Sei sulla pagina 1di 10

STORIA DEL ROKUGAN

LA CREAZIONE DELL'UNIVERSO

In principio, prima che l'universo fosse creato, c'era solo il Nulla... Esso nella sua infinita esistenza
si rese conto di essere solo e quindi ebbe Paura. Questa forte emozione cre la prima parte del
mondo, divenendo al tempo stesso il primo grande peccato. La realizzazione della solitudine port
quindi il Nulla a cercare un compagno, creando cos la seconda parte del mondo insieme al
secondo grande peccato: il Desiderio. Dopo aver realizzato ci che aveva creato il Nulla si inorrid e
prov Rimorso, il terzo grande peccato, tanto da creare cos la terza e ultima parte del mondo che
lo condusse alla condizione di "essere" e quindi di non essere pi il nulla non potendo quindi pi
esistere. All'inizio l'universo era un caos pieno di energia, finch tali forze non si convogliarono
creando tre reami di esistenza coesistenti: il Tengoku, il paradiso celeste, il Ningen-do, ovvero il
mondo mortale, e il Jigoku, il reame delle tenebre. Queste erano le tre parti del mondo create dal
nulla e portate all'ordine, ordine sopra il quale vi erano i primi tre dei, chiamati "gli dei senza
nome", ovvero le prime tre entit create dal Nulla. I tre dei guardarono al mondo mortale,
decidendo che l'unico modo per creare la vita era creare due entit distinte e complementari che
abitassero e popolassero la terra... Cos i tre si sacrificarono e nella loro scomparse crearono il
primo uomo e la prima donna. Cos nacquero la dea Sole e il dio Luna. Essi scesero nel mondo
mortale, decidendo di creare ordine nel caos e cos diedero un nome ad ogni cosa creata,
compreso loro stessi: Amaterasu, lady Sole, e Onnotangu, lord Luna. All'inizio dei tempi
Onnotangu not che nel mondo era rimasta una piccola parte dell'Oscurit primordiale del Nulla,
ma non vi fece caso e non disse nulla ad Amaterasu. Di certo non poteva sapere che quella
particella di Oscurit e Peccato avrebbe portato un giorno la rovina dell'Universo...

LA CADUTA DEI KAMI

Onnotangu e Amaterasu cos salirono nel Tengoku e cominciarono ad amarsi, tanto che
inseguendosi a vicenda crearono il ciclo tra il giorno e la notte. Quando entrambi si congiunsero
sul mondo scese un'eclissi che dur per molto tempo. Durante l'oscurit essi generarono dieci figli:
Hantei, Hida, Doji, Togashi, Akodo, Shiba, Bayushi, Shinjo, Fu Leng, and Ryoshun. Ma Onnotangu
era divenuto geloso e temeva che sua moglie un giorno avrebbe voluto pi bene ai suoi figli che a
lui, cos decise che li avrebbe uccisi. Onnotangu insegu i suoi figli per tutto il paradiso, mentre
Amaterasu lo implorava di fermarsi piangendo. Lord Luna divor tutti i suoi figli tranne uno,
Hantei, poich lady Sole lo aveva ingannato facendolo ubriacare e facendogli mangiare un sasso.
Onnotangu cadde in un profondo sonno, dando tempo ad Hantei di addestrarsi dai Ryu (dragoni)
celesti per combattere il padre. Usando la spada dei dragoni Hantei squarci la pancia di suo padre
salvando tutti i suoi fratelli tranne uno, Ryoshun, il primo ad essere divorato. Prima di arrendersi
tuttavia Onnotangu afferr Fu Leng, e Hantei per salvarlo cadde insieme agli altri fratelli nel
mondo dei mortali.
PREISTORIA DELL'IMPERO

Durante le migliaia di anni in cui lady Sole e lord Luna si corteggiarono, decine di razze diverse
popolarono la terra ancor prima degli uomini: i Kitsu, i Kenku, gli ogre, gli Zokujin... Molte di esse
caddero e con i millenni si estinsero, altre come i Naga, videro l'Oscurit prima di cadere in un
sonno profondo dopo aver compreso la minaccia di quella parte del Nulla che il dio Luna aveva
ignorato... Dopo la caduta dei Naga durante la grande eclissi un altro popolo divenne importante:
quello dei Nezumi, gli uomini ratto. Essi si espansero ed appresero i segreti della conoscenza e
degli spiriti, per secoli prosperarono fino alla caduta di Fu Leng, che distrusse la loro capitale
creando una voragine cos grande da far affiorare il Jigoku nel mondo materiale. Da qui nacquero
le Shadowlands. Dopo la morte di Onnotangu, grazie al suo sangue e alle lacrime della moglie si
crearono i primi uomini liberi. Dopo secoli di pellegrinaggio i figli del Sole e della Luna entrarono in
contatto con i primi uomini della trib Isawa... Gli otto Kami decisero quindi che l'umanit doveva
essere guidata e protetta, perci fu indetto un torneo dove il vincitore degli otto avrebbe
dimostrato di poter essere il primo a guidare l'umanit. Il vincitore fu Hantei ed egli divenne il
primo imperatore del Rokugan. Gli altri sette formarono i sette grandi clan che hanno perdurato
per oltre mille anni. Essi radunarono gli uomini delle varie trib e portarono loro la legge, la
conoscenza e la prosperit. Da qui ha inizio la storia dell'Impero di Smeraldo.

