Sei sulla pagina 1di 786

La<inaua

ITALIANA
Halina
POPAWSKA
Z o fia
SZENAJCHOWA
STUDIAMO
La Lingua
ITALIANA
HALINA POPAWSKA ZOFIA SZEN AJC HO WA

S T U D I A MO
La Lingua
ITALIANA

PODRCZNIK

WARSZAWA PASTWOWE WYDAWNICTWO NAUKOWE


Okadk projektowa
JA C E K Z IE L I S K I

Redaktor
A L IN A A R S K A

Redaktor techniczny
T A D E U S Z P IA S E C K I

Korektorzy
D A N U T A FELC ZY SK A
H A N N A JA N C ZE W SK A
W A C A W A K L IM

C o p y r ig h t b y
P a s t w o w e W y d a w n ic tw o N a u k o w e
W a r sz a w a 1971

P r i n t e d in P o l a n d
ndice

Prefazione 17

Parte prima
IN CASA E IN CITT

1. Lezione p r i m a .................................................................................21
Alfabeto italiano 21. Pronuncia 22. 1. Consonanti 22.
2. Consonanti doppie 25. 3. Vocali 26. 4. Dittongo, trittongo,
iato 27. Accento 28. E s e r c i z i o 28
2. Lezione s e c o n d a ................................................................................30
G r a m m a t i c a . Verbi ausiliari: avere e essere 30. C', ci
sono 31. Egli, ella esso, essa 32. Maschile, fem m inile (sin
golare, plurale) 32. L e t t u r a . La classe 34. E s e r c i z i 34
3. Lezione t e r z a ..................................................................................... 36
G r a m m a t i c a . Articolo determinativo 36. Elisione. Apostro
fo 39. Come dividere le parole 39. Verbi delle tre coniu
gazioni regolari 40. E-ed. A-ad. O-od 41. L e t t u r a . La le
zione 42. E s e r c i z i 42
4. Lezione q u a r t a ..........................................................: . . . 44
G r a m m a t i c a . Verbi riflessivi 44. A ggettivi numerali car
dinali (1 -20) 45. L e t t u r a . La scuola 45. E s e r c i z i 46
5. Lezione q u i n t a .................................................................................48
G r a m m a t i c a . Verbi in - isc 48. Articolo indeterm inativo
49. Verbo irregolare fare 51. L e t t u r a . La casa 52.
E s e r c i z i 52
6. Lezione s e s t a ...................................................................................... 54
G r a m m a t i c a . Verbi irregolari: andare e stare 54. Prepo
sizioni semplici 54. Molto-poco, tanto-quanto, troppo 56.
E s e r c i z i o 57. L e t t u r a . La fam iglia 58. E s e r c i z i 58
7. Lezione s e t t im a .................................................................................60
G r a m m a t i c a . Preposizioni articolate composte con la pre
posizione di 60. Nome: gnere e numero 61. Uso delle m aius-
cole 64. Verbo irregolare dare 65. L e t t u r a . Lapparta
m ento della fam iglia Lombardi 66. E s e r c i z i 66

8. Lezione ottava
G r a m m a t i c a . Nome: formazione del fem m inile 68. Verbi
irregolari potere e tenere 70. Preposizioni articolate composte
con la preposizione a 71. L e 11 u r a. La stanza di Claudia 72.
E s e r c i z i 73

9. Lezione nona 75
G r a m m a t i c a . Nome: formazione del plurale 75. Preposi
zioni articolate composte con la preposizione in 76. A ggettivi
numerali cardinali (21 - 100) 70. L e t t u r a . I giorni della set
timana 77. La cucina della signora Lombardi 78. E s e r
c i z i 79

10. Lezione d c i m a ................................................................................ 81


G r a m m a t i c a . Aggettivo qualificativo: formazione del fem
m inile e del plurale 81. A ggettivi e pronomi dimostrativi 82.
Verbo irregolare bere 84. L e t t u r a . La via Garibaldi 84.
E s e r c i z i 85

11. Lezione u n d i c e s i m a ...................................................................... 87


G r a m m a t i c a . Futuro smplice 87. Verbi impersonali. (1)
88. Troncamento 88. Verbi irregolari dire e volere 90.
L e t t u r a . I dodici m esi dellanno 91. E s e r c i z i 92

12. Lezione d od icesim a........................... ............................................. 94


G r a m m a t i c a . Verbi irregolari sapere e venire 94. Futuro
di alcuni verbi irregolari 94. Articolo partitivo 96. L e t t u
ra. Le ore 97. Dialogo 98. E s e r c i z i 100

13. Lezione t r e d i c e s i m a ................................................................... 101


G r a m m a t i c a . Omissione dellarticolo 101. Preposizioni ar
ticolate composte con la preposizione su 103. Aggettivo tu t
to 104. L e t t u r a . Le quattro stagioni dellanno 104. E s e r
c i z i 105
14. Lezione quattord icesim a..............................................................107
G r a m m a t i c a . A ggettivi e pronomi possessivi 107. Verbo
irregolare uscire 109. L e t t u r a . Passeggiata in citt 109.
E s e r c i z i 110

15. Lezione q u in d icesim a................................................................... 112


G r a m m a t i c a . Participio passato regolare 112. Pronomi per
sonali (1) 113. Preposizioni: a e da 114. Verbo irregolare
dovere 115. L e t t u r a . La visita dal mdico 116. E s e r
c i z i 116
16. Lezione se d ic e sim a .....................................................................
G r a m m a t i c a . Participio passato irregolare 118* Pronomi
personali (2) 118. Irregolarit delle coniugazioni regolari 120.
L e t t u r a . A llufficio postale 123. E s e r c i z i 124
17. Lezione d ic ia s s e tte s im a .......................................................... 126
G r a m m a t i c a . Passato prossimo 126. Pronomi personali (3)
128. L e t t u r a . Viaggio a Milano 129. E s e r c i z i 131
18. Lezione d ic io t t e s im a ............................................................... 133
G r a m m a t i c a . Concordanza del participio passato 133.
L e t t u r a . Dialogo 135. E s e r c i z i 136
19. Lezione d ic ia n n o v esim a .......................................................... 138
G r a m m a t i c a . Pronomi personali (4) 138. Lettura. Il grande
giorno della signora Lombardi 139. Dialogo 139. E s e r
c i z i 140
20. Lezione v e n t e s im a ..................................................................... 142
G r a m m a t i c a . Nome: forme irregolari 142. Nomi difettivi
143. L e t t u r a . Il corpo umano 144. I cinque sensi 145.
Le m alattie pi frequenti 145. E s e r c i z i 146

Parte seconda
IN ITALIA

21. Lezione v en tu n esim a-............................................................... 149


G r a m m a t i c a . Gerundio smplice 149. Verbo irregolare m o
rire 150. L e t t u r a . LItalia 151. E s e r c i z i 152
22. Lezione v en tid u esim a ............................................................... 154
G r a m m a t i c a . Gradazione degli aggettivi 154. Gradazione
irregolare degli aggettivi 156. L e t t u r a . l Italia: un po di
geografia 157. E s e r c i z i 160
23. Lezione v en titreesim a ............................................................... 162
G r a m m a t i c a . Avverbio di modo 162. L e t t u r a . Punti
cardinali 164. Le regioni dItalia 164. LItalia Settentrionale
(1) 165. E s e r c i z i 168
24. Lezione v e n t iq u a tt r e s im a ..................................................... 170
G r a m m a t i c a . Imperfetto 170. Avverbio di luogo 171.
Avverbio di tempo 172. L e t t u r a . LItalia Settentrionale (2)
173. E s e r c i z i 176
25. Lezione ven ticin q u esim a..........................................................
G r a m m a t i c a . A ggettivi numerali cardinali (2) 178. A vver
bio di quantit 179. Avverbi: di affermazione, di negazione
e di dubbio 180. L e t t u r a . Le Alpi 180. E s e r c i z i 182
26. Lezione v e n tis e e s im a ...............................................................
G r a m m a t i c a . Gradazione dellavverbio 184. Gradazione ir
regolare degli avverbi 185. Locuzioni avverbiali 186. L e t
t u r a . La Regina del mare 186. Venezia (di Diego Valeri)
190. E s e r c i z i 190
27. Lezione v e n t is e t t e s im a .......................................................... 192
Grammatica. Pronomi relativi 192. L e t t u r a . Il Po
193. E s e r c i z i 194
28. Lezione v e n to tte sim a ............................................................... 196
G r a m m a t i c a . A ggettivi e pronomi interrogativi 196. L e t
t u r a . Dante Alighieri (di Ettore Janni) 198. E s e r c i z i 199
29. Lezione v e n t in o v e s i m a .......................................................... 201
G r a m m a t i c a . A ggettivi numerali ordinali 201. Uso degli
aggettivi numerali cardinali e ordinali 202. L e t t u r a . Ra
venna 204. E s e r c i z i 205
30. Lezione tre n te sim a ..................................................................... 207
G r a m m a t i c a . Im perativo 207. Im perativo dei verbi rifles
siv i 208. Forma negativa dellimperativo 208. Forma nega-*
tiv a dellimperativo dei verbi riflessivi 209. L e t t u r a . Dia
loghi 210. Stornello (di Gianni Rodari) 211. E s e r c i z i 212
31. Lezione tren tu n esim a ............................................................... 213
G r a m m a t i c a . Verbi im personali (2) 213. L e t t u r a . LIta
lia Centrale 215. E s e r c i z i 219
32. Lezione t r e n t a d u e s im a .......................................................... 221
G r a m m a t i c a . Forma passiva del verbo 221. L e t t u r a .
Firenze 223. E s e r c i z i 225. Stornelli toscani 227
33. Lezione t r e n t a t r e s im a .......................................................... 228
G r a m m a t i c a . Imperativo dei verbi irregolari 228. L e t
t u r a . Dialogo 229. Il marmo 230. Barzellette 231. E s e r
c i z i 231
34. Lezione tr e n ta q u a ttr e sim a ..................................................... 233
G r a m m a t i c a . Nomi alterati 233. A ggettivi alterati 235.
L e t t u r a . LElba (di Pietro Pancrazi) 236. E s e r c i z i 237
35. Lezione tr e n ta c in q u e s im a ..................................................... 238
G r a m m a t i c a . Forma enclitica (1) 238. Verbi in -arre, -orre,
-urre 239. L e t t u r a . Roma antica 241. E s e r c i z i 242
36. Lezione tren tasesim a..............................................................
G r a m m a t i c a . Forma enclitica (2) 244. L e t t u r a . Roma
moderna 245. Ferragosto (di Gianni Rodari) 246. E s e r
c i z i 247
37. Lezione tr e n ta s e tt s im a ..........................................................
G r a m m a t i c a . Forma enclitica (3) 248. L e t t u r a . LItalia
Meridionale 249. E s e r c i z i 252. Stornello toscano 253

38. Lezione tren to ttsim a ............................................................... 254


G r a m m a t i c a . Nomi composti 254. Formazione del plurale
dei nomi composti 255. L e t t u r a . Napoli 257. Santa Lu
cia 259. Torna a Sorrento 259. E s e r c i z i 259
39. Lezione trentanovesima .......................................................... 261
G ra m m a tica . Particella pronominale ne 261. L e t t u r a .
Capri 262. E s e r c i z i 264
40. Lezione quarantesim a............................................................... 265
G r a m m a t i c a . A ggettivi esclam ativi 265. Locuzioni escla
m ative 265. L e t t u r a . Il disco (di Gianni Rodari) 266. Una
lttera 287. E s e r c i z i 267
41. Lezione quarantunesim a.......................................................... 269
G r a m m a t i c a . Uso della preposizione di 269. L e t t u r a .
Pompei 270. E s e r c i z i 271
42. Lezione q u a r a n ta d u e s im a .....................................................
G r a m m a t i c a . A ggettivi indefiniti 273. Pronomi indefiniti
274. L e t t u r a . LItalia Insulare 275. E s e r c i z i 278
43. Lezione q u a r a n ta tr e e sim a ..................................................... 280
G r a m m a t i c a . Passato remoto 280. Uso della preposizio
ne a 281. L e t t u r a . LItalia: un po di storia 282. E s e r
c i z i 283
44. Lezione q u aran taqu attresim a................................................ 285
G r a m m a t i c a . Uso della preposizione da 285. L e t t u r a .
Il Rinascimento 286. E s e r c i z i 287

45. Lezione q u a r a n ta c in q u e sim a ................................................ 289


G r a m m a t i c a . Uso della preposizione per 289. Passato re
moto irregolare del verbo leggere 290. Prefisso r i- 290. Lim
portanza dellaccento tonico 291. L e t t u r a . Il Parco Nazio
nale 292. L accento sullo (di Gianni Rodari) 292. E s e r
c i z i 293

46. Lezione quarantaseesim a.......................................................... 294


G r a m m a t i c a . Pronomi personali (5) 294. Uso della pre
posizione in 295. L e t t u r a . Garibaldi (Edmondo de Amicis,
Cuore) 296. E s e r c i z i 297

47. Lezione q u a ra n ta settesim a .....................................................


G r a m m a t i c a . Uso della preposizione con 299. Nomi de-
rivati 300. Parole composte 301. L e t t u r a . I m estieri (di
Giovanni Papini) 302. E s e r c i z i 302, 303
48. Lezione quarantottesim a..........................................................
G r a m m a t i c a . Uso delle preposizioni: tra, fra 305. Uso del
la preposizione su 305. Origine delle parole 306. Formazione
delle parole 306. L e t t u r a . Ordinamento dello Stato italia
no 307. E s e r c i z i 309
49. Lezione quaram tan ovesim a..................................................... 311
G r a m m a t i c a . Ripetizione delluso delle preposizioni 311.
L e t t u r a . Le strade italiane 312. I pirati (di Gianni Rodari)
313. E s e r c i z i 314
50. Lezione c in q u a n t e s im a .......................................................... 315
G r a m m a t i c a . Congiunzione 315. L e t t u r a . Lamor di Pa
tria (Edmondo de Amicis, Cuore) 316. E s e r c i z i 318

Parte terza
QUALCHE DATO STQRICO SULLITALIA MODERNA

51. Lezione c in q u a n t u n e s im a ..................................................... 321


G r a m m a t i c a . Passato remoto irregolare 321. Passato re
moto dei principali verbi irregolari 322. Elenco dei verbi pi
usati che hanno il passato remoto irregolare 323. L e t t u r a .
Le invasioni straniere 327. Il Cinquecento italiano (Niccol Ro-
dolico, Storia degli Italiani) 328. LItalia maestra di civilt
(Bernardino Barbadoro, Ventisette scoli di storia dItalia)
328. E s e r c i z i 329
52. Lezione cin q u a n ta d u esim a ..................................................... 331
G r a m m a t i c a . Trapassato prpssimo 331. L e t t u r a . LItalia
sotto le dominazioni straniere 332. I promessi sposi (di A les
sandro Manzoni) 334. E s e r c i z i 335. Stornello 337
53. Lezione cin q u an tatreesim a..................................................... 338
G r a m m a t i c a . Trapassato remoto 338. L e t t u r a . I pro
m essi sposi (di Alessandro Manzoni) 339. E s e r c i z i 342
54. Lezione cinquantaquattresim a................................................ 344
G r a m m a t i c a . Futuro anteriore 344. Luso del futuro an
teriore 344. L e t t u r a . Il Settecento italiano 345. Italianit
di cultura (Niccol Rodolico, Storia degli Italiani) 346.
E s e r c i z i 347. Epigrammi (di Pietro Bembo) 348
55. Lezione cin q u an tacin q u esim a................................................
G r a m m a t i c a . Tempi dellindicativo. Ripetizione 349. L e t
t u r a . Il Risorgimento Italiano 349. I Carbonari (B. Barbadoro,
Ventisette scoli...) 350. Le grandi figure del Risorgimento:
Giuseppe Mazzini 351. E s e r c i z i 351
56. Lezione c in q u a n ta s e e s im a ....................................................
G r a m m a t i c a . Verbi servili 353. L e t t u r a . I due patriotti:
(Silvio Pllico, I miei prigioni; Giovanni Rufini, II dottor An
tonio) 354. E s e r c i z i 359
57. Lezione cinquantasettesima 360
Grammatica. Condizionale 360. Condizionale presente
360. Condizionale presente dei principali verbi irregolari
361. Uso del condizionale 362. L e t t u r a . Le guerre del
Risorgimento 362. La piccola vedetta lombarda (Edmondo De
Amicis, Cuore) 363. E s e r c i z i 367
58. Lezione c in q u a n t o tt e s im a ......................................................... 360
G r a m m a t i c a . Condizionale passato 369. L e t t u r a . II
Gattopardo (di Giuseppe Tornasi di Lampedusa) 371. Le ar
dite del 1860 (Noi donne) 372. E s e r c i z i 374
59. Lezione cinquantanovesim a.........................................................376
G r a m m a t i c a . Tavola del participio passato irregolare dei
verbi pi usati 376. L e t t u r a . Il fascismo: Ci sembr di
nascere allora (Noi donne). Sempre gli stessi, ieri come oggi
(Barbara Allason, Memorie di unantifascista). La spedizione
punitiva (Noi donne) 379. E s e r c i z i 382
60. Lezione s e s s a n te s im a ....................................................................384
G r a m m a t i c a . Ricapitolazione del materiale gram m aticale
della terza parte attraverso le letture 384. L e t t u r a . La
guerra e la Resistenza. Un compleanno nel lager (Teresa Noce,
Ma domani far giorno). Un sospiro di sollievo (Noi donne).
Bambini coi partigiani (Luisa Sturani, Fazzoletti rossi). Cam
pane a stormo per la liberazione (Marise Ferro, La guerra
stupida) 384. E s e r c i z i 390

Parte quarta
LA VITA POLITICA, ECONOMICA E SOCIALE

61. Lezione sessantun esima 395


Grammatica. Congiuntivo 395. Tempi del congiuntivo
395. Presente del congiuntivo 395. Uso del congiuntivo (1)
396. L e t t u r a . Acrobati della parola: gli intrpreti ad alto
livello (Le vie dItalia) 397. E s e r c i z i 400
62. Lezione sessantadusima
Grammtica. Presente del congiuntivo dei verbi irregolari
pi usati 402. Uso del congiuntivo (2) 403. L e t t u r a . Co
noscere il suo paese ed i paesi vicini (Le vie dItalia) 405.
Il Garda: un giardino nel cuore del Nord (Noi donne) 405.
Filastrocca (Gianni Rodari, Filastrocche in cielo e in terra)
408. E s e r c i z i 409
63. Lezione s e s s a n t a t r e s im a .....................................................
G r a m m a t i c a . Uso del congiuntivo (3) 411. L e t t u r a . La
rivoluzione della spesa (Noi donne) 412. E s e r c i z i 415
64. Lezione se ssa n ta q u a ttr e sim a ................................................ 416
G r a m m a t i c a . Congiuntivo passato 416. L e t t u r a . La
popolazione italiana ed il fenomeno dell inurbamento (Vita
italiana) 417. Il Centro Internazionale di Perfezionam ento
Professionale e Tecnico di Torino (Vita italiana) 419. E s e r
c i z i 421
65. Lezione sessantacinquesim a..................................................... 423
G r a m m a t i c a . Uso del congiuntivo (4) 423. L e t t u r a . In
dustria italiana 424. Pubblicit (Vendere, Epoca, Gente)
426. E s e r c i z i 427
66. Lezione sessan tasesim a .......................................................... 429
Grammatica. Congiuntivo im perfetto 429. L e t t u r a .
FIAT 430. Via sicura (Le vie dItalia) 434. Lincredibile
prezzo del circolare (Le vie dItalia) 435. E s e r c i z i 436
67. Lezione s e s s a n ta s e tt s im a ..................................................... 438
G r a m m a t i c a . Congiuntivo im perfetto di alcuni verbi ir
regolari 438. Uso del congiuntivo (5) 438. L e t t u r a . L auto
mobile sotto accusa (Le vie dItalia) 439. Le grandi manovre
sul campo dellabbigliamento (Noi donne) 439. E s e r c i z i
442
68. Lezione se ssa n to tt sim a .......................................................... 444
G r a m m a t i c a . Congiuntivo trapassato 444. Uso del con
giuntivo fine (6) 445. L e t t u r a . Domani si vota (Noi
donne) 445. Un mercato sempre verde (Noi donne) 447.
E s e r c i z i 450
69. Lezione s e ss a n ta n o v e s im a ..................................................... 452
G r a m m a t i c a . Uso dei tempi del congiuntivo 452. L e t
t u r a . Si perdono per la strada un quinto degli scolari (LU ni
t) 453. Laviazione civile (Vita italiana) 454. La sicurezza
del volo, problema del giorno (Le vie dItalia) 456. E s e r
c i z i 457
70. Lezione s e tta n te s im a ..............................................................
Grammatica. Ricapitolazione del congiuntivo: forme e uso,
attraverso le letture 459. L e t t u r a . Unit turistica dEuropa
(Le vie dItalia) 459. Non sono pi sem plicem ente tre i modi
di trascorrere le ferie (Avanti) 462. Transitaliana viaggio
della speranza (Panorama) 463. E s e r c i z i 466

Parte quinta
PAGINE SCELTE DELLA LETTERATURA ITALIANA

71. Lezione s e tta n tu n s im a ...............................................................469


G r a m m a t i c a . Forma enclitica 469. L e t t u r a . Il re di
cuori (Le vie dItalia) 471. Tipo soave (di Alfredo Panzini)
475. E s e r c i z i 476
72. Lezione settan tad u sim a...............................................................479
G r a m m a t i c a . Pronome si 479. Ne particella avverbiale
e pronominale 479. L e t t u r a . Il premio Nobel per la lettera
tura 481. II cane (di Grazia Deledda) 482. Come imparai
a leggere (di Matilde Serao) 484. Una fioraia (di Matilde Serao)
486. E s e r c i z i 491
73. Lezione settantatre?sim a...............................................................493
G r a m m a t i c a . Forme tone dei pronomi personali in fun
zione di complemento oggetto e di termine 493. L e t t u r a .
Luigi Pirandello (Natalino Sapegno, Disegno storico della let
teratura italiana) 494. Lumie di Sicilia (Luigi Pirandello,
Maschere nude) 496. E s e r c i z i 506
74. Lezione s e tta n ta q u a ttr e s im a .................................................... 508
G r a m m a t i c a . Ci avverbio e pronome 503. L e t t u r a .
II compagno (di Csare Pavese) 509. E s e r c i z i 513
75. Lezione settantacinquesim a.........................................................515
G r a m m a t i c a . Gerundio passato (composto) 515. Ancora
sulle forme enclitiche 516. L e t t u r a . II Gattopardo (di
Giuseppe Tornasi di Lampedusa) 516. E s e r c i z i 522
76. Lezione se tta n ta se sim a ...............................................................525
G r a m m a t i c a . Infinito passato 525. Im perativo nella forma
enclitica 526. L e t t u r a . II fucile di Papa Della Genga (di
Francesco Serantini) 527. LOsteria del Gatto Parlante (di
Francesco Serantini) 534. E s e r c i z i 536
77. Lezione s e tt a n t a s e t t s im a ......................................................... 538
G r a m m a t i c a . Periodo ipottico 538. L e t t u r a . ,,LAgnese
va a morire (di Renata Vigan) 540. E s e r c i z i 545
78. Lezione se tta n to tt sim a ...............................................................547
Grammtica. Concordanza del participio passato 547.
Lettura. Le lettere da Capri (di Mario Soldati) 548.
Esercizi 554
79. Lezione s e tt a n t a n o v e s im a ..........................................................556
G r a m m a t i c a . Participio 556. Participio presente 556.
L e t t u r a . II barone ram pante (di Italo Calvino) 558.
E s e r c i z i 562
80. Lezione o t t a n t e s i m a .................................................................... 564
G r a m m a t i c a . Verbo: modi e tempi. Ricapitolazione 564.
L e t t u r a . II quaderno proibito (di Alba De Cspedes) 564.
Lavaro (di Alberto Moravia) 568. E s e r c i z i 574

Parte sesta
SCIENZA E ARTE

81. Lezione o t ta m tu n c s im a ...............................................................579


G r a m m a t i c a . Uso dellinfinito (1) 579. Lettura. Lo splen
dore che Bernini ha dato a Roma (Panorama) 582. Quando
il fotografo scrive la storia (Panorama) 583. Barzelletta
586. E s e r c i z i 586
82. Lezione o tta n ta d u s im a ..............................................................588
G r a m m a t i c a . Uso dellinfinito (2) 588. L e t t u r a . Teatro.
Che cos questa crisi (Tempo presente) 590. Barzelletta
593. E s e r c i z i 594
83. Lezione otta n ta tresim a ...............................................................595
G r a m m a t i c a . Uso dellinfinito (3) 595. L e t t u r a . Cine
ma e Televisione: Dai cugini USA arriva il s a Sherlock Holmes
(II giorno) 596. Vitelloni e motori (LU nit). 597 I per
sonaggi di Antoni oni passgiano giorno e notte (Epoca) 598.
Barzelletta 599. E s e r c i z i 599
84. Lezione ottantaquattresim a.........................................................601
G r a m m a t i c a . Uso del gerundio 601. L e t t u r a . Un passo
in avanti dellautomazione (LU nit) 602. Con l automazione
la nostra testa diventer pi grossa (Epoca) 603. Barzelletta
606. E s e r c i z i 606
85. Lezione o tta n ta cin q u esim a .........................................................608
G r a m m a t i c a . Uso del participio nelle proposizioni temporali
608. L e t t u r a . Archeologia. Ritorna alla luce l antica Agri
gento (Le vie dItalia) 609. Archeologia allancora (Le vie
dItalia) 611. Barzelletta 614. E s e r c i z i 614
86. Lezione o t ta n t a s e s im a .......................................... . . . 616
G r a m m a t i c a . Verbi: andare, stare, venire + participio pas-
sato 616. Verbi: andare, stare, venire + gerundio sem plice 617.
Forme enclitiche (ultima volta) 617. L e t t u r a . Energia nu
cleare e protezione sanitaria (LU nit) 618 Biologia e m edi
cina nucleare a congresso (II Giorno) 619. Il satllite italiano
partir dal mare (Epoca) 619. Come parleremo con gli
sseri viventi degli altri mondi (Epoca) 620. Barzellette
621. E s e r c i z i 622

87. Lezione ottan tasettsim a...............................................................624


Grammatica. Essere, stare + a + infinito 624. Essere,
stare + per + infinito 624. L e t t u r a . La vita di Giuseppe
Verdi (di Tommaso Chiaretti) 625. Barzelletta 630. E s e r
c i z i 630

88. Lezione o t t a n t o t t s im a ...............................................................632


G r a m m a t i c a . Non ... che ... 632. E ... che ... 632. L e t
t u r a . Estetica del mosico (di Pierre Guastalla) 632. Barzel
letta 635. E s e r c i z i 635

89. Lezione ottantanovesim a...............................................................637


G r a m m a t i c a . Discorso diretto e indiretto 637. Uso dei
tempi nel discorso diretto e indiretto 638. L e t t u r a . Diploma
di disegnatore per fare il pescivendolo (Noi donne) 639.
Barzelletta 641. E s e r c i z i 641

90. Lezione n o v a n t e s im a .................................................................... 643


G r a m m a t i c a . Ricapitolazione delle nozioni di grammatica
trattate nella sesta parte attraverso la lettura 643. L e t t u r a .
Recenti impianti sportivi in Italia (LArchitettura) 643.
Barzelletta 646. E s e r c i z i 646

Parte settima
LA POLONIA IN ITALIA

91. Lezione n o v a n tu n e s im a ............................................... . . 651


G r a m m a t i c a . Lanalisi grammaticale e l analisi logica 651.
Il periodo 652. L e t t u r a . La Polonia e l Italia 652. Una
citt viva (di Arnaldo Frateili) 653. E s e r c i z i 655

92. Lezione novantaduesim a......................................................... 657


G r a m m a t i c a . Proposizioni causali 657. L e t t u r a . Il Cal
vario di Varsavia 1939- 1945 (di Alceo Valcini) 658. E s e r
c z i 662. Epigrammi 663

93. Lezione novan/tatreesima


Grammatica. Proposizioni concessive 664. L e t t u r a .
Storia della letteratura polacca (di Marina Bersano Begey)
665. E s e r c i z i 669
94. Lezione n o v a n ta q u a ttr e s im a ................................................... 670
Grammatica. Proposizioni condizionali 670. L e t t u r a .
Quo vadis? (di Henryk Sienkiewicz) 671. E s e r c i z i 676
95. Lezione novantacinquesim a........................................................ 678
Grammatica. Proposizioni consecutive 678. L e t t u r a .
I figli della terra (di W adysaw Reymont) 679. E s e r c i z i
684
96. Lezione n o v a n ta se e sim a ..............................................................686
G r a m m a t i c a . Proposizioni finali 686. L e t t u r a . II fa
raone (di Bolesaw Prus) 687. E s e r c i z i 691
97. Lezione n o v a n t a s e tt e s im a ............................................ * . . 693
G r a m m a t i c a . Proposizioni modali 693. L e t t u r a . Ce
neri (di Stefan eromski) 694. E s e r c i z i 699
98. Lezione n o v a n to tte sim a ...............................................................700
G r a m m a t i c a . Proposizioni relative 700. L e t t u r a . Il
diario di Scesny (di Igor Neverly) 701. E s e r c i z i 704
99. Lezione n o v a n ta n o v e s im a ..........................................................705
G r a m m a t i c a . Proposizioni temporali 705. L e t t u r a . La
madre dei re (di Kazimierz Brandys) 706. E s e r c i z i 710
100. Lezione c e n t e s im a ......................................................................... 711
L e t t u r a . Agli A llievi benevoli 711. La poesia polacca in
italiano (I. Krasicki, C. K. Norwid, A. Asnyk, J. Kasprowicz,
K. Tetmajer, L. Staff, J. Tuwim, M. Paw likow ska-Jasnorzew -
ska) 711. Finita la notte (di Salvatore Quasimodo) 718. Ed
subito sera 719
Vocabolario alla parte prima e seconda . 721
Indice delle materie . 781
Carte geografiche . 785
Illustrazioni . 786
Prefazione
(Przedmowa)

W cigu ostatnich dziesiciu lat ukazao si w Polsce kilka


podrcznikw do nauki jzyka woskiego, jednake ksika, ktr
wanie oddajemy do rk studentw oraz osb pragncych pozna
ten pikny jzyk, jest prac pioniersk, bya bowiem pierwszym
podrcznikiem jzyka woskiego w penym znaczeniu tego sowa,
jaki wydano w Polsce po wojnie.
Podczas dziesicioletniej suby podrcznik niniejszy uka
zywa si czterokrotnie w formie skryptu. Obecne, pierwsze w y
danie drukiem jest wic waciw ie wydaniem pitym, zmienionym
i rozszerzonym. wiadczy to o zainteresowaniu Itali, jej jzykiem
i kultur i wie si z wybitnym oywieniem wym iany naukowej,
artystycznej i technicznej oraz z rozwojem turystyki midzy obu
krajami.
Jzyk polski, uywany obok woskiego przy wyjanieniach gra
matycznych w czci pierwszej, zostaje w czci drugiej prawie
wycznie zastpiony jzykiem woskim. Sformuowania regu
gramatycznych s tak proste, e bd dla wszystkich zrozumiae.
W czci pierwszej razi moe brak jednolitoci jzykowej
w prawidach gramatycznych formuowanych raz po polsku, raz
po wosku. Nie jest to jednak przypadek, lecz celowe zamierzenie
autorek, ktre staray si ogranicza jzyk polski do minimum,
uywajc przy prostszych pojciach jzyka woskiego, a bardziej
skomplikowane reguy wyraajc po polsku.
W dwch pierwszych czciach podrcznika zawsze, w dal
szych czciach przy trudniejszych wyrazach, akcent padajcy na
trzeci sylab od koca lub na i jest zaznaczony kropk pod odpo
wiedni samogosk np. tavola, via by ucze za kadym ra
zem, gdy napotka wyraz tego typu, wiedzia, jak go wym wi
akcentujc prawidowo.
Dwie pierwsze czci opatrzono sownikiem wosko-polskim

2 S tu d ia m o la lin g u a
17
i polsko-woskim, w ktrym znajduj si wszystkie wyrazy za
warte w tych czciach podrcznika, cznie z nazwami geogra
ficznymi. Uatwi to czytanie tekstw, gdy wystarczy wyszuka
odpowiednie sowo w czci sownikowej podrcznika zamiast po
sugiwa si osobnym sownikiem. Naturalnie, od czci trzeciej
trzeba ju korzysta z jednego z kilku sownikw wydanych
w Polsce w ostatnich latach. Tylko trudniejsze, rzadziej spotykane
terminy s objanione w specjalnych przypisach przy kadym
tekcie.
Podrcznik, podzielony na siedem czci, obejmuje sto lekcji.
Tematem tekstw jest Italia, jej ziemia, zabytki, literatura i sztu
ka, nauka i technika, ycie ekonomiczne i spoeczne, przeszo
i teraniejszo. Mapki kadego regionu pozwol pogbi znajo
mo geografii Pwyspu Apeniskiego i przybli miejscowoci
synce z zabytkw czy dzie sztuki. Poczwszy od czci III,
w kadej lekcji jest sporo tekstw o najrniejszej tematyce. Obok
tekstw literackich znajduj si fragmenty artykuw z prasy
woskiej. Chodzi o to, by ucze zapoznawa si ze sownictwem
wzitym z rnych dziedzin ycia, wzgldnie mia mono wyboru
i opracowania szczeglnie interesujcych go tematw.
Autorki maj nadziej, e podrcznik ten pomoe opanowa
jzyk woski nie tylko biernie, ale i czynnie, dziki czemu ucze,
znalazszy si w Italii, bdzie mg w peni korzysta z pobytu
i lepiej pozna kultur tego piknego kraju.

Pani Profesor A n n i e P a s e t t i z Uniwersytetu we Floren


cji, doktorowi M i c h e l e C o l u c c i , byemu lektorowi jzyka
woskiego na Uniwersytecie Warszawskim, i pani A d r i a n i e
G r e c k i e j autorki skadaj podzikowanie za cenne rady
i wskazwki przy opracowywaniu niniejszego podrcznika.
Specjalne podzikowanie naley si doktorowi A n t o n i o
S t e f a n i n i , attach kulturalnemu Italii w Warszawie, ktrego
uprzejmoci ksika ta zawdzicza pikne reprodukcje zabytkw
architektury woskiej i pejzau.

Halina Popawska Zofia Szenajchowa


W a r sz a w a , w g r u d n iu 1969 r.
PARTE PRIMA

casa e in citta
1. Lezione prima
Alfabeto italiano
Pronuncia
Consonanti
Consonanti doppie
Vocali
Dittongo, trittongo, iato
Accento

ALFABETO ITALIANO

Alfabet woski skada si z 21 liter:

litera nazwa litera nazwa


a a [a] n enne [enne]
b bi [bi]* 0 o [0]
c ci [czi] p pi [pi]
d di [di] q qu [ku]
e e [e] r erre [erre]
f effe [effe] s esse [esse]
g gi [di] t ti [ti]
In acca [akka] uu [u]
i i [i] V vu [wu]
l elle [elle] z zeta [dzeta]
m emme [emme]

Niej podane litery spotyka si obecnie jedynie w wyrazach


pochodzenia obcego:

j i lungo [i] dugie ** x ics [iks]


fc cappa [kappa] y ipsilon [ipsylon]
to vu doppio [wu] podwjne

* Nazwy liter podane s w transkrypcji uproszczonej.


** Litera j uywana bya w dawnym jzyku woskim , obecnie spotyka
j tylko w niektrych nazwiskach lub nazwach.
E s e m p i (przykady):
Jaccarini ) . , Walkirie
_ . } nazwiska ,
Janni J ex-deputato
Jugoslavia Yem en Jemen
km, kg

PRONUNCIA (Wymowa)

1. CONSONANTI (Spgoski)

Podajemy tylko spgoski, ktrych wym owa woska rni si


od polskiej.

c przed a, o, u oraz spgoskami wym awia si jak


cane classe
colore Clemente
culla creatura

c, cc przed e, i wym awia si jak c z :


cena Cicero
cera cinema
Cesare circo
cestino bicicletta
uccello uccidere

eh, cch w poczeniach che, chi, cche, echi wym awia


Michele chimica
schema chilo
scheletro chilometro
schermo maccheroni
chiave occhio

g przed a, o,, u oraz przed spgoskami wym awia i


gatto gladiatore
gola gloria
guerra grande
guida grotta
gusto gruppo
gelo ginocchio
gesso giro
Genova regina
geografia valigia
legge pioggia

gh w poczeniach ghef ghi wym awia si jak g:


Gherardo ghiaccio
ghetto ghianda

gi przed i wymawia si jak lj:


E c c e z i o n i (Wyjtki)
coniglio anglicano negligente
famiglia glicerina glicine
figlio geroglifico
luglio

gn wym awia si jak :


bagno lavagna Eccezione
sogno montagna gnomo
spugna signore

h nie wym awia si, suy tylko jako znak ortograficzny.


Zob. ch, gh.

qu (po q nastpuje zawsze u) wym awia si jak ku:


quaderno quando qui
quadro quanto quota
quercia aquila quale

s wym awia si jak


studente scala sabato
studio vasca sale

* Wymowa dwiczna lub bezdwiczna goski s zaley od d z i e l n i c y


i zwyczaju. Dobre i dokadne sow niki w oskie zaznaczaj t rnic w w y
mowie przez zastosowanie odmiennej czcionki.
Midzy dwiema samogoskami s wym awia si zazwyczaj jak z:
casa mese valoroso
cosa rosa vaso

se przed e, i wym awia si jak sz:


scena sciabola
scemo scimmia
scettro uscio

przed a, o, u wym awia si jak sk:


scala scopo scudo

sch przed e, i wym awia si jak sk:


scheggia schiavo
schermo Brunelleschi

ss wym awia si jak ss:


classe grosso
massa sasso

sb wym awia si jak zb sbaglio


sd a a ii 2CZ sdegno
sg >. zg sgabello
sl a a a zl slitta
sm a a a zm smorfia
sn a a a zn snello
sv a a a zzo sviluppo
z wym awia si jak c lub dz *:
z c z = dz
calza zaino
lezione zanzara
ozio zeffiro
zio zero
zucchero zeta

* W ymowa dwiczna lub bezdwiczna goski z, podobnie jak s, za


ley od dzielnicy i zwyczaju.
zz = cc zz = dzdz
bellezza azzurro
dolcezza mezzo
palazzo organizzare
pezzo azzardo
piazza orizzonte

2. CONSONANTI DOPPIE (Spgoski podwjne)

Czsto wystpujce w jzyku woskim spgoski podwjne


wym awia si jako dwa oddzielne dwiki:

bb babbo pp appetito
gabbia appuntamento
cc bocca rappresentante
caccia 99 (zastpowane w pimie
occhio przez cq; wyjtek stano
zucchero wi wyraz soqquadro)
dd freddo acqua
soddisfatto acquedotto
difficile acquafrte
ff
soffitto acquisto
rr carro
99 coraggio
corridoio
raggio
terra
aggressione
agguato ss classe
rosso
11 bello
sasso
cavallo
fratello tt dottore
lettura
mm mamma
tetto
fiamma
gomma vv avventura
avvenire
nn anno
evviva
donna
penna
zz = cc zz = dzdz
fortezza mezzadro
grandezza gazza
ragazzo mezzaluna
Podwojenie spgoski zmienia znaczenie wyrazu:
camino komin cammino droga
caro drogi carro wz
sono jestem sonno sen
pena kara penna piro

3. VOCALI (Samogoski)

Samogoski: e, o mog by otwarte (jak w jzyku polskim) lub


zamknite. Czsto od w ym ow y samogoski zaley znaczenie da
nego wyrazu.
Niektre, dobre i dokadne, sowniki zaznaczaj specjalnym
akcentem waciw wym ow, umieszczajc
accento a c u t o (') dla oznaczenia goski z a m k n i t e j : ,
accento g r a v e (v) dla oznaczenia goski o t w a r t e j : ,
(zamknite) (otwarte)
monta rba
vrde piede
psce cilo
mla bllo
sra problma
(zamknite) (otwarte)
Rma crpo
dno pco
msca dnna
amre cchio
giovane nve

W jzyku woskim spotyka si rwnie h o m o n i m y , to jest


sowa, ktre rni si wycznie wym ow e lub o (e zamknite lub
otwarte, o zamknite lub otwarte) i zalenie od tego zmieniaj zna
czenie:
psca rybowstwo psca brzoskwinia
tma lk, obawa tma temat
vnti 20 vnti wiatry
fro otwr fro rynek, forum
vto lub, obietnica vto = vuoto pusty
crso ulica crso korsykaski, Korsykanin

4. DITTONGO, TRITTONGO, IATO


(Dwugoska, trjgoska, rozziew)

W jzyku woskim czsto spotyka si dwugoski i trjgoski.

a. i, u poczone z inn samogosk (a, e, o) lub poczone ze


sob wym awia si jako jedn sylab; tworz one tzw. dwugosk,
dyftong ( d i t t o n g o ) :
fiamma Europa pioggia buono
fiore fiume guerra scuola
piano uomo piuma uovo
Oriente nuovo guida fuoco
cielo Augusto squadra cuore

b. Trzy samogoski stanowice jedn sylab tworz tzw. trj-


gosk, tryftong ( t r i t t o n g o ) :
mi i suoi
tuoi buoi

Tryftong iuo, z powodu trudnoci w wymowie, czsto prze


ksztaca si w dyftong io:
figliuolo figliolo
fagiuolo fagiolo
giuoco gioco

c. Dwie samogoski stanowice kada oddzieln sylab tworz


tzw. rozziew, hiatus ( i at o) :
paura teatro oceano Aosta
poeta via aereo due
spia eroe aorta mio, tuo
ACCENTO

Akcent w jzyku woskim moe pada: na ostatni sylab


wyrazu, na przedostatni, na trzeci od koca lub na czwart od
koca. W zwizku z tym wyodrbniamy nastpujce grupy:

1. P a r o l e t r o n c h e wyrazy, w ktrych akcent (zazna


czany w pimie) pada na ostatni sylab:
perch citt
bont virt
carit caff

2. P a r o l e p i a n e wyrazy akcentowane, podobnie jak


w jzyku polskim, na przedostatniej sylabie:
libro matita
pavimento finestra
quaderno porta

3. P a r o l e s d r u c c i o l e wyrazy akcentowane na trze


ciej sylabie od koca:
tavola lampada
compito piacevole

4. P a r o l e b i s d r u c c i o l e wyrazy akcentowane na
czwartej sylabie od koca. Zjawisko to wystpuje w 3 osobie
liczby mnogiej czasownikw I koniugacji, ktrych bezokolicznik
jest cztero- lub wicej sylabowy:
fabbricano (fabbricare) partecipano (partecipare)
recitano (recitare) obbligano (obbligare)

Najczciej w jzyku woskim wystpuj parole piane, tzn.


wyrazy z akcentem na przedostatniej sylabie.

ESERCIZIO (wiczenie)

Leggere (przeczyta):
Ginevra calzolaio bizzarro
goccia schiuma ignorante
usignolo m oglie cinquecento
accesso giudizio idealizzare
ghiaccio cigno insegnante
cogliere ago asino
invocazione romanzo fanciullo
sciagura cicogna agnello
quotidiano cassa grazie
cuoco giuramento schiera
ragno m edaglia uccello
squadra grasso gennaio
scintillare signorina orgoglio
orecchio m aschile sabbia
generale pioggia lasciare
ingegnere tovaglia quinto
pioppo accusa quadrato
camera stanza fiore
circolo chitarra Venezia
assalto croce principe
Firenze Bologna Petrarca
Sicilia Sardegna Corsica
marzo lago campagna
banca * maggiore passione
^macchina apparecchio sconosciuto
identit sangue castigo
voce gallo giorno
foglia pesce dieci
quattro tranquillo sgarbo
maggio schizzo felice
osservazione giugno scelta
luglio Adige Puglia
Perugia chiudere lingua
visione Giorgio Ocano
slavo smalto legno
poliziotto giustizia pigrizia
camicia negozio operaio
ognuno paesaggio Vesuvio
2. Lezione seconda
Verbi ausiliari: avere e essere
C', ci sono
Egli, ella esso, essa
Maschile, fem m inile (singolare, plu
rale)

GRAMMATICA

VERBI AUSILIARI: AVERE E ESSERE


(Czasowniki posikowe: avere i essere)

Nieregularne czasowniki posikowe avere i essere su do


tworzenia wszystkich form czasw zoonych.

Presente dellindicativo
(Czas teraniejszy trybu oznajmujcego)

Avere

Forma Forma Forma


affermativa negativa interrogativa
(forma (forma (forma
twierdzca) przeczca) pytajca)
io ho io non ho ho io?
tu hai tu non hai hai tu?
egli egli egli?
ella ha ella non ha ha ella?
Lei Lei Lei?
noi abbiamo noi non abbiamo abbiamo noi?
voi avete voi non avete avete voi?
essi essi essi?
esse hanno esse non hanno hanno esse?
Loro Loro Loro?
io sono io non sono sono io?
tu sei tu non sei sei tu?
egli egli egli?
ella ella non ella?
Lei Lei Lei?

noi siamo noi non siamo siamo noi?


voi siete voi non siete siete voi?
essi essi essi?
esse sono esse non sono sono esse?
Loro Loro Loro?

W jzyku woskim, tak samo jak w polskim, mona opuci


zaimek przy formach osobowych czasownika:
Io ho un libro. Ho un libro.
Noi abbiamo la lezione Abbiamo la lezione dita-
ditaliano. liano.
Io non sono nella classe. Non sono nella classe.

W formie p y t a j c e j opuszcza si zaimek:


Nie mwi si: Hai tu il libro?
Sei tu contento?
Mwi si: Hai il libro?
Sei contento?

C, CI SONO (Jest, s)

Form: c (dla liczby pojedynczej), ci sono (dla liczby mnogiej)


uywa si w znaczeniu: ,,jest, znajduje si, s, znajduj si:

W klasie jest (znajduje si) tablica.


Nella classe c la lavagna.
Na stole s (znajduj si) ksiki.
Sulla tavola ci sono i libri.
Na cianie s (znajduj si) obrazy.
Sulla parete ci sono i quadri.
Na oknie jest (znajduje si) doniczka z kw iatam i.
Sulla finestra c il vaso con i fiori.

Z powyszych przykadw wynika, e w zdaniu zaczynajcym


si od okolicznika miejsca (w klasie, na stole, na cianie,
itp.) uywa si zawsze form: c, ci sono odpowiadajcych pol
skiemu: jest, znajduje si, s, znajduj si. We wszystkich
innych wypadkach uywa si form , sono, ktre odpowiadaj
polskim formom: jest, s:

Klasa jest dua. La classe grande.


Sufit jest biay. Il soffitto bianco.
Okna s wysokie. Le finestre sono alte.
Lampy s mae. Le lampade sono piccole.

EGLI, ELLA ESSO, ESSA (On, ona)

Zaimki osobowe on, ona brzmi


dla osb: egli, ella
dla rzeczy: esso, essa

Essa moe by rwnie uyte w odniesieniu do osoby:


Mario grande. Egli grande.
Il pavimento giallo. Esso giallo.
Maria buona. Ella buona. Essa buona.
La classe grande. Essa grande.

MASCHILE, FEMMINILE (Rodzaj m ski, rodzaj eski)

W jzyku woskim wystpuj tylko dwa rodzaje: mski i e


ski. Rodzaj nijaki nie istnieje.
Podane niej przykady wskazuj najczciej spotykane ko
cwki r z e c z o w n i k w i p r z y m i o t n i k w woskich
w rodzaju mskim i eskim, w liczbie pojedynczej i mnogiej.
Singolare (Liczba pojedyncza) Plurale (Liczba mnoga)

-o -i
il soffitto i soffitti
il quadro i quadri
il libro i libri

-e
il 'padre i padri
il professore i professori
il giornale i giornali

Il soffitto bianco. I soffitti sono bianchi.


Il soffitto verde. I soffitti sono verdi.
Il professore giovane. I professori sono giovani.
Il professore vecchio. I professori sono vecchi.

Femminile

Singolare Plurale

-a -e
la finestra le finestre
la porta le porte
la tavola le tavole

-e -i
la parete le pareti
la classe le classi
la madre le madri

La porta alta. Le porte sono alte.


La porta verde. Le porte sono verdi.
La classe grande. Le classi sono grandi.
La classe piccola. Le classi sono piccole.

S tu d ia m o la lin g u a
33
LETTURA

LA CLASSE

La classe grande e ariosa. Essa ha quattro finestre e una


porta. Il pavimento di legno. Il soffitto bianco e le pareti sono
gialle. La porta alta e grigia. Sulle pareti ci sono molti quadri
con i capolavori della pittura italiana e c' anche la carta geogra
fica dell'Italia.
Nella classe ci sono dieci tavole e sedie, una cattedra per il pro
fessore, una lavagna con il gesso e la spugna. N ellangolo c' lo
scaffale per i libri. Sulle finestre ci sono i vasi con le piante verdi.
A l soffitto ci sono tre grandi lampade.

ESERCIZI

1. Domande (Pytania): Come ? Di che colore ? Che cosa c?


Come la classe?
Di che colore il soffitto?
Di che colore la porta?
D i che colore sono le pareti?
D i che colore sono le piante?
Che cosa c sulla lavagna?
Che cosa c sulle pareti?
Che cosa c sulle finestre?
Che cosa c n ellangolo?
Che cosa c nella classe?

2. Completare con i seguenti aggettivi (uzupeni odpowied


nim przymiotnikiem):
il gesso ... il padre ...
la madre ... la lavagna ...
il professore ... il pavimento ...
la spugna ... la pianta ...
il quadro ... la sedia ...
la tavola ... la classe ...
grande, bianco, grigio, alto, verde, giallo, buono, giovane, vecchio, piccolo,
arioso, bello.
3. Traduzione (tumaczenie):
Klasa jest maa. Na tablicy ley biaa kreda i ta gbka. Okno
jest wysokie. W klasie s obrazy. Drzwi s zielone. ciana jest
ta. St jest duy.

PR O V E R B IO (P R Z Y S O W IE )

Oggi e domani non sono la stessa cosa.


3. Lezione terza
Articolo determinativo
Elisione. Apostrofo
Come dividere le parole
Verbi delle tre coniugazioni regolari
E ed, a ad, o od

GRAMMATICA

ARTCOLO DETERMINATIVO (Rodzajnik okrelony)

Kady rzeczownik w jzyku woskim poprzedzony jest rodzaj -


nikiem, czyli wyrazem, ktry okrela, czy dany rzeczownik jest
rodzaju mskiego czy eskiego. Rodzajnik moe okrela kon
kretn osob lub rzecz, lub jakkolwiek (w sensie oglnym) osob
lub rzecz. W pierwszym wypadku uywa si rodzajnika o k r e
l o n e g o , w drugim n i e o k r e l o n e g o :
Nel vaso c una rosa. La rosa bianca.

Maschile

Singolare Plurale

il il pavimento i i pavim enti


il campanello i campanelli
il temperino i tem perini

lo lo scaffale gli gli scaffali ;


lo scolaro gli scolari :
lo studente gli studenti j
_
lo zio gli zi |
lo zaino gli zaini

lo gnocco gli gnocchi

lo psicologo gli psicologi


lo psichiatra gli psichiatri !
Singolare Plurale

V langolo gli gli angoli


lorologio gli orologi
leroe gli eroi

lItaliano gli, gV gli Italiani 1 u b


glitaliani
linno gli inni l u b
glinni

Femminile

Singolare Plurale

la la lezione le le lezioni
la sigaretta le sigarette
la gomma le gomme

V lidea le le idee
lamica le amiche
lora le ore

lelegia le, V le elegie l u b


lelegie
lerba le erbe l u b lerbe

Rodzajnika il uywa si przed rzeczownikami rodzaju m


s k i e g o liczby pojedynczej zaczynajcymi si od s p g o s k i
(z wyjtkiem s impura, z, gny ps):
il libro il padre
Rodzajnika lo uywa si przed rzeczownikami rodzaju m
s k i e g o liczby pojedynczej zaczynajcymi si na s impura, z ,
gny p s :
lo specchio lo gnocco
lo zero lo psicologo
Rodzajnika V uywa si przed rzeczownikami rodzaju m
s k i e g o liczby pojedynczej zaczynajcymi si od s a m o g o s k i:
Tallievo luccello
Rodzajnika la uywa si przed rzeczownikami rodzaju e
s k i e g o liczby pojedynczej zaczynajcymi si od s p g o s k i :
la madre le classe
Rodzajnika V uywa si przed rzeczownikami rodzaju e
s k i e g o liczby pojedynczej zaczynajcymi si od s a m o g o
ski :
lallieva linsalata
Rodzajnika i uywa si przed rzeczownikami rodzaju m
s k i e g o liczby m n o g i e j zaczynajcymi si od s p g o s k i :
i libri i padri
Rodzajnika gli uywa si przed rzeczownikami rodzaju m
s k i e g o liczby m n o g i e j zaczynajcymi si na s impura, z, gny
ps oraz od s a m o g o s k i :
gli specchi gli psicologi
gli zeri gli allievi
gli gnocchi gli uccelli
Jeeli rzeczownik rodzaju mskiego zaczyna si na i, to w licz
bie mnogiej obok rodzajnika gli moe by uyta forma gV:
gli impiegati lu b glimpiegati
gli ingegneri lu b gVingegneri
Rodzajnika le uywa si przed rzeczownikami rodzaju eskie
go liczby m n o g i e j zaczynajcymi si od spgoski lub samo
goski:
le madri le allieve
le classi le insalate
Jeeli rzeczownik rodzaju eskiego zaczyna si na e, to w licz
bie mnogiej obok rodzajnika le mona uy formy V:
le eroine lu b leroine
le esposizioni lu b lesposizioni
W jzyku woskim przymiotnik stoi najczciej po rzeczowni
ku. Istniej jednak wypadki, kiedy przymiotnik poprzedza rze
czownik; wwczas rodzajnik dostosowany jest do pierwszej goski
przymiotnika:
Zamico vecchio a le il vecchio amico
lo studente giovane a le il giovane studente
lo zio ricco a le il ricco zio
Zallieva stupida a le la stupida allieva

ELISIONE. APQSTROFO (Elizja. Apostrof)

Jeeli po rodzajniku zakoczonym na samogosk nastpuje


'wyraz zaczynajcy si rwnie od samogoski, samogoska rodzaj
nika wypada. Zastpuje j znak zwany apostrofem. Zjawisko to
nazywa si e 1 i z j (wyrzutni). Podlegaj mu take niektre
przymiotniki, zaimki i przyimki: '
Zangolo zamiast lo angolo
lorologio ,, lo orologio
Zeroe lo eroe
lItalia la Italia
lamica la amica
lora ,, la ora
Znana nam ju forma c powstaa z ci (por. ci sono), w kt-v
rym i ulego elizji przed e i zastpione zostao apostrofem.

COME DIVIDERE LE PAROLE (Przenoszenie wyrazw)

1. Rozdzielamy sylaby jak w jzyku polskim:


vi-ta r-pi-do sco-la-ro
2. s impura pozostaje zawsze przy spgosce:
di-spe-ra-to na-sco-sto fi-ne-stra
3. Nie dzieli si dwch samogosek:
fio-re ca-va-Zie-re stu-dio
4. Rozdziela si podwjne spgoski lub dwie spgoski, gdy
pierwsza z nich jest Z, m, n, r:
fred-do piog-gia era-pio ver-de
os-so cal-do ven-to
rozdziela si te cq:
ac-que-dot-to

5. Nie przenosi si apostrofu:


Za-mi-co deZZa-mi-ca aZZo-pe-ra
6. W druku przy przenoszeniu wyrazw unika si (ze wzgl
dw technicznych) elizji, a wic w jednym wierszu piszemy:
allopera czy dellora

jeeli natomiast pierwsze sowo zostanie w jednym wierszu,


a drugie przenosimy do nastpnego, piszemy:
alla opera czy della ora

VERBI DELLE TRE CONIUGAZIONI REGOLARI


(Czasowniki trzech koniugacji regularnych)

W jzyku woskim istniej trzy koniugacje:


I z bezokolicznikiem zakoczonym na -are
II z bezokolicznikiem zakoczonym na -ere
III z bezokolicznikiem zakoczonym na -re
Do kadej z wyej wym ienionych trzech koniugacji nale
rwnie czasowniki nieregularne.

I coniugazione II coniugazione III coniugazione


-are -ere -re
Infinito (Bezokolicznik)

parl-are scriv-ere part-ire


cant-are crd-ere sent-ire
entr-are chiud-ere dorm-ire
pari- jest tematem, -are kocwk.

Formy osobowe czasownikw tworzy si przez odrzucenie ko


cwki bezokolicznika i dodanie do tematu odpowiednich kocwek
osobowych.
Presente dellindicativo

Forma affermativa

I II III
io parl-o scriv-o part-o
tu parl-i scriv-i part-i
egli
ella parl-a scriv-e part-e
Lei
noi parl-iamo seri v-iamo prt-iamo
voi parl-ate seri v-ete part-ite
essi
esse pari-ano scriv-ono part-ono
Loro
Forma negativa

lo non parlo non scrivo non parto

Forma interrogativa

parlo io? scrivo io? parto io?

E ed. A ad. O od

Jeeli spjnik e (i) znajduje si si przed wyrazem zaczyna


jcym si od samogoski, mona uy dla atwiejszej wym owy
formy ed zamiast e :
tu e io tu ed io
i libri e i quaderni i libri ed i quaderni
Ta sama regua dotyczy przyimka a (do) i spjnika o (lub,
albo):
parlo a Anna parlo ad Anna
tu o io tu od io
LETTURA

LA LEZIONE

Suona il campanello. La lezione finita. Gli studenti hanno una


pausa. Durante la ricreazione essi parlano, fumano le sigarette.
Dopo la ricreazione Renzo e i suoi compagni aprono la porta ed
entrano nella classe dove il professore prende il posto sulla cat
tedra.
Renzo porta una cartella con i libri ed i quaderni. Nella cartella
c' anche una penna, una matita, una gomma, un temperino e una
riga. Renzo studente del terzo anno. Egli studia legge.
Il professore insegna e gli studenti ascoltano e scrivono. La
lezione difficile, ma molto interessante. 11 professore ripete il
tema della nuova lezione.

ESERCIZI

1. Domande: Chi? Che cosa? Dove?


Chi parla e fuma durante la ricreazione?
Dove entra Renzo dopo la ricreazione?
Che cosa porta Renzo?
Che cosa c nella cartella di Renzo?
Chi Renzo?
Che cosa studia?
Chi insegna?
Chi ascolta e scrive?
Come la lezione?
Che cosa ripete il professore?

2. Aggiungere ai seguenti nomi l articolo determinativo con


veniente (do nastpujcych rzeczownikw doda odpowiedni ro
dzajnik okrelony):
alfabeto gloria zucchero carro occhio
cosa uscio schiavo famiglia avventura
schletro accusa palazzo signore ragazzo
accento chilometro amico studio signora
gatto guerra zolfo scala ingegnere
casa spugna anno rosa ago
3. Volgere al plurale l articolo ed il nome (utworzy liczb
mnog rzeczownikw):
la culla il gruppo il ragazzo l angolo
il cestino la scala la classe la parete
la chiave lo sviluppo il pavimento il professore
lo scherzo l'istituto lo scaffale il vaso
lanno leroina la lampada la pianta

4. Coniugare i seguenti verbi alle tre forme: affermativa, ne


gativa, interrogativa (odmieni nastpujce czasowniki w form ie
twierdzcej, przeczcej i pytajcej):
entrare nella classe riptere l esercizio
portare la cartella aprire la finestra
chiudere la porta dormire bene

5. Sostituire all infinito il verbo coniugato (zastpi bezokolicz


nik odpowiedni form osobow):
.Carlo (imparare) la lingua italiana.
Gli studenti (cantare).
Noi (vivere) a Varsavia.
Tu (prendere) il libro italiano.
I turisti (visitare) Venezia.
Io (scrivere) una lettera.
Voi (lavorare) nella fabbrica.
Ella (parlare) francese.
Esse (partire) per Roma.
Maria non (fumare).

6. Tradurre in italiano (przetumaczy na woski):


Otwieramy drzwi i wchodzim y do klasy. Nie pal. Powtarzam gra
m atyk wosk. Czy oni suchaj profesora? Ona zamyka drzwi i otw ie
ra okno. Nie piewamy.

PR O V E R B IO

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.


4. Lezione quarta
Verbi riflessivi
A ggettivi numerali cardinali (1 - 20)

GRAMMATICA

VERBI RIFLESSIVI (Czasowniki zwrotne)

Verbi riflessivi s to czasowniki, ktre odmieniaj si z zaim


kami zwrotnymi: mi, ti, si, ecc.

Infinito:
lavare lavarsi
alzare alzarsi
difendere difendersi
nascondere nascondersi
vestire vestirsi
sentire sentirsi

Presente delLindicativo

Forma affermativa

lavarsi difendersi vestirsi


io mi lavo mi difendo mi vesto
tu ti lavi ti difendi ti vesti
egli
ella si lava si difende si veste
Lei
noi ci laviamo ci difendiamo ci vestiamo
voi vi lavate vi difendete vi vestite
esse
essi si lavano si difendono si vestono
Loro
Forma negativa

io non mi lavo io non mi difendo io non mi vesto


noi non ci laviamo noi non ci difendiamo noi non ci vestiamo

Forma interrogativa

mi lavo io? mi difendo io? mi vesto io?


ci laviamo noi? ci difendiamo noi? ci vestiamo noi?

AGGETTIVI NUMERALI CARDINALI ( 1- 20)


(Liczebniki gwne)

1 nno, una 8 otto 15 quindici


2 due 9 nove 16 sedici
3 tre 10 dieci 17 diciassette
4 quattro 11 undici 18* diciotto
5 cinque 12 dodici 19 diciannove
6 sei 13 tredici 20 venti
7 sette 14 quattordici

LETTURA

LA SCUOLA

La Facolt di Legge situata in un grande edificio al centro


della citt. Esso ha quattro piani. Al pianterreno ci sono gli uffici
deiramministrazione e il guardaroba. Al primo piano si vede un
lungo corridoio con le statue di celebri scrittori italiani. Al secondo
piano ci sono le aule. Al terzo piano c una grande biblioteca
e una sala di lettura. Al quarto piano c una mensa per gli stu
denti e una grande terrazza con un piccolo giardino dove gli stu
denti si riposano dopo il lavoro.
Renzo pronto per pranzare. Quando egli apre la porta ed
entra nella sala da pranzo, si trova fra molti studenti che man
giano. Tutti hanno buon appetito.
Perugia. Palazzo dei Priori e fontana Maggiore

ESERCIZI

1. Domande:
Dove situata la Facolt di Legge?
Come ledificio della scuola?
Che cosa c al pianterreno?
Che cosa si vede al primo piano?
Che cosa c al secondo piano?
Dove la biblioteca?
Dove la m ensa per gli studenti?
Chi pronto per pranzare?
Dove entra Renzo?
Chi m angia con appetito?

2. Coniugare i seguenti verbi riflessivi (odmieni nastpujce


czasowniki zwrotne):
alzarsi riposarsi
nascondersi pettinarsi
sentirsi chiam arsi
3. Sostituire allinfinito il verbo coniugato (zastpi bezokolicz
nik odpowiedni form osobow czasownika):
Maria (alzarsi) la mattina.
I ragazzi (sentirsi) male.
Tu (chiamarsi) Carlo.
Io (riposarsi) bene.
Noi (ricordarsi) la nuova lezione.
Essi (prepararsi) per la passeggiata.
Egli (stancarsi) facilmente.
Voi (sporcarsi) con l inchiostro.
Ella (gettarsi) nellacqua.
Esse (guardarsi) nello specchio.

4. Aggiungere larticolo determinativo conveniente, cambiando


il posto del nome e dellaggetivo (doda odpowiedni rodzajnik
okrelony i zmieni miejsce rzeczownika i przymiotnika):
seta pura edificio grande
errore piccolo giardino piccolo
studente pigro madre buona
scrittore clebre saluto cordiale
sbaglio grave ora ultima

5. Tradurre in italiano:
Rano dziewczynka myje si i czesze (si). Wieczorem odpoczywamy
po pracy. Na pierwszym pitrze jest stowka. Gdzie jest biblioteka?
Kto si uczy gram atyki woskiej? W szkole s posgi w ielkich p isarzy.
Ona si nazywa Maria Carlini. Dom ma trzy pitra.

P R O V E R B IO

I debiti creano gli schiavi.


5. Lezione quinta
Verbi in -isc
Articolo indeterm inativo
Verbo irregolare fare

GRAMMATICA

VERBI IN - isc (Czasowniki z infiksem -isc)

Wikszo czasownikw III koniugacji, zakoczonych w bez


okoliczniku na -ire, przybiera w czasie teraniejszym, w osobach
1, 2, 3 liczby pojedynczej i w 3 osobie liczby mnogiej wrostek
(infiks) -isc midzy tematem a kocwk.
Tego rodzaju odmian spotyka si rwnie w trybie rozka
zujcym oraz w czasie teraniejszym trybu przypuszczajcego,
o czym pniej bdzie mowa.

Infinito: c a p i r e

Presente dellindicativo
io capisco noi capiamo
tu capisci voi capite
egli essi
ella capisce esse capiscono
Lei Loro

finire: io finisco a le dormire: io dormo


pulire: io pulisco offrire: io offro
preferire : io preferisco fuggire: io fuggo
punire: io punisco servire: io servo
spedire: io spedisco, ecc. sentire: iosento, ecc.

Istniej czasowniki, ktre maj w czasie teraniejszym dwo


jak form, np.:
applaudire: io applaudo io applaudisco
mentire : io mento io mentisco
nutrire : io nutro io nutrisco, ecc.

ARTICOLO INDETERMINATIVO (Rodzajnik nieokrelony)

Singolare
ii
Maschile i Fem m inile
i
i
un un libro ! una una casa
un ragazzo i una stanza
un piano ! una scatola
un amico i una zampa
un eroe ! una madre
un Italiano |
un orologio j i
i
un uccello !

I uno j uno scolaro un unamica


, uno studente uneroina
! uno specchio ii unItaliana
; uno zaino unora
> uno zio , ununghia
uno zero
uno gnocco
uno psicologo

Liczba mnoga rodzajnika nieokrelonego nie istnieje. Dla ozna


czenia liczby mnogiej uywa si nastpujcych form:

Plurale

Maschile Fem m inile

dei dei libri delle delle case


dei ragazzi delle stanze
dei piani delle zampe
dei quaderni delle amiche
dei soffitti delle eroine

** Studiam o la lin gu a 49
Plurale

Maschile Fem m inile

1 :
degli degli scolari | delle delle Italiane
degli studenti ; delle ore
degli specchi i delle unghie
degli zini 1
degli zi j
degli gnocchi !
degli psicologi

degli amici
degli eroi
degli Italiani
(degl'italiani)
degli orologi
degli uccelli

Rodzajnika un uywa si przed rzeczownikami rodzaju m


s k i e g o liczby pojedynczej zaczynajcymi si od spgoski (z w y
jtkiem s impura, z, gn, ps) oraz od samogoski:
un libro uri numero un amico
un ragazzo un eroe un orologio
Rodzajnika uno uywa si przed rzeczownikami rodzaju m
s k i e g o liczby pojedynczej zaczynajcymi si na: s impura, 2 ,
gn, ps:
uno scolaro uno gnocco uno zero
uno scherzo uno zio uno psicologo
Rodzajnika una uywa si przed rzeczownikami rodzaju e
s k i e g o liczby pojedynczej, zaczynajcymi si od spgoski:
una casa una portinaia
una via una scala
Rodzajnika un uywa si przed rzeczownikami rodzaju e
s k i e g o liczby pojedynczej zaczynajcymi si od samogoski:
unamica unora
unesposizione unidea
Uwaga:
Jeeli rzeczownik zaczyna si na i + samogoska, lepiej nie
robi elizji i zamiast
uniena powiedzie: una iena
Rodzajnika dei uywa si przed rzeczownikami rodzaju m
skiego liczby m n o g i e j zaczynajcymi si od spgoski (z w y
jtkiem s impura, z, gn, ps):
dei libri dei ragazzi
dei numeri dei piani
Rodzajnika degli uywa si przed rzeczownikami rodzaju m
skiego liczby mnogiej zaczynajcymi si na: s impura, z, gn, ps
oraz od samogoski:
degli scolari degli amici
degli zi degli eroi
Przy tym, podobnie jak przy rodzajniku okrelonym, jeeli
rzeczownik zaczyna si na i, to w liczbie mnogiej obok formy
degli mona uy formy degV:
degli Italiani lub deglitaliani.
Rodzajnika delle uywa si przed rzeczownikami rodzaju e
skiego liczby mnogiej zaczynajcymi si od spgoski lub samo
goski:
delle case delle ore
delle scuole delle amiche

VERBO IRREGOLARE FARE


(Czasownik nieregularny fare, starowoska forma: facete)

Presente dellindicativo
io faccio a
noi facciamo
tu fai voi fate
egli essi
ella fa esse fanno
Lei Loro
LETTURA

L A C A SA

La casa dove abita la famiglia di Renzo si trova in via Gari


baldi numero cinque. Essa bianca con il tetto grigio, non mo
derna, non troppo grande, ha tre piani.
Lappartamento di Renzo al secondo piano. Quando l ascen
sore non funziona, bisogna salire le scale.
Davanti alla casa c un piccolo giardino con due cipressi
e delle palme. Quando Renzo finisce le lezioni e rientra, non
suona il campanello, ma apre il portone con una chiave.
La casa molto ordinata, la portinaia pulisce le scale ogni
giorno. I bambini giocano e fanno chiasso nel giardino.

ESERCIZI

1. Domande: Quanto? Perch? Cosa? che cosa?


Dove si trova la casa di Renzo?
Come la casa di Renzo?
Di che colore il tetto?
Quanti piani ha la casa?
Che cosa bisogna fare quando l ascensore non funziona?
Che c davanti alla casa?
Perch Renzo non suona il campanello quando rientra?
Cosa f la portinaia?
Che cosa fanno i bambini nel giardino?
Come il giardino?

2. Coniugare i seguenti verbi alle tre forme: affermativa, ne


gativa e interrogativa (odmieni nastpujce czasowniki w formie
twierdzcej, przeczcej i pytajcej):
fiorire proibire
garantire eseguire

3. Sostituire allinfinito il verbo coniugato (zastpi bezoko


liczniki odpowiedni form osobow):
Il ragazzo (spedire) una lettera.
Le lezioni (finire) alle sette.
Il maestro (punire) gli allievi.
Gli studenti (capire) bene la grammatica.
Io (pulire) la lavagna.
Noi (preferire) le mele.
Tu (spedire) un telegramma.
Voi (capire) la lingua francese.

4. Aggiungere ai seguenti nomi l articolo indeterminativo con


veniente (doda do nastpujcych rzeczownikw odpowiedni for
m rodzajnika nieokrelonego):
via figlio
tetto sbirro
appartamento uscio
scala sciabola
portinaia zero
ascensore occhio
chiave cavallo
cosa anno '
chilo donna
schermo scaffale
anima cpera

5. Tradurre in italiano:
Dom jest nowoczesny, duy i biay. Carlo mieszka na trzecim pi
trze. Przed domem jest cyprys i dwie palmy. Dzieci bawi si w ogro
dzie. Renzo ma klucz i nie dzwoni. Oni czyszcz schody. W domu
jest winda. Kiedy winda nie dziaa, trzeba i po schodach. Kwiaty s
czerwone. Koczymy lekcj.

PR O V E R B I

Un amico sempre bello, un nemico sempre brutto.


Luccello chiacchierino non finisce mai il nido.
Una rondine non fa primavera.
La gioia ha le ali, il dolore zoppo e fa un passo ogni cento
anni.
6. Lezione sesta
Verbi irregolari: andare e stare
Preposizioni smplici
Molto poco, tanto quanto, troppo

GRAMMATICA

VERBI IRREGOLARI: ANDARE E STARE


(Czasowniki nieregularne: andare i stare)

Presente dellindicativo
Andare Stare
Io vado Io sto
tu vai tu stai
egli egli
ella va ella sta
Lei Lei
noi andiamo noi stiamo
voi andate voi state
essi essi
esse vanno esse stanno
Loro Loro

Io vado a scuola. Egli va a Venezia.


Io sto a casa. Egli malato e sta a letto.
Come stai? Grazie, sto bene.

PREPOSIZIONI SEMPLICI (Przyimki)

1. Declinazione (prba deklinacji):


W jzyku woskim nie ma waciwej deklinacji rzeczownikw;
dla utworzenia odpowiedniego przypadku posugujemy si przy-
imkami.
Nominativo: Carlo Carlo parla italiano.
Genitivo: di Carlo il libro di Carlo.
Dativo: a Carlo Io parlo a Carlo.
Accusativo: Carlo Vediamo Carlo.

Altri casi (Pozostae przypadki)


con Carlo Parto per Roma con Carlo.
da Carlo Ritorno da Carlo.
per Carlo, ecc. Lavoro per Carlo.

2. Uso delle preposizioni (Uycie przyimkw)


W jzyku woskim istniej nastpujce przyimki: di, a, da, in,
su, con, per, tra, fra.
di uywa si dla oznaczenia 2. przypadku (kogo? czego? czyj?
z czego?)
la famiglia di Renzo
la casa di Maria
il pavimento di legno
il vaso di cristallo
l'orologio d'oro
a uywa si dla oznaczenia 3. przypadku (komu? czemu?):
Io scrivo a Renzo. Egli d il libro a Marja.
oznacza rwnie w, do:
Abito a Varsavia. Vado a Roma.
Sto a casa. Renzo va a scuola.
da oznacza z (od):
da Roma a Firenze
da Varsavia a Cracovia
Ritorno da Venezia.
in oznacza w, do:
in casa
in un grande edificio
in Italia, in Francia
Vivo in Polonia.
Vado in America.
rwnie:
in via
Egli abita a Roma in via Veneto.
su oznacza na:
su una tavola
su una finestra
con oznacza z:
Abito con Maria,
la casa con il giardino.
Vado a scuola con Renzo.
Con uywa si rwnie dla oznaczenia narzdnika i odpowiada
wwczas na pytanie: ,,kim? czym?:
Apro la porta con la chiave.
Scrivo con la penna.
p e r oznacza dla; aby, aeby:
la cattedra per il professore
i fiori per Maria
Vado a scuola per imparare.
fra = tra oznacza wrd, midzy;
Renzo si trova fra (tra) gli amici.

M O L T O POCO; TANTO QUANTO; TROPPO


(Duo mao; w iele ile; za duo)

Molto poco, tanto quanto, troppo (duo, wiele, bardzo


mao; tak wiele ile; za duo, zbyt wiele) mog by przysw
kiem lub przymiotnikiem.
1. Jako p r z y s w e k stoj zawsze przy c z a s o w n i k u
lub p r z y m i o t n i k u i s form nieodmienn:
Mara legge molto. Maria molto buona.
Egli lavora poco. un ragazzo poco simpatico.
Questo film piace tanto. tanto bella.
Renzo lavora troppo. Ella troppo buona.
Quanto costa il libro di De Amicis Cuore?
2. Jako p r z y m i o t n i k s form odmienn, stoj przy
r z e c z o w n i k u i zgadzaj, si z nim w rodzaju i liczbie:
Io ho molto tempo.
Nella biblioteca ci sono molti libri italiani.
Molte persone studiano la lingua italiana.
Tu hai poco denaro.
La visita dura pochi minuti.
Poca gente va al museo.
Impariamo tante cose interessanti.
A Varsavia ci sono tanti negozi.
Quanti studenti vanno allestero?
Quante finestre ci sono in questa casa?
Troppe persone vanno al cinema.
Legge troppi libri.

W jzyku potocznym uywa si formy: un po' troch:


un po' di sale
un po' daria
un po' meglio -
un po' triste
un po' pi grande

ESERCIZIO

Molto
Ci sono . . . fiori nel vaso.
Maria ha . . . tempo libero.
Egli mangia . . . carne.
Ella scrive . . . lettere.
Maria parla . . .

Poco
Ho in tasca . . . denaro.
. . . persone conoscono bene la lingua italiana.
Mangio . . . perch sono malato.
. . . mele sono mature.
. . . uomini sono onesti.
Tant o
Egli ha . . . difetti.
Ella ha . . . cose da dire.
. . . tempo aspetto il tram.
Maria ama . . . suo figlio.
Ho . . . desiderio di partire per l Italia.

Qua nto
... persone studiano la lingua italiana?
... lampade ci sono nella classe?
... costa la penna stilografica?
... studenti vanno in Italia?
T r o p p o
Carlo studia . . .
Maria . . . negligente.
. . . ragazzi sono nella classe.

LETTURA

LA FAMIGLIA

La famiglia di Renzo non molto numerosa; essa ha cinque


persone: il padre, la madre, due figli e una figlia.
Il padre di Renzo ingegnere, egli lavora alla Fiat. La mamma
sta in casa, fa la spesa, prepara il pranzo.
Renzo il figlio maggiore, egli studia legge all'Universit di
Roma. Renzo ha un fratello e una sorella. Il fratello minore,
Michele, va ancora a scuola; egli ha quindici anni. La sorella di
Renzo, Claudia, pittrice e studia allAccademia di Belle Arti.
La famiglia di Renzo vive a Roma in una casa modesta e non
troppo moderna. In questa casa vivono molte persone. Essa si trova
in una via poco movimentata.

ESERCIZI

1. Domande: Quanti? Quante?


Come la fam iglia di Renzo?
Quante persone ci sono nella fam iglia di Renzo?
Dove lavora il padre?
Che cosa fa la madre?
Che cosa fanno Renzo e Claudia?
Quanti anni ha Michele?
Dove vive la fam iglia di Renzo?

2. Spiegare luso delle preposizioni a, di, in nella lettura (wy


jani uycie przyimkw a, di, in w czy tance).

3. Sostituire ai puntini la preposizione semplice di, a (zastpi


kropki przyimkami prostymi di i a):
Il fratello . . . Claudia va . . . scuola.
La mamma lavora . . . casa.
La sorella . . . Michele e . . . Renzo pittrice.
La famiglia vive . . . Roma.
10 abito . . . Varsavia.
. . . scuola ci sono m olti allievi.
Le case . . . Varsavia sono alte e bianche.
11 padre . . . Carlo avvocato.

4. Sostituire ai puntini laggettivo o l avverbio: quanto, -a, -i,


-e (zastpi kropki przymiotnikiem lub przyswkiem quanto, -a,
-i, -e):
... anni ha Michele?
... persone studiano l italiano?
... costa la nuova grammatica italiana?
... tempo impari il francese?
... studenti vanno alla Facolt di Legge?
... pittrici ci sono allAccademia di Belle Arti?

5. Tradurre in italiano:
Micha idzie do szkoy. Claudia i Renzo id do domu. Matka
Renza pracuje w domu. Modszy brat uczy si woskiego. Starsza
siostra przygotowuje obiad. Rodzina Michaa pozostaje w domu.

PR O V E R B IO

Quando due umini vanno daccordo, l argilla diventa oro.


7. Lezione settima
Preposizioni articolate composte con
la preposizione di
Nome: gnere e numero
Uso delle maiuscole
Verbo irregolare dare

GRAMMATICA

PREPOSIZIONI ARTICOLATE COMPOSTE


CON LA PREPOSIZIONE DI '
(Przyimki rodzajnikowe zoone z przyimkiem di)

Przy imionach w a s n y c h osb i miast nie uywa si ro


dzajnika; dla wyraenia 2 przypadku stawia si przed imieniem
wasnym przyimek di:
i libro di Carlo
la casa di Maria
i monumenti di Roma
i musei di Firenze
Poniewa w jzyku woskim wszystkie inne rzeczowniki po
przedzone s zazwyczaj rodzajnikiem, przyimek w poczeniu z ro-
dzajnikiem okrelonym tworzy tzw. p r e p o s i z i o n e a r t i c o
l a t a (przyimek rodzajnikowy).

Singolare
Maschile
di + il = del il libro del professore
di + lo = dello il quaderno dello studente
d i+ T = delV la casa dlVamico
Femminile
di + la = della la penna della ragazza
d i+ r = deir la cartella cZeZZallieva
Plurale
Maschile
di + i = d e i i libri dei professori
A\ + g l i = degli i quaderni degli studenti
la casa degli amici
la patria degli Italiani
d i+ g l = degl
la patria degZItaliani
Femminile
le penne delle ragazze
di + le = delle
le cartelle delle allieve
i monumenti delle eroine
d i+ V = delV
i monumenti delVeroine

NOME: GENERE E NUMERO


(Rzeczownik: rodzaj i liczba)

Znamy ju (zob. s. 33) najczciej spotykane kocwki rze


czownikw rodzaju mskiego i eskiego. Obecnie podajemy przy
kady wszystkich kocwek oraz najwaniejsze wyjtki.

Singolare Plurale
Maschile -0 -i
-e -i
Femminile -a -e
-e -i
- -
- -
-i -i
Maschile il libro i libri
il padre i padri
Femminile la porta le porte
la lezione le lezioni
la citt le citt
la virt le virt
la crisi le crisi
Uwaga: Imiona wasne mog by uyte w liczbie mnogiej, np.:
In questo museo ci sono due Raffaelli.

E c c e z i o n i (wyjtki)
1. Sono f e m m i n i l i i seguenti nomi terminati in -o (nast
pujce rzeczowniki zakoczone na -o s rodzaju eskiego):
Singolare Plurale
la mano le mani
Vauto le auto
la radio le radio
la dinamo le dinamo
la moto (la le moto
motocicletta)
Veco gli echi maschile
al plurale (w
l.mn. jest rodza
ju mskiego)

2. Sono f e m m i n i l i i seguenti nomi in -a riferiti a u o m i -


n i (nastpujce rzeczowniki zakoczone na -a, a odnoszce si do
mczyzn, s rodzaju eskiego):
Singolare Plurale
la guardia le guardie
la guida le guide
la recluta le reclute
la sentinella le sentinelle
la spia le spie

3. Sono m a s c h i l i i seguenti nomi di provenienza greca,


terminati in -ma, -ta (nastpujce rzeczowniki pochodzenia grec
kiego zakoczone na -ma, -ta s rodzaju mskiego):
Singolare Plurale
il problema i problemi
il sistema i sistemi
il tema i temi
Singolare Plurale
il clima i climi
il panorama i panorami
il cinema i cinema
il poeta i poeti
il pilota i piloti
il patriota i patrioti
il pianista i pianisti
il pianeta i pianeti
Vautista gli autisti, ecc.

4. Lunica parola m a s c h i l e in -i (jedyny rzeczownik ro


dzaju mskiego na -i):
il brindisi

5. I nomi degli a l b e r i f r u t t i f e r i sono di genere m a


s c h i l e ; il f r u t t o di genere f e m m i n i l e (nazwy drzew
owocowych s rodzaju mskiego; nazwy owocw s rodzaju e
skiego):
il melo la mela
il pero la pera
il prugno la prugna
l'arancio l'arancia
l'albicocco l'albicocca, ecc.
E c c e z i o n i : il fico
albero e frutto
il mandarino j

6. I nomi delle c i t t sono di genere f e m m i n i l e (nazwy


miast s rodzaju eskiego):
,,Torino valorosa, Genova superba, dotta Bologna, Venezia
incantevole, Milano possente... Napoli immensa e bella, Roma
meravigliosa ed eterna". (E. De Amicis)
E c c e z i o n e : Il Cairo

7. I seguenti nomi terminati per consonante n o n c a m b i a n o


nel plurale (nastpujce rzeczowniki zakoczone na spgosk
nie zmieniaj si w liczbie mnogiej):
Singolare Plurale
Vautobus gli autobus
il film i film
10 sport gli sport
11 tram i tram
il gas i gas
il lapis i lapis
8. I nomi terminati in -ie n o n c a m b i a n o nel plurale (rze
czowniki zakoczone na -ie nie zmieniaj si w liczbie mnogiej):
Singolare Plurale
la serie le serie
la specie le specie
la superficie le superficie, ecc.
Eccezione:
la moglie le mogli

9. I seguenti nomi hanno il plurale i r r e g o l a r e (nastpujce


rzeczowniki tworz liczb mnog w sposb nieregularny):
Singolare Plurale
il bue i buoi
Vuomo gli uomini
Dio (il dio) gli dei
mille (1000) mila

10. I seguenti nomi c a m b i a n o i l s e n s o secondo il genere


(nastpujce rzeczowniki zmieniaj znaczenie zalenie od rodzaju):
il capitale kapita la capitale stolica
il fronte front la fronte czoo
il fine cel la fine koniec

USO DELLE MAIUSCOLE (Uycie duej litery)

Pisz si z duej litery:


1. Imiona w a s n e osb, nazwiska, nazwy miast, rzek, gr,
krajw, itp.:
Carlo Gozzi Palermo la Brenta
le Alpi Yfrica la Francia

2. Rzeczowniki oznaczajce tytu, jeeli nie poprzedzaj


imienia wasnego:
il Ministro il Papa il Sindaco
a 1 e : il papa Giovanni XXIII

3. Nazwy i n s t y t u c j i , towarzystw, uczelni itp.:


il Liceo Parini
l'Universit di Firenze
l'Accademia della Crusca
Societ Italiana Autori Editori

4. Nazwy wit (kocielnych i pastwowych):


il Natale la Pasqua
Proclamazione della Repubblica

5. Wyraz Stato, gdy oznacza pastwo:


lo Stato Italiano

VERBO IRREGOLARE DARE


(Czasownik nieregularny dare)

Presente deir indicativo


io do noi diamo
tu dai voi date
egli essi
ella d esse danno
Lei Loro

5 S tu d ia m o la lin gu a
65
LETTURA

U APPARTAMENTO
DELLA FAMIGLIA LOMBARDI

L'appartamento dellingegner Lombardi, padre di Renzo, non


molto grande, ma comodo e moderno. Esso ha quattro stanze,
una cucina, una stanza da bagno e due ingressi.
Una bella stanza con la terrazza ombreggiata il soggiorno.
La camera da letto dei genitori d nel cortile. Renzo e il fratello
minore, Michele, hanno una stanza con un piccolo balcone. La
stanza di Claudia, sorella di Renzo, vicino alla camera dei ge
nitori. La cucina in fondo al corridoio. La stanza da bagno
a destra delllngresso. A sinistra c un grande armadio a muro.
D'inverno funziona bene il riscaldamento a termosifone.
D'estate non fa troppo caldo, perch i pavimenti sono di marmo
e le persiane proteggono dal sole.
Nella cucina e nel bagno c il gas.

ESERCIZI

1. Domande: Con chi? Con che cosa?


Come l appartamento della fam iglia Lombardi?
Quante stanze ci sono nella casa di Renzo?
Dove d la camera da letto dei genitori?
Con chi Renzo divide la stanza?
Che cosa hanno i ragazzi in camera?
Dove si trova la stanza di Claudia?
Dove sono la cucina e la stanza da bagno?
Che cosa funziona bene durante l inverno?x
Fa caldo in estate nelle camere?
Con che cosa si riscalda il bagno?

2. Sostituire ai puntini la preposizione di semplice od articolata


(zastpi kropki przyimkiem di prostym lub rodzaj nikowym):
La sta n za... Renzo ha un balcone.
Lappartamento ... ingegnere bello.
I lib r i... biblioteca sono interessanti.
Le scale ... casa sono ... marmo.
La ca m era... ragazzi smplice e ordinata.
La c a s a ... studente vicino allUniversit.
Il la v o r o ... portiere incom incia alle sei.
La fam iglia ... amica ... Claudia molto numerosa.
Il giard in o... zii ha m olti fiori.
I m onu m enti... capitale ... Italia sono antichi.

