Sei sulla pagina 1di 4

INDICE SOMMARIO

Capitolo Primo
LA GARANZIA PER EVIZIONE E LE OBBLIGAZIONI
DEL VENDITORE NEL SISTEMA ROMANO
E NEL SISTEMA DEL CODICE CIVILE ITALIANO

1. Garanzia e inadempimento nel modello romano e nel modello fran-


co-italiano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 1
2. I commentatori italiani del codice civile del 1865. La teoria di Gor-
la . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
3. Garanzia per evizione e causa del negozio nel modello romano . . . 15
4. Soluzioni dei giuristi romani e soluzioni giurisprudenziali moderne a
proposito di alcune questioni particolari in materia di vendita di cosa
altrui ed evizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30

Capitolo Secondo
SULLA RESPONSABILIT EX EMPTO DEL VENDITORE
NEL CASO DI EVIZIONE SECONDO
LA GIURISPRUDENZA TARDO-CLASSICA

1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 41
2. Iul. D. 30.84.5 e Pomp. D 21.2.29: lesperibilit dellactio empti per
la restituzione del prezzo nel caso di concursus causarum . . . . . . . . 43
3. Paul. D. 19.1.43 e Paul. D. 19.1.45: il caso di Arescusa . . . . . . . . . 53
4. Ulp. D. 19.1.13 pr.: la determinazione dellaestimatio litis . . . . . . . 59
5. Paul. D. 19.4.1 pr. e Ulp. D. 19.1.11 pr.-3: le obbligazioni del vendi-
tore e lambito di applicazione dellactio empti . . . . . . . . . . . . . . . 61
6. Osservazioni conclusive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68

Capitolo Terzo
ANCORA SULLESTENSIONE DELLAMBITO DI
APPLICAZIONE DELLACTIO EMPTI IN ET CLASSICA

1. Lapplicazione dellactio empti per i casi di evizione . . . . . . ... . . pag. 71


2. Actio empti e operativit del c.d. sinallagma funzionale . . . . ... . . 75
3. Afr. D. 19.2.33 e 35: la publicatio del fondo locato o venduto .. . . 81
4. Alcuni casi particolari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... . . 91
VI INDICE SOMMARIO

5. La concessione dellactio empti per i vizi della cosa venduta . . . . . pag. 97


6. Lactio empti ad resolvendam emptionem . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 102
7. Osservazioni conclusive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 109

Capitolo Quarto
RISOLUZIONE E SINALLAGMA CONTRATTUALE
NELLA GIURISPRUDENZA DELLET CLASSICA

1. La risoluzione del contratto secondo la disciplina del codice civile


italiano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 113
2. Il problema della risoluzione del contratto nelle fonti romane del pe-
riodo classico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 116
3. Lestensione dellambito di applicazione dellactio empti . . . . . . . . 121
4. Afr. D. 19.2.33 e 35: la publicatio del fondo locato o venduto . . . . 125
5. Il caso di inesigibilit del prezzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 136
6. La concessione dellactio empti per i vizi della cosa venduta . . . . . 139
7. Lactio empti ad resolvendam emptionem . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 145
8. Osservazioni conclusive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 151

Capitolo Quinto
PROFILI DELLA RISOLUZIONE
NELLA EMPTIO VENDITIO
E NELLA LOCATIO CONDUCTIO REI

1. La responsabilit e la ripartizione del rischio nellelaborazione casi-


stica della giurisprudenza classica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 157
2. Afr. D. 19.2.33 e D. 19.2.35: lesperibilit dellactio empti e dellactio
conducti nel caso di impossibilit sopravvenuta della prestazione . . 166
3. Alf. D. 19.2.30 pr.: aestimatio litis e responsabilit del conduttore . 174
4. Ulp. D. 19.2.19.6: parziale inadempimento del locatore e restituzione
del corrispettivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 177
5. Pomp. D. 19.1.6.4 e Ulp. D. 19.2.19.1: responsabilit del venditore e
del locatore per i vizi della cosa venduta o locata . . . . . . . . . . . . . 178
6. Le soluzioni giurisprudenziali in tema di responsabilit e di determi-
nazione dellaestimatio litis in materia di emptio venditio e locatio
conductio: la comune ratio di tutela del sinallagma contrattuale . . . 181

Capitolo Sesto
CONSIDERAZIONI IN TEMA DI RISOLUZIONE DEL CONTRATTO
PER IMPOSSIBILIT DELLA PRESTAZIONE
E DI RIPARTIZIONE DEL RISCHIO NELLA LOCATIO CONDUCTIO

