Sei sulla pagina 1di 82

GEOGIS OFFICE

Guida introduttiva
__________________________________________________________________

Versione 14.10
Revisione A
Gennaio 2012


STONEX EUROPE srl | Via Zucchi 1 | 20900 Monza (MB) | Italy | Phone +390392783008 | Fax +390392789576 |
www.stonex.it
Sommario

1 Installazione di GeoGis Office ......................................................................................1


1.1. Requisiti di sistema .................................................................................................................... 1
1.2. Installare il software GeoGis Office ........................................................................................... 1
1.2.1. Installazione con sistema operativo Windows XP ..................................................................... 1
1.2.2. Installare il software Microsoft per la connessione tra computer e periferica Windows Mobile 2

2 Ambiente di lavoro e strumenti grafici........................................................................3


2.1. Elementi grafici in GeoGis Office ............................................................................................... 3
2.2. Spazio di Lavoro ........................................................................................................................ 3
2.2.1. Barra informazioni grafiche ........................................................................................................ 4
2.2.2. Barra di disegno ......................................................................................................................... 4
2.2.2.1. Penna Su-Penna Gi ................................................................................................................. 4
2.2.2.2. Arco ............................................................................................................................................ 5
2.2.2.3. Arco raccordato.......................................................................................................................... 5
2.2.2.4. Circonferenza............................................................................................................................. 6
2.2.2.5. Polilinea ..................................................................................................................................... 6
2.2.2.6. Curve ......................................................................................................................................... 7
2.2.2.7. Parallele-Perpendicolari ............................................................................................................. 7
2.2.2.8. Punto su elemento ..................................................................................................................... 8
2.2.2.9. Chiude figura.............................................................................................................................. 8
2.2.2.10. Coordinate-Distanza .................................................................................................................. 8
2.2.2.11. Inserimento da tastiera .............................................................................................................. 9
2.2.3. Barra strumenti .......................................................................................................................... 9

3 Lavori e files ................................................................................................................ 11


3.1. Apre lavoro............................................................................................................................... 11
3.1.1 Lavori GeoGis .......................................................................................................................... 11
3.2. Info lavoro ................................................................................................................................ 11

4 Trasferimento file ........................................................................................................ 13


4.1. Connessione con periferiche Windows Mobile ........................................................................ 13
4.2. Trasferimento file tra palmare GPS e computer ...................................................................... 14
4.2.1 Trasferire file dal palmare al computer .................................................................................... 14
4.2.2 Trasferire file dal computer al palmare .................................................................................... 15
4.3. Selezione delle cartelle di lavoro sul palmare ......................................................................... 15
4.4. Esplorare il contenuto delle cartelle sul palmare ..................................................................... 15

I
5 Trasformazione di coordinate.................................................................................... 17
5.1. Trasformazioni-Creazioni Datum/Sistemi riferimento .............................................................. 17
5.1.1 Apre un file esistente di coordinate geografiche/cartesiane .................................................... 18
5.1.2 Memorizza file coordinate geografiche/cartesiane .................................................................. 19
5.1.3 Edita un punto manualmente ................................................................................................... 19
5.1.4 Stampa file lista coordinate ...................................................................................................... 19
5.2. Disegno: cambia Datum/Sistema di riferimento ...................................................................... 20
5.3. Disegno: Cambia Gauss/Catasto ............................................................................................ 20
5.4. Trasla e Ruota ......................................................................................................................... 21
5.4.1 Input manuale .......................................................................................................................... 21
5.4.2 Cattura punto quotato .............................................................................................................. 21
5.5. Calcoli Geodetici ...................................................................................................................... 21

6 Tile taglia lavoro....................................................................................................... 23


6.1. Taglia finestra .......................................................................................................................... 23
6.2. Taglia in riquadri ...................................................................................................................... 24

7 Esportazione files ....................................................................................................... 25


7.1. Esportazione file CAD (dxf) ..................................................................................................... 25
7.2. Esportazione ESRI Shapefile .................................................................................................. 27
7.3. Esportazione file GeoGis ......................................................................................................... 28
7.4. Esportazione file ASCII di coordinate ...................................................................................... 28
7.5. Esportazione base raster georiferita ........................................................................................ 29
7.6. Esportazione GPS Exchange Format (gpx) e Google Earth ................................................... 30
7.7. Esportazione formato Pregeo .................................................................................................. 31

8 Database informativo ................................................................................................. 33


8.1. Editor Attributi .......................................................................................................................... 33
8.2. Struttura del Database ............................................................................................................. 33
8.2.1. Creazione di un nuovo Database ............................................................................................ 34
8.2.2. Modifica di un Database esistente ........................................................................................... 36
8.2.3. Funzione Blocca/Sblocca Informazione .................................................................................. 37
8.3. Trasferimento del Database sul palmare ................................................................................. 38
8.3.1. Modificare il percorso file del Database ................................................................................... 38

9 Gestione fotografie ..................................................................................................... 39


9.1. Gestione delle fotografie digitali ............................................................................................... 39
9.1.1 Associazione diretta di file fotografici ...................................................................................... 40
9.1.2 Associazione di file fotografici mediante il tempo di acquisizione ........................................... 41

10 Correzioni differenziali postprocessate ................................................................ 43


10.1. Quick Rinex.............................................................................................................................. 43
II
10.2. Creazione di un file Rinex di postprocessamento ................................................................... 44
10.3. Creazione di un lavoro finale corretto ...................................................................................... 45
10.3.1 Corregge lavoro GeoGis Office ............................................................................................... 45

11 Modello matematico del terreno............................................................................. 47


11.1. Creazione del modello matematico ......................................................................................... 47

12 Curve di livello ......................................................................................................... 51


12.1. Parametri curve di livello .......................................................................................................... 51
12.2. Creazione curve di livello ......................................................................................................... 52

13 Calcolo di volumi ..................................................................................................... 53


13.1. Impostazioni per il calcolo di volumi ........................................................................................ 53
13.1.1 Volume rispetto ad un piano orizzontale ................................................................................. 53
13.1.2 Volume rispetto ad un piano inclinato ...................................................................................... 54
13.2. Stampa report del calcolo di volumi ......................................................................................... 54
13.2.1 Stampa dati essenziali (volumi ed aree) .................................................................................. 54
13.2.2 Stampa tutti gli elementi di ogni triangolo ................................................................................ 55
13.2.3 Stampa solo area e volume di ogni triangolo .......................................................................... 55

14 Creazione di file di punti ......................................................................................... 57


14.1 Chiama file di punti .................................................................................................................. 57
14.2 Crea file di punti ....................................................................................................................... 58

15 GeoGis Office - Esempi........................................................................................... 59


Esempio 1: Preparazione di un dataset per rilievo con GeoGis .................................................................. 59
Esempio 2: Utilizzo di tematismi shapefile ................................................................................................... 67
Esempio 3: Preparazione di una base raster ............................................................................................... 71

III
IV
1 Installazione di GeoGis Office
__________________________________________________________________

1.1. Requisiti di sistema

Il software GeoGis Office opera con i seguenti sistemi operativi Microsoft:

sistemi operativi Windows XP


sistema operativo Windows Vista, Seven

1.2. Installare il software GeoGis Office

Eseguire il file GeoGisOffice_setup.exe per iniziare la procedura di setup.


Seguire la procedura guidata fino alla completa installazione del programma.
Durante il setup verranno installate anche le componenti Microsoft necessarie al funzionamento
del programma.

Terminata linstallazione sul desktop sar presente licona di GeoGis Office.

1.2.1. Installazione con sistema operativo Windows XP

In alcuni casi si possono verificare problemi durante linstallazione del programma su computer
con sistema operativo Windows XP.
Linterruzione della procedura di installazione dovuta al fatto che non sono presenti le librerie e
gli aggiornamenti Microsoft necessari per il corretto funzionamento del programma. Per risolvere
il problema necessario scaricare gli ultimi aggiornamenti Microsoft per Windows XP.

Attivare la funzionalit Windows Update di Windows XP e verificare la presenza di aggiornamenti


non ancora installati.
Se necessario, ripetere pi volte la procedura fino al completo aggiornamento del sistema.

Una volta aggiornato il sistema, ripetere la procedura di installazione di GeoGis Office.

1
1.2.2. Installare il software Microsoft per la connessione tra computer e periferica
Windows Mobile

Nota necessario installare Windows Mobile Device Center o ActiveSync sul computer prima
di connettere la periferica Windows Mobile.

Se sul computer installato:


sistemi operativi Windows Vista o Windows 7, utilizzare Windows Mobile Device Center per
stabilire la connessione.
sistema operativo Windows XP, utilizzare Microsoft ActiveSync technology per stabilire una
connessione.

Installazione di Windows Mobile Device Center

I sistemi operativi Windows Vista e Windows 7 includono un driver di connettivit per periferiche
Windows Mobile. Il driver permette il trasferimento di file dalla periferica al computer e viceversa.

Per installare del software su di una periferica Windows Mobile o utilizzare le funzioni avanzate di
sincronizzazione tra desktop e periferica, necessario che sul computer desktop sia installato
Windows Mobile Device Center 6 (o versioni successive).

Installazione di ActiveSync

ActiveSync in alcuni casi pu essere incluso in un CD fornito con la periferica Windows Mobile,
oppure pu essere scaricato da Internet collegandosi al sito Microsoft.

possibile scaricare Windows Mobile Device Center o ActiveSync dal seguente link
www.microsoft.com/windowsphone/en-us/apps/65-downloads.aspx

2
2 Ambiente di lavoro e strumenti grafici
__________________________________________________________________

2.1. Elementi grafici in GeoGis Office

I lavori di GeoGis Office sono la rappresentazione grafica di elaborazioni provenienti da


procedure di topografia, di gestione dati da GPS o di file di punti di varia natura.

La rappresentazione grafica composta da:

testo
- linee
- archi immagine
curva
- circonferenze
- polilinee linea

- curve
- immagini Arco raccordato

- testi polilinea
p.to quotato
- simboli
- punti quotati
simbolo
arco
circonferenza

2.2. Spazio di Lavoro

Lo spazio di lavoro appare come in figura:

Barra di disegno Menu principale Barra informazioni grafiche

Cursore

Barra strumenti

Ambiente grafico

3
2.2.1. Barra informazioni grafiche

Visualizza la funzione grafica in corso:

Coordinate cursore Scala del disegno Funzione grafica in corso Piano e tipo di linea

Azimuth in corso (gradi centesimali)

Ultimo azimuth (gradi centesimali)

2.2.2. Barra di disegno

La barra dei comandi grafici contiene linsieme di comandi per selezionare il tipo di elemento
grafico e la modalit di tracciamento.
Vedere paragrafi successivi.