3. Aggiungere al nome l aggettivo conveniente (doda do rze


czownika odpowiedni przymiotnik):
il clima il patriota
il poeta il film
la crisi la tesi
la mano la fronte
il problema il tram
difficile, bianca, italiano, interessante, dolce, affollato, economica,
alta, complicata, clebre

4. Volgere al plurale (zamieni na liczb mnog):


l appartamento l ideale
la fam iglia il panorama
lingegnere il fratello
il padre la sorella
la cucina lora
lingresso il pianista
il cortile la citt
lo scaffale la schiavit
il gas l universit
il marmo il balcone

5. Aggiungere l articolo indeterminativo agli stessi nomi e vol


gerli al plurale (doda rodzajnik nieokrelony do rzeczownikw
z wiczenia 4 i utworzy liczb mnog).

6. Tradurre in italiano:
Mieszkanie matki jest skromne, lecz wygodne. Ma dwa p okoje.
Kuchnia jest z lewej strony korytarza. Na pierwszym pitrze nie ma
balkonu. Winda nie dziaa. Blisko domu jest duy ogrd z kwiatami.

proverbio

Amor di parenti, amor di serpenti.


8. Lezione ottava
Nome: formazione del fem m inile
Verbi irregolari: potere e tenere
Preposizioni articolate composte con
la preposizione a

GRAMMATICA

NOME: FORMAZIONE DEL FEMMINILE


(Rzeczownik: tworzenie rodzaju eskiego)

1. Regua oglna: rzeczowniki zakoczone w rodzaju mskim


na -o, -e, w rodzaju eskim zmieniaj kocwk na -a:
il contadino la contadina
Vallievo Vallieva
il figlio la figlia
10 scolaro la scolara
l'operaio l'operaia
11 segretario la segretaria
il cavallo la cavalla
il signore la signora
il padrone Za padrona
il consigliere Za consigliera

2. Rzeczowniki oznaczajce t y t u rodowy, urzdowy, nauko


wy lub z a w d przybieraj kocwk -essa w rodzaju eskim:
il conte la contessa
il principe la principessa
il duca la duchessa
il presidente la presidentessa
il dottore la dottoressa
il professore la professoressa
l'avvocato l'avvocatessa
lo studente la studentessa
il poeta la poetessa
oraz: il leone la leonessa

3. Rzeczowniki zakoczone w rodzaju mskim na -tore, w ro


dzaju eskim zmieniaj kocwk na - trice:
l'imperatore l'imperatrice
il pittore la pittrice
lo scultore la scultrice
l'autore l'autrice
10 scrittore la scrittrice
11 direttore la direttrice

4. Istnieje grupa rzeczownikw majcych w s p l n form


dla obu rodzajw:
il cantante la cantante
il parente la parente
il nipote la nipote
il pianista la pianista
l'artista l'artista
il farmacista la farmacista

5. Istnieje rwnie grupa rzeczownikw majcych w rodzaju


eskim formy cakowicie o d m i e n n e :
l'uomo la donna il genero la nuora
il padre la madre il marito la moglie
il fratello la sorella

6. Nastpujce rzeczowniki przybieraj kocwk -ina w ro


dzaju eskim:
il gallo la gallina l'eroe l'eroina
il re la regina

7. Niektre rzeczowniki oznaczajce zwierzta n i e m a j ro


dzaju e s k i e g o :
il topo lo scarafaggio
il coniglio il sorcio, ecc.
il delfino
8. Niektre rzeczowniki oznaczajce zwierzta n i e maj
rodzaju m s k i e g o :
la vipera la pantera
la volpe la scimmia
l'aquila la rondine
la balena la lucertola, ecc.

VERBI IRREGOLARI: POTERE E TENERE


(Czasowniki nieregularne: potere i tenere)

Presente dellindicativo
Potere
io posso noi possiamo
tu puoi voi potete
egli essi
ella pu esse possono
Lei Loro
Tenere
io tengo noi teniamo
tu tieni voi tenete
egli ssi
ella tiene esse tengono
Lei Loro

10 non posso dormire durante la notte.


11 fratello non pu camminare perch malato.
Non possiamo andare a teatro perch non abbiamo tempo.
Possono partire per l Italia?
Puoi comprare questo libro?
Potete scrivere una lettera in italiano?
Una scure piccola pu abbattere un albero gigantesco.
PREPOSIZIONI ARTICOLATE COMPOSTE CON LA PREPOSIZIONE A
(Przyimki rodzajnikowe zoone z przyimkiem a)

Przyimek a, jak ju wiemy, suy do utworzenia 3. przypadku,


celownika :
Io do un libro italiano a Maria.

Oznacza rwnie m i e j s c e , k i e r u n e k :
Io abito a Varsavia. Io vado a Venezia.
Renzo vive a Roma. Noi andiamo a scuola.
Mia sorella a casa.

Przyimek a w poczeniu z rodzajnikiem okrelonym tworzy


preposizioni articolate.

Singolare
Maschile
a + il = al Scrivo al mio amico,
a + lo = allo Parlo allo studente.
a + T = alV Vado allestero.
Femminile
a + la = alla Andiamo alla stazione.
a + T = alV Molta gente va allesposizione della pittura
italiana.

Plurale
Maschile
a + i = ai Offro i fiori ai miei genitori.
a + gli = agli II professore racconta una storiella agli stu
denti.
Il maestro fa sentire agli allievi la nuova
canzone.
a + g l = agl Gina Lollobrigida piace agli Italiani(apZIta-
liani).
Femminile
a + l e = alle La maestra d dei libri alle ragazze.
Il professore parla alle allieve.
LETTURA

L A S T A N Z A DI C L A U D I A

La camera di Claudia abbastanza grande e luminosa, perch


serve anche come studio. Claudia, la sorella di Renzo, una brava
pittrice; studia ancora allAccademia di Belle Arti, per lavora
anche molto a casa.
Claudia presidentessa del circolo delle studentesse dellAcca
demia. Ella una bella ragazza di 19 anni, ha capelli e occhi neri,
di statura media, snella e vivace.
La sua stanza divisa in due parti: camera da letto e piccolo
studio. Nella camera da letto, in un angolo c un divano-letto
molto soffice, coperto da una bella stoffa color rosa. Sul divano
ci sono molti cuscini. Sopra il muro c un grande specchio con
bella cornice. N ellangolo opposto c' un vecchio armadio dove
Claudia tiene i suoi vestiti.

Viareggio. Panorama
Nello studio c una grande tavola per disegnare ed un ca
valletto. Le due finestre sono ornate di tendine anche color rosa.
Sulle pareti ci sono dei quadri dipinti da Claudia. Claudia pu
lavorare soltanto alla luce del giorno.

ESERCIZI

1. Domande: In quante parti? In che modo? Quali?


Come la stanza di Claudia?
Dove studia Claudia?
Quanti anni ha?
Come ?
In quante parti si divide la sua cmera?
In che modo arredata la camera da letto?
Che cosa c nellarmadio?
Quali oggetti si trovano nello studio?
Che cosa c sulle pareti?
Di che colore sono le tendine?

2. Formare il fem m inile dei seguenti nomi (utworzy rodzaj


eski nastpujcych rzeczownikw):
il sarto 10 sposo il servo
il Polacco 11 prigioniero il venditore
il barone il cuoco il nonno
il babbo il giovane il suocero
l amico il benefattore il fanciullo
il violinista il Francese l oste
Francesco il cam eriere

3. Sostituire ai puntini la persona conveniente del verbo po


tere (zastpi kropki odpowiedni form osobow czasownika
potere):
La ragazza . . . studiare l italiano.
II mdico non . . . aiutare questo malato.
Io . . . mangiare molta frutta.
Voi non . . . rispondere alle mie domande
Tu . . . preparare un buon pranzo.
Noi non . . . trovare dei libri italiani.
4. Sostituire ai puntini la preposizione a semplice o articolata
(zastpi kropki przyimkiem a prostym lub rodzajnikowym):
Abitiamo . . . Cracovia.
Claudia va . . . Universit.
Renzo scrive . . . Michele.
Michele offre dei fiori . . . mamma.
Tutti vanno . . . cinema per vedere un film italiano.
Claudia Cardinale piace . . . uomini, e Marcello Mastroianni . . . donne.

5. Tradurre in italiano:
Pokj Klaudii jest duy i jasny. Klaudia jest przewodniczc koa
studentek Akadem ii Sztuk Piknych. Przyjacika Klaudii jest lekark.
Sekretarka inyniera Lombardi pracuje 7 godzin. Na tapczanie s dwie
czerwone poduszki. Na cianach s obrazy w ielkich artystw. Siostra
Renza jest malark.

PR O V E R B IO

Ad ogni uccello il proprio nido bello.


9. Lezione nona
Nome: formazione del plurale
Preposizioni articolate composte con
la preposizione in
Aggettivi numerali cardinali (21 - 100)

GRAMMATICA

NOME: FORMAZIONE DEL PLURALE


(Rzeczownik: tworzenie liczby mnogiej)

1. Rzeczowniki zakoczone w liczbie pojedynczej na -co, -ca,


-po, -pa, w liczbie mnogiej przybieraj h po c, p przed kocwk,
dla zachowania dwiku k, p :
il banco i banchi il lago i laghi
il tronco i tronchi il fungo i funghi
il cuoco i cuochi il luogo i luoghi
la banca le banche la riga le righe
la cuoca le cuoche la strega le streghe
Vamica le amiche la sega le seghe

Eccezioni:
a. Vamico gli amici il porco i porci
il Greco i Greci

b. rzeczowniki zakoczone na -co, -po, z akcentem na trzeciej


sylabie od koca, w liczbie mnogiej przybieraj kocwk -ci, -pi:
VAustriaco gli Austriaci il medico i medici
il monaco i monaci il sindaco i sindaci
il parroco i parroci il teologo i teologi
Vequivoco gli equivoci
w y j t e k jednak stanowi:
il monologo i monologhi il catalogo * i cataloghi
Vepilogo gli epiloghi
2. Rzeczowniki rodzaju mskiego zakoczone w liczbie poje
dynczej na -io (i nieakcentowane), w liczbie mnogiej tego i nie
podwajaj:
1orologio gli orologi Voperaio gli operai
il poggio i poggi il figlio i figli
rocchio gli occhi

3. Rzeczowniki rodzaju eskiego zakoczone na -ia (i nie


akcentowane) trac i w liczbie mnogiej:
la spiaggia le spiagge la goccia le gocce
la valigia le valige Varancia le arance
la faccia le facce

4. Rzeczowniki rodzaju mskiego zakoczone na -io (i akcen


towane) w liczbie mnogiej i podwajaj:
10 zio gli zi il ronzio i ronzi
11 pendio i pendi il mormorio i mormorii

5. Rzeczowniki rodzaju eskiego zakoczone w liczbie po


jedynczej na -ia (i akcentowane) zachowuj i w liczbie mnogiej:
la libreria le librerie la zia le zie
la farmacia le farmacie la macelleria le macellerie

PREPOSIZIONI ARTICOLATE COMPOSTE CON LA PREPOSIZIONE IN


(Przyimki rodzajnikowe zoone z przyimkiem in)

Przyimek in w poczeniu z rodzajnikiem okrelonym tworzy


nastpujce p r e p o s i z i o n i a r t i c o l a t e :

Singolare
Maschile
in + il = nel Nel cassetto non c' niente.
in + lo = nello Nello studio dellingegner Lombardi c'
una grande scrivania.
in + 1' = nell9 NeU'interno si vede una statua di marmo
bianco.
Femminile
in + la = nella Nella classe c una lavagna nera.
in + r = nell* NeZZautomobile c una radio.

Plurale
Maschile
in + i = nei Nei vecchi palazzi ci sono dei musei.
in + gli = negli Ci sono molte cose negli zaini dei soldati.
Negli edifici del ministero lavorano molti
impiegati.
Femminile
in + le = nelle Nelle case di Varsavia vive un milione di
abitanti.
Nelle officine della Fiat lavorano molti
operai.

AGGETTIVI NUMERALI CARDINALI (21 - 100)


(Liczebniki gwne)

21 ventuno, -a 28 ventotto 60 sessanta


22 ventidue 29 ventinove 70 settanta
23 ventitr 30 trenta 80 ottanta
24 ventiquattro 31 trentuno, -a 90 novanta
25 venticinque 38 trentotto 99 novantanove
26 ventisei 40 quaranta 100 cento
27 ventisette 50 cinquanta

LETTURA

I GIORNI DELLA SETTIMANA (Dni tygodnia)

Una settimana ha sette giorni; i giorni sono seguenti:


l u n e d Incomincio il mio lavoro.
m a r t e d Ho la lezione ditaliano.
m e r c o l e d Vado alla biblioteca per prendere i nuovi
libri.
g i o v e d Faccio il mio compito di classe.
v e n e r d Vado al concerto sinfonico.
s a b a t o Dopo il lavoro mi diverto con gli amici.
d o m e n i c a Vado a passeggiare nel giardino pubblico, a vi
sitare una mostra della pittura italiana e poi, la sera, ammiro Gina
Lollobrigida nel suo ultimo film.
Tutti i giorni della settimana sono di genere maschile, soltanto
domenica di genere femminile.
I giorni terminati in -i non cambiano nel plurale, cambiano
soltanto sabato e domenica:
il luned i luned
il sabato i sabati
la domenica le domeniche

LA CUCINA DELLA SIGNORA LOMBARDI

Sabato pomeriggio la signora Lombardi insieme con Claudia


preparano la cena, perch oggi la famiglia Lombardi festeggia il
compleanno di Michele, figlio minore.
La signora Lombardi una padrona di casa perfetta: nella sua
cucina tutto in ordine. Nel piccolo armadio sotto la finestra si
trovano le pentole, le casseruole, il tegame per le uova, due pa
delle, una caffettiera, i coperchi e il mestolo.
Nel cassetto ecco cucchiai e cucchiaini, forchette e coltelli.
Tutto brilla e luccica. I piatti, i piattini, le tazze, le tovaglie e i to
vaglioli sono nella credenza della sala da pranzo.
In un angolo della cucina c' ancora una ghiacciaia, dove la
signora Lombardi tiene il burro fresco, la carne, i formaggi, i ba
rattoli con la marmellata e le frutta.
Claudia in un grembiule a quadretti aiuta la mamma nella
preparazione della cena. Le due massaie sfornano in questo mo
mento una pizza napoletana, piatto preferito da Michele. La
mamma prepara anche la panna montata per le piccole cugine dei
ragazzi. Naturalmente non mancano gli spaghetti al pomodoro.
ESERCIZI

1. Domande: Per chi? Quale?


Perch la signora Lombardi con la figlia si trovano in cucina sbato
pomeriggio?
Per chi si prepara la cena?
Come la cucina?
Cosa c neHarmadio sotto la finestra?
Dove sono le forchette ed i coltelli?
Che cosa c nella credenza?
Che cosa tiene la signora Lombardi nella ghiacciaia?.
Ha Lei una ghiacciaia?
Perch Claudia sta in grembiule?
Quale il piatto preferito da Michele?
Quale il suo piatto preferito?
Che cosa prepara la mamma per le piccole cugine di Michele?

2. Formare il plurale dei nomi seguenti (utworzy liczb mno


g nastpujcych rzeczownikw):
il servizio il Turco
il negozio il canqnico
il nemico la pasticceria
il fico la panetteria
la manica la bocca
il rogo la grammtica
10 specchio il catlogo
11 viaggio la bugia
il bacio il capriccio
Vesempio la quercia
1arancia l'albicocca
la pesca il luccichio

3. Sostituire ai puntini la preposizione in articolata o sem


plice (zastpi kropki przyimkiem in prostym rodzajniko-
wym):
cassetto ci sono i coltelli,
cucina tutto . . . ordine.
. Italia si m angia la pizza.
studio dellingegner Lombardi ci sono m olti libri.
. classi ci sono delle lavagne,
interno della chiesa di Santa Croce a Firenze ci sono le tombe dei
grandi scrittori italiani.
4. Rispondere per iscritto alle domande seguenti (odpowiedzie
pisemnie na nastpujce pytania):
Che cosa fa Lei domnica?
Dove va sabato?
In che giorni ha la lezione ditaliano?

5. Scrive con le lettere gli aggettivi numerali cardinali se


guenti (napisa sownie nastpujce liczebniki gwne):
12 28 39 43 54 65 77 86 91 100

6. Tradurre in italiano:
We wtorek zaczynamy lekcj woskiego. Matka przygotowuje kolacj
dla caej rodziny. Miso i owoce s w lodwce. Rondle i patelnie s
brudne. W szafce znajduje si ser i maso. Mae kuzynki Michaa
jedz bit mietan. Klaudia w yjm uje z piecyka pizz neapolitask.
Moj ulubion potraw jest . . .

P R O V E R B IO

In una notte nasce un fungo.


10. Lezione decima
Aggettivo qualificativo: formazione
del fem m inile e del plurale
Aggettivi e pronomi dimostrativi
Verbo irregolare bere

GRAMMATICA

AGGETTIVO QUALIFICATIVO: FORMAZIONE


DEL FEMMINILE E DEL PLURALE
(Przymiotnik okrelajcy: tworzenie
rodzaju eskiego i liczby mnogiej)

Znamy ju z pierwszych lekcji kocwki przymiotnika. Obec


nie podajemy sposb tworzenia rodzaju eskiego i liczby mnogiej
przymiotnikw.

1. Formazione del femminile

il ragazzo simpatico la ragazza simpatica


il giornale noioso la lezione noiosa
lallievo diligente lallieva diligente
il cane fedele l amica fedele

Maschile Femminile
-o simpatico -a simpatica
-e fedele -e fedele

2. Formazione del plurale


*
Przymiotniki zakoczone na -co, -ca, -go, -ga w liczbie mno
giej, tak jak rzeczowniki, przybieraj h dla zachowania dwiku
k i g:
il vestito bianco i vestiti bianchi
la tovaglia bianca le tovaglie bianche

6 Studiam o la lin gu a oi
il corridoio largo i corridoi larghi
la gonna larga le gonne larghe

poza tym tworz liczb mnog tak jak rzeczowniki:


Singolare Plurale
-0 bello -z belli
-e grande -i grandi
-a buona -e buone

AGGETTIVI E PRONOMI DIMOSTRATIVI


(Przymiotniki * i zaimki wskazujce)

1. L'aggettivo a c c o m p a g n a il nome (przymiotnik towa


rzyszy rzeczownikowi)
a. Wskazujc osob lub przedmiot znajdujcy si blisko osoby
mwicej uywam y form:
questo ) , questi
} quest
questa J queste
Questo libro interessante.
Questa casa moderna.
Questuomo povero.
Questi studenti conoscono bene litaliano.
Queste signorine leggono molti romanzi italiani.

b. Wskazujc osob lub przedmiot znajdujcy si blisko osoby,


d o k t r e j si mwi, uywamy form:
codesto (cotesto) codesti (cotesti)
codesta (cotesta) codeste (coteste)
Dove vai con codesto pacco?
Che cosa hai in codesta valigia?
Perch apri codesti libri?

* W gramatyce w oskiej zaimkami nazywane s tylko te wyrazy,


ktre w jzyku polskim zalicza si do zaimkw rzeczownych (np. kto,
co), a polskie zaimki przymiotne wskazujce (ten-), dzierawcze (mj),
pytajce (jaki) i nieokrelone (jaki) zaliczane s do przymiotnikw.
Quanto costano codeste scarpe?
Codesto professore severo.
c. Wskazujc osob lub przedmiot znajdujcy si d a l e k o
zarwno od osoby mwicej jak i od tej, do ktrej si mwi, uy
wamy nastpujcych form:
quel przed rzeczownikami zaczynajcymi si od spgoski,
przy ktrych stosuje si articolo determinativo il:
quel cane quei cani
quel ragazzo quei ragazzi
quel capello quei capelli
quello przed rzeczownikami zaczynajcymi si na s impura,
z, gn, ps, przy ktrych uywa si articolo determinativo lo:
quello studente quegli studenti
quello zaino quegli zaini
quello psicologo quegli psicologi
quello gnocco quegli gnocchi
quelV przed rzeczownikami zaczynajcymi si od samogoski,
przy ktrych uywa si articolo determinativo V:
quellalbero quegli alberi
quellocchio quegli occhi
quelluccello quegli uccelli
quella przed rzeczownikami rodzaju eskiego zaczynajcy
mi si od spgoski, przy ktrych uywa si articolo determinati
vo la:
quella casa quelle case
quella chiesa quelle chiese
quella torre quelle torri
quell przed rzeczownikami zaczynajcymi si od samogos
ki, przy ktrych stosuje si articolo determinativo V:
quellora quelle ore
quellaquila quelle aquile
quellidea quelle idee
2. Il pronome s o s t i t u i s c e il nome (zaimek zastpuje rze
czownik).
I pronomi d i m o s t r a t i v i hanno le stesse forme che gli
aggettivi dimostrativi (zaimki wskazujce maj te same formy co
przymiotniki wskazujce):
questo, questa, questi, queste
codesto, codesta, codesti, codeste
quello, quella, quelli, quelle

Aggettivo dimostrativo Pronome dimostrativo


Questo quaderno giallo codesto verde.
Questa ragazza bionda quella bruna.
Questi ragazzi lavorano bene quelli sono negligenti.

Jeeli rzeczownik poprzedzony jest przymiotnikiem wskazuj


cym, n i e w o l n o uywa rodzajnika:
questo libro
quella signorina
In questa classe ci sono molti banchi.
Su quella tavola vediamo libri e quaderni,

VERBO IRREGOLARE BERE


(Czasownik nieregularny bere forma starowoska: bever)

Presente dellindicativo
io bevo noi beviamo
tu bevi voi bevete
egli essi
ella beve esse bevono
Lei Loro

LETTURA

L A VIA GARIBALDI

La via Garibaldi, dove abita la famiglia Lombardi, una v;a


secondaria. In questa via non ci sono molti negozi, n grandi ma-
gazzini, per ci sono botteghe con i generi alimentari: pizzicheria,
torrefazione, panificio, pasticceria, macelleria e grande latteria.
Quella latteria molto conosciuta per la sua panna fresca.
C anche una farmacia e allangolo un piccolo bar con espres
so; gi in fondo alla strada c il tabaccaio e allangolo opposto si
trova il chiosco con tutti i giornali e le riviste italiane e stra
niere.
Quando la mattina la signora Lombardi va a fare le spese, com
pra tutto quello che occorre per il pranzo e la cena. In questo
negozio prende il pane e gli spaghetti, in quellaltro carne e ver
dura. Davanti a quella farmacia incontra la signora Guerrini, la
sua vicina. Anche questa carica di vari prodotti alimentari.
Finalmente la signora Lombardi entra da un vinaio per pren
dere un fiasco di Chianti e un altro fiaschetto di Orvieto bianco
preferito da suo marito.
La signora Lombardi lavora molto, perch prepara tre pasti
al giorno: la colazione, il pranzo e la cena. Michele prende sempre
una merenda e se Claudia e Renzo sono a casa a quellora mangia
no anche qualche dolce con una tazza di t.

ESERCIZI

1. Domande: In che via?


In che via abita Renzo?
Quali negozi ci sono in via Garibaldi?
Che cosa si vende nella panetteria?
Che cosa si vende nella macelleria?
Perch la latteria in via Garibaldi cos conosciuta?
Che cosa si trova allangolo della strada?
Dove il tabaccaio?
Che cesa vende il giornalaio?
Chi fa le spese la mattina?
Fa Lei la spe'sa ogni giorno?
Mangia Lei molta verdura?
Si mangiano degli spaghetti in Polonia?
Dove sincontrano le due vicine?
C una farmacia vicino a casa sua?
Quale vino beve il signor Lombardi?
Beve anche Lei il vino durante il pranzo?
2. Volgere al plurale (zamieni na liczb mnog):
il clebre mdico
la buona amica
il caro amico
10 studente giovane e povero
la via larga ed elegante
11 negozio moderno
la bottega piccola e scura
la grande pasticceria
il chiosco verde
la carne fresca
la fam iglia numerosa
il fiasco grosso

3. Sostituire ai puntini i pronomi dimostrativi convenienti (za


stpi kropki odpowiednim zaimkiem wskazujcym):
Questo ragazzo, mio fratello, piccolo, . . . di Maria e grande e
dellamica in Italia grande e simpatico.
Questallieva diligente, . . . pigra e . . . di terza classe non fa niente.
Questi uomini sono poveri . . . sono ricchi e . . . di campagna son avari.
Queste donne sono affettuose, . . . sono sensibili e . . . del secondo piano
sono brutte e rigide.

4. Tradurre in italiano:
Ta ulica jest wska i duga. Tamten sklep znajduje si blisko ogro
du. Ci gazeciarze s modzi i weseli. W tamtych kioskach s pisma
zagraniczne. Ta pani robi zakupy rano, a tamta po poudniu. Ten dom
jest nowoczesny, a tamten stary i brzydki. Te miasta s pikne i pene
turystw, a tamte s puste i brudne.

PR O V E R B IO

Non tutto oro quello che luccica.

Dal camiciaio

La mamma mi manda a comprare una camicia per il babbo.


Che genere di camicia? Come quella che indosso io?
Si, ma un po pi pulita, per favore.
11. Lezione undicesima
Futuro smplice
V e r b i impersonali (1)
Troncamento
Verbi irregolari: dire e volere

GRAMMATICA

FUTURO SEMPLICE (Czas przyszy prosty)

Avere Essere
io avr io sar
tu avrai tu sarai
egli egli
ella avra ella sara
Lei Lei
noi avremo noi saremo
voi avrete voi sarete
essi essi
esse avranno esse saranno
Loro Loro

II III
parlare chiudere dormire f i n i r e (-isc)
parl-er chiud-er dorm-ir fin-ir
parl-erai chiud-erai dorm-irai fin-irai
parl-er chiud-er dorm-ir fin-ir
pari-eremo
% chiud-eremo dorm-iremo fin-iremo
parl-erete chiud-erete dorm-irete fin-irete
pari-er anno chiud-eranno dorm-iranno fin-iranno

Oggi Domani
Io parlo polacco. Io parler italiano.
Tu chiudi la finestra. Tu chiuderai il cassetto.
Oggi Domani
Egli apre la porta. Egli aprir il portone.
Noi finiamo la lezione. Noi finiremo il lavoro.
Voi avete le vacanze. Voi avrete la ricreazione.
Essi sono contenti. Essi saranno scontenti.

VERBI IMPERSONALI (1) (Czasowniki nieosobowe)

Na oznaczenie zjawisk atmosferycznych uywa si czasowni


kw tzw. nieosobowych, tj. wystpujcych tylko w 3. osobie liczby
pojedynczej:
piove pada deszcz tuona grzmi
tira vento w ieje wiatr lampeggia byska
grandina pada grad albeggia wita, dnieje
nevica pada nieg brina bierze mrz
fa freddo jest zimno
fa caldo jest ciepo
fa bel tempo jest pikna pogoda
fa brutto tempo jest brzydka pogoda

TRONCAMENTO (Odcicie)

Pewne przymiotniki i rzeczowniki, ktre maj przed samo


gosk lub sylab kocow Z, n, r, trac ostatni samogosk lub
sylab przed wyrazem zaczynajcym si od. spgoski (z w yjt
kiem s impura, z, gn, ps). Jest to zjawisko zwane t r o n c a m e n -
t o (odcicie).
Fowysza regua dotyczy (z maymi wyjtkami) rzeczownikw
i przymiotnikw rodzaju mskiego, liczby pojedynczej.
Jeeli wyrzucon samogosk zastpuje apostrof, jest to znane
ju nam zjawisko e 1 i z j i.

Santo: San Lorenzo Sant9Ambrogio


San Pietro SantAntonio
San Francesco Castl SantAngelo
ma Santa Chiara
Santi Apostoli

Bello: bel palazzo Bei : bei palazzi


bel ragazzo bei ragazzi
bel film bei film
ma bello studente begli studenti
bello specchio begli specchi
bell'uomo begli uomini
bella donna belle donne

Buono: buon giorno buoni giorni


buon padre buoni padri
ma buono scolaro buoni scolari
buona ragazza buone ragazze

Grande: gran signore grandi signori


gran teatro grandi teatri
gran festival grandi festival
Gran Bretagna
m a: grand'uomo grandi uomini

Cavallo: cavai bianco


Mare: Mar Rosso
Castello: Castel Sant'Angelo
Castel Gandolfo
Cuore: cuor d'oro, Riccardo Cuor di Leone .
Signore: Signore + nome = Signor (anche s impura, z, gn, ps)
Signor Lombardi
Signor Zanghi
Signor Scarponi
Signor professore
Signor direttore
Frate: Fra Giovanni
Fra Angelico
ma Frate Antonio
Suora: Suor Teresa
Suor Anna
Professore: Professor Micheli
Dottore: Dottor Marconi
Ingegnere: Ingegner Clarotti
Colore: color rosa
color viola
Quando il colore equivale al fiore invariato: rosa, viola. E c c e z i o n e :
castagno usato solam ente come: capelli castagni.

Piano: pian piano

Infinito e forme personali del verbo:


aver fame, esser felice
Io son Lindoro che tamo e tadoro . .. (,,Barbiere di Si
viglia)
Cos fan tutte (opera di Mozart)

VERBI IRREGOLARI: DIRE E VOLERE


(Czasowniki nieregularne: dire, starowoska forma dicere, i volere)

Presente dellindicativo

Dire Volere
io dico io voglio
tu dici tu vuoi
egli egli
ella dice ella vuole
Lei Lei

noi diciamo noi vogliamo


voi dite voi volete
essi essi
esse dicono esse vogliono
Loro Loro
LETTURA

I DODICI MESI DELLANNO

Gennaio
Gennaio nevoso e tira vento
estate gioioso, in estate
ma se piove avarai tormento.

Febbraio
Se c neve e se piove
a San Romualdo (7 Febbraio) a San Donato (17 Febbraio)
lagosto tutto l anno
sar caldo, fortunato.

Marzo
Se fa freddo ma se brina
a San Longino (15 Marzo) a San Ruperto (27 Marzo)
avrai caldo non farai
a San Galdino, (18 Aprile) di grano un serto.

Aprile
Se ti brina ma col sole
a San Fedele (24 Aprile) a San Vitale (28 Aprile)
non farai avrai ricco
il vin di mele, il Natale. (25 Dicembre)

Maggio
Se di Maggio ma se invece
rasserena tira vento
ogni spiga nellestate
sar piena, avrai tormento.

Giugno
Giugno appende ma se l aria
ai ramoscelli si ristagna
tanti frutti potrai avere
buoni e belli, la micragna.
Luglio
Piove a Luglio: e se grandina
vino mio, a SantAnna (26 Luglio)
ti saluto luva mia
e dico addio; tutta si danna.

Agosto
A San Liberato (17 Agosto) n ellagosto
l estate in ottobre
terminato, porta mosto.
ma la piova

Settembre
Se piove per sette
per la luna lune lacqua
settembrina, si trascina.

Ottobre
In Ottobre se vuoi mietere
semi in pugno di giugno.

Novembre
Se a Novembre far di fame
il contadino piangere
si riposa, la sposa.

Dicembre
Senza neve a il raccolto
SantAmbrogio (7 Di mogio mogio.
cembre)

ESERCIZI

1- Rispondere alle domande seguenti (odpowiedzie na nast


pujce pytania):
Che cosa fa Lei in gennaio?
Quali sono i m esi delle vacanze?
Dove passer Lei il m ese di luglio?
Qual il suo m ese preferito e perch?
Conosce un proverbio polacco che parla del tempo?

2. Coniugare nel futuro i seguenti verbi (odmieni nastpu


jce czasowniki w czasie przyszym):
prndere salutare
piangere sentire
chiamarsi riposarsi

3. Mettere il verbo nel presente e nel futuro (zastpi bezoko


licznik odpowiedni form osobow w czasie teraniejszym i przy
szym):
Le lezioni alla Facolt di Legge (finire) il 1 giugno.
Renzo (tornare) in citt.
Ogni anno io (passare) le vacanze aHAdriatico su una piccola spiaggia.
Michele (partire) volentieri per la montagna.
La signora Lombardi (preparare) la cena.
Claudia (visitare) Venezia e (studiare) la pittura della scuola vneta.
Il signor Lombardi (essere) molto occupato, non (avere) tempo per
riposarsi e (stare) a casa.

PRO VERBI

Saper gridare non segno di forza.


La donna saggia edifica la casa: la donna stolta roviner con
le sue mani quella gi costruita.
In bocca chiusa non ntran mosche.

Sposini capelloni

Il parroco:
Vuoi tu, Paola Bianchi, sposare il qui presente?
Veramente, reverendo, io sono lo sposo.
12. Lezione dodicesima
Verbi irregolari: sapere e venire
Futuro di alcuni verbi irregolari
Articolo partitivo

GRAMMATICA

VERBI IRREGOLARI: SAPERE E VENIRE


(Czasowniki nieregularne: sapere A venire)

Presente dellindicativo
Sapere Venire
io so io vengo
tu sai tu vieni
egli egli
ella sa ella viene
Lei Lei
noi sappiamo noi veniamo
voi sapete voi venite
essi essi
esse sanno esse vengono
Loro Loro

FUTURO DI ALCUNI VERBI IRREGOLARI


(Czas przyszy niektrych czasownikw nieregularnych)

I
Andare dare stare
andr dar star
andrai darai starai
andr dar star
andremo daremo staremo
andrete darete starete
andranno daranno staranno
Bere dire fare potere
berr (bever) dir far potr
berrai (beverai) dirai farai potrai
berr (bever) dir far potr
berremo diremo faremo potremo
(beveremo)
berrete direte farete potrete
(beverete)
berranno diranno faranno potranno
(beveranno)

sapere tenere vedere volere


sapr terr vedr vorr
saprai terrai vedrai vorrai
sapr terr vedr vorr
sapremo terremo vedremo vorremo
saprete terrete vedrete vorrete
sapranno terranno vedranno vorranno

III

Venire
verr verremo
verrai verrete
verr verranno

Oggi Domani
Io vado al cinema. Io andr al concerto.
Tu dai un regalo a Maria. Tu darai un regalo a Giovanni.
Egli dice sempre la verit. Egli non dir le bugie.
Ella fa l esercizio. Ella far il compito.
Lei pu lavorare bene. Lei potr venire stasera.
Noi sappiamo tutto. Noi sapremo la verit.
Voi tenete i vestiti n ellarmadio. Voi terrete le tazze nella cre
Essi vedono un film interes denza.
sante. Essi vedranno un grande artista.
Oggi Domani
Esse vengono ogni giorno. Esse verranno domani.
Loro vogliono partire. Loro vorranno vivere in Italia.

ARTICOLO PARTITIVO (Rodzajnik czstkowy)

Rodzajnika czstkowego uywa si dla wyraenia bliej nie


okrelonej c z c i caoci.

Singolare
Maschile Femminile
del della
dello dell9
dell9

Plurale
dei delle
degli

Esempi:
Comprer un chilo di carne, un etto di burro e due chilogram
mi di patate.
m a:
Comprer della carne, del burro e delle patate.
Maria comprer tre metri di seta per fare un bel vestito.
Maria comprer della seta per un bel vestito.
Ecco della stoffa di prima qualit.
La signora Lombardi compra del vino, dello zucchero, delVin-
salata, della farina, dei limoni, degli asparagi, delle uova, tutto
quello che necessario per preparare un buon pranzo.
LETTURA

LE ORE

Che ora ? Che ore sono?


Vuna ( il tocco) sono le sei
sono le due sono le sette
sono le tre sono le otto
sono le quattro sono le nove
sono le cinque sono le dieci

mezzogiorno (poudnie)
mezzanotte (pnoc)

A che ora?
alle quattro
alle sette
alle undici
a mezzanotte
dalle cinque alle sei
dalle otto alle dieci
fra le due e le cinque
fra le tre e le quattro

Che ora ?
sono le dieci e mezzo (mezza)
sono le tre e mezzo
sono le otto e un quarto
sono le nove meno un quarto
sono le sette e cinque
sono le nove e dieci
sono le tre e venti
sono le otto e venticinque
sono le due meno cinque
sono le quattro meno dieci
sono le sei meno venti
sono le undici meno venticinque

7 Studiam o la lin gu a 97
In piazza Venezia, davanti a un piccolo bar, Renzo incontra il
suo amico Franco. Franco anche studente, per egli studia archi
tettu ra.

R e n z o . Buon giorno Franco, come stai? Non ti vedo da qualche


tempo.
F r a n c o . Buon giorno, sto bene, grazie. Sai, sono sempre cos
occupato...
R e n z o . Che cosa fai?
F r a n c o . Preparo la mia tesi di laurea. Non una cosa facile.
R e n z o . Immagino. Io far il mio diploma fra due anni.
F r a n c o . Hai ancora molto tempo. Puoi dormire tranquilla
mente.
R e n z o . Hai fretta?
F r a n c o . No, e perch?
R e n z o . Allora andiamo a prendere un espresso.
F r a n c o . Va bene. E poi?
R e n z o . E poi andremo al cinema. Oggi c la prima visione
dellultimo film di Sofia Loren.

I due amici entrano nel bar. Domandano due espressi e Franco


che un ghiottone sceglie anche due paste.
F r a n c o . Verr con te volentieri perch ho bisogno di divertir
mi un po.
R e n z o . Il film incomincia alle sei, prenderemo il filobus 122,
si ferma proprio davanti al cinema. Arriveremo in tempo.
F r a n c o . Benissimo. Potremo ancora telefonare a Giulio, forse
anche lui vorr passare con noi la serata.

Uno degli amici va al telefono, chiama Giulio e ritorna dopo


pochi minuti.
R e n z o . Allora come? Giulio verr con noi?
F r a n c o . No, non pu. Ha un appuntamento con la sua fidan
zata. Loro vanno stasera all opera per sentire la Tebaldi.
R e n z o . Quando potrai venire a casa mia? Ho qualche cosa che
ti voglio mostrare.
R o m a . C o lo s s e o , C a m p i d o g l i o , M o n u m en to a V itto rio E m a n u e le II (v e d u t a
area)

F r a n c o . Con piacere. Verr luned prossimo fra le quattro


e le cinque.
R e n z o . Va bene, ti aspetter.
F r a n c o . Abbiamo ancora un po' di tempo. Andiamo alla Rina
scente per comprare un piccolo regalo per la mia mamma, che
domani festeggia il suo onomastico.
R e n z o . Che cosa vuoi comprare?
F r a n c o . Della seta per un nuovo vestito e forse dei guanti.
R e n z o . Anchio comprer una cravatta per il babbo, ed ho
ancora da fare una piccola spesa per la casa, prender del
caff, dello zucchero e dei cioccolatini.

I due amici pagano, e in fretta corrono alla ferm ata del filo
bus. Adesso hanno poco tempo se vogliono ferm arsi alla Rinascente
e non tardare al cinema.
ESERCIZI
1. Domande:
A che ora si alza Lei?
A che ora incomincia il suo lavoro?
A che ora mangiano Loro la colazione?
A che ora incomincia la lezione ditaliano?
A che ora finisce la lezione ditaliano?
Quanto tempo dura?
A che ora va Lei a teatro?
A che ora Renzo ha un appuntamento con gli amici?
A che ora torna Lei a casa?
A che ora va Lei a dormire?

2. Sostituire ai puntini lora conveniente (zastpi kropki od


powiedni godzin):
Fra le . . . e le . . . io aspetto larrivo del mio amico.
Dalle . . . alle . . . preparo la mia lezione ditaliano.
A lle . . . parto per Cracovia.
Sono le . . . e voglio andare a letto.
I piccoli bambini mangiano sempre la merenda alle . . .
Lo spettacolo incomincia alle . . . precise e finisce alle . . .

3. Mettere in futuro il verbo tra le parentesi (zastpi bezoko


licznik odpowiedni form osobow czasu przyszego):
Io (andar) volontieri al cinema.
Noi (dare) dei fiori alla nostra amica.
Tu (fare) gli esercizi.
Voi (potere) vedere il nuovo film francese.
Egli (sapere) tutta la verit.
Essi (vedere) l esposizione della pittura moderna.
Ella (venire) alle undici.
Esse (volere) leggere lultimo romanzo di Pratolini.
Lei (dire) la poesia.
Loro (tenere) la conferenza stampa.

4. Tradurre in italiano:
Zaczynamy lekcje o wp do dziewitej. Midzy czwart a szst
jestem zawsze w domu. Skoczysz prac o drugiej pitnacie. Pracu
jemy od dziewitej do trzeciej. Pjdziecie o dwunastej. Przyjd
o smej. Wyjedaj o pitej dwadziecia.

P R O V E R B IO

Volere potere.
13. Lezione tredicesima
Omissione dellarticolo
preposizioni articolate composte con
la preposizione su
Aggettivo tutto

GRAMMATICA

OMISSIONE DELL ARTICOLO (Opuszczenie rodzajnika)

Si omette l'articolo nei seguenti casi (rodzajnik opuszcza si


w nastpujcych wypadkach):

1. Davanti ai nomi p r o p r i delle p e r s o n e e delle c i t t


(przed imionami wasnym i osb i miast):
Maria, Aldo, Francesco, Giorgio
m a s i d i c e : il Goldoni, la Loren, la Tebaldi, lo Stendhal, e n e l l i n
g u a g g i o f a m i l i a r e : la Mariett, ZAngelina,

Roma, Venezia, Milano, Varsavia, Cracovia


m a s i d i c e : la Polonia, lItalia, la Francia

il Tevere, lAm o, la Vistola


le Alpi, gli Appennini, i Carpazi

2. N elle i s c r i z i o n i (w napisach):
Entrata Uscita
Telefono Ristorante
Farmacia Libreria

3. Dopo il verbo essere se il nome indica la r e l i g i o n e ,


la n a z i o n a l i t , la p r o f e s s i o n e (po czasowniku essere,
jeeli rzeczownik do niego si odnoszcy oznacza wyznanie, naro
dowo, zawd):
cattolico protestante
sono Italiano siamo Polacchi
sei avvocato sono architetti
4. Dopo il verbo avere usato nella forma n e g a t i v a (po
czasowniku avere uytym w formie przeczcej):
non ho figli
non ha fratelli
non hanno soldi
5. Con l aggettivo d i m o s t r a t i v o : questo, codesto, quello
(gdy rzeczownik poprzedzony jest przymiotnikiem wskazujcym
questo, codesto, quello):
questo libro
codesta penna
quelle case
6. Nei verbi composti con il verbo avere (w wyraeniach zo
onych z avere i rzeczownika):
aver fame io ho fame
aver sete io ho sete
aver freddo io ho freddo
aver caldo io ho caldo
aver paura io ho paura
aver ragione io ho ragione
aver fretta io ho fretta
aver bisogno io ho bisogno
7.Con gli aggettivi: m olto, poco, tanto,quanto, troppo (gdy
rzeczownik poprzedzony jest przymiotnikami: m olto, poco,tanto,
quanto, troppo):
Nel nro giardino ci sono molti fiori.
Poche ragazze sanno cucinare.
Ho tanta paural
Quanti studenti parlano italiano?
Anna porta troppi anelli.
8. Con laggettivo p o s s e s s i v o se il nome indica una
parentela, usato nel singolare (jeeli rzeczownik oznaczajcy po
krewiestwo poprzedzony jest przymiotnikiem dzierawczym
w liczbie pojedynczej):
tua madre nostro fratello
nr o padre vostro zio
Si pu omettere Tarticolo ma la regola n o n o b b l i g a
t o r i a nei seguenti casi (nie jest konieczne opuszczenie rodzaj
nika w nastpujcych wypadkach):

1. N e i t i t o l i delle opere e dei capitoli (w tytuach dzie


i rozdziaw):
Storia degli Italiani
Geografia di Polonia
Grammatica italiana

2. Nei p r o v e r b i (w przysowiach):
Chi ha pane non ha denti, chi ha denti non ha pane. Cane che
abbaia non morde.

3. N elle e n u m e r a z i o n i (w wyliczeniach):
Sulla tavola ci sono libri, quaderni, penne, matite, temperini,
gomme, righe, calamaio, ecc.

PREPOSIZIONI ARTICOLATE COMPOSTE


CON LA PREPOSIZIONE SU
(Przyimki rodzajnikowe zoone z przyimkiem su)

Przyimek su w poczeniu z articolo determinativo tworzy


preposizioni articolate:

Singolare

Maschile Femminile
su + il = sul s u + la = sulla
su + lo = sullo su + r = sull'
s u + r = sull9

Sul tetto c un gatto. Sulla parete c il ritratto di


Sullo schermo si vede una bel- Garibaldi.
lissima attrice. SuUacqua galleggia una barca.
SuZredificio c la bandiera po
lacca.
Plurale
Maschile Femminile
su + i = sui su + le = sulle
su + gli = sugli
Sui campi lavorano i contadini. Sulle cime delle Alpi c la
Sugli specchi c' molta polvere. neve.

AGGETTIVO TUTTO (Przymiotnik tutto)

Rodzajnik okrelony stoi midzy przymiotnikiem tu tto , tu tta ,


tu tti, tutte a rzeczownikiem:
tutto il mondo
tutta la gente
tutti gli studenti
tutte le citt
ma il bel ragazzo
la buona amica
i cari genitori
le grandi scrittrici

LETTURA

LE QUATTRO STAGIONI DELL9ANNO

La primavera e l estate, belle stagioni dellanno, sono di genere


femminile.
Lautunno e linverno, brutte stagioni dellanno, sono di genere
maschile.

L a p r i m a v e r a bellissima stagione, incomincia il 21 mar


zo, porta fiori, uccelli e il sole primaverile; il mese pi bello
maggio. La vecchia canzone parla cos di questo mese:
Ecco maggio quel bel mese
che rallegra tutti i cuori,
fa fiorir tutti gli alberi,
ecco maggio dai bei fiori.
U e s t a t e fa caldo. Le vacanze incominciano. Tutti vanno
al mare o in montagna. Molti turisti visitano l Italia.
V a u t u n n o stagione molto ricca. Porta frutta e vino. Le
foglie diventano gialle, rosse, poi cadono lentamente. Laria im
pregnata di malinconia e di tristezza. Tutta la natura si prepara
per il sonno invernale.
Una canzone parla del settembre con queste parole:
Settembre ti dir, piccola bimba nra,
tutta la nostalgia del nostro grande amor.
Ti parler di me, chormai sar lontano,
e ti dir ch vano sperare tanto ancor.
Oggi tutto triste, e sei triste tu,
come il nostro amore, che non torna pi.
Settembre ti dir...
U i n v e r n o stagione pi fredda. Tira vento, e n ellItalia
Settentrionale anche nevica. Durante linverno molta gente va
a Cortina dAmpezzo per gli sport invernali. Le signore portano
le pellicce e tutti si coprono bene per proteggersi dal freddo. Tutti
si preparano per le feste di Natale e del Capodanno.

ESERCIZI

1. Domande. Rispondere per iscritto (odpowiedzie pisemnie):


Quale la stagione pi fredda?
Quale la stagione pi calda?
In che stagione sono le vacanze?
Dove si parte durante luglio e agosto?
Dove si va in inverno?
Quale stagione preferisce Lei?

2. Sostituire ai puntini la preposizione articolata su (zastpi


kropki przyimkiem rodzajnikowym su):
C una matita . . . pavimento.
. . . cattedra c un calamaio.
. . . carta geografica lItalia ha la forma di uno stivale.
. . . finestre ci sono m olte piante.
. . . parete c un quadro.
I libri ed i quaderni sono . . . tavola.
. . . divano c un cuscino rosso.
. . . alberi si vdono i nidi degli uccelli.
Molti libri sono . . . scaffali.

PROVERBI

Amico e vino voglion esser vecchi.


Il vino non buono, se non rallegra l uomo.
Lacqua fa male, e il vino fa cantare.
14. Lezione quattordicesima
Aggettivi e pronomi possessivi
Verbo irregolare uscire

GRAMMATICA

AGGETTIVI E PRONOMI POSSESSIVI


(Przymiotniki i zaimki dzierawcze)

L'aggettivo accompagna il nome, il pronome sostituisce il nome.

Aggettivi possessivi
Ma s c h i l e Femminile
Singolare Plurale Singolare Plurale
mio miei mia mie
tuo tuoi tua tue
suo suoi sua sue
nostro nostri nostra nostre
vostro vostri vostra vostre
loro loro loro loro
P r z y m i o t n i k d z i e r a w c z y towarzyszy r z e c z o w
n i k o w i i jest zawsze poprzedzony rodzajnikiem:
il mio amico i nostri quaderni
la tua penna le vostre matite
il suo libro i miei cani
il loro figlio i suoi fiori
Przymiotnik dzierawczy: suo, sua, suoi, sue (jego, jej, swj,
swoja, swoi, swoje) w rodzaju i liczbie zgadza si z przedmio
tem posiadanym, a nie z posiadaczem, inaczej ni w jzyku
polskim:
il suo cane jego pies, jej pies, swj pies.
i suoi cani jego psy, jej psy, swoje psy.
Suo zgadza si w rodzaju i liczbie z rzeczownikiem cane, ktry
jest w tym wypadku przedmiotem posiadanym:
la sua casa jego dom, jej dom, swj dom
le sue case jego domy, jej domy, swoje domy
il loro cane ich pies
i loro cani ich psy.
Jeli przymiotnik dzierawczy stoi przy rzeczowniku oznacza
jcym p o k r e w i e s t w o i uytym w liczbie pojedynczej,
opuszcza si rodzajnik:
mio padre
tua madre
suo figlio (mona take powiedzie: il suo figlio)
nostro fratello
vostra sorella
a le il loro padre
la loro madre

K o n i e c z n e jest jednak uycie rodzajnika, jeli rzeczow


nik oznaczajcy pokrewiestwo uyty jest:

1. W liczbie m n o g i e j :
i miei genitori i nostri fratelli
le tue sorelle le sue figlie

2. W formie zdrobniaej, zgrubiaej, spie


szczonej:
la mia mamma il nostro fratellino
il tuo babbo la sua sorellina

3. Poprzedzony innym p r z y m i o t n i k i e m :
il mio caro padre il suo simpatico fratello
la tua buona madre la nostra bella sorella

U w a g a : il marito (m), la moglie (ona), come nomi di pa


rentela n o n u s a n o articolo con il possessivo:
mio marito
tua moglie
2. Pronomi possessivi

I pronomi possessivi hanno le forme degli aggettivi possessivi


e sostituiscono il nome:
il mio i miei
la mia le mie ecc.
i miei = la mia famiglia

II loro padre avvocato, il nostro non lavora perch malato.


La tua penna rossa, la mia verde.
I suoi vestiti sono sempre belli, perch i vostri sono cos
sporchi?
Quello che mio tuo.

VERBO IRREGOLARE USCIRE


(Czasownik nieregularny uscire)

Presente delFindicativo
io esco noi usciamo
tu esci voi uscite
egli essi
ella esce esse escono
Lei Loro
Futuro semplice regolare: io uscir.

LETTURA

PASSE GG IA TA IN CITT

Le strade della citt sono molto movimentate ed affollate, so


prattutto la mattina, quando la gente va al lavoro e a sera,
quando tutti finiscono le loro occupazioni e tornano a casa, o vanno
a spasso.
Gli automobili, gli autobus, i filobus corrono con grande velo
cita e le motociclette e gli scooter riempiono l'aria di terribile
rumore.
Ci sono molti negozi, con le vetrine ben illuminate. Renzo con
sua madre e Claudia escono per fare una piccola passeggiata. Sua
sorella si ferma davanti ad ogni negozio di mode e di biancheria.
La sua mamma vuole comprare un bel vestito per Claudia ed una
tovaglia azzurra per il t.
L strada dove passeggia la signora Lombardi con i suoi figli
una delle arterie principali della capitale. I marciapiedi sono
larghi. Dai due lati si stendono i palazzi grandi e antichi. In certi
palazzi ci sono gli alberghi ed i caff con le terrazze, dove ogni
persona dopo il lavoro pu riposare ed incontrarsi con i suoi amici.
Altri palazzi sono oggi dei musei, pieni di meravigliose opere
d'arte, ammirate da tanti turisti italiani e stranieri.
Renzo, la sua buona madre e la sua cara sorella entrano in un
caff. Tutti i tavoli sono occupati, ma per fortuna in un angolo
Renzo vede il suo amico, Nino.
Nino invita la signora Lombardi al suo tavolo. Tutti sono con
tenti e prendono dei gelati. Dato che sono seduti vicino alla fi
nestra, possono anche osservare la strada e la gente che cammina
su e gi.

ESERCIZI

1. Domande:
Come sono le strade di una grande citt?
Come sono le strade di Varsavia?
Dove vanno la m attina gli abitanti di Varsavia?
Perch di sera, le strade sono pi m ovim entate che di giorno?
Che cosa vuole comprare la signora Lombardi?
Davanti a quali negozi si ferma Claudia?
Che cosa c oggi nei vecchi palazzi?
Quale il pi im portante museo di Varsavia?
Dove entra la signora Lombardi con i suoi figli?
Chi incontra Renzo nel caff?

2. Volgere al plurale:
il tuo orologio, la nostra scuola, il mio gatto, il loro professore, la
sua amica, il vostro libro, mio zio, tua cugina, la nostra vecchia
nonna, il loro figliolo
3. Sostituire ai puntini il verbo uscire nella persona convenien
te del presente e del futuro (zastpi kropki odpowiedni form
osobow czasownika uscire w czasie teraniejszym i przyszym):
Domani io . . . alle sette.
Noi . . . sempre alla stessa ora.
Tu . . . in fretta per andare alla stazione.
Luned voi . . . tardi.
Egli . . . con il suo cane.
Essi . . . in compagnia del loro padre.
Ella . . . con una grande valigia in mano.
Esse . . . durante la pioggia.

4. Tradurre in italiano:
Nasz dom jest duy i biay. Wasz pies pilnuje ogrodu. Nasi dziad
kowie s bardzo starzy. Moja przyjacika jest chora. Twoja siostrzycz
ka chodzi do szkoy. Jego brat jest malarzem. Ich ojciec pracuje w m u
zeum . Ich matka idzie na spacer. Klaudia zatrzymuje si przed skle
p a m i. Wszyscy s zadowoleni i jedz lody.

P R O V E R B IO

Ogni filo derba ha la sua goccia di rugiada che lo nutre.


15. Lezione quindicesima,,
Participio passato regolare
Pronomi personali (1)
Preposizioni a e da
Verbo irregolare dovere

GRAMMATICA

PARTICIPIO PASSATO REGOLARE


(Imiesw bierny czasu przeszego)

I II III
-ato -uto -ito
parlare: parlato temere: temuto partire: partito
cantare: cantato credere: creduto sentire: sentito
studiare: studiato vendere: venduto finire: finito
avere: avuto essere: stato
1. Il participio passato s forma di ogni verbo regolare ed ir
regolare (imiesw bierny czasu przeszego tworzy si od kadego
czasownika regularnego i nieregularnego).

2. Il participio passato che accompagna un nome si a c c o r d a


con questo nome in genere ed in numero come un aggettivo (imie
sw bierny czasu przeszego uzgadnia si tak jak przymiotnik
w rodzaju i liczbie z rzeczownikiem, przy ktrym stoi):
la casa venduta la voce sentita
il lavoro finito i libri comprati
le lezioni incominciate le m ele mangiate
la lingua parlata gli amici incontrati
le canzoni cantate le valige portate
i verbi studiati i piatti lavati
Ricchezza acquistata malamente neve spruzzata con l'acqua
calda.
Pronomi personali possono essere usati come (zaimki osobowe
mog by uyte jako): soggetto (podmiot), complemento oggetto
(dopenienie blisze), complemento di termine (dopenienie dalsze
celu), altri complementi (inne dopenienia dalsze).

Pronomi personali usati come s o g g e t t o sono:


io noi
tu voi
egli, esso, lui essi, loro
ella, essa, lei esse, loro

10 studio litaliano.
Tu leggi il giornale.
Egli dorme bene.
11 libro e piccolo; esso piccolo.
Ella scrive molte lettere.
Essa mangia troppo.
La seggiola comoda; essa comoda.
Noi abbiamo poco denaro.
Voi siete stanchi.
Essi abitane in campagna.
Esse partono per Milano.

Dare del tu dare del Lei dare del voi

Lei, Loro sono forme d i c o r t e s i a (formy grzecznocio


we: Lei pan, pani; Loro pastwo, panie, panowie):

Lei straniera? Loro visiteranno Roma?

Voi in singolare un u s o s n o b i s t i c o . Ha unaria d i


p r o v i n c i a . Si usa secondo la moda.

Noi si usa anche nei discorsi u f f i c i a l i dei sovrani e del


Papa:
Noi firmiamo lordine del giorno.
Noi indirizziamo queste parole agli uomini di buona volont.

8 Stu d iam o la lin gu a


113
Anche le forme: lui, lei, loro possono essere usate come s o g
g e t t o . Parleremo di esse nella seconda parte del nostro libro.

PREPOSIZIONI A E DA (Przyimki a i da)

1. Przyimkw a i da uywa si w nastpujcych wypadkach:

a. a per indicare i l l u o g o (dla oznaczenia miejsca, od


powiada polskiemu do):
Io vado a casa. andare a Milano
Io vado al cinema. Io vado a scuola

b. da per indicare l a persona (dla oznaczenia osoby,


odpowiada polskiemu ,,do):
Io vado dal medico.
Io vado dalla mia amica.
Andiamo da Maria.

c. da con il significato polacco od, z (w znaczeniu od, z


na okrelenie zarwno miejsca, jak i osoby):
venire da Venezia
Io vengo da casa.
10 abito lontano dal centro della citt.
Maria viene da Anna.

d. da con il significato polacco u (w znaczeniu: u):


Da Claudia si mangia bene.
Da noi fa sempre caldo.
Aldo abita dalla sua nonna.

e. da con il participio passato nella forma p a s s i v a (przy


stronie biernej z imiesowem czasu przeszego, w znaczeniu
przez):
la medicina prescritta dal dottore
11 libro comprato da Renzo.
2. Preposizioni articolate composte con la preposizione da:

Singolare
Maschile:
da+ i l = da l Vado dal dentista.
d a + lo = d a llo Andiamo dallo studente.
da+ V = dalV Torno daZZamico di Maria.

Femminile:
da+la=daZZa La casa comprata dalla mamma.
d a + V = dalV Ti aspetto dalVova del pranzo.
Plurale

Maschile:
d a + i dai Le lettere dai paesi lontani.
d a + g li = dagli Il telegramma dagli amici.

Femminile:
d a + le = dalle Vivo lontano dalle grandi citt.

VERBO IRREGOLARE DOVERE


(Czasownik nieregularny dovere)

Presente dellindicativo
io devo (debbo) noi dobbiamo
tu devi voi dovete
egli essi
ella deve esse devono (debbono)
Lei Loro

Futuro semplice
io dovr noi dovremo
tu dovrai voi dovrete
egli essi
ella dovr esse dovranno
Lei Loro
LETTURA

LA VISITA DAL MEDICO

Da qualche tempo Renzo si sente molto male. Egli ha mal di


testa, mal di gola e un po di febbre. Finalmente egli si dicide
ad andare dal medico. Il medico abita in un nuovo quartiere,
lontano dal centro e per questo Renzo deve prendere un autobus
che si ferma proprio davanti a casa.
In una mezzora il nostro malato entra nello studio del medico,
dottor Peruzzi. Il dottor Peruzzi un uomo di media et, con
i capelli brizzolati e con un aspetto benevolo. Egli molto affe
zionato ai suoi malati e fa sempre tutto il possibile per aiutare la
povera gente.
Quando la visita medica finita, Renzo esce dallo studio del
dottor Peruzzi con due ricette, va subito alla farmacja e compra
le medicine prescritte dal dottore. Poi si affretta alla fermata
dellautobus e ritorna presto a casa.
Domani rester a letto tutto il giorno, perch ha la febbre
e la tosse. Prender unaspirina con il t molto caldo e prima di
dormire dovr bere una tazza di latte con il miele. Renzo un
popreoccupato perch ha molto da fare con i suoi esami.
A casa la cena preparata, ma Renzo non ha appetito e non
mangia niente. Si reca subito in camera sua, Michele sta zitto
e chiama Claudia che molto esperta con i malati. Naturalmente
Renzo, come tutti i ragazzi, un malato difficile: impaziente, irri-,
tato e capriccioso. Solo Claudia sa parlare con lui.

ESERCIZI

1. Fare le domande convenienti alla lettura La visita dal me


dico (uoy pytania do wyej podanej czytanki).

2. Sostituire allinfinito il participio passato conveniente (za


stpi bezokolicznik imiesowem biernym czasu przeszego):
Il libro (cominciare) e (finire).
La mela (mangiare) buona.
Gli esercizi (preparare) per domani.
La canzone (cantare) al fstival. *
Le lettere (spedire) agli amici.
I guanti (dimenticare) nellautobus.
II telegramma (mandare) al fidanzato.
I pacchi (inviare) per posta.
Le riviste (comprare) nel chiosco.
II treno (arrivare) in ritardo.

3. Sostituire ai puntini la preposizione da (zastpi kropki


przyimkiem da):
Esco . . . U niversit e vado . . . mio amico.
Vengo . . . Cracovia.
. . . stazione alla mia casa ci sono tre chilometri.
Andr . . . dentista perch ho mal di denti.
Queste poesie sono scritte . . . grande poeta italiano.
la lttera spedita . . . mia sorella.
. . . cinque sar a casa.

4. Sostituire ai puntini la forma conveniente del verbo dovere


nel presente e nel futuro (zastpi kropki odpowiedni form cza
sownika dovere w czasie teraniejszym i przyszym):
Io . . . lavorare molto.
Noi . . . partire per Roma.
Tu non . . . lggere tanto.
Voi . . . studiare molto.
Egli . . . prepararsi allesame.
Essi non . . . fare questi errori.
Ella . . . comprare dell zucchero.
Esse . . . venire puntualmente.
Lei . . . visitare il Colosseo.
Loro, signori, non . . . uscire cos tardi.

5. Tradurre in italiano:
Na awce w parku le zapomniane rkawiczki. Piosenki piewane
przez Adamo s pikne i m elodyjne. Pjd do lekarza z naszym syn
k iem . Wracam z ksigarni z kupionymi ksikami. Lekcja skoczona,
uczniowie wychodz ze szkoy. Sprzedany dom jest bardzo stary. Zgu
bione przedmioty znajduj si w redakcji.

p r o v e r b io

A cavai donato non si guarda in bocca.


16. Lezine sedicesima
Participio passato irregolare
Pronomi personali (2)
Irregolarit delle coniugazioni re
golari

GRAMMATICA

PARTICIPIO PASSATO IRREGOLARE


(Imiesw nieregularny czasu przeszego)

Molti verbi hanno il participio passato i r r e g o l a r e :


dire detto aprire aperto
fare fatto coprire coperto
leggere letto chiudere chiuso
scrivere scritto rispondere risposto
mettere messo vincere vinto
vedere veduto, visto correggere corretto ecc.
la lettera scritta gli esami fatti
il libro letto le porte chiuse

PRONOMI PERSONALI (2) (Zaimki osobowe).

Pronomi personali in funzione di complemento oggetto hanno


d u e forme (zaimki osobowe w funkcji dopenienia bliszego maj
dwie formy):
1. Forma t o n i c a (accentuata) form akcentowan, gdy
akcent logiczny w zdaniu pada na zaimek osobowy:
me not
te voi
lui loro
lei loro
s s
2. Forma t o n a form nieakcentowan:
raz ci
ti vi
lo li
la le
si si

Forme tone p r e c e d o n o il verbo. La forma tona pi


usata nella lingua parlata:

Chi loda il professore?


Il professore loda me e non te.
Il professore loda me. Il professore mi loda.
Mario saluta te. Mario ti saluta.
Io cerco lui. Io lo cerco.
Aldo incontra lei. Aldo la incontra.
La mamma bacia noi e non voi.
La.mamma bacia n o i. La mamma ci bacia.
Mar;a aspetta voi. Maria vi aspetta.
I bambini amano loro. I bambini li amano.
Tutti ammirano loro. Tutti le ammirano.
Ella guarda se nello specchio. Ella si guarda.

s i forma riflessiva:
Egli si veste.

se stesso, plurale: se stessi (non si usa accento quando s seguito


da stesso):

Egli non vede che s.


Ognuno vede se stesso.

La forma di cortesia (singolare). Li, Le forme di cortesia (plurale):


Signore, La prego di chiudere la porta.
Signora, La prego di aprire la finestra.
Signori, Li prego di non fumare.
Signore, Le prego di venire da noi.
IRREGOLARIT DELLE CONIUGAZIONI REGOLARI
(Nieregularno czasownikw regularnych)

I. coniugazione

1. I verbi in -care, -gare prendono acca (h) davanti alle vocali


e, i (czasowniki zakoczone w bezokoliczniku na -care, -gare przy
bieraj h przed samogoskami e, i)

Presente dellindicativo
cercare pregare
io cerco io prego
tu cerchi tu preghi
egli egli
ella cerca ella prega
Lei Lei
noi cerchiamo noi preghiamo
voi cercate voi pregate
essi essi
esse cercano esse pregano
Loro Loro

Futuro semplice
io cercher io pregher
tu cercherai tu pregherai
egli egli
ella cercher ella pregher
Lei Lei
noi cercheremo noi pregheremo
voi cercherete voi pregherete
essi essi
esse cercheranno esse pregheranno
Loro Loro

2. I verbi in -d a r e , -giare non doppiano i nella 2-da persona


del singolare del presente dellindicativo e la perdono completa
mente in tutte le persone del futuro (czasowniki zakoczone
w bezokoliczniku na -d a r e , -giare nie podwajaj i w 2. osobie
liczby pojedynczej czasu teraniejszego i trac je we wszystkich
osobach czasu przyszego):

Presente deirindicativo

pronunciare viaggiare
io pronuncio io viaggio
tu pronunci tu viaggi
egli egli
ella pronuncia ella viaggia
Lei Lei
noi pronunciamo noi viaggiamo
voi pronunciate voi viaggiate
essi essi
esse pronunciano esse viaggiano
Loro Loro

Futuro semplice

io pronuncer io viagger
tu pronuncerai tu viaggerai
egli egli
ella pronuncer ella viagger
Lei Lei
noi pronunceremo noi viaggeremo
voi pronuncerete voi viaggerete
essi essi
esse pronunceranno esse viaggeranno
Loro Loro

3. I verbi in -iare: quando i a c c e n t u a t a si doppia nella


seconda persona del singolare del presente (w czasownikach za
koczonych w bezokoliczniku na -iare podwaja si w 2. osobie
liczby pojedynczej czasu teraniejszego gosk i, jeeli jest akcen
towana; gdy nie jest akcentowana, nie podwaja si jej):
Presente dell'indicativo

inviare
io invio noi inviam o
tu in vi voi inviate
egli essi
ella invia esse inviano
Lei Loro
quando i t o n a non si doppia:

studiare
io studio noi studiamo
tu studi voi studiate
egli essi
ella studia esse studiano
Lei Loro

4. I verbi in -gn conservano i nella prima persona del plu


r a le presente (czasowniki, ktrych temat zakoczony jest na
-gn, zachowuj i w pierwszej osobie liczby mnogiej czasu tera
niejszego):

bagnarsi
io mi bagno noi ci bagniamo
tu ti bagni voi vi bagnate
egli essi
ella si bagna esse si bagnano
Lei Loro

II coniugazione

I verbi in -cere, -gere non prendono acca (h) davanti alle


vocali c, i, e per questo cambiano la pronuncia (czasowniki za
koczone na -cere, -gere nie przybieraj h przed samogoskami
e, i i dlatego maj rn wymow):
Presente dell'indicativo
leggere
io vinco io leggo
tu vinci tu leggi
egli egli
ella vince ella legge
Lei Lei
noi vinciamo noi leggiamo
voi vincete voi leggete
essi essi
esse vincono esse leggono
Loro Loro

Futuro
io vincer ... io legger...

Esercizio:
Coniugare per iscritto i seguenti verbi della I e della II coniu
gazione nel presente e nel futuro (odmieni pisemnie nastpujce
czasowniki I i II koniugacji w czasie teraniejszym i przyszym):
dimenticare spiare vergognarsi torcere
toccare cambiare correggere incominciare
pagare sognare dipingere mangiare
castigare

LETTURA

A L L UFFICIO POSTALE

Il signor Lombardi deve spedire un telegramma al suo amico


e prega Renzo di recarsi alla posta.
Renzo va all'ufficio postale succursale, vicino a casa sua. Allo
sportello molta gente fa la coda. Renzo riempie il modulo per
mandare il telegramma. Scrive: ,,Ti aspetter alla stazione marted
sera; tutto in ordine, vaglia spedito. Lombardi.
Renzo m ette l indirizzo esatto: Signor Francesco Anfossi, Fi
renze, via Bonifacio Lupi 3.
Quando viene il suo turno consegna il modulo riempito allim
piegato e ritira la ricevuta.
La posta affollata, perch oggi il primo del mese. Un gio
vanotto fa un versamento in conto corrente postale, una signorina
spedisce la lettera raccomandata per l estero, un piccolo signore,
grosso e calvo, si arrabbia perch deve aspettare. Il fattorino di
una ditta presenta le bollette per la spedizione di alcuni pacchi.
Una straniera si rivolge a Renzo e chiede informazioni sullufficio
fermo posta ed egli spiega che deve recarsi alla posta centrale.
Con tutto questo rumore Renzo non dimentica di spedire una
cartolina scritta a suo cugino. Entra poi dal tabaccaio, compra
i francobolli e imposta la cartolina nella buca delle lettere dirim
petto a casa sua.
Renzo si affretta perch a casa laspettano gi i suoi amici con
i quali deve studiare e preparare lesame di diritto internazionale.
Quando lesame sar fatto, potr riposarsi e andare in montagna
per lo sport invernale.

ESERCIZI

1. Descrivere un ufficio postale vicino a casa propria. Rispon


dere per iscritto che cosa si fa alla posta (opisa najbliszy urzd
pocztowy; doda, co si zaatwia na poczcie).

2. Completare le frasi seguenti con i pronomi personali in


funzione di complemento oggetto usando la forma tona (uzupe
ni zdania zaimkami osobowymi uytymi w funkcji dopenienia
bliszego w formie nieakcentowanej):
... aspetter tutto il giorno.
Riccardo va a Cracovia, non ... vedr pi.
Noi abbiamo un cane e ... dobbiamo vendere.
Maria ... incontra in via Garibaldi, io ... saluto.
La mamma lavora per i suoi bambini perch ... ama molto.
Se tu non sarai buono, il b abb o... castigher.
Fra poco entrer il professore e ... loder per la nostra diligenza.
Se studierete bene la lingua italiana, i o ... vedr l anno prossimo a Roma.
3. Completare le frasi seguenti con i pronomi personali, forma
tonica (uzupeni zaimkami osobowymi w formie akcentowanej):
Maria dice a Lucia: ammiro sei cos brava studentessa.*
La mamma lava i bambini, la v a ... con l acqua calda.
Questo rumore d isturba... e n o n ... perch io lavoro e tu non fai niente.
Il professore p u n isce... perch essi sono fannulloni.
Il fidanzato b a cia ...

4. Sostituire alFinfinito la forma conveniente del presente e del


futuro (zastpi bezokolicznik odpowiedni form czasu teraniej
szego i przyszego):
Che cosa (cercare)? Lucia?
Noi (pagare) molto per questi libri.
Egli (dimenticare) tutto.
Voi (mangiare) troppa carne.
Io (dipingere) la natura morta.
Chi (vincere) in quella battaglia?

5. Tradurre in italiano:
Jutro otrzymasz list napisany w rod. Przeczytane ksiki s bar
dzo brudne. Podr do Woch jest bardzo pouczajca. W szystkie okna
s otwarte, poniewa jest bardzo ciepo. Gdy drzwi s zamknite, nikt nie
mSTe wej. Widz go co rano i zobacz go jutro po poudniu. On nas
zawsze w ita bardzo serdecznie. Zaczynam lekcje o 9, a kocz je o 12.
Prosimy w ysa ten list polecony. Renzo bierze ksik i kadzie j na
stole.

PR O V E R B IO

Un libro un amico che non ci tradir mai.


17. Lezione diciassettesima
Passato prossimo
Pronomi personali (3)

GRAMMATICA

PASSATO PRQSSIMO (Czas przeszy bliski)

Passato prossimo un tempo c o m p o s t o (passato prossimo


jest czasem zoonym). Skada si z czasu teraniejszego czasow
nika posikowego' avere lub essere i z imiesowu biernego czasu
przeszego ( p a r t i c i p i o p a s s a t o ) czasownika odmienianego,
jak wskazuje niej podany wzr:
avere
Passato prossimo = p r e se n te ------------- r
ssere
participio passato del verbo coniugato

1. I verbi t r a n s i t i v i si coniugano con il verbo ausiliare


avere (czasowniki przechodnie odmieniaj si z czasownikiem po
sikowym avere).
2. Alcuni verbi i n t r a n s i t i v i come: dormire, vivere, la
vorare, viaggiare, ballare, piangere, soffrire, camminare, m entire,
ecc. si coniugano con il verbo ausiliare avere (niektre czasowniki
nieprzechodnie jak np. wyej wymienione, odmieniaj si z avere).
3. La maggior parte dei verbi i n t r a n s i t i v i si coniuga con
il verbo ausiliare essere (wikszo czasownikw nieprzechodnich
odmienia si z czasownikiem essere).
4. Tutti i verbi r i f l e s s i v i si coniugano con il verbo essere
(wszystkie czasowniki zwrotne odmieniaj si z czasownikiem po
sikowym essere).
Il participio passato coniugato con il verbo avere n o n si
a c c o r d a con il soggetto.
Il participio passato coniugato con il verbo essere s i a c c o r
ci a con il soggetto in genere ed in numero.
Il verbo avere si coniuga con avere.
Il verbo essere si coniuga con essere.

P arlare Partire
io ho parlato io sono partito, partita
tu hai parlato tu sei partito, partita
egli ha parlato egli partito
ella ha parlato ella partita
Lei ha parlato Lei partito, partita
noi abbiamo parlato noi siamo p a rtiti, partite
voi avete parlato voi siete p a rtiti, partite
essi hanno parlato essi sono partiti
esse hanno parlato esse sono partite
Loro hanno parlato Loro sono partiti, partite

Verbo riflessivo: l a v a r s i
io mi sono lavato, lavata noi ci siamo lavati, lavate
tu ti sei lavato, lavata voi vi siete lavati, lavate
egli si lavato essi si sono lavati
ella si lavata esse si sono lavate
Lei si lavato, lavata Loro si sono lavati, lavate

Avere Essere
io ho avuto io sono stato, stata
tu hai avuto tu sei stato, stata
egli ha avuto egli stato
ella ha avuto ella stata
Lei ha avuto Lei stato, stata
noi abbiamo avuto noi siamo stati, state
voi avete avuto voi siete stati, state
essi hanno avuto essi sono stati
esse hanno avuto esse sono state
Loro hanno avuto Loro sono stati, state
Passato prossimo czas przeszy bliski dokonany, oznacza
czynno:

1. Ktra miaa miejsce w n i e d a l e k i e j przeszoci:


Luned Mario partito per Cracovia.
Ho visto un bel film italiano.
Ho comprato del pane.

2. Czynno bliej nieokrelon w czasie:


Sono stato in Italia.
Sono andato da Maria.
Ho studiato molto.

3. Czynno, ktra miaa miejsce w okresie czasu trwajcym


d o c h w i l i o b e c n e j : w tym roku, w tym miesicu, w tym
tygodniu itp. lub ktrej s k u t k i trwaj jeszcze:
Questanno ho comprato molti libri italiani.
In questo mese ho visitato tre esposizioni.
In questa settimana ho incontrato Carlo.
Sono venuto in Polonia due anni fa.

PRONOMI PERSONALI (3) (Zaimki osobowe)

Pronomi personali in funzione di c o m p l e m e n t o d i t e r


m i n e hanno due forme: t o n i c a e t o n a (zaimki osobowe,
w funkcji dopenienia dalszego celu maj dwie formy: akcento
wan i nieakcentowan). Forma akcentowana jak o tym bya
mowa na str. 118- 19 stoi po czasowniku, forma nieakcentowana
poprzedza czasownik.

Forma t o n i c a (accentuata) s e g u e il verbo:


a me a noi
a te a voi
a lui a loro
a lei a loro
a s a s
mi ci
ti vi
gli loro
sempre segue il verbo
le loro
si si

Esempi
Mario porta un bel libro a me, non a te.
Mario mi porta il libro.
Ti do un quaderno a righe.
Egli telfona a lei stasera.
Egli le telfona stasera.
Mario si ferisce il dito con il coltello.
Ognuno pensa a se stesso.
Ella scrive a noi una lunga lttera.
Ella ci scrive una bella cartolina.
Io dico a loro un anddoto.
Io dir loro tutta la verit.
Parleremo a voi ad alta voce.
Vi parleremo di cose interessanti.
Io offro a lui un gelato.
Io gli offro un espresso.

Le forma di cortesia s i n g o l a r e , Loro forma di cortesia


plurale:
Le dir, Signore, tutta la verit.
Le dar, Signora, le notizie recenti.
Signori, ho preparato Loro un buon pranzo.
Signorine, far Loro un piccolo piacere.

LETTURA

VIAGGIO A MILANO

Claudia stata invitata a Milano da sua zia. Ogni anno a Mila


no ha luogo una fiera internazionale nel mese di aprile. Claudia
ha preparato la sua valigia, ha comprato un vestito nuovo ed

9 Studiam o la lin gu a 129


M ila n o . D u o m o
andata alla Cit per prenotare un posto nel vagone letto per
sabato sera. Renzo ha accompagnato la sorella alla stazione Ter
mini, stazione centrale di Roma.
La stazione sempre affollata, perch c gran movimento di
viaggiatori in partenza ed in arrivo. I turisti da tutto il mondo
vengono a visitare Roma e poi altre citt dItalia.
Davanti agli sportelli la gente fa la coda per comprare i bi
glietti. Nella sala daspetto i viaggiatori carichi dei loro bagagli
aspettano i treni. I facchini girano con vetturine piene di valige,
bauli e pacchi.
Claudia e Renzo si sono recati direttamente al binario perch
il treno in partenza. Le principali linee ferroviarie in Italia sono
elettrificate. In questo treno direttissimo Roma Milano, oltre
la locomotiva elettrica e il vagone letto, c la vettura ristorante,
un bagaliaio e molte carozze di prima e di seconda classe.
Claudia salita sul treno e Renzo ha messo la sua valigia nella
reticella. Nello scompartimento ci sono due letti. Non lo scom
partimento per fumatori. Renzo ha salutato cordialmente sua so
rella ed sceso dal treno che partito dopo un minuto, quando il
capostazione ha dato il segnale.

ESERCIZI

1. Scrivere le domande alla lettura Viaggio a Milano (uo


y pytania do czytanki Viaggio a Milano).
2. Rispondere alle domande:
Dove compra Lei il biglietto quando deve fare un viaggio?
Chi Le porta la valigia, quando essa pesante?
Che cosa si vede alla stazione?

3. Mettere il verbo nel tempo conveniente (zastpi bezokolicz


nik form osobow odpowiedniego czasu):
Oggi: Tu (alzarsi) alle sette.
Noi (incominciare) il nuovo lavoro.
Essi (correggere) i compiti degli allievi.
Claudia (comprare) il nuovo vestito per il viaggio.
Io (accompagnare) la mia mamma alla stazione.
domani: ................
Ieri : ..................
4. Sostituire ai puntini il pronome conveniente: (zastpi krop
ki odpowiednim zaimkiem osobowym):
Renzo porta la sua valigia; e g li... porta.
I viaggiatori aspttano il treno; e s s i... aspttano
Claudia compra il biglietto alla sua amica; e lla ... compra il biglietto.
Renzo e M ichele accompagnano la loro sorella; e s s i... accompgnano.
II facchino porta il bagaglio a noi: e g l i... porta il bagaglio.
Ella manda un pacco ai suoi amici; ella m and a...u n paccho.
Mio cugino ha spedito a voi un telegramma; e g li... ha spedito un te
legramma.

5. Tradurre in italiano:
Moja podr do Krakowa
W niedziel o 8-ej pojechaem do Krakowa. Kupiem bilet w kasie
i poniewa walizka moja bya bardzo cika, zawoaem tragarza. Gdy
tragarz um ieci mj baga na siatce, w przedziale dla palcych, poszedem
kupi gazety i papierosy. Pocig m ia lokom otyw parow, poniewa w P ol
sce nie w szystkie linie kolejow e s zelektryfikowane; podrowaem pierw
sz klas, zjadem kolacj w wagonie restauracyjnym. Pnym wieczorem
przyjechaem do Krakowa.

PR O V ER BI

La speranza assomiglia a un cattivo pagatore: raramente paga


le cambiali che ha firmato.

A scuola

P r o b l e m a : Se tuo padre ha cinque dozzine di uova e la


met gli vanno a male, quante uova perde?
S o l u z i o n e d i P i e r i n o : Mio padre non perde alcun
uovo, perch quelle peggiori le vende sempre al pasticciere.

Il nipotino ghiotto

Pierino, perch il tuo fratellino piange?


Gli ho fatto vedere come si fa a mangiare la sua fetta di
torta, nonna.
18. Lezione diciottesima
Concordanza del participio passato

GRAMMATICA

CONCORDANZA DEL PARTICIPIO PASSATO


(Zgodno im iesow u czasu przeszego)

1. Il participio passato, usato s o 1 o, si comporta come a g g e t -


t i v o : si accorda in genere ed in numero al nome che accompagna
(participio passato uyte jako przymiotnik zgadza si w rodzaju
i liczbie z rzeczownikiem, przy ktrym stoi):
le lettere scritte la lezione finita
i film veduti lo studente ben educato

2. Il participio passato coniugato con il verbo essere si accorda


a l s o g g e t t o in genere ed in numero (participio passato od
mieniane z czasownikiem essere zgadza si w rodzaju i liczbie
z podmiotem):
Maria partita per Cracovia.
Essi sono andati al cinema.
Il professore entrato nella classe.
Le studentesse sono uscite alle nove.

3. Il participio passato coniugato con il verbo avere n o n si


accorda con il soggetto (participio passato odmieniane z czasowni
kiem avere nie uzgadnia si z podmiotem w rodzaju i liczbie):
I nostri soldati hanno vinto la battaglia.
La m amma ha comprato le bellissim e mele.
Le ragazze hanno am mirato il nuovo film italiano.
4. Il participio passato coniugato con il verbo avere pu m a
n o n d e v e accordarsi con il complemento oggetto, se il com
plemento lo precede (participio passato vodmieniane z czasowni
kiem avere moe, lecz nie musi zgadza si w rodzaju i liczbie
z dopenieniem bliszym, jeli dopenienie to poprzedza partici-
pio):

I libri che ho letto. = I libri che ho letti.


Le lettere che ho scritto. = Le lettere che ho scritte.
La casa che ho venduto. = La casa che ho venduta.

5. Il participio passato coniugato con il verbo avere d e v e


accordarsi con il complemento oggetto, se il complemento
espresso dai seguenti pronomi: Zo, la, li, le, mi, ti, si, ci, vi
e p r e c e d e il verbo (participio passato odmieniane z czasowni
kiem avere musi zgadza si w rodzaju i liczbie z dopenieniem
bliszym, jeli dopenienie to stoi przed imiesowem i wyraone
jest zaimkami: lo, la, li, le, mi, ti, si, ci, vi):
10, la si apstrofano davanti l acca (h):
Vho lha
lhai lhanno
11, le non si apostrofano:
li ho le ho
li hai le hai
li ha le ha
li hanno le hanno

E s e mp i :
Hai mangiato la mela? Si, Zho mangiata.
A vete visto Mario? Si, labbiamo visto.
Signor professore, ha trovato i suoi libri? No, non li ho trovati.
Ha cantato queste belle canzoni italiane? Si, le ha cantate.
Vi ha visti in filobus, stamattina.
Ci ha incontrate ieri.
Non mi hanno salutata nel giardino.
Carla, ti ho invitata alla merenda.
N o t a : Il participio passato si accorda quando il pronome com ple
mento oggetto, e non si accorda quando il pronome complemento di
trmine.
LETTURA

DIALOGO

Quando il treno si allontanato dalla stazione centrale di Ro


ma, Claudia ha cominciato a prepararsi per la notte. Ella ha tirato
fuori la sua borsa da viaggio, dove lei ha messo a casa tutti gli
oggetti necessari per la toeletta: asciugamano, sapone, spazzolino
da denti, dentifricio, acqua di colonia, crema, pettine e, natural
mente, un piccolo specchio.
Claudia divide lo scompartimento con unaltra donna, una stra
niera che nel frattempo stata nel vagone ristorante dove ha
cenato.

L a s t r a n i e r a . Buona sera, signorina.


C l a u d i a . Buona sera, signora.
L a s t r a n i e r a . Non andata a cenare?
C l a u d i a . No, sono partita dopo la cena.
L a s t r a n i e r a . Si mangia cos bene in Italia, mi piace tanto
la vostra cucina!
C l a u d i a . Non Italiana, signora, parla cos bene!
L a s t r a n i e r a . Mi fa tanto piacere di sentire la sua opinione.
Devo parlare bene italiano, perch da tre anni studio la vostra
bella lingua a Varsavia. Sono Polacca.
C l a u d i a . Polacca, viene da cos lontano! Fa molto freddo
in Polonia?
L a s t r a n i e r a . Non tanto, ma abbiamo molta neve e tal
volta tira vento.
C l a u d i a . da molto tempo in Italia? Che cosa ha visto di
bello?
L a s t r a n i e r a . Sono appena da tre settimane, ho ricevuto
una borsa di studio per perfezionare il mio italiano. Adesso mi
reco a Perugia dove seguir un corso alFUniversit per gli
stranieri.
C l a u d i a . Fa molto bene. Perugia una bellissima citt me
dioevale con tanti monumenti.
L a s t r a n i e r a . Da Perugia andr ad Assisi, a Firenze e a
Urbino, e poi ancora a Roma.
C l a u d i a . Ha visto a Roma la Cappella Sistina?
L a s t r a n i e r a . Si, naturalmente l ho vista; un opera
grandiosa, indimenticabile. Ammiro Michelangelo!
C l a u d i a . Ha visto anche altre sue opere?
L a s t r a n i e r a . Si, le ho viste tutte: la Piet nella Basilica
di San Pietro, Mos, e il meraviglioso David nella Galleria della
Accademia di Belle Arti di Firenze.
C l a u d i a . Sta bene in Italia? Come ha trovato la gente?
L a s t r a n i e r a . Simpaticissima; tutti sono cos cordiali, af
fettuosi, affabili, cortesi.
C l a u d i a . Quanto tempo ha intenzione di trattenersi in Italia?
L a s t r a n i e r a . Ancora circa un mese.
C l a u d i a . Quanto tempo ci vuole per andare a Varsavia?
L a s t r a n i e r a . Con laereo si va tre ore, con il treno tren
totto. Mi fa piacere chiacchierare con Lei, per abbiamo fatto
tardi. Bisogna riposarci. Buona notte, signorina.
C l a u d i a . Buona notte, a domani, signora.

ESERCIZI

1. Costruire un piccolo dialogo fra due persone che viaggiano


nello stesso scompartimento (napisa krtki dialog midzy dwiema
osobami, ktre podruj w jednym przedziale).

2. Rispondere alle domande seguenti usando i pronomi Io,


la, li, le:
Hai comprato dei libri italiani?
A vete visto gli ultim i film con la Loren?
Ha sentito, signorina, questa notizia sensazionale?
Hanno conosciuto Luisa?
Hai scritto la lettera?
A vete incontrato Carlo alla fiera di Milano?
Ha mangiato la pizza napoletana?
Hai visto il nuovo vestito di Claudia?
A vete letto la lttera di Maria
A vete salutato le ragazze?

