Sei sulla pagina 1di 7

Progetto cofinanziato da

UNIONE
EUROPEA

Fondo europeo per lintegrazione di cittadini di paesi terzi

Progetto Petrarca 2
FEI AP 2011 - 101927

Azione formazione formatori e


produzione di materiali didattici innovativi

CASSETTA DEGLI ATTREZZI

GRUPPO TORINO 3

PROPOSTE PER AVVIARE ALLO STUDIO DELLA LINGUA ITALIANA


UN APPRENDENTE STRANIERO A SCOLARIT MEDIO-BASSA:
I PRIMI CINQUE INCONTRI

Incontro 5

in collaborazione con
INCONTRO TITOLO FUNZIONI RIFERIMENTI LESSICO MATERIALI
COMUNICATIVE GRAMMATICALI

V Che lavoro indicare che lavoro Verbo FARE/ badante, Dizionari per
fai? si fa/ preposizioni di luogo casa, immagini
indicare come e A e IN casalinga,
con cosa si lavora/ disoccupato,
indicare dove si dottore, dove,
lavora fabbrica, fare,
faticoso,
lavorare,
libero,
maestra,
mercato,
muratore,
operaio,
pausa,
preparare,
pulire, pulizie,
scuola,
stanco,
usare,
vacanza
Nota: estratto dalla tabella introduttiva per la presentazione dellu.d. 5

Cosa ho imparato:

- Nomi di lavori
- Nomi di utensili usati per lavori diversi
- Nomi di posti dove vado o dove lavoro
- Verbo FARE: io faccio, tu fai, lui/lei fa, noi facciamo, voi fate, loro fanno

Nota per il docente: un numero limitato di schede non significa affatto scarsit di materiale a
disposizione, poich i corsisti di bassa scolarit possono trarre pi vantaggi dallimpostazione di un
sillabo ciclico a spirale, cio dallopportunit di ritornare sugli stessi argomenti pi volte, ogni volta
approfondendo e ampliando le informazioni. Nel caso dellu.d. Che lavoro fai? la scheda sui
mestieri serve come ampliamento lessicale, poi come spunto di conversazione sui lavori svolti dai
propri famigliari, sulle preferenze, sulle condizioni economiche La scheda sugli utensili si pu in
un secondo momento riprendere per incrociarla con quella sui mestieri che li utilizzano, o si pu
chiedere a un corsista di spiegare ai compagni quali utensili usa pi frequentemente e come li usa

Il gioco autoprodotto sul verbo fare invece un mazzo di 24 + 24 carte (due copie per ogni
immagine) in cui ogni carta riproduce unazione esprimibile con questo verbo. Le carte vengono
distribuite e linsegnante pronuncia una frase contenente una voce del verbo fare: ai corsisti il
compito di individuare limmagine corrispondente. Oppure tutte le immagini sono sparse sul tavolo
e si gareggia in velocit nel trovare la carta richiesta dallinsegnante; o ancora, si possono
inventare giochi con i due mazzi uguali assegnati a due squadre. Infine, il classico Memory, ma si
possono ritirare dal tavolo le coppie solo se si forma una frase corretta su quanto rappresentato
dalla carta. Anche in questo caso la difficolt dosata in base al livello del gruppo: la stessa carta
pu ispirare frasi elementari come Faccio loperaio o complesse come Questa settimana in
fabbrica faccio il turno di notte.

Interessi correlati