Sei sulla pagina 1di 174

Gli ebrei e la diaspora

Indice

1 Premessa 1
1.1 Cos questo libro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
1.2 Come usare questo libro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
1.3 Dove trovare altri libri come questo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
1.4 Come correggere questo libro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
1.5 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1

2 Religione ebraica 2
2.1 Storia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2
2.1.1 Origini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2
2.1.2 Antichit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
2.1.3 La diaspora e le persecuzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
2.1.4 Il XVII secolo ed i raggruppamenti ebraici storici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
2.1.5 Il chassidismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
2.1.6 Dall'illuminismo al XX secolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
2.2 Caratteristiche fondamentali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
2.2.1 I principi generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
2.2.2 La fede religiosa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
2.2.3 La losoa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
2.2.4 La morale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
2.2.5 Le sinagoghe e luoghi religiosi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
2.3 Simbologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
2.4 Correnti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
2.5 Le scritture sacre . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
2.5.1 Commentari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
2.5.2 Teologia e mistica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
2.5.3 Ermeneutica rabbinica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
2.5.4 Mos e i profeti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
2.5.5 L'escatologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
2.6 Letteratura giuridica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
2.7 Il giudaismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
2.8 Identit ebraica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
2.8.1 Origine dei termini Ebraismo/Giudaismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13

i
ii INDICE

2.8.2 Distinzione tra ebrei come popolo ed ebraismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14


2.8.3 Chi ebreo? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
2.9 Usi e costumi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
2.9.1 Etica ebraica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
2.9.2 Alimentazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
2.9.3 Preghiere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
2.9.4 Oggetti e indumenti liturgici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
2.9.5 Leggi di purezza rituale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
2.9.6 Purezza familiare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
2.9.7 Eventi del ciclo di vita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
2.9.8 Sepoltura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
2.10 Festivit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
2.10.1 Le feste di pellegrinaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
2.10.2 Le Grandi Ricorrenze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
2.10.3 Purim . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
2.10.4 Hanukkah . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
2.10.5 Festivit minori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
2.11 Ruoli religiosi e spirituali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
2.11.1 Sacerdozio classico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
2.11.2 Lettori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
2.11.3 Ruoli religiosi speciali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
2.12 Il rapporto con le altre religioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
2.12.1 Ebraismo e cristianesimo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
2.12.2 Ebraismo e Islam . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
2.12.3 Movimenti sincretici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
2.13 Il nome di Dio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
2.14 I movimenti pi diusi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
2.14.1 L'ebraismo messianico moderno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
2.15 Demograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
2.15.1 Dati statistici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
2.15.2 Diusione geograca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
2.15.3 Presenza in Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
2.16 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
2.17 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
2.18 Voci correlate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33
2.19 Altri progetti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34
2.20 Collegamenti esterni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34

3 Torah 35
3.1 Etimologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
3.2 Altre denominazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
3.2.1 Nel Tanakh stesso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
INDICE iii

3.2.2 Nel mondo greco e poi occidentale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36


3.2.3 Nell'Islam . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
3.3 La Torah scritta e la liturgia ebraica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
3.4 Struttura e contenuti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
3.4.1 Genesi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
3.4.2 Esodo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
3.4.3 Levitico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
3.4.4 Numeri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
3.4.5 Deuteronomio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
3.5 Redazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
3.6 Torah ed ebraismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
3.6.1 Esegesi ebraica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
3.6.2 Letteratura rabbinica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
3.6.3 Uso rituale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
3.6.4 Legge biblica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
3.7 La Torah Orale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
3.8 Signicato divino delle lettere e misticismo ebraico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
3.9 Produzione e uso del rotolo della Torah . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42
3.10 Traduzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42
3.10.1 Aramaico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42
3.10.2 Greco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
3.10.3 Latino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
3.10.4 Arabo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
3.10.5 Lingue moderne . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
3.11 In altre religioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
3.12 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44
3.13 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46
3.13.1 Altri riferimenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46
3.14 Voci correlate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47
3.15 Altri progetti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47
3.16 Collegamenti esterni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47

4 Talmud 48
4.1 Storia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48
4.1.1 Il retroterra culturale ebraico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48
4.1.2 La formazione del Talmud . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
4.1.3 I maestri del Talmud ed il loro insegnamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
4.2 Caratteristiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50
4.3 Contenuto e struttura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50
4.3.1 Ordine concettuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50
4.4 Elementi dell'opera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51
4.4.1 Mishnah . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51
iv INDICE

4.4.2 Baraita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51
4.4.3 Ghemara . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51
4.4.4 Halakhah e Aggadah . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51
4.4.5 Trattati minori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51
4.5 Bavli e Yerushalmi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52
4.5.1 Talmud Yerushalmi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52
4.5.2 Talmud Bavli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53
4.5.3 Confronti di stile e contenuti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53
4.6 Le 13 Middot esegetiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54
4.7 Linguaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54
4.8 Edizioni a stampa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
4.8.1 Talmud Bomberg (1523) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
4.8.2 Talmud Benveniste (1645) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
4.8.3 Talmud di Vilna (1835) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
4.8.4 The Soncino Talmud . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
4.8.5 Talmud Goldschmidt (1897-1909) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
4.8.6 Edizioni critiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
4.8.7 Talmud Steinsaltz, Schottenstein, Metivta e Ehrman . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56
4.9 Studio del Talmud . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56
4.9.1 Gheonim . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56
4.9.2 Estrapolazioni halakhiche e aggadiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57
4.9.3 Commentari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57
4.9.4 Pilpul . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58
4.9.5 Approcci sefarditi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58
4.9.6 Metodo Brisker . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58
4.9.7 Il metodo critico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59
4.9.8 Analisi storica e critica testuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59
4.9.9 Studio contemporaneo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 60
4.10 Il ruolo nell'ebraismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61
4.10.1 Sadducei . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61
4.10.2 Caraismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61
4.10.3 Ebraismo riformato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 62
4.10.4 Et contemporanea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 62
4.11 L'inuenza in contesti culturali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 62
4.12 Critiche e opposizioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 62
4.12.1 Medioevo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63
4.12.2 XIX secolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64
4.12.3 La posizione della Chiesa Cattolica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65
4.12.4 Le polemiche su internet . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65
4.13 Letteratura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65
4.13.1 Opere accademiche moderne . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65
INDICE v

4.13.2 Studio storico e storiograco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66


4.13.3 Trattati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66
4.14 Il Talmud nell'arte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66
4.14.1 Galleria di immagini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66
4.15 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66
4.16 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 71
4.17 Voci correlate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 72
4.18 Altri progetti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 72
4.19 Collegamenti esterni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 72

5 Israele 73
5.1 Etimologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 73
5.2 Storia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74
5.2.1 Il popolo ebraico prima della nascita di Israele . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74
5.2.2 Storia dello Stato di Israele . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 75
5.3 Geograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 78
5.3.1 Morfologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79
5.3.2 Idrograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79
5.3.3 Clima . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79
5.3.4 Ambiente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79
5.4 Demograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79
5.4.1 Popolazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79
5.4.2 Etnie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79
5.4.3 Religione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80
5.5 Cultura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80
5.5.1 Folclore e cultura di massa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80
5.5.2 Musica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80
5.5.3 Lettere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 81
5.5.4 Comunicazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 81
5.5.5 Archeologia e architettura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 81
5.5.6 Musei . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 81
5.5.7 Istruzione e ricerca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 82
5.6 Economia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 82
5.6.1 Agricoltura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 82
5.6.2 Industria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 83
5.6.3 Trasporti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 83
5.6.4 Turismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 83
5.7 Politica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 83
5.7.1 Elezioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 84
5.7.2 Sistema legale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 84
5.7.3 Suddivisione amministrativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 85
5.7.4 Diritti umani . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 86
vi INDICE

5.8 Politica estera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 88


5.9 Forze armate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 89
5.10 Armi nucleari israeliane . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 89
5.11 Sport . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 90
5.11.1 Calcio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 90
5.11.2 Krav Maga . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 90
5.11.3 Pallacanestro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 90
5.11.4 Vela . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 90
5.12 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 90
5.13 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 94
5.13.1 Libri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 94
5.13.2 Saggi e articoli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 95
5.14 Voci correlate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 95
5.15 Altri progetti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 95
5.16 Collegamenti esterni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 96

6 Palestina 97
6.1 Il nome e la Palestina antica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97
6.2 Storia moderna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 99
6.2.1 La Prima guerra mondiale, la dichiarazione di Balfour e l'istituzione del Mandato Britannico 100
6.2.2 Gli anni del Mandato e la Seconda guerra mondiale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 101
6.2.3 Il piano di spartizione dell'ONU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 102
6.2.4 La prima guerra arabo-israeliana . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 104
6.2.5 La guerra dei sei giorni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 106
6.2.6 Storia recente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 106
6.3 Demograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 107
6.3.1 Le prime popolazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 107
6.3.2 Demograa durante l'Impero ottomano e il periodo del Mandato britannico . . . . . . . . . 108
6.3.3 La questione dell'immigrazione araba . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 108
6.3.4 Dati recenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 109
6.4 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 110
6.5 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112
6.6 Voci correlate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112
6.7 Altri progetti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112
6.8 Collegamenti esterni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112
6.8.1 Demograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112
6.8.2 Siti istituzionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112
6.8.3 Nazioni Unite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112
6.8.4 Filo-palestinesi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112
6.8.5 Filo-israeliani . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113

7 Gerusalemme 114
INDICE vii

7.1 Geograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 114


7.1.1 Citt antica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 114
7.1.2 Clima . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 115
7.2 Storia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 115
7.2.1 Etimologia del nome . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 115
7.2.2 Et antica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 115
7.2.3 Dominio arabo e ottomano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 116
7.2.4 XX secolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 116
7.3 Monumenti e luoghi d'interesse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 118
7.4 Societ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 119
7.4.1 Evoluzione demograca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 119
7.4.2 Composizione etnica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 119
7.5 Cultura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 120
7.5.1 Una citt santa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 120
7.5.2 Cinema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 120
7.5.3 Arti e lettere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 120
7.5.4 Istruzione e ricerca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 120
7.6 Economia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 121
7.7 Trasporti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 121
7.8 Amministrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122
7.8.1 Sindaci . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122
7.9 Gemellaggi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122
7.10 Sport . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122
7.10.1 Calcio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122
7.10.2 Pallacanestro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122
7.11 Persone legate a Gerusalemme . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122
7.12 Galleria d'immagini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 124
7.13 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 124
7.14 Voci correlate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125
7.15 Altri progetti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125
7.16 Collegamenti esterni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125
7.16.1 Mappe . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125
7.16.2 Status della citt . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125
7.16.3 Notizie e media . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125
7.16.4 Istituzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125

8 Sionismo 127
8.1 Storia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 127
8.1.1 Le origini (1880-1896) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 127
8.1.2 L'immigrazione nella palestina ottomana (1897-1917) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 129
8.1.3 Il mandato ONU e la nascita dello Stato di Israele (1918-1948) . . . . . . . . . . . . . . . 130
8.1.4 Dal 1949 ad oggi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 131
viii INDICE

8.2 Caratteristiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 132


8.2.1 I rapporti coi nativi palestinesi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 133
8.2.2 Il ruolo della diaspora . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 134
8.3 Controversie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 134
8.3.1 Il dibattito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 134
8.4 Le critiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 135
8.5 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 135
8.6 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 136
8.7 Voci correlate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 136
8.8 Altri progetti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 137
8.9 Collegamenti esterni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 137

9 Diaspora ebraica 138


9.1 Il popolo della Bibbia: gli Ebrei . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 138
9.2 Dalla cattivit babilonese alla grande diaspora . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 138
9.2.1 Integrazioni e concessioni minori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 139
9.3 Perseguitati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 140
9.4 Oggi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 140
9.5 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 141
9.6 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 141
9.7 Voci correlate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 141
9.8 Altri progetti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 141

10 Antisemitismo 142
10.1 Etimologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 142
10.2 Storia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 142
10.3 In Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 143
10.4 Il nazismo e la Shoah . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 144
10.5 Nel mondo islamico e in Medio Oriente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 144
10.6 Antiebraismo teologico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 145
10.7 Oggi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 145
10.8 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 145
10.9 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 146
10.9.1 Libri di autori antisemiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 146
10.9.2 Libri sull'antisemitismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 146
10.10Voci correlate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 147
10.11Altri progetti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 147
10.12Collegamenti esterni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 148

11 Filosemitismo 149
11.1 Filosemitismo nella storia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 149
11.1.1 Antica Grecia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 149
INDICE ix

11.1.2 Antica Roma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 150


11.1.3 Medio Evo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 150
11.1.4 Epoca moderna e contemporanea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 150
11.1.5 XXI secolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 151
11.2 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 151
11.3 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 151
11.4 Voci correlate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 152
11.5 Fonti per testo e immagini; autori; licenze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 153
11.5.1 Testo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 153
11.5.2 Immagini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 155
11.5.3 Licenza dell'opera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 157
Capitolo 1

Premessa

1.1 Cos questo libro Wikipedia:Libri


Ce ne sono molti altri, tutti gratuiti, sui pi vari ar-
Questo un libro di Wikipedia. gomenti. Se non trovi quello che fa per te, lo puoi
una raccolta di voci tratte dall'edizione italiana costruire tu facilmente, raccogliendo assieme le voci
dell'enciclopedia online Wikipedia. Le voci di Wikipe- dell'enciclopedia.
dia sono scritte collettivamente e i lettori sono anche gli
autori. Nessuno stato pagato per scrivere questo libro.
1.4 Come correggere questo libro

1.2 Come usare questo libro Se leggendo questo libro incontri degli errori o ritieni di
poter migliorare i suoi contenuti per le future edizioni,
ti invitiamo a raggiungere il sito web http://it.wikipedia.
Quest'opera pu essere liberamente utilizzata, riprodotta,
org , cercare la voce sull'argomento relativo e fare clic
modicata, distribuita per qualsiasi scopo (anche com-
su modica. In pochi secondi puoi eliminare l'errore.
merciale), a patto di attribuire correttamente la prove-
Ricordati che la tua collaborazione preziosa. Una volta
nienza dei contenuti e citare gli autori, nel rispetto della
eettuate le correzioni, puoi aggiornare la tua versione del
licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo
libro e ristampare le pagine interessate dalle modiche.
stesso modo (CC-BY-SA) 3.0 per quanto riguarda i testi.
Le opere derivate devono mantenere la stessa licenza o Buona lettura.
una compatibile. In fondo al libro sono riportati l'elenco
degli autori dei testi e delle immagini. Prima di distri- Wikipedia, 5/04/2016
buire il libro, verica in particolare che le licenze delle
immagini siano riportate correttamente.[1]
Proprio per la natura del contributo libero e gratuito di 1.5 Note
tutti gli autori, compresi gli utenti anonimi, Wikipedia
non pu fornire garanzie sulla validit e l'accuratezza dei [1] A causa di un problema tecnico, la licenza di alcune im-
contenuti. Bench la comunit degli utenti cerchi di esse- magini potrebbe risultare sconosciuta. Alcune di queste
re nel complesso vigile e accurata, in ogni istante sem- immagini potrebbero non essere utilizzabili al di fuori del
pre possibile che una pagina venga vandalizzata o modi- sito di Wikipedia. Si consiglia di scaricare il libro nel for-
cata in modo improprio, seppure in buona fede, con infor- mato OpenDocument (ODT) per rimuovere i contenuti
mazioni errate, illegali o non conformi alle consuetudini non liberi e correggere tali licenze.
della comunit o dell'area in cui vivi. Per favore, leggi at-
tentamente le avvertenze e tieni presente che le informa-
zioni qui riportate hanno un valore puramente illustrati-
vo e divulgativo. Wikipedia non fornisce alcun consiglio
medico, legale o professionale.

1.3 Dove trovare altri libri come


questo
Se desideri scaricare gratuitamente altri libri di Wi-
kipedia, oppure la versione pi aggiornata di questo
stesso libro, vai alla pagina http://it.wikipedia.org/wiki/

1
Capitolo 2

Religione ebraica

Evoluzione del tetragramma dall'alfabeto fenicio a quello attuale


ebraico
Oggetti rituali ebraici (in senso orario): candelieri dello Shabbat,
L'ebraismo (in ebraico: ) ?indica sia una religione coppa di abluzione, Chumash e Tanakh, puntatore della Torah,
monoteistica, sia uno stile di vita, sia una tradizione cul- shofar e scatola dell'etrog
turale diuse all'interno del popolo ebraico, nelle varie
comunit presenti in tutti i paesi del mondo.
Come religione l'odierno ebraismo, detto anche ebraismo
rabbinico, l'evoluzione maggioritaria della religione bi-
blica, frutto, secondo la tradizione, dell'alleanza (be rit)
tra Dio, indicato nella Torah con il nome di Yahweh,
e il popolo ebraico. I suoi testi fondamentali sono la
Torah, il Tanakh e la tradizione orale supplementare,
rappresentata dai testi della Mishnah e del Talmud.

2.1 Storia
Scene dal Libro di Ester decorano la sinagoga di Dura Europos
2.1.1 Origini (Siria), risalente al 244.

Al suo centro, il Tanakh un resoconto del rapporto di


Israele con Dio, dalla loro storia pi antica no alla co- fu promesso che Isacco, suo secondo glio, avrebbe ere-
struzione del Secondo Tempio (ca. 535 a.C.). Abramo ditato la Terra d'Israele (che allora si chiamava Canaan).
ritenuto il primo ebreo e padre del popolo ebraico. Co- Pi tardi Giacobbe ed i suoi gli furono ridotti in schia-
me ricompensa per il suo atto di fede in un solo Dio, gli vit in Egitto e Dio comand Mos di guidare l'Esodo

2
2.1. STORIA 3

fuori dall'Egitto. Sul Monte Sinai ricevette la Torah - ra ha origine da due importanti centri di studi ebraici, la
il Pentateuco. Questi cinque libri, insieme a Nevi'im e Palestina e Babilonia. Di conseguenza, si sono sviluppa-
Ketuvim sono noti come Torah Shebikhtav in contrasto ti due corpi di analisi, con la relativa creazione di due
con la Torah orale, che si riferisce alla Mishnah e al opere talmudiche: la compilazione pi antica si chiama
Talmud. Alla ne, Dio li port alla Terra d'Israele dove "Talmud di Gerusalemme" (Yerushalmi), redatta duran-
il tabernacolo venne eretto nella citt di Silo e per oltre te il IV secolo in Israele. Il Talmud babilonese (Bavli)
300 anni radun la nazione compatta contro gli attacchi composto dalle discussioni tenute nei centri di studio dai
di nemici. Col passare del tempo, il livello spirituale del- saggi Ravina I, Ravina II e Rav Ashi negli anni 500, pur
la nazione declin al punto che Dio permise che i Filistei continuando ad essere modicato successivamente.[3]
catturassero il tabernacolo stesso. Il popolo di Israele poi Alcuni storici critici si oppongono all'idea che i testi sa-
disse al profeta Samuele che avevano bisogno di essere
cri, compresa la Bibbia ebraica (Tanakh), siano stati ispi-
governati da un re permanente e Samuele nomin Saul rati divinamente. Molti di tali studiosi accettano i princi-
come loro re. Quando il popolo convinse Saul ad andare
pi generali dell'ipotesi documentale e suggeriscono che
contro un comando trasmessogli da Samuele, Dio disse a la Torah consista di testi incongruenti editi insieme in
Samuele di nominare Davide in sua vece.[1][2]
un modo che enfatizza le narrazioni divergenti.[4][5][6]
Molti asseriscono che durante il Primo Tempio il popo-
lo di Israele credeva che ogni nazione avesse il proprio
J E dio, ma che il loro fosse superiore agli altri dei.[7] Si af-
ferma inoltre che il monoteismo stretto si svilupp du-
rante l'Esilio babilonese, forse come reazione al duali-
JE Dtr 1 smo zoroastriano.[8] Secondo questa opinione, fu solo nel
periodo ellenico che la maggioranza degli ebrei nirono
Dtr 2 per credere che il loro dio fosse l'unico dio, e che si for-
P* m la nozione di una nazione ebraica ben denita identica
D alla religione ebraica.[1][9]
R L'accademico e biblista John Day asserisce che le origi-
ni dello Yahweh testamentario, El, Asherah e Baal, po-
Torah DH trebbero essere radicate nella prima religione cananea,
che si concentrava su un pantheon di di molto simili al
pantheon greco.[10]

Schema dell'"ipotesi documentaria o teoria delle quattro fonti.


'J': tradizione Jahvista
'E': tradizione Elohista 2.1.2 Antichit
'D': tradizione Deuteronomista
'P': tradizione Codice Sacerdotale Il regno fu costituito sotto Saul e continu sotto i re
* include la maggior parte del Levitico Davide e Salomone con capitale a Gerusalemme. Dopo
include la maggior parte del Deuteronomio il regno di Salomone la nazione si divise in due regni, il
"Deuteronomic History (Storia deuteronomica)": Giosu, Regno di Israele (nel nord) e il Regno di Giuda (a sud). Il
Giudici, Samuele 1&2, Re 1&2 Regno di Israele fu conquistato dal sovrano assiro Sargon
II nel tardo VIII secolo a.C con molta popolazione della
Una volta che Davide sal al trono, disse al profeta Natan capitale Samaria trasportata prigioniera in Media e nella
che voleva costruire un tempio permanente, e come ri- valle del Khabur. Il Regno di Giuda continu come uno
compensa per le sue azioni, Dio promise a Davide che stato indipendente no a quando venne conquistato da un
avrebbe permesso al glio, Salomone, di costruire tale esercito babilonese all'inizio del VI secolo a.C, distrug-
primo tempio permanente e che il trono non si sarebbe gendo il Primo Tempio che era stato al centro dell'antico
mai pi discostato dai suoi gli. culto ebraico. L'lite giudaica fu esiliata a Babilonia e
La tradizione rabbinica sostiene che i dettagli e questa considerata come la prima diaspora ebraica. Pi
l'interpretazione della legge, chiamata Torah Orale o tardi, molti di loro ritornarono in patria dopo la succes-
Legge Orale, erano in origine una tradizione non scrit- siva conquista di Babilonia da parte dei Persiani 70 anni
ta basata su ci che Dio aveva detto a Mos sul Mon- dopo un periodo noto come "cattivit babilonese". Un
te Sinai. Tuttavia, man mano che le persecuzioni degli Secondo Tempio fu poi costruito e le vecchie pratiche
ebrei aumentarono ed i dettagli correvano il rischio di es- religiose furono riprese.[1]
sere dimenticati, tali leggi orali furono registrate da Rabbi Durante i primi anni del Secondo Tempio, la pi alta
Yehudah HaNasi (Giuda il Principe) nella Mishnah, re- autorit religiosa era un consiglio conosciuto come la
datta verso il 200 d.C. Il Talmud una compilazione sia Grande Assemblea, guidata da Esdra del Libro di Esdra.
della Mishnah che della Ghemara, commentari rabbini- Tra i compimenti della Grande Assemblea si annoverano
ci redatti nel corso dei tre secoli successivi. La Ghema- gli ultimi libri della Bibbia, che furono scritti in questo
4 CAPITOLO 2. RELIGIONE EBRAICA

periodo e il canone testuale completato.[4]


L'Ebraismo ellenistico si diuse nell'Egitto tolemaico a
partire dal III secolo a.C Dopo la Grande Rivolta (66-73
d.C.), i romani distrussero il Tempio. Adriano costru un
idolo pagano nel Tempio e proib la circoncisione; que-
sti atti di etnocidio provocarono la rivolta di Bar Kokhba
negli anni 132-136 d.C., dopo che i romani avevano vie-
tato lo studio della Torah e la celebrazione delle festivit
ebraiche, nonch forzatamente rimosso in pratica tutti gli
ebrei di Giudea. Nel 200, tuttavia, agli ebrei furono con-
cesse la cittadinanza romana e il giudaismo venne ricono-
sciuto come una religio licita (religione legittima), no
alla nascita dello gnosticismo e primo cristianesimo nel
IV secolo.[1][4]
In seguito alla distruzione di Gerusalemme e la caccia-
ta degli ebrei, il culto ebraico smise di essere organiz-
zato centralmente intorno al Tempio, la preghiera pre-
se il posto del sacricio, ed il culto stesso fu ristabilito
nell'ambito della comunit (rappresentata da un minimo
di dieci uomini adulti) e con la creazione di un'autorit
rabbinica che fungesse da guida pedagogica e dirigente
delle singole comunit.[4]

Arca e Bimah della Sinagoga di Casale Monferrato


2.1.3 La diaspora e le persecuzioni

Dopo la diaspora ebraica il popolo ebraico venne dura-


mente perseguitato in tutto il mondo, durante il Medioevo
nacque l'antisemitismo, come forma di persecuzione re-
ligiosa, pogrom, conversioni forzate, espulsioni (come venuto poi la base dell'ebraismo moderno) fu riuta-
quella della Spagna nel XV secolo avvenuta con il decreto to dai sadducei. (I samaritani praticavano una religio-
dell'Alhambra), restrizioni sociali e ghettizzazione. ne simile, che tradizionalmente considerata separata
dall'ebraismo).[1][4]
Ci fu diverso in termini di qualit da qualsiasi repressio-
ne di ebrei nei tempi antichi. L'antica repressione era mo- Come i sadducei, che facevano adamento solo sulla To-
tivata politicamente e gli ebrei venivano trattati allo stes- rah, alcuni ebrei nell'VIII e IX secolo riutarono l'autorit
so modo di qualsiasi altro gruppo etnico. Con l'emergere e l'ispirazione divina della Legge orale rappresentata dal-
delle Chiese cristiane, gli attacchi contro gli ebrei venne- la Mishnah (e sviluppata da successivi rabbini nei due
[12]
ro invece motivati da considerazioni teologiche specica- Talmud), basandosi invece solo sul Tanakh. Tra questi
mente derivanti dai punti di vista cristiani verso ebrei ed gurano gli isuniani, gli iudganiti, i malikiti e altri, che
ebraismo.[11] ben presto svilupparono tradizioni orali per conto loro,
che dierivano dalle tradizioni rabbiniche e che nirono
per formare il Caraismo, nella setta dei caraiti. Esistono
2.1.4 Il XVII secolo ed i raggruppamenti attualmente caraiti in esigue quantit, la maggior parte re-
ebraici storici sidenti in Israele. Sia ebrei rabbinici che caraiti aermano
di essere i veri ebrei e che l'altra fede erronea.[13]
Verso il I secolo d.C. esistevano diverse piccole sette Nel corso di un lungo periodo di tempo, gli ebrei formaro-
ebraiche: i farisei, i sadducei, gli zeloti, gli esseni ed i no gruppi etnici distinti in aree geograche diverse - tra
cristiani. Dopo la distruzione del Secondo Tempio nel questi, gli aschenaziti (dell'Europa centrale e orientale),
70, gran parte di queste sette svanirono. Il cristianesimo i sefarditi (di Spagna, Portogallo e Nordafrica), i Beta
sopravvisse, ma rompendo con l'ebraismo e diventando Israel d'Etiopia e gli ebrei yemeniti nella punta meridio-
una religione separata; anche i farisei sopravvissero, nale della penisola arabica. Nel corso della storia, mol-
ma in forma di ebraismo rabbinico (oggi, conosciuto ti di questi gruppi hanno sviluppato dierenze nelle loro
semplicemente come ebraismo). I sadducei respinse- preghiere, tradizioni e canoni, ma queste distinzioni sono
ro l'ispirazione divina dei Profeti (Nevi'im) e degli Scritti principalmente il risultato del loro essersi formate ad una
(Ketuvim), contando solo sulla Torah come ispirata divi- certa distanza culturale dall'ebraismo normativo (rabbini-
namente. Di conseguenza, anche una serie di altri prin- co), piuttosto che sulla base di una qualsiasi controversia
cipi fondamentali del sistema di credenze farisaico (di- dottrinale.[13]
2.1. STORIA 5

2.1.5 Il chassidismo 2.1.6 Dall'illuminismo al XX secolo

Stampa francese del 1806 che illustra "Napoleone e


l'emancipazione degli ebrei"

Nel tardo XVIII secolo, l'Europa fu scossa da un grup-


po di movimenti intellettuali, sociali e politici noti co-
me Illuminismo, che port a revoche e/o riduzioni del-
le leggi europee che proibivano agli ebrei di interagire
con il mondo secolare pi ampio, consentendo in tal mo-
Israel Baal Shem Tov[14] do agli ebrei di accedere all'istruzione e alla socializza-
zione secolare. inizi quindi un movimento ebraico pa-
L'ebraismo chassidico fu fondato da Yisroel Ben Eliezer rallelo, la Haskalah o Illuminismo ebraico, soprattutto
(1700-1760), noto anche come il Ba'al Shem Tov (o abbr. in Europa centrale e Europa occidentale, in risposta sia
Besht). Emerse in un periodo di persecuzione del popo- all'Illuminismo che alle nuove libert. Si poneva l'accento
lo ebraico, in cui gli ebrei europei si erano chiusi in un sull'integrazione con la societ secolare e una ricerca del-
esame introspettivo con lo studio del Talmud; molti rite- la conoscenza non religiosa attraverso la ragione. Con la
nevano che la maggior parte delle espressioni della vita promessa di emancipazione politica, molti ebrei non ve-
ebraica fosse diventata troppo accademica e che non devano nessuna ragione per continuare ad osservare la
avesse pi alcuna enfasi sulla spiritualit o la gioia. I di-legge ebraica, e un numero crescente di ebrei si assimi-
scepoli del Besht attirarono molti seguaci; si stabilirono larono nell'Europa cristiana. Tutti i movimenti religiosi
numerose sette chassidiche (chassid=pio) in tutta Europa. moderni dell'Ebraismo si formarono in reazione a questa
L'ebraismo chassidico divenne un modo di vita per molti tendenza.
ebrei europei e ondate di immigrazione ebraica negli Stati In Europa centrale, seguita da Gran Bretagna e Stati Uni-
Uniti negli anni 1880 lo portarono nel Nuovo Mondo. ti, si svilupparono il movimento di riforma e quello libe-
Il movimento aerma di non essere nulla di nuovo, ma rale, che allentavano gli obblighi normativi della Legge
un revival dell'ebraismo originale. Oppure, come alcu- (in particolare quelli che limitavano i rapporti coi non
ni hanno spiegato: "[i chassidim] si limitano a risottoli- ebrei), emulando il decorum protestante nella preghie-
neare ci che che le precedenti generazioni avevano per- ra, e sottolineando i valori etici della tradizione profetica
so.[15] Tuttavia, presto ci fu un grave scisma tra ebrei ebraica. L'Ebraismo ortodosso moderno emerse in rea-
chassidici e non chassidici. Gli ebrei europei che ave- zione all'Ebraismo riformato, da leader che sostenevano
vano riutato il movimento chassidico furono chiamati che gli ebrei potessero partecipare alla vita pubblica co-
dai chassidim con l'appellativo Misnagdim, (lett. avver- me cittadini paritari ai cristiani, pur mantenendo il rispet-
sari). Alcuni dei motivi del rigetto dell'ebraismo chassi- to della legge ebraica. Nel frattempo, negli Stati Uniti, i
dico furono l'estrema esuberanza del culto chassidico, le ricchi ebrei della Riforma contribuivano a sostenere gli
sue attribuzioni non tradizionali di infallibilit e presunto studiosi europei, che erano ortodossi in pratica ma critici
taumaturgia dei loro capi, e la preoccupazione che potes- (e scettici) nell'applicazione del loro studio alla Bibbia e al
se diventare una setta messianica (del tipo sabbatiano). Talmud, aiutandoli a creare un seminario atto a formare
Da allora le dierenze tra chassidim e avversari sono rabbini per gli immigrati provenienti dall'Europa orien-
lentamente diminuite e entrambi i gruppi sono ormai tale. Questi rabbini ortodossi di sinistra furono associati
considerati parte dell'ebraismo haredi.[15] dai rabbini riformati di destra che ritenevano che la leg-
6 CAPITOLO 2. RELIGIONE EBRAICA

ge ebraica non dovesse essere del tutto abbandonata, for-


mando cos il movimento conservatore. Gli ebrei ortodos-
si che si opponevano alla Haskalah formarono l'ebraismo
ortodosso haredi.
Dopo i grandi movimenti migratori a seguito
dell'olocausto e della creazione dello Stato di Israe-
le nel 1948, tali movimenti hanno gareggiato per attrarre
seguaci fra gli ebrei tradizionalisti.[13]

2.2 Caratteristiche fondamentali


L'Ebraismo rivendica una continuit storica che copre pi Chanukkiyah d'argento macedone del XIX secolo
di 3000 anni e ha le sue radici come religione struttu-
rata nel Medio Oriente durante l'Et del Bronzo.[16] Tra
le maggiori religioni mondiali, l'Ebraismo considera- Monte Sinai nella forma sia di Torah scritta sia di Torah
to una delle religioni monoteistiche pi antiche.[17][18] orale.[23] Storicamente, tale asserzione fu contestata da
Gli ebrei/israeliti venivano gi chiamati giudei nei li- vari gruppi, come i sadducei e gli ebrei ellenisti duran-
bri biblici pi recenti, come il Libro di Ester, col ter- te il periodo del Secondo Tempio; i caraiti e sabbatiani
mine giudei sostitutivo di Figli di Israele.[19] Assieme durante l'epoca medievale;[24] e fazioni dei movimenti ri-
al Cristianesimo e all'Islam, l'Ebraismo viene classicato formatori moderni. I movimenti liberali in tempi attuali,
come religione abramitica, in quanto Abramo rappresen- come l'Ebraismo umanista possono essere nonteisti.[25]
ta, per i fedeli delle tre confessioni, un comune patriar-
ca. I testi, tradizioni e valori hanno fortemente inuen- A dierenza di altre antiche divinit del Vicino Orien-
zato le successive religioni monoteistiche.[20][21] Molti te, il Dio ebraico descritto come unitario e solitario;
aspetti dell'Ebraismo hanno inoltre inuenzato diretta- di conseguenza, i suoi principali rapporti non sono con
mente o indirettamente l'etica secolare e le leggi civili altri di, ma con il mondo e, pi specicamente, con
occidentali.[22] la gente che ha creato.[26] L'Ebraismo inizia quindi con
un monoteismo etico: la credenza che Dio sia unico e
coinvolto con le azioni del genere umano.[27] Secondo il
2.2.1 I principi generali Tanakh (Bibbia ebraica), Dio promise ad Abramo di fare
dei suoi discendenti una grande nazione.[28] Molte gene-
razioni dopo, comand alla nazione di Israele di amare ed
adorare il Dio unico; vale a dire, la nazione ebraica dove-
va reciprocare l'interessamento di Dio per il mondo.[29]
Comand inoltre agli ebrei di amarsi l'un l'altro; cio,
imitare l'amore di Dio per gli esseri umani.[30] Que-
sti comandamenti sono solo due di una vasto corpo di
comandamenti e leggi che costituiscono l'Alleanza, che
l'essenza dell'Ebraismo.
Quindi, sebbene vi sia una tradizione esoterica
nell'Ebraismo (Cabala), lo studioso rabbinico Max
Kadushin ha caratterizzato l'Ebraismo normativo come
un misticismo normale, perch tratta di esperienze
personali quotidiane di Dio attraverso vie o modalit
che sono comuni a tutti gli ebrei.[31] Questo si svolge
attraverso l'osservanza delle halakhot e ne viene data
Piatto di vetro con incisa la parola ebraica zokhreinu - ricordati espressione verbale nelle Birkat Ha-Mizvot, brevi be-
di noi
nedizioni che vengono pronunciate ogni volta che un
Si aerm come religione rigorosamente monoteistica, comandamento positivo deve essere ottemperato:
la prima di questo tipo ad essere documentata nel terri- Mentre i loso ebrei spesso discutono se Dio sia imma-
torio delle popolazioni cananee. L'Ebraismo include un nente o trascendente, e se le persone abbiano il libero ar-
vasto corpo testuale, le pratiche, le posizioni teologiche e bitrio o la propria vita sia predeterminata, la Halakhah
le forme organizzative di vita. Nell'ambito dell'Ebraismo un sistema attraverso la quale ogni ebreo agisce per
esistono varie correnti e movimenti, la maggioranza dei portare Dio nel mondo. Il monoteismo etico centrale
quali emersa dall'ebraismo rabbinico, che aerma che in tutti i testi sacri o normativi dell'Ebraismo. Tuttavia,
Dio ha rivelato le Sue leggi e comandamenti a Mos sul il monoteismo non sempre stato seguito nella pratica.
2.2. CARATTERISTICHE FONDAMENTALI 7

La Bibbia ebraica registra e ripetutamente condanna il 2.2.3 La losoa


diuso culto di altri di nell'Antico Israele.[33] Nell'era
greco-romana esistevano svariate interpretazioni del mo- La losoa ebraica si riferisce alla congiunzione tra lo
noteismo ebraico, incluse le interpretazioni che diedero studio della losoa e della teologia ebraiche. Grandi lo-
inizio al Cristianesimo.[34] so ebrei includono Solomon ibn Gabirol, Saadya Gaon,
Inoltre, come religione non-confessionale, alcuni hanno Judah Halevi, Maimonide e Gersonide. Le principali va-
sostenuto che l'Ebraismo non richiede una fede in Dio. riazioni sono intervenute in risposta all'Illuminismo (ne
Per alcuni, l'osservanza della legge ebraica pi impor- del XVIII secolo e inizi del XIX), seguite da loso ebrei
tante di credere in Dio di per s.[35] In tempi moderni, al- post-illuministi. La losoa ebraica moderna si orien-
cuni movimenti ebraici liberali non accettano l'esistenza ta sia verso interpretazioni ortodosse che non ortodosse.
di un Dio personicato attivo nella storia.[36] Tra i loso ebrei ortodossi si annoverano Eliyahu Elie-
zer Dessler, Joseph B. Soloveitchik e Yitzchok Hutner.
Rinomati loso non-ortodossi includono Martin Buber,
2.2.2 La fede religiosa Franz Rosenzweig, Mordecai Kaplan, Abraham Joshua
Heschel, Will Herberg e Emmanuel Lvinas.[53]
Studiosi nel corso di tutta le storia ebraica hanno pro-
posto numerose formulazioni dei principi fondamenta-
li dell'Ebraismo, e tutte sono state criticate.[37] La for- 2.2.4 La morale
mulazione pi famosa quella di Maimonide coi suoi
13 principi di fede, sviluppati nel XII secolo. Secondo A partire da questa dottrina morale, l'Ebraismo sviluppa
Maimonide, qualsiasi ebreo che riuti anche solo uno sia l'idea della creazione, quale creatio ex nihilo (creazione
di tali principi deve essere considerato un apostata e un dal nulla), che l'idea di uno sviluppo lineare e non pro-
eretico.[38][39] Gli studiosi ebraici hanno mantenuto punti priamente denito ciclico della storia, considerando in-
di vista divergenti da Maimonide in svariati modi.[40][41] vece l'ordine e la stabilit divini, secondo il Regno ce-
leste, ma anche con cambiamento pur entro i conni
Ai tempi di Maimonide, la sua lista di principi venne cri-
stabiliti, siano essi storici, spirituali o della Natura.[54]
ticata da Hasdai Crescas e Joseph Albo. Albo e il Raavad
argomentavano che i principi di Maimonide contenessero Percepito dagli individui, pur se nella loro limitatezza
troppi articoli che, sebbene veri, non erano fondamentali a cui per riservare la santit dei precetti - nel legame con
per la fede. Dio si accede cos al "mondo spirituale" - il tempo vie-
ne considerato come l'insieme di quelle occasioni oerte
Lungo queste linee, l'antico storico Flavio Giuseppe sot-
all'uomo per vivere la libert.
tolineava le pratiche e osservanze piuttosto che le con-
vinzioni religiose, associando l'apostasia con una mancata Un'altra caratteristica dell'Ebraismo l'idea di un legame
osservanza della legge ebraica e sostenendo che i requisiti con Dio, non paragonabile a comuni forme di ascetismo.
per la conversione all'Ebraismo includeva la circoncisione Questo legame si instaura nella comunione dell'alleanza,
e l'aderenza ai costumi tradizionali. I principi di Maimo- in cui il creatore e la creatura mantengono, separate,
nide vennero largamente ignorati nei secoli successivi.[42] le rispettive identit. esattamente la categoria teolo-
Poi due reiterazioni poetiche di questi principi ("Ani gica dell'alleanza ad essere costitutiva dell'Ebraismo: es-
Ma'amin" e "Yigdal") vennero integrate in molte litur- sa rappresenta il reciproco impegno, per cui all'elezione
gie ebraiche,[43] conducendo alla loro accettazione quasi e alla benevolenza di Dio deve corrispondere, da parte
universale.[44][45] di Israele, l'osservanza delle 613 mitzvt, i precetti, che
abbracciano ogni aspetto della vita dell'uomo.[55]
In tempi moderni, l'Ebraismo manca di un'autorit cen-
tralizzata che detti un dogma religioso esatto.[46][47] A Pur garantendo il regno della Torah su ogni aspetto del-
causa di ci, molte variazioni dierenti delle creden- la vita umana, nell'Ebraismo la teocrazia si combina con
ze basilari vengono prese in considerazione nell'ambito una particolare concezione dell'autonomia creaturale che
dell'Ebraismo.[40] Comunque, tutte le correnti religio- conferisce all'uomo il potere di agire sul creato, seguen-
se ebraichesi basano, pi o meno sui principi della do le relative regole, per completare l'opera del Signore
Bibbia ebraica e su vari commentari come Talmud e e far coesistere il divino con il libero arbitrio dell'uomo
Midrash. L'Ebraismo riconosce inoltre universalmen- che si conformi alla volont divina espressa nella Torah
te l'Alleanza biblica tra Dio ed i patriarca Abramo, orale e scritta, quindi nella scelta del bene.
come anche gli aspetti aggiuntivi dell'Alleanza rivela-
ta a Mos, che considerato il pi grande profeta
dell'Ebraismo.[40][48][49][50][51] Nella Mishnah, testo fon- 2.2.5 Le sinagoghe e luoghi religiosi
damentale dell'Ebraismo rabbinico, l'accettazione delle
origini divine di questa alleanza considerata un aspetto Le sinagoghe sono luoghi ebraici di preghiera e di stu-
essenziale dell'Ebraismo e coloro che riutano l'Alleanza, dio. Di solito contengono stanze separate per la preghiera
perdono la loro porzione nel Mondo a venire (ebr. 'Olam (il santuario principale), sale pi piccole per lo studio, e
Ha-Ba).[52] spesso uno spazio adibito ad uso comunitario o didatti-
8 CAPITOLO 2. RELIGIONE EBRAICA

Interno della sinagoga di Torino

co. Non esiste un progetto standard per la costruzione di


sinagoghe, e le forme architettoniche ed i disegni interni
variano notevolmente. Il movimento riformato per lo pi
si riferisce alle proprie sinagoghe come templi. Alcune
caratteristiche tradizionali di una sinagoga sono: Maghen David

L'arca (chiamata Aron haQodesh dagli aschenaziti e


Hekhal dai sefarditi) dove sono riposti i rotoli della
Torah (l'arca spesso chiusa da un velo ornamentale
(parochet) fuori o dentro le porte dell'arca);

La piattaforma elevata del lettore (chiamata bimah


dagli aschenaziti e tebah dai sefarditi), dove si leg-
ge la Torah (e si conducono i servizi liturgici nelle
sinagoghe sefardite);

La lampada del santuario (o Luce eterna, ner ta-


mid), una lucerna sempre accesa che serve a ri-
cordare la menorah sempre accesa del Tempio di
Gerusalemme

Il pulpito, o amud, un leggio di fronte all'arca dove


sta il chazzan o conduttore della preghiera durante
la liturgia.

In aggiunta alla sinagoga, altre costruzioni importanti


per l'Ebraismo comprendono le yeshivah (accademie re-
ligiose di studio) e le mikveh, che sono vasche rituali di
puricazione.
Stemma di Israele

2.3 Simbologia
web che trattano di ebraismo. Tiene il posto della
Maghen David (Scudo di Davide), stella a sei punte frase, scritta in lingua aramaica, bsiyata deshema-
presente nella bandiera dello Stato di Israele insieme ya, che signica letteralmente con l'aiuto del cielo
alle fasce blu del talled, diventato il simbolo del e viene scritto nella parte alta dei documenti, per ri-
sionismo n dai primi congressi a cavallo tra XIX e cordare allo scrittore e al lettore che, senza l'aiuto del
XX secolo. Signore, impossibile per l'uomo realizzare qualco-
sa che intrinsecamente possegga i valori eterni che
BS"D, in aramaico ", una tipica, tradizionale si- Lui ha rivelato.
gla che si pu facilmente trovare in molti documenti
ebraici, come anche in molte delle moderne pagine Leone di Giuda: il Tanakh paragona le trib di
2.5. LE SCRITTURE SACRE 9

Giuda e Dan ai leoni: Un giovane leone Giuda. del mondo. Nel tempo si diviso in numerosi ra-
(Genesi 49:9) mi, pi o meno aderenti alle tradizioni ebraiche, -
no, nei casi estremi, a rinunciare al riposo sabbatico
Metalli preziosi: l'oro era il simbolo della luce di- e all'accettazione di un Messia (Unto), mantenen-
vina o celestiale, la gloria di Dio.[56] L'argento era do comunque l'attesa di un messia futuro. Una deri-
l'emblema dell'innocenza morale e della santit.[57] vazione dal movimento riformato l'ebraismo laico
L'ottone simbolizzava la durezza, la forza e la umanista.
fermezza.[58] L'ottone era un sostituto dell'oro, e il
ferro dell'argento.[59] Ebraismo conservatore, anche detto masoretico,
nacque nel XX secolo negli USA, come derivazione
dell'Ebraismo riformato. Conferma il valore etico-
2.4 Correnti losoco delle mitzvot, determinandone l'obbligo di
osservanza; rispetto all'ortodosso ha per modica-
to importanti punti, specie della tradizione liturgica
- il pi eclatante dei quali la preghiera comune tra
uomini e donne.[62]
Ebraismo ricostruzionista: fondato negli Stati Uni-
ti dal rabbino conservatore Mordecai Kaplan e dal
rabbino Ira Eisenstein (1906-2001) si caratteriz-
za da una forte somiglianza con l'Ebraismo rifor-
mato, da cui per si dierenzia per una maggiore
considerazione dell'aspetto tradizionale.

L'Ebraismo ortodosso largamente maggioritario in


Israele e nei paesi della diaspora diversi dagli Stati Uniti
d'America. Qui la maggioranza divisa tra conservativi e
riformati, essendo gli ortodossi una minoranza. Gli Stati
Sinagoga dell'Ebraismo riformato in assemblea mista e paritaria
Uniti sono anche l'unico paese con una presenza signi-
cativa di ricostruzionisti. L'Italia un paese attualmen-
te Modern Orthodox ossia la comunit ebraica italiana si
Quattro sono le principali correnti dell'Ebraismo:[60][61]
accredita come ortodossa nel senso moderno del termi-
ne; non mancano piccoli gruppi che rimandano ad altre
Ebraismo ortodosso: si riconosce nella tradizione correnti dell'Ebraismo.[63]
ebraica della Torah, anche secondo l'Halakhah
del testo fondamentale dello Shulchan Aruch, Il pensiero losoco e religioso ebraico entrato in gran-
nell'esegesi di quest'ultimo e della stessa e, de fermento dalla nascita del Sionismo, e soprattutto a
senza per contraddirne i fondamenti, persino seguito della fondazione, nel 1948, dello Stato di Israele.
nell'adattamento alle mutate realt sociali. Sono
congregazioni particolari all'interno del movimen-
to ortodosso i gruppi chassidici, che si rifanno 2.5 Le scritture sacre
all'insegnamento di Baal Shem Tov, un sapiente
della ne del XVIII secolo che teorizz l'etica Il testo sacro per antonomasia, ma non l'unico nella reli-
ebraica come accettazione gradita delle Mitz- gione ebraica, la Tanakh (che comprende i testi scrit-
vot, anzich vederne il solo aspetto di obbligo. ti originariamente in ebraico presenti nell'Antico Te-
L'Ebraismo ortodosso, non considerando rispettose stamento della Bibbia, il testo sacro dei Cristiani[64] ).
dell'Halakhah le altre correnti dell'Ebraismo, non La prima parte della Tanach la Torah (detta anche
accetta le conversioni che non siano fatte in ambitoPentateuco), che, in ebraico, vuol dire insegnamento,
ortodosso e dunque non tutti coloro che negli altri legge, e contiene, secondo la tradizione, le istruzioni
gruppi ebraici si considerano ebrei sono tali da un impartite da Dio al popolo di Israele sul Monte Sinai qua-
punto di vista ortodosso. In ambiente ortodosso rantanove giorni dopo la fuga dall'Egitto. Essa contiene la
questo un punto considerato di fondamentale descrizione della storia dell'umanit dalla creazione no
importanza per l'identit ebraica, i matrimoni e le all'arrivo degli ebrei in Terra d'Israele. Il canone ebrai-
sepolture. co delle Sacre scritture venne denito nel I secolo d.C.
Ebraismo riformato: nato in Germania nel XIX Il fulcro della fede israelitica lo Shem contenuta in
secolo, si ben presto diuso negli Stati Uniti. Deuteronomio (6.4: Ascolta Israele, il Signore il nostro
L'Ebraismo riformato cerca di ridurre e relativizza- Dio, il Signore Uno...).
re l'imponente complesso delle mitzvt della Torah, La fede monoteistica si incentra nella aermazione che
che separano di fatto il popolo di Israele dal resto ore di s in Esodo 3,14:Io sono l'Essenza dell'Essere
10 CAPITOLO 2. RELIGIONE EBRAICA

di Io Sono Colui Che Sar. Se ci atteniamo alla lettera


al testo biblico, questa aermazione (in ebraico Ehyh
ashr hyh) di fatto, intraducibile, poich si dovrebbe
disporre di un tempo verbale in grado di rendere, contem-
poraneamente, il presente, il passato ed il futuro. Infatti,
secondo la fede ebraica, Dio colui che, pur non mutando
nella sua essenza, accompagna il popolo ebraico in tutte
le sue vicissitudini storiche. In questo senso, Dio legato
all'uomo nel passato, nel presente e nel futuro.[65]
La principale conseguenza di questa consapevolezza mo-
noteista , in primo luogo, l'idea della signoria di Dio sul
mondo e sulla storia, anche se ci non signica che la real-
t terrena non goda di una sua autonomia espressa dal
libero arbitrio; anzi, il principio stesso di vita terrena in-
tesa come prova da superare per accedere alla vita eterna
basato sul libero arbitrio: l'uomo ha davanti a s la scel-
ta tra il bene e il male, tra il fare ed il non fare, e la sua
missione consiste nello scegliere liberamente il bene, cio
la Torah ed i suoi precetti. Nell'Ebraismo, Dio visto co-
me colui che regna e che si trova nel pi alto dei cieli pur
regnando in terra, egli infatti trascendente ed imma-
nente, altissimo e sempre presente anche nella vita
dell'uomo: i maestri ebrei insegnano che Dio ha creato
il mondo per avere un luogo in basso in cui abitare.
L'uomo non pu percepire intellettualmente o con i
sensi la reale essenza della divinit, come viene detto
nell'Esodo 33:20 Un uomo non pu vedere il mio 'volto'
Frontespizio del Talmud babilonese (Bavli)
e restare in vita"; Dio conoscibile soprattutto dalle sue
opere e dai suoi attributi, le sue middt.
Mesorah
2.5.1 Commentari Targum
esegesi biblica (vedi anche Midrash sotto)
In epoca rabbinica il problema fondamentale
dell'Ebraismo diviene quello di preservare la pro- Opere dell'Era Talmudica (Letteratura rabbinica
pria identit all'interno di un mondo a volte ostile che classica)
lo concepisce come una dottrina propedeutica alla
Mishnah e commentari
comprensione del cristianesimo.
Tosefta e trattai minori
I maestri ebrei si preoccupano di preservare e di attualiz-
zare la Torah orale (interpretazione del pentateuco del I Talmud:
e del II secolo d.C.), considerata tutt'uno con quella scrit- Talmud babilonese (Bavli) e commentari
ta che non potrebbe sussistere altrimenti; l'applicazione Talmud gerosolimitano (Yerushalmi) e
esegetica gi nella stesura della Mishna e del Talmud commentari
(babilonese e gerosolimitano). Sempre in questo perio-
do si assiste alla stesura dei primi midrashim che, come Letteratura midrashica:
la Mishna, ma soprattutto come il Talmud, contengono
parti di halakhah e parti di Haggadah ossia di tradizio- Midrash Halakhica
ne esegetica ed omiletica, che si esprime per mezzo di Midrash aggadica
racconti, basati sul testo biblico, aventi il compito di tra-
smetterne i signicati della Torah per il popolo d'Israele. Letteratura halakhica
Da essi trarranno continuit d'insegnamento ed appren-
Codici principali di Legge e Tradizione
dimento tutti i maestri successivi secondo il valore della
ebraiche
tradizione sempre viva e mai spenta.
Mishneh Torah e commentari
Il seguente un elenco basilare strutturato delle opere
centrali nella pratica e pensiero ebraici: Tur e commentari
Shulchan Aruch e commentari
Tanakh[66] (Bibbia ebraica) e Letteratura rabbinica Letteratura dei Responsa ebraici
2.5. LE SCRITTURE SACRE 11

Pensiero ed etica ebraici 2.5.3 Ermeneutica rabbinica


Filosoa ebraica
Cabala
Gli ortodossi e molti altri ebrei non credono che la Torah
Opere chassidiche rivelata consista unicamente dei suoi contenuti scritti, ma
Letteratura Musare altre opere di etica ebraica sia composta anche dalle sue interpretazioni. Lo studio
della Torah (nel senso pi ampio, ad includere poesia,
Siddur e liturgia ebraica narrativa, e legge, insieme a Bibbia ebraica e Talmud)
nell'ebraismo stesso un atto sacro di importanza centrale.
Piyyut (poesia ebraica classica)
Per i saggi di Mishnah e Talmud, e per i loro successori
odierni, lo studio della Torah non quindi solo un mezzo
2.5.2 Teologia e mistica per imparare i contenuti della rivelazione di Dio, ma un
ne in s. Secondo il Talmud:
L'Ebraismo ha prodotto quindi una losoa vera e pro- Nell'Ebraismo, lo studio della Torah pu essere il mezzo
pria, la quale secondo alcuni accademici passa attraver- che porta a Dio.[69] Riettendo sul contributo dei saggi
so l'inuenza stoica, neoplatonica ed aristotelica, que- Amoraim e Tannaim dato all'ebraismo contemporaneo,
st'ultima mediata dai pensatori musulmani (Avicenna e l'accademico Jacob Neusner osserva:
Averro in particolare); il legame con Aristotele viene an-
cora individuato da Maimonide, mentre Hillel da Verona Studiare la Torah Scritta e la Torah Orale alla reciproca
in molti punti richiama Tommaso d'Aquino. Per quanto luce quindi anche lo studio di come studiare la parola di
riguarda l'apporto losoco, si ricordano, nel medioevo Dio.
ebraico, le gure di Yehudah HaLevi, di Mos Maimo- Nello studio della Torah, i saggi ebrei formularono e se-
nide e di Hillel da Verona. L'Ebraismo sefardita si distin- guirono vari principi logici ed ermeneutici. Secondo lo
gue per i suoi studi di natura losoco-teologica, men- studioso David E. Stern, tutta l'ermeneutica rabbinica si
tre l'Ebraismo ashkenazita si caratterizza per una mag- basa su due assiomi:
giore concentrazione sugli studi talmudici e sulla misti- Questi due principi rendono possibile una grande variet
ca, la quale sfocer nel movimento chassidico dell'Europa
di interpretazioni. Secondo il Talmud:
orientale.[53]
Gli ebrei osservanti vedono la Torah come dinamica,
Il misticismo ebraico si radica nell'esperienza profetica perch contiene in s una pletora di interpretazioni.[72]
e, soprattutto, nelle interpretazioni del Ma'as Merkava
(l'"opera del carro) con cui si apre il libro di Ezechie- Secondo la tradizione rabbinica, tutte le interpretazioni
le. Gli studi mistici danno vita alla Qabbalah per la qua- valide della Torah scritta sono state rivelate a Mos sul
le nel XIII secolo in Provenza si ricordano il Rambn, Sinai in forma orale e tramandate da maestro ad allievo
Abramo Abulaa e, nel XVI secolo, nella scuola di Safed (la rivelazione orale in eetti coincidente con il Tal-
il maestro Isaac Luria. mud stesso). Quando diversi rabbini presentavano inter-
pretazioni contrastanti, a volte facevano appello ai prin-
In epoca moderna tra gli accademici Gershom Scho-
cipi ermeneutici(vedi a lato) per legittimare i loro argomen-
lem, il quale ha, tra l'altro, notato le inuenze del pen- ti; alcuni rabbini sostengono che tali principi siano stati
siero di Giovanni Scoto Eriugena sulla mistica ebraica
rivelati da Dio a Mos sul Sinai.[73]
medioevale.[67]
Di conseguenza, Hillel sottoline sette principi usati
L'illusione pseudomessianica del sabbatianismo ebbe le comunemente per l'interpretazione delle leggi (baraita
sue catastroche conseguenze; poi la nascita del movi- all'inizio del Sifra); Rabbi Ishmael ne sottoline tredici
mento chassidico polacco (seconda met del XVIII se- (baraita all'inizio del Sifra; questa collezione in gran
colo) che rappresenta uno dei momenti pi signicati- parte un'estensione di quella di Hillel).[74] Eliezer ben Jo-
vi nello sviluppo del misticismo ebraico, misticismo che se ne elenc 32, molto usati nell'esegesi degli elementi
ha molto inuenzato anche la dottrina ascetica cristia- narrativi della Torah. Tutte le regole ermeneutiche spar-
na. interessante notare la costante tensione, in seno se nei Talmudim e Midrashim sono state raccolte dal
all'Ebraismo, fra misticismo e losoa, poich, malgrado Malbim in Ayyelet ha-Shachar, l'introduzione al suo com-
la diversa prospettiva, i problemi di fondo sono comuni: mentario del Sifra. Ci nonostante, i 13 principi di Rabbi
il rapporto fra creatore e creatura, il legame fra nito ed Ishmael sono forse quelli pi noti universalmente e costi-
innito, le realt del bene e del male. tuiscono un contributo importante, e uno dei primi, alla
In et moderna, Moses Mendelssohn il losofo che logica, ermeneutica e giurisprudenza dell'Ebraismo.[75] il
cerca di conciliare la Haskalah o Illuminismo ebrai- liturgista Judah Hadassi incorpor i principi di Ishmael
co con la stessa modernit occidentale, mostrando co- nell'ebraismo caraita del XII secolo.[76] Oggi i 13 prin-
me l'Ebraismo si armonizzi con le esigenze della ragio- cipi di Rabbi Ishmael sono incorporati nel libro di pre-
ne. Strade simili hanno percorso, pi avanti, Hermann ghiere ebraico che viene letto quotidianamente dagli ebrei
Cohen, Franz Rosenzweig e Martin Buber.[53] osservanti.[77][78][79][80]
12 CAPITOLO 2. RELIGIONE EBRAICA

2.5.4 Mos e i profeti nella torah.[82]

2.5.5 L'escatologia

Il valore attribuito alla parola divina e all'elemento


escatologico esercita una grande inuenza sul cristiane-
simo primitivo (basti pensare al prologo del vangelo gio-
vanneo che da questa trae la propria elaborazione teologi-
ca sul logos), ma anche sulla prima speculazione dell'et
giudeo-ellenistica (di Filone d'Alessandria, che il pri-
mo pensatore a tentare una conciliazione fra le catego-
rie losoche greche e la fede ebraica). Anche lo svi-
luppo dell'apocalittica cristiana risente molto dell'inusso
ebraico e, in particolare, del Libro di Daniele.[83]

2.6 Letteratura giuridica

Mos di Michelangelo Buonarroti (1513-1516)

Nell'elaborazione teologica dell'Ebraismo, di notevole


importanza il ruolo che viene attribuito a Mos, il qua-
le considerato il pi grande dei profeti non perch la
sua speculazione su Dio sia superiore a quella di Isaia o
di Ezechiele, quanto piuttosto perch stato l'unico uo-
mo ad abbattere, per usare le parole del Rambam (Mos
Maimonide), tutte le barriere che impediscono di con-
templare la visione del Santo benedetto, tutte tranne quel-
la dell'intelletto umano impossibilitato appunto a conce-
pire Dio tramite il pensiero.[81] In altre parole, secondo
la tradizione rabbinica Mos stato l'unico uomo a rag-
giungere il massimo grado dello spirito profetico, ed in
ci che sta la sua grandezza. A Mos stata consegnata
la torah e a lui stato adato il compito di condurre il
popolo ebraico attraverso il deserto, no in Eretz Israel: la
terra promessa. Solo ad un uomo di cos alte virt poteva
essere adato un cos grande compito. Mos e le Tavole dei Comandamenti, di Jusepe de Ribera (1638)
Naturalmente, una funzione importantissima svolgono
anche gli altri profeti, i quali richiamano all'essenzialit La base della legge e della tradizione ebraica (Halakhah)
e allo scopo ultimo della Torah, cos come i rabbini ed la Torah (il Pentateuco o cinque libri di Mos). Secondo
i maestri ebrei che con i commenti canonici ebraici ap- la tradizione rabbinica ci sono 613 comandamenti nella
profondiscono il signicato dei precetti morali contenuti Torah e alcuni di questi sono diretti solo agli uomini o
2.8. IDENTIT EBRAICA 13

solo alle donne, mentre altri solo agli antichi gruppi sa- 14). I giudei di Palestina e quelli che vivono lontano (ad
cerdotali, i Kohanim e i Leviyim (membri della trib di Alessandria, a Babilonia ecc.) formano una comunit re-
Levi); altri ancora solo agli agricoltori nell'ambito della ligiosa unita dalla fede monoteista, lo studio della Legge
Terra d'Israele. Molte leggi erano applicabili solo quando (Torah) e la speranza messianica. Qualche tempo dopo il
esisteva il Tempio di Gerusalemme e meno di 300 di tali ritorno dall'esilio, l'attivit religiosa riprende nel tempio
comandamenti sono tuttora applicabili.[84] di Gerusalemme, ma il Giudaismo palestinese si d nuove
Mentre ci sono stati gruppi ebraici le cui credenze era- istituzioni: il sinedrio e la sinagoga, dove scribi e dottori[86]
no basate sul testo scritto della sola Torah (ad esempio, il della legge acquistano sempre maggiore importanza.
sadducei, e il caraiti), la maggior parte degli ebrei crede- Nel I secolo, il Giudaismo gi un mondo polimorfo co-
vano in quella che chiamano Legge Orale. Tali tradizioni me quello che Ges conoscer, frammentato in nume-
orali furono trasmesse dalla setta dei farisei e furono suc- rose correnti: farisei, sadducei, esseni, zeloti, erodiani,
cessivamente registrate in forma scritta e sviluppate dai samaritani, terapeuti. Il Cristianesimo nasce in seno a
rabbini.[84] questa complessa molteplicit. Dopo la distruzione del
L'ebraismo rabbinico (che deriva dai farisei) ha sempre tempio (70), i soli a sussistere furono i farisei, l'unico
sostenuto che i libri della Torah (chiamata Legge scrit- gruppo che era rimasto fedele alla tradizione dei maestri.
ta) sono sempre stati trasmessi in parallelo con una tra- Uno di questi Jochanan Ben Zakkai, fonda l'accademia
dizione orale. Per giusticare questo punto di vista, gli di Yavneh e riorganizza il giudaismo, [87]
permettendogli di
ebrei puntano al testo della Torah, in cui molte parole so- sopravvivere alla catastrofe del 70.
no lasciate indenite e molte procedure menzionate senza In quest'ambito si sviluppa la tradizione rabbinica, che di-
spiegazioni o istruzioni: questo, sostengono, signica che stingue la Torah scritta, codicata nel Pentateuco, dalla
si presume il lettore abbia familiarit con i dettagli di altre Torah orale, codicata nella Mishna e nel Talmud, en-
fonti, cio quelle orali. Questa serie parallela di materia- trambe considerate di origine divina, poich rivelate con-
le fu originariamente trasmessa per via orale e venne ad temporaneamente a Mos sul Monte Sinai. Per vivere se-
esser conosciuta come "legge orale".[85] condo la Torah, un ebreo tenuto ad osservare i precetti
Con Rabbi Yehudah HaNasi (200 d.C.), dopo la che si applicano alla sua condizione (nessuno ha l'obbligo
di osservare tutti i 613 precetti, perch alcuni riguarda-
distruzione di Gerusalemme, molto di questo materia-
le fu redatto nella Mishnah. Nei successivi quattro se- no solo i sacerdoti, altri soltanto i re, e cos via). Fra
questi, la circoncisione, la celebrazione dello Shabbat e
coli, questa legge sub discussioni e dibattiti in entram-
be le pi importanti comunit ebraiche del mondo (in l'osservanza dei divieti alimentari sono, oggi come ieri,
Israele e a Babilonia) ed i commenti sulla Mishnah da precetti della religione ebraica. La Torah spiega che que-
parte di ciascuna comunit alla ne vennero editati in- sti precetti sono imposti all'ebreo come prova: se egli la
sieme, in una raccolta nota come i due Talmud (quello supera e compie i precetti, otterr una ricompensa eterna
gerosolimitano e quello babilonese). Questi furono poi innitamente superiore ai suoi meriti.[87]
esplicati da commentari di vari studiosi della Torah nel Sotto la spinta dei movimenti di secolarizzazione, molti
corso dei secoli.[85] ebrei hanno abbandonato la pratica dei riti, ma continua-
Quindi la Halakhah, il modo di vita rabbinico, si basa su no a considerare l'Ebraismo un patrimonio culturale ed
una lettura combinata della Torah e della tradizione ora- intellettuale comune. Il XX secolo segna il risveglio dei
le - la Mishnah, la Midrash Halakhah, il Talmud e dei movimenti politico-laici e l'assimilazione dell'Ebraismo
suoi commentari. La Halakhah si sviluppata lentamen- ad una entit nazionale da una parte ed una nuova sco-
te, attraverso un sistema basato sui precedenti. La lette- perta dell'osservanza dei precetti dall'altra; l'incontro di
ratura delle domande ai rabbini e le loro risposte ap- queste due anime forti ha dato vita a nuovi dibatti-
profondite, indicata come responsa (in ebraico Sheelot ti sulle metodologie
[86]
di analisi e soluzione delle dispute
U-Teshuvot). Nel corso del tempo, man mano che le pra- rabbiniche.
tiche si sono sviluppate, i codici della legge ebraica sono
stati compilati in base ai responsi; il codice pi importan-
te, il Shulchan Aruch, determina in gran parte la pratica 2.8 Identit ebraica
religiosa ortodossa d'oggi.[84]
2.8.1 Origine dei termini
Ebraismo/Giudaismo
2.7 Il giudaismo
Il termine giudaismo deriva dal latino Iudaismus, che a
La storia del Giudaismo inizia con l'esilio a Babilonia sua volta deriva dal greco Ioudasmos, in-
(587 a.C), che mette ne al Regno di Giuda, ultima pro- ne dall' ebraico , Yehudah, "Giuda";[88] in ebraico:
paggine del Regno di Israele. La deportazione individua , Yahadut. Appare per la prima volta nel greco el-
sostanzialmente il resto d'Israele. Questo termine viene lenistico iudaismos in 2 Maccabei nel II secolo a.C Nel
usato una sola volta nel Nuovo Testamento (Galati 1:13- contesto dell'epoca e del periodo, assumeva il signica-
14 CAPITOLO 2. RELIGIONE EBRAICA

di molti dal politeismo al monoteismo operata da Avra-


ham, considerato il patriarca delle tre grandi religioni
monoteiste.[90]

2.8.2 Distinzione tra ebrei come popolo ed


ebraismo

Secondo lo storico Daniel Boyarin, la distinzione di fon-


do tra religione ed etnia estranea all'ebraismo stesso,
ed una forma di dualismo tra spirito e carne, che ha
la sua origine nella losoa platonica e che permeava il
giudaismo ellenistico.[91]
Conseguentemente, secondo Boyarin, l'ebraismo non si
adatta facilmente alle categorie occidentali convenzio-
nali, come religione, etnia o cultura. Lo studioso asse-
risce che questo riette in parte il fatto che un gran-
de segmento dei 3000 anni di storia ebraica anteriore
all'ascesa della cultura occidentale e si vericato al di
fuori dell'Occidente (cio l'Europa, soprattutto medievale
e moderna). Durante questo periodo gli ebrei hanno sof-
ferto schiavit, autogoverno anarchico e teocratico, con-
quista, occupazione ed esilio; nella diaspora sono stati in
contatto e sono stati inuenzati dagli antichi egizi, babi-
lonesi, persiani e le culture elleniche, cos come i mo-
vimenti moderni dell'Illuminismo (Haskalah) e l'ascesa
del nazionalismo, che si sarebbe sviluppato sotto forma
di uno stato ebraico nel Levante. Hanno inoltre visto una
lite convertirsi all'Ebraismo (i Cazari), per poi sparire
come centri di potere nelle terre un tempo occupate da ta-
le lite, soverchiata dal popolo dei Rus e poi dai mongoli.
Cos, Boyarin sostiene che l'ebraicit sconvolge le cate-
Una mezuzah
gorie di identit stesse, perch non nazionale, n genea-
logica, n religiosa, ma tutte queste insieme, in tensione
dialettica tra loro.[92]
to del ricercare o far parte di un'entit culturale, quella
di iudea, il derivato grec del persiano Yehud, e pu es- In contrasto con questo punto di vista, quelle pratiche
sere paragonato a ellenismo, che signica l'accettazione come l'Ebraismo laico umanista riutano gli aspetti re-
delle norme culturali elleniche (il conitto tra iudaismos ligiosi dell'Ebraismo, pur conservando alcune tradizioni
e ellenismo alla base della rivolta maccabea e quindi culturali.[93]
dell'invenzione del termine iudaismos).[89]
L'espressione ivri, colui che viene da oltre (il ume), si ri-
ferisce ad Avraham inoltre la Bibbia racconta che l'eroe 2.8.3 Chi ebreo?
eponimo degli ebrei fu Eber: lui e i suoi gli abitavano
il territorio della Mesopotamia. Le parole ebraico ed Secondo la legge ebraica tradizionale, un ebreo
ebreo non identicano solo un popolo ma anche chi chiunque sia nato da madre ebrea o si sia convertita
professa la religione ebraica. Questa professione si fa ri- all'Ebraismo ai sensi della legge ebraica. Le correnti
salire ad Abramo (da Av Raham, padre delle genti), dell'Ebraismo riformato americano e del liberale britan-
abitante di Ur dei Caldei, in Mesopotamia, con cui Dio nico accettano come ebrei gli/e di genitore ebreo (padre
(YHWH) fece un patto. YHWH chiese ad Abramo di o madre) se i genitori li allevano con una identit ebraica.
spostarsi verso Harran per poi scendere no a Canaan, Tutte le forme tradizionali dell'ebraismo oggi sono aper-
la "terra promessa". Come sopra accennato, va notata te ai convertiti sinceri, sebbene la conversione sia stata
l'origine del termine Ebreo derivante dal verbo avar, che tradizionalmente scoraggiata sin dai tempi del Talmud.
in ebraico signica passare, oltrepassare, andare oltre. Da Il processo di conversione viene valutato da un'autorit
avar deriva ivr, passato oltre, con riferimento al viag- rabbinica e il convertito esaminato sulla sua sincerit
gio biblico dalla Mesopotamia alla Terra Promessa ef- e conoscenza.[94] Ai convertiti viene dato il nome ben
fettuato da Avraham; importante inoltre la conversione Abraham o bat Abraham, (glio o glia di Abramo).
2.9. USI E COSTUMI 15

2.9.2 Alimentazione

Ebrei e Gentili (dipinto di Jan van Eyck, Gand 1432)


Esempi di zoccoli fessi nella capra (in alto a sinistra), maiale (in
basso a sin.) e bovini (in basso a destra). Il cavallo per non ha
L'ebraismo tradizionale sostiene che un ebreo, sia per na- lo zoccolo fesso (in alto a des.)
scita che per conversione, ebreo per sempre. Cos un
ebreo che aerma di essere ateo o convertito ad un'altra La casherut una serie di regole alimentari prescritte dal-
religione, ancora considerato ebreo dall'ebraismo tra- la Torah. Esse costituiscono un corpo di normative mol-
dizionale. Secondo alcune fonti, il movimento di riforma to complesse, che forma il fondamento dell'alimentazione
sostiene che un ebreo che si convertito ad un'altra reli- dell'ebreo, a casa come all'esterno.
gione non pi ebreo,[95][96] e anche il governo israelia-
Il termine kasher signica adatto e riguarda la purit
no ha preso la stessa posizione in base alla casistica della
degli alimenti: la Torah distingue infatti anche tra animali
Corte Suprema e relativi statuti.[97] Tuttavia il movimen-
puri ed animali impuri, quelli permessi e quelli proibiti.
to riformato ha indicato che la questione ci non cos
Molti ebrei usano le parole tumah e taharah per indicare
chiara e inoppugnabile, e che situazioni diverse postula-
cio che considerato puro o impuro in ambito spirituale
no considerazioni e azioni diverse. Ad esempio, agli ebrei
e di pratica rituale.[100]
che si sono convertiti sotto coercizione pu essere con-
sentito di tornare all'Ebraismo, senza alcuna altra azione Gli elenchi degli animali di cui permesso cibarsi sono
da parte loro se non il loro desiderio di ricongiungersi alla contenuti nella Bibbia, capitolo 11 del Levitico, ed alcuni
comunit ebraica e un proselita che diventato apostata vengono ripetuti nel capitolo 14 del Deuteronomio.
rimane, nonostante tutto, un ebreo.[98] Sono permessi i quadrupedi ruminanti con gli zoccoli bi-
Alla questione di ci che determini l'identit ebraica nel- parti-ti" come, ad esempio, mucca, pecora, capra, cervo,
lo Stato di Israele stato dato nuovo impulso quando, nel ecc; non maiale, cammello, cavallo o coniglio, lucertola,
1950, David Ben-Gurion richiese pareri su Mihu Yehudi scimmia, leone, orso, ecc. C' anche un elenco dei vola-
(chi un ebreo) da parte delle autorit religiose ebrai- tili proibiti, da cui deriva che tutti gli altri sono permes-
che e degli intellettuali di tutto il mondo, al ne di ri- si (contiene tutti i rapaci e gli uccelli notturni proibiti).
solvere tali questioni di cittadinanza. La materia non si Tranne alcuni casi, si possono mangiare i pesci con squa-
ancora risolta, riemergendo di tanto in tanto nella politica me e pinne: sono pertanto esclusi molluschi e crostacei
israeliana. (polpi, frutti di mare, granchi ecc.), oltre alle anguille, al
pescecane, ad alcuni tipi di pesce spada e alcuni altri
pesci che si ritiene non abbiano le squame complete.[100]

2.9 Usi e costumi Certi tipi di locusta sono permessi agli ebrei sefarditi re-
sidenti nei paesi arabi, ma non a quelli sia sefarditi sia
ashkenaziti residenti in occidente a causa della proibi-
2.9.1 Etica ebraica zione di mangiare qualsiasi cosa possa suscitare disgu-
sto (anche con riguardo agli usi locali). Gli animali ovi-
L'etica ebraica pu essere guidata dalle tradizioni ni, bovini, caprini ed i volatili permessi non sono ritenuti
halakhiche, da altri principi morali, o da virt ebraiche kasher se non vengono uccisi con il metodo noto come
centrali. La pratica etica generalmente intesa come ca- shechitah. Lo shochet, che per eseguire la shechitah deve
ratterizzata da valori come giustizia, verit, pace, bon- avere un apposito titolo di idoneit: mozza con un col-
t (chesed), compassione, umilt e rispetto di s. Prati- tello la trachea e l'esofago dell'animale, e cos facendo
che etiche speciche includono atti di carit (tzedakah) recide le arterie principali causando una perdita di co-
e astensione da discorsi negativi (lashon hara). Pratiche scienza praticamente istantanea. Il sangue restante viene
etiche corrette in materia di sessualit e di molte altre eliminato dalla carne attraverso un processo di lavatura,
questioni sono soggette a continui dibattiti tra ebrei.[99] salatura e risciacquo oppure attraverso l'arrostitura: per
16 CAPITOLO 2. RELIGIONE EBRAICA

secoli il processo di lavatura, salatura e risciacquo del- ruoli tradizionalmente riservati solo agli uomini, come la
la carne stato prerogativa delle donne di casa, ma or- lettura della Torah. Inoltre, molti templi riformati usano
mai praticato soprattutto dal macellaio o dal fornitore l'accompagnamento musicale con organi e cori misti.[103]
kasher.[101]
Una casa strettamente kasher avr almeno due servizi di 2.9.4 Oggetti e indumenti liturgici
utensili per la preparazione ed il consumo dei cibi, uno
il servizio da carne (non intendendosi per carne il pe-
sce), da utilizzare con la carne e i suoi derivati, l'altro
quello da latte, che si usa con latticini, poich vietato
mescolare latte e carne secondo la Torah. anche proi-
bito mescolare carne e pesce: questa proibizione ha delle
restrizioni minori e non implica dunque l'uso di servizi
di stoviglie separati ma soltanto la proibizione di inge-
rire insieme carne e pesce e di usare per l'uno stoviglie
sporche dell'altro alimento.[102]

2.9.3 Preghiere

Tradizionalmente, gli ebrei recitano preghiere tre volte al


giorno: Shacharit, Minchah e Ma'ariv, con una quarta pre-
ghiera, mussaf aggiunta durante lo Shabbat e le festivit. Tellin
Al centro di ogni servizio lAmidah o Shemoneh Esrei.
Un'altra preghiera basilare in molti servizi la dichiara-
zione di fede, lo Shem Israel, ( o semplice-
mente Shem). Lo Shem la recitazione di un versetto
della Torah (Deuteronomio 6:4): Shema Yisrael Adonai
Eloheinu Adonai Echad - Ascolta, Israele, il Signore il
nostro Dio, il Signore Uno!"[103]
La maggior parte delle preghiere in un servizio liturgi-
co tradizionale possono essere recitate individualmente,
sebbene sia preferita la preghiera in comune. La preghie-
ra comunitaria richiede un quorum di dieci ebrei adul-
ti, chiamato minian. In quasi tutti i circoli ortodossi e
in alcuni dei conservatori, solo gli ebrei maschi vengo-
no contati nel minian; gran parte degli ebrei conservatori
e membri di altre correnti ebraiche contano anche le don-
ne. In aggiunta ai servizi di preghiera, gli ebrei osservan-
ti tradizionali recitano preghiere e benedizioni quotidia-
ne, quando svolgono vari atti. Tali preghiere sono recitate
svegliandosi la mattina (Modeh Ani), prima di mangiare
o bere cibi diversi, dopo aver consumato un pasto (Birkat
Hamazon) e cos via.[103]
L'approccio alla preghiera varia tra le confessioni ebrai-
che. Le dierenze possono includere i testi di preghie-
ra (Siddurim), la frequenza della preghiera, il numero di
preghiere recitate in varie funzioni religiose, l'uso di stru-
menti musicali e musica corale, e se le preghiere vengo-
no dette nelle lingue tradizionali liturgiche o in volgare.
In generale, le congregazioni ortodosse e conservatri-
ci aderiscono pi strettamente alla tradizione, mentre le
sinagoghe riformate e ricostruzioniste sono pi propen-
se a incorporare le traduzioni e gli scritti contempora-
nei nei loro servizi. Inoltre, nella maggior parte delle si- Ebreo con tallit
nagoghe conservatrici, e in tutte le congregazioni rifor-
mate e ricostruzioniste, le donne partecipano a servizi di Tra gli oggetti liturgici e culturali pi importanti nella
preghiera su base paritaria con gli uomini, anche in quei religione ebraica vi sono:
2.9. USI E COSTUMI 17

Tellin (ebr. ), conosciuti come lattri


(dal greco , che signica protezio-
ne/salvaguardia o amuleto), sono scatole nere di
cuoio indossate sul braccio e sulla fronte per mez-
zo di cinghie di pelle. Esse contengono le pergamene
con i quattro brani della Torah che citano questo pre-
cetto. Sono indossati durante la preghiera mattutina
da ebrei osservati e da alcune donne.[104]
Kippah (ebraico: , plur. kippot; yiddish:
, yarmulke), il copricapo indossato dagli
ebrei maschi, tipo zucchetto. Portato durante le
preghiere, i pasti, liturgie in sinagoga, mentre si
recitano le benedizioni o studiando la Torah, e
indossato sempre da alcuni ebrei. Nelle comunit
Kippah
ortodosse lo portano solo gli uomini; nelle comunit
non ortodosse anche le donne possono portarlo.
Talled (anche tallit - ebr. ;pron. aschenazi-
ta: tallis)) scialle in tessuto bianco spesso con fa-
sce, comunemente di colore scuro, caratterizzato da
quattro lunghe sfrangiature di tessuto alle estremi-
t, chiamate tzitzit. La versione grande (talit gadol)
portata durante la preghiera del mattino e a Yom kip-
pur per tutto il lungo ciclo di preghiere, quella pic-
cola (talit katn) indossata quotidianamente. Viene
indossato da uomini ebrei e da alcune donne duran-
te i servizi di preghiera. Gli usi variano secondo le
tradizioni: nella comunit sefardita, i ragazzi lo in-
dossano a partire dal Bar Mitzvah. In alcune comu-
nit aschenazite abitudine indossarlo solo dopo il
matrimonio.
Tzitzit (ebraico: ( )pronuncia aschenazita: tzi-
tzis) sono speciali frange annodate o nappe poste
ai quattro angoli del tallit. In alcuni circoli ortodossi,
tali frange possono essere lasciate libere al di fuori
dei propri abiti.
Hanukkiah, plurale hanukkioth, candelabro a 'nove
bracci' utilizzato per accendere i lumi durante la ce-
lebrazione della festa di hanukkah (festa delle luci)
in ricordo della riconsacrazione del Tempio dopo la
Kittel guerra maccabaica il cui casus belli fu il sacricio
di un maiale nel tempio ad opera di un sacerdote
ellenizzante.
Menorah, candelabro 'a sette bracci', ne esisteva sol-
tanto uno d'oro puro ed era situato nel Tempio di Kittel (yiddish: ), tunica, veste, cfr. tedesco Kit-
Gerusalemme, simbolo ebraico ed attualmente del- tel tuta da lavoro, accappatoio) una tunica bianca
lo Stato d'Israele; in quasi tutte le case ebraiche ne che serve come sudario di sepoltura per ebrei. Vie-
presente una riproduzione. Quando ancora esisteva ne anche indossato in occasioni speciali dagli ebrei
il tempio veniva acceso un lume al giorno (la setti- aschenaziti. Nell'Europa occidentale questo indu-
mana partiva dalla domenica) no a giungere a sette mento chiamato Sargenes. La parola Sargenes
lo Shabbat. correlata all'antico francese Serge e al latino Seri-
ca. Il kittel viene anche indossato dagli uomini spo-
Mezuzah, pergamena assa (dentro un piccolo sati durante lo Yom Kippur e qualche volta per il
contenitore) agli stipiti delle porte e contenente Rosh haShana.[105] Indossare il kittel durante le gran-
due brani dello Shema (preghiera fondamentale di Festivit ebraiche simbolicamente connesso col
dell'Ebraismo, da recitare ogni giorno al mattino e suo uso come sudario di sepoltura, al verso: i nostri
alla sera), proprio quelli contenenti il precetto della peccati diventeranno bianchi come neve (Libro di
Mezuzzah. Isaia 1:18).[106]
18 CAPITOLO 2. RELIGIONE EBRAICA

2.9.5 Leggi di purezza rituale santit di tali luoghi. L'emigrazione in Israele e l'inuenza
di altre confessioni ebraiche hanno portato gli ebrei etiopi
ad adottare pratiche pi normative.[111][112]

2.9.7 Eventi del ciclo di vita


Eventi del ciclo di vita, o riti di passaggio, si vericano
nel corso di tutta l'esistenza della persona ebrea, servendo
a raorzare l'identit ebraica e a connetterla con tutta la
comunit.

