Sei sulla pagina 1di 25

14 I DILUVI

E LE PROFEZIE
DISEGNI DI LEONARDO DAL CODICE ATLANTICO

Marco Versiero
I diluvi e le profezie COMITATO PER LALLESTIMENTO DELLE MOSTRE
Alberto Artioli, Soprintendente per i Beni Architettonici, Milano Sommario
Disegni di Leonardo dal Codice Atlantico Sandrina Bandera, Soprintendente per i Beni Artistici
Sacrestia del Bramante nel complesso monumentale e Storici, Milano
delle Grazie, Milano, via Caradosso Armida Batori, Direttore Icpal, Roma
Monique Bosco von Allmen, Architetto 5 Presentazione
Biblioteca-Pinacoteca-Accademia Ambrosiana, Francesco Braschi, Pro-Segretario Generale
Milano, Piazza Pio XI, 2
Franco Buzzi
della Biblioteca Ambrosiana
11 dicembre 2012 - 10 marzo 2013 Franco Buzzi, Prefetto della Veneranda Biblioteca Ambrosiana
Carlo Capponi, Responsabile dellUfficio per i Beni Culturali, Diocesi 7 Introduzione
IN COPERTINA di Milano Marco Versiero
Note e disegni sul diluvio Libero Corrieri, Soprintendenza per i Beni Architettonici, Milano
(C.A. f. 215r, dettaglio) Emanuela Daffra, Soprintendenza per i Beni Artistici
e Storici, Milano 15 Opere
COMITATO SCIENTIFICO Ornella Foglieni, Soprintendente per i Beni Librari, Marco Versiero
Collegio dei Dottori della Biblioteca Ambrosiana, Milano Regione Lombardia
Franco Buzzi, Prefetto della Veneranda Biblioteca Ambrosiana Daniel Libeskind, Architetto, New York-Milano 16 Le acque, i venti e le tempeste
Pietro C. Marani, Curatore dei Disegni di Leonardo,
Marco Navoni, Direttore della Pinacoteca Ambrosiana 20 Narrazioni e figurazioni fantastiche e terrifiche
Biblioteca Ambrosiana
Giulio Bora, Capo Gabinetto Disegni Marco Navoni, Direttore della Pinacoteca Ambrosiana 28 I diluvi
e Incisioni della Biblioteca Ambrosiana Mariolina Olivari, Soprintendenza per i Beni Artistici 35 Paesaggi e macchie
Maria Teresa Fiorio, Curatrice della Pinacoteca Ambrosiana e Storici, Milano
Pietro C. Marani, Curatore dei Disegni 40 Le profezie
Luca Quartana, Restauratore di opere lignee
di Leonardo presso la Biblioteca Ambrosiana Alberto Rocca, Dottore della Biblioteca Ambrosiana
Giorgio Ricchebuono, Presidente della Fondazione 46 Bibliografia essenziale
COORDINAMENTO SCIENTIFICO DELLE MOSTRE Cardinale Federico Borromeo
Pietro C. Marani, Curatore dei Disegni di Leonardo Alberto Sempi, Studio di Architettura, Novara
presso la Biblioteca Ambrosiana Attilio Terragni, Studio Cityedge (partner italiano architetto
Professore Ordinario di Storia dellArte Moderna, Libeskind), Milano
Politecnico di Milano Domenico Venturelli, P. Paolo, Procuratore Generale
della Provincia di San Domenico in Italia
RESTAURO DEI FOGLI DEL CODICE ATLANTICO
Commissione Nazionale Vinciana, Roma
Icpal - Istituto centrale per il restauro e la conservazione CATALOGO
del patrimonio archivistico e librario, Roma Testi: Marco Versiero
Anna Malipiero, Biblioteca Ambrosiana, Milano
De Agostini Libri S.p.A.
Suore Benedettine di Viboldone
Realizzazione Iniziative Speciali
Direttore: Paolo Andreoni
DIREZIONE ED ESECUZIONE DELLE OPERE
Product manager: Davide Gallotti
Monique Bosco von Allmen, Architetto
Responsabile editoriale: Gioachino Gili
Savino Corsari, Savogi S.r.l., Milano
Coordinamento redazionale: Marco Torriani
Elena Fontana, Biblioteca Ambrosiana, Responsabile eventi e mostre
Coordinamento grafico, copertina, layout: Studio27
Mida Informatica e Metis Systems, Riproduzione digitale
Immagini digitali del Codice Atlantico: Mida Informatica
Luca Quartana, Restauratore di opere lignee
with Metis Systems scanner
Alberto Sempi, Studio di Architettura, Novara
Servizi Tecnici Prepress: Andrea Campo
White Label S.r.l., Milano, Grafica e multimediale
Stampa digitale: Litoservice srl - Pero (MI)
Zucchetti S.p.A., Impianti di sicurezza
Veneranda Biblioteca Ambrosiana, Milano - 2012
ORGANIZZAZIONE
De Agostini Libri S.p.A., Novara - 2012
Fernanda Casiraghi, Michele Figlioli,
Blanka Prikrylova e Carolina Donzelli
Fondazione Cardinale Federico Borromeo

UFFICIO STAMPA
Alberto Rocca, Dottore della Biblioteca Ambrosiana

RINGRAZIAMENTI
Si ringraziano in particolare il Comune di Milano (Assessorati alla
Cultura e al Turismo), Expo 2015 S.p.A., Zucchetti S.p.A., UBI
Banca, Carnelutti-Studio Legale Associato, Fondazione Cariplo e
Fondazione Cardinale Federico Borromeo.
Presentazione

Con la quattordicesima esposizione intitolata I diluvi e le profezie continua la serie delle ventiquattro mostre
programmate tra il settembre 2009 e il giugno 2015. Lo scopo di questa successione serrata di mostre,
che si rinnovano di tre mesi in tre mesi, quello di offrire al pubblico in modo tematico e sistematico,
per la prima volta nella storia la visione integrale del Codice Atlantico.
Il tema di ogni singola mostra unico, mentre resta duplice la sede espositiva: la Sala Federiciana
nella Biblioteca Ambrosiana e la Sacrestia del Bramante presso la Basilica di Santa Maria delle Grazie,
accanto alla celeberrima Ultima cena di Leonardo.
Il contenuto espositivo di questa quattordicesima serie di fogli si pone in diretta continuit tematica
con la mostra precedente, dedicata in parte allanatomia della terra, per trattare in modo privilegiato
il fenomeno suggestivo delle inondazioni e dei vortici delle grandi acque. Marco Versiero si dedicato
con competenza e passione a questo tema, illustrandolo nelle sue molteplici implicazioni scientifiche,
letterarie e grafiche. Egli ha mirabilmente chiarito il lavoro di fantasia e la tensione profetica di Leonardo,
che nei fogli qui presentati dimostra anche qualche interesse di critica sociale a sfondo politico.
Del resto Versiero aveva gi prestato le sue eccellenti cure alla quarta esposizione del Codice Atlantico,
intitolata Leonardo, la politica e le allegorie. 5
Ringrazio il professor Pietro Cesare Marani, Curatore del patrimonio grafico di Leonardo conservato
in Ambrosiana, per il suo impegno costante nellindividuazione dei temi espositivi attorno ai quali
organizzare la serie delle ventiquattro mostre programmate fino al 2015.
Un grazie particolare deve essere espresso anche alla Fondazione Cardinale Federico Borromeo,
che, nella persona del suo presidente Giorgio Ricchebuono, sostiene fin dallinizio moralmente
e finanziariamente questa straordinaria iniziativa culturale della Veneranda Biblioteca Ambrosiana.

MONSIGNOR FRANCO BUZZI


Prefetto della Biblioteca Ambrosiana
INTRODUZIONE
Marco Versiero
L acqua percossa dallacqua fa circuli
dintorno al loco percosso. Per lunga
distanzia la voce infra laria. Pi
lunga infra l foco. Pi la mente infra luniverso.
Ma perch l finita non sastende infra lo nfinito.
cacissima formula coniata da Daniel Arasse per
compendiare la seducente multiversalit del
polimorfo naturalismo leonardiano, le rythme
du monde, il ritmo del mondo, che si esprime
in quel dinamismo vorticoso e infinito, indice
(Paris, Institut de France, Ms H, f. 67r) insieme di variet e variabilit, percepito come
cifra distintiva del mondo vivente, si traduce
Questo frammento del 1494 circa, intitolato, visivamente proprio in quella linea a spirale,
significativamente, De anima, ad alludere alla che, comune cos alla turbolenza atmosferica
vitalit del corpo della terra come macro- come al moto delle acque (cfr. cat. 5, 19, 21),
cosmo naturale, di cui lacqua costituisce il ricorre insistentemente nel lascito figurativo
fluido essenziale (cfr. Marani 2002, p. 450), e concettuale di Leonardo, costituendone un
ricorre alla classica immagine (indice insieme pattern anche stilistico (cfr. Arasse 1997, pas-
di poetico lirismo e di sperimentale acribia) sim e p. 111, dove i diluvi sono considerati
del sasso lanciato nello stagno, per evocare la una sorta di allegoria scientifica o apocalis-
visione, di struggente bellezza, dei circuli se naturale). Non a caso, in un basilare studio
ovvero delle concentriche risonanze prodotti sulle problematiche sottese alla tarda produ-
dalla mente nella contemplazione dello spazio zione intellettuale di Leonardo, Martin Kemp
incommensurabile delluniverso, esattamente ha definito i diluvi come oscure, espressive
come le onde si propagano indefinitamente visioni di una fluidodinamica impazzita, in
sulla superficie dellacqua dal punto dellim- cui andrebbe riconosciuto il personalissimo
patto. Questa suggestiva riflessione sulla pro- culmine di unossessione, durata tutta la vita,
digiosa naturalit dei fenomeni osservabili e per il flusso a spirale e lazione dei vortici
rappresentabili cos nelluniverso esteriore (Kemp [1987] 2004 a, p. 200). 9
come nella coscienza interiore dellartista- Le allucinate e angoscianti visioni dei cata-
scienziato, non deve, tuttavia, far dimenticare clismi figurati dalla fantasia leonardiana, ca-
la terribilit dello scatenamento incontrol- polavori tragici e imperturbabili ad un tempo
lato delle forze naturali, spesso affidato pro- (Pavesi 2012, p. 13), in cui portentosi som-
prio allazione dirompente delle acque e degli movimenti tellurici (cat. 26), paurose inon-
agenti atmosferici: le operazioni della natu- dazioni (cat. 18, 20, 27) e immani tempeste
ra, anche quando distruttive, si segnalano pur (cat. 6) sbriciolano fino a inghiottirle le labili
sempre, in Leonardo, per il loro carattere mi- vestigia della civilt umana, si offrono quale
rabile, come mostrano i disegni e le scritture sintesi estrema, grafica e concettuale, delle
della tarda serie del Diluvio (cfr. cat. 22-25). stesse predilezioni intellettuali di Leonardo,
Nella sua memorabile Lettura Vinciana seppure oramai stravolte in una sorta di ver-
sulle curve della vita di Leonardo, estrinse- sione ultima delle sue visioni, ma parimenti
cazione visiva razionale matematicamente e la pi immediata ed espressiva, come se tutti
geometricamente perfetta di principi orga- gli studi che lavevano preceduta le garantis-
nici e generativi propri della natura, Kenneth sero questa libert, distanziata da un qualsi-
Clark faceva infatti notare come limpotenza voglia modello e ripiegata verso linteriorit
degli esseri umani di fronte a terremoti, inon- di un pensiero che ormai non ha pi bisogno
dazioni e ad altri fenomeni naturali dovesse di descrivere per vedere (Viatte [2005] 2006,
aver rappresentato scoperta ben tragica per p. 12). Infatti, tutto loggetto delle ricerche
chi aveva considerato la natura con tanto amo- condotte da Leonardo nel corso della sua vita
re, al punto da trovare espressione in una se- coinvolto in questa catastrofe: acque, terre,
rie di [] visioni di distruzione in cui le cur- edifici e [...] gran quantit di popoli duomi-
ve della vita diventano le curve della morte ni e danimali diversi [Windsor, RL 12665r]
(Clark [1977] 1979, p. 15). Quella stessa effi- in fuga per laccrescimento del diluvio (Mara-
ni [1982] 2010, p. 64), seguendo laffascinan- artificioso e intellettualistico si faccia il segno siva visione e concezione delluniverso incor- leonardesca raggiungesse in seguito Giulio
te intrecciarsi di un empito letterario, filtrato grafico (e, si potrebbe aggiungere, letterario) porando persino il vivissimo senso organico Romano, allievo e collaboratore dellurbinate,
da autorevoli suggestioni ovidiane e senecane, di Leonardo nel figurare questi diluvi (cfr. della forma trasmessogli dallinsegnamento nella sua realizzazione della Sala dei Gigan-
presenti a Leonardo sin dalla sua giovinezza Kemp [1981] 1982, p. 301), come in pagi- del suo maestro Verrocchio, orafo e scultore, ti a Mantova (cfr. ivi, pp. 203-204). E a una
(cfr. ivi, p. 69, nota 48; e pi diffusamente ne fondamentali ha a pi riprese evidenziato al cui cesello sembrano rinviare le spire attorte convergenza di interessi di Raffaello con Leo-
Vecce 1992, pp. 185-187), con una riflessione Pietro C. Marani fino ad anni molto recenti, delle nubi dei suoi diluvi, dai nembi sfran- nardo sul tema della tempesta di mare rinvia
filosofica non estranea allinfluenza della co- dapprima notando che il senso della tragedia giati e frastagliati (cfr. Marani 1992, p. 150) pure lappunto del Sanzio, gi verso il 1508,
smologia di ascendenza eraclitea e neoplatoni- imminente comunicato, attraverso accorgi- solo negli ultimi anni di vita, quando the sugli strambotti di Luigi Pulci, ovvero sul
ca (cfr. Toussaint 2005, pp. 24-27) e con una menti grafici che possono quasi equivalere ad events which Leonardo etched in the remote canto XX del Morgante, testo presente anche
speculazione scientifica faticosamente eserci- accorgimenti retorici, pi che descritto, cos uninhabited past [...] are brought into the nella raccolta di libri di Leonardo (cfr. Pedret-
tata sulle fonti classiche accertate degli inte- che si sarebbe in presenza di una visualizza- present, they are humanized to the utmost, ti [1998] 2003, passim e pp. 18-26). Va per
ressi meteorologici vinciani (da Aristotele ad zione del concetto, dellidea, perch, per- involving the fate of people (Zubov [1962] ricordato che, in un singolare saggio filologico
Alkindi, passando attraverso Ristoro dArezzo; venuto alla rappresentazione dellinvisibile, 1968, p. 243). Sono gli anni del suo tormen- di Cesare Segre, i diluvi sono stati discus-
cfr. Federici Vescovini 1998, pp. 105-106 e Leonardo sembra anche essere arrivato a crea- tato soggiorno in Vaticano (1513-16), alla si in quanto manifestazione peculiare di quel
Starnazzi 2005, pp. 81-115), ma nel contempo re qualcosa che non esisteva altrimenti se non corte di papa Leone X, quando un cupo pessi- genere di invenzioni, che costituiscono un
espressa secondo un duplice e sinergico snodo nella sua mente (Marani 1989, pp. 8-9); in mismo dovuto alle difficolt e agli ostacoli modello semiotico capace di dar luogo a pro-
retorico di ekphrasis (ri-trasposizione e ri-cre- seguito, precisando che larte non dunque incontrati per le sue sperimentazioni tecniche poste che possono concretarsi o meno in rap-
azione letteraria di una iconografia) e enargeia pi soltanto rappresentazione scientifica, ma e per gli studi anatomici si pone a contrasto, presentazioni figurative, consistendo princi-
(amplificazione descrittiva in senso decora- strumento al tempo stesso didattico e trascen- nellanziano maestro, con latmosfera edonisti- palmente in esempi di discorsivit pittorica
tivo e coloristico dellefficacia di un testo dente il reale, in quanto resa schematica de- ca e gaudente dellentourage pontificio, ani- (Segre 1979, p. 143), ci che pare svincolare
scritto), che Leonardo avrebbe derivato dalla gli elementi naturali, mediata dalla conoscen- mato dalle brillanti presenze di Michelangelo questi prodotti dellingegno leonardiano dalla
conoscenza di alcuni autori latini (Vitruvio, za dellantico, e ricorso ai testi dellantichit e Raffaello (cfr. Clark [1939] 1988, p. 246): necessit di ancorarli a un contesto preciso o a
Plinio, Lucrezio), specializzati nel tentativo di vanno [...] di pari passo a definire una visione come ebbe ad osservare sottilmente Marco una specifica occasione di realizzazione (sui di-
10 rendere visibili gli effetti della turbolenza del mondo e della natura [...] che contempla la Rosci, ci troviamo di fronte, nellapparente luvi come ultime e drammatiche Invenzioni di 11
atmosferica (cfr. Moffit 1991, passim e pp. 17- possibilit di superare il reale, scardinandone oscurit in cui sembra avvolto Leonardo, [...] Leonardo, che segnano linizio di un periodo
18, 26-32), in ci manifestando lambizione di lequilibrio con la forza e il furore della fanta- ad una sconvolgente risposta al clima cultura- di crisi nella cultura rinascimentale, cfr. ora
misurarsi con la leggendaria capacit di Apelle sia (Marani 1999, pp. 333-334). I diluvi, le e ideologico della corte papale che chiude Marani [2003 b], 2010, pp. 221-222; mentre
di dipingere linvisibile e cio i tuoni, i lampi insomma, parrebbero offrirsi quale massima gli occhi di fronte al montare dellondata di Pedretti 2004, pp. 34-42, ha posto i diluvi
e i fulmini (sfida evocata da Leonardo stesso, dimostrazione dello stile ultimo di Leonardo, riforma (Rosci [1976] 1979, p. 174). Proprio in rapporto con la categoria da lui coniata dei
trascrivendo in caratteri latini i corrispondenti caratterizzato da quello che stato definito il il contatto con i due pi giovani e gi al paesaggi invenzionati di Leonardo, tali in
termini greci a tergo del problematico dise- suo ipernaturalismo, vale a dire un natura- pari di s celebri artisti avrebbe stimolato quanto riconosciuti dalla fantasia dellartista
gno del cosiddetto Angelo incarnato; cfr. Pe- lismo intensificato o sintetico (Kemp 2004 b, in Leonardo una accanita meditazione su que- persino nelle macchie sui muri; cfr. in questo
dretti 2009, pp. 67-68, cat. 1). Si tratta, forse, p. 65), visione amplificata in grado di restitui- sto tema apocalittico, secondo la penetrante catalogo le schede 32-35).
della manifestazione pi compiuta e dramma- re unimmagine non pi meramente mimetica ipotesi formulata da Ernst H. Gombrich in un Eppure, se da un lato il diluvio leonardiano
tica della coesistenza in Leonardo dellartista ma trasfigurata della natura: Tutto Leonardo saggio magistrale e tuttora insuperato sulla vi- resta fenomeno di interesse puramente scienti-
e dello scienziato, fusi in sublimata unit in questa fatica di vedere oltre lapparenza, o sualizzazione del moto delle acque e dei venti fico ovvero esperienza di straordinario fascino
spirituale (cfr. Heydenreich [1945] 1988, p. dar senso, un vergine senso, [...] alle cose pi nellopera di Leonardo: a seguito dello scopri- estetico (non assimilabile al diluvio biblico,
36), proprio perch queste figurazioni cata- imprendibili, i fenomeni della vita universa mento della Cappella Sistina del Buonarroti, la alla cui confutazione egli pervenne attraverso
strofiche, in cui pare quasi che la materia tor- (De Robertis 1939, p. 3). cui scena del Diluvio esalta lesibizione dei lo studio dei fossili; cfr. De Lorenzo 1920, pp.
ni al suo primigenio stato magmatico, in cui Daltronde, il tema della fine del mondo, possenti e plastici nudi, trascurando del tutto 96 ss. e qui cat. 16 e 17), esiste, daltro canto,
gli elementi oramai indistinti si assommano del suo disfacimento a causa dellineluttabile le componenti atmosferiche, Leonardo hoped la possibilit che questa interrogazione di Le-
in una stupefacente, terribile totalit, despite precipitazione degli elementi naturali, sotto- to crown his studies of the movement of water onardo sui cataclismi naturali sia stata indotta
their almost abstract pattern, convey the rea- posti a forze furibonde e scatenate, pur avendo and air by a work in Rome that would chal- da specifici eventi storici, non privi persino di
lity of a vision (Goldscheider [1943] 1959, attratto linteresse e limmaginazione di Leo- lenge the great Michelangelo and present a co- implicazioni politiche. Carlo Pedretti ha isti-
p. 174, pl. 85), nel senso che esse are highly nardo sin dallinizio della sua carriera di spe- smic diagram of the unwinding of the univer- tuito uno stimolante raffronto tra le pagine
conceptualised, but we should not miss the sense rimentatore e di artista (e persino di scrittore; se (Gombrich 1969, pp. 201-202); mentre, dedicate da Machiavelli, nelle sue Istorie Fio-
of reality behind them (Kemp-Roberts 1989, cfr. Marani [2003 a] 2010, pp. 233-235), si at- attraverso la mediazione di Raffaello, sarebbe rentine, al resoconto di una spaventosa tempe-
p. 120). Non si pu negare, del resto, quanto testa come sedimentazione della sua comples- persino plausibile ritenere che lispirazione sta che colp la Toscana nel 1456 e la spettaco-
lare serie dei diluvi di Leonardo (cfr. Pedretti premonizione di capovolgimenti politici, come dibile, sulla base del denso foglio con la Lettera autobiografico nel senso che implicitamente
1973, p. 11); ed significativo a questo pro- tale additata dallo storico comasco a Massimi- al Diodario di Soria (C.A., f. 393v), presentato trasmettono i convincimenti personali di Leo-
posito che Claudio Scarpati abbia pi recente- liano Sforza, brevemente al governo di Milano in questa mostra (cat. 13). Non casualmente, nardo sui grandi temi della vita e della morte
mente notato, traendo ispirazione proprio dai dal 1512 al 1515 col supporto degli Svizzeri le profezie di Leonardo risultano scritte in e della condizione delluomo nel mondo (cfr.
testi leonardeschi sugli accidenti atmosferici (cfr. Pedretti 2008, pp. 474-475 per la rovi- concomitanza con questultimo o in altri ana- Clark [1939] 1988, pp. 119-120) senzal-
e meteorologici, che il libro degli elemen- na di Bellinzona; e Kemp [1981] 1982, pp. loghi fogli dellAtlantico (cfr. ivi, pp. 23-25): tro azzardato attribuire loro un valore pretta-
ti, che Leonardo si era proposto di scrivere, 299-300, per altri episodi affini, ricordati da esse, dunque, potrebbero aver trovato colloca- mente psicologico, secondo un approccio freu-
se mai fosse giunto a compimento, avrebbe Leonardo nei propri scritti). zione in questa cornice, in forma di presagio o diano, volto a scovare in esse quelques-uns
mostrato una facies espositiva singolare: la Tragedia e premonizione: Alla fine del annuncio finale di tutti quelli [mali] che n des screts les plus profondment refouls de
trattazione teorica si sarebbe intersecata con Quattrocento vivo il senso di una fine prossi- brieve tempo ci promesso (C.A., f. 573v a; Lonard (Eissler [1961] 1980, p. 288), sino
la relazione sulle cose viste in una mistione ma, di un cataclisma che piomber come casti- qui cat. 14), specialmente considerando come, a trarne larbitraria conclusione che Lonard
di registri retorici non dissimile da quella che go divino sullumanit corrotta. La visione, da accanto a una di queste profezie, Leonardo si tait plus ou moins constamment sur le point
regge le scritture machiavelliane (Scarpati un lontanissimo passato, si sposta ad un futuro appunta programmaticamente che sia recitata de subir un traumatisme [...] par lhostilit
2001, p. 171). , invece, al pi celebre capi- prossimo, e diventa profezia (Vecce 1998, p. ad arte, in forma di frenesia o di farnetico, de la nature ou par son environnement hu-
tolo XXV de Il Principe, in cui una fortuna 310; ma cfr. gi Baratta 1903, p. 260). Si deve dinsania di cervello (C.A., f. 1033r; qui cat. main (ivi, p. 292). Piuttosto, alla luce anche
(vale a dire una inondazione dacque, provocata ancora al Gombrich, peraltro, laver individua- 40). In realt, gi nella seconda met dellul- di nuovi elementi in favore dellipotesi di un
dallo straripamento di un fiume rovinoso dai to perspicuamente i nessi logici ed espressivi timo decennio del XV secolo, alla corte mi- incontro con Savonarola, che sarebbe avvenuto
propri argini) assunta a metafora di supremo del tema dei diluvi con quello delle pro- lanese degli Sforza, Leonardo aveva prodotto a Firenze gi a met dellultima decade del XV
giudizio rivolto contro limprudenza e lar- fezie (non a caso, in C.A., f. 526v, qui cat. uninfinit di indovinelli mascherati da prono- secolo (quando appunto le profezie iniziano
bitrariet dei governi del tempo, che ha para- 38, la solenne titolazione Profezia di Lionardo stici e presagi profezie, appunto spesso ad apparire tra gli appunti di Leonardo), andr
gonato i diluvi leonardeschi Martin Kemp, da Vinci appare in prossimit di uno studio di omettendone, significativamente, la soluzione, riconosciuto allinfuocato e tuonante profeti-
traendone spunto per una possibile interpreta- vortice acquatico, a sancirne la diretta associa- per accrescerne la spettacolarit: the positive smo apocalittico e millenaristico del frate (cfr.
zione politica: Come lItalia dilaniata da lot- zione nella mente di Leonardo). Le profezie, and realistic character of the pronouncement MacCurdy [1928] 1952, p. 229; Sisi 1996, p.
12 te intestine di Machiavelli non tard a venire frutti della vena umoristica leonardesca, si is in fact adopted as an element of playful de- 19; Vecce 1998, p. 168; Kemp 2006 a, p. 183) 13
devastata dalle forze esterne della fortuna, presentano come parodie di quei pronostici e ception (Pedretti 1977, p. 154). Traspare, un ruolo cruciale nellispirare a Leonardo la
gli incauti combattenti di Leonardo sono stati presagi che circolavano nellItalia del Rinasci- nondimeno, in questi ingegnosi esercizi let- propria satirica e nondimeno amara rispo-
sopraffatti da una forza superiore. Le animosit mento, dei quali Leonardo derideva non tanto terari, in apparenza finalizzati esclusivamente sta alla moda contemporanea della divinazione
e ostilit locali non hanno nessuna importan- la pretesa dei profeti di poter prevedere la al diletto di un ignaro uditorio aristocratico, profetica (cfr. Versiero 2012 a, pp. 73-75, nota
za di fronte alle forze divine della (o di una) fine del mondo [...] quanto lo stile sibillino in una pungente vena polemica, che immette in 6 e pp. 417-418; e Versiero 2013, i.c.s.).
fortuna (Kemp [1972] 2004 a, p. 65). Al cui essi annunciano portenti e segni che do- sottotraccia ad alcuni di essi una severa criti-
di l dellindubbia, analoga presa che il tema vrebbero accompagnare catastrofi (Gombrich ca etico-politica ai mali della societ contem- Nelloccasione di questa nuova emozionante oppor-
della tempesta dacque ebbe nel suggestionare [1983] 1984, p. 6). Sul piano letterario, que- poranea (cfr. ad esempio Versiero 2010 a, p. tunit di incontro con Leonardo, rivolgo ancora
il pensiero di Leonardo e di Machiavelli (cfr. sti componimenti giocano sul carattere pu- 78, cat. 15 [C.A., f. 1060v a], p. 90, cat. 20 un doveroso tributo di stima e riconoscenza allamico
ora anche Versiero 2012 a, pp. 190-194), resta ramente convenzionale della lingua parlata, [C.A., f. 1033r], pp. 94-96, cat. 22 [C.A., f. e maestro Pietro C. Marani, la generosit del cui
la probabilit che eventi contemporanei abbia- dimostrando come usando con arte le parole 105v a]): sebbene, in questottica, si possa dire insegnamento umano e professionale mi sprona e ar-
no imperiosamente richiamato lattenzione del si pu dare unapparenza misteriosa e compli- che le profezie abbiano anche un contenuto ricchisce nel mio percorso di crescita e di ricerca.
primo sulle catastrofi naturali, come la disa- cata ai fatti pi banali (ivi, p. 8), anche se
strosa frana accaduta nel 1513 a Bellinzona, resta difficile decidere quanta parte di queste
seguita nel 1515 dal crollo di una diga e dalla fantasie appartiene alla descrizione verbale e
conseguente inondazione a valle, fatto ricorda- quanta alla rappresentazione visuale (ivi, p.
to da Leonardo stesso in un appunto (C.A., f. 19), sebbene lipotesi di un progetto di [...]
901r: abbiam veduto alli nostri tempi cadere un racconto di pura fantasia (ivi, p. 20), una
un monte di sette miglia e serrare una valle e sorta di curioso romanzo in forma epistola-
farne lago [...]; cfr. ora Pavesi 2012, p. 45, re, su un viaggio a Oriente e la narrazione di
cat. 44) e quindi descritto da Paolo Giovio nel- uno spaventoso disastro naturale, preceduto
le sue Historiae, con la notizia aggiuntiva dello dallanatema di un profeta, nel quale testo e
sterminio di un intero accampamento svizzero, immagine si sarebbero reciprocamente comple-
esempio di sciagura capace di presentarsi come tati, sia stata considerata dal Gombrich atten-
OPERE
Marco Versiero

