Sei sulla pagina 1di 2

DALLA TOLLERANZA

ALLINTOLLERANZA
La Psicosintesi propone, per conoscere se stessi, la ste- La prima regola che si impone nella stesura dellinventa-
sura di un inventario degli aspetti conosciuti della rio psichico, quindi la tolleranza per le maschere e gli
propria personalit. Per la stesura dellinventario non attori, pi o meno adeguati, che recitano sul palcosce-
sufficiente una vaga consapevolezza dei contenuti psi- nico psichico o dietro le quinte. La tolleranza, propria
chici, necessaria una loro effettiva presa di coscienza, della fase analitica di se stessi, non deve, per, nascere
cio una comprensione delle loro dinamiche, unanali- dalla convinzione che non esistono alternative allessere
si critica degli stessi ed, inoltre, come presero vita nel cos strutturati, per cui tanto vale tollerarsi. In molti do-
tempo e nellambiente. Per raggiungere una reale con- mina il concetto: la natura mi ha fatto cos, non si pu
sapevolezza dei contenuti psichici, sovente contraddit- cambiare e, dunque, mi tollero come sono.
tori, occorre assumere e mantenere durante la stesura
dellinventario un atteggiamento da spettatore. Le La tolleranza deve associarsi a concetti di dialogo e
esperienze, le attivit psichiche, le conflittualit inter- confronto costruttivo con le sub personalit o con le
ne, richiedono di essere osservate obiettivamente, dal di dinamiche psichiche da modificare. Latteggiamen-
fuori, come se si trattasse di oggetti esterni dindagine. to da spettatore tollerante in questa prima fase del
Per acquisire tale atteggiamento occorre, tra laltro, che processo terapeutico rivolto alla stesura del come
10 la tolleranza sia una qualit presenti nellauto-indagine. sono,e non del come vorrei essere.
La qualit di tollerare, cio accettare nel senso forte
del termine, presuppone limpegno nellespellere ogni La sub-personalit, accolta e ascoltata, foriera di po-
sentimento di rifiuto o negazione. La tolleranza, da tol- tenzialit. La tolleranza, in questa fase dosservazione
lere, cio portare il peso, per manifestarsi richiede la e valutazione, racchiude, altres, laccettare di pensa-
disposizione a comprendere e rispettare idee e compor- re che la subpersonalit analizzata, possa aver ragione.
tamenti. Lassenza di tolleranza per alcune proprie parti Vale sempre la pena di mettersi in ascolto comprensi-
psichiche non accettate, che, pur tuttavia, generano modi vo delle sub-personalit come daltra parte, degli altri.
dessere e di relazione, porta inevitabilmente a rifiutarle Chi decide di affrontare il proprio mondo interiore non
e negarle o, sul versante opposto, a banalizzarle. pu assolutamente respingere nessun tipo dindividuali-
Allorch lindividuo non vuol prendere coscienza delle t psichica, neppure quando si tratta della pi malvagia,
sue dinamiche interne non accettate, la natura gli regala della pi miserevole o della pi ridicola in quanto essa
i meccanismi psichici di difesa, per garantirgli controllo forgiata dal nostro percorso esistenziale.
sulle emotivit negative. La tolleranza, la comprensione e la pazienza verso il
proprio mondo psichico sono il primo requisito per un
I meccanismi di difesa sono sussidi per le emergen- approccio che ne favorisca il processo evolutivo. Ta-
ze ansiogene che entrano in azione quando lan- le atteggiamento non segno di debolezza, ma, al con-
sia e langoscia si dilatano per aspetti psichici non trario, segno di carattere e forza. Se passa nella mente
tollerati. un pensiero di sfiducia, di rabbia o di sconforto verso i
personaggi interni, si faccia s che possa volar via sen-
La non-accettazione e lintolleranza per proprie dina- za lasciare traccia... e al suo posto nasca un sorriso. Un
miche psichiche stanno alla base delle nevrosi. Le sub- produttivo inventario psichico fa scorrere sullo scher-
personalit, il pi delle volte, seguono strade di pensiero mo della consapevolezza, con osservazione imparzia-
e di comportamento che non sono in linea con lim- le, le sub-personalit che si scontrano tra loro o con la
magine che il soggetto vuol presentare agli altri e a se coscienza.
stesso. La tolleranza una condizione per ben osservare e una
Il soggetto indotto, attivando i meccanismi psichici di buona osservazione alla base della conoscenza. Chi
difesa, ad analizzarsi e a stendere un inventario carente e intollerante non pu formulare immagine precise ed og-
relativo soltanto ad alcuni angoli di visuale. gettive della propria situazione psichica: non in grado
LA TOLLERANZA UN SEGNO DELLA SOVRANIT DELLA COSCIENZA

di osservare ed poco perspicace. Per inciso la tolleran-


za verso le proprie sub-personalit si acquisisce eserci-
tandosi nella tolleranza per le altre persone. Se non si
riesce in questo compito, probabile che il lavoro psico-
logico del conosci te stesso sia un fallimento.
La tolleranza un segno della sovranit della coscien-
za; il buon viso della sovranit che, dalla sua altezza,
fa capire alla subpersonalit: Non sei insopportabile,
ti lascio un posticino a casa mia, ma non dimenticarlo,
sei a casa mia... e dovrai evolvere e modificarti. Nel-
le susseguenti fasi del possiedi te stesso e trasforma
te stesso del lavoro psicologico, infatti, non pi vali-
do il detto:C una sola cosa che non posso tollerare:
lintolleranza.

Anche la tolleranza ha un limite! Una coscienza 11


troppo tollerante verso le componenti psichiche e le
sub-personalit in disaccordo con i principi e i pia-
ni esistenziali dellIo, ne fa uninetta e fallimentare
guida.

Se la coscienza non disposta a difendere il proprio pro-


getto esistenziale contro gli attacchi delle sub-personali-
t disturbanti, sar da queste distrutta e con essa la sua
tolleranza. La tolleranza diventa uno ostacolo nella fa-
se operativa del possiedi e trasforma te stesso. La co-
scienza deve tollerare le sub-personalit nella fase del
conosci te stesso, se mantiene tale atteggiamento nella
fase della trasformazione, la tolleranza si trasforma in un
macigno per il cambiamento. Se parti psichiche ledono
i principi dellIo, giusto che egli reagisca pretenden-
done il rispetto. Tutto sta a reagire in modo equilibrato
ovviamente... e questo non sempre avviene, anzi!

Geremia (particolare)
1130 Abbazia Saint - Pierre de Moissac - Francia
Pier Maria Bonacina