Sei sulla pagina 1di 23

NERVI CRANICI

Apparato motore dellocchio


Muscoli estrinseci:
4 muscoli retti (superiore, inferiore, mediale e laterale),
2 muscoli obliqui (superiore e inferiore).

M. obliquo superiore
M. retto superiore
M. retto superiore

M. retto laterale
M. retto laterale

M. retto mediale

M. obliquo inferiore
M. obliquo inferiore

M. retto inferiore
M. retto inferiore
Muscoli retto superiore: n. oculomotore
Muscoli retto inferiore: n. oculomotore
Muscoli retto mediale: n. oculomotore
Muscoli retto laterale: n. abducente
Muscoli obliquo superiore: n. trocleare
Muscoli obliquo inferiore: n. oculomotore
Nervo Oculomotore (III) - motore somatico e viscerale

Nervo formato prevalentemenete da fibre motrici somatiche e da


una piccola componenente di fibre effettrici viscerali.

Le fibre motrici somatiche originano dai nuclei mesencefalici


delloculomotore e innervano i muscoli estrinseci dellocchio
con eccezione dei mm obliquo superiore e retto laterale.
Le fibre effettrici viscerali originano dal nucleo parasimpatico
mesencefalico (di Edinger-Westphal) e innervano il muscolo
sfintere della pupilla (miosi, costrizione pupillare) e il muscolo
ciliare (accomodazione), facendo sinapsi presso il ganglio
ciliare.

Nella paralisi completa del n. oculomotore, locchio ruotato verso il basso e lateralmente.
Nervo Trocleare (IV) - motore somatico

il pi sottile tra i nervi cranici, puramente motore somatico.


Le fibre motorie hanno origine dal nucleo trocleare del
mesencefalo e innervano il muscolo obliquo superiore
(estrinseco dellocchio) controlaterale.
Nervo Trigemino (V) - misto somatico

il pi voluminoso fra i nervi cranici.


La componente sensitiva prevale (22:1). Emergono come radici separate
(radice sensitiva e radice motrice nettamente pi piccola).
Le fibre sensitive somatiche originano dal ganglio semilunare (di
Gasser presso lapice della piramide del temporale). Da qui dipartono
fibre che raggiungono il nucleo sensitivo principale (ponte) e la nucleo
della radice discendente (bulbo-spinale) e il nucleo mesencefalico.

La componente motrice innerva i muscoli masticatori e i muscoli del


pavimento della cavit buccale ed origina dal nucleo masticatorio
(ponte).
N. oftalmico (sensitivo
somatico)
N. mascellare (sensitivo N. mandibolare
somatico) (motore e sensitivo)
Innervazione sensitiva delle 3 branche del N. trigemino:

N. Oftalmico

N. Mascellare

N. Mandibolare

Viene raccolta la sensibilit dalla cute della faccia e di


parte del cuoio capelluto, dal bulbo oculare, dai denti
dalla mucosa di bocca e naso, dalle meningi cerebrali
e informazioni propriocettive dellATM.
Nuclei di afferenza del trigemino
Nucleo bulbare (o bulbo-spinale o della radice discendente del trigemino):
raccoglie la sensibilit protopatica (tattile, termica, propriocettiva cosciente ed
incosciente di ATM);
Nucleo principale (pontino):
raccoglie la sensibilt epicritica
(tattile discriminativa); N. mesencefalico

Nucleo mesencefalico: raccoglie la


sensibilit propriocettiva proveniente
dai mm masticatori (funzionalmente
paragonabile ad un ganglio che non
migrato allesterno del nevrasse).
N. principale
Questo ganglio probabilmente raccoglie anche la
(pontino)
sensibilt propriocettiva dei muscoli estrinseci
dellocchio ma sembra che, in questo caso, il N. della radice
proteneurone sia disposto nel ganglio di Gasser e discendente)
quindi nel n. mesencefalico risieda il secondo
neurone.
N. TRIGEMINO: Dal ganglio semilunare originano 3 grosse branche terminali: N. oftamico,
mandibolare e mascellare.
N. Oftalmico: somatico sensitivo, la branca minore, emerge dal cranio attraverso la fessura
orbitaria superiore.
Lungo il suo percorso presente il ganglio ciliare da
cui partono fibre effettrici parasimpatiche per i muscoli
Nervo oftalmico intrinseci dellocchio (miosi e accomodazione).