Il movimento del mouse rappresentato dal cursore.


Il tipo di cursore selezionato dalle apposite icone della barra dei comandi
grafici.

Al centro del cursore presente un cerchio chiamato snap.


La dimensione (raggio) dello snap si imposta nella apposita casella posta in alto a
destra. Il valore pu essere impostato manualmente o con il movimento delle
frecce.
Il tasto sinistro del mouse determina la posizione di un punto o rende operativa la funzione
grafica attivata (cattura, cancellazione, ecc.).
Il tasto destro del mouse interrompe loperazione in corso.

2.2.2.1. Penna Su-Penna Gi

Definisce lo stato di tracciamento.

Penna su: mouse in movimento e non stato ancora cliccato il tasto


sinistro per definire un elemento grafico.

Penna gi: stato cliccato il tasto sinistro del mouse ed stata definita
una linea.

Alla fine di qualsiasi funzione grafica, il sistema ritorna allo stato di


tracciamento lineare.

4
2.2.2.2. Arco

Necessita della definizione di 3 punti.

In stato di penna su attende la definizione del primo punto.

Attende la definizione del secondo punto.

Attende la definizione del terzo punto.

Traccia arco e torna allo stato di penna su.

2.2.2.3. Arco raccordato

Prevede lidentificazione di due linee che possono avere un vertice in comune.

Vertice in comune

- Identificare la linea 1
- Identificare la linea 2

Assegnare il valore del raggio


nella tabella:
Viene tracciato larco raccordato tra le
direzioni.
I punti di contatto dellarco sulle direzioni
spezzano le linee; in tal modo i segmenti di
linea verso il vertice possono essere cancellati.

Linee senza vertici comuni

- Identificare la linea 1
- Identificare la linea 2

Definire i parametri di tracciamento dellarco

5
2.2.2.4. Circonferenza

Definire il centro ed un punto della circonferenza

Definire 3 punti della circonferenza

2.2.2.5. Polilinea

un insieme sequenziale di linee.


Le linee tracciate vengono memorizzate in ununica entit che potr essere selezionata o
cancellata.
Non potranno essere selezionate o cancellate le singole linee che compongono la polilinea.

6
2.2.2.6. Curve

Interpola una catena di linee.


Dimensione del tratto di interpolazione (m): dimensione dei
tratti di linea di cui composta la curva.

Pi alto il grado di curvatura pi la curva si avvicina alla spezzata originale.

Grado curvatura 0

Grado curvatura 1

2.2.2.7. Parallele-Perpendicolari

1 Perpendicolarit
2 Parallelismo
3 Definisce direzione

Perpendicolare

Dopo aver definito la linea 1-2 cliccare


sullicona 1 nella barra dei comandi grafici.
Le successive linee tracciate saranno
perpendicolari alla linea precedente.

Linee perpendicolari

Parallelismo

Dopo avere definito il punto 3 cliccare sullicona della barra dei


comandi grafici, catturare la direzione 1-2 e successivamente cliccare
licona 2, la linea successiva sar parallela alla direzione 1-2.

Se questi comandi sono selezionati senza avere prima definito la


direzione, significa che la linea da tracciare sar parallela o
perpendicolare alla direzione precedentemente tracciata.

7
2.2.2.8. Punto su elemento

Dopo il punto 3 cliccare nellicona nella barra dei comandi grafici e 2

cliccare un punto vicino allallineamento 1-2.


Il nuovo punto sar posizionato sullallineamento 1-2.
Lelemento grafico potr inoltre essere spezzato dal punto allineato sulla
3
direzione.
1
La funzione punto su elemento pu essere attivata anche in
presenza di parallelismo o perpendicolarit.

2.2.2.9. Chiude figura

Questo comando consente di chiudere sul punto di partenza una sequenza di linee.
Con la funzione di perpendicolarit attivata il punto di chiusura verr opportunamente spostato al
fine di conservare la perpendicolarit degli elementi grafici.

2.2.2.10. Coordinate-Distanza

Nello stato di default il sistema visualizza con


continuit le coordinate della posizione del
cursore.

Il comando nella barra di disegno consente di


visualizzare la distanza dallultimo punto
posizionato con il mouse.

Le coordinate e la distanza sono visibili sulla sinistra della barra informazioni grafiche.

8
2.2.2.11. Inserimento da tastiera

Il comando rappresentato dallicona attiva lintroduzione da


tastiera di coordinate o di valori utili al lavoro in corso.
Il comando pu essere attivato anche usando i tasti Ctrl+T.

Nello stato di costruzione di circonferenza viene richiesto il


raggio.

2.2.3. Barra strumenti

La barra strumenti di GeoGis Office permette di eseguire rapidamente alcune funzioni presenti
nel menu principale.

Zoom, Zoom finestra, Zoom tutto

Pan, Imposta grafica, Piani

Linea, Colori, Fonti

Testo, Simbolo, Punto quotato

Cattura/seleziona elementi

Cancella elelenti

Cancella ultimo elemento


Recupera elemento
Recupera tutte le cancellazioni Modello matematico
Curve di livello
Calcolo di volumi

9
10
Lavori e files
3 __________________________________________________________________

Allavvio di GeoGis Office, il programma crea automaticamente una pagina grafica di lavoro vuota
e pronta alluso.

Il comando File Memorizza lavoro permette di salvare e dare un


nome al file.
Un lavoro di GeoGis Office rappresentato da un unico file con
estensione dis. Il file contiene le posizioni e le definizioni grafiche
di tutti gli elementi e tutte le definizioni accessorie: informazioni, attributi, aree, ecc.

3.1. Apre lavoro

Il comando File Apre lavoro permette di aprire i lavori esistenti.

Ogni volta che si abbandona il lavoro in corso senza che ne siano state salvate le modifiche,
GeoGis Office chiede se memorizzare il file.

3.1.1 Lavori GeoGis

Per aprire i lavori eseguiti con il software di rilievo GeoGis (formato *.gps) necessario prima di
tutto trasferire i file dal palmare GPS al computer.
Vedere CAP 4.2.1 Trasferire file dal computer al palmare, pag.14

Una volta trasferiti, i lavori possono essere aperti o importati con GeoGis Office. Il programma
chieder di memorizzare i lavori in formato *.dis.
Per creare un lavoro da trasferire sul palmare GPS per essere utilizzato con il software di rilievo
GeoGis, utilizzare le funzioni di esportazione di GeoGis Office.
Vedere CAP 7.3 Esportazione file GeoGis, pag. 28

3.2. Info lavoro

Il comando File Info lavoro permette di visualizzare le


caratteristiche grafiche del file aperto: numero tipo di
elementi grafici, coordinate, rotazione, fattori di scala, piani e
caratteristiche di eventuali immagini raster associate al
lavoro.

11
12
Trasferimento file
4 __________________________________________________________________

4.1. Connessione con periferiche Windows Mobile

Per effettuare la connessione tra periferiche GPS palmari Windows Mobile e computer
necessario aver installato in precedenza uno dei seguenti programmi:

Microsoft ActiveSync (Windows XP)


Microsoft Mobile Device Center (Windows Vista/7)

possibile scaricare Windows Mobile Device Center o ActiveSync dal seguente link
www.microsoft.com/windowsphone/en-us/apps/65-downloads.aspx

Terminata linstallazione, collegare il palmare GPS al computer, accendere la periferica e


attendere che la connessione venga stabilita.

Windows XP:

Si consiglia di cliccare il comando


Annulla per evitare sincronizzazioni di
dati non richieste tra palmare e
computer.

Windows Vista/7:

Attendere la visualizzazione della finestra a lato.

In entrambi i casi, per il trasferimento di file dalla


periferica al computer (e viceversa) viene usata la
funzione Connessione con periferica di GeoGis Office.
Vedere CAP 4.2 Trasferimento file tra palmare e
computer, pag. 14

13
4.2. Trasferimento file tra palmare GPS e computer

Il comando Connessione con periferica attiva la


finestra di trasferimento dei file tra palmare e computer.

Dalla apposita lista si deve scegliere il tipo di file da


trasferire selezionandolo dal menu a tendina:

- Lavori/file: rilievi eseguiti con il software GeoGis in


formato *.gps
- Mappe raster di sfondo: *.bmp, tiff, Geotiff
- File Postprocessamento: file da utilizzare per le correzioni differenziali
(Vedere CAP 10, pag. 39)
- Attributi: attributi informativi del Database (Vedere CAP 8, pag. 33)
- Mappe vettoriali di sfondo: ESRI shapefile e *.sfn
- Libretto: funzione topografica non descritta nel presente manuale
- Punti: file ASCII
- Immagini: immagini di supporto al rilievo in formato *.gif
- File Grigliati: file utilizzati dal programma Verto dellIstituto Geografico Militare in formato
*.gr1,2
- Fotografie: immagini digitali in formato*.jpg

4.2.1 Trasferire file dal palmare al computer

Selezionare il tipo di file dal menu


1
Tipo file da trasferire (1).
2
3
Dalla lista dei file del palmare (2) selezionare i file (ad
es. Lavori) che si desiderano trasferire nella cartella di
destinazione del computer (3).
I file selezionati vengono trasferiti nella lista inferiore
File da trasferire a computer (4).
4 5

Cliccare Copia da palmare a computer.

14
Il sistema provvede alla copia dei file e avvisa se il file gi
presente nella cartella di destinazione del computer.
Viene quindi presentato il riepilogo dei lavori copiati con la
richiesta di immediata elaborazione (valida solo per GeoGis v.
10 e successive).

4.2.2 Trasferire file dal computer al palmare

Per i riferimenti numerici si veda limmagine del paragrafo precedente.

Selezionare dal menu a tendina il tipo di file da trasferire (1).


Selezionare la cartella del computer dove si trovano i file e selezionarli (3).
I file selezionati vengono trasferiti nella lista inferiore File da trasferire a palmare (5).

