Sei sulla pagina 1di 45

Le teorie e i modelli concettuali costituiscono un fattore per la

nascita e lo sviluppo scientifico e culturale della scienza e


rappresentano tuttora un fondamento della pratica
assistenziale, insieme al processo di assistenza infermieristica.
Si divide in due parti:
ARTE: attivit mirante ad uno scopo, che si esercita sulla base
di conoscenze, esperienza, abilit e intuizione.
SCIENZA: conoscenza sistematica di determinati fenomeni,
fisici, naturali, psichici, che si ottiene mediante l' osservazione,
l'esperimento, l'induzione e altri mezzi.
La scienza infermieristica individua un campo di studio:
luomo portatore di un bisogno di assistenza infermieristica:
alimentata dalla ricerca torica e clinica, utilizza un proprio
metodo (processo di nursing), utilizza un proprio linguaggio.
TEORIE E MODELLI
FLORENCE NIGHTINGALE MODELLO AMBIENTE .
Nasce a Firenze il 12 Maggio 1820. Solida cultura:lingue
antiche e moderne, letteratura, filosofia, religione, storia,
economia, scienze, alta matematica. 1847:visita a Roma le
comunit assistenziali religiose della chiesa cattolica. 1847:si
iscrive al corso trimestrale di nursing a Kaiserwerth, Germania,
corso che porta a termine con successo. 1859:scrisse Notes of
nursing. 1860:Notes of nursing viene riscritto e tradotto in
italiano, francese e tedesco. Ancora oggi sono validi i principi
fondamentali esposti. 1860:apre la Nightingale Training School
per infermiere.1910:Florence Nightingale muore nella sua casa
nellHampshire, Inghilterra. La partecipazione di Florence
Nightigale alla guerra in Crimea (1854-1856) segno linizio
dellevoluzione dellassistenza infermieristica. Fu anche
linizio del mito che la dipinse la Signora della lampada. La
Nighatingale identifica cinque regole per la pratica
infermieristica: Aria pulita: fornire al paziente unadeguata
ventilazione. Riteneva che il ricambio dellaria fosse alla base
del nursing;Luce: credeva nelleffetto benefico della luce
solare, infatti, secondo la sua opinione la luce solare migliorava
il processo di guarigione che la natura svolgeva;Pulizia:
allinterno di questo concetto rietrano anche quelli di pulizia
delle acque e del sistema fognario. Il bisogno di pulizia andava
esternato non solo allambiente ma anche allinfermiere e al
paziente.
ASSUNTI DELLA TEORIA
Persona: intesa come ogni singolo membro della societ
Malattia: processo riparatorio che la natura istituisce
Salute: lo stare bene di ogni individuo in relazione alle
proprie potenzialit;
Nursing: una pratica umanitaria, affinch la natura possa
agire con il processo della malattia;
Nursing Sanitario: processo di prevenzione delle malattie
attraverso il controllo dellambiente.,
TEORIA E METAPARADIGMA
Persona: Il paziente sempre nominato persona;essere umano
su cui agisce linfermiere;essere umano su cui ha influenza
lambiente;possiede capacit di recupero nei confronti della
malattia (se lambiente favorevole)
Ambiente:costituisce il fondamento della teoria della
Nightingale;comprende le forze e le condizioni esterne che
influiscono sullo sviluppo e sulla vita;ha ampi limiti e va dal
cibo alla relazione infermiera-paziente.
Salute:mantenimento del benessere attraverso luso migliore
delle capacit della persona;la malattia vista come un
processo di ristabilimento avviato dalla natura;la salute pu
essere mantenuta attraverso il controllo dei fattori ambientali
Assistenza Infermieristica: agisce sullambiente;facilita il
processo di guarigione;disciplina distinta dalla medicina, che si
concentra sulla persona piuttosto che sulla malattia
PROCESSO DI NURSING
Accertamento :raccolta dati attraverso losservazione
dellambiente (fisico, psichico, sociale);effetti/conseguenze
dellambiente sulla persona;
Diagnosi:riflette i bisogni della persona;individua le lacune
nelle informazioni raccolte nella raccolta dati;
Pianificazione:preparazione di misure assistenziali per
intervenire sullambiente;fa riferimento agli elementi che
devono essere controllati nellambiente;
Attuazione:porre la persona nelle migliori condizioni possibili
nellambiente;comprende misure atte a modificare lambiente,
conservare le capacit di recupero della persona, favorire il
processo di recupero;richiede la comunicazione,
linsegnamento e lofferta di supporto
Valutazione:raccolta di statistiche e di dati (sullambiente e
sulla persona);rileva il miglioramento e la progressione delle
condizioni della persona.
VIRGINIA HENDERSON MODELLO UMANISTICO.
CENNI STORICI: 1897: nasce a Kansas City;1921: si diploma
allArmy School of Nursing;1926: completa gli studi con il
baccalaureato e il Master in nursing education istruzione
infermieristica alla Columbia University;1955: pubblica per la
prima volta la sua definizione di Nursing nel testo The
Principles and Practice of Nursing;1960: pubblica un
opuscolo dal titolo Basic Principles and Practice of Nursing
Care1966: pubblica il libro The Nature of Nursing, in cui
chiarisce le sue teorie sullinfermiere e lassistenza.
TEORIA E METAPARADIGMA:
Salute: si riferisce alla capacit della persona di agire in modo
indipendente rispetto ai quattordici bisogni fondamentali. A tale
scopo, ciascun individuo dispone della forza fisica, della
volont e delle conoscenze. La salute la qualit della vita. La
salute fondamentale per il funzionamento umano.
Individuo/ Paziente: ogni persona bisognosa di assistenza al
fine di raggiungere la salute, lindipendenza o la morte. un
insieme inscindibile di corpo e mente, esso costituito da
componenti biologiche, psicologiche, sociologiche e spirituali.
Il paziente e la sua famiglia sono visti come unit.
Assistenza infermieristica: unattivit che pu essere rivolta
alla persona sana o malata finalizzata al raggiungimento
dellindipendenza e alla soddisfazione dei quattordici bisogni.
un lavoro dequipe che richiede autonomia professionale,
conoscenze fondamentali delle scienze sociali, delle dottrine
umanistiche, spirituali e religione in cui la persona inserita.
Inoltre, per la risoluzione dei problemi utilizza un approccio
logico e scientifico. Per svolgere la sua funzione specifica l'
infermiera dovr conoscere l'assistito, comprenderlo, e saper
interpretare il suo comportamento.
BENE E BISOGNO
Bisogno: una condizione, individuale o collettiva, in cui la
persona avverte o accerta la mancanza di un bene;
Bene: qualunque cosa che si materializza concretamente (o che
si percepisce) ma che comunque determina un piacere, quindi
qualunque cosa a cui si attribuisce un valore. I bene non hanno
valore assoluto.
BISOGNO MANCANZA DI UN BENE
NECESSITA DI SODDISFACIMENTO
I bisogni che Virginia Henderson individua furono quattordici:
Respirare normalmente;Alimentarsi e bere in modo
adeguato;Eliminare;Muoversi e mantenere la posizione adatta
( camminare, sedersi);Dormire e riposare;Scegliere il
vestiario, vestirsi e spogliarsi;Mantenere la temperatura
corporea nei limiti normali;Provvedere alligiene
personale;Comunicare con gli altri, per esprimere emozioni,
bisogni e timori;Seguire le pratiche religiose secondo la
propria fede;Dedicarsi a qualunque
occupazione;Giocare,Apprendere, interrogare, soddisfare la
curiosit che conduce al normale sviluppo dellintelligenza.
MEZZI E STRUMENTI PER LA HENDERSON
RACCOLTA DATI - ANALISI DEI DATI
PIANIFICAZIONE INTERPRETAZIONE
VALUTAZIONE
Raccolta dati: si basa sulle singole informazioni
relative ad una situazione che genera uno o pi
problemi. I mezzi a disposizione dellinfermiere per la
raccolta dei dati, secondo la Henderson, sono:
Osservare significa essere
attenti a tutto ci che accede.
Osservazione un processo che utilizza i
nostri sensi in modo
particolare
la vista che dovr prestare
attenzione
al comportamento non
verbale.

