Sei sulla pagina 1di 284

RAPPORTO ANNUALE

EFFICIENZA ENERGETICA

2 01 2
EFFICIENZA ENERGETICA
DICEMBRE 2013

RAPPORTO ANNUALE
ENEA UTEE
Unit Tecnica Efficienza Energetica
Via Anguillarese, 301 - 00123 ROMA

Informazioni, aggiornamenti, approfondimenti e altre opportunit


relative allefficienza energetica sono disponibili sul sito:
www. efficienzaenergetica.enea.it

2012

Il Rapporto Annuale sullEfficienza Energetica stato curato dallUnit Tecnica Efficienza Energetica dellENEA sulla
basedelleinformazioniedeidatidisponibilial31dicembre2013.
Supervisione:RinoRomani
Coordinamentoredazionale:AlessandroFederici
Redazione:IlariaBertini,WalterCariani,AntonioDisi,LauraManduzio,ChiaraMartini,GabriellaMessina
Cap.1 ContestoInternazionaleeNazionale
AndreaAccorigi,ElodieBosso,LauraCozzi,AlessandroFederici,AnnaM.Slama,DavideValenzano
Cap.2 Domandaeimpieghifinalidienergia
AlessandroFederici,conilcontributodiGiuliaIorio
Cap.3 Ricercaapplicata,tecnologieestrumentialivellosettoriale
CarloAlbertoCampiotti,DavideChiaroni,MarcoChiesa,VittorioChiesa,EzildeCostanzo,RitaDiBonito,Nino
DiFranco,GaetanoFasano,FaustaFinzi,SimoneFranz,FedericoFrattini,GerminaGiagnacovo,Laura
GaetanaGiuffrida,AriannaLatini,MariaLelli,GabriellaMessina,SilviaOrchi,RiccardoRifici,AnnaM.Slama,
MatteoScoccianti,CorinnaViola,MicheleZinzi,conilcontributodiGiuliaIorio
Cap.4 Analisidelraggiungimentodegliobiettiviindicativinazionalidirisparmioenergetico
RobertoDelCiello,MoulayElAkkioui,AlessandroFederici,GiulianaGiovannelli,AlessandraGraziani,Laura
Manduzio,MarcoStefanoni,conilcontributodiMarioNocera
Cap.5 Leretidelfuturo
IlariaBertini,AndreaPaoloBondi,IlariaBottio,ChiaraFerroni,LuciaMazzoni,GianMarioMaggio,Shigeo
Miyahara,TranquilloMagnelli,BarbaraPralio,FedericoRaco
Cap.6 Comunicazione,informazioneeformazione
GianfrancoCoronas,AntonioDisi,AmaliaMartelli,EmanuelaMencarelli,LuigiMilone,GabrieleMontironi,
FrancescoPacchiano,MariaTeresaPalleschi
Cap.7 Analisidelmercatodeiprodottieserviziperlefficienzaenergetica
LucaAchilli,MicaelaAncora,VincenzoCampo,MarioConddeSatriano,FrancoDAmore,AntonioDe
Gaetano,AlessiaDiGaudio,DarioDiSanto,AlessandroFederici,BarbaraMarchetti,StefanoSonno,Giuseppe
Tomassetti,conilcontributodiEnricoArcuri,MassimoBeccarello,WalterCariani,StefaniaDeFeo,William
Mebane,EmanuelePiccinnoeAndreaStopponi
Cap.8 Performanceregionale
AlessandroFederici,GiuseppeGarofalo,GiulioGuarini,LauraManduzio,MariaAssuntaVitelli,Edoardo
Zanchini,conilcontributodiEmanuelaCaiaffa
Schederegionali
AlessandroFederici,NicolaLabia,LauraManduzio,MauroMarani,MarioNocera,conilcontributodi
GiuseppeAngelone,AntonioCalabr,NicolaCantagallo,FrancescoCappello,StefaniaCrotta,NazzarenoDe
Angelis,MaurizioGualtieri,FrancescaHugony,GiacomoIannandrea,GiovanniIannantuono,Domenico
Matera,GiacomoMauro,RosilioPallottelli,RobertaRobertoePinoTelesca
SiringraziailServizioComunicazioneENEAperilsupportoeditoriale.
Perchiarimentisuicontenutidellapubblicazionerivolgersia:
UnitTecnicaEfficienzaEnergetica
CRENEACasaccia
ViaAnguillarese,301
00123S.MariadiGaleriaRoma
email:efficienzaenergetica@enea.it
Siautorizzalariproduzioneafininoncommercialieconlacitazionedellafonte.
IlRapportoAnnualesullEfficienzaEnergeticadisponibileinformatoelettronicosulsitointernetwww.
efficienzaenergetica.enea.it.

RAPPORTOANNUALEEFFICIENZAENERGETICARAEE2012
2014ENEAAgenzianazionaleperlenuovetecnologie,lenergiaelosviluppoeconomicosostenibile
LungotevereThaondiRevel,76
00196Roma
ISBN9788882863005

Prefazione

Il terzo Rapporto Annuale sullEfficienza Energetica, relativo


allevoluzione intercorsa nel 2012, restituisce limmagine di un
Paese che ha ben recepito gli indirizzi definiti dallUnione
Europea in tema di efficienza energetica, definendo efficaci
strumentichegliconsentonodiessereinlineacongliobiettivi
quantitatividefinitinelPianodAzionenazionaleperlEfficienza
Energetica del 2011 e di guardare con fiducia allambizioso
traguardo di riduzione dei consumi energetici posto dalla
StrategiaEnergeticaNazionaleal2020.

I risparmi energetici complessivi conseguiti al 2012 grazie agli


interventi previsti dal Piano dAzione, ammontano a oltre
73.000GWh/anno,quasiil30%inpirispettoal2011.

LafotografiacheemergequelladiunItaliachenel2012hamiglioratolindicediefficienzaenergeticaper
linteraeconomiadicirca1puntopercentualerispettoallannoprecedente.Ivarisettorihannocontribuito
inmododiversoalraggiungimentodiquestorisultato:negliultimianni,infatti,ilresidenzialeelindustria
hannomostratosignificativimiglioramenti,mentreilsettoretrasportihaavutounandamentoaltalenante
caratterizzatosoltantodaunamodestavariazionecomplessiva.

SiconfermainoltreilbuonposizionamentodellItalianelcontestoeuropeointerminidiintensitenergetica,
con una performance di 19% rispetto alla media UE27 e di 14,3% rispetto alle media dellEurozona
(riferimentoal2011,ultimoannodidisponibilitdidati).Rispettoadaltripaesieuropeiconsimilesviluppo
industriale, lintensit energetica primaria dellItalia risulta inferiore del 6,3% rispetto a quella della
Germania e del 18,2% rispetto a quella della Francia, ma superiore rispetto a quella del Regno Unito
(+14,6%).

Tali risultati non possono prescindere dal fatto che la costruzione e lattuazione di politiche energetiche
sostenibilinecessitinodiunampiacomprensioneecondivisionedapartedituttigliattoricoinvolti,ancheal
finedigenerarecambiamenticomportamentalinellusodellenergia.Inquestottica,ilRapportohaaperto
unospaziodidialogoediconfrontoconiprincipalistakeholders:ungruppodilavorocompostodacirca100
espertichiamatoavalutarelevoluzioneavvenutainquestiannieacomprenderecomeandrannocostruite
le politiche energetiche del nostro futuro. Ci rappresenta un passo di quellindispensabile azione di
sensibilizzazione sui temi del risparmio e dellefficienza energetica attraverso la quale programmare
percorsiinformativiededucativimirati.

infattiquestalachiaveperraggiungereulterioriepiambiziosirisultati:soltantounadomandasempre
piconsapevoleecompetentepotressereingradodistimolareunoffertasemprepiinnovativa.

GiovanniLelli






3

Indice

INTRODUZIONE
1 ContestoInternazionaleeNazionale
1.1 Unosguardodinsieme:ilWorldEnergyOutlook dellAgenziaInternazionaledellEnergia 9
1.2 LaDirettivaEuropea2012/27/UEsullEfficienzaEnergetica 10
1.3 IlPattodeiSindaci 13
1.4 LaStrategiaEnergeticaNazionale 15
1.5 Levoluzionenormativaitaliananel2012 17
1.5.1 ModifichealmeccanismodeiTitolidiEfficienzaEnergetica 17
1.5.2 IlContoTermico 19
1.5.3 IlBurdenSharingregionale 20
1.5.4 Abrogazionedellautocertificazioneenergeticadegliedifici 20
1.5.5 IlFondoKyoto 21
1.5.6 ContributistataliperlacquistodiveicoliaBasseEmissioniComplessiveedincentiviperle
infrastrutturediricaricadeiveicolielettrici 22
1.5.7 IlFondoNazionaleperilTrasportoPubblicoLocale 22

LOSTATODELLARTE
2 Domandaeimpieghifinalidienergia
2.1 IlBilancioEnergeticoNazionale 23
2.2 Domandadienergiaprimaria 24
2.2.1 Produzionedienergiaelettrica 25
2.2.2 DomandadienergiaperabitanteneipaesidellUnioneEuropea 26
2.3 Impieghifinalidienergia 27
2.3.1 Consumidienergiaelettrica 28
2.3.2 ImpieghifinalidienergiaperabitanteneipaesidellUnioneEuropea 29
2.3.3 Impieghifinalidienergianellindustria 30
2.3.4 Impieghifinalidienergianelresidenziale 32
2.3.5 Impieghifinalidienergianelnonresidenziale 33
2.3.6 Impieghifinalidienergiadellafilieraagroalimentare 34
2.3.7 Impieghifinalidienergianeitrasporti 35
2.4 Intensitenergiaprimaria 39
2.4.1 IntensitenergeticaprimarianeipaesidellUnioneEuropea 39
2.5 Intensitenergeticafinale 41
2.5.1 Intensitenergeticafinalenellindustria 41
2.5.2 Intensitenergeticafinalenelsettoreresidenziale 41
2.5.3 Intensitenergeticafinalenelsettorenonresidenziale 42
2.5.4 Intensitenergeticafinalenelsettoretrasporti 42
2.6 Miglioramentidellefficienzaenergeticasettoriale:lindiceODEX 43

3 Ricercaapplicata,tecnologieestrumentialivellosettoriale
3.1 Investimentieattivitdiricercaesvilupponelletecnologiedellefficienzaenergetica 45
3.1.1 LAIEegliImplementingAgreements 45
3.1.2 SpesapubblicanellaricercatecnologicanellUnioneEuropea 47
3.1.3 Progettidiricercaeuropei 49
3.2 Letecnologienellindustria 50
3.2.1 Cogenerazioneagasnaturale 52
3.2.2 Impiantiabiomasse 52
3.2.3 UsodiCombustibiliSolidiSecondari 53
3.2.4 Recuperotermico 53
3.2.5 Efficientamentotermico 53
3.2.6 Efficientamentoelettrico 55
3.2.7 Trattamentodeisolventi 55
3.3 Settoreresidenzialeenonresidenziale 56
3.3.1 Letecnologie 57
3.3.1.1 Nuovimaterialiperlinvolucroedilizio 58
3.4 Letecnologienellafilieraagroalimentare 60

3.4.1 Costidiinvestimentoetempidiritornodellecaldaieabiomassa 61
3.4.2 Lebarriere 62
3.4.3 Riferimentinormativiefontidifinanziamentospecifichedelsettore 62
3.4.4 Proposteedazioni 63
3.5 StrumentiperlaPubblicaAmministrazione 64
3.5.1 PianodAzioneperlEnergiaSostenibile 64
3.5.2 Acquistipubblicisostenibili:statodellarte,sviluppiecriticit 65
3.5.2.1 CriteriAmbientaliMinimisuiservizienergeticipergliedificiesullilluminazione
pubblica 68
3.5.3 EnergyPerformanceContract 70
3.6 Ilsettoredeitrasporti 72
3.6.1 Autoeveicolicommercialileggeri 72
3.6.2 Autobus 72
3.6.3 Biciclettaapedalataassistita 73
3.6.4 Riferimentinormativispecifici 74
3.6.5 Fontidifinanziamentospecifichedelsettore 74
3.6.6 Costidiinvestimentoetempidiritorno 75
3.6.7 Barriere 75

4 Analisidelraggiungimentodegliobiettiviindicativinazionalidirisparmioenergetico
4.1 RecepimentodellaDirettiva2002/91/CEeattuazionedelDecretoLegislativo192/05 77
4.2 Riconoscimentodelledetrazionifiscalidel55%perlariqualificazioneenergeticadegliedifici
esistenti 79
4.3 TitolidiEfficienzaEnergeticaoCertificatiBianchi 80
4.4 Risparmiconseguitinelsettoredeitrasporti 81
4.5 IlFondoEuropeodiSviluppoRegionale 82
4.5.1 Datidisponibiliemetodologia 82
4.5.2 Analisidegliinterventi 84
4.5.3 ValutazionedelrisparmioenergeticoedellariduzionedelleemissioniCO2 84
4.5.4 Conclusioni 85
4.6 Quadroregolatorioperleprocedureautorizzative 86
4.7 Definizionedegliobblighiedeglistandardminimidiefficienzaenergetica 87
4.8 Accessoallaretedeisistemiefficientidiutenza 87
4.9 Sintesideirisparmiconseguiti:confrontoconilPAEE2011 88
4.10 Sintesideirisparmiconseguiti:confrontoconlaSEN 88
4.11 Valutazionedellefficaciaedellefficienzaeconomicadeiprincipalistrumenti 89
4.12 Stimadellericaduteoccupazionalinelsettoredellecostruzionialivellonazionale 91
4.12.1Nuoveesigenzeprofessionalinellatrasformazionedeimodelliorganizzatividelprocesso
edilizioedellafilieradellecostruzioni 92

APPROFONDIMENTI
5 Leretidelfuturo
5.1 SmartCitiesandCommunitieselefficienzaenergetica 97
5.1.1 TorinoSmartCity 99
5.1.2 BolognaSmartCity 100
5.1.3 CittdiTrentoeTrentoRISE 102
5.1.4 Impattiattesieprioritdisviluppo 104
5.2 IlteleriscaldamentoinItalia 106
5.2.1 Barriereepotenzialit 108
5.2.2 Esperienzeinteressantiebestpracticesalivellonazionale 109
5.2.3 Indicazionidipolicy 110
5.3 Accumuloelettrico 110

6 Comunicazione,informazioneeformazione
6.1 Informare,diffondereecomunicare 114
6.1.1 CaseStudy:ledetrazionifiscalidel5565% 116
6.1.1.1 Imediatradizionali 116
6.1.1.2 Inuovimedia 118

6.1.1.3 LaPubblicaAmministrazione 119


6.2 Implicazioniformativeeprofessionalidelmodelloenergeticosostenibile 120
6.2.1 Lapercezionedegliagentiimmobiliari 120
6.2.2 Dopolaformazione:permanenzanellavoroenuovaoccupazione 123
6.2.3 Figureprofessionaliecoinnovativeperrealizzareilcambiamento 125

7 Analisidelmercatodeiprodottieserviziperlefficienzaenergetica
7.1 LindagineENEAsullafilieradellefficienzaenergetica 128
7.1.1 Risultatipreliminariperilcampionedelleimpreseoperantinellisolamentotermico 129
7.2 IndaginesugliEnergyManager 130
7.2.1 ConfrontofralenominedegliEnergyManager eilpotenzialedeisoggettiobbligati 132
7.3 Lefficienzaenergeticaeilmercatoimmobiliare 134
7.3.1 Lapercezionedegliagentiimmobiliari 135
7.3.2 Gliinterventidiristrutturazioneedilizianelsettoreresidenziale 138
7.3.3 Conclusioniespuntidipolicy 139

8 Performanceregionale
8.1 Normativaregionalenelsettoreedilizio 140
8.1.1 Ilrendimentoenergeticodegliedifici 141
8.1.2 Lefontirinnovabiliinedilizia 141
8.1.3 Lacertificazioneenergeticadelledificio 142
8.1.4 Regolamentiedilizicomunalienergeticamenteefficienti 143
8.2 Indiceregionaledipenetrazionedellepolitichediefficienzaenergetica 144

9 Schederegionali(certificatibianchi,detrazionifiscali del55%,nomineenergymanager,politiche
regionali,principaliprogettiFESR,indicedipenetrazionedellepolitichediefficienzaenergetica)
Piemonte 150
ValledAosta 157
Lombardia 165
TrentinoAltoAdige 171
Veneto 179
FriuliVeneziaGiulia 187
Liguria 193
EmiliaRomagna 199
Toscana 206
Umbria 213
Marche 219
Lazio 226
Abruzzo 232
Molise 238
Campania 244
Puglia 250
Basilicata 256
Calabria 262
Sicilia 268
Sardegna 274

Elencodegliautorierelativeaffiliazioni 281

1. Contestointernazionaleenazionale


1.1 Unosguardodinsieme:ilWorldEnergyOutlookdellAgenziaInternazionaledellEnergia

LoscenarioenergeticomondialedelineatodalWorldEnergyOutlook1dellAgenzia
Internazionale per lEnergia (AIE) ha confermato per il terzo anno consecutivo
prezzi del petrolio superiori a 100 dollari al barile e prezzi del gas naturale
divergenti a livello regionale, con lEuropa a prezzi tre volte superiori a quelli
statunitensi,elAsiaconprezzicinquevoltequellistatunitensi.
Leconomiamondialecresciutanellostessoperiododicircail3%annuo,anchese
glialtiprezzidellenergiahannoagitodafrenoperilrilanciodialcuneeconomie,
anchenellazonaEuro.Ladomandadienergiaglobalesiattestataintornoauna
crescitamediaannuadell1,3%,trainatadaiPaesiemergentiinAsia. AIE
LauraCozzi
Afrontediquestoquadrolintensitenergeticamondiale,misuratainquantitdi AgenziaInternazionaleperlEnergia
energianecessariaaprodurreundollaro,diminuitadell1,5%untassodibentre D:NelWorldEnergyOutlook2012perla
voltesuperioreallamediadelperiodo20002010.Benchlintensitenergeticasia primavoltaunfocussullefficienza
energetica:sitrattadiunasvolta
una stima imperfettadellefficienza energetica, inquanto maschera anche fattori epocale?
climatici e strutturali, il miglioramento dellefficienza energetica mondiale spinto
R:Inuncertosensos,inquantoesprime
daglialtiprezzidellenergiaedanuovepolitichestatounaconcausaimportante unavolontchiaradellAIEditrattare
delmisuratodeclinonellaintensitenergetica. lefficienzaenergeticaalparidellealtre
fontienergetiche.DaallorailWorld
Ilrinnovatointeresseperlepolitichediefficienzaenergeticadegliultimianniun EnergyOutlookdedicauncapitolo
allefficienzaognianno.
fenomenoglobale.DaunlatolaCinasipostalobiettivodiridurredel16%lasua
D:Qualisonolesfidedaaffrontarea
intensit energetica entro il 2015; dallaltro gli Stati Uniti hanno adottato nuovi brevedalcosiddettohiddenfuel?
standard di efficienza volti ad ottimizzare il consumo di carburanti nei veicoli;
R:Aumentarnelavisibilitperi
lUnione Europea si impegnata dal canto suo nella riduzione del 20% della sua consumatori,rendendopichiarie
domanda di energia entro il 2020; e il Giappone mira a ridurre del 10% i suoi immediatiibeneficieconomici,e
semplificareleprocedureelaccessoal
consumi elettrici entro il 2030. Anche i paesi produttori di petrolio nel Medio finanziamento,puntochiaveperlindustria
Oriente, storicamente poco interessati al risparmio energetico, hanno iniziato a eledilizia.
introdurremisurediefficienzaenergeticarelativeagliimpiantidicondizionamento D:QualeruologiocherannoleAgenzie
Nazionalinelrecepireearmonizzarea
per porre freno ad una domanda di energia crescente a tassi insostenibili per
livellonazionaleleindicazionidellAIE?
lofferta.
R:Unruolochiave,perchlapartita
Nonostante questo rinnovato interesse, le nuove politiche sono ancora lontane dellefficienzasigiocatuttaalivellolocale
ealcontattoconiconsumatori.In
dallattuare il pieno utilizzo del potenziale economico dellefficienza energetica particolare,ilrapportoRAEEcentrale
globale:nelloscenariocentraledelWorldEnergyOutlookchetieneincontotutte nellattuazionedelprimoedelquinto
puntodeiseiambitidiintervento
le politiche in discussione a met 2012, i due terzi di tale potenziale economico individuatidallAIE,entrambiessenzialiper
rimangonoancorainutilizzati.Ilsettoreresidenzialeeterziarioelindustriasonole labuonariuscitadiunapoliticaenergetica
efficacesullefficienzaenergetica.
areedoveilpotenzialerimanenteilpigrande:quattroquintidelpotenzialeper
ilprimorestanononsfruttatiepidellametnellindustria.

Rispettoallasituazionepocosostenibileinterminidisicurezzaenergeticaeconseguenzeambientalidelineatanello
scenario centrale del World Energy Outlook, unazione di successo nello sfruttamento del potenziale dellefficienza
energetica avrebbe importanti implicazioni sui trend energetici e climatici mondiali: ad esempio, la domanda
petrolifera mondiale al 2035 sarebbe inferiore di circa 13 milioni di barili al giorno (mb/g) a quella prevista nello
scenariocentrale,undecrementoequivalenteallattualeproduzionecombinatadiRussiaeNorvegia,conconseguente
riduzionedellanecessitdinuovigiacimentieprezzidellenergiamenoelevati.

1
Perunapprofondimentosiveda:http://www.worldenergyoutlook.org/.

Lericaduteeconomicheedoccupazionalichederiverebberodaunastrategiacheguardialrinnovamentodegliedifici,
degli elettrodomestici e del parco automobilistico porterebbero ad una crescita del Prodotto Interno Lordo (PIL)
europeodell1,1%al2035eadunaumentodelloccupazione.Iltuttonelrispettodellambiente.PerlEuropaelItalia
sar fondamentale continuare a ricercare una sempre maggiore efficienza energetica, visti i costi attuali del suo
sistema di approvvigionamento energetico. Nel 2012 il valore delle importazioni di combustibili fossili in Europa
statoequivalenteal3,2%delPILedoltreil10%dellaspesadellefamigliestataindirizzataaspeseenergeticheper
trasportoeabitazione.
NellostessoannolItaliahaspeso57,9miliardidieuroinimportazionidipetrolioegas,unaumentodi2,2miliardidi
euro rispetto al 2011. In mancanza di grandi quantit di risorse energetiche nazionali, lefficienza energetica una
prioritassolutapercontenerelecrescentiimportazioniedaumentarelacompetitivit.Perfareunesempio,grazie
allanuovaformadienergiaricavatadagliscistibituminosi,gliStatiUnitidispongonodigasnaturaleaduncostotre
volte inferiore a quello europeo e di elettricit ad un costo pari a circa la met della media europea. Lindustria
pesante, inparticolare chimica e acciaierie, sta rientrando negliStati Uniti per sfruttare tale vantaggio competitivo:
diventapertantofondamentaleperlEuropaelItaliapuntaresullefficienzaenergeticaperrestarecompetitivi.
Anche se le specifiche azioni da realizzare variano da paese a paese e per settore, lAgenzia Internazionale per
lEnergiahaindividuatoseiambitiincuinecessariointervenire:
Rendere lefficienza energetica tangibile, rafforzando la quantificazione e la trasparenza dei benefici
economiciadessacorrelati.
Integrare lefficienza energetica in modo sistematico nei processi decisionali di enti pubblici, imprese e
societnelsuocomplesso.
Introdurre partnership pubblicoprivato che facilitino laccesso allefficienza energetica, creando e
supportandomodellidibusiness,strumentidifinanziamentoedincentivi,alfinediassicurareagliinvestitori
unadeguatoritornoeconomico.
Sviluppareunsistemadiregoletesoascoraggiaregliapproccieleformediincentivazionemenoefficientia
vantaggiodiquellipiefficienti.
Introdurresistemidimonitoraggioeverifica.
Maggioriinvestimentinellacapacitdigovernanceedigestionedellepolitichediefficienzaenergetica,atutti
ilivelli.

1.2 LaDirettivaEuropea2012/27/UEsullEfficienzaEnergetica

La Direttiva Europea 2012/27/UE2 delinea un quadro normativo finalizzato a rimuovere gli ostacoli sul mercato
dellenergia e a superare le carenze del mercato che frenano lefficienza nella fornitura e nelluso dellenergia e
prevede la fissazione di obiettivi nazionali indicativi in materia di efficienza energetica3, coerentemente con
lobiettivoal2020diunariduzionedeiconsumienergeticidel20%grazieallefficienzaenergetica,alqualecorrisponde
unconsumocomplessivodellUnioneEuropeaparia1.483Mtepdienergiaprimariaal2020(Figura1.1).

LanuovaDirettiva,chedovressererecepitadagliStatimembrientroil5giugno2014,rappresentaunsignificativo
passo in avanti per la concreta riduzione dei consumi energetici europei, con rilevanti conseguenze per la Pubblica
Amministrazione, centrale e locale, cui affidato un ruolo esemplare per la diffusione dellefficienza energetica,
nonchperleimprese,ilsettoreresidenziale,iprofessionistieifornitoridiservizienergetici.
Gli Stati membri dovranno infatti stabilire una strategia a lungo termine per mobilitare investimenti nella
ristrutturazione del parco nazionale di edifici residenziali e commerciali, sia pubblici che privati4. La Pubblica
Amministrazione dovr ricoprire un ruolo esemplare, assicurando che dal 1 gennaio 2014 il 3% della superficie
coperta utile totale degli edifici riscaldati e/o raffreddati di propriet del governo centrale e da esso occupati sia

2
LaDirettivamodificala2009/125/UEeabrogale2004/8/CEe2006/32/CE(salvoalcuniarticolieallegatidiquestultima).Iltesto
disponibilealseguenteindirizzo:http://eurlex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=OJ:L:2012:315:0001:0056:IT:PDF.
3
Articolo1:entroil30aprile2013.
4
Articolo4:unaprimaversionedellastrategiapubblicataentroil30aprile2014esuccessivamenteaggiornataognitreannie
trasmessaallaCommissionenelquadrodeipianidazionenazionaliperlefficienzaenergetica.


10

ristrutturata ogni anno5. In particolare, gli Stati membri incoraggeranno gli enti pubblici anche a fare ricorso alle
societdiservizienergeticieaicontrattidirendimentoenergeticoperfinanziareleristrutturazionieattuarepianivolti
a mantenere o migliorare lefficienza energetica a lungo termine; inoltre, il governo centrale dovr acquistare
esclusivamenteprodotti,serviziededificiadaltaefficienzaenergetica6.

Figura1.1ObiettivoDirettiva2012/27/UEpericonsumienergetici
1900

1.842Mtep
1850 Business as
usual2007
1800

1750
Consumidienergiaprimaria(Mtep)

1700 1.678Mtep
Situazione
2009
1650

1600
GAP

1550

1500
Obiettivo
1450 1.483Mtep 20%

1400
2005 2010 2015 2020

Proiezionidal2007 Proiezionidal2009 Obiettivo20%UE



Fonte:DGEnergia,CommissioneEuropea

La Direttiva prevede un forte impegno nazionale in termini di pianificazione strategica e costante monitoraggio dei
progressiconseguiti.IPianidiAzioneperlEfficienzaEnergetica(PAEE),redattiognitreanni7,dovrannocontenereuna
descrizionedettagliatadeiprogressieffettuativersogliobiettivinazionalidiefficienzaenergetica,losvilupponelluso
dellenergia, nonch un rapporto dettagliato sulle politiche nazionali di efficienza energetica e stima dei relativi
impatti.previstoinoltrelinvioallaCommissioneEuropeadirapportiannuali8suiprogressiconseguiti,corredatida
datistatistici,indicatorienergeticinonchelementisulleazionipoliticheinattopirilevanti.
Perilraggiungimentodegliobiettiviprepostisaressenzialelosviluppodeimercati,grazieallistituzionediunregime
nazionaleobbligatoriodiefficienzaenergetica(otramitemisurepolitichealternative),secondoilqualeidistributoridi
energia e/o le societ di vendita di energia al dettaglio dovranno conseguire, nel periodo 20142020, un risparmio
annualedienergiafinaledel1,5%9.

5
Articolo 5: per rispettare almeno i requisiti minimi di prestazione energetica [] in applicazione dellarticolo 4 della direttiva
2010/31/UE.Laquotadel3%calcolatasullasuperficiecopertatotaledegliedificiconunasuperficiecopertautiletotalesuperiore
a 500 m2 di propriet del governo centrale [] e da esso occupati. [] Entro il 31 dicembre 2013 gli Stati membri stabiliscono e
rendonopubblicouninventariodegliedificiriscaldatie/oraffreddati.
6
Articolo6:nellamisuraincuicicoerenteconilrapportocostiefficacia,lafattibiliteconomica,unapiampiasostenibilit,
l'idoneittecnica,nonchunlivellosufficientediconcorrenza.
7
Articolo24:Entroil30aprile2014,esuccessivamenteognitreanni.
8
Articolo24:Entroil30aprilediogniannoadecorreredal2013.
9
Articolo7:[]nuovirisparmipariall'1,5%,involume,dellevenditemedieannuedienergiaaiclientifinalidituttiidistributoridi
energiaotuttelesocietdivenditadienergiaaldettagliorealizzatenell'ultimotriennioprecedenteal1gennaio2013.


11



A tal fine, da rimarcare il ruolo assegnato agli Stati membri nel promuovere il
mercatodeiservizienergetici10elaccessoadessodapartedellepiccoleemedie
imprese (PMI): prevista listituzione di un registro dei fornitori di servizi
energetici disponibili qualificati e/o certificati, nonch lanalisi mirata alla
rimozione delle barriere relative ai contratti di rendimento energetico (EPC
Energy Performance Contracting). In particolare, si enfatizza il ruolo che dovr
giocare la diffusione di informazioni chiare ed accessibili sia, in generale, sugli

ClaudiaCanevari strumenti di natura finanziaria per sostenere i progetti nel settore dei servizi di
DGEnergia,CommissioneEuropea efficienzaenergeticasia,perilsettorepubblico,sullemiglioripraticheattualmente
D:PerchunaDirettivadedicata disponibili per gli EPC. Rientrano in tale ambito le campagne dinformazione e
esclusivamenteallefficienzaenergetica?
formazione che la Direttiva prevede sullefficienza energetica e sugli aspetti
R:LaDirettiva2012/27/EUinmateriadi giuridiciefinanziari,rivoltesiaaglispecialistidisettoresiaaiconsumatorifinali.
efficienzaenergeticafornisceunastruttura
pigeneraleepicompletaperil
LaDirettivaponepoiparticolareenfasisulruolodegliauditenergeticieisistemidi
raggiungimentodegliobiettividiefficienza
energeticaconcordatialivelloeuropeo. gestionedellenergia,conlobbligoperlegrandiimpreseadesseresottopostead
Primadell'adozionedellaDirettiva,questa audit11 e lincoraggiamento per PMI e famiglie a fare altrettanto, stimolando gli
materiaeradisciplinatasolamentein
modosettoriale,tramite,inparticolare,la Stati membri ad elaborare programmi specifici volti sia ad attuare le
Direttiva2004/8/CEsullacogenerazionee raccomandazioni che derivano dagli audit sia, pi in generale, a sensibilizzare i
laDirettiva2006/32/CEsuiservizi
energetici.LanuovaDirettivasostituiscein cittadinisuirelativibenefici.Atalproposito,laDirettivaprevedeanchecheiclienti
modoquasicompletoquestedueDirettive finali siano dotati di contatori individuali che riflettano con precisione il loro
erafforzailquadropoliticoenormativo
ancheattraversomisuredirettearendere consumo effettivo e forniscano informazioni sul tempo effettivo duso12 e,
ilmercatopidinamico. conseguentemente,cheleinformazionisullafatturazionesianopreciseefondate
D:LaDirettivaponedeitraguardi sulconsumoreale13,potendoaccedereinmodoappropriatoegratuitamenteai
ambiziosi,nonvero?
dati relativi ai loro consumi14. A supporto di tale obbligo, la Direttiva prevede
R:LEuropanonpupermettersidi
sprecareenergia.Larealizzazionedi
ladozione di misure, ad esempio incentivi fiscali o laccesso a finanziamenti,
unEuropaefficientesottoilprofilo contributi o sovvenzioni, volte a promuovere e facilitare un uso efficiente
energeticounobiettivodell'UEdadiverso dellenergiadapartedeipiccoliclientidienergia,compreseleutenzedomestiche.
tempo,unobiettivoconcretizzatoinmodo
chiaronellaStrategiaEuropa2020.Questa Dettemisurepossonorientrareinunastrategianazionale15.
strategia,condivisadaistituzionieuropee,
Statimembriepartisociali,richiedeche Perquantoriguardalefficienzanellatrasformazioneedistribuzionedellenergia,la
lUEadottituttelemisurenecessarieper
Direttiva focalizza lattenzione su cogenerazione ad alto rendimento,
raggiungernegliobiettivi.
teleriscaldamento e teleraffreddamento efficienti, con lobbligo per gli Stati
D:Cisonodifficoltnelrecepimentodi
unaDirettivacosarticolatadapartedegli membri di una valutazione approfondita del potenziale di applicazione di tali
StatiMembri? tecnologieentroil31dicembre201516.
R:Iltermineultimoperilrecepimentoil5
giugno2014.Soloinquelmomento Secondoleprimevalutazioni,lacompletaattuazionedellaDirettivapermetterun
saremoingradodivalutarecomegliStati risparmioannualedi20miliardidieuro:i24miliardistimaticomecostoannualedi
Membrihannointegratoledisposizioni
dellaDirettivaneilorosisteminazionali.La
investimento necessario per ladozione delle misure saranno pi che compensati
Commissionecollaborastrettamentecon dai risparmi derivanti da minori costi per investimenti nella produzione e
gliStatimembriperfavorirel'attuazionee
distribuzione dellenergia (6 miliardi lanno) e per acquisti di combustibile (38
lefficaceapplicazionedellaDirettiva.Atal
fine,hapredispostosettedocumentidi miliardi lanno). A tali benefici si aggiunge anche laumento indotto del prodotto
lavorocheillustranoinchemodoalcune interno lordo dellUnione Europea, stimato in 34 miliardi di euro nel 2020, cui si
disposizionidevonoessereintesee
applicatealmeglio.Idocumenti associalacreazionedi400.000nuovipostidilavoro.
riguardanoargomentigiuridicamente

complessi,difficilidarecepiree 10
caratterizzatidaunelevatopotenzialein Articolo18.
terminidiimpattosullefficienza
11
Articolo 8, ad esclusione di quelle che attuano un sistema di gestione dellenergia o
energetica:edificidiproprietdelgoverno ambientale,certificatodaunorganismoindipendentesecondolepertinentinormeeuropee
centrale,appaltipubblici,obblighie ointernazionali.
alternativeinmateriadiefficienza 12
Articolo9.
energetica,auditenergetici,misurazionee 13
Articolo10.
fatturazione,cogenerazione,retie 14
Articolo11.
gestionedelladomanda. 15
Articolo12.
16
Articolo 14: La valutazione globale tiene pienamente conto dellanalisi dei potenziali
nazionalidicogenerazioneadaltorendimentosvoltaanormadelladirettiva2004/8/CE.


12

AlivellonazionalesistimaungirodiaffaripotenzialeassociatoalladiffusionedeiSistemidiGestionedellEnergianelle
grandi imprese italiane nellordine dei 50100 milioni di euro lanno per servizi di consulenza a supporto della
certificazione17,sebbeneilperduraredellacrisifinanziariapotrebbeinfluenzarelafattibilitdeglionerosiinvestimenti
necessari per la corretta attuazione della Direttiva, con il rischio che gli Stati membri possano accumulare ritardi
nelleffettivarealizzazionedellemisure.

1.3 IlPattodeiSindaci

Lanciatonel2008aseguitodelladozionedapartedella CommissioneEuropeadel
PacchettoClimaEnergia,riconosceesostieneglisforzicompiutidaglientilocalie
regionali nellattuazione delle politiche di energia sostenibile: infatti, con ENEACoordinatoreTerritorialeitaliano
ladesione al Patto i firmatari si impegnano volontariamente e formalmente a Nellasecondametdel2013,lENEAha
18 aderitoalPattodeiSindaciconunaccordo
raggiungereesuperarelobiettivoeuropeodiriduzionedel20% delleemissioni
stipulatoconlaDGEnergiadella
diCO2entroil2020. CommissioneEuropeanellafunzionedi
CoordinatoreTerritorialeoperantea
Il Patto dei Sindaci costituisce un modello unico di governance multilivello che livellonazionaleinItalia.
vede direttamente coinvolte Autorit Locali e regionali impegnate ad aumentare IncollaborazioneconilMinistero
lefficienzaenergeticaelutilizzodifontienergeticherinnovabilineiloroterritori. dellAmbiente,TerritorioeTuteladelMare
econilsupportodellAssociazione
Alfineditradurreilloroimpegnopoliticoinmisureeprogetticoncreti,ifirmatari NazionaledeiComuniItalianie
delPattosiimpegnanoaredigereunInventariodiBasedelleEmissioni(IBE)19eda dellUnionedelleProvincedItalia,ENEA
supporteriMunicipifirmatarinellefasi
presentare,entrounannodallafirma,unPianodAzioneperlEnergiaSostenibile pidelicateecriticheriscontratenella
(PAES)20incuisonodelineateleazioniprincipalicheessiintendonorealizzareperil redazioneenellaattuazionedeiPAES.

raggiungimento dellobiettivo. Ogni PAES viene successivamente sottoposto al


controllotecnicodelJointResearchCentre(JRC)dellaCommissioneEuropea.

Alla fine del 2012 erano oltre 4.100 i firmatari del Patto, appartenenti a 46 paesi allinterno ed al di fuori dellUE,
coinvolgendopidi150milionidicittadini(Figura1.2).

Figura1.2DistribuzionedeiPaesiaderentialPattodeiSindaci(%)
1,0% 7,2% 2,3%
1,3% 1,1%
1,5% 1,5%
1,6%
2,7%

50,4%

29,4%

Italia Spagna Francia Portogallo Belgio Grecia Germania Svezia Croazia AltriPaesiUE PaesiExtraUE

Fonte:ElaborazioneENEA

17
Fonte:EnergyEfficiencyReport2013Energy&StrategyGroup(www.energystrategy.it).
18
Rispettoal1990,consideratocomeannodiriferimento.
19
IdentificaleprincipalifontidiemissionidiCO2 sulterritoriopereffettodelconsumoenergetico,quantificandonesiailrilascio
durantelannodiriferimentosiairispettivipotenzialidiriduzione.
20
Documentochiaveincui,inlineaconiprincipienunciatinelleLineeGuidadelPAES,ifirmataridelPattodefinisconoleattivit,gli
obiettivi,itempieleresponsabilit.Perunapprofondimentosivedailsito:http://www.pattodeisindaci.eu/index_it.html.


13



LItalia il primo Paese del Patto per numero di firmatari, coordinatori e
sostenitori:2.081firmatariperuntotaledi2.185comunicoinvolti21(Figura1.3).Le
pigrandicittItaliane(Roma,Milano,Napoli,Torino,Palermo,Bologna,Firenze,
Bari,Veneziaemoltealtre)hannotuttefirmatoilPattoe47Provincee5Regioni
sonodiventateCoordinatoriTerritoriali.

Figura 1.3 Evoluzione temporale della adesione italiana al Patto dei


Sindaci
2009259Comuni 2010877Comuni

AndreaAccorigi,AdamSzolyak,Elodie
Bossio
UfficiodelPattodeiSindacidiBruxelles
D:Qualisonoleopportunitconcreteche
ladesionealPattodeiSindacioffrealle
realtlocali,cittadinanzainclusa?
R:IlPattodeiSindacicostituisceuno
strumentodisvilupposostenibile.Infatti,
focalizzaresullenergiasignificapoter
raggiungereimportanticobeneficinel
campoeconomico,socialeedambientale,
qualilosviluppodelleconomialocale,la
valorizzazionedelcapitaleumano,
maggioreoccupazioneeformazionein
settoriconconsiderevolevalore
economico,socialeedambientale,
salvaguardiaeprotezionedellambientee

dellasalute. 20111.487Comuni 20122.185Comuni
D:Cosafarepercoglierle?
R:Sonoquattroledirettricidaseguire:
Faresistemaattraverso:formazione;
cooperazioneverticaletradiversilivellidi
governance;cooperazioneorizzontalecon
ilcoinvolgimentodistakeholdersdel
settoreprivatoecomunitscientifica;
promuovereesupportareiPAEScongiunti
nelcasodicomunipiccoliemediopiccolial
finedisfruttareeconomiediscala,
condivisionediidee,azionierisorse
tecnicheedumane.
Formareilcapitaleumano(anchegrazie
aifondidellapoliticadicoesioneUE):
tecnicilocaliperlattuazionedeiPAES;
espertidischemidifinanziamentoper
utilizzarealmegliolerisorseeconomiche
disponibili.
Cooperareconespertiecomunit Fonte:ElaborazioneENEA
scientificasuaspettichiavedellepolitiche
delPatto,conpolicymakersperlastesura Considerando la lunga durata dei cicli dinvestimento nei settori responsabili di
esviluppodeiPAES.
ConsultarelaPiattaformadelPattoal gran parte dei consumi energetici, il PAES costituisce anche un piano a lungo
finediidentificareestudiarepolitichee termine per integrare le policies sviluppate da ognuno di questi settori. Infatti, il
misuregisviluppateallesteroeadattarle
alcontestoitaliano.
PAESnonsolounostrumentoperelaborareleazionipiadatte,efficaciecost
effective per ridurre le emissioni di CO2, ma anche un mezzo per realizzare il
percorsoditransizioneenergetica.
RedigereedimplementareunPAESrichiedecompetenzetecnicheeadeguaterisorseeconomiche:Comunidimedie,
piccoleepiccolissimedimensionihannospessobisognodiunsupportoprogettualedalivelliamministrativisuperiori.
A questo fine stata introdotta la figura del Coordinatore Territoriale del Patto dei Sindaci che, di norma, aiuta i
firmatari a redigere gli inventari delle emissioni di CO2 nonch a preparare ed attuare i loro Piani dAzione. Ai
Coordinatori chiesta anche unassistenza di tipo finanziario da intendersi, con riferimento alle scarse risorse

21
Siasingolarmentesiainassociazioneconaltricomuni,adesempioallinternodiComunitMontaneoUnionidiComuni.


14

economiche e a disposizioni vincolanti sulla spesa pubblica, soprattutto come expertise volta ad individuare le pi
accessibilifontifinanziarieefarcrescerelecompetenzeprogettualiinterneallamunicipalitstessa.
Inparticolare,esistonoduetipidiCoordinatoridelPatto:
CoordinatoriNazionali:glientipubblicinazionalicomeAgenzieperlEnergia(adesempio,lENEA)22.
Coordinatori Territoriali: come detto sopra, le autorit decentralizzate quali Regioni, Province o
raggruppamentiformalidientilocalichepotrebberoessereaffiancatiesupportatidaiCoordinatoriNazionali,
realizzandocosunsistemacompletodigovernancemultilivello.
Le principali sfide che i Comuni aderenti incontrano non riguardano soltanto la preparazione dellIBE e del
conseguentePAESmaanchelosviluppoconcretodellepoliticheedellemisurecontenuteintalipiani,lapubblicazione
periodica(ogni2annidallinviodelPAES)deiRapportiindicantilostatodiattuazionedelPianoedirisultatiintermedi,
nonch tutte le attivit mirate alla promozione del Piano ed al coinvolgimento degli attori interessati come, ad
esempio,lorganizzazionedelleGiornatelocaliperlenergia.
AfrontedellesfideemersenellafasediavviodelPatto,sivannoquindiadelineareleprincipaliazionicheENEAdovr
attuareperpromuovereecontribuirealsuccessodiquestainiziativacomunitaria:
Mettereasistemacompetenzediffuse,esperienzeebuoneprassiperaccompagnareiterritoriinunpercorso
virtuoso,individuandoleareeconmaggioricriticitalfinediarmonizzareerendereomogeneiglistrumenti
operativiperilraggiungimentodegliobiettividiabbattimentodiemissionidiCO2entroil2020.
Definire strumenti e percorsi per il supporto alle politiche regionali e locali per lenergia sostenibile che
favoriscanolefficienzaenergetica,lutilizzodellefontienergeticherinnovabilielariduzionedelleemissioni
climalteranti,nonchlacompetitivitdeiterritori.
Sullabasedelleesperienzeedeglistrumentigisviluppatieadottatidallesingoleregioniedaglialtriattori
aderenti,sviluppareunsistemaintegratodisupportoallepoliticheregionalielocali.
Sperimentare,utilizzareeverificarepressolerealtterritorialiglistrumentidelsistemaintegratodelineato.

1.4 LaStrategiaEnergeticaNazionale

La Strategia Energetica Nazionale (SEN) rappresenta lo strumento di indirizzo e di programmazione a carattere


generaledellapoliticaenergeticanazionaleallinternodiuncontestointernazionaledelsettoredellenergiaingrande
evoluzione,anchesealivelloglobalelesuecomponentiseguonodinamichemoltediverse:apparepiattaneipaesi
industrializzati(OCSE),mentreinforteaumentoneipaesiinviadisviluppo.[]Tralefontidienergiasiprevedono
duevincitori,ilgaselerinnovabili,semprepiinespansioneeunperdente,ilpetrolio,cheridurrlepropriequotedi
mercato,macontinuercomunqueadestarepreoccupazioniinterminidiprezzi.Neutraliinvecesarannonuclearee
carbonechemanterrannoverosimilmentelattualequotaproduttiva23.

Gli obiettivi della SEN sono coerenti con la necessit di crescita del Paese e con il mantenimento degli standard di
impattoambientale:
Ridurre significativamente il gap rispetto agli altri paesi europei: energia pi competitiva a vantaggio di
famiglieeimprese,conprezziecostidellenergiaallineatiaquellieuropeial2020.
Mantenere e superare gli elevati standard gi raggiunti per la qualit del servizio: elemento chiave delle
politiche europee definite dal Pacchetto Clima Energia 202020 e dalla Energy Roadmap 2050,
permetterannodiassumereallItaliaunruoloesemplarealivelloglobale.
Maggiore sicurezza ed indipendenza di approvvigionamento, soprattutto nel settore gas, al fine di ridurre
lesposizionedirettaalrischiodivolatilitdeilivellidiprezzo(attesi)nelprossimofuturo.

22
EsempidiCoordinatoriNazionalisono,allestero,lAgenziadelMinisterodegliAffariEconomici,AgricolturaedInnovazionedei
PaesiBassielAgenziaperilClimaelEnergiadellEstonia.AgenzieomologheadENEA,qualiLADEME(AgencedelEnvironnement
etdelaMatrisedelEnergie,Francia)elADENE(Agnciaparaaenergia,Portogallo)copronodifattotalefunzione.
23
Interventodel26aprile2012delDott.CorradoPassera,MinistrodelloSviluppoEconomicoedelleInfrastruttureedeiTrasporti
allaCommissioneIndustria,CommercioeTurismodelSenato.Perunapprofondimento,iltestodeldiscorsodisponibilesu:
http: //www. senato.
it/documenti/repository/commissioni/comm10/documenti_acquisiti/IC%20strategia%20energetica/2012_04_26%20
%20Ministro%20Passera%20%20Intervento.pdf.


15



Crescitaeconomicasostenibileattraversolosviluppodelsettoreenergeticochepotrgiocareunruolochiave
permigliorareetrainarelacompetitivitdelleconomiaitaliananelsuocomplesso.
Al fine di perseguire tali obiettivi e tenendo conto dei naturali punti di forza del
nostropaese,laSENhaindividuatosetteprioritdiazione(Figura1.4):
1. EfficienzaEnergetica.
2. Mercatocompetitivodelgasehubsudeuropeo.
3. Svilupposostenibiledelleenergierinnovabili.
4. Sviluppodelleinfrastruttureedelmercatoelettrico.
5. Ristrutturazione della raffinazione e della rete di distribuzione dei
carburanti.
6. Produzionesostenibilediidrocarburinazionali.
ClaudioDeVincenti
SottosegretarioMinisterodelloSviluppo
7. Modernizzazionedelsistemadigovernance.
Economico
D:QualisonolefinalitdellaSENper
Figura1.4LeprioritdellaStrategiaEnergeticaNazionale
leconomiaitaliananelsuocomplesso?
R:Ilsettoreenergeticopuavereunruolo
fondamentalenellacrescitadelleconomia
italiana,siacomefattoreabilitante(avere
energiaabassocostoeconelevatolivello
diserviziounacondizionefondamentale
perlosviluppodelleaziendeeperle
famiglie),siacomefattoredicrescitains
(pensiamoallagreeneconomyoal
potenziamentodellenergiaprimaria).
D:Comesarsupportatalaprimapriorit
dellefficienzaenergetica?
R:Sarnecessariomettereapuntoun
programmanazionaleampioearticolato
checomprendanormativesuglistandarddi
apparecchiatureediedifici;controlli
serratisullapplicazioneditalinormative
edeventualisanzioni;sensibilizzazionedei
consumatoriattraversocampagnedi
informazioneecomunicazione;
estensione/rimodulazionedegliincentivi.
D:CheruoloavrlENEAnellattuazione Fonte:MinisterodelloSviluppoEconomicoStrategiaEnergeticaNazionale
dellaSEN?
R:Leattivitdiricercascientificae
I risultati attesi al 2020 dalla realizzazione di tale strategia permetter il
innovazionetecnologicasono superamentodegliobiettivinazionalinellambitodelcosiddetto202020:
fondamentaliperunapoliticadicrescita
Contenimento dei consumi ed evoluzione del mix in favore delle fonti
sostenibile,inquantopossonoconciliare
costi,sicurezzaequalitdelservizio. rinnovabili: 24% dei consumi primari rispetto allandamento inerziale al
NellambitodellaSEN,ilruolodellaricerca 2020,principalmentegraziealleazionidiefficienzaenergetica.
pubblicacentraleedunqueabbiamo
bisognodisoggettiforti,benorientatisu Riduzionedeicostieallineamentodeiprezziallingrossoailivellieuropei:
progettieobiettivispecifici,bencollocati risparmio di circa 9 miliardi di euro lanno sulla bolletta nazionale di
nelquadrodellerelazionieuropeeed
internazionali. elettricitegas(parioggiacirca70miliardi).
Fonte:ENEARivistabimestraleEnergia,
Maggiore sicurezza, minore dipendenza di approvvigionamento e
AmbienteeInnovazione,n3/2012 maggioreflessibilitdelsistema:riduzionedellafatturaenergeticaestera
dicirca14miliardidieurolanno(rispettoai62miliardidel2011),conla
riduzionedall84al67%delladipendenzadallestero.
Impatto positivo sulla crescita economica: circa 170180 miliardi di euro di investimenti privati, in parte
supportatidaincentivimaconritornoeconomicopositivoperilPaese.

Lefficienzaenergeticarappresentalaprimadellelevedellastrategia,ingradodirenderepossibileilperseguimentodi
tuttigliobiettividipoliticaenergetica,presentandosiallostessotempocome:
Strumentopieconomicoperabbattereleemissioni.
Elementofondamentaleperridurreicostienergeticieleimportazionidicombustibili.


16

Volano di crescita economica per un settore dallelevato potenziale nei mercati globali, su cui lindustria
italianapartedaposizionidiforza(smartgrid,elettrodomestici/domotica,illuminotecnica,caldaie,inverter,
motorielettrici).
Alivelloquantitativo,gliobiettivial2020sono:
Risparmiare20Mtepdienergiaprimarialanno(15Mtepdienergiafinale):iconsumial2020sarannocirca
del24%inferioririspettoalloscenariodiriferimentoeuropeo(Figura1.5);
Evitarelemissionedicirca55milioniditonnellatediCO2lanno.
Risparmiarecirca8miliardidieurolannodiimportazionidicombustibilifossili.

Figura1.5Prioritefficienzaenergetica:obiettivodirisparmioenergeticoal2020(Mtep)


Fonte:MinisterodelloSviluppoEconomicoStrategiaEnergeticaNazionale

1.5 Levoluzionenormativaitaliananel2012

1.5.1 ModifichealmeccanismodeiTitolidiEfficienzaEnergetica

Il cosiddetto Decreto Certificati Bianchi del 28 dicembre 201224 ha introdotto misure volte a potenziare lefficacia
complessivadelmeccanismodeiTitolidiEfficienzaEnergetica(TEE)stabilendo,inprimoluogo,gliobiettiviquantitativi
nazionali di risparmio energetico per le imprese distributrici di energia elettrica e gas, nel quadriennio 20132016
(Tabella1.1).

Tabella1.1DecretoCertificatiBianchi:obblighieobiettividirisparmioenergetico,anni20132016
Obblighiquantitativinazionaliannuidiincremento Obiettiviquantitativinazionali
Anno dellefficienzaenergetica(milionidiTEE) annuidirisparmioenergetico
Energiaelettrica Gasnaturale (Mtepdienergiaprimaria)
2013 3,03 2,48 4,6
2014 3,71 3,04 6,2
2015 4,26 3,49 6,6
2016 5,23 4,28 7,6
Fonte:MinisterodelloSviluppoEconomicoDecretoCertificatiBianchi

24
Disponibilesu:http://www.gazzettaufficiale.biz/atti/2013/20130001/12A13722.htm.


17



I soggetti obbligati a conseguire gli obblighi quantitativi nazionali annui di
incrementodellefficienzaenergetica25sonoidistributoridienergiaelettricaegas
naturale che, alla data del 31 dicembre di due anni antecedenti a ciascun anno
dobbligo,abbianoconnessiallapropriaretedidistribuzionepidi50.000clienti
finali.
Possonoaccederealmeccanismoanchesoggettivolontariqualisocietdiservizi
energetici (ESCo), societ con obbligo di nomina dellEnergy Manager, societ
controllatedaidistributoriobbligati,distributoridienergiaelettricaogasnaturale
non soggetti allobbligo, nonch imprese o Enti pubblici che provvedano alla
NandoPasquali nomina dellEnergy Manager oppure siano in possesso della certificazione ISO
PresidenteeAmministratoreDelegato
GSEGestoreServiziEnergeticiS.p.A. 5000126.
D:ComesiinserisceilneonatoConto IlDecretohastabilito,altres,iltrasferimentodellattivitdigestione,valutazione
Termiconelpanoramadegliincentivi?
e certificazione dei risparmi correlati a progetti di efficienza energetica condotti
R:Ilmeccanismoprincipalmente
orientatoallePubblicheAmministrazioni nellambitodelmeccanismo,dallAutoritperlenergiaelettrica,ilgaseilsistema
chenonpossonogoderedelledetrazioni idricoalGestoredeiServiziEnergetici.
fiscali:daquestopuntodivista,costituisce
unostrumentostrategicoperil Unimportante contenuto innovativo del predetto Decreto rappresentato dai
raggiungimentodellobiettivoprevisto
dallaDirettiva2012/27/UEdel3%annuo
grandi progetti, ovvero progetti di efficientamento energetico realizzati su
(dal2014)diristrutturazionediedifici infrastrutture, su processi industriali o relativi ad interventi realizzati nel settore
pubbliciriscaldatie/oraffrescati.
dei trasporti,chegeneranonellarcodi unanno risparmipari a35.000tep e che
D:Qualeimpattoavrannolemodificheal abbiano una vita tecnica superiore a 20 anni, ai quali pu essere attribuita una
sistemadeiCertificatiBianchieinuovi
obiettiviperilperiodo20132016? premialit,neicasiincui:
R:Irisultatiregistratinel2013confermano
Comportino rilevanti innovazioni tecnologiche e anche consistenti
uncrescenteinteressenelmeccanismo, riduzionidelleemissioniinatmosfera(premialitfinoal30%delvalore)
anchedapartedinuovisoggetticomele
societconenergymanagervolontario.Ci
Siano realizzati nelle aree metropolitane e generino risparmi di energia
riduceancheilpericolodiunmercato compresitra35.000e70.000tepannui(premialitfinoal40%delvalore)
corto,caratterizzatociodaunascarsa osuperioriai70.000tepannui(premialitfinoal50%delvalore).
disponibilitdititoli,nonostante
lintroduzionenelDecretodeldivietodi
Per questa tipologia di progetti riconosciuta al proponente la facolt di optare
cumuloconaltriincentivipubbliciavalere
sulletariffedellenergiaelettricaeilgas, perunregimecheassicuriunvalorecostantedelcertificatoperlinteravitautile
comeadesempioledetrazionifiscalieil delprogetto.
ContoTermico.
D:Qualeprocessodicondivisione Infine, il Decreto approva 18 nuove schede tecniche per la quantificazione dei
previstoperladefinizionedella risparmi, con la possibilit di predisporre ulteriori schede tecniche per la
metodologiadiripartizionedegliobiettivi
delBurdenSharing? misurazione, la verifica e la quantificazione dei risparmi energetici relativi a
interventi nei settori dellinformatica e delle telecomunicazioni, del recupero
R:IncostanteconfrontoconiMinisteri
competenti,conleRegionieleProvince termico, del solare termico a concentrazione, dei sistemi di depurazione delle
autonome,statoistituitoungruppodi acqueedelladistribuzionedellenergiaelettrica.
lavorotecnicoadhoc,coordinatodalGSE,
cuipartecipanolENEAecirca15tra In particolare, stato inserito nel meccanismo di promozione il settore dei
RegionieProvinceautonome,perdiscutere
econdividereidiversimetodidirilevazione trasporti attraverso 5 nuove schede standardizzate27: 4 schede rivolte alla
emonitoraggiostatistico(fontistatistiche, diffusione di veicoli elettrici, ibridi, a gas naturale e a GPL; lultima relativa
parametri,criteridirilevazione,criteridi
calcolo).Lattivitsvoltasirivelatamolto allutilizzodelbiometanoperautotrazioneperiltrasportopubblicolocale.
utilenonsoloaifinidellosviluppodella
metodologiadimonitoraggio,maanche Infine, sono state inserite due schede standardizzate relative al settore agro
perunaricognizioneaccuratadeidati alimentare28perlisolamentoedilriscaldamentodelleserre.
disponibilialivelloterritorialesullediverse
formediimpiegodellefontirinnovabili,


nonchperlarmonizzazionetrailsistema
statisticoSIMERIdelGSEeisistemi 25
Isoggettiobbligatipossonoadempiereagliobblighisiarealizzandoprogettidiefficienza
utilizzatidalleRegioni,alfinedigarantire energeticasiaacquistandocertificatibianchidaaltrisoggetti.
coerenzaeconfrontabilittraidati 26
Tali condizioni devono esseremantenute inessere per tutta la durata della vita tecnica
energeticielaboratidaidiversiEnti.
dellintervento.
27
Schededalla41Ealla45E.
28Schede39Ee40E.


18



1.5.2 IlContoTermico

Con la pubblicazione del cosiddetto Decreto Ministeriale Conto Termico29,


PrimirisultatidelContoTermico
anchesso del 28 dicembre 2012, si data attuazione al regime di sostegno
introdottodal Decreto Legislativo del 3 marzo 2011,n. 28 per lincentivazione di IlGSEpubblicalegraduatoriedeiRegistri
formatesullabasedelledichiarazionirese
interventidipiccoledimensioniperlincrementodellefficienzaenergeticaeperla daiSoggettiResponsabiliperinterventidi
produzionedienergiatermicadafontirinnovabili. sostituzionediimpiantidiclimatizzazione
invernaleconpompedicaloreo
Taledecretostabiliscecheisoggettiammessialmeccanismosono: generatoridicalorealimentatida
biomassadipotenzatermicanominale
Amministrazioni pubbliche, sia per gli interventi di incremento complessiva(riferitaalsingoloedificio,
dellefficienza energetica in edifici esistenti, nonch per interventi di unitimmobiliare,fabbricatoruraleo
serra)maggioredi500kWeinferioreo
produzione di energia termica da fonti rinnovabili, avvalendosi anche ugualea1.000kW,realizzatidallaPAedai
dello strumento del finanziamento tramite terzi o di un contratto di SoggettiPrivati.Asettembre2013laspesa
annuarelativaagliinterventiammessiin
rendimento energetico ovvero di un servizio energia, anche tramite graduatoriaeraparia85.408europer3
linterventodiunaESCo. interventirealizzatidallePubbliche
Amministrazioni;paria194.247europer7
Soggettiprivati,intesicomepersonefisiche,condominiesoggettititolari
interventirealizzatidaSoggettiPrivati.
diredditodiimpresaodiredditoagrario,relativamenteallarealizzazione
degliinterventidiproduzionedienergiatermicadafontirinnovabili.
In particolare, gli interventi incentivabili si riferiscono sia allefficientamento dellinvolucro di edifici esistenti sia ad
interventi di piccole dimensioni relativi alla sostituzione di impianti esistenti per la climatizzazione invernale con
impiantiapialtaefficienzaeallasostituzioneo,inalcunicasi,allanuovainstallazionediimpiantialimentatiafonti
rinnovabili(Tabella1.2).

Tabella1.2ContoTermico:tipologiediinterventoincentivate
Durata
Soggetti
Tipologiadiintervento incentivo
ammessi
(anni)
Isolamentotermicodisuperficiopachedelimitantiilvolumeclimatizzato 5
Interventidi Sostituzionedichiusuretrasparenticomprensivediinfissidelimitantiilvolumeclimatizzato 5
incremento Sostituzionediimpiantidiclimatizzazioneinvernalecon generatoridicalorea Amministrazioni
5
dellefficienza condensazione pubbliche
energetica Installazionedisistemidischermaturae/oombreggiamento dichiusuretrasparenticon
5
esposizionedaESEaO,fissiomobili,nontrasportabili
Sostituzionediimpiantidiclimatizzazioneinvernale esistenticonimpiantidi
climatizzazioneinvernaleutilizzantipompedicaloreelettricheoagas,anchegeotermiche 2
conpotenzatermicautilenominaleinferioreougualea35kW
Sostituzionediimpiantidiclimatizzazioneinvernale esistenticonimpiantidi
climatizzazioneinvernaleutilizzantipompedicaloreelettricheoagas,anchegeotermiche 5
Interventidi conpotenzatermicautilenominalemaggioredi35kWeinferioreougualea1.000kW
piccoledimensioni Sostituzionediscaldacquaelettriciconscaldacquaapompa dicalore 2
relativiaimpianti Installazionedicollettorisolaritermici,ancheabbinati sistemidisolarcooling,con Amministrazioni
2
perlaproduzione superficiesolarelordainferioreougualea50metriquadrati Pubbliche
dienergiatermica Installazionedicollettorisolaritermici,ancheabbinati sistemidisolarcooling,con e
dafontirinnovabili superficiesolarelordasuperiorea50metriquadratieinferioreougualea1.000metri SoggettiPrivati 5
esistemiadalta quadrati
efficienza Sostituzionediimpiantidiclimatizzazioneinvernaleodi riscaldamentodelleserreesistenti
edeifabbricatiruraliesistenticongeneratoridicalorealimentatidabiomassaconpotenza 2
termicanominalealfocolareinferioreougualea35kW
Sostituzionediimpiantidiclimatizzazioneinvernaleodi riscaldamentodelleserreesistenti
edeifabbricatiruraliesistenticongeneratoridicalorealimentatidabiomassaconpotenza 5
termicanominalealfocolaremaggioredi35kWeinferioreougualea1.000kW
Fonte:MinisterodelloSviluppoEconomicoDecretoContoTermico

IlDecretoprevedeche,siapergliinterventiinerentilinstallazionedipompedicaloresiaperigeneratoridicalorea
biomassaperlaclimatizzazioneinvernale,conpotenzatermicanominalecompresatra500kWe1.000kW,laccesso
al meccanismo subordinato alliscrizione ad appositi registri. Sono previsti incentivi specifici per la diagnosi e la
certificazione energetica in relazione alla destinazione duso delledificio e della superficie utile dellimmobile. Il
Decreto prevede inoltre una spesa annua cumulata massima di 200 milioni di euro per gli interventi realizzati o da

29
Disponibilesu:http://www.gazzettaufficiale.biz/atti/2013/20130001/12A13721.htm.


19

realizzaredalleAmministrazioniPubbliche30edi700milionidieuropergliinterventirealizzatidapartedeisoggetti
privati.

1.5.3 IlBurdenSharingregionale

IlDecreto15marzo201231(cosiddettoDecretoBurdenSharing)assegnaadogniregioneeProvinciaautonomadegli
obiettiviinterminidisviluppodellerinnovabiliestabilizzazionedeiconsumienergetici,sviluppatisullabasediquello
stabilito a livello nazionale nellambito del Decreto legislativo 28/11 che recepisce la Direttiva 2009/28/CE (pari al
17%),senzatuttaviatenerecontodelconsumodibiocarburantineitrasporti.

Lametodologiadimonitoraggiodegliobiettiviregionali,adoggiindiscussionetraiMinistericompetentieleRegioni,
prende in considerazione nel calcolo della quota dei consumi finali lordi di energia coperta da fonti rinnovabili
esclusivamenteleFERE(rinnovabilielettriche)eleFERC(rinnovabilicalore),inquantoleimportazionidirinnovabilie
lestrategiesullerinnovabilineitrasportidipendonodastrumentinelladisponibilitdelloStato.LaTabella1.3riporta
gliobiettiviregionalial2020suiconsumidafontirinnovabili:letraiettoriedegliobiettividefiniteperglianniintermedi
prevedonounacrescitalineare32.

Tabella1.3DecretoBurdenSharing:traiettoriadegliobiettiviregionalidallasituazioneinizialeal2020
Situazioneallannoiniziale Obiettivo(%)
RegionieProvinceautonome
diriferimento
2012 2014 2016 2018 2020
Abruzzo 5,8 10,1 11,7 13,6 15,9 19,1
Basilicata 7,9 16,1 19,6 23,4 27,8 33,1
Calabria 8,7 14,7 17,1 19,7 22,9 27,1
Campania 4,2 8,3 9,8 11,6 13,8 16,7
EmiliaRomagna 2,0 4,2 5,1 6,0 7,3 8,9
FriuliVeneziaGiulia 5,2 7,6 8,5 9,6 10,9 12,7
Lazio 4,0 6,5 7,4 8,5 9,9 11,9
Liguria 3,4 6,8 8,0 9,5 11,4 14,1
Lombardia 4,9 7,0 7,7 8,5 9,7 11,3
Marche 2,6 6,7 8,3 10,1 12,4 15,4
Molise 10,8 18,7 21,9 25,5 29,7 35,0
Piemonte 9,2 11,1 11,5 12,2 13,4 15,1
Puglia 3,0 6,7 8,3 10,0 11,9 14,2
Sardegna 3,8 8,4 10,4 12,5 14,9 17,8
Sicilia 2,7 7,0 8,8 10,8 13,1 15,9
TrentinoAltoAdigeProvinciaautonomadiBolzano 32,4 33,8 33,9 34,3 35,0 36,5
TrentinoAltoAdigeProvinciaautonomadiTrento 28,6 30,9 31,4 32,1 33,4 35,5
Toscana 6,2 9,6 10,9 12,3 14,1 16,5
Umbria 6,2 8,7 9,5 10,6 11,9 13,7
ValledAosta 51,6 51,8 51,0 50,7 51,0 52,1
Veneto 3,4 5,6 6,5 7,4 8,7 10,3
Italia 5,3 8,2 9,3 10,6 12,2 14,3
Fonte:MinisterodelloSviluppoEconomicoDecretoBurdenSharing

1.5.4 Abrogazionedellautocertificazioneenergeticadegliedifici

Il Decreto Legislativo del 22 novembre 201233 ha apportato alcune modifiche al Decreto Ministeriale del 26 giugno
2009contenenteleLineeGuidaNazionaliperlacertificazioneenergeticadegliedifici,secondolequaliiproprietaridi
determinatiimmobilipotevanooptareperunautodichiarazionedellaclasseenergeticapibassa,ponendoledificioin
classeG.Controtalederoga,abrogatadalDecreto,laCommissioneEuropeaavevaavviatounaproceduradiinfrazione
neiconfrontidellItalia,ritenendochenonavessedatocompletaattuazioneallaDirettiva2002/91/CEsulrendimento
energeticonelledilizia.

30
prevista una procedura di prenotazione per gli interventi realizzati da Amministrazioni pubbliche a cui riservato un
contingentedispesaannuacumulatanonsuperiorea100milionidieuro.
31
Disponibilesu:http://www.gazzettaufficiale.biz/atti/2012/20120078/12A03600.htm.
32
IncasodiaggiornamentodelPianodiAzioneNazionalesiaggiornerannoconseguentementeanchegliobiettiviregionali.Il31
dicembre2016iltermineultimoperlaggiornamentodelPiano.
33
Disponibilesu:http://www.gazzettaufficiale.biz/atti/2012/20120290/12A12945.htm.


20

Pertanto,nelleRegionioProvinceAutonomenonprovvistedinormativa inmerito,
i proprietari di immobili34 dovranno utilizzare delle procedure semplificate, gi
indicatenelDM26giugno2009,perunadiagnosienergeticasvoltadauntecnico. IlFondoKyotonel2013
PerilSecondoCiclodiProgrammazione,il
1.5.5 IlFondoKyoto cuiammontaredellerisorseassegnato
statoparia460milionidieuro,laCircolare
del18gennaio2013,n.5505emanatadal
Finalizzato allattuazione del Protocollo di Kyoto, un fondo rotativo per il MATTMhaintrodottodellesostanziali
finanziamentoagevolatodiinterventidiriduzionedelleemissionideigasaeffetto novitvolteafavorire,oltreall'aumento
dell'occupazione,l'innovazionediprodotto
serra,istituitopressolaCassaDepositiePrestitiedellammontarecomplessivodi ediprocesso,l'attivazionedinuovi
circa 600 milioni di euro, dadistribuire attraverso tre cicli annuali da200 milioni investimentiprivati,l'aperturadinuovi
mercatiel'ampliamentodimercati
ciascuno35.GliinterventifinanziaticonilPrimoCiclodiProgrammazione36hanno esistenti,[]l'incrementodell'efficienza
riguardato 7 misure di carattere nazionale o regionale (Tabella 1.4): i progetti energeticanegliusifinalidell'energia.
agevolati hanno ottenuto prestiti della durata da 3 a 6 anni (da 3 a 15 per le Inparticolare,laconcessionedel
PubblicheAmministrazioni),aratesemestralicontassofissopariallo0,5%annuo. finanziamentosubordinataalla
assunzioneatempoindeterminatodi
Letremisurerelativeallefficienzaenergeticahannovistolostanziamentodi170 almeno3giovaniconetnonsuperiorea
35annialladatadiassunzione.Nelcasodi
milionidieurocosripartiti: assunzionisuperioriatreunit,almenoun
Microcogenerazionediffusa:25milionidieuro. terzodeipostiriservatoagiovani
laureaticonetnonsuperiorea28anni.
Motorielettrici:15milionidieuro. PeriprogettipresentatidaS.r.l.
Usifinali:130milionidieuro. semplificate,PMledESCo,ilnumerodi
assunzioniminimopariadunaunit.
Tuttavia la domanda per tali misure risultata scarsa, soprattutto per la micro
cogenerazionediffusaeimotorielettrici.

Tabella1.4FondoKyoto:interventifinanziatinelPrimoCiclodiProgrammazione,anno2012
Misura Descrizione
Micro Impiantidinuovacostruzioneconpotenzanominalefinoa50kWecheutilizzanoqualifontienergeticheleseguenti:gas
cogenerazione naturale,biomassavegetalesolida,biocombustibililiquididioriginevegetale,biogaseincocombustionegasnaturale
diffusa biomassa.
Impiantidinuovacostruzionedipiccolatagliaperlutilizzodisingolafonterinnovabile:
impiantieoliciconunapotenzanominaleinstallatacompresatra1kWpe200kWp;
impiantiidroelettriciconunapotenzanominaleinstallatacompresatra1kWpe200kWp;
Rinnovabili
impiantisolaritermiciconsuperficiedaperturanonsuperiorea200metriquadrati;
Nazionale

impiantitermiciabiomassavegetalesolida(pelletsocippato)dipotenzanominaletermicatra50kWte450kWt;
impiantifotovoltaiciintegratioparzialmenteintegratinegliedificiconunapotenzanominaletra1kWpe40kWp.
Sonoammessiinvestimentipersingolointervento relativia:
involucrodiedificiesistenti;
Usifinali climatizzazionedirettatramiteteleriscaldamentodaimpiantidicogenerazionedipotenzanominalefinoa500kWe;
climatizzazionedegliedificidaimpiantigeotermiciabassaentalpiafinoa1MWt,
impiantidicogenerazionedipotenzanominalefinoa5MWelettrici.
Sistema Progettidiinvestimentoperlintegrazionedipiinterventi,comunquecombinati,da realizzarsinellostessosito.Tale
integrato progettopuriguardareesclusivamentelacombinazionedellemisuremicrocogenerazionediffusa,rinnovabilieusifinali.
Motorielettrici Sostituzionedimotorielettriciindustrialiconpotenzanominalesuperiorea90kWe conapparecchiatureadaltaefficienza.
Protossidodi
Investimentisuicicliproduttividelleimpresecheproduconoacidoadipicoediquelleagroforestali.
azoto
Regionale

Attivitdiricercaprecompetitivaperlosviluppoditecnologieinnovativeperlaproduzionedienergiadafontirinnovabili,
Ricerca perlaproduzioneeseparazioneeaccumulodiidrogeno,perlosviluppodimateriali,componentieconfigurazioni
innovativedicelleacombustibile.
Gestione
Progettiregionalichepresentanolafinalitdiidentificareinterventidirettiaridurreildepauperamentodellostockdi
forestale
carbonioneisuoliforestalienelleforeste.
sostenibile
Fonte:CassaDepositiePrestitiVademecumFondoKyoto

34
IlDecretospecificaancheindettaglioletipologiediedificioesentatedall'obbligodicertificazioneenergetica.
35
Perunquadrodellanormativadiriferimentosivedailseguenteindirizzo,dacuipossibilescaricaretuttiiprovvedimentirelativi
alFondoKyoto:http://portalecdp.cassaddpp.it/cdp/Areagenerale/FondoKyoto/Riferimentinormativi/index.htm.
36
IlFondostatoresooperativonelfebbraio2012grazieadunaCircolareApplicativaemanatadalMinisterodellAmbienteedella
TuteladelTerritorioedelMare(cfr.notaprecedente)edstatopossibilepresentareledomandedal16marzoal14luglio2012.
Danotarecheleffettivarealizzazionedelprogettonondeveavereavutoavvioindataprecedenteaquelladientratainvigoredel
DecretoKyoto(22aprile2009).LaCircolaredel2013relativainveceallanuovadisciplina(sivedaboxdedicato)disponibilesu:
http://www.minambiente.it/sites/default/files/archivio/allegati/Fondo_Kyoto/00._Circolare.pdf.


21



1.5.6 ContributistataliperlacquistodiveicoliaBasseEmissioni
Complessive ed incentivi per le infrastrutture di ricarica
Lattuazionenel2013deicontributiper
veicoliBEC
deiveicolielettrici
Nelfebbraio2013sonostatestabilitele La Legge n. 134/2012 prevede incentivi allacquisto di veicoli a Basse Emissioni
modalitdiaccessoagliincentiviper
l'acquistodiveicoliBECelaripartizione Complessive37(BEC)perilperiodo20132015(art.17decies);talemisurarivolta
dellerisorseperlanno2013.Anovembre prevalentemente allacquisto di veicoli aziendali e ad uso pubblico. Nellart. 17
2013risultavanoacquistati2.300veicoli
deiquali1.260alimentatiametano,537 undecies, viene istituito un fondo per lerogazione degli incentivi con una
ibridi,420elettrici.Lamaggiorpartedei dotazionedi50milionidieuroperil2013e45milionidieuroperciascunodegli
circa1.700veicoliincentivatihaemissioni
diCO2compresetrai50ei95gCO2/km. anni2014e2015.Successivamente,conlaLeggediStabilit2013del24dicembre
Aluglio2013statoemanatounbandoa
2012,lautorizzazionedispesaridottadi10milioniperciascunodeglianni2013
favoredelleRegioniperilfinanziamentodi 2014portandolerisorsecomplessiveperiltriennioa120milionidieuro.
retidiricaricaperveicolielettricinelquale
sonoprevistifinanziamentiafavoredegli La Legge n. 134/2012 rileva inoltre la necessit della redazione di un Piano
EntiLocaliperprogettivoltiasviluppare
NazionaleInfrastrutturaleperlaricaricadeiveicolialimentatiadenergiaelettrica
retidiricaricadiffuseperiveicolielettrici
per:mobilitsostenibileinambito alfinedigarantiresututtoilterritorio,partendodalleareeurbane,livelliminimi
urbano/metropolitano;flottepubblichee uniformidiaccessibilitalserviziodiricaricastesso.Atalfineistituisceunfondo
private;impiantididistribuzionedel
carburante;mezziadueruote(motocicli). conunadotazioneparia20milionidieuroperlanno2013ea15milionidieuro
perciascunodeglianni2014e2015.

