Sei sulla pagina 1di 100

Collana a cura di Giuseppe Turchini

Sergio Fabio Brivio

Schermature solari
e tende tecniche
Metodi e soluzioni
di progetto, tipologie,
risparmio energetico
Foto di copertina: Lisbona: Edificio Vodafone (Foto dellAutore)

ISBN: 978-88-324-7401-5

2010 - Il Sole 24 ORE S.p.A.

Sede legale e amministrazione: via Monte Rosa, 91 - 20149 Milano


Redazione: via G. Patecchio, 2 - 20141 Milano

Per informazioni: servizio clienti Tel. 02.3022.5680 oppure 06.3022.5680


fax 02.3022.5400 oppure 06.3022.5400
e-mail: servizioclienti.libri@ilsole24ore.com

La presente edizione stata chiusa in redazione il 12 febbraio 2010

Prima edizione: febbraio 2010

Tutti i diritti sono riservati.


I testi, il programma e l'elaborazione dei testi, anche se curati con scrupolosa attenzione, non possono comportare specifiche responsabilit per involonta-
ri errori, inesattezze o uso scorretto del programma stesso; pertanto, l'utente tenuto a controllare l'esattezza e la completezza del materiale utilizzato.
L'Editore non si assume alcuna responsabilit per danni diretti o indiretti causati dall'errata installazione o dall'utilizzo non corretto del programma o dei
supporti informatici.
Le fotocopie per uso personale del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15% di ciascun volume/fascicolo di periodico dietro pagamento alla SIAE
del compenso previsto dall'art. 68, commi 4 e 5, della legge 22 aprile 1941, n. 633.
Le riproduzioni effettuate per finalit di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono es-
sere effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da AIDRO, Corso di Porta Romana n. 108, Milano, 20122, e-mail segreteria@aidro.org e sito
web http://www.aidro.org.
Sergio Fabio Brivio

Schermature solari
e tende tecniche
Metodi e soluzioni di progetto,
tipologie, risparmio energetico
Indice

Premessa. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 1

Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1

1. Progetti
Schermature esterne
1. Lisbona: Meridiano Building and Hotel . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
2. Brasilia: Aeroporto Internazionale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
3. Lisbona: Edificio Vodafone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
4. Fuerteventura: Edificio per uffici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
5. Liublijana: Casa per Studenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
6. Anversa: Design Center De Winkelaag . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
7. Amsterdam: Het Funen Park. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
8. Hillegersberg: Residenza Rottekade . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
9. Rotterdam: Residenza Nesselande . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
10. Luxembourg Leeuwarden: Centro Storico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
11. San Marino: World Trade Center . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
12. Milano: Edificio per uffici (ristrutturazione) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
13. Londra: New Street Square. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
14. Montebelluna: Residenza Privata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
15. Piacenza: Abitazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
16. Nembro: Nuova Biblioteca Comunale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
17. Brasilia: Edificio terziario. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44
18. Bressanone: Ginnasio Gasser . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46
19. Lublijana: Residenza sociale a Cesta V Gorice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50
20. Barcellona: La Casa Bianca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52
21. Lanzarote: Nuova Marina Rbicon . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56
22. Anversa: Pier Blaankenberge (ristrutturazione) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58
23. Lovanio: Edificio InBev . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 60
24. Milano: Edificio Zurigo Assicurazioni. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64
25. Madrid: Hotel de las Libertades . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68
26. Milano: Sede Il Sole 24 ORE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 70
27. Verona: Scuola Materna Aziendale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 72
28. Biella: Residenza Privata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74
29. Diepenbeek: Edificio Scolastico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 76
30. Izola: Edilizia Residenziale Sociale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 78
31. Atlanta (USA): Edificio per uffici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 82
32. Milano: Edificio per uffici Helvetia Assicurazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 84
33. Milano: Cascina Tregarezzo Mondadori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 86
34. Ginevra: Residenza Privata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 88
35. Italia: Casa dabitazione privata. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 90
36. Italia: Casa dabitazione privata. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 92
37. Grecia: Casa dabitazione privata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 94
38. Italia: Casa dabitazione privata. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 96
Schermature Integrate
39. Bruxelles: Edificio Banca DEGROOF. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 100
40. Monaco: Edificio Knorr Bremse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 102
41. Milano: World Jewerly Center . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 104
42. Cagliari: Nuovo Aeroporto Elmas . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 106
43. Dublino: Edificio Riverside One . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 108
44. Lussemburgo: Banca Genrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 110
VII
Schermature Interne
45. Rotterdam: World Port Authority . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 112
46. Lovanio: Edificio Banca KBC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 114
47. New York: Hearst Tower . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 118
48. San Giovanni Rotondo: Aula Liturgica Padre Pio. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122
49. Alphen Aan Den Rijn: Municipio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 126
50. Milano: Nuovo Quartiere Fiera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 128
51. Buggenhout: Residenza Vermoesen . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 130
52. Maranello: Nuovo Ristorante Stabilimento Ferrari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 132
53. Lovanio: Edificio InBev . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 134
54. Napoli: Terminal Porto Angioino. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 136
55. Livorno: Teatro Nazionale Goldoni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 138
56. Milano: Palazzo Mezzanotte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 140

2. Controllo solare in architettura


Cenni storici. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 145
Radiazione solare ed energia. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 146
Spettro solare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 146
Costante solare. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 146
Trasmissione energetica. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 146
Irraggiamento o trasmissione elettromagnetica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 146
Induzione o trasmissione per contatto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 146
Convezione o trasmissione per trasporto. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 146
Corpo Nero. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 146
Effetto serra . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 146
Vetro e facciate. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 148
Coefficienti solari del vetro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 149
Coefficienti energetici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 149
Fattore di riflessione solare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 149
Fattore di trasmissione solare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 149
Fattore di assorbimento solare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 149
Fattore solare dei vetri. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 149
Fattore di ombreggiatura. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 150
Fattore di trasmittanza termica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 150
Vetrate isolanti e vetrate solari. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 150
Coefficienti luminosi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 151
Fattore di riflessione luminosa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 151
Fattore di trasmittanza luminosa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 151
Schermature e controllo solare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 152
Coefficienti delle schermature. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 152
Coefficienti energetici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 153
Fattore di trasmissione solare della tenda . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 153
Fattore di riflessione solare della tenda . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 153
Fattore di assorbimento solare della tenda . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 153
Fattore solare totale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 153
Tenda esterna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 154
Tenda integrata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 155
Tenda interna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 155
Indice di protezione solare (IPS). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 156
Coefficiente di ombreggiatura (CS) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 156
Coefficienti luminosi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 156
Fattore di riflessione Luminosa o visuale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 156
Fattore di trasmissione luminosa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 156
Fattore di trasmissione luminosa totale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 156
Fattore di assorbimento luminoso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 156
Trasmissione ultravioletta-TUV . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 157
Fattore di apertura (OF) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 157
Fattore di luce diurna (DF) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 157
Schermature esterne non parallele al vetro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 158
Fattore di riduzione solare globale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 158
VIII
Fattore di riduzione radiazione diffusa. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 158
Calcolo del fattore di riduzione globale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 158
Esempio pratico. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 158

3. Progettare con le schermature solari


Comfort Abitativo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 163
Condizioni climatiche Italiane . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 163
Benessere termico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 164
Benessere Luminoso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 165
Schermare ledificio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 166
Definire la schermatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 168
Parametri oggettivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 168
Parametri soggettivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 168
Scelta e dimensionamento della schermatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 169
Scelta della posizione dei dispositivi schermanti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 169
Scelta della forma e tipologia dei dispositivi schermanti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 171
Scelta in funzione del fattore solare. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 171
Scelta in funzione della luminosit naturale e del Daylight Factor . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 171
Dispositivi di schermatura solare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 176
Tipologie funzionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 176
Sistemi attivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 176
Sistemi passivi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 176
Sistemi dinamici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 176
Schermature esterne . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 176
Frangisole zenitali fissi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 176
Frangsole verticali fissi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 176
Frangisole orientabile azimutale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 176
Frangisole orientabile a pale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 177
Frangisole a lamelle orientabili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 177
Persiane impacchettabili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 178
Persiane scorrevoli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 178
Scehermature avvolgibili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 178
Tende da sole . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 178
Schermature Interne . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 180
Tende avvolgibili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 180
Tende alla veneziana . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 180
Tende a caduta. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 180
Tende a lamelle bande verticali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 180
Schermature Integrate nel vetrocamera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 180
Tende a lamelle orientabili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 180
Schermi in tessuto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 180
Film a pellicola filtrante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 180
Schermi a microlamelle . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 181
Materiali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 181
Tessuti tecnici per esterno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 181
Tessuti tecmici per interno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 181
Automazioni e Controlli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 182
Controlli. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 182
Sensori ed automatismi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 182
Comando centralizzato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 182
Controllo orario. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 182
Controllo anenometrico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 182
Luxometri. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 182
Controllo pluviometrico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 183
Controllo prezenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 183
Risparmio energetico attraverso le schermature . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 184
Dettato normativo vigente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 184
Risparmio energetico potenziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 184
Riduzione degli apporti solari estivi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 185
Ottimizzazione dei guadagni passivi invernali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 185
IX
Riduzione della trasmittanza termica dei serramenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 185
Integrazione luminosa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 185
Ricerca Escorp . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 186
Keep Kool II . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 186
Normativa Tecnica di settore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 187
Elenco dettagliato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 188

4. Schede tecniche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 189


Schermature solari interne . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 192
1. Frangisole zenitale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 192
2. Frangisole verticale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 194
3. Frangisole zenitale orientabile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 196
4. Frangisole azimutale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 198
5. Frangisole verticale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 200
6. Frangisole alla veneziana . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 202
7. Frangisole scorrevole . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 204
8. Tenda a caduta avvolgibile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 206
9. Tenda a bracci retrattili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 208
10. Tenda a caduta con braccetti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 212
11. Tenda ad attico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 214
12. Tenda veranda . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 216
13. Pergola . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 218
14. Capottina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 222
15. Persiana pieghevole. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 224
Tende tecniche da interno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 226
16. Wintergarten. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 226
17. Tende a rullo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 228
18. Tende plissettate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 230
19. Tende alla veneziana . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 232
20. Tende verticali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 234
Tende tecniche integrate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 236
21. Tende alla veneziana . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 236

Appendice
Glossario tecnico di progetto. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 240
Programmi e software per calcolare le prestazioni delle schermature solari. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 242

Normativa vigente. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 253


Normativa europea
Direttiva 2002/91/CE del Parlamento europeo e del Consiglio 16 dicembre 2002 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 254
Normativa nazionale
Legge 10 gennaio 1991, n. 10 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 259
D.Lgs. 19 agosto 2005, n. 192 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 269
D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 273
D.Lgs. 30 maggio 2008, n. 115. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 290
D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 300
Normativa regionale
Lombardia D.G.R. 31 ottobre 2007, n. 5773 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 306
Lombardia D.G.R. 13 dicembre 2007, n. 15833 (stralcio) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 318
Regolamento regionale Liguria 8 novembre 2007, n. 6 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 330
Delibera regionale Emilia Romagna 16 novembre 2007, n. 1730 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 345
Elementi di geografia astronomica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 387

Potenziale risparmio energetico e riduzione di emissioni di gas serra


dalle schermature solari e persiane nellUE 25 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 392

Bibliografia generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 400


Ringraziamenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 401
Elenco aziende. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 402
X
Introduzione

Le facciate sono linvolucro dellArchitettura. Sono lepidermide delledificio, plasmano la forma e ne contengono
gli spazi e i loro fruitori, integrano ormai molte funzioni e proteggono dal caldo, dal freddo e dalle intemperie.
Non potrebbero esistere edifici senza involucro, semmai oggigiorno grazie alla tecnologia e al vetro linvolucro
si pu modificare, alleggerire e rendere trasparente fino a farlo quasi scomparire.
La facciata fa parte dellinvolucro. Senza facciata ledificio perde il suo spazio e lo (con)fonde con lesterno.
Dal disegno della facciata si pu dedurre la destinazione duso di una costruzione, sulla cui facciata si possono
trasferire messaggi, non solo scritte pubblicitarie. Le aperture trasparenti, le finestre e i serramenti,
bucano linvolucro opaco e lo permeano di luce e di vuoti. Dallinterno, attraverso le finestre, si pu entrare
in collegamento con il mondo circostante; mentre da fuori le aperture ci permettono di leggerne il contenuto
e capire di pi sulle attivit di chi abita, lavora, studia o riposa in quelledificio.
Le finestre sono come occhi: permettono di vedere il mondo e lasciano intravedere.
Le schermature solari sono come palpebre: si aprono e chiudono per regolare la luce e proteggere dal sole,
creano le condizioni migliori per vivere gli ambienti delledificio.
La combinazione di finestra e schermatura, quindi il nodo pi interessante di sviluppo del progetto
progettistanico moderno, attorno al quale molti architetti, facciatisti e designer si cimentano alla ricerca
di soluzioni integrate, che permettano la positiva simbiosi tra pelle e funzione. Si tratta di una combinazione
che se risolta in modo appropriato diventa altamente sinergica.
Il frutto di questo lavoro di integrazione non sempre immediatamente visibile, a volte ledificio viene
progettato senza schermi, affidando erroneamente al solo involucro anche la funzione di riparo dai guadagni
termici passivi. Ben presto tale scelta si rivela inadeguata e ormai poco correggibile. I cui effetti peseranno
sulla percezione di benessere dei suoi occupanti. La normativa attuale, sia in Italia che nei maggiori paesi
europei si rif alla direttiva 91/2002 EPBD1, che appunto inizia a prescrivere edifici meno energivori
e pi confortevoli dal punto di vista del clima, dellilluminazione e dellimpatto ambientale: in quel momento
che avviene un risveglio ed una rinascita della schermatura solare come componente delledificio,
non pi accessorio ma dispositivo funzionale alleconomia della costruzione su cui viene installato.
In termini di risparmio energetico sia sul condizionamento artificiale estivo che sul riscaldamento invernale,
una schermatura esterna pu incrementare di 5 volte le prestazioni tipiche di una vetrata non protetta.
Nelle pagine che seguono una breve rassegna delle migliori realizzazioni recenti suddivise per tipologia
e caratteristiche: esempi di unesperienza di Architettura solare.

1 Energy Performance Buildings Directive, dicembre 2002 U.E.


capitolo 2
Controllo solare in architettura
Vetro e Facciate giori rispetto alla superficie totale dellinvolucro, porta per con
Le moderne facciate continue, non hanno solamente in- s scompensi termo-luminosi con conseguenze inevitabili sul
fluenzato, larchitettura degli edifici per uffici, ma ne hanno benessere degli utenti e degli occupanti e sui costi di gestione.
caratterizzato certamente la fruibilit. La continua globalizza- Il vetro un materiale che ha subito positivamente lincremen-
zione culturale in atto in edilizia, che mutua dal Nord Ameri- to di interesse da parte di progettisti e costruttori di facciate, a
ca i tipi architettonici delledificio terziario moderno, ha qua- partire dagli anni 60 quando stato introdotto il processo di
si annullato i diversi linguaggi stilistici che erano in uso sino produzione in continuo di lastre di vetro piano o float6.
agli anni 70 nelle architetture di nuova costruzione in Euro- Da quel momento lindustria vetraria ha immesso sul mercato
pe e Italia. Questo fenomeno di colonizzazione culturale, do- dei materiali da costruzione quantit sempre maggiori di vetro
vuto anche alla pervasivit delle nuove tecnologie dellinvo- a costi decrescenti, rendendolo di fatto unalternativa ad altre
lucro, non radicato solo in Europa ma anzi, si manifesta soluzioni tradizionali di rivestimento e tamponamento edilizi.
con maggiore virulenza nei nuovi insediamenti urbani di na- Il vetro per sua natura trasparente alla luce e in parte alla ra-
zioni in via di sviluppo come Cina, India e nel Far East. diazione solare, tipicamente il vetro opaco alla radiazione in-
Limpatto del massiccio uso di vetro in percentuali sempre mag- frarossa media7.
2. Controllo solare in architettura

Figura 7 - Jin Mao Tower,


Shangai - arch. Skidmore
Owings and Merrill, 1998

6 Il vetro float ottenuto per laminazione di pasta di vetro fusa, in lastre di spessore di pochi millimetri, su un bagno di stagno fuso, il vetro

galleggiando (floating in inglese) sul metallo fuso si uniforma e spiana, permettendo di ottenere una volta raffreddato lastre perfettamen-
te piane e trasparenti e senza apparenti difetti ottici. Il processo stato inventato nel 1958 da A. Pilkington.
7 La Radiazione infra-rossa media si estende nelle lunghezze donda da 1000 nm a 2500 nm.

148
I coefficienti solari del vetro Fattore solare dei vetri
Quando la radiazione solare incide su una vetrata si verificano Dal punto di vista energetico la sola trasmissione diretta o pri-
i seguenti fenomeni: maria non sufficiente a descrivere correttamente il fenome-
1. riflessione; no del guadagno solare di una vetrata su cui incide la radiazio-
2. trasmissione; ne solare. Infatti va considerato che la porzione di energia so-
3. assorbimento; lare assorbita dal vetro (e,v) viene ri-emessa nellunit di tem-
4. emissione. po sia verso linterno (qi) che verso lesterno (qe). La compo-
Il vetro pur essendo considerato comunemente trasparente, in nente (q) viene definita anche radiazione secondaria o indiret-
realt non lo del tutto, e soprattutto si comporta in modo di- ta, ed conseguenza delle caratteristiche materiali del vetro
verso a seconda del tipo di radiazione da cui colpito. usato.
La capacit di risposta solare di una vetrata si misura secondo Lenergia solare totale trasmessa gv attraverso il vetro quindi
i due spettri della radiazione solare: lo spettro totale e lo spet- data dalla somma:
tro visibile.
gv = e,v + qi (2)
I coefficienti misurati nello spettro totale sono definiti Coeffi-
cienti Energetici, mentre quelli misurati nello spettro visuale
pesato sullocchio umano sono definiti Coefficienti Ottico-lu-
minosi8.

Coefficenti Energetici 9
Indicatori della prestazione solare di un vetro sono:
I. e,v , fattore di riflessione solare
II. e,v , fattore di trasmissione solare
III. e,v , fattore di assorbimento solare
IV. gv, fattore solare o guadagno solare passivo (Solar Heat
Gain)
V. SC, Shading Coefficent o Fattore dombreggiatura
VI. Uv, il fattore di trasmittanza termica

Fattore di riflessione solare (e,v )


Rappresenta la parte di radiazione solare totale incidente che
viene riflessa dalla superficie vetrata. Il valore pu variare tra 0
e 1, esprimibile anche in notazione percentuale, e viene misu-
rato in laboratorio secondo la curva spettrale solare completa e
per incrementi di 5 nm, da cui ricavare il dato integrato medio.
Figura 8 - Fattore solare
Fattore di trasmissione solare (e,v) del vetro
Rappresenta la porzione di radiazione solare totale trasmessa
per via diretta attraverso il vetro, questo coefficiente indica la
trasmissione primaria e pu assumere valore tra 0 e 1, anche
in notazione percentuale e viene misurato in laboratorio se- Ovvero la somma della trasmissione primaria e della porzione
condo la curva spettrale solare completa e per incrementi di assorbita e ri-emessa verso linterno.
5 nm, da cui ricavare il dato integrato medio. Il fattore di guadagno solare passivo gv per definizione il rap-
porto tra componente di energia solare trasmessa attraverso
Fattore di assorbimento solare (e,v ) un vetro e quella totale incidente sulla superficie esterna del-
Rappresenta la porzione di energia solare assorbita dal vetro e lo stesso. Dalla normativa viene chiamato g con il suffisso v al
che verr poi ceduta per emissione allambiente. La parte as- pedice per i vetri, si esprime in valori compresi tra 0 e 1, an-
sorbita quando ri-emessa verso linterno (qi) rappresenta la che ammessa la notazione percentuale.
componente secondaria della trasmissione solare totale. Il va- Ad un valore di g minimo (vicino allo zero) corrisponde una
lore di E si ottiene per differenza dalla seguente equazione: minore capacit di trasmissione o di guadagno solare, mentre
al contrario un valore elevato (vicino allunit) descrive una ca-
1= e,v + e,v + e,v (1) pacit di guadagno passivo elevata.

