Sei sulla pagina 1di 10

Provincia di FERRARA

Bollettino di Difesa
Integrata obbligatoria
del 21 ottobre 2015
PREVISIONI DEL TEMPO E IMMAGINI DELLA FALDA
E' possibile consultare le previsioni del tempo della provincia di Ferrara redatte dal Servizio
IdroMeteoClima dell'ARPA Emilia Romagna cliccando su METEO FERRARA
Il bollettino meteo completo (regionale e provinciale) scaricabile su BOLLETTINO COMPLETO
E' possibile visualizzare le immagini aggiornate della falda cliccando su IMMAGINI FALDA

DIRETTIVA NITRATI: SI RICORDA CHE IN PROVINCIA DI FERRARA (ZONA VULNERABILE AI


NITRATI) NON CONSENTITO EFFETTUARE APPORTI SUPERIORI A 170 KG/HA/ANNO DI AZOTO DA
EFFLUENTI ZOOTECNICI.

COLTURE ARBOREE

Albicocco inizio caduta foglie


Agronomia: Effettuare potature verdi leggere in attesa delle potature invernali.
- Batteriosi:
Dopo la raccolta possibile effettuare potature verdi per contenere lo sviluppo della pianta e favorire la
lignificazione e la preparazione delle gemme. Si raccomanda di effettuare potature leggere limitando i
grossi tagli. In questi casi utile effettuare rameici dopo la potatura per ridurre i problemi di batteriosi.
- Marciumi radicali:
Per prevenire marciumi da Armillaria, Phitophtora e da altri, utile effettuare una rimpuntatura in tutti i
terreni di medio impasto argillosi e limosi quando si verificheranno le prime gelate. Tale operazione serve
ad arieggiare il terreno, ad eliminare le suole di lavorazione ed il compattamento dei primi strati e ad
eliminare le acque in eccesso.

Actinidia inizio raccolta delle variet precoci


Situazione: La pezzatura dei frutti buona e le produzioni sono buone, si consiglia di iniziare le raccolte
quando i frutti raggiungono i 6.5 gradi Brix. Al momento non si segnalano attacchi di PSA. In caso di
strani essudati rossastri aranciati o di appassimenti dei germogli si consiglia di contattare i tecnici del
Servizio Fitosanitario Regionale (0532902516) per effettuare gli accertamenti dei casi sospetti. In ogni
caso in presenza di questi sintomi anomali utile effettuare l'eliminazione della parte di pianta che
presenta questi sintomi e bruciare il legno ammalato in azienda. In campo le presenze di Eulia sono
praticamente nulle.
Deroghe: Per la difesa dellactinidia dalla batteriosi vedi deroghe specifiche nel seguente sito:
http://agricoltura.regione.emilia-romagna.it/fitosanitario/doc/deroghe/2015/deroghe-2015
- Cancro batterico:
Fare attenzione sia alle dosi che al prodotto scelto (autorizzato contro questa avversit).
- Marciumi radicali:
Per prevenire marciumi da Armillaria, Phitophtora e da altri, utile effettuare una rimpuntatura in tutti i
terreni di medio impasto argillosi e limosi quando si verificheranno le prime gelate. Tale operazione serve
ad arieggiare il terreno, ad eliminare le suole di lavorazione ed il compattamento dei primi strati e ad
eliminare le acque in eccesso.

Bollettino di Difesa Integrata Obbligatoria Provincia di Ferrara del 21/10/2015 pag. 1 di 10


Ciliegio inizio caduta foglie

- Corineo e Batteriosi:
In presenza di infezioni su frutti in raccolta o sulla vegetazione possibile intervenire da inizio caduta
foglie in presenza di cicli piovosi.
- Marciumi radicali:
Per prevenire marciumi da Armillaria, Phitophtora e da altri, utile effettuare una rimpuntatura in tutti i
terreni di medio impasto argillosi e limosi quando si verificheranno le prime gelate. Tale operazione serve
ad arieggiare il terreno, ad eliminare le suole di lavorazione ed il compattamento dei primi strati e ad
eliminare le acque in eccesso.

Melo raccolta della Fuji


Situazione: Il prodotto buono come qualit, quantit nella norma, pezzatura dei frutti normale e colore
buono. Presenza di danni lievi da cimici e miridi in migrazione da campi limitrofi di erba medica in sfalcio,
di mais, soia e sorgo in raccolta; segnalata qualche presenza di Halyomorpha Halys con danni non
significativi. Non si segnalano danni da Cydia molesta sui frutti.
- Cancri rameali:
Dopo la raccolta effettuare un trattamento negli impianti colpiti con rameici.
- Carpocapsa Nematodi Entomopatogeni:
In questo periodo, sulle variet in cui conclusa la raccolta, possibile effettuare l'intervento con i
Nematodi Entomopatogeni per eliminare le larve svernanti presenti sul tronco e nel terreno.
Per le aziende che hanno raccolto con danni da bacato utile l'intervento con questi Nematodi. Si tratta
di parassitoidi dei lepidotteri che provocano la morte dellospite penetrando nelle aperture naturali della
vittima e liberando un batterio simbionte che si riproduce dando origine a tossine letali per il fitofago. La
specie utilizzata Steinernema feltiae di cui sono disponibili formulati commerciali. Lepoca migliore per
lapplicazione quella autunnale (met settembre-fine ottobre). In particolare per una piena efficacia dei
nematodi sono richieste le seguenti condizioni:
temperature medie non inferiori ai 14C durante il trattamento;
piogge abbondanti e bagnatura prolungata piante (24-48 ore);
carpocapsa allo stadio di larva svernante matura;
gli ugelli devono avere un apertura superiore ai 500 micrometri;
conservazione e trasporto prodotto: massimo 6 settimane in frigo e trasporto a temperatura costante di
5 C
Alcuni dei prodotti in commercio sono:

principio attivo prodotto commerciale Metodo di applicazione dose

STEINERNEMA Nemax F, Nemasys F, Optinem F, Trattamento alle piante in 1,5 miliardi di


FELTIAE Nemopack SF, Entonem F ottobre nematodi per ettaro
Alcuni consigli per la corretta distribuzione del prodotto:
Altezza bagnatura metri Volume acqua hl/ha Filtro atomizzatore Filtri ugelli Pressione bar

1,0-1,5 13-15 DA TOGLIERE SI < 20


- Marciumi radicali:
Per prevenire marciumi da Armillaria, Phitophtora e da altri, utile effettuare una rimpuntatura in tutti i
terreni di medio impasto argillosi e limosi quando si verificheranno le prime gelate. Tale operazione serve
ad arieggiare il terreno, ad eliminare le suole di lavorazione ed il compattamento dei primi strati e ad
eliminare le acque in eccesso.

Pero inizio caduta foglie

Situazione: Le produzioni sono state buone per Kaiser, Conference e William (30-35 ton/ha) e medie per
tutte le altre variet es. Abate, variabili dalle 20 alle 30 ton/ha a seconda della pezzatura dei frutti, delle
tecniche irrigue impiegate e delle avversit climatiche occorse durante l'anno (es. grandinate) in alcuni
areali. In raccolta non ci sono stati grossi problemi, qualche presenza di maculatura calicina mentre per le
altre avversit la presenza stata praticamente nulla. Segnalata qualche presenza di Fillossera. Presenza
di danni sui frutti da cimici e miridi in migrazione da campi limitrofi di erba medica in sfalcio, di mais, soia
e sorgo in raccolta; segnalata qualche presenza di Halyomorpha Halys con danni non significativi.
Presenza di Tingide in aumento in post raccolta.
Fertilizzazione: Al termine delle raccolte necessario effettuare una piccola concimazione azotata per via
fogliare o radicale (da 10 a 30 unit di azoto) per permettere alla pianta di accumulare sostanze di
Bollettino di Difesa Integrata obbligatoria Provincia di Ferrara del 21/10/2015 pag. 2
riserva che serviranno per la ripresa vegetativa e per la fioritura del prossimo anno. Negli impianti molto
soggetti a clorosi ferrica e innestati su cotogno utile anticipare l'impiego di piccole quantit di chelati di
ferro (per via radicale) nel periodo autunnale. In tutti i casi, per le concimazioni con NPK necessario
fare riferimento al piano di concimazione. Si raccomanda, inoltre, di sospendere l'impiego di azoto entro
la met di ottobre.
In tutti i terreni con livelli di sostanza organica bassa (inferiore a 1,5-2 per mille) e sempre nel caso di
impianti su cotogno, necessario utilizzare ammendanti (N 0,5-1,5%, alto rapporto C/N, mediamente
circa 15-20, e comunque superiore a 10 ed inferiore a 30) come letame, compost, stallatici commerciali
per incrementare e reintegrare la sostanza organica perduta annualmente per mineralizzazione. E' utile
impiegare 30 tonn/ha di letame o 6 tonn/ha di compost di buona qualit esclusivamente da residui
vegetali. Nei nuovi impianti tali quantit possono raddoppiare.
- Cancri rameali:
Dopo la raccolta effettuare un trattamento negli impianti colpiti con rameici.
- Carpocapsa Nematodi Entomopatogeni:
In questo periodo, sulle variet in cui conclusa la raccolta, possibile effettuare l'intervento con i
Nematodi Entomopatogeni per eliminare le larve svernanti presenti sul tronco e nel terreno.
Per le aziende che hanno raccolto con danni da bacato utile l'intervento con questi Nematodi. Si tratta
di parassitoidi dei lepidotteri che provocano la morte dellospite penetrando nelle aperture naturali della
vittima e liberando un batterio simbionte che si riproduce dando origine a tossine letali per il fitofago. La
specie utilizzata Steinernema feltiae di cui sono disponibili formulati commerciali. Lepoca migliore per
lapplicazione quella autunnale (met settembre-fine ottobre). In particolare per una piena efficacia dei
nematodi sono richieste le seguenti condizioni:
temperature medie non inferiori ai 14C durante il trattamento;
piogge abbondanti e bagnatura prolungata piante (24-48 ore);
carpocapsa allo stadio di larva svernante matura;
gli ugelli devono avere un apertura superiore ai 500 micrometri;
conservazione e trasporto prodotto: massimo 6 settimane in frigo e trasporto a temperatura costante di
5 C
Alcuni dei prodotti in commercio sono:

principio attivo prodotto commerciale Metodo di applicazione dose

STEINERNEMA Nemax F, Nemasys F, Optinem F, Trattamento alle piante in 1,5 miliardi di


