Sei sulla pagina 1di 220

Poste Italiane Spa - Sped. In A.P. - D.L. 353/2003 art.

1, comma 1, LO/MI - Mensile - Numero 526


Francia 10,00-Germania 13,00-Grecia 9,55-Gran Bretagna igs 7,50-Lussemburgo 8,90-Portogallo (Cont.) 8,90-Svizzera chf 16,60-Canton Ticino chf 16,40-Principato di Monaco 10,00-Spagna 10,20
ISSN 1122 5858
70526 >

9 771122 585003

La scuola

VACCARI

a Modena
dei Becher

Ultimi lavori
al Louisiana
ABRAMOVIC
Retrospettiva

FOTOGRAFIA
Giugno 2017 5,00 (in Italia)
Mensile di Arte, Cultura, Informazione

EDITORIALE GIORGIO MONDADORI


SPECIALE
BIENNALE
dai padiglioni ai musei
Tutto su Venezia 2017
IN FIERA Le tendenze di Art Basel
Non smettere di sognare, emozionati sempre, tempo di libert con Suzuki Vitara, il SUV che combina stile inconfondibile e grandi
performance. Fatti sorprendere dal nuovo motore Boosterjet da 140 CV e dal sistema di sicurezza completo grazie allesclusiva
trazione 4x4 ALLGRIP e alla frenata radar RBS. Ascolta il tuo cuore, insegui la tua passione. Suzuki Vitara: il tuo stile di vita.

Consumo ciclo combinato (l/100km) da 4,0 a 5,7. Emissioni CO ciclo combinato (g/km) da 106 a 131. *Prezzo promo chiavi in mano riferito a VITARA
1.6 2WD V-COOL benzina (IPT e vernice met. escluse) presso i concessionari che aderiscono alliniziativa per immatricolazioni entro il 30/06/2017.
Limmagine inserita a scopo illustrativo. Le caratteristiche, gli accessori e i colori possono dierire da quanto rappresentato.

Seguici su suzuki.it
EDITORIALE

Nel padiglione della


Repubblica di Co-
rea, la scultura di
Foto Lorenzo Palmieri

Lee Wan, For a bet-


ter tomorrow, 2017,
plastica dipinta, cm
100x100x100, e
orologi da parete.

giunta lora di vedere la Biennale di Venezia

S
maltiti i postumi delle fatiche del- cui vi guidiamo ad attraversare la mostra
la preview (e dei piaceri delle centrale con centoventi artisti da tutto il
feste notturne) della 57a Esposi- mondo, i padiglioni nazionali, gli eventi
zione internazionale darte di collaterali, ricchissimi e mai come in que-
Venezia, possiamo ora a mente fredda fare sta edizione di altissimo livello (vera e pro-
un bilancio di quello che abbiamo visto e pria Biennale nella Biennale!). Un tour de
di tutto quello che, a nostro avviso, va cer- force di cui vale la pena discutere le inten-
cato e guardato con attenzione nei padi- zioni dei curatori e, soprattutto, verificare,
glioni ai Giardini, nellArsenale e nei mu- noi con voi, le proposte degli artisti che
sei, nelle fondazioni, nelle chiese e in tan- hanno fatto loro la parola dordine Viva
tissimi altri luoghi della citt. A tal propo- arte viva, lanciata con coraggioso ottimi-
sito, abbiamo realizzato un ampio e ricco smo dal direttore Christine Macel.
speciale (da pagina 68 a pagina 138) con Buona lettura e buona visione a tutti.
Il direttore
GIUGNO
Mensile di Arte, Cultura, Informazione

SOMMARIO
S P E C I A L E B I E N N A L E D A R T E 2 0 1 7 Marina
PRESENTAZIONE Viaggio nella 57a edizione della manifestazione darte contemporanea Abramovic
pi prestigiosa al mondo di Michele Bonuomo ......................................................................................... 68 al Louisiana
TUTTI I PREMI I Leoni doro e dargento e le menzioni speciali di Licia Spagnesi .............................. 70 Figlia di eroi di guerra
serbi, cresciuta allinse-
COLTI SUL FATTO Vip e protagonisti del mondo dellarte al vernissage della Biennale, alla festa gna di una severa disci-
mondanissima di Pinault e allinaugurazione della mostra alla Fondazione Prada di Licia Spagnesi . 74 plina, Marina Abramovic
(Belgrado, 1946) esplora
INTERVISTA I critici Achille Bonito Oliva e Hans-Ulrich Obrist a confronto in un dialogo notturno da sempre i limiti del suo
a proposito di Biennale, contaminazione e policentrismo dellarte di Paola Marino................................... 80 corpo e le possibilit del-
la mente in performance
ad alta tensione. Una
PADIGLIONE CENTRALE Otium e negotium, emozioni e tradizioni nelle opere dei centoventi
mostra al Louisiana di
artisti scelti da Christine Macel per la mostra centrale Viva arte viva di Marco Tonelli................. 84
Humlebk, dal 17 giu-
gno al 21 ottobre, riper-
PADIGLIONE ITALIA Roberto Cuoghi, Adelita Husni-Bey e Giorgio Andreotta Cal artefici corre la sua ricerca, dalle
di un percorso iniziatico tra religione, magia e fantascienza di Eugenio Viola.................................... 95 esperienze con Ulay, a
lungo suo compagno di
PADIGLIONI NAZIONALI DallAustralia di Tracey Moffatt allUcraina di Boris Mikhailov, vita e darte, ai lavori sulla
passando per la straniante Germania e il poetico Giappone, una selezione delle partecipazioni guerra nei Balcani, fino
nazionali pi originali e stimolanti di Sara Boggio, Renato Diez, Francesco Poli, Sofia Silva ............. 102 alle ultime, pi pacate
performance (il servizio
RASSEGNE COLLATERALI Le mostre da non perdere fra le centinaia proposte a pagina 151).
in Laguna, dai maestri storici agli emergenti, dalle collettive
ai progetti site specific di Francesca Am, Stefano Castelli, Renato Diez, Sabina Spada ....................... 120

ART BASEL Al via la 48a edizione: gli artisti, le gallerie e tutti gli eventi che ruotano
intorno alla fiera che detta legge nel mercato internazionale dellarte di Renato Diez .................... 140

MARINA ABRAMOVIC A Humlebk ripercorsa la parabola creativa della regina IN COPERTINA Sheila
della performance, che da sempre sfida i limiti del corpo e della mente di Sabina Spada............... 151 Hicks, Scalata al di l dei
terreni cromatici, 2016-
BERND & HILLA BECHER A Francoforte, le fotografie dei maestri della scuola di Dsseldorf 17, installazione allAr-
senale. Foto Vincenzo
dialogano con i lavori dei celebri allievi, da Gursky alla Hfer, a Struth di Manuela Brevi ............ 156
Pinto/AFP/Getty Images.
WAINER VACCARI La pittura visionaria e destabilizzante dellartista modenese un puzzle
di materia e poesia, fatto di pugili, strade deserte e atmosfere da film noir di Alberto Fiz ............. 163
84 95 102 120

5
GIUGNO
12 PREMIO ARTE Il regolamento delledizione 2017. Le iscrizioni terminano il 30 giugno ................ 24
FOTOGRAFIA di Laura Leonelli ................................................................................................................... 59
RISERVATO & PERSONALE Carmengloria Morales di Arianna Baldoni............................................. 66

LE MOSTRE IN ITALIA
MARIO SCHIFANO Luniverso anarchico del maestro in cento lavori, a Mantova di Stefano Castelli . 12
POP ART Da Tano Festa a Pino Pascali e Jannis Kounellis, a Cuneo di Alberto Fiz............................ 14
FANG ZHAOLIN A Milano, prima retrospettiva italiana dellartista cinese di Silvia Bottani ............ 16
28 HSIAO CHIN Gouache e carte dipinte nel segno della spiritualit, a Milano di Silvia Tomasi .......... 18

MORANDI/CZANNE Due giganti a confronto, a Mamiano di Traversetolo di Nicoletta Cobolli Gigli 20


ELISABETTA BENASSI Ispirata da Carl Andre, alla Collezione Maramotti di Licia Spagnesi ......... 22
RACCOLTA GIOVANARDI A Bologna, i maestri del 900, da Carr a Campigli di Daniela Jurman .. 26
GEHARD DEMETZ Le sculture lignee dellartista altoatesino al Macro di Roma di Lea Mattarella 28
FERNANDO BOTERO Grande retrospettiva al Vittoriano di Daniela Jurman .................................... 30
BRIAN ENO Installazioni luminose e acustiche al Castello Svevo di Trani di Paola Marino............. 32
30
IL NOVECENTO I momenti fondamentali dellarte italiana in 70 opere, a Palermo di Daniela Jurman 34

LE MOSTRE NEL MONDO


ALEXANDER CALDER I celebri mobiles e una retrospettiva, a New York e a Rodez di Renato Diez .. 38
TAKASHI MURAKAMI Tele monumentali e visioni apocalittiche, a Chicago di Cristiana Campanini . 40
JIMMIE DURHAM Larte impegnata del poliedrico artista, a Minneapolis di Eugenio Viola.............42
QUEER A Londra, la conquista della libert sessuale nei lavori di Bacon, Hockney & C. di Sabina Spada 44
GRAYSON PERRY Denuncia sociale e ironia nei lavori recenti, a Londra di Sofia Silva ................... 46
38
DIORAMA A Parigi, opere ispirate ai primi esperimenti di Daguerre di Daniela Jurman ................. 48
LAWRENCE CARROLL A Ligornetto, quadri-scultura a confronto con opere di Vela di Stefano Castelli 50
PIET MONDRIAN Il maestro del Neoplasticismo per i centanni di De Stijl, allAia di Nicoletta Cobolli 52
CAROLEE SCHNEEMANN A Francoforte, performance e dipinti di Stefano Castelli ........................ 54
ART IN ART Larte analizza se stessa con i lavori di sessanta autori, a Cracovia di Stefano Castelli. 56

ARTE IN GALLERIA di Cristiana Campanini ............................................................................................ 169


40
FLASH di Elisabetta Castellari .................................................................................................................... 180
ANTICIPAZIONI di Manuela Brevi............................................................................................................. 185
RECORD Jean-Michel Basquiat di Manuela Brevi ................................................................................. 189
ASTE ARTE ITALIANA di Manuela Brevi .................................................................................................. 191
INVESTIMENTI di Renato Diez .................................................................................................................. 197
LIBRI di Cara Ronza .................................................................................................................................... 203
52
AGENDA di Michela Delfino ....................................................................................................................... 209

6
DOOR RELEASE
curated by Enrico Mattei
FA B I O
VIALE
24 GIUGNO - 3 SE T TEMBRE 2017
OPENING SABATO 24 GIUGNO 2017 1 8 . 3 0

FORTINO | FORTE DEI MARMI


PIAZZA GARIBALDI

FORTINO
IN COLLABORAZIONE CON
G ALLERIA POGGIALI | PIE TRA S ANTA

O P E N I N G H O U R S | A L L D AY S
18-24 | 6PM-00

I N F O : T. + 3 9 0 5 8 4 2 8 0 2 9 2
FORTE DEI
Comune di Forte dei Marmi | Assessorato Cultura e Turismo MARMI
DOOR RELEASE (particolare | detail), 2017, MARMO BIANCO E PIGMENTI | WHITE MARBLE AND PIGMENTS, CM 98 X 83 X 195 | Galleria Poggiali Pietrasanta
MENSILE DI ARTE, CULTURA, INFORMAZIONE

Direttore responsabile
MICHELE BONUOMO
michelebonuomo@cairoeditore.it
UFFICIO CENTRALE
Fabiana Fruscella (caporedattore) fabianafruscella@cairoeditore.it
Daniela Jurman (caporedattore) danielajurman@cairoeditore.it
Nicoletta Cobolli Gigli (caposervizio) nicolettacobolli@cairoeditore.it
Licia Spagnesi liciaspagnesi@cairoeditore.it

REDAZIONE
Paola Biondi paolabiondi@cairoeditore.it
Manuela Brevi manuelabrevi@cairoeditore.it
Laura Civinini lauracivinini@cairoeditore.it
Laura Signoretti laurasignoretti@cairoeditore.it
UFFICIO GRAFICO
Stefania Brusco stefaniabrusco@cairoeditore.it
Roberta Granatelli robertagranatelli@cairoeditore.it
Isa Granoli isagranoli@cairoeditore.it
Daniela Grignani danielagrignani@cairoeditore.it
SEGRETERIA E RICERCA ICONOGRAFICA
Francesca Monesi francescamonesi@cairoeditore.it
HANNO COLLABORATO A QUESTO NUMERO: Francesca Am, Arianna Baldoni, Davide Bassoli, Sara Boggio,
Silvia Bottani, Cristiana Campanini, Elisabetta Castellari, Stefano Castelli, Michela Delfino, Renato Diez,
Alberto Fiz, Laura Leonelli, Paola Marino, Lea Mattarella, Lorenzo Palmieri, Francesco Poli, Cara Ronza,
Sofia Silva, Sabina Spada, Silvia Tomasi, Marco Tonelli, Giorgio Verzotti, Eugenio Viola.

EDITORIALE GIORGIO MONDADORI


divisione di

PRESIDENTE: Urbano Cairo


DIRETTORE GENERALE: Giuseppe Ferrauto
CONSIGLIERI: Andrea Biavardi, Alberto Braggio, Giuseppe Cairo, Ugo Carenini,
Giuliano Cesari, Giuseppe Ferrauto, Uberto Fornara, Marco Pompignoli, Mauro Sala

REDAZIONE: corso Magenta 55, 20123 Milano, tel. 02-43313362 fax 02-43313932
e-mail: arte@cairoeditore.it
SERVIZIO ABBONAMENTI: tel. 02-43313468, fax 02-460869, e-mail: abbonamenti@cairoeditore.it
Orario: 9-13, dal luned al venerd
UFFICIO DIFFUSIONE: tel. 02-43313333, diffusione@cairoeditore.it
ARRETRATI: tel. 02-43313410-517 fax 02-43313580
UFFICIO VENDITE LIBRI: tel. 02-43313517
SPORTELLO SPECIALE per abbonamenti immediati e vendita diretta libri
via Binda 14 20143 Milano (dal luned al venerd, ore 9-13, 14-17.30)
tel. 02-43313547 fax 02-43313546
SITO INTERNET: www.cairoeditore.it

CONCESSIONARIA ESCLUSIVA DI PUBBLICIT

una rivista del gruppo Cairo Editore che


comprende anche le seguenti testate:
SETTIMANALI: Dipi TV, Diva e donna, F, Set-
timanale Dipi, Settimanale Dipi e Dipi
TV Stellare, Settimanale GIALLO, Settimana- DIRETTORE DIVISIONE: Massimo Pujia
le NUOVO e NUOVO TV, TV Mia, Enigmisti-
ca PI. CENTRO DIREZIONALE TUCIDIDE
QUINDICINALI: Settimanale Dipi e Dipi TV via Tucidide 56 20134 Milano
Cucina, NUOVO e NUOVO TV Cucina. tel. 02-748131
MENSILI : Airone, Antiquariato, BellEuropa, UFFICIO PUBBLICIT:
BellItalia, For Men Magazine, Gardenia, In tel. 02-74813243 fax 02-74813225
Viaggio, Natural Style.

CAIRO EDITORE S.p.A.


Piemonte/Valle dAosta/Liguria/Lombardia/
corso Magenta 55, 20123 Milano.
Triveneto: Undersail S.r.l., via G. Dalla Bona 4/A
Direzione, redazione, amministrazione:
37138 Verona tel. 045-8000647.
tel. 02-433131.
Stampatore: CALEIDOGRAF s.r.l., via Milano Emilia Romagna/Marche: Luana Baraccani, via
45 23899 Robbiate (LC). Verdi 27, int. 3 48015 Milano Marittima (Ra) tel.
Registrazione: Tribunale di Milano n. 326 del e fax 0544-991884 cell. 335-8188819.
5 settembre 1981. Toscana/Umbria: Isabella Rondina, via di
Distribuzione per lItalia e per lestero: Campoli 154 50026 San Casciano Val di Pesa (Fi)
SO.DI.P. S.p.A., via Bettola 18 20092 cell. 347-7225504.
Cinisello Balsamo (Milano).
Puglia/Abruzzo/Molise/Basilicata/Calabria/
Prezzo per copia: Italia 5, copia arretrata 10.
Sicilia: Gianni DAlicandro, strada vicinale
Giudizi, opinioni e notizie riportati negli articoli
Schiamante 1 70126 Bari tel. 080-4957712.
firmati o siglati impegnano esclusivamente gli
autori 2017 Cairo Editore S.p.A. Campania/Lazio/Sardegna: Consuelo De
Micheli, via di Villa Emiliani 46 00147 Roma
Periodico associato alla FIEG tel. 06-8022529 fax 06-80693188 cell. 339-
(Feder. Ital. Editori Giornali) 3220174.
Perfil I, 2013 collage cm 229x170

Dama a Caballo, 2012, bronzo, cm 110x125x36

MANOLO VALDS
i Dettagli Luminosi
9 MAGGIO - 30 NOVEMBRE 2017
San Marco, 2288 - Calle Larga XXII Marzo, Venezia
Tel. +39 041 5230357 in collaborazione con:
venezia@continiarte.com
www.continiarte.com
Galleries|303Gallery| A|AGentilCarioca| MiguelAbreu| Acquavella| AirdeParis| JuanadeAizpuru| AlexanderandBonin|
HelgadeAlvear| Andrhn-Schiptjenko| Applicat-Prazan| TheApproach| Art:Concept| AlfonsoArtiaco| B|vonBartha| GuidoW.Baudach|
Berinson| Bernier/Eliades| FondationBeyeler| DanielBlau| Blondeau| Blum&Poe| MarianneBoesky| TanyaBonakdar| Bortolami|
IsabellaBortolozzi| Borzo| BQ| GavinBrown| Buchholz| Buchmann| C|Cabinet| CampoliPresti| Canada| GiselaCapitain|
carliergebauer| Carzaniga| PedroCera| Cheim&Read| ChemouldPrescottRoad| MehdiChouakri| SadieColesHQ|
ContemporaryFineArts| Continua| PaulaCooper| PilarCorrias| ChantalCrousel| D|ThomasDane| MassimoDeCarlo| dpendance|
DiDonna| Dvir| E|Ecart| Eigen+Art| F|KonradFischer| Foksal| FortesDAloia&Gabriel| Fraenkel| PeterFreeman| Freymond-Guth|
StephenFriedman| FrithStreet| G|Gagosian| Galerie19002000| GalleriadelloScudo| josgarca| gbagency| AnnetGelink|
GerhardsenGerner| Gladstone| Gmurzynska| ElviraGonzlez| GoodmanGallery| MarianGoodman| BrbelGrsslin| RichardGray|
HowardGreenberg| GreeneNaftali| greengrassi| KarstenGreve| CristinaGuerra| H|MichaelHaas| Hauser&Wirth| HazlittHolland-
Hibbert| HeraldSt| MaxHetzler| Hopkins| EdwynnHouk| XavierHufkens| I|i8| Invernizzi| TakaIshii| J|BernardJacobson|
AlisonJacques| MartinJanda| CatrionaJeffries| AnnelyJuda| K|CaseyKaplan| GeorgKargl| KarmaInternational| kaufmannrepetto|
SeanKelly| Kerlin| AntonKern| Kewenig| Kicken| PeterKilchmann| KnigGalerie| DavidKordansky| Kraupa-TuskanyZeidler|
AndrewKreps| Krinzinger| NicolasKrupp| Kukje/TinaKim| kurimanzutto| L|Lahumire| Landau| SimonLee| LehmannMaupin|
TanyaLeighton| Lelong| LvyGorvy| GisleLinder| Lisson| LongMarch| LuhringAugustine| Luxembourg&Dayan| M|Maccarone|
Magazzino| Mai36| GiMarconi| MatthewMarks| Marlborough| HansMayer| Mayor| FergusMcCaffrey| GretaMeert|
AnthonyMeier| UrsMeile| kamelmennour| MetroPictures| MeyerRiegger| MassimoMinini| VictoriaMiro| Mitchell-Innes&Nash|
Mnuchin| StuartShave/ModernArt| TheModernInstitute| JanMot| VeraMunro| N|nchstSt.StephanRosemarieSchwarzwlder|
NagelDraxler| RichardNagy| EdwardTylerNahem| HellyNahmad| Neu| neugerriemschneider| FrancoNoero| David Nolan| Nordenhake|
GeorgNothelfer| O|NathalieObadia| OMR| P|Pace| Pace/MacGill| MaureenPaley| AlicePauli| Perrotin| Petzel| FrancescaPia|
PKM| Plan B| GregorPodnar| EvaPresenhuber| ProjecteSD| R|AlmineRech| ReenaSpaulings| RegenProjects| DeniseRen| Rodeo|
ThaddaeusRopac| S|Salon94| EstherSchipper| RdigerSchttle| ThomasSchulte| NatalieSeroussi| Sfeir-Semler| JackShainman|
ShanghART| Sies+Hke| SikkemaJenkins| Skarstedt| SKE| Skopia/P.-H.Jaccaud| SperoneWestwater| SprthMagers| St.Etienne|
NilsStrk| Stampa| Standard(Oslo)| Starmach| ChristianStein| Stevenson| LuisaStrina| T|TakeNinagawa| team| Tega|
DanielTemplon| Thomas| Tornabuoni| Tschudi| TucciRusso| V|Georges-Philippe&NathalieVallois| VandeWeghe| AnnemarieVerna|
SusanneVielmetter| Vitamin| W|WaddingtonCustot| NicolaiWallner| BarbaraWeiss| MichaelWerner| WhiteCube| BarbaraWien|
JocelynWolff| Z|ThomasZander| ZenoX| ZERO...| DavidZwirner| Feature|MarcelleAlix| ArratiaBeer| BaliceHertling|
LauraBartlett| Bergamin&Gomide| PeterBlum| TheBox| Bureau| JamesCohan| Corbettvs.Dempsey| RaffaellaCortese| Hamiltons|
LeilaHeller| JenkinsJohnson| KadelWillborn| Kalfayan| Lhrl| JrgMaa| Mazzoleni| P420| ParraschHeijnen| PeresProjects|
MariliaRazuk| DeborahSchamoni| AurelScheibler| PietroSpart| Sprovieri| Trisorio| VanDorenWaxter| Vistamare| Wentrup|
Wilkinson| Statements|47Canal| AntennaSpace| ChapterNY| ChertLdde| Experimenter| GreenArt| Gypsum| HopkinsonMossman|
Labor| EmanuelLayr| KateMacGarry| MagicianSpace| DawidRadziszewski| RamikenCrucible| RealFineArts| MickySchubert|
Silverlens| KateWerble| Edition|BrookeAlexander| NielsBorchJensen| AlanCristea| mfcmichledidier| Fanal| GeminiG.E.L.|
SabineKnust| LelongEditions| CarolinaNitsch| Noire| Paragon| Polgrafa| STPI| TwoPalms| ULAE
LE MOSTRE in Italia
a cura di Licia Spagnesi

MANTOVA La pittura FIRENZE. Una grande


rassegna di sculture,
di Mario Schifano..12 installazioni e dipinti
di artisti italiani dal
CUNEO Pop italiano..14 2 giugno e fino al 1
ottobre invade musei,
MILANO Fang Zhaolin........16 giardini e luoghi della
citt, dal Forte di Bel-
MILANO Dipinti di Hsiao Chin....18 vedere (tel. 055055)
alla Galleria degli Uf-
PARMA Czanne-Morandi, fizi, da Palazzo Vec-
chio a Palazzo Pitti,
duello a colpi di capolavori........20 dal Giardino di Boboli
alla basilica di Santa
REGGIO EMILIA Alla Maramotti, Croce. Il titolo, Ytalia,
ispirato a una cita-
Elisabetta Benassi....................22 zione di Cimabue. Cu-
rata da Sergio Risaliti,
BOLOGNA A Palazzo Fava, la mostra riunisce un
la Collezione Giovanardi.........26 centinaio di opere di
dodici artisti: Giovan-
ROMA Gehard Demetz.........28 ni Anselmo, Marco
Bagnoli, Domenico
ROMA Fernando Botero.......30 Bianchi, Alighiero
Boetti (nella foto,
TRANI Brian Eno, installazioni Autoritratto, 1993),
Gino De Dominicis,
al Castello Svevo.....................32 Luciano Fabro, Jan-
nis Kounellis, Mario
PALERMO Novecento italiano Merz, Nunzio, Mimmo
Paladino, Giulio Paoli-
a Palazzo Reale....................34 ni e Remo Salvadori.
LE MOSTRE
in Italia MANTOVA

1 Mario Schifa-
no, Paesaggio
t v, 1969, pel -
licola fotogra-
fica colorata.
2 Compagni
compagni,
1 9 6 8 , s p r a y,
smalto su tela e
perspex. 3 Vero
amore incom -
pleto, 1962 ,
smalto su car-
ta intelata. Tre
opere prove -
nienti dalla Fon-
dazione Marco-
ni, in mostra a
1 Mantova.

Luniverso anarchico di Mario Schifano


Cento opere raccontano il vulcanico percorso del grande pittore
di Stefano Castelli

C ento opere da collezioni pubbliche e private compon-


gono la monografica su Mario Schifano (Homs, Li-
bia, 1934 Roma, 1998), a cura di Peter Assmann e Sergio
Warhol, anchegli un ar-
te e vita, costruendosi un
personaggio mondano
NATURA E ARTIFICIO. La
mostra di Mantova attra-
versa buona parte del suo
Pajola, fino al 15 luglio nellAppartamento della Rustica ma anche anarchico, pro- percorso, spregiudicato
del Palazzo Ducale. Leclettismo dellartista e la continua ducendo gruppi musicali ma coerente. A partire
reinvenzione della sua arte sono testimoniati dalla variet (le Stelle di Mario Schi- dai Monocromi, tra i suoi
delle opere: tele, carte, foto, filmati e memorabilia. fano, risposta italiana ai primissimi cicli: usando
warholiani Velvet Under- lo smalto, materiale indu-
EUFORIA E CRITICA. Fu mento scanzonato, ma va- ground), ricorrendo mas- striale, su carta da pacchi,
il pi autenticamente pop lidissimo anche sul piano sicciamente allapporto Schifano compone un
tra gli artisti italiani: se al- intellettuale. Sulla scia di degli assistenti. personalissimo incrocio
tri autori rifiutarono sem- di pop e minimale. Se-
pre tale etichetta, Schifano guono altre importanti
and fino in fondo nella opere degli anni Sessanta,
creazione di uno stile che in cui compare spesso la
rispecchiasse euforia ed parola scritta, tracciata a
effetti collaterali della so- matita: Tutta propaganda,
ciet di massa. I marchi e pastiche che associa di-
i cartelloni pubblicitari, la versi marchi pubblicita-
comunicazione e la televi- ri a creare un paesaggio
sione, la natura, la pittura postmoderno; i Paesaggi
stessa e la storia dellarte anemici, che dichiarano
finirono nel suo immenso sin dal titolo il dialogo
catalogo della contempo- tra natura e artificio, tra
raneit. Leuforia si me- istinto e spersonalizza-
scola alla critica, la preoc- zione tipica della societ
cupazione a un atteggia- dei consumi; il ciclo del

12 2
CARAMELLE IN RESINA
Oggetti del nostro tempo salvati nella capsula del tempo
che verranno ricordati nellanno 6.000
Stop The Time!

Futurismo rivisitato, in cui


una celebre foto dei mem-
bri del Futurismo viene
riprodotta e alterata in
innumerevoli versioni.
Passando poi per quadri
apertamente (ma non
acriticamente) politici co-
me Compagni compagni,
si giunge al ciclo dei Pa-
esaggi tv, che saranno un
leitmotiv della sua pro-
duzione matura. Fotogra-
fie scattate direttamente
allo schermo televisivo
vengono alterate con la
pittura, che ne sottolinea
alcuni tratti e ne deforma
altri. Cicli come Tuttestelle, Caramelle in Resina, cm 40x30
sempre sperimentali ma
pi estetizzanti, preludo-

GIORGIO GOST
no poi al passaggio degli
anni Ottanta, in cui larti-
sta, in seguito alla nasci-
ta del figlio, fa esplodere
definitivamente la sua
espressivit, ricorrendo
a colori sempre pi accesi
e a materiali dimpatto co- Prossime Mostre Darte:
me la sabbia. Padova Mediolanum Art Gallery Piazzetta Bussolin Settembre 2017
Padova Banca Mediolanum Piazzetta Bussolin Aprile 2018
MARIO SCHIFANO. Mantova,
Palazzo Ducale (tel. 348-
2209887). Fino al 15 luglio.
Catalogo Publi Paolini.
aggiornamenti e dettagli sulla pagina facebook fans
https://www.facebook.com/pages/giorgio-gost-fans/259030105409
www.giorgiogost.com info@giorgiogost.com
13
LE MOSTRE
in Italia CUNEO

1 2
1 Antonio Carena, Cielo rivestimento (cielo oggettivato), 1967, vernice su metallo, cm 190x165. 2 Enrico Baj, Mobile, 1962, tes-
suto e impiallacciature di legno, cm 73x60. 3 Sergio Lombardo, Ritratto di Raffaele, 1963, tempera su carta intelata, cm 101x72.

Ai pop italiani lartificio piace pi della natura


Limmagine e la sua trasformazione, da Tano Festa a Jannis Kounellis
di Alberto Fiz

D a Mario Schifano a Pino Pascali;


da Tano Festa a Jannis Kounellis.
Sono 50, tra dipinti, sculture e video,
ed emozionale. La Pop art, come gi
il Futurismo, immersa nellartifi-
cialit della metropoli. Ma questo,
ne. Da un lato i monumenti antichi
e dallaltra la quotidianit della citt.
A rendere esplicito questo secondo
le opere della Pop art italiana prove- forse, il solo punto di contatto con aspetto Z-3 di Jannis Kounellis,
nienti dalla Gam di Torino in mostra lesperienza americana. Mentre ne- unopera che appartiene alla serie dei
negli spazi medievali del Comples- gli Usa messo al centro il prodotto segnali stradali, dove lartista dipinge
so monumentale di San Francesco a commerciale, in Italia, tra Roma, Tori- lettere e numeri come fossero gero-
Cuneo. Il progetto, curato da Riccar- no e Milano, lattenzione si focalizza glifici o tracce ancestrali di un luogo
do Passoni, loccasione per rilegge- sullimmagine e la sua trasformazio- immaginario. Nel celebre Omaggio
re uno dei pi significativi fenomeni a Billie Holiday, anchesso in mostra,
degli anni Sessanta. il riferimento addirittura allarte
africana e per evocare la sensualit
NON OMOLOGATA. Il titolo della della cantante a Pino Pascali suf-
rassegna, Io non amo la natura, gi ficiente evidenziare le labbra rosse
una dichiarazione dintenti. Pren- su un totem nero. La Pop italiana, in-
de spunto dallomonima opera di somma, insegue lenigma e il mistero
Mario Schifano datata 1964 dove rifiutando ogni forma di omologazio-
lartista traccia sugli alberi modelli ne. A ben vedere, il riferimento non
da sartoria lasciando che nella parte Warhol, ma Giorgio de Chirico.
bassa navighino grandi spazi vuoti.
I paesaggi dovevano essere anemici
IO NON AMO LA NATURA. Cuneo,
per non essere inghiottiti dal postim- Complesso monumentale di San
pressionismo e dallinformale di una Francesco, Chiesa di San Francesco
pittura spudoratamente soggettiva (tel. 0171-634175). Fino al 22 ottobre.

14 3
ART BASEL 2017
June 15-18
Hall 2.0 - Stand F10

ROMA 60s

Artists presented include:


Carla Accardi Franco Angeli Alberto Burri Giuseppe Capogrossi
Mario Ceroli Pietro Consagra Piero Dorazio Tano Festa Giosetta Fioroni
Sergio Lombardo Renato Mambor Gastone Novelli Achille Perilli
Mimmo Rotella Mario Schifano Cesare Tacchi Giulio Turcato
Cy Twombly Giuseppe Uncini

Via Senato, 20 - 20121 Milano - Italia


tel. +39 02 76006473 | mob. +39 3487421417 | fax. +39 02 799707
info@galleriatega.it | www.galleriatega.it
LE MOSTRE
in Italia MILANO

1 2
1 Fang Zhaolin, Grande dipinto a mano libera di un paesaggio, anni 80, inchiostro e colore su carta di riso. 2 A vela, attraverso il fiume
fra un gruppo di montagne, 1991, inchiostro e colore su carta di riso. 3 Il giardino del pesco, 1987, inchiostro e colore su carta di riso.

I delicati paesaggi di Fang Zhaolin


Alla Permanente, prima retrospettiva italiana dedicata allartista cinese
di Silvia Bottani

L intreccio armonico fra calligrafia e pittura une-


sperienza stimolante. Ancora di pi se lautrice
Fang Zhaolin (1914-2006), talento vulcanico e figura
da scoprire per comprendere levoluzione contempo-
ranea della tradizione cinese attraverso fertili conta-
minazioni tra Oriente e Occidente.

DUE MONDI. Sessantasei ricerca e viaggia moltissi-


opere di Fang Zhaolin so- mo. Nella sua pittura con-
no esposte al Museo della fluiscono suggestioni dal
Permanente nella mostra a Cubismo, dallEspressio-
cura di Daniel Sluse e Jean nismo, elementi fauve ma
Toschi Marazzani Viscon- anche dellEspressioni-
ti. Allieva di grandi mae- smo astratto, declinato alla
stri della tradizione cinese, luce di una sensibilit che
lartista studia calligrafia non rinuncia alla propria
e pittura sin dallinfanzia. specificit culturale. La le-
Due lutti la segnano: nel zione del modernismo
1925 lassassinio del padre, fondamentale per lartista
lindustriale Fang Shouyi, e viene inscritta nelle forme
e nel 1950 la morte del del paesaggismo cinese, 3
marito Fang Xingao, che reinventato alla luce di una
la lascia vedova a 36 anni felicit compositiva e di un a unessenzialit primiti-
con otto figli. Nonostan- ritmo che deve la propria vista. Le sue opere espri- FANG ZHAOLIN. SIGNORA DEL
CELESTE IMPERO. Milano,
te debba subentrare nella incisivit allarte calligra- mono la tensione tra due Museo della Permanente;
gestione dellattivit del fica. Uno stile che a partire mondi: la grazia di un fiore (www.lapermanente.it). Dal
marito, prosegue la sua dagli anni 60 lascia spazio e lasperit di una roccia. 15 giugno al 10 settembre.