8 Per quanto riguarda questi valori sono misurati in laboratorio secondo la normativa UNI EN ISO 410:1989.
9In letteratura, ancora possibile trovare i coefficienti espressi nella notazione con caratteri latini in uso prima della definizione data dalle
normative UNI EN. Pertanto si debba far equivalere: e,v = Rs; e,v = Ts; e,v = As;

149
Fattore di ombreggiatura (Shading Coefficient) sata dallo scambio e T la differenza di temperatura tra le due
Il fattore di ombreggiatura (SC o CS) ancora in uso nei pae- facce della superficie di scambio.
si anglosassoni in alternativa al fattore solare g. La differenza Per convenzione si definisce la trasmittanza termica in Watt su
sostanziale tra i due parametri data dal fatto che il CS il metro quadro per differenza di temperatura in gradi Kelvin
rapporto diretto tra il g di un dato vetro in esame e il g di un nellunit di tempo, e rappresenta la quantit di energia che
vetro chiaro da 3 mm. Questo rapporto evidenzia quindi viene scambiata attraverso un dato materiale per ogni diffe-
quanto una vetrata pi efficace rispetto al vetro di riferimen- renza di un grado C di temperatura tra le due facce del ma-
to (benchmark) che ha un g = 0,8710. teriale. In altre parole U indica quanto un materiale isolante,
Pertanto lo shading (SC) si ottiene dallequazione: quindi a valori bassi di U si in presenza di materiali termica-
mente inerti, mentre con valori elevati si in presenza di ma-
SC = gv / 0,87 (3) teriali termicamente attivi.
La trasmittanza termica di un vetro, un serramento o di una
Fattore di trasmittanza termica (U) facciata trasparente si definisce con il coefficiente U11.
Ogni edificio scambia energia sotto forma di calore con lester-
no. Questo fenomeno continuo, e avviene nelle varie mo- Vetrate isolanti e vetrate solari
dalit dello scambio termico (induzione, irraggiamento, conve- La notevole attenzione al risparmio energetico, insieme alle
zione) e in funzione delle condizioni climatiche in essere. In norme sempre pi stringenti, prestata dai produttori di faccia-
estate il flusso di energia termica sar dallesterno verso lin- te e serramenti, ha permesso nel giro di pochi anni di produr-
terno mentre in inverno contrario. Tra le varie componenti re vetrate sempre pi efficienti e isolanti, aggregando due o
dellinvolucro responsabili di questo scambio vi sono le chiu- pi pannelli di vetro, anche differenti in spessore o trattamen-
sure e i tamponamenti, ma soprattutto i serramenti e le fine- to basso-emissivo e separati da intercapedini in aria o altro gas
stre e le superfici vetrate. In inverno si calcola che le finestre inerte quali argon o krypton.
disperdano verso lesterno oltre il 60% dellenergia termica di Questo sviluppo ha portato al risultato di abbassare notevol-
un edificio. mente il fattore di trasmittanza termica U, se si pensa che una
Per gli scambi energetici il fattore di riferimento termodinami- vetrata singola da 3 mm ha un valore U di 5,9 W/m2*K men-
co la trasmittanza termica U (W/m2 * K). tre una vetro-camera semplice da 4/12/4 mm si attesta su un
La trasmittanza si calcola secondo la formula: valore pari alla met intorno ai 2,7 W/m2*K. Inoltre luso di gas
inerti per riempire le cavit ha ulteriormente abbassato i valo-
Q = U * S * T (4) ri portandoli a 2,5 W/m2*K. Limpiego di lastre vetrarie con
trattamento basso-emissivo ha permesso una drastica riduzio-
Dove U rappresenta il calore scambiato, S la superficie interes- ne dei valori di U portandoli in area 1,5-1,2 W/m2*K.

Tabella 1 - I valori di riferimento di alcune tipologie di vetrata isolante (Fonte: UNI EN 410: 2000)

Tipo di vetrata Trattamenti Gas di riempimento Trasmittanza termica


[W/(m2K)]

Lastra semplice da 4 mm 5,9

Vetrocamera 4-15-4
aria 2,7
vetro semplice + aria
2. Controllo solare in architettura

Vetrocamera 4-15-4
Bassa emissivit su una lastra aria 1,4
basso emissivo + aria
Vetrocamera 4-15-4
Bassa emissivit su una lastra argon 1,1
basso emissivo + gas
Vetrocamera 4-15-4
Bassa emissivit su una lastre kripton 1,0
basso emissivo + gas
Vetrocamera con tripla lastra 4-
Bassa emissivit su due lastre aria 1,0
12-4-12-4
Vetrocamera con tripla lastra 4-
Bassa emissivit su due lastre argon 0,8
12-4-12-4
Vetrocamera con tripla lastra 4-
Bassa emissivit su due lastre kripton 0,5
12-4-12-4

10 Il fattore solare g si ottiene in base alla formula introdotta dalla Norma UNI EN ISO 410, ed ormai riconosciuto dalla letteratura scientifi-
ca europea come il parametro quantitativo della prestazione solare energetica dei vetri. Spesso in certa letteraturasi commerciale si fa con-
fusione tra g e SC; questo problema pu determinare errori non marginali nella valutazione progettuale delle prestazioni richieste al vetro.
11 Il reciproco della trasmittanza termica la Resistenza termica (R).

150
Coefficienti luminosi
I. v , fattore di riflessione luminosa;
II. v , fattore di trasmissione luminosa;

Fattore di riflessione luminosa (v )


Rappresenta la parte di radiazione visibile incidente che vie-
ne riflessa dalla superficie vetrata. Il valore pu variare tra 0 e
1, esprimibile anche in notazione percentuale, e viene misu-
rato in laboratorio secondo la curva spettrale pesata per loc-
chio umano a intervalli di 5 nm, da cui ricavare il dato inte-
grato medio.

Fattore di trasmissione luminosa (v )


Rappresenta la porzione di radiazione visibile trasmessa
per via diretta attraverso il vetro, questo coefficiente indica
la trasparenza del vetro. Pu assumere valore tra 0 e 1, an-
che in notazione percentuale e viene misurato in laborato-
rio secondo la curva spettrale solare pesata per locchio
umano a intervalli di 5 nm, da cui ricavare il dato integrato
medio.
Tipicamente il vetro chiaro float ha un v = 0,88-0,90.

Figura 9 - Coefficienti
luminosi

151
Schermature e controllo solare fluire negativamente sulle qualit abitative di unedificio. In
Il successo ottenuto dalle aziende produttrici di vetrate isolanti, estate principalmente occorre evitare leffetto-serra e labba-
sul fronte della trasmittanza, non coinciso per con identica di- gliamento diretto, soprattutto nei luoghi di lavoro. Per tale ra-
minuzione, in proporzione, dei valori dei coefficienti solari. Per- gione oggi possibile (e necessario vista la recente normati-
tanto la vetrata isolante semplice oggi spesso inadeguata a ga- va nazionale e regionale) progettare linvolucro o le vetrate in
rantire un buon controllo solare. In commercio oggi esistono combinazione con sistemi e dispositivi schermanti in grado di
svariate tipologie di vetro: i vetri trasparenti chiari o colorati in pa- ridurre il carico solare in estate, senza ombreggiare in inverno.
sta, i vetri riflettenti con deposito di film metallici e i vetri seletti- Il controllo solare quindi premessa obbligatoria a una accu-
vi, sensibili solo ad alcune frequenze della radiazione solare12. rata progettazione, in funzione degli obiettivi della destinazio-
Il vetro per sua natura per un materiale senza struttura cri- ne duso e delle finalit preposte dalla committenza.
stallina e statico, le cui caratteristiche ottico-energetiche sono Risulta utile ricordare che il vetro essendo amorfo, presenta
determinate in fase di produzione e non mutano al variare valori di trasparenza e trasmissione maggiori quando la dire-
delle condizione climatiche e di irraggiamento solare, siano zione della radiazione solare ortogonale al piano di giacen-
queste diurne o stagionali. za, valori che decrescono man mano che langolo di inciden-
Si visto che il fattore solare gv responsabile della trasmis- za diminuisce. Dato che per una vetrata verticale lortogonali-
sione energetica solare totale allinterno delledificio e che t della radiazione solare si ha solamente allalba e al tramon-
questo valore dovrebbe adattarsi a seconda della stagione: ri- to, nella fase progettuale bisogner tenere conto della relativa
ducendosi al minimo nei mesi estivi ed elevandosi al massi- diminuzione del flusso solare realmente trasmesso.
mo nei mesi invernali. Anche nella scelta della schermatura da applicare alla finestra
Purtroppo il vetro di per s non in grado di modificare que- da proteggere, bisogna considerare le caratteristiche del vetro
sti valori, e pertanto una vetrata con valori solari (gv e v ) par- e delle condizioni ambientali in modo da massimizzarne la re-
ticolarmente bassi (<0,50) nei mesi estivi pu contribuire cer- sa luminosa ed energetica.
tamente a ridurre gli apporti energetici passivi, limitando i fab- Per una corretta valutazione delle qualit di un sistema o di-
bisogni di raffrescamento artificiale e mitigando la forte lumi- spositivo di protezione solare, quindi necessario conoscere
nosit naturale. Di contro nei mesi invernali, valori solari bassi le caratteristiche solari dei materiali impiegati per la costruzio-
limitano i guadagni passivi e determinano un maggiore ricor- ne del corpo schermante.
so al riscaldamento e allilluminazione artificiale13. Diviene pa-
lese suggerire che, in fase di progetto, pu essere sicuramen- I coefficienti delle schermature
te utile una strategia: quella di verificare se utilizzare vetrate Limportanza che gli schermi solari e le tende tecniche hanno
trasparenti con un coefficiente Uv basso ma con fattore solare via via acquisito, nel rapporto con la vetratura dellinvolucro, ha
elevato, dotandole dispositivi schermanti dinamici, in modo da determinato per analogia con il vetro la definizione scientifica
ridurre il guadagno passivo solare solo quando serve14. e normativa dei parametri quantitativi della prestazione di con-
Un carico solare eccessivo, incidente su una facciata, pu in- trollo solare delle schermature.

Tabella 2 - Caratteristiche solari e trasmittanza in diversi tipi di vetrocamera (fonte UNI EN 410: 2000)

Componente (4-12-4 mm) v (TL) gv Uv

Vetro semplice (4 mm) 0,90 0,86 5,9


2. Controllo solare in architettura

Vetrocamera 0,81 0,76 2,9

Vetrocamera low-e 1 0,73 0,70 2,3

Vetrocamera low-e 2 0,80 0,75 1,8

Vetrocamera a controllo solare 0,40 0,40 2,9

Vetrocamera a filtro solare 0,70 0,40 1,8

12 I vetri selettivi e basso-emissivi, permettono di ottimizzare la risposta ad alcune lunghezze donda dellinfrarosso per ridurre leffetto serra.
13Queste considerazioni possono essere fatte solo in senso generale, poich in realt a seconda della zona climatica si ha un diversa com-
posizione dei fabbisogni energetici stagionali.
14 Cfr. figura 12

152
La normativa attuale, la UNI EN 13363.1-2, UNI EN 14500 e Figura 10 - Coefficienti
UNI EN 14501, ha lavorato per definire in maniera appropria- energetici
ta sia le diverse soluzioni tecniche e tipologiche che i relativi
coefficienti ottico-energetici.

Coefficienti Energetici15
Coefficienti energetici relativi alle tende sono i seguenti:
I. e,B, fattore di riflessione solare della tenda (B = blind in
inglese);
II. e,B, fattore di trasmissione solare della tenda;
III. e,B, fattore di assorbimento solare della tenda;
IV. gtot, fattore solare totale (tenda+vetrata);
V. IPS, indice di Protezione solare;
VI. SC Shading Coefficient.

Fattore di trasmissione solare della tenda, e,B


Si intende la parte della radiazione solare incidente sullo
schermo trasmessa per via diretta. Il suo valore pu oscillare
da 0 a 1 oppure da 0,01% a 100%.
Per le tende a lamelle, o le veneziane la trasmissione viene
misurata con le stesse orientate in varie posizioni e deve es-
sere annotata la posizione di riferimento al dato.
(per esempio e,B 45 = trasmissione solare a 45)

Fattore di riflessione solare della tenda, e,B minore capacit di trasmissione o di guadagno solare, e si ha
Si intende la parte della radiazione solare totale incidente sul- unottima prestazione solare della tenda, mentre al contrario
lo schermo e riflessa dalla superficie. Il suo valore pu oscilla- un valore elevato (vicino allunit) descrive una capacit di
re da 0 a 1 oppure da 0,01% a 100%. Nel caso di teli, con guadagno passivo alta e una protezione solare bassa.
facce diverse, necessario misurare tale valore per ciascuna Analogamente al fattore solare dei vetri, singolarmente presi,
faccia, mentre per le tende a lamelle viene misurata con le per descrivere correttamente la prestazione di una tenda su
stesse orientate in varie posizioni e deve essere annotata la cui incide la radiazione solare, vanno considerate sia la tra-
posizione di riferimento al dato. smissione diretta (e,B) che la porzione di energia solare assor-
(per esempio e,B 45 = riflessione solare a 45) bita dalla schermatura (e,B) e ri-emessa nellunit di tempo
verso linterno (qi): la radiazione secondaria o indiretta.
Fattore di assorbimento solare della tenda, e,B Ambedue le componenti della trasmissione solare della tenda
Si intende la porzione della radiazione solare totale assorbita sono poi fortemente influenzate sia dalle caratteristiche energe-
(e quindi ri-emessibile) dal telo dello schermo solare. La par- tiche proprie (e , e ) che dal fattore solare g del vetro usato.
te assorbita e ri-emessa verso linterno (qi) rappresenta la Per il calcolo del gtot anno sommate le seguenti componenti
componente secondaria della trasmissione solare totale della dello scambio energetico:
schermatura. Il fattore di assorbimento si esprime in valori tra e tot = trasmissione diretta totale vetro+tenda
0 e 1 oppure da 0,01% a 100%. Qi tot = trasmissione secondaria totale vetro+tenda
Lassorbimento di un corpo generalmente in funzione della
massa, nel caso dei teli solari dello spessore. quindi lenergia solare totale trasmessa attraverso un vetro con
Il valore di B si ottiene per differenza dalla seguente equazio- tenda quindi data dalla:
ne (vedi figura 10):
gtot = e tot + qi tot (6)
1 = e,B + e,B + e,B (5)
Quando per si analizzano composizioni di vetrata e scherma-
Fattore Solare Totale ( gtot ) tura, si introduce una complessit aggiuntiva, dato che secon-
Il fattore di guadagno solare passivo gtot il rapporto tra il flus- do la normativa attuale16 il fattore solare gtot si calcola solo per
so solare trasmesso attraverso un vetro+schermo e il flusso teli solari installati in parallelo alla vetrata ed a distanza discre-
solare totale incidente sulla superficie esterna della combina- ta dalla stessa. Non possibile, n ha senso, parlare di fatto-
ta. Il fattore solare si esprime in valori compresi tra 0 e 1, an- re solare della sola tenda.
che ammessa la notazione percentuale. Nel calcolo del fattore solare per le tende, bisogna inoltre di-
Ad un valore di gtot minimo (vicino allo zero) corrisponde una stinguere tra teli uniformi e teli realizzati con lamelle orientabi-

15 Tutti i parametri e coefficienti a eccezione del fattore solare, si misurano in laboratorio secondo la normativa EN 14500:2008
16 UNI EN 13363.1-2:2006

153
li, come nel caso delle veneziane. In questi ultimi casi si assu- Interessa sapere che il gtot influenzato dalla posizione reale
me che le lamelle siano chiuse17. Siccome questa eventualit che lo schermo ha rispetto alla vetrata principale. Si hanno
presuppone una condizione di oscuramento o scarso illumina- quindi i seguenti tre possibili casi (vedi figura 11):
mento, in alternativa si usa considera il fattore solare con la- a) tenda esterna al vetro;
melle orientate a 45: gtot 45. b) tenda interna al vetro;
Per il calcolo bisogna utilizzare i coefficienti solari della tenda c) tenda integrata nella vetrata.
opportunamente corretti secondo lorientamento, con le se-
guenti formule: A latere bisogna poi considerare il caso molto frequente, dei
dispositivi di protezione solare che vengono installati in ester-
orientamento a 45 no e non paralleli al vetro, e che agiscono per proiezione
e,B corr = e,B + 0,15 * e,B (8) dombra, anche zenitale.

Figura 11 - Fattore e,Bcorr = e,B *(0,75+0,70 * e,B) (9) Tenda esterna


di correzione per tende La formula del gtot la seguente:
a lamelle
gtot = e,B * gv + e,B *G/G2 + e,B * (1-gv)*G/G1 (10)

dove:

Uv = trasmittanza termica del vetro;


gv = fattore solare del vetro;
G = (1/Uv+1/G1+1/G2)-1;
G1 = 5W/m2*K (indice di conduttivit termica specifica del
vetro 1);
G2 = 10 W/m2*K (indice di conduttivit termica specifica del
vetro 2).

Trasmissione totale diretta:


e eb
e,t = (11)
1 e eb

Figura 12 - Fattore solare


della tenda esterna Figura 13 - Tenda esterna
2. Controllo solare in architettura

17 Ovvero con lamelle orientate a 90

154
Tenda integrata Figura 14 - Tenda integrata
La formula del gtot la seguente:

gtot = e,B * gv + gv *[e,B + e,B * (1-gv)]*G/G3 (12)

dove:
Uv = trasmittanza termica del vetro;
gv = fattore solare del vetro;
G = (1/Uv+1/G3)-1;
G3 = 3 W/m2*K (indice di conduttivit termica specifica del
vetro 2).

Tenda interna
La formula del gtot la seguente18:

gtot = gv *(1-gv * e,B e,B*G/G2) (13)

dove:

Uv = trasmittanza termica del vetro;


gv = fattore solare del vetro;
G = (1/Uv+1/G2) -1;
G3 = 30 W/m2*K (indice di conduttivit termica specifica del
vetro 2).

Trasmisione solare totale diretta:


eb e
e,t = (14)
1 e eb
Figura 16 - Fattore solare
Figura 15 - Tenda interna della tenda interna

18 Per calcolare valori pi realistici bisogna considerare le formule dettagliate della UNI EN 13363-2, soprattutto nel caso di valori di e,B > 0,50;

155
Indice di Protezione Solare (IPS)
Lindice di Protezione Solare rappresenta in percentuale la
quota di flusso solare incidente eliminato grazie allinstallazio-
ne della tenda, e si ottiene con il reciproco del fattore solare
gtot ; questo indicatore pertanto pi immediato di compren-
sione e di valutazione della prestazione solare del dispositivo
scelto e si ottiene dalla:

IPS= (1- gtot) (15)

Coefficiente di Ombreggiatura (CS)


Analogamente al coefficiente relativo ai singoli vetri solari, il
CSB esprime il rapporto tra il Fattore Solare gtot di un dato si-
stema schermante con vetro e il Fattore Solare gv di un vetro
singolo da 3 mm.
Questo parametro non pi tra quelli utilizzati, poich viziato
dal valore di una vetrata che non pi usata in Europa. Il rap-
porto tra gtot e CS pari a 0,87 (tale infatti il valore gv di un
vetro singolo da 3 mm). Il Cs si ottiene quindi da:

CS = gtot / gv3mm = gtot / 0,87 (16)

Coefficienti luminosi
Coefficienti ottico-visuali sono: Figura 18 - Coefficienti luminosi della schermatura
v,B fattore di riflessione visuale della tenda;
v,B fattore di trasmissione visuale della tenda;
v,B fattore di assorbimento visuale della tenda; Fattore di Trasmissione Luminosa (v,B)
v,tot fattore di trasmissione visuale totale (vetro+tenda); La quota parte della radiazione luminosa dello spettro solare
O.F. fattore di apertura del tessuto impiegato; riflessa per via diretta da un telo definita Riflessione Lumino-
DF fattore di luce diurna (daylight factor). sa. Il valore del fattore di riflessione dipende primariamente
dalla natura della superfice e dal suo colore, si esprime in va-
Fattore di Riflessione Luminosa o visuale (v,B) lori decimali tra 0 e 1, anche in percentuale. Nel caso di ten-
La quota parte della radiazione luminosa dello spettro solare ri- de lamellari si deve correggere il valore misurato secondo lin-
flessa per via diretta da un telo definita Riflessione Lumino- clinazione delle lame, per inclinazioni a 45:
sa. Il valore del fattore di riflessione dipende primariamente
dalla natura della superfice e dal suo colore, si esprime in va- v.B corr = v.B + 0,15 * v.B (18)
lori decimali tra 0 e 1, anche in percentuale. Per i teli con due
lati differenti, deve venire misurato un valore specifico per fac- Fattore di Trasmissione Luminosa totale ( )
v,tot
cia. Nel caso di tende lamellari si deve correggere il valore mi- Il fattore di trasmissione luminosa totale tiene conto dei diver-
surato secondo linclinazione delle lame, per inclinazioni a 45: si fattori di trasmissione del vetro del serramento e della ten-
Figura 17 - Fattore
di correzione per tende da accoppiata.
v.Bcorr = v.B *(0,75+0,70* v.B)
2. Controllo solare in architettura

a lamelle (17) Il calcolo si ottiene per le tende esterne:

v v.B
v,tot = (19)
1 v v.B

dove: v il fattore di riflessione della faccia del vetro rivolta


verso linterno

e per le tende interne:


v v.B
v,tot = (20)
1 v v.B

dove: v,B il fattore di riflessione della faccia della tenda ri-


volta verso linterno

Fattore di Assorbimento Luminoso (v.B)


La porzione di radiazione luminosa trattenuta dalla superfice

156
della schermatura attraversata lassorbimento luminoso, det- c) illuminamento per riflessione delle superfici interne (arre-
to anche estinzione. di, muri, pavimenti) (EIR).
Lassorbimento luminoso, meno importante di quello ener- Pertanto il DF si esprime anche con la seguente:
getico, in quanto non soggetto a riemissione. Si esprime in
valori decimali tra 0 e 1, anche in percentuale e pu risultare DF = ED + EER + EIR (23)
molto elevato nei casi di materiali altamente opacizzanti o di
colore scuro. Il fattore di luce diurna pu essere puntuale e istantaneo o
Il valore del fattore di assorbimento non viene misurato ma ri- mediato su una superficie data.
cavato dalla: In Italia si usa il fattore medio come rapporto tra superficie fi-
1 = v.B + v.B + v.B (21) nestrata e larea totale del locale mediata sulla riflettanza del-
le superfici interne.
Trasmissione Ultravioletta-TUV (U-V.B) Il calcolo si esegue secondo la formula seguente:
Oltre alle misure nello spettro solare pesato sulla porzione vi-
sibile allocchio umano, sono anche possibili misure nello DFm, Italy = (Afinestra * * v,tot) / [(Atotale (1 - m )] (24)
spettro UltraVioletto (190-380 nm). Si tratta di misure interes-
santi dato che i raggi UV possono risultare dannosi per luomo dove:
per gli animali e per gli oggetti contenuti nei locali da ombreg- Afinestra superfice finestrata trasparente in m2;
giare19. Pu essere allora utile conoscere il grado di protezio- Atotale superficie totale interna in m2;
ne dalla radiazione UV delle schermature. fattore di ostruzione esterna;
v,tot trasmissione totale sistema finestra+tenda;
Fattore di Apertura (OF) m fattore di riflessione media delle superfici interne.
I teli tessili filtranti (screen)20 sono sempre pi utilizzati nel
realizzare le schermature. Tra le caratteristiche ottico-energeti- Stanze con un DF medio del 2% sono da considerare illumi-
che che ne determinano le prestazioni rilevante considerare nate naturalmente, anche se locchio umano percepisce un
lapertura della trama. La percentuale di aria tra trama e ordi- buon illuminamento solo intorno a valori di DF del 5%.
to il fattore di apertura OF (Openess Factor) che influisce
sulla trasparenza totale del telo. Un tessuto filtrante con fatto-
re OF superiore a 5% pu in determinate condizioni di luce
con il disco solare basso allorizzonte, causare abbagliamento
e riflessi fastidiosi, quindi risultare inadatto allutilizzo in am-
bienti di lavoro al videoterminale.

