Sei sulla pagina 1di 2

COMUNIT UNIVERSITARIA

Flessibilit e fedelt:
il cammino della formazione
Intervista a P. Stanislaw Morgalla S.I.
Direttore del Centro San Pietro Favre
di PAOLO PEGORARO

a formazione al sacerdozio e alla vita consacrata un compito

L delicato. Preparare chi un domani dovr assumere il compito


di formatore in un seminario o una casa religiosa lo ancora
di pi. Ne parliamo con il nuovo Direttore del Centro San Pietro
Favre, P. Stanislaw Morgalla S.I.

 I suoi studi si sono concentrati intorno alla psicologia e


alla psicologia della religione. Come coniugare spiritualit e
psicologia nel modo pi corretto?
Esse sono gi intrinsecamente congiunte nellessere umano
che cerchiamo di aiutare nella sua ricerca di Dio. Un buon padre
spirituale o formatore deve essere, in un certo senso, anche un
buono psicologo. Molto pi importante a mio avviso la do-
manda: quale tipo di psicologia vogliamo usare? Oggi non pos-
siamo pi usare il termine psicologia al singolare, perch
abbiamo a che fare con una immensa quantit di scuole e correnti.
Incontriamo E non tutte condividono la visione antropologica della Chiesa,
P. Stanislaw Morgalla, dove lessere umano chiamato alla comunione con Dio nella se-
quela di Cristo. Il campo dincontro tra spiritualit e psicologia
nuovo Direttore del Centro
allora lantropologia. Spesso per non un campo di incontro, ma
San Pietro Favre, di reciproca sfida... talvolta anche di battaglia.
per parlare della formazione Devo aggiungere che alla guida del Centro San Pietro Favre
degli educatori, non c solo uno psicologo. Ho ricevuto come stretti collaboratori
due ottimi teologi: p. Luc Crepy, eudista francese, e p. James Cor-
la selezione dei candidati kery, gesuita irlandese. Il primo stato per molti anni rettore del
al sacerdozio e le sfide seminario e superiore provinciale, il secondo professore di teolo-
alla vita consacrata gia e formatore dei giovani gesuiti. Abbiamo allora un buon equi-
librio tra la parte psicologica e quella teologica.

N ato il 26 dicembre 1967 a Rybnik (Polonia), entrato vanni Paolo II a Cracovia con la tesi Il concetto di maturit
In breve

nella Compagnia di Ges nel 1986; dopo il noviziato ha personale e religiosa di L.M. Rulla.
conseguito la licenza in Filosofia presso la Scuola Universitaria Nel 2002 ha aperto e poi diretto fino al 2008 la Scuola
di Filosofia ed Educazione Ignatium (Cracovia). Si quindi per gli educatori presso la Facolt di Filosofia (Cracovia).
trasferito a Roma dove ha lavorato alledizione polacca de Nellanno accademico 2009-2010 inizia la collaborazione
LOsservatore Romano e ha iniziato i suoi studi presso la Gre- con lIstituto di Psicologia della Gregoriana, del quale ora
goriana, dove ha conseguito la licenza in Psicologia. Tornato Professore Straordinario. Dal 1 settembre 2014 direttore
in Polonia, ha conseguito il dottorato in Filosofia (cattedra di del Centro San Pietro Favre per i formatori al sacerdozio e
Psicologia della Religione) presso lUniversit Pontificia Gio- alla vita consacrata.

46 | 47/2014
Docenti

Flexibility and dedication: the path


of formation (by Paolo Pegoraro) Fr.
Stanislaw Morgalla S.I. is the new Director
of the Saint Peter Faber Centre for Forma-
 Lei gi stato direttore di una Scuola per Educatori a Cra- tors for the Priesthood and Consecrated Life.
covia (2002-2008). Cosa significa formare gli educatori? During our conversation he touched various
Lo esprimerei in due parole che ho imparato dal mio maestro themes concerning the formation path, such
di novizi: flessibilit e fedelt. Da un lato i formatori devono essere as the need to find a good balance between
flessibili, cio devono continuare a lasciarsi formare, perch es- the theological and psychological side of the
sere formatori significa una continua, permanente educazione. whole process.
Imparare a imparare divenuto uno slogan molto popolare ed Educators should be flexible and dedi-
anche molto attuale, specie nelle nostre societ chiamate non cated. said Fr. Morgalla Flexible, be-
senza ragione liquide. Daltra parte per i formatori devono es- cause being a formator means a continuous,
sere fedeli, costanti, fermi in quanto riguarda i valori religiosi, cio permanent education, but at the same time
la ricerca di Dio nella sequela di Cristo. Non c posto per il rela- they must be dedicated, steady, firm about
tivismo o smarrimento morale che costituisce un grosso problema religious values, that is, searching God by
nelle societ moderne. A prima vista sembrano concetti contrad- following Jesus.
dittori, non lo sono per se li pensiamo come un paradosso. Another important aspect is the need for
a good candidate selection process. It is an
 Recenti vicende hanno evidenziato la necessit di selezio- important aspect, but it is not enough: fail-
nare con maggiore attenzione i candidati al sacerdozio, consi- ure is possible, but Fr. Morgalla states that
derandone la maturit psico-affettiva. E il Santo Padre ha messo we do not have to fear it: Lets learn from
in guardia dal rischio di creare piccoli mostri. Jesus. He had to suffer a few failures of his
La necessit di una buona selezione solo il primo passo: formative proposals himself, but he knew
molto importante, per non sufficiente. Dallesperienza posso dire how to turn them into moments of growth
che anche i migliori candidati ben selezionati possono diventare and conversion. We should do the same.
dei grandi mostri. I seminari o le case di formazione non sono
fattorie che producono della merce e offrono una garanzia di alta
qualit sino alla morte, possibilmente nellodore di santit. Sar
gi un grande successo se i formandi e le formande impareranno
ad uscire da se stessi per andare verso i fratelli ed avere come
vuole lo stesso Papa Francesco lodore delle pecore.
Il fallimento sempre possibile, per non dobbiamo avere paura
di fallire. Impariamo da Ges stesso che pur essendo il formatore
per eccellenza ha dovuto sopportare parecchi fallimenti della propria
proposta formativa, ma sapeva trasformarli in momenti di crescita e
conversione. Basta parlare del pi spettacolare: alla vista dello scan- I seminari o le case di formazione
non sono fattorie
dalo della Croce tutti i suoi discepoli lo hanno abbandonato, ma poi che producono della merce
sono ritornati: cambiati, trasformati, pi umili, ma pi fiduciosi nelle e offrono una garanzia
parole del Signore. La stessa scuola dobbiamo passare anche noi. di alta qualit sino alla morte

 Nel contesto mondiale attuale, quali sfide si trova ad af-



frontare chi deve formare i giovani e le giovani che si decidono
per la vita religiosa?
Le sfide sono immense e innumerevoli. Difatti siamo letteral-
mente bombardati da esse e forse questa la sfida maggiore, per-
ch spesso ci fa perdere animo e ci ruba la speranza. Basta per
tornare alla fonte, cio al dialogo con il Signore Ges Cristo. lui
che ci manda in questa missione e non ci lascer da soli. Niente
sfugge dalla sua mano. Lo ha predetto: Voi avrete tribolazione nel
mondo, ma abbiate fiducia; io ho vinto il mondo! (Gv 16, 33). 

47/2014 | 47