16
LE MOSTRE
in Italia MILANO

1 Hsiao Chin, Le-


quilibrio, 1963,
acrilico su tela,
c m 1 0 0 x 1 0 0.
2 Te m p e s t a,
1988, acrili-
co su tela, cm
350x180. 3 Pri-
ma del massacro
di Tienanmen 3,
1989, acrilico su
tela, cm 75x95.

1 2

Hsiao Chin al bivio


tra Est e Ovest
Tutta la sua parabola creativa
alla Fondazione Marconi
d i S i lv i a To m m a s i

L a biografia artistica di Hsiao Chin (Shanghai, 1935)


si intreccia, dalla fine degli anni 50, con Milano e con
la storia dello Studio Marconi in un proficuo incontro
3

ciclico. Per rendere omaggio a questa lunga amicizia la Hsiao Chin chiama pic- pittura dove la mediazio-
Fondazione Marconi dedica a Hsiao Chin unampia cola Parigi; dallamicizia ne fra gli opposti sempre
retrospettiva, aperta fino al 15 settembre, con duecento con Piero Manzoni fino ai liquida, dove la tradizione
lavori fra gouache, acrilici, inchiostri su carta di riso. primi tagli di Lucio Fonta- orientale si ibrida felice-
na, alle ricerche di Enrico mente con le esperienze
DA MILANO A NY. La gra- Ma occorre uno sguar- Castellani e di Dadamai- maturate fra Europa e Sta-
zia lirica degli ideogram- do secondo per scoprire no. Poi il salto nellAmeri- ti Uniti. Ma non chiedete
mi, come nellolio Ty-88, come le opere dellartista ca dellAction painting di a Hsiao Chin dinaugura-
la chiarezza geometrica cinese non nascano solo Jackson Pollock: a New re una mostra senza aver
di triangoli e cerchi de- allinterno della tradizio- York entra in contatto con consultato loroscopo ci-
gli acrilici Sublimazione e ne orientale. In esse c Mark Rothko, Robert nese: lui sa bene che, nel
Lequilibrio, la forza cro- un distillato di vastissime Rauschenberg e Willem mondo dellarte, le stelle
matica vibrante e morbi- influenze occidentali, fil- de Kooning tra gli altri. Il non stanno a guardare.
da della Tempesta, tutto trate da un percorso per- suo approccio simile a
in una fedelt estetica al sonale mirato a superare quello di chi pratica le arti
cuore zen della pittura barriere geografiche e cul- marziali, che sfruttano le HSIAO CHIN. UNA COLLEZIONE.
Milano, Fondazione Marconi
cinese: questo ci che turali. Le prime influenze spinte dellavversario per (via Tadino 15, tel. 02-
locchio occidentale coglie chiave nascono nella Mi- ammorbidirne lurto o per 29419232). Fino al 15
nelle opere di Hsiao Chin. lano del bar Jamaica, che rovesciarlo. Ne nasce una settembre. Catalogo Skira.

18
GLI AMICI PITTORI DI LONDRA
TONY BEVAN, ARTURO DI STEFANO, LUKE ELWES, SANDRA FISHER
TIMOTHY HYMAN, ANDRZEJ JACKOWSKI, GLENYS JOHNSON
KEN KIFF, R.B. KITAJ, ALEX LOWERY, LINO MANNOCCI
THOMAS NEWBOLT, CHARLOTTE VERITY
a cura di
LINO MANNOCCI

20 Maggio - 7 Luglio 2017


catalogo in galleria con un testo di Catherine Lampert

Lino Mannocci, Tutti i giornali pubblicarono la mia fotografia.


Ma avrei fatto volentieri a meno di questa pubblicit. 2017
Olio su tela, cm 20 x 30 Luke Elwes, Lotus (Asia) 2011 - Olio su tela, cm 30 x 30

Timothy Hyman, Judith in the Taxi (Homage to David Parks) 2016-17


Olio su tela, cm 35.5 x 44.6 Tony Bevan, Self Portrait Skull, 2013
Acrilico e carboncino su tela, cm 60 x 63

GALLERIA CERIBELLI
Via San Tomaso, 86 - 24121 Bergamo
tel. 035.231332 - info@galleriaceribelli.com - www.galleriaceribelli.com
dal marted al sabato 10:00 - 12:30 / 16:00 - 19:30
LE MOSTRE
in Italia MAMIANO DI TRAVERSETOLO (PARMA)

1 Paul Czan -
ne, Baigneurs,
1890-1894,
olio su tela, cm
26x40. 2 Gior-
gio Morandi, Cor-
tile di via Fondaz-
za, 1954, olio su
tela, cm 48x53.

Czanne-Morandi,
le affinit elettive
Alla Fondazione Magnani Rocca,
un confronto tra capolavori
di Nicoletta Cobolli Gigli

P er un eccezionale prestito del Museo Puskin di Mo-


sca, una delle celebri tele Baigneurs di Paul Czanne
(1839-1906) arriva alla Fondazione Magnani Rocca che
organizza una mostra accostando alle opere del maestro
francese quelle di Giorgio Morandi (1890-1964). Lalle- 2
stimento consente di cogliere le affinit tra i due artisti,
dalla ricerca analitica sul paesaggio allo studio dello scelta dei soggetti, quasi acquist per la sua rac-
spazio nelle nature morte. sempre luoghi e oggetti colta: dalle vedute Paysa-
familiari, descritti con un ge provenal, 1900-1904,
LA RIVELAZIONE. Per il Fu il grande francese a velo di nostalgia in un tem- e Maison et bosquet, 1890,
giovane Giorgio Moran- indicargli la strada della po indefinito. In rassegna, alle nature morte Corbeil-
di lo studio di Czanne fu sintesi geometrica, luso Cortile di via Fondazza e i le de fruits, 1890, e Tasse
una sorta di rivelazione: dei chiaroscuri, la disposi- Paesaggi a Grizzana da una et plat de cerises, 1890.
analizz i suoi quadri nel zione prospettica di spazi parte, le vedute della Pro-
volume Gli impressionisti e masse sulla tela. venza e i celebri Baigneurs
francesi di Vittorio Pica; dallaltra. Una mostra che CZANNE E MORANDI
lesse gli scritti di Arden- COMUNE NOSTALGIA. allinea anche gli acquerelli ALLA VILLA DEI CAPOLAVORI.
go Soffici pubblicati su La Fondazione Magnani di Czanne che il collezio- Mamiano di Traversetolo
(Pr), Fondazione Magnani
La Voce; rimase folgora- Rocca dedica una mostra nista Luigi Magnani (Reg-
Rocca (via Fondazione
to dagli acquerelli visti al confronto tra i due ma- gio Emilia, 1906 Mamia- Magnani Rocca 4,
allEsposizione interna- estri, sottolineandone la no di Traversetolo, 1984), tel. 0521-848327).
zionale di Roma nel 1911. sensibilit comune nella artefice della Fondazione, Fino al 10 settembre.

20
16 GIUGNO - 5 AGOSTO 2017
VERNISSAGE GIOVED 15 GIUGNO 2017 H: 18 - 21

Opere 15x15 / 20x20 cm di:


ANGELO ACCARDI
ANNAL
VALENTINA CECI
MANUEL FELISI
MAX GASPARINI
CLAUDIA GIRAUDO
FEDERICO INFANTE
ANDREA MARICONTI
LARA MARTINATO
KYOJI NAGATANI
ALEX PINNA
DAVIDE PUMA
GIORGIO TENTOLINI
Opera di CLAUDIA GIRAUDO, Arlecchinos family souvenir IV, 2017, olio su tela, 20 x 20 cm

VIALE SANT ANTONIO 59/61 VARESE | 0332 320990 | INFO@PUNTOSULLARTE.IT | MAR-SAB 10-13 e 15-19

PUNTOSULLARTE.IT
LE MOSTRE
in Italia REGGIO EMILIA

1
Alcune opere di Elisabetta Benassi in mostra alla Collezione Maramotti di
Reggio Emilia: 1 Appunti per una mostra 02, 2017. 2 Empire, 2017, cerini, cm
4,7x4. 3 Empire, 2017, cerini, cm 4,7x4. 3

Benassi e i mattoni di Carl Andre


Lartista romana ripercorre la storia di unopera molto controversa
di Licia Spagnesi

P er la sua nuova mostra, in programma alla Collezio-


ne Maramotti di Reggio Emilia dal 7 maggio al 17
settembre, Elisabetta Benassi si ispirata alle vicende
soch inosservata attir al
museo torme di curiosi. Da
sempre interessata a esplo-
parlano di mattoni: un
mattone per sempre, o
un mattone pu costruire
che circondano uno dei lavori pi controversi della sto- rare i rapporti tra memoria una cattiva reputazione.
ria dellarte recente, ovvero Equivalent VIII dellameri- individuale e collettiva at- Si tratta di slogan politici
cano Carl Andre (Quincy, 1935), realizzato nel 1966: lo traverso foto e documenti o pubblicitari? Il gioco di
stesso anno in cui Elisabetta Benassi nasce a Roma. darchivio, Elisabetta Be- enigmi continua nelle sa-
nassi anche nella mostra di le della Maramotti, dove
MINIMAL SCANDALOSO. art Carl Andre: una rigo- Reggio Emilia ripercorre lartista intreccia elementi
Solitamente, le opere che rosa composizione di 120 le tracce della storia acco- provenienti dalla storia del
suscitano scandalo hanno mattoni disposti a formare stando eventi e notizie che luogo, sede della fabbrica
a che fare con il sesso, la un rettangolo. Nel 1976 la alla prova del tempo han- Max Mara, a oggetti e do-
violenza, la politica o la re- stampa britannica con una no perso rilevanza. Parten- cumenti legati alla vicenda
ligione. Per questo oggi, a profusione di articoli e vi- do dai materiali conservati di Equivalent VIII.
quarantanni di distanza, gnette si scagli contro la nellArchivio della Tate e
stupisce il clamore causa- decisione di investire 6.000 donati al museo da Andre
to dallacquisto, nel 1972, sterline di denaro pubblico stesso, Benassi ha ideato ELISABETTA BENASSI.
da parte della Tate gallery in quello che veniva defini- un percorso che inizia in IT STARTS WITH THE FIRING.
Reggio Emilia,
di Londra, di Equivalent to un cumulo di mattoni. citt, dove manifesti affissi Collezione Maramotti
VIII, installazione delle- Il risultato fu che unopera sui muri e sugli autobus ri- (tel. 0522-382484).
sponente della Minimal fino ad allora passata pres- portano frasi in inglese che Fino al 17 settembre.

22
PIETRASANTA
OMO

I8
PIAZZA DU

ALD
VIA GARIB

IPIO
MUNIC

8
I4
ON
A RC
M
A
VI
GALLERIA
GALLERIA POGGIALI
POGGIALI
PROJECT
PROJECT ROOM
ROOM
VIAVIA
GARIBALDI 8
GARIBALDI 8
3 GIUGNO 2017 ORE 18.30
GALLERIA POGGIALI JOHN ISAACS
EX FONDERIA DARTE
LUIGI TOMMASI 1 LUGLIO 2017 ORE 18.30
CHRISTIAN ACHENBACH
VIA MARCONI 48
8 AGOSTO 2017 ORE 18.30
FABIO VIALE

26 AGOSTO 2017 ORE 18.30


ROBERTO BARNI
WWW.GALLERIAPOGGIALI.COM
INFO@GALLERIAPOGGIALI.COM 16 SETTEMBRE 2017 ORE 18.30
TEL: +39 334 9236625 | +39 055 287748 MARCO FANTINI
PREMIO 2017

Quattro sezioni: pittura, scultura, fotografia e gra-


fica. Due categorie: artisti esordienti e studenti di
accademie di belle arti e di scuole darte. E, infine,
una mostra con le opere dei trenta finalisti allesti-
ta nelle prestigiose sale di Palazzo Reale a Milano

ISCRIZIONI ENTRO IL

24
PREMIO IL REGOLAMENTO PER PARTECIPARE
2017
Il Premio Arte, giunto alla XXVI edi- essere spedita in un imballaggio a re- telefono, titolo dellopera, forma-
zione, da sempre si pone lobiettivo di gola darte. Le opere dei 100 selezio- to, tecnica e anno desecuzione).
scoprire e valorizzare i nuovi talenti nati saranno pubblicate sul numero di A parte il settore fotografia, in cui si
artistici. Al Premio possono parteci- settembre di Arte. pu concorrere con massimo tre lavo-
pare tutti gli artisti non professionisti, ri, si dovr presentare una sola opera
compresi gli studenti di accademie di SECONDA FASE DELLA SELEZIO- per ogni sezione versando, al mo-
belle arti e di scuole darte, che non NE . Tra i 100 selezionati, la giuria mento dellinvio, limporto di 70 euro
abbiano esposto in mostre personali di sceglier 30 finalisti che saranno pre- per spese di segreteria (35 euro per gli
rilievo. Non sono ammessi i vincitori miati con un diploma donore. Que- studenti delle accademie e delle scuo-
delle Targhe doro e dei Premi Acca- ste opere saranno poi pubblicate sul le darte, che dovranno allegare un
demia delle edizioni precedenti. numero di novembre di Arte e inserite certificato di frequenza allistituto, e
nel Catalogo dellArte Moderna di 100 euro per chi concorre dallestero).
Il Premio si articola in quattro sezioni: Editoriale Giorgio Mondadori. possibile partecipare a pi sezioni
PITTURA (olio, tempera, acrilico, pagando liscrizione per ogni singola
collage, tecnica mista). Il formato QUATTRO TARGHE DORO. A sezione. A tutti i partecipanti lEditore
delle opere non dovr superare i cm ognuno dei vincitori delle quattro intester un abbonamento omaggio
100x120. sezioni (pittura, scultura, fotografia, annuale al mensile Arte.
SCULTURA. Le opere non dovranno grafica/computer grafica), selezio- Il versamento dovr essere effettuato
superare i 20 chilogrammi di peso e i nati fra i 30 finalisti, sar assegnata sul C.C.P. n. 43459346 intestato a Cai-
cm 100x100x100. una Targa doro. ro Editore S.p.A. La relativa ricevuta
FOTOGRAFIA. Il formato delle stam- (con lindicazione Premio Arte 2017)
pe originali non dovr superare i cm QUATTRO PREMI ACCADEMIA sono dovr essere allegata al materiale in-
100x120. destinati agli allievi delle accademie viato. I concorrenti dovranno conser-
GRAFICA/COMPUTER GRAFICA e delle scuole dindirizzo artistico di vare lattestato del versamento o una
(matita, pastelli, pennarelli, acquerel- ogni ordine e grado, selezionati fra fotocopia dello stesso.
lo, incisione, serigrafia e grafica digi- i 30 finalisti, e consistono in borse di I concorrenti dovranno spedire il
tale). Il formato delle opere non dovr studio di mille euro ciascuna. materiale per la prima selezione en-
superare i cm 100x120. tro il 30 giugno 2017, accompagnato
LA MOSTRA con le opere dei finali- dalla cartolina che troveranno sulla
PRIMA FASE DELLA SELEZIONE. sti e dei vincitori sar aperta al pub- rivista e che si pu anche scaricare sul
Per le sezioni pittura, scultura e gra- blico dal 24 al 31 ottobre a Milano, sito www.cairoeditore.it, indirizzan-
fica/computer grafica si partecipa nelle prestigiose sale di Palazzo do a: Premio Arte 2017 - Cairo Edito-
inviando una fotografia a colori del Reale, dove avverr anche la ceri- re - corso Magenta 55, 20123 Milano.
formato massimo di centimetri 18x24. monia della consegna delle targhe e
Per la sezione fotografia necessario dei riconoscimenti. Un diploma di LA SEGRETERIA DEL PREMIO por-
inviare le riproduzioni e non le stampe merito verr inoltre inviato agli altri r ogni cura nel maneggiare le opere
originali delle opere. Il formato massi- 70 concorrenti che hanno superato darte, ma non potr in nessun caso es-
mo delle riproduzioni di centimetri la prima selezione. Il giudizio della sere ritenuta responsabile di eventuali
18x24. Le fotografie delle opere posso- giuria del premio insindacabile. danni. Spedizione, restituzione e as-
no essere accompagnate da un curricu- sicurazione sono a completo carico
lum artistico e professionale del parte- COME, DOVE E QUANDO SPEDIRE dei concorrenti al Premio. Le fotogra-
cipante al Premio. La giuria, composta IL MATERIALE. Sul retro di ogni foto- fie delle opere inviate per la prima
dalla redazione di Arte, selezioner grafia dovranno essere chiaramente selezione non verranno restituite. La
100 opere sulla base delle riproduzioni riportate le indicazioni riguardanti partecipazione al Premio Arte com-
fotografiche inviate. Ai selezionati ver- lautore e lopera (nome e cognome, porta lintegrale e incondizionata ac-
r richiesta lopera originale che dovr data e luogo di nascita, indirizzo, cettazione del presente regolamento.

25
LE MOSTRE
in Italia BOLOGNA

1 2
1 Carlo Carr, Marina con albero, 1930, olio su cartone telato, cm 46x65. 2 Massimo Campigli, Bambini, 1932, olio su
tela, cm 75x53,5. 3 Osvaldo Licini, Amalassunta con sigaretta, 1951, olio su tela, cm 26,5x34,5.

La Collezione Giovanardi fa storia


La raccolta completa con le opere dei protagonisti degli anni Trenta
di Daniela Jurman

P alazzo Fava-Palazzo delle Esposizioni a Bologna


ospita una mostra dedicata alla Collezione Gio-
vanardi. Per loccasione viene esposta la raccolta nella
la custodisce dal 1997. La
mostra bolognese si arti-
cola in tre sezioni temati-
Morandi e le due Ama-
lassunta (con trombetta
e con sigaretta) di Licini.
sua interezza, in tutto novanta dipinti realizzati dai che. La prima racconta il Nella seconda si affronta
pi illustri pittori italiani, attivi tra le due guerre mon- controverso rapporto tra linterazione tra pittura e
diali, da Giorgio Morandi a Filippo De Pisis. il marchigiano Osvaldo architettura, con opere di
Licini e Giorgio Moran- Mario Sironi, tra cui Pa-
FIUTO MILANESE. La sta integralmente solo di, amici solo in giovent esaggio con albero (1945),
raccolta di opere darte di altre due volte (nel 1998 e protagonisti dellespo- oltre che di Massimo
Francesca e Augusto Gio- a Palazzo delle Albere di sizione futurista lampo Campigli e di Carlo Car-
vanardi ha preso forma Trento e nel 2005 al Mart allhotel Baglioni di Bo- r, del quale sono espo-
nella Milano dellimme- di Rovereto), grazie al logna nel 1914: in mostra sti San Giorgio Maggiore
diato secondo Dopoguer- contributo del Mart, che alcune nature morte di (1926) e Marina con albero
ra e costituisce unimpor- (1930). Infine, la messa in
tante testimonianza di crisi del realismo da parte
quel particolare momento di protagonisti dellarte
storico e culturale. Grazie degli anni Trenta come
alla passione per larte di Mario Mafai e De Pisis.
Augusto, scienziato lom-
bardo, la raccolta, frutto
di trentanni di ricerca, COSTRUIRE IL NOVECENTO.
diventata una delle colle- CAPOLAVORI DELLA
zioni pi ricche ed esem- COLLEZIONE GIOVANARDI.
Bologna, Palazzo Fava-
plificative del Novecen-
Palazzo delle Esposizioni
to italiano. Vincolata dal (www.genusbononiae.it).
Ministero dei beni cultu- Fino al 25 giugno.
rali, finora stata espo- Catalogo Edizioni Bononia.

26
www.kanalidarte.com
+39 030 5311196
brescia/via a. mario 38

giugno
settembre
2017

brescia/via a. mario 55
+39 030 5311196
www.kanalidarte.com
LE MOSTRE
in Italia ROMA

Le sovrimpressioni
di Gehard Demetz
Dissonanze scolpite nel legno
fra memoria, simbolo e devozione
di Lea Mattarella

U tilizza solo il legno, materiale spesso collegato a un


fare artigianale che fa parte della cultura visiva e de-
vozionale della Val Gardenia, dov nato. Gehard Demetz
(Bolzano, 1972) per ne ha fatto un elemento intriso di
modernit. Lo si pu vedere al Macro nella mostra curata 1
da Marco Tonelli, dove il legno viene colorato, o utilizzato 1 Gehard Demetz, Dirt on shoulders, 2016, legno, cm
a piccoli pezzi, come a creare sculture di mosaico. 180x88x43. 2 Hitler Mao (dettaglio), 2007, legno.

STRANIANTE. Ci che elemento che manca. Pren- appartiene alla fotografia, che provare meraviglia,
colpisce nellimmagi- diamo ad esempio le sue dove la sovrimpressione come si faceva di fronte
nario di Demetz libri- figure sacre: limmagine un fatto noto, oppure alla statuaria del passato.
dazione, la distorsione, di Cristo, o meglio del tra- alla pittura. Raramente Qui ci sono ritratti di Mao
lallungamento oppure il dizionale cuore di Ges, si in scultura ci si trova di e di Hitler la cui piccola
suo contrario, a cui sono sovrappone a quella di un fronte a due corpi che si dimensione li fa apparire
sottoposte le figure e gli bambino; quella della Ver- confondono differenzian- bambini. Il dittatore tede-
oggetti. Ogni immagine gine a una bambina. C dosi solo per il colore (nera sco ha due buchi al posto
colpisce perch c qual- una convivenza di volti, limmagine sacra). Per dei suoi macabri baffetti,
cosa di troppo, oppure un gesti, sguardi che di solito questo chi guarda non pu indossa un paio di calzon-
cini e ti sembra impossibile
che una figura cos banale,
cos lontana dallidea stes-
sa di potenza, possa aver
massacrato un continente.
Demetz sembra voler te-
nere la soglia dellattenzio-
ne alta anche sulla storia.
Poi ci sono le pecore, i cani,
gli animali che sembrano
tratti dal presepe, ma am-
massati come negli alleva-
menti. Li guardi e rifletti.
S, il legno di Demetz met-
te in moto il pensiero.

GEHARD DEMETZ.
INTROJECTION. Roma,
Macro (tel. 06-0608)
Dal 23 giugno
2 al 10 settembre.

28
Mario Ballocco, Tensioni formali da instabilit luminosa, 1967
VISIONE,
LOGICA ed
ESTETICA.
La ricerca
di MARIO
BALLOCCO
A CURA DI
Paolo Bolpagni

27.05 01.07 2017

CATALOGO IN GALLERIA CON TESTI DI


Paolo Bolpagni e Serge Lemoine

10 A.M. ART Amart Gallery s.r.l.


Via Anton Giulio Barrili, 31 Milano
T. +39 0292889164 M. +39 3393724296
e.mail: info@10amart.it www.10amart.it
si riceve solo su appuntamento
LE MOSTRE
in Italia ROMA

1 Fernando Bo-
tero, Piero del-
la France sca,
1998, olio su te-
la, cm 204x177
ciascuno, dit-
tico. 2 Natura
morta davanti al
balcone, 2000,
olio su tela, cm
190x131.

La classicit onirica di Fernando Botero


Al Vittoriano, grande retrospettiva dedicata allartista colombiano
di Daniela Jurman

S i tiene a Roma, nelle


sale del Comples-
so del Vittoriano, una
Fornarina (2008), ma an-
che le sue tele ispirate ai
maestri italiani del Rina-
grande retrospettiva de- scimento, come il grande
dicata a Fernando Bote- dittico Piero della France-
ro (Medelln, 1932). Rea- sca, realizzato nel 1998.
lizzata in occasione dei In apertura le sculture e
suoi 85 anni, la rassegna una bella serie di nature
rende omaggio a oltre morte, come quella con
mezzo secolo di produ- strumenti musicali, del
zione artistica. 2004. La mostra propone
inoltre alcuni capolavori
TRA IRONIA E SOGNO. poco noti al pubblico ita-
La mostra romana, a cu- liano, grazie ai prestiti di
ra di Rudy Chiappini, collezioni e musei sparsi
ripercorre attraverso una per il mondo. Tra questi il
cinquantina di opere si- dittico Il presidente e la first
gnificative linstancabile lady, grande opera di ispi-
carriera dellartista co- razione primitivista.
lombiano, a partire dal
1958 fino al 2016. Non
solo le sue rinomate e FERNANDO BOTERO. Roma,
Complesso del Vittoriano,
forse inflazionate figure Ala Brasini (www.ilvittoriano.
femminili oversize, come com). Fino al 27 agosto.
la Donna seduta (1997) e La Catalogo Skira.

2
30
BLOCK NOTES

BOLOGNA. Christian Boltanski.


a cura di Danilo Eccher lam-
pio progetto di eventi dedicati
a Christian Boltanski (Parigi,

1944), che coinvolge diversi


luoghi della citt da giugno a
novembre. Cuore delliniziativa
la mostra antologica al Mam-
bo intitolata Anime. Di luogo in
luogo, che dal 26 giugno riuni-
sce venti installazioni (tel. 051-
6496611). Nella foto, Rserve -
Hamburger Strasse, 1995.

FIRENZE. Helidon Xhixha. In or-


dine sparso. Dal 27 giugno al 29
ottobre, nella cornice rinascimen-
tale del Giardino di Boboli (tel.
055-2298732) di scena lo sculto-
re albanese Helidon Xhixha (Du-
razzo, 1970). Presenta una serie di
flessuose strutture in acciaio (tra
cui Conoscenza e Infinito) ispirate
alle forme naturali e, spiega il cu-
ratore Eike Schmidt, alla conce-
zione matematica dellarte, come in preparazione il primo
la vediamo realizzata da Brunel-
leschi e Paolo Uccello. volume del Catalogo
FONTANELLATO (PR). Carlo Generale di Alfonso Borghi.
Mattioli. Fino al 24 settembre 60
opere del pittore modenese (1911- Si invitano i collezionisti
1994), realizzate dal 1961 al 1993,
molte delle quali
interessati allarchiviazione
inedite, sono riu-
nite in mostra al
e alla pubblicazione delle
Labirinto della opere in loro possesso a
Masone (tel.
0521-827081). contattare la segreteria per
Nella foto, Pae-
saggio, 1980, olio ricevere dettagli e costi
su tela.
dellinserimento
tel. 0522 677168
31 borghi@alfonsoborghi.com
LE MOSTRE
in Italia TRANI

Con Brian Eno, la musica diventa luce


Le installazioni luminose e acustiche dellartista inglese multimediale
d i Pa o l a M a r i n o

I mmersione tra luci e suoni nella mostra Light music di Brian Eno
(Woodbridge, 1948) al Castello Svevo di Trani. Curata da Valen-
tina Bonomo, la rassegna propone inediti cortocircuiti tra opere
SEQUENZE IPNOTICHE. Limponente castel-
lo sulla costa pugliese, voluto dallimperatore
Federico II nellXI secolo, accoglie linstalla-
darte contemporanea e le architetture del passato. Con linstallazio- zione acustico-visiva di Brian Eno. Sequenze
ne multimediale dellartista inglese un ampio salone del castello a ipnotiche, tra fiori metallici che emettono
picco sul mare si trasforma in una sorta di lounge room sinestetica, suoni incantati in sintonia con cinque light
in un flusso ininterrotto di suoni e colori. Ultimo campo di ricerca boxesquadrangolari in colori tecno-fluo, da
visuale e sonora del guru mondiale della musica sperimentale. godere distesi su comodi divani. Sculture
musicali dalleffetto straniante, con microfoni
nascosti che guidano il flusso di combinazioni
cromatiche al variare della musica.

ESPERIENZE IMMERSIVE. noto del resto


il fondamentale contributo che Brian Eno ha
dato alla musica ambientale. Dopo gli esordi
da star del rock pi sperimentale, continua
lintensa attivit di compositore e produt-
tore musicale con collaborazioni con David
Bowie, i Velvet Underground, Laurie An-
derson, i Talking Heads, i Coldplay. Pur
rimanendo in strettissima connessione con
il suono, la ricerca di Eno si concentra oggi
anche sullarte visiva. Proviene infatti da stu-
di artistici e in questa fase matura tornato a
fondere i suoi interessi. Le sue opere, sempre
installate in percorsi sensoriali e architettoni-
ci molto curati, creano esperienze immersive
1 di particolare intensit percettiva. Il suono
si fa immagine e limmagine colore, materia
cromatica. Una ricerca avanzatissima sup-
portata da una sapienza tecnologica non in-
vasiva, ma piuttosto delicata e accogliente,
capace di estendere gli orizzonti percettivi.
Quello che mi piace della luce che cam-
bia, non mai uguale, mi piace lidea di cre-
are unopera che non resta ferma nel tempo,
qualcosa che non si ripete mai.

1 e 2 Brian Eno, due opere Senza titolo, 2017,


realizzate per la mostra Light music.

BRIAN ENO. LIGHT MUSIC. Trani, Castello Svevo


(piazza Re Manfredi 16, tel. 06-6865493).
2 Fino al 30 ottobre. Catalogo Edizioni Il Cigno.

32
BLOCK NOTES

MILANO. Africa. Fotografie,


dipinti, sculture, video e in-
stallazioni di trentatr artisti
dellAfrica subsahariana so-
no riuniti al Pac, Padiglione
NUVOLO
CATALOGO RAGIONATO DELLE OPERE
darte contemporanea (tel. 02-
88446359), dal 27 giugno all11
settembre, nella mostra Africa.
Raccontare un mondo, a cura di
Adelina von Frstenberg (la
sezione video e performance
invece a cura di Ginevra Bria).

PRATO. Dalla caverna alla luna.


I lavori di sessanta artisti inter-
nazionali dipinti, sculture,
installazioni ambientali, video,
azioni e performance com-
pongono la prima mostra di
opere della col-
lezione del rin-
novato Centro
Pecci (www.
centropecci.it),
in corso fino
al 28 gennaio
2018. In rasse-
gna, tra gli altri, Si informa che l'Archivio Nuvolo di Citt di Castello ha in
Pinot Gallizio,
Mario Merz, Paolo Scheggi, Ju- preparazione il primo volume del Catalogo Ragionato delle
lian Schnabel (nella foto, Ri de Opere del Maestro Nuvolo (Giorgio Ascani).
Pomme, 1988), Enzo Cucchi, Jan
Fabre, Michelangelo Pistoletto,
Per questo motivo informiamo i collezionisti privati, i musei e le
Anish Kapoor.
istituzioni pubbliche che desiderassero proporre linserimento
ROMA. Arman 1954-2005. Sono delle opere dellartista di contattare lArchivio ai seguenti recapiti:
una settantina le opere di Ar-
mand Pierre Fernandez, noto
come Arman (1928-2005), riunite
nella grande retrospettiva a cura ASSOCIAZIONE ARCHIVIO NUVOLO
di Germano Celant, in corso a Pa-
lazzo Cipolla (tel. 06-22761260) Via Spluga 6 Citt di Castello,
fino al 23 luglio. Si va dai Cachets 06012 (PG - ITALIA)
alle Accumulations (nella foto,
Nuits de Chine,
Tel: +39 328 583 0911
1976) fino alle E-mail: info@archivionuvolo.it
serie Pubelles e Web: archivionuvolo.it
Inclusions e ai
Sandwich combo
della fine degli
anni 90.

Nuvolo (Giorgio Ascani), Untitled, 1960, Tela, daino e fustagno cuciti, 90 137 cm
33
LE MOSTRE
in Italia PALERMO

Inna e Aghnessa Rotella, Alberto Savinio, Lisola dei giocattoli, 1930, olio, cm 80x110.

presidenti del Mimmo


Rotella Institute, hanno
Il Novecento italiano
dato incarico a Germano attraverso settanta opere
Celant di curare la stesura di Daniela Jurman

del Catalogo Ragionato


Mimmo Rotella. L a sala Duca di Montalto di Palazzo Reale a Palermo
ospita Novecento italiano. Una storia, mostra organizza-
ta dalla Fondazione Federico II e curata da Maria Teresa
Dopo la pubblica zione Benedetti, Lea Mattarella e Francesca Villanti. Lintento
della rassegna ambizioso: documentare alcuni momenti
del pr imo volume si fondamentali della cultura e dellarte italiane nel corso del
XX secolo. Lo fa attraverso settanta opere, molte delle quali
informa che in corso di provenienti da collezioni private e per questo poco cono-
preparazione il secondo sciute al grande pubblico. Apre il percorso una selezione
di lavori di Giacomo Balla, Umberto Boccioni, Gino Se-
volume che approfondir verini e Mario Sironi, che raccontano la loro esperienza
divisionista e la successiva seduzione futurista. Si passa
lattivit relativa agli anni poi alla compostezza di Giorgio de Chirico (in mostra
1962-1973. Piazza dItalia, olio su tela del 1950) e di Carlo Carr, alla
linearit di Giorgio Morandi fino al realismo di Renato
Guttuso e al surrealismo di Alberto Savinio. Si approda
Per infor ma zioni e la allastrattismo del Gruppo Forma, dove spicca Giuseppe
Capogrossi, col suo Superficie 230, del 1957, al materico
consegna del materiale Alberto Burri, di cui esposto Muffa (1952), e a Lucio Fon-
tana. E si sconfina nelle postavanguardie. A rappresentare
r ivolger si al Mimmo la stagione pop un monocromo Senza titolo di Mario
Rotella Institute: Schifano, realizzato nei primi anni Settanta. Per la Transa-
vanguardia, Mimmo Paladino.
info@mimmorotellainstitute.it
NOVECENTO ITALIANO. UNA STORIA. Palermo, Palazzo Reale,
Sala Duca di Montalto (www.federicosecondo.org).
Fino al 31 agosto. Catalogo Skira.