Fattore di luce diurna (DF = Daylight factor)


Un indicatore immediato e utile nella valutazione della qualit
della luce che illumina un ambiente il fattore di luce diurna
DF. Rappresenta il rapporto tra lilluminazione esterna (con
cielo coperto) e lilluminazione interna, in valori percentuali. A
valori elevati di DF corrisponde un migliore illuminamento na-
turale della stanza.

DF espresso in relazione alla:

DF = 100 * Ein / Eext (22)

dove:
Ein = illuminamento interno istantaneo rilevato in un punto;
Eext = illuminamento esterno zenitale rilevato sotto un cielo co-
perto e uniforme.
Il valore Ein pu essere rappresentazione della sommatoria di
tre componenti:
a) illuminamento diretto dalla finestra con cielo visibile nel
punto fissato (ED);
b) illuminamento dato per riflessione dallambiente esterno
circostante (EER); Figura 19

19 Soprattutto mobili e arredi sono danneggiati dallinnesco di fenomeni di fading dovuti alla radiazione UV.
20I tessuti filtranti in commercio sono diversi a seconda della costruzione di trama e ordito e del grado di apertura. Tra i pi noti si ricorda-
no i: serg, natt, basket, panama e twill.

157
Schermature esterne non parallele al vetro gglob = gv * Fglob (25)
La grande disponibilit di sistemi filtranti e schermanti permet-
te una scelta progettuale sempre pi libera e attenta allesteti- Fglob muta in funzione della porzione di vetro scoperta, che di-
ca e al design della facciata. Tra le schermature esistenti i si- pende dalla geometria della tenda e dallangolo solare inci-
stemi a proiezione dombra quali: le tende da sole, le pergo- dente. Pertanto per calcolarlo necessario riprodurre esatta-
le, i frangisole aggettanti; non possono essere valutati secon- mente le condizioni di irraggiamento solare, determinando i
do il fattore solare gtot . Lo esclude la normativa tecnica in vi- vari angoli solari alle date significative, le dimensioni della ten-
gore, in base al presupposto che se uno schermo troppo di- da e del serramento e le dimensioni dei segmenti non om-
stante dalla vetrata, intervengano fattori termo-convettivi e tur-
breggiati. Una volta realizzata un tabella con i dati richiesti si
bolenze, oltre alla componente diffusa della radiazione solare,
pu procedere al calcolo del Fglob secondo le seguenti defini-
che influenzano la prestazione. Ci nonostante possibile po-
zioni:
ter calcolare un parametro quantitativo in grado di descrivere
limpatto della schermatura sulla finestra ombreggiata. Infatti
una schermatura solare posta davanti ad una finestra proiette- Fattore di riduzione radiazione diretta23
r una porzione dombra in grado di coprire tutto o in parte il
serramento, a seconda dellaffaccio, dellora e del giorno del- Fdir = x + (1-x) * e,B (teli screen) (26)
lanno in questione. Anche linclinazione della falda di scher- Fdir = x + (1-x)*Card* e,B (teli chiusi) (27)
matura influir sulla porzione ombreggiata. In questo caso va
(x in proporzione a H finestra)
tenuto conto anche della radiazione solare diffusa o riflessa
dallambiente esterno, dato che lo spazio tra tenda e vetrata
significativo. La Normativa tecnica individua tre casi differenti: dove se:
a) schermi inclinati tra 60 e 90, sono da considerare come tilt 60 < 90 Card = 0,30
orizzontali tilt 30 < 60 Card = 0,65
b) schermi inclinati tra 30 e 60, sono da considerare obliqui;
c) schermi inclinati tra 0 e 30, sono da considerare come Fattore di riduzione radiazione diffusa24
verticali21. If = 90 Fdif = 1
A questo punto va studiata in dettaglio la situazione reale di If = 45 F = 0,5
progetto della finetra e della schermatura, per individuare la
porzione di vetro (X) non ombreggiata in un dato momento Calcolo del fattore di riduzione globale
del giorno/anno, in modo da individuare la potenziale riduzio- Nel caso di teli screen il fattore di riduzione globale ottenibi-
ne della radiazione incidente della proiezione dombra creata le dalla formula seguente:
dallo schermo.
Per tale ragione, la radiazione solare incidente sul vetro viene Fglob = 0,85 x Fdir + 0,15 x Fdif (28)
considerata secondo le due componenti:
1. diretta, da moltiplicare per un fattore di riduzione Fdir a se-
Esempio pratico
conda del tipo di telo e dellinclinazione della tenda;
Per una tenda a proiezione con telo in tessuto screen chiaro
2. diffusa, da moltiplicare per un fattore di riduzione Fdif, in
funzione della sola inclinazione della tenda. e i seguenti parametri ambientali e dimensionali:
inclinazione 75
Come indicato dalla figura 20, la radiazione solare diretta e dif- F dif= 0,83
fusa vengono fermate dalla tenda in tutto o in parte, e trasmes- rivolta a Sud
se in base al fattore di trasmissione solare del telo utilizzato. latitudine: 45 N
2. Controllo solare in architettura

finestra H = 210cm
Fattore di riduzione solare globale (Fglob) tenda sporgenza S = 210 cm
Un buon metodo di valutazione quantitativa pu essere quel-
X = 19,5% (porzione di finestra non schermata)
lo proposto dalla UNI EN 14500:2008, che suggerisce di
vetrata chiara con gv = 0,75
combinare le due componenti della radiazione in un parame-
Tessuto screen chiaro e,B = 0,35
tro globale che esprima la riduzione di radiazione incidente ri-
spetto alla radiazione solare totale trasmessa dalla vetrata. Il
parametro viene definito fattore di Riduzione Solare Globale Fdir = 0,195 + 0,805 * 0,35 = 0,476
Fglob e una volta calcolato va moltiplicato per il g della vetrata, Fglob = 0,85 * 0,476 + 0,15 * 0,83 = 0,529
ottenendo il fattore solare totale ridotto gglob come indicato
dalla seguente22: Gglob = 0,75 * 0,529 = 0,397

21 Il caso C viene considerato calcolabile secondo la UNI EN 13363-2.


22La UNI EN 14500 in maniera poco ortodossa, definisce il fattore solare cos ottenuto gtot, lautore per evitare confusione con il gtot della
13363.1-2 preferisce qui chiamarlo fattore solare globale gglob.
23 Assumendo che un telo aperto tipo screen abbia una maggiore capacit di trasmissione della radiazione diretta rispetto a un telo opaco.
24 Assumendo che un telo inclinato interferisca in modo proporzionalmente inverso rispetto allinclinazione con la radiazione diffusa dallam-
biente circostante.

158
Figura 20 - Schema
di valutazione delle tende
a proiezione

Figura 21 - La tenda da sole


a bracci lavora per proiezione
d'ombra. Gibus/ProgettoTende

159
Tabella 3 - Tabella dei valori di X, per le principali citt Italine ed estere, calcolato secondo le seguenti variabili: Sporgenza telo 100 cm, Altezza finestra 220 cm, angolo
di inclinazione 60, affaccio a Sud, ore 12.00; i valori di X positivi esprimono la zona di finestra non in ombra, valori di X negativi esprimono lombra oltre la finestra.
Valori in gradi sessadecimali, valori di X in centimetri

Citt Sigla Longitudine Latitudine 21/3 X 21/3 21/6 x21/6 21/9 x 21/9 21/12 x 21/12

Aosta AO 7,3167 45,7333 43,3671 88,20 66,8464 -32,51 45,1673 82,89 20,5427 137,55

Ascoli Piceno AP 13,5667 42,8500 46,7272 78,01 70,5462 -75,19 48,5422 71,97 23,7652 131,87

Bari BA 16,8833 41,1167 48,4445 72,30 72,2454 -100,47 50,2588 65,84 25,4879 128,72

Bologna BO 11,3500 44,5000 44,9790 83,46 68,7218 -52,37 46,7908 77,81 22,0462 134,93

Bolzano BZ 11,3333 46,5000 42,9859 89,28 66,7441 -31,52 44,7981 84,01 20,0494 138,39

Cagliari CA 9,1667 39,2167 50,0206 66,72 73,4581 -121,58 51,8220 59,86 27,1742 125,54

Catanzaro CZ 16,5833 38,9000 50,6695 64,31 74,4740 -141,73 52,4840 57,20 27,7107 124,51

Firenze FI 11,2500 43,7667 45,7027 81,25 69,4331 -60,81 47,5140 75,44 22,7734 133,64

Genova GE 8,9167 44,4167 44,8537 83,84 68,4330 -49,10 46,6586 78,23 21,9833 135,04

L'Aquila AQ 13,4000 42,3500 47,2220 76,41 71,0357 -82,02 49,0368 70,25 24,2617 130,97

Milano MI 9,1833 45,4667 43,8421 86,83 67,4651 -38,72 45,6486 81,41 20,9581 136,83

Napoli NA 14,2500 40,3500 49,2406 69,53 73,0706 -114,52 51,0561 62,84 26,2745 127,25

Palermo PA 13,3500 38,1167 51,4496 61,32 75,2482 -158,90 53,2641 53,97 28,4921 122,99

Reggio Calabria RC 15,6500 38,1000 51,4917 61,16 75,3219 -160,62 53,3071 53,78 28,5253 122,93

Roma RM 12,4833 41,9000 47,6353 75,04 71,4136 -87,54 49,4487 68,79 24,6868 130,19

Torino TO 7,7000 45,0667 44,0713 86,16 67,5635 -39,73 45,8723 80,72 21,2383 136,34

Trento TN 11,1333 46,0667 43,4050 88,09 67,1509 -35,53 45,2167 82,74 20,4730 137,67

Udine UD 13,2333 46,0667 43,5036 87,81 67,3207 -37,24 45,3184 82,43 20,5431 137,55

Venezia VE 12,3500 45,4333 44,1031 86,07 67,8940 -43,21 45,9169 80,58 21,1527 136,49

Citt Sigla Longitudine Latitudine 21/3 X 21/3 21/6 x21/6 21/9 x 21/9 21/12 x 21/12

Londra Uk -0,1262 51,5002 38,0961 102,10 61,9321 7,59 39,9117 97,56 15,1281 146,59
2. Controllo solare in architettura

Parigi FR 2,3510 48,8567 40,6978 95,52 64,5080 -11,63 42,5123 90,61 17,7411 142,29

Madrid SP -3,7003 40,4167 49,0407 70,23 72,7324 -108,60 50,8511 63,62 26,1186 127,54

Berlino DE 13,4114 52,5234 35,8906 107,33 59,1625 24,94 37,6778 103,12 13,2069 149,68

Helsinki FIN 24,9384 60,1699 26,4187 126,97 49,3612 69,10 28,1831 123,60 4,0087 163,93

160
capitolo 3
Progettare con le schermature solari
Il progetto di architettura e dellinvolucro edilizio una vera e ne del carico solare per linvolucro, attivit che fino a qualche
propria sfida. Sempre pi lesperienza progettuale passa attra- anno poteva invece essere spesso tralasciata o affrontata in
verso la risoluzione delle criticit legate allenergia e ai fabbi- una seconda fase di rifinitura esecutiva dellopera.
sogni energetici per la gestione ottimale delledificio. Il progetto architettonico completo di un involucro schermato,
La normativa Europea prima e Nazionale poi, fino ai regola- ormai un approccio olistico allarchitettura. Deve quindi
menti locali non ha tardato ad accogliere lindicazione di quel- prendere in considerazione tutti gli elementi che possono de-
le linee guida che dovrebbero ridurre il fabbisogno di energia terminare sia la quantit di energia necessaria al funzionamen-
primaria negli edifici di almeno il 20% entro il 20201. to delledificio che il livello di benessere atteso o richiesto in
Tra le attivit in itinere, la revisione della direttiva Europea funzione della destinazione duso finale. Senza tralasciare
91/2002 Energy Performance of Buildings Directive o EPBD, lestetica della facciata o il design costruttivo finale.
il Recast EPBD, sottolinea con giusta enfasi e precisa indica-
zione metodologica tra le soluzioni da adottare al fine di ridur- Per questa ragione, un buon metodo di progettazione del con-
re il fabbisogno di energia negli edifici anche i dispositivi di trollo solare dovrebbe seguire queste fasi:
protezione solare e gli schermi passivi. 1. strategia di intervento: controllo solare totale o controllo lu-
A livello italiano, poi tutto un fiorire di leggi, norme e regola- minoso;
menti che prevedono a vario titolo e dettaglio limpiego di 2. definizione dellobiettivo in funzione della destinazione duso;
schermature e ne definiscono anche le modalit di dimensio- 3. valutazione delle condizioni ambientali;
namento e calcolo per la deduzione del relativo fabbisogno 4. livello di comfort abitativo atteso;
energetico ai fini della certificazione. 5. tipologia di involucro;
Questo rinascimento della progettazione sostenibile ed ener- 6. scelta del dispositivo schermante;
geticamente virtuosa obbliga inevitabilmente il progettista a 7. calcolo del fabbisogno energetico e valutazione finale;
doversi occupare sin dalle fasi iniziali delle soluzioni di riduzio- Come meglio indicato dalla figura 1.

Figura 1 - Schema
progettuale integrato
3. Progettare con le schermature solari

1 Risoluzione della Commissione Europea 20-20-20-2020 del 23 gennaio 2008.

162
Comfort Abitativo Per una migliore comprensione delle problematiche del con-
Il comfort abitativo, o il benessere dellabitare oggi molto im- trollo solare e delle possibilit che le stesse offrono al raggiun-
portante in quanto rappresenta spesso la variabile principale gimento del comfort abitativo pu essere utile richiamare le
di valutazione della qualit di unimmobile, sia esso abitazione caratteristiche salienti del clima che contraddistingue le regio-
o luogo di lavoro. ni italiane.
Troppo spesso il costruire ha rappresentato unattivit econo- A livello macro, lItalia gode di un buon clima, mite e tempe-
mica a vantaggio del fornitore e non dellacquirente, il quale, rato di tipo mediterraneo. Il fatto che lItalia sia una penisola
anche per ignoranza, non ha saputo definire in termini precisi con pi di 8.000 km di linee di costa aiuta certamente le zo-
i suoi obiettivi e desideri, finendo per trovarsi ad abitare o la- ne marittime ad avere temperature medie mai troppo rigide,
vorare in edifici con locali troppo freddi in inverno e torridi in cos come la presenza a Nord delle catene montuose alpine
estate, a volte male illuminati ma soprattutto energeticamen- con cime sopra i 2.000 m di altezza, garantisce una barriera
te molto costosi da mantenere2. La direttiva 91/2002 recepi- alle perturbazioni di origine atlantica e artica. Osservandolo a
ta in Italia con il D.Lgs. 192/2005 inquadra giustamente il pro- livello locale il clima italiano non uniforme, ma beneficia in
blema della riduzione dei consumi energetici in edilizia come modo diverso degli effetti microclimatici dovuti alla particolare
obiettivo da raggiungere ma specifica anche un secondo morfologia del territorio nazionale.
obiettivo: migliorare il benessere abitativo3. Per questo lItalia statisticamente divisa in 5 zone climatiche,
Dove entra il sole non entra il dottore recita un proverbio ita- dalla A la pi calda alla E la pi fredda, utili a uniformare le di-
liano che tutti ricordano, ma gli eccessi di irraggiamento sola- sposizioni tecnico-legislative in materia di dimensionamento e
re possono essere altrettanto dannosi come la carenza. gestione degli impianti di condizionamento e riscaldamento, e
Il comfort abitativo totale di un immobile per non una qua- dellinvolucro edilizio.
lit singola, e pertanto raggiungibile e misurabile su un solo Il clima italiano presenta infatti quasi tutte le situazioni tipo del-
parametro, ma invero rappresenta la sommatoria di diverse la climatologia, come per esempio:
componenti che esprimono la qualit di alcune aree tecniche le zone della cintura alpina settentrionale (Valle dAosta, Al-
to Adige, Lombardia, Veneto e Friuli) e quelle appennini-
e funzionali del progetto edilizio quali per esempio:
che centro meridionali (Abruzzo, Molise, Calabria) si carat-
benessere termico, in funzione della temperatura interna;
terizzano con inverni lunghi ed elevate precipitazioni an-
benessere visivo, in funzione della luminosit dei locali;
che nevose a bassa quota in alternanza con periodi secchi
benessere acustico, in relazione al livello di rumore perce-
e gelidi dove si raggiungono spesso temperature sottoze-
pito nei locali;
ro. In estate, le temperature medie sono elevate da giugno
benessere ambientale in relazione alla quantit e qualit
dellaria disponibile; Figura 2 - Capottina
ergonomia degli spazi e degli arredi. romanica del Salento

Le schermature opportunamente installate, possono influen-


zare e migliorare sensibilmente le prime tre variabili, oltre a
contribuire, come si vedr meglio nella sezione successiva, a
ridurre sensibilmente i fabbisogni energetici delledificio.

Condizioni climatiche Italiane


La climatologia individua 4 differenti tipi di clima pricipali:
1) clima delle zone fredde (oltre i 44 di latitudine Nord) ca-
ratterizzato da inverni rigidi e lunghi da ottobre a marzo, e
con limitate escursioni termiche stagionali;
2) clima delle zone temperate (intorno ai 40 di latitudine
Nord), con inverni freddi ed estati calde, in presenza di
elevate escursioni termiche stagionali;
3) clima delle zone caldo-aride (intorno ai 30 di latitudine
Nord) caratterizzate da temperature elevate per lunghi pe-
riodi dellanno, precipitazioni scarse o nulle, in presenza di
basse escursioni termiche stagionali ma elevate durante il
giorno;
4) clima delle zone caldo-umide (intorno ai 20 di latitudine
Nord e fino allEquatore) con elevate precipitazioni con-
centrate in determinati periodi dellanno, elevata umidit
relativa (>80%) ed escursioni termiche inesistenti4.

2 Lo stock edilizio esistente in Italia presenta unet media superiore ai 40 anni, con fabbisogno medio superiore a 150kWh/m2 annui.
3 EPBD, articoli 8, 18.
4 Per un approfondimento sul clima italiano, si veda anche M.Pinna, Climatologia, 1977, opera citata in Bibliografia.

163
a settembre con umidit relativa superiore all80%; ti solo dai primi anni 70 in seguito al primo shock petrolife-
le zone padane, fluviali e lacustri pur godendo di clima ro che i vari governi hanno iniziato a considerare necessario la
continentale temperato, a causa dellelevata umidit relati- regolamentazione delle temperature di esercizio degli immo-
va si ha freddo secco dinverno e caldo umido in estate; bili al fine di garantire una migliore e pi corretta gestione del-
le regioni costiere, offrono un clima mite e ventilato in in- le risorse energetiche e dellinquinamento atmosferico.
verno ma caldo-umido in estate, con maggiore enfasi al In termini generali si pu definire il comfort termico come la
Centro e al Sud. possibilit di regolare gli apporti di calore naturali e artificiali in
modo di ottenere temperature adeguate alle attivit da svol-
Le diverse condizioni climatiche e stagionali hanno sempre gere indipendentemente dalla stagione e dal clima esterno. A
condizionato ledilizia e in particolare i metodi costruttivi e i questo concetto tecnicamente ben delimitato, spesso si ten-
materiali impiegati. de a sovrapporre gli aspetti soggettivi derivanti dalla maggiore
Nei climi aridi si costruito edilizia compatta con corpi di fab- o minore sensibilit personale al calore. Per la sensazione
brica bassi, intonacati chiari e con piccole aperture in muratu- soggettiva, quale laver caldo o sentire freddo non rappresen-
re spesse, atte a ritardare, grazie allinerzia termica, la propaga- ta un parametro idoneo alla corretta regolazione della tempe-
zione del calore allinterno dei locali (Nuraghi sardi, Trulli di Al- ratura in un edificio, in quanto essendo appunto dipendente
berobello, architettura isolana). alla differente sensibilit individuale alle differenze termiche.
Nel clima caldo-umido si preferito costruire edifici facilmen- Pertanto il comfort termico di un edifcio strettamente dipen-
te ventilabili, costruzioni con soffittature alte, pareti traspiranti dente da quattro fattori:
e leggere e possibilmente con aperture schermate da pensili- capacit di accumulo del calore;
ne o logge, coperture a falda spiovente e spesso con sottotet- capacit di disperdere il calore;
to (tetto morto) alto e areato. forma e distribuzione degli spazi interni che influenzano la
Nei climi temperati le caratteristiche tipologiche delledilizia velocit del movimento delle masse daria a differenti tem-
hanno privilegiato una buona inerzia delle murature spesso in perature;
laterizio, con le pareti rivolte a Nord chiuse e profonde men- condizioni climatiche e ambientali esterne.
tre quelle rivolte a Sud con aperture schermate da aggetti e
logge (tipico della casa rurale lombardo-veneta). Proprio in ragione dellinfluenza che le condizioni climatiche
Nei climi freddi o alpini, si sono realizzate costruzioni compat- hanno sul benessere termico degli edifici si deve considerare
Figura 3 - Pergola te, poco elevate con aperture minime e ben occultate nelle e valutare il benessere sia nella stagione invernale che in quel-
caducifoglia in Istria pareti spesse. la estiva.
Lobiettivo progettuale deve allora essere quello di poter otte-
nere una temperatura interna costante, senza grandi sbalzi e
in uno spazio di tempo limitato, considerato che in Europa si
ritiene confortevole un locale quando abbia una temperatura
minima di 18 e massima di 25,5. Pi specificatamente e a
seconda delle occupazioni e delle attivit svolte nei locali pu
risultare utile consultare la Tabella 1.
Quando si parla di comfort invernale ci si riferisce alla possibi-
lit di ottenere temperature diurne o notturne superiori a quel-
le medie esterne, mentre per comfort estivo si intende il con-
trario.
La valutazione del comfort termico di un edificio, quindi non
3. Progettare con le schermature solari

pu essere soggettiva ma deve corrispondere ad una precisa


equazione:
Qt = Qin Qout (1)
Dove:
Qt = Variazione dellenergia immagazzinata nelledificio nel
tempo t
Qin = Somma di tutti gli apporti entranti nelledificio
Qout = Somma di tutti gli apporti uscenti

La normativa di standardizzazione dei metodi di calcolo UNI


TS 11300: 2008 unifica la metodologia di calcolo dei fabbiso-
gni energetici degli edifici in rapporto alla climatizzazione in-
vernale ed estiva, e articola lequazione 1 in modo pi detta-
Benessere Termico gliato, come si pu evincere dalla Figura 4.
Il livello di comfort termico in termini di temperature medie In altre parole la (1) corrisponde alla redazione di un bilancio
che si raggiungono negli edifici odierni, ben superiore ai va- energetico da riparametrare alle condizioni climatiche della zo-
lori possibili in passato. Va per detto che questo traguardo na. Il bilancio energetico di un edificio individua le componen-
stato raggiunto anche a scapito dellefficienza energetica. Infat- ti che aggiungono energia (apporti), le fonti naturali e quelle

164
Tabella 1 - Temperature ottimali di esercizio

Attivit principali Temperatura Temperatura Temperatura Temperatura


Min. invernale Max invernale Min. estiva Max estiva

Lavoro manuale 18 20 23 27

Lavoro dufficio 18 20 23 25,5

Apprendimento 19 21 23 25,5

Riposo 17 19 22 27

Luoghi di cura 19 21 23 27

Attivit sportiva indoor 18 20 22 25

artificiali, le confronta (somma o sottrae) con la capacit della


struttura di accumulare o disperdere energia attraverso linvo-
lucro: pareti, infissi, tetto, copertura.
Le schermature solari giocano un ruolo importante nel bilan-
cio energetico degli apporti di calore.
In estate la loro presenza in facciata preclude ad un guadagno
passivo solare eccessivo, riducendo lapporto naturale al surri-
scaldamento dovuto allirraggiamento solare, mentre in inver-
no possono regolare il flusso energetico entrante grazie alla
capacit di filtrare o modulare la radiazione solare contribuen-
do a riscaldare lambiente.