STORIA DELL'IMPERO
La datazione del della storia imperiale segue il cosidetto "calendario isawa", creato agli albori
dell'Impero per scandire gli anni e i secoli. Tuttora questi eventi sono registrati dagli storici
secondo queste precise date, a partire dall'anno 0, il primo anno della prima dinastia Hantei.

SECOLO I
LA PRIMA GUERRA
Durante questa epoca i kami aiutarono gli uomini a sviluppare le prime grandi civilt. Proprio in
questi anni di pace tuttavia avvenne la prima grande invasione di Oni e altre creature dalle
Shadowlands a sud. Gli uomini e i kami riuscirono a malapena a rallentare quest'avanzata
immonda, che port distruzione e caos su tutte le terre... La cosa ancor pi sorprendente il fatto
che a guidare l'orda non era altri che Fu Leng, il fratello caduto, ormai corrotto dai decenni passati
a contemplare la tenebra. Fu Leng era tutt'altro che morto (come credevano tutti) ed egli era
tornato per prendere il posto di suo fratello sul seggio dell'imperatore. Neanche il grande Akodo
tuttavia o lo stesso imperatore Hantei riuscirono a fermare definitivamente la furia dell'orda
(Hantei rimarr anche gravemente ferito in battaglia). Quando tutto sembrava perduto ecco che
un uomo di bassa statura giunse per conferire coi kami sul destino del mondo: quell'uomo si
chiamava Shinsei e parlando con i figli del Sole e della Luna spieg loro che l'unico modo per
fermare i demoni convocare sette campioni mortali. Il saggio Shinsei port ai kami anche la
conoscenza del "Tao", trascritta dal grande Shiba in quella che diventer la religione ufficiale del
Rokugan: il "Taoshinsei", chiamato poi shintaoismo. "La fortuna favorisce i mortali", queste le
sagge parole del misterioso maestro, colui che scelse i "Sette Tuoni", i primi grandi eroi tra i
mortali dei vari clan: Hida Atarasi, Doji Konishiko, Mirumoto, Matsu, Isawa, Shosuro, e Otaku.
Questi eroi si infiltrarono quindi nel cuore delle Shadowlands e insieme affrontarono Fu Leng e lo
sconfissero, sigillando il suo spirito nelle "pergamene nere". Shosuro dello Scorpione sar l'unico
superstite e per questo il suo clan avr il compito di vegliare per sempre sulle pergamene per
impedire che qualcuno risvegli il kami oscuro.
L'ALBA DELL'IMPERO
Dopo la caduta di Fu Leng, Shinjo, del clan del Ki-Rin, decide di abbandonare il Rokugan per
viaggiare verso ovest in cerca di eventuali minacce per l'Impero. Il Clan del Ki-Rin cos lasci il
continente scomparendo oltre il deserto per molti secoli, in cerca di altri nemici... In seguito alla
prima grande guerra ci fu un periodo di pace e prosperit, dove i kami istituirono le leggi insieme
agli uomini, scegliendo i pi onorevoli per formare la casta dei samurai. Durante questo secolo fu
adottato lo Shintao come religione e gli uomini impararono a seguire la legge del Bushido. Molte
trib contrarie alla legge dei kami vennero cacciate dell'Impero e molti uomini formarono
organizzazioni segrete come la Kolat per tramare segretamente contro il volere dell'Imperatore e
dei kami. I primi shugenja appresero inoltre come parlare con gli elementi e furono formati i due
clan minori pi antichi: la Volpe e la Mantide. Questa un'epoca di grandi cambiamenti dove ogni
uomo poteva divenire un eroe, un'era mitica che sar ricordata negli annali come et dell'oro.

SECOLO II
In questo periodo vennero istituite le prime forme di giustizia nell'Impero oltre alle prime due
istituzioni: la guardia imperiale e i magistrati di smeraldo. Molti dei kami inoltre morirono
lasciando il posto agli umani: anche l'Imperatore Hantei per lasciando suo figlio Genji a guidare
l'Impero in questi decenni. Lady Doji muore di depressione tra le onde del mare, Bayushi scompare
in cerca della sua seguace Shosuro che nel frattempo si persa nell'Oscurit Primordiale, mentre
Togashi si ritira in mezzo alle montagne a nord per contemplare l'infinit del creato... Solo il
vecchio Hida rimane, ma egli posando le armi decise di farsi da parte e lasciare il destino del
mondo in mano ai mortali.... D'ora in avanti infatti saranno gli uomini a governare i clan e a
guidare l'Impero.

SECOLO III
Durante questo periodo Hida lasci la guida del suo clan al figlio Osano-Wo, abbandonando per
sempre le terre del Granchio. Ma Hida scoprir ben presto un'altra terribile verit: il suo
primogenito Atarasu (uno dei sette tuoni) non morto nelle battaglia contro Fu Leng ma stato
corrotto dal potere del Jigoku diventando una sorta di mezzo-demone. Come ultimo atto di
eroismo l'anziano Hida combatte quindi il figlio caduto in un duello mortale per entrambi... Per gli
uomini invece questo un periodo di quiete e di grande ricerca spirituale. In questo secolo infatti
viene creata la Fratellanza Shinsei, il primo vero ordine monastico neutrale rispetto ai vari clan.
Esso racchiude monaci di vari credi diversi che seguono delle regole comuni e che nei secoli
rimarranno sempre estranei al conflitto e agli interessi dei clan.

