letto da 8 a 12 m2
3 Camera da letto da 8 a 12 m2
4 Locale cucina
5 Soggiorno oltre 20 m2

6 Ingresso
7 Corridoio 5 m
8 Locale da bagno 1
9 Locale da bagno 2
10 Balcone / Terrazzo 10 m2

2
8

3 9
7

10

Antintrusione
n. 1 Centrale DomusTech Free

n. 5 Rivelatore IR

n. 1 Sirena esterna
ARTICLE OR CHAPTER TITLE 87

Controllo remoto

Controllo luci, tapparelle e altre Possibilit di attivare da Si pu impostare il clima


utenze tramite cellulare. remoto o verificare lo nellabitazione al meglio a
stato dellantifurto, seconda delle esigenze
il sistema invier anche un dellutente.
SMS in caso di allarme.
88 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

Esempi di impianti a vari livelli


Livello 3 - Appartamento con superficie
maggiore di 125 m2
Per un appartamento di grandi dimensioni il dellenergia e garantire continuit di servizio alle
livello3 della Norma CEI64-8 prevede un ulteriore apparecchiature principali.
incremento del numero di circuiti per integrare prevista lintegrazione con la domotica di un
meglio il sistema domotico nella gestione sistema di allarmi, della gestione comando luci e
dellabitazione. Bisogna suddividere i carichi in di altri sistemi a richiesta (vedi pagina 90).
prioritari e non, per ottimizzare la gestione

Caratteristiche impianto:
Superficie 150 m 2
Scaricatore Magneto- Livello 3 (7 circuiti)
di Tipo 2 termico Potenza imp. 6 kW
OVR Plus SN201 L Corrente di corto circuito 6 kA
32 A Con sistema domotico e
Codice funzione di controllo carichi
SN201LC32
Sezione Montante 6 mm2
Max 3 m

Differenziale Differenziale
F202 F202
Magneto-
40 A 40 A
termici
30 mA 30 mA
SN201
tipo AC tipo A
40 A
Codice Codice
Codice
F427801 F427826
SN201C40

Magneto-
termici
Sistema
SN201 L
domotico con
10 A
funzione di
Codice
stacco carichi
SN201LC10

Magneto-
termici
SN201 L
16 A
Codice
SN201LC16

Luci zona Luci zona AUX FM carichi FM carichi Prese FM Anti


giorno notte prioritari non prioritari cucina intrusione
E se m pi di i m pianti a va r i livelli 89

ABB raccomanda sempre linstallazione di uno protezione dalle sovratensioni di tutti gli
scaricatore di sovratensione a monte apparecchi connessi allimpianto elettrico.
dellinterruttore generale del centralino, per la

Punti presa Punti Luce Presa Telefono Presa TV


1 Camera da letto oltre 20 m2 9 4 1** 1***
2 Camera da letto da 12 a 20 m2 7 2 1** 1***
3 Camera da letto da 8 a 12 m2 4 2 1** 1***
4 Locale cucina 7 2 1***
5 Soggiorno oltre 20 m2 10 4 1** 1***
6 Locale da bagno con lavatrice 2 2
7 Locale da bagno senza lavatrice 1 2
8 Ripostiglio 1 m2 1
9 Ingresso 1 1 1**
10 Corridoio > 5 m 2* 2
11 Balcone / Terrazzo 10 m2 1* 1

* La normativa consiglia linstallazione di prese 2P+T 16 A bivalenti standard italiano/tedesco.


** Le prese telefoniche e/o dati richiedono, secondo normativa, almeno una presa energia.
*** La normativa prescrive che accanto ad una sola presa TV di quelle presenti nellappartamento (di solito si sceglie quella del soggiorno) sia
presente la predisposizione per 6 prese energia (le ulteriori prese TV presenti nel medesimo ambiente necessitano di almeno 1 presa energia).

Antintrusione
n. 1 Centrale DomusTech Free

n. 6 Rivelatore IR

n. 1 Sirena esterna

n. 9 Rivelatore perimetrale
n. 1 New concentratore/
ripetitore universale
2

7
11

8
5

10

6
4
1

Lampade di emergenza

Citofono / Videocitofono

Campanello
90 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

Esempi di impianti a vari livelli


Livello 3 - Appartamento con superficie
maggiore di 125 m2
Integrazione domotica
Gestione luci Gestione tapparelle Gestione temperatura Gestione scenari

1 Camera da letto da 12 a 20 m2

2 Camera da letto da 8 a 12 m2
3 Camera da letto da 8 a 12 m2
4 Locale cucina
5 Soggiorno oltre 20 m2

6 Ingresso
7 Corridoio 5 m
8 Locale da bagno 1
9 Locale da bagno 2
10 Balcone / Terrazzo 10 m2

Antintrusione
n. 1 Centrale DomusTech Free

n. 6 Rivelatore IR

n. 1 Sirena esterna

n. 9 Rivelatore perimetrale

n. 1 New concentratore/
ripetitore universale
2

7
11

3
8
5

10
6

4
1

9
ARTICLE OR CHAPTER TITLE 91

Controllo remoto

Controllo luci, tapparelle e altre Possibilit di attivare da Si pu impostare il clima


utenze tramite cellulare. remoto o verificare lo nellabitazione al meglio a
stato dellantifurto, seconda delle esigenze
il sistema invier anche un dellutente.
SMS in caso di allarme.
92 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

Esempi di impianti a vari livelli


Livello 3 - Automazione su misura

System Access Point


possibile programmare il
sistema in maniera semplice ed
intuitiva tramite app o browser
internet da tablet o da PC.

Automazione tapparelle Illuminazione Termoregolazione 3 zone indipendenti


2 Attuatori tapparella 1 comando 4 Attuatore rel 16A 1 comando 1 Termostato
1 Modulo dingresso 1 comando 1 Attuatore rel 8 A

2CSYE1105C 2CSYE1012C 2CSYE1102C 2csye1202C 2csye1107C


ARTICLE OR CHAPTER TITLE 93


01

Per passare dal giorno alla notte, con Mylos basta premere un solo
pulsante. Grazie a Mylos posso ricreare le condizioni ideali per un
buon riposo, abbassando tutte le tapparelle con un solo gesto.

Automazione tapparelle Illuminazione

01

2CSYE1102C: attuatore rel 16A 1 comando per lattuazione


e il comando della luce.

2CSYE1012C: modulo dingresso 1 comando per controllo


generale delle tapparelle del soggiorno e della camera,
collegato agli attuatori tapparella 2CSYE1105C.

2 CSY0301RLP: placca round 3M Lucent Bianco Alabastro.


94 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

Esempi di impianti a vari livelli


Livello 3 - Automazione su misura
Schema di collegamento
E se m pi di i m pianti a va r i livelli 95

Locale di
servizio

BUS Soggiorno Camera

2CSYF1701M

2CSYE1105C 2CSYE1012C 2CSYE1102C 2CSYE1202C 2CSYE1105C 2CSYE1102C

M X M X

Cucina Bagno Locale caldaia

2CSYE1102C 2CSYE1102C 2CSYE1107C

X X EV

L
N
230 V

2CSYF1710M
96 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

Esempi di impianti a vari livelli


Livello 3 - Appartamento residenziale
E se m pi di i m pianti a va r i livelli 97

System Access Point


possibile programmare il
sistema in maniera semplice ed
intuitiva tramite app o browser
internet da tablet o da PC.

