Sei sulla pagina 1di 2

La crema di Nifedipina e Lidocaina: Una nuova cura per la ragade anale e le emorroidi

Le patologie proctologiche sono frequenti e di notevole rilevanza per costo sociale, perch
incidono su pazienti giovani ed attivi. I disturbi che ne derivano sono generalmente pi fastidiosi
che pericolosi e motivo di cronico disagio per la riduzione dellattivit lavorativa.

La ragade anale caratterizzata da una piccola ferita localizzata nel canale anale, spesso localizzata
in corrispondenza della parete posteriore. E una delle cause pi frequenti di sanguinamento, prurito
e dolore in proctologia. La ferita si localizza proprio al di sopra del muscolo anale, cosiddetto
sfintere interno, il quale diventa spastico e causa lintenso dolore. La formazione della ragade la
conseguenza di molteplici fattori: la stitichezza, lipertono dei muscoli dellano ed una ridotta
irrorazione locale; a questi si aggiungono lo stress psico-fisico e squilibri dietetici.

Le emorroidi e le loro complicanze, le trombosi emorroidarie, invece spesso insorgono da sole o in


associazione alla ragade anale ed in linea di massima sono determinate dalle stesse cause. I
trattamenti proposti possono essere di tipo medico-conservativo, o chirurgico. A questultimo si
ricorre spesso e impropriamente. Il trattamento chirurgico non sottrae al rischio di complicanze, di
recidiva e di incontinenza anale. quindi necessario intervenire tempestivamente e preferibilmente
con una terapia medica, meno invasiva e meno traumatica.

Il trattamento medico-conservativo tradizionale e costituito da regole igieniche, dietetiche, e


pomate per applicazioni locali a base di farmaci con effetto limitato alla cura dei sintomi.

Oggi la soluzione non invasiva e non cruenta viene dallutilizzazione per applicazione locale di una
crema contenente nifedipina e lidocaina. La nifedipina, noto farmaco antiipertensivo, si propone
come medicamento di tipo eziologico, cio volto ad eradicare lipertono sfinterico, causa delle
suddette condizioni morbose; la lidocaina, comune anestetico locale completa lassociazione
dotandala di una intensa azione antidolorifica. In studi controllati, la preparazione ha mostrato di
curare la ragade anale e di ritardare la progessione della malattia emorroidaria.

Questa cura locale consente quasi sempre la scomparsa dei sintomi, evitando la chirurgia. Il
paziente applica la pomata due volte al giorno, con un cilindro di plastica (eventualmente

1
associando un dilatatore, reperibile in farmacia), per tre settimane. Gi dopo i primi giorni di
applicazione il paziente avverte sollievo perch si riducono fino a scomparire, il sanguinamento e i
disturbi allatto dellevacuazione. Studi sperimentali hanno peraltro riconosciuto ai principio attivo
nifedipina unazione antinfiammatoria, modulatrice sul microcircolo e la possibilita' di agire per via
locale. Questo contribuisce a risolvere la componente infiammatoria che sostiene il circolo vizioso,
responsabile del meccanismo patogenetico delle patologie proctologiche sostenute da ipertono dello
sfintere anale interno (la ragade anale, le emorroidi in fase iniziale ed in trombosi, il dolore dopo
intervento di emorroidi ed il tenesmo anale, irritazione assai fastidiosa tipica dei colitici cronici).
Dal Febbraio 2005 la crema di nifedipina e lidocaina disponibile in tutte le farmacie del territorio
nazionale.

Lautorizzazione allimmissione in commercio della nuova crema frutto di un originale lavoro e di


un brevetto di ricerca tutto italiano messo a punto dagli autori, medici della Azienda Ospedaliera
A. Cardarelli di Napoli, presso la quale sono stati effettuati gli studi clinici.

Dott. Carmine Antropoli e Dott. Pasquale Perrotti*


Chirurgia Colonproctologica e *Chirurgia Gastroenterologica

Riferimenti bibliografici

1) Topical nifedipine with lidocaine ointment vs. active control for treatment of chronic anal fissure:
results of a prospective, randomized, double-blind study. Dis Colon Rectum 2002;45 :1468-1475
2) Conservative treatment of acute thrombosed external hemorrhoids with topical nifedipine. Dis Colon
Rectum 2001;44:405-409
3) Nifedipine for treatment of anal fissures. Dis Colon Rectum 2000 Mar;43(3):430-1 Letter.
4) Nifedipine for local use in conservative treatment of anal fissures: preliminary results of a multicentre
study. Dis Colon Rectum 1999;42:1011-1015.
5) Topical nifedipine for conservative treatment of acute haemorrhoidal thrombosis. Colorectal Disease
2000;2:18-21