Benessere Luminoso
Le moderne attivit lavorative e di svago hanno mutato pro- Figura 4 - Schema degli
apporti per il raffrescamento
fondamente le necessit e i requisiti di illuminamento dei lo-
cali. Non solo, oggigiorno possibile che allinterno della stes-
sa struttura possano coesistere attivit differenti, ma anche La luminanza (L) esprime la brillanza di una sorgente per
nello stesso locale. Pertanto lo studio dei livelli di illuminamen- unit di superficie, e si esprime in candele per m2
to non una semplice formalit. Va inoltre considerato che la (cd/m2) pi comunemente questa misura esprime il contra-
buona regola dispone a favore dellutilizzo di fonti di luce na- sto tra zone diversamente illuminate, ed molto importante
turale se possibile, eventualmente integrate con flusso artifi- nel definire la qualit dellilluminazione disponibile essendo
ciale. Le schermature possono contribuire ad un giusto con- anche lunica grandezza fotometrica percepita direttamente
trollo luminoso, soprattutto quelle installate internamente ri- dallocchio umano al quale eccesso di contrasto determina fa-
spetto al serramento, poich il telo si trova pi vicino rispetto stidiosi disturbi del visus;
allutilizzatore e pertanto il controllo del flusso luminoso pu Illuminamento e sua uniformit:
essere pi preciso. la quantit di luce o flusso luminoso di una sorgente nelluni-
Il livello di illuminamento naturale di un interno espresso dal t di tempo, si esprime in Lumen (lm).
Daylight Factor, ma dipende anche dalle condizioni di cielo Abbagliamento e sua limitazione
esterne, dal clima, dalla stagione e dalle caratteristiche ottico- Intensit luminosa, o brillanza rappresenta il flusso lumi-
luminose delle vetrate installate. noso per angolo solido sferico (steradiante = sr) di una sor-
In termini di benessere visivo, si deve considerare quali siano gente verso una direzione data, e si esprime in candele (cd)
gli aspetti prioritari. 1 cd = 1lm/ sr, tipico abbagliamento che si pu verificare
Distribuzione delle luminanze la visione casuale del disco solare dietro la finestra5.
La luminosit di una superfice il rapporto tra il flusso tota- Aspetti cromatici della luce
le e larea su cui si proietta, e si misura in Lux (lx), 1Lux = La temperatura colore, utile a classificare la luce delle sor-
1lm/m2 genti artificiali e si misura in gradi Kelvin (K), il colore della

5 La brillanza un rapporto, se a denominatore si ha una grandezza molto piccola come nel caso di angoli solidi di fonti molto puntuali
(LED) parit di flusso luminoso si ha una brillanza elevata, al contrario maggiore la dimensione dellangolo solido (lampade a bulbo) mi-
nore la brillanza.

165
radiazione luminosa dipende strettamente dalla temperatura Schermare ledificio
della sorgente di emissione spettrale, una temperatura colore Le ragioni per schermare un edificio, o una facciata particolar-
di 5.700K equivale alla luce bianca solare non filtrata, mentre mente esposta dipendono dalle valutazioni oggettive e sog-
la temperatura di una candela equivale a circa 1.600K ed gettive in capo al progetto, e dalle condizioni ambientali della
di colore rossastro. localit. I dispositivi di schermatura se opportunamente proge-
Illuminazione in presenza di videoterminali tatti e dimensionati, possono garantire lasservimento alle se-
la legislazione vigente in materia di sicurezza sul lavoro e guenti funzioni:
di benessere prevede livelli minimi di luminosit a se-
conda dellattivit prevalente da svolgere, e in generale Protezione dallapporto di calore dovuto dallirraggiamen-
per unattivit di ufficio si dovrebbe garantire almeno to solare
300-500 lux mentre per lavoro di precisione servono al- La schermatura solare, ovunque posta, si interpone nel
meno 1.000 lux. Locchio umano sensibile solo ad una percorso fra i raggi solari e lambiente interno limitando
parte della radiazione solare, quella compresa tra 380 e linnalzamento della temperatura interna dei locali in con-
700Bm, e ben si adatta velocemente alla luminosit, gra- seguenza delleffetto serra.
zie alla dilatazione/contrazione pupillare. Di contro per Le schermature se poste parallelamente al vetro intercet-
aumenta anche la sensibilit al contrasto. Per attivit di tano sia la radiazione diretta che quella diffusa o zenitale.
videoterminale prolungate, o per la lettura un contrasto
eccessivo porta a stancare i muscoli ottici, pertanto in ter- Riduzione dei fabbisogni di climatizzazione estiva
mini di comfort visivo si rende opportuna una differenza La riduzione sensibile dellapporto energetico dovuto alla
di luminosit tra scrivania, schermo e rispetto alle pareti radiazione solare entrante dalle finestre nei mesi caldi,
di sfondo non superiore ad un fattore di 1:3. Per esem- consente di ridurre il fabbisogno di energia elettrica per la
pio se su una scrivania si hanno 60 candele/mq lo sfon- climatizzazione, e permette un ridimensionamento della
do non pu essere minore di 20 cd/m2 o superiore a potenza massima dei condizionatori installati.
180 cd/m2. Regolazione del flusso luminoso
Integrazione artificiale della luce diurna Un buon dispositivo di controllo solare consente anche di
uno schermo o filtro solare alle finestre in grado di atte- regolare lapporto del flusso luminoso naturale miscelando-
nuare il flusso luminoso naturale e se possibile diffranger- lo se necessario a quello artificiale in modo da realizzare un
lo per diffonderlo nellambiente. Pu per essere necessa- ambiente adeguatamente illuminato e confortevole, adatto
rio integrarlo con una fonte artificiale in quelle giornate od alle attivit da svolgere nei locali (specialmente per ci che
ore del giorno in cui il flusso naturale si rivelasse insuffi- riguarda i piani di lavoro e lutilizzo di videoterminali o di au-
ciente. Limportante che il flusso combinato sia uniforme, diovisivi).
soprattutto per le postazioni vicine alle finestre, dove in
una giornata di cielo limpido in estate si possono raggiun- Distribuzione del flusso luminoso
gere i seguenti valori di flusso luminoso entrante: Alcuni sistemi schermanti permettono di distribuire in
Facciata Nord 10,000 lx modo uniforme allinterno dei locali il flusso luminoso
Figura 5 - Luminanza in Facciata Est 30,000 lx entrante dalle finestre. Il problema dello squilibrio dovu-
falsi colori (Light tool) Facciata Sud 80-100,000 lx to a eccesso di luminosit in prossimit delle finestre e
di penombra nelle zone pi interne pu essere risolto
con tende a lamelle regolabili, in grado di diffondere la
luce sul soffitto per trasportarla verso linterno-stanza. Il
3. Progettare con le schermature solari

Daylight Factor spesso ottenuto grazie ad una sapien-


te progettazione del sistema di schermatura.

Protezione anti-abbagliamento6
Spesso a determinate condizioni di angolo solare basso in
inverno, si verifica il fenomeno dello spotting ovvero del-
labbagliamento diretto o riflesso dalle superfici riflettenti,
quali schermi di videoterminali. La schermatura pu elimi-
nare i fenomeni di abbagliamento tipici:
la visione diretta del disco solare attraverso la finestra
luminosit e contrasto naturale eccessivi sul piano di la-
voro;
presenza di macchie luminose nel campo visivo o su-
gli schermi video (Figura 6).

Oscuramento parziale o totale dei locali


Alcuni dispositivi permettono anche di annullare in modo

6Previsto anche dalla Direttiva Europea 90/270 recepita dalla norma UNI EN 12464-1 Illuminazione dei posti di lavoro. Parte 1: posti di la-
voro in interni e dalla legge 626/1996.

166
totale o quasi il flusso luminoso, oscurando i locali, onde
permettere lo svolgimento di diverse attivit quali:
utilizzo di audiovisivi;
riposo diurno;
esperimenti di laboratorio.

Protezione della Privacy


Di sera e di notte, in determinate condizioni di illumina-
mento le vetrate possono rivelarsi molto trasparenti e la-
sciare intravedere in misura troppo netta linterno dei loca-
li. In questo caso le schermature risolvono il problema pro-
teggendo opportunamente alla vista indiscreta le attivit e
i contenuti allinterno delledificio.

Contatto visivo con lesterno


Figura 6 - Per gli operatori al videoterminale un buon livello
La necessit di rimanere in contatto con il mondo esterno, di luminanza senza abbagliamento riduce laffaticamento del visus
durante la giornata non solo piacevole ma rappresenta
una precisa necessit fisiologica. Lapplicazione di disposti-
vi con teli schermanti in grado di lasciare intravedere
lesterno risponde quindi a questa condizione e offre pro-
tezione solare senza opacizzare le aperture.

Riduzione dellirraggiamento diretto negli spazi esterni


Terrazze, patii e balconi, o pi in generale spazi pubblici
scoperti possono necessitare di essere ombreggiati per
periodi pi o meno lunghi nei mesi estivi. Tra i molteplici
dispositivi di schermatura esistenti ve ne sono in grado di
creare zone dombra in modo sicuro ed efficace.

Riduzione delle dispersioni termiche dei serramenti


In inverno, quando il flusso dello scambio termico si inver-
te, applicare le schermature con il telo caratterizzato da una
bassa permeabilit allaria (tessuti chiusi o cellulari) equiva-
le a creare una barriera ulteriore al serramento, riducendo
la dispersione termica. Questa possibilit contribuisce a ri-
durre il fabbisogno di riscaldamento invernale e notturno.

Protezione dai raggi UV


Lirraggiamento solare nello spettro Ultra-Violetto pu inne-
scare processi chimici che accelerano linvecchiamento na-
turale dei materiali con progressiva alterazione delle super-
fici, degradazione dei colori (fading). In alcuni edifici con
destinazione duso o espositiva come vetrine e musei si
pu risolvere il problema utilizzando teli solari in grado di
fermare una porzione consistente dello spettro U-V.

Integrazione con la ventilazione naturale


Per gli edifici non climatizzati e siti in zone non inquinate
acusticamente possibile impiegare corpi schermanti con
buona allaria da installare se possibile esternamente. La
ventilazione naturale provoca una sovra-ventilazione dei
locali con immissione di aria pi fresca che contribuisce a
ridurre la temperatura interna e asciugare il vapore della
traspirazione.

Design della facciata


Le schermature solari esterne contribuiscono in maniera
determinante al disegno architettonico finale delledificio
grazie alla vasta scelta di colori e forme oggi a disposizio- Figura 7 - Unerrata progettazione pu determinare
ne del progettista, cos come alla loro maggiore o minore eccessi di domanda di climatizzazione, Palacio de la Ciudadela
integrazione con linvolucro. a Montevideo arch. Sichero 1958

167
Definire la schermatura I valori di irraggiamento solare annuali7
Quando si deve procedere alla definizione di una schermatu- In funzione della localit di progetto e della destinazione
ra per un edificio, qualunque esso sia, oppure intervenire in duso, per progettare opportunamente la schermatura pi ido-
retrofit, fondamentale raccogliere tutti gli elementi e i para- nea, utile recuperare i valori tabellari di irraggiamento solare
metri utili al dimensionamento e alla scelta tipologica. medio, le temperature medie e il livello di trasparenza del cie-
Per una migliore pianificazione della scelta di progetto pu lo nei vari periodi dellanno.
aiutare a suddividere gli elementi e i parametri progettuali in
due categorie: oggettivi e soggettivi. I fattori sistemici di progetto
Nel caso di un edificio nuovo in progetto o gi costruito occor-
Parametri oggettivi re tra laltro individuare quei particolari tipici costruttivi propri
I parametri oggettivi sono propri di un progetto e non cambia- delledificio. In base a queste informazioni si poi in grado di
no secondo il desiderio progettuale, perch sono legati alla valutare e scegliere una serie di potenziali soluzioni e disposi-
condizione fisica delledificio sono quindi immutabili rispetto tivi schermanti pi idonei tra quelli a disposizione. Un buon
allutenza o alla destinazione duso. metodo, pu essere quello di procedere alla stesura di una
Tra questi utile individuare i fattori di natura ambientale e vera e propria check-list punto per punto.
quelli propri delledificio o sistemici.
Involucro
I fattori ambientali e climatici
La tipologia costruttiva dellinvolucro o della facciata, influisce
Coordinate della localit
sulle modalit di installazione meccanica della schermatura.
La latitudine e la longitudine determinano langolo di inciden-
Conoscere il dettaglio della facciata porta a scegliere consape-
za solare o angolo solare e, pertanto sono importanti informa-
volmente il posizionamento del dispositivo schermante, oltre
zioni per la modellazione delle ombre di facciata e proiettate
a influenzare la scelta della tipologia, del materiale e delle op-
dagli schermi solari.
zioni di manovra. Unulteriore valutazione qualitativa pu esse-
Angolo solare re fatta definendo il rapporto superficie/volume, in modo da
Il calcolo dellangolo solare, utile al dimensionamento e al po- comprendere il grado di compattezza del corpo di fabbrica.
sizionamento della schermatura va effettuato per almeno
quattro date chiave dellanno solare: 21/3 equinozio di prima- Serramento
vera, 21/6 solstizio di estate, 21/9 equinozio dautunno e Occorre sempre conoscere il tipo e il materiale impiegato nel-
21/12 solstizio dinverno. la costruzione del serramento, o nel caso di facciate i materia-
li e i componenti trasparenti, nonch la morfologia (finestre
Orientamento della facciata isolate, a nastro, apribili, fisse, facciate strutturali ecc.). Il fatto-
Lesposizione delle superificie vetrate cambia in natura (diret- re da conoscere, importante ai fini della prestazione energeti-
ta e diffusa), qualit e quantit della radizione incidente in fun- ca della schermatura, il coefficiente U (W/m2*K) della di-
zione del percorso apparente del sole durante il giorno e i me- spersione termica.
si dellanno.
Vetrata
Tessuto costruito circostante Esistono moltissime tipologie di vetrata per serramenti o faccia-
Unanalisi del tessuto costruito esistente intorno al luogo del te. Dal vetro chiaro float da 3 mm, ormai usato solo come rife-
progetto pu essere utile per valutare eventuali coni dombra rimento, il vetrocamera semplice e fino alle vetrate isolanti ri-
o di abbagliamento dovute a edifici in prossimit. Gli affacci a flettenti, basso emissive e resistenti agli impatti di proiettili dar-
Nord soprattutto vanno analizzati in riguardo alla radiazione ma da fuoco. Serve conoscere i coefficienti solari e luminosi:
3. Progettare con le schermature solari

solare eventualmente riflessa dai palazzi circostanti. e,e,v,v, il fattore solare g e il coefficiente di trasmittanza U.8
Ostruzioni naturali se esistenti
Occorre valutare se la vegetazione, o lorografia della localit, Parametri Soggettivi
pu influire sul livello di irraggiamento per ogni singolo affac- Ogni progetto ha caratteristiche legate alle aspettative sogget-
cio delledificio. tive della committenza o del progettista, alcune di queste ca-
ratteristiche devono essere note per affinare la scelta proget-
Venti prevalenti tuale.
Per le schermature posizionate in esterno, il vento un fatto-
re di rischio, sia verso la sicurezza che verso la durata e lim- Design architettonico
patto sui costi di manutenzione. La valutazione dei venti do- Una schermatura esterna dovrebbe potersi integrare con la
minanti della localit, in riguardo al periodo di presenza, alla facciata e divenirne parte solidale, anche per contribuire a ren-
loro forza e direzione, un atto necessario e rilevante circa la dere la facciata stessa esteticamente pi gradevole e bella. La
possibilit di determinare la tipologia migliore di schermo so- schermatura solare dovrebbe essere scelta in accordo con la
lare da inserire. tipologia e il design delledificio.

7 Per tale scopo pu essere utile consultare le tabelle della UNI EN 10349: 1994; oppure consultare le tabelle ENEA in merito ai valori di ir-

raggiamento solare delle superfici verticali.


8 Internet rappresenta in questo caso un potentissimo strumento di ricerca dei dati, visto che le maggiori aziende vetrarie pubblicano tutti i

parametri sui loro siti. I coefficienti posssono essere indicati in notazione con lettere latine (Re, Te,Tv, Rv).

168
Destinazione duso Figura 8 - Privacy: una
La destinazione duso dei locali delledificio influenza loggetto facciata in vetro riflettente
offre un buon grado di
dellintervento. Le soluzioni di schermatura andrebbero consi-
protezione diurna, ma di
derate secondo lutilizzo prevalente dei locali: residenza, luo- sera diviene trasparente
ghi di lavoro, di produzione o uffici.

Privacy
Unulteriore parametro operativo da considerare nella proget-
tazione relativo alla necessit di garantire una buona riserva-
tezza grazie alla presenza di schermature.
Se ledificio destinato ad attivit dove la sicurezza da sguar-
di pu rivelarsi un fattore importante quali: banche, studi me-
dici, ospedali, cliniche, camere da letto; allora il dispositivo di
protezione solare dovrebbe essere progettato per assolvere
anche la funzione di barriera alla vista, impedendo che dal-
lesterno si possa vedere linterno.

Scelta e dimensionamento della schermatura


La scelta a questo punto pu essere effettuata in base alle
prerogative del progetto e agli obiettivi di disegno della faccia-
ta, di prestazione solare e luminosa, di riservatezza oppure di
integrazione con altri dispositivi di gestione intelligente del-
ledificio. Tra le possibili variabili in funzione della scelta del ti-
po e modello di schermatura, ve ne sono alcune pi impor-
tanti e prioritarie di altre. Per un approccio rigoroso suggerisce
di seguire il seguente metodo di analisi, valutazione e verifica
delle condizioni e delle soluzioni adottate9:
1. acquisizione delle coordinate geografiche e dei dati clima-
tici della localit in cui ubicato il progetto;
2. acquisizione dei dati relativi alle caratteristiche climatiche
della zona in esame e degli elementi ambientali che pos-
sono influenzare il livello di soleggiamento;
3. individuazione dei periodi di differenza termica tra la me- 9. dimensionamento della schermatura in funzione della po-
dia delle temperature orarie mensili della localit con la sizione (interna, esterna integrata) rispetto alla superficie
temperatura operativa interna di riferimento al di sopra da proteggere;
della quale necessario ombreggiare (25,5), per consi- 10. verifica dellefficacia della soluzione adottata in base al fat-
derare i periodi durante i quali risulta necessario scherma- tore solare e/o ai coefficienti luminosi.
re ledificio;
4. determinazione del percorso apparente del sole, grazie al Scelta della Posizione dei dispositivi schermanti
calcolo dellangolo orario e dellangolo solare 10; Le schermature solari possono essere installate in tre posizioni
5. determinazione delle ombre eventualmente proiettate dal differenti rispetto alla vetrata: internamente, esternamente o
costruito esistente o dalla vegetazione adiacente, che si in- nel vetrocamera. Una quarta possibilit di posizionamento
terpone tra ledificio e la radiazione solare11; rappresentata dallinstallazione in cellula di facciata a doppia
6. determinazione per le facciate a Nord della componente pelle, ventilata o meno artificialmente. La scelta iniziale del pro-
di radiazione zenitale diffusa o diretta riflessa dal costruito gettista dovrebbe iniziare a considerare dove si vuole installare
esistente; il dispositivo schermante, perch questa variabile non indi-
7. individuazione per ciascun affaccio della posizione relativa pendente nei confronti della prestazione solare n della costru-
del sole nelle ore diurne dei periodi considerati degli an- zione finale dei dettagli esecutivi di progetto dellinvolucro.
goli dombra orizzontale e verticale: gli angoli dombra oriz-
zontale e verticale permettono di stabilire i contorni del- Schermi esterni paralleli alla vetrata
lombra proiettata da uno schermo orizzontale verticale od Questa tipologia di installazione consente a parit di telo e di
obliquo; materiale costruttivo, e in presenza di un medesimo tipo di ve-
8. scelta della schermatura in base alla posizione, alla tipolo- trata, una prestazione solare totale superiore. La tenda infatti
gia, al materiale del corpo schermante pi idoneo; intercettando prima del vetro la radiazione solare riesce a fer-

9 Per un approfondimento vedi Manni V., Gli schermi esterni per le facciate ed il loro dimensionamento, il progetto sostenibile, n. 13/2007
10 Vedi le voci relative allAppendice Elementi di geografia astronomica a pag. 387.
11 Per effettuare una verifica puntuale si pu ricorrere a specifici programmi grafici per calcolatore, si rimanda allappendice a pagg. 242.