colloquio un momento importante nel


momento del rapporto
interpersonale.

Fornisce indicazioni generali raccolte


CARTELLA INFERMIERISTICA nel momento
dellaccettazione.
uno strumento indispensabile per
ottimizzare e rendere individuale
lassistenza infermieristica.
Rappresentano un mezzo a
TESTI DI RIFERIMENTO disposizione dellinfermiere
che
potranno essere consultati nel
momento in cui si trova di
fronte
una malattia a lui sconosciuta.
Interpretazione o analisi dei dati: questo momento
caratterizzato da un analisi attenta dei dati raccolti
(anamnesi);
Pianificazione: si decide la modalit dintervento da adottare
per la risoluzione del problema. La Henderson sosteneva che
una giusta pianificazione rendeva il lavoro pi semplice e pi
adattabile. Questa fase comprende la:
costruzione del progetto in base ai
bisogni dell'individuo
aggiornamento del progetto in base ai
cambiamenti
utilizzazione del progetto come
strumento informativo
adeguamento al progetto descritto dal
medico
Intervento: consiste nellesecuzione del piano di azione
stabilito e che, in termini infermieristici si traduce con
lintervento dellinfermiere le cui azioni sono rivolte al
paziente.
L'INFERMIERE AIUTA IL PAZIENTE A SEGUIRE
TUTTE QUELLE ATTIVITA' CHE:
permettano di conservare lo stato di
salute
guariscano dalla malattia

portino ad una morte serena

Valutazione: in questa fase si procede a controllare se gli


obiettivi prefissati nella pianificazione sono stati raggiunti
I TRE LIVELLI DI ASSISTENZA
Nellambito della relazione infermiere/paziente possibile
individuare tre livelli dintervento che vanno da una relazione
di estrema dipendenza ad un livello di dipendenza relativa.
Infermiere sostituto del paziente Relazione di dipendenza
Infermiere aiuta il paziente Relazione di dipendenza parziale
Infermiere partener del paziente Relazione di indipendenza