Brit Milah i bambini di sesso maschile ven-


gono accolti nell'Alleanza attraverso il rito della
circoncisione al loro ottavo giorno di vita. Al bam-
bino anche dato il nome ebraico durante la ce-
rimonia. Una cerimonia di rituale parallelo per le
Portaammiferi d'argento ad uso rituale nello Shabbat con
bambine, denominata zeved habat o brit bat, gode
iscrizione in ebraico di limitata popolarit.
Bar mitzvah e Bat mitzvah per gli ortodossi ed al-
Il Tanakh descrive le circostanze in cui una persona che
cune congregazioni conservatrici, questo passaggio
tahor, o ritualmente pura, pu diventare Tamei, o ri-
dall'infanzia all'et adulta avviene quando la femmi-
tualmente impura. Alcune di queste circostanze sono il
na ha dodici anni e il maschio ne ha tredici. Nel
contatto con cadaveri umani o tombe, il usso semina-
movimento riformato, ragazzi e ragazze hanno il lo-
le, il usso vaginale, le mestruazioni, e il contatto con
ro bat/bar mitzvah all'et di tredici anni. Ci viene
persone che sono diventate impure a causa di uno dei
spesso commemorato con la lettura pubblica di una
succitati.[107][108] Nell'ebraismo rabbinico, ai Kohanim,
"porzione" della Torah da parte dei nuovi adulti
membri della casta ereditari che ociava come sacerdo-
maschi soltanto nella tradizione ortodossa.
ti al tempo del Tempio, proibito entrare in luoghi di
sepoltura (cimiteri) e toccare cadaveri.[109] Matrimonio il matrimonio estremamente impor-
tante nel ciclo di vita ebraico. La cerimonia matri-
moniale si svolge sotto una chuppah, o baldacchi-
2.9.6 Purezza familiare no nuziale, che simbolizza una casa felice. Alla -
ne della cerimonia, lo sposo frantuma un bicchie-
Un'importante sottocategoria delle leggi di purezza ritua-
re col piede, a rappresentare il lutto continuo per la
le si riferisce alla separazione delle donne durante le me-
distruzione del Tempio e la dispersione del popolo
struazioni. Queste leggi sono note anche come niddah,
ebraico.
letteralmente separazione, o purezza familiare. Aspetto
vitale della Halakhah per gli ebrei tradizionali osservanti, Morte e lutto l'Ebraismo ha una pratica a varie fasi
non lo per gli ebrei delle correnti pi liberali.[110] nell'osservanza del lutto. La prima fase chiamata
Soprattutto nell'Ebraismo ortodosso, le leggi bibliche so- shiva (letteralmente sette, osservata per una setti-
no potenziate da ingiunzioni rabbiniche. Ad esempio, la mana) durante la quale tradizione sedersi a casa
Torah impone che una donna nel proprio periodo me- ed essere confortati da amici e parenti; la seconda
struale normale debba astenersi da rapporti sessuali per lo shloshim (osservata per un mese) e, per coloro
sette giorni. Una donna il cui ciclo mestruale prolunga- che hanno perso uno dei genitori, vi una terza fa-
to, deve continuare ad astenersi per altri sette giorni dopo se, avelut yud bet chodesh, che si osserva per undici
che l'emorragia si fermata.[107] I rabbini hanno fuso la mesi.[113]
niddah ordinaria con questo periodo mestruale prolunga-
to, noto nella Torah come zavah (ebr. ), e ordinano che
2.9.8 Sepoltura
una donna non pu avere rapporti sessuali col proprio ma-
rito dal momento in cui inizia il suo usso mestruale no Secondo la religione ebraica tutti i corpi delle persone
a sette giorni dopo la ne. Inoltre, la legge rabbinica vieta
decedute vanno sepolti nella terra secondo prescrizioni
al marito di toccare o condividere il letto con la propriarabbiniche halakhiche; viene infatti ammesso che anche
moglie durante tale periodo. In seguito, la puricazione un Kohen sarebbe obbligato a seppellire un morto nel ca-
avviene mediante un bagno rituale chiamato mikveh.[110] so non vi sia nessun'altra persona presente per farlo e la
Gli ebrei etiopi tradizionali tengono le donne mestruanti stessa sepoltura deve avvenire in un luogo adibito a ci.
in capanne separate e, alla maniera dei caraiti, non per- Nel Talmud, trattato sotah, vengono anche specicate al-
mettono loro di entrare nei templi a causa della speciale cune delle regole necessarie alla procedura obbligatoria
2.10. FESTIVIT 19

due o pi candele e recitando una benedizione. La ce-


na inizia con il Kiddush, una benedizione recitata ad alta
voce davanti a una coppa di vino e il Mohtzi, una benedi-
zione recitata sul pane. consuetudine avere il challah,
due pani intrecciati posti sul tavolo. Durante lo Shabbat
proibito agli ebrei di esercitare qualsiasi attivit che rien-
tri nelle 39 categorie di melakh, tradotto letteralmente
come lavoro. In realt le attivit vietate di Shabbat non
sono lavoro nel senso usuale: comprendono azioni co-
Tombe in un cimitero ebraico me accendere un fuoco, scrivere, usando denaro e tra-
sportare in pubblico. Il divieto di accendere un fuoco
stato esteso in epoca moderna alla guida di un'auto, che
per un corpo nel caso esso non venga trovato in un luogo coinvolge combustibile che brucia, e l'utilizzo di energia
consono alla sepoltura specicando anche i casi in cui si elettrica.[114]
trovino ossa separate non costituendo pi quindi il corpo
nella propria interezza. Si ritiene che nell'era messianica i
primi individui a resuscitare con il ritorno dell'anima nel 2.10.1 Le feste di pellegrinaggio
corpo siano quelli sepolti in Terra d'Israele.[113]

2.10 Festivit
Le festivit ebraiche sono giorni speciali del calendario
ebraico, che commemorano e celebrano momenti della
storia degli ebrei, come anche i temi centrali nel rappor-
to tra Dio e il mondo, come ad esempio la creazione, la
rivelazione e la redenzione.
La festivit pi importante lo Shabbat la lettura pub-
blica della Torah, insieme a letture correlate estratte da al-
tri libri del Tanakh, denominate Haftarah. Nel corso di un
anno, l'intera Torah viene letta, con il ciclo che ricomincia Alcune sukkot a Gerusalemme
in autunno, nel giorno di Simchat Torah. I giorni santi ebraici (chaggim) celebrano eventi signi-
cativi della storia ebraica, come ad esempio l'esodo
Shabbat dall'Egitto e il dono della Torah, e talvolta segnano il cam-
biamento delle stagioni e transizioni nel ciclo agricolo.
I tre principali festival, Sukkot, Pesach e Shavuot, so-
no chiamati regalim (derivato dalla parola ebraica re-
gel, piede). Durante i tre regalim, era consuetudine per
gli Israeliti fare pellegrinaggi a Gerusalemme per orire
sacrici nel Tempio di Gerusalemme.[115]

Pesach (Pasqua) una settimana di festivit che ini-


zia alla sera del giorno 14 di Nisan (il primo mese del
calendario ebraico), che ricorda l'Esodo dall'Egitto.
Fuori di Israele, Pesach viene celebrata per otto
giorni. Nei tempi antichi, coincideva con la mietitu-
ra dell'orzo. l'unica festa che si incentra su celebra-
zione domestica, il Seder di Pesach. Prodotti lievitati
Due challah poste sotto a copertura ricamata, all'inizio del pasto (chametz) vengono rimossi dalla propria casa prima
di Shabbat
della festivit e non sono consumati per tutta la set-
timana. Le case sono accuratamente pulite per assi-
Shabbat , il giorno di riposo settimanale che dura da po-
curarsi che non rimanga nessun prodotto di pane e
co prima del tramonto del venerd sera al calar della not-
ani, e le ultime briciole di chametz vengono bru-
te sabato sera commemora il riposo di Dio dopo i sei
ciate simbolicamente la mattina del Seder. Al posto
giorni della creazione.[114] Questo giorno svolge un ruo-
del pane si mangia la matzah.
lo fondamentale nella pratica ebraica ed regolato da un
ampio corpus di legge religiosa. Al tramonto del vener- Shavuot (Pentecoste o Festa delle Settimane)
d, la donna in famiglia accoglie lo Shabbat accendendo celebra la rivelazione della Torah agli Israeliti sul
20 CAPITOLO 2. RELIGIONE EBRAICA

Monte Sinai. Nota anche come Festival dei Biku- Rosh Hashanah, (anche Yom Ha-Zikkaron o Gior-
rim, o primi frutti, in tempi biblici coincideva con la no della Rimembranza e Yom Teruah, o Giorno
raccolta del grano. Le tradizioni dello Shavuot inclu- del suono dello Shofar"). Rosh Hashanah segna il
dono maratone notturne di studio dette Tikkun Leil Nuovo Anno ebraico (letteralmente, capo d'anno),
Shavuot, con la consumazione di latticini, letture del sebbene caschi nel primo giorno del settimo mese
Libro di Rut, decorazioni di case e sinagoghe con del calendario ebraico, Tishri. Con Rosh Hashanah
piante, e abiti bianchi che simboleggiano la purezza. inizia un periodo di 10 giorni di espiazione che por-
tano allo Yom Kippur, durante il quale agli ebrei
Sukkot (Tabernacoli o Festival delle Capanne) imposto di esaminarsi e fare ammenda per i peccati
commemora i quaranta anni che gli Israeliti passa- commessi, intenzionalmente o no, in tutto l'anno. Le
rono vagando per il deserto verso la Terra Promes- tradizioni della festivit includono suonare lo shofar
sa. La ricorrenza viene celebrata con la costruzione (il corno di montone) nella sinagoga, mangiare mele
di capanne temporanee dette sukkot (sing. sukkah) e miele e recitare benedizioni su una variet di cibi
che rappresentano i rifugi mobili costruiti durante le simbolici, come le melegrane.
peregrinazioni nel deserto. Coincide con la raccolta
della frutta e segna la ne del ciclo agricolo. Ebrei Yom Kippur, (Giorno dell'Espiazione) il giorno
di tutto il mondo mangiano dentro sukkot per sette pi sacro dell'anno ebraico. un giorno di digiuno e
giorni e sette notti. Sukkot si conclude con Shemini preghiera comunitaria per il perdono dei propri pec-
Atzeret, in cui gli ebrei iniziano a pregare per la cati. Gli ebrei osservanti trascorrono l'intera giorna-
pioggia, e con Simchat Torah, Gioire della Torah, ta nella sinagoga, a volte con una breve pausa nel
una festa che segna la ne del ciclo di letture bibliche pomeriggio, recitando le preghiere lette da uno spe-
ed il nuovo inizio di tale ciclo. L'evento celebrato ciale libro di preghiere festive chiamato Machzor.
cantando e danzando coi rotoli della Torah. Shemini Molti ebrei non religiosi si impegnano a frequentare
Atzeret e Simchat Torah sono considerate festivit i servizi sinagogali e il digiuno a Yom Kippur. Al-
separate e non parte di Sukkot.[115] la vigilia di Yom Kippur, prima che le candele sia-
no accese, si consuma un pasto predigiuno, il seuda
mafseket. I servizi di sinagoga alla vigilia di Yom
2.10.2 Le Grandi Ricorrenze Kippur iniziano con la preghiera Kol Nidre. abitu-
dine vestirsi di bianco per Yom Kippur, soprattutto
al Kol Nidre, e non si portano scarpe di cuoio. Il
giorno seguente, si recitano preghiere dalla matti-
na alla sera. Il servizio di preghiera nale, chiama-
to Ne'ilah, si conclude con una lunga suonata di
shofar.[116]

2.10.3 Purim

Scena di Purim in una strada di Gerusalemme

Purim (ebraico: Prm "tiro a sorte") una festa gioio-


sa che commemora la liberazione degli ebrei persiani dai
Ebrei che pregano in sinagoga durante Yom Kippur, da dipinto
di Maurycy Gottlieb (1878) complotti del malvagio Haman, che cerc di sterminarli,
come narrato nel libro biblico di Ester. Festa caratterizza-
Le Grandi Ricorrenze (ebr. , Yamim No- ta da una recitazione pubblica del Libro di Ester, da doni
raim o Giorni di timore reverenziale) ruotano attorno reciproci di cibi e bevande, di carit ai poveri e di un pa-
a giudizio e perdono. sto celebrativo (Ester 9:22). Altre costumanze includono
2.11. RUOLI RELIGIOSI E SPIRITUALI 21

bere vino, mangiare dolci speciali chiamati hamantashen, sacrici. Il sacerdozio una posizione ereditaria e anche
vestirsi in maschere e costumi e organizzare carnevali e se non hanno pi nessuno dei doveri cerimoniali, sono
feste.[116] tuttora onorati in molte comunit ebraiche. Le comunit
Si celebra Purim ogni anno, il 14 del mese ebraico di ebraiche ortodosse credono che saranno ancora necessari
Adar, che si verica nel mese di febbraio o marzo del per un futuro Terzo Tempio e devono rimanere preparati
calendario gregoriano. per compiti futuri.

Kohen (sacerdote) - discendente patrilineare di


2.10.4 Hanukkah Aronne, fratello di Mos. Nel Tempio, i kohanim
avevano il compito di orire i sacrici. Oggi il Ko-
Hanukkah (in ebraico: ?, dedica) nota anche come hen il primo ad esser chiamato in sinagoga a leg-
Festival delle Luci, una festivit ebraica di otto giorni gere la Torah, impartisce la Benedizione Sacerdota-
che inizia il 25 di Kislev (calendario ebraico). Il festival le, oltre a soddisfare altre leggi e cerimonie uniche,
viene osservato nelle case ebraiche accendendo le luci in tra cui la cerimonia della riscatto del primogenito
ognuna delle otto notti, una nella prima notte, due nella (Pidyon HaBen).
seconda e cos via.
Levi (Leviti) - discendente patrilineare di Levi, -
La festivit stata chiamata Hanukkah (che signica glio di Giacobbe. Nel Tempio di Gerusalemme, i
dedica), perch segna la ridedicazione del Tempio dopo Leviti cantavano i Salmi, eseguivano costruzioni,
la profanazione di Antioco IV Epifane. Spiritualmente, manutenzioni, pulizie e compiti di guardia, assiste-
Hanukkah commemora il Miracolo dell'olio": secondo il vano i sacerdoti e talvolta interpretavano la legge ed
Talmud, alla ridedicazione del Tempio di Gerusalemme i rituali del Tempio per il pubblico. Oggi, il levi-
dopo la vittoria dei Maccabei contro l'Impero Seleucide, ta viene richiamato come secondo alla lettura della
c'era olio consacrato suciente ad alimentare la amma Torah.
eterna del tempio solo per un giorno. Miracolosamente,
l'olio bruci per otto giorni - che fu la lunghezza di tem-
po impiegato per spremere, preparare e consacrare l'olio 2.11.2 Lettori
nuovo.
Hanukkah non menzionata nella Bibbia e non mai stata
considerata una festa importante nell'Ebraismo, ma di-
ventata molto pi visibile e ampiamente celebrata in tem-
pi moderni, soprattutto perch cade intorno nello stes-
so periodo del Natale e ha sfumature ebraiche nazionali
che sono state enfatizzate dopo la creazione dello Stato
d'Israele.[116]

2.10.5 Festivit minori

Tisha b'Av (in ebraico: ? o , il Nove


di Av") un giorno di lutto e digiuno che comme-
mora la distruzione del Primo e Secondo Tempio, e
successivamente l'espulsione degli ebrei dalla Spagna.
Le ricorrenze moderne di Yom HaShoah (Giorno di Ri-
membranza dell'Olocausto) e Yom HaAtzmaut (Gior-
no d'Indipendenza di Israele) rispettivamente comme-
morano gli orrori della Shoah e l'Indipendenza di
Israele.[116]

2.11 Ruoli religiosi e spirituali


Concerto di cantori alla Sinagoga Stadttempel di Vienna
2.11.1 Sacerdozio classico
Dall'epoca della Mishnah e Talmud ad oggi, l'Ebraismo
Il ruolo del sacerdozio nell'Ebraismo notevolmente di- ha richiesto specialisti o autorit solo per la pratica di po-
minuito dalla distruzione del Secondo Tempio nel 70 chi rituali o cerimonie. Un ebreo in grado di soddisfare
d.C., quando i sacerdoti servivano il Tempio e orivano la maggior parte dei requisiti di preghiera da se stesso.
22 CAPITOLO 2. RELIGIONE EBRAICA

Alcune attivit come leggere Torah e haftarah (una per essere il baal kriyah sono gli stessi dello sha-
porzione supplementare tratta dai Profeti o dalle Scrit- tz. Questi ruoli non si escludono a vicenda. La stes-
ture, la preghiera per il lutto, le benedizioni per lo spo- sa persona spesso qualicata a svolgere pi di un
so e la sposa, il ringraziamento completo dopo i pasti ruolo, e spesso lo fa. Spesso ci sono varie persone
richiedono un minian, cio la presenza di dieci ebrei. capaci di assumere questi ruoli e diversi servizi (o
Il clero professionale pi comune in un sinagoga parti di servizi) sono guidati da ciascuno di loro nel
rappresentato da: corso delle funzioni liturgiche.

Il rabbino di una congregazione - studioso ebreo Molte congregazioni, specie quelle numerose, si servono
che ha il compito di rispondere alle domande giu- di un
ridiche di una congregazione. Questo ruolo richiede
l'ordinazione (semikhah) da parte di un'autorit rico- Gabbai (sagrestano) - Chiama i fedeli alla Torah, no-
nosciuta dalla congregazione (cio da un rispettato mina lo Shatz per ogni sessione di preghiera se non
rabbino ortodosso o, se la congregazione conser- c' lo Shatz sso, e si rende certo che la sinagoga sia
vatrice o riformata, da seminari accademici). Una tenuta pulita e rifornita.
congregazione non richiede necessariamente un rab-
bino. Alcune congregazioni hanno un rabbino, ma
Le tre posizioni precedenti sono di solito volontarie
consentono anche ai membri della congregazione di
e considerate un onore. Dal tempo dell'Illuminismo
agire come shatz o kriyah baal (vedi sotto).
(Haskalah) le grandi sinagoghe hanno spesso adottato la
Rebbe chassidico - rabbino che a capo di una pratica di assumere rabbini e chazzan in qualit di Sha-
dinastia. tz e baal kriyah, e ci ancora tipicamente il caso in
molte congregazioni conservatrici e riformate. Tuttavia,
Chazzan (cantore) - un vocalista appropriatamente nella maggior parte delle sinagoghe ortodosse, queste po-
addestrato, che agisce come shatz. Scelto per la sua sizioni sono assunte da laici a rotazione o ad hoc. Seb-
buona voce, conoscenza delle melodie tradizionali, bene la maggior parte congregazioni impieghino uno o
comprensione del signicato delle preghiere e since- pi rabbini, l'uso di uno chazzan professionale general-
rit nel recitarle. Una congregazione non necessita mente in declino nelle congregazioni americane e l'uso di
di uno chazzan dedicato esclusivamente alla singola professionisti per altri uci religiosi ancora pi raro.
sinagoga.

Servizi di preghiera ebraici comprendono due ruoli speci- 2.11.3 Ruoli religiosi speciali
ci, che sono a volte, ma non sempre, svolti da un rabbino
e/o chazzan in molte congregazioni. In altre congregazio- Dayan (giudice) - Un rabbino ordinato con for-
ni questi ruoli sono svolti su una base ad hoc dai membri mazione giuridica speciale, che appartiene ad un
della congregazione che conducono porzioni di servizi a Beth Din (tribunale rabbinico). In Israele, i tribu-
rotazione: nali religiosi gestiscono matrimoni e casi di di-
vorzio, conversioni e controversie nanziarie della
comunit ebraica.
Shaliach tzibur o Shatz (guida letteralmente
agente o rappresentante della congregazio- Mohel (circoncisore) - Esperto di leggi sul-
ne) guida l'assemblea alla preghiera e a volte prega la circoncisione, che ha ricevuto una formazio-
a nome della comunit. Quando uno Shatz recita una ne/addestramento da un mohel precedentemente
preghiera a nome della congregazione, non agisce in qualicato e svolge la cerimonia del Brit Milah
qualit di intermediario, ma piuttosto come un fa- (circoncisione).
cilitatore. L'intera comunit partecipa all'oerta di
tali preghiere dicendo amen alla conclusione; con Shochet (macellaio rituale) - Perch la carne sia
questo atto che la preghiera dello Shatz diventa la kosher, deve essere macellata da uno shochet che sia
preghiera della congregazione. Qualsiasi adulto ca- esperto di leggi kasherut e sia stato addestrato da un
pace di recitare in modo chiaro le preghiere pu agi- altro shochet.[117]
re come Shatz. In congregazioni ortodosse ed alcune
congregazioni conservatrici, solo gli uomini posso- Sofer (scriba) - i rotoli della Torah, i tellin (lat-
no essere i leader di preghiera, ma tutta la comunit teri), le mezuzot (scrolli assi agli stipiti) ed i gittin
ebraica progressiva (liberali, riformati e ricostruzio- (documenti del diverzio) devono essere scritti da un
nisti) ora permette alle donne di servire in questa sofer che sia esperto di calligraa ebraica, con adde-
funzione. stramento rigoroso sulle leggi della scrittura di testi
sacri.
Il Baal kriyah o baal koreh (maestro della lettura)
legge la porzione settimanale della Torah. I requisiti Rosh Yeshivah - A Torah scholar who runs a yeshiva.
2.13. IL NOME DI DIO 23

Mashghiah della Yeshivah - A seconda della Ci sono circa 43 riferimenti agli Israeliti nel Corano
yeshivah, pu essere sia la persona responsabile di (escludendo i singoli profeti),[121] e molti anche negli
garantire la partecipazione e la correttezza dei com- Hadith. Autorit rabbiniche successive e studiosi ebrei
portamenti degli studenti, sia di supervisionare il come Maimonide discutono la relazione tra Legge isla-
loro benessere emotivo e spirituale nonch dare mica e Legge ebraica. Maimonide stesso, si aerma,
lezioni di Mussar (etica ebraica). stato inuenzato dal pensiero giuridico islamico.[122]

Mashghiah - Controlla i produttori di cibo kosher, Poich Islam ed Ebraismo condividono origini comuni
gli importatori, i ristoratori e ristoranti per assicu- nel Medio Oriente tramite Abramo, entrambi sono con-
rare che il cibo sia sempre kosher. Deve essere un siderate religioni abramitiche. Esistono molti aspetti co-
esperto delle leggi di kasherut e addestrato da un muni tra le due religioni: l'Islam fu fortemente inuen-
rabbino, se non un rabbino egli stesso.[117] zato dell'Ebraismo nella sua visione religiosa fondamen-
tale, nella struttura, giurisprudenza e pratica.[123] A causa
di questa somiglianza, e anche per l'inuenza della cultura
e losoa mussulmane sulla comunit ebraica nell'ambito
2.12 Il rapporto con le altre religio- del mondo islamico, c' stata una notevole sovrapposizio-
ni ne sica, teologica e politica, che continua ad esistere tra
le due fedi da circa 1400 anni.

2.12.1 Ebraismo e cristianesimo


2.12.3 Movimenti sincretici
L'Ebraismo pone enfasi sulla giusta condotta (o ortopras-
si), concentrandosi principalmente su come ottempera-
Esistono dei movimenti che combinano elementi di
re l'Alleanza Mosaica che il Dio unico di Israele, il Dio
ebraismo con quelli di altre religioni. Quello pi co-
di Abramo, di Isacco e di Giacobbe, ha fatto con gli
nosciuto il Giudaismo messianico, nato negli anni
Israeliti, come scritto nella Torah e nel Talmud.[118] Il
1960[124][125][126][127] e che unisce elementi di teo-
Cristianesimo pone enfasi sulla corretta professione di
logia evangelica cristiana con terminologia e ritua-
fede (o ortodossia), concentrandosi principalmente sul
le ebraici.[127][128][129][130][131] Il movimento aerma
Nuovo Testamento che il Dio Triuno cristiano ha stabili-
che Ges il messia ebreo e che forma parte della
to tramite Ges. In altre parole, i cristiani ricercano una
Trinit,[132][133] e la salvezza pu solo essere ottenuta con
salvezza (o redenzione) individuale tramite il ravvedi-
l'accettazione di Ges come proprio redentore.[134] Al-
mento da una vita di peccato e l'accettazione di Ges Cri-
cuni membri del movimento sono etnicamente ebrei
sto come loro unico Salvatore, per grazia e nella fede; in
e sostengono che il Giudaismo messianico sia una setta
molte confessioni del cristianesimo anche i rituali e i sa-
dell'Ebraismo.[135] Organizzazioni e movimenti religio-
cramenti acquisiscono un ruolo centrale come espressioni
si ebraici riutano questa asserzione, aermando che il
della Nuova Alleanza con Dio. Gli ebrei, individualmen-
Giudaismo messianico una setta cristiana.[136]
te e collettivamente, partecipano in un dialogo eterno col
Dio vivente di Israele tramite la tradizione, i rituali, le Altri esempi di sincretismo sono il Giudeopaganesimo,
preghiere e le azioni etiche che esprimono l'alleanza della un gruppo di ebrei liberamente organizzati che incorpora-
loro nazione con Dio. no credenze pagane o wicca con alcune pratiche religiose
ebraiche, come il giudaismo messianico; i buddisti ebrei
La corrente principale del Cristianesimo adora la Trinit
o Jubus, altro gruppo liberamente organizzato, che in-
(il Dio uno e trino), e aerma che Dio abbia assun-
corpora elementi di spiritualit asiatica; il Rinnovamento
to la condizione umana nella persona di Ges Cristo.
giudaico che prende in prestito liberamente e apertamen-
L'Ebraismo proclama - da 4000 anni no ad oggi - l'unit
te dal buddismo, susmo, dalle religioni native americane
di Dio, e riuta in assoluto - da quando nato il Cristiane-
e da altre fedi.
simo o almeno dalle sue prime formulazioni dogmatiche
vincolanti - l'idea di un Dio che assuma la natura umana. Il Kabbalah Centre,[137] che impiega docenti di varie con-
fessioni religiose, un movimento New Age che aer-
ma di divulgare la Cabala, parte del misticismo esoterico
2.12.2 Ebraismo e Islam ebraico.

Le due religioni condividono simili valori, principi e li-


nee guida. L'Islam incorpora anche la storia ebraica co-
me parte della propria. I musulmani considerano i Figli 2.13 Il nome di Dio
di Israele quale importante concetto religioso dell'Islam.
Mos, il profeta pi importante dell'Ebraismo, conside- Gli ebrei ritengono che il nome di Dio non si debba pro-
rato profeta anche dell'Islam.[119] Mos viene citato nel nunciare, per questo il Tetragramma YHWH viene pro-
Corano pi di qualsiasi altro personaggio e la sua vita nunciato come Ado-nai (mio Signore) o HaShem (il
raccontata e dettagliata pi di qualsiasi altro profeta.[120] Nome).
24 CAPITOLO 2. RELIGIONE EBRAICA

Sebbene in altri credo religiosi siano presenti alcune for- in gran parte volontaria.[143] L'autorit sulle materie
me di scrittura e pronuncia, secondo l'Ebraismo proibita teologiche e giuridiche non viene assegnata a persone o
ogni forma di pronuncia del Nome eccelso ad esclusione organizzazioni, ma ai testi sacri e ai rabbini e studiosi
dei casi ammessi e concessi al Kohen Gadol; la scrittu- che li interpretano.[46]
ra dello stesso pu avvenire solo in ambito religioso ed
cosa permessa solo ad un Sofer, uno scriba che usualmen-
te compie bagni di puricazione, la Tevilah, prima della
stesura sia su un Sefer Torah, sia su pergamene come le
Mezuzzot. possibile poi trovare la stampa del Tetra- 2.14.1 L'ebraismo messianico moderno
gramma su testi di studio o sul Siddur delle preghiere: nel
Gli aderenti all'ebraismo messianico sono descritti co-
caso poi non si voglia pi utilizzare oggetti liturgici o testi
sacri logori dall'uso e dal tempo, essi vengono usualmente me ebrei messianici, credenti messianici o semplicemen-
portati dai fedeli a persone addette alla Ghenizah. te messianici[144] , si tratta pero' piu' precisamente di una
setta cristiano-evangelica il cui scopo precipuo e' quello
La Halakhah prescrive che il nome sia pronunciato come
della conversione degli ebrei al cristianesimo.
Adonai (quest'ultimo anch'esso considerato un nome sa-
[138]
cro, da usarsi solamente durante le preghiere); pre- Sebbene termini utilizzati per identicare i seguaci
scrivendo anche che per farvi riferimento si debba usare dell'Ebraismo messianico siano spesso contestati, i termi-
la forma impersonale HaShem (il Nome).[139] ni utilizzati generalmente descrivono coloro che aerma-
no di credere che Ges sia il Messia e che abbracciano la
Dato che nella lingua ebraica non si scrivono le voca-
responsabilit dell'Alleanza di vita e identit ebraiche e
li, il Tetragramma biblico costituito unicamente da
radicate nella Torah, espresse nella tradizione, rinnovate
consonanti; poich esso non viene pronunciato, la cor-
e applicate nell'ambito del contesto della Nuova Alleanza
retta vocalizzazione (l'interpolazione di vocali alle con-
".[145] "Ebraismo messianico" un termine relativamente
sonanti) delle quattro lettere del tetragramma anda-
nuovo, coniato di recente, nel 1895, per assistere nel se-
ta col tempo perduta. Inoltre, delle quattro consonanti
parare le pratiche dei suoi seguaci da quelli del tradizio-
che compongono il tetragramma, due hanno un suono
nale Cristianesimo nel suo insieme, e al ne di allineare
semivocalico, e tre possono anche essere mute, nella pro-
pi strettamente la sua fede con quell'Ebraismo biblico e
nuncia (matres lectionis): pertanto si potrebbe anche ar-
storico che fu il Cristianesimo del I secolo.[146][147]
rivare, paradossalmente, a ipotizzare una pronuncia uni-
camente vocalica, quasi come una emissione ininterrotta
del ato. L'Ebraismo ritiene persa la corretta pronuncia
del nome sacro: da ci nata, a partire dal XVI seco-
lo e soprattutto da parte di studiosi cristiani, una ricerca
approfondita e vasta, tuttora in discussione. 2.15 Demograa

Gli ebrei sono un gruppo etnoreligioso[148] e include ebrei


di nascita e di conversione. Nel 2012, la popolazione
2.14 I movimenti pi diusi ebraica mondiale stata stimata a circa 14 milioni, o in-
torno al 0.2% della popolazione mondiale totale.[149] Cir-
Oggi i movimenti religiosi ebraici pi consistenti sono ca il 42% di tutti gli ebrei risiede in Israele ed il 42% ne-
l'Ebraismo ortodosso (Haredi e Ebraismo ortodosso mo- gli Stati Uniti e Canada, con la rimanenza in Europa e
derno), l'Ebraismo conservatore e l'Ebraismo riformato. minoranze sparse in tutto il mondo, tra America Latina,
Le fonti maggiori di dierenza tra questi gruppi sono i ri- Asia, Africa e Australia.[150] In modo generale, si pu dire
spettivi approcci alla Legge ebraica, l'autorevolezza della che l'Ebraismo si sia diuso in tutto il mondo soprattut-
Tradizione rabbinica e l'importanza dello Stato di Israe- to a seguito della dispersione degli ebrei iniziata all'epoca
le.[140] L'Ebraismo ortodosso aerma che la Torah e la dell'Impero romano (diaspora).[151][152] .
Legge ebraica sono di origine divina, eterne e inalterabili, Nazioni come gli Stati Uniti, Israele, Canada, Regno
e che debbano essere osservate rigorosamente. Unito, Argentina e Sudafrica contengono una popola-
L'ebraismo conservatore e riformato sono pi li- zione ebraica numerosa. La pratica religiosa varia gran-
berali: i conservatori generalmente promuovono demente, a seconda dei livelli di osservanza. Secon-
un'interpretazione pi tradizionale dei requisiti ebraici do l'edizione 2001 del National Jewish Population Sur-
di quanto non facciano i riformati. Una posizione vey,[153] nell'ambito della comunit ebraica statunitense
tipica dei riformati che la legge ebraica debba essere la seconda pi grande del mondo 4,3 milioni di
interpretata come una serie di linee di guida generiche ebrei su 5,1 milioni hanno una qualche connessione alla
piuttosto che una serie di restrizioni e obblighi imposti propria religione. Di tale popolazione connessa, 80%
su tutti gli ebrei.[141][142] Nella storia, tribunali speciali partecipa in qualche modo alle pratiche religiose ebrai-
(Beth Din) applicavano la legge ebraica; oggigiorno, che, ma solo 48% appartiene ad una sinagoga, e meno
tali tribunali persistono ma la pratica dell'Ebraismo del 16% frequenta regolarmente.[154]
2.15. DEMOGRAFIA 25

2.15.2 Diusione geograca

Ebrei nel mondo

Gli ebrei nel mondo sono circa 13 milioni e sono distri-


buiti in pi di cento paesi; di questi, Israele l'unico
paese in cui l'Ebraismo costituisce la religione della
maggioranza degli abitanti.
Le comunit ebraiche pi numerose si trovano negli USA
ed in Europa, dove il Paese con il maggior numero di
ebrei la Francia con 600.000 appartenenti, e la presen-
za ebraica forte anche in Russia, in Asia, nell'America
Latina ed in Australia.[155]
L'ebraismo viene osservato in tutte le parti del mondo, come per
esempio alla sinagoga di Mumbai
2.15.3 Presenza in Italia

2.15.1 Dati statistici

dicile valutare il numero totale degli ebrei nel mondo,


perch la denizione di chi un ebreo problematica;
non tutti gli ebrei si identicano come ebrei, e alcuni che
si identicano come ebrei non sono considerati cos da al-
tri ebrei. Secondo il Jewish Year Book (Annuario Ebrai-
co, 1901), la popolazione ebraica mondiale nel 1900 era
di circa 11 milioni. Gli ultimi dati disponibili sono quelli
del World Jewish Population Survey (Sondaggio della po-
polazione ebraica mondiale)" del 2002 e del Calendario
Annuale Ebraico (2005). Nel 2002, secondo il citato son-
daggio, esistevano 13,3 milioni di ebrei in tutto il mondo.
Il Calendario Ebraico cita 14,6 milioni. La crescita del-
la popolazione ebraica attualmente vicino allo zero per
cento, con il 0,3% di crescita 2000-2001.[155] La sinagoga di Firenze nel panorama cittadino
I tassi di natalit per gli ebrei americani sono scesi a
2,0-1,7.[156] (il tasso di sostituzione 2,1) I tassi dei La comunit ebraica italiana trae le sue origini nel II se-
matrimoni misti vanno dal 40-50% negli Stati Uniti, e colo a.C., quando i primi ebrei arrivarono a Roma grazie
solo circa un terzo dei gli di coppie miste sono alle- all'intenso scambio commerciale nel Mediterraneo. Gi
vati come ebrei. A causa di matrimoni misti e di bassi nel I secolo la comunit ebraica romana era orente e sta-
tassi di natalit, la popolazione ebraica negli Stati Uni- bile tant' che pot riscattare gli ebrei fatti schiavi durante
ti si ridotta da 5,5 milioni nel 1990 a 5,1 milioni nel l'assedio di Gerusalemme del 70. La maggioranza degli
2001. Questo indicativo delle tendenze demograche ebrei italiani di conseguenza non appartiene a nessuno dei
generali nell'ambito della comunit ebraica diasporica, due gruppi rituali maggiori presenti in seno all'ebraismo
ma un'enfasi sulla popolazione totale oscura il trend di (quello sefardita-spagnolo e quello askenazita-tedesco),
crescita in alcune denominazioni e comunit, come gli ma sono di rito romano che probabilmente il rito ebrai-
haredi. Il movimento Baal teshuva un movimento di co pi antico da cui poi derivato quello askenazita; gi
ebrei che sono ritornati alla religione o diventati pi nel Talmud si trovano accenni ad usi tipici dei bene
osservanti.[154] romi (gli di Roma).
26 CAPITOLO 2. RELIGIONE EBRAICA

Un momento importante nella storia dell'Ebraismo italia- [14] Variazioni di questa immagine, originariamente sottoti-
no il Congresso ebraico di Forl del 1418, in cui vengono tolata "Baal Shem", sono comunemente usate per ra-
avanzate richieste al nuovo Papa, Martino V, e vengono gurare Israel Baal Shem Tov. Si ritiene invece che sia-
assunte decisioni relative alla vita interna delle comunit no un ritratto del rabbino Hayyim Samuel Jacob Falk,
ebraiche. il Baal Shem di Londra. Tluste/Tovste, Ukraine - Ba'al
Shem Tov, Tovste.info. URL consultato il 6 marzo 2014.
Oggi, gli ebrei italiani sono circa 35.000 - 38.000 (secon-
do alcuni 45.000) su una popolazione di 60,8 milioni di [15] The Maggid of Mezritch Chapter 7 - Opposition
Intensies, Nishmas.org. URL consultato il 6 marzo 2014.
abitanti; la met circa vive a Roma con un numero che
va dai 13.500 ai 14.000, circa 7.000 risiedono a Milano, [16] History of Judaism until 164 BCE, BBC.
mentre gli altri sono sparsi in Comunit medie o picco-
[17] Religion & Ethics - Judaism, BBC. URL consultato il 3
le in tutta la penisola. La sinagoga pi grande d'Italia,
marzo 2014.
nonch una delle pi grandi d'Europa si trova a Trieste.
Casale Monferrato ospita una sinagoga ebraica come di- [18] Religion: Three Religions, One God, PBS
verse ne ospita Venezia, situate nei caratteristici ghetti
[19] Settings of silver: an introduction to Judaism p. 59 di
ebraici: una sinagoga molto bella, con annesso museo si
Stephen M. Wylen, Paulist Press, 2000
trova anche a Merano; di particolare interesse e architet-
tura la Sinagoga di Venezia, con pregiate Tavole della [20] Heribert Busse, Islam, Judaism, and Christianity: Theo-
Legge in legno dorato risalenti al secolo XVIII secolo, nu- logical and Historical Aliations, Markus Wiener Publi-
merosi Rimmonim (terminali per rotoli della Legge) e, in shers, 1998, pp. 63112, ISBN 978-1-55876-144-5.
aramaico biblico, Atarot, (in ebraico sing. "Keter"), co- [21] Irving M. Zeitlin, The Historical Muhammad, Polity,
rone per i rotoli della Legge: tutti sbalzati, cesellati o in 2007, pp. 9293, ISBN 978-0-7456-3999-4.
ligrana d'argento.[157]
[22] Jewish Contributions to Civilization: An Estimate (libro).
In lingua italiana presente un newsgroup di cultura
ebraica moderato da Joram Marino (it.cultura.ebraica). [23] What is the oral Torah?, Torah.org. URL consultato il 3
marzo 2014.

[24] Karaite Jewish University, Kjuonline.com. URL consul-


2.16 Note tato il 3 marzo 2014.

[25] Society for Humanistic Judaism, Shj.org. URL consultato


[1] John Bright, A History of Israel, SCM Press, 1960-66, il 3 marzo 2014.
passim.
[26] Nahum Sarna 1969 Understanding Genesis. New York:
[2] Jacob Neusner, A Short History of Judaism, Fortress Press, Schocken.
1992.
[27] Jacob Neusner, ''Dening Judaism'', in Jacob Neusner and
[3] Norman Solomon, The Talmud, Penguin Books, 2009, Alan Avery-Peck, The Blackwell companion to Judaism
Introduzione, pp.XV-XLV. (Blackwell, 2003), p.3, Books.google.com.au, 23 febbra-
io 2003, ISBN 978-1-57718-059-3. URL consultato il 3
[4] Yehezkal Kauman, The Religion of Israel. marzo 2014.
[5] Robert Alter, The Art of Biblical Poetry. [28] Genesi 17:3-8: Subito Abram si prostr con il viso a terra
e Dio parl con lui: Eccomi: la mia alleanza con te e
[6] E. A. Speiser, Genesis (The Anchor Bible).
sarai padre di una moltitudine di popoli. Non ti chiamerai
[7] Martin Noth, The History of Israel. pi Abram ma ti chiamerai Abraham perch padre di una
moltitudine di popoli ti render. E ti render molto, molto
[8] Ephraim Urbach, The sages, their concepts and beliefs, fecondo; ti far diventare nazioni e da te nasceranno dei
Magnes Press, Universit Ebraica di Gerusalemme, 1979. re. Stabilir la mia alleanza con te e con la tua discendenza
dopo di te di generazione in generazione, come alleanza
[9] Shaye Cohen, The beginnings of Jewishness, University of perenne, per essere il Dio tuo e della tua discendenza dopo
California Press, 1999. di te. Dar a te e alla tua discendenza dopo di te il pae-
se dove sei straniero, tutto il paese di Canaan in possesso
[10] John Day, Yahweh and the Gods and Goddesses of
perenne; sar il vostro Dio; Genesi 22:17-18: Io ti be-
Canaan, Bloomsbury Academic, 2002, p. 68.
nedir con ogni benedizione e render molto numerosa la
[11] Gavin Langmuir, History, religion, and antisemitism, tua discendenza, come le stelle del cielo e come la sabbia
University of California Press, 1993, ISBN 0-520-07728- che sul lido del mare; la tua discendenza si impadronir
8. delle citt dei nemici. Saranno benedette per la tua discen-
denza tutte le nazioni della terra, perch tu hai obbedito
[12] Joshua Freeman, Laying down the (Oral) law, in "The alla mia voce.
Jerusalem Post"
[29] Esodo 20:3 Non avrai altri dei di fronte a me";
[13] Martin Gilbert, Atlante di storia ebraica (trad. ital. di Deuteronomio 6:5 Tu amerai il Signore tuo Dio con tutto
Vanna Lucattini Vogelmann), Giuntina, 2006, ss.vv. il cuore, con tutta l'anima e con tutte le forze.
2.16. NOTE 27

[30] Levitico 19:18 Non ti vendicherai e non serberai rancore [43] The Thirteen Principles of the Jewish Faith, He-
contro i gli del tuo popolo, ma amerai il tuo prossimo brew4Christians. URL consultato il 3 marzo 2014.
come te stesso. Io sono il Signore.
[44] What Do Jews Believe?, Mechon Mamre.
[31] Kadushin, Max, 1972 The Rabbinic Mind. New York:
Bloch Publishing Company, p. 194. Il pi vicino che qualcuno sia mai arrivato a
creare un elenco largamente accettato di cre-
[32] Kadushin, Max, 1972 The Rabbinic Mind. New York: denze ebraiche sono i tredici principi di fede
Bloch Publishing Company. 203 di Maimonide..

[33] I Libri dei Melachim (Re) e Libro di Yeshaiahu (Isaia) [45] The JPS guide to Jewish traditions, p. 510, Quello che al-
nel Tanakh contengono alcuni dei numerosi resoconti bi- la assicur un'accettazione quasi universale fu l'elenco dei
blici dei re israeliti e porzioni dell'antica popolazione di Tredici Principi di Fede.
Israele che adora altri dei. Per esempio: le sue [di Salo-
mone] donne l'attirarono verso dei stranieri... Salomone [46] Judaism 101: Rabbis, Priests and Other Religious
segu Astrte, dea di quelli di Sidne, e Milcom, obbro- Functionaries, Jewfaq.org. URL consultato il 3 marzo
brio degli Ammoniti. Salomone commise quanto male 2014.
agli occhi del Signore e non fu fedele al Signore come lo [47] Judaism 101: What Do Jews Believe?, Jewfaq.org. URL
era stato Davide suo padre (da 1 Re 11:4-10); Re Achab consultato il 3 marzo 2014.
si mise a servire Baal e a prostrarsi davanti a lui. Acab
eresse anche un palo sacro e comp ancora altre cose irri- [48] Description of Judaism, Ontario Consultants on Religious
tando il Signore Dio di Israele, pi di tutti i re di Israele Tolerance, Religioustolerance.org. URL consultato il 3
suoi predecessori.(1 Re 16:31-33); il profeta Isaia condan- marzo 2014.
na il popolo che prepara una tavola per [l'idolo] Gad e
riempie per [l'idolo] Men la coppa di vino drogato"(Isaia [49] Judaism 101: The Patriarchs and the Origins of Judaism,
65:11-12). Jewfaq.org. URL consultato il 3 marzo 2014.

[34] The Jewish roots of Christological monotheism: papers [50] Rietti, Rabbi Jonathan, How Do You Know the Exo-
from the St. Andrews conference on the historical origins dus Really Happened?, jewishinspiration.com. (archiviato
of the worship of Jesus, Books.google.com, 1999, ISBN dall'url originale il 18 settembre 2004). la parola "emu-
978-90-04-11361-9. URL consultato il 3 marzo 2014. nah" stata tradotta incorrettamente nella Bibbia di re
Giacomo semplicemente con credenza o fede, quan-
[35] Steinberg, Milton 1947 Basic Judaism New York: do in verit signica convinzione, che una conoscenza
Harcourt Brace Jovanovich. 36 molto pi enfatica di Dio sulla base dell'esperienza.

[36] Judaism 101: Movements of Judaism, Jewfaq.org. URL [51] Jewish Sacred Texts, ReligionFacts. URL consultato il 3
consultato il 3 marzo 2014. marzo 2014.

[37] Rabbi S. of Montpelier, Yad Rama, Y. Alfacher, Rosh [52] Trattato Sanhedrin 10:1: traduzione disponibile in (EN) a
Amanah. Testi sacri.

[38] Maimonides 13 Foundations of Judaism, Mesora. [53] Victor J. Seidler, Jewish Philosophy and Western Culture:
A Modern Introduction, I. B. Tauris, 2007, e passim.
Tuttavia se egli rigetta uno di questi fonda-
menti, abbandona la nazione ed chiamato [54] Daniel S. Breslauer, S. Daniel, Contemporary Jewish
eretico, negatore dei principi fondamentali e Ethics: A Bibliographical Survey, Westport: Greenwood
deve essere chiamato eretico, ecc.. Press, 1985, nei capitoli relativi.

[39] Rabbi Mordechai Blumenfeld, Maimonides, 13 Principles [55] Jewish Encyclopedia, New York, Funk and Wagnalls,
of Faith, Aish HaTorah. 19011906. - s.v. Compassion.

Secondo il Rambam, accettarli denisce il [56] Zaccaria 6:11; Daniele 11:21


requisito minimo necessario per relazionarsi
[57] Isaia 1:22; Geremia 6:30
all'Altissimo e alla Sua Torah, quale membro
del Popolo di Israele. [58] Levitico 26:19; Geremia 15:12; Giobbe 11:18
[40] Daniel Septimus, The Thirteen Principles of Faith, [59] Isaia 9:17
MyJewishLearning.com.
[60] Jonathan D. Sarna, American Judaism: A History, 2004,
[41] Ronald L. Eisenberg, The JPS guide to Jewish traditions, pp. XIX-XX.
Jewish Publication Society, 2004, p. 509, ISBN 0-8276-
0760-1. [61] Per questa sezione si veda Jewish Denominations su
myjewishlearning.com
Il concetto di dogma ...non un'idea
basilare dell'ebraismo.. [62] Robert Gordis, Torah MiSinai:Conservative Views, su A
Modern Approach to a Living Halachah, Masorti World.
[42] Menachem Kellner, Dogma in Medieval Jewish Thought. (archiviato dall'url originale il 13 luglio 2007).
28 CAPITOLO 2. RELIGIONE EBRAICA

La Torah un'emanazione di Dio... Questo [79] Nosson Scherman, The Complete Artscroll Siddur, 3 ed.,
concetto non signica per noi che il processo Brooklyn, N.Y.: Mesorah Publications, 2003, pp. 49-53.
di rivelazione sia consistito di un dettato da
parte di Dio.. [80] Rabbi Schneur Zalman di Liadi, Nissen Mangel, 2003 Sid-
dur Tehillat Hashem Kehot Publication Society, 2003, pp.
[63] Lawrence Fine, Judaism in Practice: From the Middle Ages 24-25.
Through the Early Modern Period, Princeton University
Press, 2001, pp. 117119. [81] Si vedano Mos Maimonide, Gli Otto Capitoli, La dot-
trina etica cap. VII; e Moshe Chaim Luzzatto, L'articolo
[64] Sono quindi esclusi: Tobia, Giuditta, i libri dei Maccabei, sui princpi cap. VII.
il libro della Sapienza, il Siracide e il libro di Baruc
[82] Voce Prophets and Prophecy su Jewish Encyclopedia.
[65] Commentario a Esodo3, 11-15 in laparola.net.
[83] N.T. Wright, The New Testament and the People of
[66] Judaism 101: A Glossary of Basic Jewish Terms and God, Fortress Press, 1992. (Christian perspective on
Concepts, Union of Orthodox Jewish Congregations in Judaism).
America, 12 aprile 2006.
[84] Per questa sezione specica, con la descrizione dei codici
[67] Gershom Scholem, Le grandi correnti della mistica specici, si veda il sito Jewish Law (Legge Ebraica), alle
ebraica, Einaudi, Milano, 1965. voci relative e nei testi citati.

[68] The Prayer book: Weekday, Sabbath, and Festival tradot- [85] Jewish Virtual Library, s.v. Halakha/Aggadata/Midrash.
to e preparato da Ben Zion Bokser. New York: Hebrew
[86] Paolo De Benedetti, Il Giudaismo Talmudico, in Ebrei
Publishing Company, pp. 9-10.
e cristiani: duemila anni di storia, Ancora, Milano, 2009.
[69] Max Kadushin, The Rabbinic Mind, New York: Bloch
[87] Paolo Sacchi, Il giudaismo del Secondo Tempio, in
Publishing, 1972, p. 213.
Ebraismo, Laterza, Roma-Bari, 2007. ISBN 978-88-420-
[70] Jacob Neusner, Invitation to the Talmud, Stipf & Son, 8366-5.
Oregon, 2003, pp. XVII-XXII. [88] Methods and Categories: Judaism and Gospel, Biblein-
terp.com, 6 novembre 2007. URL consultato il 4 marzo
[71] David Stern, Midrash and Indeterminacy in Critical
2014.
Inquiry, Vol. 15, Nr. 1 (Autunno, 1988), p. 151.
[89] Oscar Sakrsaune, In the Shadow of the Temple:
[72] Jacob Neusner, 2003 Invitation to the Talmud Stipf and
Jewish Inuences on Early Christianity"InterVarsity
Son, Oregon, 2003, pp. XVII-VIX; Adin Steinsaltz, The
Press, 2002, PP.39FF, Books.google.com.au, 2002, ISBN
Essential Talmud New York: Basic Books, 1976, pp. 3-9;
978-0-8308-2670-4. URL consultato il 4 marzo 2014.
Herman Strack, Introduction to the Midrash and Talmud
New York: Atheneum, 1980, p. 95; David Stern, Mi- [90] Yiddish, in Merriam-Websters Collegiate Dictiona-
drash and Indeterminacy in Critical Inquiry, Vol. 15, Nr. ry, 11th, Springeld, Massachusetts, Merriam-Webster,
1 (Autunno, 1988), pp. 132-161 2004, p. 1453, ISBN 0-87779-809-5.
[73] David Stern, Midrash and Indeterminacy in Critical [91] Daniel Boyarin, Introduzione, in A radical Jew: Paul and
Inquiry, Vol. 15, Nr. 1 (Autunno, 1988), p. 147. the politics of identity, Berkeley, California, University
of California Press, 14 ottobre 1994, pp. 1338, ISBN
[74] Abner Cohen, Everymans Talmud, New York: E.P. Dut-
0-520-08592-2, LCCN 93036269. URL consultato il 4
ton & Co., 1949, p. XXIV; Hermann Strack, Introduction
marzo 2014.
to the Midrash and Talmud, New York: Atheneum, 1980,
p. 95. Paolo era motivato dal desiderio ellenisti-
co dell'Uno, che tra le altre cose produceva
[75] Abner Cohen, Everymans Talmud New York: E.P. Dut- un ideale di essenza umana universale, al di
ton & Co., 1949, p. xxiv; Adin Steinsaltz, The Essen- l di dierenza e gerarchia. Questa umanit
tial Talmud New Yorki: Basic Books, 1976, p. 222; Her- universale, tuttavia, era predicata (e lo an-
man Strack, Introduction to the Midrash and Talmud New cora) sul dualismo di carne e spirito, cosic-
York: Atheneum, 1980, p. 95. ch il corpo particolare, segnato median-
[76] Herman Strack, Introduction to the Midrash and Talmud te la pratica come ebreo o greco, e trami-
New York: Atheneum, 1980, p. 95. te l'anatomia come maschio o femmina, ma
lo spirito universale. Paolo per non riget-
[77] , Gerusalemme, 1974, pp. 38- tava il corpo come facevano per esem-
39. pio gli gnostici ma piuttosto promuoveva
un sistema per cui il corpo aveva il suo po-
[78] Rabbino capo Sir Jonathan Sacks, The Koren Sacks Sid- sto, sebbene subordinato allo spirito. Il dua-
dur: Hebrew/English Prayer Book: The Authorized Daily lismo antropologico di paolo era combaciava
Prayer Book of the United Hebrew Congregations of the anche con un dualismo ermeneutico. Proprio
Commonwealth Londra: Harper Collins Publishers, 2006, come l'essere umano suddiviso in una com-
pp. 54-55. ponente carnale ed una spirituale, cos lo
2.16. NOTE 29

anche il linguaggio stesso. composto da se- [110] Judaism 101: Kosher Sex, Jewfaq.org. URL consultato il
gni esteriori, materiali, e signicati interiori, 5 marzo 2014.
spirituali. Quando ci viene applicato al si-
stema religioso che Paolo aveva ereditato, i [111] Karaites, Encyclopedia.com. URL consultato il 5 marzo
segni sici, carnali, della Torah, del giudai- 2014.
smo storico, sono reinterpretati come simboli
[112] Rahel Wasserfall, Women and water: menstruation in
di quello che Paolo interpreta come requisiti
Jewish life and law, Brandeis University Press, 1999,
e possibilit universali per l'umanit..
ISBN 0-87451-960-8.
[92] Daniel Boyarin, Answering the Mail, in A radical
[113] Maurice Lamm, The Jewish Way in Death and Dying,
Jew: Paul and the politics of identity, Berkeley, Ca-
Jonathan David Publishers, 2000.
lifornia, University of California Press, 1994, ISBN
0-520-08592-2. [114] Shabbat, Judaism 101, 12 aprile 2006.
L'ebraicit sconvolge le categorie di identit [115] Per questa sezione si veda in particolare Cristiano Grotta-
stesse, perch non nazionale, n genealogi- nelli, La religione di Israele prima dell'Esilio, in Ebrai-
ca, n religiosa, ma tutte queste insieme, in smo, ed. Laterza, Roma-Bari, 2007, pp. 26-27. ISBN
tensione dialettica tra loro.. 978-88-420-8366-5.
[93] Society for Humanistic Judaism, sito uciale (EN) [116] Per questa sezione e sottosezioni, si consulti Festivals,
[94] Rebecca Weiner, Who is a Jew?, Jewish Virtual Library, su Encyclopaedia Judaica.
2007. URL consultato il 4 marzo 2014. [117] Kosher certication su Oukosher (EN)
[95] ''Reforms Position On...What is unacceptable practice?'', [118] La Torah include anche le istruzioni sui Proseliti e il Tal-
Faqs.org, 29 giugno 2010. URL consultato il 4 marzo mud include anche le istruzioni per i Noachici, che non so-
2014. no i gli di Israele, ma questi non sono temi di primaria
[96] Susannah Heschel, Abraham Geiger and the Jewish Jesus, importanza per l'Ebraismo.
Chicago: University of Chicago Press, 1998, p. 157. ISBN [119] Corano Sura 19:51: Ricorda Mos nel Libro. In verit era
0-226-32959-3 un eletto, un messaggero, un profeta.
[97] Law of Return 5710-1950, Israel Ministry of Foreign [120] Annabel Keeler, Moses from a Muslim Perspective, su:
Aairs, 2007. URL consultato il 4 marzo 2014. Solomon, Norman; Harries, Richard; Winter, Tim (cura-
[98] Jacob, Walter (1987). Contemporary American Reform tori), Abrahams children: Jews, Christians, and Muslims
Responsa. Mars, PA: Publishers Choice Book Mfg., in conversation, T&T Clark Publ. (2005), pp. 55-66.
Books.google.com, 1987, ISBN 0-88123-003-0. URL
[121] Yahd, The Encyclopedia of Islam.
consultato il 4 marzo 2014. pp. 100-106.
[122] Sarah Stroumsa, Maimonides in His World: Portrait of a
[99] Joseph Telushkin, The Book of Jewish Values, Bell Tower,
Mediterranean Thinker, Princeton University Press, 2009
2000.
pp.65-66: "...ben sappiamo il grado di coinvolgimento
[100] Yisrael Rice, Judaism and the Art of Eating, Chabad, 10 di Maimonide nella pi ampia cultura islamica. Sappia-
giugno 2007. URL consultato il 5 marzo 2014. mo per esempio che, per quanto riguarda la scienza e
l'apprendimento, egli era profondamente immerso nella
[101] Shulchan Aruch, Yoreh De'ah, (87:3) cultura degli Hadith e fece del suo meglio per rimanere
al passo con gli sviluppi che si vericavano in essa. La ri-
[102] Judaism 101: Kashrut, Jewfaq.org. URL consultato il 5 luttanza a riconoscere la sua familiarit con la legge mus-
marzo 2014. sulmana quindi sconcertante, soprattutto perch non vi
alcuna prova di questa riluttanza da parte di Maimonide.
[103] Syakh Yitzkhk, Libro di preghiere, in (HE) con (p. 65)
traduzione & commenti, Mamash, Milano, 2005.
[123] Dennis Prager & Joseph Telushkin, Why the Jews?: The
[104] Nathan Ausubel, Tellin, in The Book of Jewish Reason for Antisemitism, New York: Simon & Schuster,
Knowledge, Crown Publishers, 1964, p.458. 1983, pp. 110-126.
[105] Ask the rabbi #207 URL consultato 11/04/2012 [124] Feher, Shoshanah. Passing over Easter: Constructing the
Boundaries of Messianic Judaism, Rowman Altamira,
[106] Simcha Bart, Why is a kittel worn on Yom Kippur,
1998, ISBN 978-0-7619-8953-0, p. 140. Non c' da me-
askmoses.com.
ravigliarsi di questo interesse nello sviluppare un'identit
[107] Vayyiqra (Levitico) 15. etnica ebraica se si pensa agli anni '60, l'epoca in cui sorse
il Giudaismo messianico.
[108] Bamidbar (Numeri) 19.
[125] Yaakov Ariel, Judaism and Christianity Unite! The Uni-
[109] Avi Kehat, Torah tidbits, Ou.org. URL consultato il 5 que Culture of Messianic Judaism, in Eugene V. Gal-
marzo 2014. lagher e W. Michael Ashcraft (a cura di), Jewish and
30 CAPITOLO 2. RELIGIONE EBRAICA

Christian Traditions, Introduction to New and Alter- Publishing Group, 2006, pp. 194195, ISBN 978-0-275-
native Religions in America, vol. 2, Westport, Con- 98714-5, LCCN 2006022954, OCLC 315689134.
necticut, Greenwood Publishing Group, 2006, p. 191,
ISBN 978-0-275-98714-5, LCCN 2006022954, OCLC Quando il termine riemerse in Israele negli
315689134. anni '40 e '50, design tutti gli ebrei che ave-
vano accettato il cristianesimo nella sua for-
Alla ne degli anni '60 e '70, sia gli ebrei ma evangelica protestante. I missionari, co-
che i cristiani si stupirono del sorgere di un me il battista Robert Lindsey, osservarono
forte movimento di cristiani ebrei e di ebrei che per gli ebrei israeliani, il termine noz-
cristiani.. rim, cristiani in ebraico, signicava quasi
automaticamente, una religione aliena, ostile.
[126] Yaakov Ariel, Judaism and Christianity Unite! The Uni- Poich tale termine aveva reso quasi impos-
que Culture of Messianic Judaism, in Eugene V. Galla- sibile convincere gli ebrei che il cristianesi-
gher e W. Michael Ashcraft (a cura di), Jewish and Chri- mo era la loro religione, i missionari cercaro-
stian Traditions, Introduction to New and Alternative Re- no un termine pi neutro, uno che non susci-
ligions in America, vol. 2, Westport, Greenwood Publi- tasse sentimenti negativi. Scelsero Meshichy-
shing Group, 2006, p. 194, ISBN 978-0-275-98714-5, im, messianici, per superare la didenza e
LCCN 2006022954, OCLC 315689134. l'antagonismo del termine nozrim. Meshichy-
im come termine aveva anche il vantaggio di
L'ascesa del giudaismo messianico. Nella
sottolineare il messianismo come componen-
prima fase del movimento, durante i primi
te importante della fede cristiano-evangelica
anni '70 e subito dopo, gli ebrei convertiti
che le missioni e le comunit di ebrei conver-
al cristianesimo crearono varie congregazio-
titi al cristianesimo propagavano. Trasmette-
ni di propria iniziativa. Dierentemente da
va il senso di una nuova religione innovativa,
precedenti comunit di cristiani ebrei, le con-
piuttosto che quello di una vecchia, negativa.
gregazioni del giudaismo messianico erano in
Il termine veniva usato in riferimento a que-
gran parte indipendenti dal controllo di so-
gli ebrei che accettavano Ges come loro per-
ciet missionarie o confessioni cristiane, seb-
sonale salvatore, e non si applicava agli ebrei
bene desiderassero comunque l'accettazione
che accettavano il cattolicesimo di Roma, che
della pi ampia comunit evangelicista..
in Israele sono chiamati cristiani ebrei. Il ter-
[127] J. Gordon Melton. Encyclopedia of Protestantism. Infoba- mine 'giudaismo messianico' stato adottato
se Publishing, 2005, ISBN 978-0-8160-5456-5, p. 373: negli Stati Uniti nei primi anni 1970 da quei
Il giudaismo messianico un movimento protestante che convertiti al cristianesimo evangelico che de-
emerso nell'ultima met del XX secolo tra credenti che sideravano un atteggiamento pi assertivo da
erano di estrazione ebraica ma avevano adottato una fede parte dei convertiti nei confronti delle loro
cristiana evangelica... Negli anni '60, un nuovo impegno di radici ebraiche..
creare un cristianesimo protestante culturalmente ebraico
emerse tra persone che avevano iniziato a chiamarsi ebrei [130] Dan Cohn-Sherbok, Messianic Jewish mission, in
messianici. Messianic Judaism, Londra, Continuum International Pu-
blishing Group, 2000, p. 179, ISBN 978-0-8264-5458-4,
[128] Yaakov Ariel, Judaism and Christianity Unite! The Uni- OCLC 42719687. URL consultato il 10 agosto 2010.
que Culture of Messianic Judaism, in Eugene V. Galla-
gher e W. Michael Ashcraft (a cura di), Jewish and Chri- L'evangelicismo del popolo ebraico quindi
stian Traditions, Introduction to New and Alternative Re- al centro del movimento messianico (ennesi-
ligions in America, vol. 2, Westport, Greenwood Publi- ma impresa di cristianizzare gli ebrei)..
shing Group, 2006, p. 191, ISBN 978-0-275-98714-5,
LCCN 2006022954, OCLC 315689134. [131] Yaakov S. Ariel, Chapter 20: The Rise of Messianic Ju-
daism, in Evangelizing the chosen people: missions to
Sebbene il cristianesimo fosse iniziato nel the Jews in America, 18802000, Chapel Hill, North
primo secolo dell'era volgare come gruppo Carolina, University of North Carolina Press, 2000, p.
ebraico, si separ presto dall'ebraismo e af- 223, ISBN 978-0-8078-4880-7, OCLC 43708450. URL
ferm di rimpiazzarlo; da allora le relazioni consultato il 10 agosto 2010.
tra le due tradizioni sono spesso state dici-
li. Ma nel XX secolo gruppi di giovani ebrei Il giudaismo messianico, pur sostenuto
hanno sostenuto di aver superato le dieren- l'idea di un movimento indipendente di ebrei
ze storiche tra le due religioni e di aver amal- convertiti, rimasto una branca del movi-
gamato l'identit e le tradizioni ebraiche con mento missionario ed i legami non si sono
la fede cristiana.. mai interrotti. L'ascesa del giudaismo mes-
sianico stato, per molti versi, un risultato
[129] Yaakov Ariel, Judaism and Christianity Unite! The Uni- logico della ideologia e della retorica del mo-
que Culture of Messianic Judaism, in Eugene V. Gal- vimento di evangelizzazione degli ebrei, co-
lagher e W. Michael Ashcraft (a cura di), Jewish and me pure la sua precoce sponsorizzazione di
Christian Traditions, Introduction to New and Alterna- varie forme di espressione cristiano-ebraica.
tive Religions in America, vol. 2, Westport, Greenwood Le missioni hanno promosso il messaggio che
2.16. NOTE 31

gli ebrei che avevano abbracciato il cristiane- lo si ama, e noi amiamo Dio seguendo il suo
simo non tradivano il loro patrimonio o addi- Messia. Se prima non si accetta Ges come il
rittura la loro fede, ma stavano eettivamen- Re e quindi lo si obbedisce, essere circoncisi
te realizzando il loro vero essere ebrei diven- ai ni della conversione ebraica ti guadagna
tando cristiani. Le missioni inoltre promuo- solo l'accesso alla comunit ebraica. Non si-
vevano l'idea dispensazionalista che la Chiesa gnica nulla quando si tratta di ereditare un
uguale al corpo dei veri credenti cristiani e posto nel Mondo a venire....
che i cristiani venivano deniti dalla loro ac-
cettazione di Ges come Redentore persona- [135] Jewish Conversion - Giyur, su JerusalemCouncil.org, Je-
le e non dalle loro aliazioni con denomi- rusalemCouncil.org, 2009. URL consultato il 5 febbraio
nazioni speciche e particolari liturgie o mo- 2009.
di di preghiera. Le missioni usavano simbo- Riconosciamo il desiderio delle genti del-
li ebraici nei loro edici e letteratura, chia- le nazioni di convertirsi all'Ebraismo, tramite
mando inoltre i loro centri con nomi ebraici HaDerech (La Via) (Giudaismo messianico),
come Emanuel o Beth Sar Shalom. Allo stes- una setta dell'Ebraismo..
so modo, le pubblicazioni delle missioni pre-
sentavano simboli religiosi ebraici e pratiche [136] Ortodossi
come l'accensione della menorah. Sebbene i
missionari si allarmassero di fronte al movi- Shraga Simmons, Why Jews Don't Believe in Jesus, Aish
mento pi assertivo e indipendente del giu- HaTorah. URL consultato il 6 marzo 2014.
daismo messianico, erano in realt loro stes- Gli ebrei non accettano Ges come messia perch:
si i responsabili della sua concezione e, indi- 1). Ges non realizz le profezie messianiche. 2).
rettamente, della sua nascita. L'ideologia, re- Ges non rappresent le qualiche personali del
torica e simboli che avevano promosso per Messia. 3). I versetti biblici che si riferiscono a
generazioni, fornivano la base per la nasci- Ges sono traduzioni errate. 4). La fede ebraica si
ta di un nuovo movimento che i missionari basa sulla rivelazione nazionale..
in un primo momento respinsero come trop- Conservatori Jonathan Waxman, Messianic Jews Are
po estremo, ma poi accettarono e persino Not Jews, United Synagogue of Conservative Ju-
abbracciarono.. daism, 2006. URL consultato il 14 febbraio 2007
[132] What are the Standards of the UMJC?, su FAQ, Union (archiviato dall'url originale il 28 giugno 2006).
of Messianic Jewish Congregations, giugno 2004. URL Cristiani ebrei, ebrei cristiani, ebrei per Ges, ebrei
consultato il 3 luglio 2000. messianici, ebrei realizzati. Il nome cambia nel cor-
so dei tempi, ma tutti i nomi riettono lo stesso
1. Crediamo in un solo D-o, eternamente fenomeno: chi asserisce di trovarsi a cavallo della
esistente in tre persone, Padre, Figlio e Spi- recinzione teologica tra cristianesimo ed ebraismo,
rito Santo. in verit fermamente dalla parte cristiana... Dob-
2. Crediamo nella divinit di Yeshua Sign- biamo aermare, come ha fatto la Corte Suprema
re, il Messia, nella Sua nascita virginale, nel- israeliana nel noto caso di Frate Daniel, che adotta-
la Sua vita senza peccato, nei suoi miracoli, re il cristianesimo vuol dire esser usciti fuori della
nella Sua morte vicaria ed espiatoria trami- comunit ebraica..
te il Suo sangue versato, la Sua risurrezione
corporea, la Sua ascensione alla destra del Pa- Riformati Missionary Impossible, Hebrew Union Colle-
dre, ed il Suo ritorno personale in potenza e ge, 9 agosto 1999. URL consultato il 14 febbraio
gloria.. 2007.
Missionary Impossible, una fantasiosa guida video e
[133] Israel b. Betzalel, Trinitarianism, JerusalemCouncil.org, vademecum per insegnanti, educatori e rabbini uti-
2009. URL consultato il 3 luglio 2009. le per insegnare a giovani ebrei come riconoscere
Ecco quindi chi Yeshua: non semplice- e rispondere agli ebrei-di-Ges", giudei messia-
mente uomo, e come uomo non da Ada- nici e altri proselitisti cristiani: stato prodotto da
mo, ma da Dio. Egli il Verbo di HaShem, sei studenti rabbinici dello Hebrew Union College-
il Memra, il Davar, il Giusto, non divenuto Jewish Institute of Religions Cincinnati School. Gli
giusto, bens giusto. Egli chiamato Figlio studenti hanno creato il video come strumento per
di Dio, l'agente di HaShem chiamato Ha- insegnare perch le universit ebraiche e le scuole
Shem, ed con HaShem che interagiamo e superiori, nonch le coppie di matrimoni misti sono
non muoriamo.. obiettivi primari di missionari cristiani..
Ricostruzionisti/Rinnovatori FAQs About Jewish Re-
[134] Do I need to be Circumcised?, JerusalemCouncil.org, newal, Aleph.org, 2007. URL consultato il 20
10/02/2009. URL consultato il 6 marzo 2014. dicembre 2007.
Per convertirsi alla setta ebraica di HaDe- What is ALEPHs position on so called messianic Judai-
rech, accettando Ges come tuo Re il pri- sm? ALEPH ha una politica di rispetto per le altre
mo atto del cuore che si volge verso HaShem tradizioni spirituali, ma contesta le pratiche ingan-
e la Sua Torah - siccome non si pu obbedi- nevoli e non collaborer con denominazioni che at-
re a un comandamento di Dio se prima non tivamente prendono di mira gli ebrei per reclutarli
32 CAPITOLO 2. RELIGIONE EBRAICA

[come proseliti]. La nostra posizione sul cosiddetto XIX secolo. Nel corso del 1895 la rivista Our
giudaismo messianico che fa parte del cristia- Hope (La nostra speranza) che diventata
nesimo ed i suoi sostenitori sarebbero pi onesti a uno dei baluardi del movimento evangelico-
chiamarlo cos.. fondamentalista sotto la direzione di C. Ar-
no Gaebelein, portava il sottotitolo A Mon-
[137] Sito uciale multilingue, quello italiano a . thly Devoted to the Study of Prophecy and
to Messianic Judaism (Un settimanale dedi-
[138] Essi [i sacerdoti, quando recitavano la Benedizione sa-
to allo studio della profezia e dell'ebraismo
cerdotale, all'epoca del Tempio] recitavano il nome [di
messianico)"..
Dio] -- cio, il nome jodh-hei-vav-hei, come sta scritto.
Ci quello a cui ci si riferisce con 'nome esplicito' in tut- [147] One Law Movements, di Tim Hegg, TorahResource,
te le fonti. Nella nazione [cio, fuori del Tempio], si legge maggio 2005. (EN)
[usando un altro dei nomi di Dio], ---'( Adonai'), poi-
ch solo nel Tempio questo nome [di Dio] pronunciato [148] Si veda per es. Deborah Dash Moore, American Jewish
come sta scritto. -- Maimonide, Mishneh Torah, Leggi Identity Politics, University of Michigan Press, 2008, p.
della Preghiera e delle Benedizioni Sacerdotali, 14:10 303; Ewa Morawska, Insecure Prosperity: Small-Town
Jews in Industrial America, 1890-1940, Princeton Univer-
[139] Stanley S. Seidner, HaShem: Uses through the Ages, sity Press, 1999. p. 217; Peter Y. Medding, Values, inte-
saggio inedito, Rabbinical Society Seminar, Los Angeles, rests and identity: Jews and politics in a changing world,
1987. Volume 11 in Studies in contemporary Jewry, Oxford Uni-
versity Press, 1995, p. 64; Ezra Mendelsohn, People of the
[140] Jewish Denominations, ReligionFacts. URL consultato il city: Jews and the urban challenge, Volume 15 di Studies
3 marzo 2014. in contemporary Jewry, Oxford University Press, 1999,
[141] Reform Judaism, ReligionFacts. URL consultato il 3 p. 55; Louis Sandy Maisel, Ira N. Forman, Donald Al-
marzo 2014. tschiller, Charles Walker Bassett, Jews in American poli-
tics: essays, Rowman & Littleeld, 2004, p. 158; Seymour
[142] What is Reform Judaism?, Reformjudaism.org. URL Martin Lipset, American Exceptionalism: A Double-Edged
consultato il 3 marzo 2014. Sword, W. W. Norton & Company, 1997, p. 169.

[143] Encyclopdia Britannica, Britannica Online Encyclope- [149] Jewish Population, jewfaq.org. URL consultato il 3 marzo
dia: Bet Din, Britannica.com. URL consultato il 3 marzo 2014.
2014.
[150] World Jewish Population, 2010 di Sergio Della Pergola,
[144] MessianicLife.com, Perfect Word Ministries, 2004. URL Universit Ebraica di Gerusalemme.
consultato il 28 gennaio 2013. [151] Religion, Religions, Religious, saggio di Jonathan Z. Smith,
pubblicato su Mark C. Taylor, cap. XV in Critical Terms
Quali credenti nel Messia Yeshua, siamo
for Religious Studies. University of Chicago Press, 1998.
chiamati a vivere una vita di applicazione
ISBN 978-0-226-79156-2
pratica come ordinato dallo Spirito. Messia-
nicLife.com progettato per aiutare i credenti [152] "Once More, Once More: Derrida, the Jew, the Arab" di Gil
messianici ad avere un cammino pi vicino a Anidjar Acts of Religion. New York & Londra, Routledge
Yeshua, per assistere le famiglie messianiche 2001 ISBN 0-415-92400-6/0-415-92401-4
a partecipare in completezza la vita abbon-
dante promessa dal Messia, ed esortare tut- [153] National Jewish Population Survey e relative statistiche &
ti noi a trasmettere questa vita completa alla
prossima generazione..
[154] Religious service attendance at least once a month di
[145] Russ Resnick, Dening Messianic Judaism (PDF), Union Humphrey Taylor, The Harris Poll (15/10/2003) (EN)
of Messianic Jewish Congregations Theology Committee, [155] World Jewish Population, su Judaism Online.URL
Estate 2002. URL consultato il 28 gennaio 2013. consultato 04/03/2014
[146] David A. Rausch, The Messianic Jewish Congregatio- [156] Elliot N. Dor, This is My Beloved, This is My Friend: A
nal Movement, in The Christian Century, vol. 99, n 28, Rabbinic Letter on Intimate relations, 1994, p. 27.
settembre 1982, p. 926. URL consultato il 28 gennaio
2013. [157] Museo Ebraico di Venezia.