169
marne una parte maggiore e, soprattutto, in un ambiente fusa o riflessa. In funzione dellangolo dombra e della distan-
esterno riesce a dissipare meglio le maggiori quantit di ener- za dalla superficie da proteggere, si possono verificare feno-
gia eventualmente assorbita. meni convettivi in grado di inficiare o migliorare la prestazione
Questa soluzione determina un fattore solare gtot variabile, a solare. Il parametro da considerare in queste installazioni il
seconda del materiale impiegato per il telo e del vetro retro- fattore g glob che pu variare tra 0,20 e 0,30 in funzione del
stante, tra 0,10 e 0,25. Non per sempre possibile installa- materiale e della zona dombra proiettata.
re agevolmente le tende in facciata o in esterno. Tralasciando
le problemaniche legate alla spinta del vento, maggiore in al- Schermi interni
cune zone che in altre, va sostenuto che questa scelta deve In alternativa, e laddove non risulti praticabile installare una
necessariamente essere fatta in sede progettuale, in maniera schermatura esterna si pu optare per una tenda interna in
da individuare subito eventuali ostacoli, o criticit di installazio- prossimit del vetro. Questa soluzione progettuale offre una
ne e risolverle direttamente sul progetto. Installazioni retrofit, versatilit di posa e installazione impagabili, e in genere una
sono sempre possibili ma in alcune tipologie edilizie come i manutenzione meno onerosa rispetto ad una esterna e of-
grattacieli a torre o in presenza di facciate continue, queste cri- fre una prestazione solare (a parit di telo e vetrata) di circa
ticit non sono di semplice risoluzione. 2/3 inferiore. Il gtot di una schermatura interna varia da 0,40
Infine va anche spiegato che una schermatura esterna paral- a 0,65. Spesso questa posizione viene privilegiata proprio in
lela al vetro molto efficace sia sulla radiazione diretta che su presenza di involucri continui e con vetrate solari molto pro-
quella diffusa, coprendo bene il vetro, ma non consente una tettive. Comunque una schermatura solare interna, soprat-
buona ventilazione naturale. tutto quando accoppiata a vetrate chiare (g 0,75) si rivela
una buona soluzione soprattutto nei confronti del controllo
Schermi esterni in proiezione sulla vetrata della radiazione diffusa, anche delle facciate esposte a Nord.
Questa soluzione presuppone che la tenda lavori per proiezio-
ne dombra sulla vetrata, e pertanto potr essere molto pi ef- Schermi integrati
ficace sulla radiazione diretta (a seconda del telo) in funzione Nellintercapedine tra i due pannelli della vetrata isolante or-
dellora del giorno e dellangolo solare, ma meno su quella dif- mai possibile posizionare uno schermo miniaturizzato che op-
portunamente manovrato permette di migliorare di molto le
prestazioni solari della vetrocamera. Questa installazione dal
punto di vista progettuale la meno invasiva e la pi pulita.
Limpatto con il progetto comunque differente a seconda se
si tratti di un serramento semplice o di una facciata composta
o strutturale. La prestazione solare si colloca esattamente a
met tra il massimo risultato offerto dalla tenda esterna e il mi-
nimo dellinterna. Pertanto a parit di vetro e telo impiegati, il
gtot pu variare tra 0,30 e 0,45. Questa soluzione si rivela par-
ticolarmente efficace sia sulla radiazione diretta che su quella
riflessa, mentre la porzione diffusa non intercettata in modo
ottimale, proprio per la doppia riflessione innescata dallo
schermo tra i due vetri.

Schermi integrati in cellula di facciata o doppia pelle


3. Progettare con le schermature solari

La tecnologia dellinvolucro a doppia pelle con capacit adat-


tativa riunisce nel modulo di facciata varie funzioni: protezio-
ne, isolamento, Daylighting e anche produzione di energia
tramite pannelli fotovoltaici. Le schermature inserite in queste
cellule si comportano funzionalmente come schermature
esterne posizionate davanti alla vetrata con il vantaggio di ri-
manere riparate dagli agenti atmosferici e dal vento proprio
come una schermatura interna. Dal punto di vista progettuale
questa soluzione la pi complessa poich presuppone che
linvolucro sia appunto di tipo modulare, ma pu essere adot-
tata in edifici con sviluppo verticale elevato. La prestazione so-
lare non pu essere determinata utilizzando gli algoritmi stan-
dardizzati della normativa12, ma con buona approssimazione
Figura 9 - Torre Espacio, si pu calcolare il gtot assimilando questa situazione alle con-
Madrid arch. H.N. Cobb dizioni della tenda esterna, anche se questo approccio trop-
2007 po conservativo.

12 Cfr. Formule di calcolo della norma UNI EN 13363.1-2:2008

170
Scelta della forma e tipologia dei dispositivi vole spreco di risorse energetiche e di comfort visuale.
schermanti Per esempio: il gtot di 0,20 pu essere raggiunto con uno
La tipologia, dimensione e modello operativo del dispositivo schermo esterno di colore scuro (e,tot di 0,06+qitot di 0,14)
di protezione solare altrettanto prioritario e deve essere cor- oppure con uno chiaro (e, tot di 0,12+qitot di 0,08). Pur a pa-
relato alle condizioni e quantit di radiazione solare diretta, dif- rit di risultato solare avremo per due schermi con compor-
fusa o riflessa incidente sulla superficie da proteggere. tamento differente: quello scuro che lavora per assorbimento
Lo schermo ideale deve bloccare la radiazione solare ma non ed emissione con notevole attenuazione luminosa, quello
ostruire la vista esterna e la ventilazione naturale attraverso le chiaro per riflessione e trasmissione diretta e forte diffusione
finestre. luminosa.
La differenza sostanziale tra le varie soluzioni di schermi esi-
stenti, nel principio di funzionamento del corpo schermante: Scelta in funzione della luminosit naturale
schermi con telo continuo opaco, efficaci nel bloccare le e del Daylight Factor
due componenti diretta e diffusa della radiazione solare e Una diversa procedura progettuale, molto seguita nella realiz-
luminosa, ma che riducono la ventilazione naturale e la vi- zazione di edilizia terziaria, la valutazione della schermatura
sta esterna; idonea in base al fattore di trasmissione luminosa totale v,tot
schermi con telo filtrante, efficaci sulla componente diffusa e del Fattore di luce diurna o DF.14
e meno sulla diretta (a seconda del fattore di apertura OF) Una schermatura quando viene installata parallelamente al
schermi con telo a segmenti orientabili, o a lamelle, effica- vetro ne modifica il fattore di trasmissione ottica riducendo-
ci nel regolare sia la radiazione diretta che la diffusa in mo- lo rispetto alla componente diffusa e soprattutto rispetto al-
do micrometrico e gestire le due componenti in funzione le componenti diretta e riflessa, contro le quali le vetrate so-
delle condizioni ambientali; lari o selettive si rivelano poco efficaci. Per le schermature a
schermi con segmenti fissi, efficaci sulla radiazione diretta telo tessile, per agevolare la distribuzione della luminosit
ma insufficienti a controllare la parte diffusa o riflessa inci- naturale senza effetti di abbagliamento tipici della compo-
dente. nente diretta, necessario orientare la scelta su tessuti me-
diamente opachi o con fattore di apertura minimo e co-
Scelta in funzione del fattore solare munque non superiore a 5-6% per le facciate a Sud, men-
Il fattore solare gtot o in caso di sua indeterminatezza la com- tre si pu gestire un buon controllo luminoso a Nord con
ponente primaria e, tot spesso preso a riferimento per la fattori di apertura fino al 10-12%. Sul controllo della com-
scelta e il dimensionamento delle schermature, soprattutto in ponente diffusa, soprattutto se di origine riflessa o zenitale
fase di progetto. Questo approccio che previlegia la prestazio- gioca un ruolo importante il colore del tessuto, in quanto un
ne solare, non sempre corretto dal punto di vista del be- telo scuro attenuer una porzione maggiore di luce diffusa
nessere abitativo. Se lobiettivo quello di raggiungere bassi di uno chiaro.
valori di trasmissione solare estivi, un fattore gtot inferiore a Dopo aver effettuato la scelta del tessuto, si pu procedere al-
0,20 fondamentale. Nei mesi invernali per in base alle la verifica del DF. Questo metodo si basa sulla raccolta dei va-
condizioni climatiche, pu essere necessario sfruttare anche lori fotometrici rilevanti attraverso una simulazione puntuale di
gli scarsi apporti passivi per migliorare il comfort termico, e in ogni locale da schermare confrontandolo con la rilevazione
questo caso una scelta progettuale effettuata solo in base al strumentale dellintensit luminosa effettivamente misurata in
fattore solare non sempre la mossa vincente. A parit di va- un punto del cielo coperto a mezzogiorno. In alternativa an-
lori solari statici, possibile correggere la prestazione del te- che possibile simulare gli ambienti schermati con appositi pro-
lo sfruttando anche le caratteristiche di movimento della grammi per calcolatore a interfaccia grafica previo inserimen-
schermatura. Quando possibile si consiglia di posizionare in to dei dati di ingresso corretti anche dai file di progetto origi-
esterno lo schermo, per assicurare il valore pi basso di fat- nari in formato CAD. Questa analisi se realizzata preventiva-
tore solare. Oltre a questo aspetto, sono da considerare im- mente alla realizzazione del manufatto edilizio, aiuta a preve-
portanti sia il colore del telo che il materiale di cui compo- nire i disagi dovuti a eccessi di luce naturale in alcuni momen-
sto, cos come la tipologia costruttiva (tessuto, lamelle, do- ti del giorno e aiuta a distribuire le postazioni di lavoro al vi-
ghe). Queste variabili infatti influenzano e determinano valo- deoterminale negli uffici. Il metodo del DF prendendo a para-
ri di trasmissione primaria e, tot e secondaria qi tot , e possono metro il cielo coperto, valuta le condizioni di luminosit inter-
a parit di valore di gtot modificare la qualit totale della scher- na solo rispetto alle componenti del flusso luminoso diffuso e
matura solare.13 zenitale ma non di quello diretto. Per questa ragione e per la
Un altro aspetto il rapporto luminoso. Previlegiare il fatto- complessit operativa, il metodo del DF pi spesso seguito
re solare pu rendere la schermatura troppo penalizzante per effettuare un controllo a posteriori delle qualit ottico-lu-
sul piano luminoso, e dover rendere necessario il ricorso al- minose degli schermi adottati che per la loro scelta o dimen-
lilluminazione artificiale anche nelle ore diurne, con note- sionamento15.

13In questo caso vanno ricercati i valori di trasmissione primaria e secondaria per valutare il gtot ricordando che dalla UNI EN 13363.1 si ha
che qitot= gtot-e,tot.
14 Per una definizione del DF vedasi alla pag. 157.
15 Per un approfondimento sui programmi disponibili vedi allAppendice pag. 242.

171
3. Progettare con le schermature solari

Figura 10 - La scelta delle


schermature esterne richiede
coerenza progettuale,
Edificio Panamericano,
Montevideo,
arch. R. Sichero 1959

172
Tabella 2 - Prestazioni solari delle schermature, gtot calcolato secondo lalgoritmo della UNI EN 13363.1:2008 con vetrata chiara 4,22,4
g 0,75 e Uv 2,9 (W/mqK) dati spettrali forniti da Helioscreen, Assites

Schermi in tessuto filtrante-screen

OF COLORE FILATO PES0 e,B e,B e,B g tot esterno g tot interno
8% BIANCO Screen 525g/mq 0,17 0,63 0,20 0,17 0,38
8% GRIGIO Screen 525g/mq 0,05 0,13 0,82 0,17 0,62
8% SABBIA Screen 525g/mq 0,06 0,37 0,57 0,14 0,50
8% BRONZO Screen 525g/mq 0,03 0,08 0,89 0,16 0,65
8% LINO Screen 525g/mq 0,10 0,51 0,39 0,14 0,44
8% PERLA Screen 525g/mq 0,07 0,35 0,58 0,15 0,51
8% NERO Screen 525g/mq 0,02 0,08 0,90 0,16 0,65
8% BIANCO Screen 425g/mq 0,21 0,59 0,2 0,20 0,40
12% BIANCO-SABBIA Screen 425g/mq 0,14 0,48 0,38 0,17 0,45
12% GRIGIO-BIANCO Screen 425g/mq 0,13 0,33 0,54 0,19 0,53
12% GRIGIO Screen 425g/mq 0,1 0,13 0,77 0,20 0,63
12% GRIGIO-BLU Screen 425g/mq 0,14 0,15 0,71 0,23 0,62
12% GRIGIO-SABBIA Screen 425g/mq 0,11 0,24 0,65 0,19 0,57
12% GRIGIO-NERO Screen 425g/mq 0,11 0,09 0,8 0,22 0,65
12% LINO-BIANCO Screen 425g/mq 0,19 0,54 0,27 0,20 0,43
12% LINO Screen 425g/mq 0,16 0,5 0,34 0,19 0,45
12% BIANCO-PERLA Screen 425g/mq 0,15 0,46 0,39 0,18 0,47
5% NOTTE Screen 450g/mq 0,04 0,04 0,92 0,18 0,67
5% ORO Screen 450g/mq 0,04 0,17 0,79 0,16 0,60
5% PIETRA Screen 450g/mq 0,04 0,11 0,85 0,16 0,63
5% AVORIO Screen 450g/mq 0,17 0,62 0,21 0,17 0,39
5% MARRONE Screen 450g/mq 0,14 0,53 0,33 0,17 0,43
5% DESERTO Screen 450g/mq 0,15 0,59 0,26 0,16 0,40
5% ARGENTO Screen 450g/mq 0,12 0,15 0,37 0,16 0,64
5% BIANCO NEVE Screen 450g/mq 0,19 0,64 0,17 0,18 0,38

Schermi in tessuto acrilico

OF COLORE FILATO PES0 e,B e,B e,B g tot esterno g tot interno
0% GRIGIO 300gr/mq 0,4 0,09 0,51 0,41 0,67
0% BEIGE 300gr/mq 0,4 0,11 0,49 0,41 0,66
0% BLU 300gr/mq 0,5 0,18 0,32 0,46 0,63
0% ECR 300gr/mq 0,5 0,17 0,33 0,46 0,63
0% NERO 300gr/mq 0,16 0,01 0,83 0,26 0,69
0% ROSSO 300gr/mq 0,44 0,15 0,41 0,43 0,64
0% VERDE 300gr/mq 0,15 0,03 0,82 0,25 0,68
0% PESANTE ARANCIO 360gr/mq 0,38 0,14 0,48 0,39 0,64
PESANTE
0% 360gr/mq 0,56 0,22 0,22 0,50 0,61
ARANCIO SCURO
0% PESANTE BLU 360gr/mq 0,16 0,01 0,83 0,26 0,69
PESANTE
0% 360gr/mq 0,5 0,18 0,32 0,46 0,63
BLU SCURO
0% PESANTE ECRU 360gr/mq 0,53 0,2 0,37 0,50 0,61

173
Tabella 3 - Prestazioni solari delle tende a lamelle, g tot calcolato secondo lalgoritmo della UNI EN 13363.1:2008 con vetrata: chiara
4,22,4 g 0,75 e Uv 2,9 (W/mqK), dati spettrali forniti da Hunter Douglas

Schermo a lamelle orientabili


OF COLORE e,B 45 e,B 45 e,B 45 G tot esterno G tot interno
0% specchio 0,1245 0,6225 0,253 0,14 0,38
3% specchio 3% 0,141 0,62451 0,23449 0,15 0,38
0% bianco opaco 0,105 0,525 0,37 0,14 0,43
4% bianco opaco 4% 0,1265 0,52126 0,35224 0,16 0,43
8% bianco opaco 8% 0,148 0,51584 0,33616 0,17 0,44
0% bianco lucido 0,102 0,51 0,388 0,14 0,44
6% bianco lucido 6% 0,1365 0,5148 0,3487 0,17 0,44
0% grigio chiaro 0,0855 0,4275 0,487 0,15 0,48
0% grigio medio 0,0615 0,3075 0,631 0,15 0,54
8% grigio medio 8% 0,109 0,30628 0,58472 0,18 0,54
0% grigio scuro 0,0315 0,1575 0,811 0,15 0,61
3% grigio scuro 3% 0,0495 0,1542 0,7963 0,16 0,61
0% nero 0,0075 0,0375 0,955 0,15 0,67
4% nero 4% 0,0335 0,0389 0,9276 0,17 0,67
8% nero 8% 0,0595 0,0403 0,9002 0,19 0,67
0% blu china 0,0375 0,1875 0,775 0,15 0,59
8% azzurro 8% 0,1165 0,34658 0,53692 0,18 0,52
0% verde 0,084 0,42 0,496 0,15 0,48
0% giallo 0,099 0,495 0,406 0,14 0,44
0% beige 0,093 0,465 0,442 0,15 0,46
0% daino 0,102 0,51 0,388 0,14 0,44
4% daino 4% 0,1235 0,5057 0,3708 0,16 0,44
8% daino 8% 0,1465 0,50778 0,34572 0,17 0,44
3. Progettare con le schermature solari

0% cappuccino 0,075 0,375 0,55 0,15 0,50


8% cappuccino 8% 0,121 0,37076 0,50824 0,18 0,51
0% rosso 0,0675 0,3375 0,595 0,15 0,52
0% acciaio satinato 0,1035 0,5175 0,379 0,14 0,43
0% argento 0,0645 0,3225 0,613 0,15 0,53
8% argento 4% 0,089 0,32676 0,58424 0,16 0,53
6% argento 6% 0,1005 0,32472 0,57478 0,17 0,53
8% argento 8% 0,112 0,3224 0,5656 0,18 0,53
0% oro 0,09 0,45 0,46 0,15 0,47
0% bianco basso emissivo 0,105 0,525 0,37 0,14 0,43
0% daino basso emissivo 0,102 0,51 0,388 0,14 0,44
0% argento basso emissivo 0,0645 0,3225 0,613 0,15 0,53
0% basso emissivo 0,108 0,54 0,352 0,14 0,42

174
Tabella 4 - Prestazioni solari dei principali sistemi di schermatura in base alla posizione e alla tipologia funzionale