LYDIA HALL MODELLO DI


RELAZIONE, ASSISTENZA E CURA
Nasce a New York City il 21 Settembre 1906;1927: Basic
nursing education;1937: Bachelors in Public Health Nursing;
1942: Masters in teaching Natural Sciences; 1963: First
director of Loeb Center for Nursing. La Hall definisce in modo
esplicito il comportamento come tutto ci che viene detto o
fatto. dettato dai sentimenti consci ed inconsci. un metodo
Rogeriano di comunicazione con il quale le verbalizzazioni
scelte dal paziente gli vengono ripetute, per invitarlo ad
esplorare i suoi sentimenti. La consapevolezza di s si riferisce
a quello stato dessere che linfermiera si sforza di far
raggiungere al paziente. Pi una persona ha la consapevolezza
dei propri sentimenti, pi il controllo avr del suo
comportamento. la fase di guarigione non acuta della
malattia. Questo stadio contribuisce allapprendimento e alla
riabilitazione. il momento ideale per lassistenza
infermieristica.
Lo definisce Professionale. unassistenza infermieristica
esercita solo da infermieri professionali, che si assumono la
responsabilit di coordinare e di offrire unassistenza totale.Si
riferisce allassistenza pratica e intima al corpo del paziente e
implica una relazione di tipo educativo. volta a rispondere ai
bisogni primari della persona: lavarsi, nutrirsi. Durante
lassistenza primaria si crea un rapporto di fiducia e di
conoscenza fra linfermiere e la persona malata.
CARE - Si riferisce allassistenza pratica e intima al corpo del
paziente e implica una relazione di tipo educativo. volta a
rispondere ai bisogni primari della persona: lavarsi, nutrirsi.
Durante lassistenza primaria si crea un rapporto di fiducia e di
conoscenza fra linfermiere e la persona malata.
CORE - Coinvolge luso terapeutico di s nella comunicazione
con il paziente. lanima, il fulcro e il lavoro psicologico
volto dallinfermiera con la collaborazione attiva del paziente
che viene stimolato alla riflessione e al cambiamento delle
proprie convinzioni e dei propri atteggiamenti
CURE - laspetto del nursing, lattivit di cure in senso
stretto che linfermiere svolge in collaborazione con il medico:
somministrare la terapia, fare iniezioni ecc
CONCETTO CENTRALE
La persona: Scienze sociali, Uso terapeutico del s, Aspetto
centrale del nursing
La malattia: Scienze della patologia e terapia. Il paziente e la
famiglia vengono visti attraverso la componente medica.
Aspetto di cura del nursing.
Il corpo: Scienze naturali e biologiche. Assistenza intima del
corpo. Aspetto d assistenza del nursing.
TEORIA E METAPARADIGMA
Nursing:
deve essere svolto solo da infermieri professionali;
linfermiere opera quando i pazienti sono nella seconda
fase della malattia, ossia, nella fase non acuta.
la competenza infermieristica ha al suo centro il corpo
umano
lunicit, la singolarit del nursing consiste non soltanto
nel conoscere lassistenza al corpo ma anche nel sapere
come modificare
Ambiente:
I servizi infermieristici sono definiti dalla Hall delle
organizzazioni con lobiettivo di fornire non solo
assistenza e linsegnamento, ma piuttosto era quello di
aiutare i medici a svolgere il loro lavoro.
Persona/ paziente:
complesso, un essere umano che porta con s
influssi della sua cultura e del suo ambiente.
Il pz composto da corpo.patologia e persona
Le persone si comportano in base ai loro sentimenti
I pazienti raggiungono il loro potenziale attraverso un
processo di apprendimento. La principale terapia
linsegnamento.
DOROTHEA OREM SVILUPPO DELLE CAPACITA DI
AUTO-SUFFICIENZA
CENNI STORICI 1912: Nasce a Baltimora nel
Maryland (Stati Uniti);1939: ottiene il Bachelor of
Science in Nursing.1945: ottiene il Master in Nursing
Education presso luniversit la Cattolica
dAmerica;1945-1948: assume la carica di Direttrice
della Scuola per Infermieri dellOspedale Providence e
di Direttrice del Servizio Infermieristico dellOspedale
di Detroit.Anni 50 : assume il ruolo di consulente nella
divisione della Sanit e dei servizi Istituzionali del
Ministero della Sanit nello Stato dellIndiana; 1956: la
Orem scrisse: Larte del nursing praticata operando
per la persona disabile aiutandola a operare da sola o
aiutandola ad imparare a fare da sola1958: elabora la
teoria del Self Care (Cura di s);1959: pubblica il testo
Guides for Developing Curricula for the Education of
Practical Nursing;1971:pubblica il Volume Nursing:
Concepts of Practice ripreso in varie edizioni nel
1980-1985-1990.
1971: pubblica il Nursing: Concept of Practic
TEORIA DEL SELF CARE: Il concetto di self-care stato
sintetizzato dalle seguenti affermazioni:
La self-care influenzata dalla percezione che la
persona ha di se stessa;
La self-care influenzata dalle conoscenze e dalle
abitudini sociali e culturali della persona;
La self-care influenzata dalle motivazioni della
persona, che pu decidere di impegnarsi o meno in
determinate azioni per la self-care;
La mancanza di conoscenze scientifiche relative alla
self-care, i disturbi di salute, la mancanza di abilit per
la self-care limitano ci che una persona pu fare per la
self-care;
TEORIA DEI SELF CARE DEFICIT: Il Deficit della Cura di
s insorge quando le richieste terapeutiche di self-care
superano le capacit di cura di s, ossia quando la persona non
in grado di gestire la cura di s. I deficit di self-care possono
presentarsi come:
Completi: non avere nessuna capacit di soddisfare
una richiesta terapeutica di cura di s;
Parziale: pu essere esteso o limitarsi allincapacit di
soddisfare uno o pi requisiti della cura di s
nellambito di una richiesta terapeutica di cura.
Necessita dellassistenza infermieristica.
TEORIA DEI SISTEMI INFERMIERISTICI: Costituisce la
componente organizzativa del nursing, descrive lassistenza
infermieristica e le relazioni tra infermiere e paziente. Un
sistema di assistenza infermieristica viene considerato come un
tipo particolare di sistema che si auto-organizza.
TEORIA E METAPARADIGMA
PERSONA
Lessere umano una unit che pu essere considerata
da un punto di visti biologico,psicologico e sociale;
Luomo dotato di caratteristiche che lo distinguono
dagli altri esseri viventi;
Gli esseri umani sono soggetti che hanno unattivit
intrinseca piutosto che una passivit o una mera
reattivit agli stimoli.
AMBIENTE
Non lo definisce esattamente, anche se mette in
relazione la stretta interazione esistente fra questo e
luomo;
Classifica gli ambienti umani in: Fisico, biologico e
socio-economico;
Conoscere lambiente essenziale per valutare le
capacit e le potenzialit dellindividuo nella cura del
s.
SALUTE
La salute deve comprendere ci che rende umana una
persona, operando congiuntamente a meccanismi
fisiologici e psicologici, a una struttura materiale e in
relazione alla coesistenza con altri esseri umani;
La salute una condizione caratterizzata da integrit o
completezza delle strutture umane sviluppate e del
funzionamento del corpo e della mente.
ASSISTENZA INFERMIERSTICA
necessaria quando le richieste terapeutiche di cura di
s superano le capacit di cura di s.
EVELYN ADAM
CENNI STORICI:Nasce in Canada il 09 Aprile 1929;1950: si
diploma in nursing;1971: consegue il master alluniversit
della California a Los Angeles, dove incontr Dorothy Johnson
che influenz in modo determinante la sua vita
professionale;1980: pubblica il suo primo libro To be a
Nurse. In questo libro applica la definizione di nursing di
Virginia Henderson al modello appreso da Dorothy Johnson e
ne identifica i presupposti, i valori, le convinzioni e le unit
principali; Dal 1983 membro del Comitato di recensione
della rivista Nursing papers;Attualmente professore di
nursing e segretaria della Facolt di Nursing allUniversit di
Montreal;Lo sviluppo dei modelli concettuali nel nursing in
voga sin dal 1970.
DEFINIZIONE DI MODELLO CONCETTUALE
La Adam scrive: il modello concettuale una
astrazione, un modo di guardare qualcosa,
uninvenzione della mente;
