Sei sulla pagina 1di 6

INTRODUZIONE

La macchina di Stirling una macchina a fluido che opera secondo un ciclo termodinamico chiuso;
generalmente tale ciclo rigenerativo. Esso prevede una compressione e unespansione del fluido
operante, realizzate isotermicamente a due diversi livelli di temperatura e intervallate da due
trasformazioni isocore rigenerative.

Una peculiarit della macchina di Stirling che il moto del fluido che evoluisce regolato non da
valvole, bens dalle variazioni dei volumi relativi che compongono lo spazio di lavoro offerto al
fluido stesso e queste variazioni vengono, di norma, causate dal moto di stantuffi.

Con la dizione di macchina di Stirling sindica quindi una gamma assai vasta di macchine a fluido,
motrici e operatrici, funzionanti in ciclo chiuso, rigenerativo, impiegabili quali motori primi, pompe
di calore, macchine refrigeranti o compressori, e aventi un moto caratteristico di lavoro alternativo
o, raramente, rotativo.

IL CICLO IDEALE

Il ciclo descritto nelle Figg.3-4.

La prima fase del ciclo consiste nella compressione del fluido, rappresentata dalla trasformazione 1-
2. Tale trasformazione una compressione isoterma, poich durante questa fase, a ogni istante,
sottratta al fluido (e assorbita dalla sorgente fredda, o pozzo) una quantit di calore equivalente al
lavoro di compressione compiuto sul fluido stesso. Il gas, dunque, rimane ancora alla temperatura
minima T C ; durante l'intera trasformazione esso ha ceduto la quantit di calore Q C e ricevuto un
lavoro di compressione equivalente.

Passando attraverso un rigeneratore, il gas subisce la trasformazione 2-3 a volume costante, ossia un
riscaldamento, operato dal rigeneratore stesso; la temperatura del gas cresce fino a raggiungere il
valore massimo T E esistente nella camera di espansione. L'incremento di temperatura a volume
costante, dovuto all'assorbimento della quantit di calore Q R da parte del gas, ne causa un aumento
di pressione.

La successiva trasformazione 3-4 supposta isoterma, poich il fluido, attraverso le pareti della
camera, assorbe una quantit di calore Q E , equivalente al lavoro di espansione compiuto.

Infine, il gas, compiendo la trasformazione rigenerativa a volume costante 4-1, ritorna alle sue
condizioni iniziali. Durante questo nuovo passaggio attraverso il rigeneratore, il fuido operante
ritorna alla temperatura minima della camera di compressione, cedendo una quantit di calore Q R
eguale a quella che aveva assorbito nella fase 2-3.

Il risultato globale del ciclo allora cosi riassumibile: il fluido ha assorbito la quantit di calore Q E
alla temperatura massima T max e ceduto il calore Q C alla temperatura minima T min realizzando il
lavoro L=Q E -Q C .

Il sistema, per ipotesi, scambia calore con l'esterno soltanto lungo le due isoterme e tali
trasformazioni sono raccordate da due isocore rigenerative; pertanto, in base al teorema di
Reitlinger, si pu affermare che il sistema stesso realizza il massimo rendimento possibile (lo stesso
rendimento che avrebbe una macchina di Carnot il cui ciclo fosse compiuto tra le medesime
temperature estreme).
LA MACCHINA IDEALE

Le molteplici soluzioni costruttive possibili saranno discusse pi avanti; qui viene riportata la
soluzione pi semplice dal punto di vista della comodit di esposizione del funzionamento della
macchina motrice operante in ciclo chiuso, rigenerativo.

Le condizioni di funzionamento della macchina e il fluido operante si considerano del tutto ideali.
Non vi sono, dunque, attriti, n perdite di origine meccanica, fluidodinamica o termica.

In un cilindro scorrono, con tenuta, due stantuffi contrapposti, collegati allo stesso albero (Figg. l e
2a). Una serie di opportuni organi di trasmissione fa in modo che alla rotazione dell'albero
corrisponda il moto, idealmente discontinuo e con diversa fase, dei due pistoni. Tra questi
sistemato un rigeneratore di calore, avente la funzione di assorbire o cedere calore, scambiandolo
con il fluido operante che occupa il volume compreso tra i due stantuffi. Tale volume suddiviso
dal rigeneratore interposto in due camere: in una, detta di espansione, la temperatura di
funzionamento quella massima, costante nel tempo ed uniforme in tutto il volume; nell'altra, detta
di compressione, la temperatura quella minima nel ciclo di lavoro, anch'essa costante ed uniforme.