3. Sostituire allinfinito il verbo al passato prossimo (zastpi


bezokolicznik odpowiedni form osobow czasu przeszego):
Tu (recarsi) dal mdico.
Noi (studiare) con grande diligenza.
Ecco le scarpe che (comprare) Claudia.
Claudia (partire) per Milano.
Molte persone (visitare) la fiera di Milano.
Le allieve (ricvere) il premio per la lingua italiana.
Hai trovato un posto libero nello scompartimento? No, non (trovare).
Noi (cercare) inutilm ente il vocabolario italiano.
La matita che io (prdere) si trova nella tua tasca.
Il biglietto per l Aida che io (potere) comprare costa m ille lire.

proverbio

Chi conosce se stesso, conosce gli altri; perch cuore si con


fronta con cuore.
19. Lezione diciannovesima
Pronomi personali (4)

GRAMMATICA

PRONOMI PERSONALI (4) (Zaimki osobowe)

Pronomi personali in funzione di altri complementi si usano sol


tanto nella forma t o n i c a con le seguenti preposizioni (zaimkw
osobowych w funkcji innych dopenie dalszych uywa si w y
cznie w formie akcentowanej z nastpujcymi przyimkami):
me noi
te voi
di, da, in, su, con, per, tra, fra lui loro
lei loro
s s

Esempi:
Io parlo di te. Ella parla sempre di lui.
Egli va con me a teatro. Lavorer con loro.
Domani verr da lui. Ho ricevuto da lei un orologio.
Tutta la mia speranza in voi.
Lavora tutta la sua vita per loro. Egli soffre per te.
sempre contento di se stesso.
Da noi fa molto freddo.
Partir con lei per Roma.
Tra me e te non c' nessuna differenza.
Fra loro scoppiata una lite.
Ella conta su (di) te.
LETTURA

IL GRANDE GIORNO DELLA SIGNORA LOMBARDI

Marted il giorno per fare grande ordine in casa. la fine


della stagione invernale. La signora Lombardi si decisa a rior
dinare tutti i vestiti e la biancheria della sua famiglia.
Ella si alzata la mattina presto e con l'aiuto della figlia ha
incominciato a spolverare i vestiti pesanti: pellicce, soprabiti, cap
potti, mantelli, "poi costumi da sci, vestiti da uomo, giacche e pan
taloni, golf di lana e tutte le maglie.
Quando tutto stato spolverato e spazzolato, la signora Lom
bardi ha aperto larmadio di Claudia. Quanti vestiti! a quadretti,
a righe, a puntini, a fiori. Che colori freschi e chiari! Un vero
arcobaleno. Che ricchezza di stoffe: lana, seta, tela, cotone.
Ecco la vestaglia rosa, con larghe maniche, comprata alla fiera
di Milano. Ecco la gonna scozzese, molto ampia, regalo del padre,
la camicetta in pura seta bianca, ricamata al punto fiorentino, la
maglietta azzurra, preferita da Claudia.
In un angolo troneggia il vestito da ballo, molto scollato, senza
maniche, aderente, in raso turchino. Gi nellarmadio ci sono le
scarpe sportive, sandalini, scarpine con i tacchi alti.
I cassetti del com sono pieni di biancheria. Nel primo cassetto
si ammirano le camicie da notte, le sottovesti, le mutandine e molti
fazzoletti colorati. N ellaltro possiamo vedere le calze di nylon,
le sciarpe, le cinture, i guanti e le borsette. Gi in fondo c la
biancheria da letto e da tavola.
II signor Lombardi ha una gran scelta di cravatte. Gli piaccio
no soprattutto quelle a righe. Renzo spesso, per essere molto ele
gante, prende una cravatta del babbo.

DIALOGO

S i g n o r a L o m b a r d i . Dove hai messo le tue scarpe nuove?


Forse le hai portate dal calzolaio?
C l a u d i a . No, sono gi n ellarmadio. Non mi servono pi
adesso.
S i g n o r a L o m b a r d i chiama Claudia. Voglio con te por
tare fuori sulla terrazza i soprabiti pesanti dei ragazzi.
C l a u d i a . Volentieri, mamma, ti aiuto subito.
S i g n o r a L o m b a r d i . Per la nuova stagione che viene, da
noi tutto deve essere in ordine perfetto.
C l a u d i a . Per me ancora troppo presto portare vestiti estivi,
per quelli di mezza stagione sono adesso molto adatti.

Suona il cam panello, Michele ritorna dalla scuola.


M i c h e l e . Ho dimenticato la chiave, forse mio padre lha
presa con s. Posso essere utile a voi?
S i g n o r a L o m b a r d i . Senzaltro, Michele, il tuo aiuto sar
ben gradito.
C l a u d i a . Non perdiamo tempo in chiacchiere. Fra poco devo
andare da Maria e con lei andiamo dopo alla prima del ,,Tro
vatore.

ESERCIZI

1. Rispondere per iscritto alle domande seguenti (odpowie


dzie pisemnie na nastpujce pytania):
Come si veste Lei in inverno e in estate?
Di che cosa sono i suoi vestiti?
Porta Lei, Signore, tutti i giorni la cravatta?
Cambia spesso la moda fem minile?

2. Sostituire ai puntini i pronomi personali convenienti (za


stpi kropki odpowiednim zaimkiem osobowym):
Vengo da . . . domani.
Ci siamo divertiti molto bene da . . .
Con . . . non si sa mai.
Ella stata m olto infelice con . . .
Si parla male di . . .
Fra . . . e . . . non c mai disaccordo.
Mi scrivono le ultim e notizie di . . .
Questo paesaggio dipinto da . . .
Non ho fiducia in . . .
Ho portato un libro per . . .
Per . . . questo lavoro troppo difficile.
Puoi contare sempre su di . . .
3. Tradurre in italiano:
Pan Lombardi ma nowe ubranie szarego koloru, koszul bia jedwabn
i krawat bkitny w paski. Klaudia kupia sobie now letni sukni
w kratk. Pani Lombardi ma czarny paszcz z szerokimi rkawami.
Czy pjdziesz ze mn do kina? Nie, ale pjd z tob chtnie do kawiarni.
Kto by wczoraj na kolacji? Czy o tobie m wia Maria? W sobot b
dzie u m nie przyjcie. Dla nas nie ma miejsca w tym domu. Midzy
nami s zawsze nieporozumienia z powodu pienidzy. Z nimi czuj si
bardzo dobrze. U ciebie nie znalazem ksiki, ktrej szukam. D la
czego nie chcesz zosta m idzy nami?

PROVERBI

Chi fa da s, fa da tre.
Chi comanda e fa da s, servito come un re.
20. Lezione ventesima

Nome: forme irregolari


Nom i difettivi

GRAMMATICA

NOME: FORME IRREGOLARI


(Rzeczownik: formy nieregularne)

1. I seguenti nomi c a m b i a n o d i g e n e r e al plurale


(nastpujce rzeczowniki zmieniaj rodzaj w liczbie mnogiej):

Singolare Plurale
il dito le dita
il centinaio le centinaia
il lenzuolo le lenzuola
il migliaio le migliaia
il paio le paia
l'uovo le uova

2. I seguenti nomi hanno d u e f o r m e al plurale con diverso


significato (nastpujce rzeczowniki maj w liczbie mnogiej dwie
formy, o rnym znaczeniu):
il braccio le braccia i bracci
il ciglio le ciglia i cigli
il corno le corna i corni
il filo le fila i fili
il fondamento le fondam enta i fondam enti
il frutto le fru tta i fru tti
il gesto le gesta i gesti
il grido le grida i gridi
il labbro le labbra i labbri
il legno le legna i legni
il membro le m em bra i m em bri
il muro le m ura i m uri
losso le ossa gli ossi
il riso le risa i risi
l urlo le urla gli urli

Spiegazione (objanienie):
le braccia delluomo i bracci della bilancia, della
croce, del fiume
le ciglia di Maria i cigli della strada, del fosso
le com a della mucca i corni (strumenti musicali)
le fila della congiura i fili di cotone, del telefono,
del telegrafo
le fondam enta di un edificio i fondam enti di una scienza
le fru tta da tavola i fru tti dellalbero, del lavoro
le gesta di rcole, eroe mito- i gesti degli attori
logico greco
le grida delluomo i gridi degli animali, degli
uccelli
le labbra delluomo i labbri di una ferita, di un
vaso
le legna da bruciare i legni usati per lavorare
le m em bra del corpo umano i m em bri del Parlamento
le m ura della citt i muri (quattro muri della
stanza)
le ossa del corpo gli ossi di un animale spolpato
le risa degli spettatori i risi cinesi (per mangiare)
le urla delluomo gli urli delle bestie

NOMI DIFETTIVI (Rzeczowniki uomne)

1. I seguenti nomi n o n h a n n o plurale (nastpujce


rzeczowniki nie maj liczby mnogiej):
la fam e gd il sangue krew
il fiele la sete pragnienie
la prole potomstwo
2. I seguenti nomi n o n h a n n o s i n g o l a r e (nastpujce
rzeczowniki nie maj liczby pojedynczej):
gli annali roczniki le forbici noyczki
i calzoni ) , . le mutande majtki
7 . > spodnie
i pantaloni J le nozze w esele
i dintorni okolica gli occhiali 1okulary
le esequie pogrzeb gli spinaci szpinak

LETTURA

IL CORPO UMANO

Il corpo umano si divide in tre parti principali: la testa (il


capo), il tronco e la membra. La testa ricoperta di capelli biondi,
castagni, neri, rossi, brizzolati, grigi o bianchi. Nel cranio c il
cervello.
La faccia (il viso) si compone della fronte, delle guance, del
mento, del naso, degli occhi, della bocca e degli orecchi. Gli occhi
possono essere celesti (azzurri), grigi, verdi o neri.
La bocca ha due labbra; dentro ci sono 32 denti bianchi, una
lingua rossa ed il palato.
Con gli occhi vediamo, con gli orecchi udiamo, con la bocca
parliamo e mangiamo.
Il collo unisce la testa al tronco. Le spalle, il petto (il torace),
il ventre, la schiena (il dorso) ed i fianchi formano il tronco.
Il torace contiene il cuore, i polmoni per la respirazione, nel
ventre ci sono lo stomaco, il fegato e gli intestini.
Il braccio composto del gomito, del polso e della mano. La
mano ha cinque dita.
La gamba ha una coscia, un ginocchio, un polpaccio, una
caviglia e un piede. Il piede ha un calcagno, una pianta e cinque
dita.
I cinque sensi sono: la vista
l'udito
l'olfatto (l'odorato)
il gusto
il tatto
L'occhio l'organo della v i s t a . Le palpebre lo proteggono
contro la luce troppo forte. Le ciglia e le sopracciglia lo difendono
dalla polvere. Una persona miop che non vede bene da lontano
porta gli occhiali. Una persona che porta gli occhiali per leggere
presbite e non vede bene da vicino. Una persona che non vede
niente cieca.
L'orecchio l'organo dell u d i t o . Chi non sente nulla sor
do. Chi non parla muto. Chi non pu n parlare, n sentire
sordomuto.
II naso l'organo dell' o l f a t t o . Esso sente gli odori e i pro
fumi.
Con la lingua possiamo g u s t a r e e sentire i sapori dei
vari cibi.
Il t a 11 o, lo sentiamo con tutta la pelle. Cos sentiamo, per
esempio, il caldo, il freddo, l'umidit.

LE MALATTIE P lU FREQUENTI

Il mal di testa, il mal di gola, il mal di denti, il mal di stomaco,


il mal di fegato, sono le malattie pi frequenti.
Si dice: io ho mal di testa. Maria oggi ha mal di denti. Carlo
raffreddato, egli ha mal di gola. Tutto il giorno mi fa male la
testa. Aldo ha mangiato troppo, egli ha mal di stomaco. Il raffred
dore, l'influenza, la polmonite sono m alattie della brutta stagione.
Ci sono ancora molte malattie dei bambini, fra le quali pi
frequenti il morbillo, la varicella, gli orecchioni e la scarlattina.

10 S tudiam o la lin gu a 145


ESERCIZI

1. Costruire delle frasi con i nomi che hanno il plurale doppio


(uoy zdania uywajc rzeczownikw o podwjnej liczbie mno
giej).
2. Completare le frasi con i nomi al plurale conveniente (uzu
peni odpowiedni form liczby mnogiej):
Si sntono nel bosco (lurlo) dellanimale ferito.
(Il corno) degli animali sono utili.
Ariosto, grande poeta italiano, ba descritto (il gesto) di Orlando.
Questo vestito cucito con (il filo) di seta.
La mamma ha aperto (il braccio) al suo figliolo salvato.
Sono (il frutto) del suo grande lavoro.
(Il lenzuolo) non sono di lino.
Come sono (il ciglio) di Maria?
Noi siamo importatori (il riso) dal Giappone.
Sofia ha comprato 3 (il paio) di scarpe.

P R O V E R B IO

La lingua batte dove il dente duole.


PARTE SECONDA

In Italia
21. Lezione ventunesima
Gerundio smplice
Verbo irregolare morire

GRAMMATICA

GERUNDIO SEMPLICE (Im iesw odsowny)

Gerundio smplice forma invariabile del verbo.

I -are II -ere III -ire


-and -endo -endo
parlando serivendo partendo, finendo
cantando leggendo sentendo
mostrando vedendo uscendo

Verbi r e f l e s s i v i :
lavarsi lavandosi
gettarsi gettandosi
trovarsi trovandosi

Verbi a u s i l i a r i :
avere avendo
essere essendo

Verbi i r r e g o l a r i :
dire dicendo
fare f acendo

Gerundio risponde alle domande seguenti: come? quando? per


quale ragione?
Guadagna la vita lavorando tutto il giorno.
Legge il giornale passeggiando.
Avendo un'automobile, far una lunga gita nei dintorni di
Varsavia.
Essendo stanco non posso lavorare.
Va per le strade cantando allegramente.
Leggendo la lettera ha cominciato a piangere.
Partendo in fretta ho dimenticato di prendere le valige.
Facendo il bucato si bagnata tutta.
Dicendo queste parole uscito di casa.
Avvicinandosi alla stazione ha visto il treno in partenza.
Parlando male del tuo prossimo riveli chi sei tu stesso.
La forma n e g a t i v a del gerundio:
non + gerundio
non parlando
non mangiando
non guardando
Non parlando, fa male a se stesso.
Non essendo malata ha inghiottito cinque aspirine.
Non guardando ha visto tutto.
Anche senza + infinito ha il significato del gerundio ne
gativo:
senza parlare
senza mangiare
senza guardare
Mangia senza parlare.
uscito senza guardare Maria.
Lavora tutto il giorno senza sm ettere mai.

VERBO IRREGOLARE MORIRE


(Czasownik nieregularny morire)

Presente
io muoio noi moriamo
tu muori voi m orite
egli essi
ella muore esse muoiono
Lei Loro
Futuro
regolare irregolare
io morir io morr
tu m orirai tu morrai
egli morir egli m orr
noi m oriremo noi m orremo
voi m orirete voi m orrete
essi essi
esse moriranno esse morranno
Loro Loro
Participio p a s s a t o : m orto (a); G e r u n d i o : morendo.

LETTURA

L'ITALIA

Italia, patria mia, nobile e cara terra, dove mio padre e mia
madre nacquero e saranno sepolti, dove io spero di vivere e di
morire, dove i miei figli cresceranno e morranno; bella Italia,
grande e gloriosa da m olti secoli, unita e libera da pochi anni...
madre augusta di trecento citt e di trenta milioni di figli... Amo
i tuoi mari splendidi e le tue Alpi sublimi, amo i tuoi monumenti
solenni e le tue memorie immortali, amo la tua gloria e la tua
bellezza... V amo tutte di un solo affetto e con pari gratitudine,
Torino valorosa, Genova superba, dotta Bologna, Venezia incan
tevole, Milano possente, v amo con ugul reverenza di figlio Fi
renze gentile e Palermo terribile, Napoli immensa e bella, Roma
meravigliosa ed eterna.
Tamo, patria sacra. E ti giuro che amer tutti i figli tuoi come
fratelli; che onorer sempre in cuor mio i tuoi grandi vivi e i tuoi
grandi morti; che sar un cittadino operoso ed onesto, inteso co
stantemente a nobilitarmi, per rendermi degno di te... Giuro che ti
servir, come mi sar concesso, con l ingegno, col braccio, col
cuore, umilmente e arditamente; e che se verr giorno in cui dovr
dare per te il mio sangue e la mia vita, dar il mio sangue e morr,
gridando al cielo il tuo santo nome e mandando lultimo mio bacio
alla tua bandiera benedetta.
Cos E d m o n d o D e A m i c i s , grande scrittore italiano del scolo
passato, parla dellItalia nel suo bellissim o libro Cuore tradotto in tutte
le lingue. Esso anche tradotto in polacco dalla nostra poetessa Maria
Konopnicka.

LItalia uno dei pi bei paesi dellEuropa, pieno di antichi


monumenti, di meravigliose opere darte, di paesaggi incantevoli.
I turisti di tutto il mondo vengono ad ammirare i tesori della sua
civilt. LItalia un paese molto ospitale, accogliente, dove tutti
si sentono a loro agio. Per questo, nelle vie delle citt italiane si
possono incontrare gli abitanti di tutti i paesi dellEuropa e dol
tremare, si possono sentire tutte le lingue: inglese, francese, tede
sco, spagnuolo, polacco, soprattutto durante le vacanze. Visitando
l Italia possiamo godere dei pi famosi capolavori dellarte del
Rinascimento.

ESERCIZI

1. Rispondere alle domande;


Che cosa sa Lei dellItalia?
Sapr spiegare perch Edmondo De Amicis chiama Torino valorosa,
Gnova superba, Bologna dotta, ecc.

2. Formare il gerundio dei seguenti verbi:


dare tenere punire
dovere uscire vedere
potere venire alzarsi
sapere volere rimanere
stare addormentarsi vestirsi

3. Formare il gerundio negativo delle forme seguenti:


gridando venendo
godendo visitando
incontrando ammirando
leggendo scrivendo
dicendo facendo
4. Sostituire allinfinito il gerundio:
(Leggere) troppo si rovinato la vista.
(Riposare) al sole ha preso gli occhiali scuri.
(Lavarsi) con l acqua fredda si ringiovanisce.
(Volere) partire per l stero bisogna risparmiare soldi.
(Morire) ha perdonato a tutti.
(Dormire) ha sentito suonare il campanello.
morto (lasciare) la m oglie con due bambini.
(Accorgersi) della mancanza della borsetta, ha chiamato la polizia.
(Nuotare) bene ha salvato un bambino.
(Uscire) da casa ha incontrato il suo amico.

5. Mettere il verbo nel futuro e nel passato prossimo:


Egli muore di fame.
Noi leggiam o volentieri i romanzi italiani.
Essi viaggiano molto tutto l anno.
Io mi sbaglio parlando italiano.
Voi andate alla fiera di Milano.
Tu vuoi comprare un mazzo di fiori.

6. Tradurre in italiano:
Podrujc po Italii zw iedzilim y w iele muzew. Zwiedzajc galerie
widzielim y w spaniae arcydziea malarzy i rzebiarzy woskich. Podzi
w ialim y szczeglnie sztuk Renesansu, bdc w e Florencji. Mieszkajc
w Rzymie, m ielim y okazj goci naszych przyjaci. Spdzajc czas nad
morzem, odbylimy kilka w ycieczek na Capri. Zatrzymujc si w Neapo
lu, zam ieszkalimy w maym, skromnym hoteliku blisko stacji. Patrzc na
Wezuwiusz w spom nielim y o w ielkim wybuchu, ktry zniszczy Pompej.

P R O V E R B IO

Sbagliando simpara.
22. Lezione ventiduesima
Gradazione degli aggettivi
Gradazione irregolare degli aggettivi

GRAMMATICA

GRADAZIONE DEGLI AGGETTIVI (Stopniowanie przymiotnikw)

Ci sono tre gradi dellaggettivo qualificativo:


Grado positivo
Grado comparativo: a. di uguaglianza
b. di maggioranza
c. di minoranza
Grado superlativo: a. assoluto
b. relativo

1. Grado positivo: bello, sim patico

2. Grado comparativo
a. d i u g u a g l i a n z a
... c o s ... come ...
... tanto ... quanto ...
comparando le d u e persone o le d u e cose ed anche le due
qualit della s t e s s a cosa o persona:
Maria cos simpatica come Luisa.
La seta cos cara come bella.
Anna tanto bella quanto simpatica.
Raffaello tanto grande quanto Leonardo.
La pittura tanto brutta quanto moderna.
b. di m a g g i o r a n z a
... pi ... d i ...
comparando le d u e persone o cose
... pi ... che ...
comparando le due qualit della s t e s s a persona o cosa:
Mario pi simpatico di Aldo.
Il vestito pi corto del mantello.
Anna pi simpatica che bella.
Il fiore pi bello che profumato.
c. d i m i n o r a n z a
... meno ... d i ...
comparando le d u e persone o. cose
... meno ... che ...
comparando le due qualit della s t e s s a persona o cosa:
Mario m e n o simpatico d i Aldo.
La sedia m e n o comoda d e l l a poltrona.
Anna m e n o simpatica c h e bella.
La fotografia m e n o bella c h e espressiva.
3. Grado superlativo:
a. a s s o l u t o
m olto bello, hello hello, bellissimo
m olto simpatico, sim patico sim patico, simpaticissimo
Aldo m olto simpatico.
Anna bella bella.
Mario sim paticissimo.
Anna bellissima.
Eccezioni:
acre acrrimo salubre salubrrimo
aspro asprrimo benefico beneficentissim o
clebre celebrrimo magnifico m agnificentissim o
integro integrrimo munifico m unificentissim o
misero misrrimo ampio amplissimo

b. relativo:
di m a g g i o r a n z a
... il pi ... di ...
... la pi ... di ...
... i pi ... di ...
... le pi ... di ...
Mario il pi simpatico studente della facolt.
Anna la pi bella ragazza di tutta la scuola.
G U taliani sono i pi intelligenti del nostro gruppo.
Le Fiorentine sono le donne le pi spiritose d'Italia.

Quando l'articolo accompagna il nome, si pu ometterlo nel


superlativo relativo:
Le Fiorentine sono le donne pi spiritose d'Italia.
Il fium e pi lungo d'Italia il Po.

c. di m inoranza:
... il meno ... di ...
... la meno ... di ...
... i meno ... di ...
... le meno ... di ...
Luigi lo scolaro meno diligente di tutta la classe.
Aldo il ragazzo meno simpatico della classe.
Anna la ragazza meno bella delle mie amiche.
Carlo e Luigi sono gli scolari meno diligenti.
Anna e Luisa sono le studentesse meno eleganti.

GRADAZIONE IRREGOLARE DEGLI AGGETTIVI


(Stopniowanie nieregularne przymiotnikw)

I seguenti aggettivi, accanto alle forme regolari, hanno delle


forme i r r e g o l a r i derivate dal latino, molto usate:

Grado Grado Grado


positivo comparativo superlativo

Forme regolari
alto pi alto altissimo
basso pi basso bassissimo
buono pi buono buonissimo
cattivo pi cattivo cattivissim o
grande pi grande grandissimo
piccolo pi piccolo piccolissimo
Grado Grado Grado
positivo comparativo superlativo
Forme irregolari
alto superiore supremo, sommo
basso inferiore infimo
buono m igliore ottim o
cattivo peggiore pessimo
grande maggiore massimo
piccolo - minore minimo

Esempi:
Stasera abbiamo mangiato un ottim o pranzo.
Roma pi antica di Varsavia.
Il maggiore fiume della Polonia la Vistola.
Con questo spettacolo mi hai fatto il massimo piacere.
Il sommo poeta italiano, Dante, sepolto a Ravenna.
Claudia ha comprato una stoffa m igliore di quella di Lucia.
Al piano superiore vive un povero pianista.
Aldo un fannullone ed un pessim o allievo.
Alla nostra malata vietato il minimo sforzo.
Il Consiglio supremo ha deciso di lasciare la citt.
Il fratello minore ha vinto questa gara.

LETTURA

L'ITALIA: UN PO' DI GEOGRAFIA

La penisola italiana occupa il centro del Mar Mediterraneo


e come ci mostra la carta geografica, si protende verso VAfrica
a forma di un grandissimo stivale.
Quattro mari la circondano: il Mar Ligure, il Mar Tirreno, il
Mar Ionio e il Mar Adriatico. Il pi profondo ITonio (oltre 4000
metri).
Nel Tirreno sono situate tre grandi isole: la Sicilia, la Sardegna
e la Corsica. Q ueirultim a appartiene alla Francia. Ci sono anche
Italia
molte altre isole nei mari dItalia, fra cui le maggiori lElba
e Capri molto visitate dai turisti.
LItalia confina con la Francia, con la Svizzera, con l Austria
e con la Jugoslavia. Da tutte le parti ha dei confini naturali: mare
e monti, perch da Nord cinta dalle Alpi, il pi alto sistema
montuoso dellEuropa.
La catena degli Appennini attraversa tutta la penisola italiana.
Sono monti pi bassi delle Alpi, a cime arrotondate, privi di ghiac
ciai. Il Monte Corno del Gran Sasso dItalia la pi alta cima degli
Appennini (quasi 3000 metri).
LItalia ha molti fiumi, ma soltanto uno si pu considerare
come un gran fiume: il Po, che nasce dalle Alpi e bagnando To
rino attraversa la grande pianura Padana per terminare con un
delta nellAdriatico. Tra gli altri possiamo nominare il Tevere che
bagna Roma e lArno che bagna Firenze.
LItalia ricca di pittoreschi laghi, soprattutto nella regione
alpina, ma ai piedi degli Appennini si stende il grande lago Tra
simeno celebre nella storia antica.
Incontriamo anche in Italia tre vulcani ancora attivi: il Vesuvio
presso Napoli, l Etna in Sicilia, Io Stromboli nellisola omqnima,
senza contare altre manifestazioni vulcaniche come le sorgenti
calde, i getti di fango, ecc.
LItalia ha circa 50 milioni di abitanti su una superficie di
300 000 km2 (kmq) e si divide in 19 regioni. Ognuna di esse ha il
suo carattere, il suo dialetto, la sua storia.
La capitale Roma.
Sul territorio della penisola italiana si trova la piccola Repub
blica di San Marino fondata nel quarto secolo da San Marino.
LItalia oggi una Repubblica con il presidente a capo dello
Stato.
Essa non ricca di minerali; cave di marmo e di pietre da
costruzione sono le pi notevoli, perch il ferro e il carbone vi
sono in minime quantit. Molto sviluppate sono le industrie, so
prattutto quelle delle automobili, la metallurgica, la meccanica,
lalimentare, la tessile, ecc. ecc.
Vi si coltivano cereali, riso, ulivo, vite e molte piante da frutta
perch il clima dolce e mite.
ESERCIZI

1. Domande:
Dove situata lItalia?
Quale la forma della penisola italiana?
Da quali mari circondata l Italia?
Quali sono le pi grandi isole italiane?
Con quali paesi confina l Italia?
Quali monti attravrsano l Italia dal Nord al Sud?
Come si chiama la pi alta cima degli Appennini?
ricca l Italia di acque?
Quale il pi grande fium e italiano?
Da quali fium i sono bagnate Roma e Firenze?
Ci sono in Italia vulcani attivi?
In quante regioni divisa lItalia?
Quale repubblica indipendente si trova in territorio italiano?
Quali m aterie prime si trovano in Italia?
Quali sono le industrie pi sviluppate in Italia?
Che cosa si coltiva principalm ente sulla penisola italiana?
Come il clima italiano?
Perch lItalia visitata da tanti turisti?
Conosce Lei lItalia?
Perch vuole andare in Italia?

2. Costruire 3 frasi con i seguenti aggettivi nel grado positivo:


diligente, fedele, sincero

3. Costruire 3 frasi con gli aggettivi convenienti nel grado com


parativo di uguaglianza, maggioranza, minoranza:
la lana l inverno il mdico
il cotone l estate l avvocato

4. Costruire 3 frasi con i seguenti aggettivi nel grado superlativo


assoluto e 3 nel superlativo relativo:
saporito pericoloso
bianco dolce
clebre pigro

5. Tradurre dal polacco:


Moja podr do Woch
Majc pienidze i w olny czas, w lipcu lub sierpniu pojad do Woch.
Mam zamiar zwiedzi ca Itali, a szczeglnie Sycyli. Przejad pwysep
woski z pnocy na poudnie, pozostajc duej w w ikszych miastach,
aby zwiedzi muzea i zabytki historyczne. Mam nadziej zrobi due po
stpy w jzyku bdc w e Woszech.

pro verbio

Una corda si rompe sempre l dov pi debole.


Il miglior condimento l'appetito.
Capitale prezioso per tutti il tempo, ma preziosissimo ai
giovani.

Strano ma vero

Quando vi punge una zanzara state pur certi che una fem
mina. Sono solo le femmine che, dotate di istinti feroci, si nutrono
di sangue. I maschi, pi pacifici, si contentano di un regime ve
getariano.
23. Lezione ventitreesima
Avverbio di modo

GRAMMATICA

AVVERBIO DI MODO (Przyswek sposobu)

A v v e r b i o parte del discorso invariabile.


Gli avverbi servono a precisare il significato del verbo
o qualche volta modificano T a g g e t t i v o .

Ci sono gli avverbi:


di modo
di luogo
di tempo
di quantit
di affermazione, di negazione e di dubbio.

Avverbio di modo risponde alle domande: com e? in che m odo?


bene, male, adagio, volentieri

Ogni aggettivo pu formare l'avverbio aggiungendo la desi


nenza - m ente al fem m inile singolare dell'aggettivo:
chiaro chiara chiaramente
largo larga largam ente
lieto lieta lietam ente
affettuoso affettuosa affettuosam ente

Gli aggettivi terminati in -e aggiungono soltanto la desinenza


-m en te:
dolce dolcem ente diligente diligentem ente
veloce velocem ente breve brevem ente
Se lultima consonante l, r, la vocale e sparisce davanti alla
desinenza -m en te:
gentile gentilm ente naturale naturalm ente
facile facilm ente regolare regolarm ente
spirituale spiritualm ente familiare fam iliarm ente
utile utilm ente secolare secolarmente
civile civilm ente

Molte volte 1,aggettivo si usa in luogo deiravverbio:


piano alto lungo
forte basso corto
Egli ride forte.
Ella parla piano,
pian piano = lentam ente

Anche il nome preceduto dalla preposizione con pu essere


usato in luogo dellavverbio:
diligentem ente = con diligenza
facilmente = con facilit
affettuosam ente = con affetto
gentilmente = con gentilezza

Esempi:
Egli legge bene in italiano.
Maria scrive male in francese.
Ella malata e cammina lentam ente.
Ti saluto affettuosam ente.
Mi ha scritto cordialmente.
Gli amici si parlano sinceram ente.
Naturalm ente non posso venire da te.
Egli studia con diligenza.
Il ragazzo impara con facilit.
Lo farai volon tieri?

11* 163
LETTURA

PUNTI CARDINALI

Nord, (il Settentrione)


t
(l'Occidente, il Ponente) O vest <jEst (l'Oriente, il Levante)

Sud (il Meridione)


L'Italia del Sud = l'Italia Meridionale
L'Italia del Nord = l Italia Settentrionale
L'Europa del Sud = lEuropa Meridionale
La Polonia dell'Est = La Polonia Orientale
I paesi dellOvest = I paesi occidentali
'L'Oriente = i paesi dell'Est
L'Occidente = i paesi dell'Ovest
L'Estrem o Oriente = la Cina, il Giappone
II Medio Oriente = la Siria, l Arabia, ecc.
Ogni anno si svolge a Bari la Fiera del L evante, vuol dire dei
paesi orientali.
Nuvole nere e pesanti si vedono a ponente.

LE REGIONI D'ITALIA CON I LORO CAPOLUOGHI

1. il Piemonte Torino
2. la Valle d'Aosta Aosta
3. la Lombardia Milano
4. il Trentino (Alto Adige) Trento
5. il Veneto Venezia
6. il Friuli (Venezia Giulia) Udine
7. la Liguria Genova
8. l'Emilia (Romagna) Bologna
9. la Toscana * Firenze
10. l'Umbria * Perugia
11. le Marche Ancona
12. il Lazio Roma
13. l'Abruzzo e il Molise l'Aquila
Gnova. Panorama

14. la Campania Napoli


15. la Puglia Bari
16. la Basilicata Potenza
17. la Calabria Reggio Calabria
18. la Sicilia Palermo
19. la Sardegna Cagliari

L ' I T A L I A S E T T E N T R I O N A L E (1)

LItalia Settentrionale comprende otto regioni: il Piemonte, la


Valle dAosta, la Lombardia, il Trentino (Alto Adige), il Veneto,
il Friuli (Venezia Giulia), la Liguria e lEmilia (Romagna).
1 1 P i e m o n t e , grande regione percorsa dal Po, una regione
montuosa; produce legname, castagne, vigneti e frutta, grano
e riso. Favorite dallenergia idraulica vi hanno grande sviluppo
le industrie meccaniche (stabilimenti Fiat a Torino e quelli di
Olivetti a Ivrea), le industrie tessili con il loro centro a Biella, ecc.
Capoluogo Torino che un tempo stata la capitale dellItalia
unita. Tra le altre citt abbiamo Asti, patria di Vittorio Alfieri,
grande poeta italiano del secolo scorso.
A Nord-Ovest, fra il Piemonte, la Francia e la Svizzera si
stende la piccola regione autonoma, creata dopo la guerra, la
V a l l e d ' A o s t a , con capoluogo Aosta. Nel suo territorio si
trovano ricche miniere di ferro.
Un autostrada Torino Milano ci conduce alla L o m b a r
d i a , una delle pi ricche ed importanti regioni dellTtalia. una
regione agricola e industriale. La sua terra fertile; i laghi sono
una delle sue maggiori attrattive. Il Lago Maggiore, il Lago di Co
mo e il Lago di Garda sono conosciuti in tutto il mondo per la
bellezza del paesaggio.
Lombardia

Fra le industrie fioriscono soprattutto quelle meccaniche,


tessili, specialmente della seta a Como, chimiche ed alimentari
(rinomatissimi formaggi).
La Lombardia la regione dItalia pi ricca di strade, di auto
strade, di ferrovie e di canali. Capoluogo Milano, il pi impor
tante centro industriale e commerciale di tutto il Paese, bella
citt ricca di opere darte e di monumenti, tra cui gli stranieri
ammirano la splendido Duomo di marmo bianco, ornato da 3333
statue di santi, di guerrieri e di mostri.
Fra le altre citt della Lombardia possiamo enumerare Cre
mona sul Po, celebre per i suoi maestri liutai (Stradivari), Pavia
con la sua vecchissima universit, e Mantova, ricca di bellissimi
monumenti di storia e dellarte.
Ed ecco la L i g u r i a , bella regione piena di sole, dove regna
leterna primavera, perch le montagne la difendono dai venti del
Nord. Produce fiori, frutta, olivi, agrumi, ecc. Lindustria vi
anche ben sviluppata, specialmente quella navale e della lavo
razione del pesce. Genova il pi grande porto dItalia e per
la sua storia e la sua bellezza chiamata la Superba. La Riviera
Ligure, celebre in tutto il mondo, attira molti turisti. Sulle sue
spiagge conosciute, come Rapallo, Alassio, Santa Margherita e San
Remo si possono sentire tutte le lingue dEuropa.

ESERCIZI

1. Domande alla lettura:


Quali regioni formano l Italia Settentrionale?
Quali sono le ricchezze del Piemonte?
Nominare il capoluogo ed altre importanti citt piem ontesi.
Con quali regioni confina il Piemonte?
Come si chiama la pi piccola regione dellItalia del Nord? e quando
essa stata creata?
Perch la Lombardia una delle pi ricche regioni dellItalia?
Nominare i clebri laghi lombardi.
Che cosa possiamo dire dellindustria lombarda? ^
Perch Milano cos rinomata e visitata dai turisti?
Quali altre citt lombarde sono visitate dai turisti?
Perch il clima della Riviera Ligure cos dolce e mite?
Quali sono le pi fam ose spiagge della Liguria?
Quale il porto pi ricco e pi grande dell'Italia?
Quale regione o quale localit dellItalia Settentrionale Le interessa
di pi e perch?

2. Formare gli avverbi degli aggettivi seguenti:


caro nervoso triste elegante
docile caloroso eroico capriccioso
terribile freddo lento personale
allegro amaro stupido amichvole
festoso comodo prudente disgraziato

3. Sostituire ai puntini l avverbio conveniente:


Giovanni le g g e ...
Egli la v o r a ...
Maria parla ... italiano.
Siamo occu p ati...
Questuomo guadagna...
Le due sorelle si amano ...
Ha pianto tutta la notte ...
Mi d ivertir...
Ha pronunciato il d iscorso...
P a sseggia...

PRO VERBI

Chi va piano, va sano, e va lontano.


Chi va forte, va alla morte.
Ride bene chi ride lultimo.
Chi tardi arriva male alloggia.
Chi ben incomincia alla met dellopera.
24. Lezione ventiquattresima
Imperfetto
Avverbio di luogo
Avverbio di tempo

GRAMMATICA

IMPERFETTO (Czas przeszy niedokonany)

I II III

parlare credere partire finire


pari-avo cred-evo part-ivo fin-ivo
pari-avi cred-evi part-ivi fin-ivi
pari-ava cred-eva part-iva fin-iva
parl-avamo cred-evamo part-ivamo fi n-ivam o
parl-avate cred-evate part-ivate fin-ivaie
parl-avano cred-evano part-ivano fin-ivano

Avere Essere
io avevo io ero
tu avevi tu eri
egli egli
ella aveva ella era
Lei Lei
noi avevam o noi eravamo
voi avevate voi eravate
essi essi
esse avevano esse erano
Loro Loro

andare : io andavo . . . sapere: io sapevo . . .


dare: io davo . . . stare: io stavo . ..
dire: io dicevo . . . tenere: io tenevo . ..
dovere: io dovevo uscire: io uscivo
fare: io facevo . venire: io venivo
potere: io potevo . volere: io volevo

Uso deirim perfetto

Si usa l'imperfetto

a. nelle d e s c r i z i o n i :
Faceva bel tempo, gli alberi erano gi verdi e sui rami can
tavano gli uccelli;

b. per esprimere un'azione che d u r a v a un certo tempo:


Quando vivevo a Roma avevo molti amici;

c. per esprimere l ' a b i t u d i n e , un'azione che s i ripe


t e v a con certa regolarit:
Ogni giorno andavo a scuola. B eveva sempre un bicchiere di
vino.

d. per esprimere unazione che durava, mentre durava o in


cominciava un' a l t r a a z i o n e p a s s a t a :
Mentre ella preparava il pranzo, suo figlio studiava le lezioni.
Mentre scrivevo una lettera, Maria suonava il piano.

AVVERBIO DI LUOGO (Przyswek miejsca)

Gli avverbi d i l u o g o rispondono alle domande: dove? in


qual luogo?

Gli avverbi di luogo sono:


qm tu donde skd
qua tu dietro za, z tyu
quass tu (w grze) lontano daleko
quaggi tu (w dole) vicino blisko
su w grze fuori poza
gi w dole dentro w rodku
dove gdzie a destra na prawo
davanti przed a sinistra na lewo
altrove gdzie indziej ovunque gdziekolwiek, wsz
dappertutto wszdzie dzie
ci, vi tu, tam dovunque wszdzie
lass tam (w grze) Zi, l tam
laggi tam (w dole) presso u, przy
oltre dalej, poza

Esempi:
Viviamo lontano da Varsavia.
Maria abita vicino al centro della citt.
Davanti alla scuola c un bel palazzo.
Ho un amico a Roma, egli vi abita da dieci anni.
Andava ora qui ora Z?, come un pazzo.
La strada scende gi.
Sta non so dove.
Sedeva qui, vicino a me.
La lingua batte, dove il dente duole.
Noi andiamo a destra e voi a sinistra.
Io resto qui, se vuoi, puoi andare altrove.
,,Figaro su, Figaro gi, Figaro qua, Figaro Za...

AVVERBIO DI TEMPO (Przyswek czasu)

Gli avverbi d i t e m p o rispondono alle domande: quando?


in qual tempo?

Gli avverbi di tempo sono:


ora teraz adesso teraz, obecnie
dopo po prim a przedtem
oggi dzi poi potem ^
ieri wczoraj tardi pno
domani jutro subito nagle, natychmiast
sem pre zawsze allora wtedy
mai nigdy talora wwczas
spesso czsto m entre podczas gdy
ancora jeszcze frattanto tymczasem
presto szybko gi ju
nel frattem po w midzycza
sie, tymczasem
Mai iniziale non si ripete non:
Mai ho detto questo.

Esempi:
Verr da te domani.
Oggi non ho tempo.
Torner a casa tardi.
Adesso devi studiare.
Poi preparerai le lezioni.
Subito andremo al cinema.
N ellagosto vado sem pre al mare.
Non trovo mai quello che cerco.
Mi succede spesso di dimenticare i libri.
I miei genitori non sono ancora tornati.

LETTURA

L'ITALIA SETTENTRIONALE (2)

Ed ora parleremo delle altre regioni dellItalia Settentrionale.


A llEst della Lombardia si stende il Veneto, costituito in parte
dalla fertile pianura che produce cereali e ortaggi. Lungo le coste
basse e piuttosto paludose, molto attiva la pesca soprattutto nel
le vicinanze di Venezia e le barche dei pescatori con le vele dipin
te in arancio danno una pittoresca nota al mare Adriatico.
Venezia, capoluogo della regione, una citt incantevole,
chiamata la ,,Regina del mare. Costruita sul mare, sulle 118 iso
lette, rinchiude dei tesori dellarte nei suoi palazzi marmorei.
una citt unica nel mondo, dove al posto delle vie ci sono canali
e come mezzi di comunicazione gondole, barche e vaporetti.
Altre citt del Veneto sono Padova vecchia citt molto
celebre per la Basilica di Sant'Antonio e per la sua universit
fondata nel 1228 e che contava fra i suoi professori Galileo Galilei
e fra gli allievi Jan Kochanowski, poeta, Jan Zamoyski, Gran
Cancelliere del Regno Polacco, studente, poi rettore dell'Uni-
versit di Padova ed altri grandi Polacchi. Verona oggi impor
tante centro commerciale ed industriale, ricca del suo famoso
marmo rosso, immortalizzata da Shakespeare come patria degli
infelici amanti della tragedia di Romeo e Giulietta".
Situato a Nord il Trentino si divide in due zone: il Trentino
e l'Alto Adige, coperto di monti e boschi e nelle valli del quale
crescono cereali, uva e frutta. Tutta la regione percorsa dal
fiume Adige e dai suoi affluenti che alimentano l'industria idro-
elettrica.
La capitale Trento, fra le altre citt conosciuta come stazione
climatica Merano.
All'Est abbiamo il Friuli con capoluogo Udine.
Trieste un porto molto importante che svolge una grande
attivit commerciale soprattutto con i paesi balcanici.
La terza citt principale Gorizia.
Numerosi corsi d'acqua attraversano la regione. La terra
fertile.
L'ultima regione dell'Italia del Nord l'Emilia che prende
il suo nome dall'antica via romana che andava da Piacenza a Ri
mini, attraversando tutta la regione.
N ellEmilia si coltivano soprattutto i pomodori, il suo sot
tosuolo ricco di petrolio.
Capoluogo Bologna, chiamata la Dotta, bella citt, famosa
per i suoi monumenti e per la vecchia universit dove studiava
Copernico. Tra le altre citt abbiamo Parma che possiede moite
opere del grande pittore Correggio, Ferrara con il famoso castel
lo degli Estensi, Ravenna ricca dei suoi mosaici e Faenza operosa
citt, nota per le fabbriche di ceramica e per il MuseoInter
nazionale delle Ceramiche. Patria diTorricelli, matematico, fi
sico e geometra italiano. La citt di Faenza anche famosa per
la fabbricazione di un genere speciale di ceramica detto ,,la
faenza a cui essa ha dato il proprio nome.

ESERCIZI

1. Domande alla lettura:


Quali sono le ricchezze del Veneto?
Di che colore sono le vele delle barche dei pescatori?
Come chiamata Venezia e perch?
Perch tanti turisti la visitano?
Quali altre citt del Veneto sono interessanti da visitare e perch?
Pu citare dei nomi dei Polacchi che studiavano nelle universit
italiane?
Perch l industria idroelttrica del Trentino ben sviluppata?
Da dove viene il nome dellEmilia?
Perch Bologna chiamata la Dotta?
Quali sono le pi belle citt dellEmilia?
Che cosa visiter Lei a Faenza?

2. Completare le frasi seguenti con l avverbio di luogo con


veniente:
Sedeva sempre . . .
La macchina si fermata . . .
I bambini giocavano . . .
. . . vai? . . . vieni?
. . . si trovano m olti alberi e fiori?
Maria abita . . . dal centro.
Resterai . . .
II cinema si trova . . .
La citt situata . . .

3. Completare le frasi seguenti con lavverbio di tempo con


veniente: x
tornato . . .
Viene . . . con ritardo.
Non dimenticher . . . le tue parole.
Lavvocato ha scritto . . . una lunga lettera.
Non potr venire . . .
Si alzato . . .
Perch parli . . . di lui?
. . . vado al cinema.
Vuoi andare . . . a teatro?
Bisogna . . . dire la verit.

4. Tradurre in italiano:
Gdy byem w Rzymie, kadej niedzieli chodziem do muzew. Co
roku w yjedalim y nad morze. Gry byy pokryte niegiem. Podczas
gdy czytaem t wosk ksik, Mario gra na fortepianie. Wracajc do
domu spotyk aem ,zawsze Ann. Kadego ranka jego ojciec pi szklank
mleka. Przychodzi zawsze bardzo pno.

proverbio

Meglio tardi che mai.


25. Lezione venticinquesima
A ggettivi numerali cardinali (2)
Avverbio di quantit
Avverbi: di affermazione, di nega
zione e di dubbio

GRAMMATICA

AGGETTIVI NUMERALI CARDINALI (2)


(Liczebniki gwne)

1 uno, una 11 undici 21 ventuno


2 due 12 dodici 22 ventidue
3 tre 13 tredici 23 ven titr
4 quattro 14 quattordici 24 ventiquattro
5 cinque 15 quindici 25 venticinque
6 sei 16 sedici 26 ventisei
7 sette 17 diciassette 27 ven tisette
8 otto 18 diciotto 28 ven totto
9 nove 19 diciannove 29 ventinove
10 dieci 20 ven ti 30 trenta

31 trentuno 51 cinquantuno
32 trentadue 60 sessanta
33 trentatre 70 settanta
... 80 ottanta
38 tren totto 90 novanta
39 trentanove 100 cento
40 quaranta 101 centuno
41 quarantuno 102 centodue
42 quarantadue ...
*. . 150 centocinquanta
48 quarantotto 200 duecento
49 quarantanove 300 trecento
50 cinquanta 400 quattrocento
500 cinquecento 2000 duemila
600 seicento 3000 trem ila
700 settecento 10 000 diecimila
800 ottocento 100 000 centom ila
900 novecento un milione
1000 m ille un miliardo
3469. trem ilaquattrocentosessantanove
1952 m illenovecentocinquantadue
Tutti gli aggettivi numerali si scrivono i n una parola.

AVVERBIO DI QUANTIT (Przyswek iloci, miary)

Gli avverbi d i q u a n t i t rispondono alla domanda: quanto?

abbastanza do assai dosy, bardzo wiele


molto duo, w iele tanto tyle, tak w iele
poco mao, troch soltanto tylko
troppo zbyt wiele nulla nic
pi wicej niente nic
meno mniej
Gli avverbi: molto poco; tanto troppo possono ssere anche a g -
g e t t i v i (vedi 6 lezione).

Esempi:
Lavora m olto tutto il giorno.
Studia poco le lingue.
Mangia soltanto due volte al giorno.
Non sa niente della storia.
Beve troppo vino.
tanto simpatico.
Luomo non vive cento anni, eppure si cruccia abbastanza per
mille.
AVVERBI: DI AFFERMAZIONE, DI NEGAZIONE E DI DUBBIO
(Przyswki twierdzenia, przeczenia i wtpliwoci)

Avverbi di a f f e r m a z i o n e sono:
s tak
appunto najdokadniej, wanie
sicuram ente na pewno
certam ente z pewnoci

Avverbi di n e g a z i o n e :
no nie
non nie

Avverbi di d u b b i o :
probabilm ente prawdopodobnie
davvero doprawdy
possibilm ente moliwie
forse moe

Esempi:
Verr certam ente da te.
Ricordiamo appunto questi luoghi.
No, non credo alle sue parole.
Probabilm ente far bel tempo domani.
Forse vieni anche tu?
,,Forse che s, forse che no (titolo di un libro di Gabriel
DAnnunzio).

LETTURA

LE ALPI

Le Alpi dividono il mondo dellEuropa centrale da quello del


Mediterraneo, cos diversi tra loro. Sono oggi frontiera fra molti
stati dEuropa: Italia, Francia, Svizzera, Germania, Austria, Ju
goslavia.
Alla conoscenza delle pi alte montagne dellEuropa ha con-
I laghi rappresentano unaltra delle attrattive delle Alpi.
assai difficile determinare il numero totale dei laghi alpini.
Esso stimato di oltre 4000. I grandi laghi italiani come il bellis
simo Lago Maggiore, il Lago di Como ed il Lago di Garda sono
conosciuti nel mondo intero. Essi sono anche noti per il loro
colore azzurro cupo, mentre nei laghi svizzeri predominante
il verde.
Grandi strade e linee ferroviarie congiungono lItalia alla
Francia e alla Svizzera attraverso le Gallerie del Sempione e del
Gottardo. Ma oggi esse sono insufficienti al traffico, divenuto
molto pi intenso. Per questo si scavata la grande galleria nelle
viscere del Monte Bianco.
D ati d a llE n ciclop ed ia Italian a

ESERCIZI

1. Costruire delle domande corrispondenti alla lettura.


2. Rispondere per iscritto alle domande seguenti:
Preferisce Lei il mare o la montagna e perch?
Dove ha intenzione di passare le prssim e vacanze?
grande lo sviluppo degli sport invernali in Polonia e perch?

3. Scrivere con le lettere i seguenti aggettivi numerali cardi


nali:
2 145 673 1959
479 285 12 647
60 318 10 519
5 902 328 420
784 1 266 001

4. Completare le frasi seguenti con gli avverbi di quantit


convenienti:
Non m angia . . .
Non posso dormire . . .
Non capisce . . .
Guadagna . . .
Lavora . . . che non ha tempo per divertirsi.
Ho bevuto . . .
. . . intelligente.
. . . pQvero per potr comprare unautomQbile.
5. Completare le seguenti frasi con gli avverbi convenienti di
affermazione, di negazione e di dubbio:
Hai studiato . . . litaliano.
Mi ha risposto di . . .
. . . mi sar possibile di venire.
. . . non ti porter quel libro.
. . . non ti comprendo.
Sono venuto . . . per uscire con te.
. . . non lo conosci?

6. Tradurre in italiano:
W Zakopanem, stolicy Tatr i centrum sportw zimowych, spdzaem
wszystkie w olne dni. Byem doskonaym narciarzem. Znaem tam pewnego
grala, ktry zosta m istrzem Polski w sporcie narciarskim.

PROVERBIO

Si ottiene pi con la pazienza che con l ira.


26. Lezione ventiseesima
Gradazione dellavverbio
Gradazione irregolare degli avverbi
Locuzioni avverbiali

GRAMMATICA

GRADAZIONE DELLAVVERBIO (Stopniowanie przyswkw)

L'avverbio come l'aggettivo ha tre gradi:


1. Grado p o s i t i v o : lentam ente

2. Grado c o m p a r a t i v o :
a. d i u g u a g l i a n z a
. . . cosi . . . come .. .
. . . tanto .. . quanto .. .
Maria mangia cos lentam ente come lavora.
Maria parla cos lentam ente come Anna.
Marra parla tanto lentam ente quanto Anna.
b. d i m a g g i o r a n z a
. . . pi . . . di . . .
Maria legge pi correntemente di Aldo.
c. d i m i n o r a n z a
. . . meno . . . di . . .
Maria studia meno diligentemente di Aldo.

3. Grado superlativo:
a. assoluto
m olto facilmente
facilissim am ente
Questo ragazzo studia m olto diligentem ente.
Egli lavora lentissim am ente.
b. relativo
il pi facilmente
Egli impara il pi facilm ente di tutta la classe.

GRADAZIONE IRREGOLARE DEGLI AVVERBI


(Stopniowanie nieregularne przyswkw)

I seguenti avverbi come i corrispondenti aggettivi, fanno la


gradazione in modo i r r e g o l a r e :

Grado positivo Grado comparativo


bene m eglio
male peggio
* poco meno
m olto pi

Grado superlativo
assoluto relativo
m olto bene
benissimo il meglio
ottim am ente
m olto male
malissimo il peggio
pessim am ente
m olto poco
il meno
pochissimo
m oltissim o il pi

E s e m p i :

Marco canta bene, ma Aldo canta meglio di lui.


Renzo parla benissimo le lingue straniere.
Renzo conosce linglese m olto bene e scrive in francese o tti
mamente.
Egli si sente molto male e lavora meno dellanno scorso.
Ha viaggiato m oltissim o durante la sua vita.
Accanto agli avverbi propriamente detti ci sono in italiano delle
l o c u z i o n i a v v e r b i a l i c o m p o s t e che hanno il senso
di un avverbio:
al contrario przeciwnie
allim provviso nagle
alle volte czasami
cos cos tak sobie
da capo od nowa, od pocztku
fra poco wkrtce
di buona voglia chtnie
di mala voglia niechtnie
in fre tta w popiechu, pospiesznie
ogni tanto od czasu do czasu
per scherzo artem
poco fa niedawno
poco a poco powoli
pressa poco prawie
tu ttavia jednake e molti altri.

E sem p i:
A llim provviso entrato nella sala da pranzo.
Studia di buona voglia.
Da tempo che mi guarda con mala voglia.
Poco a poco la giovinezza sparisce.
A lle volte vado a vedere il mio vecchio amico.
Ogni tanto scrivo una lunga lettera in Italia.

LETTURA

L A REGINA DEL MARE

Venezia situata su un arcipelago disolette, a 4 km dalla terra


ferma, con la quale unita oltre che da servizi marittimi anche da
ferrovia a doppio binario e da autostrada che sorpassano la laguna
mediante due grandiosi ponti: quello ferroviario costruito nel
Venezia. Piazza San Marco
1841 - 46, lungo m 3001, l'altro nel 1931 - 32, lungo m 4070 e largo
20, che corre per buon tratto affiancato al precedente.
Per la sua posizione geografica la citt gode di un clima tempe
rato: l'inverno non troppo freddo, l'estate moderatamente cal
da. Il m ese pi ventoso il maggio, quello pi calmo il novembre.
La ,,citt che galleggia" situata su 118 isolette estendendosi
da ovest ad est con la superficie di 7 kmq. Secoli fa le isole erano
in numero molto maggiore, perch con l'andare del tempo molti
canali sono spariti, sono stati interrati. Oggi abbiamo ancora auYe-
nezia almeno 160 canali.
Il canale fondamentale, l'arteria maestra del centro il celebre
Canal Grande, lungo m 3800, largo da 30 a 70 m profondo m 5: ha
la forma di una gigantesca S" inversa e divide la citt da NO
a SE in due parti disuguali.
Lungo il Canai Grande si allinea un centinaio di vecchi palazzi
veneziani, fra i quali si possono ammirare il palazzo Vendramin-
Calergi, la bellissima C dOro, C Rezzonico, palazzo Loredan
e altri.
I piccoli canali, misurando 4 - 5 m di larghezza, servono sol
tanto per il transito delle gondole e delle piccole imbarcazioni.
Sul Canai Grande i vaporetti fanno servizio con approdi ai pi
celebri monumenti di ambedue le rive.
Naturalmente una delle caratteristiche della ,,Regina del mare
il gran numer di ponti (circa 400) quasi tutti di pietra e di mat
toni, fra i quali ammirato dai turisti il ponte di Rialto sul Canai
Grande e il piccolo e misterioso, ricco di storia e di terribili segreti,
ponte dei Sospiri che unisce il Palazzo Ducale con le celebri Pri
gioni.
II punto centrale della citt la famosa piazza San Marco con
il magnifico Palazzo Ducale e lantica Basilica di San Marco nello
stile bizantino, ricca di splendidi mosaici. Sul balcone della basi
lica ci sono due antichi cavalli di bronzo. Oggi questo monumento
malato: soffre di cancro. Il Palazzo Ducale contiene tesori di
alto valore artistico, e le sue salejsono affrescate da Tiziano, Tin-
toretto ed altri pittori veneziani.
Alla distanza di unora possiamo sentire il celebre orologio con
i mori che si muovono e sembrano essere vivi.
Venezia ancora oggi grande centro artistico che riunisce ogni
due anni i pi noti artisti moderni alla sua famosa Biennale.
Lindustria anche sviluppata nella citt di Venezia: tutte le
attivit vi sono rappresentate, dalla pesca alla lavorazione del
legno, allindustria tipografica, dalle industrie meccaniche alle in
dustrie tessili e chimiche. Per l industria fondamentale quella
turistica, sia balneare estiva (le spiagge del Lido) sia per cause
artistiche (monumenti, chiese, opere darte, esposizioni, ecc.).
Sullisola di Murano fiorisce da secoli l industria dei vetri
e a Burano quella dei merletti.
Venezia , grazie al suo porto, il secondo emporio commerciale
dopo Genova.
Tutti i turisti che visitano lItalia non possono mancare di
vedere Venezia, citt indimenticabile per il fascino straordinario
dei suoi palazzi che sorgono dalle acque verdi, delle cupole dorate
di San Marco, delle migliaia di piccioni che passeggiano tranquilla
mente davanti al Palazzo Ducale.
E su ogni monumento vediamo un leone alato, superbo stemma
dellorgogliosa Regina del mare.
D a ti d a ll E n c ic lo p e d ia I ta lia n a

VENEZIA

C una citt di questo mondo


ma cos bella, ma cos strana,
che pare un gioco di fata morgana
e una visione del cuor profondo.
Avviluppata in un roseo velo,
sta con sue chiese, palazzi, giardini,
tutta sospesa tra due turchini,
quello del mare, quello del cielo...
D IE G O VALERI

ESERCIZI

1. Domande alla lettura:


Dove situata Venezia?
In che modo unita con la terraferma?
Quale il clima di Venezia?
Perch oggi le isolette sono meno numerose che nei tem pi passati?
Che cosa il Canai Grande?
Che cosa si pu ammirare lungo le sue rive?
Quali sono i mezzi di comunicazione a Venezia?
Perch a Venezia ci sono tanti ponti?
Che cosa sa Lei della storia di Venezia e dei suoi monumenti?
Quali opere darte sono le pi ammirate dai turisti?
Che cosa si trova in piazza San Marco?
C una piazza a Varsavia con tanti piccioni?
Quali sono i pi grandi pittori veneziani?
Venezia una citt industriale?
Quali industrie fioriscono a Murano e a Burano?
Quale lo stemma di Venezia?
Quale lo stemma di Varsavia?
2. Costruire 3 frasi usando lavverbio in grado positivo, com
parativo e superlativo.

3. Completare con lavverbio o la locuzione avverbiale con


veniente le seguenti frasi:
Parla . . . e lavora . . .
Conosce . . . le lingue e legge . . .
Carlo partito . . . per Milano.
Ritorna . . .
Dice . . . la verit, non m entisce . . .
Sta . . . e non si 'ammala . . .
. . . sono stato in Italia.
. . . trovo degli amici.
Andremo . . . a Roma e . . . a Napoli.
Ha fatto quella smorfia . . .
Bisogna incominciare . . .
. . . vado a vedere un film italiano.

4. Tradurre in, italiano:


Jej syn uczy si lepiej ni jej crka. Nagle zobaczyem Maria.
Wkrtce pojad do Wenecji. Po chorobie czuj si gorzej. Doskonale
spdziem w akacje w grach. On pali mniej od Anny.

PR O V E R B I

Fidarsi bene, non fidarsi meglio.


Chi troppo in alto sale cade sovente precipitevolissimevol
mente *.

In tribunale

Il presidente allimputato:
Non vi vergognate? gi la settima volta che venite qui!
E Lei che ci viene tutti i giorni?
Fa peggio di me...

* La pi lunga parola italiana!


27. Lezione ventisettesima
Pronomi relativi

GRAMMATICA

PRONOMI RELATIVI (Zaimki wzgldne)

Ci sono tre gruppi di pronomi relativi:


il quale, la quale; che; cui:
Nom. il quale la quale che
i quali le quali
Gen. del quale della quale di cui
dei quali delle quali
Dat. al quale alla quale a cui, cui
ai quali alle quali
Accus. il quale la quale che
i quali le quali
Altri dal quale dalla quale da cui
casi dai quali dalle quali
nel quale nella quale in cui
nei quali nelle quali
sul quale sulla quale su cui
sui quali sulle quali
con il quale con la quale con cui
con i quali con le quali
per il quale per la quale per cutk
per i quali per le quali
tra (fra) il quale tra la quale tra (fra) cui
tra i quali
tra le quali
O s s e r v a z i o n e : Il pronome quale preceduto dallarticolo determ ina
to o dalla preposizione articolata. Il pronome cui preceduto dalla
preposizione smplice.

E sem pi:

N. La signora la quale parte per Roma mia sorella.


La signora che parte per Roma mia sorella.
G. Il professore del quale ti ho parlato partito per l Italia.
Il professore di cui ti ho parlato partito per lItalia.
Il professore, il figlio del quale vive in Italia, morto.
Il professore", il figlio di cui vive in Italia, morto.
Il professore, il cui figlio vive in Italia, morto.
D. La ragazza alla quale ho scritto mi ha mandato un bel regalo.
La ragazza a cui ho scritto mi ha mandato un belregalo.
Ac. Gli eroi i quali ammiro sono tutti Polacchi.
Gli eroi che ammiro sono tutti Polacchi.

Altri casi
Luomo sul quale contavo mi ha abbandonato,
l uomo su cui contavo mi ha abbandonato.
Il denaro con il quale volevo comprare un vestito mi stato
rubato.
Il denaro con cui volevo comprare un vestito mi stato rubato.
La casa nella quale abitiamo molto vecchia.
La casa in cui abitiamo molto vecchia.
La citt dalla quale sono partita sempre nel mio ricordo.
La citt da cui sono partita sempre nel mio ricordo.
Larte per la quale egli vive non gli d pane.
L arte per cui egli vive, non gli d pane.

LETTURA

IL PO

I fiumi italiani non sono grandi. Il maggiore, il Po, soltanto


il ventiseisimo fiume dellEuropa. Uno scrittore ha detto che
i fiumi italiani sono ricchi di storia ma poveri dacqua.

13 S tudiam o la lin gu a 193


Il Po nasce dal fianco nordorientale del gruppo del Monviso
e scorre in direzione del levante. Sfocia neirAdriatico con un delta
formato da 14 bocche. La distanza dalle sorgenti alla foce di
420 km in linea d'aria ma la lunghezza dell'alveo raggiunge 672
km.
Il Po ha molti affluenti che scendono dalle Alpi e dagli Appe
nnini, fra i quali possiamo enumerare lAdda che forma il lago
di Como e il Mincio che esce dal lago di Garda.
La navigabilit del Po limitata. Essa comincia a Pavia e con
questo fatto in rapporto lo sviluppo della citt.
Grandi lavori sono stati compiuti per la sistemazione del Po
cui legata l'esistenza dellidrovia Milano-Venezia.
Le pi grandi inondazioni accadono in autunno, portando gravi
danni nonostante le moderne opere di protezione.
La pianura attraversata dal Po si chiama Padana ed la parte
pi fertile dell'Italia. Vi si stendono vaste risaie (riso di Vercelli
la migliore qualit del riso nel mondo), cresce la canapa, la bar
babietola da zucchero, il lino e il tabacco.
Il Po bagna le seguenti citt: Torino, Pavia, Piacenza, Cre
mona e Ferrara.
D a ti d a lP E n c ic lo p e d ia I ta lia n a

ESERCIZI

1. Sviluppare i seguenti temi:


a. Il sistem a fluviale della Polonia.
b. Comparare il Po con la Vistola.
c. Le citt situate sulla Vistola.

2. Sostituire il pronome relativo con l'altra forma corrispon


dente:
a. Gli studenti i quali si sono iscritti alla Facolt di Legge abitano la
casa dello studente.
b. Ifigli per cui il padre lavora sono ancora piccoli.
c.Maria che ho incontrato ieri aveva un appuntamento con Renzo.
d. Le amiche con le quali ho passato le vacanze sono ritornate a casa.
e. Ilibri che sono in questa biblioteca sono molto rari.
f. Ilfilm di cui ti ho parlato molto interessante.
g. Lo scolaro al quale ho dato un buon voto ha fatto grandi progressi.
h. Il paese da cui vengo si trova al mare.
i. Il ponte sul quale passano i pedoni stato costruito l anno passato.
j. Le condizioni in cui vivo sono tremende.

3. Tradurre in italiano:
Poeta, ktrego najbardziej lubi, to Dante. Dante, ktrego grb znaj
duje si w Rawennie, jest najwikszym poet woskim . Miasto, w ktrym
umar Dante, jest dzi odwiedzane przez tum y turystw. Ideay, o ktre
walczy najwikszy poeta Italii, s ywe do dzi dnia. Beatrycze, ktr
Dante tak kocha, umara modo. Florencja, w ktrej urodzi si Dante
Alighieri, jest dumna ze swego syna. Dom Dantego, ktry znajduje si w e
Florencji, jest zamieniony na muzeum.

P R O V E R B IO

La ragione si compone di verit che occorre dire e di verit


che bisogna tacre.
28. Lezione ventottesima
A ggettivi e pronomi interrogativi

GRAMMATICA

AGGETTIVI E PRONOMI INTERROGATIVI


(Przymiotniki i zaimki pytajce)

N elle lezioni precedenti abbiamo gi adoperato pronomi e ag


gettivi' interrogativi. Facciamo ora una piccola ricapitolazione di
quelle forme da Loro ben conosciute.

1. A ggettivi interrogativi

Gli aggettivi interrogativi a c c o m p a g n a n o il nome:


che: (forma invariabile)
Che citt italiane hai visto?
In che mare si getta il Po?
Di che modo organizzata questa scuola?
Che colore preferisci?

quale: (forma variabile)


Quale film hai visto ultimamente?
Per quale ragione ha fatto tanto rumore?
Quali libri hai comprato?
In quale citt abita Lei, signorina?

quanto: (forma variabile) -v


Quanto tempo ti occorre per preparare la lezione ditaliano?
Da quanti anni vive a Varsavia?
Con quante persone ha parlato?
Quanti giorni passer a Roma?
2. Pronomi interrogativi

I pronomi interrogativi s o s t i t u i s c o n o il nome. Le loro


forme sono invariabili.

chi? (si usa per le p e r s o n e )


Chi cerchi?
Chi sei?
Di chi parli?
A chi hai scritto?
Con chi vai al cinema?

che? (si usa per le c o s e )


Che fai?
Che scrivi?
Che pensi di Maria?
Che dice l'autore parlando della civilt italiana?

che cosa? (si usa per le c o s e , ha lo stesso senso che il pro


nome: che?)
Che cosa faremo?
A che cosa serve questo coltello?
Che cosa dici?
Di che cosa hai paura?

Cosa? (forma familiare, si usa per le c o s e )


Cosa mi hai portato da Roma?
Cosa vuoi?

che = che cosa = cosa


Che fai?
Che cosa fai?
Cosa fai? (nel linguaggio familiare)

quale? (forma variabile)


Quale degli studenti conosce l italiano?
Ecco dei libri italiani: quale sceglierai?
Quali sono i pi grandi pittori italiani?
QuaV il fium e pi lungo dItalia?
Quanto costa quel vestito?
Quanto ha speso durante il viaggio?
Quanto vuole per il traghetto?
Quanti siamo?

LETTURA

DANTE ALIGHIERI

Dante Alighieri il pi grande poeta italiano, nato a Firenze nel 1265


e morto a Ravenna nel 1321. Per tutta la vita amava Beatrice Portinari,
morta giovanissima, ispiratrice delle sue m aggiori opere, tra le quali la
pi importante, tradotta in tutte le lingue e conosciuta dal mondo intero
la Divina Commedia. Questo poema, diviso in tre parti, costituisce un
fantastico viaggio attraverso l Inferno, il Purgatorio ed il Paradiso. Nessuno
ignora oggi chi era Dante.

Il fanciullo nella piccola scuola del villaggio ha udito questo


nome. Lha udito loperaio che scava una via nelle viscere della
montagna; il contadino che presso la palude strappa il frutto alla
terra maligna; il pastore nelle verdi solitudini...
In una scuola, in una via, dentro una casa, sopra una nave,
sotto una tenda, dovunque suona, anche nella ricca variet dei suoi
dialetti, la lingua nostra, il nome di Dante un punto luminoso
in alto...
Ogni nazione, quando vuol esprimere brevemente il proprio
valore nella storia della civilt, dice il nome dun suo figlio glo
rioso. La nostra nazione, con una voce sola, con la voce del pi
dotto e del pi um ile dice: Dante.
La storia della civilt la storia di ci che ogni popolo
mette in comune con gli altri per vivere degnamente con gli altri.
Gli odii fra le nazioni e le guerre che tanto sangue e tante^grime
fanno versare sono soltanto la storia del mondo; ma la poesia e la
scienza, il lavoro dellingegno e il lavoro della mano sono la storia
della civilt, cio dello sforzo continuo che gli uomini fanno per
essere migliori, per rispettarsi e per amarsi. Dante diceva che vi
sono ricchezze di cui siamo tanto pi ricchi quanto pi ne do-
niamo agli altri. E questo appunto succede pei doni di civilt che
i popoli si fanno tra loro. Quello rimane pi ricco che d di pi.
L'Italia ha dato moltissimo. E quando vuol dire tutto in una sola
parola, raccoglie i secoli in due sillabe e dice Dante...
Il nome appartiene al mondo per sempre. come dire le Alpi.
come dire il Danubio. come dire Roma.
Tutti sanno che nel cielo c' una stella che si chiama la stella
polare.
Tutti sanno che sulla terra c' un albero che si chiama la
quercia.
Tutti sanno che nel cuore degli uomini c' un sentimento che
si chiama l'amore.
Tutti sanno che c un grande poeta italiano: D a n t e .
ETTORE JA N N I

ESERCIZI

1. Domande alla lettura:


Chi era Dante?
Che donna amava?
Qual la sua opera immortale?
In che parti divisa la Divina Commedia?
Che cosa dice di Dante Ettore Janni?
Pu riptere le sue parole?
Dove morto Dante?

2. Costruire 10 frasi interrogative riguardanti la lettura usando


le forme convenienti degli aggettivi e dei pronomi interrogativi.

3. Sostituire ai puntini gli aggettivi e i pronomi interrogativi


convenienti:
. . . ha pagato per questo soprabito?
. . . sono i film italiani che hai visto a Varsavia?
. . . attore italiano Le piace di pi?
. . . ha letto nel giornale?
. . . ti ha detto Maria?
. . . ti ha dato codesta penna?
Da . . . tempo studi litaliano?
In . . . via vive la fam iglia Lombardi?
Con . . . sei stato al teatro?
Di . . . questa matita rossa?
A . . . avete offerto i fiori?
. . . tempo fa oggi?

4. Tradurre in italiano:
Ile czasu trwa lek cja? Kto zna F lorencj? Czego si boisz? Z cze
go jest to pudeko? Jak ksik kupi Aldo? Co chcesz zobaczy?
Kto jest ten pan? Na jakiej ulicy mieszkacie? Od jak dawna uczycie si
woskiego? Z kim pjdziesz na koncert? O czym czytaa Klaudia w e
wczorajszej gazecie? Jakie wino wolisz, biae czy czerwone? Kto po
trafi przetumaczy ten list? Od ilu dni nie bye w szkole? Ile kosztu
j te czarne pantofle? Co ci jest? Co ci wczoraj powiedziaa Maria?
Od kogo otrzymaa tyle kwiatw? Co si znajduje w tym paacu?
Jakie rzeby Michaa Anioa bdziesz podziwia w e Florencji?

P R O V E R B IO

Chi dorme non piglia pesci.


29. Lezione ventinovesima
A ggettivi numerali ordinali
Uso degli aggettivi numerali cardi
nali e ordinali

GRAMMATICA

AGGETTIVI NUMERALI ORDINALI (Liczebniki porzdkowe)

I primo, -a, -i, -e VI sesto


II secondo, -a, -i, -e VII settim o
III terzo V ili ottavo
IV quarto IX nono
V quinto X decimo
XI undicesimo, undecimo, decimoprimo
XII dodicesimo, duodecim o, decimosecondo
XIII tredicesimo, decim oterzo
XIV quattordicesimo, decimoquarto
XV quindicesimo, decimoquinto
XVI sedicesimo, decimosesto
XVII diciassettesimo, decim osttim o
XVIII diciottesim o, decim ottavo
XIX diciannovesimo, decimonono
XX ventesim o, vigesimo
XXI ventunesim o, ventesim oprim o
XXII ventiduesim o, ventesimosecondo
XXIII ventitreesim o, ventesim oterzo
XXIV ventiquattresim o, ventesim oquarto
XXV venticinquesimo, ventesim oquinto
XXVI ventiseesim o, v ente simose sto
XXVII ventisettesim o, ventesim osettim o
XXVIII ventottesim o, ventesim ottavo
XX IX ventinovesim o, ventesimonono
XXX trentesim o, trigesim o
XXXI trentunesim o, trentesim oprim o
XL quarantesimo
L cinquantesimo, CL centocinquantesimo
quinquagesimo CC duecentesimo
LX sessantesimo CCC trecentesim o
LXX settantesim o M m illesim o
LX XX ottantesim o MM duem illsim o
LC novantesim o centom illesim o
C centesimo M milionesimo
CL centunsimo,
centsim oprim o
A ggettivi numerali ordinali si accordano con il nome che ac
compagnano in g e n e r e e d i n n u m e r o .

USO DEGLI AGGETTIVI NUMERALI CARDINALI E ORDINALI


(Uycie liczebnikw gwnych i porzdkowych)

1. Gli aggettivi c a r d i n a l i si usano per indicare


le ore:
Sono le tre ; verr alle cinque.
Lavoro dalle otto alle quattro.

i giorni del m ese, eccetto il primo del mese:


il prim o gennaio
il due febbraio
il dieci marzo
Oggi abbiamo il 20 aprile 1970.

gli anni:
m illenovecentocinquantanove ^
Roma, 13 maggio 1960

il numero delle cose o delle persone:


tre studenti
cento libri
il numero della casa:
via della Colonna 4 (quattro)
via Garibaldi 18 (diciotto)

la pagina:
pagina 129 (centoventinove)

2. Gli aggettivi o r d i n a l i si usano per indicare

il numero d'ordine delle persone e delle cose:


il terzo presidente degli Stati Uniti
il quarto piano
la seconda via a destra

i secoli:
il secolo decimo
il ventesim o secolo
il secolo decimosesto

con i nomi dei sovrani e dei papi:


Luigi XIV (quattordicesim o) re di Francia
Vittorio Emanuele II (secondo)
Paolo VI (sesto)

In italiano esistono tre maniere di indicare il secolo:


* XIII (tredicesimo) secolo, secolo decimoterzo il Duecento
XIV (quattordicesimo) secolo, secolo decimoquarto il T re
cento
XV (quindicesimo) secolo, secolo decimoquinto il Quattro-
cento
XVI (sedicesimo) secolo, secolo decimosesto il Cinquecento
XVII (diciasettesimo) secolo, secolo decimosettimo il Sei
cento
XVIII (diciottesimo) secolo, secolo decimottavo il Settecento
XIX (diciannovesimo) secolo, secolo decimonono l'Ottocento
XX (ventesimo) secolo, secolo ventesimo il Novecento

I secoli che vanno dal secolo XIII in poi si chiamano special-


mente nella letteratura, nella storia e nell'arte il Duecento, il
T recento, ecc.:
Il 1200 (milleduecento) l'anno.
Il Duecento il secolo.
I trecentisti i pittori o gli scrittori del Trecento.

I nomi dei secoli si scrivono con l'iniziale maiuscola:


il Cinquecento il Novecento

Scrivendo la data corrente si pu servirsi dell'abbreviazione


seguente:
il 14 settembre '48 (1948)
il 2 ottobre '59 (1959)
il 22 marzo '70 (1970)

LETTURA

RAVENNA

Ravenna fra le citt italiane una delle pi interessanti. Vi


si incontrano i grandi nomi della storia: Augusto, Teodorico, Gius
tiniano, Dante, che evocano le grandezze dei secoli passati. La
citt situata fuori della via Emilia, ma molte linee ferroviarie
e autostrade la mettono in comunicazione con le altre citt e c o n .
le spiagge dell'Adriatico, attraversando le pinete millenarie il cui
fascino ispirava tanti poeti.
Celebri sono nel mondo le basiliche ed i mausolei di Ravenna.
La Basilica di San Vitale, fondata nel VI secolo, un tempio di
tipo romano-bizantino. nota per la sua costruzione, la bellezza
e la ricchezza dei marmi e soprattutto dei meravigliosi mosaici
che rappresentano limperatore Giustiniano e l im peratrice^eodo-
ra, dai colori cos vivaci e dall'oro cos fresco e scintillante.
Tra i mausolei il pi celebre quello di Teodorico, anche del
secolo VI. Lo copre una cupola di sasso che pesa 300 tonnellate,
ha un metro di spessore e dieci di diametro.
Con tanti tesori antichi Ravenna possiede ancora la tomba di
Dante, Divino Poeta, e sul tempietto che conserva la sua salma
leggiamo con emozione quest'iscrizione latina: Dantis poetae
sepulcrum il sepolcro del poeta Dante. Attorno ad esso stata
creata una zona del silenzio che comprende i luoghi frequentati
dal poeta.
Grandi tesori artistici contiene l'Accademia di Belle Arti, fon
data nel 1827. I visitatori vi ammirano la statua di Guidarello Gui-
darelli * di Tullio Lombardo, opera darte che costituisce uno dei
capolavori del Rinascimento italiano.
Percorrendo le strette vie di Ravenna il turista pu dimenti
care l'epoca moderna e sentirsi trasportato nell'antichit e nel
Medio Evo, cos suggestivo tutto ci che lo circonda.

ESERCIZI

1. Domande alla lettura:


Dove situata Ravenna?
Perch cos visitata dai turisti?
Dove si trovano i pi clebri mosaici di Ravenna?
D escrivere il mausoleo di Teodorico.
Che cosa la zona del silenzio?
Quale la pi famosa scultura deirAccadem ia di B elle Arti?
Chi era Guidarello Guidarelli?
Perch il turista, trovandosi a Ravenna, pu sentirsi trasportato nei
secoli passati?

2. Scrivere con lettere i seguenti aggettivi numerali ordinali:


9 13 17
23 42 58
75 126 300 1000

3. Sostituire ai puntini l'aggettivo numerale conveniente scrit


to in lettere:
Finiremo il lavoro alle . . .
Maria ha vinto . . . lire in Lascia o Raddoppia.
Il . . . maggio sar a Roma.

* Guidarello Guidarelli era soldato di Csare Borgia; stato ucciso


a tradimento a Imola nel 1501 durante una lite.
Maria abita a Firenze in via Ricsoli . . .
Troverai questo poema a pagina . . .
Aldo per il suo onomastico ha ricevuto . . . libri.
Dante viveva nel scolo . . .
Luigi . . . era chiamato Re Sole.
Il grande pianista inglese ha vinto il . . . premio al concorso musicale.
Non posso salire al . . . piano.

4. Tradurre in italiano:
Pierwszego padziernika rozpoczyna si rok szkolny. W roku 1916
miaa m iejsce bitwa pod Verdun. Bd ci oczekiwa od sidmej do
smej. 45 studentw uczy si jzyka woskiego. M ieszkaem w Turynie
przy ulicy Antinori 8. Na stronie 318 jest fotografia Mont Blanc. Druga
wojna w iatowa trwaa 6 lat. Mieszkanie Maria jest pooone na szstym
pitrze. W w ieku XVI w ielu Polakw studiowao na uniwersytetach
Bolonii i Padwy. Karol V prowadzi w ojn z Franciszkiem I.

PR O V E R B IO

Una mano lava l altra e tutte due lavano il viso.


30. Lezione trentesima
Imperativo
Im perativo dei verbi riflessivi
Forma negativa dellimperativo
Forma negativa dellim perativo dei
verbi riflessivi

GRAMMATICA

IMPERATIVO (Tryb rozkazujcy)

Forma affermativa

I II III
parlare credere partire finire

parla credi parti finisci


parli creda parta finisca
parliamo crediamo partiam o finiamo
parlate credete partite finite
parlino credano partano finiscano
L'imperativo non ha la prima persona.

E sem p i:

(Tu) Maria, parla un po' francese!


(Lei) Signorina, canti per favore una canzone polacca!
(Noi) parliamo a voce bassa, perch Maria dorme.
(Voi) parlate italiano durante la lezione!
(Loro) parlino polacco, Signori, io capisco tutto.

Avere
abbiamo
abbi abbiate
abbia abbiano
siamo
sii siate
sia siano
Abbi pazienza, Maria!
Sii tranquillo, tutto va bene!
Abbia un podi coraggio, Signora!
Sia buono, Signore, e mi porti questa valigia!

IMPERATIVO DEI VERBI RIFLESSIVI


(Tryb rozkazujcy czasownikw zwrotnych)

lavarsi

lavati Lavati bene con lacqua calda!


si lavi Si lavi, Signora, se vuole pu prendere un bagno.
laviamoci Laviamoci presto!
lavatevi L avatevi in questa stanza da bagno.
si lavino Si lavino, Signori, con l acqua fredda.

FORMA NEGATIVA DELLIMPERATIVO


(Forma przeczca trybu rozkazujcego)

La seconda persona del singolare nella forma negativa dellim


perativo = non + infinito:

II III
parlare credere partire finir e

non parlare non credere non partire non finire


non parli non creda non parta non finisca
non parliamo non crediamo non partiam o non finiamo
non parlate non credete non partite non finite
non parlino non credano non partano non finiscano
Non parlare tanto!
Non creda alle sue parole!
Maria, non partire stasera!
Bambini, non cantate tutto il giorno!

Avere Essere

non avere non essere


non abbia non sia
non abbiamo non siamo
non abbiate non siate
non abbiano non siano

Non avere illusioni!


Non abbiano paura, il mio cane non morde!
Maria, non essere cos cattiva!
Signore, non sia scortese!

FORMA NEGATIVA DELLIMPERATIVO


DEI VERBI RIFLESSIVI
(Forma przeczca trybu rozkazujcego czasownikw zwrotnych)

Alzarsi

non alzarti Non alzarti alle cinque!


non si alzi Non si alzi cos presto!
non alziamoci Non alziamoci tardi!
non alzatevi Non alzatevi prima di prendere la medicina!
non si alzino Non si alzino, sono malati!

Sulle antiche spade fiorentine erano scritte queste parole:


Non ti fidar di me se non hai cuore (cuore = coraggio).
Il non ti scordar di me nome di pianta = la miosotide (nie
zapominajka).

14 S tu d ia m o la lin g u a
209
LETTURA

DIALOGHI

Al telefono

Renzo vuole parlare con Beatrice, la sua compagna di scuola


e la chiama al telefono. Il suo numero : 74 821.
R e n z o . Pronto? Posso parlare con Beatrice?
S i g n o r d A n d r e a , padre di Beatrice. La chiamo subito.
B e a t r i c e . Pronto? chi parla?
R e n z o . Qui Renzo, buona sera, Beatrice.
B e a t r i c e . Renzo? Buona sera. Cosa fai che non ti vedo da
parecchio tempo?
R e n z o . Sono occupatissimo, studio molto e negli ultim i giorni
stavo poco bene.
B e a t r i c e . Mi dispiace. Senti, Renzo, sii ragionevole, non
studiare tanto! Riposati un po\
R e n z o . Senti, cara, che cosa fai domenica? Hai tempo? Vieni
con me ad Ostia. Ci divertiremo assai.
B e a t r i c e . Con piacere. Non dimenticare soltanto di prendere
la tua macchina fotografica, la mia si guastata.
R e n z o . Benissimo. La porter senz'altro.
B e a t r i c e . Ti aspetter.
R e n z o . Allora sii pronta per le 10. Vengo a prenderti. Cio
cara.
B e a t r i c e . A domenica, cio.

Al ristorante

Durante il suo soggiorno a Milano, Claudia ha fatto conoscenza


con un simpatico giovanotto, ingegnere elettrotecnico, impiegato
nei grandi stabilimenti di Breda.
Silvio Montesanto l ha invitata a pranzo al ristorante Ruffini,
sotto la Galleria Vittorio Emanuele.
S i l v i o . Signorina, ecco la lista, che cosa prende?
C l a u d i a . Incominciamo con antipasto assortito e dopo pren
diamo tortellini al brodo.
S i l v i o . Che vino beve?
C l a u d i a . Prima un po' di vino bianco e per dopo penseremo.
S i l v i o . Mi racconti le sue impressioni di Milano.
C l a u d i a . Mi diverto moltissimo, la fiera interessante, e allo
stesso tempo sono contenta di rivedere mia zia.
S i l v i o . Sia buona, Signorina, e mi permetta di venire un
giorno dalla sua zia.
C l a u d i a . Naturale, anzi mi far molto piacere.
S i l v i o . Ma non abbia fretta con la sua partenza!
C l a u d i a . Cercher. Penso di poter rimanere a Milano ancora
una settimana.
S i l v i o . Sono felice. Allora bisogna organizzare bene il suo
soggiorno a Milano. Possiamo anche con la mia macchina
visitare i dintorni dell citt.
C l a u d i a . Benissimo. Dobbiamo andare al Lago di Como, non
lo conosco ancora.
S i l v i o . Ma La prego tanto, non dica che lar sua partenza
avverr cos presto.
C l a u d i a . Non si preoccupi. Ci rivedremo a Roma.
S i l v i o . Senzaltro, verr fra poco.
C l a u d i a . Allora mi chiami domani al telefono, prima del
le 10, io sar pronta per la gita.
S i l v i o . cos gentile. Mi far tanto piacere.

STORNELLO

Canta canzone e l amo non amato,


la lima non il limone, destate lo studente
canta stornello, un giorno studia poco
la cappa non il cappello, e l altro niente...
la buca non fa il bucato
G IA N N I R O D A R I

14*
211
ESERCIZI

1. Coniugare all'imperativo i seguenti verbi (forma afferma


tiva e negativa):
mangiare chiudere
telefonare vestirsi
aprire pulire

2. Sostituire all'infinito il verbo all'imperativo:


Aldo, (prndere) la penna e (scrivere) presto una lttera allo zio.
Maria, non (alzarsi) troppo tardi!
Signore, (comprare) un chilo di arance!
Figlio mio, non (mentire) mai!
Zia, (preparare) per noi un bel piatto di spaghetti al pomodoro.
Mamma, (sentire) questi fiori, che bel profumo!
Signorina, (ssere) prudente, ci sono m olti ladri in quel luogo!
Aldo, (vergognarsi) per quella cattiva nota che hai riportato dalla
scuola!
Signore, (ssere) buono e non (russare) stanotte!
Signora, (avere) pazienza con i suoiallievi!

3. Tradurre in italiano:
Przeczytaj Bosk K om edi Dantego. Napisz to wiczenie. Bd
dobry dla zwierzt. Niech pan nie dotyka tych drutw. Zjedz jabko.
Spjrz na to jezioro. Nie m w o Marii. N ie m yl o podry. Przynie
gazet. Kup znaczek pocztowy.

4. Comporre due piccoli dialoghi fra due persone:


a. che si danno del tu,
b. che si danno del Lei.

PRO VERBI

Soli, sorvegliamo i nostri pensieri, in famiglia il nostro umore,


in societ la nostra lingua!
Non ficcare il tuo naso negli affari degli altri!
Non parlare arabo nella casa del Moro!
Non insultare il coccodrillo finch non sei uscito dal fiume!
Vesti un ciocco, pare un fiocco.
Vesti una colonna, la pare una bella donna.
31. Lezione trentunesima
Verbi impersonali (2)

GRAMMATICA

VERBI IMPERSONALI (2) (Czasowniki nieosobowe)

Nell' undicesima lezione abbiamo parlato dei verbi im


personali e abbiamo detto che i verbi impersonali, non avendo un
soggetto, si usano solo nella terza persona del singolare per indi
care i f e n o m e n i a t m o s f e r i c i :
piove tuona nevica lampeggia

Nel passato prossimo questi verbi si coniugano con l'ausiliare


ssere o avere:
Ha piovuto tutta la notte. nevicato molto.