Descrive il centro di indagine della disciplina, identifica
quei fenomeni di particolare interesse per il nursing
TEORIA E METAPARADIGMA
Mantenere e ripristinare lindipendenza dellassistito
soddisfandone i bisogni fondamentali
Linfermiere ha un ruolo di tipo complementare e
supplementare
Linfermiere deve far riferimento ad un proprio modello
concettuale per possedere una identit professionale
distinta
Linfermiere pu assistere una famiglia o un gruppo
PERSONA: raffigurata come un insieme complesso,
composto di 14 bisogni fondamentali.
AMBIENTE: implicito in tutti perch la dimensione socio-
culturale parte integrante di ciascun bisogno
SALUTE:Non d nessuna definizione. Utilizza il termine
salute per definire lobiettivo del nursing.
MADELEINE LEININGER - TEORIA
DELLASSISTISTENZA TRANSCULTURALE
CENNI STORICI: Nasce il 13 Luglio 1925 a Sutton
(USA);1948: si diploma come infermiera;1950: consegue il
Bachelorof Science in nursing presso il Benedectine College
nel Kansas;1954: si specializza in nursing psichiatrico;1955:
lavorando con i bambini, ella verific lincomprensione da
parte del personale dei fattori culturali che influenzavano il
comportamento dei bambini; Influenzata dallincontro con
lantropologa Margaret Mead studia le relazioni tra nursing ed
antropologia;1959: inizia un lavoro sullantropologia culturale,
psicologia e sulletnologia generale;1965: ottiene il dottorato in
Antropologia presso lUniversit di Washington a Seattle;1966:
tiene allUniversit del Colorado il primo corso di Nursing
Transculturale;1970: pubblica il primo libro che trattava di
nursing transculturale: Nursing and Antropology: Two Worlds
to Blend;1978: nel libro Transcultural Nursing: Concept,
Theories, and Practices la Leininger dimostrava come le
discipline dellantropologia e del nursing fossero
complementari e allo stesso tempo differenti.
TEORIA INFERMIERISTICA
La Leininger si accorse che l assistenza infermieristica
non teneva conto della cultura della persona assistita e
che le diversit cos ben definite nella vita di tutti i
giorni, non erano per nulla viste n prese i
considerazione.
bisognava aiutare le infermiere a sviluppare un nuovo
modo di pensare e prendere decisioni cliniche.
Guardare i problemi in unottica culturale aiuta a
generare nuovi modi di assistere la gente Lo studio e
lanalisi dei comportamenti sanitari nelle varie culture
viene condotto dalla Leininger attraverso losservazione
partecipante e lintervista in profondit dei soggetti
interessati
TEORIA DEL NURSING TRANSCULTURALE
Un campo o branca del nursing che ha al suo centro uno
studio comparato e lanalisi di diverse culture in rapporto al
Nursing e alle pratiche di assistenza connesse allo stato di
salute e malattia, alle credenze e ai valori. Teorie e modelli di
comportamento costituiscono un corpus di conoscenze
scientifiche e umanistiche al fine di fornire indicazioni di
assistenza infermierisitca.
ASSISTENZA CULTURALE
Si riferisce ai valori e alle credenze che aiutano,
supportano unaltra persona nelle condizioni di
mantenere il benessere, la morte o la disabilit
Puo essere diversa nei significati, modelli, valori,
credenze, oppure universale;
essenziale conoscere le diversit culturali al fine di
erogare le cure a pazienti, famiglie e comunit.
DEFINIZIONE DI ETNOSCIENZA O ETNONURSING
Si riferisce allo studio sistematico del modo di vivere di un
gruppo culturale per ottenere un resoconto accurato del
comportamento delle persone e di come percepiscono e
conoscono il loro universo.
TEORIA E METAPARADIGMA
PERSONA: un essere culturale con visioni ampie e
divergenti sulla vita, sul vivere e sulle esperienze; Supera il
rapporto dualistico infermiere/paziente, focalizzando
lattenzione sulla famiglia, sui gruppi, sulle comunit, sulle
complessit delle culture.
AMBIENTE: il contesto fisico, ecologico, socio-politico e
culturale. determinato da diverse dimensioni sociali e
culturali.
SALUTE: Si riferisce a una condizione di benessere, che
definita, valutata ed esercitata da un punto di vista culturale. La
salute si riflette sulle capacit degli individui (o gruppi) di
svolgere le attivit quotidiane secondo gli stili di vita espressi
culturalmente, utili e codificati.
NURSING: un arte umanistica e una scienza che si basa su
comportamenti, funzioni e processi personalizzata, compiti e
processi diretti a promuovere e a mantenere la salute. Ha un
significato fisico, psico-culturale e sociale per le persone
assistite
HILDEGARD PEPLAU NURSING PSICODINAMICO
CENNI STORICI: Nasce a Reading il 1 Settembre 1909 in
Pennsylvania1931: si diploma in infermieristica alla Pottstown
Hospital School of Nursing della Pennsylvania , ed inizia a
lavorare come infermiera negli ospedali in Pennsilvania e New
York City.1943: ottenne il Bachelor in psicologia
interpersonale al Bennington College Vermont;1947: consegue
il Master in Nursing Psichiatrico;1952 pubblica Interpersonal
Relation in Nursing; 1953: ottenne il Dottorato in pedagogia,
presso la Columbia University, New York.
TEORIA INFERMIERISTICA
Si basa sulle scienze comportamentali e sui lavori di Freud,
Fromm, Maslow ed altri. Inserisce nella sua teoria, le teorie
della psicanalisi, dellapprendimento sociale, della motivazione
umana e dello sviluppo della personalit.
DEFINIZIONE DI NURSING PSICODINAMICO
Il Nursing Psicodinamico consiste nellessere in grado di
capire il proprio comportamento per aiutare gli altri a
identificare le difficolt avvertite e ad applicare i principi delle
relazioni umane ai problemi che nascono a tutti i livelli
dellesperienza
PRINCIPI DELLA SUA TEORIA
una relazione professionale, unica, mai routinaria;
Si sviluppa in quattro fasi consequenziali,
interdipendenti ed in parte sovrapposte;
Durante le varie fasi linfermiere assume ruoli diversi
con il paziente.
FASE DELLORIENTAMENTO
Linfermiere e il paziente si incontrano come due
estranei;
Esiste da parte del paziente un bisogno percepito. Tale
bisogno deve essere identificato in modo chiaro
dallinfermiere con la collaborazione del paziente;
Nella relazione infermiere/paziente entrano in gioco
numerose variabili: cultura, religione, et, grado di
dipendenza, aspettative e pregiudizi;
La tensione e ansia associate alla sensazione di bisogno
ed incertezza pu essere trasformata in energia, che se
utilizzata positivamente, permette al paziente e
allinfermiere di giungere alla definizione del problema;
Nel rapporto infermiere-paziente, linfermiere deve tenere
conto della cultura del paziente e dei suoi valori in quanto l'
uomo rappresentato da tutto il suo vissuto precedente
(studi antropologici).
FASE DELLIDENTIFICAZIONE
Il paziente risponde selettivamente alle persone che
possono soddisfare i suoi bisogni di assistenza. Ogni
paziente risponde in modo diverso e in tempi differenti.
Esistono tre tipi di risposta:
Risposta interdipendente o partecipativa: il paziente si
rende conto del suo problema, accetta e collabora
consciamente alla risoluzione del problema. Non ci
sono momenti di sfiducia perch nellinfermiere
riconosce uneffettiva
FASE DELLUTILIZZAZIONE
Il paziente cerca di trarre il massimo beneficio da ci
che gli viene offerto attraverso la relazione.
Si possono proggettare nuovi obiettivi da raggiungere
attraverso uno sforzo personale;
Il miglior risultato si ottiene nel momento in cui il
paziente comincia a staccarsi dallinfermiere e a trovare
la propria indipendenza;
Il momento in cui il paziente si rende indipendente
molto delicato, infatti pu succesere che alcuni pazienti
aumentino la loro richiesta di attenzione, oppure
alternino atteggiamenti di dipendenza ad altri di
indipendenza dallinfermiere.
FASE DELLA RISOLUZIONE
La risoluzione rappresenta il momento
conclusivo della relazione terapeutica
infermiere/paziente;
Si accantonano graduatamente i vecchi obiettivi
e si assumono i nuovi:
Il paziente si libera dallidentificazione con
linfermiere;
Talvolta coincide con la dimissione;

