Sei sulla pagina 1di 1

Da Pier Paolo Pasolini, il consumismo come omologazione culturale, dallarticolo: il

vuoto di potere in Italia.

In questo articolo, divenuto famoso come larticolo delle lucciole, Pasolini parla
dellavvento della societ dei consumi e lo stravolgimento dei valori che ha messo in opera.
Lautore fa una breve analisi del periodo storico tra la fine del fascismo e gli anni settanta,
usando come metodo di paragone le lucciole, scomparse dalle campagne a causa
dellinquinamento nei primi anni sessanta, come dice lautore. Attraverso questo mezzo
retorico lautore mette il lettore al corrente delle diverse fasi dellimpoverimento culturale del
paese, ma fa riferimento anche alla scomparsa di tante piccole lucine che illuminavano il
buio con la loro presenza: sono le numerose microculture locali che con lomologazione
culturale causata dalla societ dei consumi, sono destinate a perdersi, a morire.

Lautore divide larco temporale preso in considerazione in tre periodi: prima, durante e dopo
la scomparsa delle lucciole.

Prima della loro scomparsa, nonostante la contiguit col regime fascista negli italiani
resistevano ancora i valori (Chiesa, patria, famiglia, obbedienza, disciplina, ordine,
risparmio, famiglia, moralit) che appartenevano alle culture particolari e concrete che
costituivano lItalia arcaicamente agricola e paleoindustriale. I governi che si sono
susseguiti hanno cercato di istituzionalizzare questi valori, di nazionalizzarli e cos facendo
li hanno svuotati del loro significato, della loro realt. in questo periodo che cominciano a
sparire le lucciole.

Cos, tutto dun tratto, i valori su cui in precedenza era basata la vita dellitaliano medio non
valgono pi e vengono rifiutati anche i loro corrispettivi valori istituzionalizzati dallo stato.
Pasolini convinto che in Italia si stia verificando un cambiamento epocale, una svolta
radicale nella storia umana: quella storia che le cui scadenze sono millenaristiche.

Lindustrializzazione degli anni settanta e il sempre maggiore asservimento alla logica del
consumo, scontrandosi con larcaicit pluralistica ha dato vita, tramite una rivoluzione
antropologica, ad un popolo degenerato, ridicolo, mostruoso e criminale.

Questo nuovo Potere riuscito anche l dove il fascismo stesso aveva fallito:
contaminare lanima delle persone. Durante il Ventennio Fascista i comportamenti cui
gli italiani erano stati costretti, nascondevano ancora i valori antichi e la coscienza
contadina e preindustriale. La societ dei consumi di massa invece ha corrotto lessere pi
profondo dei cittadini, portandoli ad abbandonare il vecchio credo per lesaltazione del
consumismo e dellomologazione.