Sei sulla pagina 1di 8

Il 17 Maggio 2007 con nota prot 657 l'ufficio Tecnico

Comunale diretto dall'Arch D'arpa invia al Sindaco la seguente


missiva

Oggetto Concessioni Aree cimiteriali

Si comunica che sono pervenute alcune richieste di


concessioni per la realizzazione o l'ampliamento di tombe e
cappelle gentilizie, le cui concessioni di aree cimiteriali
risultano scadute. Per proseguire l'istruttoria delle pratiche
dunque necessario che la Giunta Comunale si esprima circa
l'eventuale rinnovo di concessione del suolo.
In attesa di quanto sopra richiesto le pratiche rimarranno
sospese.
Il Responsabile del III Settore Arch Sandro D'Arpa

DETTO FATTO IL PARADISO NON PUO'


ATTENDERE (infatti il giorno dopo)

Delibera di Giunta 59 del 18.5.07(a pensare che solo il giorno


prima l'U.T.C. si era attivato)

OGGETTO CONFERMA CESSIONI SUOLI CIMITERIALI (per


la gioia di grandi e piccini)
Presenti: Gaspare Portobello, Antonio Bellone, Cutino Maria
Grazia, Lo Piccolo Giuseppe, Aiello Paolo (per "FUTURA"
incompatibilit assente Alessandro Giucastro)

Il Sindaco da lettura della seguente proposta di deliberazione


avente per ogetto "Conferma cessioni suoli cimiteriali"
La giunta Comunale
Premesso che:
il responsabile del settore tecnico ha evidenziato che l'ufficio
in passato ha provveduto al rilascio di alcune concessioni
edilizie per la realizzazione di sepolture gentilizie;
dette concessioni in atto risultano decadute stante che i lavori
non risultano n iniziati n ultimati nei tempi previsti dalle
concessioni rilasciate e dai contratti di cessione delle aree da
parte dell'Amministrazione comunale;
i contratti di cessione delle aree all'art 5 prevedono che "in
caso di mancata ultimazione delle opere entro i termini (mesi
quarantotto 36+12) l'Amministrazione sar in diritto di
dichiarare la decadenza della concessione rimborsando
soltanto due terzi del corrispettivo globale della concessione
dell'area;
di conseguenza prima che l'Ufficio tecnico possa valutare la
richiesta di rinnovo delle concessioni decadute necessario
che l'Amministrazione si pronunci in ordine al diritto di
chiedere la retrocessione delle aree cimiteriali gi concesse;
Ritenuto di dover esercitare il diritto a riacquisire le aree
cimiteriali gi oggetto di concessione con specifici regolari
contratti;
DELIBERA
1)Di confermare la cessione delle aree cimiteriali concesse a
privati per la realizzazione i sepolture gentilizie nel cimitero
comunale nonostante il superamento dei termini entro cui
procedere alla realizzazione delle opere espressamente
previsti dai singoli contratti;
2)Autorizzare il responsabile del settore tecnico a procedere al
rinnovo delle concessioni edilizie decadute, in presenza dei
presupposti urbanistico/edilizi.
LA GIUNTA COMUNALE Vista la superiore proposta di
deliberazione corredata dal prescritto parere;
Con voti unanimi espressi in forma palese e ritenutala
meritevole di approvazione;
DELIBERA
Di confermare la cessione delle aree cimiteriali concesse a
privati per la realizzazione di sepolture gentilizie nel cimitero
comunale nonostante il superamento dei termini entro cui
procedere alla realizzazione delle opere espressamente
previsti dai singoli contratti;
Di autorizzare il responsabile del settore tecnico a procedere
al rinnovo delle concessioni edlizie decadute, in presenza dei
presupposti urbanistico/edlizi.