E' da intendersi, cio, che la camera di espansione a contatto, attraverso le sue pareti, con una
riserva di calore di capacit infinita, che si trova alla temperatura massima T max mentre la camera di
compressione collegata con un altro serbatoio termico, anch'esso di capacit illimitata, posto alla
temperatura minima T min .
Per ipotesi, nonostante la differenza di temperatura, tra le due camere non avviene uno scambio
termico, essendo nulla, nella direzione del flusso del gas, la conducibilit del rigeneratore che le
collega.

Con riferimento alla Fig 2, il ciclo ha inizio quando lo stantuffo di compressione al proprio punto
morto esterno, mentre lo stantuffo della camera di espansione si trova al punto morto interno, a
contatto, quindi, con la faccia del rigeneratore. Il gas, a questo punto, tutto contenuto nella camera
di compressione (si suppone qui che, pur senza limpiego di valvole, il gas rimanga tutto allinterno
della camera di compressione, senza occupare il volume, pur disponibile, offerto dal rigeneratore) e
si trova perci a temperatura e pressione minime, con il massimo volume specifico; le sue
condizioni sono allora rappresentate dal punto l del diagramma p-V di Fig. 3. A partire da questo
punto avviene la compressione isoterma 1-2, descritta in precedenza.

Prima che lo stantuffo in moto arrivi al proprio punto morto interno, comincia a muoversi il pistone
di espansione, il cui movimento cos sfasato di un angolo , che coincide, in questarchitettura,
con l'angolo di sfasamento tra le variazioni dei volumi di espansione e di compressione. Per ipotesi,
i due stantuffi si muovono ora simultaneamente e alla stessa velocit, realizzando cosi lo
spostamento del fluido senza variare il volume complessivo interposto tra i due stantuffi. Passando
attraverso il rigeneratore, il gas subisce allora il riscaldamento a volume costante con aumento di
pressione 2-3, fino a raggiungere la temperatura massima T E esistente nella camera di espansione.

Poi, mentre lo stantuffo di compressione rimane al punto morto interno, l'altro continua la sua corsa
verso il proprio punto morto esterno, offrendo volumi crescenti al fluido, che in tal modo pu
espandersi secondo la trasformazione isoterma 3-4.

Infine, nell'ultima trasformazione, entrambi gli stantuffi si muovono, ancora simultaneamente:


quello della camera di espansione verso il proprio punto morto interno, l'altro verso il punto morto
esterno. Il gas compie la trasformazione rigenerativa a volume costante 4-1 e ritorna alle sue
condizioni iniziali.

LE MACCHINE IDEALI DI CARNOT E DI STIRLING

Si visto che in base al teorema di Reitlinger le due macchine hanno lo stesso rendimento (eguale
anche a quello della macchina di Ericsson), ma esiste un vantaggio offerto dalla macchina di
Stirling rispetto a quella di Carnot: la prima capace, a parit di condizioni operative, di produrre
un lavoro specifico (per unit di volume) pi elevato o, ci che equivalente, di produrre una
medesima quantit di lavoro con ingombri minori.

Per dimostrare questaffermazione basta un confronto tra due macchine che operino,
rispettivamente, secondo il ciclo termodinamico di Stirling di Carnot e nelle quali la stessa quantit
di fluido operi nel medesimo intervallo di temperature e con gli stessi volumi, massimo e minimo, a
disposizione. In Fig. 5 sono riportati, sul piano p-V, i due cicli di riferimento. Con le condizioni
limite imposte, la macchina di Carnot compir il ciclo 1-5-3-6-1 ed il conseguente lavoro prodotto
sar proporzionale all'area racchiusa da tale ciclo. Per quanto attiene al ciclo compiuto dalla
macchina di Stirling, questo prevede di spingere le due isoterme 1-5 e 3-6 del ciclo di Carnot fino ai
limiti di volumi estremi imposti per ipotesi alle due macchine, attenendosi cosi le trasformazioni l-2
e 3-4. Inoltre i due processi isoentropici, caratteristici del ciclo di Carnot (linee 5-3 e 6-1), sono
sostituiti da altrettante trasformazioni isocore, ovvero le 2-3 e 4-1.
E' evidente, anche graficamente, come questo comporti per il ciclo di Stirling un incremento di area
utile, costituito dai triangoli mistilinei 5-2-3-5 e 6-4-1-6, tratteggiati in Fig. 5, e quindi un aumento
di lavoro utile prodotto a parit di temperature e volumi estremi. Il confronto pu essere compiuto
anche sul piano T-S di Fig. 6.

