Sei sulla pagina 1di 34
314 BALLO DELLE INGRATE IN GENERE RAPRESENTATIVO Interlocutori Amore, Venere e Plutone Quattro Ombre d'Inferno, Otto Anime Ingrate che ballano Cinque Viole da brazzo, Clavicembano Chitarone Li quali ustriimenti si radoppiano secondo il bisogno della grandezza del loco in cui devisi rapresentare Prima si fa una scena la cui prospettiva formi una bocca a Inferno con quatro strade per banda, che gettino fuoco, da quali usciscono a due a due le Anime Ingrate, con gesti lamentevoli al suono della entrata che sara il principio det ballo, il qual va cotante volte ripetito da suonatori fino che si trovino poste nel mezzo del loco in cui assi da dar principio al balle, Plutone sta nel mezzo conducendole @ passi gravi, poi ritiratosi alguanto, dopo finita la entrala, danno principio ai ballo, poscia Plutone fattolo fermare nel mezzo, parla verso alla Principessa, e Damme, che saranno presenti, nel modo, che sta scritto; Delle Anime ingrate, il lor vestito sara di color ceneritio, adornato di lacrime finte; finito it ballo tornano nel Inferno, nel medesimo modo del’ uscita, e al medesimo suono lamentevole, restandone una nella fine in scena, facendo it lamento che sta scritto, poi entra nel’ Inferno. Al levar de {a tela si fara una sinfonia a beneplacito. AMORE DeVimplaca . bil Di-o Ee.eo.ne giun.t’al Re.gno eon.do 0 (Lento, ma non troppo) Po vit g VENERE AMORE. Nontacera mia vo-ce dol-ei Iu belle Madre i pre-gar =o mi =o. b 12VBNERE _sin-gheeprieghi _finchel'al.ma fe . ro.cedslReseve - roaltuovo-lernonpie - ghi Ft 17 AMORE Per-ma fer-mu Madreil bel pid non por le pian _ te nel te.ne.bro.so impe - ro Sa 21 AMORE che I's ertutto me — ro non macchinss’il del bel serbian _ te 25 AMORE sol wand} nellamaggion ascure e pregan — dilgran Re trurot-tia.vun . te vi 816 31 vewERE Va pur cameta.grn-du Jogti tu spel to di- srreto pargo - let. to SigiNFONTA Ww ant mf (Allegro) af vir 317 SIVENERE g-gi det - ti di cete-stepar—lar nel U-di-te Don. ne (Lento) STyNERE Chi ne.mi-en d’a-mor ne’ cru - di af. 63yENERE nella fio-ri 89 srwvONTA mt anf (Allegro) nf un 818 83vENERE Sentirh come po-sele ar. (Lento) P SivENERE —et — tw quando pit nonha .vri gra . tine bel - ta . te di Hiecieed’se . vit 319 96VENERE alla fa.la-cea . i. 100 PLUTONE Bel . Ia ma. dre da_mor che eol bel ei - glio splen.der Pin.ferno (Lento) PLUTONE fai sere. Qual destin qual con Sf. 107 PLUTONE cai. glio del ciel ha seor — to in que-st’a . bie - sooseu m Oh de la mor. te in.nu-me-ra . bil gen - te tre-men - do vit 320 114 YENERE Re dal Iumi-no ..s0 cle - lo tragge.mia que - stor_ror ma. Sap- pi ch'u ma — noa mano Du-ni-co fi -glio 49gVENERE wwio di stratie dar. co er-maspreszatoarcier glo. . -mere Pa = Ii + 126PLUTONE Ohi spo.glit di valor Pauree sa. ct te che tanto voliee tan.te gion.se-roul 129VENERE Donne che di bel-ta_teedi va.lo-re PLUTONE de immortal To. nun. . te vin 321 134 VENERE avl Germano Im. fol . go-noal-le pit de. gneil no.meal - te. 0 131, VENERE di co-tun to ri = gor senvan ar. ma. te che di qua. to Tt 42 VENETRE -drel. Paura.te © di sua fa. ceil fo.co re. cansigscler - 20 P 147, PLUTONE Mol sisprerzadamor 1a face el te-lo fullola terra el mur inferno el Oie - lo Fs dowene Nono non de’pit fi. di Aman. o- done vo. eiei pian . ti B22 459,YUNERE non pur ombratrovar pud di ri omarcrariden . doe quel-lu sol 16gVENERE gods eeserbel-la quanto trag-ge dun cor pian . tie so - spi - - 417gVENERE in. van gentil guerrie-ro mo. vein cam. po @ho . nor (Allegro, in uno) = = |= P 117,VENERE mo. vein com-po @ho - mor leg . gia 828 193YENBRE in. darnoinge. gnoal.te -r0 frogiad'eter.ni eav.mi beth chenon I (Lento) P @ = scol-tae non ap. presaOh barbara fivrenza’ oh ch cori Ti-grow oF = 190VENERE @an.gue mi-rar senza do lo. re fi. doA.man. te versar lu. ur por al trai ven. = tro . vainsuafu_re tra A _ mor B24 201PLUTONE SYinvan su Parco tendi ipoderosi strali Amor che spe.ri_e che soe.cor-souttendi ? + ———|, 2o7AMone Fuor dy Pa tin ou verna o-ve pian. . -go.noin.van di spe - mei ai, AMORE ~gnu.de seor. gi Signor quel. Pem_pioe crude vegga veg-ga su DI_stro o- por bn a qui martin cru, . eda bel.ti i chi ri-cer-chi Amo_re A. mor non sa_ i che dal ear. eer pro. vir 29g? EUTONE i fon. do eal - le é che ne th me — nial 29g AMORE So che dal bas in fer no per far ri-tor-noal ciel se ~ ra. toeil 231 AMORE