La sigla posta tra parentesi dopo il titolo di ciascuna scheda


(es. BA) indica il luogo in cui il disegno esposto.
BA = Biblioteca Ambrosiana
SB = Sacrestia del Bramante, Santa Maria delle Grazie
Le acque, i venti e le tempeste Foglio 201 r Foglio 214 r b

Foglio 211 v 2. Note sugli accidenti de moti delle acque (SB) 3. Elenco di temi per il Libro delle percussione
Il foglio, come universalmente rilevato dagli studiosi dellacque (SB)
1. Studi sul volo degli uccelli che se ne sono occupati, un elenco di voci corrispon- Il foglio, direttamente collegato allattuale f. 201 (cfr.
e sul moto delle acque (BA) denti ai temi del perduto Libro delle acque, designato cat. 2), svolge un serrato elenco di argomenti per il
Il foglio risulta essere stato ripiegato in quattro con la lettera M, dal quale Leonardo si proponeva perduto Libro delle acque, documentando anche una
dallo stesso Leonardo, che probabilmente intendeva evidentemente di attingere materiali per la successiva notevole ricerca linguistica, nel tentativo del tut-
poi tagliarlo lungo la piega orizzontale, per formare compilazione dellattuale Codice Leicester (di propriet to utopistico, data limprevedibilit e mutevolezza
le pagine di un quadernetto in sedicesimo: infatti, la Gates a Seattle), ci che ne colloca la datazione ante- dellelemento acqua di nominare ogni possibile fe-
sua compilazione dei singoli riquadri cos ottenuti riormente al 1508: per il Pedretti, infatti, il foglio ri- nomeno idrodinamico, quasi che la sua parola fatico-
cominci abbastanza regolarmente ma, in seguito monterebbe al 1505-06 o poco pi tardi, mentre pi samente ne inseguisse levolversi, meno efficacemente
al mancato taglio, procedette poi valicando con la recentemente il Pavesi ha fatto notare come la com- di quanto i suoi disegni, anche pi rapidi e abbrevia- Foglio 211 v Penna e due inchiostri
scrittura i margini delle piegature, sia al recto che al presenza di studi di idrografia fiorentina sullaltro ti, sapevano rendere di fronte alla stupefacente visio- mm 231 x 197 Antiche numerazioni 216, 217, 218, 219
verso. Entrambi i lati di questo foglio riportano una lato del foglio (in particolare, i riferimenti allArno e ne del moto delle acque. C.A. f. 211 verso (ex 77v b) Datato erroneamente sabato 5 marzo
delle rare indicazioni di data apposte da Leonardo alla pescaja dOgnisanti) facciano propendere per il (1503 o 1507?)
Calvi (1925) 1982, p. 155, nota 53; Marinoni-Pedretti (1975-
stesso in pochi fogli dellAtlantico, sebbene, come 1503 (epoca dellimpegno di Leonardo nellimpresa 80) 2000, vol. 1, pp. 323-325; Pedretti 1978-79, vol. 1 (1978),
spesso gli accadeva, il riferimento sia impreciso: se della deviazione dellArno). Il Calvi, inoltre, colleg p. 112; Marani-Marinoni 2004, p. 18, p. 41, sub voce Acqua
al recto la dicitura sabato 5 marzo ha fatto pensare gli elenchi di questo foglio allattuale f. 214r b (qui (erroneamente come 241r b), p. 53, sub voce Libri e p. 76, sub
anno 1505.
al Calvi allanno 1503 e al Pedretti allanno 1507, cat. 3), che in effetti di contenuto pressoch identi-
con riferimento al versamento di un deposito di co e pare costituirne una continuazione.
150 fiorini sul conto tenuto da Leonardo al banco
fiorentino di Santa Maria Nuova, che un documento Calvi (1925) 1982, p. 155, nota 53; Marinoni-Pedretti (1975-80)
16 archivistico colloca appunto al 5 marzo 1507 (in
2000, vol. 1, pp. 281-286; Pedretti 1978-79, vol. 1 (1978), p. 17
107; Marani-Marinoni 2004, p. 53, sub voce Libri e p. 76, sub
realt, un venerd anzich un sabato), va tuttavia anno 1505; Pavesi 2012, p. 34, cat. 28 (verso).
ricordato che il Marinoni aveva segnalato come
anche sul verso il restauro avesse riportato in luce
una ripetizione di quella data, lungo il margine
inferiore del riquadro in basso a destra, dallo
studioso riferita allanno 1503, in ragione del fatto Foglio 201 r Penna e inchiostro
mm 434 x 300 Antiche numerazioni 58, 59
che il 4 marzo Leonardo risulta aver depositato una C.A. f. 201 recto (ex 74r a) Circa 1503-07
somma di danaro presso lo stesso istituto creditizio
(in ogni caso, dunque, Leonardo avrebbe commesso
un errore sul giorno del mese o della settimana). In
connessione col tema del volo degli uccelli, studiato
in vista del progetto di volo strumentale, il recto e
il verso di questo foglio riportano perspicui appunti
e schizzi sullandamento del corso dei fiumi (ci che
indurrebbe a preferire il termine di datazione pi ELIMINARE IMMAGINE
antico, essendo noto limpegno profuso nellestate
e autunno del 1503 da Leonardo per la sventurata
A DESTRA
impresa della deviazione dellArno a fini strategico-
militari nella guerra contro Pisa).

Calvi (1925) 1982, p. 154, nota 52 (recto); Brizio 1952, p. 626


(recto); Clark-Pedretti 1968, vol. 1, p. 166, sub no. 12675 (recto);
Marinoni-Pedretti (1975-80) 2000, vol. 1, pp. 309-311; Pedretti
1978-79, vol. 1 (1978), pp. 111-112; Marani-Marinoni 2004, p. Foglio 214 r b Penna e inchiostro
10, p. 43, sub voce Date, p. 50, sub voce Fiumi, p. 69, sub voce mm 283 x 218 Antica numerazione 77
Volo degli uccelli e p. 76, sub anno 1503, fig. 1. C.A. f. 214 recto b (ex 79r a) Circa 1505-07
Foglio 333 r Foglio 980 r a Foglio 436 r

4. Note sul moto della saetta (SB) 5. Studi sul flusso e reflusso dellacqua (BA) 6. Note su nugoli, furioso vento e pioggia (SB)
Il confronto col f. 215r (cfr. cat. 23), dove parimenti si Il disegno di un moto ondoso in cima al foglio, dappri- Il foglio da mettersi in serie con altri (cfr. cat. 7
ritrova una lunga trascrizione dellallievo Melzi, su pro- ma profilato a inchiostro grigio chiaro, stato successi- e 27), oltre che per la sintonia cronologica, anche
babile dettatura del maestro, seguita da una annotazione vamente ripassato e rinforzato da Leonardo con lo stesso per analogie di contenuto: qui Leonardo indaga i
autografa, conferma anche per questo foglio (in tutto inchiostro marrone scuro col quale ha apposto le annota- complessi fenomeni meteorologici, dalla cui combi-
simile, del resto, per qualit della carta e degli inchiostri zioni sottostanti. Come notato recentemente anche dalla nazione ha luogo la formazione di pioggia e gran-
utilizzati) una datazione al 1515 circa, non potendosi Capurro, lattenzione di Leonardo si appunta qui sul te- dine, a partire dalle opposte temperature e densit
escludere che anchesso presentasse in origine schizzi e ma della trasmissione del moto ondoso, pervenendo alla del nugolo (caldo al suo interno) e dellaria che lo
disegni sul tema del diluvio, poi asportati mediante ri- corretta conclusione che londa si produce non per forza circonda (la cui freddezza lo diaccia di fori); da
taglio: i due fogli avrebbero anzi potuto far parte di una propria ma per moto riflesso; il confronto tra le onde dei questo contrasto si genera anche il furioso vento,
serie con analoghe caratteristiche, in cui Leonardo fosse mari e quelle dei fiumi lo induce inoltre a considerare per esalazione dellumido. La differenza tra piog- Foglio 333 r Penna e due inchiostri, su carta ruvida
intervenuto a correggere e ampliare lapprendimento le seconde prodotte da un restringimento del letto dei gia e grandine spiegata sulla base delle particole mm 175 x 196 Antica numerazione 79
della propria lezione sullo scritto dellallievo (alterna- fiumi. Lo stile e la tipologia del disegno di onda, unita- dellumido vaporato che [...] nello scontrarsi colla C.A. f. 333 recto (ex 121r b) Circa 1515
tivamente, al Melzi potrebbe essere stato dato incarico mente alla compatibilit del ductus calligrafico, conferma parte del nugolo che inverso lo stremo si raffredda
di trascrizione e sistemazione dei materiali del maestro, per questo foglio una datazione al 1515 circa, sincrona al si appicano, acquistando peso e tramutandosi in
in tema di figurazione del diluvio). Qui lattenzione si f. 215r (cfr. cat. 23). gocciole, mentre, in eccezionali circostanze, dovu-
appunta dapprima sul moto della saetta, indagato dal te alla eccellente freddura, tali particole danno
Marinoni-Pedretti (1975-80) 2000, vol. 3, pp. 1784-1786;
momento in cui nasce nel nuvolo fino al suo fendere Pedretti 1978-79, vol. 2 (1979), p. 220; Marani-Marinoni 2004, luogo a molte globbulenzie che insieme congiunte ELIMINARE IMMAGINI
laria con flexitudine, per poi toccare il tema della di- formano la grandine.
p. 59, sub voce Onde e p. 77, sub anno 1515; Capurro 2012,
p. 43, cat. 41. A DESTRA
versa qualit e consistenza degli elementi naturali, in
Marinoni-Pedretti (1975-80) 2000, vol. 2, pp. 813-814; Marani-
particolare acqua e aria. Marinoni 2004, p. 68, sub voce Venti e fenomeni atmosferici e
18 p. 77, sub anno 1515. 19
Calvi (1925) 1982, p. 171; Marinoni-Pedretti (1975-80) 2000, vol.
1, pp. 575-576; Marani-Marinoni 2004, p. 77, sub anno 1515.