Cliccare Copia da computer a palmare.

4.3. Selezione delle cartelle di lavoro sul palmare

Le cartelle di lavoro destinate a contenere i diversi tipi di file che


verranno utilizzati durante il rilievo possono essere modificate
cliccando il pulsante in figura.

Vengono mostrati i percorsi delle cartelle utilizzate dal programma


(se non vengono modificati dallutente, i percorsi sono quelli 1
evidenziati in figura).

Per modificare le cartelle operative cliccare sul campo da


modificare e inserire il nuovo percorso (1)

Salvare le modifiche con il tasto

4.4. Esplorare il contenuto delle cartelle sul palmare


I file e le cartelle presenti sul palmare possono essere esplorate mediante
lapposito pulsante a icona.
Questa funzione permette di visualizzare il contenuto della memoria del
dispositivo portatile e apportare modifiche come la cancellazione di file e
cartelle non pi necessarie.

Cancella cartella o file selezionato

Cancella tutti gli elementi contenuti nella lista

15
16
Trasformazione di coordinate
5 __________________________________________________________________

La funzione Trasformazione coordinate consente


una serie di operazioni di interscambio tra sistemi
di coordinate.

5.1. Trasformazioni-Creazioni Datum/Sistemi riferimento


Funzione per effettuare trasformazioni su Datum esistenti e/o crearne di nuovi.

La maschera principale si presenta con due finestre di rappresentazione delle coordinate:


Il riquadro superiore gestisce le coordinate geografiche, quello inferiore le coordinate
cartesiane.

Entrambe le finestre hanno a disposizione dei comandi a icona per la gestione del loro contenuto;
ciascun comando agisce nella finestra di pertinenza.

Apre un file esistente di coordinate geografiche/cartesiane

Memorizza file coordinate geografiche/cartesiane

Edita un punto manualmente

Cancella coordinata

Stampa file lista coordinate

Attiva funzioni di calcolo geodetico (Vedere CAP 5.5, pag. 21)

Inverte ascisse/ordinate

17
Lista coordinate geografiche:
Scelta delle operazioni con coordinate geografiche

Lista coordinate cartesiane:


Scelta delle operazioni con coordinate cartesiane

5.1.1 Apre un file esistente di coordinate geografiche/cartesiane

Coordinate geografiche:

Consente una scelta tra diverse estensioni.


Nel generico file ASCII (ad esempio con estensione *.asc)
ogni record deve essere composto come segue:

- Nome del punto


- Latitudine
- Longitudine
- Quota
- Informazione (opzionale)

Il carattere separatore tra gli elementi pu essere composto da uno o pi spazi (carattere ASCII
32), da una virgola (carattere ASCII 44), o da un tabulatore (carattere ASCII 9).

Esempio:
P1001 452502.5243069N
83800.0075661E 199.629 chiodo
Oppure:
DVS,452502.7080774N,83800.0466976E,199.565

Coordinate Cartesiane:

Consente una scelta tra diverse estensioni.


Nel generico file ASCII (ad esempio con estensione *.asc) ogni
record deve essere composto come segue:

- Nome
- Est
- Nord
- Quota
- Informazione (opzionale)

Anche in questo caso il carattere separatore pu essere rappresentato da uno o pi spazi, dalla
virgola o dal tabulatore.

18
Esempio:
T118 1471517.190 5029619.300 150.495
Oppure:
TDUE,1470815.450,5027478.430,140.610,palo

Non necessario che i dati di ogni record siano incolonnati, questo vale sia per i file di coordinate
geografiche sia per i file di coordinate cartesiane.

5.1.2 Memorizza file coordinate geografiche/cartesiane

Consente la memorizzazione delle coordinate contenute nelle relative finestre.


I formati disponibili sono di tipo ASCII (txt e asc) o csv.

5.1.3 Edita un punto manualmente

Coordinate geografiche:

Permette di modificare o di inserire una linea di coordinate


geografiche.

Licona Lista informazioni permette di inserire uninformazione


aggiuntiva creandola ex novo o selezionandola da un apposito
elenco.

Coordinate cartesiane:

Consente la modifica o linserimento di una linea di coordinate


cartesiane.

Licona Lista informazioni permette di inserire


uninformazione aggiuntiva creandola ex novo o
selezionandola da un apposito elenco.

5.1.4 Stampa file lista coordinate

Attiva la procedura di stampa sulla stampante di sistema; cliccare il nome della stampante per
selezionarne una diversa (1).
La stampa verr prodotta con il numero di linee per pagina definito dallutente (2).

19
5.2. Disegno: cambia Datum/Sistema di riferimento
Funzione che permette di modificare i parametri Datum del lavoro corrente.

Zona di Origine (1):


Rappresenta i parametri Datum 1

di partenza del lavoro corrente. 2

Zona di Destinazione (2):


Parametri Datum da definire
selezionandoli dallapposito
3 4
elenco.

Licona Aggiunge
Datum/Proiezione
permette di definire:

- Un nuovo Datum (3) impostando i sette parametri di rototraslazione.

- Un nuovo sistema di riferimento cartografico (4)

Trasferire eventualmente il nuovo Datum/Sistema di riferimento sul palmare GPS.

5.3. Disegno: Cambia Gauss/Catasto


Funzione di conversione tra il sistema di riferimento Gauss-Boaga e il sistema catastale Cassini
Soldner. Il sistema Gauss-Boaga fa riferimento allellissoide Internazionale, mentre il sistema
Cassini Soldner allellissoide di Bessel.
Il sistema richiede lattribuzione dellorigine catastale espressa in Latitudine e Longitudine
sullellissoide di Bessel con origine a Genova o Castanea delle Furie (1).

Alcune delle origini sono elencate nella Lista origini (2). La selezione di unorigine produce il
riempimento dei campi:

- Nome
- Latitudine Origine
2
- Longitudine Origine
1
- Falsa Origine EST
- Falsa Origine NORD

Loperatore pu creare una nuova origine inserendone


i valori di Latitudine e Longitudine con il comando 3
Conferma nuovi valori (3).

20
5.4. Trasla e Ruota
Funzione per apportare modifiche alla geometria del rilievo.
La funzione consente anche di cambiare gli assi cartesiani. Ad esempio, tipica linversione che
si deve attuare nel rilievo di facciate di fabbricati in cui necessario sostituire lasse delle ordinate
con la quota: Ascissa Quota Ordinata.

5.4.1 Input manuale

Le coordinate possono essere modificate complessivamente


attribuendo:

- Rotazione (gradi centesimali)


- Traslazioni (Est, Nord, Quota)
- Fattori di scala (Est, Nord, Quota)

Pu essere modificato anche uno solo dei parametri: per esempio


si pu attribuire solo la Rotazione, oppure solo la Traslazione in
quota per modificare complessivamente le quote di una lavoro.

Modifica: il sistema predispone la rototraslazione e chiede


conferma alloperatore.

5.4.2 Cattura punto quotato

Permette la cattura di un punto. 1 2

Vengono visualizzate le Coordinate catturate (1)


che vengono inserite nelle caselle Nuove
coordinate (2) che loperatore potr modificare.

5.5. Calcoli Geodetici

Questa funzione attivabile sia per i punti


di un file in coordinate geografiche che un
file di coordinate cartesiane.
Selezionati due punti: viene visualizzata
una tabella contenente i parametri
geodetici instaurabili tra i due punti.

I parametri rappresentati in tabella sono


differenti a seconda che il file di origine sia
in coordinate geografiche o cartesiane e
cambiano in funzione dellellissoide selezionato.

21
22
Tile taglia lavoro
6 __________________________________________________________________

Consente di ritagliare o suddividere un lavoro in singole unit georiferite (tiles).


Dal menu principale selezionare il comando File Taglia e una delle seguenti funzioni:

Taglia finestra
Taglia in riquadri

6.1. Taglia finestra

Selezionare il comando Taglia finestra e tracciare


a video la finestra di taglio. 1

Nella maschera di dialogo definire il nome del


2
nuovo lavoro da creare (1).
I valori di coordinate minime e massime possono
anche essere modificati manualmente (2).

Traccia linea di taglio

La linea di taglio corrisponde al riquadro definito dalle coordinate minime e massime.


Se il flag viene attivato, il riquadro verr disegnato secondo i parametri:

- Colore linea di taglio


- Piano linea di taglio
- Spessore

Creazione file raster

Se il flag attivato e nel lavoro presente unimmagine raster, anche limmagine raster sar
interessata dalloperazione di taglio.
Al raster tagliato viene assegnato il nome del lavoro e viene creato un file con estensione tfw
contenente i parametri di georeferenziazione.

Taglia dentro/Taglia fuori

Il disegno tagliato potr contenere gli elementi interni o esterni allarea di taglio.

Cliccare licona per procedere alla formazione del nuovo lavoro tagliato.

23
6.2. Taglia in riquadri

Permette di suddividere il lavoro in riquadri (tiles), secondo una griglia definita dallutente.

Nota - Questa funzione pu risultare utile


per preparare la base cartografica per il
software GeoGis sul palmare GPS.

Il taglio in riquadri prevede linserimento 1


del numero di parti orizzontali e verticali
che si desidera creare (1).

Il programma nomina i lavori tagliati con il


nome del lavoro originale Parte fissa dei
nuovi nomi a cui viene aggiunto un
numero (incrementale da Numero primo elemento), loperatore potr cambiare il nome ed il
numero di partenza.

Cliccando licona vengono visualizzati i nuovi elementi con le relative coordinate minime e
massime.

Traccia linee di taglio:

Se attivato, i riquadri sono contornati dalla linea di taglio a cui viene attribuito Colore, Piano e
Spessore.

Trasferisce raster:

Il taglio in riquadri verr applicato anche alle immagini raster, se presenti.


Ogni taglio generato sar affiancato da un file che porta la stesso nome con estensione tfw
contenente i parametri di georeferenziazione.

Modifica elemento:

Cliccando su una linea dellElenco riquadri possibile modificare le coordinate nelle apposite
caselle di testo e memorizzarle con licona

Chiede conferma se il lavoro esiste:

Se attivato, la procedura di taglio viene interrotta se esiste un lavoro con lo stesso nome, il
programma si chiede conferma prima di proseguire.