Il paziente torna ad una situazione di


indipendenza;
TEORIA E METAPARADIGMA
AMBIENTE
Linfermiere deve considerare la cultura e i valori del
paziente.
La societ scarsamente presa in considerazione. La
Peplau pone laccento su quello che avviene allinterno della
persona.
SALUTE
La personalit va incentivata verso una vita creativa,
costruttiva, produttiva, personale e comunitaria;
Rappresenta il fine dellinfermieristica;
La malattia una occasione per un apprendimento fondato
sullesperienza.
ASSISTENZA INFERMIERISTICA
Rapporto umano fra un individuo malato che manifesta
un bisogno e un infermiere istruito per riconoscere e
rispondere al bisogno;
un importante processo terapeutico interpersonale che
contribuisce alla salute delle persone;
uno strumento educativo, una forza che stimola nei
pazienti una maturazione attraverso lesperienza della
malattia;
promuove lo sviluppo delle capacit del paziente;

In questo rapporto la partecipazione deve essere attiva


sia da parte dellinfermiere che da parte del paziente;
Linfermiere deve promuovere lo sviluppo delle
capacit del paziente in modo che la malattia diventi
una crescita personale.
IDA JEAN ORLANDO - TEORIA DELLA RISPOSTA
DISCIPLINATA
CENNI STORICI: Nasce il 12 Agosto 1926; Lavora come
infermiera, educatrice, insegnante e consulente;Consegue vari
titoli universitari e specializzazioni, in particolare nel 1954
acquisisce un Master in Consulenza di salute mentale alla
Columbia University di New York;Ha scritto numerosi libri tra
cui:The Dynamic Nurse-Patient Relationship: Function,
Process and Principles (1961); The Discipline and Teaching of
Nursing Process (1972).
CONCETTI E DEFINIZIONI PRINCIPALI
I principali concetti sono:
Comportamento del paziente: un paziente pu essere chiunque
soffra un senso di impotenza che richieda laiuto
dellinfermiere.
Distress e bisogno di aiuto: sono legati al comportamento del
paziente. Il bisogno di aiuto definito come una esigenza del
paziente che s viene soddisfatta d sollievo o diminuisce il suo
disagio.
Miglioramento nel comportamento immediato del paziente:
miglioramento significa un cambiamento in meglio del
comportamento del paziente dopo aver soddisfatto il bisogno di
aiuto. Pertanto il miglioramento il risultato dellazione
infermieristica e fornisce criteri per stabilire se il bisogno di
aiuto stato soddisfatto.
Infermiere: la Orlando considera linfermiera, lattivit
infermieristica e i risultati di questa come lunit operativa di
base del sistema infermieristico. Linfermiere colui che offre
assistenza diretta ad individui, allo scopo di alleviare, evitare
diminuire o curare limpotenza dellindividuo.
Azione infermieristica: qualunque cosa linfermiere dica o
faccia.
Esplorazione: limportanza della esplorazione da parte
dellinfermiere e del paziente dei pensieri e dei sentimenti del
primo e le percezioni del comportamento del paziente.
Disciplina di processo: il termine utile per esprimere il modo
in cui lesplorazione dovrebbe avvenire per comprendere
lesperienza del paziente.
TEORIA E METAPARADIGMA
NURSING: Deve essere una professione specifica che opera in
modo autonomo. Gli infermieri dovrebbero sollevare dal
disagio fisico e mentale il paziente senza accrescere il suo
distress; Il nursing finalizzato al miglioramento del
comportamento del paziente inteso come risultato delle azioni
infermieristiche.
PERSONA: Le persone si rapportano in modo verbale o non
verbale; Le persone a volte sono in grado di soddisfare i propri
bisogni, ma quando sono sofferenti diventano bisognosi di
aiuto.
SALUTE: Non d una definizione di salute ma assume che la
libert dal disagio fisico o mentale e le sensazioni di
adeguatezza e di benessere contribuiscano alla salute.
AMBIENTE: Afferma che una situazione infermieristica esiste
quando vi sia un contatto infermier/paziente e che entrambi
percepiscono e sentono nellambiente immediato.
DOROTHY E. JOHNSON - MODELLO DEL SISTEMA
COMPORTAMENTALE
CENNI STORICI: Nasce il 21 Agosto 1919 a Savannah nella
Giorgia;1942: si diploma in scienze infermieristiche alla
Universit di Vanderbilt a Nashville nel Tennessee;1948:
consegue il master alla Universit di Harvard a Boston; stata
istruttrice e assistente in nursing pediatrico alla scuola per
infermieri delluniversit di Vanderbilt;La sua teoria nasce
dalla affermazione della Nightingale che lobiettivo del nursing
quello di aiutare gli individui a prevenire o guarire dalla
malattia.
TEORIE INFERMIERISTICHE
COMPORTAMENTO: il risultato di elaborazioni strutturali,
sono coordinati e articolati e a dei cambiamenti nella
stimolazione sensoriale.
SISTEMA: un composto di parti in correlazione tra loro e
che funzionano assieme per formare un tutto.
SISTEMA COMPORTAMENTALE: Racchiude i modi
guidati, ripetitivi, significativi e finalizzati del comportamento.
Questi comportamenti costituiscono ununit organizzata che
determina linterazione tra la persona e lambiente.
SOTTO-SISTEMA: un mini sistema con il suo obiettivo la
sua funzione che pu essere mantenuto fino a quando la sua
relazione con lambiente non viene disturbata. La Johnson
individua sette sottoinsiemi:
Sottosistema affiliativo di attaccamento: il pi critico
poich sta alla base di tutta lorganizzazione sociale.
Fornisce la sopravvivenza e la sicurezza.
Sottosistema della dipendenza: favorisce il
comportamento assistenziale di aiuto che richiede una
risposta educativa.
Sottosistemi biologici: hannoa che fare con domande
quali: quando, in che modo ecc. Sono due: della
ingestione; della eliminazione.
Sottosistema sessuale: ha le funzioni della procreazione
e della gratificazione. Include il corteggiamento e
laccoppiamento.
Sottosistema dellaggressivit: la funzione la
protezione e la conservazione.
Sottosistema del raggiungimento: tende a manipolare
lambiente. Il suo compito quello di controllare un
aspetto dellio o dellambiente.
La Johnson descrive altri concetti tra cui:
Confine: il punto in cui il sistema controlla poco i
risultati;
Lequilibrio: definito come lo stato di quiete nel quale
lindividuo in armonia con se stesso e con lambiente;
Omeostasi: il processo per il quale viene mantenuta
stabilit nel sistema comportamentale;
TEORIA E METAPARADIGMA
NURSING: visto come una forza esterna che agisce per
ripristinare lequilibrio del sistema; la forza esterna che
agisce per preservare lorganizzazione del comportamento del
paziente quando in stato di stress; Fornisce assistenza sia
prima che durante il disturbo nellequilibrio del sistema.
PERSONA: Luomo un sistema dotato di comportamenti
modellati, guidati, ripetitivi e significativi che lo collegano con
lambiente ;La persona ha bisogno di regolarit e adattamento
per mantenere lequilibrio.
SALUTE: uno stato elusivo e dinamico influenzata da fattori
biologici, psicologici e social i; La salute ha al suo centro la
persona piuttosto che la malattia; La salute riflessa
dallorganizzazione, dalla interazione, dalla interdipendenza e
dalla integrazione dei sottosistemi nellinsieme
comportamentale.
AMBIENTE: costituito da fattori che influenzano il sistema
;Il fattori possono essere manipolati dallinfermiere per
raggiungere uno stato di benessere ;La persona interagisce con
lambiente.
SUOR CALLISTA ROY - SISTEMA DI ADATTAMENTO
CENNI STORICI: Nasce il 14 Ottobre del 1939 a Los
Angeles;Infermiera, ricercatrice e teorica di nursing al Boston
College nel Massachusest1963: si diploma in Scienze