1.5.7 IlFondoNazionaleperilTrasportoPubblicoLocale

LaLeggediStabilit2013haistituitoilFondoNazionaleperilconcorsofinanziariodelloStatoaglionerideltrasporto
pubblicolocale,conunadotazionediquasi5miliardidieuroperilperiodo20132015destinatiprincipalmentealle
modalit ferro e gomma. Il finanziamento seguir parzialmente (10% del fondo) criteri di premialit legati ad una
gestione economica ed efficiente dellerogazione del servizio. Gli obiettivi di miglioramento dellefficienza passano
attraverso laumento del rapporto tra ricavi e traffico su costi operativi (con un target pari al 35%), laumento del
numerodipasseggeritrasportatinellannoalivelloregionale,unadeguatolivellooccupazionale,implementazionedi
strumentidimonitoraggioeverifica,latrasmissionedeidatieconomicietrasportisticiallOsservatorioistituitoaisensi
dileggepressoilMinisterodelleInfrastruttureedeiTrasporti.


37
PerveicoliaBasseEmissioniComplessivesiintende:veicoliatrazioneelettrica,ibrida,GPL,metano,biometano,biocombustibili
eidrogeno,conemissionidiCO2alloscaricononsuperioria120g/kmeridotteemissionidialtresostanzeinquinanti.


22

2. Domanda,impieghifinalieintensitdellenergia


2.1 IlBilancioEnergeticoNazionale

In linea con il trend negativo gi osservato per il 2011, la domanda di energia primaria ha registrato nel 2012 una
flessionedel4,3%rispettoallannoprecedente,scivolandoaquota176,35Mtep(Tabella2.1).

Tabella2.1BilancioEnergeticoNazionale(Mtep),anni20102011
Energia
Disponibiliteimpieghi Solidi Gas Petrolio Rinnovabili Totale
elettrica
ANNO2012
1.Produzione 0,649 7,048 5,397 24,449 37,543
2.Importazione 15,529 55,474 85,464 2,167 9,990 168,624
3.Esportazione 0,236 0,114 29,569 0,058 0,507 30,484
4.Variazionedellescorte 0,217 1,045 1,464 0,031 0,667
5.Consumointernolordo(1+234) 16,159 61,363 62,756 26,589 9,483 176,350
6.Consumieperditedelsettoreenergetico 0,175 1,623 4,668 0,007 42,015 48,488
7.Trasformazioniinenergiaelettrica 11,936 20,716 3,743 21,657 58,052
8.Totaliimpieghifinali(5+6+7) 4,048 39,024 54,345 4,925 25,520 127,862
industria 3,956 12,281 4,129 0,026 9,798 30,190
trasporti 0,757 35,604 1,272 0,925 38,558
usicivili 0,003 25,393 3,585 3,623 14,288 46,892
agricoltura 0,129 2,134 0,004 0,509 2,776
usinonenergetici 0,089 0,464 5,932 0,000 6,485
bunkeraggi 2,961 2,961
ANNO2011
1.Produzione 0,714 6,920 5,284 22,554 35,472
2.Importazione 15,530 57,632 89,943 2,168 10,454 175,727
3.Esportazione 0,219 0,102 26,700 0,157 0,393 27,571
4.Variazionedellescorte 0,575 0,636 0,630 0,007 0,576
5.Consumointernolordo(1+234) 16,600 63,814 69,157 24,572 10,061 184,204
6.Consumieperditedelsettoreenergetico 0,312 1,511 5,493 0,007 41,980 49,303
7.Trasformazioniinenergiaelettrica 11,776 23,106 3,302 19,692 57,876
8.Totaliimpieghifinali(5+6+7) 4,512 39,197 60,362 4,873 25,957 134,901
industria 4,409 12,674 4,840 0,257 10,476 32,656
trasporti 0,722 39,524 1,296 0,928 42,470
usicivili 0,004 25,244 3,982 3,179 14,045 46,454
agricoltura 0,130 2,234 0,141 0,508 3,013
usinonenergetici 0,099 0,427 6,374 0,000 6,900
bunkeraggi 3,408 3,408
Variazionepercentuale2012/2011
1.Produzione 9,1% 1,8% 2,1% 8,4% 5,8%
2.Importazione 0,0% 3,7% 5,0% 0,0% 4,4% 4,0%
3.Esportazione 7,8% 11,8% 10,7% 63,1% 29,0% 10,6%
4.Variazionedellescorte
5.Consumointernolordo(1+234) 2,7% 3,8% 9,3% 8,2% 5,7% 4,3%
6.Consumieperditedelsettoreenergetico 43,9% 7,4% 15,0% 0,0% 0,1% 1,7%
7.Trasformazioniinenergiaelettrica 1,4% 10,3% 13,4% 10,0% 0,3%
8.Totaliimpieghifinali(5+6+7) 10,3% 0,4% 10,0% 1,1% 1,7% 5,2%
industria 10,3% 3,1% 14,7% 89,9% 6,5% 7,6%
trasporti 4,8% 9,9% 1,9% 0,3% 9,2%
usicivili 25,0% 0,6% 10,0% 14,0% 1,7% 0,9%
agricoltura 0,8% 4,5% 97,2% 0,2% 7,9%
usinonenergetici 10,1% 8,7% 6,9% 6,0%
bunkeraggi 13,1% 13,1%
Fonte:MinisterodelloSviluppoEconomico

La produzione nazionale ha registrato un incremento del 5,8%, raggiungendo quota 37,5 Mtep, spinta soprattutto
dallerinnovabili(+8,4%),oltrechedapetrolio(+2,1%)egasnaturale(+1,8%);passoindietropericombustibilisolidi
conunaflessionedel9,1%.Incaloleimportazioni(4%,conquelladienergiaelettricaindiscesadel4,4%),crescono


23

dicontroleesportazioni(+10,6%).Gliimpieghifinalipassanoda134,9a127,9Mtep:ilconsumocrescesoltantonegli
usi civili (+0,9%), mentre arretrano industria (7,6%), trasporti (9,2%) e agricoltura (7,9%). Laulteriore contrazione
del fabbisogno energetico del 2012 stata determinata dalleffetto di diversi fattori quali il perdurare della crisi
economicaelapplicazionedipolitichediefficienzaenergetica.

2.2 Domandadienergiaprimaria

Negli ultimi sedici anni si notevolmente ridotto lapporto del petrolio allinterno del mix energetico italiano,
passandodaicirca95Mteposservatinel1997(oltreil54%delladomandatotalediallora)acirca62,8Mtepnel2012,
corrispondenti al 35,6% del totale: una riduzione di quasi venti punti percentuali compensata in particolare da gas
naturaleefontirinnovabili(Figura2.1).
Ilcontributorelativodelgasnaturalecresciutocostantementeneltempopassandodal27,4%del1997al34,8%del
2012; in termini assoluti, mentre nel 1997 il consumo di gas naturale era circa la met di quello del petrolio (47,8
Mtep),nellultimoannoconsideratoiduevalorisonodifattoallostessolivello(61,4Mtep).
Incostanteascesaanchelaquotadellefontirinnovabilichepassadal6,6%del1997al15,1%del2012,sebbenein
terminiassolutiivalorisianoancoramoltopicontenutirispettoapetrolioegasnaturale:dacirca11,5Mtepdiinizio
periodoa26,6Mtepnel2012.
Le fonti rinnovabili si collocano cos al terzo posto per importanza nel mix di energia primaria del nostro paese: in
particolare, avvenuto nel 2008 il sorpasso rispetto ai combustibili solidi, il cui andamento comunque
moderatamentecrescentenelperiodoconsiderato,passandoda11,7Mtepnel1997(6,7%deltotale)a16,2Mtepnel
2012(9,2%deltotale).
Infine,sostanzialmentecostantelandamentoosservatoperladomandadienergiaelettrica:da8,5Mtepnel1997
(4,9%deltotale)a9,5Mtepnel2012(5,4%deltotale).

Figura2.1Domandadienergiaprimariaperfonte(Mtep),anni19972012

200

180

160

140

120
Mtep

100

80

60

40

20

Petrolio Gasnaturale Fontirinnovabili Combustibilisolidi Energiaelettrica



Fonte:elaborazioneENEAsudatiMinisterodelloSviluppoEconomico

La composizione percentuale delle fonti energetiche impiegate per la copertura della domanda nel 2012 stata
caratterizzata,rispettoallannoprecedente,dallariduzionedellaquotadelpetroliodal37,5al35,6%edalsignificativo
incrementodellapportodellerinnovabili,cresciutedal13,3al15,1%;inoltre,siregistrataunaleggeracrescitasia
della quota del gas naturale dal 34,6 al 34,8% sia di quella dei combustibili solidi dal 9 al 9,2% (Figura 2.2). La
composizionepercentualedelladomandaperfonteconfermalaspecificititaliana,nelconfrontoconlamediadei27


24

paesi dellUnione Europea, relativamente al maggior ricorso a petrolio e gas, allimport strutturale di elettricit, al
ridottocontributodeicombustibilisolidiealmancatoricorsoallafontenucleare.

Figura2.2Domandadienergiaprimariaperfonte(%),anno2012

5,4%
9,2%

35,6%
15,1%

34,8%

Petrolio Gasnaturale Fontirinnovabili Combustibilisolidi Energiaelettrica



Fonte:elaborazioneENEAsudatiMinisterodelloSviluppoEconomico

2.2.1 Produzionedienergiaelettrica

La domanda di energia elettrica nel 2012 stata pari a 328,2 TWh, in calo dell1,9% rispetto allanno precedente
(Tabella2.2).

Tabella2.2Bilanciodellenergiaelettrica(TWh),anni20112012
2011 2012 Variazione2012/2011
Produzionenetta 291,445 287,805 1,2%
idrica 47,202 43,256 8,4%
termica 218,486 207,327 5,1%
geotermica 5,315 5,251 1,2%
eolica 9,774 13,333 36,4%
fotovoltaica 10,668 18,637 74,7%
Destinataaipompaggi 2,538 2,689 5,9%
Produzionedestinataalconsumo 288,907 285,116 1,3%
Energiaelettricaimportata 47,519 45,407 4,4%
Energiaelettricaesportata 1,787 2,304 28,9%
RICHIESTA 334,639 328,219 1,9%
Perditedirete 20,847 21,000 0,7%
Fonte:TERNA

Ladomandadienergiaelettricastatasoddisfattaattraversoimportazioniperunaquotadel13,1%deltotale,paria
43,1TWh,afrontediunaproduzionenazionaledi285,1TWh(1,3%rispettoal2011),perlaqualesiosservatoun
incrementodell11,2%dellapportodellefontirinnovabili(bioenergie,idrica,eolicaefotovoltaica).Inparticolare,la
produzionenettadelfotovoltaicoharaggiuntoi18,6TWh,quasitrequartiinpirispettoal2011;notevoleanchela
crescita della produzione dalla fonte eolica, pari a 13,3 TWh (+36,4% rispetto allanno precedente). Di contro, la
produzionedafontetermicaedidrica,icuicontributirappresentanorispettivamenteil72%eil15%dellaproduzione
nettanazionale,risultataincalorispettoal2011.
Leimportazioninettedallesterodel2012hannomostratouncalodi2,1TWh(4,4%)rispettoallannoprecedente.Le
perdite di rete sono risultate in leggera crescita (0,7%) rispetto a quelle registrate per il 2011 e pari a 21 TWh,
corrispondential6,4%dellarichiestacomplessiva.


25

Perquantoriguardaildettagliodeicombustibiliutilizzatiperlaproduzionetermoelettrica(Tabella2.3)siconfermail
primato del gas naturale, con 125,4 TWh di energia elettrica (pari al 60,5% della produzione termoelettrica
complessiva)prodottaattraversoquestafonte,sebbenetaleapportorisultiessereincalodel10,8%rispettoal2011.
Seguonoicombustibilisolidiconunaquotaparial20,5%(42,6TWh,inaumentodel4,7%rispettoal2011).

Tabella2.3Fontienergeticheperlaproduzionetermoelettricanetta(TWh),anni20112012
Tipologiadicombustibile 2011 2012 Variazione2012/2011
Solidi(carbone,lignite) 40,6 42,5 +4,7%
Gasnaturale(metano) 140,6 125,4 10,8%
Petroliferi(oliocombustibile,etc.) 7,6 8,5 +12,1%
Gasderivati(gasdaltoforno,etc.) 5,3 4,7 12,3%
Altricombustibili(Syngas,RSU,biomasse,etc.) 20,1 21,0 +4,1%
Altricombustibili(biogas,etc.) 3,2 4,3 +33,7%
Altrefontidienergia 0,77 0,72 7,0%
TOTALE 218,4 207,3 5,1%
Fonte:TERNA

Interminidipotenzainstallata,nel2012lapotenzaefficientenettadigenerazioneharaggiuntoi124.234MW,conun
incrementodi5.791MW(+4,9%)rispettoal2011.Ilmaggiorincrementosiavutonelsettorefotovoltaico,conuna
crescita di 3.646 MW (+28,6%) rispetto allanno precedente, sulla spinta dei meccanismi dincentivazione legati al
sistemadeiCertificatiVerdiealContoEnergia.

2.2.2 DomandadienergiaperabitanteneipaesidellUnioneEuropea

LandamentostoricodelladomandadienergiaperabitanteallinternodellUnioneEuropeaa27paesi38(UE27)mostra
chiaramente come lItalia presenti valori al di sotto della media sia dei 27 paesi dellUE nel suo complesso sia del
sottogruppodei17paesiaccomunatidallavalutadelleuro39(Figura2.3).

Figura2.3DomandadienergiaperabitanteinalcunipaesiUE27(tep/abitante),anni19912011
4.6

4.3

4.0

3.7
tep/abitante

3.4

3.1

2.8

2.5

2.2

UE27 ZonaEuro Francia Germania Italia RegnoUnito Spagna



Fonte:elaborazioneENEAsudatiEUROSTAT

38
Dal 1 luglio 2013 lUnione Europea composta da 28 paesi in virt dellingresso della Croazia. Trattando questo rapporto
levoluzioneintercorsafinoal2012,leinformazionifornitefannoriferimentoallacomposizionedellUEaquelladata.Alcunigrafici
riportano comunque anche i valori osservati per la Croazia e una serie di altri paesi solitamente contemplati nelle statistiche
dellEUROSTAT(http://epp.eurostat.ec.europa.eu/portal/page/portal/eurostat/home).
39
Austria, Belgio, Cipro, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Malta, Olanda, Portogallo,
Slovacchia,Slovenia,Spagna.


26

Il quadro di dettaglio al 2011 (Figura 2.4) conferma come la domanda di energia italiana (2,85 tep/abitante) sia
inferioreaquelladellamaggiorpartedeipaesidellUE.DanotarecomeleeconomiedellEuropadellEstdirecente
adesionemostrinovalorialdisottodellamedia(adeccezionedellaRepubblicaCeca),contribuendocosadabbassare
ilvaloremediostesso(3,38tep/abitante),inferioreaquellodellaZonaEuro(3,58tep/abitante).

Figura2.4DomandadienergiaperabitanteneipaesiUE27(tep/abitante),anno2011

6
tep/abitante


Fonte:elaborazioneENEAsudatiEUROSTAT

2.3 Impieghifinalidienergia

Gliimpieghifinalidienergiasonostatiparinel2012a127,9Mtep,conunariduzionedel5,2%rispettoal2011,che
seguequelladel2,65%riscontratatra2010e2011.Difatto,ivalorideiconsumifinaliosservatinel2012sonotornati
ailivelliregistratinel1997(Figura2.5).

Figura2.5Impieghifinalidienergiapersettore(Mtep),anni19972012

160

140

120

100
Mtep

80

60

40

20

Industria Trasporti Usicivili Agricoltura Usinonenergetici Bunkeraggi



Fonte:elaborazioneENEAsudatiMinisterodelloSviluppoEconomico


27

Il profilo dinamico dei consumi energetici nei settori di impiego finale per il periodo 19972012 evidenzia un
andamento crescente del consumo finale fino al 2005 (146,6 Mtep), seguito da una progressiva diminuzione, con
ununicaeccezionenel2010,annoincuisimanifestatouneffettorimbalzodopolafortecontrazionedel2009.A
livellosettoriale,ilsettoredeitrasportifaregistrareconsumilievementeinferioriaquellidel1997(0,8%),mentre
significativa la contrazione nellindustria (da 37,2 Mtep a 30,2 Mtep, 18,9%), pi che compensata dallaumento di
circaunquartodeiconsuminelsettorecivile(da37,5Mtepa46,9Mtep,+24,9%).Siriduconoancheiconsuminel
settoreagricolo(da3,2Mtepa2,8Mtep,13,2%).
Rispettoalpiccodeiconsumidel2005lacontrazioneal2012del12,8%eledinamichesettorialisonodifferenti,con
laconsistenteriduzionedeiconsumisiadelsettoreindustriale(da41,1a30,2Mtep,26,5%)siadiquellodeitrasporti
(da 44 Mtep a 38,6 Mtep, 12,3%), a fronte invece di un livello stabile dei consumi finali nel settore civile (0,4%),
segnoevidentedelsuccessodellepolitichedirisparmioedefficienzaenergeticaattuateintalisettoriapartireproprio
dal 2005. Anche per il settore agricolo si osservata una forte riduzione relativa dei consumi, sebbene a fronte di
valoriassoluticontenuti(da3,4Mtepa2,8Mtep,18,4%).
Laripartizionenel2012degliimpieghitraidiversisettorimostraunaforteincidenzadiquellorelativoagliusicivili,
conunaquotadel36,7%rispettoal34,5%del2011.Seguonoilsettoredeitrasporti(30,2%contro31,5%)elindustria
(23,6%contro24,2%).Laparterimanentedipertinenzadelsettoreagricoltura(2,2%)edellescortedicarburante
per il trasporto marittimo internazionale (cosiddetti bunkeraggi: 2,3%), mentre il 5,1% destinato ad usi non
energetici,inparticolarenellindustriapetrolchimica(Figura2.6).

Figura2.6Impieghifinalidienergiapersettore(%),anno2012

5,1% 2,3%
2,2%
23,6%

36,7%

30,2%

Industria Trasporti Usicivili Agricoltura Usinonenergetici Bunkeraggi



Fonte:elaborazioneENEAsudatiMinisterodelloSviluppoEconomico

2.3.1 Consumidienergiaelettrica

Iconsumicomplessividienergiaelettricadel2012(Tabella2.4)sisonoattestatia307,2TWh(2,1%rispettoal2011).

Tabella2.4Consumifinalidienergiaelettrica(TWh),anni20112012
Settore 2011 2012 Variazione2012/2011
Agricoltura 5,907 5,923 0,3%
Industria 140,039 130,800 6,6%
Terziario 97,705 101,038 3,4%
Domestico 70,140 69,456 1,0%
TOTALE 313,792 307,219 2,1%
Fonte:TERNA


28

Alivellosettorialesievidenziaunadinamicapositivadeiconsumideicompartidelterziario(+3,4%)esostanzialmente
stabileperagricoltura(+0,3%)edomestico(contrazionedell1%),afrontedellanettariduzioneregistratatrail2011
edil2012nellindustria,ilcuiconsumoscesoda140TWha130,8TWh(6,6%subaseannuale).

LintensitelettricadelPIL40perlanno2012risultataparia0,236kWhperognieuro41diPIL,conunincremento
dello0,5%rispettoal2011.Danotarecomeivaloriosservatiduranteilperiodo20032009pertaleindicatoresisiano
mantenuti,seppurconunandamentoaltalenante,costantiintornoalvaloredi0,23kWh/2005,mentreapartiredal
2010siregistrataunacrescitatendenziale,aconfermadellimpiegocrescentedellenergiaelettricaallaformazione
delPILitaliano,nonostantelacontrazionegeneraledelladomanda42.

2.3.2 ImpieghifinalidienergiaperabitanteneipaesidellUnioneEuropea

Landamento storico degli impieghi finali di energia per abitante ricalca quanto gi osservato in precedenza per la
domanda43,conivaloridellItaliacostantementealdisottodellamediaUE27edellamediadellaZonaEuro(Figura
2.7).Traleprincipalieconomieeuropee,soltantolaSpagnamostravaloriinferioriaquellidellItalia,soprattuttonella
prima parte del periodo considerato: a partire dal 2005,le due economie mostrano infatti un andamento del tutto
simileperlindicatoreconsiderato.

Figura2.7ImpieghifinalidienergiaperabitanteinalcunipaesiUE27(tep/abitante),anni19912011
3.0

2.7
tep/abitante

2.4

2.1

1.8

1.5

UE27 ZonaEuro Francia Germania Italia RegnoUnito Spagna



Fonte:elaborazioneENEAsudatiEUROSTAT

Analizzando nel dettaglio il consumo finale di energia per abitante nel 2011 (Figura 2.8), si rileva per i Paesi
dellUnione Europea una significativa variazione tra i valori dei singoli stati membri. In particolare due paesi
presentano valori molto pi elevati della media UE27 (2,19 tep/abitante): la Finlandia (4,67 tep/abitante),
caratterizzata da un clima freddo, rilevanti fabbisogni per il trasporto stradale e una struttura industriale ad alta
intensitenergetica;ilLussemburgo(8,25tep/abitante),caratterizzatoinvecesiadaunrilevantenumerodilavoratori
nonresidenticheincrementanolasuapopolazionedicircaunquartoduranteigiornilavorativi,siadaunbassolivello
della fiscalit sui carburanti, a causa del quale il paese soggetto al cosiddetto fenomeno del pendolarismo per
rifornimento.

40
Quantit di elettricit (kWh) consumata da ciascun settore, per unit (Euro) del rispettivo contributo (valore aggiunto) alla
formazionedelPIL.
41
Valoriconcatenati,annodiriferimento2005.
42
Perunapprofondimentosiveda:http://www.terna.it/LinkClick.aspx?fileticket=uyq0AOycl18%3D&tabid=375&mid=434.
43
ConfrontaFigura2.3.


29

Figura2.8ImpieghifinalidienergiaperabitanteneipaesiUE27(tep/abitante),anno2011

5
tep/abitante


Fonte:elaborazioneENEAsudatiEUROSTAT

IlgraficoevidenzialabuonaposizionedellItalia(2,01tep/abitante)nelcontestoeuropeo,aldisottosiadellamedia
UE27siadellamediadellaZonaEuro(2,34tep/abitante).

2.3.3 Impieghifinalidienergianellindustria

Lindice generale della produzione industriale44 ha registrato nel 2012 una diminuzione del 6,1% rispetto al 2011
(Tabella 2.5): le flessioni pi accentuate nei comparti delle apparecchiature elettriche e non elettriche per uso
domestico (11,8%), della fabbricazione di mezzi di trasporto (10,6%), della fabbricazione di computer, prodotti di
elettronicaeottica,apparecchielettromedicali,apparecchidimisurazioneeorologi(9,3%)edellindustriadellegno,
cartaestampa(9%).Nettalacontrazioneanchenelsettoredellecostruzioni,conunavariazioneannualediquasiil
14%.Nelcomplessoilmanifatturierocedeil6,6%dellaproduzioneedil4,5%delfatturatorispettoal2011.

Tabella2.5Indicicongiunturalisettoreindustria(base2010=100),variazionepercentuale2011/2012
Attiviteconomica Produzione Fatturato Ordinativi
Estrazionedimineralidacaveeminiera +1,2 9,5
Attivitmanifatturiere 6,6 4,5
Industriealimentari,bevandeetabacco 0,6 +0,8
Industrietessili,abbigliamento,pelliedaccessori 7,4 4,3 5,9
Industriadellegno,cartaestampa 9,0 7,9 7,3
Fabbricazionedicokeeprodottipetroliferiraffinati 5,9 +5,0
Fabbricazionediprodottichimici 5,0 2,9 2,3
Produzionediprodottifarmaceuticidibaseepreparatifarmaceutici 0,8 0,6 1,0
Fabbricazionediarticoliingommaematerieplastiche,altriprodottidellalavorazionediminerali
8,8 8,1
nonmetalliferi
Metallurgiaefabbricazionediprodottiinmetallo(esclusimacchineeimpianti) 7,6 9,3 7,1
Fabbricazionedicomputer,prodottidielettronicaeottica,apparecchielettromedicali,
9,3 5,4 7,5
apparecchidimisurazioneeorologi
Fabbricazionediapparecchiatureelettricheeapparecchiatureperusodomesticononelettriche 11,8 7,3 6,5
Fabbricazionedimacchinarieattrezzaturen.c.a. 3,7 4,3 8,7
Fabbricazionedimezziditrasporto 10,6 7,6 14,2
Altreindustriemanifatturiere 9,1 7,4
Costruzioni 13,9
INDUSTRIA 6,1 4,5 7,5
Fonte:ISTATAnnuariostatisticoitaliano2013

44
Variazioneneltempodelvolumefisicodellaproduzione.


30

Comeaccennatoinprecedenza,dallanalisidellandamentodeiconsumidal1992al2011emergonochiaramentedue
fasicaratterizzatedatrendbendistinti(Figura2.9):dapprimaunalentacrescitafinoal2003,conunpiccodicirca41
Mtepdiconsumo(+17,9%rispettoal1992);poiunarapidacontrazione,acuitadallacrisieconomicadegliultimianni,
conunadiminuzionecomplessivadeiconsumidioltreunquartorispettoal2003(26,1%)chehacoinvoltoicomparti
pienergivori,conpicchidioltreil30%permetallinonmetalliferi(31,5%)echimicoepetrolchimico(30,2%)nonch
significativeriduzionianchepermeccanica(25,6%)ealimentare(27,8%).

Figura2.9Consumoenergeticonellindustriapercompartoproduttivo(Mtep),anni19922011
Metallurgia
45
Mineralinonmetalliferi
40
ChimicaePetrolchimica
35
Meccanica
30
Alimentareetabacco
Mtep

25
Cartariaegrafica
20
Altremanifatturiere
15
Tessileeabbigliamento
10
Legnoeprodottiinlegno
5 Costruzioni
0 Mezziditrasporto

IndustriaEstrattiva

Fonte:elaborazioneENEAsudatiMinisterodelloSviluppoEconomico

In termini di fonti energetiche, dallinizio della crisi economicofinanziaria nel 2007 si sono registrate consistenti
riduzionideiconsumi,inparticolareperprodottipetroliferi(43,7%)egasnaturale(26%);comemostratonellaFigura
2.10,siosservaunapicontenutacontrazionedegliimpieghidienergiaelettricadurantelostessoperiodo(12,4%).

Figura2.10Consumoenergeticonellindustriaperfonte(Mtep),anni19922011

45

40

35

30

25
Mtep

20

15

10

Energiaelettrica Gasnaturale Petrolio Combustibilisolidi Fontirinnovabili



Fonte:elaborazioneENEAsudatiMinisterodelloSviluppoEconomico


31

Nel 2011, circa un quarto dei consumi del settore stato assorbito dalla metallurgia, seguito dai minerali non
metalliferi(20%circa),chimicaepetrolchimico(13,3%)emeccanica(12,2%).Glialtricompartihannofattoregistrare
quotediimpiegofinaledienergiainferiorial10%(Figura2.11).

Figura2.11Consumoenergeticonellindustriapercompartoproduttivo(%),anno2011
1,4% 0,6% Metallurgia
1,6% 1,4%
4,0%
23,9% Mineralinonmetalliferi
5,9%
ChimicaePetrolchimica
7,5%
Meccanica

Alimentareetabacco

Cartariaegrafica
9,0%
Altremanifatturiere

Tessileeabbigliamento

19,2% Legnoeprodottiinlegno
12,2% Costruzioni

Mezziditrasporto
13,3%
IndustriaEstrattiva

Fonte:elaborazioneENEAsudatiMinisterodelloSviluppoEconomico

2.3.4 Impieghifinalidienergianelresidenziale

Nel2011,ilconsumoenergeticodelsettoreresidenzialestatodicirca28Mtep,difattocostanterispettoal2010
(+0,3%).Ilgasnaturalelaprincipalefonteenergeticautilizzataconil54%deltotaledeiconsumi,sebbenenel2011
abbiaregistratounacontrazioneannualedicircail2,5%,coscomepergasolio(6%)eGPL(9%);incrementisisono
osservatiinveceperlegna(+7%)edenergiaelettrica(+0,8%)(Figura2.12).

Figura2.12Consumoenergeticonelresidenzialeperfonte(Mtep),anni19902011

30

25

20
Mtep

15

10

Gasnaturale EnergiaElettrica Legna Gasolio GPL Altricombustibili



Fonte:elaborazioneENEAsudatiMinisterodelloSviluppoEconomico


32

Ilriscaldamentocopreoltredueterzideiconsumicomplessivi(Figura2.13):taleutilizzoapparestabileneltempo,al
paridiquelliperilluminazioneeapparecchielettrici(13,5%)eusicucinaeacquacaldasanitaria(16,5%).

Figura2.13Consumoenergeticonelresidenzialepertipologia(tep/appartamento),anni20002011

1.4

1.2

1.0
tep/appartamento

0.8

0.6

0.4

0.2

0.0

Riscaldamento Illuminazioneeapparecchielettrici Usicucinaeacquacaldasanitaria



Fonte:ODYSSEE

2.3.5 Impieghifinalidienergianelsettorenonresidenziale

Iconsumidelsettorenonresidenziale,incuisonocompresigliedificiadibitiaiservizi,alcommercioeallaPubblica
Amministrazione,risultanoincontinuaefortecrescitapassandodamenodi9,5Mtepdel1995aoltre20Mtepnel
2010, ridotti nel 2011 a 18,9 Mtep (6,6%). Il consumo elettrico per addetto ha confermato il trend costantemente
crescente, adifferenzadi quello pi altalenante mostrato dal pigenerale consumoenergetico per addetto (Figura
2.14):inparticolare,nelgirodiventianniilconsumoelettricoperaddettonelcommerciopicheraddoppiato.

Figura2.14Consumoelettricoperaddettonelnonresidenziale(1992=100),anni19922011
240
Consumo
energeticoper
220 addetto
Consumoelettrico
200 peraddetto

Commercio
180

160 Alberghie
ristoranti
140
Creditoe
asssicurazioni
120

Pubbica
100 Amministrazione

80 Altriservizi


Fonte:elaborazioneENEAsudatiMinisterodelloSviluppoEconomico


33

2.3.6 Impieghifinalidienergiadellafilieraagroalimentare

La filiera agroalimentare comprende il settore agricoltura (produzione primaria che fornisce le materie prime),
lindustria alimentare che opera la lavorazione e la trasformazione dei prodotti agricoli ed il comparto della
distribuzione dei prodotti finali ai consumatori45 (Figura 2.15). La quantit di energia fossile consumata per la
produzione di prodotti alimentari sia vegetali (ortive, frutti, etc.) che animali (carne, insaccati, etc.) e latticini
(mozzarelle,formaggi)notevole:peril2012sonostatistimati16,31Mtepdiconsumifinalidienergiaperlintera
filieraagroalimentare,dicui2,8Mtepascrivibilialsettoreagricoltura.

Figura2.15Diagrammadeiflussienergeticidellafilieraagroalimentare,anno2012


Fonte:ENEA

Facendo riferimento ai prodotti ortofrutticoli, lindustria alimentare consuma energia elettrica e termica per il
processamento(processing),inparticolarmodoperitrattamentichimicofisicideiprodotti,oltrecheperilpackaging
e per la conservazione alle temperature adatte al mantenimento della qualit dei prodotti ortofrutticoli allinterno
della catena del freddo. Smil46 ha calcolato che il consumo di energia per il mantenimento dei prodotti agro
alimentari, soprattutto per le operazioni di surgelazione, richiede 13 MJ/kg di prodotto pronto per il mercato. In
generale si pu affermare che la met dei consumi finali di energia impegnata negli interventi di riscaldamento,
raffreddamento,essiccazione,refrigerazioneesurgelazione,sterilizzazioneesanificazione,ossiaperlatrasformazione
dei prodotti primari, mentre il 10% dellenergia finale richiesta per la climatizzazione ambientale degli edifici
industriali,peritrasportiinternieiservizi.
InItalia,sistimatocheilconsumodienergiafinaledellindustriaalimentaredovutoperil60%aiconsumielettricie
peril40%aiconsumidienergiatermica,questiultimidovuti,ingranparte,aiprocessidilavorazionecherichiedonola
pastorizzazioneelasterilizzazionedeiprodotti(Tabella2.5).

45
Ilvaloreaggiuntodelsettoreagricolturadi28,1miliardidieuro(parial10,4%dellafilieraagroalimentare),increscitadello
0,1%rispettoal2011,acuisiaggiungonoi25,7miliardidieurodellindustriaalimentare(parial9,4%),questultimaincrescitadel
4,4%. Le altre principali componenti sono rappresentate da circa 109 miliardi di euro della commercializzazione e distribuzione,
43,9 miliardi di valore aggiunto dei servizi di ristorazione, oltre 24 miliardi di consumi intermedi agricoli e circa 18 miliardi di
investimentiagroindustriali(Fonte:SRMsudatiINEAeISTAT,2011).
46
SmilV.,Energyinnatureandsocietygeneralenergeticofcomplexsystems.MITPress,Cambridge,Massachusets,2008.


34

Tabella2.5Consumidienergiaperlefasiprincipalidelprocessingdeiprodottiortofrutticoli
Energia(kWhpertonnellatadiprodotto)
Processo Energiaelettricaper
Energiaelettrica Energiatermica
pompaggioacqua
Ricevimentodelmaterialeprimario 3,4
Lavaggio,cernitaecalibratura 2,1 51,0
Frammentazione,macinazione,spellatura 3,4 72,0 3,0
Essiccazione,schiacciatura 1,5 209,0
Operazionidiraffreddamento 3,9 3,0
Controlloepackaging 3,0 50,0
Trattamentitermiciperlastabilizzazione 229,0 8,0
Cooling(surgelazioneecongelamento) 1,1
Stoccaggio 1,0
ENERGIATOTALE 19,4 611,0 14,0
Fonte:elaborazioneENEAsudatiISTATeLGMTDIndustriaAlimentare

Nel complesso, i consumi relativi al processing dei prodotti ortofrutticoli ammontano per il 2012 a circa 413 ktep
(Tabella2.6).

Tabella2.6Consumifinalidienergiaperilprocessingdeiprodottiortofrutticoli
Utenzeenergetiche MWh Tep
Energiaelettrica:lineedilavorazione 135.800 25.622
Energiatermica:processiigienici,trattamenti,sterilizzazione 4.277.700 368.767
Energiaelettrica:pompaggiodellacqua 98.000 18.490
ENERGIATOTALE 4.511.500 412.876
Fonte:elaborazioneENEAsudatiISTATeLGMTDIndustriaAlimentare

2.3.7 Impieghifinalidienergianeitrasporti

Nel 2011 la domanda di energia negli usi finali del settore trasporti si attestata sui 42,47 Mtep, sostanzialmente
invariatarispettoal2010epariacircail31,5%sultotaledeiconsumienergeticinazionali.Lanalisialivellonazionale,
oggetto di questo rapporto, richiede la sottrazione dei consumi relativi al trasporto aereo e al trasporto marittimo
internazionale dal consumo totale pubblicato dal BEN: sottraendo anche i consumi per usi diversi dalla trazione, i
consuminazionalicomplessivial2011risultanoparia39,75Mtep.

Disaggregando tale valore per modalit di trasporto, emerge che la modalit stradale costituisce la quota
predominante(94%)deltotaledeiconsumidelsettoretrasportiequindineguidalandamento(Figura2.16).

Figura2.16Consumoenergeticonelsettoretrasportipermodalit,anni20052011

45

40

35

30
Mtep

25

20

15

10

Strada Acqua Aereo Ferro



Fonte:elaborazioneENEAsudatiBEN,TERNAeISPRA


35

Iconsumiderivantidaltrasportopasseggeri(pariacircail66%deltotale)nonhannosubitovariazioni47sostanzialisia
nellorocomplesso,siaperambitoterritoriale(urbanoedextraurbano),siapersegmentodidomanda(Figura2.17).

Figura2.17Consumoenergeticoneltrasportopasseggeripersegmentodidomanda,anni20052011

30

25

20
Mtep

15

10

Auto+Motoextraurbano Auto+Motourbano Autolinee Aereo Treno Bus+Tram+Metro Nave



Fonte:elaborazioneENEAsudatiBEN,TERNA,CNITeISPRA

Periconsumidienergiafinaleperpasseggerochilometrodeidiversisegmentididomandapasseggerisievidenziala
bassaefficienzadeltrasportostradaleindividuale,soprattuttoinambitourbano(Figura2.18).

Figura2.18Consumospecificotrasportopasseggeripersegmentididomanda(gep/paxkm),anno2011

70

60

50

40
gep/paxkm

30

20

10


Fonte:elaborazioneENEAsudatiISPRA,BEN,FS,CNITeGTT48

Dal2007siregistra,perunacontinuariduzionedelconsumospecificodelleautovetturedovutoadunmiglioramento
delle prestazioni energetiche del parco auto circolante. Infatti gli incentivi mirati allacquisto veicoli a pi basse
emissionidiCO2eilRegolamentoEU/443hannoavutocomeeffettolimmatricolazionediveicolienergeticamentepi

47
VariazionirispettoaidatipubblicatinelprecedenterapportosonodovutiadunarevisionedellaseriestoricaeffettuatadaISPRA.
48
ConsumospecificoditramedellestazionimetrodesuntodaidatidieserciziodelGTTdiTorino.


36

efficienti, con un rinnovo di circa un quarto del parco auto circolante negli ultimi 5 anni. I consumi specifici delle
metropolitanesonoaumentatiperchaumentataloffertamanonaltrettantoladomandadipasseggeriattratta.
Neltrasportomerci(restante34%deiconsumi),siregistratanel2011unadiminuzionedicircal1%(Figura2.19).
dasottolinearelariduzionedeiconsumirelativialladistribuzionedellemerciinambitourbano(3%).

Figura2.19Consumoenergeticoneltrasportomercipersegmentodidomanda,anni20052011

16

14

12

10
Mtep

Autotrasporto>50km Autotrasporto<50km Cabotaggiomarittimo Trenocargo



Fonte:elaborazioneENEAsudatiBEN,TERNA,CNITeISPRA

Iconsumispecificideltrasportomerci,espressiinterminidiconsumodienergiafinalepertonnellatachilometro,nel
2011hannosubitovariazionidellordinediqualchepuntopercentuale;vienepertantoconfermatalascarsaefficienza
dellautotrasporto, soprattutto in ambito urbano dove vengono utilizzati veicoli stradali con ridotte capacit di
trasportoechepresentanounbassofattoredicarico(Figura2.20).

Figura2.20Consumospecificotrasportomercipersegmentididomanda(gep/tonnkm),anno2011

150

125
gep/tonnkm

100

75

50

25


Fonte:elaborazioneENEAsudatiISPRA,BEN,FSeCNIT


37

Il settore dei trasporti fortemente dipendente dalle fonti fossili (circa il 95% del totale dei consumi) con una
predominanza del gasolio che soddisfa il 61% del totale dei consumi, con una quota praticamente stabile dal 2009
(Figura 2.21). Nel 2011 continuato landamento decrescente dei consumi di benzina e laumento crescente dei
consumidiGPLedigasnaturale,questiultimifavoritidallepolitichedipromozionedeiveicoliabasseemissionidi
CO2.Lutilizzodibiocarburanti,infortecrescitadal2008,rimastoinvariatoal3,8%sultotaledigasolio.

Figura2.21Consumoenergeticonelsettoretrasportiperfonte,anni20052011

45

40

35

30
Mtep

25

20

15

10

Gasolio Benzine GPL Biocarburante Oliocombustibile Gasnaturale Carboturbo Energiaelettrica



Fonte:elaborazioneENEAsudatiBEN,TERNA,CNITeISPRA

NelconfrontoconglialtripaesidellUE27,interminidiconsumiperabitante,lItaliamostranel2011unvaloreparia
0,63tepperabitante,inferioresiaaquellodeglialtripaesieuropeiconsideratisiadellamediaUE27eEurozona:tale
fenomenoilrisultatodiunandamentodecrescentecomuneiniziatoconlacrisieconomicofinanziariadel2007,da
cuisidiscostasoltantolaGermania(Figura2.22).

Figura2.22ConsumoenergeticoperabitantenelsettoretrasportiinalcunipaesiUE27(tep/abitante),
anni20052011
0.9

0.9

0.8
tep/abitante

0.8

0.7

0.7

0.6

UE27 ZonaEuro Francia Germania Italia RegnoUnito Spagna



Fonte:elaborazioneENEAsudatiEurostat


38

Infatti,interminiassolutilItaliapresentanel2011consumidienergiafinaledelsettoretrasportiinferiorisoloaquelli
della Germania (54,4 Mtep), Regno Unito (40,6 Mtep) e Francia (43,9 Mtep) con un incidenza non particolarmente
significativa,circail12%,rispettoaltotaledeiconsumieuropei49.Comedetto,iconsumidelsettoretrasportiseguono
il trend di riduzione con un andamento comune a quello della Francia e del Regno Unito che dal 2009 tende a
stabilizzarsi.SidiscostanoinvecelaSpagna,conunadiminuzionepimarcataedunulterioreflessionenel2011(da
34,1a32,3Mtep),elaGermaniaconunandamentodicrescitaincontrotendenzarispettoaglialtripaesi.

2.4 Intensitenergeticaprimaria

Lintensit energetica primaria50 italiana del 2012 stata pari a 126,96 tep/M200551 (Figura 2.23), in calo dell1,8%
rispettoalvaloreosservatonel2011,afrontedellanettacontrazionedelPILdel2,5%.

Figura2.23Intensitenergeticaprimaria,PILeconsumointernolordodienergia,anni20002012
1500 200

Prodotto
InternoLordo
(milardi2005)
1450 175 (asinistra)

Consumo
internolordo
1400 150 dienergia
(Mtep)
(adestra)
Intensit
energetica
1350 125 (tep/M2005)
(adestra)

1300 100


Fonte:elaborazioneENEAsudatiMinisterodelloSviluppoEconomicoeISTAT

DallanalisidellandamentodelPILedelconsumointernolordodienergia,sinotachedal2000al2007laumentodei
consumi stato in proporzione pi contenuto rispetto a quello del PIL: lintensit energetica primaria passata in
questo periodo da 135,91 a 129,76 tep/M2005 (con un picco di 138,95 tep/M2005 nel 2003). A partire dal 2007, la
contrazionedeiconsumistatainproporzionepiaccentuatadiquelladelPIL:diconseguenza,lintensitenergetica
primariacontinuataadiminuire.Inparticolare,rispettoal2005,annodiintroduzionedelmeccanismodeiCertificati
Bianchi,lintensitenergeticaprimariacalatadel7,8%.

2.4.1 IntensitenergeticaprimarianeipaesidellUnioneEuropea

Anche nel caso dellintensit energetica primaria, lItalia presenta valori ben al di sotto della media dei 27 paesi
dellUnioneEuropea,nonchdiquelliappartenentiallacosiddettaEurozona,sebbeneladifferenzarispettoaquesti
duegruppidipaesisiaandatacostantementeriducendosineltempo(Figura2.24):ildivariotralItaliaelamediadei
paesidellaZonaEuro,pariacirca60tep/M2005alliniziodeglianniNovanta,siinfattiridottodidueterzinelcorso
degliultimiventianni.

49
Esclusobunkeraggi,comedadefinizionefornitadaEurostat:Finalenergyconsumptionbytransportcoverstheconsumptionof
energyproductsinalltypesoftransportation,i.e.rail,road,internationalanddomesticairtransportandinlandnavigation/coastal
shipping,withtheexceptionofmaritimeshipping.
50
QuantitdienergiautilizzataperlaproduzionediununitdiPIL.Lefficienzaenergeticasoltantounodeimolteplicifattoriche
influenzanolintensitenergetica,comeadesempioicambiamentisiadellastrutturaeconomicaedindustrialesiadeglistilidivita.
51
Teppermilionidieuroconcatenati(annodiriferimento2005).


39

Figura2.24IntensitenergeticaprimariainalcunipaesiUE27(tep/M2005),anni19912011
240

220

200
tep/M2005

180

160

140

120

100

UE27 ZonaEuro Francia Germania Italia RegnoUnito Spagna



Fonte:elaborazioneENEAsudatiEUROSTAT

Analizzando nel dettaglio il quadro emerso al 2011 (Figura 2.25), si conferma il buon posizionamento dellItalia nel
contesto europeo, con una performance di 19% rispetto alla media UE27 e di 14,3% rispetto alla media
dellEurozona.Rispettoadaltripaesieuropeiconsimilesviluppoindustriale,lintensitenergeticaprimariadellItalia
risulta inferiore del 6,3% rispetto a quella della Germania e del 18,2% rispetto a quella della Francia, ma superiore
rispetto a quella del Regno Unito (+14,6%) che, come detto, ha compiuto progressi continuativi negli ultimi anni,
mostrandovaloridellintensitenergeticaprimariainferioririspettoallItaliagiapartiredal2004.

Da notare la performance delle economie dellEst Europa di recente adesione allUE, tutte con valori dellintensit
energeticaprimariaaldi sopradei200tep/M2005,conpuntesopraai500eai700tep/M2005rispettivamenteper
EstoniaeBulgaria:ilquadrocheemergeunasortadiUnioneEuropeaadueintensit.

Figura2.25IntensitenergeticaprimariadeipaesiUE27(tep/M2005),anno2011

800

700

600

500
tep/M2005

400

300

200

100


Fonte:elaborazioneENEAsudatiEUROSTAT


40

IlposizionamentodellItaliasuvaloristoricamentebassidellintensitenergeticaprimariadaattribuirsia:
Scarsitdifontienergetichenazionali.
Consolidata tradizione di molti settori industriali fortemente impegnati nella produzione e diffusione delle
tecnologie per lefficienza energetica (ad esempio elettrodomestici e domotica, illuminotecnica, caldaie,
motori,inverteresmartgrid,oltreovviamenteallediliziaeallautomotive).
Caratteristichedelterritorioetradizioniculturaliesociali.
Non ultimo, soprattutto in tempi pi recenti, alle politiche messe in atto in risposta alle crisi energetiche
mondiali.

2.5 Intensitenergeticafinale

2.5.1 Intensitenergeticafinalenellindustria

Lintensit energetica dellindustria ha mostrato un andamento tendenzialmente crescente dal 1996 fino al 2003,
seguitadaunafasedecrescentechesiaccentuatanegliultimianni,mostrandolostessoandamentodelconsumo
finale.
Il decremento stato determinato principalmente dalla riduzione dellintensit energetica dei settori chimica,
metallurgia,meccanica,alimentareetessile.Lachimicailsettorepercuisiavutalamaggiorriduzionenellintensit
energetica, 44,4% nel periodo 19922011 e 23,8% nel periodo 20032010. Nellultimo periodo, la riduzione fatta
registraredalsettoredeltessilestataaddiritturadel67,5%.

Nelperiodo20032011,lindustriamanifatturierahafattoregistrareunmiglioramentodellintensitenergeticaparial
26,3%(Figura2.26).

Figura2.26Intensitenergeticafinalenellindustria(1992=100),anni19922011
200
Industria

Industria
175
Manifatturiera
Metallurgia

150
Chimicae
Petrolchimica
Mineralinon
125 metalliferi
Mezzidi
trasporto
100 Meccanica

Alimentaree
75 tabacco
Cartariaegrafica

50 Tessilee
abbigliamento


Fonte:elaborazioneENEAsudatiMinisterodelloSviluppoEconomicoeISTAT

2.5.2 Intensitenergeticafinalenelsettoreresidenziale

La Figura 2.27 riporta landamento nel tempo osservato per lintensit energetica e lintensit elettrica nel settore
residenziale:al2011entrambiinumeriindicedeidueindicatorisiattestanointornoalvaloredi110,sebbenequello
riferitoaiconsumienergeticicomplessivisiacaratterizzatodaunandamentoaltalenanteacausadellastagionalitche
caratterizzailriscaldamentoinvernale,alimentatoprevalentementeattraversoilgasnaturale.


41

Figura2.27Intensitenergeticaedelettricaneiservizi(2000=100),anni20002011
115

110

105

100

95

90

Intensitenergetica Intensitelettrica

Fonte:elaborazioneENEAsudatiMinisterodelloSviluppoEconomico

2.5.3 Intensitenergeticafinalenelsettorenonresidenziale

Nel 2011, lintensit energetica ha subito una forte contrazione, tornando sugli stessi valori osservati nel 2005. Di
contro, lintensit elettrica ha fatto registrato un incremento, coerentemente con landamento costantemente
crescenteosservatodurantetuttoilperiodo19902010(Figura2.28).

Figura2.28Intensitenergeticaedelettricaneiservizi(2000=100),anni20002011
150

140

130

120

110

100

Intensitenergetica Intensitelettrica

Fonte:elaborazioneENEAsudatiMinisterodelloSviluppoEconomico

2.5.4 Intensitenergeticafinalenelsettoretrasporti

Nel corso degli ultimi anni, lItalia ha mostrato un andamento dellintensit energetica nel settore trasporti in linea
con la media europea, conun trenddi miglioramento comune ai principali paesi europei; nel 2011 si riscontra una
stabilizzazione del valore dellintensit energetica nazionale in quanto i consumi del settore trasporti seguono la
stessatendenzadelPIL,mentreperglialtrigrandipaesieuropeiilPILcrescepideiconsumi(Figura2.29).


42

Figura2.29IntensitenergeticadelsettoretrasportiinalcunipaesiUE27(tep/M2000),anni20052011
45

40

35
tep/2000

30

25

20

UE27 Francia Germania Italia RegnoUnito Spagna



Fonte:elaborazioneENEAsudatiEurostat

2.6 Miglioramentidellefficienzaenergeticasettoriale:lindiceODEX

Per la valutazione dei miglioramenti di efficienza energetica nei diversi settori si fatto riferimento allindice di
efficienza energetica ODEX, sviluppato nellambito del progetto europeo ODYSSEEMURE52: rispetto allindicatore
dellintensit energetica in grado di meglio valutare il fenomeno in quanto depurato dagli effetti di cambiamenti
strutturaliedaltrifattorinonlegatiallefficienza.

Nel 2011 lindice ODEX per lintera economia italiana risultato pari a 86,1 con un miglioramento dellefficienza
energeticadicircaunpuntopercentualerispettoallannoprecedente(Figura2.30).

Figura2.30IndiceODEX,anni19902011
110

100

90

80

70

IndicediEfficienzaTotale Industriamanifatturiera Trasporti Residenziale



Fonte:ODYSSEE

52
Alprogetto,finanziatodallaCommissioneEuropea,partecipanoleagenzieenergetichenazionalidei27paesiUE,laNorvegiaela
Croazia.LENEApartecipaqualemembroitaliano.


43

Ivarisettorihannocontribuitoinmododiversoallottenimentodiquestorisultato:ilresidenzialehafattoregistrare
progressi regolari e costanti per tutto il periodo 19902011; lindustria ha prodotto significativi miglioramenti solo
negliultimiseianni;infine,landamentoaltalenantechehacaratterizzatoilsettoredeitrasportihapermessosoltanto
unamodestavariazionecomplessiva.


44

3. Ricercaapplicata,tecnologieestrumentialivellosettoriale

3.1 Investimentieattivitdiricercaesvilupponelletecnologiedellefficienzaenergetica

La disponibilit di dati sugli investimenti in ricerca e sviluppo nel settore energia, sia a livello internazionale che
nazionale,piuttostolimitata,soprattuttoperilsettoreprivato.Unadellepochefontidinformazionedisponibilila
banca dati dellAgenzia Internazionale per lEnergia (AIE), che raccoglie dai 28 paesi membri i dati sulle spese
governative per la ricerca in campo energetico a partire dal 1974, anno in cui stata istituita nel quadro OCSE53 a
seguitodellaprimacrisipetrolifera.

LAIE particolarmente attiva nella ricerca tecnologica: il Governing Board il principale organo decisionale ed
compostodaiministricompetentiperlenergiadeipaesimembri.IlGoverningBoardpoiaffiancatodagliStanding
Committees54,cuipartecipanoattivamentenumerosidelegatiitaliani55,comeillustratoindettaglionellaFigura3.1.

Figura3.1PartecipazioneitalianaaicomitatiAIE,anno2012


(1) RappresentantidelMinisterodelloSviluppoEconomico
(1) EspertiENEA
Fonte:ENEA

3.1.1 LAIEegliImplementingAgreements

LAIEsvolgeattivitdianalisiestudioinmateriadimercatomondialeesicurezzadellenergia,distatisticheescenari,
dipoliticheetecnologieenergetichealivellomondialeedicooperazioneconiPaesinonmembri(Partner).Inquesti
ambiti,ampiospaziodedicatoallefficienzaenergeticaeallaricercatecnologica.Ricerca,sviluppoeinnovazionein
campoenergetico,dimostrazioneeapplicazionedelletecnologieedellepoliticheperlaloropromozioneediffusione
sulmercatosonooggettodispecificiprogrammidiricercacollaborativa,noticomemultilateraltechnologyinitiatives
o,picomunemente,ImplementingAgreements(IAs).

53
SonoattualmentemembridellAIEventottodeitrentaquattroPaesimembridellOCSE.LAIEfinanziatadaiPaesiMembrieda
contributivolontarideigoverni edalleorganizzazionidi tutto ilmondo.IlBudget2012ammontavaa26.612.600,dicuiil20%
derivante dalle pubblicazioni: tra queste ricordiamo, per le politiche energetiche, il gi trattato World Energy Outlook e lEnergy
Technology Perspective; per quanto attiene le prospettive tecnologiche, lEnergy Efficiency Market Report e la Banca dati delle
PoliticheeMisureperlEfficienzaEnergetica(http://www.iea.org/policiesandmeasures/energyefficiency/).
54
Perunapprofondimento,siveda:http://www.iea.org/aboutus/standinggroupsandcommittees/.
55
LENEApartecipaalGruppoPermanentesullaCooperazioneaLungoTermine(SLT)ealrelativogruppodilavoroperlEfficienza
Energetica (EEWP), al Comitato per la Ricerca e la Tecnologia energetica (CERT) e ai i relativi Gruppi di Lavoro per gli Usi Finali
(EUWP),lerinnovabili(REWP),CombustibiliFossili(FFWP),Fusionenucleare(FPCC),nonchadiversiImplementingAgreements.


45

Tra i 40 programmi di ricerca e innovazione dellEnergy Technology Network56, 14 sono incentrati sulluso finale
dellenergia (end use) nei settori edilizio (5 IAs), dei trasporti (5 IAs), elettrico (3 IAs) e industriale (1 IA). LEnd Use
Technology Network, composto da pi di 150 organizzazioni delegate da oltre 30 governi, membri AIE e non, cui
contribuisconoespertidapaesiconsvariatilivellidisviluppotecnologicoediverseprioritdipoliticaenergetica,oltre
cherappresentantidellindustriaeosservatoriesterni57.LItaliapartecipaadieciprogrammidiricercaAIEe,nel2012,
iricercatoriitalianihannocontribuitoapiditrentadeirelativiprogetti(AnnexTask).

LaTabella3.1sintetizzalapartecipazioneitalianaagliImplementingAgreementsinmateriadiEfficienzaEnergeticanel
2012,evidenziandonellordine:ilnomedellIA,lorganismodelegatoarappresentarelItalianeicomitatiesecutivi,il
numeroeiltitolodelProgetto(AnnexTask)specificoelorganizzazionediappartenenzadegliespertiivipartecipanti.

Tabella3.1PartecipazioneitalianaagliImplementingAgreementsdellAIE,anno2012
Delegato
ProgrammiRD(ImplementingAgreement)
Comitato Progetti(AnnexTask) Organizzazionipartecipanti
Parolechiave
Esecutivo
5AirInfiltrationandVentilationCentre PolitecnicodiMilano
AccademiaEuropeadiBolzanoEURAC
ENEA
52TowardsNetZeroEnergySolarBuildings
UniversitdegliStudidiPalermo
PolitecnicodiMilano
EnergyinBuildingsandCommunities(EBC)
53 TotalEnergyUseinBuildings:Analysis&
PolitecnicodiTorino
Edifici,distretti,pianificazionee EvaluationMethods
progettazioneenergeticaascalaediliziae ENEA 54 AnalysisofMicroGeneration&Related UniversitdegliStudidelSannio
urbana,sistemienergetici,prestazione EnergyTechnologiesinBuildings ENEA
energetica,involucro,consumireali, 56 CostEffectiveEnergy&CO2Emissions UniversitIUAVdiVenezia
comportamentodegliutenti OptimizationinBuildingRenovation PolitecnicodiMilano
58 ReliableBuildingEnergyPerformance
UniversitdiFirenze
CharacterisationBasedonFullScaleDynamic
PolitecnicodiMilano
Measurements
59 HighTemperatureCooling&Low
PolitecnicodiTorino
TemperatureHeatinginBuildings
EnergyConservationthroughEnergy 21 ThermalResponseTestforUnderground
UniversitdiBologna
Storage(ECES) ThermalEnergyStorages
ENEA
Accumulotermicoedelettrico,test 26 ElectricEnergyStorage:FutureEnergy

specificiedimostrazioni StorageDemand
HeatPumpingTechnologies(HPP)
CNR 43Fueldrivenheatpumps(preparazione PolitecnicodiMilano
Pompedicalore(usicivilieindustriali),
DIITET 2012) CNRITAE
efficienza,refrigeratori,climatizzazione
22 PolymerElectrolyteFuelCells ENEA
AdvancedFuelCells(AFC) 23 MoltenCarbonateFuelCell ENEA
Celleacombustibile,PEFC,DMFC,SOFC, 24 SolidOxideFuelCells ENEA
ENEA
MCFC,applicazioni(residenziale,industria, 25 Fuelcellsforstationaryapplications ENEA
trasporti) 26 FuelCellsforTransportation ENEA
27 Fuelcellsforportableapplications CNRITAE
AdvancedMotorFuels(AMF) 28InformationService&AMFWebsite
Carburanti,combustibiliinnovativi(es. ENIS.p.A.
(AMFI)
etanolo,metanolo,biodiesel,etc.)
ENIS.p.A.
particolato,fontirinnovabili,trasporti,test
42ToxicityofExhaustGasesandParticles
ditossicit,emissioni,gasdiscarico, ENIS.p.A.
fromICEngines
prestazioneveicoli
EmissionsReductioninCombustion(ERC)
Sistemieprocessidicombustioneefficienti, 3Fundamentalphysicalphenomena CNRIM
CNR
combustibilialternativi,veicoli,forni relevanttothecombustionprocess
industriali,iniezione
HybridandElectricVehicles(HEV) 1InformationExchange ENEA
Veicolielettrici,acelleacombustibilee
ENEA 10Electrochemicalsystems ENEA
ibridi,accumuloelettrochimico,batterie,
supercondensatori,batterieallitio 21Acceleratedageingtestingprocedures ENEA
Fonte:ElaborazioneENEAsudatiAIE

56
LEnergy Technology Network dellAIE formato da 40 programmi di ricerca energetica (Implementing Agreements), dal
CommitteeonEnergyResearchandTechnology(CERT),daquattroWorkingParties(WPs)etregruppidiesperti.
57
LEndUseWorkingParty(EUWP)responsabileperlorientamentoelasupervisionedei15IAsinmateriaditecnologiepergliusi
finalidellenergianeisettoriedilizio(buildings),industriale(industry),trasporti(transport)eelettrico(electricity).


46

Tabella3.1(continua)PartecipazioneitalianaagliImplementingAgreementsdellAIE,anno2012
Delegato
ProgrammiRD(ImplementingAgreement)
Comitato Progetti(AnnexTask) Organizzazionipartecipanti
Parolechiave
Esecutivo
23 TheRoleofCustomersinDelivering
DemandSideManagement(DSM) RSE
EffectiveSmartGrids
Efficienzaenergetica,domandarisposta,
RSE 24 Closingtheloop Behaviourchangein
comportamentodegliutenti,smartgrids,
DSM,fromtheorytopoliciesandpractice RSE
segnalidiprezzo
(preparazione)
HighTemperatureSuperconductivity
1CooperativeProgrammeforAssessingthe
(HTS)
ImpactsofHighTemperature
Superconduttivitadaltatemperatura, RSE RSE
SuperconductivityontheElectricPower
superconduttivitapplicata,settore
Sector
elettrico,componentiinnovativi
1 GlobalSmartGridInventory RSE
RSE
2SmartGridCaseStudies
ENELdistribuzione
InternationalSmartGridActionNetwork PolitecnicodiMilano
(ISGAN) 3BenefitCostAnalysesandToolkits
RSE
Retiintelligenti,integrazionerinnovabili, RSE
4 SynthesisofInsightsforDecisionMakers RSE
contatorielettronici,efficienzaenergetica,
smartgrids 5 SmartGridInternationalResearchFacility
RSE
Network
6 PowerT&DSystems RSE
7 SmartGridTransitions ISIS
Fonte:ElaborazioneENEAsudatiAIE

Oltre che alla comunit scientifica e allindustria, tali progetti si indirizzano ai decisori e agli organismi di
standardizzazione. A livello nazionale, unadeguata disseminazione dei risultati ad opera degli esperti coinvolti pu
avere un importante impatto, sia in termini di trasferimento tecnologico, attraverso il dialogo con associazioni di
categoriaeprofessionali,siainterminidiadeguamentonormativo(test,prestazionielimiti,proceduredicalcolo,etc.)
ediorientamento,promozioneeincentivazionealivelloregionaleenazionale.
Irisultatideiprogettinelsettoreedilizio,peresempio,possonoavereinteressantiricadutenelcampodelrecupero
energetico (EBC 54, 56; HPP 43), nellanalisi e nella definizione di tecnologie di involucro (EBC 52, 53, 58),
nellintegrazionedeisistemienergeticiascalaediliziaeurbana(EBC52,54,59;ECES26),nellosviluppodimodellie
metodologiedicalcolo(EBC53,54,56,58,59),nelladefinizionediprotocollidimisura(EBC53,54,58;ECES21),nella
definizione di strumenti di progettazione e pianificazione (EBC 52, 56, 59) e nella definizione e integrazione di
standard e strumenti regolamentari (EBC 5, 54; DSM 24). Relativamente a questultimo punto, le Direttive Europee
Ecodesign,EPBD,RES,EEDrappresentanounimportantetestimonianza.

3.1.2 SpesapubblicanellaricercatecnologicanellUnioneEuropea

Il grande impegno assunto dallUE sul fronte dellefficienza energetica, a seguito anche di significative normative di
incentivazione che hanno interessato diversi paesi, innegabilmente rappresentato dal trend positivo della spesa
pubblicaenergeticainricercaesviluppo.
Nelcorsodelpassatodecenniosiassistitoadunatendenzialecrescitadellaspesadedicataalsettoredellefficienza
energetica, peraltro a fronte di livelli di partenza anche molto diversi tra le varie economie. Questa evoluzione si
verificataparallelamenteaunaumentodellaspesapubblicadestinataallaricercaenergeticaalivelloaggregatocheha
interessatoquasituttiipaesiconsiderati58.

Nel 2011, i due terzi della spesa pubblica nella ricerca energetica in UE stato finanziato direttamente dagli stati
membriattraversolerispettivepolitichenazionali,mentrelarestantepartestatasovvenzionatadaiprogrammidi
finanziamento della Commissione Europea: Francia, Germania, Regno Unito e Italia sono i paesi europei che hanno
erogatointerminiassolutiimaggiorifinanziamentidiricercanelsettoreenergia.InItalia,ilfinanziamentopubblico
perlaR&Snelsettoreenergeticostatodicirca400milionidieuro(Figura3.2),cresciutadel36%rispettoal2005.

58
LanalisifariferimentoaipaesidellUEmembridellAIE:Austria,Belgio,Danimarca,Finlandia,Francia,Germania,Grecia,Irlanda,
Italia,Lussemburgo,PaesiBassi,Polonia,Portogallo,RegnoUnito,RepubblicaCeca,Slovacchia,Spagna,Svezia.


47

Figura3.2SpesapubblicainR&DdialcunipaesiUE(MilionidiEuro),anno2012

1200

1000

800
Milionidieuro

600

400

200


Fonte:IEAEnergyBudget/ExpenditureRD&D

Nel 2011, la quota dedicata allefficienza energetica sul totale dei fondi stanziati a livello governativo per la R&S
energetica risulta molto elevata soprattutto in Austria (53%), Finlandia (46%), Regno Unito (43%) e Svezia (37%)
mentreinItalia,Spagna,FranciaeGermaniatalequotasiattestasuvaloriintornoal20%.Inparticolare,laFigura3.3
mette in evidenza come il Regno Unito negli ultimi anni abbia aumentato notevolmente le risorse dedicate
allefficienzaenergetica(nel2007questecoprivanosoloil3%deifondistanziatiperlaR&Senergetica),segnodegli
enormiprogressichetalepaesestacompiendoinquestosettore.DarilevareancheildecisoaumentodellaSpagna
che, partendo da quote relativamente basse della spesa pubblica in ricerca energetica, ha incrementato
progressivamentelapartediquestadestinataallefficienzaenergeticaportandosisuvaloriinlineaconglialtripaesi
europei.

Figura3.3SpesapubblicainR&SinefficienzaenergeticadialcunipaesiUE(%totalefondiR&Ssettore
energia),anni2007e2011

60 2007 2011

50

40
%

30

20

10


Fonte:IEAEnergyBudget/ExpenditureRD&D


48

InItalia,laspesainR&Snelsettoredellefficienzaenergeticahasuperatoquelladestinataalletecnologiedelnucleare,
che sino al 2001 assorbiva la quota pi cospicua dei finanziamenti in ricerca nel settore energia (intorno al 40%),
evidenziando sostanziali cambiamenti strutturali nella composizione percentuale della spesa per tecnologie
energetiche. Come mostrato nella Figura 3.4, da notare anche laumento del peso percentuale delle energie
rinnovabili(17,3%)edelletecnologieperlostoccaggio(oltreil25%).

Figura3.4DistribuzionepertecnologiaenergeticadellaspesapubblicainR&SinItalia(%),anno2011

2,6%
7,7%
Tecnologie
23,8% trasversali

Combustibili
23,0% fossili

Nucleare

Stoccaggio

17,3% Energie
rinnovabili

Effcienza
energetica

25,6%

Fonte:IEAEnergyBudget/ExpenditureRD&D

Per quanto riguarda lefficienza energetica i maggiori finanziamenti sono stati destinati soprattutto al settore
residenziale (59 milioni di Euro contro i 18 milioni del 2005), circa il 62% del totale delle spese per lefficienza
energetica.LItaliasitrovaquindiadoccupareilprimopostoperlespesesostenuteinquestosettorerispettoaglialtri
paesieuropei.SisegnalanoRegnoUnitoeSveziaperilcontributoelevatodedicatoalsettoretrasporti(circail70%).
ImaggiorifinanziamentiinR&StecnologicainItaliaprovengonodaifinanziamentipubblicisiaalivelloregionaleche
nazionale. La partecipazione del settore privato bassa, sebbene sia aumentata negli ultimi anni, soprattutto in
specificheareedieccellenzaqualiilsolareaconcentrazione.

3.1.3 Progettidiricercaeuropei

Ingenti risorse per la ricerca provengono soprattutto dai finanziamenti europei previsti nel Settimo Programma
Quadro(7PQ)edaiFondiStrutturaliEuropei.Lanalisi59di412progettidiricercanelsettoreenergeticofinanziatidal
7PQ (FP7 energia + altri programmi correlati) nel periodo 20072011, ha evidenziato che Germania, Francia, Regno
Unito, Italia, Spagna, Paesi Bassi e Belgio sono tra i paesi che maggiormente partecipano ai progetti finanziati dal
7PQ60.

Iprogettidiricercasulletecnologiedellefficienzaenergeticarappresentanoil12%deltotale,dicuiil46%riguardail
settore residenziale (Building energy system integration + Energy savings in buildings) e 24% il settore industriale
(processefficiency).LaFigura3.5mostrailbuonposizionamentodellItalianellapartecipazioneaiprogettidiricerca
che riguardano lefficienza energetica, alle spalle soltanto di Germania e Spagna; a breve distanza segue la Francia,
mentrerisultanopidistanziateSveziaeRegnoUnito.

59
Indagine campionaria effettuata nellambito del Sistema Informativo (SETIS) per il Piano Strategico Europeo per le Tecnologie
Energetiche(SETPlan).
60
SETISSonlineEnergyResearchKnowledgeCentreERKC:http://setis.ec.europa.eu/energyresearch/.


49

Figura3.5PartecipazionedeipaesiUEaiprogettidiricercasuefficienzaenergetica,anno2011

40

35

30

25

20

15

10


Fonte:ERKC

3.2 Letecnologienellindustria

Analizzareletecnologieefficientinelsettoreindustrialeuncompitosempredifficileeintrinsecamenteparziale.Le
difficolt emergono infatti sia a livello di semplice denominazione tipologica, sia a livello di quantificazione delle
corrispondentiricaduteenergeticheedimplicazionieconomiche.
In generale, incrementi di efficienza possono ottenersi in duearee ben distinte siadal punto di vista operativoche
concettuale:iservizidistabilimentoedilprocessoproduttivo.
Iservizidistabilimentocomprendonotutteleimpiantistichedisupportoalprocesso;quelletipicheesemprepresenti
sono:
Impianto di trasformazione e distribuzione dellenergia elettrica, comprensivo di: trasformatori; rifasatori;
cavi;quadri;interruttori,sezionatori,allarmi,etc.
Impiantodiproduzionetermica,basatosullaproduzionedi:vaporeabassaomediapressionecomprensivo
direcuperodellecondense;acquasurriscaldata;acquacalda;ariacalda;oliodiatermico,etc.
Impiantodiariacompressa.
Impiantodiilluminazione.
Impiantoidrico.
Impiantofrigorifero.
Impiantodelvuotoedelladistribuzionedigastecnici(azoto,ossigeno,etc.),soltantoperalcunetipologiedi
stabilimenti.
Nellambito dei servizi di stabilimento gli interventi di efficienza energetica sono abbastanza ben codificati, e
costituisconoopportunitdirisparmioenergeticodisponibiliperqualunquebrancaproduttiva.Sipossonoenumerare,
peresempio,leseguentiaree:
Elettrica:ottimizzazionedelrifasamentoedellasezionedeicavi;usoditrasformatoriabasseperdite.
Termica:usodigeneratoriadaltaefficienza(sepossibile,acondensazione);coibentazionedelletubazionie
recuperocompletodellecondense.
Aria compressa: uso di inverter sui motori elettrici accoppiati ai compressori; recupero del calore di
espulsione;uniformazionedeilivellidipressione.
Illuminazione:usodisorgentiluminoseadaltaefficienza(tubifluorescentiT8,led,sodioabassapressione)e
diprogrammiautomaticidiaccensioneregolazionespegnimento.


50

Impianto idrico: uso di inverter sui motori accoppiati alle pompe;


eliminazionedivalvoleeserrandegrazieaottimizzazionigestionali.
Forzamotrice:passaggiodamotoriditipostandardamotoridiclasseIE2
oIE3.
Gliinterventidirisparmioenergeticosuiservizidistabilimentosonocostipiciche
non stato complesso elaborare delle specifiche schede standardizzate per
lottenimentodiCertificatiBianchi,essendoletipologiediimpiantoeglialgoritmi

dicalcolodeirisparmisufficientementepredicibili. VittorioChiesa
DirettoreEnergy&StrategyGroup
La seconda area di intervento in contesti industriali quella del processo PolitecnicodiMilano
produttivo. In questarea molto pi difficile la tipizzazione poich, in pratica, i D:Inqualemisuraincidonoimeccanismi
processi produttivi sono sterminati, cos come le relative impiantistiche e le diincentivazione,inparticolarei
CertificatiBianchi,suitempidipayback?
corrispondenti modalit gestionali. Alcune tipologie di intervento sono
sufficientemente standardizzabili in determinati stabilimenti produttivi quali R:Dalcostanteconfrontoconglioperatori
delsettoreoperatodallEnergy&Strategy
laterifici,cementificiocartiere,mapiingeneralelemodalitproduttivevariano Groupemergecheiltempodipayback
inmodosostanziale,comeadesempioperisettoridellachimica,dellameccanica, soglianonsuperioreai2anni:ne
consegueunacertariluttanzaa
della siderurgia/metallurgia o del tessile. Inoltre, non sono rare le invenzioni sul realizzareinterventidiefficienza
processo, che rendono possibile la realizzazione di nuovi prodotti con nuovi energetica.GrazieaiCertificatiBianchi,i
tempidipaybacksiriduconoinmaniera
processiaventidiverserichiesteenergetiche. rilevante,mediamentenellordinedel20
40%,mataleriduzione,seppurcospicuain
In questo contesto appare dunque molto difficile poter condurre unanalisi terminirelativi,nonsufficientearendere
approfondita delle tecnologie correnti, del relativo stato dellarte e delle appetibiliquellesoluzionichedipers
nonlosono.
prospettiveacausadellaograzieallaestremapolverizzazioneediversificazione
deiprocessiproduttivi.Perovviareatalebarriera,sifattoriferimentoalsistema D:Qualisonoingeneralelebarriere
dellefficienzaenergeticainimpresa?
dei Certificati Bianchi: come noto, lENEA sempre stata attiva nella valutazione
R:Sulpianoeconomico,oltreaitempidi
dei progetti e ha istituito una banca dati dalla quale estrarre dati e informazioni ritornostringenteilproblemadel
sulleinstallazioniincentivate.Letecnologiediseguitoelencatesonoquelleemerse reperimentodeicapitalinecessariper
effettuarelinvestimentostesso:ci
comerilevantiinterminidinumerositediintensit,dacuidesumerequindiutili
dovutodaunlatoallassenzadirisorse
indicazioni sulle direzioni intraprese dalla tecnologia, intersecate con le esigenze finanziarieinterne,dallaltroallascarsa
degliutentifinali61. propensionedapartedegliistitutidi
creditoaconcedereprestitisiaaiclienti
finalioggettodegliinterventisiaalleESCo.
Lavalutazionedellaconvenienzaeconomicadelletecnologiestataeffettuatacon
il supporto dellEnergy & Strategy Group del Politecnico di Milano mediante Piingenerale,osserviamounaridotta
culturadellefficienzaenergeticada
lutilizzodidueindicatori: partedelleimpreseitaliane,interminidi
CostomedionecessarioperrisparmiareoautoprodurreunsingolokWh consapevolezzadelproblemadella
gestionedellenergiaediconoscenzadegli
(elettricootermico)durantelavitautiledellatecnologia,daconfrontare strumentipiidoneiadaffrontarlo.Ciin
conilcostochelutilizzatorefinaledovrebbesostenereperacquistareun particolareperlePMI,tipicamentepoco
strutturatealpropriointernorispettoalla
kWhsulmercato(nelcasodellenergiaelettrica,mediamenteparia1013 gestionedellavariabileenergetica.
c/kWh) o per produrlo in loco utilizzando una tecnologia tradizionale
D:Qualisonoleprospettive
(nel caso di energia termica, mediamente pari a 4,7 c/kWh). Tale dellefficienzaenergeticainimpresa?
indicatore di convenienza economica tiene conto di tutti i costi R:Ilpotenzialeteorico,interminidi
(investimento, O&M, smaltimento) che il soggetto investitore deve volumeinvestimenti,piuttostoingente.
Tuttavia,affinchsitraducaininterventi
sostenereperimplementareedutilizzareunatecnologiaefficiente62. concreti,necessariounosforzocongiunto
dapartedeidiversioperatoridellafiliera.
Giocanounruolochiavenellapartita
dellefficienzaenergeticatretipologiedi
61
La presente rassegna delle tecnologie efficienti in contesti industriali mutuata da uno attori:inprimoluogo,gliimprenditoriche
studio commissionato da ENEA alla FIRE; la valutazione della relativa convenienza devonofarsiconvintipromotoridegli
economicastataeffettuata,ovepossibile,dallEnergy&StrategyGroupdelPolitecnicodi interventi;insecondoluogoleESCoed
Milano. infinegliistitutidicreditochedevono
62
Analizzandolaconvenienzaeconomicadellesoluzioniperlefficienzaenergeticasecondo svilupparelenecessariecompetenzeper
questo indicatore, emerge in maniera chiara come quasi tutte le soluzioni passate in faresistemaesupportareleimprese
rassegna risultino economicamente sostenibili, tuttavia questo indicatore scarsamente nellarealizzazionedegliinterventi.
presoinconsiderazioneadoggidapartedeipotenzialiinvestitori(Fonte:Energy&Strategy
Group).