Il comando a icona avvia la creazione dei tagli.

24
Esportazione files
7 __________________________________________________________________

GeoGis Office permette lesportazione dei lavori nei


principali formati per GIS e progettazione CAD.
Con GeoGis Office possibile inoltre creare file di
cartografia numerica, immagini raster georiferite, lavori da
utilizzare con il software di rilievo GeoGis, waypoints e
tracks per i pi comuni sistemi GPS in commercio.

7.1. Esportazione file CAD (dxf)

Nella finestra di dialogo inserire il nome del file dxf da creare.


Successivamente viene richiesto di definire le caratteristiche del file.

Trasferisce quota:
Se il flag attivo il file dxf sar tridimensionale, altrimenti bidimensionale.

Cifre decimali:
Il file dxf un file ASCII, pertanto necessario definire il numero di cifre decimali da usare per
rappresentare le coordinate degli elementi grafici.

Numero elementi spline:


Le curve sono composte da piccoli segmenti.
Il numero dei punti pu essere sfoltito per rendere meno pesante il file.
Ad esempio se viene imposto il valore 3, la curva nel file dxf sar descritta da un punto ogni 3
punti.

Punti quotati Blocco/Point:


Il punto quotato composto da un simbolo e da eventuali scritture associate (nome del punto e
quota del punto).
Il trasferimento in dxf eseguito copiando la rappresentazione del disegno originale: punto
singolo, simbolo con nome e quota, simbolo con nome, simbolo con quota.

25
Il simbolo pu essere rappresentato da un Blocco che traduce il simbolo come rappresentato nel
disegno o semplicemente da un punto (Point).

Scrive sempre Point:


Il Blocco pu avere un punto (Point) centrato sotto il simbolo per facilitare le operazioni di
selezione.

Scritture separabili:
Le scritture del nome del punto e/o della quota possono essere associate al simbolo
(attribuzione) o create come testi separati.

Trasferisce codice (P,D,T):


Se la scrittura del nome del punto richiesta, si pu scegliere se trasferire il codice iniziale del
punto T,P,D.

Estensione piano nome punto/Estensione piano quota:


Al simbolo e alle scritture associate viene attribuito lo stesso piano.
Se nel dxf richiesto il trasferimento della scrittura del nome e/o della quota, il piano di queste
scritture pu essere differenziato.

Decimali rappresentazioni quote:


Imposta il il numero di cifre decimali dei testi delle quote dei punti quotati.

Le icone laterali permettono di configurare nel dettaglio i seguenti parametri:

1
Definisce i colori (1)

2 Definisce tipo di linea (2)

3
Definisce font caratteri (3)
4
Definisce simboli (4)

26
7.2. Esportazione ESRI Shapefile

Nella finestra di salvataggio inserire il nome del file shape da creare.


Successivamente definire le caratteristiche del file.

Gli elementi grafici esportati sono: linea, polilinea, punti quotati.


importante il trasferimento degli attributi che corrispondono al file dbf del pacchetto shape.

Il software GeoGis Office prevede che agli elementi grafici di un lavoro possano esse associati
attributi diversi e che ad un singolo elemento grafico possano essere associati pi attributi
informativi.

Dopo linserimento del nome del file vengono visualizzati i gruppi di file shape da creare.
Vengono creati tanti gruppi di file shape quanti sono gli attributi presenti nel lavoro; ciascun
gruppo contiene gli elementi grafici associati allattributo contenuto nel file dbf.
Vengono creati anche i gruppi di file shape degli elementi grafici privi di attributi informativi.

Nellesempio sopra proposto la maschera di composizione shape comunica che saranno


composti dei gruppi di file shape di punti per gli attributi Picture, AIUOLA e ALBERI.
Saranno creati anche gruppi shape di Punti, Polilinee, Linee e Aree privi di attributi informativi.
Le lunghezze dei campi nel file dbf sono definite automaticamente dal sistema ma loperatore
potr anche definire le lunghezze manualmente.

Il comando Campi aggiuntivi PQ (1) permette di aggiungere al


database (file dbf) una serie di record aggiuntivi che vengono
automaticamente compilati e inseriti nel file esportato.
I Campi aggiuntivi verranno inseriti nel database di tutti gli elementi
point (punto quotato) di cui composto il rilievo.

27
7.3. Esportazione file GeoGis

Permette di esportare un lavoro di GeoGis Office in un file


utilizzabile dal software di rilievo GeoGis, ad esempio per
operazioni di picchettamento.
Qualora il lavoro sia composto anche di linee, possibile la
composizione di un file che possa servire da sfondo al rilievo
con GeoGis.
La composizione dello sfondo opzionale.

Eseguire:
il sistema procede alla creazione del file gps.

Se il palmare GPS collegato al computer, il programma


chiede se trasferire il file appena creato.

7.4. Esportazione file ASCII di coordinate


Permette di comporre un file ASCII di coordinate o di cartografia numerica.

5
2
3 3
4

1 6

1. Inserire il Nome del file da creare.

2. Utilizzare i comandi Composizione di formato per comporre le colonne del file, che
vengono visualizzate nel riquadro sottostante.

3. Impostare il numero di cifre decimali a seconda che il file sia composto da coordinate
cartesiane o geografiche.

4. Scegliere il carattere separatore dei campi del file.

5. Nella finestra Contenuto del file viene visualizzata lanteprima del file.

6. Cliccare Procede alla creazione del file per creare il file e uscire dalla procedura.
28
7.5. Esportazione base raster georiferita
Questa funzione trasforma in raster il disegno corrente (sia vettoriale che raster con sovrapposti
elementi vettoriali).
Pu essere utile nel caso in cui si desiderino utilizzare in GeoGis dei disegni vettoriali di grandi
dimensioni. La trasformazione in raster li render pi gestibili.

1
2

1. Impostare la scala del raster.

2. Impostare una risoluzione adeguata per una corretta rappresentazione del disegno.
In genere il denominatore della scala da creare (Scala del raster 1:) deve essere
congruente con la scala che loperatore imposterebbe per avere una corretta visione del
lavoro qualora disegnasse su un plotter o su una stampante, dipende quindi dalle dimensioni
del disegno e dalla risoluzione (DPI = punti per pollice).

3. Il variare di questi elementi provoca la modifica dei valori di Lunghezza ed Altezza pixel e
della Occupazione in byte e Mb.

4. Il raster pu essere generato in Bianco/Nero, 256 colori e True Color.

5. La parte destra della finestra consente di assegnare uno spessore ai diversi colori del
disegno.

6. Con i valori dei Margini si intende attribuire uno spazio di bordo a cui verr assegnato colore
bianco.

Il comando Prepara raster avvia la creazione del raster.

possibile la creazione di un raster la cui origine sia lunione di un raster e di un disegno


vettoriale. In questo caso, nella finestra precedente, la scala e la risoluzione saranno disabilitate
in quanto vengono conservate le caratteristiche del raster originale.

29
7.6. Esportazione GPS Exchange Format (gpx) e Google Earth
GeoGis Office permette di creare waypoints e tracks per i pi comuni sistemi GPS in commercio
e anche di esportare i lavori creati in Google Earth, permettendo cos una veloce ed intuitiva
comunicazione e diffusione dei dati raccolti.

In caso di lavori composti unicamente da punti GPS la conversione con Datum WGS84 viene
effettuata con un semplice passaggio.

Nel caso in cui il disegno sia pi complesso e composto anche da altri elementi grafici (linee,
polilinee, poligoni), sar invece necessario specificare il Datum, la Proiezione e lEllissoide di
origine con i quali il lavoro stato costruito.

30
7.7. Esportazione formato Pregeo

Dal Menu principale selezionare il comando File Esporta Pregeo.

Intestazioni
Devono essere inserire le informazioni principali.

Base GPS
Deve essere definito il punto base rispetto al quale dovranno essere calcolare le coordinate
geocentriche degli altri punti.

31
32
Database informativo
8 __________________________________________________________________

8.1. Editor Attributi

Il concetto di attributo corrisponde alla formazione di un Database


informativo da associare agli elementi grafici del rilievo o del progetto.

Editor Attributi:

1. Finestra di composizione del


Database. Un singolo Database pu
contenere diversi Attributi.
2. Strumento di trasferimento degli
attributi creati o modificati nel palmare
a
GPS.

8.2. Struttura del Database


Un Database composto da una serie di elementi organizzati su tre livelli.

Il livello superiore quello degli Attributi.


Ogni attributo composto da una serie di Informazioni.
Ogni informazione pu essere a sua volta composta da una serie di Caratteristiche descrittive.

Livelli Nome elemento Esempio


I livello Attributo (SAMPLE) BUILDING
II livello Informazione Type
commercial
industrial
III livello Caratteristiche
residential
warehouse

Immaginando il Database informativo come una tabella divisa in colonne:


Gli Attributi corrispondono allelemento (o al tema) a cui la tabella si riferisce, le Informazioni
costituiscono le colonne della tabella stessa. Il numero e la tipologia di dati contenuti nelle
colonne sono definiti dalloperatore in base alle esigenze della raccolta dati.
Le Caratteristiche corrispondono invece alle singole celle di ogni colonna. Ciascuna cella pu
essere lasciata vuota e compilata di volta in volta, ma anche possibile creare una lista di voci

33
predefinite tra cui scegliere; in questo modo si risparmia tempo durante linserimento dati e la
struttura finale della tabella (del Database) risulter pi omogenea.

Le funzioni dellEditor sono rappresentate dalle seguenti icone:

1 2 3 4 5 6 7 8 9 6 10

1. Apri un Database esistente.


2. Crea un nuovo Database.
3. Salva le modifiche al Database corrente.
4. Cancella lultima modifica fatta.
5. Recupera lultima modifica fatta.
6. Ordina gli elementi selezionati in ordine alfabetico.
7. Sposta lelemento selezionato verso lalto.
8. Sposta lelemento selezionato verso il basso.
9. Carica una lista di Caratteristiche da un file di testo.
10. Inserisci Caratteristiche predefinite.

8.2.1. Creazione di un nuovo Database

Per comporre un nuovo Database procedere come segue:

1. Premere il pulsante Nuovo Database (2)


Sulla prima riga digitare il nome del primo
Attributo (ad es. ALBERO).

