Sei sulla pagina 1di 42

La tecnologia RFID

Lidentificazione automatica e le tecnologie di


auto identificazione

La tecnologia RFID

Elementi di un sistema RFID

La classificazione dei tag

Principi fisici di funzionamento

La standardizzazione

Applicazioni

LRFID in azione

Elementi di un sistema RFID completo


Identificazione automatica

IDENTIFICAZIONE
Assegnare un'identit univoca a
persone all'interno di un universo di
oggetti simili ma non uguali

AUTOMATICA
Ci che avviene senza l'intervento umano ma
grazie all'intervento di apparecchiature
opportunamente programmate
Tecnologie di Auto -ID

Le principali tecnologie di identificazione


automatica (Auto-ID) sono tre:

Codice a barre monodimensionale


Largamente diffuso
Economico a b c d e f g h i j k l m n o p 0 1 2 3 4 5 6 7 8

Contiene pochi dati

Codice a barre bidimensionale


Economico, contiene fino a 2Kbyte
Lettura sicura anche in caso di
danneggiamento

TAG RFID (transponder attivi o passivi)


Possibilit di lettura\scrittura
Pu essere integrato allinterno dei prodotti
$$
La tecnologia RFID

una tecnologia che permette ad un oggetto o ad una


persona di essere identificato a distanza grazie
allimpiego di onde radio

Pu operare in condizioni ambientali critiche senza


utilizzare batterie o fonti di alimentazione connesse alla
rete elettrica

Ha un costo per etichetta che, per volumi molto grandi


(ordine del milione di pezzi), pu arrivare a 10 centesimi
di dollaro

RFID non un nuovo tipo di bar code


RFID Timeline
1940 Sistemi di interrogazione IFF(Identificazione Friend oFoe)
a bordo di aerei britannici
1948 H.Stockman, primo documento che descrive un sistema RFID

1960 Sistemi EAS (Electronic Article Surveillance) ad 1 bit


nelle attivit commerciali
1970 Identificazione a bassa frequenza di animali

1980 Primi sistemi di lettura / scrittura con microprocessori e


batterie
1990 Toll system (pagamento pedaggio autostradale)
Immobilizer per autoveicoli

2000 Inchiostri conduttivi, microchip a basso consumo


Sistemi UWB (Ultra Wide Band)

2005 Apre i battenti lRFID lab del CATTID


Vantaggi dutilizzo

NON E RICHIESTA i tag possono essere inglobati


LA VISIBILITA DIRETTA di un oggetto, in pallet o in
scatole

LETTURE MULTIPLE SIMULTANEE possibile leggere i colli


presenti su pallet
insieme,senza
RAGGIO DI LETTURA disassemblaggio

CAPACITA DI TRASPORTO DATI da alcuni centimetri a qualche


metro

CAPACITA DI READ / WRITE si possono modificare o


aggiornare le informazioni
NON RICHIESTA contenute in un tag

VITA E SOPRAVVIVENZA i tag resistono a


sollecitazioni, maltrattamenti,
escursioni termiche
Elementi di un sistema RFID

Sistema di
Lettura Antenna
LAN

Un Sistema RFID si compone di

un Sistema di Lettura (o Controller) che


gestisce la comunicazione con le-Tag e con il e-Tag
mondo esterno Chip
Antenna
unAntenna per comunicare con il Tag;

Tag1 costituito da un chip


contenente i dati,unantenna ed un
supporto;
1 altro termine comunemente usato transponder - apparato che riceve e ritrasmette
un segnale radio.
Elementi di un sistema RFID
Classificazione dei TAG

-In base allalimentazione:

Idal punto di vista dellalimentazione:


ATTIVI
Classificazione dei TAG

- in base alla frequenza utilizzata


- in base alla frequenza utilizzata

LF

HF

UHF

LF=LOW freq. HF=HIGH freq. UHF= ULTRA HIGH freq.


coil

- in base alla memoria


Tag a bit unico: impiegati nei sistemi antitaccheggio (EAS)
capacit
ON: tag presente nel campo del reader
OFF:tag assente dal campo del reader

Tag con memoria:


generatore

Read only: codice programmato in fase di realizzazione

Read / Write:il dato del tag pu essere modificato in modo dinamico

- La memoria pu essere mantenuta con batterie


- Circuito di ricezione: per identificare i segnali provenienti dal reader
- Unique Identifier: il reader idenifica un tag tra i tanti tag presenti
-circuiti di modulazione / demodulazione
Finalmente i TAG

Una vasta gamma di forme e prestazioni


per soddisfare ogni esigenza
E i lettori

Reader portatili Reader fissi


(HF) Varchi o Gate
(LF,HF)
(UHF)
Principi di funzionamento dei sistemi RFID

2 tipi di collegamento, dipendentemente dalla frequenza adottata:

ACCOPPIAMENTO ACCOPPIAMENTO
MAGNETICO ELETTROMAGNETICO

Range di Range di
funzionamento: funzionamento:
125 kHz-13,56MHz 450 MHz-2,45 GHz
Freq. Distanza Freq. Distanza
125 kHz 0,05m 450 MHz 4-10m
13,56MHz 0,5m 2,45 GHz 1m
Tag ad accoppiamento magnetico
la tecnologia RFID attualmente pi diffusa
Funzionamento per INDUZIONE
f < 1000 MHz
Il TAG viene attivato dalla sola componente MAGNETICA del campo
irradiato dal reader
I tag utilizzati sono per lo pi passivi,costituiti semplicemente da:

unantenna a spirale (COIL), stampata su di un film sottile


o avvolta intorno a nucleo di ferrite
un microchip
un condensatore

N.B. le dimensioni
dei tag possono variare
Prestazioni:
Pro:
resistono allinterazione con lambiente,
ossia sono praticafunzionano in modo soddisfacente
anche in ambienti metallici e liquidi
sono miniaturizzabili, dunque possibilit di impianti sottopelle
hanno bassi costia

Contro:
forte dipendenza della distanza di lettura dalla mutua orientazione
distanza di lettura limitata (ordine del metro)
Tag ad accoppiamento e.m.

Funzionamento per BACKSCATTER

f > 1000 MHz

Il TAG viene attivato dal campo ELETTROMAGNETICO irradiato dal reader

I tag possono essere passivi o attivi, costituiti da:


antenne a patch o a dipolo, realizzate con rame o inchiostro conduttivo

microchip
condensatore
Prestazioni:
Pro:
Elevata distanza di lettura
hanno bassi costi (se realizzazione monostrato)
Bitrate elevato

Contro:
forte interazione con loggetto e lambiente
limiti energetici imposti dallautorit (in Europa)
Interazioni con lambiente:
Aree di standardizzazione

Tecnologia Compatibilit e interoperabilit HW


Tecniche, frequenze, tempistiche, codifiche, protocolli e
sistemi anticollisione
Dati - Compatibilit e interoperabilit SW
Struttura, formato, organizzazione dei dati
Applicazione
Architetture di soluzioni tecniche per specifiche applicazioni
o settori
Conformit
Specifiche di comportamento conformi a particolari
performance e test di verifica operativi
Sono principalmente 2 gli enti che regolano gli standard per lAIDC:
ISO (International Organization for Standards), e
IEC (International Electrotechnical Commission)

Molti altri organismi operano/influenzano gli standard RFID:


a livello internazionale: ITU, ...
a livello regionale: ANSI, ETSI, ...
a livello industriale: EIA, AIAG, TCIF, ATA, EAN, UCC, ...
Standards
ISO standard
ISO Si occupa di definire le modalit di protocollo e
interfacciamento utilizzando le frequenze normate da
ETSI (in Europa)
Standard ISO nel mondo RFID:
ISO 14223/1/2/3 below 135 Khz -Identificazione animali
ISO 14443/4 - 13,56 Mhz Controllo Accessi Carte credito/debito etc
ISO 15693 13,56 Mhz Identificazione prodotti
ISO 18000- 1- Reference architecture and definition of parameters
ISO 18000-2- Parameters air interface communications below 135 kHz
ISO 18000-3- Parameters air interface communications at 13,56 MHz
ISO 18000-4 - Parameters air interface communications at 2,45 GHz
ISO 18000-6 -Parameters air interface communications 860 MHz to 960
MHz
ISO 18000-7- Parameters active air interface communications at 433 MHz
Standard UHF
ETSI standard
Bande di frequenza e potenze consentite

Banda Potenza ammessa


868.000 - 868.600 MHz 25 mW e.r.p.
868.700 - 869.200 MHz 25 mW e.r.p.
869.400 - 869.650 MHz 500 mW e.r.p.

Dal 13 Luglio 2007 per consentito lutilizzo di


potenze fino a 2w, in regime di libero uso
Standards UHF
EPC standard
Oltre agli standards gi citati, nei laboratori di autoidentificazione del M.I.T
di boston, con la collaborazione di EAN e UCC (uniform code council),
stata promossa unattivit di ricerca e sviluppo per la definizione
di unarchitettura standard aperta, allo scopo di creare una rete globale
di oggetti fisici definita internet delle cose.

La tecnologia RFID riveste un ruolo fondamentale a tale fine, perch permette


un collegamento trasparente tra gli oggetti e la rete globale,
detta EPC global network.