51

TempodipayBack,daconfrontareconlesoglietipicamenteaccettatedagliinvestitoriindustriali.Danotare
comeitempidipaybackassociatiallarealizzazionediinterventidiefficienzaenergeticavarianofortemente
infunzionedidiversiparametri,qualiadesempiolambitodiapplicazione,iltempoeffettivodiutilizzodella
tecnologiaedilcostodellenergiaperilsoggettocheeffettualinvestimento.

3.2.1 Cogenerazioneagasnaturale

Sipossonoindividuaretretecnologieprincipali:
Cogenerazione a gas, intesa come produzione di energia elettrica e energia termica ad un solo livello di
temperatura.
Trigenerazione a gas, intesa come produzione di energia elettrica e energia termica a due livelli di
temperatura,perraffreddamentoeriscaldamento.
Quadrigenerazione a gas, intesa come produzione combinata di energia elettrica e termica a tre livelli di
temperatura,perriscaldamento,raffrescamentoeperusidiprocesso(vapore).
Impianti di cogenerazione vengono installati normalmente in modo omogeneo nella maggior parte dei settori
industriali.Negliultimiannisonostatiinparticolareintrodottineisettorichimico/farmaceuticoeagroalimentare,ove
prevalgonoutilizzidicaloreabassatemperatura.Letecnologiecogenerativesonotipicamente:
MotoriaCombustioneInterna(MCI).
TurbineaGas(TG).
TurbineaVapore(TV).
CicliCombinatiaGas(CCCG).
La maggior parte dei progetti realizzati negli ultimi anni ha riguardato motori a combustione interna. Si tratta di
impiantidipiccolataglia,tipicamenteda0,5MWea5MWeabbinatiadungeneratoredivaporeconrecuperocalore
(GVR).Leturbineagascostituisconolasecondatecnologiapiricorrente.Essehannounapotenzavariabiletra3e10
MWe.Lecentraliconciclocombinatosonorelativeaimpiantiditagliasuperiore,daunminimo10MWeaoltre400
MWe.Infine,leturbineavaporehannounruolodeltuttomarginale,siainterminidinumerositdinuoveinstallazioni
che di risparmi ottenuti. La Tabella 3.2 riporta i dati tecnici e tempi di payback associati alla realizzazione di un
impiantotipoperledifferentitecnologiecogenerativeanalizzate.

Tabella3.2Parametritecnicoeconomiciperinvestimentinelletecnologiecogenerative
Tecnologia Tagliaimpiantodarealizzare Tempodipayback CostokWhelettricoprodotto
45anni(3turnilavorativi)
Motoriacombustioneinterna 1MWe 2,73c/kWh
9anni(2turnilavorativi)
3anni(3turnilavorativi)
Turbineagas 5MWe 45c/kWh
56anni(2turnilavorativi)
4anni(3turnilavorativi)
Turbineavapore 5MWe 4,75,5c/kWh
7anni(2turnilavorativi)
4anni(3turnilavorativi)
CicliCombinatiaGas 10MWe 5,77c/kWh
8anni(2turnilavorativi)
Fonte:Energy&StrategyGroup

3.2.2 Impiantiabiomasse

La maggior parte degli interventi che comportano luso di biomasse realizzati negli ultimi anni consiste
nellinstallazione di caldaie alimentate con scarti di processi produttivi (biomasse solide). I settori tipici in cui si
utilizzanobiomasseafinitermicisonoquelliagroalimentare,dellegnoedelleaziendeproduttricidicippatoepellet,
dove la disponibilit di residui ne determina una naturale applicazione. Generalmente, il tradizionale generatore di
calore alimentato a gas metano viene sostituito con un generatore alimentato a biomassa, unitamente ad uno
scambiatoreperilrecuperodicaloredaifumidicombustione.
Nel settore della produzione di calce (lime) si utilizza direttamente biomassa nel processo produttivo. Un tipico
interventoconsistenellamodificadelfornoatinoverticale,inmododapermetterelalimentazionecontemporaneadi
biomassa vegetale (segatura di legno vergine, scarti di lavorazione del legno, etc.) e gas naturale a sostegno e/o
integrazione.Unainstallazionetipoinquestosettorepuportareunrisparmiodifontifossilidicirca7.000tep/anno.


52

In alcune aziende agroalimentari c una rilevante produzione di reflui organici: si realizza per questo motivo un
impianto di digestione anaerobica per la produzione di biogas, costituito per circa la met da metano; il metano
prodottovienesuccessivamenteutilizzato,dopotrattamento,comecombustibileinuncogeneratoreoincaldaieper
produzionedivapore.
Sonointeressantigliimpiantiditrigenerazionealimentatiabioolioegrassi:sitrattageneralmentedimotoriaciclo
dieselaccoppiatiadunassorbitoreperprodurreenergiafrigorifera.Sicontanoormaidiverseapplicazioniinsvariati
settoriindustriali.
La realizzazione di questa tipologia di impianti prevede tipicamente untempo di payback compreso tra i 5 ed i 10
anni,infunzionedellepeculiaritdeidiversiimpiantiedegliambitidiapplicazione.

3.2.3 UsodiCombustibiliSolidiSecondari

Daltrattamentodeirifiutisipossonoottenereprodotticombustibili,costituitiprincipalmentedacarta,plastica,legno
efibre:dal2012quellirispondentiadeterminatespecifichemerceologichesonoriconosciuticomeCombustibiliSolidi
Secondari (CSS). In particolare nellindustria del cemento si sta diffondendo la sostituzione parziale dei combustibili
fossilitradizionaliqualicarboneopetcokeconCSSperlalimentazionedelfornoperlaproduzionediclinker.

LutilizzodiCSSnelfornodacementoavvienetramiteiniezionedirettainfiammainsiemealcombustibileprincipale.
Nelleffettuare la sostituzione di combustibile, per consentire la cocombustione nel bruciatore principale con il
combustibile fossile, occorre che il CSS abbia determinate caratteristiche qualitative, ad esempio un elevato potere
calorifico (almeno 5.000 kcal/kg) e una adeguata pezzatura. La cocombustione del CSS avviene senza turbativa di
processo e di prodotto in quanto richiesta la variazione dei normali parametri di marcia del forno. La logistica
allinternodelcementificiovienegestitainmanieratotalmenteautomatizzata:ilCSSvieneinviatoaiforniprincipali
medianteunimpiantopneumaticoditrasferimento.
Unatipicaapplicazionenelsettorecementierocomportaattualmenteunrisparmiodicirca4.500tep/anno:danotare
che oltre al risparmio di combustibile fossile, possono essere migliorate anche le emissioni al camino rispetto ai
combustibilisolidifossili,inparticolarediNOx,SOxeCO2.

3.2.4 Recuperotermico

Gli interventi di recupero termico sono fra i pi realizzati in industria. Negli ultimi anni si registra mediamente un
risparmio di circa 1.000 tep/anno per ogni installazione. I recuperi di calore possono essere effettuati tipicamente
attraverso fluidi di processo e attraverso fumi di combustione, e sono distinti per destinazione duso: nello stesso
processochelihageneratioperusoinaltriprocessiindustriali.Sitrattadiunatecnologiabennotaediffusa,chein
alcunisettoriindispensabileperottenerelealtetemperaturerichiestedalprocessoproduttivo.Pidell80%della
potenzatermicaedelcalorerecuperatodaifumivieneriutilizzatoinaltriprocessidiversidaquelliincuisonogenerati;
neirestanticasisiinstallanorecuperatoridienergiaperaumentarelefficienzadelmedesimoprocesso.
Molto spesso il calore recuperato a bassa temperatura viene utilizzato in altri processi allinterno dellimpresa. Un
tipicoesempioquellonellindustriadellaceramica,dovedalfornodicotturavieneprodottaunanotevolequantitdi
ariacaldachepuessererecuperatanellafasediessiccamentooperlaclimatizzazioneinvernaledeireparti.

Ilcaloredirecuperodafumidicombustionepuessereutilizzatoperaumentarelefficienzadelgeneratoredicalore
interessatopreriscaldandolariacomburenteolacquadialimento.

3.2.5 Efficientamentotermico

La tecnologia che si va sempre pi affermando quella dei bruciatori rigenerativi, che permettono di recuperare
lenergia contenuta nei gas esausti da un processo di combustione realizzando un preriscaldamento dellaria
comburente.
Nellindustria del vetro lammodernamento del forno fusorio (maggiormente per la produzione del vetro cavo)
permetteingentirisparmienergeticitermici.Similiprassitipicaanchenelsettoresiderurugicometallurgico.


53

Lanalizzatore fumi denominato EFSOP un nuovo sistema dinamico di controllo ed ottimizzazione del processo
fusorioutilizzabileneifornielettrici(EAF).Talesistema analizzaintemporealelacomposizionechimicadeifumidi
combustione in uscita dal forno EAF e in retroazione controlla liniezione nei bruciatori. unapplicazione installata
frequentementenegliultimianni.
Lossicombustione si applica generalmente nel settore siderurgico e nel vetro. Consiste nellutilizzare come
comburente ossigeno puro anzich aria. Grazie alleliminazione dellazoto si riducono le perdite al camino e si
raggiungono temperature pi elevate della fiamma; ci consente di ridurre il consumo specifico di metano e di
aumentare la capacit produttiva del forno. Lossigeno liquido veniva in passato prodotto e liquefatto in impianti
esterniallostabilimentoedistribuitoancheconretidicondutture;nuovetecnologiediseparazionedellossigenosul
sitopermettonounamaggiordiffusionediquestatecnologia.
Alcuni interventi sono tipici del settore petrolchimico, come la pinch technology che identifica le modalit per la
minimizzazionedeiconsumienergeticidiunprocessoattraversounanalisisistematicadellaretedegliscambiatoridi
calore che si pu predisporre tra le correnti calde e quelle fredde. Essa ha come obiettivo lottimizzazione di reti
complessediscambiatori,effettuataalfinediindividuarepotenzialiinterventidirecuperotermicoriducendoilfuel
consumato.
Gliinterventidiricompressionemeccanicadelvapore,prevalentementerealizzatinelsettorealimentare,consentono
di aumentare lefficienza e la capacit evaporativa di un impianto evaporatore/concentratore mediante la
riqualificazione termodinamica del vapore acqueo attraverso la compressione meccanica del vapore. Si possono
ottenerenotevoliriduzionideiconsumidigasnaturaleafrontediunincrementominimodiconsumoelettricodovuto
ai compressori; tali interventi, ricadendo nella linea dellelettrificazione dei consumi, beneficiano dellaumento di
efficienzadelparcodigenerazioneelettrica.

La sostituzione di bruciatori tradizionali con bruciatori rigenerativi basata sul recupero del calore dei fumi prodotti
dalla combustione invece un intervento trasversale che si ritrova in pi settori industriali quali siderurgico,
alimentare, ceramico, cemento, meccanica e vetro. I bruciatori contengono al proprio interno lo scambiatore di
recupero e sono adatti quando richiesto il mantenimento della temperatura del materiale su ampie superfici,
permettendodiapplicareilrecuperodoveprimanonerapossibile.LaTabella3.3riportaidatitecnicietempidipay
backassociatiallarealizzazionediuninterventotipo.

Tabella3.3Parametritecnicoeconomiciperinvestimentineibruciatoririgenerativi
Tecnologia Impianto tipo Tempodipayback CostokWhtermicorisparmiato
Consumodigasnaturaleparia 3anni(3turnilavorativi)
Bruciatoririgenerativi 3 12c/kWh
circa2milionidim lanno 56anni(2turnilavorativi)
Fonte:Energy&StrategyGroup

Linterventotipiconellecartiereilrevampingdellamacchinacontinua.Sononumerosigliinterventipossibilinelciclo
di produzione della carta: installazione di una pi efficiente cappa di raccolta delle fumane, utilizzate per il
preriscaldamentodelleacqueperlapreparazioneimpasti;efficientamentodellimpiantodipressaturameccanicaper
leliminazionedellacquadallacartainformazione,consentendocosdiridurreilconsumodivaporenecessarioper
lessicazione;ilrifacimentodellimpiantodivuoto;ristrutturazionedellasezionetestadimacchinaconlimpiegodi
macchine di recente costruzione, progettate ed equipaggiate per ottenere un grado di maggiore efficacia nella
rimozione dei contaminanti contenuti nellimpasto; sostituzione dei quadri di controllo con macchinari a controllo
numerico(PLC);efficientamentodegliessiccatorieunpispintorecuperodellecondense;ottimizzazionedellafasedi
formatura del foglio di carta, in modo da portare la carta con un grado di secco maggiore alla fase successiva di
pressatura.
Un intervento ben noto che nel settore siderurgico consente solitamente di raggiungere un notevole risparmio in
termini di gas naturale il sistema della colata e laminazione continua. Passando dal sistema di carica a freddo, il
qualeprevedeunafasedistazionamentodellebillette,alsistemadialimentazioneincontinuooacaricaacaldo,si
evitalafasediraffreddamentodeisemilavoratiutilizzatapericontrollidiqualiteperlorganizzazionelogisticadelle
lavorazioni, riducendo anche il successivo consumo di gas naturale nel forno di preriscaldo prima della fase di
laminazione.


54

Negliimpianticheutilizzanovaporecomefluidovettorenellevariemacchine,unareatecnologicadiinteressequella
della gestione delle condense, sia per lo scarico che per la ricompressione delle stesse. Interventi di questo tipo si
stannodiffondendoanchenellelavanderieindustrialiconlistallazionediscaricatoridicondensaadelevataefficienza
in sostituzione di quelli tradizionali di tipo meccanico a scarico intermittente. Si tratta di tecnologie ben note nei
grandiimpiantichimici,conapplicazioniancheinsettoriconmacchineditaglieinferiorieconoperazionidiscontinue.

3.2.6 Efficientamentoelettrico

La tecnologia di efficientamento elettrico pi frequente negli ultimi anni lazionamento di motori con inverter,
sistemi elettronici di regolazione di frequenza, applicati su motori elettrici per comandi di pompe, compressori e
ventilatori.LaTabella3.4riportaidatitecnicietempidipaybackassociatiallarealizzazionediuninterventotipo.

Tabella3.4Parametritecnicoeconomiciperinvestimentinegliinverter
Tecnologia Taglia Tempodipayback CostokWhelettricorisparmiato
Invertersuunapompaazionatadaunmotoreadefficienza 1anni(3turnilavorativi)
37kW 12c/kWh
standard 2anni(2turnilavorativi)
Invertersuunacompressoreazionato daunmotoread 11,5anni(3turnilavorativi)
37kW 27c/kWh
efficienzastandard 5,56anni(2turnilavorativi)
Fonte:Energy&StrategyGroup

Le membrane separative hanno avuto un importante ruolo: un loro utilizzo tipico consiste nelladozione di una
tecnologia basata su celle a membrana in sostituzione della tecnologia basata su celle di tipo anodocatodo per i
processidielettrolisiottenendounnotevolerisparmiodienergiaelettrica.Unaltrointerventodaicospicuirisparmi
lefficientamento del forno fusorio per la produzione del vetro cavo. Le modifiche apportate hanno lo scopo di
migliorareiconsumienergeticimediantelinstallazionediunnuovoboostingelettricoperlamiscelazionedelfusonel
bacino,ingenereaccoppiataconlaparziale/totaleristrutturazionedelfornoesistente.Sonostatistimatirisparmiper
circa15.000tep/annopersingolointervento.
Nel caso dei molini di macinazione utilizzati nei cementifici o nel settore minerario (sabbie silicee) si osservata la
sostituzionedellavecchiatecnologiaconlemiglioritecnologiedisponibilinelsettore.Unesempiolasostituzionedel
molinoaduecamere,caratterizzatodaduecomparti(ilprimodimacinazionegrossolanaedilsecondodimacinazione
fine, separati da un diaframma con la funzione di filtro). La tecnologia di sostituzione si differenzia per geometria,
architettura interna e dimensioni: infatti, a differenza dei molini a sfera non presenta camere di separazione,
riducendodimoltoitempidimacinazioneconuncospicuorisparmioenergetico.Cunrullonellaparteinternadella
macchinacheruotaadaltavelocit,conpressionedelrulloversoilbassovariabileinfunzionedellamacinatura.
Le principali societ di telecomunicazioni hanno provveduto allammodernamento delle stazioni radio su tutto il
territorionazionaleconsentendolerogazionedelservizioGSM/DCSeUMTS,conunadrasticariduzionedeiconsumi
elettrici:irisparmistimatifinorasonostatidicirca12.000tep/annopersingolointervento.
Ilsistemadiossidazioneabollefinisiapplicaadimpiantididepurazionediacquerefluesiacivilicheindustriali.Nella
fase di ossidazione biologica del refluo, la pi energivora del processo, si sfrutta linsufflazione di aria per favorire
lazione dei batteri che operano per la digestione del carico organico. Per questo si adotta il processo basato sul
sistema di ossigenazione con diffusori circolari a membrana a bolle fini in sostituzione delle turbine superficiali,
apportandounconsistenterisparmiodienergiaelettrica.Laproduzionedigastecnicionsitesihaprevalentemente
nei settori petrolifero, chimico, energetico e metallurgico. I gas tipici sono ossigeno, azoto e argon che
precedentemente venivano acquistati da societ terze, stoccati allo stato liquido e portati allo stato gassoso
(medianteespansioneeriscaldamento)perlutilizzo.Lasoluzioneenergeticamentepiefficienterisultaesserequella
di produrre sul posto il gas con un impianto di produzione criogenico.Questa innovazione permette ad esempio di
diffonderegliusidellossigenonellevarieapplicazionidiossicombustione.

3.2.7 Trattamentodeisolventi

Lanormativaambientalevigente(DecretoLegislativo152/06es.m.i.)prevedeilcontrolloedeventualetrattamento
deisolventineiflussigassosiespulsidagliimpiantidiprocesso.Linterventopirealizzatonellapraticaindustriale


55

quello del recupero di calore da post combustione. I vapori liberati dai solventi nella fase di essiccazione vengono
aspirati dal tunnel di essiccazione ed inviati allimpianto di combustione dellaria esausta, che viene cos depurata
grazieallossidazionedeicomponentivolatili.Limpiantoditrattamentocostituitodaunacameradicombustionein
cui,conlausiliodiunospecialebruciatorepergas,lamisceladiariaesolventivienepreriscaldataperinnescarela
combustione dei solventi. Altre soluzioni adottate sono basate su scambiatori a camere con funzionamento
rigenerativo, con pi camere di accumulo che si alternano ciclicamente e dove si sfrutta lenergia termica dei gas
combustiperpreriscaldarelaccumulatorechesarpercorsodallafumanadadepuraredelciclosuccessivo.
Perilrecuperodeisolventisihannocolonnediadsorbitoriacarboniattivichedevonoessereciclicamenterigenerati
convaporegeneralmentefornitodaunacaldaiaagasnaturale.Sipurealizzareunrecuperodivaporedallavaggio
delladsorbitore da destinare al ciclo successivo. In alcuni casi possibile anche labolizione dei solventi grazie
allinnovazione del processo produttivo o del prodotto stesso, modificando il sistema esistente con un altro senza
solventidatrattare.

Lapplicazione di tecnologie dedicate al trattamento dei solventi interessante non tanto per le dimensioni di
risparmioconseguibileattraversounsingolointervento,quantoperlepossibilitdireplicaeperlasinergiapositivatra
gli aspetti ambientali e quelli energeticoeconomici, importanti per favorirne la diffusione nelle medie e piccole
imprese in settori produttivi differenti quali, ad esempio, la produzione di nastri adesivi, materie plastiche, grafica,
sgrassaggio,verniciaturaesmaltatura.

3.3 Settoreresidenzialeenonresidenziale

Nel panorama europeo gli edifici sono i responsabili del 40% del consumo globale di energia: essi rappresentano
quindiunsettorechiavesulqualesistaintervenendoconprovvedimentiemisureche,ancheseefficaci,necessitano
dimaggioriepipuntualiindirizzi.NellaDirettiva2010/31/UEvienesottolineatadalConsiglioEuropeolanecessitdi
unimpegnomoltopiincisivodapartedegliStatimembriperincrementareleprestazionienergetichedegliedificial
fine di conseguire una riduzione dei consumi del 20% in questo settore entro il 2020, obiettivo molto difficile da
perseguirestandoairisultatiintermedifinoraraggiunti.LaDirettiva,oltreapromuoverelutilizzodifontienergetiche
alternative, impone agli Stati membri di fissare dei requisiti energetici minimi che dovranno essere soddisfatti dai
produttoridicomponentiedilizialfinediraggiungerelivelliottimalidiprestazioneinfunzionedeicosti.

Lepoliticheenergeticheitalianeinquestiannisonostatemirateallottimizzazionedellinvolucroedilizioperridurrei
consumiprincipalmentedurantelastagionefredda.Intalsensolatecnicadiefficientamentoenergeticopiutilizzata
quella che tende a rendere ledificio il pi adiabatico possibile, ossia a fare in modo che il calore accumulato
allinterno, grazie allimpianto, non venga disperso verso lesterno con conseguente aumento delle ore di
funzionamento dellimpianto stesso e dicombustibile utilizzato. Ci ottenuto attraverso un aumento del livello di
isolamentotermico,attuabileanchesustrutturegiesistentitramitelatecnicadelcappotto,siainternosiaesterno.
Questatecnicaperdeveessereutilizzataafrontedianalisiaccurate:infatti,mentreperlezoneclimatiche63EedF
purisultareefficacenondettochelosiaperlazonaclimaticaDenonlonellezoneA,BeCincuilecondizioni
climatichedellastagioneestivacreanodelledifficoltneldefinirelesoluzionidautilizzarepermantenerelecondizioni
dicomfortallinternodegliambientiabitatidelledificio.Leultimeesperienzehannoevidenziatoilfenomenopercuiin
zone climatiche D gi nelle stagioni intermedie si manifestano condizioni tali da rendere necessaria lattivazione di
soluzioniperraffrescaregliambienti,comequelleditenereapertelefinestre.

Trovareungiustoequilibrioperlefficienzaenergeticanegliedificitenendocontodelleesigenzesiainvernalisiaestive
quindiunproblemacomplesso.Daquestopuntodivista,glistudieleprocedurepromossedallaUEsonocarentiin
quanto nella gran parte dei casi considerano soltanto la stagione invernale: si auspica una maggiore attenzione al
temainmododanontrovarsiincondizionidimassimaefficienzaininvernoegrandicriticitinestate.
Sono oggetto di studio materiali con una trasmittanza termica sempre inferiore ma in grado di garantire anche
unadeguata facilit di posa in opera. Materiali ad elevata inerzia termica garantiscono inoltre un ritardo nella
trasmissionedelcaloreversolesternofacendoinmodocheloscillazionedelletemperatureinternedelledificiosia

63
Perunapprofondimentosiveda:www.autorita.energia.it/allegati/faq/AggTabellaA.xls.


56

sufficientemente sfasata e attenuata rispetto alle oscillazioni di temperatura esterna, garantendo cos un accumulo
termico allinterno delle pareti durante le ore notturne, ovvero durante le condizioni pi sfavorevoli. Le superfici
trasparenti sono fondamentali durante linverno poich le loro caratteristiche superficiali e la loro geometria in
funzionedellorientamentocardinaleinfluisconosugliapportisolari,checostituisconounafontedicaloregratuita.
Nondimeno lincremento del livello di isolamento di un involucro funzione anche della prestazione termica delle
superfici trasparenti. Basse trasmittanze termiche delle superfici vetrate sono ottenute attraverso vetrocamere,
ovverosandwichsemprepicomplessiottenutiinterponendotraivetrigasinerti.Unaltrasoluzione,associabilealla
precedente,rappresentatadaivetribassoemissivi(olowe):trasparentialleradiazionitermichesolari,lelasciano
entrareallinternodelledificioecontemporaneamenteimpedisconolafuoriuscitadellaradiazionetermicaemessadai
corpi riscaldanti. In questo modo, attraverso una drastica riduzione delle dispersioni termiche e riflettendo calore
internamente, permettono un notevole risparmio dei costi energeticidi riscaldamento. Questi vetri sono rivestiti di
ossidi metallici che, una volta depositati sul vetro, ne rafforzano le propriet di isolamento termico e di controllo
solare.
I telai di alluminio a taglio termico rappresentano invece delle soluzioni alternative ai classici infissi di legno per
incrementare il livello di isolamento. Ulteriori soluzioni per limitare le dispersioni sono rappresentate dalluso di
guainedirivestimentoperimetralipereliminareipontitermici.
bene notare che ogni intervento mirato alla variazione delle caratteristiche termiche delledificio va apportato in
manieraoculataalfinedievitarespiacevoliinconvenienticomeperesempiolaformazionedicondense.Lenormative
italiane in materia di risparmio energetico edilizio trascurano le tecniche innovative passive applicate allinvolucro
edilizio mirate alla diminuzione dei consumi energetici estivi. Tra di esse ricoprono una particolare importanza i
cosiddetti cool material, definiti come quei materiali in grado di non innalzare in modo significativo la propria
temperatura sotto la radiazione solare. I cool material sono caratterizzati da una elevata riflettanza solare (elevata
capacitdirifletterelaradiazionesolareincidentesulmateriale)ediemissivittermica(elevatacapacitdiemettere
calore nella lunghezza donda dellinfrarosso). Lalto potere di riflessione dovuto a pigmenti caratterizzati da una
elevata riflettanza nella porzione infrarossa dello spettro solare: tali pigmenti mantengono per il profilo tipico del
colore di riferimento nello spettro visibile, facendo in modo che il materiale non si scaldi durante le ore diurne.
Lelevataemissivit(propriadellagranpartedeimaterialidelledilizia,adeccezionedeimetalli)consentealmateriale
diraffreddarsidurantelanotte,irradiandoversolavoltacelesteilcaloreassorbitoduranteilgiorno.Aparitdialtri
fattori(radiazionesolareincidente,riscaldamentoperconvezionee/oconduzione),unasuperficieconquestequalit
rimarrpifreddasottoilsolerispettoadaltrenoninpossessoditalicaratteristiche.

Icoolmaterialutilizzaticomerivestimentodeitettisonopresentineimercatideglialtripaesieuropeigidamoltianni
e addirittura da decenni in quelli americani. Si parla in questi casi di cool roof, tecnologia in grado di realizzare un
profiloditemperaturesuperficialipibassorispettoaunnormalerivestimento,cosachecomportaunariduzionedel
flusso termico entrante nelledificio, contribuendo ad unefficace diminuzione del valore medio della temperatura
internadellariainambientinonclimatizzatioadunariduzionedeiconsumidiraffrescamentoinambientidotatidi
impiantodiclimatizzazioneestiva.Leprestazionidiquestimaterialisonostateampiamenteverificatesiaattraverso
studiteoricicheattraversoanalisisperimentaliesonoprontiperlinserimentoallinternodellenormativedicontrollo
energeticodelsettoreedilizio.

3.3.1 Letecnologie

Le tecnologie che possono apportare un significativo contributo alla riduzione dei consumi energetici riguardano in
particolare:
Impiantisticaadaltaefficienza(caldaieacondensazione,impiantidimicrocogenerazione,pompedicalorea
compressioneeadassorbimento,sistemiintegraticonlefontirinnovabili,etc.).
Materiali, dispositivi e prodotti per la riduzione delle dispersioni energetiche delle tubazioni degli impianti
termici o per un miglior rendimento della diffusione finale del calore (quali ad esempio radiatori ad alta
superficiediscambio).
Lateriziinnovativi,concaratteristichedielevatoisolamentotermico.


57

Materialidedicatiperlisolamentotermicodegliedifici(organicinaturaliedisintesi,inorganicinaturaliedi
sintesi, tra i quali troviamo argilla espansa, fibra di cellulosa stabilizzata, poliuretano espanso, polistirene
espanso sinterizzato purch privo di HCFC e HFC, intonaci e malte per isolamento termico e prevenzione
dellumidit,verniciisolanti,sughero,guaine,teliemembranepercoibentazione,pannelliinfibradilegnoe
infibranaturale).
Prodotti e sistemi per la riduzione delle dispersioni e degli assorbimenti di calore (quali ad esempio
serramenti ad alte prestazioni termiche, vetri a controllo solare per la riduzione del fabbisogno di
climatizzazione estiva, schermature solari esterne mobili come tende, veneziane, frangisole, lastre isolanti
trasparentiinpolicarbonato).
Inoltre,sivannosemprepiaffermandotecnologieesistemiinnovativiqualiisistemidomotici,linvolucroattivo,il
solarcooling,losmartbuildingelacogenerazione.

3.3.1.1 Nuovimaterialiperlinvolucroedilizio

Gli obiettivi definiti dal quadro tecnico normativo italiano e nazionale per i Nearly Zero Energy Building (NZEB)
richiedono livelli prestazionali sempre maggiori per i componenti ed i sistemi dellinvolucro edilizio. Gli obiettivi
perseguitisonoessenzialmentediduetipi:estremizzareleprestazionipericomponentistaticiefavoriresoluzioniche
rendanolinvolucroediliziocomeunsistemadinamico,ingradodiadeguarsiallevolveredellecondizioniambientali
esterneedinterne.
Nuoviisolantitermicisonoingradodirealizzaretamponatureecopertureconvaloriditrasmittanzatermicamolto
bassioppure,aspettodigrandeimportanzanelcasodiristrutturazionidiedificiesistenti,utilizzaremodestispessoridi
isolanteperrispondereairequisitidiisolamentofissatidallanormativatecnica.Afrontedeimiglioriisolantidisponibili
oggi sul mercato, che hanno valori di conduttivit (conducibilit) termica di circa 30 mW/mK, i cosiddetti materiali
superisolantisonoingradodimigliorarenotevolmentetaliprestazioni:pannelliisolanticonaerogelpossonoarrivarea
13mW/mK,pannelliisolantisottovuotoaddiritturafinoa7mW/mKelivellisimilisononelmirinodinanoschiume
poliuretanicheattualmenteinfasedisviluppo.
Il miglioramento della prestazione estiva dei componenti opachi sempre pi spesso delegata al controllo solare,
raggiungibile utilizzando materiali ad elevata riflettanza solare (cool materials). Coating elastomerici e membrane
possonooggiarrivarequasial90%diriflettanza,ancheselaricercaorientataversosoluzioniatteagarantireanche
la risposta cromatica e lintegrazione architettonica dellinvolucro. Sono disponibili sul mercato materiali altamente
selettiviconelevatariflettanzaalvicinoinfrarosso:uncoatingnerohaunariflettanzasolaredel5%,mentrelostesso
nerotrattatoconpigmentiriflettentiallinfrarossopuarrivareaquasiil25%.Ancorapiinnovativisonoimateriali
termocromici, in grado di cambiare colore in funzione della temperatura superficiale: diventano bianchi quando la
temperatura supera un determinato valore, per tornare alla gradazione cromatica originale quando si raffreddano.
Altresoluzioniallostudioprevedonolutilizzodimaterialiacambiamentodifaseefotocromici.
Imaterialiacambiamentodifasemiglioranolinerziatermicadellastruttura,quindipotenzialmenteinteressantiperla
stagioneestiva,esonoutilizzatiallinternodiintonaci,esterniedinterni,edialtristratidiinvolucro.Lacomplessiteil
costoditalisoluzionilimitanotuttaviaunefficacepenetrazionenelmercatodellatecnologia,comunquedisponibile
daormaialcunidecenni.
Per quanto riguarda linvolucro trasparente, raggiunto il massimo dellisolamento termico per i vetrocamera con
trattamenti basso emissivi, gli obiettivi sono: spingere ulteriormente lisolamento termico passando a vetrazioni
multiple per climi freddi; migliorare la selettivit del componente vetrato per climi caldi (rapporto tra trasmittanza
luminosaefattoresolaredalvaloreattualedicirca2daincrementarefinoa3).Notevolimiglioramentidiisolamento
termico sono stati inoltre raggiunti negli infissi di legno, alluminio e PVC; attesa una riduzione dei valori di
trasmittanza termica dei profili fino a 1 W/m2K. Materiali innovativi sul mercato da alcuni anni sono i vetri
elettrocromici, tuttavia i costi ancora proibitivi li relegano ad applicazioni di nicchia; maggiore riscontro si ha per il
fotovoltaico trasparente che comincia ad avere applicazioni maggiori, sfruttando tecnologie consolidate (silicio) o
innovative (film sottili, DSSC, PV organico con diverse tecnologie di deposizione). Tra le soluzioni attualmente allo


58

studio: materiali a cambiamento di fase trasparenti da inserire in vetrocamera; vetrate termocromiche e


termotropiche;sistemididaylightingconschermatureriflettentiageometriacomplessa.
Per quanto riguarda la protezione solare, linnovazione orientata soprattutto
verso lintegrazione architettonicacon soluzioni hitech sempre piardite (griglie
metalliche e plastiche, con trame bi e tridimensionali). Di grande interesse la EuropeanCoolRoofCouncil
movimentazione dei sistemi schermanti, con richiesta sempre maggiore di LuniversitdiModenaeReggioEmiliaha
controllo in funzione di diverse strategie e con sistemi di gestione collegati ai condottoconENEA,nellambitodella
RicercadiSistemaElettrico2010
diversiservizienergeticidegliedifici.Laricercaorientataversosoluzioniattivabili Tecnologieperilrisparmioenergeticonel
infunzionedellecondizioniclimaticheesterne,diparticolareinteresselutilizzo settorecivile,ilprogettoSviluppoed
assessmentdiCoolMaterialper
di materiali a memoria di forma per lapertura e la chiusura dei sistemi di lefficienzaenergeticaedilcontrollo
schermaturasolare. ambientaleascalaurbanaediedificio,
aventecomeobiettivolacreazionedi
Lutilizzodicoolmaterialperlecopertureelefacciatedegliedificilimitalapporto prodottipercopertureantisolaribasatisu
materialiceramici.Questisonoingradodi
solare e quindi la richiesta energetica per il raffrescamento. Lutilizzo di questi fornireprestazioniugualiosuperioria
materiali riduce la temperatura dellaria in ambiente urbano, migliorando il quelleoffertedaimaterialiorganiciin
terminidiriflettanzasolareemolto
comforttermicoeriducendoilsaltotermicotraambienteinternoedesterno,con
superioriinterminididurabilitdella
riduzione della richiesta di fabbisogno per raffrescamento per gli edifici. Infine, performancedopoinvecchiamento.
lutilizzo di materiali generalmente chiari consente di ridurre la potenza degli Daanalisipreventivadellecaratteristiche
impianti di illuminazione esterna a parit di prestazione illuminotecnica e riveste edelleprestazioniattesedapartedivarie
materieprime,sisonorealizzatinumerosi
quindi una notevole importanza per lefficienza energetica negli usi finali, in ingobbiceramicibianchieperalcunidi
particolarmodoquellielettrici,legatiallariduzionedeiregimitermiciinestate. essisisonoottenutiunelevatopotere
coprentedelsupportoedunelevata
Oltre a questo utilizzo, i cool material trovano applicazione anche per le riflettanzasolare(inparticolare,unodi
essiarrivaadunariflettanzasolaredel
pavimentazionidispaziurbaniaperti(strade,piazze,etc.)conelevatepotenzialit 90%).Parallelamente,sisonorealizzati
dirisparmioenergeticoconseguibiliascalaurbanaediedificio. ingobbicontenentimaterialedirecuperoa
bassocosto,comunquecontraddistintida
Per lo sviluppo e la diffusione di questi prodotti sono state attivate una serie di riflettanzaelevata.Idueingobbidalle
miglioriprestazionisonostati
azioni: analisi dei materiali disponibili; tipo di applicazione (coperture e sistemi
successivamentericoperticonsmalti
schermanti,degliedifici,pavimentazionistradali,pavimentazionidiareepedonali); ceramicialfinediconferirelorola
sviluppo di nuovi materiali (termo cromici, a selettivit spettrale); potenzialit di massimaresistenzaagliagentiatmosferici.

risparmioenergeticodiognitipologiadiapplicazione;progettidimostrativi;analisi Lesitofinaledellavorohaportatoa
realizzareduetipologiedipiastrelle
dellimpatto della riduzione dellisola di calore urbana sui consumi energetici a ceramichecoolroofperfettamentefinite
scalaurbanaediedificio. edindustrializzabili,conriflettanzasolare
di86%e83%rispettivamente.Intermini
Lutilizzo dei cool material comincia a diffondersi anche per i materiali urbani diriflettanzasolareleprestazionidiquesti
dueprodottisuperanoquelledella
(marciapiedi,areepedonali,strade),combinandolelevatariflettanzaalbiossidodi maggiorpartedelleverniciabaseorganica
titanio, utilizzato per la fotocatalisi e, dunque, per la riduzione di inquinanti attualmenteincommercio.Interminidi
nellaria. Le temperature superficiali dei cool material risultano decisamente resistenzaallinvecchiamentoiprodotti
ceramicioffronoproprietdimolto
inferioriaquelledellasfalto,chehageneralmenteunariflettanzasolarecompresa superiorealleverniciabaseorganica.
trail5%(nuovo)edil15%(invecchiato). Leattivithannoportatoallacreazione
dellEuropeanCoolRoofCouncil,incui
Le vernici e le guaine a base organica sono i prodotti attualmente pi diffusi e partecipalENEA,chestaaprendo
meno costosi per la creazione di cool roofs, ovvero cool material applicati sulle interessantiopportunitdimercatonon
soloeuropeo.LobiettivodelCouncil
coperture degli edifici, ma possono andare incontro ad un rapido degrado delle quellodiriunireiprincipaliattoricoinvolti
prestazioni iniziali dovuto allazione degli agenti atmosferici, allinquinamento e nelsettore:Universitedentidiricerca;
operatoridelsettore,produttori,
allinvecchiamentodeimateriali.
distributoriefornitori;consulenti
energetici;manutentoridelparcoedilizio;
Leffettoisoladicaloreurbanaunfenomenocheaffliggeinmanierasemprepi pubblicheamministrazioni,autoritlocali;
persistente i centri abitati. Gli studi condotti evidenziano le potenzialit delluso agenziegovernative.
dei cool material al fine di mitigare alcuni pericolosi aspetti legati al
surriscaldamentoglobaleelocale.
LapplicazionesuscalaurbanadeisuddettimaterialistataanalizzatatramitelENVImet,unsoftwaredisimulazione
chehapermessodiquantificareleffettivainfluenzachequestiultimihannosullatemperaturadellariaesternadiuna


59

zonadiRomapresaacampione,evidenziandoneunadiminuzioneconsiderevole.Ladiminuzionedellatemperaturasi
ripercuote anche su un generale miglioramento del livello di comfort. Lutilizzo in larga scala di cool material con
proprietsempremigliori,unitoadunestensionedelleareevegetativeinambienteurbano,risultaessereunfattore
importante che contribuisce a migliorare le condizioni di comfort termico esterno, ridurre i fabbisogni di
climatizzazionedegliedificieaumentarelaqualiturbana.
Lutilizzodiadeguatistrumenticonsentedivalutarelecaratteristichetermofisichedeimaterialinaturaliedelcostruito
ascalaurbanae,conseguentemente,valutareleopportunitdimitigazionedellostresstermico,utilizzandomateriali
adelevatariflessionesolare.Unpassofondamentalelamappaturageometricadellacitt,odiunasuaporzione,e
successivamentelacaratterizzazionetermica,individuandoimaterialipiricorrentielalororipartizionesullareadi
interesse.Unaseriedistudi,relativiadunaporzionedelcentrodiRoma,statacondottacomeanalisipreliminarealla
valutazionedellimpattodeiregimitermiciurbanisulcaricodiraffrescamentodegliedificiodiintereareeurbane.
Attualmentelutilizzodiquestimaterialilimitatoinquantosiancorainunafasepreliminaredipenetrazionedel
mercatoperdiversimotivitracui:ilcaratterediinnovazione,vistodaglioperatoriconunacertadiffidenza;lapoca
conoscenza dei materiali, anche da parte dei progettisti; le procedure di posa in opera, specialmente per
lapplicazionesucopertureesistenti.
Inlineadimassima,gliextracostideicoolmaterialelaloroapplicazioneincidonotrail10e20%inpirispettoaicosti
di analoghi prodotti attualmente utilizzati: plausibile prevedere che questa incidenza di costo possa ridursi
sensibilmenteconlaloromaggioreproduzioneeutilizzo.

3.4 Letecnologienellafilieraagroalimentare

Lasensibilitperilproblemadellosprecoalimentaredelleproduzioniorticoleincontinuacrescitasiapergliaspetti
dellenergiaassociataallaproduzionediciboesiaperquestionidiordineetico,seconsideriamochecircaunmiliardo
dipersonenelmondosoffreperlacarenzadicibo(FAO,2013):losprecodiprodottivegetalisuperaormailamet
dellaproduzionenelcasodicoltivazioneinpienocampoeraggiungeil60%circaperleserre(Figura3.6).

Figura3.6SprecoalimentareinItalia(%dellaproduzione)

60

50

40
%

30

20

10

0
Serra PienoCampo

NonRaccolto Lavorazione DistribuzioneeCommercializzazione Consumatori


64
Fonte:Campiottietal.(2012)

64
Campiotti C. , Viola C. , Scoccianti M. e Alonzo G. (2012), Agroalimentare e sviluppo economico sostenibile: energia, efficienza
energetica,ambienteecibo.RivistadiStudisullasostenibilit,FrancoAngelieditore,numerospeciale2012.


60

Ilconsumodienergiaassociatoadunchilogrammodiciboprontovariadacirca0,5a61kWhinrelazionealtipodi
cibo (animale o vegetale), alle tecniche e tecnologie di coltivazione, trasformazione e trasporto65. Altrettanto
importanteildatorelativoallenergiaassociataallaproduzioneprimariadipiantealimentarichepresentavaloritra
1,5kWh/kg(pienocampo)e11,1kWh/kg(sottoserra)66.
Per la riduzione dei consumi di energia fossile risultano significativi anche la razionalizzazione del mercato della
plasticaperusoagricolo,lefficientamentodeisistemiserraesialintroduzionedisistemiinnovativinaturali,comeper
esempiolecoltrivegetalipergliedifici,sialimpiegodirisorserinnovabiliperlaproduzionedienergia.
Persosteneregliinterventidiefficienzaenergeticanelcompartodeisistemiserra,lENEAhasviluppato,nellambito
del sistema dei Certificati Bianchi, la citata scheda tecnica standard 40E basata sullimpiego di generatori di calore
alimentati con biomassa in sostituzione del riscaldamento delle serre con energia tradizionale. Lapplicazione delle
caldaieabiomassa,ormaiinforteevoluzionesututtigliaspettidellaregolazione(accumuli,elettronicadicontrollo)e
dellariduzionedellaformazionediincombustiediparticolato(ariasecondaria,fiammarovescia,sondaadossigeno),
stataformulatainrelazioneallanormaUNIEN30305.
Sulla base di esperienze operative nonch di una opportuna analisi bibliografica sono state quindi definite le
temperaturenecessariepermantenereilcomfortmicroclimaticodidiversecolturevegetali(Tabella3.5).

Tabella3.5Temperatureottimali(C)perlecoltivazioniinserra
Livelliditemperaturadellariainternadellaserraperleprincipalicolturevegetali
Temperatureottimali(C)
Specie
Giorno Notte
Orticole 2024 1216
Pomodoro 2126 1318
Lattuga 1722 1013
Melone 2228 1518
Floricole 1925 1416
Rosa 2024 1416
Crisantemo 1721 1617
Gerbera 2127 1216
Fonte:elaborazioneENEA

Inoltre, sulla base della disponibilit della radiazione solare presente nelle diverse fasce climatiche e delle richieste
termicheottimaliperilcomfortmicroclimaticodellepianteallevateinserra,statosviluppatounmodellooperativo
miratoavalutarelerichiesteenergetichemediedeisistemiserrainItalia(Tabella3.6).

Tabella3.6Quadroenergeticodeisistemiserra
Stimeenergetichemedieperisistemiserraconcoperturainfilmsingolo(*)
GradiGiorno Richiestaenergetica Potenzaspecifica
2 2
(GG) (kWh*m /anno) (W/m )
600900 120 3050
9001.400 214 75100
1.4002.100 343 100125
2.1003.000 474 125175
>3.000 546 >175
(*)temperaturainterna:21C(giorno)14C(notte);dispersionetotaleU=8W/m2C
Fonte:elaborazioneENEA

3.4.1 Costidiinvestimentoetempidiritornodellecaldaieabiomassaperisistemiserra

Il costodelle caldaie per la filiera delle serre a biomassavaria notevolmente in relazione al livello tecnologico della
caldaiastessa.Ilcostodiunacaldaiamodernaalegna/cippato/pelletrisultadicirca100EuroperkWdipotenza.Si
possonoconsiderarecostispecificidellordinedi400500/kWperisistemidiminorepotenza(finoacirca80100
kW)edellordinedi200300/kWperlecaldaieoltre100kW(Figura3.7).

65
SaundersC.,HayesP.(2007).Airfreighttransportoffreshfruitandvegetables.ResearchReportn.299,October.
66
FAO(2011),Saveandgrowapolicymakersguidetothesustainableintensificationofsmallholdercropsproduction.


61

Figura3.7Paybackdicaldaieabiomassadadiversapotenza
800000
100kW
600000
500kW
400000
1.000kW
Euro

200000

0
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16
200000
Anni
Fonte:elaborazioneENEA

3.4.2 Lebarriere

Lebarrierepisignificativecheancoraimpedisconolintegrazioneottimaledelletecnologiediefficienzaenergeticae
dellefontidienergiarinnovabileinagricolturasonosostanzialmenteleseguenti:
Economiche/finanziarie:difficoltdiaccessoalcreditoescarsadisponibilitfinanziaria.
Tecniche: necessit di ulteriori dati scientifici sulle migliori tecnologie disponibili (BAT) e sulle tecnologie
energetichegreen,sullalorodisponibiliteapplicazione.

3.4.3 Riferimentinormativiefontidifinanziamentospecifiche

Iprincipaliriferimentiallenormativeeagliincentividiinteressepergliobiettividellafilierasono:
DecretoInterministeriale5luglio2012Attuazionedellart.25deldecretolegislativo3marzo2011,n.28,per
gliincentividellaproduzionedienergiaelettricadaimpiantifotovoltaici(cosiddettoQuintoContoEnergia).
Interministeriale 6 luglio 2012 Incentivazione della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili
elettrichenonfotovoltaiche(Tabella3.7).

Tabella3.7DecretoInterministeriale6luglio2012,incentiviepremialitpertipologiadifonte
BIOGAS
Incentivo(*) SI
10operantiinCARconprodottidicuiallart.8,c.4(b),(c),(d)
Premioaggiuntivo
30operantiinCARconprodotti,dicuiallart.8,c.4(b),(c),(d) perrecuperoNper fertilizzanti
allIncentivo
20operantiinCARconprodotti,dicuiallart.8,c.4(b),(c)e(d)conrecuperodel30%azotoperfertilizzanti(P600kW)
[/MWh]
15impianticonprodotti,dicuiallart.8,c,4(b),(c),(d)conrimozionedel40%azotoperfertilizzanti(P600kW)
BIOMASSA
Incentivo(*) SI
30art.8c.7,conprodotti,dicuiallart.8,c.4(b)e(d),ancheperrifacimento (conrequisitidiemissioneinatmosfera
secondoAll.5,DMMiSE,06/07/2012)
Premioaggiuntivo
10operantiinCARconprodottidicuiallart.8,c.4(b),(c)e(d)
allIncentivo
10art.8c.6,alimentaticonprodotti,dicuiallart.8,c.4(b)e(d)perriduzioneGHG inatmosfera,ancheperinterventidi
[/MWh]
rifacimento(P>1.000)
40operantiinCAR+TLR,conprodottidicuiallart.8,c.4(b)e(d)
BIOLIQUIDISOSTENIBILI
Incentivo(*) SIpreviaverificasostenibilitsecondoart.38,D.Lgs.28/2011
Premioaggiuntivo
allIncentivo 40operantiinCAR
[/MWh]
Altretariffeincentivanti
Tariffa Biogas Biomassa Bioliquidisostenibili
TariffaOmnicomprensiva(*) SI SI SI
RitiroDedicato(*) SI SI SI
ScambioSulPosto(*) SI SI SI
CertificatiBianchi(*) SIsoloperCAR,noncumulabileconigliIncentivioconlaTariffaOmnicomprensiva
(*)Noncumulabiliconlincentivo.
Fonte:DecretoInterministeriale6luglio2012


62

DecretoInterministeriale28dicembre2012Determinazionedegliobiettiviquantitativinazionalidirisparmio
energeticochedevonoessereperseguitidalleimpresedidistribuzionedellenergiaelettricaeilgasperglianni
dal2013al2016eperilpotenziamentodelmeccanismodeicertificatibianchi.Perilsettoreagricolturasono
presentidueSchedeTecnicheStandardizzatespecifiche:
Schedatecnican.39EInstallazionedischermitermiciinterniperlisolamentotermicodellaserra.
Schedatecnican.40EInstallazionediimpiantodiriscaldamentoalimentatoabiomassalegnosanel
settoredellaserricoltura.
Decreto Interministeriale 28 dicembre 2012 Incentivazione della produzione di energia termica da fonti
rinnovabiliedinterventidiefficienzaenergeticadipiccoledimensioni.Inparticolareperilsettoreagricoltura
(art. 4, comma2, lettera (b)), sono incentivabili interventi di costruzione di impianti di climatizzazione
invernale o di riscaldamento delle serre esistenti e dei fabbricati rurali esistenti con impianti di
climatizzazioneinvernaledotatidigeneratoridicaloreabiomassa.

3.4.4 Proposteedazioni
IlsistemaGreenery
Comedetto,nellultimadecadelindustriaalimentareharichiamatolinteressedel
NellambitodelProgrammaRicercadi
mondoindustrialeedistituzionaledatoilnotevoleinteresseeconomicocheormai SistemaENEAhaincorsounattivit
ricoprenellesocietmoderne. mirataalladefinizionetecnicaed
energeticadeisistemiGreenerypergli
Nel 2005, la Commissione Europea ha lanciato il Programma Green Building, che edifici(Figura3.8).Perlarealizzazionedi
copertureaverdemediantelacoltivazione
promuove lefficienza energetica e lutilizzo delle energie rinnovabili negli edifici, inverticale(pareti)einorizzontale
integrandosi con programmi nazionali che sostengono il finanziamento, la (pianterreni,terrazziebalconi,tetti)di
essenzevegetali,statastimatauna
sovvenzioneeirelativimeccanismifiscali.
riduzionedienergia(dovutaallavariazione
dellavelocitdelvento,allombra,
La realizzazione di tetti/pareti verdi in edifici localizzati sul territorio nazionale allintercettazionediradiazioneinfrarossa
regolamentata dalla normativa UNI 11235 (2007), che definisce i criteri di eallatraspirazionedellepiante)trail5eil
15%perilriscaldamentoinvernaleetrail
progettazione, esecuzione, controllo e manutenzione di coperture continue a
5eil50%perilraffrescamento estivo.
verde, in funzione delle particolari situazioni di contesto climatico, edilizio e di
destinazionedimpiego.

Figura3.8PrototipodisistemaGreenery


Fonte:ENEA


63



Per quanto riguarda i processi di lavorazione e trasformazione (processing) dei beni alimentari, essi richiedono
notevoliquantitatividienergiafossile.LENEAimpegnatainprimafilaindiversiprogettidiricercainternazionali,trai
qualispiccanoiprogettieuropeiTesla67eAdriacold68.
IlprogettoTeslamiraacondividereereplicareallinternodellUElebestpracticesattualmentedisponibiliperlanalisi
dei consumi e lefficientamento energetico nelle PMI del settore agroalimentare: la Tabella 3.8 riporta una serie di
proposteediazioni.

Tabella 3.8 Progetto TESLA: proposte ed azioni per lefficienza


energeticanelsettoreagroalimentare
IlprogettoAdriacold PROPOSTA AZIONE
Monitoraggiocontinuodeiconsumidienergia
Limpiegodellatecnologiadelsolarcooling
Miglioramentodeicostidienergiaperiservizi
perilcondizionamentoclimaticodei
Individuazioneemonitoraggiodeipunticriticisottolaspetto
sistemiserrarappresentaunodegli Analisi
energetico
interventipiavanzatiperlasostenibilit
Ripartizionedeiconsumitraidifferentiprocessi,isistemiele
energeticaedambientaledelcomparto
componenti
delleserreinItalia.
Recuperodeiflussidienergiatermica
LENEAhaincorsodirealizzazioneun Razionalizzazionedeiprocessilavoratividellindustriaalimentare
prototipodisolarcoolingperleserre, Efficientamentoprocessi Ottimizzazionedeiconsumiedeicontratticonifornitoridi
allinternodelqualeilcalorechealimenta produttivi,strutture, energia
lamacchinafrigoriferaadassorbimento macchinarieattrezzature Ottimizzazioneenergeticarispettoallestruttureeagliedifici
produceacquarefrigerata,accumulatapoi AdozionedimisureMEPS(MinimumEnergyPerformance
inunserbatoioallatemperaturadi7Ce Standards)permacchinari,motorielettrici,caldaie,etc.
quindiutilizzatadurantelastagioneestiva Riciclodirefluiesolididaiprocessidilavorazione/trasformazione
perilraffrescamentodellambiente attraversoprocessienergeticididigestioneanaerobicaperla
mediantelacircolazioneallinternodel Risparmiodienergiafossile
produzionedibiogas
sistemaserra,realizzataattraverso Impiegodirisorserinnovabili(biomassa,solare,biogas)
manichetteradianti. IntroduzionedellafiguradellEnergyManagernelleindustrie
alimentari
EfficienzaEnergeticaed
IncentiviperlEfficienzaEnergeticaeperstimolarelimpiegodi
EnergiaRinnovabile
risorserinnovabili(nuoveschedetecnicheperiCertificatiBianchi
nelsistemaagroalimentare)
Fonte:ENEA

3.5 StrumentiperlaPubblicaAmministrazione

3.5.1 PianodAzioneperlEnergiaSostenibile

La scrittura e la realizzazione di un Piano dAzione per lEnergia Sostenibile (PAES), previsto dal Patto dei Sindaci,
esprimelavolontelacapacitdellaPubblicaAmministrazionenoncentraledifarepianificazionelocaleconimpegni,
impieghi,sforziebeneficilocali.
UnbuonPAESdunquetienepiomenoimplicitamentecontodistrumentidigreeneconomy,dellaSEN,deibilanci
energetici locali e nazionali, delle opportunit di partenariato pubblicoprivato, di approvvigionamento e sicurezza
energetica, non ultimo anche di attivit connesse alla messa in sicurezza del territorio dai rischi idrogeologico e
sismico.
Laprogrammazionevaquindieffettuatadaunaparteinarmoniaconstrategieedindirizzinazionali,alorovoltalegati
ad impegni internazionali, per ci che riguarda gestione del territorio, dei servizi, delle infrastrutture; daltra parte
entroilimitievincoligestionaliedeconomicivigentinelPaese,quantoadaccessoedutilizzodeifondinecessariper
lattuazione delle attivit ed opere previste nei singoli PAES, quanto a supporto di competenze tecnico scientifiche
nazionali,acongruistrumentiamministrativiesistentiodaporreinessere.
IPAESrappresentanodunqueunaopportunitperilsettorepubblicodisvolgereunruoloesemplareanchesecondo
gliauspicieindirizzidelledirettiveUEsuiServiziEnergetici,sullEfficienzaEnergetica,sullePrestazioniEnergetichein
Edilizia,proprionelladefinizioneedattuazionedimisureedinterventiperlefficientamentoeilrisparmioenergetico

67
ProgettoCIPIEE2012,n.324758.TransferingEnergySaveLaidOnAgroindustry(TESLA),20132016.
68
ProgettoDiffusionofCoolingandRefreshingTechnologiesusingtheSolarEnergyResourceintheAdriaticRegions(Adriacold)n.
2ord./0030/1,20122015.IPACrossBorderCooperation20072013.


64

sulle strutture edilizie pubbliche (uffici, scuole, sanit, etc.), la mobilit, lilluminazione pubblica ed altri servizi
energetici.
Accantoaci,laPubblicaAmministrazionelocalehaconiPAESlagrandeoccasionedicrearesviluppoedoccupazione
avviandoerafforzandoleconomiadeisettorilegatiebeneficatidagliinterventidiefficienzaenergeticaedallutilizzo
dellefontirinnovabili.
Muoversiallinternodeidueriferimentisopracitati(larmoniaeilimiti)nontuttaviaimpresadapoco.
Lacapacitprogettuale,voltaallaccessoafontidifinanziamentononordinari,spessodifettasianelpersonaledella
Pubblica Amministrazione locale, cos come le conoscenze tecnicoscientifiche e le conoscenze della cosiddetta
ingegneria finanziaria, sia nelle aziende e imprese stesse che pertanto devono essere messe in condizione di
interfacciarsiconleamministrazionipubbliche,perprodurreeutilizzareinmanieraefficientelenergianelterritorio,
conciricevendooccasionidimaggioresviluppoeopportunit.

Nel settore pubblico centrale, daltra parte stato intrapreso un percorso sinergico tra lENEA, quale coordinatore
Territoriale italiano del Patto dei Sindaci, il MATTM e il MiSE, impegnati in una azione di sostegno alla Pubblica
AmministrazionelocalenellattuazionedeiPAES.
Inquestacooperazionesonoinprimopianolindividuazionedellelacunemaggiori,distrumentiscientifici(es.metodi
esoftwareperidatisulleemissioni)enormativi(es.ilcontrattodirendimentoenergetico),loscambiodiinformazioni
sullebuoneprassi,lebarriereallutilizzodifondianchecomunitari.
Lamministrazionelocaleiltargetditalepercorsoorientatoafavorirelosviluppodellepropriecapacitprogettuali,
necessariepermettereincampoegovernaresoprattuttoglioperatorieconomici,maanchequellitecnicoscientifici
amministrativi,delterritorio.

3.5.2 Acquistipubblicisostenibili:statodellarte,sviluppiecriticit

AccogliendolindicazionecontenutanellaComunicazionedellaCommissioneEuropeaPoliticaintegratadeiprodotti,
sviluppare il concetto di ciclo di vita ambientale (COM(2003)302), successivamente ribadita nelle Comunicazioni su
Consumo e Produzione Sostenibile (COM(2008)397) e sul Green Public Procurement (GPP COM(2008)400), e in
ottemperanzaalcomma1126,articolo1dellalegge296/2006,ilMinisterodellAmbienteedellaTuteladelTerritorio
edelMare,conlacollaborazionedeiMinisteridiEconomiaeFinanzeeSviluppoEconomicoediCONSIP,ENEA,ISPRA,
ARPAeattraversounampioprocessodiconsultazioneconentilocaliepartiinteressate,hamessoapuntoilPiano
dazioneperlasostenibilitambientaledeiconsumidellaPubblicaAmministrazione69.

Il Piano, adottato con il Decreto Interministeriale dell11 aprile 200870, ha lobiettivo di diffondere presso gli enti
pubblicilapraticadiacquistisostenibili,ciodiacquistiverdi(GPP),conridottoimpattoambientaleinparticolarein
relazioneaconsumodirisorsenaturali(energia,acqua,etc.),contenutodisostanzepericolose,emissioniinquinantie
produzionedirifiuti,chetenganoanchecontodegliaspettieconomiciedegliimpattisociali(eticierelativiasicurezza
esalute)cheibeni,iservizieilavorihannolungoillorointerociclodivita.
Lo scopo quello di ridurre gli impatti ambientali sociali ed economici degli acquisti pubblici, promuovendo al
contempolacompetitivit,internaedesterna,delleimprese,chiamateaprodurreeadoffrirebenieservizielavori
concaratteristichedisostenibilit.Infattigliacquistipubblici,agendosuunmercatodiampiedimensionievisibilit,
chenel2008secondoISTAT,solopergliacquistidibenieservizidelleamministrazionicentralielocali,ammontavaa
circa50miliardidieuro,sonoingradodiorientaresialaproduzionesialadomandaprivata.Questacifra,chedeve
essereaggiornataallasituazioneattuale,forniscecomunquelordinedigrandezzadellinvestimentopubblicochepu
essererimodulatointerminidimaggioresostenibilitattraversolutilizzodispecificicriteri,comediseguitodescritti.
IlPianodAzione:
Fornisceilquadrodiriferimentonazionaleedeuropeosugliacquistipubblicisostenibili.

69
http://www.minambiente.it/sites/default/files/archivio/allegati/GPP/all.to_19_PAN_GPP_definitivo__21_12_2007.pdf.
70
Gazzetta Ufficiale n. 107 dell8 maggio 2008. Tale Decreto stato aggiornato con Decreto 10 aprile 2013 (G.U. n. 102 del 3
maggio2013).


65



Definiscegliobiettivinazionali.
Dettaspecificheprescrizioniperglientipubblici,chesonochiamatia:
razionalizzareiconsumiriducendosprechi(evitandoacquistinon
necessari,etc.);
redigere uno specifico programma di attuazione degli acquisti
sostenibili,identificandolerelativeresponsabilit;
attuareinterventidiriqualificazioneenergeticoambientale.
Identifica le categorie di beni, servizi e lavori ai quali corrispondono
ingentivolumidispesapubblicaeperiqualiappareprioritariomigliorare
RiccardoRifici
ResponsabileSezionecertificazione lasostenibilitattraversoladefinizionedispecificicriteridainserirenelle
ambientaleeacquistipubbliciverdi procedure di acquisto pubbliche, sulla base delle indicazioni date dalla
MinisterodellAmbienteedellaTuteladel
TerritorioedelMare
Commissione europea nel GPP Toolkit. Per la definizione di tali criteri,
chiamatiCriteriAmbientaliMinimi(CAM),machecomesopradettosono
D:PuilGPPrappresentareunesempio
virtuosodispesapubblicaingradodi
piuttostocriteridisostenibilit,relativiancheagliaspettieconomicie,ove
trainarelosvilupposostenibile? pertinente,aquellisociali,ilPianostabilisceunaspecificaproceduraatta
R:Sebbenesubuonapartedellaattuale a garantire il coinvolgimento e la partecipazione di tutte le parti
spesapubblicanonsiapossibile interessate(pubblicheamministrazioni,produttori,rivenditori,progettisti,
intervenire,adesempioperquellainerente
alsettoredelladifesae,parzialmente,
utenti, etc.). Tale procedura coordinata dal Comitato di Gestione del
quellaperlasanit,ilpotenzialedi Piano dAzione, composto dai rappresentanti di quattro Ministeri
sviluppodelGPPconsistentedal (Ministero dellAmbiente e della Tutela del Territorio e del Mare, che lo
momentochelaspesatotaleperbenie
servizidellaPAammontaacirca50 presiede,MinisterodelloSviluppoEconomico,MinisterodellEconomiae
miliardidieuroallanno. delleFinanzeeMinisterodellePoliticheAgricoleeForestali),daespertidi
D:Qualisonoleattualibarrierealla alcune ARPA e da rappresentanti delle Regioni, dellAutorit di Vigilanza
diffusioneditalestrumento? sui Contratti Pubblici e di ISPRA,ENEA e CONSIP. stato inoltre istituito
R:Difatto,inItaliaealivelloeuropeo,il unTavolodiconfrontopermanente,doveilMinisterodellAmbienteela
GPPnoncostituisce(ancora)uno CONSIPsiconfrontanoconlecentralidiacquistoregionalisuiCAMprima
strumentovincolante:almomento
obbligatoriosoltantoperunaristretta dellaloroadozione.
cerchiadiprodotti,mailnostroobiettivo Prevede il monitoraggio, da parte dellAutorit per la Vigilanza sui
quellodiestendernelobbligoapisettori
edinparticolareaquelloenergetico. Contratti Pubblici (AVCP), nellambito dei compiti previsti dallart. 7
Attualmentenonsonoprevistesanzioni, comma 8 del D.Lgs. 163/0671, dei dati riguardanti gli acquisti pubblici
masonocomunqueallostudioiniziative
perincoraggiarelaPAafareacquistipi attuati utilizzando i criteri di sostenibilit adottati con Decreto del
sostenibili. MinistrodellAmbiente.
D:Qualisonoglistrumentiele Prevede, sulla base dei dati del monitoraggio, la valutazione della
prospettiveperilGPP? diffusione degli acquisti pubblici sostenibili (che utilizzano i CAM) e la
R:Noncbisognodiricorrereadincentivi valutazionedelrelativoimpattosullalorosostenibilit.
economiciallaPApersostenereilGPP:
abbiamoinfatticonstatatocomenon Ad oggi sono stati adottati, con Decreto del Ministro dellAmbiente, criteri di
sempreilcostodiacquistodeiprodotti sostenibilitper11prodottieservizicomediseguitoindicato:
miglioridalpuntodivistaambientalesia
pialtodiquellodeglialtriprodotti;anzi Con DM 12/10/200972 sono stati adottati i CAM per carta per copie e
spessovaleilcontrarioecomunquei Ammendanti.
prodottipisostenibilicomportano
unimportanteriduzionedeicostidi ConDM25/02/2011sonostatiadottatiiCAMper:
gestione.PerfavorireladiffusionedelGPP Arredi;
nellaPAoccorreunacapillareattivitdi
sensibilizzazione,informazionee
ApparecchiatureinformaticheIT;
formazione.possibileinvececheincentivi Tessili;
economicialleimpresesianoutiliper
Illuminazionepubblica.
sostenernegliinvestimentinecessarial
miglioramentodellecaratteristichedi ConDM25/07/2011sonostatiadottatiiCAMper:
sostenibilitdeiprodottiaffinch

rispondanoairequisitiGPP.
71
Decreto Legislativo 12 Aprile 2006, n. 163 Codice dei contratti pubblici relativi a lavori,
serviziefornitureinattuazionedelleDirettive2004/17/CEe2004/18/CE(G.U.N.100del2
Maggio2006S.O.n.107).
72AggiornatoconDM04/04/2013,relativoaiCAMperacquistodicartagraficaecartaper
copia.


66

Ristorazionecollettiva;
Serramentiesterni.
Con DM 07/03/2012 sono stati adottati i CAM per servizi energetici per gli edifici (illuminazione e
riscaldamento/raffrescamento).
ConDM08/05/2012sonostatiadottatiiCAMperacquisizioneveicoliperiltrasportosustrada.
ConDM24/05/2012sonostatiadottatiiCAMperservizieprodottidipulizia.
Infine,con DM 06/06/2012 stata adottata la pi generale Guida per lintegrazione dei criteri sociali negli
appaltipubblici.
Ulteriori criteri di sostenibilit sono in corso di definizione da parte del Ministero dellAmbiente per i seguenti
prodotti/servizi/lavori:
Servizio giardini e acquisto di ammendanti, impianti di irrigazione e piante ornamentali aggiornamento
dellaparterelativaagliammendanti.
Apparecchiatureinformatiche(IT)aggiornamento.
Cartucceperstampanti.
Illuminazionepubblica(acquistodilampadeediapparecchiilluminantieserviziodiprogettazionediimpianti)
aggiornamento.
Serviziodiilluminazionepubblica.
Servizidigestionedeirifiutiurbani.
Costruzioneemanutenzionedistrade.
Costruzioneeristrutturazionediedifici.
Arredourbano.

Tratuttiiprodottieserviziperiqualisonostatidefinitiosonoincorsodidefinizioneicriteridisostenibilit,ottosono
quellicheutilizzanolenergiaperfunzionareochesonocomunqueconnessiallutilizzodellenergia:
Acquisizioneveicoliperiltrasportosustrada.
Apparecchiatureinformatiche(IT)(aggiornamentoinviadiadozione).
Servizienergeticipergliedifici(illuminazioneeriscaldamento/raffrescamento).
Illuminazionepubblica(acquistodilampadeediapparecchiilluminantieserviziodiprogettazionediimpianti)
(aggiornamentoinviadiadozione).
Serviziodiilluminazionepubblica(incorso).
Serramentiesterni.
Costruzioneeristrutturazionediedifici(incorso).

ConleccezionedeiCAMsullacquisizionediveicoliperiltrasportosustrada,resiobbligatoridalDecretoLegislativo3
marzo2011n.2473,lutilizzodeiCAMnegliacquistipubblici,attualmente,volontario,anchesesiainsedenazionale
cheinsedeeuropeadatemposidiscutedellanecessitdirendereobbligatoriolutilizzodicriteridisostenibilitnelle
procedure di acquisto pubbliche, allo scopo di rendere pi efficace il loro impatto, soprattutto con riguardo agli
obiettivicogentidisostenibilitfissatinellesediinternazionali.
AlmomentononsonodisponibilielaborazionisuidatirilevatidellAutoritperlaVigilanzasuiContrattiPubbliciche
consentano di valutare leffettiva diffusione dei Criteri Ambientali Minimi in Italia. In ogni caso, certo che
lapplicazione di tali Criteri da parte di tutte le stazioni appaltanti pubbliche potrebbe fornire un contributo molto
importanteallaumentodellasostenibilitdiprodotti,servizielavorioggettodeicontrattipubblicie,diconseguenza,
darebbeunaltrettantoimportantecontributoallariduzionedeirelativiimpattiambientali(consumodienergia,con
particolare riguardo a quella da fonte non rinnovabile, emissione di gas serra, etc.), con evidenti ed immediate
ricadute positive nel supporto alla razionalizzazione della spesa pubblica, alla promozione dellinnovazione ed alla
competitivitdelleimprese.

73
Commi 1, 2 e 3 dellart. 4 del Decreto Legislativo 3 marzo 2011, n. 24 Attuazione della Direttiva 33/2009/CE relativa alla
promozionediveicoliaridottoimpattoambientaleeabassoconsumoenergeticoneltrasportosustrada(GazzettaUfficialen.68
del2432011).


67

IlcontributodeiCAMallariduzionedelconsumodienergia,edalconseguenterisparmiodispesa,statostimatoda
alcuni studi74 solo per IT e Illuminazione pubblica. In dettaglio, per quanto riguarda lIT, uno studio del 200875 ha
stimatoleffettochesiotterrebbeconlasostituzionedi1.000.000diPCDesktop(IT)inusoagliufficipubbliciconaltri
verdi,omegliopisostenibili(Tabella3.9).

Tabella3.9StimadelcontributodeiCriteriAmbientaliMiniminelsettoreIT
Indicatore(permilionediPCDesktopsostituiti) Beneficiambientali Beneficieconomici()
Energiaelettricarisparmiata/anno 34.300MWh 2.560.495,00
EmissioniCO2evitate/anno 18.899t 449.992,00
Totale 3.010.487,00
Fonte:MinisterodellAmbienteedellaTuteladelTerritorioedelMare

Perquantoriguardainvecelilluminazionepubblica,secondounarecentestima76irisparmiottenibilidallapplicazione
deiCAMintuttiicomuniitalianiconnonpidi100.000sonoriportatinellaTabella3.10.

Tabella3.10StimadelcontributodeiCriteriAmbientaliMiniminelsettoredellilluminazionepubblica
Popolazionedeicomuni
Indicatore Totale
<5.000 5.00015.000 15.00050.00 50.000100.000
TEPrisparmiate(t) 430.364
EmissioniCO2evitate(t) 1.334.820
Risparmioeconomicototale(migliaiadi)(*) 212.607 119.783 121.220 78.578 532.188
(*)Ilrisparmioeconomicoindicatotienecontosoltantodellaminorequantitdienergiaelettricachesidovrebbeacquistareenon
dellariduzionedeicostiindiretticorrelati.
Fonte:MinisterodellAmbienteedellaTuteladelTerritorioedelMare

3.5.2.1 CriteriAmbientaliMinimisuiservizienergeticipergliedificiesullilluminazionepubblica

Traicriteridisostenibilitpergliacquistipubblicioggivigentioinviadidefinizione,quellirelativiaiservizienergetici
pergliedificieallilluminazionepubblicahannocertamenteunimpattomoltosignificativosuiconsumidienergiadella
PubblicaAmministrazione,comeinpartedimostratodallestimeriportateinprecedenzanellaTabella3.10.

LideaallabasediquestiCAMche,perrealizzareinterventiefficacidiriqualificazioneenergeticoambientaledegli
impiantidiilluminazionee/odegliedificipubblicirispettoallutilizzodienergia,ilruolodellestazioniappaltantinonsi
deveesaurireconlaconclusionedellagaradappaltoma,attraversolacquisizionediinformazionisulfunzionamento
degliimpiantie/odelsistemaedificioimpianto,lastazioneappaltantedevepartecipareconsapevolmenteallescelte
sugli interventi da realizzare. Inoltre la progettazione, qualificata, deve avere un ruolo centrale negli interventi.
Insomma, contrariamente a quanto molto spesso accade, le stazioni appaltanti debbono essere consapevoli delle
effettivecondizionidegliimpiantiedegliedifici,leeffettivepossibilitdimiglioramentoedeibeneficiconseguibilie
debbonoavereglistrumentipervalutaregliinterventipiopportuniemonitorarneirisultati.
Infatti, sebbene le norme tecniche non manchino, consumi di energia sono ancora molto elevati e probabilmente
anche i relativi sprechi. Per porre rimedio a tali lacune e per favorire la diffusione di interventi di riqualificazione
energeticoambientaledapartedistazioniappaltanticonsapevoli,iCAMprevedonochegliimpiantiegliedificisiano
innanzitutto oggetto di analisi e diagnosi e che le loro prestazioni siano gestite in modo automatizzato e
continuamentemonitorate.Suquesteinformazionidevonoquindiesserebasatiiprogettidiintervento,maanchela
gestioneelemanutenzioniordinarieestraordinarieprogrammate.

La stazione appaltante, utilizzando nelle proprie procedure dacquisto i CAM sui servizi energetici per gli edifici
(illuminazione e riscaldamento/raffrescamento) adottati con DM 07/03/2012, oltre ad assicurarsi la fornitura di
energiaelettricae/odicombustibiliaridottoimpattoambientale(comeillustratonelseguito),acquisisceinformazioni

74
Entrambinellaversionenonaggiornata.
75
StudioLeimplicazionieconomichedelPianodAzioneNazionalesulGreenPublicProcurementcondottodaGreenManagement
Institutenel2008percontodelMinisterodellAmbienteedellaTuteladelTerritorioedelMare.
76
Versione aggiornata, attualmente alla firma del Ministro dellAmbiente e della Tutela del Territorio e del Mare, dello studio
IlluminazionepubblicaecriteriambientaliminimiAggiornamentodeiCAMadottaticonDM22Febbraio2011,realizzatodallIng.
AlessandroBattistini,Ottobre2013.