Nell'intervistare i loro leader in giro per gli


Stati Uniti, ho riscontrato una convinzione
diusa che gli altri avessero coniato il ter- 2.17 Bibliograa
mine Ebraismo messianico. Altri ancora
pensavano che il termine avesse avuto ori- Jewish Encyclopedia, New York, Funk and Wag-
gine negli ultimi dieci o venti anni. Anche nalls, 19011906.
la maggior parte dei loro avversari inoltre
convenivano che ci fosse stato cos. Infat- Bernard Lewis, The Jews of Islam, Princeton:
ti, sia il termine Ebraismo messianico che Princeton University Press, 1984. ISBN 0-691-
la frustrazione con il movimento risalgono al 00807-8
2.18. VOCI CORRELATE 33

Paul Johnson, A History of the Jews, HarperCollins, G. M. Tufarulo, Ebraismo ed eternit, Silarus, 2006,
1988. n 243.

Hans Kng, Ebraismo, (tit. orig. Das Judentum, Dante Lattes, Apologia dell'ebraismo, Prefazione
Monaco 1991) Rizzoli, Milano 1993 e succ.ISBN di Rav Giuseppe Laras, Con una nota di Claudio
978-88-17-11229-1 Vercelli, Edizioni La Zisa, Palermo, 2011. ISBN
978-88-95709-90-1
Daniel Boyarin, A Radical Jew: Paul and the Politics
of Identity Berkeley: University of California Press,
1994.
2.18 Voci correlate
Ernest Gugenheim, L'ebraismo nella vita quotidia-
na, Giuntina, Firenze 1994 ISBN 88-8057-000-5 Alleanza (Bibbia)

Cristiano Grottanelli, La religione d'Israele prima Diaspora ebraica


dell'esilio, in Storia delle religioni (a cura di G. Fi-
Dio (Ebraismo)
loramo), vol. 2, Ebraismo e Cristianesimo, Gius.
Laterza & Figli,Bari-Roma, 1995. Dodici trib d'Israele
Jerey S. Gurock, American Jewish Orthodoxy in Ebraismo in Africa
Historical Perspective, 1996, Ktav.
Ebraismo in Italia
Israel Finkelstein, Ethnicity and Origin of the
Iron I Settlers in the Highlands of Canaan: Can Ebraismo Laico Umanista
the Real Israel Please Stand Up?" in The Biblical Ebraismo ortodosso
Archaeologist, 59(4), 1996.
Ebraismo rabbinico
Encyclopaedia Judaica, Keter Publishing, CD-
ROM edition, 1997. Ebraismo riformato

Giordano Berti (a cura di), Il popolo di Mos. Origi- Ebraismo e Cristianesimo


ne e signicato delle feste religiose ebraiche. Oggetti
Ebraismo e Islam
d'arte e di culto dei secoli 15.19. (catalogo della
mostra), Le Tarot, Faenza 1998. Etica ebraica
Alessandro Duce, La Santa Sede e la questione Emancipazione ebraica
ebraica (1933-1945). Studium, Roma 2006 ISBN
88-382-3970-3 Escatologia ebraica

Arthur Green, Queste sono le parole. Un dizionario Esegesi ebraica


della vita spirituale ebraica, Giuntina, Firenze 2002 Fede ebraica
ISBN 88-8057-144-3
Filosoa ebraica
John Day, Yahweh and the Gods and Goddesses of
Canaan, Chippenham: Sheeld Academic Press, Festivit ebraiche
2000.
Goy (ebraismo)
Yeshayahu Leibowitz, La fede ebraica, Giuntina,
Firenze 2001 ISBN 88-8057-128-1 Identit ebraica
Maccabi World Union
Philippe Haddad, L'ebraismo spiegato ai miei amici,
Giuntina, Firenze 2005 ISBN 88-8057-167-2 Matrimonio ebraico
Paolo Merlo, La religione dell'antico Israele, Caroc- Rabbino
ci, Roma 2009 ISBN 978-88-430-5110-6
Scismi ebraici
Mark. S. Smith, The Origins of Biblical Monothei-
sm: Israels Polytheistic Background and the Ugaritic Sionismo
Texts, OUP, Oxford 2001 ISBN 0-19-513480-X Sinagoga
M. Perani (a cura di), L'interculturalit Talmud
dell'ebraismo. Atti del Convegno, Bertinoro (Forl) e
Ravenna, 2003, Longo, Ravenna 2004 Tanakh
34 CAPITOLO 2. RELIGIONE EBRAICA

Terra di Israele

Torah
Testi sacri ebraici

Yeshivah

2.19 Altri progetti

Wikiquote contiene citazioni sulla ebraismo

Wikibooks contiene testi o manuali su


ebraismo

Wikizionario contiene il lemma di dizionario


ebraismo

Wikimedia Commons contiene immagini o


altri le sulla ebraismo

2.20 Collegamenti esterni


Associazione Italiana per lo Studio del Giudaismo,
aisg.it.
Ebraismo Lubavitch in Italia, chabad.it.

Centro di Documentazione Ebraica Contempora-


nea, cdec.it.

Ebraismo in rete - Newsgroup it.cultura.ebraica


Ebraismo Liberale in Italia, levchadash.info.

Associazione Maccabi Italia, maccabi.it.


Unione delle Comunit ebraiche italiane, ucei.it.

Unione Giovani Ebrei d'Italia, ugei.it.

Ghetto Ebraico di Venezia, ghetto.it.


European Association for Jewish Studies - EAJS,
eurojewishstudies.org.
La porta dell'ebraismo italiano in rete, morasha.it.

Global Directory of Jewish Museums, jewishmu-


seum.info.

Commenti sulla Torah, torah.it.


L'Ebraismo spirituale e non solo, kosherlive.com.

Centinaia di lezioni sull'ebraismo in mp3, virtualye-


shiva.it.
Capitolo 3

Torah

Sefer Torah della Synagoge Glockengasse (ricostruzione),[1]


Colonia. Il testo sacro ebraico qui nella sua forma tradizionale
di rotolo.

Trh (in ebraico: ?, a volte scritta Thorah, o Tor:


"istruzione, insegnamento"),[2][3] il riferimento centrale
della tradizione religiosa ebraica ed ha una vasta gamma
di signicati:
Scrigno della Torah in argento (Impero Ottomano), Muse d'Art
Pu signicare pi specicamente i primi cin- et d'Histoire du Judasme, Parigi.
que libri dei ventiquattro libri del Tanakh, det-
ti Pentateuco dai Cristiani. Essi comprendono
l'insieme degli insegnamenti e precetti riconosciuti zione rabbinica, sono stati trasmessi di generazione
dagli ebrei come rivelati da Dio tramite Mos. in generazione e sono ora codicati ed inclusi nel
Talmud e nel Midrash.[4]
Nella letteratura rabbinica la parola Torah deno-
ta sia i primi cinque libri biblici, la Torah Shebi- Il termine Torah indica un insegnamento che ore
chtav ( , Torah che scritta), sia la un sistema di vita per coloro che lo seguono: pu
Torah Orale, Torah Shebe'al Peh ( , designare la narrazione continua da Genesi alla ne
Torah che detta). La Torah Orale comprende le del Tanakh, come pu anche indicare la totalit della
interpretazioni e ampliamenti che, secondo la tradi- cultura e della pratica ebraiche.[5]

35
36 CAPITOLO 3. TORAH

Comune a tutti questi signicati, la Torah costituita dal- 3.2.1 Nel Tanakh stesso
la narrazione fondante degli ebrei: la loro chiamata in es-
sere da Dio, le loro soerenze e tribolazioni, ed il loro Il primo nome dato alla prima parte della Bibbia sembra
patto con Dio, che implica la fedelt ad un modo di vita essere stato La Torah di Mos". Tale titolo per non si
incorporato in una serie di obblighi morali e religiosi e di ritrova n nella Torah stessa, n nelle opere preesiliche
leggi civili (halakhah).[6] babilonesi dei Profeti (Nevim). Appare nel Libro di Gio-
Secondo la tradizione rabbinica, tutti gli insegnamenti su (8:3132;23:6) e nei Libri dei Re (2:3; 14:6;23:25),
presenti nella Torah, sia scritti che orali, furono dati da ma non si pu asserire che si riferisca all'intero cor-
Dio a Mos, un profeta, alcuni sul Monte Sinai e altri pus (secondo la critica biblica accademica).[4] In contra-
presso il Tabernacolo, e tutti furono scritti e raccolti da sto, pare quasi certo che il suo uso nelle opere poste-
Mos nella Torah attuale. Secondo un Midrash, la To- siliche (Malachia 3:22; Daniele 9:11,13; Esdra 3:2;7:6;
rah fu creata prima della creazione del mondo, e fu usata Neemia 8:1; 2 Cronache 23:18;30:16) fosse inteso co-
come matrice per la Creazione.[7] me onnicomprensivo. Altri titoli del primo periodo sono
Il Libro di Mos" (Esdra 6:18; Neemia 13:1; Crona-
che 35:12;25:4; cfr. 2 Re 14:6) e Il Libro della Torah
(Neemia 8:3), che sembra essere una contrazione di un
titolo pi lungo, Il Libro della Torah di Dio (Neemia
3.1 Etimologia 8:8, 18;10:2930; cfr. Neemia 9:3).[13]

3.2.2 Nel mondo greco e poi occidentale

I biblisti cristiani usualmente fanno riferimento ai pri-


mi cinque libri della Bibbia ebraica col titolo Pentateu-
co (gr.: , cinque astucci), termine usato
per la prima volta dall'ebraismo ellenistico di Alessandria
d'Egitto,[14] per indicare i contenitori dei rotoli di papiro
su cui i cinque libri erano scritti. Nel Nuovo Testamento
i cinque libri sono chiamati semplicemente la Legge, o
Legge mosaica.

3.2.3 Nell'Islam

Lettura della Torah I mussulmani si riferiscono alla Torah chiamandola Taw-


rat (arabo: , Legge), parola araba a signicare le
La parola Torah in ebraico deriva dalla radice , che rivelazioni date al profeta islamico Musa (arabo: ,
nella coniugazione hif'il [8] signica guidare/insegnare Mos in lingua araba).
(cfr. Levitico 10:11). Il signicato della parola pertanto
insegnamento, dottrina, o istruzione"; il termine co-
munemente accettato di legge fornisce un'impressione 3.3 La Torah scritta e la liturgia
errata.[9] Altri contesti traduttivi includono tradizione,
teoria, guida,[10] oppure sistema.[11] ebraica
L'ampiezza di signicato del termine Torah stata la
causa per includervi sia la legge scritta dell'ebraismo rab- La maggioranza dei biblisti reputano che i libri scritti fu-
binico sia la legge orale, a comprendere l'intera gamma rono un prodotto del periodo esilico babilonese (c. 600
degli insegnamenti religiosi ebraici autorevoli nel cor- p.e.v.)[15] e che furono completati alla ne del periodo
so di tutta la storia, tra cui la Mishnah, il Talmud, il persiano (c. 400 p.e.v.).[16] Tuttavia si deve tenere conto
Midrash e altro. L'interpretazione di Torah soltanto della scoperta nel 2004 di frammenti della Bibbia ebrai-
come Legge[12] potrebbe essere un ostacolo al capire ca a Ketef Hinnom (Gerusalemme) risalenti al VII secolo
l'ideale racchiuso nel termine talmud torah ( , p.e.v., prima quindi della cattivit babilonese: ci impli-
"studio della Torah").[4] ca che almeno certi elementi della Torah erano presenti
prima dell'esilio di Babilonia.[17][18][19][20]
Tradizionalmente, le parole della Torah vengono scritte
in ebraico su un rotolo di pergamena da un sofer (scriba).
3.2 Altre denominazioni Inoltre bisogna specicare che la Torah va letta da destra
verso sinistra, girando con la manopola sinistra il rotolo.
3.4. STRUTTURA E CONTENUTI 37

Nella liturgia ebraica una porzione della Torah


(Parashah) letta pubblicamente almeno una volta ogni
tre giorni, con l'intonazione prescritta dalla Halakhah
(Legge ebraica), in presenza di una congregazione.[21]
I sommi sacerdoti in passato o le altre persone che
la leggono devono pronunciare molto lentamente,
e chiaramente, le parole perch scritte in una sorta di
ebraico antico ed inoltre, le sacre scritture non vengono
considerate tali se lette con pronuncia errata. Tale lettura
biblica pubblica una delle basi fondamentali della vita
ebraica comunitaria, essendo lo studio della Torah, come
compendio di istruzioni divine date all'ebreo, uno dei
principali precetti dell'ebraismo.[4]
consuetudine completare la lettura della Torah ogni
anno e per questo scopo essa stata suddivisa in 54
parashoth, (plurale di parashah, ossia porzione) quanti
sono i sabati negli anni lunghi (di 13 mesi lunari). Negli
anni di 12 mesi lunari, in alcuni sabati si legge una dop-
pia parashah. Le parashoth prendono il nome dalla prima
o da una delle prime parole con cui hanno inizio che ne
riassumono il messaggio principale.

3.4 Struttura e contenuti


La Torah non un codice legislativo completo e sistema-
tico, ma una base losoca di tipo generale con un gran
numero di leggi speciche e con la storia sacra del po-
polo d'Israele a cominciare dalla creazione del mondo. Sezione del Pentateuco in ebraico, British Library Oriental MS.
Le leggi sono spesso la reminiscenza di abitudini esisten- 4.445, contenente la Massorah Magna e Parva. Questo passo
ti nell'Antico Oriente, ma hanno delle importanti varia- contiene Esodo 20:1-5.
zioni concettuali rispetto ad esse. La struttura del libro
del Deuteronomio dierente dai precedenti, cos talvol-
ta i primi quattro libri della Bibbia sono conosciuti co- Genesi (Gen; , Bereshit: In principio...)
me Tetrateuco (quattro libri). Dal punto di vista storico il
sesto libro della Bibbia, il Giosu, la prosecuzione del Esodo (Es; , Shemot: Nomi)
Deuteronomio, per cui qualche autore parla di Esateuco.
Levitico (Lv; , Vayikra: Ed egli chiam...)
I Samaritani avevano la loro versione della Torah con-
tenente molte varianti, pi vicine alla versione greca dei
Numeri (Nm; , Bamidbar: Nel deserto...), e
Septuaginta che al testo masoretico, portando alla con-
clusione che il testo samaritano si avvicina a versioni
Deuteronomio (Dt; , Devarim: Parole, o
che erano comuni in Palestina ma sono state rigettate dai
Discorsi)
Masoreti.
La forma della Torah narrativa, dall'inizio quando Dio
crea il mondo, attraverso gli inizi del popolo di Israele, la 3.4.1 Genesi
loro scesa in Egitto, no alla consegna della Torah a Mo-
s sul Monte Sinai. Termina con la morte di Mos, ap- Genesi inizia con la cosiddetta storia primeva (Genesi
pena prima che gli Israeliti arrivino nella Terra Promessa 111), la storia dell'inizio del mondo e la discendenza
di Canaan. Intervallati nella narrazione sono gli insegna- da Adamo. A questa segue la storia dei tre patriarchi
menti specici (obblighi religiosi e leggi civili) dati espli-
(Abramo, Isacco e Giacobbe), di Giuseppe (Genesi 12
citamente (cio i Dieci Comandamenti) o implicitamente 50) e le quattro matriarche (Sara, Rebekah, Lea e
incorporati nella storia (come per esempio Esodo 12,13 Rachele). Dio promette la terra di Canaan ai patriarchi,
e le leggi per la celebrazione della Pesach). ma alla ne di Genesi i gli di Giacobbe l'abbandonano
I titoli ebraici della Torah sono presi dalle parole inizia- a causa di una carestia locale e vanno in Egitto. In fatti
li del primo verso dei rispettivi libri riettendone i temi avevano sentito che in Egitto c'era una riserva di grano e
essenziali, che sono: la possibilit della sua distribuzione al popolo.
38 CAPITOLO 3. TORAH

3.4.2 Esodo Sapendo che presto sarebbe morto, Mos nomina Giosu
suo successore, lasciandogli in eredit il manto del
Esodo inizia con la storia della rivelazione divina al po- comando. Dopo poco Israele inizier la conquista di
polo di Israele per mezzo di Mos, che li conduce fuo- Canaan.
ri dall'Egitto (Esodo 118) verso il Monte Sinai. Arri-
vati l, il popolo accetta un'alleanza con Dio, consenten-
do di essere il Suo popolo e di obbedire alla Sua Leg- 3.5 Redazione
ge. Mos riceve la Torah da Dio e trasmette le Sue leg-
gi e l'Alleanza agli Israeliti (Esodo 1924). Esodo tratta
inoltre della prima trasgressione dell'alleanza, quando il
Vitello d'oro viene eretto (Esodo 3234). Esodo include J E
le istruzioni per costruire il Tabernacolo e si conclude con
la sua realizzazione (Esodo 2531;3540).
JE Dtr 1
3.4.3 Levitico Dtr 2
P*
Levitico inizia con le istruzioni agli Israeliti su come usa- D
re il Tabernacolo, che avevano appena costruito (Levitico
110). A queste istruzioni fanno seguito le regole del puro R
ed impuro (Tumah e taharah, Levitico 1115), che inclu-
dono le leggi della macellazione (Shechitah) e gli anima- Torah DH
li che permesso mangiare (si veda anche: Casherut), il
Giorno dell'Espiazione (Levitico 16), e varie leggi mora-
li e rituali a volte chiamate Codice di Santit" (Levitico Schema dell'"ipotesi documentaria o teoria delle quattro fonti
1726). Levitico 26 fornisce una lista dettagliata di ri- del Tanakh.
compense per chi osserva i comandamenti di Dio e una 'J': tradizione Jahwista
lista dettagliata delle punizioni per chi le trasgredisce. 'E': tradizione Elohista
'D': tradizione Deuteronomista
'P': tradizione Codice Sacerdotale
* include la maggior parte del Levitico
3.4.4 Numeri include la maggior parte del Deuteronomio
"Deuteronomic History (Storia deuteronomica)": Giosu,
Numeri narra di come Israele si consolidi come comu- Giudici, Samuele 1&2, Re 1&2
nit al Sinai (Numeri 19), per poi lasciarlo e dirigersi
verso Canaan, facendone ricognizione in quaranta gior- La tradizione ebraica espressa nel Talmud[23] aerma che
ni di esplorazione (Numeri 1013). A causa di mancan- la Torah fu scritta da Mos, con l'eccezione degli ultimi
za di fede in vari momenti, ma specialmente a Kadesh otto versetti del Deuteronomio che descrivono la sua mor-
Barnea (Numeri 14), gli Israeliti sono condannati a va- te e sepoltura.[24][25] La Mishnah[26] include l'origine di-
gare per quaranta anni nel deserto presso le vicinanze di vina della Torah come principio essenziale dell'ebraismo.
Kadesh, invece di poter entrare subito nella Terra Pro- D'altra parte, il consenso accademico moderno sostiene
messa. Anche Mos pecca e gli viene annunciato che non che la Torah sia frutto di molteplici autori e che la sua
vivr abbastanza a lungo per entrare nel paese promes- composizione avvenne nel corso di svariati secoli.[27]
so (Numeri 20). Alla ne di Numeri (2635) Israele si
Naturalmente anche l'asserzione del Prof. John Riches
sposta da Kadesh alle pianure di Moab davanti a Gerico,
un'ipotesi non completamente convalidata da prove
pronti ad entrare nella Terra Promessa.
documentali concrete.

3.4.5 Deuteronomio
3.6 Torah ed ebraismo
Deuteronomio una serie di discorsi di Mos presso
le pianure di Moab davanti a Gerico. Mos proclama 3.6.1 Esegesi ebraica
la Legge (Deuteronomio 1226), d istruzioni in me-
rito al rinnovo dell'alleanza a Sichem (Deuteronomio La Torah il documento primario dell'ebraismo ed la
2728) ed enuncia nuove leggi per Israele (il Codice sorgente delle 613 mitzvot (613 precetti) e della maggior
Deuteronomico).[22] Alla ne del libro (Deuteronomio parte della sua struttura etica. Secondo la tradizione questi
34) a Mos viene permesso di vedere la terra promes- libri furono dati a Mos da Dio sul monte Sinai, il dettato
sa da una montagna, e poi muore. Il testo enfatizza che include sia le citazioni che ogni parola contenuta nel testo,
nessuno sa dove sia sepolto Mos: anche frasi del tipo Dio parl a Mos....
3.6. TORAH ED EBRAISMO 39

3.6.2 Letteratura rabbinica

Gli scritti rabbinici orono varie idee di quando venne


composta la Torah. La rivelazione a Mos sul Monte Si-
nai considerata dalla maggioranza come l'evento rive-
latore. Secondo la datazione del testo da parte di rabbini
ortodossi, ci avvenne nell'anno 1312 p.e.v.;[31] un'altra
data fornita per questo evento l'anno 1280 p.e.v.[32] La
Torah il secondo testo religioso pi antico del mondo,
dopi i Veda.[33]
Il Talmud (Gittin 60a) presenta due opinioni riguardo a
quando la Torah fu scritta da Mos. Un'opinione sostie-
ne che venne scritta da Mos gradualmente nel corso di
molti anni, mentre gli veniva dettata, e la n quando stava
per morire, e l'altra opinione aerma che Mos scrisse la
Torah nella sua interezza in un unico periodo prima del-
la morte, basandosi su quello che gli era stato dettato nel
corso degli anni.
Il Talmud (Menachot 30a) dice che gli ultimi otto versetti
della Torah che descrivono la morte e sepoltura di Mos
non potevano essere stati scritti da Mos stesso, altrimen-
ti sarebbero stati una falsit, ma furono scritti dopo la sua
morte da Giosu. Abraham ibn Ezra e Joseph Bonls (XI
secolo) osservano che le frasi di quei versetti presentano
delle informazioni che la gente poteva conoscere solo do-
Presentazione della Torah - Muse d'Art et d'Histoire du po il tempo di Mos. Ibn Ezra allude,[34] e Bonls aerma
Judasme (Parigi, 1860) esplicitamente, che Giosu scrisse quei versetti molti an-
ni dopo la morte di Mos. Altri commentatori[35] non ac-
cettano questa posizione e sostengono che, sebbene Mo-
s non potesse aver scritto quegli otto versetti, tuttavia gli
furono dettati e Giosu li trascrisse in base a istruzioni
I rabbini considerano che le parole della Torah non forni- lasciate da Mos stesso, e che la Torah spesso descrive
scono solo un messaggio divino esplicito ma sono anche eventi futuri, alcuni dei quali devono ancora avvenire.
portatrici di un messaggio intrinseco che si estende oltre il
loro signicato. Infatti sostengono che anche il pi picco- Il Talmud (Trattato Sabbath 115b) aerma inoltre che
lo segno della lettera ebraica stato messo l da Dio come una particolare sezione del Libro dei Numeri[36] (10:3536,
insegnamento. A monito di questo viene posta una yod circoscritta da lettere ebraiche nun invertite) in eetti
nella frase: Io sono il Signore tuo Dio ed in quella spesso forma un libro separato. A riguardo di questo versetto un
ripetuta: E Dio disse a Mos poich la yod il pi piccolo midrash del libro Mishle (ital. Libro dei Proverbi) aerma
segno indipendente dell'alfabeto ebraico.[29] che Questi due versetti provengono da un libro indipen-
dente che esisteva, ma fu soppresso!" Un altro midrash
Anche rabbi Akiva, che mor nell'anno 135, disse che (forse antecedente), Ta`ame Haserot Viyterot, riporta che
aveva imparato una nuova legge da ogni et della Torah questa sezione in verit proviene del libro della profezia di
(Talmud, trattato Pesachium 22b); la parola et non ha al- Eldad e Medad. Il Talmud dichiara che Dio dett quattro
cun signicato da sola, serve soltanto a segnalare il caso libri della Torah, ma Mos scrisse il Deuteronomio per
accusativo. Cio per concludere che, secondo la tradizio- conto suo, con sue parole (Talmud babilonese, Megill
ne ebraica ortodossa, anche la frase E Dio disse a Mos 31b).
tanto importante quanto lo quello che Dio ha detto a
Mos.[29] Tutte le interpretazioni rabbiniche classiche sostengono
che la Torah fu interamente o quasi interamente mosaica
Un'interpretazione della Cabala consiste nel vedere la To- e di origine divina.[37]
rah costituita come il lungo nome di Dio che si spezzato
in pi parole per permettere alle menti umane di com-
prenderlo, ma non l'unico modo in cui pu essere spez- 3.6.3 Uso rituale
zato: secondo gli ebrei ortodossi le lettere e i suoni del-
la Torah possono dare origine a signicati dierenti se La lettura della Torah (in ebraico: ? , K'riat
spostati.[30] HaTorah - Lettura [de]lla Torah) un rituale religio-
40 CAPITOLO 3. TORAH

Durante le festivit ebraiche, agli inizi di ogni mese


e nei giorni di digiuno, si leggono sezioni speciali
collegate con tali giorni.

Gli ebrei osservano una festivit annuale, Simchat Torah,


per celebrare il completamento e il nuovo inizio del ciclo
annuale di letture.[41]
I rotoli della Torah vengono spesso rivestiti da una fascia,
o copertura speciale, da vari ornamenti e da una Keter
(corona), sebbene tali usanze varino a seconda delle sina-
goghe. La congregazione usualmente sta in piedi quando
la Torah viene trasportata fuori dall'Aron per essere let-
ta, quando viene elevata e anche quando viene riportata
all'Aron, ma si siede durante la lettura stessa.[41]

3.6.4 Legge biblica

Rotoli della Torah in una sinagoga aschenazita (Istanbul,


Turchia). I rotoli di pergamena sono qui ricoperti da involucri
di stoa decorati.

so ebraico che richiede la lettura pubblica di una serie di


passi da un rotolo della Torah (Sefer Torah). Il termine si
riferisce spesso all'intera cerimonia di asportare il rotolo
dall'Aron (Armadio sacro), intonando il brano appropria-
to con una cantillazione speciale, per poi riportare il roto-
lo nel suo armadio. una funzione dierente dallo studio
accademico della Torah stessa e non bisogna confondere Mos e Aronne con le Tavole della Legge (1692), Museo Ebraico
le due osservanze. di Londra

La regolare lettura pubblica della Torah fu introdotta da La Torah contiene narrazioni, esposizioni di legge, e
Esdra lo Scriba dopo il ritorno del popolo ebraico dal- istruzioni di etica. Collettivamente queste leggi, di soli-
la cattivit babilonese (ca. 537 p.e.v.), come descritto to chiamate legge biblica o comandamenti, sono a volte
nel Libro di Neemia.[38] Nell'era moderna, gli aderen- indicate con l'appellativo Legge di Mos (Torat Moshe in
ti all'ebraismo ortodosso svolgono la lettura della Torah ebraico: ) ?, Legge mosaica, o Legge sinaitica.
secondo una procedura ssa che aermano sia rimasta Nello specico:[42]
invariata per duemila anni, dalla distruzione del Tempio
(anno 70). Nei secoli XIX e XX, nuovi movimenti qua-
li l'Ebraismo riformato e l'Ebraismo conservatore han- 613 Mitzvot, i 613 comandamenti contenuti nella
no fatto modiche alla pratica della lettura biblica, ma Torah
il modello di base di solito rimasto uguale, come segue:
Mitzvah, comandamento divino, atto di bont,
Quale parte dei servizi liturgici di preghiera in certi buona azione
giorni della settimana o durante le festivit ebraiche,
viene letta una sezione del Pentateuco da un rotolo Regole per i proseliti
della Torah. La mattina dello Shabbat (sabato), si
legge una sezione settimanale ("parasha"), scelta in Sette leggi di No, serie d'imperativi morali applica-
modo tale che l'intero Pentateuco possa essere letto bili a tutte le nazioni, inclusi i non-ebrei (obbedienza
consecutivamente ogni anno.[39][40] Nei pomeriggi al Noachismo assicura un posto nel Mondo a venire)
del sabato, e nelle mattine del luned e gioved, si
legge l'inizio della porzione del sabato successivo. I Dieci Comandamenti
3.8. SIGNIFICATO DIVINO DELLE LETTERE E MISTICISMO EBRAICO 41

3.7 La Torah Orale non incluse nella Mishnah, furono registrate come Barai-
tot (insegnamenti esterni) e "Tosefta". Altre tradizioni
[45]
La tradizione rabbinica sostiene che Mos venne ad ap- ancora furono messe per iscritto come "Midrashim".
prendere l'intera Torah mentre visse sul Monte Sinai per Dopo continue persecuzioni ulteriori parti della legge
40 giorni e notti, e sia la Torah orale che quella scritta orale vennero messe per iscritto. Molte pi lezioni, inter-
furono trasmesse in parallelo tra loro. Dove la Torah la- pretazioni e tradizioni solo citate brevemente nella Mi-
scia indeniti parole e concetti, e cita procedure senza shnah, divennero migliaia di pagine raccolte in quella
darne una spiegazione o istruzioni, il lettore deve cercare che ora si chiama Ghemara. La Ghemara scritta in
i particolari mancanti in fonti supplementari note come aramaico e fu compilata a Babilonia. La Mishnah e la
legge orale o Torah orale.[43] Alcuni dei comandamen- Ghemara insieme sono chiamate Talmud. Anche i rab-
ti pi importanti della Torah che necessitano di ulteriori bini di Israele raccolsero le proprie tradizioni e le redas-
spiegazioni sono: sero in quello che viene chiamato il Talmud gerosolimi-
tano (Yerushalmi). Poich la maggioranza dei rabbini vi-
Tellin (ebr. ), detti anche latteri": come in- vevano a Babilonia, il Talmud babilonese (Bavli) ha la
[45]
dicato in Deuteronomio 6:8, a in altri punti, i tellin precedenza, nel caso i due si trovino in conitto.
devono essere indossati sul braccio e sulla testa tra I movimenti ortodossi e conservatori dell'ebraismo ac-
gli occhi. Tuttavia, non vengono forniti dettagli in cettano questi testi come base di tutta l'Halakhah (Leg-
merito a cosa siano i tellin o come debbano essere ge ebraica) successiva e di tutti i codici giuridici ebrai-
costruiti. ci ritenuti normativi. L'ebraismo riformato e quello
Casherut (ebr. , letteralmente adeguatezza): ricostruzionista negano che questi testi, o persino la stessa
come indicato in Esodo 23:19 e altrove, un capretto Torah, possano essere utilizzati per determinare il diritto
non pu essere cotto nel latte di sua madre. Oltre a normativo (leggi accettate come vincolanti), ma li accet-
numerosi altri problemi che ostacolano la compren- tano come autentici e unici per comprendere la Torah ed
sione di questa legge di natura ambigua, nella Torah il suo sviluppo nel corso della storia. L'Ebraismo Uma-
non ci sono caratteri di vocalizzazione; essi vengo- nista sostiene che la Torah sia un testo storico, politico
no forniti dalla tradizione orale.[44] Ci diventa par- e sociologico, ma non crede che ogni parola della Torah
ticolarmente importante in questa legge, poich la sia vera, o anche moralmente corretta. L'ebraismo uma-
parola ebraica di latte ( ) identica alla parola nista mette spesso in discussione la Torah e pu scegliere
grasso animale quando mancano le vocali. Senza di esserne in disaccordo, ritenendo che l'intera esperien-
tradizione orale, non si saprebbe se la trasgressione za ebraica, non solo la Torah, dovrebbe essere la fonte
consista nel mischiare la carne col latte oppure col ebraica di comportamento e di etica.[47]
grasso.

Leggi dello Shabbat (ebr. , festa del riposo os- 3.8 Signicato divino delle lettere e
servata ogni sabato): data la severit della punizione
per la violazione dello Shabbat, cio la pena di mor- misticismo ebraico
te, ci si aspetterebbe che venisse fornita una direttiva
precisa su come dovesse essere osservato un coman-
damento cos essenziale. Tuttavia, la maggior parte
delle informazioni riguardo alle regole e tradizioni
dello Shabbat sono dettate nel Talmud e in altri libri Trascrizione di frase biblica in lingua ebraica artistica, da Esodo
derivanti dalla legge orale ebraica.[45] 3:14

I cabalisti sostengono che non solo le parole della Torah


Secondo testi rabbinici classici questa serie parallela di contengano un messaggio divino , ma indichino anche un
materiali fu trasmessa originariamente a Mos nel Si- messaggio pi importante che si estende ben oltre le sole
nai, e poi da Mos a Israele. A quel tempo era proibi- parole. Pertanto aermano che anche soltanto un sempli-
to mettere per iscritto e pubblicare la legge orale, poich ce segno come il kotzo shel yod () , il serif della
qualsiasi scrittura sarebbe stata incompleta e soggetta a lettera ebraica yod (), la lettera pi piccola, o marcatu-
travisamenti e abusi.[46] re decorative, o parole ripetute, furono trasmesse da Dio
Tuttavia, dopo l'esilio, la dispersione e la persecuzio- per insegnare molteplici lezioni. Ci indipendentemente
ne, questa tradizione venne abbandonata quando apparve dal fatto che lo yod appaia nella frase Io sono il Signo-
chiaro che scriverla fosse l'unico modo di conservare la re, tuo Dio (in ebraico: ? , Esodo 20:2) o
Legge Orale. Dopo molti anni di impegno da parte di un che appaia in Dio parl quindi a Mos e gli disse (in
gran numero di Tannaim, la tradizione orale fu messa per - , ? Esodo
ebraico: . ,;
iscritto verso l'anno 200 e.v. da Rabbi Judah haNasi, che 6:2). In modo simile, Rabbi Akiva (ca. 50 135), si di-
ne compil una versione nota col titolo di "Mishnah" (in ce abbia appreso una nuova legge per ogni et ( )della
ebraico: ) ?. Altre tradizioni orali dello stesso periodo Torah (Talmud, Trattato Pesachim 22b); la parola et di
42 CAPITOLO 3. TORAH

per se stessa senza signicato e serve solo a marcare il Secondo la legge ebraica, un sefer Torah (plurale: Sifrei
complemento oggetto diretto. In altre parole, convin- Torah) una copia del testo formale ebraico scritta a ma-
zione dell'ebraismo ortodosso che anche un testo appa- no su gevil o qlaf (forme di pergamena) usando una penna
rentemente contestuale come Dio parl quindi a Mos e d'oca (o altro utensile permesso) bagnato d'inchiostro.
gli disse... non sia meno importante del pronunciamento Scritta interamente in lingua ebraica, un Sefer Torah con-
stesso.[48] tiene 304.805 lettere, tutte duplicate precisamente da un
Un'interpretazione cabalistica asserisce che la Torah co- sofer ("scriba"), impegno che pu richiedere circa un an-
stituisca il nome esteso di Dio e che fu suddiviso in paro- no e mezzo. La maggior parte dei Sifrei Torah sono scrit-
ti con un testo di quarantadue righe a colonna (gli ebrei
le cosicch la mente umana potesse comprenderlo. Men-
tre questo ecace in quanto si accorda con la ragio- yemeniti ne usano cinquanta), e vengono osservate rego-
le molto rigorose circa la posizione e congurazione delle
ne umana, non l'unico modo in cui il testo pu essere
suddiviso.[48] lettere ebraiche.[50] Diversi caratteri ebraici possono es-
sere utilizzati, la maggior parte dei quali sono alquanto
ornati e impegnativi.

3.9 Produzione e uso del rotolo Il completamento di un Sefer Torah viene festeggiato con
grandi celebrazioni, ed una mitzvah per ogni ebreo scri-
della Torah vere, o far scrivere per proprio conto, un Sefer Torah. I
rotoli della Torah sono custoditi nella parte pi sacra del-
la sinagoga, nell'Armadio Sacro noto come Arca Santa
(in ebraico: ? Aron haQodesh): Aron in ebrai-
co signica armadio o ricettacolo, e kodesh deriva da
kadosh = santo.

3.10 Traduzioni

Puntatori di pagina (yad) per leggere la Torah

I rotoli della Torah manoscritti sono tuttora usati e co-


piati da scribi (soferim) per ni rituali (cio, servizi re-
ligiosi); il rotolo stesso chiamato Sefer Torah (Libro
[della] Torah). I testi sono scritti usando una metodolo-
gia particolare, laboriosa e minuziosa, da parte di scri-
bi altamente qualicati. Questo sistema, secondo il bibli-
sta B. Barry Levy, ha prodotto la supposizione popolare
che durante l'epoca rabbinica non siano mai stati appor-
tati cambiamenti alla Bibbia. Tuttavia, continua Levy,
questo semplicemente non concorda coi fatti.[49] Si cre-
de che ogni parola, o segno, abbia un signicato divino,
e che assolutamente nessuna parte possa essere cambiata
inavvertitamente, per timore che faccia cadere in erro-
re. La fedelt del testo ebraico del Tanakh, e della Torah
in particolare, considerata di suprema importanza, no
all'ultima lettera: traduzioni o trascrizioni sono malviste Il primo capitolo di Bereshit (Genesi) scritto su un uovo, Museo
nell'uso formale delle funzioni religiose, e la trascrizio- di Gerusalemme
ne viene eseguita con massima cura. Un errore di una
sola lettera, ornamento, o simbolo delle 304.805 lettere
stilizzate che compongono il testo ebraico della Torah, 3.10.1 Aramaico
rende un rotolo inadatto, necessaria quindi una compe-
tenza speciale e una pergamena richiede molto tempo per Il Libro di Esdra fa riferimento a traduzioni e commentari
scriverla e controllarla. del testo ebraico in aramaico, la lingua pi comunemente
3.11. IN ALTRE RELIGIONI 43

diusa in quel tempo. Tali traduzioni sembra risalgano al


VI secolo prima dell'era volgare. Il termine aramaico per
traduzione Targum.[51] L`Encyclopaedia Judaica riporta
quanto segue:
Tuttavia non esiste indicazione che queste traduzioni fos-
sero messe per iscritto cos presto. Si suppone comun-
que che il Targum fosse trascritto in un periodo alquanto
antico, ma solo per uso privato:

3.10.2 Greco

Una delle prime traduzioni conosciute dei primi cinque


libri di Mos dall'ebraico al greco fu la Septuaginta. Que-
sta una versione in koin della Bibbia ebraica (Tanakh)
che fu usata da chi parlava greco. L'appellativo provie-
ne dal latino: septem signica sette, e -gint signica per
dieci. Fu chiamata cos per il numero dei suoi tradutto-
ri, che furono appunto settanta, Septuaginta. Questa ver-
sione greca delle Scritture ebraiche risale al terzo se-
colo p.e.v., ed associata originariamente al giudaismo
ellenistico.[52] Contiene sia una traduzione dell'ebraico sia
materiale variante.[53]
Ulteriori traduzioni in greco includono sette e pi versio- Copertina della Biblia Hebraica Stuttgartensia
ni, la pi conosciuta delle quali forse quella del Targum
di Onkelos il Proselita, che ancora usata come stru-
mento per gli studi della Torah e citata ampiamente da Traduzioni ebraiche
Rashi in dibattiti di etimologia. Le altre sopravvivono in
frammenti, tra cui quelli di Aquila di Sinope, di Simmaco La Torah stata tradotta da biblisti ebrei nella maggior
l'Ebionita e di Teodozione.[54] parte delle lingue europee, incluso l'inglese,[57] tedesco,
russo, francese, spagnolo e portoghese, e altre. La tradu-
zione tedesca pi conosciuta fu prodotta da Samson Ra-
phael Hirsch. In italiano, Samuel David Luzzatto (e con-
3.10.3 Latino tinuatori) tradusse in volgare e pubblic negli anni 1868-
1875 La Sacra Bibbia, per i tipi di Minelli, Rovigo, in 4
Le prime traduzioni in lingua latina la versione Vetus volumi.[58]
latina furono conversioni speciche di parti della
Septuaginta. Con Sofronio Eusebio Girolamo nel IV se-
colo arriv la traduzione latina della Bibbia ebraica, la Traduzioni cristiane
Vulgata.[55]
Quale parte del canone biblico cristiano, la Torah stata
tradotta in centinaia di lingue.[59]
3.10.4 Arabo

A partire dall'VIII secolo, la lingua culturale degli ebrei


3.11 In altre religioni
che vivevano sotto il dominio islamico divenne l'arabo
invece che l'aramaico. Verso quel tempo, sia gli studiosi Mentre il cristianesimo include i cinque libri di Mos
religiosi sia i laici iniziarono a produrre traduzioni del- (Pentateuco) tra i testi sacri del suo Antico Testamen-
la Bibbia in giudeo-arabo usando l'alfabeto ebraico. In to, l'islam aerma che solo la Torah originale fu man-
seguito, nel X secolo, la versione standard della Bibbia data da Dio. In nessuna delle due religioni la Torah con-
venne tradotta in giudeo-arabo, la pi conosciuta essen- serva l'importanza legale religiosa che ha nell'ebraismo
do quella di Saadya Gaon, che continua ad essere usata a ortodosso.
tutt'oggi, in particolare dagli ebrei yemeniti.[56] Nei primi centri del cristianesimo la Septuaginta veniva
usata da chi parlava il greco, mentre i Targum aramaici
erano usati da chi parlava aramaico, come per esempio
3.10.5 Lingue moderne nella chiesa ortodossa siriaca. La Septuaginta era conside-
rata la forma standard dell'Antico Testamento dalla prima
44 CAPITOLO 3. TORAH

chiesa cristiana greca ed correntemente considerata ca- [8] Coniugazione verbale ebraica": in ebraico, i verbi, pren-
nonica dalla chiesa ortodossa orientale.[60] Sebbene le va- dendo la forma di temi derivati, sono coniugati in modo
rie confessioni cristiane abbiano versioni dell'Antico Te- da riettere il loro tempo e modo, anche in accordo con i
stamento leggeremente dierenti nelle rispettive Bibbie, loro soggetti nel genere, numero e persona.
la Torah come Pentateuco (o "Legge mosaica") comune [9] Louis Isaac Rabinowitz & Warren Harvey, Torah, Ency-
a tutte.[59] clopaedia Judaica, curr. Michael Berenbaum e Fred Skol-
Il Quran fa molti riferimenti a Mos (Musa) per confer- nik, Vol. 20, 2 ed., Macmillan Reference USA, 2007, pp.
mare la verit della sua esistenza e le direttive date da Dio 3946.
ai Figli di Israele. Secondo il Quran, Allah dice: Ha fatto [10] Philip Birnbaum, Encyclopedia of Jewish Concepts,
scendere su di te il Libro (Quran) con la verit, a confer- Hebrew Publishing Company, 1964, p. 630
ma di ci che era prima di esso. E fece scendere la Torh
e l'Ingl (Vangelo)" (Sura III.3). [11] Reuben Alcalay, The Complete Hebrew English dic-
tionary, vol. 2, Hemed Books, 1996, p. 2767. ISBN
I mussulmani chiamano la Torah Tawrat (o Torh) e la 978-965-448-179-3
considerano parola di Dio data a Mos. Tuttavia credo-
no anche che questa rivelazione originale sia stata corrot- [12] Nosson Scherman (cur.), Tanakh, Vol. I, The To-
ta (tahrif - in arabo: , distorsione, alterazione) (o rah, Mesorah Publications, 2001, Exodus 12:49, pp.
semplicemente alterata dal passar del tempo e dalla falli- 164165.
[61]
bilit umana) nel tempo dagli scribi ebrei e non sono [13] Nahum M. Sarna, et al. Bible, Encyclopaedia Judaica,
quindi molto devoti alla versione ebraica della Torah curr. Michael Berenbaum & Fred Skolnik, Vol. 3, 2 ed.,
(cfr. Sura VII.144).[62] La Torah viene comunque sem- Macmillan Reference USA, 2007, pp 576577.
pre citata nel Quran con rispetto e la fede mussulmana
nella Torah, come anche nell'elezione profetica di Mos, [14] The World and the Word: An Introduction to the Old Testa-
uno dei sei articoli di fede dell'islam.[63] ment, cur. Eugene H. Merrill, Mark Rooker, Michael A.
Grisanti, 2011, p. 163: Part 4 - The Pentateuch by Mi-
chael A. Grisanti: Il termine Pentateuch deriva dal greco
pentateuchos, letteralmente, ... Il termine greco apparente-
3.12 Note mente venne diuso dagli ebrei ellenizzati di Alessandria,
Egitto, nel primo secolo d.C...
Torah, voce su Jewish Virtual Library [15] Questa pagina usa il sistema temporale con locuzione
era volgare (abbreviata in e.v.), contrapposta a prima
Torah, voce su Jewish Encyclopedia, New York,
dell'era volgare (o anche abbreviata in p.e.v.), che indi-
Funk and Wagnalls, 19011906. ca il posizionamento temporale di una data relativamente
al calendario gregoriano (o giuliano, se specicato). So-
[1] La Synagoge Glockengasse fu distrutta durante la no indicati con tale locuzione gli anni 1 e successivi, e
Kristallnacht il 9 novembre 1938, insieme alla altre sina- con p.e.v. gli anni precedenti. La locuzione deriva da Ae-
goghe di Colonia (cfr. fotograa qui). Ne occupa ora il sito ra Vulgaris, usata per la prima volta nel 1615 da Giovanni
il moderno Teatro Oper Kln. Una targa di bronzo sulla Keplero, volendo indicare il concetto di era secondo l'uso
sua facciata in Oenbachplatz ricorda la singagoga e la comune. Da notare che questa terminologia stata adot-
sua storia il disegno e l'architettura sono stati ricostruiti tata in diverse culture non-cristiane, da molti studiosi di
virtualmente qui e qui. studi religiosi e di altri settori accademici per non speci-
care il riferimento a Cristo, dal momento che la datazione
[2] David M. Sarna, BIBLICAL LITERATURE: HEBREW sarebbe scorretta (Cristo sarebbe nato circa 7 anni prima,
SCRIPTURES, in The Encyclopedia of Religion, NY, Mac- sotto Erode, della data convenzionale) e da altri che desi-
millan, 2004, p.878: Il termine ebraico torah, usualmente derano utilizzare termini non-cristiani: con questa anno-
ma inaccuratamente reso con legge, signica istruzio- tazione infatti, non si fanno esplicitamente uso del titolo
ne, insegnamento... Chiamata in modo pi completo la religioso per Ges (Cristo), che utilizzato nella notazio-
Torah di Mos". ne avanti Cristo e dopo Cristo. Quindi, per fare un
esempio, 50 e.v. signica 50 anni dopo il convenziona-
[3] Si vedano anche le denizioni su Enciclopedia Trec-
le anno zero dell'era cristiana, posizionato 754-753 anni
cani, s.v. Torah e l'approfondimento s.v. Ebraismo
dopo la leggendaria fondazione di Roma secondo il com-
con contributo di Elena Loewenthal.URL consultati
puto ab Urbe condita e quello del calendario giuliano. Cfr.
23/08/2015
History of the World Christian Movement.URL consultato
[4] Philip Birnbaum, Encyclopedia of Jewish Concepts, 23 agosto 2015
Wadsworth, 1979, pp. 630-1 e segg.
[16] (EN) Joseph Blenkinsopp, The Pentateuch: An introduc-
[5] Jacob Neusner, The Emergence of Judaism, 2004, p. 57. tion to the rst ve books of the Bible, Anchor Bible Re-
ference Library, New York, Doubleday, 1992, p. 1, ISBN
[6] Joseph Telushkin, Biblical Literacy, William Morrow, 0-385-41207-X.
1997, Parte I: The Torah, ss.vv.
[17] James Davila, MORE ON THE KETEF HINNOM
[7] Vol. 11 Trumah, Sezione 61. AMULETS in Ha'aretz", Paleojudaica, settembre 2004.
3.12. NOTE 45

[18] Grabiel Barkay, et al., The Challenges of Ketef Hin- [37] Per maggiori informazioni su queste problematiche dal-
nom: Using Advanced Technologies to Recover the Ear- la prospettiva dell'ebraismo ortodosso, si vedano Modern
liest Biblical Texts and their Context, (EN) Near Eastern Scholarship in the Study of Torah: Contributions and Li-
Archaeology, 66/4 (dicembre 2003, pp. 162-171. mitations, cur. Shalom Carmy, Rowman & Littleeld,
1996, e Handbook of Jewish Thought, Volume I, di Aryeh
[19] Solving a Riddle Written in Silver (EN) Kaplan, Maznaim Pub. Corp., 1979.
[20] Articolo: Silver scrolls are oldest O.T. scripture, archaeo-
[38] Libro di Neemia 8.
logist says, di Gary D. Myers.URL consultato 23 agosto
2015
[39] La divisione in parashot presente nei rotoli moderni della
[21] Talmud babilonese Bava Kamma 82a. Torah, in tutte le comunit ebraiche (aschenazite, sefardite
e yemenite) si basa su una lista sistematica fornita da
[22] Michael D. Coogan, , A Brief Introduction to the Old Testa- Maimonide nella Mishneh Torah, Leggi dei Tellin, Me-
ment: The Hebrew Bible in Its Context, Oxford University zuzah e Rotoli della Torah, capitolo 8. Maimonide bas la
Press, 2009, pp. 148149. sua divisione sulle parashot della Torah nel Codex Alep-
po. Sebbene inizialmente messo in dubbio da Umberto
[23] Trattato Bava Basra 14b. Cassuto, questo testo stato universalmente accettato da-
gli studiosi moderni. Cfr. sito uciale del Codex Aleppo,
[24] (EN) Louis Jacobs, The Jewish religion: a compa- con relativi commentari.
nion, Oxford University Press, 1995, p. 375, ISBN
978-0-19-826463-7. URL consultato il 23 agosto 2015. [40] Le sinagoghe conservatrici e riformate possono leggere le
parashot con un programma triennale piuttosto che an-
[25] Talmud, Bava Basra 14b.
nuale, cfr. The Authentic Triennial Cycle: A Better Way to
[26] Mishnah, Sanhedrin 10:1. Read Torah?.

[27] (EN) John J. McDermott, Reading the Pentateuch: a hi- [41] Adin Steinsaltz, A Guide to Jewish Prayer, ed. (HE) 1994,
storical introduction, Pauline Press, 2002, p. 21, ISBN trad. (EN) 2000, Schocken Books, pp. 259-262.
978-0-8091-4082-4. URL consultato il 23 agosto 2015.
[42] Le 613 mitzvt. Estratto dal Sfer HaMitzvt di Maimo-
[28] (EN) John Riches, The Bible: A Very Short Introduction, nide, a cura di Moise Levy, Lamed, 2002; Noachismo,
Oxford University Press, 2000, pp. 1920, ISBN 978-0- sul Sito Noachide; Moshe Weiner, The Divine Code, cur.
19-285343-1. Michael Schulman, Vol. I, 2008, Ask Noah International.
partic. pp. 21-30.
[29] (HE) Sidra: Journal for the Study of Rabbinic Literature,
ss.vv.
[43] Rabbi Jonathan Rietti, The Oral Law: The Heart of The
[30] (EN) Studio della Torah: Esegesi (Audio Lectures) Torah, Jewish Inspiration.

[31] History Crash Course #36: Timeline: From Abraham to [44] Il problema risiede nella natura consonantica della lingua
Destruction of the Temple, di Rabbi Ken Spiro, Aish.com ebraica: l'ebraico scritto infatti - come tutte le lingue se-
URL consultato 24 agosto 2015 mitiche - non ha vocali. Esse sono inserite mentalmente
da chi legge, a seconda del contesto e delle leggi gramma-
[32] (EN) Arthur Kurzweil, The Torah For Dummies (PDF), ticali dell'ebraico. Un esempio in italiano potrebbe essere
For Dummies, 2008, p. 11, ISBN 978-0-470-28306-6. dato dalle due lettere CS, le cui possibili vocalizzazio-
URL consultato il 24 agosto 2015. ni possono essere, a causa del contesto, CaSa, CoSa,
CaSo, CoSo.
[33] (EN) Minhaz Merchant, Why Muslims and Christians are
safer in India than most places on earth, DailyO.in -online [45] Per quanto sopra, si veda int. al., Nathan T. Lopes
opinion and commentary platform. URL consultato il 24 Cardozo, The Written and Oral Torah: A Comprehensi-
agosto 2015. ve Introduction, Jason Aronson Inc., 1998, partic. The
[34] Ibn Ezra, comm. su Deuteronomio 34:6. Categories of the Orally Transmitted Torah.

[35] Ohr Ha'chayim, sempre su Deuteronomio 34:6 [46] Talmud, Gittin 60b.

[36] La nun invertita (in ebraico: ?" nun isolata [47] (EN) The City Congregation of Humanistic Judaism,
o " nun invertita o " "in ebraico - cfr.Nun citycongregation.org. URL consultato il 25 agosto 2015.
hafucha described at sofer.co.uk) un glifo raro usato
nell'ebraico classico. La sua funzione nei testi antichi tut- [48] Per questa sezione e relativi approfondimenti, si vedano
tora dibattuta. Prende la forma della lettera nun in imma- int. al.: Gershom Scholem, Le grandi correnti della misti-
gine speculare e appare nel testo masoretico del Tanakh in ca ebraica, Einaudi, Milano, 1965; Giulio Busi, Qabbalah
nove punti dierenti: cfr. Universal Multiple-Octet Co- visiva, Einaudi, 2005; Mistica ebraica. Testi della tradizio-
ded Character Set: International Organization for Standar- ne segreta del giudaismo dal III al XVIII secolo, a cura di
dization due volte nel Libro dei Numeri 10:35,36 (i due Giulio Busi ed Elena Loewenthal, Einaudi, 1995; Joseph
versetti delineati in n un invertite); sette volte nel capitolo Dan, The Heart and the Fountain: An Anthology of Jewish
107 del Libro dei Salmi. Mystical Experiences, Oxford University Press, 2002.
46 CAPITOLO 3. TORAH

[49] B. Barry Levy, Fixing Gods Torah: The Accuracy of the (EN) Philip Birnbaum, Encyclopedia of Jewish
Hebrew Bible Text in Jewish Law, Oxford University Press, Concepts, Wadsworth, 1979.
2001, p. 4. The Hebrew text of the Torah has never been
nalized down to the last letter. This is important not least (EN) Joseph Blenkinsopp, Treasures old and new:
because Jewish law requires that Torah scrolls read publi- essays in the theology of the Pentateuch, Eerdmans,
cly in the synagogue be error-free. Jewish scribes, scho- 2004, ISBN 978-0-8028-2679-4.
lars, and legal authorities have sought to overcome or nar-
row these dierences, but to this day have not completely (EN) Antony F. Campbell e Mark A. O'Brien,
succeeded in doing so. Sources of the Pentateuch: texts, introductions, an-
notations, Fortress Press, 1993, ISBN 978-1-4514-
[50] Sull'argomento si veda la Mishnah Berurah - cfr. Mishnat 1367-0.
Soferim: The forms of the letters, trad. da Jen Taylor
Friedman (geniza.net) (EN) David M. Carr, Reading the fractures of Ge-
nesis, Westminster John Knox Press, 1996, ISBN
[51] B.D. Chilton (cur.), The Isaiah Targum: Introduction,
Translation, Apparatus and Notes, Michael Glazier Inc.,
978-0-664-22071-6.
p. xiii. (EN) David Clines, The theme of the Pentateuch,
[52] Secondo una leggenda, si dice che la Septuaginta sia stata Sheeld Academic Press, 1997, ISBN 978-0-567-
voluta da un faraone della dinastia tolemaica. 43196-7.

[53] F.V. Greifenhagen, Egypt on the Pentateuchs Ideological (EN) G.I. Davies, Introduction to the Pentateuch,
Map: Constructing Biblical Israels Identity, Continuum, in John Barton (a cura di), Oxford Bible Com-
2002, p. 218. mentary, Oxford University Press, 1998, ISBN
978-0-19-875500-5.
[54] Encyclopedia Judaica, vol. 3, p. 597.
(EN) Richard Elliot Friedman, Commentary on the
[55] La Chiesa ed i testi originali: Vulgata, textus receptus o
testo critico?", su La Bibbia e la Chiesa.
Torah With a New English Translation, Harper
Collins Publishers, 2001.
[56] Encyclopaedia Judaica, vol. III, p. 603
(EN) Paula Gooder, The Pentateuch: a story of
[57] Le traduzioni in inglese della Bibbia ebraica vengono fatte beginnings, T&T Clark, 2000, ISBN 978-0-567-
dal Testo Masoretico (cfr. articolo sulla Britannica) nel- 08418-7.
la suddivisione e ordine tradizionali di Torah, Nevi'im
e Ketuvim.La maggioranza delle traduzioni appaiono in (EN) Robert Kugler e Patricl Hartin, The Old Testa-
edizione bilingue (ebraicoinglese). Le traduzioni ebrai- ment between theology and history: a critical survey,
che spesso riettono la tradizionale esegesi ebraica della Eerdmans, 2009, ISBN 978-0-8028-4636-5.
Bibbia; tutte queste evitano interpretazioni cristologiche
presenti in molte traduzioni non ebraiche. (EN) Christopj L. Levin, The Old testament: a brief
introduction, Princeton University Press, 2005,
[58] Jewish Encyclopedia, s.v. Luzzatto. ISBN 978-0-691-11394-4.
[59] Si veda il bibelarchiv-vegelahn (DE) archivio online (EN) Mark McEntire, Struggling with God: An
dedicato alle versioni e traduzioni della Bibbia.
Introduction to the Pentateuch, Mercer University
[60] David Arthur DeSilva, An Introduction to the New Testa- Press, 2008, ISBN 978-0-88146-101-5.
ment: Contexts, Methods & Ministry, InterVarsity Press,
2004, p. 317. (EN) Jean-Louis Ska, Introduction to reading
the Pentateuch, Eisenbrauns, 2006, ISBN 978-1-
[61] Is the Bible Gods Word?" di Sheikh Ahmed Deedat, su 57506-122-1.
YouTube del 12 febbraio 2014.URL consultato 26 agosto
2015 (EN) John Van Seters, The Pentateuch: a social-
science commentary, Continuum International Pu-
[62] VII.144. Disse [Allah]: O Mos, ti ho eletto al di sopra blishing Group, 2004, ISBN 978-0-567-08088-2.
degli uomini per [adarti] i Miei messaggi e le Mie parole.
Prendi ci che ti d e sii riconoscente. (EN) Jerome T. Walsh, Style and structure in Bibli-
cal Hebrew narrative, Liturgical Press, 2001, ISBN
[63] The Korans Testimony about the Previous Scriptures:
978-0-8146-5897-0.
The Tawrat, su injil.org.

3.13.1 Altri riferimenti


3.13 Bibliograa
(EN, HE, IT)
(EN) Barry L. Bandstra, Reading the Old Te-
stament: an introduction to the Hebrew Bible, AA.VV., Torah: Il testo sacro dell'ebraismo, Invictus
Wadsworth, 2004, ISBN 978-0-495-39105-0. Editore, 2015
3.15. ALTRI PROGETTI 47

Alcalay, Reuben, The Complete Hebrew English 3.15 Altri progetti


dictionary, vol. 2, Hemed Books, New York, 1996
Bartolini Elena Lea, e Di Sante, Carmine, Ai piedi Wikiquote contiene citazioni sulla Torah
del Sinai: Israele e la voce della Torah, Dehoniane,
2015
Wikibooks contiene testi o manuali sulla
Borgonovo, Gianantonio, Torah e storiograe Torah
dell'Antico Testamento, Elledici, 2012
Wikizionario contiene il lemma di dizionario
DeSilva, David Arthur, An Introduction to the Torah
New Testament: Contexts, Methods & Ministry,
InterVarsity Press, 2004 Wikimedia Commons contiene immagini o
Friedman, Richard Elliott, Who Wrote the Bible?, altri le sulla Torah
HarperSanFrancisco, 1997
Heschel, Abraham Joshua, Tucker, Gordon & Le-
vin, Leonard, Heavenly Torah: As Refracted Throu-
3.16 Collegamenti esterni
gh the Generations, London, Continuum Internatio-
nal Publishing Group, 2005 Approfondimenti sulla Tor e sull'ebraismo, Pensie-
ridiTora.it.
Hubbard, David The Literary Sources of the Kebra
Nagast, Tesi Ph.D., St Andrews University, Scozia, Ebraismo italiano, e-brei.net.
1956 Tutti i testi in italiano della Torah, Nevim, Ketu-
Kantor, Mattis, The Jewish time line encyclopedia: vm (avente come acronimo di Ta.Na.K), ricerche
A year-by-year history from Creation to the present, testo, libro, titolo, verso tramite motore di ricerca,
Jason Aronson Inc., Londra, 1992 kosherlive.com.

Peli Pinchas, H., La torah oggi, trad. E. Roncoroni La Torah in ebraico (caratteri con punteggiatura) e
Rosetti, Marietti, 2000 tutto il Ta.Na.K, suddiviso per argomenti, parashot,
e perekim, kosherlive.com.
Scherman, Nosson, (cur.), Tanakh, Vol. I, The
Torah, (ediz. Stone), Mesorah Publications, New Torah.it - Sito completamente dedicato allo studio
York, 2001 della Torah e dell'Ebraismo (in italiano).

Testi in ebraico a Hebrewbooks: Classical Hebrew Virtual Yeshiva Lezioni in italiano sulle porzioni
Books settimanali della Torah e su vari temi dell'ebraismo
Wellhausen, Julius, Prolegomena to the History of (EN) Illustrated Summary and Analysis of the
Israel, Scholars Press, 1994 (rist. ed. 1885) Torah, jsummary.com.
Wheeler, Brannon M., Moses in the Quran and (HE) Tre rotoli completi della Kosher Sefer To-
Islamic Exegesis, Routledge, 2002 rah per studio online (Congregation Beth Emeth della
Virginia, USA), bethemeth.org.
(HE) Sefer Torah Scroll per studio online con
3.14 Voci correlate Megillot e commentari, saad.org.il.

Bibbia (EN) Sefer Torah per studio online con traduzione,


traslitterazione e canto (WorldORT), bible.ort.org.
Dieci Comandamenti
(EN) Studio della Torah, con varie risorse digitaliz-
Giudeo-cristianesimo zate, jr.co.il.
Ipotesi documentale (EN) Pentateuco interlineare (con trad. idioma-
Pentateuco samaritano tica, Pentateuco Samaritano e morfologia), si-
tes.google.com.
Rapporti tra cristianesimo ed ebraismo
(EN, HE) Pagine del Tanakh ",
Studio della Torah iclnet.org.
Talmud (EN, HE) Pentateuco di Damasco del 1000 ca.
Tanakh
Tetragramma biblico
Capitolo 4

Talmud

che era divenuto obsoleto in termini geopolitici.


Il Talmud ha due componenti: la Mishnah (in ebraico:
?, 200 circa), compendio scritto della Torah Ora-
le dell'ebraismo rabbinico (Talmud infatti signica
istruzione in ebraico); e la Ghemara (500 circa),
un'elucidazione della Mishnah e relativi scritti tannaitici
che spesso tratta di altri argomenti e commenta la Bib-
bia ebraica (Tanakh). Il termine Talmud pu riferir-
si solo alla Ghemara, oppure alla Mishnah e Ghemara
insieme.[1]
L'intero Talmud consiste di 63 trattati e la rispettiva stam-
pa sorpassa le 6200 pagine. scritto in ebraico tannaitico
e aramaico giudaico babilonese, e contiene gli insegna-
menti e opinioni di migliaia di rabbini (da prima dell'Era
Volgare no al V secolo) relativi a svariati argomenti, tra
cui la Halakhah (legge), l'etica ebraica, la losoa, le tra-
dizioni, la storia, i costumi e molte altre materie. Il Tal-
mud la base di tutti i codici della Legge ebraica ed
vastamente citata nella letteratura rabbinica.[2]

4.1 Storia
Una pagina del Talmud babilonese, edizione di Vilna, Trattato
Berakhot, foglio 2a. 4.1.1 Il retroterra culturale ebraico

Il Talmud (in ebraico: ?, talmd, che signica in- In origine, la cultura ebraica si sviluppava oralmente,
segnamento, studio, discussione dalla radice ebraica - quando i rabbini esponevano e discutevano la legge scrit-
-( l-m-d) uno dei testi sacri dell'ebraismo. Tradi- ta del Tanakh, ma la commentavano senza il benecio di
zionalmente viene citato col termine Shas (in ebraico: opere scritte (ad eccezione dei libri biblici), anche se al-
) ?, un'abbreviazione ebraica di shisha sedarim, i sei cuni potevano aver tenuto delle note personali (Meghillot
ordini, riferimento ai sei ordini della Mishnah. Il ter- setarim), ad esempio le sentenze del tribunale ebraico.
mine Talmud normalmente si riferisce alla raccolta di La situazione cambi drasticamente a causa della
scritti intitolati specicamente Talmud babilonese (Tal- distruzione della comunit ebraica e del Secondo Tem-
mud Bavli), sebbene ci sia anche un'altra raccolta pre- pio nell'anno 70 e.v. e il conseguente sconvolgimento del-
cedente nota come Talmud di Gerusalemme, o Tal- le relative norme sociali e giuridiche. Mentre i rabbini
mud palestinese (Talmud Yerushalmi, gerosolimitano). si trovarono ad arontare una nuova realt - soprattut-
Quando ci si riferisce ai periodi postbiblici, cio quel- to l'ebraismo senza il Tempio (che serviva come centro
li della creazione del Talmud, delle accademia talmudi- di insegnamento e di studio) e senza una Giudea almeno
che e dell'esilarcato babilonese, le fonti ebraiche usano parzialmente autonoma - si gener una pletora di proble-
il termine Babilonia da un punto di vista strettamente matiche giuridiche e il vecchio sistema di studio orale non
ebraico,[1] continuando ad usare tale nome anche dopo pot esser mantenuto.

48
4.1. STORIA 49

Fu durante questo periodo che il discorso rabbinico inizi Il Talmud ha autorit per tutte le generazioni; oggi vi un
a essere messo per iscritto.[4][5] vero risveglio di studi talmudici.
La prima legge orale registrata potrebbe essere stata fat- In ogni epoca i quesiti posti al Talmud hanno permes-
ta in forma midrashica, dove la discussione halakhica so di applicarlo tenendo conto dei nuovi dati scientici,
strutturata come commentario esegetico del Pentateuco economici, sociali. Cos viene garantita la continuit della
(Torah). Ma una forma alternativa, organizzata per ar- tradizione, vivente da Mos ai giorni nostri.
gomento anzich per versetto biblico, si aerm ver-
La tradizione orale, messa per iscritto, continu a es-
so l'anno 200 quando Rabbi Judah haNasi redasse la sere materia di discussione e approfondimento in Terra
Mishnah (in ebraico: ) ?. Essa non era certo mono- d'Israele e a Babilonia: la Ghemara (complemento) il
litica; piuttosto, variava tra le diverse scuole rabbiniche. commentario prodotto dagli Amoraim (i Maestri della
Le due pi famose erano la Scuola di Shammai e la Scuo- Ghemara III-V secolo).
la di Hillel. In generale, tutti i pareri validi, anche quelli
non normativi, furono registrati nel Talmud.[3][6] Mishnah e Ghemara = Talmud (insegnamento; abbrevia-
zione di Talmud Torah). Ne esistono due redazioni diver-
se per contenuto, metodo e lingua: il Talmud di Gerusa-
4.1.2 La formazione del Talmud lemme (Talmud Yerushalmi, TY), terminato verso la -
ne del IV secolo, ed il Talmud babilonese (Talmud Bavli,
Presto, di fronte a situazioni nuove e a divergenze di TB), di un secolo pi tardi. Ambedue commentano la me-
scuola, fu necessario ricavare dalla Torah, scritta e ora- t circa dei trattati della Mishnah, quello di Babilonia in
le, le decisioni pratiche. Questa fu opera dei rabbini e modo assai pi esteso. Le circostanze storiche spiegano
specialmente dei 71 membri del Sinedrio. come il TB abbia presto eclissato il suo corrispondente
denito di Gerusalemme e sia stato considerato come il
Pi tardi le persecuzioni e la necessit di tener conto
solo canonico e normativo. Il testo della Mishnah ha nu-
della distruzione del Secondo Tempio (70 d.C.) e del-
merose varianti nei due Talmudim (plurale di Talmud) al
la diaspora ebraica, indussero Rabbi Akiva e poi Rabbi
punto che si persino pensato a due recensioni.
Meir a raccogliere e a classicare gli appunti dei loro al-
lievi. All'inizio del III secolo, Rabbi Judah haNasi, so- Il TB contiene il doppio di haggadot (insieme delle tra-
prannominato il Santo, li ordin in 60 trattati, raggrup- dizioni non giuridiche) rispetto al TY, ove avevano po-
pati in sei ordini, il cui insieme costituisce la Mishnah sto tra i midrashim. Il Talmud si presenta come il verba-
(Insegnamento da ripetere), compendio della Torah ora- le conciso e appena ritoccato delle dispute accademiche
le e destinato a essere imparato a memoria. La Mishnah (coi nomi dei protagonisti): e ci spiega la ricchezza esu-
scritta in ebraico, bench l'aramaico gi a quell'epoca berante del suo contenuto, come pure la dicolt della
fosse la lingua corrente anche in Terra d'Israele. sua interpretazione. La redazione del Talmud Bavli risa-
le al periodo compreso tra Rav e Shmuel, ossia la prima
Col passare degli anni e con l'aggravarsi della situazio-
met del III secolo e la ne dell'attivit di Ravina (499).
ne del popolo ebraico, divenne evidente che il testo della
Le accademie talmudiche pi importanti avevano sede a
Mishnah era troppo conciso per poter essere usato cor-
Sura, Pumbedita, Nehardea, Machoza, Mata Mechasya e
rentemente come guida di Halakhah, giungendo quindi
Naresh.
alla redazione del Talmud.
Opera di virtuosi consumati nell'esegesi e nel diritto, che
attingono alle risorse della dialettica per cavare tutti i si-
4.1.3 I maestri del Talmud ed il loro gnicati possibili da un testo e motivare i propri pun-
insegnamento ti di vista, la Ghemara aronta, spesso senza ordine e
continuit, ogni specie di argomenti (casistica, losoa,
I maestri ebrei della Mishnah sono chiamati tannaim (in- morale, geograa, zoologia, botanica, superstizioni e cre-
segnanti). Quelli della Ghemara accettarono soltanto il ti- denze popolari), esprime le opinioni pi diverse e con-
tolo di amoraim (interpreti). Quanto a coloro che redasse- traddittorie senza imporle; per questo Jacob Neusner
ro il testo denitivo, essi si considerarono modestamente mette in risalto giustamente questa undogmatic quality
come savoraim (opinanti). Molti di questi illustri rabbini of Talmudic discourse (Invitation to the Talmud 241):
esercitavano il mestiere di artigiano. una delle caratteristiche pi sorprendenti delle discussio-
ni talmudiche l'appassionata ricerca della verit da parte
Il messaggio del Talmud si presenta in due forme: quel-
dei Maestri, ognuno dei quali difende la propria opinio-
la della Halakhah (Via da seguire) che riguarda le pre-
ne no a quando non capisce che la ragione dalla par-
scrizioni legali, e quella della Haggadah (Racconto), con-
te dell'avversario. Questa illimitata onest intellettuale in
sistente in racconti di episodi, alcuni dei quali posso-
un dibattito religioso forse una delle caratteristiche pi
no parere immaginosi e in parabole, modalit che si
aascinanti dello studio talmudico.
sono riettute poi nei Vangeli e nella Sunna islamica.
L'insieme costituisce una vera enciclopedia delle co- Il Talmud ci giunto quindi in due versioni diverse: il
noscenze dell'epoca (matematica, medicina, astronomia Talmud di Gerusalemme (Talmud Yerushalm) (redatto
ecc.). tra il IV e il VI secolo nella Terra d'Israele) e il Talmud
50 CAPITOLO 4. TALMUD

di Babilonia (Talmud Bavl) (redatto tra il V e il VII se- II secolo);


colo in Babilonia). Il Talmud Babilonese, la cui Ghema-
ra scritta in aramaico e che fu compilato inizialmente la Ghemara (o Ghemar), stilata tra il II e il
da rav Ashi e terminato da Ravina, ambedue capi del- V secolo, fornisce un commento analitico della
la famosa Yeshivah di Sura, molto pi lungo di quel- Mishnah.
lo di Gerusalemme; quest'ultimo viene impropriamente
chiamato Talmud Yerushalmi (Talmud di Gerusalemme) I termini Talmud e Ghemara vengono spesso usati in ma-
ma in realt non fu redatto nella citt del Santuario bens
niera intercambiabile. La Ghemara forma la base di tutti
a Tiberiade. Il Talmud Yerushalmi dierisce dal primo i codici della Halakhah (legge rabbinica) e viene spesso
per il linguaggio, lo stile e la terminologia. Oggi di que-
citata in altra letteratura rabbinica. L'intero Talmud an-
st'ultimo possediamo solo quattro dei sei ordini: Zeraim, che conosciuto con il nome di Shas (in ebraico: ) ?,
Moed, Nashim e Nezikin (in cui mancano per Eduyot acronimo di Shisha Sedarim, i sei ordini (Zeraim, Moed,
e Avot), oltre alle prime tre sezioni di Nidda. Secondo ilNashim, Nezikin, Kodashim, Tohorot) in cui divisa la
Rambam fu Rabbi Yochanan, aiutato dai suoi discepoli, a Mishnah. La suddivisione del Talmud identica a quella
compilare il Talmud Yerushalmi durante l'ultimo quarto della Mishnah: i Shisha Sedarim si suddividono in Mas-
del III secolo d.C. sechtot - trattati, i quali a loro volta sono composti da
Nell'VIII secolo nacque il movimento dei Caraiti, che re- capitoli.
spingono l'autorit del Talmud e accettano la Scrittura
(Miqra') come unica norma. Le edizioni del TB ripro-
ducono l'editio princeps di Venezia (1520-1524). Molte 4.3 Contenuto e struttura
contengono anche i 12 Piccoli Trattati considerati non
canonici.
Il Talmud si compone di diverse parti ed approfondisce
ogni piano dell'esistenza di Dio, della Creazione, delle
creature e dell'uomo.
4.2 Caratteristiche

4.3.1 Ordine concettuale

I sei ordini (sedarim; singolare: seder) del contenuto ge-


nerale del Talmud sono suddivisi in 60 o 63 trattati (ma-
sekhtot; singolare: masekhet) di materie pi speciche.
Ogni trattato diviso in capitoli (perakim; singolare: pe-
rek), 517 in totale, che sono numerati sia secondo la nu-
merazione dell'alfabeto ebraico sia con nomi propri, so-
litamente facendo uso delle prime parole della prima mi-
shnah. Il perek spesso continua per diverse (decine) di
pagine.[11] Ogni perek contiene molte mishnayot [12] in-
sieme ai rispettivi scambi di commenti che formano la
base della Ghemara; il nome di un passo della Ghema-
Il riposo dello Shabbat (olio di Samuel Hirszenberg, 1894) ra si chiama sughiya (in ebraico: ,sughya ? ; plurale
sughyot). I paragra dei capitoli vengono citati come mi-
Il Talmud riconosciuto solo dall'ebraismo che, assieme shnayot (plur. di mishna): pu sembrare paradossale che
al Midrash ed altri testi rabbinici o mistici noti del Cano- lo stesso termine, Mishna, venga usato per il tutto e anche
ne ebraico, lo considera come trasmissione e discussione per la pi piccola parte del tutto; per esser precisi, mish-
orale della Torah. La Torah orale fu rivelata sul monte nah il termine corretto per denire una breve regola in
Sinai a Mos e trasmessa a voce, di generazione in gene- un insegnamento particolare che forma la base caratte-
razione, no alla conquista romana. Il Talmud fu ssato ristica dell'opera e sarebbe pi giusto riferirsi all'intero
per iscritto solo quando, con la distruzione del Secondo lavoro col plurale mishnayot, come certi studiosi in realt
Tempio di Gerusalemme, gli Ebrei temettero che le basi fanno.[13][14]
religiose di Israele potessero sparire. Una sughiya, anche baraita o tosefta, usualmente com-
Consiste in una raccolta di discussioni avvenute tra i sa- prende un'elaborazione dettagliata comprovata di una di-
pienti (Chakhamim) e i maestri (rabbanim) circa i signi- chiarazione mishnaica, sia essa halakhica o haggadica.
cati e le applicazioni dei passi della Torah scritta, e si Una sughiya pu (e spesso succede) argomentare oltre
articola in due livelli: l'oggetto della mishnah. La sughiya non usa punteggiatura
nel senso sintattico ma tramite espressioni speciche che
la Mishnah (o Mishna, ripetizione) raccoglie le di- si interpongono nella sughiya stessa dividendola in com-
scussioni dei maestri pi antichi (giungendo no al ponenti di solito con un'aermazione, una domanda sulla
4.4. ELEMENTI DELL'OPERA 51

dichiarazione, una risposta, una prova per sostenere la ri- rallelo alla Mishnah) e dei Midrashim halakhici (speci-
sposta o una confutazione della risposta con la relativa camente Mekhilta, Sifra e Sifre). Tuttavia alcune barai-
controprova.[13] tot sono conosciute solo grazie alle tradizioni citate nella
[13]
In una data sughiya dichiarazioni scritturali, tannaitiche Ghemara e non fanno parte di nessun'altra raccolta.
e amoraiche vengono citate a sostegno di varie opinioni.
In tal modo la Ghemara evidenzia caratteristiche, e/o an-
4.4.3 Ghemara
che disaccordi semantici, tra Tannaim e Amoraim (spes-
so attribuendo un'opinione ad una precedente autorit e
Nei tre secoli successivi alla redazione della Mishnah
come potrebbe aver risposto ad una data domanda nel ca-
i rabbini di tutta la Palestina e Babilonia analizzarono,
so venga citata l'espressione "a nome di...") e confronta le
dibatterono e discussero tale composizione. Queste di-
opinioni mishnaiche con passi della Baraita. Raramente
scussioni formano la Ghemara (ebraico: , traslitt.
i dibattiti vengono chiusi formalmente; in alcuni casi la
ital.: Ghemara). Ghemara signica completamento
parola nale determina la legge pratica ma in molti casi
(dall'ebraico gamar : completare) o apprendimen-
il problema rimane in sospeso. Esiste tutta una lettera-
to (dall'aramaico: studiare). La Ghemara si concen-
tura sui principi procedurali da usarsi per comporre la
tra principalmente sulla spiegazione ed elaborazione del-
legge pratica quando esistono disaccordi (cfr. "Logica e
le opinioni dei Tannaim.[13] I rabbini della Ghemara sono
metodologia" in calce)[15] .
noti come Amoraim (sing. Amora, ebr.: ).
Gran parte della Ghemara costituita da analisi giuridi-
ca. Il punto di partenza per l'analisi di solito una di-
4.4 Elementi dell'opera chiarazione legale espressa in una mishnah. La dichia-
razione viene poi esaminata e confrontata con altre af-
4.4.1 Mishnah fermazioni utilizzate in diversi approcci dell'esegesi bi-
blica nell'ebraismo rabbinico (o - pi semplicemente -
La Mishnah una compilazione di opinioni giuridiche e l'interpretazione del testo nello studio della Torah) con
di dibattiti: questa la denizione per la totalit del Tal- scambi tra i due disquisitori (spesso anonimi e talvolta
mud. Quando invece si individua il principio inizia- metaforici) chiamati makshan (interrogatore) e tartzan
le, o paragrafo, poi discusso, si fa riferimento alle di- (risponditore). Un'altra funzione importante della Ghe-
chiarazioni e le aermazioni della Mishnah tipicamente mara quella di individuare la corretta base biblica di
terse, registrando brevi giudizi di rabbini: discutono, in una data legge presentata nella Mishnah e il processo lo-
sintesi, di una data materia, riportando soltanto una de- gico di collegamento uno con l'altro: questa attivit era
cisione non attribuita che apparentemente rappresenta il nota come talmud molto tempo prima che esistesse un
consenso generale. I rabbini che prepararono la Mishnah Talmud come un testo.[17]
sono chiamati Tannaim.[16]
Dato che elenca le sue leggi per materia, anzich per 4.4.4 Halakhah e Aggadah
contesto biblico, la Mishnah discute singoli soggetti in
modo pi approfondito rispetto al Midrash e include una Il Talmud un vasto documento che coinvolge un gran
selezione molto pi ampia di soggetti halakhici rispetto al numero di temi e materie. Tradizionalmente le dichiara-
Midrash. L'organizzazione tematica della Mishnah divie- zioni talmudiche sono classicate in due grandi catego-
ne cos la struttura del Talmud nel suo complesso, per rie: halakhiche e aggadiche. Le dichiarazioni halakhiche
non tutti i trattati della Mishnah hanno un corrispondente riguardano direttamente le questioni di legge e pratica
nel Talmud e l'ordine stesso dei trattati talmudici in certi ebraiche (Halakhah). Le dichiarazioni aggadiche non so-
casi dierisce da quello della Mishnah.[16] no giuridicamente correlate ma sono piuttosto esegetiche,
omiletiche, etiche o di natura storica.