Se questi verbi sono usati nel senso figurativo si coniugano


con essere:
Sono piovu ti gli applausi.
L eredit gli piovuta dal cielo.
fa freddo fa giorno fa scuro
fa caldo fa notte fa brutto tem po
fa buio fa bel tem po
Ha fatto freddo.
1. Ci sono anche le espressioni i m p e r s o n a l i :

bisogna ) , . conviene )
trzeba . \ wypada
occorre f im porta
basta = wystarczy accade wane jest
sembra ) . avviene )
pare [ wydaje si [ zdarza si
Nei tempi composti questi verbi si coniugano con l ausiliare
ssere:
convenuto bisognato bastato sono bastate

2. Le espressioni impersonali con il verbo s s e r e :


giusto chiaro necessario
facile possibile inutile
difficile im possibile
bene utile

3. Il participio passato usato con il verbo s s e r e (forma


passiva):
vietato zabrania si
proibito
perm esso zezwala si

4. T u t t i i verbi possono formare l espressione impersonale


usando il pronome s i:
si dice si crede si scrive
si parla si pu si vuole
si racconta si vede

Il pronome si pu anche avere la funzione passivante:


Si dicono spesso le bugie.
Si raccontano molte storie inverosimili.
Si vendono giornali italiani.

Nei tempi composti si usa lausiliare ssere:


si riso si fatto
si detto si viaggiato
(laccordo)

5. I verbi riflessivi si rendono i m p e r s o n a l i se sono pre


ceduti nella 3-a persona singolare dal pronome c i:
ci si lava ci si veste
Esempi:
Tutta la notte piove a dirotto.
N evicava tutto il giorno.
Mi occorre un libro.
Mi occorrono dei libri.
Basta unora.
Bastano poche ore.
Ci vuole un libro.
Ci vogliono molti libri.
Avvengono
Accadono molte cose strane.
Succedono
Domani far bel tempo.
Fa molto buio in questa stanza.
Bisogna studiare con diligenza.
Sem bra ssere un ragazzo ben educato.
possibile imparare litaliano in un anno.
necessario andare ogni tanto a teatro.
Si dicono molte cose buone e cattive.
Si vedono molti film francesi a Varsavia.
Si pu attraversare il fiume in una barca.
vietato di fumare in questo scompartimento.
Che cosa successo?

LETTURA

L IT AL IA CENTRALE

LItalia Centrale comprende quattro regioni: la Toscana,


lUmbria, le Marche ed il Lazio.
Se andiamo in Toscana dallEmilia, dobbiamo traversare gli
Appennini; ma il turista che si prepara a godere delle vedute me
ravigliose ben presto deluso, perch ci sono tanti trafori (tunnel)
e il treno ogni tanto passa sotto le gallerie scavate nel fianco della
montagna.
Siena. Duomo

La Toscana la culla dellarte, della civilt, la regione dove


si parla il miglior italiano, nonostante il famoso detto: ,,la lingua
toscana in bocca romana.
La regione ricca di cave di marmo, di prodotti agricoli, il
suo suolo produce eccellenti vini, tra i quali il pi famoso il
Chianti, lolio, frutta e castagne. ben sviluppato anche lalleva
mento del bestiame.
Dopo la Sardegna la Toscana la regione .pi ricca di mine
rali: il marmo di Carrara, lalabastro di Volterra, il mercurio, il
ferro dellisola dElba, ecc. Per questo la vita industriale vi molto
attiva e le industrie metallurgiche e meccaniche, tessili, (Prato) la
fabbricazione delle maioliche artistiche (Pistoia) sono ben svilup
pate. Naturalmente una delle pi importanti lindustria turistica.
Capoluogo Firenze, patria di Dante, e centro della vita arti
stica. Tutta la citt uno splendido museo che contiene tesori
inestimabili dellarte italiana. Tra le altre citt importanti della
Toscana possiamo ricordare Siena, ricca di bellissimi monumenti
che pare oggi una citt trasportata dal Medioevo, Pisa, celebre per
Toscana


la sua Torre Pendente, Arezzo patria del grande poeta Fran
cesco Petrarca, Livorno grande porto, e Viareggio elegante
spiaggia sul Mar Tirreno.
La seconda regione, l Umbria, chiamata la Verde, perch
la coprono boschi e pascoli. Vi si stende il grandioso lago Trasi
meno, conosciuto dalla storia romana.
LUmbria la regione agricola che produce frumento, vino,
e i suoi pascoli permettono di sviluppare l allevamento del
bestiame. Capoluogo Perugia, bellissima citt piena di monu
menti storici e di opere darte, nota oggi per la sua Universit per
gli stranieri che attira migliaia di studenti da tutte le parti del
mondo.
Tra le altre citt bisogna visitare Assisi, patria di San Fran
cesco, con la Basilica affrescata da Cimabue e da Giotto, e Gubbio,
famosa per la sua industria delle ceramiche artistiche.
Poi ci sono le Marche, regione montuosa e pittoresca, essen
zialmente agricola. Vi si alleva anche il bestiame e sviluppata la
pesca.
Ad Ancona, citt capoluogo, porto assai attivo, ci sono impor
tanti cantieri navali. Fra i monumenti possiamo ammirare il
bellissimo Arco di Traiano. Urbino patria del grande pittore
Raffaello Sanzio e Pesaro, quella di Gioacchino Rossini, compo
sitore della famosa opera Barbiere di Siviglia. A Recanati nato
Giacomo Leopardi, celebre poeta del secolo scorso.
Il Lazio la regione pi importante perch vi si trova Roma, la
capitale. Nel Lazio scorre il Tevere e ci sono molti laghi bellissimi
che occupano crateri di antichi vulcani. La regione produce i c-
Lazio, Abruzzo e Molise

lebri vini dei Castelli, dei quali parla la canzone Arrivederci


Roma.... Vi fioriscono le industrie tessili, meccaniche, cinemato
grafiche (Cinecitt) e naturalmente molto sviluppata l'industria
turistica e alberghiera.
Roma, la capitale, conserva fra le sue mura monumenti dell'an
tichit, palazzi, chiese e musei, e vi si possono ammirare le opere
dei pi grandi artisti del Rinascimento. Il porto del Lazio Civi
tavecchia, unita con la Sardegna da un servizio marittimo.
Ai confini del Lazio si trova Monte Cassino, celebre per l Ab
bazia dei Benedettini, costruita nel VI secolo, rovinata durante
lultima guerra mondiale e dopo ricostruita.

ESERCIZI

1. Domande alla lettura:


Quali sono le regioni dellItalia Centrale?
Che cosa bisogna attraversare per venire a Firenze da Bologna?
In che regione si parla il miglior italiano?
Quali sono le ricchezze della Toscana?
Quali sono le citt pi importanti della Toscana?
Dove si estrae il ferro?
Quale grande poeta nato ad Arezzo?
Perch l Umbria chiam ata la Verde?
Che cosa produce?
Perch tanti stranieri vngono a Perugia?
Quali pittori hanno affrescato la Basilica di Assisi?
Chi nato ad Urbino?
Come si chiama la pi popolare opera di Rossini? La conosce?
In che regione situata Roma?
Quali sono le pi importanti industrie del Lazio?
Perch i Polacchi vanno a visitare Monte Cassino?

2. N elle seguenti frasi m ettere il verbo nella forma impersonale


del presente, futuro, imperfetto:
(Lampeggiare) tutta la notte.
(Tirare vento) e la gente (correre) dietro i cappelli.
(Fare caldo) durante l estate.
In dicembre (fare notte) gi alle quattro.
(Parere) una piccola bambina.
(Bastare) unora per arrivare alla stazione.
(Essere facile) imparare a memoria quella poesia.
(Essere difficile) di salire tanti scalini.
(Parlare) del matrimonio di Maria.
(Raccontare) le avventure di Carlo in Africa.
(Essere permesso) di entrare in quellufficio.
(ssere vietato) di accndere tutte le lampade.

3. Tradurre in italiano:
Grzmi cay wieczr i jest bardzo zimno. Przed burz byska si i w ieje
silny wiatr. Trzeba pozamyka w szystkie okna. Co dzie co si u nas
dzieje. Poytecznie jest czyta w iele ksiek. Niem oliw e jest zapa
m ita te w szystkie daty. Mona nauczy si tego wiersza w cigu jedne
go dnia. Z okna wida morze. Mwi si bardzo le o tym czowieku.
Zezwala si na zakup tych towarw.

P R O V E R B IO

Rosso di sera, bel tempo si spera.


32. Lezione trentaduesima
Forma passiva del verbo

GRAMMATICA

FORMA PASSIVA DEL VERBO


(Strona bierna czasownika)

I verbi si dividono in due grandi gruppi: verbi t r a n s i t i v i


e verbi i n t r a n s i t i v i .
Soltanto i verbi transitivi hanno la forma passiva. La forma
passiva molto facile da costruire, perch, come nel polacco,
composta del verbo essere e del p a r t i c i p i o p a s s a t o . Si
coniuga il verbo ssere nel tempo conveniente e si aggiunge il
participio passato.

Infinito
ssere punito, -a, -i, -e

Presente
io sono punito, -a noi siamo puniti, - e .
tu sei punito, -a voi siete puniti, -e
egli punito essi sono puniti ;
ella punita esse sono punite
Lei punito, -a Loro sono puniti, -e
Fut uro
io sar punito, -a noi saremo puniti, -e
tu sarai punito, -a voi sarete puniti, -e
egli sar punito essi saranno puniti
ella sar punita esse saranno punite
Lei sar punito, -a Loro saranno puniti, -e
io ero punito, -a noi eravamo puniti, -e
tw eri punito, -a voi eravate pu n iti, -e
egli era punito essi erano puniti
ella era punita esse erano punite
Lei era punito, -a Loro erano pu n iti, -e
Passato prQssimo
io sono stato, -a, punito, -a noi siamo sta ti, -e, pu n iti, -e
tu sei stato, -a, punito, -a voi siete stati, -e, pu n iti, -e
egii stato punito essi sono stati puniti
ella stata punita esse sono state punite
Lei stato, -a, punito, -a Loro sono stati, -e, pu n iti, -e

Gerundio
Essendo punito, -a, -i, -e
Imperativo
sii punito, -a
sia punito, -a
siamo puniti, -e
siate puniti, -e
siano puniti, -e

Esempi:
Venezia situata sulle isolette.
La scuola sar chiusa fino al settembre.
Il ristorante era aperto tutto il giorno.
Quel quadro stato dipinto recentemente.
La macchina sar venduta al signor Nesti.

Luso della preposizione da nella forma passiva:


La traduzione fatta da MarJa.
La casa di Maria stata costruita da suo padre.
Su amato da tutti!
Il romanzo Lettere da Capri stato scritto da Mario Soldati.
Questo film sar ammirato da moltissimi spettatori.
LETTURA

FIRENZE

Il capoluogo della Toscana un vero museo, pieno di bellissim e


opere darte e di monumenti storici. I pi grandi architetti e altri
artisti italiani hanno lavorato per rendere Firenze cos bella
e ricca.
Situata sul fiume Arno, circondata dalle colline, con il cielo
quasi sempre azzurro, la citt dei fiori una delle pi belle
citt italiane, molto visitata dai turisti.
LUniversit di Firenze organizza ogni anno dei corsi di lingua,
di letteratura, di storia e di storia dellarte italiana per gli stu
denti stranieri, che vengono numerosi a studiare e a conoscere
i tesori della letteratura e dellarte italiana.
Il centro della citt occupato da Piazza del Duomo con tre
monumenti famosi nel mondo: il Duomo (la cattedrale), il .Cam
panile di Giotto, alto 82 m e il Battistero con la magnifica porta
di bronzo dorato di Lorenzo Ghiberti, chiamata da Michelangelo
per la sua bellezza Porta del Paradiso.
La Cupola del Duomo, opera di Brunelleschi, grande architetto
del Quattrocento, misura 91 m di altezza e 45 m di diametro.
A Firenze si trovano le due pi ricche gallerie del mondo: Gal
leria degli Uffizi e Galleria Pitti con le opere di pi grandi pittori
italiani: Leonardo, Michelangelo, Raffaello, Botticelli, Andrea del
Sarto, Tiziano e tanti altri.
Questi due palazzi situati sulle rive opposte dellArno comuni
cano fra loro grazie al lunghissimo Corridoio Vasariano che
dagli Uffizi, scendendo verso il fjume, passa sul Ponte Vecchio
e raggiunge il Palazzo Pitti.
qui esposta la Collezione degli Autoritratti, tra i quali quello
di Raffaello, Tiziano, Canova e altri. Vi si possono anche ammirare
alcuni ritratti di polacchi.
Il Ponte Vecchio unaltra meraviglia dellantica Fiorenza,
il pi vecchio ponte della citt che ha conservato fino ai nostri
giorni il suo aspetto medioevale.
Il ponte prolunga la va che vi sbocca ed ha su ambedue i lati
Firenze. Palazzo Vecchio
delle case con le bellissim e piccole botteghe, specialmente di ore
fici, pellettieri, e ricamatrici (celebri ricami fiorentini).
I turisti visitano con commozione la casa di Dante e quella di
Michelangelo Buonarroti, architetto, scultore, pittore e anche*
poeta che ha lasciato opere magnifiche. A Firenze abbiamo alcuni
suoi quadri negli Uffizi, e nella Galleria dell'Accademia di B elle
Arti c un suo capolavoro di scultura, la statua di David, bellissi
mo giovane, collocata prima sulla Piazza della Signoria davanti
al Palazzo Vecchio e poi riparata dalle intemperie nella Galleria
dellAccademia. Celebri sono anche le tombe medicee nella chiesa
di San Lorenzo, con le bellissim e statue della Notte e del Giorno.
Ed ecco un epigramma, scritto da Giovanni Strozzi, gentiluomo
fiorentino, ammiratore del Buonarroti, sopra la Notte:
,,La notte, che tu vedi in s 1 dolci atti
Dormir, fu da un Angelo scolpita
In questo sasso, e, perch dorme, ha vita.
Destala, se n o i2 credi, e parlertti 3.
Rispondendo a questepigramma *, Michelangelo si rivolge al
suo amico Strozzi e anche ai visitatori con i seguenti versi, pro
nunciati dalla Notte stessa:
Grato mi il sonno e pi Tesser di sasso:
Mentre che il danno e la vergogna dura
Non veder, non sentir mi gran ventura.
Per non mi destar, deh! parla basso.

1. s = cos
2. noi = non lo
3. p a r l e r a t t i = ti parler

ESERCIZI

1. Domande alla lettura:


Perch Firenze una citt cos bella?

* Epigramma = breve componimento potico che esprime un con cetto


arguto.

15 S tu d ia m o la lin g u a
225
Che cosa vengono a studiare a Firenze gli studenti stranieri?
Quali monumenti occupano il centro della citt?
Come si chiamano le pi grandi gallerie dellarte fiorentine?
Le opere di quali artisti vi si possono ammirare?
Come sono unite queste gallerie?
Perch il Ponte Vecchio cos interessante da vedere?
Quali opere di M ichelangelo possiamo ammirare a Firenze?
Dove si trova oggi il David?
Che cosa dice la poesia di Giovanni Strozzi scritta alla Notte?

2. Volgere alla forma passiva:


La mamma punisce i bambini.
Il maestro loda Aldo.
Lavvocato difender l accusato.
Mar:a ha mangiato la mela.
10 ho preparato il pranzo.
Ogni giorno la donna di servizio comprava delle patate.
Tu m etterai i fiori nel vaso.
11 babbo picchia Maria.
Egli spediva molte lettere.
Larchitetto costruir una bella casa.

3. Volgere alla forma attiva:


Questa canzone stata cantata da Rita Pavone.
Una citt moderna sar costruita dagli ingegneri polacchi.
Quel libro stato tradotto in italiano da un noto scrittore.
I giornali erano letti da tutti gli abitanti.
Venezia chiamata da tutti la Regina del m are.
I monumenti di Milano sono ammirati da molti turisti.
Le citt italiane erano visitate da m igliaia di stranieri.
La D ivina Commedia di Dante sar studiata dai nostri studenti.
U ltim am ente quel paesaggio stato dipinto da un pittore polacco.
I mobili antichi sono stati venduti dal proprietario.

4. Tradurre in italiano e volgere al passivo:


Przygotujem y kolacj. Maria sprztna pokj. Inynier budowa
nowoczesne domy. Nauczycielka pochwali ucznia. Anna bije dzieci.

5. Tradurre in italiano e volgere allattivo:


List zosta napisany przez ni. Dowcipy bd opowiadane przez Mi
chaa. Muzeum jest zwiedzane przez cudzoziemcw. By poszukiwany
przez policj w szystkich krajw. Krakw jest kochany przez wszystkich
Polakw.
Lamicizia ci data dalla natura, non per favorire il vizio, ma
per sostenere la virt.

Stornelli * toscani

I
Fiorin di menta,
al bambolino la sua mamma canta;
canta la mamma e il bimbo saddormenta.

II
Fiorin di more,
tre cose non si possono scordare:
la mamma, lamicizia e il patrio amore.

* S t o r n e l l o = forma poetica popolare con la quale in tre Versi si


invoca un fiore e si esprime un pensiero gentile.
33. Lezione trentatresima
Im perativo dei verbi irregolari

GRAMMATICA

IMPERATIVO DEI VERBI IRREGOLARI


(Tryb rozkazujcy czasownikw nieregularnych)

I seguenti verbi irregolari da noi studiati quest'anno hanno


l'imperativo i r r e g o l a r e :

andare dare dire fare sapere

v a9 da' di' f a sappi


vada dia dica faccia sappia
andiamo diamo diciamo facciamo sappiamo
andate date dite fate sapete
vadano diano dicano facciano sappiano

stare tenere uscire venire volere

sta tieni esci vieni vogli


stia 'tenga esca venga voglia
stiamo teniamo usciamo veniamo vogliamo
state tenete uscite venite volete
stiano tengano escano vengano vogliano

dam m i dam m i questo libro


dim m i dimm i la verit
fam m i fam m i il piacere
Esempi:
Andiamo al cinema stasera.
Mi dia un po' di zucchero.
Mi dica, Signora, come si chiama suo fratello?
Fa attenzione, pericoloso sporgersi.
Sappi, che questo ti andr molto male.
Stia tranquillo, Signore, il treno arriver certamente.
Tieni sempre la tua promessa.
Non esca durante la pioggia.
Venga con me al concerto.
Voglia accettare i miei migliori auguri.
Si accomodi, Signora.
Legga questo racconto, per favore.
Scusi, se La interrompo.
Pulisca bene le sue scarpe!
Apra la porta!
Dammi i guanti!
Finiscano presto, non posso aspettare pi!
Parliamo un po' italiano!
Favorisca dirm i che ora ?
Mi dica Tor esatta.
Mi dia due fiaschi di vino bianco.
Risponda a tutte le mie domande.

LETTURA

DIALOGO

Nel giardino di Boboli a Firenze

Michele venuto a Firenze per una gara campionaria di calcio


e avendo un pomeriggio libero si recato al giardino di Boboli,
dove ha incontrato Nino, il suo compagno di scuola.

N i n o . Cio Michele, cosa stai facendo a Firenze?


M i c h e l e . Vengo con Mario per una gara di calcio, ma tu
perch sei qui?
N i n o . Sono venuto con mio padre per assistere al matrimonio
della nostra cugina Liliana.
M i c h e l e . Hai tempo? Vieni con me visitare il giardino.
N i n o . Volontieri; andiamo allora al Belvedere per prendere
un espresso o se preferisci coca-cola, fa cos caldo.
M i c h e l e . Riposiamoci sulla terrazza del caff. Di' un po', sei
stato a vedere il film ,,11 ponte sul fiume Quai?
N i n o . Mi sono tanto entusiasmato per questa storia di prigio
nieri inglesi nel campo giapponese. Ogni mattina fischio quella
canzone.
M i c h e l e . Vieni, facciamo presto, forse riusciremo ad andare
stasera al cinema.
N i n o . Benissimo, ma va' ancora a prendere Mario, cos saremo
in buona compagnia e ci divertiremo un mondo.

IL MARMO

LItalia occupa il primo posto nella produzione mondiale del


marmo, che la pi bella pietra da costruzione e da orna
mento.
N elle Alpi Apuane in Toscana si trovano importanti giacimenti
di marmo, dallo spessore di mille metri.
A Carrara si estrae il famoso marmo bianco, molto apprezzato,
lo stesso dal quale Michelangelo creava i suoi capolavori.
N elle cave lavorano gli specialisti per tagliare, trasportare
e lucidare i blocchi.
Per il taglio i cavatori adoperano il filo dacciaio che, mosso
da un motore, stacca dei grandi blocchi di marmo. Gli esperti
operai li squadrano e li trasportano alle segherie dove il marmo
tagliato in colonne, in lastre o in blocchi pi piccoli.
In altre regioni dItalia possiamo incontrare molte cave che
danno marmi di ogni colore: grigio, nero, giallo, rosso, uniforme
o a venature.
Questa pietra fra le pi preziose materie prime dItalia.
Dal medico

Dottore, da qualche giorno ho dei disturbi allo stomaco.


Bene, favorisca spogliarsi.
E perch? Forse non crede a ci che Le dico?

In negozio

La cliente perplessa: Le tinte di questa stoffa sono troppo


forti, non mi piacciono.
Il commesso premuroso: Non si preoccupi, Signora, alla pri
ma lavatura vedr cambiano...

Il professore e lo studente

Un professore rimprovera un suo alunno per gli errori di orto


grafia:
Quando sei in dubbio consulta il vocabolario. Ci vuole
tanto poco!
Mai io non sono mai in dubbio, professore piagnucola lo
studente.

ESERCIZI

1. Sostituire allinfinito il verbo coniugato allimperativo:


Maria, (andare) al negozio e (comprare) un chilo di albicocche.
Signora, ma (dare) il suo indirizzo, le mander una cartolina da Napoli.
Ragazze, (dire) dove siete state ieri sera?
Amici, (fare) presto, non (prdere) tempo.
(Sapere) Lei, signore, non facile dimenticare certe cose.
Babbo, (stare) tranquillo, il bambino si gi addormentato.
Aldo, (tenere) quella signora, perch pu cadere.
Non (uscire) oggi, sei raffreddata.
(Venire), bambina mia, ti canter una canzone.
Signore, (volere) gradire i m iei pi sentiti ringraziamenti.*
2. Comporre un dialogo usando le forme irregolari deHim-
perativo.

3. Costruire seconda
la
deHimperativo dei seguenti verbi:
scrivere divertirsi
preparare lggere
recarsi mangiare
entrare addormentarsi
vestirsi aprire
svegliarsi servire
crdere vndere
pulire sentire
comprare capire
ritornare vedere

4. Tradurre in italiano:
Przyjd do mnie dzi o smej. Kup kartofle, cukier i maso. Nie
w ychod z domu, kiedy pada nieg. Przynie kilo mki, dwa kilo jabek
i wier kawy. Id do Maria, bo jest chory. Daj ojcu gazet. Powiedz
mi, skd masz te pienidze. Bd spokojna, wszystko bdzie dobrze.
Przygotuj prdko obiad, mam bilety do kina. Spij dobrze i nie myl
o egzaminie. Napisz ten list dzi jeszcze. Przeczytaj t ksik, jest bar
dzo ciekawa. Zostaw w domu parasol. Nie czekaj na Franka, przyjdzie
pniej. Wsta troch wczeniej.

P R O V E R B IO

Dimmi con chi vai, e ti dir chi sei.


34. Lezione trentaquattresima
Nomi alterati
A ggettivi alterati

GRAMMATICA

NOMI ALTERATI (Rzeczowniki zdrobniae, zgrubiae itp.)

Il suffisso aggiunto al nome altera il suo significato.


Il nome primitivo: la casa
Il nome alterato:

1. D i m i n u t i v o (zdrobnienie)
-etto, -a la casetta = piccola casa.
-elio, -a
-icello, -a
-erello, -a
-uzzo, -a
-uolo, -a

2. V e z z e g g i a t i v o (spieszczenie)
-ino, -a la casina = la casa piccola, bella, graziosa,
-czno, -a
-iccino, -a
-olino, -a
-ellino, -a

3. A c c r e s c i t i v o (zgrubienie)
-one, -a il casone = grande casa
-clone

4. S p r e g i a t i v o (lekcewaenie)
-uccio, -a la casuccia = casa povera, mjsera, brutta
-astro, -a x
5. P e g g i o r a t i v o (pogarda)
-accio, -a la casaccia = casa molto brutta, vecchia,
sporca (nel senso fisico e morale).
La maggioranza dei nomi femminili, prendendo il suffisso -one,
cambia del genere e diventa maschile:
La donna il donnone (donna grande e grossa)
la scarpa lo scarpone

Esempi:
Nome primitivo diminutivi
rocchio Vocchietto
la villa la villetta
l asino Vasinello
la finestra la finestrella
il ponte il ponticello
la pazza la pazzerella
lorto Vorticello
il cappello il cappelluzzo
il figlio il figliuolo
vezzeggiativi
il cavallo il cavallino
la ragazza la ragazzina
il bastone il bastoncino
il libro il libriccino
il pesce il pesciolino
il fiore il fiorellino
accrescitivi
il ragazzo il ragazzone
la donna il donnone
la scarpa lo scarpone
il bastone il bastoncione
spregiativi
il cavallo il cavalluccio
la casa la casuccia
il poeta il poetastro
Nome primitivo peggiorativi
Lorenzo Lorenzaccio
la parola la parolaccia
il cappello il cappellaccio
il ragazzo il ragazzaccio
la gente la gentaccia

AGGETTIVI ALTERATI
(Przymiotniki zdrobniae, zgrubiae itd.)

Gli aggettivi qualificativi, come i nomi, prendendo gli stessi


suffissi, alterano il loro significato.

Aggettivo primitivo diminutivi


piccolo piccoletto
stupido stupidello
grasso grassottello
povero poveretto, poverello
grande grandicello

vezzeggiativi
piccolo piccolino, piccino
bello bellino
caro carino
povero poverino
buono bonino
duro duracino

accrescitivi
buono bonaccione
arancio arancione
grasso grassone

spregiativi
caro caruccio
rosso rossastro
bianco biancastro
dolce dolciastro
Aggettivo primitivo peggiorativi
cattivo cattivaccio

LETTURA

L'ELBA

Le isole sono di due specie: o troppo grandi o troppo piccole.


Rare, che si pu anche dire che non ci sono, le isole giuste. Nelle
isole troppo grandi si smarrisce il senso insulare: come ssere
in continente; ci vuole un ravvedimento della memoria per ri
cordarsi che tuttintorno c lacqua. N elle isole troppo piccole,
l acqua tutta intorno e sempre presente alla vista, finisce per darvi
un senso dispettoso di prigionia, unangoscia di gabbia.
Coi suoi duecentotrenta chilometri quadrati, l Elba lisola
giusta. M ettetevi per qualunque delle sue strade, verso Marciana,
v . ~f:o Capoliveri, verso Rio Marina. Strade solide, buone al piede
e alla ruota, attraversano lunghe file di campi... girano vigne bas
se, boschetti di castagni e di querce... Ma, o in pianura o in collina
o sui monti, appena il paesaggio terrestre vi ha ripreso per s
e gi vi dimenticate dellisola, ecco a un tratto il mare!
PIETRO PANCRAZI

Lisola dElba, situata sul Mar Tirreno a 10 chilometri dalle


coste della Toscana, bellissima, tutta verde dei boschi che la
coprono. la maggiore delle sette isole che formano l Arcipelago
Toscano. Vi sono magnifiche spiagge e da tempi antichi vi si estrae
il ferro.
La citt principale, Portoferraio, una vecchia citt con mo
numenti storici. Vi si pu ammirare una statua di Napoleone
e i turisti visitano la palazzina che abitava limperatore durante
la sua prigionia.
In fondo allisola, sulle colline, c ancora una Villa Napoleoni
ca con bellissim e vedute sul mare.
ESERCIZI

1. Domande alla lettura:


Dove situata l isola dElba?
Come giudicata da Pietro Pancrazi?
Perch le isole troppo grandi non piacciono allautore?
Perch le isole troppo piccole gli danno il senso di or
Come il paesaggio dellisola dElba?
Quali sono le sue ricchezze?
A quale grande^ nome storico legata quellisola?

2. Alterare i seguenti nomi:


il fratello il paese la strada il vaso
la sorella il libro il bosco la rosa
luccello il giovane il gatto il cappello

3. .Alterare i seguenti aggettivi:


vecchio volgare pazzo brutto verde
stupido pallido allegro vano nero

4. Costruire 5 frasi usando i nomi alterati.


5. Costruire 5 frasi usando gli aggettivi alterati.
6. Tradurre in italiano:
Mj kapelusik jest ostatnim m odelem z Parya. Domek Marii jest
biedny i ubogi. To babsko mnie przeraa. Anna przyniosa mi pikny
kwiatuszek z lasu. Klaudia nosi pantofelki na w ysokich obcasach.
Ptaszki piewaj od witu. Liliana ma pikne, due, czarne oczy (oczys-
ka). Od morza w ieje agodny wietrzyk. Nie uywaj brzydkich s w .
Ta kobietka ma nadzwyczajny wdzik.

PROVERBIO

Un carattere buono vale pi dun viso bello.

Utile a sapersi

Per conservare bene la cioccolata basta allontanare da casa


i bambini.
35. Lezione trentacinquesima
Forma enclitica (1)
Verbi in: -arre, -orre, -urre

GRAMMATICA

FORMA ENCLITICA (1) (Forma enklityczna)

Le seguenti forme verbali: infinito, gerundio, imperativo, par


ticipio passato, unendosi con i pronomi personali fanno una sola
parola e creano forme nuove, chiamate e n c l i t i c h e .

Alla costruzione delle forme enclitiche si usano: le forme a t o -


n e dei pronomi p e r s o n a l i e le forme di c o r t e s i a :
1. In funzione di complemento o g g e t t o :
mi ci
ti vi
lo li
la le
si si
2. In funzione di complemento d i t e r m i n e :
mi ci
ti vi
gli
le
si si
La forma del plurale loro non fa forma enclitica.

Le forme di c o r t e s i a in funzione di complemento oggetto


e di complemento di termine:

^a \ maschile e femminile
Ieri Maria non ha potuto incontrarm i a scuola.
Velevo ved erti per dirti le ultim e notizie.
Devo parlare a Carlo e non posso trovarlo.
La casa di Mario gialla, potrai riconoscerla facilmente.
Maria cerca di farsi pi bella.
Vieni domani, cos sarai sicura di trovarci tutti a casa.
Non voglio disturbarvi durante il vostro lavoro.
Che fiori meravigliosi, desidero prenderli tutti.
Ho ricevuto molte lettere e non ho tempo di leggerle tutte.
Le ragazze vogliono lavarsi con l'acqua calda.
La mia mamma vuole comprarm i un nuovo vestito.

Accanto alle forme enclitiche con il verbo alFinfinito possiamo


adoperare il pronome personale prima del verbo coniugato:
Non posso darti niente. = Non ti posso dare niente.
Vogliamo dirvi tutto. = V i vogliamo dire tutto.
La forma enclitica pi usata.

Forme di c o r t e s i a :
Signorina, quando posso rivederL a?
Voglio portarLa a una gita bellissima.
Mi permetta di scriver Le?
Non ho potuto telefonarLe stamattina.
A rrivederL a, Signore A rrivederL i, Signori
A rrivederL a, Signora A rrivederL e, Signore
A rrivederL a, Signorina A rrivederL e, Signorine
A rrivederci forma familiare (Arrivederci = a rivederci. Ar
rivederLa = a rivederLa)

Verbi in: -arre, -orre, -urre

Ci sono nella II coniugazione i verbi in -arre, -orre, -urre:


trarre
forma contratta da trhere
porre ,, ponere
condurre ,, conducere
si coniugano in modo seguente:
P r e s e n t e d e l l i n d i c a t i v o
io traggo pongo conduco
tu trai poni conduci
egli trae pone conduce
noi traiamo poniamo conduciamo
voi traete ponete conducete
essi traggono pongono conducono
Futuro
io trarr porr condurr
Imperfetto
io traevo ponevo conducevo

Participio passato
tratto posto condotto

Imperativo

trai poni conduci


tragga ponga conduca
traiamo poniamo conduciamo
traete ponete conducete
traggano pongano conducano
Gerundio
traendo ponendo conducendo

Si coniugano come tra rre:


attrarre contrarre distrarre estrarre, ecc.

Si coniugano come porre:


comporre disporre opporre supporre, ecc.
esporre im porre proporre

Si coniugano come condurre:


dedurre produrre riprodurre tradurre, ecc.
introdurre ricondurre sedurre
Nei verbi come: trarre, porre, condurre cade una r all'infinito
nella forma enclitica:
Io desidero condurlo alla vittoria.
La valigia troppo pesante, devo porla sul carrettino.
Voleva trarm i questo segreto di bocca.

I verbi fare e dire che derivano dalle forme fcere e dicere


sono anche della II coniugazione.

LETTURA

ROMA ANTICA

Roma citt eterna conserva tra le sue mura i monumenti di


tempi passati di varie epoche. Vi possiamo ammirare molte citt
riunite, quella antica, poi medioevale, rinascimentale, barocca ed
infine la citt moderna.
Situata sul fiume Tevere, sui sette colli, Roma fondata da Ro
molo, uho dei due gemelli, nutriti del latte di una lupa, diventa
dopo breve tempo padrona di tutta la penisola.
Delle sue grandezze antiche ci parlano oggi i Fiori imperiali,
gli Archi, le Terme, i ruderi del Palatino, il Colosseo, il Pantheon,
Castel Sant' Angelo, splendidi monumenti che possono raccontarci
delle storie di un passato rimasto sempre vivo nella memoria della
gente.
Fino ai nostri tempi sono rimaste molte opere di pubblica
utilit, costruite dagli antichi Romani: strade, terme, acquedotti,
mercati, ecc. Possiamo vederle e ammirarle ancora oggi, come per
esempio Castel Sant'Angelo, mausoleo dell'imperatore Adriano,
enorme edifizio, alto circa 50 metri, archi di Trionfo, costruiti
a ricordo delle vittorie imperiali, fra i quali il bellissimo Arco di
Costantino, il Colosseo, immenso edificio di forma ovale, destinato
alle lotte dei gladiatori, che poteva accogliere 50 mila persone.
D allantichit ben conservata il turista trasportato a Roma
medioevale e ammira superbe Basiliche e vecchi palazzi romani.
I pi grandi maestri del Rinascimento: architetti, pittori e scul-

S tu d ia m o la lin g u a 241
R om a. B a s ilic a di S a n P ie tr o (v e d u ta a r e a )

tori, lavoravano per abbellire Roma con le loro opere immortali,


che fino a oggi attirano migliaia di turisti da ogni parte del mondo,
che si inchinano davanti allingegno italiano. Fra questi tesori
dellarte i pi notevoli sono: il Campidoglio, opera grandiosa di
Michelangelo, i cui palazzi contengono oggi ricche collezioni di
marmi antichi, la Basilica di San Pietro, con lenorme cupola
eretta da Michelangelo.
Chi non ha sentito parlare della Cappella Sistina con gli
affreschi dello stesso artista? Chi non ha potuto conoscerli dalle
riproduzioni? E le celebri Stanze, affrescate da Raffaello, e tanti
altri capolavori conservati nei musei e nei palazzi romani, aperti
a tutti gli artisti, invitandoli a studiare i grandi maestri per poter
creare opere pi belle?

ESERCIZI

1. Domande alla lettura:


C h i h a fo n d a to Rom a?
Come situata la citt eterna?
Quali sono i pi importanti m onumenti deirantichit romana?
Perch i romani costruivano gli archi?
Che cosa il Colosseo e a che cosa serviva?
Quali opere di pubblica utilit hanno lasciato gli antichi Romani?
Quali sono i pi grandiosi m onumenti del Rinascimento?
Quali artisti lavoravano ad abbellire Roma?
Pu citare alcune opere di M ichelangelo, di Raffaello e di Leonardo?
Che cosa Le interessa di pi a Roma?

2. Completare le frasi seguenti con la forma enclitica (infinito


pi pronome personale):

Esempio:
Non ho potuto . . . Non ho potuto trovarti.
Vogliamo . . . un bel regalo.
Ha dimenticato di . . . una cartolina.
Non ha potuto . . . il telegramma.
Ha voluto . . . un brillante.
Abbiamo voluto . . . questo poema.
Non ho avuto tempo di . . . ieri.
Cercher di . . . il biglietto.
Non hai voluto . . .
Signore, voglio . . . alla conferenza.
Signorina, non potr . . . domani.
Non posso . . . sempre le bugie.
tornato tardi e per questo non ha potuto . . .

3. Tradurre in italiano:
Widziaam adn torebk, chc j kupi. N ie moga przywie mi
ksiek. Nie chce mnie pocaowa. Pragn ci zobaczy jak najszyb
ciej. Trzeba go ukara, gdy nie odrobi lekcji. Trzeba ubra je wedug
mody w oskiej. Nie naley im m wi prawdy. Nie chcia nas w id zie.
Nie mg wam poyczy pienidzy, poniewa by biedny. Ona ma dwa
pieski i musi je my dwa razy w miesicu. Chc ci ofiarowa Serce
De Amicisa. Maria nie chciaa mu przebaczy.

PROVEREI

Si stenta a farsi un amico in un anno; poi facile offenderlo in


un minuto.
Le donne e gli specchi son fragili assai.
36. Lezione trentaseesima
Forma enclitica (2)
Roma moderna
Ferragosto

GRAMMATICA

FORMA ENCLITICA (2) (Forma enklityczna)

G e r u n d i o , come l'infinito, unendosi ai pronomi personali


(soltanto forme tone) crea nuove forme che gi abbiamo chia
mato enclitiche:
vedendom i amandoci accompagnandoLa
incontrandoti odiandovi telefonndoLe
cercandolo mangiandoli
trovandola bevendole
guardandosi
comprandomi vendendoci
offrendoti portandovi
mandandogli scrivendo (a) loro
spiegandole dando (a) loro
parlandosi

Esempi:
Vedendom i al teatro di San Carlo mi ha salutato.
Incontrandoti nella strada, non ti ho riconosciuto.
Cercandolo dappertutto, sono entrata in un caff.
Trovandola a casa, sono stato contento.
Guardandosi nello specchio era contenta.
I nostri figli, amandoci, studiano bene.
Odiandovi cos fortemente, vi ho lasciati per sempre.
Carlo mi ha portato i cioccolattini; mangiandoli ho pensa
to a lui.
Abbiamo comprato tante bottiglie di acqua minerale; beven
dola mi sono rinfrescata.
Comprandomi le nuove scarpe, ho perduto la borsetta.
Offrendoti quei fiori ha voluto esprimerti il suo amore.
Mandandogli il vaglia ha scritto le parole amare.
Spiegandole la nuova regola ha scritto due esempi.
Vendendoci la macchina, ci ha imbrogliati.
Portandovi il nuovo dizionario da Roma ha fatto una buona
azione.
Ho ricevuto'un bel libro; leggendolo mi sentivo trasportata
a Roma antica.
Mandando loro queste informazioni, ha dimenticato di mettere
il suo nuovo indirizzo.
Ha passato tutto il pomeriggio scrivendo a loro.
Passeggiano parlandosi a bassa voce.
AccompagnandoLa al cinema ero felice.
TelefonndoLe ho dimenticato di darLe informazioni esatte.
Signorina, vedendoLa cos bella ho perduto la testa.

LETTURA

ROMA MODERNA

Allontanandosi dal centro, la citt moderna si sviluppa attorno


alla vecchia citt. Bellissim i parchi, come il Pincio o Villa Bor
ghese, mettono una nota di verde e di freschezza.
Non si possono dimenticare le fontane di Roma, essenziale ele
mento decorativo di ogni piazza, di ogni angolo. Gli stranieri, pri
ma di lasciare la capitale, gettando una moneta nella vasca della
celebre e bella Fontana di Trevi, assicurano il loro ritorno a Roma
(come dice la leggenda).
Tra le grandiose costruzioni moderne una delle pi conosciute
il Foro Italico, lo stadio sportivo dove si svolgono tutte le gare
internazionali di varie branche (discipline) dello sport.
Il Monumento a Vittorio Emanuele II, come lo chiamano
l'Altare della Patria, il pi rappresentativo monumento di Ro
ma capitale d'Italia. Costruito di una pietra di bianchezza ab
bagliante, quel monumento, assieme alle cupole delle vecchie ba
siliche, domina tutta la citt ed visto da ogni parte.
Situato nel cuore della capitale, in Piazza Venezia, ai piedi
dellantico Campidoglio, protegge oggi la Tomba del Milite
Ignoto.
Roma comprende anche la Citt del Vaticano, stato indipen
dente, i musei del quale contengono ricchissime collezioni di opere
d'arte antiche e moderne.
Durante l'estate la citt si svuota dagli italiani; gli stranieri
invadono le vie di Roma con le loro macchine fotografiche e le
Guide di Roma in mano.
Arriva il 15 agosto, il Ferragosto, quando tutti i romani
vanno ad Ostia per passare quel giorno al mare. Il nome del Fer
ragosto proviene dalle grandi feste che gli antichi romani cele
bravano il primo agosto in onore di Augusto, chiamandole in la
tino feriae augusti. Questa vecchia festa pagana ha conservato
il suo nome fino ai giorni nostri, ma ha cambiato data.

FERRAGOSTO

A Ferragosto . lattraverso di nuovo


tutti vanno al mare: senza necessit
io resto in citt per godermi la sicurezza
a godermi un poco che nessuno m investir.
di tranquillit. Le piazze, una bellezza:
In filobus trovo tanto posto: puoi sdraiarti sul selciato
mi siedo qua, e fare un pisolino
poi mi siedo l, cullato dal ponentino.
provo i posti ad uno ad uno, Si ridiventa buoni.
scelgo quello che pi mi piace. E quando a sera tornano
Che silenzio, che pace, i gitanti, a battaglioni,
in tutta Roma gli si vuole cos bene
non c una motocicletta: che sembrano carezze
attraverso la strada i pi rudi spintoni.
senza fretta,
G IA N N I R O D A R I
ESERCIZI

Quali sono i pi importanti m onumenti di Roma moderna?


Descrivere Roma antica e moderna.
Che cosa Ferragosto?
Raccontare con parole proprie la poesia di Rodari.

2. Completare le seguenti frasi con la forma enclitica (gerun


dio + pronome personale):
... ero molto contento.
... felice mi rallegravo.
... da molti anni ho la fiducia in lui.
... ieri ho dimenticato darti il mio nuovo indirizzo.
... i fiori era molto commoso.
... da vicino ho visto che stava male.
... nel parco ho cominciato a parlarle.
... una lttera, piangeva.
... cantava allegramente.
... chiudva la porta a chiave.
... mi fissava con severit.

3. Tradurre in italiano:
Obserwujc m nie sta w cieniu. Dajc mi to piro, um iecha s i .
Polubiajc ci zrobia dobry uczynek. Przywoc ci takie pikne pre
zenty chcia ci zrobi przyjemno. Podziwiajc go powiedzia, e by
to czowiek genialny. Posyajc mu paczk chcia mu pomc. Szuka
jc jej po caym Rzymie zw iedzi w szystkie muzea. Pomagajc jej cae
ycie, nie m yla o sobie. Odwiedzajc nas w ubieg niedziel, przynis
nam pikne kwiaty. Piszc do nas w oy do koperty swoj fotografi.
Widzc was wczoraj nie ukoni si. Pracujc cay dzie, wieczorem jest
zmczony. Kochajc ich powicia si dla nich. Mieszkajc w tak
piknym domu powinien czu si szczliwy. Widzc mnie szybko si
oddali.

PR O V E R B IO

A passo a passo si va a Roma.


37. Lezione trentasettesima
Forma enclitica (3)

GRAMMATICA

FORMA ENCLITICA (3) (Forma enklityczna)

L i m p e r a t i v o come l'infinito ed il gerundio, unendosi ai


pronomi personali (soltanto forme tone) fa forme enclitiche.

La forma enclitica esiste anche neHimperativo dei verbi ri


flessivi:
lavati alziamoci figuratevi
Solo la seconda persona del singolare, la prima e la seconda
del plurale dell'imperativo affermativo fanno forma enclitica.

1. Imperativo regolare
,,Salutala cos la Patria nei giorni delle sue feste..." (E. De
Amicis ,,Cuore").
,,Parlami d'amore, Mariu..." (canzone italiana)
Scrivimi presto.
Portami le rose.
Guardami negli occhi.
Salutiamola cordialmente.
Rispondetemi subito.
Che belle mele, prendiamole, laviamole, sbucciamole, taglia
mole e mangiamole.
Questa collana bellissima, compratela assolutamente.
Mostrateci il vostro ultimo lavoro.
La pizza napoletana squisita: mangiatela essendo a Napoli.
Lasciatemi tranquillo.
Mandagli questi vestiti.
Comprale delle scarpe.
Vendeteci un po di pane!

2. Imperativo irregolare
I seguenti verbi che hanno l'imperativo irregolare, usandolo
con i pronomi personali nella seconda persona del singolare, r a d -
d o p i a n o la prima consonante del pronome (eccetto gli).
dare : Dammi per favore quell'arancia.
Dagli Ja penna.
Dalle quei quaderni.
Datemi un po' di frutta.
Dateci qualche cosa.
d i r e: Dimmi che mi ami, Mariu..." (canzone italiana).
Digli di chiudere la /porta.
Dille di lavorare meglio.
Ditemi che cosa volete.
Diteci la notizia.
fare: Fammi il piacere e non mi disturbare.
Fagli un regalo.
Falle quel piacere.
Facci un servizio.
Fatemi quel favore.

LETTURA

L'ITALIA MERIDIONALE

Le regioni dellItalia Meridionale sono le seguenti: Abruzzo


e Molise, Campania, Puglia, Basilicata e Calabria.
L'Abruzzo, la pi montuosa regione d'Italia, comprende la vetta
pi alta degli Appennini che raggiunge quasi 3 mila metri. Il suo
paesaggio molto pittoresco. Vi si coltivano gli olivi, i mandorli
e altri alberi da frutta. Le pecore danno lana in abbondanza. Poich
vi si ricava il bitume e la bauxite dalla quale si estrae l'alluminio,
a Bussi ci sono importanti fabbriche di prodotti chimici e di allu-
minio. Capoluogo l'Aquila, famosa per la sua Fontana delle
99 cannelle. La citt di Pescara patria di Gabriele d'Annunzio,
romanziere e poeta soldato.
La Campania, molto popolosa e bella regione d'Italia, una
delle pi fertili. Produce cereali, ortaggi, frutta, olive, vino, ta
bacco. Molto sviluppata la pesca che d anche spugne e coralli.
Lindustria vi ben sviluppata soprattutto quella alimentare,
per esempio conserve vegetali e marmellate ,,Cirio" conosciute
nel mondo intero.
Capoluogo della regione, Napoli, una delle maggiori citt
dell'Italia per la popolazione (pi di un milione di abitanti) e per
l'importanza economica. un grande porto situato sul golfo omo
nimo. Fra gli altri luoghi notevoli, possiamo enumerare Sorrento,

Campagna
Puglia e Basilicata

patria di Torquato Tasso, grande poeta, e Pompei, celebre per gli


scavi, situata ai piedi del vulcano Vesuvio.
La Puglia una regione povera d'acqua, per un grande acque
dotto gi nel nostro secolo conduce l'acqua nelle citt e villaggi
della regione.
La sua terra fertile e produce vino e olio in abbondanza, anche
frutta come fichi, agrumi, mandorle. Vi si allevano pecore e la
pesca molto ricca. Citt capoluogo Bari, porto assai attivo con
cantieri navali. Ogni anno vi si svolge la Fiera del Levante". Ta
ranto uno dei pi importanti porti militari.
La Basilicata una piccola regione, con il suolo montuoso
e poco fertile dove si allevano degli ovini. La pesca d abbondanti
prodotti. L'industria vi quasi nulla. Citt principale Potenza,
situata in una bella posizione.
Lultima regione dell'Italia Meridionale la Calabria, regione
prevalentemente montuosa, soggetta a terribili terremoti, ricca di
boschi e di bestiame. la prima regione dItalia nella produzione
dei fichi secchi. Le coste basse sono malsane e per questo poco
abitate. Il capoluogo Reggio Calabria una citt dallaspetto mo
derno, perch ricostruita dopo il terremoto del 1908.

ESERCIZI

1. Guardala bene la carta geografica dellItalia:


Dim mi che forma ha la penisola italiana.
Raccontami cosa sai dellItalia Meridionale.
Preparami a casa un piccolo compito riguardante la Campania.
Fammi il piacere e dimmi le principali citt dellItalia Meridionale.
Trovale sulla carta geografica.

2. Rispondetemi per iscritto alle domande seguenti:


Quale regione dellItalia Meridionale la pi ricca?
Che cosa si coltiva in Abruzzo?
Dove c mancanza di acque?
Perch tanti turisti visitano la Campania?
Perch Reggio Calabria una citt moderna?
Quali sono i pi importanti centri industriali n ellItalia Meridionale?

3. Sostituire al nome il pronome, usando le forme enclitiche


(esempio: mangia subito la mela mangiala subito):
Scrivi subito la lttera.
Signore, legga per favore lesercizio numero 3.
Portiamo le valige a casa.
Punite questi ragazzi, sono stati scortesi.
Signore, guardino la cartolina, come bella.

4. Tradurre in italiano:
Pojedmy do Neapolu! Wr do Sorrento! Id na w ystaw rze
by. Zwied j dobrze. Przylij mi pikne karty i pisz czsto. Daj m i
adres Marii, chc jej przesa pozdrowienia. Spjrz mi w oczy i powiedz
mi ca prawd. Pokacie nam ten zamek, chcemy go zwiedzi. Spjrz
na ni, jest bardzo zmieniona. ^Przywiecie im ma pamitk z Neapo
lu. Kupcie mi kilka powieci woskich. Przygotuj mi obiad, gdy bar
dzo si spiesz.

PR O V E R B IO

Ci che locchio non vede al cuor non duole.

Stornello toscano

Fiorin dagresto,
quel che volete far,
fatelo presto.
38. Lezione trentottesima
Nomi composti
Formazione del plurale dei nomi
composti

GRAMMATICA

NOMI COMPOSTI (Rzeczowniki zoone)

I nomi composti sono formati dagli elem enti seguenti:

1. Nome + nome
la ragnatela il capostazione il cavolfiore
la madreperla il capolavoro il pescecane
il capoluogo la ferrovia

2. Aggettivo + aggettivo
il sordomuto il pianoforte

3. Verbo + verbo
il saliscendi il dormiveglia

4. Nome + aggettivo
la cassaforte la terracotta
la casamatta l'acquafrte

5. Aggettivo + nome
il francobollo il biancospino

6. Verbo + nome
il lavamano il guardaboschi lattaccapanni
il portalettere laffittacamere lasciugamano
7. Preposizione o avverbio + nome
il sottotenente il sottufficiale il dopoguerra
il sottopassaggio il soprannome il contrattempo
il sottaceto il dopopranzo

FORMAZIONE DEL PLURALE DEI NOMI COMPOSTI


(Tworzenie liczby mnogiej rzeczownikw zoonych)

I nomi composti formano il plurale in modo seguente:

1. Nome + nome:
a. se due parti sono dello s t e s s o genere, il nome composto
fa il plurale come il nome semplice, vuol dire che soltanto la se
conda parte prende la desinenza del plurale:
La madre + la perla la madreperla
le madreperle
il capo + il lavoro il capolavoro
i capolavori
b. se le due parti componenti un nome composto sono del
genere d i v e r s o fra loro, soltanto la prima parte prende la de
sinenza del plurale:
il capo + la stazione il capostazione
i capistazione
il capo + la fabbrica il capofabbrica
i capifabbrica

2. Aggettivo + aggettivo formano il plurale come un nome


semplice:
il sordomuto i sordomuti
il pianoforte i pianoforti

3. Verbo + verbo non cambiano nel plurale:


il saliscendi i saliscendi
il dormiveglia i dormiveglia
4. Nome + aggettivo tutte le due parti cambiano nel plurale:
la cassaforte le casse forti
la casamatta le casematte

5. Aggettivo + nome formano il plurale come un nome


semplice:
il francobollo i francobolli
il biancospino i biancospini
s,
6. Verbo + nome:
a. se il sostantivo s i n g o l a r e cambia nel plurale come un
nome semplice:
lava + la mano il lavamano
i lavamani
asciuga + la mano l'asciugamano
gli asciugamani
b. se il sostantivo nella composizione verbo + nome gi nel
p l u r a l e , il nome composto resta invariato:
porta + le lettere il portalettere
i portelttere
guarda + i boschi il guardaboschi
i guardaboschi
affitta + le camere l'affittacamere
le affittacamere

7. Preposizione o avverbio + nome formano il plurale come il


nome semplice:
il soprannome i soprannomi
il dopopranzo i dopopranzi
il contrattempo i contrattempi
il sottotenente i sottotenenti
il sottufficiale i sottufficiali
il sottopassaggio i sottopassaggi
la sottoveste
le sottovesti
Il capostazione d il segnale della partenza.
Nel vecchio castello tutto coperto dalla polvere e dalle ra
gnatele.
La ferrovia italiana quasi tutta elettrificata.
Firenze capoluogo della Toscana.
David un capolavoro di Michelangelo.
A Varsavia c un Istituto di Sordomuti.
Maria ha comprato un nuovo pianoforte.
Aldo collezionista di francobolli.
Ogni mattina aspetto larrivo del portalettere.
Il vecchio guardaboschi vive in una grande foresta.
Nella stanza da bagno si trova il lavamano di faenza.
Mi dia per favore lindirizzo di qualche affitacamere.
La sua cassaforte contiene i preziosi gioielli.
Lingegner Lombardi capotecnico alla Fiat.
Ho comprato i bottoni di madreperla per la nuova camicetta.
Mario capolista, perch si chiama Aldini.
Questo portafoglio pieno di carte.
Preferisci gli spaghetti al sugo o al pomodoro?
. A mezzogiorno sar a Milano.
Quel bassorilievo di un grande artista.

LETTURA

NAPOLI

Napoli, capoluogo della Campania, situata sulla riva del suo


golfo meraviglioso. uno dei maggiori centri turistici dItaliar
grazie alla bellezza del paesaggio, la dolcezza del clima e la
ricchezza dei monumenti storici.
Situata vicino allAfrica Settentrionale, Napoli ha sempre avu
to grande importanza commerciale. Il suo porto figura al secondo
posto dopo Genova fra tutti i porti italiani.

17 Studiam o la lin gu a 257


Napoli. Panorama

Di fronte a Napoli sono situate due bellissime isole: Ischia


e Capri.
Tra i monumenti il turista visiter il Palazzo Reale, il Maschio
Angioino, impressionante castello duecentesco, il teatro di San
Carlo, uno dei pi famosi del mondo, costruito nel 1737, il Museo
Nazionale, il pi importante museo archeologico d'Europa; esso
contiene il prezioso materiale che viene alla luce dagli scavi di
Pompei ed Ercolano.
Napoli ha bellissimi panorami sul golfo, sulle colline che
circondano la citt, dominata dal Vesuvio, unico vulcano ancora
attivo del continente europeo.
meta di viaggio di molti turisti che vengono a questa citt
celebre anche per le belle canzoni dette napoletane, che tutti
conoscono dalla radio, interpretate dai pi famosi cantanti ita
liani. Ogni tanto, a Varsavia, possiamo sentire ,,0 sole>mio",,,Torna
a Sorrento", Santa Lucia", bellissime canzoni napoletane, sempre
giovani e fresche, cantate dai grandi tenori Enrico Caruso o Be
niamino Gigli
Dice il proverbio: Vedere Napoli e poi morire".
Sul mare luccica Con questo zffiro O dolce Napoli,
lastro dargento, cos soave, o suol beato,
placida londa, oh, com bello ove sorridere
prospero il vento. star sulla nave. volle il creato.
Venite allagile Su passeggieri, Tu sei l impero
barchetta mia, venite via, dellarmonia,
Santa Lucia Santa Lucia, Santa Lucia
Santa Lucia. . Santa Lucia. Santa Lucia.
(bis) (bis) (bis)

TORNA A SORRENTO

Guarda il mare come% bello


E tu dici: io parto, addio!
spira tanto sentimento, .T allontani dal mio cuore,
come il tuo soave accento questa terra dellamore
che me desto fa sognar. hai la forza di lasciar.
Senti come lieve sale Ma non mi fuggir!
dai giardini odor daranci Non darmi pi tormento!
un profumo non v ha eguale Torna a Sorrento,
per chi palpita damor. non farmi morir!

ESERCIZI

1. Domande alla lettura:


Perch Napoli una citt sognata da tutti?
Come situata?
Che cosa le sta dirimpetto?
Che cosa il Vesuvio?
Quali sono i principali monumenti di Napoli?
Quali canzoni napoletane conosce Lei?
Che cosa dice di Napoli un noto proverbio?

2. Formare il plurale dei seguenti nomi composti:


il pomodoro il chiaroscuro il capofila
la m ezzanotte la sottoveste il Capodanno
l altoparlante il battimano il capotcnico
il bassorilievo il passaporto l acquafrte
il caposquadra il mezzogiorno il grattacielo
il cavolfiore la mezzaluna la m ezzatinta
la ragnatela il portafoglio il capoluogo
il parafango la banconota l acquatinta

3. Tradurre in italiano:
Neapol jest stolic Kampanii. Przyjad albo w poudnie, albo o p
n o cy . Moje biuro znajduje si na dwudziestym pitrze tego drapacza
chmur. W Muzeum Narodowym jest w iele arcydzie malarzy woskich.
W Galerii Narodowej moemy podziwia w spaniae paskorzeby renesan
so w e. Uliczny gonik oznajmi nam wane nowiny. Guchoniemi pra
cuj w ogrodzie. Szef biura da nagrody pierwszom ajowe. Zodzieje
okradli kas pancern banku. Banknot tysiclirow y jest podarty. Czy
mog zabra pani na zawody sportowe? Chc panu podzikowa za
pikne ksiki. Co dzie jedli kalafiory.

P R O V E R B IO

Il lupo non mangia la carne del lupo.


39. Lezione trentanovesima
particella pronominale ne

GRAMMATICA

PARTICELLA PRONOMINALE NE (Zaimek ne)

1. I pronomi lo, la, che gi conosciamo, sostituiscono il nome


nelLa c c u s a t i v o , e gli, le, nel d a t i v o , invece la particella
pronominale ne sostituisce il nome nel g e n i t i v o .

Ne (pronome invariabile) usato per le persone e per le cose


vuol dire:
di questa persona di questo
di questa cosa di quello

Esempi:
Amo mia madre e ne ammiro la bont.
ne = di mia madre
Non conosco questo signore, ma ne ho conosciuto il figlio.
ne = di questo signore.
Ho ricevuto un bel regalo e ne sono contento.
ne = di quel regalo.
Apprezzo i buoni amici e ne ricerco la compagnia.
ne = di buoni amici.
una proposta interessante, ne riparleremo prossimamente.
ne = di questa proposta.

2. Ne si usa anche nel senso del pronome p a r t i t i v o :


Ho molte matite e ne dar tre a Maria.
ne = una parte di queste matite.
Ho una bella arancia e ne do la met al mio fratellino.
ne = una parte di questarancia.
Compro del formaggio e ne mangio poco.
ne una parte del formaggio.
Vedo i fiori e ne prendo uno rosso.
ne = un fiore rosso, uno di questi fiori.

3. La particella pronominale ne vuole V a c c o r d o del parti


cipio passato:
Di questi libri ne ho letti due.
Lei mangia le prugne, io non ne ho volute.
La particella pronominale ne precede il verbo.

Esempi:
Ne contento? Ne sono contentissimo.
Vedo bellissim e cartoline e ne compro tre.
Ho comprato dei libri italiani e ne ho mandati due a Carlo.
Ogni giorno faccio delle lunghe passeggiate e ne sono contento.
Bevi del vino? Ne bevo.
Hai mangiato delle mele? Ne ho mangiate due.
Prendo i disegni e ne dipingo alcuni.
Studio i verbi irregolari e non ne dimentico molti.
Ho una scatola di sigarette ma ne fumo soltanto due.
Guardo quellattrice e ne ammiro la bellezza.
Da voi abita un medico. Ne ricordate il nome?
Sei stata promossa? Ne sei soddisfatta?
Leggi una novella e ne fa' un riassunto.
Pensi al tuo lavoro? Ne penso molto.
Desideri della frutta? Non ne desidero.

LETTURA

CAPRI

La famosa isola di Capri, della superficie di 10 kmq, situata


di fronte a Napoli e circondata dallazzurro del mare, attira in
numerevoli turisti con il suo paesaggio incantevole ed il suo clima
dolcissimo.
Vi possiamo ammirare i ruderi delle antiche ville degli impe
ratori romani, Augusto e Tiberio.
Delle 12 ville costruite da quegli imperatori solo restano oggi
gli imponenti ruderi della Villa di Tiberio edificata sul Monte
Tiberio che domina la punta nordorientale dell'isola.
Ci sono altri luoghi che invocano quell'imperatore terribile:
per esempio il cos chiamato Salto di Tiberio, una roccia dalla
quale, come dice la leggenda, Tiberio faceva precipitare i suoi
nemici nelle profondit del mare.
Gli scavi dlia Villa Jovis, dimora di Augusto e di Tiberio, ne
hanno scoperto la vastit e l'originalit della costruzione.
Da Anacapri, piccola localit dellisola, attraverso un boschetto
di querce e di pini, si raggiunge la Villa San Michele, residenza
dello scrittore svedese A xel Munthe, morto nel 1949, autore del
famoso libro La storia di San M ichele, tradotto in tutte le
lingue, nel quale il dottor Munthe narra il suo amore per ITtalia,
per Capri e per gli animali.
Questa Villa, costruita dal dottor Munthe sui ruderi di un'anti
ca casa romana, contiene una collezione di marmi antichi nella
bellissima loggia delle sculture davanti alla quale si stende il
golfo di Napoli.
Presso la porta d'ingresso leggiamo queste parole, dedicate al
grande scrittore dagli abitanti dell'isola:

Axel Munthe 1857 - 1949


Medico, scrittore, umanista,
amico degli umili, protettore degli animali.
In questa casa da lui ideata e creata rec dalla
nativa Svezia il suo culto della bellezza.
Con la Storia di San M ichele lasci all'umanit
il suo messaggio di arte e di poesia.
Anacapri riconoscente.

La famosa Grotta Azzurra un'altra delle attrattive dell'isola


di Capri. una grotta naturale, scoperta nel secolo scorso, alla
quale si ascende dal mare. La grotta lascia stupefatti i turisti non
soltanto per il suo colore, ma anche per le stalattiti e le stalagmiti
che la riempiono rendendola indimenticabile.
ESERCIZI

1. Domande alla lettura:


Dove situata lisola di Capri?
Che cosa vi possiamo ammirare?
Quali imperatori romani vivvano a Capri?
Che cosa rimasto delle grandezze antiche fino ai tempi nostri?
Perch i turisti vanno ad Anacapri?
Chi era A xel Munthe?
Quale il titolo del suo famoso libro?
Perch la clebre grotta di Capri si chiama Azzurra?

2. Rispondere alle domande seguenti, usando la particella ne:


Prendi del caff?
Parli del tuo lavoro?
Hai comprato dei dischi?
B eve Lei l acqua minerale?
Riceve delle lettere?
Mangi della carne?
Ha visto degli uccellini?
stata contenta di questa notizia?
Ha parlato dei suoi viaggi?
Ricorder il titolo del film italiano?

3. Tradurre in italiano:
Zeszyty, ktre kupiem, le na stole; bior z nich jeden. Poszed na
spacer i jest z tego bardzo zadowolony. Chc pojecha do Krakowa, co
o tym m ylisz? W domu jest duo jabek, ale ja jem ich mao. Na
F estiw al przyjechao w ielu Wochw, ale ja znam tylko jednego z nich.
Ile kart w ysae z Rzymu? w ysaem ich dwie. Otrzymaem te w iado
moci, ale nie rozm awiaem jeszcze o nich z Mari. Ile papierosw w ypa
lasz dziennie? pal ich pitnacie. Czekoladki, ktre przywioza Maria,
s w szufladzie; daam z nich trzy Karolowi. Znam Mari od dziesiciu
lat i podziwiam jej charakter. Czytaam pikn ksik, ale zapomniaam
jej tytuu.

P R O V E R B IO

Ne uccide pi la gola che la spada.


40. Lezione quarantesima
Aggettivi esclam ativi
Locuzioni esclam ative

GRAMMATICA

' AGGETTIVI ESCLAMATIVI

Gli aggettivi esclamativi sono:

Che (forma invariabile)


Che disordine in questa stanza! Che bella ragazza!
Che bel panorama! Che noia!

Quanto (forma variabile)


Quale gioia di poter andare al mare!

Quanto (forma veriabile)


Quanta gente alla stazione! Quante m ele hai mangiato!
Quanto bella g io v in e z z a .(L o r e n z o dei Medici)

LOCUZIONI ESCLAMATIVE (Zwroty, wyraenia wykrzyknikowe)

Le locuzioni esclamative sono:


peccato! szkoda per Bacco! na Bachusa!
diavolo! per Giove! na Jowisza!
bravo! alla buon'ora! nareszcie
avanti! naprzd Mamma mia!
coraggio! odwagi ohim = ahim! biada mi!

Es e mpi : -
Peccato! Era cos bello quello specchietto e si rotto.
Diavolo! Non mi danno pace con le loro lettere!
Bravo! Canta cos bene.
A van ti, soldati, per la Patria!
Coraggio! Ancora un po e tutto sera finito.
Per Bacco! Non ho mai tempo per riposarmi!
Per Giove! Non ho visto mai un film cos bello!
Alla buon'ora! ccolo ragionevole.
Mamma m ia, quanta gente!
Ohim (ahim)] Che disgrazia!

LETTURA

IL DISCO

Il disco pieno di musica anche quando tace, come un ma


gazzino che conserva i suoni, incisi in una materia speciale, lebo-
nite...
Sul disco, i suoni hanno lasciato unimpronta, pi o meno pro
fonda, pi o meno larga. Quando tu m etti in moto il grammofono,
la puntina viaggia su quelle impronte e le sue vibrazioni, attra
verso il diaframma, lamplificatore e laltoparlante, ridiventano
musica e voci. I suoni, che erano morti risuscitano...
Ma il disco ha unaltra particolarit: lo puoi mettere cento
volte, e dice sempre le stesse cose. Questo mi fa venire in mente
una canzonetta, che non sta scritta nei dischi, ma istruttiva lo
stesso:

Il disco

Tanta gente che conosco Vede cose, altre ne sente,


nella testa, sai che ha? va qua e l con altra gente,
Per cervello tiene un disco mentre il disco intelligente
che fa sempre: Trullall! gira sempre: Trullall!
Quando salza la mattina Fa cos per risparmiare
m ette a posto la puntina, la fatica di pensare.
tutto il giorno poi cammina Ma che noia, non vi pare,
e fa il disco: Trullall! quelleterno trullall?
G IA N N I R O D A R I
Claudia essendo alla Fiera di Milano ha comprato un giocattolo
per il bimbo della sua amica. A casa si accorta che il giocattolo
era guasto. Claudia spiacente si rivolta alla ditta con la lettera
seguente:
Spettabile Ditta Zingone
Milano
Durante la, Fiera di Milano ho acquistato un giocattolo della
vostra produzione. Vi comunico che il giocattolo guasto e che il
suo meccanismo non funziona.
Mi rivolgo gentilmente a Voi, pregandovi di ricambiarmi il
giocattolo sopraccitato.
In attesa della vostra pronta risposta Vi saluto
C L A U D IA L O M B A R D I

Dopo qualche giorno arrivato un pacco da Milano con la


lettera acclusa:
Ditta Zingone Egregia Signora
Milano Claudia Lombardi
Roma
In riscontro alla stimata Sua del 6 corrente, abbiamo Vonore
di comunicarLe quanto segue:
Siamo stati spiacenti del fatto avvenuto. Comunque con la pre
sente Le assicuriamo che abbiamo gi provveduto a spedirLe un
nuovo giocattolo e Le auguriamo un buon ricevimento del pac
chetto.
La preghiamo scusarci per quanto avvenuto ed augurandoci
che Ella vorr ancora onorarci della Sua visita in occasione del
Suo prossimo passaggio a Milano, Le porgiamo i nostri pi distinti
saluti
Z IN G O N E

ESERCIZI

1. Rispondere alle domande:


Che cosa un disco?
Quali persone Gianni Rodari compara al disco?
2. Sostituire ai puntini l aggettivo esclamativo conveniente:
Guarda . . . luna splndida!
. . . cose hai comprato!
. . . ricchezza di colori!
. . . persone vanno in Italia!
. . . cose ha visto!

3. Mettere nel futuro, n ellimperfetto e nel passato prossimo


i verbi delle proposizioni seguenti:
Il disco pieno di musica.
Esso conserva i suoni.
I suoni lasciano unimpronta sul disco.
Quando tu m etti in moto il grammofono, la puntina viaggia su quelle
impronte.
II disco ha unaltra particolarit: dice sempre le stesse cose.
Questo mi fa venire in m ente una canzonetta.
Conosco tanta gente!
Vediamo molte cose.
Andiamo sempre avanti.
Sai quali sono i dischi pi belli?
Per cervello egli tiene un disco.
Quando si alza, m ette a posto la puntina.
Cammina tutto il giorno.
Il disco gira sempre.
Fa cos per risparmiare la fatica di pensare.

4. Tradurre in italiano:
Jaki pikny obraz! Czy to jest dzieo Michaa Anioa? Jaka nuda
w tym domu! Co za rado, drcdzy przyjaciele, widzie w as w naszym
domu! Ile straconego czasu! Szkoda! Tak chciaem ich zobaczy! Na
przd! Nie bjmy si psw! Odwagi! Caa operacja potrwa minut!
Mam duy zbir pyt m uzyki lekkiej. liczna melodia! Potrafisz j za
gra? Ile kurzu na tym stole! Nie wychod za m za Aida. Przeczy
taj mi gazet. Oczy mi buty. Pom jej, bo jest bardzo zm czona.
Ten samochd jest bardzo stary, sprzedaj go.

P R O V E R B IO

Lingegno batte la forza.


41. Lezione quarantunesima
Uso della preposizione di

GRAMMATICA

USO DELLA PREPOSIZIONE DI (Uycie przyimka di)

La preposizione di si usa per indicare i seguenti casi:

l a p r o p r i e t (2. caso, il genitivo)


il libro di Maria
la casa del mio amico
il padre della ragazza

il tempo:

Partiremo di notte.
Era di primavera.
Deve alzarsi di buon mattino.

la m a n i e r a :
Studio di buona voglia.
Era vestito di nero.
Ti amo di tutto (il) cuore.

la m a t e r i a : la qualit:
la tavola di legno l uomo di grande ingegno
il vaso di cristallo la citt di Venezia
la statua di marmo lartista di grande talento

l o r i g i n e : il me z z o :
sono di Cracovia Vive del suo lavoro,
di antica famiglia
i vini deZZItalia
LETTURA

POMPEI

Il monte Vesuvio domina il paesaggio napoletano. il vulcano


sempre attivo, pi studiato e meglio conosciuto della terra. Il suo
cratere ha un diametro di circa 700 metri.
Nei dintorni del vulcano la terra molto fertile, perch la lava
che il Vesuvio eruttava rendeva la terra feconda.
A 25 km da Napoli, ai piedi del vulcano, si stende Pompei,
splendida citt romana, ricchissimo emporio commerciale, sepolta
dal Vesuvio nella famosa eruzione del 79. I grandi lavori di scavo
rivelano ai nostri occhi meravigliati la vita tragicamente interrotta
della citt antica, mettendo alla luce vie,, case, pitture murali,
sculture in bronzo e in marmo, statue, arnesi. Oggi Pompei, una
volta una citt fiorente, ha il valore di un documento storico.
Plinio il Giovane, scrittore romano, ci ha lasciato una descri
zione tanto viva e drammatica delFeruzione delFanno 79, durante
la quale la citt era coperta di lava e di cenere. N el museo di
Pompei possiamo oggi vedere i corpi delle vittim e, detti ,,i gessi,
che sono forme delle figure umane e quelle degli animali domesti
ci ottenute per mezzo del gesso liquido colato nelle cavit lasciate
dalle ceneri.
Pompei era sepolta sotto uno strato di lapilli, che sono piccoli
pezzi di lava indurita, e di ceneri, di 4 - 5 m di altezza, al quale
i secoli hanno aggiunto altri 2 metri di terreno vegetale.
Nel XVI secolo, durante i lavori di costruzione, casualmente
hanno avuto luogo le prime scoperte della citt morta. Per la
vera esplorazione di Pompei incomincia nel 1748 e gli scavi siste
matici e razionali iniziano nel 1860 e durano fino ai nostri
giorni.
Passeggiando per le silenzioso vie della citt, secoli fa piena di
vita e di movimento dei suoi 30 mila abitanti, attraversando il foro,
le piazze, ammirando le basiliche, i due teatri, le terme molto
ben conservate, i negozi, panetteria con i suoi forni, molini, en
trando nei cortili delle case, come quella conosciuta Casa del
Fauno danzante, con la piccola statua del fauno in mezzo al
cortile, o Casa del tragico poeta con Cave canem scritto da-
P o m p e i. F o r o e B a s ilic a

vanti alla soglia, il turista avvolto nel silenzio e lontano dalla


strepitosa citt moderna pu godere a suo agio la bellezza del
paesaggio, sotto il cielo azzurro con la minacciosa siluetta del
Vesuvio alForizzonte.

ESERCIZI

1. Domande alla lettura:


Q u a li v u lc a n i a b b ia m o in E u ro p a ?
C h e c o s a s a Lei d e l V e s u v io ?
Perch la terra vicino al vulcano frtile?
Dove s itu a ta P o m p e i?
Perch oggi una citt morta?
Chi h a la s c ia to la d e s c r iz io n e d e lle r u z io n e d e l V e s u v io n e l 79?
C h e c o sa p o s s ia m o v e d e r e n e l m u s e o d i P o m p e i?
Come la citt ha potuto rim anere cos ben conservata durante
i secoli?
Q u a n d o in c o m in c ia n o g li s c a v i a P o m p e i?
Che co sa a m m ir a il tu r is ta p a s s e g g ia n d o p e r le v ie d e lla citt ?
2. Sostituire ai puntini le forme convenienti della preposizio
ne di:
Nei dintorni . . . Napoli situato il Vesuvio.
Vesuvio il vulcano meglio conosciuto . . . terra.
Ai piedi . . . vulcano si stende Pompei.
I lavori . . . scavo rivlano i suoi tesori.
II turista pi ignaro . . . mondo classico commosso davanti alle testi
monianze . . . vita . . . venti secoli or sono.
Plinio il Giovane ha lasciato la descrizione . . . eruzione . . . vulcano.
Durante venti scoli Pompei era coperta . . . lava e . . . cnere.
I corpi . . . vittim e sono im pressionanti.
Passeggiando per le vie . . . citt il turista ammira i ruderi . . . gran
dezza romana.
Scoli fa, Pompei era piena . . . vita e . . . movimento.

3. Costruire 7 frasi usando la preposizione di in tutti i casi


possibili.

4. Spiegare l uso della preposizione di nella lettura.

5. Tradurre in italiano:
U lice miasta pokryte byy law i popioem. Dom by drewniany,
lecz duy i wygodny. By to czowiek w ielkiego ducha i malarz bardzo
utalentowany. Wyspa Capri ley naprzeciwko Neapolu. Pochodzi z bar
dzo starej i znanej rodziny neapolitaskiej. Marmurowe grobowce i ka
mienne posgi stay wzdu cian. Pracuje niechtnie, gdy musi wstawa
bardzo wczenie. Syn mojej przyjaciki uczy si woskiego. Panna
moda bya ubrana na biao. Zoty zegarek i srebrna bransoletka le na
stoliku.

P R O V E R B IO

La farina del diavolo va tutta in crusca.


42. Lezione quarantaduesima
A ggettivi in d efin iti
pronom i in d efin iti

GRAMMATICA

AGGETTIVI INDEFINITI (Przymiotniki nieokrelone)

Gli aggettivi indefiniti si dividono in tre gruppi:

1. Gli aggettivi indefiniti che hanno le forme v a r i a b i l i ,


per il maschile, il femminile, il singolare ed il plurale:
alcuno, -a, ktry, ktrykolwiek (nel plurale: alcuni,
-e niektrzy, kilka)
altro, -a, -i, -e inny, drugi
certo, -a, -i, -e pewien, jaki
molto, -a, -i, -e wiele, liczny
poco, -a, -i, -e malo
quanto, -a, -i, -e ile
tanto, -a, -i, -e tyle
troppo, -a, -i, -e zbyt wiele
parecchio, -a do duo (nel plurale: parecchi,
-e kilka, kilkanacie)
tutto, -a, -i, -e wszystek, kady

2 . Gli aggettivi indefiniti che hanno soltanto il s i n g o l a r e


maschile e femminile:
ciascuno, -a kady
nessuno, -a aden

3. Gli aggettivi indefiniti che hanno solo u n a f o r m a per


i due generi e numeri:
ogni kady

18 Studiam o la lin gu a 273


qualche jaki, kilka (dopo qualche il nome
sempre nel singolare):
qualche giorno qualche anno
qualche settimana qualche ora
qualunque I
, . . } jakikolwiek
qualsiasi j

Esempi:
Alcune persone conoscono Titaliano.
Bisogna scrivere gli altri esempi.
Certi uccelli mangiano della carne.
Hai fatto molti errori nella dettatura.
Egli ha detto poche parole.
Quanti giorni resterai al mare?
Tanti animali vivono nella foresta.
Conosco troppe cose della sua vita.
Non lo vedo da parecchio tempo.
Ho un altro fratello.
Alcuni libri sono rimasti sulla tavola.
Tutte le citt italiane hanno bellissim i monumenti.
Non voleva ascoltare nessun consiglio.
Ogni anno vado in montagna.
Ho passato qualche settimana in campagna.
Viene a qualunque ora.
Pu tradurre qualsiasi libro.
Tanta gente rimasta fuori.
Poche ragazze studiano la matematica.
Nessuna donna venuta per salutarla.
Nessun maggior dolore che ricordarsi del tempo felice nella
miseria. (Dante)

PRONOMI INDEFINITI (Zaimki nieokrelone)

Pronomi indefiniti sono le forme i n v a r i a b i l i :


tutto wszystko altro (gli altri) inny (inni)
niente nic ciascuno kady
nulla nic ognuno kady
qualcosa co nessuno nikt
uno (gli uni) kto, jeden (jedni) qualcuno kto

Esempi :
Tutto va bene.
Tutto finito.
Non capisco niente.
Non ho fatto nulla.
Ho visto qualcosa.
Gli uni nascono, gli altri muoiono.
Ciascuno deve fare il suo dovere.
Ognuno pu essere felice.
Non viene nessuno.
Qualcuno verr.
Non voglio niente.
Nulla mi piace.

Nella proposizione negativa, l aggettivo o il pronome indefinito


nessuno, usato con lavverbio di negazione non, si m ette dopo il
verbo:
Non ha imparato le regole nessuno studente.
Nessuno studente ha imparato le regole.

LETTURA

L'ITALIA INSULARE

LItalia Insulare comprende due grandi isole: la Sicilia e la


Sardegna.
La Sicilia, isola di forma triangolare, ha una superficie di
25 mila kmq e possiede lEtna, il pi alto vulcano dellEuropa.
La Sicilia una regione autonoma. Vi sono numerosi fiumi,
ricchi dacqua soltanto durante la stagione delle piogge. Lagri
coltura vi bene sviluppata ed anche la produzione degli agrumi
(arance, mandarini, limoni) e lallevamento del bestiame nellin
terno dellisola. Molto abbondante la pesca del tonno e delle
sardine.
P a le r m o . C a tte d r a le e P a la z z o A r c iv e s c o v ile
%
Vi si trovano numerose miniere di zolfo, soprattutto in pro
vincia di Caltanissetta. Molti ruderi antichi attirano i turisti del
mondo intero.
Palermo, capoluogo, grande e bel porto, Catania, antichissima
colonia greca e patria di Vincenzo Bellini, importante centro com
merciale, Messina, oggi citt moderna, ricostruita dopo il terribile
terremoto del 1908, Trapani, Agrigento, coi suoi ricordi della
grandezza greca, Siracusa, con il suo interessante teatro greco,
ecco le principali citt dell'isola.
La Sicilia ha avuto anche il suo grande scrittore, Giovanni
Verga (1840 - 1922) che ha rappresentato nei suoi romanzi l'anima
della sua isola,' la vita del popolo. Alcuni dei suoi libri sono tra
dotti in polacco ed una novella La Cavalleria rusticana" messa
in musica da Pietro Mascagni una bellissima opera.
Il clima della Sicilia dolcissimo anche in inverno.
La Sardegna con la superficie di 24 mila kmq la seconda
grande isola del Mediterraneo. coperta di boschi, di foreste e di
grandi pascoli. Molto abbondante vi la pesca (tonno e sardine).
Dalle ricchezze minerali si pu citare ferro, piombo, zinco
e carbone. Il bacino m etallifero d'Iglesias uno dei pi notevoli
d'Europa.
Citt principale Cagliari, porto assai attivo. Tra le altre citt
abbiamo Sassari e Nuoro, patria della grande scrittrice italiana
Grazia Deledda (1875 - 1936, premio Nobel 1927), autrice di una
serie di romanzi nei quali descrive la vita sarda, facendo parlare
ai suoi protagonisti il dialetto sardo. Ci ha lasciato pagine indi
menticabili con descrizione del paesaggio, dei costumi, delle scene
della vita sarda. Molti dei suoi romanzi sono stati tradotti in po
lacco.
Vicino alle coste della Sardegna sorgono piccole isole, fra cui
Caprera che conserva la tomba di Garibaldi, eroe nazionale ita
liano.

ESERCIZI
1. Domande alla lettura:
Quali isole comprende lItalia Insulare?
Che cosa lEtna?
Quali sono le ricchezze della Sicilia?
Che cosa produce la Sicilia?
Chi era Vincenzo Bellini?
Quali sono i pi importanti centri della Sicilia? t
Che cosa visitano i turisti venuti allisola?
Conosce qualche opera di Giovanni Verga?
Che cosa produce la Sardegna?
Quali sono le sue principali ricchezze?
Chi Grazia Deledda?
Dove si trova la tomba di Garibaldi?

2. Sostituire ai puntini gli aggettivi ed i pronomi in d e fin iti


convenienti:
Non mi ha scritto da . . . mesi.
. . . la nazione ricostruiva la capitale. ^
Non . . . le donne sono belle.
Ella cammina con . . . difficolt.
Be v i . . . birra.
. . . turisti visitano lItalia.
. . . vuole ssere ricco.
Puoi telefonarm i. . . giorno.
Non vuole dare . . . consiglio.
Non dite male d i . . .
. . . persone hanno . . . soldi.
Quasi a . . . piace il teatro ed il cinema.
. . . ci ha inviato dei fiori.
Lo lascer a . . .
. . . possiamo sbagliare.
Verr con . . . amici.
Non hai comprato ...?
Lo sgrida senza . . . ragione.
. . . studenti sono stati in Italia.
U n . . . giovane mi ha accompagnato a casa.

3. Costruire 3 frasi usando gli aggettivi indefiniti e 3 con


i pronomi.

4. Tradurre in italiano:
Nie otwieraj nikomu. Kady moe si uczy. Co kupi, ale nie
wiem, co. Wszystko jest moliwe. Nic nie widziaem. Niczego nie
potrzebuj. Znam wszystkie ksiki z tej biblioteki. Przeczytaem ich
kilkanacie. Jest to zbyt wielkie zmczenie. Rozmawiaem z nim
kilka razy. Kto wszed, ale nie wiemy, kto. Nikt nie ma zbyt wiele
czasu. Wszystko mino. Nic nie zostao. Kilka dni temu widziaem
Karola. Od kilku miesicy jest chory. Powtarza to kademu. Kto mu
przysa t kart. Nie wszyscy turyci maj aparaty fotograficzne. Nie
pisz do nikogo.

PR O V E R B I

Ogni cosa a suo tempo.


Ogni medaglia ha il suo rovescio.
Ognuno tira l'acqua al suo mulino.
Chi troppo vuole niente ha.
43. Lezione quarantatreesima
Passato remoto
Uso della preposizione a

GRAMMATICA

PASSATO REMOTO
(Czas przeszy daleki, dokonany)

I II III

parlare temere partire finire


parl-ai tem -ei part-ii fin-fi
pari-asti tem -esti part-isti fin-isti
parl- tem- part- fin-i
parl-ammo tem-emmo part-immo fin-immo
pari-aste tem -este part-iste iin-iste
pari-rono tem -crono part-irono fin-irono

avere essere
io ebbi noi avemmo io fui noi fummo
tu avesti voi aveste tu fosti voi foste
egli essi egli essi
ella ebbe esse ebbero ella fu esse furono
Lei Loro Lei Loro

USO DEL PASSATO REMOTO

Il terzo tempo passato dellindicativo, passato remoto, in dif


ferenza del passato prossimo un tempo storico e indica:
1. Un'azione compiuta n e l p a s s a t o ; quel punto riguarda
soprattutto i fatti storici.

2. Un'azione compiuta nel passato che non ha n e s s u n rap


p o r t o con l'ora presente:
Vanno scorso, il mese passato, ecc.

Esempi:
Il celebre condottiere italiano Francesco Sforza divent duca
di Milano.
La Repubblica di Venezia riport m olte vittorie sui suoi nemici.
Il popolo di Roma form un governo di cui Cola di Rienzo fu
a capo.
L'anno scorso passai le vacanze in Italia.
Molti anni fa visitammo Roma e Firenze.
L'inverno scorso mi recai a Cortina d'Ampezzo per fare lo sci.
Grazia Deledda ebbe nel 1927 il premio Nobel.
Dante studi le scienze e la filosofia.
Tutta la sua vita fu illuminata da quel ricordo.
Fu carcerato dagli Austriaci per dieci anni.

USO .DELLA PREPOSIZIONE A (Uycie przyimka a)

La preposizione a si usa per indicare:

il t empo : il modo:
Mi alzo alle sei. Cammino a piedi.
Verr a mezzogiorno. Leggo ad alta voce.
Torn aU'alba. Parla a voce bassa.

il lu o g o :

Vive a Roma.
Vado a teatro (m a: vado al Teatro Nazionale).
Sono a casa.
Sto a letto.
Venezia situata a quattro chilometri dalla terraferma.
La Toscana a sud dell'Emilia.
la m a n i e r a :
il quaderno a righe la locomotiva a vapore
il vestito a puntini il mulino ad acqua
la barca a vela giocare a schacchi

i l t e r m i n e (terzo caso, il Dativo):


Scrivo a Maria.
Parlo al professore.
Ha offerto un regalo alla mia amica.