SECOLO IV
In questa epoca avvenne la prima grande guerra tra clan, dovuta alla secessione della famiglia
Yasuki dal clan della Gru per essere accettata in quello del Granchio. La guerra dur per oltre dieci
anni portando infine ad uno stallo, ma la Gru fu poi costretta ad accettare la dipartita della
famiglia Yasuki per decreto imperiale. Gli Yasuki quindi furono la prima famiglia della storia che
decise di abbandonare il proprio clan. La legge imperiale in seguito a questo conflitto sancisce
inoltre che d'ora in avanti sar proibito per i clan usare la totalit delle loro forze in guerra. In
questo periodo nacque anche il clan del Passero e si forma il primo gruppo segreto di cospiratori in
seno ai grandi clan: la "Gozoku". Doji Raigu, Shiba Gaijushiko e Bayushi Atsuki (clan della Gru,
Fenice e Scorpione) presero il potere usurpando il trono con una sorta di colpo di stato e per anni
governarono al posto dell'Imperatore, ritenendo che quest'ultimo non fosse affatto divino e che
un'oligarchia di uomini intelligenti potesse fare di meglio. Il periodo Gozoku port alla costruzione
di strade, ponti e citt, fornendo nuove fonti di benessere per il commercio ma aumentando
anche al tempo stesso la corruzione e la criminalit nel paese. Questo periodo ricordato come
un'epoca buia per il Rokugan, un'epoca in cui chi senza scrupoli pu diventare nobile e
governare al posto dei samurai, mentre i criminali si arricchiscono a spese del popolo. In questi
anni tuttavia si formarono anche molti clan minori ed il Granchio strinse una grande alleanza con i
Nezumi (uomini-ratto) per difendere le loro terre.

SECOLO V
Questo secolo inizi con il declino del potere della Gozoku, in seguito alle macchinazioni del
regime oligarchico che portarono molti sospettati "cospiratori" del nuovo "Imperatore" fantoccio a
morire (verranno assassinati anche molti monaci e samurai). Il Leone e il Dragone dunque
sfruttarono l'occasione vedendo nella figlia dell'Imperatore Yugozohime la possibilit di sfidare il
falso imperatore Gozoku. Ella venne quindi addestrata per combattere e insieme ai pi valorosi
samurai del Drago e del Leone si rec alla capitale per sfidare in duello l'imperatore "burattino"
dei cospiratori. Dopo averlo sconfitto la ragazza fu nominata imperatrice con l'appoggio del Leone
e del Dragone ed ella si impegn a distruggere tutta la struttura di potere della Gozoku riformando
l'Impero. Negli anni a seguire tuttavia i rokugani si trovarono ad affrontare un ulteriore pericolo
proveniente dal mare aperto. I primi esploratori gaijin delle nazioni di Merenae e Thrane
raggiunsero la capitale Otosan-Uchi, siglando un accordo commerciale con l'Imperatrice stessa
tramite i loro ambasciatori. Sfortunatamente gli stranieri avevano ben altre mire e dopo qualche
anno l'accordo fu rotto e i gaijin attaccarono il rokugan a tradimento. Durante l'assedio della
capitale, l'Imperatrice perse la vita ma tutti i clan uniti riuscirono a mettere in fuga i barbari
d'oltreoceano. La battaglia sar nota negli annali come "La battaglia del cervo bianco", il giorno in
cui i gaijin e le loro navi furono cacciate dal continente. Il figlio di Yugozohime divenne cos il
nuovo imperatore e come primo editto impose il divieto di commerciare con qualunque straniero
e di portare strumenti frutto della tecnologia gaijin (come la polvere da sparo). Dopo la battaglia fu
creato apposta il clan della Tartaruga, per sorvegliare il mare contro la minaccia gaijin. Dopo questi
eventi i rokugani divennero sempre pi diffidenti verso gli stranieri, ma in questo periodo di tregua
in seguito alla cacciata dei barbari essi riuscirono molto lentamente a ricostruire i danni causati dai
Gozoku e dai gaijin. Dopo quasi un secolo la fiducia delle gente nei confronti del trono celeste era
tornata quasi come un tempo.

SECOLO VI
LA PRIMA ASCESA DEL BLOODSPEAKER
Questo secolo vide l'ascesa di un altro grande male. Otomo Jama, uno dei figli dell'Imperatore,
trov negli archivi alcuni rotoli antichi sul potere sulle Shadowlands scritti degli shugenja del
Granchio. Cos egli divenne uno dei pi grandi maho-tsukai (stregone maho) della storia, reso
ancor pi potente dalla sua conoscenza della cultura e della magia gaijin. Fu proprio grazie ad essa
che egli secondo un oscuro rituale nascose il suo cuore in un'urna per raggiungere l'immortalit...
Cos prese il nome di Iuchiban, creando un culto di stregoni depravati chiamati appunto i
Bloodspeaker., la "voce del sangue". Varie sette segrete si formarono in tutto il Rokugan,
seguendo le volont di Iuchiban di portare il caos nell'ombra dell'impero. Agasha Ryuden, uno dei
luogotenenti di Iuchiban, viaggi fino ai monti del crepuscolo per ottenere il sangue del primo Oni,
sangue che us per creare un potente nemuranai (oggetto magico) chiamata "Incudine della
Disperazione". Con un tale artefatto furono forgiate quattro "spade di sangue", armi molto potenti
ma portatrici di rovina e disperazione, in grado di nutrirsi del sangue delle vittime per diventare
pi forti. Queste quattro spade (Passione, Ambizione, Giudizio e Vendetta) furono quindi donate ai
capi di quattro grandi clan per misurare la loro forza. Ovviamente nessuno di loro sapeva
dell'inganno poich esse sembravano delle normali spade, nessuno tranne Bayushi Rikoji dello
Scorpione. Il nobile comprese che quei doni erano portatori di sventura e grazie agli shinobi del
suo clan riusc a scovare la fonte dietro a questo vile inganno, raggiungendo il nascondiglio di
Iuchiban nella citt imperiale. Qui lo Scorpione combatt insieme ad altri samurai del Leone per
sconfiggere il maho-tsukai, il quale alla fine us contro di loro i corpi non morti degli eroi del
passato rianimati con la magia. Dopo un duro scontro tuttavia grazie ad un prode samurai del
Leone Iuchiban fu catturato e imprigionato, poich era impossibile ucciderlo per via della magia
gaijin. Si decise quindi di sigillarlo in una tomba segreta, luogo dove lo stregone purtroppo non
rimase a lungo... Iuchiban infatti si era preparato per questa evenienza, studiando le pratiche del
trasferimento dello spirito da un corpo all'altro, e grazie a uno dei suoi seguaci rimasto in vita
riusc a liberarsi dalla prigionia. Lo stregone rimase quindi nell'ombra per molto tempo, nessuno
infatti poteva immaginarsi che egli in realt era fuggito cambiando corpo... In questo secolo la
maho divenne pi conosciuta dagli abitanti del Rokugan, oltre al fatto che vengono predisposte
delle leggi per obbligare la cremazione arginando cos il potere degli stregoni maho (per decreto
imperiale di Hantei XII).