Foglio 980 r a Penna e due inchiostri, su carta ruvida


mm 222 x 97
C.A. f. 980 recto a (ex 354r b) Circa 1515

Foglio 436 r Penna e inchiostro sbiadito, su carta ruvida controfondata


mm 105-160 x 71-210 (irregolare) Antica numerazione 174
C.A. f. 436 recto (ex 162r a) Circa 1515
Foglio 758 r Narrazioni e figurazioni co le ispogliate, spolpate e igniude ossa hai fatto armadura
fantastiche e terrifiche e sostegnio al sopraposto monte); di qui alla discussione
7. Formazione del fulmine e natura globosa sulla inesorabilit della legge naturale, il passo breve. Il
delle nubi (BA) Foglio 715 v brevissimo frammento di scrittura qui presentato, dotato
La qualit grossolana della carta, scura e fibrosa, che nondimeno di una potente carica evocativa, pare risuonare
ha assorbito in pi punti linchiostro facendo mac- 8. Testo di fantasia sul mostro marino (SB) come un monito carico di presagio, che lo accomuna nel
chia, cos come il ductus della grafia, sono in tutto Sin dal Calvi, il recto di questo foglio stato messo in serie tono ai testi delle profezie, di oltre un quindicennio pi
simili a quelli del f. 227r (cfr. cat. 27), attestando con le celebri pagine del Codice Arundel (ff. 155v e 156r), tarde: O quanti popoli corsono ai nostri liti per veder te,
che il presente foglio come quello databile nel pie- ammirate tra i massimi esempi della prosa giovanile di quando orribile apparisti infra londe del gonfiato e gran-
no del soggiorno romano di Leonardo alla corte di Leonardo (prima della sua partenza per Milano), dedicate de Occe[a]no!, dove colpisce anche la icastica immagine
papa Leone X (1513-16), trattandosi in entrambi i alle varianti di quello che, sulla suggestione delle Meta- dellimmane sommovimento dei flutti marini, che antici-
casi di studi scientifici di carattere geologico nel f. morfosi di Ovidio (possedute e lette da Leonardo), avreb- pa gli scenari apocalittici della estrema serie dei diluvi.
227r, meteorologico nel presente sorti nella men- be dovuto essere con ogni probabilit un componimento Foglio 758 r Penna e inchiostro, su carta ruvida
Calvi (1925) 1982, pp. 58-59 (recto); Fumagalli 1939, pp. 156-158;
te di Leonardo mentre si applicava parallelamente letterario, i cui pregi lirici e stilistici, pur nella forma ab- Marinoni (1952) 1974, pp. 186-187; Marinoni-Pedretti (1975-80) mm 255 x 190 Antica numerazione 251
(e, secondo la ricostruzione del Gombrich ricordata bozzata, sono stati spesso apprezzati dalla critica (cfr. ad 2000, vol. 2, p. 1391; Vecce 1992, pp. 164 e 181, nota 21; Vecce C.A. f. 758 recto (ex 279r b) Circa 1515
nellintroduzione a questo catalogo, sulla spinta del esempio Fumagalli 1939 e Marinoni [1952] 1974). Oltre 1998, pp. 68-71; Marani-Marinoni 2004, p. 75, sub anno 1480;
Pavesi 2012, p. 28, cat. 19 (recto); Versiero 2012 (a), pp. 63-64.
completamento della Cappella Sistina di Michelan- che con un altro foglio del Codice Atlantico (195 recto [ex
gelo) al tema della figurazione del diluvio. Questo re- 71r a]; non a caso, messo a paragone con la tarda serie dei
pertorio di osservazioni empiriche, pur avendo senzaltro diluvi da Kemp [1987] 2004 [a], p. 206), recante una
una propria autonomia logica, offriva dunque allartista- libera traduzione dei vv. 232-236 del libro XV del testo Foglio 914 v a
scienziato elementi realistici in base ai quali costruire le ovidiano, alla quale accomunato dal medesimo incipit
proprie visioni dei cataclismi naturali. Le due colonne (O tempo consumatore delle cose...), questo brano in 9. Disegno di un pesce alato e di un animale
di scrittura in questo foglio, sotto le quali appaiono stretto rapporto con gli altri che lo precedono e lo seguono mostruoso (SB)
20 rapidi e corsivi schizzi di moti vorticosi, sono dedica- su entrambi i lati di questa pagina del Codice Arundel, de- Il recto di questo foglio (gi esposto in Fiorio 2011, pp. 21
te, rispettivamente, quella di destra alla formazione dicati ai temi del termine della terreste natura e dellac- 15-16, cat. 3), databile al 1496-97 per gli abbozzi di
della saetta a partire dal fuoco che levifica negli crescimento della terra, in connessione con la disputa sulla lettera di Leonardo a Ludovico il Moro; la stessa cronolo-
alti strati delle nubi, giungendo a contrasto con il legge di natura. Come stato efficacemente rilevato dal gia, in mancanza di altri riscontri congruenti, pu intanto
massimo freddo dellaria in esse insito, ci che Vecce (1992 e 1998), la coerenza logica tra tutti questi essere estesa anche al lato posteriore. La qualit grossolana
produce la scarica del fulmine, per la separazione testi, ai quali va affiancato anche il f. 715 recto (ex 265r del gessetto nero affine a quella esibita dai disegni di
dellumido dal vapore secco; quella di sinistra a), a tergo del quale si riscopr durante il restauro la riga onde e vortici del f. 506r a (qui cat. 19), universalmente Foglio 715 v Penna e inchiostro, su carta ruvida
allandamento del moto del vento ritenuto retti- di scrittura sino ad allora inedita, qui esposta per la prima ritenuti autografi: il confronto induce a considerare, sia mm 294 x 220
C.A. f. 715 verso (invisibile prima del restauro) Circa 1480
lineo anzich circolare, cos confutando un assunto volta, corrobora peraltro lipotesi di una comune datazio- pur con la massima cautela, lipotesi di una paternit di
aristotelico e alla forma globosa delle nubi, dovuta ne. A partire da una banale osservazione empirica (Piglia mano anche per i due disegni di questo foglio, soprattutto
al fatto che il calore disgrega e resolve e l freddo un vaso e mpilo di schietta terra e pllo sopra un tetto), quello superiore, mutilo lungo il margine, di un pesce
congrega e congela, over coagula. Leonardo giunge alla constatazione di un progressivo e alato, che ha forse sofferto di uneccessiva rarefazione del
inarrestabile accrescimento del terreno nel microcosmo gi di per s evanescente medium grafico ma che, pur nello
Clark-Pedretti 1968, vol. 1, p. 165, sub no. 12672; Marinoni- del vaso, che lo conduce a immaginare la trasposizione del sbiadimento generale, appare di qualit lievemente supe-
Pedretti (1975-80) 2000, vol. 3, pp. 1466-1467; Pedretti 1978-
79, vol. 2 (1979), pp. 100-101; Marani-Marinoni 2004, p. 50, sub medesimo processo su scala universale, con la terra che riore a quella del pi corsivo disegno di un animale mo-
voce Folgore, p. 68, sub voce Venti e fenomeni atmosferici e p. cresce come un organismo vivente e le mutazioni geolo- struoso in basso, probabilmente un drago (di cui si ravvisa
77, sub anno 1515". giche che inghiottono le vestigia della civilt umana (Or la squamatura della pelle e la presenza forse di un curioso
non vedi tu negli alti monti i muri delle antiche e disfatte ciuffo di pelo sulla sommit della testa). Il pesce volante
citt essere da laccrescimento della terra occupate e nasco- (anche detto pesce rondine) forse del tipo Cheilopogon
ste?). Anche limmagine del mostro marino, che do- heterurus o Hirundichthys rondeletii, di cui attestata la pre-
vette essergli stata ispirata dal ritrovamento di un fossile senza nelle acque calde del Mediterraneo attrasse forse
gigantesco, assurge a simbolo e strumento della smisurata lattenzione di Leonardo anche in rapporto ai suoi studi
forza della natura: persino esso, tuttavia, vittima del ci- sul volo degli uccelli, in vista dei suoi progetti di una
clo immutabile delle forme di vita naturali (Ora disfatto macchina volante (cfr. Villata 2012, passim e p. 18, cat. 5, Foglio 914 v a Matita nera
mm 146 x 98
dal tempo paziente diaci [= giaci] in questo chiuso loco, per un giovanile disegno comparativo di ali di insetto e ali C.A. f. 914 verso a (invisibile prima del restauro) Circa 1497 (?)
strumentali; il pesce rondine si ritrova inoltre schizzato da 2001, pp. 83-87 e figg. 62-65), alla realistica illustrazione tazione in lettere capitali semisvanite, dubitativamente
Leonardo anche sul f. 100v del Ms B dellInstitut de Fran- di riferimenti geo-topografici esotici ed enumerazione di decifrate dal Marinoni come TMAVOG e ancora, verso
ce, c. 1487-90, con altri studi di animali alati: una farfalla, dati attinenti alla storia mitica delle terre mediorientali langolo inferiore sinistro, OG AV: secondo lo studio-
una libellula e un pipistrello). Questi due disegni, ad ogni (Questo gigante era nato nel montAtalante, ed era nero, so, si tratterebbe forse di una trascrizione incompleta del
modo, anche se dovesse trattarsi di prodotti di bottega, ed ebbe contro A<r>taserse cogli Egizi e Arabi, Medi e nome Giovanmatteo (in allusione a un modello fisio-
documentano di riflesso un interesse per la variegata fauna Persi. Viveva in mare delle balene, e de gran capodogli e gnomico particolare, ritratto nei due profili grotteschi si-
marina (parte reale, parte fantastica), che popola quelle de navili). La datazione di questo foglio, che prosegue la mili, di cui lautore delle scritte e degli schizzi di certo
stesse acque poi fatte oggetto del visionario sconvolgi- narrazione in forma epistolare cominciata sul f. 852r (su non Leonardo abbia voluto serbare memoria?). Ad ogni
mento profetizzato nei tardi diluvi leonardeschi. cui cfr. ora Villata 2009, pp. 52-54, cat. 7), fu fissata dal modo, il profilo a destra, dai presunti caratteri somatici
Calvi al 1487-90, trattandosi di una carta estratta da un negroidi, potrebbe rinviare alla visione del fier gigante
Marinoni-Pedretti (1975-80) 2000, vol. 3, p. 1699; Pedretti 1978-
registro contabile del Duomo di Milano, evidentemen- narrata nella lettera fittizia a Benedetto Dei (cfr. cat. 10),
79, vol. 2 (1979), p. 178; Marani-Marinoni 2004, p. 76, sub anno
1497 (recto). te al tempo dellaccertato interessamento di Leonardo al con la quale questo foglio potrebbe anche condividere la
completamento del tiburio della cattedrale. Questa crono- precoce datazione anteriore al 1490 (dal momento che il Foglio 265 v Penna e inchiostro, su carta ruvida
logia, congruente con il ductus calligrafico affine a quello Pedretti ha appurato che il recto del presente foglio ap- mm 210 x 285 Antica numerazione 115
Foglio 265 v del Ms B dellInstitut de France, che si colloca appunto punto databile al 1487-90). C.A. f. 265 verso (ex 96v b) Ante 1490
entro il 1490, non in contraddizione con i dati biografici
10. Lettera a Benedetto Dei sulla visione del mercante Benedetto Dei (1418-1492), che si trov a Marinoni-Pedretti (1975-80) 2000, vol. 3, p. 1721 (ripr. p. 1720);
Pedretti 1978-79, vol. 2 (1979), p. 193; Marani-Marinoni 2004,
del fier gigante (SB) Milano dal 1472 in poi (ma in particolare nel 1487-88), al p. 75, sub anno 1487 (recto).
Caro Benedetto Dei, per darti nuove de le cose qua di servizio di Roberto Sanseverino: il suo viaggio in Oriente
Levante, sappi come nel mese di giugno apparito un risaliva agli anni 1459-1467 e le relazioni che ne narr ELIMINARE IMMAGINE
gigante che vien di la diserta Libia: dando seguito a una costituirono fonte di notizie esotiche e curiose, cui Leonar- Foglio 992 r A SINISTRA
koin culturale di fronda, che assomma riferimenti a fonti do sicuramente attinse per questo singolare esperimento
e suggestioni diversificate dalle Metamorfosi di Ovidio al di racconto romanzesco, cos come, con ogni probabilit, 12. Figura deforme o mostruosa (?) (SB)
22 Morgante maggiore di Luigi Pulci, dalla Historia della Reina ancora per la Lettera al Diodario di Soria di diversi anni Il foglio era quasi del tutto invisibile prima del restauro, 23
dOriente di Antonio Pucci al Ciriffo Calvaneo di Luca Pulci dopo (cfr. cat. 13). perch coperto dal f. 990r e a sua volta incollato sul f.
(cfr. Vecce 1992 e 1998) e quasi parodiando i racconti e 991v, di modo che ne sporgevano alla vista solo pochi
resoconti di viaggi ed esplorazioni dello stesso Benedetto Calvi (1925) 1982, p. 73; Fumagalli 1939, pp. 177-179; Marinoni- centimetri. Il Marinoni credette di ravvisarvi la singo-
Pedretti (1975-80) 2000, vol. 1, pp. 431-432; Ponte 1976, pp. 38-
Dei, faccendiere fiorentino conosciuto a Milano allinizio 39 e nota 47; Kemp (1981) 1982, pp. 145-147; Vecce 1992, pp. lare figura mutilata dal taglio del margine di un essere
del penultimo decennio del XV secolo (infatti il Dei risul- 165-167 e note a pp. 181-183; Vecce 1998, pp. 96-98; Marani- mostruoso, che come gli indovini dellInferno dantesco
ta menzionato insieme a Leonardo in un elenco di fioren- Marinoni 2004, p. 48, sub voce Epistole (appunti e frammenti); ha il capo rivolto dietro le spalle, aggiungendo: Mo- Foglio 932 v a Penna e inchiostro sbiadito
Versiero 2010 (b), pp. 33-35. mm 153 x 211
tini espatriati a Milano, stilato con riferimento al periodo struosa anche lattaccatura delle spalle. Il Pedretti,
C.A. f. 932 verso a (invisibile prima del restauro) Circa 1487-90 (?)
1480-83; cfr. la scheda di L. Bninger, in V. Arrighi, A. escludendo la mano di Leonardo e proponendo dubita-
Bellinazzi e E. Villata [a cura di], Leonardo da Vinci, la vera Foglio 932 v a tivamente un confronto con i disegni sul f. 998r, si li-
immagine. Documenti e testimonianze sulla vita e lopera, catalo- mit pi prudentemente a parlare di una human figure
go della mostra, Firenze, Giunti, 2005, p. 140, cat. IV.24), 11. Due profili grotteschi e un profilo negroide standing, suggerendo una datazione anteriore alla data
Leonardo conferiva alla sua fiction uno spiccato carattere di o mostruoso (SB) del trasferimento di Leonardo per Milano (c. 1482). In
verosimiglianza etnologica, mettendo a frutto le peculia- I deboli schizzi di questo foglio, riportati in luce dal re- realt, un esame diretto e ravvicinato della figurina ha
ri prerogative scientifiche del proprio naturalismo: dalla stauro, non paiono potersi attribuire alla mano di Leonar- evidenziato luso di due inchiostri e altrettante redazioni
minuziosa descrizione dei tratti fisiognomici negroidi del do, anche se i tre profili virili riproducono tipologie fisio- grafiche: il tratto pi sottile a inchiostro grigio chiaro
gigante (La nera faccia [] il naso arricciato con lampie gnomiche care al maestro: oltre ai due profili maggiori, della sottotraccia sicuramente autografo, anche per la
anari, de quali usciva molte e grandi setole, sotto i quali in alto al centro e in basso a destra (questultimo forse di presenza di tratteggi sinistrorsi che definiscono il torso
era larricciata bocca, colle grosse labbra; sulla fisiogno- tipo negroide o mostruoso), ve n un terzo, invisibile in e le gambe fino al ginocchio, con corretta indicazione
mica etnologica riscontrabile in disegni vinciani di tipi riproduzione, che si potuto individuare solo a un esame delle forme anatomiche, pur nel ridottissimo formato;
negroidi e sulle ipotesi di innatismo ambientale discusse diretto e molto ravvicinato delloriginale, che pare ripre- alla successiva ripassatura spuria a inchiostro rossiccio,
da Leonardo per spiegare la differenza nella pigmentazio- sentare lo stesso volto del primo profilo ma in una posi- dato con mano incerta e tremolante, va senzaltro riferi-
ne della pelle e nei tratti somatici di omini nati nei paesi zione di scorcio, in diagonale nello spazio, forse mentre to labbaglio del Marinoni, in quanto questa ripresa di
Foglio 992 r Penna e due inchiostri, su carta tagliata irregolarmente
caldi, come lEtiopia, cfr. D. Laurenza, De figura humana. rivolge lo sguardo in alto. Questa terza figurina si colloca mano ignota (forse estranea persino al diretto entourage mm 180 x 77 Antica numerazione 157
Fisiognomica, anatomia e arte in Leonardo, Firenze, Olschki, in prossimit della enigmatica e quasi illeggibile anno- di Leonardo e magari riconoscibile in Pompeo Leoni) ha C.A. f. 992 recto (invisibile prima del restauro) Ante 1482 (?)
frainteso il pentimento di Leonardo nella definizione Divisione del libro, premessa alla vera e propria nar- viduare: figurine stenografiche di barche a vela nellam-
della spalla vista da tergo, con il braccio sinistro che si razione, una conferma del tono novellistico del racconto pio specchio dacqua al centro del disegno sulla met si-
piega dietro la figura a gomito, producendo la falsa im- (Leonardo intendeva, evidentemente, elaborare questi nistra del bifoglio (cos come nellangolo inferiore destro
pressione di una attaccatura mostruosa della spalla (in appunti in un libro, secondo la successione di argomenti dellaltra met), un piccolo borgo turrito nella porzione
questo rifacimento, deforme appare anche la piega fatta della Divisione). Quanto alla datazione, non pare con- di paesaggio a destra e su una collinetta verso il margine
assumere alla gamba sinistra sotto al ginocchio). Non vincente la recente proposta del Villata (2009) di riferire longitudinale di piegatura del bifoglio.
improbabile che nelle intenzioni originarie di Leonardo questo cimento di Leonardo con la letteratura di fantasia
potesse essersi trattato di una figurina vista da tergo del al 1502 circa, in rapporto alla notizia, riportata da Marin Solmi (1899) 1979, pp. 239-241; Calvi (1925) 1982, pp. 68-69;
Fumagalli 1939, pp. 171-176; Brizio 1952, pp. 332, 335-338;
tipo San Sebastiano alla colonna (di cui ben otto ver- Sanudo nei propri diari nel dicembre del 1501 e per la Marinoni (1952) 1974, pp. 194-199; Zubov (1962) 1968, pp. 241-
sioni risultano elencate nella lista di opere per lo pi prima volta segnalata dal Solmi (1976), dellavvento in 249; Clark-Pedretti 1968, vol. 1, p. 7, sub no. 12280 e p. 56, sub
disegni che Leonardo redasse al momento di lasciare Armenia di Shah Ismael Sofi I, che andrebbe identificato no. 12388; Marinoni-Pedretti (1975-80) 2000, vol. 2, p. 706-709;
Ponte 1976, pp. 116-117; Solmi 1976, pp. 318-320; Gombrich
Firenze per Milano; C.A. f. 888r, su cui cfr. ora Marani- nel profeta protagonista di questo racconto. Se, infatti, (1983) 1984, pp. 20-26, fig. 14; Di Teodoro 1989, pp. 121-126;
Rinaldi 2011, pp. 22-23), come anche parrebbe sug- il ductus della scrittura aveva fatto pensare al Calvi a una Vecce 1992, pp. 168-171 e note a pp. 184-185; Vecce 1998, pp. Foglio 393 v Penna e due inchiostri, su carta con filigrana
gerire la decifrazione del secondo disegno presente sul 277-281; Marani-Marinoni 2004, p. 48, sub voce Epistole (appunti a cappello cardinalizio mm 444 x 295
datazione ancora quattrocentesca della Lettera al Dioda-
e frammenti), p. 61, sub voce Profezie e p. 76, sub anno 1500;
foglietto (pure successivamente frainteso dalla ripassa- rio (1494-97 circa, in sintonia con lapparire delle pri- C.A. f. 393 verso (ex 145v a, b, c) Circa 1494-97 o 1500-02 o 1508 (?)
Villata 2009, pp. 96-98, cat. 22 (recto); Versiero 2010 (b), pp. 37-39.
tura spuria), ritenuto dal Pedretti lo studio di dettaglio me profezie tra i suoi appunti), forse al pi avanzato
dellarco di una balestra (strumento notoriamente usato termine cronologico suggerito dal Di Teodoro (1989),
per il martirio del santo). ovvero 1508 circa, che occorre prestare attenzione, sulla Foglio 573 v a
base peraltro di un testo di quel tempo nel Ms F dellIn-
Marinoni-Pedretti (1975-80) 2000, vol. 3, p. 1797; Pedretti 1978- stitut de France, f. 86 recto, in cui ricorrono sintetica- 14. Lettera di fantasia su una tempesta (SB)
79, vol. 2 (1979), p. 226
mente gli stessi riferimenti geografici favolosamente de- Carta, grafia e qualit dellinchiostro sono in tutto si-
scritti in questa lettera. A proposito di questi ultimi, mili a quelli dei due lati del f. 393, con i celebri ab-
lo studioso ha ipotizzato di identificare la menzione di bozzi di romanzo epistolare della Lettera al Diodario di
24 Foglio 393 v una citt di Calindra, piuttosto che con la medievale Soria (cfr. cat. 13 per un pi ampio commento); si deve 25
Kelindreh (lattuale Gulnar in Turchia; cfr. Solmi [1899] al Gombrich, peraltro, laver puntualmente rapportato
13. Lettera al Diodario di Soria 1979, p. 239), con Choldamara, toponimo presente il testo qui presente ad alcuni titoli della Divisione
e paesaggi fantastici (SB) anche nella Cosmographia di Tolomeo (ristampata a Ulm del libro del f. 393v: La subita inondazione al fine
Il grande bifoglio legato nel tema e nel ductus calli- nel 1482, in unedizione posseduta e studiata da Leo- suo; la ruina della citt; la morte del popolo e dispera-
grafico al f. 573 verso a, pure qui esposto (cfr. cat. 14), nardo), che effettivamente era situato geograficamente zione. Anche il finale accenno ai mali che n brieve
analogo del resto per le caratteristiche materiali del sup- laddove lEufrate tagliava il monte Tauro, in Siria. tempo ci promesso rinvia, secondo lo studioso, ai Foglio 573 v a Penna e inchiostro su carta con frammento di
porto cartaceo e dei media grafici impiegati. Gi il Calvi La fonte esatta della descrizione dellaltissima cima del titoli Trovata del profeta; la profetia sua della Di- filigrana fiore a 8 petali mm 187 x 211 Antica numerazione 114
(1925), respingendo linfondata ipotesi di J. P. Richter monte come sasso candidissimo fatta inoltre risalire visione, che non escluso si riferiscano alle profezie C.A. f. 573 verso a (ex 214v d) Circa 1497-1500
(Leonardo da Vinci im Orient, Zeitschrift fr bildende dal Di Teodoro alla Metaura dAristotile vulgare, elencata qui presentate (cfr. cat. 37-40). In questo frammen-
Kunst, vol. XVI, 1881, pp. 133-141), formulata prin- da Leonardo nella propria lista di libri (identificata con to, come perspicacemente osservato di recente dallo
cipalmente sulla base della relazione di viaggio presen- un possibile volgarizzamento dei Meteorologica aristote- Scarpati, il cataclisma raccontato in prima persona
te in forma epistolare in questo foglio, di una effettiva lici), piuttosto che alla Naturalis Historia di Plinio o al da una vittima, con rinnovato spostamento della re-
trasferta di Leonardo qua di Levante (che sarebbe avve- De situ orbis di Prisciano, come a suo tempo supposto dal gia narrativa nella direzione delle turbe sconvolte, che
nuta verso il 1486; ma cfr. anche Solmi 1900, pp. 43-45 Ponte (1976), che incongruamente riconobbe nel Tauro ancora ispira una pagina ricca di umori danteschi. Si
e Sailles [1892] 1906, pp. 525-528), aveva proposto il monte Ararat (ossia il Caucaso). Gli stupendi disegni tratta, dunque, di un episodio collaterale del racconto
una lettura unitaria dei due fogli, considerando la Lettera paesaggistici, purtroppo spesso sottovalutati rispetto a epistolare principale, in cui un sopravvissuto narra gli
al Diodario come una fantastica narrazione proemiale, quelli presenti sul recto del foglio, offrono un seducente spaventosi effetti della fortuna che ha travolto la sua
ad introdurre con ingegnosa illusione il lettore nella se- controcanto visivo agli scenari esotici e agli eventi ca- citt e delle misere condizioni in cui versa con i suoi
rie delle profezie leonardesche. Il Clark e il Pedretti, tastrofici evocati nei testi attigui (una frana del Tauro pochi concittadini superstiti.
tuttavia, avevano riconosciuto il valore puramente let- provoca un allagamento delle parte basse di Erminia
Calvi (1925) 1982, pp. 68-69; Brizio 1952, pp. 334-335;
terario di questi testi, considerandoli frammenti di una occidentale, un grande e stupente effetto descritto Marinoni-Pedretti (1975-80) 2000, vol. 2, p. 1129-1130; Pedretti
invenzione romanzesca di Leonardo, come poi pi com- fascinosamente da Leonardo come stupenda e dannosa 1978-79, vol. 2 (1979), pp. 22-23; Gombrich (1983) 1984, p.
piutamente evidenziato dagli studiosi successivi, parti- maraviglia), con dettagli miniaturistici che solo a una 23, fig. 15; Vecce 1998, p. 282; Scarpati 2001, p. 156; Marani-
Marinoni 2004, p. 48, sub voce Elementi e Epistole, p. 76, sub
colarmente dal Gombrich (1984), che ha ravvisato nella visione molto ravvicinata delloriginale si potuto indi- anno 1497; Versiero 2010 (b), p. 38.
Foglio 202 v a ad familiares di Cicerone, postillato a margine proprio dal gli abbozzi autografi di lettere a Ludovico il Moro e i
Vespucci, che ricorda anche limpresa leonardesca del- disegni di figura e decorativi (parte autografi, parte di
15. Descrizione della Battaglia di Anghiari (BA) la Battaglia di Anghiari, in una densa annotazione alla bottega), tra i quali si nota anche in basso a sinistra un
Come anche di recente ribadito dal Villata (con riferi- carta 11 a, riferita allottobre 1503, in cui si menzio- altro pi piccolo studio a penna e inchiostro di una con-
mento al recto di questo foglio, sul quale comincia la nano pure gli altri lavori fiorentini di Leonardo, ovvero chiglia a valve, a conferma di un interesse di Leonardo per
redazione del testo che continua al verso), si tratta di la Monna Lisa e la SantAnna). La scelta di presentare lo studio dei nichi riversato su questo foglio (cfr. inol-
un adattamento in volgare del Trophaeum Anglaricum, un questo testo nella sezione dedicata alle narrazioni e figu- tre cat. 17 per ulteriori ragguagli). Il profilo di guerriero
carme di 500 esametri scritto da Leonardo di Piero Dati razioni fantastiche o terrifiche di questa mostra risiede al verso, dunque, seppur di mediocre qualit, attesta un
nel 1443, in cui ricorre una precisa descrizione storica nella programmatica analogia riconosciuta da Leonardo, procedimento inventivo peculiare da parte dellallievo,