Automazione tapparelle Illuminazione Dimmerizzazione


3 Attuatori tapparella 1 comando 10 Attuatore rel 16 A 2 comandi 2 Dimmer 350 W 1 comando
2 Pulsanti 16 A con interblocco 2 Attuatore 2 rel 8 A 2 comandi
2 Moduli 2 ingressi da incasso 1 Pulsanti 16 A 1NA
1 modulo dingresso 1 comando 1 Modulo 2 ingressi da incasso

2CSYE1105C 2CSYE1012C 2CSYE1103C 2CSY1005MC 2CSYE1205C

Termoregolazione
su 3 zone indipendenti
2CSY1018MC 2CSYE1106C 3 Termostati
3 Attuatori 2 rel 8 A

2CSYF1702M 2CSYF1702M 2csye1202C 2csye1107C

Gestione scenari Controllo carichi


2 Moduli, 2 ingressi binario, Interruttore di gestione
2 comandi carichi LSS1/2
Ingresso binario, 4 canali
2 attuatori rel 16A

2csye1003C LSS1/2

2CSYF1022M

2CSYE1101C
98 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

Esempi di impianti a vari livelli


Livello 3

Videocitofonia Welcome M Gestione scenari


Il nuovo sistema di videocitofonia Welcome M Un elevato livello di comfort domestico si pu
consente, grazie allestrema flessibilit, di ottenere attraverso le funzioni di automazione
soddisfare tutte le esigenze installative. I suoi personalizzando gli scenari secondo le esigenze
punti di forza sono la semplicit installativa e di specifiche dellutente. Ogni scenario costituito
utilizzo, e un design inconfondibile adatto a da un insieme di funzioni che si attivano in
qualsiasi contesto abitativo.Le funzioni avanzate, sequenza a seguito di un unico comando. Per
come funzione intercomunicante e servizio di esempio, uscendo di casa si possono abbassare
portineria, contribuiscono ad aumentare il livello tutte le tapparelle, spegnere le luci, regolare il
di comfort dellappartamento. riscaldamento, inserire lantifurto, il tutto con la
semplice pressione di un pulsante.
Sistema integrato Mylos
Il sistema Mylos Free@Home il cuore
tecnologico invisibile che rende possibile il
controllo di tutte le singole funzioni
dellabitazione. Semplice da configurare,
consente il dialogo tra tutti i dispositivi che
vengono installati in casa o che lutente decider
di installare, per creare un ambiente sempre pi
confortevole e al passo con le necessit.
Linstallatore pu configurare questo sistema
secondo le esigenze dellutente per gestire
scenari che combinano luci, tapparelle, clima e
altri elementi per dar vita ad unatmosfera unica e
sempre diversa.


Videocitofonia Sistema integrato
Welcome M Mylos Free@Home Gestione scenari
E se m pi di i m pianti a va r i livelli 99

Remotizzazione via cellulare/smartphone Controllo carichi


La centrale DomusTech Free, oltre a svolgere le DomusTech Free attiva o disattiva i carichi in
funzioni di centrale per lantintrusione e il base alle priorit stabilite dallutente. Il sistema
controllo dei dispositivi di sicurezza domestica, agisce in funzione di particolari situazioni, che
governa anche le funzioni pi complesse del rileva automaticamente, come il superamento di
sistema. Attraverso lunit GSM integrata, pu una soglia di potenza elettrica assorbita
inviare gli allarmi sia in sintesi vocale, sia come dallimpianto; in questo modo, per esempio, si
messaggi SMS e pu ricevere comandi evitano fastidiosi black-out di corrente.
provenienti da telefoni fissi o mobili oppure
attraverso lapplicazione per la domotica del
telefono cellulare.

Allarmi tecnici e rilevazione gas


Per evitare possibili danni a cose e persone anche
gravi, DomusTech Free tiene sotto costante
controllo tutti gli ambienti domestici, segnalando
tempestivamente linsorgere di eventi pericolosi,
come fughe di gas, allagamenti e presenza di
fumo. Il sistema in grado di intervenire, anche in
modo automatico, sulle rispettive elettrovalvole
per bloccare la fuoriuscita del gas e dellacqua.


Remotizzazione via Allarmi tecnici e Controllo
cellulare/smartphone rilevazione gas carichi
101

Ricarica domestica
delle auto elettriche

102103 La proposta e le soluzioni ABB

104105 I sistemi di ricarica in corrente


alternata
102 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

Ricarica domestica delle auto elettriche


La proposta e le soluzioni ABB

La sezione 722 Alimentazione dei veicoli La logica della ricarica, che presuppone un
elettrici, in vigore da settembre 2013, va ad intenso sfruttamento delle stazioni, al lavoro
aggiungersi alle altre parti speciali della parte 7 anche in contemporanea e per lungo tempo,
della Norma CEI 64-8. impone:
Il campo di applicazione riguarda i circuiti per la
ricarica dei veicoli elettrici (EV), sia in corrente di assumere un coefficiente di contemporaneit
alternata, sia in corrente continua che devono di valore 1 oppure di un sistema di gestione dei
garantire sicurezza agli utenti e agli impianti. carichi;
Nellattuale edizione, non previsto il flusso di la disponibilit di un circuito dedicato cio che
energia dal veicolo allimpianto, n la ricarica non alimenta altre utenze;
induttiva. la raccomandazione della protezione da
sovratensione a mezzo SPD;
I modi di ricarica il grado almeno IP44 se allaperto;
Si descrivono in tutto quattro modi di ricarica la tenuta agli urti con opportuni ripari o con
tratti dalla norma CEI EN 61851-1: gradi IK07;
Modo 3 la protezione della singola presa da
Connessione diretta del veicolo elettrico alla rete sovracorrenti con magnetotermico-
in corrente alternata tramite stazione di ricarica differenziale da 30 mA di tipo A se monofase e
dedicata (EVSE Electrical Vehicle Supply di tipo B se trifase.
Equipment - Equipaggiamento dalimentazione
del veicolo elettrico) e funzione pilota di controllo Per il modo 3 e modo 4 si usano prese e
che protegge in permanenza il veicolo elettrico. connettori specifici, conformi rispettivamente
Modo 4 alle norme CEI EN 62196-2 e CEI EN 62196-3.
Connessione del veicolo elettrico tramite un
caricabatteria esterno (nella stazione di ricarica) Per il modo 1 e modo 2 si usano le normali prese
nel quale la funzione pilota di controllo si estende domestiche conformi alla norma CEI 23-50,
allapparecchiatura collegata in permanenza alla oppure le prese industriali conformi alla
rete in corrente alternata. CEI EN 60309-2.
Modo 1
Connessione alle normali prese di corrente sino
a 16 A, domestiche o industriali, monofasi fino a
250 V e trifasi fino a 480 V. Di fatto il modo 1 in
uso per veicoli leggeri sino a una potenza
indicativa di 2000 W.
Modo 2
Connessione alle normali prese di corrente sino
a 32 A, domestiche o industriali, monofasi fino a
250 V e trifasi fino a 480 V, tramite un cavo di
collegamento dotato di dispositivo portatile di
protezione e controllo. Il dispositivo portatile
modo 2 confome alla norma CEI EN 62752.
ARTICLE OR CHAPTER TITLE 103