34
NEL MUGELLO
SOTTO IL CIELO
DI GIOTTO
750 anni dalla sua nascita

In Toscana nel Mugello, alle porte di Firenze, la presenza di Litinerario prosegue a Scarperia per ammirare gli affreschi
Giotto e della sua famiglia testimoniata da documenti e memorie del trecentesco Palazzo dei Vicari e la Madonna di Jacopo del
storiche. In occasione del 750 anniversario della nascita, il Casentino racchiusa nellOratorio della Madonna di Piazza.
Mugello intende celebrarne larte e leredit artistica organizzando
un itinerario che, prendendo le mosse dalla Madonna conservata La tappa successiva il borgo di SantAgata con la Pieve
nella Pieve di Borgo San Lorenzo, ricostruisca un percorso omonima, uno scrigno di capolavori e il Museo dArte Sacra con
attraverso le opere trecentesche presenti nel territorio che recano, la Madonna del Maestro Nicholaus.
in varia misura, leco dellarte del grande Maestro, fondatore della Nelle vicinanze si trova il convento di Bosco ai Frati che
pittura italiana. conserva il Crocifisso ligneo di Donatello e un affresco trecentesco
raffigurante S. Francesco dAssisi.
La prima meta Vicchio - paese natale dellartista-, dove sar
esposta la grande tavola detta Madonna di San Giorgio alla Da Borgo S. Lorenzo andando verso Marradi nella chiesa della
Costa (1295 ca.), in prestito dal Museo di Santo Stefano al Ponte pittoresca frazione di Crespino sul Lamone la tavola con la
Vecchio. Lopera sar visibile nel Museo dArte Sacra Beato Madonna con bambino e angeli di Jacopo del Casentino.
Angelico fino allautunno.
Dal Mugello si pu continuare litinerario a Firenze per ammirare
Da Vicchio verso Borgo S. Lorenzo, in localit Vespignano, si il celebre Campanile di Santa Maria del Fiore disegnato da
trova la Casa di Giotto, adiacente ai resti dellantico Castello e alla Giotto e le preziose testimonianze della sua arte presenti nelle
suggestiva chiesa di S. Martino. Nella Pieve romanica di Borgo S. maggiori chiese e musei cittadini: S. Croce,
Lorenzo esposta la Madonna con bambino attribuita alla prima S. Maria Novella, il Museo Horne e la Galleria degli Uffizi.
attivit di Giotto.

Unione Montana dei Comuni del Mugello - Ufficio Turismo


Via P. Togliatti, 45 50032 Borgo San Lorenzo (Fi)
Tel. 055 84527185/86 - turismo@uc-mugello.fi.it www.mugellotoscana.it
LE MOSTRE nel mondo
NEW YORK Alexander Calder
e i suoi mobiles al Whitney ........38
CHICAGO Lapocalisse secondo
Takashi Murakami ......................40
MINNEAPOLIS Larte impegnata
di Jimmie Durham ......................42
LONDRA Da Bacon a Hockney,
larte britannica queer..............44
LONDRA I nuovi lavori di Grayson
Perry alla Serpentine ..................46
PARIGI Da Mark Dion a Sugimoto,
gli artisti stregati dal diorama.....48
LIGORNETTO I quadri-scultura
di Carroll al Museo Vela .............50
LAIA Mondrian e De Stijl ...........52
FRANCOFORTE La performance
secondo Carolee Schneemann..54
CRACOVIA Riflessioni sullarte...56

LONDRA. Una nuova serie di sculture di Marc Quinn


Marc Quinn Studio

(Londra, 1964), che affronta il tema del frammento e


il rapporto con la classicit, esposta nella mostra
Drawn from life al Sir john Soanes Museum (www.so-
ane.org) fino al 23 settembre. Intitolata All about lo-
ve, la serie comprende dodici calchi del corpo dellar-
tista e della sua musa, la ballerina Jenny Bastet,
stretti in un abbraccio. Nella foto, All about love (Hea-
ven), 2016-2017, resine sintetiche, acciaio e legno.

A C U R A D I L I C I A S PA G N E S I
LE MOSTRE
nel mondo NEW YORK/RODEZ
ARS, NY

Forma e movimento
in Alexander Calder
Al Whitney e al Muse Soulages,
i Mobiles e una retrospettiva
di Renato Diez

I l nonno e il padre erano noti scultori, la madre una pittri-


ce. Alexander Calder (1898-1976) and oltre: invent un
modo nuovo dintendere la scultura. Il mezzo espressivo
statico per definizione divent cos sinonimo del movi-
mento. I suoi Mobiles sono ora protagonisti di una mostra
al Whitney museum di New York e sono presenti nella
1 retrospettiva al Muse Soulages di Rodez, in Francia.
2017 Calder Foundation, New York / Artists Rights Society (ARS), New York

IL MOVIMENTO. Nellau- diverse: oltre alle forme e


tunno del 1931, dopo aver ai colori, lo scultore pu
visitato lo studio di Piet manipolare anche qualco-
Mondrian (1872-1944), lo sa di immateriale come il
scultore americano realiz- movimento. Calder cre
za delle strutture leggeris- tre tipologie di Mobiles: al-
sime, che oscillano al mi- cuni sono appesi alla pa-
nimo spostamento daria. rete; altri (gli Standing mo-
In un primo tempo erano biles) sono sostenuti da un
mosse da un motorino supporto rigido. I pi spet-
o da una manovella, ma tacolari sono quelli che
quasi subito Calder pro- pendono dal soffitto, gli
getta costruzioni perfetta- Hanging mobiles. Nel 1946
mente bilanciate in cui le lo scrittore Jean-Paul Sar-
forme di metallo, appese tre, presentando una per-
a varie altezze, fossero li- sonale dellartista, scrisse
bere di muoversi, spostate che Calder, con quelle
dal vento o dal passaggio strutture cos leggere e ap-
di una persona. Marcel parentemente fragili, che
Duchamp (1887-1968) a giocano con le ombre, era
battezzare con il nome di riuscito a intrappolare il
Mobiles quelle opere ri- movimento e a dargli una
voluzionarie che danno forma. Come Mondrian,
vita a complesse sequen- anche Calder us pochi
ze cinetiche, ma restano colori: nero, rosso e bian-
comunque in un delicato, co, e solo negli ultimi anni
miracoloso equilibrio. I vernici alcuni elementi
2 singoli elementi possono delle sue sculture di gial-
Tre sculture di Alexander Calder esposte al Whitney. 1 Un- compiere evoluzioni di lo e di blu. Diceva che i
titled, 1942, cm 134. 2 Aluminium leaves, Red post, 1941, vario tipo, a velocit e con colori gli servivano solo
cm 154,3. 3 Machine motorise, 1933, cm 95,3. unampiezza ogni volta per dissolvere i volumi.

38
Giorgio Baldoni

ARS, NY

UNA NUOVA STABILIT.


Un anno dopo i Mobiles,
Calder cre altre opere e Wings, 2017, tecnica mista e carta, cm 45 x 52,5
fu questa volta Hans Arp
(1886-1966) a battezzar-
le come Stabiles. Sono
sculture statiche, realiz-
zate con piastre di metal- Lartista sar presente alla mostra
lo fissate tra loro con dei Energia Creativa - Tra Astrazione e Figurazione
bulloni lasciati in vista.
Eppure, nonostante la Palazzo Albrizzi - Venezia
pesantezza del materia-
le dalla fine degli anni
Cinquanta ne vennero Inaugurazione 17 giugno 2017 h. 18.00
commissionate a Calder
molte di formato monu- Ingresso gratuito dal 17 giugno al 2 luglio 2017
mentale, alte fino a 20
metri anche questi la-
vori suggeriscono un no-
tevole potenziale cineti-
co, legato alla leggerezza
Info: www.arte.events
dinamica delle forme.

CALDER: HYPERMOBILITY.
New York, Whitney museum
(www.whitney.org).
Dal 9 giugno al 16 ottobre.
CALDER. Rodez, Muse
Soulages (www.musee-
soulages.rodezagglo.fr).
Dal 24 giugno al 29 ottobre.
www.giorgiobaldoni.it info@giorgiobaldoni.it
+39 393 9726732
39
LE MOSTRE
Takashi Murakami/Kaikai Kiki Co., Ltd. All Rights Reserved nel mondo CHICAGO

La seconda vita di
Takashi Murakami
Citazioni dalla cultura classica
giapponese e visioni apocalittiche
di Cristiana Campanini

1
L a grande mostra allMca di Chicago, Takashi Muraka-
mi: the octopus eats its own leg, svela in cinquanta tele
2008 Takashi Murakami/Kaikai Kiki Co., Ltd. All Rights Reserved.

monumentali, realizzate negli ultimi trentanni, le fitte


relazioni dellartista giapponese (Itabashi, 1962) con il
folklore e la pittura del suo Paese, una conoscenza che
affonda nel passato della cultura grafica tradizionale,
come nella profonda attenzione per i materiali.

MONACI, TIGRI, DEMONI. plessi, stratificati, empa-


Non pi il Murakami di tici. Strabordano di cita-
una volta, tutto feticismo zioni dalla cultura classica
sessuale, manga, merchan- giapponese e dalla pittura
dising e moda. Oggi que- della corrente tardo-otto-
sto artista-manager (a ca- centesca ni-honga, di cui
po di unazienda con quasi profondo conoscitore. Ci
cento dipendenti a timbra- sono monaci, testimoni del
re il cartellino), un uomo ciclo della vita e delle sue
da 15 milioni di dollari tragedie; il tiglio, pianta sa-
(il suo record dasta, nel cra, che abbraccia e proteg-
2008), celebre nel suo Pa- ge; demoni mostruosi che
2 ese come una rockstar, ha minacciano il disastro. il
uno sguardo pi profon- mistero dellarte che salva
2008 Takashi Murakami/Kaikai Kiki Co., Ltd. All Rights Reserved

do. Negli ultimi dieci anni lanima delluomo, come


ha affrontato una rivolu- un fiore di loto che sboc-
zione estetica e spirituale. cia dal fango. Prima ero
Alcuni dei temi restano, concentrato sul rapporto
come la bomba atomica, tra capitalismo e arte. I
ma la forma e i toni cam- miei modelli erano Andy
biano. Come documenta la Warhol e Walt Disney, ma
mostra americana, i dipinti anche Hirst e Koons. Ora
si fanno sempre pi com- tutto cambiato.

Tre opere di Takashi Murakami esposte allMca di Chicago.


1 Assignation of a spirit, 2014. 2 From the perceived debris
of the universe, we are still yet unable to reach the stage of
nirvana, 2008. 3 Kansei gold, 2008.

TAKASHI MURAKAMI: THE OCTOPUS EATS ITS OWN LEG.


Chicago, Mca Museum of contemporary art
(mcachicago.org). Dal 6 giugno al 24 settembre.

3
40
LE MOSTRE
nel mondo MINNEAPOLIS

1 2
1 Jimmie Durham, Various elements from the actual world, 2009, tecnica mista. 2 Tlunh Datsi, 1984, teschio di puma, conchiglie,
piume, metallo, pelliccia, acrilico, cm 103x91x81. 3 Self-portrait pretending to be Maria Thereza Alves, 1995-2006, fotografia.

Larte impegnata di Jimmie Durham


Omaggio al genio poliedrico del poeta, scultore, performer e attivista
di Eugenio Viola

I l Walker art center di Minneapolis


ospita Jimmie Durham: at the center
of the world, prima retrospettiva de-
il ruolo attivo dellarte e dellartista
nella societ, tendendo alla difesa
di ogni forma di espressione con-
di questa mostra itinerante, curata
per il Walker art center da Vincen-
zo De Bellis e Misa Jeffereis, che
dicata negli Stati Uniti allartista di siderata differente o minoritaria. Il restituisce, per la prima volta in ma-
origine Cherokee, la cui opera, oltre suo lavoro stato poco visto negli ul- niera cos ampia, uno spaccato sulla
lattivismo politico che la contraddi- timi 25 anni negli Stati Uniti, nono- pratica eclettica di Durham, legata a
stingue, si interroga sul senso e sulla stante sia strettamente connesso agli unesperienza di resistenza cultura-
funzione delloggetto al crepusco- sviluppi dellarte americana: nella le e politica che promuove una cono-
lo del XX secolo, attestandosi come poetica dellassemblaggio e della scenza nomade, aperta a molteplici
uno straordinario riattraversamento riappropriazione del quotidiano, co- chiavi di lettura e a possibili narra-
dei fondamenti e della tradizione le- me nellapproccio legato alla institu- zioni. La continua sperimentazione
gati alla scultura moderna. tional critique. Da qui limportanza sui linguaggi, la manipolazione del
quotidiano e lo svelamento dei pa-
UN INTERVENTISTA. Artista vi- radossi della civilt occidentale sono
sivo, poeta, saggista, performer solo alcune delle pi evidenti chiavi
e attivista, Jimmie Durham (Wa- di lettura dellopera di Durham, cui
shington, Arkansas, 1940) ha investi- stato recentemente conferimento
gato, per oltre 45 anni, il potenziale il Matronato alla carriera dal Museo
dellarte di mettere in questione le Madre, in quanto lartista ha trovato,
convenzioni normalmente accetta- negli ultimi anni proprio a Napoli,
te. Durham, che si autodefinisce un molteplici ragioni di ispirazione.
interventista, negli anni Settanta
stato esponente di spicco dellA-
JIMMIE DURHAM: AT THE CENTER
merican indian movement. La sua OF THE WORLD. Minneapolis,
ricerca, imprescindibile dal suo im- Walker art center (www.walkerart.org).
pegno politico, da sempre esplora Dal 22 giugno all8 ottobre.

42 3
LE MOSTRE
Estate of John Craxton. All rights reserved, DACS 2016 nel mondo LONDRA

Quando lInghilterra
scopr di essere Queer
Da Sargent a Bacon e Hockney,
la conquista della libert sessuale
di Sabina Spada

A lla Tate Britain, la mostra Queer British art 1861-1967 inda-


ga quasi un secolo di arte attraverso tematiche molto attua-
li: i cambiamenti nella definizione di genere, levoluzione dei
1 diritti degli omosessuali, la possibilit di esprimere la propria
sessualit al di fuori delle categorie tradizionali, di manifestare
la propria identit. Tra gli autori esposti, John Singer Sargent,
Cecil Beaton, Francis Bacon, David Hockney.

LUNGA BATTAGLIA. Un arco te di indicare un universo e le


temporale preciso definisce sue espressioni estetiche senza
un periodo importante per il ricorrere a rigide categorie o eti-
riconoscimento dei diritti in chette ghettizzanti. La rassegna
Inghilterra: nel 1861 abolita si apre con opere ispirate allar-
la pena di morte per gli atti di te greco-romana, espediente
sodomia, mentre nel 1967 vie- per parlare di omosessualit
ne emanato il Sexual offences in maniera esplicita, ma lecita,
act, che depenalizza i rapporti durante la repressiva et vitto-
omosessuali tra adulti consen- riana. Pi avanti, un ritratto di
zienti in ambito privato. Nello Oscar Wilde dipinto nel 1881
stesso periodo, gli artisti dan- da Robert Goodloe Harper
no voce a identit differenti. Pennington esposto accanto
2 Prima che i termini lesbica, alla cella in cui lo scrittore irlan-
gay, bisessuale e transgender dese scont due anni di reclu-
Yageo Foundation

entrassero nelluso, larte mo- sione per sodomia. Una sezio-


strava la ricchezza culturale ne dedicata al teatro, ambito
del punto di vista queer. Il ter- in cui era pi facile sottrarsi a
mine usato non a caso nel tito- giudizi spietati. La conclusione
lo della mostra, letteralmente del percorso dedicata a Fran-
eccentrico, strano, prima cis Bacon e alla sua tormentata
usato in senso dispregiativo e rappresentazione della sessua-
poi prediletto dalla comunit lit, e a David Hockney, che in-
Lgbt per autodefinirsi, permet- vece la ostenta con sicurezza.
1 John Craxton, Head of a greek sailor, 1940, olio su tavola, cm
330x305. 2 Henry Scott Tuke, The critics, 1927, olio su tavola, cm
412x514. 3 David Hockney, Life painting for a diploma, 1962, olio
su tela con carboncino su collage di carta.

QUEER BRITISH ART 1861-1967. Londra, Tate Britain


3 (Millbank, www.tate.org.uk). Fino al 1 ottobre.

44
LE MOSTRE
nel mondo LONDRA

Per tutte le immagini Grayson Perry


1 2

Grayson Perry e quello che piace alla gente


Lavori recenti alla Serpentine gallery nella personale pi popular che mai
d i S o f i a S i lva

Q uale genere darte piace alla gente? Quali soggetti? Perch al gior-
no doggi alle persone piace visitare gallerie darte? Che rapporto
esiste tra arte tradizionale e social media?. Queste sono alcune delle
la propria ricerca artistica alla storia
sociale: a ogni classe corrisponde
unestetica e ogni storia individuale,
domande che lartista inglese Grayson Perry (1960) ha scelto di porre in specie la propria, pu prestare una
occasione di The most popular art exhibition ever!, la mostra personale che per trama alla pi vasta storia della na-
tutta lestate raccoglier i suoi lavori pi recenti nei prestigiosi spazi della zione britannica. Per decenni la vita
Serpentine gallery, nel verde cuore dei Kensington Gardens. di Perry stata illustrata su arazzi,
ceramiche e oggetti tramite un im-
BREXIT E ARTE. Puff piece (2017) maginario infantile e violento in cui
un vaso di ceramica, diario pubblico, il Pop scivola sempre nel folklore e il
manifesto didee e forse anche gior- bigotto nellunderground. C come
nale satirico. Vi sono dipinti nume- il Regno vorrebbe essere, c come
rosi slogan, nomi di giornalisti, di cu- il Regno e poi esiste una terra di
ratori, titoli tratti dai quotidiani, un mezzo, il grottesco mondo che vive
cottage inglese, il simbolo della co- tra desiderio e realt sviscerato da
rona: Better than all that conceptual Perry. Brexit e popolarit dellarte,
bollocks Waldemar Januszczak tematica mai svolta prima in manie-
Sunday Times; 100% Feel good ra cos mirata, avranno modo din-
factor Adrian Searle The Guar- contrarsi nelle opere in mostra.
dian. Molti dei nomi che compaio-
1 Grayson Perry, Disegno preparatorio
no su questopera appartengono ai
per un grande arazzo, 2016-17. 2 De-
critici darte dei pi letti quotidiani ath of a working hero, 2016, arazzo.
britannici: la critica darte nel Regno 3 Puff piece, 2017, ceramica.
Unito parte rilevante del dibattito
quotidiano, seguita da gallerie pri-
vate e nazionali e commentata fervi- GRAYSON PERRY. THE MOST POPULAR
ART EXHIBITION EVER! Londra,
damente dagli artisti. Perry non ha Serpentine gallery (www.serpentine
mai mancato di farsi ascoltare allin- galleries.com). Dall8 giugno al 10
terno del dibattito politico, legando settembre.

46
Come Down, 20 17, Olio e stucco su tela, 12080 cm

Car la Chius ano Inol t r e


a cur a di L uc a B e a t r ice
2 4 Giu g no - 3 1 L u g lio 2 0 1 7
V ia Gio s u C ar ducci 4 5
For t e dei M ar mi ( L U)

In collaborazione con
LE MOSTRE
nel mondo PARIGI

1 Hiroshi Sugi-
moto, Gorilla,
1994, gela-
t ina , a r ge n to
e p it tura, cm
3 8 ,7x5 8 , 8 .
2 Richard Bar-
nes, Uomo con
bufalo, 2007,
stampa a getto
d i n c h i o s t r o ,
cm 137x167,6.

Il fascino illusorio racchiuso nel diorama


Al Palais de Tokyo, opere ispirate
allinvenzione di Daguerre
di Daniela Jurman

L invenzione, antesignana del cinema, del francese


Louis Daguerre (1787-1851) ha influenzato anche
larte contemporanea: il diorama un insieme di scene
dipinte che, grazie a giochi di prospettiva e luce, d allo
spettatore lillusione di una finestra sulla realt. Questo
il minimo comun denominatore della rassegna al Palais
de Tokyo: in mostra una cinquantina di artisti da tutto il
mondo che hanno utilizzato i diorama nelle loro opere o
quanto meno si sono ispirati a quella che veniva definita
da Honor de Balzac la meraviglia del secolo. 2

ORIGINE TEATRALE. la scienza. E a poco a poco unurbanizzazione massi- gelosamente, separato e


Il diorama, parola che conquista molti artisti del va: ne sono un esempio i protetto da un vetro, come
etimologicamente signi- XX e XXI secolo, come in- diorami dello statunitense nella stanza sigillata da
fica vedere attraverso, tende mettere a fuoco le- Mark Dion (1961) e del- una finestra in plexiglas di
mette in scena la nostra sposizione parigina. la tedesca Isa Genzken Tatiana Trouv (Cosenza,
conoscenza del mondo (1948). La caduta degli 1968). In mostra anche i
e al contempo offre un LE OPERE. Dopo alterne ideali e le emergenze diorami dellartista e foto-
supporto di proiezione vicende, il diorama viene ecologiche modificano grafo giapponese Hiroshi
dellimmaginario. Utiliz- rivalutato come strumen- lo sguardo dello spetta- Sugimoto (1948).
zato in origine nel mondo to di rappresentazione tore, non pi al centro del
del teatro, diventa fonte artistica dagli esponenti meccanismo di visione.
DIORAMAS. Parigi, Palais de
dispirazione anche per delle avanguardie. Ai pae- Lelemento onirico e il- Tokyo (www.palaisdetokyo.
altre discipline e campi saggi romantici si sostitui- lusorio del diorama non com). Dal 14 giugno
del sapere, dalla storia al- scono quelli apocalittici di svanisce, ma custodito al 10 settembre.

48
LE MOSTRE
nel mondo LIGORNETTO (SVIZZERA)

Gli altari laici e solenni


di Lawrence Carroll
I quadri-scultura dellartista americano
a confronto con le sculture di Vela
di Stefano Castelli

1 S essanta opere, dagli esordi dellartista a lavori inediti, compon-


gono I have longed to move away, personale di Lawrence Carroll
(Melbourne, 1954) al Museo Vincenzo Vela di Ligornetto. Lartista
ha costruito la mostra per gli spazi del museo: ne nasce un confronto,
per contrasto, tra la scultura astratta ma materica di Carroll e la
statuaria ottocentesca (innovativa per lepoca) di Vela.

RUVIDO E LEGGERO. Cera, le- SCOMPOSIZIONE. Il confronto


gno, vernice, carta di giornale, tra larte silenziosa di Carroll
fiori finti: laspetto ruvido dei e leloquenza delle sculture di
quadri-scultura di Lawrence Vincenzo Vela stimolante. Dal-
Carroll compensato da mille la diversit iniziale si pu coglie-
tocchi di matericit e sommes- re una convergenza: nella clas-
sa sensualit. Nato in Austra- sicit Vela ide soluzioni inno-
lia ma trasferitosi da bambino vative che tendevano allanalisi
negli Stati Uniti, dagli anni e alla scomposizione delle for-
Ottanta rinnova e trasfigura la me, cos come Carroll decostru-
2 tradizione della pittura ameri- isce linee, forme e tradizioni.
cana del Secondo dopoguerra. Il percorso espositivo alterna
Per tutte le immagini Lawrence Carroll Foto Museo Vincenzo Vela/Antonio Maniscalco

Lolio e la tela rimangono pre- opere pi essenziali (dai cubi da


senti, ma ci che pi conta sono parete degli anni Ottanta-No-
la sagomatura del supporto e vanta ai pannelli del 2017) e
la trama di materiali che si crea, pi espressive. Tra queste ulti-
ad esempio nellincrocio di olio me, i recenti Senza titolo su cui
e cera. E soprattutto, in Carroll, campeggiano fiori di plastica o
conta la presenza fisica dellog- di seta e scarpe, oltre ai lavori
getto-opera darte: lo spettato- in cui la poetica dellartista sfo-
re si trova davanti a presenze cia apertamente nella scultura
solenni ma leggere, come alta- e nellinstallazione: Senza titolo
ri laici che evocano sensazioni del 2015 un tappeto fatto di
legate sia alla vita quotidiana fiori finti, Bucket (2008) invece
che a questioni trascendenti. un cestino con vetri rotti.

1 Carroll, Senza titolo (Yellow painting), 2015-17, vernice, cera, graffe, tela su
legno. 2 Senza titolo, 2015-17, vernice, tela, cornice in compensato. 3 Senza
titolo, 2014-17, olio, cera, vernice, fiori di plastica, tela, tessuto su legno.

LAWRENCE CARROLL I HAVE LONGED TO MOVE AWAY. Ligornetto (Canton


3 Ticino), Museo Vincenzo Vela (www.museo-vela.ch). Fino al 15 ottobre.

50
franz ringel
robert zeppel sperl
a cura di Gianluca Ranzi

10 giugno - 15 luglio 2017

InAuGuRAzIOnE sAbATO
10 giugno ore 18,00

Catalogo in galleria

ARTEA GAllERy di Alessandro Deponti ARCHIVIO RAPETTI MOGOl


Corso Buenos Aires, 52 - 20124 Milano archiviorapettimogol@arteagallery.it
info@arteagallery.it - www.arteagallery.it
tel. +39 3334012115
LE MOSTRE
nel mondo LAIA

1 2

Tutto Mondrian a centanni da De Stijl


Al Gemeentemuseum il maestro del Neoplasticismo in trecento lavori
di Nicoletta Cobolli Gigli

L avventura cosmopolita di Piet Mondrian (Amersfo-


ort, 1872 Manhattan, New York, 1944) viene raccon-
tata al Gemeentemuseum, uno dei gioielli museali euro-
larticolazione dello spazio. E si conclude con la fuga a
Londra prima e a New York dopo, nel 1938 e nel 1940,
costretto a emigrare dopo la condanna del suo lavoro da
pei progettato negli anni Trenta dallarchitetto Hendrik parte dei nazisti. La mostra attraversa le fasi del simboli-
Petrus Berlage. Lesposizione propone un viaggio alla smo, il periodo della scomposizione della forma organi-
scoperta dellartista olandese in occasione dei centanni ca, gli anni della tensione verso gli ideali di equilibrio tra
dalla nascita del movimento De Stijl. Trecento le opere, luomo e luniverso, lutilizzo dei colori fondamentali,
incluse lettere, fotografie, oggetti personali come la sua rosso, giallo e blu, lavventura del movimento De Stijl e
collezione di grammofoni, oltre alla ricostruzione dei suoi del gruppo di Abstraction-cration e, infine, il soggiorno
atelier ad Amsterdam, Parigi, Londra e New York. newyorkese, tradotto in quadri coloratissimi, come il ce-
lebre Victory boogie woogie, 1942-1944. In mostra anche
DAI PAESAGGI ALLE ASTRAZIONI. Quattro sezio- opere come Trees along the Gein, 1905, Oostzijdse mill
ni, coincidenti con i periodi di permanenza di in the evening, 1907-1908, The red tree, 1908-1909,
Mondrian in alcune grandi citt, consentono Sea after sunset, 1909, Composition with large red
di analizzare la sua ricerca verso il Neopla- plane, black, grey and blue, 1921 e Composi-
sticismo. La rassegna parte da Amster- tion with lines and color III, 1937.
dam, dove lartista studia allAcca-
demia di Stato distinguendosi 1 Piet Mondrian, Red tree, 1908-
come paesaggista per le ve- 1909, olio su tela. 2 Compo-
dute di mulini, alberi di sition with large red plane,
black, grey and blue, 1921,
mele e distese di dune olio su tela. 3 Victory bo-
di stampo figurativo. ogie woogie, 1942-1944,
Prosegue con il capitolo tecnica mista su carta.
di Parigi dove Mondrian,
dal 1911, comincia a sempli-
THE DISCOVERY OF MONDRIAN.
ficare lossatura dellimmagine LAia, Gemeentemuseum
costruendo composizioni ritmiche (www.gemeentemuseum.nl).
e affidando sempre di pi al colore Dal 3 giugno al 24 settembre.

52 3
BLOCK NOTES
di Stefano Castelli
ARMODIO
AUSTRIA

BREGENZ. Villar Rojas. La Kuns-


thaus (www.kunsthaus-bregenz.
at) dedica ad Adrin Villar Rojas
(Argentina, 1980), fino al 27 ago-
sto, la monografica The theater of

disappearance. Lartista protago-


nista anche al Metropolitan di
New York, dove le sue sculture
invadono il Roof garden fino al
29 ottobre, e ad Atene, fino al 24
settembre, con uninstallazione
sulla collina delle Ninfe. Nella
foto, Rinascimento, 2015.

LINZ. Arnulf Rainer. Un ciclo


di nuove opere su carta di Ar-
nulf Rainer (Austria, 1929) in
mostra al Lentos
Kunstmuseum
(www.lentos.at,
fino al 30 luglio). I
lavori, realizzati a
Tenerife, addolci-
scono parzialmente
il consueto vigore
del segno dellarti-
sta. Nella foto, Un-
titled, 2015-16.
La buona met, 2017, tempera su tavola, 34 x 24 cm
BELGIO
ANVERSA. Deacon. Fino al 24 in preparazione il primo volume del Catalogo Generale
settembre, 31 sculture di Richard
Deacon (Regno Unito, 1949) sa- di Armodio (Editoriale Giorgio Mondadori), a cura di
ranno installate nel parco del
Middelheim museum (www. Giovanni Faccenda. Si invitano i collezionisti interessati
middelheimmuseum.be). La re-
trospettiva en plein air presenta allarchiviazione e alla pubblicazione delle opere in loro
opere di vario formato, comprese
alcune monumentali, e contem- possesso a contattare la segreteria per ricevere dettagli
pla tutti i suoi materiali, ceramica,
bronzo, acciaio, legno. e informazioni sullinserimento

cell. 338 1876950 - info@armodio.it


53
LE MOSTRE
nel mondo FRANCOFORTE

Schneemann,
il corpo liberato
Performance e dipinti dellartista
Leone doro alla carriera a Venezia
di Stefano Castelli

M entre la Biennale di Venezia le assegna il Leone doro


alla carriera, il Museum fr moderne Kunst di Fran-
coforte dedica a Carolee Schneemann (Fox Chase, Usa,
1939) una ricca antologica. Oltre alle performance, per cui
lartista maggiormente conosciuta, vengono messi in 1
luce gli altri suoi ambiti espressivi, dai dipinti degli anni Opere di Carolee Schneemann, protagonista di una retro-
Cinquanta (paesaggi e ritratti) ai dipinti-assemblaggio, spettiva a Francoforte: 1 Early landscape, 1959. 2 Meat
fino ai film e alle incursioni nel campo della danza. joy, 1964. 3 Up to and including her limits, 1973-77.

LIBERTARIA. Nella moti- le sue performance furo- femminista si trasforma effettuata tramite il corpo,
vazione del Leone doro, no precoci, superando dunque in un proclama di Up to and including her
Carolee Schneemann vie- lestetica dellhappening libertario pi generale, in limits. Anche la pittura ri-
ne definita una pioniera e anticipando la Body art. cui a questioni politiche flette linquietudine delle
della performance fem- E anticonvenzionali: alla si mescolano riflessioni performance, sin dallin-
minista dei primi anni virulenza contestataria as- sullidentit: dallintreccio fuocato e originale espres-
Sessanta dallo stile diret- sociano una festosit gau- festoso di corpi di una- sionismo informale dei
to, sessuale, liberatorio e dente, come a rinnovare zione come Meat joy alla paesaggi giovanili. Gli as-
autobiografico. In effetti, riti ancestrali. Lo slancio mappatura dello spazio, semblaggi successivi por-
tano invece la pittura nelle
tre dimensioni, costruendo
Per tutte le immagini VG Bild-Kunst, Bonn 2017

spazi raccolti che sono allo


stesso tempo fisici e men-
tali. Ma la storia dellartista
anche una storia di col-
laborazioni. Il legame con
il cinema forte sin dal
1959, quando lavor col
grande regista sperimen-
tale Stan Brakhage. Negli
anni successivi, sar com-
plice di grandi artisti co-
me Robert Morris e Claes
Oldenburg.

CAROLEE SCHNEEMANN.
KINETIC PAINTING.
Francoforte, Mmk
(www.mmk-frankfurt.de).
Fino al 17 settembre.

2 3

54
BLOCK NOTES
di Stefano Castelli PAOLA TURIO
STATI UNITI

CHICAGO. Saul Steinberg. Fino


al 29 ottobre una mostra allArt in-
stitute (www.artic.edu) propone
un nucleo di 154 disegni di Saul

Steinberg (1914-99), celebre so- Olio su vela N 7, cm 80X60 Olio su vela N 1, cm 40X30
prattutto per le sue copertine del
New Yorker. Nella foto, Head, 1945. ... Le vele sono accomunate dal
fatto di aver vibrato allaria e al
SVIZZERA
vento delle imbarcazioni che
LOSANNA. Bartana. La persona-
le Trembling times, fino al 20 agosto hanno solcato il mare...
al Muse Cantonal des Beaux- consunte dal lungo utilizzo,
Arts (www.mcba.ch), propone
una selezione di video recenti alcune presentano piccoli buchi
di Yael Bartana (1970). Lartista o sfilacciature, piegature
israeliana trasfigura in immagini
irriducibili e ossidazioni...
non difetti ma medaglie
allonore da esibire con orgoglio...

Olio su vela N2, cm 40X30 Stefano Barbieri

suggestive le contraddizioni cru-


ciali del nostro tempo. Nella foto,
And Europe will be stunned: Mary
OLIO SU VELA
Koszmary (Cauchemars), 2007. In mostra dal 27 maggio al 18 di giugno Galleria In Villa
MARTIGNY. Czanne. Si intitola
Le chant de la terre la mostra che la
Presso Marina Cala de Medici,
Fondation Gianadda (www.gia- Rosignano Marittimo ( Livorno)
nadda.ch) dedica dal 16 giugno
al 19 novembre a Paul Czanne
(1839-1906). Ottanta dipinti e
venti opere su carta (paesaggi,
nature morte, ritratti, bagnanti) Studio: via degli Scarronzoni, 25 Livorno
riassumono le sue evoluzioni
dagli anni Sessanta del XIX se-
Cell. 329 3164894
colo fino alla morte. www.paolaturio.it
info@paolaturio.it
e-mail: paolaturio@gmail.com
www.victoriapromotion.it
55
LE MOSTRE
nel mondo CRACOVIA

Marcello Maloberti, Vir temporis acti, 2016.