della battaglia vinta ad Anghiari, presso Arezzo, appena in alcuni fondamentali passaggi del Libro di Pittura, tra che non necessariamente sotto la guida del maestro
tre anni prima (29 giugno 1440) dalle truppe fioren- il modo di figurare una battaglia e quello di figurare cominci dapprima ricalcando la sagoma della conchiglia ELIMINARE
tine coalizzate con le forze pontificie, contro lesercito una notte o una fortuna (ovvero una tempesta), con che traspariva dal lato anteriore del foglio, decidendo poi IMMAGINE A DESTRA
milanese coadiuvato dalle milizie mercenarie perugine. riferimento a tutti gli espedienti pittorici in grado di di mutarla nellelmo di un guerriero, di cui con tratto
Tutti i principali protagonisti di questo eroico episodio evocare le atmosfere caotiche e deliranti di questi tragici sottile aggiunse sia il profilo allantica (memore del mera- Foglio 202 v a Penna e inchiostro, su carta con filigrana circolare
della storia repubblicana di Firenze sono menzionati in eppur spettacolari eventi di distruzione. viglioso Matteo del Cenacolo), sia laccenno di una fluente centrale mm 178 x 280 Antica numerazione 45 (recto)
C.A. f. 202 verso a (ex 74v b) Circa 1503
questo scritto: Pier Giampaolo Orsini (a capo delle forze capigliatura ondulata, terminante in boccoli. Certamen-
pontificie), Ludovico Scarampo (capitano dellesercito Solmi (1912) 1976, pp. 535-571; Calvi (1925) 1982, pp. 170- te, ci avvenne sotto la suggestione dei brillanti studi di
171, nota 110; Marinoni-Pedretti (1975-80) 2000, vol. 1, pp. 289-
fiorentino) e i due mercenari perugini al servizio dei mi- 290; Pedretti 1978-79, vol. 1 (1978), p. 108; Vecce 1998, p. 230; armature da parata di Leonardo, che, sin dal giovanile im-
lanesi, Niccol Piccinino e suo figlio Francesco. Questo Marani-Marinoni 2004, p. 76, sub anno 1503; Villata 2009, pp. pegno nel laboratorio fiorentino del Verrocchio, passando
resoconto doveva evidentemente servire da traccia icono- 102-104, cat. 24 (recto); Versiero 2012 (a), p. 173 e nota 32 attraverso il suo coinvolgimento nelle feste del periodo
grafica a Leonardo, lartista incaricato dal Gonfaloniere sforzesco, sino alle eccentriche rivisitazioni in chiave an-
di Giustizia Pier Soderini di realizzare una pittura mu- tiquariale dellequipaggiamento dei guerrieri previsti per
rale destinata a immortalare levento nellambiente pi Foglio 867 v la Battaglia di Anghiari, aveva da sempre manifestato un
26 rappresentativo del nuovo governo repubblicano, la Sala fervido interesse per uniconografia marziale contaminata 27
del Maggior Consiglio in Palazzo Vecchio (alla cui edifi- 16. Profilo di un guerriero allantica di elementi naturalistici (cfr. Versiero 2011 e 2012 [b]).
cazione Leonardo aveva contribuito nellestate del 1495, con elmo a conchiglia (BA) Lincontrovertibile datazione del recto al 1496-97 circa
convocato a Firenze insieme ad altri architetti su istanza A un esame diretto e ravvicinato, il foglio risultato esse- induce a ipotizzare una analoga cronologia per questo di-
del Savonarola, promotore di una riforma costituzionale re stato grossolanamente preparato con larghe e irregolari segno, che forse potrebbe riflettere uno studio autografo
che allargava la base dellelettorato civico in senso de- pennellate di biacca, che in effetti avevano fatto pensare al per unarmatura da giostra o un costume da mascherata,
mocratico; cfr. Versiero 2013, i.c.s.): recentemente, si Marinoni (che fu il primo a segnalarne lesistenza a segui- come ipotizzato dal Pedretti: in questa prospettiva, si po- Foglio 867 v Penna e inchiostro, su carta rosacea
ipotizzato che la personalit che per conto e nellinteresse to del restauro della fine degli anni Sessanta, trattandosi trebbe anche proporre un riferimento al repertorio grafico con grossolana preparazione a biacca mm 198 x 294
C.A. f. 867 verso (invisibile prima del restauro) Circa 1494-97 (?)
del Soderini si occup di trasmettere queste informazioni di un disegno invisibile nel precedente alloggiamento (solo in parte sopravvissuto) approntato da Leonardo per
allartista fu, pi che il Machiavelli (troppo entusiastica- del foglio nel codice secentesco compilato dal Leoni) a la messinscena della Danae di Baldassarre Taccone alla
mente invocato dal Solmi), il titolare della prima Cancel- un tentativo di copertura del disegno evidentemente corte sforzesca, che risale appunto al 1496.
leria fiorentina, lerudito Marcello Virgilio Adriani (cfr. di mano di un allievo, come denunciato dalla debolez-
A. Cecchi, Niccol Machiavelli o Marcello Virgilio Adriani? za tecnica e stilistica forse operato in vista di una suc- Marinoni-Pedretti (1975-80) 2000, vol. 3, p. 1620 (ripr. p. 1629);
Pedretti 1978-79, vol. 2 (1979), p. 154; Marani-Marinoni 2004,
Sul programma e lassetto compositivo delle Battaglie di Le- cessiva utilizzazione del supporto cartaceo. Si potuto p. 76, sub anno 1497 (recto).
onardo e Michelangelo per la Sala del Maggior Consiglio in inoltre accertare fatto sinora mai rilevato dalla critica,
Palazzo Vecchio, Prospettiva, vol. LXXXIII-LXXXIV, che del resto si raramente interessata a questo disegno
1996, pp. 102-115), sebbene la grafia della trascrizione che la sagoma dellelmo in foggia di conchiglia stata Foglio 1036 r b
riversata sul presente foglio sia stata convincentemente ricalcata da un evanescente studio di fossile gasteropode,
attribuita dal Pedretti a quellAgostino Vespucci, co- inciso a punta metallica da Leonardo sul recto del foglio 17. Disegno di una grande coclea fossile,
adiutore del Machiavelli alla seconda Cancelleria e in (e stranamente mai considerato dagli studiosi, che for- tra studi vari (BA)
stretti rapporti con Leonardo (cfr. V. Probst, Zur Ent- se non ne hanno colto la presenza, in effetti invisibile in Come rilevato dal Marinoni, il tipo di carta qui utiliz-
stehungsgeschichte de Mona Lisa, Heidelberg, Verlag Re- riproduzione), che peraltro celebre ed stato infatti zata, cos come la preparazione in azzurro e la qualit
gionalkultur, 2008, passim e pp. 12-15, per una prima pi volte esposto in questa rassegna di mostre tematiche dellinchiostro bruno marrone, sono identici a quelli del
Foglio 1036 r b Penna e inchiostro su carta preparata in azzurro
sintetica informazione sulla importante scoperta dellin- (cfr. Villata 2009, pp. 86-89, cat. 18; Fiorio 2011, pp. f. 1036 a, su entrambi i lati del quale Leonardo ha dise- mm 208 x 264 Antica numerazione 92
cunabolo con ledizione bolognese [1477] delle Epistulae 16-17, cat. 4; Marani-Rinaldi 2011, pp. 23-24) per gnato macchine per la fabbricazione di specchi ustori, un C.A. f. 1036 recto b (ex 371r b) Circa 1513-14
lavoro al quale notoriamente si dedic nel suo periodo acque e dello straripamento dei fiumi sia stata originata Foglio 302 r
romano (1513-16). Al 1514 circa, peraltro, risale un al- come del resto tipico di Leonardo da questa fulminea
tro foglio dellAtlantico, lattuale f. 253v, con il ricordo di osservazione empirica). Come not il Marinoni, questo 20. Note sulle ruinose inondazioni (BA)
unescursione compiuta a Monte Mario in cerca di fossili foglio denuncia anche un singolare impegno letterario di Posto dalla Brizio ad apertura della sezione Delle
(i nichi; cfr. Vecce 1998, p. 307). Il grande disegno di Leonardo, sottolineato dalla presenza di due colonnine acque della sua ampia silloge di scritti vinciani, il foglio
una coclea, che evidentemente fu il primo a essere realiz- di vocaboli utili per un ulteriore sviluppo del tema terri- stato pi di recente interpretato dallo Scarpati come
zato su questo foglio, occupandone quasi interamente la ficante; questi vocaboli (terore / inesorabile / repentine il pi antico in cui compaia il tema della inondazione
parte centrale, potrebbe anche essere considerato uno dei / nefande / li oribili e conquassabili / precipitante) erano dacque e, in quanto tale, progenitore della serie
frutti di quel sopralluogo: Leonardo, in effetti, potrebbe stati in effetti studiati anche dal Calvi ma come spunti dei diluvii leonardeschi. Lo studioso ha appuntato
aver portato con s uno di quei singolari reperti geologici per una specie di proemio di libro o trattato de fiu- particolarmente la propria attenzione sul dettaglio,
nel proprio studio al Belvedere in Vaticano, per studiarlo mi. Il Pedretti, invece, ha riconosciuto nel lungo testo secondo lui derivato dal primo libro delle Metamorfosi
pi agevolmente e riprodurne la naturale linea geometrica sui fiumi, che si distende nella met inferiore, una varian- di Ovidio (un classico presente nella libreria personale
a spirale, che doveva molto affascinarlo. Si notano infatti te del brano sulle ruinose inondazioni del f. 302r, qui di Leonardo), delle intollerabili fatiche di miseri e Foglio 1007 v Penna e inchiostro
in questo disegno, lasciato incompiuto, i tratti di penna esposto (cat. 20), ci che proietterebbe anche gli scritti di stanchi agrecultori, immagine che a suo avviso entra mm 205 x 292 Antica numerazione 187
C.A. f. 1007 verso (ex 361v a) Circa 1490
che trasversalmente, a raggiera, dividono la conchiglia in questo foglio nel repertorio immaginifico di figurazioni nella letteratura italiana con il sapore della compassione
settori regolari, forse per una migliore intelligibilit del- fantastiche e terrifiche, ispirate ai cataclismi naturali. vissuta che lacera gli schemi retorici dei racconti di
la sua geometria (o pi probabilmente in vista di una catastrofi. Come osservato da tutti i commentatori,
dissezione del reperto, a scopo di indagine). La sintonia Calvi (1925) 1982, p. 107; Marinoni-Pedretti (1975-80) 2000, vol. faticosa e non del tutto riuscita si rivela lelaborazione
3, p. 1817-1818 (ripr. p. 1816); Pedretti 1978-79, vol. 2 (1979), p.
cronologica tra gli studi sui nichi e i disegni e gli scritti 232; Marani-Marinoni 2004, p. 41, sub voce Acqua, p. 50, sub voce di questo testo, che riparte da principio ben quattro
della serie del diluvio, attestata anche da questo foglio, Fiumi e p. 75, sub anno 1490; Pavesi 2012, pp. 33-34, cat. 27. volte in questo foglio, con numerose cancellature e
senzaltro stata strumentale alla dimostrazione vinciana ripensamenti: la presenza di un secondo inchiostro pi
della infondatezza del diluvio biblico (su cui si incentra la scuro nella met inferiore, che appunta alcune correzioni
Dubitazione del coevo f. 418r a; cfr. cat. 22). Foglio 506 r a anche nella parte superiore, conferma della lunga
28 gestazione della scrittura, la cui redazione scandita 29
Marinoni-Pedretti (1975-80) 2000, vol. 3, pp. 1878-1879; Marani- 19. Studi di onde e vortici (SB) da almeno due momenti distinti, che comunque non
Marinoni 2004, p. 77, sub anno 1513.
Il foglio era stato anticamente ripiegato su se stesso in oltrepassano il 1490-92 del Ms A dellInstitut de
sei; il riquadro superiore centrale fu successivamente rita- France, ove ricorrono simili testi poi rifluiti nel Libro di
I diluvi gliato e risulta disperso (a meno di non identificarlo con pittura. Il tema generale la dimostrazione che, infra le
il frammento di Windsor no. 12506, come proposto dal dannose cagioni delli inriparabili danni delli beni delli
Foglio 1007 v Pedretti), non corrispondendo allattuale frammento 506 omini, le inondazioni dacque, pi che lo ncendio del Foglio 506 r a Matita nera su una leggera preparazione a biacca,
penna e inchiostro, su carta con filigrana cesoie"
b, diverso per qualit della carta (accostatovi arbitraria- foco, debbano detenere linfelice primato dei nefandi e mm 237 x 266 Antica numerazione 270
18. I moti del vento e delle acque, mente dal Leoni nella compilazione del volume secente- spaventosi mali, contro alle quale non vale alcuno umano C.A. f. 506 recto a (ex 184v a) Circa 1500
le inondazioni di fiumi, disegni di nubi (BA) sco che raccoglieva i fogli dellAtlantico, fino allultimo riparo, vale a dire le nefande ruine, li incredibili
Il recto di questo foglio (gi presentato in Versiero 2010 restauro). Leonardo ha dapprima usato il foglio per studi deripamenti, le inesorabili rapacit, fatte da diluvi de
[a], pp. 62-64, cat. 9), datato entro il 1490 per affinit di di geometria euclidea (Marinoni) e poi, capovolgendolo, rapaci fiumi: parole in cui, oltre alla compassione per
tema e ductus della scrittura con alcune pagine dei Mss A vi ha precipitato la breve nota sul moto dellacqua con- chi ha visto travolti i propri beni dalla furia delle acque,
e B dellInstitut de France, consente di fissare un punto frontato con quello dellaria (Il moto dellacqua infra si avverte imperiosa tutta la fascinazione esercitata
di riferimento cronologico anche per il verso, affastellato lacqua fa come il moto dellaria infra laria), accompa- anche dalle capacit distruttive del terribile elemento,
di note e disegni, tra cui spiccano, in alto a sinistra, un gnata da suggestivi quanto labili schizzi di onde e vortici assecondata dal piacere sottile evidentemente provato da
veloce, visionario abbozzo grafico del passaggio del vento acquatici, realizzati con un gessetto nero decisamente pa- Leonardo nella ricerca linguistica, culminata nella scelta
tra cumuli di nubi (Pavesi 2012, p. 33), pi che lo studio stoso, che ha lasciato un segno sgranato, sia nella scrittura delle parole pi adatte, anche onomatopeicamente, a
del passaggio di un elemento fluido attraverso una stretto- sia nei disegni, con effetto di sfocatura, probabilmente descriverne lo scatenato impatto.
ia (Marinoni), e, in basso a destra, lo schizzo di un vortice accentuato dal processo di consunzione e sbiadimento di
dacqua, che la nota attigua chiarisce essere stato osservato questo gi di per s rarefatto medium grafico. Brizio 1952, p. 281; Marinoni-Pedretti (1975-80) 2000, vol. 1, pp.
504-505; Ponte 1976, pp. 60-63; Vecce 1992, pp. 172-173 e note
e studiato da Leonardo in prossimit del Naviglio Grande a p. 185; Vecce 1998, p. 310; Scarpati 2001, pp. 154-155; Marani-
Pedretti 1957, pp. 24, 27; Clark-Pedretti 1968, vol. 1, p. 89, sub
di Milano, allaltezza della chiesa di SantEustorgio (Ac- no. 12506; Marinoni-Pedretti (1975-80) 2000, vol. 2, pp. 968- Marinoni 2004, p. 50, sub voce Fiumi e p. 75, sub anno 1490.
Foglio 302 r Penna e due inchiostri
qua da Santo Storzo; ci induce a sospettare che tutta 971; Marani-Marinoni 2004, p. 41, sub voce Acqua, p. 48, sub mm 156 x 207 Antica numerazione 43
voce Euclide e p. 76, sub anno 1500.
la serie di riflessioni qui svolte sul tema del moto delle C.A. f. 302 recto (ex 108v b) Circa 1490-92
Foglio 633 r Foglio 418 r a b dal foglio di Windsor no. 12378; lo studioso ha rite-
nuto, inoltre, di scorgere in questo foglio dellAtlantico
21. Disegno di onde e di un gorgo (SB) 22. Dubitazione e descrizione del diluvio (BA) uno studio preparatorio per il pi ampio disegno no.
Il foglietto, gi incollato sullattuale f. 634v, stato Entrambi i frammenti risultavano incollati sullattua- 12380 della serie britannica. Notevole rilievo stato
datato dal Pedretti al 1508-10 ma la qualit diafa- le f. 419 prima del restauro; le cifre 1 e 2 non sono in pi occasioni conferito dallo stesso Pedretti (segui-
na ed estremamente rarefatta e volatile della tecnica da considerarsi numerazioni antiche, in quanto di re- to pi recentemente da Villata 2009 e Taglialagamba
a gessetto impiegata sebbene non possa escludersi cente apposizione. Il primo testo (a) dedicato alla 2012) allevanescente memorandum, ormai quasi invi-
che abbia alquanto sofferto di un generale sbiadimen- confutazione del diluvio biblico, il secondo (b) una sibile, vergato a matita nera alla fine del foglio, verso
to e opacizzazione indurrebbe a considerarlo ancora variante di quello riversato sul f. 981 c (cfr. cat. 25, il margine inferiore: bonvarde dalli [da Lione] a vi-
pi tardo, da porsi forse in sintonia cronologica con anche per lipotesi del Pedretti sulla loro probabile negia chol modo che io detti a gradisha in frigholi e
i fogli pi estremi della serie dei diluvi. Un esame provenienza dal medesimo foglio originario), in cui in ovinhio [Avignone?]. Leonardo starebbe alludendo
diretto e ravvicinato ha convinto dellautografia di per lacutezza dellosservazione visiva di Leonardo si a un sistema di trasporto di artiglierie che egli stes-
mano: nei disegni (certamente pi belli di quelli sul concentra sugli effetti luministici dei bagliori di lam- so aveva gi applicato a Gradisca nel Friuli (Pedretti Foglio 633 r Matita nera su carta con frammento di filigrana
f. 506r a, qui cat. 19, considerati di Leonardo per pi e saette che squarciano il cielo tempestoso, quasi [1978] 1988), una notizia che appare confermata da un indecifrabile mm 116 x 144 Antica numerazione 35
la prossimit della scrittura di suo pugno) si rico- un preludio alle inquietanti atmosfere giorgionesche appunto pi tardo nel Codice Arundel, f. 270v, relativo C.A. f. 633 recto (ex 232r d) Circa 1508-10 (?)
nosce soprattutto il motivo tipico delle cadute dac- prima, barocche poi (cfr. Scarpati 2001). al progetto per Romorantin (c. 1518), in cui Leonardo
qua formanti piccoli rigurgiti schiumosi, nella parte accenna al serraglio mobile che io ordinai nel Frigho-
bassa del foglio verso sinistra, con effetti dinamici Brizio 1952, p. 340; Marinoni-Pedretti (1975-80) 2000, vol. 2, li: i due ricordi si riferirebbero, secondo lo studioso,
pp. 773-774; Pedretti 1990, p. 30, nota 3, figg. 1-2; Vecce 1992,
e complessi fenomeni di risucchio, gi notati dal pp. 173-174 e note a pp. 185-186; Scarpati 2001, pp. 157-158; a un dispositivo messo a punto da Leonardo al tempo
Marinoni. Verso il margine sinistro si nota anche una Marani-Marinoni 2004, p. 47, sub voce Diluvio e p. 77, sub del suo breve soggiorno veneziano nella primavera del
sporgenza sopraelevata, che pare suggerire la presen- anno 1515. 1500 e aprirebbero la possibilit di una presenza di
za di un argine o comunque di uno strato roccioso Leonardo a Lione nel 1515, in occasione del trionfale
da cui le acque precipitino o stiano per precipitare; passaggio di Francesco I di Valois nella citt francese
30 nelle distese di onde in alto compaiono con una certa Foglio 215 r (cfr. ora Versiero 2012, i.c.s.), in preparazione di una 31
regolarit le sagome ovali di quelli che il Pedretti spedizione dellesercito francese in Italia, per unire le
ha considerato scafi o imbarcazioni, che galleggiano 23. Note e disegni sul diluvio (BA) proprie forze a quelle di Venezia contro il re di Spagna,
inerti e capovolte su se stesse, a seguito della furia Messo in serie da Clark e Pedretti (1968) con i fogli limperatore dAsburgo e gli Svizzeri, i quali ultimi
del diluvio (un dettaglio macabro e agghiacciante che 980r a e 418r a b, qui esposti (cat. 5 e 22), per la avevano favorito linsediamento di Massimiliano Sforza
Foglio 418 r a b Penna e inchiostro su carta grossolana
alimenta limpressione che il disegno ritragga uno stessa qualit grossolana del supporto cartaceo e per alla guida del Ducato di Milano, secondo quanto ram- mm 129 x 74; 140 x 73 Antica numerazione 2
stato di quiete dopo la tempesta, che potrebbe anche la similarit del ductus calligrafico, il foglio riporta mentato dalle fonti e cronache francesi contemporanee C.A. f. 418 recto a b (ex 155r b c) Circa 1515
autorizzare un accostamento al testo sul sito di Ve- dapprima una lunga trascrizione di mano di France- (cfr. Pedretti 1962; inspiegabilmente, questa ricostru-
nere ovvero sulle acque fatali di Cipro, Windsor RL sco Melzi (come tale identificata anche per confronto zione rigettata ultimamente da Capurro 2012, senza
12591, che appunto del 1508 circa, in cui ricorre con quella che verga i nomi delle porte sulla pianta peraltro addurre motivazioni convincenti).
la stessa immagine: molti [...] hanno rotte lor na- di Firenze disegnata da Leonardo sul foglio di Win-
vili e sarte infra li scugli, circundati dalle reverti[gi] dsor no. 12681 e con quella che indirizza al padre la Pedretti 1962, p. 269 e fig. 1 a p. 271; Clark-Pedretti 1968, vol. 1,
p. 54, sub no. 12378 e no. 12380, p. 156, sub no. 12665, p. 169,
nali onde [...] O quante navi gi son sommerse! O bozza di una lettera in C.A., f. 790v, c. 1517-18, su sub no. 12681; Marinoni-Pedretti (1975-80) 2000, vol. 1, p. 327;
quanti navili rotti negli scogli! Quivi si potrebbe ve- cui cfr. ora Versiero 2010 a, pp. 82-84, cat. 17), su Pedretti (1978) 1988, pp. 129, 131, fig. 190 a p. 128; Pedretti
dere innumerabili navili: chi rotto e mezzo scoperto probabile dettatura di Leonardo stesso, che appone di 1978-79, vol. 1 (1978), p. 113; Pedretti 1982, pp. 48-49, sub cat.
41, 42 e 44; Pedretti 1989, pp. 38-39, nota 77, fig. 55; Pedretti
dalla rena, chi si mostra da poppa e chi da prua, chi proprio pugno una piccola correzione allinizio del ter- 1995, pp. 19-20, note 7-8, fig. 9; Vecce 1998, p. 191; Marani-
da carena e chi da costa. E parr a similitudine dun zo paragrafo e aggiunge nella parte inferiore note au- Marinoni 2004, p. 41, sub voce Acqua e p. 77, sub anno 1515";
Giudizi[o], che voglia risuscitare navili morti [...]; Pedretti 2008, pp. 473-474; Villata 2009, p. 152, cat. 43; Capurro
tografe sulleffetto del crollo di una parete rocciosa su
2012, p. 44, cat. 43 (ripr. p. 45); Taglialagamba 2012, p. 230, cat.
cfr. ora Versiero 2010 [b], pp. 35-37). una superficie dacqua, accompagnandole con i relativi 97 (ripr. p. 231); Versiero 2012 (in corso di stampa).
schizzi illustrativi. Questi ultimi sono realizzati a ma-
Marinoni-Pedretti (1975-80) 2000, vol. 2, p. 1235; Pedretti 1978- tita nera, poi ripassata in penna e inchiostro con acque-
79, vol. 2 (1979), p. 48; Marani-Marinoni 2004, p. 54, sub voce
Mari e p. 76, sub anno 1508. rellature marroni, secondo una tecnica avvicinata dal
Pedretti (1982) a quella esibita dal foglio di Windsor Foglio 215 r Matita nera, penna e due inchiostri su carta ruvida
no. 12379, della celebre serie dei disegni del diluvio, mm 296 x 198 Antica numerazione 191
laddove il testo descriverebbe uniconografia restituita C.A. f. 215 recto (ex 79r c) Circa 1515
Foglio 871 r virtuosa reggenza tutelare del Moro, subentrato alla attigui alcuni dei fogli della famosa serie di Windsor
guida del ducato sforzesco al posto di suo nipote, le- potessero essere in origine uniti a questa serie di scritti
24. Disegni di tende militari svolazzanti gittimo duca). Che Leonardo, come pure supposto dal dellAtlantico. Anche il Vecce ha letto e commentato il
e frammento di diluvio (BA) Pedretti, potesse aver poi adattato questa iconografia presente in diretta successione con il f. 418 a b, mentre
Come per primo riconobbe il Pedretti (1969), si tratta al pi tardo scenario politico del 1515 circa, quando pi recentemente lo Scarpati ha osservato, con riferi-
del frammento di un foglio pi grande, che avrebbe a Roma i suoi protettori erano i Medici (in particola- mento alla macabra figurazione, qui messa in campo,
compreso originariamente anche una scena di dilu- re, quel Lorenzo nipote di Giuliano e del nuovo papa delle gran quantit di torme duccelli, giunti fame-
vio, di cui si scorge a malapena una porzione residuale, Leone X, che potrebbe avergli anche commissionato lici a cibarsi dei corpi umani straziati dal diluvio, che
scampata alla resecazione, solo lungo lattuale margine la realizzazione di un ingegnoso leone meccanico da la singolarit di questi frammenti si deve ricercare nel
sinistro (a un esame molto ravvicinato, si potuta in- inviarsi a Lione in occasione del trionfale ingresso del fatto che essi si pongono a met tra lappunto che af-
dividuare lindicazione grafica di minuscoli mattoni o nuovo re Francesco I, documentato in antico come sim- ferra unintuizione destinata alla traduzione pittorica e
pietre scagliati in aria dalla furia del cataclisma, proba- bolo della rinnovata alleanza tra Firenze e la Francia), lannotazione suggerita dalla curiosit geometrica o otti-
bilmente unesplosione come nel f. 711v, qui esposto, non appare del tutto improbabile: laggancio a Lione ca, per lacribia di prevederne la rappresentazione per
cfr. cat. 26 piuttosto che una inondazione dacque). Il offerto dalla iscrizione decifrata sul coevo f. 215r (cfr. taglio e in faccia, al fine di coglierne il movimento Foglio 871 r Matita nera, penna e inchiostro su carta ruvida
Pedretti stato anche il primo a mettere i singolari di- cat. 23) e lapparizione di queste tende militari divelte attraverso li revertiginosi corsi dei venti. (con tracce di matita rossa, per sovrapposizione)
mm 202 x 164 Antica numerazione 140
segni al centro di questo foglio in relazione con uno dei dai venti (cos come, in un altro foglio della serie di C.A. f. 871 recto (ex 317r c) Circa 1515
diluvi di Windsor (no. 12401), in cui compaiono in Windsor, di figure di cavalieri disarcionati dai propri Brizio 1952, p. 527; Marinoni-Pedretti (1975-80) 2000, vol. 3,
pp. 1788-1789 (ripr. 1787, erroneamente come 981r c); Pedretti
effetti gli stessi oggetti qui raffigurati, ovvero tende da cavalli) hanno infatti consentito al Pedretti di riferir- 1990, p. 30, nota 3, fig. 3; Vecce 1992, p. 174 e note a p. 186;
campo militare furiosamentre stravolte dai venti della si al disastro meteorologico di Bellinzona (1513-15), Scarpati 2001, p. 157; Marani-Marinoni 2004, p. 47, sub voce
tempesta. Questa identificazione ha indotto lo studio- una spaventosa alluvione ricordata anche dal Giovio, Diluvio (erroneamente come 981v a) e p. 77, sub anno 1515.