68

e progetti di intervento sul sistema edificio impianto e si assicura lesecuzione di interventi di riqualificazione
energeticoambientalevalutatiecondivisiediconseguentirisparmieconomici.
In particolare, i criteri di base (o criteri selettivi), che debbono essere rispettati da tutti coloro che vogliono
partecipareallagaradappalto,comprendono:
Fornituradienergiaelettricaconleseguenticaratteristiche:
nonsonostatiusaticombustibilifossilisolidioliquidiperlasuaproduzione;
lafornituraannualecostituitaperalmenoil30%daenergiadafontirinnovabilieperalmenoun
altro15%daenergiadafontirinnovabiliodacogenerazioneadaltorendimento;
le fonti energetiche rinnovabili se costituite da biomasse o biogas debbono essere state prodotte
entrounraggiodi70kmdallimpiantocheleutilizzaperprodurreenergiaelettrica.
Fornituradicombustibiliconleseguenticaratteristiche:
non devono essere fossili, solidi o liquidi, fatta eccezione per il gpl nei luoghi non raggiunti da
gasdotti.
Realizzazionediinterventidiadeguamentonormativo.
Realizzazionedisistemiautomaticidigestioneemonitoraggio.
Certificazioneeladiagnosienergeticadelsistemaimpiantoedificio.
Progettopreliminareedefinitivodiriqualificazioneenergeticoambientalediimpiantiededifici.
Redazionedirapportiperiodicisulservizioedinparticolaresulleprestazionidelsistemaedificioimpiantoe
sugliinterventidimanutenzioneeffettuati.
Sensibilizzazionedelpersonalecheutilizzagliedifici.
Informazionealpubblico.

A questi criteri, nel caso in cui la stazione appaltante gi disponga di tutte le informazioni necessarie sul sistema
edificioimpianto,sideveaggiungeresoloilcriteriosulla:
Realizzazionediinterventidiriqualificazioneenergeticoambientale.
I CAM sullilluminazione pubblica, adottati con DM 25/02/2011, riguardano lacquisto di lampade a scarica ad alta
intensit(HIDlamps)edimoduliLED,lacquistodiapparecchiilluminantielaffidamentodelserviziodiprogettazione
diimpianti.Questicriteristannoperesseresostituitidanuovicriteriincorsodiadozione.Laggiornamentosireso
necessariopertenercontodelRegolamentoUEn.347/2010edelladiffusionesulmercatodiprodotticonprestazioni
energetichedilivellomoltopielevatodeilivelliindicatidaiCAMancorainvigore.ICAMaggiornaticomprendonotra
icriteridibase(ocriteriselettivi),chedebbonoessererispettatidatutticolorochevoglionopartecipareallagara
dappalto:
Perlelampadee/oimoduliLED:
efficienzaluminosa;
fattoredimantenimentodelflussoluminoso;
fattoredisopravvivenza;
rendimentoetassodiguastodeglialimentatori;
contenutodimercurio.
Pergliapparecchidiilluminazione:
prestazioniilluminotecniche;
prestazioneenergetica;
flussoluminosoemessoversolemisferosuperiore;
fattoredimantenimentodelflussoluminosoetassodiguasto;
sistemadiregolazionedelflussoluminosoerelativotassodiguasto.
Pergliimpianti:
prestazioneenergeticadellimpianto;
sistemadiregolazionedelflussoluminosoerelativotassodiguasto;
sistemaditelecontrollo.


69

Maggioreattenzioneinfineriservata,nellaggiornamentodeiCAMsullilluminazionepubblicaperlenergiaelettrica,
alle garanzie per le lampade e gli apparecchi di illuminazione, al rispetto delle norme sulla marcatura CE e sulla
conformitairequisititecnicieallaqualificazionedelprogettista.
ICAMrelativialserviziodiilluminazionepubblica,attualmenteincorsodidefinizione,oltrearichiamareicriterigi
definiti nei CAM relativi allilluminazione pubblica per lampade, apparecchi di illuminazione e progettazione di
impianti, presentano gli stessi requisiti per lenergia elettrica ed una struttura analoga a quella dei CAM sui servizi
energeticipergliedificisopradescritta.

3.5.3 EnergyPerformanceContract

Contratto di rendimento energetico la libera traduzione italiana di Energy Performance Contract (acronimo: EPC),
negozio giuridico che a livello europeo gi da tempo presente nella normativa e applicato. Lart. 2 del D.Lgs. 30
maggio2008,n.115,inrecepimentodelladirettiva2006/32/CE,lodefinisce:
Contrattodirendimentoenergetico:accordocontrattualetrailbeneficiarioeilfornitoreriguardanteuna
misuradimiglioramentodellefficienzaenergetica,incuiipagamentiafrontedegliinvestimentiinsiffatta
misura sono effettuati in funzione del livello di miglioramento dellefficienza energetica stabilito
contrattualmente.
LanuovaDirettiva2012/27/UE,nonancorarecepita77,hamodificatotaledefinizioneallart.1nelmodoseguente:
Accordi contrattuali tra il beneficiario e il fornitore di una misura di miglioramento dellefficienza
energetica, verificata e monitorata durante lintera durata del contratto, laddove siano erogati
investimenti (lavori, forniture o servizi) nellambito della misura in funzione del livello di miglioramento
dellefficienzaenergeticastabilitocontrattualmenteodialtricriteridiprestazioneenergeticaconcordati,
qualiirisparmifinanziari.

In sostanza, un beneficiario pubblico o privato concorda contrattualmente con un fornitore, il quale invece
necessariamenteunaESCO,quantolefficienzadiundatosistemaenergeticodebbamigliorare.Ilfornitoresiimpegna
afinanziaregliinvestimentiinvistadellefficientamentodellimpianto/edificioeincambioricevedalbeneficiarioun
canone che remunerativo dellinvestimento iniziale. In capo al primo viene a crearsi unobbligazione di risultato,
mentre al secondo corrisponde solitamente, oltre al pagamento del canone, il rispetto di talune norme di
comportamento,coschelavalutazionedellaperformancefinalenonrisultidistorta.

Ilsinallagmacontrattualechenederivasisostanziainundoutfacias:lerogazionediunservizioenergeticoversoun
corrispettivoindenaro.Sicch,lEPCpresentasomiglianzecondiversialtritipicontrattuali,senzatuttaviaappartenere
anessunodiquesti:ilcontrattodirendimentoenergetico,difatto,uncontrattoatipico.
Sempre dalla definizione, desumibile che un ruolo principe nel raggiungimento dello scopo del contratto
rappresentato dalla fase antecedente alla stipula dello stesso, inerente alla progettazione dellintervento di
riqualificazionedelsistema.Essadevetenercontodiunagranquantitdivariabiliriscontrabilinelconcreto,nonch
dellafattibilittecnicaedeconomicadelprogetto.

Altres,ilsistemadigaranzie,dellepenaliedeibonusassumeunimportanzafondamentalenelraggiungimentodegli
obiettivifissaticontrattualmente,siaperilfattochelEPCuncontrattodidurata,siaperchlariqualificazionedegli
impianti/edificiinoggettononsempreagevole.
InattesadelrecepimentodellaDirettiva2012/27/UE,laprincipalefontenormativanellordinamentogiuridicoitaliano
riguardantegliEPCilD.Lgs.115/08,cheharecepitolacitataDirettiva2006/32/CEconcernentelefficienzadegliusi
finalidellenergiaeiservizienergeticierecanteabrogazionedellaDirettiva93/76/CEE.Lobiettivodella2006/32/CE
eraconseguireil9%dirisparmioenergeticoalivellodellUnioneentroil2016,attraversolacostituzionediunmercato
deiservizienergeticisenzabarriere.

77
In materia, l'ultima Direttiva tradotta nel nostro ordinamento dal D.Lgs. 4 giugno 2013, n. 63 la 2010/31/UE, riguardante la
prestazioneenergeticanell'edilizia.


70

sullepubblicheAmministrazionichericadeilcompitodimostrarsivirtuosenonsolonellerogazionediservizi,negli
investimenti e nella manutenzione degli impianti/edifici, favorendo lutilizzo degli strumenti volti al risparmio e
allefficientamento,maanchenellasceltadelcontraente,laddovedevonoessereprivilegiatiiconcorrenticheoffrono
maggiorigaranziediefficienzaenergetica.Cos,aisensidellart.5dellapresenteDirettiva,vieneprevistolobbligoper
gli Stati membri, fatta salva la normativa nazionale e comunitaria in materia di appalti pubblici, di far rispettare ai
proprisettoripubblici,nelcontestodelruoloesemplarecheessisvolgono,almenoduedelleprescrizionicontenute
nellAllegatoVI,Elencodimisureammissibilidiefficienzaenergeticapergliappaltipubblicielobbligodipubblicare
orientamenti in materia di efficienza e risparmio energetico, quali possibili criteri di valutazione in sede di
aggiudicazionedegliappaltipubblici.
Il30maggio2008,ilD.Lgs.n.115recepivaladirettiva2006/32/CE,conlobiettivoespressoallart.1dicontribuireal
miglioramentodellasicurezzadellapprovvigionamentoenergeticoeallatuteladellambienteattraversolariduzione
delle emissioni di gas a effetto serra. Per adempiere a tali finalit, venivano definiti gli incentivi e il quadro
istituzionale, finanziario e giuridico necessari ad eliminare le barriere e le imperfezioni esistenti nel sistema
economico,ostantiaunefficienteusofinaledellenergia,inmododacrearelecondizioniperlosviluppodiunlibero
mercato dei servizi energetici. Quindi, erano stabilite norme tecniche per il calcolo empirico della misura di
efficientamento.
evidentechemigliorarelaperformanceenergeticadegliedificirestaunodeglioggettiprincipalidellEPC,insiemeo
inalternativaallariqualificazionedegliimpianti,allamanutenzioneeallafornituradeivettorienergetici.Epropriola
prestazioneenergeticanellediliziavienenormatadalladirettiva2010/31/UEsullaprestazioneenergeticanelledilizia,
recepita dal D.Lgs. del 4 giugno 2013, n. 63, convertito nella legge n. 90 del 3 agosto 2013. Allart. 1 comma 2, il
Decretoleggesiproponedistabilire,condizioniemodalitper:
a) migliorare le prestazioni energetiche degli edifici; b) favorire lo sviluppo, la valorizzazione e
lintegrazionedelle fonti rinnovabili negli edifici; bbis) determinare i criteri generali per la certificazione
della prestazione energetica degli edifici e per il trasferimento delle relative informazioni in sede di
compravendita e locazione; bter) effettuare le ispezioni periodiche degli impianti per la climatizzazione
invernale ed estiva al fine di ridurre il consumo energetico e le emissioni di biossido di carbonio; c)
sostenereladiversificazioneenergetica;d)promuoverelacompetitivitdellindustrianazionaleattraverso
lo sviluppo tecnologico; e) coniugare le opportunit offerte dagli obiettivi di efficienza energetica con lo
sviluppodimateriali,ditecnichedicostruzione,diapparecchiatureeditecnologiesostenibilinelsettore
delle costruzioni e con loccupazione; f) conseguire gli obiettivi nazionali in materia energetica e
ambientale; g) razionalizzare le procedure nazionali e territoriali per lattuazione delle normative
energetichealfinediridurreicosticomplessivi,perlaPubblicaAmministrazioneepericittadinieperle
imprese; h) applicare in modo omogeneo e integrato la normativa su tutto il territorio nazionale; hbis)
assicurarelattuazioneelavigilanzasullenormeinmateriadiprestazioneenergeticadegliedifici,anche
attraversolaraccoltaelelaborazionediinformazioniedati;hter)promuoverelusorazionaledellenergia
ancheattraversolinformazioneelasensibilizzazionedegliutentifinali.

Inoltre, lart. 5 comma 3 ha disposto che lENEA elabori un contrattotipo per il miglioramento del rendimento
energeticodelledificio,analogoalcontrattodirendimentoenergeticoeuropeo,entro90giornidallentratainvigore
delDecretolegge.Essotuttorainfasedipreparazione.
NellelaborazionedelcontrattotipoEPC,lENEAstaadottandoledisposizionigicontenutenellAllegatoXIIIElementi
minimi che devono figurare nei contratti di rendimento energetico sottoscritti con il settore pubblico o nel relativo
capitolatodappaltodellaDirettiva2012/27/UE,anticipandonedifattoilrecepimentopercicheriguardaicontratti
direndimentoenergetico.
In sostanza, per tener conto delle diverse osservazioni portate avanti dagli stakeholders si sta lavorando ad un
contratto che subordina la futura fornitura e manutenzione a valle della realizzazione degli interventi previsti, che
rappresenterannolaprimaenecessariafaseperilperfezionamentodelcontrattoenergeticoinsensostretto.Dunque,
il soggetto aggiudicatario dellEPC vedr assicurata la fornitura e manutenzione degli impianti/edifici per tutta la
durata degli interventi di efficientamento. Conclusa lopera, per, la Pubblica Amministrazione dovr verificare che


71

essagarantiscailrisparmiostabilitoinsedecontrattualeesoloalloradecidereserisolvereilcontrattoerivolgersiad
altro operatore, o affidare in via definitiva la fornitura e la manutenzione al soggetto che ha posto in essere gli
interventidiriqualificazione.
Inquestomodo,laPubblicaAmministrazionehalagaranziachegliinterventipostiinesseredallacontropartesiano
eseguiti a regola darte e nel rispetto di quanto proposto nel progetto esecutivo. Infatti, le ESCO avrebbero tutto
linteresse a ottenere anche la futura manutenzione e fornitura dei vettori energetici, in quanto ci ridurrebbe
decisamenteitempidirientrodelcapitaleinizialmenteinvestitonegliinterventi.Ilrisultatofinalesarebbelemergere
di una molteplicit di soggetti virtuosi sul mercato delle opere di riqualificazione, stimolandone la crescita e la
competitivit.

3.6 Ilsettoredeitrasporti

3.6.1 Autoeveicolicommercialileggeri

Ilparcoelettricocircolante,al2012,secondoidatiCEICIVES,ammontaa53.000veicoli,dicui3.100autoelettriche,
8.700furgonielettrici,950autobuselettrici;5.400quadriciclielettrici;35.000motociclielettrici.

Lanormativaeuropearelativaalleemissionidianidridecarbonicasemprepistringente,95g/kmdiCO2al2020ha
spinto la maggior parte dei costruttori di auto a inserire nella propria flotta anche modelli eco; ormai la maggior
partedilorohannoalistinooavrannoabreveunmodelloadoppiapropulsionebenzinaedelettrico.Loffertainfatti
in continua crescita con limmissione nel mercato di nuovi modelli sia in nuovi segmenti di mercato che con
alimentazionedieselelettrico.
Tuttavia, il mercato delle vetture ibride non beneficia ancora di economie di scala, infatti anche nel 2012 ha
rappresentatounapercentualedelvendutoirrisoria(0,5%).Ilvendutostatodicirca6.80078autoibridedicui5.638
benzinaelettrico e 1.198 dieselelettrico con un incremento complessivo annuo del 24% rispetto al 2011 e un
riavvicinamentoallevenditedel2009,particolarmentealtegrazieacospicuiincentivierogatiallepoca.Leprevisioni
daquial2020prevedonounacontinuacrescitasoprattuttodeimodelliplugin.
Nel2012daregistrareilprogressodellevettureelettrichediesel,checonquistanoil17%delmercatodelleibride,
conunefficienzanominaleragguardevole,paria3040%inpirispettoalveicolodiriferimento.
Lestessecaseautomobilistichecheproduconoveicoliibridistannolanciandosulmercatoanchenuovimodellidiauto
adalimentazionesoloelettricaandandoacoprireancheisegmentidelleutilitarieedelleberlinefinoraassenti.
Nel 2012 si registrato un significativo segnale di crescita delle vendite di auto elettriche rispetto al 2011 con un
aumento di circa il 40%. Il settore per continua a costituire ancora una quota marginale del mercato, infatti sono
statevendutesolo524autodellequalil80%statoimmatricolatodasocietdiautonoleggio;inoltresievidenziache
quasiil30%deltotaledellevenditedivettureelettricheappartienealsegmentoC.Questovuoldireche,seppurin
numeri molto limitati, nel panorama delle vendite totali e limitatamente allesiguo numero di modelli superiori alla
city car a listino, linteresseper lauto elettrica come macchina di famiglia, e non solo come seconda macchina,sta
crescendo.
Sul lato delle tecnologie, si continuano a registrare crescenti progressi in termini di autonomia e di prestazioni
energetiche,chepotrebberoulteriormenteaumentareconladiffusionedisistemiperlaricaricarapida;talesistema
infatticonsentedidiminuireilpesodellebatterieabordoveicologarantendoper,almomento,soltantoautonomie
dipercorrenzaridotteerichiedendopiricarichedurantelagiornata.

3.6.2 Autobus

Anchenelsettoredeltrasportocollettivosonosulmercatoesistannodiffondendoveicolicontecnologiealternative
almotoretermicochepresentanomiglioriprestazionienergetiche.Lattualecrisieconomicahacolpitoilsettoredegli

78
UNRAE(Auto2012Sintesistatistica).


72

autobusinmodoancorapievidentediquellodellautoconunariduzionecomplessivadellevenditenel2012del40%
(datiUNRAE)rispettoal2010.
Nel 2013, per, stato istituto un fondo per il TPL che dovrebbe agevolare nei prossimi anni il rinnovo della flotta
autobus(etmediadi12anni),necessariopergarantireunservizioefficiente.Ibusalimentatielettricamentehanno
consumi specifici alle ruote molto pi bassi (circa un quarto) di quelli che montano motori a combustione interna
(dieseloametano).
Tuttavia,glielevaticostidiacquistoelimplementazionedelservizioinmodalitelettrica,conpredisposizionedelle
infrastrutture necessarie, hanno ad oggi, un rapporto costobeneficio ancora molto svantaggioso per chi deve
affrontarelinvestimento.

3.6.3 Biciclettaapedalataassistita

LItaliailprimoproduttoreeuropeo79dibicicletteedeirelativiaccessori,conunparcocircolantecheattualmentesi
aggiraintornoalle14.000unite3.650addettidelrelativosettoreproduttivo80.

Ilmercatodellebiciclettenel2012,perilsecondoannoconsecutivo,hasorpassato
levenditediautovetture.Attualmentesonocirca5milioni,parial9%,iciclistiche
usano la bicicletta almeno tre o quattro volte la settimana, ridimensionando il Eurobike2013
divarioesistentesulmodalshareitalianodeglispostamentiinbicifermo,solofino Leprincipaliinnovazionitecnologiche
81. emerseadagosto2013nellevento
dueannifa,al4,7%,rispettoadunamediaeuropeadel7%
Eurobikeriguardanolebiciapedalata
assistitaelaprogressivaintegrazionenel
In Italia, sonoemerse interessanti esperienzeche coniugano lavoro,collettivit e designdibatterieallitioleggere.Altre
bicicletta, tra le quali: i corrieri in bicicletta (Urban Bike Messenger) attivo in 18 innovazioniriguardano:pesodeltelaio;
maggiornumerodirapportisullebici
citt82, i vigili in bicicletta, in particolare nei centri storici83, il ciclo soccorso per sportiveecambiautomatici;bassa
interventivelocietempestivichenonrichiedonoilricoveroinospedale84. manutenzione,ottenutaconcambiinterni
etrasmissioniacinghiaoincarbonioper
UnrecentestudiocondottodallaEuropeanCyclistsFederationstimachelattuale lebicidatrekkingodacitt;sistema
frenantepisofisticatoeapplicazioniper
diffusione della bicicletta in Europa sta portando benefici economici pari a circa connettereiPedelecalweb.
200 miliardi derivanti da una riduzione dei costi sanitari, riduzione del traffico,
risparmiodicarburanteecrescitaeconomica.

Esiste una vasta gamma di modelli di biciclette, fondamentalmente diversificati a seconda delluso finale (bici da
passeggio,bicisportiva,etc.)eadoggidistintiancheperlamodalitdipropulsione(art.50D.Lgs.285/92):aquella
muscolaresiaggiungelapedalataassistitaoPedalElectricCycle(Pedelec).
Questo tipo di bicicletta, equipaggiata con motore ausiliare elettrico a batteria avente potenza nominale continua
massima di 0,25 KW, si innesca esclusivamente con la pedalata e si disconnette automaticamente quando viene
raggiuntalavelocitdi25km/h(velocitmassimaconsentitaalivelloeuropeoperiveicoliclassificaticomebiciclette)
osesismettedipedalare.
LusodelPedelecfavoriscelasceltaversoquestamodalitditrasporto,inquantooltreasoddisfareglispostamenti
individualipuessereutilizzataancheperiltrasportomerci,perspostamentidifamiglieconbambini(ilbakfiet),per
servizi di ciclocorrieri e per sistemi di bike sharing. In condizioni ottimali e a seconda del produttore, la durata
dellaccumulatorecoprei100km.Lamaggiorpartedeimodelliincommerciohaunautonomiadialmeno50km,che
conunaguidaoculatapossonofacilmenteaumentare.

79
www.coliped.com/docs/issuu/European%20Bicycle%20Market%20&%20Industry%20Profile%20%20Edition%202012.pdf.
80
EuropeanBicycleMarket&IndustryProfileEdition2013.pdf
81
www.ecf.com/news/20cyclingmodalshareby2020italysbicyclelobbyflexesitsmuscles/.
82
Bologna, Bolzano, Brescia, Catania, Firenze, Genova, Milano, Modena, Napoli, Palermo, Parma, Pescara, Pisa, Reggio Emilia,
Roma,Salerno,Torino,Trieste.
83
Avenza, Borgo S. Lorenzo, Brescia, Como, Corchiano, Cosenza, Gorizia, Milano, Napoli, Occhiobello, Porto Empedocle, Rimini,
Roma,Sciacca,Treviso.
84
Arezzo,AscoliPiceno,Bergamo,Milano,Padova,Pesaro,Pescara,Roma,Sorrento.


73

3.6.4 Riferimentinormativispecifici

Non esiste un normativa di riferimento specifica per le tecnologie veicolari ad alimentazione elettrica ma i
Regolamenti EU 443/2009 e EU 510/2011, che impongono alle case costruttrici rispettivamente limiti di emissioni
mediediCO2 perlenuoveautodi130gCO2/kmal2015edi175gCO2/kmperiveicolicommercialileggerial2017,di
fatto richiedono alle case automobilistiche di inserire nella propria flotta veicoli a basse emissioni e quindi anche
veicoliibridie/oelettrici.
A livello nazionale, il Decreto Legge (cosiddetto Sviluppo) 83/2012, convertito con modificazioni dalla Legge n.
134/2012 (7 agosto 2012) al Capo IVbis indica un insieme di disposizioni finalizzate allo sviluppo della mobilit
sostenibileeallasperimentazioneediffusionediflottepubblicheeprivatediveicoliabasseemissionicomplessive,
nonchallacquistodiveicoliatrazioneelettricaeibrida.
Lart. 17septies del medesimo Capo IVbis prevede lelaborazione di un Piano per la realizzazione di reti
infrastrutturali per la ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica (PNIRE), nel quale devono essere definite le
linee guida per lo sviluppo unitario del servizio di ricarica nel territorio nazionale, a partire dalle aree urbane sia
nellambitodeltrasportoprivatochepubblico.Atalfine,leleggiregionaliimpongonoladeguamentodeglistrumenti
urbanisticigeneraliediprogrammazioneterritorialecomunaliesovracomunaliadunostandardminimodidotazione
diimpiantipubblicidiricarica,inlineaconquantorichiestonelPNIRE.
Lart.50delD.Lgs.30/04/1992n.285(CodicedellaStrada)es.m.i.,decretachesonoaltresconsiderativelocipedile
bicicletteapedalataassistita,dotatediunmotoreelettricoausiliarioaventepotenzanominalecontinuamassimadi
250 W, la cui alimentazione progressivamente ridotta e infine interrotta quando il veicolo raggiunge i 25 km/h o
prima se il ciclista smette di pedalare. Questa tipologia di bicicletta viene classificata, quindi, come bicicletta
tradizionaleepertantononsoggettaalpagamentodellatassadipropriet,dellaassicurazioneRC,inoltrenonvi
lobbligo del casco per gli utilizzatori n richiesto il patentino. Infine, tale bicicletta non soggetta al blocco del
traffico, a differenza degli altri veicoli considerati ciclomotori tra i quali anche la Pedelec con motore elettrico e
lElectricbike,incuilapropulsionedelmotoreindipendentedallapedalata.

3.6.5 Fontidifinanziamentospecifichedelsettore

Il Ministero dellAmbiente promuove da anni la diffusione di veicoli elettrici con programmi di cofinanziamento a
favore di enti locali per lacquisto di veicoli elettrici per il trasporto di passeggeri e per la consegna delle merci in
ambito urbano. Nel 2012 stato avviato, da parte di MATTM, il Progetto nazionale elettrico car sharing di durata
triennale che prevede la sperimentazione di circa 100150 veicoli elettrici presso le citt dove attivo il servizio. Il
progettoprevedelerogazionedibeneficieconomiciafavoredeigestoridelservizioperuntotaledicirca496.800a
frontediuncostocomplessivoprevistodicirca831.600.

PerquantoriguardailsettoredeltrasportopubblicodiversisonostatiifinanziamentidapartediMATTMalleaziende
di Trasporto Pubblico Locale, uno dei pi recenti stato a favore di Gruppo Torinese Trasporti di Torino per un
progetto che prevede lacquisto e la messa in esercizio di 23 minibus elettrici con ricarica rapida di tipo induttivo
pressoicapolinea.Ilcostodelveicolocircaildoppiodeinormalibusdiesel.Irisultatiattesisonounariduzionedel
20%dellespesedimanutenzioneeunaduratamaggioredelveicolodel20%.Incentivialrinnovodelparcocircolante
di taxi e di veicoli commerciali leggeri mediante lacquisto di veicoli a basso impatto ambientale vengono erogati,
generalmenteconbandiannuali,anchedaalcuneamministrazionilocali(es.Milano,Roma).
IlMinisterodelleInfrastruttureedeiTrasporti,inattuazionedellart.17deciesdellaleggen.134/2012,conilBando
afavoredelleRegioniperilfinanziamentodiretidiricaricadedicateaiveicolielettrici(scadenzail16/09/2013),ha
destinato la somma complessiva di 5 milioni di euro a favore degli enti locali (Regioni/Provincie Autonome) per il
finanziamentodiinterventifinalizzatiallosviluppodiretiinfrastrutturaliperlaricaricadeiveicolielettrici.
IlMinisterodellAmbienteedellaTuteladelMareedelTerritorio(MATT)hapromossolasperimentazionepressoi
Comuni italiani del prototipo di bicicletta a pedalata assistita ad alto rendimento e ad emissioni zero sviluppato da
DucatiEnergia(ebike0)alfinedirafforzareedintegrareleazionidimobilitsostenibilegiadottatedagliEntiLocali
per ridurre linquinamento atmosferico e la congestione derivante dal traffico veicolare, diffondere la cultura della


74

mobilit sostenibile e lutilizzo di mezzi di trasporto ad impatto ambientale nullo per gli spostamenti quotidiani dei
cittadininonchaggiornareglistrumentidipianificazionedellamobilitnellecitt.
SonostatemesseadisposizionedeiComuni1.000bicicletteapedalataassistitaebike0erisorsepari1.200.000a
titolodicofinanziamentodeicostilegatialleattivitdisperimentazioneesviluppodiservizicheutilizzanoilprototipo
dibiciclettaapedalataassistita.
Infine,laCommissioneEuropea,dandoilvialiberaaluglio2012alpagamentodeitrentamilionistanziatidalloStato
italianoperilcontributoaltrasportocombinatostradamarerelativoaiviaggieffettuatinel2010,haaffermatoche
non vi saranno ulteriori sovvenzioni perlEcobonus. A dicembre 2012 iniziata anche lerogazione del contributo a
sostegno del trasporto combinato e trasbordato su ferro (Ferrobonus) per i viaggi effettuati nel 2010, anche per
questoincentivononsiparladiulterioriproroghe.

3.6.6 Costidiinvestimentoetempidiritorno

Ilprezzodivenditadelleautoibridesulmercatovariadai18.000ai120.000euro:tralasciandoimodellidifasciaalta,
generalmente la differenza di costo dei veicoli ibridi rispetto ai corrispondenti veicoli convenzionali alimentati a
benzinarimaneancorasoprail10%,mentresemprepifrequentementelarelazionesiinverte,nelconfrontoconi
veicolidiesel.Leventualemaggiorcostodiacquisto,comunque,vienecompensatodaiminoriconsumiinfasedusoe
dalrelativominoresborsoeconomico,checonsentonodiottenereilpayofftrai2egli8anni.
Maggioreil costodelleautoPlugIn,chepusuperareanchedel45%quellodellanalogomodelloibrido,acausa
della batteria pi grande che garantisce una maggiore autonomia in solo elettrico, sia pur limitata (20km), ma
sufficienteperspostamentiurbani.Rappresentanounanovitleautoibrideconmotorediesel.Peralcunimodelli i
prezzi sono molto pi alti (3040%) del rispettivo analogo con motore a combustione interna, non consentendo il
recuperodelmaggioresborsointempiutili.
Ilcostodelveicoloelettricorispettoaquelloamotoretermicoancoramoltoelevato:lecitycararrivano,infatti,ad
avere un costo anche 23 volte superiore, a causa del prezzo delle batterie. Questo comporta dei tempi di ritorno
moltilunghi,dovutiancheapercorrenzeminori(circoscritteallambitourbano),checoincidonoconlafinedellavita
utiledelveicolo.Tuttavialosviluppodelmercatoeimiglioramentitecnologicistannoapportando,negliultimiperiodi,
positivi riscontri in termini di abbassamento dellincidenza dei costi. Infatti sono gi presenti nel listino nazionale
modelli che hanno un prezzo di circa 25.000 euro. Per il segmento delle berline elettriche si nota, invece, un
allineamentodeiprezzirispettoamodelliacombustioneinternaconcaratteristichesimili.Percercarediincentivare
lacquisto dei veicoli elettrici, si stanno adottando strategie di vendita che prevedono il leasing delle batterie o
riduzionidiprezzo.
Oltrealprezzoperlacquistodelveicoloedelsuorifornimento,tuttavia,occorretenereinconsiderazioneicostidi
mantenimento durante il ciclo di vita del mezzo. Da questo punto divista, i veicoli elettrici ed ibridi permettono di
risparmiare circa il 3035% sul costo di manutenzione ordinaria, cos come anche sul costo dellassicurazione RCA;
inoltrenonsonosoggetteablocchideltraffico,possonoaveraccessoalleZTLeallecorsiepreferenziali.Inoltre,dove
consentito non pagano il parcheggio sulle strisce blu e per quanto riguarda il pagamento del Bollo auto, le auto
elettrichenesonoesentateperiprimicinqueanniedalsestopaganoil75%,mentreleautoibridepaganoilbollo
esclusivamenteinfunzionedellapotenzadelmotoretermico.

3.6.7 Barriere

Mentreormaiconsolidatoilmercatodeiveicoliibridiconnumerosimodelliincommercio,lasuapenetrazionenel
parco circolante ancora marginale a causa di una certa diffidenza dellacquirente nei confronti di una nuova
tecnologiaedelprezzodivendita.Perquantoriguardaiveicolialimentatiesclusivamentedabatterie,perchvisia
unalororealediffusioneoccorresuperarealcunebarrieretecnicoeconomicheesociali,inparticolarelelevatocosto,
lautonomiaancoralimitata,lamancanzadiunaretediricaricadiffusasulterritorio.
Gli incentivi statali e i Certificati Bianchi previsti per le auto ibride ed elettriche sono troppo esigui per riuscire a
incoraggiarne lacquisto. La rete di ricarica pubblica ancora poco diffusa sul territorio anche se in continua


75

espansione:attualmentesonopresenticirca500colonnineperlaricaricadeiveicoli.Lecolonninearicaricarapida,
innovativosistemadiricaricaperveicolielettricia43kWdipotenzaincorrentealternatacheconsentelaricaricain
2030 minuti (fino all80% della capacit) non sono ancora omologate ed inoltre sono molto pi costose (15.000
30.000euro)diquellearicaricamedioveloceolenta.Lassenzadiunaomologazioneediunostandarduniversale(es.
3 diverse tecnologie), inoltre, ne impedisce la diffusione soprattutto in contesti quali lautostrada, stazioni di
rifornimentocarburantineiqualiparticolarmenteadattaquestatipologiadiricarica.
Infine,laprincipalebarrieraalladiffusionedellaPedelecilprezzo,dallutenzacomesproporzionatorispettoaquello
diunanormalebicicletta.InoltremancaunaculturadellabiciclettaedellesuepotenzialitingeneraleedelPedelecin
particolare. Estendendo il discorso alla mobilit ciclistica come alternativa alluso del mezzo privato, la bassa
propensioneallusodellabicicletta,nellenostrecitt,daattribuireinbuonaparteallassenzadiunainfrastruttura
estesaedintegrataconglialtrisistemiditrasportoeingradodigarantirelacontinuitdeipercorsielasicurezzasia
durante luso che durante la sosta. Sebbene molti Comuni prevedano la realizzazione o il potenziamento di piste
ciclabili, le risorse destinate sono ancora insufficienti; a livello europeo, invece, vengono investiti mediamente 56
Europrocapitechegeneranounbeneficioeconomicodi400procapite,conunrapportocostibeneficiparia1:70.


76

4. Analisi del raggiungimento degli obiettivi indicativi nazionali di


risparmioenergetico,efficaciaedefficienzadeglistrumenti


LaDirettiva32/2006/CEsullefficienzaenergeticanegliusifinaliesuiservizienergeticirichiedevaagliStatiMembridi
adottare un obiettivo nazionale indicativo di risparmio energetico al 2016, nono anno di applicazione della stessa
Direttiva, pari al 9% dellammontare del consumo di riferimento85. Coerentemente con tale indicazione, il Piano
dAzione italiano per lEfficienza Energetica (PAEE) 2011 prevedeva programmi e misure per il miglioramento
dellefficienzaenergeticaedeiservizienergeticineisettoridiusofinaleperunrisparmioenergeticoannualeal2016
(126.327GWh/anno)parial9,6%delconsumodiriferimento.
LaDirettiva2012/27/UEimponedistabilireobiettivinazionaliindicatividiefficienzaenergetica,basatosulconsumodi
energia primaria o finale, sul risparmio di energia primaria o finale o sullintensit energetica. Tali obiettivi, come
definitidallaStrategiaEnergeticaNazionale,sonostatirecentementeillustratinellarelazioneannuale86previstadalla
Direttiva stessa e costituiscono inoltre parte integrante del Piano Nazionale di Riforma di cui alla raccomandazione
2010/410/UEdelConsiglio.

Lavalutazionequantitativadeirisparmiconseguitistataeffettuataconriferimentoadentrambigliobiettivi,relativia
dueperiodidifferenti:20052016nelPAEE2011;20112020nellaSEN.Inparticolare,sonostateanalizzateleseguenti
misuredimiglioramentodellefficienzaenergetica:
RecepimentodellaDirettiva2002/91/CEeattuazionedelD.Lgs.192/05conriferimentoallaprescrizionedi
StandardMinimidiPrestazioneEnergeticadegliedifici(SMPE).
Riconoscimentodelledetrazionifiscali(55%)perlariqualificazioneenergeticadegliedificiesistenti.
Meccanismodeititolidiefficienzaenergetica(certificatibianchi).
Misurediincentivazionealrinnovoecosostenibiledelparcoautovettureeautocarrifinoa3,5tonnellatee
applicazionedelRegolamentoComunitarioCE443/2009.

Non si , invece, tenuto conto dei risparmi derivanti dalla misura delle detrazioni fiscali (20%) per linstallazione di
motorielettriciadaltaefficienzaediregolatoridifrequenza(inverter),inragionedellaloroesiguit,nonchdiquelli
da progetti finanziati attraverso i Fondi Europei Strutturali Regionali (FESR), poich il relativo periodo di
programmazione20072013nonancorachiuso.

4.1 RecepimentodellaDirettiva2002/91/CEeattuazionedelDecretoLegislativo192/05

LaDirettiva2002/91/CEperlincrementodellefficienzaenergeticadegliedificistatarecepitadalGovernoItaliano
attraversoilDecretoLegislativo19agosto2005,n.192,entratoinvigorel8ottobre2005.
Con questo provvedimento stata costituita una cornice normativa allinterno della quale le Regioni possono
esplicare le loro competenze, sviluppare le specificit e cogliere le opportunit proprie dei loro contesti climatici e
socio economici. Il Decreto ha apportato forti novit rispetto al quadro legislativo preesistente, in particolare nella
metodologia progettuale, nelle prescrizioni minime (SMPE), nellispezione degli impianti, nonch nellintroduzione
dellacertificazioneenergeticadegliedifici.
Gli standard stabiliscono i livelli minimi di efficienza energetica che edifici ed apparecchiature devono soddisfare e
rappresentano uno strumento chiave per influenzarne le prestazioni energetiche. Secondo unanalisi condotta
dallIstituto Wuppertal87, nellambito dei paesi dellUnione Europea questa misura risulta lopzione preferita per
superarelebarriereallefficienza.

85
MediadeiconsumineisettoridiusofinaleneicinqueanniprecedentilemanazionedellaDirettiva.
86
Disponibilealseguenteindirizzo:http://ec.europa.eu/energy/efficiency/eed/reporting_en.htm.
87
Bleischwitzetal.,2009.


77

Adottando come baseline i requisiti minimi imposti dal Decreto, per quanto riguarda le nuove costruzioni e gli
ampliamenti stato stimato il differenziale tra i minori consumi dei fabbricati energeticamente efficienti rispetto a
quellicherispettanosemplicementeirequisitiminimi.
Nelcasodelsettoreresidenziale,lasuperficieutileabitabile(siadeinuovifabbricatisiadegliampliamentidifabbricati
conabitazioni)perlaqualestatorilasciatoilpermessodicostruire88(Tabella4.1)statasuddivisaintredifferenti
categorie di consumo, associando quindi ad ognuna di esse un risparmio energetico unitario rispetto alla baseline,
attraversoilqualestatopossibiledesumereilrisparmiocomplessivo.

Tabella4.1Permessidicostruire:fabbricatiresidenzialinuovieampliamenti,anni20052012
FabbricatiNuovi Ampliamenticonabitazioni
Anno 2 2
Abitazioni(numero) Superficieutileabitabile (m ) Abitazioni (numero) Superficieutileabitabile (m )
2005 278.602 20.479.027 27.104 2.169.149
2006 261.455 19.143.787 28.436 2.272.912
2007 250.271 18.383.339 26.431 2.086.441
2008 191.783 14.268.787 23.263 1.859.979
2009 141.587 10.703.097 18.867 1.540.195
2010 119.409 9.366.218 9.298 781.441
2011* 112.570 9.163.218 8.908 712.970
2012* 84.307 6.831.217
*Datiprovvisori.
Fonte:ISTAT

Ipotizzandounrisparmioelevato(60kWh/m2)peril6%dellasuperficiecomplessiva,medio(35kWh/m2)peril9%di
essaeminimo(20kWh/m2)perilrestante85%,neconsegueunrisparmioenergeticocomplessivodi2.431GWh/anno
perilperiodo2005201289(Tabella4.2).

Tabella4.2Risparmienergeticifabbricatiresidenziali(GWh/anno),anni20052012
Tipologia 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 20052012
Fabbricatinuovi 100 468 449 343 253 214 203 152 2.183
Ampliamenti 11 56 51 45 36 18 16 16 248
TOTALE 110 523 500 388 290 232 219 168 2.431
Fonte:ElaborazioneENEA

Analogamenteperilsettoreterziario,alvolumedeinuovifabbricatiedegliampliamentidesuntidallestatisticheISTAT
sui permessi di costruire (Tabella 4.3) stato associato un risparmio energetico unitario pari a 2,3 kWh/m3 per il
periodo20062007,5kWh/m3perilperiodo20082009,7kWh/m3perilperiodo20102012.

Tabella4.3Permessidicostruire:fabbricatinonresidenzialinuovieampliamenti,anni20062012
FabbricatiNuovi Ampliamenti
Anno 3 2 3 2
Numero Volume(m v/p) Superficie(m ) Volume(m v/p) Superficie(m )
2006 19.351 111.995.040 18.654.669 33.145.370 5.503.600
2007 16.198 117.839.214 19.165.421 29.839.066 4.964.234
2008 15.235 112.957.187 17.724.225 32.379.093 5.192.081
2009 12.658 85.132.207 13.662.473 24.117.110 3.798.887
2010 13.255 79.747.435 12.999.846 18.808.561 2.987.773
2011* 12.186 67.388.239 11.042.694 18.169.047 2.941.271
2012** 12.141.030
*Datiprovvisori;**Datoprovvisorioecomprensivoanchedegliampliamenti.
Fonte:ISTAT

Ilrisparmioenergeticocomplessivonelperiodo20062012perilnonresidenzialeparia2.501GWh/anno(Tabella
4.4),deiqualiitrequarticircaderivanodaisettoridellindustriaedellagricoltura.

88
LarilevazioneISTATdeipermessidicostruirehacadenzamensileecoperturatotaleeraccoglieinformazionisuifabbricatinuovi,
residenziali e non residenziali, e sugli ampliamenti di fabbricati preesistenti, per i quali sia stato ritirato regolare permesso di
costruire presso gli uffici comunali di competenza. Le trasformazioni e le ristrutturazioni di fabbricati gi esistenti, che non
comportanovariazionidivolumideglistessi,nonrientranonelcampodirilevazione.
89
Peril2005statoconsideratoil20%dellasuperficiecomplessivariportatanellestatisticheISTATpertenercontodelladatadi
entratainvigoredeldecreto(8ottobre2005).Peril2012lasuperficierelativaagliampliamentistataipotizzatainviapreliminare
pariaquelladel2011,inattesadelladiffusionedidatipiaggiornati.


78

Tabella4.4Risparmienergeticifabbricatinonresidenziali(GWh/anno),anni20062012
Settore 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 20062012
Industriaeagricoltura 154 158 345 256 334 282 245 1.773
Terziarioealtro 66 66 134 104 131 122 106 728
TOTALE 219 223 479 360 465 404 351 2.501
Fonte:ElaborazioneENEA

Perquantoconcernelimpiegodiimpiantidiriscaldamentoefficientinelsettoreresidenziale,laTabella4.5evidenzia
landamento del mercato negli ultimi dieci anni sia per gli edifici esistenti sia per il nuovo costruito: evidente la
flessionerelativaagliimpiantinellenuovecostruzioni,coerentementeconquantogiosservatoinprecedenzaperi
permessi di costruire nel settore residenziale; costantemente intorno al milione di pezzi il mercato relativo alla
sostituzionediimpiantiesistenti.

Tabella4.5Mercatoitalianodegliimpiantidiriscaldamentonelresidenziale,anni20032012
Tipologia 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011* 2012*
Autonomo 230.177 254.779 276.316 301.823 302.277 277.962 234.429 196.716
Nuovo
Centralizzato 6.047 6.160 6.545 7.193 7.068 7.123 7.304 7.318
costruito
Totale 236.224 260.939 282.861 309.016 309.345 285.085 241.733 204.034 195.000 193.000
Autonomo 909.684 919.691 924.289 964.034 977.530 902.529 911.554 1.008.701 1.027.973 1.026.019
Sostituzione
Centralizzato 26.027 24.841 23.352 21.274 20.232 19.483 19.210 21.299 24.027 23.981
impianto
Totale 935.711 944.532 947.641 985.308 997.762 922.012 930.764 1.030.000 1.052.000 1.050.000
TOTALEmercatoitaliano 1.171.935 1.205.471 1.230.502 1.294.324 1.307.107 1.207.097 1.172.497 1.234.034 1.247.000 1.243.000
*Datoprovvisorio
Fonte:CresmeAssotermica

Adottandounaipotesiconservativa,lammontarecomplessivodegliimpiantisostituitistatodistribuitosulterritorio
nazionale in modo uniforme per epoca di costruzione e tipologia di edificio (unifamiliare, unifamiliare a schiera,
multifamiliare,edificio);perognunadiquesteultimestatoadottatounconsumodiriferimento90,graziealquale
stato ricavato un risparmio unitario derivante dalla sostituzione dellimpianto e si infine proceduto al calcolo del
totaleannuo(Tabella4.6):nelcomplesso,ilrisparmioammontaaben22.000GWh/anno.

Tabella4.6Risparmienergeticisostituzioneimpiantidiriscaldamento(GWh/anno),anni20062012
Anno 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 20062012
Risparmiocomplessivo 3.142 3.218 2.960 2.905 3.024 3.388 3.381 22.019
Fonte:ElaborazioneENEA

La Tabella 4.7 sintetizza i risultati relativi allattuazione del Decreto Legislativo 192/05, grazie al quale sono stati
conseguitirisparmienergeticiperunammontarepariacirca27.000GWh/anno.

Tabella4.7RisparmienergeticiderivantidallattuazionedelD.Lgs.192/05(GWh/anno),anni20052012
Tipologia 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 20052012
NuoviedificiResidenziale 110 523 500 388 290 232 219 168 2.431
NuoviedificiNonresidenziale 219 223 479 360 465 404 351 2.501
Sostituzioneimpiantitermici 3.142 3.218 2.960 2.905 3.024 3.388 3.381 22.019
TOTALE 110 3.884 3.941 3.827 3.555 3.721 4.011 3.900 26.951
Fonte:ElaborazioneENEA

4.2 Riconoscimento delle detrazioni fiscali del 55% per la riqualificazione energetica degli
edificiesistenti

Lalegge27dicembre2006n.296(Finanziaria2007),integrataemodificatadaprovvedimentinormativisuccessivi,ai
commi344,345,346e347dellart.1hadispostolapossibilitdiottenere,sulredditodellepersonefisiche(IRPEF)o
dellesociet(IRES),unadetrazionefiscaledel55%dellaspesasostenutaperlarealizzazionediinterventidirisparmio
energeticonelpatrimonioimmobiliarenazionaleesistente.Indettaglio:
Comma344:riqualificazioneenergeticaglobaledelledificio.

90
Perunapprofondimento,sivedailprogettoTABULA,finanziatonellambitodellIntelligentEnergyEuropeecuratoperlItaliadal
PolitecnicodiTorino:http://episcope.eu/fileadmin/tabula/public/docs/brochure/IT_TABULA_TypologyBrochure_POLITO.pdf.


79



Comma 345: interventi su strutture opache orizzontali, strutture opache
verticaliefinestrecomprensivediinfissi.
Dal55%al65% Comma 346: installazione di pannelli solari per la produzione di acqua
Inseguitoallapubblicazione(nellaG.U. calda.
n302del27/12/2013)dellaLegge27
dicembre2013n147(LeggediStabilit
Comma 347: sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con
2014),nelcasodiinterventidiefficienza impiantidotatidicaldaieacondensazioneo,inalternativa,conpompedi
energetica,ledetrazionisonoprorogate caloreadaltaefficienzaovveroconimpiantigeotermiciabassaentalpia.
nellamisuradel65%,perspesesostenute
dal6/6/2013al31dicembre2014,enella
Una prima proroga a tutto il 2010 del meccanismo si avuta con la legge 24
misuradel50%,perspesesostenutedal1
gennaio2015al31dicembre2015. dicembre2007n.244(art.1,commi2024).Successivamente,conlaLeggen.220
Nelcasodiinterventirelativiaparti del13dicembre2010recanteDisposizioniperlaformazionedelbilancioannualee
comunidiedificicondominialioche pluriennaledelloStato(LeggediStabilit2011,art.1punto48)vienenuovamente
interessinotutteleunitdiun
condominio,questedetrazionisono
prorogato, questa volta al 31 dicembre 2011, il termine ultimo entro il quale
prorogatenellamisuradel65%,perspese effettuareilavori,conlimportantenovitrelativaalnumerodirateannualiincui
sostenutedal6/6/2013al30giugno2015;
ripartire il beneficio fiscale: da cinque a dieci. Infine, il Decreto Legge del 6
nellamisuradel50%,perspesesostenute
dal1luglio2015al30giugno2016. dicembre2011n.201(cosiddettoSalvaItalia)recanteDisposizioniurgentiperla
Permaggioriinformazionisiveda: crescita,lequiteilconsolidamentodeicontipubblici,haprorogatoatuttoil2012
http://efficienzaenergetica.acs.enea.it/
il riconoscimento delle detrazioni fiscali, estendendo la casistica degli interventi
agevolabiliallasostituzionediscaldacquatradizionaliconquelliapompadicalore,
dedicatiallaproduzionediacquacaldasanitaria.
LaTabella4.8riportaneldettaglioirisparmienergeticiottenuti,secondolediversetipologiediinterventopreviste:
neiseiannidiattuazionedelmeccanismo,ilrisultatocomplessivodicirca8.900GWh/anno.

Tabella4.8Risparmienergeticiderivantidalledetrazionifiscalidel55%(GWh/anno),anni20072012
Tipologiadiintervento 2007 2008 2009 2010 2011 2012* 20072012
Comma344:Interventidiriqualificazioneglobale 68 163 121 46 35 20 453
Comma345:CoibentazionisuperficiopacheeSostituzioneinfissi 186 495 495 771 567 588 3.102
Comma346:Sostituzionescaldaacquaelettrici 93 288 245 254 155 125 1.160
Comma347:Impiantidiriscaldamentoefficienti 268 614 626 961 612 529 3.610
Selezionemultipla 173 401 574
TOTALE 788 1.961 1.487 2.032 1.369 1.262 8.899
*Datoprovvisorio
Fonte:ENEA

4.3 TitolidiEfficienzaEnergeticaoCertificatiBianchi

Come noto, il meccanismo91 dei Certificati Bianchi prevede che sia i distributori di energia elettrica sia quelli di gas
naturaleraggiunganoannualmentedeterminatiobblighiquantitatividirisparmiodienergiaprimaria,attraversodue
modalit:
Attuare progetti a favore dei consumatori finali che migliorino lefficienza energetica delle tecnologie
installateodellerelativepratichediutilizzo92.
Acquistare da terzi Certificati Bianchi in misura sufficiente per il conseguimento dei (rimanenti) risparmi
energetici.
Il2012havistolattuazionedellenuoveLineeguidaperlapreparazione,lesecuzioneelavalutazioneconsuntivadei
progetti93,conimportantinovitrispettoalleprecedenti94:
Modalitdicontabilizzazione.
Dimensioneminimadeiprogettiammissibili.
Valorizzazionedelleeventualicampagneformative/informativediaccompagnamentoaiprogetti.
Tempistichedipresentazionedeiprogetti.

91
IntrodottoconiDecretiMinisteriali20luglio2004.
92
Iprogettipossonoessererealizzatidirettamente,oppuretramitesocietcontrollate,oancoraattraversoESCo.
93
DeliberazionedellAutorit27ottobre2011,EEN9/111.
94
DeliberazionedellAutorit18settembre2003,n.103/03.


80

LobiettivodellenuoveLineeGuidastatoquellodivalorizzareiprogettiinfunzionedeirisparmienergeticicheessi
sono in gradodi generare non solo nellambito del periodo di diritto allemissione dei Titoli di EfficienzaEnergetica
definitodallacosiddettavitautile,maanchenegliannisuccessiviefinoalterminedellalorovitatecnica95.Intal
modo possibile dare maggiore sostegno agli investimenti nei progetti di carattere strutturale, che generano i
maggioririsparmienergeticicomplessivipericonsumatorieperilsistema,evidenziandoquindiilruolosemprepi
importantesvoltodalmetododivalutazionedeirisparmiaconsuntivo96rispettoalleschedestandardeanalitiche.

In particolare, la Tabella 4.9 evidenzia come i risparmi in tep derivanti da schede a consuntivo97 siano pi che
raddoppiatirispettoal2011superando,interminidiGWh/anno,quelliderivantidaschedestandardeanalitiche,cuisi
fatto massiccio ricorso nei primi anni di attuazione del meccanismo (soprattutto per piccoli interventi nel settore
residenzialecomelasostituzionedilampadineadincandescenzaconlampadefluorescenticompatteolinstallazione
dierogatoriabassoflusso):nelcomplesso,ilrisparmioderivantedalmeccanismodeiCertificatiBianchisfiorai35.000
GWh/anno.

Tabella4.9RisparmienergeticiannualiderivantidaiCertificatiBianchi(*),anni20072012
Cumulatoal Cumulatoal Annuale Annuale Annuale
Cumulatoal2012 Cumulatoal2012
Tipologiadiintervento 2008 2009 2010 2011 2012
(tep/anno) (GWh/anno)
(tep/anno) (tep/anno) (tep/anno) (tep/anno) (tep/anno)
1Schedestandardeanalitiche 1.132.074 2.046.252 89.957 79.937 87.811 2.303.957 16.218
2Schedeaconsuntivo 88.966 270.650 384.779 396.442 924.108 1.975.979 18.582
2.1GENIND 0 34.256 13.131 36.178 21.373 104.938 759
2.2EIND 88.966 166.314 58.945 132.385 211.078 568.722 2.970
2.3TCIV 0 13.203 4.090 4.618 3.140 25.051 291
2.4TIND 0 55.777 306.443 211.331 652.299 1.225.851 14.254
2.5GENCIV 0 0 0 6.490 0 6.490 55
2.6IP 0 333 120 3.641 0 4.094 22
2.7ECIV 0 768 2.050 599 28.285 31.702 170
2.8CIVITC 1.200 0 1.200 6
2.9INDFF 7.932 7.932 55
TOTALE(1+2) 1.221.040 2.316.902 474.736 476.379 1.011.919 4.279.936 34.800
(*)Ivaloririportatiintep/annosiriferisconoadenergiaprimaria;quelliinGWh/annoadenergiafinale
Fonte:ElaborazioneENEA

4.4 Risparmiconseguitinelsettoredeitrasporti

Ilrisparmioderivantedallacampagnadiincentivistataliinfavoredelrinnovoecosostenibiledelparcoautovettureed
autocarrifinoa3,5tonnellateattuataperilperiodo20072009pariapocopidi2.200GWh/anno.

Dallapplicazione del Regolamento Comunitario CE 443/200998 che definisce i livelli di prestazione in materia di
emissionidelleautovetturenuovenellambitodellapprocciocomunitariointegratofinalizzatoaridurreleemissionidi
CO2deiveicolileggeri,ilrisparmioenergeticoconseguitoal2012pariaoltre5.100GWh/anno.

Poich la Direttiva 2012/27/UE prevede che siano consuntivati ai fini del raggiungimento degli obiettivi soltanto i
risparmiderivantidalparcocircolantevirtuosocheeccedeilimitidiemissioniobbligatoriimpostidallanormativa,
talequotapartepariacirca4.250GWh/anno.

95
La valorizzazione del risparmio netto anticipato avviene mediante lapplicazione del cosiddetto coefficiente tau (), i cui valori
tipicisonodefinitinellenuoveLineeguidaperlediversetipologiediprogetto.Ilcoefficientetau()calcolatocomerapportotra
gliannidivitatecnica(definitidallenuoveLineeguidaancheincoerenzaconivaloriassuntialivellointernazionale)elavitautiledi
5o8annidefinitadallanormativa.IvaloriditaudefinitidalleLineeguidavarianodaunminimodi1finoadunmassimodi4,58
(Fonte:AEEG).Perunapprofondimentosiveda:http://www.autorita.energia.it/it/docs/12/43412.htm.
96
Ilmetododivalutazionedeirisparmiaconsuntivometodoprevedeladefinizionediunprogrammadimisuraediunalgoritmodi
calcolodeirisparmidefinitoadhocperogniprogettoesiadattaparticolarmentebene,dunque,allecaratteristicheespecificitdel
settoreindustriale,icuiinterventisonodifficilmenteprototipabiliinschedetecniche(Fonte:AEEG).
97
Peranalogiaconleschedestandardeanalitiche,sonostaticonsideratiirisparmiprevistidallePropostediProgettoeProgramma
di Misura (PPPM) approvate, onde depurare la valutazione dei risparmi energetici conseguiti dagli effetti della attuale crisi
economica.
98
IltestodelRegolamentodisponibilesu:http://eurlex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=OJ:L:2009:140:0063:008:
it:PDF.


81

Il risparmio complessivo derivante da misure implementate nel settore trasporti pertanto pari a circa 6.500
GWh/anno(Tabella4.10).

Tabella4.10Risparmienergeticicumulatidamisurenelsettoretrasporti(GWh/anno),anni20072012
Misura 2007 2008 2009 2010 2011 2012
Ecoincentiviauto20072009 308 750 2.205 2.205 2.205 2.195
RegolamentoComunitarioCE443/2009 1.700 3.444 4.248
TOTALE 308 750 2.205 3.905 5.649 6.443
Fonte:ElaborazioneENEA

4.5 IlFondoEuropeodiSviluppoRegionale

Come noto ilPacchetto ClimaEnergia impone anche lapredisposizione di strumenti di valutazione delle politiche e
misure messe in campo dai policymakers capaci di valutare tanto la loro efficacia per la lotta al cambiamento
climatico,quantoglieffettieconomici,inparticolaresullosviluppoeloccupazione.
Allostessotempo,nellambitodellaprogrammazionedeiFondiEuropei,essenzialmenteorientataalfinanziamentodi
progettiperlacreazionedioccupazioneeperlacrescita,vienerichiestodallaCommissioneEuropea,perrendicontare
al Parlamento Europeo quanto realizzato con tali Fondi in forme sintetiche alternative a quelle dellavanzamento
finanziario,unavalutazionedeglieffettiditaliinterventianchesuvariabilienergeticoambientali:quotadiproduzione
energetica da rinnovabili; risparmi per interventi di efficienza energetica; riduzione/incremento di emissioni
climalteranti.

Questultimo aspetto, per la centralit che la mitigazione delle emissioni riveste nelle politiche europee di lotta al
cambiamento climatico, nonch per le difficolt di definire stime quantitative accurate e non soggettive, ha
riscontratounsempremaggioreinteressedalpuntodivistametodologicoedoperativo.Ilcontributoallariduzionedei
gasadeffettoserrainfattistatoinclusonellalistadeiCoreIndicatorsrichiestidallaCommissioneEuropea99proprio
per verificare il contributo delle Politiche di Coesione al raggiungimento degli obiettivi di lotta al cambiamento
climatico.

Nel RAEE 2010 si era gi affrontato il problema della valutazione ex ante degli effetti sulle emissioni di gas
climalterantideiProgrammioperativifinanziaticonlerisorsedelFondoEuropeodiSviluppoRegionale(FESR)100:tale
valutazione, proprio perch ex ante, faceva riferimento alla allocazione finanziaria, cos come definita nella fase di
programmazione,eadunaseriediipotesidaverificarenelcorsodellafasediattuazionedegliinterventi.

Essendoormaigiuntiallafasefinaledelciclo20072013,cheprevedelapossibilitdiutilizzareifondifinoal2015,
utilizzandolastessametodologiaeaggiornandoleipotesiinizialisullabasedelleinformazionidisponibiliperiprogetti
attuati,statopossibileprocedereallavalutazioneinitinerediseguitoesposta.Sullabasedellesperienzaacquisita
nelcorsodellaprogrammazionecorrente,nelleconclusionisonostatepropostealcuneriflessionieinsegnamentiche
sireputapotrannoesseredigrandeutilitnelladefinizionedelprossimociclo20142020.

4.5.1 Datidisponibiliemetodologia

DaidatidimonitoraggiodelSettoreEnergetico101(EfficienzaEnergeticaeFontiRinnovabili)risultanocostiammessi
pariacirca1,5miliardidieuro.LaFigura4.1mostralaripartizionecomplessivadeifinanziamentidegliinterventi:la
quota di finanziamento FESR (circa il 70%) preponderante, sebbene tale valore elevato appaia notevolmente
influenzatodamolteregioni,nonsolodelSud,perlequalisiregistranoquotedifinanziamentopariovicineal100%,
graziesoprattuttoadinterventinelsettorepubblico.Ilsettoreprivatocomplessivamentepesapercircaunquartodel
totale.

99
http://www.dps.tesoro.it/qsn/indicatori/core_indicators.asp.
100
QSN20072013,ValutazionedellimpattopotenzialedeiprogrammioperativiFESRsullariduzionedelleemissionidigasserra,
ENEA2010.
101
IGRUEDPSSistemadiMonitoraggioUnitario(BDU):http://www.opencoesione.gov.it.Lelaborazionestatarealizzatasudati
aggiornatial31luglio2012.


82

Figura4.1FESRsettoreenergia:fontidifinanziamentodegliinterventi(%)

22,9%

2,8%

4,9%

69,3%

FESR Regioni AltriEntiPubblici Privati



Fonte:elaborazioneENEAsudatiIGRUEDPSSistemadiMonitoraggioUnitario(BDU)

Nel complesso sono stati ammessi i progetti FESR per un ammontare di circa 1 miliardo di euro: tale valore
rappresenta soltanto il 27% della dotazione finanziaria complessiva, una percentuale particolarmente bassa se si
consideracheriferitaaquattroanniemezzodiattuazionerispettoaiseiprevisti102.

SonostateanalizzateleinformazioniriguardantigliinterventinelSettoreEnergetico,ricavandoperognunodiessila
tipologia di intervento (e.g. fotovoltaico, riqualificazione edifici, etc.) e le relative fonti di finanziamento (Unione
Europea,StatoFondodiRotazione,Regione,Provincia,Comune,Privati,Altrifinanziamenti).

LametodologiaadottataperlavalutazionedelrisparmioconseguibileedellaemissioneCO2evitatasibasatasulla
suddivisione dellinsieme degli interventi in differenti tipologie, per ciascuna delle quali sono stati stimati degli
indicatori grazie ai quali ricavare quindi lentit dellinvestimento necessario per ottenere il risparmio energetico
unitarioedevitarelemissioneunitariadiCO2.

In particolare, per ciascuna tipologia di intervento103 tali indicatori prendono in considerazione delle caratteristiche
medie e tipiche relative a: taglie di impianto, disponibilit locale di fonte rinnovabile primaria, consumi energetici
dellutenza,costidirealizzazione,etc.
Letipologiediinterventoconsiderateperlefficienzaenergeticasonostate:
Edificipubblici,scuole,centrisportivi,ospedali.
Illuminazionepubblica.
Edifici privati, riqualificazione urbanistica di aree industriali dismesse e/o degradate, riqualificazione di
struttureturistiche.
Sistemaindustrialenelsettoreelettrico.
Sistemaindustrialenelsettoretermico.
Cogenerazioneerigenerazione.
Reti energetiche: elettriche, di sostegno alla generazione diffusa; teleriscaldamento, a sostegno della
cogenerazione;gasnaturaleedidrogeno,asostegnodelrisparmioenergetico.

102
La disaggregazione regionale di tale dato evidenzia il divario fra la maggior parte delle regioni del Nord prossime al 100% di
attuazione(adeccezionedelVeneto)equelledelSudItalia.PerunapprofondimentosivedasiailCapitolo8sialeinformazionidi
dettaglioraccoltenellasezionefinaledelRapportodedicataalleschederegionali.
103
Sonostaticonsideraticometipologieaparte:interventidinaturamista,interventieseguitiattraversofondidirotazione,attivit
diaccompagnamentoecomplementari.


83

Perlefontirinnovabilisonostaticonsideratiinterventirelativia:
Minieolico;
Solarefotovoltaico;
Solaretermico;
Biogas;
Cogenerazionedabiomassa;
Idroelettrico;
Geotermico.
Unavoltaindividuatalatipologiadelsingolointerventoelinvestimentocomplessivodaessogenerato,associandogli
indicatoridirisparmioenergeticoeemissioneevitatacaratteristicisirisalitoallimpattointerminidirisparmioed
emissioni.

4.5.2 Analisidegliinterventi104

Lanumerositdegliinterventimonitoratiparia3.442unit,conuncostomedioammessoperinterventopariacirca
300.000euro.
La Figura 4.2 illustra la ripartizione degli interventi allinterno dei settori dellefficienza energetica e delle fonti
rinnovabili sopra citati. Si pu notare come risulti prevalente per lefficienza energetica il finanziamento al settore
dellariqualificazioneenergeticadegliedificipubblici,dellilluminazionepubblicaedelleretienergetiche;nettamente
prevalenteilfotovoltaicoperlefontirinnovabili.

Figura4.2FESRsettoreenergia:risparmioenergeticopertipologiadiintervento(settoriefonti,%)
19,4% 7,9% 0,3%
32,2% 3,0%
11,0%
2,0%
2,8%
18,5%
9,7%
3,7% 73,0%
6,0% 10,5%
EdificiPubblici IlluminazionePubblica EdificiPrivati
PMIsettoreelettrico PMIsettoretermico Cogenerazione Eolico Fotovoltaico Solaretermico Biogas
Retienergetiche Cogen.biomasse Idroelettrico Geotermia

Fonte:elaborazioneENEAsudatiIGRUEDPSSistemadiMonitoraggioUnitario(BDU)

4.5.3 ValutazionedelrisparmioenergeticoedellariduzionedelleemissionidiCO2

Lavalutazionedegliinterventisopramenzionatiportaadunrisparmioenergeticoannuodioltre50ktep,interventi
misti (RE+FER) compresi, e ad una produzione da fonti rinnovabile pari a 29 ktep, per un totale complessivo di 80
ktep/anno.LemissionediCO2annuacomplessivamenteevitataammontaa0,3MtCO2.
Proiettando al 2016 tali valori, nellipotesi del 100% di interventi attuati con lintera dotazione finanziaria FESR si
ottiene un risparmio energetico complessivo attribuibile al settore energia del FESR pari 0,3 Mtep, con emissioni
evitateparia1.159MtCO2/anno.
La Figura4.3 riporta i contributi regionali degli interventi di risparmio energetico e delle fonti rinnovabili in termini
energetici(sinistra)ediriduzionediemissioniCO2(destra).

104
LestimecontenuteinquestoparagrafosonostateelaboratenellambitodelleattivitprevistedallaConvenzioneValutazione
dellimpattosulleemissioniaeffettoserradellepoliticheregionalidisviluppodelQSN20072013traENEAeStudiareSviluppos.r.l.
conlasupervisionetecnicadelDipartimentoperloSviluppoelaCoesioneeconomica(DPS)Unitdivalutazionedegliinvestimenti
pubblici(UVAL),icuirisultatisonoincorsodipubblicazione.GliautoriringrazianoireferentidellaConvenzioneperladisponibilita
consentirelapubblicazioneparzialedeirisultatisuquestoRapporto.


84

Figura 4.3 FESR settore energia: risparmio energetico (ktep/anno) e


riduzionediemissioni(ktCO2/anno)
IlmodelloCO2MPARE
7
EfficienzaEnergetica
6
FontiRinnovabili
5
ktep/anno

4

3

2
Ingradodistimarelimpattosulle
emissionidiCO2apartiredagli
1 investimentiprevistidaiProgrammi
0
OperativicofinanziaticoniFondiEuropei,
ilmodellopermettelacomparazionedi
diversiscenarigrazieallaquantificazione
deidifferentiCommonIndicators.
Ilmodelloindividua5temiprincipali:
30
building,energia,trasporti,rifiutied
EfficienzaEnergetica acqua.Basandosisuunaapprofondita
25 analisistatisticadeiprogettifinanziatie
FontiRinnovabili
dellerelativeattivitfisicamente
20 misurabili(adesempiokWhprodotti,
ktCO2/anno

superficie,etc.),CO2MPAREstimale
15
emissionidiCO2perciascunadelle86
10 categoriedispesapreviste.
Lelevataflessibilitdelmodellopermette
5
unacaratterizzazioneterritorialealivello
0 regionale,garantendoelevate
performanceestimeaccuratenella
valutazionedeiProgrammiOperatividelle
diverserealtregionalieuropee.

Fonte:elaborazioneENEAsudatiIGRUEDPSSistemadiMonitoraggioUnitario(BDU)

Una valutazione ex ante, effettuata a partire dalle indicazione desumibili dalla lettura dei Piani Operativi, stata
riportatanelRAEE2010,convaloribensettevoltesuperioririspettoagliattuali.Taleevidentediscrepanzaascrivibile
principalmente ad alcune differenze nella quota di finanziamento FESR rispetto allinvestimento iniziale, nella
ripartizionedeifinanziamentineisettorieneicostispecificidiinvestimento.Laproblematicainsededivalutazioneex
antedeldisporrediparametritecnicofinanziariattendibiliriguardoiPianiOperativiRegionalirisultaalmomentoun
limiteintrinsecononfacilmenteeliminabile.

4.5.4 Conclusioni

Le risorse finanziarie comunitarie che la futura programmazione 20142020 mette a disposizione dellItalia
ammontano a poco meno di 32 miliardi di euro a prezzi correnti, di cui quasi 23 per le regioni meno sviluppate
(Campania, Puglia, Calabria, Sicilia e Basilicata), 1,1 per le regioni in transizione (Abruzzo, Molise e Sardegna) e i
restanti7,8perleregionipisviluppate105.

A queste risorse si aggiungono le quote di cofinanziamento nazionale, per le quali si pu fare riferimento a quelle
minime previste dal Regolamento: 50% per le regioni pi sviluppate; 40% per le regioni in transizione; 20% per le
regionimenosviluppate.
Pertanto, ancor pi che in passato, nella futura programmazione comunitaria 20142020 lenergia e la lotta ai
cambiamenti climatici assumeranno un ruolo estremamente importante. LAccordo di Partenariato106, ovvero la
cornice strategica cui si riferir la nuova programmazione, attualmente in corso di redazione e negoziato finale,
prevede10ObiettiviTematici(OT)dicuidueesplicitamentededicatiallalottaalcambiamentoclimatico:

105
Per un approfondimento sul tema si consulti la bozza dellAccordo di Partenariato (pagina 120), disponibile al seguente
collegamento:http://www.coesioneterritoriale.gov.it/wpcontent/uploads/2013/12/BozzaAPITALIA_9_12_2013.pdf.
106
Cfr.notaprecedente.


85

OT4Energiasostenibileequalitdellavita:sostenerelatransizioneversouneconomiaabasseemissionidi
carboniointuttiisettori.
OT5 Clima e rischi ambientali: promuovere ladattamento al cambiamento climatico, prevenzione e la
gestionedeirischi.

Per il secondo obiettivo, a cui gi nellattuale programmazione destinata una quota di risorse, la Commissione107
prevede di destinare una quota non inferiore al 20% dellintero budget. Tale indirizzo finalizzato a caratterizzare
comeclimateproofingunalargapartedegliinvestimentiprevistieaconsentireallaPoliticadiCoesionedisvolgereun
ruolocrucialeperilraggiungimentodeltargetdel20%inefficienzaenergeticaal2020.Ulterioriinterventiperiquali
sonoprospettabiliricadutesulsettoreenergetico,sulleemissionieingeneralesullambientesonoprevistipergliOT6
(Tutela dellambiente e valorizzazione delle risorse culturali e ambientali: tutelare lambiente e promuovere luso
efficientedellerisorse)eOT7(Mobilitsostenibiledipersoneemerci:promuoveresistemiditrasportosostenibili).

Seilcosiddettomainstreaminginclimateactioncondizionerfortementeladefinizionedeifuturiprogrammioperativi
in termini di allocazione delle risorse, un ulteriore sforzo metodologico verr richiesto sia per individuare quelli
classificabili come climateproofing sia per stimare gli effetti dei programmi operativi sulle variabili energetiche
rilevantiesulleemissioniclimalteranti.
Nella programmazione operativa, gli obiettivi stabiliti saranno infatti definiti sotto forma dei risultati attesi che si
intende ottenere in termini di qualit di vita delle persone e/o di opportunit delle imprese, in genere valutati
attraverso uno o pi indicatori di risultato, la cui misurazione, con tempi prestabiliti, sar parte integrante e
condizionantedegliimpegnidelProgramma.Ataliindicatorisarannoassociatideivaloriobiettivo(target):siconferma
pertantolobbligodiquantificare,traglialtri,lindicatorerelativoaglieffettideiprogrammioperativisulleemissionidi
gasclimalteranti,secondoquantoriportatonellaTabella4.11,relativaaiCommonIndicatorssignificativiperiltemain
esame.

Tabella4.11CommonIndicators20142020relativialtemadellenergia
Numero UnitdiMisura Indicatore
30 MW Additionalcapacityofrenewableenergyproduction
31 Households Numberofhouseholdswithimprovedenergyconsumptionclassification
32 kWh/year Decreaseofannualprimaryenergyconsumptionofpublicbuildings
33 Users Numberofadditionalenergyusersconnectedtosmartgrids
34 tonsofCO2eq EstimateddecreaseofGHG
40 Housingunits Rehabilitatedhousinginurbanareas
Fonte:AllegatoIdellabozzadiRegolamentoFESR(Art.6)

AlfinediorientarelePolitichediCoesionedellaUEversounacrescitasostenibileeuneconomiaabassocontenuto
carbonico,coerentementeconlobiettivodelraggiungimentodeltargetUEdiriduzionedel20%delleemissionidigas
serraal2020,perildecisorepubblicosarquindinecessarioavereadisposizioneunastrumentazionemetodologica
appropriataperstimaretaliindicatorinellevariefasidiattuazionedeiprogrammi(exante,initinereedexpost)108.

4.6 Quadroregolatorioperleprocedureautorizzative

Il Decreto legislativo 30/05/2008 n. 115 introduce anche la semplificazione e rimozione degli ostacoli normativi. Al
capoIII,articolo10,demandaallAutoritperlenergiaelettricailgasedilsistemaidrico(AEEG)ladefinizionedelle
modalit per la regolazione dei sistemi efficienti di utenza e per la gestione dei sistemi contrattuali, ai fini

107
Alreadytoday,aproportionoftheEUbudgetisrelatedtoclimatemainstreamingandthuscontributestoEurope'stransitionto
alowcarbonandclimateresilientsociety.TheCommissionintendstoincreasetheproportiontoatleast20%,withcontribution
from different policies, subject to impact assessment evidence. COM(2011)500/II final. Per un approfondimento si consulti il
documento:http://ec.europa.eu/budget/library/biblio/documents/fin_fwk1420/MFF_COM2011500_Part_II_en.pdf.
108
Il modello CO2MPARE descritto nel box stato finanziato dalla Commissione Europea Direzione Generale per le politiche
regionali(D.G.Regio)erealizzatodaungruppodilavorodellENEAnellambitodiunConsorziocoordinatodaECN(PaesiBassi)cui
hanno partecipato anche nergies Demain (Francia), UCL (UK), ENVIROS (Repubblica Ceca) e CRES (Grecia), nonch 5 regioni
europeetest,tralequaliEmiliaRomagnaePuglia.Perunapprofondimentosirimandaalmodelloeallarelativadocumentazione
tecnica, disponibili gratuitamente al seguente indirizzo: http: //ec. europa. eu/regional_policy/newsroom/detail.
cfm?LAN=en&id=673&lang=en.


86

dellerogazionedeiserviziditrasmissione,distribuzioneedispacciamento.Inbasealdecreto,lAEEGgarantisceinoltre
che la regolazione dellaccesso al sistema elettrico sia effettuata facendo esclusivo riferimento allenergia elettrica
scambiataconlareteelettricasulpuntodiconnessione.Intaleambito,lAutoritprevedemeccanismidisalvaguardia
perlerealizzazioniavviateindataantecedenteallentratainvigoredeldecreto.
Nel 2007 lAutority aveva pubblicato latto 54, in cui veniva chiarito per la prima volta che possibile attuare il
cosiddettomodelloonetoone,ciocogenerazionesecondoilmodellodiautoproduzioneecogenerazionesecondo
il modello ESCo (un soggetto terzo, ad esempio una ESCo, installa ed esercisce un cogeneratore presso il sito del
clientefinale,fornendoglienergia).
Per ottemperare al mandato derivatogli dal decreto 115/08, lAEEG ha redatto un primo documento, il DCO 33/08
Orientamenti dellAutorit per lEnergia Elettrica e il Gas per la regolazione dei sistemi efficienti di utenza ai sensi
dellart.10delDecretoLegislativo30maggio2008,n.115/08,elohamessoadisposizioneperlaconsultazioneda
partedelpubblicoil4novembre2008.
Successivamente,il4agosto2011haemessounsecondodocumentodiconsultazione,ilDCO33/11,Regolazionedei
servizidiconnessione,trasmissione,distribuzione,misuraedispacciamentonelcasodisistemisemplicidiproduzionee
consumoenelcasodiretiprivate.

4.7 Definizionedegliobblighiedeglistandardminimidiefficienzaenergetica

IlConsigliodeiMinistridel24maggio2013haapprovatoildecretodirecepimentodellaDirettivaeuropea2010/31/CE
inmateriadiprestazioneenergeticanelledilizia.LaDirettivaimponeagliStatiMembridistabilirerequisitiminimidi
prestazioneenergeticapergliedificinuoviedesistenti,diassicurarelacertificazioneenergeticaedistabilireregole
pericontrollisugliimpiantidiclimatizzazione.InbaseallaDirettiva,entroil2021tuttelenuovecostruzionidevono
essereEdificiaEnergiaQuasiZero.