IL CRISANTEMO D'ACCIAIO
Dopo la caduta di Iuchiban ci fu un periodo di terrore noto come la tirannia del Crisantemo
d'Acciaio. Hantei XVI fece indire una caccia spietata verso tutti quelli sospettati di stregoneria o
tradimento, oltre a far giustiziare i daimyo e i nobili per i quali provava avversione. Dopo anni di
terrore Hantei XVI fu finalmente catturato e imprigionato dalle sue stesse guardie dopo che egli
stesso aveva assassinato sua madre alla corte. La guardia imperiale fece salire al trono il figlio
dell'Imperatore che in seguito si dimostr leale e benevolo a differenza del padre. Poche notizie
sono rimaste di questo periodo, si sa solo che molte cronache sono andate perdute o distrutte e
quest'epoca viene ricordata come un secolo di sofferenza e morte sia per Iuchiban che per il
Crisantemo d'Acciaio e la sua tirannia.

SECOLO VII
Dopo quasi due secoli di oscurit finalmente il Rokugan entr in un'epoca radiosa benevola, quasi
come la prima et dell'oro. Dopo la caduta di Hantei XVI, suo figlio fece scrivere un nuovo codice di
leggi chiamato "Le clausole del Paradiso". Esso riform la legge dell'impero, impedendo che altri
nobili o imperatori come il Crisantemo abusassero del proprio potere. Leggi pi eque furono
promulgate a favore dei sudditi delle caste inferiori. Durante questo pericolo ci fu anche un
aumento della criminalit, dovuto forse all'alleggerimento delle leggi. Tutti ricordano infatti le
storie di pirati e contrabbandieri vissuti in queste epoche, soprattutto il grande Yasuki Fumoki,
leggendario capitano pirata che ha ispirato la letteratura e il teatro fino ai tempi pi recenti.

SECOLO VIII
L'ATTACCO DI MAW
La pace durata oltre un secolo fu interrotta dall'attacco di un signore dei demoni chiamato "Maw"
(fauci), il quale radun un esercito di Oni grande quasi quanto quello di Fu-Leng nei tempi antichi. I
demoni avanzarono senza piet distruggendo la maggior parte dei territori del Granchio. Tutti i
samurai della famiglia Hida si radunarono per costruire delle difese come ultima risorsa contro i
demoni: con loro vi era anche lo shugenja Kuni Osaku, il quale appellandosi ai kami dell'acqua
"alz" il fiume creando un'enorme barriera in grado di proteggere i samurai per 73 giorni. Durante
questo tempo gli ingegneri Kaiu costruirono le mura pi grandi e solide che il Rokugan avesse mai
visto: La Grande Muraglia Kaiu. Gli altri clan mandarono rinforzi e risorse al Granchio per
completare la costruzione del muro e prepararsi al prossimo attacco. Osaku purtroppo esaur tutta
la sua forza vitale nell'opera e mor dopo aver fatto appello a tutto il suo potere. Ma il suo sacrifico
non fu vano poich in quei 73 giorni i samurai presidiarono il muro e in seguito combatterono con
l'aiuto degli altri clan e di potenti macchine d'assedio respingendo i demoni. Il muro divenne allora
simbolo di speranza contro le forze del male e cos fu allargato nei decenni a venire fino a
diventare una muraglia tanto estesa da circondare tutti i territori del Granchio che confinano con
le Shadowlands. La guerra tuttavia non fu indolore: le terre della famiglia Kuni furono corrotte dal
potere demoniaco, mentre quelle della famiglia Hiruma furono distrutte dalla furia degli oni. Le
terre dei Kuni, un tempo fertili, furono in seguito bonificate dalla corruzione diventando tuttavia
solo delle pianure di cenere. Gli Hiruma invece non accettando la loro disgrazia dichiararono
guerra ai demoni e combatterono per riscattare la propria sconfitta... Molti di essi infatti
moriranno nei secoli a seguire in futili tentativi di riprendersi il loro castello. Gli altri clan invece
con il tempo dimenticarono la minaccia delle Shadowlands, avendo sempre fede nella forza del
Granchio: gli unici a odiare e a temere cos tanto gli oni, gli unici veri difensori della muraglia, un
baluardo lontano dalla civilt e dalle terre dei samurai degli altri clan...