Ganglio semilunare
Attraverso il ganglio ciliare passano anche
fibre dellortosimpatico (midriasi).

Ganglio
ciliare

Nervo
mascellare

Ganglio
Ganglio otico
sfenopalatino
Nervo mandibolare

Ganglio sottomandibolare

Gangli annessi: ganglio ciliare, ganglio sfenopalatino,


ganglio otico, gangli sottomandibolare e sottolinguale.
N. TRIGEMINO: Dal ganglio semilunare originano 3 grosse branche terminali: N. oftamico,
mandibolare e mascellare.

N. Mascellare: somatico sensitivo fuoriesce dal cranio attraverso il foro rotondo (sfenoide). Innerva
arcata dentaria sup.
Lungo il suo percorso annesso il ganglio sfeno-
palatino (pterigo-palatino).
Nervo oftalmico
Da questo ganglio emergono fibre effettrici
viscerali per le ghiandole della faringe, delle
Ganglio semilunare
cavit nasali e cavit buccale (da n. faciale).

Ganglio
ciliare

Nervo
mascellare

Ganglio
Ganglio otico
sfenopalatino
Nervo mandibolare

Ganglio sottomandibolare

Gangli annessi: ganglio ciliare, ganglio sfenopalatino,


ganglio otico, gangli sottomandibolare e sottolinguale.
N. TRIGEMINO: Dal ganglio semilunare originano 3 grosse branche terminali: N. oftamico,
mandibolare e mascellare.

N. Mandibolare la branca pi cospicua in cui presente la componente motoria. Fuoriesce dal


cranio passando il foro ovale (sfenoide). Innerva larcata dentale inf.

Lungo il suo percorso sono annessi il ganglio


Nervo oftalmico otico (secrezione parotide, da n.
glossofaringeo), il sottomascellare e
Ganglio semilunare sottolinguale (da n. faciale).

Ganglio
ciliare

Nervo
mascellare

Ganglio
Ganglio otico
sfenopalatino
Nervo mandibolare

Ganglio sottomandibolare

Gangli annessi: ganglio ciliare, ganglio sfenopalatino,


ganglio otico, gangli sottomandibolare e sottolinguale.
Nervo Abducente (VI) - motore somatico

Le fibre originano dal nucleo abducente (ponte). Innerva il muscolo retto


laterale dellocchio (omolaterale).

Contiene un piccolo contingente di fibre sensitive somatiche (sensibilit


propriocettiva dal m. retto laterale).

La lesione del n. abducente comporta strabismo convergente (per paralisi del retto laterale).
Nervo facciale (VII) - misto

costituito da 2 componenti distinte:


il n. facciale propriamente detto e il n. intermedio (di Wrisberg).

Il n. facciale propriamente detto composto da fibre somatomotrici che originano dal


nucleo motore facciale (ponte) e si distribuiscono ai muscoli mimici della faccia,
pellicciai del cuoio capelluto e i mm stapedio, stiloiodeo e ventre posteriore del
digastrico.

Il n. intermedio un nervo misto per la maggior parte viscerale.


Le fibre sensitive viscerali hanno origine nei protoneuroni gangliari pseudounipolari
localizzati nel ganglio genicolato e raccolgono la sensibilit gustativa specifica dei 2/3
anteriori della lingua cha afferisce al nucleo del tratto solitario (con fibre provenienti
dal vago e dal glosso faringeo - bulbo).
Le fibre motrici originano: 1) dal nucleo muco-naso-lacrimale e innervano la
ghiandola lacrimale e le ghiandole della mucosa nasale e del palato: 2) dal nucleo
salivatorio superiore e innervano le ghiandole sottomandibolare e sottolinguale e le
ghiandole salivari minori.
Nuclei del n. facciale

Nucleo
salivatorio
superiore

Nucleo motore
facciale

Nervo intermedio

Nucleo del
tratto
solitario
Nervo statoacustico (VIII) - sensitivo

costituito dal n. vestibolare e dal n. cocleare che hanno emergenza comune.