Four mother and child studies, 1979
acquaforte e acquatinta cm 32,9x24,5
Larte analizza se stessa,
per riflettere sul mondo

HENRY
di Stefano Castelli

L
MOORE
a collettiva Art in art, al Mocak di Cracovia, il settimo
capitolo di un ciclo tematico di mostre gli argomenti
trattati finora sono storia, sport, economia, crimine, gene-
re e medicina. Art in art ha invece come argomento larte
stessa: citazionismo di opere del passato, dtournement,
graphic works riflessioni sulle strutture linguistiche dellarte, sulla sua
fruizione e sulla sua importanza culturale e sociale. Gli
autori in mostra sono 60, con una presenza consistente di
italiani. Tra le citazioni dirette, quelle dei Digital paintings
di Dorothee Golz, ciclo di foto in cui vengono aggiorna-
fino al 15 luglio 2017 te storiche opere come La ragazza con lorecchino di perla di
Jan Vermeer. Aneta Grzeszykowska cita invece gli ormai
classici Untitled film stills di Cindy Sherman (anchessa
presente in mostra). Per Tezi Gabunia, la visita al mu-
seo diventa unesperienza surreale, tra ironia, macabro,
Catalogo in galleria e visibile on-line grottesco; le statue classiche, vestite alla moda, diventano
www.guastallacentroarte.com hipster nelle foto di Lo Caillard. Tra gli italiani, Marcel-
lo Maloberti ripropone Vir temporis acti: un ragazzino
ritaglia immagini di arte antica da varie riviste, accumu-
lando i ritagli sul pavimento (la performance originale
viene documentata con una foto e con i ritagli sparsi a
terra). Debora Hirsch, brasiliana milanese dadozione,
riproduce con un olio su tela lestetica degli Emblemi del
Seicento, creando un cortocircuito con lestetica digitale
di oggi. Tra gli altri autori, Quayola, Nicola Samor, Si-
Via Roma, 45 - 57126 Livorno mon Fujiwara, Nedko Solakov, Orlan, Gavin Turk.
Tel 0586 808518 Fax 0586 813514
info@guastallacentroarte.com ART IN ART. Cracovia, Mocak (Lipova 4, www.mocak.pl).
www.guastallacentroarte.com Fino al 1 ottobre.

seguici su

56
FOTOGRAFIA di Laura Leonelli

N E I M U S E I E N E L L E G A L L E R I E

Ostkreuz, la cronaca del mondo inizia a Berlino Est


ROMA. Era la stazione ferroviaria che collegava Berlino occupate e controcampo negli appartamenti dellalta
Est al resto della citt. Oggi la Ostkreuz, lincrocio a est, borghesia berlinese. Lorizzonte si amplia e nellobiettivo
una delle agenzie fotografiche tedesche pi innovative. entrano la Corte internazionale di giustizia, la Primavera
Anno di nascita, 1990. Missione, raccontare il mondo con di Praga, la rivoluzione in Egitto e, dimprovviso, una
quella sensibilit, quella voglia di giustizia e di libert passeggiata nel lago. Un attimo di tregua dalla storia.
che possiede solo chi ha vissuto guardando il Muro e
immaginando oltre. In mostra, 250 immagini firmate da OSTKREUZ. LA MOSTRA DELLAGENZIA FOTOGRAFICA TEDESCA. ROMA,
22 fotografi. Partenza calda con gli sgomberi delle case Museo di Roma in Trastevere. Dal 24 giugno al 17 settembre.
Tobias Kruse, unimmagine dalla serie Material, realizzata per lagenzia fotografica tedesca Ostkreuz.
FOTOGRAFIA

Ferdinando Scianna, larte


di incontrare i paesaggi
MILANO. Nella complessa e densa carriera di Ferdinan-
do Scianna (1943), fotografo e scrittore di fotografia,
si pu essere anche un ritrattista di paesaggi. Deserti, Ferdinando Scianna, Bolivia, 1986.
fiumi, mari, montagne, citt, dalla Sicilia alla Costa dA-
vorio, dal Sud America alla Russia, dallEuropa allIn- perch il mondo l, non che il mondo l perch io ne
dia, sorpresi con lamore, la curiosit e il timore che faccia fotografie. Anche questi luoghi non mi sembra di
solo la natura, immenso corpo vivente, sa evocare. Scrive averli cercati, li ho incontrati vivendo. E in un istante,
Scianna nel libro, edito da Contrasto, che accompagna con la velocit che esige un viso di donna, un abito nel
la mostra: Nella mia vita ho incrociato uomini, storie, vento, un ricordo, Scianna li ha riconosciuti suoi.
luoghi, animali, bellezze, dolori, che mi hanno suscitato,
come persona e come fotografo, emozioni, pensieri, rea- FERDINANDO SCIANNA. ISTANTI DI LUOGHI. Milano, Forma Meravigli
zioni formali. Ho sempre pensato che io faccio fotografie (tel. 02-58118067, www.formafoto.it). Fino al 30 luglio.

Elger Esser, lultimo romantico in cerca del sublime


MILANO. A riunire nel respiro del grande formato la
visione gelida di Bernd e Hilla Becher, suoi maestri, e
quella potente, meteorologica di Caspar David Frie-
drich (1774-1840), maestro di tutti, Elger Esser (1967),
il pi giovane esponente della famosa scuola di fotogra-
fia tedesca di Dsseldorf (vedi servizio a pag. 156). Forse
perch ha trascorso linfanzia e ladolescenza a Roma,
Esser ha saputo avvicinarsi con molta naturalezza al
fascino delle rovine classiche e di un paesaggio eterna-
mente imbevuto di luce. Nelle vedute di questa prima
retrospettiva italiana, la magnificenza della natura dia-
loga con la storia. I limiti appartengono alluomo. Oltre
il sublime, quando linfinito diventa paesaggio.

ELGER ESSER. DE SUBLIME. Milano, Fondazione Stelline


Elger Esser, Tonnay I, France, 1997, cm 123,5x161,6x5. (tel. 02-45462411, www.stelline.it). Fino al 25 giugno.

Storie di uomini e di mare nella photo trouve


MILANO. Nessuno pi dei marinai grandi amicizie e di coraggio. Storie
stato fotografato e si fotogra- di amore in ogni porto del mondo.
fato nel vento meraviglioso della A casa le fidanzate e le mogli aspet-
giovinezza. Un mito maschile che tano. Nei bar e nei bordelli que-
diventato un mito della photo stione di poche ore, perch tutti san-
trouve, oggi pi che mai tema for- no, come cantava Pablo Neruda,
te del collezionismo internazionale che i marinai baciano e se ne vanno.
e della riflessione critica. In mostra, Anonimo, Stati Uniti, anni 40.
250 snapshot e fotografie anonime
che dalla fine dellOttocento agli an- I MARINAI BACIANO E SE NE VANNO.
ni 50 raccontano il fascino e la du- Milano, showroom Alidem
rezza della vita per mare. Storie di (www.alidem.com). Fino al 27 luglio.

60
STEVE MCCURRY

Steve McCurry, Monk at Jokhang Temple. Lhasa, Tibet, 2000

MOUNTAIN MEN
28 maggio 26 novembre 2017 FORTE DI BARD VALLE DAOSTA
ELENA FOTOGRAFIA

DI FELICE

Joachim Schmid, Other peoples photographs - Cleavage, 2010.

La fotografia illuminista
dei nuovi enciclopedisti
REGGIO EMILIA. La civilt e la conoscenza sono minac-
ciate dal caos. Cos Joan Fontcuberta (1955) introduce la
mostra dedicata ai nuovi enciclopedisti, ricordando la
fiducia nella Ragione che anim nel Settecento gli autori
dellEncyclopdie francese. Non dobbiamo far altro che co-
piarli, suggerisce il fotografo spagnolo, e nella realt con-
fusa e complessa generata dai social, dai cellulari e dalle
telecamere di sorveglianza, ritrovare quel valore di media-
zione tra noi e il mondo che un tempo animava la fotogra-
fia pi autentica. Ognuno dei 15 autori in mostra ci riporta
allo spirito dellIlluminismo. Anche classificando le tette.

LES NOUVEAUX ENCYCLOPDISTES. Reggio Emilia, Fotografia


Europea 2017 (www.fotografiaeuropea.it). Fino al 9 luglio.

Erik Kessels, come salvarci


salvando le vite degli altri
TORINO. Pochi meglio di Erik Kessels (1966), artista, art
director ed editore olandese, hanno vissuto tante vite,
degli altri, immergendosi nelloceano della photo trouve
e riportandone amorevolmente alla luce i frammenti pi
belli. Nella mostra di Camera, i capolavori di una lunga
carriera di ricercatore e inventore, dal
celebre 24hrs of photo, montagna dimma-
gini caricate in un solo giorno su Internet,
Fleurs, Bijoux, Bonbons et Peluches
ad Album beauty, dedicata alle raccolte di
Collage e tecnica mista su tela, famiglia. Sul caos trionfa il valore della
cm 50 x 50, 2017 memoria, e la fotografia, bulimica certo,
riesce ancora a raccontare chi siamo.
Erik Kessels, Album beauty, 2012.
SOCIPOLITICA 2017
THE MANY LIVES OF ERIK KESSELS. Torino,
Camera (tel. 011-0881150, www.camera.to).
Dal 1 giugno al 30 luglio.

@ElenaDiFeliceOfficial
E-mail: eledifelice@libero.it
in preparazione il primo volume del
CATALOGO GENERALE RAGIONATO
I S TA N TA N E E
dei DIPINTI e dei DISEGNI di
CITT DEL MESSICO.
Virtuoso dellarchitettura,
Massimo Listri (1953)
espone al Museo Nacional
OTTONE ROSAI
de San Carlos (www. a cura di Giovanni Faccenda
massimolistri.com) il suo
lavoro dedicato allo
Esplendor de la Roma
papal. Prospettive perfette
che parlano in silenzio.
Fino al 30 luglio.

BOLOGNA. Da Berenice
Abbott a Thomas Struth,
da Lewis Hine a Gabriele
Basilico. Con oltre cento
opere della collezione
MAST (www.mast.org)
la mostra La forza delle
immagini ripercorre
un secolo di industria,
economia, societ
e tecnologia.
Fino al 24 settembre.

MOLFETTA (BARI).
Si erano incontrati nel
1965 al Caf Bizarre
del Greenwich Village,
Andy Warhol e i Velvet
Underground. Per
ricordare lo storico evento
il Puglia outlet village
(tel. 080-3370211) espone
35 fotografie che illustrano
le tappe di questa
memorabile collaborazione.
Fino al 2 luglio.

STOCCOLMA. Si torna alle


origini della fotografia e ai
suoi massimi interpreti nella
mostra Written in light - the
Coloro che fossero interessati a pubblicare
first photographers, aperta opere in loro possesso possono rivolgersi a:
al Moderna Museet
(www.modernamuseet.se) telefono: 347 2928499
fino al 3 settembre. rosai@catalogo-generale.it
Da Julia Margaret Cameron
a Oscar Gustave Rejlander,
fino a Carleton E. Watkins.

63
FOTOGRAFIA

Rimbaud, fotografo in Africa


LA GACILLY. A portare luce su uno degli aspetti meno conosciuti di
Arthur Rimbaud (1854-1891), non solo poeta immenso ma anche fo-
tografo, il festival di La Gacilly, in Bretagna, il pi grande festival
di fotografia allaperto, come recita il sottotitolo. Tema delledizione
2017, I love Africa, e nel vasto programma dedicato alla fotografia
africana subsahariana trova spazio anche uno straordinario omaggio
allautore delle Illuminations. Nel 1882 Rimbaud ordina a Lione quanto
necessario per fotografare e illustrare un libro sulletnia Harari, in Etio-
pia. Di questa passione restano solo sette foto, di cui sei, fragilissime,
sono conservate al Museo Arthur Rimbaud di Charleville-Mzires.

ARTHUR RIMBAUD PHOTOGRAPHE. LEXPLORATEUR AUX SEMELLES DE VENT. Arthur Rimbaud, una fotografia di fine Ottocento
Festival La Gacilly (www.festivalphoto-lagacilly.com). Fino al 30 settembre. sulletnia Harari in Etiopia.

Walker Evans, cantico dellAmerica vernacolare


PARIGI. Larte si trova per strada, non nei musei. Lo diceva
Walker Evans (1903-1975) che alla cultura vernacolare ame-
ricana ha dedicato il suo bellissimo cantico. Povere cose e
povere case, larchitettura ai bordi delle strade, le insegne e le
vetrine dei negozi, la silhouette della famosa Fort-T e il corsivo
pennellato della Coca-Cola. A Evans, artista unico nella sto-
ria della fotografia del Novecento, il Beaubourg dedica una
splendida mostra che ripercorre in pi di 300 fotografie vinta-
ge lintera carriera. Dagli esordi modernisti allinchiesta negli
anni della Depressione, dai progetti per Fortune alle Polaroid.
Un pioniere. E quando arriva la Pop art, quasi tutto gi visto.

Walker Evans, Shoeshine stand detail in Southern town, 1936.

WALKER EVANS. Parigi, Centre Pompidou


(www.centrepompidou.fr). Fino al 14 agosto.

AutoPhoto, le macchine che hanno inventato il paesaggio


PARIGI. Ha ridisegnato il mon- Kurland, da Frank a Rigolini,
do e la velocit con cui esplorar- ricorda come lautomobile sia
lo. Cos lautomobile e cos la diventata non solo un nuovo
fotografia che dellauto, del suo soggetto per i fotografi, ma una
destino on the road e della sua macchina a sua volta in grado
libert stata la principale in- di generare immagini.
terprete. La mostra, monumen-
Luciano Rigolini, Tribute to Giorgio
tale, celebra lo splendido soda- de Chirico, 2017.
lizio e attraverso la selezione di
pi di 500 immagini, firmate
AUTOPHOTO. DE 1900 NOS JOURS.
da pi di 90 autori da inizio No- Parigi, Fondation Cartier
vecento a oggi, da Lartigue a (www.fondationcartier.com).
Friedlander, da Eggleston alla Fino al 24 settembre.

64
MARIO BALLOCCO

Grata nera - fondo verde, blu, bianco, giallo, rosso (Origine), 1950, olio su tela, 60 x 70 cm
Archivio Mario Ballocco, Milano

attiva a Milano lAssociazione Archivio Mario Ballocco


legalmente riconosciuta e presieduta dalla moglie dellartista.
Scopo dellAssociazione studiare, valorizzare e conservare la produzione
di Mario Ballocco (Milano, 1913-2008)
promuovendone la conoscenza e tutelandone le opere e limmagine.
Chi fosse interessato ad avere informazioni o a richiedere certificati di autenticit
e di archiviazione e inventariazione di opere di Mario Ballocco pu rivolgersi
allAssociazione Archivio Mario Ballocco.

www.archiviomarioballocco.org
Archivio.Mario-Ballocco@teletu.it
Associazione Archivio Mario Ballocco
Viale Liguria, 20
20143 Milano
RISERVATO &
PERSONALE
di Arianna Baldoni

A R T I S T I D I E T R O L E Q U I N T E

Carmengloria Morales,
una viaggiatrice nella pittura
Carmengloria Morales nata nel 1942 a Santiago del Cile. Vive e lavora a Sermu-
gnano, Viterbo. Alla galleria Luca Tommasi di Milano, fino al 17 giugno, in corso
la personale dal titolo Done by fire, che propone opere di piccole e medie dimensio-
ni, realizzate a partire dagli anni Ottanta fino a quelle pi recenti.

Morales, dal Cile si trasferita in quanto non mi riesce.


Italia, prima a Milano, poi a Roma, La sua pi grande paura?
di nuovo a Milano e ora a Sermu- Domanda difficile, forse perdere
gnano. Inoltre ha vissuto a Londra la mia autonomia.
e a New York. Che cosa le rimane La cosa che le riesce meglio?
1
di tutti questi luoghi? Essere me stessa.
Courtesy Luca Tommasi, Milano

Tutta la memoria di quelli e di al- E quella che le riesce peggio?


tri luoghi viaggia con me. Venire a compromessi.
Qual la prima opera darte che Qualcosa che non tollera?
lha colpita? Do un ex aequo a ignoranza (non
Un piccolo quadro nellangolo cu- sapere di non sapere) e menzogna.
cito e lettura della casa di Santiago. Ha qualche rimpianto?
Ha affermato: Il quadro fatto Non mi pare, anche gli errori so-
sin dallinizio. Che cosa significa? no apprendimento.
Esattamente quello, avvicinarsi al- Nel 1965 ha tenuto la sua prima
la pittura come se ogni stesura fosse personale. Che cosa ricorda con
ultima e definitiva, altrimenti il viag- piacere di quellevento?
gio allinterno della pittura diventa Il colpo secco: un solo quadro
2
pura esecuzione di un progetto. presentato da Topazia Alliata nello
Courtesy Luca Tommasi, Milano

Ha anche dichiarato che ha sem- spazio Feltrinelli di Roma. E la cor-


pre evitato la distrazione della no- dialit del pubblico. Almeno cos fu
vit. Come ci riuscita? allora.
Non cos difficile, basta stare C un museo o un luogo partico-
allerta. lare dove le piacerebbe esporre?
Che cosa fa quando non lavora? In questo momento non mi viene
Mi sembra di essere al lavoro in mente nessuna istituzione che si
sempre. distingua da tante fra loro simili. Mi
Quali letture predilige? piacerebbe avere uno spazio perma-
Rivisitare le letture importanti fat- nente costruito per la mia stanza
te fortunatamente da giovanissima dellentierro.
quindi rimaste nitide in memoria e E la pittura, che cosa ha rappre-
ritrovarmi con unopera nuova. sentato per lei fino a oggi?
3
Anche lei nei primi anni 60 si Tutto.
1 Un ritratto di Carmengloria Morales. dedicata alla stesura di alcuni testi Un regalo che vorrebbe ricevere?
2 Dittico 16L17, 2016, pigmenti, metal- come il romanzo inedito Una sto- Una sorpresa azzeccata.
li, acrilici su carta e carta naturale, cm
23x17 ciascuno. 3 Tondo L 16-09-2,
ria banale. Quale valore attribuisce Carmengloria Morales in tre pa-
2016-17, pigmenti, metalli, acrilici su alla scrittura? role.
tela, diametro cm 30. Grandissimo e ancora di pi, in Eccomi, malgr tout.

66
a
13 EDIZIONE
ART PROJECT FAIR

13 - 16
OTTOBRE
2017

VIAGGIO IN ITALIA
#BACKTOITALY

ICONA 2016
FRANCESCO JODICE
CAPRI, THE DIEFENBACH
CHRONICLES 013

ORGANIZED BY

ARTVERONA.IT
Speciale Biennale

IL MEGLIO
di Venezia 2017
Viaggio nella 57 edizione della manife-
stazione darte pi prestigiosa al mondo.
Dal titolo benaugurale: Viva arte viva

I
l Leone doro come migliore arti- ottimista, esclamazione di incorag-
sta stato assegnato al tedesco giamento vitalistico, constatazione di
Franz Erhard Walther (77 anni). Il ritrovata fiducia nellarte? Le inten-
Leone doro per la migliore parte- zioni curatoriali della mostra princi-
cipazione nazionale andato alla pale danno una prima risposta posi-
Germania per linstallazione perfor- tiva, che poi diventa vaga, e in troppi
mativa di Anne Imhof (39 anni). Il casi conformista, rispetto alla scelta
Leone dargento per il miglior artista delle opere e degli artisti che dovreb-
emergente andato allegiziano Has- bero sostanziare le intenzioni iniziali.
san Khan (42 anni). Gli italiani pre- Ma per alcuni artisti e per varie opere
senti nella mostra principale sono presenti non si va oltre le buone in-
soltanto cinque su centoventi (sei, se tenzioni... Tanto contesto e tanti
si annovera tra questi anche litalo- pretesti (ecologia, altromondi-
tedesca Irma Blank); tre, nel padiglio- smo, migrazioni, tragedie uma-
ne nazionale (e questo va bene). Un nitarie, genderismo ecc.) a
numero, dunque, decisamente mar- scapito del testo (ovvero,
ginale a fronte della nutrita presenza dellopera), che chiede di
di artisti francesi voluti da Christine tornare a essere sintesi,
Macel, direttore (francese) della 57 che tutto contiene, e cen-
edizione della Biennale darte di Ve- tro da cui tutto parte. Se
nezia. Il titolo-slogan che fa da motivo crediamo in unarte viva.
conduttore Viva arte viva: auspicio Michele Bonuomo
Un frame del video Lake valley,
Foto Lorenzo Palmieri

2016, dellamericana Rachel


Rose (New York, 1986), per
la mostra principale Viva arte
viva nel Padiglione centrale.
Foto Awakening/Getty Images
SPECIALE BIENNALE 2017

RUGGITO. Al padiglione della Germania con il progetto Faust di Anne Imhof (39 anni, al centro della foto) stato assegnato il Leone
doro per la miglior partecipazione nazionale. Sopra, da sinistra, la curatrice del padiglione tedesco Susanne Pfeffer, la Sottosegre-
taria di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri Maria Elena Boschi, i giurati Manuel J. Borja-Villel, Francesca Alfano Miglietti,
Ntone Edjabe, Mark Godfrey e Amy Cheng, la direttrice della Biennale Christine Macel e il presidente della Biennale Paolo Baratta.

La Germania fa la parte del Leone


Al padiglione tedesco il premio per la miglior partecipazione nazionale e a Franz
Erhard Walther quello di miglior artista. Leone dargento allegiziano Hassan Khan.
continua a pag. 72
di Licia Spagnesi
Foto Jacopo Salvi. Courtesy Biennale di Venezia

F R A NZ E R H A R D
WALTHER. Leone
doro come miglior
artista della Biennale
Viva arte viva. Nato a
Fulda nel 1939, negli
anni 60 realizza le
prime opere con la
stoffa, che prevedono
la partecipazione del
pubblico. La sua ricer-
ca si colloca a met
strada tra scultura e
azione, tra minimal,
concettuale e per-
formance. Walther
ha detto: Per tutti
possibile diventare
unopera darte.
MARCELLO
Di Marcello Morandini in preparazione il Catalogo Ragionato delle
opere, dei disegni e dei progetti, la cui uscita prevista per i primi
mesi del 2018. Privati, gallerie e musei che hanno nelle loro collezioni

MORANDINI
opere dellartista sono invitati a far conoscere i lavori in loro
possesso, perch siano riconosciuti, pubblicati e se necessario,
forniti gratuitamente di autentica. www.morandinimarcello.com

ILBIANCOILNERO The catalogue raisonn of Marcello Morandini's works, drawings


and projects is under preparation. The release is scheduled for the
first months of 2018. Collectors, galleries and museums who own
any of the artists works are kindly requested to contact us via our
website www.morandinimarcello.com so that said artworks may
be acknowledged, published and, if necessary, authenticated free
12 MARZO | 16 LUGLIO 2017 of charge.

D A Z I O
N

N
O

E
F
MUSEO ARTE GALLARATE

M A R

N I
via Egidio de Magri 1

D I
Gallarate VA - Italy

N
L A

E
L O R
www.museomaga.it M O
Foto Jacopo Salvi. Courtesy Biennale di Venezia
SPECIALE BIENNALE 2017

ANNE IMHOF. Leone doro come migliore partecipazione nazionale alla Germania per il lavoro di Anne Imhof. Nata a Giessen nel 1978,
attiva a Francoforte, ha ideato Faust, installazione potente e disturbante sorvegliata da dobermann e animata da performer impri-
gionati in gabbie di vetro. Dice la giurata Francesca Alfano Miglietti: Larte ancora capace di lanciare un segnale dallarme. Quello
alla Germania un premio alla complessit e allattenzione a molti linguaggi: architettura, pittura, fotografia, suono, performance,
con una particolare attenzione al corpo e alle sue relazioni con le componenti sociali, economiche e tecnologiche del presente.
Foto Jacopo Salvi. Courtesy Biennale di Venezia

segue da pag. 70

Performance, coinvolgimento del pubblico e relazio-


ne profonda con lo spazio sono il fil rouge che lega le
opere premiate. Dal Leone doro di Anne Imhof a quel-
lo alla carriera dellamericana Carolee Schneemann.
M E N Z I O N I S P E C I A L I

Installazioni ambientali, video e sculture performative


CINTHIA MARCELLE. Menzione speciale come

Foto Jacopo Salvi


partecipazione nazionale al Brasile. Nata nel 1974
CAROLEE SCHNEEMANN. Leone doro alla carriera. a Belo Horizonte, dal 2000 Cinthia Marcelle lavora
Nata a Fox Chase, Pennsylvania, nel 1939, vive nella con i media pi diversi, dalla scultura al video, alla
Hudson Valley, New York. Negli anni Sessanta una performance. Per il padiglione del Brasile ha realizza-
delle pioniere della performance femminista e utilizza to uno spazio enigmatico e instabile, metafora delle
principalmente il suo corpo come mezzo espressivo. problematiche della societ brasiliana contempora-
nea. Per la giurata Francesca Alfano Miglietti, tutte
Foto Jacopo Salvi. Courtesy Biennale di Venezia

le sue opere riflettono la relazione tra il s e il mondo.

CHARLES ATLAS. Nato a St. Louis nel 1949,


Salvi
JacopoSalvi

videoartista, regista e filmmaker, storico colla-


boratore di Merce Cunningham, nel Padiglione
FotoJacopo

centrale Charles Atlas presenta il video Kiss


the day goodbye, montaggio di quarantaquat-
Foto

tro tramonti, il video Here she is, dedicato alla


drag queen Lady Bunny, e Chai, un orologio
digitale che fa il conto alla rovescia registrando
i minuti che impiega il sole a tramontare.

PETRIT HALILAJ. Costretto a fuggire dal Kosovo a


Foto Jacopo Salvi

dodici anni, Halilaj (Kostrrc, 1986) oggi vive a Man-


tova, Berlino e Pristina. Per Viva arte viva, con la
HASSAN KHAN. Leone dargento come giovane ar-
collaborazione della madre, ha realizzato con tessuti
tista promettente. Gi presidente della giuria nella
kosovari tradizionali una serie di sculture performative
Biennale del 2011, artista visivo, performer e musici-
di farfalle notturne. Posati sui muri in mattone dellAr-
sta sperimentale, Khan nato al Cairo nel 1975, dove
senale, questi giganteschi insetti simboleggiano la
vive. Per Viva arte viva ha realizzato uninstallazione
ricerca di identit diverse.
interattiva con musica e luci nel Giardino delle Vergini.

72
COLTI
SUL FATTO di Licia Spagnesi

AP Photo/Luigi Costantini
Foto Francesco Galli. Courtesy Biennale di Venezia

DI TUTTI I COLORI. Da sinistra, lartista filippino David Medalla, laustra- VIVA ARTE VIVA. Da sinistra, Christine Macel e Paolo Baratta,
liano Adam Nankervis e due performer davanti al Padiglione centrale. direttore e presidente della 57a Biennale.
Awakening/Getty Images

Nonostante tutto
sempre la Biennale
Centro propulsore di idee, critiche e confronti che ali-
mentano la scena artistica mondiale, palcoscenico per
protagonisti affermati o in attesa di diventare tali, vetrina
ARRIVANO I NOSTRI. Da sinistra, gli artisti
per celebrities vere o presunte, la rassegna di Venezia alla
Giorgio Andreotta Cal e Adelita Husni-Bey, la sua 57a edizione si conferma pi viva (arte viva) che mai.
curatrice Cecilia Alemani, il ministro dei Beni continua a pag. 76
e delle attivit culturali Dario Franceschini e
lartista Roberto Cuoghi. Il padiglione italiano
stato tra i pi apprezzati dalla critica.

IMMANCABILI. Completini ineguagliabili e


sorrisi smaglianti per lonnipresente coppia di STILI DI VITA. La body artist francese Orlan in un look quasi sobrio; lartista concettuale ameri-
artiste tedesche Eva & Adele. cano Joseph Kosuth in versione predicatore; il gallerista Emilio Mazzoli, lupo (o volpe) di mare?

74
SPONSOR MOSTRA SPONSOR SISTEMA MUSEI IN COMUNE
Organizzazione Sponsor mostra Sponsor tecnico mostra Contributo tecnico Media partner Servizi di vigilanza Servizi museali
COLTI
FATTO
SPECIALE BIENNALE 2017

SUL
Bertrand Rindoff Petroff/Getty Images

CERANO TUTTI.
LIsola di San Gior-
gio Maggiore si
tinta di glamour
con Franois-Henri
Pinault e la moglie
Salma Hayek in
abito Gucci color
rosa fragola. Mil-
lecinquecento gli
invitati alla grande
festa per Damien
Hirst, protagonista
della incredibile
mostra di Palazzo
Grassi e di Punta
della Dogana. Il
meglio dello star
RE PER UNA NOTTE (E OLTRE). Damien Hirst
system e il peggio
e il magnate del lusso Franois Pinault hanno
dei soliti noti.
avuto un sorriso (e una smorfia) per tutti.

segue da pag. 74

I palazzi della Laguna si sono aperti in un tourbillon


di eventi e feste. Con il party allIsola di San Gior-
gio, voluto da Franois Pinault in onore di Damien
Hirst e della sua mostra, a Venezia si toccato il
culmine della mondanit. Vera o presunta tale.
continua a pag. 78 GRANDEUR. Nel Chiostro Palladiano della Fondazione
Cini, 4mila ostriche arrivate espressamente da Parigi.

BONITO, BONITO!, esclama la regina della perfor- CHARME E DIPLOMAZIA. Patri-


mance Marina Abramovic e corre ad abbracciare zia Sandretto Re Rebaudengo ha
APLOMB. Anish Kapoor, scultore e sir an- Achille Bonito Oliva, primo a portarla in Italia nel apprezzato la Biennale: Une-
glo-indiano, in fila per un calice di bollicine. 1973 nella mostra Contemporanea a Villa Borghese. dizione pi vicina alla gente.
Bertrand Rindoff Petroff/Getty Images

Bertrand Rindoff Petroff/Getty Images

Bertrand Rindoff Petroff/Getty Images

Bertrand Rindoff Petroff/Getty Images

SCATTI E RISCATTI. Da sinistra: accolte da un concerto dellorchestra bretone Tambours


GLAMOUR PER TRE. Salma Hayek, Charlotte Ca- du Bronx, le principesse Elisabeth e Gloria Thurn und Taxis, lex imperatrice di Persia
siraghi e lattore premio Oscar Adrien Brody. Farah Diba e lattrice Isabelle Huppert si sono sottoposte al rito dei flash. Ricambiandolo.