4.4.2 Baraita
4.4.5 Trattati minori
Oltre alla Mishnah altri insegnamenti tannaitici furono
prodotti all'incirca nello stesso periodo o appena dopo. Oltre ai sei Ordini il Talmud contiene una serie di trattati
La Ghemara frequentemente si riferisce a queste opinio- brevi di data posteriore, solitamente stampati alla ne del
ni tannaitiche per confrontarle con quelle contenute nel- Seder Nezikin e non suddivisi in Mishnah e Ghemara.
la Mishnah e sostenere o ricusare le proposizioni degli I cosiddetti trattati minori (ebraico: , ma-
Amoraim. Tutte queste fonti tannaitiche non mishnai- sechtot qetanot) sono saggi del periodo tannaitico o suc-
che sono chiamate baraitot (lett. materiale esterno, opere
cessivo che esaminano tematiche delle quali non esisto-
esterne alla Mishnah"; sing. baraita in ebraico: ) ?.
no trattati formali nella Mishnah. Si possono quindi con-
Le baraitot citate nella Ghemara sono spesso passi del- frontare con la Tosefta, che possiede trattati paralleli a
la Tosefta (un compendio tannaitico della Halakhah pa- quelli della Mishnah. I primi otto contengono molto ma-
52 CAPITOLO 4. TALMUD

teriale originale; gli ultimi sette sono raccolte di materiale fu compilato verso l'anno 500 e.v., sebbene continuas-
sparso in tutto il Talmud. Secondo Rabbi Chaim Kanie- se ad esser redatto ed emendato anche successivamente.
vsky i Trattati Minori risalgono al periodo dei Gheonim La parola Talmud, quando usata senza qualicanti, si
e includono: riferisce di solito al Talmud babilonese.[18]

1. Avot di Rabbi Natan (ebraico: ) .


4.5.1 Talmud Yerushalmi
2. Soferim (ebraico: - Scribi). Questo trattato
appare in due dierenti versioni nello Yerushalmi e
nel Bavli.
3. Evel Rabbati (ebraico: - Elaborazione
del Lutto). Questo trattato esamina leggi e usan-
ze sulla morte e il lutto; viene a volte chiamato
eufemisticamente Semahot (gioie).
4. Kallah (ebraico: - Sposa) (sul danzamento,
matrimonio e coabitazione).
5. Kallah Rabbati (ebraico: - elaborazione Pagina di un manoscritto Yerushalmi medievale dalla Ghenizah
del succitato). del Cairo.

6. Derekh Eretz Rabbah (ebraico: ) De-


Il Talmud di Gerusalemme fu una delle due compilazioni
rekh Eretz letteralmente signica la via del mon-
degli insegnamenti religiosi ebraici e del relativo com-
do, che in questo contesto si riferisce a condotta,
mentario che furono trasmessi oralmente per molti se-
portamento, maniere.
coli, prima della sua scrittura, da parte di studiosi ebrei
[19]
7. Derekh Eretz Zuta (ebraico: ) si riferi- di Israele. una raccolta di insegnamenti delle scuole
sce agli studiosi ed una collezione di massime che ebraiche di Tiberiade, Zippori e Caesarea, scritta princi-
esortano ad introspezione e modestia. palmente in dialetto aramaico occidentale che dierisce
dalla controparte babilonese.[13]
8. Pereq ha-Shalom (ebraico: - Capitolo di
Pace) (sui modi di far pace tra la gente; un capitolo Questo Talmud una sinossi dell'analisi della Mishnah
nale viene spesso elencato separatamente). che fu sviluppata nel corso di circa 200 anni dalle Ac-
cademie di Israele (principalmente quelle di Tiberiade
9. Sefer Torah (regole per scrivere rotoli della Torah). e Caesarea). A causa della loro collocazione i saggi di
queste Accademie dedicarono molta attenzione alle leggi
10. Mezuzah (ebraico: - pergamena a scrollo che agricole della Terra di Israele. Tradizionalmente si pens
si agge allo stipite). che questo Talmud fosse stato redatto verso l'anno 350
11. Tellin (ebraico: - latteri). e.v. da Rav Muna e Rav Yossi della Terra di Israele.
noto come il Talmud Yerushalmi (Talmud gerosolimi-
12. Tzitzit (ebraico: - frange). tano) ma il titolo inesatto dato che non fu preparato
a Gerusalemme e sarebbe pi opportuno chiamarlo Il
13. Avadim (ebraico: - schiavi).
Talmud della Terra di Israele.[20]
14. Gerim (ebraico: - conversione all'ebraismo). La sua redazione nale probabilmente ebbe luogo alla
15. Kutim (ebraico: - Samaritani). ne del quarto secolo ma gli studiosi individuali che lo
consolidarono nella sua forma attuale non possono esser
identicati con sicurezza. A questo punto il cristianesimo
Esisteva anche un trattato, ora perduto, chiamato Eretz
era diventata la Religione di Stato del'Impero Romano e
Yisrael (Terra di Israele, sulle leggi di quella terra).
di Gerusalemme, allora Citt Santa della Cristianit. Nel
325 e.v. Costantino, primo imperatore cristiano, dichia-
r: Cerchiamo quindi di non aver nulla a che fare con
4.5 Bavli e Yerushalmi la detestabile folla ebrea.[21] Questa politica rese l'ebreo
emarginato e povero. Di conseguenza i compilatori del
Lo sviluppo della Ghemara procedette in quelli che al- Talmud di Gerusalemme non ebbero tempo di produrre
lora erano i due centri maggiori di ricerca e studio ebrai- un'opera della qualit che intendevano. Il testo evidente-
ci: la Terra di Israele e Babilonia. Conseguentemente due mente incompleto e non facile da seguire. La cessazio-
corpi di analisi vennero prodotti e due serie di Talmud fu- ne dei lavori sul Talmud gerosolimitano, nel quinto seco-
rono create. La compilazione pi antica intitolata Tal- lo, stata associata alla decisione di Teodosio II nel 425
mud gerosolimitano o Talmud Yerushalmi. Fu comple- e.v. di sopprimere il Patriarcato e proibire la pratica degli
tato nel quarto secolo in Israele. Il Talmud babilonese ordinamenti rabbinici formali.[22]
4.5. BAVLI E YERUSHALMI 53

Nonostante il suo stato incompleto il Talmud di Geru- voro iniziato da Rav Ashi fu completato da Ravina, che
salemme rimane una fonte indispensabile di conoscen- viene tradizionalmente indicato quale ultimo commenta-
za dello sviluppo della legge ebraica in Israele. Fu anche tore amoraico. Pertanto i tradizionalisti sostengono che
una risorsa importante per lo studio del Talmud babilo- la morte di Ravina nel 499 e.v. l'ultima data possibile
nese da parte della scuola ebraica di Qayrawan, diretta per il completamento della redazione del Talmud. Tut-
dai rabbini Chananel Ben Chushiel e Nissim Ben Jacob, tavia anche l'opinione pi tradizionale considera alcuni
con il risultato che le opinioni basate principalmente sul passaggi quale opera di un gruppo di rabbini che cura-
Talmud gerosolimitano trovarono posto sia nelle Tosafot rono il Talmud dopo la ne del periodo amoraico, noti
che nel Mishneh Torah di Maimonide. col nome di Savoraim o Rabbanan Savora'e (che signica
[13]
Ci sono tradizioni che ritengono che nell'Et messianica ragionatori o valutatori).
il Talmud di Gerusalemme avr priorit su quello babi- La questione di quando il Ghemara fu nalmente conso-
lonese. Ci pu essere interpretato nel senso che, dopo il lidata nella sua forma attuale non ancora risolta tra gli
ripristino del Sinedrio e del lignaggio dei maestri ebrei, studiosi moderni. Alcuni, come Louis Jacobs, sostengo-
l'opera sar completata e da Sion eromper la Legge e no che il corpo principale della Ghemara non un sem-
la parola del Signore da Gerusalemme ". Di conseguenza, plice reportage di conversazioni, come pretende di esse-
in seguito alla formazione del moderno Stato di Israele, re, bens una struttura altamente elaborata escogitata dai
vi un certo interesse a ristabilire le tradizioni di Eretz Savoraim, che devono pertanto essere considerati come i
Israel. Ad esempio Rabbi David Bar-Hayim, dell'Istituto veri autori. In questa prospettiva, il testo non ha raggiun-
Makhon Shilo, ha pubblicato un siddur che riette la prati- to la sua forma denitiva no a circa il 700. Alcuni stu-
ca Eretz Israel come si trova nel Talmud di Gerusalemme diosi moderni usano il termine Stammaim (dall'ebraico
e altre fonti. Stam, che signica chiuso, vago o non attribuito)
per indicare gli autori di dichiarazioni non attribuite nella
Ghemara.
4.5.2 Talmud Bavli
4.5.3 Confronti di stile e contenuti
Ci sono dierenze signicative tra le due compilazioni
del Talmud. La lingua del Talmud di Gerusalemme un
dialetto aramaico occidentale, che dierisce dalla forma
aramaica del Talmud babilonese. Il Talmud Yerushalmi
spesso frammentario e dicile da leggere, anche per
talmudisti esperti. La redazione del Talmud Bavli invece
pi accurata e precisa. La legge che appare nelle due
versioni sostanzialmente simile, se non per l'enfasi e
nei piccoli dettagli. Il Talmud gerosolimitano non ha ri-
cevuto molta attenzione dai commentatori e quei com-
mentari tradizionali che esistono sono pi interessati a
Manoscritto del Bavli copiato da Solomon ben Samson, Francia, confrontare i relativi insegnamenti con quelli del Bavli.
1342
Diaspora Museum, Tel Aviv. N il Yerushalmi n il Bavli coprono l'intera Mishnah: per
esempio, la Ghemara babilonese esiste solo per 37 dei 63
trattati della Mishnah. Nello specico:
Il Talmud Bavli consiste di documenti compilati nel
periodo della Tarda antichit (dal III al V secolo).[23]
I centri ebraici pi importanti in Mesopotamia duran- Il Talmud gerosolimitano include tutti i trattati dello
te questo periodo furono Nehardea (vicino all'Eufrate), Zeraim, mentre il Talmud babilonese include solo il
Nisibis, Al-Mada'in, Pumbedita e l'Accademia di Sura (in trattato Berachot. Una delle ragioni potrebbe essere
Babilonia). che la maggior parte delle leggi nell'Ordine Zeraim
(leggi agricole limitate solo alla Terra di Israele)
Il Talmud Bavli (il Talmud babilonese) comprende la Mi- avevano scarsa rilevanza pratica in Babilonia e quin-
shnah e la Ghemara babilonese, quest'ultima rappresen- di non vennero incluse.[24] Lo Yerushalmi si concen-
tando il culmine di oltre 300 anni di analisi della Mish- tra particolarmente sulla Terra di Israele e sulle leggi
nah nelle accademie ebraiche babilonesi. Le fondamenta agricole della Torah che riguardano la coltivazione,
di questo processo di analisi furono date da Abba Ari- dato che fu appunto scritta in terra d'Israele, dove
ka (noto semplicemente come Rab), discepolo di Rab- tali leggi venivano applicate.
bi Judah haNasi. La tradizione attribuisce la compilazio-
ne del Talmud babilonese nella sua forma attuale a due Il Talmud di Gerusalemme non comprende l'ordine
saggi babilonesi: Rav Ashi e Ravina. Rav Ashi fu presi- mishnaico di Kodashim, che tratta dei riti sacrica-
dente dell'Accademia di Sura dal 375 al 427 e.v. Il la- li e relative leggi del Tempio, mentreil Talmud ba-
54 CAPITOLO 4. TALMUD

bilonese lo include. Non chiaro perch sia cos, 1- per deduzione a maggior ragione;
dato che le leggi non erano direttamente applicabi-
li in nessuno dei due luoghi, dopo la distruzione del 2- per espressione uguale;
Tempio nel 70 e.v.
3- per costruzione base derivata da un versetto o due;
In entrambi i Talmud, solo un trattato di Tehorot
4- per espressione generica/generale ed espressione
(leggi sulla purezza rituale) viene esaminato, quello
particolare;
delle leggi mestruali, Niddah.
5- per espressione particolare ed espressione gene-
Il Talmud babilonese registra le opinioni dei rabbini di rica/generale;
Israele, nonch di quelli di Babilonia, mentre il Talmud
gerosolimitano solo raramente cita i rabbini babilonesi. 6- per espressione generica ed espressione partico-
La versione babilonese contiene inoltre le opinioni di pi lare seguita da un'altra generica: non si pu appli-
generazioni a causa della pi tarda data di completamen- carla altro che a ci che analogo all'espressione
to. Per entrambe queste ragioni, lo si considera come una particolare;
raccolta pi completa dei pareri disponibili. D'altra par-
7- un'espressione generica che richiede
te, a causa dei secoli di redazione che intercorrono tra la
un'espressione particolare o un'espressione
composizione del Yerushalmi e quella del Bavli, le opi-
particolare che ne richiede un'altra generica;
nioni dei primi Amoraim potrebbero essere pi vicine alla
loro forma originale nel Talmud di Gerusalemme. 8- ogni concetto che era compreso in un'espressione
L'inuenza del Talmud babilonese stata di gran lunga generica e si staccato da essa per insegnare, non se
maggiore di quella del Yerushalmi. Nel complesso, que- n' staccato per insegnare solo a proposito di s, ma
sto accade perch l'inuenza e il prestigio della comunit per insegnare a proposito di tutto il gruppo;
ebraica di Israele diminu gradualmente, in contrasto con
9- ogni concetto che era compreso in un'espressione
quella babilonese degli anni dopo la redazione del Tal-
generica e si staccato da essa per insegnare un pun-
mud e no all'era gaonica. Inoltre, la redazione del Tal-
to ane al concetto generale, se n' staccato solo per
mud babilonese fu superiore a quella della versione ge-
facilitare e non per aggravare;
rosolimitana, rendendola pi accessibile e facilmente uti-
lizzabile. Secondo Maimonide (la cui vita iniziata quasi 10- ogni concetto che era compreso in
cento anni dopo la ne dell'era gaonica), tutte le comuni- un'espressione generica e si staccato da essa
t ebraiche durante l'era gaonica accettarono formalmen- per insegnare un punto nuovo, se n' staccato sia
te il Talmud babilonese come vincolante e la moderna per facilitare sia per aggravare;
pratica ebraica segue le conclusioni del Talmud babilo-
nese in tutte quelle aree dove esiste un conitto tra i due 11- ogni concetto che era compreso in
Talmud.[25] un'espressione generica e si staccato per es-
sere sottoposto ad una nuova norma, non si pu
riportarlo all'espressione generica a meno che il
4.6 Le 13 Middot esegetiche testo non lo faccia esplicitamente;

12- un soggetto che si chiarisce dal suo contesto o


anche da un testo seguente;

13- due versetti che si contraddicono no a che un


terzo non li chiarisca.

Le 13 Middot esegetiche si orono a ciascuno dei dif-


ferenti livelli d'interpretazione della Torah secondo le
peculiarit ad essi proprie.

4.7 Linguaggio
Delle due componenti del Talmud babilonese la Mishnah
scritta in ebraico mishnaico e la Ghemara scritta, con
Una moderna raccolta completa del Talmud babilonese.
solo qualche eccezione, in un particolare dialetto noto
Sono state individuate 13 categorie esegetiche de- come aramaico ebraico babilonese.[26] Questa dierenza
nite Middot, regole, e riportate come metodi di di linguaggio anche dovuta al lungo periodo di tempo
interpretazione da Rabbi Yishmael: che intercorre tra le due raccolte. Durante il periodo dei
4.8. EDIZIONI A STAMPA 55

Tannaim (rabbini citati nella Mishna) il vernacolo parla- 4.8.2 Talmud Benveniste (1645)
to dagli ebrei in Giudea era una forma tardiva di ebrai-
co noto come ebraico rabbinico o mishnaico mentre A seguito della pubblicazione a rate presso Ambrosius
nel periodo degli Amoraim (rabbini citati nella Ghema- Frobenius di quasi tutto il Talmud a Basilea, l'italiano
Emanuele Benveniste pubblic ad Amsterdam l'intero
ra), che inizi intorno al 200 e.v., il vernacolo parlato era
l'aramaico. L'ebraico continu ad essere utilizzato per la Talmud a rate nel 1644-1648,[29] Tuttavia, secondo lo
scrittura di testi religiosi, di poesie e altro.[27] studioso Raphael Rabbinovicz, il Talmud Benveniste po-
trebbe essersi basato sul Talmud di Lublino, includendo
L'ebraico costituisce circa la met del testo talmudico
molti degli errori commessi dai censori cristiani.[30]
poich la Mishnah, tutta la Baraita ed i passi del Tanakh
citati e inseriti nella Ghemara sono in ebraico. Il re-
sto, comprese le discussioni degli Amoraim e la struttu- 4.8.3 Talmud di Vilna (1835)
ra complessiva della Ghemara, in aramaico babilonese
ebraico. Come la Meghillat Taanit esistono inoltre delle L'edizione del Talmud pubblicata dai Fratelli Szapira a
citazioni occasionali, estratte da altre opere antiche, che Slavuta nel 1795, particolarmente apprezzata da mol-
sono in altri dialetti aramaici. ti Rebbe chassidici. Nel 1835, dopo un'acerrima disputa
con la famiglia Szapira, una nuova edizione venne stam-
pata da Menachem Romm di Vilna. Nota come Vilna
4.8 Edizioni a stampa Shas, questa edizione (e successive, stampate dalla vedo-
va e gli) stata usata per la produzione di edizioni pi
4.8.1 Talmud Bomberg (1523) recenti del Bavli.[13]
Il numero di pagina del Talmud si riferisce ad una pagina
con doppie facciate, nota come daf; ogni daf ha due amu-
dim (facciate) identicate con in ebraico: ?e in ebraico:
?, facciata A e B (Recto e Verso). Il metodo di rife-
rimenti con daf relativamente recente ed inizia con le
stampe del Talmud nel XVII secolo. La letteratura rabbi-
nica precedente fa riferimento solo al trattato o capitolo
nel trattato. Correntemente, si usa il riferimento nel for-
mato [Trattato daf a/b] (per es. Berachot 23b). L'edizione
del Talmud di Vilna contiene 5.894 fogli.

4.8.4 The Soncino Talmud

4.8.5 Talmud Goldschmidt (1897-1909)


Lazarus Goldschmidt pubblic un'edizione dal testo in-
censurato del Talmud babilonese con una traduzione
tedesca in 9 volumi (iniziata a Lipsia, 18971909, e com-
pletata, a seguito della sua emigrazione in Inghilterra del
1933, nel 1936).[31]

4.8.6 Edizioni critiche


Il testo delle edizioni di Vilna considerato dagli studiosi
come non uniformemente attendibile e ci sono stati vari
tentativi di confrontare le varianti testuali.

Talmud Bomberg (1523) 1. Agli inizi del ventesimo secolo, Nathan Rabinowitz
pubblic una serie di volumi intitolati Dikduke So-
La prima edizione completa dal Talmud babilonese fu ferim, che illustravano le varianti testuali dei primi
stampata a Venezia da Daniel Bomberg negli anni 1520- manoscritti e stampe.
23. Oltre a Mishnah e Ghemara, l'edizione di Bomberg
conteneva i commentari di Rashi ed i Tosafot. Da allora 2. Nel 1960 si cominci ad elaborare una nuova edi-
in poi tutte le stampe hanno seguito la stessa impagina- zione col nome di Ghemara Shelemah (Ghemara
zione di Bomberg. Questa edizione considerata quasi completa) curata da Menachem Mendel Kasher: ap-
del tutto priva di censura cristiana.[28] parve solo un volume della prima parte del trattato
56 CAPITOLO 4. TALMUD

Pesachim, prima che il progetto fosse interrotto dal- 4.9 Studio del Talmud
la sua morte. Questa edizione conteneva un'ampia
serie di varianti testuali e alcuni commentari scelti.
Sin dal momento del suo completamento, il Talmud di-
venne parte integrante della cultura ebraica. Una massima
3. Tredici volumi sono stati pubblicati dall'Istituto del di Pirkei Avot esorta lo studio del Talmud a partire dai 15
Completo Talmud Israeliano (divisione di Mechon anni. La seguente sezione illustra alcune delle principali
ha-Rav Herzog), sulla falsariga di Rabinowitz, col aree di studio talmudico.
testo ed una vasta serie di varianti testuali (da ma-
noscritti, prime stampe e citazioni in letteratura
secondaria) ma senza commentari.[32]

4.9.1 Gheonim
Ci sono state edizioni critiche di trattati particolari (ad
esempio l'edizione del rabbino Henry Malter sul Ta'anit),
ma non esiste nessuna edizione critica moderna di tut-
to il Talmud. Edizioni moderne come quelle dell'Istituto
Oz ve-Hadar correggono i refusi e ripristinano passi che
nelle edizioni precedenti sono stati modicati o espunto
dalla censura, ma non orono un resoconto approfondi-
to delle varianti testuali. Un'edizione, preparata da Rabbi
Yosef Amar,[33] rappresenta la tradizione yemenita e as-
sume la forma di riproduzione fotostatica della stampa di
Vilna, con l'aggiunta della vocalizzazione yemenita e del-
le varianti testuali aggiunte a mano, insieme a materiale
introduttivo stampato. Raccolte dei manoscritti yemeni-
ti di certi trattati, sono state pubblicate dalla Columbia
University.[34]

4.8.7 Talmud Steinsaltz, Schottenstein,


Metivta e Ehrman

Sono state pubblicate quattro edizioni, con lo scopo di


diondere il Talmud in maniera pi ampia. Una quella
del Talmud di Steinsaltz, attualmente pubblicata da Koren
Publishers di Gerusalemme, che contiene il testo con la
punteggiatura, spiegazioni dettagliate e una traduzione in
ebraico moderno. L'Edizione Steinsaltz disponibile in
due formati: uno con la pagina Vilna tradizionale ed
una senza. oerta in ebraico, inglese, francese, russo
ed in corso (2010) la sua traduzione in lingua italiana, Rabbi Isaac Alfasi (Fez, 1013 Lucena, 1103), redattore della
col patrocinio della Presidenza del Consiglio.[35] prima raccolta sistematica del Talmud.
Illustrazione della Jewish Encyclopedia (19061913)
La seconda edizione quella di ArtScroll Schottenstein
Talmud, pubblicata appunto da ArtScroll.[36] La terza
l'edizione Metivta, pubblicata dall'Istituto Oz ve-Hadar. I primi commentari del Talmud sono stati scritti dai
Contiene il testo completo con lo stesso formato delle edi- Gheonim (circa 800-1000 e.v.) a Babilonia. Sebbene esi-
zioni di Vilna e le spiegazioni in ebraico moderno a fronte stano alcuni commentari dedicati a particolari trattati, la
- contiene anche una versione migliorata dei commentari nostra conoscenza principale dello studio gaonico del Tal-
tradizionali.[37] mud proviene da istruzioni incorporate nei loro responsa
Un quarto ed ultimo progetto editoriale dello stesso ti- che chiariscono passi talmudici: questi sono disposti nel-
po, chiamato Talmud El Am (Talmud per la gente), fu lo stesso ordinamento del Talmud nell'Otzar ha-Gheonim
pubblicato in Israele negli anni sessanta-ottanta. Tale edi- di Levin. Altrettanto importanti sono i compendi prati-
zione contiene il testo ebraico, la traduzione inglese ed un ci della legge ebraica, come Halachot Pesukot di Yehudai
commentario del rabbino Arnost Zvi Ehrman, con brevi Gaon, Sheeltot di Achai Gaon e Halachot Ghedolot di
realia, note a margine, spesso illustrato, scritto da esper- Simeon Kayyara. Tuttavia, dopo la morte di Hai Gaon, il
ti - per l'intero trattato Berakhot, 2 capitoli della Bava centro di studio talmudico si sposta verso l'Europa e Nord
Metzia e la sezione halakhica del Kiddushin, Capitolo 1. Africa.
4.9. STUDIO DEL TALMUD 57

4.9.2 Estrapolazioni halakhiche e aggadi- mentario noto come Tosafot (addizioni o supplemen-
che ti). Le Tosafot sono commentari talmudici raccolti da
vari rabbini ashkenaziti medievali noti come Tosasti.
Un'area di studio che si svilupp col Talmud, fu quella di Uno dei ni principali dei Tosafot quello di spiegare ed
confermare l'Halakhah. I primi commentatori, come per interpretare dichiarazioni contraddittorie nel Talmud. A
esempio Rabbi Isaac Alfasi (Nord Africa, 10131103), dierenza di Rashi, i Tosafot non sono commentari con-
cercarono di estrarre dal vasto corpus talmudico e quin- tinuativi ma piuttosto commenti su materie scelte. Spesso
di determinare le opinioni giuridiche vincolanti. Il lavoro le spiegazioni dei Tosafot dieriscono da quelle di Rashi.
di Alfasi fu molto inuente e attrasse diversi commentari Tra i fondatori della scuola tosasta c'erano Rabbi
specici, servendo come base per la creazione di codici Yaakov Ben Meir (noto come Rabbenu Tam), che era un
halakhici. Un altro importante lavoro halakhico medie- nipote di Rashi, e il nipote di Rabbenu Tam, il rabbino
vale che seguiva l'ordine del Talmud babilonese e si mo- Isaac ben Samuel. I commentari Tosafot vennero raccolti
dellava su quello di Alfasi, fu il Mordechai", una compi- in diverse edizioni nelle varie scuole. La raccolta Tosafot
lazione di Mordechai ben Hillel (12501298). Una terza di riferimento per la Francia settentrionale fu quella di
opera fu quella di Rabbi Asher ben Jehiel (m. 1327). Tutti Rabbi Eliezer di Touques. La raccolta per la Spagna fu
questi lavori coi rispettivi commentari sono stampati nel quella di Asher ben Jehiel (Tosafot Harosh). I Tosafot
Talmud di Vilna e molte altre edizioni successive. stampati nell'edizione standard di Vilna sono una versio-
Un rabbino spagnolo del XV secolo, Jacob ibn Habib (m. ne modicata, ricavata dalle varie collezioni medievali,
[41]
1516), compose l'Ein Yaakov (o En Ya'aqob) con estratti prevalentemente quella di Touques.
da quasi tutto il materiale aggadico del Talmud. Il suo Nel corso del tempo l'approccio dei Tosasti si diuse
scopo era quello di familiarizzare il pubblico con le parti presso altre comunit ebraiche, in particolare quelle di
etiche del Talmud e contestare molte delle accuse contro Spagna. Ci port alla composizione di molti altri com-
i relativi contenuti. mentari in stili somiglianti. Tra questi ci sono i com-
mentari di Nachmanide (Ramban), Solomon ben Adret
(Rashba), Yom Tov Asevilli di Siviglia (Ritva) e Nissim
4.9.3 Commentari di Gerona (Ran). Un'antologia completa, composta da
estratti di tutti questi, il Shittah Mekubbetzet di Bezalel
Il Talmud spesso criptico e dicile da capire. Il suo lin- Ashkenazi.
guaggio contiene molte parole greche e persiane che col
Altri commentari prodotti in Spagna e Provenza non fu-
tempo sono diventate oscure. Uno dei settori principali di
rono inuenzati dallo stile tosasta. Due dei pi signi-
studio talmudico si svilupp per spiegare questi passag-
cativi sono lo Yad Ramah di Rabbi Meir Abulaa (zio
gi e parole. Alcuni primi commentatori, come Rabbenu
del mistico Abramo Abulaa) e Bet Habechirah di Rab-
Gershom ben Judah di Magonza (X sec.) e Chananel ben
bi Menachem Meiri, comunemente citato come Meiri.
Chushiel (inizi XI sec.) produssero commentari continua-
Mentre il Bet Habechirah copre tutto il Talmud, lo Yad
tivi di vari trattati. Questi commentari potevano essere
Ramah esiste solo per i trattati Sanhedrin, Bava Batra e
letti insieme al testo del Talmud e aiutavano a spiegare
Gittin. Come per i commentari di Ramban e altri, que-
il signicato del testo. Un'altra opera importante il Se-
sti sono generalmente stampati come opere indipenden-
fer ha-Maftea (Libro della Chiave) di Nissim ben Jacob,
ti, sebbene certe edizioni talmudiche includano lo Shittah
che contiene una prefazione sulle diverse forme di argo-
Mekubbetzet in forma abbreviata.
mentazione talmudica e poi spiega i passaggi abbreviati
del Talmud facendo un riferimento incrociato con passi Nei secoli successivi l'attenzione si spost parzialmente
paralleli dove si esprime lo stesso pensiero in lungo. An- dalla diretta interpretazione talmudica all'analisi di com-
cora reperibili sono i commentari (iddushim) di Joseph mentari scritti precedentemente. Questi commentari suc-
ibn Migash su due trattati, Bava Batra e Shevuot, basati su cessivi includono Maharshal (Solomon Luria), Maha-
ananel e Alfasi, e anche una compilazione di Zaccaria ram (Meir Lublin) e Maharsha (Samuel Edels) e sono
Aghmati intitolata Sefer ha-Ner.[38] Utilizzando uno stile generalmente stampati sul retro di ogni trattato.
diverso, Rabbi Nathan ben Jehiel di Roma cre un lessi- Un altro aiuto di studio molto utile, che si trova in qua-
co chiamato Arukh nell'XI secolo, per aiutare a tradurre si tutte le edizioni del Talmud, costituito dalle note
le parole dicili. marginali Torah Or, Ein Mishpat Ner Mitzvah e Maso-
Il migliore e pi importante commentario del Talmud ba- ret ha-Shas del rabbino italiano Joshua Boaz: esso forni-
bilonese comunque quello di Rashi (Rabbi Solomon sce riferimenti rispettivamente ai passaggi biblici citati,
ben Isaac, 10401105). Il commentario completo e co- ai relativi codici halachici e ai rispettivi passi talmudici.
pre quasi tutto il Talmud. Scritto come commentario con-
La maggioranza delle edizioni del Talmud include note a
tinuativo, fornisce estese spiegazioni delle parole e chia-
margine di Akiva Eger col titolo Gilyonot ha-Shas, e note
risce la struttura logica di ciascun passo talmudico.
testuali di Joel ben Samuel Sirkis e del Gaon di Vilna (cfr.
considerato indispensabile agli studenti del Talmud. Emendamenti testuali pi sotto), sulla pagina insieme al
L'ebraismo ashkenazita produsse un altro grande com- testo.
58 CAPITOLO 4. TALMUD

4.9.4 Pilpul 4.9.5 Approcci sefarditi

Tra gli ebrei sefarditi e quelli italiani, a partire dal XV


secolo, alcune autori cercarono di applicare i metodi
di logica aristotelica nel modo formulato da Averro.[43]
Questo metodo fu usato per la prima volta, sebbene senza
riferimento esplicito ad Aristotele, da Isaac Campanton
(m. Spagna nel 1463) nel suo Darkhei ha-Talmud (Le
Vie del Talmud) e si ritrova anche nelle opere di Mos
Luzzatto.[44]
Secondo lo storico e teologo sefardita moderno Jos Faur,
lo studio tradizionale sefardita del Talmud pu avvenire
a tre livelli.[45] Il livello base consiste in un'analisi lettera-
ria del testo senza l'aiuto di commentari, per far risaltare
la tzurata di-shema'ta, cio la struttura logica e narrativa
del passo.[46] Il livello intermedio, 'iyyun (concentrazio-
ne), considera lo studio con l'aiuto di commentari tipo
Lo studio del Talmud col pilpul. quello di Rashi e dei Tosafot, in maniera simile a quella
L'ora del Talmud, olio su tela di J. Sheich (1900 c.)
praticata dagli ashkenaziti (storicamente i sefarditi stu-
diavano i Tosefot ha-Rosh ed i commentari di Nahmanide
in preferenza ai Tosafot stampati). Il livello pi alto, hala-
Durante i secoli XV e XVI, prese piede una nuova forma
khah (legge), consiste nel raccogliere le opinioni espresse
di studi del Talmud. Complicati argomenti logici veniva-
dal Talmud insieme a quelle dei codici halakhici, come la
no utilizzati per spiegare punti minori di contraddizione
Mishneh Torah e lo Shulchan Aruch, in modo da studia-
all'interno del Talmud. Il termine pilpul (ebr. , lib.
re il Talmud come fonte giuridica (un progetto chiamato
trad. come analisi dettagliata/accurata) fu applicato a
Halacha Brura,[47] fondato da Abraham Isaac Kook, pre-
questo tipo di studio. L'utilizzo di pilpul in questo senso
senta il Talmud ed i codici halakhici faccia a faccia in
(quello di analisi accurata) si rif al periodo talmudi-
formato libro, per permettere questo tipo di confronto).
co e si riferisce all'acume intellettuale che questo metodo
richiedeva. Una distinzione abbastanza simile vien fatta nel pro-
gramma di studi della yeshivah ashkenazita, tra beki'ut
Professionisti del pilpul postulavano che il Talmud non
(familiarizzazione basilare) e 'iyyun (studio approfondi-
potesse contenere nessuna ridondanza o contraddizione
to). Correntemente la maggioranza delle yeshivot sefar-
di sorta. Nuove categorie e distinzioni (hillukim) furo-
dite seguono l'approccio lituano, come quello del metodo
no quindi create per risolvere le contraddizioni apparenti
Brisker": i metodi tradizionali sefarditi vengono infatti
all'interno del Talmud con innovativi mezzi logici.
tramandati e perpetuati informalmente da alcune persone
Nel mondo ashkenazita i fondatori del pilpul furono Jacob coinvolte in tali studi ebraici.
Pollak (1460-1541) e Shalom Shachna (m. 1558). Que-
sto tipo di studio raggiunse il suo apice nei secoli XVI e
XVII quando le competenze in analisi pilpulistica erano
considerate una forma d'arte ed erano diventate un obiet-
tivo in s e per s all'interno delle yeshivot di Polonia e 4.9.6 Metodo Brisker
Lituania. Ma il popolare nuovo metodo di studio del Tal-
mud non era esente da critiche: gi nel XV secolo il tratta- Verso la ne del XIX secolo sorse un'altra tendenza per
to etico Orhot Zaddikim (Sentieri dei Giusti in ebraico) lo studio del Talmud. Rabbi Chaim Soloveitchik (1853-
criticava il pilpul per la sua eccessiva enfasi sulla perspi- 1918) di Brisk (Brest-Litovsk) svilupp e perfezion uno
cacia intellettuale. Anche molti rabbini del XVI e XVII stile di studio riduzionistico. Il Metodo Brisker com-
secolo furono avversi al pilpul. Tra di loro si possono ci- porta un'analisi riduzionistica degli argomenti rabbinici
tare Judah Loew ben Bezalel (il Maharal di Praga), Isaiah all'interno del Talmud o tra i Rishonim, spiegando le opi-
Horowitz e Yair Bacharach. nioni divergenti mettendole all'interno di una struttura ca-
Con l'arrivo del XVIII il pilpul si aevol. Altri stili di ap- tegoriale. Il metodo Brisker altamente analitico e viene
prendimento divennero popolari, come quello sostenuto spesso criticato come versione moderna del pilpul. Non-
dalla scuola di Elijah ben Solomon, il Gaon di Vilna. Il dimeno, l'inuenza del metodo Brisker grande. Molte
termine pilpul veniva sempre pi applicato in maniera yeshivot moderne studiano il Talmud con qualche forma
derogatoria a novelle reputate prolisse e cavillose. Autori di metodo Brisker. Una caratteristica di questo metodo
si riferivano ai propri commentari denendoli al dere- l'uso della Mishneh Torah di Maimonide come guida
kh ha-peshat (col metodo semplice) per contrastarli al all'interpretazione talmudica, distinguendola dal suo uso
pilpul.[42] come fonte di halakhah pratica.[48]
4.9. STUDIO DEL TALMUD 59

4.9.7 Il metodo critico Le correzioni di Yoel Sirkis e del Gaon di Vilna sono in-
cluse in tutte le edizioni standard del Talmud, in forma di
Come risultato dell'emancipazione ebraica, l'ebraismo su- glosse marginali intitolate Hagahot ha-Bach e Hagahot
b un enorme sconvolgimento e trasformazione nel cor- ha-Gra rispettivamente; altri emendamenti di Solomon
so del XIX secolo. I moderni metodi di analisi testuale e Luria sono espressi in forma di commentario nel retro di
storica vennero applicati al Talmud. ciascun trattato. Le correzioni del Gaon di Vilna si ba-
sarano spesso sulla sua ricerca di consistenza interna al
Il testo del Talmud sempre stato oggetto di un certo li- testo, piuttosto che sull'evidenza del manoscritto;[51] Tut-
vello di esame critico sin dagli inizi e lungo il corso di tavia molti degli emendamenti del Gaon furono vericati
tutta la sua storia. La tradizione rabbinica sostiene che le da critici testuali, come Solomon Schechter, che aveva te-
persone citate in entrambi i Talmud non parteciparono sti della Geniza del Cairo coi quali confrontare le edizioni
alla sua scrittura, anzi, i loro insegnamenti furono modi- standard.[52]
cati in forma rudimentale verso il 450 e.v. (Yerushalmi)
e 550 e.v. (Bavli). Il testo del Bavli in particolare non fu Nel XIX secolo, Raphael Nathan Nota Rabinovicz pub-
consolidato in quel momento. blic un'opera di diversi volumi intitolata Dikdukei Sofe-
rim, che mostrava le varianti testuali dei manoscritti di
La letteratura dei responsa gaonici esaminano questo pro- Monaco e altre edizioni talmudiche, mentre altre varian-
blema. Teshuvot Geonim Kadmonim, sezione 78, conside- ti sono registrate nel Talmud Israeliano Completo e nella
ra letture bibliche erronee del Talmud. Questo responsum Gemara Shelemah (cfr. Stampa e pubblicazione, supra).
gaonico aerma:
Correntemente molti altri manoscritti si sono resi dispo-
Durante l'Alto Medioevo, Rashi concluse che alcune di- nibili, in particolare dalla Geniza del Cairo. L'Accademia
chiarazioni del testo talmudico esistente erano inserimen- della Lingua Ebraica ha elaborato un testo su CD-ROM
ti fatti da editori successivi. Dello Shevuot 3b, Rashi per scopi lessicograci, contenente il testo di ogni trattato
scrive: Uno studente per sbaglio lo scrisse a margine secondo il manoscritto ritenuto pi adabile, e l'Istituto
del Talmud, e copisti [successivamente] lo misero nella Lieberman,[53] associato al Jewish Theological Seminary
Gemara.[49] d'America, mantiene un sito internet ricercabile sul qua-
le intende rendere disponibili tutti i testi manoscritti.[54]
Immagini di alcuni manoscritti pi antichi possono esser
trovati sul sito della Biblioteca nazionale di Israele.[55]
Ulteriori varianti testuali possono spesso essere rinvenute
in citazioni di letteratura secondaria, tipo i commentari di
Alfasi, di Rabbenu ananel e di Aghmati, e a volte i com-
mentatori spagnoli successivi come quelli di Nahmanide
e Solomon ben Adret.

4.9.8 Analisi storica e critica testuale

Lo studio storico del Talmud pu essere utilizzato per in-


dagare su una serie di problemi. Ci si possono chiedere
domande come: le fonti di una data sezione risalgono alla
vita del suo redattore? In che misura una sezione talmudi-
ca dispone di fonti precedenti o successive? Sono le con-
troversie talmudiche distinguibili lungo linee teologiche
o comunali? In quali modi le dierenti sezioni derivano
www.hebrewbooks.org
" " da dierenti scuole di pensiero all'interno dell'ebraismo
antico? Possono queste fonti antiche essere identicate,
e se s, come? Indagini su domande di questo tipo sono
note come la critica testuale approfondita (da notare che
critica un termine tecnico da intendersi come studio
accademico).[56]
Studiosi religiosi dibattono tutt'oggi il metodo preciso col
quale il testo dei Talmud ci sia pervenuto nella forma -
nale. Molti credono che il testo venne riveduto e corretto
in maniera continuativa dai savoraim.
Testo[50] della Mishnah con commentario del Rambam, Napoli Negli anni 1870 e 1880, Rabbi Raphael Natan Nata Rab-
1492. binovitz si impegn in uno studio storico del Talmud
60 CAPITOLO 4. TALMUD

Bavli nel suo Diqduqei Soferim. Da allora molti rabbini Lo studioso ortodosso e lologo Daniel Sperber scrive su
ortodossi hanno approvato la sua opera di ricerca, com- Legitimacy, of Necessity, of Scientic Disciplines (Le-
presi i rabbini Shlomo Kluger, Yoseph Shaul Ha-Levi Na- gittimit, di necessit, delle discipline scientiche) che
tanzohn, Yaaqov Ettlinger, Yitzchak Elchanan Spektor e molte fonti ortodosse si sono impegnate nello studio sto-
Shimon Sofer. rico (chiamato anche scientico) del Talmud. Per que-
Agli inizi del XIX secolo, i capi del nuovo movimento sto motivo, la divisione odierna tra Ortodossia e Riforma
riformato ebraico, come Abraham Geiger e Samuel Hol- non sul fatto che il Talmud sia stato oggetto di studio
dheim, sottoposero il Talmud ad un severo controllo per storico, bens [59] sulle implicazioni teologiche e halakhiche
di tale studio.
rompere con il tradizionale ebraismo rabbinico. Insistet-
tero che il Talmud fosse tutto un lavoro di evoluzione e
sviluppo. Tale opinione fu respinta in quanto errata sia sul
piano accademico sia su quello religioso, da parte di co- 4.9.9 Studio contemporaneo
loro che sarebbero diventati noto come movimento orto-
dosso. Alcuni leader ortodossi, come Mos Sofer (il Cha-
tam Sofer), divennero estremamente sensibili a qualsia-
si cambiamento e respinsero i moderni metodi critici di
studio talmudico.[56]
Alcuni rabbini favorivano una visione dello studio tal-
mudico che ritenevano fosse nel mezzo tra riformatori
e ortodossi; tali rabbini erano gli aderenti all'ebraismo
storico-positivo, tra i quali si annoveravano Nachman
Krochmal e Zacharias Frankel. La Torah orale venne de-
scritta come il risultato di un processo storico ed esegeti-
co, emergente nel corso del tempo, tramite l'applicazione
di tecniche esegetiche autorizzate e, soprattutto, gra-
zie alle disposizioni soggettive e le personalit dei saggi
ebrei, e le attuali condizioni storiche in cui si trovavano.
Ci fu poi sviluppato pi ampiamente nei cinque volu- Studio moderno del Talmud
mi dell'opera Dor ve-Dorshav di Isaac Hirsch Weiss.[57]
Alla ne il loro lavoro divenne una delle parti formative Alcune tendenze contemporanee all'interno dello studio
dell'Ebraismo conservatore. talmudico sono elencate di seguito:
Un altro aspetto di questo movimento si riette nella Hi-
story of the Jews (Storia degli ebrei) di Heinrich Grae- L'ebraismo ortodosso sostiene che la Legge orale
tz. Graetz tenta di dedurre la personalit dei farisei sulla stata rivelata, in qualche forma, insieme alla Legge
base delle leggi o aggadot citate, e dimostra che le loro scritta. In quanto tale, alcuni aderenti, in particola-
personalit inuenzarono le leggi che esponevano. re Samson Raphael Hirsch ed i suoi seguaci, hanno
Il leader degli ebrei ortodossi in Germania, Samson Ra- resistito a qualsiasi tentativo di applicare i metodi
phael Hirsch, pur non riutando i correnti metodi di stu- storici che imputavano motivi specici agli autori
dio in linea di principio, vivacemente contestava le con- del Talmud. Altre gure importanti dell'ortodossia
clusioni del metodo storico-critico. In una serie di articoli per si trovarono in disaccordo con Hirsch su que-
nella sua rivista Jeschurun (ristampata in Collected Wri- sto tema, tra cui il pi prominente fu David Zvi
tings Vol. 5), Hirsch ribadisce la visione tradizionale e Homann.[60]
sottolinea ci che egli reputava come errori nelle opere
di Graetz, Frankel e Geiger. Alcuni studiosi sostengono che vi sia stato un ampio
rimodellamento redazionale delle storie e delle di-
D'altra parte nel XIX secolo molti dei pi forti critici
chiarazioni del Talmud. In mancanza di testi esterni
dell'Ebraismo riformato, tra cui rabbini strettamente or-
di conferma, questi sostengono che non si possa con-
todossi come Zvi Hirsch Chajes, utilizzarono questo nuo-
fermare l'origine o la data della maggior parte delle
vo metodo scientico. Il seminario ortodosso rabbinico
dichiarazioni e delle leggi talmudiche, e che si pos-
di Azriel Hildesheimer fu fondato sull'idea di creare una
sa dire ben poco della loro paternit. In questa pro-
armonia tra ebraismo e scienza. Un altro pioniere or-
spettiva, le domande di cui sopra sono impossibili
todosso di studio scientico del Talmud fu David Zvi
da rispondere.[61]
Homan
Il rabbino iracheno Yaakov Chaim Sofer nota che il Certi studiosi ritengono che il Talmud sia stato am-
testo della Gemara ha sostenuto cambiamenti ed ag- piamente plasmato da una redazione editoriale po-
giunte, e contiene dichiarazioni non della stessa fonte steriore, ma che contenga fonti che siamo in grado
dell'originale.[58] di identicare e descrivere con un certo livello di
4.10. IL RUOLO NELL'EBRAISMO 61

adabilit. In questa prospettiva, si possono iden- rabbinico) fu sul loro riuto della Legge Orale e il diniego
ticare le fonti tracciandone la storia delle origini e della risurrezione dopo la morte.
analizzando le relative regioni geograche.[62]
Altri studiosi sostengono che molti o la maggior par-
te delle dichiarazioni e degli eventi descritti nel Tal- 4.10.2 Caraismo
mud di solito si sono vericati pi o meno come
descritto, e che possono essere utilizzati come se-
rie fonti di studio storico. In questa prospettiva, gli
storici fanno del loro meglio per mettere in eviden-
za le aggiunte redazionali successive (di per s un
compito molto dicile) e considerare con scettici-
smo le storie di miracoli, rimanendo quindi con un
testo storico attendibile.[63]
Il moderno studio accademico cerca di separare i
diversi strati all'interno del testo, per cercare di
interpretare ogni livello per conto proprio e di indi-
viduare le correlazioni tra le versioni parallele della
stessa tradizione. Negli ultimi anni, l'opera di Rabbi
David Weiss Halivni e di Shamma Friedman hanno
segnalato un cambiamento di paradigma nella com-
prensione del Talmud.[64] L'assenso tradizionale era
stato quello di vedere il Talmud come opera unita-
ria omogenea. Sebbene anche altri studiosi abbiano
trattato il Talmud come opera a molti strati, Hali-
vni (soprattutto nel secondo volume del suo Meko-
rot u-Mesorot) ha dierenziato tra le dichiarazioni
amoraiche, che sono generalmente decisioni o que-
stioni halakhiche brevi, e gli scritti degli ultimi auto-
ri "Stammaitici" (o Savoraici), che sono caratteriz-
zati da un'analisi molto pi lunga, che consiste spes-
so in una prolungata discussione dialettica. stato La sinagoga caraita di Ashdod
osservato che il Talmud di Gerusalemme in realt
molto simile al Talmud babilonese, meno l'attivit Un altro movimento che ha respinto la legge orale fu il
stammaitica.[65] Caraismo. Sorse nel giro di due secoli dopo il comple-
tamento del Talmud. Il Caraismo si svilupp come una
reazione contro l'ebraismo talmudico di Babilonia. Il con-
4.10 Il ruolo nell'ebraismo cetto centrale del Caraismo il riuto della Torah orale
come presentata dal Talmud, in favore di una stretta e uni-
diventato la base di molti codici rabbinici legali e della ca aderenza alla Legge scritta. Ci si oppone al concetto
morale ebraica: tra questi i pi importanti sono il Mishneh fondamentale rabbinico che la Legge orale stata data a
Torah e lo Shulchan Aruch. Gli ortodossi e, in misura Mos sul Monte Sinai insieme alla Legge scritta. Alcuni
minore, l'ebraismo conservatore, accettano il Talmud co- Caraiti successivi hanno assunto una posizione pi mo-
me autorevole, mentre l'ebraismo ricostruzionista e quel- derata, ammettendo che alcuni elementi della tradizione
lo ebraismo riformato, anche se nel passato viene messo (chiamata sevel ha-yerushah, l'onere del retaggio) sono
in dubbio certe leggi che era vincolante solo quando c'era ammissibili nell'interpretazione della Torah e che alcune
il tempio di Gerusalemme, oggi danno grande attenzione tradizioni autentiche sono contenute nella Mishnah e nel
allo studio del talmud con una visione moderne e tradi- Talmud, anche se queste non potranno mai sostituire il si-
zionale allo stesso tempo. La seguente sezione descrive gnicato letterale della Legge scritta. Il Caraismo quasi
brevemente le correnti ebraiche passate e presenti e la scomparso, decadendo da circa il 10% della popolazione
loro visione del ruolo del Talmud. ebraica a circa lo 0,2% corrente. Nel corso del XX seco-
lo inizi un usso di immigrazione caraita verso Israele,
inizialmente contrastato dalle autorit rabbiniche. Oggi i
4.10.1 Sadducei Caraiti in Israele sono tra i 20 e i 25mila, concentrati ne-
gli insediamenti di Ramla, Ashdod e Be'er Sheva. Circa
La setta ebraica dei Sadducei or durante il periodo del 2mila Caraiti vivono negli Stati Uniti, mentre la comuni-
Secondo Tempio. Una delle loro argomentazioni princi- t di Istanbul - orente nel Medioevo - conta appena una
pali coi farisei (in seguito classicati come Ebraismo cinquantina di aderenti.[66]
62 CAPITOLO 4. TALMUD

4.10.3 Ebraismo riformato 4.11 L'inuenza in contesti cultu-


Con l'avvento dell'Ebraismo riformato, durante il XIX se-
rali
colo l'autorit del Talmud fu nuovamente messa in dub-
bio. Il Talmud era visto dagli ebrei riformati come un pro- Lo studio del Talmud non limitato agli ebrei e ha attira-
dotto della tarda antichit avente rilevanza soltanto come to l'interesse di altre culture. Studiosi cristiani hanno da
documento storico. , mentre altri sembravano adottare un tempo espresso interesse per lo studio del Talmud, che ha
approccio neo-caraita di ritorno alla Bibbia, anche se contribuito ad illuminare le loro proprie Scritture. Il Tal-
spesso con una maggiore enfasi sui libri profetici piuttosto mud contiene l'esegesi biblica e il commento del Tanakh
che su quelli giuridici., ma oggi molte comunit riforma- che spesso chiarisce passaggi ellittici ed esoterici. Il Tal-
te viene data grande priorit allo studio del talmud come mud contiene inoltre possibili riferimenti a Ges Cristo
parte integrande della cultura ebraica! come tutta la leggi e ai suoi discepoli, mentre il canone cristiano fa menzio-
ebraica halacka il movimento riformato la maggiore ne di gure talmudiche e contiene insegnamenti che pos-
corrente ebraica danno allo stato di Israele aiuti signi- sono essere messi in parallelo all'interno del Talmud e
cativi sopra tutto degli ebrei del Stati Uniti d'America. lo del Midrash. Il Talmud fornisce un contesto culturale e
stato di Israele riconosce la corrente riforme, ma non vie- storico al Vangelo e agli scritti degli Apostoli.[67]
ne riconosciuta dal grande rabbinato di Israele! Tuttavia Nella Corea del Sud, il Talmud viene comunemente letto
viene riconosciuta per ne della leggi di ritorno. credendo che aumenti l'acume intellettuale e il protto
accademico. I sud coreani stimano molto anche i valori
4.10.4 Et contemporanea espressi dal Talmud.[68] [69]

L'ebraismo ortodosso continua a ribadire l'importanza


dello studio del Talmud, che rappresenta una componen-
te centrale del piano di studi delle yeshivah, in particolare
4.12 Critiche e opposizioni
quelle che formano i futuri rabbini. Ci succede anche se
la Halakhah generalmente studiata sui codici medievali Lo storico Michael Levi Rodkinson, nel suo libro The
e non direttamente sul Talmud. Lo studio talmudico tra i History of the Talmud (Storia del Talmud), ha scrit-
meno religiosi ortodossi molto praticato, con lo studio to che i detrattori del Talmud, sia durante che do-
quotidiano o settimanale del Talmud particolarmente in po la sua formazione, sono variati in carattere, ogget-
voga tra gli ebrei haredi e nelle scuole ortodosse in gene- to e azione e procede poi a documentare una quan-
re. Lo studio talmudico tra i meno osservanti stato reso tit di critici e persecutori, tra cui Nicholas Donin,
popolare dal Daf Yomi, un corso giornaliero di studio tal- Johannes Pfeerkorn, Johann Andreas Eisenmenger, i
mudico iniziato da Rabbi Meir Shapiro nel 1923 - il suo Frankisti e August Rohling.[70] Molti attacchi proven-
12 ciclo cominciato il 2 marzo 2005. nero da fonti antisemitiche, particolarmente da antise-
miti cristiani come Justinas Pranaitis, Elizabeth Dil-
Similmente, l'Ebraismo conservatore sottolinea lo studio
ling o David Duke. Esiste della critica specica da
del Talmud nella sua educazione religiosa e rabbinica. In
parte di fonti musulmane,[71][72][73] fonti ebraiche,[74] e
generale, tuttavia, il Talmud studiato come fonte stori-
atee e scettiche.[75] Accuse contro il Talmud includono
ca testuale della Halakhah. L'approccio conservatore alla
presunti[70][76][77][78][79][80][81]
decisione giuridica enfatizza il porre testi classici e deci-
sioni precedenti in un contesto storico e culturale, esami-
nando lo sviluppo storico della Halakhah. Questo approc- 1. Contenuti anti-cristiani o anti-Gentili[82][83][84][85]
cio ha portato ad una maggiore essibilit pratica rispetto
a quella ortodossa. Lo studio del Talmud fa parte del cur-
2. Contenuti assurdi e sessualmente immorali[86]
riculum educativo conservatore in molte scuole del movi-
mento, ed un aumento nelle iscrizioni scolastiche conser-
vatrici ha portato ad un aumento nello studio talmudico 3. Falsicazione delle Sacre Scritture[87][88][89]
come parte dell'istruzione ebraica per una minoranza di
ebrei conservatori. Molte di queste critiche, in particolare quelle da parte
L'Ebraismo riformato d importanza allo studio del Tal- della critica antisemita, si basano su citazioni prese fuori
mud nelle proprie scuole ebraiche, ma lo insegnano e nei dal contesto e che quindi falsano il signicato del testo
loro seminari rabbinici; la visione globale dell'ebraismo talmudico. A volte la travisazione intenzionale, men-
liberale accetta l'idea di una Legge ebraica vincolante e tre altre volte semplicemente dovuta ad una incapa-
usa il Talmud come fonte di ispirazione e istruzione mo- cit di cogliere le narrazioni sottili e talvolta oscure del
rale. Lettura e osservanza del Talmud sono diusi tra gli Talmud stesso. Alcune citazioni fornite dalla critica an-
ebrei riformati e quelli ricostruzionisti, che di solito pon- tisemita volutamente omettono passi correlati al ne di
gono maggiore accento sullo studio della Bibbia ebraica generare aermazioni che sembrano essere oensive o
o Tanakh. ingiuriose.[90][91]
4.12. CRITICHE E OPPOSIZIONI 63

a Barcellona da una commissione di domenicani, che or-


dinarono la cancellazione di passi talmudici considerati
oensivi da una prospettiva cristiana (1264).[99][100]
Alla Disputa di Tortosa nel 1413, Geronimo de Santa F
proclam una serie di accuse, tra cui la fatidica aerma-
zione che le condanne di pagani, idolatri e apostati
presenti nel Talmud erano in realt riferimenti velati con-
tro i cristiani. Queste aermazioni vennero negate dalla
comunit ebraica e dai suoi studiosi, i quali sostennero
che il pensiero ebraico faceva una netta distinzione tra
coloro che erano classicati come pagani o idolatri, che
erano politeisti, e coloro che riconoscevano il Dio unico
e vero (come i cristiani), pur adorando il vero Dio mo-
noteistico in modo errato. Cos, gli ebrei consideravano i
cristiani come fuorviati e in errore, ma non li mettevano
tra i pagani o idolatri discussi nel Talmud.[100]
Sia Pablo Christiani che Geronimo de Santa F, ol-
tre a criticare il Talmud, lo consideravano anche co-
me una fonte di tradizioni autentiche, alcune delle qua-
li potevano essere utilizzate come argomenti a favore del
cristianesimo. Esempi di tali tradizioni erano le dichiara-
zioni che il Messia era nato al tempo della distruzione del
Tempio e che il Messia sedeva alla destra di Dio.[101]
Nel 1415, Papa Benedetto XIII, che aveva convocato la
disputa di Tortosa, emise una bolla papale (che era desti-
nata, per, a rimanere inoperante) che vietava agli ebrei
di leggere il Talmud e ordinava la distruzione di tutte le
Domenico di Guzmn ed un rogo di libri. relative copie. Molto pi importanti furono le accuse fatte
Pannello di Berruguete, XV secolo. nella prima parte del XVI secolo dal convertito Johannes
Pfeerkorn, agente dei domenicani. Il risultato di queste
accuse fu una lotta in cui l'imperatore e il papa agivano
4.12.1 Medioevo
come giudici, l'avvocato degli ebrei era Johannes Reu-
chlin, che era contrapposto agli oscurantisti: questa pole-
La storia del Talmud riette in parte la storia
mica, che si svolse per la maggior parte tramite opusco-
dell'ebraismo che persiste in un mondo di ostilit e
li, divenne secondo alcuni un precursore della Riforma
persecuzione. Quasi allo stesso tempo che i savoraim
protestante.[100][102]
babilonesi davano gli ultimi ritocchi alla redazione del
Talmud, l'imperatore Giustiniano emetteva il suo editto Un risultato inatteso di questa vicenda fu l'edizione stam-
contro la deuterosis (raddoppio, ripetizione) della Bibbia pata completa del Talmud babilonese pubblicata nel 1520
ebraica[92] Viene dibattuto se, in questo contesto, deute- da Daniel Bomberg a Venezia, sotto la protezione di un
rosis signica Mishnah o "Targum": nella letteratura privilegio papale.[103] Tre anni dopo, nel 1523, Bomberg
patristica, la parola usata in entrambi i sensi. Questo pubblic la prima edizione del Talmud di Gerusalemme.
editto, dettato da zelo cristiano e sentimento anti-ebraico, Trent'anni dopo il Vaticano, che aveva inizialmente per-
fu il preludio agli attacchi contro il Talmud, concepiti messo la prima stampa del Talmud, intraprese la cam-
nello stesso spirito e con inizio nel XIII secolo in Francia, pagna della sua distruzione. A Capodanno, Rosh haSha-
dove lo studio del Talmud era allora orente.[93] nah (9 settembre 1553), le copie del Talmud conscate
in conformit ad un decreto dell'Inquisizione furono bru-
L'accusa contro il Talmud proposta dal convertito al cri-
ciate a Roma, in Campo dei Fiori (autodaf). Altri roghi
stianesimo Nicholas Donin, port alla prima disputa pub-
ebbero luogo in altre citt italiane, come quella istigata da
blica tra ebrei[94] e cristiani, e al primo rogo di copie del
Joshua dei Cantori a Cremona nel 1559. La censura del
Talmud a Parigi nel 1242.[95][96][97] I fal di copie del
Talmud e di altre opere ebraiche fu introdotta da una bol-
Talmud continuarono, ripetutamente.[98]
la papale emessa nel 1554; cinque anni dopo, il Talmud
In simile maniera, il Talmud fu oggetto di una Disputa veniva incluso nel primo Index Expurgatorius e Papa Pio
di Barcellona nel 1263 tra Nahmanide (Rabbi Moses ben IV comand, nel 1565, che il Talmud venisse privato del
Nahman) e un convertito cristiano, Pablo Christiani, di- suo stesso nome. La convenzione di riferirsi al lavoro co-
ventato frate domenicano. Lo stesso Pablo Christiani con- me Shas (shishah sidre Mishnah) invece di Talmud,
dusse un attacco contro il Talmud che provoc una bolla risale a questo periodo.[104]
papale contro il Talmud ed una prima censura, eseguita
64 CAPITOLO 4. TALMUD

La prima edizione espurgata del Talmud, su cui si basa-


rono la maggior parte delle edizioni successive, apparve
a Basilea (1578-1581) con l'omissione del intero trattato
di Avodah Zarah e di passaggi considerati ostili al cri-
stianesimo, insieme a modiche di certe frasi. Un nuovo
attacco sul Talmud fu decretato da Papa Gregorio XIII
(1575-1585), e nel 1593 Papa Clemente VIII rinnov la
vecchia interdizione contro lettura o possessione. Lo stu-
dio crescente del Talmud in Polonia port al rilascio di
una edizione completa (Cracovia, 1602-5), con il restau-
ro del testo originale; un'edizione contenente, per quanto
noto, solo due trattati erano stati pubblicati precedente-
mente a Lublino (1559-1576). Nel 1707 alcune copie del
Talmud furono conscate nella provincia di Brandeburgo,
ma vennero restituite ai legittimi proprietari per ordine
di Federico I di Prussia. Un ulteriore attacco contro il
Talmud ebbe luogo in Polonia (in quello che oggi ter-
ritorio ucraino) nel 1757, quando il vescovo Dembow-
ski, su iniziativa dei frankisti, convocarono una disputa
pubblica a Kam'janec'-Podils'kyj e ordin che tutte le
copie dell'opera che si trovano nel suo vescovado fosser
conscate e bruciate.[105]
La storia esterna del Talmud comprende anche gli at-
tacchi letterari fatti contro di esso da parte di alcuni
teologi cristiani dopo la Riforma, in quanto questi at-
tacchi all'ebraismo si dirigevano principalmente contro
l'opera, con l'esempio pi grave rappresentato da Ent- Primi studi del Talmud: un padre ebreo mentre insegna al glio
decktes Judenthum (Ebraismo smascherato) di Johann - Podolia, ne 1800.
Andreas Eisenmenger (1700).[106][107][108] Al contrario,
il Talmud era oggetto di studio un po' pi caritatevole
da parte di molti teologi cristiani, giuristi e orientalisti
a partire dal Rinascimento, compresi Johann Reuchlin,
John Selden, Petrus Cunaeus, John Lightfoot, Johannes ebraica, l'ammiraglio Verhuell si dichiar incapace di
Buxtorf padre e glio.[109] perdonare gli ebrei che aveva conosciuto durante i suoi
viaggi in giro per il mondo sia per il loro riuto di ricono-
scere Ges come Messia sia per il loro possesso del Tal-
4.12.2 XIX secolo mud. Nello stesso anno l'Abb Chiarini pubblic a Parigi
un'opera voluminosa dal titolo Thorie du Judasme, in
L'edizione Shas di Vilna[110] fu soggetta alla censura del cui annunciava una traduzione del Talmud, promuovendo
governo russo, o ad autocensura per venir incontro alle per la prima volta una versione che avrebbe reso il lavoro
aspettative del governo, sebbene questa fosse una situa- generalmente accessibile e quindi utile per attacchi con-
zione meno severa di precedenti tentativi: il titolo Tal- tro l'ebraismo.[13] In simile atteggiamento gli agitatori an-
mud fu mantenuto e il trattato Avodah Zarah fu incluso. tisemiti del XIX secolo spesso sollecitarono che venisse
La maggior parte delle edizioni moderne sono o copie o prodotta una traduzione e tale richiesta fu persino pre-
versioni strettamente basate sull'edizione di Vilna e quin- sentata agli organi legislativi, come a quello di Vienna.
di omettono ancora la maggior parte dei passaggi conte- Il Talmud e l'"ebreo talmudico divennero cos oggetto
stati. Sebbene non fossero disponibili per molte genera- di attacchi antisemiti, ad esempio nell'opera Der Talmu-
zioni le sezioni rimosse del Talmud, Rashi, le Tosafot e djude (1871) di August Rohling, anche se, d'altro canto,
Maharsha furono conservate tramite stampe rare di liste furono a volte difesi da studenti cristiani del Talmud, in
di errata, note come Chesronos Hashas (Omissioni del particolare Hermann Strack.[113]
Talmud).[111] Molte di queste porzioni censurate furonoUlteriori attacchi da parti antisemitiche includono quelli
recuperate, ironicamente, grazie a manoscritti incensu- di Justinas Pranaitis col suo Il Talmud smascherato: gli
rati della Biblioteca Vaticana. Alcune edizioni moderne insegnamenti rabbinici segreti sui cristiani (1892)[114] e
del Talmud contengono parte o tutto questo materiale, a il Complotto contro la cristianit dell'attivista antisemita
volte alla ne del libro, a volte nei margini, o nel posto
americana Elizabeth Dilling (1964).[115] Le critiche del
originale del testo.[112] Talmud in molti opuscoli e siti web moderni sono spes-
Nel 1830, durante un dibattito alla Camera dei Pari di so riconoscibili come citazioni testuali estratte da una o
Francia in materia di riconoscimento statale della fede altra di queste fonti.
4.13. LETTERATURA 65

4.12.3 La posizione della Chiesa Cattolica costituzione Propagandae in cui riprese gli insegnamenti
pontici a partire dal 1244.[116]
Nell'opinione pubblica, questa condanna ebbe come ef-
fetto la didenza: si era convinti che il Talmud contenes-
se cose malvagie, contro ogni ragione e diritto, convin-
zione che port a credere che gli ebrei lo utilizzassero per
trarne maleci. Gli autori antisemiti avrebbero sfrut-
tato questo tema no ai nostri giorni. Anche i loso del
XVI secolo, che pure reclamavano l'emancipazione de-
gli ebrei, consideravano il Talmud una raccolta di leggi
ridicole.[117]
Queste posizioni sono state ampiamente superate dopo il
Concilio Vaticano II con la dichiarazione Nostra Aetate
che rigetta completamente l'antisemitismo, confermando
le posizioni assunte dalla Chiesa da ne Ottocento[118]
Giovanni Paolo II che Benedetto XVI hanno pi vol-
te citato il Talmud nei loro discorsi come importante
testo di riferimento della spiritualit ebraica, ribaden-
do come la Chiesa si opponga oggi ad ogni forma di
antisemitismo.[119][120]
Innocenzo IV, primo pontece a condannare il Talmud.
(Illustrazione di Jan Florian Hammerschmid, XVI secolo circa)
4.12.4 Le polemiche su internet
La condanna del Talmud stata una conseguenza diretta
A partire dagli anni 2000 si sono diuse numerose cri-
dell'antisemitismo che ha caratterizzato il magistero del-
tiche in Internet.[121] La Anti-Defamation League, in un
la Chiesa Cattolica e Protestante dal 1200 no a tutto il
documento del 2003 sull'argomento ha aermato che i
l'800 e superato denitivamente dal Concilio Vaticano
critici antisemiti del Talmud utilizzano frequentemente
II. In particolare il Talmud stato considerato erroneo
e in malafede, traduzioni erronee o citazioni selettive al
e contenente arbitrariet, favole e bestemmie. La prima
ne di distorcere il signicato del testo talmudico e tal-
condanna esplicita del Talmud si trova nella bolla Impia
volta fabbricarne i passaggi.[122] Inoltre, tali critici rara-
Judaeorum perdia inviata nel 1244 da papa Innocenzo
mente forniscono un contesto completo delle citazioni e
IV al re di Francia Luigi IX.[116] Il Talmud fu accusato
non danno informazioni contestuali circa la cultura in cui
di:
il Talmud fu composto, quasi 2000 anni fa.[123]

sviare gli ebrei dal testo biblico originale (che Gil Student, prolico autore web, aerma che molti at-
secondo il papa conterrebbe numerose profe- tacchi antisemiti contro il Talmud riciclano semplice-
zie dell'incarnazione di Cristo), impedendone la mente materiale discreditato che venne prodotto dalle di-
conversione; spute del XIII secolo, specialmente quello di Raymond
Marti e Nicholas Donin, e che le critiche si basano su
contenere aperte bestemmie contro Dio, Cristo e la citazioni prese fuori contesto e a volte anche inventate
Vergine Maria; completamente.[124]
presentare intricabiles fabulae, abusiones erroneae
et stultitiae inauditae";
4.13 Letteratura
Il Papa, quindi, approv il rogo del 1240, con cui il can-
celliere e i dottori reggenti dell'universit di Parigi aveva- 4.13.1 Opere accademiche moderne
no bruciato numerosi testi ebraici al cospetto del clero e
del popolo, dopo averli letti ed esaminati integralmente e Y. N. Epstein, Mevo-ot le-Sifrut haTalmudim
invit il re ad estendere l'iniziativa in tutto il suo regno.
Hanoch Albeck, Mavo la-talmudim
Questa posizione venne confermata e ribadita dai papi
successivi no ad inizio del Settecento: Giovanni XXII Louis Jacobs, How Much of the Babylonian Tal-
nel 1320 in Dundum Felicis con un nuovo esame con- mud is Pseudepigraphic?", Journal of Jewish Studies
dotto da esperti in materia ribad la condanna e prescris- 28, No. 1 (1977), pp. 4659
se di bruciare le copie del Talmud; nel 1554, Clemente
VIII in Caeca et Obturata (1593) condanna sia Talmud Saul Lieberman, Hellenism in Jewish Palestine (New
che Cabala ebraica; nel 1704 Clemente XI promulg la York: Jewish Theological Seminary, 1950)
66 CAPITOLO 4. TALMUD

Jacob Neusner, Sources and Traditions: Types of Aaron Amit, Pesachim chapter 4: Iggud le-
Compositions in the Talmud of Babylonia (Atlanta: Farshanut ha-Talmud, (HE) con sommario
Scholars Press, 1992). (EN)
David Weiss Halivni, Mekorot u-Mesorot (Jerusa-
lem: Jewish Theological Seminary, 1982 on)
4.14 Il Talmud nell'arte
Yaakov Elman, Order, Sequence, and Selection:
The Mishnahs Anthological Choices, in David
4.14.1 Galleria di immagini
Stern, ed. The Anthology in Jewish Literature
(Oxford: Oxford University Press, 2004) 53-80 Nei quadri di Carl Schleicher
Strack, Herman L. and Stemberger, Gunter, In-
troduction to the Talmud and Midrash, tr. Markus Rabbini e talmudisti che studiano e dibattono abbon-
Bockmuehl: repr. 1992, hardback ISBN 978-0-567- dano negli olii dell'artista austriaco Carl Schleicher
09509-1, paperback ISBN 978-0-8006-2524-5 (1825-1903)
Moses Mielziner, Introduction to the Talmud: re-
pr. 1997, hardback ISBN 978-0-8197-0156-5, Scena ebraica II
paperback ISBN 978-0-8197-0015-5
Una controversia qualsiasi del Talmud.[1]
Aviram Ravitzky, Aristotelian Logic and Talmudic
Dal rabbino.
Methodology (Hebrew): Jerusalem 2009, ISBN 978-
965-493-459-6 Scena ebraica I.

4.13.2 Studio storico e storiograco 1. ^ Si vedano i quadri di Schleicher a MutualArt.

Shalom Carmy (curatore) Modern Scholarship in the Nelle rappresentazioni artistiche dei secoli XIX
Study of Torah: Contributions and Limitations Jason e XX
Aronson, Inc.
Richard Kalmin Sages, Stories, Authors and Editors Ebrei che studiano il Talmud, Parigi, 1880-1905
in Rabbinic Babylonia Brown Judaic Studies
Samuel Hirszenberg, Scuola Talmudica, 1895-1908
David C. Kraemer, On the Reliability of Attributions circa
in the Babylonian Talmud, Hebrew Union College
Annual 60 (1989), pp. 17590 Adolf Behrman, Talmudisti, 1910-1915 circa

Lee Levine, Ma'amad ha-Hakhamim be-Eretz Yi- Ephraim Moses Lilien, Studenti talmudici, incisione,
srael (Gerusalemme: Yad Yizhak Ben-Zvi, 1985), 1915
(=La classe rabbinica nella Palestina romana della
Maurycy Trbacz, La Disputa, 1920-1940
Tarda Antichit)
Solomons Haggadoth, bassorilievo in bronzo dalla
Saul Lieberman, Hellenism in Jewish Palestine (New
Knesset Menorah, Gerusalemme, di Benno Elkan,
York: Jewish Theological Seminary, 1950)
1956
John W. McGinley, " 'The Written' as the Vocation
of Conceiving Jewishly. ISBN 0-595-40488-X Insegnamenti di Hilel, bassorilievo bronzeo dalla
Knesset Menorah
David Bigman, Finding A Home for Critical Talmud
Study Misticismo ebraico: Jochanan ben Sakkai, bassorilie-
vo bronzeo dalla Knesset Menorah

4.13.3 Trattati
4.15 Note
Moshe Benovitz, Berakhot chapter 1: Iggud le-
Farshanut ha-Talmud, (HE) con sommario (EN)
Jewish Encyclopedia, New York, Funk and Wag-
Stephen Wald, Shabbat chapter 7: Iggud le- nalls, 19011906.
Farshanut ha-Talmud, (HE) con sommario (EN)
(EN) Hugh Chisholm (a cura di), Enciclopedia Bri-
Aviad Stollman, Eruvin chapter 10: Iggud le- tannica, XI edizione, Cambridge University Press,
Farshanut ha-Talmud, (HE) con sommario (EN) 1911.
4.15. NOTE 67

[1] (EN) Morris Jastrow, Jr., Robert W. Rogers, Richard Stemberger, EDB (2008); Talmd. Il trattato delle bene-
Gottheil, Samuel Krauss, Jewish Encyclopedia, New dizioni, redattore S. Cavalletti, UTET (2009); Il Talmud,
York, Funk and Wagnalls, 19011906, http://www. a cura di A. Cohen, trad. A. Toa, Laterza (1999); Jacob
jewishencyclopedia.com/articles/2286-babylonia. URL Neusner, Il Talmud. Cos e cosa dice, San Paolo Edizioni
consultato il 7 aprile 2016. (2009); Dan Ja, Il Talmud e le origini ebraiche del cri-
stianesimo, Jaca Book (2008); Simon Schwarzfuchs, Ra-
Il Talmud fornisce i conni della Babi- shi. Il maestro del Talmud, trad. A. Tombolini, Jaca Book
lonia [ebraica] vissuta dagli ebrei che vi (2005).
risiedevano.
[14] L'ebraico mishna deriva da una radice che signica ripe-
[2] Talmud, su Jewish Encyclopedia. tere": una formulazione succinta che il maestro passa al
discepolo da ripetere e quindi memorizzare quale riassun-
[3] Oral Torah, Jewish Virtual Library
to della lezione. Il cristiano Girolamo, scrivendo verso il
[4] Hermann Strack, Introduction to the Talmud and Midrash, 410, fa riferimento alle tradizioni dei farisei chiamandole
Jewish Publication Society (1945), pp. 11-12. "[La Legge deuterseis - un equivalente greco dell'ebraico mishnayot.
Orale] fu trasmessa per passaparola nel corso di un lungo Chiaramente, la Mishna venne concepita come insegna-
periodo... I primi tentativi di metter per iscritto la materia mento orale e la sua articolazione dettagliata, come anche
tradizionale si crede siano stati fatti nella prima met del l'ordinamento dei suoi contenuti, sono meglio apprezzati
secondo secolo cristiano. Strack teorizza che la crescita se visti in un contesto di oralit.
del canone cristiano (il Nuovo Testamento) fu un fatto-
re che inuenz i rabbini a registrare la legge orale per [15] In tal modo, nell'origine della trasmissione della Torah, si
iscritto. compone la corrispondenza tra l'opera stessa e il corpus
medesimo della Grande Assemblea
[5] La teoria che la distruzione del Tempio e il caos che ne
consegu port alla scrittura della Legge Orale venne spie- [16] Gemara and Mishnah, articolo della New World
gata per la prima volta nell'Epistola di Sherira Gaon e Encyclopedia. URL consultato il 15 settembre 2015.
spesso ripetuta. Vedi per es., Grayzel, A History of the
[17] Per es. Pirkei Avot 5.21: cinque (anni di et) per la Torah,
Jews, Penguin Books, 1984, p. 193.
dieci per Mishnah, tredici per i comandamenti, quindici
[6] Il pi antico manoscritto completo del Talmud, noto come per talmud".
il Talmud di Monaco (Cod.hebr. 95), risale al 1342 ed
[18] Babilonese = Bavli.
disponibile online.

[7] Howard Schwartz, Tree of souls: the mythology of [19] Palestinian Talmud, su Encyclopdia Britannica Onli-
Judaism, Oxford University Press (2004), p. lv ne, Encyclopdia Britannica, 2010. URL consultato il 25
maggio 2012.
[8] Elizabeth Shanks Alexander, The Orality of Rabbinic
Writing, in The Cambridge Companion to the Talmud, [20] Jacob Neusner, J. Aronson, The Yerushalmi - the Talmud
cur. Martin Jaee (2007). of the Land of Israel: an introduction (1993).

[9] Elizabeth Shanks Alexander, The Orality of Rabbinic [21] (EN) Eusebius, XVIII: He speaks of their Unanimity re-
Writing, cit., p. 39. Ci viene confermato da varie fonti, specting the Feast of Easter, and against the Practice of
come per es. Mishna Pirkei Avot 1:1. Il modo di insegna- the Jews, in Vita Constantini, III, circa 330 e.v.. URL
mento e memorizzazione viene descritto su Bavli Eruvin consultato il 24 maggio 2012.
54b.
[22] Alcuni studiosi hanno messo in dubbio questo nesso: per
[10] Nella letteratura rabbinica questo concetto esemplicato ulteriori dettagli cfr. s.v. "Talmud di Gerusalemme: Data
dalla storia di Rabbi Akiva che spiegava una moltitudine e luogo di composizione".
di leggi basandosi sulle corone scritturali delle lettere nel-
la Torah scritta. Il Talmud riporta che Mos stesso non [23] Early compilations - The making of the Talmuds: 3rd
sarebbe stato capace di capire queste interpretazioni, pur 6th century, in Encyclopdia Britannica, Encyclopdia
tuttavia esse vengono chiamate tradizioni mosaiche (Hala- Britannica Online, 2008. URL consultato il 24 maggio
khah leMoshe miSinai). Bavli Menahot 29b. Cfr. Elizabeth 2012.
Shanks Alexander, op cit.
[24] Adin Steinsaltz, The Essential Talmud, BasicBooks,
[11] Per il signicato di pagina in questo contesto, vedi A Division of HarperCollins Publishers, 1976, ISBN
#Stampa e pubblicazione. 0-465-02063-1.