IL RITORNO DEL BLOODSPEAKER


Decenni dopo la costruzione del muro, una nuova minaccia si ripresenta all'orizzonte: Iuchiban, lo
stregone maho. Dopo oltre due secoli egli era rimasto a vagare nell'ombra da un corpo all'altro,
ma lo stregone fece infine il grave errore di possedere il corpo di un monaco Togashi. Il bonzo (del
quale ben pochi sanno il nome) era addestrato a combattere le entit del mondo spirituale e cos
per giorni riusc a vincere l'influenza di Iuchiban, il quale fu temporaneamente sigillato grazie ad
uno speciale tatuaggio del Dragone. Gli altri clan combatterono cos insieme al monaco gli ultimi
seguaci rimasti dello stregone e distrussero le loro armate di non morti (molto ridotte rispetto alla
prima volta). Cos alla fine il monaco decise di recarsi in una tomba di pietra dove si sacrific per
sigillare per sempre lo spirito di Iuchiban grazie all'aiuto dei kami e di molti shugenja.

SECOLO IX
IL RITORNO DELL'UNICORNO
Dopo quasi nove secoli di assenza i figli di Shinjo fecero infine ritorno dalle terre a sud (i loro
antichi territori) passando per le Shadowlands e i territori del Granchio. Essi decisero di
rinominarsi il Clan dell'Unicorno e combatterono contro gli altri clan (soprattutto lo Scorpione e il
Leone), affermando in molte battaglie la loro supremazia grazie ai loro possenti cavalli da guerra e
alle loro tattiche apprese a contatto coi gaijin. L'Imperatore infine impose una tregua e riconobbe
l'Unicorno come il clan che era un tempo, riammettendolo nell'Impero. L'Unicorno cre un grande
scompiglio nel delicato equilibrio politico e militare del Rokugan, modificando i confini territoriali
di altri clan ed estendendo i confini della geografia rokugana. Essi erano pur sempre i discendenti
della nobile Shinjo, ma dopo secoli fuori dal Rokugan sembravano pi gaijin che altro, con usanze
strane e conoscenze aliene all'Impero. Il nuovo clan cerc di ottenere alleanze con gli altri, ma in
primis solo la Gru e il Granchio accettarono, mentre gli altri risposero con indifferenza o peggio. Il
ritorno dei figli di Shinjo cre tuttavia anche un nuovo nemico per l'Impero: Moto Tsume. Egli era
un daimyo valoroso che prepar un'armata di samurai a cavallo per sconfiggere una volta per tutte
gli Oni delle Shadowlands, un'impresa dove il clan del Granchio non era mai riuscito. Il coraggioso
e arrogante principe pag tuttavia tale decisione con un fato peggiore della morte: Tsume e i suoi
samurai furono quasi tutti corrotti dal potere delle Shadowlands divenendo la "Legione Perduta":
un'intera legione di samurai corrotti dal sangue dei demoni che avevano giurato di distruggere...
Moto divenne cos un sire oscuro delle Shadowlands e insieme al suo esercito egli avrebbe
minacciato pi volte nei secoli a venire quelle terre che aveva invece giurato di difendere. Il nono
secolo quindi fu un periodo di grandi cambiamenti e di guerre, segnato soprattutto dai tumulti
provocati dal ritorno dell'Unicorno.

SECOLO X
Un'era di relativa quiete, dove si verificarono ben pochi eventi degni di nota se non le solite
guerre e dispute politiche. Nessuno ricorda quest'epoca come un'et prospera, ma neanche come
un'era funesta. Dopo secoli di guerre l'Impero ebbe un periodo di assestamento prima degli eventi
che seguiranno nei due secoli successivi.

SECOLO XI
Un periodo di tumulti tra i clan minori, soprattutto la Volpe e la Lepre, che arrivarono quasi
all'annientamento. La Gru rimase nell'ombra dietro molte macchinazioni politiche in questo
periodo e riusc infine ad evitare un'escalation che avrebbe portato alla guerra in seguito
all'assassinio dei rappresentati del clan della Volpe. In questo secolo inoltre ricomparve l'Oscurit
Primordiale, quella forza misteriosa e ancestrale che Onnotangu aveva ignorato durante la
creazione e che Shosuro si era prodigata a contemplare nell'infinit del nulla... L'Oscurit nei secoli
era divenuta pi forte in attesa del compimento della sua opera e cos essa gener una famiglia di
"ombre" per servirla nei tempi futuri: la famiglia Ninube. Il suo scopo consumare ci che "" per
renderlo un "non essere" fatto di ombra, e poich essa non ha forma e non ha nome tutto ci che
inghiotte diventa un qualcosa senza anima... Se Fu Leng voleva governare il mondo portando la
tirannia e il caos, l'Oscurit una forza misteriosa ancor pi antica delle divinit che vuole solo
riportare il mondo com'era prima del nulla, quando niente aveva nome o spirito...

SECOLO XII
Questo secolo senza dubbio uno dei pi tumultuosi e controversi della storia del Rokugan. Il
colpo di stato dello Scorpione, anni di guerre tra clan, il ritorno di Fu Leng, il risveglio
dell'Oscurit... Tutti questi eventi portano quasi alla distruzione dell'Impero verso la met del
secolo, introducendo poi un'epoca di relativa stabilit alla fine di esso.