2. Premere il tasto destro del mouse e selezionare


Inserire Informazione per aggiungere
uninformazione allAttributo selezionato

Ripetere il punto 2. per inserire tutte le


informazioni dellAttributo.
(ad es. Tipo, Stato, Circonferenza, Altezza)

34
3. Per ogni informazione possibile creare una
lista di caratteristiche.
Premere il tasto destro del mouse sullelemento
da espandere e selezionare Inserire
Caratteristica.

Ripetere il punto 3. per inserire tutte le


caratteristiche.
(ad es. Abete, Castagno, Tiglio).

La lista delle caratteristiche pu anche essere


caricata da un file di testo premendo il pulsante
File (9)

Il pulsante Lista di elementi (10) permette di aggiungere una


serie di Informazioni predefinite (es: Data e Ora oppure
elementi grafici come Nome punto, linea,..).
Le Informazioni predefinite hanno una particolarit: vengono
automaticamente compilate dal programma senza bisogno
dellintervento delloperatore.
Vedere CAP 7.2 Esportazione ESRI shapefile, pag .27

Per aggiungere uninformazione


predefinita, selezionare lelemento
da aggiungere (es: Data) e
premere il pulsante freccia a
sinistra per inserirlo nel Database.
Usare i pulsanti Sposta su/gi
(7)(8) per muovere lelemento nella
posizione desiderata.

4. Una volta inseriti tutti gli Attributi, premere il


pulsante Memorizza (3) per salvare il
Database sul computer.

Il Database viene memorizzato sul


computer in un file con estensione att.

35
Suggerimento Per velocizzare il processo di composizione del Database possibile utilizzare le
combinazioni rapide da tastiera che sostituiscono le funzioni del tasto destro del mouse:

<ENTER>: Crea lelemento successivo allinterno di un Attributo.


<CANC>: Elimina lelemento selezionato.
<TAB>: Modifica la gerarchia dellelemento allinterno di un Attributo (Info Caratt).
<BKSPACE>: Modifica la gerarchia dellelemento allinterno di un Attributo (Info Caratt).
<SHIFT + tasto sx mouse>: Selezione multipla degli elementi.
<CTRL + c>: Copia gli elementi selezionati.
<CTRL + v>: Incolla gli elementi copiati.

8.2.2. Modifica di un Database esistente

Per modificare un Database esistente procedere come segue:

1. Database creati con GeoGis Office versione 14.10

Premere il pulsante Apri file Database (1).


Selezionare il file ATT corrispondente al
Database da modificare.

Database creati con GeoGis Office versioni precedenti alla 14.10

Premere il pulsante Apri file Database (1).


Selezionare il file geo_card.gfd corrispondente
al Database da modificare.
Il file geo_card.gfd lindice del database ed
collegato ad una serie di file accessori (sempre
con estensione gfd) che compongono la
struttura del database.
Per aprire il database necessario che il file
geo_card.gfd non sia separato dagli altri file
accessori.

2. Il contenuto del Database viene visualizzato


nella parte sinistra dellEditor.

Selezionare le righe da modificare e


utilizzare le funzioni del tasto destro del
mouse o i comandi da tastiera per
modificare o cancellare gli elementi.
Il pulsante freccia a destra permette di
copiare gli elementi selezionati nella finestra
di destra; gli elementi trasferiti possono
essere reinseriti in un nuovo Database con il
pulsante freccia a sinistra.
Vedere CAP 8.2.1 Creazione di un nuovo Database, pag.34

36
Utilizzare i pulsanti Sposta Su e Sposta Gi (7)(8) per muovere gli elementi nella posizione
corretta.
Utilizzare i pulsanti Undo e Redo (4)(5) per ripristinare eventuali errori.
Utilizzare il pulsante Ordine alfabetico (6) per ordinare alfabeticamente gli elementi
selezionati.
Utilizzare il pulsante File (9) per caricare una lista di Caratteristiche da un file di testo.

Il pulsante Lista di elementi (10) permette di aggiungere una


serie di Informazioni predefinite (es: Data e Ora oppure
elementi grafici come Nome punto, linea,..).
Le Informazioni predefinite hanno una particolarit: vengono
automaticamente compilate dal programma senza bisogno
dellintervento delloperatore.
Vedere CAP 7.2 Esportazione ESRI shapefile, pag .27

3. Terminate le modifiche, premere il pulsante


Memorizza (3) per salvare il Database sul
computer.

Il Database viene memorizzato sul


computer in un file con estensione att.

8.2.3. Funzione Blocca/Sblocca Informazione

La funzione Blocca/Sblocca Informazione


permette di impostare una gerarchia di priorit
tra le Informazioni che compongono un
Attributo.
Quando unInformazione viene bloccata un
simbolo asterisco (*) compare allinizio della
riga.

Una volta bloccata, lInformazione diventa prioritaria: durante la fase di rilievo sul campo GeoGis
non permetter di chiudere un Attributo informativo finch tutte le Informazioni prioritarie al suo
interno non saranno state compilate.
Si tratta di una procedura di sicurezza ideata per evitare involontarie perdite di informazioni
durante campagne di raccolta dati di una certa complessit.
37
8.3. Trasferimento del Database sul palmare
Per trasferire il Database nel software GeoGis sul palmare:

- Collegare il palmare al computer e attendere fino allavvenuta connessione della periferica.


(Vedere CAP 4.1, pag. 13)

- Chiudere tutti i programmi attivi sul palmare, GeoGis incluso.

- Cliccare licona di trasferimento file sul palmare.

Nota La procedura di trasferimento crea automaticamente sul computer una cartella


contenente una copia di backup del Database presente sul palmare prima dellaggiornamento.

8.3.1. Modificare il percorso file del Database

La cartella predefinita di sistema che GeoGis utilizza per immagazzinare il Database sul palmare
situata in: \Program Files\GeoGis\Data.

Se la cartella viene modificata necessario correggere anche il percorso file di GeoGis Office per
permettere il corretto trasferimento dei dati.
Vedere GeoGis_Guida introduttiva Parametri Generali, pag. 14.

Per modificare il percorso file premere il pulsante Cartella


periferica.
Selezionare il campo Cartella attributi e utilizzare la
successiva funzione esplora risorse per individuare allinterno
del palmare la cartella utilizzata da GeoGis per conservare il
Database.

Premere il pulsante Salva per memorizzare il nuovo percorso


file.

38
Gestione fotografie
9 __________________________________________________________________

La gestione delle fotografie una funzione correlata alla creazione di attributi informativi per il
software GeoGis.
Vedere CAP 8 Database informativo, pag .33.

9.1. Gestione delle fotografie digitali

Quando si eseguono rilievi mediante strumenti palmari GPS, la raccolta di fotografie a corredo
del lavoro pu avvenire in due modi:

Mediante fotocamera digitale integrata nel palmare (Vedere CAP 9.1.1, pag. 36).
Mediante fotocamera digitale esterna (Vedere CAP 9.1.2, pag. 37).

Nel primo caso le fotografie (file jpg) sono memorizzate allinterno del palmare e possono essere
associate agli elementi del rilievo utilizzando il software GeoGis.

Nel secondo caso i file fotografici sono acquisiti con una fotocamera esterna e non possono
essere associate agli elementi del rilievo durante le operazioni di campagna. Lassociazione delle
fotografie avviene quindi in fase di post-elaborazione in base al tempo di acquisizione delle
immagini.

Per la procedura di associazione delle fotografie durante le operazioni di rilievo con il software
GeoGis, si rimanda alla guida introduttiva di GeoGis.
Vedere GeoGis_Guida introduttiva Aggiungere fotografie al Database, pag. 21.

Dopo aver trasferito il file del lavoro sul computer (Vedere CAP 4.2.1, pag. 14) necessario
trasferire anche i file fotografici dalla memoria del palmare GPS al computer e posizionarle in un
percorso file definito dallutente.

Nota - La cartella del computer scelta per contenere le immagini vincolante per la creazione
del percorso di associazione delle fotografie. Spostare i file fotografici e/o cambiare i nomi dei file
o della cartella comporta la perdita temporanea del collegamento e della possibilit di utilizzare le
fotografie come parte del lavoro.

39
9.1.1 Associazione diretta di file fotografici

In questo paragrafo viene descritta la procedura da utilizzare per ricostruire sul computer il
database dei file fotografici associati agli elementi di un rilievo GPS effettuato con il software
GeoGis.

1. Trasferire e aprire il lavoro effettuato con GeoGis, quindi


selezionare dal menu principale la funzione Gestione
fotografie e indicare il percorso di collegamento ai file
fotografici.

GeoGis Office memorizza le impostazioni di percorso e ristabilisce automaticamente


lassociazione tra gli elementi del rilievo e i nomi dei file fotografici contenuti nel database del
file di lavoro.

Selezionando un elemento del rilievo (ad es. un punto) possibile verificare se nel database
sono presenti attributi informativi con fotografie.

40
9.1.2 Associazione di file fotografici mediante il tempo di acquisizione

In questo paragrafo viene descritta la procedura da utilizzare per associare dei file fotografici
acquisiti con una fotocamera digitale esterna agli elementi di un rilievo GPS effettuato con il
software GeoGis.
Si tratta di una procedura semi-automatica che associa elementi del rilievo e file fotografici in
base al tempo di acquisizione (giorno, ora, minuti). Pertanto, affinch la procedura abbia
successo, assicurarsi che le impostazioni di data e ora del palmare GPS siano uguali a quelli
della fotocamera digitale.

Per poter associare una o pi fotografie ad un elemento del rilievo necessario che nel
Database di GeoGis sia stato creato un attributo in cui possano essere associati i file fotografici.

Nellesempio in figura stata creato lattributo


FOTOGRAFIE composto come segue:

- Data
- Ora
- Nome Fotografia
- Soggetto

Nota - Non obbligatorio chiamare lattributo


FOTOGRAFIE, pu essere utilizzato un
nome qualsiasi.

Per poter utilizzare questa funzione obbligatorio che la scheda riservata alle fotografie (la
scheda FOTOGRAFIE dellesempio sopracitato) contenga i campi Data e Ora, necessari per
effettuare lassociazione.

