Sei sulla pagina 1di 2

Ancorante Heco Multi Monti - Manuale tecnico

Distanze dai bordi ed interassi


Tutti i sistemi di fissaggio (indipendentemente dalla tipologia) comportano la pre-
senza, nelle immediate vicinanze dellapplicazione, di tensioni dovute alla trasmis-
sione delle forze cui sono sottoposti.

La massima resistenza di un ancoraggio si ha perci quando questo risulta libero


da vincoli e cio quando vengono soddisfatte le seguenti condizioni:
A. adeguata distanza dai bordi del supporto base;
B. adeguata distanza da altri tasselli;
C. sufficiente spessore del supporto di base;
D. il fissaggio rispetta la profondit di ancoraggio raccomandata.

Distanza dal bordo Interasse inadeguato Spessore del supporto Ridotta profondit di
insufficiente di base insufficiente ancoraggio

Le distanze limite variano molto a seconda del tipo di sistema utilizzato in quanto variano le tensioni
laterali che si vengono a creare nelle fasi di installazione e di carico. Un tassello ad espansione tradi-
zionale avr quindi delle distanze critiche molto superiori a quelle per esempio di una resina chimica
che genera uno sforzo laterale molto minore. (I sistemi di ancoraggio meccanico ad espansione sono
caratterizzati da forze laterali pari circa a 3 volte il valore dello sfor-
zo normale esercitato attraverso la coppia di serraggio).

Nel caso dellancorante A, la cui distanza dal bordo compresa tra


i valori cmin e c, il carico raccomandato dovr essere moltiplicato per
lo specifico coefficiente di riduzione, come da tabella a pag.28.
Per lancorante B la distanza dal bordo maggiore del valore c per
cui questo non avr influenze rispetto ai bordi.
La parte colorata evidenzia la zona con distanza dal bordo minore
del valore cmin in cui non possibile effettuare il fissaggio pena il
fallimento dello stesso.

Nel caso in cui il fissaggio venga effettuato in prossimit di angoli


o comunque di pi di un bordo libero, nel dimensionamento del
fissaggio dovranno essere considerati tutti i vincoli derivanti dalla
presenza di distanze critiche.
Nel caso dellancorante A quindi il carico raccomandato dovr esse-
re moltiplicato sia per il fattore di influenza dovuto alla vicinanza dal
bordo 1, che per quello relativo al bordo 2.
Lancorante B non risente dellinfluenza della vicinanza ai bordi.

12
Ancorante Heco Multi Monti - Manuale tecnico

In ogni caso lancorante non dovr essere posizionato allinterno della superficie colorata di rosso,
pena la fallimento del fissaggio.
Per i gruppi di ancoranti oltre alle distanza dai bordi dovr essere considerata anche la presenza dei
tasselli adiacenti.
Nella figura di seguito si nota linfluenza della tensione
creata dallancorante nel materiale di base.

Larea grigio scuro al centro indica la superficie


compresa nel raggio di smin in cui non sar possibile
effettuare altri fissaggi. La zona immediatamente pi
esterna (grigio chiaro) delimita invece larea compresa
tra i valori smin ed s, in questa per calcolare la resisten-
za del fissaggio si dovr moltiplicare il valore di tenuta
caratteristico per lo specifico coefficiente di riduzione
dovuto allinterasse (dipendente dalla effettiva distanza
tra i punti di fissaggio).

Nel caso il gruppo di tasselli sia composto da pi di due elementi, per il calcolo del valore di resistenza
di ognuno, si dovr tenere conto dellinterazione dovuta alla presenza di distanze raccomandate da
tutti gli altri fissaggi. Nel caso di seguito presentato si nota un gruppo di quattro tasselli che potrebbero
essere installati su una piastra. Come si nota esistono delle interferenze dovute alle ridotte distanze
di interasse. Per calcolare lesatta resistenza dellancorante 1 sar quindi necessario verificare le
influenze dovute alla presenza degli altri tre tasselli. Nella figura A, in colore grigio, si notano le
intersezioni delle aree di influenza dovute ai fissaggi 2 e 3, il 4 invece non arriva a compromettere
larea di tensione superficiale del nostro fissaggio. Il valore di tenuta del tassello 1 sar quindi il risul-
tato della moltiplicazione tra il suo specifico valore di resistenza caratteristica e i fattori di influenza per
i ridotti interassi tra il nostro tassello e il 2 ed il 3.

Fig.A

13