A POCHI GIORNI DI DISTANZA SI INIZIA A


RILASCIARE UNA SERIE DI LICENZE EDILIZIE. CON
BUONA PACE DEL POSSIBILE DANNO ERARIALE
PROCURATO ALLE CASSE COMUNALI

LA RABBIA E' TUTTA DA RACCONTARE IN PARTICOLARE SE


RIANDIAMO ALLO SPETTACOLO INDECOROSO A CUI CI AVETE
FATTO ASSISTERE IL MESE DI AGOSTO CORRENTE A
SEGUITO DEL FUNERALE DEL NOSTRO CARISSIMO GIOVANE
AMICO CONCITTADINO Roberto

2006 8 SETTEMBRE COMMISSIONE EDILIZIA COMUNALE 4)pratica


edilizia 37/06 prot 15255 Richiesta C.E. per la realizzazione di una
tomba gentilizia lotto 103-bis
COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE
PROVINCIA DI PALERMO
III SETTORE I SERVIZIO: URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA

CONCESSIONE EDILIZIA N. 22 DEL 15/06/2007

IL RESPONSABILE DEL III SETTORE

Vista listanza del 30/05/2006 p.llo n. 7372 presentata dal sig. Cardinale Orazio, nato a

Isola delle Femmine il 26/07/1946 ed ivi residente in Via Falcone n. 84, con la quale chiede il nulla

osta per la edificazione della tomba gentilizia di tipo A;

Visto il contratto di concessione di terreno cimiteriale . rep. n. 5, registrato a Palermo

l11/07/1983 n. 1405, lotto n. 36/A, intestato al sig. Cardinale Orazio;

Visti gli elaborati grafici p.llo n. 7372 del 20/05/2006 redatti dalling. Vincenzo Intravaia,

iscritto allOrdine degli Ingegneri della Provincia di Palermo al n 3609, e per i quali la C.E.C. ha

espresso parere Favorevole in data 20/12/2006, verbale n. 47;

Vista la dichiarazione redatta dal sig. Cardinale Orazio, con la quale intende avvalersi del

silenzio assenso, ai sensi dellart. 46 della LR 17 del 28/12/2004, per quanto riguarda il parere della

Soprintendenza ai BBCCAA, in quanto decorsi 120 gg. dalla data di presentazione della domanda

inoltrata in data 05/06/2004 p.llo n. 9980;

Visto il parere dellUSL - p.llo n. 227/IP del 16/02/2007 - favorevole a condizione che la

lunghezza dei loculi sia non inferiore a mt. 2.25, fermo restando gli aspetti edilizi, urbanistici,

demaniali e di smaltimento dei reflui.;

Visto il Deposito dei calcoli effettuata in data 11/04/2007- p.llo n. 7783 sez. B - ai sensi

dellart. 17 della legge 02.02.1974 n. 64, e della L. 1086 del 05.11.1971 e della L.R. 07/2003 art. 32.

Dalla nota di deposito risulta che il progettista delle strutture e Direttore dei Lavori ling. Vincenzo

Intravaia; la ditta esecutrice dei lavori Riccobono Antonio, con residenza in Capaci, via G. Verga n 23;

Vista la Delibera di Giunta n. 59 del 18/05/2007, con cui viene rinnovata larea cimiteriale;
Visto il parere della Soprintendenza ai BBCCAA del 21/11/2006 p.llo n. 9376/P posizione

BBNN 91720 con n. 2 allegati, trasmesso anche alla ditta, Cardinale Orazio, Favorevole a

condizione che il rivestimento frontale della sepoltura sia realizzato con marmo levigato e non

lucidato del tipo Carrara; linfisso esterno sia in acciaio preverniciato di colore grigio antracite;

Considerato non risulta agli atti di questo U.T.C che avverso il provvedimento del N.O. della

Soprintendenza ai BBCCAA del 21/11/06 p.llo 9376/P, sia stato presentato ricorso gerarchico o

ricorso giurisdizionale al T.A.R., e pertanto questo U.T.C. in mancanza del ricorso intende valido il

parere della Soprintendenza ai BBCCAA del 21/11/2006 - 9376/P;

VISTI gli atti di ufficio;

per tutto quanto sopra

RILASCIA

Al sig. Cardinale Orazio, nato a Isola delle Femmine (Pa) il 26/07/1946 ed ivi residente in

Via Falcone n. 84, con la Concessione edilizia per la edificazione della tomba gentilizia di tipo A, sul

lotto n. 36/A, costituito da otto loculi quattro entro terra e quattro fuori terra, della superficie massima

coperta pari a mq. 9,00 (nove) come indicato nel contratto di concessione cimiteriale rep. n. 35 del

21/06/1973 e registrato l11/07/1983 al n. 15405.