so, in pi occasioni, in parte seguito anche dal Kemp, che aveva sterminato una milizia svizzera accampata
a proporre per tutta la serie di Windsor, per i due fogli nei pressi, da leggersi forse come presagio di un im-
dellAtlantico qui esposti (il presente e il f. 215r; cfr. minente rivolgimento politico in chiave filo-francese, Foglio 711 v
32 cat. 23), nonch per due tardi studi di figure femminili essendo note le mire dei re di Francia da Carlo VIII 33
(la celebre dama indicante di Windsor e le tre dan- a Francesco I, passando per Luigi XII sul ducato di 26. Disegno dellesplosione di una montagna (BA)
zatrici delle Gallerie dellAccademia di Venezia), una Milano, a quel tempo brevemente governato dal figlio Il recto del foglio, gi esposto in questa rassegna di
possibile interpretazione in chiave allegorico-politica, del Moro, Massimiliano Sforza, ivi insediato grazie al mostre (cfr. Capurro 2012, pp. 39-40, cat. 35 e Pa-
in rapporto alla notizia di una decorazione simbolica, supporto delle milizie svizzere. vesi 2012, p. 36, cat. 32), riporta un testo di grande
ricordata dal Cesariano (1521) come Ieraglipho (e cio suggestione sul Mediterraneo, descritto come fiume
Pedretti 1969, p. 345, fig. 6 a p. 343; Kemp (1972) 2004 (a), Foglio 981 v c Penna e inchiostro su carta grossolana
geroglifico) o come lo enigma di Lodovico Sfortia, massimo interposto infra la Africa, Asia ed Europa, mm 287 x 47
pp. 65-67; Marinoni-Pedretti (1975-80) 2000, vol. 3, p. 1623;
sul tema del tempo nimboso et di maxima procella, Pedretti (1978) 1988, pp. 306-307, fig. 480; Pedretti 1978-79, quasi in funzione di trasparente confine tra conti- C.A. f. 981 verso c (ex 354v b) Circa 1515
che si sarebbe trovata dipinta nel sotterraneo del Ca- vol. 2 (1979), p. 155; Pedretti 1982, p. 48, sub cat. 40; Pedretti nenti limitrofi e bacino culturale di convergenza tra
stello Sforzesco di Milano, costruito secondo Marcan- 1989, pp. 38-39, nota 77, fig. 56; Pedretti 1992, pp. 34-35; civilt millenarie (cfr. Versiero 2010 [b], pp. 43-44
Arasse 1997, p. 100, fig. 48; Pedretti (1998) 2003, pp. 79-80,
tonio Michiel (c. 1525) dal Bramante, collega e amico nota 79; Marani-Marinoni 2004, p. 77, sub anno 1515; Pedretti e nota 30); stato riferito al 1510-15, datazione ac-
di Leonardo. La paternit di questultimo per questa 2004, pp. 41-42, nota 43, figg. 54-55; Kemp (2004) 2006 (b), colta dal Pedretti anche per il verso, riemerso solo col
perduta allegoria, di cui non sopravvive alcuna traccia pp. 105-106; Pedretti 2008, pp. 474-475; Taglialagamba 2012,
restauro della fine degli anni Sessanta e considerato
p. 228, cat. 96 (ripr. p. 229).
iconografica, non menzionata dalle fonti; tuttavia, il dallo studioso (con il cosiddetto mostro di Ravenna
Pedretti ha istituito uno stimolante collegamento con del ricomposto f. 58r b, su cui cfr. ora Marani-Rinaldi
il repertorio emblematico predisposto alla fine del XV 2011, pp. 21-22) un raro esempio di scoperta real-
secolo dallartista per il Ludovico il Moro (in partico- Foglio 981 v c mente rilevante, consentita dalla operazione di sfasci-
lare, la figurazione di suo nipote Gian Galeazzo tra colatura e distacco dei fogli di Leonardo dalle pagine
tempo tranquillo e fuggita di fortuna, in Ms H, f. 25. Descrizione del diluvio (BA) del volume secentesco approntato da Pompeo Leoni (a
98r, c. 1494), traendone la conclusione che dovesse es- Il lungo frammento stato rapportato dal Pedretti ai fronte di danni e perdite a dire dello studioso gravi,
sersi trattato di una allegoria politica, in cui le turme due foglietti 418 a b (cfr. cat. 22), con lipotesi che tutti specialmente considerando che i pochi recuperi hanno
che ballano, iocundano et festeggiano soto lo tempo i tre frammenti evidentemente ritagliati apparte- portato alla luce disegni non autografi). Questo pare
sereno, a poca distanza dalla rappresentazione della nessero originariamente al medesimo foglio di parten- essere il caso anche del pur notevole disegno in esame, Foglio 711 v Matita nera
tempesta, avrebbero dato eloquente visualizzazione al za e che addirittura essendo probabile che il ritaglio in cui luso rarefatto e a tratti quasi dissolto del gesset- mm 275 x 422
motto Post malum semper sequitur bonum (in allusione alla avvenisse per separare la scrittura da eventuali disegni to nero, davvero affine alle prove grafiche pi evocative C.A. f. 711 verso (invisibile prima del restauro) Circa 1510-15
realizzate da Leonardo in questo medium, per con- cima sinistra della montagna, terminanti in nembi di Paesaggi e macchie"
traddistinto inequivocabilmente dalla presenza di un fumo evanescenti) o nellaggiunta di altri (ad esempio
tratteggio destrorso, specialmente nelle ombreggiature quella che sembra una seconda apertura alla base della Foglio 766 r 765 v
dei profili montuosi a destra, una particolarit tecnica montagna, subito a sinistra della prima, con lindica-
e stilistica che virtualmente (sebbene non automati- zione sottostante di una caduta dacque in forma di 28-29. Paesaggio panoramico tra studi di idraulica
camente) esclude la mano di Leonardo. Come notato rivoli attorti come riccioli). (primo e secondo frammento) (SB)
dallo stesso Pedretti, si tratta qui di una ripresa fede- Secondo la ricostruzione pi volte illustrata dal
Marinoni-Pedretti (1975-80) 2000, vol. 2, p. 1397; Pedretti 1978-
le ma parziale di uno stupefacente disegno della serie 79, vol. 2 (1979), p. 83; Pedretti 2008, p. 426. Pedretti, i due fogli sono per la prima volta presentati
dei diluvi (bench dallo studioso ad essa considerato nellaccostamento che consente di immaginarne una
lievemente anteriore), che raffigura una immane esplo- ideale ricomposizione, trattandosi di due met di
sione sul fianco di una montagna (Windsor, RL 12387, Foglio 227 r uno stesso foglio originario di provenienza, sebbene
da ultimo splendidamente riprodotto e commentato debba ipotizzarsi la perdita di una ulteriore striscia
in Marani 1999, pp. 305-307, che ha rilevato come 27. Note sui fiumi marini rigorgati dalle ruine di carta lungo il margine destro del f. 766r (cat.
il segno a gessetto nero, pi morbido e sfumato, [...] dei laterali monti (SB) 28), che non presenta residui della stessa filigrana Foglio 227 r Penna e due inchiostri su carta grossolana
serve a generare la sensazione di masse fluttuanti, come Il verso di questo foglio fu scritto prima dellat- frammentaria visibile lungo il margine sinistro del f. mm 200 x 300 Antica numerazione 116
C.A. f. 227 recto (ex 84r a) Circa 1515
avvolte da vapori di condensa, che ci riportano quasi tuale recto, che per lassorbimento dellinchiostro 765v (cat. 29), spia del fatto che un ulteriore ritaglio
al momento della loro lontana creazione). La perfetta nella carta risultato poi poco utilizzabile. Dappri- del f. 766r sia stato effettuato, come anche provato
sovrapponibilit di tutti i tratti principali e il ritornare ma, Leonardo continu in alto la trattazione svolta dalla non perfetta combaciabilit delle due met
di dettagli identici (come lapertura a nicchia alla base sullaltro lato del foglio, quindi, dopo averlo ruotato dellampio seppur sommario disegno di paesaggio,
del gruppo montuoso maggiore di destra, con labbre- di 90 a destra, vi appose note e disegni de ludo ge- che discorre da un foglio allaltro, con la probabile
viata profilatura dei gradini di accesso, forse in allu- ometrico e un piccolo schizzo di bombarda: siamo al mancanza di una porzione centrale (del resto,
sione allingresso di una galleria o miniera piuttosto tempo del soggiorno in Vaticano di Leonardo, come laddove le rispettive altezze dei due frammenti sono
che un ricordo dellentrata degli Inferi, concepita da anche dimostrano gli studi sulle lunule, infittitisi pressoch identiche, le larghezze differiscono di ben
34 Leonardo con i disegni della montagna che si apre, proprio negli anni romani (1513-16). Lannotazione 5 cm, uno spazio pi che sufficiente a contenere la 35
un ingegno progettato per la messinscena dellOrfeo del geologica mette a fuoco la teoria leonardiana circa la parte mancante di filigrana sul f. 766r). Si tratta,
Poliziano del 1508 come suggerito allo scrivente dal creazion de grandissimi laghi in alti siti, causata come pure ebbe ad osservare il Pedretti (che tuttavia
Marani, in gentile comunicazione privata, 24 ottobre dalle ruine de monti caduti sopra le consumate lor pare non aver colto la perdita della porzione centrale,
2012) rendono in effetti plausibile lipotesi che un al- radici mediante li continui corsi de fiumi, che a pi avendo proposto nelle sue pubblicazioni un diretto
lievo (difficile pensare a Cesare da Sesto, come suppo- di quelli colle lor velocissime acque precipitano: accostamento delle due met), della veduta a volo
sto dal Pedretti, dal momento che non ne attestato lo scenario cos descritto, senza assumere i connotati duccello di una vallata con lindicazione di un Foglio 766 r Penna e inchiostro
un diretto alunnato presso Leonardo ed inverosimile apocalittici di un diluvio, ne trattiene tutto il pathos villaggio, di profili collinari e di un corso dacqua, mm 206 x 138
che potesse avere accesso ai materiali di bottega del e la carica drammatica nellevocare gli inesorabili e elementi che hanno fatto pensare allo studioso non C.A. f. 766 recto (ex 282r c) Circa 1506-07
maestro; cfr. in proposito anche Fiorio 2011, p. 20, cat. ineluttabili processi di consunzione e disfacimento solo a uno scenario paesaggistico toscano ma persino
8) si sia esercitato nella copia di uno stadio interme- della materia, messi in moto dal millenario agire a una possibile identificazione con larea circostante
dio di elaborazione del magnifico prototipo autografo, degli elementi naturali. il paese natale di Leonardo, Vinci. La datazione oscilla
mentre questultimo era ancora in fieri. La sensazione tra il 1505 e il 1507, quando Leonardo potrebbe
provocata dal foglio a un esame diretto e ravvicinato Marinoni-Pedretti (1975-80) 2000, vol. 1, pp. 356-359; Marani- essere tornato brevemente a Vinci, a seguito della
Marinoni 2004, p. 50, sub voce Fiumi e p. 77, sub anno 1515.
stata comunque di trovarsi di fronte a un brano pae- morte dello zio Francesco.
saggistico di elevata qualit grafica (certamente supe-
riore ai profili di montagne a matita nera sul f. 784r Clark-Pedretti 1968, vol. 1, p. 167, sub no. 12676; Pedretti 1972,
p. 26, fig. 18; Marinoni-Pedretti (1975-80) 2000, vol. 3, pp.
b, tentativamente attribuiti a Leonardo da Rinaldi in 1478-1479; Pedretti (1978) 1988, pp. 144-145, fig. 213; Pedretti
Marani-Rinaldi 2011, p. 38, per la presenza di un lieve 1978-79, vol. 2 (1979), p. 103; Marani-Marinoni 2004, p. 76, sub
tratteggio sinistrorso, ma che appaiono molto pi piat- anno 1505.