Le soluzioni ABB ricarica oggi disponibili riassunti nella tabella


opinione diffusa e consolidata fra gli esperti e i sotto riportata.
protagonisti dellindustria automobilistica che il Le stazioni di ricarica per uso privato possono
settore dellE-mobility subir pi cambiamenti essere inserite in impianti gi esistenti oppure in
nei prossimi cinque anni di quanti ne abbia vissuti impianti di nuova concezione, che integrano
negli ultimi 50. sorgenti di energia da fonti rinnovabili con
ABB leader globale nelle tecnologie per lenergia e funzioni di home e building automation.
lautomazione, tra i primi player sul mercato con Le stazioni di ricarica Wall Box sono
una ricca offerta di soluzioni per la mobilit particolarmente adatte per un uso quotidiano
elettrica, dalle soluzioni monofase da 16 A con durante i periodi di sosta prolungati (di notte).
ricarica notturna, alle stazioni in continua da oltre Queste applicazioni esemplificano le condizioni
50 kW con tempi di ricarica inferiori ai 20 minuti tipiche legate ai parcheggi individuali, come ad
per stazioni di servizio autostradali e centri esempio i box privati oppure le aree condominiali
commerciali. ABB offre anche soluzioni affidabili con posti assegnati, dove unautovettura sosta
adatte alla ricarica domestica e privata, tramite per un discreto numero di ore. Una stazione di
stazioni a parete (Wall Box), e alla ricarica privata ricarica domestica Wall Box con una potenza
e/o pubblica, tramite stazioni a colonna. nominale di 3,7 kW oppure di 7,4 kW sufficiente
In funzione delle potenze, delle necessit per soddisfare la maggior parte delle esigenze
logistiche, delle disponibilit economiche e relative alla ricarica di un autoveicolo in ambito
ambientali si possono esaminare i vari sistemi di privato.

Potenza di ricarica
100kW 50kW 22kW 11kW 7kW
350
Soluzioni e sistemi
di ricarica per
veicoli elettrici 300

250

3,7kW
200

150
2,3kW

100
Percorrenza (km)

50

1h 2h 3h 4h 5h 6h 7h 8h 9h 10h
Durata ricarica
104 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

Ricarica domestica delle auto elettriche


I sistemi di ricarica in corrente alternata

Obbligo per la predisposizione di ricarica dei servizio per i propri utenti).


veicoli elettrici a domicilio ABB ha sviluppato una completa offerta capace di
Si ricorda che la nuova formulazione del Testo offrire soluzioni ideali per qualsiasi specifica
unico sulledilizia (DPR 380/01, art. 4) come necessit. Tutte le attivit legate alle soluzioni di
riscritto dal DLgs 257/16, art. 15 (attuazione della ricarica vengono svolte in Italia, arricchendo la
direttiva 2014/94/UE sulla realizzazione di una solida base di rigore tecnico che distingue da
infrastruttura per i combustibili alternativi) ha sempre la produzione ABB. In particolare, la
introdotto lobbligo di prevedere la progettazione, lo sviluppo e la produzione delle
predisposizione per la possibile installazione delle stazioni a parete e delle colonnine in corrente
infrastrutture di ricarica negli edifici residenziali. alternata sono realizzate presso lo stabilimento
Pi precisamente, entro il 31 dicembre 2017 i ABB di Marostica (VI), mentre le unit Terra in
comuni adeguano il regolamento di cui al comma 1 corrente continua sono prodotte dallo
prevedendo, con decorrenza dalla medesima data, stabilimento ABB di Terranuova Bracciolini (AR).
che ai fini del conseguimento del titolo abitativo Infine, tutte le attivit di sviluppo software e il
edilizio sia obbligatoriamente prevista, per gli centro di assistenza e supervisione hanno sede
edifici residenziali di nuova costruzione con negli uffici ABB di Genova.
almeno 10 unit abitativa e per i relativi interventi
di ristrutturazione edilizia di primo livello di cui Ricarica standard da 7,4 kW e accelerata
allallegato 1, punto 1.4.1 del Decreto dello fino a 22 kW. Soluzioni a colonna
sviluppo economico 26 giugno 2015, la Le colonne di ricarica in corrente alternata sono
predisposizione allallaccio per la possibile modulari e possono essere utilizzate in differenti
installazione di infrastrutture elettriche per la contesti come aree private oppure aree pubbliche.
ricarica dei veicoli idonee a permettere la Queste colonnine per installazione a terra si
connessione di una vettura da ciascuno spazio a dividono in due categorie:
parcheggio coperto o scoperto e da ciascun box
per auto, siano essi pertinenziali o no, in monofacciale, per la ricarica di un singolo
conformit alle disposizioni edilizie di dettaglio veicolo;
fissate nel regolamento stesso e per un numero di bifacciale, per la ricarica di due veicoli
spazi a parcheggio e box auto non inferiore al 20% contemporaneamente.
di quelli totali.
Quindi, per gli edifici residenziali di nuova Vantaggi principali
costruzione e per gli interventi di ristrutturazione Ricarica in modo 3 a norma IEC/CEI EN 61851.
edile di primo livello, per stabilire La ricarica dura poche ore, di notte, o quando si
dettagliatamente i requisiti minimi obbligatori, al lavoro, oppure durante le attivit quotidiane
necessario consultare le disposizione fissate nel Robuste, personalizzabili, con ottimo design e
regolamento edilizio del comune. involucro in classe II (doppio isolamento)
presentano unanima in metallo e un involucro in
Ricarica standard e ricarica accelerata materiale plastico antivandalico con gradi IK10 e
Lofferta ABB in corrente alternata prevede IP54.
soluzioni di ricarica standard con potenza Le stazioni dispongono della una tecnologia di
nominale di 3,7 kW o 7,4 kW per la sosta comunicazione RFID e delle relative specifiche
prolungata in edifici privati, terziari o in parti per lidentificazione dellutente e per
comuni degli edifici residenziali (come nel caso lintegrazione con gli ambienti di fatturazione e
della sosta notturna presso la propria abitazione o comunicazione.
della sosta diurna presso il proprio luogo di Totalmente personalizzabili su richiesta del
lavoro) e soluzioni di ricarica accelerata con cliente, possono essere esteticamente adattate
potenza nominale fino a 22 kW (32 A / 400 V) per alle esigenze di immagine del luogo in cui sono
la sosta breve in edifici terziari (come nel caso di installate.
centri commerciali, hotel o sedi di enti pubblici),
che vogliono mettere a disposizione questo
Rica r ica d o m estica delle auto elett r ic h e 105

Caratteristiche Possono essere utilizzati sia come elemento


Dotate di prese dedicate, protezioni differenziali singolo in installazioni tradizionali sia negli
ad alta immunit contro gli scatti intempestivi, impianti pi evoluti di building automation,
protezione magnetotermica, circuito PWM offrendo una serie di funzioni che permettono di
(Pulse Width Modulation) e prese di Tipo 2 o 3A, integrare l'attivit di ricarica in un contesto
conformi alla norma IEC/CEI EN 62196-2, sempre pi smart e interconnesso.
garantendo la compatibilit anche con i futuri Lalimentazione pu avvenire attraverso i
veicoli elettrici e ibridi. contatori (POD) delledificio, comuni ad altre
Disponibili anche in versione 3,7 kW monofase utenze elettriche collettive o individuali, oppure
con presa 3A e 22 kW trifase con presa Tipo 2 e utilizzando contatori specifici dedicati alla
RFID. ricarica dei veicoli.