FELTIAE Nemopack SF, Entonem F ottobre nematodi per ettaro
Alcuni consigli per la corretta distribuzione del prodotto:
Altezza bagnatura metri Volume acqua hl/ha Filtro atomizzatore Filtri ugelli Pressione bar

1,0-1,5 13-15 DA TOGLIERE SI < 20


- Marciumi radicali:
Per prevenire marciumi da Armillaria, Phitophtora e da altri, utile effettuare una rimpuntatura in tutti i
terreni di medio impasto argillosi e limosi quando si verificheranno le prime gelate. Tale operazione serve
ad arieggiare il terreno, ad eliminare le suole di lavorazione ed il compattamento dei primi strati e ad
eliminare le acque in eccesso.

Pesco inizio caduta foglie


Situazione: Mediamente le produzioni sono molto buone. In raccolta presenza di danni da Cydia molesta
e Anarsia a fine agosto soprattutto per l'esaurimento della Confusione Sessuale.
Fertilizzazione: Al termine delle raccolte necessario effettuare una piccola concimazione azotata per via
fogliare o radicale (da 10 a 30 unit di azoto) per permettere alla pianta di accumulare sostanze di
riserva che serviranno per la ripresa vegetativa e per la fioritura del prossimo anno. Negli impianti molto
soggetti a clorosi ferrica e innestati su cotogno utile anticipare l'impiego di piccole quantit di chelati di
ferro (per via radicale) nel periodo autunnale. In tutti i casi, per le concimazioni con NPK necessario
fare riferimento al piano di concimazione. Si raccomanda, inoltre, di sospendere l'impiego di azoto entro
la met di ottobre.
In tutti i terreni con livelli di sostanza organica bassa (inferiore a 1,5-2 per mille) e sempre nel caso di
impianti su cotogno, necessario utilizzare ammendanti (N 0,5-1,5%, alto rapporto C/N, mediamente
circa 15-20, e comunque superiore a 10 ed inferiore a 30) come letame, compost, stallatici commerciali
per incrementare e reintegrare la sostanza organica perduta annualmente per mineralizzazione. E' utile

Bollettino di Difesa Integrata obbligatoria Provincia di Ferrara del 21/10/2015 pag. 3


impiegare 30 tonn/ha di letame o 6 tonn/ha di compost di buona qualit esclusivamente da residui
vegetali. Nei nuovi impianti tali quantit possono raddoppiare.
- Cancri rameali:
Sulle variet sensibili (percoche), in presenza di attacchi sui nuovi brindilli, intervenire ad inizio caduta
foglie e/o a completa caduta foglie.
- Bolla:
Nella fase di caduta foglie possibile intervenire.
- Corineo, Bolla e Batteriosi:
In presenza di attacchi su frutti in raccolta o sulla vegetazione possibile intervenire da inizio caduta
foglie in presenza di cicli piovosi.
- Marciumi radicali:
Per prevenire marciumi da Armillaria, Phitophtora e da altri, utile effettuare una rimpuntatura in tutti i
terreni di medio impasto argillosi e limosi quando si verificheranno le prime gelate. Tale operazione serve
ad arieggiare il terreno, ad eliminare le suole di lavorazione ed il compattamento dei primi strati e ad
eliminare le acque in eccesso.

Susino inizio caduta foglie


Fertilizzazione: Al termine delle raccolte necessario effettuare una piccola concimazione azotata per via
fogliare o radicale (da 20 a 40 unit di azoto) per permettere alla pianta di accumulare sostanze di
riserva che serviranno per la ripresa vegetativa e per la fioritura del prossimo anno. In tutti i casi, per le
concimazioni con NPK necessario fare riferimento al piano di concimazione. Si raccomanda, inoltre, di
sospendere l'impiego di azoto entro la met di ottobre.
In tutti i terreni con livelli di sostanza organica bassa (inferiore a 1,5-2 per mille) necessario utilizzare
ammendanti (N 0,5-1,5%, alto rapporto C/N, mediamente circa 15-20, e comunque superiore a 10 ed
inferiore a 30) come letame, compost, stallatici commerciali per incrementare e reintegrare la sostanza
organica perduta annualmente per mineralizzazione. E' utile impiegare 30 tonn/ha di letame o 6 ton/ha di
compost di buona qualit esclusivamente da residui vegetali. Nei nuovi impianti tali quantit possono
raddoppiare.
- Corineo e Batteriosi:
In presenza di attacchi su frutti in raccolta o sulla vegetazione possibile intervenire da inizio caduta
foglie in presenza di cicli piovosi.