Tra i vari standard lEPC definisce l ELECTRONIC PRODUCTION CODE


che stabilisce le regole per la codifica dei dati allinterno dei tag EPC
EPC standard
Electronicd Product Code (EPC)

01 . 0000A89 . 00016F . 00169DC0


Testata . Manager di Dominio . Classe Oggetto . Numero di Serie
8 bit 28 bit 24 bit 36 bit

Lunghezza, Lazienda cui Identifica una Identifica ogni

Codifica Esadecimale
Tipo, struttura assegnata la gestione classe, categoria singolo oggetto
E versione EPC Dei campi seguenti: di oggetti
Codice prodotto e (gruppo di
Numero di serie prodotti)

Assegnati da EAN.UCC

Totale 96 bit
296 = 79.228.162.514.264.337.593.543.950.336

Ogni oggetto pu essere identificato univocamente!!


LRFID in azione

H123494FF9
H123494FF9
H238937358
H948348394
Analisi del sistema RFID in azione

Questo sistema RFID funziona! Rimangono per molti


interrogativi:

La gestione dellhardware
 Chi attua il sistema? Come fa a funzionare?

La gestione dellinformazione:
 Cos linformazione?
 Dove va linformazione?
 Chi usa linformazione?
 Come viene usata linformazione?
Il sistema finora illustrato non completo:
Antenne, tag e reader sono solo un componente
particolare di un sistema rfid.
Estendendo la nostra vista osserviamo il sistema
completo:

Input: Sistema lettura


sensori Tag

Output:
attuatori,
annunciatori Sistema di Host e
Software
Input /Output fisici: sensori, attuatori, annunciatori

Sono dispositivi opzionali di I/O:

Possibili solo se il reader ha uscite in tensione;


Sensore:interruttore ON/OFF in Input;
Annunciatore: stato del sistema:alert, semaforo
(output);
Attuatore: interruttore ON/OFF in output;
Modulo zigbee 1

GPIO-general purpose I/O Modulo zigbee 1

cicalino
led
La gestione dellinformazione: Sistema di host e software
4 componenti:
Edge interface/System
MiddleWare
Enterprise back-end interface
Enterprise back-end

Nb linterfaccia di comunicazione una componente


fisica.
Edge-interface

Composto da Edge Controller e Raw Database;


logicamente e fisicamente la parte pi vicina al
reader ;
Si occupa anche di gestire gli input e gli output, ossia
sensori, attuatori e annunciatori;
si occupa della comunicazione con la macchina, delle
fasi di lettura, scrittura e inventario;
Il Raw Database nella sua forma pi semplice un
buffer ;
Si presenta allo sviluppatore sotto forma di librerie.
MiddleWare 1/3

Definizione di MiddleWare:

Tutto ci che si pone tra la strutture di Edge


Interface e di Enterprise back-end interface.

Generalmente la componente viene sviluppata


ad hoc per lapplicazione che si intende
gestire.

la componente a livello sw pi importante


nellambito di un sistema RFID
MiddleWare 2/3

Consente:
la comunicazione con il controller, dunque pu
gestire le operazioni del reader;
lacquisizione dei dati in qualsiasi forma si desideri;
Il filtraggio e laggregazione logica dei dati in
database;
la comunicazione con il sistema di gestione,
consentendo ai sistemi di back-end di beneficiare
delle informazioni acquisite dalle letture;
Si interfaccia con qualsiasi sistema software.
MiddleWare 3/3

Il MiddleWare, come il nome stesso indica,


costituisce dunque un collegamento che a met
tra il mondo dei sistemi informativi che gestiscono i
dati, e il mondo dellRFID, necessario per
lacquisizione dei dati;

questa componente a gestire tutte le attivit del


controller e a rendere le informazioni interpretabili
a livello superiore, dalle applicazioni di cui lutente
usufruisce.
Enterprise Back-End Interface e Enterprise back-end

Il primo componente usato per integrare il


middleware con la componente di back end;

La seconda componente comprende tutta la suite di


applicazioni e sistemi IT di unazienda, dalle pi
comuni applicazioni utente, al database, all engine
per la gestione dei processi di business, quali
processi ERP (Enterprise Resources Planning).
Il sistema di trasmissione dei dati

Pila OSI:
Architettura Software

2 tipi di architettura Software di un sistema RFID:

Architettura Accentrata
-allinterno delletichetta presente solo un
identificativo, le informazioni associate a risiedono
su server centralizzati;

Architettura Distribuita
- le informazioni sono memorizzate nelletichetta
stessa applicata al prodotto;

Generalmente si usa una commmistione delle due.


Edge Interface

parte integrante del reader:

rappresentata dalle librerie di sviluppo,o SDK,


Software Development Kit.

LSDK contiene i comandi necessari, da incapsulare


nel software del middleware, affinch la macchina
compia determinate azioni, quali lettura, scrittura
del tag.