LETTURA

L'ITALIA: UN PO' DI STORIA

Fino al 1870 l'Italia non era uno stato unito, ma si divideva


in molti pccoli stati e staterelli che erano spesso in guerra l'uno
contro laltro.
Il Medioevo italiano si estende dal 476, data della caduta
dellimpero romano e fine dell'unit italiana, al 1492, che fu l anno
della scoperta dell'America.
Durante i primi secoli del Medioevo, lItalia era dominata dai
barbari, dopo dallimperatore e soltanto nel XI secolo le citt
italiane acquistano la loro libert e cos abbiamo delle citt
stati, chiamati C o m u n i .
Le arti, le industrie ed il commercio incominciano a svilupparsi
e fra guerre e lotte dei partiti, dei Guelfi e Ghibellini si costitui
scono i pi antichi ed importanti comuni italiani: Venezia e Geno
va. Quest'ultima, copo il periodo di grande potenza doveva deca
dere dopo una lotta contro la pi forte Venezia.
La citt galleggiante fu costruita sul mare perch i suoi abi
tanti volevano difendersi cos dalle invasioni barbariche. Coll'an
dare del tempo Venezia, diventata padrona dell'Adriatico, fu la
pi ricca repubblica marittima italiana, in relazioni commerciali
con tutti i porti del Mediterraneo. Il capo del suo governo era
chiamato D o g e .
Fra gli altri Comuni del Medioevo i pi importanti erano
quelli di Firenze e di Milano.
Firenze per molti scoli fu centro- artistico e letterario, dove
i pi grandi artisti, architetti, scultori e pittori, i pi grandi poeti
e scrittori creavano opere immortali. Il pi celebre figlio di Firen
ze era Dante.
Milano anche si poteva contare nel numero delle citt pi
ricche ed operose. La sua industria ed il commercio erano ben
sviluppate; i commercianti ed i banchieri lombardi, conosciuti in
tutti i paesi dellEuropa, avevano i loro negozi nelle capitali di
vari stati. Ancora oggi, una via di Londra porta il nome di Lom
bard Street strada dei Lombardi, perch vi si trovavano le
case dei mercanti e banchieri italiani.
Le discordie tra i partiti che con il tempo si svilupparono nel
seno dei Comuni, provocarono guerre e lotte e finirono col tras
formare i Comuni in S i g n o r i e , nelle quali il potere era eredi
tario nelle famiglie dei signori o capi di quelle Signorie.
Le principali Signorie furono quelle dei Visconti a Milano, dei
Medici a Firenze, dei Savoia in Piemonte e degli Estensi a Ferrara.
Alcuni di quei Signori furono crudeli, altri costruirono palazzi,
chiese e monumenti grandiosi; poi col titolo di Duca, ricevuto
dalFimperatore, furono protettori degli artisti e scienziati.
Il Ducato di Milano, dopo la morte dell'ultimo Visconti, pass
nelle mani della famiglia degli Sforza, dalla quale la Polonia ebbe
una sua regina, Bona Sforza, moglie del re Sigismondo I.
Il Ducato di Firenze pass sotto il governo dei Medici, famiglia
di banchieri. Il pi illustre di essi fu Lorenzo detto il Magnifico,
protettore delle scienze e delle arti, poeta di grande talento.
La dinastia di Savoia uscita dal Piemonte regn nell'Italia gi
unita fino alla proclamazione della Repubblica nel 1946.

ESERCIZI

1. Domande alla lettura:


Che cosa sono i Comuni?
Quali rano i pi importanti Comuni italiani?
Perch Venezia fu costruita sul mare?
In che forma governativa si trasformarono i Comuni?
Perch una via di Londra si chiama ancora oggi Lombard Street?
Quali famiglie diventarono padroni delle Signorie?
Perch gli Sforza sono uniti con la Polonia?
Quale fu il pi grande rappresentante della famiglia dei Mdici
e perch?
Quando lItalia fu proclamata repubblica?
Quale il pi grande nome italiano del Medioevo?

2. Coniugare i seguenti verbi al passato remoto:


visitare lavarsi vestirsi
studiare crdere punire

3. Sostituire allinfinito il verbo al passato remoto:


Cinque anni fa io (studiare) la lingua italiana con grande diligenza.
Le vacanze scorse noi (incontrare) Maria al mare.
I barbari (cominciare) a invadere i territori romani.
I Longobardi non (riuscire) a conquistare tutta lItalia.
Durante il tuo ultimo soggiorno a Firenze tu (ammirare) i tesori dellarte
italiana.
La settimana scorsa egli (recarsi) dal mdico.
Carlomagno (ssere) uno dei pi grandi sovrani.
Le industrie (fiorire) nei Comuni italiani.

4. Sostituire ai puntini la preposizione a:


Ogni giorno io pranzo . . . tre.
Tutti dormono . . . mezzanotte.
Scriver . . . mia zia.
Ha dato un bel libro . . . suo allievo.
La gonna . . . quadretti molto larga.

5. Costruire 10 frasi con la preposizione a per dimostrare il


suo uso differente.

6. Tradurre in italiano:
Id spa o jedenastej. Dzi wieczr idziemy do Teatru Polskiego.
Ofiarowa Marii liczne piro. Lokomotywy parowe dymi i hucz.
W Rzymie s wspaniae muzea. Do Florencji przyjechaem o pnocy.

P R O V E R B IO

Un povero sano ricco a met.


44. Lezione quarantaquattresima
Uso della preposizione da

GRAMMATICA

USO DELLA PREPOSIZIONE D A (Uycie przyimka da)

Si usa la preposizione da nei seguenti casi, per indicare:

il t e m p o :

La lezione cominciata da unora


partito da due giorni.
Non la vedo da anni.

il l u o g o : l a q u a l i t (lo scopo):
Vengo da Roma. la stanza da bagno
Arrivo dalla stazione. la ragazza da marito
Torno dal concerto. la macchina da scrivere
Parto da Firenze stasera.
Andr da te domani. la m a n i e r a :
Vive da gran signore.
Scrive da vero poeta.

la c a u s a :
Trema dal freddo.
abbronzato dal sole.

Nel l a f o r ma p a s s i v a :
LAmerica fu scoperta da Cristoforo Colombo.
La casa stata comprata da mio marito.
Maria punita dalla sua maestra.

Esempi:
Aspetto il filobus da dieci minuti.
Da tre anni non sono andato al mare.
Mia cugina viene da me ogni domenica.
Ella torn dal teatro molto tardi ieri sera.
La stanza da letto arredata con mobili chiari e moderni.
Ho comprato una bella carta da lettere di colore azzurro.
Quello che dipinge da vero artista, mi piace moltissimo.
Guadagna molto e pu vivere da gran signore.
Tutto linverno tremava dal freddo nella sua stanzetta.
Nei deserti dAfrica soffocava dal caldo.
La macchina fu comprata da noi a prezzo veramente bassis
simo.
Quel romanzo letto da tutti i giovani.

LETTURA
\
IL RINASCIMENTO

Il Rinascimento fu un periodo che dur circa due secoli, tras


formando completamente la vita italiana, sviluppando le arti, la
scienza, raffinando i gusti.
Tra le numerose invenzioni e scoperte da notare quella della
stampa, della polvere da sparo e naturalmente la scoperta dellA
merica.
La prima dovuta al tedesco, Giovanni Gutenberg, che nel
1435 pubblic il primo libro stampato.. Con quellinvenzione i libri,
prima costosissimi, diventarono accessibili anche al popolo. Con
la seconda invenzione, quella della polvere da sparo, cambi com
pletamente larte della guerra.
Un altro fatto dimportanza eccezionale fu la scoperta dellA
merica, grazie al navigatore italiano Cristoforo Colombo che ebbe
molte conseguenze nella vita politica e sociale degli stati europei.
Ma soprattutto la letteratura e le arti si svilupparono durante
quel periodo, perch con lo studio dei capolavori dellantichit
gli scrittori e artisti italiani ebbero conoscenza della civilt greca
e romana. Nella letteratura, n ellarchitettura, nella scultura e nella
pittura abbiamo grandi maestri che immortalizzrono i loro nomi
dando allumanit opere magnifiche.
Chi non conosce questi nomi? Petrarca, poi Ariosto e Tasso
in poesia, Boccaccio, poi Machiavelli in prosa, Brunelleschi e Bra
mante n ellarchitettura, Donatello, Verocchio e Michelangelo in
scultura, Fra Angelico e Botticelli, Leonardo e Raffaello in pit
tura, ecco i nomi conosciuti nel mondo intero, che oggi fanno
parte della civilt non soltanto italiana ma umana.
Gli artisti italiani portarono la luce dellepoca nuova negli
altri paesi dellEuropa e anche in Polonia. Cracovia per esempio
una citt dove si ritrova lItalia. Gi la regina Bona Sforza trov
l'antica capitale'in tutto lo splendore del Rinascimento, con il
magnifico castello reale, begli edifizi e palazzi, chiese e monumenti.
I pomodori, i cavolfiori, i fagiuoli, i porri, gli spinaci, la cicoria
e la cipolla sono erbaggi, prima sconosciuti in Polonia, che tro
varono posto nella cucina polacca ed entrarono anche nella lingua.

ESERCIZI

1. Rispondere alle domande seguenti:


Che cosa il Rinascimento?
Quali sono le pi importanti invenzioni e scoperte di ueirpoca?
Che cosa sa di Gutenberg?
Quale fu il destino di Cristoforo Colombo?
Pu citare i nomi di alcuni grandi scrittori italiani di quel periodo
e titoli delle loro opere?
Quali sono i pi famosi artisti del Rinascimento italiano e quali capo
lavori lasciarono alla posterit in. architettura, in scultura e in pittura?
Conosce Cracovia? Le piace quella citt? Perch?
Quali sono le opere degli artisti italiani a Cracovia?
Chi ha portato in Polonia ortaggi italiani?
Quali parole italiane si ritrovano nella lingua polacca?

2. Sostituire ai puntini la preposizione da:


Ti aspett . . . due ore.
.. cinque . . . sei sar occupato.
Vengo . . . cinema.
LItalia visitata . . . turisti che vengono . . . tutti i paesi del mondo.
Le lezioni sono finite . . . tre giorni.
Torniamo . . . mercato.
Andr . . . mio professore stasera.
La camera . . . letto a destra . . . ingresso.
I romanzi di Grazia Deledda rano letti . . . m olte persone.
. . . cinque anni non sono stato in Italia.

3. Costruire 6 frasi con luso della preposizione da.

4. Sostituire allinfinito il verbo in passato remoto:


Csare con il suo esrcito (entrare) in Egitto.
Dopo la morte di Giulio Csare la repubblica (trasformarsi) in impero.
Ottaviano (governare) m olti anni.
Limpero romano (durare) cinque scoii.
In quel periodo (ssere costruiti) molti edifizi a Roma.
I Romani (edificare) m agnifici palazzi e (costruire) strade, acquedotti,
ponti e terme.
I ponti (ssere costruiti) prima di legno, poi di pietra.
I due fratelli, Tiberio e Caio Gracco (cercare) di sollevare la miseria del
popolo.
Tutti e due (ssere uccisi) dai patrizi.
Roma (combattere) tutti i suoi nem ici con la sua forza militare.
Roma (potere) vincere gli altri popoli.

5. Tradurre in italiano:
Od czwartku nie mam lekcji woskiego. Jest chory od tygodnia.
Wracamy z odczytu profesora Verdiani. Musz pj do dentysty. Ta
powie zostaa przetumaczona przez mego brata.

,,Meglio vivere un giorno da leone che centanni da pecora.


G A B R IE L E D A N N U N Z IO
45. Lezione quarantacinquesima
Uso della preposizione per
passato remoto irregolare del verbo
leggere
prefisso ri-
Limportanza dellaccento tonico

GRAMMATICA

USO DELLA PREPOSIZIONE PER (Uycie przyimka per)

La preposizione per unita con larticolo determinato pu anche


formare le preposizioni articolate usate raramente:
per + il = pel per + i = pei
Accanto a queste forme sono pi usate le forme: per il, per i.
Le forme: pello, pella, pegli, pelle non si usano pi.

La preposizione per sta meglio separata dallarticolo:


per -4- il = pel, per il per + V = per V
per + lo = per lo per + i = pei, per i
per + T= per V per + gli = per gli
per + la = per la per + le = per le

Si usa la preposizione per volendo indicare i casi seguenti:


il t e m p o :
Ha preparato la cena per stasera.
invitato per luned. Lho aspettato per tre ore.

il lu o g o :

passato per tutta la citt. Passeggia per il giardino.


Entriamo per la porta principale.
Vedeva a traverso il fumo, pei campi, le divise bianche
degli Austriaci... (De Amicis)

19 Studiam o la lingua
289
10 s c o p o :
Vivo solo per te.
Lavora per guadagnare la vita.
Garibaldi combatteva per lindipendenza dellItalia.
Studio per imparare la lingua italiana.

la c a u s a :
Egli punito per lindisciplina.
condannato per lassassinio.
Soffre per la sua avarizia.

11 m e z z o :
Ti dar la notizia per telefono.
Il pacco spedito per posta. Lettera arrivata per aereo.

PASSATO REMOTO IRREGOLARE DEL VERBO LGGERE


(Czas przeszy dokonany, nieregularny czasownika leggere)

io lessi noi leggemmo


tu leggesti voi leggeste
egli essi
ella lesse Loro lessero
Lei esse

PREFISSO RI- (Przedrostek ri-)

Il prefisso ri- indica la r i p e t i z i o n e dellazione:


Rilggere == leggere di nuovo.
Esempi:
vedere rivedere abitare riabitare
leggere rileggere battere ribattere
cambiare - ricambiare pensare ripensare
accendere - - riaccendere chiamare richiamare
conoscere - - riconoscere trovare ritrovare
cercare - ricercare partire ripartire
L IMPORTANZA DELLACCENTO TONICO
(Znaczenie akcentu tonicznego)

1. La diversit degli accenti tonici pu corrispondere a d i


v e r s i t d i s i g n i f i c a t i , per questo molto importante
accentuare bene le sillabe convenienti:
Vancora kotwica ancora jeszcze
la balia mamka la bala wadza
il compito zadanie compito (participio passato del
verbo compiere dokona,
dokoczy)
impari nieparzysty impari (verbo imparare)
leggere (verbo) czyta leggere (femminile plurale)
la meta cel, meta la met poowa
il nettare nektar nettare (verbo) czyci
pagano (verbo pagare) pagano pogaski
panico paniczny il panico proso
perdono (verbo perdere) il perdono przebaczenie
i principi ksita (il principe) i principi zasady (il princi
pio pocztek, zasada)

2. Laccento tonico s i s c r i v e in alcuni monosillabi per di


stinguerli da altri che senzaccento hanno un significato diverso:
d verbo dare da preposizione
verbo essere e congiunzione
l articolo determinativo
avverbi di luogo
l
n congiunzione li pronomi
s pronome personale ne
s avverbio di affermazione se congiunzione
si pronome
Esempi:
Mario mi d una matita rossa. Vado da lui.
Maria bella.
Nel cassetto ci sono una gomma e un temperino.
Il chiosco Za, allangolo.
La penna verde. La chiamer subito.
Si mettono l. Parla sempre di s.
Li ho visti ieri. Andr se ho tempo.
N tu n io. Forse che s, forse che no.
Hai due libri: ne prendo uno. Egli si alza alle sette.

LETTURA

IL PARCO NAZIONALE

Il Parco Nazionale un territorio dove la caccia proibita,


e gli animali vivono sotto la protezione delle guardie.
In molti paesi civili, anche in Polonia, esistono i Parchi Nazio
nali creati appositamente per proteggere le specie ormai rare di
mammiferi. Tutti gli animali selvatici vi possono vivere in pace
nelle condizioni convenienti.
In Italia incontriamo due Parchi Nazionali: quello del Gran
Paradiso nelle Alpi e quello dAbruzzo.
Il Parco Nazionale del Gran Paradiso nella Valle dAosta occu
pa 450 kmq. Lo coprono grandi foreste, rocce e ghiacciai. Molte
bestie vi Vivono liberamente: piccoli carnivori che danno preziose
pellicce come le volpi, le faine, le donnole, le puzzole, le lontre,
i tassi e gli ermellini. Della selvaggina pi grossa possiamo enu
merare lo stambecco ed il camoscio.
Nel Parco dAbruzzo ci sono anche lupi ed orsi, linci e gatti
selvatici.
L ACCENTO SULLO

Una volta un accento Per fortuna uno scolaro


per distrazione casc rilesse il componimento
sulla citt di Como e liber i prigionieri
mutandola in un com. cancellando laccento.
Figuratevi i cittadini Ora ai giardini pubblici
comaschi poveretti, han dedicato un busto
al risveglio si trovarono ,,A colui che sa mettere
chiusi a chiave nei cassetti. gli accenti al posto giusto.
G IA N N I R O D A R I
ESERCIZI

1. Domande alla lettura:


Che cosa un Parco Nazionale?
Quanti Parchi Nazionali ci sono in Italia?
Quali animali selvatici vi vivono liberamente?
Ha visitato un Parco Nazionale in Polonia?
Che cosa sa dei bisonti?

2. Sostituire ai puntini la preposizione p e r :


Sono invitata a teatro . . . domani sera.
Ti mander i libri . . . posta.
molto infelice . . . il suo carattere insopportabile.
Scrive . . . annunziarmi il suo prossimo matrimonio.
Vado a scuola . . . imparare la lingua italiana.

3. Costruire 5 frasi con l uso della preposizione per.

4. Spiegare l uso della preposizione per nella poesia di Rodari.

5. Riassumere la poesia di Rodari con parole proprie.

6. Formare 5 verbi con il prefisso ri. usati nelle frasi.

7. Tradurre in italiano:
Kupiem na jutro bilety do teatru. Dwadziecia minut czekaem na
trolejbus. Wchodzi przez okno, a wychodzi przez drzwi. Pracujemy
dla niej, a nie dla was. Przez sw zazdro nie moe by szczliw y.
Powiedzia mi przez telefon, e Maria wyjeda do W och. Na szczcie
miaem pienidze. Zosta ukarany za kradzie. W yl ci poczt nowe
woskie powieci. Chc raz jeszcze przeczyta list Karola. Wyjeda,
aby odpocz na wsi. Czyta i odczytywa te gorzkie sowa. Nie mog
odnale tej osoby. Rozpozna j dopiero po kilku minutach. Chcemy
raz jeszcze zobaczy ten liczny film.

proverbio

Noi abbiamo sempre abbastanza forza per sopportare i dolori .


altrui.
46. Lezione quarantaseesima
Pronomi personali (5)
Uso della preposizione in

GRAMMATICA

PRONOMI PERSONALI (5) (Zaimki osobowe)

Forme lui, lei, loro usate come soggetto

Nella lezione 15 abbiamo gi detto che le forme lui, lei, loro


possono essere usate in funzione di s o g g e t t o . Ed ecco le re
gole:

1. Quando si vuol dare un particolare r i s a l t o al pronome:


Se lui parla, nessuno osa fiatare.
Lei sola lo vuole.
Loro me lo impedirono, soltanto loro.

2. Quando due soggetti sono i n o p p o s i z i o n e tra loro:


Lui ride, ma lei piange. Loro negano, lui conferma.

3. Quando il pronome soggetto di una proposizione con il


verbo al T i n f i n i t o , al p a r t i c i p i o , al g e r u n d i o :
Lui far questo? non ci credo.
Lei morta, tutto cambi.
Arrivando loro, successe un parapiglia.

4. Dopo: anche, neanche, nemmeno, pure, neppure, tanto, quan


to, tanto che, come:
Anche lei ama i fiori.
Tanto lui quanto lei sono irritatissimi.
Nemmeno lui lo vuole.
\ Tanto io che loro vogliamo bene a questo ragazzo.
Dopo anche possiamo usare e lui e egli:
anche lui = anchepiz (anche lui pi comune)

Dopo: come, quanto anche i pronomi me, te possono ssere usati come
soggetto:
Fa come me. Ho studiato quanto te.

5. Dopo il v e r b o:
Parla lei. Risponde lui. Vengono loro.

6. N elle e s c l a m a z i o n i :
Beato lui\ Felice lei\

7. Quando questi pronomi hanno funzione di predicato dopo


i verbi: ssere, parere, sembrare:
Non pi lui dopo quella disgrazia. Non mi sembra lei.

8. Loro con i numerali c a r d i n a l i :


Loro due. Loro tre.

9. Nel parlare familiare frequento Fuso di lui, lei, loro come


soggetto:
Lui dice che non pu venire.
Lei indossava una magnifica pelliccia di visone.
Loro aspttano da oltre unora.
Si ripete due volte il pronome, quando si vuole dare forza maggiore:
Tu, tu lo sapevi = lo sapevi tu. Lui, lui non lha voluto.

USO DELLA PREPOSIZIONE IN (Uycie przyimka in)

La preposizione in si usa per indicare i seguenti casi:

il t e mp o :
Siamo nel 1959. Ho imparato litaliano in due anni.
Nel Medioevo. Partiamo in estate.
Vivo in Polonia. In fondo al mare.
Vado in Italia. In alto, in basso.
Entro nella classe. Sto in casa.
la m a n i e r a :
Cammina in fretta. Mi ha scritto in segreto.
Vanno in fila.
lo s c o p o :
Mi ha lasciato quel libro in ricordo.
La conferenza in onore del grande poeta.
la materia:
La statua scolpita in legno, in marmo.
Il sarcofago fatto in bronzo, in pietra.
la q u a n t i t :
Partiremo in quattro.
La citt divisa in due parti.
I verbi italiani si dividono in tre coniugazioni.

LETTURA

GARIBALDI

Giuseppe Garibaldi (1807 - 1882) eroe nazionale italiano. In


ogni citt, ogni cittadina, c una via o piazza Garibaldi, c il
monumento a Garibaldi.
Era lui che, con tutta la sua vita di lotte e di combattimenti,
contribu allunificazione e allindipendenza dellItalia. Anita Ga
ribaldi, sua moglie morta giovane, il suo tesoro, l accompagnava
in tutte le vicende. Tanto lui quanto lei mostravano un coraggio
imperturbabile, noncuranti del pericolo.
A Roma, al Gianicolo, ci sono due monumenti eretti ad Anita
e a Giuseppe Garibaldi.
E adesso leggiamo una pagina di Edmondo de Amicis:
Oggi un lutto nazionale. Ieri sera morto Garibaldi. Sai chi
era? quello che affranc dieci milioni ditaliani dalla tirannia
dei Borboni. morto a settantacinque anni. Era nato a Nizza,
figliuolo dun capitano di bastimento. A otto anni salv la vita di
una donna; a tredici, tir a salvamento una barca piena di com
pagni che naufragavano; a ventisette, trasse dalle acque di Marsi
glia un giovanetto che sannegava; a quarantuno, scamp un basti
mento dallincendio sulloceano. Egli combatt dieci anni in Ame
rica per la libert di un popolo straniero, combatt in tre guerre
contro gli Austriaci per la liberazione della Lombardia e del
Trentino, difese "Roma dai Francesi nel 1849, liber Palermo
e Napoli nel 1860, ricombatt per Roma nel67, lott nel 1870
contro i tedeschi in difesa della Francia. Egli aveva la fiamma
delleroismo e il genio della guerra. Combatt in quaranta combat
timenti e ne vinse trentasette. Quando non combatt, lavor per
vivere e si chiuse in unisola solitaria a coltivare la terra. Egli fu
maestro, marinaio, operaio, negoziante, soldato, generale, dittatore.
Era grande, smplice e buono. Odiava tutti gli oppressori, amava
tutti i popoli, proteggeva tutti i deboli; non aveva altra aspirazione
che il bene, rifiutava gli onori, disprezzava la morte, adorava
lItalia. Quando gettava un grido di guerra, legioni di valorosi
accorrevano a lui da ogni parte: signori lasciavano i palazzi, operai
le officine, giovanetti le scuole per andar a combattere al sole della
sua gloria. In guerra portava una camicia rossa. Era forte, biondo,
bello. Sui campi di battaglia era un fulmine, negli affetti un fan
ciullo, nei dolori un santo. ...
morto. Il mondo intero lo piange. Tu non lo comprendi per
ora. Ma leggerai le sue gesta, udrai parlar di lui continuamente
nella vita; e via via che crescerai, la sua immagine crescer pure
davanti a te; quando sarai un uomo, lo vedrai gigante. ...
E D M O N D O D E A M IC IS, ,,C U O R E

ESERCIZI

1. Domande alla lettura:


Chi era Giuseppe Garibaldi?
In che epoca viveva?
Come era la sua vita?
Quali m estieri esercitava durante la sua vita?
Contro di chi combatteva?
Dove la sua tomba?
Con quale eroe nazionale polacco possiamo compararlo?
Che cosa sa Lei di Anita Garibaldi?

2. Sostituire ai puntini la preposizione in:


. . . 1939 scoppi la seconda guerra mondiale.
. . . Rinascimento cerano molti clebri artisti.
Termino il suo lavoro . . . unora.
Andremo al cinema . . . due.
. . . estate far bel tempo.
LItalia divisa . . . 19 regioni.
Le tombe Medicee sono scolpite . . . marmo bianco.
Abito . . . via Nazionale.
Un gran caff si trova . . . piazza Garibaldi.
stato punito . . . conseguenza della sua condotta.
tornato a casa . . . furia.
. . . ricordo della nostra giovent mi ha regalato un orologio doro.
Tutta la storia scritta . . . appunti.

3. Spiegare luso della preposizione in nella lettura.


4. Costruire tre frasi usando la preposizione in nei casi dif
ferenti.
5. Tradurre in italiano:
Garibaldi umar w roku 1882. M ieszka w e Woszech i w Ameryce.
W epoce Renesansu powstao w iele arcydzie. Namalowa portret w w iel
kim popiechu. Na cze bohatera narodowego zaoono Dom onie
rza. W nadziei pojechania do Woch ucz si pilnie jzyka. Co si
znajduje w tym miejscu? Jeli oni przyjd, ona zaraz ucieknie. On
jest szczliwy, a ona smutna. Oni trzej zwyci.

P R O V E R B IO

Felice in gioco, disgraziato in amore.

Barzelletta

La mamma di Pierino alla maestra:


Gentile Signora, oggi tengo a casa mio figlio, perch raffred
dato. Beata Lei, che avr un giorno tranquillo...
47. Lezione quarantasettsima
Uso della preposizione con
Nomi derivati
parole composte

GRAMMATICA

USO DELLA PREPOSIZIONE CON (Uycie przyimka con)

La preposizione con unita con larticolo determinato pu anche


formare le preposizioni articolate:
con + il = col con + i = coi

Si pu scrivere tanto coi, coi come con il, con i.


Le forme: colio, colla, cogli, colle sono oggi evitate.
La preposizione con sta meglio separata dallarticolo.
con + il = coi, con il con + V = con V
con + lo = con Io con + i = coi, con i
con + T= con V con + gli = con gli
con + la = con la con + le = con le

La preposizione con pu indicare:

la c o m p a g n i a e l u n i o n e :
Partir con lui. Lavoro con la mia amica.
Vado al cinema con Maria. Risotto coi funghi.
Villa con frutteto. Pane col burro.
Luomo sincero parla col cuore nella mano.

la m a n i e r a (forma avverbiale):
Studia con diligenza (studia diligentemente).
Bisogna agire con prudenza.
Mi tratta con gentilezza.
Ci parla sempre con dolcezza.
10 s t r u m e n t o :
Apro la porta con la chiave.
Scrivo con la penna.
Taglio il pane con il coltello.

11 m e z z o :
Arriver con il treno. I pavimenti lucidati con la cera.
Parte con l'aereo.

NOMI DERIVATI (Rzeczowniki pochodne)

Con vari suffissi possiamo dal nome primitivo formare molti


nomi d e r i v a t i .
Il suffisso aggiunto al tema cambia completamente il nome
primitivo.
Nome primitivo: il libro
Nomi derivati: la libreria il negozio dove si vendono
i libri
il libraio luomo che vende i libri.

Nomi primitivi Nomi derivati


il muro il muratore
il legno il legnaiolo
la guerra il guerriero
il mare la marina, il marinaio

I suffissi che indicano la p r o f e s s i o n e sono:


-aio -iere -ista

Nome primitivo Nome derivato


il carbone il carbonaio
il libro il libraio
la calza il calzolaio
il cappello il cappellaio
il latte il lattaio
il macello il macellaio
Nome primitivo Nome derivato
la barba il barbiere
la cassa il cassiere
la porta il portiere
la camera il cameriere
la parrucca il parrucchiere
il pasticcio il pasticciere
la musica il musicista
il farmaco il farmacista
il piano il pianista
l'arte l'artista
il giornale il giornalista
il violino il violinista

PAROLE COMPOSTE (Sowa zoone)

Anche i prefissi, premessi al tema, cambiano la parola primi


tiva, formando le parole c o m p o s t e .
1. Il gi conosciuto prefisso ri- aggiunto allinf inito indica la
r i p e t i z i o n e dell'azione:
fare rifare cadere ricadere
chiamare richiamare

2. I prefissi:
dis-
indicano l a n e g a z i o n e della
im -f -in-
parola primitiva
s-
onesto disonesto felice infelice
abitato disabitato umano inumano
armato disarmato contento scontento
lordine il disordine piacevole spiacevole
il piacere il dispiacere comodo scomodo
morale immorale garbato sgarbato
mobile immobile favorevole sfavorevole
capace incapace
3. Il prefisso stra- significa u n e c c e s s o :
stracotto troppo cotto, esageratamente cotto
straricco molto ricco
stragrande immenso, illimitato
stravecchio molto vecchio
straordinario non ordinario

4. Il prefisso sta- usato nei seguenti casi:


stamane = stamani = stamattina
stasera
stanotte
stavolta

ESERCIZI

1. Aggiungere i suffissi: -aio, -iere, -ista ai nomi primitivi


seguenti:
l uscio l ombrello il dente
il ciclo il portone il profumo
lorologio il fiore il tabacco
lauto

2. Con i prefissi: disy im-, in-, s- formare parole composte:


il gusto giusto lonore mortale
l accordo utile unire colto
l armonia maturo materiale caricare
conoscere diretto memorabile mascherare
fare moderato la ventura vestire
la grazia modesto

LETTURA

I MESTIERI

I mestieri *sono m olti ma i pi innocenti sono quelli che ci


danno le cose pi comuni e usuali che servono a tutti: quelli del
contadino, del muratore, del fabbro, del legnaiuolo. Riflettiamo
bene sulle considerazioni che Giovanni Papini fa intorno a questi
mestieri, apparentemente umili, di fronte alla tecnica moderna
e ci persuaderemo della loro umanit e della loro innocenza.
Quelle del Contadino, del Muratore, del Fabbro, del Legna
iuolo, sono, tra Farti manuali, le pi compenetrate colla vita
dell'uomo, le pi innocenti e religiose. Il Guerriero degenera in
Padrone, il Marinaio in Pirata, il Mercante in Avventuriero. Ma
il Contadino, il Muratore, il Fabbro, il Legnaiolo non tradiscono,
non possono tradire, non si corrompono. Maneggiano le materie
pi familiari e debbono trasformarle, agli occhi di tutti, per il
servizio di tutti, in opere visibili, sqlide, concrete, vere. Il Conta
dino rompe la zolla e ne cava il pane che mangia il santo nella
sua grotta come Tomicida nella sua carcere; il Muratore squadra
la pietra e innalza la casa: la casa del povero, la casa del re, la
casa d'iddio; il Fabbro arroventa e torce il ferro per dar la spada
al soldato, il vomere, al contadino, il martello al falegname; il
Legnaiolo sega e inchioda il legno per costruire la porta che
protegge la casa dai ladri, per fabbricare il letto sul quale ladri
e innocenti moriranno.
Queste semplici cose, queste cose ordinarie, comuni, usuali,
tanto usuali, comuni e ordinarie che non le vediamo pi, che
passano ormai disavvedute sotto i nostri occhi avezzi a pi com
plicate meraviglie, sono le pi semplici creazioni delluomo, ma
pi miracolose e necessarie di tutte laltre inventate dopo.
G IO V A N N I P A P IN I

ESERCIZI

1. Riassumere con parole proprie largomento della pagina di


Giovanni Papini intitolata, I mestieri'.
2. Spiegare l uso delle preposizioni a, di, da, in, con, per
nella lettura.

3. Costruire tre frasi usando la preposizione con nei differenti


casi.

4. Sostituire ai puntini la preposizione conveniente:


Arriver . . . il piroscafo.
Chiude la porta . . . la chiave.
Dipinge il ritratto . . . il pennello.
Passer le vacanze . . . la sua fidanzata.
Bisogna misurare le conseguenze . . . esattezza.

5. Dai seguenti nomi primitivi formare i nomi derivati:


lamico lItalia lo studio il lavoro
la Polonia il medico la citt la pesca
lacqua la scuola la biblioteca il fiore

6. Tradurre in italiano:
Przyjd do was z moim synem. Mwi zawsze surowo. Pisz ow
k iem . Przyjedziemy gondol. Rano jem tylko chleb z masem. N ie
pjd z nimi do kina.

PR O V E R B IO

Con la concordia le piccole cose crescono; con la discordia le


grandissime vanno in rovina.

Il detenuto che tenta la fuga

Due detenuti si acordarono per evadere dal carcere. Uno


doveva fare fuori la sbarra colla lima, laltro, per coprire il
rumore, doveva cantare.
Dopo un po di lavoro, quello che fatica per aprire linferriata
dice spaventato allaltro:
Ma cerca di cantare un po meglio; fai lo stesso rumore
della lima...
48. Lezione quarantottesima
Uso delle preposizioni tra, fra
Uso della preposizione su
Origine delle parole
Formazione delle parole

GRAMMATICA

USO DELLE PREPOSIZIONI TRA, FRA


(Uycie przyimkw tra, fra)

Si usano le preposizioni tra, fra per indicare:

il t e m p o :
Torner fra unora.
Finisco tra cinque minuti. Vengo fra poco.

il l u o g o :
fra la porta e la finestra
Fra le mura di Roma ci sono de: tesori dellarte.
Fra me e te non ci sono segreti.

il modo:
Parla tra i denti. Parlava tra i singhiozzi.

USO DELLA PREPOSIZIONE SU (Uycie przyimka su)

Le preposizione su indica:

il l u o g o :
Sulla tavola c un vaso.
Sulle pareti ci sono i quadri.
l uomo sul quale si pu contare.

20 Studiam o la lin gu a qqr


l a r g o m e n t o :
Discuteremo su questo problema.
La conferenza sulle cause della seconda guerra mondiale.
Su questa decisione non ammetto discussioni.

il t e m p o :
Sulla sera incominciava a far freddo.
Sul mattino incomincia a far brinare.

l e t :
Luomo sui trentanni. La giovane sui ventanni.

ORIGINE DELLE PAROLE (Pochodzenie sw)

Quasi tutte le parole italiane derivano dal latino, sono le pa


role latine modificate lentamente attraverso i scoli.
Un certo numero di parole italiane deriva dal greco, so
prattutto quelle del linguaggio tecnico e scientifico.
Ci sono anche le parole entrate in Italia con le invasioni bar
bariche e altre apportate dallestero per designare le cose nuove,
per le quali non cera la parola adatta in italiano, specialmente
nello sport.

FORMAZIONE DELLE PAROLE (Tworzenie sw)

Si possono formare le parole in quattro modi: per flessione,


per alterazione, per derivazione, per composizione.

Parola p r i m i t i v a : la lettera
per f l e s s i o n e (declinazione e coniugazione) le lettere
per a l t e r a z i o n e (nomi alterati, vedi 34 lezione) la let
terina
per d e r i v a z i o n e (nomi derivati, vedi 47 lezione) il let
terato
per c o m p o s i z i o n e (nomi composti, vedi 38 lezione) il
portalettere.
Parole formate
Parole
primitive per flessione per alterazione per derivazione per compo
sizione

lamore gli amori lamoretto lamante innamorato


Famoruccio amoroso

il capo i capi il capone il capello il capostazione


il capogiro
il capolista
j
la corsa le corse la corsuccia correre ricorrere
la corrente il precursore
il corsaro

la parola le parole le parolacce il parlatoio laltoparlante


il parlamento

la scritta le scritte la scrittura sottoscritto


la scrivania
lo scrittore

LETTURA

ORDINAMENTO DELLO STATO ITALIANO

Come abbiamo gi detto ITtalia una Repubblica. Il Presi


dente della Repubblica il Capo dello Stato. Egli eletto dal Par
lamento e dura in carica sette anni. Il Parlamento composto
della Camera dei Deputati e del Senato. Tutti i cittadini che hanno
raggiunto la maggiore et eleggono deputati e senatori.
Il Governo formato dai Ministri. Il capo del Governo il
Presidente del Consiglio dei Ministri.
Ogni ministro capo di un Ministero. Ci sono vari Ministeri:
Ministero degli Affari Interni (delllnterno)
Ministero degli Affari Esteri
?o*
R e g g io C a la b ria . D u o m o
Ministero della Difesa
Ministero della Giustizia
Ministero dellIstruzione Pubblica
Ministero delle Finanze
Ministero dei Lavori Pubblici, ecc.
La bandiera tricolore, bianca, rossa e verde il simbolo dello
Stato italiano.
In Italia ci sono 19 regioni, 91 province e circa 8.000 comuni.
Quattro regioni:' la Valle dAosta, il Trentino-Alto Adige, la Si
cilia e la Sardegna sono autonome, cio hanno un parlamento e un
goverflo regionali.
Lamministrazione della Provincia a ffid a ta ci Consiglio pro
vinciale eletto dal popolo che cura lo sviluppo dellagricoltura,
dellindustria e del commercio.
Il capo della Provincia il Prefetto che la massima autorit
della provincia.
Una Provincia composta di molti Comuni. Il Sindaco il
capo del Comune.
Il comune provvede ai principali servizi di utilit pubblica:
strabe, ospedali, cimiteri, scuole, acqua potabile, illuminazione,
assistenza agli ammalati, ai poveri, ai vecchi. Per tutto questo il
Comune ha bisogno di denaro, allora i cittadini pagano le tasse.
Ogni Comune comprende una citt principale chiamata ca
poluogo. Nel capoluogo di ogni comune esiste il Palazzo Comunale
o Municipio dove risiede il Sindaco.

ESERCIZI

1. Con parole proprie raccontare la lettura.

2. Costruire 4 frasi con luso delle preposizioni: tra, fra, su.

3. Sostituire ai puntini le preposizioni convenienti:


. . questi fiori la rosa sembra una regina.
Sono felice . . . i miei amici.
Verr da te . . . una settimana.
.. pavimento ci sono le m acchie dinchiostro.
Non posso contare . . . nessuno.
Egli cammina . . . strada giusta.

4. Dalle seguenti parole primitive formare le parole alterate,


derivate e composte:
il lavoro, la via,
il paese, il dolce, la strada.

PR O V E R B IO

Fra il dire e il fare c di mezzo il mare.

L'ubriaco di notte

Un ubriaco, una volta ritornando a casa, barcollava e si ferm


sotto un lampione, frugando nelle tasche.
Viene un poliziotto e gli domanda: Che cosa cerca? Ha per
duto qualche cosa?
S, sto cercando la chiave di casa.
L ha perduta proprio qui?
Oh, no.
Allora perch la cerca qui?
Perch qui c la luce.
49. Lezione quarantanovesima
Ripetizione delluso delle preposizioni

GRAMMATICA

RIPETIZIONE DELLUSO DELLE PREPOSIZIONI


(Uycie przyimkw. Powtrzenie)

Sostituire ai puntini le preposizioni convenienti:


Mi regoler a seconda . . . circostanze.
Quella scultura stata ammirata . . . tutti.
Era malato . . . anni.
Ti ho riconosciuto subito . .. voce.
Questa estate non sono andato .. . montagna, ma sono stato . . .
mare.
Ti accompagner .. . stazione.
Egli ha scritto un libro . . . Dante.
Tutto dipende . . . circostanze.
Egli parl . . . folla riunita . . . piazza . . . pi di un'ora . . . voce
alta e chiara.
Mi sono stancato . . . ripetere sempre le stesse cose.
uscito . . . casa.
Navigammo .. . venti giorni.
Devi informarti . . . libraio . . . prezzo di quella Storia
deirarte.
Ho incontrato tuo fratello . . . teatro.
Ha ricominciato il suo racconto . . . principio.
Stasera andremo .. . concerto . . . Maria.
Dante mor . . . 1321.
L'Italia ricca . . . opere darte.
Era tutto pallido . . . paura.
Non bisogna scendere . . . tram . . . corsa.
Ho comprato una macchina . . . scrivere Olivetti.
Ho letto le poesie .. . Vittorio Alfieri.
Conosco tutti i romanzi .. . Grazia Deledda.
Tutti vanno . . . fretta.
L'ho detto .. . scherzo.
Non parla mai . .. serio.
. . . questa lettera ti annuncio il mio arrivo . . . sabato.
Abbiamo preso . . . affitto . . . due mesi una casa . . . mare.
Finiremo il nostro lavoro . . . poco.
Vedo un bellissimo calamaio . .. scrivania.
. . . le due finestre c un vecchio orologio.
Verr . . . treno . . . cinque e mezzo.
Dipinge . . . pennello.
Ho fatto un bel viaggio . . . Italia.
L ho invitato . . . pranzo . . . domenica.
Viaggiamo . . . Europa.
Viveva sempre . . . famiglia.
Ritorner . . . mare . . . settembre.
Lo diceva . . . segreto.
Parlava . . . severit.
Stanza . . . bagno.
Garibaldi combatteva . . . lindipendenza . . . Italia.
Il vestito . . . seta.
Dormo .. . mio letto.
La barca . . . vela.
Laquila . . . due teste.
La citt . . . Cracovia.
Le poesie . .. Gianni Rodari.
Lho visto . . . Museo Nazionale.

LETTURA

LE STRADE ITALIANE

Le strade collegano le citt, le cittadine e i paesi. Come il ter


ritorio italiano in gran parte montuoso, le strade sono piene di
salite e di discese.
Ci sono anche le autostrade, sulle quali viaggiano soltanto
le automobili, le motociclette e gli autocarri. La pi grande e la
pi moderna di esse 1,,Autostrada del Sole Milano-Npoli.
Alcune vie italiane seguono ancora oggi la traccia delle strade
romane conservando i loro nomi antichi: Aurelia, Appia, Emilia,
Cassia, Flaminia, Salaria, Nomentana.
LAurelia una grande strada costiera che attraversa tutta la
Liguria. LEmilia deve il suo nome alla grande via costruita dai
Romani.
Le grandi strade lAppia, 1Aurelia, la Cassia, la Flaminia,
la Salaria, la Tiburtina congiungono la capitale alle altre regioni
dItalia, ecco perch un proverbio dice: tutte le strade conducono
a Roma.

I PIRATI

I vecchi pirati
dagli occhi bendati,
con la mano ad uncino
non fanno pi paura:
dormono nelle pagine
dei libri davventura,
appoggiati alla gamba di legno
che ormai sar tarlata
come una vecchia scopa,
e si destano e vanno allarrembaggio
con tutto l equipaggio
solamente se vuoi tu.
Sono pronti ai tuoi ordini
i pirati del tempo che fu,
allineati sullo scaffale
come sul ponte di una nave:
apri il libro alla pagina giusta,
aspettano un tuo segnale
gli eroi della Filibusta *.
G IA N N I R O D A R I

* F i l i b u s t a , il filibustiere parola dorigine spagnuola, vuol dire:


Pirata. Nome che si d a v a . agli avventurieri che, soprattutto nel scolo
XVII, esercitavano la pirateria nelle acque dAm rica (Cappuccini-Miglio-
rini, Vocabolario della lingua italiana)
ESERCIZI

1. Domande alla lettura:


Come sono le strade italiane?
In che cosa si sono trasformate le antiche strade romane?
grande l importanza delle strade nella vita moderna?
Quali mezzi di comunicazione incontriamo sulle nostre strade?
Che cosa preferisce per viaggiare: il treno o l areo e perch?

2. Riassumere la poesia di Rodari con parole proprie.


3. Spiegare luso di ogni preposizione della poesia.
4. Costruire oralmente delle frasi con le preposizioni: di, a, da,
con, in, su, per, tra, fra.
5. Sostituire ai puntini le preposizioni convenienti:
vado: casa ... dentista
Venezia ... barca
Italia ... montagna
cinema ... scuola
Maria ... caff
vengo: Spagna ... mdico
concerto ... lontano
Napoli ... Carlo
mia zia ... ufficio
mare ... giardini di Boboli

6. Tradurre in italiano:
Odbd moj podr po Italii za pomoc mapy. Pew nego dnia wyjad,
z Warszawy, min Alpy i przybd do Wenecji. Zwiedz to pikne miasto,
a nastpnie przez Padw i Boloni przyjad do Florencji. Tu zatrzymam si
duej, gdy pragn dokadnie zwiedzi wszystkie zabytki ojczyzny Dan
tego. Z Florencji udam si do Rzymu i Neapolu oraz na Sycyli, do miasta
Palermo. Chc take zobaczy Etn.
A potem powrc do Warszawy. Jak mio mi bdzie powita moich
drogich przyjaci i mury naszego miasta, od ktrego, chwilowo tylko
i w wyobrani, byem tak daleko.

P R O V E R B IO

In amore le lagrime sono come la rugiada sul fiore: lo rendono


pi luminoso.
50. Lezione cinquantesima
Congiunzione

GRAMMATICA

CONGIUNZIONE (Spjnik)

allora wic, wtedy, zatem perch dlaczego, dlatego e


anche take, rwnie poich poniewa, zarwno
che e pure take, rwnie
cio to znaczy oppure albo, czyli
cosi . . . come tak . .. jak quando gdy, kiedy
dunque wic se jeeli, jeli
tuttavia jednake tanto . . . quanto tyle . . . ile
e, ed i addirittura po prostu, do
infatti rzeczywicie prawdy
invece natomiast altrimenti inaczej, w prze
ma ale, lecz ciwnym razie
mentre podczas gdy anzi przeciwnie, co wicej
n . . . n ani, ani neppure ani nawet
o, od lub, albo nemmeno ani nawet
per natomiast neanche ani nawet
perci dlatego quindi a wic, z tego powodu
ebbene a wic, no dobrze

Esempi:
La mamma fa la spesa e prepara il pranzo.
Esci o resti?
Lavora molto ma sempre povero.
Mi sento infatti molto stanco.
Conosci quella storia, dunque non necessario di raccontarla.
Studio Titaliano perch mi piace questa lingua.
Quando Maria entr, Carlo scriveva una lettera.
Prendi il libro se vuoi.
Quanto bella giovinezza che si fugge tuttavia . .. (Lorenzo
Medici)
Tutto va bene, allora perch sei triste?
Maria ha un bel vestito, anch'io ne voglio uno cos.
Quattro mari circondano lItalia, cio: lAdriatico, lIonio, il
Tirreno ed il Mar Ligure.
Maria ha detto che ti perdoner.
Sei cos buono come Mario.
Mario tanto buono quanto bello.
Non conosce nessuna lingua, tu invece ne conosci tre.
Mentre pioveva Maria usc di casa.
N l uno, n laltro non mi piace.
addirittura un mascalzone.
Sa pure preparare un buon pranzetto.
Non posso venire poich ho troppo da fare.
Mario debole, per tu sei forte come un atleta.
Specchio mio sincr favella: sono brutta oppur son bella?
(Dalla favola di Biancaneve e i sette Nani)
Non venuto e nemmeno si scusato.
Studiate, altrimenti riceverete un cattivo voto.
Parti oppure resti.

Come ci mostrano gli esempi, davanti alla congiunzione che,


in generale, non mettiamo la virgola e, davanti alla congiunzione
e qualche volta la mettiamo:
Penso che sei buono.
Ha scritto cos, e non un cretino.

LETTURA

L AMOR DI P AT RIA

Nel frammento del libro di Edmondo De Amicis Cuore


Libro per i ragazzi citato alla 21 lezione, abbiamo letto le pa
role ardenti che lautore indirizz all'Italia. Oggi, per chiudere il
nostro primo anno di studio di quella bellissima lingua presen
tiamo a Loro un altro frammento dello stesso libro ,,Cuore che
costituisce una risposta alla domanda fatta ai ragazzi: Perch
amate lItalia? Ecco che ne dice Edmondo De Amicis:

Io amo l Italia perch mia madre italiana, perch il sangue


che mi scorre nelle vene italiano, perch italiana la terra dove
sono sepolti i morti che mia madre piange e che mio padre venera,
perch la citt dove son nato, la lingua che parlo, i libri che
meducano, perch mio fratello, mia sorella, i miei compagni, e il
grande popolo in mezzo a cui vivo, e la bella natura che mi cir
conda e tutto ci che vedo, che amo, che studio, che ammiro,
italiano. Oh, tu non puoi ancora sentirlo intero quest affetto! Lo
sentirai quando sarai un uomo, quando ritornando da un viaggio
lungo, dopo una lunga assenza, e affacciandoti una mattina al
parapetto del bestimento, vedrai allorizzonte le grandi montagne
azzurre del tuo paese; lo sentirai allora n ellonda impetuosa di
tenerezza che tempir gli occhi di lagrime e ti strapper un
grido dal cuore. Lo sentirai in qualche grande citt lontana,
nellimpulso dellanima che ti spinger fra la folla sconosciuta
verso un operaio sconosciuto, dal quale avrai inteso, passandogli
accanto, una parola della tua lingua. Lo sentirai nello sdegno
doloroso e superbo che ti getter il sangue alla fronte, quando
udrai ingiuriare il tuo paese dalla bocca duno straniero. Lo sen
tirai pi violento e pi altero il giorno in cui la minaccia dun
popolo nemico sollever una tempesta di fuoco sulla tua patria,
e vedrai fremere armi dogni parte, i giovani accorrere a legioni,
i padri baciare i figli, dicendo: Coraggio! e le madri dire
addo ai giovinetti, gridando: V incete! Lo sentirai come una
gioia divina se avrai la fortuna di veder rientrare nella tua citt
i reggimenti diradati, stanchi, cenciosi, terribili, con lo splendore
della vittoria negli occhi e le bandiere lacerate dalle palle, seguiti
da un convoglio sterminato di valorosi che leveranno in alto le
teste bendate e i moncherini, in mezzo a una folla pazza che li
coprir di fiori, di benedizioni e di baci. Tu comprenderai allora
lamor di Patria, sentirai la patria allora...
E D M O N D O D E A M IC IS, C U O R E
ESERCIZI

1. Riassumere con parole proprie la pagina di De Amicis.

2. Sostituire ai puntini le congiunzioni convenienti:


Maria diligente . . . studiosa.
Non sappiamo se partiremo oggi . . . domani.
Carlo va a scuola . . . vuole imparare.
simpatica . . . brutta.
Ha detto . . . far tutto domani.
Scriver . . . avr tempo.
. . . hai tanto lavoro . . . vai al cinema?
Penso . . . sei brava.
Non so . . . partir.
Mangia . . . beve molto.
So . . . fa freddo . . . non si pu uscire.
Gli anni passano . . . per me . . . per te.
Hai finito il lavoro . . . vai a casa.
Questanno . . . noi partiremo in campagna.
Lavori tanto . . . Maria non fa niente.
Sei cos buona . . . ti amo.
Non potevo uscire . . . pioveva tutto il giorno.
La rosa . . . profumata . . . il garofano.
Ha vinto un premio . . . felice.
Dorme . . . era stanco.

PR O V E R B IO

Il sapere che non progredisce ogni giorno, decresce di giorno in


giorno.
PARTE TERZA

Qualche dato storico


sullItalia moderna
51. Lezione cinquantunesima
passato remoto irregolare
passato remoto dei principali verbi
irregolari
Elenco dei verbi pi usati che han
no il passato remoto irregolare

GRAMMATICA

PASSATO REMOTO IRREGOLARE

Molti verbi, soprattutto quelli della seconda coniugazione, han


no il passato remoto i r r e g o l a r e . Possiamo osservare che quasi
sempre, i verbi col participio passato irregolare hanno irregolare
anche il passato remoto.
La 2 persona del singolare, la 1 e la 2 del plurale hanno forme
regolari; la 1 e la 3 del singolare, la 3 del plurale formano il passa
to remoto nel modo irregolare.

Esempi:
participio passato irregolare: chiudere chiuso, scrivere scritto.

Passato remoto
forma irregolare io chiusi scrissi
regolare tu chiudesti scrivesti
,, irregolare egli chiuse scrisse
regolare noi chiudemmo scrivemmo
regolare voi chiudeste scriveste
irregolare essi chiusero scrissero

Per completare le regole della formazione del passato remoto


Possiamo aggiungere che la seconda persona del singolare for
c a ta sempre dalli n f i n i t o.

21 Studiam o la lingua 321


Esempi:
m ettere io misi
tu m ettesti
leggere io lessi correre io corsi
tu leggesti tu corresti
prendere io presi volgere io volsi
tu prendesti tu volgesti, ecc.

PASSATO REMOTO DEI PRINCIPALI VERBI IRREGOLARI

I verbi: bere, dare e dovere accanto alle forme irregolari hanno


anche forme regolari:
Bere Dare Dovere
(forma antica: bevere)
b evvi, bevetti diedi, detti dovetti, dovei
bevesti desti dovesti
b e v ve , bevette diede, dette dovette, dov
bevemmo demmo dovemmo
beveste deste doveste
bevvero, bevettero diedero, dettero dovettero, doverono
Dire Fare Sapere
dissi feci seppi
dicesti facesti sapesti
disse fece seppe
dicemmo facemmo sapemmo
diceste faceste sapeste
dissero fecero seppero
Stare Tenere Venire Volere
stetti tenni venni volli
stesti tenesti venisti volesti
stette tenne venne volle
stemmo tenemmo venimmo volemmo
steste teneste veniste voleste
stettero tennero vennero vollero
I verbi irregolari: andare morire
potere uscire
formano il passato remoto nel modo r e g o l a r e :
io andai io morii
io potei io uscii

ELENCO DEI VERBI PI USATI CHE HANNO


IL PASSATO REMOTO IRREGOLARE

Infinito Passato remoto forme irregolari Participio


passato
Accendere accesi, accese, accesero acceso
Accorgersi accorsi, accorse, accorsero accorto
Affliggere afflissi, afflisse, afflissero afflitto
Apparire apparvi e apparsi e apparii (apparso
(apparito
Appendere appesi, appese, appesero appeso
Aprire aprii e apersi, aperse, apersero apperto
Ardere arsi, arse, arsero arso
(assoluto
Assolvere assolvei, assolvetti e assolsi
(assolto
Assumere assunsi, assunse, assunsero assunto
Cadere caddi, cadde, caddero caduto
Chiedere chiesi, chiese, chiesero chiesto
Cingere cinsi, cinse, cinsero cinto
Cogliere colsi, colse, colsero colto
Comprimere compressi, compresse, compressero compresso
Concedere concedei, concedetti, concedette,
concedettero e concessi, concesse, (conceduto
concessero (concesso
Condurre * condussi, condusse, condussero condotto
Conoscere conobbi, conobbe, conobbero conosciuto
Correggere corressi, corresse, corressero corretto
Correrre corsi, corse, corsero corso

* Forma antica: conducere.

n*
323
Infinito Passato remoto forme irregolari Participic
passato
Cuocere cossi, cocesti, cosse, cocemmo, cotto
coceste, cossero
Decidere decisi, decise, decisero deciso
Difendere difesi, difese, difesero difeso
Dipendere dipesi, dipese, dipesero dipeso
Dipingere dipinsi, dipinse, dipinsero dipinto
Dirigere diressi, diresse, diressero diretto
Discutere discutei, discut, discuterono e discusso
discussi, discusse, discussero
Dissolvere dissolsi, dissolse, dissolsero e dis dissoluto
solvei
Distinguere distinsi, distin sed istin se ro distinto
Dividere divisi, divise, divisero diviso
Emergere emersi, emerse, emersero emerso
Esigere esigei, esig, esigerono e esigetti, esatto
esigesti, esigette, esigettero
Esplodere esplosi, esplose, esplosero esploso
Fingere finsi, finse, finsero finto
Fondere fusi, fuse, fusero fuso
Friggere frissi, frisse, frissero fritto
Giungere giunsi, giunse, giunsero giunto
Incidere incisi, incise, incisero inciso
Invadere invasi, invase, invasero invaso
Leggere lessi, lesse, lessero letto
Mettere misi, mise, misero messo
Mordere morsi, morse, morsero morso
Muovere mossi, mosse, mossero mosso
Nascere nacqui, nacque, nacquero nato
Nascondere nascosi, nascose, nascosero nascosto
Offrire offrii e offersi, offerse, offersero offerto
Infinito Passato remoto forme irregolari Participio
passato
piacere piacqui, piacque, piacquero piaciuto
piangere piansi, pianse, piansero pianto
perdere persi, perse, persero e perdei, per
(perso
de, perdrono e perdetti, perdesti,
{perduto
perdette, perdettero
persuadere persuasi, persuase, persuasero e persuaso
persuadetti
Porgere porsi, porse, porsero porto
Porre * posi, pose, posero posto
Prendere presi, prese, presero preso
Proteggere protessi, protesse, protessero protetto
Reggere ressi, resse, ressero retto
Rendere resi, rese, resero e rendei, rend,
(reso
renderono e rendetti, rendette,
[renduto
rendettero
Ridere risi, rise, risero riso
Rimanere rimasi, rimase, rimasero rimasto
Rispondere risposi, rispose, risposero risposto
Rompere ruppi, ruppe, ruppero rotto
Scegliere scelsi, scelse, scelsero scelto
Scendere scesi, scese, scesero sceso
Sciogliere sciolsi, sciolse, sciolsero sciolto
Scuotere scossi, scosse, scossero scosso
Sorgere sorsi, sorse, sorsero sorto
Spargere sparsi, sparse, sparsero sparso
Spendere spesi, spese, spesero speso
(Spngere
spensi, spense, spensero spento
\e spegnere
Stringere strinsi, strinse, strinsero stretto
Tacere tacqui, tacque, tacquero taciuto
Tendere tesi, tese, tesero teso

* Forma antica: pnere.


Infinito Passato remoto forme irregolari Participio
passato
Tingere tinsi, tinse, tinsero tinto
Togliere tolsi, tolse, tolsero tolto
Torcere torsi, torse, torsero torto
Tradurre * tradussi, traducesti, tradusse, tra tradotto
dussero
Trarre ** trassi, traesti, trasse, traemmo, tratto
traeste, trassero
Uccidere uccisi, uccise, uccisero ucciso
Ungere unsi, unse, unsero unto
Vedere vidi, vide, videro veduto, vi
Vincere vinsi, vinse, vinsero vinto
Vivere vissi, visse, vissero vissuto
Volgere volsi, volse, volsero volto

Esempi:
Cola di Rienzo, tribuno del popolo romano, nacque nel 1313.
Egli si diede con estrema energia a salvare il suo popolo dalla
tiranna.
I Medici fecero fiorire larte a Firenze.
Michelangelo conobbe nella sua vita lo stento e l umiliazione.
Tutto perduto, fuori che l onore disse Francesco I dopo
la sconfitta di Pavia.
Carlo Quinto vinse la battaglia di Pavia.
Venne il momento nel quale si dedic allo studio.
Non seppero mai chi fece parte del complotto.
Si accorse della mancanza dei documenti segreti.
Maria lesse un romanzo e ne fu incantata.
Lanno scorso andai in campagna e vi stetti due mesi.
,,Giunse alfin il momento che godr senzaffanno al braccio
dellidol mio. ... (Mozart, Nozze di Figaro, aria di Susanna).
Vissi darte, vissi damore,
non feci mai male ad anima viva. ... (Puccini, Tosca).

* Forma antica: traducere.


** Forma antica: trhere, trere e trggere.
Ferrara. Castello Estense

LETTURA

LE IN V A SIO N I STR A N IERE

Mentre la maggior parte 1 delle nazioni dellEuropa furono


organizzate in stati indipendenti e uniti sotto il solido governo
monarchico, lItalia invece era divisa in vari piccoli stati, come
ducati e repubbliche; non vi esisteva il cos detto ,,stato nazionale.
LItalia grazie alla sua civilt divenne una grande attrattiva
per gli stati vicini, pi rozzi e meno sviluppati nel campo cultura
le. Queste potenze vollero impadronirsi delle mfgliori regioni ita
liane per approffittare delle loro ricchezze. Cos fece la Francia
che per prima nel 1494 invase il territorio italiano.
Quando i vari stati italiani si avvidero del pericolo delle avan
zate straniere, per difendere i loro propri diritti formarono una
lega antifrancese con il concorso dellimperatore dAustria e del
re di Spagna.
Da quel momento incominciarono le guerre fra gli invasori,
guerre che terminarono col trionfo dellimperatore Carlo Quinto
ed apportarono all'Italia il predominio spagnuolo.
Questa lotta per la dominazione in Italia dur mezzo secolo, fu
acuta e sanguinosa e lasci la penisola per secoli ridotta in servit.

1. la maggior parte wiksza cz; a p. na stronie; prendere p .


bra udzia; prendere la p. (le parti) stan po stronie; daltra p .
z drugiej strony; far p. zawiadomi, donie; by czci skadow, na
lee; in p. w czci; da p. z boku, oddzielnie.

IL CINQUECENTO ITALIANO

Il Cinquecento fu chiamato il secolo d'oro. ... A sollevare gli


arazzi che sfarzosamente adornano le sale dei palazzi, le mura
mostrano crepe profonde.
Eppure l Italia del Cinquecento, sopraffatta, devastata da ar
mate straniere, spezzata, impoverita, turbata da crisi religiose,
trov in s virt di resistenza, di energia, di volont di ripresa.
Gli Spagnoli, potenti e prepotenti, non riuscirono mai a fare
dellItalia da loro dominata, un'Italia spagnola. Sono quelle virt
di resistenza la ragione di una Italia pur viva e vitale di una
storia italiana pur nelle disgraziate condizioni in cui essa venne
a trovarsi, e per cui essa continu ad avere una sua funzione
alimentatrice di idee e di opere per la civilt dell'Europa moderna.
NIC C O L O R O D O L IC O , S to r ia d e g li I t a lia n i

L T T AL IA MAESTRA DI CIVILT

Durante le guerre di predominio, che le grandi Potenze com


batterono in casa nostra, continu quella fioritura artistica e cul
turale che era gi avviata nel Quattrocento; anzi la civilt del
Rinascimento tocc il suo massimo splendore proprio in questi
primi decenni del Cinquecento.
Un'altra generazione di sommi artisti segu a quella che allora
ricordammo: fiorirono Leonardo da Vinci, Raffaello Sanzio da
Urbino e Michelangelo Buonarroti. Le lettere vantano i nomi di
Ludovico Ariosto e di Niccol Machiavelli. Qui dobbiamo limitarci
ad una semplice citazione, ma essa basta a richiamare le interfe
renze della storia politica con quella dellarte e della letteratura.
Dunque anche nella sventura lItalia fu grande: sottomessa po
liticamente a Stati pi forti, essa fu maestra di civilt a tutte le
genti. Se non pot competere con gli altri popoli nella gara della
forza e della potenza, la nostra patria si afferm nella storia con
la luce dellintelletto, che una gloria pi duratura 1 delle con
quiste di territorio. In quel tempo il Rinascimento si propag
oltre i nostri confini, perch lItalia comunic la sua civilt a quelle
genti medesime che la riducevano in servit.
B E R N A R D IN O B A R B A D O R O , V e n tis e tte s e c o li di sto r ia d I t a lia

1. duraturo, -a = durevole = durabile

ESERCIZI

1. Temi di conversazione:
Il perodo precedente linvasione straniera.
Le cause dellinvasione.
Gli invasori.
Il Rinascimento italiano.
Caratterizzare il Cinquecento italiano.

2. Costruire 5 frasi usando le locuzioni sopraccitate (la parte).

3. Scrivere le parole appartenenti alla stessa famiglia dei nomi


seguenti:
l invasione il vicino
il governo il padrone
lunit la difesa
il ducato 10 sposo
linvito 11 re

4. Volgere l infinito al passato remoto:


Egli (accorgersi) di me e (venire) a salutarmi.
Noi (chiudere) tutte le porte ed (aprire) tutte le finestre.
Quando io (ssere) in Italia, (conoscere) molti pittori.
Essi (sciogliere) il nodo del pacco e (meravigliarsi) molto.
Gli studenti (tacere) e il professore (apparire) sulla soglia.
Io (accndere) tutte le lampade e (mttersi) a dipingere.
Ella (cadere) sul selciato e (rompersi) una gamba.
Si, (rispondere) egli gentilm ente e (sorridere).
La bomba (esplodere) nelle vicinanze del Parlamento.
Esse (decidere) di partire im mediatam ente e (prndere) i biglietti per
Palermo.

5. Tradurre in italiano:
Colleoni by w ielkim kondotierem. Dante y w e Florencji, a umar
na wygnaniu w Rawennie. Nigdy nie chcia uzna przemocy wroga.
M usieli przyjecha, aby pozna prawd. Zapaliem w iece na grobie N ie
znanego onierza. Zamiast przywita mnie, odwrci gow i spojrza
w drug stron. U czyni wysiek, lecz na prno, nie udao mu si ura
towa domu, ogie strawi wszystko. Mistrz sportu przebieg 40 km
w dwie i p godziny. Przybyem, zobaczyem, zw yciyem , napisa
Juliusz Cezar do senatu. Ze w szystkich miast w oskich najbardziej podo
bay si Wenecja i Florencja. Pooya nakrycia zapominajc o serw et
kach. Towarzysze Garibaldiego opakali mier w ielkiego bohatera.

6. Tradurre in polacco cercando di fare una bella traduzione


letteraria:
Dir 1 dOrlando in un medesmo tratto 2
cosa non detta in prosa mai, n in rima;
che per amor venne in furore e matto 3,
duom che s 4 saggio era stimato prima...
L U D O V IC O A R IO S T O (1474 - 1533), O rlan d o F u r io s o

1. dir racconter
2. in un medesmo tratto nel medesim o tempo, nello stesso tempo
3. venne in furore e matto divenne pazzo
4. s cos.
52. Lezione cinquantaduesima
Trapassato prossimo

GRAMMATICA

TRAPASSATO PROSSIMO

Trapassato prossimo un tempo c o m p o s t o dellimperfetto


del verbo ausiliare avere o ssere e del participio passato del verbo
coniugato.
avere ,
Trapassato prossimo im p e r fetto + participio passato
^ essere
del verbo coniugato.

Avere Essere
io avevo avuto ero stato, -a
tu avevi avuto eri stato, -a
egli aveva avuto era stato
ella aveva avuto era stata
noi avevamo avuto eravamo stati, -e
voi avevate avuto eravate stati, -e
essi avevano avuto erano stati
esse avevano avuto erano state

I II III

Parlare Credere Partire


Io avevo parlato avevo creduto ero partito, -a

Si usa trapassato prossimo quando abbiamo due azioni passate,


una delle quali precede l altra. Per indicare l azione a n t e r i o r e
si mette il verbo nel trapassato prossimo, per indicare quella ulte
riore si usa uno dei tre tempi passati (imperfetto, passato
prossimo, passato remoto).
1. Trapassato prossimo passato prossimo:
Stamani sono stato nella biblioteca dove ieri avevo visto il ro
manzo di Lampedusa, II Gattopardo'.
Appena avevo finito il pranzo, quando arrivato il tuo tele
gramma.
Siamo andati a prenderti, ma tu eri gi uscito.

2. Trapassato prossimo passato remoto:


A Venezia incontrai un signore che avevo conosciuto dieci
anni fa.
Paola aveva scritto una lettera, quando ricevette il tuo invito.
L'aereo era partito, quando egli venne a Ciampino.

3. Trapassato prossimo imperfetto:


Leggeva la lettera, che Maria gli aveva scritta prima di morire.
Camminava lungo la strada dove aveva visto per la prima
volta la sua amata.
Il poliziotto conduceva a carcere un ladro, che aveva derubato
il negozio del gioielliere.

Trapassato prossimo pu essere anche usato nella frase che fa


parte di un periodo. I verbi delle altre frasi dello stesso periodo
saranno in uno dei tre tempi passati:
Aveva vissuto sempre solo. Con la vecchiaia divent avaro
e pessimista. Non si spos mai.

LETTURA

LITALIA SOTTO LE DOMINAZIONI STRANIERE

Durante il periodo delle lotte fra gli invasori, lItalia soffr


la carestia, terribili pestilenze e continui disordini. Gi i Francesi,
incantati della ricchezza nell'arte italiana e dell'attraente vita
rinascimentale avevano iniziato l'esportazione delle innumerevoli
opere d'arte. E cos tanti capolavori dei pi grandi artisti italiani
erano andati ad abbellire la corte reale e i palazzi dei signori
francesi.
Gli Spagnuoli, preoccupati solo di trarre dal loro dominio
molti guadagni, non si curavano affatto del benessere dei cittadini
italiani e cercavano di sfruttarli in ogni settore della vita, sia
neiragricoltura che nellindustria.
Uno degli episodi pi spiccanti delle guerre per il predominio
in Italia fu il conflitto fra due monarchi, l imperatore Carlo
Quinto e il giovane re di Francia Francesco I. Nel 1525 Carlo V
aveva riportato 1 una brillante vittoria sui Francesi nella battaglia
di Pavia, dopo la quale Francesco I, fatto prigioniero, scrisse alla
madre le famose parole: ,,tutto perduto fuorch l onore.
Due anni dopo, nel 1527, Carlo V esultante per la vittoria
e furioso a causa della resistenza italiana, permise alle truppe
germaniche linvasione di Roma.
La citt eterna era stata saccheggiata dai barbari venuti dal
Nord, crudeli e ignoranti, che senza piet ammazzavano gli abi
tanti e distruggevano le magnifiche opere sorte 2 dallo spirito del
Rinascimento. Questo fatto conosciuto nella storia sotto il nome
di ,,Sacco di Roma.
Una volta stabilita la dominazione spagnuola nelle regioni ita
liane, il Regno di Napoli, la Sicilia e la Sardegna, e dopo la morte
dellultimo Sforza anche il Ducato di Milano, passarono a lungo
ai possedimenti spagnoli.
,,11 sacco di Roma incominci una lunga serie di sciagure che
sabbattero sullItalia, sottoposta3 sempre a gravi conflitti delle
potenze straniere.
Il celebre romanzo storico di Alessandro Manzoni (1785- 1873)
I promessi sposi, ci presenta la tragica vita del popolo italiano
con la sua miseria, decadenza e nello stesso tempo con la sua
resistenza contro l oppressore spagnolo.
Gi nel seicento si possono notare le rivoluzioni regionali,
soprattutto a Napoli e in Sicilia, dirette ad abolire la dominazione
spagnola in queste province e a riconquistare 4 la propria libert.
Nel settecento lItalia divenne il teatro bellico della Francia
e dellAustria. Il periodo di continue guerre fra questi due paesi
chiamato nella storia guerre di successione, quando le due
nemiche vollero assicurarsi i diritti ai troni vacanti di parecchi
stati europei.
Siccome Spagna, Austria e Polonia rimasero senza sovrano,
perch i loro re morendo non avevano lasciato eredi diretti, sor
sero m olti aspiranti a quei troni che provocarono guerre sangui
nose e crudeli.
Una parte d'Italia dopo le vicende di queste guerre rimase sotto
il dominio austriaco.

1. riportare portare di nuovo (Ti ho riportato il disco che mi avevi


dato); r. = riferire (Tutti i giornali della nostra citt riportano questa
notizia); r. ricvere, avere, vincere: r. la vittoria = vincere; r. il premio =
vincere il premio; r. gravi ferite
2. sorto participio passato dal verbo srgere
3. sottoposto participio passato dal verbo sottoporre
4. riconquistare = conquistare di nuovo zdoby, podbi

I PROMESSI SPOSI
di A l e s s a n d r o M a n z o n i

A ogni passo, botteghe chiuse, le fabbriche in gran parte de


serte; le strade, un indicibile spettacolo, un corso incessante di
miserie, un soggiorno perpetuo di patimenti. Gli accattoni di
mestiere diventati ora il minor numero, confusi e perduti in una
nuova moltitudine, ridotti a litigar l'elemosina con quelli talvolta
da cui in altri giorni l'avevan ricevuta, Garzoni e giovani licen
ziati da padroni di bottega, che scemato o mancato affatto il gua
dagno giornaliero, vivevano stentatamente degli avanzi e del capi
tale; depdroni stessi, per cui il cessar delle faccende era stato
fallimento e rovina; operai, e anche maestri dogni manifattura
e dogn'arte, delle pi comuni come delle pi raffinate, delle
pi necessarie come di quelle di lusso, vaganti di porta in porta,
di strada in istrada *, appoggiati alle cantonate 2, accovacciati sulle
lastre, lungo le case e le chiese, chiedendo pietosamente l'elemo
sina, o esitanti tra il bisogno e una vergogna non ancor domata,
smunti, spossati, rabbrividiti dal freddo e dalla fame ne' panni
logori e scarsi, ma che in molti serbavano ancora i segni d'un'anti-
ca agiatezza; come nell'inerzia e n ellavvilimento, compariva non
so quale indizio dabitudini operose e franche. ...
Ma forse il pi brutto e insieme il pi compassionevole spetta
colo erano i contadini, scompagnati, a coppie, a famiglie intere;
mariti, mogli, con bambini in collo, o attaccati dietro le spalle,
con ragazzi per la mano, con vecchi dietro. Alcuni che, invase
e spogliate le loro case dalla soldatesca, alloggiata l o di passaggio,
neran fuggiti disperatamente; e tra questi ce nera di quelli che,
per far pi compassione e come per distinzione di miseria, facevan
vedere i lividi e le margini de' colpi ricevuti nel difendere quelle
loro poche ultim e provvisioni, o scappando da una sfrenatezza
cieca e brutale. ...
Qua e l per le strade, rasente ai muri delle case, qualche podi
paglia pesta, trita e mista dimmondo ciarpume. E una tal
porcheria era per un dono e uno studio della carit; ran covili
apprestati a qualcheduno3 di quemeschini, per posarci il capo
la notte. Ogni tanto, ci si vedeva, anche di giorno, giacere o sdra
iarsi taluno a cui la stanchezza o il digiuno aveva levate le forze
e tronche le gambe: qualche volta quel tristo letto portava un
cadavere: qualche volta si vedeva uno cader come un cencio
allimprovviso, e rimaner cadavere sul selciato.
ca p . X X V III

1. Alcune parole in s impura dopo la consonante e particolarmente


dopo non, in, per prendono il prefisso i sbaglio isbaglio, scherzare
ischerzare, scrivere iscrivere (soprattutto nelle locuzioni: in iscritto, per
iscritto); scusare iscusare, Spagna ISpagna, spirito ispirito (locuzione:
in ispirito), stesso istesso (usato raramente, soprattutto in Vistesso invece
di lo stesso), storia istoria, storico istorico, strada istrada, strumen
to istrumento, strumentale istrumentale, svago isvago e d a n c h e
Dio Iddio (forma pi solenne, meno usata)
2. la contonata il cantone rg, naronik domu
3. qualcheduno = qualcuno

ESERCIZI

1. Temi di conversazione:
Il comportamento degli invasori in Italia.
La guerra fra Carlo V e Francesco I.
Il sacco di Roma.
Le condizioni di vita delle popolazioni italiane sotto la dominazione
straniera.
Il quadro d eiritalia di quei tem pi nel romanzo di Manzoni.
La resistenza del popolo italiano allinvasore.
Le guerre di successione.

2. Costruire 5 frasi usando le locuzioni sopraccitate.

3. Scrivere le parole appartenenti alla famiglia dei seguenti


aggettivi:
grande continuo
artistico ricco
politico innumerevole
duraturo bello
vario giovane

4. Sostituire all'infinito il tempo conveniente:


Ella (arrivare) al teatro quando lo spettacolo gi (cominciare).
Tu non (finire) ancora il pranzo quando io (venire).
Noi (tornare) ultim am ente da Roma dove (studiare) la m usica allAcca
demia di Santa Cecilia.
Essi (andare) al mare, dove anni fa (passare) le ottim e vacanze.
Egli mi (contare) tutte le avventure del viaggio che (fare).
Voi non (potere) prendere note, perche (dimenticare) le vostre penne
a casa.
Esse (conoscere) un signore che (essere) compagno di scuola del loro
padre.
Io (volere) vedere il film Guerra e pace del quale Maria mi (parlare)
molto.

5. Traduzione:
Gdy Francuzi wkroczyli do Italii, zostali oczarowani wspania sztuk
wosk. Ksita w oscy utworzyli lig antyfrancusk przy pomocy ce
sarza i krla hiszpaskiego i postanowili broni si przed inwazj. Pod
czas gdy francuskie wojska, gd i duma pustoszyy Itali, artyci rene
sansu tworzyli niem iertelne dziea. Rzym, gdzie kw ita nauka i sztuka,
po najedzie germaskich barbarzycw zosta ograbiony. Karol V, ktry
odnis w ielkie zw ycistw o nad Francj, zosta wadc dwch wielkich
prowincji woskich.

6. Tradurre in polacco cercando di fare una bella traduzione


letteraria:
Di quelle cose per le quali l i 1 uomini, e specialm ente i principi, so n o
laudati o vituperati.
Resta ora a vedere quali dbbano ssere e modi e governi di uno prin
cipe con sudditi o con gli amici. E perch io so che m olti di questo h a n n o
scritto dubito, scrivndone ancora io, non sser tenuto presuntuoso, par-
tndomi m assime, nel disputare questa materia, dagli ordini degli altri.
Ma sendo 2 l intento mio scrivere cosa utile a chi la intende, mi parso
pi conveniente andare d rieto 3 alla verit effettuale della cosa, che alla
imaginazione di essa.
LEO NARDO D A V IN C I (1452 - 1519), P e n s ie r i

1. li = gli
2. sendo = essendo
3. drieto = dietro

Stornello

Fior di ginestra,
tutta infiora la campagna nostra
quando saffaccia Rita alla finestra.
53. Lezione cinquantatreesima
Trapassato remoto

GRAMMATICA

TRAPASSATO REMOTO

Come il gi conosciuto trapassato prossimo, il trapassato re


moto un tempo composto.
^ r avere
Trapassato remoto = passato r e m o t o esszre + participio
r e pas-
sato del verbo coniugato.
Esprime unazione p a s s a t a che ebbe luogo prima dellaltra
azione, anchessa passata. La differenza fra il trapassato prossimo
e il trapassato remoto quella che l azione posteriore allazione
espressa dal trapassato remoto succede i m m e d i a t a m e n t e
dopo. Questazione posteriore si m ette prevalentem ente al passato
remoto. La preposizione con il trapassato remoto incomincia con
un avverbio di tempo: quando, come, siccome, appena, dopo
che, ecc.

Avere' Essere
io ebbi avuto fui stato, -a
tu avesti avuto fosti stato, -a
egli ebbe avuto fu stato
ella ebbe avuto fu stata
noi avemmo avuto fummo stati, -e
voi aveste avuto foste stati, -e
essi ebbero avuto furono stati
esse ebbero avuto furone state
li
parlare Credere Partire
io ebbi parlato ebbi creduto fui partito, -a
tu avesti parlato avesti creduto fosti partito, -a
egli ebbe parlato ebbe creduto fu partito
ella ebbe parlato ebbe creduto fu partita
noi avemmo parlato avemmo creduto fummo partiti, -
voi aveste parlato aveste creduto foste partiti, -e
essi ebbero parlato ebbero creduto furono partiti
esse ebbero parlato ebbero creduto furono partite

Esempi:
Appena fu uscito, venne Armando.
Come fummo entrati nella stazione, il treno part.
Dopo che ebbe preso la medicina, si sent meglio.
Quando ebbero sentito quelle parole, divennero pallide di
paura.
Siccome fu tornato molto stanco, si coric subito dopo la cena.
Quando lo ebbe visto, lo chiam.
Appena li ebbi riconosciuti, mi salutarono.
Quando tu fosti partito, ella si impadron della nostra casa.
Dopo che aveste chiuso la porta, cominci a piangere silenziosa
mente.
Come fui salito sullaereo, l ostessa mi fece un saluto cordiale.

LETTURA

I PROMESSI SPOSI
di A l e s s a n d r o M a n z o n i

I promessi sposi parole che vogliono dire ,,i fidanzati, grande ro


manzo storico di Alessandro Manzoni, pubblicato nel 1840 - 42, narra le
vicende di due poveri contadini, Renzo e Lucia, che alla soglia di unirsi
m matrimonio, sono separati dalla prepotenza e dairingiustizia e che dopo
mnumerevoli ostacoli possono finalm ente ssere felici.
Lazione del romanzo si svolge a Milano e nei dintorni del lago di
Lecco, dal 1628 al 1630, durante quei terribili anni di guerre, di carestia
e di peste.
Il Manzoni ci d un largo quadro storico della Lombardia del XVII s.
sotto la dominazione spagnola. Tutte le classi sociali delTpoca v i sono
rappresentate. Alcuni personnaggi sono strici.
Presentiam o fram menti del romanzo relativi alla peste che spopol
Milano nel 1630.

Cos pass l'inverno e la primavera e gi da qualche tempo


il tribunale della sanit andava rappresentando a quello della
provvisione il pericolo del contagio, che sovrastava alla citt, per
tanta miseria ammontata in ogni parte di essa; ...
c a p . X X V III

La peste che il tribunale della sanit aveva temuto ... c'era


entrata davvero, come noto; ed noto parimente 1 che non si
ferm qui, ma invase e spopol una buona parte d'Italia. ...
Per tutta adunque la striscia di territorio percorsa dall'esercito,
s'era trovato qualche cadavere nelle case, qualcheduno sulla stra
da. Poco dopo, in questo e in quel paese, cominciarono ad amma
larsi, a morire persone, famiglie, di mali violenti, strani, con segni
sconosciuti alla pi parte de v iv e n ti....
Ma sul finire del mese di marzo, cominciarono prima nel borgo
di porta orientale, poi in ogni quartiere della citt a farsi frequenti
le malattie, le morti, con accidenti strani di spasimi, di palpi
tazioni, di letargo, di delirio, con quelle insegne funeste di lividi
e di bubboni 2; morti per lo pi celeri, violente, non di rado repen
tine, senza alcun indizio antecedente di malattia. I medici opposti
alla opinion del contagio, non volendo ora confessare ci che
avevan deriso 3, e dovendo pur dare un nome generico alla nuova
malattia, divenuta troppo comune e troppo palese per andarne
senza, trovarono quello di febbri maligne, di febbri p estilen ti4;
miserabile transazione anzi trufferia di parole, e che pur faceva
gran danno; prche, figurando di riconoscere la verit, riusciva
ancora a non lasciar credere ci che pi importava di credere,
di vedere, che il male sattaccava per mezzo di contatto. I ma
gistrati, come chi si risente da un profondo sonno, principiarono
a dare un po'pi orecchio agli avvisi, alle proposte della Sanit,
a far eseguire i suoi editti, i sequestri ordinati, le quarantene
prescritte da quel tribunale. ...
Nel lazzaretto, dove la popolazione, quantunque decimata ogni
giorno, andava ogni giorno crescendo, era unaltra ardua impresa
quella dassicurare il servizio e la subordinazione, di conservar le
separazioni prescritte, di mantenervi in somma o, per dir meglio,
di stabilirvi il governo ordinato dal tribunale della sanit. ...
cap. X X X I

Renzo viene a Milano per cercare Lucia ammalata di peste, che sta
nel lazzaretto; la trova, e la ragazza guarisce.

Arrivato al ponte, volt, senza esitare, a sinistra, nella strada


di San Marco. ... E andando avanti, guardava in qua e in l, per
veder se poteva scoprire qualche creatura umana; ma non ne vide
altra che uno sformato 5 cadavere nel piccol fosso che corre tra
quelle poche case (che allora erano anche meno) e un pezzo della
strada. Passato quel pezzo, sent gridare: O quelluomo, e guar
dando da quella parte, vide poco lontano, a un terrazzino duna
casuccia isolata, una povera donna, con una nidiata di bam bini6
intorno, la quale, seguitandolo a chiamare, gli fece cenno anche
con la mano. Ci and di corsa, e quando fu vicino, ,,o quel giovi
ne 7 disse quella donna: ,,per i vostri poveri morti, fate la carit
dandare a avvertire il commissario che siamo qui dimenticati. Ci
hanno chiusi in casa come sospetti, perch il mio povero marito
morto; ci hanno inchiodato8 lu scio 9, come vedete; e da ir
mattina, nessuno venuto a portarci da mangiare. In tante ore
che siam qui, non m mai capitato 10 un cristiano ... e questi
poveri innocenti moion 11 di fam e.
,,Di fame! esclam Renzo, e cacciate le mani nelle tasche,
ecco, ecco disse, tirando fuori due pani: calatem i12 gi qualcosa
da m etterli dentro.
c a p . xxxiv

1. parim ente = parimenti rwnie


2. il bubbone guz, nowotwr
3. deriso participio passato del verbo deridere wym iew a
4. pestilente zaraliwy
5. sformare deformare
6. una nidiata di bambini = la nidiata tutti insiem e gli uccelli di
un nido. Si usa anche per i bambini. La nidiata proviene dalla parola nido.
Conosciamo il proverbio che dice: Ad ogni uccello il proprio nido bello.
7. giovine = giovane
8. inchiodare fermare con chiodi. Parlando di una persona malata,
che non pu moversi, si dice: sta inchiodata a letto.
9. l uscio = la porta
10. capitare arrivare, accadere
11. moion = moiono = muoiono (morire)
12. calare far discendere, abbassare, scndere: Il sole calava in
mezzo alle nuvole. Calare il prezzo.

ESERCIZI

1. Temi di conversazione:
I prom essi sposi di Alessandro Manzoni.
La m iseria del popolo italiano descritta dal Manzoni nel suo romanzo.
Gli orribili quadri della peste.
Ligiene nel seicento ed oggi.
La vita nel seicento secondo l opera del Manzoni.

2. Volgere l infinito alla persona conveniente del passato e del


trapassato remoto:
Quando il treno (muoversi) i viaggiatori (agitare) i fazzoletti.
Appena io (finire) il pranzo, il telfono (squillare).
Dopo che noi (entrare) nel negozio, (vedere) un bellissim o vaso di
cristallo.
Allorch tu (trovare) Giorgio, gli (fare) m olti rimproveri.
Come voi (visitare) l ultimo Salone, (scrivere) un articolo sulla pittura
moderna.
Siccome ella (guardarsi) nello specchio, (vedere) il suo pallore.
Appena essi (accndere) la luce, il ladro (fuggire).
Quando egli (sentirsi) meglio, (potere) uscire.
Allorch esse (accorgersi) dellavvenuto, (telefonare) ai genitori.
Come il suo male (ssere) molto grave, il nipote (chiamare) un notaio.

3. Costruire 3 frasi usando il trapassato remoto.

4. Scrivere le parole appartenenti alla stessa famiglia dei


seguenti verbi:
cadere continuare conquistare
presentare volere opprimere
dirigere dominare morire
passare
5. Tradurre in italiano:
Wstalimy, skoro tylko w zeszo soce. Zaledwie skoczy m wi,
rozlegy si ok lask i. Gdy w rci do domu, opowiedzia w szystkie sw e
przygody. Ledwie zdyem spojrze, ju znikn w bocznej ulicy. Gdy
zgubia rkawiczki, daa ogoszenie do gazety.

6. Tradurre in polacco cercando di fare una bella traduzione


letteraria:
L artista
La pittura cbmposta dombre e di lumi, cio di chiaro e oscuro. Chi
fugge le ombre fugge la gloria dellarte appresso i nobili ingegni. .:.
Dico ai pittori che mai nessuno deve imitare la maniera d ellaltro,
perch sar detto nipote e non figliuolo della natura; piuttosto si deve
ricorrere ad essa notare, che ai maestri che da quella hanno imparato.

Il filsofo
Chi non stima la vita non la mrita.
Non si volta chi a stella fisso.
S come una giornata bene spesa d lieto dormire, cos una vita bene
usata d lieto morire.
Lo scienziato
La sapienza figliola della sp erien za1.
L E O N A R D O D A V IN C I (1452 - 1519), P e n s ie r i

1. la sperienza = l esperienza
54. Lezione einquantaquattresima
Futuro anteriore
Luso del futuro anteriore

GRAMMATICA

FUTURO ANTERIORE

Futuro anteriore un tempo c o m p o s t o .


avare
Futuro anteriore = futuro semplice + participio passato
essere
del verbo coniugato.