- Marciumi radicali:
Per prevenire marciumi da Armillaria, Phitophtora e da altri, utile effettuare una rimpuntatura in tutti i
terreni di medio impasto argillosi e limosi quando si verificheranno le prime gelate. Tale operazione serve
ad arieggiare il terreno, ad eliminare le suole di lavorazione ed il compattamento dei primi strati e ad
eliminare le acque in eccesso.

Vite fine raccolta per le uve nere


Situazione: In raccolta non si segnalano danni da Peronospora o da Lobesia. Le produzioni sono buone.

COLTURE ERBACEE

Barbabietola concluse le raccolte


Situazione: Le produzioni sono state basse (55-60 ton/ha) ma la polarizzazione buona (16).

Grano preparazione dei terreni, inizio semine


Situazione: Si consiglia di non seminare prima del 25 ottobre.
Sovesci estivi: Per incrementare la sostanza organica, migliorare la struttura e la disponibilit dei
nutrienti dei terreni e ridurre i problemi di Fusariosi possibile apportare pollina, letami, ammendanti
organici, biodigestato o effettuare sovesci estivi. Il sovescio nel periodo estivo, dopo il cereale e prima di
una coltura primaverile si pu adottare se si verificano le condizioni pedo-climatiche favorevoli alla
semina, da eseguire possibilmente vicino alla trebbiatura. La pratica del sovescio nel periodo autunno-
primaverile in zone con terreni argillosi e di difficile lavorazione, potrebbe essere difficoltosa per le
limitate possibilit di entrare in campo per le lavorazioni di preparazione del letto di semina di fine
inverno-inizio primavera.
Specie vegetali: si pu impiegare una leguminosa come favino, pisello, veccia, soia per poter seminare un
cereale autunno-vernino nel prossimo autunno ed evitare la monosuccessione. La trinciatura sar
effettuata a partire da fine agosto-inizio settembre. Il sorgo da foraggio essenza indicata per la sua

Bollettino di Difesa Integrata obbligatoria Provincia di Ferrara del 21/10/2015 pag. 4


resistenza alla siccit e la sua capacit di formare massa verde in breve tempo. E' opportuno prediligere
una variet a rapido sviluppo nel primo periodo vegetativo, perch, una volta nato, il sorgo non ha
problemi di carenza idrica. Si pu seminare anche rafano, in questo modo si inserisce nella rotazione una
crucifera, che solitamente non presente.
Agronomia per le semine di ottobre: Alla luce dei risultati delle raccolte degli ultimi anni necessario
applicare corrette tecniche di pratica agronomica per quanto riguarda la preparazione dei terreni, per le
successioni colturali evitando i ristoppi. Per evitare l'insorgenza di problemi di fusariosi si raccomanda di
evitare la semina su sodo o minima lavorazione dopo mais e sorgo; in questi casi necessario interrare i
residui con arature o interramento alla profondit di 30 cm, soprattutto per tutte le variet di grano duro
e per i teneri sensibili alle fusariosi. Si raccomanda, inoltre, di curare bene la preparazione dei terreni,
garantendo un drenaggio rapido delle acque realizzando una rete scolante efficiente. Si ribadisce che i
trattamenti fitosanitari non sono in grado di risolvere i problemi di fusariosi per cui indispensabile
prestare molta attenzione agli cure colturali: corrette rotazioni, no ristoppi, drenaggio delle acque,
lavorazione dei terreni in tempera evitando il compattamento, scelte varietali opportune, semine pi
tardive soprattutto per i duri e investimenti non superiori ai 400-450 semi/mq per i teneri e non superiori
ai 300-350 semi/mq per i duri. Effettuare semine rade favorisce l'accestimento, la buona aerazione e
riduce le problematiche legate alle malattie fungine quali Ruggine, Septoria e Fusarium
- Scelte varietali e tecniche colturali consigliate:
Dal punto di vista agronomico ciascuna di queste variet manifesta alcune tolleranze o sensibilit a
determinate avversit e pertanto richiedono peculiari ed adeguate strategie di coltivazione e difesa.
E' possibile impiegare tutte le concie registrate ma si consiglia di preferire seme conciato con Systiva
(fluxapiroxad), in particolare per i grani duri soprattutto se seminati in minima lavorazione o in
successione a cereali.
Di seguito vengono indicate per ogni coltura, una densit ottimale a fine inverno, nei nostri ambienti e la
relativa quantit di cariossidi da porre a dimora.

Coltura Densit ottimale Quantit di seme


(n piante/mq) (n cariossidi/mq)
Grano tenero 350-400 400-450
Grano duro 300 300-350
Orzo 240-280 300-350
Grano tenero: dose di semina (kg/ha) in funzione della densit di semina (cariossidi/mq) e del peso delle
cariossidi.
Densit di semina
Peso 1000 cariossidi (g)
(cariossidi/mq)
30 33 36 39 42 45 48 51
400 120 132 144 156 168 180 192 204
450 135 149 162 176 189 203 216 230

Grano duro: dose di semina (kg/ha) in funzione della densit di semina (cariossidi/mq) e del peso delle
cariossidi.