Ricarica standard da 3,7 kW fino a 7,4 kW. Caratteristiche


Soluzioni a parete Wall Box Disponibili con cavo di ricarica fisso e con
L'offerta ABB prevede soluzioni con montaggio a connettore corrispondente a quello del proprio
parete appositamente studiate per il settore veicolo (connettore Tipo 1 oppure Tipo 2),
residenziale. Con un elegante design, permettono soluzione ideale per le installazioni prettamente
una ricarica del veicolo sicura ed efficiente e con la domestiche (ad esempio un garage privato).
massima flessibilit. Disponibili con presa di ricarica di Tipo 2,
soluzione ideale per lambito privato o
Vantaggi principali commerciale (ad esempio autorimesse).
Facilmente applicabili a parete, offrono una Disponibili anche in versione 22 kW trifase.
soluzione ottimale nelle aree con superfici tarabile a 11 kW, con presa Tipo 2 e RFID.
limitate come box auto o parcheggi
condominiali.
Specificatamente progettati per un utilizzo da
parte di personale non qualificato e dotati di
avanzati sistemi di sicurezza.
107

La nuova parte 8


della Norma CEI 64-8

108109 Lefficienza energetica


negli impianti elettrici

110 Dentro la parte ottava


della norma

111 Nuove definizioni e concetti


della parte 8

112113 LEfficienza energetica e


operativa in ambito domestico

114115 La proposta ABB


108 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

La nuova parte 8 della Norma CEI 64-8


Lefficienza energetica negli impianti
elettrici
Norma CEI 64 8/8-1 Lefficienza energetica come crescita tecnica,
Dal 1 novembre 2016 in vigore la nuova Norma civile e culturale
CEI 64 -8/8-1 definita parte 8-1, per lefficienza Rispetto agli anni passati, oggi guardare
energetica degli impianti elettrici. allefficienza energetica conviene perch gli
Questottava parte si aggiunge alla Norma base investimenti in questo settore si ripagano in
64 -8, VII edizione, per impianti utilizzatori di tempi decisamente molto pi brevi, grazie
bassa tensione. soprattutto ad una sensibile riduzione dei costi
la traduzione della Norma IEC 60364-8-1 e operativi. Per questo l'efficienza una soluzione
descrive lesecuzione dun impianto per ottenere con importanti e tangibili vantaggi, per
il miglior servizio permanente, funzionalmente ed lambiente, leconomia e la societ in genere.
equivalente con il pi basso consumo di energia Nel 2014 si stima che in termini economici i
elettrica, nelle condizioni di disponibilit ed risparmi derivati dalle misure introdotte per
equilibrio economico migliori. investimenti in efficienza energetica abbiano
Il fine la massima efficienza energetica contribuito ad una riduzione dei costi in energia
elettrica, sia per nuovi edifici, che per le elettrica di oltre 550 miliardi di dollari.
ristrutturazioni degli esistenti. Laumento del Uno studio della Commissione Europea ha
consumo di elettricit e il suo impiego ipotizzato che se a livello globale si applicassero i
sostenibile, sono continuamente discussi in pi severi requisiti vigenti per lefficienza
accordi nazionali e internazionali. energetica, i consumi energetici totali si
Lobiettivo uno sviluppo basato su energie ridurrebbero del 9%. Questo studio ha valutato
sostenibili, ottimizzando l'uso delle risorse ad esempio, che il potenziale risparmio ottenibile
naturali. dai motori industriali entro il 2030 sarebbe di
La nuova norma analizza anche gli impianti di 13.286 TWh (tera-wattore), pari a 1140 Mtoe
produzione locale con o senza accumulo (milioni di tonnellate di petrolio), un valore
denergia, solo per impianti nuovi o secondo solo alle applicazioni nel settore del
ristrutturazioni radicali degli esistenti. riscaldamento.
Dei quattro settori in cui la Norma spinge Migliorare i consumi energetici per un futuro pi
lincremento dellefficienza energetica e cio: sostenibile un obiettivo multigenerazionale.
Le azioni a breve termine, che spingono sulle
abitazioni ed edifici residenziali tecnologie gi collaudate e disponibili, possono
edifici commerciali (uffici, strutture pubbliche, facilitare anche il raggiungimento di obiettivi
banche, alberghi, supermercati) climatici cruciali. Nel 2014 le misure per
edifici industriali lefficienza energetica hanno fatto risparmiare
(fabbriche, officine, centri di distribuzione) oltre 520 Mtoe (milioni di tonnellate di petrolio) e
Infrastrutture circa 1,5 miliardi di tonnellate di CO2 non immesse
(aeroporti, porti, strutture per il trasporto) in atmosfera.

In questo capitolo si approfondir la prima e la


seconda parte riferite ad abitazioni e al settore
residenziale.
L a nu o va pa r te 8 della N o r m a C E I 6 4 - 8 109

Nella maggior parte dei Paesi IEA, compresi UE e Ad esempio, il nuovo interruttore in BT Emax2 di
LAIE (Agenzia
Internazionale Energia) USA, linsieme degli edifici residenziali e ABB un gestore energetico intelligente:
ha calcolato che nel 2014, commerciali, consuma circa il 40% dellenergia protegge i circuiti elettrici e gestisce i consumi in
circa il 5% dellenergia
generata da combustibili primaria. Questenergia serve principalmente base alle esigenze. stato calcolato che, solo
fossili consumata per il riscaldamento, il condizionamento e il grazie a questo dispositivo, sarebbe possibile
nella fase di estrazione,
mentre poco pi del funzionamento di elettrodomestici e impianti vari. risparmiare globalmente 5,8 TWh (tera-wattore),
65% viene perso sotto In questarea possibile ottenere un risparmio un valore pari ai consumi elettrici annui di 1,4
forma di calore di
combustione durante il significativo grazie alle soluzioni di domotica che milioni di utenze domestiche di tutti i paesi Ue.
processo di produzione gestiscono con precisione la temperatura, I sistemi di gestione energetica per ledilizia sono
dellenergia elettrica.
lilluminazione e tutti gli apparecchi elettrici. in grado di controllare illuminazione,
Uno studio condotto dallassociazione tedesca riscaldamento, ventilazione, condizionamento,
dellindustria elettrotecnica (ZVEI) ha dimostrato sicurezza e comfort. Attraverso una integrazione
che possibile ridurre anche dell80% i consumi di queste funzioni con i vari processi di
energetici e i costi di illuminazione degli edifici misurazione energetica permettono un
utilizzando sistemi di gestione intelligenti. miglioramento dellefficienza anche del 30%.
Queste soluzioni consentono di dimezzare o I veicoli elettrici hanno unefficienza energetica
quantomeno ridurre i consumi energetici con un nettamente superiore alle auto con motore a
tempo di recupero dellinvestimento scoppio. Quando aumenter la percentuale di
relativamente breve che va da un minimo di 1 a un energia generata da fonti rinnovabili, i veicoli
massimo di 5 anni. elettrici diventeranno realmente a emissioni
zero. Ladozione dei veicoli elettrici stata pi
lenta del previsto perch mancano su strade e
autostrade adeguate infrastrutture e reti di
ricarica.