Avere Essere
io avr avuto sar stato, -a
tu avrai avuto sarai stato, -a
egli avr avuto sar stato
ella avr avuto sar stata
noi avremo avuto saremo stati, -e
voi avrete avuto sarete stati, -e
essi avranno avuto saranno stati
esse avranno avuto saranno state

Andare Vedere
io sar andato, -a avr visto (veduto)
tu sarai andato, -a avrai visto
egli sar andato avr visto
ella sar andata avr visto
noi saremo andati, -e avremo visto
voi sarete andati, -e avrete visto
essi saranno andati avranno visto
esse saranno andate avranno visto
Futuro anteriore si usa per indicare unazione futura che avr
luogo p r i m a d i u n a l t r a azione ugualmente futura. Ilverbo
di questazione posteriore sar in futuro smplice:
Quando avr finito il libro, lo porter alla redazione.
Appena avr ricevuto il tuo telegramma, partir per rag
giungerti.
Se saremo usciti per fare la spesa, compreremo anche un paio
di guanti per Clelia.
Dopo che sar arrivato, mi telefoner immediatamente.
Sar promosso, se avr studiato.
Quando avrete eseguito il compito, andrete al cinema.
Dopo che vi sarete cambiati dabito, vi condurremo a teatro.
Quando avrai terminato il tuo lavoro, ti riposerai.
Se Luciano avr ricevuto la borsa di studio, partir per Roma.
Appena essi saranno tornati, andranno a vederti.
Le donne e i bambini, si vuol supporre che saranno stati messi
in quartieri separati. Regole poi e provvedimenti per il buon
ordine, non ne saranno certamente mancati. (Alessandro Manzoni,
I promessi sposi)

LETTURA

IL SETTECENTO ITALIANO

Il Seicento era il secolo di predominio straniero in Italia. Il


Settecento, soprattutto nella sua seconda met, dopo le guerre
di successione, apport i mutamenti che notevolm ente miglioraro
no la sorte dellItalia. Dopo tanti anni di querre cera la pace con
la quale entrarono le nuove correnti di pensiero e le riforme.
Furono gli scrittori francesi detti enciclopedisti che propa
garono le nuove idee del progresso, appoggiandosi sullintelletto
e sulla ragione con la critica e poco rispetto per le idee del passato.
Molti scrittori e pensatori italiani abbracciarono 1 quelle idee
del progresso, applicandosi particolarmente ai problemi riguar
danti l econorma ed il diritto.
Tutti avevano bisogno delle riforme, perch luguaglianza dei
cittadini nel senso moderno non esisteva allora e tutta lItalia
era travagliata dalla crisi agraria.
Con tutto quello avvenne anche un rinnovamento culturale.
Era un movimento generale, tutte le regioni concorrevano nel
risveglio intellettuale dellItalia, nello sviluppo del pensiero filo
sofico. Fiorirono gli studi economico-giuridici. Molte Accademie
e biblioteche diventarono centri di scambi culturali. Le antiche
universit non sempre aprivano le loro porte alle nuove correnti,
erano piuttosto gelose di conservare le vecchie tradizioni.
La letteratura si rialz della decadenza grazie ai tre grandi
scrittori: Carlo Goldoni, veneziano, famoso autore di tante com
medie e due poeti, Giuseppe Parini e Vittorio Alfieri, piemontese.

1. abbracciare stringere con le braccia (Ti abbraccio affettuosam en


te), afferrare, cogliere, accettare, seguire (a. l occasione, a. unidea); a. =
= cingere (Il muro abbraccia il giardino); a. = comprndere (La filosofia
abbraccia le altre scienze). Proverbio: Chi troppo abbraccia nulla stringe.

IT ALIA N IT DI CULTURA

La breve rassegna di scrittori del Settecento, per ci che pi


interessa ai fini della storia dItalia, ci mostra pi spazioso oriz
zonte nazionale. Dalla Sicilia al Trentino, a llIstria, sia pure
in piccola cerchia si fa pi viva una esigenza dello spirito di
lingua e cultura italiana. Ci che impetuosa volont dellAlfieri
di spiemontizzarsi in altri, prima di lui, voce ancora sommessa
di coscienza nazionale. ...
In questa sete ditalianit si attinge alla fonte di lingua e cul
tura toscana. Certamente non nuovo lamore allItalia; nuovo
il modo con cui si ama: non la rievocazione di glorie passate
n ellappagato orgoglio di nobilt chiara ed antica, e che si risolve
in vuota rettorica: i naturalisti del Settecento, che studiano la
natura geologica, la flora, la fauna dItalia, i rapporti tra natura
ed uomo, e segnalano le vittorie delluomo sulla natura, a m a n o
l Italia; ...
Non mai come nel Settecento scrittori italiani si erano in
teressati di problemi economici, di statistica, di produzione, dim
piego di mano dopera, di scambio di merci. ...
E vi in questi nostri scrittori un sentimento di umanit, di
carit civile molto pi efficace del filantropismo cosmopolita
straniero, che pur penetr n ellItalia del Settecento, e che talvolta
ingann g litaliani, che non videro dietro ad esso un bagaglio
di merce straniera, di ambizione dominatrice.
Anche se le piaghe sociali e molte erano continuarono
a sanguinare, fu gi un primo passo quello di essersi avvicinati
a chi soffriva, al povero delle campagne e delle citt, allinfimo
popolo per cercare di studiarne le condizioni di vita e di lavoro.
Fino ad allora, e lungo guattro secoli di una ricca letteratura come
litaliana, il contadino, loperaio, in poesia e in prosa ... sono argo
mento di dileggio 1 e di disprezzo per la rozza maligna furbizia 2,
per la salvatichezza 3; per la delinquenza e la miseria; nel Sette
cento il contadino, lartigiano e la loro fatica nei campi e nelle
officine sono visti con altro occhio e con altro cuore.
N IC C O L R A D O L IC O , S to r ia d e g li I t a lia n i

1. il dileggio szyderstwo
2. la furbizia = la furberia chytro, przebiego
3. la salvatichezza = la selvatichezza dziko

ESERCIZI

1. Temi di conversazione:
La differenza tra il Seicento ed il Settecento italiano.
Gli enciclopedisti e le loro idee.
Le riforme in Italia.
Il rinnovamento culturale.
I pi grandi scrittori del Settecento.
II risveglio dellitalianit.
Il carattere della letteratura settecentesca.
Caratterizzare il Settecento italiano dal punto di visita politico, eco
nomico e culturale.

2. Spiegare in italiano usando i sinonimi le seguenti espressio


ni prese dalla lettura:
la rassegna spiemontizzarsi linfimo popolo
la mano dopera le piaghe sociali
3. Volgere l infinito alla persona conveniente del futuro an
teriore e del futuro semplice:
Appena ella (ricvere) i soldi, (correre) a comprare le nuove scarpe.
Dopo che tu (fare) conoscenza di un Italiano, (parlare) con lui italiano.
Quando io (potere) scrivere in italiano, (mandare) una lettera ai m iei
amici.
Se essi (volere) vedere La serva padrona di Pergolesi, (dovere) pro
curarsi dei biglietti una settim ana prima.
Quando noi (trovare) un appartamento a Roma, vi (andare) a vivere
con tutta la famiglia.
Appena Antonio ti (vedere), ti (colpire) di domande.
Sei voi (chiudere) tutti gli usci, laria non (potere) penetrare n ellinterno.
Dopo che egli (aprire) la porta, il cane gli (saltare) addosso.
Quando esse (studiare) tutti i verbi irregolari, (avere) i m igliori voti di
tutto il gruppo.
Appena io (essere) a casa, (coricarsi).

4. Scrivere i verbi derivati dai seguenti nomi:


la m alattia la supposizione il percorso la morte l entrata
lordine la separazione il fidanzato larrivo la fermata
l opposizione la presentazione la vita la promessa il lavoro

5. Tradurre in italiano:
Gdy skocz studia, pojad do Woch. Jeli zdasz egzaminy, podczas
wakacji zwiedzisz Krakw. Skoro tylko dowiem si o tym, zaraz ci na
p isz. Gdy poznaj prawd, nie pozwol was krzywdzi. Jeli kupimy
dom, zaprosimy was na cae lato. Skoro to usyszycie, przyjedziecie do
mnie. Gdy wyjdzie za m, przestanie pracowa w biurze. Jeeli si
oeni, kupi samochd. Skoro tylko wrc, zaraz do w as zatelefonuj.
Skoro tylko opuszcz mieszkanie, ja je zajm.

Epigrammi

Non ti doler se gran belt non hai;


Chi piace ad uno amante bella assai.
*
Ogni bestia che pasce non toro,
N tutti i gialli son topazi ed oro.
P IE T R O B E M B O (1470 - 1547)
55. Lezione cinquatacinquesima
Tempi dell'indicativo. Ripetizione

GRAMMATICA

TEMPI DELLINDICATIVO. RIPETIZIONE

Indicativo

Tempi Tempi
semplici composti
presente passato prossimo
futuro futuro anteriore
imperfetto trapassato prossimo
passato remoto trapassato remoto

LETTURA

IL RISORGIMENTO ITALIANO

Il Risorgimento, secondo il ,,Vocabolario della lingua italiana


di G. Cappuccini e B. Migliorini, il periodo storico, in cui l'Ita
lia riacquist l'indipendenza e comp la sua unit.
Il termine R i s o r g i m e n t o ormai universalmente
acquisito per designare genericamente quel complesso processo
spirituale e politico, quella serie di trasformazioni economiche
e sociali, di atteggiamenti letterari e culturali, di eventi diplo
matici e militari, che insieme intrecciandosi e contrastandosi, tra
la fine del Settecento e l'Ottocento, portarono l'Italia dal secolare
frazionamento politico allunit, dal dominio ed egemonia straniera
airindipendenza nazionale, dallassolutismo monarchico allo stato
liberale e costituzionale sotto la dinastia sabauda.
D iz io n a r io E n c ic lo p d ic o I ta lia n o

Gli scopi del Risorgimento:


1) Libert costituzionale mediante lo statuto;
2) indipendenza dallo straniero con la guerrra contro lAus
tria ;
3) unit nazionale con l unione di tutti glitaliani in un solo
Stato.
B E R N A R D IN O B A R B A D O R O , V e n tis e tte s c o li d i s to r ia d I t a lia ?

I CARBONARI

La prima opposizione ai tiranni dovette necessariamente in


canalarsi 1 per vie sotterranee: cio i primi patriotti si riunirono
in sette, o societ segrete, per sottrarsi alle indagini e al rigore
delle polizie, quanto mai vigilanti sulle idee dei cittadini.
La pi importante di queste associazioni, che aveva cominciato
a diffondersi in Italia fin dai tempi di Napoleone, fu la Carboneria,
i cui affiliati 2 sintendevano fra loro con un gergo speciale per
sfuggire ai poliziotti e alle spie. ... Essi dovevano prestare3 un
solenne giuramento ed era tremenda la vendetta sugli spergiuri.
Lazione insurrezionale dei Carbonari si manifestava nelle som
mosse o moti, che sul principio presero forma di ammutinamenti
militari, dato che la setta si era molto infiltrata n ellesercito, il
che costituisce un aspetto negativo della prima propaganda rivo
luzionaria in quanto dissolveva la disciplina delle forze armate.
Inoltre manc la contemporaneit dellazione ... perch la Car
boneria non era organizzata come un partito; quei moti, piuttosto
che corrispondere ad un piano generale dinsurrezione, parvero
propagarsi da un luogo allaltro come si dilatano le fiamme di un
incendio. Di qui la facilit della rippressione.
B E R N A R D IN O B A R B A D O R O , o p e r a c ita ta

1. incanalarsi pyn (kanaami)


2. laffiliato = l affigliato il membro
3. prestare p. m ille lire; p. = dare, porgere; prestar aiuto, soccorso,
fede, attenzione, orecchio, mano (man forte), giuramento; prestarsi (Gli
studenti si prestano i libri.); p. essere adatto, buono a uno scopo (Lo
scrittore che si presta male a esser tradotto)

LE GRANDI FIGURE DEL RISORGIMENTO:


GIUSEPPE MAZZINI

Fra le grandi figure dellepoca del Risorgimento, cio fra quelle


che prepararono lunit e lindipendenza dItalia, la pi spiccata
si presenta la figura dellapostolo del Risorgimento Giuseppe
Mazzini (1805 - 1872).
Anchegli milit nella Carboneria, ma dopo il fallimento dei
moti carbonari, il riconoscimento del Belgio e della Grecia come
stati indipendenti gli diede nuova speranza e per questo scopo
fond la Giovine Italia (1831), associazione segreta, che fu in
verit il primo grande partito nazionale con un preciso programma
dellItalia libera, unita e repubblicana.
La Giovine Italia si diffuse in tutta la penisola, avendo
grande influenza educatrice, prepar moti insurrezionali, congiure,
una dopo altra scoperte dalla polizja.
Il Risorgimento prese altre vie di quelle sognate dal repubbli
cano Mazzini. Lunit si comp sotto il segno della monarchia, che
egli aveva combattuta, ma nonostante le differenze lItalia si fece
libera ed unita ed il Maestro come lo chiamavano i suoi disce
poli rimase una di quelle figure che lavevano preparata.

ESERCIZI

1. Temi di conversazione:
Il significato del termine Risorgimento.
Gli scopi del Risorgimento.
La Carboneria.
Giuseppe Mazzini apostolo del Risorgimento.

2. Volgere linfinito ai tempi convenienti:


Renzo appena (fare) alcuni passi lungo il lato m eridionale deiredifizio,
che (sentirsi) in quella moltitudine un rumore straordinario, e di lontano
voci che (gridare): (guardare! pigliare)! Egli (alzarsi) in punta di piedi
e (vedere) un cavallaccio che (andare) di carriera, spinto da un pi strano
cavaliere.
Con una nuova e pi forte ansiet in cuore, il giovine (prendere) da
quella parte. E nella strada (distinguere) subito la casa tra l altre, pi basse
e meschine; (accostarsi) al portone che (ssere chiuso), (mttere) la mano
sul m artello; finalm ente (alzare) il martello e (dare) un picchio risoluto.

3. Costruire 5 frasi usando tutti i tempi deirindicativo.

4. Cercare tutte le parole della stessa famiglia dei nomi se


guenti:
il Risorgimento la polizia
il processo il cittadino
l opposizione la societ
la via il giuramento
il rigore la forma

5. Tradurre in italiano:
Dobrze powiedzia mog to zrobi z przyjemnoci, chc tylko
zna prawd. Gdy go spotkam, powiem mu wszystko. Zaledwie w yszli
my z domu, ujrzelim y w ielki tum zgromadzony na placu. Znalimy pew
n pani, ktra przed laty bya sawn piewaczk. Hiszpanie zajli po
udniow Itali. Byo to pikne i bogate miasto, miao w iele cennych
zabytkw architektury. Widzia j rano i ju znowu pragnie j zoba
czy . Codziennie kupowali gazetk w kiosku koo kina, a potem szli do
kawiarni na filiank kawy. Jestem tak zmczony, e nie mam chci do
rozmowy. Jutro w ylesz im dwie paczki, bd na pewno bardzo zadowoleni.

6. Tradurre in polacco cercando di fare una bella traduzione


letteraria:
B e r n a r d i n o . Buon giorno, mio caro amico. Che fate? State bene?
tanto che non vi vedo.
F u l g e n z i o . Grazie al cielo, sto bene quanto permesso ad un uomo
avanzato, che principia a sentire gli acciacch i1 della vecchiaia.
B e r n a r d i n o . Fate come fo 2 io, non ci badate. Qualche male si ha da
soffrire; ma chi non ci bada lo sente meno. Io mangio quando ho fame,
dormo quando ho sonno, mi diverto quando ne ho volont. E non bado,
non bado. ...
CARLO GOLDONI (1707 - 1793), II r ito r n o d a lla v ille g g ia tu r a

1. acciacchi fastidi, disturbi


2. fo = faccio
56. Lezione cinquantaseesima
Verbi servili

GRAMMATICA

VERBI SERVILI

I seguenti verbi: dovere, potere, sapere (nel senso di potere),


volere sono detti s e r v i l i perch servono un altro verbo il quale
in questo modo esprime meglio il suo significato.
Verbi servili: dovere
potere
+ infinito
sapere
volere
Ognuno di questi quattro verbi si coniuga nei tempi composti
con lausiliare avere, seguito per dellinfinito di un altro verbo si
coniuga con l ausiliare adoperato dal verbo a cui serve.

S i di ce:
Io ho dovuto scrivere molte lettere (io ho scritto).
Io ho potuto imparare a memoria due pagine di poesia (ho im
parato).
Io ho saputo rispondere a tutte le domande del professore (ha
risposto).
Io ho voluto vedere lesposizione delle tappezzerie di W awel
(ho visto, veduto).

M a:
Io sono dovuto partire allimprovviso (sono partito).
Io sono potuto entrare nella casa senza svegliare nessuno (sona
entrato).
Io sono saputo uscire a punta di piedi (sono uscito).
Io sono voluto andare a quel ricevimento (sono andato)-

23 Studiam o la lin gu a 353


I verbi servili essendo in servizio dell'infinito permettono lo
s p o s t a m e n t o del pronome:
Io voglio dirti. = Io ti voglio dire.
Non posso vederla. = Non la posso vedere.
Devo dargli. = Gli devo dare.
Quando ci sono due infiniti di cui il primo un verbo servile,
nella forma enclitica il pronome si unisce con il primo verbo, verbo
servile:
Credevo di saperlo fare.
Sperava di poterti dire la verit.
Egli pensa di non volerla vedere.
Paolo era triste di doverle dare la tragica notizia.

LETTURA

I DUE PATRIOTTI
Silvio Pllico

Silvio P l l i c o (1789 - 1854) scrittore italiano, autore dellopera auto-


biografica Le mie prigioni. Nel 1820 arrestato come carbonaro e condan
nato 1 a morte, pass dieci anni nella carcere. Graziato nel 1830, pubblic
fra poco il suo racconto di tutto ci che aveva dovuto soffrire durante
quegli anni passati allo Spielberg (fortezza della citt di Brno in Moravia,
antica prigione di stato austriaca): prigione malsana, ferri ai piedi, fame,
m alattie, morte degli amici.
Silvio Pllico descrive il suo arrivo allo Spielberg:

Arrivammo al luogo della nostra destinazione il 10 d'aprile.


La citt di Brnn capitale della Moravia, ed ivi risiede il
governatore delle due provincie di Moravia e Slesia. situata in
una valle ridente, ed ha un certo aspetto di ricchezza. Molte ma
nifatture di panni prosperavano ivi allora, le quali poscia 2 decad
dero; la popolazione era di circa 30 mila anime.
Accosto alle sue mura, a ponente s'alza un m on ticello3, e sovra 4
esso siede linfausta rocca di Spielberg, altre volte reggia dei
signori di Moravia, oggi il pi severo ergastolo della monarchia
austriaca. Era cittadella assai forte, ma i Francesi la bombardarono
e presero, a' tempi della famosa battaglia d'Austerlitz (il villaggio
dAusterlitz a poca distanza). Non fu pi ristaurata da poter*
servire di fortezza, ma si rifece una parte della cinta, ch'era
diroccata. Circa trecento condannati, per lo pi ladri ed assassini,
sono ivi custoditi, quali a carcere duro", quali a durissimo".
Il carcere duro" significa ssere obbligati al lavoro, portare la
catena a' piedi, dormire su nudi tavolacci5, e mangiare il pi
povero cibo immaginabile. Il durissimo" significa essere incate
nati pi orribilmente, con una cerchia di ferro intorno a' fianchi,
e la catena infitjta nel muro. ...
Noi prigionieri di Stato, eravamo condannati al carcere duro.
Salendo per l'erta di quel monticello, volgevamo gli occhi
indietro per dire addio al mondo. ... Io ero pacato esteriormente,
ma dentro di me ruggiva. ... Indarno volea 6 ricorrere alla filosofa
per acquetarm i7; la filosofia non avea 8 ragioni sufficienti per me.
Partito di Venezia in cattiva salute, il viaggio m'aveva stancato
miseramente, la testa e tutto il corpo mi dolevano: ardea9 dalla
febbre. Il male fisico contribuiva a tenermi iracondo, e probabil
mente l'ira aggravava il male fjsico.
Fummo consegnati al soprintendente10 dello Spielberg, ed
i nostri nomi vennero da questo inscritti fra i nomi de' ladroni.
Il commissario imperiale ripartendo ci abbracci, ed era inteneri
to : Raccomando a lor signori particolarmente la docilit, dis-
segli; la minima infrazione alla disciplina pu venir punita dal
signor soprintendente con pene severe.
Fatta la consegna, Maroncelli ed io fummo condotti in un cor
ridoio sotterraneo, dove ci sapersero due tenebrose stanze non
contigue. Ciascun di noi fu chiuso nel suo covile.

1. condannare imporre la pena; c. a morte, per furto, per assassinio;


c. unopinione riprovare unopinione; c. una porta chiudere, soppri
mere, non lasciar entrare nessuno
2. poscia potem
3. il m onticello diminutivo del monte
4. sovra = sopra
5. il tavolaccio = il pancaccio prycza
6. volea = voleva
7. acquetare = acquietare uspokoi
8. avea = aveva
9. ardea = ardeva
10. il soprintendente nadzorca
I s o l a d I s c h i a . C a s t e l l o d I s c h i a
Giovanni R u f f i n i (1807 - 1881), un mazziniano genovese, dovuto
rifugiarsi in Inghilterra dopo l arresto del 1835. Fra le sue opere, scritte in
inglese, la pi famosa II dottor Antonio (1855).
Il romanzo nel quale sintrcciano due motivi, amore e patria, costi
tuisce un vero documento del patriottismo italiano. Narra l amore nato fra
un giovane mdico italiano, dottor Antonio, e Lucy, figlia di un gen til
uomo inglese, pieno di pregiudizi, che non pu im maginarsi nemmeno la
possibilit di tale unione. Quando dopo alcuni anni, la fanciulla diventa
vdova ed libera di sposare luomo che ama, Antonio sceglie patria, alla
quale si dedic interam ente e dopo i moti del 1848, condannato alla prigio
ne, passa il resto della sua vita allisola dIschia, vicino a Napoli rifiutando
l aiuto di Lucy per non abbandonare i suoi compagni. Lucy mor dal dolore,
ed il dottor Antonio soffre ancora, e prega e spera pel suo paese cos
termina il romanzo.

Verso quel tempo, cio nella primavera del 1845, le notizie di


Sicilia cominciarono ad assumere seria importanza. Il Governo
napoletano, come gi osservammo, lungi dal fare qualche conces
sione al sentimento popolare sollevato al pi alto grado dalle
riforme concesse a Torino, Firenze e Roma, gli si opponeva nel
modo pi brutale. Una insurrezione era imminente a Palermo,
cos dicevano lettere private.
Antonio, con pochi amici, simbarc per Malta, e di l, al prin
cipio dellanno 1848, pass a Palermo, dove egli e i suoi compagni
si tennero nascosti fino al 12 di gennaio, quando con una bandiera
tricolore in mano fecero la loro comparsa sulla piazza della Fiera
vecchia.
Il grido di allarmi echeggi in ogni parte e la rivoluzione
cominci sul serio. ...
Il fuoco dellinsurrezione si estese per tutta l isola: Girgenti,
Catania, Messina, Caltanissetta, Trapani, Siracusa, in rapida suc
cessione, seguirono lessempio dato da Palermo.
cap . X X II

Dopo otto anni, Antonio e Lucy si incontrano a Napoli, si vdono spesso,


ma fino allultimo incontro Antonio non le parla del suo amore.

,,In quel momento un rumore secco, distinto di una scarica di


moschetteria 1 ripercosse laria, e fece tremare tutte le finestre
e le porte.
Antonio balz in piedi. ...
Che cosa pu essere? domand Lucy mortalmente spa
ventata.
Nulla di serio disse Antonio con un potente sforzo per
sembrar tranquillo. Probabilmente un po di polvere del Go
verno per salutare lapertura del Parlamento. A proposito, io devo
essere in ritardo.
Mentre egli prendeva il cappello, si ud unaltra scarica quasi
istantaneamente susseguita da un vivo fuoco continuo.
Si battono, ne sono sicura, disse Lucy atterrita e tutta
tremante. Non partite, per piet. ... Che pu fare un uomo solo?
Soddisfare la propria coscienza col fare tutto quanto pu
per impedire la guerra civile, rispose Antonio con calma deter
minazione. Lasciatemi partire, ve ne scongiuro.
No, non partirete, grid Lucy fuor di s dal terrore
e frapponendo il suo sile corpo fra lui e l uscio.
Antonio la guard.
Io devo andare egli disse.
... Lucy si sent impotente a combattere quella ferrea volont.
Ella congiunse le mani come un fanciullo che prega, lo guard
in faccia e disse:
O Antonio!
Cera un mondo di cose in questa semplice esclamazione.
Litaliano la trasse a s e la strinse amorosamente al petto.
Lucy disse solennemente questo non il momento di
far molte parole. (Il fuoco non cessava mentre egli parlava). Lucy,
io ti amo, io ti ho amata teneramente per tutti questi anni, e ti
amer fino alla tomba. Ma prima di te, la mia patria ha dei diritti
su me. Il voto di rispettare questi diritti, io lo rinnovai pi solen
nemente ancora il giorno in cui il pregiudizio, armato di una
genealogia, si frappose fra te e me. In quel giorno io consacrai
tutto me stesso alla patria. Lasciami riscattare questa rinunzia,
lasciami compiere il mio dovere, aiutami a farlo. Lucy! Lucy, mia
nobile amica, aiutami ad essere degno di te e di me. N el nome
dogni cosa santa, lasciami partire senza una lotta straziante!
ca p . X X III

1. m osch etter ogie karabinowy (muszkietowy)


ESERCIZI

1. Temi di conversazione:
I patriotti italiani dellpoca del Risorgimento.
La prigione dello Spielberg descritta dal Pllico.
Leroismo del dottor Antonio.

2. Trovare le parole della stessa famiglia:


la condanna il destino la prigione
la pena , la carcere la grazia
la visita la rgola il vestito
il ferro

3. Volgere linfinito alla persona conveniente del passato pros


simo:
II treno che (dovere) arrivare alle dieci, (arrivare) con due ore di
ritardo.
Egli (potere) ven ite in Italia soltanto per una settimana.
Io (essere) malato e non (potere) mangiare molto.
Essi (dovere) tornare a casa per causa del temporale.
Noi (volere) telefonarti, ma (dimenticare) il tuo numero.
Tu non (potere) uscire per non lasciare il bambino malato.
Voi (volere) andare da lei, ma non (potere) trovare la via.

4. Costruire 4 frasi usando i verbi servili.

5. Tradurre in italiano:
Nie mogem pj do teatru, gdy nie byo biletw. M usieli umrze,
nie m ogli wytrzym a tak strasznych warunkw. Chciae wyj, ale ma
ma ci zabronia. Vittorio nie bdzie mg w ej do domu, zapomnia klu
cza. M usielim y wyda duo pienidzy na kupno nowych mebli. Nie
potrafilicie cicho otworzy drzwi, obudzilicie pice dziecko.

6. Tradurre in polacco cercando di fare una bella traduzione


letteraria:
Sorge il Mattino in compagnia dellAlba
innanzi al Sol, che di poi grande appare
su l estremo orizzonte a render lieti
gli animali e le piante e i campi e l onde.
G IU S E P P E P A R IN I (1729 - 1799), II G io r n o
57. Lezione cinquantasettsima
Condizionale
Condizionale presente
Condizionale presente dei prin
cipali verbi irregolari
U so del condizionale

GRAMMATICA

CONDIZIONALE

Tempo semplice Tempo composto


presente passato

Condizionale presente

II
Parlare Credere
10 pari-erei cred -erei
tu pari-eresti cred -eresti
egli pari-erebbe cred -erebbe
noi pari-eremmo cred -eremmo
voi pari -erese cred -ereste
essi pari-erbbero cred-erbbero

III
>a r t i r e Finire Avere Essere
) part-irei fin-irei io avrei sarei
x part-iresti fin-iresti tu avresti saresti
gli part-irebbe fin-irebbe egli avrebbe sarebbe
oi part-iremmo fi n-iremmo noi avremmo saremmo
oi part-ireste fin-ireste voi avreste sareste
ssi part -irebbero fin-irebbero essi avrebbero sarebbero
I verbi che hanno il futro deir indicativo irregolare, come:
andare io andr venire io verro
potere io potr volere io vorr, ecc. ecc.
vedere io vedr

hanno la stessa irregolarit nel condizionale presente:


andare io andrei vedere io vedrei, ecc. ecc.
potere io potrei

Condizionale presente
dei principali verbi irregolari

I coniugazione
andare dare
andrei andremmo darei daremmo
andresti andreste daresti dareste
andrebbe andrebbero darebbe darebbero

II coniugazione
jare dovere potere sapere
farei dovrei potrei saprei
faresti dovresti potresti sapresti
farebbe dovrebbe potrebbe saprebbe
faremmo dovremmo potremmo sapremmo
fareste dovreste potreste sapreste
farebbero dovrebbero potrebbero saprebbero

d ir e tenere vedere volere


direi terrei vedrei vorrei
diresti terresti vedresti vorresti
direbbe terrebbe vedrebbe vorrebbe
diremmo terremmo vedremmo vorremmo
direste terreste vedreste vorreste
direbbero terrebbero vedrebbero vorrebbero
^III coniugazione
venire
verrei verrebbe verreste
verresti verremmo verrebbero

USO DEL CONDIZIONALE

Il condizionale si usa per indicare unazione subordinata ad


u n a c o n d i z i o n e . Esprime anche u n d e s i d e r i o ed usa
to come forma d i c o r t e s i a :
Partirebbe subito, ma non ha prenotato il posto.
Andrei volentieri con te al cinema, ma non ho tempo.
Ti comprerei un bel regalo, ma mi mancano i soldi.
Vorrei vedere lItalia!
Che cosa daresti per raggiungere il tuo amato?
Vorrei baciar i tuoi capelli neri... (canzone di Tosti).
Potrebbe indicarmi il Palazzo di Giustizia?
Sapreste dirmi dove la casa di Dante?
Mi laverei con lacqua fredda, ma ho i dolori reumatici.
Leggeremmo con piacere questo libro, ma non ancora in
vendita.
Dandomi un po di vino, mi faresti un gran piacere.
Potrei parlare con il signor Direttore?
Vorrei vedere la signora Lombardi.
Non rimandare a domani ci che puoi fare oggi: potrebbe
essere troppo tardi.

LETTURA

LE GUERRE DEL RISORGIMENTO

Con questo nome si designano le tre guerre dette dindipen


denza, combattute contro l Austria, le prime due dal Regno di Sar
degna (1848 - 49, con liniziale collaborazione di altri stati italiani;
1859 , con lalleanza e il diretto concorso francese) e la terza dal
Regno dItalia (1866, con lalleanza prussiana) in seguito alle
quali lintera penisola fu liberata dal dominio e dall egemonia
austriaca. Guerre del Risorgimento si considerano anche tutte le
campagne del 1860, cio la spedizione garibaldina per la libera
z i o n e della Sicilia e del Mezzogiorno, e la spedizione piem ontese
p er la liberazione dellItalia Centrale, alla quale segu (1861)
la proclamazione del Regno dItalia.
D iz io n a r io E n c ic lo p d ic o I t a lia n a

L A PICCOLA VEDETTA LOMBARDA

Nel 1859, durante la guerra per la liberazione della Lombardia,,


pochi giorni dopo la battaglia di Solferino e San Martino, vinta
dai Francesi e dagli Italiani contro gli Austriaci, in una bella mat
tinata del mese di giugno, un piccolo drappello 1 di cavalleggieri z
di Saluzzo andava di lento passo, per un sentiero solitario, verso
il nemico, esplorando attentamente la campagna. Guidavano il
drappello un uffiziale e un sergente, e tutti guardavano lontano
davanti a s, con occhio fisso, muti, preparati a veder da un mo
mento allaltro biancheggiare fra gli alberi le divise degli avam
posti nemici. Arrivarono cos a una casetta rustica, circondata di
frassini, davanti alla quale se ne stava tutto solo un ragazzo duna
dozzina danni, che scortecciava un piccolo ramo con un coltello,
per farsene un bastoncino: da una finestra della casa spenzolava
una larga bandiera tricolore: dentro non cera nessuno: i contadini,
messa fuori la bandiera, erano scappati, per paura degli Austriaci..
Appena visti i cavalleggieri, il ragazzo butt 3 via il bastone e si
lev il berretto. Era un bel ragazzo, di viso ardito, con gli occhi
grandi e celesti, coi capelli biondi e lunghi: era in maniche di
camicia 4, e mostrava il petto nudo.
Che fai qui? gli domand luffiziale, fermando il ca
vallo. Perch non sei fuggito con la tua famiglia?
Io non ho famiglia, rispose il ragazzo. Sono un tro
vatello. Lavoro un po per tutti. Son rimasto qui per veder la
guerra.
Hai visto passar degli Austriaci?
No, da tre giorni.
L uffiziale stette un poco pensando; poi salt gi da cavallo,
e lasciati i soldati l, rivolti verso il nemico, entr nella casa e sal
sul te tto .... La casa era bassa; dal tetto non si vedeva che un
piccolo tratto di campagna. Bisogna salir sugli alberi, disse
l uffiziale, e discese. Proprio davanti allaia si drizzava un frassino
altissimo e sottile, che dondolava la vetta nerazzurro. Luffiziale
rimase un posopra pensiero, guardando ora l albero ora i soldati;
poi tutta un tratto domand al ragazzo:
Hai buona vista, tu, monello?
Io? rispose il ragazzo. Io vedo un passerotto 5 lontano
un miglio.
Saresti buono a salire in cima a quellalbero?
In cima a queiralbero? io? In mezzo minuto ci salgo.
E sapresti dirmi quello che vedi di lass, se c soldati
austriaci da quella parte, nuvoli di polvere, fucili che luccicano,
cavalli?
Sicuro che saprei.
- Che cosa vuoi per farmi questo servizio?
Che cosa voglio? disse il ragazzo sorridendo. Niente.
Bella cosa! E p o i... per i nostri! Io sono lombardo.
Bene. Va su dunque.
(Il ragazzo) si lev le scarpe, si strinse la cinghia dei calzoni,
butt n ellerba il berretto e abbracci il tronco del frassino.
Ma d a d a ... esclam lu ffizia le6, facendo l atto di trat
tenerlo, come preso da un timore improvviso.
Il ragazzo si volt a guardarlo, coi suoi begli occhi, celesti, in
atto interrogativo.
Niente, disse luffiziale; va su.
Il ragazzo and su, come un gatto.
Guardate davanti a voi, grid luffiziale ai soldati.
In pochi momenti il ragazzo fu sulla cima dello albero, avvi
ticchiato al fusto, con le gambe fra le foglie, ma col busto scoperto,
e il sole gli batteva sul capo biondo, che pareva doro. Luffiziale
lo vedeva appena, tanto era piccino lass.
Guarda dritto e lontano, grid luffiziale.
Il ragazzo, per veder meglio, stacc la mano destra d e l l a l b e r o
e se la mise alla fronte.
Che cosa vedi? domand luffiziale.
Il ragazzo chin il viso verso di lui, e faccndosi portavoce
della mano, rispose: due uomini a cavallo, sulla strada bianca.
. A che distanza di qui?
Mezzo miglio.
Movono? 7
Son fermi.
- Che altro vedi? domand l uffiziale, dopo un momento di
silenzio.
Guarda a destra.
Il ragazzo guard a destra.
Poi disse: Vicino al cimitero, tra gli alberi, c' qualche cosa
che luccica. Paiono 8 baionette.
. Vedi gente?
. No. Sarn nascosti nel grano.
In quel momento un fischio di palla acutissimo pass alto per
laria e and a morire lontano dietro la casa.
Scendi, ragazzo! grid luffiziale. Than visto. Non
voglio altro. Vien gi.
Io non ho paura, rispose il ragazzo.
S cen d i... ripet l uffiziale, che altro vedi, a sinistra?
A sinistra?
Si, a sinistra.
Il ragazzo sporse il capo a sinistra: in quel punto un altro
fischio pi acuto e pi basso del primo tagli l aria. Il ragazzo
si riscosse tutto. Accidenti! esclam. Lhanno proprio con
me! La palla gli era passata poco lontano.
A basso! grid luffiziale, imperioso e irritato.
Scendo subito, rispose il ragazzo. Ma lalbero mi ripa
ra, non dubiti. A sinistra, vuole sapere?
A sinistra, rispose l uffiziale; ma scendi.
A sinistra, grid il ragazzo, sporgendo il busto da quella
parte, dove c una cappella, mi par di v e d e r ...
Un terzo fischio rabbioso pass in alto, e quasi ad un punto si
vide il ragazzo venir gi, trattenendosi per un tratto al fusto ed
ai rami, e poi precipitando a capo fitto colle braccia aperte.
Maledizione! grid l uffiziale, accorrendo.
Il ragazzo batt della schiena per terra e rest disteso con
le braccia larghe, supino; un rigagnolo di sangue gli sgorgava dal
petto, a sinistra. Il sergente e due soldati saltaron gi da cavallo;
l uffiziale si chin e gli apr la camicia: la palla gli era entrata nel
polmone sinistro. morto! esclam l'u ffiziale No, vive!
rispose il sergente. Ah! povero ragazzo! bravo ragazzo! grid
luffiziale; coraggio! coraggio! Ma mentre gli diceva coraggio
e gli premeva il fazzoletto sulla ferita, il ragazzo stralun gli
occhi e abbandon il capo: era morto. Luffiziale impallid, e lo
guard fisso un momento; poi lo adagi9 col capo sullerba;
salz, e stette a guardarlo; anche il sergente e i due soldati,
immobili, lo guardavano: gli altri stavan rivolti verso il nemico.
Povero ragazzo! ripet tristemente luffiziale. Povero
e bravo ragazzo!
Poi savvicin alla casa, lev dalla finestra la bandiera trico
lore, e la distese come un drappo funebre sul piccolo morto, las
ciandogli il viso scoperto. Il sergente raccolse a fianco del morto
le scarpe, il berretto, il bastoncino e il coltello.
Stettero ancora un momento silenziosi; poi l ufficiale si rivolse
al sergente e gli disse: Lo manderemo a pigliare dallambulanza:
morto da soldato; lo seppelliranno i soldati. Detto questo
mand un bacio al morto con un atto della mano, e grid: A ca
vallo. Tutti balzarono in sella, il drappello si riun e riprese il
suo cammino.
E poche ore dopo il piccolo morto ebbe i suoi onori di guerra.
Al tramontare del sole, tutta la linea degli avamposti italiani
s avanzava verso il nemico, e per lo stesso cammino stato percorso
la mattina dal drappello di cavalleria, procedeva su due file un
grosso battaglione di bersaglieri10, il quale, pochi giorni innanzi,
aveva valorosamente rigato 11 di sangue il colle di San M artino....
Il sentiero, fiancheggiato da un rigagnolo, passava a pochi passi
di distanza dalla casa. Quando i primi uffiziali del battagglione
videro il piccolo cadavere disteso ai piedi del frassino e coperto
dalla bandiera tricolore, lo salutarono con la sciabola; e uno di
essi si chin sopra la sponda del rigagnolo, chera tutta fiorita,
strapp due fiori e glieli gett. Allora tutti i bersaglieri, via via
che passavano, strapparono dei fiori e li gettarono al morto. In
pochi minuti il ragazzo fu coperto di fiori, e uffiziali e soldati gli
mandavan tutti un saluto passando: Bravo, piccolo lombardo!
Addio, ragazzo! A te, biondino! Evviva! Gloria! Ad-
^ 0 ! Un uffiziale gli gett la sua medaglia al valore, un altro
and a baciargli la fronte. E i fiori continuavano a piovergli sui
piedi nudi, sul petto insanguinato, sul capo biondo ...
E D M O N D O D E A M IC IS, C u o r e

1. il drappello oddzia
2. il cavalleggiere = il cavalleggere = il cavallegiero kawalerzysta,
szwoleer
3. buttare = gettare; b. in terra, contro il muro; buttar la pQlvere
negli occhi inganhare; buttare le braccia al collo abbracciare; b. gli
occhi dare unocchiata; buttar gi rovesciare, abbattere; buttar via
abbandonare, perdere; buttare in faccia dire con risolutezza; buttarsi
prdersi danimo, disperarsi
4. in m aniche di camicia bez marynarki, bez kurtki
5. il passerotto diminutivo del passero wrbel
6. 1uffizial = lufficiale
7. movere = muovere
8. paiono presente indicativo del verbo parere: io paio, tu pari, egli
pare, noi paiamo, voi parete, essi paiono
9. adagiare uoy delikatnie
10. il bersagliere strzelec
11. rigare liniowa; splami; skropi

ESERCIZI

1. Temi di conversazione:
Riassumere il racconto del De Amicis.

2 . Spiegare in italiano, usando i sinonimi, le espressioni se


guenti:
esplorare la campagna
in m aniche di camicia
il trovatello
dal tetto non si vedeva che un piccolo tratto di campagna
lufficiale rimase un po sopra pensiero
il portavoce

3. Volgere l infinito alla persona conveniente del condizionale


presente:
Quante cose tu (potere) fare avendo una bella villa in campagna!
Noi (partire) con molto piacere, ma non siamo sicuri di ssere liberi.
Che cosa mi (dire) dopo il tuo viaggio?
Io (venire) stasera ma come (potre) lasciare la nonna sola in casa?
Egli (fare) volentieri un bagno nel lago, ma l acqua troppo fredda.
Se potete prestarmi un bel libro vi (ssere) molto grato.
Ella (volere) passare le vacanze al mare.

4. Continuare:
V o rrei. . .
Partirebbe con me, ma . . .
Potremmo vedere . . .
Che cosa fa r e sti. . .
Quanto guadagnereste . . .
Sapranno m ostrarm i. . .

5. Tradurre in italiano:
Czy mgbym m wi z panem Lombardi? Chcielibym y w ysi na
nastpnym przystanku. Przeczytaby przynajmniej jedn powan ksi
k . Elisabetta mogaby to zrobi, ale nie chce. Kupiliby mu ten pre
zent, ale nie mog. Skd w ziby tyle pienidzy? Nie skoczyyby tej
pracy do jutra rano. Byabym wdziczna za t usug. Nie znisbym
takiej zniewagi! Dlaczego chciaby by dzieckiem?

6. Tradurre in polacco:
Mi trovan duro? poi libert.
Anchio lo so; T accia2 ho doscuro?
pensar li f o 1. Mi schiarir
V IT T O R IO A L F IE R I (1749 - 1803), E p ig r a m m i

1. fo = faccio
2. taccia cattiva fama
58. Lezione cinquantottesima
Condizionale passato

GRAMMATICA

CONDIZIONALE PASSATO
avere
Condizionale passato = condizionale presente + participio
essere
passato del verbo coniugato:

I II
Parlare Credere
io avrei parlato avrei creduto
tu avresti parlato avresti creduto
egli avrebbe parlato avrebbe creduto
ella avrebbe parlato avrebbe creduto
noi avremmo parlato avremmo creduto
voi avreste parlato avreste creduto
essi avrebbero parlato avrebbero creduto
esse avrebbero parlato avrebbero creduto

III
P artire
io sarei partito, -a noi saremmo partiti, -e
tu saresti partito, -a voi sareste partiti, -e
egli sarebbe partito essi sarebbero partiti
ella sarebbe partita esse sarebbero partite
Avere
io avrei avuto noi avremmo avuto
tu avresti avuto voi avreste avuto
egli avrebbe avuto essi avrebbero avuto
ella avrebbe avuto esse avrebbero avuto

24 Studiam o la lin gu a 369


Essere
sarei stato, -a saremmo stati, -e
saresti stato, -a sareste stati, -e
sarebbe stato sarebbero stati
sarebbe stata sarebbero state

Il condizionale passato si usa per indicare un'azione s u b o r


d i n a t a ad una condizione avvenuta n e l p a s s a t o ; esprime
anche un desiderio, sempre nel passato, che n o n p o t r p i
essere c o m p i u t o :
Sarei andato volentieri al cinema, ma non ho avuto tempo.
Quante cose avrei potuto fare, avendo il denaro necessario!
Saremmo stati cos felici, ma non ci siamo incontrati.
Volentieri avrei preparato un buon pranzo per te.
Le allieve avrebbero imparato di pi, ma non hanno frequen
tato la scuola.
Era inutile chiedergli questo servizio, avrebbe rifiutato certa
mente.
Avrebbe voluto scrivere una lunga lettera, ma non gli stato
possibile.
Con piacere avremmo abitato in Italia per poter visitare i suoi
luoghi incantevoli.
Sarebbe venuto sicuramente, ma non poteva lasciare sua moglie
malata.
Non era possible arrivare alla stazione in tempo, avresti do
vuto fare una lunga strada a piedi.

Il condizionale indica ancora unazione f u t u r a nel pas


sato:
Dice che verr.
Ha detto che verrebbe.
Diceva che verrebbe.
Diceva che sarebbe venuto.
Disse che sarebbe venuto.
Un avvocato le spieg che solo questo avrebbe potuto rispar
miarle l arresto.
LETTURA

IL GATTOPARDO
d i G i u s e p p e T o r n a s i di L a m p e d u s a

Frammento del Gattopardo romanzo di Giuseppe Tornasi di Lam-


(1896 - 1957). E un romanzo storico, ambientato in Sicilia allpoca
e d u sa
dello sbarco di Garibaldi a Marsala.

Quando si risvegli, il suo cameriere entr: sul vassoio recava


un giornale e un biglietto. rano stati inviati da Palermo da suo
cognato Mlvica, ed un servo a cavallo li aveva recapitati 1 poco
prima. Ancora un po stordito dal suo pisolino pomeridiano, il
Principe apr la lettera: Caro Fabrizio, mentre scrivo sono in uno
stato di prostrazione senza limiti. Leggi le terribili notizie che
sono sul giornale. I Piemontesi sono sbarcati. Siamo tutti perduti.
Questa sera stessa io con tutta la famiglia ci rifugieremo sui
legni 2 inglesi. Certo vorrai fare lo stesso; se lo credi ti far riser
vare qualche posto. ...
Ripieg il biglietto, se lo pose in tasca e si mise a ridere forte.
Quel Mlvica! Era stato sempre un coniglio. Non aveva compreso
niente, e adesso tremava. E lasciava il palazzo in balia 3 dei servi;
questa volta s che lo avrebbe ritrovato vuoto!
Apr il giornale. Un atto di pirateria flagrante veniva con
sumato r 1 1 maggio merc 4 lo sbarco di gente armata alla ma
rina 5 di Marsala. Posteriori rapporti hanno chiarito esser la banda
disbarcata 6 di circa ottocento, e comandata da Garibaldi. Appena
quei filib ustieri 7 ebbero preso terra evitarono con ogni cura lo
scontro delle truppe reali, dirigendosi per quanto ci viene riferito
a Castelvetrano, minacciando i pacifici cittadini e non rispar
miando rapine a devastazioni, e tc .... e tc ....
Il nome di Garibaldi lo turb un poco. Queir avventuriero tutto
capelli e barba era un mazziniano puro. Avrebbe combinato dei
guai....

1. recapitare = consegnare (p. es. una lttera da parte di alcuno)


2. il legno la nave
la bala l assoluta potest
Procida. Panorama

4. m erc = le m ercede il salario, la ricompensa, la misericordia, so


prattutto nella forma tronca merc; m erc - grazie a, m ediante, per mezzo di
5. la marina il mare vicino a terra, la terra presso il mare
6. disbarcare sbarcare
7. il filibustiere = il corsaro = il pirata

L E A R D I T E D E L 1860
di P a o l o S a l v i

La partecipazione della donna alla causa nazionale un fatto


quasi nuovo in Italia, e che, verificatosi in tutte le province, vuol
essere specialmente avvertito, perch esso a parer mio uno dei
sntomi pi atti a dimostrare che siamo giunti a maturit civile
e a pieno essere di coscienza come nazione.
^ V IN C E N Z O G IO B E R T I, f il s o f o e p o lit ic o d e l R i s o r g i m e n t o

Era il 30 maggio 1860 e linsurrezione di Palermo, scoppiata


con larrivo dei Mille quattro giorni prima, correva il rischio di
fallire per esaurimento di munizioni, scarsit 1 di armi e di v iv e ri,
enorme numero di morti e di feriti (la citt era stata sottoposta
ad uno spaventoso bombardamento, e parzialmente saccheggiata
incendiata dai borbonici). Perfino Garibaldi ebbe per un mo-
0iento la tentazione di riprendere la v|a dei monti. Ma il ruggito
della folla palermitana, degli uomini e delle donne che, pi degli
uomini, si dichiaravano pronte a continuare la lotta fino alla vit
to ri 0 general e sterminio, lo rincuor 2 come egli stesso
scrisse lealmente nelle sue memorie, inducendolo a tener duro ad
agni costo.
Le donne avevano lavorato arditamente a drizzare barri
cate. Avevano recato ai combattenti cibi e bevande. Avevano
cu rato i feriti. Avevano riempito i balconi di pietre, di acqua
e dolio bollenti, pronte a rovesciare sui soldati di Francesco II
una tempesta di proiettili rudimentali, ma terribili. ... (senza
leroismo delle donne) anche i loro uomini non c alcun dubbio
in proposito avrebbero abbandonato le barricate. Ma le donne
tennero duro, strappando a un garibaldino 3 giornalista un grido
di ammirazione: Se mai ebbi dei dubbi sulla preminenza
delluomo e dello donna, qui non ne ho. La donna decisamente
superiore alluomo.
Lelogio era diretto alle popolane severe, energiche, virili,
che nelle asprezze della vita quotidiana, nella dura lotta con la
miseria, avevano temprato 4 gli animi loro, preparandosi forse
senza saperlo al grande giorno della rivoluzione. ...
Da questa folla eroica ma anonima, di donne rivoluzionarie,
balzano in primo piano alcuni nomi e figure: Rosalia Montmasson,
la sola donna che prese parte alla spedizione dei Mille fin dallo
scoglio di Quarto, con una chiara e precisa coscienza politica;
Giuseppina Bolognara, detta la cannoniera, che partecip allin
surrezione di Catania e si impadron di un cannone, con il quale
spar contro un reparto borbonico. La battaglia dur dalle 9 circa
a mezzogiorno e si concluse con una ritirata delle squadre con
ladine e cittadine, rimaste quasi senza munizioni, ma Giuseppina
riusc a salvare il cannone, trascinandolo con se nella ritirata fino
a Mascalucia. Divenne poi vivandiera della Guardia Nazionale,
Prese parte alla liberazione di Siracusa e quindi ritorn alla sua
vita errabonda5. Ma fino alla morte vest abiti maschili,
Portando sul petto la medaglia dargento al valor militare.
La storia di Francesca la garibaldina soffusa di un alone
di romanticismo. Il 4 settembre, risalendo vittorioso la penisola,
Garibaldi giunse a Casalbuono, in provincia di Salerno, e vi si
accamp. Due garibaldini uno alto e robusto, l altro piccolo,
esile e delicato come una donna, presero alloggio presso la
famiglia Novellino. Durante la notte, il piccolo soldato in camicia
rossa fu assalito da una forte febbre, e quando, allalba, le trombe
chiamarono i garibaldini a raccolta, non ebbe la forza di rimet
tersi in marcia. Il compagno, con le lacrime agli occhio, lo abban
don dopo averlo disperatamente baciato.
Giunse un medico, chiamato dai Novellino impietositi, visit
l ammalato, trasal, lanci un grido: il soldato era una donna!
Una giovane donna siciliana, anzi una fanciulla, che aveva seguito
il suo innamorato, affrontando strapazzi, fame, sete, combatti
menti e morte. ...
Mor poco dopo e fu sepolta nel cimitero di Casalbuono. Per
lunghi anni, fin quasi ai nostri giorni, rimase vivo il ricordo, fra
la gente del luogo, di questa dolce e patetica figura di donna gari
baldina.
Marianna De Crescenzo, detta la Sangiovannara, era
unostessa napoletana, che teneva taverna nel largo 6 della Pigna
secca. Gli storici del tempo la riconoscevano come ,,loracolo del
quartiere, per la sua energia rivoluzionaria e per la sua gene
rosit danimo.
N o i d o n n e 8.V.1960

1. la scarsit = la scarsezza niedostatek, szczupo


2. rincuorare = rincorare = incoraggiare
3. il garibaldino garybaldczyk
4. temprare = temperare hartowa
5. errabondo, -a tuaczy, -a, bdny, -a, bkajcy si, -a
6. il largo = la piazza

ESERCIZI

1. Temi di conversazione:
Lo sbarco di Garibaldi in Sicilia.
Le donne del Risorgimento.
Francesca la garibaldina ed Emilia Plater.
Il Mezzogiorno italiano.

2. Trovare le parole della stessa famiglia dei nomi seguenti:


la nazione la verit
la provincia la mostra
la maturit la coscienza
la partezipazione la causa
il fatto il rischio

3. Volgere l infinito alla persona conveniente del condizionale


passato:
10 (partire) con lore, ma mi mancavano le condizioni necessarie alla gita.
Volentieri noi (parlare) italiano, avendo la preparazione sufficiente.
Dove tu (potere) ritrovare i guanti perduti?
Voi (volere) ricominciare, ma non era pi possibile.
11 mio amico (passare) le vacanze con me, ma dovette accompagnare il
suo fratello.
Essi ti (riconoscere) per potr ricordare gli anni di scuola.
Agnese ti (crdere), non sapendo che dicevi sempre le bugie.
Io (avere) pi coraggio per sopportare quella operazione.
Per vivere felice, tu (dovere) cambiare il tuo carattere.
Lo sapeva che ogni tentativo (ssere inutile).

4. Costruire 5 frasi usando il condizionale presente e cambian


dolo poi in condizionale passato.

5. Tradurre in italiano:
Rozalia Montmasson polubia przyszego m inistra Franciszka Crispi
i towarzyszya mu na wygnanie. W Paryu pracowaa jako praczka i pra
sowaczka, by utrzyma ma i siebie. Pragna by razem z ukochanym na
polu w alki i mimo sprzeciww ma otrzymaa od Garibaldiego specjalne
zezwolenie. Ubrana po msku, wraz z garybaldczykami w yldowaa w Mar
sala, dajc przykad m stwa i wielkodusznoci.

Una foglia cadde dal platano,


un fruscio scosse il cuore del cipresso,
sei tu che mi chiami.
A D A N E G R I (1870 - 1945)
59. Lezione cinquantanovesima
Tavola del participio passato irre
golare dei verbi pi usati

GRAMMATICA

TAVOLA DEL PARTICIPIO PASSATO IRREGOLARE


DEI VERBI PI USATI

II c o n i u g a z i o n e ausiliare
accendere acceso avere
accorgersi accorto essere
affliggere afflitto avere
appendere appeso >>
ardere arso tf
assolvere assoluto >>
e assolto ft
assumere assunto
bere bevuto
chiedere chiesto
chiudere chiuso l
cingere cinto fi
cogliere colto
comprimere compresso l
concedere concesso
condurre condotto
conoscere conosciuto
correre corso
correggere corretto avere
cuocere cotto
concludere concluso
)
A coniugazione ausiliare
decidere deciso avere
difendere difeso
dipingere dipinto
dipendere dipeso essere
fave detto avere
dirigere diretto ,,
discutere discusso ,,
dissolvere , dissoluto ,,
distinguere distinto ,,
dividere diviso
eludere eluso
emergere emerso essere
esigere esatto avere
esplodere esploso
fare fatto
fingere finto
fondere fuso. ,,
friggere fritto ,,
giungere giunto essere
incidere inciso avere
invadere invaso
leggere letto ,,
mettere messo ,,
mordere morso ,,
muovere mosso ,,
nascere nato essere
nascondere nascosto avere
perdere perduto
e perso
Persuadere persuaso
piangere pianto ,,
Porgere porto ,,
Porre (ponere) posto ,,
prendere preso ,,
II c o n i u g a z i o n e ausiliare
proteggere protetto avere
reggere retto
rendere reso
e renduto
ridere riso
riflettere riflettuto
e riflesso
rimanere rimasto essere
rispondere risposto avere
rompere rotto
scegliere scelto
scendere sceso
sciogliere sciolto
scrivere scritto
scuotere scosso
soddisfare soddisfatto
sorgere sorto essere
spargere sparso avere
spendere speso a
spngere spento
e spegnere
stringere stretto

tacere taciuto
tendere teso
tingere tinto
togliere tolto
torcere torto
tradurre tradotto
trarre tratto

uccidere ucciso
ungere unto
vedere veduto e visto
vincere vinto
vivere vissuto
volgere volto
HI c o n i u g a z i o n e
apparito
appar*re
e apparso essere
a p r ir e aperto avere
c o p r ir e coperto
m o r ir e morto essere
o ffr ir e offerto avere
s e p p e llir e seppellito
e sepolto ,,

LETTURA

IL FASCISMO
CI SEMBRO DI NASCERE ALLORA
di Elsa M o r a n t e

Nel 1948 Elsa Morante ha vinto il premio letterario Viareggio con


Menzogna e sortilegio; nel 1957, con il romanzo Lisola di Arturo ha
ottenuto il premio Strega.
E la moglie dello scrittore Alberto Moravia.

La generazione alla quale io appartengo (nata durante la prima


guerra mondiale o poco dopo) ha avuto il fascismo per suo triste
coetaneo. I nostri primi ricordi sono oscurati dalla tetraggine delle
,,Camicie Nere; il caro paesaggio natale funestato, nella nostra
memoria, dalle ombre dei gagliardetti; Teoo sguaiata degli alala
sciupa le note delle nostre canzoni infantili. E le gesta lugubri,
ridicole e disonoranti di quelle bande che si nominavano Milizia
fascista, hanno guastato per sempre le favole e le leggende dei
nostri primi anni.
Secondo la nostra fanciullesca esperienza, la parola Stato
era sinonimo di sopraffazione, di corruzione e di stupidit. Sapeva
mo che sulla terra esistevano delle democrazie; imparavamo dalla
storia che una volta, nel mondo civile, erano stati proclamati
i Diritti dellUomo; ma tutto questo non apparteneva al nostro
destino! Noi eravamo, nel mondo civile, dei paria e degli esclusi.
E se ci incontravamo con qualche straniero, appartenente a nazioni
pi fortunate della nostra, provavamo un sentimento inevitabile
di vergogna: tanto pi aspro in quanto amavamo il nostro paese,
e sentivamo nel fondo della nostra coscienza, e con tutta la
nostra passione giovanile che il nostro popolo era ancora -
nonostante tutto uno dei popoli migliori della terra, e meritava
una parte pi dignitosa nella storia del mondo.
Per questo, il 25 luglio una data fondamentale per quelli
della mia generazione. Essa segna, nel pieno della nostra giovinez
za, la nostra nascita civile. Non era il sentimento della vendetta
che ci rallegrava, la notte del 25 luglio 1943, al veder le statue
dei duci trascinate con ludibrio 1 per le strade; ma il sentimento
della nostra dignit umana finalm ente riscattata. Usciti, final
mente, da una tutela disonorante, e cittadini di una nazione civile,
noi potevamo adesso, col nostro lavoro, col nostro affetto, con la
nostra fiducia, aiutare il nostro paese a riconoscersi nella sua
verit: nel suo umanesimo, nella sua intelligenza, nel suo senti
mento naturale del decoro, del rispetto reciproco e della giustizia.
Queste sono, difatti, le qualit degli italiani.
Oggi, la nostra generazione non pi giovane, ma nemmeno
vecchia, per nostra fortuna. La nostra coscienza chiara altret
tanto e pi di allora, il nostro sentimento dei valori umani
fervido e aggressivo quanto allora, e anche pi. Accanto a noi
crescono le generazioni nuove, che non possiedono la nostra
esperienza: e sta a noi di trasmettergliela... Bisogna insegnare ai
nostri ragazzi a riconoscere al primo segno la grinta 2 spregevole
dei tiran n elli3 grossi e piccoli anche se ci si presenta con
la commedia delPunzione, del moralismo, o dell\,ordine. I nostri
ragazzi devono sapere che grinte sim ili congiurano contro la nostra
civilt e contro la dignit umana; e che ogni societ libera e digni
tosa, deve respingerle senza esitare, prima che sia troppo tardi.
N o i d o n n e 24.V II.1960

1. il ludibrio urgowisko, pom iewisko


2. la grinta kwana mina, w ykrzyw iona twarz
3. il tirannello diminutivo del tiranno
Fu nel luglio di quel 1925 che Piero Gobetti * sfior per la
prima volta il pericolo mortale. Percorreva via Roma con sua
c o g lie allora del passeggio serale. Passavano due camion di
seguito; seduti sui camion, le gambe ciondoloni al di fuori, dei
fascisti bercianti una lor canzoncina il cui ritornello era:
Matteotti, Matteotti, **
ne farem, dei salsicciotti.

Piero si ferm sul marciapiede, e facendo fronte ai bercianti,


grid: ,,Abbasso Musolini!, I camion passarono via, ma a ltr i1
aveva udito, e mentre due carabinieri si dileguavano rapidamente,
certo a chiamar rinforzi, alcuni fascisti si misero a seguire la
coppia. Piero, senza perdersi danimo, percorse rapidamente via
Roma, piazza Castello, via Pietro Micca poi esitando a tornare
a casa (da poco gli sposi avevan messo su casa, in via Fabro,
6) pensando con ragione che i fascisti gli avrebbero rovinato ogni
cosa, si ferm al Caff degli Specchi, sedendo a uno dei tavolini
esteriori. Pochi momenti dopo arrivava una macchina piena di
camicie nere, che irrompevano nel Caff sfasciando tutto: tavolini,
sedie, specchi, mentre Piero, che era fuori, passava inosservato.
Allora, con la sua piccola compagna, riprese la via di casa.
B A R B A R A A L L A S O N , ,,M em o rie di u n a n t if a s c is t a *

1. altri inny

* Pietro Gobetti (1901 - 1926) scrittore e politico ... vide nel fascismo
lerede delle insufficienze storiche della democrazia. Perseguitato
emigr.
** Giacomo M atteotti (1885 - 1924) giurista ed economista, sociologo
profondo ed ardente propugnatore dellidea socialista. Deputato socialista
nel 1919, segretario del Partito Socialista unitario nel 1922, pronunci alla
Cmera il 30 maggio 1924 un poderoso discorso daccusa al fascismo e ai
suoi metodi elettorali. Il 10 giugno 1924 egli scomparve per odio dei suoi
avversari politici e solo due m esi dopo il suo cadavere venne ritrovato in
una boscaglia nei dintorni di R om a.... La sua rettitudine, la sua fede, il
suo coraggio, l altezza del suo ingegno, la fermezza nei propositi valsero
a far di lui il simbolo del socialismo italiano. (Enciclopedia italiana)
L A SPEDIZIONE PUNITIVA
di L e o n e t t a C e c c h i P i e r a c c i n i

16 ottobre 1925. E a Roma, per un breve soggiorno, mio


fratello Gaetano. Si mostra sereno, ragionevolmente paziente: ma
la sua vita a Firenze, con i continui soprusi e le temerarie perse
cuzioni fasciste non agevole. Ci racconta come di recente, nel
cuor della notte, misteriosi indivdui siano riusciti a penetrare
nello stabile in cui egli abita. Agli squilli di campanello alla porta
interna, chegli aveva a buon conto fatto blindare da tempo,
Gaetano, dopo qualche indecisione, finisce col dischiudere un bat
tente con la catena di sicurezza tirata e mantenendosi pruden
tem ente riparato dietro di esso. Un individuo chegli non vede
naturalmente, prende a sollecitarlo di recarsi per un consulto
presso un malato in disperate condizioni. Gaetano ha gi capito
di trovarsi in una imboscata e si comporta con estrema prudenza.
Mantenendosi al riparo dietro il battente, risponde che non sua
consuetudine far consulti di n o tte .... Di fuori si tentano schiari
menti, lusinghe, offerte generose che mio fratello interrompe
bruscamente con una spinta al battente che di colpo si chiude.
Di fuori rispondono sette colpi di rivoltella che non oltrepassano
la lamiera. I sette proiettili sono tuttora infissi nel legno della
porta.
N o i d o n n e 24.VII.1960

ESERCIZI

1. Temi di conversazione:
Le tre scrittrici presente nella lezione cinquantanovsima.
La lotta contro il fascismo.
Lantifascism o in Italia.

2. Formare il participio passato dei verbi seguenti:


introdurre accogliere includere
raccogliere scorgere accludere
dedurre alludere escludere
infliggere illudere coprire
deludere produrre ricoprire
esprimere ridurre scoprire
imprimere sedurre deprimere
opprimere richiedere reprimere

3. Spiegare in italiano gli aggettivi seguenti presi dalla lettura:


agevole ridicolo lugubre
temerario inosservato infantile
disonorante spregvole sereno
serale

4. Trovare il contrario degli aggettivi dellesercizio 3.

5. Tradurre in italiano usando il passato prossimo:


Ile owkw mu kupie? Obieca mi tyle ksiek w osk ich ! Czy
mwi jej pan o tej sprawie? Kiedy m oglicie z ni porozmawia?
Czy wspomniaa o nim? Czy znalaza mi pani jaki dobry artyku?
Kiedy widzia j pan po raz ostatni? Dlaczego nie przysae mi tej foto
grafii? Skd w zie te pikne jabka? Ile im zapacili za mieszkanie?

6. Tradurre in polacco:
Lesilio! Colui che primo invent questa pena non aveva n madre
n padre, n amico, n amante. Egli volle vendicarsi sulle altrui teste e disse
agli uomini suoi fratelli: Siate m aledetti dallesilio comio sono dalla for
tuna; siate orfani; abbiate la morte nellan im a ;... Quante volte [lsule]
invoc la morte e mormor alla tomba: Mhai tu dimenticato?. Ma la
tomba pi fredda se un suolo straniero copre il cadavere che v d en tro ...
Oh! duro l esilio per chi ebbe dalla natura unanima fatta per sentire
la beatitudine davere una Patria.
G IU S E P P E M A Z Z IN I (1805 - 1872), d a lla r tic o lo su L s u le
60. Lezione sessantesima
Ricapitolazione del materiale gram
maticale della terza parte at
traverso le letture

GRAMMATICA

Ricapitolazione del materiale grammaticale della terza parte


attraverso le letture.

LETTURA

L A GUERRA E L A RESISTENZA *

UN COMPLEANNO NEL LAGER

Sul tovagliolo disposte in cerchio, venti fe ttin e 2 di pane


spalmate di marmellata sintetica formano il gateau danniver-
saire 3. E, su ognuna delle fettine, le candeline 4 tradizionali del
compleanno una per ogni anno della festeggiata sono state
raffigurate da bastoncini di legno conficcati nel pane e accessi
con pezzettin i5 di carta rossa incollata alla cima dei bastoncini
e raffigurante la fiam m ellafl. ...
Ecco: tutte le deportate sono rientrate nel blocco ed hanno
trangugiato la loro brodaglia7 di bucce di patate che costituisce la
cena. Adesso rosicchiano, con parsimonia, adagio per farlo durare
pi a lungo, il loro scarso pezzo di pane.
Giovanna, seguita da tutte le amiche della Roquette, si avvi
cina a Giannina, tenendo in mano il piatto di legno preparato.
In mezzo al cerchio delle venti fettine di pane sta scritto: A u g u r i
a Giannina per i suoi ventanni.
Presenta il piatto a P u l c i n o , che guarda, stupita e c o m m o s s a .
Si, abbiamo il coraggio di farti i nostri auguri, P u lc in o .
perch domani non rassomiglier a oggi, lo speriamo, meglio, la
sappiam0* Cento di questi giorni, ma liberi e felici, coi tuoi genito
ri con la tua famiglia. Oh, lo so, quanto triste questo complean
no! Ti guardi attorno; ed invece della tavola imbandita, con fiori
e dolci, luci e cristalli, vedi questo lurido blocco, queste orribili
scrostate gam elle rosse, questi puzzolenti castelli pieni di in
setti... Invece della tua famiglia, della tua mamma, della tua
sorellina, tante straniere. Ma queste straniere sono amiche tue,
Giannina, tue compagne. Tu hai ritrovato fra noi tante mamme,
tante sorelle che ti vogliono bene 8; e che stasera, pi che mai,
vogliono essere la tua famiglia, farti i loro auguri pi affettuosi,
offrirti quello che possono. Non molto, lo vedi, ma tutto quello
che possiamo offrirti... Nella tua vita ancora corta, ma che noi ti
auguriamo lunga, riceverai certamente tanti regali belli e ricchi.
Ma nessuno rappresenter quello che ti offriamo noi, stasera per
i tuoi venti anni...
Giovanna trova ancora la forza di gridare: Viva Giannina! Ma
nessuno le fa eco. Tutte piangono. E sono, stavolta lacrime abbon
danti, calde e dolci. Sono le lacrime dellaffetto, della solidariet,
del sacrificio. Sono lacrime di ricordo, non di rimpianto.
Pulcino, stretta al collo di Giovanna, singhiozza forte, proprio
come una bambina. Dai castelli scendono in fretta le altre de
portate. Molte hanno sentito e sono esse pure commosse. Tutte
abbracciano Giannina, e le fanno i loro auguri. ... Invidiano la
compagna che oggetto di tanto affetto, ma... guardano con occhi
famelici ed invidiosi la corona delle venti fette di pane spalmate
di marmellata che figurano il dolce del compleanno di Giannina.
E Giovanna, che comprende la situazione, mette il piatto nelle
mani di Pulcino e le sussurra: ,,Fila e mangiati tutto a letto.
Che importa se stanotte venti deportate sentono un po' di pi
i crampi della fame? Cercano di non pensarci e di ricordare sol
tanto gli occhi bruni, sfavillanti di lacrime e demozione, di Pul
cino. Questa, piange e mangia. Piange demozione: sa che cosa
significa il regalo delle compagne. Sa che con quelle fettine di
Pane, le amiche le hanno offerto un po della loro forza, un po
della loro vita. Sa che niente, niente al mondo potr mai pagare
d dono ricevuto. Sa che stasera le altre avranno fame, tanta fame,

25 Studiam o la lin gu a 385


pi fame del solito. Piange di riconoscenza ed un po' di rimorso.
Ma ha tanta fame anche lei. E, una dietro l'altra, si mangia tutte
le venti fettine di pane, i suoi vent'anni al campo della morte...
T E R E S A N O CE, Ma d o m a n i fa r g io r n o

1. la Resistenza: opporre r.; vincere la r.; superare la r.; resistenza


a...; r. al fuoco, alle leggi, agli ordini
2. la fettina diminutivo della fe tta kromka
3. le gateau danniversaire (francese) tort urodzinowy
4. la candelina diminutivo della candela wieca
5. il pezzettino diminutivo del pezzo kawaek
6. la fiammella diminutivo della fia m m a pomie
7. la brodaglia spregiativo della broda cienki, lichy ros
8. volr bene = amare

U N SOSPIRO D I S O L L IE V O
di L i s l i Cari ni

Non tutto tinteggiato di sangue nei miei ricordi della Resi


stenza. Ce n uno che ha un rosso da osteria e un tono da torte in
faccia. Estate 1944. Autobus Pavia-Milano.
Avevo fatto il proposito di arrivare prestissimo alla corriera;
sistemare in un angolo il mio pacco di opuscoli clandestini; poi
scendere a prendere un caff" e risalire allultimo momento
a mani vuote. Le altre volte mi era andato bene.
Arrivai presto, faticando sotto il peso, ma gli altri erano arri
vati prima di me. Non mi rimase che infilare il morto" -sotto uno
dei due sedili centrali. Ma mentre mi guardavo in giro per cercare
un an golo,... un ragazzetto balz in piedi e mi cedette il suo posto.
Proprio a fianco del pacco. ... Ma non osai rifiutare. Maledissi in
cuor mio le regole di buona educazione che insegnano le mamme
e presi posto sorridendo dalla faccia squallida.
Guardavo il pacco sotto il sedile del vicino, di l dal b r e v e
corridoio, e il pacco guardava me.
Tutto il viaggio fummo legati da una specie di cordone ombe
licale 1. Doloroso per me, beffardo per lui.
Lentissimamente, senza incidenti, sotto un infuocato sole di
luglio, si procedeva verso Milano. La gente taceva, assorta n e l l e
sue preoccupazioni, nelle sue angoscie. Chi era sicuro che si s a r e b -
be coricato la sera nel suo letto, e che. allungando la mano vicino,
avrebbe trovato la mano dellaltro? ...
Alle porte di Milano, blocco. Le brigate nere. Fecero scendere
quelli che erano in piedi e ordinarono agli altri di muoversi.
Vidi sparire il mio ragazzo con una specie di fredda dispera
zione. Dunque mi sarebbe toccato lurto della scoperta. ... Tutti
mi avevano visto. Ma forse li avrei guardati in faccia e avrei detto:
roba mia. Sono libri di scuola. Implacabilmente avanzavano
da nord e da sud. Come i racconti dellorrore, le sabbie mobili, il
tempo nella cella della morte.
Alla mia paura generica si era sovrapposta una calma totale.
Guardavo fuori dal finestrino e mi domandavo con curiosit se
sarei stata capace di resistere quelle otto o dieci ore necessarie
agli altri per salvarsi.
Toccava a me. Alzai gli occhi sui miei carnefici e si ud uno
scoppio. Uno scoppio e un mormorare sommesso e un dimenarsi
al mio fianco.
Scaldata dal sole, una bottiglia di vino era saltata e versava
a ondate il suo rosso sangue sulla mia vicina.
Potenza liberatrice del riso? ^
I ceffi sorrisero. Anche i viaggiatori si permisero qualche breve
divertito commento.
Latmosfera era cambiata: ormai eravamo una compagnia di
gente per bene 2.
Dopo un attimo di esitazione i militi scesero, forse credendo
di averci perquisiti tutti, forse guadagnati dalla atmosfera con
viviale 3 e charlottesca 4. ... *
Pagai la mia avventura con una colica di fegato che dur tre
giorni. Mi torcevo nel letto in preda ai dolori. E intanto ridevo
pensando al generoso vino d'elloltre Po. ...
d o n n e 24.V II. 1960

.4^ s
L il cordone ombel(l)icale (umbilicale) ppowina; ombellicale = om
belicale = umbilicale
2* la gente per bene (una persona per bene) ludzie przyzwoici,
kulturalni
3. conviviale = convivale biesiadniczy, biesiadny
L charlottesco, -a aggettivo proveniente dal nome dellattore Charlie
c haplin
Vieni con me, e lo port da Gino.
Come vide Gino sulla soglia della casa, il giovane gli corse in
contro e gli butt le braccia al collo singhiozzando ed esclamando:
Professore, oh professore, mi tenga con lei, sono qui per
combattere! Ho un fucile, vede? e mostrava fiero quel suo
schioppo antidiluviano. Gino lo stringeva alle spalle e cercava di
rincuorarlo e calmarlo. Poi lo fece sedere sulla panca addossata al
muro e tutti gli andarono attorno, curiosi.
Questo un mio caro allievo degli ultimi anni lo present
brevemente Gino se vuole rimanere con noi sar il benvenuto.
E questi disse poi rivolgendosi al giovane sono i miei ragazzi:
tutti bravi e coraggiosi, e saranno per te come dei fratelli.
Mario li guardava con occhi ancora umidi, ma un pallido sor
riso gi rischiarava il suo volto e un po di colore animava le sue
guance.
Sono solo al mondo, professore, i tedeschi han portato via
un mese fa tutta la mia famiglia. Come lei sa, siamo ebrei: ci
eravamo nascosti in una cascina a Pont dalla mia vecchia balia.
Cerano i nonni, pap e mamma, io e la mia sorellina Marisa.
Nessuno sapeva che eravamo ebrei, ci credevano degli sfollati,
come tanti altri. Ci sentivamo al sicuro tra quella brava gente.
Fido, il cane da pastore della balia, era un portento. Quando pas
savano tedeschi ... abbaiava in un modo cos diverso dal solito che
noi si capiva e ci si nascondeva. ... Un giorno, sar circa un mese,
io, per un terribile mal di denti, ero stato ad Ivrea in bicicletta,
da un dentista. Tutto era andato liscio e me ne tornavo a sera,
liberato dal malanno, quando a un centinaia di metri da casa
vedo venirmi incontro la balia fuori di s. Raccont che i tedeschi
erano venuti con un camion e che cercavano qualcuno. Avevano un
foglio con i nomi e cognomi: i nostri. Invano Fido aveva abbaiato
nel modo consueto, invano lei giur che l non cera nessuno, in
vano i miei si nascosero nella legnaia sotto le fascine. Rovistarono
dappertutto quei dannati e fu il pianto della mia sorella che li
guid al nascondiglio. Ad uno ad uno li fecero uscire e li caricarono
sul camion. Tutti: i vecchi nonni, i genitori e la piccola. La balia
che piangeva e si disperava la fecero tacere con minacce... Fido
pareva impazzito, tanto che mentre un tedesco issava Marisa sul
camion, strapp la catena e lo morse ad un polpaccio. Allora uno
gli diede col calcio del fucile 1 una botta su una zampa che gliela
spezz e la povera bestia fugg guaiendo mentre quello morsicato
gli sparava dietro una raffica. ... La buona donna mi tenne ancora
nascosto, presso parenti suoi ma io non sapevo darmi pace e mi
dibattevo per trovare ad ogni costo una via di salvezza per i miei.
Quando seppi che erano stati tutti deportati in Germania, mi pro
curai questo fucile ed eccomi qui. Sapevo che il comandante Gino
era lei e mi bastato. Io non sono molto robusto e nemmeno tanto
coraggioso, ma ormai nel mio cuore c un solo desiderio: combat
tere contro i tedeschi, vedere la fine di questi anticristi. Solo
allora avr pace.
L U IS A S T U R A N I, F a z z o le tti r o s s i

1. il calcio del fucile kolba

CAMPANE A STORMO PER L A LIBERAZIONE

Ma una mattina, tornando dal villaggio a quello dove abitavo


(bella strada cingeva un cimitero, una chiesa; e i tigli la bordava
no, e prode 1 che offrivano alla mano, alle spalle, alla fronte, quei
lunghi fiori azzurri che ballano sullo stelo tra l erba dei prati,
laglio, la margherita, la cicuta) il parroco ci ferm. Era raggiante,
e ci disse:
Fra dieci giorni, non uno di pi, sul campanile della mia
chiesa ci sar il tricolore e io stesso suoner le campane a stor
mo 2. Fra dieci giorni la guerra sar finita.
Esclamai:
Ma, reverendo, gli alleati sono ancora a Bologna!
Tutta lItalia settentrionale organizzata; vedr, vedr che
cosa faranno. Fra dieci giorni sentir le mie campane.
Era il' quattordici di aprile. Zelia, salutato il parroco disse:
Non sono ottimista come lui, ma potrebbe avere ragione. Se i te
deschi cedono, la fuga senza resistenza. E tutte le citt dellAlta
Italia sono organizzate, ha ragione il reverendo, per insorgere. ...
Zelia part, seduta sulla sua dignitosa bicicletta olandese. Io,
che l'avevo accompagnata fino alla strada maestra a piedi, la vidi
scomparire con la mano sventolante, udii ncora il suo saluto,
chiaro, allegro:
Arrivederci presto.
Il ventiquattro aprile, alle tre del pomeriggio, ero in giardino,
quando udii suonare le campane a stormo. Il cuore mi salt in
gola, urlai:
la liberazione, la guerra finita!
Le campane, cantavano neiraria detersa 3, era un canto alto,
dilagava sulla campagna, correva alle montagne che lo riper
cuotevano nelle valli e nei burroni. Mi precipitai alla radio, le
notizie erano elettriche: piena di febbre e di tripudio, tutta l'alta
Italia si levava contro il nemico che finalmente fuggiva, ma non
era ancora la capitolazione. Il parroco, nella sua ansiet, aveva
anticipato di diciotto ore l'avvento finale, la vera liberazione, che
avvenne il 25 aprile.
M A R ISE FE R R O , ,,L.a g u e r r a s t y p id a

1. la proda brzeg
2. lo stormo la schiera, la compagnia; sonare a s. = sonar le campane
per adunare uno stormo
3. deterso participio passato dal detergere czyci, oczyszcza, w y
wabia

ESERCIZI

1. Temi di conversazione:
Riassumere i fram menti sopraccitati.
Raccontare un suo ricordo di guerra o della Resistenza.
Ricordare un film italiano sulla Resistenza.
Libri degli scrittori polacchi sulla guerra e linsurrezione di Varsavia.
Film polacchi che rappresentano l eroica resistenza durante loccupa
zione.

2. Trovare le parole della stessa famiglia dei verbi seguenti:


disporre costituire durare
seguire avvicinarsi ricevere
pagare calmare nascondere
caricare
3. Spiegare in italiano il senso dei verbi seguenti:
tinteggiare dilagare balzare
rifiutare prndere posto scaldare
appartenere nominare guastare
sistemare

4. Riassumere per iscritto uno dei quattro racconti.

5. Tradurre in italiano:
Przyjd za kilka godzin. Zjedzi na rowerze ca Sycyli. Przez
cay czas pobytu w obozie dra z zimna. Przyjechalim y z Genui nowym
s t a t k ie m . Midzy ustami a brzegiem pucharu... Ukarano go za samo
w ol. Przedyskutujem y to zagadnienie w e rod ze w szystkim i kolega
m i. stfano by zawsze prawdziwym czow iekiem czynu. Trzeba na
peni piaskiem to drewniane pudeko.
PARTE QUARTA

La vita politica,
economica e sociale
61. Lezione sessantunesima
Congiuntivo
Tempi del congiuntivo
presente del congiuntivo
Uso del congiuntivo (1)

GRAMMATICA

CONGIUNTIVO

Lo studio del modo chiamato c o n g i u n t i v o si divider in


tre parti principali:
Tempi del congiuntivo
Uso del congiuntivo Uso dei tempi del congiuntivo

Tem pi del congiuntivo

Tempi s e m p l i c i Tempi c o m p o s t i
presente passato
imperfetto trapassato

Presente del congiuntivo

Avere Essere
che io abbia che io sia
che tu abbia che tu sia
che egli abbia che egli sia
che noi abbiamo che noi siamo
che voi abbiate che voi siate
che essi abbiano che essi siano
I II III
Parlare Credere Partire Finir e
che io parl-i cred-a part-a fin-isc-a
che tu parl-i cred-a part-a fin-isc-a
che egli parl-i cred-a part-a fin-isc-a
che noi parl-iamo cred-iarao part-iamo fin-iamo
che voi parl-iate cred-iate part-iate fin-iate
che essi pari-ino crd-ano ouv--;jdfin-isc-ano

USO DEL CONGIUNTIVO (1)

Lindicativo indica la certezza e la realt, il congiuntivo invece


esprime l i n c e r t e z z a , il d u b b i o , la p o s s i b i l i t , il
d e s i d e r i o. Il congiuntivo si usa nella proposizione s u b o r d i
n a t a e dipende dal verbo della proposizione principale o dalla
congiunzione che unisce la subordinata alla principale.
Se il verbo della proposizione principale esprime: l a v o l o n
t , il d e s i d e r i o , 1 o r d i n e , il d u b b i o , l i n c e r t e z z a , la
s u p p o s i z i o n e , la s p e r a n z a , la p a u r a , la g i o i a , ecc. il
verbo della proposizione dipendente si mette nel c o n g i u n t i v o .
Volere dubitare
desiderare supporre
preferire credere
che +
ordinare . . . sperare
7. , congiuntivo che +
chiedere temere
congiuntivo
permettere aver paura
pretendere essere contento
essere triste
ecc. ecc.
E s e m p i :

Voglio che tu parta per Cracovia.


Desideriamo che egli sia felice.
Il medico teme che io abbia una grave malattia.
Spero che voi visitiate bene tutti i monumenti di Varsavia.
Suppongo che essi non abbiano nessuna conoscenza della lin
gua italiana.
I ragazzi sono dolenti che i loro genitori partano per Tester.
Sono triste che ella abbandoni la scuola.
Vi ordino che mi rispondiate immediatamente.
La mamma desidera che tu attenda le informazioni necessarie.
Preferiscono che io resti in campagna tutta Testate.
Non permette che esse scrivano tante lettere.
Qrdinano che i ragazzi chiudano le finestre della classe prima
di uscire.
A t t e n z i o n e : 1. Quando nella proposizione principale e quel
la dipendente c lo stesso soggetto, n o n s i u s a i l c o n g i u n
t i v o , ma la preposizione di + infinito.
Io credo che io conosca bene l italiano (forma sbagliata).
Io credo di conoscere bene litaliano (forma giusta).
S p e r i a m o che in estate v i s i t i a m o i laghi alpini (forma sbagliata).
Speriamo di visitare in estate i laghi alpini (forma giusta).
Tu credi di essere un buon marito.
Egli spera di ricevere presto un gran patrimonio.
Io sono contento di vivere a Varsavia.

2. C un caso nel quale luso del congiuntivo non dipende dal


verbo della proposizione principale: quando si vuole esprimere un
d e s i d e r i o o un a u g u r i o ; si usa specialmente nelle locuzioni
apostrofiche:
Evviva lItalia!
Benedetto sia il giorno... (titolo di un sonetto di Petrarca)
Dio ti benedica.

LETTURA

ACROBATI DELLA P A R O L A :
GLI INTERPRETI AD ALTO LIVELLO
di F e l i c e M o ttin i

Per quanto ... ci riguarda pi da vicino, lItalia con sempre


maggior frequenza sede di congressi internazionali: le bellezze
Maturali e artistiche di un paese, si sa, sono spesso fattori determi
nanti nellassegnazione di un congresso. Si pensi, poi, alle necessi
t attuali del commercio, dellindustria, del turismo ... alle rela
zioni con i paesi americani, africani e asiatici. Moltissime aziende
italiane sono gi oggi in vera difficolt nella ricerca di persone
capaci di soddisfare le esigenze di traduzione specializzata ad alto
livello.
Come si diventa interpreti? Alla base dei corsi che preparano
diplomati in questo campo vi , naturalmente, uno studio appro-
fondito delle lingue moderne attuato secondo i pi moderni criteri
dinsegnamento. I docenti insistono soprattutto su esercitazioni di
traduzione e di conversazione, ogni alunno chiamato davanti ad
apparecchi registratori per poter controllare la propria pronuncia,
film in lingua straniera originale sono proiettati e simultaneizzati
nelle varie lingue dagli allievi. N elle ore libere dalle lezioni gli
alunni possono altres ascoltare nelle ,,Sale audizioni dischi e in
cisioni in lingua straniera, leggendo contemporaneamente il testo
inciso 1 e seguendo cos con gli occhi, attraverso limmagine visiva,
la parola del dicitore 2. Gli alunni possono anche ascoltare le re
gistrazioni delle conferenze e delle lezioni; chi non ha potuto
ascoltarle dalla viva voce del professore, o gliene sfuggita una
parte importante, pu mettere una cuffia e sintonizzarsi3 sul pro
gramma desiderato.
Per ogni lingua, poi, vengono studiati speciali documenti tecni
ci, atti a fornire cognizioni precise e un ricco glossario 4 tecnico
sulle varie attivit e sui problemi industriali, economici, politici,
scientifici e produttivistici dei paesi di cui si studiano le lingue.
Le lezioni vere e proprie di traduzione scendono pi addentro nel
particolare e tendono allarricchimento del vocabolario e della
fraseologia tecnica. Gli interpreti parlamentari e i traduttri stu
diano, poi, ogni anno, in modo particolareggiato, una decina di
argomenti relativi alle varie tecniche e specialit: professori gui
dano inoltre, piccoli gruppi di studenti alla raccolta di termini
speciali. ...
Accanto a queste preoccupazioni generali e particolari le scuole
provvedono poi a creare un insegnamento tecnico dellinterpreta
zione consecutiva e simultanea. In che cosa consistono anzitutto
i due metodi? Nel sistema consecutivo, il pi vecchio, l interprete
parla sempre dopo loratore, basandosi di regola sulla memoria
le note. L'interpretazione consecutiva ha un grande svantaggio:
richiede tempo, e il tempo in genere un fattore importante per
delegati a una conferenza internazionale. Il problema del tempo
particolarmente serio quando sono usate pi di due lingue. C'
anche da conciderare l'effetto negativo sui delegati che devono
0 ascoltare discorsi che non capiscono o, se sono poliglotti, ascoltare
le stesse cose diverse volte.
Questo problema e risolto 5 dall'interpretazione simultanea, in
trodotta clamorosamente dopo la seconda guerra mondiale, al
processo di Norimberga, ma lanciata da un uomo d'affari6 ameri
cano, Edward Filene di Boston, pi a scopo filantropico che com
merciale, all'indomani della prima guerra mondiale e impiegata
per la prima volta sul piano internazionale a Ginevra nel 1927,.
alla conferenza internazionale del lavoro. Con questo sistema il
delegato parla entro un microfono e l'interprete, isolato in una
cabina, lo sente attraverso la cuffia e lo traduce immediatamente,
seguendo l'oratore con un intervallo di poche parole. I delegati
a loro volta ascoltano anche essi attraverso la cuffia: sul bracciolo
delle poltrone dei congressisti posta una manopola il cui indice
si sposta su diversi settori, ciascuno dei quali corrisponde a una
lingua. Questo metodo di gran lu n g a 7 pi costoso per l'alto
prezzo dell'acquisto o del noleggio dell'attrezzatura necessaria, ma
evidente il vantaggio di tempo e di efficacia per i d elegati....
I piani degli studi prevedono poi una serie di materie comple
mentari, ma obbligatorie, per la formazione culturale e professio
nale pi ampia dei futuri traduttori, interpreti, segretari diri
genti. Cos sono materia d'insegnamento la letteratura, la storia
e la geografia dei singoli paesi di cui si studiano le lingue, nonch
il diritto privato, pubblico e del lavoro del proprio Paese, il diritto
internazionale, la politica economica dei principali paesi europei,
americani e asiatici. Obbligatorio per i segretari dirigenti e per
1 traduttori e facoltativo per gli altri, l insegnamento della dat
tilografia stenografia e stenotipia....
La scuola oggi si articola pertanto in due corsi, uno per segre
tari e l'altro per interpreti. Il corso per segretari prepara i giovani
a occupare posti di segretari di grandi aziende, non esclusi i gior-
nali, le case editrici, le scuole, ecc. Il corso per interpreti si sud
divide in due specialit, quella dei traduttori e quella degli intr-
preti parlamentari. La durata dei corsi biennale per il conse
guimento del titolo di interprete, traduttore-interprete e segretario
dirigente dazienda e triennale per l ottenimento del titolo di
interprete parlamentare e di segretario-interprete a indirizzo di
plomatico e consolare.
L e v ie d I ta lia nr 9 , 1953

1. inciso participio passato del verbo incidere


2. il dicitore mwca
3. sintonizzarsi dostraja si
4. il glossario sownik
5. risolto participio passato del verbe riSQlvere
6. Luomo daffari czowiek interesw
7. di gran lunga o w iele, znacznie

ESERCIZI

1. Temi da sviluppare:
Lo studio delle lingue straniere in Polonia.
Limportanza della conoscenza delle lingue.
Le possibilit del lavoro di una persona che conosce bene una o pi
lingue straniere.