76
UTOPIA E PROGETTO
SGUARDI SULLA SCULTURA DEL NOVECENTO

Dino BASALDELLA
Mirko BASALDELLA
Agenore FABBRI
Nino FRANCHINA
Quinto GHERMANDI
Emilio GRECO
Bruno INNOCENTI
Ji KOL
Luigi MAINOLFI
Giuseppe MARANIELLO
Marino MARINI
Fausto MELOTTI
Guido PINZANI
Francesco SOMAINI
Giuseppe SPAGNULO
Mauro STACCIOLI

20 maggio - 23 settembre 2017* Francesco


* dal1 al 31 agosto osserveremo la chiusura estiva SOMAINI
Caduta dal Potere 1967-69

GALLERIA OPEN ART Viale della Repubblica, 24 59100 PRATO T. +39 0574 538003 galleria@openart.it www.openart.it
COLTI
FATTO
SPECIALE BIENNALE 2017

Foto Delfino Sisto Legnani e Marco Cappelletti


SUL
Foto Walter Mair

LE BUGIE DEL CAPITANO. Una delle sale di Ca Corner della Regina con la mo-
stra The boat is leaking, the captain lied, organizzata dalla Fondazione Prada.

segue da pag. 76

I protagonisti iperesclusivi del mondo dellarte in- TRANSMEDIALE: cos il tedesco Udo Kittelmann
(nella foto con la padrona di casa Miuccia Pra-
ternazionale si sono dati appuntamento nel pa- da) ha definito la mostra veneziana da lui curata.

lazzo Ca Corner della Regina per linaugurazione

Foto Delfino Sisto Legnani e Marco Cappelletti


della mostra della Fondazione Prada. Non a caso,
il curatore Udo Kittelmann lha concepita come
uno spazio dove vivere esperienze e incontri.
Foto Delfino Sisto Legnani
e Marco Cappelletti

Foto Delfino Sisto Legnani


e Marco Cappelletti

DIRETTORE 1. Germano Celant, deus ex ma- DIRETTORE 2. Nancy Spector, direttore AFFARI DI CUORE. Il gallerista Larry Gagosian
china della Fondazione Prada di Milano. artistico del Guggenheim di New York. con la compagna, lart dealer Chrissie Erpf.
Awakening/Getty Images

Foto Delfino Sisto Legnani e Marco Cappelletti


Foto Delfino Sisto Legnani e Marco Cappelletti

BAD GIRL. Rocker, attrice e artista (?): Courtney Lo-


ve, ex moglie di Kurt Cobain, ora dipinge acquerelli.
TOTAL LOOK A CONFRONTO. Francesco Vezzoli, di cui in corso fino al 20 settem-
78 bre la mostra Tv 70 alla Fondazione Prada di Milano, e il pittore belga Luc Tuymans.
La parola ai
CRITICI BONITO OLIVA & OBRIST
d i Pa o l a M a r i n o

Un notturno veneziano
Due generazioni e due visioni curatoriali a confronto, in un dialogo sen-
za rete a proposito di Biennale, contaminazioni dellarte, rifiuto delloblio
I ntelligenze a confronto per due pro-
tagonisti del pensiero artistico con-
temporaneo di generazioni diverse:
fiuto delloblio e i pericoli di una
mondialit omogeneizzante. Il
confronto si avvia naturalmente, sen-
la prima volta, emergono tutti gli ar-
tisti della mia generazione.
Achille Bonito Oliva: Sono
Achille Bonito Oliva (1939) e Hans- za bisogno di domande. Interrom- emersi e si sono affermati poi. La
Ulrich Obrist (1968) in un inedito piamo ogni tanto questo flusso di mia Biennale diede il via a unimpo-
dialogo notturno in una suite pensieri e di parole per riportare i stazione transnazionale, multicultu-
dellHotel Danieli a Venezia. Si discu- dialoganti al tema dellincontro e rale e multimediale.
te della Biennale in corso, delle scelte rapidamente si fa notte fonda. HUO: Quello che hai introdotto
della direttrice Christine Macel, del Hans-Ulrich Obrist: Ricordo nel 1993 lo vediamo oggi ad esempio
ruolo dellartista oggi e di prospetti- molto bene la tua Biennale del 1993 nel padiglione della Polonia, con il
ve future. Emergono temi come il ri- perch il momento dal quale, per formidabile sguardo sul Paese dellar-

80
Foto Lorenzo Palmieri

NELLA PAGINA A FIANCO, tre momenti del dialogo tra


Hans-Ulrich Obrist (a sinistra) e Achille Bonito Oliva (a
destra) allHotel Danieli di Venezia. 1 Uno scorcio del
padiglione australiano, con i lavori di Tracey Moffatt.
1

tista americana Sharon Lockhart. LARTE SEMPRE ma per tutto il tempo della mostra.
ABO: Infatti lidea di trans non TRANSNAZIONALE, Con Anne Imhof c una coreogra-
riguarda solo la Transavanguardia, fia che si sviluppa e cambia durante
lidea del transito, dello spostamen-
OGGI IN TUTTA tutta la giornata. Con Xavier
to, della contaminazione, dellaper- EVIDENZA MOLTO Veilhan si introduce lidea di uno
tura. E direi che questa edizione PI DI PRIMA spazio che si modifica con la musi-
proprio la conseguenza di uno svol- ca, lacustica. molto importante
gimento dellarte e degli artisti che oggi il concetto della transdiscipli-
oggi vivono sullo sconfinamento. La Viva arte viva mette al centro lar- narit: necessario superare lassil-
funzione dellarte quella dindicare tista. Che cosa vi ha colpito di pi? lo del sapere.
un senso di responsabilit che larti- ABO: Da una parte la conferma ABO: Del sapere specifico.
sta si assume come proposta. Io av- di Tracey Moffatt al padiglione au- HUO: In questo senso molto in-
verto una fiducia nellarte da parte straliano: ho trovato il suo lavoro teressante lopera di una giovane
di Christine Macel. A me sembra che molto fresco. Questanno i padiglio- artista presente in mostra, Rachel
questa Biennale si affermi come un ni sono stati vivaci, penso a quello Rose, che va aldil dellarte mi-
convivio delle arti. tedesco, al francese, allitaliano. schiando molti linguaggi.
HUO: Io penso che larte sia sem- Questa una biennale neoumanisti- Ci sono anche molti recuperi di ar-
pre transnazionale, oggi in tutta evi- ca da una parte e performativa tisti poco noti o dimenticati...
denza molto pi di prima, e lidea del dallaltra. Neoumanistica perch HUO: S, mi ha emozionato il pa-
cittadino del mondo diventa di sollecita una riflessione sulla condi- diglione della Romania con Geta
nuovo importante. Lo scrittore e poe- zione delluomo, con laffermazione Bratescu. una Louise Bourgeois
ta franco-martinicano douard Glis- che larte una domanda sul mon- dellEst Europa. Nella mostra di
sant per me un autore fondamentale do, non una risposta. Christine Macel c un aspetto che
nella nostra epoca dice che viviamo HUO: Sono daccordo sullaspet- molto forte, quello della protesta
un momento di mondialit omoge- to della performativit. Evidente- contro loblio.
neizzante, dove bisogna inventare mente in questet digitale c un ABO: Come nel recupero di figu-
altre forme di un dialogo globale, in- desiderio di arte dal vivo, che a re come Maria Lai. Io dico sempre
troducendo il concetto pi accoglien- differenza della performance non si che lartista un errore biologico ri-
te di mondo come arcipelago. svolge in un momento prestabilito, spetto allopera. Lopera talvolta re-

81
La parola ai
CRITICI BONITO OLIVA & OBRIST
SPECIALE BIENNALE 2017

pittore Frank Walter. Per me uno

Foto Lorenzo Palmieri


dei migliori padiglioni.
ABO: Venezia resta la madre di
tutte le Biennali e lintera citt di-
venta una scenografia. La sua esten-
sione impone per lo spettatore an-
che il sacrificio di un tempo rallenta-
to, che pu essere educativo.
HUO: La comunicazione cam-
biata, la Biennale non serve pi a in-
formarsi, credo che laspetto pi im-
portante sia lesperienza dove
ognuno cura la sua visita. Va sottoli-
neata lidea della polifonia dei centri
e in questo senso c ancora molto
da percorrere. Emergono sempre
nuovi padiglioni, come quello della
Diaspora. Qui mi piaciuto anche
molto laspetto del mentorship,
2 del tutoraggio attraverso cui artisti
pi conosciuti hanno scelto artisti
Foto Lorenzo Palmieri

pi giovani. C molto potenziale in


questo senso.
ABO: Ci sono policentrismo e il
recupero del tema dellidentit. Il
genius loci, collegato alluso di un
linguaggio internazionale, ha fatto
in modo che questi artisti emerges-
sero da centri fino a oggi considerati
minori. Esiste ancora questo biso-
gno infantile di partecipare a una
festa di gala. Il desiderio di questi
Paesi quello di essere considerati
come soggetti culturali.
HUO: Abbiamo visto cose straor-
dinarie in questa Biennale ed inte-
ressante che manchi qualcosa che
3 potr poi essere sviluppato. Aver
2 Xavier Veilhan, Studio Venezia: il padiglione francese trasformato in studio escluso larte digitale una scelta
musicale. 3 Geta Bratescu, Apparitions, lesposizione del padiglione romeno. precisa. La realt digitale spesso
non ha memoria e la presenza
sta e lartista muore. E quando muo- un momento alto di questa mostra. dellarte dal vivo la negazione
re si crea spesso un grande silenzio, La Biennale con i suoi padiglioni delloblio. Pensavamo di essere libe-
e la Macel, sono daccordo, ha avuto nazionali dunque ancora un terri- ri come flneur e invece Internet ri-
questa pietas profonda, latina. torio di scoperta? flette solo il nostro interesse specifi-
HUO: Non nostalgica. Penso a HUO: importante che ogni con- co. Molti artisti di nuova generazio-
Raymond Hains, che una delle mie testo possa avere una visibilit. I pa- ne lavorano su questi temi.
stanze preferite nel padiglione cen- diglioni nazionali si sono dispersi ABO: Il futuro dellarte ha biso-
trale, o a John Latham scultore socia- nella citt e pu capitare che i mi- gno della mancanza.
le, grande figura poco conosciuta. gliori possano essere fuori dai Giar- HUO: La tua una conclusione
Credo che rendere omaggio a lui sia dini, come Antigua con il grande straordinaria.

82
Lattivit dellArchivio comprende
Certificazione & Archiviazione delle Opere

ALBERTO
Pubblicazioni di Cataloghi e Quaderni |
Edizioni Grafica dArte | Sostegno della Ricerca
Organizzazione di Eventi Culturali ed Esposizioni.
LArchivio e consultabile su appuntamento.

SUGHI
Alberto Sughi Il Guardaroba, La Cena (particolare), 1976 Olio su tela, 110x180cm

LArchivio Sughi sta raccogliendo il materiale per la compilazione del


CATALAGO RAGIONATO DELLOPERA GRAFICA DI ALBERTO SUGHI
Editori, stampatori, gallerie, collezionisti, istituzioni culturali e musei in
possesso di informazioni utili per la sua compilazione sono gentilmente
invitati a contattare lArchivio Sughi scrivendo a studiosughi@albertosughi.com
Il Catalogo verr pubblicato nel 2018 nel corso delle manifestazioni del
90mo anno della nascita dellartista.

Archivio Sughi
Archivio Sughi, Corso della Repubblica 30 - 47121 Forl
archivio@albertosughi.com | www.albertosughi.com
Speciale Biennale 2017
Padiglione centrale

Vitalit dellarte
Tra scoperte e riscoperte

Franz Erhard Walther (Fulda, 1939), Die


Foto Lorenzo Palmieri

Erinnerung untersockelt (Drei Zitate),


Wallformation series, 1983-86, cotone e
legno; per terra, Schreitsockel, 1975. Nel
padiglione dello Spazio Comune allArse-
nale, uno dei nove capitoli che compon-
gono il percorso Viva arte viva, la mostra
della Biennale a cura di Christine Macel.
Dai Giardini allArse-
nale: otium e nego-
tium, emozioni e tra-
dizioni, tempo e colori
nella mostra centrale a
cura di Christine Macel.
Con 120 artisti, sparsi in
nove transpadiglioni
d i M a r c o To n e l l i

V
iva arte viva: pi che un titolo una
esclamazione di incoraggiamento
per larte e gli artisti, come scrive la cu-
ratrice della mostra centrale della Bien-
nale 2017 Christine Macel, la quale per non ha
saputo resistere alla tentazione di articolare la
rassegna in ben nove capitoli! Una regia curato-
riale dunque, che si sviluppa fino alla concezione
di un padiglione a parte (La mia biblioteca), in cui
il tema del libro stato espanso chiedendo ai 120
artisti invitati di indicare le loro letture preferite,
esposte fisicamente nei rispettivi scaffali, sopra i
quali scorrono le calligrafie di Irma Blank (1934).
Di certo Viva arte viva una mostra di non alto
contenuto emozionale, non complessa ma arti-
colata e tenuta apparentemente stretta nella sua
griglia di maglie larghe, dove i transpadiglioni
o famiglie di artisti a volte riflettono fin troppo
Vulnerabilit e fragilit nelle tenui
SPECIALE BIENNALE 2017

figure femminili di Kiki Smith


didatticamente i microtemi, mentre omaggio fuori tempo, essendo lar-
altre volte potrebbero benissimo tro- tista morto nel 2005?), presenta an-
varsi indifferentemente in uno o che opere che chiedono allo spetta-
nellaltro, tanto pi che la giustifica- tore di prendervi parte come Green
zione teorica che se ne d cos ge- light di Olafur Eliasson (1967), un
neralista, altermondista ed ecolo- laboratorio per costruire lampade in
gica che tutto possibile: Larte legno, o che lo costringono a capire
lultimo baluardo, si legge in cata- cosa sia esposto, come in Philippe
logo, un giardino da coltivare al di Parreno (1964) e la sua algida sala di
l delle mode e degli interessi speci- neon e vetrine, che non si sa se fac-
fici e rappresenta anche unalterna- ciano parte dellimpianto di illumi-
tiva allindividualismo e allindiffe- nazione o no. forse la pittura di
renza. Ecco dunque la nostra guida McArthur Binion (1946), afroameri-
a quello che, pi o meno, ci ha con- cano, a esprimere meglio la sovrap-
vinto nel percorso che porta dal Pa- posizione tra condizione antropolo-
diglione centrale dei Giardini gica ed estetica, per non dire del su-
allArsenale (Corderie, Artiglierie, permarket di scarti e rifiuti di Has-
Sale dArmi, Gaggiandre e Giardino san Sharif (1951), proveniente dal
delle Vergini compresi). mondo della caricatura.

ARTISTI E LIBRI. il primo dei nove GIOIE E PAURE. Invocando un


transpadiglioni, dedicato generi- nuovo umanesimo, il secondo
camente alle arti (siamo del resto transpadiglione dedicato a stati
in una biennale darte!) e ai libri. danimo. Se la condizione di vulne-
John Latham (morto nel 2006), Irma rabilit e fragilit rientra in questa
Blank, Franz West (scomparso nel dimensione, allora lopera di Kiki
2012) lavorano proprio sulla fisicit Smith (1954) ne lincarnazione per-
del libro e della scrittura, mentre Liu fetta, con le sue intime e tenui figure
Ye (1964) dipinge riproduzioni og- femminili disegnate su carta nepale-
gettuali di copertine di libri e il ru- se. questa la sezione pi ricca di
meno Ciprian Muresan (1977) ridi- pittura e disegno, a partire dai dipin-
segna a matita opere pubblicate nei ti espressionisti del siriano Marwan
cataloghi della Galleria Tretyakov di (deceduto nel 2016) e dalle dolorose
Mosca. La sezione, che culmina nella anatomie neurologiche del ceco
sala dedicata a Raymond Hains (un Lubo Pln (1961). Le silhouette di Kiki Smith (Giardini)
Foto Francesco Galli. Courtesy Biennale di Venezia

Foto Lorenzo Palmieri

Foto Francesco Galli. Courtesy Biennale di Venezia

Franz West (Giardini)

John Latham (Giardini) Olafur Eliasson (Giardini)


Ciprian Muresan (Giardini)
Foto Lorenzo Palmieri

Foto Lorenzo Palmieri

Rachel Rose (Giardini)

Marwan (Giardini)
Foto Lorenzo Palmieri Foto Lorenzo Palmieri
SPECIALE BIENNALE 2017
www.earthalive.com

88
Anna Halprin (Arsenale)
IR 2017 / www.italorondinella.com

Maria Lai (Arsenale)


Foto Jacopo Salvi. Courtesy Biennale di Venezia
Sam Lewitt e il recupero concettuale

Foto Andrea Avezz. Courtesy Biennale di Venezia


di una centrale termoelettrica
Firenze Lai (1984), originaria di LA TERRA. Vi sono qui riunite opere
Hong Kong, o lanimazione di Ra- ispirate a utopie, constatazioni e
chel Rose (1986) sono basate su ap- sogni intorno allambiente, al Piane-
parenze infantili e fiabesche condite ta e al mondo animale: a tutto e a
con un pizzico di inquietudine: gioia niente insomma. Lopera di Sam
e paura non sembrano per trasmet- Lewitt (1981), Stranded assets, origi-
tersi realmente allosservatore. nale nel suo recupero concettuale ed
ecoestetico di una centrale termoe-
LO SPAZIO COMUNE. Difficile valu- lettrica a carbone di Marghera e nel-
tare in che modo la femminilit possa la reinvenzione di lampade funzio-
esprimersi nelle scelte della curatrice, nanti. Il progetto di improvvisata
ma di certo questa sezione, dedicata zattera galleggiante del gruppo
alla compartecipazione e alla collet- giapponese The Play (fondato nel
tivit, mostra diverse esperienze re- 1967) si intitola Ie: The Play have a hou-
ali e terapeutiche tra cui Planetary se e data in origine al 1972: ora ri-
dance, performance di gruppo e dan- proposto come Progetto speciale
za della pace organizzata e docu- davanti lArsenale. Senza volerlo,
mentata in un video e in una mappa lacqua lelemento pi ricorrente in
da Anna Halprin (1920). Inutile dire questa sezione dedicata alla Terra:
quanto debbano alla condizione fem- dalla colorazione del Canal Grande,
minile i ricami e i telai di Maria Lai avvenuta nel 1968 da parte di Ni-
(scomparsa nel 2013), di cui alcuni, cols Garca Uriburu (morto nel
come Legarsi alla montagna del 1981, 2016), documentata nelle fotografie
partecipati da unintera collettivit. della serie Green Venice, al gocciola-
E se il mito del buon selvaggio si rim- mento su risme di carta di Michel
balza noiosamente nei video di Juan Blazy (1966), ai disegni colorati del
Downey (morto nel 1993) o Marcos canadese Kananginak Pootoogook
vila Forero (1983), di certo lopera (morto nel 2010) realizzati negli ulti-
di Franz Erhard Walther (1939) spic- mi anni di vita, in cui si raffigurano
ca per la capacit di instaurare un cacce alle balene e igloo del popolo
dialogo interattivo col minimalismo Inuk di cui faceva parte.
e le strutture primarie, utilizzando
forme semirigide di cotone, se non LE TRADIZIONI. Dedicato allo scavo
fosse ancora che gli anni delle opere e alla rilettura, questo padiglione
Sam Lewitt (Arsenale) in mostra datano ormai al 1986! non riesce a evitare ricadute folklo-
Foto Italo Rondinella. Courtesy Biennale di Venezia

Foto Andrea Avezz. Courtesy Biennale di Venezia

The Play (Arsenale) Michel Blazy (Arsenale)

Yee Sookyung (Arsenale)


Incontri spirituali e politici
SPECIALE BIENNALE 2017

nella capanna di Ernesto Neto


ristiche come in Michele Ciacciofera in Occidente, che sciamani per non
(1969), Cynthia Gutirrez (1978) o potevano ovviamente esserlo. cos
nel neozelandese Francis Upritchard che in questo padiglione spicca per
(1976), riscattate per da una delle estensione e condivisione lopera del
poche opere che ripensano al presen- brasiliano Ernesto Neto (1964), che
te la scultura, la cultura dei materia- ricostruisce, secondo il suo tipico
li e la tradizione: Nine dragons in stile organico ed elastico, una capan-
Wonderland della coreana Yee Sook- na per incontri spirituali e politici
yung (1963), che salda miracolosa- degli indios Huni Kuin, di certo inef-
mente scarti di vasi di ceramica per ficace per gli usi mondani del rituale
inventare una sorta di monumento biennalistico. Suggestivo il video del
al riuso e alla storia locale, cui fanno cileno Enrique Ramrez (1979): un
da contrappunto le tipiche vedute viaggio iniziatico nel deserto di sale
paesaggistiche shanshui in china su boliviano di Uyuni, uno dei luoghi
seta di Hao Liang (1983). La spagno- pi spettacolari al mondo. Gli altri
la Teresa Lanceta (1951) affianca con artisti della sezione provengono da
intelligenza tappeti della tradizione zone del pianeta (India, Marocco e
marocchina a opere tessili a parete di Guatemala) in cui lo sciamanesimo
sua invenzione, secondo decorazio- forse, ancora oggi, ha qualche reale
ni ben studiate e messe a confronto incidenza sociale.
con antichi saperi. Lalbanese Anri
Sala (1974), trapiantato a Berlino, e il IL DIONISIACO. Termine ancor pi
messicano Gabriel Orozco (1962), vago di quello sciamanico, il dioni-
trapiantato a Tokyo, presentano ope- siaco dedicato alla sessualit, al
re di immediata efficacia: il primo il corpo femminile, al piacere. Su tut-
cilindro di un carillon che stampa la ti spiccano la libanese Huguette
musica sulla parete, il secondo un Caland (1931) con inquieti e raffina-
accostamento di travi assemblate ti disegni e dipinti erotici, e Heidi
secondo la tradizione giapponese, su Bucher (scomparsa nel 1993) con
cui pedine di Go convivono con au- vestiti immersi nella gomma, ma
tomobiline giocattolo. soprattutto Maha Malluh (1959),
con un mosaico a parete di audio-
GLI SCIAMANI. Titolo pretenzioso: cassette contenenti prescrizioni re-
la figura dello sciamano stata spes- ligiose sul comportamento femmi-
so affibbiata ad artisti nati e cresciuti nile: la prima donna saudita ad Ernesto Neto (Arsenale)
Foto Italo Rondinella. Courtesy Biennale di Venezia

Foto Andrea Avezz. Courtesy Biennale di Venezia

Foto Andrea Avezz. Courtesy Biennale di Venezia

Hao Liang (Arsenale) Gabriel Orozco (Arsenale)

90 Anri Sala (Arsenale)


Huguette Caland (Arsenale)
Foto Italo Rondinella. Courtesy Biennale di Venezia

Maha Malluh (Arsenale)


Foto Andrea Avezz. Courtesy Biennale di Venezia

Heidi Bucher (Arsenale)


Foto Italo Rondinella. Courtesy Biennale di Venezia Foto Lorenzo Palmieri
Foto Lorenzo Palmieri
SPECIALE BIENNALE 2017

92
Judith Scott (Arsenale)
Foto Italo Rondinella. Courtesy Biennale di Venezia

Giorgio Griffa (Arsenale)


Foto Jacopo Salvi. Courtesy Biennale di Venezia

Mariechen Danz (Arsenale)


Foto Lorenzo Palmieri
Le enormi balle di fibre e tessuti

Foto Lorenzo Palmieri


di Sheila Hicks dominano lo spazio
aver esposto nel suo Paese in uno opere, nessuna delle quali realizza
spazio pubblico a Gedda. in pieno quellapproccio metafisico
allarte che auspica la Macel a legit-
I COLORI. Forse si poteva evitare di timazione di questa sezione: il tem-
dedicare ai colori una sezione, dal po contenuto infatti in ogni opera
momento che ogni opera darte pu darte, mentre linfinito non rap-
essere considerata sotto questo presentabile. Se astraiamo dalla
aspetto. A dominare lo spazio lin- cornice tematica, per, le cose fun-
stallazione di Sheila Hicks (1934), zionano meglio: le seducenti scul-
enormi balle di fibre e tessuti, mate- ture in ceramica di Salvatore Aran-
ria di cui lartista anche profonda cio (1974), realizzate a Faenza,
conoscitrice e studiosa. Ecco allora unitamente a un video psichedeli-
che, quasi invisibili a confronto, i co, sono un lavoro convincente,
dipinti monocromatici di Riccardo come del resto la scena di distru-
Guarneri (1933) o le eleganti impri- zione inscenata dallargentina Li-
miture di Giorgio Griffa (1936), tra liana Porter (1941), il video perfor-
cui la bellissima dedica ad Agnes mativo di Alicja Kwade (1979), i
Martin, tanto per rimanere in tema costumi pittorici di Mariechen
di Pittura analitica, diventano final- Danz (1980) o la vasta e ambiziosa
mente occasione per trasformare installazione pavimentale in por-
lopera in pittura: nei loro casi ha cellana di Liu Jianhua (1962).
certamente senso indirizzare lat-
tenzione sul colore in modo specifi- A GALLA. Leggera, poetica, sospesa
co. Da tener conto le sculture di filo infine linstallazione Law of situa-
e gli oggetti di recupero di Judith tion alle Gaggiandre del giapponese
Scott (deceduta nel 2005), artista Kishio Suga (1944), in cui il galleg-
down, quindi al di fuori delle logi- giamento di pietre sulla superficie
che del sistema dellarte e pi istin- dellacqua evoca bellezza e tensione,
tivamente coinvolta nei processi ambientandosi perfettamente con
creativi ed espressivi. larcheologia industriale e il vuoto
metafisico dellArsenale.
IL TEMPO E LINFINITO. Non si po-
teva chiudere in modo pi avven- VIVA ARTE VIVA. Venezia, Giardini
turoso un percorso gi scandito da e Arsenale (www.labiennale.org/it/arte).
Sheila Hicks (Arsenale) temi difficilmente coniugabili in Fino al 26 novembre.

Foto Italo Rondinella. Courtesy Biennale di Venezia


Foto Lorenzo Palmieri

Liliana Porter (Arsenale) Salvatore Arancio (Giardino Tese)

Kishio Suga (Gaggiandre) 93


Speciale Biennale 2017
Padiglione Italia

Simboli e miti
di un mondo magico
Roberto Cuoghi, Giorgio Andreotta Cal e Adelita
Husni-Bey hanno percorso un cammino iniziatico
sospeso tra alchimia, religione e fantascienza
D I E U G E N I O V I O L A

P
er il popolo dellarte nazionale e non solo artisti coinvolti stato ridotto dalla curatrice, Cecilia
il Padiglione Italia ha costituito, probabil- Alemani, a soli tre nomi, anche per equiparare (fi-
mente, la sorpresa pi gradita della 57a nalmente) la proposta italiana a quella delle altre
Biennale di Venezia, unedizione che, com- partecipazioni straniere. Ne derivata una mostra
plessivamente, non ha riservato particolari sussulti. asciutta e rigorosa, che sotto il nome di Mondo magi-
Per la prima volta, dopo diversi anni, il numero degli co, titolo preso in prestito dallomonimo libro
Foto Lorenzo Palmieri

Roberto Cuo -
ghi, particolare
dellinstallazio-
ne Imitazione
di Cristo, 2017,
realizzata per il
Padiglione Ita-
lia, capolavoro
onirico che ri-
flette secoli di
storia dellarte.
La magia strumento di coesione e insubordinazione
SPECIALE BIENNALE 2017

dellantropologo napoletano Ernesto chiamata a esporre in questa mostra.


de Martino (1908-65), ha restituito un La sua strategia estetica si ispira
panorama complesso, un cammino spesso a modelli pedagogici radica-
iniziatico sospeso tra presente e pas- li o anarchici, a forme di educazione
sato, simbolismo e magia, alchimia e alternative intrise di un profondo
mitologia, religione e fantascienza, senso di responsabilit sociale.
legato a quello che Alemani ha defi- Husni-Bey indaga il presente attra-
nito in catalogo la linea magica verso un rapporto dialettico che in-
dellarte italiana. Roberto Cuoghi, veste sia il passato sia il futuro, luso
Adelita Husni-Bey e Giorgio Andre- dellimmaginazione e il dispositivo
otta Cal sono infatti tre artisti diver- della partecipazione collettiva. The
si per ricerca, poetica ed esiti formali, reading / La seduta (2017) una video-
accomunati dal modus operandi, che installazione popolata da una serie
allapproccio documentaristico pre- di sculture, mani di silicone illumi-
ferisce invece il ricorso alla galassia nate che sembrano suggerire lav-
concettuale legata al magico, inter- vento di un futuro prostetico e vir-
pretata in chiave polisemica e inter- tuale. Epicentro del lavoro un vi-
testuale, per restituire, attraverso deo realizzato a New York, frutto di
personali cosmologie, la realt in un laboratorio collettivo organizzato
termini esteticamente trasfigurati. con un gruppo di ragazzi, invitato a
discutere su due diversi sistemi di
ADELITA HUSNI-BEY. Italiana di ori- pensiero, o meglio, su due antiteti-
gini libiche, Adelita Husni-Bey (Mi- che cosmogonie: il tecnico e lirridu-
lano, 1985) lartista pi giovane cibile. Una distinzione che lartista
Foto Lorenzo Palmieri

Adelita Husni-
B ey, T he r e a -
ding/La seduta,
2017, videoin-
stallazione. Nel
video un gruppo
di ragazzi discu-
te su due siste-
mi di pensiero:
il tecnico e lir-
riducibile.
Uninstallazione monumentale che duplica lo spazio
SPECIALE BIENNALE 2017

recupera dagli studi di Federico la trib nativo americana Lakota, GIORGIO ANDREOTTA CAL. Nella
Campagna, oggi interprete tra i pi contro la costruzione di un oleodot- sua ricerca legata al senso dello spa-
sensibili del pensiero di de Martino, to, nei pressi della riserva indiana di zio, Giorgio Andreotta Cal (Vene-
che identifica questi due approcci Standing Rock. I partecipanti appa- zia, 1979) elabora complesse instal-
come chiavi interpretative privile- iono seduti intorno a un tavolo e a lazioni ambientali che ne trasforma-
giate alla conoscenza e alla relazione partire dalla lettura dei tarocchi di- no completamente la percezione, sia
con il mondo. Lavorando con larti- scutono del loro legame spirituale quando interviene strutturalmente
sta, i partecipanti hanno dibattuto su con la terra e con il mondo. In questo con opere di larga scala, sia tramite
temi legati allambiente, alla tecno- modo, stimoli eterogenei convergo- interventi architettonici apparente-
logia e allo sfruttamento. Questi ar- no nel lavoro di Husni-Bey, che inve- mente impercettibili. Fil rouge che
gomenti sono visualizzati attraverso stiga la magia e il suo ruolo sociale caratterizza gran parte della sua pro-
i tarocchi, disegnati dallartista in come strumento di coesione e di duzione linteresse per gli elemen-
occasione delle proteste recenti del- insubordinazione. ti primari, indagati nelle loro molte-
plici accezioni, particolarmente il cede, attraverso una scalinata posta nunciano e in qualche modo metto-
fuoco e lacqua, questultima legata alla fine del percorso, a un ambien- no in comunicazione i due livelli
alla sua citt dorigine (nonch a te superiore, inondato da una diste- una serie di sculture in bronzo bian-
quella delezione, Amsterdam). Sen- sa dacqua che corrisponde alla to- co, incrostate su alcuni dei tubi di
za titolo (La fine del mondo), 2017, talit dello spazio sottostante, in cui sostegno (Pinna nobilis), grandi con-
una installazione monumentale che il soffitto del padiglione si riflette e chiglie che evocano un mondo ma-
taglia lambiente architettonico in si ribalta, creando uno sfondato pro- rino, oscuro e insondabile. Lo spazio
due livelli distinti. Da quello inferio- spettico che amplifica la percezione e la configurazione stessa dellin-
re che accoglie il visitatore una dello spazio. Andreotta Cal ricrea stallazione suggeriscono inoltre una
foresta di tubi da ponteggio che so- in questo modo un paesaggio silen- simbologia legata al doppio, altro
stiene una piattaforma di legno, la te, metafisico e sommerso, che evo- tema ricorrente in molte opere
cui scansione ricorda quasi una sor- ca una teatralit drammatica, aper- dellartista e allo stesso tempo si ri-
ta di chiesa a cinque navate si ac- ta a molteplici interpretazioni. An- collegano alle atmosfere evocate da

2017 Roberto Marossi

Giorgio Andreot-
ta Cal, Senza ti-
tolo (La fine del
mondo), 2017.
Una vasca piena
dacqua sospe-
sa su una piat-
taforma in legno
riflette il soffitto
del padiglione.
Una fabbrica di idoli allucinata e mutante
SPECIALE BIENNALE 2017

de Martino, che ritrovano, sorpren- ricerca, ossessivamente, sulle pro- medievale (De imitatione Christi) e
dentemente, non poche assonanze priet dei materiali e sulla fluidit di aggiornato alla luce di quello che
con la poetica di Andreotta Cal. qualsiasi forma di identit, cortocir- lartista definisce un nuovo mate-
cuitando spesso tecniche tradiziona- rialismo tecnologico, Imitazione di
ROBERTO CUOGHI. Artista italiano li di realizzazione e arditi esperi- Cristo trasforma lingresso del padi-
tra i pi visionari, Roberto Cuoghi menti che investono le nuove tecno- glione in unallucinata fabbrica di
(Modena, 1973) ha costruito nel tem- logie. Imitazione di Cristo (2017) un idoli che rimandano alliconografia
po uninconfondibile sigla stilistica. lavoro che ribadisce queste istanze, del Cristo crocefisso. Cuoghi ci ren-
Da sempre interessato al tema della legandole a una riflessione tutta in- de partecipi di un processo speri-
metamorfosi e della trasformazione, terna alla storia dellarte. Ispirato mentale di modellazione della ma-
negli ultimi anni ha concentrato la allomonimo, celebre testo di epoca teria e allo stesso tempo di costruzio-
Foto Lorenzo Palmieri

Rob er to Cu o -
ghi, Imitazione
di Cristo, 2017.
Le sculture si
modificano nel
tempo perch re-
alizzate con una
sostanza che si
copre di muffa e
corrode le forme.
ne di senso, riflettendo sul potere volta colato negli stampi e raffredda- zione, imitazione e ripetizione sono
magico ed evocativo delle immagini. to si solidifica e si copre, col passare indissolubilmente legati a una me-
Lartista ha realizzato un capolavoro del tempo, di uno strato di muffa, tamorfosi, costante e inesorabile, in
onirico da cui riverberano secoli di destinata a nutrirsi delle sculture e cui convergono sacro e blasfemo,
storia dellarte occidentale, una ri- quindi a consumarle, progressiva- devozione e profanazione, filologia
proposizione, allo stesso tempo pro- mente. In questo modo, le opere, in e fantasia, composizione e decom-
fana ma fin troppo letteraria, dellhic quanto entit organiche, continuano posizione, resurrezione e morte.
est enim corpus meum. Le sculture a mutare durante il periodo della
sono infatti realizzate in un materia- mostra. anzi la loro trasmutazione PADIGLIONE ITALIA MONDO MAGICO.
le gelatinoso e iperproteico, noto a costituire il processo stesso di rea- Venezia, Arsenale (www.labiennale.org/
come brodo di coltura, che una lizzazione dellopera, in cui simula- it/arte/). Fino al 26 novembre.
Speciale Biennale 2017
Partecipazioni nazionali

Esperienze
dal teatro del mondo
Dalle angoscianti performance nel padiglio-
ne tedesco alle improvvisate sperimentazio-
ni musicali in quello francese. Le proposte
nazionali pi significative per noi: tra miti,
indagini sociali e rivisitazione del passato
Uomini e dober-

Foto Lorenzo Palmieri


mann in Faust,
la performance
di Anne Imhof
nel padiglione
della Germania,
cui stato asse-
gnato il Leone
doro per la mi-
gliore partecipa-
zione nazionale.

GERMANIA
(Giardini)

La resistenza del corpo contro il potere nel Faust di Anne Imhof


I l padiglione tedesco ha vinto il Leone
doro per la migliore partecipazione
nazionale; aveva vinto ancor prima che
pensato la lunga coda dingresso. Lart
world al completo ha voluto vedere,
riprendere e fotografare i performer
una riflessione sul rapporto tra
contenimento e potere e chi risalito
indietro fino ad Auschwitz. A dominare
la Biennale inaugurasse, tanta era di Imhof. Corpi giovani, magri, anemici la scena: la fascinazione per la morte,
lattesa per Faust di Anne Imhof (1978). e vagamente intersessuati compivano lannichilimento e il vuoto, sebbene
Nei giorni di vernice, lo scenario si movimenti autistici con sguardi tra gli obiettivi dellartista sembra
presentato angosciante e vagamente catatonici ed emettendo primordiali esserci stato quello di testimoniare
ridicolo; lartista aveva disposto lungo canti litanici. Pareva di sostare in un la potenza del corpo come strumento
il perimetro del padiglione alcuni cani appartamento di devastati ventenni di resistenza al potere. Le differenze
da guardia per evocare nel visitatore berlinesi usciti da una serata di clubbing tra i cani e i giovani sannullavano,
un sentimento aggressivo, prigioniero pesante, ma c chi ha avuto i primi guaivano nelle gabbie, i secondi
e violento, ma a intimidire anche la sensazione di accedere a un rito tra la folla, mentre il pubblico
il pi zelante spettatore ci ha in realt misterico sintetico, chi vi ha letto osservava sedotto. Sofia Silva
continua a pag. 104
AUSTRALIA
SPECIALE BIENNALE 2017

Foto Lorenzo Palmieri

(Giardini) Tracey Moffatt,


Vigil, 2017, vi-
deo, 2. SOTTO:
Body remem-
ber s, Spanish
window, 2017,
stampa digita-
le su carta, cm
162x244.

La traversata e la veglia di Tracey Moffatt


Foto Lorenzo Palmieri

U na struggente poesia del poeta greco


Konstantinos Kavafis, Corpo,
ricorda, ha ispirato anche nel titolo
personaggi tormentati, alla deriva
in un porto immerso nella nebbia.
Inquietante, come il paesaggio marino
la sensuale sequenza di dieci foto, Body di The white ghosts sailed in (I fantasmi
remembers, che Tracey Moffatt (1960) bianchi giunsero dal mare), uno
ha realizzato per rappresentare dei due video del padiglione. Proiettato
lAustralia alla Biennale. la storia di una allinterno di una grande e massiccia
domestica, interpretata dallartista che, cornice di legno, sispira al passato
vestita come negli anni 50, torna in una oscuro della storia australiana,
casa diroccata, immersa in un deserto quando era una colonia penale, e allude
misterioso. La donna guarda fuori a storie di occupazione e massacri
da una finestra: cerca una via di fuga anche attraverso il sapiente uso del
o sta rimpiangendo il tempo che fugge? sonoro, tra il pianto di un bambino,
Sono immagini epiche, dalla notevole lululare del vento, un tamburo militare
forza espressiva come le dodici foto di e il crepitio del fuoco. Nellaltro video,
Passage (Traversata), laltra serie esposta Vigil (Veglia), di piccole dimensioni,
dalla Moffatt nel padiglione. Frutto di una le immagini di barche che traboccano
messinscena meticolosa, rappresentano di migranti, anchessi alla deriva,
si intrecciano con brevi sequenze
di film nelle quali i protagonisti, come
FOTOGRAFIE E VIDEO Elizabeth Taylor e Kathleen Turner,
DALLA METICOLOSA guardano fuori da una finestra. Tracey
MESSINSCENA Moffatt eleva ad arte il dolore e la
disperazione degli uomini. Renato Diez

104
Foto Lorenzo Palmieri
Erwin Wurm,
One minute
sculptures,
scultura per-
formativa che
prevede la par-
te c i p a z i o n e
del pubblico.