Prestazione solare Prestazione luminosa


posizione

schermi

famiglia
energia daylighting
funzionale

tipologia Estate Inverno trasmissione diffusa diretta privacy vista esterna


azimutale
frangisole

pale orizzontali

veneziana

zenitali npd

screen
avvolgibili
mobili

oscuranti npd npd npd npd



esterno

attenuanti
a bracci

tende da sole

a caduta

a veranda

ad attico

capottine

zenitali npd
frangisole
fisse

verticali npd

griglie orizzontali npd



lamelle

veneziane
verticali

plissettate
a caduta

cellulari
interno

mobili

pacchetto

screen
avvolgibili

oscuranti npd npd npd npd


zenitali

attenuanti

veneziane

avvolgibili
mobili

Legenda
vetrocamera

plissettate insufficiente
sufficiente
cellulari buono
integrate

ottimo
griglie insufficiente
fisse

sufficiente
pellicole
buono
vetrata solare ottimo
di facciata

insufficiente
cellula
mobili

veneziana sufficiente
buono
avvolgibili ottimo

175
Dispositivi di schermatura solare lizzato in rapporto a materiali impiegati e struttura costruttiva
Tipologie funzionali rispetto alla prestazione attesa.
Esistono due famiglie di schermature solari in cui raggruppare La seguente vuole rappresentare una panoramica tipologica
inizialmente in funzione della qualit del controllo solare pos- dei modelli di schermatura o tenda tecnica esistenti, mentre
sibile in risposta al mutare delle condizioni di irradiamento lu- alla sezione successiva vengono presentate le schede di pro-
minoso e di soleggiamento: dotto e dei materiali utilizzati.
1. dispositivi di protezione solare attivi;
2. dispositivi di protezione solare passivi; Schermature esterne
Sono i dispositivi di schermo solare installati direttamente da-
Sistemi attivi vanti alle aperture in facciata con o senza sottostruttura e che
Quando si scherma una finestra avvengono due fenomeni: si si integrano maggiormente con larchitettura o con linvolucro
intercetta una parte della radiazione solare diretta (quella dif- edilizio fino a divenirne parte integrante.
fusa la tralasciamo) e la si riflette verso lesterno mentre se ne
trasmette una porzione variamente grande in ragione del fat- Frangisole zenitali fissi
tore solare. In genere si tratta di griglie in materiali diversi che proiettano
Va ricordato che il fattore solare gtot un parametro adimen- ombra sugli spazi sottostanti solo quando il sole alto sul-
sionale, che esprime solo un valore in proporzione al rappor- lorizzonte. Esistono diversi tipi, anche in calcestruzzo o mura-
to tra la quantit di energia solare incidente e quella trasmes- tura, legno, metallo o vetro. Spesso la parte schermante co-
sa pertanto non influenzato dalle condizioni esterne al siste- stituita da doghe o lamelle, inclinate secondo un angolo pre-
ma vetro+tenda. Alcuni dispositivi di schermatura solare per- fissato (tilt) che ne determina loccupazione solare delloriz-
mettono invece di variare questo rapporto, al variare di fattori zonte relativo. In questo caso langolo di tilt deve essere tale
come langolo del sole sullorizzonte, qualit e quantit della da intercettare i raggi solari incidenti nelle stagioni e nelle ore
radiazione incidente. La risposta a queste sollecitazioni pu av- del giorno pi calde lasciando invece la radiazione libera di in-
venire in due modi: aumentando o riducendo la superficie cidere nei periodi freschi o freddi. Alcuni sistemi permettono
schermante come nel caso di schermi mobili o avvolgibili op- la regolazione in fase di posa dellangolo di tilt. Si tratta di un
pure modificando il rapporto tra parte opaca e parte trasparen- classico dispositivo passivo, efficace contro la radiazione diret-
te del corpo schermante come nel caso dei dispositivi costrui- ta e sotto angoli solari elevati (> 50).
ti con stecche o lamelle orientabili dallutente.
Queste soluzioni che definiamo attive sono considerate otti- Frangisole verticali fissi
mali soprattutto laddove si verificano discrete escursioni del- Modello similare al precedente, ma con la griglia dei corpi opa-
langolo solare e in applicazioni dove sia richiesto un control- chi realizzata a doghe o pale pre-orientate, installate vertical-
lo singolo o individuale, finestra per finestra. mente davanti al serramento a distanza variabile per una quin-
ta o cortina che avvolge anche tratti non finestrati e contribuen-
Sistemi passivi do a disegnare la facciata. Per avere la massima efficacia nei
Per applicazioni dove le condizioni di irraggiamento si mante- confronti della radiazione diretta, le doghe devono essere orien-
gono invece omogenee e stabili nellarco dellanno (zone sub- tate secondo langolo solare prevalente della localit in proget-
tropicali e tropicali), o dove sia richiesto lombreggiamento so- to. Il controllo solare dipende dalla tipologia di pala e dal mate-
lo in un ristretto periodo dellanno (zone comprese superiori riale usato, dallinclinazione e dal passo. In presenza di passi
ai 50 di latitudine Nord), si pu ricorrere ai dispositivi fissi, molto chiusi si riesce a ridurre considerevolmente la radiazione
verticali o zenitali, che offrono una protezione solare passiva, diffusa, ma si riduce anche lilluminamento naturale. Trattandosi
3. Progettare con le schermature solari

e non modificabile dallutente. di un sistema passivo, la migliore efficienza solare si ottiene con
un passo mai inferiore alla larghezza della stecca schermante, e
Sistemi dinamici un dispositivo di schermatura interno mirato sul Daylighting.
Unulteriore definizione tipologica espressa dal dispositivo di
schermatura solare dinamico, inteso come quel sistema che Frangisole orientabili azimutali
permette di controllare e variare in modo automatico o pro- Tipico retaggio delledilizia industriale o scolastica degli anni
grammato, anche a distanza, i coefficienti di schermatura qua- 60-70. Le pale in metallo, alluminio estruso o trafilato di se-
li la posizione (telo aperto/chiuso) o la porzione di superficie zione ogivale, sono imperniate verticalmente e movimentate
schermante rispetto al vetro (posizione intermedia)16. tramite rinvii meccanici manuali o a motore. La rotazione del-
Le varie tipologie di schermatura si possono anche raggruppa- le pale permette di seguire il percorso azimutale del Sole nel
re in funzione della loro posizione rispetto alla vetrata: cielo e regolare il flusso solare riflettendolo o rifrangendolo al-
1. schermature Esterne; linterno del locale. Recentemente gli architetti stanno rivalu-
2. schermature Interne; tando questo modello, proprio grazie alla sua capacit di in-
3. schermature Integrate (nel Sistema vetro-serramento). seguire la radiazione.17 un sistema attivo, anche se con va-
Un approfondimento ulteriore pu essere interessante se rea- lori di risposta limitati e ingombri significativi.

16 Il D.Lgs. 311/2006 allegato A introduce la definizione di schermature solari esterne dinamiche intendendo per i sistemi mobili ed esclu-

dendo gli aggetti e i dispositivi fissi. Nel testo laccezione di dinamico deve invece intendersi in senso di automatico o automatizzato.
17 Nuovo palazzo della Regione Lombardia, Pei-Coob e Caputo&Partners 2004-2010.

176
Frangisole orientabile a pale
Simile al modello precedente agisce per in moduli con pale
disposte orizzontalmente e parallele alla facciata o alle apertu-
re da schermare. La regolazione dellangolo di tilt delle pale
avviene grazie a sistemi attuatori meccanici o motorizzati. Le
pale, realizzate in vari materiali, per lo pi lamiere metalliche,
estrusi in alluminio, vetro, legno, lamiera stirata; per essere ef-
ficaci nellinterporsi tra la finestra e il Sole devono avere di-
mensioni generose e solitamente sezione a pinna, ala daereo
od ogivale. Il posizionamento distante dalla finestra da
schermare, che richiede adeguata schermatura dalla radiazio-
ne diffusa, non intercettata da questa tipologia. Questi dispo-
sitivi, esteticamente impattanti, richiedono strutture portanti
notevoli e influenzano il design dellinvolucro delledificio poi-
ch spesso ne diventano parte integrante.18

Frangisole a lamelle orientabili


Sistema attivo per antonomasia, la tenda a lamelle, detta an-
che alla veneziana o frangisole alla veneziana uno tra i pro-
dotti di protezione solare pi conosciuto e pi versatile. Con-
sta di una serie di lamelle orientabili in alluminio, legno o al-
tro metallo, sospese orizzontalmente e azionate con un mec-
canismo alloggiato in un profilo superiore. La possibilit di
orientare le lamelle di un angolo vicino a 180 assicura un
buon schermo solare a qualsiasi angolo solare di incidenza ar-
rivi la radiazione. Quando non necessario, le lamelle si posso-
no impacchettare verso lalto e liberare la finestra. La sagome
delle lamelle varia sia in disegno che in dimensione, i profili
pi commerciali sono:
la sezione arcuata con o senza nervature longitudinali da:
50, 60 e 80 mm;
la sezione a Z da 75 e 90 mm; Figura 11 - Frangisole
orientabile azimutale
la sezione a C rovesciata da 75, 90,100 e fino a 150 mm. Hunter Douglas

Figura 12 -
Frangisole
alla veneziana Figura 13 - Frangisole fisso
Griesser a pale

18Si pensi alle innumerevoli stazioni di ristoro sopraelevate degli Autogrill dove sono installati per schermare le vetrate dei caratteristici risto-
ranti a ponte sullautostrada.

177
Persiane impacchettabili Tende da sole
La persiana pieghevole o folding shutter un nuovo tipo di La tenda da sole non pi percepita dai progettisti come un
schermo oscurante molto usato in contesti con architetture sistema di ombreggiatura domestico, ma invece diventata
importanti. Il telo solare costituito da un pannello metallico una valida alternativa agli schermi solari grazie alla versatilit
composto da 2 o pi segmenti uniti da apposite cerniere. I della gamma disponibile e dei numerosi tipi di tessuti utilizza-
pannelli metallici possono essere ciechi o perforati con fattori ti. La variet di modelli realizzati negli ultimi anni si arricchita
di apertura differenti, mentre sono anche possibili pannelli co- di sistemi molto innovativi, modelli a cui la normativa obbliga-
struiti con un telaio a cornice che tende un telo in tessuto fil- toria CE ha contribuito a creare le condizioni per un notevole
trante. Limpacchettamento avviene ripiegando i pannelli per aumento della qualit media e del livello di sicurezza minimo.
sollevamento o per trascinamento laterale grazie ad un siste- Le tende da sole con funzionalit avvolgibile sono schermatu-
ma di traino inserito nei profili di guida. Questo tipo di scher- re attive, mentre le altre tipologie sono da considerare passi-
mo da considerarsi attivo. ve. Le descrizioni seguenti classificano le linee di prodotto con
caratteristiche omogenee.
Persiane scorrevoli
Schermatura azionata per traslazione laterale, le persiane scor- Tende a caduta:
revoli o sliding shutters sono costituite da uno o pi pannelli tenda a caduta, con telo avvolgibile funzionante a gravit,
scorrevoli su guide che riducono la luce libera delle aperture lancoraggio di sicurezza della barra-fondale avviene trami-
davanti a cui sono installate. I pannelli sono realizzati con telai te ganci fissati sulla ringhiera;
a cornice che alloggiano il telo vero e proprio. Il telo pu es- tenda a caduta con profili di guida laterale, per mantenere
sere realizzato da lamelle metalliche fisse o regolabili, anche il fondale in posizione durante la salita/discesa, con siste-
in legno, reti metalliche stirate, tessuto filtrante o lamiera pie- ma di aggancio terminale alla ringhiera;
na e perforata. Le persiane scorrevoli sono da considerarsi co- tenda a caduta con bracci rotanti, durante la discesa il telo
me dispositivo solare attivo. viene sbalzato verso lesterno della facciata e mantenuto in
posizione da due braccetti rotanti che ne assicurano anche
Schermature avvolgibili la giusta tensione.
Le schermature avvolgibili sono disponibili in molteplici e dif-
ferenti versioni: con guide, con o senza cassonetto. Il ruolo Tende a bracci:
dello schermo spetta al telo tessile avvolgibile che comune tenda a bracci, con sostegno semplice, per coperture luci
a tutte le tipologie. Il sistema pu essere guidato con cavetti o fino a 5 m di larghezza;
stecche di acciaio, o profilati di alluminio. tenda a bracci, con barra quadra, per superare Iuci di oltre
La qualit, colore e tipologia del tessuto impiegato (oscurante, 5 m in larghezza, lancoraggio della tenda alledificio avvie-
filtrante od opaco) determina la prestazione di controllo sola- ne in pi punti equidistanti tramite una barra che sostiene
re e luminoso. La possibilit di regolare lo svolgimento del te- il rullo alle estremit;
lo e la superficie schermante risultante in base allangolo sola- tende a bracci cassonate, soluzione esteticamente pi rifini-
re rendono questo dispositivo attivo. ta dove il cassonetto, di varie forme e misure raccoglie il te-
lo avvolto, proteggendolo dallo sporco e dalle intemperie ol-
tre a garantire molteplici modalit di fissaggio alledificio.
3. Progettare con le schermature solari

Figura 14 -
Tenda avvolgibile
Resstende Figura 15 - Tenda da solea bracci Practic

178
Capottine:
capottina fissa, realizzata con struttura metallica per tende-
re e fissare il telo solare saldato in pannelli, pu avere for-
ma geometrica regolare ma differente tra tipo e tipo;
capottina retrattile, realizzata con struttura impacchettabile,
ad ante di forma rotonda o rettangolare;
capottina retrattile a proiezione maggiorata, questo model-
lo utilizzato per aumentare langolo verticale di proiezio-
ne dellombra. In una capottina langolo dombra verticale
dipende dalla sporgenza, ma questa dimensione legata
da un rapporto proporzionale con laltezza dellimposta
della tenda; per aggettare ulteriormente la capottina si ri-
corre un pantografo che stacca la struttura della capottina
dalla parete aumentandone sporgenza senza aumentarne
laltezza.

Tende da sole a veranda:


speciale tenda avvolgibile guidata, da posizionarsi sopra le
falde inclinate o verticali di verande e logge vetrate, il fun-
zionamento a telo teso trainato.

Pergole: Figura 17 - Pergola solare


Tende ad attico:
schermatura solare a falda inclinata, utile per ombreggiare pur con alcune differenze tecniche e costruttive sostanziali, i Gibus/Progetto tenda
vari modelli esistenti si possono raggruppare in due tipologie:
zenitalmente spazi aperti come terrazzi o lastrici solari; il
pergole solari, schermatura solare di recente innovazione
telo avvolgibile teso da una molla caricata nel rullo, men-
e molto evoluta, efficace per ombreggiare zenitalmente
tre le guide laterali che fungono anche da struttura portan-
ampie superfici a cielo libero. Il telo realizzato in segmen-
te, bloccano la barra-fondale in posizione desiderata per
ti di tessuto resistente alla trazione e impacchettabile a bal-
mezzo di un fermo.
ze, sospeso tramite guide laterali scorre orizzontalmente o
in piccola pendenza; in alternativa possibile avere il telo
formato da doghe in metallo o legno, regolabili o fisse;
Figura 16 - Capottina Gibus/Progetto tenda
pergole impermeabili, sistema di schermatura solare ibri-
da, che diventa una copertura impermeabile semi-perma-
nente completa di canali scolo dellacqua piovana raccolta
dal telo. Il telo pu essere realizzato in segmenti a balze di
tessuto impermeabile, sospeso e trainato dalle guide late-
rali, o in alternativa da doghe orientabili in metallo a chiu-
sura ermetica.

Tende da giardino:
schermature solari per ampie superfici autoportanti, effica-
ci per ombreggiare zenitalmente zone dove non sia dispo-
nibile una struttura a cui appoggiarsi, il sistema in questio-
ne pu prevedere due tende a bracci contrapposte o due
capottine.

Figura 18 - Tenda da
giardino

179
Schermature Interne mm, azionato per gravit, il telo pu essere scelto in alter-
Si ricomprendono in questa categoria tutte le tende tecniche nativa anche in tessuto cellulare a nido dape con piega da
da installare internamente rispetto al vetro. 25/32/64 mm che pu contribuire a migliorare la resi-
stenza termica del serramento proprio in virt dellinterca-
Tende avvolgibili pedine daria aggiuntiva creata dalle cellule della tenda;
Le tende avvolgibili per interni pi comunemente definite a tenda combinata, dotata di un meccanismo in grado di so-
rullo contano differenti versioni: con guide, con o senza cas- spendere e movimentare due pannelli di tessuto differen-
sonetto e oscuranti anche se le diverse condizioni di stress ri- ti, per migliorare la risposta schermante, unendo per
spetto allapplicazione in esterni favoriscono luso di compo- esempio un tessuto trasparente per assicurare la massima
nentistica dimensionalmente pi ridotta. Il telo tessile avvolgi- luminosit durante il giorno e uno oscurante per la notte;
bile responsabile della prestazione solare e luminosa, che tenda a pacchetto, composta da un telo piano impac-
dipende proprio dalle qualit del tessuto utilizzato per la con- chettabile a balze regolari.
fezione. La possibilit di regolare lo svolgimento del telo e la
superficie schermante risultante in base allangolo solare ren- Tende a lamelle bande verticali
dono questo dispositivo attivo. Le tende verticali, sono realizzate da bande in tessuto, metal-
lo, legno o PVC sospese e in grado di ruotare di circa 180 sul
loro asse verticale. Sono funzionalmente lequivalente delle
Tende alla veneziana
schermature azimutali verticali. Il binario superiore di ingombri
Le tende a lamelle orizzontali godono di una grande noto-
minimi, sospende le lamelle e alloggia i meccanismi di mano-
riet nella schermatura solare interna. Le caratteristiche uni-
vra e orientamento. Anche questa tipologia permette un con-
che di compattezza e di praticit di queste schermature
trollo solare e luminoso di tipo attivo.
hanno determinato il grande successo commerciale. Il mec-
canismo di orientamento delle lamelle alloggiato intera-
Schermature Integrate nel vetrocamera
mente nel cassonetto superiore il cui ingombo ridotto
Queste soluzioni combinate schermo e vetrata isolante sigilla-
(25x25 mm), ne permette il posizionamento in qualsiasi si- ta, sono interessanti alternative sia alle schermature esterne
tuazione: a soffitto, a parete o direttamente sul fermavetro che a quelle interne. La complessit meccanica e la necessaria
dellinfisso. Le lamelle disponibili variano in larghezza da 50 miniturizzazione sono compensate da minore manutenzione e
mm fino a 15 mm. Le veneziane sono considerate una dalla facile integrazione con le vetrate in cui sono ospitate.
schermatura interna attiva.
Tende a lamelle orientabili
Tende a caduta Tecnicamente equivalenti alle tende veneziane da interno, so-
Le tipologie di tende tecniche a caduta annoverano tre versio- no state derivate in molte versioni, ognuna con ingegnose so-
ni a seconda del tipo di telo usato, disponibile in unampia luzioni di movimentazione diretta senza compromissione del-
gamma di tessuti tecnici: trasparenti, opachi, metallizzati e la tenuta della vetrocamera sigillata. Per la movimentazione si
oscuranti; oltre la possibilit di installazione sullinfisso vicino al possono avere 3 tecnologie: a slitta magnetica, a rinvio ma-
vetro le rende idonee a ridurre i fenomeni di abbagliamento gnetico ed elettrica. Le lamelle impiegate sono di larghezza da
Figura 19 - Controllo luminoso e dellirraggiamento solare diretto: 12,5 e 15/16 mm. La gamma dei colori limitata a tinte pa-
della luce naturale con una tenda plissettata, la versione composta da un pannello stello chiare e tenui, oltre ai metallizzati, per ridurre i fenome-
tenda veneziana di tessuto plissettato in pieghe regolari e costanti da 20 ni di eccessivo assorbimento luminoso ed energetico respon-
sabile dellinnesco di fogging chimico.
La veneziana in vetrocamera uno schermo solare attivo, che
3. Progettare con le schermature solari

non solo regola la trasmissione del flusso di energia solare in-


cidente, ma contribuisce a ridurre le dispersioni termiche del
serramento.

Schermi in tessuto
Tra le altre tipologie di schermatura inseribili nella vetrocame-
ra, si segnalano gli schermi in telo tessile di tipo:
avvolgibile con meccanica a rullo miniaturizzata;
a caduta plissetato da 13/15 mm o a nido dape da 20
mm.

Film e pellicole filtranti


Impropriamente definiti sistemi filtranti, le pellicole e i film so-
lari rappresentano una soluzione in retrofit da applicare alle
vetrate per ridurne la trasmissione solare. Il principio di funzio-
namento molto semplice, su un medium molto sottile vie-
ne steso uno strato di alogenuri metallici di densit variabile,
in grado di riflettere alcune o tutte le lunghezze donda dello
spettro solare. Questi filtri solari sono passivi.

180
Schermi a microlamelle tessuti Pre-contraint con PVC, realizzati da orditura in polie-
Questa tipologia annovera svariati tipi di griglie inseribili nel ve- stere pre-tesa e spalmata con fogli di PVC per fissare e pro-
trocamera, al fine di creare una barriera pi o meno efficace teggere la trama in filato, sono molto resistenti alla trazio-
alla trasmissione solare nel vetro. ne e usati per tutte le applicazioni di telo teso e trainato;
Tra i sistemi pi noti si segnalano: filtranti Pre-contraint, sono costruiti con orditura in filato di
le microlamelle pre-orientate; poliestere rivestito da PVC, dopo la tessitura vengono pre-
il carabottino di legno con passo variabile. tesi e termofissati per bloccare le maglie in posizione, so-
Il grado di protezione solare, a parit di vetro, di queste solu- no tessili filtranti realizzati in varie tipologie e pesi molto re-
zioni dipende dallangolo solare, ma rimane un valore fisso da- sistenti e adatti ad applicazione di tende con telo teso e
to che gli schermi non si muovono, quindi attuano una prote- trainato.
zione solare passiva.
Tessuti tecnici per interno
Materiali A differenza dei tessuti per esterni le applicazioni interne, o in-
Tessuti tecnici per esterno tegrate nella facciata modulare, fruiscono di condizioni di uti-
Per molti anni i tessuti per esterno sono stati realizzati a parti- lizzo meno gravose e stressanti. Le schermature interne sono
re da filati di origine naturale, cotone in primis. Poi negli anni spesso mirate a correggere gli eccessi di trasmissione solare
60 linvenzione del filato di acrilico e lintervento della fibra di dei vetri prevalentemente nello spettro luminoso, pertanto le
vetro poco dopo hanno radicalmente cambiato la disponibili- qualit salienti dei tessuti per tende tecniche interne sono:
t e la qualit della scelta tessile. La scelta oggigiorno contem- peso, espresso in gr/mq;
pla nuove combinazioni di filati e rivestimenti, in varie gram- composizione, in monofilato o in valore % tra i filati usati;
mature e collezioni colore anche a disegno. tipo di costruzione, aperta o chiusa in battute/cm e secon-
Le caratteristiche qualitative salienti di un tessuto per esterni do il senso di orditura;
da considerare sono: fattori di trasmissione solare e luminosa, e, e, v,v,U-V ;
resistenza allazione degli agenti atmosferici, misurata se- fattore di apertura, OF;
condo la solidit al colore, la resitenza agli UV e la resisten- classe di reazione al fuoco.
za allo strappo; La fiorente industria tessile italiana ed europea, ha negli anni
peso, espresso in gr/m2; reso disponibile una vasta gama di soluzioni tessili tecniche
composizione, in monofilato o in valore % tra i filati usati; specifiche per uso interno in aggiunta alle tipologie tessili ibri-
tipo di costruzione, aperta o chiusa in battute/cm e secon- de che vengono usate sia in esterno che in interno. Le princi-
do senso di orditura; pali si possono classificare di seguito:
impermeabilit allacqua, misurata secondo il test della co- tessuti filtranti leggeri, costruiti in filato di fibra di vetro rive-
lonna dacqua19; stita di PVC, sono realizzati con fattori di apertura molto
impermeabilit allaria; chiusi 1-3-5% sono impiegati in applicazione su meccani-
fattori di trasmissione solare e luminosa, e, e, v,v,U-V20; ca avvolgibile;
fattore di apertura, OF21; tessuti filtranti ecologici, frutto di recente innovazione, so-
In applicazioni per esterno viste le qualit indicate i principali no costruiti a partire da catene in filato di poliestere rinfor-
tessuti utilizzati sono: zato, tessuto e annodato in trama molto chiusa con fattori
tessuti filtranti o Screen, lavorati su filato in fibra di vetro ri- di apertura inferiori al 5%, sono interamente riciclabili e
vestito in PVC, tra le costruzioni di trama pi note si ricor- idonei ad applicazioni su meccanica avvolgibile;
dano il Serg, il Natt, il Basket e il Panama; tessuti attenuanti, con peso proporzionale allopacit, sono
tessuti opachi, ottenuti per spalmatura su ordito filtrante, costruiti su trama chiusa e da filati in poliestere o misti, an-
per chiudere lo spazio tra i nodi della trama; che ignifughi, si prestano a finissaggi diversi per impieghi
tessuti in base poli-acrilico e poliestere, utilizzati nella con- su avvolgibile, in banda verticale o plissettati;
fezione delle tende da sole, dove per ragioni decorative si tessuti oscuranti, si realizzano in due modalit diverse per
hanno a disposizione molti disegni e colori; spalmatura di coprenti su base in poliestere, oppure per
fogli in PVC opaco, usati anche nella telonatura dei mezzi accoppiatura di strati di materiale opaco, sono utilizzabili
di trasporto, vengono impiegati per applicazioni dove ser- su avvolgibili, bande verticali e plissettate;
ve impermeabilit del telo, come pergole e capottine; tessuti metallizzati, idonei a riflettere una porzione maggio-
tessuti in base PVA-PES, (polivinyl alcol-poliestere) realiz- re di radiazione sono realizzati applicando uno strato me-
zati su unorditura in poliestere termofissata e spalmata tallico su una faccia del tessuto costruito su base in polie-
con fogli di polivynile, sono molto resistenti e impermea- stere, sono utilizzabili su avvolgibili, bande verticali e plis-
bili e usati nella confezione di tende da sole, pergole e ca- settate;
pottine; tessuti cellulari, per applicazioni su meccaniche a caduta.