[12] Louis Jacobs, Structure and form in the Babylonian [25] Maimonide lodava comunque il Talmud di Gerusalemme,
Talmud, Cambridge University Press (1991), p. 2 aermando come spiegasse le ragioni delle decisioni nor-
mative, mentre il Bavli non lo faceva; scrisse quindi una
[13] Quanto segue secondo la descrizione critica e sistematiz- critica apprezzativa, intitolata Hilkhot ha-Yerushalmi (I
zazione del The Talmud, cur. N. Solomon, Penguin Books Precetti dello Yerushalmi, arrivata a noi solo come fram-
(2009), Introduction e passim - pagg. di riferimento spe- mento), dove forniva un fondamento logico delle leggi.
cico in base alle rispettive sezioni. Si consultato inoltre Cfr. Joel L. Kraemer, Maimonides, Doubleday (2008), p.
Il Talmud. Introduzione, testi, commenti, curato da Gnter 80.
68 CAPITOLO 4. TALMUD

[26] Judaic Treasures of the Library of Congress: The Talmud, [40] Miller, Chaim. Rashis Method of Biblical Commentary su
American-Israeli Cooperative Enterprise. chabad.org

[27] Senz-Badillos, ngel e John Elwolde, A history of the [41] Per una lista, cfr. Ephraim Urbach, s.v. Tosafot, su
Hebrew language, (1996): C' un accordo generale sul Encyclopedia of Religion.
fatto che si possano distinguere due periodi principali di
ER (ebraico rabbinico). Il primo, che dur no alla ne [42] Pilpul, Mordechai Breuer, nella Encyclopedia Judaica,
del periodo tannaitico (circa 200 e.v.), caratterizzato da Vol. 16, 2 ed. (2007), Macmillan Reference, USA &
ER come lingua parlata che si trasforma gradualmente in H.H. Ben Sasson, A History of the Jewish People, pp. 627,
strumento letterario col quale scrivere Mishnah, Tosef- 717.
ta, baraitot e midrashim tannaitici. Il secondo inizia con [43] Kol Melechet Higgayon, traduzione ebraica dell'epitome
gli Amoraim e vede ER sostituito da aramaico quale ver- di Averro sulle opere aristoteliche di logica, era molto
nacolo parlato, con ER che sopravvive solo come lingua studiata nel Nord Italia, particolarmente a Padova.
letteraria. Poi ER continu ad essere usato negli scritti
rabbinici successivi, no al decimo secolo, per esempio [44] Per un trattamento comparativo, cfr. Ravitzky, pi sotto.
nelle porzioni ebraiche dei due Talmud e nella letteratura
midrashica e aggadica. [45] Faur descrive qui la tradizione di Damasco, sebbene
l'approccio possa esser stato simile anche in altri posti.
[28] Amnon Raz-Krakotzkin, The Censor, the Editor, and the
Text: The Catholic Church and the Shaping of the Jewish [46] Si possono trovare esempi su moreshetsepharad.org.
Canon in the Sixteenth Century, trad. ingl. Jackie Feldman,
[47] Rav Avraham Yitzchok Ha-Cohen Kook, zt"l, defunto
Philadelphia: University of Pennsylvania Press (2007),
Gran Rabbino di Israele, Un compito molto grande ci si
VIII + 314, p. 104. ISBN 978-0-8122-4011-5
presenta, riparare la rottura tra le deliberazioni talmudi-
[29] Christiane Berkvens-Stevelinck Le Magasin De L'Univers che e le decisioni halakhiche... per far abituare gli stu-
- The Dutch Republic As the Centre of the European Book denti della Ghemarah a correlare l'apprendimento di tut-
Trade (Brills Studies in Intellectual History). ta l'halakhah con la sua fonte e ragione..., Halacha Bru-
ra and Birur Halacha Institute, 17 febbraio 2008. URL
[30] Marvin J. Heller, Printing the Talmud: a history of the in- consultato il 26 maggio 2012. Non deve esser confuso col
dividual treatises (1999), p.239: Il Talmud Benveniste, compendio halakhico omonimo di Rabbi David Yosef.
secondo Rabbinovicz, si bas sul Talmud di Lublino, che
[48] Per una descrizione dei vari metodi, si veda Gavriel Bech-
includeva molti errori dei censori.
hofer, An Analysis of Darchei HaLimud (Methodologies
[31] Isaac Landman, The Universal Jewish Encyclopedia of Talmud Study) Centering on a Cup of Tea.
(1941): La sua opera pi grande fu la traduzione
[49] Come Yonah Fraenkel dimostra nel suo libro Darko Shel
dell'intero Talmud babilonese in tedesco che, siccome era
Rashi be-Ferusho la-Talmud ha-Bavli, uno dei maggio-
preso dal testo incensurato ed era la sola traduzione com-
ri successi di Rashi fu l'emendamento testuale. Rabbenu
pleta in una lingua europea, fu di notevole valore per gli
Tam, nipote di Rashi e una delle gure centrali delle ac-
studenti.
cademie Tosaste, polemizza contro l'emendamento te-
[32] Friedman, Variant Readings in the Babylonian Talmud stuale nella propria opera meno studiata Sefer ha-Yashar.
A Methodological Study Marking the Appearance Tuttavia, anche i Tosasti emandarono il testo talmudico
of 13 Volumes of the Institute for the Complete Israeli (cfr. per es. Baba Kamma 83b s.v. af haka'ah ha'amurah
Talmuds Edition, Tarbiz 68 (1998). o Gittin 32a s.v. mevutelet) come fecero anche molti al-
tri commentatori (cfr. per es. Rabbi Shlomo ben Aderet,
[33] Amar, Yosef, Talmud Bavli be-niqqud Temani, Nosach- Hiddushei ha-Rashb"a al ha-Sha"s sul Baba Kamma 83b,
teiman.co.il. URL consultato il 25 maggio 2012. o il commentario di Rabbenu Nissim su Alfasi in Gittin
32a).
[34] Julius Joseph Price, The Yemenite ms. of Megilla (in the
Library of Columbia university), 1916; Pesahim, 1913; [50] Le pagine di questo testo possono esser consultate
Mo'ed Katon, 1920. individualmente su Wikimedia Commons.

[35] Articolo de La Repubblica, del 27/11/2010. [51] Immanuel Etkes, The Gaon of Vilna, University of
California Press, 2002, p. 16, ISBN 0-520-22394-2.
[36] ArtScroll una societ di traduzioni, libri e commentari
[52] Solomon Schechter, Studies in Judaism, p. 92.
con prospettiva ortodossa, che fa parte della Casa Editrice
Mesorah Publications Ltd. basata a Brooklyn, New York. [53] Lieberman-Institute.
unilibro.it ed. 30 giugno '05
[54] Introduzione a Sokolo, Dictionary of Jewish Babylonian
[37] Le altre edizioni di Oz ve-Hadar sono simili ma senza Aramaic.
spiegazioni in ebraico moderno.
[55] Tesoro di manoscritti Talmudici, su Biblioteca naziona-
[38] Sefer ha-Ner sul Berachot (HE) le di Israele.

[39] Citato su Biography of Ramban, Jewish Theological [56] The Oral Law -Talmud & Mishna, su Jewish Virtual
Seminary Library.
4.15. NOTE 69

[57] Jay Harris, Guiding the Perplexed in the Modern Age [76] Hyam Maccoby, Judaism on Trial
(Guidando i perplessi in et moderna), cap. 5.
[77] Relazione della ADL The Talmud in Anti-Semitic
[58] Yaakov Chaim Sofer, Yehi Yosef, Gerusalemme (1991) Polemics, Anti-Defamation League
p. 132: Questo passo non porta la rma dell'editore del
Talmud!" [78] Student, Gil - Rebuttals to criticisms of Talmud

[59] Joseph Telushkin, Jewish Literacy: The Most Important [79] Bacher, Wilhelm, Talmud, articolo su Jewish Encyclo-
Things to Know About the Jewish Religion, Its People and pedia, Funk & Wagnalls Company, 1901
Its History, William Morrow & Co., 1991, passim
[80] Articolo online
[60] Cfr. in particolare la sua controversa dissertazione Mar
Samuel, consultabile su archive.org (tedesco). [81] Cfr. specialmente le sezioni Attacks on the Talmud
(EN)
[61] Cfr. per es. i lavori di Louis Jacobs e Shaye J.D. Cohen.
[82] Fraade, pp. 144-146
[62] Cfr. per es. le opere di Lee I. Levine e David Kraemer.
[83] Kimmerling, Baruch, Images of Gentiles (recensione),
[63] Cfr. per es. le opere di Saul Lieberman, David Weiss Journal of Palestine Studies, aprile 1997, Vol. 26, No. 3,
Halivni e Avraham Goldberg. pp. 9698

[64] Encyclopaedia Judaica, 2 ed. s.v. Talmud, Babylonian. [84] Siedman, p. 137
[65] Encyclopaedia Judaica cit., s.v. Jerusalem Talmud. Ve- [85] Cohn-Sherbok, p. 48
di anche Shamma Y. Friedman Talmud Aruch sul capito-
lo sesto della Bava Metzia (1996), che il primo esempio [86] Steinsaltz, pp. 268-270
di una completa analisi di un testo talmudico che utilizza
questo metodo. S. Wald ha seguito con opere Pesachim [87] Cfr per es. Uriel DaCosta, cit. da Nadler, p. 68
ch. 3 (2000) e Shabbat ch. 7 (2006). S. Wald ha fatto se-
[88] Cohn-Sherbok, p. 47
guito con opere su Pesachim cap. 3 (2000) e Shabbat cap.
7 (2006). Ulteriori commentari in questo senso sono pub- [89] Wilhelm Bacher, Talmud, articolo su Jewish Encyclope-
blicati dalla Society for the Interpretation of the Talmud dia
di Friedman.
[90] Relazione della ADL, pp. 1-2
[66] Joshua Freeman, Laying down the (Oral) law, in The
Jerusalem Post. Vedi anche s.v. "Caraismo#Storia". [91] Per consultare esempi di alcune citazioni fuori contesto
e con omissioni, si veda:Responses to criticisms di Gil
[67] Why Christians Should Study Torah and Talmud (Per- Student; Responses to criticisms di Michael Gruda (EN)
ch i cristiani dovrebbero studiare la Torah e il Talmud),
Bridges for Peace. URL consultato il 27 maggio 2012. [92] Novellae Constitutiones 146.1.2.

[68] Why Koreans study Talmud (Perch i coreani studiano il [93] Quella malattia contagiosa che si chiama studio di
Talmud), in Ynet, 05.12.11. Jonatan Della Rocca, su Shalom.it 02/01/2011.
[69] Les Sud Corens tudient le Talmud !(I Sud Coreani [94] I rappresentanti ebraici includevano Rabbi Yechiel di
studiano il Talmud !), in tel-avivre.com, 17.05.13. Parigi e Rabbi Moses ben Jacob di Coucy.
[70] M.L. Rodkinson, History of Talmud, testo completo (EN) [95] Rodkinson, cit., pp. 6669
[71] Lewis, Bernard, Semites and anti-Semites: an inquiry into [96] Levy, cit., p. 701
conict and prejudice, W. W. Norton & Company, 1999,
p. 134 [97] Per un resoconto ebraico della Disputa di Parigi, si veda
Jehiel di Paris, La Disputa di Jehiel di Parigi (HE) , su
[72] Johnson, Paul, A history of the Jews, HarperCollins, 1988, Collected Polemics and Disputations, ed. J. D. Eisenstein,
p. 577 Hebrew Publishing Company (1922); trad. e ristampa
[73] Arab attitudes to Israel, Yehoshafat Harkabi, p. 248, 272 di Hyam Maccoby su Judaism on Trial: Jewish-Christian
Disputations in the Middle Ages (1982).
[74] Come quelle di Uriel da Costa, Israel Shahak e Baruch
Kimmerling [98] James Carroll Constantines sword: the church and the
Jews: a history, First Mariner Books (2001).
[75] Come quelle di Christopher Hitchens e Denis Diderot.
sconcertante constatare che tra i pi focosi antisemiti e [99] Cohn-Sherbok, pp. 50-54
anti-ebraismo, gurano apostati ebrei o persone di origi-
[100] Maccoby.
ne ebraica (materia di ampio studio psicologico). A parte
i nomi gi citati supra, si noti Hitchens, di origini ebrai- [101] Hyam Maccoby, op. cit.
che e deceduto recentemente - che ha comunque sem-
pre condannato l'antisemitismo ed pi volte intervenuto [102] Roth, Norman, Medieval Jewish civilization: an encyclo-
pubblicamente contro antisemiti britannici ed americani. pedia, Taylor & Francis (2003), p. 83
70 CAPITOLO 4. TALMUD

[103] Rodkinson, p. 98. [121] Jeremy Jones, Talmudic Terrors, Australia/Israel Review,
giugno 1999.
[104] Hastings, James, Encyclopedia of Religion and Ethics Part
23, p. 186. Se i lettori dubitassero della malizia, viru-
lenza e prevalenza di tale materiale sul web,
[105] Rodkinson, cit., pp. 100-103. allora possono prenderne visione visitando un
sito internet chiamato Talmud Expos (ora
[106] Rodkinson, p. 105.
archiviato presso Talmud Expos) prepara-
[107] Levy, cit., p. 210 to da David Maddison di Melbourne che, af-
frontando un compito erculeo, ha risposto in-
[108] Boettcher, Susan R., Entdecktes Judenthum, articolo su dividualmente a centinaia di citazioni, men-
Levy, cit., p. 210 zogne, diamazioni e tematiche incontrate
su Internet contro il Talmud..; vedi anche
[109] Berlin, George L., Defending the faith: nineteenth-century Antisemitism in Australia (2007).
American Jewish writings on Christianity and Jesus, SUNY
Press (1989), p. 156 [122] Interessante vederne un esempio nella pagina discussioni
di questa voce.
[110] L'Edizione Vilna del Talmud, stampata a Vilna (ora
Vilnius), in Lituania, certamente l'edizione stampata pi [123] The Talmud in Anti-Semitic Polemics (Il Talmud in po-
comune del Talmud ancora in uso quale testo basilare del- lemiche antisemitiche) (PDF), Anti-Defamation League,
lo studio della Torah nelle yeshivah e da parte di tutti gli febbraio 2003. URL consultato il 28 maggio 2012.
studiosi dell'ebraismo. Fu stampata per i tipi della Casa
Editrice Romm di Vilna. Tale edizione comprende 37 vo- Citando selettivamente vari passaggi dal
lumi e contiene l'intero Talmud babilonese. Nel suo com- Talmud e Midrash, i polemisti hanno cercato
plesso conta 5.894 fogli. Una pagina tipica stampata con di dimostrare che l'ebraismo sostiene l'odio
la Gemara e/o la Mishnah al centro, il commentario di per i non-ebrei (e in particolare per i cristia-
Rashi sul margine interno e le Tosafot sul margine ester- ni), e promuove oscenit, perversione sessua-
no, aancati da altre annotazioni varie di vari eminenti le e altri comportamenti immorali. Al ne di
talmudisti. Questa edizione fu stampata per la prima vol- usare questi brani per i loro scopi, tali pole-
ta negli anni 1870 e 1880, ma continua ad esser prodotta misti spesso li traducono malamente o li ci-
foto/anastaticamente in tutto il mondo. tano fuori contesto (l'invenzione all'ingrosso
nota) .... Nella distorsione dei signicati
[111] Vedi Chesronos Hashas. normativi di testi rabbinici, gli scrittori anti-
Talmud spesso estraggono i brani fuori dal
[112] The Talmud: The Steinsaltz Edition, pp. 103-104 Mar-
loro testo e contesto storico. Anche quando
vin J. Heller, Printing the Talmud: a history of the indi-
presentano le loro citazioni accuratamente,
vidual treatises printed from 1700 to 1750, Basel, Brill
giudicano i passi citati sulla base delle attuali
Publishers, 1999, pp. 17, 166.
norme morali, ignorando il fatto che la mag-
[113] Rodkinson, pp. 109-114. gior parte di questi brani sono stati composti
quasi duemila anni fa da persone che viveva-
[114] Levy, p. 564 no in culture radicalmente diverse dalla no-
stra. Sono quindi in grado di ignorare la lunga
[115] Jeansonne, Glen, Women of the Far Right: The Mothers storia dell'ebraismo nel progresso sociale e lo
Movement and World War II, University of Chicago Press dipingono invece come una religione primi-
(1997), pp. 168-169. tiva e parrocchiale. Coloro che attaccano il
Talmud citano frequentemente antiche fon-
[116] Cfr. articolo Il Talmud vive nonostante tutti i roghi di
ti rabbiniche, senza notare i successivi svi-
Scialom Bahbout, su Shalom.it 1 gennaio 2011; vedi an-
luppi del pensiero ebraico e senza fare alcu-
che rel. fonte Il rogo del Talmud di Rav Pavoncello su
no sforzo in buona fede di consultare le au-
alef dac nr. 18.
torit ebraiche contemporanee, che possono
[117] int. al., La Chiesa e gli ebrei nel medioevo di Tho- spiegare il ruolo di queste fonti nel pensiero
mas F. Madden, Crisis, Vol. 21 n. 1 (gennaio 2003).URL ebraico normativo e pratico..
consultato 28/05/2012
[124] Gil Student, The Real Truth About The Talmud, tal-
[118] Dichiarazione Nostra Aetate. mud.faithweb.com, 2000. URL consultato il 16 settembre
2010.
[119] Vedasi For the 25th Anniversary of Nostra Aetate, John
Paul II, 6 December 1990, Discorso di Giovanni Paolo Le accuse contro il Talmud hanno una lunga
II in occasione del 25 anniversario della dichiarazione storia che risale al XIII secolo, quando i col-
Nostra Aetate - Roma, 6 dicembre 1990. laboratori dell'Inquisizione tentavano di dif-
famare gli ebrei e la loro religione [cfr. Yi-
[120] Vedasi Incontro con la Delegazione Ebraica, Parigi 12 tzchak Baer, A History of Jews in Christian
settembre 2008 - Benedetto XVI, Discorso di kBenedet- Spain (Storia degli ebrei nella Spagna cristia-
to XVI con la delegazione ebraica - Parigi, 12 settembre na), vol. I pp. 150-185]. Il materiale inizia-
2008. le compilato dai predicatori dell'odio, come
4.16. BIBLIOGRAFIA 71

Raymond Martini e Nicholas Donin, riman- Dan Cohn-Sherbok, Judaism and other faiths, Pal-
gono la base di tutte le successive accuse con- grave Macmillan, 1994, ISBN 978-0-312-10384-2.
tro il Talmud. Alcune sono vere, ma la mag- URL consultato il 27 maggio 2012.
gior parte sono false e basate su citazioni
estrapolate dal contesto, e alcune sono com- Fraade, Steven D, Navigating the Anomalous:
plete invenzioni [cfr. Baer, cap. 4 f. 54, 82 Non-Jews at the Intersection of Early Rabbinic
dove stato dimostrato che Raymond Mar- Law and Narrative, in Laurence Jay Silberstein
tini forgiava citazioni]. Su internet oggi pos- e Robert L. Cohn, The Other in Jewish thought
siamo trovare molte di queste vecchie accuse and history: constructions of Jewish culture and
rimaneggiate.... identity, NYU Press, 1 agosto 1994, pp. 145
165, ISBN 978-0-8147-7990-3. URL consultato il 27
maggio2012.
4.16 Bibliograa R. Travers Herford, Christianity in Talmud and Mi-
drash, KTAV Publishing House, Inc., 15 febbraio
Abraham Cohen, Il Talmud (1935), traduzione di 2007, ISBN 978-0-88125-930-8. URL consultato il
Alfredo Toa, Laterza, Bari, 1999 27 maggio 2012.
Adin Steinsaltz, Cos il Talmud (1977), traduzio- D. Landesman A Practical Guide to Torah Learning
ne di Sandro Servi e Daniele Liberanome, Giuntina, (Jason Aronson, 1995). ISBN 1-56821-320-4
Firenze, 2004
Emmanuel Lvinas e Annette Aronowicz, Nine Tal-
Dan Ja, Il Talmud e le origini ebraiche del mudic readings, Indiana University Press, febbraio
cristianesimo, Jaca Book, Milano, 2008 1994, ISBN 978-0-253-20876-7. URL consultato il
27 maggio 2012.
Jacob Neusner, Il Talmud: cos e cosa dice (n. ed.
1984), traduzione di Gabriele Mancuso, San Paolo, Levy, Richard S., Antisemitism: a historical en-
Cinisello Balsamo, 2009 cyclopedia of prejudice and persecution, Volu-
me 2, ABC-CLIO, 2005. Cfr. articoli: Talmud
Jacob Neusner, Il giudaismo nella testimonianza Trials, Entdecktes Judenthum, The Talmud
della Mishnah (a cura di Mauro Perani), EDB, Jew, David Duke, August Rohling, e Johannes
Bologna, 1995 ISBN 88-10-40793-8 Pfeerkorn.
Gnter Stemberger, Il Talmud: introduzione, testi, Hyam Maccoby e Jehiel ben Joseph (of Paris),
commenti (n. ed. 1992), traduzione di Daniela e Lui- Judaism on trial: Jewish-Christian disputations in
gi Cattani, Edizioni dehoniane, Napoli, 1989; poi the Middle Ages, Fairleigh Dickinson University
Citt nuova, Roma, 1995, poi Edizioni dehoniane Press, 1993, ISBN 978-1-874774-16-7. URL con-
(EDB), Bologna, 1999 sultato il 27 maggio 2012. Un compendio di fonti
primarie con commentario.
Elie Wiesel, Sei riessioni sul Talmud, avvertenza
di Umberto Eco, nota di Ugo Volli, traduzione di Maimonide Introduzione alla Mishneh Torah (trad.
Valentina Pisanty, Cristina Demaria e Ifat Nesher, inglese) (EN)
Bompiani, Milano, 2000 Maimonide Introduzione al Commentario alla Mi-
Marc-Alain Ouaknin, Invito al Talmud (2001), tra- shnah (Testo completo ebraico), trad. Zvi Lampel
duzione di Roberto Salvadori, Bollati Boringhieri, (Judaica Press, 1998). ISBN 1-880582-28-7
Torino, 2009 Aaron Parry The Complete Idiots Guide to The
Talmud (Alpha Books, 2004). ISBN 1-59257-202-2
Norman Solomon, The Talmud, Penguin Classics,
Londra, 2009 Rodkinson, Michael Levi, The History of the Tal-
mud from the time of its formation, about 200 B.C.,
Nathan T. Lopes Cardozo The Innite Chain: Torah, up to the present time, The Talmud Society, 1918
Masorah, and Man (Philipp Feldheim, 1989). ISBN
0-944070-15-9 Jonathan Rosen, The Talmud and the Internet:
A Journey Between Worlds, Continuum Interna-
Aryeh Carmell, Aiding Talmud study, Feldheim Pu- tional Publishing Group, 25 ottobre 2001, ISBN
blishers, dicembre 1986, ISBN 978-0-87306-428- 978-0-8264-5534-5. URL consultato il 27 maggio
6. URL consultato il 27 maggio 2012. (include Mevo 2012.
ha-Talmud di Samuel ha-Nagid, cfr. sez. successiva)
Adin Steinsaltz, The essential Talmud, Basic Books,
Zvi Hirsch Chajes Mevo Hatalmud, trad. (EN) Jacob 11 settembre 2006, ISBN 978-0-465-08273-5. URL
Shachter: The Students Guide Through The Talmud consultato il 27 maggio 2012. Ulteriori informazioni
(Yashar Books, 2005). ISBN 1-933143-05-3 bibliogr. su steinsaltz.org. Cfr. anche Saggi.
72 CAPITOLO 4. TALMUD

Adin Steinsaltz The Talmud: A Reference Guide Joseph ibn Verga, She'erit Yosef
(Random House, 1996). ISBN 0-679-77367-3
Isaac Campanton, Darche ha-Talmud
David ben Solomon ibn Abi Zimra, Kelale ha-
4.17 Voci correlate Gemara

Anti-Defamation League Bezalel Ashkenazi, Kelale ha-Gemara

Cattivit babilonese Yeshu'ah b. Yosef ha-Levi, Halichot Olam

Diaspora ebraica Joseph ben Ephraim Karo, Kelale ha-Gemara


(commentario su Halichot Olam)
Dio (ebraismo)
Solomon Algazi, Yavin Shemu'ah (commentario su
Ebraismo Halichot Olam)
Ghemara Yisrael Ya'akov Algazi, Ar'a de-Rabbanan
Lashon hara Serillo, Samuel, Kelale Shemuel
Midrash Horowitz, Isaiah, Shene Luchot ha-Berit (section on
Torah she-be-al-Pe)
Mishnah
Mos Luzzatto, Derech Tevunot, trad in (EN) come
Mishneh Torah
The Ways of Reason, Feldheim 1988, ISBN 978-0-
Tannaim 87306-495-8

Tanakh Sefer ha-Higgayon, trad. in (EN) come The Book of


Logic, Feldheim 1995, ISBN 978-0-87306-707-2
Torah
de Oliveira, Solomon, Darche Noam
Yeshivah
Malachi ha-Cohen, Yad Malachi
Aryeh Leib HaCohen Heller, Shev Shema'tata
4.18 Altri progetti
Goitein, B., Kesef Nivhar
Wikisource contiene una pagina dedicata a Ezechia Bola, Ben Zekunim vol. 1
Talmud
Moshe Amiel, Ha-Middot le-eqer ha-Halachah,
Wikiquote contiene citazioni di o su Talmud vol. 1, vol. 2, vol. 3

Clavis Talmudica maxima, traduzione in latino del


Wikizionario contiene il lemma di dizionario Talmud e della Ghemara con testo ebraico a fronte
Talmud
(HE) Mishnah, mechon-mamre.org.
Wikimedia Commons contiene immagini o (HE) Tosefta, mechon-mamre.org.
altri le su Talmud
(HE) Talmud Yerushalmi, mechon-mamre.org.

(HE) Talmud Bavli, mechon-mamre.org.


4.19 Collegamenti esterni
(HE) Talmud con motore di ricerca,
Samuel ha-Nagid, Mevo ha-Talmud kodesh.snunit.k12.il.
Joseph ben Judah ibn Aknin, Mevo ha-Talmud (HE) Imnagini di ciascuna pagina del Bavli,
e-daf.com.
Zerachiah Halevi, Sefer ha-Tzava
(HE) Trattato Megillah: scaricabile in .pdf con
Samson di Chinon, Sefer ha-Keritut vocalizzazione yemenita
Jacob Hagiz, Teillat ochmah (incluso in molte
edizioni di Keritut)
Abraham ibn Akra, Meharere Nemarim
Capitolo 5

Israele

Coordinate: 31N 35E / 31N 35E costruito nuovi centri abitati.


Israele, ucialmente Stato d'Israele (in ebraico: , Me- Lo stato palestinese, stato proclamato nel 1988 ed am-
dinat Yisra'el; in arabo: , Dawlat Isr'l), messo come osservatore permanente dell'ONU solo nel
uno Stato del Vicino Oriente aacciato sul mar Mediter- 2012, ma ancora non riconosciuto come tale da Israe-
raneo. Conna a nord con il Libano, con la Siria a nord- le e da altri paesi; controlla la Striscia di Gaza, non pi
est, Giordania a est, Egitto e Golfo di Aqaba a sud, e con rivendicata da Israele, e solo alcune zone della Cisgior-
i territori palestinesi, ossia Cisgiordania a est e Striscia di dania, che rivendica interamente ma rimane prevalente-
Gaza a sud-ovest[8][9] . mente controllata da Israele, secondo le decisioni degli
Situato in Medio oriente, occupa approssimativamente accordi di Oslo del 1993. La sovranit di Israele non ri-
un'area che in epoca antica era compresa, secondo i rac- conosciuta da molti stati arabi, mentre rappresentanti pa-
conti biblici, nel Regno di Giuda e Israele e nella regione lestinesi hanno riconosciuto Israele nel 1993, come parte
di Canaan, soggetta nel tempo al dominio di numerosi degli stessi accordi di Oslo[13] . Diversi tentativi di accor-
popoli, tra cui egizi, assiri, babilonesi, romani, bizanti- di di pace non hanno nora dato i frutti sperati e l'area
ni, arabi e ottomani, nonch a numerose battaglie etnico- continua quindi a essere geopoliticamente instabile.
religiose. In et contemporanea stata parte del mandato La popolazione israeliana ad aprile 2015 di 8.345.000
britannico della Palestina, periodo durante il quale fu sog- abitanti[4][5] . l'unico Stato al mondo a maggioranza
getta a ussi immigratori di popolazioni ebraiche, inco- ebraica (il 74.9% della popolazione[4][5] ), con una con-
raggiate dalla nascita del movimento sionista, che mira- sistente minoranza di arabi (in prevalenza di religione
va alla costituzione di un moderno Stato ebraico. Dopo musulmana, ma anche cristiana o drusa)[14] .
la seconda guerra mondiale e la Shoah, anche per cer- La Legge Fondamentale del 1980 (Israele, come il Regno
care di porre rimedio agli scontri tra arabi ed ebrei, il Unito, non ha una Costituzione scritta) aerma che la
29 novembre 1947 l'Assemblea generale delle Nazioni capitale Gerusalemme, rivendicata come tale anche
Unite nella Risoluzione n. 181 approvava il piano di par- dallo Stato di Palestina almeno nella sua parte orienta-
tizione della Palestina, che prevedeva la costituzione di le ma non riconosciuta dalla maggior parte dei mem-
due stati indipendenti, uno ebraico e l'altro arabo. Il mo- bri dell'ONU[15] ; quasi tutti gli Stati che hanno relazioni
derno Stato d'Israele fu quindi proclamato da David Ben diplomatiche con Israele mantengono le proprie amba-
Gurion il 14 maggio 1948, alla scadenza del mandato sciate a Tel Aviv[16] , centro nanziario del paese, o nel-
britannico[10][11][12] . le vicinanze, ma mantengono comunque sedi consolari a
Tale ripartizione fu per osteggiata da gruppi sionisti e Gerusalemme.
dalla totalit dei rappresentanti palestinesi, nonch dai Israele governato da un sistema parlamentare a rappre-
paesi arabi. Dopo alcuni scontri gi all'indomani del voto sentanza proporzionale. considerato un paese sviluppa-
della risoluzione, terminato il ritiro delle truppe britan- to, membro dell'OCSE[17] , e, secondo il Fondo mone-
niche, la Lega Araba avvi una guerra contro il neonato
tario internazionale nel 2013 era al 37 posto nella lista
Stato ebraico, dando origine a una serie di conitti arabo- degli stati per prodotto interno lordo; ha inoltre il pi alto
israeliani; accordi di pace sui conni furono in seguito
indice di sviluppo umano in Medio Oriente[18] ed uno
raggiunti solo con Egitto (1979) e Giordania (1994). Ri- dei paesi con la pi alta aspettativa di vita nel mondo[19] .
spetto ai territori palestinesi, oggi non esistono conni
precisi. Oltre a estendere il territorio dello Stato dopo la
prima guerra arabo-israeliana del 1948 (denominata da
parte israeliana Guerra d'Indipendenza, mentre da par- 5.1 Etimologia
te araba Nakba, catastrofe), rispetto a quanto previsto
dalla risoluzione ONU, Israele ha anche occupato i ter- Sull'etimologia del nome Israele non esiste un'opinione
ritori della Cisgiordania e della Striscia di Gaza dopo la comune. Secondo Victor P. Hamilton, il nome deriva
guerra dei sei giorni del 1967, e nel corso degli anni vi ha dall'unione del verbo arar (governare, avere auto-

73
74 CAPITOLO 5. ISRAELE

rit") e del sostantivo el (Dio). Il signicato sarebbe diversi, dai Persiani ai Romani, no al fallimento della
dunque Dio governa o Possa Dio governare.[20] grande rivolta ebraica contro l'Impero Romano, che pro-
Secondo Geller, invece, l'etimo da rintracciarsi nel ver- voc la massiccia espulsione degli Ebrei dalla loro patria
bo arah (combattere), dal momento che Giacobbe (Diaspora ebraica).
cambia nome dopo la lotta con una possibile manifesta- Nel VII secolo, l'Impero Bizantino perse la regione per
zione divina. In questo caso, il signicato sarebbe Colui mano degli Arabi che, insediandosi, vi attrassero nuo-
che ha combattuto con Dio o Dio combatte.[21] vi coloni, specialmente dalle regioni meridionali del-
Un'interpretazione comune[22] fa derivare il nome dal so- la Penisola araba. Dopo un fortunato periodo sotto il
prannome di Giacobbe, ovvero Israele ( , Ish caliato omayyade, l'area decadde progressivamente in
roe El, che tradotto signica l'uomo che vide (l'angelo di) et abbaside, trovando una qualche nuova vitalit in pe-
JHWH"). Eretz Yisrael avrebbe dunque il signicato di riodo tulunide prima di ricadere sotto il controllo delle
Terra di Giacobbe. La graa di questa interpretazione trib nomadi dei Ban Kalb e dei Ban Kilb.
( ) quella pi aderente alla parola Israele (). Con le Crociate e le successive dominazioni dei Fatimidi,
Il documento pi antico su cui appare la parola Israele Zengidi, Ayyubidi e Mamelucchi, la regione riacquist
la cosiddetta "Stele di Merenptah", una stele risalente al una certa importanza. I nuovi dominatori Ottomani non
1209-1208 a.C. circa che documenta le campagne mili- furono invece del tutto all'altezza del compito, abbando-
tari nella terra di Canaan del Faraone della XIX dinastia. nando l'amministrazione dell'area nelle poco capaci mani
La stele parla di Israele come di uno tra i tanti popoli di degli scontti Mamelucchi, trasformati in loro vassalli.
pastori-nomadi della regione, piuttosto che di una nazione Malgrado un tentativo della dinastia khediviale di
bene organizzata:[23] Mehmet Ali di annettersi la regione, grazie ad alcune
Il nome Israele viene citato anche nel Libro della Genesi azioni militari tentate dal glio del fondatore Isml Pa-
(32,28), dove viene raccontato l'episodio in cui Dio cam- sci, gli Ottomani rimasero al potere no alla I guerra
bia il nome a Giacobbe, chiamandolo, per l'appunto, mondiale, che li vide soccombenti per la loro alleanza con
Israele. gli Imperi Centrali.

Lo Stato moderno prende comunque il nome dal termine Nell'immediato dopoguerra fu creato in Palestina e in
biblico, nonostante fossero stati proposti altri nomi (Eretz Transgiordania un Mandato della Societ delle Nazio-
Yisrael, Sion o Zion, Giudea e Nuova Giudea). ni, adato alla Gran Bretagna, mentre in Siria un altro
Mandato fu attribuito alla Francia.

5.2 Storia Il Sionismo e il Mandato britannico

La popolazione ebraica che aveva abitato la zona per al-


5.2.1 Il popolo ebraico prima della nascita cuni secoli[25] , ricominci ad aumentare costantemente
di Israele alla ne dell'Ottocento sulla base di ondate migratorie ali-
mentate dal Sionismo[26] , movimento politico che auspi-
Il popolo ebraico nell'antichit e nel medioevo cava e prometteva la fondazione di uno Stato ebraico. Il
Sionismo ebbe da allora prima in Theodor Herzl e poi in
Secondo la tradizione una serie di regni e stati ebraici Chaim Weizmann e David Ben Gurion i suoi promotori.
[25]

(vedi Dodici trib di Israele) ebbe vita nella regione per Alla ne della Prima guerra mondiale, la Societ del-
oltre un millennio a partire dalla met del secondo mil- le Nazioni trasferisce la Palestina sotto il controllo
lennio a.C. Ricordiamo per brevit il Regno di Israele di- dell'Impero britannico, togliendola all'Impero Ottomano.
strutto nel 722 a.C., anno dell'invasione assira, e il Regno I britannici, con la Dichiarazione Balfour, si erano fat-
di Giuda (distrutto nel 587 a.C.) con la distruzione del ti promotori della costituzione di un "focolare naziona-
tempio da parte di Nabucodonosor II e deportazione a le" ("national home") ebraico in Palestina favorendo lo
Babilonia della popolazione. Dopo l'esilio babilonese nel stanziamento di immigrati ebrei.
538/7 a.C. Ciro il Grande che nel 539 a.C. conquista Ba-
bilonia, emana un decreto che autorizza gli esuli Ebrei a A seguito della massiccia immigrazione di popolazioni
tornare in patria. Tuttavia la ricostituzione di Giuda non ebraiche provenienti in gran parte dall'Europa orientale,
fu immediata per probabile indolenza anche da parte de- organizzata per lo pi dal movimento sionista, la popo-
gli stessi esuli oltre che a causa di resistenze e opposizioni lazione ebraica nella regione che poi sarebbe divenuta
esterne, e ci dimostrato dall'episodio narrato nel libro Israele, pass dalle circa 80 000 unit registrate nel 1918
di Neemia (Neemia 2:1) avvenuto nel 20 anno di Arta- a 175 000 nel 1931 e a 400 000 nel 1936, causando non
serse I. Il monarca, accogliendo la supplica di Neemia suo pochi attriti con la popolazione araba preesistente.
coppiere, eman l'editto che autorizzava la ricostruzione Nel 1939 l'amministrazione britannica, a seguito delle
delle mura di Gerusalemme. L'editto di Artaserse I risa- conseguenze dei moti del 1929 e soprattutto dei quasi
le quindi al 445/4 a.C. Giuda fu posto sotto protettorati quattro anni di guerra civile conosciuta come Grande ri-
5.2. STORIA 75

Theodor Herzl, fondatore del Sionismo, nel 1901

volta araba, pose forti limitazioni all'immigrazione e alla


vendita di terreni a ebrei, e respinse le navi cariche di im-
migranti ebrei in arrivo, proprio alla vigilia della Shoah.
L'avvento del Nazismo e la tragedia della Shoah portaro-
no a un ulteriore usso migratorio di ebrei provenienti da Territori riconosciuti a Israele dall'ONU e conquiste del 48-49
diverse nazioni europee.[27][28]

come accontentare entrambe le fazioni, giungendo alla


5.2.2 Storia dello Stato di Israele conclusione che soddisfare le pur motivate richieste di en-
trambi era "manifestamente impossibile", ma che era an-
Nascita dello stato che "indifendibile" accettare di appoggiare solo una delle
due posizioni. Nel decidere su come spartire il territorio
Nel 1947 l'Assemblea delle Nazioni Unite (che allora consider, per evitare possibili rappresaglie da parte della
popolazione araba, la necessit di radunare tutte le zone
contava 52 Paesi membri), dopo sei mesi di lavoro da
parte dell'UNSCOP (United Nations Special Committee dove i coloni ebrei erano presenti in numero signicativo
(seppur spesso in minoranza, si veda la mappa a sinistra)
on Palestine), il 29 novembre approv la Risoluzione
dell'Assemblea Generale n. 181[29] , con 33 voti a favo- nel futuro territorio ebraico.
re, 13 contro e 10 astenuti, che prevedeva la creazio- La Gran Bretagna, che negli anni trenta durante la Grande
ne di uno Stato ebraico (sul 56,4% del territorio e con rivolta araba aveva gi tentato diverse volte senza succes-
una popolazione di 500 000 ebrei e 400 000 arabi) e di so di spartire il territorio tra la popolazione araba pree-
uno Stato arabo (sul 42,8% del territorio e con una po- sistente e i coloni ebrei in forte aumento, si astenne nella
polazione di 800 000 arabi e 10 000 ebrei). La citt di votazione e riut apertamente di seguire le raccomanda-
Gerusalemme e i suoi dintorni (il rimanente 0,8% del zioni del piano, che riteneva si sarebbe rivelato inaccetta-
territorio), con i luoghi santi alle tre religioni monotei- bile per entrambe le parti; ben presto annunci che avreb-
ste, sarebbero dovuti diventare una zona separata sotto be terminato comunque il proprio mandato il 15 maggio
l'amministrazione dell'ONU. Secondo il piano, lo Stato 1948.
ebraico avrebbe compreso tre sezioni principali, collega- Le reazioni alla risoluzione dell'ONU furono diversica-
te da incroci extraterritoriali; lo Stato arabo avrebbe avuto te: la maggior parte degli ebrei, rappresentati ucialmen-
anche un'exclave a Giaa. te dall'Agenzia Ebraica, l'accettarono, pur lamentando la
Nella sua relazione l'UNSCOP[30] si pose il problema di non continuit territoriale tra le varie aree assegnate al-
76 CAPITOLO 5. ISRAELE

Tra il dicembre del 1947 e la prima met di maggio del


1948 vi furono cruente azioni di guerra civile da ambo le
parti. Il piano Dalet (o Piano D) dell'Haganah, messo
a punto tra l'autunno del 1947 e i primi mesi del 1948,
aveva come scopo la difesa e il controllo del territorio del
quasi neonato Stato israeliano, e degli insediamenti ebrai-
ci a rischio posti di l dal conne di questo. Il piano, sep-
pur ucialmente solo difensivo, prevedeva comunque,
tra le altre cose, la possibilit di occupare "basi nemiche"
poste oltre il conne (per evitare che venissero impiega-
te per organizzare inltrazioni all'interno del territorio),
e prevedeva la distruzione dei villaggi palestinesi ("set-
ting re to, blowing up, and planting mines in the debris"
ovvero "dar fuoco, brillare e minare le rovine") espellen-
done gli abitanti oltre conne, ove la popolazione fosse
stata "dicile da controllare"[31] , situazione che ha por-
tato diversi storici a considerare il piano stesso indiretta-
mente responsabile di massacri e azioni violente contro
la popolazione palestinese (seppur non presenti n giu-
sticate esplicitamente dal piano), in una specie di tenta-
tivo di pulizia etnica[32] . L'impatto emotivo sull'opinione
pubblica del massacro di Deir Yassin, avvenuto il 9 apri-
le da parte di membri dell'Irgun e della Banda Stern e
all'insaputa dell'Haganah, fu una delle cause principali
della fuga degli abitanti nei mesi seguenti.
Il 14 maggio del 1948 venne dichiarata unilateralmente la
nascita dello Stato di Israele, un giorno prima che l'ONU
stessa, come previsto, ne sancisse la creazione.
Il 15 maggio, le truppe britanniche si ritirarono
denitivamente dai territori del Mandato.

Mappa della distribuzione della popolazione nel 1946 Guerra arabo-israeliana del 1948 (Guerra
d'Indipendenza - Nakba)

lo Stato ebraico. Gruppi pi estremisti, come l'Irgun e Lo stesso 15 maggio 1948 gli eserciti di Egitto, Siria,
la Banda Stern, la riutarono, essendo contrari alla pre- Libano, Iraq e Transgiordania, attaccarono l'appena nato
senza di uno Stato arabo in quella che consideravano Stato di Israele. L'oensiva venne bloccata dall'esercito
"la Grande Israele", nonch al controllo internazionale di israeliano, e le forze arabe vennero costrette ad arretrare.
Gerusalemme. Israele distrusse centinaia di villaggi palestinesi, concau-
Tra la popolazione araba la proposta fu riutata, con di- sa dell'esodo degli abitanti[33] . La guerra termin con la
verse motivazioni: alcuni negavano totalmente la possi- scontta araba nel maggio del 1949, e produsse 711 000
bilit della creazione di uno Stato ebraico; altri critica- profughi arabo-palestinesi[34] . Alcuni hanno rivelato che
vano la spartizione del territorio che ritenevano avreb- numerosi palestinesi seguitarono a credere che gli eserciti
be chiuso i territori assegnati alla popolazione araba (ol- arabi avrebbero prevalso e aermarono pertanto di voler
tre al fatto che lo Stato arabo non avrebbe avuto sbocchi tornare nelle loro terre d'origine.[35] Analogamente, cir-
sul Mar Rosso n sulla principale risorsa idrica della zo- ca 600 000 profughi ebrei dovettero abbandonare le loro
na, il Mar di Galilea); altri ancora erano contrari perch case nei paesi arabi.
agli ebrei, che allora costituivano una minoranza (un ter- In seguito all'armistizio e al ritiro delle truppe ebraiche
zo della popolazione totale che possedeva solo il 7% del l'Egitto occup la striscia di Gaza, mentre la Transgior-
territorio), fosse assegnata la maggioranza (56%, ma con dania occup la Cisgiordania, assumendo quindi il nome
molte zone desertiche) del territorio (anche se la commis- di Giordania. Israele si annesse la Galilea e altri terri-
sione dell'ONU aveva preso quella decisione anche in vir- tori a maggioranza araba conquistati nella guerra. Negli
t della prevedibile immigrazione di massa dall'Europa anni immediatamente successivi, dopo l'approvazione (5
dei reduci delle persecuzioni della Germania nazista); gli luglio 1950) della Legge del ritorno da parte del gover-
stati arabi inne proposero la creazione di uno Stato unico no israeliano, si assistette a una nuova forte immigrazio-
federato, con due governi. ne ebraica, che port al raddoppio della popolazione di
5.2. STORIA 77

Israele. In gran parte, inizialmente, si tratt di profughi dea e Samaria), occupando cos vaste aree di territorio al
ebrei sefarditi provenienti dai paesi arabi, espulsi dai loro di fuori dei propri conni originari.
paesi di origine dopo la nascita dello Stato. Dopo la guerra, Israele annesse non solo la citt di Geru-
Per il suo ruolo nel negoziare gli armistizi del 1948 e salemme (6 km), ma anche i villaggi cisgiordani circo-
1949, Ralph Bunche ricevette il Premio Nobel per la Pace stanti (64 km). I palestinesi residenti nei territori annessi,
nel 1950. e a Gerusalemme Est, non ottennero i pieni diritti dei cit-
tadini israeliani, ma solo quelli riconosciuti ai 'residenti
Israele mantenne la legge militare per gli arabi israeliani
no al 1966. permanenti' nello Stato di Israele; partecipano alle elezio-
ni amministrative, ma non alle politiche per la Knesset
(Parlamento)[36] .

La crisi di Suez, la guerra dei sei giorni e la guerra Nel 1973 Egitto e Siria attaccarono a sorpresa Israele nel
del Kippur giorno della festivit ebraica dello Yom Kippur. Nei pri-
mi giorni di conitto, denominato oggi appunto guerra
del Kippur, i due paesi arabi ebbero la meglio ma, do-
Il 23 luglio 1952 un gruppo chiamato Liberi Uciali
po una fase di stallo, le truppe israeliane riuscirono a ri-
depose l'allora sovrano d'Egitto Re Faruk e sal al pote-
prendere il controllo della situazione e a rovesciare le sor-
re il loro leader Gamal Abd el-Nasser, conosciuto anche
ti del conitto, ricacciando egiziani e siriani di l dalle
semplicemente come Nasser. Egli procedette a un pro-
posizioni iniziali. Fu la quarta guerra arabo-israeliana.
gressivo distaccamento dal Regno Unito stipulando con
esso degli accordi secondo i quali avrebbero sgombra- In seguito, nel 1978, con gli accordi di Camp David,
to il canale di Suez a patto che l'Egitto chiedesse loro Israele si impegnava a restituire la Penisola del Sinai,
aiuto in caso di minacce esterne. Nei tre anni seguen- mentre l'Egitto si impegnava al riconoscimento dello Sta-
ti vennero smantellate tutte le vecchie istituzioni, e nel to di Israele aancandosi agli USA, e uscendo (espulso)
1955 le truppe egiziane subentrarono a quelle del Regno dalla Lega Araba. Con il trattato per la prima volta si crea-
Unito nel controllo del canale. Il Regno Unito interruppe rono normali relazioni diplomatiche fra Israele e uno dei
immediatamente i rifornimenti di armi e i nanziamen- Paesi connanti.
ti per la costruzione della diga di Assuan, e in tutta ri-
sposta, nel 1956, Nasser nazionalizz il canale di Suez e
lo chiuse alle navi commerciali di Israele, cominciando Gerusalemme, capitale contestata
nel contempo un avvicinamento all'URSS. Israele, allea-
to a Francia e Regno Unito (paesi degli azionisti della Gerusalemme stata proclamata capitale d'Israele nel di-
societ di costruzione e gestione del canale), intervenne cembre 1949[37] e confermata come tale, nel 1980, con
militarmente. Legge Fondamentale promulgata dalla Knesset.
Nel 1956 scoppi la seconda guerra arabo-israeliana: Dall'inizio del 1950[37] in poi, quasi tutte le istituzioni
preoccupati del riarmo egiziano sostenuto dalla governative israeliane furono trasferite a Gerusalemme
Cecoslovacchia, gli Israeliani, appoggiati dal Regno Ovest, mentre alcune, come il Ministero della Difesa, ri-
Unito, Francia e USA, sferrarono un attacco preventivo masero a Tel Aviv (citt dalla quale Ben Gurion proclam
contro l'Egitto riportando numerosi successi e annetten- la nascita dello Stato d'Israele).
do la Striscia di Gaza e la Penisola del Sinai. Il conitto
Le proclamazioni di Gerusalemme capitale di Israele non
si risolse tuttavia grazie a una trattativa tra USA e URSS, sono state riconosciute come valide dalla comunit in-
che aveva addirittura minacciato l'utilizzo del nucleare
ternazionale, e sono state anzi condannate da risoluzio-
in difesa dell'Egitto. ni ONU non vincolanti, poich la citt di Gerusalemme
Per il suo ruolo nell'imporre una soluzione pacica, Lester comprende territori non riconosciuti internazionalmente
Pearson ricevette il Premio Nobel per la Pace nel 1957. come israeliani. La Corte Internazionale di Giustizia ha
Nel 1967, scoppi un nuovo conitto (il terzo) fra Israe- confermato nel 2004 che i territori occupati dallo Stato di
le e i vicini Paesi arabi, denominato guerra dei sei giorni Israele oltre la Linea Verde del 1967 continuano a esse-
per la sua esigua durata. Constatato che Egitto, Siria e re territori occupati, e dunque con essi anche la parte est
Giordania stavano ammassando truppe a ridosso dei pro- di Gerusalemme, annessa da Israele nel 1980. A rimar-
pri conni, Israele decise nuovamente di optare per un care questa situazione, tutti gli Stati che hanno rapporti
attacco preventivo. Sotto il comando dei generali Ytzhak diplomatici con Israele non mantengono le proprie sedi
Rabin (Capo di Stato Maggiore) e Moshe Dayan (Mini- diplomatiche a Gerusalemme, ma in genere a Tel Aviv o
stro della Difesa), dal 5 giugno 1967, in sole 6 ore Israe- nelle immediate vicinanze.
le ridusse al silenzio le forze aeree nemiche, e in soli sei Nel 2006 gli unici due Stati che avevano una propria am-
giorni sconsse gli eserciti dei tre paesi arabi, conquistan- basciata a Gerusalemme, El Salvador e Costa Rica, hanno
do la Cisgiordania con Gerusalemme Est (che erano sotto noticato al governo israeliano la decisione di spostare le
l'amministrazione giordana), la Penisola del Sinai, le Al- proprie rappresentanze diplomatiche verso Tel Aviv; suc-
ture del Golan, la Striscia di Gaza, la Cisgiordania (Giu- cessivamente a tale notica, El Salvador l'ha spostata a
78 CAPITOLO 5. ISRAELE

Herzliya Pituach (sobborgo di Herzliya, citt fondata da 5.3 Geograa


coloni sionisti nel 1924 e che prende il nome da Theodor
Herzl), e Costa Rica a Ramat Gan (sobborgo di Tel Aviv).
Il Congresso degli Stati Uniti ha richiesto da diversi anni
lo spostamento dell'ambasciata da Tel Aviv a Gerusalem-
me, ma nessuno dei governi succedutisi ha messo in atto
tale decisione.[38]
Israele rimane senza capitale nelle mappe prodotte e
distribuite dall'ONU.[39]

Gli interventi militari in Libano

Il processo di pace

Saline nel Mar Morto

Yitzhak Rabin e Yasser Arafat si stringono la mano e rmano gli


Accordi di Oslo, con Bill Clinton dietro di loro, 1993

Gli accordi di pace di Camp David (1978) fra Israele ed


Egitto furono preceduti dalla storica visita di Anwar Sa- Visione del monte Tabor
dat, presidente egiziano, alla Knesset a Gerusalemme il
19 novembre 1977. Anwar Sadat e Menachem Begin ri-
cevettero il Premio Nobel per la Pace 1978, ma Sadat fu
ucciso da fondamentalisti islamici il 6 ottobre 1981. Co-
munque, il ritiro di Israele dai territori egiziani occupati
(Sinai) si complet come previsto nel 1983; da allora la
pace ha tenuto, e l'Egitto ha spesso mediato fra Israele e
i palestinesi.
Tra Israele e la Giordania il trattato di pace fu siglato a
Wadi Araba il 26 ottobre 1994 da re Hussein di Giordania
e Yitzhak Rabin; la pace ha tenuto da allora.
Gli accordi di Oslo tra Israele e l'OLP, conclusi il 20 ago-
sto 1993 da Mahmud Abbas e Shimon Peres e rmati
a Washington il 13 settembre da Yasser Arafat, Yitzhak
Rabin e Bill Clinton, erano stati preceduti dalla prima In- Deserto del Negev
tifada (1987-1993). Yasser Arafat, Yitzhak Rabin e Shi-
mon Peres ricevettero il Premio Nobel per la Pace nel Israele si trova all'estremit orientale del Mar Mediterra-
1994, ma Rabin fu ucciso da un estremista ebreo nel neo. Il territorio sovrano internazionalmente riconosciu-
1995. Gli accordi istituirono l'Autorit Nazionale Pale- to, esclusi cio tutti i territori occupati nel 1967, ha una
stinese. La seconda Intifada (2000) sanc il fallimento del supercie di circa 20 770 km, di cui il 2% sono acque.[8]
processo avviato a Oslo. Nel 2005, Israele si ritirato dal- Il territorio sottoposto alla legge dello Stato di Israele, in-
la Striscia di Gaza, lasciando completamente il territorio clusi cio Gerusalemme Est e il Golan, ha una supercie
nelle mani delle autorit palestinesi.[40] di 22 072 km.[41] Il territorio sotto controllo israeliano,
5.4. DEMOGRAFIA 79

inclusi cio i territori occupati, ha una supercie di 27 furono registrati 53,7 C (kibbutz Tirat Zvi)[46] , un re-
799 km.[42] cord per l'Asia. Sulle alture, invece, il clima da fresco a
freddo e umido, comprese precipitazioni nevose (a Geru-
salemme almeno una volta l'anno,[47] sul monte Hermon
5.3.1 Morfologia per gran parte dell'anno).
[48][49]
Il territorio israeliano prevalentemente arido e desertico. Da maggio a settembre le precipitazioni sono rare ;
da novembre a marzo il clima relativamente umido.
Presenta a ovest, parallela alla costa, una pianura (Ha-
Shefela o HaSharon) fertile e ricca d'acqua, che ospita il
70% della popolazione. Al centro si estende una zona oc- 5.3.4 Ambiente
cupata da colline e altopiani, i monti della Giudea, che
attraversano in lunghezza tutto il Paese. Mentre i versanti La scarsit d'acqua ha spinto Israele a sviluppare svaria-
occidentali scendono dolcemente verso il Mediterraneo, te tecnologie di risparmio idrico, inclusa l'irrigazione a
quelli orientali precipitano verso la valle del ume Gior- goccia.[50] L'abbondanza di insolazione ha invece spin-
dano. La stretta valle, solcata dal Giordano, si trova al to Israele a sviluppare le tecnologie per lo sfruttamen-
conne con i Paesi vicini: parte della Great Rift Valley to dell'energia solare, per la cui produzione pro capite
che prosegue con il Mar Morto, Wadi Araba, il golfo di prima al mondo.[51]
Eilat (o golfo di Aqaba) e il Mar Rosso. A sud si estende il Lo Stato di Israele molto attivo nella tutela dell'ambiente
Negev, un territorio in prevalenza desertico, che occupa naturale in regioni periferiche, anche tramite l'opera del
circa la met della supercie del Paese; alla sua estremi- Keren Kayemeth LeIsrael.
t sud si trova l'unico sbocco al mare non mediterraneo.
Tipici del Negev e della adiacente penisola del Sinai so-
no i crateri erosivi (makhteshim),[43] di cui il pi ampio
del mondo il cratere Ramon,[44] lungo 40 km e largo 8
5.4 Demograa
km.[45]
Israele obbliga tutti i suoi cittadini a dichiarare o a far-
Le montagne pi importanti sono il Monte Meron che si
si attribuire la propria appartenenza etnica e religiosa
trova nell'Alta Galilea e il Monte Ramon (o Makhtesh
(ebraica, araba, .). Sulla base di tali dati - che vengono
Ramon) situato nel deserto del Negev. Altri rilievi so-
riportati sulle carte d'identit - vengono riconosciuti do-
no il Monte Carmelo sopra Haifa e il Monte Hermon
veri dierenziati: gli arabi musulmani sono esentati dalla
(occupato dal 1967) da cui scende il Giordano.
leva obbligatoria, che invece prevista per i Drusi e i
Circassi.
5.3.2 Idrograa
5.4.1 Popolazione
Il ume principale il Giordano, che nasce dal Monte
Hermon; ne appartiene a Israele solo la parte del corso su- La popolazione aumentata a partire dal secondo dopo-
periore, segnando per il resto il conne tra la Giordania guerra, a causa dell'arrivo di numerosi immigrati, prove-
e i Territori occupati palestinesi; a esso tributano corsi nienti, a ondate successive, dall'Europa continentale, dai
d'acqua di modeste dimensioni, a regime spiccatamen- Paesi arabi, dall'ex Unione Sovietica e dall'Africa.
te torrentizio, che tendono a prosciugarsi nella stagione
secca. Le zone pi popolate sono quelle costiere, dove il ter-
ritorio pi fertile. La massima densit demograca si
Altro ume con portata cospicua il Yarqon (115 km), riscontra nei distretti di Tel Aviv e di Gerusalemme.
che scende nel Mar Mediterraneo vicino a Tel Aviv.
incluso quasi interamente in territorio nazionale il lago
di Tiberiade (Kinneret), mentre il Mar Morto bagna 5.4.2 Etnie
Israele solo nel settore orientale ed prossimo al punto
pi basso del pianeta (400 m sotto il livello del mare). Secondo il CIA Factbook del 2005[52] , che riportava stime
del 1996, in Israele la popolazione sarebbe stata composta
da un 80,1% di ebrei (di cui solo poco pi di un quarto
5.3.3 Clima nato in Israele) e il 19,9% di non ebrei, prevalentemente
arabi.
Pur essendo un paese di modeste dimensioni, vi so- Secondo il pi recente CIA Factbook del 2007,[8] che ri-
no discrete dierenze climatiche da zona a zona, e le porta stime del 2004, in Israele la popolazione sarebbe
temperature variano molto, specie durante l'inverno. cos suddivisa:
La costa ha un tipico clima mediterraneo, con estati lun-
ghe, calde e asciutte e inverni freschi e piovosi. Il caldo Ebrei 76,4% (ad aprile 2015, 74,9%[4][5] ), cos
anche maggiore nella valle del Giordano, dove nel 1942 suddivisi:
80 CAPITOLO 5. ISRAELE

nati in Israele 67,1% Secondo l'Ucio Centrale di Statistica israeliano, nel


nati in Europa e America 22,6% 2005 la popolazione era suddivisa tra un 76,1% di ebrei,
nati in Africa 5,9% un 16,2% di musulmani, 2,1% cristiani, e 1,6% drusi,
con il rimanente 3,9% (principalmente immigrati dall'ex
nati in Asia 4,2%
Unione Sovietica) non classicati per religione. Tra gli
non ebrei 23,6% (principalmente arabi) arabi residenti in Israele l'82,7% era musulmano, l'8,4%
druso e l'8,3% cristiano[57] . C' una presenza in Israe-
le seppur ridotta numericamente di circa 1.000 membri
Nel dicembre del 2006, secondo l'Ucio Centrale di Sta-
della Chiesa cristiana avventista del settimo giorno che
tistica israeliano, vi sono in Israele 7,1 milioni di abitanti.
ha buone relazioni col mondo Ebraico. In Israele esiste
Di questi il 76% sono ebrei e il 20% arabi; il 4% sono
una Jewish-Adventist Friendship, con 29 sinagoghe avven-
classicati come altri.[53]
tiste composte sia da rabbini di congregazioni giudaico-
Un sondaggio del dicembre del 2006, svolto per conto messianiche sia da pastori avventisti che celebrano in
del Center for the Campaign Against Racism, ha eviden- comune le funzioni religiose.[58][59]
ziato che met della popolazione ebraica israeliana ri-
Il 16 settembre 2014 il ministro dell'Interno israeliano,
tiene che lo Stato debba favorire l'emigrazione dei cit-
Gideon Sa'ar, ha disposto che gli uci dell'anagrafe re-
tadini arabi.[54] Agli inizi del dicembre 2008 il ministro
gistrino come aramei quegli israeliani cristiani che non
degli esteri Tzipi Livni, principale esponente del partito
vogliono pi qualicarsi come arabi[60] . Secondo le di-
Kadima e come tale candidata alle vicine elezioni politi-
sposizioni del ministero dell'Interno, possono richiede-
che del febbraio 2009, ha aermato che dopo l'eventuale
re di essere identicati come aramei solo i maroniti, i
costituzione di uno Stato palestinese, alla popolazione
greco-ortodossi, i greco-cattolici e i cattolici della Chiesa
araba di cittadinanza israeliana (circa 1 400 000 perso-
sira[61] .
ne) verr chiesto di trasferirsi in questo. La dichiarazione
ha suscitato le proteste dei deputati arabo-israeliani e del Secondo una statistica internazionale del 2015, Israele
presidente palestinese Abu Mazen.[55][56] l'ottavo paese meno religioso al mondo con il 65% de-
gli israeliani che si denisce non religioso (57%) o ateo
(8%).[62][63][64][65]
5.4.3 Religione

5.5 Cultura

5.5.1 Folclore e cultura di massa

La variegata cultura israeliana deriva dalla diversit della


sua popolazione: ebrei provenienti da tutto il mondo han-
no portato con s le proprie tradizioni religiose e culturali,
dando vita a un originale melting pot. Israele il solo paese
al mondo in cui la vita organizzata secondo il calendario
ebraico: il giorno di riposo uciale il sabato (con inizio
dopo il tramonto del venerd) e le vacanze sono determi-
Ebrei pregano al Muro del pianto a Gerusalemme.
nate dalle feste ebraiche. La consistente minoranza araba
ha pure inuenzato la cultura di Israele, soprattutto nella
Secondo il Libro dei fatti della CIA americana del 2007,[8] cucina, nella musica e nell'architettura.
che riporta stime del 2004, in Israele la popolazione
sarebbe cos suddivisa:
5.5.2 Musica
Ebrei 76,4% (ad aprile 2015, 74,9% [4][5]
)
La musica israeliana rivela inuenze da tutto il pianeta: la
Musulmani 16% scena musicale ore vari tipi di musica come la musica
Arabi cristiani 1,7% (per i cattolici vedi Chiesa jazz, la pop, la rock, la classica e pi importante di tutte
cattolica in Israele) quella klezmer e i suoi sottogeneri come la musica ye-
menita, le melodie hassidiche, la musica araba, la musica
Altri cristiani 0,4% greca[...].

Drusi 1,6% Le tipiche canzoni popolari (Canzoni della Terra


d'Israele) narrano le esperienze dei pionieri del Sionismo
Altri (Bahai, ecc.): 3,9% nella prima met del XX secolo.
5.5. CULTURA 81

Tra le orchestre, la pi prestigiosa della zona la Israel Yediot Aharonot (Ultime Notizie), popolare a
Philharmonic Orchestra, fondata negli anni 30, che tiene grande tiratura
pi di 200 concerti l'anno. Fra i musicisti classici di fama
internazionale i pi noti del genere tipo klezmer vi sono HaTzofe (L'Osservatore), sionista religioso
Itzhak Perlman, Pinchas Zukerman, Daniel Barenboim e
Globes, economico-nanziario
Giora Feidman.
I cantanti pop israeliani pi noti a livello internaziona- Israeli, gratuito
le sono l'interprete Noa, la cantautrice franco-israeliana
Israel HaYom, gratuito
Yael Naim e Asaf Avidan; piuttosto conosciuti sono
anche Sarit Hadad, Rita e il rapper Subliminal. Yated Neeman, haredi
Israele nota per i molti artisti EDM, soprattutto nel ge-
nere della Psycheledic Trance, che nel paese riscuote un Sono attive numerose emittenti televisive e radiofoniche.
grande successo. Tra le radio pi seguite, per la tempestivit con cui forni-
Israele ha partecipato allo Eurovision Song Contest qua- sce notizie urgenti e l'adabilit dei suoi servizi, vi la
si ogni anno a partire dal 1973, vincendo tre volte e Israel Army Radio, gestita dalle Forze Armate (Tsahal).
ospitandola due volte. All'inizio del 2009, Reporters Sans Frontires nel suo
Ogni estate dal 1987 a Eilat si tiene il Red Sea Jazz Press freedom index riporta la stampa israeliana al 46
Festival, un evento internazionale. posto su 173 paesi e territori[68] ; come peraltro segnala
la medesima organizzazione, per eetto delle situazioni
di conitto, l'accesso di giornalisti stranieri, nella striscia
5.5.3 Lettere di Gaza (Operazione Piombo fuso) di inizio 2009, stato
fortemente limitato, se non direttamente impedito.[69] .
Israele ha due lingue uciali: la lingua ebraica e la lingua
araba. Sono molto diusi anche la lingua inglese, la lingua
russa e la lingua francese nonch lo spagnolo e l'Yiddish. 5.5.5 Archeologia e architettura
Israele continua la forte tradizione teatrale della cultura Israele sede di numerosi scavi archeologici di scuo-
Yiddish in Europa orientale. A Tel Aviv l'Habima, fonda- la israeliana, e di scuole straniere, di archeologia bibli-
to nel 1918, la pi antica compagnia teatrale ed teatro ca e di archeologia paleocristiana. Tra questi siti, Masada
nazionale. Patrimonio dell'Umanit dal 2001, i tell di Megiddo,
La letteratura israeliana principalmente (85%) poesia Hazor e Be'er Sheva dal 2005.
e prosa scritta in lingua ebraica, parte della sua rinasci- Dal 1981 la Citt Vecchia di Gerusalemme e le sue mura
ta come lingua parlata a partire da Eliezer Ben Yehuda sono Patrimonio dell'Umanit.
(met del XIX secolo); la produzione letteraria pub-
blicata anche in yiddish, ladino, inglese e arabo. Duran- Tel Aviv, la citt bianca, un esempio di architettu-
te la settimana del libro ebraico, che si tiene ogni giu- ra razionalista in stile Bauhaus (movimento moderno),
gno, oltre a ere, letture pubbliche e conferenze ha luogo Patrimonio dell'Umanit dal 2003.
la consegna del Premio Sapir, il principale premio let- Sono Patrimonio dell'Umanit anche la Citt vecchia di
terario di Israele. Nel 1966 Shmuel Yosef Agnon con- Acri dal 2001 e la Via dell'incenso - citt nel deserto del
divise il premio Nobel per la letteratura con Nelly Sa- Negev dal 2005.
chs (ebrea tedesca). Altri autori israeliani noti all'estero
sono: Abraham Yehoshua, Amos Oz, Yoram Kaniuk,
Aharon Appelfeld, David Grossman, Uri Orlev, Meir 5.5.6 Musei
Shalev, Benjamin Tammuz, Emile Habibi (con doppia
cittadinanza palestinese e arabo-israeliana). Israel Museum, a Gerusalemme, ospita i rotoli del Mar
Morto e una collezione di arte ebraica ed europea.

5.5.4 Comunicazioni Yad Vashem, a Gerusalemme, il museo nazionale sulla


Shoah.
La stampa diusa e indipendente; fra i maggiori Beth HaTefutsoth (il museo della Diaspora), nel cam-
quotidiani: pus dell'Universit di Tel Aviv, un museo interattivo
dedicato alla storia delle comunit ebraiche nel mondo.
Jerusalem Post, liberal-nazionalista, anglofono Altri musei a Gerusalemme: il Museo Herzl, il Museo
Haaretz (Il Paese[66][67] ), liberal-progressista, online delle Terre della Bibbia, il Museo Rockfeller e il Mu-
anche in versione inglese seo dell'Arte Islamica. Altri musei a Tel Aviv: il Museo
di Eretz Israel, il Museo della Haganah, il Museo delle
Maariv (Sera), popolare Antichit, il Museo d'Arte Moderna.
82 CAPITOLO 5. ISRAELE

Nel Negev, nei pressi del kibbuz di Lahav, c' il Museo una delle peggiori performance nei test internazionali sul
dei Beduini e della cultura beduina. livello di istruzione.[71]
A Gerusalemme presente anche l'universit araba Al
5.5.7 Istruzione e ricerca Quds University, fondata nel 1984.

Secondo le Nazioni Unite, Israele ha il pi alto tasso di


durata degli studi e di scolarizzazione del Medio Oriente, 5.6 Economia
e in Asia al vertice con Corea del Sud e Giappone. La
Legge sull'Istruzione Statale, approvata nel 1953, istitu Israele ha una economia di mercato mista ed conside-
cinque tipi di scuole: laiche di stato (il pi vasto), religio- rato uno dei paesi pi avanzati del Medio Oriente e di
se di stato, ultra-ortodosse, di kibbutz/moshav, e in lin- tutta l'Asia per quanto riguarda il progresso economico e
gua araba. L'obbligo scolastico va dai 3 ai 18 anni, diviso industriale, nonch uno di quelli pi competitivi[72] e do-
in materna, primaria (16), media (79) e superio- ve pi semplice fare aari[73] e creare nuove imprese.
re (1012), al termine del quale si sostiene un severo Nel 2012 il PIL (PPP) era pari a 260,9 miliardi di $ (49
esame di maturit o baccalaureato (Bagrut). al mondo) e il PIL pro capite (PPP) era pari a 33 878 $
Israele il terzo paese al mondo per numero di laurea- (25 al mondo). Dal 2010 aderisce all'OCSE, organismo
ti (20% della popolazione), anche grazie al fatto che il di cooperazione fra paesi democratici e a economia di
40% degli immigrati dall'ex Unione Sovietica negli anni mercato. Malgrado la limitatezza delle risorse naturali, lo
90 erano laureati. Israele ha prodotto quattro vincitori di sviluppo dei settori industriale e agricolo, protrattosi per
Premio Nobel ed fra i primissimi paesi al mondo per decenni, ha reso Israele ampiamente autosuciente per
articoli scientici pubblicati pro capite. Nel 2003, Ilan la produzione alimentare, eccetto per le granaglie e per
Ramon divenne il primo astronauta israeliano. Israele ha le carni. Israele un grande importatore di idrocarburi,
otto universit pubbliche, sussidiate dallo Stato: materie prime, equipaggiamenti militari. Per l'export, si
distingue per frutta, verdura, farmaceutici, software, chi-
Universit Ebraica (Gerusalemme), la pi antica mici, tecnologia militare, diamanti. un leader mondiale
d'Israele (1918), sede della Biblioteca Nazionale, per la conservazione dell'acqua e per l'energia geotermi-
ca. Fin dagli anni settanta, Israele riceve aiuto economico
Technion-IIT (Haifa), fondato anch'esso prima dagli Stati Uniti d'America, in particolare per sostenere
dell'indipendenza (1924), il debito estero, il debito pubblico e le spese militari.[74]

Weizmann Institute of Science (Rehovot), fondato


prima dell'indipendenza (1934) e aperto solo a studi 5.6.1 Agricoltura
post-laurea,

Universit Bar-Ilan (Ramat Gan), fondata nel 1955 Dotato di scarse risorse idriche, il paese non ambiente
e l'unica religiosa (ma comunque sionista), favorevole a una grande agricoltura. I coloni ebraici han-
no saputo sviluppare una tecnologia irrigua che ha molti-
Universit di Tel Aviv (Tel Aviv), fondata nel 1956, plicato la produttivit di ogni litro d'acqua imponendo la
propria agricoltura come modello insuperato di ecienza
Universit di Haifa (Haifa), fondata nel 1963, di irrigazione. Agronomi e ingegneri di Israele vantano il
Universit Ben Gurion del Negev (Beersheba), titolo di creatori delle metodologie di "irrigazione a goc-
fondata nel 1969, cia", pi in generale delle tecniche di microirrigazione.
Seppure l'acqua disponibile per l'agricoltura continui a
Accademia di belle arti Bezalel diminuire, gli agricoltori israeliani la usano con ecien-
za crescente, dedicandola a colture di sempre maggiore
Open University (Tel Aviv), fondata nel 1974 per gli pregio, primizie, ori, piante di vivaio. Il primato tecno-
studenti a distanza. logico consente, peraltro, di sopperire al calo delle vendi-
te di prodotti agricoli con la vendita crescente di impianti
Nel rapporto dell'Adva Center[70] (istituto indipenden- sempre pi sosticati, richiesti, con il know how relativo,
te di analisi politica israeliano) del maggio 2011 vengo- in tutto il mondo[75] .
no evidenziate le disparit caratteristiche dello Stato di Attualmente i terreni israeliani, che per una delle leggi
Israele. fondamentali (Basic Laws, che nel loro insieme svolgo-
Il secondo paragrafo del rapporto si apre con queste pa- no pi o meno la funzione di una Costituzione) di Israe-
role: Israele un classico caso di un Paese in cui gli le non possono essere venduti (se non a ebrei che abita-
indicatori macroeconomici sono buoni, ma la maggior no all'estero), per il 92% sono propriet dello Stato, del
parte delle famiglie non invitata alla festa di ne an- Fondo Nazionale Ebraico o dell'Amministrazione Israe-
no. Israele ha uno dei pi alti livelli di povert tra i pae- liana dei Terreni. Detti terreni possono essere attati a
si dell'Ocse, uno dei pi alti tassi di disuguaglianza e lungo termine (99 anni) solo a ebrei. Gli arabi israeliani
5.7. POLITICA 83

non possono tuttora far parte di comunit agricole collet- frequenti e ragionevolmente confortevoli, ma la velocit
tive, i moshav e i kibbutz (occorre ricordare che i kibbu- operativa piuttosto bassa. in costruzione una linea ad
tz, pur essendo laici, sono istituzioni legate all'ebraismo; alta velocit tra Tel Aviv e Gerusalemme, la cui apertura
i non ebrei possono esservi ospitati ma non farne parte prevista per la ne del 2017.[76]
come membri eettivi, come accade per molte organiz-
zazioni legate alla Chiesa cattolica nei confronti dei non
cattolici). 5.6.4 Turismo
Il turismo bench comprensibilmente ostacolato dalle
5.6.2 Industria condizioni geopolitiche, che inducono a protocolli di si-
curezza sensibilmente elevata, in particolare quello reli-
Il settore industriale israeliano si da sempre caratteriz- gioso, un cespite industriale di grande rilievo, anche
zato per la presenza di piccole aziende nei settori tradi- per merito del clima gradevole e dell'importanza storica-
zionali e di poche grandi aziende in quelli di tecnologia artistica dei siti archeologici tuttora esistenti. In tale cor-
avanzata. Per la sua competenza nella produzione e ricer- nice, spicca la funzione strategica della compagnia di
ca info-telematica, Israele stato paragonato alla Silicon bandiera El Al, sia come vettore internazionale, sia per
Valley (Silicon Wadi). Intel e Microsoft hanno creato qui i collegamenti interni.
i loro primi centri di ricerca e sviluppo fuori degli USA,
e anche IBM, Cisco Systems e Motorola hanno struttu-
re qui. Dal 1948 in avanti, gli Israeliani, per difendersi 5.7 Politica
da vicini ostili, hanno sviluppato una forte industria mi-
litare che ora avanzatissima (dovuta a ripetuti embar- Israele una repubblica parlamentare, basata sul
go, anche da parte di alleati). Una percentuale molto alta multipartitismo e su elezioni a suragio universale
del bilancio nazionale stata destinata al mantenimen- cui partecipano tutti i cittadini che abbiano compiu-
to dell'esercito e alla ricerca scientica per ottenere armi to il diciottesimo anno di et. Non previsto l'istituto
sempre pi potenti e sosticate. Israele ora in grado di referendario.
fabbricare senza aiuto esterno armi nucleari, missili, aerei
da combattimento e una grande variet di armi leggere. La separazione dei poteri assicurata nel modo seguente:

Altri settori sviluppati sono quelli dell'aeronautica e


Il potere legislativo spetta alla Knesset (Assemblea
della robotica. La lavorazione dei diamanti costituisce
nazionale), composta da 120 deputati (MK) eletti
un'industria orente avviata da immigrati ebrei prove-
ogni quattro anni con sistema proporzionale (con ap-
nienti da Amsterdam e specializzati nel taglio delle pietre
plicazione del metodo D'Hondt), nelle liste dei par-
preziose.
titi. Alle elezioni legislative non previsto il voto di
Le risorse minerarie ed energetiche sono quasi inesisten- preferenza. Il territorio costituisce un unico colle-
ti, dal momento che il sottosuolo privo di materie prime. gio elettorale ed prevista una soglia di sbarramento
Sia il carbone, sia il petrolio sono importati; il petrolio (dal 1996 ssata al 2%).
proviene quasi esclusivamente dall'Egitto, Paese con cui
Israele intrattiene rapporti privilegiati dal 1982. Un oleo- Le elezioni parlamentari si tengono ogni quattro anni,
dotto lungo 260 km collega Eilat con Ashkelon. Molto ma la Knesset pu essere sciolta anticipatamente in se-
utilizzata l'energia solare, che copre il fabbisogno del guito a una decisione assunta dalla maggioranza dei suoi
27% della popolazione come fonte di riscaldamento. componenti.
Grazie alle ottime infrastrutture di ricerca scientica di Il Presidente di Israele (in Ebraico: , Nesi
buon livello anche l'industria chimico-farmaceutica. HaMedina, lett. Presidente dello Stato) il Capo del-
lo Stato israeliano ed eletto dalla Knesset per un man-
dato di sette anni non rinnovabile. La sua funzione
5.6.3 Trasporti puramente rappresentativa, essendo l'esercizio del pote-
re esecutivo delegato nella sua interezza al Primo Mini-
Per quanto riguarda i trasporti e le comunicazioni, stro. La sua residenza uciale nella capitale di Israele,
un'articolata rete di strade unisce le varie parti del Paese. Gerusalemme.[77]
I porti di Eilat sul Mar Rosso, di Ashdod e di Haifa sul
mar Mediterraneo sono i pi tracati. L'aeroporto Ben Il potere esecutivo adato al Primo ministro, che
Gurion, vicino a Tel Aviv, assorbe quasi tutto il traco di regola il leader del partito o della coalizione
aereo del Paese. maggioritaria in Parlamento. Egli forma il governo
La rete ferroviaria israeliana si sviluppa attorno a una dor- nominando i ministri. Dal 1996 al 2003 il Primo mi-
sale nord - sud Naharia - Haifa - Tel Aviv - Beersheva, nistro stato scelto con elezione popolare diretta.
con rami verso est (Gerusalemme via Latrun e Zin, pres- La sua residenza uciale nella capitale di Israele,
so il Mar Morto). La rete a trazione diesel; i treni sono Gerusalemme.
84 CAPITOLO 5. ISRAELE

Il potere giudiziario adato a una Corte Supre- L'obiettivo del servizio sanitario nazionale, garantire
ma. I suoi 15 giudici sono nominati da una commis- uguali cure sanitarie a tutti i residenti del paese, stato
sione di nove membri di cui 3 giudici, 4 politici e deciso con una legge base nel 1995.
2 avvocati. In pratica, questa commissione designa Il sistema legale di Israele combina il diritto romano
automaticamente i candidati scelti dai giudici stessi. dell'Europa continentale, la common law inglese e le
leggi religiose dell'Ebraismo. Si fonda sul principio del
Israele non ha una costituzione redatta in unico docu- precedente (stare decisis) e del processo accusatorio e im-
mento, ma pi leggi fondamentali. Le funzioni del go- piega (anzich giurie) giudici professionali e indipenden-
verno sono basate sui regolamenti della Knesset, sul- ti, nominati da un comitato composto da giudici della
le convenzioni costituzionali e sulla Dichiarazione di Corte suprema, avvocati e parlamentari.
Indipendenza dello Stato di Israele. Il sistema giudiziario articolato in tre livelli di giudizio:
la maggior parte delle citt ospita un tribunale, mentre in
cinque dei sei distretti (vedi sotto) sono istituiti tribunali
5.7.1 Elezioni distrettuali (sia d'appello sia di prima istanza) e a Gerusa-
lemme siede la Corte Suprema (sia di ultimo appello sia
Il Parlamento israeliano (Knesset) ha 120 membri, elet- di cassazione e di fatto costituzionale).
ti per quattro anni con sistema proporzionale in un uni-
co collegio nazionale. Nel tempo stata introdotta, e
variata, una soglia di sbarramento. Sono elettori tutti i Pena di morte
cittadini maggiorenni (18 anni). Il voto per lista, sen-
za preferenze. Determinato il numero di seggi spettanti a La pena di morte, dal 1954, non pi in vigore, tranne
ogni lista, i candidati risultano eletti secondo l'ordine in per genocidio e altri crimini contro l'umanit, crimini di
cui appaiono nella lista. guerra, alto tradimento, crimini contro il popolo ebrai-
L'elezione diretta del Primo Ministro rappresenta un caso co e tradimento militare[79] , quando ritenuta giusta dal
particolare negli ordinamenti dello Stato, distinguendosi tribunale: stata applicata solo una volta, nel 1961, nei
generalmente tra le elezioni presidenziali e quelle parla- confronti del criminale nazista Adolf Eichmann, il cosid-
mentari. detto Architetto dell'Olocausto". Anche un altro nazista,
Questo ordinamento stato istituito in Israele nel 1996 John Demjanjuk, fu condannato a morte nel 1988, ma il
ed stato mantenuto no al 2003. verdetto fu annullato nel 1993. Questi due casi, tra l'altro
di cittadini stranieri, sono le uniche sentenze pronunciate
Il Presidente nomina il Primo Ministro sulla base dei ri- contro civili. Ci sono state alcune condanne di militari,
sultati elettorali, dopo essersi consultato con i leader del- ma nessuna stata eseguita.
la coalizione vincitrice; unica eccezione a questa pras-
si si avuta tra il 1996 e il 2001, quando l'elezione del
Primo Ministro avvenuta disgiuntamente da quella del Matrimonio e cittadinanza
Knesset.
Il termine ebraico utilizzato per designare il Primo Mini- La disciplina matrimoniale La disciplina dell'istituto
stro Rosh HaMemshala (in Ebraico: , let- matrimoniale rimessa alle confessioni religiose cui gli
teralmente Capo del Governo), denominazione applica- sposi appartengono, le cui autorit esercitano la relativa [80]
ta anche per i Primi Ministri stranieri, occasionalmente giurisdizione, mentre non esiste il matrimonio civile .
sostituita dal termine inglese premier. Il matrimonio religioso ha quindi validit automatica; i
matrimoni misti non sono ammessi in Israele poich, in
L'attuale Presidente Reuven Rivlin. materia matrimoniale, quando uno dei due cittadini con-
traenti il vincolo ebreo, la competenza giuridica della
Rabbanut HaRashi (Rabbinato Centrale). Alcuni israe-
5.7.2 Sistema legale liani (in genere atei o non ebrei) che desiderano sposarsi
con rito civile (solitamente poich hanno un coniuge non
Israele non ha una Costituzione scritta, sebbene il pun- ebreo, le coppie ebree atee usano la tradizionale cerimo-
to B della Risoluzione n. 181 dell'Assemblea dell'ONU, nia per appartenenza etnica) spesso si recano all'estero (la
che aveva sancito la divisione del Mandato Britannico in giurisdizione israeliana prevede il riconoscimento di tut-
uno Stato ebraico e in uno arabo[29] , lo richiedesse. Han- ti i matrimoni esteri a chi ne faccia richiesta), come ad
no funzione di norme materialmente costituzionali la Di- esempio nella vicina Cipro o negli Stati Uniti. Anche i
chiarazione d'Indipendenza del 1948 (sebbene non costi- matrimoni cristiani e musulmani sono riconosciuti, e so-
tuisca in senso tecnico una legge) e le Leggi base del- no pi facili da celebrare (ad esempio il cattolicesimo non
la Knesset. Nel 2003, a partire da queste, la Knesset ha chiede necessariamente la conversione per il coniuge di
cominciato a redigere una costituzione, che comunque altra religione). Ci sono state alcune proposte di legge per
respinta per ragioni di principio dai partiti religiosi non il matrimonio civile. Nella citt di Tel Aviv sono possibi-
sionisti.[78] li le unioni civili, esibendo il solo certicato di residen-
5.7. POLITICA 85

za (compresi gli arabi): si tratta a tutt'oggi della forma


giuridica pi vicina al matrimonio civile. in vigore il
divorzio e sono ammesse le unioni omosessuali (con rico-
noscimento dell'eventuale matrimonio contratto all'estero
in quanto, come spiegato altrove, attualmente in Israe-
le non vengono celebrati matrimoni civili, ma vengono
riconosciuti quello celebrati all'estero).