Il recepimento doveva essere attuato entro il 9 luglio 2012; nel settembre 2012 era allesame dei Ministeri
dellAmbiente e delle Politiche comunitarie il Decreto legislativo, messo a punto dal Ministero dello Sviluppo
Economico. La nuova normativa modifica il precedente Decreto 192/2005, emanato in attuazione della Direttiva
2002/91/CE sul rendimento energetico nelledilizia, completando il quadro normativo nazionale in materia di
prestazione energetica degli edifici, introducendo la definizione di Edifici a Energia Quasi Zero e modificando
lAttestatodiCertificazioneEnergeticainAttestatodiPrestazioneEnergetica.

4.8Accessoallaretedeisistemiefficientidiutenza
Documentiinconsultazione
IlDecretoLegislativo115/2008,comemodificatodalDecretoLegislativo56/2010,
Il2maggio2013lAEEGhapubblicatoil
ha definito i Sistemi Efficienti di Utenza (SEU). I SEU sono sistemi in cui un Quadrodefinitorioinmateriadireti
impiantodiproduzionedienergiaelettrica,conpotenzanonsuperiorea20MWee pubbliche,sistemididistribuzionechiusie
sistemisemplicidiproduzioneeconsumo.
complessivamente installata sullo stesso sito, alimentato da fonti rinnovabili Orientamentifinali.
ovvero in assetto cogenerativo ad alto rendimento, anche nella titolarit di un
Il16maggio2013haresopubblicoil
soggetto diverso dal cliente finale, direttamente connesso, per il tramite di un documentoRegolazionedeiservizidi
collegamento privato senza obbligo di connessione di terzi, allimpianto per il connessione,misura,trasmissione,
distribuzione,dispacciamentoevenditanel
consumodiunsoloclientefinaleedrealizzatoallinternodellareadiproprieto casodisistemisemplicidiproduzionee
nellapienadisponibilitdelmedesimocliente109. consumo.Orientamentifinali.
LAutorityhaindicatoil28giugno2013
Attraverso un SEU possibile consumare energia senza il pagamento delle cometermineperlapresentazionedelle
addizionali tariffarie applicate allenergia elettrica che transita attraverso la rete osservazioniaiduedocumenti.
pubblica, portando quasi a far coincidere il prezzo di produzione con il costo di
consumo.Ilrisparmiosuglioneridisistemaquindiavantaggio:
Delproduttore,chepuvalorizzarelaproduzioneadunimportopialtodiquellodellenergiaimmessain
rete.

109
Fonte:AEEG.


87

Delconsumatore,cherisparmiasulcostodellenergia.
Lequestioniancoraaperteriguardano:
Lagestionedellatitolaritdelpuntodiconnessione(contatore)checondivisotradueutenti(ilproduttore
edilconsumatore).
Il mancato riconoscimento del SEU da parte dellAgenzia delle Dogane: larticolo 53 del Testo Unico delle
Acciseprevedeinfattidueschemidiinquadramentodeirapporti(produzionepervenditaeproduzioneper
autoconsumo),maiSEUnonrientranoautomaticamenteinnessunadelleduecategorie.
Lapossibilitdiaccessoalregimediscambiosulpostoperisoliimpiantidipotenzanonsuperiorea200kW,
chelimitalapplicazionedeiSEUininsediamentiindustrialiocommercialidiunacertadimensione,periquali
ilcostodellenergiaunavocedispesamoltorilevante.
Lapplicabilit dei SEU al servizio di un solo cliente finale, che arresta la nascita di isole di utenti che si
scambianolenergiaedilconseguentesviluppodiunagenerazionedistribuita,condiversiutilizzatorifinali
cherisiedononellostessosito.
I SEU sono al momento scarsamente utilizzati. A scoraggiare chi vorrebbe usare questo modello di produzione ci
sonovari ostacoli, innanzitutto quello dellaccesso al credito. Va poi chiarito come regolarsi nella gestione della
morosit del cliente finale: il punto di connessione unico, ma il produttore non pu rischiare che il suo impianto
vengastaccatodallarete(esterna)perchalclientefinalechenonpagalebollettevienetagliatalacorrente.
I SEU danno il massimo dei vantaggi se cumulati con lo scambio sul posto, che permette di compensare
economicamentelenergiaimmessanellareteconquellaprelevataquandolaproduzioneinternanonsufficientea
coprireiconsumi.Maattualmentepossibile(periprivati)soloperimpiantialdisottodi200kWpedalternativo
allaccessoagliincentivi.Unaltrolimiteilvincolodiimmediatacontiguitdellimpiantodiproduzionealcliente,
chenerendedifficilelarealizzazioneinalcunicasi,oilfattodiconsentireunsoloclientefinale110.

4.9 Sintesideirisparmiconseguiti:confrontoconilPAEE2011

LaTabella4.12riportapersettoreestrumentoirisparmienergeticiconseguitial2012egliobiettiviindicativinazionali
proposti nel PAEE 2011 per il 2016: oltre 73.000 GWh/anno risparmiati al 2012, pari a circa il 58% dellobiettivo
complessivo di risparmio energetico annuale previsto al 2016. Il buon risultato, in anticipo sulla tabella di marcia
tracciatanelPAEE2011peril2016,derivadallottimaperformancedelsettoreindustria,perilqualelobiettivostato
gi centrato con quattro anni di anticipo grazie al supporto determinante dei Certificati Bianchi, nonch di quello
residenziale, dove i tre quarti circa dellobiettivo sono stati gi raggiunti. Deficitario invece il quadro per il settore
terziario, sebbene le disposizioni contenute nel cosiddetto Decreto Certificati Bianchi e il neonato Conto Termico
miranoalsuperamentodellecriticitdiquestocompartonellimmediatofuturo.

Tabella4.12Risparmienergeticiannualiconseguitinelperiodo20052012eattesial2016(GWh/anno)
Decreto Detrazioni Ecoincentivie Risparmioenergetico Risparmioenergetico Obiettivo
Certificati
Tipologia Legislativo fiscalidel Regolamento conseguito attesoal raggiunto
Bianchi
192/05 55% 443/2009 al2012* 2016 (%)
Residenziale 24.450 15.237 8.246 44.109 60.027 73,5%
Terziario 728 1.278 214 2.220 24.590 9,0%
Industria 1.773 18.283 439 20.507 20.140 101,8%
Trasporti 6.443 6.443 21.783 29,6%
TOTALE 26.951 34.798 8.899 6.443 73.279 126.540 57,9%
* Al netto di duplicazioni e considerando nellindustria gli incentivi per motori e inverter erogati nel periodo 20072010, non
descrittiindettaglioperviadellesiguorisparmioenergeticoconseguito.
Fonte:ElaborazioneENEA

4.10 Sintesideirisparmiconseguiti:confrontoconlaSEN

LaFigura4.4mostraiprincipalistrumentiprevistidallaStrategiaEnergeticaNazionaleeirelativirisultatiattesi.

110
Fonte:www.qualenergia.it.


88

Figura4.4StrategiaEnergeticaNazionale:principalistrumentierisparmienergeticiprevisti


Fonte:MinisterodelloSviluppoEconomico

Restringendoilcampodiosservazionedeglistrumentianalizzatiinprecedenzaalsoloperiodo20112012,ilconfronto
con gli obiettivi al 2020 della SEN sintetizzato nella Tabella 4.13: i settori del residenziale e dellindustria hanno
raggiuntocircaunquartodellobiettivoprevisto,peruntotaledicirca25.000GWh/annorisparmiati.

Tabella4.13Risparmienergeticiannualiconseguitinelperiodo20112012eattesial2020(GWh/anno)
Risparmioenergetico Risparmioenergetico Risparmioenergetico Risparmioenergetico Obiettivo
Tipologia annualeconseguito annualeconseguito conseguito attesoal raggiunto
2011 2012 al2012 2020 (%)
Residenziale 5.678 4.518 10.196 44.194 23,1%
Terziario 340 56 396 23.260 1,7%
Industria 3.402 8.420 11.822 48.846 24,2%
Trasporti 1.744 804 2.548 63.965 4,0%
TOTALE 11.164 13.798 24.962 180.265 13,8%
Fonte:ElaborazioneENEA

4.11 Valutazionedellefficaciaedellefficienzaeconomicadeiprincipalistrumenti

Lefficaciadeisingolistrumentistatavalutatacalcolandoilrapportotrailvaloredelrisparmioenergeticoconseguito,
nelperiododal2008al2012,coninterventipromossidaciascunamisuradimiglioramentoeilvaloredellobiettivodi
risparmiodi126.540GWh/annoal2016(Figura4.5).

Figura4.5Efficaciadellemisurediefficienzaenergetica,anni20082012
Decreto
30%
Legislativo192/05
25%
Detrazionifiscali
20% del55%

15% CertificatiBianchi

10%
EcoincentiviAuto
5% eRegolamento
0% 443/2009

Fonte:elaborazioneENEA


89



Circal80%delrisparmiototaleconseguitorelativoallostrumentonormativodelDecretoLegislativo192/05(35%
circa)ealmeccanismodeiTitolidiEfficienzaEnergetica(45%circa).
LaTabella4.14 forniscelavalutazionedellefficienzaeconomicaperciascunodegli
strumenti di incentivazione analizzati in rapporto allinvestimento totale. Per i
GliinvestimentineiCertificatiBianchi Certificati Bianchi linformazione relativa agli investimenti non nota, sebbene
Analisidi100progettiaconsuntivo: dallanalisidiuncampionediprogettivalutatitramiteilmetodoaconsuntivo(siveda
boxdedicatoalato)ilcosto efficaciasiaggiraintornoa0,017/kWh,quindidiun
5miliardidieurodiinvestimenti
7milionidiTEEcomplessivi ordinedigrandezzainferiorerispettoalmeccanismodelledetrazionifiscalidel55%.
4milionidiTEEemessi(20%deltotale) Digranlungasuperioreilcostoefficaciarelativoallinvestimentototalenelsettore
3,5Mtep/annodirisparmioprevisto
2,6Mtep/annodirisparmioconseguito trasporti,mentrerisultaessereparticolarmenteesiguoquellorelativoalledetrazioni
del20%riservatefinoal2010perlinstallazionedimotorieinverter,afontetuttavia
diunmodestorisparmioenergeticoconseguito.

Tabella4.14Efficienzaeconomicadeglistrumentidiincentivazione:investimentototale
Investimento Risparmio
Investimento Vitautile Costoefficacia
Misura annuale conseguito
(M) (anni) (/kWh)
(M/anno) (GWh/anno)
CertificatiBianchi n.d. 10 n.d 34.798 n.d
Detrazioni55% Riqualificazioneglobale 538 20 26,88 433 0,062
Struttureopacheeinfissi 9.389 20 469,44 3.107 0,151
Pannellisolari 1.379 20 68,96 1.164 0,059
Climatizzazioneinvernale 5.334 12 444,53 3.621 0,123
Selezionemultipla 1.398 20 69,90 574 0,122
mediapesata 0,121
Detrazioni20% Motori 1,26 10 0,13 16 0,0081
motorieinverter Inverter 3,46 10 0,35 121 0,0028
mediapesata 0,003
Ecoincentiviauto 12.926 12 1.077,16 1.315 0,819
Fonte:ElaborazioneENEA

LaTabella4.15forniscelavalutazionedellefficienzaeconomicaperciascunodeglistrumentidiincentivazioneanalizzati
inrapportoalcontributoerogato.IltotaledeititoliemessidallavviodelloperativitdelregistrodeiTEEal31dicembre
2012paria17.229.742111,pertantoilcostosostenutoparia1,7miliardidieuronellipotesidiunprezzomediodel
TitolodiEfficienzaEnergeticaparia100euro:nederivauncostoefficaciaparia0,005/kWh,ancoraunavoltadiun
ordinedigrandezzainferiorerispettoalledetrazionifiscalidel55%.

Tabella4.15Efficienzaeconomicadeglistrumentidiincentivazione:contributoerogato
Contributo Investimento Risparmio
Vitautile Costoefficacia
Misura erogato annuale conseguito
(anni) (/kWh)
(M) (M/anno) (GWh/anno)
CertificatiBianchi 1.723 10 172 34.798 0,0050
Detrazioni55% Riqualificazioneglobale 296 20 14,79 433 0,034
Struttureopacheeinfissi 5.164 20 258,19 3.107 0,083
Pannellisolari 759 20 37,93 1.164 0,033
Climatizzazioneinvernale 2.934 12 244,49 3.621 0,068
Selezionemultipla 769 20 38,45 574 0,067
mediapesata 0,067
Detrazioni20% Motori 0,22 10 0,02 16 0,0014
motorieinverter Inverter 0,61 10 0,06 121 0,0005
mediapesata 0,0006
Ecoincentiviauto 1.589 12 132,44 1.315 0,101
Fonte:ElaborazioneENEA

Danotarechelemisureesaminatepromuovonointerventiinsettorieconomicidiversi,pertantorisultadifficileuna
valutazione comparativa che tenga conto delle differenti dinamiche di mercato. Si pu comunque osservare che il
meccanismodeiTitolidiEfficienzaEnergetica,oltreafornireilcontributomaggioreinterminiquantitatividirisparmio


111
Perunapprofondimentosiveda:http://www.mercatoelettrico.org/it/MenuBiblioteca/Documenti/20130128RapportoTEE.pdf.


90

energeticoconseguito,risultaancheilpiconvenientedalpuntodivistadellefficienzaeconomicaperilcontributo
erogato.
LaTabella4.16forniscelavalutazionedellefficienzaeconomicaperlostrumentonormativodelDecretoLegislativo
192/05:ilvaloreriportatoderivadaunavalutazionedimassimadellextracostonel2012imputabileaglistandardpi
stringenti introdotti dalla normativa. Landamento di tale indicatore a partire dal 2005 decresce costantemente nel
tempo e si andr presto ad allineare, anche per il nuovo costruito, con il valore osservato per gli interventi di
riqualificazionerealizzatinellambitodelmeccanismodelledetrazionifiscalidel55%.

Tabella4.16EfficienzaeconomicadelDecretoLegislativo192/05(/kWh),anni20062012
Costoefficacia 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012
Nuovocostruito 0,57 0,49 0,41 0,33 0,25 0,22 0,18
Ampliamenticonabitazioni 0,14 0,12 0,10 0,08 0,06 0,05 0,05
Mediaponderata 0,53 0,45 0,38 0,30 0,23 0,21 0,17
Fonte:ElaborazioneENEA

4.12 Stimadellericaduteoccupazionalinelsettoredellecostruzionialivellonazionale

ormainotochelariqualificazioneenergeticadelnostropatrimonioediliziopucontribuireinmisuradeterminante
alrisparmioconseguibilealivellodellinteraeconomianazionale.Ilsettoredellecostruzionihabeneficiato,inquesti
annidicrisi,dellapportopositivodelcompartodellamanutenzioneedilizia(ordinaria,masoprattuttostraordinaria),
unicocontributocheharidottolapesantissimacadutadelsettoreapartiredal2008.

Gliinvestimentiincostruzionisonoormai,nel2013(secondolestimepiaccreditate112),peroltreil65%riconducibili
ad interventi di recupero sul patrimonio esistente: il segno pi evidente che la trasformazione del settore verso la
riqualificazione(statica,funzionale,energetica)degliedificiedellecostruzioniormaiconsolidata,echetantaparte
ha,inquestatrasformazione,lariduzionedeiconsumienergeticielasostenibilitdelprocessoproduttivo.
Alladeterminazionediquestiandamentihannocontribuito,inmanieradecisiva,lariproposizioneedilrafforzamento
delle misure di incentivazione per la riqualificazione edilizia, sia di carattere generale (36%, 41%, 50%) che quelle
misurespecificamenteincentivantilariqualificazioneenergeticadegliedifici(55%,65%).
Nel2012sonostatecomplessivamentepresentate571.200domandeperladetrazionedellespesediristrutturazione
edilizia, e di queste 245.000 afferivano alla riqualificazione energetica113. Il numero delle domande per la
riqualificazioneenergeticamostrauntrendincrescita,conalcunebattutediarrestonel2011enel2012,dovutein
parteallacrisi,inpartealleffettoconcorrenzialechehannoavutolemisureincentivantidelrecuperoedilizio(50%),
troppovicine,interminidiincentivazione,al55%propostoperlavoridiriqualificazioneenergetica,cherisultanopi
complessidalpuntodivistatecnologicoerichiedentimaggioriadempimentiburocratici.
Lestimeperil2013prevedonounsensibileaumentodeilavoridetraibili,inpartericonducibilealleffettoscadenza
della detrazione del 55% prevista per il 30 giugno 2013, in parte alla proroga degli incentivi, che hanno portato un
potenziamentodellaliquotadetraibile(65%)elasuaapplicazioneanchepergliinterventidiadeguamentoantisismico
degliedifici.
Una stima dei riflessi occupazionali di tale attivit di riqualificazione energetica degli edifici, relativa al 2012, pu
essere effettuata utilizzando gli indicatori di impatto occupazionale identificati dallAutorit di Vigilanza114 ed
applicandoliagliinvestimentistimatiperil2012.Gliinvestimentiattivatichehannousufruitodelladetrazionesono
stimati,peril2012,incirca14miliardi,dicuicirca3miliardiascrivibiliagliinterventidiriqualificazioneenergetica.A
taliinvestimenticorrispondonocirca207.000occupatidirettie311.000complessivi,impiegatipertuttigliinterventi
incentivati. Di questi la quota parte della riqualificazione energetica ammonta a 44.000 occupati diretti e 67.000
complessivi.

112
Cresme,2013.
113
I dati che seguono sono desunti da Servizio Studi Dipartimento ambiente Camera dei Deputati e Cresme, Il recupero e la
riqualificazioneenergeticadelpatrimonioedilizio:unastimadellimpattodellemisurediincentivazione,Documentazioneericerche
n.83,26novembre2013.
114
Autoritperlavigilanzasuicontrattipubblicidilavori,servizieforniture(AVCP),RelazionealParlamento,2008.


91



Questastimasenzaltrodefinitaperdifetto,inquantolimitalavalutazione agli
interventi che hanno usufruito della detrazione e agli interventi edilizi a cui era
destinato lincentivo. Costituisce comunque un numero significativo, se si
considerache,nellostessoanno,ilsettorehapersocirca200.000occupati.

Quello che interessa sottolineare il potenziale di sviluppo del segmento della


riqualificazione energetica nel breve e medio periodo, che appare enorme:
adottando come obiettivo raggiungibile quello di attivare, per interventi di
efficientamento energetico, circa 7 miliardi di risorse dai fondi comunitari nel

WalterSchiavella settennio 20142020115, ed aggiungendo a questi fondi le previsioni di impatto
SegretarioGeneraleFILLEAFederazione della reiterazione degli incentivi nel solo periodo 20142016 (circa 9 miliardi di
ItalianaLavoratoriLegnoEdilieAffini
investimenti attivati116), si giunge ad un impatto occupazionale atteso di oltre
D:Quallostatodellarte? 237.000occupatidirettie355.000complessivi.
R:FILLEAhadatempopostoalcentrodella
suapoliticadiinnovazionesostenibile Attraversoilmaggioresviluppodellefiliereindustrialinazionalidiproduzionedei
lesigenzadiridurreilconsumoenergetico materiali e dei componenti per ledilizia (impiantistica e manufatti edili) e
degliedifici,perunaripresadellindustria
dellecostruzionielariqualificazionedel
attivando cicli di recupero e riciclo materiali da costruzione, non sarebbe
suosistemaimprenditoriale.Alcunecose irrealistico lo scenario definito da FILLEA Cgil e Legambiente, secondo il quale si
sonostatefatte,inparticolaredalversante arriverebbero a creare 600.000 nuovi posti di lavoro a regime, in tal modo
delsostegnoallinvestimentoprivato,
fornendounaboccatadossigenoal recuperando una parte della perdita occupazionale accumulata nel settore negli
settore.Moltorestaancoradafareper annipirecenti,masoprattuttocontribuendoinmododeterminanteallosviluppo
quantoriguardalastabilizzazionedegli
incentiviesuifrontidellacertificazione industrialeesostenibiledellindustrianazionaledellecostruzioni.
energetica(premialitlegatealpassaggio
diclasseenergeticadelledificio)edei 4.12.1 Nuove esigenze professionali nella trasformazione dei
finanziamenti(strumentifinanziari
dedicati,agevolazionialleESCo). modelli organizzativi del processo edilizio e della filiera
D:Qualisonolebestpractices? dellecostruzioni117
R:Comincianoadassumererilievoanchein Lesigenza di aumentare lefficienza energetica nel processo produttivo delle
Italialeesperienzediprogettazionedi
edificiequartierisostenibili,nonchdi costruzionienellafasedigestionedelprodottoediliziounodeiprincipalifattori
riqualificazionestrutturaleedenergetica di trasformazione del settore, trasformazione che costituisce per esso anche
sulpatrimonioedilizioesistente.Tuttavia,
peruninterventodiffusodiriqualificazione unopportunitdiristrutturazioneinsensoindustrialeavanzato.
strutturaleedenergeticaindispensabile
unsistemadiimpresacheopericonlivellie Nel settore delle costruzioni tale innovazione sostenibile non si pu raggiungere
standardqualitativielevatipermaterialie senza un sistema dimpresa che operi in un mercato regolare e trasparente, con
tecnologieutilizzate,proceduretrasparenti
adottateefornitoridiprimascelta.
livelliestandardqualitativielevati,sianellusodimaterialietecnologie,sianella
scelta di procedure trasparenti e fornitori selezionati, n senza un approccio
D:Qualisonolebarriereeleprospettive?
progettualeattentoalledimensionidellasostenibilitambientaleedellefficienza
R:Lefficienzaenergeticacostituisceuno energetica.
deiprincipalimercatidelpresenteedel
prossimofuturo,ilcuipienosviluppo Ci comporta uninversione di tendenza rispetto allattuale configurazione del
porterebbearecuperarebuonapartedelle
ingentiperditeoccupazionalichelattuale mercato e del sistema imprenditoriale, inversione che si rende quanto mai
crisihacomportato.Infatti,grazieaquesta necessaria e che diventa, nello specifico delle trasformazioni indagate, quasi un
tipologiadioperesicreaunoccupazione
specializzata,tendenzialmentepistabilee
prerequisitoperlaloroapplicabilit.
pigarantitariguardoarischidiinfortunio
emalattiaprofessionale.Atalfine,oltrea Non infatti possibile operare con imprese irregolari, senza qualificazione del
rimuovereilimitialfinanziamento(sia personale,alribassoestremodeicosti,sealtempostessosiinvesteininnovazione
pubblicocheprivato)necessario
sosteneredomandaedoffertaaltempo
e si utilizzano tecnologie complesse che necessitano di investimenti e personale
stesso.Daquestultimoversante,una qualificato,omaterialiecomponentidalleprestazionielevateegarantite.
premialitperleimpresevirtuoseeduna
formazionemirataallenuovecompetenze

necessariesonoglialtrielementi
115
fondamentalidiunastrategiavincentesul Cfr. Fillea CgilLegambiente, Innovazione e sostenibilit nel settore edilizio, 2 Rapporto
frontedellefficienzaenergetica. 2013.
116
ServizioStudiDipartimentoambienteCameradeiDeputatieCresme,op.cit.
117
Il paragrafo una sintesi ragionata, tratta da Fillea CgilLegambiente, Innovazione e
sostenibilitnelsettoreedilizio,1Rapporto2012e2Rapporto2013.


92

Linnovazione sostenibile, indotta dallesigenza di riqualificazione energetica del nostro patrimonio edilizio, si
caratterizza,infatti,perlaccelerazionecheportaalprocessodiindustrializzazionedelsettore,perlasemplificazione
dellefasilavorativeincantiere,perlelevatogradodiinnovazione,diprodottoediprocessorichiestonellaproduzione
dimateriali,componentietecnologie,perlaltolivellodispecializzazionecheesigedallemaestranze,perungenerale
sensibilemiglioramentodellecondizionidisaluteedisicurezzasullavoro.
In particolare questo processo comporta, riguardo alloccupazione, una generalizzata sensibile riduzione della
manodopera non qualificata impiegata nelle fasi di cantiere, a fronte di un aumento della specializzazione per gli
operaieperunaseriedicompetenze,ancoraspecialistiche,chesicollocanoamonteeavalledellefasidicantiere.
Taletrasformazionetantopievidentequantopielevatoillivellodiautomazione/meccanizzazioneindottonelle
fasilavorativedallintroduzioneditecnologiecomplesse.
Riguardo alla nuova edificazione, le tecnologie edilizie che si stanno imponendo allattenzione del mercato e degli
operatoridelsettoreperleelevateprestazionienergetichesonoprevalentementequellediassemblaggioasecco,in
legno,inacciaioomiste118.

Lintroduzioneditecnologiediassemblaggioaseccodicostruzionedegliedificicomportaunatrasformazioneradicale
delprocessoproduttivoedellorganizzazionedellavoro.
La gran parte del lavoro si sposta infatti in stabilimento, dove vengono prodotti i componenti edilizi, in legno o in
acciaio. Il processo edilizio in cantiere si semplifica drasticamente, essendo ridotto ai lavori di fondazione, al
montaggioincantieredistrutturaepannelliprefinitieadeventualilavoridifinitura,impiantistica,etc.,qualoranon
gicompresineglielementiprefabbricatiprovenientidallafabbrica.

Diconseguenzasiverificaunospostamentodellaforzalavorodalcantiereallostabilimento,dovevengonoprodottile
strutture,itamponamentielepartizioniinterne,avolteanchecompletidiimpiantiefiniture,asecondadelgradodi
prefabbricazionedelledificio.

Riguardo alle caratteristiche delloccupazione in stabilimento, il passaggio epocale, poich si realizza, di fatto,
unindustrializzazionedelprocessocheriducelacomponenteoperaiacomplessiva,ovverolasuaincidenzasultotale
degli addetti nellintero processo (mediamente inferiore al 50%), a vantaggio di figure tecniche industriali (tecnici
progettisti,espertidifisicatecnicaesimili),amministrativeecommerciali.

Asuavolta,lacomponenteoperaiaguadagnasenzaltroinstabilitdelrapportoprofessionale,inspecializzazione(gli
operai devono essere in grado di operare con una precisione estrema, si trovano a gestire macchine a controllo
numerico),insaluteesicurezza(irischiegliinfortunisonoriconducibiliadunacasisticanota,lecondizionidilavoro
sono controllate e levento imprevisto ridotto al minimo, sono pi facili interventi di riduzione dei rischi e di
mitigazionedeglieffettinegativisullasalute).
Se la prefabbricazione integrale, assieme agli operai che producono gli elementi, lavorano anche finitori e
impiantisti,chedevonoanchessiesserespecializzati,peroperareconprecisioneetempiprestabilitinellambitodel
processo produttivo dello stabilimento. Questo comporta una integrazione di figure professionali edilizie, ora
prevalentementeindipendenti,entroilciclodilavoroinfabbrica.
Percicheconcerneilcantiere,siriduconolefigureprofessionalipresenti:oltrealdirettoredeilavori,chegestisceil
rapporto fra stabilimento e cantiere e programma le fasi di montaggio, servono principalmente dei montatori,
operatori specializzati che lavorano in squadre fidelizzate o dipendenti dalle aziende produttrici dei componenti.
Questi sono in grado di operare le giunzioni meccaniche tra gli elementi. Restano le figure tipiche delle fasi di
approntamentodelcantiereedirealizzazionedellefondazioni.Selaprefabbricazionenonintegrale,rimangonoin
cantiereanchelefigurelegateallefinitureeagliimpianti.

118
Perassemblaggioaseccosiintendelatecnicacostruttivabasatasullassemblaggiomeccanico,incantiere,dicomponentiestrati
funzionalirealizzatiindustrialmenteinstabilimento.Quellochedistinguelassemblaggioaseccodallaprefabbricazioneincemento
lassenzadigiunzioniadumido,ovverorealizzatepermezzodileganticementizi.Questatecnicacostruttivaprediligedunque
limpiegodielementi,strutturalieditamponamento,inlegno,inacciaio,omisti.


93

Cisonoancheimportanticonseguenzesullorganizzazioneproduttivaalivellodifiliera,poichunoscenariodicrescita
della prefabbricazione edilizia in legno e in acciaio comporta laumento della produzione e della prima lavorazione
della materia prima (legno, anche essenze tenere; acciaio), con possibile aumento delle figure specializzate nella
gestioneforestaleeneilavoridiprimaesecondalavorazionedellegno,enellindustriasiderurgica.
Riguardo alla riqualificazione energetica del patrimonio esistente, si riduce il livello di complessit tecnologica delle
fasi costruttive, spesso si introducono innovazioni di prodotto in unorganizzazione di cantiere ancora di tipo
tradizionale.Siparla,inquestocaso,diunindustrializzazioneleggera,opercomponenti,delprocessoedilizio.
Adunminorgradodiindustrializzazionecorrisponde,allora,unadeguamentodicompetenzenellamanodopera.

Pi che di nuove figure professionali richieste (a parte il caso degli impiantisti specializzati nelle energie rinnovabili
integratealledificio)sipuparlare,inquesticasi,didiffuseesigenzeformative,cheriguardanolecompetenzetipiche
del cantiere edile (muratore, finitore, etc.), tendenti a dotare i lavoratori di informazioni e competenze specifiche
riguardanti i nuovi materiali e componenti, le corrette modalit di posa in opera, gli eventuali nuovi rischi
professionali.
Si tratta di un campo gi esplorato a livello teorico, ma non abbastanza implementato nella realt: occorre
incrementare la formazione per riqualificare la manodopera ed offrire unadeguata risposta, in termini di offerta, a
unadomandainrapidaevoluzione.
Le figure specializzate pi richieste variano dal muratore esperto in tecniche di miglioramento energetico,
allinstallatore di impianti e tecnologie per la domotica e per la contabilizzazione del calore; dallesperto in
installazionedisistemiisolantiacappotto,aquellospecializzatonellainstallazionediimpiantiidrauliciedisolare
termico,odiimpiantielettriciefotovoltaici,finoalpittoreespertointecnicheematerialiabassoimpattoambientale
(tinteggiatureedintonacibioedili).

Tuttiglialtriaspettipositivilegatiallaqualitdellavoro(stabilitlavorativa,miglioricondizionidisaluteesicurezza)
sonoancheinquestocasopresenti,marisultanomenorilevantirispettoaicasiprecedenti.
Ancheriguardoallariqualificazioneenergeticanascononuoveesigenzeprofessionali,amonteeavalledelprocesso
edilizio:ilprogettistaespertodibioclimaticaodifisicatecnica,eilvalutatore/certificatoreenergeticoambientale,per
faredueesempitraipiimportanti.
Infinenonsiputralasciarelesigenzadiaumentarelefficienzaenergeticaneiprocessiproduttividellecostruzioni,a
prescindere dalle tecnologie specificamente impiegate nella riqualificazione energetica degli edifici, e a questo
riguardomoltoimportantisonotuttiiprocessidimeccanizzazioneedautomazionedelcantiere,realizzatimediante
lintroduzionedimacchinechesvolgonoleattivitprecedentementerealizzateinmodomanuale.
Ancheinquestocasoassistiamoallasemplificazionedelprocessocostruttivo,avolteallasuacompletaautomazione
( il caso delle tecnologie di scavo automatizzate), e ad una forte specializzazione della manodopera (operai
qualificati/specializzati in luogo di operai comuni). La forte domanda di specializzazione , in questo caso, relativa
allusoeallamanutenzionedellemacchine.
Anche in questo ambito la formazione riveste un ruolofondamentale, rappresentando la condicio sine qua nonper
operare.Lamotivazioneevidente:uncorrettousodiapparecchiatureemacchinelapremessaindispensabilealla
buona esecuzione dei lavori e, di converso, un uso improprio delle stesse pu procurare seri danni a persone e
manufatti.
Acompletamentodelnuovoquadroprofessionaleemergente,eaconfermadellepotenzialitdisvilupponelsettore
delle costruzioni, sottolineiamo che, nellambito delle nuove occupazioni verdi emergenti, evidenziate annualmente
nel Rapporto GreenItaly119, circa la met (sia nel 2012 che nel 2013) riferibile, direttamente o indirettamente, al
settoredellecostruzioni.
Sitrattadifiguretecnicheespecializzate,spessoimpiantistiche(elettricisticivili,idraulici),percuisonopreviste,dalle
imprese,assunzioninonstagionalianchenellordinedialcunemigliaia.ilcasodeglielettricistinellecostruzionicivili

119
Unioncamere,Symbola,GreenItalyRapporto2013,QuadernidiSymbola.


94

eassimilati,percuisiprevedono4.020assunzioninel2013,odegliidraulicieposatoridicondutturegas,periqualise
ne stimano 3.370. Riguardo alledilizia in legno, spicca la figura dei carpentieri e falegnami nelledilizia (2.080
assunzioni).
Linnovazione sostenibile, dunque, pu incentivare la trasformazione del settore e guidare un processo di
specializzazionedellamanodopera,nelqualemoltemaestranzeattualmentenonutilizzatepossonotrovareunanuova
emigliorecollocazionedimercato.
Naturalmente questo implica, da parte dei soggetti che attuano la formazione, uno sforzo per adeguare la propria
offerta ad una domanda in rapida evoluzione, e la capacit di far incrociare, anche a livello locale, questa nuova
domandadilavoroconlariqualificazionediprofessioniemansionichenontrovanopicorrispondenzanelmercato
dellecostruzioni.
Se questo lo scenario di trasformazione dellorganizzazione del lavoro a seguito dellintroduzione di tecnologie
legate allefficienza energetica, appare chiaro che il valore e le potenzialit di tale nuovo scenario si potranno
comprendereappieno soltanto se si guarder alla filiera delle costruzioni nella sua interezza e complessit, e se, in
questottica allargata, si valuteranno le trasformazioni indotte, anche e soprattutto quelle riguardanti il mondo del
lavoro.
In conclusione si pongono due questioni di cruciale importanza per tutti gli attori coinvolti: necessario, per essi,
rispondere a tali questioni, mettendo in atto condizioni che favoriscano lo sviluppo sostenibile del settore e
loccupazioneinchiavegreen,conparticolareriguardoallariqualificazioneenergeticadelcostruitoeallefficienzadei
processicostruttivi.

Laprimariguardailcambiamentodelsettoreelecapacitdirappresentarlodapartedeglistakeholders:
Il processo edilizio, soprattutto se riferito allintervento sullesistente, si svolge in un luogo, il cantiere, che
apparecomplesso,edoveoperano,spessocontemporaneamente,figurespecializzateediverse.
Linnovazione nei materiali e componenti per ledilizia corre a ritmi sostenuti, i materiali sintetici, quelli
compositi o riciclati, i nano o biocomposti, prendono sempre pi spesso il posto dei materiali
tradizionalmenteritenutidelledilizia(legno,laterizi,cemento,lapidei).
Le figure tecniche e progettuali, spesso altamente specializzate e dallelevato livello di istruzione, sono in
rapidacrescitae,accantoaquelleimpiegatizie,tendonoasuperare,interminipercentuali,lacomponente
operaia, anche nel processo edilizio, soprattutto se esso presenta le caratteristiche di innovazione che
abbiamodescrittoinquestoparagrafo.

Per cogliere appieno le trasformazioni in atto, le associazioni datoriali, le parti sociali e le istituzioni stesse, devono
adeguarelepropriestruttureediproprimodelliorganizzativiadunarealtpiampiaecomplessa,inmododaessere
maggiormenterappresentativedellindustriacontemporaneadellecostruzioni.
Laltro aspetto quello della formazione, un esigenza che, riguardo alle nuove competenze ambientali, attraversa
tutta la filiera delle costruzioni (lavoratori negli impianti di produzione di materiali e componenti, oltre che edili
propriamente detti) e coinvolga tutte le qualifiche professionali (gli operai specializzati, sia in cantiere che negli
impianti fissi,ma anche i tecnici, gli impiegati, icommerciali, nonch iprogettisti e ipromotori, e imanagerai vari
livelli).
Gliambitiformativisonodiversiemoltobenindividuabili:sipassadallaconoscenzadinuovimaterialiecomponenti
per ledilizia (caratteristiche, modalit di posa in opera in cantiere, nuovi rischi di salute e sicurezza), allimpiego di
nuove macchine e di nuove tecnologie edilizie, fino alla formazione di operatori specializzati alle macchine di
produzioneinseriedicomponentiperledilizia,eallaltaformazionedifiguretecniche,comeiprogettisti,itecnicidi
ingegnerizzazioneindustriale,ivalutatorienergetici,etc.
Laformazionenondeve,dunque,esseregenericaenazionale,maspecifica,asecondadeiprofiliprofessionalirichiesti
edellecaratteristichedellaplateadeilavoratori(altaqualificazioneprofessionale,formazionespecialistica)elocale(si
devedarerispostaalleesigenzediunterritorio,perlasuaspecializzazioneproduttiva,enellimmediato).


95

Inquestocontestoglientibilateraliediformazioneedilepossonosvolgereunruolofondamentaleperavvicinarela
crescentedomanda(ilavoratoriesclusidalprocessoproduttivo,idisoccupati,soprattuttogiovani)allanuovaofferta
chesidelineanellattualescenariodellecostruzioni.


96

5. Leretidelfuturo


5.1 SmartCitiesandCommunitieselefficienzaenergetica

AllinternodelprocessodicambiamentodelineatodalPacchetto202020,lecitt
rivestonounruolocruciale.Infatti,essendoleareeurbaneresponsabilidicircail
75%delconsumomondialedienergiaedell80%delleemissioniglobalidiCO2,ed
essendo il livello di urbanizzazione in continua crescita, la promozione di centri
urbani intelligenti ed energeticamente efficienti rappresenta un contributo
fondamentaleperunacrescitasostenibile.
La questione ambientale, il cambiamento climatico e la sostenibilit energetica
rappresentanodriverimportantilegatialrinnovamentodellecitt.Nondimeno,
datenereinconsiderazionecheilmiglioramentodellaqualitdellaria,lariduzione
RodolfoZich
della congestione del traffico, la salute, il benessere e linclusione sociale sono PresidenteFondazioneTorinoWireless
CoordinatoreClusterTecnologieperle
beneficidirettiepitangibilidellegreenpolicypericittadinichecompongonola SmartCommunities
comuniturbana.Infatti,lacittnondeveesseresolounmotoreeconomico,ma
D:CosasonoiClusterNazionali?
deve anche garantire tutti gli elementi essenziali ad una buona qualit della vita
delcittadino. R:IClusterNazionalisonolespressionedel
nuovoapproccioconcuiilMIURintende
Nello scenario di contesto delineato, si tenga presente che la Commissione sostenereepromuovereimodellidi
innovazionenelPaesegraziealla
Europea, mediante liniziativa Smart Cities del SET Plan finalizzata a creare le collaborazionetradistrettitecnologici,enti
condizioni per far partire ladozione di massa delle tecnologie a favore locali,imprese,universitecentridi
ricercapubblicieprivati,presentinelle
dellefficienza energetica verso uneconomia a bassa emissione di carbonio, ha diverseregioniefocalizzatisuspecifici
rafforzato la centralit del concetto di Smart Cities, e pi in generale di Smart ambititecnologicieapplicatividiinteresse
strategicoperlindustriadelPaese.
Communities, quale progettualit finalizzata a migliorare la qualit della vita dei
cittadini, mediante lapplicazione in ambito urbano/metropolitano, di soluzioni D:QualisonogliobiettividelCluster
TecnologieperleSmartCommunities?
tecnologiche intelligenti per lo sviluppo sostenibile. Questa posizione risulta
peraltro coerente con i pi ampi programmi strategici europei e mondiali che R:LobiettivoprincipaledelCluster
TecnologieperleSmartCommunities
considerano la sostenibilit energetica e la riduzione della carbon footprint degli rispondereallegrandisfidesociali
obiettivi primari. Daltra parte i temi chiave del programma strategico Horizon promuovendoprogettidiricercaedi
innovazionenellambitodellefficienza
2020 richiamano lattenzione sullampio spettro di sfide sociali inerenti salute e
funzionale,delmiglioramentodellaqualit
benessere, efficienza energetica, trasporti e mobilit sostenibile, sostenibilit dellavitaedellasostenibilitambientale
ambientaleeinclusionesociale,concuilosviluppodicittecomunitintelligenti edeconomicadellecomunit.

dovrmisurarsi. D:Qualisonolesfidechedovr
affrontarenelbrevetermine?
Va,inoltre,osservatocheiconcettidiSmartCitieseSmartCommunitiesvengono
R:Lasfidaconsisternelcontribuirea
comunemente associati, in una declinazione che evidenzia la stretta correlazione rendereilnostrosistemapicompetitivo
tra la dimensione delle citt e delle infrastrutture fisiche che ne regolano il sutematichediriconosciutovalore
strategico,cogliendoapienotuttele
funzionamentoconquelladellecomunit,deisingolicittadiniedelleaggregazioni
opportunitdifinanziamentodedicatealla
sociali che le popolano. Questa associazione diventa molto stretta ed evidente ricercaalivellonazionaleeinternazionale.
quando si mettono in relazione efficienza energetica, sostenibilit ambientale e
qualitdellavita.

Il Cluster Tecnologie per le Smart Communities, che si propone di mettere le tecnologie e linnovazione dei diversi
settori applicativi al servizio dello sviluppo di un nuovo sistema di relazioni avanzate per la comunit, interpreta le
Smart Communities come luogo/contesto territoriale in cui, grazie al supporto e allapplicazione di tecnologie
pervasive e allo sviluppo di avanzate soluzioni applicative, possibile implementare processi e servizi innovativi,
inclusivi, partecipativi, democratici e personalizzabili, in risposta alle moderne sfide sociali e tecnologiche in diversi
settori di interesse (quali mobilit, salute, istruzione, cultura e turismo, reti energetiche, efficienza energetica), nel


97

rispetto dei requisiti di sostenibilit ambientale, sociale ed economica e riconoscendo la centralit delle esigenze
dellindividuoedellacomunit.
In risposta alle sfide sociali legate al miglioramento delle prestazioni energetiche e ambientali degli agglomerati
urbani,checostituisconounodeiprincipaliconsumatoridienergianonchareechesubisconoinmodosostanzialegli
effettidellinquinamento,sonooggettodiattenzioneazioniasupportodiunutilizzorazionaledellerisorsedapartedi
imprese,cittadinieamministrazionipubbliche,alivellodisingoloedificio,didistrettoodiquartiere,attraversosistemi
dimisurazione,monitoraggioegestionedeiconsumidiqualsivogliavettoreenergetico(e.g.energiaelettrica,acqua,
gas),nonchnuovimodellidiinterazioneesensibilizzazionealrisparmiodellutentefinaleoltrechedeigestoridella
domandaenergetica.
Gliimpattiditalisoluzionisullacomunitpossonoricaderenellasferapubblica(e.g.illuminazionestradale),nellasfera
privata(e.g.edificiresidenziali)e/onellasferalavorativa/ricreativa(e.g.uffici,centribenessere,esercizicommerciali).
Ricoprono altres un ruolo chiave attivit rivolte allelaborazione di nuovi modelli di pianificazione e ottimizzazione
dellutilizzodienergia,dafontitradizionalie/orinnovabili,ingradodiintegrarsiconglialtrielementidellecosistema
urbano(e.g.trasporti,gestionedelleacque,smaltimentodeirifiuti)edelaboratiinbasealleesigenzeeaimezzidelle
cittedellecollettivit,attraversosistemidirilevazioneemodellizzazionedeiprofilidiconsumo,analisieprevisione
delladomandaenergetica,nonchmisurazioneemonitoraggiodellaproduzioneenergetica.
In linea con la percentuale di consumo energetico complessivo annuo riconducibile ai consumi degli edifici e
nellambito del quadro normativo italiano in relazione allefficienza energetica, il potenziale teorico di risparmio da
interventidibuildingefficiencydicirca120miliardi,dicui2025miliardidaedificiresidenziali.
InTabella5.1sonoriportatiiprincipaliambitiacuisipossonoricondurregliinterventieffettuatiinmateriadienergia
elerelativecaratteristichediinnovativitriscontrabili.

Tabella5.1AreeapplicativeinambitoEnergia
Areaapplicativa Caratteristichediinnovativit
Sistemidiautomazioneecontrollo,ciosoluzioniICTavanzateingradodigestiree
Buildingefficiency ottimizzareiconsumienergeticiallinternodegliedifici.Massimizzarelefficienzaeil
(sistemiattivi) rendimentoenergeticiconapplicazioniesoluzionichemiglioranolefficienzadegliimpianti
conuncontrollodellutilizzoedelladistribuzionedellenergia.
Soluzionicheriduconoiconsumidienergia elettricaotermicaattraversolutilizzodi
Buildingefficiency
tecnologiedefinitepassive,integratenellecaratteristicheedilizieearchitettonichedegli
(sistemipassivi)
edifici(materialietecnichediisolamento).
Sistemidigenerazioneeimmagazzinamentodienergia,ovverosoluzionichepermettano
Integrazionelocaleconfontirinnovabili lintegrazionedegliedificiconsistemilocalidigenerazionedienergiadafontialternativeedi
immagazzinamentodellenergiastessa.
Lesoluzioniriguardano:
Realizzazionedisistemiottimizzatiingradodiintegrare,controllareeregolarelevarie
fontidisponibiliperalimentarelareteinfunzionedelcaricoreale;
Gestioneavanzatateleriscaldamento
Sistemidimisurazioneintelligentiingradodiraccogliereinformazionih24circala
domandadegliutenti;
Implementazionedellatecnologiadeisistemididistribuzione.
Applicazionidiambientintelligence,ovverosistemiingradodiadattarelilluminazionealle
Illuminazionepubblica
condizioniambientali(e.g.strade,monumenti,retail)
Fonte:elaborazioneFondazioneTorinoWireless

Va,infine,sottolineatalimportanza,perleSmartCities,didotarsidiunsistemadiindicatoriorientatoamisuraregli
impatti delle azioni strategiche per unevoluzione smart della citt e a rappresentarne i cambiamenti, rispetto a se
stessa e ad altre realturbane. Tale elementocostituisce largomentochiave su cui si concentranole discussionidi
gruppi di lavoro nazionali e internazionali. In relazione ai temi dellefficienza energetica in ambito Smart Cities, i
principaliindicatori,riconosciutiincontestidiprogrammazionestrategicalocale,nazionaleedeuropeaefruttodiun
consolidatopatrimoniodiriflessionieprogettualitinmerito,sonoprincipalmentericonducibiliallivellodiconsumi
energetici (energia elettrica e termica), alla produzione da fonti di energia rinnovabile e al livello di emissioni
inquinanti.
Vengonoriportatediseguito,inqualitdibestpractices,leesperienzeeipercorsidisviluppoinmateriadiefficienza
energeticadialcunerealturbanedelterritorionazionale.


98

5.1.1 TorinoSmartCity

A partire dalla fine del 2011, il Comune di Torino ha intrapreso un percorso per la realizzazione della propria citt
intelligente dando vita alla Fondazione Torino Smart City (http://www.torinosmartcity.it/), ente preposto al
coordinamentoeallagestioneditutteleiniziativediTorinoSmartCity,econtestualmentedotandosidellostrumento
MatchingBoard,sviluppatoincollaborazioneconlaFondazioneTorinoWireless,perlarilevazionedellecompetenze
tecnologicheedimercatodelleaziendeinteressateasviluppareprogetticongiunticonlaCitt.

Nelcorsodel2012statoinoltreavviatoilprocessodistrutturazionedelprogettoSMILE,checostituiscelostrumento
con cui la Citt di Torino ha deciso impostare il modello di citt intelligente, che la guider nellindividuazione di
traiettorie di sviluppo, obiettivi e priorit, attraverso azioni strategiche e progetti chiave, oltre la logica delle
sperimentazioniisolateepromuovendomodelliesoluzionisostenibiliereplicabili.Ilprogetto,cheprenderavvionei
primimesidel2013,siconcentrersuquattrodominiverticaliritenutistrategiciperlosviluppodiTorinoSmartCity
(Mobility,Inclusion,Life&Health,Energy)esuduetematichetrasversali(Integration,Governance&BusinessModel).
IlrisultatoditaleattivitsarilMasterplandiTorinoSmartCity,cheraccoglierilpatrimoniodiriflessionieanalisidei
diversiattorichiamatiacostruireunastrategiadisviluppo,sianelbrevesianelmediolungotermine.IlMasterplan,
risultante da un processo di concertazione con esperti provenienti dallAccademia, da centri di ricerca, da enti
territoriali,daassociazionidicategoria,cooperativeefondazioninonchdalleimprese,permetterdirazionalizzaree
armonizzarelemoltepliciattivitinessereeinprogrammazionedapartedellaCittinrelazioneallambitoSmartCity.
Atalproposito,laCittdiTorinohagidatoavvioadalcuneiniziativeinerentilefficienzaenergeticaelasostenibilit
ambientaledellareaurbana,attraversolosviluppodipianisettoriali,assetelapartecipazioneaprogettidiricercae
sviluppoinambitoEnergiaeMobilit.

ConladesionealPattodeiSindaciTorinohaelaboratoeattuatounproprioPianodAzioneperlEnergiaSostenibile
(TAPETurinActionPlanforEnergy)perridurreinmodosignificativoleproprieemissionidiCO2al2020.Glielementi
chiave di questa strategia sono rappresentati da un deciso miglioramento delle prestazioni energetiche degli edifici
esistenti, dal ricorso alle fonti rinnovabili di energia, da un importante piano sui trasporti per diminuire il ruolo e
limpattodeltrasportoveicolareprivatoafavoredeltrasportopubblicoedaunasignificativaestensionedellaretedi
teleriscaldamento urbano basato su cogenerazione, che giunger a una copertura del 45% della volumetria
residenzialedellacitt.

Particolare attenzione stata rivolta alla sensibilizzazione delle comunit scolastiche sui temi della sostenibilit
ambientale,attraversoilpianoSmartSchool,orientatoacoinvolgereilsistemaeducativonellacostruzionediuna
cittintelligente.Ilpianointendesviluppareattivitdipianificazionestrategicaperilmiglioramentodellefficaciae
della sostenibilit delle componenti materiali ed immateriali dei servizi educativi, per la riqualificazione e
lefficientamentodelpatrimonioedilizioafferentealsistemaeducativoepercoinvolgerelecomunitscolastichein
percorsiculturali,educativiepartecipativisuitemidellefficienzaenergetica,dellamobilitsostenibileedellatutela
dellambiente.

FragliassetdellaCittriconducibiliallambitoEnergiaeMobilitsiannoverano:
EnergyCenter:approvatoconattodellaGiuntaregionale,ilprogettosiproponedirealizzareuncentrodi
competenza nel campo dellinnovazione energeticaambientale e si inserisce in un programma di
riqualificazioneericonversionediunareadelComunediTorino.
Cruscotto Urbano: strumento di business intelligence territoriale per lanalisi permanente, dinamica e
georeferenziata degli indicatori di contesto, degli indici di valutazione e degli scenari di simulazione
predittiva.SviluppatodaCSIPiemonte,talestrumentopermettediconoscereilconsumoerisparmiodi
energia, disegnando la mappa energetica della citt, rilevare i dati relativi alla mobilit cittadina,
misurare i livelli di inquinanti nellatmosfera, visualizzare le certificazioni energetiche degli edifici,
monitorareillivellodisicurezzaurbanarealeopercepita,conoscereleopinionideicittadiniattraverso
unsistemainterattivodisondaggioeconsultareinmodalitvisualeiconcettidiscussiinretesuunarco
temporalepilungo.
Traffic Operation Center: si tratta della centrale operativa di monitoraggio del traffico dellarea
metropolitanatorinese,integrataconilsistemadimonitoraggiodeimezziditrasportopubblicolocale,al


99

finedimigliorarelafluiditdeltrafficoeleprestazionideltrasportopubblicoeconlobiettivoultimodi
ridurreleemissioni.
BIP BigliettoIntegrato Piemonte120: si trattadi un innovativo sistema dibigliettazioneelettronica che
permetter,grazieaunasmartcardamicrochip,diaccedereaqualsiasimezzopubblico(appositamente
attrezzato)inqualunquezonadelterritorioregionale,conlobiettivodifacilitareeincentivarelaccesso
aiserviziregionalidimobilitemigliorarequalit,efficienzaesicurezzadelservizioditrasportopubblico.
Peraltro,laCittdiTorinohacondottonegliultimianniattivitdistudioecapacitybuildinginternainmateriadiuso
strategicodegliappaltipubbliciasostegnodellinnovazioneinambiticoerenticonlavisionediTorinoSmartCity.Su
tali esperienze, realizzate attraverso progetti europei, la Citt ha intenzione di costruire in futuro operazioni di
procurementinnovativoeprecommercialeingradodivalorizzareirisultatidelleattivitdiricerca:
Progetto SCINETWORK Sustainable construction and Innovation through procurement121 (settembre
2009 dicembre 2012), finanziato nel 2009 nellambito del Programma CIP, rivolto a creare unampia
rete di autorit pubbliche europee interessate a confrontarsi sul tema del sostegno allinnovazione
tramitegliappaltipubblicinelsettoredellediliziasostenibile.Nellambitoditaleprogetto,laCitt,che
ha partecipato ai gruppi di lavoro a livello nazionale ed europeo, ha promosso la conoscenza del
procurement innovativo a livello locale attraverso lorganizzazione di azioni di capacity building. La
sperimentazioneelareplicabilitditaliprocedurediappaltoinnovativo,sonoprevistenellambitodidue
ulteriori progetti europei finalizzati alla realizzazione concreta di un appalto di innovazione (PROLITE,
INNOCAT,PROBIS).
Progetto PROLITE Procuring Lighting Innovation and Technology122, finanziato con fondi provenienti
dallUnioneEuropeaefinalizzatoallarealizzazionediappaltidiinnovazionenelsettoredellilluminazione
pubblica. Per la Citt di Torino, oggetto dellappalto saranno soluzioni innovative per lilluminazione
nellediliziascolastica.
ProgettoINNOCATProcuringofecoinnovationinthecateringsector123(gennaio2013dicembre2015)
un progetto finanziato nellambito della Call for proposals ENT/CIP/11/C/N02C00 Reinforcing
Procurement of Ecolnnovation Network of Green Public and Private Procurers nel settore della
ristorazione scolastica. Il progetto mira a realizzare offerte ecoinnovative nel campo dei servizi di
ristorazione collettiva. Lelemento caratteristico della call rappresentato dalla cooperazione tra gli
acquirenti pubblici e privati nella definizione delle procedure di acquisto che potrebbero innescare
soluzioniecoinnovative.
Piano di Riqualificazione Energetica di Edifici Municipali: nellambito delle misure rivolte allefficienza
energetica del patrimonio comunale, si tratta di un piano di riqualificazione energetica di sei edifici
scolasticiedelConservatoriodiTorino.Taleattivit,finanziataattraversoFondiFESRedfinalizzata
alla promozione delluso efficiente delle risorse energetiche mediante la razionalizzazione e il
contenimentodeiconsumienergetici.Lobiettivofinalequellodellariduzionedelladomandadienergia
dicircail70%.
Progetto CIE Cleantech Incubation Europe124 (gennaio 2012dicembre 2014), progetto finanziato
nellambito del programma Interreg IV C, guidato dallUniversit Tecnologica di Delft e incentrato sul
supportoelostimoloaimprenditoriePMIchelavoranonellambitodelletecnologiepulite.

5.1.2 BolognaSmartCity

Le citt smartsono sistemi intelligenti e sostenibili, aree urbane che pianificano coerentemente lintegrazione delle
diversecaratteristicheidentitariedelproprioterritorioculturali,economiche,produttive,ambientaliinunotticadi
innovazione. Bologna ha scelto di percorrere questa strada nel solco della propria tradizione civica, attraverso

120
Perunapprofondimentosiveda:http://bip.piemonte.it/.
121
Perunapprofondimentosiveda:http://www.scinetwork.eu/.
122
Perunapprofondimentosiveda:http://www.prolitepartnership.eu/.
123
Perunapprofondimentosiveda:http://www.sustainablecatering.eu/home/.
124
Perunapprofondimentosiveda:http://cleantechincubation.eu/.


100

unalleanzatramondodellaricercaeUniversit,impreseePubblicaAmministrazionepersvilupparesoluzioniutiliad
affrontareproblematicheurbaneesociali,mettendoletecnologiealserviziodellepersone.
Il30luglio2012statapresentataallacittlapiattaformaBolognaSmartCityfraComunediBologna,Universitdi
BolognaeAster.Lapiattaformarappresentalambientedellacoprogettazionedisoluzioniediideeedlostrumento
diintegrazionesistemicadelleazioniedeiprogettidiinnovazionesubaseICTdellacitt.Lapiattaformainoltrelo
strumentochedconcretezzaalprogettoattraversounlavoroapertoallapartecipazionedistakeholdereconomici,
sociali,culturali,ingradodiaffrontaretemiintersettorialidiscalametropolitana.
La piattaforma ha individuato 7 ambiti chiave sui quali sviluppare le prime azioni. Si tratta di un primo gruppo di
priorittematicheperlequalisonostateraccolteadesionidapartedientieimpreseinteressateasviluppareazioni
specificheepartnershipSmart:Beniculturali;Iperbole2020Cloud&Crowd:lanuovaretecivica;retiintelligenti;
mobilitsostenibile;quartierisicuriesostenibili;sanitewelfare;educazioneeistruzionetecnica.Suquestitemisono
statisviluppatiprogettiediniziativechedannoconcretezzaallapprocciodescrittoprima.Perdareunquadroparziale
delle attivit in corso e dei risultati conseguiti si descrivono alcuni progetti sul tema dellefficienza energetica, che
coinvolgediversideitemielencati;leazionicondottealriguardonel2012sonostateleseguenti:
Approvazione del Piano dAzione per lEnergia Sostenibile125 (PAES) e sottoscrizione del protocollo del
PAESchehaindividuatocomeprincipaliambitidiinterventogliedificiresidenziali,ilsettoreterziarioe
produttivo, la produzione di energia, la mobilit, gli edifici pubblici e lilluminazione pubblica, infine la
forestazioneurbana.
SuitettidelCaab,ilCentroAgroAlimentarediBologna,infunzionedallafinedellestatedel2012un
grandeimpiantofotovoltaico126:6.000kWp,6.600.000kWh,15milionidiinvestimento,25.000pannelli
solari per una superficie di 70.000 m2 che consentiranno di risparmiare 3.500 tonnellate annue di
emissionidiCO2.
12nuovitrenielettriciStadlerETR350sonostatiacquistatiperentrareinserviziosullelineeelettrificate
delservizioferroviarioregionalesottolagestionedellasocietTPER127.
AmbienteVitale:unprogettopilotaavviatodalComunediBolognanelterritoriodelQuartiereSanVitale
alloscopodimettereincampoattivitdicomunicazioneediconfrontosuitemidellagestionedeirifiuti,
dellutilizzo degli spazi pubblici, della mobilit, della produzione di energia da fonti rinnovabili e, in
generale,delcambiamentodeglistilidivita.Dirigentiefunzionaridiufficidicircoscrizione,insegnantie
dirigenti scolastici, personale non docente delle scuole, funzionari di musei e biblioteche presenti
nellareahannopartecipatoamomentidiformazioneediconfrontosullebuonepratichedaseguireallo
scopodicostruireinmodalitpartecipatailmanualesuiconsigliperunagestionesostenibiledellasede
diQuartiere128.
Lavvio del percorso di rigenerazione energetica del comparto PEEP Corticella, servito da una rete di
teleriscaldamento.UnaricercadellUniversitdiBolognasugliedificiesuicittadiniresidentiservitaper
dare avvio alla discussione operativa sui prossimi passi per realizzare un progetto di Comunit
Energetica129.
Partecipazioneadiversiprogettieuropei,traiqualiilprogettoeuropeoEnergyCitychecoinvolgelacitt
di Bologna insieme ad altre 6 citt europee (Budapest, Praga, Monaco, Bologna, Treviso, Ludwigsburg
andVelenje)conlobiettivodiprodurredellemappetermichediultimagenerazioneperpermettereuna
riqualificazioneurbanasostenibile130.
Partecipazione alla partnership pubblicoprivata per lassorbimento di CO2 del progetto GAIA,
cofinanziato dalla Commissione europea, volto a incrementare le aree verdi di Bologna attraverso la

125
Perunapprofondimentosiveda:www.paes.bo.it/ilpaesdibolognacosaecome/.
126
Perunapprofondimentosiveda:www.paes.bo.it/news2/ewww.caab.it/it/chisiamo/localglobalenergiasostenibilita/.
127
Perunapprofondimentosiveda:www.paes.bo.it/news3/.
128
Perunapprofondimentosiveda:www.paes.bo.it/ambientevitalenegliufficidelcomune/.
129
Perunapprofondimentosiveda:http://www.paes.bo.it/cortenergeticacorticellacomunitaenergeticawww.paes.bo.
it/ambientevitalenegliufficidelcomune/.
130
Perunapprofondimentosiveda:www.paes.bo.it/news1/.


101

piantagione di nuovi alberi con lobiettivo di contrastare i cambiamenti climatici, migliorare la qualit
dellariaelambienteurbano.LiniziativapromossadalComunediBologna,inqualitdicoordinatore,
insieme a Cittalia Fondazione Anci Ricerche, Impronta Etica, Istituto di Biometeorologia CNR e
Unindustria Bologna e si basa sulla realizzazione di partnership pubblicoprivato tra il Comune e le
aziende presenti a livello locale che decidono di contribuire al progetto compensando le emissioni
derivantidalleloroattivit.Ilprogetto,diduratatriennale,porterallapiantagionedi3.000alberisul
territorio comunale fra il 2012 e il 2013 e consentir di mettere a punto un sistema di governance
ambientaleapplicabileperilfuturo131.

5.1.3 CittdiTrentoeTrentoRISE

Trento RISE il polo dellinnovazione ICT del Trentino, fondato nel dicembre 2010 dalle aree ICT della Fondazione
Bruno Kessler e dellUniversit degli Studi di Trento. Core partner dello EIT ICT Labs, Trento RISE opera come
catalizzatore dinnovazione, operando in sinergia con lambiente accademico, quello della ricerca e quello
imprenditoriale.

LobiettivofinalediTrentoRISEcontribuire,attraversolICT,atrasformareilTrentinoinunaknowledgeeconomy,
cio in uneconomia della conoscenza dinamica e competitiva a livello globale ma, allo stesso tempo, attenta allo
sviluppo sostenibile e alla qualit della vita dei suoi cittadini. Per farlo, Trento RISE si concentra su tre macroaree
operative: istruzione, ricerca e business ed agisce di concerto con tutti gli attori dellecosistema trentino
dellinnovazione,ovverolaPubblicaAmministrazione,leimprese,icentridiricercaeluniversit.Inparticolarelarea
operativa di business di TrentoRISEconcentra la propria attivit in settori considerati strategici per il territorio: tra
questitroviamoenergiaeambiente,turismoecultura,sanitebenessere.
DigrandeimportanzailprotocollodintesasottoscrittodalComunediTrentoedaTrentoRISEperlarealizzazionedi
progetti e servizi innovativi e smart per la cittadinanza. Nellambito dellarea di business energia e ambiente, il
progetto Smart Lighting 4 Smart Digital City mira a creare una piattaforma che consenta la gestione efficiente del
sistemadiilluminazionepubblicariducendoicostidelconsumoenergeticoeottimizzandolamanutenzione.
Allinternodellecosistemainnovativotrentino,lareabusinessenergiaeambientediTrentoRISEhaavviatounaserie
di progetti innovativi relativamente al concetto di Smart City con la collaborazione di diversi soggetti, tra i quali
particolarmenteimportantisono:
Smart Space management Platform: progetto di ricerca e sviluppo precommerciale che mira a
promuoverelosviluppodinuovetecnologieICTapplicabiliinuncontestocittadinoechepermettonoalla
PubblicaAmministrazionediottimizzareilconsumodienergiaelettrica,favorendounutilizzointelligente
emiratodellastessa.Inparallelo,ilprogettoincentivalottimizzazionedeiservizienergeticiattualmente
offerti ai cittadini e lo sviluppo di servizi innovativi, come ad esempio nuovi sistemi di illuminazione
intelligenteeservizidiSmartparking.
ICT Platform for Smart building energy optimization and Smart grid integration: progetto di ricerca e
sviluppoprecommercialechesiponecomeobbiettivolariduzioneintelligentedelconsumoenergetico
allinternodegliedificipubbliciperraggiungere,nellungoperiodo,unaumentodellefficienzaenergetica
eladiminuzionedeglisprechi.
NellambitodelleiniziativemeritevolidiesseremenzionateechepuntanoarenderepismartlacittdiTrentosono
senzaltrodaannoverareiseguentiprogetti:
SmartCampus132,voltoafornireserviziinnovativipersostenerelavitaquotidianaindividualeesociale
deglistudenti,oltrecheafacilitareilfunzionamentodelcampusuniversitario.
OpenData133,realizzatosottolaguidadellaProvinciaAutonomadiTrentoalfinedirendereaccessibilii
datipubblicipergarantireefficienza,crescitaecopartecipazionedeicittadininellusocorrettodeidati.

131
Perunapprofondimentosiveda:www.lifegaia.eu/IT/index.xhtml.
132
Perunapprofondimentosiveda:www.smartcampuslab.it/.
133
Perunapprofondimentosiveda:http://dati.trentino.it/.


102

BigData134,finalizzatoallacreazionediunapiattaformaperilBigDataManagement,ingradodifornire
servizisemprepiavanzati.
Il Comune in tasca135, la nuova applicazione gratuita per Iphone e Android che permette di avere a
disposizione sul proprio smartphone una guida sui servizi e sulle informazioni turistiche di Trento e, in
unaprospettivadisviluppofutura,dituttiiComunitrentini.
Vivi la Citt136, sezione dedicata alle varie offerte (culturali, di eventi ed iniziative, nonch relative allo
sportedallariaaperta)perviverealmegliolacittdiTrentoetuttoilterritoriodelComune.
Retewirelessgratuita137,nellezonecentralidellacittpossibileconnettersiadInternetattraversouna
rete gratuita. Per poter accedere basta attivare il wifi del proprio dispositivo (laptop, smartphone,
tablet)eselezionarelareteWilmanet.
Piedibus138, un progetto del Comune di Trento in collaborazione con le scuole primarie che prevede
dellecarovanedibambinichevannoascuolaguidatedagenitorivolontari(cosiddettipiediautisti).
Centro in bici139, il servizio di noleggio di biciclette, realizzato dal Comune di Trento e da Trentino
Mobilit,cheoffrelapossibilitdiutilizzareinmodosempliceegratuitolebiciclettecheilComuneha
acquistatoemessoadisposizionedeicittadini.
Auto elettriche ecomobili140, un serviziodi noleggiogratuitodi autoelettriche(ad integrazionedel
rilasciodipermessitemporaneidiaccesso)perlingressoinZTLpercarico/scaricodimerceingombrante
operaccompagnamentodipersonecondifficoltmotoria,bambiniedonneinstatodigravidanza.
Car sharing141, un servizio di auto condivisa che d la possibilit di guidare lauto maggiormente
compatibileperleproprieesigenze,senzalespesediacquisto,mantenimento,rifornimento,parcheggio
eassicurazione.
Targalabici142,serviziopromossodallAmministrazionecomunaleperincentivarelusodellabiciclettae
contrastareilfenomenodeifurti.Taleservizio,deltuttogratuito,consistenellamarcatura,ovveronella
punzonaturacontecnicaindelebile,delcodicefiscaledelproprietariosultelaiodellabicicletta,cosda
consentire,neicasidiritrovamentodellabicicletta,dirintracciareagevolmenteillegittimoproprietario.
Vivoscuola143(smarteducationdicompetenzaprovinciale),ilsitocostituisceunacomunitdipratica
dovegliinsegnantiattraversolAVAC(AmbienteVirtualediApprendimentoCollaborativi),interagiscono
traloromettendoadisposizioneilpropriosapereesperienzialeattraversolacreazioneelacondivisione
dimaterialedidattico.
Consultazionedatianagraficionline144tramitelatesserasanitariaattivata(Cartaprovincialedeiservizi).
Questoserviziopermettediconsultareadistanzaeintemporealeleinformazionirelativeaipropridati
anagrafici e a quelli del proprio nucleo familiare con la possibilit di stampare anche la relativa
dichiarazionesostitutivadicertificazione,diresidenzae/odistatofamiglia.
COsmOs145uninnovativostrumentodidialogoeinformazionetramitesmsrivoltoatuttiicittadiniche,
alcostodiunsemplicesms,possonoesseresempreinformatisudiversiambitidipubblicautilitcome
farmaciediturno,servizisanitari,trasporti,meteo,tasseautomobilistiche.Grazieallavanzatatecnologia

134
Perunapprofondimentosiveda:www.trentorise.eu/bigdata.
135
Perunapprofondimentosiveda:www.comune.trento.it/Areetematiche/Turismo/Servizituristici/IlComuneintasca.
136
Perunapprofondimentosiveda:www.comune.trento.it/Citta/Vivilacitta.
137
Perunapprofondimentosiveda:www.comune.trento.it/Progetti/Wilma.
138
Perunapprofondimentosiveda:www.piedibus.it/index.php?c=13&id_cat=39.
139
Perunapprofondimentosiveda:www.trentinomobilita.it/centro_bici.htm.
140
Perunapprofondimentosiveda:www.trentinomobilita.it/ecomobile.htm.
141
Perunapprofondimentosiveda:www.carsharing.tn.it/.
142
Perunapprofondimentosiveda:www.comune.trento.it/Areetematiche/Ambienteeterritorio/Mobilitaetraffico
urbano/Mobilitaalternativa/Targalabici.
143
Perunapprofondimentosiveda:www.vivoscuola.it/).
144
Perunapprofondimentosiveda:www.comune.trento.it/Comune/Neipannidelcittadino/Servizionline/Inmateria
anagrafica/Serviziodiconsultazioneanagrafica2.
145
Perunapprofondimentosiveda:www.cosmosinrete.it/Cosmosinrete/.


103

linguistica su cui si basa, COsmOs comprende la richiesta del cittadino o del turista ed in grado di
inviarelarelativarispostainpochisecondi.
SensoRcivico146,piattaformachesiproponedimettersiinascoltodeicittadini,raccogliendodavariefonti
e con varie modalit o suggerimenti, osservazioni e segnalazioni sulla vita del territorio in tutti i suoi
diversiambiti(turismo,inquinamento,viabilit,etc.).
BibliotecaComunalediTrento:sistemadiautoprestito,progettocheutilizzatagRFID(RadioFrequency
Identification). Questo nuovo sistema di autoprestito ha reso possibile linserimento di un microchip
allinternodilibrialpostodelcodiceabarre.Lutentedepone,suspecificodispositivoilibricheintende
prendere in prestito e la propria tessera. Il sistema registra il prelievo e disattiva il controllo
dellantitaccheggio. Nello stesso modo possibile la restituzione automatica ed il controllo dei libri in
prestito.
SmartHealth147,questoservizioconsentelaccessoalsistemadiprenotazionedellevisitespecialistichee
delleprestazionididiagnosticastrumentale(CUP).Laccessoallaprenotazionepossibilepericittadini
residentiodomiciliatiinprovinciadiTrento,iscrittialServizioSanitarioProvinciale.

5.1.4 Impattiattesieprioritdisviluppo

LindustriaelaPubblicaAmministrazione,oltrechenaturalmentelecomunitdiutenti(sianoessicittadinioimprese),
costituisconogliattorichiavedelsistemadiricaduteeimpattidellepolitichediefficienzaenergetica,cheidentificano
negliedificienelleinfrastrutturediretegliambitiprincipalididestinazionedegliinterventi.Ladesionealliniziativa
dellaCommissioneEuropeadelPattodeiSindaci,cheimpegnaleCittapredisporreeattuareunPianodAzioneper
lEnergia Sostenibile, nonch la necessit di rispettare gli obiettivi del Programma Europe 2020, costituiscono gli
stimolifondamentaliperleattiviteleiniziativecheavrannoimpattisutaliattori.

A livello di edifici, siano essi intesi come unit isolate o come agglomerati interconnessi, le applicazioni e i concetti
originariamentebasatisullatelegestioneeiltelecontrollodegliimpiantialfinedigarantireilcomfortdegliambientie
deglioccupanti,sisonoestesiasoluzioniperlutilizzoefficientedellenergiaelaconseguenteriduzionedeiconsumi,
trovandospazioinambitoresidenziale,terziarioeindustriale.InEuropaeItalialesoluzionidibuildingefficiencysono
sempre pi spesso parte degli interventi di riqualificazione urbana dei quartieri degradati che implicano anche il
coinvolgimentodirettodegliabitanti.ConriferimentoallasferadicompetenzadelleSmartCities,leinfrastrutturedi
retesonoaltresandateincontroaesigenzesemprepispintediottimizzazionedelladistribuzionedienergia(termica
edelettrica),diintegrazioneegestionedifontidienergiarinnovabilenonprogrammabiliediprevisionedeiconsumi
perunamiglioregestionedellarete.
In questo contesto si aprono opportunit di nuovi mercati e di unofferta tecnologica innovativa e integrata per le
aziende che operano nella progettazione e produzione di sensori per il rilevamento e il monitoraggio di grandezze
abilitantilarazionalizzazionedeivettorienergetici(e.g.,parametriambientali,presenza,carichielettrici,fumiegas),
nellaprogettazioneesvilupposoftwareperlaprevisionedeicarichi,ilcontrolloelaregolazionedegliimpiantiedella
rete, nonch nella progettazione integrata di sistemi di building automation rivolti alla riduzione dei consumi
energetici.

Il controllo e monitoraggio dei consumi rappresenta un elemento fondamentale per ottenere il massimo livello di
efficienzaenergetica:interventiimportantidiautomazione,controlloemonitoraggiopossonoinfattipermettereun
risparmio energetico fino al 30% e, implementati ad un costo relativamente modesto, possono avere un ritorno
dellinvestimentoincirca45anni.Peraltro,ilcampodiapplicazionedellepolitichediefficienzaenergetica,cheoltre
agliedificidinuovacostruzioneannoveraanchegliinterventidiretrofitdiedificiesistenti,hafattoregistrarelachiara
necessit di sviluppare sistemi basati su protocolli di comunicazione aperti, in grado di rendere le soluzioni il pi
possibileinteroperabilieintegrabiliconpiattaformetecnologicheesistenti.Taleesigenzarappresentaunimportante
direzione di sviluppo sia per gli integratori di sistema, che si trovano a dover interfacciare piattaforme differenti

146
Perunapprofondimentosiveda:www.sensorcivico.it/.
147
Perunapprofondimentosiveda:www.apss.tn.it/public/ddw.aspx?n=47474.