2. Volgere linfinito alla persona conveniente del congiuntivo


presente:
Non perm ette che io (occuparsi) della pittura.
Credono che tu (abitare) a Cracovia.
La Costituzione prevede che la Repubblica (essere) ripartita in Regioni.
La Costituzione esclude che i controlli (svplgersi) in questo modo.
Temo che Giorgio (dimenticare) il mio indirizzo.
Preferiamo che gli esam i (aver luogo) nel giugno.
Credono che tutti gli Italiani (cantare) benissimo.
Suppongo che tu (parlare) ottim am ente lo spagnolo.
Desidera che essi (aprire) i libri e che (leggere) ad alta voce.
Vuole che la cameriera gli (pulire) le scarpe ogni mattina.
Suppone che essi (conoscersi) da anni.
Spero che il piccolo non (ammalarsi) durante le vacanze.

3. Terminare le frasi cominciate:


Voglio che Anna . . .
Sono tristi che io . . .
preferiam o che tu . . .
Teme che e s s i. . .
Il professore desidera che gli stu d en ti. . .
Speri che n o i. . .
perm ette sempre che i ragazzi. . .
Credo che i nostri b am b in i. . .
contento che L e i . . .
Dubitano che tu . . .

4. Scrivere il compito seguente:


Il mio studio della lingua italiana.

5. Tradurre in italiano:
Znam tw e roztargnienie i obawiam si, e wrzucisz list bez znaczka.
Chcemy, by wrci szybko i opowiedzia nam wraenia z podry. Jeste
smutny, e Maria opuszcza Warszaw? Nie m artw si, za rok zobaczysz
j znowu. Woli, by pozostaa w domu przy dzieciach. Pragnie, bym
pisa dugie listy, i nie chce zrozumie, e nie mam na to czasu. Niech
mwi tumacz. Sdzisz, e latem pojedziesz do Woch? Nie wiem , czy
zechc, ale mam nadziej, e przyjm zaproszenie. Nie pozwol, aby mj
syn spotyka si z tym i chuliganami. Maria bdzie w W arszawie w lipcu,
mam nadziej, e j zobacz.

6. Tradurre in polacco:
Quant bella giovinezza Chi vuol sser lieto, sia:
che si fugge tuttavia! di d om n1 non c certezza.
LO R EN Z O D E M ED IC I (1449 - 1492), T r io n fo d i B acco e A r ia n n a d e i C a n ti
c a r n a sc ia le s c h i2

1. domn = domani
2. carnascialesco, -a = carnevalesco, -a, il carnasciale = il carnevale

Lo studente di fisica

Pap, cos la legge di gravit?


Ma io non lo so. Credi che abbia il tempo per seguire tutte
le leggi che votano i nostri deputati?
62. Lezione sessantaduesima
Presente del congiuntivo dei verbi
irregolari pi usati
Uso del congiuntivo (2)

GRAMMATICA

PRESENTE DEL CONGIUNTIVO DEI VERBI IRREGOLARI PI USATI

I Coniugazione
Andare Dare Stare
che io vada dia che io stia
che tu vada dia che tu stia
che egli vada dia che egli stia
che noi andiamo diamo che noi stiamo
che voi andiate diate che voi stiate
che essi vadano diano che essi stiano

II coniugazione
Dire Dovere Fare
che io dica che io debba faccia
che tu dica che tu debba faccia
che egli dica che egli debba faccia
che noi diciamo che noi dobbiamo facciamo
che voi diciate che voi dobbiate facciate
che essi dicano che essi debbano facciano
Potere Sapere Tenere Volere
possa sappia che io tenga voglia
possa sappia che tu tenga voglia
possa sappia che egli tenga voglia
possiamo sappiamo che noi teniamo vogliamo
possiate sappiate che voi ternate vogliate
possano sappiano che essi tengano vogliano
Ili coniugazione
Uscire V enire
esca venga
esca venga
esca venga
usciamo veniamo
usciate veniate
escano vengano

Esempi:
Preferiscono che io stia sempre a casa.
Mio padre vuole che io vada al concerto ogni venerd.
Desideriamo che tu dia un buon esempio agli altri allievi.
Temo che lo diciate per pura cortesia.
Credo che debbano cambiare il treno tre volte.
Dubito che Marta faccia qualcosa con diligenza.
Crediamo che egli non possa vivere senza di te.
Lavinia desidera che tu sappia la verit.
Sono contenti che stiate a questora a Venezia.
Credo che tu tenga nelle tue mani la sua felicit.
Suppongono che il mio vicino non esca mai.
Temo che non vengano stasera a casa mia.
Abbiamo paura che tu voglia lasciarci per sempre.
Egli crede che tu voglia gettar tutta la colpa su di me.
Luisa scontenta che il nuovo capo le dia tanto lavoro.
La bambina ha paura che qualcuno vada nel suo piccolo giar
dino.
Speriamo che faccia qualcosa di utile.
Egli crede che io non sappia far niente.
Sono contento che sappiate parlare italiano cos bene<
Desidero che tu venga alle otto precise.

USO DEL CONGIUNTIVO (2)

Si usa il congiuntivo nella proposizione dipendente dopo 1 e


s e g u e n t i l o c u z i o n i impersonali dell proposizione prin
cipale:
bisogna giusto
occorre sufficiente
conviene tempo
pu darsi probabile
pu essere possibile
(mi) dispiace che + impossibile che +
(mi) rincresce congiuntivo utile congiuntivo
(mi) sembra inutile
(mi) pare necessario
si dice bene
dicono meglio
basta peggio
ecc. ecc.

Esempi:
necessario che tu sia un allievo diligente.
Pu darsi che egli scriva una bella composizione.
Mi sembra che siano molto felici.
Occorre che io ti parli stasera.
Pare che voi abbiate una nuova padrona.
Dicono che ella si sposi con un principe azzurro.
possibile che io parta per Venezia.
meglio che tu rimanga a casa.
necessario che egli studi questo problema a fondo.
inutile che voi restiate in casa sua.
bene che essi siano coraggiosi.
giusto che il famoso poeta riceva il premio Nobel.
meglio che tu porti questi fiori a casa.
Mi pare che egli sia chiamato dal professore.
bene che Giorgio tema i rimproveri, cos sara pi ubbi-
diente.
tempo che tu parta per il lavoro.
probabile che debba scrivere e che non possa uscire.
Conviene che io stia in campagna e che faccia la cura.
Bisogna che mi diate il vostro dizionario.
E impossibile che egli vada con me a teatro stasera.
LETTURA

CONOSCERE IL SUO PAESE ED I PAESI VICINI

Vogliamo che tutta la giovent delle scuole, delle officine


e dei campi possa conoscere bene ITtalia nelle bellezze della na
tura, nei monumenti della storia, nei capolavori deirarte, nel la
v o r o e nella vita del suo popolo.
Conoscere ITtalia prima e poi conoscere il mondo. Una corrente
ogni anno pi robusta dItalia va a visitare i paesi stranieri, so
prattutto i pi vicini, perch il compito del nostro secolo, su cui
pesa la colpa e la sciagura di due guerre mondiali, devessere
quello di rafforzare in tutti i modi possibili i motivi e i vincoli
di pace. Un flusso importante di stranieri dogni nazione scende
ogni anno in Italia; giusto ed bene che un numero crescente
ditaliani vada a visitare l Europa. Conoscersi meglio la prima
condizione per meglio comprendersi, per rispettarsi e stimarsi
reciprocamente, per contrarre amicizie, per stabilire rapporti di
cordiale collaborazione alla grande opera della civilt com u ne....
L e v ie d 'I ta lia n r 12, 1958

IL GARDA: UN GIARDINO NEL CUORE DEL NORD

Qualcuno sostiene che la vacanza ideale quella che si tras


corre sulle rive di un lago in autunno. Se la vacanza poi un viag
gio di nozze, il lago, si afferma ancora, in questa stagione diventa
un luogo di incanto. In Italia abbiamo parecchi laghi, quasi tutti
molto belli, al Nord, al centro della penisola ed anche al Sud.
1 pi grandi, quelli sulle cui rive sorgono paesi e cittadine, sono
al Nord. E noi siamo daccordo che in autunno i laghi presentano
scenari degni di essere visti. Il lago di Garda, ad esempio, ha
unacqua la cui colorazione assume tonalit che vanno dal cristallo
trasparente al turchino intenso. Sulle sue rive si trovano localit
famose in tutto il mondo: Desenzano, Garda, Riva, Sal, Gargnano,
Limone.
Il clima dolcissimo, le medie annuali si aggirano attorno ai
12-13 gradi sopra zero. Da quanto ci dicono le statistiche, una
Genova. Porta Soprana
sola volta il lago gel completamente: fu nell'inverno del 1709.
Nessuna meraviglia, quindi, se dato il clima temperato, in diverse
z o n e del Garda crescono limoni, aranci, cedri, mandarini, berga
motto 1 e tanti ulivi. Fino a pochi anni fa il Garda era poco fre
quentato dai turisti italiani: molto conosciuto invece dagli stra
nieri che qui sono di casa: inglesi, francesi e soprattutto tedeschi.
Gli alberghi, le pensioni, le locande sono numerosissimi e bene
attrezzati. La cucina ottima: arrosti alla casalinga, zuppe con
tadine, stracotti. Abbondante il pesce fresco. Il vino squisito
e viene prodotto dai grandi vigneti che si affacciano dalle
colline.
A questo punto si pu dunque dire che il Garda , senza dub
bio, un luogo piacevole come pochi altri per un viaggio di nozze.
Due sposi che dispongano di una loro vettura possono, in breve
tempo, percorrere il circuito del lago visitando la Gardesana
orientale e quella occidentale (chilometri 145). Sar bene viaggiare
a velocit ridotta, fermarsi il pi frequente possibile, ora su un
promontorio, poi di fronte a una insenatura, in un villagio, in
una cittadina. Sempre vi sar qualcosa di bello da ammirare. Per
chi ama la fotografia, qui potr scattare centinaia di immagini.
Chi viene dal Sud, pu arrivare al Garda da Brescia e iniziare
il viaggio da Desenzano e da S a l ....
Da Sal andiamo a Nord, percorrendo la riviera bresciana fitta
di piccoli paesi, di ville, di grandi giardini e disseminata di uliveti,
di cespugli d'alloro, di alti cipressi, di agrum eti2. ...
Pi avanti, c' Madrorno, adagiato3 in un pittoresco golfo.
Qui si conservano notevoli memorie romane, i ruderi dell'antico
castello e una interessante colonna che sorregge il Leone di Ve
nezia. ...
Proseguendo ancora verso settentrione si percorre un lungo
tratto di riviera disseminata di piccoli paesi, circondati da colti
vazioni e nei quali si possono scoprire vecchie chiese, case me
dioevali, ruderi di antichi castelli e vestigia romane. Si giunge
infine a Limone sul Garda, disteso in una breve insenatura tra
uliveti, grandi cedraie, limonaie. Pi avanti il lago va restringen
dosi sempre pi. Dopo la punta di Reamol appare alFimprovviso
il bacino settentrionale. Ecco la lapide in bronzo la quale ricorda
che qui passava il confine italo-austriaco.
Ora la strada corre con frequenti gallerie scavate sotto rocciose
pareti verticali. Poi appare Arco, dominata dal suo castello e con
sullo sfondo le grandi m ontagne....
A Riva abbiamo toccato il punto pi settentrionale. Ora inizia
la discesa a Sud, lungo la costa orientale. All'inizio anche questa
strada scompare di frequente dentro gallerie scavate nel fianco
della montagna. E all'uscita di ogni galleria esplodono le visioni
del lago, dei vigneti, delle pittoresche case coloniche, dei giar
dini. ...
E [vi] saranno [altre] scoperte frequenti, tutte interessanti,
tutte da raccontare al ritorno dal vostro indimenticabile viaggio
di nozze.
N o i d o n n e n r 42, 1968

1. il bergamotto una variet di pero


2. l'agrumeto terreno coltivato ad agrumi (gli agrumi owoce cy
trusowe)
3. adagiato collocato comodamente

FILASTROCCA

Filastrocca di Capodanno
fammi gli auguri per tutto l'anno:
voglio un gennaio col sole d'aprile,
un luglio fresco, un marzo gentile,
voglio un giorno senza sera,
voglio un mare senza bufera,
voglio un pane sempre fresco,
sul cipresso il fiore del pesco,
che siano amici il gatto e il cane,
che diano latte le fontane.
Se voglio troppo non darmi niente,
dammi una faccia allegra solamente.
G IA N N I R O D A R I, F ila s t r o c c h e in c ie lo e in te r r a
ESERCIZI

1. Temi da sviluppare:
Limportanza del turismo.
Le agenzie di viaggio polacche e la loro attivit.
Conoscere il proprio Paese.
Lo sviluppo del turismo in Polonia.

2. Volgere linfinito alla persona conveniente del congiuntivo


presente:
Le due orfanelle tremano al pensiero che i loro amici (potere) essere
trasferiti in campagna.
Vuole che io (uscire) sempre alla stessa ora.
Preferisco che tu non le (dire) la verit.
Temiamo che voi (fare) le sciocchezze!
Signor Lombardi desidera che la sua segretaria (venire) alle nove
precise.
Credi che Grazia (volere) lavorare in scuola?
Dubitano che tu (potere) imparare tante cose!
Spero che la signora Lombardi (stare) a casa a quest ora.
Vuole che io (sapere) tutto.
Sono contento che Lei non (dovere) alzarsi cos presto.

3. Terminare le frasi cominciate:


Bisogna che tu . . .
bene che L e i . . .
Sembra che il nostro clima . . .
Mi dispiace che i nostri a mi c i . . .
possibile che . . .
necessario che . . .
probabile che . . .
Occorre che . . .
Si dice che . . .
Pare che . . .

4. Fare una piccola traduzione dalla stampa polacca.


5. Tradurre in italiano:
Trzeba, aby zamkn w szystkie drzwi na klucz. By moe, i przy
jad dzi w nocy. Mwi, e w ycieczka nie odbdzie si z powodu desz
czu. Wydaje mi si, e w szyscy studenci chc pozna pikny jzyk
woski. Moliwe, e Maria przyjdzie na pitkowy koncert. Lepiej e
bycie nie w idzieli tego film u. Wystarczy, e ja wiem . Trzeba, by
Wszystkie dzieci chodziy do szkoy. By moe, wejd bez p ukania.
Przykro mi, e pan nie chce zdawa egzaminu.
6. Tradurre in polacco cercando di fare una bella traduzione
letteraria:
I brutti per lo pi sono ancor mali, e li b e lli1 b o n i2: e dir si po 3 che
la bellezza sia la faccia piacvole, allegra, grata e desiderabile4 del bene-
e la bruttezza, la faccia oscura, molesta, dispiacvole e triste del male-
e se considerate tutte le cose, troverete che sempre quelle che son bone
ed utili hanno ancora grazia di bellezza.
B A L D E S A R C A S T IG L IO N E (1478 - 1529), II lib r o d e l c o r t e g ia n o

1. li belli = i belli
2. boni = buoni
3. si po = si pu
4. desiderbile = podany
5. cortegiano = cortigiano

Dal dentista

Non occorre che apriate tanto la bocca!


Ma non dovete introdurre le pinze?
Si, ma io resto fuori! ...
63. Lezione sessantatresima
Uso del congiuntivo (3)

GRAMMATICA

USO DEL CONGIUNTIVO (3)

Si usa il congiuntivo dopo le c o n g i u n z i o n i seguenti:


Affinch in attesa che
allorch nel caso che
avanti che prima che
a meno che perch
a condizione che + congiuntivo purch + congiuntivo
bench quantunque
comunque qualora
fino a che sebbene
giacch senza che
ecc. ecc.

Esempi:
Lo faccio affinch tu sia contento.
Ti dico la verit affinch tu abbia la possibilit di difenderti.
Egli gli perdoner purch si penta.
Sebbene non abbiano soldi, sono sempre ben vestiti.
Gli scrivo perch non dimentichi di comprarmi i libri chiesti.
Prima che compri la nuova macchina ascolta il consiglio dello
specialista.
Bench sia malato, va alla lezione.
Comunque egli pensi, d sempre retta alla sua moglie.
Ti mando il libro di Franco affinch tu lo legga.
No ti posso aiutare, quantunque lo desideri tanto.
Essi resteranno finch la loro sorte sia decisa.
Bench siano spaventati, i due eroi si sforzano di essere co
raggiosi.
A condizione che tu finisca di studiare, potrai andare al cinema
Senza che egli dica la verit, la mamma gli legge tutto negli
occhi.

LETTURA

L A RIVOLUZIONE DELLA SPESA


di G i o v a n n i Mauri

In una strada di Roma, a viale Libia, cominciata anche in


Italia la ,rivoluzione della spesa, una rivoluzione che, con
landar del tempo destinata a modificare profondamente le
abitudini e la vita di milioni di massaie. Parliamo dellapertura
del primo supermercato 1, giunto in Italia con un ritardo di
decenni e che ancora alla sua prima esperienza. In America
i supermarket hanno infatti celebrato nel 1955 il loro XXV
anniversario e in questa occasione stato calcolato che essi rap
presentano il 60 per cento deHammontare complessivo delle
vendite di generi di drogheria al dettaglio, e una percentuale
solo leggerm ente inferiore delle vendite di carni, altre derrate
alimentari e latticini.
Da noi, come si vede, siamo al primissimo passo, anche se
gi stato annunciato che presto altri cinque supermercati
saranno aperti a Roma, Napoli e Milano.
Cosa deve essere il supermercato? il luogo ideale dove
fare tutta la spesa nel minor tempo possibile, avendo a disposi
zione sotto gli occhi e a portata di mano la pi vasta gamma di
generi alimentari a prezzi minori che negli altri negozi, con piena
libert di scegliere, senza la mediazione dei commessi e dei riven
ditori 2, che sono aboliti, il tipo di prodotto che si desidera: senza
discussioni sul prezzo e sul peso perch ogni articolo, sia esso
un pollo o un grappolo duva o una mezza dozzina di uova, gi
impaccato in sacch etti3 di plastica trasparente, pesato e con il
prezzo segnato sopra.
La massaia che entra n ellenorme salone del supermercato
si fornisce di un cestino metallico che trova allingresso; se p en sa
di fare molti acquisti prende invece un carrello. Nel caso (che)
abbia con se un bambino in carrozzella, lascia la carrozzella in
deposito e lega il bimbo ad un apposito seggiolone4 davanti al car
rello. Se il bambino pi grande, salir invece su una piccola
piattaforma alla base di ogni carrello e si far trasportare attra
verso il negozio. La massaia passa quindi in riv ista 5 i lunghi
banchi metallici sui quali disposta la merce, sceglie quello che
preferisce, e depone nel cestino metallico gli acquisti.
Finito il giro, la massaia passa in un corridoio che porta
alluscita, dove si trovano le cassiere. Un ragazzo toglie la m erce
dal carrello e la dispone sopra un nastro scorrevole 6 che passa
davanti alla cassiera, la quale addizioner rapidamente gli im
porti e consegner alle clienti la striscia di carta perch possa
controllare il conto. Unaltra commessa metter intanto tutti gli
acquisti in un apposito sacco di carta resistente (che abolisce la
borsa della spesa), o in uno scatolone 7, che viene ritirato allus
cita. ...
Il campo che apre prospettive rivoluzionarie alla introdu
zione dei supermercati quello dei cibi cosidetti8 surgelati 9,
che spostano la preparazione finale dei cibi dalla massaia nella
sua cucina al produttore nella grande fabbrica alimentare. Si
presume infatti che la principale espansione delle vendite si realiz
zer nel prossimo futuro nei cibi preparati: dalla carne a buon
mercato e dai pasticci di pollo fino a pranzi completi, compresi
i cibi esotici. Non si tratta, come qualcuno potrebbe credere, delle
tradizionali scatolette 10 o dei barattoli di crema di piselli, che
ridestano 11 lo squallido ricordo del dopo-guerra; sono veri e propri
piatti, anche elaboratissimi, realizzati da cuochi famosi e ripro
dotti in migliaia di esemplari da ditte alimentari che li diffondono
attraverso i supermercati. La conservazione assicurata dai
pi moderni metodi chimici, il principale dei quali consiste nella
cosidetta ibernizzazione 12, e cio nel raffreddamento a molti
gradi sotto zero del prodotto, e nel suo isolamento daHaria.
Baster riscaldare leggermente il piatto preparato per fargli di
nuovo acquistare sapore e odore e renderlo appetibilissim o13.
Altri metodi consistono n elluso di antibiotici (il pollame, ad
esempio, appena ucciso viene immerso 14 in un bagno gelato dove
e stata aggiunta un poco di aureomicina che ne prolunga la con
servazione). Nuove tecniche innovatrici sono allo studio, quali
la irradiazione atomica per distruggere i b a tteri15 che provocano
il deterioramento dei cibi. ...
una prima breccia in un fortilizio 16 che sembrava inespugna
bile: la cucina dove la donna fino ad oggi condannata a regna
re, prigioniera per alcune ore al giorno. ...
In un' epoca in cui le donne tendono sempre di pi a lavorare
fuori casa, questo progresso appare indispensabile e si accompagna
alla esigenza di avere pi tempo libero gli svaghi, per la edu
cazione dei figli, per la propria elevazione culturale e sociale.
Una forma pi moderna di distribuzione dei generi di largo
consumo, pu infatti portare il suo contributo al progresso so
ciale, soprattutto della popolazione femminile. Ma perch la in
troduzione dei supermercati non si traduca in una nuova de
lusione, necessario che questi non rappresentino un buon affare
solo per i grossi gruppi privati che li stanno impiantando. ...
La strada da seguire un'altra, quella che ci indicano i paesi
scandinavi, la Svizzera, i paesi socialisti dove i supermercati
sono in gran parte nelle mani delle cooperative e rappresentano
un potentissimo elemento di calmiere. Le cooperative, e gli enti
comunali di consumo, con l'aiuto dello Stato, possono compiere
un'opera decisiva non solo per fornire un maggior numero di
prodotti a prezzi accessibili, ma per fare dellItalia un Paese pi
moderno e progredito.
N o i d o n n e n r 2 1 , 1957

1. il supermercato supersam
2. la rivenditore odsprzedawca
3. il sacchetto diminutivo del sacco
4. il seggiolone accrescitivo della seggiola
5. passare in rivista przeglda, robi przegld
6. il nastro scorrvole tama ruchoma
7. lo scatolone accrescitivo della scatola
8. cosidetto, -a tak zwany, -a
9. surgelato, -a mroony, -a
10. la scatoletta diminutivo della scatola (si tratta delle conserve)
11. ridestare destare di nuovo
12. l ibernizzazione zamraanie
13. appetibile wzbudzajcy apetyt
14. immerso, -a participio passato del verbo immergere z a n u r z a
15. il batterio bakteria
16. il fortilizio forteca
ESERCIZI

1. Temi da sviluppare:
Descrivere il supermercato di Varsavia.
Il lavoro casalingo.
Il problema della spesa.

2. Volgere l infinito alla persona conveniente del congiuntivo


presente:
Dobbiamo uscire bench (piovere).
Te lo dico affinch tu (sapere) la verit.
Uscir prima che egli (venire).
Quantunque tu (partire) saremo sempre buoni amici.
cos gentile sebbene non (avere) nessuna simpatia per queste persone.
Le spese possono essere diverse, purch (essere) di utilit publica.
Sebbene tu (essere convinto) della sua buona fede, non gli credi.
Devo fare questa traduzione bench non (conoscere) bene la lingua.
Lo fa perch lui (stare) zitto.
Nel caso che Lei (sentirsi) peggio, chiamer un mdico.

3. Terminare le frasi cominciate:


Verr a tempo affinch tu . . .
Deve lavare molti piatti bench . . .
Lo far purch egli . . .
Mi accompagner a condizione che . . .
simpatico sebbene . . .
Parlami di lui prima che . . .
Voglio aspettare fino a che . . .
Vado con loro perch . . .
Gli scriver affinch . . .
Mi guarda senza che . . .

4. Scrivere la composizione sul tema seguente:


Vado a fare la spesa.

5. Tradurre in italiano:
Pracuje duo, mimo e jest chory. Daj ci 100 zqjy,ch, aby mg
kupi potrzebne ksiki. Napisz list, zanim przyjdzie Mario. Chocia
Jest bardzo zimno, wychodzi bez paszcza. Aczkolwiek nie jestem bogaty,
Poycz ci 1000 zotych. Przygotuj mu paczk pod warunkiem*, e za
niesie j na poczt. Zrobi wszystko, aby by zadowolony. Pomirno e
ma dugi, w ydaje duo pienidzy na gupstwa. Jad na w ie, chcteia
Jest brzydka pogoda. Zrobi to, abycie byli spokojni.
64. Lezione sessantaquattresima
Congiuntivo passato

GRAMMATICA

CONGIUNTIVO PASSATO
dVT
Congiuntivo passato = congiuntivo presente + parti
cipio passato del verbo coniugato.

Parlare Andare
che io abbia parlato che io sia andato, -a
che tu abbia parlato che tu sia andatof -a
che egli abbia parlato che egli sia andato
che ella abbia parlato che ella sia andata
che noi abbiamo parlato che noi siamo andati, -<
che voi abbiate parlato che voi siate andati, -e
che essi abbiano parlato che essi siano andati
che esse abbiano parlato che esse siano andate

Avere Essere
che io abbia avuto che io sia stato, -a
che tu abbia avuto che tu sia stato, -a
che egli abbia avuto che egli sia stato
che ella abbia avuto che ella sia stata
che noi abbiamo avuto che noi siamo stati, -e
che voi abbiate avuto che voi siate stati, -e
che essi abbiano avuto che essi siano stati
che esse abbiano avuto che esse siano state

Si usa il congiuntivo passato quandc lazione della proposizione


dipendente precede quella principale.
Teme che il suo amico sia partito senza vederlo.
Credo che tu abbia speso tutti i tuoi soldi.
Non sappiamo se essi siano usciti.
Pu darsi che egli abbia conosciuto quel signore nella sua
giovinezza.
Non sono contento che egli mi abbia incontrato in montagna.
utile che loro abbiano letto quest'opera cos importante.
Ho paura che voi abbiate dimenticato di chiudere bene tutte
le porte.
Spero che la cameriera abbia spolverato accuratamente i vestiti
della sua padrona.
Non vero che io sia stato a Roma nel luglio passato.
Basta che siano venuti per aiutarti.

LETTURA

LA POPOLAZIONE ITALIANA ED IL FENQMENO


DELLTNURBAMENTO *

In sessantanni la popolazione italiana aumentata esatta


mente del 50%: dai 33 milioni e 370 mila abitanti circa, presenti
sul nostro territorio nel 1901, si passati a 49 milioni e 904 mila
alla data dell'ultimo censimento demografico eseguito nel 1961.
Questi dati si deducono dal recente volume dellIstituto Centrale
di Statistica ,,Popolazione residente e presente dei Comuni ai
censimenti dal 1861 al 1961. Pregio di questo volume che i dati
fanno tutti riferimento alle circoscrizioni esistenti nel giorno
dellultimo censimento (15 ottobre 1961) e perci sono possibili
i confronti nel tempo, senza incorrere negli inconvenienti derivanti
dalle variazioni territoriali di numerosi Comuni, apportate in epo
che diverse.
Ferma, dunque, restando la comparabilit dei dati, interes
sante esaminare come sia cresciuto il numero degli abitanti nelle
varie regioni e nelle grandi ripartizioni geografiche. La prima
constatazione da fare che la popolazione meridionale, nonostante

27 S tu d ia m o la lin g u a 417
la sua elevata profilicit, risulta aumentata meno che nel resto
dItalia, a causa dellintenso fenomeno migratorio. Infatti lac
crescimento numerico, fra il 1901 ed il 1961, stato del 45% nel
Mezzogiorno, del 48% nelle regioni settentrionali e del 64% nelle
regioni dellItalia centrale. ...
N ellItalia settentrionale le regioni con un maggiore incre
mento demografico sono: la Liguria e la Lombardia.
In esse, particolarmente, lo sviluppo delle attivit industriali
ha agito da richiamo per le migrazioni interne dal sud e dalle
regioni nord-orientali.
Piuttosto scarso appare laumento di popolazione nelle regioni
prevalentemente montane e soprattutto nel Piemonte dove bassa
la natalit nelle famiglie autoctone. ...
Per meglio analizzare il fenomeno dell'incremento demogra
fico occorre tenere distinti, in ciascuna regione, i Comuni capo-
luoghi di provincia da tutti gli altri Comuni, poich nei primi si
sviluppato linurbamento della popolazione, a scapito degli altri
Comuni prevalentem ente rurali e di montagna. ...
N ellItalia settentrionale la citt di Aosta ha visto quadrupli-
care la sua popolazione che passata da meno di 8 mila abitanti
nel 1901 a pi di 30 mila nel 1961 e si sta avvicinando ora verso
i 35 mila.
N ellItalia centrale il Comune di Roma supera tutti gli altri
Comuni per la sua espansione demografica: aveva meno di mezzo
milione di abitanti nel 1901 ed attualmente ne conta pi di due
milioni e mezzo. ...
Nel Mezzogiorno i capoluoghi p u gliesi2 hanno ora una popo
lazione tripla di quella dellinizio del secolo.
Nella Sardegna i tre capoluoghi di provincia si sono anchessi
ingranditi notevolm ente per la migliore possibilit di lavoro che
si offre alle popolazioni. ...
La tendenza della popolazione ad abbandonare le campagne
ed i piccoli centri e connessa3, come noto, con la ricerca
soprattutto di un pi elevato tenore di vita.
V ita it a lia n a n r 7, 1968

1. l inurbamento przenoszenie si ludnoci wiejskiej do miast


2. pugliese relativo alla Puglia, regione dItalia
3. connesso participio passato del verbo connettere czy
Ih CENTRO INTERNAZIONALE DI PERFEZIONAMENTO
PROFESSIONALE E TECNICO DI TORINO

Fin dagli anni immediatamente successivi alla seconda guerra


mondiale, l Organizzazione Internazionale del Lavoro istituto
specializzato delle Nazioni Unite che ha come scopo di contribuire
al m igliramen^ delle condizioni di vita e di lavoro nel mondo
ha svolto una grande, complessa opera di assistenza tecnica a fa
vore dei Paesi in via di sviluppo.
In particolare, nella sua attivit istituzionale intesa a promuo
vere una migliore utilizzazione delle risorse umane, ha messo in
opera mezzi via via pi idonei per la lotta contro la scarsit della
manodopera qualificata, ravvisando in tale fenomeno il pi grave
ostacolo allo sviluppo economico. Perci gran parte della sua atti
vit stata dedicata alla formazione di quadri dirigenti, di istrut
tori e di capi tecnici, in grado di esercitare una funzione decisiva
per la formazione e l utilizzazione di manodopera qualificata. Ci
si potuto realizzare sia tramite la creazione, in pi di 60 Paesi,
di centri di formazione cui assicurata la collaborazione di esperti
provenienti dai Paesi industrializzati sia, data lestrema carenza
di elementi di formazione riscontrata nei Paesi in via di sviluppo,
tramite un sistema di borse di studio allestero.
Ma la soluzione ottimale, quella che ha permesso di superare
gli ostacoli costituiti dalla mancanza di omogeneit dei programmi
e dalle difficolt di lingua, stata raggiunta con il contributo del
Centro internazionale di perfezionamento professionale e tecni
co di Torino, al quale i quadri dirigenti ed i tecnici di tutto il
mondo possono accedere per trovarvi una formazione comple
mentare non disponibile nei loro continenti. ...
Come gi si accennava, il Centro accoglie in qualit di allievi
soprattutto i quadri dirigenti ed i tecnici dei Paesi in via di svilup
po, al fine di aiutarli a raggiungere, grazie a metodi pedagogici
aPpositamente studiati ed adeguati, un livello di competenza para
gonabile a quello degli specialisti dei Paesi industrializzati, tenen
do conto delle responsabilit che li attendono al loro ritorno ai
Paesi di origine. ...
Le lingue utilizzate per linsegnamento sono il francese, l in
glese, lo spagnolo e, in casi particolari, litaliano. I docenti appar
tengono a due categorie, di cui la prima con incaric fisso al
Centro e la seconda con incarico temporaneo. Fra i primi si contano
professori, istruttori ed assistenti, mentre nella seconda categoria
rientrano professori universitari, consulenti tecnici, specialisti
della formazione professionale o funzionari internazionali chia
mati per una o pi conferenze. ...
Durante la permanenza a Torino i borsisti svolgono il loro
programma di studi al Palazzo del Lavoro e alloggiano nella Citt
residenziale. Al Palazzo del Lavoro si trovano aule, sale di con
ferenza con impianti per la traduzione simultanea, officine e la
boratori provvisti delle attrezzature pi moderne, una ricca e ag
giornata biblioteca. La Citt residenziale, situata in unarea verde
sulla riva del Po non lontano dal Palazzo del Lavoro, offre ai
borsisti un grado di comfort che facilita psicologicamente la loro
applicazione ad un intenso programma di studio.
La vita nella Citt residenziale complementare agli studi ed
offre le stesse possibilit di confronti e di scambi culturali, favo
riti da corsi di lingua italiana, francese, inglese e spagnola e dalle
attivit sociali e culturali comuni. Lorganizzazione periodica di
escursioni e i contatti con associazioni e centri culturali e ricrea
tivi di Torino permettono inoltre agli allievi di apprezzare gli
aspetti ambientali pi interessanti e il costume del Paese in cui
essi temporaneamente si trovano a soggiornare.
La partenza non interrompe i loro legami con il Centro che
rimane in contatto con essi sia direttamente sia attraverso i Go
verni, le istituzioni o le aziende che ii hanno indirizzati a Torino.
Quanto alle relazioni inviate dagli ex allievi un anno dopo la loro
partenza, esse permettono di giudicare in quale misura essi si
siano inseriti n elleconomia del loro paese e di verificare se i me
todi e i programmi del Centro richiedono miglioramenti.
Il Centro di Torino, nella sua attivit istituzionale intesa a fa
vorire il perfezionamento dei quadri dirigenti e dei tecnici, si
rivolto in primo luogo alle regioni dei mondo in via di sviluppo,
ove le necessit in tal senso sono pi evidenti. Esso intende con
tinuare su questa via, allargando progressivamente il ventaglio
dei Paesi beneficiari. Con il concorso dei Governi, delle Organizza
zioni internazionali, delle organizzazioni dei datori di lavoro e dei
lavoratori si propone di determinare con sempre maggiore preci
sione le necessit e le possibilit di formazione e promozione del
fattore umano in tali paesi, in funzione dei loro programmi di
sv ilu p P 0 -
Tale politica generale non impedir per altro al Centro di
accogliere in un prossimo futuro allievi che provengano anche da
paesi industrializzati: anche tali Paesi, nel processo di rapida
evoluzione dello sviluppo tecnologico, trovano difficolt crescenti
a formare quadri dirigenti e tecnici altamente specializzati; daltra
parte lo stesso Centro non pu che trarre vantaggio da ogni forma
di confronto possibile tra i problemi dei Paesi in via di sviluppo
e quelli dei Paesi industrializzati. Inoltre, tenendo conto della
necessit di usare tecniche sempre pi avanzate in un mondo
caratterizzato da un processo continuo di evoluzione, si propone
neUimmediato futuro di integrare i suoi programmi con altre
discipline quali i trasporti, le telecomunicazioni, le tecniche agri
cole pi aggiornate, la petrolchimica, lindustria delle materie
plastiche.
V ita it a lia n a n r 7, 1968

ESERCIZI

1. Temi da sviluppare:
Il fenomeno deirinurbam ento in Polonia.
LItalia paese industrializzato.
Lo sviluppo dellindustria in Polonia negli ultim i anni.
Lassistenza tcnica ai paesi in via di sviluppo.
Limportanza della tcnica nella vita moderna.

2. Volgere l infinito alla persona conveniente del congiuntivo


passato:
Temo che tu (dire) tutto a Marisa.
Crediamo che egli (partire) per Zakopane.
Spera che io gli (mandare) il bollettino.
Sei contento che Laura (riuscire) a ottenere la borsa di studio?
Mi rincresce che egli (venire) e non mi (trovare).
Sono triste che Nella (passare) due m esi a Varsavia senza vedermi.
Pu essere che essi (tornare) dal viaggio.
Hanno paura che ella (rompersi) una gamba.
bene che io (visitare) la bella Italia.
Sembra che tu (divertirsi) un mondo!
3. Terminare le frasi cominciate, usando il congiuntivo passato-
Credo che tu . . .
Speriamo che e g l i . . .
Teme che io . . .
Mi pare che . . .
Ci sembra che . . .
Siete tristi che . . .
Hai paura che . . .
Pu darsi che . . .
m eglio che . . .
giusto che . . .

4. Tradurre in italiano una piccola notizia dalla stampa po


lacca, concernente l'economia.

5. Tradurre in italiano:
Sdz, e Maria zdaa dobrze egzamin. Obawiam si, e zgubilicie
pienidze. Mamy nadziej, e dzieci zajechay szczliwie. Czy jeste
zadowolony, e dostaem pitk? Wydaje mi si, e nasi studenci dobrze
pracowali. Przykro nam, e nie przysza. Lepiej, e nie przyjechali.
By moe, poznali si w e Woszech. Wystarczy, e to zrobia. Sdzisz,
e w iedziaa o tym?
65. Lezione sessantacinquesima
XJso del congiuntivo (4)

GRAMMATICA

USO DEL CONGIUNTIVO (4)

1. Si usa il congiuntivo dopo i l s u p e r l a t i v o relativo


degli aggettivi:
l pi bella ragazza che io conosca.
Il campanile di Giotto a Firenze la pi alta torre che io abbia
visitato.
Questo film italiano ci piace tanto, il pi interessante che noi
abbiamo mai visto.
Questo ragazzo mi d sui nervi, il pi insopportabile che io
abbia incontrato.
Il pi difficile tema che mi occorra di trattare quello delluso
del congiuntivo.

2. Si usa il congiuntivo dopo i s e g u e n t i aggettivi:


unico primo solo ultimo
l'unica persona che egli abbia amato.
Vultima volta che tu arrivi cos tardi.
Il solo amore che ella non abbia mai tradito.
il primo maestro che gli allievi rispettino.

3. Si usa il congiuntivo dopo l e p a r o l e seguenti:


chiunque dovunque (ovunque) qualunque
Dovunque tu vada io ti seguo.
Chiunque chieda aiuto, siamo a sua disposizione.
Qualunque sia la sua opinione, non lo far mai.
Insegner il gioco a chiunque lo desideri.
Qualunque cosa succeda, resteremo sempre amici.
LETTURA

INDUSTRIA ITALIANA

L Italia oggi un paese industriale, in cui permangono 1 tut


tavia alcuni caratteri delle economie prevalentemente agricole.
Per molti secoli l economia italiana si fondata su una agricoltura
rimasta sostanzialmente povera sia per la conformazione del suolo,
sia per il sopravvivere di forme e rapporti sociali inadatti a pro
muoverne lo sviluppo. N elle epoche storiche in cui il Mediter
raneo stato al centro dei traffici l Italia ha avuto un ruolo pre
minente, e spesso davanguardia, nelle attivit mercantili e credi
tizie 2. Si e manifestato invece tardivamente lavvento dellin
dustria moderna, che nei Paesi dellEuropa occidentale stato la
caratteristica saliente dellevoluzione economica sin dai primi de
cenni dellOttocento. Povert di matrie prime, sopravvivenza que
e l di strutture feudali, divisione del Paese in piccoli Stati e con
seguente ristrettezza dei mercati hanno determinato questo ri
tardo.
Una prima fase di industrializzazione intensa, ma quasi esclu
sivamente limitata alle regioni nord-occidentali, si avuta in
Italia tra la fine del XIX secolo e i primi anni del XX. Dopo de
cenni di progresso lento e talora faticoso, lindustrializzazione ha
assunto un ritmo 3 assai celere, e si estesa ad altre regioni, negli
anni dal 1950 in poi, cos che l Italia pu essere oggi annoverata
fra le potenze industriali, anche se tra regione e regione sussistono
notevoli ineguaglianze di sviluppo e se certi settori delleconomia
sono tuttora arretrati.
A T L A N T E G A R Z A N T I, E n c ic lo p e d ia geografica

1. permangono 3 persona del plurale (presente dellindicat.) del verbo


permanere rimanere, durare
2. creditizio relativo al credito
3. assunto participio passato d e l verbo assumere; a. un ritmo p r e n d e r e

Frammenti dellarticolo inserito nel Dizionario Enciclopedico Italiano


sui rami pi sviluppati dellindustria che possano rappresentare l industria
italiana.
La trasformazione da paese esclusivamente agricolo in paese
agricolo-industriale stato uno dei frutti pi salienti del nostro
secolo, con ripercussioni che interessano tutta leconomia europea,
anzi, per taluni rami, l economia mondiale. I progressi appaiono 1
tanto pi notevoli, in quanto l Italia difetta, come noto, di molte
materie prime assolutamente indispensabili, ed anzitutto delle
fonti di energia alimentatrice, come i combustibili minerali. ...
Ma alla penuria di combustibili fossili l Italia ripara soprattutto
con impianti idroelettrici; i progressi realizzati in questo campo
sono grandiosi.
Il ramo pi largamente favorito era quello delle industrie me
tallurgiche e meccaniche. Una dozzina di altiforni esistevano per
la fabbricazione della ghisa, numerose (oltre una trentina) e gran
diose ferrerie 2 e acciaierie in Piemonte, in Liguria, in Lombardia,
in Toscana, n ellUmbria, nel Napoletano, che tendevano ad utiliz
zare al massimo rottami di ferro e acciaio; ...
Ma accanto a questi due rami debbono essere messi altri, che
avevano in Italia radici molto pi antichi. Anzitutto le gloriose
industrie tessili. Due di esse sono alimentate di prodotti nazionali:
il setificio ... e il canapificio3. Per il setificio, la filatu ra4 era
principalmente concentrata nella Lombardia e nel Veneto, la tor
citura 5 in Lombardia; la seta prodotta era per quattro quinti
esportata, il resto alimentava la tessitura nazionale (Lombardia).
Il canapificio aveva centri principali in Lombardia, nel Veneto,
nella Emilia, nella Campania. Il lanificio era alimentato solo per
circa un decimo delle lane nazionali; met degli stabilimenti erano
nel Piemonte (Biellese e Valsesia), il resto nel Veneto, in Lom
bardia e in Toscana. Ma sopra tutte le industrie tessili aveva
assunto una posizione di primato quella cotoniera, per quanto
tributaria 6 quasi totalmente dellestero per le materie prime ...;
essa era ed concentrata in massima parte in Lombardia e in
Piemonte.
Di antica tradizione sono invece alcune industrie, complemen
tari, come la maglieria, il calzificio7, la fabbricazione dei
cappelli.
Tra le antiche industrie italiano sono poi da annoverarsi quelle
della carta, che avevano avuto pure uno sviluppo grandioso ...
Quelle del cuoio e delle pelli (calzature, guanti, valigeria 8), quella
delle ceramiche, dei laterizi e del vetro; infine le industrie alimen
tari, dal pastificio alla fabbricazione delle conserve. ...
In seguito alla guerra lindustria italiana ha sofferto per dis
tr a z io n i cospicue di impianti situati in localit costiere ...
Ma la ripresa industriale si trovata davanti ai problemi for
midabili. ...
In via di riorganizzazione, sempre sotto il controllo statale,
lindustria siderurgica ...
Lindustria meccanica ha vaste prospettive, come quella che
richiede grande quantit di mano dopera e fornisce prodotti molto
apprezzati anche allestero. Tale il caso delle costruzioni navali
e ferroviarie e dellindustria automobilistica, tutte e tre di nuovo
in pieno sviluppo per provvedere alle im pellenti necessit dei
trasporti e dei traffici nazionali, ma la prima attiva anche per
sopperire 9 a richieste dallestero ...
Alcuni rami dellindustria meccanica (macchine da scrivere
ordinarie e telescriventi, macchine calcolatrici, macchine elet
triche, magneti, ecc.) danno prodotti di largo smercio allestero
e di alto reddito. Altrettanto avviene per talune industrie chi
miche ...

1. appaiono presente dellindicativo del verbo apparire: io appaio


e apparisco, tu appari e apparisci, egli appare e apparisce, noi appariamo
voi apparite, essi appaiono e appariscono
2. la ferreria huta elaza
3. il canapificio przdzalnia konopi
4. la filatura przdzenie
5. la torcitura nitkowanie jedwabiu
6. tributario, -a tu: zaleny
7. il calzificio przem ys poczoszniczy
8. la valigeria galanteria skrzana (walizki, torby itp.)
9. sopperire zaopatrywa, dostarcza

PUBBLICIT

Le confetture con vitamine integrate prodotte dalla S o c.1


Arrigoni e preparate solo con frutta fresca, accuratamente sc elta ,
sono quanto di meglio si possa trovare sul mercato e pertanto son o
sempre pi apprezzate dalle giovani mamme che hanno avuto mo
do di controllarne i benefici effetti sui bambini.
V n d e r e nr 15. 1962

1. Soc. societ

Il maggior pericolo per i vostri denti sta proprio negli acidi


che si formano in seguito alla fermentazione dei residui alimen
tari. Questi acidi lentamente corrodono lo smalto, aprendo la stra
da alla carie.
Poich non sempre possibile la completa eliminazione dei
residui alimentari fermentabili, una difesa efficace per prevenire
la carie consiste nel rafforzare lo smalto dei denti. E questa pro
prio lazione di Gibbs Fluoruro, il dentifricio la cui efficacia
stata riconosciuta ufficialmente dallAssociazione Medici Dentisti
Italiani (AMDI).
Per questo usate e fate usare in famiglia Gibbs Fluoruro,
tenendo presente unaltra importante raccomandazione: andate
dal dentista almeno un paio di volte allanno per un controllo
preventivo. Avrete la certezza di fronteggiare efficacemente la
carie, il maggior pericolo che esista pei i vostri denti.
P O C A , 15 m a g g io , 1966

Con OMO a 90 lire e solo il bianco di OMO vince ogni con


fronto! Si, OMO da oggi vuole offrire a tutte le massaie la gioia
di lavare pi bianco: per questo ha un nuovo straordinario prezzo:
90 lire! Provate OMO oggi stesso nel vostro bucato: scoprirete un
bianco che vince ogni confronto ... il bianco di OMO!
,,G e n te nr 40, 1965.

ESERCIZI

1. Temi da sviluppare:
Riassumere la lettura sullindustria italiana.
Parlare dei rapporti commerciali fra la Polonia e lItalia.
La fiera internazionale di Pozna.
Altre fiere in Polonia e in Italia.
2. Volgere l infinito alla persona conveniente del congiuntivo
presente o passato:
Sono le pi splndide sculture che io (ammirare) mai.
morta lunica persona che tu (stimare).
Chiunque ci (parlare) l ascolteremo con attenzione.
La pi simpatica ragazza che egli (corteggiare) venuta a Varsavia.
La prima volta che io (entrare) in questa casa, faceva un freddo ter
ribile.
Dovunque essi (andare) portano con loro la noia e la tristezza.
Ecco il pi facile lavoro che Guido (potere) fare.
Marco il solo uomo che la (comprndere).
Qualunque (essere) il tuo modo di vivere, ella ti seguir.
Ci mostrer la pi piccola macchina da scrivere che (fabbricare) Oli
vetti.

3. Terminare le frasi cominciate:


Ecco la pi moderna casa che . . .
l ultimo treno che . . .
Renato mi scrive la pi lunga lettera che . . .
Lunica amica che . . .
litaliano la pi facile lingua che . . .
La prima persona che . . .
Questo libro noioso; il pi noioso che . . .
Varsavia la sola citt che . . .
Ecco la pi tragica vicenda che . . .
lunica stanza di quella casa che . . .

4. Enumerare tutte le industrie che fioriscono in Polonia.

5. Tradurre in italiano:
To najdusze wakacje, jakie miaem w yciu. Paolo jest jedynym
przyjacielem , do ktrego mia zaufanie. W awelskie arrasy s najwspa
nialszym i dywanami, jakie widziaem. Jedyny syn, jakiego miaa, umar
podczas wojny. Ten egzamin jest bardzo atwy, to najatw iejszy egza
min, jaki zdawali w tym roku. Ktokolwiek chce, moe jecha na w y
cieczk. Jakikolwiek jest twj zamiar, trzeba sprzeda dom. Gdziekol
w iek si znajdzie, bdzie otoczony przyjacimi. To jedyne pamitki,
jakie mu pozostay po rodzicach. Oto najwaniejszy problem, jaki ostatnio
interesow a naszych uczonych.
66. Lezione sessantaseesima
C ongiuntivo im perfetto

GRAMMATICA

CONGIUNTIVO IMPERFETTO

I II
Parlare C r e de r e
che egli pari-asse che noi parl-assirao cred-essi cred-ssimo
che io pari-assi che voi pari-aste cred-essi cred-este
che tu pari-assi che essi parl-ssero cred-esse cred-ssero

III
Partire Finire Avere Essere
part-issi fin -issi che io avessi che io fossi
part-issi fin-issi che tu avessi che tu fossi
part-isse fin-isse che egli avesse che egli fosse
part-issimo fin-issimo che noi avessimo che noi fossimo
part-iste fin-iste che voi aveste che voi foste
part-issero fin-issero che essi avessero che essi fossero

Si usa il congiuntivo imperfetto quando il verbo della propo-


sizione principale in u n o d e i t e m p i p a s s a t i deir indi
cativo (imperfetto, passato prossimo, passato remoto) e l'azione
delle due proposizioni, principale e subordinata, s i m u l
tanea:
Si diceva che tu fossi ricchissimo.
Mi dispiaceva che egli perdesse tanto tempo inutilmente.
Volevano che ella scrivesse ogni giorno alla sua famiglia.
Era difficile che io ricevessi la borsa di studio.
Ti dicevo sempre che era necessario che egli studiasse l'italiano.
Volevo che essi potessero venire con me a teatro stasera.
Era necessario che noi vendessimo questa tenuta.
Desideravano che io insegnassi alla scuola media.
Usciva ogni mattina, sebbene piovesse.
Ha ottenuto il miglior risultato bench lavorasse cos poco.
Era bene che si rallegrasse con Dino del suo successo.
Non era vero che si pentisse di essere uscito.

LETTURA

FIAT

FIAT sigla della Fabbrica Italiana Automobili Torino, in


dustria di costruzioni automobilistiche e meccaniche in genere,
con sede a Torino. Costituita nel 1899 da G. Agnelli, in collabo-
razione con altri, la FIAT consegui presto rinomanza mondiale
per le vittorie riportate dalle sue automobili da corsa e si svilup
p, creando anche industrie sussidiarie 1 della sua produzione, fino
a divenire il pi grande complesso industriale d'Italia e uno dei
maggiori dEuropa. Nel 1906 iniziava la costruzione dei primi
veicoli industriali; nel 1908 creava per prima in Italia un motore
d'aviazione di serie... Nel 1917 entrava nel campo della produ
zione siderurgica e successivamente organizzava la produzione di
motori Diesel, marini e industriali: infine nel 1921 apriva il gran
dioso stabilimento del Lingotto (Torino) destinato alla fabbrica
zione delle automobili. ... Durante la seconda guerra mondiale
la FIAT ha subito danni per oltre 20 miliardi, quasi interamente
riparati alla fine del 1947.
In un cinquantennio la FIAT giunta ad avere un ciclo com
pleto di lavorazioni, da quelle minerarie e siderurgiche e me
tallurgiche della materia prima ai prodotti terminali, che si
svolgono in una quindicina di stabilimenti per la maggior parte
in Torino. A parte le costruzioni automobilistiche (automobili,
autocarri, autobus, filobus) che constituiscono il settore principale
di produzione, altre importanti attivit sono i prodotti siderur-
Torino. Mole A ntonelliana
gici e metallurgici, le costruzioni ferroviarie e quelle aeronautiche
(velivoli e motori), i trattori agricoli, gli apparati motori Diesel
per navi, per automotrici e per impianti fissi, gli apparecchi elet
trodomestici 2 (frigoriferi, ecc.) le macchine utensili, i lubrificanti
La FIAT ha sviluppato istituzioni e attivit assistenziali per
i lavoratori e le loro famiglie (collegi, colonie, tenute agricole
circoli ricreativi e sportivi, convalescenziari3, sanatori).
D iz io n a r io E n c ic lo p d ic o Ita lia n o

1. sussidiario, -a pomocniczy, -a
2. gli apparecchi elettrodom stici sprzt elektryczny gospodarstwa
domowego
3. il convalescenziario dom dla ozdrowiecw

*
Torino una delle maggiori citt italiane, contando oltre un
milione di abitanti; ed uno dei maggiori centri industriali dIta
lia, grazie soprattutto agli sviluppi della Fiat.
Di origine e costruzione romana, antica capitale del Piemonte
e culla del Risorgimento italiano, Torino fu la prima capitale
dItalia cuando nel 1861 Vittorio Emanuele II vi proclamo lunit
della nazione italiana.
Ricca di memorie storiche, di monumenti, di musei darte
e sede di importanti rassegne e manifestazioni internazionali, To
rino costituisce un vertice del triangolo Torino-Milano-Genova
nel quale pulsa il pi intenso lavoro industriale del Paese. anche
la capitale italiana dellautomobile e sede di altre importanti in
dustrie meccaniche, tessili, enologiche J, dolciarie. Tutti conoscono
il vermuth di Torino esportato in molti paesi, anche in Polonia.
pure citt tradizionale della moda italiana.
La Fiat nacque a Torino nel 1899 come prima fabbrica di auto
mobili (Fabbrica Italiana Automobili Torino) ed incominci con
una cinquantina di operai.
Oggi comprende 24 stabilimenti principalmente a Torino. Si
occupa della produzione ed elaborazione delle materie prime (side
rurgia e metallurgia) e il suo ciclo produttivo va dalla fabbrica
zione dellacciaio e dalla fondita dei metalli alla costruzione di
macchine e motori per lautolocomozione terrestre, navale ed
aerea.
La Fiat dotata di moderni Laboratori e Centri sperimentali
ed in costanti relazioni con Istituti universitari, Enti e Laboratori
scientifici nazionali e stranieri.
Gli stabilimenti siderurgici e m etallurgici Fiat costituiscono un
complesso dimpianti che comprende varie sezioni: Sezione Fer
riere, Sezione Fonderie e Fucine, Sezione Fonderie Ghise Speciali,
Sezione Industrie Metallurgiche e Acciaierie, Sezione Metalli.
La Fiat produce una vasta gamma di acciai di qualit, tra cui
a c c i a i inossidabili.
La popolarit del nome Fiat e legata soprattutto alla produ
z i o n e automobilistica.
Le utilitarie Fiat sono state le principali formatrici dellauto-
mobilismo italiano, dopo che la Fiat si fece conoscere con tante
vittorie sportive delle sue macchine da corsa, nei due primi de
cenni del secolo.
Non meno varia della gamma vetture la gamma veicoli in
dustriali Fiat: autocarri,-trattori per semirimorchio, autobus, filo
bus.
I veicoli trasporto persone estendono la loro capacit da 10
posti ad oltre 60 posti.
Questa variet di modelli soddisfa le pi disparate esigenze
dellautotrasporto leggero, medio e pesante e contribuisce effica
cemente alla produttivit del lavoro ed alleconomia del trasporto
motorizzato. ^
La produzione trattori agricoli ed industriali Fiat tra le mag
giori in Europa ed anche in testa alla esportazione trattoristica
italiana.
La Fiat costruisce trattori dal 1919.
La produzione ferroviaria Fiat risale al 1917 e le prime auto
motrici sono di 1931.
Viaggi sperimentali furono compiuti in Austria, Cecoslo
vacchia, Polonia e nellURSS.
I primi motori marini Diesel Fiat risalgono al 1907 ed oggi
la Fiat tra le maggiori Case costruttrici di grandi motori Diesel
Per navi e per impianti fissi.
Motori marini Diesel-Fiat sono su navi di ogni tipo e bandiera.
La Fiat ha concesso la licenza di costruzione dei suoi motori ad
altre Ditte in Italia, Argentina, Brasile, Germania, Polonia e USA.

28 S tu d ia m o la lin g u a
433
La Fat ha una lunghissima esperienza anche nel campo delle
costruzioni aeronautiche. Il primo motore avio Fiat fu costruito
nel lontano 1908.
La Fiat partecipa anche ai programmi spaziali europei con
studi e realizzazioni proprie. Dispone di un apposito Centro Ae
rospaziale.
Lo Stabilimento Fiat Ricambi in Torino realizza il massimo
di efficienza tecnica nel settore specifico della produzione e del
magazzinaggio dei pezzi di ricambio.
La F[at produce anche: macchine u ten sili1, oli e grassi lubri
ficanti.
La Fiat, come le grandi ditte degli altri paesi, tra cui Polonia,
contribuisce alle opere pubbliche di vari continenti partecipando
alla costruzione di autostrade, trafori e dighe (Iran, Sudan, Rho-
desia, Ghana e Nigeria).
La Fiat sinteressa anche allenergia nucleare ed ha una sua
Sezione di studi e di ricerche dove furiziona il primo reattore
a piscina per studi ed esperimenti.
Lopera assistenziale Fiat per i suoi lavoratori e per i familiari
costituisce un vasto campo dellattivit di questo complesso in
dustriale. Le prime istituzioni sociali Fiat-Mutue e Colonie
estive sorsero nel 1919 - 1920.
La Fiat ha organizzato una assistenza che tende a seguire
tutta la vita del lavoratore: assistenza alla maternit e allin
fanzia, istruzione professionale al giovane, assistenza nella malat
tia, n ellinfortunio e nella vecchiaia.
D a ti d a lla ,,F ia t - S ta m p a to nr 2.301

1. enologico dellenologia (lenologia l arte di fare, conservare e co


noscere il vino)
2. la macchina utnsile obrabiarka

VIA SICURA
di Filippo Caracciolo e Gaetano D A m e l i o

Lassociazione nazionale Via Sicura stata costituita l a n n o


scorso per promuovere e coordinare ogni iniziativa diretta a f a
vorire la sicurezza della circolazione e la prevenzione degli inci
denti stradali. ...
Difatti credo che nessuno sforzo associativo 1 paragonabile 2,
per spontaneit, ampiezza e risultati potenziali, a quello di Via
Sicura si sia fino a oggi prodotto in Italia. ...
Ho finora volutam ente3 omesso ogni accenno ai rapporti di
Via Sicura con l autorit dello Stato. Questa omissione stata
v o lu ta , perch potessi ribadire con pi forza nella chiusura di
queste righe come la nostra Associazione intenda muoversi sul
filo della collaborazione pi stretta con i Ministeri interessati al
riguardo. Strumenti di consultazione sono gi predisposti perch
questi contatti abbiano luogo organicamente. Vogliamo dare la
dimostrazione di quanto possa in un settore particolarmente de
licato la libera cooperazione dei cittadini e delle organizzazioni
interessate con gli organi di Governo. ...
Forse sar bene chiarire che noi non inseguiamo un sogno im
possibile quando parliamo di ,,Via Sicura, in quanto siamo
coscienti, a priori, che non potremo mai ottenere la totale sicu
rezza sulle strade. Possiamo per ottenere una sicurezza relativa.
Ed per questo fine che lAssociazione nata, lavora, intende
battersi. Consideriamo, quindi, ,,Via Sicura non come la ricerca
di una sicurezza assoluta ma come un ,,Optimum da raggiungere,
come un traguardo che si pu e si deve tagliare, impiegando a tal
fine tutte le risorse morali e materiali di cui possiamo disporre.
Via Sicura non un semplice augurio o un ben congegnato
slogan, invece un impegno per noi ed un impegno per ciascuno
utente della strada.
L e v ie d I t a lia n r 2, 1958

1. associativo, -a tu: wsplny, -a


2. paragonabile dajcy si porwna
3. volutam ente rozmylnie

L'INCREDIBILE PREZZO DEL CIRCOLARE


di C e s a r e B i f f i

LItalia non ha una grande circolazione, ma il numero delle


vittime delle sue strade, se confrontato ai v e coli che le percor
rono, fra i pi elevati, se non il maggiore addiritura. Sono con
fronti sempre un po arbitrari, perch bisognerebbe tener conto i
di molti elem enti difficili da accertare e quasi impossibili da rias
sumere in rapporti semplici, come la densit chilometrica e super
ficiale dei veicoli, la loro variet e il grado rispettivo di utilizza
zione; la densit demografica riferita allo sviluppo delle strade,
la caratteristica media dei tracciati e le prevalenti condizioni del
clima che possono favorire o ridurre la percorrenza dei veicoli
delle varie specie, e persino per quanto raramente se ne tenga
il conto dovuto la presenza nella circolazione di automobili
straniere. In ogni modo, da un confronto fra alcuni paesi e che
non vuol dire pi di quello che dichiara di essere, e cio il rappor
to tra morti e numero di autoveicoli, appare che le strade italiane
non sono fra le pi rassicuranti.
L e v ie d I t a lia nr 3, 1958

1. tener conto uwzgldnia, mie na wzgldzie

ESERCIZI

1. Temi da sviluppare:
Gli automobili sulle strade della Polonia.
I guidatori, i passeggeri ed i pedoni.
II pericolo stradale.
Le marche delle automobili polacche.

2. Volgere linfinito alla persona conveniente del congiuntivo


imperfetto:
Dicevano che egli (sposarsi).
Mi rincresceva che tu (avere) tanto disturbo.
Era necessario che essi (vincere) la gara.
Non rimase a casa, bench (essere) malato.
Volevo che ella mi (leggere) ad alta voce.
Era bene che egli (partire) per Roma.
Ha desiderato che io (venire) luned.
Ci scrisse, affinch noi (conoscere) il suo nuovo indirizzo.
Temevo che esse (perdere) i soldi.
Bisognava che voi le (mandare) gli auguri.
3. Terminare le frasi incominciate:
Volevo che tu . . .
Mi dispiaceva che egli . . .
Si diceva che voi . . .
Temevano che io . . .
Desideravi che ella . . .
Sembrava che . . .
Era utile che . . .
Mi pareva che . . .
Occorreva che . . .
Era meglio che . . .

4. Scrivere una piccola composizione sul traffico di Varsavia.

5. Tradurre in italiano:
Chciaem, aby pozna Mari. Mwiono, e cigle si kc. Byo
nam przykro, e przyszede na prno. Obawia si, e zabdzicie.
Pragnli, bym pozosta jeszcze tydzie. Lepiej, by twj syn nie w y
jeda. M iae nadziej, e spotkaj ci na stacji. Wtpi, czy ona po
trafi prowadzi samochd. Da mi pienidze, bym ci kupi buty. Poy
czya mu tysic lirw, aby mg zje dobry obiad.

6. Tradurre in polacco cercando di fare una bella traduzione


letteraria:
Prese Lionardo a fare per Francesco del Giocondo il ritratto di monna 1
Lisa sua moglie; e quattro anni penatovi, lo lasci im perfetto; la quale
opera oggi appresso il re Francesco di Francia in Fontanableo...
GIORGIO V A S A R I (1511 - 1574), V ite d e i p i e c c e lle n t i p itto r i, s c u lto r i e a r c h it e t t i

1. monna forma accorciata di madonna signora


67. Lezione sessantasettesima
Congiuntivo imperfetto di alcuni
verbi irregolari
Uso del congiuntivo (5)

GRAMMATICA

CONGIUNTIVO IMPERFETTO DI ALCUNI VERBI IRREGOLARI

Dare Fare Stare


che io dessi che io facessi che io stessi
che tu dessi che tu facessi che tu stessi
che egli desse che egli facesse che egli stesse
che noi dessimo che noi facessimo che noi stessimo
che voi deste che voi faceste che voi steste
che essi dessero che essi facessero che essi stessero

Dire
che io dicessi che egli dicesse che voi diceste
che tu dicessi che noi diceessimo che essi dicessero
Gli altri verbi irregolari hanno il congiuntivo imperfetto re
golare.

E sem p i:

Temevo che facesse qualche pazzia.


Mi sembrava che tu dicessi sempre le bugie.
Abbiamo sperato che steste a casa tutto il pomeriggio.
Voleva che io gli dessi il miglior voto.

USO DEL CONGIUNTIVO (5)

1. Si usa il congiuntivo imperfetto dopo come se (quasi


o come).
Andava sulla spiaggia come se facesse caldo.
Si scrivevano le lettere damore come se fossero fidanzati.
Vivevi in un albergo molto caro come se avessi molti soldi
da spendere.

2. Se il verbo della proposizione principale alla f o r m a


n egativa:
Non sapevo che cosa facesse con il suo denaro.
Non affatto obbligatorio che un corpo debba muoversi.
Non detto he egli parta.
Non pensare che gli dispiaccia.

LETTURA

L'AUTOMOBILE SOTTO ACCUSA

Di nuovo una voce autorevole, anzi autorevolissima, si levata


a Roma contro lautomobile, ordigno ,voluttuario. Secondo il
dizionario della lingua italiana del Palazzi, voluttuario significa
di lusso, non necessario, superfluo. Si tratta, ad evidenza, di
una qualifica che non ci pu trovare consenzienti. ...
come se si qualificasse il telefono ordigno voluttuario solo
perch qualche volta lo usiamo per fare quattro chiacchiere con
un amico o per chiedere a un cinema quando ha inizio lultimo
programma serale.
,,L e v ie d I t a lia nr 9, 1958

LE GRANDI MANOVRE SUL CAMPO DEL U ABBIGLI AMENTO


di L u ca P a v o l i n i

Uno sterminato esercito di ottocentomila persone fabbrica


1 nostri vestiti, le nostre scarpe, la nostra biancheria, i nostri
Appelli. Vi sono, in questo esercito, le donne delle grandi in
dustrie di confezioni in serie e gli operai che conciano il cuoio,
le ragazze delle maglierie e i garzoni delle piccole botteghe di
Rabattino. Una schiera vasta ed eterogenea 1 di gente che lavora
nelle condizioni pi diverse per produrre i pi diversi capi di
abbigliamento: e vi sono le dipendenti e i dipendenti dei grandi
padroni miliardari e le dipendenti e i dipendenti dei piccoli padro-
ni che non stanno molto meglio di chi lavora per loro. A llaltra
estremit della catena della produzione e della distribuzione ci
sono tutti coloro che comprano vestiti, scarpe, biancheria, cap
pelli: cio, praticamente, tutti gli uomini, tutte le donne, tutti
i bambini; solo che c chi compra pellicce e chi deve ricorrere
al mercatino degli stracci2. E allora ecco un grosso tema, di in
teresse davvero generale: come funziona tutto l immenso settore
dei generi di abbigliamento?
Prima cosa da dire: i vestiti e le scarpe italiane si stanno affer
mando in tutto il mondo. La nostra manodopera lavora bene, il
buon gusto n ellabbigliamento da noi una tradizione, figu rin i3 e
disegni sono azzeccati e piacciono un po dappertutto. Tutto questo
vero anche per la produzione di massa, non solo per i modelli
raffinati destinati ai ricchi. Conseguenza: esportiamo a rotta di
c o llo 4. In un solo anno entrano in Italia 60 miliardi di lire, grazie
allesportazione di confezioni e calzature. Mandiamo allestero
25 milioni in paia di scarpe: questa addirittura la seconda voce
nella classifica delle esportazioni italiane, subito dopo le auto
mobili.
Ma qui devo darvi un primo dispiacere. Il prezzo medio di un
paio di scarpe destinate allesportazione di 2500 lire, invece
allinterno si aggira sulle 6000 lire. Come mai? Il fatto che, pur
di esportare e di conquistare nuovi mercati, i grandi produttori
preferiscono tenere basso il prezzo per l estero e rifarsi coi prezzi
interni. Ma osserverete sui prezzi di vendita allinterno gra
vano le spese della distribuzione commerciale, i guadagni dei
negozianti e cos via. Rispondo: non esatto. Il Calzaturificio 5
di Varese, Bufarmi, Tradate, Ferragamo hanno i loro negozi di
vendita, e questo rientra nel quadro di cui parler pi avanti
della organizzazione verticale che si stanno dando i pi forti grup
pi specializzati n ellabbigliamento: dalla materia prima alla fab
bricazione, dalla distribuzione alla vendita, tutti i passaggi son o
nelle medesime mani e tutti i guadagni finiscono nelle medesime
tasche. ...
Il grande capitale, i gruppi monopolistici hanno in vaso6 il
camp0 deirabbigliamento. I grossi industriali tessili, i coton ieri7,
lanieri 8, i produttori di fibre artificiali, i quali si divattevano
in una crisi gravissima, hanno cercato una via duscita nellin
dustria delle confezioni. E anche i gruppi chimici e della gomma
si sono gettati sul vestiario: impermeabili, nailon, materie plasti
che, filanca 9, ecc. Cos i pi grossi nomi dellindustria, di coloro
che dominano tutta l economia italiana, hanno fatto la loro appari
zione in questo nuovo ramo: la Montecatini, la Pirelli, la Snia
Viscosa, Marzotto, Borletti, Riverti, Lanerossi, tanto per citare
i pi noti. ...
Una volta conquistato il controllo del mercato, i monopolisti
non hanno pi alcuno stimolo a ridurre i prezzi: anzi, li fissano
a proprio piacimento. Ogni riduzione di costo che riescono a rea
lizzare razionalizzando, semplificando e modernizzando la pro
duzione di massa, non va a vantaggio degli acquirenti. una legge
generale, e labbigliamento non fa eccezione. ...
In pratica, la grande fabbrica di confezioni attrae a s la ma
nodopera, specialmente femminile, di tutta la zona circostante, in
quanto offre migliori condizioni salariali e apre nuove prospettive
sociali ed economiche alle lavoratrici. Anche la recente legge sul
lavoro a domicilio, approvata dal Parlamento, spinge i padroni
a far rientrare in fabbrica la manodopera, in quanto impedisce
lo sfruttamento intensivo di chi lavora a casa, e rende meno
vantaggiosa questa forma di rapporto. Per di pi, il lavoro a do
micilio non pu assicurare quelle caratteristiche di uniformit,
di regolarit, di tempestivit 10 nelle consegne, che essenziale
per unindustria moderna, specie.se lavora per lesportazione.
Questo un grossissimo passo avanti che trasforma addirittura
intieri ambienti sociali, modifica le mentalit, accresce sensibil
mente il numero delle operaie di tipo moderno, crea in loro nuove
vigenze a nuovi in teressi....
un periodo di transizione molto mosso n , dunque, e credo
che quel che sta avvenendo nel mondo del vestiario abbia una
Parte non indifferente nel processo di trasformazione e di eman-
Clpazione della donna italiana. Pensate a quel che significa il
sorgere di centri di lavoro in zone agricole, particolarmente meri
dionali; il formarsi di nuclei operai; la tendenza delle donne e del-
ragazze braccianti e mezzadre a dedicarsi a un lavoro industria
le. Sono fenomeni importanti: nel maggiore centro calzaturiero 12
Vigevano, vi sono non meno di 800 aziende, tra industriali e ar
tigiane, con 20 mila dipendenti; ...
Ma resta il problema: questa espansione sufficiente, e tutto
quanto si pu avere, risponde alle esigenze dei consumatori italia
ni? Assolutamente no. Siamo ancora ben lontani da un livello di
consumi che ponga il nostro paese ad un posto decente fra i paesi
civili. Il consumo pr capite 13 dei prodotti tessili fra i pi bassi
dEuropa, e quanto a scarpe, ne acquistiamo 0,7 paia allanno per
abitante: neppure un paio a testa, e naturalmente c chi ne
compra venti paia e chi non ne compra affatto. ...
C ancora troppa e troppa povera gente e non solo nel
Mezzogiorno, ma anche in Emilia, in Toscana, che costretta
ad approvvigionarsi ai mercati degli stracci 14 a ricorrere ai
rivenduglioli15 di roba usata, a comprare residuati16 dellesercito,
o camicie e scarpe americane di seconda mano. Il mercato della
miseria fiorisce attorno alle isole di progresso monopolistico.
N o i d o n n e n r 67, 1959

1. eterogeneo, -a rnorodny, -a, rnoraki, -a


2. il mercatino diminutivo del mercato
3. il figurino model
4. a rotta di collo na zamanie karku
5. il calzaturificio fabryka obuwia
6. invaso participio passato del verbo invadere
7. il cotoniere producent baweny
8. il laniere producent weny
la filanca rodzaj sztucznego wkna
10. la tempestivit tu: punktualno
11. mosso participio passato del verbo muovere
12. calzaturiero, -a obuwniczy, -a
13. pr capite (latino) na gow
14. il mercato degli stracci rynek ze starzyzn (ciuchy)
15. il rivendugliolo przekupie, handlarz
16. il residuato, nel plurale: i residuati pozostaoci, resztki

ESERCIZI

1. Temi da sviluppare:
daccordo con la prima lettura?
Lindustria dellabbigliamento in-Polonia.
Mercato degli stracci.
La situazione delloperaio in Polonia.
Essere eleganti...

2 . Volgere linfinito alla persona conveniente del congiuntivo


imperfetto:
Volevo che tu mi (dire) le tue pene.
Desiderava che io gli (fare) quel favore.
gemevano che egli non (dare) il suo consenso.
C redevam o che voi (stare) in casa a q u estora.
Rideva come se (avere) un motivo di allegria.
Era necessario che io le (dare) qualche lezione.
Era tanto buono per i piccini come se (essere) i suoi figli.
Mi pareva che essi (fare) un lungo viaggio allstero.
Mi sembrava che tutti (dire) lo stesso.
Speravo che tu mi (fare) quel piacere.

3. Terminare le frasi incominciate usando i verbi: dare, dire,


/are, stare:
come se . . . Temevo che ..
Dicvano che . . . Era utile che .
Speravi che . . . Bastava che ..
Non sapevi che . . . Sembrava che
Desideravamo che . . . Bisognava che

4. Scrivere una piccola composizione sul tema seguente:


Vado a rinnovare il mio vestiario.

5. Tradurre in italiano:
Chciaem, aby mi da troch cukierkw. Wola, bym nie mwi
prawdy. Obawialimy si, e on zrobi gupstwo. Nie wiedzia, e je
stem w domu. artowaa, jakby nic nie zaszo. mia si, jakby po
wiedzieli co dowcipnego. Wydawao mi si, e jest w niej zakochany.
Mwiono, e mieszka na ulicy Dantego. Kazalicie, bym da t ksik
Marii. Sdziem, e zrobi to dobrze.

6. Tradurre in polacco cercando dJ fare una bella traduzione


letteraria:
Lorenzo, sai tu dove vive ancora la vera virt? In noi pochi deboli
e sventurati; in noi, che dopo avere sperimentati tutti gli errori e sentiti
tutti i guai della vita, sappiamo compiangerli e soccorrerli. Tu, o compas-
Slne, sei la sola virt! tutte le altre sono virt usuraie. ...
U G O FQ SC O L O (1778 - 1872), U ltim e l tte r e d i J c o p o O r tis
68. Lezione sessantottesima
Congiuntivo trapassato
Uso del congiuntivo (6)

GRAMMATICA

CONGIUNTIVO TRAPASSATO

avere
Congiuntivo trapassato = congiuntivo imperfetto + par
essere
ticipio passato del verbo coniugato.

Parlare Partire
che io avessi parlato che io fossi partito, -a
che tu avessi parlato che tu fossi partito, -a
che egli avesse parlato che egli fosse partito
che ella avesse parlato che ella fosse partita
che noi avessimo parlato che noi fossimo partiti, -e
che voi aveste parlato che voi foste partiti, -e
che essi avessero parlato che essi fossero partiti
che esse avessero parlato che esse fossero partite

Avere Essere
che io avessi avuto che io fossi stato, -a
che tu avessi avuto che tu fossi stato, -a
che egli avesse avuto che egli fosse stato
che ella avesse avuto che ella fosse stata
che noi avessimo avuto che noi fossimo stati, -e
che voi aveste avuto che voi foste stati, -e
che essi avessero avuto che essi fossero stati
che esse avessero avuto che esse fossero state
Si usa il congiuntivo trapassato quando il verbo della proposi
zione principale in uno dei tempi p a s s a t i dellindicativo
e lazione della proposizione dipendente p r e c e d e quella della
proposizione principale:
Credevo che f o s s e a rriva to prima di me.
Avevo p a u r a che a v e s s e p e r d u t o le chiavi della casa.
N o n s a p e v a m o che e s s i f o s s e r o gi tornati dallestero.
D i c e v a n o che queste ragazze a v e s s e r o v i s s u t o sempre in cam
pagna.
D u b i t a v a che gli studenti a v e s s e r o p a s s a t o il loro esame.
H a n n o s p e r a t o che il pacco f o s s e gi a r r i v a t o alla dogana un
mese fa.
Era il ragazzo pi affascinante che noi avessimo mai conosciuto.
P a r e v a che a v e s s e r o v i s i t a t o tutta l Europa.
La bambina si r i f i u t a v a di mangiare e a c c u s a v a dolori allo
stomaco. I genitori li a t t r i b u i v a n o al fatto che la ragazzina a v e s s e
fatto indigestione di frutta acerba.

USO DEL CONGIUNTIVO FINE (6)

Quando il verbo della proposizione principale indica v o l o n


t, d e s i d e r i o , d u b b i o , p a u r a , ecc. ecc. ed usato in con
dizionale, il verbo della proposizione dipendente si mette nel
congiuntivo imperfetto o trapassato:
Vorrei che tu studiassi due lingue: francese e inglese.
Desidererebbe che io fossi sempre giovane ed elegante.
Avremmo paura che loro dimenticassero l ultima promessa.
Avrei voluto che egli fosse diventato un buon medico.
Avrebbe desiderato che ella avesse vinto questo concorso.
Continuerei il mio viaggio, finch mi piacesse.

LETTURA

DOMANI SI VOTA
Inchiesta nel quartiere d i L u i s a Melograni

Sentire il polso di un quartiere alla vigilia delle elezioni: cos,


a dirlo, sembra unimpresa facile, ma quando scendo dal tram nel-
k Piazza dellEmporio, a Testaccio, esito a decidere quale dire
zione devo prendere. Il vialone? 1 Ma l sfrecciano 2 i camion,
autobus, le macchine; alle fermate dei tram la gente impa
ziente; dai negozi entrano ed escono donne e uomini che mi
pare abbiano una fretta indiavolata. Quella strada a sinistra?
quasi deserta, forse potrei cominciare da una casa tranquilla
potrei tentare una conversazione pacata che mi ,scaldasse prp.
ma di avventurarmi verso la zona pi animata, che senza dubbio
alle 10 del mattino, il mercato. Ma no, meglio gettarsi subito
nella mischia e sentire questo ,,polso,, l dove batte pi forte.
Coraggio, dunque, la meta il mercato. I cartelloni elettorali,
i manifesti creano la solita tappezzeria artificiale nelle piazze
e nelle strade: simboli, colori, parole che sono richiami e program
mi si avvicendano, si intrecciano e non fermano l attenzione di
nessuno. Possibile che tutti quelli che passano, come me, l davanti,
li abbiano gi letti e ritengano inutile lanciare unaltra occhiata?
0 non hanno nessuna coriosit? Che non provino interesse? Agli
angoli, dei camioncini con gli altoparlanti provano le voci: pronto,
pronto, prova, a, b, c, pronto, prova e neanche uno sguardo li
tocca. indifferenza per le elezioni? Un attimo il dubbio mi sfiora,
ma sono arrivata e posso immediatamente fare anche io la ,,prova
della voce: mi servir per controllare- se il dubbio valido e se
l indifferenza, negli abitanti di Testaccio, davvero di sostanza.
Ecco, sono nel mercato coperto, mi guardo intorno e mi dirigo
verso il banco di una fruttivendola che sembra attirare molte
donne, non so se per la qualit della sua merce o per la sua
chiacchiera. Invita a voce alta: venite, i broccoli3 pi belli, le
mele a niente, ve la regalo la roba, io. Si chiama Amelia, me lo
dice subito, e si dispone a chiacchierare, affidando alla figlia la
bilancia e la cassa. ,,Che vorrei dal Comune? B e, non so proprio
se dipende dal sindaco, ma che razza di pensioni ci danno? Dopo
quarant anni di lavoro al mattatoio \ mio marito piglia 12 000 lire
di pensione e gli hanno dato pure la medaglia. Che me ne faccio
della medaglia? Prima cosa: aumentare le pensioni. E poi abbas
sare le tasse. La gente compra poco, sempre meno e io vado avanti
come loro, a forza di debiti, di debiti e di sacrifici. Mi dicono: hai
1 figli grandi, penseranno a te, no? Ma che ti devono dare i figh,
quello che non hanno? Fanno i facchini avventizi e sono pi
i giorni che stanno a braccia in croce che quelli che lavorano.
Saluto Amelia, passo da Carolina, una donna pi giovane, ma
jiiolto meno battagliera. ,,Certo mi piacerebbe cha la citt diven
tasse pi bella mi dice ma che ci possiamo fare noi? Il voto?
Ah, io credo che le donne facciano meglio a fidarsi degli uomini:
c o m e possono im picciarsi5 di politica, con tutto quello che hanno
da fare? ... Al banco si ferma un'altra donna: si inserisce nel
discorso per dire che il Comune si dimentica troppe cose. ,^ban
diera 6 il mercato coperto, come se fosse unopera darte, e poi
non pensa alla manutenzione: una mia amica laltro giorno in
ciampata nel pavimento, tutto a buche, si fatta male e vuole
far causa 7. ... Io sogno un sindaco che si possa rendere conto 8
di tutti gli inconvenienti di un quartiere e che abbia voglia di
darsi da fare 9. Cos, non si va pi avanti. ...
N o i d o n n e n r 44, 1960

1. il vialone accrescitivo del vile


2. sfrecciare pdzi, mkn jak strzaa
3. il broccolo odmiana kapusty
4. il mattatoio rzenia
5. im picciarsi miesza si, wtrca si
6. sbandierare przybra flagami
7. far causa poda do sdu
8. rendere conto zda spraw
9. darsi da fare kopota si, troszczy si

UN MERCATO SEMPRE VERDE

Tutti i verdi: quello pi carico 1 dellavogado che proviene dal


lontano Sud-Amrica; quello pi tenero dei primi carciofi; il verde
secco delle pere e di un certo genere di mele; il verde venato
dargento della lattuga appena colta. E i rossi: mele altoatesine 2
e francesi; pomodori maturi; il rosso cupo, quasi sanguigno, delle
barbabietole; il rosso allegro delle fragole. E i gialli un pospenti
delle banane; il giallo vagamente acido dei limoni che giungono
a casse dal m eridione3; l oro solare delle arance; l avan a4 deli
cato dei piccoli funghi; il marrone terroso delle patate.
Qui, in questa festa di colori e di profumi, il lavoro comincia
verso le sei del mattino: ed un via v a i5 di camion colmi di
frutta e verdura, di golose primizie; un via vai di uomini che
vendono, comprano, discutono, scaricano e caricano, arrivano
e partono.
Siamo al mercato ortofrutticolo di Bologna, il solo in Ita
lia gestito come azienda municipalizzata e diretto da una com
missione amministrativa nominata dal Comune. Dopo quello di
Milano , nel nostro Paese, il seconde per dimensione; ma, per
importanza, cio per il movimento di merce che determina, in
vece il primo ed estende la sua influenza a tutta larea dell'Italia
centrosettentrionale e anche, per diversi prodotti, alle aree di con
sumo del meridione e delle isole. Insomma, costituisce una infra
struttura insostituibile nella rete di distribuzione nazionale.
Ci determinato da ragioni ben precise: il mercato orto-
frutticolo di Bologna infatti in grado di assicurare ogni tipo
di rifornimento per tutto larco dellanno, garantendo la variet,
la qualit e il prezzo dei prodotti. E questo estremamente im
portante: perch il poter offrire qualsiasi prodotto (a partire dal
le primizie) per tutto il tempo dellanno, permette anche di man
tenere una stabilit e un equilibrio dei prezzi di vendita che
rassicurano gli operatori commerciali e permettono loro di pro
grammare il lavoro con il necessario margine di sicurezza.
Queste caratteristiche, che sono la conseguenza della politica
di direzione effettuata dallAzienda e, insieme, della favorevole
collocazione geografica, fanno s che il mercato ortofrutticolo di
Bologna sia in continua espansione.
Sorto nel 1939, ha infatti raddopiato (nonostante le distruzioni
causate dalla guerra e la successiva, necessaria opera di ricostru
zione), larea su cui sorge che raggiunge oggi i 100 mila metri
quadrati, mentre il volume delle merci in movimento in con
tinua ascesa: dai 450.285 quintali di prodotti del 1940 si infatti
passati ai 4.144.460 quintali del 1967.
Un enorme sviluppo, insomma, che ha impegnato lazienda in
lavori sostanziali per adeguare le attrezzature del mercato alle
nuove e sempre crescenti necessit. Per rendersi conto dellim
portanza dello sforzo compiuto, basti pensare che nel 1940 le ditte
concessionarie erano appena 35: oggi sono invece, 97; basti pensare
che il mercato ora dotato di ben 15 magazzini di lavorazione
(presto ne entreranno in funzione altri 5), di magazzini di depo
sito e officine per la riparazione degli automezzi.
Nel 1967, poi, stata messa in funzione anche una sala fornita
di servizi di telex, telefono e di una segreteria posta a disposizione
di quanti abbiano bisogno di informazioni sul settore mercantile
nazionale e internazionale.
Si tratta, insomma, di un complesso moderno, razionale ed
efficiente, la cui zona di influenza una delle pi vaste tra quelle
dei mercati nazionali.
Altra caratteristica del mercato ortofrutticolo bolognese es
sere non tanto un mercato terminale,, (cio punto d'arrivo delle
merci), quanto mercato di transito": infatti, solo il 30 per cento
dei prodotti che vi affluiscono rimangono in Bologna. Il 70 per
cento, cio la maggior parte, prende altre destinazioni e non
raro che, ad esempio, aranci provenienti da Palermo riprendano,
in poche ore, la via di Palermo per essere messi in commercio sui
mercati locali.
Ma questi sono dati tecnici che non possono dare al profano
l'idea di ci che il mercato ortofrutticolo bolognese sia veramente.
Per rendersene conto bisogna recarvisi, di mattina, quando il
lavoro ha inizio: ed tutto un formicolare di gente attiva. Ci sono
i 320 lavoratori del gruppo facchini, un gruppo autonomo attrez
zato con mezzi semoventi, carrelli (sono 1270) elevatori, mezzi di
traino; ci sono le 500 donne della cooperativa di lavoro precise
ed attive nel m ettere la merce nelle casse, nel contare i carciofi,
nel pulire se necessario la verdura che non pu essere messa
in vendita se non risponde ai requisiti richiesti dall'ufficio di
igiene.
Del resto, la fama del mercato tale che ogni anno le domande
di ottenere uno stand in concessione crescono: ora sono oltre
cento, ma non ci sono posti. Infatti lAmministrazione comunale
ha gi presentato alla approvazione del Consiglio le scelte urbanis
tiche per il nuovo Centro Annonario 6 e Mercantile di Bologna.
Per il nuovo mercato ortofrutticolo stata assegnata un'area di
75 - 80 ettari con la previsione di un movimento di 9 - 1 0 milioni
di quintali di prodotti. Sar il pi grande d lta lia il Centro Anno
nario e Mercantile di Bologna, che sorger nella zona nord-orien
tale della citt, a cavallo dello scalo ferroviario S. Donato e del
crocevia7 formato da due assi primari della viab ilit8 di progetto.
Il progetto del Centro Annonario nacque dagli studi condotti

29 Studiam o la lingua 449


in relazione alla necessit di trasferire dalla sede attuale il mer
cato ortofrutticolo, studi che sono pervenuti a configurare il nuo
vo mercato come importante componente di un complesso ed
organico centro alimentare, ancorato ai fondamentali rapporti di
collegamento fra produzione e consumo, con strutture ed attre
zzature integrative delle funzioni di produzione e distribuzione,
concepito nei suoi aspetti principali, e con la pi ampia elasticit
e gradualit, come centro di smistamento verso unarea di consumo
nazionale.
N o i d o n n e n r 45, 1968

1. carico denso, forte


2. altoatesino, -a dell*Alto Adige
3. il m eridione Sud, Mezzogiorno
4. avana colore lionato scuro, sim ile a quello dei sigari dAvana
(Avana La Habana capitale di Cuba; lionato del colore del leone)
5. il via vai il viavai l andare e venire
6. annonario, -a proprio dellannona (lannona urzd m iejski zaj
m ujcy si sprawami w yywienia)
7. il crocevia il crocicchio (luogo in cui sincrociano due strade)
8. la viabilit possibilit di transito, sistem a di strade

ESERCIZI

1. Temi da sviluppare:
I nuovi quartieri di Varsavia ed i loro problemi.
II mercato. v
Gli ortaggi e la frutta nella nostra cucina.
Il problema dellapprovvigionamento di una grande citt.