Aprire il lavoro a cui le fotografie devono essere associate e seguire la procedura:

1. Selezionare la cartella del computer dove


si trovano le fotografie; 1

2. Dalla Lista degli attributi selezionare


lattributo da usare per lassociazione
(FOTOGRAFIE nellesempio
rappresentato in figura);

41
4

7
3
4

3. Dalla Lista elementi attributi selezionare la voce dellattributo a cui associare le fotografie.
La selezione viene aggiunta alla finestra Elemento selezionato;

4. Controllare la convenzione della data e dellora delle fotografie e impostare nel campo
sottostante la medesima impostazione per
Fotografie: convenzione tempo;

5. Impostare la convenzione tempo della scheda;

6. Impostare lintervallo di tempo minimo


trascorso tra una foto e quella successiva.
sufficiente che lintervallo sia congruente
con il tempo reale intercorso tra una foto
e laltra durante il rilievo;

7. Cliccare Associa fotografie al lavoro.

Il programma conferma il numero di fotografie associate al lavoro.

42
Correzioni differenziali postprocessate
10 __________________________________________________________________

10.1. Quick Rinex

La funzionalit Quick Rinex di GeoGis Office permette di comporre un file RINEX (Receiver
Independent Exchange Format) cinematico da utilizzare come file Rover nei principali software di
postprocessamento GPS presenti sul mercato.

Per rendere possibile la creazione di file Rinex, devono essere soddisfatte le seguenti condizioni:

1: rilievo GPS effettuato con il software GeoGis

Il rilievo GPS grezzo (non corretto) deve essere effettuato utilizzando il


software GeoGis.
In particolare deve essere attivata la registrazione dei parametri di
navigazione per la creazione dei file binari di postprocessamento (file plf).
Vedere GeoGis_Guida introduttiva Impostazioni GPS, pag. 14

I file plf di postprocessamento sono associati ai file di lavoro creati con GeoGis ( file gps) e
contengono i parametri GPS di navigazione necessari ad operare le correzioni differenziali.

Nota - Se la funzione di postprocessamento di GeoGis viene disattivata, i file di post-


processamento non vengono creati e non sar possibile effettuare le correzioni differenziali dei
lavori GPS; i file di post-processamento non possono essere generati a posteriori.

2: correzioni differenziali cinematiche degli pseudoranges

Il software di post-processamento utilizzato deve supportare il formato Rinex con modalit


cinematica (Versione 2) e permettere di effettuare le correzioni di pseudorange anche in assenza
di fase L1; si tratta di una circostanza comune per i rilievi effettuati con strumentazioni GPS per
GIS (precisione metrica o submetrica).

43
3: esportazione in formato ASCII dei punti GPS differenzialmente corretti

Il software utilizzato per le correzioni differenziali deve poter esportare i risultati secondo un
formato ASCII in coordinate geografiche WGS84 composto come segue:

Nome Punto,Latitudine N,Longitudine E,Altitudine

Esempio di file ASCII:

Latitudine Longitudine Altitudine


Nome Punto (gradi sessagesimali) (gradi sessagesimali) (ellissoide)

POINT 1 ,45 27 10.38355 N,009 13 14.23929 E,00156.3650


POINT 2 ,45 27 10.60765 N,009 13 15.19789 E,00158.5162
POINT 3 ,45 27 10.60144 N,009 13 15.75125 E,00163.3732
POINT 4 ,45 27 12.10629 N,009 13 16.86440 E,00154.4334
POINT 5 ,45 27 13.02985 N,009 13 14.40423 E,00157.9834
POINT 6 ,45 27 12.92879 N,009 13 12.84929 E,00165.6131
POINT 7 ,45 27 08.75061 N,009 13 11.46115 E,00171.2070

10.2. Creazione di un file Rinex di postprocessamento

Dal menu principale selezionare il comando:


File Quick Rinex Crea file Rinex 1
2
1. Selezionare il file plf.

2. Eventualmente selezionare il file gps 3


(lavoro GeoGis) corrispondente al file di 4 5
post-processamento.
Questo passaggio opzionale e serve a
correggere eventuali discrepanze tra il file 6
di lavoro grezzo e il file di post-
7
processamento: ad esempio se durante il
rilievo sono stati cancellati o modificati dei
punti GPS.
Il procedimento non modifica i file sorgenti
(gps e plf) ma influenza la creazione del file Rinex.

3. Inserire in nome dellOperatore e della Societ.

4. Selezionare il tipo di costellazione satellitare (GPS/Glonass) e se si desidera includere nel file


Rinex le informazioni provenienti dai satelliti SBAS (Satellite-Based Augmentation Systems).

44
5. Selezionare le tipologie di osservazioni da inserire nel file Rinex, in accordo con le specifiche
tecniche del ricevitore GNSS utilizzato:

C1: pseudorange
L1: fase portante integrata
S1: vettore di rapporto segnale/rumore
D1: doppler

6. Scegliere se creare anche il file Rinex di navigazione oltre a quello di osservazione (alcuni
software richiedono entrambi i file per eseguire le correzioni differenziali) e se includere la
correzione ionosferica degli pseudorange.

7. Cliccare Crea Rinex per generare il file (o i file) Rinex (estensione *.*o, *.*n).

Una volta ottenuto i file Rinex possibile effettuare le correzioni differenziali con il software di
post-processamento.

10.3. Creazione di un lavoro finale corretto

Il file Rinex contiene unicamente le informazioni di osservazione e navigazione necessarie per il


procedimento di correzione differenziale GPS.
Il procedimento di correzione differenziale produce quindi un file di output spazialmente corretto
ma non conserva traccia n degli elementi di progetto presenti nel lavoro grezzo (eventuali
elementi grafici disegnati ma non rilevati con il GPS) n del database informativo ad esso
associato (attributi, etichette, layers, fotografie).

GeoGis Office permette di creare un nuovo lavoro spazialmente corretto, ma che conserva il
sistema di coordinate, gli elementi di progetto e tutte le informazioni contenute nel database del
lavoro originale.

10.3.1 Corregge lavoro GeoGis Office

Aprire e visualizzare il lavoro originale non corretto.

45
Dal menu principale selezionare il comando: File Quick Rinex Crea lavoro corretto

Selezionare il file ASCII esportato dal software di post-processamento contenente i punti GPS
differenzialmente corretti.

Nota Lestensione del file ASCII pu variare a seconda del tipo di esportazione, il formato *.txt
generalmente il pi comune, ma esistono anche formati ASCII personalizzati.

Confermare o modificare il Datum e il sistema di riferimento del nuovo lavoro.

Cliccare Trasformazione coordinate per procedere alla composizione del nuovo lavoro.

3 2

Vengono visualizzate le coordinate dei punti corretti nel sistema di riferimento impostato e le
differenze rispetto ai punti originali.

Inserire il nome per il nuovo lavoro corretto (1).


Modificare a piacere il colore (2) e i prefissi dei layer del nuovo lavoro (3).

Cliccare licona per creare il nuovo file.


Il file del lavoro corretto salvato nella cartella di destinazione e pu essere aperto normalmente.

46
Modello matematico del terreno
11 __________________________________________________________________

Il modello matematico del terreno realizzabile a partire da una distribuzioni di punti quotati.
Consiste in una maglia fatta di triangoli costruiti con il criterio della equilateralit.
La costruzione del modello matematico necessita che siano impostati alcuni parametri
preparatori.

11.1. Creazione del modello matematico

Dal menu principale selezionare il comando Punti quotati Modello matematico.

1 2 3

1. Piani e linee di discontinuit:


Loperatore pu selezionare il piano o i piani assegnati ad elementi grafici che rappresentano
linee di discontinuit. Le linee di discontinuit sono delle linee di vincolo nella costruzione del
modello matematico; possono essere ad esempio delle linee di cresta o di piede di una
scarpata, oppure il bordo di una strada.
Le linee di discontinuit sono delle linee gi preparate ad appartenere al modello matematico
e che non saranno mai intersecate da altre linee modello, infatti esse impongono un
premodellamento sul quale avviare la costruzione automatica del modello.

2. Piani punti quotati:


Qualora i punti quotati appartengano a pi piani, loperatore pu selezionare solo i piani dei
punti che dovranno essere coinvolti nella costruzione del modello.
Selezionare un piano dalla lista Piani punti quotati, per aggiungerlo nella lista Piani
selezionati.

3. Contorni:
Il modello matematico pu essere creato allinterno di un contorno chiuso.
La lista Contorni presenta lelenco dei contorni precedentemente creati.
Selezionare un contorno per aggiungerlo alla label Contorno selezionato.
Un contorno pu a sua volta contenere una serie di contorni chiusi interni.

47
Linee di discontinuit

Linee di contorno

Il modello matematico sar eseguito solo allinterno del contorno definito e conterr dei vuoti
in corrispondenza degli eventuali contorni interni. Nei vuoti di modello non saranno eseguite
curve di livello.

Il contorno pu essere disabilitato con il comando Cancella contorno selezionato.

I vertici del contorno possono coincidere o meno con i punti quotati.


Nel primo caso le linee di contorno coincideranno con le linee di modello: il confine del
modello coincider con il contorno assegnato.
Nel secondo caso il contorno racchiuder il modello, ma il confine verr creato
automaticamente dal programma e non potr essere controllato dalloperatore.

4. Parametri modello:
Piano matematico e Colore modello matematico permettono di definire rispettivamente il
layer e il colore del modello matematico.

5. Distanza limite:
un valore che il programma calcola quando viene cliccato il pulsante Conferma.
Rappresenta la massima distanza che potranno assumere le linee del modello matematico: il
valore modificabile dalloperatore prima di lanciare la costruzione del modello.

Esempio: se la distribuzione dei punti quotati non omogenea


(troppo fitti in un luogo e troppo radi in un altro), il valore calcolato
automaticamente pu non essere idoneo e di conseguenza il
modello matematico potrebbe contenere dei triangoli non chiusi.
Modificare la distanza limite in modo appropriato per evitare
problemi di questo tipo.
Il comando Conferma disabilita le possibilit di scelta dei piani.
Il comando Ripetere permette di ripristinare la procedura.

