Sei sulla pagina 1di 13

Dati rilevati dagli Enti certificatori o autocertificati

Tiratura: n.d. 17-GIU-2017


Diffusione 12/2014: 5.639 da pag. 7
Lettori Ed. I 2016: 41.000 foglio 1
Quotidiano - Ed. Firenze Dir. Resp.: Paolo Ermini www.datastampa.it

art

AUTOLINEE TOSCANE 1
Dati rilevati dagli Enti certificatori o autocertificati
Tiratura: n.d. 17-GIU-2017
Diffusione 12/2014: 5.639 da pag. 1
Lettori Ed. I 2016: 41.000 foglio 1 / 2
Quotidiano - Ed. Firenze Dir. Resp.: Paolo Ermini www.datastampa.it

art

AUTOLINEE TOSCANE 2
Dati rilevati dagli Enti certificatori o autocertificati
Tiratura: n.d. 17-GIU-2017
Diffusione 12/2014: 5.639 da pag. 1
Lettori Ed. I 2016: 41.000 foglio 2 / 2
Quotidiano - Ed. Firenze Dir. Resp.: Paolo Ermini www.datastampa.it

AUTOLINEE TOSCANE 3
Dati rilevati dagli Enti certificatori o autocertificati
Tiratura: n.d. 17-GIU-2017
Diffusione 12/2015: 11.036 da pag. 3
Lettori Ed. I 2016: 96.000 foglio 1
Quotidiano - Ed. Firenze Dir. Resp.: Mario Calabresi www.datastampa.it

art

AUTOLINEE TOSCANE 4
Dati rilevati dagli Enti certificatori o autocertificati
Tiratura 12/2016: 53.490 17-GIU-2017
Diffusione 12/2016: 42.196 da pag. 9
Lettori Ed. II 2016: 550.000 foglio 1
Quotidiano - Ed. Toscana Dir. Resp.: Luigi Vicinanza www.datastampa.it

art

AUTOLINEE TOSCANE 5
data:

16 giugno 2017

Trasporti: Tar, legittima richiesta Regione per


nuovi Pef
E' legittima la richiesta avanzata dalla Regione Toscana, alle due concorrenti Mobit e Autolinee
Toscane della gara regionale del trasporto pubblico locale, di presentare dei nuovi Piani economico
finanziari (Pef). Cosi' la sentenza del Tar della Toscana sulla gara del Tpl toscano, che lo scorso ottobre
ne aveva annullato l'aggiudicazione (andata a Autolinee Toscane), dopo che Mobit aveva presentato
ricorso. A darne notizia e' Autolinee Toscane (legata al gruppo francese Ratp), spiegando che il
dispositivo, inoltre, non sospende il procedimento della gara e al tempo stesso respinge, nuovamente, il
ricorso presentato da Mobit (consorzio legato al gruppo Fs). Fra circa un mese usciranno le motivazioni
del Tar.
data:

16 giugno 2017

Trasporti: Tar, legittima richiesta Regione per


nuovi Pef (2)
Secondo il presidente di Autolinee Toscane (At) Bruno Lombardi, "ancora una volta viene respinto un
ricorso di Mobit e ancora una volta viene confermata la validita' della gara regionale del Tpl". Il Tar della
Toscana, ricorda l'azienda in una nota, che rendera' note le motivazioni di questa decisione nelle
prossime settimane, ha confermato la correttezza dell'iter svolto fino ad oggi che ha portato, lo scorso
13 marzo, all'assegnazione provvisoria della gara ad At, e con essa la legittimita' la richiesta della
Regione di presentare nuovi Pef. Inoltre, si legge ancora, il Tar non sospende il procedimento
confermando la validita' della gara, tutto l'iter svolto fino ad oggi e quindi anche l'assegnazione provvi
soria ad At dello scorso marzo. "Questa decisione ci conforta - conclude Lombardi - perche' il Tar,
respingendo il ricorso, chiarisce che i procedimenti portati avanti dalla Regione sono corretti, legittimi e
validi. Il rammarico e' il tempo perso a causa dell'ostinazione e dei ricorsi avanzati da Mobit, che
puntualmente vengono respinti".
data:

16 giugno 2017

Tpl: Tar Toscana respinge ricorso Mobit, richiesta


Pef legittima
(AGI) - Firenze, 16 giu. - "Ancora una volta viene respinto un ricorso di Mobit e ancora una volta viene
confermata la validita' della gara regionale del Tpl". Queste le parole di Bruno Lombardi, presidente di
Autolinee Toscane, (AT) dopo aver appreso che oggi il Tribunale Amministrativo regionale ha respinto
"in ogni sua domanda" il ricorso presentato dal Consorzio Mobit che aveva l'intento di invalidare la
richiesta della Regione Toscana, rivolta sia a Mobit che ad AT, di presentare nuovi Piani Economici
Finanziari (PEF). Il TAR della Toscana, che rendera' note le motivazioni di questa decisione nelle prossime
settimane, ha confermato la correttezza dell'iter svolto fino ad oggi che ha portato, lo scorso 13 marzo,
all'assegnazione provvisoria della gara ad AT. La richiesta dei nuovi Pef da parte della Regione Toscana,
contesta da Mobit ma dichiarata legittima dal Tar, arrivo' a seguito di una sentenza precedente del
Tribunale, emessa lo scorso ottobre 2016, in cui si ravviso' che i Piani Economici e Finanziari dei due
contendenti non rispettavano alcune linee guida. La Regione quindi ha proceduto a richiedere ed
ottenere, seguendo le indicazioni del Tar, i nuovi Pef sia da Mobit che da AT, poi risultati entrambi validi.
Oggi il Tar inoltre non sospende il procedimento confermando la validita' della gara, tutto l'iter svolto
fino ad oggi e quindi anche l'assegnazione provvisoria ad AT dello scorso marzo. "Questa decisione ci
conforta perche' il Tar, respingendo il ricorso, chiarisce che i procedimenti portati avanti dalla Regione
sono corretti, legittimi e validi - dice Lombardi - Il rammarico e' il tempo perso a causa dell'ostinazione e
dei ricorsi avanzati da Mobit, che puntualmente vengono respinti".
data:

16 giugno 2017

Ratp vince il ricorso-bis sul Tpl, ma si aspetta la Ue


Il Tar della Toscana ha emesso la sentenza sul secondo ricorso presentato da Mobit nella vicenda infinita
della gara regionale per il trasporto pubblico su gomma: i giudici amministrativi hanno respinto il ricorso
del consorzio, che aveva chiesto l'annullamento della richiesta di nuovi piani economico-finanziari, sia a
Mobit che ad Autolinee Toscane (gruppo Ratp), da parte della Regione Toscana.
Opinione del consorzio era che l'intera gara dovesse essere annullata, in seguito alla sentenza dello
scorso ottobre. Il Tar in seguito al ricorso aveva in un primo tempo sospeso il termine della
ripresentazione dei piani, ma a inizio febbraio aveva rigettato l'istanza di sospensiva, consentendo alla
Regione di fissare un termine per il nuovo invio dei documenti.
Questo pronunciamento del Tar, tuttavia, non affatto l'ultima puntata della "Tpl story", anche al netto
di un eventuale secondo grado: il Consiglio di Stato, pronunciandosi per l'appello alla sentenza del
tribunale amministrativo della Toscana sul primo ricorso, ha infatti deciso di sospendere il suo giudizio e
di rimettere alla Corte di giustizia europea la decisione sul diritto di Ratp di partecipare alle gare in Italia.
Un diritto contestato da Mobit, ma fin qui riconosciuto dal Tar toscano.
data:

16 giugno 2017

Gara tpl, Tar respinge ricorso Mobit sui piani


economici
Nuovo capitolo della 'guerra' delle carte bollate sulla gara regionale del trasporto pubblico locale. Il Tar
ha infatti respinto il ricorso con il quale Mobit contestava la richiesta della Regione Toscana di
ripresentare i piani economici finanziari sia a Mobit che ad Autolinee Toscane, che si aggiudicata la
selezione. Ancora una volta viene respinto un ricorso di Mobit e ancora una volta viene confermata la
validit della gara regionale del Tpl. Sono, al riguardo, le parole di Bruno Lombardi, presidente di
Autolinee Toscane, dopo aver appreso che il tribunale amministrativo regionale ha respinto in ogni sua
domanda il ricorso presentato dal Consorzio Mobit che aveva lintento di invalidare la richiesta della
Regione Toscana, rivolta sia a Mobit che ad At, di presentare nuovi piani economici finanziari (Pef). Il Tar
della Toscana, che render note le motivazioni di questa decisione nelle prossime settimane, ha
confermato la correttezza delliter svolto fino ad oggi che ha portato, lo scorso 13 marzo,
allassegnazione provvisoria della gara ad AT.
La richiesta dei nuovi Pef da parte della Regione Toscana, contesta da Mobit ma dichiarata legittima dal
Tar, arriv a seguito di una sentenza precedente del Tribunale, emessa lo scorso ottobre 2016, in cui si
ravvis che i piani economici e finanziari dei due contendenti non rispettavano alcune linee guida. La
Regione quindi ha proceduto a richiedere ed ottenere, seguendo le indicazioni del Tar, i nuovi Pef sia da
Mobit che da At, poi risultati entrambi validi. Oggi il Tar inoltre non sospende il procedimento
confermando la validit della gara, tutto liter svolto fino ad oggi e quindi anche lassegnazione
provvisoria ad At dello scorso marzo. Questa decisione ci conforta perch il Tar, respingendo il ricorso,
chiarisce che i procedimenti portati avanti dalla Regione sono corretti, legittimi e validi dice Lombardi
. Il rammarico il tempo perso a causa dellostinazione e dei ricorsi avanzati da Mobit, che
puntualmente vengono respinti.
data:

16 giugno 2017

Trasporto locale, rigettato il ricorso che chiedeva


di ripetere la gara regionale
Altro passaggio per l'aggiudicazione della gara regionale per il trasporto pubblico locale. Il Tar ha
rigettato il ricorsdo di Mobit che chiedeva di ripetere la gara. E' sufficiente, dicono i giudici, che vengano
presentati nuovi Piani economici e finanziari.

La richiesta dei nuovi Piani economici finanziari (Pef) ad Autolinee Toscane e a Mobit, le due societ in
corsa per l'assegnazione per 11 anni del servizio di trasporto pubblico locale in linea con la sentenza
del Tar del 28 ottobre 2016. A dirlo il dispositivo di sentenza emesso dal Tribunale amministrativo
regionale presieduto da Armando Pozzi, che ha respinto il ricorso di Mobit, condannando il
raggruppamento di imprese a rifondere per intere le spese processuali, pari a 5 mila euro. Nell'ottobre
dell'anno scorso, i giudici amministrativi avevano annullato l'aggiudicazione definitiva del servizio ad
Autolinee, la societ del gruppo francese Ratp. Sulla traccia di quella prescrizione, l'avvocatura della
Giunta regionale aveva dato indicazione di procedere chiedendo di ripetere non l'intero bando, ma solo
la fase di presentazione dei piani economici finanzari, a causa dell'insostenibilit rilevata da alcuni indici
degli investimenti che ciascun concorrente prometteva di intraprendere. Una scelta, quella di palazzo
Strozzi Sacrati, che a questo punto trova conferma da parte delle stesse toghe amministrative.
Sulla gara regionale per l'assegnazione del trasporto pubblico urbano della Toscana siamo indietro
almeno di due anni e questo per il Comune di Firenze un problema, perch toccher a noi ridisegnare
il servizio. Tradotto, metterci una pezza. Lo sottolinea l'assessore comunale alla Mobilit, Stefano
Giorgetti, nel giorno in cui il Tar toscano ha respinto il ricorso di Mobit. Il punto dolente, spiega
l'assessore, ruota attorno alla messa in esercizio delle due nuove linee del tram, la 2 e la 3. Che per
Firenze rappresentano la vera rivoluzione della mobilit, il perno strutturato su tre linee attorno al quale
far ruotare gli asset del trasporto pubblico. Soprattutto quello su gomma, gli autobus. Ma in attesa
anche del pronunciamento della Corte di giustizia europea, chiamata in causa dal consiglio di Stato, la
gara resta con il motore in panne. E Palazzo Vecchio mugugna. Il vincitore, infatti, avrebbe dovuto
riprogettare tutte le linee del trasporto pubblico in vista dell'entrata in funzione delle due nuove linee.
Ora per, visto che la gara ferma al palo, per non farci trovare impreparati lo dovremmo fare noi,
ovvero il Comune e la Citt metropolitana.
data:

16 giugno 2017

TPL, IL TAR: LEGITTIMA RICHIESTA REGIONE


TOSCANA NUOVI PEF
La sentenza dopo il ricorso presentato da Mobit che aveva annullato laggiudicazione a Autolinee
Toscane nella gara per tpl. Autolinee: non verr sospeso procedimento gara. Fra un mese
motivazioni Tar.

E legittima la richiesta avanzata dalla Regione Toscana, alle due concorrenti Mobit e Autolinee Toscane
della gara regionale del trasporto pubblico locale, di presentare dei nuovi Piani economico finanziari
(Pef). Cos la sentenza del Tar della Toscana sulla gara del Tpl toscano, che lo scorso ottobre ne aveva
annullato laggiudicazione (andata a Autolinee Toscane), dopo che Mobit aveva presentato ricorso. A
darne notizia Autolinee Toscane (legata al gruppo francese Ratp), spiegando che il dispositivo, inoltre,
non sospende il procedimento della gara e al tempo stesso respinge, nuovamente, il ricorso presentato
da Mobit (consorzio legato al gruppo Fs). Fra circa un mese usciranno le motivazioni del Tar.
Faremo tutto il possibile per difendere gli interessi dei cittadini e dei lavoratori. Dopo unattesa di mesi,
lordinanza del Consiglio di Stato chiama in causa la Corte di giustizia dellUnione europea nel suo ruolo
di interprete del diritto dellUe. Questo allunga in modo significativo i tempi per laggiudicazione della
gara del Tpl, senza che ci vengano date indicazioni su come gestire la fase transitoria cos si era
espresso lassessore toscano ai trasporti Vincenzo Ceccarelli il 30 maggio scorso in merito allordinanza
del Consiglio di Stato che aveva sospeso il giudizio sullappello presentato da Mobit. Una sospensione
che, avrebbe provocato, per Ceccarelli un duplice danno: maggiori costi rispetto a quelli previsti dal
bando di gara e un servizio qualitativamente peggiore per i cittadini, che ancora non potranno godere
dei benefici garantiti dalle offerte valide presentate
data:

16 giugno 2017

Gara Tpl, il Tar dice no a Mobit


Legittima la richiesta della Regione di chiedere nuovi piani economico-finanziari ai due partecipanti alla
gara per il gestore unico del servizio

FIRNZE Nell'agguerrita battaglia legale ingaggiata intorno alla gara bandita dalla Regione per affidare
a un unico gestore il servizio di trasporto pubblico locale - in ballo ci sono circa 4 miliardi di euro - il Tar
segna un nuovo punto a favore di Autolinee Toscane del gruppo francese Ratp, l'azienda a cui la Regione
nei mesi scorsi ha aggiudicato la gara per la seconda volta - seppure in via provvisoria - dopo
l'annullamento, sempre da parte del Tar, della prima aggiudicazione.
Con la nuova sentenza di oggi, il Tar ha respinto il secondo ricorso presentato dall'unico altro
concorrente in gara, il consorzio di imprese locali Mobit, decretando la legittimit della richiesta della
Regione Toscana di far presentare a entrambi i concorrenti nuovi piani economico-finanziari per non
dover ricominciare da capo tutta la procedura (vedi articoli collegati).
A questo punto quindi la Regione potrebbe procedere con l'aggiudicazione definitiva ma non con la
firma del contratto di servizio. Per questo passaggio finale bisogner attendere il pronunciamento della
Corte di giustizia europea, a cui il Consiglio di Stato ha rimesso la decisione su un altro punto caldo della
questione: il possesso da parte di Autolinee Toscane e Ratp dei requisiti per partecipare alla gara, messi
in discussione da Mobit con vari ricorsi fino ad arrivare, appunto, alla Corte di giustizia europea.