19Si basa sul metodo Schooper e sulla norma EN 20811. Il valore limite per la definizione di impermeabilit la resistenza ad una pressio-
ne idrostatica >= a 32mbar. In corrispondenza delle cuciture tale valore si abbassa, senza tuttavia ridurre lidrorepellenza della tenda.
20 Cfr. capitolo 2
21 Openess Factor, Cfr. capitolo 2

181
Automazioni e Controlli il posizionamento automatico in determinate condizioni
Le schermature solari mobili o dinamiche possono essere au- (per esempio la chiusura di tutte le tende di una facciata
tomatizzate in vari modi. Lautomazione permette di gestire la ad una certa ora della sera)
movimentazione del telo solare anche a distanza o senza la lorientamento preciso delle lamelle, per le tende e i fran-
presenza in loco dellutente. La tecnologia esistente, per lo pi gisole alla veneziana o di tipo verticale/azimutale, ad una
mutuata da settori pi avanzati consente anche di monitorare posizione desiderata;
le funzioni di controllo solare affidate alla schermatura. Lauto- I controlli di funzione possono essere gestiti tramite:
mazione viene affidata ad un attuatore elettromeccanico co- interruttori fissi o radio, integrati nelle pulsantiere esistenti;
munemente chiamato motore, che pu funzionare in tensio- comando a distanza con ricevitori e trasmettitori a infraros-
ne di rete o in corrente continua a 24V. In qualsiasi caso la so- si, o in radio frequenza;
la motorizzazione della tenda non sufficiente ad automatiz- centraline di comando centralizzato e di gruppo;
zare la schermatura. Per rendere una schermatura veramente comando di sollevamento/abbassamento della tenda in
automatica, necessario completare la dotazione con sistemi funzione del livello di luminosit rilevato da un sensore lu-
di controllo e di gestione in grado di attivare lo schermo minoso;
quando le condizioni ambientali o di sicurezza preimpostate lo comando di sollevamento/abbassamento della tenda
richiedono. prioritario per sicurezza al vento, pioggia;
regolazione orientamento delle lamelle in funzione di un
livello di luminosit interna preimpostato;
protocollo remoto via telefono GSM, computer connesso
in rete, moduli wireless, palmari e Internet.

Sensori e automatismi
Comando centralizzato
In caso di installazioni multiple, con pi livelli di schermature
da comandare in remoto, richiede la centralizzazione dei con-
trolli. Questa funzione possibile nel caso di qualche tenda
Figura 20 - Attuatore tubolare per avvolgibile Almont (5-10) attraverso radiocomandi con canale comune che ap-
punto attiva tutte le tende sotto tensione. Nel caso di installa-
Controlli zioni pi complesse, con tende suddivise in gruppi di piano,
Ogni tenda o schermatura a manovra elettrica una volta instal- di facciata o ad hoc da controllare simultaneamente, occorre
lata deve essere collegata alla rete elettrica e ai relativi control- ricorrere ad un progetto di centralizzazione. A seconda del ti-
li di funzione. po di collegamento attivo tra le schermature da controllare (in
Le funzioni da comandare sono: linea BUS, wireless o misto BUS-wireless) va scelta la centra-
il sollevamento e labbassamento del telo; lina adatta a inviare gli impulsi di comando. Questa tipologia
la chiusura di sicurezza in caso di emergenza; di dispositivi di controllo pu essere aggiornata e implemen-
tata con moduli timer, o sensori periferici che intervengono al
verificarsi di eventi previsti in sede di programmazione della
gestione.

Controllo orario
Una funzione utile il controllo automatico dellapertura e
3. Progettare con le schermature solari

chiusura delle schermature a determinate ore del giorno o in


giorni particolari. La funzione di controllo programmata me-
diante centralina elettronica con temporizzatore.

Controllo Anemometrico
Il problema principale delle installazioni in esterno, e in partico-
lare delle schermature con ampio rapporto di superficie come
le tende da sole lazione del vento, che con le folate improv-
vise pu danneggiare irreparabilmente la schermatura, e crea-
re condizioni di pericolo per le cose o persone e animali.
La soluzione il controllo anemomentrico, in grado di attivare
la schermatura quando le condizioni della velocit del vento
raggiungono i valori impostati. Il sensore va tarato sulla veloci-
t del vento media della zona impostando anche un tempo di
ritardo adeguato.

Luxometri
Figura 21 - Comando individuale Il controllo del livello di soleggiamento attraverso schermature
a radiofrequenza Somfy automatiche si pu rivelare molto utile, soprattutto per massi-

182
Controllo Pluviometrico
Un altro pericolo per la sicurezza delle tende esterne il for-
marsi della cosiddetta borsa dacqua a seguito di una precipi-
tazione improvvisa e intensa. La borsa dacqua si forma sui te-
li aperti e non molto inclinati quando si usano tessuti imper-
meabili o con scarsa permeabilit allacqua (acrilico, PVC,
PVA). In questi casi il carico dacqua pu danneggiare i mec-
canismi della tenda. In fase di progetto possibile prevenire
queste situazioni, soprattutto in zone soggette a precipitazioni
intense, con sensori pluviometrici collegati alla tenda o al
gruppo di schermature da controllare.

Controllo presenza
Unitamente al controllo luminoso o termico, pu essere utile
Figura 22 - Anemometro con sensore luminoso integrato
V2 lid Italia
comandare le schermature installate secondo la presenza in-
dividuale. Per esempio in un edificio adibito a uffici, oppure in
mizzare il rendimento energetico o garantire livelli minimi di il- un albergo, si potrebbe voler controllare lapertura delle tende
luminamento naturale. Il controllo luminoso viene affidato ad di facciata in modo centralizzato, ma lasciare allutente la pos-
appositi sensori fotovoltaici, o fotocellule, tarati sui valori foto- sibilit di regolazione individuale; in questo caso serve un rilie-
metrici desiderati. vo delleffettiva presenza per attivare il comando singolo instal-
I sensori esistenti hanno le seguenti caratteristiche: lato nel locale occupato oltrepassando il controllo centralizza-
crepuscolare, invia un segnale di attivazione al raggiungi- to. In questo modo le tende dei locali liberi verranno gestite
mento di una soglia di luminosit; centralmente mentre quelle dei locali impegnati saranno co-
solare, sensibili alle variazioni di intensit luminosa attiva- mandate dagli utenti presenti.
no lapertura o chiusura della tenda secondo le soglie im- I dispositivi di rilievo e controllo presenza sono di due tipolo-
postate; gie:
digitale, misura in tempo reale il flusso luminoso inciden- sensori volumetrici;
te, e invia questo dato alla centralina di controllo che ge- sensori termici;
stisce le funzioni di controllo della schermatura. sensori di inserimento badge.

183
schermature
e sistemi di tende
tecniche esistenti

sistemi ssi sistemi dinamici


secondo D.Lgs. 311/2006

frangisole a doghe frangisole a alla veneziana


frangisole a pale tende veneziane
zenitali carabottini orientabili frangisole a pale verticali
coperture tessili frangisole a pale orizzontali

persiane scorrevoli
scorrevoli pannelli scorrevoli

tende da sole retrattili


tende a caduta
avvolgibili tende a rullo
tende ad attico

persiane pieghevoli
frangisole a doghe pergole
verticali frangisole a pale impacchettabili winter-garden
carabottini cappottine
tende plissettate

capitolo 4
Schede tecniche

Le soluzioni esistenti sono molteplici, alcune il funzionamento e linstallazione finale.


di produzione industriale, bench su misura, Le schede seguenti classificano i sistemi secondo
altre confezionate ad hoc, secondo lidea progettuale la loro posizione rispetto al vetro, la loro tipologia
e le reali necessit delledificio. e funzione prevalente e ne descrivono
La norma EN12216:2005, da cui mutuiamo le caratteristiche costruttive salienti, unitamente
alcuni disegni esplosi, classifica i sistemi esistenti ai materiali, informazioni utili per predisporre
sul mercato individuando alcune caratteristiche il capitolato di progetto.
fondamentali quali la movimentazione,

La riproduzione dei disegni della norma UNI EN 12216:2005 stata autorizzata da UNI Ente Nazionale Italiano
di Unificazione. Lunica versione che fa fede quella originale reperibile in versione integrale presso UNI, Via Sannio 2
20137 Milano, tel. 02-70024200, fax 02-5515256 e-mail: diffusione@uni.com, sito internet www.uni.com
1. Schermature solari esterne
1 Frangisole 6 Frangisole 11 Tenda
zenitale, alla veneziana, ad attico,
pag. 192 pag. 202 pag. 214

2 Frangisole 7 Frangisole 12 Tenda


verticale, scorrevole, veranda,
pag. 194 pag. 204 pag. 216

3 Frangisole 8 Tenda 13 Pergola,


zenitale a caduta pag. 218
orientabile, avvolgibile,
pag. 196 pag. 206

4 Frangisole 9 Tenda a bracci 14 Capottina,


azimutale, retrattili, pag. 222
pag. 198 pag. 208

5 Frangisole 10 Tenda 15 Persiana


verticale, a caduta pieghevole,
pag. 200 con braccetti, pag. 224
pag. 212
2. Tende tecniche da interno 3. Tende tecniche integrate
16 Wintergarten, 21 Tende
pag. 226 alla veneziana,
pag. 236

17 Tende a rullo,
pag. 228

18 Tende
plissettate,
pag. 230

19 Tende
alla veneziana,
pag. 232

20 Tende verticali,
pag. 234
4. Schede tecniche Schermature solari esterne - 1. Frangisole zenitale

192
b c

e d

Tipo Frangisole zenitale


Famiglia schermature esterne fisse
Descrizione funzionale Schermatura atta a ridurre il flusso solare per proiezione
zenitale grazie a una maglia pi o meno fitta di elementi
opachi posti in orizzontale rispetto al piano da ombreggiare
Composizione il frangisole viene costruito con o senza un telaio
di sostegno per gli elementi schermanti questi vengono
posti a una distanza (passo) idonea a intercettare
la radiazione incidente in funzione dellangolo solare,
ad angoli maggiori deve corrispondere una maglia ravvicinata
Materiali gli elementi schermanti possono essere realizzati
in calcestruzzo armato, laterizio, legno, estrusi in metallo
o lamierino presso piegato
Manovra sistema fisso
Installazione in orizzontale o in falda inclinata in esterno
Prestazione solare per ombreggiamento misurabile attraverso UNI EN 14501
Prestazione luminosa N.A.

Crediti fotografici: a Lime Light/Hunter Douglas; c David Vicario; b - d - e Sergio Fabio Brivio

193
4. Schede tecniche Schermature solari esterne - 2. Frangisole verticale

c
a

194
b
d

Tipo Frangisole verticale


Famiglia Schermature esterne fisse
Descrizione funzionale schermatura posta in parallelo alla superficie da schermare riducendo il flusso solare
incidente per riflessione
Composizione il frangisole viene costruito con o senza un telaio di sostegno per gli elementi
schermanti (pale, doghe o stecche) e questi vengono posti a una distanza (passo)
idonea a intercettare la radiazione incidente in funzione dellangolo solare, ad angoli
minori deve corrispondere una maglia ravvicinata

Materiali le pale, doghe o stecche schermanti possono essere realizzate in vetro, calcestruzzo
armato, laterizio, legno, estrusi in metallo o lamierino presso piegato
Manovra sistema fisso
Installazione in verticale e in esterno
Prestazione solare secondo EN 14501
Prestazione luminosa n.a.

Crediti fotografici: a - b Sergio Fabio Brivio; c - d Hunter Douglas

195
4. Schede tecniche Schermature solari esterne - 3. Frangisole zenitale orientabile

c
a

196
b
d e

Tipo Frangisole Zenitale Orientabile

Famiglia schermature esterne orientabili

schermatura atta a ridurre il flusso solare per proiezione zenitale grazie a una maglia
Descrizione funzionale pi o meno fitta di elementi opachi posti in orizzontale rispetto al piano da
ombreggiare

il frangisole viene costruito con un telaio di sostegno


Composizione per gli elementi schermanti e questi vengono ruotati tramite attuatori, fino a
intercettare la radiazione incidente in funzione dellangolo solare

gli elementi schermanti possono essere realizzati in legno, estrusi in metallo,


Materiali
lamierino presso piegato, o in tessuto

manuale tramite rinvio meccanico


Manovra
elettrica tramite attuatore lineare motorizzato a 230V

Installazione in orizzontale o in falda inclinata in esterno

Prestazione solare secondo EN 14501

Prestazione luminosa n.a.

Crediti fotografici: a Sergio Fabio Brivio; b - c Frigerio Tende; e Overlight; d Hunter Douglas

197
4. Schede tecniche Schermature solari esterne - 4. Frangisole azimutale

198
b
c

Tipo Frangisole azimutale


Famiglia schermature esterne orientabili
Descrizione funzionale sistema di schermatura sul piano azimutale, per mezzo di pale o stecche orientabili
sullasse verticale per seguire langolazione azimutale solare diurna

Composizione schermatura composta da sistema di guida con funzione di supporto, e rotazione


delle pale posizionate verticalmente
meccanismo di manovra inserito nelle guide
elementi schermanti realizzati da pale rigide e opache o perforate affiancate
Materiali binari di guida in acciaio
pale in alluminio estruso, acciaio inox, vetro, legno o lamierino presso-piegato
Manovra manuale tramite rinvio meccanico
elettrica tramite attuatore lineare motorizzato a 230V
Installazione esternamente al serramento e parallelamente alla vetrata
Prestazione solare secondo EN 13363.1-2
Prestazione luminosa secondo EN 13363.1-2

Crediti fotografici: a LimeLight/Hunter Douglas; b - c Sergio Fabio Brivio

199
4. Schede tecniche Schermature solari esterne - 5. Frangisole verticale

c
a

200
b
d e

Tipo Frangisole verticale

Famiglia schermature esterne orientabili

sistema di schermatura con elementi opachi regolabili


Descrizione funzionale
sullasse orizzontale per intercettare la radiazione incidente
secondo lasse solare

schermatura composta da un telaio che alloggia il sistema


Composizione di sospensione e rotazione degli elementi schermanti
(pale o stecche)

le pale sono realizzate in vetro, legno, alluminio estruso,


Materiali
lamierino metallico presso-piegato

manuale tramite rinvio meccanico


Manovra
elettrica tramite attuatore lineare motorizzato a 230V

Installazione parallelamente alla vetrata, o a sporgere

Prestazione solare secondo EN 14501

Prestazione luminosa n.a.

Crediti fotografici: a - b - c - e - f LimeLight/Hunter Douglas; d NBK terrart

201
4. Schede tecniche Schermature solari esterne - 6. Frangisole alla veneziana

202
a
b

Tipo Frangisole alla veneziana

Famiglia tende tecniche da esterno orientabili

Descrizione funzionale tenda a caduta con lamelle sospese sollevabili


e orientabili, guidate, per permettere un controllo
micrometrico della radiazione incidente
Composizione telo composto da sottili lamelle con larghezza variabile da:
50 mm a 150 mm
sistema di guide in cavo, o profilato metallico
meccanismi di movimentazione inseriti nel cassonetto
superiore
Materiali lamelle realizzate in nastro di alluminio preformato,
in estruso di alluminio, in legno
binari in profilato metallico, o in estruso di alluminio
corde, nastri e scalette in terilene
componenti meccanici in nylon, delrin e metallo stampato
Manovra manuale tramite arganello rinviato e demoltiplicato
elettrica tramite attuatore motorizzato a cassetta o tubolare a
230V
Installazione parallelamente al vetro, direttamente sul serramento
o in facciata
Prestazione solare secondo EN 13363.1-2

Crediti fotografici: a - b Sergio Fabio Brivio; c Griesser Prestazione luminosa secondo EN 13363.1-2

203
4. Schede tecniche Schermature solari esterne - 7. Frangisole scorrevole

204
b
a
c d

Tipo Frangisole scorrevole


Famiglia persiane e oscuranti
Descrizione funzionale pannello scorrevole su guide parallele al piano di facciata
la persiana pu essere regolabile e permettere un controllo
micrometrico della radiazione incidente
in alternativa
il pannello schermante pu essere pieno o trasparente
e filtrare solo una porzione della radiazione incidente
Composizione sistema composto da guide, blocchi di sicurezza
e sospensione del pannello scorrevole, che composto da
stecche inclinate, anche regolabili mediante rotazione
in alternativa
il pannello schermante realizzato da un telaio in metallo
che sostiene il telo pieno o perforato,
Materiali la persiana ha stecche fisse o regolabili, realizzate in metallo,
legno, PVC, vetro
in alternativa
il telo realizzato in lamiera composita, anche forata,
in legno, in PVC, in vetro solare o fotovoltaico, in tessuto
metallico, lamiera stirata (stretch-metal) o tessuto screen
il sistema di guida in profilato metallico
Manovra manuale a strappo
elettrica tramite attuatore lineare motorizzato a 230V
Installazione parallelamente al serramento, su loggia, o in facciata
Prestazione solare secondo EN 13363.1-2
Prestazione luminosa secondo EN 13363.1-2

Crediti fotografici: a - b - d LimeLight/Hunter Douglas; c - e Abba

205
4. Schede tecniche Schermature solari esterne - 8. Tenda a caduta avvolgibile

e
a

206
d

c
b
g

Tipo Tenda a caduta avvolgibile


Famiglia tende tecniche da esterno avvolgibili
Descrizione funzionale sistema di schermatura per mezzo di un telo tessile
a caduta per svolgimento dal rullo di supporto, il telo
pu essere bloccato in qualsiasi posizione della sua corsa

Composizione meccanismo di sospensione del telo tramite rullo


di avvolgimento, e telo scorrevole su guide laterali
che lo mantengono in posizione

Materiali rullo realizzato in acciaio o alluminio estruso, di diametro


variabile tra 45 e 100 mm c.a.
telo realizzato in tessuti screen, acrilici o PVC
guide in cavo, asta o profilato estruso

Manovra manuale tramite arganello rinviato


elettrica tramite motoriduttore tubolare a 230V

Installazione davanti al serramento, in facciata o in nicchia, sempre


parallelamente al vetro

Prestazione sola secondo EN 13363.1-2


Prestazione luminosa secondo EN 13363.1-2

Crediti fotografici: a - c - d - e - f - g Resstende; b Helioscreen

207
4. Schede tecniche Schermature solari esterne - 9. Tenda a bracci retrattili

c
a

208
b
d e

209
4. Schede tecniche Schermature solari esterne - 9. Tenda a bracci retrattili

210
i l

Tipo Tenda a bracci retrattili


Famiglia tende da sole
Descrizione funzionale schermatura a proiezione dombra, tramite telo tessile aperto
da bracci retrattili e avvolto su rullo
Composizione armatura e sistema di movimentazione del telo tramite
bracci snodati e retrattili
rullo di avvolgimento sospeso da supporti o barra quadra
telo tessile
Materiali armatura in alluminio estruso
rullo in acciaio
eventuale cassonetto in alluminio estruso
telo in tessuto acrilico, screen o spalmato
Manovra manuale tramite arganello rinviato
elettrica tramite motoriduttore tubolare a 230V
Installazione a parete, soffitto con proiezione obliqua del telo
Prestazione solare secondo EN 14501
Prestazione luminosa n.a.

Crediti fotografici: a - e - f - g - l Pratic; b - c - h Gibus/Progetto Tenda; d Sergio Fabio Brivio

211
4. Schede tecniche Schermature solari esterne - 10. Tenda a caduta con braccetti

212
b
c d

Tipo Tenda a caduta con braccetti


Famiglia tende da sole
Descrizione funzionale schermatura a proiezione dombra, tramite telo tessile aperto
da bracci ruotanti e avvolto su rullo
Composizione armatura e sistema di movimentazione del telo tramite
braccetti a spinta ruotanti e aggettanti
rullo di avvolgimento sospeso da supporti o barra quadra
telo tessile
Materiali armatura in alluminio estruso
rullo in acciaio
eventuale cassonetto in alluminio estruso
telo in tessuto acrilico, screen o spalmato
Manovra manuale tramite arganello rinviato
elettrica tramite motoriduttore tubolare a 230V
Installazione a parete, soffitto con proiezione del telo parallelamente alla
vetrata
Prestazione solare secondo EN 13363.1-2
Prestazione luminosa secondo EN 13363.1-2

Crediti fotografici: a - b Gibus/Progetto Tenda; c - d Resstende

213
4. Schede tecniche Schermature solari esterne - 11. Tenda ad attico

c
a

214
b
d

Tipo Tenda ad attico


Famiglia tende da sole
Descrizione funzionale schermatura a proiezione dombra, tramite telo teso e
scorrevole su guide in orizzontale e/o oblique e verticali,
avvolto su rullo
Composizione armatura e sistema di movimentazione del telo tramite
guide rettilinee, con raccordi curvi, che alloggiano cavi
o cinghie di traino, supporti rompi-tratta intermedi anti-vento
rullo di avvolgimento, con molla di richiamo telo tessile
Materiali armatura in alluminio estruso
rullo in acciaio o alluminio
cassonetto in alluminio estruso
telo in tessuto acrilico, screen o spalmato
Manovra manuale a strappo tramite corda di traino e blocco
a galloccia di sicurezza
elettrica tramite motoriduttore tubolare a 230V e cinghie
rinviate
Installazione a parete, su struttura di sospensione realizzata ad hoc, con
proiezione orizzontale/obliqua del telo
in alternativa struttura autoportante realizzata con guide
verticali per scorrimento del telo da cielo a terra, con
raccordi curvilinei tra i due segmenti
Prestazione solare secondo EN 14501
Prestazione luminosa n.a.