48
Il comando Eseguire attiva la creazione del modello matematico secondo i parametri impostati.

Al termine della procedura, il programma presenta le seguenti opzioni:

Curve di livello: memorizza il modello e prosegue con la creazione delle curve di livello.
Vedere CAP 12 Curve di livello, pag .47

Calcolo di volumi: memorizza il modello ed attiva la procedura per il calcolo dei volumi.
Vedere CAP 13 Calcolo di volumi , pag. 49

Memorizza il modello: torna in ambiente grafico dopo aver memorizzato il modello.

Esce senza memorizzare: torna in ambiente grafico senza memorizzare il modello appena
creato.

49
50
Curve di livello
12 __________________________________________________________________

Dal menu principale selezionare il comando Punti quotati Curve di livello.


In alternativa possibile entrare nella gestione delle curve di livello dopo aver creato il modello
matematico del terreno.
Vedere CAP 11.1 Creazione del modello matematico, pag .43

In questultimo caso, nella maschera di inserimento dei parametri delle curve di livello, la lista
Selezione piani modello disabilitata in quanto il piano del modello viene automaticamente
selezionato dalla procedura del modello matematico.
In caso contrario, loperatore dovr selezionare dalla lista i piani degli elementi grafici che
descrivono il modello matematico.

12.1. Parametri curve di livello

Questa sezione descrive le caratteristiche delle curve da creare.


Il parametro Minima distanza punti spline (m) corrisponde alla dimensione del tratto di
interpolazione mentre il parametro Aspetto di curvatura corrisponde al grado di curvatura.

Per terreni con poco dislivello ed andamento dolce potr essere corretto un valore di Aspetto di
curvatura uguale a 0, per terreni normalmente accidentati sar opportuno il valore 1, per
terreni molto accidentati il valore 2 o superiore.

51
Curve normali e curve fondamentali:
possibile distinguere questi due tipi di curve ed assegnare loro un piano ed un colore diversi.

Altezza quote fondamentali:


Imposta il tracciamento delle quote agli estremi delle curve fondamentali non chiuse.

Legge linee:
Questo comando attivo se la funzione curve di livello viene attivata dal menu principale o
dallicona nella barra degli strumenti. Esegue il caricamento delle linee del modello appartenenti
ai piani selezionati.

12.2. Creazione curve di livello

Il comando Esegue avvia la costruzione delle curve di livello.

Durante la formazione delle curve di livello la procedura controllata da una barra di


avanzamento. Alla fine della procedura il sistema richiede la memorizzazione delle curve di livello
calcolate.

52
Calcolo di volumi
13 __________________________________________________________________

13.1. Impostazioni per il calcolo di volumi

Il calcolo dei volumi viene eseguito sul modello matematico del terreno.
Vedere CAP 11.1 Creazione del modello matematico, pag .43

La funzione di calcolo pu essere attivata immediatamente dopo la formazione del modello


matematico o dal menu principale con il comando Punti quotati Calcolo di volumi.

Se il calcolo di volumi attivato subito dopo la formazione del modello matematico, la lista
Selezione piano modello disabilitata in quanto il piano del modello automaticamente
caricato dalla procedura di costruzione del modello.
Negli altri casi, prima di procedere al calcolo necessario selezionare i piani del modello
matematico.

Nota - Per una corretta esecuzione del calcolo consigliabile che il modello matematico sia
definito da un contorno.

Il calcolo dei volumi pu essere eseguito secondo due modalit:

13.1.1 Volume rispetto ad un piano orizzontale

attivata solo la casella di inserimento della quota del piano: viene proposto il valore intero della
quota minima approssimata per difetto.
Selezionare i piani da utilizzare per il calcolo scegliendoli dalla lista Selezione piano modello.

Il comando Eseguire attiva il calcolo del volume.

53
13.1.2 Volume rispetto ad un piano inclinato

Il piano inclinato definito mediante linserimento di tre punti.


I punti possono essere scelti tra quelli presenti nel lavoro, selezionandoli dalla Lista punti
quotati.

Il comando Eseguire attiva il calcolo del volume.

13.2. Stampa report del calcolo di volumi

Possono essere stampati report giustificativi del calcolo.


Si possono stampare tre tipi di report, a seconda del livello di dettaglio desiderato.

13.2.1 Stampa dati essenziali (volumi ed aree)

Riassume sinteticamente i dati calcolati:

- Quota di riferimento
- Volume riporto (mc)
- Volume sterro (mc)
- Area orizzontale (mq)
- Area inclinata (mq)

54
13.2.2 Stampa tutti gli elementi di ogni triangolo

Viene creata una tabella nella quale sono riportati per ogni linea il numero del triangolo
(verificabile con il disegno qualora sia stata richiesta la numerazione dei triangoli), le coordinate
dei suoi tre vertici, la differenza in quota del baricentro del triangolo rispetto alla quota del piano
di riferimento, larea orizzontale e larea inclinata del triangolo ed il volume.

13.2.3 Stampa solo area e volume di ogni triangolo

Vengono stampate solo le aree ed i volumi dei triangoli.

55
56
Creazione di file di punti
14 __________________________________________________________________

14.1 Chiama file di punti

Dal menu principale selezionare il comando File di punti chiama file di punti.

Permette di caricare un file ASCII di coordinate per poterlo elaborare.


I formati supportati sono *.txt, *.asc, *.csv

Nella finestra Lista punti viene visualizzato il contenuto del file.


I comandi a icona sottostanti permettono di elaborare il file e/o creare un nuovo file di punti a
partire da quello originale.

Con il comando i punti selezionati vengono trasferiti nella


finestra Punti selezionati per comporre e memorizzare un nuovo
file.
Impostare il carattere separatore (1) per creare un file tabulato.

Il comando avvia la creazione di un nuovo file ASCII a partire


dal file originale.

57
14.2 Crea file di punti

Dal menu principale selezionare il comando File di punti crea file punti.

2 1

3 4

1. Comporre manualmente un file ASCII di coordinate compilando la maschera e cliccando il


tasto Aggiunge.
Il punto viene aggiunto nella finestra superiore della Lista punti.
Vedere CAP 14.1 Chiama file di punti, pag .53

Per aggiungere altri punti utilizzare il comando nella finestra Gestione File di Punti.

2. Sostituisce permette di sostituire un punto con uno nuovo.

3. Inserire Indietro permette di inserire il punto nella posizione precedente a quella selezionata.

4. Inserire avanti permette di inserire il punto nella posizione successiva a quella selezionata.

58
GeoGis Office - Esempi
15 __________________________________________________________________

Esempio 1: Preparazione di un dataset per rilievo con GeoGis

Nellesempio seguente verranno illustrate le fasi operative pi tradizionali per la preparazione di un


dataset costituito da una base cartografica e da un set di attributi informativi da utilizzare per un rilievo
GPS con il software GeoGis:

1. Preparazione della base cartografica (importazione di un file dxf)

2. Cambiamento del sistema di riferimento (opzionale)

3. Esportazione della mappa come tematismo shapefile

4. Creazione di un set di attributi informativi (database) da utilizzare durante il rilievo

5. Trasferimento del dataset sul palmare GPS

Nota Lordine delle fasi operative sopracitate da intendersi come un riferimento indicativo.

Step 1: Preparazione della base cartografica

Con il termine base cartografica si intende una mappa (raster o vettoriale) georiferita da utilizzare come
supporto per il rilievo GPS. In questo esempio come base cartografica viene utilizzata una porzione di
Ctr in formato vettoriale dxf.

Dal menu principale selezionare il comando File Importa File DXF.


Selezionare il file da importare e cliccare Apri.
Definire o confermare i parametri di importazione.

Salvare le impostazioni e memorizzare il file con il comando a icona

Il programma richiede di memorizzare un lavoro GeoGis Office (*.dis) per eventuali utilizzi futuri.

Il file importato viene visualizzato nellambiente grafico di GeoGis Office.

59
Step 2: Cambiamento del sistema di riferimento

Questo passaggio (opzionale) permette di modificare il sistema di riferimento della base cartografica
vettoriale nel caso in cui non corrisponda al sistema di coordinate scelto per il rilievo GPS.

Dal menu principale selezionare il comando File Trasformazione coordinate Disegno: Cambia
Datum/Sistema riferimento.

1. necessario specificare i parametri di Origine (Zona, Datum-Proiezione, Trasformazione,


Ellissoide) con cui stata georiferita la base cartografica.
2. Specificare i parametri di Destinazione (Zona, Datum-Proiezione).

Eventualmente possibile definire un nuovo set di Datum e proiezione cartografica, cliccando il


pulsante Nuovo Datum/Proiezione e definendo i parametri di rototraslazione, fattore di scala e
proiezione (non descritti in questo esempio).

3. Cliccare il pulsante Calcola per apportare le modifiche al sistema di riferimento.

60
Step 3: Esportazione della mappa come tematismo shapefile

Dal menu principale selezionare il comando File Esporta File SHP.


Inserire il nome-radice del set di shapefile da create e clicare Salva.
Vedere CAP 7.2 Esportazione ESRI shapefile, pag. 27.

Il programma individua le tipologie di tematismi shapefile da creare (punto, linea, polilinea) in base alle
caratteristiche grafiche del disegno; nel caso mostrato nellesempio viene creato un unico tematismo di
tipo polilinea composto dagli elementi Nome e Piano, importati dalla struttura del file dxf originale.

Esportare il file cliccando licona

Step 4: Creazione di un Database informativo

Dal menu principale selezionare il comando Funzioni speciali Editor attributi.


Vedere CAP 8.2.1 Creazione di un nuovo Database, pag. 34.

61
Sulla prima riga inserire il nome dellattributo da creare; nel presente esempio viene creato lattributo
AIUOLA.
Premere Invio sulla tastiera dopo aver inserito il nome dellattributo.

Inserire gli elementi di II livello (Informazioni) che compongono lattributo, premendo Invio dopo ogni
inserimento; nel presente esempio vengono create le Informazioni:

- Copertura
- Specie
- Tipologia

A ciascuna Informazione inserita possibile collegare una lista di elementi di III livello
(Caratteristiche); nel presente esempio le Caratteristiche vengono importate attraverso file di testo.

62
Selezionare lInformazione da riempire e premere il pulsante per importare un file di testo.
Il contenuto del file viene visualizzato nella parte destra dellEditor.
Selezionare le caratteristiche da trasferire (<SHIFT + tasto sinistro del mouse> per selezione multipla).
Premere il pulsante freccia a sinistra per aggiungere le Caratteristiche allInformazione desiderata.