LA MACCHINA REALE

Nessuna macchina di Stirling in grado di realizzare esattamente il ciclo termodinamico ideale a


causa dell'insieme di limitazioni che caratterizzano il funzionamento effettivo di una macchina reale
nella quale evoluisca un fluido reale.

E' opportuno innanzitutto distinguere le cause dimperfezioni pi tipiche attinenti alla macchina di
Stirling da quelle comuni anche alle altre macchine termiche:

l'attrito tra componenti solidi in moto relativo;


l'attrito fluidodinamico, ovvero le perdite cosiddette "per ventilazione" (particolarmente
pronunciate negli scambiatori di calore e nel rigeneratore), nonch le perdite legate ai fenomeni
dissipativi che si verificano nel moto non stazionario del fluido. Esse comportano, in ogni
istante, differenze di pressione nel gas che occupa i diversi volumi ed hanno grande influenza
sulle prestazioni della macchina. In Fig. l sono evidenziati, in modo qualitativo, gli effetti delle
perdite per attrito fluidodinamico sul lavoro utile prodotto;
gli indebiti scambi termici, per conduzione, convezione ed irraggiamento verso l'esterno, ma
anche tra i componenti stessi della macchina (ad es. la conducibilit termica attraverso il
rigeneratore), che possono drenare calore dal lato caldo verso quello freddo; pu anche
succedere che il pistone pi ancora il displacer (quando presente) facciano da "ponte termico"
tra la camera stessa ed altre zone della macchina;
le perdite per potenze passive dissipate dalle forze d'inerzia che agiscono sui componenti della
macchina e sul fluido;
le fughe di fluido attraverso le tenute verso l'esterno ed il passaggio indesiderato verso diversi
componenti della macchina stessa.
Altre cause, pi tipicamente connesse con il ciclo termodinamico e la natura della macchina di
Stirling attinenti a questioni termodinamiche, di scambio termico, meccaniche e fluidodinamiche:

Cause di tipo termodinamico:


distribuzione del fluido: nel ciclo ideale tutto il fluido contenuto nel componente relativo
ad ogni fase, cio nella camera di compressione o di espansione o nel rigeneratore. Nel ciclo
reale il fluido occupa sempre anche i condotti intermedi e il rigeneratore: in ognuno di essi
quindi si compie un ciclo (Fig. 2). La differenza tra il lavoro del ciclo di espansione e quello
del ciclo di compressione il lavoro utile;
irreversibilit dei processi termodinamici e loro effettiva natura: in particolare, nel ciclo
Stirling, va rilevato che le trasformazioni isoterme alla stessa temperatura delle sorgenti
sono impossibili perch lo scambio termico fluido pareti richiede un gradiente di
temperatura (in generale non costante);