Tale provvedimento viene rilasciato in conformit al progetto allegato, con le prescrizioni,

sopra del N.O. della soprintendenza, che ne fa parte integrante e sostanziale, e sotto losservanza dei

regolamenti comunali di edilizia e di igiene, di tutte le disposizioni vigenti, nonch delle prescrizioni di

cui ai citati nulla osta e pareri e delle seguenti prescrizioni:

Linizio dei lavori subordinato agli adempimenti di cui alla legge 2/2/1974 n. 64 per le opere in

cemento armato, e a quelli previsti dalle vigenti norme antisismiche, che dovranno essere

comunicati al Comune;

Nessuna modifica pu essere apportata al progetto senza autorizzazione comunale, pena le

sanzioni di cui alla L.R. 37/85;

Debbono essere fatti salvi, riservati e rispettati tutti i diritti di terzi;

Le opere dovranno avere inizio entro un anno dalla notifica della presente ed essere ultimate e

rese abitabili entro tre anni dal loro inizio, pena la decadenza;

Nel cantiere deve essere esposta una tabella indicante numero, data e oggetto della
concessione, le generalit del proprietario, del progettista, del direttore del Lavori, e

dellassuntore dei lavori, come prescritto dalla L.R. 37/85, del coordinatore per la progettazione,

coordinatore per lesecuzione e responsabile dei lavori, di cui alla L. 494/94 e successive

modifiche ed integrazioni;

Il cantiere sui lati prospicienti spazi pubblici deve essere chiuso con assiti e delineato con

segnalazioni anche notturne. Leventuale occupazione di suolo pubblico dovr essere

preventivamente autorizzata;

E vietata la manomissione dei manufatti dei servizi pubblici, la cui presenza dovr essere

segnalata subito allEnte proprietario;

La presente concessione dovr essere custodita sul luogo dei lavori ed esibita al personale di

vigilanza e di controllo del Comune, autorizzato ad accedere al cantiere, come prescritto dalla

L.R.37/85;

E prescritta losservanza di tutte le disposizioni di legge e regolamenti vigenti in materia anche se

non richiamate nel presente provvedimento;

Le violazioni e le inosservanze delle norme vigenti o di quanto prescritto con la presente

concessione saranno punite come previsto dalle L.R. 71/78, e 37/85 e L.47/85.

Avverso il presente provvedimento pu essere proposto ricorso giurisdizionale entro il termine di

sessanta giorni.

Il Responsabile del I servizio il Responsabile del III settore

Arch. Sergio Valguarnera Arch. Sandro DArpa

SI CERTIFICA

Su conforme relazione del messo comunale, che la presente concessione stata pubblicata allalbo

pretorio, ai sensi dellart.37 della L.R. 71/78 per 15 giorni consecutivi, dal _______________al

_______________ e che contro la stessa ________ sono stati presentati opposizioni o reclami.

Il Segretario Comunale
Isola delle Femmine, __________ Dr. Manlio Scafidi

REPUBBLICA ITALIANA N. 361-06 Reg. Sent.


IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
N. 1400 Reg. Gen.
Il Tribunale Amministrativo Regionale della Sicilia, Sezione Prima, ha pronunciato
la seguente
ANNO 2000
SENTENZA

sul ricorso R.G. n. 1400/2000 proposto da Orazio Cardinale, elettivamente dom.to in Palermo, via Val di
Mazara 31, presso lo studio dell'avv.to Giovanna Milocca, che lo rappresenta e difende per mandato in calce
al ricorso;

contro

il Comitato Regionale di Controllo, sez. prov. di Palermo, in persona del Presidente pro tempore,
rappresentato e difeso dall'Avvocatura Distrettuale dello Stato di Palermo presso i cui uffici di via A. De
Gasperi 81 domiciliato;

e nei confronti

del Comune di Isola delle Femmine, in persona del Sindaco pro tempore, non costituito in giudizio;

per l'annullamento

- della decisione n. 238/13 del 23 febbraio 2000 con la quale il Comitato Regionale di Controllo, sez. prov. di
Palermo, ha annullato la deliberazione n, 69/99 con cui il Consiglio Comunale di Isola delle Femmine ha
proclamato eletto difensore civico il ricorrente;

- ove occorra e per quanto di ragione, dellavviso pubblico diramato dal presidente del consiglio Comunale
di Isola delle Femmine il 27 Settembre 1999, nela parte in cui, in difformit a quanto stabilito dallart. 19
dello statuto comunale, ha richiesto, quale requisito per la nomina a difensore civico, il diploma di laurea dei
candidati anche per i dipendenti statali.

