Sei sulla pagina 1di 3

Il Discobolo sicuramente lopera pi nota di Mirone, nonch, data la sua fama, quasi

unicona dellarte classica greca. Nella sua immagine si cristallizzano alcune delle nostre
maggiori suggestioni legate allantica Grecia: la passione per i giochi olimpici, il culto
della perfezione del corpo umano, la calma interiore che dialoga direttamente con
leternit.

La scultura ha uno dei suoi punti di forza nella grande armonia formale della
composizione.
ARCHITETTURA:

TEMPLI GRECI, OLIMPIA e IL DIO


ZEUS

Olimpia, situata nella parte nord-occidentale del


Peloponneso in Grecia, oggi un sito archeologico
affascinante e di notevole importanza, essendo il
luogo che ha visto nascere uno dei pi grandi
eventi sportivi del pianeta dei giorni
nostri. Comprende i resti dei luoghi utilizzati per la
preparazione e la celebrazione dei Giochi Olimpici,
antichi templi, teatri e monumenti. Nel 1989
entrato a far parte dei beni protetti dallUnesco
come Patrimonio dellUmanit. Le Olimpiadi
antiche sono una celebrazione sportivo-religiosa
che si svolge ad Olimpia in onore di Zeus, dio greco
del cielo e del tuono, re e padre degli dei, sovrano
dellOlimpo. Olimpia fu scelta perch si diceva che
Zeus ci si fosse fermato a fare esercizi ginnici.

DEA NIKE

un personaggio della mitologia greca, personificazione della vittoria: viene


raffigurata come una donna con le ali, fatto da cui deriva l'appellativo di Vittoria Alata.
A lei sono stati dedicati templi apparteneti allantica Grecia. I Romani introdussero il
culto alla Dea Victoria molto tardi e per influssi ellenistici, e le prerogative della Dea
appartenevano a Iuppiter Victor, Giove vincitore.
La Dea personificava la vittoria in battaglia ed era associata a Bellona. Identificata con
la greca Nike, era raffigurata come una giovane donna alata. A Roma aveva un tempio
sul Palatino. A Roma fu spesso rappresentata mentre tocca con le mani un globo
terrestre o conferisce allimperatore lalloro del trionfo, rappresentazione del potere
imperiale.
PITTURA
Il Futurismo:

Nato nel 1909, grazie al poeta e scrittore Filippo Tommaso Marinetti, il futurismo divenne in
breve tempo il movimento artistico di maggior novit nel panorama culturale italiano. Si
rivolgeva a tutte le arti, comprendendo sia poeti che pittori, scultori, musicisti, e cos via,
proponendo in sostanza un nuovo atteggiamento nei confronti del concetto stesso di arte.
Proponeva invece un balzo in avanti, per esplorare il mondo del futuro.

Il futurismo si connota gi al suo nascere come un movimento che ha due caratteri


fondamentali:

- lesaltazione della modernit;

- limpeto irruento del fare artistico.

Il Futurismo stato il primo movimento culturale e artistico del Novecento a interessarsi al


fenomeno allora emergente dello sport, nel quale intravedeva l'essenza stessa della
modernit.