Infermieristiche presso il Mount Saint Marys di
LosAngeles;1966: consegue il Master in Nursing allUniversit
della California;1977: inizia lo studio della sociologia,
ottenendo un dottorato in sociologia presso lUniversit della
California.
PRESUPPOSTI PRINCIPALI
La Roy delinea i propri presupposti partendo dalla:
Teoria dei sistemi;
Teoria sul livello di adattamento di Helson;
Assunti filosofici che derivano da valori umanistici.
ASSUNZIONI DERIVATE DALLA TEORIA DEI SISTEMI
Un sistema uninsieme di unit in relazione tra di loro
in modo da formare una ununit;
Un sistema un tutto che funziona come tale in virt
dellinterdipendenza delle sue parti;
I sistemi sono dotati di imput,output, e di processi di
controllo e di feedback;
Limput viene definito informazione;
Vi sono due sottosistemi correlati nel modello della Roy:
Sottosistema primario dei processi funzionali o di
controllo;
Sottosistema secondario o effettore.
Il primo sottosistema composto dal:
Regolatore: pertiene ai processi fisiologici di natura
chimica, nervosa o endocrina;
Cognitivo: riguarda le funzioni cerebrali pi elevate
come la percezione, elaborazione dellinformazione,
giudizio ed emozione.
TEORIA E METAPARADIGMA
SALUTE
Uno stato ed un processo di essere e di divenire una persona
integrata in un tutto.
La Roy ha considerato la salute come un processo;
Salute e malattia sono una dimensione inevitabile della
esperienza completa di vita della persona;
La malattia si instaura quando i meccanismi di
adattamento sono inefficaci;
Si ottiene la salute quando un uomo si adatta in
continuazione.
AMBIENTE
Tutte le condizioni, circostanze e influssi che circondano ed
influenzano lo sviluppo ed il comportamento delle persone e
dei gruppi
Lambiente limput per la persona, intesa come un
sistema adattivo rispetto a fattori sia interni che esterni;
Qualsiasi mutamento ambientale richiede energia per
adattarsi.
PERSONA
La persona un essere biopsicosociale in continua
interazione con lambiente che muta;
la persona che riceve lassistenza sanitaria in qualit di
complesso adattativo vivente;
NURSING
definito come un sistema teorico di conoscenze che
prescrive un processo di analisi e di azioni per
lassistenza allammalato;
La Roy distingue il nursing in:
Scienza del nursing: un sistema di conoscenze in
evoluzione sulla persona, che osserva, classifica e
riferisce i processi per mezzo dei quali le persone
influenzano positivamente il loro stato di salute;
BETTY NEUMAN - MODELLO DI SISTEMI DI
PREVENZIONE
CENNI STORICI:Nasce nel 1924 a Lowell nellOhio;1947: si
diploma come infermiera al Peoples Hospital;1966: consegue il
Master in salute mentale e pubblica allUniversit di Los
Angeles;Alla fine degli anni 60 sviluppo il suo primo modello
di insegnamento per la consulenza nella salute mentale;1970:
prepar un modello concettuale per il nursing.
FONTI TEORICHE
Il modello concettuale della Neuman stato influenzato da
varie teorie, tra cui:
Teoria della Gestalt: il processo omeostatico il mezzo
con il quale un organismo conserva il suo equilibrio e di
conseguenza la sua salute;
La omeostasi un processo mediante il quale
lorganismo soddisfa i bisogni;
Il processo omeostatico continuamente attivo.
La Gestalt considera lindividuo come una funzione del
campoorganismo- ambientale e considera il suo
comportamento come un riflesso della sua relazione.
Filosofia di Bernard Marx: suggerisce che le propriet
delle parti sono determinate dagli insiemi pi grandi
allinterno di sitemi dinamici;
Teoria dello stress di Selye: considerava lo stress come
una reazione aspecifica del corpo a qualsiasi richiesta.
Lo stress aumenta la richiesta di equilibrio, che a sua
volta richiede adattamento. I fattori di stress sono
stimoli che producono tensione ed hanno capacit di
causare squilibrio.
Teoria dei sistemi generali: cosidera il sitema aperto,
inoltre, questa teoria afferma che tutti gli elemnti sono
in interazione in una organizzazione complessa.
Il modello rappresenta la presona con una serie di cerchi. La
presona considerata un sistema aperto in interazione con
lambiente.
La Neuman definisce tre livelli di prevenzione:
Prevenzione primaria: si effuttua quando si sospetta o si
identifica un fattore di stress. Linfermiera cerca di
intervenire rafforzzando la linea flessibile di difesa,
prima che si verifichi la reazione dellindividuo.
Prevenzione secondaria: coinvolge il trattamento dopo
che si sono avuti i primi sintomi. Linfermiera trata i
sintomi, cercando di rafforzare le linee interne di difesa;
Prevenzione terziaria: consiste nellintervento dopo il
trattamento attivo. Obiettivo primario quello di
rafforzare la resistenza ai fattori di stress. Pone
laccento sul riadattamento. Linfermiere utilizza
interventi rieducativi.
Ricostrizione: lo stato di adattamento ai fattori di
stress nellambiente interno ed esterno. Pu iniziare a
qualsiasi livello di prevenzione.
TEORIA E METAPARADIGMA
NURSING
una professione specifica che si occupa di tutte le
variabili che influenzano la reazione di un individuo nei
confronti dello stress;
Lobiettivo del nursing quello di identificare e ridurre
i fattori di stress;
Lo scopo del nursing il raggiungimento e la
conservazione della stanilit del sistema cliente.
PERSONA:Luomo un composto dinamico di interazioni fra
fattori fisiologici, psicologici, socioculturali ed evolutivi in
costante cambiamento.
SALUTE: una condizione nella quale tutte le parti e le
sottoparti sono in armonia con lisieme della persona;La salute
deve essere equiparata alla stabilit ottimale del sistema, ossia
al miglior stato di benessere.
AMBIENTE: stato concettualizzato come tutti i fattori che
influenzano o che sono influenzati dal sistema
MARTA ROGERS MODELLO DEGLI ESSERI UMANI
COME ENTITA GLOBALI
CENNI STORICI: nata il12 Maggio 1914 a Dallas, nel
Texas;1936: si diploma in Nursing presso la scuola per
infermieri dellOspedale Genrale di Knoxville;1945: consegue
il Master in nursing in salute pubblica presso lUniversit della
Columbia di NewYork;1952: consegue il dottorato in nursing
alla John Hopkins di Baltimora;1970: pubblica un libro dal
titolo An Introduction to the Theoretical Basic of Nursing.
PRESUPPOSTI BASILARI
I presupposti basilari della sua teoria sono cinque:
1. Luomo un tutto unificato che possiede la propria
integrit e che manifesta caratteristiche che sono pi
della somma e delle sue parti e differenti dalla somma
delle sue parti ( campi di energia);
2. Luomo e lambiente sono in continua interazione. Si
scambiano materiale e energia (apertura);
3. Il processo vitale di cui luomo fa parte evolve in modo
unidirezionale ed irreversibile lungo un continum
spazio-tempo;
4. Il modello e lorganizzazione identificano luomo e
riflettono la sua integrit;
5. Luomo caratterizzato dalla sua capacit di astrazione,
immaginazione, pensiero e linguaggio.
PRINCIPI DI OMEODINAMICITA
la base concettuale del nursing inteso come limpiego di
principi a favore del servizio per lumanit. I principi sono:
INTEGRALITA: un processo continuo, simultaneo e
reciproco tra due campi di energia( uomo/ambiente);
RISONANZA: esprime il cambiamento continuo tra il
campo umano e di quello ambientale;
ELICITA: un qualcosa che determina il cambiamento
della natura e della direzione del campo umano e
ambientale. La natura e la direzione sono in continuo
cambiamento di innovazioni, accomodamento e
direzionalit.