2. Volgere l'infinito alla persona conveniente del congiuntivo


trapassato:
Speravo che tu (preparare) il suo bagaglio.
Temvano che noi (essere) malati.
Credeva che io (passare) un mese in Italia.
Non sapevi che egli (vincere) quel concorso?
Pareva che prima essi (vivere) bene.
Sembrava che nella sua giovent (dovere) ricvere una buona edu
cazione.
Bastava che tu lo (vedere).
Ero contento che ella (visitare) tante belle citt.
Era triste che io non (potere) venire da Maria.
Mi dispiaceva che voi non (volere) andare con me.

3. Descrivere un mercato di Varsavia.

4. Terminare le frasi incominciate, usando il congiuntivo tra-

Credeva che tu . . .
Temevo che egli . . .
Non sapvano che io . . .
Dicvano che noi . . .
Aveva paura che voi . . .
Sembrava che . . .
Mi pareva che . . .
Era utile che . . .
Ero contento che . . .
Speravo che . . .

5. Tradurre in italiano usando il congiuntivo trapassato:


Miaem nadziej, e bye u niej. Obawia si, e spotkaem Karola.
Nie wiedzieli, e mj brat wrci ju z Ameryki. Byo nam przykro, e
le si zachowa. Wydawao si, e przesza tdy burza. Sdzia, e
przywiz jej dane ksiki. Mwiono, e w yjecha na zawsze. Zdawao
mi si, e telefonowa. Sdziem, e w ysza za m. Mwiono, e stra
cia ma.

6. Tradurre in polacco cercando di fare una bella traduzione


letteraria:
Il passero solitario
Din su la vetta della torre antica,
passero solitario, alla campagna,
cantando vai finch non m o re1 il giorno;
ed erra larmonia per questa valle.
G IA CO M O L E O P A R D I (1798 - 1837)

1. more = muore
69. Lezione sessantanovesima
Uso dei tem pi del congiuntivo

GRAMMATICA

USO DEI TEMPI DEL CONGIUNTIVO

Proposizione p r i n c i p a l e Proposizione d i p e n d e n t e
congiuntivo p r e s e n t e
a. azione simultanea
1. P r e s e n t e dellindicativo
Futuro delLindicativo
b. azione precedente
congiuntivo p a s s a t o
Esempi:
a. Mi sembra che egli parta. Sar contento che egli porta.
b. Mi sembra che egli sia partito.

congiuntivo i m p e r f e t t o
a. azione simultanea
2. Uno dei tempi p a s s a t i
dellindicativo : (imperfetto
passato prossimo passato
remoto) c o n d i z i o n a l e
b. azione precedente
congiuntivo t r a p a s s a t o

Esempi:
a. Mi sembrava che egli partisse. Vorrei che egli partisse-
b. Mi sembrava che egli fosse partito.
Avrei voluto che egli fosse partito.
Ricapitolazione

1. Azione s i m u l t a n e a :
Mi porre che tu sia molto malato.
Non vedo come tu possa arrivare a questo scopo.
Lo pregher che mi faccia questo favore.
P r e f e r i r che io v e n g a direttamente da lui.

Azione p r e c e d e n t e :
Basta che egli abbia comprato i due cavalli.
E inutile che ella sia partita cosi presto.
Per quanto abbia detto la verit, nessuno gli crede.
Sembra che tu sia uscito pi tardi.

2. Azione s i m u l t a n e a :
Preferivo che egli mangiasse a casa.
E stato possibile che essi avessero una bella collezione di fran
cobolli.
Occorse che spendessero tutte le loro economie.
Gradirei che tu mi portassi da Roma un piccolo ricordo.

Azione p r e c e d e n t e :
Temevo che tu avessi perduto durante la guerra tutti i tuoi
documenti.
Dicevano che ella fosse tornata senza up soldo.
Mi pareva che egli avesse sposato una straniera.
Avrei desiderato che essi avessero stabilito la loro casa a Var
savia.

LETTURA

SI PERDONO PER LA STR AD A UN QUINTO DEGLI SCOLARI


di M i r i a m M a f a i

Alcune recenti rilevazioni1 statistiche hanno messo in luce un


fenomeno tipico della nostra vita scolastica: l'alta percentuale di
bambini che vengono ,,eliminati" dalla scuola prima di raggiun
gere la quinta elementare, prima di ultimare, cio, quel ciclo che
da due generazioni almeno, considerato obbligatorio. Perch
tanti ragazzi (e un ancor pi elevato numero di bambine) si ferma
per la strada, alla terza od alla quarta elementare?
In partenza, almeno il 3 per cento della popolazione scolastica
sfugge persino airiscrizione alla prima elementare. Si tratta di un
dato nazionale, che nel Mezzogiorno sale ad almeno il 5 per cento.
Ecco, dunque, un numero gi abbastanza rilevante di bambini,
oltre 30 000, che sono condannati al pi totale analfabetismo.
Abbiamo gi detto che il fenomeno ancora pi grave per le
bambine. Una bambina, nel Mezzogiorno, gi attorno agli otto
o dieci anni pu rappresentare un valido aiuto, in una famiglia
povera e numerosa, nel disbrigo delle faccende domestiche, mentre
la madre occupata in altre attivit. ...
Anche in questo caso la forte eliminazione fem m inile non pu
spiegarsi con un esito negativo dei loro studi. infatti provato
che, generalmente l'esito degli scrutini e degli esami risulta, nel
corso delle elem entari sempre pi favorevole per le bambine.
Questo un dato che offre motivi di seria riflessione, perch se
tale stato di cose non sar mutato evidente che il semianalfabe
tismo destinato a rimanere assai rilevato tra la popolazione fem
minile.
L U n it 7.V I.1962
1. la rilevazione zestawienie

L'AVIAZIONE CIVILE

Nella struttura tradizionale dei trasporti, si inserita lavia


zione civile con un preciso suo carattere di vera e propria inte
grazione diventando rapidamente fattore di progresso e strumento
moltiplicatore di scambi politici, economici e sociali. Il traffico
aereo, con le sue rapide evoluzioni, ha infatti impresso 1 un sostan
ziale mutamento nei rapporti fra i popoli, avvicinando, incremen
tando e trasformando a ritmo sempre pi accelerato tutti gl i
elem enti propulsori che animano il cammino della civilt.
Questo progresso dellaviazione, fenomeno senza uguali n e lla
storia delluomo, ha avuto per protagonista anche lItalia. Gli
aitimi anni della guerra e i primi del dopoguerra avevano tagliato
fuori lItalia da quel progresso tecnico, industriale ed organizzativo
che si era andato sviluppando in altri paesi. Linizio dellattivit
ir^renditoriale destinata ad assumere rapidamente dimensioni
economiche mondiali si ebbe nel 1947 con un primo servizio rego
lare di linea Torino-Roma. Da quel primo volo lo sviluppo ha
assunto2 un ritmo intenso, in dipendenza anche della crescita
economica del Paese che nel breve volgere di un ventennio ha
raggiunto un altp livello di industrializzazione.
In virt del progresso generale, sono ovviamente progrediti
tutti i sistemi di trasporto: marina mercantile, trasporti ferroviari,
trasporti automobilistici; lo sviluppo pi significativo, tuttavia, si
avuto nel settore del trasporto aereo.
Ma un altro fatto da sottolineare: dopo un primo decennio
dalla ripresa, caratterizzato da una attivit confusa e priva di un
indirizzo organico, il problema fu affrontato con decisione, e furo
no poste le premesse dello sviluppo oggi raggiunto.
Nel 1957 fu nominato un Sottosegretario di Stato per lavia
zione civile, punto di partenza della riforma dellordinamento del
settore attuato poi con la legge 6 giugno 1963; nello stesso 1957
fu deciso il concentramento dei servizi internazionali in una sola
Compagnia, l Alitalia.
Il trasporto aereo ormai diventato un grandioso fattore di
progresso e di potenziamento economico in tutto il mondo, sia
quale portatore diretto di, benessere, sia quale incentivo per nu
merosi fenomeni sociali.
Il traffico passeggeri mondiale stato nel 1966 di 202 milioni
di persone. Per lItalia, dal 1958 al 1965 il numero dei passeggeri
si quasi quadruplicato passando da 2,3 a 8,2 milioni; triplicato
il trasporto delle merci, quadruplicato quello della posta.
Lavv en to 3 degli aerobus e dei supersonici4 pone gi in
termini di urgenza la necessit di adeguare le strutture aeropor
tuali alle future esigenze del traffico aereo.
Nella rete aerea mondiale, gli aerodrom i5 italiani per la loro
posizione hanno assunto un ruolo di primo piano che ha indotto 6
gli organi responsabili ad impostare il problema del ridimensio-
uamento degli aeroporti, perfezionando gli impianti gi esistenti
e creandone di nuovi.
Gli aeroporti italiani a disposizione dellaviazione generale
ammontano a 113. Quanto al traffico, il maggiore aeroporto ita
liano Leonardo da Vinci' di Roma-Fiumicino, al quarto posto in
Europa per il traffico passeggeri, seguito da quello di Milano-Li~
nate che occupa il 13 posto.
V ita it a lia n a n r 5, \%%

1. impresso participio passato del verbo imprimere


2. assunto participio passato del verbo assumere
3. l avvento pojaw ienie si la venuta
4. il supersonico samolot ponaddwikowy
5. l aerodromo laeroporto
6. indotto participio passato del verbo indurre

L A SICUREZZA DEL VOLO, PROBLEMA DEL GIORNO


di F e l i c e Porro

Quello di sicurezza un concetto comune, primitivo, ma


purtroppo la sicurezza al cento per cento non si pu raggiungere
in nessun campo. Perci non si dovrebbe a rigore parlare di sicu
rezza ma di gradi di sicurezza. Lo sviluppo sano e ordinato di una
sicura aviazione civile costituisce un fattore di decisiva impor
tanza nel mondo, in quanto pu notevolm ente contribuire a creare
e mantenere amichevoli e fecondi rapporti fra i popoli e ad ac
crescere il benessere delFunanit. Per questi motivi, in ogni sin
golo Paese e in sede internazionale, ci si preoccupa di emanare
provvedimenti e regolamenti che garantiscano e migliorino sempre
pi la sicurezza del volo, la quale mira alla salvaguardia della vita
umana sia di chi vola che di chi sta a terra.
Evidentemente la sicurezza del volo non dipende soltanto da
quella intrinseca della macchina, che per essenziale. Un a e r e o
che sia di per se eccellente e sicuro, impiegato male, cio in compi
ti sproporzionati o inadeguati alle sue possibilit, oppure mal
condotto, diventa immediatamente un mezzo pericoloso. P e r c i ,
quando si parla di livello di sicurezza in un viaggio aereo, si deve
tener conto di tutti i fattori che entrano in gioco: la m a c c h i n a ,
gli uomini che la guidano e la servono, la rotta, le basi di partenza
e di arrivo, lorganizzazione e il funzionamento della complessa
assistenza meteorologica e radio al volo, e altri.
I requisiti riguardanti questi fattori e in genere tutte le norme
emanate dalle autorit nazionali e internazionali che disciplinano
la materia della sicurezza di volo, mirano precisamente a garantire
che nellimpiego deirapparecchio, per quanto umanamente pre-
vidibile, il livello di sicurezza non venga mai a cadere al di sotto
di quello minimo prescritto e che la scrupolosa osservanza delle
norme stesse dia la massima probabilit di voli sicuri.
L e v ie d 'I ta lia nr 9, 1958

ESERCIZI

1. Temi da sviluppare:
Il problema d ellanalfabetism o e la lotta contro l analfabetismo.
Lorganizzazione della vita culturale in campagna.
La costruzione delle scuole del Millenio.
Le linee aree polacche LOT.
La sicurezza del viaggio in treno, in areo, con la nave.

2. Volgere l infinito alla persona conveniente del congiuntivo:


Credevano che il nuovo governo (volere) ispirarsi, nella sua politica
verso i lavoratori, a principi diversi dai governi precedenti.
Le confezioniste vogliono che la durata del periodo di apprendistato
(essere) ragguagliata al tempo strettam ente necessario per imparare una
mansione.
giusto che ci (aumentare) i salari dicono gli operai durante lo
sciopero.
Era necessario che egli (imparare) litaliano. ^
Desidero che tu (venire) ogni mattina.
Ha temuto che io (avere) m olti dispiaceri.
Preparano tutto affinch lo sciopero (potere) scoppiare il giorno se
guente.

3. Costruire 10 frasi usando vari tempi del congiuntivo.

4. Tradurre in italiano:
Nie pozwalam, abycie obraali starszego czowieka. Chcemy, by ro
dzice byli zadowoleni z nowego mieszkania. Jest rzecz konieczn, aby
Pozna prawd. Nie wypada, aby nosia tak krtk sukni. D ziw i si,
20 jeste tak le wychowany. Przypuszcza, e nie lubisz kina. Sdz.
2e jestecie bardzo nieszczliwi. Mwi, e zostanie piewakiem.
Chciabym, aby dosta stypendium. Wymagaj, bym gra na fortepianie.
5. Tradurre la frasi dellesercizio 4, usando un tempo passato
nella proposizione principale.

Ad una partita di calcio

Guarda, caro dice la giovane sposa al marito come


si stanno leticando quella palla... non sarebbe meglio che ogni
squadra avesse il suo pallone?
70. Lezione settantesima
Ricapitolazione del congiuntivo: forme e uso, attraverso le letture

GRAMMATICA

Ricapitolazione del congiuntivo: forme e uso, attraverso le


letture

LETTURA

UNIT TURISTICA DEUROPA


di G i o v a n n i Mi ra

Tredici anni di pace sono passati: pace inquieta, apprensiva lr


malcerta, ma insomma pace in quasi tutto il mondo. Fu prima un
gran sospiro di liberazione, poi subito uno slancio di ripresa, una
febbre di ricostruzione, unoperosit intensa e continua e che dura
tuttora. Alcuni paesi hanno richiesto pi tempo e fatica per ri
sollevarsi, altri hanno chiuso ben presto le ferite; in generale il
mondo doggi vive, per quel che riguarda le condizioni materiali,
non peggio anzi in molti paesi meglio che prima della guerra. Non
si pu disconoscere che stato realizzato un grande progresso
tecnico ed economico, anche se non dato ravvisare uguale pro
gresso nel campo morale, nei rapporti tra gli individui e i popoli,
nel loro affratellamento 2, nella ricerca dei beni superiori, in un
pi alto valore dato alla vita umana. Formuliamo almeno l augurio
che ogni nuova conquista della tecnica, ogni nuovo miglioramento
delleconomia, insomma ogni nuovo avanzamento in qualsiasi
campo sia adoperato in primo luogo per lelevazione della civilt,
Per la pace tra le genti. Anche nel campo del turismo, che ha
stretta attinenza con la tecnica e cori leconomia, sono da registra
re, come risultato di questi tredici anni, progressi imponenti.
A s s is i. B a s ilic a d i S a n F ra n c e s c o

Un grande settore del turismo riguarda i trasporti: indubbio


che qui sono molto perfezionati tutti i mezzi: ferrovie, navi, auto
mobili, aeroplani. Inutile dilungarci: chiunque intraprenda oggi
un viaggio e metta a confronto la celerit, la comodit, la spesa
con quelle di ventanni fa, riconoscer senzaltro i progressi. ...
Ma il progresso maggiore per quel che riguarda i trasporti ter
restri consiste nellenorme incremento dei mezzi motorizzati su
strada ordinaria: dagli autopullman 3 di gran turismo in servizio
internazionale alle pi economiche vetturette 4 utilitarie 5, dai pos
senti motocicli per centauri ai pi modesti micromotori6. La mol
tiplicazione dei trasporti si accompagna alla trasformazione della
rete stradale: costruzione di nuove autostrade, rettifiche e bitu
mature 7 di strade esistenti, creazione di servizi turistici annessi
alle strade (stazioni di servizio, autostelli, parchi per campeggi,
ecc.).
Non solo in Italia, ma anche in altri paesi si lamenta un certo
ritardo nel miglioramento della rete stradale rispetto alla molti
plicazione delle automobili. Questa rimane uno dei fatti pi c a r a t -
dei nostri tempi: la trasformazione di un oggetto di lussa
te r is tic i
. un0 strumento di uso comune, atto a servire insieme al lavoro
e all svago. Lo storico delleconomia registrer questo fatto come
un indice tra i pi importanti del migliorato tenor di vita di vas
tissimi ceti del mondo moderno. Di pari passo con lincremento
dellautomobilismo va lincremento dei turismo come funzione so
ciale, come attivit s:a individuale sia collettiva, sempre pi dif
fusa, sempre pi organizzata eppure sempre pi libera, come
componente normale dellesistenza delluomo moderno, per il ri
poso e lo svago del lavoratore, per leducazione dei giovani, per
la cultura di tutti. ...
Altro campo per il quale si reclama maggior libert quello
del regime doganale, per ci che riguarda i passaggi di confine
degli autoveicoli. ...
Qui lItalia si trova in ritardo. Mentre da un lato essa ha il
massimo interesse a facilitare lingresso di autoveicoli di turisti
attraverso tutti i suoi valichi di frontiera, dallaltro sembra che
i suoi reggitori ritengano che il pericolo di evasioni fiscali possa
arrecare danni superiori ai vantaggi della liberalizzazione; a meno
che non si tratti della solita lentezza ministeriale nel mettersi al
corrente coi tempi. Auguriamo che il nostro Paese possa al pi
presto anche per questo riguardo m ettersi alla p a ri8 coi vicini. ...
La civilt doggi non ha ancora raggiunto quel grado di reci
proco rispetto, di tolleranza e confidenza di serenit sgombra di
atroci ricordi, di pi sentita umanit che ebbe negli anni tra la
fine del secolo XIX e il principio del XX. Ma pi dura la pace
e pi si dovrebbe avanzare in questa direzione. Anche lo sviluppo
del turismo odierno fatto per facilitare e accelerare questo pro
gresso. ...
L e v ie d I t a lia nr 7, 1958,

1. apprensivo, -a bojaliwy, -a
2. affratellam ento zbratanie
3. l autopullman autokar typu pullman
4. la vetturetta diminutivo della vettura
5. lutilitaria (lautomobile utilitaria) samochd maolitraowy
6. il micromotore motor maokalibrowy
7. la bitumatura asfaltowanie
8. alla pari na rwni
NON SONO PI SEMPLICEMENTE TRE I MODI
DI TRASCORRERE LE FERIE
di C l e m e n t e A zz in i

Fino a dieci anni fa si conoscevano soltanto tre semplicissimi


modi di fare le ferie: andare al mare, andare in montagna, restare
a casa propria. Ora, questultimo, economico sistema sempre
meno ben visto da sempre pi persone. Dal conto loro, al tempo
in cui la villeggiatura era un lusso, riservato alle classi benestanti,
i fautori dei primi due modi erano accaniti difensori della propria
scelta, che non mutava mai con il trascorrere del tempo: chi era
per la spiaggia infuocata ci tornava ogni anno e sempre nella
medesima localit; l altro restava cocciutamente legato ai suoi
monti. ...
Nel frattempo, durante un paio di lustri, la esigua schiera dei
fortunati che potevano permettersi delle vacanze decenti cresciu
ta parecchio, fino a diventare una moltitudine; inoltre la villeg
giatura non si limita pi ai due o tre giorni, attorno al periodo
del Ferragosto, da passare fuori porta. Lannuale riposo di tanta
gente e le localit dove andare a trascorrerlo sono divenuti pro
blemi di notevole importanza sociale ed economica, per la grande
massa di persone che ne sono interessate e per il cospicuo giro di
denaro che si determina. ...
Quelli che scelgono il mare non si limitano poi a stare ore ad
arrostire al sole: fanno della caccia subacquea, scivolano trainati
da un motoscafo, e fendono le onde con un piccolo fuoribordo.
Anche in montagna non bastano pi le lunghe passeggiate ini
ziate allalba per risvegliare lappetito: la gente vuole trovare, nel
minuscolo centro montano, campi da tennis e da bocce, seggiovie 1,
funicolari, attrazioni varie. ...
Per concedersi due settimane di villeggiatura si devono soste
nere spese ben pi forti di quelle e cui si abituati: intanto lacqui
sto di un minimo di vestiario adatto, il maggiore costo del vitto
poi il canone della camera o del piccolo appartamento preso in
affitto, l aumento dei consumi voluttuari, il viaggio in treno o in
utilitaria. E altro ancora. ...
In definitiva, se si bada al lato finanziario, e non si pu non
farci caso, la villeggiatura, per grande parte delle famiglie che
lavorano a reddito fisso, si trasforma in un disastro le cui conse
guenze si faranno sentire anche molti mesi dopo il ritorno a casa,
quando dei benefici ottenuti dal breve svago non sar pi rimasto
che un pallido ricordo.
Avanti, 8.VI.1962

1. la seggovia wycig krzesekowy

TRAN SIT ALI AN A VIAGGIO DELLA SPERANZA


di U go Z a t t e r in

La ,,Freccia del Sud parte da Siracusa alle 11 e 55. Quando


in orario giunge a Milano dopo 24 ore e 3 minuti, avendo attra
versato in lunghezza tutta la penisola. il treno dei meridionali
che si trasferiscono in Lombardia dalla Sicilia, dalla Calabria,
dalla Basilicata e dalla Campania. Lo scopo migratorio fa s che
ogni viaggiatore porti con s un inverosimile numero di bagagli:
vecchie valige legate con lo spago, ma soprattutto sacchi e scato
loni che, straripando dalle apposite reticelle, ingombrano i corri
doi e parte degli scompartimenti. Per ssere ammessi su questo
treno i viaggiatori devono possedere un biglietto con percorrenza
superiore ai 600 chilometri, cio devono recarsi sicuramente alle,
soglie del nord. Narrano i ferrovieri che ad ogni stazione inter
media i nuovi passeggeri si ammassano nelle vetture di centro
e di testa, respingendo linvito ad occupare anche le vetture di
coda, semivuote. Non si fidano, infatti. Sospettano che vengano
lasciate indietro, staccate dal convoglio prima che il viaggio verso
il nord, verso la speranza, sia compiuto. ...
Lavventura del nord comincia gi in treno. Si viaggia con
disagio tra i bagagli ammonticchiati e i bambini che non riescono
a star fermi. Ma il nord vale anche ventiquattrore accoccolati su
due valige o rannicchiati dentro il W.C. Lhanno chiamato il con
i g l i o della speranza...
La malinconia del distacco sembra soffocata dalla convinzione
che il domani sar felice. ...
Lasciano con gioia la secolare miseria meridionale. ...
Si calcola che negli ultimi quindici anni circa il dieci per cento
della popolazione meridionale sia emigrato verso il Nord. Quasi
400 mila unit hanno raggiunto Torino, 300 mila Milano, altret
tante Genova. Statistiche precise non ne esistono, forse non se ne
potrebbero nemmeno fare, perch soltanto una parte degli emi
grati notificano il loro trasferimento al municipio di partenza
o a quello di arrivo. Ma ad occhio si vedono i paesi vuotarsi in
Abruzzo, in Calabria, in Basilicata, e certi quartieri crollanti, certe
Coree x, certe cinture povere del triangolo industriale riem
pirsi di gente che parla rumorosamente abruzzese, calabrese, luca
no. La corsa verso le citt del mirolo, la febbre del Nord, la
leggenda duna terra promessa dove tutti trovano lavoro suffi
ciente per campare, alimenta questo grande travaso di popolazio
ne autentica rivoluzione demografica i cui effetti permanenti
si riveleranno nel corso degli anni sessanta.
Ogni notte che passa, tre lunghi treni trasportano lungo la
spina dorsale della penisola i nuovi conquistatori del Nord. Il
Treno del sole e la Freccia del Sud raccolgono i meridionali
del versante tirrenico, il Lecce-Milano i meridionali del versante
adritico. Questi convogli sono la mobile valvola che alleggerisce
leccedenza demografica delle campagne meridionali e arricchisce
le scorte di mano dop era2 delle industrie settentrionali. Visto
con sguardo strettam ente economico ed espresso in termini di
forze di lavoro, di produttivit, di densit demografica, il feno
meno sostanzialmente positivo. I meridionali vanno a coprire
tutti i vuoti che il miracolo produce via via nel settentrione,
ripopolano, persino certe zone di miseria dellAppennino, i cui
abitanti li hanno preceduti nella fuga dalla terra alla fabbrica.
N elle grandi citt prendono dassalto le abitazioni secolari, che gli
indigeni hanno abbandonate per trasferirsi in case pi nuove
e confortevoli, e ripopolano le bidonville 3 che altri meridionali,
finita la precariet iniziale, si sono lasciati dietro le spalle. Si
prestano ai lavori pi um ili ed umilianti, ed alle fatiche pi gra
vose, accettano incombenze che un operaio del luogo, appena
esperto, respingerebbe ormai senza discutere il salario e neppur
loro, per verit, lo discutono. ...
Non c mai da sbagliarsi, quando si tratta di mestieri a r r a n
giati, aleatorri4, irregolari: meridionali sono, al 90 per cento, gli
ambulanti, i guardamacchine 5, i venditori di fiori, di limoni e di
accendisigari, i raccoglitori di rifiuti di Milano e di Torino. Quan
do chiedono lavoro il dialogo sempre lo stesso: Coshai fatto
finora? ,,Tutto. Cosa sai fare? ,,Un podi tutto. Per taluni
questo ecclettismo finisce col diventare un vanto. Io non sono
come i milanesi, che sanno fare un mestiere solo. Io ho fatto
il contadino, il muratore, il cameriere, il fornaio e lo spazzino:
un siciliano, me lo diceva, e con grandissimo orgoglio.
I meridionali lo sanno anche loro, arrivando nel Nord, che il
primo passo umile. Pochi silludono di conquistare subito la
fbrica e il benessere. ...
I delusi che riprendono la via del Sud sono pochi. Quasi tutti
infatti, hanno coscienza che il loro viaggio al Nord non ammette
ritorno. La miseria di quass sempre preferibile alla miseria
di laggi, per il semplice fatto che quass, a differenza di lag
gi, c il miracolo: c il danaro, ci sono le fabbriche, c una
speranza, che ormai morta e seppellita in tante zone del meri
dione. Limportante te lo dicono tutti saper resistere. ...
Pi difficile trovare alloggio. Ho visto certe locande e certe
soffitte nel centro storico di Torino, e certi agglomerati di cata
pecchie nei comuni che circondano Milano, che costituirebbero uno
scandalo in qualsiasi altro paese europeo. Ma i meridionali che
magari son venuti dai sassi di Matera o dalle caverne di Andria,
le sopportano, come tutto il resto che costituisce 1,,altra faccia
del Nord. N ellansia di aggrapparsi si accontentano di vecchie
caserme, crollanti ex case del fascio 6, baracche, cantine, topaie 7;
purch siano quattro mura e un tetto, le invadono coi loro bambini,
coi loro panni perennemente stesi, con le loro grida e le loro radio
gracchianti. ...
,,P a n o r a m a n r 1, 1962

1. la corea m alattia nervosa (taniec w. Wita) tu: okrelenie ndz


nych ruder sucych za m ieszkanie
2. la scorta di mano dopera zapasy siy roboczej
3. bidonville (francese) skupisko barakw dla najbiedniejszej ludnoci
4. aleatorio, -a przypadkowy, -a
5. il guardamcchine stranik parkingu
6* il fascio partia faszystowska
7. la topaia mysia nora

Studiam o la lin gu a 465


ESERCIZI

1. Temi da sviluppare:
Centri turistici in Polonia.
Il mare e le montagne.
Riassumere la prima lettura.
Le possibilit di passare le vacanze in Polonia.
L Italia del Sud ed i suoi problemi.

2. Nella lettura 1 spiegare luso del congiuntivo.

3. Scrivere la composizione seguente: Le mie vacanze.

4. Tradurre in italiano:
Sdz, e si oeni. Obawiamy si, e si zarczya. Czy masz
nadziej, e si pobrali? Czy jestecie radzi, e wrciem? Jest smutny,
e nie przywioze mu prezentu. Przykro im, e tak si zmczya. Wy
daje mi si, e schud. Wystarczy, e on dobrze zarabia. Nie wiedz,
czy w idziae ten film . Wtpi, by Mario mg to zrobi.

5. Tradurre le frasi dellesercizio 4, usando nella proposizione


principale uno dei tempi passati.
PARTE QUINTA

Pagine scelte della


letteratura italiana
71. Lezione settantunesima
jrornia enclitica

GRAMMATICA

FORMA ENCLITICA

Come abbiamo gi detto (lezioni 35, 36, 37) infinito, gerundio


e imperativo unendosi con il pronome personale e con la particella
ne fanno forme enclitiche:
Voglio ricordarmi . . .
Guardandoti negli occhi . . .
Portagli un regalo.
Non bevo caff, ma voglio averne in casa.

A t t e n z i o n e : Nel primo caso, si pu evitare la forma encli


tica (infinito + pronome o particella ne) se il pronome o la parti-
cella preceder il verbo:
Non ho potuto scriverti Non ti ho potuto scrivere.
Voglio vederlo. Lo voglio vedere.
Dovr dirle la verit. Le dovr dire la verit.
Posso parlarne domani Ne posso parlare domani.

Anche il participio passato unito con il pronome personale fa


la stessa iorm a enclitica:
vedutomi salutatoci
compratoti ricordatovi
scrittogli ammalatosi
raccontatole

E sem pi:

Vedutomi (vistomi) in compagnia di quest'uomo ha sparlato


di me.
Conosciutoti dieci anni fa ti ha promesso di amarti tutta la
vita.
Chiamatolo Peppino scherzava sempre con lui.
Fattasi bella, andata allopera.
Mandatile i fiori, si present la sera alla sua casa.
Ascoltatala, mi sono convinto che era una grande cantante.
Portateci le buone notizie, si rallegrato con noi.
Salutatele nella strada, sorrise gentilmente.
Vendutomi un paio di scarpe, mi rub la borsetta.
Sentitolo suonare il violino disse: ,,ecco un nuovo Paganini.

Le forme enclitiche possono essere formate da d u e pronomi


personali (in funzione di complemento oggetto e di termine) o dal
la particella ne e dairinfinito, dal gerundio, dairimperativo e dal
participio passato.

In questo caso, se i pronomi Io, la, li, le (complemento oggetto)


o la particella ne sono preceduti dai pronomi mi, ti, si, ci, vi, si
(complemento di termine), quelli ultimi diventano me, te, se, ce,
ve, se. Gli e le fanno glie che si unisce con il pronome o con la
particella ne:
Vuoi portarmi il libro? Vuoi portarmelo?
Dicendoti la verit era pallido pallido. Dicendotela era pallido.
Fammi presto questo piacere. Fammelo presto.
Hai tante sigarette; puoi offrirmene una?
Che belle pesche! Comprandotene qualcuna le mangerai per
la cena.

N o t a : Nel passato la forma enclitica era anche usata con il


presente e con l'imperfetto. Oggi questi casi sono lim itati per si
incontrano nel linguaggio commerciale:
cercasi si cerca affittasi si affitta
crcansi si cercano vedasi capitolo X
vendesi si vende vedansi le note...
vendonsi si vendono
LETTURA

IL RE DI CUORI
Edmondo De Amicis, nel cinquantenario della morte
di Fr a n c o A n t o n i c e l l i

poich Loro conQScono alcuni fram menti del celebre libro Cuore, ci
limiteremo a parlare dello scrittore.

Chiss 1 se a qualcuno, per quella spintarella 2 che certe occa


sioni danno alla curiosit (e si trattato, in questi giorni, VII di
marzo, del cinquantenario della morte) verr voglia di riprendere
in mano un qualche volume di Edmondo De Amicis. Per conto
mio voglio ricordarmi Carmela, un racconto di Vita militare
(oh! mi rapiva quellarietta 3 amorosa: Carmela ai tuoi ginocchi
Placidamente assiso 4, Guardandoti negli occhi Baccindoti
nel viso Trascorrer i miei d...) e alcuni altri di quei bozzetti
per merito dei quali mi parve, ragazzo, la vita da soldato unepo
pea quotidiana; oppure la novella Un gran giorno, che mi ral
legr una volta di sentire cara anche a Benedetto Croce, e, fra
i libri di viaggi, Marocco; voglio ricordarmeli cos come me ne
entusiasmai alla prima lettura. Ma non li rilegger, per non di
struggere quel di pi che limmagine di me scolaretto 5 che saliva
sul palcoscenico 6 del teatro Vittorio Emanuele di Torino a rice
vere in premio ... quasi sempre libri del De Amicis, rilegati
in rosso e oro, in verde e oro.
Semmai 7, aprir qualche capitolo qua e l di altri volumi che
mi furono un tempo meno familiari, per ammirare il giornalista,
un corrispondente invidiabile ancora oggi; ... ricercher alcuni
ritratti e interviste e visite, quella al Manzoni, per esempio, o quel
la al D Annunzio, ... e col pi vivo entusiasmo mi affonder nelle
memorie di unantica Torino chegli conobbe e descrisse minuta
mente, pi e pi volte, fino a cavarne unaroma gentile, e a dise
gnare nella nostra memoria una citt tutta a sua immagine, come
ad altri scrittori torinesi non riuscito. ... Forse il meglio che
resti da fare, per pagare un tributo di omaggio a questo scrittore
che fu il pi popolare che sia mai comparso in Ita lia ....
Cuore: un libro unico

Mi prover con il libro pi celebre, Cuore. Il quale ha com


piuto da poco i settantanni (1886). Forse i ragazzi non lo leggono
pi quanto una volta, a scuola e nemmeno fuori di scuola, ma
insomma a calcoli fatti, ci sono in giro, fra edizioni correnti e di
lusso, un quattro milioni di copie, e chi le. legger dunque? Sareb
be una ricerca da fare. Intanto mi pare assicurato che lo leggono,
cio lo rileggono, gli anziani (alcuni dei quali anzi mi hanno con
fessato: allora Cuore non mi faceva questo effetto, mi p ar8
meglio oggi). ...
Quanto a me, se posso dirlo, sono pi vicino al giudizio di
Benedetto Croce che anche in Cuore come in altri libri del
D e Amicis vide ispiratrice la bonaria Musa della pedagogia,
e questo non diminuir affatto autore e libro, perch Cuore,
detto sin dalla prima riga della prefazione, ,, particolarmente
dedicato ai ragazzi delle scuole elem entari, con la speranza di
far loro del bene, e perci voleva essere di proposito un libro
educativo, e questo era un mettersi a posto con le esigenze pi
severe deir Arte. Era un libro sui generis 9, fatto insieme con la
spontaneit di un ragazzo e le sue effusioni sentim entali e con
la riflessivit e la pienezza di vita e le idealit sperimentate di
un uomo maturo. Se vi rileggete bene la breve prefazione, note
rete che non a caso il De Amicis ha voluto immaginare che il libro
sia il diario di un ragazzo in un certo anno scolastico, anzi esat
tamente il 1882, ma poi quelle pagine si fingon 10 rivedute e tra
scritte dal padre, e poi ancora, quattro anni dopo, accresciute di
nuovo dal figlio. Insomma infanzia, adolescenza e maturit si sono
date la mano e ne uscita quella mescolanza che fa di Cuore
un libro unico.
Una prima idea forse molto vaga, con quel titolo Cuore che
non fu mai perduto di mente, gi del febbraio del78. Lispira
zione nacque dalla lettura deirAmour di Michelet: il libro
piacque al De Amicis e gliene rest fissato nello spirito anche lo
schema, construito di osservazioni, bozzetti, schizzi tutto co
ordinato al soggetto. Ma il Cuore cos com, prese forma sol
tanto n ell86, in pochissimo tempo. Per lapertura delle scuole
elem entari il libro era stampato. Il 15 ottobre era gi nelle vetrine:
alla fine deiranno se ne erano gi fatte 41 edizioni (pi di unedi
zione ogni due giorni) e gi erano pervenute alleditore Treves
domande di traduzione. Un ,,record7. Un successo (di cui, men-
tre scriveva il libro, lautore aveva avuto coscienza) anche econo
mico, allora, pi che raro, unico nel mondo degli scrittori. ...
Nel luglio 1910 usciva unedizione sulla cui copertina era
stampato: ,,con questo 500 migliaio il Cuore raggiunge il mezzo
miline di copie, che era dire due volte la stessa cosa, dimostran
do con bella ingenuit lo sbalordimento 11 di quella cifra. Nel 1923
si toccava il milione. E nessuna lingua al mondo lo ignorava, e in
Giappone era un libro di lettura nelle scuole.

Il sentimento dell'unit nazionale

Dar una notizia curiosa. Una traduzione venne fatta in Russia


nel 1906, se non sbaglio da una delle sorelle di Lenin. Ma la casa
editrice si era permessa di raggiungere un racconto m ensile agli
altri nove, un racconto naturalmente non di mano del De Amicis,
in cui si narra della figlia di un cantoniere 12 la quale una notte,
ammalatosi improvvisamente il padre, d lei in modo perfetto
tutti i segnali ai treni di passaggio; e questa aggiunta era giusti
ficata dallosservazione che, accanto a gesta di maschietti, era
strano che non ci fosse un atto generoso compiuto da una bimba.
Per parte mia, non saprei indicare con esattezza dove batta
di pi laccento del De Amicis. LItalia di quel tempo, subito dopo
lUnit, aveva molti problemi da risolvere, ed era naturale che ad
essi lo scrittore volgesse i suoi pensieri educativi di maestro e di
cittadino, per far s che sparissero dalla faccia dellItalia sono
sue parole la miseria, lignoranza, lingiustizia, il delitto. Ma
penso che un sentimento premesse di pi n ellanimo del De Amicis
e fosse quello dellunit nazionale, appena cominciata, fatta solo
costituzionalmente, scritta nello Statuto e nelle leggi e nei prov
vedimenti 13, ma tuttaltro che fatta negli animi. Ricordate nel
libro che lanno scolastico appena iniziato ed ecco arrivare in
classe un ragazzetto come spaurito. un calabrese e il maestro
sente la necessit di presentarlo ai compagni e di concludere:
dategli vedere che un ragazzo italiano in qualunque scuola ita-
liana metta il piede, ci trova dei fratelli. Si sente unenorme di
stanza, non solo geografica, che oggi chi avvertirebbe? ma allora
era sensibilissima. ... Questa di ficcare bene in testa ai ragazzi
lidea di un Italia unita, di barriere cancellate, di regionalismi
inopportuni, era necessit ancor viva. Del resto, ricordo che nelle
scuole elementari del mio tempo una delle rappresentazioni pi
consuete era proprio questa: raffigurare le differenti regioni che
davano il benvenuto 14 alla madre Italia. Ma io facevo le elem en
tari prima dello scoppio della guerra del15; e fu solo in quella
guerra che gli Italiani, sullo stesso fronte, cominciarono a cono
scersi.

La cura della bont

Il ,,Cuore interessa perch riproduce stampe, costumi, usi,


idealit di allora; piace ai torinesi, perch c tutta Torino den
tro ...; piace agli italiani perch c il problema, ben involto nella
vivezza fantastica dei racconti, dellItalia che cominciava a cresce
re. Era il libro che ci voleva allora, per imparare, tutti alla stessa
stregua 15, lo stesso linguaggio civile ed umano. Ma soprattutto
piace, perch, fedele al titolo, c, largamente effuso 16, il battito
del cuore. Non domina la mente, domina il cuore. Quella cura
della bont non pareva mai sufficiente al De Amicis e, tutto som
mato, egli non aveva torto, perch, se anche soffusa di troppe
lacrime, era bont autentica, vissuta, sofferta, pagata e nessuno
di noi, nemmeno oggi, si vergognerebbe di accreditarla nel mondo
in cui viviamo; e poi era una emanazione spontanea e generosa di
tutto il suo essere. Come dice il suo volto dipinto dal Gordigiani
in un ritratto stupendo, dove si illuminano i caldi occhi schietti
che D Annunzio ammir.
L e v ie d I ta lia n r 3, 1958

1. chiss kto wie, moe


2. la spintarella diminutivo della spinta; lo spingere uno sforzo
per muQvere qualcuno o qualche cosa
3. l arietta diminutivo dellaria
4. assiso participio passato del verbo assidersi (assidersi = sedersi)
5. lo scolaretto diminutivo dello scolaro
6. il palcoscnico il palco su cui rcitano gli attori nel teatro
7. semmai = se mai jeli jednak
8. mi par = mi pare
9. sui gneris (latino) swego rodzaju
10. si fingon si fingono (verbo fingersi)
11. lo sbalordimento la m eraviglia, la stupefazione
12. il cantoniere stradale o ferroviario chi e addetto alla sorveglianza
della strada o strada ferrata, per fare i segnali quando passano i treni
13. il provvedim ento lordine dato per evitare un danno, ecc.
14. dare il benvenuto wita
15. la stregua proporzione, misura stabilita. Giudicare, trattare tutti
alla stessa stregua
16. effuso participio passato del verbo effondere

TIPO SOAVE
di A l f r e d o P a n z i n i
(fr a m m e n to )

Alfredo Panzini (1863 - 1939) scrittore italiano, conosciuto soprattutto


come autore di m oltissim e novelle.

Ah, signore, vostra bella Italia molto delizioso paese. Vino


Barolo l, poi vino Asti spumante, poi vino Lacryma C hristi2, poi
vino Vesuvio, poi vino Santo 3, poi vino Inferno. Ogni citt suo
vino. Cos ogni citt sue donne. Donne Lacryma Christi a me
non piacere, donne Vesuvio, trem blem ent de terre 4; donne spu
mante, come questo, piacere moltissimo per dessert. Noi in Ame
rica tutte belle donne, ma..., permettete un momento.
Cos dicendo, mister John lev di tasca il suo dizionarietto
rosso, cerc, trov la parola che gli mancava e profer: mo
notone.
Monotone corresse lingegner Arturo Zeta.
Ah, s, monotone. Io, a Milano, ho conosciuto una donna...
Mister John cerc nella lista dei vini il tipo di donna conosciu
to a Milano. Fu tutto felice quando trov anche questo tipo: vino
bianco Soave.
Soave, sweetly, gently 5, nest-ce pas? 6
Lingegner Arturo Zeta fece un cenno di assentimento.7.
Permettete? disse mister John.
Mise la mano nelle grandi tasche, trov un altro libretto, lev
la penna doro, scrisse: Soave. Grazie, signore.
I due signori si erano conosciuti al grande albergo di villa
d Este. LHispano Suiza di mister John cittadino della grande
felicissim a repubblica stellata, e la Isotta dellingegner Zeta
erano state causa occasionale di una momentanea presentazione. ...
Lingegner Zeta aveva bevuto a colazione acqua minerale,
mentre mister John aveva bevuto prima una bottiglia di Barolo
ed ora stava consumando una bottiglia di Asti spumante. ...
Tipo soave per matrimonio continuava mister John
sempre pi difficile trovare. E allora noi fare spesso divorzio.
Lingegner Zeta ascoltava per deferenza, ma aveva fretta e lal
tro non saccorgeva, se non quando la Isotta fece scricchiolare
piano la ghiaia minuta del viale avanzando con quella maest che
designa il furore di velocit rinchiuso nelle m etalliche sue viscere.
Mi dispiace, mister John, di lasciarvi, ma ho telefonato
a mia moglie che sarei a Venezia alle diciotto.
Moglie? Voi avete moglie? Oh! E bebi anche?,
Due bebi.
Oh! tipo soave vostra moglie?
Credo rispose sorridendo l ingegner Zeta.
Bene, allora mia signora, a Milano, anche pi soave...

1. il barolo Qttimo vino piem ontese


2. Lcrym.a Christi o Lacrima Christi nome dun vino del "Vesuvio
e della Sicilia
3. il vino Santo vino fatto con uve bianche passe (rodzynki)
4. tremblem ent de terre (frane.) il terremoto
5. sw eetly, gently (ingl.) r dolce, soave, clelicato, gentile
6. nest-ce pas? (frane.) non vero?
7. l assentim ento il consenso

ESERCIZI

1. Discutiamo:
Il Cuore in Polonia.
Edmondo De Amicis nel cinema e nella televisione.
Il valore del Cuore come libro per tutti i ragazzi.
L Italia agli occhi degli stranieri.
2. Usare nelle frasi le espressioni seguenti prese dalla lettura:
Quanto a . . . (me, te, lui, lei, ecc.)
a caso non a caso
darsi la mano (infanzia, adolescenza e maturit si sono date la mano . . . )
perdere di mente (. . . quel titolo Cuore che non fu mai perduto di
mente ...)
prendere forma.

3. Fare le forme enclitiche con i pronomi lo, la, li, le, gli, le e la
particella ne e l'infinito:
il mio libro, lo volete leggere?
Angelina prende le mie gonne per stirare le mie gonne.
Passer un m ese in questa citt, perch voglio visitar bene questa citt.
La porta chiusa, non si pu aprire la porta.
un film molto bello; lo vuoi vedere?
Lina sar a casa alle otto; le devo telefonare.
Aspetto Carlo; gli devo comunicare una notizia importante.
I ragazzi non tornano, bisogna aspettare i ragazzi.
Ho dato a Maria due libri, ma essa voleva avere tre libri.
Luciano conosce tante canzoni, tu sai cantare una sola.

4. Sostituire al complemento oggetto i pronomi lo, la, li, le in


forma enclitica:
Non posso darti questa penna.
Non pu dirmi le bugie.
Vuoi darmi la medicina?
Devo portargli i giornali.
Possiamo mostrarvi i nostri disegni.
Non vuole comprarle la nuova borsetta.
Volete venderm i questo cane?
Puoi prestarci m ille lire?
Devi scrivermi una lunga lettera.
Non potete leggergli un romanzo poliziesco.

5. Tradurre in italiano usando forme enclitiche:


Nie moe wstawa wczenie, bo jest saba. Nauczyciel zawoa chop
ca, eby go ukara. Przygotowaem paczk, musisz j wysa. Trzeba
kupi cytryn, ale nie wiem y, ile ich mamy kupi. Czy chcesz mu kupi
krawat? Tak, chc mu go kupi na imieniny. Musz da jej pienidze
na miso. Musz je da jej po niadaniu. Moemy pokaza wam zabytki
naszego miasta; moemy je pokaza wam po poudniu. Nie mog poy
czy nam filianek, maj goci i nie bd mogli nam ich poyczy. Przy
wioza mu z Rzymu pikny szalik; bdzie mu moga da go na imieniny.
Ofiaruj jej czekoladki; musz je w ysa jej poczt.
Tradurre in polacco:

La porta dellInferno
Per me si va ne la 1 citt dolente,
per me si va ne leterno dolore,
per me si va tra la perduta gente...

Dinanzi a me non fur 2 cose create


se non eterne, e io eterna duro.
Lasciate ogni speranza, voi chentrate.
DANTE (1265 - 1321), L a D iv in a C o m m e d ia
ne la = nella
fur = furono
72. Lezione settantaduesima
pronome si
$e particella avverbiale e prono
minale

GRAMMATICA

PRONOME SI

Si pu essere usato come:

1. P r o n o m e soggetto indeterminato (forma impersonale):


Durante le vacanze non si fa niente, si dorme bene, si mangia
molto, si passeggia.
Quando piove si ascolta la radio, si gioca o si fa un pisolino.
Quando fa bel tempo, si va a pescare, la sera si balla un poco.
A 11 e n z i o n e: Se si precede la particella ne, si cambia in se:
Se ne dice male. Se ne parla tanto. Se ne vanno.
Verbo andarsene = andar via = odej:

Io me ne vado. Me ne andr. Se ri andato via.

2. P a r t i c e l l a passivante, con il verbo transitivo alla terza


persona; si accorda in numero con il soggetto:
In Italia si vedono molti turisti.
A Roma si possono visitare monumenti storici e si possono
ammirare opere d'arte.
A Perugia, dove si trova l Universit per gli stranieri, si sen
tono tutte le lingue.

NE PARTICELLA AVVERBIALE E PRONOMINALE

1. Ne particella a v v e r b i a l e = di li, di l, di qui, di qua,


di questo luogo:
Ero a Roma, ma ne sono partito dopo pochi giorni perch avevo
k febbre.
Siete venuti da Milano? Si, ne siamo venuti la settimana scorsa
Andai al mare e ne tornai abbronzato.
Vado in Polonia e non ne torno pi.

2. Ne particella p r o n o m i n a l e = di lui, di lei, di loro,


di questo, di quello:
un buon ragazzo, ne conosco i genitori.

3. Ci + ne = ce ne. Quando ci precede la particella ne, si


cambia in ce:
Ci sono libri italiani sullo scafale? Ce ne sono alcuni.
Ci sono molti treni da Varsavia a Cracovia?
Ce ne sono due: la mattina e la sera.
Quante finestre ci sono nella tua stanza?
Ce ne sono due alte e larghe.
In questa stanza c molto sole; infatti ce n troppo.
Sul piatto non ci sono paste; ce ne metto cinque per i bambini.
Quanti garofani ci sono nel vaso sul com?
Ce ne sono soltanto due: uno rosso e uno bianco.

4. Particella pronominale e avverbiale ne usata con i verbi


riflessivi:
I pronomi: m i , tu si , ci, vi, si
si cambiano in: m e, te , se, ce, ve, se

Vedo delle bellissim e pesche e me ne compro un chilo.


Qui ci stanchiamo e ce ne andiamo a le tto ..
Si servito di questo dizionario? Si, me ne sono servito una
volta.

5. La particella ne usata con le forme tone dei pronomi


personali in funzione di complemento d i t e r m i n e :
Forme tone Forme tone + ne
(complemento di termine)
mi me ne
ti te ne
gli gliene
le gliene
Forme gitone
(complemento di trmine)
si se ne
ci ce ne
vi ve ne
loro ne loro
loro ne loro
si se ne

Esempi: '
Mi mandi molte cartoline: me ne mandi molte.
Io ti scrivo tante lettere: te ne scrivo tante.
Maria gli d tre fazzoletti: gliene da tre.
Egli le ha offerto dei bellissim i fiori: gliene ha offerto.
Ci porta due garofani: ce ne porta due.
Vi parler di questa faccenda: ve ne parler.
Dir loro la verit: ne dir loro.
Si spediscono alcuni pacchi: se ne spediscono alcuni.
Mi dar alcune matite colorite: me ne dar alcune.
Egli ci offre sempre un gelato: ce ne offre uno.
Essi ti comprano cinque rose: te ne comprano cinque.
Hai molte penne, ne venderai una a Laura: gliene venderai una.

LETTURA

IL PREMIO NOBEL PER L A LETTERATURA

Quattro scrittori italiani hanno ricevuto il premio Nobel per


la letteratura:
1906 Giosu C a r d u c c i (1835- 1907) uno dei pi gran
di poeti italiani.
1927 Grazia D e 1 e d d a (1875 - 1936) celebre scrittrice.
1934 Luigi P i r a n d e l l o (1867- 1936) grande scrittore,
novelliere e autore di famose opere di teatro.
1959 Salvatore Q u a s i m o d o (1901 - 1968) grande poe-
te lirico.

31 Studiam o la lin gu a 481


IL CANE
di Gr azi a D e l e d d a

Nel felice mattino in riva al mare ho incontrato oggi un cane.


Tre contadini sedevano sulla sabbia, con a terra l'ombrello, le
sporte *, le scarpe che fanno pesante il cammino.
Il cane stava davanti a loro, fermo con le zampe nell'acqua,
e fissava le lontananze del mare, attraverso le sbarre della muse
ruola 2, come un prigioniero.
Passando anchio scalza3 nell'acqua, lo guardai; poich mi
piace guardare negli occhi le bestie pi che gli uomini che men
tiscono. Il grande cane rispose al mio sguardo: aveva gli occhi
verdi e dolci e una giovane faccia leale: e il dorso alto grigio
macchiato di continenti bruni come una carta geografica.
Intese subito la mia disposizione di spirito, buona perch era
buono il tempo e il mare calmo, e mi segu.
Sentivo i suoi passi nell'acqua, dietro di me, come quelli di
un bambino; mi raggiunse, mi tocc lievem ente col muso per
avvertirmi che era l, e come chiedermi il permesso di potermi
accompagnare.
Mi volsi e gli accarezzai la testa di velluto; e subito ho sentito
che finalm ente anch'io avevo nel mondo un amico.
Anche lui parve lieto di qualche cosa nuova; di pesante si fece
leggero, corse davanti a me quasi danzando nell'acqua donde le
sue zampe pulite emergevano fra nuvoli di scintille: e di tanto
in tanto si fermava ad aspettarmi, volgendosi per vedere s'ero
contenta di lui.
I suoi occhi erano felici, come credo fossero i miei; a v e v a m o
entrambi dimenticato molte cose.
E il mare ci accompagnava terzo in questa bella passeggiata,
anch'esso oblioso4 delle collere che troppo spesso, ma non pi
spesso che a noi, lo sollevano. E le onde giocavano serene con
i nostri piedi. E anche limmagine del sole, nell'umido s p e c c h i o
della riva, ci precedeva ostinata a non lasciarsi raggiungere ne
guardare.
Due giovani passarono reggendo 5 per le braccia come u n a n
fora una piccola ragazza bionda: poi pi nessuno.
Si cos fino a un luogo lontano, un cimitero di conchiglie;
and
morte sparse come ossa in un campo di battaglia.
c o n c h ig lie

pare di essere allestremit della terra, dove l uomo non ar


riva: Torma sola degli uccelli svolge lunghi m erletti serpeggianti
sulla duna immacolata.
Luomo qui non arriva; eppure si ha paura dincontrarne uno:
bisogna tornare indietro, dove si in molti, e l uno ci guarda dal
male dellaltro.
Ma il cane va ancora avanti per conto suo, anzi balza in terra
e si avvoltola 6 nella rena, gioca con un fuscello 7, si stende in su,
col ventre nudo fremente, le zampe che pare vogliono abbrancare 8
lazzurro cielo.
Ho limpressione che si sia dimenticato di me e voglia star
solo colla sua folla gioia di libert: ho come sempre giocato colla
mia fantasia a crederlo di intesa con me.
E torno indietro sola, ma ho fatto pochi passi che sento il
galoppo n ellacqua: la bestia mi raggiunge, mi sorpassa, si volge
e senza fermarsi mi guarda: e mai ho veduto uno sguardo pi
supplichevole.
Non mi lasciare, dice quello sguardo: se mi vuoi vengo con
te, anzi ti precedo per farti sicuro il cammino e per arrivare prima
di te dove tu devi arrivare.
Questo cane dunque mio:1se non dei contadini certamente
mio: e voglio prenderlo; gli far custodire il giardino e nelle ore
di solitudine ce ne staremo assieme alTombra di un albero, paghi
della nostra amicizia. E gli far custodire anche la casa.
Cos penso; poich da piccoli calcoli, come i bei fiori dai loro
semi, nascono le nostre generosit.
Il cane adesso mi veniva accanto misurando il suo passo col
mio: a volte si fermava e annusava le alghe, poi guardava il mare
scuotendo le orecchie: cercava senza dubbio qualche cosa, a misura
che tornavamo gi. Se io per gli accarezzavo la testa sollevava gli
cchi e mi prometteva fedelt.
Arrivati dovenamo i contadini si ferm, immobile, con le zampe
ncllacqua, gli occhi, attraverso le sbarre della museruola, fissi
nclle lontananze del mare.
Pareva un prigioniero tornato nel carcere dopo una breve fuga.
vostro? domandai ai contadini.
No, signora; credevamo fosse suo. Si vede che ha perduto il
padrone.
E per quanto tentassi non volle pi seguirmi: poich adesso
non si trattava pi di giocare. L aveva perduto il padrone, e l
rimase ad aspettarlo.
Molte cose tu mi hai insegnato oggi, o grande cane dai verdi
occhi che dunque sanno mentire come quelli degli uomini.
E sopra tutto mi insegni che bisogna fermarsi dove ci siamo
smarriti, e solo giocare colle illusioni che passano, aspettando che
il nostro unico padrone, la nostra coscienza, venga a ripren
derci.

1. la sporta una specie di sacca di giunchi o di paglia ... serve so


prattutto per andare a fare il spesa (Cappuccini-Migliorini, Vocabolario
della lingua italiana).
2. la museruola arnese fatto di strisce di cuoio o di fili di ferro, in
cui si fa entrare il muso del cane, tenendoglielo cos serrato perch non
morda (id.).
3. scalzo senza calze ne scarpe.
4. oblioso forma potica dimntico (obliare dimenticare)
5. reggere sostenere
6. avvoltolarsi tarza si
7. il fuscello ramoscello sottile e corto di legna secco (id.)
8. abbrancare afferrare con le branche (id.) la branca unghia

COME IMPARAI A LEGGERE


di M a t i l d e S e r a o

Matilde Serao (1856 - 1927) unaltra scrittrice italiana della stessa


poca. autrice di fam osi romanzi: Cuore inferm o, Piccole anim e, ecc.
Visse a Napoli e nelle sue opere descrive il mondo popolaresco e la piccola
borghesia napoletana. Era anche giornalista e un tempo redattrice al Cor
riere del M attino.
In questa lezione presentiam o un suo pezzo autobiografico e una no
vella.

Ero una bimba grassa, grossa, con i capelli castani ruvidi e folti
che m invadevano met della fronte, una bocca rotonda, sempre
aperta alle risate, alle canzoni, agli strilli di gioia. Come tutte le
^ambine robuste, dalla salute esuberante, io non giocavo con la
bambola, ma giocavo alla trottola; non sapevo passeggiare, ma sa
pevo correre. ... non avevo n grazia n dolcezza; sembravo un
maschiotto h Ma quello che pi affliggeva mia madre, disposta
a tutto perdonarmi, salvo questo, era il mio orrore per qualunque
studio, per qualunque occupazione tranquilla.
Avevo otto anni, non sapevo scrivere, non sapevo leggere: non
v o le v o cucire, non volevo far la calza, non volevo neppure fare
la filza, poich allora, vi era la guerra, e al campo se ne manda
vano casse intiere. Non volevo far nulla. E non mentivo, no, fin
gendo di studiare o fingendo di lavorare: non aprivo Talfabeto,
respngevo l ago ed il r e f e 2, dicevo apertamente che non volevo,
che non avrei voluto mai.
Perch non vuoi? mi chiedeva la mamma, contristata3
e compiacente.
Perch lo studio non serve a nulla.
Chi te lha detto?
Lo dico io.
Resterai una ignorante.
Rester una ignorante. E me ne andavo, ostinata, orgo
gliosa, a lacerarmi i vestiti, scivolando sopra la rampa della scala,
con la prepotenza e la cocciutaggine della figliola unica amata
e viziata.
Non imparai a leggere che a nove anni: mia madre era stata
ammalata gravemente, in pericolo di vita: per molti giorni la casa
era stata immersa nella desolazione; io non osavo saltare pi,
non uscivo quasi mai, non gridavo, non cantavo, andavo e venivo
in punta di piedi; appena appena pensavano a darmi da mangiare;
non mi lasciavano entrare in camera della mamma che moriva.
Me ne stavo 4 dietro alla porta, con gli occhi spalancati e sgomenti,
le mani nelle taschette del grembiule e la bocca gonfia come
le creature che vogliono piangere.
Ma non piangevo, no, dominata da un grande spavento. Poi
la malata si riebbe 5; la convalescenza, la lunga lenta convalescen
za venne; io potei entrare in camera e contemplare quel bel viso
scarno della mamma, quei grandi occhi pieni di amore, quella
bocca sottile di cui tutto era bello e buono per me: il sorriso, la
vce, le parole, i baci. In quella lunga convalescenza, docilmente,
senza mormorare, pur di poter restare in quella camera chiusa
nella penombra, presso la mamma, la mia testa indocile si pieg
sullalfabeto; sulla sponda di quel letto di dolore imparai a leg
gere. Nei pomeriggi estivi che non finivano mai, da quella camera
usciva la mia voce che sillabava ostinatamente, fino a sera, mentre
ogni tanto, dai suoi guanciali la mamma scrollava il debole capo
senza parlare, approvando.
Quando mia madre fu guarita, io leggevo velocemente, be
nissimo.

1. il maschiotto = il maschietto diminutivo del maschio ragazzo


2. il refe filo di lino molto forte
3. contristato, -a addolorato, -a
4. starsene przebywa, pozostawa, znajdowa si. Si coniuga come
andrsene
5. si riebbe 3 persona sing. del passato remoto del verbo riaversi;
riaversi di una m alattia = rimettersi; r i a v e r e riacquistare, ricuperare
(la vista, l udito)

UNA FIORAIA
di M a til d e Serao

La bimba camminava lentamente, rasentando il muro, per


la via stretta e tortuosa dei Mercanti. Ella non guardava nelle
botteghe, non alzava gli occhi a quella lunga striscia di cielo che
appariva fra le alte case, non guardava neppure dinnanzi a s.
Guardava le pietre, come se le contasse. Camminava, senza cu
rarsi del fango del selciato, degli u rto n i1 che le davano, di qualche
rara carrozza che p assava....
Era una m endica2. Aveva fame, aveva freddo, aveva sete.
Aveva le gambe nude, i piedini scalzi che si deformavano nella
mota 3. In quel gelido giorno di febbraio, ella non portava che una
camicia e un sottanino4 lacero e sfrangiato, mantenuto su, alla
cinta, da uno spago. Aggrovigliato al collo, un brandello di ciar
pa 5 airuncinetto. Niente altro. La bimba era molto magra, quasi
stecchita: dagli strappi della camicia e del sottanino si vedeva una
carnagione esangue 6, cinerea, sotto la ciarpa si vedevano le due
ossa clavicolari sporgenti, come se volessero bucare la pelle; sin
dovinava la meschinit malaticcia di quel busto legnoso di bam
bina. Le sPa^ e erano aguzze, curve, come quelle di chi si rag-
gricchia 7 sempre per freddo o per chetare lo spasimo dello sto
maco. Un volto serio e grave, con la medesima tinta plumbea del
corpo; rugata la fronte breve; corrugate le sottili sopracciglia,
troppo grandi gli occhi dalla palpebra bigia, sottolineati di bistro 8,
incavernati, profondi; duro, rigido il profilo, gi formato come
quello di una donna; la bocca stretta, chiusa, le labbra pallide,
senza fremiti, con due rughe agli angoli. Ella aveva sette anni.
Un giorno aveva avuto una madre scarna, mendica anche lei.
Vagavano ambedue per le vie di Porto, cercando l elemosina.
Mangiavano spesso del pane e dormivano in un sottoscala, sulla
paglia, la figlia col capo in grembo alla madre. Poi la madre era
morta, di tifo; la bambina era rimasta sola, sul lastrico. Non pianse,
non grid, usc per cercare l elemosina, non ebbe nulla: quel giorno
non mangi e dorm allaria aperta, sullo scalino della chiesa di
Portanova, arrotondata come un cane.
Per tre anni la vita della bambina non aveva avuto varianti.
Ella non sapeva nulla, non ricordava nulla, altro che un lunghis
simo giorno in cui 'veva avuto sempre fame. Dalla mattina co
minciava le sue peregrinazioni. L strada dei Marcanti, lungo
budello contorto, era la sua casa, ed ella ne conosceva tutte
le viuzze 9, i vicoli ciechi, gli angiporti10 paurosi, le botteghe nere,
i ruscelli fetidi, i pocrtoneini angusti e bruni, illuminati da una
luce fioca 11 e grigia, le scalette smussate 12. ...
Quelle viuzze nere, quella strettezza, quella miseria, quelle
case stillanti umidit, quei cattivi odori, quei portoni sospetti,
quelle tinte cupe, quellassenza di sole, quelle facce usuraie dei
commercianti, quelle facce losche dei loro mediatori, quelle facce
ebeti di male femmine, quella merce gretta, impolverata, avaria
ta 13 erano tutto il suo mondo. Sentiva vegamente che di sopra
santa Barbara. ... vi era un altro mondo, ma ella temeva di arris-
chiarvisi, ne aveva una paura selvaggia. ...
Chiedeva l elemosina, ma non gliela davano spesso. Tutta
quella gente affaccendata a guadagnare una dura giornata, bot
tegai accaniti a imbrogliare i compratori contadini, facchini curvi
sotto le balle, serve luride e straccione, non badavano a lei.
Qualche galantuomo la prendeva per una piccola ladra e si tasta-
Va le tasche, dicendole una parolaccia; qualcuno, anche vestito
decentemente, era povero, la guardava e si stringeva nelle spalle.
A qualcuno faceva disgusto, e la scacciava con un gesto di noia.
Ella chiedeva prima a voce alta, quasi imperiosa, un soldo per
mangiare, non avendo mangiato il giorno prima nella tortura dello
stomaco che si ribellava; poi la voce si abbassava, diventava sup
plichevole, ansante, lamentosa, poche e gelide lagrime le scen
devano per le guance. Essa continuava ad andare e venire, come
per istinto, balbettando parole indistinte, sino a che la voce le si
seccava nella gola riarsa 14; allora chiedava l elemosina con la in
tensit dello sguardo. Verso la fine della giornata, quando non
le avevano dato nulla, era presa da una grande stanchezza, il ca
pogiro la faceva vacillare, ella si trascinava sino ai gradini della
chiesa di Protanova e vi rimaneva, immobile, accoccolata, come
un batuffolo di stracci, donde sfuggiva un sordo lamento. Si rial
zava, per girare ancora, fra i lumi che si accendevano, gli operai
che ritornavano dal lavoro e l odore di mangiare che usciva dalle
botteghe socchiuse. Allora arrivava a raccogliere due centesimi
o una fetta di pane o un osso di costoletta o uno scampoletto 15
di trippa, e scappava a di vorarlo, provando un bruciore in
sopportabile allo stomaco. Ma venivano spesso i giorni in cui non
aveva nulla e si addormiva in un torpore malaticcio, senza aver
mangiato altro che le bucce di aranci fradici, o masticato i baccelli
dei piselli.
Il sabato era il migliore suo giorno: al sabato una femmina
giovane, col fazzoletto di seta rosso attorno al collo, la gonna corta
e legata sullo stomaco, la pianella 16 col tacco alto e il fiocco
verde ... le dava un soldo. La giovane femmina stava per lo pi
accantonata a un portoncino, le mani nelle taschette del grem
biule, lo sguardo vagante, la fisonomia stupida, canticchiando
dalla mattina alla sera una canzoncina lenta. ...
Ogni giorno, molte volte, la bimba le passava daccanto. Ma solo
il sabato laltra le dava un soldo: questo per cinque o sei mesi.
Poi la donna scomparve. Lavevano buttata o sera buttata nel
pozzo.
In quella giornata di domenica, la bimba si sentiva morire.
Ogni tanto le mancavano le forze e si sedeva per terra. Le bot
teghe erano chiuse, i viandanti frettolosi non le davano retta,
dirigendosi tutti alle strade superiori, scomparendo lass: ella li
seguiva macchinalmente, con lo sguardo. ...
Allora, dimenticando la sua paura, spinta dalla fame, dallistin
to super la frontiera, e oltrepassato il larghetto di Rua Catalana,
sal gli scalini di san Giuseppe. Fu stupefatta: vedeva quello che
non aveva mai visto, la strada larga, i magazzini puliti, i palazzi
bianchi, i giardini, il cielo. Dimenticava la sua fame davanti
a cos mirabile spettacolo: non vi pens pi dinnazi a un negozio
di giocattoli. Lass tutto era bello: ed ella segu la folla che si
avviava per Fontana Medina, fermandosi ogni momento, eccitata,
curiosa, scordandosi di chiedere lelemosina. Solo le camozze la
spaventavano col continuo loro incrociarsi; ma seguiva il mar
ciapiede. A piazza Municipio, vinta di nuovo dalla stanchezza,
sedette sopra un banco, presso il giardino; ma dopo un poco salt
gi e corse anche lei verso san Carlo: l si perdette, piccina come
era, nalla folla che la trascin verso san Ferdinando. Non vedeva
niente, annullata fra la gente; aveva caldo, stava bene.
Ogni tanto vedeya: passare nellaria un mazzetto di fiori, poi
un altro, poi una pioggia di fiori: ogni tanto la folla si gettava da
parte, per lasciar passare un equipaggio, dentro una signora
bellissima, seduta in mezzo alle stoffe e ai fiori: visioni rapide,
fuggevoli, fulgide, che quasi sgomentavano la bambina. Pass il
tempo, cos. Imbruniva: i fiori cadevano pi lenti, il clamore era
pi basso, la folla si diradava. Accanto alla bimba pass una leg
giadra apparizione di donna, dallabito nero, succinto e ricco, dal
volto bianco e sorridente, dagli enormi brillanti alle oriecchie de
licate: portava in mano un cestino di fiori, a mazzetti e disciolti.
Era una fioraia meravigliosa, che accumulava denari nel fundo
del cestino.
Signora, signora mormor una voce infantile dammi
un fiore.
E la fioraria, con un moto gentile e svelto, lasci cadere nelle
uiani della bimba un manipoletto 17 di garofani. La bimba sorrise,
ficc un garofano in un bucherello della sua camicia e volle
anchessa vendere i fiori, poich ne aveva tanti. Ma da lei la gente
non ne comprava. Uno studente le disse: quando sarai pi grande,
Potrai vendere fiori. Un grasso signore si pose a declamare contro
l accattonaggio e contro linerzia della questura. La bimba non
comprese il senso, ma intese che la maltrattavano. Neppure lass
erano buoni con lei. Ella era lacera, scalza, brutta: i suoi grandi
occhi spalancati mettevano paura, la sua testolina arruffata e sel
vaggia faceva paura. Ora la fame riappariva feroce, mettendole
un fuoco nel petto, straziandola. Si trovava presso la Boulangerie
franaise 18, donde usciva un odore di pane e di pasticcini che
la faceva svenire. Offriva i suoi fiori macchinalmente, senza
poter pi parlare, con u n . singhiozzo lento che le sollevava il
petto. Un soldato pass e compr un garofano: dette un soldo.
La bimba entr nalla panetteria e compr un panino da un soldo.
Le bastava. Valeva andar via. Ricominciava ad aver paura.
Quelle carrozze la stordivano, lei che voleva passare dallaltra
parte. Prese la rincorsa, abbassando il capo. ... Nella carrozza una
signora gett un grido e svenne.
Ma sulla via, presso il marciapiede, agonizzava una innocente
creatura, con la gamba sfracellata. Agonizzava, giacente fra i ga
rofani che le si erano sparsi dattorno, stringendone uno sul petto,
tenendo il panino n ellaltra mano, con la faccia bianca e seria,
la bocca socchiusa, coi grandi occhi meravigliati e dolorosi che
guardavano il cielo.

1. l urtone accrescitivo dellurto


2. la mendica la mendicante
3. la mota il fango
4. il sottanino diminutivo della sottana
5. la ciarpa la sciarpa
6. esangue chi ha perduto molto sangue
7. raggricchiare = aggricchiare = raggricciare = aggricciare provare
i brividi per il freddo o per lo spavento
8. il bistro colore nero
9. la viuzza diminutivo della via
10. l angiporto strada stretta, per lo pi senzuscita
11. fioco, -a dbole, non ben chiaro
12. smussare tagliare la punta di qualcosa
13. la merce avariata guasta
14. riarso participio passato del verbo riardere ardere di n u o v o
15. lo scampoletto diminutivo dello scampolo resztka
16. la pianella calzatura comoda solo da casa
17. il m anipoletto diminutivo del manipolo pk
18. la Boulangerie franaise (frane). la panetteria francese
ESERCIZI

Grazia Deledda (veda lezione 42)


Gli scrittori polacchi che ricevttero il premio Nobel.
Faccia il riassunto orale della novella II cane.
La miseria. La lotta contro la fame.

2. Spiegare in italiano le parole seguenti prese dalla lettura:


lombrello custodire
fissare a volte
intndere parere
la duna il o la carcere
supplichvole smarrire

3. Sostituire al complemento di luogo la particella avverbiale


ne: j
Vivevo a Venezia; sono partito da Venezia nel 1950.
Sono stati alla Fira di Milano; vengono direttamente da Milano.
Vado in campagna; nel settem bre torner dalla campagna.
Era a casa; ma uscito di casa per andare al cinema.
Sei stato al concerto? vieni dal concerto soltanto adesso.
andato alla conferenza del professor Verdiani? No, non sono andato-
alla conferenza.
Partii per Cracovia e ti portai da Cracovia un bel regalo.
Andiamo in montagna; torneremo dalla montagna in ottima salute.
Ha passato molti anni in Italia: dallItalia mi ha portato libri e ri
viste.
Sono entrato in un negozio, ma sono uscito dal negozio perch non
cra nessuno.

4. Rispondere alle domande seguenti usando la particella nei


Ci sono i ragazzi nel giardino?
Quanti studenti ci sono in quel gruppo?
C molta gente al cinema?
Quante rose comprerai per Maria?
Quante persone inviterai alla festa?
Quanti figli ha il signor Lombardi?
Ci sono libri italiani in questa biblioteca?
Quante stanze ci sono nel suo albergo?
Ci sono m olti piccioni a Varsavia?
Quanti quadri ci sono nel museo?
5. Tradurre in italiano:
Ma duo pism woskich; da mi kilka z nich. W ysya nam paczki*
w ysya nam co miesic jedn. Gdy ofiaruj mi pikne re, dam ci z nich
dwie. Gdy otrzymasz czekoladki, ofiarujesz mi poow. Przywo pre,
zenty zzagranicy, kilka dadz wam. Kupujesz cukierki; dlaczego nie dasz
jej troch? Mamy duo pienidzy, moemy cz z nich da wam. ^
Przysyaj im znaczki; przyl im okoo stu znaczkw. Je tylko jabka*
przyniesie mi ich kilka.

6. Tradurre in polacco, cercand di fare una bella traduzione


letteraria:
Pace non trovo e non ho da far guerra;
e temo e spero; e t 1 ardo e son un ghiaccio;
e volo sopra l 2 cielo, e giaccio in terra,
e nulla stringo, e tutto l mondo abraccio.
F R A N C E SC O P E T R A R C A (1304 - 1374), S o n e tto C X X X IX da
II C a n z o n ie r e : In v ita d i M ad on n a Laura

1. et = ed
2. T = il
73. Lezione settantatreesima
form e tone dei pronmi personali
in funzione di complemento og
getto e di trmine

GRAMMATICA

FORME TONE DEI PRONOMI PERSONALI


IN FUNZIONE DI COMPLEMENTO OGGETTO E DI TERMINE

Le forme tone dei pronomi personali usati in funzione di


complemento di trmine (mi, ti, gli, le, si, ci, vi, loro) si incontrano
spesso con i pronomi personali usati in funzione di complemento
oggetto (Zo, la, li, le) e, come abbiamo gi detto nella lezione pre
cedente, con la particella ne. In questo caso le forme tone del pro
nome personale usato in funzione di complemento di termine si
trasformano in modo seguente:
Complemento di termine Complemento di termine +
(forme tone) complemento oggetto
(forme tone)
mi me lo
ti te lo
gli glielo
le glielo
si se lo
ci ce lo
vi ve lo
loro lo loro
me la, te la, ecc.
me li...
me le..., ecc.
E s e m p i :

Egli mi d un guademo egli me lo d.


Ti mando un libro te lo mando.
Gli spediamo un telegramma glielo spediamo.
Le inviano un mazzo di fiori glielo inviano.
Ella si fa un regalo ella se lo fa.
Ci scrive una lunga lettera ce la scrive.
Vi dedica la sua ultima opera ve la dedica.
Maria porta loro una rosa Maria la porta loro.
Mi offre i cioccolatini me li offre.
Ti legge le poesie te le legge.
Gli spiegher la lezione gliela spiegher.
Le preparer la colazione gliela preparer.

Glielo unica forma per il maschile ed il fem m inile (i si man


tiene per conservare il suono gli). Nel linguaggio familiare si usa
glielo anche per il plurale:
glielo dir = lo dir loro.
Egli me lo dice.
Te lo dir.

Se lo dice. = Lo dice a se stesso, (sempre precendenza del dativo) .

LETTURA

L U IG I P IR A N D E L L O

Il suo nome acquist quasi dun tratto risonanza non solo ita
liana, ma europea e mondiale, n ellultimo ventennio della sua
vita, da quando cio egli si venne dedicando prevalentem ente al
teatro, con una novit e originalit di temi, di impostazioni, di
procedimenti tecnici, che simponeva al pubblico costringendolo
ad evadere dal solito repertorio di schemi convenzionali, e insieme
con un vigore patetico ben altrimenti persuasivo a paragone dei
tentativi teatrali estetizzanti di un DAnnunzio. Ma al teatro e g l i
giungeva dopo una lunga produzione di novelle e romanzi, c h e
aiutano, se non altro, a ricostruire e definire pili intimamente
le genesi della sua arte, in quel che essa ha di pi personale ed
intenso. ... Pi che alla pittura di un ambiente o di un costume,
Taormina. Panorama e Teatro Greco

riassunto nelle sue ragioni sociali e morali, Pirandello sappiglia 1


allindividuo, con la sua pena e l angoscia che lopprime e lo de
finisce. Il suo mondo quello dei piccoli borghesi, dei provinciali
sradicati e inurbati2, con la loro esistenza grigia e soffocata, con
le loro manie e la loro sorda disperazione, in cui avvert una cieca
smania di vivere, di distinguersi, di affermarsi, sempre insoddis
fatta ed esasperata, pronta ad esplodere in gesti improvvisi stra
vaganti e bizzarri. ... Gi nelle novelle e nei romanzi possibile
dunque individuare le caratteristiche essenzialikdel futuro teatro
di Pirandello: la radice umana e dolorosa, la nota polemica anti
borghese 3, lansia di evasione verso una vita pi libera e naturale,
lingeniosit e la stravaganza degli schemi inventivi ... senza il suo
esempio, non si spiega gran parte del teatro moderno, non tanto
italiano, quanto europeo ed americano. E la sua importanza non
meno grande per quanto riguarda i successivi svolgimenti della
nostra letteratura narrativa. Profondamente radicata nella condi
zione tormentosa del nostro tempo, con il suo oscuro fermento
libertario4 e religioso, la sua denuncia di tutte le menzogne
e i compromessi del costume corrente, la sua genesi appassionata
e antilibresca 5, larte di Pirandello ha esercitato un influsso tanto
pi vasto, quanto meno appariscente, sugli scrittori delle ultime
generazioni, tra i quali baster ricordare, a titolo di esempio, un
Bontempelli, un Alvaro, un Moravia.
N A T A L IN O S A P E G N O , D is e g n o s to r ic o d e lla le tte r a tu r a it a lia n a

1. appigliarsi tu: zajmowa si


2. inurbarsi osi w miecie, sta si mieszczuchem
3. antiborghese antym ieszczaski
4. libertario, -a anarchistyczny, -a
5. antilibresco antyksikowy

LUMIE 1 DI SICILIA
di Luigi P i r a n d e l l o (Maschere nude)

Personaggi

Micuccio Bonavino, sonatore di banda 2


Marta Marnis, madre di
Sina Marnis, cantante

Ferdinando, cameriere
Dorina, cameriera
Invitati
Altri camerieri

O g g i In una citt delVItalia settentrionale. La scena rap


presenta una camera di passaggio ... In fondo, l'uscio comune,
a v e tri, aperto, d in una stanza al buio, attraverso la quale si
scorge una bussola 3 che im m ette in un salone splendidamente il
luminato. ... notte. La camera, al buio. Qualcuno ronfa dietro la
cortina. Poco dopo levata la tela, Ferdinando entra ... con un lume
in mano ... Lo segue Micuccio Bonavino, campagnolo all'aspetto,
col bavero del pastrano ruvido rialzato fin su gli orecchi, stivalon i4
fino al ginocchio, un sudicio sacchetto 5 in una mano, nell'altra
una vecchia valigetta 6 e l'astuccio d'uno strumento musicale, che
egli quasi non pu pi reggere, dal freddo e dalla stanchezza. A p
pena la camera si rischiara, cessa il ronfo dietro la cortina, donde
Dorina domanda:

D o r i n a . Chi ?
F e r d i n a n d o posando il lume sul tavolino. Ehi, Dorina, su!
Vedi che c qui il signor Bonvicinc.
J l i c u c c i o ... corregge. Bonavino, veramente.
F e r d i n a n d o . Bonavino, Bonavino.
p o r i n a dalla cortina in uno sbadiglio. E chi ?
F e r d i n a n d o . Parente della signora. (A Micuccio) Come sa
rebbe di lei la signora, scusi? cugina forse?
M i c u c c i o imbarazzato, esitante. Ecco, veramente no: non c
parentela. Sono... sono Micuccio Bonavino; lei lo sa. ...
F e r d i n a n d o . Compaesano? Perch mi avete allora doman
dato se cera zia Marta? (A Dorina) Capisci? Ho creduto pa
rente, nipote. Io non posso ricevervi, caro mio.
M i c u c c i o . Non potete ricevermi? Se vengo apposta dal paese!
F e r d i n a n d o . Apposta, perch?
M i c u c c i o . Per trovarla.
F e r d i n a n d o . Ma non si viene a trovare a questora. Non c!
M i c u c c i o . Se il treno arriva adesso, che posso farci io? Po
tevo dire al treno: cammina pi presto? (Congiunge le mani ed
esclama sorridendo, come per persuadere a una certa indulgen
za) Treno ! Arriva quando deve arrivare. Sono in viaggio
da due giorni...
D o r i n a squadrandolo. E vi si vede, oh!
M i c u c c i o . Si, eh? molto? Come sono?
D o r i n a . Brutto, caro. Non v offendete.
F e r d i n a n d o . Io non posso ricevervi. Ritornate domattina 7
e la troverete. Adesso la signora a teatro.
M i c u c c i o . Ma che tornare! Dove volete che vada io adesso
di notte, forestiere? Se non c, laspetto. Oh bella! Non posso
aspettarla qua?
F e r d i n a n d o . Vi dico che, senza permesso...
M i c u c c i o . Ma che permesso! Voi non mi conoscete...
F e r d i n a n d o . Appunto perch non vi conosco. Non voglio
mica 8 prendermi una sgridata per voi!
M i c u c c i o sorridendo con aria di sufficienza gli fa cenno di no,
col dito. State tranquillo.
C o r i n a a Ferdinando. Ma si, avr proprio testa da badare
a lui, questa sera, la signora! (A Micuccio) Vedete, caro? (Gli
indica il salone in fondo, illuminato) Ci sar una gran festa!

32 Studiam o la lin gu a 497


M i c u c c i o . Ah si? Che festa?
D c r i n a . La serata... (sbadiglia) d'onore. ...
M i c u c c i o . Va bene, tanto meglio! Sono sicuro che appena
Teresina mi vede...
F e r d i n a n d o a Dorina. Capisci? La chiama cos lui, Teresina,
senzaltro. Mi ha domandato se stava qui ,,Teresina la can
tante. ...
D o r i n a . Ma dunque la conoscete proprio bene?
M i c u c c i o . Bene? Cresciuti insieme, da piccoli, io e lei!
F e r d i n a n d o . Che facciamo?
D o r i n a . E lascialo aspettare!
M i c u c c i o risentito. Ma sicuro che aspetto... Che vuol dire!
Mica sono venuto per...
F e r d i n a n d o . Sedete pure l. Io me ne lavo le mani. Devo
apparecchiare. (Savvia al salone in fondo)...
M i c u c c i o . grande la casa?
D o r i n a . Cos cos. ...
M i c u c c i o . Eh... si vede... stanno bene...
D o r i n a . Ma sapete chi Sina Marnis?
M i c u c c i o . Sina? Ah gi! ora si chiama cos. Me l ha scritto
zia Marta. Teresina... sicuro... Teresina: Sina...
D o r i n a . Ma aspettate... ora che ci penso... voi... (chiama Fer
dinando dal salone) Ps! Vieni, Ferdinando... Sai chi ? Quello
a cui scrive sempre, lei, la madre...
M i c u c c i o . Sa scrivere appena, poverina...9
D o r i n a . Si, si, Bonavino. Ma Domenico! Voi vi chiamate Do
menico!
M i c u c c i o . Domenico o Micuccio, la stessa cosa. Noi dicia
mo Micuccio.
D o r i n a . Che siete stato malato, vero? ultimamente...
M i c u c c i o . Terribile, si. Per morire. Morto! Con le c a n d e l e
accese.
D o r i n a . Che la signora Marta vi mand un vaglia? Eh, mi
ricordo... Siamo andate insieme alla Posta.
M i c u c c i o . Un vaglia, si. E sono anche venuto per q u e s t o .
Lho qua, il denaro.
D o r i n a . - Glielo riportate?
M i c u c c i o si turba. Denari, niente! Denari, non se ne deve
neanche parlare! Ma, dico, staranno ancora molto a venire?
D o r i n a guarda Vorologio. Eh, ci vorr ancora... Questa sera
poi, figuriamoci!
F e r d i n a n d o ripassando dal salone ... con stovi glie, gridan
d o . Bene! Bravo! Bis! bis! bis!
M i c u c c i o sorridendo. Gran voce, eh?
F e r d i n a n d o riavviandosi. Eh si... atnche la voce...
M i c u c c i o si stropiccia di nuovo