AUSTRIA
(Giardini)

Le nuove istruzioni per luso di Erwin Wurm e Brigitte Kowanz


L Austria celebra la carriera
trentennale di due artisti molto
diversi tra loro, con il merito comune,
la mobilit, la migrazione, e i relativi mezzi
di trasporto. A partire da un camion
capovolto in verticale, di fianco
Brigitte Kowanz (1957) usa invece
neon, specchi, metalli riflettenti e vari
codici di scrittura, come lalfabeto
secondo il curatore del padiglione allingresso, lallestimento prevede Morse. Sostituendo a pigmenti di colore
Christa Steinle, di aver contribuito allinterno una roulotte, sedie, valigie, e materiali pesanti la luce, lobiettivo
ad ampliare sensibilmente il concetto un lavandino: come mostrano i performer dellartista convertire lopera in campo
di cultura spaziale. Lintroduzione (e come i visitatori possono a loro volta elettromagnetico come quello che
affidata a Erwin Wurm (1954), sperimentare), ogni oggetto pu essere consente la circolazione di dati in rete
che d il la con una riflessione ripensato secondo istruzioni nuove, e mimare cos la fluidit digitale
sul senso che hanno oggi il viaggio, che lo rendono altro da ci che . in cui siamo immersi. Sara Boggio

U ni m m a g i n e
Foto Lorenzo Palmieri

dellinterno del
padiglione con
le opere di Dirk
Braeckman,
tutte stampe al-
la gelatina dar-
gento, 2016.

BELGIO
(Giardini)

Atmosfere old fashioned nelle foto analogiche di Dirk Braeckman


D irk Braeckman (1958) tra i pi
interessanti fotografi attuali ancora
fedeli alla tecnica analogica e alle
old fashioned, raffigurano soggetti
normali, quotidiani (scorci di interni,
figure femminili, paesaggi, e anche foto
a colori delicatamente evanescenti.
Elaborando i negativi e la carta
fotosensibile, arriva a far emergere
sue affascinanti possibilit espressive. di foto posate su tavoli) che sembrano e fissare immagini in cui il gioco di sovra
Realizzate attraverso un linguaggio fluttuare in una dimensione sospesa o sotto-illuminazione, le macchie,
di raffinata sensibilit e nitida tensione nel tempo. In mostra sono presentate la granulazione e lappiattimento
autoriflessiva, le sue immagini, circa venti opere di grandi dimensioni, della prospettiva generano effetti
impregnate di enigmatiche atmosfere quasi tutte in bianco e nero, salvo alcune di inedita suggestione. Francesco Poli

105
REPUBBLICA DI COREA
SPECIALE BIENNALE 2017

Foto Lorenzo Palmieri

(Giardini)

Tempo fuggente e realt indigesta

Foto Sara Boggio


I l padiglione condiviso da Lee Wan
(1979) e Cody Choi (1961). Wan
mette in scena unarticolata riflessione
poi un orologio a ciascuno (a seconda
della risposta, le lancette scorrono
pi o meno velocemente). Il busto
sul tempo, sulla memoria e sullintreccio della famiglia posto al centro,
che li lega in modo tuttaltro che lineare. nero e senza volto, indica la fede
Una parete dedicata a Mister K, (al tramonto) nelle vecchie ideologie.
giornalista coreano di cui raccontano Choi, nellaltra met del padiglione,
la biografia vecchie foto, appunti, allestisce uno scenario altrettanto
oggetti (che lartista dice di aver trovato disilluso ma servendosi
per caso in una valigia al mercato delle dellautobiografia. Cresciuto in Corea
pulci). Una narrazione che attraverso idealizzando limmaginario occidentale,
la vita di un individuo riflette quella si trasferisce negli Stati Uniti nei primi
di una nazione, con tutte le turbolenze anni 80 per rendersi conto che la realt
del caso. La sala accanto, tappezzata molto diversa dallimmagine
di orologi, invece lesito di una che aveva in testa. Da cui lindigestione
corrispondenza tra lartista e un migliaio culturale allorigine dei suoi disturbi
di persone: Quante ore al giorno devi gastro-intestinali, curati a Pepto-bismol:
lavorare?, ha chiesto Wan, dedicando lo stesso medicinale color rosa
shocking che lartista brandisce
nei poster che decorano lentrata
LEE WAN E CODY CHOI e con il quale, a partire da un impasto QUI SOPRA, Cody Choi, The thinker,
RIFLETTONO SU di carta igienica, ha realizzato 1996, carta igienica, Pepto-bismol, le-
MEMORIA E SOCIET The thinker (che, seppure a malincuore, gno. IN ALTO, Lee Wan, Made in, instal-
fa pensare a Rodin). Sara Boggio lazione con 12 video.

106
Foto Lorenzo Palmieri
U ni m m a g i n e
dei giardini che
cir co n d a n o il
padiglione con
il progetto In-
fluenza: thea -
tre of glowing
darkness di Kir-
stine Roepstorff.

DANIMARCA
(Giardini)

In Kirstine Roepstorff buio e silenzio sono culla della creativit


C on il progetto Influenza: theatre of
glowing darkness, il padiglione della
Danimarca propone un percorso intenso,
in piccoli gruppi, accompagnati solo dalla
voce dellartista in dialogo con un alter
ego); poi si pu tornare alla luce e ai colori
allanteprima. Ma nel buio
che si compiono tutti i processi
di trasformazione. Il buio, e il silenzio,
che d sostanza ad alcuni dei temi del grande arazzo collocato allesterno, sono la culla della creativit. E infatti
cardine della mostra di Christine Macel quindi come al termine di un esercizio nel teatro del buio scintillante
(lotium, la vitalit salvifica dellarte, di meditazione a una nuova i personaggi sono voci, suoni e giochi
soprattutto la rigenerazione). Per farne consapevolezza di s e del mondo. di luce che assomigliano
esperienza, per, non basta attraversarlo. La luce d lillusione del controllo, a unallucinazione fantastica: sintomi
Prima bisogna prenotare e assistere allo ha spiegato Kirstine Roepstorff (1972) di un malessere (lInfluenza del titolo)
spettacolo teatrale (mezzora al buio, allattento pubblico presente che larte trasforma in cura. Sara Boggio

Linterno del pa-


Foto Lorenzo Palmieri

diglione con due


proiezioni del
video The Aalto
natives, di Erkka
Nissinen e Na-
thaniel Mellors.

FINLANDIA
(Giardini)

La storia finlandese riveduta e corretta in stop motion


N essuno politicamente corretto
nella narrazione a cartone animato,
grottesca e frammentata, di Erkka
uovo a unestremit della sala, lo spazio
vuoto, a disposizione degli spettatori
che possono prendere posto
sempre allattenzione, i protagonisti
della storia sono uno zoo di pupazzi
realizzati in stop-motion e 3-D,
Nissinen (1975) e Nathaniel Mellors dove capita: la proiezione, replicata che si imbattono in temi pi grandi
(1974), che nel padiglione progettato su tre pareti, mobile e a dimensione di loro discriminazione, nazionalismo,
da Alvar Aalto riscrivono la storia della variabile, le fonti del dolby-surround xenofobia e li affrontano
Finlandia sradicandola da ogni residuo sparse. Allinterno di questo con esiti da regno dellassurdo
di tradizione naf. A parte il gigantesco contenitore dinamico, che richiama (a tratti demenziale). Sara Boggio

107
Condivisione e improvvisazione FRANCIA
SPECIALE BIENNALE 2017

Foto Lorenzo Palmieri


(Giardini)
per il progetto di Xavier Veilhan
I nvitato dai commissari Christian
Marclay e Lionel Bovier, Xavier
Veilhan (1963) ha realizzato
e notevolmente plastiche, si ispira
al mitico MERZbau di Kurt Schwitters,
ma invece di essere uno spazio
uno spettacolare progetto ambientale vitalizzato da assemblage di materiali
trasformando radicalmente lo spazio oggettuali, animato da
espositivo dello storico padiglione caleidoscopiche risonanze di elementi
francese in una sorta di fantasiosa sala sonori. Numerosi strumenti variamente
per performance musicali, animata collocati allinterno creano le condizioni
per tutta la durata della Biennale migliori per ogni forma di espressione:
da interventi dal vivo di musicisti di tutto musica classica, elettronica, rock,
il mondo. Intitolata Studio Venezia, etnica, fino alle sperimentazioni pi
questa costruzione architettonica estreme. In questo contesto
in legno, con caratteristiche allo di inarrestabile work in progress,
stesso tempo perfettamente acustiche possono nascere le collaborazioni
e le ibridazioni pi sorprendenti,
UN INARRESTABILE nel segno della libert di
improvvisazione e del piacere
WORK IN PROGRESS della condivisione, che peraltro
ISPIRATO AL MERZBAU coinvolge attivamente anche
DI SCHWITTERS i visitatori, che possono circolare
dappertutto. Francesco Poli
Foto Francesco Galli. Courtesy Biennale di Venezia

SOPRA E IN ALTO, due immagini della costruzione architettonica in legno Studio Venezia di Xavier Veilhan, 2017.

108
GIAPPONE

Foto Lorenzo Palmieri


(Giardini)

La foresta capovolta di Takahiro Iwasaki


I l modellino in legno di una pagoda
di Yamaguchi, a 100 km da Hiroshima,
si riflette in unacqua che non c,
padiglione, Turned upside down, its
a forest (Capovolta, una foresta),
da un testo dello scrittore Tiziano
ma suggerita dallimmagine capovolta Scarpa, che descrive Venezia come
delledificio Reflection model (Lapis una citt che poggia su innumerevoli
lazuli) , che pende dal soffitto. Un mucchio pali conficcati nella laguna: importante
di lenzuola, asciugamani e abiti sono saper cambiare la prospettiva
collocati sul pavimento attorno a un foro con cui si guardano le cose,
circolare attraverso il quale si pu vedere osservandole da diversi punti di vista.
il padiglione dal basso Out of disorder, Per esempio, nel caso del padiglione
(Mountains and sea). Ma, osservando giapponese, dal basso. Vivendo
attentamente, si nota che con alcuni fili in una citt distrutta in un istante da
estratti da quegli stracci Takahiro un ordigno nucleare, Iwasaki si riferisce
Iwasaki (1975) ha costruito minuscoli, a quellevento mettendo in scena oggetti
esilissimi tralicci dellelettricit, una privati della loro funzione originaria
ruota panoramica e delle rotaie. Iwasaki e deformati, come quelli conservati
ha preso in prestito il titolo del suo nel museo di Hiroshima. Renato Diez

GUARDARE
IL MONDO
DA UN ALTRO
PUNTO DI VISTA

Takahiro Iwasa-
ki, Out of disor-
der (Mountains
and sea), 2017.
A destra, Reflec-
tion model (La-
pis lazuli), 2014.
GRAN BRETAGNA
SPECIALE BIENNALE 2017

Foto Lorenzo Palmieri

(Giardini)

Le architetture folly di Phyllida Barlow

Foto Lorenzo Palmieri


F olly, questo il titolo della mostra
con cui Phyllida Barlow (1944)
ha riempito il padiglione britannico
e permette che il caso, guidato
dallistinto, crei per conto proprio
le pi roboanti forme. Tra le intenzioni
dimponenti sculture, o meglio, di del padiglione, quella di punzecchiare
giganteschi materiali scultorei il confine la nostra percezione di tutto ci
tra materia in potenza e opera in atto che decorativo, ingannevole, teatrale,
sempre labile nella produzione rapporto giocoso tra vero e falso.
di Barlow. Folly il nome che definisce Davanti al portico dingresso sono poste
alcune bislacche architetture, tra cui alcune grandi bolle grigiastre macchiate
castelli medievali a forma di ananas, di colore: allertano il visitatore dellalterit
disseminate per la campagna inglese; che permea il luogo; alcuni le hanno
utopie realizzate, fantasie pi che trovate buffe, altri sinistre. Una volta
riuscite. Ladorazione per lirrazionale varcata la soglia, si nota come il libero
estetizzato tipicamente inglese movimento sia impedito dalle totalizzanti
e ha una lunga tradizione alle spalle; dimensioni delle sculture; chi ha visitato
ecco, Barlow capace di estremizzarla. la dimora di Phyllida Barlow testimonia
Lartista utilizza materiali poveri e che la casa-studio dellartista
riciclati carta, cartone, cemento esattamente cos, un block-notes
riempito di sculture dove il vecchio monito
Pensare prima di agire totalmente
UNADORAZIONE trasgredito. I visitatori del padiglione sono QUI SOPRA E IN ALTO, Phyllida Barlow,
PER LIRRAZIONALE rimasti incantati dallabilit di Barlow due particolari dellinstallazione Folly,
ESTETIZZATO nel far sembrare giocosa materia persino 2016-2017, composta da imponenti scul-
il cemento pi modernista. Sofia Silva ture fatte di materiali poveri e riciclati.

110
Gal Weinstein,

Foto Lorenzo Palmieri


El Al, scultura in
fibra di acrilan,
2017. Collocata
al piano superio-
re del padiglio-
ne, simula una
rampa di lancio
per missili o sa-
telliti.

ISRAELE
(Giardini)

Materiali vili per le atmosfere e le visioni di Gal Weinstein


G al Weinstein (1970) rappresenta
Israele e trasforma il padiglione
in un ambiente tripartito. Pareti e soffitto
invece camminare intorno allopera
scultorea El Al che, sebbene possa
sembrare la riproduzione di una nuvola,
Il padiglione tra i pi riusciti
per latmosfera e la visione dinsieme.
Weinstein abile nel trasformare
del piano terra sono rivestiti dimmagini in realt simula una rampa di lancio i materiali pi vili la muffa, la materia
di muffa e infiltrazioni saline; nel per missili o satelliti. Titolo del padiglione: rancida in strumenti cromatici
mezzanino sottili vasche, disposte come Sun stand still. Tra le intenzioni e scultorei degni del rame e della foglia
zolle di terra, sono riempite con fondi dellartista, quella di analizzare in modo doro; anche se posta in un ambiente
di caff putridi i diversi gradi di putredine critico le immagini mitologiche meno invasivo, la scultura El Al
creano unelegante composizione e romantiche del sionismo impresse manterrebbe il proprio fascino una
cromatica; al piano superiore si pu nella memoria collettiva di Israele. rarit, in questa Biennale. Sofia Silva

Sislej Xhafa,
Foto Lorenzo Palmieri

Lost and found,


2017, capanno
costruito con
pareti in pallet
di legno, tributo
memoriale per i
desaparecidos
dei Balcani do-
po la guerra del
Kosovo.

REPUBBLICA DEL KOSOVO


(Arsenale)

Sislej Xhafa e la ricerca della memoria perduta nei Balcani


L a memoria come esperienza:
questo il commento di Sislej
Xhafa (1970) sul suo intervento per
memoriale. Ma anche, almeno in
parte, uninvocazione. Si chiama Lost
and found, un capanno costruito
la guerra del Kosovo, sono diventate
i desaparecidos dei Balcani e che,
secondo quanto riportato accanto
la Biennale. Lopera dellartista, nato con pedane da imballaggio e potrebbe al titolo, sarebbero oltre 5mila.
in Kosovo e ora di base a New York, essere un rudimentale deposito Nel corso degli anni alcune sono
in linea con la ricerca e i temi che di oggetti smarriti. Ci che andato tornate, altre no, ed proprio a queste
da sempre indaga, un dato storico, perso per non sono effetti personali che lartista rivolge, con il suo lavoro,
un atto di denuncia politica, un tributo bens persone: quelle che, dopo pensiero e memoria. Sara Boggio

111
RUSSIA
SPECIALE BIENNALE 2017

Foto Lorenzo Palmieri

(Giardini)

I paesaggi del tempo di Grisha Bruskin


Foto Francesco Galli

F acendo riferimento al titolo del


famoso atlante di Ortelius del 1570,
la mostra Theatrum orbis affronta grandi
del potere, incarnata da una minacciosa
aquila a due teste. Nella seconda
sezione, il Recycle Group crea, attraverso
temi sulla condizione e sul destino una sofisticata installazione digitale,
dellumanit attraverso un percorso unassurda immagine dellintelligenza
espositivo scandito in tre parti, con opere artificiale che opera come autorit
di Grisha Bruskin (1945), del Recycle degli standard etici nei social media,
Group e di Sasha Pirogova (1986). promettendo vita eterna ai santi e la
Gli spazi sono vitalizzati da unintensa dannazione ai peccatori (tra cui gli hacker
atmosfera sonora elaborata da tre malintenzionati e i diffusori di fake news).
musicisti sperimentali. Nella prima Il tutto ispirato al IX girone dellInferno
sezione, Scene change, Bruskin evoca dantesco. Infine, Sasha Pirogova ha
un inquietante e immaginifico realizzato Garden, una videoperformance
paesaggio del Tempo, tra antichit di forte impronta allegorica, incentrata
e modernit, mettendo in scena decine sulle essenziali ed eterne questioni
di bianche figure (bambole, manichini, della vita, della morte e delleternit
esseri ibridi, androidi, idoli arcaici) che attraverso una drammaticamente
rappresentano la natura contraddittoria suggestiva dialettica fra il buio e la luce.
Nel suo insieme questo teatro del
mondo, nella sua fredda e labirintica
LATLANTE DI ORTELIUS articolazione, appare come
QUI SOPRA E IN ALTO, due immagini
E LINFERNO DI DANTE un progetto spaziale, visivo e sonoro
dellinstallazione di Grisha Bruskin Sce- COME RIFERIMENTI un po troppo artificiale e culturalmente
ne change, 2016-2017. concettuoso. Francesco Poli
continua a pag. 114

112
IDEO PANTALEONI

Larchivio Ideo Pantaleoni custodisce circa sessantanni di vita professionale artistica; sono documentate
un migliaio di opere corredate da foto depoca, corrispondenza con le istituzioni, scritti inediti, cataloghi
di mostre, varie pubblicazioni oltre alle singole schede tecniche che permettono, per quanto possibile, di
tracciare il percorso collezionistico delle singole opere. Un lavoro molto impegnativo che da anni richiede
tempo, pazienza e grandi risorse. Un lavoro che alla fine a disposizione di tutti e permette di conoscere la
vera storia di uno dei maestri della pittura del XX secolo, fra cui uno dei primi artisti ad aderire al Movimento
Arte Concreta (M.A.C.)

ARCHIVIO IDEO PANTALEONI


Prosegue la raccolta del materiale Presso: UESSEARTE
per larchiviazione completa Via Natta, 22 - 22100 Como
dellopera dellartista. Tel: 031 26 93 93 | e mail: info@uessearte.it
www.ideopantaleoni.it
STATI UNITI
SPECIALE BIENNALE 2017

Foto Lorenzo Palmieri


(Giardini)

Mark Bradford,
Spoiled foot
(par ticolare),
2016, tecnica
mista su tela,
legno, materiali
recuperati, car-
tongesso.

BRADFORD METTE
IN SCENA
LE VITE DEGLI ULTIMI

Domani un altro giorno, ma al momento la situazione grave


T erzo artista di colore a
rappresentare gli Stati Uniti alla
Biennale, dopo Robert Colescott
che, dal soffitto, incombe sulle loro
teste, spingendoli verso le pareti della
stanza: unallusione a chi costretto
of art. Tutta da vedere la volta della
piccola cupola centrale, che rimanda
al grotto, luogo a met tra laltare
e Fred Wilson, Mark Bradford (1961) a vivere, impotente e vulnerabile, e la grotta, mentre in due monumentali
uno dei pi apprezzati pittori astratti ai margini della societ. Perfino dipinti nero-violacei Bradford,
dAmerica. Presenta una serie un dio, Efesto, fu cacciato dal Monte che ha lavorato per lungo tempo
di opere che affondano le radici Olimpo perch era nato zoppo. accanto alla madre nel suo salone
nella sua vita, nella mitologia greca, Ma emozioni profonde si accendono di bellezza, utilizza nuovamente,
nella storia e nel clima politico anche osservando le altre sculture, dopo dodici anni, le cartine
e sociale attuale. Entrati da una porta uninstallazione, un video e i dipinti per la permanente, mettendo una volta
secondaria del padiglione, i visitatori esposti nella mostra Tomorrow di pi in risalto le tematiche legate
trovano una massa rigonfia is another day, che nel 2018 sar al mondo del lavoro, alleconomia
e colorata (Spoiled foot - Piede torto) presentata anche al Baltimore museum e alla societ. Renato Diez
continua a pag. 116
Roggi

Andrea
Roggi
THE
CIRCLE
OF LIFE

Via del Marzocco, 5


Pietrasanta (LU)

Via Casali, 6
Cortona (AR)

www.andrearoggi.it
www.thecircleoflifeartgallery.com

Cantastorie
ndrea Roggi
onzo, 2007, diametro cm 350

o Ela Bialkowska
Le insidie e le minacce allindividualit REPUBBLICA DEL SUDAFRICA
SPECIALE BIENNALE 2017

Foto Italo Rondinella. Courtesy Biennale di Venezia


(Arsenale)

S ono due gli artisti che


rappresentano il Sudafrica,
lesposizione bipersonale,
Tema dichiarato del padiglione risulta
essere lesplorazione del potere
distruttivo dello storytelling rispetto alle
una scelta significativa; si tratta ondate di migrazione forzata passate
di Candice Breitz (1972) e Mohau e presenti. Anche Modisakeng porta
Modisakeng (1986). Linstallazione un video a pi schermi, Passage,
video a sette canali di Breitz sintitola che vuole riflettere sulloblio operato
Love story e mostra una serie di dalla schiavit: cancellazioni identitarie
interviste confessionali a sei rifugiati e narrative, collettive e individuali.
su sfondo neutro verde; il settimo Limmagine poetica posta a veicolare
schermo invece dedicato ad Alec questo messaggio quella di una barca
Baldwin e Julianne Moore. I due bianca e luttuosa, piena di falle,
attori, struccati, recitano le storie degli in cui si muove un personaggio vestito
altri, ma in qualche modo anche con indumenti che evocano la vita
i testimoni diretti recitano la propria degli schiavi. Alla questione posta
storia: viene spontaneo domandarsi da Breitz falsit e verit: tecniche
chi si avvicini maggiormente alla verit, dello storytelling si aggiunge
se il protagonista o il suo narratore. la difficolt del binomio Storia/storie:
lesigenza di conglobare gli eventi in
una Storia universale necessariamente
JULIANNE MOORE, annichilisce le vicende personali,
ALEC BALDWIN E LE specie quelle di chi rimane invisibile
STORIE DEGLI ALTRI nella rappresentazione culturale,
politica, economica. Sofia Silva

Foto Italo Rondinella. Courtesy Biennale di Venezia

QUI SOPRA, lattrice Julianne Moore in un frame dellinstallazione video a sette canali Love story (2016), di Candice Breitz.
IN ALTO, un frame di Passage (2017), video a tre schermi di Mohau Modisakeng sulla storia della schiavit e lo sfruttamento dei neri.
continua a pag. 118

116
GIORGIO VAIANI LISI

Etruscan Memoris - Leu (Leone Alato)


2017 - Olio, cera, ossidi e resine su tela - cm 180 x 100

3 Giugno - 30 Settembre 2017

GALLERIA DARTE PIERO DELLA FRANCESCA


Arte Moderna e Contemporanea dal 1969
Corso Italia 54, Arezzo | www.galleriapierodellafrancesca.com
Foto Lorenzo Palmieri
Carol Bove, Les
SPECIALE BIENNALE 2017

Pliades, 2017,
sculture in ac-
ciaio, acciaio
fuso e vernice
uretanica.

SVIZZERA
(Giardini)

In Donne di Venezia rivive il fantasma dellallieva di Giacometti


A nche se il padiglione della Svizzera,
inaugurato nel 1952, era stato
progettato dal fratello Bruno, Alberto
Philipp Kaiser, ha ideato la mostra,
intitolata proprio Donne di Venezia,
invitando Carol Bove (1971) e la coppia
luce la figura di Flora Mayo (sconosciuta
artista americana che negli anni Venti
era stata allieva e amante di Giacometti)
Giacometti non volle mai esporvi perch Teresa Hubbard (1965) / Alexander partendo da una foto che li ritrae insieme
si considerava un artista internazionale, Birchler (1962) a realizzare dei lavori legati accanto a un ritratto di lui modellato da lei.
e come tale present anche alla Biennale al tema. La prima ha proposto una serie Lopera scomparsa stata rifatta uguale.
veneziana nel 1956 la sua celebre serie di sette sculture in acciaio dipinto che E grazie a una videointervista alla figlia,
di Donne di Venezia. Ed per rievocare rimandano alle Femmes giacomettiane. e a una video-fiction in cui la si vede
questo singolare atteggiamento dello Molto pi interessante lintervento di al lavoro nel suo studio, il fantasma
scultore che il commissario svizzero, Hubbard/Birchler, che hanno riportato alla di Flora rivive. Francesco Poli

Boris Mikhailov,

Foto Zac Cobos. Courtesy Dallas Contemporary


unim ma g ine
dellinterno del
padiglione con
cinque stampe
della serie Par-
liament, 2014-
2016.

UCRAINA
(in citt)

Boris Mikhailov e la critica della societ della post-verit


N el corso di una lunga carriera Boris
Mikhailov (1938) ha ricevuto premi
prestigiosi. Ha creato trenta serie
ultimi cinquantanni. Nel padiglione
dellUcraina (in Studio Cannaregio,
calle Conterie) presenta Parliament,
televisive dei dibattiti parlamentari:
una critica pungente dei mezzi
di comunicazione di massa
fotografiche e pubblicato pi di venti una nuova serie di quindici foto e della societ della post-verit nella
libri di immagini, esplorando in lungo di grande formato realizzate tra il 2014 quale viviamo. un mondo nel quale
e in largo le condizioni di vita e il 2017. Mikhailov interviene, le notizie, quando non sono false, sono
dellindividuo e i mutamenti nella alterandole e rendendole astratte, manipolate, e la manipolazione ormai
societ sovietica e post-sovietica degli sulle immagini delle trasmissioni diventata la norma. Renato Diez

118
Speciale Biennale 2017
Eventi collaterali

Tutta Venezia
si messa in mostra
Da San Marco allIsola di San Giorgio Maggiore nelle
chiese, nei musei e nelle fondazioni, le rassegne da
non perdere. Maestri storici, protagonisti contempo-
ranei e giovani emergenti, in Laguna fino allautunno
Inediti e opere storiche di Pistoletto nella Basilica di San Giorgio
ormai una tradizione, durante
la Biennale: la Basilica di San
Giorgio accoglie linstallazione di un
Suspended perimeter; nel coro
maggiore collocata la pi sommessa
opera specchiante Con-tatto.
una vera e propria retrospettiva
di Pistoletto, un percorso a ritroso
che va dai giorni nostri agli anni
artista contemporaneo. Questanno Nel corridoio della sacrestia allestito Sessanta. In rassegna, molte
tocca a Michelangelo Pistoletto un ciclo di nuovi Quadri specchianti delle opere pi radicali dellartista
(Biella, 1933), che presenta la dedicati alla gente di Cuba, mentre e rarit di inizio carriera:
personale One and one makes three, la sala del Capitolo accoglie Il tempo da un esemplare dei Quadri
vera e propria mostra che si sviluppa in del giudizio, avvolgente meditazione specchianti dipinto a mano
diversi spazi, dentro e dietro la chiesa. sulle grandi religioni monoteiste. agli Oggetti in meno, ai rari dipinti
Al centro della Basilica campeggia Ma il clou negli spazi posteriori, figurativi. Fino al 26 novembre,
la grande installazione di specchi sul retro della Basilica: qui allestita tel. 0577-943134. Stefano Castelli

continua a pag. 122

Michelangelo Pi-
Foto Oak Taylor-Smith

stoletto, Suspen-
ded perimeter-
Love difference.
la grande in-
stallazione che
apre la perso -
nale dellartista
alla Basilica di
San Giorgio.
Courtesy Giovanni Anselmo e Tucci Russo Studio per lArte Contemporanea, Torre Pellice

Courtesy Elisabetta Di Maggio e Laura Bulian Gallery


SPECIALE BIENNALE 2017

Giovanni Anselmo, Dove le stelle si avvicinano Elisabetta Di Maggio, Senza titolo


di una spanna in pi (Querini Stampalia, Castello) (Querini Stampalia, Castello)

Spazio e tempo secondo Giovanni Anselmo ed Elisabetta Di Maggio


G iovanni Anselmo (1934) ed
Elisabetta Di Maggio (1964) si
confrontano alla Fondazione Querini
potenti installazioni di Anselmo, scandite
in quattro elementi-opere (tra cui
un sentiero di granito e una scultura
nella casa-museo veneziana.
Poi lha invasa con le sue foglie vive.
entrata persino nella stanza segreta,
Stampalia in una doppia personale in blocchi di pietra con ago magnetico): dietro il boudoir, dove sono conservati
che indaga sul senso di caducit pesi ed energie ci spingono verso cimeli dei Querini Stampalia: lartista
e sullo scorrere del tempo. Senza titolo, direzioni sempre nuove. Allo spazio vi ha aggiunto i propri, per un cabinet
invisibile, dove le stelle si avvicinano di Anselmo fa da contrappunto il tempo de curiosits diventato cos il suo
di una spanna in pi, mentre oltremare di Elisabetta Di Maggio: per realizzare archivio visivo. Si trova in una stanza
appare verso Sud-Est, e la luce Natura quasi trasparente, una serie minuscola e vale tutta la mostra.
focalizza la formula quasi un di opere site-specific nelle stanze private Fino al 24 settembre, www.querini
piccolo racconto che descrive le del palazzo, lartista ha trascorso ore stampalia.org Francesca Am

Catalogna, impressioni sonore


CATALONIA IN VENICE Cantieri navali San Pietro,
fino al 26 novembre, www.llull.cat. Anche la Catalogna
ha da qualche anno il suo spazio alla Biennale: questa volta
il protagonista del suo padiglione non ufficiale Antoni Abad
(1956) con la mostra La Venezia che non si vede. Lartista
ha costruito una cartografia sonora della citt utilizzando
BlindWiki, applicazione creata per i non vedenti. In mostra
possibile ascoltare le impressioni sonore raccolte
con la app in giro per Venezia. (Stefano Castelli)

122
Gli intensi volti
Courtesy Written Art Foundation, Frankfurt am Main, Germany

dei senza terra


di Shirin Neshat
M useo Correr, secondo piano,
Sala delle Quattro Porte: ventisei
ritratti di grandi dimensioni di Shirin
Neshat (1957) formano una galleria
contemporanea, in bianco e nero.
una pausa nel percorso permanente
del museo veneziano che si affaccia
su piazza San Marco, una quadreria
selezionata dalla stessa artista iraniana,
gi Leone dArgento al 66 Festival
del cinema di Venezia, su scatti eseguiti
un paio di anni fa. The home of my eyes
dedicata alle diverse popolazioni
dellAzerbaigian, Paese a lungo
crocevia di etnie, lingue, religioni.
Lo sente vicino Shirin Neshat, le ricorda
la sua infanzia in Iran: ai soggetti ritratti
lartista ha chiesto di spiegare il loro
concetto di casa, e alcune delle loro
risposte, assieme a versi del poeta
iraniano del XII secolo Nizami Ganjavi,
sono scritte a inchiostro sulle stampe
in gelatina dargento. Fondo scuro,
gesti ieratici, mani al cuore: pare
una Cappella Sistina contemporanea,
solo che qui non si anela allAssoluto,
ma alla propria casa (che non c pi).
La nostalgia permea anche la seconda
sala dellesposizione, dove il video Roja
(girato nel 2016) mescola sogni, visioni e
ricordi reali dellartista. Roja una donna
iraniana (un alter ego pi maturo?
Un simbolo materno?) con cui Neshat
si confronta in un paesaggio assolato e
deserto. Un video surreale e ipnotico per
denunciare il dramma della migrazione.
Fino al 26 novembre, www.correr.
Shirin Neshat, Anna dalla serie The home of my eyes (Museo Correr, San Marco) visitmuve.it Francesca Am

Gordon turista a Palermo


DOUGLAS GORDON Palazzo Ducale, fino al 24
novembre, palazzoducale.visitmuve.it. Tra i protagonisti
dellarte contemporanea con opere ormai classiche come
24 hours Psycho, Douglas Gordon (Glasgow, 1966) porta
a Venezia la videoinstallazione Gente di Palermo!, girata
nella cripta dei Cappuccini, uno dei luoghi pi suggestivi
della citt siciliana. Un delfino gonfiabile che svolazza
nellala dei bambini costituisce unapparizione incongrua,
un momento di poesia nellatmosfera macabra. (S. C.)