TEORIA E METAPARADIGMA
NURSING: Definisce nursing come una scienza umanistica ed
umanitaria che si propone di spiegare e di descrivere lessere
umano nella sua globalit. Il nursing deve favorire larmonia
tra luomo e lambiente rafforzando la sua integrit al fine di
migliorare il suo stato si salute fisico, mentale e sociale
PERSONA:Luomo un essere globale che si integra con
lambiente; un processo continuo e reciproco con il suo
ambiente nella sua totalit;Le persone e il loro ambienti sono
considerati come campi di energia irruducibili che si integrano
luno con laltro e che sono continui e creativi nella loro
evoluzione; La persona intesa come un sistema aperto con il
sistema ambiente;Definisce uomo globale come un campo di
energia a quattro dimensioni.
AMBIENTE:Definisce lambiente come un campo di energia
irriducibile a quattro dimensioni;Ciascun campo specifico,
cambiano un modo creativo;Comprende ogni cosa al di fuori di
ciascun campo umano;Il cambiamento ambientale
innovativo, e probabilistico.
JOYCE J. FIZPATRICK - MODELLO DELLA
PROSPETTIVA DI VITA
CENNI STORICI: nata il 4 Maggio 1944;1966: ottiene il
baccslsureate in scienze infermieristiche allUniversit
Geotgetown a Washington;1967: consegue il Master in salute
mentale allUniversit dellOhio a columbus;1975: consegue il
dottorato in nursing presso lUniversit di New York.
TEORIA E METAPARADIGMA
SALUTE: identificato come la vera consapevolezza del
significato della vita; vista come una caratteristica degli esseri
umani in continuo sviluppo; vista come le interazioni di
persone con il loro ambiente.
AMBIENTE: un campo di energia aperto in continuo
scambio con quello umano.
PERSONA: un sistema aperto, unificato nel ritmo umano.
NURSING: definito come le interazione ontogenetiche e
filogenetiche tra persona e salute;Ha come centro la persona in
relazione alla salute;Ha come obiettivo laumento del processo
evolutivo verso la salute;
MARGARET A. NEWMAN - MODELLO DI SALUTE
CENNI STORICI: nata il 10 Ottobre 1933 a Memphis nel
Tennesse;1964: consegue il Master un nursing medico
chirurgico allUniversit della California a San Francisco;1971:
consegue il dottorato in scienze infermieristiche e riabilitazione
allUniversit di New York.
PRESUPPOSTI PRINCIPALI
La Newman ha sviluppatoi seguenti presupposti:
Il termine salute comprende condizioni descritte finora
come malattia o, in termini medici, patologia;
Queste condizion patologiche si possono considerare
una manifestazione del modello complessivo
dellindividuo;
Il modello dellindividuo che si manifesta come
paologia primario ed esiste prima dei cambiamenti
strutturali o funzionali;
La rimozione della patologia non cambier di per se
stessa il modello dellindividuo;
Se ammalarsi lunica modalit che ha il modello
dellindividuo di manifestarsi, quella modalit
significher allara salute per quella persona.
MARISA CANTARELLI - MODELLO DELLE
PRESTAZIONI INFERMIEIRISTICHE
CENNI BIBLIOGRAFICI:Nasce e vive a Milano;Nel 1950
consegue il Diploma di infermiera professionale presso la
Scuola torinese della Croce Rossa Italiana di Torino;Nel 1953
il Ministero della Difesa Marina la incarica per lassistenza ai
bambini e ai giovani, successivamente la Croce Rossa Italiana
la richiama a svolgere servizio come Assistente Sanitaria;Nel
1969 chiamata a ricoprire il ruolo di direttrice didattica della
Scuola per infermieri professionali dellOspedale di Magenta.
ELEMENTI CENTRALI DELLA TEORIA:Il bisogno pu
essere definito come una necessit. Unesigenza manifesta
delluomo;Ogni individuo possiede dei bisogni,
indipendentemente dal fatto che essi siano conosciuti;Luomo
sollecitato ad agire sulla base della natura e della verit dei
bisogni che possiede;Luomo risponde ai propri bisogni, in
modo diverso e originale, per mantenere una situazione di
equilibrio; In determinate fasi della vita la persona non riesce a
soddisfare i propri bisogni ma ha la necessit di usufruire di un
aiuto da parte degli altri;Questo aiuto pu essere definito
generico e deriva dalla competenza culturale che varia in
relazione ai diversi contesti socio-culturali e storici;La risposta
al bisogno pu essere definita azione di assistenza ovvero
prestazione.
La relazione tra bisogno e la risposta assistenziale distinta in
tre livelli di intervento:
Primo livello: la persona in salute, quindi non in uno
stato di dipendenza per cui pu rispondere ai propri
bisogni in maniera autonoma con azioni di auto-
assistenza;
Secondo livello: rappresenta la relazione tra bisogno di
aiuto e azioni di assistenza infermieristica;
Terzo livello: introduce i concetti di bisogno di
assistenza infermieristica e di prestazione
infermieristica e pertanto determina lambito
dellesercizio professionale. La persona assistita non
pu soddisfare i prorpi bisogni in maniera autonoma,
per cui necessita della competenza infermieristica.
TEORIA E METAPARADIGMA
PERSONA:Luomo ha in s molti sistemi e sottosistemi in
relazione fra loro in modo integrato, che diventano un solo
sistema globale;Gli elementi di ogni sistema non sono mai
isolati:La funzionalit di un organismo dipende
dallimmissione continua di impulsi dallambiente circostante,
che diventano energie per la sopravivvenza del sistema.
AMBIENTE: Il concetto di ambiente molto importante per
lassistenza infermieristica in quanto influenza il
soddisfacimento dei bisogni delluomo;ambiente/natura
visto come luogo pi o meno circoscritto, in cui si svolge la
vita delluomo, con i suoi aspetti, le sue risorse, i suoi equilibri,
considerato sia in s stesso, sia nella trasformazione operata
dalluomo e nei nuovi equilibri che ne sono risultati.
SALUTE MALATTIA considerata la misura della capacit
di un individuo/ gruppo di realizzare le proprie aspirazioni e
soddisfare i propri bisogni, da una parte, e di mutare e adattarsi
allambiente, dallaltra; un concetto estremamente dinamico
che varia nel tempo ed in stretta relazione alle condizioni
sociali e culturali;La salute si presenta come un processo
dinamico, da considerare come un susseguirsi di capacit e
incapacit funzionali che possono variare anche
impercettibilmente.
NURSING: definita come un comportamento osservabile che
si atua mediante lo svolgimento di un complesso di azioni fra
loro coordnate, per risolvere un bisogno specificomanifestatosi
in un cittadino/malato;Lobiettivo dellassistenza
infermieristica quello di rispondere ai bisogni di assistenza
delle persone, offrire un servizio alla comunit, attraverso
uninsieme di azioni di assistenza infermieristica= prestazione
infermieristica, fondate su standard predefiniti.
