Sei sulla pagina 1di 6

anno VI, n.

3, 2016
data di pubblicazione: 11 ottobre 2016

Recensioni

Fabrizio Battistelli, La sicurezza


e la sua ombra. Terrorismo, panico
e costruzione della minaccia,
Donzelli, Roma, 2016, pp. 290

Inunfamosolibrodel1972,AnEssayonPan,
James Hillman interpreta la storia culturale
dellOccidente come un continuo desiderio di
ritorno alle radici greche e in particolare
allaspetto politeistico di quella cultura. Spin
gendo alle estreme conseguenze le posizioni di
Jung, il filosofo e psicologo statunitense sottoli
neacomequestodesideriosicolleghialpensiero
miticopicheaquellorazionale,facendoemer
gereunbisognodiconciliazionedegliopposti
chehannoproprionellafiguradelDiogrecoPanlaloropialtaespres
sione.Larchetipodellombrahainquestacostruzioneunruolocentrale:
essorappresentalinsiemedegliaspettiemozionali,caoticielatentinella
personalitdiciascuno.Coscomelapsicoanalisijunghianainterpretail
camminodellindividuazionecomeuncontinuolavorovoltoaprendere
coscienzadellapresenzadellombranellapropriapersonaliteadinte
grarlaconilSmanifesto,laculturaemersaconlafinedellasocietin

209

anno VI, n. 3, 2016


data di pubblicazione: 11 ottobre 2016

Recensioni

dustrialedaalcunidefinitapostmodernapensasemprepisestes
sacomeritornodellemozionale,dellarcaicoedelcomunitarionellavita
quotidiana. Senza condividere necessariamente le posizioni radicali di
MichelMaffesoli,chehafattodiquestotemailleitmotivdellasuavasta
e controversa produzione, appare sempre pi evidente che uno dei
compiti principali della sociologia contemporanea, sia in sede analitica
cheapplicativa,confrontarsiconquestasfida.
Aquestoproposito,unaprovaevidentefornitadalletendenzepopuli
steexenofobechepercorrononuovamentelEuropadellacrisi,investendo
inparticolarmodoqueicetipopolariemediobassiindeficitdirappresen
tanzapoliticaediintegrazionesocioeconomica.Precipitatodelletendenze
attivatedallaglobalizzazioneneoliberistadeglianniNovanta,questifeno
meni trovano unespressione particolarmente significativa nellormai con
solidatotemadellasicurezzacivilechenelcorsodeglianni,inItaliacome
neglialtripaesieuropei,divenutosemprepiterrenodiscontropoliticoe
sociale,condizionandoinmododecisivolagendadeldibattitopubblico.
QuestasfidafattapropriadaunrecentelibrodiFabrizioBattistelli,
significativamenteintitolatoLasicurezzaelasuaombra.Terrorismo,panico,
costruzionedellaminaccia(Donzelli,Euro19,50).Unlibrocheraccoglieil
frutto di un lavoro di ricerca e di approfondimento ultradecennale sul
tema.Essosisviluppasutrepianidiletturatralorostrettamenteintrec
ciati:metodologico,analiticoedetico.Ilprimosilegaallintentodiresti
tuireallettoreealdecisorepolitico unpercorsorazionaleedempirica
mentefondatodiletturadelfenomenosicurezza:perdecostruirequel
le opposte e dannose narrazioni ideologiche del problema sicurezza in
Italia da una parte lallarmismo della destra, dallaltro la minimizza
zionedellasinistraradicalenecessarioriaffermaredueprincipi.


210

anno VI, n. 3, 2016


data di pubblicazione: 11 ottobre 2016

Recensioni

Ilprimoriguardalanecessitdirintracciaregliattoriconcretieipro
cessi ai quali danno vita; facendone emergere bisogni, orientamenti e
conflitti, secondo uno spirito molto vicino a quello della sociologia del
soggettodiAlainTouraine(benconosciutadaFabrizioBattistelli).Ilse
condo consiste nellelaborare un apparato categoriale scientificamente
fondato,utileadinquadrareinmodocorrettoerispondenteallarealti
fenomenisociali.Questastrutturaequestoinvitometodologicosorregge
unarticolatocontenutoanaliticoingradodirestituirenonsololacom
plessit del problema sicurezza nella societ italiana, ma anche di ren
derlaleggibile.LoggettospecificodellanalisidiBattistellilasicurez
za percepita, un fenomeno che lanalisi sociologica riesce a cogliere
meglio di altre prospettive e che si ricollega immediatamente a quello
dellinsicurezza.
La sicurezza percepita e la sua ombra, linsicurezza, hanno innanzi
tutto come luogo elettivo di articolazione la citt; ovvero quellinsieme
di frammenti urbani di vita che definiscono in modo sempre pi pres
santelesistenzadellamaggiorpartedelledonneedegliuominidelXXI
secolo,mettendoinrelazioneculture,stilidivita,reciprocheestraneite
inaspettatesolidariet.Certamenteancheimediasonounluogocentrale
perlacomprensionedelledinamichedellasicurezza/insicurezza.Tutta
via,illibrodiBattistellisiconcentraprevalentementesugliattoriconcre
ti,volendofaremergereleradicirealienonsolosimbolichediquesta
complessa fenomenologia: il binomio sicurezza percepita/insicurezza
realeenonsoloimmaginarioofruttodellastrumentalizzazionepoliti
comediaticachepurgiocaunruolorilevanteintuttelevicende;fo
rierodimobilitazionivolteapromuoverevaloriuniversali(comelalotta
aldegradourbano)enonsoloesclusioneointolleranza.