Passaporto Gli arabi che al 1948 risiedevano sui ter-


ritori di costituzione dello Stato di Israele e i loro discen-
denti, sono cittadini israeliani a tutti gli eetti, allo stesso
livello degli ebrei. Hanno il passaporto e possono libera-
mente espatriare, ma a causa del loro Stato di cittadinanza
hanno limitazioni a poter accedere in Cisgiordania. Sono
circa 1 400 000. Lo Stato di Israele nanzia, ai musul-
mani che hanno cittadinanza israeliana, il pellegrinaggio
(Hajj) alla Mecca[81] .
Gli abitanti di Gerusalemme Est, dopo l'occupazione
israeliana del 1967, hanno ottenuto la carta d'identit
israeliana come residenti permanenti. Non sono pe-
r considerati cittadini israeliani, ma possono muoversi
liberamente sia in Israele sia in Cisgiordania. Nel ger-
go burocratico sono chiamati arabi blu (dal colore del
documento) e sono circa 253 000.
Un passaporto israeliano
Gli abitanti della Cisgiordania e della Striscia di Gaza
hanno il passaporto palestinese, di colore verde. Il docu-
mento viene rilasciato dall'Autorit Nazionale Palestine-
a livello di giurisdizione civile la regola religiosa secon-
se (ANP), ma con l'autorizzazione israeliana. Non posso-
do cui pu essere data la qualica automatica di ebreo al
no entrare in Israele, se non con uno speciale permesso
neonato dalla sola madre, secondo la tradizionale regola
rilasciato dalle autorit israeliane, come d'altronde tutti
ebraica (non applicata dall'ebraismo riformato), ma la cit-
gli stranieri che necessitano del visto, europei e america-
tadinanza pu essere acquisita con un padre o un nonno
ni compresi. Le visite ai parenti detenuti in Israele sono
di riconosciuta appartenenza ebraica.[84] Il coniuge ottie-
state autorizzate ai palestinesi di Gaza nel luglio 2012,
ne un permesso di soggiorno e la residenza permanente e
dopo che erano bloccate dal 2007 in seguito al sequestro
deve richiedere poi la naturalizzazione, per la quale oc-
di Gilad Shalit e allo Stato di guerra con la Striscia.[82] I
corre risiedere ucialmente per tre anni dei cinque prima
palestinesi sotto l'ANP sono circa 1 980 000.
della richiesta sul suolo israeliano (tranne per gli ebrei di
nascita o convertiti, che la ottengono automaticamente).
La cittadinanza pu essere trasmessa anche da genitore
L'acquisizione della cittadinanza Secondo la contro-
non ebreo, a patto che abbia il passaporto israeliano. Tutti
versa legge contro i matrimoni misti del 2003, conferma-
gli abitanti dello Stato a partire dalla fondazione (con ec-
ta dalla corte suprema, un/una ebreo/a israeliano/a che
cezione dei palestinesi che se sono andati via come profu-
sposa un/una palestinese all'estero non pu richiedere n
ghi), compresi gli arabi, e i loro discendenti, hanno diritto
il riconoscimento del matrimonio n la cittadinanza per il
alla cittadinanza. I gli di cittadini israeliani e cittadini di
coniuge (solo la residenza e solo in caso di motivi umani-
qualunque altra nazionalit, ottengono quindi automati-
tari). Non esiste invece, a livello legale, alcun impedimen-
camente la cittadinanza.[84] Di solito ammessa la dop-
to per un cittadino ebreo di sposare all'estero una cittadina
pia cittadinanza; se si precedentemente cittadini di paesi
israeliana di etnia araba-palestinese e religione musulma-
che non l'ammettono, occorre rinunciare alla precedente
na, e viceversa, e far riconoscere il proprio matrimonio; il
nazionalit.[85]
glio risulter comunque cittadino israeliano.[83] Occorre
distinguere tra l'ebraicit della persona e il suo status di
cittadino: bench Israele sia stato ebraico un cittadino
non deve essere per forza ebreo per essere riconosciuto 5.7.3 Suddivisione amministrativa
tale, poich esso comunque uno stato laico. La questio-
ne ha evidenti ricadute giuridiche, dal momento che la Israele suddiviso in sei distretti principali, conosciuti in
cittadinanza israeliana non viene data automaticamente al ebraico come mehozot (singolare: mehoz) e tredici sub-
coniuge: tuttavia, a seguito della legge del ritorno (che as- distretti conosciuti come nafot (singolare: nafa). Schema
segna la cittadinanza a tutti gli ebrei), non viene applicata dei sei distretti:
86 CAPITOLO 5. ISRAELE

Lista dei distretti con relativo capoluogo e relativi 5.7.4 Diritti umani
sub-distretti:
Distretto di Gerusalemme (Mehoz Yerushalayim). La legge base (di rango costituzionale) Libert e Dignit
Capitale distrettuale: Gerusalemme Umana tutela i diritti umani, sociali, civili e politici. La
maggiore organizzazione israeliana per i diritti umani
Distretto Settentrionale (Mehoz HaTzafon), o Galilea. B'Tselem.
Capitale distrettuale: Nazaret Quando si analizzano i diritti umani in Israele, molte
ONG concordano sul fatto che importante mantenere
Sub-distretti la distinzione tra Israele e i territori sotto occupazione
israeliana, ricordando comunque che si tratta di un teatro
Zefat. di guerra, in perenne emergenza.
Kinneret. Sono pi di duecento le risoluzioni ONU che deplorano
la deportazione di Palestinesi da parte di Israele.[86]
Yizre'el.

Akko.
Diritti civili e politici in Israele
Golan.
Israele una democrazia in cui trovano riconoscimento
Distretto di Hafa(Mehoz Hefa). i diritti civili e politici, di libert d'espressione[87] e di
economia di mercato.[88]
Capitale distrettuale: Haifa
Israele, considerato senza territori occupati, classicato
come libero da Freedom House; nel 2014 il punteggio
Sub-distretti.
era 2 per le libert civili e 1 per i diritti politici, dove 1
Haifa. la situazione migliore e 7 la peggiore.[89]
La minoranza araba residente in Israele lamenta discrimi-
Hadera.
nazioni ai suoi danni, sia nella quotidiana pratica ammini-
strativa sia nel mantenimento in vigore di normative for-
Distretto Centro (Mehoz HaMerkaz), anche Piana o malmente neutrali ma di fatto discriminatorie. A giudizio
Valle di Sharon. degli assertori del concetto di democrazia etnica, Israele
Capitale distrettuale: Ramla costituirebbe un esempio della stessa.[90] Per quanto ri-
guarda i non ebrei che vivono entro i conni di Israele
Sub-distretti. del 1948, i diritti umani sono garantiti: sono presenti in
parlamento numerosi partiti arabi, ci sono ministri arabi
Sharon. nel governo e un giudice della corte suprema arabo.

Petah Tiqwa.
Diritti degli omosessuali Israele l'unico paese del
Ramla.
vicino oriente e uno dei due in Asia (l'altro la Cambogia)
Rehovot. dove le unioni omosessuali sono riconosciute (oltre a non
essere reato dal 1988), come Coabitazione non regi-
Distretto di Tel Aviv (Mehoz Tel-Aviv). strata (simile al matrimonio omosessuale e ai PACS di
altre nazioni). Le coppie omosessuali possono accedere
Capitale distrettuale: Tel Aviv-Yafo all'adozione.
Distretto Meridionale (Mehoz HaDarom), o Idumea.

Territori occupati
Capitale distrettuale: Be'er Sheva

Sub-distretti: Diversa la situazione per i territori palestinesi occu-


pati sotto amministrazione Israeliana, cio parte della
Ashqelon. Cisgiordania (West Bank), Gerusalemme est e, no al
2005, la Striscia di Gaza. Qui vengono riportate viola-
Be'er Sheva.
zioni dei diritti umani a causa della continua espansio-
ne degli insediamenti israeliani, l'aumento delle restri-
Distretto di Giudea e Samaria (Mehoz Yehuda zioni per l'economia palestinese a causa della barriera
VeShomron), ovvero la Cisgiordania. di separazione israeliana nella Cisgiordania, gli attacchi
dei coloni israeliani contro i civili palestinesi, l'embargo
Citt principale: Ma'ale Adumim. imposto dall'esercito israeliano, e le continue incursio-
5.7. POLITICA 87

ni e operazioni militari degli ultimi anni da parte di


Israele.[91][92][93]
Freedom House ha classicato per l'ultima volta i ter-
ritori occupati da Israele come unit a s nel 2010, ed
erano considerati non liberi, con il punteggio di 6 sia
per i diritti civili sia per quelli politici, dove 1 la mag-
giore libert e 7 la minore.[94] Dal 2011 la Cisgiordania
considerata interamente, tenendo conto sia dei territo-
ri amministrati da Israele sia di quelli amministrati dal-
lo Stato di Palestina[95] ; nel 2014 era non libera con il
punteggio di 5 per i diritti civili e 6 per quelli politici.[96]
Per quanto riguarda i circa 1,8 milioni di palestinesi che
vivono nei territori occupati nel 1967, e tuttora gover- Checkpoint vicino alla citt di Ramallah.
nati in maggioranza da Israele (Gerusalemme est e We-
st Bank) i diritti sono quelli di un popolo sotto occupa-
zione militare[97] anche se bisogna notare che, a partire liani stato conscato o dichiarato 'zona verde', in cui
dagli Accordi di Oslo, circa il 98% della popolazione pa- vietato costruire; le case costruite senza permesso vengo-
lestinese vive sotto la giurisdizione diretta dell'Autorit no distrutte (questo non avviene invece nel settore ebraico
Nazionale Palestinese. del Paese). Da quando lo Stato di Israele sorto, sono stati
L'arcivescovo anglicano Desmond Tutu, una delle gu- istituiti 700 paesi e villaggi per ebrei; non uno per i citta-
re di maggiore spicco nella lotta contro l'apartheid in dini arabi. Decine di villaggi arabi, che gi esistevano nel
Sudafrica, ha criticato ripetutamente il trattamento dei 1948, non sono riconosciuti dallo Stato di Israele; non ri-
palestinesi da parte di Israele, denendo anche questo una cevono quindi acqua, elettricit, fognature, non sono col-
forma di apartheid.[98][99] Lo stesso paragone stato fatto legati alla rete fognaria e a quella stradale, e sono sotto la
nel novembre 2008 anche dal presidente dell'assemblea continua minaccia di essere demoliti. Questa minaccia
dell'ONU Miguel d'Escoto Brockmann, durante un in- particolarmente concreta per i beduini del Negev[103] , le
contro nell'ambito della Giornata internazionale di soli- cui coltivazioni sono state distrutte con prodotti chimici
dariet con il popolo palestinese. D'Escoto Brockmann nel 2003.
ha anche denito la non esistenza di uno Stato palesti- I fondi destinati alle scuole per bambini arabi sono,
nese e la continua situazione di tensione in medio orien- in rapporto alla popolazione, molto inferiori a quelli
te "Il pi grande fallimento nella storia delle Nazioni destinati alle scuole per bambini ebrei[104] .
Unite".[100][101]
Molto peggiore la situazione dei palestinesi dei Territo-
ri Occupati. Israele accorda un trattamento preferenziale
agli abitanti ebrei delle colonie in Cisgiordania e a Geru-
salemme Est per quanto riguarda la costruzione di case e
i servizi municipali. A Gerusalemme Est, questo avviene
malgrado i palestinesi paghino le medesime imposte[105] .
Per ammissione stessa della municipalit, molte delle po-
litiche attuate a Gerusalemme, n dal 1967, hanno lo sco-
po di ridurre la popolazione non ebraica; come mostrano
le organizzazioni per i diritti umani, palestinesi e israe-
liane; ci avviene riducendo le zone in cui ai palestinesi
permesso costruire, conscando loro terreni e demolendo
loro le case.[106]

Un checkpoint israeliano. Nei primi tre anni della seconda intifada, Israele ha di-
strutto pi di 3 000 case e centinaia di edici pubblici
e di negozi palestinesi, oltre a vaste aree di terreno agri-
In Cisgiordania, utilizzando leggi diverse, in particolare colo. Decine di migliaia di palestinesi sono rimasti sen-
ottomane, e la possibilit stabilita dopo il 1967 di dichia- za casa o privi di una fonte di reddito. Molte distruzioni
rare statale il territorio occupato da nazioni nemiche, sono causate dal costruire, la cosiddetta 'barriera di se-
Israele ha ottenuto il controllo di parte dei terreni, che parazione', sita per il 90% in territorio palestinese, per
usa per costruire e ampliare colonie.[102] facilitare il passaggio tra Israele e gli insediamenti israe-
Il ministro degli Interni israeliano, Ophir Pines-Paz, ha liani (illegali, in base alla legge internazionale[107] ). Nei
dichiarato nel 2005 che la politica verso i cittadini arabi Territori Occupati, i palestinesi non possono costruire su
caratterizzata da 'discriminazione istituzionale'. Buona terra dichiarata 'statale'; nessuna restrizione, viceversa,
parte del territorio intorno a paesi e villaggi arabi israe- imposta ai coloni israeliani.
88 CAPITOLO 5. ISRAELE

Nei Territori Occupati valgono leggi diverse per i colo- ritti umani nei territori palestinesi. Falk, uno degli autori
ni e per i palestinesi. L'uso di sistemi legali dierenti, a del rapporto, era stato criticato dalle autorit israeliane
seconda della nazionalit, ricorda il sistema dell'apartheid (che avevano n da allora preannunciato il non rinnovo
sudafricano. Se i coloni commettono reati sono sottoposti del visto di ingresso) gi nella primavera del 2008, dopo
alla legge penale israeliana per i civili; se li commettono i la sua assegnazione all'incarico (che doveva durare 6 an-
palestinesi, i tribunali di Israele applicano la legge penale ni), quando aveva paragonato la situazione tra israeliani e
giordana o quella militare israeliana. palestinesi a quella tra nazisti ed ebrei.[121][122][123]
Nel 1999 la Corte Suprema israeliana ha vietato l'uso Dal 2003, Israele vieta l'unicazione famigliare agli
della forza sica negli interrogatori. Secondo il Pu- israeliani[124] (in grandissima maggioranza cittadini arabi
blic Committee Against Torture in Israel (PCATI), dello Stato), e ai palestinesi che abitano a Gerusalemme
un'organizzazione israeliana per i diritti umani, l'uso della Est, se il coniuge risiede in Cisgiordania o nella Striscia
tortura tuttavia continuato anche negli anni successivi. di Gaza.[124]
Nei Territori Occupati i soldati israeliani hanno ripe- In Cisgiordania ci sono ora pi di 500 posti di
tutamente usato civili palestinesi, minori compresi[108] , blocco.[125][126] Anche le ambulanze sono talvolta sogget-
come scudi umani[109] , ci che esplicitamente vietato te a controlli di sicurezza: secondo fonti palestinesi ripre-
dall'articolo 28 della Quarta Convenzione di Ginevra. se dal WHO, tra il 2000 e il 2005 61 donne avrebbero
Con le uccisioni e le distruzioni di case compiute a Ga- partorito presso dei posti di blocco, il che avrebbe con-
za durante la seconda intifada, secondo l'organizzazione tribuito a causare la morte di 28 neonati[127] , prevalente-
israeliana per i diritti umani Adalah l'esercito israe- mente tra il 2000 e il 2001.[127] Occorre dire tuttavia che
liano ha compiuto crimini di guerra[110] . Distruggere questi blocchi sono stati motivati dal fatto che le ambu-
case viola l'articolo 147 della Quarta Convenzione di lanze sono state utilizzate anche per trasportare esplosivi
e terroristi suicidi in territorio israeliano.
Ginevra[111] ,[110] .
Migliaia di detenuti palestinesi presenti nelle carceri La condizione di disagio creata dai posti di blocco il
israeliane sarebbe trattenuti per motivazioni politiche riesso diretto dello Stato di conitto tra arabi e israelia-
(circa 5 600 stimati nel 2003), in parte (circa 530 sem- ni, che ognuna delle due parti usa anche come strumento
pre nel 2003 e 817 nel 2008[112] ) sono in regime di politico. Da un lato lo Stato di conitto e rischio giusti-
"detenzione amministrativa", vale a dire senza che sia ca, e costringe, lo Stato di Israele a tenere in piedi un
stato ssato un processo. Il fatto che spesso Israele, complesso e costoso sistema di controllo, dall'altra il si-
nell'ambito dei colloqui di pace, liberi alcune decine o stema di controllo grava sulla popolazione palestinese, e
centinaia di questi prigionieri come gesto di buona vo- non solo per le ambulanze (notizia chiaramente di im-
lont", stato indicato come una prova del fatto che que- patto nell'immaginario propagandistico, e un po' meno
ste detenzioni avvengono senza un reale motivo.[112] In del reale), ma anche (e soprattutto) per il costante logo-
alcuni casi gruppi umanitari come Amnesty International rio di rallentamento delle funzioni civili ed economiche
hanno ricevuto segnalazioni di maltrattamenti, torture e della comunit palestinese, che viene cos tacitamente ri-
negazione di assistenza legale.[113][114] Nell'aprile 2008, cambiata, in pieno, dei costi che il governo di Israele
il Vicepresidente del Parlamento Europeo, Luisa Mor- costretto a subire.
gantini, ha denito quello nelle carceri un trattamen-
to umiliante e degradante. Gli interrogatori sono svol-
ti in modo inumano e talvolta costituiscono una forma
di tortura. Il cibo scarseggia e vi sono gravi problemi di 5.8 Politica estera
sovraollamento.[115]
Un rapporto uciale israeliano ha riconosciuto che i ser- Lo Stato d'Israele riconosciuto da una forte maggioran-
vizi segreti hanno torturato detenuti palestinesi durante la za degli Stati del mondo (161 su 192 nel 2007), in coe-
prima intifada, fra il 1988 e il 1992.[116] Uno dei metodi renza con la risoluzione n. 181 delle Nazioni Unite del 29
lo scuotimento, che nel 1995 ha causato la morte di un novembre 1947. Israele membro dell'ONU ma non di
detenuto. Secondo Yitzhak Rabin, questo metodo stato altre organizzazioni internazionali come la NATO.
usato contro 8 000 prigionieri[117] Il 4 dicembre 2008 il
A causa della questione palestinese, Israele in uno Stato
Consiglio per i diritti umani dell'ONU, dopo due anni di
di costante tensione con una grande maggioranza di Stati
ricerche sul territorio israeliano, ha prodotto un rappor-
arabi. Israele, come stato, non viene riconosciuto da nes-
to in cui si chiedeva a Israele di sospendere le pratiche
suno dei paesi islamici, con le eccezioni della Turchia,
di tortura sica e mentale sui detenuti palestinesi e di ri-
della Giordania, dell'Egitto e della Mauritania con i qua-
muovere il blocco alla Striscia di Gaza.[118][119][120] Pochi
li intrattiene normali relazioni diplomatiche; le relazioni
giorni dopo la presentazione del rapporto, il 15 dicembre,
diplomatiche con la Turchia si sono per molto inaspri-
Israele ha negato il rinnovo del visto di ingresso a Richard
te nel 2010 e con l'espulsione dell'ambasciatore nel 2011.
Falk, docente di diritto internazionale all'Universit di
Alcuni paesi arabi (p.es. Marocco, Qatar) intrattengono
Princeton e rappresentante delle Nazioni Unite per i di-
relazioni diplomatiche a basso livello o informali, cos co-
5.10. ARMI NUCLEARI ISRAELIANE 89

me la Costa Rica (dal 2010). Cuba ha interrotto i rapporti Per gli Arabo-israeliani il servizio militare facoltativo. I
a causa dell'alleanza stretta di Israele con gli Stati Uniti. Circassi e i Beduini si arruolano attivamente nell'IDF. Dal
Le seguenti 34 nazioni non hanno relazioni diplomatiche 1956, i Drusi vengono considerati come israeliani sotto
uciali con Israele (al 2011): coscrizione, su richiesta della comunit drusa. Gli uomi-
ni che studiano a tempo pieno nelle istituzioni religiose
possono ottenere un rinvio della leva; la maggior parte
Africa: Algeria, Ciad, Comore, Gibuti, Guinea,
degli ebrei Haredi, i cosiddetti ultraortodossi estendono
Libia, Mali, Niger, Somalia, Sudan
questi rinvii no a raggiungere un'et in cui sono troppo
Americhe: Bolivia (dal 2009), Cuba (1981), vecchi per la coscrizione. Israele non dispone nel suo or-
Venezuela (2009)[128] dinamento di una legge sull'obiezione di coscienza. Sono
esonerati i pacisti dichiarati solo se giudicati tali da una
Asia Orientale: Nord Corea,
speciale commissione non militare e le donne che si di-
Asia del Sud: Afghanistan, Bangladesh, Bhutan, chiarano religiosamente osservanti. I refusenik sono colo-
Maldive, Pakistan ro i quali riutano di prestare servizio per motivi politici
legati all'occupazione della West Bank. Vengono giudi-
Sud-est asiatico: Brunei, Indonesia, Malesia cati dalla Corte marziale e rischiano pene detentive -
Asia occidentale: Iran (1979), Iraq, Libano, Kuwait, no a un massimo di tre anni. Alcuni gruppi di protesta,
Oman, Arabia Saudita, Siria, Emirati Arabi Uniti, ad esempio di militari di leva o ex arruolati, e il partito
Yemen, Bahrein di destra Israel Beytenu hanno proposto un servizio civi-
le obbligatorio per chi non arruolato nelle forze arma-
La Repubblica Democratica Araba dei Sahraui e te, in particolare un lavoro svolto in ospedali, fra i vigili
Taiwan non riconoscono Israele, n sono mem- del fuoco, o nella protezione dell'ambiente (come il Ser-
bri delle Nazioni Unite. Taiwan ha rapporti molto vizio civile nazionale facoltativo dell'Italia). In tale ve-
informali e uciosi con Israele. ste servirebbero il periodo di leva gli arabo-israeliani, gli
ebrei haredim e altri esonerati. Tale proposta ha suscita-
Alcuni esponenti politici e alcuni partiti europei hanno to le proteste dei sionisti religiosi e degli stessi arabi in
proposto che Israele venga ammessa, qualora lo desideri, Parlamento.[129][130]
all'interno dell'Unione europea.

5.10 Armi nucleari israeliane


5.9 Forze armate
Israele il sesto paese al mondo ad aver sviluppato armi
I militari di Israele sono raggruppati nelle Forze uni- nucleari[131][132][133] ; non ha sottoscritto il trattato di non
cate della Difesa d'Israele (IDF, Israel Defense Forces), proliferazione nucleare (TNP), insieme ad altri paesi in
conosciute in ebraico con l'acronimo Tzahal ()". possesso dell'arma atomica: India, Pakistan e Corea del
Diversamente dall'organizzazione delle forze armate ne- Nord[134] . L'ex Direttore generale dell'AIEA Mohamed
gli altri paesi, la Marina e l'Aeronautica israeliana sono ElBaradei considera Israele come uno Stato in possesso di
subordinate all'Esercito. Ci sono altre agenzie governati- armi nucleari[135] , ma Israele mantiene una politica nota
ve paramilitari che si occupano dei dierenti aspetti della come l'ambiguit nucleare. Israele non ha mai ammes-
sicurezza d'Israele (come il MAGAV e lo Shin Bet) e civi- so ucialmente di avere armi nucleari, mentre ha sem-
li con compiti di difesa, come Aman e il Mossad, i servizi pre dichiarato che non sar il primo paese a introdurre
segreti esterni di Israele. armi nucleari in Medio Oriente, lasciando ambiguo il si-
gnicato di introdurre potrebbe signicare che non co-
Le IDF sono considerate come la forza militare pi for-
te nel Medio Oriente e sono quelle che hanno mag- struir o che non user. Nel 2006 il primo ministro Ehud
gior esperienza pratica, avendo difeso il proprio paese Olmert ammise l'esistenza di armi nucleari [136]
Israeliane in
in pi di cinque conitti. I punti di forza delle IDF so- un'intervista alla televisione tedesca .
no l'alta qualit dell'addestramento e l'uso di armamen- Nel maggio 2010 il Guardian ha pubblicato documen-
ti tecnologicamente evoluti, prima importati dagli Stati ti rilasciati dal governo sudafricano che confermano
Uniti, ora prodotti in Israele, che dispone di un'avanzata l'esistenza dell'arsenale nucleare Israeliano e rivelato
industria militare. che Israele tent di vendere missili a testata nuclea-
[133][137]
La maggior parte degli israeliani, maschi e femmine, sono re al Sudafrica . L'unico sospetto test nucleare
chiamati alle armi all'et di 18 anni. Il servizio obbligato- condotto da Israele conosciuto come l'incidente Vela.
rio di tre anni per gli uomini e di 20 mesi per le donne. Israele ha cominciato a sviluppare la sua tecnologia nu-
A seguito del servizio obbligatorio, gli uomini israeliani cleare appena un anno dopo la sua fondazione nel 1948 e
diventano parte delle forze di riserva dell'IDF e solita- con il sostegno francese cominci segretamente la costru-
mente sono tenuti a servire per parecchie settimane ogni zione di un reattore nucleare e di un impianto di rared-
anno come riservisti, no ai loro 40 anni. damento alla ne del 1950. Anche se Israele ha costrui-
90 CAPITOLO 5. ISRAELE

to un'arma nucleare nel 1967-68, questo non mai stato due ai mondiali (8 posto nel 1954 e 7 nel 1986), non-
confermato pubblicamente, no a quando Mordechai Va- ch 25 presenze all'Europeo (miglior risultato, il secondo
nunu, un ex tecnico nucleare israeliano, rivel i dettagli posto conquistato nel 1979).
del programma nucleare militare alla stampa britannica La principale societ cestistica israeliana il Maccabi Tel
nel 1986[138] . Israele si stima possa attualmente possedere Aviv, che, oltre a dominare da sempre il campionato na-
tra le 75 e le 400 testate nucleari[139] . zionale (di cui ha vinto 51 delle 60 edizioni nora di-
sputate), ha vinto 6 volte l'Eurolega e una volta la Coppa
Intercontinentale.
5.11 Sport
5.11.4 Vela
5.11.1 Calcio
Importanti risultati sono stati colti dallo sport israeliano
Il principale sport nazionale il calcio. Il campionato nella vela, grazie, soprattutto, alle imprese di Gal Frid-
israeliano di calcio gestito dalla Federazione calcistica man. Dopo la medaglia di bronzo ottenuta ad Atlanta
d'Israele (IFA), la quale, per quanto il Paese sia geogra- 1996, Fridman divenuto il primo atleta israeliano a vin-
camente collocato in Asia, aliata dal 1994 all'UEFA. cere una medaglia d'oro olimpica, conquistata ai Giochi
Conseguentemente, le squadre calcistiche israeliane par- di Atene nel 2004.
tecipano alle coppe europee, e la Nazionale di calcio
d'Israele disputa le qualicazioni al Campionato mondia-
le con le altre selezioni europee, oltre a prendere parte
alle qualicazioni al campionato europeo di calcio. 5.12 Note
L'IFA fu istituita nel 1928, venti anni prima della fonda-
[1] (EN) Israel, su UN Data.
zione dello Stato di Israele e durante il Mandato britan-
nico della Palestina, come Associazione calcistica del- [2] Non riconosciuta dalla comunit internazionale: si veda
la Palestina/Eretz Israele. Nel 1929 si ali alla FIFA la sezione "Gerusalemme, capitale contestata" e la voce
e dal 1954 al 1974 fu iscritta all'AFC, prima della sua Status di Gerusalemme.
espulsione, su pressione dei Paesi arabi.
[3] Escluse / Incluse le alture del Golan e Gerusalemme Est.
Durante il periodo di iscrizione dell'IFA all'AFC, la Na-
zionale israeliana vinse la Coppa d'Asia 1964. Successi- [4] (HE) 67th Independence Day - 8.3 million residents in the
vamente, si qualicata, per la prima (e nora unica) vol- State of Israel, su Central Bureau of Statistics, 21 aprile
ta ai mondiali di calcio, nell'edizione del 1970 in Messico, 2015. URL consultato il 21 aprile 2015.
dove fu eliminata al primo turno.
[5] (EN) Since last Independence Day, Israels population has
grown by 2%, the Central Bureau of Statistics reports, su
Globes, 21 aprile 2015. URL consultato il 21 aprile 2015.
5.11.2 Krav Maga
[6] (EN) World Economic Outlook Database, International
Un sistema di combattimento ormai diuso in tutto il Monetary Fund, ottobre 2013. URL consultato il 19
mondo, che trae origine in Israele il Krav Maga (che novembre 2013.
signica combattimento a contatto). Il Krav Maga non
uno sport, anche se la sua pratica pu consentire al prati- [7] (EN) Fertility rate, total (births per woman), da-
ta.worldbank.org. URL consultato il 19 novembre 2013.
cante di trarre beneci, dal punto di vista psicosico. Va
considerato, in sostanza, come un metodo di difesa per- [8] (EN) Israel, su CIA World Factbook, CIA, 31 ottobre
sonale, che trae origine da altre arti marziali, tant' che 2013. URL consultato il 19 novembre 2013.
abbastanza utilizzato, in Israele e ormai in vari Paesi del
mondo, anche da operatori della sicurezza, Forze Armate [9] (EN) Department of Peacekeeping Operations Carto-
e di Polizia. graphic Section, Map No. 3584 Rev. 2 (PDF), United
Nations. URL consultato il 19 novembre 2013.

[10] Annuncio del 1947 sulla cessazione del mandato


5.11.3 Pallacanestro
[11] (EN) Stefan Brooks, Palestine, British Mandate for, in
Molto popolare in Israele anche la pallacanestro. Analo- Spencer C. Tucker (a cura di), The Encyclopedia of the
gamente all'IFA, anche la Federazione cestistica d'Israele Arab-Israeli Conict, vol. 3, Santa Barbara (California),
(IBBA), iscritta alla FIBA dal 1939, aliata alla FIBA ABC-CLIO, 2008, p. 770, ISBN 978-1-85109-842-2.
Europe.
[12] A. J. Sherman, Mandate Days: British Lives in Palestine,
La Nazionale di pallacanestro d'Israele vanta una parte- 19181948, Baltimora (Maryland), The Johns Hopkins
cipazione ai Giochi olimpici (17 posto a Helsinki 1952), University Press, 2001, ISBN 0-8018-6620-0.
5.12. NOTE 91

[13] (EN) Enhancement of Palestines Status at the UN Posi- [32] Si veda per es (EN) FAQ on Plan Dalet dal The Institute
tion Paper (25 ottobre 2012): The Palestinian step is con- for Middle East Understanding o la recensione del libro
sistent with the formal Palestinian recognition of Israel in dello storico Ilan Papp, La pulizia etnica della Palestina,
1993 Fazi Edizioni.

[14] (EN, HE) Statistical abstract of Israel 2006 (PDF), Israe- [33] Ilan Papp, The Making of the Arab-Israeli Conict,
li Central Bureau of Statistics. URL consultato il 19 1947-1951, London, 1992, p. 92.
novembre 2013.
[34] (EN) U.N. General Assembly Ocial Records, 5th Ses-
[15] Le risoluzioni ONU 252 del 21 maggio 1968 e 267 del 3 sion, Supplement No. 18, Document A/1367/Rev. 1, Uni-
luglio 1969, dopo la guerra dei sei giorni, deplorarono il ted Nations Information System on the Question of Pa-
cambiamento di status legale e amministrativo della citt lestine, 23 ottobre 1950. URL consultato il 19 novembre
da parte di Israele. 2013. Rapporto Generale e Rapporto Supplementare della
Commissione di Conciliazione dell'ONU per la Palestina,
[16] (EN) Israel - Government, CIA World Factbook. sul periodo 11 dicembre 1949 - 23 ottobre 1950. La Com-
missione asseriva che le stime erano state le pi accurate
[17] (EN) Israels accession to the OECD, Organisation
possibili, per quanto le circostanze lo avevano permes-
for Economic Co-operation and Development. URL
so, e attribuiva che la stima pi elevata fosse motivata, fra
consultato il 12 agosto 2012.
le altre cose, dal raddoppio delle tessere di razionamen-
[18] (EN) Human development index (HDI), United Nations to, dall'incremento di persone che erano state deportate
Development Programme. URL consultato il 1 agosto da aree diverse da quelle occupate da Israele e da persone
2014. che, per quanto non deportate, erano ridotte alla miseria.

[19] (EN) WHO: Life expectancy in Israel among highest in [35] (EN) The Arab Refugees: The Invaders Get Internatio-
the world, in Haaretz, 24 maggio 2009. nal Help that May be Converted into Military Aid, in
New York Post, 30 novembre 1948. URL consultato il 19
[20] (EN) Victor P. Hamilton, The Book of Genesis: Chap- novembre 2013.
ters 18-50, Grand Rapids (Michigan), Wm. B. Eerdmans
Publishing Company, 1995, ISBN 0-8028-2309-2. [36] (EN) Legal Status of East Jerusalem and its Residen-
ts, B'Tselem, 1 gennaio 2013. URL consultato il 19
[21] (EN) Stephen A. Geller, The Struggle at the Jabbok: The novembre 2013.
Uses of Enigma in a Biblical Narrative, in The Journal of
the Ancient Near Eastern Society, n 14, p. 46. [37] (EN) Statements of the Prime Minister David Ben-Gurion
Regarding Moving the Capital of Israel to Jerusalem,
[22] Articolo di di Giorgio Levi Della Vida Knesset. URL consultato il 29 ottobre 2014.
[23] (EN) The Stones Speak: The Merneptah Stele, Ebonmu- [38] (EN) Public Law 104 - 45 - Jerusalem Embassy Act of
sings.org. URL consultato il 19 novembre 2013. 1995, United States Government Printing Oce (GPO),
8 novembre 1995. URL consultato il 19 novembre 2013.
Una traduzione in italiano dell'estratto ripor-
tato disponibile qui: [39] Mappa di Israele del 2004
Merenptah, geocities.com. (archiviato Mappa del Mediterraneo sudorientale
dall'url originale il ). (seconda copia Mappa del Medio Oriente
archiviata il 26 ottobre 2009)..
[40] CIA world factbook
[24] Qui il termine "seme" inteso come "discendenza".
[41] (EN, HE) Area of Districts, Sub-Districts, Natural Re-
[25] Ebrei sull'enciclopedia Treccani gions and Lakes. Statistical abstract of Israel 2006 (PDF),
Israeli Central Bureau of Statistics. URL consultato il 19
[26] Lemma Israele sulla Treccani novembre 2013.
[27] Sionismo, parodos.it. URL consultato il 19 novembre [42] (EN) A Country Study: Israel (Geography), The Library
2013. of Congress. URL consultato il 19 novembre 2013.
[28] Costruire una pace. Per imparare a non credere nella fata- [43] (EN) Makhteshim Country, UNESCO, 30 settembre
lit delle guerre, Milano, Mondadori, 2007, p. 198, ISBN 2001. URL consultato il 19 novembre 2013.
88-424-9249-3. con una conversazione di Marianella
Sclavi con S. Romano. [44] Jacobs, 1998, p. 284. The extraordinary Makhtesh
Ramon - the largest natural crater in the world...
[29] (EN) United Nations General Assembly Resolution 181
November 29, 1947, su Avalon Project, Yale Law School, [45] Ramon R&D Center. Ben-Gurion University of the
1996. URL consultato il 19 novembre 2013. Negev. Retrieved on 2007-09-19.

[30] (EN) Report of UNSCOP - 1947 September 1, 1947, Mid [46] (EN) NCDC: Global Measured Extremes of Temperature
East Web GateWay. URL consultato il 19 novembre 2013. and Precipitation, National Climatic Data Center. URL
consultato il 19 novembre 2013.
[31] (EN) Plan Daleth (Plan D), MidEast Web Historical
Documents. URL consultato il 19 novembre 2013. [47] Goldreich, 2003, p. 85.
92 CAPITOLO 5. ISRAELE

[48] (EN) Average Weather for Tel Aviv-Yafo, The Weather [66] ,su Morx. URL consultato il 21 aprile 2015.
Channel. URL consultato l'11 luglio 2007 (archiviato
dall'url originale il 9 luglio 2007). [67] Israel, su Press Reference. URL consultato il 21 aprile
2015.
[49] (EN) Average Weather for Jerusalem, The Weather Chan-
nel. URL consultato l'11 luglio 2007 (archiviato dall'url [68] (EN) Press Freedom Index 2008 Only peace protects free-
originale l'8 marzo 2008). doms in post-9/11 world, Reporters Sans Frontires. URL
consultato il 28 gennaio 2009 (archiviato dall'url originale
[50] (EN) FOCUS on Israel: Development of Limited Water
il 22 ottobre 2008).
Resources-Historical and Technological Aspects, State of
Israel, 20 settembre 2003. URL consultato il 27 dicembre
[69] (FR) Ouvrez la bande de Gaza la presse!, Reporters Sans
2015 (archiviato il 20 dicembre 2015).
Frontires, 9 gennaio 2009. (archiviato dall'url originale il
[51] (EN) Prof. Gershon Grossman, Prof. Ora Ayalon, Yifaat 26 gennaio 2009).
Baron e Debby Kaufman, Energy Forum 4: Solar energy
for the production of heat, Samuel Neaman Institute. URL [70] (EN) Adva Center, adva.org. URL consultato il 19
consultato il 27 dicembre 2015 (archiviato l'8 febbraio novembre 2013.
2015).
[71] (EN) Shlomo Swirski, Israel in a Nutshell A Dierent In-
[52] (EN) Download 2005, CIA World Factbook. URL troduction to Present Day Israeli Society and Economy
consultato il 19 novembre 2013. (PDF), Adva Center, maggio 2011. URL consultato il 19
novembre 2013.
[53] (HE) Population in Israel on the Eve of 2007 (PDF),
Central Bureau of Statistics, 2006. URL consultato il 19
[72] World Economic Forum, Global Competitiveness Report.
novembre 2013.

[54] (EN) Yoav Stern, Poll: 50% of Israeli Jews support state- [73] World Bank, Ease of Doing Business Index.
backed Arab emigration, in Haaretz, 27 marzo 2007. URL
consultato il 19 novembre 2013. [74] (EN) Jeremy M. Sharp, U.S. Foreign Aid to Israel (PDF),
Federation of American Scientists, 11 aprile 2013. URL
[55] Carlo M. Miele, Tzipi Livni: Via i palestinesi dallo Sta- consultato il 19 novembre 2013.
to di Israele, Osservatorio Iraq, 12 dicembre 2008. URL
consultato il 19 novembre 2013. [75] Antonio Saltini, Israele: prodigi irrigui nel paese delle
contraddizioni, in Terra e vita, n19, 1993. e Innovazione
[56] (EN) Livni: National aspirations of Israels Arabs can be tecnologica dal Negev a Tiberiade, in Terra e vita, n 22,
met by Palestinian homeland, in Haaretz, 11 dicembre 1993.
2008. URL consultato il 19 novembre 2013.
[76] (EN) Gavriel Fiske, Work begins on nal tunnel for
[57] (EN, HE) Statistical Abstract of Israel 2006 (No. 57), Ta-
Jerusalem-Tel Aviv link, su Times of Israel, 6 ottobre
ble 2.1 -- Population, by Religion and Population (PDF),
2014. URL consultato l'8 aprile 2015.
Central Bureau of Statistics, 2006. URL consultato il 19
novembre 2013.
[77] La maggioranza degli Stati che non riconoscono legitti-
[58] World Jewish-Adventist Friendship Center - Home ma la designazione di Gerusalemme come capitale unica
e indivisibile dello Stato d'Israele quindi obbligata nel-
[59] http://adventist-israel.org/index.php?lang=en le occasioni protocollari in cui richiesta la presenza del
Presidente della repubblica israeliana (ad es. l'accredito
[60] I cristiani aramei di Israele, terrasanta.net. URL
come appartenenti al corpo diplomatico presso lo Stato
consultato il 16 agosto 2015.
d'Israele) a recarsi da Tel Aviv nella Citt Santa per le tre
[61] I cristiani doriente festeggiano la nascita del primo bam- religioni monoteistiche cosiddette abramitiche.
bino arameo dIsraele, lastampa.it. URL consultato il 16
agosto 2015. [78] Non aatto vero che in Israele non siano attive organiz-
zazioni ebraiche non sioniste. Le organizzazioni religio-
[62] (EN) Losing our religion? Two thirds of people still claim se non sioniste sono radicalmente ostili all'esistenza stes-
to be religious., su WIN Gallup International, 13 aprile sa di uno Stato ebraico, per l'antica e irrisolta polemi-
2015. URL consultato il 21 aprile 2015. ca tra chi era fautore della presenza a Gerusalemme del
Tempio salomonico, in cui si credeva fossero tradizional-
[63] (EN) Ran Dagoni, Israel among worlds least religious mente conservate le tavole della legge ricevute da Mos
countries, su Globes, 21 aprile 2015. URL consultato il sul Monte Sinai e quanti considerano ancor oggi in mo-
21 aprile 2015. do ostile la sedentarizzazione del Popolo Eletto e addi-
[64] (EN) Rick Noack, Map: These are the worlds least reli- rittura blasfema la pretesa di quanti credono nella neces-
gious countries, su The Washington Post, 14 aprile 2015. sit di ricostruire il Tempio distrutto dai soldati romani
URL consultato il 21 aprile 2015. dell'Imperatore Tito, cozzando in tal modo non solo con-
tro le traduzioni nomadiche pi antiche degli israeliti, e
[65] (EN) John L. Allen Jr., No doubt about it, believers and su quanti pretendono in modo ritenuto blasfemo e con-
secularists are fated to live together, su Crux Now, 13 traddittorio che l'Onnipresente dimori in quel manufatto
aprile 2015. URL consultato il 21 aprile 2015. umano.
5.12. NOTE 93

[79] (EN) Dennis Rapps, Robert L. Weinberg, Nathan Lewin, [97] Uri Davis, Israel, an Apartheid State, London, Zed
Alyza D. Lewin, No. 99-6723 In the Supreme Court of Books Ltd., 1987.
the United States, Jewish Law, p. 2. URL consultato il 19
A.W. Kayyali, Zionism, Imperialism and Racism,
novembre 2013.
London, Croom Helm, 1979.
[80] (EN) Israel and the Occupied Territories International Re- Roselle Tekiner, Jewish Nationality Status as the
ligious Freedom Report 2007 Bureau of Democracy, Hu- Basis for Institutionalized Racism in Israel. The
man Rights, and Labor, Dipartimento di Stato degli Stati International Organisation for the Elimination of
Uniti d'America. URL consultato il 19 novembre 2013. All Forms of Racial Discrimination (EAFORD),
Washington, 1985.
[81] La Voce di Romagna, 12 febbraio 2009.
[98] (EN) Desmond Tutu, Apartheid in the Holy Land, in The
[82] Israele, autorizzate visite carcerarie da Gaza, in la Repub-
Guardian, 29 aprile 2002. URL consultato il 19 novembre
blica (Gerusalemme), 16 luglio 2012. URL consultato il
2013.
19 novembre 2013.

[83] (EN) Acquisition of Israeli Nationality, Israel Ministry [99] Articolo sulle critiche da parte Desmond Tutu sul tratta-
of Foreign Aairs, 20 agosto 2001. (archiviato dall'url mento dei palestinesi da parte di Israele. (EN) Tutu con-
originale il 6 luglio 2004). demns Israeli apartheid, in BBC News, 19 aprile 2012.
URL consultato il 19 novembre 2013.
[84] ibidem
[100] (EN) Shlomo Shamir, Top UN ocial: Israels policies are
[85] Il Com.It.Es. dIsraele compie quattro anni, Ha Keillah. like apartheid, in Haaretz (New York), 16 novembre 2008.
URL consultato il 19 novembre 2013. URL consultato il 19 novembre 2013.
[86] (EN) Security Council Resolutions, United Nations [101] L'ONU accusa israele di politiche razziste, Missionary
Security Council. URL consultato il 19 novembre 2013. International Service News Agency, 25 novembre 2008.
[87] (EN) Annual Worldwide Press Freedom Index 2006, [102] (EN) Land Grab: Israels Settlement Policy in the West
Reporters Sans Frontires. (archiviato dall'url originale il Bank, B'Tselem, maggio 2002.
1 novembre 2006).
[103] (EN) Israel erases entire Bedouin village in the Ne-
[88] (EN) Index of Economic Freedom 2007 - Israel, The
gev, Israeli Committee Against House Demolitions, 10
Heritage Foundation.
gennaio 2007. (archiviato dall'url originale il 10 agosto
[89] (EN) Israel, Freedom House. URL consultato il 15 ottobre 2007).
2014.
[104] Human Rights Watch: Second Class: Discrimination
[90] (EN) Smooha, Ethnic democracy: Israel as an archetype Against Palestinian Arab Children in Israels Schools
(PDF), in Israel Studies, vol. 2, n 2, 1997.
[105] (EN) Neglect of Infrastructure and Services in Palesti-
[91] (EN) Israeli-Occupied Territories * Freedom in the World nian Neighborhoods, B'Tselem, 1 gennaio 2011. URL
2009, Freedom House. URL consultato il 19 novembre consultato il 19 novembre 2013.
2013.
[106] (EN) Israel and the Occupied Territories, dal International
The Israeli-occupied territories received a Religious Freedom Report 2004 del Bureau of Democracy,
downward trend arrow due to the continued Human Rights, and Labor statunitense
expansion of Israeli settlements, increased re-
strictions on Palestinian economic activity [107] (EN) Asad nim, Palestinian Politics After Arafat:
because of the West Bank security barrier, A Failed National Movement, Indiana University Press,
settler attacks on Palestinian civilians, and the 2010, p. 32.
Israeli militarys economic blockade..
all forms of settlement in the occupied ter-
[92] (EN) Freedom in the World 2008 Global Freedom in Re- ritories are considered prohibited under in-
treat, Freedom House. URL consultato il 19 novembre ternational law, Israel considers only settle-
2013. ment 'outposts illegal. (tutte le forme di in-
sediamento nei territori occupati sono con-
[93] (EN) Israeli-Occupied Territories * Freedom in the World
siderate proibite dalla legge internaziona-
2007, Freedom House. URL consultato il 19 novembre
le, Israele considera solo gli avamposti di
2013.
insediamento illegali).
[94] (EN) Israeli-Occupied Territories *, Freedom House.
[108] (EN) 8 March 07: Israeli soldiers use two Palestinian mi-
URL consultato il 15 ottobre 2014.
nors as human shields, B'Tselem, 25 febbraio 2007. URL
[95] (EN) West Bank and Gaza Strip *, Freedom House. URL consultato il 19 novembre 2013.
consultato il 15 ottobre 2014.
[109] (EN) 20 July 2006: Israeli Soldiers use civilians as Human
[96] (EN) West Bank *, Freedom House. URL consultato il 15 Shields in Beit Hanun, B'Tselem, 20 luglio 2006. URL
ottobre 2014. consultato il 19 novembre 2013.
94 CAPITOLO 5. ISRAELE

[110] (EN) Yuval Yoaz, High Court to start hearing Adalah pe- [128] il Venezuela e la Bolivia riconoscono l'esistenza di Israe-
tition on possible IDF war crimes in Gaza, in Haaretz, 15 le ma non hanno relazioni uciali e ne hanno espulso
aprile 2007. URL consultato il 19 novembre 2013. l'ambasciatore, a causa della questione palestinese (il Ve-
nezuela e la Bolivia riconoscono e appoggiano lo Stato di
[111] (EN) Adalah - The Legal Center for Arab Minority Rights Palestina)
in Israel, Adalah.
[129] Israele: servizio civile anche per arabi e ortodossi?, Bli-
[112] Relazione del relatore speciale delle Nazioni Unite sulla si- tz Quotidiano, 29 aprile 2012. URL consultato il 19
tuazione dei diritti umani nei territori palestinesi occupati novembre 2013.
dal 1967, A/HRC/7/17, 21 gennaio 2008.
[130] Abraham Yehoshua, Arabi e arruolati conviene anche a
[113] (EN) Martin Asser, Palestinians languish in Israeli jails, Israele, in La Stampa, 26 luglio 2012, p. 33. URL con-
in BBC News, 8 agosto 2003. URL consultato il 19 sultato il 19 novembre 2013 (archiviato dall'originale il ).
novembre 2013. (seconda copia archiviata il ).

[114] Israele e Territori Palestinesi Occupati, nel rapporto [131] (EN) NTI Israel Prole, Nuclear Threat Initiative. URL
annuale 2008 di Amnesty International consultato il 12 luglio 2007.

[115] (EN) Interrogazione del Vicepresidente Morgantini sui [132] (EN) Chris McGreal, Revealed: how Israel oered to sell
Detenuti palestinesi nelle carceri israeliane, discussio- South Africa nuclear weapons, in The Guardian (Londra),
ne, 15 aprile 2008, Strasburgo, Consiglio europeo. URL 24 maggio 2010. URL consultato il 19 novembre 2013.
consultato il 19 novembre 2013.
[133] (EN) Chris McGreal, The memos and minutes that
[116] (EN) Israel admits torture, in BBC News, 9 febbraio 2000. conrm Israels nuclear stockpile, in The Guardian, 23
URL consultato il 19 novembre 2013. maggio 2010. URL consultato il 19 novembre 2013.

[117] (EN) Legitimizing Torture: The Israeli High Court of Ju- [134] Background Information, 2005 Review Conference of the
stice Rulings in the Bilbeisi, Hamdan and Mubarak Cases, Parties to the Treaty on the Non-Proliferation of Nu-
B'Tselem, gennaio 1997. URL consultato il 19 novem- clear Weapons, United Nations. URL consultato il 2 luglio
bre 2013. Rapporto del 2007 scritto da Israeli Information 2006.
Center for Human Rights in the Occupied Territories
[135] Mohamed ElBaradei, Transcript of the Director Gene-
[118] Diritti umani: consiglio ONU accusa Israele di tortu- rals Interview with Al-Ahram News, International Ato-
re, in Missionary International Service News Agency, 10 mic Energy Agency, 27 luglio 2004. URL consultato il 19
dicembre 2008. novembre 2013.

[119] (EN) UN ocial slams Israel 'crimes, in BBC News, 10 [136] (EN) Rory McCarthy, Israels nuclear capability and poli-
dicembre 2008. URL consultato il 19 novembre 2013. cy of strategic ambiguity, in The Guardian (Gerusalem-
me), 23 maggio 2010. URL consultato il 19 novembre
[120] (EN) UN rights advocates consider Israel, Colombia on 2013.
anniversary eve, in Agence France-Presse (Ginevra), 9
dicembre 2008. URL consultato il 19 novembre 2013 [137] (EN) Chris McGreal, Revealed: how Israel oered to sell
(archiviato dall'originale il ). South Africa nuclear weapons, in The Guardian (Wa-
shington D.C.), 24 maggio 2010. URL consultato il 19
[121] Doriana Goracci, Auguri da un muro : a Ramallah..., novembre 2013.
osservatoriosullalegalita.org, 21 dicembre 2008. URL
consultato il 19 novembre 2013. [138] Silvia Cattori, Intervista esclusiva a Mordecha Vanu-
nu, Peacelink, 25 novembre 2005. URL consultato il 19
[122] Diplomatico ONU espulso per aver denunciato 'crimini novembre 2013.
contro l'umanit', Missionary International Service News
Agency, 15 dicembre 2008. [139] (EN) Israel - Nuclear Weapons, Federation of Ameri-
can Scientists, 8 gennaio 2007. URL consultato il 19
[123] M.O./ Onu attacca Israele per espulsione emissario diritti novembre 2013.
umani, Virgilio Notizie, 16 dicembre 2008.

[124] (EN) Israel and the Occupied Territories: Torn Apart: Fa-
milies split by discriminatory policies, Amnesty Interna-
5.13 Bibliograa
tional, 13 luglio 2004. (archiviato dall'url originale il 21
luglio 2004). 5.13.1 Libri
[125] Rapporto sui diritti umani in Palestina (PDF), ONU.
Sergio Della Pergola, Israele e Palestina: la forza dei
[126] (EN) Rapporto sulle condizioni degli abitanti delle terre numeri. Il conitto mediorientale fra demograa e
occupate in Palestina (PDF), Amnesty International. politica, Il Mulino, Bologna, 2007.

[127] (EN) UN Fears over checkpoint births, in BBC News, 23 Eli Barnavi, Storia d'Israele. Dalla nascita dello Stato
settembre 2005. URL consultato il 19 novembre 2013. all'assassinio di Rabin, Bompiani, 2001.
5.15. ALTRI PROGETTI 95

Tania Groppi, Emanuele Ottolenghi, Alfredo Mor- Eretz Israel


dechai Rabello (a cura di), Il sistema costituziona-
le dello Stato d'Israele, Giappichelli editore, 2006, Presidenti di Israele
Torino.
Primi ministri di Israele
Beniamino Irdi Nirenstein,Israele e la guerra al
terrorismo, Luiss University Presso 2006 Letteratura israeliana

Theodor Herzl, Lo stato ebraico, Il Melangolo, 2003, Conitti arabo-israeliani


Genova.
Territori palestinesi
Vittorio Dan Segre, Le metamorfosi di Israele, Utet,
2008. Proposte per uno Stato di Palestina
David Grossmann, Con gli occhi del nemico, 2008 Neturei Karta
Claudio Vercelli, Breve storia dello Stato di Israele
Passaporto israeliano
(1948-2008), Carocci, Roma 2008.

Claudio Vercelli, Israele. Storia dello Stato (1881- Pena di morte in Israele
2008). Giuntina, Firenze 2008.
Prostituzione in Israele
Claudio Vercelli, Storia del conitto
israelo-palestinese Laterza, Roma-Bari 2010. Targhe automobilistiche israeliane

Cronologia della storia ebraica


5.13.2 Saggi e articoli
Diaspora ebraica
Pasquale Amato, Unit socialista in Israele, Intervi-
sta con Victor Shemtov, in Mondoperaio, Roma, Dodici trib di Israele
gennaio 1981, pp. 4751
Storia degli Ebrei
Aldo Baquis, Regno di Giudea vs. Stato d'Israele, in
Limes n. 3, 2005 Antisemitismo

Emanuele Ottolenghi, Ebrei e Israeliani: due identit Tempio di Gerusalemme


in una?, in Limes n. 4, 1995
Monte del Tempio
Charles Urjewicz, La nuova aliy: se gli israeliani
parlano russo, in Limes n. 4, 1995 Giordano (ume)

Alberto Castaldini, Il ruolo dell'ortodossia reli-


giosa in Israele alla luce delle recenti elezioni,
Aggiornamenti Sociali, 7-8 (1999), pp. 557 568 5.15 Altri progetti
Matteo Miele, L'identit di Israele tra laicit e re-
ligione, in Mondoperaio, numero 2, marzo-aprile Wikiquote contiene citazioni di o su Israele
2008
Wikibooks contiene testi o manuali su Israele

5.14 Voci correlate Wikizionario contiene il lemma di dizionario


Israele
Ebrei
Wikinotizie contiene notizie di attualit su
Citt israeliane Israele
Grande Israele
Wikimedia Commons contiene immagini o
Kibbutz altri le su Israele
Sionismo
Wikivoyage contiene informazioni turistiche su
Antisionismo Israele
96 CAPITOLO 5. ISRAELE

5.16 Collegamenti esterni


Scheda di Israele dal sito Viaggiare Sicuri - Sito
curato dal Ministero degli Esteri e dall'ACI
(EN) Ministry of Foreign Aairs, mfa.gov.il.

(EN) Israel Government Gateway, info.gov.il.

(EN) Prime Ministers Oce, pmo.gov.il.


(EN) Ministry of Tourism, goisrael.com.

(EN) Ministry of Education, education.gov.il.


(EN) Ministry of Transportation, mot.gov.il.

(EN) Bureau of Statistics, cbs.gov.il.


(EN) The Knesset (Parliament), knesset.gov.il.

(EN) Israel Defense Forces site, idf.il.


israele.net.

(EN) Video - Arutz Sheva, israelnationalnews.com.


Speciale Nuovi narratori israeliani su RAI Lettera-
tura, letteratura.rai.it.
Capitolo 6

Palestina

Con il nome Palestina (in greco: , Palaistine; di, Aristotele, nella Meteorologia, us similmente il ter-
in latino: Palaestina; in arabo: , Filasn; in ebraico:
mine per indicare la regione del mar Morto. Altri autori
?, Palestina) viene indicata la regione geogra- greci che usarono il termine per riferirsi alla stessa regio-
ca del Vicino Oriente compresa tra il Mar Mediterraneo, ne furono Polemone e Agatarchide di Cnido, seguiti da
il ume Giordano, il Mar Morto, a scendere no al mar scrittori romani come Ovidio, Tibullo, Pomponio Mela,
Rosso e i conni con l'Egitto. Plinio il Vecchio, Dione Crisostomo, Stazio e Plutarco,
I conni e lo status politico della regione sono cambia- cos come da scrittori romani di origine[4] ebraica come
ti nel corso della storia:[1] il nome Palestina fu usato Filone di Alessandria e Flavio Giuseppe.
da scrittori greci antichi per indicare la regione tra la Il termine fu usato per la prima volta per indicare una
Fenicia e l'Egitto e poi fu ucialmente adottato come provincia uciale nel 135 d.C., quando le autorit roma-
nome di una provincia dell'impero romano, dell'impero ne, dopo aver soppresso la rivolta di Bar Kokhba, uniro-
bizantino e del caliato arabo omayyade e abbaside. La no la provincia di Giudea con la Galilea per formare la
regione comprendeva la maggior parte del territorio chia- provincia di "Syria Palaestina". La tesi di alcuni storici,
mato nella Bibbia ebraica '"Terra di Canaan" e "Terra di secondo cui il cambio di denominazione della provincia
Israele". stata chiamata anche Siria meridionale ed aveva lintento punitivo di cancellare il nome di Giudea,
considerata "Terra Santa" da ebraismo, cristianesimo e contestata da altri.[4]
islam.
Byblos
SIZU ASSYRIAN EMPIRE
Durante il dominio ottomano l'area fu divisa in diverse 0 (km) 20
Beirut
Sidon
Damascus
Tyre
regioni amministrative e comprendeva principalmente il
Sangiaccato di Gerusalemme, oltre a parti del Vilayet di Acre
Beirut (il Sangiaccato di Nablus e il Sangiaccato di Acri)
e del Vilayet di Siria. Dopo il crollo dell'impero otto- Umomium

mano fu creata a ovest del ume Giordano la Palestina


sotto mandato britannico (1922-1948), oggetto di una Samaria
ARAMEAN
partizione nel 1947 a opera dell'ONU che ne destin una Shechem Jerash TRIBES
Jaffa
parte a uno Stato ebraico (poi diventato Israele) e un'altra Beit El

a uno Stato arabo (poi diventato lo Stato di Palestina). Jericho


Rabbath-Ammon

Ashdod Jerusalem
Attualmente il suo territorio quindi diviso tra lo Stato Ashkelon
Lachish
Dibon
di Israele e lo Stato di Palestina,[1] anche se la regio- Hebron

ne storicamente ha incluso anche parti degli odierni Sta- Gaza


Beersheba
ti di Giordania (l'area transgiordana pi vicina al u-
me Giordano, sulla sponda orientale), della Siria e del ARABU
Libano. TRIBES
NABATU TRIBES

Petra
6.1 Il nome e la Palestina antica

Il primo uso chiaro del nome Palestina per riferirsi allin- Il Vicino Oriente nel IX sec. a.C.: in rosso i territori abitati dai
tera area tra la Fenicia e lEgitto risale al quinto secolo Filistei
a.C. nellantica Grecia, quando Erodoto nelle Storie chia-
m la parte meridionale della Siria Palaistine.[2] Erodoto Il nome greco Palaistine considerato una traduzione del
aerma che i suoi abitanti erano circoncisi, riferendosi nome ebraico biblico Peleshet ( Plsheth, talvolta
verosimilmente agli Israeliti.[3][4] Circa un secolo pi tar- traslitterato come Philistia, o tradotto come Filistea), ri-

97
98 CAPITOLO 6. PALESTINA

ferito alla terra dei Filistei (Pelishtim). Con le sue varianti rati, quello meridionale detto regno di Giuda (sottomes-
Peleshet compare circa 250 volte nel testo masoretico, 10 so e distrutto per un periodo a causa dei babilonesi), e
volte nella Torah, mentre le attestazioni rimanenti sono quello settentrionale chiamato regno di Israele o Samaria
soprattutto nel Libro dei Giudici e nei Libri di Samue- (conquistato poi dagli assiri).
le. La derivazione del nome greco Palaistine dalla terra La regione costiera invece, colonizzata probabilmente in
dei Filistei confermata da Giuseppe Flavio, anche se, un'epoca intorno al 1000 a.C. dai Filistei o pheleset (la
come si detto, il nome fu usato da greci e romani per cui origine si suppone probabilmente essere del ceppo
riferirsi a unarea pi ampia rispetto a quella anticamente indoeuropeo) comprendeva almeno cinque citt: Gaza,
abitata dai Filistei.[4] La traduzione della Bibbia ebraica
Ashdod, Ekron, Gath, e Ashkelon che non caddero mai
in greco detta Bibbia dei Settanta non traduce Peleshet sotto il controllo degli Israeiti. Di questo popolo gli Egi-
con Palaistine, ma usa una traslitterazione (Pelishtim vie-
ziani antichi danno per primi notizia come P-r/l-s-t (con-
ne traslitterato in Phylistiim e Peleshet viene reso con Ge venzionalmente Peleshet), uno dei Popoli del mare che
ton Phylistiim, ovvero terra dei Phylistiim").[4]
invasero l'Egitto durante il regno di Ramses III ma su le
Larcheologia moderna ha identicato 12 antiche iscri- cui origini vi ancora dibattito.
zioni egiziane e assire con nomi dal suono simile, che gli In epoca biblica i Filistei si scontrarono con gli Israeliti
studiosi hanno collegato al popolo dei Filistei.[5] Il termi- per un lungo periodo, subirono scontte ma vinsero al-
ne Peleset (traslitterato dai geroglici come P-r-s-t) cune battaglie ai tempi del profeta Amos, vennero inne
stato trovato in cinque iscrizioni egiziane datate a parti- sottomessi da re David. Se il regno israelitico appena for-
re dal 1150 a.C. circa, relative a un popolo o territorio mato riusc, in base a quanto riportato dai testi, a sottrar-
vicino all'Egitto.[6] Sette iscrizioni assire, risalenti al pe- re l'entroterra al dominio listeo, negli stessi documenti
riodo dall'800 a.C. circa no a pi di un secolo pi tardi, si attesta che i listei riuscivano a mantenere le loro citt
si riferiscono alla regione come Palashtu o Pilistu.[7] e il dominio dell'area costiera, no all'epoca della con-
Nella Bibbia la Palestina indicata con diversi nomi e quista Assira. I Filistei scomparvero come nazione e non
risulta una presenza contemporanea di pi stati sul suo sono pi citati dai tempi delle invasioni degli Assiri, ve-
territorio. Oltre al toponimo Filistea, che per si riferi- rosimilmente poich la loro lingua si erano assimilata a
sce solo alla regione costiera e meridionale cio quella quelle cananee prima e all'aramaico poi.
abitata dai Filistei, e al termine Eretz Yisrael Terra di
Israele, Eretz Ha-Ivrim Terra degli ebrei riferita alla
parte di territorio popolata dagli Israeliti, e alle locuzio-
ni poetico-religiose Terra in cui scorre latte e miele e
Terra Promessa, tutto il territorio a occidente del ume
Giordano in generale viene anche indicato come Terra di
Canaan", in quanto precedentemente abitato dai Canaa-
niti (o Cananei). Nella mitologia biblica i Cananei sono
i discendenti di Canaan glio di Cam. Secondo la Bibbia
questa popolazione sarebbe stata sopraatta e colonizza-
ta pi o meno nello stesso periodo dalla popolazione de-
gli Ebrei o Israeliti (popolo originario della Mesopotamia
meridionale, il cui nome deriva dal loro considerarsi 'di-
scendenti di Abramo' cui Dio, in base alla Bibbia avrebbe
promesso appunto la terra di Canaan). Gli Ebrei avrebbe-
ro gradualmente popolato la parte interna-centrale della
regione, secondo un processo descritto nella Bibbia co-
me violento, in quanto vi sono narrati anche atti di ster-
minio che la popolazione cananea avrebbe subito da par-
te degli Israeliti in talune localit. Risulta che i Filistei
continuarono a occupare una fascia nella zona costiera
e sud-occidentale (anche se la dierenziazione tra Fili-
stei e Cananei tuttora oggetto di studi archeologici e
storico-etnograci).
Con l'arrivo del popolo ebraico le aree della 'Terra di
Canaan' da questi popolate presero il nome di "Terra di
Israele". La storia del territorio a questo punto coincide Le province romane di Giudea e Galilea nel I secolo d.C.
con la storia del popolo d'Israele, con l'eccezione delle
aree meridionali listee e dell'area costiera e settentrio- Il territorio in seguito venne sottoposta al dominio assiro,
nale fenicia. A seguito vi fu una divisione del regno ebrai- babilonese, persiano, ellenistico e romano. Le conquiste
co unito, il Regno di Giuda e Israele, in due regni sepa- interessarono anche i regni israeliti. Uno dei regni ebraici
6.2. STORIA MODERNA 99

- il Regno di Giuda - chiamato abitualmente Giudea, con-


tinu a esistere, anche su territori dell'intera terra, come
stato formalmente indipendente per almeno due secoli. I
Romani intorno al 130 a.C. intervennero proprio su ri-
chiesta di uno dei due regni da parte della trib regnante
dei Maccabei, e lo stesso patriarca Giuda Maccabeo ot-
tenne la cittadinanza onoraria di Roma e un seggio nel
Senato Romano.

I distretti arabi di Filastin e al-Urdun nel IX secolo d.C.

risiedere nel territorio circostante la capitale (le comuni-


t ebraiche che vivono lontane dalla Terra di Israele sono
note come Diaspora ed erano gi molto consistenti in epo-
ca romana). Le autorit romane unirono la Provincia Iu-
daea e la Galilea in un'unica provincia cui diedero il nome
Le province bizantine di Palestina Prima, Palestina Secunda e di Syria Palaestina (pi tardi abbreviato in Palaestina).
Palestina Salutaris nel V secolo d.C.
Alla ne del quarto secolo, l'impero romano d'Oriente di-
vise la regione della Palestina in tre province: Palaestina
Con il tempo il Regno di Giuda divenne de facto uno stato Prima, con capitale Cesarea, Palaestina Secunda, con ca-
vassallo e diversi territori della Palestina furono fraziona- pitale Scitopoli, e Palaestina Salutaris, con capitale Petra.
ti e passarono sotto diretta amministrazione romana. La Queste province furono conquistate dai cali arabi nel
complessa organizzazione amministrativa della provincia setttimo secolo; Umar divise la Palestina in due distretti
romana di Giudea (Iudaea) riette una certa turbolenza amministrativi (Jund) simili alle province romane e bi-
politica, in gran parte dovuta a motivi religiosi di con- zantine: Filastin (Palestina, grosso modo corrisponden-
itto tra Ebrei e Romani. La popolazione israelita tent te alla Palestina Prima bizantina), con capitale Lidda e poi
di ribellarsi a pi riprese al potere romano, ad esempio Ramla, e al-Urdun (Giordania, grosso modo corrispon-
con Giuda il Galileo nel 6 d.C. La prima guerra giudaica dente alla Palestina Secunda bizantina), comprendente la
iniziatasi nel 70 d.C. port alla distruzione del Tempio. Galilea e Acri.[8]
Il famoso episodio della presa della fortezza di Masada
risale a questo conitto. La terza guerra giudaica (132-
134 d.C.) fu causata in parte anche dalla decisione di
Adriano di cambiare il nome della capitale in Aelia Capi-
tolina e di inquadrare completamente la provincia tra le
istituzioni dell'Impero. la guerra termin con la vittoria
dell'esercito romano contro il pretendente al trono Simon
6.2 Storia moderna
Bar Kokheba, ma a costo di pesanti perdite.
La guerra provoc la morte di una parte consistente del- Lo status giuridico, politico e istituzionale della Palestina
la popolazione ebraica del territorio. Adriano decise, nel storica al giorno d'oggi tuttora controverso. l'oggetto
135 al termine del conitto, per stornare il pericolo di fu- di uno dei pi gravi conitti della storia contempora-
ture rivolte, di emettere la disposizione drastica che proi- nea, dando luogo a uno stato di ostilit internazionale,
biva agli Ebrei di risiedere nella citt sacra di Gerusalem- con una serie di confronti militari, tuttora aperto da circa
me, il centro religioso del Giudaismo, pur continuando a sessant'anni.
100 CAPITOLO 6. PALESTINA

6.2.1 La Prima guerra mondiale, la dichia- attriti con i coloni ebrei per l'uso dei terreni, soprattutto
razione di Balfour e l'istituzione del nella valle del ume Giordano)[12] .
Mandato Britannico I britannici avevano tuttavia promesso nel 1915 la Palesti-
na agli arabi (tramite accordi tra Sir Henry McMahon, in
La Palestina rimase sotto il dominio dei turchi (Impero nome del governatore britannico, e lo sharif della Mecca,
Ottomano) per 400 anni, no a quando essi la persero alla Husayn ibn Ali) come paese indipendente o come parte di
ne della Prima guerra mondiale a favore della Gran Bre- una grande nazione araba, per l'aiuto prestato con la Ri-
tagna. La spartizione dei possedimenti dell'Impero Otto- volta Araba nella lotta contro l'impero Turco-Ottomano
mano nella regione tra Gran Bretagna e Francia al termine e questo fece s che il sostegno britannico alle richieste
della guerra, era stata gi decisa nel 1916 con l'Accordo del movimento sionista si scontrasse ben presto sia con i
Sykes-Picot (inizialmente segreto)[9] . progetti degli altri stati arabi, sia con l'opposizione del-
la maggioranza araba palestinese alla formazione di uno
stato non islamico in Palestina.