IL COLPO DI STATO DELLO SCORPIONE


Bayushi Shoju, campione del Clan dello Scorpione, ebbe una visione funesta sul ritorno di Fu Leng.
Consultando gli oracoli egli ricevette la profezia secondo la quale l'ultimo della dinastia Hantei
porter l'Impero alla rovina poich egli sar l'araldo del kami caduto. Cos Shoju e il suo clan
uccisero l'Imperatore prendendo poi il trono con la forza. Gli altri clan prontamente sconfissero le
armate dello Scorpione nella capitale imperiale giustiziando poi il temerario Shoju. Il colpo di stato
cos fall pienamente e il figlio dell'Imperatore, Hantei XXXIX, divenne il nuovo reggente. Il nuovo
imperatore band quindi il clan dello Scorpione e fece giustiziare molti samurai e nobili della
famiglia Bayushi. Inoltre egli ordin che la famiglia Akodo fosse dispersa, costringendo molti
valorosi samurai a fare seppuku per aver fallito nel proteggere l'Imperatore come avevano fatto
per secoli i loro avi. Per Akodo Toturi, guardia personale del vecchio Imperatore, Hantei riserba il
pi crudele dei trattamenti: l'esilio. A Toturi sar negato il seppuku ed egli vagher come ronin per
il Rokugan portando per sempre l'onta del fallimento. Per vendicarsi della caduta del suo clan Yogo
Junzo, daimyo dello Scorpione, decise quindi di aprire le antiche Pergamene Nere della Guerra dei
Sette Tuoni, liberando un'ondata di pestilenza e morte su tutto il Rokugan. Cos Yogo venne
corrotto dal potere oscuro delle pergamene che lo trasformarono in un non morto insieme a tutti i
suoi sudditi. Con la rottura dei sigilli Fu Leng rinforz la sua stretta sul mondo dei mortali e le sue
parole funeste raggiunsero le orecchie dell'Imperatore.

LA GUERRA DEI CLAN E IL SECONDO GIORNO DEL TUONO


Dopo anni di carestia, pestilenza e morte i maestri degli elementi del clan delle Fenice decisero di
aprire alcune pergamene antiche in loro possesso per scoprire di pi sul loro nemico. Ovviamente
pensavano di poter resistere a tale potere ma si sbagliavano e cos anche loro caddero nell'ombra,
corrotti dal potere delle Shadowlands. Akodo Toturi durante il suo pellegrinaggio incontra una
figura misteriosa e antica quasi quanto il mondo: Togashi, colui che per secoli dopo la guerra
contro Fu Leng non si era mai mostrato ai mortali. Togashi guid il guerriero caduto per formare
un'armata di ronin e samurai del Dragone e dell'Unicorno onde proteggere l'Impero. Egli nel suo
viaggio per cercare alleati incontr persino gli antichi Naga, risvegliatisi dopo secoli per aver
sentito il ritorno dell'Oscurit. Intanto l'Imperatore si era ammalato gravemente attendendo la
morte senza alcun erede, mentre i grandi clan facevano guerra tra di loro per conquistare il trono.
Divenuto ormai debole, l'ultimo degli Hantei cadde sotto il potere di Fu Leng e il dio oscuro torn
sul Rokugan portando con s orde di demoni sanguinari. Togashi invece insieme ad un ronin
incappucciato (che dichiara di essere il discendente del leggendario Shinsei) raduna nuovamente
sette guerrieri per combattere Fu Leng. Lo scontro avvenne nella capitale Otosan Uchi, dove dopo
una violenta battaglia Togashi, Doji Hoturi e Isawa Takada morirono. Toturi invece sferra il colpo di
grazia contro Fu Leng e dopo la fine della guerra venne eletto primo imperatore della dinastia
Toturi. Questa la fine della dinastia Hantei che ha regnato per oltre mille anni sul Rokugan.

L'ERA DELL'IMPERATORE NASCOSTO (LA GUERRA CONTRO L'OSCURITA')