Energia Generazione di Trasmissione e Edifici commerciali Trasporti di


Industria
primaria energia distribuzione e residenziali persone e merci

Circa l80%
dellenergia va perduto
prima di raggiungere
gli utenti finali
Energia disponibile

20-30%
Guardano ottenuto
grazie alle tecnologie
disponibili
110 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

La nuova parte 8 della Norma CEI 64-8


Dentro la parte ottava della norma

Le specifiche della nuova parte di questa norma, Si segnala lonest normativa del CEI, che
non riguardano: precisa: In qualsiasi momento, lutente deve
la sicurezza dellimpianto essere in grado di fare uneccezione e di utilizzare
lefficienza dei singoli apparecchi, gi valutati e il servizio secondo le sue necessit, essendo
provati nelle loro norme di prodotto consapevole che ci pu essere pi costoso di
i sistemi dautomazione degli edifici civili e quanto previsto, dal punto di vista dellenergia
terziari elettrica.
laffidabilit della fornitura e la disponibilit di Ad esempio, se c un malato, si pu decidere di
energia elettrica riscaldare la sua stanza a temperatura pi elevata;
oppure se durante il consumo di picco una societ
riceve un ordine di consegna urgente, lofficina
pu aver bisogno di lavorare ad unora imprevista.

Nel progetto si dovranno perci ottimizzare i


consumi e lefficienza e cio:

il profilo di carico, attivo e passivo;


la disponibilit della produzione locale
(solare, eolica, con generatore, ecc.);
la riduzione delle perdite di energia
nellimpianto elettrico;
la disposizione dei circuiti riguardo
allefficienza energetica (maglie);
luso di energia secondo la domanda del cliente;
la struttura tariffaria offerta dal fornitore di
energia elettrica, senza perdere la qualit del
servizio e la prestazione dellimpianto elettrico.
Sicurezza Efficienza Sistemi Fornitura
impianto apparecchi automazione elettrica
L a nu o va pa r te 8 della N o r m a C E I 6 4 - 8 111

La nuova parte 8 della Norma CEI 64-8


Nuove definizioni e concetti della parte 8

Tra le tante novit introdotte in questo nuovo Art. 3.1.13 misure di efficienza EM - Livello di
aggiornamento, si segnalano le principali in adozione delle misure per migliorare lefficienza
termini di utilit e operativit. energetica di un impianto elettrico
Art. 3.1.7 efficienza dellenergia elettrica - EEE Art. 3.1.14 livello di prestazione di efficienza
approccio di sistema per ottimizzare lefficienza energetica EEPL
di utilizzo dellenergia elettrica livello di miglioramento dellefficienza energetica
Lefficienza delluso dellenergia elettrica si conseguito per mezzo di misure (provvedimenti)
persegue realizzate per migliorare lefficienza energetica di
direttamente con interventi sullimpianto, gli un impianto elettrico.
apparecchi e i carichi (provvedimenti attivi) Art. 3.2.5 distacco dei carichi
indirettamente sulla struttura, contenendone le approccio nel quale i carichi elettrici sono
dissipazioni sia in uscita (perdite termiche) distaccati per periodi variabili di tempo al fine di
che in ingresso (entrate termiche dannose ottimizzare la domanda di energia elettrica.
(provvedimenti passivi) La funzione strategica evidenziata in questa
Art. 3.1.8 maglia - Gruppo di apparecchiature norma la gestione dellefficienza energetica,
elettriche alimentate da uno o pi circuiti una specifica fondamentale dellimpianto che
dellimpianto elettrico per una o pi zone richiede la conoscenza di:
comprendenti uno o pi servizi ai fini ci che sta a monte (rete, eventuale produzione
dellefficienza energetica locale con o senza accumulo denergia)
Art. 3.1.12 classe di efficienza dellimpianto i bisogni degli utenti (diagramma di carico,
elettrico EIEC controllo della fornitura, dialogo in tempo reale,
combinazione di misure di dati economici in diretta sul costo energetico e
efficienza (EM) relativa disponibilit per poter decidere
livelli di prestazione di efficienza energetica lottimale alimentazione dei carichi.
(EEPL) Il diagramma, tratto dalla norma, rappresenta
tale organizzazione.

Lutente prende le decisioni, fornisce i parametri


(per es. necessit dellutente) e riceve informazioni

1 I dati provenienti dallutente

S orgenti di energia USO DI ENERGIA

Rete 5 Informazioni per es. per lutente Carico

Gestione dellefficienza
Produzione
locale energetica Carico

7 Decisioni per luso 6 Decisioni


Accumulo dellenergia per i carichi
locale disponibile Carico

2 Dati provenienti 4 Dati provenienti


dalla disponibilit dai carichi
e dal prezzo (misura)
dellenergia
(misura)

3 Input provenienti dai dati ambientali


(per es. sensori che forniscono informazioni
su temperatura, giorno/notte, umidit, ecc.)
112 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