STRUMENTI:Lo strumento che permette di applicare il
processo di assistenza infermieristica, cos come inteso nel
modello delle prestazioni infermieristiche, il piano di
assistenza infermieristica, che concretizza e contestualizza le
fasi del metodo disciplinare.
RENZO ZANOTTI - NURSING COME STIMOLO DI
ARMONIA-SALUTE
SALUTE PERSONA
Come uno stato Soggetto dotato
temporaneo, infatti, di potenziale di
essa pu essere migliorata salute.
agendo sulle potenzialit
del soggetto.
TECNICHE DI INTERVENTO
Linfermiere lavora su tre ambiti:
Ambito preventivo: lazione orientata a rimuovere i
fattori dellalterazione;
Ambito curativo: lazione orientata alla stimolazione
dei processi alterati per il ripristino dellarmonia;
Ambito riabilitativo: lazione volta a far acquisire
allindividuo nuove modalit per provvedere alla
propria salute in modo indipendente.
TEORIA E METAPARADIGMA
PERSONA
definita coem un sistema psicobiologico in grado di:
interpretare s e il proprio ambiente entro cui
collocato assegnando simboli e significati;
di esprimere emozioni;
di produrre comportamenti di interazione con
lambiente.
La persona un costruttore di realt soggettive
attraverso complessi cognitivi di interpretazione e
valutazione.
Lattivit cognitiva influenza i processi biofisiologici,
modifica la risposta della persona e il suo potenziale di
salute.
ARMONIA - SALUTE
Identifica lo stato della persona quale risultante dei
suoi processi biologici e cognitivi;
Ogni individuo, possiede un potenziale di salute che
corrisponde alla sua capacit di modificare i propri
processi;
Massima attivazione del potenziale di salute di una
persona, corrisponde alla sua capacit di raggiungere e
mantenere armonia tra i processi, la realt costruita e le
richieste dellambiente;
La salute quindi la capacit delle persone di
mantenere in rapporto ermonico il fluttuare dei processi
con le esigenze dellorganismo in relazione al contesto
AMBIENTE
Insieme degli elementi considerati esterni alla persona
ASSISTENZA INFERMIERISTICA
Stimolazione atta ad armonizzare la realt interpretata
con quella desiderata;
costituita dallinsieme delle attivit che un infermiere
eroga con la consapevole intenzione di determinare un
livello di autonomia nel soggetto assistito;
Messa in atto di azioni volte ad attivere le potenzialit e
in loro mancanza sostituire per permettere uno sviluppo
della persona
ORIGINE E SVILUPPO DELLE DIAGNOSI
INFERMIERISTICHE
1953: Fry scrive un articolo sulla diagnosi
infermieristica. Si basa sui bisogni assistenziali della
persona;
Anni 60 si parla di D.I. si utilizza nell ambito
assistenziale ma non si riconosce che un processo di
pensiero che linfermiere abilitato a compiere
(autonomia), senza invadere lambito di competenza
medica;
1973 si riunisce la 1 Conferenza sull identificazione e
la classificazione delle D.I. a St. Louis University,
inoltre, produsse un primo elenco di circa trenta aeree
diagnostiche;
PRIMA DEFINIZIONE: Subito dopo la conferenza Nazionale
per la Classificazione delle Diagnosi infermieristiche venne
elaborata una prima definizione.
SECONDA DEFINIZIONE: un giudizio clinico relativo a un
individuo, famiglia o comunit, prodotto in seguito a un
intenzionale, sistematico processo di raccolta e analisi dei
dati. Esso fornisce le basi per la prescrizione finale della
terapia della quale linfermiere responsabile; espresso in
forma sintetica e comprende, quando conosciuta, leziologia
della condizione
Le diagnosi infermieristiche comprese nella tassonomia
NANDA sono composte da:
Un titolo: descrive la natura del problema;
Una definizione del problema cui si riferisce la diagnosi
infermieristica;
Caratteristiche definienti: informazioni derivate da
manifestazioni osservabili della diagnosi stessa;
Fattori correlati o fattori di rischio: cio le condizioni o
le cause che contribuiscono a sviluppare il problema
indicato nella diagnosi.
La Tassonomia II NANDA suddivide le 216 diagnosi proposte
nella classificazione 2012-2014 in quattro tipologie:
Diagnosi infermieristica reale: rappresentano un
problema della persona assistita che stato convalidato
grazie alla presenza di caratteristiche, che sono i segni
e i sintomi che permettono di definire la diagnosi
infermieristica reale;
Diagnosi infermieristica di rischio: descrivono
problemi che possono manifestarsi. Linfermiere
interviene nellindividuare i fattori di rischio;
Diagnosi infermieristica di protezione alla salute:
descrivono la motivazione o il desiderio di una persona
di migliorare il proprio benessere;
Diagnosi infermieristica a sindrome: comprendono una
serie di diagnosi infermieristiche che, insieme,
costituiscono uno specifico raggruppamento di diagnosi
che si verificano insieme e che quindi meglio
identificare e trattare nel loro insieme.
A queste se ne aggiunge unaltra che prende il nome di:
Diagnosi infermieristica possibile: pu essere presente
un problema che, tuttavia, richiede la raccolta di dati
ulteriori per escludere o confermarne lesistenza.
LINDA JUALL CARPENITO - MODELLO BIFOCALE
DELLATTIVITA CLINICA
PROCESSO INFERMIERISTICO
un metodo sistematico e ordinato di detrminare le
condizioni/bisogni della persona
Problemi specifici sono considerati alterazione del
livello di soddisfazione dei bisogni.
DIAGNOSI MEDICA
Descrive la patologia di organi specifici;
Raccoglie informazioni sui segni e sintomi della
malattia;
Offre modalit di comunicare richieste di trattamento
della patologia.
DIAGNOSI INFERMIERISTICA
Descrive una risposta umana, reale o potenziale, ad un
problema di salute;
Descrive la risposta della persona al processo di
malattia;
Offre modalit di comunicare terapie o interventi
infermieristici.
TEORIA E METAPARADIGMA
PERSONA:Ha capacit di autoguarigione; in continuo
rapporto com lambiente;Prende decisioni secondo le proprie
priorit; un tutto unico in cerca di equilibrio;Ha valore e
dignit propri; un esperto della propria salute.
SALUTE: uno stato dinamico, in continuo mutamento;
definita dal cliente; lespressione del livello ottimale di
benessere;Il cliente ne ha responsabilit.
AMBIENTE:Rappresenta i fattori esterni, le situazioni e le
persone che influenzano o sono influenzati dal
cliente;Comprende lambiente fisico e quello ecologico, gli
eventi della vita e le modalit del trattamento.
ASSISTENZA INFERMIERISITCA:Il cliente vi accede
quando ha bisogno di aiuto per migliorare, ripristinare o
mantenere la salute;Impegna il cliente ad assumersi la
responsabilit delle decisioni e delle attivit volte
allautoguarigione;Riduce o elimina i fattori ambientali che
possono compromettere lo svolgimento delle funzioni.