104

(proprietarie e non), sia per i produttori di tecnologie che avranno un vantaggio competitivo nel garantire
linteroperabilitconeventualisistemipreinstallati.
Unamenzioneaparterichiedonoisistemidiaccumulodellenergia,chepermettono,attraversounarivisitazionedelle
architetturediretedidistribuzione,lamitigazionedellecriticitlegateallanonprogrammabilitdellefontidienergia
rinnovabile,laccessoanuovemodaliteopportunitdigestionedellenergiaprodottanonchanuovestrategiedi
autoconsumoediritornoeconomicoderivantedairisparmienergetici.Perquestomotivosonoattesirilevantiimpatti
per il comparto industriale che sviluppa tali tecnologie, in particolare per quanto concerne materiali e componenti
chimiciingradodiottimizzarneilrendimentogarantendonelasicurezza.Aquestopropositolasfidadelfuturoperi
produttoriditecnologiediaccumulosarraggiungereunrapportoprezzoprestazionicompetitivo,chegiustifichigli
investimenti iniziali e ne garantisca un ritorno in tempi ragionevoli, al di l delle politiche di incentivi che gli
stakeholderistituzionalieventualmentedeciderannodidestinareaquestocomparto.
DaltrapartelaPubblicaAmministrazionericopreunruolochiaveinrelazioneallepolitichediefficienzaenergetica,in
quanto oltre ad essere un attore importante nella definizione ed attuazione di tali politiche, in qualit di soggetto
proprietariodinumerosiassetenergivori,alparidiuncomuneutenteprivato,halopportunitdisfruttareiritorni
economiciderivantidaunalorogestioneeutilizzopirazionali.IPianidazioneperlEnergiaSostenibileeilrispetto
degli obiettivi 202020 sono alla basedelle iniziative che le citt metteranno in campo neiprossimi anni in ambito
energeticoambientale. Peraltro le opportunit di miglioramento dellefficienza e gli impatti di tali politiche per lo
stakeholder pubblico sono molteplici e differenziati, in ragione della variet di asset a disposizione (e. g. ,
illuminazione pubblica, edifici per uso diretto, edifici in concessione) e della loro destinazione duso (e. g. , uffici,
scuole, presidi sanitari, residenze assistenziali, edilizia sociale). A tal proposito, lilluminazione pubblica
principalmente oggetto di attenzione per le opportunit correlate alla sostituzione delle tecnologie tradizionali con
tecnologieLED(siainlampionisiainimpiantisemaforici),allatelegestionedegliimpiantieallintegrazioneconsistemi
di sicurezza e controllo dellambiente urbano. Per gli interventi su edifici esistenti si aprono, invece, prospettive di
razionalizzazionedellaspesaenergeticachepassanoinnanzituttoattraversolariqualificazionedellinvolucroedilizioe
lasostituzionediimpianticonnuovetecnologieesoluzioniinnovative,nonchattraversolinstallazionediimpiantidi
produzione di energia rinnovabile collegati agli edifici, in modo da ridurre lapprovvigionamento di energia da fonti
tradizionali.
Sebbenequestiinterventisianoriconducibiliadunrisparmioeconomicopifacilmentecertificabile,nonvacomunque
trascuratolimpattochelasensibilizzazioneededucazioneallutilizzodegliedificipotravereinunotticadiriduzione
deiconsumi.LaPubblicaAmministrazione,infatti,attraversolattenzioneallasostenibilitambientaleelapromozione
distilidiconsumoattentierazionalideivettorienergetici(energiaelettrica,acqua,gas,etc.),giapartiredalproprio
parco immobiliare, potr attivare circoli virtuosi che coinvolgono i privati cittadini, in qualit di individui e di nuclei
familiari,studentielavoratori,fascedeboliesoggettiarischiodiesclusione,aumentandolefficaciadellesoluzionie
svolgendounruoloformativo.Atitolodiesempiosipossonocitareleiniziativediefficienzaenergeticanegliistituti
scolastici, il cui elevato impatto su enti, istituzioni e cittadini va ascritto non solo alla riduzione dei consumi e alla
conseguente riduzione della bolletta energetica per lamministrazione ma anche alleducazione delle nuove
generazioni in materia di sostenibilit e di preservazione delle risorse, con presumibili ricadute al di fuori
dellambientescolasticoeopportunitdiestenderleanchealcontestofamiliare.
Traglielementichiaveperilsuccessodelleiniziativechecoinvolgonolesmartcities,emergechiaramentelanecessit
di ampliare le opportunit di mercato di soluzioni innovative, spesso basate su paradigmi tecnologici consolidati,
riducendoneilrischiodiinvestimento.

Losviluppodisoluzioniinteroperabili,scalabiliereplicabiligarantiscedaunlatoladiffusionesulargascaladisoluzioni
applicativediverse,riducendoneicostidiproduzioneediutilizzo,mentredallaltropermettedidiminuireilrischiodi
investimento accelerandone ladozione nel contesto urbano. Lo stimolo al raggiungimento di una massa critica in
terminidisviluppoeadozionedisoluzionitecnologicheinnovativerisultaessereunaprioritperilfuturoingradodi
creareunvolanodicrescitaediinnescareunadomandasempremaggiorediserviziadaltovaloreaggiunto.

Per raggiungere tale obiettivo pu risultare altres importante dotarsi di nuovi strumenti di procurement e
finanziamentoingradodisuperarelecriticitpresenticonlasituazioneeconomicaattuale.


105



Allinterno di una nuova logica di collaborazione tra i diversi attori coinvolti, ricoprono un ruolo chiave modelli
contrattuali basati su partnership pubblicoprivate, in grado di attirare i capitali privati, facendo leva sul
coinvolgimento diretto degli attori pubblici e sullutilizzo di risorse comunitarie. Superare lutilizzo di strumenti
tradizionalidiacquisizionepu,infatti,permetteredistrutturareinmodoadeguatounaprogettualitpluriennale,
conchiariobiettivi,tempieprocedure,ingradodiraggiungereadeguatiritorniperciascunostakeholdercoinvolto;nel
contempo pu generare nuovi modelli di business basati non soltanto su una offerta tecnologica ma piuttosto
orientatisuservizicosviluppaticonicittadinielamministrazionepubblica.
La Pubblica Amministrazione pu ricoprire un ruolo importante anche nella
gestione delle politiche per la ricerca e linnovazione, in relazione alle quali,
attraverso ladozione di strumenti di precommercial procurement e public
procurement for innovation, pu promuovere le attivit di ricerca, sviluppo e
innovazione, creare nuovi mercati per prodotti innovativi, ma anche consentire
alle imprese (soprattutto di piccola e media dimensione) di sviluppare soluzioni
innovative e rispondenti alle esigenze del settore pubblico, riducendo i tempi di
ingressosulmercatoelebarriereallentratadelsettore.
FaustoFerraresi
PresidenteAIRU
5.2 IlteleriscaldamentoinItalia
D:Quallostatodellartedella
tecnologiadelteleriscaldamentoinItalia?
IlteleriscaldamentoinItalia,benchancoratecnologiaassaipocodiffusa(circa4%
R:BenchadoggiinItaliasiauna di copertura della domanda di calore per riscaldamento), stato caratterizzato
tecnologiaancorapocodiffusa,losviluppo
deisistemistatoconnotatoda negliannidauntrenddicrescitadituttorispetto.
innovazioneeutilizzodellafonte
energeticalocale.Abbiamo148retiin La Figura 5.1 evidenzia landamento storico in termini di volumetria riscaldata,
esercizioconcirca280milionidimetricubi dallavvio dellimpianto di Brescia (1972) a fine 2012 (ultimo anno censito
erogati.
dallAnnuario AIRU), data alla quale risultano teleriscaldati circa 280 milioni di
D:Qualisonolepotenzialitdel
teleriscaldamentoinItalia?
metri cubi. Di questi, oltre 166 Mm3 (quindi poco meno del 60%) sono stati
allacciatidal2000adoggi,atestimonianzadiuntrendevolutivoinrapidacrescita.
R:Ilveropuntodiforzadel
teleriscaldamentonellacapacitdi
integrarelefontirinnovabilieadalta Figura 5.1 Il teleriscaldamento in Italia: volumetria teleriscaldata
efficienza,disponibilisulterritorioe
altrimentidisperse,collettarle,e
(milionim3),anni19722011
consegnarlefruibiliallutente.Coprendo 300
attualmenteil4%possiamoipotizzaredi
250
raggiungerepotenzialmenteil30%.
Milionidim3

200
D:Qualisonolesfidechedovr
affrontarenelbrevetermineilsettore? 150
R:Perpoterfarschevisiaunosviluppo 100
significativochesiallineiconilresto 50
dEuropanecessariocheglistrumentidi
pianificazioneterritorialeenergeticasiano 0
applicatidallEnteLocale,chesiadatoun
congruoincentivo,permettendo
soprattuttoalleretidipiccole/medie
dimensionidipoterdecollareesvilupparsi. Fonte:AIRU
Ilteleriscaldamentonatoesisviluppato
inItalianelliberomercato.Essooperasul Unanalisididettagliodelperiodo20002011mostra,poi,unaulterioreimpennata
mercatodelcalore,chequellorilevante,
negli ultimi sei anni: dal 2000 al 2005 sono stati allacciati in media 6,4 Mm3/a
edinquestomercatoigestorisi
confrontanoconlealtreimpreseche (crescitamediadel6%annuo);dal2006al2012sonostatiallacciatiinmedia16,6
utilizzanoaltrivettori(qualigas,energia Mm3/a(crescitamediadel9%annuo).
elettrica,etc.);ovveroilteleriscaldamento
operainunambitodiconcorrenzainter Quanto alla diffusione delle iniziative (numerosit delle reti e delle citt ove
fonti.Questadinamicahapermessoad
oggialserviziodisvilupparsi,eriteniamo presente il servizio), rileviamo che nellanno 2000 erano in esercizio 53 reti,
quindichelalogicadellalibera presenti in 27 citt italiane; nel 2012 risultano in esercizio 148 reti in 109 citt.
concorrenzasiaquellapiidonea.
Ugualmenteindicativoilnumerodisoggettieconomicicoinvolti:nel2000erano
25isoggettititolaridiretiditeleriscaldamento;sonoben68sulfiniredel2012.


106

Stando ai dati sopra evidenziati, lo sviluppo del teleriscaldamento parrebbe seguire un trend felice e, anche solo
confermandoiltassomediodicrescitadel20002012(7,5%),lavolumetriariscaldataraggiungerebbei500Mm3nel
2020esupererebbei1.000Mm3nel2030.Siprecisacheilquadrocheemergenontuttaviacompletoedesaustivo
(seppurerelativoacircail97%dellesistente),riguardandoquestosololeretidicuisihaunaprecisaconoscenzadei
dati impiantistici e gestionali. Bisogna segnalare, in aggiunta, che innumerevoli reti, per la maggior parte di piccole
dimensioni (con alcune eccezioni), tutte alimentate a biomassa, sono in esercizio, ed altre in fase di realizzazione,
lungolinteroarcoalpino.SoprattuttoinTrentinoAltoAdige,maancheinLombardia,PiemonteeValledAosta.La
difficolt di censire tali reti, e di rilevarne i dati impiantistici e di bilancio energetico, impedisce di inserirle
organicamentenelletabellestatistiche.Sistimache,complessivamente,leretialimentateabiomassariscaldinouna
volumetriadicirca56milionidimetricubi.Lavolumetriatotaleeffettivamenteteleriscaldataafine2012siattesta,
pertanto, attorno ai 279,4 milioni di metri cubi. Al 31 dicembre del 2012 lestensione delle reti di riscaldamento
urbanoinItaliaharaggiuntoi3.161kmdireteprimaria.Quantoagliimpiantidutenza,afine2012risultanoinstallate
complessivamente57.492sottocentrali.Lincremento,rispettoallannoprecedente,statodi5.661unit.
La tipologia impiantistica che vede lerogazione di calore per riscaldamento e per acqua calda sanitaria sempre
prevalente(oltreil63%degliimpianti;nel2007taletipologiacostituivail60%dellesottocentraliinstallateenel1997
soloil50%).Iltrendregistratosintomoevidentedelfattochelimpiantisticadellenuoveedificazionimegliosipresta
adessereallacciataaretiditeleriscaldamento.Interessantelanalisidelladistribuzioneregionaledegliimpiantidi
teleriscaldamentoinItalia:ormaiconsolidatalasituazionechevedelereticoncentratenellItaliasettentrionaleela
quasitotalitdellavolumetriateleriscaldata(circa272milionidim3,parial97%dellavolumetriatotale)localizzatain
seiregioni:Lombardia,Piemonte,EmiliaRomagna,Veneto,TrentinoAltoAdigeeValledAosta(Tabella5.2).

Tabella5.2Volumetriateleriscaldataperregione(Mm3),anni2011e2012
REGIONE 2011 2012
Lombardia 118,6 125,0 +44,7%
Piemonte 70,7 76,4 +27,3%
EmiliaRomagna 37,6 38,5 +13,8%
Veneto 13,8 14,3 +5,1%
TrentinoAltoAdige 12,9 14,3 +5,1%
ValledAosta 3,6 3,8 +1,4%
Lazio 3,0 3,2 +1,2%
Liguria 1,5 1,6 +0,6%
Toscana 1,0 1,8 +0,6%
Marche 0,7 0,7 +0,2%
TOTALEITALIA 263,4 279,4 100%
TOTALENORD 257,2 (98%) 272,2(97%)
Fonte:AIRU

Nella Figura 5.2 riportato un interessante indicatore della diffusione del teleriscaldamento a livello regionale: il
rapportofralavolumetriateleriscaldataelapopolazioneresidente.

Figura5.2Rapportotravolumetriateleriscaldataepopolazioneresidente(m3/abitante),anno2012

20
18
16
14
m3 /abitante

12
10
8
6
4
2
0


Fonte:AIRU


107

5.2.1 Barriereepotenzialit

Lecircostanzechehannopermessolosviluppoprimaevidenziatocome,percontro,quellechestannoallabasedel
mancato sviluppo in realt urbane importanti sono per lo pi legate alle situazioni locali (urbanistiche,
amministrative,organizzazionedeiservizipubblici,presenzadirealtimprenditorialilungimiranti,etc.).
Tuttavia si possono individuare alcuni tratti e circostanze comuni che travalicano le situazioni locali che hanno
consentitoaquestoserviziodidiventareunsettoredibusinessnontrascurabile.
Siritienechetalesviluppostatodeterminatoetrainatodaalcunevalenzediordinegenerale,chesinteticamente
sipossonoindividuarein:
Vantaggiambientaliperlinteracomunit.
Vantaggieconomiciperlutenzaservita.
Valenzaeconomicaperglioperatoridelsettore.
Il vero punto di forza del teleriscaldamento nella capacit di integrare le fonti rinnovabili e ad alta efficienza,
disponibilisulterritorioealtrimentidisperse,collettarle,econsegnarlefruibiliallutente(Figura5.3).

Figura5.3Sistemaintegratodiunaretediteleriscaldamento


Fonte:AgenziaInternazionaleperlEnergia

Ilteleriscaldamentohasenzadubbioprodottonotevolibeneficiambientaliperlacomunit.Leriduzionidiemissionidi
gasclimalterantiedannosiperlasalutesonoormainote,comeilmiglioramentonellagestionedelservizio.

Anche dal punto di vista economico, il teleriscaldamento stato, certamente fino a poco tempo fa, il modo pi
efficacediridurreleemissionidiCO2nelsettoredellaclimatizzazioneambiente.Icostispecifici(europertonnellatadi
CO2 evitata) sono o meglio, sono stati fino a tempi recenti inferiori a quelli di qualunque altra tecnologia
industrialmentematura.
Perquantoriguardaibeneficiperlutente,ingenerale,unaretediteleriscaldamentoerogacaloreadunatariffanon
superiorealcostodiproduzionetramitegasnaturale.Quindiconvantaggiconsistentispecialmenteinpassatonei
casiincuiilcombustibilesostituitoerailgasolio.


108

Inoltre il servizio di teleriscaldamento un servizio sicuro e sgrava lutente da gestioni dirette quali manutenzione
periodica della caldaia, manutenzione canne fumarie, gli scarichi di sicurezza ed infine lonere di acquisto del
combustibile.
Percontrolamancatadiffusione,ricordiamocheilteleriscaldamentocopresolocircail4%delladomandadicalore
perriscaldamento(Figura5.4).Cidovutoaunaseriedidiversecircostanze,riconducibilisoprattuttoallamancanza
diunquadronormativospecificoperquestatecnologiaedallacarenzadiincentivimiratiallarealizzazionedellereti.

Figura 5.4 Copertura della domanda di calore per riscaldamento tramite teleriscaldamento (%), anno
2011

70%

60%

50%

40%

30%

20%

10%

0%


Fonte:AgenziaInternazionaleperlEnergia

Gliuniciincentiviattualmenteinesseresono:
Creditodimpostadi25,8/MWhtsullenergiaerogataedunrimborsodi21/kWinstallatoperlesotto
stazioni dutenza (a parziale copertura dei costi di allacciamento), ma per le sole reti a biomassa e
geotermiaequindinonpertuttiglialtrisistemiintegrati.
IVAagevolataal10%perlesoleretialimentatedafontirinnovabiliodaenergiatermicaprovenienteda
cogenerazioneadaltorendimento.
Titolidiefficienzaenergeticaconunvaloremediodicirca100/tep(datiGME2013).

5.2.2 Esperienzeinteressantiebestpracticesalivellonazionale

Analizzando lAnnuario AIRU emergono varie esperienze interessanti nel settore, che hanno il merito di apportare
beneficisignificativinelcampoenergetico/ambientale;analizziamonealcunesignificative:
Ferrara:ilcalorevettoriatoprovienedapozzigeotermiciedaltermovalorizzatore;questorendelarete
rinnovabileedaaltaefficienza.
Cremona: il calore vettoriato proviene da un turbogas in ciclo combinato e dal termovalorizzatore,
apportandobeneficiinterminidienergiaprimariarisparmiata.
Morbegno:ilcalorevettoriatoprovieneda4motorialternativiagasabbinatiadunapompadicaloreche
ottimizzailciclocomplessivo,consignificativirisparmisoprattuttonelleemissioniclimalteranti.
Pinerolo:ilcalorevettoriatoprovieneda3cogeneratoriabiogas,cherendonoilvettoretermicofornito
totalmenterinnovabileedaaltaefficienza.
Borgaro Torinese: il calore vettoriato proviene da1 motore alternativo a gas (agli inizi dellattivit, ma
cheforniscegibuoneperformace).

Comesipunotaregliesempisoprariportatisonotuttididiversi,mahannoincomunelastrutturaintegratadelle
fonti e/o la possibilit di integrare altre fonti durante lo sviluppo. Questo rende flessibile e sicura, dal lato
approvvigionamenti,laretestessaediconseguenzailserviziofornito.


109



5.2.3 Indicazionidipolicy

Il teleriscaldamento come gi esplicitato ha buone possibilit di sviluppo soprattutto nel centronord Italia, senza
escludere alcune zone interessanti, dal punto di vista climatico, nel sud. Per poter far s che vi sia uno sviluppo
significativochesiallineiconilrestodEuropanecessariocheglistrumentidipianificazioneterritorialeenergetica
sianoapplicatidallEnteLocale,chesiadatouncongruoincentivo,chepermettasoprattuttoalleretidipiccole/medie
dimensionidipoterdecollareesvilupparsi.Ricordiamoinfatticheunareteimpiegadai5ai7anniperraggiungereuna
dimensione significativamente economica durante i quali, acquisendo poco alla volta lutenza limpresa lavora con
grandeesposizione.Itempidiritornodelleiniziativecomunquesuperanogeneralmentei15anni.
Infine,ilteleriscaldamentonatoesisviluppatoinItalianelliberomercato.Esso
operasulmercatodelcalore,chequellorilevante,edinquestomercatoigestori
si confrontano con le altre imprese che utilizzano altri vettori (quali gas, energia
elettrica, etc.), ovvero il teleriscaldamento opera in un ambito di concorrenza
interfonti.Questadinamicahapermessoadoggialserviziodisvilupparsi,equindi
secondo lAIRU la logica della libera concorrenza quella pi idonea per una
ulteriorecrescitanelfuturo.
D:Cosasignificaefficienzaenergeticaper
Toshiba? 5.3 Accumuloelettrico
R:Toshibavafieradiessereunfornitoredi
soluzioni,enonsolodiprodotti. Il primo sviluppo dei sistemi di accumulo, avvenuto negli anni Ottanta, senza
Consideriamolefficienzaenergeticacome dubbiostatoquellorelativoallenergizzazionedelleisole,delleareeisolateedelle
ilmezzopercrearecomunitintelligenti
chetragganovantaggiodalletecnologie areerurali,chenonricevevanoenergiaelettricadallaretenazionale.Lesoluzionia
integrateToshibaottimizzateperil batterieperlaccumulodienergiahannomiglioratolaffidabilitdellefornituredi
risparmioenergetico,comeilBEMS
(BuildingEnergyManagementSystem energia in tali aree e, molto spesso, ne hanno consentito lesistenza per lunghi
SistemaperlaGestioneEnergeticadi periodi.
Edifici),checomprendelusodisistemi
innovatividiclimatizzazione,illuminazione Attualmente i sistemi di accumulo elettrochimico (chiamati anche ESS Energy
aLED,nonchdiimpiantidisicurezzaedi
accumuloenergia. StorageSystem)inItalia,edingeneraleintuttoilMondo,sonofortementelegati
alla rapida evoluzione degli impianti di produzione di energia elettrica da fonte
D:PerchToshibahadecisodiinvestirein
Italia? rinnovabilequalisistemifotovoltaicioeolici.
R:ToshibaCorporationhaacquisito Gli impianti fotovoltaici ed eolici sono cresciuti esponenzialmente nellultimo
AnsaldoT&Dalloscopoditrarrevantaggio
dallaconoscenzaedellesperienzaditale decenniograzieadunapoliticaincentivantedeigovernilocalimentreisistemidi
aziendanelmercatoMediterraneodella accumulo,allostatoattuale,sistannodiffondendograziealogichediinvestimenti
trasmissioneedistribuzionedielettricit.
LaccordodicollaborazionetraToshiba pubblico/private.
T&DEuropeedENEA,siglatoaLugliodel
2013,copreunavastagammadiareedi LaltapenetrazionedeisistemidigenerazionedafonterinnovabileinItaliahanno
interessereciproco,comprendenti conseguentemente richiesto un forte interesse per i sistemi di accumulo; questo
l'efficienzaenergetica,lefontienergetiche
rinnovabili,leretiintelligenti,l'accumulodi
consente allItalia di essere leader Europeo per quanto riguarda la ricerca e la
energiaelamobilitelettrica.Lecapacit sperimentazionenelsettoredeisistemidiaccumulo.
elesperienzadiToshiba,combinateconla
profondaconoscenzadelmercatolocalee Considerandoilfattochenonesisteesperienzaeletteraturatecnicasuisistemidi
conladisponibilitdiinstallazionidi
ricercaavanzateinItaliadiENEA,tramite
accumulo a batterie e date le molteplici funzioni implementabili, gli operatori
unacollaborazioneequamentedivisa interessatialloroutilizzohannofinorapredilettolosviluppodiprogettipilotaatti
creerannosinergiesignificative,finalizzate a verificarne le caratteristiche tecnico/funzionali al fine di meglio individuare le
aproporresoluzionienergeticheottimali
perlastabilizzazionedellereti,ilcontrollo realirispostecheisistemidiaccumulopossonofornireallareteelettrica.
difrequenzaelaccumulodienergia.
Su questi presupposti gli sviluppi futuri dei sistemi di accumulo saranno
certamente centrati alle esigenze dei vari mercati e dei vari utilizzatori essendo
148
statiprofondamentetestatiduranteiprogettidimostrativi .


148
Unostimoloallasperimentazionestatodatoduranteil2013dallAutoritperlenergiaelettricaedilgas(AEEG)supportandoi
DSO/TSOnellaremunerazionedellinvestimentorivoltoaisistemidiaccumulo.


110

A livello europeo gli obiettivi del pacchetto EU 202020 e la decisione di alcuni paesi di abbandonare lenergia
nucleare presuppongono che la transizione verso le energie rinnovabili continui in modo continuo e costante. Tale
transizione aprir la nuova era delle reti intelligenti (Smart Grid). Le nuove tecnologie per la gestione, il controllo
qualit e laccumulo di energia sono attese con grandi aspettative dalle aziende del settore energetico per poter
mettereincamposoluzionidiretiintelligentiefficientiedefficaciinterminidicosto.
Alivellodiretelebatterieperisistemidiaccumulodienergiagestisconofondamentalmenteilbilancioenergeticotra
offertaedomandaedirrobustisconoilsistemaenergeticoesistenteinalternativaallaricostruzionefisicadellaretedi
trasmissioneedistribuzioneinunacondizionediintegrazionerapidaesulargascaladifontirinnovabili.
Daunpuntodivistaeconomicoipirecentisviluppitecnologicihannoportatoisistemiabatterieperlaccumulodi
energia su scala di rete ad essere molto vicini alla fattibilit economica prevista per le varie applicazioni; questo
tenendoindebitaconsiderazioneiritornidiretecheneconseguono.
Perquantoriguardalatendenzadeicostideisistemiedeglielementifondamentalidiunsistemadiaccumuloinun
prossimofuturo,ivaricostruttoristannofacendoingentisforzialfinediridurlipiomenosensibilmenteattraversolo
sviluppodellatecnologiadisistemiedeimateriali.Altempostessoglistimoliperlosviluppodinuovetecnologieela
costituzionedinuovimercaticausatidallenuovepolitichegovernative,qualifinanziamenti,nuoveregoleenormative,
sono molto pi importanti al fine della decrescita dei costi. Qualora tali azioni vengano intraprese con decisione e
successo,siotterrlariduzionedeicostiprevistaelaumentodellacompetenzadeivariattoriincamponelsettore.
Siachesiparlidisistemiadusoresidenzialecheadusodireteisistemidiaccumulosonosostanzialmentecomposti
daiseguentimacroelementi149:
Batterieperlaccumulodellenergia.
Sistemadigestioneintelligentedellebatterie(BMS).
SistemadiconversioneDC/AC,comunementechiamatoPCS.
Elettromeccanicadiconnessioneallaretedialtatensione,mediatensioneobassatensione.
Sistemadigestioneintelligentedelsistemadiaccumulo.

Un ulteriore sviluppo nel futuro potrebbe essere non tanto lincentivazione diretta a pioggia, come avvenuto in
passatoperisistemifotovoltaiciedeolici,quantounaremunerazionedellagestionevirtuosadelloscambiotrafonte
di produzione e rete dellenergia. Nel dettaglio sarebbe possibile dispacciare lenergia durante la fase di picco
massimo produzione/prezzo ed accumularla durante la fase di picco minimo; questa gestione dovrebbe avere una
priorit di dispacciamento e quindi una miglior remunerazione dellinvestimento messo in atto anche da investitori
privati.
Per quanto riguarda i sistemi di accumulo di tipo residenziale essi devono essere visti come una parte del sistema
intelligentechegestisceicarichiattiviepassividellabitazione.
I sistemi di accumulo integrati in una abitazione Smart consentono un ottimale gestione dei carichi, e quindi dei
consumi presenti in una abitazione: in Figura 5.5 viene fornita una possibile soluzione di come si pu integrare il
sistemadiaccumulo.Inquestaconfigurazioneilsistemadiaccumuloaserviziodelsistemadiautomazionedellacasa
perlagestionedeicarichi,dellacontinuitdiservizioedellagestionevirtuosadellenergiaelettrica.
Ad esclusione delle delibere AEEG per i sistemi power intensive (delibera 43/2013/R/eel) e energy intensive
(delibera 66/2013/R/eel), in Italia lincentivazione dei sistemi di accumulo non ha ancora trovato una concreta
applicazione.Guardando invece il panorama internazionale si possono portare gli esempi di USAe Germania.Sotto
laspetto dei piani incentivanti la Germania ha traguardato il futuro dei sistemi di accumulo con due importanti
interventi.Ilprimorelativoasistemidiaccumulodienergiaingenerale(siatermicacheelettrica),alfinedistimolare
laricercaintalesettoreperraggiungerelobiettivodell80%dienergiaprodottadafonterinnovabileentroil2050.
Lassociazione dellincentivo sia del sistema fotovoltaico che del sistema di accumulo implica una forte spinta della
Germania verso lo sviluppo di produzione di energia elettrica distribuita e pi prossima possibile al punto di

149
Alivellonazionaleunbuoncontributoallosviluppodeisistemidiaccumulostatodatoafine2013conlemissionedellenuove
norme CEI 016e CEI 021 in cui vengono chiaramenteespostitutti i tipi di schemi applicabili sia a livello di rete che a livello di
utenza.


111

connessione.IlsecondopianoincentivanteProgramma275statovaratonelMaggio2013,finanziatoattraversola
bancadelgovernofederalekfWcheprevedesiaunfinanziamentoagevolatofinoal100%delcostodelsistemacheun
incentivodel30%delcostostesso.Ilrimborsodel30%vieneerogatonelcasoincuilimpiantofotovoltaicoassociato
alsistemadiaccumuloerogainretenonpidel60%dellenergiaprodotta.Ilpianotedescoprevedesiaperil2013
cheperil2014unfondoda25M/anno.

Figura5.5Esempiodiintegrazionedelsistemadiaccumulo


Fonte:TOSHIBA

PerquantoriguardagliUSAlacampagnaincentivanteprincipalelSGIP(SelfGenerationIncentiveProgram):natanel
2001,incentiva(secondoloschemadiTabella5.3)isistemidigenerazionedistribuitadienergiaelettricaesistentie
nuovi.

Tabella5.3SchemadiincentivazioneSGIP
Tecnologia Incentivo($/W)
RenewableandWasteHeatCapture
WindTurbine 1,19
WasteHeattoPower 1,19
PressureReductionTurbine 1,19
NonRenewableConventionalCHP
InternalCombustionEngineCHP 0,48
MicroTurbineCHP 0,48
GasTurbineCHP 0,48
EmergingTechnologies
AdvancedEnergyStorage 1,80
BiogasAdder 1,80
FuelCellCHPorElectricOnly 2,03
Fonte:TOSHIBA

LSGIPrimborsalaquotadescrittaperisistemidigenerazionedistribuitainstallatiavalledelmisuratoredienergiadi
propriet del gestore di rete. Le tecnologie coinvolte sono molteplici ed hanno portato, fino alla fine del 2010,
linstallazione di 306MW di potenza su 552 progetti distribuiti come dalla Tabella 5.4. Nel caso in cui il sistema di
accumulo venga fornito da una azienda californiana, il proprietario del sistema ha diritto ad un incremento
dellincentivoparial20%.Lultimostanziamento(20112014)elargitodi77,2M$,suddivisotraiquattrofornitoridi
energia elettrica presenti sul territorio: California Pacific Gas & Electric (PG&E), California Center for Sustainable
Energy(CCSE),SouthernCaliforniaEdison(SCE)eSouthernCaliforniaEdison(SCE).


112

Tabella5.4ImpiantiincentivatiattraversoloschemaSGIP,anni20012010
Complete Active(All) Total
Tecnology&Fuel*
n MW n MW n MW Averagesize(kW)
WD 8 4,7 18 22,8 26 27,5 1.059
FCN 19 9,7 20 2,3 39 12 308
FCR 8 5,5 8 15 16 20,5 1.278
FCDirected 5 1,8 52 25,2 57 27 474
FCElectric 4 1,3 4 1,3 325
ICEN 229 140,4 4 1,7 233 142 610
ICER 21 13,7 2 0,8 23 14,4 626
GTN 8 25,7 1 4,4 9 30,1 3.349
GTR 1 0,8 1 0,8 750
MTN 118 20,2 1 0,8 119 21 176
MTR 21 3,8 1 0,2 22 4 181
AES 3 5,5 3 5,5 1.833
All 441 226,8 111 79,3 552 306,1
*WD=Wind;FC=FuelCell;ICE=InternalCombustionEngine;GT=GasTurbine;MT=MicroTurbine;AES=AdvancedEnergyStorage;N=Non
Renewable;R=Renewable
Fonte:TOSHIBA

Una seconda campagna importante denominata Storage ACT e prevede uno sgravio fiscale fino al 30%
dellinvestimento.
Infine,nelgiugno2013stataemessaunaDirettiva(R.1012007CAP/sbf/oma)chevuoleulteriormentestimolarela
crescitadeisistemidiaccumulodal2014al2020finoa1,3GWdiinstallazionecomeevidenziatoinTabella5.5.

Tabella5.5DirettivaR.1012007
Usecasecategory,byutility 2014 2016 2018 2020 Total
1.SouthernCaliforniaEdison(SCE)
Transmission 50 65 85 110 310
Distribution 30 40 50 65 185
Customer 10 15 25 35 85
TotalSCE 90 120 160 210 580
2.PacificGasandElectric(PG&E)
Transmission 50 65 85 110 310
Distribution 30 40 50 65 185
Customer 10 15 25 35 85
TotalPG&E 90 120 160 210 580
3.SanDiegoGas&Electric(SDG&E)
Transmission 10 15 22 33 80
Distribution 7 10 15 23 55
Customer 3 5 8 14 30
TotalSDG&E 20 30 45 70 165
TOTALE(1+2+3) 200 270 365 490 1.325
Fonte:TOSHIBA


113



6.Comunicazione,informazioneeformazione

6.1 Informare,diffondereecomunicare

La costruzione e lattuazione di politiche energetiche sostenibili necessitano di unampia comprensione ed


accettazionedapartedituttigliattoricoinvoltialfinedigenerarecambiamenticomportamentalinellusodellenergia.
Pertalemotivoindispensabileunaforteazionedisensibilizzazionesuitemidelrisparmioedellefficienzaenergetica,
attraversopercorsiinformativiededucativi.

Da questo punto di vista, la Direttiva 2012/27/EU sullefficienza energetica


costituisceunaveraepropriapietramiliareinquanto,nelprevederemisurenuove
ENEAperlinformazioneeleducazione e rafforzate per accelerare i miglioramenti nellefficienza energetica, chiarisce
ObiettivoEfficienzaEnergetica come sia necessario un approccio integrato per affrontare tutti gli aspetti della
Sitowebdedicatoallefficienzaenergetica domandaedelloffertadienergia.
cheraggiungei2500contattialgiorno:
Inparticolare,nellavalutazionedimpattocheaccompagnalaDirettiva,sidiceche
www.efficienzaenergetica.enea.it
gliscenariPRIMES20%diefficienzapresuppongonochelemisuresianoriuscitea
Facciamodipiconmeno
modificare il comportamento dei consumatori rispetto alla applicazione delle
ProgrammadisensibilizzazionedellaPA soluzionidiefficienzaenergetica.
perladozionedicomportamenti
consapevolinellusodellenergia. Apparequindievidentecomelinterfacciatralepoliticheeilcomportamentodei
OgnikWhconta cittadini,obiettivofinaleditalipolitiche,sialachiaveperraggiungerelaprevista
Collanadiebookdedicataaicittadinisul riduzionedeiconsumienergetici.
temadellusorazionaledellenergia.
Perraggiungeregliobiettividiefficienzaenergeticaindispensabilechesirealizzi
Scegliamociilfuturo,scegliendolenergia
uncambiamentodeicomportamentidapartedituttiicittadini.Seinfattisisposta
Laboratoriosperimentaledipolitica
energeticachehacoinvoltoglistudentidi ilfocusdellattenzionesulluomo,evidentechequestiobiettiviprevedono,perla
unistitutosuperiorechehannoaffrontato propria realizzazione, un atteggiamento attivo da parte dellindividuo che deve
inmanieracondivisailtemadell'uso
razionaledell'energia,sviluppandouna
tradursi in azione muovendosi dallo status quo per raggiungere un nuovo
visionecomuneeproiettandoinunfuturo obiettivo.
prossimolapossibilitdiunosviluppo
sostenibile. Queste azioni sono molto diverse luna dallaltra e implicano livelli diversi di
Noliftdays modificazionedeicomportamenti:sipensi,adesempio,allaccortezzadispegnere
Progettoperlasensibilizzazionedei lalucequandosiescedaunastanza,cheimplicaunazionerazionaleeripetutaper
dipendentipubbliciallusodellescaleal modificarelapropriaabitudinedilasciareaccesalaluceesostituirlaconlanuova
postodellascensore.
abitudinedispegnerla;oppuregliinterventistrutturalisullapropriacasafinalizzati
Corsodisopravvivenzaenergetica allefficienza energetica, che presuppongono scelte profonde in termini di spesa
Seriedicorsirivoltiaglistudenti economica,didisturbodurantelarealizzazionedellintervento,etc.
universitariperfornireinformazionisu
comeridurreiconsumienergeticiedi Appare evidente, quindi, che se trasferire ai cittadini le informazioni e le
relativicosti,migliorandolefficienza.
conoscenze sullefficienza energetica, con la massima diffusione, il punto di
DonnediclasseA+
partenza indispensabile per raggiungere gli obiettivi prefissi, lo altrettanto
Progettoorganizzatoincollaborazionecon condividere con gli stessi cittadini le qualificazioni dellefficienza energetica: i
Federcasalinghe,perlasensibilizzazione
delledonnecasalinghesuitemidel benefici, le utilit, le prospettive ma anche i limiti. Per fare questo necessario
risparmioenergetico. instaurareunsistemadicomunicazioneefficacetralafontedelleinformazioniei
EnergiadaVedere destinataridellastessabasatasucodicievaloricondivisi.
ConcorsoapremirivoltoagliUnder35per
Lo scopo di questo capitolo di strutturare uno schema di comunicazione
larealizzazionediSpotaudio/video,Cortie
ApppertabletesmartphonesullEfficienza dellefficienza energetica che fotografi la realt e ne individui i soggetti coinvolti
Energetica. descrivendo i flussi di comunicazione tra di essi. La Figura 6.1 riporta il modello
basedellacomunicazione(Figura6.1),unoschemasemplificatodacuisipartiti
perdelinearneunopispecificodedicatoallefficienzaenergetica.


114

Figura6.1Modellodicomunicazionesemplificato

MESSAGGIO
EMITTENTE RICEVENTE

Fonte:ElaborazioneENEA

Perunamaggiorecomprensionedelloschemadedicatoallefficienzaenergeticanecessariofornireledefinizionidei
soggetticoinvolti:
Pubblica Amministrazione: comuni, province, regioni, stato, ministeri, organismi di diritto pubblico,
concessionari, societ per azioni costituite da capitale misto pubblico/privato e tutte le altre figure che
svolgono in qualche modo la funzione amministrativa nellinteresse della collettivit, quindi nellinteresse
pubblico.Inquestocasospecifico,taleattivitamministrativasvoltaavariotitolonellambitodellefficienza
energetica.
Imprese: in questo caso, tutte le aziende che operano nel settore dellefficienza energetica per la
realizzazionediunproprioprofittoeconomico.
Media:radio,tv,giornali.
Cittadini: il maggior numero di persone che possono essere raggiunte in Italia dal messaggio di
comunicazioneriguardantelefficienzaenergetica.
LoschemasintetizzatonellaFigura6.2descriveunprocessodicomunicazionetraisoggetticoinvoltichesiorganizza
secondolaseguentedinamica:
Lemittente (PA) produce il messaggio (efficienza energetica) che viene veicolato attraverso un flusso di
comunicazionechesisviluppain2modalit:
Ilflussodicomunicazioneraggiungedirettamenteilricevente(icittadini)chedecodificailmessaggio
originariodellemittente.
Il flusso si sviluppa in 2 fasi passando attraverso dei soggetti intermedi (media e imprese) che da
riceventi decodificano il messaggio originario dellemittente per poi ricodificarlo, nel ruolo di nuovi
emittenti, aggiungendo i propri codici e valori e veicolarlo attraverso un nuovo flusso di
comunicazioneversoilriceventefinalechequindidecodificaunnuovomessaggiodotatodipicodici
evalori.Infine,ilriceventeinviaunfeedbackdirispostaallemittentechelodecodificaasuavolta.

Figura6.2Schemadicomunicazionedellefficienzaenergetica

MESSAGGIO
MESSAGGIO
MEDIA

P.A. MESSAGGIO
IMPRESE MESSAGGIO
CITTADINI

FEEDBACK

Fonte:ElaborazioneENEA


115

Aquestoschemapotrebberoessereaggiuntialtriflussidicomunicazione,adesempiotramediaeimpreseodaquesti
allaPA,manellotticadelprocessodicomunicazionepresoinesamequestiflussisonodaconsiderarsisecondarieper
semplificareilcampodellaricercanonsonoconsiderati.
Nei paragrafi successivi sar presentata unanalisi dei flussi di comunicazione, attraverso lo schema descritto,
realizzataperunadelleprincipalimisuredipoliticaperlefficienzaenergeticainItalia:ledetrazionifiscalidel5565%
perlariqualificazionedegliimmobili.

6.1.1 CaseStudy:ledetrazionifiscalidel5565%

Nei paragrafi successivi verr descritto il case study delle detrazioni fiscali del 5565% (da ora Bonus 5565%)
nellottica dei flussi di comunicazione che hanno contribuito a renderle nel giro di sette anni (20072013) uno dei
pilastri fondamentali dellefficienza energetica italiana. Grazie allo schema realizzato stato possibile analizzare e
ricostruirelarealtcompositadeiflussidicomunicazionecheintercorronotratuttiisoggetticheagiscononelcampo
specificodelledetrazionifiscalidel5565%.

6.1.1.1 Imediatradizionali

Allinterno dello schema di comunicazione di cui si gi parlato i media rappresentano, insieme alle imprese, un
soggetto intermedio tra la Pubblica Amministrazione e i cittadini: ricevente rispetto al messaggio della Pubblica
Amministrazioneeemittenteneiconfrontideicittadini.

La peculiarit dei media, per, fa si che essi non possano essere considerati un semplice trait dunion o un
traduttore tra emittente e ricevente, ma sono i media stessi a diventare un nuovo emittente del messaggio
originariodellaPubblicaAmministrazionecontribuendoaformarelopinionepubblica.

Lanalisideimediasiconcentratasuicosiddettioldmedia(stampa,tveradio),chiedendosisedal2007al2013la
notizia delle detrazioni fiscali del 5565% sia stata presente sui mezzi di comunicazione e quante volte: si tratta di
unanalisiquantitativache,purnonavendolapresunzionediessereesaustiva,puntaadindividuarequalesiastatoil
trenddellattenzionedeimediaperquestiargomenti,accennandoaqualcheaspettoqualitativo.
Per quanto riguarda la stampa si preso in considerazione linsieme degli articoli sul Bonus 5565% pubblicati,
nellarcoditempo20072013,daiprincipaliquotidianinazionali(Sole24ore,CorrieredellaSera,Repubblica,Stampa,
Messaggero),daduesettimanali(PanoramaelEspresso)edaduetestatetematiche(QuotidianoEnergiaeStaffetta
Quotidiana),comprensividituttiirelativiallegati,specialieinserti(Venerd,CorriereEconomia,Affari&Finanza,etc.).
Per la radio e la tv, a causa dellampio panorama radiotelevisivo e di alcune limitazioni tecniche, si deciso di
focalizzarelattenzionesuunnumerosufficientementerappresentativoditrasmissioniradiotelevisivechedal2008
al2013hannoparlatoingeneraledeitemidellefficienzaenergetica.Pidel30%diquestehannofattoriferimentoal
bonus5565%.UnprimodatosignificativofornitodallandamentodellapresenzadellanotiziaBonus5565%anno
perannosuglioldmedia(Figura6.3).

Figura6.3ArticolistampaeprogrammiradioeTVsuBonus5565%

120 STAMPA 120 RADIO&TV


100 100
80 80
60 60
40 40
20 20
0 0


Fonte:ElaborazioneENEA


116

Sinotachefindallasuacomparsanel2007ilBonus5565%hainteressatoglioldmedia,chehannopubblicatosempre
nuovi articoli nel corso degli anni in seguito alle successive riconferme del bonus. Scendendo pi nel dettaglio, la
notiziaBonus5565%presentesullacartastampatapraticamenteognimesedurantequestisetteanni.Dalgrafico
propostonellaFigura6.4emergechiaramentecomelanotiziasulBonus5565%siapresentesullacartastampataper
pidell85%deimesicomplessividelperiodo20072013.

Figura6.4IncidenzaarticolistampasuBonus5565%acadenzamensile,anni20072013

30

25

20

15

10

2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013



Fonte:ElaborazioneENEA

Unaltroaspettoimportantelavitadellanotiziasuimediatradizionali:comparsanel2007,lanotiziahaavutoun
trendnegativoperisuccessiviannisututtiglioldmediafinoal2009,annoincuierafortelipotesicheilbonusvenisse
abolito; quando nel 2010 il Bonus 5565% stato riconfermato e rilanciato con maggior vigore dalla Pubblica
Amministrazione,ancheimediahannocoltoilsegnaleelapresenzadellanotiziahaavutounimpennatasuimezzidi
comunicazioneregistrandountrendpositivoinaumentocostanteannoperannofinoalpiccodel2013.
InoltresinotatoilriproporsidipicchinellapubblicazionediarticolisulBonus5565%indeterminatimesidellanno:
appare evidente come i mesi di giugno, novembre e dicembre rappresentino i periodi con il maggior numero di
articoli.Questisonoinfattimesistrategici,durantelanno,perlavitadelbonus;sonoimesiincuisitiranolesomme
sulleco bonus dellanno passato e si individuano le prospettive per il futuro (giugno) e le prime indiscrezioni sulla
manovrafinanziariadelGoverno(novembre)elanalisideltestodefinitivodiquestultima(dicembre).

Insintesi,lamaggioreominorepresenzadiarticolisullacartastampatadipendeancheesoprattuttodalruolocheil
tema ha nella discussione politica. Questo conferma lipotesi di una posizione intermedia dei media tra Pubblica
Amministrazioneecittadinichenonsilimitaasemplicetraduttoredelflussodicomunicazioneoriginario,madiventa
fonteperlaformazionediunopinionepubblica.
Infine,laFigura6.5mostralepercentualidegliarticolipubblicatidaisingoligiornalinelperiodo20072013.Afarela
partedelleoneIlSole24Oreconil45,5%degliarticolitotali;LaRepubblica,IlCorrieredellaSeraeIlMessaggero,
anche se con percentuali minori, dimostrano di interessarsi della materia, mentre La Stampa registra valori molto
bassi.Perquantoriguardaisettimanali,PanoramadimostrauninteressemaggiorerispettoaLEspresso;Quotidiano
EnergiaeStaffettaQuotidianadimostranouninteressepressochidentico.


117

Figura6.5DistribuzionearticolistampasuBonus5565%pertestatagiornalistica(%)

9,6%
IlSole24Ore
9,6% 45,5%
CorrieredellaSera
0,6%
1,8%
LaRepubblica
2,9%
IlMessaggero

LaStampa
9,2% Panorama

L'Espresso

QuotidianoEnergia
11,6%
StaffettaQuotidiana
9,2%

Fonte:ElaborazioneENEA

Il primato de Il Sole 24 Ore confermato (e conferma a sua volta) da un altro importante elemento riguardante la
tipologiadeicontenutidegliarticolipubblicatiedimoltetrasmissioniradiotv,poichlaprincipalechiavediletturain
cuistatotrattatoiltemadelBonus5565%sullacartastampataprincipalmentequelladitipoeconomica:siadal
puntodivistadeibeneficiperleconomianazionalesiaperibeneficieconomicirivoltialcittadino(tempidiritorno
dellinvestimento, risparmio in bolletta, etc.). chiaro che per un giornale definito economico come Il Sole 24 Ore
questoaspettosiailpiinteressanteeilpibattuto(anchesenonlunico),ancheinvirtdellatipologiadeipropri
lettori.
UnaltroaspettodelBonus5565%moltotrattatodaglioldmediasonoleistruzioniperluso:tutteleinformazioniutili
perilcittadinopercapirecosafareperpoterusufruiredelbonus.Imedianehannoparlatoinfunzionedellescadenze,
delleproroghe,dellericonfermeedelpossibileterminedelbonus;nonchdellestatistichesuirisultatiraggiuntiedei
beneficiallambiente.
In conclusione, il Bonus 5565% stato un argomento trattato dagli old media fin dalla sua comparsa nel 2007
aumentando negli anni lo spazio ad esso dedicato sui mezzi di comunicazione fino al risultato massimo del 2013.
Inoltre i media ne hanno parlato non solo con la finalit di informare il proprio pubblico della notizia, ma
approfondendonetuttigliaspettipiutiliedinteressantiperiproprilettori,ascoltatorietelespettatori.

6.1.1.2 InuoviMedia

Peranalizzarelinformazionefornitadainuovimedia,inparticolareInternet,siprovvedutoavisualizzareutilizzando
GoogleTrends150ladomandadiinformazionedapartedellutenzafinaleelandamentodellericercheoperatesulla
reterispettoadalcunekeywords,inparticolareiterminianalizzatisonostati:Detrazioni55%,Efficienzaenergetica
eRisparmioenergetico.

150
Google Trends un servizio di pubblica utilit offerto dal noto motore di ricerca Google. Il servizio consente di visualizzare
l'andamento delle ricerche su una determinata keyword nel corso del tempo. sufficiente digitare una keyword per visualizzare
quantepersonel'hannocercatainunorizzontetemporaledicinqueanni.anchepossibileeffettuarecontemporaneamentepi
ricerchesuunmedesimografico.Ognikeywordvienerappresentatadauncolorediverso.Oltreamostrareilvolumedellericerche
effettuatesulmotorediricerca Google(search volume),ilservizioGoogleTrendsconsentedianalizzareancheilvolumedinews
pubblicatesull'argomentonelcorsodeltempo.Lericerchepossonoessereeffettuatesiaalivelloglobalesiaalivellonazione.In
questomodopossibilecomprendereseundeterminatotemahapersodiinteresseohaacquistatounacrescentepopolaritnel
corsodeltempo.


118

Dalla prima analisi emerge che il termine Efficienza Energetica, gi oggetto di interesse prima del 2007, anno di
introduzione delle detrazioni 55% per la riqualificazione energetica, a partire da quellanno riceve un notevole
incrementonellericerche.TaliricercherelativealtermineDetrazioni55%,dopounpiccosulfiniredellanno2008,si
riduconomentresirilevaunaconsiderevoleattenzioneperlakeywordEfficienzaEnergetica(Figura6.6).

Figura6.6AndamentokeywordsDetrazioni55%eEfficienzaEnergeticanelweb,anni20052013

EfficienzaEnergetica Detrazioni55%


Fonte:GoogleTrends

Confrontando invece landamento delle ricerche relative ai due termini Efficienza Energetica e Risparmio
Energetico, si pu notare una netta prevalenza di questultimo con un notevole incremento a partire dal 2007,
trascinatodalleffettoDetrazioni55%(Figura6.7).

Figura 6.7 Andamento keywords Efficienza Energetica e Risparmio Energetico nel web, anni 2005
2013

EfficienzaEnergetica RisparmioEnergetico


Fonte:GoogleTrends

6.1.1.3 LaPubblicaAmministrazione

IlruolodicollegamentodirettofralaPAedicittadinistatosvoltoingranpartedallENEAchesupportailMinistero
dello Sviluppo Economico nelle attivit di informazione e sensibilizzazione relative alle detrazioni fiscali del 55%.
HannocontribuitoalladiffusionedelleinformazionianchelAgenziaperleEntrate,leAgenzieregionalieprovinciali
perlEnergiaeleamministrazionicomunali.
LattivitsvoltadaitecniciedagliinformaticidellENEAhaaccompagnatolanascitadellamisuradiincentivazionea
partiredal2007edbenraccontatadainumeridelloperazione:
Campagne informative nazionali attraverso diversi canali di comunicazione (stampa, radio, TV, cinema,
etc.).
Dal 2007 al 2012, risposte a pi di 70.000 quesiti tecnici, pervenuti tramite email attraverso il link
contattidelsitodinformazionehttp://efficienzaenergetica.acs.enea.it.
Solo nellultimo anno, risposte a pi di 4.000 richieste di assistenza informatica, pervenute via mail
attraverso il canale dedicato (ossia attraverso laiuto in linea del sito di trasmissione della
documentazioneadENEA).


119

LineaAmicadelFormez,chedaluglio2012supportaENEAnellaprimaassistenzaagliutenti,harisposto
acirca17.000richieste.
Dal2007al2012,itecniciENEAhannofattoformazionepartecipandoapidi200convegni,seminario
workshoporientatialletematicheenergetiche.
I tecnici dellAgenzia hanno promosso gli incentivi nelle fiere nazionali orientate alle tematiche
energetiche(Ecomondo,SAIE,MADE,Greenbuilding,etc.).
Dal2007al2012,sonostatetrasmesseallENEApidi1,5milionidirichiestedidetrazione.
Il numero di accessi ai siti di trasmissione, prendendo a riferimento il sito di trasmissione 2012
(http://finanziaria2012.enea.it),statodigranlungasuperioreai4milioni.

6.2 Implicazioniformativeeprofessionalidelmodelloenergeticosostenibile

Laffermarsi del nuovo modello energetico sostenibile ha profonde implicazioni sia formative che professionali che
pongonoinprimopianolaqualitelefficaciadellaformazione.Limpattosulloccupazioneesulmercatodellavoro
considerevole e richiede una costante azione di analisi e ricerche, a cui lISFOL Sviluppo sostenibile sta da tempo
portandouncontributosiainterminiconoscitivicheconmodelliinnovativiemetodologiesperimentalidarecepiree
trasferirenellacostruzionedellecompetenzeenellepraticheformative.
Inquestasedeverrdelineatounquadrodelloffertaformativariferitaalleenergieecosostenibilieairelativicampi
applicativi, mettendo in luce, attraverso lanalisi degli aspetti qualiquantitativi, le tendenze in atto e le relative
criticit e potenzialit della formazione erogata. Questa analisi verr accompagnata da alcuni dati sugli esiti della
formazione relativa alle tematiche energetiche che, attraverso la ricostruzione dei percorsi formativi e lavorativi,
fornirannoutilielementiconoscitivisullaspendibilitoccupazionaleeprofessionale.Infine,unaterzaparteriguarder
le figure professionali ecoinnovative, delineate e descritte attraverso lapproccio dello sviluppo sostenibile. Una
visione di insieme sulle tre parti permette di conseguire un duplice obiettivo: da un lato, la conoscenza e
lapprofondimentodellostatodellecose,perseguitoattraversolepartirelativealloffertaformativaeallaspendibilit
occupazionaledellaformazionerealizzata;dallaltro,quellopipropositivo,voltoaorientareerenderepraticabileuna
culturadelcambiamento.

6.2.1 Leazioniformativerealizzatealivellonazionale

Letematichedelrisparmioedellefficienzaenergetica,dellaproduzioneedistribuzionedienergiadafontialternative,
dellariqualificazioneediliziaedellamobilitsostenibile,hannoavutonegliultimianniunforteimpulsodettatodalle
emergenze imposte dai cambiamenti climatici, dagli obblighi fissati a livello europeo dal Pacchetto climaenergia e
dalletappetracciatenellaEnergyRoadmap2050checonfermalimpegnodellEuropanelladirezionediuneconomia
abasseemissionidicarbonio.
Consideratalatrasversalitecomplessitdegliinterventidamettereincampoaifinidiunariconversionedelmodello
energetico che investa non solo il sistema economico e produttivo, ma anche gli stili di vita e di consumo, la
formazionelegataaquestetematicherivesteunruolofondamentalesiaperlacreazionedinuoveprofessionalitsia
perlariqualificazionediquelleesistenti.
I dati riconducibili al panorama nazionale mostrano come la formazione si confronti con queste tematiche di forte
valore strategico e quale sia lorientamento intrapreso nellofferta formativa realizzata. Lanalisi degli ultimi anni
evidenzia unconsolidamento dellinvestimento formativoche nellinsieme ricopre nel 2012 quasi il 20% dellofferta
formativa ambientale complessiva151, facendo registrare un aumento delle attivit formative programmate (+145
corsi)rispettoallannualit2011(Figura6.8).

151
Lofferta formativa ambientale rilevata attraverso indagini censuarie condotte annualmente dallISFOLSviluppo sostenibile.
Dati e rapporti di ricerca sono consultabili in rete nel sistema informativo IFOLAMB Informazione, Formazione, Orientamento,
LavoroAMBientale.Inquestaanalisinonsonoinclusiipercorsiformativiambientaliuniversitaripoichletematichedelleenergie
rinnovabiliedellefficienzaenergeticaeinteressanotrasversalmenteenoninmanieraesclusivaoprioritariaicurriculadellelauree
ambientali non permettendone, in tal senso, una identificazione e selezione univoca rispetto agli ambiti tematici presi a
riferimento.


120

Figura6.8Rapportotralaformazioneperleenergieecosostenibiliela
formazioneambientalecomplessivaperanno

1.911

2000
1.367
1500

1000
378(19,7%)
233(17%)
500

MariaTeresaPalleschi
ResponsabileSvilupposostenibileISFOL
0
D:Quallostatodellarte?
2011 2012
R:Alivellonazionalenegliultimiannisi
Corsiperl'energiaecosostenibile Corsiambientalitotali sonosviluppatemolteattivitformative
volteafavorirelatransizioneversoun
Fonte:ISFOLSvilupposostenibile2013 modelloenergeticosostenibilechenel
2012coprequasiil20%dellofferta
La tendenza incrementale interessa sia lo sviluppo di competenze inerenti profili formativaambientalecomplessiva.Le
attivitdiformazionecontinuarivestono
tecnici di base, come ad esempio addetti allinstallazione e allimpiantistica e unruoloprevalenteinriferimento
certificatorienergetici,sialacreazionedicompetenzerivolteaprofessionalitpi soprattuttoallaformazioneprofessionale
(70%).Lericadutesulversante
specialistiche, come i progettisti dellefficienza energetica e delle energie occupazionalesonopositive,ma
rinnovabili o gli Energy Manager. Lobiettivo di realizzare un diverso modello richiedonouninvestimentointerminidi
energetico sostenibile dal punto di vista ambientale si tradotto in proposte formazione,ricercaedecoinnovazioneper
affrontarelacrisicomeunopportunitdi
formativemoltoarticolate,concontenutispessoinnovativi,ingradodirispondere cambiamentoesvilupparelepotenzialit
ampiamenteallediverseesigenzeformativeemergenti. legateadunusoconsapevoleedeco
efficientedellerisorse.
Pubblico e privato investono in formazione professionale per un nuovo modello D:Qualisonolebestpractices?
energetico,intervenendoconlostessopeso:il44,7%deipercorsifinanziatoda R:Tuttequelleattivitformativeche
fondi pubblici e il 43,4% da fondi provenienti da enti o associazioni private, sviluppanocompetenzesistemichein
gradodimettereinrapportocultura
sottolineandocomequestoambitoabbiamobilitatoesollecitatotrasversalmente
ecosistemicadibaseecompetenze
gliinvestimentiperlaformazioneeperilmercatodellavoro.L11,9%delleattivit specialistiche,superandolotticadegli
riguardano la formazione postlaurea realizzata in grande parte in ambito specialismidisciplinari,eche
ricompongonoladicotomiatradimensione
universitario. cognitivaedimensionevaloriale.

La presenza sul territorio evidenzia una maggiore diffusione di attivit formative D:Qualisonolebarriereeleprospettive?
soprattutto nelle regioni del Centro (38,9%), in cui si rileva un consistente R:Moltodipenderdallacapacitdi
innovareilmodelloculturalecheorientala
investimento da parte dei soggetti privati. Nel Nord si registra una pressoch
qualitdeiprocessieducativieformativi,
identica distribuzione territoriale delle attivit formative (Nord Est: 21,2%; Nord operandosceltechenonvadanoa
Ovest 21,4%), anche se lapporto di finanziamenti pubblici di provenienza reiterarelattualemodellodisviluppo,
bensattraversonuovemodalitdi
soprattuttocomunitariaprevalenelNordEst,mentrerisultaminoritarionelNord coniugareinnovazione,stilidivita,modelli
Ovest.IlMezzogiorno(18,5%)lareageograficaincuilinvestimentoformativosu diproduzioneediconsumo.Solocossar
possibileridurreilgaptravaloricondivisie
queste tematiche inferiore, sebbene le potenzialit offerte dal territorio comportamenticoncreti.
rappresentino unopportunit da sviluppare, dal punto di vista delle ricadute
occupazionaliedeconomicoproduttive(Tabella6.1).
Alivelloregionaleicorsirisultanodistribuiticapillarmentesuquasituttelerealtlocali.Accantoaiterritorichestanno
recuperando il ritardo formativo cumulato, altre regioni come Lazio, Lombardia, Sicilia ed EmiliaRomagna hanno
assuntoneglianniunruoloimportantenelsettoresiaperilnumerodiazionimesseincampo,siaperlacapacitdi
innovareintrodottaneisistemiproduttivieorganizzativi.


121

Tabella 6.1 Formazione per le energie ecosostenibili per area geografica, natura corso e tipologia
formativa,anno2012
Areageografica Numero %
NordEst 80 21,2
NordOvest 81 21,4
Centro 147 38,9
Mezzogiorno 70 18,5
TOTALE 378 100
Naturacorso Numero %
Formazioneprofessionalepubblica 169 44,7
Formazioneprofessionaleprivata 164 43,4
Formazionepostlaurea 45 11,9
TOTALE 378 100
Tipologiaformativa Numero %
Postobbligoformativo 15 4,0
Postdiploma 54 14,3
Formazionecontinua 219 57,9
Formazionepermanente 18 4,8
Creazionediimpresa 4 1,1
Fascedeboli 23 6,1
MasterIlivello 7 1,9
MasterIIlivello 20 5,3
Masterprivati 13 3,4
Perfezionamento 3 0,8
Altaformazione 1 0,3
Professionalizzazionepostlaurea 1 0,3
TOTALE 378 100
Fonte:ISFOL

Laformazionerivoltaaquestoambitodovrebbeessereorientatasiaallacreazionedinuovecompetenzeeprofilidi
vario livello, in grado di incidere sulle trasformazioni richieste, sia al rafforzamento delle professionalit che
favorisconoeacceleranoprocessidiriconversioneinatto,conlanecessariaintroduzioneditecnologieinnovativeche
permettanodiagiresulcambiamentodelmodelloenergeticotradizionale.
Sulversantedellatipologiadelleattivitformativeedeidestinatariacuisonorivolte,idatiriferitiallannualit2012
indicano un avanzamento della formazione rivolta alla creazione di profili professionali innovativi ed emergenti,
nellambitodipercorsiformatividestinatiafornireunlivellopispecialistico.Laformazionecontinuadibrevedurata
(57,9%), pur restando prevalente, diminuisce rispetto alle passate annualit; al contempo, si registra una maggiore
presenza di percorsi riferiti al postlaurea (master di I e II livello, privati, alta formazione, perfezionamento e
professionalizzazione postlaurea: 12%) e postdiploma (qualifica, specializzazione e IFTS: 14,3%). Da notare il dato
positivodellincidenzadeipercorsirivoltiallefascedeboli(6,1%),tendenzasignificativacheevidenzialacapacitdella
formazioneperleenergieverdidicrearenuoveopportunitdiinclusionesocialeedireinserimentolavorativo.

Ilquadrochesidelineadallanalisideidatinonmancadievidenziarecriticiteinadeguatezze,inprevalenzadovute
alla mancanza o alla debolezza di una programmazione formativa e di azioni di sistema che integrino le varie
dimensionidegliinterventipubbliciedelleproposterealizzatesulliberomercato,perfornireilsupportonecessarioal
raggiungimentodegliobiettividipolicyfissatinegliaccordieuropeienellenormativenazionali.Latransizioneversoun
modello energetico sostenibile richiede, infatti, ladozione di adeguatepolitiche formative, educative e del mercato
del lavoro che operino in stretta sinergia con gli interventi macroeconomici e settoriali in materia di finanza e
investimentipubblicisulletematichedellenergiaeconladomandadinuoveprofessionalitecompetenze.
Alcuni aspetti, in particolare, introducono elementi di criticit nellaccompagnare lattuale fase di transizione a un
diverso modello energetico che se intrapreso fermamente avr importanti risvolti sotto il profilo delle sfide
ambientali,delmercatodellavoroedeisistemiproduttivicoinvolti.Unaprimacriticitriguardalaqualitdelleazioni
formative di aggiornamento e riqualificazione di figure professionali gi esistenti rispetto alle quali si evidenzia la
difficolt di strutturare le competenze in unottica sistemica in grado di raccordare conoscenze, capacit e valori
ambientali. Le pratiche formative si sono adattate pi di frequente a rispondere velocemente ai fabbisogni di


122

aggiornamento in materia energetica e la formazione proposta ne risulta spesso parcellizzata e o concentrata su


specificiaspetti,orimaneancorataamodelliformativipreesistenti,aiqualivengonosemplicementeaddizionatinuovi
moduliambientaliocompetenzeverdi.Unaltracriticitsievidenziainrelazioneallacapacitdeisistemiformatividi
rispondere ai fabbisogni espressi o emergenti. Scarsa attenzione posta anche ai fabbisogni potenziali. Queste
carenzeportanoapercorsiformativispessoautoreferenzialienonsempreinlineaconlerealinecessitdelmercato
del lavoro e di riqualificazione e riconversione dei sistemi produttivi. In questa direzione risulta di fondamentale
importanza lavvio di iniziative partecipate per il monitoraggio e la valutazione delle competenze necessarie per
meglioindirizzarelaformazioneversoilmondodellavororelativoalleenergieverdi.

6.2.2 Dopolaformazione:permanenzanellavoroenuovaoccupazione

I risultati di una recente ricerca dellISFOLSviluppo sostenibile152 offrono elementi favorevoli di valutazione del
rapporto tra la formazione e linserimento lavorativo. I dati rilevati confermano che la formazione a supporto della
transizioneadunmodelloenergeticodiproduzioneeconsumoecosostenibilecreaoccupazionedibuonaqualited
inclusiva,nonostantelapresenzadiunagravecrisieconomicadicaratterestrutturaleediuncontestocaratterizzato
dafortiritardinelladozionedispecificiattidiindirizzocomequelloitaliano.
Linserimentolavorativopresentacaratteristichepositivesianellentratanelmercatodellavorodeiprofiliambientali
dilivelloqualificatosiarispettoallaformazionedestinataallaforzalavoroattiva.Ilivellioccupazionaliaseguitodella
formazioneaumentanodel23%circaeaunannodallafinedelcorsofrequentatol88%deipartecipantioccupato
(Figura 6.9). Tale aumento determinato dalle opportunit di inserimento incontrate tra coloro che erano in
formazioneoinstatodidisoccupazioneocercavanounprimolavoro:il77%deinonoccupatialmomentodellascelta
formativaraggiungelobiettivodientrarenelmercatodellavorooditrovareunnuovolavoro.

Figura6.9EsitioccupazionaliindagineISFOLsullaformazioneambientale(%)

Lauree 1998

FormazioneRegionale 1998

DiplomiUniversitari 1999

IFTS 2000

Master 2006

Laureetriennali 2010(aunanno)

Laureetriennali 2010(atreanni)

Formazioneenergia 2012

0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100%
Occupati OccupatiAmbientali

Fonte:ISFOL

152
Laricercasiinserisceinunapluriennaleattivitdistudio,sostenutadauncomuneimpiantometodologico,voltaadanalizzareil
processoditransizionedallaformazioneambientaleallavoro,inriferimentoadiversisegmentiformativi(laureetriennali,master,
IFTS, qualifiche, diplomi universitari e lauree del vecchio ordinamento preriforma), rendendo disponibili dati e informazioni che
hanno consentito di verificare nellultimo decennio la capacit della formazione ambientale di confrontarsi con la domanda di
lavoroedirispondereaifabbisogninonsoloespressiedemergenti,maanchepotenzialidiprofessionalitambientali.SivedaISFOL
Emanuela Mencarelli (a cura di), La formazione per la sostenibilit energetica: permanenza nel lavoro e nuova occupazione, in
corso di pubblicazione; ISFOL Rita Ammassari e Maria Teresa Palleschi (a cura di), Lauree ambientali triennali. Inserimento
lavorativoeprosecuzionedeglistudi,2012;ISFOLRitaAmmassarieMariaTeresaPalleschi(acuradi),Imasterambientali.Qualit
deipercorsiespendibilitnelmercatodellavoro,2007.


123

Ancheperchieraincassaintegrazioneoinmobilitetracolorochehannopersoillavoroduranteilcorsocstatala
possibilitdiunrapidoreinserimento.Lamaggioranzadeglioccupati(60%)mantienelastessaattivitlavorativa,altri
siricollocanocambiandopidiunlavoro.Ladiversitdelloffertadiformazionerealizzata,considerandocheunalarga
parte del campione era gi occupata al momento della scelta formativa, concorre utilmente a rafforzare i percorsi
professionali fornendo risposte differenziate alla domanda emergente di competenze e i vantaggi acquisiti per gli
occupatisifannopievidentiquandolinvestimentoformativodicaratterepistrutturato.
Osservando la collocazione lavorativa, lattivit svolta non mai dequalificata e linquadramento professionale
raggiunto coerente con il livello di formazione conseguito, soprattutto quando le competenze strutturate nei
percorsi formativi sono di livello intermedio o specialistico. Nel campione esaminato la modalit prevalente
rappresentata dal lavoro autonomo (52%), prestato soprattutto in realt lavorative di piccole dimensioni.
Loccupazioneinquestocasodecisamenteconcentratainruolidiresponsabilitacaratterespecialistico(professioni
intellettuali,scientificheedielevataspecializzazione:70%).Posizioniqueste,ilcuipesoeragievidentealmomento
dellasceltaformativa,chesirafforzanoconlingressodeinuovioccupatiechesonoadeguateallivellodiformazione
conseguito. Al lavoro autonomo si affianca il lavoro dipendente regolare (38%), in grande parte a tempo
indeterminato,svoltonelsettoreprivato(65%)soprattuttoincontestiorganizzatividimedieegrandidimensioni.Il
lavorotemporaneo(16%)decisamentemenodiffusorispettoaquantoosservatonellealtreindaginisugliesitidella
formazioneambientale(laureetriennali:36,6%;master:44%).
Sonoinmolticolorochehannoraggiuntolobiettivoditenereinsiemeilpercorsodistudio,leaspirazioniprofessionali
e il lavoro svolto: lobiettivo di avere un lavoro coerente con il percorso formativo scelto raggiunto dal 62% degli
occupati; di questi il 45% svolge un lavoro attinente con i temi dellattivit formativa da poco conclusa. In
controtendenzaconivalorinazionalisulloccupazionegiovanile,leprospettivedipoterlavorareincampoambientale
sonomoltoaperteperigiovani,inparticolareperquellialdisottodei30anni,rispettoaiqualianchefacilitatala
possibilit di trovare in tempi ristretti un lavoro in ambito energetico (52%), e per le donne. A livello territoriale, il
tradizionale divario tra Nord e Sud si fa meno evidente nelloccupazione e nel Mezzogiorno la disoccupazione si
dimezza. Le difficolt inerenti i passaggi intergenerazionali sembrano modificarsi a vantaggio dei giovani che
incontranominoredifficoltdiinserimentodopolaformazione(finoa30anni:79%;trai30ei40anni:89%).
Idatisonoincoraggiantiancheperledonne,soprattuttoseanalizzatinellaprospettivadiunfuturoinvestimentovolto
arafforzarelepolitichedigenerenellaformazioneequalificazionedelleprofessionalitambientali.Inpresenzadiuna
elevataspecializzazione,laforzalavorofemminilevienevalorizzatacomerisorsanellentrataonellapermanenzanel
lavoro. Pur non essendo ancora sufficientemente elevata la partecipazione delle donne alla formazione in questo
ambitoeneicontestilavorativi,letendenzeriscontratesonoestremamenteindicative.Ledonneinformazionesono
soprattuttogiovani,hannomediamentetitolidistudiopielevati,investonoincorsipistrutturatieincontranopari
opportunitdiinserimentoentrandonelmercatodellavoro.Sebbeneancorapenalizzatenellastabilitcontrattualee
nellaretribuzione,sonoattivenellintraprendereunlavoroautonomoelaloropresenzaprofessionalepiqualificata
diquellamaschile.Insensibileaumentosono,infatti,ledonnechesiinserisconoinprofessionalitconaltilivellidi
specializzazioneeresponsabilitonelleprofessioniintermedieditipotecnico,ancorastandardizzatedalpuntodivista
delgenere.Taletendenzafasupporrecheleopportunitsiaccrescerannosecostruitenellotticadellavalorizzazione
delle differenze, incrementando la partecipazione femminile nel settore energeticodove tradizionalmente ledonne
hannoiniziatodapocoaesserepresenti.
Alla formazione riconosciuto un ruolo importante nellaccrescimento delle capacit professionali, anche quando i
miglioramentinonsonodirettamentepercepibiliinprofessionalitgisolidamenteorientate.Vaprecisatochespesso
labrevedurata,elementochecaratterizzalamaggioranzadellaformazioneinquestoambito,ostacolacambiamenti
evidenti. I miglioramenti conseguiti coinvolgono gli aspetti pi qualitativi del lavoro e intervengono sulla posizione
professionale(30%)esullemansionilavorative(26%).Unristrettonumerodiintervistatihamiglioratolacondizionee
laretribuzione,aspetticherisultanopidifficilmentemodificabili.Ibeneficidellattivitformativasonoindividuatitra
chi ha seguito percorsi formativi pi strutturati (formazione continua lunga e corsi postlaurea) e tra i giovani, che
hannopercepitouneffettopositivonelrapportoconlaprofessionaliteinsecondabattutanellemansionilavorative.
Alla formazione sulle ecoenergie si arriva con un livello di istruzione mediamente alto (il 72% del campione
laureato)esonosoprattuttoipigiovaniaesserneattratti(il45%delcampionehatrai30ei40annieil23%menodi


124

30 anni). La partecipazione alla formazione da parte dei lavoratori elevata (72%) e molti hanno gi un impegno
lavorativo sullenergia o sullambiente (58%). In diversi casi il corso frequentato preceduto da altre esperienze
formativesulletematicheambientali,spessogistrutturatesuitemispecificidellultimostepformativo.
Lanecessitdicontinuareaimplementareilbagagliodellaformazioneprofessionaleacquisitoperoperareinquesto
campo,dotandosidellecompetenzespecialisticherichieste,determinapermoltiunacontinuitdellinvestimento:una
volta concluso il corso, quasi la met degli intervistati ha svolto altre attivit di formazione e per molti di loro
confermatolinteresseperlenergia.
Dallaricercaemergonochiaramentelepotenzialitchelepoliticheenergeticheafavoredellasostenibilitambientale,
eleconomiaadesseconnessa,possonooffrireperloccupazioneelasuaqualit.Inunafaseancoraditransizione,la
formazione destinata alle tematiche energetiche rafforza in modo consistente la presenza attiva nel lavoro, facilita
linserimentolavorativodichialprimoingressoesupportaefficacementelaricollocazionedicolorocheperdendoil
lavoroscelgonodirientrarenellaformazioneperriqualificarsi.
Nelloroinsieme,letendenzerilevateconfermanocheleopportunitoffertesonorilevantiecheinunaprospettiva
futura, in presenza di un auspicabile rafforzamento delle azioni politiche ed economiche, ne potranno beneficiare
ancheisegmentioggisvantaggiatinellapartecipazioneattivaallavoro,qualiigiovani,idisoccupati,ilavoratorinei
settori in crisi e le donne. In particolare, per quanto riguarda le donne i dati rilevati consentono di ipotizzare per il
prossimofuturoilsuperamentodeirischidiesclusioneneisettoridellaproduzioneedeiserviziriguardantiilcampo
energetico. I nuovi lavori verdi prevedono, infatti, la crescente richiesta di competenze multidisciplinari e
multifunzionaliedicapacitrelazionalieorganizzativechesonocongenialiallacomponentefemminile.

Facendo un primo bilancio degli obiettivi raggiunti, i sistemi formativi hanno senza ombra di dubbio prodotto un
investimentoconsistenteearticolatocherispondeamoltedellediverseesigenzeespresse.Lerrorepiimportanteda
evitare,difronteallagravitdellacrisiambientaleeallesigenzadiporvirimedioridisegnandolepoliticheenergetiche,
quellodicadereinunsuperficialegreenenergywashingdiprofiliecompetenze.
infatti necessaria una profonda revisione degli approcci e delle pratiche che finora hanno caratterizzato la
formazioneperlasostenibilitenergetica,indirizzandoleattivitinrispostaallenuoveesigenzechesiprofilanoper
limmediatofuturoenegliscenaritracciatialungotermine.

6.2.3 Figureprofessionaliecoinnovativeperrealizzareilcambiamento

Nellattualefaseditransizioneversolarealizzazionedisocietsostenibiliiprocessieducativieformativisvolgonouna
funzione rilevante per la messa a punto di competenze, riferite sia a figure professionali che operano in settori
strategici di nuova economia, incentrati sullutilizzo delle principali fonti di energie rinnovabili e sullinnalzamento
dellefficienza energetica, sia per rivisitare in chiave sostenibile competenze e riqualificare figure professionali che
operanoinsettoriecompartitradizionalidelsistemaproduttivoitaliano,interessatidaprocessidiriconversioneperil
contenimentodegliimpattiambientali.
Inentrambiicasilasostenibilitdellosviluppocostituisceunoccasionediecoinnovazionecheponeinprimopianoil
nodo della strutturazione delle competenze professionali. A questo aspetto le ricerche realizzate dallarea Sviluppo
sostenibile dellISFOL hanno dato un contributo sia delineando e descrivendo figure professionali ecoinnovative,
riferite ad aree di intervento strategiche per lo sviluppo sostenibile153, sia mettendo a punto modelli formativi
sperimentali che hanno affrontato il problema di come progettare e realizzare percorsi formativi a carattere
rigorosamentesistemico.

