Sei sulla pagina 1di 3

Consider a polarized electron gas in which N denotes the number of

electrons with spin-up (down). Find the ground-state energy to first


order in the interaction potential as a function of N = N+ + N and
N
the polarization M = N+N , for a potential V (x, y) = g(x y). Show
that the system is partially magnetized for
gN
20/9 < < 2.64,
VT
where T is the mean kinetic energy per particle in the unmagnetized
state. What happens outside these limits?

Soluzione
Considero lhamiltoniana del sistema:
H = T + V

ai hi|T |ji.
P
Contributo di energia cinetica In seconda quantizzazione T = i,j
ikx
e
Considerando come stati, quelli di particelle non interagenti k, (x) = ,
V
2 2

con T = ~2m si ottiene
X ~2 k 2
T = = nk,
2m
k,

Il ground state |F i, con = 1, tale che


(
1 |F i kkk kF
nk, |F i = (1)
0 kkk > kF

dove kF + e kF sono i due momenti di fermi per le particelle con spin up e spin
down, rispettivamente.
Dalla teoria del gas di Fermi, otteniamo che il valore dellenergia del ground
state all ordine zero :
3
E0 = hF |T |F i = (F + N+ + F N ) (2)
5
2
kF
dove F = ~ 2m lenergia di fermi associata al momento di Fermi kF .
Calcolando il valore di aspettazione hF |T |F i, sfruttando la condizione (1) si
ottiene   13
2 N
kF = 6 . (3)
V
Sostituendo (3) in (2) si ottiene
! 23 
3 ~2 6 2

5 5
E0 = N+ + N
3 3

5 2m V
Se scriviamo N in funzione di N e M :
N N
N+ = (1 + M ) N = (1 M )
2 2

1
e lenergia diventa
! 23   35 
3 ~2 6 2 N 5 5

E0 = (1 + M ) 3 + (1 M ) 3
5 2m V 2

Chiamando T il valore di E0 /N per M = 0, si ha


2  23
3(3 2 ) 3 ~2

N
T =
5 2m V

si ha  
5 5
E0 = T N (1 + M ) 3 + (1 M ) 3 (4)

Contributo di energia potenziale In seconda quantizzazione:


1 X
V = ai aj hi, j|V |k, li al ak
2
i,j,k,l

lelemento di matrice hi, j|V |k, li pu essere calcolato in sviluppo perturbativo,


considerando come autostati, gli stati di particelle non interagenti k, (x) =
ikx
e
V
,
Z
1 0 0
k 0 0 , p0 0 V k, p = 2 eik x eip y V (x, y)eikx eipy 0 , 0 , dxdy



V
Z
g 0 0
= 2 eik x eip y (x y)eikx eipy 0 ,0 dxdy
V
Z
g 0 0
= 2 0 ei(k +p kp)x dx
V ,0
g g
= 2 0 V (k 0 + p0 k p) = 0 (k 0 + p0 k p)
V 0 V 0

Per cui
1 XX g
V = ak+q, apq, ap, ak,
2 V
k,p,q ,

dove k 0 = k +q e di conseguenza q = pp0 . Considero inizilmente solo il termine


con q = 0
g X 
V (q = 0) = nk, np, (k p)
2V
k,p
,

applicato allo stato |F i descritto da (1) si ottiene


g  2  g 2
hF |V (q = 0)|F i = N N |{z} = N
2V 2V
N
V

dove nellultimo passaggio si preso il limite termodinamico. Poich per q = 0


il termine trovato non dipende da M , ma solo dai parametri g, N, V questo non
andr a influire sul valore della magnetizzazione, per cui lo trascuriamo. Nel

2
caso q 6= 0, per trovare E (1) = hF |V |F i, lunico contributo non nullo dato dal
termine di scambio per cui:
g X
E (1) = hF |V |F i = hF |nk+q, nk, |F i
2V
k,q,

Passando al continuo si ottiene


g V2 X
Z
(1)
E = (kF kkk)(kF kk + qk)dkdq
2V (2)6
=1

che si risolve dando come risultato


gV  6 
E (1) = 4
kF + + kF6
72
ricordando (3)
gV N2  
E (1) = 4
9 4 2 (1 + M )2 + (1 M )2
72 V
g N2  
= (1 + M )2 + (1 M )2
8 V
Dunque lenergia per particella al primo ordine
E E0 + E (1) T  5 5
 gN  
= = (1 + M ) 3 + (1 M ) 3 (1 + M )2 + (1 M )2
N N 2 8V
Assumendo che lo stato di equilibrio sia quello a minore energia, pongo
uguale a zero la derivata di E/N rispetto a M
 2 2
 3 gN
(1 + M ) 3 (1 M ) 3 = M
5VT
ottengo che per avere un minimo, studiando anche la derivata seconda, ottengo
un minimo non zero per:
20 gN
< < 2.64
9 VT
Dunque quello che si trova che per

< 20/9
hM i = 0 non magnetizzato
gN
= > 20/9, < 2.64 0 < hM i < 1 parzialmente magnetizzato
VT
> 2.64 hM i = 1 completamente magnetizzato

Se scriviamo il rapporto N/V in funzione della distanza media tra particelle rs ,


si ottiene
2
  23
N 3 3 2 23 ~ 3 1
= e T = (3 )
V 4rs3 a30 5 2m 4 rs2 a20
per cui il parametro
gN 0.108
=g
VT rs
dove g misurato in Rydberg per a30 . La disuguglianza diventa
g
0.24 < < 0.285
rs

3.51g < rs < 4.17g