Sei sulla pagina 1di 5

15/11/16 terza lezione apparato cardiovascolare

Al momento della nascita viene attivata la respirazione del bambino , e quindi il


bambino viene staccato dalla madre tramite il taglio del cordone ombelicale ,
formato dai vasi ombelicali che si portano dallombelico alla placenta,
rimarranno dei vasi dopo il taglio allinterno delladdome del bambino, questi
vasi vanno incontro ad un processo di atrofia, si costringono grazie allazione di
fibre muscolari nella loro parete, si chiudono, si dice che si obliterano e
rimangono sotto forma di legamenti, quindi in strutture fibrose. La parte
esterna viene eliminata. Ed inoltre il dotto arterioso di botolo al momento della
nascita a livello del setto interatriale va incontro ad un processo di costrizione ,
obliterazione che rimane sotto forma di legamento, il legamento arterioso di
botallo.
Laltro foro importante il foro ovale , che si deve chiudere, in maniera
particolare perch sul lato di sinistra c una piccola membrana che rimane
aperta perch la pressione maggiore a dx piuttosto che a sinistra , per cui il
flusso del sangue mantiene questa membrana aperta, con il primo respiro ,
aumenta la pressione nella parte di sinistra del cuore e allora questo fa in modo
che questa membrana viene spinta contro il foro , da destra si vede una
depressione , punto della parete del setto interatriale che pi sottile. Questa
depressione post-natale prende il nome di FOSSA OVALE. Pu accadere che non
avviene in modo completo la chiusura del foro , questo dipende dalla cavit. Vi
pu essere quindi una malformazione congenita per cui non si chiude
perfettamente il foro , in questo caso si interviene urgentemente.

In ogni atrio nella parte anteriore presente una sporgenza che si chiama
AURICOLA.

La faccia di davanti del cuore definita STERNOCOSTALE del cuore , perch


la parte del cuore che si appoggia alla parete toracica.
I ventricoli occupano la porzione inferiore del cuore e vanno a costituire anche
lapice. Lapice del cuore non diviso a met tra ventricolo dx e sn , ma lapice
del cuore fa parte solo del ventricolo di sinistra. Sulla superficie esterna del
cuore di vede il decorso di alcuni vasi , i VASI CORONARICI , che provvedono
alla circolazione nutritivi del cuore. Nel cuore infatti ci sono due circolazioni,
quella funzionale cio quella della funzione del cuore, ma il cuore come tutti gli
organi del nostro corpo deve ricevere il suo sangue contenete gas, sostanze
nutrienti ecc, e non riesce a prenderlo dal sangue che circola dalle quattro
cavit , per cui il cuore provvisto di un sistema di vasi di arterie di capillari
dove c lo scambio venoso ecc. Questa la circolazione nutritizia costituita
dalle arterie coronarie. Questi vasi decorrono sulla superficie del cuore in
corrispondenza della separazione tra le quattro aree del cuore dove ci sono i
setti che separano le aree. Circondati da tessuto adiposo per protezione , in
particolare dei vasi.

Sulla faccia diaframmatici del cuore abbiamo il SENO CORONARICO (canale


venoso) che ha la funzione di raccogliere il sangue venoso proveniente del
cuore della circolazione nutritizia e poi si apre nellatrio destro (camera che
raccoglie sangue venoso da tutti gli organi compreso il cuore ).
ATRIO DESTRO abbiamo:
Posteriormente lo sbocco della vena cava sup. e inf. (sono due vene che si
aprono nellatrio dx senza che ci sia la presenza di un dispositivo che regola
lentrata del sangue).
Setto interatriale, abbiamo una fossetta che sar la fossa ovale.
Seno coronarico , apertura in basso canale venoso sulla faccia diaframmatici
del cuore.
Valvola,(avevano delle funzioni a livello della circolazione fetale e cio che il
sangue della vena cava inf vengaspinto verso il foro ovale).
Grosso orifizio, orifizio atrio-ventricolare di dx che mette in comunicazione
latrio e il ventricolo.
Auricola presenta della superficie interna estroflessioni del miocardio che
prendono il nome di MUSCOLI PETTINATI rendendo irregolare la parete ,
ricordano lo sviluppo embriologico del cuore.

VENTRICOLO SINISTRO abbiamo


Valvola che regola flusso sanguigno, ci chiama valvola atrio-ventricolare di
destra o TRICUSPIDE.
Ha una parete pi spessa perch ha bisogno di una forza maggiore per spingere
il sangue nelle arterie.
Nella cavit interna del ventricolo sono presenti delle estroflessioni del
miocardio, che rendono la cavit molto irregolare ,serve per rompere la forza
del sangue perch il flusso andr dallalto verso il basso, nel loro insieme
queste etroflessioni del miocardio si chiamano trebecole cornee, che si
proiettano nelle cavit, e prendono il nome di muscoli papillari, da qua si
dipartono piccoli tendini (corde tendinee) che raggiungono la valvola
tricuspide . Si vanno ad ancorare sulla faccia inferiore della valvola tricuspide.