Cause di tipo termologico


rigenerazione termica: la rigenerazione perfetta impossibile per vari motivi. Oltre al
gradiente di temperatura tra fluido e pareti del rigeneratore, lo scambio di calore deve
avvenire in tempi molto brevi per avere velocit di rotazione sufficientemente elevate ma
nel contempo anche le dimensioni del rigeneratore devono essere contenute per non avere
perdite fluidodinamiche e spazi morti troppo alti (al limite, il rendimento del ciclo
rigenerativo pu diventare peggiore di quello del ciclo non rigenerativo se tali perdite
diventano preponderanti). La Fig. 3 illustra gli effetti della rigenerazione termica
incompleta;
effetto dei limiti di prestazione degli scambiatori termici: quello degli scambi termici con le
sorgenti esterne certamente un problema peculiare della macchina di Stirling. Le previste
trasformazioni isoterme, di compressione e di espansione, dovrebbero avvenire in virt di
rapidissimi scambi di calore con sorgenti esterne. Ma per tali scambi si hanno a disposizione
superfici e tempi non dissimili da quelli disponibili nei motori a combustione in tema, per i
quali le corrispondenti trasformazioni sono ritenute, con buona approssimazione, addirittura
adiabatiche (in una macchina che giri a 3000 giri/min le fasi hanno durate dell'ordine di 10
ms). Non sorprende quindi che nelle macchine di Stirling siano indispensabili scambiatori di
calore, caldo e freddo, ausiliari. Uno schema, relativo all'architettura con stantuffi disposti a
V, riportato in Fig. 4.
Le schematizzazioni pi realistiche ipotizzano, allora, che le due trasformazioni che
avvengono all'interno dei cilindri di lavoro siano, di fatto, adiabatiche e ciascuna sia seguita
da una trasformazione isoterma (meglio, politropica) compiuta dal fluido nello scambiatore
ausiliario complementare. Si definisce allora uno schema a cinque componenti (Fig. 5) e un
conseguente ciclo (o "pseudo-ciclo" di Stirling) del tipo riportato in Fig. 6. La
trasformazione ideale isoterma 1-2 ora sostituita da unadiabatica 1-2", compiuta nel
volume di compressione, e da una refrigerazione isocora 2"- 2, realizzata nello scambiatore
freddo ausiliario; cosi alla 3-4 corrispondono ora la 3-4' e la 4'-4 (e quest'ultima
trasformazione compiuta nello scambiatore caldo ausiliario). Tali limitazioni negli scambi
termici sono causa dingenti scostamenti dal ciclo ideale, particolarmente dal lato caldo,
come mostrato qualitativamente in fig. 7, dove il ciclo ideale ridotto all'area 1'-2'-3'-4'.
E' altres chiaro che l'introduzione degli scambiatori ausiliari, pur necessaria per i motivi
ricordati, non esente da inconvenienti e causa perdite di carico aggiuntive per il fluido, e
aumento, talvolta rilevante, degli spazi morti. A rigore, l'inserimento dei due scambiatori
ausiliari comporta un altro inconveniente: essi scambiano calore con il fluido che transita in
essi anche nella fase, per cos dire, di passaggio inverso. Ossia, ad esempio lo scambiatore
freddo assorbe calore dal fluido sia quando questo diretto verso la camera di compressione
(e ci utile e corretto), sia quando esso diretto verso il rigeneratore (e ci non
vantaggioso). Analogo inconveniente si registra nello scambiatore caldo, quando il fluido
diretto verso la camera di espansione. E' teoricamente possibile predisporre circuiti separati,
ma ci comporta eccessive complicazioni.

Cause di tipo meccanico e fluidodinamico


moto degli stantuffi: per avvicinarsi alla realizzazione del ciclo reale gli stantuffi dovrebbero
avere un moto discontinuo e non un moto sinusoidale o quasi sinusoidale realizzato dai pi
comuni e semplici meccanismi adottati in pratica. Gli effetti sul ciclo di diversi meccanismi
di trasmissione sono illustrati nelle Fig. 8-9;
effetto degli spazi morti: il fluido contenuto negli spazi morti, oltre a ridurre la massa di
fluido operante nelle camere attive, soggetto a trasformazioni diverse da quelle
idealmente volute e penalizza quindi ulteriormente le prestazioni (Fig. 11).

LA TEORIA DI SCHMIDT

La teoria di Schmidt, sviluppata tra il 1861 e il 1871, permette di calcolare con una procedura
analitica relativamente semplice il lavoro sviluppato da una macchina di Stirling di geometria
assegnata, mantenendo per le ipotesi relative alla idealit del fluido e alla isotermicit della
compressione e dellespansione, per cui il rendimento sempre quello del ciclo del Carnot.
Nonostante questo evidente limite termodinamico, lapproccio di Schmidt consente di confrontare
diverse soluzioni progettuali e di descrivere le modalit operative di una macchina di Stirling.

