Sei sulla pagina 1di 81
Andrea Balzola - Riccardo Pesce Storyhoard cavivectpere il eat & Dino Audino Capitolo primo LA PREISTORIA nza dell vomo di narrare mediante le immagi Nessun mezzo espressivo nasce dal null, mea ¢ sempre il rsultat di intuizioni e invenzioni precedent, di tentativi siuscit e fallti, di una progressiva mess a Fuoco, di una serie convergente di crcostanze. Anche nel campo delle innovazsoni tecnologiche, quando siattribuisce a una persona Vinvenione di un dlispostivo, si opera una drastica e spesso ingiusta semplificazione. Come dimostra la storia del cinema, senza tutti gli esperimenti del pre-cinema linyenzione del einemato ‘grafo, universalmente attibuia ai Fratelli Lumigre nel 1895, non sarebbe mai stata Possible. In realti, | fratelli Lumigre sono stati riconosciuti dalla. magaioran degli stuciosi come i primi ad aver creato un apparecchio~ chiamato appunto cf- ‘némategraphe~ per proietare in pubblico tna pelicola stampata, ma tanto la pel licola quanto Tidea di una visione meccanica della stessa etano. invenzioni precedent rispettivamente di Eastman nel 1885, ¢ di Edison, inventore del kine toscopio nel 1891), insieme ad altri molteplic tentativi che si approssimavano allo standard tecnico poi sceto dalla produzione industriale e dal mercato. Si pub ri Bionevolmente affermare che tute le invenzioni sono “collettwe” e “partecipate anche se poi un singolo individuo riesce a ottimizzarne Videa, dandole una forma compiuta e brevestandola come propria Risalite alle origini & utile per capire il significato anteopologico di un mezzo, espressivo, coglieme la sua necessitte le sue possibill applicazion, scoprie come uuninnovazione tecnica pud trasformarsi in un nuovo linguaggio. Perc gl ant chi consideravano la tecnica intimamente legata all arte, come dimosta i termine agreco fechne, che comprende sia l'aspetto funzionale sia Taspetto creativo della [LE ORIGINI DELLA NARRAZIONE VISIVA la serittura stessa nasce come racconto per immagini. Le origini della scrittura sono controverse, non ci sono certezze sullepoca e nemmieno sul luogo, e anche le stesse motivazioni possono essere molteplii: dalla religione al commercio. E probabile che Ia genesi della scritura sia avvenuta simultaneamente in civita di- verse, con diverse applicazioni ¢ modalit. Aleune tavolette attribuite alla cultura neolitica danubiana risalgono al 5000 ca. 2.C. ¢ sono considerate esempi di pro- Tutt perd concontano nel considerare la pitogrfia la prima forma di scrtura. Agi albor! della civil Tobbietivo primario dell uomo & la conoscenza e la rappresent Zione det mondo esterno, a questo scopo il linguaggio elaborato ha un carattere La preisoria Fproducono opt gute rea me lame sisegni element, creando tint sont dh allabatoleonco, gun Ques! seyn! sono aso ise Gquenzeorizontal ovenicl in modo dadescvere sion aveniment In queso senso, i termine dl ongine sca rfid a mate comine Gala Serta e del disegno. seg pltogaie non sono le ina fp, co fsa ac comunicare ad esempi le dillerent Tivol elica taba deg Indian’ Americ), La pit toggaia non © in grado di esprimere penser complesio astra, ma sve proba- bhmente a funione prevalite di depontare uns memoria © di cre falmentc ome una sequenza dl immagin enon fa alc rapport con ia knga para, Al ‘inten! del nguagaio porsgonano | seq pografc al modern egal in fonnati, | qual, ataveno i dsegno sito Gh un omg, indeano un ogo dove sl svolge una panicolae ata (ad exempo,frchena ~ tort, taza = har chave ingese ~ meccanico ec), oppure alle cone del compute che descr ‘ono plutosto delle operon, ad exenpo foblce = tlre; lente = ngance), Dal punto dl visa de ema che sano sfontando,c interest sogolineae non tant vale del singlo seyno cuanto elton ta sep a ver ovazione che ditingue la pitografa dalle st plasiche e gurive, da cui casa aval to nica rsppreseneiry, conse Inf ne realizar ua sequenza di sen, sable wa Bletni element aint dels sess immagine & ls pa fonna dl ppresent dione del movimento, come al vede In una ptr rested cea 30000 aon fnwenua in un eavera dela Spagpa setenonale, dove rligurao wn cgi ‘or oto zampe.Raddoppar le sampe susie no ane, propio come ne {Ge al guincagto dino dal faursta Giacomo Balla nel 1912. movimento & Tappresentato prevalentemente dala ripetzione in successone dell ses ia Cn in progresiva