Il n. vestibolare raccoglie stimoli correlati al senso dellequilibrio e origina


(neuroni bipolari) dal ganglio vestibolare (di Scarpa).

Il n. cocleare raccoglie stimoli acustici dalla coclea e origina dal ganglio spirale
(del Corti).
Nervo glossofaringeo (IX) - misto

Sono rappresentati tutti e quattro i tipi di fibre.


I motoneuroni viscerali costituiscono il nucleo salivatorio inferiore (bulbo). Le loro
fibre arrivano al ganglio otico e da qui dipartono fibre post-gangliari per la ghiandola
parotide.

I motoneuroni somatici (componente limitata) originano dal nucleo ambiguo del


midollo allungato e si distribuiscono al m. stilofaringeo.

Le fibre sensitive somatiche originano dal ganglio superiore (annesso al n. glosso


faringeo) raccolgono stimoli sensitivi di una porzione ristretta del padiglione auricolare
(afferiscono al nucleo della radice discendente del trigemino).

Le fibre sensitive viscerali originano dal ganglio petroso (annesso al n. glosso faringeo)
raccolgono stimoli gustativi raccolti dal terzo posteriore della lingua, dal glomo e dal
seno carotideo, dal rinofaringe, istmo delle fauci e tonsille palatine (al nucleo del tratto
solitario).
Nervo glossofaringeo (IX) - misto

Nucleo
salivatorio
inferiore

Nucleo ambiguo

Nucleo del
tratto
solitario
Nervo vago (X) - misto
Sono rappresentati tutti e quattro i tipi di fibre.
Le fibre effettrici viscerali (maggioritaria) originano dal nucleo motore dorsale
del vago e innervano cuore, aorta e suoi rami principali, la muscolatura liscia e
ghiandole delle vie respiratorie e dellapparato digerente e di una parte
dellurinario.

La componenete motrice somatica origina dal nucleo ambiguo e si distribuisce


alla muscolatura striata di faringe, laringe ed esofago.

Le fibre sensitive viscerali originano dal ganglio nodoso. I prolungamenti centrali


si portano al nucleo del tratto solitario (bulbo), i prolungamenti periferici
raccolgono stimoli derivanti da seno e glomo aortico, mucosa di laringe, faringe,
trachea, esofago e di altri visceri addominali. Viene raccolta la sensibilit gustativa
dalla mucosa dellepiglottide e dellorofaringe.

La componenente sensitiva somatica (modesta) origina dal ganglio giugulare e


innerva una limitata area dellorecchio. I prolungamenti centrali si portano al
nucleo della radice discendente del trigemino.
N. VAGO: nervo encefalico misto con il
maggiore territorio di distribuzione. Passa
attraverso il foro giugulare (temporale), il
fascio vascolonervoso cervicale, decorre
lateralmente alla trachea, passa lo iato
esofageo ed entra in cavit addominale.

Il ramo dx termina apparentemente nel ganglio


celiaco. Il ramo sn si distribuisce sulla piccola
curvatura dello stomaco.

Innerva i muscoli della laringe, faringe, esofago e il cuore


(azione bradicardizzante).
Nelladdome innerva lo stomaco, i reni e gran parte
dellintestino (le fibre parasimpatiche si distribuiscono ai
plessi mioenterico e sottomucoso di stomaco e intestino).
Nervo accessorio (XI) - motore somatico

Le fibre effetrici somatiche originano dal nucleo spinale dellaccessorio posto


alla base dei corni anteriori nei primi neuromeri spinali. Si distribuisce alla parte
superiore del m. trapezio e del m. sternocleidomastoideo.
Si descrivono anche delle fibre sensitive propriocettive per trapezio e
sternocleidomastoideo.

Le radicole nascono dai primi neuromeri del midollo spinale e convergono verso
il foro occipitale. Il nervo emerge quindi dalla scatola cranica attraverso il foro
giugulare.
Nervo ipoglosso (XII) - motore somatico

Sono presenti fibre motorie somatiche che originano dal nucleo dellipoglosso (bulbo) e
che si distribuiscono alla lingua, e ai muscoli delle regioni sopra- e sotto-iodea. Sono
presenti anche fibre sensitive propriocettive per gli stessi muscoli.

Emerge dal cranio attraverso il canale dellipoglosso (base del condilo occipitale).