ti e quasi privi di modellato, specie se confrontati con


la resa pi plastica delle poderose masse rocciose del
foglio in esame), che fa sospettare che Leonardo possa Foglio 765 v Penna e inchiostro su carta con residuo di filigrana
essere almeno intervenuto nella correzione di alcuni conchiglia (?) mm 208 x 143
dettagli (come la resa dei potenti getti di vapore sulla C.A. f. 765 verso (ex 282v b) Circa 1506-07
Foglio 244 r Foglio 499 v anche per la similarit delle pieghe plissettate di un
accenno di veste che ricopre il polso (va per detto che
30. Disegno di una catena montuosa, 31. Disegni di un paesaggio montuoso limpostazione delle dita, con il mignolo posato su
tra studi geometrici (BA) e di una mano (BA) un piano invisibile e lanulare e il medio piegati an-
Il foglio uno dei pochissimi del Codice Atlantico ad Sul foglio era anticamente incollato lattuale f. 500r zich distesi, come nel dipinto del Louvre farebbero
essere stato datato da Leonardo di suo pugno, in que- (su cui cfr. ora Villata 2009, pp. 144-146, cat. 39), pensare anche al ritratto di una mano colta nellatto
sto caso al verso, eccezionalmente persino con lindi- ritagliato in modo da evitare di coprire i due disegni; di scrivere, analogamente al disegno a matita rossa,
cazione dellora (a fissare nella memoria il momento a seguito del distacco, avvenuto in occasione del re- non di Leonardo e forse di Francesco Melzi, di una
della risoluzione di un particolare problema geome- stauro della fine degli anni Sessanta, la parte prima mano sinistra, supposta di Leonardo stesso, che reg-
trico) e del luogo (il suo studio in Vaticano): Finita ricoperta stata rinforzata con un velo di carta giap- ge una penna, sul pressoch coevo f. 770v, su cui cfr.
add 7 di luglio, a ore 23 a Belvedere, nello studio ponese, ci che giustifica lapparente diversa colora- ora Marani-Rinaldi 2011, pp. 40-41). Per il dettaglio
fattomi dal Magnifico, 1514. Anche gli studi de ludo zione di essa rispetto alle zone che riportano i disegni. dellindice puntato, parrebbe anche possibile, bench
geometrico poi riversati da Leonardo sul recto di questo Generalmente considerato un foglio di tarda, se non non mi risulta sia stato sinora rilevato dalla critica, Foglio 244 r Matita nera, penna e inchiostro
foglio (in particolare quelli dedicati al problema della addirittura estrema, datazione (1510-15, ancora re- rapportare questa mano a quella di Isabella dEste nel mm 241 x 171 Antica numerazione 144
equivalenza delle varie parti del cerchio, in vista del- centemente per Scaillirez 2003; 1517, per Marani- cartone del Louvre (colta nellatto di indicare un li- C.A. f. 244 recto (ex 90r a) Datato al verso 7 luglio 1514
la agognata risoluzione per via grafica del dilemma Marinoni 2004; addirittura 1517-18, per Marani-Ri- bro), peraltro insistentemente messo in relazione con
della sua quadratura) confermano una datazione al pe- naldi 2011), stato pi volte messo in relazione con la stessa Gioconda, come suo diretto precedente, per
riodo romano, quando le carte di Leonardo registrano la Gioconda del Louvre (a partire da Pedretti 1959), le innegabili analogie compositive e stilistiche. Il pic-
un inusitato accanimento in queste speculazioni ge- seppure come memoria grafica posteriore allesecuzio- colo paesaggio si apparenta agli altri disegni di scenari
ometriche. Il disegno preesistente a matita nera, che ne del ritratto, piuttosto che come vero e proprio di- montuosi presentati in questa mostra (si vedano i ff.
occupa quasi per intero la larghezza del foglio nel suo segno preparatorio. Lo schizzo in alto a sinistra ritrae 711v e 244r, cat. 26 e 30), mentre tecnicamente il
orientamento orizzontale, fu quasi completamente con pochi tratti stenografici uno scorcio paesaggistico segno abbreviato dellinchiostro, che in alcuni punti fa
sovrascritto, essendone risparmiata solo la porzione (a un esame molto ravvicinato, si sono potuti notare macchia, ricorda il paesaggio ricomposto sul doppio
36 centrale, che fu anche ripassata da Leonardo a penna i minuscoli dettagli delle sagome abbreviate di im- foglio 765v-766r, pure qui esposto (ma di pi antica 37
e inchiostro (lo stesso usato per gli appunti e schizzi barcazioni a vela su uno specchio lacustre a sinistra e cronologia; cfr. cat. 28 e 29), specialmente per lanalo-
geometrici), ridefinendo i profili degli scisti rocciosi il probabile accenno di un centro abitato, pi in alto ga resa serpeggiante del corso dacqua nella met del f.
pi elevati e contrassegnandoli con un fitto e sottile verso il margine sinistro del foglio), che in effetti pre- 766r. Siamo comunque di fronte a uno dei pi sugge-
tratteggio diagonale ad andamento sinistrorso, tipico senta qualche somiglianza con la porzione dello sfondo stivi e intriganti disegni di tipo figurativo del Codice
di Leonardo. La sottotraccia a matita nera, che solo a adiacente alla spalla destra delleffigiata nel dipinto, Atlantico, che per la parte paesaggistica riconduce alla
un esame diretto e molto ravvicinato delloriginale si dove si riconosce un profilo montuoso in prossimit tipologia dei primordiali scenari naturalistici del- Foglio 499 v Penna e inchiostro su carta rosata
potuta apprezzare appieno (essendo quasi del tut- della linea serpeggiante di una strada o di un corso la serie del diluvio (in accordo con lipotesi di Kemp mm 205 x 167
C.A. f. 499 verso (ex 182v b) Circa 1510-15 (o dopo?)
to invisibile nelle riproduzioni fotografiche e persi- dacqua, analoghi ai dettagli che dato individuare in [1981] 1982, p. 325, di una datazione avanzata del
no nel pur accurato facsimile del Codice), descrive un questo pur cursorio appunto grafico, nel quale, oltre paesaggio della Gioconda, c. 1508-10).
ampio paesaggio montano di tipo alpino (e quindi alle caratteristiche vette sfrangiate e dallapparenza
lombardo) con un tratto pastoso e in pi punti sgra- quasi friabile delle conformazioni rocciose, si distin- Pedretti 1959, p. 171, fig. 13; Marinoni-Pedretti (1975-80)
2000, vol. 2, p. 957; Scaillirez 2003, pp. 73-74, fig. 46; Marani-
nato, che produce una sensazione visiva affine a quella gue in basso a destra anche landamento sinuoso di un Marinoni 2004, p. 49, sub voce Figurine e p. 77, sub anno
provocata dal f. 711v, con un gruppo montuoso ana- fiume, mentre sulla sinistra, quasi come un lontano 1517; Marani-Rinaldi 2011, p. 38, sub Foglio 864 r.
logamente disegnato a matita nera ma ombreggiato ricordo della tecnica inusitata esibita dal primo dise-
con tratteggi destrorsi e perci considerato non auto- gno conosciuto di Leonardo (la celebre veduta della
grafo (cfr. cat. 26). Vallata dellArno del 1473, al Gabinetto dei Disegni
e delle Stampe degli Uffizi), compaiono i caratteristici
Marinoni-Pedretti (1975-80) 2000, vol. 1, pp. 384-387; Vecce
1998, p. 307; Marani-Marinoni 2004, p. 46, sub voce Date e p. tratteggi a ventaglio, probabili indicazioni sinteti-
77, sub anno 1514. che (e quasi impressionistiche) dello scomporsi di
arbusti allo spirare del vento oppure del baluginare
dei lustri tra il fogliame per il riflettervisi della luce
del sole. Per quanto riguarda il secondo disegno pre-
Foglio 489 v Penna e inchiostro
sente su questo foglio, facile riconoscervi una mano mm 275 x 184
destra in attitudine conforme a quella della Gioconda, C.A. f. 489 verso (invisibile prima del restauro) s.d.
Foglio 489 v 490 v 221 v 317 v o disegni, oltre a ricordare leffetto di macchie nei ta, precorritore del metodo fisiotipico ottocentesco,
muri causate dallumidit, provocano la suggestione applicato ad esempio alla celebre foglia di salvia sul
32. Macchia e probabile disegno di una testa di nembi che si rigonfiano nellaria, carichi di umori f. 197v (cfr. Fiorio 2011, p. 21, cat. 10); piuttosto,
di animale esotico o mostruoso (SB) temporaleschi. Il f. 489v riporta anche uno schizzo evidente che qualcuno (non si sa se Leonardo o un
33. Macchie con sovrascrittura (SB) enigmatico in penna e inchiostro (da leggersi forse allievo) abbia appoggiato la foglia sulla carta, tin-
34. Macchia (SB) nellorientamento verticale del foglio, ruotandolo di gendone poi i bordi con inchiostro, cos da lasciarne
35. Macchia con limpronta di una foglia (SB) 90 a sinistra), che il Marinoni interpret come lab- limpronta una volta rimossa la foglia. Infine, non
Questa serie di quattro fogli cos raggruppati sta- bozzo di una testa di animale esotico o mostruoso: si casuale che lunico foglio di questo raggruppamento
ta selezionata per questa sezione della mostra, come tratta senzaltro di un frammento scampato a una re- che presenti note di scrittura, databili al 1490 circa
indiretto documento della pratica leonardiana (teo- secazione del foglio e nemmeno un prolungato esame in perfetta sintonia con la datazione pi antica della
rizzata nel Libro di Pittura, f. 35v, cap. 66, un testo ravvicinato delloriginale ha consentito di decifrarlo fonte del citato capitolo del Libro di Pittura ovvero
desunto in parte dal f. 102v del Ms A dellInstitut con chiarezza. Molto pi suggestivo, sul piano for- il f. 490v (cat. 33), sia incentrato sul problema del
de France, c. 1492, in parte da un altro manoscrit- male, laffiorare della sagoma di una foglia da una corpo dellaria in rapporto alla superficie dei cor- Foglio 490 v Penna e inchiostro, su residui di preparazione azzurra
to perduto datato post 1500 dal Pedretti [2004]) di macchia di inchiostro pi scuro sul f. 317v (cat. 35), pi che lattraversano: il testo, di difficile interpreta- mm 143 x 106
C.A. f. 490 verso (ex 179v c) Circa 1490
stimolare lingegno del pittore a riconoscere anche abbastanza simile a quella debolmente tratteggiata zione, si svolge per su una precedente preparazione
nelle macchie confuse sui muri le invenzioni che da un allievo (forse il Melzi) a matita nera sul f. (residuale o interrotta) della carta in azzurro chiaro,
la sua arte pu rappresentare, con particolare rife- 118r b (cfr. Fiorio 2011, p. 20, cat. 9) e dallo stesso che produce la suggestione di masse aeriformi, quasi
rimento alla figurazione di nubi, tempeste e altri Leonardo, con pi sicura fattura, a matita rossa sul f. nubi in sospensione su un mare in tempesta.
accidenti meteorologici. In effetti, specialmente le 15v del Codice sul volo di Torino: la sagoma del foglio
larghe macchie di inchiostro riversate sui ff. 489v in esame non stata per n disegnata (come nei due Marinoni-Pedretti (1975-80) 2000, vol. 1, p. 345 (f. 221v), p.
542 (f. 317v), vol. 2, pp. 934-935 (f. 489v), p. 936 (f. 490v);
(cat. 32) e 221v (cat. 34), che hanno probabilmente altri esempi appena citati), n ricavata con procedi- Marani-Marinoni 2004, p. 60, sub voce Ottica e p. 75, sub
impedito una loro successiva utilizzazione per scritti mento di fissaggio dellimpronta della foglia su car- anno 1490 (f. 490v).