Zone di inuenza francese e britannica stabilite dall'accordo


Sykes-Picot

Per l'area della Palestina l'accordo prevedeva:


La Gran Bretagna espresse con la dichiarazione di Bal-
four del 1917 l'intenzione di creare in Palestina, un fo-
colare nazionale ("national home") che potesse dare asilo
non soltanto ai pochi ebrei di Palestina che gi vi abi-
tavano da secoli, ma anche agli ebrei dispersi nelle altre
nazioni. La questione fu comunque molto combattuta, da
cui la scelta del termine ambiguo "national home" che
non richiamava direttamente alla costituzione di uno Sta- Area della Palestina mandataria
to e l'esplicito riferimento ai "diritti civili e religiosi delle
comunit non ebraiche della Palestina" che non dovevano La Societ delle Nazioni ad dunque alla Gran Breta-
essere danneggiati. Nel censimento del 1922, a 5 anni dal- gna un Mandato per la Palestina, che no a quel momento
la dichiarazione e dall'inizio dell'ondata migratoria che ne e per tutti i secoli precedenti aveva coinciso con il terri-
era conseguita, la popolazione ebraica era di 83.790 unita torio degli odierni Stati di Israele e Giordania. La Societ
su un totale di 752.048 persone, pari all'11,14% della po- delle Nazioni riconosceva gli impegni presi da Balfour,
polazione totale, di poco superiore come dimensioni alla pur rimarcando che questo non doveva essere eettuato a
comunit cristiana di 71.464 unit[11] , e inferiore alla co- discapito dei diritti civili e religiosi della popolazione non
munit di nomadi beduini di circa 103 331 persone (il cui ebraica preesistente. Per permettere l'adempimento degli
stile di vita nomade e dedicato alla pastorizia caus alcuni impegni presi la Societ delle Nazioni riteneva necessario
6.2. STORIA MODERNA 101

istituire un'agenzia che coordinasse l'immigrazione ebrai-


ca e collaborasse con le autorit britanniche per istituire
norme atte a facilitare la creazione di questo focolare na-
zionale, come per esempio la possibilit per gli immigra-
ti ebrei di ottenere facilmente la cittadinanza palestine-
se; l'organizzazione Sionista veniva ritenuta la pi adatta
per questo compito. Oltre a questo il Mandatario doveva
predisporre il territorio allo sviluppo di un futuro governo
autonomo.[13]
Cos, nel 1922 il Regno Unito, seguendo quanto gi deci-
so negli accordi di Sykes-Picot, concesse tutti i territori a
est del ume Giordano (quasi il 73% dell'intera area del
Mandato) all'Emiro Abd Allh. Questo territorio diven-
ne la Transgiordania, con una maggioranza di popolazio-
ne araba (nel 1920 circa il 90% della popolazione, stima-
ta in un totale di circa 4 000 000 di abitanti[14] ), le cui
leggi non permettevano (e non permettono a tutt'oggi[15] )
a nessun ebreo di ottenere la cittadinanza giordana. La
Transgiordania sarebbe diventata, il 25 maggio del 1946,
il Regno Hashemita di Giordania.
Con il libro bianco del 1922[16] i britannici rassicura-
rono la popolazione araba sul fatto che la Jewish Natio-
nal Home in Palestine promessa nel 1917 non era da in-
tendersi come una nazione ebraica in Palestina, e che la
commissione Sionista della Palestina non aveva alcun ti-
tolo per amministrare il territorio, rimarcando per al
contempo l'importanza della comunit ebraica presente
e la necessit di una sua ulteriore espansione e di un suo
riconoscimento internazionale:

6.2.2 Gli anni del Mandato e la Seconda


guerra mondiale
Il piano di spartizione suggerito dalla Commissione Peel nel 1937.
Secondo il rapporto della commissione c'erano 225 000 arabi nel
I successivi 25 anni (1922-1947), che videro un massic- territorio del possibile stato ebraico e 1 250 ebrei in quello del
cio aumento della popolazione ebraica (passata dai poco possibile stato arabo.[18]
pi di 80 000 abitanti agli inizi degli anni 20 ai circa 610
000 del 1947) tramite l'immigrazione prima legale e poi
(dopo il 1939 e le limitazioni imposte dal Libro Bian- e della Conferenza di St. James del 1939, fallirono perch
co[17] ) illegale, furono comunque caratterizzati da episo- respinti da parte araba.
di di violenza e di reciproca intolleranza, che sfociarono Nel 1939 i britannici, alla ne di 3 anni di guerra ci-
in diverse rivolte generalizzate nel 1920, nel 1929 e nel vile, nell'impossibilit di creare due stati indipendenti e
triennio 1936-39. con continui attentati, sia da parte di gruppi terroristici
Alcuni tentativi di suddivisione del mandato in due Stati ebraici contro i suoi soldati e contro la popolazione ci-
distinti, a seguito della proposta della Commissione Peel vile, sia da parte araba contro i coloni ebrei, produssero
nel 1937 che suggeriva anche di trasferire la popolazione il Libro Bianco del 1939[17] , con cui si metteva un freno
in modo da creare uno stato ebraico (idea che gi Prosper all'immigrazione ebraica (un massimo di 75 000 coloni
Enfantin, imprenditore, scrittore e pubblicista francese, nei successivi 5 anni, a patto che fosse possibile assorbir-
nonch seguace di Saint-Simon recandosi a Vienna ten- li nel tessuto sociale ed economico palestinese) secondo
t di proporre a Metternich, non venendo per ricevuto quanto gi raccomandato dal Rapporto Shaw del 1929 e
da quest'ultimo) abitato solo da ebrei e uno stato arabo dalla Commissione Hope Simpson del 1930; queste ul-
abitato solo da arabi, creando sistemi di irrigazione e di- time avevano individuato nella massiccia immigrazione
stribuzione idrica in quest'ultimo, che altrimenti non sa- ebraica, nelle politiche di assegnazione delle terre ai colo-
rebbe stato in grado di reggere l'aumento di popolazio- ni e nella conseguente crescita della disoccupazione tra la
ne di circa 225 000 arabi che sarebbe stato necessario popolazione araba preesistente, alcuni dei principali mo-
trasferirvi[18] , della Commissione Woodhead del 1938[19] tivi di instabilit sociale della Palestina. Nel Libro Bianco
102 CAPITOLO 6. PALESTINA

veniva anche evidenziato che gli atti ostili dei gruppi ar- contro bersagli britannici e che tra il 1940 e il 1941 tent
mati arabi contro i coloni ebrei, comunque da condanna- per due volte, senza successo, di stringere accordi con le
re, e in generale l'ostilit generale della popolazione araba forze nazifasciste in chiave anti-britannica[22][23] .
verso quella ebraica, trovavano spiegazione nel timore di
ritrovarsi con il tempo a essere etnia di minoranza in una
nazione ebraica. Oltre a questo la Gran Bretagna decise di 6.2.3 Il piano di spartizione dell'ONU
porre ne al suo mandato nel 1949 e di istituire per quel-
la data un unico stato multietnico, oltre ad aermare che
considerava conclusi gli impegni presi con la dichiara-
zione di Balfour, ritenendo che i circa 300 000 immigrati
ebraici (i quali avevano portato la popolazione a essere
quasi un terzo del totale) e le capacit mostrate da que-
sti nello sviluppo della loro comunit fosse comunque da
considerarsi un vanto per il popolo ebraico. Relativamen-
te alle aspirazioni nazionali dei coloni, il Libro Bianco ri-
chiamava il fatto che gi nel precedente testo del 1922 si
era esplicitamente esclusa la possibilit di una nazione
ebraica sul territorio della Palestina. D'altro canto esso
deniva altres la promessa della creazione di una nazione
araba, che sarebbe derivata da comunicazione epistolari
svoltesi nel 1915 tra Sir Henry McMahon (in nome del
governatore britannico) e lo sceicco della Mecca, come
frutto di un fraintendimento tra le parti[17] , soprattutto
per quello che riguardava la zona in cui questa nazione
sarebbe sorta, che doveva escludere i territori a ovest del
Giordano:
Una lettera datata 24 ottobre 1915 a proposito cruciale.
In essa si diceva che:
Nel documento appare chiaro che la Palestina una re-
gione ormai abitata da due popolazioni distinte. Parlan-
do della proposta di un unico stato palestinese, il testo
aerma:
Con la seconda guerra mondiale la maggior parte dei
gruppi ebraici si schierarono con gli Alleati, mentre molti
gruppi arabi guardarono con interesse l'Asse, nella spe-
ranza che una sua vittoria servisse a liberarli dalla pre-
senza britannica. La Germania cerc anche di nanziare
e armare alcuni gruppi palestinesi con lo scopo di colpire
obiettivi ebraici[20] . Distribuzione degli insediamenti ebraici in Palestina nel 1947
La situazione di temporanea alleanza contro l'Asse non
diminu per l'opposizione dei gruppi ebraici contro il Dopo la Seconda guerra mondiale e i tragici fatti che col-
Libro Bianco e contro le limitazioni all'immigrazione pirono la popolazione di origine o religione ebraica in
che introduceva: David Ben-Gurion (futuro presidente molti paesi europei, le neonate Nazioni Unite si interroga-
dell'Agenzia Ebraica e futuro Primo ministro di Israele), rono sul destino della regione, che nel frattempo era sem-
relativamente alla collaborazione tra l'Haganah e i sol- pre pi instabile. Il problema chiave che l'ONU si pose in
dati britannici nelle operazioni contro le forze naziste, quel periodo fu se i rifugiati europei scampati alle perse-
dichiar comunque che: cuzioni naziste dovessero in qualche modo essere ricol-
legati alla situazione in Palestina. Nella sua relazione[24]
Il gruppo dell'Irgun, molto pi attivo dell'Haganah per
l'UNSCOP (United Nations Special Committee on Pale-
quello che riguarda la lotta contro i britannici, dichia-
stine, la commissione dell'ONU sulla questione, forma-
r una tregua (che rest in vigore dal 1940 al 1943) e
ta da Canada, Cecoslovacchia, Guatemala, Paesi Bassi,
arruol molti dei suoi componenti nell'esercito inglese e
Per, Svezia, Uruguay, India, Iran, Repubblica Sociali-
nella Brigata Ebraica. A causa di questa tregua l'ala pi
sta Federale di Jugoslavia, Australia) si pose il proble-
estremista del movimento si stacc, dando vita al grup-
ma di come accontentare entrambe le fazioni, giungen-
po Lohamei Herut Israel (o Lehi, conosciuto anche come
do alla conclusione che era "manifestamente impossibi-
Banda Stern, dal nome di Avraham Stern, il suo fonda-
le", ma che era anche "indifendibile", accettare di appog-
tore), che negli anni seguenti concentr le proprie azioni
giare solo una delle due posizioni[24] . Sette di queste na-
6.2. STORIA MODERNA 103

tate da entrambe le etnie, la necessit di radunare sotto il


futuro Stato ebraico tutte le zone dove i coloni erano pre-
senti in numero signicativo (seppur nella maggior par-
te dei casi etnia di minoranza[25] ), a cui veniva aggiunta
la quasi totalit delle zone allora sotto la diretta gestio-
ne mandataria (per la maggior parte desertiche, come il
deserto del Negev), in previsione di una massiccia im-
migrazione dall'Europa (l'UNISCOP valutava in 250 000
gli ebrei europei presenti in centri di accoglienza[24] ), per
un totale del 56% del territorio assegnato al futuro Stato
ebraico. Gerusalemme, anche in virt della sua importan-
za per tutte e tre le religioni del Libro e per l'elevata pre-
senza di luoghi di culto, sarebbe rimasta sotto controllo
internazionale, mentre i territori circostanti, a maggioran-
za araba[25] , che nella proposta di spartizione del 1937 ri-
manevano sotto il controllo mandatario, furono assegnati
allo Stato arabo.
Nella sua relazione l'UNISCOP prendeva anche in con-
siderazione la situazione economica dei futuri due Stati
(United Nations Special Committee on Palestine, Recom-
mendations to the General Assembly, A/364, 3 September
1947 - PART I. Plan of partition with economic union ju-
stication[24] ), consigliando di istituire una moneta comu-
ne e una rete di infrastrutture che si estendesse a tutta la
Palestina indipendentemente dalle divisioni; oltre a que-
sto si evidenziava che agli ebrei sarebbe stata assegnata
la parte pi sviluppata economicamente e che compren-
deva quasi del tutto le zone di produzione degli agrumi,
ma che in questa lavoravano molti produttori arabi e che
con un sistema economico comune ai due Stati non era
nell'interesse di quello ebraico far rimanere quello arabo
in una condizione di povert e di precariet economica.
Sempre per la parte economica l'UNSCOP prevedeva il
La spartizione del territorio secondo la risoluzione dell'ONU
possibile arrivo di aiuti internazionali per la costruzione
di sistemi di irrigazione in entrambi gli stati.
zioni (Canada, Cecoslovacchia, Guatemala, Paesi Bassi, La situazione della popolazione, secondo la visione
Per, Svezia, Uruguay) votarono a favore di una soluzione proposta, diveniva quindi:
con due Stati divisi e Gerusalemme sotto controllo inter-
(oltre a questo era presente una popolazione Beduina di
nazionale (sulla falsariga del piano di spartizione propo-
90 000 persone nel territorio ebraico).
sto nel 1937 dalla Commissione Peel), tre (India, Iran,
Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia) per un uni-
co Stato federale (sulla falsariga di quanto previsto dal
Libro Bianco), e una si astenne (Australia).
L'UNSCOP raccomand anche che la Gran Bretagna ces-
sasse il prima possibile il suo controllo sulla zona, sia per
cercare di ridurre gli scontri tra la popolazione di entram-
be le etnie e le forze britanniche, sia per cercare di por-
re ne alle numerose azioni terroristiche portate avanti
dai gruppi ebraici, che avevano raggiunto il loro massimo
pochi mesi prima proprio contro il personale britannico, Voti favorevoli (verde scuro), contrari (marrone), astenuti (verde
con l'attentato dell'Hotel King David di Gerusalemme chiaro) e assenti (rosso) alla risoluzione 181
e i suoi 91 morti.
Nel decidere su come spartire il territorio l'UNSCOP, Il 30 novembre le Nazioni Unite decisero (con la Risolu-
partendo dai precedenti piani di spartizione britannici, zione 181[26] ), con il voto favorevole di 33 nazioni, quello
consider, per evitare possibili rappresaglie da parte della contrario di 13 (tra cui gli Stati arabi) e l'astensione di 10
popolazione araba nei confronti degli insediamenti ebrai- nazioni (tra cui la stessa Gran Bretagna, che riut aper-
ci o delle minoranze ebraiche residenti nelle cittadine abi- tamente di seguire le raccomandazioni del piano, ritenen-
104 CAPITOLO 6. PALESTINA

do, in base alle sue precedenti esperienze, che si sarebbe no continue scaramucce ai conni, provocate dall'azione
rivelato inaccettabile sia per gli ebrei sia per gli arabi), la
dalle forze militari delle vicine nazioni arabe, sia con i co-
spartizione della Palestina in due Stati, uno arabo e uno loni sia con i militari britannici. La Lega Araba organiz-
ebraico, il controllo dell'ONU su Gerusalemme e chie- z alcune milizie da introdurre in Palestina per attaccare
sero la ne del mandato britannico il prima possibile e obiettivi ebraici, a cui si aggiunsero gruppi di volontari
comunque non oltre il 1 agosto 1948. palestinesi arabi locali: il gruppo maggiore fu l'Esercito
Le reazioni alla risoluzione dell'ONU furono diversica- Arabo di Liberazione, comandato dal nazionalista Fawz
te: la maggior parte dei gruppi ebraici, come l'Agenzia al-Qawuqj.
Ebraica, l'accett, pur lamentando la non continuit terri- In gennaio e febbraio, forze irregolari arabe attaccarono
toriale tra le varie aree assegnate al loro stato. Gruppi pi comunit ebraiche nel nord della Palestina, ma senza con-
estremisti, come l'Irgun e la Banda Stern, la riutarono, seguire sostanziali successi; in generale gli arabi concen-
essendo contrari alla presenza di uno Stato arabo in quel- trarono i loro sforzi nel tagliare le vie di comunicazione
la che era considerata "la Grande Israele" e al controllo fra le citt ebraiche e il loro circondario in aree a popola-
internazionale di Gerusalemme. zione mista: alla ne di marzo tagliarono del tutto la vitale
Tra i gruppi arabi la proposta fu riutata, ma con posizio- strada che univa Tel Aviv a Gerusalemme, dove viveva un
ni diversicate: alcuni negavano totalmente la possibilit sesto circa della popolazione ebraica palestinese.
della creazione di uno Stato ebraico, altri erano possibili- Intanto i gruppi ebraici diedero il via al Piano Dalet (o
sti, ma criticavano la spartizione del territorio, sia perch Piano D), che ucialmente prevedeva solo la difesa dei
i conni decisi per lo Stato arabo, avrebbero, secondo lo- conni del futuro stato israeliano e la neutralizzazione
ro, limitato i contatti con le altre nazioni, e non avrebbe delle basi dei possibili oppositori (anche eventualmen-
avuto sbocchi sul Mar Rosso e sul Mar di Galilea (que- te con la distruzione degli insediamenti arabi di di-
st'ultimo la principale risorsa idrica della zona), oltre al cile controllo), fossero questi interni al conne od ol-
fatto che sarebbe stato assegnato loro solo un terzo della tre, ma che, secondo alcuni studiosi (principalmente lo-
costa mediterranea; altri ancora erano contrari per via del palestinesi, ma a partire dagli anni cinquanta e sessanta
fatto che a quella che era una minoranza ebraica (circa un anche alcuni storici israeliani[29] ), fu tra le motivazioni
terzo della popolazione totale della Palestina) e che posse- che permisero ai gruppi pi estremisti la realizzazione di
deva nel 1947 meno del 10% del territorio[27][28] sarebbe veri e propri massacri senza essere fermati.[30][31][32]
stata assegnata la maggioranza della Palestina.
Fra il 30 novembre 1947 e il 1 febbraio 1948 furono uc-
La nazioni arabe, contrarie alla suddivisione del territorio cisi 427 arabi, 381 ebrei e 46 britannici e furono feriti 1
e alla creazione di uno stato ebraico, fecero ricorso alla 035 arabi, 725 ebrei e 135 britannici e nel solo mese di
Corte Internazionale di Giustizia, sostenendo la non com- marzo morirono 271 ebrei e 257 arabi.[33]
petenza dell'Assemblea delle Nazioni Unite nel decidere Il 14 maggio 1948, contestualmente al ritiro degli ulti-
la ripartizione di un territorio andando contro la volont mi soldati britannici alla vigilia della ne del mandato, il
della maggioranza (araba) dei suoi residenti, ma il ricorso Consiglio Nazionale Sionista, riunito a Tel Aviv, dichiar
fu respinto. costituito nella terra di Israele lo Stato Ebraico, col nome
Allo Stato ebraico sarebbe toccato dunque circa il 55% di di Medinat Israel[34] . Uno dei primi atti del governo israe-
quel 27% della terra originariamente adata al Mandato liano fu quello di abrogare le limitazioni all'immigrazione
britannico (originariamente comprendente anche il terri- contenute nel Libro Bianco del 1939. Gli arabi palesti-
torio della Giordania, ceduta agli arabi nel 1922), con una nesi (che in generale si erano opposti alla soluzione con
popolazione mista (55% di origine ebraica e 45% di ori- due stati proposta dalla Risoluzione ONU 181) non pro-
gine araba), Gerusalemme sarebbe rimasta sotto il con- clamarono il proprio stato e gli stati arabi cominciarono
trollo internazionale, mentre il restante territorio (qua- apertamente le ostilit contro Israele.
si del tutto abitato dalla preesistente popolazione araba)
In un cablogramma uciale del Segretario Generale del-
sarebbe stato assegnato allo Stato arabo. la Lega degli Stati Arabi al suo omologo dell'ONU del 15
maggio 1948, gli Stati arabi pubblicamente proclamarono
il loro intento di creare uno "Stato unitario di Palestina"
6.2.4 La prima guerra arabo-israeliana
al posto dei due Stati, uno ebraico e l'altro arabo, previsti
dal piano dell'ONU. Essi reclamarono che quest'ultimo
La decisione delle Nazioni Unite fu seguita da un'ondata
non era valido perch a esso si opponeva la maggioran-
di violenze senza precedenti che fece precipitare nel caos
za degli arabi palestinesi, e confermarono che l'assenza
la Palestina nel 1948, sia da parte dei gruppi militari e
di un'autorit legale rendeva necessario intervenire per
paramilitari sionisti (Haganah, Palmach, Irgun e Banda
proteggere le vite e le propriet arabe.[35]
Stern, che avevano operato anche durante gli anni prece-
denti), sia da parte dei gruppi paramilitari arabi incorag- Israele, gli USA e l'URSS denirono l'ingresso degli Sta-
giati dalla propaganda bellicosa di segno contrario di lea- ti arabi in Palestina un'aggressione illegittima, il Segre-
der politico-religiosi quali il Mufti di Gerusalemme Hajji tario Generale dell'ONU, Trygve Lie, lo descrisse come
Amin al-Husayni. Oltre a questa situazione interna vi era- "la prima aggressione armata che il mondo abbia mai vi-
6.2. STORIA MODERNA 105

sto dalla ne della seconda guerra mondiale". La Cina


sostenne con decisione le rivendicazioni arabe. Entram-
be le parti accrebbero la loro forza umana nei mesi se-
guenti, ma il vantaggio d'Israele crebbe continuamente
come risultato della mobilitazione progressiva della so-
ciet israeliana, incrementata dall'ausso di circa 10 300
immigranti ogni mese (alcuni dei quali veterani della re-
cente Guerra Mondiale e quindi gi addestrati all'uso
delle armi e integrabili subito nell'esercito del neonato
stato). Il 26 maggio 1948, le Forze di Difesa Israelia-
ne (FDI) furono ucialmente istituite e i gruppi arma-
ti dell'Haganah, il Palmach ed Etzel furono ucialmente
assorbiti dall'esercito del nuovo Stato ebraico.
L'ONU proclam una tregua il 29 maggio ed essa entr
in vigore l'11 giugno con una durata di 28 giorni dopo.
Un embargo di armi fu dichiarato con l'intenzione che
nessuna delle parti potesse trarre vantaggi dalla tregua. Il
mediatore delle Nazioni Unite, lo svedese Folke Berna-
dotte, present un nuovo Piano di partizione che avreb-
be assegnato la Galilea (la regione pi settentrionale del-
la Palestina) agli ebrei e il Negev (la regione pi meri-
dionale della Palestina) agli arabi, ma entrambe le parti
contendenti respinsero il Piano.
Il 18 luglio, grazie agli sforzi diplomatici condotti
dall'ONU, entr in vigore la seconda tregua del conit-
to e il 16 settembre Folke Bernadotte propose una nuo-
va partizione per la Palestina in base alla quale la Tran-
sgiordania avrebbe annesso le aree arabe, incluso il Ne-
gev, al-Ramla e Lydda. Vi sarebbe stato uno Stato ebraico
nell'intera Galilea, l'internazionalizzazione di Gerusalem-
me e il ritorno alle proprie terre dei rifugiati, o il loro in-
dennizzo. Anche questo piano fu respinto da entrambe le
parti. Il giorno dopo, 17 settembre, Bernadotte fu assassi-
nato dal gruppo ebraico della Banda Stern (Lehi) e venne
sostituito dal suo vice, lo statunitense Ralph Bunche.
Nel 1949, Israele rm armistizi separati con l'Egitto il
24 febbraio, col Libano il 23 marzo, con la Transgior-
dania il 3 aprile e con la Siria il 20 luglio. Israele fu in
grado in generale di tracciare i suoi propri conni, che
comprendevano il 78% della Palestina mandataria, circa
il 50% in pi di quanto le concedeva il Piano di parti-
zione dell'ONU. Tali linee di cessate-il-fuoco divenne-
ro pi tardi note come la "Green Line" (Linea Verde).
La Striscia di Gaza e la Cisgiordania furono occupate
rispettivamente da Egitto e Transgiordania.
Le Nazioni Unite stimarono che 711 000 palestinesi, me-
t della popolazione araba della Palestina dell'epoca, fug-
girono, emigrarono o furono allontanati con la forza du-
rante il conitto e nelle violenze dei mesi precedenti.[36] Confronto tra i conni decisi dalla partizione ONU del 1947 e
Alcuni hanno rivelato che numerosi palestinesi seguita- l'armistizio del 1949
rono a credere che gli eserciti arabi avrebbero prevalso
e aermarono pertanto di voler tornare nelle loro terre
d'origine, una volta vinta la guerra con il neonato stato
israeliano.[37] donare i loro insediamenti (alcuni esistenti da ben prima
della Dichiarazione di Balfur) e circa 758 000 - 866 000
I 10 000 ebrei che risiedevano nella zona della Palestina
ebrei che vivevano nei Paesi e nei territori arabi lasciaro-
assegnata al territorio arabo furono costretti ad abban-
no o furono indotti a lasciare i loro luoghi natali, a causa
106 CAPITOLO 6. PALESTINA

dell'insorgere di sentimenti anti-ebraici[38] ; 600 000 di lo-


ro emigrarono in Israele, con altri 300 000 che cercarono
rifugio in vari paesi occidentali, innanzi tutto la Francia.
Nel dicembre 1948 l'Assemblea Generale dell'ONU ap-
prov (con voto contrario o astensione di molti paesi
musulmani[39] ) la Risoluzione 194[40] che (tra le altre co-
se), riguardo ai profughi sia palestinesi sia ebrei della Pa-
lestina, dichiarava che doveva essere consentito il ritorno
alle loro case ai profughi che volessero tornare in pace e
che dovevano essere risarciti per la perdita della propriet
quelli che avessero scelto altrimenti:
Dopo la vittoria, Israele approv una legge che permette-
va ai rifugiati palestinesi di ristabilirsi in Israele a condi-
zione di rmare una dichiarazione di rinuncia alla violen-
za, giurare fedelt allo Stato di Israele e diventare pacici
e produttivi cittadini. Nel corso dei decenni grazie a que-
sta legge oltre 150 000 rifugiati palestinesi hanno potuto
far ritorno in Israele come cittadini a pieno titolo. Tut-
tavia successivamente l'interpretazione della risoluzione
che voleva il ritorno di tutti i rifugiati e il loro rimborso
venne negata da Israele e dai sostenitori della presenza
dello stato ebraico, specicando che la risoluzione usa-
va "should" (una forma del verbo dovere meno rigida
rispetto a "must") e che, visto lo Stato di guerra perma-
nente, la "earliest practicable date" ("prima data possibi-
le") in cui i rifugiati palestinesi possano voler tornare in
patria per vivere in pace con i loro vicini non era anco-
ra giunta. La risoluzione e il diritto di ritorno dei pro-
fughi fu per confermato pi volte dall'ONU in diverse Mappa della Palestina, con la suddivisione del territorio,
raccomandazioni e risoluzioni successive. aggiornata alla situazione del 2004 (secondo fonti ONU)

6.2.5 La guerra dei sei giorni manifestato la volont di una dissoluzione dello stato di
Israele.
La guerra dei sei giorni ebbe inizio il 6 giugno 1967 e Un tale Stato palestinese, secondo l'attuale politica ara-
si annovera nella storia del conitto arabo-israeliano co- ba, dovrebbe accogliere i numerosissimi profughi pale-
me il terzo scontro militare, anche questo cominciato da- stinesi causati dai vari conitti arabo-israeliani (special-
gli arabi. Fu combattuta da Israele contro Egitto, Siria, emente del 1948) e i loro discendenti, che i vari Stati arabi
Giordania. L'Iraq, l'Arabia Saudita, il Kuwait e l'Algeria scontti hanno sempre riutato o avuto dicolt di as-
appoggiarono con truppe e armi la fazione dei paesi ara- sorbire nel proprio territorio (con la sola eccezione della
bi. Il conitto si risolse in pochi giorni a favore di Israele
Giordania). Gli arabi ritengono i profughi vittime di una
che occup i territori palestinesi; l'esito della guerra in-
pulizia etnica perpetrata da Israele che avrebbe cacciato
uenza ancora oggi la situazione geopolitica del vicino i legittimi proprietari dalle loro terre. Gli ebrei ritengo-
oriente.[41] no i governi arabi i soli veri responsabili della creazione
del problema dei profughi. Su quest'ultimo punto nuovi
materiali documentari, forniti dall'apertura degli archi-
6.2.6 Storia recente vi israeliani relativa agli anni quaranta, ha dato modo a
una nutrita serie di Nuovi Storici israeliani e palestinesi
L'Autorit Nazionale Palestinese, la cui presidenza sta- di riaprire il discorso, mostrando la sensibile divaricazio-
ta tenuta no alla sua morte da Yasser Arafat, sempre ne esistente fra le dichiarazioni uciali in merito dalle
stata dichiaratamente favorevole alla nascita di uno Sta- autorit civili e militari israeliane e la dimensione reale
to Palestinese arabo indipendente a anco dello Stato di del fenomeno e le sue cause.
Israele. I conni che dovrebbe avere questo Stato nascituro non
Tali dichiarazioni sono state, tuttavia, pi volte smentite sono condivisi: l'opinione araba che Israele dovrebbe
dalle frange pi estremiste e dalle pratiche ostili da esse tornare all'interno dei suoi conni precedenti la Guerra
attuate nei confronti dello stato di Israele. Tra queste or- dei sei giorni del 1967, cio cedere agli arabi le regio-
ganizzazioni, l'OLP, Fatah e altri gruppi estremisti hanno ni di Giudea e Samaria, o Cisgiordania (West Bank) in
6.3. DEMOGRAFIA 107

cambio di un suo riconoscimento che ne garantisca la si- mentre la Francia, la Cina, l'India hanno votato a favo-
curezza (la cosiddetta Linea Verde). Mentre gli arabi ri- re, insieme alla quasi totalit dei Paesi arabi, africani e
chiedono questa cessione in quanto quelle terre sarebbero latino-americani.
legittimamente loro e occupate dall'esercito israeliano, gli Il 29 novembre 2012 l'ONU delibera l'innalzamento dello
israeliani a loro volta sostengono che quel territorio era status dell'autorit palestinese a Stato Osservatore[42] .
gi stato loro oerto nel 1947, ma da loro riutato e per-
so denitivamente con le scontte belliche del 1948 e del Il 30 ottobre 2014 la Palestina ottiene il primo ricono-
1967. scimento internazionale come Stato: la Svezia a conce-
derlo, suscitando la reazione diplomatica di Israele, che
In assenza di un trattato di pace tra i belligeranti, le leg- richiama l'ambasciatore dalla capitale svedese.[43]
gi internazionali permettono l'annessione della terra di un
aggressore dopo un conitto esattamente come la terra Il 30 dicembre 2014 il consiglio di sicurezza Onu, (costi-
in questione era stata persa dai turchi ai tempi della Prima tuito da 15 Stati), ha rigettato la risoluzione per uno Stato
guerra mondiale, a favore degli Alleati. Israele or la re- palestinese, presentata il 17 dicembre 2014 dalla Gior-
[44]
stituzione delle terre acquisite mentre difendeva la sua so- dania al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.
pravvivenza dall'aggressione araba in cambio di una pace A votare contro la risoluzione USA e Australia; a favo-
formale. Un'oerta ribadita in occasione dell'Armistizio re Francia, Cina, Russia, Lussemburgo, Giordania, Ciad,
di Rodi e della Conferenza di Losanna del 1949. Al tem- Argentina, Cile. Astenuti Gran Bretagna, Corea del Sud,
po leader arabi riutarono le terre (e quindi la creazione Ruanda, Lituania, Nigeria. In totale 8 voti a favore, 5
di uno stato palestinese arabo) pur di mantenere lo Stato astenuti e 2 contrari. Servivano 9 voti a favore della
[45]
di guerra allo scopo di distruggere lo stato ebraico e ri- risoluzione.
prendere il controllo di quelle terre; da allora per altre tre
volte tale riuto stato confermato da parte araba no a
oggi. 6.3 Demograa
Assai distanti sono i punti di vista riguardanti
Gerusalemme Est. La stima della popolazione palestinese del passato si
Il 14 agosto 2005, nonostante la risoluzione ONU 242 basa principalmente su due metodologie: censimenti e
non lo prevedesse, il governo israeliano ha annunciato di testimonianze scritte del tempo oppure studi statistici
aver completato l'evacuazione della popolazione israelia- basati sulla presenza e densit di insediamenti di una
na (militare e civile) dalla Striscia di Gaza e lo smantel- determinata zona ed epoca storica.
lamento delle colonie che vi erano state costruite. Tutta-
via, dallo stesso agosto sono cominciati ininterrotti lanci
6.3.1 Le prime popolazioni
di razzi di tipo Kassm da Ghaza verso l'insediamento
israeliano di Sderot e altre localit, che hanno proseguito
Joseph Jacobs (che era stato presidente della Jewish Histo-
in modo intermittente negli anni successivi.
rical Society of England) nella Jewish Encyclopedia (re-
Gli arabi palestinesi considerano come loro capitale al- datta nel 1901-1906)[46] sostiene che il Pentateuco con-
Quds (lett. la Santa). L'attribuzione di questa citt tiene una serie di aermazioni relative al numero di ebrei
a Gerusalemme controversa, anche fra gli studiosi che lasciarono l'Egitto e che i discendenti dei 70 gli e ni-
dell'Islam, poich Gerusalemme non viene mai menzio- poti di Giacobbe, inclusi i Leviti, fossero 611 730 uomini
nata nel Corano, anche se n dal secondo decennio del sopra i 20 anni (abili alle armi). Tale cifra porterebbe il
calendario islamico, il racconto coranico narrante l'isr totale della popolazione a circa 3 154 000 abitanti. Il cen-
e il mirj di Maometto viene creduto come avvenuto simento eettuato da Re Davide (circa met del X seco-
fra Mecca e Gerusalemme. La perdurante situazione di lo a.C.) avrebbe registrato 1 300 000 uomini sopra i 20
precariet e di conitto con lo Stato d'Israele, unitamen- anni, che porterebbe a 5 000 000 di abitanti la popola-
te alla sostanziale assenza di un vero e proprio Stato zione stimata. Il numero di esiliati che torn da Babilonia
palestinese, ha fatto della citt di Rmallh la capitale sarebbero stati 42 360.
virtuale, o tacitamente provvisoria, dell'amministrazione
Publio Cornelio Tacito (55 d.C. 117 d.C.) dichiara
palestinese.
Gerusalemme, nel periodo della sua scontta, avrebbe
Il 31 ottobre 2011 la conferenza generale dell'Unesco ha avuto una popolazione di 600 000 abitanti. Flavio Giu-
votato a favore dell'adesione della Palestina come mem- seppe (37 d.C. circa 100 d.C. circa) dichiara che questi
bro a pieno titolo dell'organismo Onu che si occupa di erano 1 100 000.
educazione, scienza e cultura. La decisione stata votata
Secondo l'archeologo israeliano Magen Broshi ritiene che
a maggioranza (serviva il benestare almeno dei due terzi
la popolazione palestinese nel periodo antico non abbia
dell'assemblea, composta sino a oggi da 193 membri): i
superato il milione di abitanti e che questa cifra sia simile
consensi sono stati 107, i voti contrari 14. Tra le nazioni
a quella della popolazione all'inizio dell'Impero bizantino
che hanno votato contro, oltre agli Stati Uniti, la Germa-
nel VI secolo,[47] Studi eettuati da parte di Yigal Shi-
nia e il Canada. L'Italia e il Regno Unito si sono astenuti,
loh dell'Universit Ebraica, partendo dagli studi di Broshi
108 CAPITOLO 6. PALESTINA

(ritenuti corretti), ipotizzano che durante l'et del ferro la Relativamente a quest'ultimo punto parte del movimento
popolazione fosse inferiore a quella dell'epoca romana e sionista (soprattutto il sionismo cristiano), per giustica-
bizantina.[48] re l'esistenza di uno stato ebraico, dalla seconda met del
Lo scrittore israeliano Shmuel Katz, nel suo libro Bat- XIX secolo ai primi decenni XX secolo, spesso si riface-
tleground: Fact and Fantasy in Palestine (Shapolsky Pub, va allo slogan "Land Without People for a People Without
1973) - in cui sostiene apertamente la tesi sionista relativa Land" ("Una terra senza popolo per un popolo senza ter-
al fatto che non sarebbe mai esistita una popolazione ara- ra"), frase coniata da Lord Anthony Ashley Cooper, in-
ba suciente per nutrire aspirazioni nazionali, mentre gli terpretato per non nell'accezione originale (secondo cui
la Palestina, sotto il dominio ottomano, non aveva nessun
ebrei avrebbero, seppur in minoranza, costantemente abi-
tato il territorio - ritiene che al momento della distruzione popolo che mostrasse aspirazioni nazionali), ma come la
negazione della presenza di una signicativa popolazione
del tempio di Gerusalemme la popolazione fosse compre- [69][70]
sa tra i 5 e i 7 milioni di abitanti (a seconda delle stime) e preesistente all'arrivo dei primi coloni ; ancora og-
gi diverse fonti lo-israeliane sostengono la tesi per cui
che, 6 decenni dopo, nel 132, secondo quando aerma-
to da Cassio Dione Cocceiano, sarebbe stata stimabile in la Palestina sarebbe stata una zona quasi del tutto non
abitata all'arrivo dei coloni ebrei[71][72] .
almeno 3 milioni di abitanti.
La seguente tabella mostra le stime relative alla popola- Dal punto di vista della propaganda lo-palestinese la
zione palestinese nel I secolo (in base ai calcoli di Byatt, presenza di un'immigrazione ridotta, quando non diretta-
1973). mente di un'emigrazione, dimostrerebbe che l'arrivo dei
coloni ebrei, soprattutto dopo la Dichiarazione di Balfour,
non avrebbe giovato alla popolazione araba preesistente,
n a quella delle regioni connanti, e anzi sarebbe la cau-
sa dell'aumento di povert e disoccupazione riscontrato
1.
Non v' accordo circa la popolazione della Palestina dalle varie commissioni britanniche. Le stesse commis-
nel I secolo della nostra era; le stime oscillano fra 1 e 6 sioni, a partire dall'inizio degli anni trenta, suggerirono
milioni di abitanti. di introdurre norme per limitare l'immigrazione ebraica,
poi attuate con il White Paper del 1939.

6.3.2 Demograa durante l'Impero otto- Per quello che riguarda l'immigrazione legale, secondo i
dati uciali, tra il 1920 e il 1945, immigrarono in zona
mano e il periodo del Mandato
367 845 ebrei e 33 304 non-ebrei.[73] Sia il rapporto della
britannico commissione Hope Simpson del 1930[12] , sia quello della
commissione Peel del 1937[18] , confermano un aumento
Dati uciali del benessere e della popolazione araba come conseguen-
za dell'immigrazione, ma entrambi riportano anche pro-
6.3.3 La questione dell'immigrazione ara- blematiche e gli attriti dovuti allo squilibro nelle condi-
ba zioni economiche, educative e sanitarie tra le aree a mag-
gioranza araba e quelle soggette all'immigrazione ebraica
La presenza o meno di immigrazione proveniente dai e al suo conseguente apporto di capitali ovviamente desti-
paesi arabi durante il periodo del Mandato britannico e nati ai soli coloni. Entrambe le commissioni poi citano le
dopo l'inizio dell'insediamento dei coloni ebraici incer- problematiche relative all'assegnazione e all'acquisto del-
ta ed fonte di dibattito tra gli storici. La presenza o meno le terre da parte dei coloni e dell'Agenzia Ebraica, che
di questa immigrazione, oltre alla sua eventuale entit e se da un lato permettevano lo sfruttamento intensivo di
durata, spesso sono impiegate per ni propagandistici. terreni precedentemente incolti, dall'altro avevano cau-
Dal punto di vista della propaganda lo-israeliana la pre- sato un aumento della disoccupazione tra la popolazione
senza di un'immigrazione di abitanti di origine araba di- preesistente, anche per via delle politiche di gestione di
mostrerebbe che anche la popolazione locale e quella molte colonie decise dal movimento sionista (lavoro e as-
dei paesi connanti (divenuti apertamente nemici dopo segnazione dei terreni acquisiti esclusivamente a ebrei).
il 1948) hanno beneciato dei miglioramenti economici La commissione Peel cita anche le richieste di circa 40
portati dai coloni. 000 arabi che avevano dovuto lasciare la Palestina a causa
della Prima guerra mondiale e non avevano quindi potu-
Oltre a questo una forte immigrazione di origine araba to acquisire la cittadinanza palestinese, consigliando che
proveniente dall'esterno della Palestina, potrebbe dimo- questa venga concessa a coloro che erano in grado di di-
strare che la popolazione palestinese araba preesistente mostrare collegamenti con la Palestina e l'intenzione certa
(o i discendenti diretti di questa) era minore rispetto alle di ritornare a risiedere nel suo territorio.
stime e ai censimenti eettuati negli anni e quindi erano
meno gli abitanti che potevano vantare un diritto a consi- Lo storico statunitense Howard Sachar, esperto di que-
derare come terra d'origine i territori assegnati ai coloni stioni ebraiche, ha stimato che il numero di arabi im-
prima e a Israele poi, cos come sarebbero di meno co- migrati in Palestina tra il 1922 e il 1946 sia circa 100
loro ai quali si potrebbe applicare il diritto di ritorno[68] . 000.[74] La stima stata eettuata basandosi sulle oppor-
6.3. DEMOGRAFIA 109

tunit economiche prodotte dalle colonie ebraiche e dalle maggior indice di incremento della popolazione ebraica
maggiori spese (ridistribuite anche nei territori a mag- (3,5% annuo) della Palestina, fa registrare il pi basso in-
gioranza araba) che il governo mandatario poteva per- dice di incremento della popolazione musulmana (0,9%
mettersi grazie a un aumento delle entrate tributarie, ol- annuo).[78]
tre al fatto che anche all'interno del paese vi era stato Lo storico Gad G. Gilbar ha sostenuto che l'aumento di
un movimento migratorio delle popolazioni arabe verso prosperit della Palestina nel cinquantennio precedente
le zone in cui vi era una pi elevata presenza di coloni alla prima Guerra Mondiale era dovuto alla moderniz-
ebrei, per lo meno prima dello scoppio della guerra civile zazione dell'area e alla sua integrazione con l'economia
del 1936. Secondo Sachar l'aumento della partecipazione
europea. Nonostante questa crescita sia dovuta a motiva-
araba nel campo industriale, valutabile in un aumento del zioni esterne alla Palestina, la sua realizzazione pratica sul
25%, era da ricondursi alla richiesta di produzione dovuto
territorio non sarebbe dovuta all'arrivo di coloni ebrei, a
all'immigrazione ebraica. interventi di stati esteri o alle riforme dell'impero Otto-
Secondo lo storico britannico, e biografo uciale di mano, ma principalmente all'attivit delle comunit arabe
Winston Churchill, Martin Gilbert, sarebbero circa 50 e cristiane locali.[79]
000 gli arabi immigrati in Palestina dalle nazioni vicine
tra il 1919 e il 1939, attratti dalle opportunit di lavoro
create dalla presenza degli ebrei.[75]
Secondo l'economista americano Fred M. Gottheil si po-
trebbe ipotizzare che sia avvenuta un'immigrazione si-
gnicativa durante gli anni venti, in base al fatto che
l'immigrazione si verica verso zone pi benestanti e ric- 6.3.4 Dati recenti
che di occasioni di lavoro (come erano divenute alcune
di quelle soggette alla forte importazione di capitali che
Secondo il Israels Central Bureau of Statistics, nel mag-
accompagnavano i coloni ebrei), e rimarca come questo
gio 2006 Israele ha 7 milioni di abitanti, di cui il 77%
tipo di spostamento di popolazione sia avvenuto anche
ebrei, il 18,5% arabi e un restante 4,3% di altro.[80]
all'interno della stessa Palestina. Secondo Gottheil gli stu-
Tra gli ebrei il 68% nato in Israele (principalmente
diosi che ritengono minima l'immigrazione araba sotto-
israeliani di seconda o terza generazione), il 22% pro-
stimano quella illegale e non tengono conto delle carenze
viene dall'Europa o dalle Americhe mentre il 10% pro-
e degli errori nei censimenti eettuati dall'Impero Otto-
viene dall'Asia e dall'Africa (inclusi quelli provenienti da
mano prima e dal Mandato britannico poi.[76] Secondo
nazioni Arabe).[81]
Justin McCarthy, che nel 1990 ha pubblicato uno studio a
proposito ("The Population of Palestine"), l'immigrazione Secondo stime palestinesi, la West Bank abitata da circa
araba sempre stata molto ridotta, n dal periodo in cui la 2,4 milioni di palestinesi, mentre la Striscia di Gaza da
Palestina era sotto il controllo dell'Impero Ottomano: in altri 1,4 milioni, mentre la somma della popolazione di
base alle sue valutazioni dal 1870 non si registrata nes- Israele e dei territori palestinesi sarebbe stimabile tra i
suna immigrazione signicativa, in quanto questa sarebbe 9,8 e i 10,8 milioni di abitanti.
risultata dai registri anagraci e dai censimenti, mostran- Secondo uno studio presentato nel 2006 al The Sixth
do un aumento non giusticato dell'incremento di popo- Herzliya Conference on The Balance of Israels Natio-
lazione araba, che invece non avvenuto. McCarthy nel nal Security dall'American-Israel Demographic Research
suo studio cita anche gli studi di Roberto Bachi (membro Group[82] vi sarebbero 1,4 milioni di palestinesi nella We-
dell'Israel Academy of Sciences and Humanities e primo st Bank. Lo studio stato tuttavia criticato dal demografo
presidente dell'Israeli Statistical Association) secondo il e studioso di origine italiana Sergio Della Pergola, che sti-
quale vi sarebbe stata un'immigrazione araba non regi- ma alla ne del 2005 in 3,33 milioni i residenti palestinesi
strata di circa 900 persone all'anno per un totale di 13 di Gaza e West Bank.[83] Sempre secondo Della Pergo-
500 nel periodo compreso tra il 1931 e il 1945[77] . Se- la la popolazione araba nel 2005 era composta, oltre che
condo lo studioso la popolazione araba presente al tem- dai 3,3 milioni di palestinesi presenti nei territori occu-
po del piano di spartizione del 1947 sarebbe stata com- pati, anche da 1,3 milioni di arabi israeliani, mentre la
posta quasi totalmente dai discendenti della popolazione popolazione ebraica era circa il 50% del ex-territorio del
precedente all'inizio dell'immigrazione ebraica. McCar- mandato britannico (su 10,5 milioni di abitanti).[84]
thy ritiene anche che l'incremento di popolazione araba
in alcune zone della Palestina e le migrazioni interne non La Giordania, il cui territorio era inizialmente parte
siano conseguenze dell'arrivo dei coloni ebraici in quel- del mandato britannico e fu suddiviso n dal 1921 da
le zone, ma rientrino in un fenomeno pi vasto di mo- quello della Palestina (divenendo la Transgiordania), ha
vimento di popolazione avuto in tutta l'area mediterra- una popolazione stimata di circa 6,2 milioni di abitanti
nea grazie allo svilupparsi delle infrastrutture e al boom (2008)[85] , di cui la met composta di palestinesi, in par-
mercantile e industriale di quegli anni; a questo proposi- te presenti sul territorio quando nacque lo stato giorda-
to cita il caso della provincia di Jerusalem Sanjak, che al no nel 1946, in parte rifugiati provenienti dalla Palestina
durante le varie guerre avvenute con Israele.[86]
110 CAPITOLO 6. PALESTINA

6.4 Note [25] distribuzione della popolazione nella Palestina del 1946

[26] (EN) Resolution 181 (II). Future government of Palestine


[1] Palestina, in Treccani.
[27] Erano 26 625 600 dunum (equivalenti 26 625,600 km,
[2] Cfr. Hdt., Storie, III.91 di cui 8 252 900 dunum coltivabili) i possedimenti del
[3] Cfr. Hdt., Storie, II.104 Mandato Britannico nel 1931 secondo Stein, Kenneth W
(The Land Question in Palestine, 19171939, University
[4] David Jacobson, When Palestine Meant Israel, in Biblical of North Carolina, 1984, ISBN 0-8078-1579-9, p. 4). Se-
Archaeology Review, 2001. condo le statistiche del Palestine Lands Department, pre-
parate per il Anglo-American Committee of Inquiry, 1945,
[5] People of the sea: the search for the Philistines, Tru- ISA, Box 3874/le 1, nel 1945 i coloni ebrei possedevano
de Krakauer Dothan, Moshe Dothan, Macmillan, 1992, (sia privatamente sia collettivamente) 1 393 531 dunum
p22-23 (pari al 5,23% del territorio) saliti a 1 850 000 dunum (pa-
[6] Ancient Records of Egypt: The rst through the ri al 6,95% del territorio) nel 1947 secondo Arieh L. Av-
seventeenth dynasties, James Henry Breasted, p. 24 neri, The Claim of Dispossession: Jewish Land Settlement
and the Arabs, 18781948, Transaction Publishers, 1984,
[7] The Philistines in Transition p. 224 (ma la cifra dicile da stimare a causa di trasfe-
rimenti di terreni illegali o non registrati e per la mancan-
[8] Palestine, in Encyclopaedia Britannica. za di dati sulle concessioni ottenute dall'amministrazione
[9] (EN) Sykes-Picot agreement - Key maps palestinese dopo il 31 marzo 1936).

[10] Testo dell'accordo di Sykes-Picot disponibile (in inglese) [28] Mappa con la suddivisione della Palestina del 1945 per
su en.wikisource possesso delle terre, dal sito dell'ONU

[11] (EN) Report on Palestine administration 1922, riportato [29] Il Peccato originale d'Israele. L'espulsione dei Palesti-
sul sito dell'ONU nesi rivisitata dai nuovi storici israeliani, seminario
di Dominique Vidal, dell'8 marzo 2006, dal sito car-
[12] (EN) Hope Simpson Royal Commission Report, October tografareilpresente.org (titolo originale "Le Pch origi-
1930, Chapter III nel d'Isral. L'expulsion des Palestiniens revisite par les
nouveaux historiens israliens")
[13] (EN) The Palestine Mandate
[30] (EN) Plan Dalet, il testo del piano
[14] (EN) Transjordan 1920, dalla The Encyclopedia of World
History, Houghton Miin Company, 2001 [31] (EN) Deir Yassin: The Conict as Mass Psychosis, arti-
colo sul Massacro di Deir Yassin, con approfondimento
[15] La Legge Civile giordana N. 6 aerma esplicitamente: su come questo viene usato dalla propaganda lo-Israele
Qualunque uomo sar un suddito giordano a condizione e lo-Palestinese
che non sia ebreo - Jordanian Nationality Law, Ocial
Gazette, No. 1171, Articolo 3(3) della Legge No. 6, 1954, [32] Yoav Gelber, Palestine 1948, Appendix II - Propaganda
(February 16, 1954), p. 105. as History: What Happened at Deir Yassin?

[16] (EN) British White Paper of June 1922 [33] (EN) The 1948 War, dalla Jewish Virtual Library

[17] (EN) British White Paper of 1939 [34] (EN) Declaration of Israels Independence 1948

[18] (EN) Report of the Palestine royal commission, il rapporto [35] 'The Origins and Evolution of the Palestine Problem:
della commissione Peel del 1937 sul sito dell'ONU 19171988. Part II, 19471977.

[19] Questi i tre piani di spartizione proposti dalla Com- [36] Rapporto Generale e Rapporto Supplementare della Com-
missione Woodhead A B C sul sito del Dartmouth missione di Conciliazione dell'ONU per la Palestina, sul
College periodo 11 dicembre 1949 - 23 ottobre 1950, pubblicato
dalla Commissione di Conciliazione dell'ONU, 23 otto-
[20] Si veda per es l'"Operazione Atlas" citata nei documenti bre 1950. (U.N. General Assembly Ocial Records, 5th
desecretati (References: KV 2/400402) dell'MI15 dei Session, Supplement No. 18, Document A/1367/Rev. 1)
servizi inglesi
[37] (EN) The Arab Refugees, The New York Post. 30
[21] (EN) Prophet with a Gun, articolo del Times su David novembre 1948. Reproduction.
Ben-Gurion
[38] (EN) The Encyclopedia of World History, Sixth edi-
[22] (EN) Biograa di Avraham Stern, sulla jewishvirtuallibra- tion Peter N. Stearns, general editor. Hughton Miin
ry Company, 2001.
[23] (EN) Studies in the History of Zionism, dal sito Jewish [39] Yearbook of theUnited Nations 1948-49 III. Political and
Zionist Education Security Questions A. THE PALESTINE QUESTION

[24] (EN) United Nations Special Committee on Palestine, [40] (EN) 194 (III). Palestine -- Progress Report of the United
Recommendations to the General Assembly, A/364, 3 Nations Mediator Risoluzione 194 dell'ONU, A/RES/194
September 1947 (III) 11 dicembre 1948
6.4. NOTE 111

[41] Cosa sono i conni del 1967, ilpost.it, 20 maggio 2011. [68] (EN) Economic, social and cultural rights, documento re-
URL consultato il 1 febbraio 2015. datto dall'ONG Europe-Third World Centre e trasmesso
al Segretario Generale dell'ONU il 28 luglio 2003
[42] Il Messaggero, 29-11-2012
[69] (EN) Interrupting a History of Tolerance
[43] La Svezia riconosce la Palestina, Israele ritira
l'ambasciatore [70] Garnkle, Adam M. (ottobre 1991). "On the Origin, Mea-
ning, Use and Abuse of a Phrase.", Middle Eastern Studies
[44] Redazione di Nena News, ONU. Presentata risoluzione 27 (4.)
palestinese pi morbida., in Nena News (Agenzia Stampa
Vicino Oriente), 18 dicembre 2014. [71] Si veda per es Israele: 21 domande, 21 risposte su
informazionecorretta.com
[45] UN Security Council rejects Palestinian statehood reso-
lution, in MEMO (Middle East MOnitor), 30 dicembre [72] da notare che spesso le fonti che sostengono questa te-
2014. si, nel citare la Dichiarazione di Balfour, riportano solo
la prima parte, relativa al focolare nazionale promesso
[46] Statistics agli ebrei ("His Majestys Government view with favour
the establishment in Palestine of a national home for the
[47] Magen Broshi, The Population of Western Palestine in Jewish people"), ma omettono la seconda, relativa al fat-
the Roman-Byzantine Period, Bulletin of the American to che dovevano essere tutelati i diritti civili e religio-
Schools of Oriental Research, No. 236, p. 7, 1979. si della popolazione preesistente ("it being clearly under-
stood that nothing shall be done which may prejudice the
[48] Yigal Shiloh, The Population of Iron Age Palestine in the
civil and religious rights of existing non-Jewish communi-
Light of a Sample Analysis of Urban Plans, Areas, and
ties in Palestine"), che ovviamente dimostra l'esistenza di
Population Density, in: Bulletin of the American Schools
quest'ultima.
of Oriental Research, No. 239, 1980, p. 33.
[73] A Survey of Palestine: Prepared in December, 1945 and
[49] Hastings Bible Dictionary, Vol. 3, p. 646. January, 1946 for the Information of the Anglo-American
[50] Les Juifs dans l'empire romain (1914), 1, 209f. Committee of Inquiry, volume 1, pag. 185

[74] Sachar, Howard M., A History of Israel: From the Rise of


[51] Riprendendo W. C. Lowdermilk, Palestine, Land of
Zionism to Our Time, 2nd ed., revised and updated, New
Promise,(1944), p. 47.
York: Alfred A. Knopf., 2006, ISBN 0-679-76563-8, p.
[52] From Jesus to Paul (1944), p. 33. 167.

[53] Herod the Great (1971), p. 165. [75] (a) Gilbert, Martin, The Routledge Atlas of the Arab-
Israeli Conict, Routledge, 2005, ISBN 0-415-
[54] A Social and Religious History of the Jews, 2nd ed. 35900-7 p. 16.
(1952), Vol. 1, pp. 168, 370-2.
[76] (EN) The Smoking Gun: Arab Immigration into Palesti-
[55] Encyc. Biblica colonna 3550. ne, 1922-1931, articolo di Fred M. Gottheil, Middle East
Quarterly, 2003
[56] Referred to by W C Lowdermilk, Palestine, Land of
Promise (1944), p. 47. [77] Justin McCarthy, The Population of Palestine, Columbia
University Press, 1990, pag 33
[57] The Holy Land (1966), pp. 220-221.
[78] Justin McCarthy, The Population of Palestine, Columbia
[58] Lettera del 16 dicembre 1941 riportata da Lowdermilk, University Press, 1990, p. 16
ibid., p. 47.
[79] Gar G. Gilbar (1986), The Growing Economic Involve-
[59] Die Bevolkerung der griechischromischen Welt (1886), pp. ment of Palestine With the West, 1865-1914. In David Ku-
242-9. shner (Ed.), Palestine in the Late Ottoman Period: Politi-
cal, Social and Economic Transformation. Brill Academic
[60] Economic Background of the Gospels (1926), p. 83. Publishers. ISBN 90-04-07792-8, pag 188
[61] Byatt, 1973. [80] Government of Israel Central Bureau of Statistics,
Population, by religion and population group (PDF),
[62] Daily Life in Palestine at the Time of Christ (1962), p. 43. www1.cbs.gov.il. URL consultato l'8 aprile 2006.
[63] Preparing the Way for Paul (1930), p. 115. [81] Government of Israel Central Bureau of Statistics, Jews
and others, by origin, continent of birth and period of
[64] History of New Testament Times (1949), p. 189.
immigration (PDF), www1.cbs.gov.il. URL consultato l'8
[65] Mission und Ausbreitung des Christentums (1915), 1, p. 10. aprile 2006.

[66] Jerusalem in the Time of Jesus (1969), p. 205. [82] Bennett Zimmerman & Roberta Seid, Arab Popula-
tion in the West Bank & Gaza: The Million Person
[67] The Density of Population in Ancient Palestine, Journal Gap, American-Israel Demographic Research Group, 23
of Biblical Literature, Vol 66 (1947), pp. 425-36. gennaio 2006. URL consultato il 27 settembre 2006.
112 CAPITOLO 6. PALESTINA

[83] Sergio Della Pergola, Letter to the Editor, Azure, Winter 6.7 Altri progetti
2007, No. 27. URL consultato l'11 gennaio 2007.

[84] Intervista a Sergio Della Pergola, del 29 settembre 2005, Wikinotizie contiene notizie di attualit su
dal sito web uciale della Comunit ebraica di Milano Palestina

[85] (EN) CIA - The World Factbook -- Jordan (visionato il 13 Wikimedia Commons contiene immagini o
novembre 2008) altri le su Palestina
[86] (EN) Assessment for Palestinians in Jordan, Minorities at
Risk
6.8 Collegamenti esterni
Essendo la Palestina al centro di uno dei pi aspri e lun-
6.5 Bibliograa ghi conitti della Storia recente, la polarizzazione delle
opinioni tale da consigliare una suddivisione delle ri-
(EN) Justin McCarthy, The Population of Palestine, sorse esterne segnalate secondo i principali punti di vista
New York, Columbia University Press, 1990, ISBN coinvolti.
0-231-07110-8.

6.8.1 Demograa
6.6 Voci correlate (EN) Ami Issero, The Population of Palestine Prior
to 1948, su mideastweb.org
Autorit Nazionale Palestinese
(EN) Demography of Palestine & Israel, the We-
Cisgiordania st Bank & Gaza (1553-2013), dal sito della Jewish
Virtual Library
Conitti arabo-israeliani (EN) 1923-1948: Nationalism, immigration, and
economic absorptive capacity, da Aaron T. Wolf,
Cupola della Roccia
Hydropolitics along the Jordan River, United Na-
tions University Press, 1995, su unu.edu, sito della
Filmograa sulla Palestina
United Nations University
Gerusalemme
6.8.2 Siti istituzionali
Israele
Palestine Ministry of Information homepage, min-
Mandato britannico della Palestina
fo.ps.
Monte del Tempio
6.8.3 Nazioni Unite
Moschea al-Aqsa
Non-member States presso le Nazioni Unite
Palestinesi
Permanent Observer Mission of the State of
Piani di pace per il conitto arabo-israeliano Palestine to the United Nations, palestineun.org.

Sionismo
6.8.4 Filo-palestinesi
Soluzione dei due Stati
B'Tselem, btselem.org.
Stato di Palestina
The Palestine monitor, palestinemonitor.org.
Storia degli Ebrei
Palestine Solidarity Campaign, palestinecampai-
gn.org.
Striscia di Gaza
Website of Al-Awda: The Palestine Right To Return
Terra di Israele Coalition, al-awda.org.
Territori Palestinesi Honor Killings in Palestine, merip.org.
6.8. COLLEGAMENTI ESTERNI 113

PEACE NOW - an Israeli Peace Movement,


peacenow.org.il.
News journal - Updated daily, electronicintifa-
da.net.
The Palestinian Human Rights Monitoring Group,
phrmg.org.

6.8.5 Filo-israeliani
(EN) Israeli Government Portal, gov.il.

(EN) Israeli Defence Forces blog, idfblog.com.


(EN) Dore Gold, From Occupied territories to
Disputed territories
Grassroots organization dedicated to counteracting
the myth of Palestine, womeningreen.org.
Arutz 7 news service, israelnationalnews.com.

Middle East Media and Research Institute (MEM-


RI)
Myths and Facts Guide to the Arab Israeli Conict,
us-israel.org.
Honest Reporting - claims to expose anti-Israel
media bias, honestreporting.com.
Palestine Facts, palestinefacts.org.

La storia di Israele in 21 domande e 21 risposte a


cura di Luciano Tas, informazionecorretta.com.

La Storia e il signicato di Palestina e Palestinesi,


evangelici.net.

La Sinistra per Israele, sinistraperisraele.it.


Capitolo 7

Gerusalemme

ge fondamentale che proclamava unilateralmente Ge-


rusalemme, unita e indivisa [...] capitale di Israele,[6] Il
Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite nella risoluzio-
ne 478 ha denito la legge fondamentale nulla e priva
di validit[7] , una violazione del diritto internazionale[8] e
un serio ostacolo al raggiungimento della pace in Medio
Oriente[9][10] .

7.1 Geograa
Gerusalemme situata a 3147N, 3513E sull'estremit
meridionale di un altopiano dei monti della Giudea, che
include il Monte degli Ulivi (Har HaZeitim) a est e il
Monte Scopus (Har HaTzom) a nord-est; l'altitudine
(della citt antica) circa 760 m s.l.m. (la moderna
percorsa da continui saliscendi), la sua supercie 125
km.
Gerusalemme vista dal Satellite SPOT
Gerusalemme dista 60 km a est di Tel Aviv e del mar
Mediterraneo e 35 km a ovest del Mar Morto. Le citt
Gerusalemme (in ebraico: ? , Yerushalayim, Ye- vicine sono Betlemme e Beit Jala a sud, Abu Dis e Maale
rushalaim e/o Yerushalaym ; in arabo: , al-Quds, Adumim a est, Ramallah e Givat Zeev a nord e Mevaseret
la (citt) santa[2] , sempre in arabo: , rsha- Zion a ovest.
lm, per antonomasia denita La Citt Eterna[3] ),
gi capitale giudaica tra il X e il VI secolo a.C.[4] , 7.1.1 Citt antica
un'antichissima citt, nonch considerata citt santa da
Ebraismo, Cristianesimo e Islam (per quest'ultimo la
In Gerusalemme possibile identicare la citt antica,
terza citt santa in ordine d'importanza, dopo La Mec-
circondata ancora oggi da mura difensive con cammi-
ca e Medina). Si trova sull'altopiano che separa la costa
namento perimetrale e passaggi obbligati (Porta Nuova,
orientale del Mar Mediterraneo dal Mar Morto, a est di
Porta Damasco e Porta di Erode a Nord; Porta di Santo
Tel Aviv, a sud di Ramallah, a ovest di Gerico e a nord di
Stefano o dei Leoni e Porta d'Oro murata sulla anca-
Betlemme.
ta della Spianata a Est; Porta del letame o dei Magrebini
La Citt Vecchia e le sue mura, considerate patrimonio e Porta di Sion a Sud; Porta di Jaa ad Ovest) posta su
dell'umanit dall'UNESCO, racchiudono in meno di un quattro colline:
chilometro quadrato molti luoghi di grande signicato
religioso come il Monte del Tempio, il Muro del pian- a Nord-Ovest presente il monte Golgota, che con
to, la Basilica del Santo Sepolcro, la Cupola della Roc- una propaggine meridionale detta sperone centra-
cia e la Moschea al-Aqsa. Nel corso della sua storia Ge- le, si insinua tra la valle del Tyropoeon e la valle
rusalemme stata distrutta e ricostruita due volte ed trasversale. Lo sperone centrale stato, n dai tempi
stata assediata, conquistata e riconquistata in decine di antichi, sede di mercato, difeso dalle Mura di Ma-
occasioni. nasse nel 650 a.C. circa. Il Golgota fu usato stabil-
stata occupata[5] dallo Stato di Israele nel 1967, e nel mente dai Romani per le crocissioni, ai tempi extra
1980 il parlamento israeliano approv la cosiddetta leg- moenia.

114
7.2. STORIA 115

a Nord-Est un complesso collinare che, col rilievo delle case antiche dotata di reservoir (cisterne sotterra-
di Nord-Ovest, fu compreso nelle mura della citt in nee) per la raccolta e conservazione dell'acqua e la qua-
epoca romana, sotto Vespasiano, prendendo il nome si totalit dotata di serbatoi esterni sui tetti. La citt
di Citt Nuova. pesca inoltre acqua no a 2000 m di profondit. Diu-
sa la tecnologia del solare, in espansione il fotovoltaico.
a Sud-Ovest c' una grossa collina (detta di Ga- L'inquinamento dell'aria, ampiamente mitigato dal clima
reb) che raggiunge i 770 m s.l.m., le cui falde me- collinare e dal vento costante, deriva principalmente dal
ridionali e occidentali costituiscono la valle della traco automobilistico (responsabile del pesante inqui-
Geenna. Il punto pi basso di questa alla conuen- namento acustico), indisciplinato ed eccessivo rispetto al-
za col Cedron, e risulta intorno ai 600 di altitudine. la capacit di strade costruite in tempi antichi, e non tanto
A Nord si trova la valle trasversale che divide la col- dall'industria.
lina di Gareb dai promontori settentrionali. In que-
sta fu costruito l'acquedotto superiore (V-VI secolo
a.C.), che portava le acque alla piscina di Migdal 7.2 Storia
o Amygdalon. Gi in periodo gebuseo la collina di
Gareb prende nome di Urusalim.
7.2.1 Etimologia del nome
a Sud-Est si trova il complesso Sion-Ophel-Moria:
si tratta di un rilievo a forma di clava con asse 7.2.2 Et antica
Nord-Sud, la parte pi grossa e alta (raggiunge i
750 m di altitudine) rivolta a Nord. individua- Le origini di Gerusalemme risalgono all'et della pietra,
to dalla valle del Cedron sul lato Est, e dalla val- ma viene menzionata per la prima volta in alcuni testi egi-
le centrale del Tyropoeon a Ovest. Sion la parte ziani dei primi secoli del II millennio a.C. (testi di esecra-
pi bassa, il manico di questa clava, e qui fu fon- zione) e successivamente in modo sicuro in alcune lettere
dato il nucleo originario della citt. L'Ophel, spesso di Amarna risalenti al 1425 a.C.
chiamato Sion per estensione del termine, il no-
me dato al pendio che sale al monte Moriah, dov'
la spianata delle moschee (detta anche spianata del
Monte del Tempio).

Sebbene Sion e Ophel costituissero il nucleo origina-


rio, attualmente si trovano al di fuori delle mura che
individuano la cosiddetta citt vecchia.

Mea Shearim

Mea Shearim uno dei pi antichi quartieri gerosolomi-


tani al di fuori delle mura della citt vecchia. famoso
Ricostruzione graca del primo tempio
per essere il quartiere dove vivono soltanto membri della
comunit haredi.
La citt rimase occupata dal clan amorrita dei Gebusei
(1000 a.C. circa) no alla conquista ebraica da parte di
7.1.2 Clima Re David, il quale fece di Gerusalemme la capitale del
suo regno; David inoltre fece costruire sull'acropoli una
Gerusalemme gode di un clima mediterraneo, con estati reggia assieme a molti altri edici e ordin la ricostruzio-
calde e secche e inverni freschi e umidi (anche con in- ne delle mura di cinta. Successivamente il re Salomone
nevamento sporadico tra gennaio e marzo). Il mese pi fece erigere al posto della reggia il tempio di Dio; que-
freddo gennaio secondo le serie storiche (temperatura st'ultimo fu distrutto nel 587 a.C. a seguito della violen-
media: 8 C) ma con deciso e costante spostamento negli ta invasione dei Babilonesi guidati dal re Nabucodonosor
ultimi anni verso febbraio o addirittura la prima decade che saccheggiarono
[12]
la citt e deportarono la popolazione
di marzo, i pi caldi luglio e agosto (temperatura media: a Babilonia . Rientrati i Giudei in patria dopo l'editto
[11]
23 C) ; l'escursione termica tra giorno e notte no- di Ciro del 538 a.C., costruirono il Secondo Tempio; pi
tevole: le sere sono tipicamente fresche anche in estate. tardi Neemia elev nuovamente le mura.
Le precipitazioni annue medie toccano i 590 millimetri, Nel 331 a.C. Gerusalemme venne occupata da
concentrandosi tra ottobre e maggio (particolarmente tra Alessandro Magno e in seguito occupata dai Tolomei
gennaio e marzo)[11] . Nei restanti mesi non raro ave- d'Egitto sino al 198 a.C., quando cadde sotto il dominio
re completa assenza di pioggia. Una grande percentuale dei Seleucidi di Siria. Questi ultimi invano cercarono di
116 CAPITOLO 7. GERUSALEMME

La distruzione di Gerusalemme operata da Tito (W. Kaulbach) Panorama di Gerusalemme alla ne del XV secolo (Hartmann
Schedel, Norimberga 1493)

ellenizzare la citt, anzi provocarono la famosa rivolta


ebraica dei Maccabei che, nel 165 a.C., si risolse con Fatimidi. Lo ottenne, senza per poter evitare di esse-
la vittoria di questi ultimi, l'instaurazione della dinastia re ucciso nel 1079 dal sultano. Nel confuso quadro isti-
degli Asmonei ed il ritorno ad una sovranit ebraica, tuzionale creato dalla guerra civile tra i vari pretendenti
destinata a durare no alla conquista (63 a.C.) da parte di selgiuchidi, a seguito della morte del sultano Malikshh
Gneo Pompeo. Con la conquista romana Gerusalemme a ne 1092, i Fatimidi riuscirono a riprendere la citt e i
fu consegnata ad Erode che la ricostru secondo i criteri territori che da essa dipendevano. Fu quindi una guarni-
urbanistici greco-romani e fece ampliare il Tempio. gione fatimide a tentare inutilmente di difendere la Citt
Sotto il governatorato di Ponzio Pilato vi fu crocisso Santa dall'assedio vittorioso dei Crociati che, nel 1099,
Ges, molto probabilmente sul monte Golgota. se ne impadronirono massacrando la popolazione musul-
mana ed ebraica, e quindi erigendola a capitale del loro
I fermenti religiosi provocarono due gravissime rivolte
Regno di Gerusalemme.[13]
nella citt, la prima delle quali si protrasse dal 66 al 70, e
per sedarla fu necessario l'intervento delle legioni coman- Nel 1187 fu riconquistata dai musulmani di Saladino e da
date da Tito; quest'ultimo, soocata la rivolta, distrusse quel momento fu sotto la dominazione musulmana degli
la citt e il Tempio; la seconda insurrezione, comanda- Ayyubidi e quindi dei Mamelucchi che per, nel 1516, fu-
ta da Simon Bar Kokheba nel 132, permise agli Ebrei la rono scontti dal sultano ottomano Selim I, che la annesse
riconquista di Gerusalemme, seppure per breve tempo: al suo Impero, allora esteso no alla Siria e all'Egitto.
i Romani infatti mobilitarono rapidamente le truppe di
stanza al conne ed eliminarono ogni resistenza ribattez-
zando la citt col nome di Aelia Capitolina e trasforman- 7.2.4 XX secolo
dola in colonia romana. L'imperatore Costantino I e i suoi
successori fecero restaurare ed abbellire i luoghi legati al- Il dominio ottomano della citt dur no al novembre
le storie evangeliche ed erigere la prima chiesa cristiana, del 1917, allorquando fu occupata dai britannici coman-
la Basilica del Santo Sepolcro. dati dal generale Edmund Allenby, cui partecip anche
un contingente italiano. Con il trattato di Versailles, la
Nel 614 Gerusalemme fu conquistata dai Persiani citt fu dichiarata capitale del Mandato britannico della
sasanidi di Cosroe II che sconssero Eraclio I, fecero stra- Palestina. Nel 1949, l'Assemblea generale delle Nazio-
ge della popolazione e simpadronirono della reliquia del- ni Unite proclam l'internazionalizzazione di Gerusalem-
la Vera Croce; la citt fu riconquistata dallo stesso Eraclio me, sotto il controllo dell'ONU per favorire la convivenza
I nel 628. Nel 638 la citt si arrese al calio Umar ibn di cristiani, musulmani ed ebrei. La componente ebraica
al-Khab e rest amministrata dai Cali omayyadi di pre-israeliana accett il piano generale di partizione della
Damasco e da quelli abbasidi di Baghdad. Palestina in due Stati, uno ebraico ed uno arabo, men-
tre la componente araba palestinese e il resto del mondo
arabo e islamico lo respinsero. Entrambe le parti non era-
7.2.3 Dominio arabo e ottomano no tuttavia disposte in alcun modo a rinunciare alla Citt
Santa e per questo le forze ebraiche e quelle arabe gior-
Nel 972 fu conquistata dagli Imm/cali ismailiti dane della Legione Araba occuparono Gerusalemme: le
fatimidi ma nel 1071 essa fu presa dall'avventuriero tur- prime il settore occidentale della citt e le seconde la sua
co Atsz ibn Uvak, costretto presto a chiedere l'aiuto parte orientale.
del selgiuchide Malik Shah I per evitare la reazione dei Nel dicembre 1949 Gerusalemme fu proclamata capita-
7.2. STORIA 117

le del nuovo Stato israeliano, che nel mese successivo vi sia la maggioranza degli stati a non aver accettato di
trasfer gli uci istituzionali.[14] riconoscere a Gerusalemme lo status di capitale[19] .
Nel corso della guerra dei sei giorni gli israeliani occupa- Recentemente (maggio 2007), in occasione dei festeg-
rono il settore giordano, suscitando la condanna da parte giamenti per il quarantesimo anniversario della riuni-
dell'Assemblea generale dell'ONU. Con un decreto ap- cazione della citt, ha creato sconcerto nel mondo poli-
provato dal Parlamento israeliano (Knesset) si dichiar, il tico israeliano l'assenza di rappresentanze diplomatiche
30 luglio del 1980, l'uciale annessione del settore gior- alla cerimonia di Stato. Il primo a declinare l'invito fu
dano e la proclamazione di Gerusalemme capitale "unita l'ambasciatore tedesco, seguito da quello statunitense.[20]
e indivisibile" di Israele. Il sindaco Lupolianski reag riutando la necessit di un
Tale proclamazione tuttavia suscit il malcontento non riconoscimento internazionale[21] , mentre membri del-
solo degli arabi, ma anche della gran parte delle diplo- la Knesset auspicarono che lo status di capitale potesse
mazie mondiali, a causa del timore che il riconoscimento essere riconosciuto in futuro.[22]
di tale status legittimasse l'uso della forza nella soluzione I tentativi di dare uno status denito alla citt risalgono
delle controversie internazionali. al periodo che segu la ne del mandato britannico della
Palestina. Il regime internazionale originariamente previ-
Status internazionale sto dall'ONU per la citt di Gerusalemme (corpus sepa-
ratum)[23] , ideato nel quadro del Piano di partizione della
Palestina del 1947, non fu mai realizzato e venne abban-
Lo status internazionale di Gerusalemme rappresenta un donato negli anni seguenti. Dal 1948 al 1967, a segui-
problema nodale complesso e di dicile risoluzione nel to dell'assedio della citt vecchia da parte della Legione
quadro dei conitti arabo-israeliani. Svariati tentativi so- Araba, sfociato nell'espulsione della popolazione ebrai-
no stati fatti negli ultimi decenni per denirne lo status ca dalla stessa, la citt fu separata tra Gerusalemme Est,
giuridico internazionale, tramite risoluzioni ONU e ne- inclusa la citt vecchia pi alcuni quartieri orientali mi-
goziazioni fra le parti, nessuno dei quali ha portato nora nori con sovranit giordana, e Gerusalemme Nuova con
ad alcun esito denitivo. La sovranit territoriale di Ge- sovranit israeliana. Israele acquis il controllo dell'intera
rusalemme attualmente rivendicata sia da Israele che citt in seguito alla guerra dei sei giorni del 1967. La citt
dal popolo palestinese in modalit nora inconciliabili. fu proclamata capitale di Israele nel 1950 e designata in
La variet di composizione della popolazione della citt, seguito come tale nella legislazione israeliana il 30 luglio
luogo di culto delle tre religioni abramitiche, la sua pe- 1980, data di promulgazione della Jerusalem Law[24] .
culiarit storica e l'importanza di luoghi considerati pa-
Tali proclamazioni sono state condannate da Risoluzioni
trimonio dell'umanit rendono la ricerca di una soluzione
ONU e sentenze di corti internazionali, poich la citt di
ancora pi complessa, chiamando in causa, oltre ai lea-
Gerusalemme comprende territori non riconosciuti come
der dei due popoli e agli organi internazionali, anche altri
israeliani dal diritto internazionale. La Corte internazio-
soggetti tra cui la Santa Sede.
nale di giustizia ha confermato nel 2004 che i territori
Israele, dal 1967, ha il controllo de facto dell'intera Ge- occupati dallo Stato di Israele oltre la Linea Verde del
rusalemme, inclusa Gerusalemme Est; per consolidare ta- 1967 continuano ad essere territori occupati e dunque
le controllo le autorit israeliane hanno messo in campo con essi anche la parte est di Gerusalemme.
una serie di politiche urbane volte contemporaneamen-
Il 7 ottobre 2002 il Consiglio di sicurezza delle Nazio-
te a favorire la costruzione di quartieri ebraici nei ter-
ni Unite ha approvato la Risoluzione 1322 (2002) con-
ritori occupati di Gerusalemme Est (nel 2008 in questi
fermando le precedenti Risoluzioni 476 e 478 del 1980,
quartieri risiedevano circa 195.000 ebrei), e a ostacola-
672 del 1990 e 1073 del 1996 e tutte le proprie altre
re l'espansione urbana dei quartieri arabi.[15] Israele ri-
Risoluzioni rilevanti.
vendica sull'intera Gerusalemme la piena sovranit - e ne
ha aermato per legge costituzionale lo status di capita- La Corte internazionale di giustizia in una sua opinione
le completa e indivisa[16] . Il popolo palestinese, trami- ucialmente espressa nel 2004[25] ha confermato la va-
te i suoi rappresentanti, rivendica una parte o la totalit lidit di tali risoluzioni, in particolare della Risoluzione
di Gerusalemme (in arabo al-Quds, ossia la Santa) co- 478, aermando come sia (Ris. CdS 476) inammissibi-
me capitale del futuro Stato palestinese. La maggior parte le l'acquisizione di territorio con la forza e che tutte le
dei membri dell'ONU e delle organizzazioni internazio- misure amministrative e legislative intraprese da Israele
nali non accetta n che Gerusalemme sia capitale di Israe- e volte ad alterare lo status di Gerusalemme, inclusa la
le, n l'annessione ad Israele di Gerusalemme Est.[17] La legge base Israeliana che dichiara Gerusalemme quale
maggior parte delle ambasciate si trova nel distretto di Tel propria capitale, costituiscono una violazione del Diritto
Aviv. internazionale.
Secondo lo studioso Stephen Zunes la comunit inter- Il Consiglio di Sicurezza dell'ONU ha richiamato tutti i
nazionale in generale non avrebbe accettato di ricono- membri ONU a "(a) accettare tale decisione e (b) a riti-
scere Gerusalemme come capitale di Israele[18] . Il mi- rare le proprie missioni diplomatiche presso Israele che
nistero degli esteri israeliano in proposito aerma come fossero presenti a Gerusalemme. Tale ritiro eettiva-
118 CAPITOLO 7. GERUSALEMME

mente avvenuto, anche di quegli Stati che avevano proprie


ambasciate presso Israele a Gerusalemme. Nella carto-
graa ONU, non attualmente indicato alcun centro qua-
le capitale d'Israele (Vedi: mappa di Israele, mappa del
Mediterraneo sudorientale, mappa del Medio Oriente).
Tutti gli Stati che hanno rapporti diplomatici con Israele
mantengono le proprie ambasciate fuori da Gerusalem-
me, in genere a Tel Aviv o nelle immediate vicinanze.
Nel 2006 gli unici due Stati che avevano l'ambasciata
a Gerusalemme, il Salvador e la Costa Rica, hanno no-
ticato al governo israeliano la decisione di spostare le
proprie rappresentanze diplomatiche verso Tel Aviv[26] .
Successivamente a tale notica il Salvador l'ha spostata a Entrata del Santo Sepolcro
Herzliya Pituach (un sobborgo di Herzliya che prende il
nome da Theodor Herzl) e la Costa Rica a Ramat Gan (un
sobborgo di Tel Aviv). Il Congresso degli Stati Uniti ha ge oltre la porta di Giaa; il quartiere cristiano inoltre
richiesto da diversi anni lo spostamento dell'ambasciata conna a nord con quello musulmano, il quale si esten-
USA da Tel Aviv a Gerusalemme, ma nessuno dei gover- de in un'area compresa tra la porta di Damasco, la porta
ni succedutisi ha messo in atto la decisione. Su 83 amba- di Santo Stefano e la Porta Dorata (oggi murata), a est
sciate presenti nel 2008 in Israele, 64 (77%) si trovano a della quale si trovano il Monte degli Ulivi e l'orto del
Tel Aviv, 10 (12%) a Ramat Gan (citt presso Tel Aviv), Getsemani. Il quartiere ebraico, compreso tra le sezioni
5 (6%) a Herzliya (citt presso Tel Aviv), 2 (2,4%) a musulmana e armena, occupa il quadrante sud-orientale
Herzliya Pituah (sobborgo marino di Herzliya), 2 (2,4%) della Citt Vecchia.
a Mevaseret Zion (un insediamento israeliano retto da un
Local council, ente amministrativo territoriale - ve ne so-
no 144 in Israele - simile in struttura a un municipio, ma
non ancora tale, non raggiungendo la popolazione mini-
ma necessaria per esserlo secondo la legge israeliana; si
trova nel Distretto di Gerusalemme, a circa 10 km dal-
la citt di Gerusalemme, lungo l'autostrada che la collega
a Tel Aviv). In totale, 81 ambasciate su 83 (97,6%) si
trovano nel Distretto di Tel Aviv e solo due (Paraguay e
Bolivia) in quello di Gerusalemme, ma fuori dalla citt di
Gerusalemme. (Fonte).
Oltre ai pronunciamenti in sede internazionale, partico-
larmente esplicita la posizione uciale britannica su
Gerusalemme, che in proposito aerma come non sia Il Muro Occidentale
possibile nessun riconoscimento, e che lo status denitivo
della citt sar oggetto di negoziati. Numerosi sono i monumenti di Gerusalemme, tra questi:
Il congresso statunitense, nel 1995, tent di imporre la moschea islamica della Cupola della Roccia, che rap-
all'amministrazione un riconoscimento di Gerusalemme presenta il simbolo della citt, costruita in et omayyade
come capitale di Israele, cosa non ancora avvenuta.[27] sul luogo che, secondo il Corano, quello da cui il profe-
ta islamico Maometto ascese da vivo al Cielo per grazia
divina; il secondo la basilica cristiana del Santo Sepol-
cro, costruita su una preesistente basilica del IV secolo, a
7.3 Monumenti e luoghi d'interesse sua volta eretta sul luogo tradizionalmente considerato la
tomba di Cristo; il terzo l'emblematico Muro Occiden-
La grandissima importanza storica di Gerusalemme, la tale o Muro del Pianto, luogo sacro per eccellenza degli
rende una delle citt medio-orientali pi interessanti ebrei, residuo del Tempio costruito da Salomone, re di
dal punto di vista dei luoghi storicamente rilevanti. La Giudea.
concentrazione maggiore di siti storici e religiosi ha Si segnala inoltre la Chiesa di san Salvatore, fondata nel
sede nella Citt Vecchia di Gerusalemme, Patrimonio 1559 dai Francescani, all'interno del complesso ancora
dell'umanit dal 1981, circondata dalle mura costruite nel oggi sede della Custodia di Terra Santa, dell'archivio sto-
1538 durante il regno del sultano ottomano Solimano il rico, della biblioteca, delle edizioni Franciscan Printing
Magnico. Press. Dal 2008 dotata del pi importante organo a
Il quartiere cristiano, situato nella zona nord-occidentale, canne della citt, opera di artigiani austriaci e dono del-
connante a sud-ovest con il quartiere armeno, che sor- la diocesi di Innsbruck. Nella struttura opera l'Istituto
7.4. SOCIET 119

Magnicat, dedicato all'insegnamento musicale (canto, 7.4.1 Evoluzione demograca


coro, pianoforte, archi, ati) in collegamento con il
Conservatorio di Vicenza, con docenti e studenti ebrei I gerosolimitani sono 743.000 (maggio 2007), di cui 68%
e cristiani, israeliani e palestinesi. Il coro del Magnicat ebrei, 30% musulmani, e 2% cristiani; la densit 5.750,4
accompagna le celebrazioni cattoliche solenni del Santo abitanti per km. Bench riceva dall'estero alcune migliaia
Sepolcro e delle altre Basiliche e Santuari. di immigranti ebrei l'anno, lasciano la citt pi persone di
quante vi arrivino; tuttavia l'alta natalit degli arabi e degli
Nella Citt Nuova sono situati il Museo d'Israele (con
ebrei ultra-ortodossi (Haredi) continua a far crescere la
l'esposizione di alcuni rotoli originali od in riproduzione
popolazione in linea con la media nazionale. Il tasso di
del Mar Morto), l'Universit Ebraica (1918, tra le miglio-
fertilit (4,02) e la dimensione familiare (3,8) sono quindi
ri al mondo, un campus della quale nella parte araba),
assai superiori alle medie nazionali.
il Museo dell'Olocausto o Yad Vashem, il Cimitero na-
zionale del monte Herzl, sede inoltre del Centro Sionisti- Di conseguenza, cambia la composizione religiosa ed et-
co Internazionale, la Biblioteca nazionale e universitaria nica della citt: ampia maggioranza, gli ebrei hanno solo il
ebraica e il Palazzo del parlamento israeliano (Knesset), 31% dei bambini sotto i 15 anni, e infatti la quota di ebrei
sia la sede precedente che quella attuale. Pregevoli la declina dal tempo della riunicazione della citt (1967),
Sinagoga di rito italiano, trasportata e riassemblata qui quando era pari al 74%. Peraltro, fra gli ebrei cresce la
da Conegliano, la parte pi antica dei quartieri di Rehavia quota degli Haredi (ormai pi di un terzo degli ebrei lo-
e Morasha composte da vicoli stretti e silenziosi. Diverse cali), che non sono sionisti e il cui stile di vita spinge i
comunit nazionali (Russia, Francia, Spagna, Italia, Paesi giovani ebrei laici a trasferirsi sulla costa mediterranea. Il
Bassi, ecc.) hanno ricostruito nella citt nuova simboli ar- tema della composizione politicamente molto sensibile
chitettonici dei loro paesi (ad esempio Piazza della Signo- e oggetto di dibattito.
ria di Firenze nello spiazzo del servizio dell'educazione La presente tabella mostra l'evoluzione demograca, con
municipale, chiese ortodosse nel Russian Compound vi- attenzione a quella ebraica. Confronti fra anni vanno ef-
cino al carcere centrale cittadino, un mulino a vento a fettuati con cautela perch le aree coperte variano con il
Rechavia..). variare dei conni della citt e del distretto.
Il passeggio e lo shopping si praticano soprattutto nel Fonti:
triangolo tra Jaa road, King George street e rechov Ben
Jehuda (l'artece della lingua ebraica moderna) oppure
in via Salach-Din, la via principale del quartiere arabo Salo Baron, A Social and Religious History of the
ad Est. Un intero quartiere quasi dedicato al terziario Jews, Columbia University Press, 1983.
ed allo shopping (Talpiot) oltre al grande Mall Malha Manashe Harrel, The Jewish Presence in Jerusalem
(Regina), nei pressi dell'omonima stazione ferroviaria. Il through the Ages, in: Sinai and Oestericcher, eds.,
mercato popolare ebraico in Mahan benJehuda, il suk Jerusalem, John Day, 1974.
da Porta Damasco verso Nord. La parte moderna di Ge-
rusalemme si sviluppata attorno alla Citt Vecchia an- Bruce Masters, Christians And Jews In The Ottoman
che con insediamenti di grandi dimensioni (quartiere di Arab World, Cambridge University Press, 2004.
Ghilo).
Avraham Yaari, Igrot Eretz Yisrael, Tel Aviv, 1943,
Dal 1981 la Citt Vecchia di Gerusalemme inserita tra i p. 98.
patrimoni dell'umanit dell'UNESCO.[28] L'anno seguen-
te viene elencata tra i patrimoni in pericolo in seguito Nazioni Unite, International Conference on the Que-
alla richiesta avanzata dalla Giordania. stion of PalestineThe Status of Jerusalem, 1983
Gerusalemme ospita anche il Bible Lands Museum, un United Nations Information System on the Question
museo che esplora la cultura dei popoli e delle terre of Palestine . Accesso del 26 febbraio 2006.
citati nella Bibbia, fra cui gli antichi Egizi, i Cananei, Tahrir (registro scale turco) Jewish history timeli-
Filistei, Aramei, Ittiti, Elamiti, Fenici e Persiani. ne; Turkish/Ottoman Rule, 15171917
Vi si trova il Memoriale alle vittime di atti terroristici.
The Statistical Yearbook of Jerusalem, 2011 Edition,
Interessante anche da un punto di vista turistico il jiis.org.
quartiere haredi Mea Shearim.