123
Con Pierre Huyghe
SPECIALE BIENNALE 2017

percezioni
agli antipodi
C i porta in Antartide Pierre
Huyghe(1962). Lo fa allEspace
Louis Vuitton, con il suo tipico garbo.
Artista raffinato che si muove tra scienza,
fantascienza, geologia, archeologia
e musica (gi premio speciale della giuria
alla Biennale del 2001), presenta
il video A journey that wasnt, realizzato
nel 2005 in seguito a una spedizione
al Polo Sud con lantico veliero Tara
e lesploratore Jean Louis Etienne
alla ricerca dellisola-che-non-c.
Seguiamo la spedizione tra immagini
di distese di ghiaccio e mare,
nel candore immacolato dove
Pierre Huyghe, A journey that wasnt (Espace Louis Vuitton, San Marco) si scorgono appena uomini e uccelli.
Il video punteggiato dalla musica
di unorchestra sinfonica sulla pista
di pattinaggio di Central Park
a New York, che traduce leco di quel
peregrinarenel bianco, e da rapidi frame
del mondo urbano. E poi c Creature,
scultura sonora a forma di pinguino,
a dirci che quel che vediamo reale.
Alle nostre spalle, al muro,Silence score,
trascrizione che lo stesso Huyghe fece
dellopera Silence di John Cage: uno
spartito anomalo, una prova di forza
della musica per far suonare il silenzio.
Difficile uscire da una installazione
visiva cos capace di sfruttare
suggestioni della natura e rumori ruvidi
della modernit: sulla pelle si avvertono
gli antipodi (la terra incontaminata,
la societ dello spettacolo).
Fino al 26 novembre, www.fondation
Pierre Huyghe, A journey that wasnt (Espace Louis Vuitton, San Marco) louisvuitton.fr Francesca Am

Fiore, ritratti, citt e diorami Echaurren omaggia Duchamp


ENZO FIORE Bevilacqua La PABLO ECHAURREN Scala Contarini del Bovolo, fino
Masa, fino al 23 luglio, www. al 15 ottobre, www.scalacontarinidelbovolo.com
bevilacqualamasa.it. La Importante fumettista ma anche autore di dipinti, sculture
personale di Enzo Fiore (1968) e collage, Pablo Echaurren (Roma, 1951) omaggia con una
raccoglie ritratti di celebrit, mostra il padre dellarte contemporanea Marcel Duchamp
paesaggi urbani, sculture di (1887-1968). Oltre a collage e sculture in ceramica,
animali e un diorama con la mostra propone un percorso con pannelli segnaletici
insetti e radici, i materiali tipici che invitano a salire e poi scendere le scale (allusione
dellartista. (S. C.) al celebre Nu descendant un escalier di Duchamp). (S. C.)

124
Evan Penny, Self portrait after Gricaults fragments anatomiques (Chiesa di San Samuele, San Marco)

Linquietante e familiare reliquiario contemporaneo di Evan Penny


I l canadese Evan Penny (1953) entra
in punta di piedi nella piccola Chiesa
di San Samuele, di fianco a Palazzo
di rappresentazione. Ask your body
in straordinario dialogo
con gli interni della chiesa: Luso
posati su una lastra che ha il sapore
del reliquiario romano. Corpi
affusolati emozione pura davanti
Grassi, e vi appoggia le sue intense di capelli veri nelle sculture per ribadire a Omaggio a Holbein, versione scultorea
sculture in silicone e due disegni, che sono opere vive, ci ha spiegato allungata del Corpo di Cristo morto
autoritratti da giovane e in et matura. lartista davanti allAutoritratto nella tomba di Hans Holbein il Giovane
Applicando una sorta di photoshop dai frammenti anatomici di Gricault, (1521) e busti contemporanei
tridimensionale, Penny ci mostra che poteva scadere nel parossismo che ricalcano quelli antichi: il nostro
che cosa succede ai nostri corpi e che invece poesia pura, corpo, tra inquietudine e familiarit.
quando li manipoliamo assecondando una mano e un piede intrecciati, quasi Fino a novembre, www.evanpenny
le nostre ormai infinite esigenze ad abbracciarsi, davanti allaltare, venice.com Francesca Am

Il kolossal di Damien Hirst


Foto Prudence Cuming Associates
Damien Hirst and Science Ltd.
All rights reserved, DACS/SIAE 2017

DAMIEN HIRST Palazzo Grassi e Punta della Dogana, fino


al 3 dicembre, www.palazzograssi.it (vedi Arte n. 525). la
mostra veneziana di cui pi si parla questanno: Treasures from
the wreck of the unbelievable il kolossal di Damien Hirst
(Bristol, 1965) suddiviso nelle due sedi della Fondazione
Pinault. Lartista crea una vera e propria mitologia
intorno alle sue nuove opere, che segnano un cambio
nella sua estetica. La mostra anticipata da due sculture visibili
sul Canal Grande, allesterno delle due sedi. (S. C.)

125
Intuition, un percorso
SPECIALE BIENNALE 2017

suggestivo tra
preistoria e presente
P alazzo Fortuny una garanzia:
siamo alla sesta mostra co-prodotta
dalla Axel & May Vervoordt Foundation
e dalla Fondazione Musei Civici di
Venezia e pare di essere dentro a una
piccola Biennale. Intuition il titolo della
rassegna che indaga la creazione artistica
quando procede per lampi improvvisi, per
suggestioni, per assonanze. Si viene
avvolti nel buio e si incontrano totem
neolitici, lavori di Basquiat, monocromi
di Kapoor: larte sciamanica, estatica,
spirituale, in un confronto intenso
tra preistoria e presente. Al primo piano
siamo dentro lintuizione astratta
(Kandinskij, Klee) e in quella surreale,
che si nutre della sperimentazione
giocosa (Breton, Masson, Man Ray
e poi Dominguez, Mir) e poi via, verso
lautomatismo, le ricerche di Cobra,
Zero, Fluxus, in uninfilata di capolavori
da Lucio Fontana a Joseph Beuys.
Sogno, ipnosi, telepatia: Palazzo
Fortuny ospita una mostra magica,
da attraversare anche seguendo
a ritroso il percorso di visita, perch
i rimandi sui tre piani sono continui.
Perfetto linserimento dellinstallazione
di Alberto Garutti, che illumina
di luce tremola lambiente a seconda
del ritmo dei temporali in Italia,
e limponente progetto site-specific
della coreana Kimsooja che, allultimo
piano del palazzo, ci invita
a modellare le palline dargilla
e a creare la nostra sinfonia compositiva.
Fino al 26 novembre, www.fortuny.
Berlinde De Bruyckere, It almost seemed a lily (Palazzo Fortuny, San Marco) visitmuve.it Francesca Am

Le forme modulari di Cecchini


LORIS CECCHINI Fondaco dei Tedeschi, fino al 27
novembre, tgalleria.com. Lo storico Fondaco dei Tedeschi,
anticamente un emporio, stato riaperto nel 2016: ristrutturato
da Rem Koolhaas, oggi un centro commerciale. Durante
la Biennale, sulla terrazza Loris Cecchini (1969) propone
linstallazione Waterbones: strutture modulari in acciaio
si moltiplicano e invadono lo spazio. Come organismi vegetali
o legami chimici, le forme proliferano, evocando la biologia
ma anche la progettazione architettonica e industriale. (S. C.)

126
Carol Rama,
Foto Pino DellAquila, Torino. Archivio Carol Rama, Torino

grande anarchica
dellarte italiana
P iccola ma intensa retrospettiva,
la mostra di Carol Rama (Torino,
1918-2015) al Palazzo Ca Nova
attraversa la carriera della grande
anarchica dellarte italiana, riscoperta
in tarda et e ora giustamente celebrata.
Lesposizione propone versioni
non scontate dei suoi classici
(le camere daria, i disegni erotici
e grotteschi degli anni Quaranta in cui
lartista crea una mitologia personale,
le opere su cui campeggiano occhi
di bambola o da tassidermista,
gli acquerelli che trasfigurano
le scarpe in motivi allusivi e semiastratti).
A esse si affiancano opere meno
conosciute e rarit: gli arazzi
astratti, le geometrie fatte di filo
cucito alla tela, i lavori con i cavi
elettrici... E un piccolo autoritratto
in verde del 1944, in cui il volto diventa
quasi completamente astratto. Intitolata
Spazio anche pi che tempo, dal titolo
di un ciclo degli anni Settanta, la mostra
raccoglie trenta opere, allestite
in ununica grande sala. Un campionario
selezionato che dimostra leclettismo
dellartista in fatto di tecniche
e materiali e ne riassume la poetica,
fatta di turbamenti esistenziali
e politici, rabbia e dolcezza, sensualit
e ironia. Organizzata dallArchivio Carol
Rama, la mostra coincide con la
consacrazione newyorkese
dellartista, cui il New museum dedica
fino al 10 settembre una personale.
Fino al 28 giugno, www.archiviocarol
Carol Rama, Opera n.34 (Palazzo Ca Nova, San Marco) rama.org Stefano Castelli

Grandi nomi per Glasstress Graud riattiva una fornace


GLASSTRESS Palazzo LORIS GRAUD Murano, campiello della Pescheria, fino
Foto Francesco Allegretto. Courtesy Berengo Studio

Cavalli Franchetti, fino al 26 al 26 novembre, www.theunplayednotesfactory.com


novembre, www.glasstress. Questanno Glasstress presenta anche un progetto speciale
org. Lormai tradizionale a Murano, uno spettacolare intervento del francese Loris
mostra sul vetro nellarte Graud (1979), a cura di Nicolas Bourriaud. Lartista, gi
contemporanea presenta a Venezia negli scorsi anni alla Biennale e a Punta della
autori come Fabre, Ai Weiwei, Dogana, rid vita a una fornace dismessa. Per il visitatore,
McCarthy, Schtte, Bonvicini unimmersione allo stesso tempo nel passato veneziano
(nella foto) e Rondinone. (S. C.) e in un mondo dimmaginazione perturbante. (S. C.)

127
SPECIALE BIENNALE 2017

Foto Lorenzo Palmieri


Philip Guston, Sleeping e In bed (Accademia, Dorsoduro)

Philip Guston e i poeti, retrospettiva tematica di un grande pittore


A llo stesso tempo retrospettiva
e mostra tematica, Philip Guston
and the poets porta in Italia un nome
e lo stile dei suoi lavori vengono
confrontati con le liriche di Montale,
Stevens, Eliot, Lawrence, Yeats.
in unavvolgente densit pittorica.
Due i quadri-manifesto della mostra:
Il pittore, con la figura dellartista dedito
fondamentale della pittura americana La prima sezione propone gli esordi allozio, che si intona alla perfezione
del secondo Novecento, ancora in parte figurativi, accostandovi opere di Cosm con la prima sezione della mostra
da riscoprire. Cinquanta dipinti e 25 Tura e Giovanni Bellini; si attraversa centrale di Christine Macel; e Pantheon,
disegni riassumono la sua carriera, poi la fase astratta, ricca di colore dove Guston rende omaggio ai suoi
dagli anni 30 agli 80. Oltre a esplicitare i e gestualit; e si giunge a unampia ispiratori: Masaccio, Piero della
rapporti di Guston (Canada, 1913 Usa, selezione dei lavori pi celebri, Francesca, Giotto, Tiepolo, De Chirico.
1980) con lItalia, la mostra rilegge la sua caratterizzati da una semplificazione Fino al 3 settembre, www.gallerie
opera tramite il filtro della poesia: i temi delle forme quasi fumettistica immersa accademia.org Stefano Castelli

Vik Muniz reinterpreta lantico On Kawara, leggere leternit


VIK MUNIZ Palazzo Cini, fino al 24 luglio, www. ON KAWARA Oratorio
Foto Mark Smith.Courtesy Ikon

palazzocini.it (vedi Arte n. 524). La personale di Vik Muniz di San Ludovico, fino al 30
(San Paolo, 1961) rilegge le opere di grandi artisti presenti luglio, www.nuovaicona.org
nella collezione di Palazzo Cini con la tecnica del Un milione di anni in un libro:
fotocollage. La potenza delle scene originali viene la celebre opera dellartista
accentuata dai toni infuocati delle opere e al contempo giapponese (1932-2014),
stemperata dal ricorso a immagini quotidiane e popolari, un elenco infinito di date,
piccoli frammenti che confluiscono nei collage. In mostra viene letta da volontari, con un
anche una scultura in vetro e lavori ispirati a Piranesi. (S. C.) risultato quasi ipnotico. (S. C.)

128
Foto Lorenzo Palmieri

Jan Fabre macabro,


poetico e filosofico,
tra vetri e ossa
A mpia e suggestiva, la personale
di Jan Fabre (Anversa, 1958)
allAbbazia di San Gregorio
si concentra sulle opere realizzate
con vetro e ossa umane e animali.
Intitolata Glass and bone sculptures,
curata da Giacinto Di Pietrantonio,
Katerina Koskina e Dimitri Ozerkov,
la mostra raccoglie 40 sculture
e installazioni dal 1977 al 2017.
I lavori affrontano con grande forza
espressiva temi classici per lartista
come il rapporto sofferto tra individuo
e societ, il corpo in tutte le sue
declinazioni, la morte. Nel cortile,
un ibrido insetto-vegetale accoglie
i visitatori e anticipa il tono della mostra,
tra atmosfera macabra e speranza di
rigenerazione. Nelle sale al piano terra,
grandi installazioni e sculture parlano
di morte, sessualit, possibile rinascita.
Al piano superiore si incontrano abiti
fatti di frammenti di ossa e crani di vetro
impreziositi da scheletri di piccoli
animali; ognuna delle sale laterali
diventa poi un mondo a parte: una festa
di compleanno finita tragicamente,
unenorme barca arenata oppure che
naviga verso destinazioni ignote... Al
tono solenne dei lavori fa da contraltare
luso di un materiale povero come
la penna Bic, con cui Fabre ottiene il
suggestivo blu che caratterizza i lavori. Il
turbamento che genera lutilizzo di ossa
riscattato dalla maestria dellartista
nel trasfigurare un materiale cos
inconsueto. Fino al 26 novembre,
Jan Fabre, The catacombs... (Abbazia di San Gregorio, Dorsoduro) www.gamec.it Stefano Castelli

La colonna doro di Byars Mimetica Marzia Migliora


JAMES LEE BYARS Campo San Vio, fino al 26 MARZIA MIGLIORA Ca Rezzonico, fino
Foto Renato Ghiazza

novembre, www.fondazionegiuliani.org. Concettuale al 26 novembre, carezzonico.visitmuve.


e alchemico, James Lee Byars (1932-1997) celebre it. La personale di Marzia Migliora
per le sue opere enigmatiche e comunicative. A Venezia, (Alessandria, 1972), composta da cinque
la sua Golden tower campeggia allaperto in campo installazioni, interagisce con gli spazi e le
San Vio, visibile anche dal Canal Grande. una colonna opere di Ca Rezzonico. Banchi da orafo,
alta 20 metri che spiazza con la sua presenza inaspettata. maschere, semplici spostamenti di opere
Il color oro, simbolo di elevazione e illuminazione, della collezione alludono a temi sociali
richiama anche linimitabile luce veneziana. (S. C.) e ambientali e alla storia del luogo. (S. C.)

129
SPECIALE BIENNALE 2017

Mark Tobey, Luce filante (Collezione Peggy Guggenheim, Dorsoduro)

La prima, grande retrospettiva italiana di Mark Tobey


L a cultura visiva dellastrattismo
statunitense e quella della calligrafia
orientale; il caos delle metropoli
delle pi complete mai organizzate.
La particolare forma di astrazione,
perfezionata nella scrittura bianca che
Medio ed Estremo Oriente. Dalla pittura
cinese alla scrittura araba, alla calligrafia
giapponese, allutilizzo dellinchiostro
americane e il silenzio della meditazione caratterizza il suo lavoro e che precorre di china, il suo linguaggio si fa via
zen: nella pittura di Mark Tobey (1890- le innovazioni di Pollock, frutto di una via pi introspettivo, sempre pi adatto
1976) si mescolano due concezioni serie di suggestioni che ben emergono a costruire un mondo intimo
del mondo e due anime, che ispirano dalle quasi 70 tele esposte. Accanto al e spirituale, evocato attraverso
una ricerca estetica e spirituale. Cubismo europeo, evidente il fascino le sottili linee di luci in movimento,
Il percorso creativo dellartista, tra gli esercitato dalle diverse forme di arte pi familiari a noi occidentali. Fino
anni 20 e gli anni 70, ora ricostruito orientale, conosciute e praticate al 10 settembre, www.guggenheim-
nella prima retrospettiva italiana, una durante i numerosi viaggi di Tobey in venice.it Sabina Spada

Kernn-Larsen surrealista LaChapelle, classici e inediti


RITA KERNN-LARSEN Collezione Guggenheim, fino DAVID LACHAPELLE
David LaChapelle

al 26 giugno, www.guggenheim-venice.it. Nelle sue due Casa dei Tre Oci, fino
nuove sale, la collezione Guggenheim omaggia la pittrice al 10 settembre, www.
danese Rita Kernn-Larsen (1904-1998). Lesposizione treoci.org. Con cento
propone le sue opere del periodo surrealista, provenienti fotografie, la personale
da collezioni pubbliche e private, raramente viste fuori Lost+found ripercorre
dalla Danimarca. Allieva di Fernand Lger, lartista la carriera di LaChapelle
fu sostenuta da Peggy Guggenheim: in mostra, foto e presenta gli inediti della
e documenti ricostruiscono i rapporti tra di loro. (S. C.) serie New world. (S. C.)

130
The boat is leaking, the captain lied (Fondazione Prada, Santa Croce)

The boat is leaking, the captain lied (Fondazione Prada, Santa Croce)

Da Prada, la nave imbarca acqua e il capitano un bugiardo


T utti sanno che la nave sta
imbarcando acqua, tutti sanno che
il capitano ha mentito, cantava Leonard
ha generato un complesso dialogo a pi
voci, che ha trasformato il settecentesco
Palazzo Ca Corner della Regina
cinematografica, porte da ufficio
che si aprono e si chiudono,
una piccola serra, un palcoscenico:
Cohen, e le sue parole sono parse le pi in un unico oggetto estetico. Costretto attraverso luniverso visivo dei tre
adatte a intitolare un progetto espositivo a rinunciare alla netta distinzione artisti, come spiega il curatore,
che si interroga sulle criticit del presente tra le diverse forme espressive, una molteplicit di stimoli non
e sulla complessit del mondo attuale. lo spettatore attraversa stanze e corridoi risparmia al visitatore di assistere,
Lincontro del curatore Udo Kittelmann trasfigurati dalle scenografie teatrali in qualit di accusato o di testimone,
con lo scrittore e regista Alexander e crea un proprio percorso narrativo. al processo imperfetto del mondo.
Kluge, lartista Thomas Demand Immagini in movimento, film, fotografie, Fino al 26 novembre, fondazione
e la scenografa teatrale Anna Viebrock interni di una nave, una sala prada.org Sabina Spada

131
Per tutte le foto Richard Schmidt David Hockney
SPECIALE BIENNALE 2017

David Hockney, 82 portraits and 1 still-life, dettaglio (Ca Pesaro, Santa Croce)

La serie di ritratti su fondo azzurro e verde di David Hockney


O ttantadue ritratti su tele di identico
formato, con lo stesso fondo azzurro
e verde: dopo avere dipinto persino con
un disegno a carboncino, poi dipinto
con colori acrilici. Lambientazione e la
con la schiena staccata dallo schienale,
mentre John Baldessari ha laria un po
luce sempre identici (lo studio dellartista annoiata. Quanto allintruso annunciato
liPad, David Hockney (Bradford, 1937) illuminato dal sole californiano) creano dal titolo, una Natura morta con frutta
continua a sperimentare, ma con il pi ununiformit che fa risaltare le differenze: e verdura, la soluzione allassenza
classico dei generi. Per il ciclo 82 portraits la posa, scelta dai singoli, e le tinte degli imprevista di uno dei modelli: avendo gi
and 1 still-life ha invitato a posare amici abiti, squillanti e intense. Se la sorella preparato la tela, Hockney si arrangiato
e conoscenti, dedicando a ognuno dellartista, Margaret, siede rilassata con con quello che ha trovato in cucina.
lo stesso tempo. In tre sessioni da sei ore le mani in grembo e lo sguardo al fratello, Dal 24 giugno al 22 ottobre, capesaro.
al giorno, ha tracciato per ogni soggetto la designer Celia Birtwell sta impettita, visitmuve.it Sabina Spada

Il Do ut des di Hassan Hashimoto e Lukas


OMAR HASSAN Chiesa JACOB HASHIMOTO ED EMIL LUKAS Palazzo Flangini,
della Misericordia, fino fino al 10 luglio, www.studiolacitta.it. La fine dellutopia
all8 settembre, www. il titolo e il tema della mostra a quattro mani
continiartuk.com. Do ut di due artisti americani, Jacob Hashimoto (Colorado, 1973)
des, personale del pittore- ed Emil Lukas (Pennsylvania, 1964). Il secentesco
pugile nato nel 1987, Palazzo Flangini ospita spettacolari installazioni,
affianca dipinti, sculture tra aquiloni di carta e bamb e tubi di alluminio,
e contaminazioni dei due che esplorano la disillusione della nostra epoca
mezzi espressivi. (S. C.) ma indicano anche alternative immaginifiche. (S. C.)

132
Foto Lorenzo Palmieri

Alighiero Boetti, Mappa (Fondazione Cini, Isola di San Giorgio Maggiore)


Foto Lorenzo Palmieri

Alighiero Boetti, Estate 70 (Fondazione Cini, Isola di San Giorgio Maggiore)

Tutto Alighiero Boetti, dal formato minimo a quello monumentale


I l titolo della mostra aperta alla
Fondazione Cini chiarisce lintento
di Luca Massimo Barbero, curatore di
della fotocopia allinterno della mostra,
Boetti era lAndy Warhol europeo,
perch entrambi erano ossessionati
postali, Bollini, gli Aerei e le opere
realizzate con le biro, che richiedevano
tempo e impegno, con quei piccoli
Alighiero Boetti: Minimum/Maximum. dallidea della ripartizione. Le Mappe tratti di penna dallalto verso il basso.
Per la prima volta le opere del grande sono le sue opere pi celebri. Sono Oltre agli altri temi a lui cari (il tempo,
artista (Torino, 1940 Roma, 1994) sono arazzi, realizzati prima in Afghanistan il linguaggio, la ripetitivit, la serialit
state selezionate a seconda del poi in Pakistan, nei quali i Paesi del e la paternit dellopera darte), Boetti
formato, mettendo a confronto lavori di mondo sono raffigurati dalla propria in queste composizioni mise in scena
piccole dimensioni e opere monumentali bandiera. il mondo colorato dei giochi il mutare del tratteggio, come in un
di alcune delle 23 serie che Boetti dei politici, di cui per ventanni Boetti tracciato sismografico dellumore di chi
ha realizzato nel corso della carriera. ha registrato tutti i cambiamenti, nuove eseguiva materialmente lopera che
Secondo Hans-Ulrich Obrist, che cura nazioni e nuovi confini, alleanze finite e Boetti aveva pensato. Fino al 12 luglio,
con Agata Boetti un progetto sul tema accordi traditi. In mostra anche i lavori www.cini.it Renato Diez

133
Foto Lorenzo Palmieri
SPECIALE BIENNALE 2017

Bryan McCormack, Yesterday/Today/Tomorrow: traceability is credibility (Fondazione Cini, Isola di San Giorgio Maggiore)

Bryan McCormack, la poesia nascosta nella tragedia dei migranti


Q uando larte contemporanea
diventa poesia grazie a un artista
che ha la capacit, piuttosto rara,
decine di campi di accoglienza,
entrando in contatto con centinaia
di profughi di diverse et e nazionalit.
e i suoi sogni per quel che riguarda
il futuro (Tomorrow - Domani).
I disegni che McCormack ha raccolto
di elevare lindagine sociologica A ognuno ha chiesto di realizzare costituiscono, al centro della sala,
a opera darte: quel che rivela tre disegni con penne e matite il cuore della sua installazione che
linstallazione Yesterday/Today/ colorate: uno che illustrasse completata, sulle pareti, da centinaia
Tomorrow: traceability is credibility il passato, la vita nel suo Paese di fotografie scattate nei campi
che Bryan McCormack dorigine (Yesterday - Ieri); uno che di accoglienza. Una toccante opera
(Dublino, 1972) presenta alla descrivesse la vita nel campo darte concettuale sulla tragedia
Fondazione Cini. Lartista irlandese di accoglienza (Today - Oggi), e un dei migranti. Fino al 13 agosto,
ha trascorso pi di un anno visitando terzo che esprimesse i suoi sentimenti www.cini.it Renato Diez
continua a pag. 136

134
3$'29$
k02675$0(5&$72'$57(02'(51$(&217(0325$1($

/07&.#3&
'*&3" %* 1"%07"
SPECIALE BIENNALE 2017

Robert Rauschenberg, Courtyard (Urban Bourbon) (a sinistra) e Catch (Urban Bourbon) (Fondazione Cini, Isola di San Giorgio Maggiore)

Robert Rauschenberg, Swedish spandrel (a sinistra) e Streamer (Shiner) (Fondazione Cini, Isola di San Giorgio Maggiore)

Robert Rauschenberg 53 anni dopo il Leone doro alla Biennale


I l Leone doro per la scultura venne
assegnato a Robert Rauschenberg
(1925-2008) 53 anni fa, nella Biennale
dedicata. Si parte con Us silkscreeners,
che indaga i primi esperimenti con le
tecniche serigrafiche insieme a Andy
art, Rauschenberg ha sperimentato
senza sosta tecniche e materiali.
Secondo Jasper Johns, Rauschenberg,
del 1964, quando rappresent gli Usa Warhol, e si prosegue con Late series, dopo Picasso, ha inventato pi
con Jasper Johns, Morris Louis che descrive attraverso quindici opere, di chiunque altro, nel Novecento.
e Kenneth Noland. Ora torna a Venezia tutte di grande o monumentale formato Usando le tecniche di riproduzione
grazie alla Fondazione Faurschou, una e datate tra il 1986 e il 2007, le serie pi meccanica delle immagini e inserendo
collezione di arte contemporanea con importanti dellultimo Rauschenberg, nelle sue opere gli objet trouv,
sedi espositive a Copenaghen e Pechino, da Borealis e Urban Bourbon a Scenarios ha abbattuto ogni distinzione tra pittura,
che ha organizzato nelle sale della e Runts. Precursore, nei primi anni scultura e fotografia. Fino al 27 agosto,
Fondazione Cini una doppia mostra a lui Cinquanta, del Minimalismo e della Pop www.cini.it Renato Diez
continua a pag. 138

136
Gr a fi ca : Ga b r i e l e R o sa ti n i - Fo to : D i m i tr i An g e l i n i

THOMAS LANGE
a PALERMO
a cura di DAVIDE SARCHIONI e LORENZO CALAMIA

7 luglio - 10 settembre 2017


Promosso da Con il patrocinio di In collaborazione con Con il sostegno di
SPECIALE BIENNALE 2017

Pae White, Qwalala (Fondazione Cini, Isola di San Giorgio Maggiore)

Storia, tecnica e tradizione nel muro di vetro di Pae White


Q walala il nome che i Pomo,
una trib di nativi americani, hanno
dato a una localit della California,
di Le stanze del vetro, sullIsola di San
Giorgio Maggiore. Non nuova alla
sperimentazione di materiali tradizionali
segregante, pu essere attraversato
anche tramite due varchi, costruiti
con una tecnica mutuata dagli edifici
indicando con quellespressione abbinati alle pi moderne tecnologie, maya, a sottolineare la bont
il luogo dove scende lacqua. lartista statunitense ha edificato e la ricchezza di ogni cultura, presente
Nella zona, infatti, un fiume sfocia un muro serpeggiante, lungo 75 metri, e passata, senza barriere. La struttura
nellOceano Pacifico, dopo un ultimo con migliaia di mattoni di vetro, realizzati luccicante da vedere anche dallalto
tratto dal corso tortuoso. Qwalala a mano. Met sono incolori, mentre del campanile della Basilica di San
anche lopera, dalla forma altrettanto gli altri riproducono le tonalit usate Giorgio, per coglierne la forma nella sua
sinuosa, che Pae White (Pasadena, dagli antichi romani nella loro arte complessit. Fino al 30 novembre
1963) ha progettato per larea esterna vetraria. Muro non respingente n 2018, www.cini.it Sabina Spada

Vetri e ceramiche di Sottsass


Foto Lorenzo Palmieri

ETTORE SOTTSASS Fondazione Cini, fino al 30 luglio,


www.cini.it / Negozio Olivetti, fino al 20 agosto,
www.fondoambiente.it. Grande maestro del design italiano,
Ettore Sottsass (1917-2007) viene ricordato dalla Fondazione
Cini con una retrospettiva dei suoi lavori in vetro (200 pezzi,
quasi tutti della collezione Mourmans) (vedi Arte n. 524).
Sottsass protagonista anche al negozio Olivetti di piazza
San Marco, disegnato da Carlo Scarpa. Qui, vengono
presentate ceramiche datate dal 1957 al 1969. (S. C.)

138
Agostino Bonalumi - Giampiero Malgioglio
THE THINK DIFFERENT
A cura di Silvia Pegoraro e Carlo Ciccarelli

Dal 31 maggio 2017 al 31 luglio 2017


ULISSE GALLERY CONTEMPORARY ART
Via Capo le Case, 32 Roma

Info: Tel. 06 69380596 e-mail: info@ulissegallery.com


Orari di apertura: da luned a venerd, ore 11-19
ANTEPRIMA

Particolare
dellampliamen-
MCH Messe Schweiz (Basel) AG

to della Hall 1
della fiera di
Basilea, firmato
dalle archistar
Herzog & de
Meuron e inau-
gurato nel 2013.
Art Basel 2017
si tiene dal 15 al
18 giugno.

Art Basel 2017


Dove il business fa tendenza
4mila artisti e 291 gallerie nella fiera delle fiere, che si pro-
pone come il pi grande museo temporaneo del mondo
D I R E N AT O D I E Z
Jrme Zonder, Portrait de Garance n. 16, 2016,
nel Museum Tinguely
Boris Mikhailov, Green series, 1991-1993
(Sprovieri, Londra), nella sezione Feature

Cory Arcangel, Untitled, 2015


(Lisson, Londra), nella sezione Unlimited
Mike Nelson, Cloak of rags, 2017
(Franco Noero, Torino), nella sezione Galleries

tempo di Art Basel: come sempre sar loccasione


per fare il punto dellultimo anno vissuto dal mer- SOLO NUMERI DA RECORD
cato dellarte, e indicher le tendenze dei prossimi
dodici mesi. Giunta alla 48a edizione, resta la fiera 27.500 metri quadrati di spazio espositivo per questa
edizione di Art Basel, tra le sezioni Galleries, Feature,
di arte contemporanea pi importante del mondo. Cos, dal
Unlimited, Statements, Edition e Magazines.
15 al 18 giugno, direttori di museo, artisti, collezionisti e ap-
passionati arriveranno a Basilea da tutto il mondo per visi- 95mila visitatori nelledizione 2016 di Art Basel.
tare gli stand di 291 gallerie provenienti da 34 Paesi, e acqui- 4mila artisti presenti con le loro opere alla 48a edizione
stare, o anche solo ammirare, le opere di 4mila artisti. Laffa- di Art Basel 2017.
scinante sezione Unlimited, una mostra di respiro museale 1970 lanno della prima edizione di Art Basel.
messa in scena per il sesto anno consecutivo da Gianni 76 le opere selezionate questanno dal curatore, Gianni
Jetzer, curatore dellHirshhorn museum di Washington, e Jetzer, per la sezione Unlimited di Art Basel, che occupa
dedicata alle opere monumentali, ai video, alle installazioni 16mila metri quadrati. La prima edizione risale al 2000.
e alle performance, sar come sempre ospitata nella Hall 1
IL MERCATO GLOBALE
DELLARTE VALE
56 MILIARDI DI DOLLARI

della fiera di Basilea, costruita nel 1999 dallar-


chitetto e collezionista svizzero Theo Hotz, e
ampliata nel 2013 dalle archistar Herzog & de
Meuron. Gli stand delle gallerie, le pi autore-
voli del mondo, divise nelle lle sezioni State-
ments, Feature e Edition, si troveranno invece
nella Hall 2 della fiera, progettata negli anni
Cinquanta del Novecento da Hans Hofmann.