38 39

Foglio 221 v Inchiostro marrone


mm 295 x 215
C.A. f. 221 verso (invisibile prima del restauro) s.d.

Foglio 317 v Inchiostro nero, tracce di matita rossa


mm 210 x 283
C.A. f. 317 verso (invisibile prima del restauro) Circa s.d.
Le profezie Foglio 1023 v Foglio 526 v a

Foglio 112 r a 37. De Profezia (BA) 38. Profezia di Lionardo da Vinci (SB)
Il foglio presenta, in alto a destra lungo il margi- Il foglio presenta studi per la canalizzazione a gra-
36. Annotazione profetica (SB) ne superiore, il breve testo di un indovinello, prece- dini di un corso dacqua, con problemi di geometria
La cronologia al 1487 circa, corroborata secondo il Pe- duto dalla solenne titolazione De profezia: Tutti (sul baricentro del triangolo e sullaltezza e superficie
dretti da un confronto di grafia con il f. 27v del Ms B li strolagi saran castrati. Cio i galletti. Strolagi dellesagono). Ruotato il foglio verticalmente di 90 a
dellInstitut de France, non in contraddizione con lo vuol dire astrologi, ci che apparentemente e in- destra, lungo il margine inferiore compare la solenne ELIMINARE
stile ancora giovanile dei disegni di armi (due spade di gannevolmente proietta questo scritto nellambito e orgogliosa dicitura Profezia di Lionardo da Vinci,
cui viene studiata anche una terza opzione per limpu- dei professionisti della divinazione profetica, in ef- che pare tuttavia un annuncio privo di seguito, a cau-
IMMAGINE A DESTRA
gnatura e due balestre con quattro frecce ciascuna), che fetti presenti in tutte le corti del tempo (non esclusa sa della probabile resecazione del foglio lungo que-
hanno forse preceduto la scrittura di questa sentenza dal quella milanese, dove Ludovico il Moro aveva cieca sto lato. Come opportunamente osservato dal Vecce,
tono profetico (in cui il Vecce ha riconosciuto il gusto fiducia nella consulenza astrologica di Giovanni da il fatto che Leonardo utilizzi la parola profezia al Foglio 112 r a Penna e inchiostro
del paradosso e della coincidenza dei contrari, tipico di Rosate, citato anche da Leonardo in un celebre me- singolare per designare un insieme di testi autorizza mm 228 x 100-128 (irregolare) Antica numerazione 15
C.A. f. 112 recto a (ex 39v c) Circa 1487
Leonardo), forse stimolandola: La somma filicit sar morandum del 1499-1500 sulla copertina del Ms L a tentare una lettura unitaria del registro profetico,
cagione della infilicit e la perfection della sapienza ca- dellInstitut de France), quasi a presagire il contrap- come se si trattasse di una serie di visioni dello stesso
gion della stoltizia. Essa sembra volersi riferire proprio passo di una sciagura che si abbatta su di essi, a se- vaticinio (Vecce 1992, p. 131). Di estremo interesse
alla somma infilicit che pu derivare dalla stoltizia guito dei loro falliti anatemi. Tuttavia, come spesso (e vi si fatto cenno anche nellintroduzione a questo
conseguente alla perfection della sapienza, quasi che in Leonardo, lenigma si scioglie in una soluzione catalogo) la compresenza, lungo il margine destro
Leonardo in ci palesando unintima contraddizione banale, che sfrutta lomofonia con la parola che desi- del foglio ruotato, di un suggestivo disegno di gorgo
che avrebbe lungo tutto larco della sua carriera turbato gna il pollame destinato alla castrazione, accrescendo acquatico, dalla caratteristica conformazione a capi-
la sua esperienza di tecnico della guerra, dotato per di il tono ironico dellindovinello e dichiarando quin- gliatura idromorfa (simile al flutto ondoso schizzato
una coscienza pacifista voglia alludere alle nefaste con- di implicitamente lo scetticismo di Leonardo sulla sul pi tardo f. 980r a; cfr. cat. 5), che pare fornire
40 seguenze che possono essere causate dallo stolido sfrutta- effettiva valenza delloperato di questi profeti. Sui una eloquente conferma visiva alla consentaneit del 41
mento dei perfetti conseguimenti della sua arte bellica. restanti appunti e disegni di questo foglio, dedicati tema della profezia con quello del diluvio.
a una macchina idraulica e a una macchina filatrice e
Marinoni-Pedretti (1975-80) 2000, vol. 1, p. 157; Pedretti
1978-79, vol. 1 (1978), p. 73; Vecce 1992, p. 100, no. 7 e nota
a studi sullacqua delle sorgenti montane, si veda la Marinoni-Pedretti (1975-80) 2000, vol. 2, pp. 1018-1019; Vecce
1992, p. 123, no. IV e nota a p. 131; Vecce 1998, pp. 168-169;
AGGIUNGERE FONDO
a p. 105; Marani-Marinoni 2004, p. 63, sub voce Sentenze e p. scheda recente della Capurro. Sin dal 1957, il Pedret- Marani-Marinoni 2004, p. 61, sub voce Profezie e p. 76, sub
75, sub anno 1487. ti ha individuato il frammento di carta asportato da anno 1500.
questo foglio nel piccolo disegno dellAmbrosiana, F. Foglio 1023 v Penna e due inchiostri su carta con filigrana centrale
263 inf no. 27, con un profilo allantica, che sul lato indecifrabile mm 340 x 245 Antica numerazione 16
posteriore riporta stralci di scrittura identificati dallo C.A. f. 1023 verso (ex 367v b) Circa 1497
studioso come la continuazione delle note di mecca-
nica presentate su questo lato del foglio.

Pedretti 1957, pp. 26, 27; Marinoni-Pedretti (1975-80) 2000,


vol. 3, pp. 1840-1841; Pedretti 1978-79, vol. 2 (1979), p. 241;
Vecce 1992, p. 121, no. 79; Marani-Marinoni 2004, p. 61, sub voce
Profezie; Capurro 2012, pp. 31-32, cat. 24.
AGGIUNGERE FONDO E
ELIMINARE IMMAGINE
DI SINISTRA

Foglio 526 v a Penna e inchiostro


mm 210 x 292
C.A. f. 526 verso a (ex 194v a) Circa 1500
Foglio 357 r questo foglio un testo profetico intitolato alla crudelt gi dubitativamente riconosciuto dal Marinoni e pi
dellomo (che il Vecce ha incluso nel novero dei pochi di recentemente dal Rinaldi che mantengono entrambi
39. Profezie (BA) questo genere, portatori di messaggi diversi dalla pura un punto di domanda su questa identificazione di una
Come osservato di recente dal Villata, il verso di que- e semplice parodia, in cui il registro profetico non figura femminile realizzata a matita nera, che secondo
sto foglio riporta una annotazione di mano del reggente cos nettamente separato da quello reale): giustamente il Rinaldi appare sdraiata su un triclinio antico con in
dello studio di Santa Croce a Firenze, Maestro Giovan- considerato da Ernst Gombrich la profezia di Leonardo mano un oggetto a raggera simile a un ventaglio, da
ni (identificato in Giovanni di Domenico da Prato, gi pi famosa e terribile, nella quale, peraltro, emerge la riferirsi forse a unepoca pi antica rispetto al 1506-07,
docente di fisica allo Studio Pisano e nominato lanno dimostrazione della potenza della parola e della necessit anni ai quali risale il primo passaggio di Leonardo a
successivo vescovo dellAquila da Giulio II), datata 17 per luomo razionale di liberarsi dallabito mentale dovu- Vaprio. Se questa proposta cronologica appare convincente
aprile 1503, con la notizia (di scarso interesse per Le- to alluso del linguaggio corrente, in essa si assiste alla per la palese ispirazione allarte classica, il cui interesse
onardo) che SantIgnazio di Antiochia avrebbe scritto manifestazione pi acuta e drammatica del pessimismo in Leonardo si accentu a partire dal soggiorno a Tivoli
alla Madonna, ricevendone risposta: secondo lo studioso, antropologico vinciano (Fumagalli). Il destino al quale del 1501, secondo i persuasivi studi recenti del Marani
si tratterebbe di un foglietto giunto indirettamente a luomo inevitabilmente condotto dalla propria conge- (si veda riassuntivamente Marani [2004] 2010, pp. 169- Foglio 357 r Penna e inchiostro su carta con filigrana aquila
Leonardo (contrariamente al parere espresso dal Vecce nita crudelt segnato dal perenne scontro con i propri 178), lattribuzione a Leonardo che sicuramente schizza incoronata", visibile lungo il margine superiore sinistro mm 218 x 208
[1998]) e in seguito da lui riutilizzato per studi di bi- simili e dallinsana tendenza a sopraffare qualunche cosa unaltra pi abbreviata figurina a matita rossa, di pi C.A. f. 357 recto (ex 129v a) Circa 1503-05
lance e sul volo umano, forse per il tramite del collega e animata intorno a s, senza possibilit di scampo per sicura fattura, sullaltro lato del foglio (esposto in Marani-
amico Luca Pacioli, che a quel tempo risiedeva appunto le incaute e innocenti vittime del suo delirio di onnipo- Rinaldi 2011) pare alquanto ardua (e, del resto, essa non
in Santa Croce. Delle due profezie vergate in alto a tenza (Nulla cosa rester [] che non sia perseguitata, esplicitata in alcuno degli studi precedenti), soprattutto
destra, colpisce soprattutto la seconda (Delle bombarde remossa e guasta): lessere umano, in definitiva, appare per la resa alquanto approssimativa e grossolana del
chescan della fossa e della forma), il cui empito visionario e come un crudele e dispietato monstro, meritevole so- torso e specialmente dei seni (fatto inspiegabile in un
terrifico riporta ancora una volta (come gi la profezia lo di essere precipitato nelle viscere della terra, per non conoscitore cos consumato dellanatomia umana) e una
De Metalli sul f. 1033r, su cui cfr. ora Versiero 2010 riemergerne pi. certa indecisione nella presentazione della postura del
[a], p. 90, cat. 20) a una drammatica denuncia, di tono personaggio, di cui si intuisce la precariet (ma a un esame
42 etico-politico, sulla nefandezza della guerra e dei suoi
Calvi (1925) 1982, pp. 68-69; Fumagalli 1939, pp. 180-200;
molto ravvicinato si potuta individuare la lievissima 43
Brizio 1952, pp. 328-330; Marinoni-Pedretti (1975-80) 2000,
ordigni di distruzione: Uscir di sotto la terra chi con vol. 3, pp. 1866-1868; Pedretti 1978-79, vol. 2 (1979), p. 248; indicazione grafica del volto in profilo verso sinistra,
ispaventevoli grida stordir i circustanti vicini e col suo Gombrich (1983) 1984, pp. 5, 8, 27, fig. 2; Vecce 1992, pp. 119- con un accenno di pettinatura allantica). Lapparente
121, no. 65-78 e note a p. 130; Arasse 1997, p. 232; Vecce 1998,
fiato far morire li omini e ruinare le citt e castella. pp. 169-170; Marani-Marinoni 2004, p. 62, sub voce Profezie e squilibrio della posizione, con la met sinistra del corpo
p. 76, sub anno 1497; Versiero 2010 (a), p. 90, cat. 20 (recto); a riposo e la destra in azione, con la gamba sollevata e il
Marinoni-Pedretti (1975-80) 2000, vol. 1, p. 621; Pedretti 1978- Versiero 2012 (a), p. 64 e p. 69, no. 3. braccio teso con la mano reggente loggetto, potrebbe,
79, vol. 1 (1978), p. 171; Vecce 1992, p. 127, no. 18-19; Vecce
1998, p. 220 (verso); Marani-Marinoni 2004, p. 61, sub voce tuttavia, trovare giustificazione come esempio di quel Foglio 1033 v Penna e due inchiostri, su carta con filigrana
Profezie e p. 76, sub anno 1503; Villata 2012, p. 30, cat. 23. genere di figura antitetica, su cui ha ultimamente svolto cappello cardinalizio (met sinistra del bifoglio)
mm 217 x 289 (met destra del bifoglio) Antica numerazione 51
Foglio 173 r interessanti considerazioni il Pedretti: si tratta di una
C.A. f. 1033 verso (ex 370v a) Circa 1497-1500
allegoria desunta da un geroglifico della Hypnerotomachia
Foglio 1033 v 41. Disegno di figura femminile allantica Poliphili di Francesco Colonna (stampata da Manuzio a
(una profetessa o sibilla?) (BA) Venezia nel 1499-1500, al tempo del fugace passaggio di
40. Profezie, in particolare Della crudelt Il foglio riporta schizzi planimetrici in penna e inchiostro, Leonardo nella citt lagunare), che nelle interpretazioni
dellomo (BA) identificati dal Pedretti (1972 e [1978] 1988) come iconologiche di Edgar Wind e Rudolf Wittkover
La presenza di annotazioni in un secondo inchiostro pi studi per lampliamento di Villa Melzi a Vaprio dAdda svilupperebbe il tema della contrapposizione tra audace
scuro, come osservato dal Pedretti, depone a favore di una e quindi riferiti al tempo del soggiorno di Leonardo animosit stando a riposo (esemplificata dal paio dali
stesura in due momenti (c. 1497 e c. 1500), seppur a di- presso lallievo Francesco nel 1513. Lo studio di figura tenuto dalla mano inerte) e placida quiete stando desti
stanza di poco tempo luna dallaltra, per la sostanziale si- soggiacente a questi disegni architettonici e dunque (cui allude la testuggine retta dalla mano levata), a mio
milarit del ductus calligrafico; il Marinoni, in particola- ad essi evidentemente anteriore fu erroneamente avviso probabile figurazione simbolica della duplice
re, ha notato come, delle dodici profezie qui appuntate, qualificato nel soggetto e nella tecnica (a faint red chalk connotazione semantica previsionale e conservativa
le ultime due siano quelle redatte pi tardi con diverso sketch of a seated child) da Clark e Pedretti (1968) e della virt della prudenza (cfr. Pedretti 2008, p. 183, che
inchiostro (contemporaneamente, una di esse stata bif- messo in relazione con il foglio di Windsor no. 12691, vi collega anche il lieve tracciato di una figura femminile
fata e sostituita con un nuovo testo). Suggestionato dalla che il disegno di una fontana di Erone, con un putto in C.A., f. 784r b, databile al 1507-08 circa, su cui si
conoscenza del libro VII della Naturalis Historia di Plinio inginocchiato in atto di soffiare in una conchiglia, veda ora la scheda del Rinaldi in Marani-Rinaldi 2011, Foglio 173 r Matita nera, penna e inchiostro rossiccio su carta
preparata in azzurro mm 272 x 140 Antica numerazione 158
(un classico di cui era in possesso), Leonardo precipita in dalla quale zampilla acqua. Si tratta, invece, come p. 38, che tuttavia, accogliendo dubitativamente il
C.A. f. 173 recto (ex 61r b) Circa 1506-07 (?)
riferimento al Giampietrino avanzato dalla Geddo nel ora la scheda del Rinaldi, in Marani-Rinaldi 2011, pp. zione dellOriente (ovvero la Lettera al Diodario di Soria
1992, non recepisce laccostamento al tema allegorico 18-19, che la interpreta in maniera poco convincente con le annesse profezie, ambientate in citt marine
e gli preferisce quello alla versione inginocchiata come homo salvatico, quando pi probabilmente si e citt dellAfrica; cfr. cat. 13).
della perduta Leda di Leonardo). La cursoria definizione tratta di un animale fantastico, come confermato dalla
delloggetto esibito dalla nostra figura nella mano destra copia completa della figura, a suo tempo pubblicata Marinoni-Pedretti (1975-80) 2000, vol. 1, p. 216; Pedretti 1978-
79, vol. 1 (1978), p. 95; Marani-Marinoni 2004, p. 49, sub voce
(mentre la sinistra appoggiata al bracciolo di una seduta, dal Pedretti e attribuita a Francesco Melzi). Siamo Figurine e p. 77, sub anno 1513.
forse il triclinio ravvisato dal Rinaldi) lascia indecisi se si comunque in un giro di pensieri che accomuna nella
tratti effettivamente di un ventaglio o di una schematica mente di Leonardo molteplici espressioni del gusto per il
abbreviatura grafica di un paio dali. Non sarebbe neppure bizzarro e il mostruoso, che rende schizzi grotteschi come Foglio 48 r
inverosimile interpretare questa figura femminile il presente adeguate controparti grafiche delle paradossali
allantica come una profetessa o sibilla (anche sulla base di (e talvolta triviali) suggestioni offerte dalle profezie. 44. Figura mostruosa (toracopago parassita), tra
ci che si intuisce del vestiario classicheggiante) ed sulla note sulle bombarde e disegni di compassi (BA)
scorta di questa suggestione che la si posta in questa Marinoni-Pedretti (1975-80) 2000, vol. 1, p. 378; Caroli 1991, p. Il disegno stato messo in rapporto dal Pedretti con la Foglio 240 r Penna e inchiostro su carta con filigrana centrale
131; Marani-Marinoni 2004, p. 76, sub anno 1505. tulipano mm 130 x 224 (irregolare) Antica numerazione 233
sede a chiusura della serie delle profezie. notizia, riportata dal Landucci e riferita a un evento acca-
C.A. f. 240 recto (ex 88r b) Circa 1505 o 1515 (?)
duto a Firenze nel 1513, dellapparizione di una creatura
Clark-Pedretti 1968, vol. 1, p. 174, sub no. 12691; Pedretti 1972, ibrida mostruosa, il cosiddetto toracopago epigastrico
p. 54, fig. 71; Marinoni-Pedretti (1975-80) 2000, vol. 1, p. 217;
Pedretti (1978) 1988, pp. 228-229, fig. 336 a p. 231; Marani- Foglio 170 v parassita, ovvero il corpo di un infante con la testa inne-
Marinoni 2004, p. 49, sub voce Figurine e p. 77, sub anno stata nel torace di una figura adulta, cos come riprodotto
1513; Marani-Rinaldi 2011, p. 42, sub Foglio 173v. 43. Disegno di un piccolo aimale caudato anche da Giano Vitale nel frontespizio del suo Terato-
(un elefante?) (BA) rizion, pubblicato a Roma nel 1514, al tempo cio del
La preparazione azzurra della carta stesa in larghe pen- soggiorno di Leonardo alla corte pontificia di Leone X.
Foglio 240 r nellate, in maniera non del tutto uniforme; il piccolo A un esame molto ravvicinato delloriginale, si potuta
schizzo di figura, sicuramente autografo in origine, appurare la presenza di due diverse redazioni grafiche: la
44 42. Schizzo di una figura mostruosa, tra studi purtroppo compromesso da una infelice ripassatura dal- lieve traccia primaria a penna e inchiostro chiaro sta- 45
di ottica (BA) tra mano in inchiostro rossiccio, che con tratto maldestro ta ripassata in pi punti, specie nella met sinistra del-
Il foglio prevalentemente occupato da studi geometrici e tremolante nasconde gran parte del tracciato primario la figurina, con un inchiostro pi scuro e un tratto pi
sulla rifrazione di raggi luminosi sulla superficie in inchiostro pi chiaro. Si tratta di un piccolo animale marcato. Pare inoltre di poter scorgere un pentimento,
concava di uno specchio, per dimostrare leguaglianza caudato, probabilmente un elefantino, presentato ran- poi coperto dal fitto e sottile tratteggio diagonale ad an-
degli angoli formati in ogni punto dai raggi incidenti nicchiato su se stesso, con ogni probabilit su quello che damento sinistrorso, nella definizione della gamba de-
Foglio 170 v Penna e due inchiostri su carta preparata in azzurro
e riflessi (Marinoni). Proprio le particolarit di questi sembra un cuscino tondeggiante: circa la destinazione di stra della figura stante (inizialmente pensata in posizione mm 200 x 165 Antica numerazione 587
studi consiglierebbero per di posticipare la consueta questo delizioso appunto grafico, non escluso che esso avanzante verso sinistra, anzich incrociata dietro laltra C.A. f. 170 verso (invisibile prima del restauro) Circa 1485-87 o 1513-15 (?)
datazione di circa un decennio, collocando il foglio possa riferirsi allelemento decorativo di un fregio (rico- gamba, come poi nella versione definitiva), cos come
nel pieno del periodo romano di Leonardo (1513-16), piato dallantico?) oppure sia lo studio di un elemento nellindicazione dellaltezza dellinnesto del corpo infan-
quando si sa che lavor alla realizzazione di specchi scultoreo da incorporare in una architettura scenografica tile nel torace delladulto (originariamente posto pi in
concavi insieme a due collaboratori tedeschi; la qualit (ad esempio come base per una colonna). Per la datazio- alto, come suggerito da una prima linea della spalla e del
della carta e dellinchiostro, cos come il ductus della ne, bisogna riferirsi ai termini cronologici individuati braccio). Un disegno come questo, a met tra curiosit
grafia, non paiono essere in contraddizione con questa pi dal Marinoni e dal Pedretti per il recto del foglio, che scientifica e interesse per il grottesco e il deforme, di-
avanzata cronologia. La strana figura deforme, osservabile presenta annotazioni in parte giovanili (c. 1485-87), in retta testimonianza dellenorme carica di presagio attri-
in profilo verso sinistra ruotando verticalmente il foglio parte dellavanzata maturit (c. 1513-15), a conferma buita a quel tempo ad eventi come la comparsa di crea-
di 90 a sinistra, contrassegnata da lettere maiuscole in della frequente pratica leonardiana di riversare su uno ture mostruose ( il caso anche del cosiddetto mostro
corrispondenza del cranio e di quello che sembra lenorme stesso foglio studi disparati, anche a distanza di molti di Ravenna, ritratto da un allievo di Leonardo in C.A.
arco della bocca spalancata (con il bizzarro dettaglio della anni. La possibile suggestione dallantico indurrebbe a f. 58r b), considerati, al pari dei cataclismi naturali, fa-
lingua sporgente), quasi a volerne memorizzare le forme preferire il pi tardo termine cronologico anche per il tali premonizioni di una imminente fine del mondo (cfr.
pi grottesche (in vista di una misurazione anatomica? disegnino in esame (in corrispondenza del soggiorno ro- Kemp [1981] 1982, p. 304; Vecce 1998, p. 299).
In tal caso, si tratterebbe di figura realmente osservata mano di Leonardo), sebbene non possa trascurarsi leven-
nella realt e non dinvenzione); la sagoma abnorme tualit che il singolare esotismo di questa figurina possa Marinoni-Pedretti (1975-80) 2000, vol. 1, p. 55 (ripr. p. 54); Pedretti
1978-79, vol. 1 (1978), p. 42; Pedretti 1991, pp. 48-49, fig. 24;
pare avvicinabile, peraltro, al celebre abbozzo di figura rimontare allo stesso periodo della testimonianza pi Foglio 48 r Penna e due inchiostri
Marani-Marinoni 2004, p. 65, sub voce Strumenti e p. 77, sub anno
mm 216 x 301 - Antica numerazione 169
mostruosa del pi antico f. 524r, c. 1493-94 (su cui cfr. pregnante del confrontarsi di Leonardo con la fascina- 1513; Pedretti 2008, p. 427 (ripr. non numerata tra le pp. 440-441).
C.A. f. 48 recto (ex 14r b) Circa 1513-14
Bibliografia essenziale