Ripetere questo passaggio fino al completamento dellAttributo.

Terminato linserimento salvare il Database premendo il pulsante Salva

63
Step 5: Trasferimento del dataset sul palmare GPS

In questo passaggio verranno trasferiti sul palmare GPS la base cartografica e gli attributi informativi
appena creati.

Trasferimento della base cartografica:

Dal menu principale selezionare il comando Connessione con periferica Connessione.

1. Dal menu a tendina Tipo file da trasferire, selezionare Mappe vettoriali di sfondo.

2. Selezionare il percorso per accedere al file creato nello Step 3.

3. Selezionare il file per trasferirlo nella casella File da trasferire a palmare.

4. Cliccare il tasto Copia da computer a palmare per effettuare il trasferimento.

Nota Nel caso in cui le cartelle di lavoro di GeoGis siano state cambiate, modificare le impostazioni
predefinite di trasferimento computer-palmare cliccando licona [..].

64
Trasferimento degli attributi informativi:

Dal menu principale selezionare il comando Funzioni speciali Editor Attributi.


Vedere CAP 8.3 Trasferimento del Database sul palmare, pag. 38.

Chiudere GeoGis e tutti i programmi aperti sul palmare GPS.

1. Aprire il Database da trasferire con il pulsante Apri file Database

2. Premere il pulsante per avviare il trasferimento dei file e confermare la copia.

Nota Nel caso in cui le cartelle di lavoro di GeoGis siano state cambiate, modificare le impostazioni
predefinite di trasferimento computer-palmare cliccando il pulsante Cartelle periferica.
Vedere CAP 8.3.1 Modificare il percorso file del Database, pag. 38.

Nel software GeoGis:

La base cartografica sar presente e pronta per luso nella sezione Mappe di sfondo del software
GeoGis.
Vedere GeoGis_Guida introduttiva Formati files, pag. 9.

65
Lattributo sar presente e pronto per luso nella sezione Database del software GeoGis.
Vedere GeoGis_Guida introduttiva Database, pag. 20.

Eventualmente possibile aggiungere delle voci allelenco direttamente durante le fasi di rilievo con
GeoGis, digitando nellapposito campo e utilizzando licona

66
Esempio 2: Utilizzo di tematismi shapefile

Nellesempio seguente verranno illustrate le fasi operative pi tradizionali per il caricamento di


tematismi ESRI shapefiles da utilizzare per un rilievo GPS con il software GeoGis:

1. Connessione tra computer e palmare GPS

2. Selezione e trasferimento dei tematismi sul palmare GPS

3. Utilizzo dei tematismi come sfondi attivi nel software GeoGis

Step 1: Connessione tra computer e palmare GPS

Collegare il palmare GPS con sistema operativo Windows Mobile al computer e attendere che il
software Microsoft di connessione rilevi la periferica.

Per sistemi operativi Windows Vista o Windows 7 utilizzare il software Windows Mobile
Device Center.
Per sistema operativo Windows XP, utilizzare Microsoft ActiveSync technology.

Vedere GeoGis_Guida introduttiva Installazione e attivazione del software, pag. 1.

Step 2: Selezione e trasferimento dei tematismi sul palmare GPS

Dal menu principale selezionare il comando Connessione con periferica Connessione.

1. Chiudere eventuali lavori di GeoGis aperti sul palmare GPS.

2. Dal menu a tendina Tipo file da trasferire, selezionare Mappe vettoriali di sfondo.

3. Selezionare il percorso per accedere alla posizione dei tematismi shapefile da trasferire.

4. Selezionare i tematismi per trasferirli nella finestra File da trasferire a palmare.

67
5
2

34

Nota I tematismi shapefile individuati nella finestra di trasferimento corrispondono ai file con
estensione shp. Il programma provvede automaticamente a individuare e trasferire anche i restanti file
che compongono il set di shapefiles.

5. (Opzionale) Nel caso in cui le cartelle di lavoro di GeoGis siano state cambiate, modificare le
impostazioni predefinite di trasferimento computer-palmare.

6. Cliccare il tasto Copia da computer a palmare per effettuare il trasferimento.

7. (Opzionale) Il programma chiede se si vuole creare sul palmare GPS (GeoGis) un file gruppo di
collegamento ai tematismi selezionati. La creazione di un gruppo permette di caricare diversi
tematismi (o basi cartografiche in generale) con una sola operazione e pu essere utile per
velocizzare le operazioni preliminari del rilievio GPS.

Per creare il gruppo e avviare il trasferimento cliccare licona Salva.


Per avviare il trasferimento senza creare un gruppo cliccare licona Esce.

Non scollegare la periferica fino a trasferimento completato.

68
Nel software GeoGis:

Dal menu principale di GeoGis selezionare il comando Mappe di sfondo.


Nellelenco sono presenti i tematismi appena trasferiti.
Definire il colore di visualizzazione degli elementi utilizzando lo stilo.

Con lo stilo selezionare i tematismi shapefile da caricare nel programma.

In alternativa possibile selezionare il file di gruppo che richiama i tematismi selezionati.

69
Step 3: Utilizzo dei tematismi come sfondo attivo nel software GeoGis

Nel display grafico di GeoGis vengono visualizzati i tematismi shapefile come sfondi attivi.
La struttura di uno sfondo attivo non pu essere modificata o cancellata.
Il contenuto dello strato informativo invece pu essere modificato o importato nella struttura Database
di GeoGis per la creazione di nuovi elementi in formato GoGis.

Cliccare licona Memorizza punto GPS per aggiungere un punto al lavoro.


Definire i parametri grafici e strumentali.
Cliccare licona Database per aggiungere un attributo informativo.

Nella struttura del Database di GeoGis vengono automaticamente importati i livelli informativi dei
tematismi shapefile caricati nel lavoro.
I nuovi attributi possono essere utilizzati allinterno del flusso di lavoro di GeoGis.

70
Esempio 3: Preparazione di una base raster

Nellesempio seguente verranno illustrate le fasi operative pi tradizionali per la preparazione di una
base raster georiferita da utilizzare per un rilievo GPS con il software GeoGis:

1. Importazione di un file raster georiferito

2. Riquadratura e taglio della base raster

3. Connessione tra computer e palmare GPS

4. Trasferimento della base raster sul palmare GPS

5. Utilizzo della base raster nel software GeoGis

Step 1: Importazione di un file raster georiferito

Dal menu principale selezionare il comando File Importa Nuova immagine raster.

1. Selezionare il percorso per accedere al file raster georiferito da importare.

2. Selezionare il tipo di file raster.

3. Selezionare il file per trasferirlo nella finestra sottostante, visualizzarne le caratteristiche


grafiche e le coordinate minime e massime.

4. Cliccare il pulsante Disegna raster per visualizzare il file.

1
2
3

71
Step 2: Riquadratura e taglio della base raster

Questo passaggio (opzionale) permette di tagliare limmagine e/o suddividerla in riquadri.


Questoperazione si rende necessaria nel caso in cui la dimensione dellimmagine (occupazione in Mb)
ecceda la capacit di gestione della memoria RAM della periferica Windows Mobile.
Il risultato delloperazione di taglio/riquadratura saranno una o pi immagini georiferite di dimensioni
ridotte e quindi maggiormente gestibili da parte della periferica Windows Mobile.
Nel presente esempio verr eseguita unoperazione di taglio in riquardi.
Vedere CAP 6.2 Taglia in riquadri, pag. 24.

Dal menu principale selezionare il comando File Taglia Taglia in riquadri.

1. Impostare in numero di elementi orizzontali e verticali della griglia di taglio.

2. Impostare il margine di sovrapposizione tra i tagli (Consigliato).

3. Definire i parametri grafici delloperazione di taglio.

4. Cliccare licona per visualizzare nellElenco riquadri gli elementi da creare.

5. Cliccare licona per attivare la funzione di taglio.

Attendere il termine del procedimento di creazione delle immagini tagliate.

2 5

72
Step 3: Connessione tra computer e palmare GPS

Collegare il palmare GPS con sistema operativo Windows Mobile al computer e attendere che il
software Microsoft di connessione rilevi la periferica.

Per sistemi operativi Windows Vista o Windows 7 utilizzare il software Windows Mobile
Device Center.
Per sistema operativo Windows XP, utilizzare Microsoft ActiveSync technology.

Vedere GeoGis_Guida introduttiva Installazione e attivazione del software, pag. 1.

Step 4: Trasferimento della base raster sul palmare GPS

Dal menu principale selezionare il comando Connessione con periferica Connessione.

1. Chiudere eventuali lavori di GeoGis aperti sul palmare GPS.

2. Dal menu a tendina Tipo file da trasferire, selezionare Mappe raster di sfondo.

3. Dal menu a tendina Tipo file raster, selezionare il formato dei file raster.

4. Selezionare il percorso per accedere alla posizione dei file raster da trasferire.

5. Selezionare i file per trasferirli nella finestra File da trasferire a palmare.

6. Cliccare il tasto Copia da computer a palmare per effettuare il trasferimento.

2 3

73
7. (Opzionale) Il programma chiede se si vuole creare sul palmare GPS (GeoGis) un file gruppo di
collegamento ai file raster selezionati. La creazione di un gruppo per il software GeoGis permette di
caricare diversi file raster (o basi cartografiche in generale) con una sola operazione e pu essere
utile per velocizzare le operazioni preliminari del rilievio GPS.

Per creare il gruppo e avviare il trasferimento cliccare licona Salva.


Per avviare il trasferimento senza creare un gruppo cliccare licona Esce.

Non scollegare la periferica fino a trasferimento completato.

Step 5: Utilizzo della base raster nel software GeoGis

Dal menu principale di GeoGis selezionare il comando Mappe di sfondo.


Nellelenco sono presenti i file raster appena trasferiti.
Con lo stilo selezionare i file raster da caricare nel programma.

In alternativa possibile selezionare il file di gruppo che richiama i raster tagliati.

74
Quando il GPS attivo ed selezionato un gruppo di mappe di sfondo, il software GeoGis carica e
visualizza automaticamente solo il taglio corrispondente alla posizione GPS in corso. In questo modo
possibile utilizzare basi cartografiche raster ad alta risoluzione senza diminuire le performances del
rilievo.

75
76