153
Sono state realizzate ricerche riferite ad aree di interesse strategico per lo sviluppo sostenibile (agricoltura biologica,
acquacoltura ecocompatibile di qualit, biotecnologie sostenibili, difesa del suolo e utilizzazione delle acque, aree protette e
turismo ambientale, energie rinnovabili e sistemi energetici ecosostenibili, architettura a basso impatto ambientale, gestione
integrata dei rifiuti solidi urbani, processi partecipativi e sviluppo sostenibile, bioarchitettura ed efficienza energetica,
agroalimentare di qualit a filiera corta, contesti urbani metropolitani). Per ogni area strategica sono state individuate e
analiticamentedescritte,interminidiprofiloprofessionale,compitilavorativi,competenzeprofessionaliedaltriaspetticonnotativi.
I risultati delle ricerche sono stati pubblicati sulle collane editoriali dellISFOL e possono essere consultati anche attraverso il
SistemainformativoIFOLAMBsulsitoistituzionale.


125

Unprimoaspettochecaratterizzatalifigureilrapportotraculturaambientalesistemicaesviluppodicompetenze
specialistiche. necessario che si stabilisca una compresenza tra cultura ecosistemica di base e competenze
specialistichechedevonoconnotarsicomeespressionediunacontinuaintegrazionedisaperi,conoscenzeelinguaggi
diversi,incontrapposizioneacompetenzesettorializzateeparcellizzate,espressionediunsaperemonospecialisticoe
stratificato.Cisignificasuperarelemodalitdiuninsegnamentorigidamentedisciplinare,favorendolacostruzionedi
un sapere in grado di confrontarsi con la complessit, e sviluppare competenze trasversali che possono superare
lotticadeglispecialismidisciplinari.
Nellastrutturazionedellecompetenzenecessariofareriferimentononasingoliprocessichereiteranolalogicadella
separatezza delle competenze e conseguentemente degli interventi, ma avere unottica di filiera perch le figure
professionali,purlavorandoconcompitispecifici,possanoavereunacapacitdiagireconvisionesistemica,quindidi
vedereleconnessionitradiversiambitieresponsabilitinmododaoperareinterminidiecoefficienzadelprocesso
stessoedisviluppoecooperazioneconaltrefiliereproduttive.,inoltre,necessarioassicurarenellastrutturazione
delle competenze una compresenza di aspetti cognitivi e aspetti valoriali affinch non prevalga nellaffrontare i
problemi solo un approccio di tipo tecnicistico che pu risultare riduttivo rispetto allimpegno a conseguire un
obiettivodisostenibilit.
Le figure professionali delineate e analiticamente descritte dalle ricerche dellISFOL Sviluppo sostenibile154 si
pongono come agenti di cambiamento in grado di orientare una cultura dellecoinnovazione. In questa sede
vengonorichiamatelefigureprofessionaliriferiteallariqualificazionesostenibilediunnuovomodelloenergetico.Un
elementochelecaratterizzaattieneallaconsapevolezzacheladiffusionedisistemienergeticisostenibiliruotasutre
pernifondamentali.Lampliamentodellutilizzodifontidienergierinnovabili,laumentodellefficienzaenergetica(a
cuisiassocialadiminuzionedellintensitdeiconsumi),ladimensioneterritorialeincuigliinterventisonocollocati.Si
trattaditreaspettistrettamentecollegatitraloro:lampliamentodellefontirinnovabilinonhasensosenzalastretta
associazione della rinnovabilit al criterio del massimo utilizzo di ogni unit di energia prodotta; entrambi sono
attuabili solo se collegati in un territorio di cui valorizzano le caratteristiche fisiche insieme a quelle economiche e
sociali. Perch questi elementi entrino in sinergia necessario realizzare progetti che partendo da una puntuale
conoscenza del territorio permettano ladozione di soluzioni ecoinnovative in materia di energia ed efficienza e la
collaborazionedidiversisoggetti(pubblicieprivati)cheinunacomunitpresiedonoidiversiambiti.
LEsperto di interventi energetici sostenibili a livello territoriale, una figura professionale che si occupa della
ideazione,pianificazioneeimpostazionediprogettienergeticisostenibiliterritoriali.Inoltre,coordinaesupervisionai
progetti in fase realizzativa; assicura la corretta impostazione e utilizzazione degli aspetti legislativonormativi e
tecnicoeconomici dei progetti energetici ambientali, con particolare attenzione ai processi autorizzativi. Un altro
ambito di interesse per lattuazione di progetti finalizzati alla diffusione di sistemi energetici sostenibili costituito
dalladimensioneeconomicafinanziaria.
Un facilitatore di tali aspetti lEsperto economicofinanziario di interventi in campo energetico ambientale. una
figura nuova che opera nellambito di tecnologie energetiche ecoinnovative e per la riqualificazione energetico
ambientaleinedilizia;valutagliaspettieconomiciefinanziarideivariinterventieidentificalecondizionidicreditopi
vantaggioseoffertedalmercatofinanziario,sviluppandoanchelutilizzodiprodottifinanziariinnovativi.Ilsuocompito
quello di ideare, istruire e seguire liter del progetto economicofinanziario, connesso con un intervento di fonti
rinnovabili, efficienza energetica, riqualificazione in edilizia o riorganizzazione di un ciclo energetico in chiave
sostenibile. In relazione al risparmio energetico importanza assume anche lutilizzo di materiali naturali come
strumentoperlefficientamentoenergeticodegliedifici.Lusodiquestimateriali,sianelcasodinuovecostruzioniche
diedificigiesistenti,resopossibilesesiintervienenellediversemacrofasidelprocessoedilizioattraversoattivit
diconsulenzatecnica.InquestoambitosicollocailPromotoreconsulentedimaterialiediliabassoimpattoambientale
che promuove attraverso linformazione, la formazione e la consulenza, lutilizzo di materiali a basso impatto
ambientaleperledilizia.Unanuovafiguracheintervieneinunambitochelenormativedisponibilisullacertificazione

154
Si vedano a questo proposito le seguenti pubblicazioni ISFOL: Rita Ammassari e Maria Teresa Palleschi (a cura di), Energie
rinnovabili e efficienza energetica. Settori strategici per lo sviluppo sostenibile: implicazioni occupazionali e formative, 2012;
Gianfranco Coronas (a cura di), La riqualificazione sostenibile dei contesti urbani metropolitani. Settori strategici per lo sviluppo
sostenibile:implicazionioccupazionalieformative,2013.


126

degli edifici tendono a trascurare quella dellEsperto per la qualificazione in campo energeticoambientale delle
impreseedilichesupportalimpresaedileinfasedirealizzazionedelprogettocaratterizzatodasoluzionienergetico
ambientali,offrendoconsulenzatecnicoeconomicaeconoscitivasullapplicazionedeimaterialiedelletecnologieeco
compatibili.

Per quanto riguarda, in particolare, la riqualificazione energetica del patrimonio


edilizioesistente,siapubblicocheprivato,conattenzioneancheallediliziastorica,
sono state delineate quelle figure professionali ecoinnovative in grado di LaScuoladelleEnergiedellENEA
individuare soluzioni integrate per ledificio, le reti e lambiente dentro cui Strutturaperlaltaformazioneela
inseritoledificio. formazioneprofessionaleditecnicied
operatoridelsettoreenergetico,sitrova
LEspertodiriqualificazioneenergeticaeambientalediedificiesistentiche pressoilCentroENEACasacciadiRoma.La
elabora progetti per la riqualificazione dei manufatti edilizi attraverso Scuola,nataadottobre2012,coniugauna
seriedifunzioni:
interventi di retrofitting delle strutture e miglioramento dellisolamento, Laboratorioperlattuazionediprogetti
di integrazione di impianti da fonti energetiche rinnovabili, nonch di educativieformativinelsettore
energetico.
gestione del sistema energetico nel suo complesso attraverso sistemi Hubformativoconunoffertastabilee
elettriciedigestionedelcalore. articolatadipercorsidieccellenzaper
rispondereinmodotempestivoed
Il Consulente progettista energetico ambientale per ledilizia storica, che
organicoarichiesteditecnicidialto
individua,progettaeverificagliinterventisulcostruitoancheinfunzione livello.
dellecaratteristicheambientaliemicroclimatichedelcontesto,puntando Centroperladiffusionedellacultura
tecnicaescientificaeperil
al mantenimento e alla valorizzazione delle valenze storiche, estetiche, trasferimentoditecnologieinnovative
ambientali, oltre che al miglioramento del comportamento energetico collegateaiprogettidiricercaesviluppo
realizzatidaENEAinpartnershipcon
delledificio. aziendedisettore.
Il Consulente progettista di reti energetiche, smart grid e sistemi di Sedepermanentediorientamentodei
giovaniversoleprofessionitecniche.
teleriscaldamento che agisce nellambito dei processi di innovazione
energeticalegatiallereti,conparticolareattenzioneaquelleelettriche,di LaScuolaproponeunoffertaformativa
ampia,avvalendosidellecompetenzedi
riscaldamentoediraffrescamento,conlafinalitdimigliorarelefficienza ricercatorietecnicidellENEA.Nelgiugno
negli usi e nella gestione; elabora progetti di intervento per la 2012,pressolaScuoladelleEnergiesi
svoltalaprimaedizionedellaSummer
riqualificazione o creazione di reti energetiche e per la realizzazione di SchoolinEfficienzaEnergeticarivoltaa
sistemidigestioneefficienti. giovanilaureatiinmaterietecnico
economiche.Tuttiipartecipanti,dopoil
UnafiguraprofessionalediraccordotraedificieretiquelladellOperaio periodoformativo,hannosvoltostage
specializzatonellarealizzazioneegestionediimpiantienergeticiintegrati formativiretribuitipressoleaziende
partnerdelliniziativa.
che realizza interventi che riguardano i nuovi sistemi energetici a rete
(smartgrid),occupandosianchedellalorogestioneemanutenzionenegli
edificieneicontestiurbani.
Infine, in relazione ai processi di liberalizzazione del mercato dellenergia elettrica e del gas, che inducono
oggi sempre di pi unattenzione non solo alla fornitura energetica, ma anche alla sua gestione per la
realizzazione di interventi di efficienza energetica, si delineata la figura professionale del Promotore
commerciale, esperto di marketing per contratti energetici di elettricit e calore che agisce nellambito del
nuovomercatodellenergiaperutentiresidenziali,commerciali,terziarieartigianaliconlafinalitdiridurre
laspesainbollettaattraversoilmiglioramentodellefficienzanegliusi,nellagestioneenellaindividuazione
deipiinteressanticontratticommerciali.
Le figure professionali richiamate hanno una spendibilit su tutto il territorio nazionale. Le loro competenze
descrivono analiticamente cosa devono sapere, saper fare e quali atteggiamenti, valori e comportamenti le
caratterizzano.Essepossonosvolgereunruolopropulsivoperlaripresaeconomicainlineaconleprerogativediuno
svilupposostenibile,marichiedonounaformazionelacuiqualitsiadefinitadalcarattererigorosamentesistemicoe
dalla capacit di orientare i fabbisogni anche potenziali dello sviluppo sostenibile e quindi di un nuovo modello
energetico.


127



7. Analisidelmercatodeiprodottieserviziperlefficienzaenergetica


7.1 LindagineENEAsullafilieradellefficienzaenergetica

ENEA,diconcertoconilMinisterodelloSviluppoEconomicoeincontinuitconlo
scorso anno, ha deciso di avviare anche per il 2013 lindagine sullofferta di
prodottieserviziperlefficienzaenergetica.
Obiettivo dello studio quello di fornire una visione dettagliata della struttura
imprenditoriale italiana al 2012 e, pi in generale, del mercato nazionale dei
prodottieservizidedicatiallefficienzaenergetica.Questaindaginesarquindidi
ANICTAAssociazioneNazionale
ImprenditoriCoibentazioniTermiche supporto ai policymakers per lelaborazione di una politica industriale mirata e
Acustiche coerenteconlobiettivogeneraledellaStrategiaEnergeticaNazionale,secondola
D:Qualisonolecaratteristicheele quale in un contesto macroeconomico difficile e incerto [] il nostro sistema
potenzialitdelsettoredellisolamento
industriale? energetico pu e deve giocare un ruolo chiave per migliorare la competitivit
italiana.
R:Ilconfrontoinattosullepolitiche
energeticheilrisultatodiinteressi
contrapposti:perrisparmiareenergiae
Taleiniziativasibasa,tralaltro,anchesualcuniimportantiriferimentinormativie
diminuireleemissionidiCO2bisogna attuativi:
investireconritornieconomicinonsempre
Art. 5, lett. d) del D.Lgs. n. 115/2008 (attuazione della Direttiva
interessanti.Lisolamentotermico
rappresentaunefficacecontributoal 2006/32/CE relativa allefficienza degli usi finali dellenergia e i servizi
risparmioenergetico:costapocoesi energetici) e art. 40, comma 7, del D.Lgs. n. 28/2011 (Attuazione della
ripaga,inalcunicasi,inmenodiunanno.
LostudiodellEcofysClimateprotection direttiva 2009/28/CE sulla promozione delluso dellenergia da fonti
withrapidpaybackEnergyandCO2 rinnovabili)che,inparticolare,attribuisceallENEAilcompitodielaborare
potentialofindustrialinsulationinEU27,
affermacheirisparmipossibilitramite per il Ministero dello Sviluppo Economico un rapporto concernente lo
isolamentitermicinellindustriasianopari stato e le prospettive delle tecnologie rilevanti in materia di efficienza
inEuropaacirca15Mtepannuie,in
terminidiemissioni,a49milionidi
energetica, con riguardo particolare a disponibilit, costi commerciali,
tonnellatediCO2.Stiamolavorandoperun sistemiinnovativinonancoracommercialiepotenzialenazionaleresiduo
approfondimentoalivellonazionale. difontirinnovabiliediefficienzaenergetica.
D:Qualisonoiprincipalisettoridi Comma3dellarticolo13delDecretodel28dicembre2012delMinistero
intervento?
dello Sviluppo Economico (gi citato Decreto Conto termico), relativo
R:Chimico,petrolchimicoesettore
elettrico,apartiredaimpiantidipiccola
allincentivazionedellaproduzionedienergiatermicadafontirinnovabili
tagliafinoalleCentraliElettrichedei einterventidiefficienzaenergeticadipiccoledimensioni,secondoilquale
maggioriproduttorinazionali,aicomplessi entrolafinedel2013esuccessivamenteognidueannilENEAsottopone
petrolchimiciechimiciedancheallegrandi
navidacrocierachelanostracantieristica allapprovazione del Ministero dello Sviluppo Economico uno specifico
navalecontinuaacostruireconsuccesso programma biennale di monitoraggio concernente lo stato e le
pergliarmatoridituttoilmondo.Sono
possibilitempidiritornoimmediatiper prospettivedelletecnologie,inattuazionedelcitatoart.40,comma7,del
interventisemplicissimiqualilisolamento D.Lgs.n.28del2011.
dicomponentidiimpiantospessonon
coibentaticomevalvole,flangee Lindagineprevedeleseguenticinquesezioni:
scambiatori.
SezioneAnagrafica.
D:Qualisonolesfidecheilsettoredovr
affrontareabreve?
SezionesuiProdottieServiziperlEE.
SezionesullaStrutturadellinteraImpresa.
R:Principalmentemantenerelelevato
gradodiformazionetecnicaespecialistica SezionesullaStrutturadellimpresaperProdottieServizidiEE.
delpersonale;quindifarmeglioconoscere
SezionesullaDinamicadelMercatonelSettoredellEE.
lavaliditdegliinterventidicoibentazione
grazieancheallosviluppodelmeccanismo
Inquestebrevinotesipresentanoalcunesinteticheconsiderazionifondatesuun
deiCertificatiBianchiedeimonitoraggi
delleperditedicalorenegliimpianti primo campione di imprese impegnate nel settore dellisolamento termico,
industriali. afferentiallANICTA,lAssociazioneNazionaleImprenditoriCoibentazioniTermiche
Acustiche.


128

7.1.1 Risultatipreliminariperilcampionedelleimpreseoperantinellisolamentotermico

Il 71,4% delle imprese ANICTA del campione fattura oltre 10 milioni di euro, nessuna sotto al milione di euro; il
57,1%contapidi200occupati(Figura7.1).

Figura7.1AziendeANICTAcampionateperclassidifatturatoepernumerodiaddetti(%)
FATTURATO ADDETTI
14,3%
28,6% 28,6% 57,1%
28,6%

42,9%

menodi1mln tra1e10 tra10e20 oltre20 tra20e50 tra50e200 oltre200



Fonte:ENEA

Limportanzadelcompartooggettodianalisirilevataancheesoprattuttodalleincoraggiantiprospettivefuture:in
terminidifatturato,quasiil43%delleaziendeaffermadiaspettarsiunincrementonelprossimotriennio;interminidi
investimenti,il50%affermadivolerincrementareipropriosforzi(Figura7.2).

Figura7.2ProspettivesulfatturatodelleaziendeANICTAcampionate(%)
FATTURATO INVESTIMENTI
28,6% 25%
42,9%

50%

28,6% 25%
Inferiore Stabile Superiore Inferiore Stabile Superiore

Fonte:ENEA

Igiudizidelleaziendeanalizzateperquantoriguardaledeterminantiprincipaliperlacompetizionesettorialehanno
messo in luce unutilit maggiore dei vantaggi assoluti di costo, rispetto alla differenziazione del prodotto e alle
economiediscala(Figura7.3).

Figura7.3DeterminantiperlacompetizionesettorialesecondoleaziendeANICTAcampionate

Vantaggiassolutidicosto

Differenziazionedelprodottoe/oeconomiedi
variet

Economiediscala

0 1 2 3 4 5

Fonte:ENEA


129

Traglielementiperlaconcorrenza(7.4),leimpreseintervistatehannoindicatoicostifissicomeladeterminantedi
maggioreinteresse,assieme alnumerodiimpreseconcorrentiealladifferenzastrutturale:itrefattoricitatihanno
conseguitotuttiunpunteggiomediodi3,8su5.

Figura7.4DeterminantiperlaconcorrenzasettorialesecondoleaziendeANICTAcampionate

Costifissi
Numerodiimpreseesistenti
Differenzestrutturalitraleimprese
Tassodicrescitadelmercato
Gradodiinteressedelleistituzioni
Gradodiconcentrazione
Gradodiidentitdelmarchio
Barriereall'uscita
Differenzetraiprodottiofferti
Gradodicomplessitinformativa
0 1 2 3 4 5

Fonte:ENEA

Infine, per quanto riguarda lutilit percepita rispetto a diversi elementi di policy (Figura 7.5), il campione ha posto
laccento sulla semplificazione delle procedure amministrative, con un punteggio medio di 4,57 su 5, sulla stabilit
finanziariaesullachiarezzanormativa,entrambeconunpunteggiodi4,43.

Figura7.5UtilitdeglielementidipolicysecondoleaziendeANICTAcampionate

Semplificazionedelleprocedureamministrative
Stabilitfinanziaria
Chiarezzanormativa
L'istituzionedeglischemidiqualificazione
GliincentiviinContoCapitale
Lecampagnedisensibilizzazioneeinformazione
Ladetrazionefiscaledel55%(65%)
Lapresenzadifinanziamentiasupportodellaformazione
ITitolidiEfficienzaEnergeticaoCertificatiBianchi
GliincentiviinContoInteresse(prestitiagevolati,es.Fondo
IlContoTermico

0 1 2 3 4 5

Fonte:ENEA

7.2 IndaginesugliEnergyManager

Le Direttive 2002/91/CE e 2006/32/CE, rispettivamente sulla performance energetica degli edifici e dei servizi
energetici,hannorichiestoaiPaesimembrididotarsidischemiperassicurarelaqualificazioneedeventualmentela
certificazionedeiprofessionistiedeglioperatoridelsettoredellenergia.
InquestaotticasonostateemanatealcunenormetecnichecheprevedonoilcoinvolgimentodellafiguradellEnergy
Manager, come la norma europea EN 16001 sui Sistemi di Gestione dellEnergia (SGE), sostituita dallo standard
internazionale ISO 50001, la EN 15900 sui servizi di efficientamento energetico, la UNI CEI 11339 sugli Esperti in
GestionedellEnergia(EGE)elaUNICEI11352sulleESCO.LEGE,inparticolare,consentedicertificarelecompetenze
degli Energy Manager e di sfruttare anche le opportunit aperte dalla legge 14 gennaio 2013 n. 4 sulle figure
professionalinonorganizzateinordiniecollegi.


130

Il D.M. 28 dicembre 2012 sui certificati bianchi ha inserito lobbligo di certificarsi UNI CEI 11339 per gli Energy
Managernominatidaaziendeedentiinteressatiapresentareprogettinellambitodelmeccanismodiincentivazione.
Tale obbligo diverr operativo entro due anni dallentrata in vigore del decreto di attuazione dellart. 16 del D.Lgs.
115/2008,ancoranonpubblicato.Taleprevisionehaovviamentedatounmaggiorestimoloallecertificazioni155.

LaFIRE,perrispondereallerichiestedelledirettiveeuropeeealnuovocontestodelmercatoenergetico,haattivato
unsistemadicertificazionedellenergymanagementcherispondeallanormatecnica,ilSECEM156(www.secem.eu).
Di seguito si riportano i risultati di unanalisi157 condotta da FIRE a proposito del ruolo dellEnergy Manager
nellorganizzazione e la realizzazione di interventi attraverso la valutazione di alcuni strumenti fondamentali: la
presenza di una politica aziendale sullefficienza energetica; lesistenza di un SGE; lutilizzo di un sistema di
monitoraggio(Figura7.6).

Figura7.6IndaginesugliEnergyManager:principalirisultati
Presenzadiunapoliticaaziendaleforteediobiettiviquantitativi Presenzadiunsistemadigestionedellenergia

20%
57% 23%
3%

54% 9%
20%
14%

Buono Discreto Sufficiente Scarso S Inavvio Invalutazione No

PresenzadiunsistemadiEnPI(EnergyPerformanceIndicators) IlruolodellEnergyManagerincrescita?

11% 6%

31%

34% 54%
63%

EnPI Monitoraggio No S No Declino

ImpattodellEnergyManagersullescelteaziendali
3%
11%

26%
60%

Buono Discreto Sufficiente Scarso


Fonte:FIRE

155
Afineottobre2013risultanocertificatisulsitodiAccredia(www.accredia.org)135EGE.
156
IlSECEMstatoaccreditatoainizio2012,primoorganismoadottenerequestoriconoscimentoperlanormaUNICEI11339.
157
Il Rapporto completo disponibile su: em. fireitalia. org/wpcontent/uploads/2014/01/201311rapportoevoluzioneenergy
manager.pdf.


131

Lindagine conferma che linteresse per gli Energy Manager e per lefficienza energetica in crescita. Purtroppo il
numero di aziendeconunapolitica di efficientamento energetico chiara e quantitativamente espressa sono ancora
poche,coscomeinsufficienteapparelapplicazionedegliSGE,specieconsiderandochelametdiquelliindicatinon
certificato ai sensi della norma ISO 50001. Buona la situazione delladozione di sistemi di monitoraggio e di EnPI e
quella sullimpatto dellEnergy Manager. Lindagine mostra una variabilit di interventi ampia, che comprende
linvolucroedilizioeiprocessiindustriali,sebbenelimitatiadalcunicasi.
LasituazionerelativaagliEnergyManageroperantiinItaliaal2012sintetizzatanellaTabella7.1,cheevidenziala
situazione per la Pubblica Amministrazione, largamente latitante. Il campione utilizzato statisticamente composto
tenendocontodeidiversisettoridiimpiegodellEnergyManager,delladimensionedeirisparmiedellalocalizzazione
geografica.

Tabella7.1Responsabilinominatinel2012daisoggettiobbligati(*)
SETTORI SOTTOSETTORIENOTE EnergyManager
Agricoltura(dicui35consorzidibonifica) 41
Industria 587
Estrazionedimineralidacaveeminiere 5
Attivitmanifatturiere 406
Fornituradienergiaelettrica,gas,vaporeeariacondizionata 94
Fornituradiacqua,retifognarie,attivitdigestionedeirifiutidirisanamento 78
Costruzioni 4
Trasporti(dicui70diproprietpubblica) 324
P.A.(ministeri,amministrazionicentrali,regioni,entilocali,etc.) 144
P.A.allargata 143
Sanit 110
Universit 19
Ricerca 9
Aziendeterritoriali 5
Terziarioprivato 223
Servizioenergia 69
TOTALEEnergyManagernominati 1.531
(*)LatabellariportasoloidatirelativiaisoggettiobbligatichehannonominatolEnergyManagerneiterminidilegge,nontiene
contodeglieventualiEnergyManagerlocalidelleaziendemultisito(399EMlocali),dellenominepervenuteoltrelescadenzedi
legge(143EMprimari+17EMlocali)ediquelledapartedisoggettinonobbligati(530EMprimari+102EMlocali).
Fonte:FIRE

La Tabella 7.2 riporta landamento storico delle nomine degli Energy Manager da parte di soggetti obbligati,
costantementedipocoaldisopradelle2.000unitnellarcodeidiecianniconsiderati.

Tabella7.2EnergyManagernominatidasoggettiobbligati(*),anni20032012
Classidiattivit 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012
Agricoltura 36 42 52 50 47 48 51 57 53 67
Attivitindustriali 623 618 642 649 637 639 632 608 615 604
dicuiManifatturiere 620 615 637 645 632 632 624 599 614 591
Energiaeserviziarete(**) 179 168 174 174 176 305 328 292 299 316
Civile(ResidenzeeServizi) 852 891 900 830 836 727 790 758 726 728
dicuinellaP.A. 222 231 225 190 190 180 187 153 161 165
Trasporti 332 364 357 359 374 411 418 408 409 412
TOTALE 2.022 2.083 2.125 2.062 2.070 2.130 2.219 2.123 2.102 2.127
(*)Idatiindicaticomprendonoiresponsabililocalinominatidalleaziendemultisito.
(**)Dal2008leattivitdelciclodeirifiutisonostatespostatedalsettorecivilealsettoredelleindustrieconserviziarete.
Fonte:FIRE

7.2.1 ConfrontofralenominedegliEnergyManagereilpotenzialedeisoggettiobbligati

Si presenta di seguito una valutazione di quanto la legge sullobbligo della nomina dellEnergy Manager sia stata
applicataneidiversisettoriediquantosianorappresentatividellatotaliticonsumicollegatialleaziendesottoposte
allobbligo di nomina; si tratta di uninformazione utile per capire quanto la rete degli EM possa risultare uno
strumentoutilenellambitodellaStrategiaEnergeticaNazionale.
Un confronto fra i consumi indicati fra i soggetti che hanno nominato lEnergy Manager e i consumi nazionali, cosi
come riportati dal Bilancio energetico nazionale (BEN), permette di valutare qual la quota di consumi nazionali


132

assorbitadaimpresechehannonominatounlororesponsabile(Tabella7.3).Questavalutazionedevetenercontodel
fatto che non disponibile il dato sui consumi delle imprese e delle amministrazioni e che, quindi, la stima
dellapplicazione della norma pu essere fatta solo a partire da confronti eseguiti settore per settore; inoltre nel
settoreindustrialediventaancorapiproblematicavistalevoluzionedeiprocessiproduttivi,untempobasatisucicli
integrati(es.laFIATproducevalacciaiochepoiutilizzavaneipropristabilimenti),oggifondatisufornituredaterzi(le
industrieautomobilistichesioccupanosoltantodellassemblaggio).

Tabella7.3ConsumidichiaratidagliEnergyManager,anno2010
Settorediattivit ConsumiBEN(ktep) Soggettichehannonominatounresponsabile Consumidichiarati(ktep)
Agricoltura 3.736 44 118
Pesca 207 0 0
Siderurgia 9.330
67 9.733
Metallinonferrosi 1.408
Meccanica 7.458 66 2.378
Estrattive 261 5 315
Agroalimentari 4.482 54 1.555
Tessileabbigliamento 2.200 7 125
Materialidacostruzione materialinonmetallici87
5.463 5.614
Vetroeceramica
Chimica 6.243 97 8.740
834
Petrolchimica 660 14 7.390
4.600
carta53 2.096
Cartaegrafica 4.642
grafica2 41
Altremanifatture 1.899 8 351
Ediliziaecostruzioni 413 8 167
Ferrovie suterra293 3.501
Trasportisustrada magazzinaggioesupporto61 496
Trasportiviaacqua viaacqua15 1.131
Trasportiviaaereo viaaereo3 1.411
servizipostali4 92
cicloacqua57 660
Servizipubblici elettricit4.800
ciclorifiuti28 1.435
Commercio elettricit4.970 64 975
Alberghieristoranti elettricit2.577 25 196
Informazioneecomunicazione elettricit876 19 1.060
Ricercaesviluppo 11 90
Creditoeassicurazione elettricit542 65 535
Servizioenergia 73 1.477
Comunimetropolitani 7 253
Altricomuni 105 672
Perlasolaelettricit
Provincie 43 76
906
Regioni 7 32
Ministeri 3
Illuminazione elettricit1.526 N.A. N.D.
Sanit 136 1.160
Universit 28 150
Fonte:FIRE

Il confronto dei dati di consumo indica che per i settori con presenza di industrie con dimensione medio/grande i
consumi indicati dai responsabili sono molto vicini a quelli indicati dal BEN. In particolare per la siderurgia (metalli
ferrosienon)sial90%,perlachimicaepetrolchimicasihannovalorisuperiori,perimaterialidacostruzionesial
65%, per il ciclo delle acque e dei rifiuti si al 50%. Per i settori dove si ha una presenza sia di grandi che piccole
impreselacoperturasiriduceadesempioal50%nelcartarioeal30%nellameccanica.Percentualimoltopibassesi
riscontranoneisettoritipicidellepiccoleemedieimprese,qualiiltessileconcoperturaal6%,elealtremanifatture,
concoperturaal20%.Sommandotutteleattivitmanifatturiereoassimilatesihauntotaledi51Mtepdiconsumiin
fontiprimarierispettoalle62MtepindicatedalBEN,quindiconunacoperturacomplessivadell80%.

Neglialtrisettori,daunapartesihaunapredominanzadellepiccoleemedieattiviteconomiche,nonobbligatealla
nomina, e dallaltra si verifica una minore applicazione della legge 10/91, con alcune eccezioni quali il settore del
creditoequelloospedaliero.


133

IlsettoredeitrasportiedeiservizistrutturatocolcodiceATECOinmanieradiversadalBEN.Sievidenziailforteruolo
del supporto ai trasporti, categoria 51 nel codice ATECO 2007, che comprende magazzini, aeroporti e stazioni, non
evidenziatanelBEN.
PerilsettorecivilesisonousatiidatidiconsumielettriciindicatidaTERNA,cheinalcunicasisipossonodisaggregare
ulteriormente,adesempioseparandolilluminazionepubblicachehaunasuaaccisaspecifica.Sonoquindiindicatii
consumi del BEN in fonti primarie con riferimento ai soli consumi elettrici, ignorando gli usi termici a causa della
carenzadidatidisaggregatiperilgasnaturaleeglialtricombustibili.Sievidenzialafortecoperturadelleattivitdel
credito e delle assicurazioni. Sanit ed universit hanno dei valori di consumo di per s rilevanti ed una buona
applicazionedellanominadellEnergyManager,percuisipuipotizzareunafortecoperturadeiloroconsumi.
PerlaPubblicaAmministrazionelasogliaperlobbligodinominadi1.000tepallannoeperindividuareisoggetti
obbligati si fa riferimento ai titolari dei contratti di acquisto di energia (ovvero titolari di partita IVA). Questo
riferimento importante nella Pubblica Amministrazione perch molti consumi energetici sono gestiti da societ
specifiche con loro personalit giuridica e loro partita IVA. Ad esempio i trasporti pubblici, gli acquedotti, il
teleriscaldamento, il ciclo dei rifiuti, lilluminazione pubblica sono gestiti da societ distinte anche se talvolta di
propriet del comune almeno in parte caratterizzate da una propria partita IVA, per cui i relativi consumi non
rientranoinquellidelcomune.
UgualmentetutteleaziendesanitarieoospedalierehannolaloropartitaIVA,quindiiloroconsuminonrientranoin
quellidelleregioni.Inoltre,molticonsumisonoinglobatiinacquistodiservizi:lilluminazionepubblicainmolticasi
affidata a societ che vendono al comune il servizio globale (manutenzione ordinaria, pronto intervento e consumi
energetici).DaltraparterientranoneiconsumidellaPubblicaAmministrazionelocalequellideivaniutilizzatidaaltre
amministrazioni del tutto indipendenti; il caso delle scuole gestite da personale del Ministero della Pubblica
Istruzioneconconsumiacaricodeicomuniperlescuoleelementariemedieedelleprovincieperlescuolesuperiori.
NelcasodellaPubblicaAmministrazionenonsidisponeinItaliadidatisuiconsumideisingolisottosettoripercuisi
puprocederesoloadunanalisiperconfronto.Inparticolare:
GliorganicentralidelloStato(PresidenzadellaRepubblica,Senato,Camera,PresidenzadelConsigliodei
Ministri)nonhannoinviatonomine.
I ministeri e le agenzie, ad esclusione del Ministero dello Sviluppo Economico, del Ministero delle
InfrastruttureedeiTrasportiedellAgenziadelTerritoriosonoassenti,compresiinparticolareladifesae
levarieforzedellordine.
Leregioniconunresponsabilenominatosono7su20.
Leprovinciechehannonominatosono43su110.
Dei9comunicandidatiallacostruzionediareemetropolitane7sonopresenti,mentremancanoNapolie
Bologna.
Icomunicapoluogodiprovinciadiareenonmetropolitanechehannonominatounresponsabilesono36
su110.
I comuni non capoluogo presenti sono 69. Come dato di confronto si evidenzia che i comuni sopra i
10.000 abitanti ad esclusione dei capoluoghi di provincia popolazione oltre la quale in genere si
superanoi1.000tepannodiconsumicherendonolanominaobbligatoriasono954.

7.3 Lefficienzaenergeticaeilmercatoimmobiliare

Ilmercatoimmobiliareitalianositrovaadoveraffrontareunacrisimoltoprofondae,alcontempo,complessesfide
legatealcontenimentodeiconsumienergeticiedegliimpattiambientalidellinterafilieraedilizia.Dopodueannidi
apparenteripresadelmercato,il2012hafattoregistrareunprofondorossonelnumeroditransazioniimmobiliaridel
settoreresidenziale,riportandoquestoindicatoreailivellidel1985,conundimezzamentorispettoalpiccodel2006.
Ancheiprimitretrimestridel2013sonostaticaratterizzatidaunsegnomenonelnumeroditransazionirispettoal
2012,sebbeneunrallentamentodiquestatendenzapuessereevidenziato158.

158
Fonte:AgenziadelleEntrate.


134

A fronte di queste difficolt strutturali, il settore residenziale chiamato a


contribuire in maniera molto considerevole al conseguimento degli obiettivi di
efficienza energetica al 2016 (il PAEE 2011 assegna al settore residenziale una
quota di risparmi annui al 2016 pari a circa la met dellobbiettivo complessivo
nazionale)eal2020,quandoilresidenzialedovrcontribuirecon3,8Mtep/annoal
conseguimento dellobiettivo nazionale di risparmio di energia finale pari a 15
Mtep/anno, secondo quanto comunicato dallItalia alla Commissione Europea in
ottemperanzadellaDirettivasullefficienzaenergetica2012/27/UE.
del tutto evidente che il superamento della crisi del settore edilizio e il
contestuale rispetto degli obiettivi di efficienza energetica a questo assegnato
implicanounprofondoripensamentodellinterafilieraediliziainunotticadipiena
MarioConddeSatriano
valorizzazionedellevariabilienergetico/ambientalidiunedificio. VicepresidentenazionaleFIAIP
FederazioneItalianaAgentiImmobiliari
Attualmente la modesta dimensione dei soggetti della filiera edilizia, la forte Professionisti
frammentazione e la scarsa integrazione fra gli attori coinvolti nel mercato
D:Ilmercatoimmobiliareresidenziale
immobiliare, rappresentano una delle principali barriere allefficienza energetica prontoadaffrontarelesfideecoglierele
negliedificiedunforteostacoloalprocessodicambiamento. opportunitlegateallefficientamentodel
patrimonioedilizio?
Premessoche,comenoto,dal1luglio2009obbligatorioestendereatuttigliatti R:Inunmomentoincuiilmercato
dicompravenditalattestatodicertificazioneenergeticadellimmobile,leagenzie immobiliarecaratterizzatodaunesubero
diofferta,lefficientamentoenergeticodel
immobiliari potrebbero assumere un ruolo strategico in questo campo, poich patrimonioediliziopotrebbecostituireuna
rappresentanoiltraitdunionfragliimprenditoriediproprietarietraiproprietari validadifferenziazionenellambitodella
stessaofferta.Pervalorizzarel'immobilela
egliinquilini. certificazioneenergeticapucostituire
senzaltrounfattoreimportante.Non
I mediatori immobiliari professionali hanno il compito, quindi, di informare i bisognadimenticarecheinfattidaalcuni
proprietari di questobbligo, svolgendo unimportantissima opera di anni,nelcasodioffertadivenditaodi
locazione,icorrispondentiannunci
sensibilizzazionedellaclientelainvitandolaaprestaremaggioreattenzionealtema
commercialidiffusitramitetuttiimezzidi
dei consumi energetici; sono inoltre i principali soggetti capaci di orientare il comunicazionedevonoriportarel'indicedi
mercato immobiliare verso unedilizia a minor impatto ambientale attraverso prestazioneenergeticadell'involucro
edilizioeglobaledell'edificioodell'unit
chiarisegnalidiprezzo. immobiliare,nonchlaclasseenergetica
corrispondente.
7.3.1 Lapercezionedegliagentiimmobiliari D:Quali,asuogiudizio,iprincipali
ostacoli?
Proprio in questottica si deciso di attivare una collaborazione tra lENEA, R:Purtroppoancoraoggicscarsa
lIstituto per la Competitivit e la Federazione Italiana Agenti Immobiliari informazioneariguardo.Sipensial
mutarecontinuodellalegislazione
Professionisti (FIAIP), per indagare, attraverso il filtro degli agenti immobiliari, la
nazionaleinmateriaealladifferenziazione
percezione del mercato e degli agenti stessi rispetto ai temi dellefficienza dovutaallecompetenzedelleRegioniin
energetica,leprincipalibarriereelepossibilisoluzioni. materia,questionichehannocreato
spessomoltaconfusioneneiprofessionisti
Interessante,inprimoluogo,larilevazionedellaripartizioneperclassienergetiche delsettoreimmobiliarecheoperanosul
mercato.
degli immobili compravenduti dal panel di agenzie immobiliari coinvolte nella
D:Qualeruolostrategicopotrebbero
ricerca:idatimostranochiaramentelanettapreponderanzadiimmobilidiclasse rivestiregliagentiimmobiliarinella
energetica molto povera; ovviamente, fanno eccezione le nuove costruzioni, visti promozionedelladomandaedellofferta
diimmobiliresidenzialiefficientidal
gliobblighinormativicuisonosoggette. puntodivistaenergetico?
Rilevante anche la differenza nella qualit energetica degli immobili da R:Gliagentiimmobiliaripotrebbero
ristrutturare rispetto a quelli in buono stato o gi ristrutturati, sebbene la svolgereunruolofondamentale,inquanto
sonogliunicisoggetticheconoscononel
differenza tra il peso della classe G degli immobili ristrutturati e quelli nuovi sia dettaglio,sottotuttiipuntidivista,lo
relativamente alta (segno che le ristrutturazioni incidono ma solo relativamente sviluppoelastoriadegliedificiedegli
immobili,quindiancheilrealevaloredi
suiconsumidegliimmobili). mercatodiimmobiliresidenzialipio
menoefficientidalpuntodivistadel
Unaltra interessante tendenza quella relativa alla zona di appartenenza degli consumoenergetico.
immobili, con una diminuzione della percentuale degli immobili di classe G
allaumentaredelpregiodelledificio(Figura7.7).


135



Figura 7.7 Distribuzione degli immobili compravenduti per classi


energetiche(%),anno2012
100%
80%
60%
40%
20%
FrancoDAmore 0%
DirettoreAreaEnergiaICom A+ A B C D E F G
Monolocale Bilocale Trilocale Villetta Unifamiliare Altro
D:Chequadroemergedallafotografia
cheilRAEEfadelmercatoimmobiliare 100%
italiano?
80%
R:Ilsettoreediliziositrovaadover
affrontareunacrisimoltoprofondae, 60%
contemporaneamente,chiamatoa 40%
contribuirealraggiungimentodiobiettivi
diefficienzaenergeticamoltoimpegnativi. 20%
Aquestosiaggiungonospecifiche 0%
complessitnazionalechecomplicano
A+ A B C D E F G
notevolmentelasoluzionedeiproblemi.
Pregio Centro Semicentro Periferia EstremaPeriferia
D:Obiettiviestrumentisonoallineati?
100%
R:Perquantoriguardailnuovo,
limposizionedistandardqualitativielevati 80%
haportatorisultatiinteressanti.Lavera 60%
sfida,ancheinterminiquantitativi,resta
lefficientamentodelparcoedilizio 40%
esistente.
20%
D:Qualiprioritperilsettore
0%
residenziale?
A+ A B C D E F G
R:Ilmercatoimmobiliarehabisognodi Nuovo Buono Ristrutturato DaRistrutturare
segnalichiariperfarconvergeredomanda Fonte:elaborazionesudatiFIAIP
eoffertaversoimmobilidiqualit
energeticaelevataeconsentireagliattori
dellafilieradiriorganizzarsi.La
Per quanto riguarda la percezione degli attori del mercato immobiliare del tema
certificazioneenergeticadegliedificiva dellefficienza energetica, la fotografia che ne esce dalle interviste agli agenti
ripensatainquestosenso.Iltemadel
immobiliari in chiaroscuro: oltre il 50% degli acquirenti non ha una percezione
creditoperinterventidiefficienza
energeticanegliedificideveessere adeguata dellimportanza del tema dellefficienza energetica (ritenuta sufficiente
affrontatocongrandedecisione. per il 30% del campione), mentre quasi il 70% di chi vende casa non considera
questo un tema importante (Figura 7.8), segno che lefficienza energetica non
percepitacomeunvaloreperiproprietaridegliimmobili.

Figura7.8Lapercezionedelmercatodegliagentiimmobiliariprofessionisti
Capacitdichicompraunimmobilediapprezzaree Capacitdichivendeunimmobilediapprezzaree
valorizzarelaqualitenergeticadegliimmobili valorizzarelaqualitenergeticadegliimmobili
4% 1% 12%
28% 14%
36% 18%

30%
24%
33%
MoltoBuona Buona Sufficiente MoltoBuona Buona Sufficiente
PocoAdeguata Insufficiente PocoAdeguata Insufficiente

Fonte:elaborazionesudatiFIAIP

Pocorassicurantelapercezionedapartedegliagentiimmobiliaridellutilitdellacertificazioneenergeticadegliedifici,
ritenutaunostrumentononutiledal55%delcampioneintervistato(Figura7.9).


136

Figura7.9Lapercezionedelmercatodegliagentiimmobiliariprofessionisti:ilcertificatoenergetico
Utilitdell'attestatoenergeticonell'orientarelescelte
dichiacquistaversoimmobilidimaggiorequalit
energetica

4%
22%
21%

20%
33%

MoltoUtile AbbastanzaUtile Utile PocoUtile Inutile



Fonte:elaborazionesudatiFIAIP

Pi confortante il quadro che emerge dalla analisi dei dati relativi agli agenti immobiliari. Tra di loro solo un terzo
ritienedinonaveresufficienticompetenzepervalutarelaqualitenergeticadiunedificio,mentrepermangonodelle
criticitcircalutilitdellostrumentodellacertificazioneenergetica(Figura7.10).

Figura7.10Lecompetenzedegliagentiimmobiliariprofessionistiinambitoenergetico
Competenzenelvalutarelaqualitenergeticadiun Utilitdell'AttestatodiPrestazioneEnergeticadiun
immobileresidenzialeesistente edificiocomestrumentopervalutarelaqualit
energeticadiunimmobile
5% 1%
20% 10% 8%
28% 21%
28%

46% 33%

MoltoBuona Buona Sufficiente


MoltoUtile AbbastanzaUtile Utile PocoUtile Inutile
PocoAdeguata Insufficiente

Fonte:elaborazionesudatiFIAIP

Inoltre,quasiil90%degliintervistatioffrepressolapropriaagenziaservizidicertificazioneenergeticadegliedifici,di
cuioltreil60%deiclientidecidediavvalersi.
Le criticit circa lattuale impostazione della certificazione energetica degli edifici vengono confermate anche nella
sezionedelquestionariodedicataallebarriereeallepossibilisoluzioni:oltrel85%delcampioneritienechelattuale
impostazione vada rivista nellottica di aumentare la percezione del valore di mercato di un immobile efficiente
rispetto ad uno meno efficiente, mentre la quasi totalit del campione indica come priorit quella di aumentare i
controllisullaqualittecnicadellecertificazioni.
Perquantoriguardalaformazionedeglioperatoriimmobiliarisultemadellefficienzaenergeticail55%delcampione
dichiara di aver affrontato il tema nei propri percorsi di formazione professionale, mentre oltre il 60% si dichiara
interessatoadapprofondirelargomento.
Iltemadelfinanziamentodegliinterventidiefficienzaenergetica(Figura7.11)vistocomeunostacolodal65%del
campione(oltreil30%logiudicacriticooaddiritturamoltocritico),mentremoltointeressanteapparelatteggiamento
degliagentiimmobiliarisiarispettoagliattualistrumentidiincentivazione(comunqueconosciutierispettoaiqualile
agenzie sono attrezzate a fornire un supporto ai clienti) sia rispetto alla disponibilit a promuovere presso i clienti
eventualinuovistrumentidifinanziamentoperinterventidiefficienzaenergeticainedilizia(oltre85%delcampione).


137

Figura7.11Barriereepossibilisoluzioni:laformazionedeglioperatori
Interessenell'approfondireiltemadellaqualit Criticitdeltemadelfinanziamentodegliinterventidi
energeticadegliedificineipercorsidiaggiornamento efficienzaenergetica
professionale
7% 11%
15% 24%
28% 20%

25%
36%
MoltoCritico 34%
Giapprofonditoadeguatamente
Critico
Gitrattatomainteressatoadulterioriapprofondimenti
Unodeitantiostacolipresenti
Si Pocorilevante
No Irrilevante

Fonte:elaborazionesudatiFIAIP

7.3.2 Gliinterventidiristrutturazioneedilizianelsettoreresidenziale

Come ovvio, il maggior potenziale di risparmio energetico nel settore edilizio, ma anche le maggiori difficolt di
intervento, risiedono nel segmento degli edifici esistenti. Le complessit di intervento, dovute alla forte
disomogeneit di tipologie edilizie, epoche costruttive e fasce climatiche presenti nel nostro Paese, rendono
estremamente difficile trovare dei valori di riferimento rispetto a cui parametrare i risparmi ottenibili e dunque
effettuareunaanalisicosti/benefici.Taliparametridiriferimentorisultanoperdifondamentaleimportanzanonsolo
perpoterdisegnarepoliticheefficacimaancheperforniredeichiarisegnaliaivariattoridelmercatoimmobiliare.

PergliinterventiconsideratisifarriferimentoaquelliderivantidallapplicazionedelDecretoLegislativo192/2005e
successivemodificazionicherecepiscelaDirettiva2002/91/CErelativaalrendimentoenergeticonelledilizia(Tabella
7.4).

Tabella7.4Tipologiadiintervento
Tipologia Descrizione
Involucro Coperture+Facciate+Infissie/odispositividiombreggiatura
Impianti Produzionedicalore+Sottosistemi+Regolazione+Solaretermico
Fonte:ENEA159

Ipotizzando una percentuale complessiva del 64% di riduzione dei consumi grazie ad interventi di riqualificazione
(involucroedimpianti),laTabella7.5mostraladistribuzioneditaleriduzioneinfunzionedellatipologiadiimmobile.

Tabella7.5Tipologiadiintervento
Tipologia Stimariduzione ConsumoAnte Consumopost
Interventi 2 2 Costomediointervento
Immobile consumi(%) (kWh/m ) (kWh/m )
2
Monofamiliare 30 160 112 Cappottoesterno:75105/m
Copertura 2
Plurifamiliare 16 130 109 Cappottointerno:3565/m
2
Monofamiliare 18 160 131 Cappottoesterno:75100/m
Facciata 2
Plurifamiliare 30 130 91 Cappottointerno:4565/m
Monofamiliare 8 160 147 2
Infissi 350600/m
Plurifamiliare 8 130 120
Monofamiliare 10 160 144 Caldaia:3.000
Impianti
Plurifamiliare 11 130 116 Solaretermico:2.5005.000
Fonte:ENEA159

Da tali valori si possonoquantificare i risparmi economici ottenibili e irelativi tempi di rientrodellinvestimento (in
assenzadiincentivi)deisingoliinterventi.Lanalisidegliinterventisingolimostracomesoloalcunidegliinvestimenti
abbiano tempi di rientro accettabili e dunque un profilo costi/benefici positivo. Ovviamente una analisi pi

159
Relazione tecnica su ipotesi di interventi di miglioramento dellefficienza energetica nel settore residenziale in relazione agli
obiettividirisparmioenergeticoprevistial2016dalPianodAzioneItalianoperlEfficienzaEnergetica(giugno2012).


138

approfonditaandrebberealizzatavalutandolacombinazioneottimaledegliinterventirispettoallanalisicosti/benefici.
Inoltre, nel caso pi interessante di immobile da ristrutturare, andrebbe considerata solo la differenza tra i costi di
ristrutturazione energeticamente pi efficienti e i costi di una ristrutturazione standard (extracosto per
riqualificazionienergetiche).Infineandrebbeelaborataunametodologiachiaraperincluderelaumentodivaloredi
unimmobileresidenzialeaseguitodiunaristrutturazioneenergetica.

7.3.3 Conclusioniespuntidipolicy

Il mercato immobiliare necessita di nuovi e pi efficaci strumenti per orientare la domanda e lofferta di immobili
verso standard energetico/ambientali pi elevati. Questo sia per contribuire al conseguimento degli obiettivi di
risparmio energetico che il settore sar chiamato a raggiungere, sia per differenziare lofferta di immobili in un
mercatooggiparticolarmentecolpitodallacrisieconomica.Perfarecinecessariaunacomplessivariorganizzazione
della filiera edilizia. Un potenziale contributo molto significativo pu provenire dagli agenti immobiliari, potenziale
nododiquestanuovariorganizzazionedifilierainquantotraitduniontradomandaeoffertadiimmobili.Perpoter
giocareunruolodiguidadelmercato,per,sononecessariadeguamentinegliattualistrumentidiattestazionedella
qualit energetica di un immobile, che appaiono aggi, in molti casi, poco pi che meri adempimenti burocratici. In
particolaredovrebbeesserepichiaramenteevidenteillegametraclasseenergeticaerisparmieconomiciintermini
diminoricostidigestionee,legatoaquesto,lincrementodelvaloredimercatodiunimmobileefficienterispettoad
unomenoefficiente.
Altropuntoevidentementecriticoperilsettoreimmobiliarerappresentatodalcredito.Nuovistrumentidovranno
essere messi a disposizioneper quanti intendono affrontare una ristrutturazione delproprio immobile in termini di
efficientamentoenergetico.Unaspettopromettente,aquestoproposito,ladisponibilitdegliagentiimmobiliaria
promuoveretalistrumentipressoipropriclienti.
Infine, sempre nellottica di ripensare la filiera industriale delledilizia e di fare degli agenti immobiliari un nodo
fondamentale del sistema, sar essenziale puntare molto sulla formazione professionale specifica nel settore della
valorizzazionedellefficienzaenergeticadegliimmobili.


139



8. Performanceregionale

8.1 Normativaregionalenelsettoreedilizio160

Lintervento da parte delle Regioni ha portato a unarticolazione complessa del


quadro normativo e, in alcuni casi, di significativi cambiamenti nel modo di
progettare e costruire, attraverso lintroduzione di precise indicazioni per luso
delle energie rinnovabili, per il risparmio idrico e per lisolamento termico degli
edifici. In altre Regioni si invece percorsa la strada di linee guida come
riferimento solo indicativo per le nuove costruzioni, in altre ancora si sono
approvatenormativechesemplicementepromuovonolediliziasostenibile(Figura
8.1).
VittorioCogliatiDezza
PresidenteNazionaleLegambiente
Figura8.1Normativeregionalisullasostenibilitinedilizia
D:Comesievolutoilquadronormativo
aifinidiintegrareinnovazionee
sostenibilitinedilizia?
R:Al2012sono1.003iComuniitalianiche
hannomodificatoipropriregolamenti
ediliziperinserirenuovicriterieobiettivi
energeticoambientaliinmododa
migliorareleprestazionidelleabitazionie
laqualitdelcostruito,anticipandoe
andandooltrelanormativainvigore.Un
numeroincostanteaumentodaquando,5
annifa,CresmeeLegambientehanno
promossolOsservatorioNazionalesui
RegolamentiEdilizi.

D:Alivellolocaleilquadrorisulta
omogeneo?
R:Complessivamenteicittadinichevivono
neiComunidovesonoinvigorequesti
strumentiinnovativisonooltre22milionie
mezzo.Iregolamentisostenibilisiano
diffusiintutteleregioni,nonostanteuna
forteprevalenzainquelledelcentronord.
Mipremecomunquesottolinearecome
sianoaumentatinonsoloiComunivirtuosi
maancheitemiaffrontati.

D:Quantosarimportantequestaspinta Fonte:LegambienteCresmeONRE2013
dalbassonellesfidechedovr
affrontareabreveilsettore?
LequattrofasceincuisonostatesuddiviseleRegioniindicanocheinmoltearee
R:Iregolamentiedilizicomunalisistanno del Nord, a cui si aggiunge la Puglia, sono state emanate Leggi che definiscono i
dimostrandounottimachiavedilettura
perraccontarelevoluzioneversoledilizia criteri per la certificazione energetica, obbligano linstallazione delle fonti
sostenibileestrumentipreziosiper rinnovabili per i nuovi edifici e definiscono i criteri per migliorare le prestazioni
accompagnarelinnovazioneincorso.Ora
occorre,per,unaregianazionaleche
energetichedegliedifici.
consentadisuperareletroppe
contraddizionidelquadronormativo Per quanto riguarda il Lazio e lUmbria invece gli obblighi di Legge si riferiscono
italianononchiritardifinoraaccumulati allusodellenergiafotovoltaicaedaipannellisolaritermici.
nelrecepimentodellanormativaeuropea
diriferimento. Ci sono poi cinque Regioni, il Veneto, la Toscana, la Campania, la Calabria e le
Marche, che hanno emanato Linee Guida per ledilizia sostenibile ma non
prevedonoobblighi.

160
Perunapprofondimentosullanormativaregionaletrattataneiparagrafiseguentirelativaalrendimentoenergeticodegliedifici,
fonti rinnovabili in edilizia e certificazione energetica delledificio, si veda il Rapporto ONRE 2013: linnovazione energetica in
edilizia:www.legambiente.it/contenuti/dossier/rapportoonre2013ediliziasostenibilecrescita.


140

InquesteultimeRegionisipromuovelasostenibilitinediliziaesiinvitanoiComuniaprevedereincentiviintalsenso,
la certificazione energeticoambientale degli edifici (facoltativa), la corretta selezione dei materiali da costruzione,
nonchilrisparmiodellerisorsenaturali.LesuddetteindicazionidevonoessererecepiteedadottatedaiRegolamenti
EdiliziComunaliperentrareinvigore.Recentemente,anchelaRegioneCalabriahaintrodottodelleLineeGuidaperla
realizzazionesostenibiledegliedifici,interessanteladecisionediinterveniresulsistemadicertificazione,includendo
controlliacampionesullasussistenzadeirequisitideisoggetticertificatoriesullorooperato.

8.1.1 Ilrendimentoenergeticodegliedifici

TraleregionicheprevedonoobblighispecificiperilrendimentoenergeticodegliedificisisegnalanolEmiliaRomagna,
laLiguria,laLombardiaelaProvinciadiTrento.InquesteareedelPaesesonoinvigoredellenormecheimpongono
un limite massimo alla trasmittanza termica delle pareti esterne e una percentuale minima di schermatura delle
superfici vetrate (il 50% in EmiliaRomagna ed il 70% in Liguria, Lombardia e Piemonte) per ridurre gli effetti del
soleggiamentoestivo.SempreinEmiliaRomagnairequisitiminimiobbligatoririchiestiincludonoancheleprestazioni
perlaclimatizzazioneinvernaleedilrendimentomediostagionaledellimpiantotermico.

UnaltroaspettofondamentaleaffrontatoinEmiliaRomagnaedinLombardiadove,perinuoviedificieperlegrandi
ristrutturazioni, vengono imposti i limiti di trasmittanza massima delle pareti esterne pi bassi in Italia (pari a 0,36
W/m2K),ValledAostaeTrentinoAltoAdigeesclusi.InvecenelleRegioniValledAostaePuglialeLeggistabiliscono
deglistandardminimicheperdevonoessereancoraintrodotti.Perglistessiaspetti,inCampaniaedinToscanasono
presenti Linee Guida sulledilizia sostenibile, che promuovono ed incentivano il risparmio energetico ma non
impongono dei limiti. In EmiliaRomagna e Lombardia si fa esplicito obbligo di allacciamento alla rete di
teleriscaldamento(anchenondafonterinnovabile)sepresenteentrounraggiodi1.000metridalledificiointeressato.

LaProvinciaAutonomadiBolzanonelproprioRegolamentohaintrodottolacertificazioneenergeticaobbligatoriae
definito i valori massimi di fabbisogno di calore annuale per riscaldamento negli edifici di nuova costruzione,
determinalecategoriedegliedificiacuisiapplicanotalivaloriedefiniscelospessoredicoibentazionechenonviene
calcolato come cubatura urbanistica, in attuazione dei commi 5 e 6 dellarticolo 127 della Legge Urbanistica
Provinciale11agosto1997,n.13.

Aifinidellottenimentodelladichiarazionediabitabilit,comestabilitodallaDeliberan.2189del30/12/2010,leclassi
diedificiammessedalregolamentodellAgenziaCasaClimasonoleseguenti:
ClasseB,quandolindicetermicoinferioreai50kWh/m2lanno;
ClasseA,quandolindicetermicoinferioreai30kWh/m2lanno;
ClasseGold(casapassiva)quandolindicetermicononsuperai10kWh/m2lanno.
La classificazione a tuttoggi lunica in Italia ad imporre limiti in tutti gli aspetti considerati, e prende come
riferimentoidaticlimaticidiBolzano.PerfareunraffrontoconlenormeprevistedallealtreRegioni,nellaClasseB,la
trasmittanzadelleparetiesternemassimaconsentitainProvinciadiBolzanodi0,16W/m2K,decisamenteinferioreal
valoreimpostoinEmiliaRomagnaeLombardia(0,36W/m2K).
LaProvinciadiTrentorappresentaunaltroesempiopositivoperchhaintrodotto,apartiredal1novembre2009,
comerequisitominimodiprestazioneenergeticaperinuoviedificilaclasseB,lapirestrittivadItaliainsiemeaquella
di Bolzano. Inoltre lAttestato di Certificazione Energetica viene rilasciato da un tecnico qualificato che oltre alla
frequentazionediuncorsospecificodeveaversuperatounesamefinale.
Una citazione a parte va fatta anche per la Regione Piemonte che, con la Delibera 412373 del 22 luglio 2011, ha
decisodiincentivareconcretamentelarealizzazionediedificiadenergiaquasizero.Sitrattadiunbandochemette
a disposizione 2 milioni di euro e che vuole andare nella direzione della Direttiva Europea, fissando i criteri e le
modalitperlaconcessionedicontributiincontocapitalenellamisuradel25%deicostiammissibili.

8.1.2 Lefontirinnovabiliinedilizia

Per quanto riguarda le energie rinnovabili, il Decreto 28/2011 ha innescato una transizione in termini di requisiti
minimi da raggiungere progressivamente nei prossimi anni. Le Regioni che si troveranno pi preparate a queste


141

scadenze sono quelle che hanno gi introdotto con proprie normative un obbligo specifico. fondamentale infatti
sottolinearecomelenormenazionalidebbanoilpipossibileessererimarcatedaRegionieComunipernoncreare
conflittilegislativichepossonochiaramentediventareimpedimenticoncretiallosviluppodellestesserinnovabili.
Lobbligo di produzione del 50% di acqua calda sanitaria da solare termico, o da altre fonti rinnovabili come la
biomassa, presente per le nuove costruzioni, e nei casi in cui viene rinnovato limpianto termico, in Lombardia,
Provincia di Trento e Liguria; lo stesso obbligo, applicato anche nei casi di ristrutturazione per almeno il 20% del
volume,invigoreinUmbriaeLazio.
LaRegionePiemontelunicaadaverportatolobbligoperlenuovecostruzioni,eneicasidinuovainstallazionedegli
impianti termici, al livello minimo del 60% mentre in Toscana non sono mai stati emanati i decreti attuativi per
lobbligo del solare termico. In Campania invece lobbligo per entrare in vigore deve essere recepito dai singoli
Comuni.
Lobbligodiinstallazionedi1kWdienergiaelettricadasolarefotovoltaicorichiestoperlenuovecostruzionienel
casodisostituzionedellimpiantotermicoinUmbriaePuglia,ancheseinquestultimocasoilrequisitodeveessere
recepito nei Regolamenti Edilizi Comunali per avere validit. Nel Lazio lobbligo valido anche nei casi di
ristrutturazione. In Provincia di Trento obbligatoria la produzione almeno del 20% del fabbisogno elettrico da
rinnovabili.

Il caso dellEmiliaRomagna sicuramente uno dei pi interessanti, perch in questa Regione non si deciso
solamente di ribadire quanto previsto dal Decreto 28/2011, ma si cercato di andare oltre anticipando i requisiti
previsti.diventatoinfattiobbligatoriosoddisfare,oltreal50%delfabbisognodiacquacaldasanitariaconenergie
rinnovabilitermiche,ancheil35%deiconsumidienergiatermica,mentreapartiredal1gennaio2015ilrequisito
salir al 50%. Per quanto concerne la parte elettrica del fabbisogno, in EmiliaRomagna si stabilito lobbligo di
installare 1 kW per unit abitativa in aggiunta alla potenza installata basata sulla grandezza della superficie
delledificiostabilitadalDecreto28/2011.

Unaspettofondamentaleperlacorrettaapplicazionedellenormeprevisteriguardaicontrollielepossibilisanzioni
applicateincasodiillecitoodimancatorispettodeirequisiticogenti.
InLombardia,LiguriaePiemonteleammenderiguardanoicasiincuiicostruttoridegliimmobilinonconsegninola
certificazioneenergeticaalproprietarioequandoilcertificatorerilasciaunattestatononveritieroodichiaraunfalso
impedimento allinstallazione dei pannelli solari. interessante notare come con la L.R. 13 del 2007 del Piemonte
vengano sanzionati anche i proprietari degli immobili in cui non sono stati installati impianti solari termici integrati
nellastrutturaedilizia,conmultatrai5.000edi15.000.Lostessodiscorsovalepergliimpiantidisolarefotovoltaico
periqualilamultavariatrai2.000edi10.000.
Unaspettointeressantelegatoalladestinazionedeifondinatidallapplicazionedelleammende,chesonomessia
disposizione dei Comuni che possono usufruirne solamente sotto forma di incentivi per linstallazione di fonti
rinnovabili.

8.1.3 Lacertificazioneenergeticadelledificio

importantesegnalarecomeperlacertificazioneenergeticasianoinvigoreadoggisistemimoltodiversinellevarie
Regioni,inparticolareperquantoriguardalaccreditamentodeicertificatori,icontrollielesanzioni.Inparticolaresolo
inPiemonte,LombardiaeToscanasonoprevistesanzionineicasiincuinoncisiataledocumentazioneallegatanegli
atti di compravendita. Anche in questo caso per si verificano significative differenze, in Lombardia ad esempio la
sanzioneeconomicaevariatrai2.500edi10.000.

Al contrario in Toscana non prevista alcuna sanzione pecuniaria ma in caso di mancata presenza dellattestato il
fabbricato sar inserito nella classe energetica pi bassa. Una scelta sbagliata perch non spinge ad avere delle
certificazioni certe, che purtroppo rientra nelle ragioni della procedura di infrazione aperta da parte dellUE nei
confrontidellItaliaperaverintrodottolautocertificazione,proprioperchrischiadifalsarelacondizionerealedegli
edificinoncertificati.


142

SonosetteleRegionichehannoapprovatoprovvedimentiinmateriadiaccreditamentodeisoggetticertificatori,ma
conindicazioniestremamentedifferentiperititolidistudionecessarieicorsidiformazionedaeffettuare.Inundici
Regionisonostatidefinitidallanormativasistemidicertificazionevolontaricheguardanoaltemadellasostenibilit
ambientale(nonsoloenergetica)degliedifici.
Per quanto riguarda laccreditamento dei certificatori da segnalare il Friuli Venezia Giulia che, con il Decreto del
PresidentedellaRegionedel25/8/2010,hasceltodiagevolarelacertificazioneachiabilitatoancheinaltreRegioni,
riconoscendo quindi i corsi CasaClima e Sacert, in modo da poter velocizzare e semplificare la certificazione a chi
comunquehaseguitouncorsospecificosuglistessiargomenti.NelleRegionichenonhannolegiferatoinmateriadi
accreditamento della figura del certificatore degli edifici vige la normativa nazionale, purtroppo molto vaga come
riferimentiecompetenzeminimerichieste.
PerledueProvinceAutonomequindisiaperTrentosiaperBolzanoicontrollidellacertificazioneriguardanotuttigli
edifici e vengono effettuati nelle fasi di progettazione, cantiere e realizzazione degli edifici. Anche in Lombardia la
Leggeprevedecheicontrollivenganoeffettuatisullatotalitdegliedificiinpossessodellacertificazioneenergetica,
maprevistocheriguardisoltantolafasefinaledelprocessodicostruzione.
Neglialtricasilanormativarisultamenochiaraedefficace,bastidirecheinlargapartedelleRegioninonneanche
chiarito chi faccia le verifiche, di quante certificazioni e di quali fasi del processo di costruzione. Ma anche nelle
Regioni che hanno legiferato la situazione risulta inadeguata. Ad esempio, in EmiliaRomagna prevista la verifica
soltanto del 5% degli edifici, in Toscana del 4%, mentre in Piemonte e Puglia tale verifica effettuata a campione
senzatuttaviaspecificareunasogliaminimadicasidaprendereinesame.

8.1.4 Regolamentiedilizicomunalienergeticamenteefficienti

Sono 1.003 i Comuni in Italia nei quali si sono introdotte innovazioni che riguardano lenergia e la sostenibilit in
edilizia:sitrattadel12,4%deltotaledeiComuniitalianiperunapopolazionecomplessivachesuperai22,5milionidi
abitanti.Lincrementocostanteneglianni:quasi5volteinpirispettoai188Comunidel2008,mentreerano705
nel2010e855nel2011.

AlfinedivalutarecaratteristicheedifferenzedeiRegolamentiEdilizi,sonostaticonsideratiiseguentiparametri:
recuperoeriutilizzodelleacquegrigie;
ventilazionemeccanicacontrollata;
materialiinnovativi;
isolamentotermico;
tecnologiepermigliorarelefficienzaenergeticadegliimpianti;
ricorsoallerinnovabili;
recuperodelleacquepiovaneerisparmioidrico;
usodimaterialidacostruzionericiclabilie/olocali;
orientamentoeschermaturadelledificio,isolamentoacustico;
permeabilitdeisuoli;
prestazionideiserramenti;
contabilizzazioneindividualedelcalore;
certificazioneenergetica.
Inparticolare,perognunodeiparametrielencatiallinternodeiRegolamentiEdilizisiverificatoselindicazionefosse
un obbligo, se prevedesse un incentivo (specificando qualora possibile la tipologia) ma senza obblighi o se fosse
semplicementepromossa.
LaFigura8.2fornisceunamappadeicomuniitalianinelcuiRegolamentoEdiliziosonostateintrodotteinnovazionidal
punto vista energetico e/o ambientale: ben 679 sono i Regolamenti che appartengono a Regioni del Nord, dove
comunquepresenteunagrandequantitdiComuni,mentrealCentroseneriscontrano247edalSud77.Gliabitanti
coinvoltidaiRegolamentiEdilizisonointotale22.538.589suuntotalenazionaledi59.394.207.


143



Figura8.2Normativeregionalisullasostenibilitinedilizia


GiuseppeGarofalo
ProfessorediEconomiaPoliticae
PresidenteCommissioneRicercadiAteneo
dellUniversitdegliStudidellaTuscia
D:ComenascelinteressedellAteneo
dellaTusciaperiltemadellenergiae,in
particolare,dellefficienzaenergetica?
R:LAteneodasempreimpegnatosul
temadellosvilupposostenibile,
considerataanchelapresenzadiFacoltdi
AgrariaediScienze.IlmioDipartimentodi
EconomiaeImpresa(DEIM)haalproprio
internoeconomistiedingegneri;iltema
dellenergiabenpresentenellaricercae
anchenelloffertaformativa.Siamo
impegnatiinprogettiriguardantila Fonte:LegambienteCresmeONRE2013
volatilitdeiprezzidellematerieprime,il
mercatodelleenergierinnovabili,leforme
diincentivazionedapartedei
8.2 Indiceregionaledipenetrazionedellepolitichediefficienza
policymakers,ilnessotrainnovazione energetica
ambientaleecompetitivit.
D:Qualiriflessioniuneconomista La comparazione territoriale (e intertemporale) delle performance un compito
accademicopufareapropositodel notoriamentearduoeanchelefficienzaenergeticapuessereconsideratacome
mercatodellefficienzaenergetica?
unavariabilemultidimensionale,siaperisuoimoltepliciambitidiapplicazionesia
R:Iltermineaccademicopurisultare
fuorviante:nelnostroAteneolaricerca perlampiospettrodiricadute(ancheditiposocioeconomico)cheingradodi
anchedinaturaapplicata,insinergiacon generare.
impreseedistituzionilocali.Perun
economistailconcettodiefficienza Lindice proposto rappresenta il primo tentativo di costruire un indicatore
centrale.Lerisorse,limitate,nonvanno
sprecateinmodochenonvisiaaggraviodi complessochetengacontodellavarietdegliaspettichecaratterizzailfenomeno.
costi.Essendolefontidienergiaimportate, In questa prima fase si deciso di adottare un numero ristretto di indicatori, di
lefficienzarilevantealivellomicroe
fattopartendodaquellirichiamatiinprecedenzaecomunementeutilizzatiperil
macroeconomico.
monitoraggio delle politiche di efficienza energetica, in modo da assicurare una
D:Qualiprogettiaveteperilfuturo?
facile lettura ed un riscontro immediato con le informazioni fornite nella sezione
R:nostraintenzionerafforzarele
partnershipconUniversitedentidi
conclusivadelRapportodedicataalleRegioni.
ricerca,ancheallalucedelProgramma
Horizon2020.Lavoraresuirisvolti Per questo motivo, coerentemente con limpostazione metodologica adottata in
socioeconomicidelsistemaenergeticoe precedenza per lanalisi del raggiungimento degli obiettivi indicativi nazionali di
dellefficienzaenergeticaunaquestione
vitaleperilnostroPaese.
risparmioenergetico161,gliindicatorisonostatisuddivisiintredimensioni,traloro
complementari:
Strumentinormativi:attuazionediobblighinormativiintrodottinella
legislazionevigente.
Politichediincentivazione:effettideimeccanismiinatto.
Strumenti volontari: adozione a livello locale di misure volte a garantire livelli di efficienza energetica
maggioririspettoairequisitiminimiprevistidallanormativanazionale.


161
Cfr.Capitolo4.


144

Perleprimeduedimensioni,allinternodiciascunadiessestatoselezionatounindicatorerelativoaciascunodei
settori di interesse: residenziale, non residenziale ed industria. Tale impostazione assicura la complementarit degli
indicatori selezionati, evitando cio la sovrapposizione e la ridondanza dellinformazione fornita: pertanto, anche al
finedisemplificarelametodologiadiaggregazionedeidati,plausibileadottarnelasemplicemediaaritmetica(dopo
averopportunamentenormalizzatoidatidibase)siaallinternodiciascunadimensionesiatraledimensionistesse.
Per gli strumenti normativi si fatto riferimento alla superficie utile abitabile (sia dei nuovi fabbricati sia degli
ampliamentidifabbricaticonabitazioni)perlaqualestatorilasciatonelperiodoconsideratoilpermessodicostruire
nelsettoreresidenzialeenelterziario.Taleindicatorecomunementeutilizzatoperconfrontiinternazionaliefornisce
indicazioni circa lentit del risparmio conseguito da nuove costruzioni che rispettano i parametri di prestazione
energeticaderivantidalladozionedidiverseDirettiveeuropee.Perilsettoreindustriastatopresoinconsiderazione
il numero di Energy Manager obbligati nominati, cos come prescritto dalla legge 10/91. La Tabella 8.1 riporta la
definizionediciascunodegliindicatoricostruiti.

Tabella8.1Indicatorirelativiaglistrumentinormativi:definizione
Codice Indicatore DescrizioneNumeratore Descrizione Denominatore
2
m disuperficieutileabitabile dinuoveabitazioni Popolazioneresidente
Permessidicostruire
NORM1 (anni20062011)
residenzialeperabitante
Fonte:ISTAT Fonte:ISTAT
2
m disuperficietotalefabbricatinonresidenziali Occupatitotali
Permessidicostruirenon
NORM2 nuovi(anni20062011)
residenzialeperaddetto
Fonte:ISTAT Fonte:ISTAT
EnergyManager obbligati nominatinel2013in Occupatitotali
EnergyManagerper
NORM3 accordoconlarticolo19dellalegge10/91
addetto
Fonte:FIRE Fonte:ISTAT
Fonte:elaborazioneENEA

La Tabella 8.2 riporta, per ogni Regione, i valori normalizzati per i tre indicatori appena descritti, sintetizzati in un
indicegeneralerelativoaglistrumentinormativi(NORM)costituitodallamediaaritmeticadeitre.

Tabella8.2Indicatorirelativiaglistrumentinormativi:valorinormalizzati
Regione NORM1 NORM2 NORM3 NORM
Piemonte 0,59 0,54 0,38 0,50
ValledAosta 0,65 0,37 1,00 0,67
Lombardia 0,81 0,56 0,50 0,62
TrentinoAltoAdige 1,00 1,00 0,46 0,82
Veneto 0,95 0,64 0,33 0,64
FriuliVeneziaGiulia 0,81 0,73 0,59 0,71
Liguria 0,29 0,21 0,27 0,25
EmiliaRomagna 0,78 0,63 0,48 0,63
Toscana 0,49 0,39 0,34 0,41
Umbria 0,90 0,48 0,35 0,58
Marche 0,71 0,64 0,21 0,52
Lazio 0,60 0,29 0,26 0,38
Abruzzo 0,87 0,41 0,32 0,53
Molise 0,69 0,78 0,29 0,58
Campania 0,36 0,48 0,17 0,33
Puglia 0,66 0,45 0,19 0,43
Basilicata 0,59 0,95 0,33 0,63
Calabria 0,74 0,65 0,12 0,50
Sicilia 0,54 0,44 0,16 0,38
Sardegna 0,85 0,56 0,26 0,56
Italia 0,67 0,51 0,33 0,51
Fonte:elaborazioneENEA

Per quanto concerne le politiche di incentivazione, sono stati presi in esame i principali strumenti adottati a livello
nazionale e analizzati in dettaglio per la misurazione dei risparmi energetici conseguiti: detrazioni fiscali del 55%
relativealsettoreresidenziale;TitolidiEfficienzaEnergetica(TEE)inerentiprincipalmentelindustria;FondiEuropeidi
Sviluppo Regionale (FESR), riguardanti in particolare il settore pubblico e il terziario. La Tabella 8.3 riporta la
definizionediciascunodegliindicatoricostruiti.