Visto il ricorso con i relativi allegati;

Visto l'atto di costituzione in giudizio dell'Avvocatura dello Stato;

Designato relatore alla pubblica udienza del 17 gennaio 2006 il Primo Referendario avv.to Nicola
Maisano;

Udito l'avv.to dello stato F. Bucalo per l'Amm.ne intimata;

Ritenuto in fatto e considerato in diritto quanto segue:

FATTO

Con ricorso notificato il 18.4.2000, e depositato il successivo 12.5, il ricorrente ha impugnato la


decisione n. 238/13 del 23 febbraio 2000 con la quale il Comitato Regionale di Controllo, sez. prov. di
Palermo, ha annullato la deliberazione n, 69/99 con cui il Consiglio Comunale di Isola delle Femmine ha
proclamato eletto difensore civico il ricorrente ed, ove occorra e per quanto di ragione, lavviso pubblico
diramato dal presidente del consiglio Comunale di Isola delle Femmine il 27 Settembre 1999, nella parte in
cui, in difformit a quanto stabilito dallart. 19 dello statuto comunale, ha richiesto, quale requisito per la
nomina a difensore civico, il diploma di laurea dei candidati anche per i dipendenti statali.

In tale gravame vengono articolate le censure di: I) Violazione e falsa applicazione della L.R. n.
23/1997 Violazione e falsa applicazione dellart. 1 comma 1 della L.R. 19 agosto 1999 n. 17 Eccesso di
potere sotto il profilo della violazione della circolare Carenza di potere Decadenza del comitato
Regionale di Controllo a decidere delle deliberazioni degli enti locali. II) Violazione e falsa applicazione
dellart. 8 della L. n. 142/90 come recepito con L.R. n. 48/91 Violazione e falsa applicazione dellart. 19
dello statuto del comune Eccesso di potere sotto il profilo della erroneit dei presupposti.

Si costituita lAmministrazione intimata.

Alla pubblica udienza di discussione, presente lavvocato dello Stato, il ricorso stato posto in
decisione.

DIRITTO

Il ricorso fondato in ragione del primo motivo con il quale si censura il provvedimento impugnato
in considerazione degli effetti dellart.1 comma 1 della L.R. n. 17/1999, che ha determinato la cessazione
dellattivit del Co.Re.Co. a decorrere dal 1 gennaio 2000.

In forza dell art.1 comma 1 della L.R. n. 17/1999 il Comitato Regionale di Controllo ha cessato ope
legis di esistere ed operare alla data del 31 dicembre 1999, come affermato, con condivisibili
argomentazioni, dal Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Siciliana nella decisione n. 6 del
20 gennaio 2003.

E conseguentemente illegittimo limpugnato provvedimento del Co.Re.Co. adottato quando, ope


legis, tale organo aveva gi cessato di esistere.

Il ricorso deve pertanto essere accolto e, per leffetto, annullato il provvedimento del Co.Re.Co.
impugnato.

Sussistono giusti motivi per disporre la compensazione tra le parti delle spese del giudizio.

P. Q. M.

Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia, Sezione prima, accoglie il ricorso in epigrafe e,
per leffetto, annulla il provvedimento del Co.Re.Co. impugnato.----------------

Dispone la compensazione tra le parti delle spese del


giudizio.--------------------------------------------------------------------

Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall'Autorit


Amministrativa.-----------------------------------------------------------

Cos deciso in Palermo, nella Camera di Consiglio del 17 gennaio 2006, con l'intervento dei Sigg.ri
Magistrati:---------------

- Giorgio Giallombardo - Presidente

- Nicola Maisano - Primo Referendario Estensore

- Fabio Taormina - Referendario

Angelo Pirrone, Segretario.

Depositata in Segreteria il 09/02/2006


Il Segretario

I.B.

https://www.giustizia-amministrativa.it/cdsintra/cdsintra/AmministrazionePortale/DocumentViewer/index.html?
ddocname=4425PXHDPXLXQWODYKXELVFRD4&q=isola%20or%20delle%20or%20femmine&tipoFile=DOC

A CURA DEL COMITATO CITTADINO ISOLA PULITA DI ISOLA DELLE FEMMINE

http://isolapulita.blogspot.it