Densit di semina
Peso 1000 cariossidi (g)
(cariossidi/mq)
39 42 45 48 51 54 57 60
350 137 147 157 168 179 189 200 210
400 156 168 180 192 204 216 228 240

Orzo: dose di semina (kg/ha) in funzione della densit di semina (cariossidi/mq) e del peso delle
cariossidi.

Densit di semina
Peso 1000 cariossidi (g)
(cariossidi/mq)
33 36 39 42 45 48 51
300 99 108 117 126 135 144 153
350 116 126 137 147 157 168 179

Si consiglia inoltre di seminare non prima del 25 di ottobre per evitare eccessivo rigoglio
vegetativo che determina un aumento delle malattie fungine ed una riduzione della produzione.
E' opportuno evitare la concimazione azotata in presemina per non avere un eccessivo rigoglio vegetativo
nel periodo autunno-invernale. Nei casi in cui ci sia carenza di fosforo utile apportarlo per ripristinare il
Bollettino di Difesa Integrata obbligatoria Provincia di Ferrara del 21/10/2015 pag. 5
livello ottimale nel terreno. Quando il grano viene seminato in successione a mais e soia opportuno
effettuare una concimazione azotata e fosfatica preferibilmente con concimi a lenta cessione o
organiminerali fino al limite massimo di 30 unit di azoto per ettaro. Gli eventuali apporti di azoto
possono essere fatti entro e non oltre il 30 ottobre utilizzando matrici organiche mentre non sono
ammessi apporti di azoto di tipo minerale in presemina.
Per quello che riguarda il diserbo si rimandano eventuali interventi in postemergenza.
Elenco delle variet consigliate dai Disciplinari di Produzione Integrata e di interesse per la provincia di
Ferrara:

TENERI BISCOTTIERI

VARIETA CARATTERISTICHE

ARTICO Grano tenero biscottiero; mediamente resistente allallettamento, resistente al freddo; mediamente
resistente a Oidio; mediamente resistente a Ruggine bruna; resistente a Ruggine gialla;
mediamente sensibile a Fusarium; peso specifico medio (78-80); peso medio delle cariossidi
38-40 mg; percentuale di proteine scarsa (11-11,5); epoca di semina autunnale normale;
tecnica di semina con lavorazione ridotta (a 25 cm di profondit), minima lavorazione (a 15 cm
di profondit) o diretta (evitare su residui vegetali di altri cereali); adatto a terreni di medio
impasto e sabbiosi; densit di semina di 400-450semi/mq; 120-140 unit di azoto (evitare la
concimazione azotata in botticella facendo comunque sempre riferimento al piano di
concimazione del DPI); epoca di maturazione medio tardiva

MANTEGNA Grano tenero biscottiero; ciclo medio tardivo; alternativit invernale; spigatura tardiva; taglia
media; spiga aristata; mediamente resistente al freddo invernale, oidio, ruggine gialla,
allettamento, fusariosi; mediamente sensibile alla ruggine bruna; colore della granella rosso;
peso 1000 semi 35-40 g; peso ettolitrico medio; durezza (hardness) soft.

BRAMANTE Grano tenero biscottiero; resistente allallettamento, moderatamente resistente al freddo;


mediamente resistente a Oidio; resistente a Ruggine bruna e Ruggine gialla; tollerante a 8
specie di Fusarium; peso ettolitrico buono; percentuale di proteine scarsa (evitare la
concimazione azotata in botticella); epoca di semina autunnale normale; densit di semina di
400-450semi/mq; epoca di spigatura e maturazione medio tardiva. La spiga aristata bianca
con granella di colore rosso.

BISCUIT Variet biscottiera alternativa, mutica, precoce, taglia medio-alta con buona resistenza
all'allettamento, buona tolleranza alle pi comuni fitopatie e buona produttivit con frattura
della cariosside soft.

ARKEOS Buona tolleranza alle malattie. Taglia contenuta. Ciclo medio. Buona produttivit. 400-450 semi/mq

BAGOU Ciclo molto tardivo. Pesi specifici bassi e proteine basse. Taglia media. Buona tolleranza alle
malattie. 400-450 semi/mq

TERRAMARE

REBELDE Buone caratteristiche alle malattie, taglia media, buona tolleranza alle malattie, ciclo medio. Buona
produzione e buon peso ettolitrico.