145

Tabella8.3Indicatorirelativiallepolitichediincentivazione:definizione
Codice Indicatore DescrizioneNumeratore Descrizione Denominatore
Risparmioenergeticodainterventiincentivati Popolazioneresidente
Risparmioenergetico
INC1 tramitemeccanismo55%(anni20072012)
interventi55%perabitante
Fonte:ENEA Fonte:ISTAT
TEEemessidallavviodelmeccanismo(anni2005 Occupatitotali
TEEemessidallavvioper
INC2 2011)
addetto
Fonte:ElaborazioneENEAsudatiAEEG Fonte:ISTAT
Finanziamentierogatinellambitodeiprogetti Popolazioneresidente
PagamentiFESRper
INC3 FESR(anni20072012)
abitante
Fonte:OpenCoesione Fonte:ISTAT
Fonte:elaborazioneENEA

LaTabella8.4riporta,perciascunaRegione,ivalorinormalizzatiperitreindicatoriappenadescritti,sintetizzatiinun
indicegeneralerelativoallepolitichediincentivazione(INC)costituitodallamediaaritmeticadeitre.

Tabella8.4Indicatorirelativiallepolitichediincentivazione:valorinormalizzati
Regione INC1 INC2 INC3 INC
Piemonte 0,96 0,45 0,55 0,66
ValledAosta 1,00 0,19 0,31 0,50
Lombardia 0,65 0,39 0,04 0,36
TrentinoAltoAdige 0,98 0,43 0,42 0,61
Veneto 0,63 0,29 0,06 0,33
FriuliVeneziaGiulia 0,73 0,31 0,14 0,39
Liguria 0,53 0,25 0,13 0,30
EmiliaRomagna 0,67 0,39 0,04 0,37
Toscana 0,37 0,62 0,06 0,35
Umbria 0,34 0,84 0,21 0,46
Marche 0,39 0,30 0,29 0,33
Lazio 0,17 0,31 0,28 0,25
Abruzzo 0,19 0,47 0,22 0,29
Molise 0,16 0,44 1,00 0,54
Campania 0,06 0,35 0,37 0,26
Puglia 0,10 1,00 0,10 0,40
Basilicata 0,16 0,43 0,33 0,31
Calabria 0,08 0,47 0,58 0,38
Sicilia 0,07 0,27 0,21 0,18
Sardegna 0,21 0,28 0,71 0,40
Italia 0,41 0,41 0,22 0,35
Fonte:elaborazioneENEA

Ladozionealivellolocaledistrumentivolontarivoltialladefinizioneeapplicazionedicriteripistringentirispettoa
quelli previsti dalla legislazione vigente in tema (anche) di efficienza energetica, costituisce una spinta dal basso
fondamentaleperindirizzarelattuazionedellepolitichenazionaliimplementateperilraggiungimentodegliobiettivi
al2020.

Perlavalutazionedelladozioneditalistrumenti,vistalimportanzacheilPattodeiSindaciricopreinItalia,sifatto
riferimentoaiComunichehannosottoscrittounPianod'Azioneperl'EnergiaSostenibile(PAES).Inoltre,datoilpeso
del settore residenziale allinterno delle politiche nazionali e locali, si andato ad analizzare quanti comuni hanno
adottato un regolamento edilizio che prevede criteri e obiettivi tali da migliorare le prestazioni delle abitazioni e la
qualit del costruito, anticipando e andando oltre la normativa in vigore. La Tabella 8.5 riporta la definizione di
ciascunodegliindicatoricostruiti.

Tabella8.5Indicatorirelativiaglistrumentivolontari:definizione
Codice Indicatore DescrizioneNumeratore DescrizioneDenominatore
Popolazioneresidenteincomunichehannoadottatoregolamenti Popolazioneresidente
Regolamentiedilizi
VOL1 edilizienergeticamenteefficienti
energeticamenteefficienti
Fonte:Legambiente Fonte:ISTAT
PopolazioneresidenteincomunichehannosottoscrittounPAES Popolazioneresidente
VOL2 PAES
Fonte:PattodeiSindaci Fonte:ISTAT
Fonte:elaborazioneENEA


146

La Tabella 8.6 riporta, per ogni Regione, i valori normalizzati per i tre indicatori appena descritti, sintetizzati in un
indicegeneralerelativoallepolitichediincentivazione(VOL)datodallamediadeidue.

Tabella8.6Indicatorirelativiaglistrumentivolontari:valorinormalizzati
Regione VOL1 VOL2 VOL
Piemonte 0,62 0,39 0,51
ValledAosta 0,45 0,00 0,22
Lombardia 0,51 0,41 0,46
TrentinoAltoAdige 0,55 0,18 0,37
Veneto 0,58 0,36 0,47
FriuliVeneziaGiulia 0,59 0,27 0,43
Liguria 0,77 0,64 0,70
EmiliaRomagna 1,00 0,38 0,69
Toscana 0,98 0,18 0,58
Umbria 0,73 0,25 0,49
Marche 0,67 0,33 0,50
Lazio 0,93 0,64 0,78
Abruzzo 0,32 1,00 0,66
Molise 0,11 0,82 0,47
Campania 0,12 0,32 0,22
Puglia 0,38 0,45 0,41
Basilicata 0,28 0,59 0,44
Calabria 0,20 0,15 0,18
Sicilia 0,28 0,19 0,24
Sardegna 0,39 0,60 0,49
Italia 0,56 0,39 0,47
Fonte:elaborazioneENEA

LaTabella8.7riporta,perciascunaRegione,ivalorinormalizzatidelletredimensioniprincipali(strumentinormativi;
politichediincentivazione;strumentivolontari)elindicesinteticofinaledipenetrazionedellepolitichediefficienza
energetica (IPPEE): le migliori performance si registrano nel Nord Italia, in particolare per Trentino Alto Adige,
PiemonteedEmiliaRomagna.

Tabella8.7Indicedipenetrazionedellepolitichediefficienzaenergetica:valorinormalizzati
Regione NORM INC VOL IPPEE
Piemonte 0,50 0,66 0,51 0,56
ValledAosta 0,67 0,50 0,22 0,47
Lombardia 0,62 0,36 0,46 0,48
TrentinoAltoAdige 0,82 0,61 0,37 0,60
Veneto 0,64 0,33 0,47 0,48
FriuliVeneziaGiulia 0,71 0,39 0,43 0,51
Liguria 0,25 0,30 0,70 0,42
EmiliaRomagna 0,63 0,37 0,69 0,56
Toscana 0,41 0,35 0,58 0,45
Umbria 0,58 0,46 0,49 0,51
Marche 0,52 0,33 0,50 0,45
Lazio 0,38 0,25 0,78 0,47
Abruzzo 0,53 0,29 0,66 0,50
Molise 0,58 0,54 0,47 0,53
Campania 0,33 0,26 0,22 0,27
Puglia 0,43 0,40 0,41 0,42
Basilicata 0,63 0,31 0,44 0,46
Calabria 0,50 0,38 0,18 0,35
Sicilia 0,38 0,18 0,24 0,27
Sardegna 0,56 0,40 0,49 0,48
Italia 0,51 0,35 0,47 0,44
Fonte:elaborazioneENEA

Acorredodegliindicatorisinteticifornitiperlefficienzaenergetica,siriportadiseguitonellaTabella8.8ladotazione
di fonti rinnovabili ed il relativo indice sintetico (RINN), da considerare come proxy di un aspetto strettamente
complementareallefficienzaenergetica,consideratosuccessivamentenellasezionedelRapportodedicataalleschede
regionali,perunconfrontoanchesuquestadimensionetralaperformanceregionaleelamedianazionale.


147

Tabella8.8Diffusionedellerinnovabili:valoripermilionediabitanteedindicesintetico
Regione Idroelettrico SolareFV Eolico Geotermia Bioenergie RINN
Piemonte 587,78 314,13 7,32 1,74 40,10 0,16
ValledAosta 7032,01 140,80 19,56 1,50 179,91 0,45
Lombardia 512,02 186,33 0,14 0,98 66,91 0,15
TrentinoAltoAdige 3060,77 354,83 4,90 0,48 67,89 0,28
Veneto 227,99 305,01 1,50 0,41 42,96 0,15
FriuliVeneziaGiulia 404,30 331,46 1,31 0,05 62,45 0,19
Liguria 53,67 47,28 30,67 0,05 12,52 0,04
EmiliaRomagna 70,13 369,39 3,66 0,71 109,08 0,24
Toscana 92,88 175,48 28,43 239,92 36,34 0,30
Umbria 576,59 469,40 2,60 0,34 40,06 0,21
Marche 154,03 633,59 0,09 1,62 15,53 0,22
Lazio 72,16 192,90 9,18 0,01 28,83 0,10
Abruzzo 763,42 464,00 179,05 0,05 7,85 0,21
Molise 274,46 504,24 1209,54 0,00 150,00 0,53
Campania 59,97 94,80 209,37 0,03 36,45 0,11
Puglia 0,49 603,58 496,94 0,00 56,43 0,34
Basilicata 229,09 569,25 624,79 0,00 56,75 0,35
Calabria 376,87 194,05 578,07 0,02 66,69 0,24
Sicilia 30,20 223,40 373,41 0,00 10,78 0,15
Sardegna 285,30 338,34 746,78 0,00 47,31 0,29
Italia 302,99 275,19 145,62 15,28 47,79 0,19
Fonte:elaborazioneENEAsudatiLegambienteeGSE


148

SCHEDEREGIONALI


149

PIEMONTE
CertificatiBianchi
Tabelladisintesi
Tipologia/Settore TEEemessidallavviodelmeccanismo Risparmioenergeticoannuale(TEP)
Anno 2008 2009 2010 2011 2012* 2010 2011 2012*
TIPOI 164.448 328.848 546.524 725.863 1.087.271 51.508 0 117.771
TIPOII 50.332 96.322 145.070 220.142 329.751 2.666 13.176 22.340
TIPOIII 7.880 22.014 46.775 57.818 86.606 10.274 0 11.478
STANDARD 164.905 303.542 459.966 606.036
806.803 16.537 13.176 1.117
ANALITICHE 9.208 14.422 24.175 38.027
Civile 10.146 23.130 33.558 39.574 54.352 742 0 7.303
Industria 29.856 91.100 207.450 305.796 609.025 63.708 11.262 128.406
Illuminazione 8.544 14.990 14.990 14.990 33.448 0 1.913 15.881
CONSUNTIVO 48.547 129.220 254.228 359.760 696.824 47.912 0 150.472
TEETOTALI 222.661 447.184 738.369 1.003.823 1.503.627 64.449 13.176 151.589
*ElaborazioneENEAsudatiAEEGeGME
Fonte:AEEG

TEEemessidallavviodelmeccanismopertipologia

1500000 1000000
800000
1000000 600000
400000
500000
200000
0 0
2008 2009 2010 2011 2012 2008 2009 2010 2011 2012

TIPOI TIPOII TIPOIII STANDARD&ANALITICHE CONSUNTIVO



Fonte:AEEG;elaborazioneENEAsudatiAEEG

TEEemessidallavviodelmeccanismo:dettagliodegliinterventi(%)
lampadefluorescenti

caldaiaagas
2,2%
collettorisolari

elettrodomesticidiclasseA
38,8%
40,5% dispositivirisparmioacqua

illuminazionepubblica

sistemidicogenerazione

teleriscaldamento

climatizzazione
1,3% altreschedestandard/analitiche
3,6% 1,7%
6,3% 0,8% CIVILEaconsuntivo
0,6% 1,1% INDUSTRIAaconsuntivo
2,2%
0,5% 0,4% ILLUMINAZIONEaconsuntivo

Fonte:AEEG;elaborazioneENEAsudatiAEEG


150

Tipologiadidomandepresentatenel2012(%)
7,6% 0,7%
14,7%

77,7%
99,3%

TIPOI TIPOII TIPOIII STANDARD&ANALITICHE CONSUNTIVO



Fonte:AEEG;elaborazioneENEAsudatiAEEG

Tipologiadiinterventieffettuatinel2012(%)

0,8% caldaiaagas
0,1%
0,8% collettorisolari
9,9% 4,3%
4,5%
sistemidicogenerazione

teleriscaldamento

climatizzazione

altreschedestandard/analitiche

CIVILEaconsuntivo

INDUSTRIAaconsuntivo

ILLUMINAZIONEaconsuntivo

79,7%

Fonte:AEEG;elaborazioneENEAsudatiAEEG

I dati del 2012 confermano lottimo trend positivo dei risparmi energetici ottenuti dallutilizzo di caldaie a gas e
collettorisolari,accompagnatidalnotevolespuntodeisistemidicogenerazione.Iltuttocomunquesempretrainato
dairisparmiaconsuntivoottenutinellindustria.


151

Detrazionifiscalidel55%

Risparmioconseguito(kWh)
Tipologiadiintervento 2008 2009 2010 2011 2012 Totale
Struttureopacheverticali 3.386 4.888 9.775 7.339 6.067 31.455
Struttureopacheorizzontali 17.993 28.479 23.325 19.492 20.457 109.746
Infissi 36.869 46.482 109.398 75.135 76.751 344.635
Pannellisolari 18.189 18.753 26.060 16.905 13.528 93.435
Impiantitermici 137.603 143.745 214.996 137.872 109.543 743.758
Totale 214.040 242.347 383.553 256.743 226.346 1.323.029

250000

200000

150000

100000

50000

0
2008 2009 2010 2011 2012

Struttureopacheverticali Struttureopacheorizzontali Infissi Pannellisolari Impiantitermici

Fonte:ENEA

Spesatotalesostenuta(euro)
Tipologiadiintervento 2008 2009 2010 2011 2012 Totale
Struttureopacheverticali 4.490.085 6.645.564 17.243.852 15.152.833 11.497.158 55.029.492
Struttureopacheorizzontali 30.474.921 41.972.387 34.020.545 27.419.099 12.831.181 146.718.133
Infissi 103.113.341 126.720.034 264.793.232 197.793.434 196.381.501 888.801.542
Pannellisolari 20.770.320 26.602.233 44.266.356 27.238.983 21.011.012 139.888.904
Impiantitermici 116.862.731 128.303.976 257.303.919 170.273.595 134.801.359 807.545.580
Totale 275.711.398 330.244.194 617.627.904 437.877.944 376.522.211 2.037.983.651

300000000

250000000

200000000

150000000

100000000

50000000

0
2008 2009 2010 2011 2012

Struttureopacheverticali Struttureopacheorizzontali Infissi Pannellisolari Impiantitermici

Fonte:ENEA


152

Risparmioconseguitonel2012(%)

48,4% 2,7%

9,0%

6,0% 33,9%

Struttureopacheverticali Struttureopacheorizzontali Infissi Pannellisolari Impiantitermici



Fonte:ENEA

Spesasostenutanel2012(%)
3,1% 3,4%

35,8%

52,2%

5,6%

Struttureopacheverticali Struttureopacheorizzontali Infissi Pannellisolari Impiantitermici



Fonte:ENEA

Idatielaboratiperlannofiscale2012confermanounaleggeratendenzaalribassonelnumeroassolutodellepratiche
inviate rispetto ai valori massimi registrati nel 2010. Si conferma sostanzialmente invariata, invece, la distribuzione
percentuale afavore delle tipologie tecnicamente pi semplici (sostituzioni di infissi in primis). Il Piemonte (in cui il
totaledegliinterventiregistratitrail2007edil2012rapportatoalnumerodifamiglieresidentiparial10,9%afronte
diunvaloremedionazionaledi6,2%)risultacertamentetralerealtpiattivenellapplicazionediquestepolitichedi
incentivazioneeunodeimercatipidinamicidelpanoramanazionale.


153

EnergyManagerobbligatinominati(*)nel2012inaccordoconlarticolo19dellaLegge10/91
SETTORI SOTTOSETTORIENOTE EnergyManager
A.Agricoltura(dicui35consorzidibonifica)
Industria 51
B.Estrazionedimineralidacaveeminiere 1
C.Attivitmanifatturiere 40
D.Fornituradienergiaelettrica,gas,vaporeeariacondizionata 8
E.Fornituradiacqua,retifognarie,attivitdigestionedeirifiutidirisanamento 2
F.Costruzioni
H.Trasporti(dicui70diproprietpubblica) 31
O.PubblicaAmministrazione(ministeri,amministrazionicentrali,regioni,entilocali,etc.) 10
Terziario 34
G.Commercioallingrossoealdettaglio;riparazionediautoveicoliemotocicli 2
I.Attivitdeiservizidialloggioeristorazione
J.Servizidiinformazioneecomunicazione 1
K.Attivitfinanziarieeassicurative 4
L.Attivitimmobiliari 5
M.Attivitprofessionali,scientificheetecniche 2
N.Noleggio,agenziediviaggio,servizidisupportoalleimprese(**)
P.Istruzione 3
Q.Saniteassistenzasociale 15
R.Attivitartistiche,sportive,diintrattenimentoedivertimento 2
S.Altreattivitdiservizi
T.Attivitdifamiglieeconvivenzecomedatoridilavoroperpersonaledomestico
U.Organizzazioniedorganismiextraterritoriali
N.81Servizioenergia 10
TOTALEEnergyManagernominati 136
(*)Idatinoncomprendonolenominedeisoggettiobbligatichenonhanno comunicatoilnominativodellEnergyManagerentroiterminidilegge.
(**)ConlesclusionediN.81,riportatoapartecomeservizioenergia.
Fonte:FIRE

IndicediPenetrazionedellePolitichediEfficienzaEnergetica(IPPEE)
Codice Indicatore Piemonte Italia
NORM1 Permessidicostruireresidenzialeperabitante 0,59 0,67
NORM2 Permessidicostruirenonresidenzialeperaddetto 0,54 0,51
NORM3 EnergyManagerperaddetto 0,38 0,33
INC1 Risparmioenergeticointerventi55%perabitante 0,96 0,41
INC2 TEEemessidallavvioperaddetto 0,45 0,41
INC3 PagamentiFESRperabitante 0,55 0,22
VOL1 Regolamentiedilizienergeticamenteefficienti 0,62 0,56
VOL2 PAES 0,39 0,39
RINN Diffusionedellerinnovabili 0,16 0,19
NORM1
1.0

RINN 0.8 NORM2

0.6

0.4

VOL2 0.2 NORM3

0.0 Piemonte

Italia

VOL1 INC1

INC3 INC2

Fonte:ENEA


154



PrincipaliprogettifinanziaticonFESR,perfonte
Unione Cofinanziamento Privati
Progetto Territorio Regione
Europea nazionale
Voltaggio
(0111000180)Voltaggioenergia 1.048.647 1.232.249 369.103 6.177.000
(Alessandria)
(0111000198)Nuovoimpiantoperproduzione
energiadafontefotovoltaicaditipointegratocon
Pianezza(Torino) 425.464 499.783 149.846 235.641
potenzadi269,28KWconpannelliSoloninsilicio
policristallinoda20WP
(0111000001)Sole:energiapulita Buronzo(Vercelli) 391.251 459.606 137.644 1.181.498
(0112000113)Realizzazionelineediprogettazione
eproduzionequadriBTeMTdaapplicareallo AcquiTerme
364.920 428.724 128.489 106.969
sfruttamentodienergiadafontirinnovabili (Alessandria)
(fotovoltaico,eolico,biomasse)
(0111000532)Impiantoproduzioneenergia
LaMorra(Cuneo) 362.194 425.563 127.620 232.621
fotovoltaicadenominatoMOLITALFV
(0111000593)Autoproduzionedienergiaelettrica
Bruino(Torino) 273.172 320.967 96.319 164.541
dafontesolare
(0120000003)Realizzazionediunimpiantodi
produzionedienergiaelettricadiorigine NoviLigure
228.974 269.067 80.693 79.614
fotovoltaicada100KWPconnessoallarete,aldi (Alessandria)
sopradiunadiscaricaesauritadiR.S.U.
GravellonaToce
(0111000141)Nuovoimpiantofotovoltaicodi
(VerbanoCusio 166.311 195.432 58.605 89.651
produzionedienergiaelettrica
Ossola)
(0111000363)Impiantoproduzioneenergia
elettricafotovoltaica103,32KWPCA.S.T.IM. VezzadAlba(Cuneo) 164.619 193.418 58.041 59.149
2000Fotovoltaicon.1
(0111000615)Realizzazioneimpiantofotovoltaico
perlaproduzionedienergiaelettricaaservizio Biella 161.670 189.924 56.909 101.496
dellostabilimentoproduttivo
(0111000014)Realizzazionediunimpianto
VenariaReale
fotovoltaicoda75KWPperlautoproduzionedi 145.583 171.049 51.310 61.506
(Torino)
energiaelettrica
(0111000526)Impiantoperproduzioneenergia
elettricamedianteconversionefotovoltaicadi Salmour(Cuneo) 117.084 137.577 41.258 64.229
potenzaparia138,441KWH/P
(0111000368)Impiantoproduzioneenergia
elettricafotovoltaica70,73KWPdenominato
Alba(Cuneo) 87.444 102.738 30.819 34.757
Maregno&C.ImpiantoFotovoltaicoN.2sitoin
loc.S.CassianoN.15A/BAlba(CN)
(0111000600)Costruzioneimpiantofotovoltaico
Busca(Cuneo) 74.443 87.452 26.215 37.338
perautoproduzionedienergiaelettrica
(0111000579)Realizzazioneimpiantodi
produzionedienergiaelettricadafonte Quarona(Vercelli) 65.377 76.813 23.042 50.960
fotovoltaicaaserviziodellunitproduttiva
(0174000009)Installazioneimpiantodi
Omegna(Verbano
cogenerazioneperlaproduzionedienergia 63.185 74.240 22.277 26.410
CusioOssola)
termicaedelettrica
(0111000123)Nuovoimpiantofotovoltaicodi
Gozzano(Novara) 60.262 70.816 21.228 30.917
produzioneenergiaelettrica
(0111000511)Impiantofotovoltaicoper
Bollengo(Torino) 53.803 63.219 18.955 40.022
produzionedienergiaelettrica(52,80KWP)
(0111000587)Impiantoproduzioneenergia MaglianoAlfieri
48.449 56.927 17.069 36.301
fotovoltaicadenominatoPellerinoFV (Cuneo)
(0111000068)Realizzazionediunimpiantodi
produzionedienergiaelettricadafonte Santena(Torino) 21.923 25.752 7.723 7.780
fotovoltaica
Fonte:Opencoesione

Evoluzionenormativarecente

LaGiuntaRegionaledelPiemontehaapprovato,il19novembre2012,ilPianodAzioneperlenergia20122013,in
coerenza con lAtto di indirizzo per lavvio della pianificazione energetica regionale, che individuava i quattro Assi
strategici di intervento per limplementazione della strategia energetica regionale: Asse I Promozione della
produzionedienergiadafontienergeticherinnovabili;AsseIIPromozionedellefficienzaedelrisparmioenergetico;
AsseIIIPromozionedelleretiedellagenerazionedistribuita;AsseIVPromozionedellafilieradellacleaneconomye
specializzazionedeiclusterregionali.


155



LerisorseinizialmentedestinateagliinterventiprevistidalPianodazioneammontanocomplessivamentea39milioni
e100milaeuroederivanodafondieuropeieregionali.Neldettagliosarannocosripartiti:8.500.000perlAsseI,
16.100.000perlAsseII,4.000.000perlAsseIIIe10.500.000perlAsseIV.
Glistrumentidisostegnoproposticonsistononellaconcessionediprestitiagevolati,cumulatioalternativiacontributi
afondoperduto,entroimassimalicheverrannospecificatineibandiattuatividelPianodazione.
LaDeliberazionedellaGiuntaRegionalen.54929del19/11/2012diapprovazionedelPianodAzioneperlenergia
statapubblicatasulBollettinoUfficialen.51del31/12/2012.
La Regione Piemonte ha sintetizzato gli interventi previsti nel Piano di Azione e le risorse destinate nella seguente
tabella.

InterventiprevistidalPianodAzione
Fontedi Contributo Contributo Risparmio Risparmio
Misura
finanziamento erogato previsto conseguito previsto
Bandoregionaleperlaconcessionedicontributi 0,00
FondiregionaliL. 2.110.575,25
perlarealizzazionediedificiaenergiaquasizero assegnato: 0,00 0,00
R.23/2002
anno2011 2.110.575,25
0,00
Realizzazionediedificiaenergiaquasizero2013 FondiregionaliL.
assegnato: 402.604,50 597.395,50 597.395,50
(LineadazioneII.1delPianodAzione201213) R.23/2002
402.604,50
Agevolazionesistemiperlavalorizzazione 0,00
dellenergiatermicaprodottainimpiantia PORFESR assegnato: 1.527.324,83
3.472.675,17 3.472.675,17
biomassedafilieraforestale(LineadazioneI.1del AsseII 1.527.324,83
PianodAzione201213)
Realizzazionediimpiantitermicialimentatiafonte 0,00
PORFESR
rinnovabile(LineadazioneI.2delPianodAzione assegnato: 1.136.001,76 2.363.998,24 2.363.998,24
AsseII
201213) 1.136.001,76
Razionalizzazionedeiconsumienergeticinegli 0,00
PORFESR
edificipubblici(LineadazioneII.3delPiano assegnato: 6.800.000,00 0,00 0,00
AsseII
dAzione201213) 6.000.000,00
Promozionedellefficienzaenergeticaedellusodi 0,00
PORFESR
fontidienergiarinnovabilenelleimprese(Linea assegnato: 10.000.000,00 0,00 0,00
AsseII
dazioneII.4delPianodAzione201213) 5.000.000,00
Riqualificazioneenergeticadellecoperturedegli 0,00
PORFESR
edificiscolasticisoggettiabonificadiamianto assegnato: 397.000,00 603.000,00 603.000,00
AsseII
(LineadazioneII.5delPianodAzione201213) 397.000,00
Fonte:RegionePiemonte


156

VALLEDAOSTA
CertificatiBianchi
Tabelladisintesi
Tipologia/Settore TEEemessidallavviodelmeccanismo Risparmioenergeticoannuale(TEP)
Anno 2008 2009 2010 2011 2012* 2010 2011 2012*
TIPOI 2.049 3.632 5.163 6.744 9.623 0 25 840
TIPOII 264 579 1.058 1.709 2.439 159 86 51
TIPOIII 127 57 1.983 4.941 7.050 1.930 517 0
STANDARD 2.166 4.268 6.340 8.617
18.994 2.085 562 830
ANALITICHE 274 0 1.863 4.728
Civile 0 0 0 5 28 0 63 826
Industria 0 0 2 44 86 2.088 565 0
Illuminazione 0 0 0 0 5 0 0 65
CONSUNTIVO 0 0 2 49 119 3 66 61
TEETOTALI 2.440 4.268 8.205 13.394 19.112 2.088 628 891
*ElaborazioneENEAsudatiAEEGeGME
Fonte:AEEG

TEEemessidallavviodelmeccanismopertipologia

10000 20000

8000 15000
6000
10000
4000
5000
2000
0 0
2008 2009 2010 2011 2012 2008 2009 2010 2011 2012

TIPOI TIPOII TIPOIII STANDARD&ANALITICHE CONSUNTIVO



Fonte:AEEG;elaborazioneENEAsudatiAEEG

TEEemessidallavviodelmeccanismo:dettagliodegliinterventi(%)
lampadefluorescenti
0,4%
0,1% caldaiaagas
1,6%
collettorisolari

29,9% elettrodomesticidiclasseA
38,9%
dispositivirisparmioacqua

illuminazionepubblica

sistemidicogenerazione

teleriscaldamento

3,8% climatizzazione

altreschedestandard/analitiche
2,6%
13,5% CIVILEaconsuntivo
0,4% 8,7%
INDUSTRIAaconsuntivo

ILLUMINAZIONEaconsuntivo

Fonte:AEEG;elaborazioneENEAsudatiAEEG


157

Tipologiadidomandepresentatenel2012(%)
5,7% 6,8%

94,3% 93,2%

TIPOI TIPOII TIPOIII STANDARD&ANALITICHE CONSUNTIVO



Fonte:AEEG;elaborazioneENEAsudatiAEEG

Tipologiadiinterventieffettuatinel2012(%)

5,9% 2,8% 6,4% caldaiaagas

9,4% collettorisolari

sistemidicogenerazione

teleriscaldamento

climatizzazione

altreschedestandard/analitiche

CIVILEaconsuntivo

INDUSTRIAaconsuntivo
75,5%
ILLUMINAZIONEaconsuntivo


Fonte:AEEG;elaborazioneENEAsudatiAEEG

Nellaregioneperilperiodoinquestionesiconfermalandamentodicrescitadelrisparmioenergeticomostratonegli
ultimiannigrazie,inparticolarmodo,airisparmiottenuticonicollettorisolari.Risultanoimportantiirisultatiottenuti
coniTEEaconsuntivonelsettorecivile.


158

Detrazionifiscalidel55%

Risparmioconseguito(kWh)
Tipologiadiintervento 2008 2009 2010 2011 2012 Totale
Struttureopacheverticali 398 114 260 865 191 1.828
Struttureopacheorizzontali 278 885 542 934 310 2.949
Infissi 1.315 1.978 4.309 2.976 2.677 13.255
Pannellisolari 1.327 1.610 972 495 287 4.691
Impiantitermici 4.052 5.583 3.449 2.325 1.957 17.365
Totale 7.369 10.170 9.533 7.595 5.422 40.088
v

6000

5000

4000

3000

2000

1000

0
2008 2009 2010 2011 2012

Struttureopacheverticali Struttureopacheorizzontali Infissi Pannellisolari Impiantitermici

Fonte:ENEA

Spesatotalesostenuta(euro)
Tipologiadiintervento 2008 2009 2010 2011 2012 Totale
Struttureopacheverticali 614.436 308.179 878.796 1.937.050 530.674 4.269.135
Struttureopacheorizzontali 923.186 1.230.739 1.397.729 2.361.773 861.560 6.774.987
Infissi 3.444.520 5.007.853 9.728.689 6.974.907 6.258.423 31.414.392
Pannellisolari 1.830.193 1.875.821 1.784.092 892.196 450.749 6.833.051
Impiantitermici 3.575.471 5.260.476 6.090.507 4.616.438 3.670.687 23.213.579
Totale 10.387.806 13.683.068 19.879.813 16.782.364 11.772.093 72.505.144
v

10000000
9000000
8000000
7000000
6000000
5000000
4000000
3000000
2000000
1000000
0
2008 2009 2010 2011 2012

Struttureopacheverticali Struttureopacheorizzontali Infissi Pannellisolari Impiantitermici

Fonte:ENEA


159

Risparmioconseguitonel2012(%)

3,5% 5,7%

36,1%

49,4%

5,3%

Struttureopacheverticali Struttureopacheorizzontali Infissi Pannellisolari Impiantitermici



Fonte:ENEA

Spesasostenutanel2012(%)

4,5%
7,3%

31,2%

3,8%

53,2%

Struttureopacheverticali Struttureopacheorizzontali Infissi Pannellisolari Impiantitermici



Fonte:ENEA

Idatielaboratiperlannofiscale2012confermanounaleggeratendenzaalribassonelnumeroassolutodellepratiche
inviate rispetto ai valori massimi registrati nel 2010. Si conferma sostanzialmente invariata, invece, la distribuzione
percentualeafavoredelletipologietecnicamentepisemplici(sostituzionidiinfissiinprimis).Seppurconunnumero
piuttostoesiguodiinterventieffettuati,laValleDAosta(incuiiltotaledegliinterventiregistratitrail2007edil2012
rapportatoalnumerodifamiglieresidentiparial11,2%afrontediunvaloremedionazionaledi6,2%)risultauna
dellerealtregionaliincuigliindicatorinormalizzatirispettoallapopolazioneresidenteraggiungonoivalorimaggiori.


160

EnergyManagerobbligatinominati(*)nel2012inaccordoconlarticolo19dellaLegge10/91
SETTORI SOTTOSETTORIENOTE EnergyManager
A.Agricoltura(dicui35consorzidibonifica)
Industria 1
B.Estrazionedimineralidacaveeminiere
C.Attivitmanifatturiere 1
D.Fornituradienergiaelettrica,gas,vaporeeariacondizionata
E.Fornituradiacqua,retifognarie,attivitdigestionedeirifiutidirisanamento
F.Costruzioni
H.Trasporti(dicui70diproprietpubblica) 6
O.PubblicaAmministrazione(ministeri,amministrazionicentrali,regioni,entilocali,etc.) 2
Terziario 2
G.Commercioallingrossoealdettaglio;riparazionediautoveicoliemotocicli
I.Attivitdeiservizidialloggioeristorazione
J.Servizidiinformazioneecomunicazione
K.Attivitfinanziarieeassicurative
L.Attivitimmobiliari
M.Attivitprofessionali,scientificheetecniche
N.Noleggio,agenziediviaggio,servizidisupportoalleimprese(**)
P.Istruzione
Q.Saniteassistenzasociale 1
R.Attivitartistiche,sportive,diintrattenimentoedivertimento 1
S.Altreattivitdiservizi
T.Attivitdifamiglieeconvivenzecomedatoridilavoroperpersonaledomestico
U.Organizzazioniedorganismiextraterritoriali
N.81Servizioenergia
TOTALEEnergyManagernominati 11
(*)Idatinoncomprendonolenominedeisoggettiobbligatichenonhanno comunicatoilnominativodellEnergyManagerentroitermini dilegge.
(**)ConlesclusionediN.81,riportatoapartecomeservizioenergia.
Fonte:FIRE

IndicediPenetrazionedellePolitichediEfficienzaEnergetica(IPPEE)
Codice Indicatore ValledAosta Italia
NORM1 Permessidicostruireresidenzialeperabitante 0,65 0,67
NORM2 Permessidicostruirenonresidenzialeperaddetto 0,37 0,51
NORM3 EnergyManagerperaddetto 1,00 0,33
INC1 Risparmioenergeticointerventi55%perabitante 1,00 0,41
INC2 TEEemessidallavvioperaddetto 0,19 0,41
INC3 PagamentiFESRperabitante 0,31 0,22
VOL1 Regolamentiedilizienergeticamenteefficienti 0,45 0,56
VOL2 PAES 0,00 0,39
RINN Diffusionedellerinnovabili 0,45 0,19
NORM1
1.0

RINN 0.8 NORM2

0.6

0.4

VOL2 0.2 NORM3

0.0 Valled'Aosta

Italia

VOL1 INC1

INC3 INC2

Fonte:ENEA


161

PrincipaliprogettifinanziaticonFESR,perfontedifinanziamento
Cofinanz.
ComunediRiferimento Territorio UnioneEuropea Regione
nazionale
Finanziamentodiauditenergeticisuedificidiproprietdeglientilocali,finalizzatiallapromozionediinterventidiefficienzaenergeticaedi
utilizzodellefontidienergiarinnovabili
ComunediAosta Aosta 19.992 20.992 8.996
ComunitmontanaMontEmilius(Entecapofila) Quart 19.030 19.982 8.563
ComunediChatillon Chatillon 11.681 12.265 5.256
ComunediValtournenche Valtournenche 8.985 9.434 4.043
ComunediVerrs Verrs 7.987 8.386 3.594
ComunediMontjovet Montjovet 7.987 8.386 3.594
ComunediValsavarenche Valsavarenche 5.990 6.289 2.695
ComunediSaintPierre SaintPierre 5.520 5.796 2.484
ComunediIssime Issime 4.992 5.241 2.246
ComunediVerrayes Verrayes 4.992 5.241 2.246
ComunediIntrod Introd 4.800 5.040 2.160
ComunediSaintNicolas SaintNicolas 4.000 4.200 1.800
ComunediAymavilles Aymavilles 3.993 4.193 1.797
ComunediSaintDenis SaintDenis 3.993 4.193 1.797
ComunediValgrisenche Valsavarenche 3.840 4.032 1.728
ComunediRhemesNotreDame RhemesNotreDame 3.840 4.032 1.728
ComunediQuart Quart 3.792 3.981 1.706
ComunediCogne Cogne 3.696 3.880 1.663
Finanziamentodiauditenergeticisuedificidiproprietdeglientilocali,finalizzatiallapromozionediinterventidiefficienzaenergeticaedi
utilizzodellefontidienergiarinnovabili(2edizione)
ComunediPontSaintMartin PontSaintMartin 19.795 20.785 8.908
ComunediAosta Aosta 17.214 18.075 7.746
ComunediAosta Brusson 17.214 18.075 7.746
ComunediChambave Chambave 13.083 13.737 5.887
ComunediEtroubles Etroubles 12.080 12.684 5.436
ComunediDoues Doues 12.080 12.684 5.436
ComunediVilleneuve Villeneuve 10.988 11.537 4.944
ComunitMontanadiEmilius Quart 10.643 11.175 4.789
ComunediDonnas Donnas 10.067 10.570 4.530
ComunediGressoneySaintJean Gressoney SaintJean 9.060 9.513 4.077
ComunediGressoneyLaTrinit GressoneyLaTrinit 8.712 9.147 3.920
ComunediChampdepraz Champdepraz 8.557 8.984 3.850
ComunediBionaz Bionaz 7.687 8.072 3.459
ComunediValtournenche Valtournenche 7.550 7.927 3.397
ComunediAyas Ayas 7.449 7.822 3.352
ComunediOllomont Ollomont 7.424 7.795 3.341
ComunediAllein Allein 7.281 7.645 3.276
ComunediGignod Gignod 7.047 7.399 3.171
ComunediPrSaintDidier PrSaintDidier 7.047 7.399 3.171
ComunediValpelline Valpelline 6.518 6.844 2.933
ComunediIssogne Issogne 6.292 6.606 2.831
ComunediAvise Avise 6.165 6.473 2.774
ComunediLaThuile LaThuile 5.914 6.210 2.661
ComunediChallandSaintAnselme ChallandSaintAnselme 5.788 6.078 2.604
ComunediBard Bard 5.285 5.549 2.378
ComunediTorgnon Torgnon 5.033 5.285 2.265
ComunediRoisan Roisan 5.033 5.285 2.265
ComunediRhemesSaintGeorges RhemesSaintGeorges 5.033 5.285 2.265
ComunediArvier Arvier 5.033 5.285 2.265
ComunitMontanaMont
ComunitMontanaMontRose 5.033 5.285 2.265
Rose
ComunediArnad Arnad 5.033 5.285 2.265
ComunediSaintVincent SaintVincent 4.907 5.153 2.208
ComunediChamois Chamois 4.840 5.082 2.178
ComunitMontanaGrand
ComunitMontanaGrandCombin 4.732 4.969 2.129
Combin
ComunediOyace Oyace 4.538 4.765 2.042
ComunediLillianes Lillianes 4.459 4.682 2.006
ComunediChamporcher Champorcher 2.718 2.854 1.223
ComunediPontboset Pontboset 2.315 2.431 1.041
ComunediRhemesNotreDame RhemesNotreDame 2.265 2.378 1.019
ComunediGaby Gaby 1.936 2.032 871
ComunediSaintDenis SaintDenis 1.006 1.056 452
Fonte:Opencoesione


162

Evoluzionenormativarecente

Nel2012stataadottatalaLeggeRegionaleValledAosta1agosto2012,n.26,relativaaDisposizioniregionaliin
materia di pianificazione energetica, di promozione dellefficienza energetica e di sviluppo delle fonti rinnovabili.
Nellambitodelleagevolazionieconomicheperlarealizzazionediiniziativesuedificiesistentisoggettiadinterventidi
trasformazioneediliziaeimpiantisticachecomportinounmiglioramentodellefficienzaenergetica,vengonoagevolati
ancheiseguentiinterventi:
Impianti centralizzati destinati al riscaldamento degli ambienti e/o alla produzione di acqua calda sanitaria
alimentatiacombustibiligassosi(metanooGPL).
Operenecessarieallallacciamentodiedificiresidenzialiadunaretediteleriscaldamentopurchalimentata
mediantelutilizzodellefontirinnovabilioppuredicombustibiligassosi.
Opere necessarie allinstallazione di dispositivi per la contabilizzazione diretta o indiretta del calore
consumatoinimpiantitermicicentralizzati,abbinatiasistemiditermoregolazioneperognisingolautenza.

ValledAosta:progettifinanziatitramitelaLeggeRegionale26/2012
Risparmio Risparmio Risparmio Risparmio
Misura Fontedifinanziamento conseguito conseguito conseguito conseguito
2011 2012 2011 2012
MWhcomb MWhcomb Tep Tep
1A TitoloIIICapoIAgevolazioni Leggeregionale26/2012cheabrogadal 416,08 1.240,18 35,78 106,66
economichenelsettoredelledilizia 01/01/2013laleggeregionale3/2006
162
residenziale1.Art.23 .
Ilrisparmiocalcolatocomedifferenzatraleprestazioniminimeprevistedallaleggenazionaleelaprestazioneenergeticarealizzatainpi.
1B TitoloIIICapoIAgevolazioni Leggeregionale26/2012cheabrogadal 2.846,8 3.689,1 244,82 317,26
economichenelsettoredelledilizia 01/01/2013laleggeregionale3/2006
163
residenziale1Art.23 .
Nelcalcolodelrisparmioconseguitosonostatipresiinconsiderazioneiseguentiinterventi:pompedicaloreperriscaldamentoeACSepompedi
calorepersolaACS;isolamentodistruttureverticali,orizzontali(coperture);sostituzionediinfissi.
1C TitoloIIICapoIAgevolazioni Leggeregionale26/2012cheabrogadal 11.449 11.023 984,58 948,00
economichenelsettoredelledilizia 01/01/2013laleggeregionale3/2006
164
residenziale1.Art.23 .
Interventiagevolati:impiantisolaritermici;impiantiabiomassa;impiantisolarifotovoltaici;impiantiidroelettrici.
2 Art.17.1Sonoammesseagli Leggeregionale6/2003Interventi 4.928,46 1.235,68 423,85 106,27
interventidicuiallart.16leiniziative regionaliperlosviluppodelleimprese
direttealladotazione,realizzazione, industrialieartigiane
ampliamentoeammodernamentodi
beni,materialieimmateriali,
165
strumentaliallattivitdiimpresa .
Installazionidiimpiantifotovoltaici.
3 Misura311Diversificazioneinattivit PSR2007/2013 1.618,92 2.427,51 139,23 208,77
nonagricole.Azioned)realizzazionedi
piccoliimpiantiperlaproduzionedi
energiadaimpiantifotovoltaiciperla
concessionedegliaiutiprevistidal
ProgrammadiSviluppo.
Installazionidiimpiantifotovoltaici.
4 Realizzazionediunprogettopilotadi ProgrammaOperativoCompetitivit Non Non Non Non
trasformazionedellaGalleriadelle Regionale2007/2013dellaRegione disponibile disponibile disponibile disponibile
bottegheartigianeinunedificioad AutonomaValledAosta,cofinanziato allostato allostato allostato allostato
energiaquasizeropressolarea dalFESR,adottatodallaCEcondecisione attuale attuale attuale attuale
autoportualediPolleinBrissogne. n.C/2007/3867del7agosto2007asse
2promozionesvilupposostenibile
Idatidirisparmiononsonodisponibiliinquantoleoperesonoinfasedirealizzazione.
Fonte:RegioneValledAosta

162
La Regione concede agevolazioni per iniziative nel settore delledilizia residenziale (edifici nuovi o totalmente ricostruiti che
raggiunganodeterminatilivellidiprestazioneenergetica).
163
La Regione concede agevolazioni per iniziative nel settore delledilizia residenziale (edifici esistenti soggetti ad interventi di
trasformazioneediliziaeimpiantisticachecomportinounmiglioramentodellefficienzaenergetica).
164
La Regione concede agevolazioni per iniziative nel settore delledilizia residenziale (edifici residenziali soggetti a interventi di
trasformazioneediliziachecomportinounutilizzodellefontienergeticherinnovabili).
165
La Giunta regionale individua le spese ammissibili per la realizzazione delle iniziative di cui al comma 1 tra: misure di tutela
ambientale;misureperlusorazionaledellenergia;installazionediimpiantifotovoltaici.


163

LaLeggeregionale26/2012art.32alCAPOIIcitachelaRegionepromuovelarealizzazionediimpiantidimostrativi
per il risparmio energetico, per lutilizzo delle fonti energetiche rinnovabili e per limpiego di tecniche di efficienza
energetica aventi aspetti migliorativi rispetto alle tecnologie e agli impieghi comunemente diffusi. Lo scopo
agevolare impianti che non solo generino un risparmio di energia, ma che abbiano un carattere particolarmente
innovativoemostrinoiproprieffettipositivirispettoalleusualitecnologie,alloscopodidiffonderelebuonepratiche
energetichesulterritorioregionale.Ilcontributovieneerogatoalterminedellarealizzazionedellimpianto.
LaRegioneValledAostahafornitoleinformazioniriguardantiiprogettifinanziatitramitelaLeggeRegionale26/2012,
cheabrogadal1gennaio2013laLeggeRegionalen.3del2006(sivedaTabellaallafinedelparagrafo).
LaFondationGrandParadis,incollaborazioneconle13localitdellomonimaComunitMontana,nellapriledel2012
ha dato vita ad uniniziativa per la diffusione delle biciclette a pedalata assistita, che ha lobiettivo di cambiare le
abitudini di turisti e residenti, orientandoli alla scelta della mobilit sostenibile allinterno del territorio dellEspace
GrandParadis,inValledAosta.

Liniziativa,chefapartedelprogettoeuropeotransfrontalieroIterImaginezuntransportefficaceetResponsable,
prevede che gli operatori economici del territorio dellEspace Grand Paradis ricevano gratuitamente una bicicletta
elettricaapedalataassistitaacquistandoneuna.Lebiciclette,sufficientiadaffrontaresenzasforzolependenzeche
caratterizzano il territorio valdostano, sono dotate di batterie al litio da 37 Volt ed equipaggiate di cambio a tre
velocitalmozzo.Lincentivopermetteraituristieairesidentidifruiredellambiente,nelpienorispettodellanatura
edellasostenibilit.

UnaltroprogettoideatodallaRegionesichiamaComearrivaredoveTrasportiperilturismoinValledAosta,edha
come obiettivo il miglioramento dellaccessibilit del turismo in Valle dAosta, incoraggiando i visitatori alluso dei
mezzipubblicieadusocollettivo.Ilprogettoavrunadurataditreanniedrivoltosoprattuttoacolorochearrivano
nellaRegionedapostilontani,quindiconaereootrenoesprovvistidimezzoproprio.Peragevolareglispostamenti
sonostatiistituitigliSkisafari,cheraccolgonoglisciatorinellelocalitdifondovalleeliaccompagnanonellestazioni
sciistiche e viceversa, e il Trek bus che consiste nellaccompagnamento di escursionisti allimbocco di itinerari di
trekkingelasuccessivaraccoltaalpuntodidestinazione.


164

LOMBARDIA
CertificatiBianchi
Tabelladisintesi
Tipologia/Settore TEEemessidallavviodelmeccanismo Risparmioenergeticoannuale(TEP)
Anno 2008 2009 2010 2011 2012* 2010 2011 2012*
TIPOI 262.107 561.083 863.487 1.226.667 1.889.390 3.694 33.211 193.759
TIPOII 57.924 173.323 353.463 604.307 930.792 69.768 38.636 48.928
TIPOIII 11.368 20.221 37.417 123.575 190.338 8.991 37.684 0
STANDARD 261.482 608.221 946.187 1.265.759
1.827.539 8.776 16.426 1.761
ANALITICHE 43.604 43.679 56.381 147.189
Civile 14.183 28.456 49.856 64.992 80.128 9.523 900 0
Industria 11.499 73.348 200.936 476.609 1.098.989 72.930 108.632 222.499
Illuminazione 632 925 1.007 1.007 3.864 0 0 20.189
CONSUNTIVO 26.313 102.728 251.799 541.601 1.182.980 73.677 93.106 240.926
TEETOTALI 331.399 754.627 1.254.367 1.954.549 3.010.520 82.453 109.532 242.687
*ElaborazioneENEAsudatiAEEGeGME
Fonte:AEEG

TEEemessidallavviodelmeccanismopertipologia

2000000 2000000

1500000 1500000

1000000 1000000

500000 500000

0 0
2008 2009 2010 2011 2012 2008 2009 2010 2011 2012

TIPOI TIPOII TIPOIII STANDARD&ANALITICHE CONSUNTIVO



Fonte:AEEG;elaborazioneENEAsudatiAEEG

TEEemessidallavviodelmeccanismo:dettagliodegliinterventi(%)
lampadefluorescenti

caldaiaagas
0,1%
collettorisolari

elettrodomesticidiclasseA
36,5% 36,4%
dispositivirisparmioacqua

illuminazionepubblica

sistemidicogenerazione

teleriscaldamento

climatizzazione
2,7% 1,4%
altreschedestandard/analitiche
0,7% 1,9%
0,4% 5,1% 1,8% 12,0% CIVILEaconsuntivo
0,7%
0,2% INDUSTRIAaconsuntivo

ILLUMINAZIONEaconsuntivo

Fonte:AEEG;elaborazioneENEAsudatiAEEG


165

Tipologiadidomandepresentatenel2012(%)
0,7%
20,2%

79,8%
99,3%

TIPOI TIPOII TIPOIII STANDARD&ANALITICHE CONSUNTIVO



Fonte:AEEG;elaborazioneENEAsudatiAEEG

Tipologiadiinterventieffettuatinel2012(%)

caldaiaagas
1,0%
7,9% 1,2% 2,4% collettorisolari

sistemidicogenerazione

teleriscaldamento

climatizzazione

altreschedestandard/analitiche

CIVILEaconsuntivo

INDUSTRIAaconsuntivo

ILLUMINAZIONEaconsuntivo
87,5%

Fonte:AEEG;elaborazioneENEAsudatiAEEG

Si conferma per la Regione una crescita, ormai consolidata negli anni, dei risparmi energetici ottenuti grazie al
continuo trend positivo sullutilizzo dei collettori solari e delle caldaie a gas. Resta sempre notevole il valore di
risparmioenergeticoottenutoaconsuntivonelsettoreindustriale.


166

Detrazionifiscalidel55%

Risparmioconseguito(kWh)
Tipologiadiintervento 2008 2009 2010 2011 2012 Totale
Struttureopacheverticali 8.575 13.147 20.037 18.815 13.907 74.480
Struttureopacheorizzontali 41.712 54.886 44.359 37.051 28.917 206.925
Infissi 74.185 82.483 170.722 125.361 119.575 572.326
Pannellisolari 28.398 33.388 37.837 22.318 15.967 137.909
Impiantitermici 194.276 193.228 254.241 180.951 185.913 1.008.608
Totale 347.145 377.132 527.196 384.496 364.279 2.000.248

300000

250000

200000

150000

100000

50000

0
2008 2009 2010 2011 2012

Struttureopacheverticali Struttureopacheorizzontali Infissi Pannellisolari Impiantitermici

Fonte:ENEA

Spesatotalesostenuta(euro)
Tipologiadiintervento 2008 2009 2010 2011 2012 Totale
Struttureopacheverticali 18.542.609 30.386.452 49.328.604 45.011.682 39.209.541 182.478.888
Struttureopacheorizzontali 53.046.979 71.258.058 75.041.465 65.096.307 48.315.956 312.758.765
Infissi 253.318.649 294.565.187 562.405.209 406.671.568 375.681.391 1.892.642.004
Pannellisolari 31.651.403 42.744.393 65.704.841 38.778.112 28.029.842 206.908.591
Impiantitermici 169.270.306 224.994.564 388.928.982 280.540.937 261.074.393 1.324.809.182
Totale 525.829.946 663.948.654 1.141.409.101 836.098.606 752.311.123 3.919.597.430

600000000

500000000

400000000

300000000

200000000

100000000

0
2008 2009 2010 2011 2012

Struttureopacheverticali Struttureopacheorizzontali Infissi Pannellisolari Impiantitermici

Fonte:ENEA


167

Risparmioconseguitonel2012(%)

3,8%
51,0%
7,9%

32,8%
4,4%
Struttureopacheverticali Struttureopacheorizzontali Infissi Pannellisolari Impiantitermici

Fonte:ENEA

Spesasostenutanel2012(%)

5,2%
6,4%

34,7%

3,7% 49,9%

Struttureopacheverticali Struttureopacheorizzontali Infissi Pannellisolari Impiantitermici



Fonte:ENEA

Idatielaboratiperlannofiscale2012confermanoancheperlaLombardia,ilprimomercatoregionaleinItalia,una
leggeratendenzaalribassonelnumeroassolutodellepraticheinviaterispettoaivalorimassimiregistratinel2010.
Confermata del tutto la distribuzione percentuale rispetto al passato (sostituzioni di infissi in primis). In modo
particolareperquestaregione(incuiiltotaledegliinterventiregistratirappresentadasolacircaun22%deltotale)si
evidenzialimportanzadellaquotadirisparmioenergeticoderivantedallasostituzionedegliimpiantitermici.


168

EnergyManagerobbligatinominati(*)nel2012inaccordoconlarticolo19dellaLegge10/91
SETTORI SOTTOSETTORIENOTE EnergyManager
A.Agricoltura(dicui35consorzidibonifica) 7
Industria 185
B.Estrazionedimineralidacaveeminiere 1
C.Attivitmanifatturiere 129
D.Fornituradienergiaelettrica,gas,vaporeeariacondizionata 34
E.Fornituradiacqua,retifognarie,attivitdigestionedeirifiutidirisanamento 19
F.Costruzioni 2
H.Trasporti(dicui70diproprietpubblica) 74
O.PubblicaAmministrazione(ministeri,amministrazionicentrali,regioni,entilocali,etc.) 11
Terziario 111
G.Commercioallingrossoealdettaglio;riparazionediautoveicoliemotocicli 28
I.Attivitdeiservizidialloggioeristorazione 10
J.Servizidiinformazioneecomunicazione 8
K.Attivitfinanziarieeassicurative 14
L.Attivitimmobiliari 7
M.Attivitprofessionali,scientificheetecniche 3
N.Noleggio,agenziediviaggio,servizidisupportoalleimprese(**) 1
P.Istruzione 4
Q.Saniteassistenzasociale 33
R.Attivitartistiche,sportive,diintrattenimentoedivertimento 2
S.Altreattivitdiservizi 1
T.Attivitdifamiglieeconvivenzecomedatoridilavoroperpersonaledomestico
U.Organizzazioniedorganismiextraterritoriali
N.81Servizioenergia 30
TOTALEEnergyManagernominati 418
(*)Idatinoncomprendonolenominedeisoggettiobbligatichenonhanno comunicatoilnominativodellEnergyManagerentroiterminidilegge.
(**)ConlesclusionediN.81,riportatoapartecomeservizioenergia.
Fonte:FIRE

IndicediPenetrazionedellePolitichediEfficienzaEnergetica(IPPEE)
Codice Indicatore Lombardia Italia
NORM1 Permessidicostruireresidenzialeperabitante 0,81 0,67
NORM2 Permessidicostruirenonresidenzialeperaddetto 0,56 0,51
NORM3 EnergyManagerperaddetto 0,50 0,33
INC1 Risparmioenergeticointerventi55%perabitante 0,65 0,41
INC2 TEEemessidallavvioperaddetto 0,39 0,41
INC3 PagamentiFESRperabitante 0,04 0,22
VOL1 Regolamentiedilizienergeticamenteefficienti 0,51 0,56
VOL2 PAES 0,41 0,39
RINN Diffusionedellerinnovabili 0,15 0,19
NORM1
1.0

RINN 0.8 NORM2

0.6

0.4

VOL2 0.2 NORM3

0.0 Lombardia

Italia

VOL1 INC1

INC3 INC2

Fonte:ENEA


169

PrincipaliprogettifinanziaticonFESR,perfontedifinanziamento
Unione
Progetto Comune Stato() Regione()
Europea()
Centraledicogenerazioneperlaproduzionedienergiaelettricaetermicacollegata Cinisello 297.300 451.200 1.500
adunaretediteleriscaldamentochedistribuisceilvettoretermicoadutenze Balsamo
pubblicheeprivatesitenelComunediCiniselloBalsamo (Milano)
Installazionedisistemiimpiantisticiconpompedicaloreperlaproduzionedienergia Corsico(Mi) 178.693 271.195 901
termicaefrigoriferaaserviziodelriscaldamentodellacquacaldasanitariaedella
climatizzazioneinvernaleedestivadiunimpiantosportivocomunale
Interventodimiglioramentodelleprestazionienergetichemediantesistemadi Roncoferraro 28.497 43.249 143
produzioneenergiatermicaapompadicaloredelledificioScuolaelementaredi (Mantova)
Governolo
Interventodimiglioramentodelleprestazionienergetichemedianteinstallazione Roncoferraro 26.563 40.314 134
sistemadiproduzioneenergiatermicaapompadicalorenelledificioBiblioteca Mantova)
Comunale
Interventodimiglioramentodelleprestazionienergetichemediantesistemadi Roncoferraro 24.523 37.218 123
produzioneenergiatermicaapompadicaloredelledificioScuolaElementaredi (Mantova)
Barbasso
Interventodimiglioramentodelleprestazionienergetichemediantesistemadi Roncoferraro 18.621 28.261 93
produzioneenergiatermicaapompadicaloredelledificioTeatroDiCapiin (Mantova)
Barbasso
Interventodimiglioramentodelleprestazionienergetichemediantesistemadi Roncoferraro 17.767 26.964 89
produzionedienergiatermicaapompadicaloredelledificioSalaCivicaCasoniin (Mantova)
Governolo
Fonte:Opencoesione

Evoluzionenormativarecente

La Deliberazione della Giunta Regionale della Lombardia 21 novembre 2012, n. 9/4416, relativa alla Certificazione
energeticadegliedifici:modificheedintegrazionialledisposizioniallegateallaDeliberazionedellaGiuntaRegionalen.
8745del22/12/2008eallaDeliberazionedellaGiuntaRegionalen.2555del24/11/2011.

LaLombardiahapromulgatolaLeggeRegionale4aprile2012,n.6Disciplinadelsettoredeitrasporti,chehacome
finalit lo sviluppo di un sistema di trasporto integrato e rispondente alle esigenze di mobilit delle persone e di
sostenibilit ambientale (articolo 1). La legge definisce le funzioni e i compiti della Regione, delle Province, delle
ComunitmontaneedeiComuni,istituisceleagenzieperiltrasportopubblicolocaledefinendoneicompiti,descrive
gli strumenti di programmazione e controllo, la programmazione regionale e quella dei servizi ferroviari, quella del
demanio sulle acque interne e la programmazione di bacino del trasporto pubblico locale. Definisce le modalit di
monitoraggio e controllo del corretto funzionamento e dellinformazione allutenza. La Regione inoltre promuove il
miglioramentodellamobilit,sostenendolosviluppodelletecnologievoltealladiffusionediautoveicoliademissioni
zeroeindividualemodaliteleprocedureperlagestionetecnicaefinanziariadegliinterventidiammodernamentoe
potenziamento dellinfrastruttura ferroviaria. La stessa Legge affida alla Regione lo sviluppo di un sistema tariffario
equoestabilisceleeventualisanzioniacaricodegliutentichenonlorispettino.


170

TRENTINOALTOADIGE
CertificatiBianchi
Tabelladisintesi
Tipologia/Settore TEEemessidallavviodelmeccanismo Risparmioenergeticoannuale(TEP)
Anno 2008 2009 2010 2011 2012* 2010 2011 2012*
TIPOI 40.747 47.510 92.222 110.998 161.272 41.015 0 20.374
TIPOII 7.902 15.340 24.623 34.154 49.623 1.994 126 3.841
TIPOIII 6.539 7.431 9.030 108.028 156.957 764 49.302 0
STANDARD 41.969 46.492 95.699 118.585
326.259 43.773 49.427 0
ANALITICHE 5.413 5.139 5.456 104.525
Civile 31 9.418 13.571 16.839 22.127 1.644 0 9.306
Industria 7.681 9.120 11.025 13.231 18.633 42.129 49.427 11.077
Illuminazione 94 112 124 124 832 0 0 3.832
CONSUNTIVO 7.806 18.650 24.720 30.070 41.592 0 0 24.215
TEETOTALI 55.188 70.281 125.875 253.180 367.852 43.773 49.427 24.215
*ElaborazioneENEAsudatiAEEGeGME
Fonte:AEEG

TEEemessidallavviodelmeccanismopertipologia

200000 400000

150000 300000

100000 200000

50000 100000

0 0
2008 2009 2010 2011 2012 2008 2009 2010 2011 2012

TIPOI TIPOII TIPOIII STANDARD&ANALITICHE CONSUNTIVO



Fonte:AEEG;elaborazioneENEAsudatiAEEG

TEEemessidallavviodelmeccanismo:dettagliodegliinterventi(%)
lampadefluorescenti

0,2% caldaiaagas
6,0% 5,1%
collettorisolari
7,7% 26,1%
elettrodomesticidiclasseA
0,8%
dispositivirisparmioacqua
0,7% illuminazionepubblica

sistemidicogenerazione

8,7% teleriscaldamento

climatizzazione
0,3%
37,7% 5,9% altreschedestandard/analitiche
0,8% CIVILEaconsuntivo

INDUSTRIAaconsuntivo

ILLUMINAZIONEaconsuntivo

Fonte:AEEG;elaborazioneENEAsudatiAEEG


171

Tipologiadidomandepresentatenel2012(%)

15,9%

84,1%
100,0%

TIPOI TIPOII TIPOIII STANDARD&ANALITICHE CONSUNTIVO



Fonte:AEEG;elaborazioneENEAsudatiAEEG

Tipologiadiinterventieffettuatinel2012(%)

0,5% 3,7%
11,1% caldaiaagas

collettorisolari
25,5%
sistemidicogenerazione

teleriscaldamento

32,1% climatizzazione

altreschedestandard/analitiche

CIVILEaconsuntivo

INDUSTRIAaconsuntivo
27,0%
ILLUMINAZIONEaconsuntivo


Fonte:AEEG;elaborazioneENEAsudatiAEEG

Irisultatiottenutinegliultimianniinterminidirisparmioenergeticomantengonountrendpositivo,grazieancheal
notevole impulso ottenuto dallutilizzo dei collettori solari. Restano sempre valori importanti quelli a consuntivo
relativisiaalsettoreindustriasiaaquellodelcivile.


172

Detrazionifiscalidel55%

Risparmioconseguito(kWh)
Tipologiadiintervento 2008 2009 2010 2011 2012 Totale
Struttureopacheverticali 5.300 3.209 8.813 6.711 5.034 29.067
Struttureopacheorizzontali 4.093 3.151 9.443 6.120 4.083 26.890
Infissi 10.299 11.055 23.266 15.646 13.481 73.747
Pannellisolari 20.700 12.888 15.634 10.603 8.428 68.253
Impiantitermici 33.338 34.237 26.830 16.883 11.685 122.973
Totale 73.730 64.539 83.985 55.963 42.711 320.929

35000
30000
25000
20000
15000
10000
5000
0
2008 2009 2010 2011 2012

Struttureopacheverticali Struttureopacheorizzontali Infissi Pannellisolari Impiantitermici

Fonte:ENEA

Spesatotalesostenuta(euro)
Tipologiadiintervento 2008 2009 2010 2011 2012 Totale
Struttureopacheverticali 8.444.490 6.140.945 25.062.710 21.988.898 17.639.362 79.276.405
Struttureopacheorizzontali 8.000.772 7.314.042 22.022.063 20.455.987 16.256.969 74.049.833
Infissi 37.041.731 42.055.556 82.314.809 66.146.689 54.376.288 281.935.073
Pannellisolari 26.496.982 16.956.266 22.183.779 14.501.001 10.916.891 91.054.919
Impiantitermici 34.318.158 31.011.679 55.698.960 37.138.653 27.065.599 185.233.049
Totale 114.302.133 103.478.488 207.282.321 160.231.228 126.255.109 711.549.279

90000000
80000000
70000000
60000000
50000000
40000000
30000000
20000000
10000000
0
2008 2009 2010 2011 2012

Struttureopacheverticali Struttureopacheorizzontali Infissi Pannellisolari Impiantitermici

Fonte:ENEA


173

Risparmioconseguitonel2012(%)

11,8%

27,4%
9,6%

19,7% 31,6%

Struttureopacheverticali Struttureopacheorizzontali Infissi Pannellisolari Impiantitermici



Fonte:ENEA

Spesasostenutanel2012(%)
21,4%

8,6%
14,0%

12,9%

43,1%
Struttureopacheverticali Struttureopacheorizzontali Infissi Pannellisolari Impiantitermici

Fonte:ENEA

Idatielaboratiperlannofiscale2012confermanounaleggeradiminuzionenelnumeroassolutodellepraticheenegli
investimentieffettuatirispettoaivalorimassimi(2010).Siconfermanocostantiladistribuzionepercentualeeivalori
medirelativiagliinterventieffettuati.Inparticolare,iltotaledegliinterventiregistratitrail2007edil2012rapportato
al numero di famiglie residenti pari al 13,7% a fronte di un valore medio nazionale di 6,2%, rilevando quindi
lefficacia nellapplicazione di queste politiche di incentivazione dellefficienza energetica degli edifici in questa
regione.


174

EnergyManagerobbligatinominati(*)nel2012inaccordoconlarticolo19dellaLegge10/91
SETTORI SOTTOSETTORIENOTE EnergyManager
A.Agricoltura(dicui35consorzidibonifica)
Industria 20
B.Estrazionedimineralidacaveeminiere
C.Attivitmanifatturiere 8
D.Fornituradienergiaelettrica,gas,vaporeeariacondizionata 6
E.Fornituradiacqua,retifognarie,attivitdigestionedeirifiutidirisanamento 6
F.Costruzioni
H.Trasporti(dicui70diproprietpubblica) 12
O.PubblicaAmministrazione(ministeri,amministrazionicentrali,regioni,entilocali,etc.) 2
Terziario 6
G.Commercioallingrossoealdettaglio;riparazionediautoveicoliemotocicli 2
I.Attivitdeiservizidialloggioeristorazione
J.Servizidiinformazioneecomunicazione
K.Attivitfinanziarieeassicurative
L.Attivitimmobiliari 1
M.Attivitprofessionali,scientificheetecniche
N.Noleggio,agenziediviaggio,servizidisupportoalleimprese(**)
P.Istruzione
Q.Saniteassistenzasociale 3
R.Attivitartistiche,sportive,diintrattenimentoedivertimento
S.Altreattivitdiservizi
T.Attivitdifamiglieeconvivenzecomedatoridilavoroperpersonaledomestico
U.Organizzazioniedorganismiextraterritoriali
N.81Servizioenergia 3
TOTALEEnergyManagernominati 43
(*)Idatinoncomprendonolenominedeisoggettiobbligatichenonhanno comunicatoilnominativodellEnergyManagerentroiterminidilegge.
(**)ConlesclusionediN.81,riportatoapartecomeservizioenergia.
Fonte:FIRE

IndicediPenetrazionedellePolitichediEfficienzaEnergetica(IPPEE)
Codice Indicatore TrentinoAltoAdige Italia
NORM1 Permessidicostruireresidenzialeperabitante 1,00 0,67
NORM2 Permessidicostruirenonresidenzialeperaddetto 1,00 0,51
NORM3 EnergyManagerperaddetto 0,46 0,33
INC1 Risparmioenergeticointerventi55%perabitante 0,98 0,41
INC2 TEEemessidallavvioperaddetto 0,43 0,41
INC3 PagamentiFESRperabitante 0,42 0,22
VOL1 Regolamentiedilizienergeticamenteefficienti 0,55 0,56
VOL2 PAES 0,18 0,39
RINN Diffusionedellerinnovabili 0,28 0,19
NORM1
1.0

RINN 0.8 NORM2

0.6

0.4

VOL2 0.2 NORM3

0.0 TrentinoAltoAdige

Italia

VOL1 INC1

INC3 INC2

Fonte:ENEA


175

PrincipaliprogettifinanziaticonFESR,perfontedifinanziamento
Unione Cofinanz. Regione Comune Tipo
Progetti Territorio
Europea nazionale (*)
Installazionediunimpiantofotovoltaicosullacoperturadelledificio
ScuolaMediaSteineraLavisconnessoallareteperlaproduzionedi Lavis
7.912 10.549 7.912 461.608 A
energiaelettricadafontirinnovabili(14impiantifotovoltaiciin (Trento)
rete)
Installazionediunimpiantofotovoltaicoperlaproduzionedi
Fiav
energiaelettricaaserviziodellascuolaelementareFiav(14 8.200 10.934 8.200 144.974 A
(Trento)
impiantifotovoltaiciinrete)
Installazionediunimpiantofotovoltaicoperlaproduzionedi
Fiav
energiaelettricaaserviziodellapalestracomunaleinCC.Fiav(14 7.840 10.454 7.840 146.174 A
(Trento)
impiantifotovoltaiciinrete)
Installazionediunimpiantofotovoltaicoperlaproduzionedi
Fiav
energiaelettricasultettodelmunicipioCC.Fiav(14impianti 4.827 6.436 4.827 108.309 A
(Trento)
fotovoltaiciinrete)
Realizzazionediimpiantofotovoltaicoconnessoareteperla
produzionedienergiaelettricadafontirinnovabiliaservizio Predazzo
5.383 7.177 5.383 _ B
delledificiosullaped.2395delCC.diPredazzolocalitLeFassane (Trento)
(14impiantifotovoltaiciinrete)
Realizzazionediimpiantofotovoltaicoconnessoareteperla
Zianodi
produzionedienergiaelettricadafontirinnovabiliaservizio
Fiemme 4.750 6.333 4.750 _ B
delledificiosullaped.805CC.ZianodiFiemme(14impianti
(Trento)
fotovoltaiciinrete)
Sviluppodellaproduzioneedistribuzionedienergiasostenibile
attraversolinstallazionediunimpiantodifotovoltaicosultetto Bolzano 23.272 30.611 13.119
dellacasadiriposoRenonIG.P.47/5kg
Legenda:A=Infrastrutture;B=Incentivialleimprese
Fonte:Opencoesione

Evoluzionenormativarecente

ProvinciaAutonomadiTrento

LaProvinciaAutonomadiTrento,inbaseallaLeggeProvinciale29maggio1980n.14es.m.i.,neglianni2011e2012
ha erogato gli incentivi riportati nella seguente tabella (i valori che si riferiscono al 2012 sono parziali). Questo
riepilogostatofornitodallaProvinciastessa.

Nel2012sonostateapportatemodificheallaproceduradicertificazioneenergeticanellaProvinciadiTrento.Conil
decreto del Presidente della Provincia 15 marzo 2012, n. 580/Leg., pubblicato sul B.U.R. n. 12 del 20 marzo 2012,
sono state approvate le modifiche e le integrazioni al decreto del Presidente della Provincia 13 luglio 2009, n. 11
13/Leg.,DisposizioniregolamentariinmateriadiediliziasostenibileinattuazionedeltitoloIVdellaleggeprovinciale4
marzo2008,n.1(Pianificazioneurbanisticaegovernodelterritorio).
Conilnuovocomma1bisdellarticolo5statoprevistoche,ancheneicasiditrasferimentoatitolooneroso,peri
qualilanormativastatalerichiedelemissionedelcertificato,ilmedesimodebbaessereredattosecondoicriteriele
modalitprevistedallanormativaprovinciale.Pertanto,apartiredal4aprile2012,icertificatidevonoessererilasciati
dauncertificatoreabilitatodaunorganismoriconosciutodallaProvincia,utilizzandoimodellidicuiagliallegatiFeG
alladeliberazionedellaGiuntaprovincialedel22dicembre2009,n.3110.

Con deliberazione della Giunta provinciale n. 1539 del 20 luglio 2012 sono stati sostituiti gli Allegati H ed I alla
precedentedeliberazionen.3110del22dicembre2009.
Inparticolare,conlemodificheapportateallAllegatoH(Criteriemodalitperlemissionedelcertificatoenergetico),
sono stati rivisti i criteri di emissione dellattestato di certificazione energetica per gli edifici con impianto
centralizzato.Intalisituazioni,lacertificazionepuriguardarelinteroedificiooppure,inalternativa,lasingolaunit
immobiliare,facendoinquestocasoriferimentoallespecificheriportatenellAllegato.

LAllegatoImodificainveceipunti6e7dellAllegatoAalRegolamentoprovincialeperlacertificazioneenergetica.
Relativamente agli obblighidi verifica tramite il livello di tenuta allaria dellinvolucro (blower door test), sono state
definitedelledecorrenzetemporaliperciascunadellequaliprevistounincrementogradualedellivellodiermeticit
richiesto. Per quanto riguarda invece i fattori di conversione in energia primaria, le disposizioni dellAllegato I


176

confermano la validit dei fattori gi precedentemente adottati con il Regolamentoprovinciale per la certificazione
energetica, eccezion fatta per il fattore di conversione dellenergia elettrica, in riferimento al quale si optato di
conformarsialvaloreperiodicamentedefinitodallAEEG.

IncentivierogatidallaProvinciaAutonomadiTrentoneglianni2011e2012
Categoria Tipologia n. Spesa Contributo Energia(tep)
Efficienza Diagnosienergeticheestudidifattibilit 12 471.460 235.820
Interventidimostrativi 11 440.000 232.175
Cogenerazione 1 38.500 11.550
Coibentazionitermiche
Edificiabassoconsumo(esistente) 17 504.262 144.162 14
Edificiabassoconsumo(nuovo) 63 2.004.619 596.166 32
Edificisostenibili
Generatoridicaloreacondensazione 375 1.608.464 463.607 226
Impiantifinalizzatialrecuperodicalore
Interventiemisurefinalizzateallariduzionedellinquinamentoluminoso
Pianidiinterventocomunali/sovracomun.perlariduzionedellinquinamento
8 96.534 56.875
luminoso
Retienergetiche
Sistemidicontrolloeregolazione 2 45.980 13.692
TotaleEfficienza 466 4.298.359 1.286.052 273
Mobilit Acquistoautoveicolielettrici
Acquistociclomotorielettrici 5 12.500 6.000
Acquistodinuovebicicletteapedalataassistita 700 1.088.900 354.166
Acquistodinuoveunitdinavigazioneabassoimpattoambientale
Acquistomotociclielettrici 11 88.000 26.060
Acquistoquadriciclielettrici 27 216.000 105.233
Impiantofissoperilrifornimentodigasmetanoperautotrazione 7 32.400 12.756
ModificaaGPL 455 360.200 360.150
Modificaametano 20 19.200 19.200
Modificaalimentazioneautoveicoligiimmatricolaticoncarburantimeno
2 1.800 1.800
inquinanti
TotaleMobilit 1.227 1.819.000 885.365
Rinnovabili Collettorisolari
Generatoridicaloreabiomassa:caldaieacaricamentoautomaticoapellet 97 1.891.600 537.978 171
Generatoridicaloreabiomassa:caldaieacaricamentomanuale 59 709.600 210.409 83
Impiantieolici
Impiantifotovoltaiciin isola 62 450.406 193.480
Impiantifotovoltaiciinrete 341 3.288.617 322.164
Impiantiidroelettricidipotenzafinoa20kW
Pompedicalore
TotaleRinnovabili 559 6.340.223 1.264.022 256
Fonte:ProvinciaAutonomadiTrento

ProvinciaAutonomadiBolzano

A luglio 2012 stata approvata dalla Provincia Autonoma di Bolzano la Deliberazione n. 939, che ha come oggetto
lattuazione della Direttiva 2010/31/UE del Parlamento Europeo (19 maggio 2010) sulla prestazione energetica
nelledilizia.
LUnione Europea promuove lincremento di edifici ad alta efficienza e un aspetto molto importante contenuto in
questodocumentolaumentodiquotadelleenergierinnovabilipergliimpiantidiriscaldamento,diraffrescamento
ediproduzionediacquacaldasanitaria.
InsintesilenovitdellaDeliberazione:
iterminitecnicivengonodefinitiinmodoesaustivoechiaro;
apartiredal1gennaio2015gliedificidinuovacostruzionedevonoraggiungereunrendimentoenergetico
pariosuperioreallaClasseCasaClimaA(30kWh/m2);
ilfabbisognototaledienergiaprimariadeveesserecopertoperalmenoil40%daenergierinnovabili.Dal1
gennaio2017questapercentualedovresserealmenodel50%;
in caso di sostituzione o rinnovamento degli impianti deve essere coperto il fabbisogno totale di energia
primaria per almeno il 25% da energie rinnovabili. Dal 1 gennaio 2017 questa percentuale dovr essere
almenodel30%;


177