La nuova parte 8 della Norma CEI 64-8


LEfficienza energetica e operativa
in ambito domestico
Gestione, monitoraggio e distacco dei carichi che cresce da 0 a 4. La disponibilit dellopzione
Il consumo ideale della potenza di energia zero riconferma la facoltativit del metodo,
assorbita, sarebbe quello rappresentato da una come dellintera norma CEI.
linea orizzontale costante nel tempo. Purtroppo
non ci sono impianti che possono garantire La logica che porta allottimizzazione energetica
condizioni di questo genere. Per poterci dellabitazione parte dalla misurazione dello stato
avvicinare a questi limiti, bisogna monitorare i defficienza dei diversi componenti limpianto.
consumi e, se superiori a certi valori, sganciarli, Nella norma con alcune tabelle si misura
seguendo un certo criterio (allarme audio-visivo, lefficienza di varie situazioni, assegnando a
ritardo temporale, commutazione, o altro), ciascuna un valore di (EM).
garantendo in questo modo il contenimento del
consumo massimo impostato. Le situazioni trattate sono le seguenti:
Per non modificare laffidabilit e la continuit profilo di carico (tab B.1)
dellimpianto necessario individuare i carichi posizione della cabina rispetto agli stabili
che possono accettare oppure no il distacco, serviti (tab B.2)
perch aventi una maggiore inerzia energetico- tipologia di motori installati (tab B.3)
funzionale. tipologia di lampade installate e relativa
Questi possono essere: location (tab B.4)
tipo di monitoraggio della temperatura
impianti per riscaldamento negli ambienti (tab B.5)
processi frigoriferi tipo di trasformatori usati con relativo
sistemi per ricariche elettriche rendimento (tab B.6)
sistemi di accumulo idrico o termico tipo e qualit delle condutture installate
sistemi dedicati al confort e allantintrusione (tab B.7)
sistemi dilluminazione localizzata rifasamento dellenergia reattiva (tab B.8)
(giardino, magazzino-garage, ecc.) disponibilit in tempo reale del fattore di
potenza o cos fi (tab B.9)
Per ciascun carico, si deve indicare una durata misurazione delle energie consumate, attiva e
limite di distacco. reattiva (tab B.10)
Ad esempio per un computer 0 ms, per una capillarit della misura della tensione (tab B.11)
lampada 50 ms, per un frigorifero 15 min. rilevazione delle armoniche di rete (tab B.12)
Per razionalizzare la gestione dei carichi disponibilit di energia rinnovabile e sua
sganciabili, occorre capire il concetto di producibilit nel tempo (tab B.13)
maglia, definito dalla norma. Una maglia pu
accomunare uno o pi locali (zona giorno, zona Una volta misurate le situazioni reali (EM), si
notte, giardino, lavanderia, garage ecc) o una passa alla classificazione secondo cinque livelli
funzione tecnica (riscaldamento, luci esterne, luci crescenti defficienza, da EEPL0 a EEPL4 (EEPL4
dedicate, sistemi antintrusione, telefonia e il livello pi elevato), utilizzando tre tabelle.
internet, ecc.). Il tipo e il numero delle maglie si Ogni livello superiore comprende i precedenti
decide consultando il committente, e si inferiori.
gestiscono e risolvono anche con limpianto Nel domestico non valutabile il livello di
domotico, se previsto. prestazione dellefficienza energetica (quello di
Il distacco carichi pu agire su talune maglie, tab 02: EEPL .).
funzionalmente collaboranti, seguendo un adatto Sommando i punteggi ottenuti dalle tabelle per la
criterio per garantire un residuo livello di confort misura dellefficienza (EM ) e il livello di
e daffidabilit. prestazione (EEPL ) si ottiene un valore totale,
La parte ottava fissa dei punteggi per le misure che inserito in tab 03 definisce la classe di
energetiche adottate. Da esse deriva la relativa efficienza energetica cercata (EEPL ).
classe defficienza energetica dellimpianto (EIEC)
ARTICLE OR CHAPTER TITLE 113

Tabella 01. Profilo delle misure di efficienza energetica

Tabella Prescrizione EM0 EM1 EM2 EM3 EM4 Punti


B.1 Profilo a carico
B.2 Posizione della cabina principale
B.3 Motori
B.4 Illuminazione
B.5 HYAC
B.6 Trasformatori
B.7 Sistema di condutture
B.8 Correzione del fattore di potenza
B.9 Misura del fattore di potenza
B.10 Misura dell'energia e della potenza
B.11 Misura della tensione
B.12 Misura delle armoniche e delle interarmoniche
B.13 Energia rinnovabile
EM totale

Tabella 02. Profilo di prestazione di efficienza energetica per un impianto industriale.

Tabella Prescrizione EEPL 0 EEPL 1 EEPL 2 EEPL 3 EEPL 4 Punti


B.14 Distribuzione del consumo annuale
B.15 Fattore di potenza
B.16 Efficienza del trasformatore
EEPL totale

Tabella 03. Classi di efficienza dell'impianto elettrico.

Totale per le abitazioni Totale eccetto per le abitazioni Classi di efficienza dell'impianto elettrico (EIEC)
<20 <16 EIEC0
<28 <26 EIEC1
<36 <36 EIEC2
<44 <48 EIEC3
<50 <58 EIEC4
114 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

La nuova parte 8 della Norma CEI 64-8


La proposta ABB

Il rel di massimo consumo RAL 3 e RAL 6 La seconda funzione pu contribuire a mantenere


01 Rel di massimo
consumo RAL Nel comparto domestico lefficienza si il prelievo di potenza al di sotto della soglia
incrementa curando in prima battuta il rispetto contrattuale ed evitare lintervento improvviso
02 Interruttore di
gestione carichi LSS1/2 delle punte massime di consumo, onde impedire il del contatore. Il ripristino deve essere manuale;
distacco imprevisto e indesiderato della tensione. pu essere automatico solo nel caso in cui si
Tale effetto si ottiene con opportuni controllori utilizzi un rel temporizzato. Lapparecchio
della potenza prelevata. Nei cataloghi ABB sono fornito con taratura per 3 kW e si regola tramite
reperibili questi dispositivi facilmente un selettore rotativo posto sul fronte.
programmabili, che rilevano, avvisano e, se si
vuole, sganciano uno o pi circuiti alimentanti le Principio di funzionamento
relative maglie distaccabili. Collegando la bobina di sgancio S9-T415
allapposito contatto, il rel RAL emette la
Funzionamento del rel segnalazione sonora dallarme e insieme apre
Installato nel centralino, a valle dellinterruttore linterruttore di uno o pi carichi non prioritari.
generale, effettua una costante comparazione tra
la soglia contrattuale dassorbimento (3 o 6 kW) e Contesti applicativi
ed il consumo effettivo dun impianto monofase. Linstallazione del rel di massimo consumo RAL
Un allarme sonoro avvisa lutente che occorre risulta particolarmente idonea in tutti gli
spegnere certi apparecchi per evitare lo sgancio. ambienti e situazioni in cui si vogliano prevenire
RAL e anche dotato dun contatto in scambio, che consumi di energia che porterebbero
permette di realizzare le seguenti funzioni: allintervento dellinterruttore limitatore
segnalazione acustica o luminosa a distanza dellimpianto.
apertura dun interruttore divisionale con
disattivazione di un particolare carico non
prioritario.

N L1

Ausiliari

B.A.

E.A.

RAL

Utenze Utenze
prioritarie non prioritarie
L a nu o va pa r te 8 della N o r m a C E I 6 4 - 8 115

Interruttore LSS1/2 per la gestione, il Un LED verde segnala la presenza di tensione,


monitoraggio e il distacco dei carichi mentre due LED rossi indicano lesclusione di
Come il RAL, linterruttore LSS1/2 interviene se la ciascuno dei due carichi.
corrente totale nellimpianto supera la soglia, Indicato dove la potenza totale dei carichi sia
impostata sul commutatore posto sul fronte maggiore della contrattuale, linterruttore LSS1/2
dellapparecchio. E quindi possibile evitare per reti monofase civili ed industriali e per reti
lintervento dellinterruttore generale, staccando trifase simmetriche ed equilibrate.
in successione un massimo di due carichi non
prioritari, CNP1 e CNP2 (nel RAL uno solo). Contesti applicativi
Dopo un tempo prefissato, linterruttore verifica Linstallazione dell'interruttore di gestione carichi
la possibilit di ripristinare i carichi disattivati. Il LSS1/2 risulta particolarmente idonea in tutti gli
tentativo viene ripetuto fino a che non si sia ambienti e situazioni in cui sia necessario
ristabilita una situazione di normalit. contenere i consumi di energia entro i limiti di
assorbimento ammessi in impianto.