TENERI BIANCHI E ROSSI

VARIETA CARATTERISTICHE

BLASCO Grano tenero panificabile superiore; mediamente resistente allallettamento, mediamente


resistente al freddo; mediamente resistente a Oidio; mediamente resistente a Ruggine
bruna; mediamente resistente a Ruggine gialla; mediamente tollerante a Fusarium; peso
specifico elevato (82-86); peso medio delle cariossidi 38-42 mg; percentuale di proteine
buona (14-14,5); epoca di semina precoce entro il 20/10, intermedia entro il 15/11, tardiva
entro gennaio; tecnica di semina con lavorazione ridotta (a 25 cm di profondit), minima
lavorazione (a 15 cm di profondit) o diretta (evitare su residui vegetali di altri cereali);
adatto a tutti i tipi di terreno ma preferibilmente argillosi e torbosi; densit di semina di
500semi/mq; 150-170 unit di azoto (almeno il 30% degli apporti in botticella facendo
comunque sempre riferimento al piano di concimazione del DPI); epoca di maturazione medio
precoce

Bollettino di Difesa Integrata obbligatoria Provincia di Ferrara del 21/10/2015 pag. 6


BOLOGNA Grano tenero panificabile superiore; mediamente resistente allallettamento, resistente al freddo;
mediamente resistente a Oidio; mediamente resistente a Ruggine bruna; mediamente
resistente a Ruggine gialla; mediamente resistente a Fusarium; peso specifico medio alto
(82-86); peso medio delle cariossidi 38-40 mg; percentuale di proteine buona (13-15); epoca
di semina autunno normale tardiva; tecnica di semina con lavorazione ridotta (a 25 cm di
profondit), minima lavorazione (a 15 cm di profondit) o diretta (evitare su residui vegetali
di altri cereali); adatto a tutti i tipi di terreno tranne quelli sabbiosi; densit di semina di 450-
500 semi/mq; 180-200 unit di azoto facendo comunque sempre riferimento al piano di
concimazione del DPI); epoca di maturazione medio precoce

AQUILANTE Grano tenero a cariosside bianca; epoca di semina autunnale normale con possibili semine sino a
fine inverno, buona capacit di accestimento, taglia medio alta, moderatamente resistente
allallettamento, al freddo, alloidio e alla ruggine bruna, resistente alla ruggine gialla,
moderatamente resistente alla septoriosi e moderatamente tollerante alla fusariosi, spiga
aristata, spigatura medio precoce, epoca di maturazione medio-precoce. Investimento
consigliato 450-500 semi germinabili/mq. Variet dotata di peso ettolitrico elevato, buon
tenore proteico, hardness soft.

AUBUSSON Variet in alternativa a cariosside rossa panificabile adatta a specifiche aree vocate; maturazione
tardiva; peso specifico non sempre buono; epoca di semina normale; molto produttivo;
qualit molitoria scarsa; mediamente sensibile a Fusarium

AREZZO Grano tenero molto vigorosa; epoca di semina normale con possibilit di semina precoce,
investimento 400-450 semi germinabili mq, ottima capacit di accestimento, moderatamente
resistente allallettamento, resistente al freddo, alloidio e alla septoriosi, moderatamente
resistente alla ruggine bruna e tollerante alla fusariosi. Epoca di spigatura e maturazione
medio-tardiva. Spiga aristata, buon peso peso ettolitrico, con buon tenore proteico hardness
hard, indice ISQ panificabile.

SERPICO Frumento aristato, taglia medio-alta, ciclo medio-tardivo con buona tolleranza alle principali
fitopatie. Pianta rustica, indicata per ambienti con moderati apporti azotati.

BANDERA Taglia medio-bassa, ciclo precoce, poco sensibile alle malattie, buona produttivit. Accestimento
medio-elevato, buon peso specifico e contenuto proteico.

FORBLANC Frumento panificabile superiore bianco; pianta medio-alta; spiga aristata; accestimento elevato;
spigatura medio tardiva; maturazione medio-tardiva; alternativit semi-invernale; resistenza
eccellente al freddo e allallettamento; tollerante alloidio ed al mosaico; poco sensibile a
septoria, ruggine gialla, bruna e alla fusariosi della spiga; peso specifico elevato; peso 1000
semi 45-49; durezza (hardness) media; colore granella bianco; semina da ottobre a fine
novembre; densit semina 450 semi/mq.

MASACCIO Variet alternativa, resistente alle principali fitopatie. peso specifico elevato e stabile

AKAMAR variet molto produttiva, spiga mutica. Resistente all'allettamento. Peso ettolitrico della granella
medio alto. Adatto anche per biomassa.

KALANGO Taglia e ciclo vegetativo medi, resistente all'allettamento, alta produttivit, buona qualit della
granella, buon accestimento

TINTORETTO Notevole potenziale produttivo, elevata capacit di accestimento, spigatura medio-precoce, taglia
medio alta, spiga aristata. Ottimo peso specifico della granella.

RAFFAELLO Taglia medio alta, ciclo medio precoce, buona resistenza alla ruggine bruna e all'allettamento.
Buon tenore proteico

BELLINI Produttivit elevata, taglia media, buona resistenza al fusarium, taglia medio alta, spiga aristata,
peso specifico elevato

HYXO Frumento ibrido panificabile superiore; ciclo medio-tardivo; taglia media; elevata resistenza agli
stress ed alle fitopatie; spiga semi-mutica; colore granella rosso; peso specifico medio alto;
epoca di semina autunnale; densit di semina 150 semi/m2 circa 60-70 kg di seme /Ha.