211

anno VI, n. 3, 2016


data di pubblicazione: 11 ottobre 2016

Recensioni

Letta da questo punto di vista, la sicurezza percepita si ricollega in
nanzitutto al diffondersi dei bisogni postmaterialisti che accentuano il
desideriodimiglioramentodelproprioambienteedellapropriaqualit
dellavita:eccoperchlasicurezzapubblicanonriconducibilesempli
cemente alla funzione statale di pubblica sicurezza acquisisce nuove
declinazioni;quelledellasicurezzaurbanaedellasicurezzaparteci
pata,cherispondonoallelogichedellagovernancepicheaquelleclas
sichedelgovernment,producendoeriproducendounacomplessitdiffi
ciledagestireeppureineludibile.Talecomplessitsottendeunamolte
plicitdiconflittitipicidellesocietcontemporanee,comequellotragli
ultimi e i penultimi, tra gli outsiders cronici (senzatetto, tossicodi
pendenti, immigrati clandestini, prostituite ecc.) e i tanti pezzi di ceto
popolare e mediobasso che ne condividono i luoghi dello stare e
dellabitare,temendodiessererisucchiatidaunadefinitivamarginalit
sociale.
Tuttoquestononesauriscelarticolazionedeiconflittilegatiallasicu
rezza percepita: anche i ceti medioalti sviluppano un terrore panico
versoquellichevengonodefinitiinuovibarbariederigonocontrodi
loro barriere e strumenti di vigilanza finanziati con il proprio denaro
(privatizzazionedellasicurezza).Ilmodellodelcliente,chiamatoapar
tecipareallaproduzionedellasicurezzaeapagarnedirettamenteicosti,
siaffermasuquelloclassicodelcittadino,lattenzioneperlaprevenzio
nestrutturaledelcriminecedeilpassoallattenzioneesclusivaperlevit
time,laprevenzionesituazionaleecontingentesustrategiedilungope
riodo. cos che le pulsioni di pancia che accompagnano il discorso
pubblicoelamobilitazionedeicittadinisuitemidellasicurezzavengo
norestituitesenzaunamediazioneadeguatadapartedegliattoripoliti


212

anno VI, n. 3, 2016


data di pubblicazione: 11 ottobre 2016

Recensioni

ci, producendo una continua rincorsa allindividuazione del nemico,
senza capacit di distinguere i diversi fenomeni e le relative risposte.
Tendenza del resto condivisa da una gran parte degli intellettuali con
temporanei: significativa a questo proposito la critica che Battistelli
muove ad alcune analisi di Bauman sui fenomeni dellinsicurezza con
temporanea.
Eppurelerisorseperaffrontarequestiproblemiinmodoefficaceeci
vicamentecorrettocisono:lacittcontemporaneanonsoloilluogodel
conflittoedelladivisionemaanchequellodellaricomposizione,essendo
strutturalmentepluraleenododiinterrelazioneeconomicaecomunica
tivadiflussiglobalielocali.
Proprio iltemadellaricomposizionebasatasuunacorrettametodo
logiadiapproccioedipensiero,costituiscelultimamanonultimachia
vediletturamessaincampodallibrodiBattistelli.Questopianopoliti
coetico,tuttoincentratosulrichiamoalrecuperodiuneticapubblicae,
in fondo, di un ruolo autenticamente dirigente delle classi politico
amministrative,portalAutoreaformulareunaseriediraccomandazio
nipratiche conlequalisi concludeillibrorivolteatre categoriedi
attori:agliesperti,aiqualisiraccomandadirecuperarelhabituschedo
vrebbeessereloroproprio,cioquellodianalizzare,distinguereebasare
leloroposizionisudatiecategoriescientificamentefondate.
Alleclassipoliticheallequalisirichiededicomprendereeinterpreta
re bisogni, interessi ed istanze differenziate, lavorando per accrescere
quel bene fragile per eccellenza che la coesione sociale nelle societ
contemporanee. Alle amministrazioni locali chiamate ad elaborare ed
implementare assieme alle altre istituzioni nazionali e agli attori della
societ civile, concrete pratiche di governance, sfruttando le potenzialit


213

anno VI, n. 3, 2016


data di pubblicazione: 11 ottobre 2016

Recensioni

ricompositive dei paesaggi urbani contemporanei. Una serie di racco
mandazioni che senza pretendere di esaurire lenorme complessit del
problemasicurezzainItaliaeinEuropa,siinscrivonoinquelnecessario
e ancora incompleto tentativo di reintegrazione responsabile
dellOmbra socioculturale contemporanea, allinterno di nuovi e pi
consapevoliprocessidigestionedellacosapubblica.

FrancescoAntonelli
(RicercatoreconfermatoinSociologiaGenerale
UniversitdegliStudiRomaTreDipartimentodiScienzePolitiche)


214