L1 N

LSS1/2

Utenze Utenze Utenze


prioritarie non prioritarie non prioritarie


01 02
117

Le principali attivit
introdotte con le
varianti V3 e V4

118121 La variante V3

122 La variante V4
118 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

La variante V3

Interventi intempestivi degli interruttori uso di RCD a breve tempo ritardato che
differenziali rispettino i tempi massimi di apertura indicati
La Norma CEI 64-8 V3 al capitolo 53 richiede che nel Capitolo 41 (in pratica sono gli interruttori
gli interruttori differenziali (RCD) siano scelti e differenziali di tipo S selettivi e quelli ad
installati in modo da limitare il rischio di aumentata resistenza contro gli scatti
intervento intempestivo. Ci si pu fare con i intempestivi secondo le indicazioni del
seguenti provvedimenti (art 531.3.2): costruttore)
corretto coordinamento degli interruttori
suddivisione dei circuiti mediante luso di RCD differenziali (RCD) di tipo generale, di tipo S
individuali associati a ciascun circuito. Per selettivo
evitare lintervento intempestivo a causa delle corretto coordinamento degli interruttori
correnti circolanti nel conduttore di protezione differenziali (RCD) con gli eventuali limitatori di
durante il funzionamento normale delle sovratensioni SPD (cio gli SPD installati a valle
apparecchiature, si deve fare in modo che la dellRCD con o senza ritardo nellintervento, ma
sommatoria di tali correnti a valle dellRCD non non sensibile alle correnti di scarica sino ad
sia superiore a 0,3 volte la corrente differenziale almeno 3 kA 8/20 s).
nominale di funzionamento In


F200 DS201 DDA200
L e p r incipali attivit int r o d otte c o n le va r ianti V 3 e V4 119

Scelta degli interruttori differenziali secondo Dove gli interruttori differenziali sono accessibili
laccessibilit allimpianto solo alle persone avvertite o alle persone esperte,
La Norma CEI 64-8 V3 al capitolo 53 indica che la gli interruttori differenziali devono essere
corretta scelta degli interruttori differenziali conformi a una delle seguenti norme:
dipende dalla categoria di persone che possono
accedere agli interruttori differenziali CEI EN 61008-1 e CEI EN 61008-2-1 oppure
(artt. 531.3.4 e 531.3.6). CEI EN 61009-1 e CEI EN 61009-2-1 oppure
Dove gli interruttori differenziali sono accessibili CEI EN 62423 oppure
alle persone comuni non addestrate, ai bambini o CEI EN 60947-2.
alle persone disabili, gli interruttori differenziali
devono essere conformi a una delle seguenti La scelta del tipo di interruttore differenziale in
norme: funzione della tipologia di apparecchiature
presenti nei circuiti da proteggere pu avvenire
CEI EN 61008-1 e CEI EN 61008-2-1 oppure con diverse modalit:
CEI EN 61009-1 e CEI EN 61009-2-1 oppure 1. prescrizioni normative
CEI EN 62423. 2. secondo le forma donda della corrente di
guasto a terra generate dagli apparecchi
utilizzatori
3. particolari prescrizioni dei costruttori di
apparecchiature (es. inverter, ecc.)

La norma CEI 64-8 prescrive le tipologie di


interruttori differenziali specifici in alcune
condizioni prestabilite.

Descrizione Interruttore

I punti di connessione monofase per la ricarica dei veicoli elettrici (prese o connettori) devono
essere protetti singolarmente mediante un dispositivo differenziale con corrente differenziale
nominale di intervento non superiore a 30 mA almeno di tipo A (CEI 64-8, art. 722.531.1) RCD di tipo A

Nel caso di alimentazione trifase dei veicoli elettrici, si devono adottare misure di protezione
sensibili alle correnti continue di guasto a terra, ad esempio dispositivi differenziali di tipo B
(CEI 64-8, art. 722.531.1) RCD di tipo B

Nei locali ad uso medico di gruppo 1 e gruppo 2, dove sono richiesti interruttori differenziali,
devono essere di tipo A o di tipo B, in funzione del tipo della possibile corrente di guasto RCD di tipo A
(CEI 64-8, art.710.413.1.3) o di tipo B

Per gli STS e gli UPS monofase, se possibile una corrente di guasto verso terra con componenti
in corrente continua, le loro istruzioni di installazione devono precisare che gli interruttori
differenziale siano di tipo A (CEI EN 62040-1, art. 4.7.12 e CEI EN 62310-1, art. 4.1.10). RCD di tipo A
Sistemi di conversione elettronica di potenza e loro componenti
(se non indicato diversamente nel manuale di istruzioni) (CEI EN 62477-1, art. 4.4.8) RCD di tipo A

Per gli STS e gli UPS trifase, se possibile una corrente di guasto verso terra con componenti
in corrente continua, le loro istruzioni di installazione devono precisare che gli interruttori
differenziale siano di tipo B (CEI EN 62040-1, art. 4.7.12 e CEI EN 62310-1, art. 4.1.10) RCD di tipo B
Per gli impianti fotovoltaici, nel caso di impianti senza almeno una semplice separazione tra il lato
in c.a. ed il lato c.c., qualora il convertitore non sia esente per costruzione dalliniettare correnti
continue di guasto a terra nellimpianto elettrico, occorre installare sul lato c.a. un interruttore
differenziale di tipo B (CEI 64-8, art. 712.413.1.1.1.1) RCD di tipo B
Sistemi di conversione elettronica di potenza e loro componenti se indicato nel manuale di istruzioni
(CEI EN 62477-1, art. 4.4.8) RCD di tipo B
120 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

La variante V3

Utilizzo degli ARD (Automatic Reclosing Devices) Durante un guasto provocato da un arco in serie
La Norma CEI 64-8 V3 al capitolo 53 indica che la non vi una dispersione verso terra, di
richiusura automatica dei dispositivi di conseguenza gli RCD non possono rilevare tale
protezione contro i contatti indiretti tramite i guasto. Inoltre, l'impedenza del guasto da arco in
dispositivi ARD (Automatic Reclosing Devices) serie riduce la corrente del carico, che manterr il
conformi alla Norma CEI EN 50557 permessa suo valore al di sotto della soglia di apertura
solo con ARD provvisti di mezzi per la dell'interruttore e del fusibile.
valutazione della corrente classificati secondo Potenziali fonti di guasto con arco in serie,
4.3.2 nella Norma CEI EN 50557 (controllo possono essere per esempio perdite di contatto
dellisolamento) nei locali con accesso da parte di in prese o morsetti, oppure il danneggiamento
persone comuni non addestrate o ai bambini o ai dei cavi degli elettrodomestici per
disabili schiacciamento. I dispositivi che possono rilevare
con qualunque tipologia di ARD nei locali con questi tipi di fenomeni sono denominati AFDD
accesso da parte di persone avvertite o esperte (arc fault detection device).