HISTAR Frumento ibrido panificabile; ciclo medio-tardivo; taglia media; ottima resistenza a ruggini e
septoriosi; buona tolleranza a fusariosi; spiga semi-mutica; colore granella rosso; peso
specifico medio buono; epoca di semina autunnale; densit di semina 150 semi/m2 circa 60-

Bollettino di Difesa Integrata obbligatoria Provincia di Ferrara del 21/10/2015 pag. 7


70 kg di seme /Ha.

ALTAMIRA Variet molto produttiva, ciclo medio, spiga aristata, buona tolleranza alla septoria. Granella ad
elevato peso ettolitrico.

TIEPOLO Variet rossa aristata a taglia media adatto per panificazione. Epoca di raccolta media. Produttivo.

GIORGIONE Variet rossa aristata a taglia media, panificabile superiore. Epoca di raccolta medio precoce.
Buona sanit della pianta. Investimento 400-450 semi/mq. Produttivo.

DURI

VARIETA CARATTERISTICHE

LEVANTE Grano duro; mediamente resistente allallettamento, resistente al freddo; mediamente sensibile a
Oidio; mediamente resistente a Ruggine bruna; mediamente sensibile a Ruggine gialla;
mediamente sensibile a Fusarium, mediamente resistente a Volpatura; peso specifico buono
(81-83); indice di giallo buono (24-26); resistente alla bianconatura; percentuale di glutine
ottimo (11-12 con punte del 13 sul tal quale); peso medio delle cariossidi 40-42 mg;
percentuale di proteine buona (13,5-14); qualit molitoria buona; epoca di semina autunnale
normale/tardiva e primaverile; tecnica di semina con lavorazione ridotta (a 25 cm di
profondit), minima lavorazione (a 15 cm di profondit) o diretta (evitare su residui vegetali di
altri cereali); adatto a terreni medio impasto/franco-argillosi/argillosi; densit di semina di
350-400 semi/mq; necessario un trattamento fungicida in spigatura (ma solo se previsto dal
bollettino e dai modelli revisionali); 180 unit di azoto (fondamentali 50 unit in botticella
facendo comunque sempre riferimento al piano di concimazione del DPI); epoca di maturazione
medio tardiva

PR 22 D 66 Grano duro; elevata resistenza allallettamento, resistente al freddo; ottima resistenza alloidio;
buona tolleranza alla ruggine bruna; ottima tolleranza alla fusariosi; peso specifico buono (81-
83); indice di giallo buono (24-26); resistente alla bianconatura; percentuale di glutine ottimo
(11-12 con punte del 13 sul tal quale); percentuale di proteine buona (13,5-14); qualit
molitoria buona con glutina di alta qualit; epoca di semina da met ottobre a met novembre;
densit di semina da 400 a 430 semi germinabili/mq; spiga media fusiforme con ariste chiare;
180 unit di azoto (fondamentali 50 unit in botticella facendo comunque sempre riferimento al
piano di concimazione del DPI); la spiccata resistenza allallettamento di PR22D66 permette di
apportare la dose di azoto necessaria senza rischi di allettamento della coltura; ciclo di sviluppo
medio.
Grano duro; mediamente resistente allallettamento, resistente al freddo; mediamente resistente a
NEODUR
Oidio; mediamente sensibile a Ruggine bruna; mediamente resistente a Ruggine gialla;
mediamente tollerante a Fusarium, mediamente resistente a Volpatura; peso specifico buono
(81-83); indice di giallo buono (22-24); mediamente resistente alla bianconatura; percentuale
di glutine discreto (9,8-10,2); peso medio delle cariossidi 48-52 mg; percentuale di proteine
buona (13,5-14); qualit molitoria buona; epoca di semina autunnale normale/tardiva e
primaverile; tecnica di semina con lavorazione ridotta (a 25 cm di profondit), minima
lavorazione (a 15 cm di profondit) o diretta (evitare su residui vegetali di altri cereali); adatto
a terreni medio impasto/franco-argillosi/argillosi; densit di semina di 350-400 semi/mq; 180
unit di azoto (fondamentali 50 unit in botticella facendo comunque sempre riferimento al
piano di concimazione del DPI); epoca di maturazione medio tardiva
OROBEL Grano duro; mediamente resistente allallettamento, resistente al freddo; mediamente resistente a
Oidio; mediamente resistente a Ruggine bruna; mediamente resistente a Ruggine gialla;
sensibile a Fusarium, mediamente sensibile a Volpatura; peso specifico buono (81-83); indice
di giallo buono (23-25); mediamente sensibile alla bianconatura; percentuale di glutine scarso
(8,8-9,2); peso medio delle cariossidi 54-58 mg; percentuale di proteine buona (13-13,5);
qualit molitoria buona; epoca di semina autunnale normale/tardiva e primaverile; tecnica di
semina con lavorazione ridotta (a 25 cm di profondit), minima lavorazione (a 15 cm di
profondit) o diretta (evitare su residui vegetali di altri cereali); adatto a terreni medio
impasto/franco-argillosi/argillosi; densit di semina di 350-400 semi/mq; 180 unit di azoto
(fondamentali 50 unit in botticella facendo comunque sempre riferimento al piano di
concimazione del DPI); epoca di maturazione tardiva
Grano duro adatto a specifiche aree vocate; maturazione medio tardiva; peso specifico elevato;
DYLAN
epoca di semina normale-tardiva; qualit molitoria buona; mediamente tollerante a Fusarium