Il nuovo Imperatore cos reintegr lo Scorpione come clan perdonandolo per le sue azioni.
Un'unione di clan minori invece chiese al nuovo imperatore di essere proclamato clan maggiore
con il nome di Clan della Mantide, richiesta che Toturi accett di buon grado. Essi avevano
combattuto almeno quanto gli altri clan per difendere il seggio dell'ultimo Hantei dalle mire dei
signori della guerra e alla fine avevano affrontato i demoni con coraggio. La famiglia Akodo invece
non torn mai pi com'era prima per volere delle stesso Toturi, che non volle fare dei favoritismi
verso la sua vecchia casata. Dopo anni di ricostruzione e di rinascita in seguito ai numerosi danni
causati dalle guerre e dalla pestilenza un altro nemico quindi si palesa: l'Oscurit Primordiale si
risveglia e trama il caos. Le ombre rapirono il nuovo Imperatore facendo ricadere la colpa di tutto
ci sullo Scorpione, che venne quindi esiliato per anni nel deserto delle Sabbie Ardenti. Il
rapimento di Toturi I port ad un altro periodo di guerre tra clan per la supremazia: i vari daimyo
vennero messi l'uno contro l'altro dal potere dell'Oscurit, affinch l'Impero potesse collassare
portando alla fine del Rokugan. A niente serv il salvataggio dell'Imperatore che ormai era divenuto
un burattino dell'Oscurit, portando solo caos e guerra con le sue decisioni. Il Granchio intanto
stava combattendo per proprio conto contro i demoni per riprendersi i territori Hiruma, mentre il
kami Shinjo torn dopo oltre un millennio, creduta morta dal suo stesso clan poich ella era
sparita secoli prima nelle Sabbie Ardenti... Shinjo port di nuovo ordine nell'Unicorno,
distruggendo i membri della Kolat infiltratisi nella sua famiglia e aiutando Otaku Kamoko (uno
degli ultimi Sette Tuoni) a distruggere definitivamente la Legione Perduta dei samurai Moto. Da
ora in avanti sar quindi la famiglia Moto a guidare il clan e non pi gli Shinjo. Tutto l'odio del
mondo dest persino Onnotangu, che con la sua furia non fece altro che alimentare l'Oscurit
Primordiale. Il Dio Luna cos si risvegli dal suo sonno secolare giurando vendetta verso i suoi figli e
la loro discendenza di miserabili umani... Sar il destino di Mirumoto Hitomi (uno dei sette tuoni
dell'ultima guerra) sconfiggerlo. Ella, insieme allo spirito di Togashi, forgi numerosi artefatti per
combattere il dio e proprio insieme al capostipite del suo clan lo affront nel mondo degli spiriti
portandolo alla morte. Cos Hitomi ascese al Tengoku benedetta dai kami celesti, diventando la
nuova Dea della Luna. Amaterasu pianse per la morte del marito e lasciando il paradiso condann
il mondo a un'oscurit di 27 giorni. Dopo aver realizzato che un tale atto di egoismo aveva portato
alla sofferenza di molti uomini e ad accrescere il potere dell'Oscurit, Amaterasu decise quindi di
fare seppuku per le proprie azioni. Hida Yakamo le tagli la testa nel rito (il Tuono del Granchio),
ed il guerriero ascese al cielo per divenire la nuova divinit del Sole. L'Oscurit intanto aument il
suo potere raggiungendo le Shadowlands, dove essa inghiott il "Portale dell'Oblio", un artefatto
molto antico e potente che consente di viaggiare tra il mondo dei morti e quello dei vivi. Cos
mentre le anime dei morti tornavano sulla terra, l'Imperatore decide di fare seppuku per
allontanare dal trono l'Oscurit. Le armate dei grandi clan marciarono verso il portale insieme ai
Naga, che da secoli avevano predetto il ritorno del Nulla Senza Nome. Combattendo le forze delle
tenebre insieme ai samurai dei grandi clan, il dio Sole e la dea Luna capirono che l'unico modo per
sconfiggere l'oscurit darle un nome: Akodo. Cos facendo l'Oscurit venne distrutta e la famiglia
caduta fu perdonata e reintegrata nel clan del Leone. Il Grande Dragone dell'Aria spazz via ci
che rimase dell'Oscurit ma cos facendo a sua insaputa cre il settimo Dragone: il Dragone
dell'Ombra. Dopo aver combattuto per decenni i demoni di Fu Leng e l'Oscurit finalmente i Naga
decisero di tornare nel loro lungo sonno e l'Impero torn quindi ad un effimero periodo di pace.

L'ERA DEI QUATTRO VENTI


Nonostante la sconfitta dell'Oscurit Primordiale molti spiriti antichi si riversarono sul Ningen-do,
decisi a non lasciare pi il proprio posto nel mondo mortale. A guidare gli spiriti in una guerra che
dur oltre dieci anni sar il Crisantemo d'Acciaio (Hantei XVI), che torner per reclamare il suo
trono e per distruggere la famiglia Toturi e il nuovo Imperatore. Dopo anni dalla Guerra degli
Spiriti (che non vedr nessun vincitore) l'Imperatore morir invece assassinato da un nuovo tipo di
Oni detto "Onisu". La morte dell'imperatore porter ad un conflitto tra i quattro eredi papabili, i
"Quattro Venti": Toturi Tsudao (la figlia pi grande), Toturi Sezau (il figlio maggiore, grande
shugenja), Akodo Kaneka (figlio illegittimo dell'Imperatore sostenuto dai clan Leone e Unicorno),
Hantei Naseru (figlio adottivo dell'Imperatore e ultimo rimasto dell'antica dinastia). Durante
questa era di tumulti politici i Rokugani ignorarono l'ascesa di una sorta di stregone chiamato
Daigotsu (colui che aveva creato gli Onisu), che radunando con s un esercito di Oni e samurai
corrotti dal sangue demoniaco invase la citt imperiale grazie ad una flottiglia di navi da guerra e
all'aiuto degli spiriti che vagavano ancora dopo anni dalla Guerra degli Spiriti. Daigotsu us tutto il
potere degli spiriti per aprire una faglia nel Meido, liberando Fu Leng che ivi era rimasto
prigioniero. Il dio caduto, libero dalle catene di Emma-o (il giudice della morte), raggiunse cos il
Tengoku per distruggere i suoi fratelli. Gli uomini guidati da Tsudao, Kaneka e Sezaru
combatterono i servitori di Daigotsu, mentre Naseru parl con Fu Leng per convincerlo del fatto
che Daigotsu lo avrebbe tradito quando sarebbe diventato troppo potente. Cos il dio caduto priv
Daigotsu dei suoi poteri e Tsudao ne approfitt per distruggere il suo corpo mortale di
quest'ultimo, a costo della vita. Dopo la caduta di Daigotsu e dei suoi servi Kaneka e Sezaru
rinunciarono al trono in favore di Naseru, ritenuto il pi scaltro e pragmatico dei quattro fratelli.