G. SAILLES, Lonard de Vinci, lartiste et le savant (1452-1519). Essai C. SEGRE, La descrizione al futuro: Leonardo da Vinci, in IDEM, Semi- cura di C. Pedretti, trascrizione critica di C. Vecce, Firenze, Giunti, C. PEDRETTI, Leonardo da Vinci. L angelo incarnato & Salai, Firen-
de biographie psychologique, Paris, Perrin 1906 (prima ed. 1892) otica filologica. Testo e modelli culturali, Torino, Einaudi, 1979, pp. 1995, vol. I, pp. 11-81 ze, Cartei & Bianchi, 2009
131-160 C. SISI, Poliziano, Savonarola, Leonardo e la cultura al tempo del Soderini,
E. SOLMI, Leonardo (1452-1519), Firenze, Barbra, 1900 E. VILLATA, La biblioteca, il tempo e gli amici di Leonardo. Disegni di
E. SOLMI (a cura di), Leonardo da Vinci, frammenti letterari e filosofi- in A. CECCHI - A. NATALI (a cura di), Lofficina della maniera. Variet Leonardo dal Codice Atlantico, catalogo della mostra, Novara, De
M. BARATTA, Leonardo da Vinci ed i Problemi della Terra, Torino,
ci, nuova edizione con premessa di P. C. Marani, Firenze, Giunti e fierezza nellarte fiorentina del Cinquecento fra le due repubbliche 1494- Agostini, 2009
Bocca, 1903
Barbra, 1979 1530, catalogo della mostra, Venezia, Marsilio, 1996, pp. 16-22
G. DE LORENZO, Leonardo da Vinci e la geologia, Bologna, Zanichelli, P. C. MARANI, Leonardiana. Studi e saggi su Leonardo da Vinci, Mila-
K. R. EISSLER, Lonard de Vinci. tude psychanalytique, Paris, Presses D. ARASSE, Lonard de Vinci. Le rythme du monde, Paris, Hazan, 1997 no-Ginevra, Skira, 2010
1920
Universitaires de France, 1980 (prima ed. inglese 1961) G. FEDERICI VESCOVINI, Note propos de la tradition latine des livres
G. DE ROBERTIS, La difficile arte di Leonardo, in Corriere della Se- M. VERSIERO, Leonardo, la politica e le allegorie. Disegni di Leonardo
G. CALVI, I manoscritti di Leonardo da Vinci, dal punto di vista cronolo- de mtorologie dAlkindi et Lonard, in Tutte le opere non son per istan- dal Codice Atlantico, catalogo della mostra di Milano, Novara, De
ra, a. 64, no. 42, 18 febbraio 1939, p. 3
gico storico e biografico, nuova edizione a cura di A. Marinoni, Busto carmi. Raccolta di scritti per i settantanni di Carlo Pedretti, a cura di Agostini, 2010 (a)
G. FUMAGALLI, Leonardo, omo sanza lettere, Firenze, Sansoni, 1939 Arsizio, Bramante, 1982 (prima ed. 1925) F. Frosini, Roma, Edizioni Associate, 1998, pp. 101-112
M. VERSIERO, Leonardo da Vinci nel mare dei saperi del Rinascimento,
A. M. BRIZIO, Leonardo da Vinci. Scritti scelti, Torino, Utet, 1952 M. KEMP, Leonardo da Vinci, le mirabili operazioni della natura e C. VECCE, Leonardo, presentazione di C. Pedretti, Roma, Salerno tra civilt delle immagini e cultura delle scienze, Studi Filosofici, vol.
E. MACCURDY, The Mind of Leonardo da Vinci, London, Cape, 1952 delluomo, Milano, Mondadori, 1982 (prima ed. inglese 1981) Editrice, 1998 XXXIII, 2010 (b), pp. 33-47
(prima ed. 1928) C. PEDRETTI, Leonardo da Vinci. Nature Studies from the Royal Library P. C. MARANI, Leonardo. Una carriera di pittore, Milano, Motta, 1999 M. T. FIORIO, Botanica, intrecci e decorazioni. Disegni di Leonardo dal
C. PEDRETTI, Leonardo da Vinci. Fragments at Windsor Castle from the at Windsor Castle, exhibition catalogue, introduction by K. Clark, LEONARDO DA VINCI, Il Codice Atlantico della Biblioteca Ambro- Codice Atlantico, catalogo della mostra di Milano, Novara, De Ago-
Codex Atlanticus, London, Phaidon, 1957 Firenze, Giunti Barbra, 1982 siana di Milano, trascrizione critica di A. Marinoni, presentazio- stini, 2011
L. GOLDSCHEIDER, Leonardo da Vinci, London, Phaidon, 1959 (pri- E. H. GOMBRICH, Leonardo e i maghi: polemiche e rivalit, Lettura ne di C. Pedretti, Firenze, Giunti, 2000 (prima ed. in facsimile P. C. MARANI - F. RINALDI, Leonardo e la sua bottega: disegni di figura
Vinciana XXIII (16 aprile 1983), Firenze, Giunti Barbra, 1984 1975-80) e di animali. Disegni di Leonardo dal Codice Atlantico, catalogo della
ma ed. 1943)
K. CLARK, Leonardo da Vinci [An account of his development as an C. SCARPATI, Leonardo scrittore, Milano, Vita & Pensiero, 2001 mostra di Milano, Novara, De Agostini, 2011
C. PEDRETTI, Uno studio per la Gioconda, LArte, a. 58, vol. 24,
1959, pp. 155-224 artist], revised edition introduced by M. Kemp, London, Penguin P. C. MARANI, Verso nuovi modelli scientifici. Leonardo fra arte, scienza M. VERSIERO, Larte militare, tra virt e bestialit. La concezione del-
Books, 1988 (prima ed. 1939) e tecnologia, in C. VASOLI, Le filosofie del Rinascimento, a cura di P. la guerra e la figura del guerriero nellopera di Leonardo da Vinci, in
C. PEDRETTI, Leonardo at Lyon, Raccolta Vinciana, vol. XIX, Guerres et guerriers dans liconographie et les arts plastiques, XV-XX
47
L. H. HEYDENREICH, Leonardo-Studien, herausgegeben von G. Pas- Pissavino, Milano, Bruno Mondadori, 2002, pp. 434-456
1962, pp. 267-272 sicles, Dossier thmatique coordonn par M. A. Barrachina et J.
savant, Mnchen, Prestel-Verlag, 1988 C. STARNAZZI, Leonardo: acque e terre, Firenze, GranTour, 2002
G. CASTELFRANCO, Studi Vinciani, Roma, De Luca, 1966 P. Pantalacci (Actes du Colloque Interational du CMMC - Centre
C. PEDRETTI, Leonardo architetto, Milano, Electa, 1988 (prima ed. C. PEDRETTI, La tempesta in biblioteca. Il Paragone delle Arti da Ur- pour la Mditerrane Moderne et Contemporaine; Nice, Universit
K. CLARK - C. PEDRETTI, The Drawings of Leonardo da Vinci in the 1978) bino a Ischia, (Universit degli Studi di Urbino, Lectio Doctoralis Sophia-Antipolis", 19-21 novembre 2009), Cahiers de la Mdi-
collection of Her Majesty the Queen at Windsor Castle, London, Phaidon,
F. P. DI TEODORO, Stupenda e dannosa maraviglia, Achademia 1998), Firenze, Cartei & Becagli, 2003 terrane, no. 83, 2011, pp. 79-85
1968 (prima ed. 1935)
Leonardi Vinci, vol. II, 1989, pp. 121-126 C. SCAILLIREZ, Lonard de Vinci. La Joconde, Paris, Runion des M. VERSIERO, Il dono della libert e lambizione dei tiranni. Larte
V. P. ZUBOV, Leonardo da Vinci, translated from the Russian by D.
M. KEMP - J. ROBERTS (edited by), Leonardo da Vinci, exhibition Muses Nationaux, 2003 della politica nel pensiero di Leonardo da Vinci, presentazione di P. C.
H. Kraus, Cambridge (Mass.), Harvard University Press, (1962)
catalogue, preface by E. H. Gombrich, London, Hayward Gallery M. KEMP, Lezioni dellocchio. Leonardo da Vinci, discepolo dellesperien- Marani, Napoli, Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, 2012 (a)
1968
and South Bank Centre, 1989 za, Milano, Vita & Pensiero, 2004 (a)
E. H. GOMBRICH, The Form of Movement in Water and Air, in Leonar- M. VERSIERO, La piccola certezza e la gran bugia: luomo e la bestia se-
P. C. MARANI, Leonardo. Catalogo completo dei dipinti, Firenze, Can- M. KEMP, Lipernaturalismo di Leonardo, in Pittori della realt. Le condo Leonardo e Machiavelli, tra dualismo e dissimulazione, in Feritas,
dos Legacy. An International Symposium, edited by C. D. OMalley,
tini, 1989 Ragioni di una Rivoluzione. Da Foppa e Leonardo a Caravaggio e Ceruti, Humanitas e Divinitas come aspetti del vivere nel Rinascimento, Atti del
Berkeley and Los Angeles, University of California Press, 1969,
pp. 171-204 C. PEDRETTI, A Proem to Sculpture, Achademia Leonardi Vinci, catalogo della mostra di Cremona e New York, a cura di M. Grego- XXII Convegno Internazionale dellIstituto di Studi Umanistici
vol. II, 1989, pp. 11-39 ri e A. Bayer, Milano, Electa, 2004 (b), pp. 64-69 F. Petrarca (Chianciano e Pienza, 19-22 luglio 2010), a cura di L.
C. PEDRETTI, The Ponting Lady, The Burlington Magazine, vol. Secchi Tarugi, Firenze, Cesati, 2012 (b), pp. 447-459
111, no. 795, 1969, pp. 339-346 C. PEDRETTI, The final shot, Achademia Leonardi Vinci, vol. III, A. MARINONI, Il Codice Atlantico di Leonardo da Vinci. Indici per
1990, pp. 30-38 materie e alfabetico, a cura di P. C. Marani, Firenze, Giunti, 2004 M. VERSIERO, Lon, Lyon, le lion: lart mcanique de Lonard de Vinci
C. PEDRETTI, Leonardo da Vinci. The Royal Palace at Romorantin, au service de la politique royale, dans Lyon de lEmpire au Royaume,
Cambridge (Mass.), Harvard University Press, 1972 F. CAROLI, Leonardo. Studi di fisiognomica, Milano, Leonardo, 1991 C. PEDRETTI, Le macchie di Leonardo, Lettura Vinciana XLIV (17 Actes du Colloque International de Lyon, sous la direction de A.
aprile 2004), Firenze, Giunti, 2004 Charansonnet (Institut des Sciences de lHomme et Muses Gada-
C. PEDRETTI, Leonardo. A Study in Chronology and Style, London, J. H. MOFFIT, The Evidentia of Curling Waters and Whirling Win-
Thames & Hudson, 1973 ds: Leonardos Ekphraseis of the Latin Weathermen, Achademia Le- C. STARNAZZI, Leonardo e la terra di Arezzo. Storia, miti e paesaggi, gne, 27-29 septembre 2012), en cours de publication
onardi Vinci, vol. IV, 1991, pp. 11-33 presentazione di C. Pedretti, Cortona, Calosci, 2005 R. CAPURRO, Leonardo, scienziato della Terra. Disegni di Leonardo dal Codice
A. MARINONI (a cura di), Leonardo da Vinci. Scritti letterari, Milano,
Rizzoli, 1974 (prima ed. 1952) C. PEDRETTI, Appendix: The Phallic Head, Achademia Leonardi S. TOUSSAINT, Leonardo filosofo dei contrari. Appunti sul chaos, in Atlantico, catalogo della mostra di Milano, Novara, De Agostini, 2012
Vinci, vol. IV, 1991, pp. 48-51 Leonardo e Pico. Analogie, contatti, confronti, Atti del Convegno di M. PAVESI, Anatomia delluomo e anatomia della Terra. Disegni di Leo-
G. PONTE, Leonardo prosatore, Genova, Tilgher, 1976 Mirandola (10 maggio 2003), a cura di F. Frosini, Firenze, Olschki,
P. C. MARANI, Tracce ed elementi verrocchieschi nella tarda produzio- nardo dal Codice Atlantico, catalogo della mostra di Milano, Novara,
E. SOLMI, Le Fonti dei Manoscritti di Leonardo da Vinci e altri studi, 2005, pp. 13-35 De Agostini, 2012
ne grafica e pittorica di Leonardo, in Verrocchio and Late Quattrocento
prefazione di E. Garin, Firenze, La Nuova Italia, 1976 M. KEMP, Leonardo da Vinci. Experience, Experiment and Design, Lon-
Italian Sculpture, edited by S. Bule, A. Phipps Darr e F. Superbi S. TAGLIALAGAMBA, Leonardo da Vinci. I cento disegni pi belli dal-
C. PEDRETTI, Three Leonardo Riddles, Renaissance Quarterly, vol. Gioffredi, Firenze, Le Lettere, 1992, pp. 141-152 don, V&A Publications, 2006 (a)
le raccolte di tutto il mondo, presentazione di C. Pedretti, Firenze,
30, no. 2, 1977, pp. 153-159 M. KEMP, Leonardo, nella mente del genio, Torino, Einaudi, 2006 (b) Giunti, 2012
C. PEDRETTI, Leonardo. Il disegno, allegato di Art dossier n. 67,
C. PEDRETTI, The Codex Atlanticus of Leonardo da Vinci. A catalogue of Firenze, Giunti, 1992 (prima ed. inglese 2004)
E. VILLATA, Il volo degli uccelli e il volo meccanico. Disegni di Leonardo
its newly restored sheets, New York, Johnson Reprint, 1978-79 F. VIATTE, Della figura che va contro il vento. Il tema del soffio nello- dal Codice Atlantico, catalogo della mostra di Milano, Novara, De
C. VECCE (a cura di), Leonardo da Vinci. Scritti, Milano, Mursia,
K. CLARK, Leonardo e le curve della vita, Lettura Vinciana XVII (15 1992 pera di Leonardo da Vinci, Lettura Vinciana XLV (16 aprile 2005), Agostini, 2012
aprile 1977), Firenze, Giunti Barbra, 1979 Firenze, Giunti, 2006
C. PEDRETTI, Introduzione, in LEONARDO DA VINCI, Libro di Pittura. M. VERSIERO, La nota del Stato di Firenze. Leonardo e Savonarola, in
M. ROSCI, Leonardo, Milano, Mondadori, 1979 (prima ed. 1976) Codice Urbinate Lat. 1270 nella Biblioteca Apostolica Vaticana, a C. PEDRETTI, Leonardo & io, Milano, Mondadori, 2008 Raccolta Vinciana, vol. XXXV, 2013, in corso di stampa
Finito di stampare nel mese di novembre 2012

Interessi correlati