VALVOLA TRICUSPIDE
perch formata da tre lembi o cuspidi, concavi verso il basso e si vanno ad
ancorare ai lembi della valvola tricuspide.
I muscoli papillari e corde tendinee hanno la funzione di regolare lapertura e la
chiusura della valvola . Aperta quando il sangue passa dallatrio al ventricolo e
corde tendine e muscoli papillari sono rilassati. Quando si contraggono i lembi
della valvola sono mantenuti uniti, valvola chiusa , in questo modo si
impedisce il reflusso del sangue, assicurando che il sangue passi in una sola
direzione, e che il sangue non ritorni nellatrio.

VALVOLA SEMILUNARE-POLMONARE
Si trova tra ventricolo dx e tronco polmonare, si chiama semilunare perch
viene paragonata al nido di rondine con la concavit verso lalto. In clinica
viene chiamata semilunare.
Come funziona?
Il flusso del sangue dal basso verso lalto spinge le semilunari ad aprirsi.
Quando il sangue passare raggiunge laorta qualche goccia cade verso il basso
per gravit e questo fa chiudere la valvola, distendendo i lembi. Non abbiamo
bisogno dellapparato di muscoli papillari e corde tendine.

ATRIO SINISTRO
Arrivano le quattro vene polmonari (portano sangue ossigenato , qua termina la
piccola circolazione).
Auricola un po pi piccola rispetto a quella di dx con i muscoli pettinati
A livello della fossa ovale pu esserci una depressione
Orifizio Atrio ventricolare di sinistra prende il nome di BICUSPIDE per la
comunicazione con il ventricolo sn

VENTRICOLO SINISTRO
Abbiamo le trabecoole cornee con muscoli papillari e corde tendinee
circa tre volte pi spessa di quella del ventricolo di dx , e c un motivo
funzionale: vi una forza maggiore perch si spinge il sangue nella grande
circolazione attraverso laorta .

VALVOLA BICUSPIDE o MITRALE


formata da due lembi , pi spessi e pi grandi rispetto alla tricuspide.

VALVOLA SEMILUNAE AORTA


Tra ventricolo e aorta (o valvola aortica)
Priva dellapparato di corde tendine , le valvole hanno una concavit verso il
basso a forma di nido di rondine (flusso dal basso allalto verso larteria aorta).

Fase di dilatazione (riempimento ) dei ventricoli > DIASTOLE ventricolare


Fase di contrazione (svuotamento) dei ventricoli > SISTOLE ventricolare
(valvole ventricolari chiuse , semilunari aperte )

Atrioventricolari e semilunari si aprono e si chiudono alternativamente, ma le


due semilunari e le due valvole si aprono contemporaneamente .

Le valvole rispetto alla parete toracica hanno una disposizione pi o meno sullo
stesso piano obliquo che va dallalto in basso , da sinistra a destra, anche molto
vicine tra loro. Sono nascoste dalle strutture scheletriche della parete toracica
(sotto lo sterno o sotto le coste). Per il medico importante auscultare il
rumore che emettono le valvole sl momento della loro apertura e chiusura ,
fanno dei rumori caratteristici, che tramite il fonendoscopio il medico
percepisce.
In base al tipo di rumore , si capisce se la valvola funziona in maniera regolare
o meno. Per quando il medico pone il fonendoscopio sulla parete toracica non
pu posizionarlo esattamente sopra la valvola perch le ossa impediscono di
percepire il rumore. Allora il medico pone il fonendoscopio nelle aree vicine alle
valvole non corrispondenti alla posizione della valvola, dove non ci sono
strutture scheletriche interposte e sono anche pi distinguibili i rumori data la
distanza tra le valvole in modo che non si crei confusione (posizioni vengono
chiamate focolai di auscultazione ).

Il cuore ha un sistema di cellule specializzate in grado di autoeccitarsi (non


sono cellule nervose, ma cellule del miocardio specializzate e trasformate
perch hanno acquisito questa capacit di autoeccitarsi) > fanno battere il
cuore in modo autonomo circa 70 volte al minuto. Questo il sistema elettrico
del cuore o sistema di conduzione del cuore, queste cellule si sono organizzate
in NODI raggruppamenti di cellule e FASCI che hanno la funzione di conduzione
dellimpulso).

Il nodo pi importante il nodo seno atriale , laltro il nodo atrio ventricolare,


poi abbiamo i fasci di conduzione dellimpulso , i fasci internodali che uniscono
i due nodi , dal nodo atrio ventricolare si diparte un altro fascio, fascio di Hiss o
atrio ventricolare , questo si divide in due rami dx e sn (cos tutte le cellule del
miocardio ricevono lo stimolo).