Protezione dagli incendi e AFDD (dispositivi di Nella CEI EN 62606 sono specificati i tre seguenti
rilevamento di guasto dovuto allarco) dispositivi AFDD:
Tra le possibili cause dinnesco di incendio va
annoverato anche un fenomeno fino ad oggi poco puro, come dispositivo singolo, costituito da
considerato a livello di sistemi di rilevamento e un'unit AFD e da organi di manovra e previsto
protezione: larco elettrico. Larco elettrico un per essere collegato in serie con un idoneo
fenomeno che si verifica quando si ha un transito dispositivo di protezione dal cortocircuito
di corrente attraverso un materiale dielettrico. dichiarato dal costruttore
I guasti dovuti allarco possono distinguersi in combinato come dispositivo singolo,
funzione del circuito di guasto in: costituito da un'unit AFD integrata e da un
dispositivo di protezione magnetotermico e/o
Arco in parallelo al carico differenziale
Fase/Neutro oppure Fase/Fase (linterruttore assemblabile costituito da un'unit AFD e da
magnetotermico o i fusibili possono un dispositivo di protezione dichiarato
proteggere) magnetotermico e/o differenziale, previsto per
Fase/Terra (lRCD protegge) essere assemblato sul posto.
Arco in serie al carico

C arico

PE
L e p r incipali attivit int r o d otte c o n le va r ianti V 3 e V4 121

Gli AFDD sono in grado di rilevare sia la A tale scopo, possibile procedere ad esempio
formazione di archi elettrici in serie e che di archi alladozione di una delle seguenti misure:
elettrici in parallelo tramite lanalisi del segnale di
rete. Larco elettrico genera delle distorsioni nella installazione di dispositivi in grado di rilevare
forma donda di corrente in prossimit dei gli effetti di un guasto serie (temperatura e/o
passaggio per lo zero (innesco e spegnimento luce), attivare un allarme ed eventualmente un
dellarco), inoltre i veloci cambiamenti intervento di protezione in modo automatico o
dimpedenza darco generano interferenze in alta manuale quali ad esempio, sonde di
frequenza. In combinazione ai dispositivi di temperatura, rivelatori ottici, rivelatori di
protezione tradizionale, interruttori fiamma, rivelatori di fumo, rivelatori termici
magnetotermici e differenziali, gli AFDD sono in procedure di verifiche e manutenzione
grado di eliminare le principali cause dincendio. periodiche programmate (guide CEI 64-14 e
In Italia, nella Norma CEI 64-8 V3 alla sezione 422 CEI 0-10)
per gli AFDD sono stati aggiunti i seguenti
requisiti. Lutilizzo di AFDD costituisce una misura
adeguata per la protezione dai guasti arco serie
Devono essere adottati provvedimenti contro il in accordo con la norma di prodotto
pericolo di guasto serie CEI EN 62606.
Quando impiegati, gli AFDD conformi alla
nei luoghi a maggior rischio in caso di incendio CEI EN 62606 devono essere installati (art 532.6):
di cui alla sezione 751
nei luoghi soggetti a vincolo artistico/ allorigine dei circuiti finali (terminali) da
monumentale e/o destinati alla custodia di beni proteggere; e
insostituibili; nei circuiti monofase o bifase in c.a. non
superiori a 240 V.

Il coordinamento degli AFDD con i dispositivi di


protezione contro le sovracorrenti, se necessario,
deve essere conforme alle istruzioni del
costruttore.
122 G u i d a a l l a N o r m a C E I 6 4 - 8 S o lu z i o n i p e r i m p i a n t i r e s i d e n z i a l i

La variante V4

La Variante 4 disciplina la scelta dei cavi elettrici Questultima nota consente allimpresa
destinati ad essere incorporati in modo impiantistica di poter certificare gli impianti che
permanente in opere di costruzione o in parti di siano realizzati e/o completati successivamente
esse, cos come definito allarticolo 2, comma 3, al 1 giugno 2017 attraverso il riferimento, nella
del Regolamento citato. Dichiarazione di conformit di cui al DM 37/08,
La nuova CEI 64-8 V4 sostituisce e/o integra gli delle norme tecniche precedenti la V4 purch le
articoli 527.1 Precauzioni da prendere allinterno istanze di titoli autorizzativi o progetti siano
di un ambiente chiuso, 751.04.2.8 Requisiti delle antecedenti al 1 luglio 2017.
condutture per evitare la propagazione I cavi immessi sul mercato a partire dal 1 luglio
dellincendio e 751.04.3 Prescrizioni aggiuntive 2017, siano essi di potenza o di trasmissione dati,
per gli ambienti di cui in 751.03.2 della destinati ad essere incorporati permanentemente
CEI 64 -8:2012, con validit in parallelo fino al negli edifici e nelle opere di ingegneria civile,
31 dicembre 2017. dovranno rispettare il regolamento CPR ed essere
La V4 allo scopo di favorire lopportuna quindi conformi alle caratteristiche di reazione al
distribuzione sul mercato delle nuove tipologie di fuoco previste dalla norma EN 50575 nonch
cavi nonch consentire limpiego di eventuali muniti di marcatura CE e DoP.
scorte acquistate precedentemente al 1 luglio
2017 e non rispondenti alla CPR, prevede un
periodo transitorio di coesistenza, fino al
31 dicembre 2017, tra la nuova variante 4 e la
precedente edizione 2012, nonch laggiunta della
seguente nota:
Secondo il principio giuridico per il quale si
applica la norma tecnica vigente al momento della
presentazione delle istanze dei titoli autorizzativi
e/o dei progetti redatti o di inizio dei lavori di cui
in ogni caso si possa avere data certa,
antecedente al 1 luglio 2017, i relativi impianti
possono essere realizzati e/o completati in
conformit alle norme tecniche vigenti prima
della data di validit della presente Variante.
D iffe r en z a t r a p r ote z i o ne e se z i o na m ento de g li i m pianti 123

ABB SACE
Una divisione di ABB S.p.A.

Servizio Clienti ABB SACE


Per ricevere informazioni sui prodotti
di Bassa Tensione:
Numero Verde 800.55.1166
attivo tutti i giorni da luned al sabato
dalle ore 9.00 alle ore 19.00.

Per tutte le informazioni legate a


ordini di vendita e consegne di prodotti
di Bassa Tensione:
Customer Support 02 2415 2415
attivo tutti i giorni
dalle ore 8.00 alle ore 18.00.
Sabato e Domenica
dalle ore 9.00 alle ore 17.00.

abb.it/lowvoltage
2CSC004060B0905 - 07.2017

Copyright 2017 ABB. All rights reserved.


Specifications subject to change without notice.