Bollettino di Difesa Integrata obbligatoria Provincia di Ferrara del 21/10/2015 pag. 8


TIZIANA Grano duro; epoca di semina autunnale normale-precoce, resistente al freddo, buona capacit di
accestimento, taglia media, moderatamente resistente allallettamento, mediamente sensibile a
oidio e fusarium, ariste brune, epoca di maturazione media, molto produttivo, elevato tenore
proteico, indice di giallo medio, ottimo indice di glutine.

BIENSUR Grano duro di taglia medio-bassa; epoca di semina da normale a tardiva, sconsigliate le semine
precoci, investimento 300-350 semi germinabili mq, buona capacit di accestimento, resistente
allallettamento, al freddo, alloidio e alla ruggine bruna, moderatamente resistente alla
septoria, tollerante alla fusariosi. Epoca di spigatura e maturazione medio-tardiva. Spiga
allungata di buone dimensioni , ariste di colore bianco, cariossidi di peso ettolitrico buono, con
buon tenore proteicoe indice di glutine, indice di giallo molto elevato.

DACTER Ciclo medio, taglia bassa. Buona qualit della granella.

MARCO Ciclo medio, taglia media, ottima produttivit, buona resistenza alla septoria, granella ad alto
contenuto proteico ed indice di giallo. Sensibilit all'allettamento.
AURELIO

CESARE ciclo medio, taglia media, buona resistenza all'allettamento. Contenuto proteico medio alto, indice di
giallo elevato. Buona tolleranza alla fusariosi. Adatto all'ambiente ferrarese

MIRADOUX

MONASTIR

ODISSEO Buone caratteristiche qualitative. 350-400 semi/mq. Buona produttivit. Non particolarmente
sensibile a septoria

MASSIMO ciclo medio, taglia media, ottima resistenza alla septoria, granella ad alto contenuto proteico ed
indice di giallo
MERIDIO
Per quanto riguarda l'Orzo nel gruppo dei Distici si consigliano Amillis, Baraka, Cometa e Nikel mentre nel
gruppo dei Polistici si consigliano Ketos e Marado (Federal e Sonora). Per evitare problemi di virosi si
consiglia di ritardare le semine fino alla comparsa dei primi freddi di novembre.

Mais fine raccolta


Situazione: Le produzioni si aggirano sulle 5-10 ton/ha per i precoci e medi mentre 10-12 ton/ha per i
tardivi.

Soia fine raccolta


Situazione: Le produzioni variano dalle 1,5 alle 3 ton/ha.
Riso al termine la raccolta
Situazione: le produzioni si aggirano sulle 5-7 ton/ha.

COLTURE ORTIVE

Aglio in corso le semine, emergenza


- Diserbo di pre semina:
Con forti inerbimenti misti in atto intervenire prima della semina.
- Diserbi di pre emergenza:
In previsione di infestazioni sostenute da infestanti dicotiledoni e in parte anche graminacee, possibile
impiegare, con seme ben coperto.

Asparago inizio sfalcio della parte aerea

Carota ingrossamento fittone delle semine estive, raccolta


Situazione: Si segnalano attacchi di Alternaria.
- Diserbi: Con forti inerbimenti misti in atto intervenire in postemergenza.

Bollettino di Difesa Integrata obbligatoria Provincia di Ferrara del 21/10/2015 pag. 9


- Nottue fogliari:
Con presenza di Nottue possibile intervenire.
- Alternaria:
Sugli impianti pi sviluppati controllare la presenza di infezioni. Intervenire alle prime infezioni in
atto in presenza di bagnature prolungate.

Fragola sviluppo fogliare

- Vaiolatura:
Se si verificano condizioni di forte bagnatura si pu intervenire.
- Oidio:
In presenza di Oidio intervenire.
Fagiolino al termine la raccolta

Fagiolo borlotto al termine la raccolta

Radicchio sviluppo fogliare, ingrossamento del cespo

Agronomia: Evitare i ristagni idrici favorendo lo sgrondo delle acque.


- Peronospora:
In presenza di piogge o bagnature prolungate e/o per favorire l'indurimento delle foglie sugli impianti
in pre raccolta possibile intervenire.
- Sclerotinia:
Con presenza di marciumi possibile intervenire.
- Oidio:
Con infestazioni generalizzati possibile intervenire.
- Nottue:
In presenza di infestazioni possibile intervenire.

Spinacio in corso le raccolte

- Botrite:
Con presenza di marciumi possibile intervenire.
- Nottue fogliari:
In presenza di focolai possibile intervenire

Erba medica terminati gli sfalci

Realizzato dal Servizio Fitosanitario della Regione Emilia Romagna

Bollettino di Difesa Integrata obbligatoria Provincia di Ferrara del 21/10/2015 pag. 10