Il NODO SENO ATRIALE quello pi voluminoso molto importante si trova


nellatrio di dx , qui che avviene linizio dellimpulso del battito cardiaco,
tramite i fasci internodali, questo stimolo viene trasmesso alle pareti degli atri,
questi raggiungono il NODO ATRIO VENTRICOLARE si trova tra atrio ventricolo
di dx costituito da cellule specializzate che ricevono limpulso dalle cellule del
nodo seno atriale, da questo si diparte il fascio atrio ventricolare che con il suo
fascio di dx e ramo di sn si irradia nella parete dei due ventricoli.
Il nodo seno atriale proprio perch da linizio al battito cardiaco viene anche
chiamato PACE MAKER del cuore , pu accadere che queste cellule non
funzionano pi in modo corretto, allora ecco che il cuore perde lo stimolo a
battere ma pu subentrare il nodo atrio ventricolare, queste stimolano il battito
cardiaco per 50 batt/min.
In caso di non funzionamento corretto delle cellule del nodo seno atriale al
paziente viene applicato il pace- maker sotto cute e mima la funzione delle
cellule del nodo seno atriale e fare in modo che il cuore batta correttamente.
La presenza del nodo atrio ventricolare fondamentale per fare in modo che
atri e ventricoli si contraggono alternativamente.

Il cuore provvisto di due circolazioni: quella funzionale e quella nutritizia.


La circolazione nutritizia a carico dei vasi coronarici, sangue ossigenato
raggiunge le parti del cuore tramite le arterie coronarie. Queste sono due
arterie che nascono allorigine dellaorta , sono i primi rami che nascono
dallaorta a livello della valvola semilunare aortica. Larteria coronaria dx si
porta sulla superficie esterna del cuore del lato di dx e da luogo a una serie di
rami sempre pi piccoli che si addentrano allinterno del miocardio , dellatrio e
del ventricolo dx.
Il suo ultimo tratto che scende tra ventricolo dx e ventricolo sn , sulla faccia
diaframmatici , dai cardiologi e dai cardio chirurghi, lultimo tratto dellarteria
coronaria dx viene chiamata arteria discendente posteriore.
In generale larteria coronale dx vascolarizzate la parte di dx del cuore.
Importante ricordare che larteria coronaria dx vascolarizzate anche le cellule
del sistema elettrico (come tutte le cellule del nostro corpo devono ricevere il
loro apporto di sangue).
Larteria coronaria di sn si dirige verso sinistra, dopo un percorso breve di circa
1 cm , si divide in due arterie una va anteriormente e una posteriormente.
Quella che va anteriormente sar una discendente anteriore

Larteria coronale di sinistra che va posteriormente si chiama arteria


circonflessa e vascolarizzate di solito atrio e ventricolo sn. Questa la
situazione pi comune per per quanto riguarda il decorso dei vasi c una
grandissima variabili individuale , nel caso delle arterie coronarie questa
situazione rappresenta circa il 55-60% dei casi, vuol dire che ci sono delle
diverse distribuzioni delle arterie coronarie.

Coronarografia : immagine radiologica dellalbero coronarico dopo che al pz


stato iniettato del mezzo di contrasto per poter colorare il sangue e visualizzare
le coronarie. Importante per verificare se c unostruzione dei vasi coronarici.
> ha come conseguenza mancanza di apporto sanguigno al miocardio che va
in necrosi > infarto del miocardio.
Patologia meno grave che si pu presentare langina pectoris si hanno i
sintomi dellinfarto ma una situazione passeggera , da prendere come
campanello dallarme perch qualche vaso non completamente libero.

Il ritorno veno so a carico di vene, le principali vene sono le vene cardiache


che sono 3: la grande , la piccola e la media vena cardiaca.
Che si portano tutte nel seno coronarico , che raccoglie tutto il sangue venoso
proveniente dalle parotide cuore e si apre nellatrio dx.

Se le valvola non si chiude in modo corretto si ha uninsufficienza valvolare, un


prolasso , succede che un po di sangue refluisce verso lalto e sar meno la
quantit di sangue che si porta nel tronco polmonare o nllaorta. O la valvola si
apre e il sangue passa dallatrio al ventricolo, se la valvola non si apre
perfettamente si avr stenosi , la conseguenza sar che una quantit di sangue
che passa tra atrio e ventricolo ridotta.

VASI SANGUIGNI
partendo dal cuore: arterie- capillari (scambio)- vene quindi un circuito
chiuso.
Parete simile agli organi cavi allinterno nelle quale scorre il sangue. Le arterie
pi vicine al cuore quindi arterie pi grosse sono costituite da fibre elastiche e
fibre muscolari lisce. Le parete dei capillari molto sottile che l endotelio.
Le pareti delle vene sono pi sottili delle arterie meno ricche di fibre muscolari
e elastiche.
La parete interna dei vasi costituito da endotelio , filamento costituito da
cellule appiattite disposti in unica fila , rivestimento che ritroviamo in tutti i
vasi, quando arriviamo al livello dei capillari , questi sono costituiti solo da
endotelio.
Se lendotelio non indegno pu favorire il deposito di grassi che porta
allostruzione dei vasi.

Nelle vene degli arti specialmente inferiori ci sono estroflessioni dellendotelio


che sono le valvole a nido di rondine , che ci ricordano le valvole del cuore ,
impediscono il reflusso del sangue verso il basso per la gravit.