Crediti fotografici: a - d Gibus/Progetto Tenda; b - c Sergio Fabio Brivio

215
4. Schede tecniche Schermature solari esterne - 12. Tenda veranda

c
a

216
b
d

Tipo Tenda a veranda


Famiglia tende da sole
Descrizione funzionale schermatura a proiezione dombra, tramite telo teso
e scorrevole su guide in orizzontale o in bassa inclinazione,
avvolto su rullo
Composizione armatura e sistema di movimentazione del telo tramite
guide rettilinee che alloggiano cavi o cinghie di traino,
rullo di avvolgimento, con molla di richiamo
telo tessile
Materiali armatura in alluminio estruso
rullo in acciaio o alluminio
cassonetto in alluminio estruso
telo in tessuto acrilico, screen o spalmato
Manovra elettrica tramite motoriduttore tubolare a 230V e cinghie
rinviate
Installazione sopra il serramento orizzontale della veranda,
e solidalmente con questo a breve distanza,
o del lucernario, in posizione orizzontale o inclinata fino
a 15-20
Prestazione solare secondo EN 13363.1-2
Prestazione luminosa secondo EN 13363.1-2

Crediti fotografici: a - c Sergio Fabio Brivio; b - d Resstende

217
4. Schede tecniche Schermature solari esterne - 13. Pergola

218
b
c

219
4. Schede tecniche Schermature solari esterne - 13. pergola

220
f
g h

l Tipo Pergola
Famiglia tende da sole
Descrizione funzionale schermatura a proiezione dombra, tramite telo teso,
a balze impacchettabili e scorrevole su guide in orizzontale
e/o obliquo
Composizione armatura e sistema di movimentazione del telo tramite
guide rettilinee o curve, con alloggiati cavi o cinghie
di traino, supporti e inserti rompitratta intermedi
sistema di richiamo del telo tessile per mezzo
di impacchettamento laterale o bilaterale
In alcuni modelli possibile la tenuta allacqua piovana
Materiali armatura di guida e sospensione in alluminio estruso, anche
su struttura ad hoc
eventuale cassonetto in alluminio estruso
telo in tessuto acrilico, screen o spalmato
Manovra elettrica tramite motoriduttore tubolare a 230V e cinghie
rinviate
Installazione a parete, su struttura ad hoc, con proiezione
orizzontale/obliqua del telo
Prestazione solare secondo EN 14501
Prestazione luminosa n.a.

Crediti fotografici: a Corradi S.p.A. - b - c - e - f - i - l Pratic; d - g Gibus/ProgettoTenda; h Frigerio Tende

221
4. Schede tecniche Schermature solari esterne - 14. Capottina

c
a

222
b
d e

Tipo Cappottina

Famiglia tenda da sole

schermatura a proiezione dombra, tramite telo steccato


Descrizione funzionale
a raggi e teso in orizzontale e/o obliquo, impacchettabile

armatura e sistema di steccatura e tensione del telo tramite


inserti rigidi
Composizione
meccanismo di richiamo a fune
telo tessile

armatura a raggiera in alluminio estruso


Materiali
telo in tessuto acrilico, screen o spalmato

manuale a strappo tramite cinghia di sollevamento


e blocco di sicurezza a galloccia
Manovra
elettrica tramite motoriduttore tubolare a 230V e cinghie di
richiamo

Installazione a parete a sporgere

Prestazione solare secondo EN 14501

Prestazione luminosa n.a.

Crediti fotografici: a - e Gibus/ProgettoTenda; b Gruppo tenda, c Sergio Fabio Brivio; d Pratic

223
4. Schede tecniche Schermature solari esterne - 15. Persiana pieghevole

224
c d

e Tipo Persiana pieghevole


Famiglia persiane e oscuranti
Descrizione funzionale persiana pieghevole e impacchettabile su guide verticali
parallele al piano di facciata
il pannello pu essere regolabile micro metricamente,
pieno o forato per permettere un controllo micrometrico della
radiazione incidente

Composizione sistema di sollevamento composto da guide, cinghie


e cerniere di sospensione del pannello
pannello costituito da telaio e telo opaco o filtrante
Materiali la persiana ha lelemento schermate realizzato in lamiera
composita, legno, PVC, vetro, rete stirata, tessuto screen
il sistema di guida in profilato metallico integrato
in facciata

Manovra manuale a frizione


elettrica tramite attuatore lineare motorizzato a 230V
Installazione parallelamente al serramento, su loggia, o in facciata
Prestazione solare secondo EN 13363.1-2
Prestazione luminosa secondo EN 13363.1-2

Crediti fotografici: a - d Limelight/Hunter Douglas; b Mirn Kambic; c - e Sergio Fabio Brivio

225
4. Schede tecniche Tende tecniche da interno - 16. Wintergarten

c
a

226
b
d e

g Tipo Winter garden


Famiglia tende tecniche da Interno
Descrizione funzionale schermatura filtrante zenitale, applicabile sotto via
a lucernari, coperture trasparenti, funzionante tramite telo teso
trainato, scorrevole su guide in orizzontale e/o obliquo
Composizione struttura e sistema di sospensione e movimentazione
del telo tramite guide rettilinee, con di traino, supporti
ed inserti intermedi
sistema di traino del telo tessile per mezzo di cavi
o cinghie, con impacchettamento laterale o bilaterale
telo confezionato a balze impacchettabili

Materiali struttura di guida e sospensione in alluminio estruso,


eventuale cassonetto in alluminio estruso
telo in tessuto filtrante screen, oscurante, o opaco
Manovra elettrica tramite motoriduttore tubolare a 230V e cinghie
rinviate
Installazione a parete, sotto il lucernario, la copertura vetrata
Prestazione solare secondo EN 13363.1-2
Prestazione luminosa secondo EN 13363.1-2

Crediti fotografici: a - c - e Silent Gliss Italia; b - d Resstende; f - g Sergio Fabio Brivio

227
4. Schede tecniche Tende tecniche da interno - 17. Tende a rullo

228
e

d
c
b
f g

Tipo Tenda a rullo


Famiglia tende tecniche da interno avvolgibili
Descrizione funzionale schermatura per mezzo di un telo tessile a caduta
per svolgimento dal rullo di supporto, il telo che funge
da filtro solare pu essere bloccato in qualsiasi posizione della
sua corsa
Composizione meccanismo di sospensione del telo tramite rullo
di avvolgimento, con molla di richiamo, telo tessile libero,
o guidato
Materiali rullo realizzato in acciaio o alluminio estruso, di diametro
variabile tra 25 e 80 mm c.a.
telo tessile realizzato in tessuti screen, poliestere, misti
naturali, oscuranti in PVC
guide in cavo, asta o profilato estruso
Manovra manuale a molla, catenella, corda senza fine
e monocomando ad arganello rinviato
elettrica tramite motoriduttore tubolare a 24V o 230V
Installazione dietro al serramento, in nicchia, fuori nicchia e sempre
parallelamente al vetro
Prestazione solare secondo EN 13363.1-2
Prestazione luminosa secondo EN 13363.1-2

Crediti fotografici: a Omnitex; b Abba; c Pellini; d - e - f - g Luxaflex; h Helioscreen

229
4. Schede tecniche Tende tecniche da interno - 18. Tende plissettate

230
c
b
d e

Tipo Tenda plissettata


Famiglia tende tecniche da interno a caduta
Descrizione funzionale sistema di schermatura per mezzo di un telo in tessuto
plissettato, a caduta libera o guidata
in alternativa il telo pu avere struttura cellulare a nido dape
per una maggiore coibentazione e resistenza
Composizione meccanismi di sospensione e manovra alloggiati
nel binario superiore o inferiore
telo movimentato tramite corde o nastri di sollevamento
Materiali binari in profilato di alluminio estruso
telo schermante in tessuto pliss realizzato in poliestere,
anche ignifugo
le pieghe hanno dimensione di 20 mm
in alternativa il telo pu essere realizzato con tessuti cellulari
a nido dape con pieghe da 25, 32 e 64 mm
Manovra manuale, tramite corda di sollevamento e blocca corde,
catenella senza fine
elettrica tramite motore tubolare da 24V
Installazione sul serramento, in nicchia, fuori nicchia e sempre
parallelamente al vetro
Prestazione solare secondo EN 13363.1-2
Prestazione luminosa secondo EN 13363.1-2

Crediti fotografici: a - b - c - d - e Luxaflex

231
4. Schede tecniche Tende tecniche da interno - 19. Tende alla veneziana

232
c
b
d e

g f

Tipo Tende alla veneziana


Famiglia tende tecniche da interno orientabile
Descrizione funzionale tenda a caduta con lamelle sospese e orientabili
e sollevabili, anche guidate per permettere un controllo
micrometrico della radiazione solare incidente
Composizione meccanismi di movimentazione e sollevamento delle lamelle
tramite corde, o nastri, inseriti nel cassonetto superiore
telo composto da sottili lamelle con larghezza variabile da:
15/16/25/35 e 50 mm
sistema di guide in cavo metallico
Materiali lamelle realizzate in nastro di alluminio preformato e verniciato,
in alternativa in legno
binari in profilato metallico, o in estruso di alluminio
corde, scalette in terilene
componenti meccanici in nylon, delrin e metallo stampato
Manovra manuale tramite corda e asta di orientamento, catenella
senza fine o monocomando ad arganello rinviato
elettrica tramite motore tubolare a 24V o 230V
Installazione davanti o direttamente sul serramento, in nicchia, sempre
parallelamente al vetro
Prestazione solare secondo EN 13363.1-2
Prestazione luminosa secondo EN 13363.1-2

Crediti fotografici: a Helioscreen; b - e - d - f Luxaflex; c - g Sergio Fabio Brivio

233
4. Schede tecniche Tende tecniche da interno - 20. Tende verticali

234
b c

Tipo Tenda veneziana a bande verticali


Famiglia tende tecniche da interno orientabile
Descrizione funzionale sistema di schermatura sul piano azimutale, per mezzo
di bande orientabili sullasse verticale per seguire
langolazione azimutale solare diurna
Composizione schermatura composta da sistema di sospensione,
traslazione e regolazione delle bande, inserito nel binario
superiore
telo schermante realizzato con bande o strisce verticali
agganciate al binario superiore
Materiali binario di guida in estruso di alluminio
bande o strisce in misura variabile da: 63, 89, 127
e 250 mm; realizzate in alluminio preformato e verniciato,
vetro, legno, tessuto screen, opaco e trasparente
in poliestere
Manovra manuale tramite corda e catenella di orientamento,
monocomando ad asta
elettrica tramite attuatore lineare motorizzato a 24V
Installazione davanti al serramento e parallelamente alla vetrata
Prestazione solare secondo EN 13363.1-2
Prestazione luminosa secondo EN 13363.1-2

Crediti fotografici: a - b - c Luxaflex

235
4. Schede tecniche Tende tecniche integrate - 21. Tende alla veneziana

236
c
b
e f

Tipo Tende alla veneziana in vetrocamera


Famiglia tende tecniche integrate
Descrizione funzionale tenda a caduta con lamelle, anche guidate regolabili
e sollevabili, per permettere un controllo micrometrico
della radiazione solare incidente, inserita nellintercapedine
del vetrocamera sigillato
Composizione meccanismi di movimentazione e sollevamento tramite
corde, o nastri, inseriti nel cassonetto
telo composto da sottili lamelle con larghezza variabile da:
12,5/15/16 mm
movimentazione tramite trasmissione magnetica infra-vetro
Materiali lamelle realizzate in nastro di alluminio preformato,
verniciato, anche con vernici no-fogging
binari in profilato di alluminio estruso
componenti meccanici in Delrin, Nylon, metallo
corde, snastri e scalette in poliestere
Manovra manuale tramite arganello rinviato e demoltiplicato
elettrica tramite attuatore motorizzato a cassetta
o tubolare a 230V
Installazione interna alla vetrocamera
Prestazione solare secondo EN 13363.1-2
Prestazione luminosa secondo EN 13363.1-2

Crediti fotografici: a - b - c Pellini; d - e - f Sunbell

237
Appendice

Glossario tecnico di progetto Legislazione regionale:


Programmi e software per calcolare le prestazioni D.G.R. Lombardia 31 ottobre 2007, n. 5773
delle schermature solari D.G.R. Lombardia 13 dicembre 2007, n. 15833
Legislazione europea: (stralcio)
Direttiva 2002/91/CE del Parlamento europeo e Regolamento regionale Liguria 8 novembre 2007,
del Consiglio 16 dicembre 2002 n. 6
Legislazione nazionale: Delibera regionale Emilia Romagna 16 novembre
Legge 9 gennaio 1991, n. 10 2007, n. 1730
D.Lgs. 19 agosto 2005, n. 192 Elementi di geografia astronomica
D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 Potenziale risparmio energetico e riduzione
D.Lgs. 30 maggio 2008, n. 115 di emissioni di gas serra dalle schermature solari
D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 e persiane nellUE 25
Glossario tecnico di progetto
Glosario tecnico di progetto

Il glossario seguente viene proposto nelle quattro lingue europee pi rio non n pu essere considerato definitivo, ma deve venire ag-
usate, come ausilio per agevolare la traduzione e la comprensione di giornato in ragione di nuovi dispositivi o prodotti rilasciati dallindustria
testi e capitolati inerenti le schermature o le tende tecniche. Il glossa- delle protezioni solari1.

Italiano Inglese Tedesco Francese


Schermature Solari Esterne External Sunshadings Aussensonnenschutz Protection Solaire Exterieure
Frangisole Fisso Zenitale Zenital Fixed Louvers Horizontale Sonnenblende Brise-Soleil Horizontal
Frangisole Fisso Verticale Vertical Fixed Louvers Vertikale Sonnenblende Brise-Soleil Vertical
Frangisole Zenitale Orientabile Tilting Louvers Zenitale Wendbare Sonnenblende Brise-Soleil Horizontal Orientable
Frangisole Azimutale Pivoting Louvers Vertikale Wendbare Sonnenblende Brise-Soleil Vertical Orientable
Frangisole Regolabile Tilting Louvers Lamellen Sonneblende Brise-Soleil Reglable
Frangisole Alla Veneziana Outside Venitian Blind Aussen Jalouzie Store Vnitien Extrieur
Frangisole Scorrevole Sliding Shutter Schiebeladen Panneau Coulissant
Tenda Esterna Avvolgibile External Roller Blind Aussen Rollo Store Enroulable Exterieur
Tenda A Bracci Retrattili Folding Arm Awning Gelenkarmmarkise Store Banne
Tenda A Bracci Retrattili Cassonata Cassette Folding Arm Awning Kassetten Gelenkarmmarkise Store Banne Coffre
Tenda A Bracci Retrattili C/Barra Quadra Folding Arm Awning With Mounting Bar Gelenkarmmarkise Mit Tragoer Store Banne Autoportant
Tenda A Caduta Con Braccetti Rotanti Pivot Arm Awning Fallarmmarkise Store A Projection A Litalienne
Tenda A Caduta Guidata C/S Braccetti Sliding Arm Awning/ Fallarmmarkise Store A Projection A Litalienne
Scorrevoli Side-Guide Arm Awning Store A Projection A Litalienne Guid
Tenda Ad Attico Roof Awning Terrassen Markisen Store Exterieure De Terrasse
Tenda A Veranda Conservatory Awning Wintergarten Markise Store De Veranda/Store De Verriere
Pergola Horizontal Folding Awning Horizontale Gelenkarmmarkise Store Pliable Horizontale Exterieur
Capottina Dutch Awning Korb Markise Store Corbeille
Persiana Pieghevole Folding Shutter Faltladen Panneau Pliable
Tende Tecniche Da Interno Internal Blinds Innen Jalousien Stores Dinterieur
Wintergarten Conservatory Blind/Wintergarden Wintergarten Store Pliable Horizontal
Tenda A Rullo Internal Roller Blind Rollo Store Enroulable Dinterieur
Tenda Plissettata/Tenda A Nido Dape Pleated Blind/Honeycomb Shades Faltgardine Store Pliss/Store Dabeille
Appendice

Tenda Plissettate Guidate Guided Pleated Blind Faltgardine mit Fhrung Store Pliss Guid
Tenda Alla Veneziana Venetian Blind Jalousie Store Vnitien Dinterieur
Tenda Verticale Vertical Venetian Blind Vertikale Jalousie Store Bandes Verticales
Tende Tecniche Integrate Integrated Blinds Zwischen Jalousie Stores Integrs Entre Les Vitrages
Ou Modules De Facades
Tenda Alla Veneziana Double Glazing Venetian Blind Einbau Jalousie Store Vnitien Entre Double Vitrage
Tenda Plissettate/Tende Cellulari Pleated Blind/Honeycomb Shades Einbau Faltstore/Store nid dabeille Store Pliss intgr
Tenda Micro-Rullo Micro Roller Blind Einbau Rollo Store Enroulable Entre Les Vitrages
Sistemi Di Manovra Operation Systems Antriebe Un Bedienung Systemen Sistme De Maneuvre
Corda Senza Fine Endless Cord Endlosschnur Cordon Sans Fin
Catena Senza Fine Endless Chain Endloszugkette Chainette Sans Fin
1La base per una classificazione lessicale e una traduzione corretta la norma EN 12216:2005, integrata dalla conoscenza delle consuetudini in uso nel ger-
go tecnico del settore.

240
Italiano Inglese Tedesco Francese
Tende Tecniche Integrate Integrated Blinds Zwischen Jalousie Stores Integrs Entre Les Vitrages
Ou Modules De Facades
Corda/Asta Cord/Wand Schnur/Stab Cordon/Tige
Asta/Bastone Rod/Pole Stange/Stab Baton/Lanceur
Maniglia Handle Griff Poigne
Asta Oscillante Con Manovella Crank Handle Getriebekurbel Tige Oscillante Avec Manivelle
Motore Elettrico Electrical Motor Elektromotor Moteur lectrique
Molla Spring Motor Federwelle Mouvement Ressort
Componenti e Accessori Typical Accessories Typishes Komponenten Accessoires Et Composants
Caratteristici And Components Typiques
Albero Motore Drive Shaft Antriebswelle Axe Dorientation
Asta Di Azionamento Cranck Rod Kurbelstange Ensemble Manivelle
Asta Di Controllo Sganciabile Removable Crank Rod Kurbel Abnehmbar Tige Manivelle Dcrochable
Telo Cover Tuch Toile
Banda/Pala Louvre/Vane Lamelle Bande
Binario Superiore Headrail Oberschiene Rail Superieur
Blocco Della Corda Cordlock Schnurklemme Frein De Cordon
Braccio Arm Arm Bras
Braccio A Caduta Drop Off Arm Fallarm Bras De Projection
Braccio Estensibile Folding Arm Gelenkarm Bras Articul
Profilo Di Guida Side Channel Fuehrungsschiene Profil Lateral
Catena Senza Fine Endless Chain Endloszug Chanette San Fin
Catenella Chain Kette Chanette
Contrappeso Della Corda Cordweight Schnurbeschwerer Alourdisseur
Contrappeso Inferiore Bottom Plate Beschwerungsplatte Plaquette
Corda Senza Fine Endless Cord Endlos Bedienungsschnur Corde Sans Fin
Cordone Di Azionamento Operation Cord Antriebeschnur Cordon De Tirage
Telo/Cortina Curtain Behang Toile
Cortina Di Tessuto Pieghettato Pleated Curtain Behang Toile Tissu Pli
Equalizzatore Della Corda Cord Equalizer Schnurverbinder Egalisateur De Cordon
Gruppo Di Orientamento Orizzontale Tilting/Raising Mechanism Lager Mit Wendung Und Bandspule Mecanisme Dorientation Et Leverage
e Sollevamento
Guida Guide Fuehrungsschiene Coulisse
Interruttore Switch Schalter Inverseur
Lama Slat/Fin Lamelle Lame
Lamella Strip Lamelle Lamelle
Maniglia Di Azionamento Crank Kurbel Manivelle
Meccanismo A Molla Spring Mechanism Federwelle Ressort
Meccanismo Di Regolazione Tilting Mechanism Neigungsversttellung Mecanisme Reglage Dinclination
Dellangolazione
Motore Tubolare Tubular Motor Rohrmotor Moteur Tubulaire
Orientatore Tilter Wendegetriebe Orienteur
Pacchetto Stack Paketanordnung Refoulement
Pannello Panel Laden Panneau
Profilo Profile Profile Profil
Profilo Superiore Headrail Oberschiene Caisson/Boitier
Puleggia Pulley Umlenkrolle Poulie De Renvoi
Arganello Gearbox Getriebe Treuil
Arganello Senza Fine Endless Gearbox Endlosegetriebe Mecanisme Sans Fin
Terminale/Spiaggiale Bottomrail Unterschiene Profil Infrieur
Tessuto Fabric Textil Tissu
Tubo Di Avvolgimento Rolling Tube Welle Tube Denroulement
Unit Di Attrito Friction Unit Friktionsantrieb Mechanisme A Chanette

241