Schema di riferimento:
macchina costituita da due cilindri a V con gli assi sfasati di un angolo e collegati da un
condotto contenente il rigeneratore.

Ipotesi di calcolo:
Relative alla macchina:
non vi sono perdite per potenze passive dissipate;
non vi sono perdite per attrito tra organi in moto relativo;
non si verificano fughe di gas;
le variazioni dei volumi offerti al gas seguono leggi sinusoidali;
si tiene conto dellesistenza di volumi morti;
la velocit di rotazione della manovella costante ed il regime di funzionamento
complessivo della macchina periodico e stazionario.
Relative al fluido operante:
le trasformazioni del fluido sono reversibili;
il fluido un gas perfetto;
si trascurano lenergia cinetica e quella di posizione del fluido;
il gas anche ideale, e quindi non si verificano perdite per attrito;
la pressione istantanea la medesima in tutta la massa di fluido;
i processi di compressione e di espansione sono isotermi.
Relative alle condizioni termologiche e termodinamiche generali:
il processo di rigenerazione perfetto e completo;
non vi sono gradienti di temperatura negli eventuali scambiatori di calore;
le pareti di ciascun cilindro e del relativo stantuffo si trovano costantemente alla stessa
temperatura;
la temperatura del fluido contenuto negli spazi ausiliari uniforme e costante (ad
esempio, pari alla media aritmetica delle temperature vigenti nelle due camere di
lavoro).
CLASSIFICAZIONE DELLE MACCHINE DI STIRLING

Nella ricerca della macchina in grado di avvicinare il ciclo operativo reale a quello ideale nel modo
pi efficace possibile, non solo dal punto di vista termodinamico ma anche da quello pratico-
operativo, sono state concepite molte architetture diverse, difficili da classificare in maniera
organica e precisa.
I possibili criteri di classificazione sono i seguenti:
accoppiamento degli stantuffi;
numero dei cicli in contemporanea esecuzione;
numero degli effetti sugli stantuffi;
numero dei cilindri nei quali si realizza un ciclo;
tipo di fluido operante e numero delle sue fasi.
Per i dettagli si rimanda al testo La macchina di Stirling del prof. Vincenzo Naso, mentre di
seguito sono riportate alcune osservazioni essenziali.

Con riferimento allaccoppiamento degli stantuffi, si distinguono le macchine con stantuffi


meccanicamente e rigidamente accoppiati (con soluzioni cinematiche anche molto complesse) e
quelle a stantuffi non meccanicamente accoppiati (a stantuffi liberi oppure con accoppiamento
ibrido, cio con il solo stantuffo di potenza vincolato meccanicamente). Le macchine a stantuffo
libero sono adatte a realizzare moti alterni lineari e quindi possono essere accoppiate tipicamente a
macchine operatrici alternative, le macchine a stantuffi meccanicamente e rigidamente accoppiati
(molto pi diffuse, nel panorama complessivamente limitato delle macchie Stirling) sono
usualmente concepite per la produzione di coppia motrice con un albero rotante.

Con riferimento al numero dei cilindri nei quali si realizza un ciclo, stata proposta la seguente
elegante classificazione (Fig. 15):
configurazione alfa: due stantuffi di lavoro, sui quali agisce la pressione istantanea del ciclo;
configurazione beta: in uno stesso cilindro scorrono lo stantuffo di potenza e un displacer
(termine che si pu tradurre come spostatore o dislocatore). Il displacer uno stantuffo che ha la
funzione di spostare il fluido dalla zona calda a quella fredda, lasciando allo stantuffo di potenza
il compito di variare il volume totale; in questa configurazione sinstaura una lieve differenza di
pressione tra le camere fredda e calda;
configurazione gamma: sono presenti due cilindri, nei quali si ripartisce lo spazio di
compressione per effetto del moto di un displacer.

Con riferimento al tipo di fluido operante, sono state realizzate macchine di Stirling sia a gas (fluido
monofase) sia con fluidi operanti in due fasi e due componenti (fluido bifase). Nel caso monofase,
oggi pi diffuso, i fluidi utilizzati sono aria, elio, idrogeno, azoto ecc. Per il caso bifase, ci sono
alcune proposte progettuali descritte nella letteratura tecnica.