7.4.2 Composizione etnica


Tradizionalmente chiuse all'interno dei propri quartieri
abitano le quattro maggiori comunit etnico-religiose che
popolano la capitale: l'ebraica, la musulmana, la cristiana
7.4 Societ e l'armena. Le prime due comunit costituiscono oggi la
stragrande maggioranza della popolazione cittadina; gli
120 CAPITOLO 7. GERUSALEMME

ebrei israeliani rappresentano il 74% del totale, mentre La Gerusalemme liberata, lm del 1918 di Enrico
gli arabi palestinesi circa il 25%. Guazzoni

La Gerusalemme liberata, lm del 1957 di Carlo


7.5 Cultura Ludovico Bragaglia

7 km da Gerusalemme, lm del 2007 di Claudio


7.5.1 Una citt santa
Malaponti

7.5.3 Arti e lettere

Tra il 1559 e il 1575 Torquato Tasso scrisse la


"Gerusalemme liberata", un poema ambientato all'epoca
delle Crociate in ottave e in 20 canti (raggruppati
in cinque parti corrispondenti ai 5 atti della tragedia
classica).
Nel 1931 Marc Chagall ha dipinto a olio un quadro
intitolato a Gerusalemme.
Nel 1967 Naomi Shemer ha scritto e musicato la can-
Il Muro Occidentale zone "Gerusalemme d'oro" (in ebraico ,
Yerushalayim shel zahav, /jua'lajim lza'hav/), il cui
Ci che rende davvero unica Gerusalemme l'essere citt ritornello uno dei pi famosi in Israele e nel mondo (Je-
santa per le tre pi grandi religioni monoteiste del mon- rusalem of Gold) e compare, incongruamente, alla ne
do. La citt sacra infatti per gli ebrei, in quanto stori- del lm Schindlers List - La lista di Schindler.
co simbolo della patria ebraica, luogo dove fu eretto il Il cantautore italiano Amedeo Minghi ha scritto una can-
Tempio di Gerusalemme (l'edicio sacro pi importan- zone dal titolo Gerusalemme, contenuta nella raccolta
te per l'ebraismo), nonch capitale del Regno di Giuda Minghi studio collection (2000).
e Israele dal 1000 a.C. circa e del Regno di Giuda dal
Nel 2002 Amos Oz ha pubblicato il romanzo autobiogra-
933 a.C. al 597 a.C.; allo stesso modo sacra per i cristiani
co Una storia di amore e di tenebra, in gran parte am-
poich luogo in cui Ges ha vissuto gli ultimi momenti
bientato nella Gerusalemme degli anni trenta e quaranta.
della propria vita e dove, secondo la tradizione cristiana,
Anche vari romanzi di Abraham Yehoshua sono almeno
stato sepolto e soprattutto, secondo il culto, risorto;
in parte ambientati a Gerusalemme.
altrettanto sacra per i musulmani in quanto essi sostengo-
no che Maometto vi sia giunto al termine d'un miracolo- Nella serie animata I Simpson di Matt Groening, a Ge-
so viaggio notturno (isr) per ascendere poi al cielo pur rusalemme ambientato l'episodio La pi grande storia
rimanendo vivo (miraj). mai ra-d'oh-ntata, in cui Homer Simpson preso dalla
sindrome di Gerusalemme e crede di essere il messia che
unir tutte le fedi del mondo.

7.5.4 Istruzione e ricerca

Gerusalemme sede di varie universit ebraiche, arabe,


inglesi e italiane:

l'Universit Ebraica di Gerusalemme (Hebrew Uni-


versity of Jerusalem), fondata nel 1925, una delle
due istituzioni pi prestigiose in Israele, patria di
La Knesset svariati premi Nobel, tra cui Avram Hershko, David
Gross, e Daniel Kahneman, e della Biblioteca Uni-
versitaria e Nazionale Ebraica, ricca di oltre cinque
7.5.2 Cinema milioni di volumi e aperta gi nel 1892, situata in
tre campus: Monte Scopus (Gerusalemme), Givat
La Gerusalemme liberata, lm del 1913 di Enrico Ram e Ein Kerem (Ospedale Hadassah), sede delle
Guazzoni facolt di area medico-sanitaria;
7.7. TRASPORTI 121

l'Universit Araba di Gerusalemme (Universit Al- L'urbanistica favorisce il turismo ma scoraggia lo svilup-
Quds), fondata nel 1984 come simbolo arabo- po economico: una legge approvata durante il Mandato
palestinese, in un campus a sud-est della citt; britannico per conservare l'estetica della citt impone che
ogni edicio sia costruito in pietra di Gerusalemme; inol-
la Bezalel Accademia delle Arti e Design, aperta nel tre, solo il 2,2% della supercie della citt destinabile a
1906 e la Jerusalem Academy of Music and Dance, industria e infrastrutture (la met di Tel Aviv, un settimo
aperta nel 1958, i cui edici sono situati nei campus di Haifa), in gran parte ad Atarot.
dell'Universit Ebraica (a Monte Scopus e a Givat
Di conseguenza, solo l'8,5% della forza lavoro impie-
Ram, rispettivamente);
gata nell'industria manifatturiera (in Israele 15,8%), an-
il Jerusalem College of Technology, fondato nel che se un numero crescente di imprese high-tech inter-
1969 e con sede a Givat Mordechai, una di mol- nazionali si sta localizzando nel parco industriale di Har
te istituzioni che combinano studi laici (ingegneria Hotzvim, periferia nord della citt.
dell'alta tecnologia e gestione aziendale, nel caso del In quanto polo religioso e culturale, ma anche in quan-
JCT) e studi religiosi (ebraismo); to citt aitta da una non trascurabile povert (vedi sot-
to), la quota di addetti nell'istruzione (17,9%), nella sa-
Studium Biblicum Franciscanum, fondato a Geru- nit (12,6%), nei servizi sociali (6,4%), ampiamente
salemme nel 1924; superiore alla media nazionale.
numerose facolt rabbiniche (Yeshivah). In quanto capitale dello Stato di Israele, Gerusalemme
sede anche di una quota importante di posti di lavoro
Numerose le scuole di lingua ebraica (Ulpan, plu- pubblici (8,2% del totale, contro una media nazionale del
rale Ulpanim), legate alla consistente immigrazione 4,7%), in misura crescente dopo l'unicazione della cit-
ed alla presenza di studenti stranieri (tenuti a supe- t sotto controllo israeliano in seguito alla guerra dei sei
rare quasi sempre un severo esame di qualicazio- giorni (1967); inoltre da allora il governo ore sussidi e
ne per potersi laureare) nonch all'interesse per il incentivi alle nuove imprese che si localizzano in citt.
giudaismo di non pochi studiosi. Dal 1967 (ma in realt gi dalla divisione del 1948) la par-
te araba no al 1967 (Gerusalemme Est) si sviluppata a
Il sistema di istruzione pubblica separato fra ebraico e ritmi pi lenti della parte israeliana dal 1948 (Gerusalem-
arabo. Nel settore ebraico le scuole pubbliche sono aan- me Ovest). Ciononostante, le famiglie con persone occu-
cate da numerose scuole religiose (con materie laiche ed pate sono il 76% a est e solo il 67% a ovest, a causa del
ebraiche), incluse quelle ultra-ortodosse (Haredi) che in gran numero di ebrei ultra-ortodossi (Haredi) maschi che
genere non hanno materie laiche e quindi non consento- non entrano nella forza lavoro. Il tasso di disoccupazio-
no di sostenere l'esame di maturit (Bagrut) n quindi di ne (2007) leggermente migliore a Gerusalemme (8,3%)
accedere all'universit. Nel settore arabo, che si lamenta che nel resto di Israele (9,0%), anche se in gran parte a
di essere sotto-nanziato, le scuole orono un'istruzione causa del relativamente basso tasso di attivit. Per queste
di qualit inferiore, come sembrerebbero dimostrare gli ragioni, oltre che per la seconda intifada, la quota di abi-
esiti della Bagrut (indispensabile per alcune facolt uni- tanti sotto la soglia di povert cresciuta in entrambe le
versitarie); per contrastare il sovraollamento sono in co- parti della citt fra il 2001 e il 2007 (+40%). Nel 2006, il
struzione nuove scuole e nel 2007 il governo ha approvato reddito mensile medio per occupato era a Gerusalemme
un piano quinquennale. NIS 5.940 (1.080 euro), NIS 1.350 (245 euro) sotto alla
media di Tel Aviv.

7.6 Economia
7.7 Trasporti
Storicamente, l'economia di Gerusalemme, citt lontana
dai porti e dalle vie commerciali (Giaa, Gaza), dipen- L'aeroporto di Gerusalemme (IATA: JRS, ICAO: LLJR,
deva dai pellegrini, ossia, come oggi lo si chiama, dal tu- OJJR) si trova a 12 km a nord dal centro citt, nei
rismo religioso internazionale. Il turismo culturale e re- territori palestinesi occupati da Israele dal 1967 in se-
ligioso, oltre alla consistente presenza di studenti stra- guito alla guerra dei sei giorni. Nel 2001 stato chiu-
nieri presso le universit civile e le facolt ecclesiasti- so ed adato alle Forze Armate a causa della seconda
che(Studium Biblicum Franciscanum dei Frati Minori, intifada. L'aeroporto pi vicino l'aeroporto di Tel
Ecole Biblique et Archeologique Francais dei Domeni- Aviv-Ben-Gurion a 58 km dalla citt.
cani, S. Paul Theological Institute dei Salesiani ed altri L'unica linea ferroviaria la Tel Aviv - Bet Shemesh -
centri ecumenici e riformati), ancor oggi il volano prin- Gerusalemme (stazione di Malha), tortuosa e con scar-
cipale (6,1% degli addetti solo in alberghi e ristoranti), se frequenze, con prezzi e tempi non concorrenziali con i
ma da 40 anni sempre pi chiaro che il benessere della taxi collettivi. in costruzione una linea ad alta velocit
citt non pu adarsi solo ad esso. da Tel Aviv a Gerusalemme, di cui si prevede il comple-
122 CAPITOLO 7. GERUSALEMME

tamento nel 2011 ma che oggi in forse per motivi di 7.9 Gemellaggi
bilancio.
La cooperativa Egged, la seconda pi grande societ di Cracovia, Polonia
trasporto pubblico del mondo, gestisce dal 1948 quasi tut-
New York, USA
to il trasporto pubblico urbano e inter-urbano in Israe-
le, quest'ultimo dalla stazione centrale degli autobus a Buenos Aires, Argentina
Rechov Yafo (ingresso ovest alla citt, dall'autostrada 1).
Fs, Marocco
Il trasporto pubblico locale ore la scelta di autobus (Eg-
ged), o taxi anche collettivi (Sherut). Il sistema ostacola la
continuit di spostamento tra la zona araba e quella israe-
liana. Nell'agosto del 2011 stata completata l'unica linea 7.10 Sport
della tranvia di Gerusalemme (Jerusalem Light Rail), do-
tata di 23 fermate ed esteso no ad alcuni quartieri arabi Come nel resto d'Israele, lo sport pi popolare il calcio,
della cintura metropolitana. seguito dalla pallacanestro. A Gerusalemme attiva una
polisportiva, l'Hapoel Gerusalemme, attiva nel calcio,
nella pallacanestro, nel nuoto e nel calcio a 5.

7.8 Amministrazione
7.10.1 Calcio
La municipalit di Gerusalemme fu istituita sotto Le squadre principali della citt sono:
l'Impero ottomano nel 1863.
- Il Moadon Kaduregel Beitar Yerushalayim, fondato nel
Dal 1948 al 1967 sono esistite due diverse amministra- 1936 e militante nella massima serie israeliana, che ha
zioni per la citt, una israeliana e una giordana (Amanat nel suo palmars ben 6 campionati israeliani, 7 Coppe
al-Quds o Gerusalemme Est). d'Israele e 2 Coppe Toto.
La citt, divisa in seguito alla guerra arabo-israeliana del - Il Moadon Kaduregel Hapoel Yerushalayim, sezione
1948, stata riunicata nel 1967, dopo la guerra dei calcistica dell'omonima polisportiva, fondata nel 1926 e
sei giorni e l'azione dei paracadutisti israeliani in Citt militante nella seconda serie israeliana, che ha nel suo
Vecchia. Il camminamento delle mura conserva alcune palmars 1 Coppa d'Israele.
indicazioni delle postazioni giordane durante il conitto.
Il consiglio cittadino conta 31 consiglieri eletti, uno dei
quali il sindaco, che ha un mandato quinquennale e pu 7.10.2 Pallacanestro
nominare sei vicesindaci. Solo il sindaco e i vicesindaci
sono remunerati. Le riunioni del consiglio avvengono so- Nel settore maschile la squadra principale l'Hapoel, fon-
litamente a porte chiuse, ma almeno una volta al mese data nel 1943, che nel corso della sua storia ha conquistato
si tiene una seduta pubblica. L'amministrazione munici- sei coppe nazionali (quattro Coppe d'Israele e due Coppe
pale ha sede a piazza Safra (Kikar Safra) che si aaccia di Lega) e a livello europeo la ULEB Cup nella stagione
sulla parte di Jaa Road vicina alla Citt Vecchia e nelle 2003-2004.
vicinanze del palazzo della Posta Centrale e della Banca Nel settore femminile la squadra principale l'ASA
Nazionale (Bank Leum). Gerusalemme, che milita nella massima serie nazionale.
La citt anche la capitale dell'omonimo distretto
israeliano (presso telefonico distrettuale 02).
7.11 Persone legate a Gerusalem-
me
7.8.1 Sindaci
Melchisedec, principe di Salem
Nir Barkat (novembre 2008-) Indipendente (ex
Patriarchi ebrei
Kadima)
Re Davide e suo glio Salomone, re d'Israele
Uri Lupolianski (2003-2008) Giudaismo Unito della
Rabbini del Talmud
Torah
Nevim
Ehud Olmert (1993-2003) Likud
Ges di Nazaret

Teddy Kollek (1965-1993) Laburisti Maria, madre di Ges


7.11. PERSONE LEGATE A GERUSALEMME 123

Flavio Giuseppe, storico Shahar Peer, tennista


Cirillo di Gerusalemme, padre della Chiesa
Natalie Portman, attrice
Papa Teodoro I
Yitzhak Rabin, generale e Primo ministro
Melisenda di Gerusalemme, regina
Isaac ben Solomon Luria (o Yitzhak Ashkenazi), Reuven Rivlin, presidente della Knesset
cabbalista
Edward Sad, docente universitario
Shmuel Yosef Agnon, scrittore e premio Nobel
Aref al-Aref, sindaco Renen Schorr, sceneggiatore, regista e produttore

Daniel Auster, sindaco


Tom Segev, storico
Mili Avital, attrice
Sirhan Sirhan, assassino di Robert Kennedy
Uzi Baram, uomo politico, pi volte ministro
Mustafa Barghuthi, medico e uomo politico Adin Steinsaltz, talmudista

Zeev Boim, uomo politico, pi volte ministro Shmuel Tamir, uomo politico
Avraham Burg, presidente della Knesset
Suha Tawil, moglie di Yasser Arafat
Eli Cohen, spia
Aref al-Dajani, sindaco Ahmet Kutsi Tecer, poeta e insegnante

Mordechai Eliyahu, rabbino capo d'Israele Aaron Valero, medico


Ruth Gavison, giurista
Yitzhak Yedid, pianista e compositore
Brian George, attore
David Grossman, scrittore Yigael Yadin, archeologo, militare e politico

Sami Hadawi, dirigente del catasto e scrittore Yosef Shalom Eliashiv rabbino, leader religioso
Amira Hass, giornalista
Abraham Yehoshua, scrittore
Naomi Chazan, accademica e politica
Amin al-Husseini, Gran Mufti di Gerusalemme e Farid Hanania, accademico
uomo politico
Bayan Hout, storica
Musa al-Husayni, sindaco e uomo politico
Eliahu Inbal, direttore d'orchestra Ruhi al-Khalidi, saggista

Dalia Itzik, presidente della Knesset Khalil al-Khalidi, sceicco e presidente del corte
d'appello della Shari'a (Il Cairo)
Hussein al-Khalidi, sindaco e uomo politico
Yussef al-Khalidi, sindaco, presidente del parla- Walid Khalidi, storico
mento ottomano
Nurit Zarchi, poetessa e giornalista
Ruhi al-Khatib, sindaco
Dan Meridor, uomo politico, pi volte ministro Sobhi Zubaydi, artista
Dorrit Moussaie, gioielliera, rst lady d'Islanda
Asaf Avidan, cantante
Raghib al-Nashashibi, sindaco e uomo politico
Ibrahim Souss, scrittore
Yitzhak Navon, Presidente dello Stato d'Israele
Amos Oz, scrittore Baha Boukhari (19442015), fumettista
124 CAPITOLO 7. GERUSALEMME

7.12 Galleria d'immagini [6] Legge Fondamentale di Gerusalemme Capitale, dal sito
web del ministero degli esteri di Israele, consultato l'ultima
volta il 29 novembre 2008.

[7] all legislative and administrative measures and actions


taken by Israel are null and void and must be rescinded
forthwith

[8] the enactment of the basic law by Israel constitutes a


violation of international law";

[9] constitutes a serious obstruction to achieving a compre-


hensive, just and lasting peace in the Middle East

[10] UNITED NATIONS Security Council Resolution 478


(1980) of 20 August 1980
Panoramica dal monte degli ulivi
[11] Dati climatici di Gerusalemme da eurometeo.com

[12] Voce Palestina da Treccani.it


Corte suprema di Israele
[13] Claudio Lo Jacono, Storia del mondo islamico (VII-XVI
Ministero degli aari esteri (Israele) secolo). I - Il Vicino Oriente, Torino, Einaudi, 2004, pp.
303 e segg.
Israel Museum
[14] (EN) Statements of the Prime Minister David Ben-Gurion
Monte Herzl Regarding Moving the Capital of Israel to Jerusalem,
Knesset. URL consultato il 29 ottobre 2014.
International Convention Center (Gerusalemme)
[15] Francesco Chiodelli, Gerusalemme contesa. Dimensioni
Accademia israeliana delle scienze e delle lettere urbane di un conitto, Roma, Carocci, 2012; cfr anche
Francesco Chiodelli, Planning Jerusalem Uno sguardo
Accademia della lingua ebraica panoramico sull'urbanistica nella Citt Santa in relazio-
ne al conitto israelo-palestinese, Planum, The Journal
IBA (azienda) of Urbanism, 2/2011, pp. 1-12
Bezalel Accademia delle Arti e Design [16] Legge Fondamentale: Gerusalemme capitale di Israele,
approvata dall Knesset il 30 luglio 1980.
Cimitero ebraico
[17] Risoluzione 478 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni
Unite del 20 agosto 1980.
7.13 Note [18] The international community refused to recognize Jeru-
salem as Israels capital, believing that to do so would esta-
[1] Lo status di Gerusalemme al centro di grandi contro- blish the dangerous precedent of legitimizing territorial
versie internazionali, in quanto la zona est della citt expansion by military conquest--in direct contravention of
rivendicata dalla Palestina come sua capitale United Nations resolutions (Stephen Zunes)

[2] Nomi di Dio nella Bibbia, Q-D- e Qedushah [19] Most states have not respected Israels sovereign right to
determine its own capital city, and have refused to reco-
[3] {Salmi 48:2}: Bello per la sua altezza, gioia di tutta la ter- gnize Jerusalem as the capital of Israel Israel Ministry of
ra il monte Sion, dalla parte del settentrione, la citt del Foreign Aairs
gran Re. {Apocalisse 3:12}: Chi vince io lo far una co-
lonna nel tempio del mio Dio, ed egli non uscir mai pi [20] Fonti: Israel Insider; Perch non riconoscere Gerusalemme
fuori; e scriver su di lui il nome del mio Dio e il nome del- capitale? di Dimitri Bua L'Opinione.it, 15 maggio 2007
la citt del mio Dio, della nuova Gerusalemme che scende [21] La citt ebraica di Gerusalemme parte integrante di
dal cielo da presso il mio Dio, e il mio nuovo nome. {Ebrei Israele, anche se la maggioranza mondiale non lo rico-
11:10}: Perch aspettava la citt che ha i veri fondamenti nosce, Uri Lupolianski, sindaco di Gerusalemme (Israel
e il cui architetto e costruttore Dio. heute, maggio 2007) Notizie su Israele - 389
[4] Capitale del Regno di Giuda e Israele dal 1000 a.C. circa [22] Mi auguro che Gerusalemme diventi la capitale di Israe-
e del Regno di Giuda dal 933 a.C. al 597 a.C. le riconosciuta internazionalmente come tale., Colette
Avital, Israel heute, maggio 2007 Notizie su Israele - 389
[5] The Question of Palestine & the United Nations, United
Nations Department of Public Information, capitolo The [23] IMEU: Links: 2.7 - Jerusalem and the Corpus Separatum
status of Jerusalem: East Jerusalem has been considered, proposed in 1947
by both the General Assembly and the Security Council,
as part of the occupied Palestinian territory. [24] Basic Law: Jerusalem, Capital of Israel
7.15. ALTRI PROGETTI 125

[25] International Court of Justice 7.15 Altri progetti


[26] Il Jerusalem Post, dopo lo spostamento dell'ambasciata del
Costa Rica, ha chiesto sarcasticamente ai suoi lettori di ri-
spondere a un quiz: Nomina l'unico paese al mondo che
Wikiquote contiene citazioni su Gerusalemme
riconosce Gerusalemme come capitale di Israele. Molti
avrebbero dicolt a indovinare, ma la sorprendente ri- Wikimedia Commons contiene immagini o
sposta alla domanda : El Salvador. jerusalem post, ago- altri le su Gerusalemme
sto 2006. Poco dopo, anche El Salvador ha spostato la sua
ambasciata nei pressi di Tel Aviv.
Wikivoyage contiene informazioni turistiche su
[27] Il Congresso americano, dal 1995, impone alla Casa Gerusalemme
Bianca di riconoscere Gerusalemme come capitale di
Israele e di trasferire il corpo diplomatico americano da
Tel Aviv alla citt santa, malgrado l'Amministrazione tro-
vi sempre una scusa per non farlo. 29 marzo 2006, Rocca
7.16 Collegamenti esterni
su Il foglio Camillo Archivio Bush e Gerusalemme
[28] Scheda UNESCO, whc.unesco.org. 7.16.1 Mappe
[29] Jewish history timeline; Turkish/Ottoman Rule, 1517 Mappa interattiva, jerusalem.muni.il.
1917
University of Maine, collezione storica di mappe,
[30] French traveler, Jewish history timeline; Turkish/Ottoman
Rule, 15171917 usm.maine.edu.

[31] Christian travelers Johann Aegidius Van Egmont and John


Heyman, Jewish history timeline; Turkish/Ottoman Rule, 7.16.2 Status della citt
15171917
[32] New York Times, February 19, 1869 (EN) Posizione ONU sullo status di Gerusalemme
(PDF), un.org.

(EN) Basic Law: Gerusalemme, Capitale di Israele,


7.14 Voci correlate Governo di Israele, mfa.gov.il.

Giudaizzazione di Gerusalemme (EN) Posizione palestinese su Gerusalemme,


pna.gov.ps.
Basilica del Santo Sepolcro
Basilica di Santo Stefano (Gerusalemme)
7.16.3 Notizie e media
Terra di Israele
The Jerusalem Post, jpost.com.
Chiesa di Gerusalemme
Cupola della Roccia Al Quds Giornale (Arabica), alquds.com.

Custodia di Terra Santa Jerusalem Media and Communications Centre,


jmcc.org.
Gerusalemme celeste
Moriah The MediaLine, themedialine.org.

Moschea al-Aqsa Gerusalemme, la citt contesa. Centro Italiano per


la Pace in Medio Oriente, cipmo.org.
Muro Occidentale
I video e le foto di Paola Caridi su Gerusalemme e
Regno di Gerusalemme
le sue problematiche
Sindrome di Gerusalemme
Monte del Tempio 7.16.4 Istituzioni
Status di Gerusalemme
Custodia di Terra Santa - Francescani, custodia.org.
Storia di Gerusalemme
Biblioteca Generale della Custodia di Terra Santa -
Davide (cfr Messia) Francescani, bibliothecaterraesanctae.org.
Tempio di Gerusalemme (cfr Torah)
Al Quds, universit araba di Gerusalemme, al-
Quattro Citt Sante quds.edu.
126 CAPITOLO 7. GERUSALEMME

Universit ebraica di Gerusalemme, huji.ac.il.

Memoriale dell'olocausto Yad Vashem, yadva-


shem.org.

Museo di Israele, imj.org.il.


Eventi culturali, jlm.israel.net.

Studium Biblicum Franciscanum, 198.62.75.4.


cole Biblique et Archologique Franaise,
ebaf.edu.
Capitolo 8

Sionismo

8.1 Storia

8.1.1 Le origini (1880-1896)

La stella di David, in ebraico Maghen David, il simbolo del


sionismo.

Il sionismo un movimento politico internazionale il cui


ne l'aermazione del diritto alla autodeterminazione
del popolo ebraico mediante l'istituzione di uno Stato
ebraico [1] , inserendosi nel pi vasto fenomeno del Herzl su di un balcone dell'Hotel Les Trois Rois a Basilea,
nazionalismo moderno.[2][3] Svizzera.
Il movimento, nato alla ne del XIX secolo tra gli ebrei
residenti in Europa, fu importante ma minoritario nel Nel corso dei secoli, c' sempre stata una corrente mi-
mondo ebraico per tutta la prima met del XX secolo, gratoria ebraica verso la Palestina, motivata essenzial-
per poi divenire maggioritario in seguito alla Shoah. Do- mente da ragioni religiose. L'immigrazione sionista, di
po la creazione dello Stato di Israele nel 1948, in cui oggi natura laica, invece una conseguenza molto pi tar-
vive circa il 30% degli ebrei del mondo, il sionismo si da dell'emancipazione degli ebrei europei nel corso della
trasformato in movimento di sostegno internazionale alla rivoluzione francese (1789) e per tutto il XIX secolo no
costituzione di tale Stato, oltre a continuare il tradiziona- alla rivoluzione russa (1917), e delle reazioni ostili alla
le aiuto all'immigrazione in Israele (aliyah). Oggigiorno, conseguente tendenza degli ebrei all'assimilazione nelle
il termine sionista viene applicato a varie fazioni poli- varie societ nazionali.
tiche israeliane, sia di sinistra e sia di destra, le quali han- Il proto-sionismo si sostanzia nella fondazione nel 1860
no in comune il sostegno dello stato d'israele come entit dell'Alleanza Israelitica Universale guidata da Adolphe
ebraica. Crmieux, nella costruzione di un sobborgo ebraico di

127
128 CAPITOLO 8. SIONISMO

Gerusalemme nanziata dal lantropo sir Moses Mon- chi, polacchi galiziani, tedeschi di Boemia e di Transilva-
teore nel 1861, nella pubblicazione nel 1862 di Roma e nia, tutti avevano i propri rappresentanti nel Parlamento
Gerusalemme ad opera del losofo ebreo tedesco Moses imperiale e potevano appellarsi a una propria "nazione"
Hess e di Derishat Zion ad opera del rabbino polacco- e a una terra che loro apparteneva, una "patria" dentro
prussiano Zvi Hirsch Kalischer, nell'apertura nel 1870 di o fuori i conni dell'impero, tutti tranne gli ebrei, n gli
Mikveh Israel, la prima scuola agraria ebraica, a cura di altri popoli riconoscevano gli ebrei come parte di essi.
Charles Netter dell'AIU, nella composizione nel 1878 di Herzl avrebbe sviluppato la sua idea e l'avrebbe tradot-
hatikvah (La speranza), inno del sionismo e poi dello ta in Der Judenstaat (Lo Stato degli Ebrei), un volume
stato di Israele.
pubblicato all'inizio del 1896 senza conoscere gli scrit-
Nella tradizione di Monteore, a partire dal 1882, ti dei suoi predecessori e subito tradotto in varie lingue.
Edmond James de Rothschild divenne uno dei principa- All'immediato successo del volume e al dibattito suscitato
li nanziatori del movimento sionista e acquist il primo Herzl fece seguire il primo Congresso Sionista Mondiale,
sito ebraico in Palestina, l'attuale Rishon LeZion; sempre che si tenne a Basilea dal 29 al 31 agosto 1897, in modo
dal 1882 anche Maurice de Hirsch fu un grande nan- da costituire un movimento permanente. Il Programma
ziatore di insediamenti, sia sionisti che territorialisti. di Basilea aermava che: il sionismo si sforza di ottene-
appunto dal 1882 che data la prima ondata di immigra- re per il popolo ebraico un focolare garantito dal diritto
zione sionista (Prima Aliyah), al cui inizio la comunit pubblico in Palestina. I metodi da adottare per il raggiun-
ebraica palestinese (Yishuv) contava 25.000 persone: la gimento di questo obiettivo erano: 1) l'incoraggiamento
prima aliyah raddoppier abbondantemente queste cifre. della colonizzazione ebraica in Palestina; 2) l'unicazione
L'idea di creare uno Stato puramente ebraico, in cui e l'organizzazione di tutte le comunit ebraiche; 3) il raf-
l'antisemitismo sia assente per denizione, circola dal forzamento della coscienza ebraica individuale e nazio-
1880, con i movimenti di Bilu e degli Amanti di Sion nale; 4) iniziative per assicurarsi l'appoggio dei diversi
(Hovevei Zion), i cui manifesti ideologici sono il laico governi per realizzare gli obiettivi del sionismo.
Selbstemanzipation (Auto-emancipazione), scritto da Herzl si inserisce in una tradizione di pensiero di lingua
Leon Pinsker nel 1882, e il religioso Aruchas Bas-Ammi, tedesca iniziata con Hess, e in quella tradizione riunisce
scritto dal rabbino Isaac Rlf nel 1883, oltre agli scritti attorno a s la prima generazione di leader sionisti (Max
precedenti di Kalischer. Bodenheimer, Max Nordau, Otto Warburg, David Wol-
sohn), cui sono vicine anche personalit come Albert
Alcuni dei promotori di questa idea volevano fonda-
re lo Stato nella storica terra d'Israele, chiamata anche Einstein. Questa tradizione quasi compattamente parte
Palestina, dove, secondo la Bibbia, vi erano stati i regni della corrente dei "Sionisti generali" (ossia non aliati a
di Davide e di Salomone. Tuttavia, per questa terra non movimenti specici) di ispirazione liberale.
fu subito scelta la Palestina: c'era anche chi proponeva Le idee di Herzl si inseriscono in un movimento migra-
di creare uno Stato ebraico in altre parti del mondo, ad torio ebraico gi in atto, causato, in Russia, dai pogrom
esempio in Argentina, Ecuador, Suriname, Amazzonia, degli anni 1881-1882 e poi degli anni 1903-1906. Se-
Uganda, Kenya, Stati Uniti, Canada, Australia. L'opzione condo dati del 1930, dal 1880 al 1929 emigrano dalla
di gran lunga pi popolare restava per la Palesti- Russia 2.285.000 ebrei, e, di questi, 45.000 in Palesti-
na, all'epoca governata dall'Impero Ottomano, la qua- na. La stragrande maggioranza preferisce recarsi altrove:
le prevalse gi dal 1905 e vinse denitivamente dopo il 1.930.000 scelgono le Americhe, 240.000 l'Europa, i re-
1917. stanti l'Africa e l'Oceania. Dall'Austria, dall'Ungheria e
Il fondatore del sionismo oggi considerato Theodor dalla Polonia emigrano, dal 1880 al 1929, in 952.000:
Herzl, un giornalista ashkenazita assimilato suddito 697.000 nelle Americhe, 185.000 in altri Paesi europei,
dell'Impero austro-ungarico. Nel 1895 Herzl fu inviato 40.000 in Palestina. Proporzioni analoghe si riscontrano
come corrispondente del suo giornale a Parigi per segui- fra i migranti provenienti da altri Paesi. In totale, durante
re il processo dell'aare Dreyfus (uciale francese di ori- questi decenni migrano 3.975.000 ebrei: 2.885.000 ne-
gli Stati Uniti, 365.000 nel resto delle Americhe (prin-
gini ebraiche accusato di tradimento), esploso nel 1894,
che fu accompagnato da una feroce campagna di stampa cipalmente Argentina e Canada), 490.000 in Europa oc-
cidentale e centrale (specie Francia e Germania), e solo
francese che riproponeva stereotipi antisemiti. In seguito
a questa esperienza Herzl si rese conto che l'assimilazione 120.000 in Palestina.[4][5]
e l'integrazione degli ebrei in Europa non aveva dato frutti L'importanza dell'emigrazione dalle terre soggette
e che gli ebrei avevano bisogno di un proprio Stato, dove all'Impero russo (oggi facenti parte di Lettonia, Lituania,
poter vivere in pace e sicurezza lontano dai pregiudizi e Polonia, Bielorussia, Ucraina) porta naturalmente
dalle false accuse tipici dell'antisemitismo. all'emergere di una leadership di tali origini nel movi-
La sua conclusione derivava dalla sua esperienza mento sionista, che deriva dall'esempio di Leon Pinsker.
nell'Impero austro-ungarico: in una compagine nazionale La prima generazione comprende nomi attivi in campo
eterogenea, come si presentava a ne Ottocento l'Impero culturale (Ahad Ha'am, Eliezer Ben Yehuda, Aaron
asburgico, italiani, serbi, croati, ungheresi, cechi, slovac- David Gordon) oltre che nella politica sionista (Chaim
8.1. STORIA 129

Weizmann, Nahum Sokolow, Leo Motzkin, Menahem Non avendo ottenuto il sostegno uciale dell'Impero Ot-
Ussishkin, Nachman Syrkin), ma anche i primi rabbini tomano, no al 1917 l'Organizzazione Sionista persegu
che legittimano il sionismo in campo religioso (Abraham l'obiettivo della costruzione di una patria mediante una
Isaac Kook, Moshe Leib Lilienblum, Samuel Mohilever, strategia di immigrazione (aliyah) continua su piccola
Yitzchak Yaacov Reines). Questi sionisti faranno parte scala, anche mediante istituzioni quali:
di tutte le principali correnti del sionismo: non solo i
sionisti generali, ma anche il sionismo socialista e il Die Welt, il giornale del movimento sionista;
sionismo religioso e, decenni pi tardi il nazionalismo
espresso dal sionismo revisionista. il Keren Kayemet LeYisrael (Fondo Nazionale Ebrai-
co 1901), un ente non-prot per l'acquisto di terreni
Nell'Ebraismo americano, importante pi dal punto di vi- agricoli ed edicabili;
sta del sostegno nanziario che dell'emigrazione, svolge
un ruolo fondamentale il rabbino Solomon Schechter. il Jewish Colonial Trust (1899), istituzione nan-
ziaria, e la Anglo-Palestine Bank (1903 - dal 1950
Bank Leumi), che erogava prestiti ad agricoltori e
imprese;
8.1.2 L'immigrazione nella palestina otto-
mana (1897-1917) il Keren Hayesod (Fondo delle fondamenta - 1920),
un'organizzazione-ombrello per la raccolta di fon-
Herzl fece invano appello ai ricchi lantropi ebrei per- di nella Diaspora al ne di nanziare le reti di
ch appoggiassero le sue proposte, ma scopr la tradizio- infrastrutture in Israele.
ne proto-sionista dell'Europa orientale, che egli ignorava
e che lo sostenne. Dal 29 al 31 agosto 1897 Herzl organiz- La seconda ondata migratoria (circa 30.000 persone) par-
z il primo Congresso Sionista a Basilea (Svizzera), do- te dalla Russia per la Palestina fra il 1904 e il 1914:
ve cre l'Organizzazione Sionista (dal 1960 Mondiale), il c'erano stati pogrom dal 1903 al 1906, sostenuti dal-
massimo organismo politico ebraico no alla istituzione la pubblicazione dei "Protocolli dei Savi di Sion", fal-
dello Stato d'Israele. so documento segreto ebraico e vero libello antisemita
prodotto dalla polizia segreta zarista[7] . Alcuni dei nuovi
Il congresso si chiuse approvando un programma che
colonizzatori erano spinti da ideali socialisti e crearono
aermava la scelta politica, e non pi semplicemente dei Kibbutz, delle comunit organizzate secondo crite-
insediativa dell'Organizzazione Sionista:
ri collettivisti e comunistici, in cui la popolazione viveva
Al termine del congresso, Herzl scrisse nel suo diario: dell'agricoltura. Tuttavia il collettivismo e gli ideali co-
Nei primi anni di questo periodo, gli ultimi della sua vita, munistici erano riservati agli ebrei: vigendo la politica del
oltre a convocare tutti i successivi congressi. Herzl otten- 'lavoro ebraico', i kibbutz non accettavano (e non accet-
ne colloqui con vari capi di Stato (fra cui il Sultano otto- tano) non ebrei fra i loro membri, applicando quindi una
mano Abdul-Hamid II, il Kaiser Guglielmo II, Re Vittorio discriminazione da cui in realt gli ebrei stessi volevano
Emanuele III e papa Pio X, oltre ai governi britannico fuggire.
e russo) per ottenere, invano, il loro assenso uciale al Con i fondi sionisti, e principalmente del Fondo nazio-
suo progetto. Inoltre, Herzl pubblic il romanzo utopi- nale ebraico, si acquistano terre dichiarate inalienabili da
co Altneuland (Terra vecchio-nuova - 1902), che porta cui esclusa la manodopera indigena; nasce una nuova
l'epigrafe Se tu lo vorrai - non una aba. nazione, con una propria lingua ed un'economia chiusa,
da cui gli arabi sono esclusi. Altri si sistemano nelle citt
L'Organizzazione Sionista funzion n dall'inizio secon-
do le regole della democrazia rappresentativa: gli iscritti o ne fondano di nuove: caratteristico il caso di Jaa e
Tel Aviv, Tel Aviv era infatti un quartiere di Qoa, ma il
(n dall'inizio anche donne) pagavano una quota (shekel)
ed eleggevano delegati a regolari congressi in Europa (an- massiccio insediamento ebraico crebbe no a far diven-
nuali 1897-1901, biennali 1903-1913 e 1921-1939, qua- tare l'antica citt di Qoa un sobborgo della nuova Tel
driennali e a Gerusalemme dopo la creazione dello stato), Aviv.
dove veniva eletto un esecutivo di 30 consiglieri, che a I chaluzim, i pionieri dell'esodo sionista, non portarono
loro volta eleggevano il presidente.[6] in Palestina solo la loro forza lavoro, la loro famiglia, la
Il Congresso era ed soprannominato il Parlamento loro cultura, ma importarono l'idea europea di Nazione.
del Popolo Ebraico": nell'Organizzazione Sionista tutte le Tra gli immigrati ebrei si diuse anche l'uso della lingua
correnti sioniste (liberali, religiosi, socialisti) erano rap- ebraica, la quale, relegata all'ambito religioso da duemila
presentate, a tutti i livelli. In questi anni si forma la se- anni, non era pi usata quotidianamente.
conda generazione di leader sionisti (David Ben Gurion, In piena Prima guerra mondiale, nell'imminenza
Yitzhak Ben-Zvi, Ber Borochov, Berl Katznelson, Arthur dell'ingresso delle truppe britanniche a Gerusalemme,
Ruppin, Pinhas Rutenberg, Zalman Shazar, Iosif Trum- strappata all'esercito ottomano (dicembre 1917), il
peldor, Meir Bar-Ilan, Vladimir Jabotinskij), quasi tutti, Regno Unito si impegnava, con una lettera del Segretario
tranne Jabotinskj e Bar-Ilan, socialisti. per gli Aari Esteri Arthur James Balfour a Lord
130 CAPITOLO 8. SIONISMO

Lionel Walter Rothschild (banchiere svizzero ed attivista XIX secolo, ma i primi scontri si ebbero solo negli anni
sionista), membro del movimento sionista inglese, a '20, a Gerusalemme (1920) e a Giaa (1921).
mettere a disposizione del movimento sionista, in caso Negli anni successivi al 1930 l'immigrazione ebraica au-
di vittoria, dei territori in Palestina per costituire un ment notevolmente (Quinta Aliyah), per via dell'alto nu-
focolare nazionale. Il documento, scritto e mediato con mero di ebrei che abbandonavano la Germania a causa
la collaborazione del futuro presidente israeliano Chaim dell'ascesa al potere di Adolf Hitler ed in seguito alle sue
Weizmann (amico di Lord Rothschild e da poco eletto leggi razziali. La maggior parte dei paesi del mondo tenne
presidente della Zionist Federation of Great Britain and chiuse le porte ai profughi ebrei; gli Stati Uniti ridussero
Ireland), porta il nome di Dichiarazione di Balfour 2
le possibilit di immigrazione nel 1924 e, sostanzialmen-
novembre 1917: te, li escluse nel 1932 a causa della Grande Depressione.
La Palestina divenne cos, per gli ebrei d'Europa, uno dei
pochi rifugi possibili. Tra il 1929 e il 1939 si vericarono
in Palestina vasti scontri tra ebrei e arabi - i moti del 1929
8.1.3 Il mandato ONU e la nascita dello e la cosiddetta "Grande Rivolta" del triennio 1936-1939
Stato di Israele (1918-1948) - sedati duramente dall'esercito britannico, con alto nu-
mero di vittime da entrambi le parti. L'antica comunit
Dopo aver occupato la regione nel corso della prima ebraica di Hebron fu distrutta durante le ostilit del 1929.
guerra mondiale, e aver ottenuto dall'Impero Ottomano
Nel 1939 i britannici, dopo aver proposto inutilmen-
il riconoscimento della conquista nel trattato di Svres
te diversi piani di divisione del territorio mandatario in
(agosto 1920), l'Impero Britannico chiese e, il 24 luglio
due Stati distinti (elaborati dalla Commissione Peel nel
1922, ottenne dalla Societ delle Nazioni un Mandato sul-
1937, dalla Commissione Woodhead nel 1938 e dalla
la Palestina, che includeva anche l'odierna Giordania. La
Conferenza di St. James nel 1939), emisero una legge,
dichiarazione, facendo riferimento agli impegni presi dai
il Libro Bianco, che limitava l'immigrazione ebraica a
britannici nel 1917, diceva fra l'altro:
75.000 persone per una durata di 5 anni, cifra a cui sa-
Nel frattempo si era gi vericata una forte immigrazio- rebbero stati sottratti gli eventuali immigrati illegali indi-
ne (Terza Aliyah) principalmente dalla Russia sconvolta viduati, e che, dal punto di vista del movimento sionista,
dalla rivoluzione e dalla guerra civile. sembrava favorire le ragioni degli arabi. Oltre a questo i
In conformit con l'articolo 4 del Mandato, e dopo britannici, ritenendo, dopo i tentativi falliti, che una spar-
l'assenso del Congresso Sionista, la comunit ebraica in tizione sarebbe risultata impossibile perch riutata sia
Palestina (Yishuv) costitu nel 1923 HaSochnut HaYehu- dal movimento sionista sia dalla popolazione palestinese
dit (l'Agenzia Ebraica) come organo di autogoverno, che di origine araba, previdero la creazione di un unico Stato
nel 1929 fu riconosciuto dai britannici ricevendo pote- federale entro il 1949, dove i coloni ebraici sarebbero tut-
ri para-statali: gestione di scuole, ospedali, infrastrutture, tavia stati una minoranza (stimata, anche in base alle re-
eccetera (e, clandestinamente, formazione di Haganah). strizioni sull'immigrazione, in un terzo della popolazione
Nel 1924 Edmond James de Rothschild fond la Pale- totale).
stine Jewish Colonization Association (PICA), che com- Nello stesso anno scoppi la Seconda guerra mondiale e
pr pi di 125.000 acri (560 km2 ) di terreno, conti- aument enormemente il numero di ebrei che cercava-
nuando dopo di lui l'opera che egli aveva intrapreso ol- no rifugio in Palestina per sfuggire allo sterminio nazi-
tre quarant'anni prima. Tutto ci favor una nuova on- sta. Molti di loro dovettero entrare illegalmente (Aliyah
data migratoria (Quarta Aliyah), proveniente soprattutto Bet). Le organizzazioni ebraiche pi moderate, come
dall'Europa orientale. In questi anni, in cui inizia la co- l'Haganah di David Ben Gurion, si limitarono agli scon-
struzione dello Stato, si forma la terza generazione di lea- tri con gli arabi, mentre le organizzazione ebraiche pi
der sionisti, fra cui Abba Ahimeir, Haim Arlozoro, Levi estremistiche arrivarono ad aggredire apertamente i bri-
Eshkol, Nahum Goldmann, Uri Zvi Greenberg, Golda tannici, militari e civili. Fra queste ultime si distinsero
Meir, Moshe Sharett. Nel 1925 nasce la corrente revisio- l'Irgun di Menachem Begin e la Banda Stern, descritte
nista, ad opera di Jabotinskij, in reazione ai primi scon- dai britannici come organizzazioni terroristiche.
tri con gli arabi e alla decisione britannica di chiudere la
Nel maggio 1947 i britannici annunciarono il disimpegno
Transgiordania (oggi Giordania) all'insediamento ebrai-
dal mandato sulla Palestina e il suo abbandono entro un
co (1922) e in opposizione all'atteggiamento conciliante
anno. Il 15 maggio 1947 fu costituito l'UNSCOP (United
delle altre correnti sioniste.
Nations Special Committee on Palestine) che il 3 settem-
La popolazione araba in Palestina aument con l'arrivo bre raccomand a maggioranza la divisione della Palesti-
di immigrati dai paesi circostanti, spinti dai salari pi na occidentale (quella orientale aveva gi formato lo sta-
elevati di quelli dei loro paesi d'origine.[9] I notabi- to arabo di Giordania) in due stati di simile estensione,
li arabi palestinesi riutarono la proposta britannica di uno a maggioranza ebraica e l'altro a maggioranza araba,
creare un'Agenzia Araba, con poteri analoghi a quelli mentre Gerusalemme sarebbe diventata una citt interna-
dell'Agenzia Ebraica. Le prime proteste arabe relative zionale (Corpus separatum) controllata dall'ONU.[10] Se-
all'immigrazione ebraica si registrano verso la ne del
8.1. STORIA 131

condo la commissione dell'ONU che si occup di analiz- sessamento nei confronti dei Palestinesi. Nel 1949 la Lega
zare la situazione in Palestina e di elaborare la spartizio- Araba approv due risoluzioni: nella prima si vietava ai
ne, la popolazione ebraica contava ormai circa 608.000 governi di tutti gli Stati membri di concedere la cittadi-
persone, mentre quella araba circa 1.237.000.[11][12] Il nanza ai profughi palestinesi, nella seconda si ordinava ai
29 novembre 1947 l'Assemblea generale delle Nazioni governi degli Stati membri di facilitare l'espulsione degli
Unite vot (33 s, 10 no, 13 astenuti) la risoluzione 181, ebrei dalle proprie terre.
contenente la divisione della Palestina.
Le principali organizzazioni ebraiche accettarono la pro-
posta (riuti provennero solo dai gruppi pi estremisti che 8.1.4 Dal 1949 ad oggi
puntavano alla costituzione della Grande Israele, com-
prendente tutto il territorio mandatario e parte delle na-
Il 23 Congresso sionista (1951), fu il primo dopo
zioni connanti)[13] mentre la popolazione festeggiava
l'indipendenza e per la prima volta si tenne non in Europa
nelle strade la notizia. Invece la popolazione araba e i
ma a Gerusalemme. Il congresso si apr simbolicamente
paesi arabi circostanti la riutarono, per ragioni di prin-
davanti alla tomba di Herzl, appena traslato da Vienna
cipio religiose (sia islamiche che cristiane) e politiche,
secondo il suo testamento. Poich con l'istituzione dello
oltre che per ragioni pratiche (tra le principali critiche da
Stato di Israele il programma di Basilea era stato rea-
parte araba il fatto che agli ebrei, rappresentanti solo un
lizzato, il congresso riden i compiti del movimento nel
terzo della popolazione, fosse assegnato il 55% del terri-
programma di Gerusalemme come segue:
torio, che questo comprendesse le principali fonti idriche
della regione e che lo stato arabo non avesse sbocchi sul Per quanto riguardava il rapporto fra Stato di Israele e Or-
Mar Rosso). Gli arabi chiedevano uno stato unico, con il ganizzazione Sionista, il congresso approv una risoluzio-
rientro in Europa di tutti gli ebrei immigrati negli ultimi ne che chiedeva allo stato di riconoscere l'organizzazione
decenni. come organo rappresentativo del popolo ebraico in mate-
ria di partecipazione organizzata della Diaspora alla co-
Le nazioni arabe, contrarie alla suddivisione del territorio
struzione di Israele. Nel 1952 la Knesset approv una
e alla creazione di uno stato ebraico, fecero ricorso alla
legge in tal senso.
Corte Internazionale di Giustizia, sostenendo la non com-
petenza dell'assemblea generale delle Nazioni Unite nel Israele, indipendente dal maggio 1948 come Stato
decidere la ripartizione di un territorio andando contro la Ebraico secondo le Nazioni Unite (risoluzione 181 del
volont della maggioranza (araba) dei suoi residenti, ma 29 novembre 1947), dal 1950 riconosce con la Legge del
il ricorso fu respinto. Dopo un anno di scontri interni alla ritorno il diritto di qualsiasi ebreo del mondo di immigra-
popolazione e di scaramucce sui conni con i paesi arabi, re in Israele, semplicemente richiedendolo, e di ricevere
il 14 maggio 1948, termine del mandato, l'Agenzia Ebrai- la cittadinanza non appena arrivato. L'atto di immigrazio-
ca dichiar l'indipendenza dello Stato d'Israele; lo stesso ne in Israele nel caso di un ebreo viene chiamato Aliyah,
giorno il neonato Stato di Israele fu attaccato apertamen- che in ebraico signica ascesa.
te dalla Siria, dall'Egitto, dall'Iraq, ai quali si aggiunse in Durante gli anni '50 e '60, 856.000 ebrei provenienti dal
seguito la Giordania. Nord Africa e dal Vicino Oriente emigrarono in Israele in
Le forze ebraiche, che inizialmente avevano conosciuto seguito all'espulsione, di diritto o pi spesso di fatto (con-
gravi dicolt nell'equipaggiarsi ma che erano meglio sca dei beni), dai paesi di origine, di questi 260.000 solo
organizzate e che ricevettero continui rinforzi provenienti negli anni 1948-1951.[14][15][16] Nel 1945 tra 758.000 e
dall'immigrazione nuovamente possibile, vinsero la guer- 866.000 ebrei vivevano in comunit insediate nel mondo
ra, che si concluse con una sequenza di armistizi, ma nes- arabo[17][18] ; 50 anni pi tardi erano meno di 10.000[19]
sun trattato di pace. In seguito alla guerra, Israele con- Israele ha sempre negato, invece, il ritorno ai profughi
quist un territorio pi ampio di quello promesso dalle arabi palestinesi, anche in considerazione che gli ebrei
Nazioni Unite, mentre la Giordania occup la palestinese erano stati espulsi da tutti i paesi arabi, in un numero
Cisgiordania, e l'Egitto occup la Striscia di Gaza, pari- non inferiore a quello dei profughi palestinesi, con la dif-
menti palestinese. Gerusalemme rest divisa tra Israelia- ferenza che i profughi palestinesi si sono spostati in se-
ni e Giordani. Questo assetto territoriale rimase intatto guito all'aggressione dei Paesi arabi contro Israele nel
no al 1967. 1948, mentre nessuno aveva aggredito i paesi arabi. sia
Lo stato di Israele fu riconosciuto alla nascita dalle Na- ai 711.000 della guerra del 1948[20] (per due terzi fug-
zioni Unite e da buona parte del mondo, ma la totalit dei giti in Cisgiordania e a Gaza), che a quelli della guerra
paesi arabi riut di riconoscere la sua esistenza (rinun- del 1967, argomentando che a loro riservato lo Stato
ciando quindi a costituire lo Stato arabo in Cisgiordania e Arabo previsto dall'ONU nel 1947 e che comunque il lo-
Gaza), e per la maggior parte ancora la riuta. Nel mondo ro numero equivale a quello dei profughi ebrei dai paesi
arabo, e in buona parte del mondo islamico, la creazione arabi. Per entrambe le ragioni, quindi, spetterebbe a que-
di Israele viene vista come un atto di aggressione contro sti ultimi farsi carico dei rifugiati. Nel settembre 1948 il
il mondo arabo, il furto di un territorio ed un atto di spos- conte Folke Bernadotte, incaricato dalle Nazioni Unite e
attivo per il ritorno dei profughi palestinesi nelle loro ca-
132 CAPITOLO 8. SIONISMO

se, fu assassinato dal gruppo Lehi; Israele arrest alcuni tenere gli ebrei collettivamente responsabili di quan-
appartenenti alla banda che furono subito rilasciati. to compiuto dallo Stato di Israele sia una forma di
Il diritto dei profughi a tornare in patria sancito antisemitismo; questa loro opinione stata accolta
dall'articolo 13 della Dichiarazione Universale dei Diritti dall'EUMC (European Monitoring Committee on Raci-
[27]
dell'Uomo, approvata nel dicembre 1948. Questo dirit- sm and Xenophobia) . Durante la seconda guerra del
to non stato sempre applicato; dopo la seconda guerra Libano, nell'agosto 2006, il Primo ministro israeliano,
mondiale, ad esempio, non stato garantito ai profughi Ehud Olmert, ha tuttavia aermato di ritenere che tale
italiani dall'Istria e dalla Dalmazia, n ai profughi tede- guerra fosse combattuta non solo da tutti gli Israeliani,
ma da tutti gli ebrei. Non mancano gli ebrei e le orga-
schi dai Sudeti cechi e dalla Prussia e Slesia polacche, n
ai profughi polacchi dalla Bielorussia, n ai profughi al- nizzazioni ebraiche che deniscono una tale frase, cos
come le espressioni che ouscano la distinzione fra sio-
banesi dalla Ciamuria, n, naturalmente, ai profughi ebrei [28]
dai paesi arabi degli anni '40, '50 e '60. Tutti questi profu- nisti ed ebrei
[29][30]
, estremamente pericolosa per gli Ebrei
medesimi.
ghi sono stati riassorbiti dai paesi di destinazione. Di re-
cente, stato applicato, ma con successo solo parziale, al- Israele, che attualmente conta pi di sette milioni di abi-
le popolazioni fuggite nel corso delle guerre interetniche tanti, si autodenisce uno Stato ebraico. Le due lingue
in Bosnia, Ruanda e Burundi.[21] e agli scampati alla guer- uciali sono l'ebraico, una lingua che stata completa-
ra nell'ex Jugoslavia[22] Il diritto al rientro in patria non mente rivitalizzata dopo pi di due millenni di uso esclu-
viene garantito neppure ai profughi arabi dalla terra poi sivamente liturgico, e l'arabo. Nella pratica l'inglese pi
diventata Israele, molti dei quali vivono tuttora in campi diuso dell'arabo e la lingua russa sta prendendo piede.
in Cisgiordania (territorio sotto la responsabilit israelia- La societ divisa su numerosi temi tra la componen-
na n dal giugno del 1967), Libano, Siria e altri paesi te religiosa e quella laica. I servizi di trasporto pubblico
arabi, che, ad eccezione della Giordania, hanno riutato (con l'eccezione di Haifa) non funzionano di sabato e nel-
loro la cittadinanza e spesso l'integrazione sociale. le altre feste ebraiche.[31] Il potere degli ebrei ultraorto-
In seguito alla conquista e all'occupazione militare della dossi in aumento: in alcuni casi (raramente corretti) vie-
Cisgiordania e della Striscia di Gaza avvenuta nel 1967 in ne imposta la separazione fra uomini e donne su autobus
seguito alla guerra dei sei giorni, sono stati costruiti nuovi in servizio pubblico. Fino al 1967, lo Stato di Israele fu
insediamenti ebraici nei Territori Occupati su terra con- sostenuto, nel mondo, anche dall'Unione Sovietica e dal-
scata ai palestinesi.[23] Ad oggi vi abitano pi di 450.000 la sinistra in genere. Ora i sionisti pi accesi si trovano
coloni. Alcuni di loro sono motivati dalla credenza re- nella destra, fra i neocons statunitensi e le organizzazioni
nazionaliste, come il British National Party.[32]
ligiosa che l'intera Terra di Israele sia stata promessa da
Dio agli Ebrei e che cederne anche solo un pezzo costitui- Durante gli anni '90 emigrato in Israele circa un mi-
sca un peccato. Altri invece sono mossi da considerazioni lione di persone dall'ex-Unione Sovietica. Molti di questi
pi semplici, quali il minor costo della vita, dal momento ultimi hanno con l'Ebraismo legami familiari non ricono-
che le colonie ricevono ingenti nanziamenti statali[24] . sciuti dalla legge religiosa (il padre ma non la madre) e
Queste colonie, inaccessibili alla maggioranza dei pale- non sono mancati i casi di praticanti del Cristianesimo or-
stinesi (fanno eccezione coloro che sono ammessi a lavo- todosso. Si suppone che molti di questi siano emigrati in
rarvi, secondo fonti lo-palestinesi in condizioni molto Israele per sfuggire dalle condizioni economiche e sociali
peggiori di quelle di lavoratori israeliani di pari livello ), molto dure dei paesi di origine. Negli ultimi anni, si ve-
hanno attirato condanne da parte dei Palestinesi e da quasi ricata anche una crescente immigrazione di clandestini
tutto il mondo. Chi si oppone alla creazione delle colonie provenienti dall'Africa e dall'Asia.
paragona spesso la situazione a quella dell'apartheid suda- Ancora oggi l'immigrazione sionista in Israele incorag-
fricano. Fra questi vanno ricordati l'arcivescovo Desmond giata e continua, anche se i ussi pi rilevanti si sono avuti
Tutu e l'inviato ONU per i diritti umani John Dugard, subito dopo l'indipendenza dello stato (1948-1951), per
che considera lo stato delle cose ancora peggiore , l'ex il rimpatrio dei sopravvissuti alla Shoah, per l'espulsione
presidente statunitense Jimmy Carter , le organizzazioni degli ebrei dai paesi arabi e a causa del crollo del sistema
israeliane che lottano per i diritti umani e conoscono la sovietico in Europa Orientale (1990-1991).
situazione sul terreno, come B'Tselem.[25]
Il neosionismo, la forma di sionismo che implica la
costruzione di colonie in Cisgiordania (denominata, per
8.2 Caratteristiche
sottolineare il diritto di Israele sulle terre bibliche, 'Giu-
Il termine deriva dal monte Sion (in ebraico: , Tzi-
dea e Samaria')[26] , ha destato perplessit e critiche anche
yon), il primitivo nucleo della citt di Gerusalemme. Ge-
all'interno di Israele ed stato descritto come una catti-
rusalemme deriverebbe dalle radici ur, cio altura, mon-
va interpretazione della religione ebraica. Cos, nel 1992,
si esprimeva Yeshayahou Leibowitz, intervistato da Eyal tagna, e shlm, pace: quindi monte (poi citt) della pa-
Sivan: ce. Gi al tempo del biblico re Davide (a.C.) Sion
una sineddoche per Gerusalemme e persino per Terra
Israele e le organizzazioni sioniste sostengono che ri-
d'Israele (spesso nella Bibbia gli israeliti sono detti gli
8.2. CARATTERISTICHE 133

e glie di Sion). Il nome di Sion, meno altisonante, pi 8.2.1 I rapporti coi nativi palestinesi
popolano di Gerusalemme, rimasto vivo nella memoria
delle genti, utilizzato soprattutto nella poetica, aancan-
dolo pi spesso a gure femminili, agili ed eteree. Durante i secoli precedenti, si erano gi vericati casi
La gura da desiderare stata nel tempo convertita, du- di ebrei europei che emigravano verso la Palestina ed
rante la diaspora ebraica, nella Terra promessa, casa per- in particolare Gerusalemme, la citt santa della religione
duta tanto bramata. Il Sionismo ha reso pi pragmatico ebraica. Nella regione era quasi sempre esistita una mi-
questo sogno romantico. noranza ebraica, soprattutto a Gerusalemme e a Hebron,
le due citt pi importanti per gli ebrei da un punto
Il termine sionismo, a indicare il nazionalismo ebraico,
di vista religioso. Ci nonostante, all'epoca della nasci-
fu coniato nel 1890 dall'editore ebreo austriaco Nathan
ta del movimento sionista la grande maggioranza della
Birnbaum nella sua rivista Selbstemanzipation (Autoe-
popolazione della regione rimaneva araba e musulmana,
mancipazione), la quale riprendeva il titolo di un libro
con consistenti minoranze di cristiani arabi o armeni.
di Leon Pinsker del 1882.[33]
I sionisti non vedevano un problema in questo dato di fat-
In questo senso, il sionismo il movimento nazionale
to, sostenendo che la popolazione araba avrebbe tratto
ebraico che chiede una patria specicamente in Palestina:
giovamento dall'immigrazione di europei in vasta scala,
il movimento nazionalista ebraico che chiede una patria
che avrebbe rivitalizzato la regione, e credendo che co-
senza preferenze sul luogo noto come "Territorialismo"
munque la popolazione araba non costituisse in nessun
(guidato da Israel Zangwill), mentre l'"Autonomismo"
modo un popolo con una propria identit nazionale, in
chiedeva l'autonomia (non l'indipendenza) politica de-
quanto si sarebbe integrata, sempre secondo sionisti, nel
gli ebrei nei loro tradizionali territori di insediamen-
nascituro stato (Herzl, Congresso di Basilea).
to in Europa centro-orientale. Tutte le varie proposte
di insediamento in regioni extra-europee fatte alla - Il movimento sionista stato oggetto di molte criti-
ne dell'Ottocento fallirono o furono riutate, cos come che e censure da parte dei suoi oppositori proprio per
la richiesta di autonomia, contribuendo solo a meglio l'indierenza nei confronti della popolazione araba pre-
precisare natura e ruolo del sionismo. sente nella regione da oltre 13 secoli; ma la critica pi
diusa piuttosto quella di aver mirato, n dall'inizio,
Il sionismo un movimento laico: di qui gli scontri con
alla decisione di espellere i palestinesi dalla terra in cui
molti Ebrei osservanti. Infatti, per l'ebraismo ortodosso
abitavano.[34] Il comportamento sionista stato assimila-
il regno di Israele deve ristabilirsi all'arrivo del Messia.
to da alcuni ad un tipico atteggiamento colonialista eu-
Per accelerare la venuta di questo non c' che un siste-
ropeo, anche se da questo, per lo meno dagli anni '20, si
ma: obbedire alla volont divina, vale a dire adempiere ai
dierenziato per una caratteristica: quella di impiega-
precetti (mitzvot) stabiliti nella Torah. Si opposero al sio-
re solo manodopera ebraica, non palestinese. Lo scopo
nismo anche gli ebrei riformati (Reformed Jews), soste-
non quello di sfruttare i nativi, come nel colonialismo
nendo che gli ebrei costituiscono una comunit religiosa,
classico, ma di sostituirsi a loro.
non un popolo, e che il regno messianico atteso non che
una metafora per un futuro di libert religiosa, di giusti- In molti rispondono che la Palestina era solo una pro-
zia e di pace, da realizzarsi nelle varie societ. In campo vincia povera e dimenticata dell'Impero ottomano prima
laico, si opposero il Bund, che lottava per la giustizia so- dell'arrivo dei sionisti, e che gli immigrati ebrei, grazie
ciale e l'eguaglianza dei diritti in Europa orientale, e gli all'Agenzia Ebraica, comprarono inizialmente la terra da
ebrei di sinistra, per i quali l'antisemitismo si combatte latifondisti arabi, spesso assenteisti e ben contenti di ven-
lottando per il socialismo. dere appezzamenti di terra ai sionisti spuntando prezzi al-
tissimi, del tutto indierenti alle sorti dei contadini arabi
Una delle manifestazioni di questa opposizione fu che i
della regione. Fino ad allora, l'economia locale era feu-
sionisti tendevano a riutare la lingua yiddish, e a mag-
dale: se la terra passava dal latifondista A a quello B, la
gior ragione le lingue nazionali europee, a favore della
dierenza per i contadini (falln) locali consisteva nel
rinascita dell'antica lingua ebraica, da tempo in uso so-
pagare le imposte al nuovo proprietario.
lo nel culto, come madrelingua ad opera di Eliezer Ben
Yehuda nell'orale, Mendele Moicher Sforim nella prosa e Secondo lo studioso statunitense di demograa Justin
Haim Nachman Bialik nella poesia. McCarthy, che si rif ai documenti dell'Impero Ottoma-
no, nel 1914 erano presenti in Palestina 657.000 abitanti
Una variegata opposizione al sionismo (antisionismo)
di religione musulmana, 81.000 abitanti di religione cri-
sempre esistita in ambito ebraico, nonostante la condi-
stiana e 59.000 ebrei[35] . Il rapporto della lega delle Na-
visione dell'ideale sionista sia largamente maggioritaria.
zioni Interim Report on the Civil Administration of Pale-
Questa opposizione minoritaria ebraica divenuta pi vi-
stine del luglio 1921[36] aerma che nell'area vivevano
sibile a partire dalla guerra dei sei giorni, anche in con-
circa 700.000 abitanti (evidenziando che questo numero
nessione alla contemporanea crescita di tale orientamento
era minore di quello che popolava la Galilea ai tempi di
critico nel mondo, soprattutto ma non soltanto islamico,
Ges), suddivisi tra 235.000 nelle citt e 465.000 negli
fattosi pi vasto in genere a seguito della prima guerra del
insediamenti minori e nelle aree rurali. Di questa popo-
Libano e della seconda intifada.
lazione i 4/5 (circa 560.000) erano musulmani (tra cui
134 CAPITOLO 8. SIONISMO

alcuni beduini arabi), mentre tra i rimanenti (che parla- 8.3.1 Il dibattito
vano comunque arabo come lingua di riferimento) circa
77.000 erano cristiani (principalmente ortodossi) e circa
76.000 ebrei. Di questi ultimi si diceva che erano entrati
in Palestina nei precedenti 40 anni, giunti sia per moti- Sostegno dei non-ebrei
vazioni religiose, sia per sfuggire alle persecuzioni che
stavano avvenendo nell'impero Russo, mentre prima del
1850 erano presenti solo una manciata di ebrei ("Prior to
Il sostegno al ritorno degli ebrei in "terra di Israele" da
1850 there were in the country only a handful of Jews").
parte di non-ebrei (specialmente cristiani) antecedente
Il primo censimento eettuato dall'autorit mandataria
all'organizzazione formale del movimento sionista, anche
Britannica poco tempo dopo l'indagine della Lega delle
se talvolta caratterizzato da motivazioni ambigue.
Nazioni, nel 1922, riportava la presenza di 757.182 abi-
tanti, di cui 590.890 musulmani (139.074 nelle aree cit- In campo politico furono lo-sionisti il presidente Sun
tadine e 451.816 nelle aree rurali), 83.794 ebrei (68.622 Yat-sen (Cina), i presidenti John Adams e Woodrow Wil-
e 15.172) e 82.498 cristiani ed altre minoranze (56.621 son (Stati Uniti), la Regina Vittoria e Re Edoardo VII e i
e 25.877)[37] . primi ministri David Lloyd George e Arthur Balfour (Re-
gno Unito), il generale Jan Smuts (Sud Africa), il presi-
dente Tomas Masaryk (Cecoslovacchia), l'ambasciatore
Cambon (Francia)[38] , gli intellettuali George Eliot (Re-
8.2.2 Il ruolo della diaspora gno Unito), Fridtjof Nansen (Norvegia), Benedetto Croce
(Italia) e Henry Dunant (Svizzera, fondatore della Croce
Non tutti gli ebrei del mondo sono (e sono stati) favore- Rossa e autore delle Convenzioni di Ginevra).
voli al Sionismo. Inizialmente la maggioranza degli ebrei
era indierente o contraria. La maggioranza del mondo In campo religioso molti dei nomi sopra indicati motiva-
ebraico considerava un'eresia religiosa l'idea di rientrare rono il sostegno con la propria fede cristiana, a questi si
in massa in Israele prima dell'arrivo del Messia. aggiunge il generale Orde Charles Wingate e non pochi
I molti ebrei socialisti o comunisti credevano che so- funzionari del Mandato britannico. Da met anni '70 so-
lo attraverso la rivoluzione sociale si potesse far cessa- no aumentate anche le voci lo-sioniste fra gli arabi cri-
re l'antisemitismo e tutte le altre forme di intolleranza stiani, un tempo compatti nel loro antiebraismo religio-
razziale. so. Fu lo-sionista anche Joseph Smith, il fondatore dei
Mormoni.
Dopo la Shoah la maggior parte degli ebrei del mondo
occidentale si schier a favore della creazione di Israele Importanti, fra i sostenitori del sionismo, sono alcune
ed alcuni cercarono di aiutare nanziariamente il neona- componenti del Protestantesimo anglosassone denite
to Stato con donazioni lantropiche. Le comunit nor- sionismo cristiano che hanno un notevole peso elettora-
dafricane e vicino-orientali rimasero indierenti, ma in le e, negli Stati Uniti, appoggiano i neocons. Tra i sionisti
seguito all'ostilit araba nei loro confronti, molti di loro cristiani vi sono anche alcuni gruppi fondamentalisti che
emigrarono in Israele durante gli anni '50 e '60. credono che il ritorno degli ebrei nella Terra Santa e la
fondazione dello Stato di Israele nel 1948 siano il com-
La maggior parte degli ebrei della Diaspora sente oggi pimento di quanto scritto nel libro dell'Apocalisse; questi
un senso di attaccamento e di identicazione con Israele gruppi ritengono che il ritorno degli ebrei debba precede-
anche se non sono mancate le critiche contro la politica re il ritorno sulla terra (considerato imminente) di Cristo.
degli ultimi anni nei confronti della popolazione palesti- Questi mander all'inferno gli ebrei che non credono in
nese; soprattutto la costruzione di nuovi insediamenti ha lui, salvando quelli che si convertiranno al Cristianesimo.
destato perplessit perno nei pi accesi sostenitori dello
Stato ebraico. Negli ultimi tempi le critiche sono diventa- Malgrado questa teologia e questa escatologia nettamen-
te pi diuse, coinvolgendo anche chi, no a poco tempo te antiebraica, non solo i sionisti cristiani statuniten-
prima, era stato sionista e addirittura alcuni di coloro che si sostengono lo Stato di Israele, ed in particolare il
si dichiarano ancora tali. Likud, il governo israeliano ha dato loro una sede in
una delle piazze pi importanti della Citt Vecchia di
Gerusalemme.[39]
Anche tra i musulmani vi una tradizione lo-sionista,
8.3 Controversie pur fortemente minoritaria. Ne fecero parte, anche per
ragioni politiche (anti-ottomane) ed economiche, Al-
Il movimento sionista fu accusato n dalle sue origini Husayn ibn Ali (scerio della Mecca) e i suoi gli Abd
(dal 1897, anno della sua fondazione da parte di Theodor Allah I di Giordania e Faysal I re d'Iraq, oltre (anche con
Herzl) di promuovere un nazionalismo di matrice for- nalit anti-arabe) allo Sci Qajar persiano Nasser al-Din
temente razzista e intollerante nei confronti delle cultu- Shah e a gure curde e berbere. Il recente lone che si ap-
re e dei popoli estranei al proprio modello di vita, e in poggia a interpretazioni del Corano presente solo fra i
particolare alle tradizioni della civilt ashkenazita. musulmani non-arabi anche occidentali.
8.5. NOTE 135

8.4 Le critiche ma department of the World Zionist Organization, De-


cember 12, 2003, URL consultato il 17/08/2006. Neuber-
ger, Binyamin. Zionism - an Introduction, Israeli Ministry
Durante gli anni sessanta buona parte dei movimenti di of Foreign Aairs, August 20, 2001, URL consultato il
liberazione nazionale del Terzo Mondo identicarono il 17/08/2006).
sionismo con una forma di colonialismo. Il sostegno ame-
ricano ad Israele, sempre pi forte dopo la guerra dei sei [2] Cfr. il lemma Zionism sull'Encyclopaedia Britannica.
giorni, rinforz questa tesi. Anche l'Unione Sovietica, do- [3] Ministro de Netanyahu pede votos para qualquer partido
po l'appoggio iniziale dato ad Israele, si schier a favore sionista - Notcias - R7 Internacional
dei paesi arabi e condann la politica di Israele e le sue
basi costitutive. [4] (EN) Jewish Emigration from Russia: 1880 - 1928,
friends-partners.org. URL consultato il 18/10/2008.
Nel 1971 divenne segretario generale delle Nazioni Uni-
te Kurt Waldheim, accusato di avere un passato nazi- [5] (EN) Shmuel Ettinger, Emigration during the Nineteen-
sta e persino di crimini di guerra, ma assolto non solo th Century, MyJewishLearning.com. URL consultato il
per aver semplicemente combattuto nella Wehrmacht in 18/10/2008.
Francia durante la Seconda guerra mondiale senza che [6] Source: A survey of Palestine, prepared in 1946 for the
fosse provato il minimo coinvolgimento in attivit cri- Anglo-American Committee of Inquiry, Volume II page
minose, ma grazie anche alla ecace difesa che ne fece 907 HMSO 1946.
Simon Wiesenthal, noto per aver indagato per tutta la sua
[7] Il falso della Ochrana, ottenuto mediante il plagio da te-
vita sulle criminose attivit dei nazisti. Le Nazioni Uni-
sti precedenti non riferiti agli ebrei, fu dimostrato da The
te in una risoluzione del 1975 equipararono il sionismo al Times nel 1921, ma il libello ancora oggi ristampato nel
razzismo,[40] ma la risoluzione fu poi ritirata nel 1991,[41] mondo arabo.
come condizione da parte di Israele per partecipare alla
Conferenza di Madrid. [8] League of Nations, Palestine Mandate, July 24, 1922

Nella sinistra europea ed americana, il sionismo stato [9] A. Ruppin. Soziologie der Juden. Berlin, Jdischer Verlag,
sovente visto come una forma di colonialismo (ci in 1930. I, p. 157
parte dovuto alla conquista della Palestina nella guerra dei [10] United Nations Special Committee on Palestine; report to
sei giorni), di razzismo e di fondamentalismo religioso. the General Assembly, A/364, 3 September 1947
Questo punto di vista stato ripreso anche dall'estrema
destra, con una grande dierenza di argomentazioni, sia [11] Anonymous, REPORT TO THE GENERAL ASSEM-
in Europa che dalle frange fondamentaliste cristiane negli BLY, VOLUME 1, UNITED NATIONS SPECIAL
COMMITTEE ON PALESTINE, 3 settembre 1947.
Stati Uniti e nelle ex-repubbliche sovietiche. Gli israelia-
URL consultato il 30 giugno 2008.
ni rispondono che gli Ebrei non si possono considerare
dei colonialisti e cercano solo di trovare un luogo dove [12] (EN) United Nations Special Committee on Palestine,
sfuggire a persecuzioni secolari che sembrano non aver Recommendations to the General Assembly, A/364, 3
ne. Quasi la met degli ebrei israeliani originaria di September 1947
paesi europei. In base alla dichiarazione di indipendenza, [13] Medo, Rafael, MENACHEM BEGIN AS GEORGE
Israele aperto all'immigrazione ebraica da altri paesi ma WASHINGTON: THE AMERICANIZING OF THE
al contempo: JEWISH REVOLT AGAINST THE BRITISH, in
Israele si denisce nelle sue Leggi Fondamentali come American Jewish Archives, 47, no. 2 (July 1994): 185-195.
uno Stato ebraico e democratico";[42] stato fatto osser- [14] Ada Aharoni The Forced Migration of Jews from Arab
vare, anche in ambito ebraico israeliano, come questa sia Countries, Historical Society of Jews from Egypt website.
un'aermazione contraddittoria,[43] soprattutto da parte URL consultato il 01/02/2009.
della corrente del Post-Sionismo.
[15] Ya'akov Meron, Why Jews Fled the Arab Countries,
Il Dipartimento di Stato statunitense ha sollevato critiche Middle East Quarterly, September 1995.
circa il fatto che la societ israeliana sia strutturata in ma-
[16] World Organization of Jews from Arab Countries
niera da essere intollerante (il parere stato ripreso in
WOJAC.
un articolo di Haaretz[44] ).