vrarione di peturee ges, come academe ipo si ‘get del 3900 3. (ved ltuuione), dove sono rafiguratele diverse fast det Fisione dt due ator Oppure nee escrcon dh impresalctiche oc scene te tral della pur vascolare grec, o-ancory, nel degnt in serie che gt amihi sapponcs realzavano at rota To svluppo della pitoyrafa € a scxituraidcognfica, dove non &semplicemente ‘lunides, I segno che nella pitogafa naturalisico, clot ima in modo sem pllcao la forma delToggeto,nelfidcogafa& liz fino a perdere progres Eivamente la sun rconoscibiit Un passiggio particolarmente evidemte nella rote TAS wei le scrture ideografiche pid antiche e pit note sono quelaepiiana gerogifc (Che sale al 3000 ca. aC), quella cnexe e quella maya. Alto aspettopartcoar. rent rlevate dla scitrsidcopafica&Tinserimento di sno fonetic¢ Combinazione dl pi segni Gallzazion i oigine patonalca)alfitern dl un ‘medesin kkeogramm ad exempio, nla lng nese Twain che sia pone del seo del io del sego del vapore Che cuoce i rio) Queso, procedineno, “ver! indicat un og Slucendo un concerto srande’ rest Tetone Sere} Elena Tasso ideogptca ef mon Pcqramms ecgrmre cnet fo cnematograico!. In modo paricolare, montagaio itllemuale", dove Fassociaione di due inquire Sst unica ad explo immagine dun despot acontaa a ella dun pavone cre subto l tetafora dl narcismo dellvomo dk potere, oppure Fimnigie dun bimbo de tutto acoosata a un fastoso bancheto gener tn contasto che tase ne dlatamente Fea ings socal seta baogno dt commento spagazion La pote del montagaiocinematogaico conse propio nel create naracone © tree senso ne meta dv ani Tuna aca lan ‘lone, anche ee quelle immagin in ongine non ano mala in comune Ur lnsone che pud were ol cass ed effet (una mano lancia wna pits un ero 3 romps) oppure ce ha valoe silico ome nel exc precedent, 16 La preistoria IMMAGINI CHE RACCONTANO. Con il superamento d ura idcografica in ditezione di quella alfabetica, che fa uso di simboli completamente astratt come leitere 0 sillabe, i linguagaio fumano trasforma il segno iconico in parol, pit adatia a esprimere la comples- Siti del pensiero. La pittura e la scritura separano le loro strade © assolvono di- Yersamente le loro funzioni, La serttura continuerd a raccontare mediante i suot forma. Dalle siizzate figurazioni egize alla pitura vascolare gre‘ lievi che descrivono in Oriente la storia di Buddha o in Occisente Tiche romane sulla Colonna Tralana, fino ai cicli di affreschi tecenteschi italiani che illustrano la passione di Cristo 0 le storie det Santi, Timmagine non svolge Solamente una funzione rappresentativa, documentativa o celebrativa, ma as- Sume il ruolo della narrazione. Un euolo fondamentale in un contesto storico dove la maggioranza della popolazione & ancora analfabeta, come diceva Papa Gregorio Magno: se persone incolte possono leggere nelle immagini cid che non. possono leggere nei libri. E in Oceidente, non a caso, la sequenza del racconto irato iniza dal lato sinistro e si sviluppa verso il lato destro, immagine é let in modo simile alla scrt jecade anche — ad esempio nelle Annunctazion che siano inserite nei dipintialeune frasi che a noi contemporanei possono fi cordate il fumeuto. ‘TAVOLE DELCANTASTORIE E CANOVACCI DELLA COMMEDIA DELL’ARTE_ Nfunichi,prina del difuione della svar, ate del cont & aid igure: dfemancre nominal cme cantor, sed tapod! Ania Jl parol, Gpecl al scconpagrare flow como con tr mus, danza, tar dl gu (Gile mbre cna le z ven et desoe,To-[ UR STORUA di CARLING & CRISTINE Seance dels cites | fF mq | 2 QM gree he eee pcan eens (Si cencee deems Mh peocmcne © clfonte Sepaicanente | prope frase oat dala ea th ferencno doce pete sanyo Goad del sacor pl a arate che rooren feo cco ot aap, es ceo Sepa Sera Quan mppono Sree Speeepgemat mee Bipcas dheas ew Tabane dom ater Storboard scontro anche nei cantastore italiani, la cui tradizione & giunta dalla notte dei tempi fino ai giomi nostri grazie ai canastorie siciiani,ultimi epigoni della cultura popo- Jane orale. I cantastorie usano dei grandi tabelloni (assai simili agli ex voto, realiz- zat dai devoti per testimoniare una graziaricevuta), dipini da loro stesso da pttor popolari specializati, dove sono rappresentate le scene e le situazioni principal ‘della vicendla, in genere ispirata a celebr fat di cronaca. Quest tabelloni hanno una