1. Risoluzione del contratto e ripartizione del rischio: dommatica mo-


derna e casistica romana . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 187
INDICE SOMMARIO VII

2. Tutela della corrispettivit delle prestazioni nella prospettiva casisti-


ca giurisprudenziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 191
3. Ancora su Afr. 19.2.33 e D. 19.2.35 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 197
4. Ripartizione del rischio e tutela della sinallagmaticit . . . . . . . . . 203
5. Lab. D. 19.2.62 e Iav. D. 19.2.59: la ripartizione del rischio nella lo-
catio operis . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 205
6. Iav. D. 19.2.37 e Flor. D. 19.2.36: ripartizione del rischio e probatio
operis . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 208
7. Ulp. D. 19.2.27.29 e D. 19.2.13.5: rischio e responsabilit dellarti-
fex . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 211
8. I criteri della determinazione dellambito di responsabilit del con-
duttore in rapporto alla specifica attivit tecnica che gli deve presta-
re . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 214
9. Ulp. D. 4.9.3.1: responsabilit e rischio nei contratti di trasporto
marittimo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 216
10. Ancora sul trasporto marittimo: Lab. D. 14.2.10 pr., Ulp. D. 19.2.15.6,
Scaev. D. 19.2.61.1 e Pap. D. 19.5.1.1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 220
11. Paul. D. 19.2.38 e Ulp. D. 19.2.19.9: la responsabilit nel contratto
di locatio operarum . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 227
12. Osservazioni conclusive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 231

Capitolo Settimo
BUONA FEDE E SINALLAGMA CONTRATTUALE

1. Lab. D. 19.1.50 e la questione della bona fides quale fondamento


del c.d. sinallagma condizionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 235
2. Le soluzioni in materia di compravendita della giurisprudenza
adrianea e lemersione delle implicazioni della buona fede quale cri-
terio di operativit del sinallagma funzionale . . . . . . . . . . . . . . . 238
3. La particolarit del caso risolto da Labeone e la rilevanza proces-
suale della buona fede . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 242
4. La motivazione della diversa soluzione ove il venditore abbia gi ef-
fettuato la traditio del bene . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 245
5. La differente struttura del caso trattato da Labeone rispetto a quelli
prospettati in Afr.-Iul. D. 19.2.33 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 249

Capitolo Ottavo
SUL RISCHIO DEL LOCATORE
NELLA LOCATIO CONDUCTIO REI

1. Ulp. D. 19.2.15.2: la dottrina tradizionale sulla regola periculum est


locatoris . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 255
2. Ulp. D. 19.2.15 pr.-3: il contenuto dellobbligazione del locatore in
caso di locazione agraria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 258
3. Ancora su Afr. D. 19.2.30 pr., D. 19.2.33 e D. 19.2.35 . . . . . . . . 264
VIII INDICE SOMMARIO

4. Ulp. D. 19.2.19.6: inadempimento dellobbligazione e determinazio-


ne casistica dellaestimatio litis . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 269
5. Ulp. D. 19.2.19.1 e Pomp. D. 19.1.6.4: responsabilit per i vizi della
cosa venduta o locata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 270
6. Ulp. D. 19.1.13 pr.-1: ancora sullesperibilit dellactio empti in fun-
zione del ripristino dellequilibrio sinallagmatico . . . . . . . . . . . . . 274
7. La responsabilit del locatore per i danni causati dai vizi delle cose
locate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 276

Capitolo Nono
GARANZIA E RESPONSABILIT NELLA VENDITA.
TRADIZIONE ROMANISTICA
E PROBLEMI DOMMATICI ATTUALI

1. Le obbligazioni del venditore e la garanzia per i vizi della cosa ven-


duta nella dottrina italiana . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 281
2. Opzioni dommatiche della civilistica attuale e tradizione romanisti-
ca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 287
3. Le supposte colpe della tradizione romanistica . . . . . . . . . . . . . . 289
4. Ulp. D. 21.2.31 e le stipulazioni di garanzia per i vizi . . . . . . . . . . 292
5. Ulp. D. 19.1.13 pr.-1: i vizi della cosa venduta e lazione contrattuale
per linadempimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 295
6. Ulp. 19.1.11 pr.-3: lobbligazione di rem praestare . . . . . . . . . . . . 299
7. Ulp. D. 19.1.11.5: lactio empti ad resolvendam emptionem . . . . . . . 302
8. Responsabilit del venditore e anomalie della cosa . . . . . . . . . . . . 307
9. Osservazioni conclusive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 309

Appendice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 313