IL RITORNO DEL BLOODSPEAKER


Daigotsu aveva predisposto tutto nel caso della sua morte nel mondo materiale, cos dopo essersi
reincarnato in un altro corpo egli scopr che un altro stregone pi antico e potente era giunto per
sfidarlo nella Citt dei Caduti (la capitale di Daigotsu): Iuchiban. In seguito agli ultimi catastrofici
avvenimenti infatti molte "faglie" tra i vari reami si erano aperte in tutto il Rokugan, allentando i
sigilli della prigione di Iuchiban, che ancora una volta aveva trovato il modo di tornare nel mondo
dei mortali per reclamare il suo trono. Daigotsu fu sconfitto dal Bloodspeaker e fugg nel deserto
per cercare di apprendere i segreti di Iuchiban... Il Bloodspeaker riform quindi un nuovo culto in
suo nome e pun l'Imperatore per la sua arroganza lanciando contro tutto il Rokugan una pioggia
di sangue demoniaco. Daigotsu cos torn dall'Imperatore per svelare il vero punto debole di
Iuchiban e si offr di aiutare i grandi clan a distruggere lo stregone una volta per tutte. Toturi gli
offr questa opportunit e Daigotsu non trad l'Impero che combatt l'armata demoniaca di
Iuchiban mentre il "pentito" trov il vero cuore dello stregone e lo distrusse per sempre. Durante
questo periodo un'altra minaccia era riaffiorata per colpa del Portale dell'Oblio, che aveva
riportato nel mondo mortale Bayushi Atsuki, uno dei fondatori della Gozoku. Mentre l'Impero era
impegnato a combattere i demoni infatti la Gozoku si era riformata come una piaga tra i nobili del
Rokugan, con la promessa degli spiriti di aiutarli a rovesciare il potere dell'Imperatore in favore di
una nuova oligarchia. Ci vollero molti anni a eradicare la nuova Gozoku, ma dopo un lungo periodo
finalmente molti nobili furono giustiziati e lo spirito di Atsuki fu ricacciato nell'Oblio. Nonostante la
morte di Iuchiban il discendente di Shinsei (Rosaku, il "ronin incappucciato") fu assassinato da uno
degli ultimi cultisti. Rosaku aveva presentato ai saggi dei vari clan una sfida di indovinelli: colui che
fosse riuscito a risolverli sarebbe infatti diventato un "Custode degli Elementi", una sorta di nuova
guida spirituale per il Rokugan. Dopo la morte del ronin alcuni uomini riuscirono a comprendere
alcuni dei misteri celati negli indovinelli del discendente di Shinsei. Questi uomini (non tutti saggi e
monaci dei clan ma anche gente semplice), divennero i nuovi Custodi degli Elementi, guidati da
Asahina Sekawa, "Custode dei Cinque Anelli". Questi nuovi tumulti religiosi confusero Naseru,
uomo pragmatico e poco spirituale, il quale decise di lasciare il trono per viaggiare attraverso le
Shadowlands, laddove sono sepolti i Sette Tuoni che combatterono Fu Leng per la prima volta. Egli
quindi si uccise e contempl la saggezza degli spiriti di quei sette uomini giusti, chiedendo che essi
potessero tornare per guidare il Rokugan e proteggerlo da qualsiasi minaccia che in futuro si
sarebbe presentata...

LA CORSA AL TRONO
Con la morte di Naseru Toturi, alcuni tentarono di conquistare il trono. Sezaru fu corrotto dal
potere della magia e divent folle perdendo ogni umanit fino a raggiungere la morte. Moto
Chagatai, Khan dell'Unicorno, us la forza bruta per tentare di impossessarsi del trono con
l'appoggio delle proprie armate: il suo desiderio era solo quello di unificare l'impero sotto una
guida forte. Kaneka mor combattendo Chagatai, suo vecchio amico, nella bataglia di Toshi Ranbo.
Seguirono altri anni di sanguinose guerre: mentre le citt erano in fiamme, la carestia e la
pestilenza affliggevano le campagne. Cos i cieli decisero di intervenire per salvare l'Impero. Visto
che il nuovo Sole e la Luna non erano in grado di decidere in maniera imparziale e giudicare gli
empi che avevano rovinato il Rokugan, i dragoni di Giada e di Ossidiana decisero di sfidarli. Il
dragone di Giada sconfisse in duello Yakamo, mentre quello di Ossidiana sconfisse Hitomi. Infine i
saggi Dragoni chiesero ai mortali di fare una tregua per un periodo nel quale si sarebbe tenuto un
torneo celeste (come quello dei primi kami) dove il vincitore sarebbe divenuto imperatore. Dopo
molte impegnative sfide fu il daimyo della famiglia Kitsuki a prevalere: Kitsuki Iweko. Ella non vinse
infatti con la forza, ma con intellingenza e saggezza, divenendo Imperatrice. Cos ebbe inizio la
nuova dinastia Iweko, che porter una nuova era per l'Impero sotto la guida illuminata
dell'Imperatrice Iweko I, la "Luce dei CielI", campionessa del Ningen-do. Durante il suo regno ci
sono state altre guerre: le due principali contro i naga oscuri (coloro che non si sono sopiti
soccombendo alla pazzia) e i gaijin noti come i "Distruttori" (seguaci della dea oscura Kali-ma), ma
grazie alla sua saggezza l'Imperatrice riuscita infine a portare la pace sconfiggendo i nemici del
Rokugan, grazie anche all'aiuto di Daigotsu e i suoi guerrieri. Iweko accoglie cos anche la richiesta
di Kanpei Daigotsu (figlio dello stregone) di formare un proprio clan: il Clan del Ragno. Il nuovo
clan giura quindi fedelt assoluta all'Impero e adesso per anni sembra perdurare la pace...