REPORT DI UN ANNO. Il 2016 non stato un


anno record ma, come hanno confermato i Raymond Hains, Seita, 1966-67 Marino Marini, Cavaliere, 1951
primi mesi del 2017, i nu- (Georges-Philippe & N. Vallois, Parigi) (Galleria dello Scudo, Verona)
meri dellarte contempora-
nea sono ancora molto soli-
di. Secondo i dati raccolti e
analizzati da Arts Econo-
mics, unautorevole societ
di ricerche di mercato, per
un rapporto commissiona-
to proprio da Art Basel e
UBS, la banca che sponsor
storico della fiera, il merca-
to globale dellarte vale og-
gi 56 miliardi di dollari,
non troppo distante dallo
stupefacente record di 68,2
miliardi registrato nel 2014.
Larte contemporanea e
quella del Secondo dopo-
guerra pesano per il 52%
delle vendite, e il 41% delle
transazioni di questo seg-
mento del mercato riguar- Otto Dix, Frau Stutzner, 1932 Mario Nigro, Pennello a scacchi, 1950
da le opere di artisti viventi, (St. Etienne, New York) (A arte Invernizzi, Milano)
che hanno visto salire in
modo impressionante le loro quotazioni ne-
gli ultimi anni. In questo ricchissimo mare le
case dasta pescano il 26% del fatturato com-
plessivo, mentre le gallerie raccolgono, in
modo ovviamente molto pi parcellizzato, il
57%. Gli Stati Uniti la fanno da padrone, con
il 40% del mercato, ma la Gran Bretagna e la
Cina possono vantare quote del 21% e del
20%. Si calcola che nelle fiere internazionali
siano passate di mano, nel 2016, opere darte
contemporanea per un valore di 13,3 miliar-
di di dollari (erano stati 8,5 miliardi nel
2010), e il 34% degli acquirenti non erano
clienti abituali delle gallerie venditrici: sta
quindi emergendo una nuova generazione
di collezionisti. Nel campo dellarte lavorano
continua a pag. 145

Fredrik Vrslev, Untitled (Peach granite), 2016


(Gi Marconi, Milano)
142
Installazioni e opere
monumentali,
ecco Unlimited
Gianni Jetzer, curatore dello
Hirshhorn di Washington, ha
selezionato 76 lavori imperdibili
Enrico Castellani, Spazio ambiente, 1970
(Magazzino, Roma e Lvy Gorvy, Londra)

D a molti considerata unappassionante mostra museale


Foto Antonio Parente

di opere in vendita allinterno della fiera, Unlimited


propone 76 lavori, molti presentati da gallerie italiane. La
Zero di Milano espone uninstallazione di Yuri Ancarani in
collaborazione con la galleria Isabella Bartolozzi di Berlino,
mentre un lavoro di Massimo Bartolini sar portato ad
Unlimited da Massimo De Carlo (Milano), Magazzino
(Roma) e Frith Street (Londra). Magazzino espone,
in collaborazione con Lvy Gorvy (Londra e New York),
anche una storica e importante installazione di Enrico
Castellani, che risale al 1970. La galleria Continua porta
invece ad Unlimited Carlos Garaicoa, in collaborazione
con Luisa Strina di San Paolo del Brasile, e Subodh Gupta,
Richard Smith, Shuttle, 1975 grazie a una joint venture con Hauser & Wirth, la potente
(Gisela Capitain, Colonia) galleria internazionale con casa madre a
Zurigo; la galleria Artiaco di Napoli
espone uninstallazione di Giulio Paolini.
P420 di Bologna e Massimo Minini di
Brescia presentano una storica
installazione di Paolo Icaro, del 1967,
mentre Vistamare di Pescara, in
collaborazione con Tschudi di Zuoz, in
Svizzera, punta su Bethan Huws, lartista
concettuale gallese vincitrice, nel 2006, del
prestigioso premio BACA assegnato dal
Bonnefantenmuseum di Maastricht. La
Foto Ugo Mulas

galleria Sprovieri di Londra guarda invece


Bethan Huws, Larbre, alla Biennale di Venezia, e presenta un
Paolo Icaro, Metal forest, 1967 2016 (Vistamare, Pescara lavoro di Boris Mikhailov, protagonista fino
(P420, Bologna e Massimo Minini, Brescia) e Tschudi, Zuoz) a novembre del Padiglione dellUcraina.
Lisson espone una videoinstallazione di
John Akomfrah, mentre dal Padiglione della Gran Bretagna
della Biennale Hauser & Wirth porta ad Unlimited Phyllida
Barlow. Ricca la scelta tra larte contemporanea pi
raffinata, con i lavori di John Baldessari (Marian Goodman,
New York, e Sprth Magers, Berlino e Londra), Chris
Burden (Gagosian), Bruce Nauman (Sperone Westwater,
New York), Ragnar Kjartansson (Luhring Augustine, New
York e i8, Reykjavik), Carl Andre (Konrad Fischer,
Dsseldorf), Mike Kelley (Blondeau, Ginevra), Tacita Dean
(Marian Goodman, New York, e Frith Street, Londra) e
Philippe Parreno (Pilar Corrias, Londra). Un artista italiano,
Pier Paolo Calzolari, sar presente ad Unlimited grazie a
Marianne Boesky, New York, e Kamel Mennour, Parigi.
Giulio Paolini, Hortus clausus, 1981
(Artiaco, Napoli)
A Feature,
progetti curatoriali
di gran livello
Trentuno stand con mostre per-
sonali di artisti storici. E la grafica
numerata nella sezione Edition
Piero Manzoni, Achrome, 1958
(Mazzoleni, Torino e Londra)

L a sezione Feature dedicata ai progetti curatoriali,


attentamente selezionati tra quelli che numerose
gallerie internazionali avevano proposto nei mesi scorsi.
Negli stand si possono trovare mostre personali con
opere storiche di un solo artista, senza alcun limite det,
oppure confronti tra due artisti dalle poetiche diverse.
questa la strada scelta dalla gallerista milanese Raffaella
Cortese, che presenta un lavoro realizzato a quattro
mani, direttamente ad Art Basel, dalle artiste americane
Joan Jonas e Barbara Bloom. La galleria Mazzoleni di
Torino, che ha una sede anche a Londra, punta forte,
invece, su Piero Manzoni, dedicando lintero stand ai
suoi Achrome (1955-1963) e alle Linee (1959-1963), con
prezzi compresi tra uno e tre milioni di euro. Allo stand Mark Flood, 5000 Likes, 2015-2016
dello Studio Trisorio di Napoli invece di (Peres Project, Berlino)
scena Carlo Alfano, scomparso nel 1990. Tra le
proposte delle gallerie internazionali si segna-
lano in modo particolare gli stand dedicati a
Robert Ryman (Peter Blum, New York), Nam
June Paik (James Cohan, New York), Mark
Flood (Peres Project, Berlino) e Stephan
Balkenhol (Lhrl, Mnchengladbach). La gal-
leria berlinese Jorg Maass Kunsthandel pre-
senta invece una serie di dipinti e opere su
carta di Max Beckmann, straordinario protago-
nista dellEspressionismo tedesco, mentre due
gallerie londinesi, Hamiltons e Wilkinson,
espongono, rispettivamente, le immagini di uno
dei grandi fotografi del Novecento, Robert
Frank, protagonista nei mesi scorsi di una mo- Nam June Paik, TV Buddha, 1989
stra a Milano, e di Paolo Gioli, straordinario (James Cohan, New York)
sperimentatore della fotografia e tra i primi a
lavorare anche con la Polaroid.

EDITION. In questa sezione di Art Basel tro-


vano posto gli stand di 18 gallerie ed edito-
ri di multipli e grafica darte. Alcuni di essi
hanno scritto pagine importanti della storia
dellarte contemporanea, come Gemini
G.E.L. di Los Angeles, Brooke Alexander di
New York, Paragon e Alan Cristea di Lon-
dra, Lelong editions di Parigi, Polgrafa di
Barcellona, ULAE di West Islip (New York) e
Noire contemporary art di Torino. Robert Ryman, Untitled, 1961 Gordon Park, Park, 1956 (Jenkins
(Peter Blum, Los Angeles) Johnson, San Francisco e New York)
VENTI GALLERIE
ITALIANE CON ARTISTI
INTERNAZIONALI
segue da pag. 142
oggi, nel mondo, 3 milioni di persone e la
fetta pi importante del mercato non , sor-
prendentemente, quella delle quotazioni
multimilionarie, ma il cosiddetto middle mar-
ket, dai prezzi compresi tra 5mila e 50mila
euro, che raccoglie il 40% del valore comples-
sivo del mercato dellarte. Per quanto riguar-
da i primi mesi del 2017, infine, l80% dei
galleristi ha dichiarato di aver registrato un
Max Ernst, Femmes traversant..., Jordan Casteel, Twins, 2017 mercato stabile, o addirittura significativa-
1927 (Thomas, Monaco) (Casey Kaplan, New York) mente pi elevato rispetto al 2016.

GLI ITALIANI. Sono venti le gallerie italiane


presenti nelle varie sezioni della fiera. Qua-
si tutte hanno scelto di proporre una selezio-
ne di artisti internazionali. Tra questi, la
galleria Minini di Brescia, ad esempio, espo-
ne, accanto a Giovanni Anselmo (200mila
euro), anche i lavori di Anish Kapoor
(450mila euro), Sheila Hicks (95mila euro) e
Wilfredo Prieto (da 1,6mila euro, per i dise-
gni, a 18mila euro). Alfonso Artiaco, di Na-
poli, presenta le opere di Anri Sala, Lawren-
ce Weiner, Liam Gillick e Wolfgang Laib;
insieme a Michelangelo Pistoletto, nello
stand della galleria Continua di San Gimi-
gnano ci sono i lavori di Kader Attia, Anish
Kapoor e Pascale Marthine Tayou. Il milane-
se Gi Marconi punta, tra gli altri, su
Markus Schinwald (due dipinti a 25mila e
42mila euro), e la galleria Magazzino di Ro-
ma espone, accanto a unopera di Alessan-
dro Piangiamore, vincitore del Premio Cairo
nel 2015, anche le composizioni di Mircea
Cantor (45mila euro) e Pedro Cabrita Reis
(80mila euro). A arte Invernizzi di Milano
porta a Basilea Franois Morellet (80mila
euro) e Rodolfo Aric (75mila euro), oltre a
un raro dipinto di Mario Nigro del 1950.
Sempre da Milano la galleria Tega dedica il
suo stand allarte italiana dei primi anni Ses-
Lucio Fontana e la Fine di Dio santa del Novecento, con dipinti significati-
vi di Mario Schifano (450mila euro), Achille

T ra il 1963 e il 1964 Lucio Fontana realizz 38 tele ovali, di cm 178x123,


che costituiscono la summa della sua poetica: sono i Concetti spaziali
passati alla storia con il titolo di La fine di Dio, anche se per tutto
Perilli (90mila euro), Piero Dorazio (220mila
euro), Tano Festa (75mila euro) e Mimmo
Rotella (250mila euro). Punta forte sul me-
il 1963 lartista, negli scambi epistolari con il critico Enrico Crispolti e con glio dellarte italiana anche la Galleria dello
Beatrice Monti della Galleria dellAriete di Milano, continu a chiamarli Scudo di Verona, che propone, tra laltro, un
Concetti ovali, Quadri ovali o Le uova. Sogno proibito di collezionisti Cellotex di Alberto Burri, del 1992, un Cava-
e musei, registrano prezzi record in asta, lultimo da 27,2 milioni di euro, liere di Marino Marini, del 1951, e un grande
nel 2015, da Christies New York. Ad Art Basel la galleria Tornabuoni
dipinto di Emilio Vedova, del 1984. Franco
(Firenze, Parigi e Londra) ne espone quattro, accompagnandoli con
un volume che ne ricostruisce, con documenti inediti, la genesi e la storia.

145
AMPIA SCELTA:
OPERE IN VENDITA
DA 5MILA A
50 MILIONI DI EURO

Noero, il gallerista torinese pre-


sente nel comitato che seleziona
le gallerie che partecipano ad
Art Basel, porta una foto di Ro-
bert Mapplethorpe (70mila eu-
ro) e lavori di artisti del calibro
di Mark Handforth (70mila eu-
ro) e Mike Nelson (25mila euro).

GLI STRANIERI. Ad Art Basel


trionfano tutte le lingue
dellarte, la pittura come la
scultura e le installazioni, la fo-
tografia come il video, il dise-
gno come i multipli. Diverse Joan Jonas, Mirror piece, 1969 Pablo Picasso, Dora Maar, 1939
gallerie portano, come accade (Raffaella Cortese, Milano) (1900-2000, Parigi)
puntualmente ogni due anni,
gli artisti presenti nella mostra internazio-
nale e nei padiglioni nazionali della Bien-
nale di Venezia, altri puntano sullarte ita-
liana del Secondo dopoguerra, ormai defi-
nitivamente consacrata dalle Italian sales
organizzate ogni anno a Londra da Sothe-
bys e Christies. Non manca, come ogni
anno, un diluvio di blue chips del mercato
dellarte, da Mark Rothko e Andy Warhol a
Francis Bacon e Gerhard Richter, da Anselm
Kiefer a Jeff Koons e Damien Hirst, che sta
attirando grandi folle nelle sale di Palazzo
Grassi e Punta della Dogana, a Venezia, con
una personale sorprendente (vedi a pag. 125).
Multinazionali come Gagosian e Hauser &
Wirth, con sedi in mezzo mondo, autorevo-
li e storiche gallerie newyorkesi, come Bar-
Robin Rhode, Evergreen, 2017
bara Gladstone, Marian Goodman, Pace, (Stevenson, Johannesburg e Citt del Capo)
Paula Cooper, Matthew Mar-
ks, Luhring Augustine, Cheim
& Read e Sperone Westwater
offrono il meglio degli artisti
delle rispettive scuderie. Come
il fior fiore delle gallerie euro-
pee pi potenti, dalle londinesi
White Cube, Sadie Coles e Lis-
son (che ha una sede anche a
Milano) alle parigine Chantal
Crousel ed Emmanuel Perro-
tin, fino a Thaddaeus Ropac di
Salisburgo, che ha uno spazio
espositivo pure a Parigi. La Ei-
gen + Art di Berlino espone nel
continua a pag. 148

Sheila Hicks, Deep plunge, 2017 Tim Eitel, Open circle, 2017
(Massimo Minini, Brescia) (Eigen + Art, Berlino e Lipsia)
146
Mostre nei musei
e nelle fondazioni
A Basilea ci sono 37 musei, oltre alle sculture sparse
per la citt, come quella di Richard Serra e la fontana
di Jean Tinguely, collocate entrambe nella piazza
del teatro, accanto alla Kunsthalle. Alcune istituzioni, come
il Kunstmuseum, la Fondation Beyeler e il Vitra
di Weil am Rhein, hanno una straordinaria collezione
permanente. E poi c il ricco calendario di mostre
Wolfgang Tillmans,
temporanee che si inaugurano nei giorni di Art Basel.
Fondation Beyeler

KUNSTMUSEUM (St. Alban-Graben 16; www.


Paul Klee, kunstmuseumbasel.ch). Sono in agenda ben tre mostre:
Fondation Beyeler
The Hidden Czanne. From sketchbook
to canvas (dal 10 giugno al 24 settembre); Hola
Prado! (fino al 20 agosto), dove i capolavori del
Kunstmuseum dialogano con 26 dipinti prestati
dal museo di Madrid; Otto Freundlich: cosmic
communism (dal 10 giugno al 10 settembre).

MUSEUM FUR GEGENWARTSKUNST


(St.Alban-Rheinweg 60; www.kunstmuseumbasel.
ch). Qui di scena Richard Serra. Films
and videotapes (fino al 15 ottobre),
Yan Xing,
Kunsthalle con le sperimentazioni visive realizzate
dallo scultore americano tra il 1968 e il 1979.
Caroline Achaintre,
Ungestalt, Kunsthalle SCHAULAGER (Runchfeldstrasse 19, Mnchstein; www.
schaulager.org). La video installazione Olympia del belga
David Claerbout (1969) visibile fino al 22 ottobre.

FONDATION BEYELER (Baselstrasse 101, Riehen;


www.fondationbeyeler.ch). Nei giorni di Art Basel si
potranno visitare due mostre: Wolfgang Tillmans, (fino
Czanne, al 1 ottobre), la prima rassegna che la Beyeler dedica
The hidden Czanne, Kunstmuseum a un artista che usa la fotografia come mezzo
espressivo; Tino Sehgal (fino al 31 ottobre), una
personale dellartista tedesco, vincitore del Leone
doro alla Biennale di Venezia nel 2013. Per
lautunno poi attesissima la mostra dedicata
a Paul Klee (dal 1 ottobre al 21 gennaio 2018).
Hans Holbein,
Hola Prado!, Kunstmuseum MUSEUM TINGUELY (Paul Sacher-Anlage 2;
www.tinguely.ch) propone Wim Delvoye (dal 14
giugno al 1 gennaio 2018), la prima mostra
dellartista belga organizzata in Svizzera, e Jrme
Wim Delvoye,
Museum Tinguely Zonder. The dancing room (fino al 1 novembre).

KUNSTHALLE (Steinenberg 7; www.


kunsthallebasel.ch). Lo spazio espositivo dedicato alle
nuove tendenze propone Ungestalt (fino al 13 agosto)
e Yan Xing (dal 2 giugno al 27 agosto).

VITRA (Charles-Eames-Strasse 2, Weil am Rhein;


www.design-museum.de): Monobloc. A chair for the
world, in calendario fino al 9 luglio.
Otto Freundlich, Richard Serra,
Kunstmuseum Museum fr Gegenwartskunst
Dove, come e quanto costa, tutte le informazioni pratiche
B asilea si trova al confine tra la 18 giugno, dalle 11 alle 19. Il biglietto
Art Basel

Svizzera, la Francia e la Germania costa 60 franchi svizzeri (54 euro), ma


ed facilmente raggiungibile in treno se acquistato in anticipo online costa
con i collegamenti Eurocity da Milano. 50 franchi (46 euro). Studenti e over 65
Con la tariffa Smart si pu viaggiare pagano 40 franchi (37 euro). I biglietti
a partire da 29 euro a tratta in seconda per due giorni costano 100 franchi
classe, e da 69 euro a tratta in prima (91 euro) se acquistati alla biglietteria,
classe (Info: www.svizzera.it/intreno; 90 franchi (82 euro) online; infine,
tel. 00800-10020030). I biglietti si lingresso per tutti i quattro giorni di Art
possono acquistare su www.trenitalia.it Basel costa 140 franchi (128 euro),
in modalit ticketless. o 130 franchi online (120 euro).
Per trovare sistemazione per la notte
Art Basel (Messeplatz 20, nella foto in citt ci si pu rivolgere a Basel
accanto) aperta al pubblico dal 15 al Tourism, guestservice@basel.com

TRA LE PROPOSTE,
RITRATTO DI DORA MAAR
DIPINTO DA PICASSO
segue da pag. 146
suo stand alcuni grandi dipinti recenti di
Neo Rauch, David Schnell e Tim Eitel. La
presenza ad Art Basel, gi annunciata, di
alcuni capolavori della prima met del No-
vecento ha creato grandi aspettative per
prezzi di vendita nellordine delle decine di
milioni di euro. il caso di un ritratto di
Dora Maar dipinto nel 1939 da Pablo Picas-
so, che offerto dalla galleria 1900-2000 di
Parigi, di un prezioso Otto Dix del 1932 pre-
sentato dalla galleria St. Etienne di New
York e di una tela surrealista di Max Ernst,
Carlo Alfano, Stanza per voci, Archivio delle nominazioni, Femmes traversant une rivire en criant, del
1968-1969 (Studio Trisorio, Napoli) 1927, che viene proposta nello stand della
galleria Thomas di Monaco di Baviera.

STATEMENTS. Questa sezione di Art Basel


riservata alle gallerie, attentamente sele-
zionate ogni anno, che presentano nel pro-
prio stand la personale di un giovane artista
emergente. Molti collezionisti internaziona-
li, tra i pi avveduti, dedicano sempre del
tempo alla visita di Statements: qui, infatti,
nel corso degli ultimi due decenni, hanno
fatto la loro prima apparizione, a livello in-
ternazionale, artisti oggi celebri, come Wil-
liam Kentridge, Ernesto Neto, Elizabeth
Peyton, Ugo Rondinone, Kara Walker, Gha-
da Amer, Pierre Huyghe, Kader Attia e Va-
nessa Beecroft, tra gli altri.

ART BASEL. Basilea (Messeplatz 10,


Tano Festa, Le direzioni del cielo, Pascale M. Tayou, Masque, www.artbasel.com/basel). Dal 15 al 18 giugno.
1965 (Tega, Milano) 2016 (Continua, San Gimignano) Biglietto 54 euro (online 46 euro).

148
PREMIO INTERNAZIONALE
DARTE CONTEMPORAREA
PITTURA - FOTOGRAFIA
DIGITAL ART - GRAFICA
www.premiolynx.com
DEADLINE POSTICIPATA AL 9 LUGLIO

4 premi in denaro 3 mostre dei finalisti

10 premi espositivi 1 premio Under-21

SELEZIONE SPECIALE EVENTI COLLATERALI


5 ARTISTI SELEZIONATI PER OGNI REGIONE ITALIANA
A HUMLEBK

Unimmagine di
Imponderabilia,
la performance
realizzata da
Ulay e Marina
Abramovic nel
1977 alla Gal-
leria comunale
dar te moder -
na di Bologna.

ABRAMOVIC
Il corpo tra violenza e quiete
Al Louisiana le opere della regina della performance.
Da quelle con Ulay agli ultimi lavori pi intensi e silenziosi
D I S A B I N A S PA DA
1

Q
uando Marina Abramovic lit di Balkan Baroque, alla Biennale di DUE ANIME ANTITETICHE. Fin
(Belgrado, 1946) mi sorrise Venezia del 1997, accompagnano dallinizio, le opere mirano a trasfor-
e mi appoggi delicata- come una costante il percorso dellar- mare chi le osserva o, meglio, chi le
mente le mani sulle spalle, tista, e lo si capisce molto bene visi- vive, provocando il passaggio da uno
per controllare che il mio camice can- tando lampia retrospettiva The clea- stato mentale a un altro, mediante
dido fosse ben allacciato, pensai ine- ner, ora in corso al Louisiana mu- levocazione di tipi di energia diver-
vitabilmente allaltra volta in cui la- seum di Humlebk. Lo si capisce fin si e opposti. Gi nei primi lavori, di-
vevo vista di persona. E rivissi lodo- dalla prima opera che il visitatore pinti e disegni realizzati quando
re di quel momento, 15 anni prima, invitato ad attraversare per avere ac- Abramovic era unadolescente di-
un fetore nauseabondo, intollerabile, cesso agli spazi espositivi. Sound cor- speratamente goffa e infelice, come
osceno, proveniente dalla montagna ridor (War), realizzata nel 1972 al Cen- si legge nella sua autobiografia, le
di ossa insanguinate, piene di bran- tro studentesco di Belgrado, un due anime antitetiche e complemen-
delli di carne putrescente e vermino- passaggio vuoto, dove si viene assor- tari sono evidenti. I soggetti di queste
sa, su cui lei stava seduta, cantando dati da raffiche di mitragliatrice. De- opere giovanili, molte delle quali so-
nenie serbe. Stavo per essere guidata sideravo che gli spettatori fossero no esposte ora per la prima volta,
dallartista in una sua performance a uccisi dal suono, spieg lei pi avan- sono devastanti collisioni tra camion
base di silenzio, meditazione, puri- ti, in modo che, dopo, si creasse uno e leggere nuvole sospese su superfici
ficazione, calma interiore, serena con- spazio silenzioso. piatte. La violenza e la calma, il fra-
centrazione, e la puzza tremenda, stuono e il silenzio. La stessa alter-
accresciuta dal caldo torrido di quella nanza si ritrova nelle prime perfor-
lontana estate veneziana, tornava a
IN OGNI SUO LAVORO mance di Abramovic, quando passa-
tormentarmi con violenza. Le atmo- LO SPETTATORE va da spasmi epilettici a unimmobi-
sfere contrastanti delle due esperien- PASSA DA UNO STATO lit catatonica grazie allassunzione
ze, larmonia di The Abramovic method, MENTALE A UN ALTRO di farmaci, sveniva per avere inalato
al Pac di Milano nel 2012, e la bruta- troppa aria da un potente ventilatore

152
2

industriale o per essersi intrappolata


in una gabbia di fuoco a forma di stel-
la, oppure, ancora, restava impassibi-
le mentre perfetti sconosciuti la sot-
toponevano a ogni genere di umi-
liante tortura, tagliandole gli abiti,
affondandole spine nella carne, fe-
rendola o baciandola. Quasi trenten-
ne, allepoca di quelle performance
doveva rispettare il coprifuoco delle
22 imposto da sua madre, la quale, in
caso di ritardo, la pestava a sangue.

LAVORARE SUL VISSUTO. Non


difficile rivedere in ogni opera, dai
primi anni Sessanta fino a oggi, la
durissima infanzia della figlia di due
partigiani di Tito, eroi di guerra, che
le insegnarono una ferrea disciplina
e nessun affetto, per mezzo di puni-
3 zioni, privazioni, colpevolizzazioni.
Se sua madre, per educarla allordi-
1 Ulay e Marina Abramovic
nella performance Rest energy, 1980, frame da video
(4:04 minuti). 2 Unimmagine della performance The artist is present tenuta al
ne, la svegliava nel cuore della notte
Moma di New York tra marzo e maggio 2010. 3 Ulay e Marina Abramovic nella e la picchiava perch aveva sgualcito
performance AAA-AAA, 1978, frame da video (12:57 minuti). le lenzuola nel sonno, suo padre le

153
4

insegn a nuotare buttandola da una 4 Marina Abramovic , The hero, 2001, frame da video (14:21 minuti). 5 Un ritratto di
barca in mezzo al mare e allontanan- Marina Abramovic durante la perfomance The artist is present al Moma di New York.
6 Balkan baroque, 1997, performance realizzata alla Biennale di Venezia nel 1997.
dosi senza girarsi a vedere se stesse
annegando. Rievocare la sua vita non
morbosa curiosit ma indispensa-
bile per comprendere la sua arte: Le Il record dasta supera i 300mila euro
origini, la provenienza, leredit
culturale rivestono unimportanza
cruciale per un artista, ha spiegato
N el 2015 Christies ha stabilito il record dasta di Marina Abramovic,
aggiudicando a 325mila euro The complete performances 1973-1975,
due foto di cm 75,5x100,3 stampate in 16 esemplari. Altre due immagini,
lei stessa. Credo che la maggior par- pubblicate in 7 e 9 esemplari,
te degli artisti tragga ispirazione e sono passate in asta nel 2014
materiale su cui lavorare dal proprio a 87mila e 104mila euro,
vissuto. E proprio lungo il percorso mentre una polaroid del
della sua biografia continua a sno- 1984, Modus vivendi (cm
darsi la mostra, che prosegue con le 232x117, esemplare unico),
performance realizzate insieme a stata battuta a 95mila euro,
Ulay, nome darte di Frank Uwe Lay- nel 2014, da Christies. Una
siepen (Solingen, 1943), compagno grande scultura in ferro del
1996, Chair for non-human
use (cm 700), stata venduta
ORIGINI ED EREDIT nel 2011, da Christies, a
CULTURALE SONO 95mila euro. Abramovic la-
vora a New York con Sean
FONDAMENTALI Kelly, a Londra con Lisson e
PER UN ARTISTA a Ginevra con Guy Brtschi.

154
6

nella vita e nellarte dal 1976 al 1989. gie contadine, il ricordo delleroico Una fatica immane, con dolori in-
Tra le performance pi celebri realiz- padre sono protagonisti di Balkan sopportabili alle costole e alla schie-
zate insieme, Imponderabilia, tenuta a baroque, The hero, Balkan erotic epic, il na, e la consapevolezza di riconosce-
Bologna nel 1977: Marina e Ulay, nu- cui immaginario integrato dalla re tanta sofferenza e tanta solitudine
di, stanno uno di fronte allaltra sullo collezione di memorie personali di nelle persone, trasmesse cos inten-
stretto ingresso dello spazio espositi- Private archaeology: quattro cassettiere samente grazie alla comunicazione
vo, in modo che i visitatori debbano di legno che contengono oggetti, fo- non verbale. Alla fine, ero in uno
mettersi di sbieco per entrare. Im- tografie, estratti di libri, ritratti di stato di sfinimento fisico e mentale
ponderabile la scelta se fronteggia- persone, tutte fonti importanti per lo mai provato prima, ha raccontato
re luomo nudo o la donna nuda. sviluppo delle opere. lartista, tutti i miei punti di vista, le
Sempre con il compagno, Rest of ener- cose che fino a quel momento mi era-
gy (1980) lestrema rappresentazio- LA POTENZA DI UNO SGUARDO. no sembrate importanti, la mia vita
ne della fiducia: lei tiene un arco, lui Avviandosi verso la fine del percor- quotidiana, quello che mi piaceva
ne tende la corda e regge la base di so espositivo, che accompagna il oppure no era tutto capovolto.
una freccia, puntata al cuore di lei. visitatore in una sorta di rito di ini- Alla fine, il percorso esistenziale e
Entrambi sbilanciati, tirano dalla ziazione, le performance documen- artistico, dopo azioni estreme, pene
propria parte, in una situazione di tate dai video si fanno pi silenziose autoinflitte, situazioni insostenibili,
tensione costante, con il rischio che la e pacate, ma non per questo meno prove dolorosissime, arriva dove
freccia parta. Dopo la rottura con intense. Per The artist is present possibile trovare il senso: nello
Ulay, simbolicamente sancita dalla (2010), al Moma di New York, Abra- sguardo di un altro essere umano.
celebre camminata sulla Grande movic rimasta seduta immobile
Muraglia cinese (The lovers, 1988), sette ore al giorno, per tre mesi, a
MARINA ABRAMOVIC. THE CLEANER.
segue, anche in mostra, un ciclo di guardare negli occhi chiunque le si Humlebk, Louisiana museum
lavori dedicati ai Balcani. La guerra sedesse davanti, senza bere, senza (www.louisiana.dk). Dal 17 giugno
in Jugoslavia, le tradizioni, le mitolo- mangiare, senza andare in bagno. al 22 ottobre. Catalogo Hatje Cantz.

155
A FRANCOFORTE

CLASSE BECHER
Una nuova storia della fotografia
Le rigorose immagini dei coniugi tedeschi in dialogo con
le opere dei loro celebri allievi, da Gursky a Hfer, a Struth
di Manuela Brevi

N
ella classe di fotografia fondata da Bernd e Hilla cettuale che, mai come prima, la pose sullo stesso livello di
Becher allAccademia di belle arti di Dsseldorf, forme darte pi storiche e consolidate, in primis la pittura.
tra la met degli anni Settanta e la fine dei No- Tutto ci che ha a che fare con la produzione di immagini
vanta, si comp una vera e propria rivoluzione. I pu essere artistico, insegnavano i maestri. Alla Scuola
coniugi tedeschi aprirono le porte a un nuovo modo di fare dei Becher, come la defin per la prima volta nel 1988 la
e pensare la fotografia, caricandola di un apparato con- critica darte tedesca Isabelle Graw in seguito spesso

156
Bernd e Hilla Becher, Half-timber house, 1959-61/1974, stampa allargento su carta baritata, cm 152,4x112,5. NELLA PAGINA
A SINISTRA, Thomas Ruff, Interior 1 D, 1982, stampa cromogenica a colori, cm 47x57.

157
1

chiamata anche Scuola di Dssel- giche, il paesaggio industriale tede- re grazie a, e non malgrado, la man-
dorf si formarono tre generazioni sco stava rapidamente cambiando e canza di creativit formale. Questa
di fotografi, molti dei quali riusci- i Becher cominciano a scattare e a rac- freddezza e ordinariet delle imma-
rono a rielaborare gli insegnamenti cogliere fotografie delle architetture gini era inoltre accentuata dalla loro
dei maestri in percorsi autonomi e che ne avevano definito il volto, con particolare presentazione, sempre di-
originali, spingendo a loro volta lim- lo scopo di preservarle per i posteri sposte a gruppi da 6 a 24 secondo due
magine verso orizzonti inaspettati. prima che sparissero una volta per criteri fondamentali: uno era tematico
Una mostra allo Stdel Museum tutte. Gasometri, ciminiere, silos, tor- e di somiglianze tra diversi edifici;
di Francoforte fa ora luce su questa ri di raffreddamento, essiccatoi, alti- laltro proponeva invece lo stesso sog-
grande stagione, affiancando le ope- forni e forni da calcina abbandonati getto colto da diversi punti di vista.
re dei maestri a quelle di alcuni dei diventano i soggetti esclusivi di una
loro allievi: dai famosissimi Andreas rigorosa catalogazione che, partendo UNA GRANDE EREDIT. Lapproc-
Gursky, Candida Hfer, Axel Ht- dalla regione della Ruhr, si estende cio concettuale, la serialit, il rigore
te, Thomas Ruff e Thomas Struth presto anche a Francia, Gran Breta- compositivo e formale, le atmosfe-
ai meno conosciuti Volker Dhne, gna, Lussemburgo, Belgio e Stati Uni- re sospese e la preferenza per spazi
Tata Ronkholz, Jrg Sasse e Petra ti. Per raggiungere il pi alto grado di architettonici e i luoghi dellabitare
Wunderlich. Oltre 200 immagini, re- anonimato e oggettivit, ogni foto- sono leredit che i Becher hanno la-
alizzate tra gli anni Ottanta e Novan- grafia, rigorosamente in bianco e ne- sciato ai propri allievi, accanto a una
ta, che raccontano la nascita di una ro, doveva fissare il soggetto frontal- chiara consapevolezza del valore ar-
nuova storia della fotografia. mente e a met altezza, senza alcuna tistico del proprio operare. Per Bernd
sfumatura, effetto artistico o presenza Becher, era importante rendere con-
IMMAGINI ORDINARIE. il 1976 animata, e con le stesse condizioni di sapevoli gli studenti che stavano fa-
quando Bernd (1931-2007) e Hilla luce restituite da un cielo nuvoloso cendo qualcosa dello stesso valore
(1934-2015) Becher fondano la loro grigio-chiaro che non concede om- della pittura. Ho sempre spiegato lo-
classe di fotografia. Coppia nella vi- bre troppo nette. Sulla scia dei gran- ro che il lavoro non doveva avere per
ta e nellarte, si erano conosciuti in di fotografi della Nuova oggettivit forza unutilit pratica. Anzi, questa
unagenzia pubblicitaria a Dsseldorf tedesca, come August Sander, Karl era una discriminante. In uninter-
nel 1957 e avevano iniziato a lavorare Blossfeldt e Albert Renger-Patzsch, vista, Thomas Struth (1954) racconta-
insieme due anni dopo. In seguito alle ci che cercavano i Becher era dunque va dellenorme influenza che questo
grandi rivoluzioni sociali e tecnolo- un soggetto che risultasse peculia- approccio pedagogico ebbe su di lui

158
2

e su altri studenti: Erano insegnanti


APPROCCIO CONCETTUALE, ATMOSFERE fantastici, perch, oltre a introdurci
SOSPESE, RIGORE COMPOSITIVO E FORMALE alla storia della fotografia e alle sue
grandi figure, mostravano la com-
plessit delle connessioni tra le co-
se. Con Bernd e Hilla non si parlava
solo di fotografia: discutevamo di ci-
nema, giornalismo, letteratura, tutte
questioni ampie e impegnative. Tra
gli allievi dei Becher, Struth sar pro-
prio quello che pi avviciner lim-
magine fotografica a quella pittorica.
La sua originale passione per la pit-
tura (allaccademia di Dsseldorf si
era iscritto inizialmente alla classe di
Gerhard Richter) si realizzer infatti
dietro lobiettivo perch, anche gra-
zie ai suoi maestri, comprender che
nella fotografia cera gi tutto quello
che volevo mostrare. I suoi intrigan-
ti Family portraits e le sue celebri Mu-
seum photographs, simili per formato
e colore alle grandi pale daltare, sono
infatti immagini fortemente sim-
boliche che rivelano tutto linteres-
3 se dellartista per la storia dellarte e
1 Andreas Gursky, Doorman, Passport control 1982, 2007, stampa allinchio-
per le tante relazioni che si possono
stro, cm 43,2x52,5. 2 Jrg Sasse, 1546, 1993, stampa cromogenica a colori, condensare allinterno di una singola
cm 137x200. 3 Thomas Struth, The Consolandi family, Mailand, 1996, 2014, immagine. Pi distaccata e asettica
stampa allargento su carta baritata, cm 178x214,2. lopera di Candida Hfer (1944),

159
4

4 Candida Hfer, Bibliothque nationale de France Paris XIII 1998, 1998, stampa la pi anziana del gruppo. I suoi ri-
cromogenica a colori, cm 155x215. 5 Axel Htte, Moedling house, 1982-84, tratti di interni importanti (chiese,
stampa allargento su carta baritata, cm 66x80. teatri, musei, biblioteche, banche,
universit), sempre ricchi di dettagli
ma privi di persone, incantano per
le qualit geometriche, i colori raffi-
nati e i rapporti tra spazio e luce. Co-
me lei anche Andreas Gursky (1955)
ha focalizzato la propria ricerca sui
luoghi in cui viviamo. Le sue visioni
panoramiche, spettacolari al limite
del reale, combinano con laiuto del
digitale uninfinit di particolari per
restituirci limmagine di un mondo
in balia dei media, del consumismo
e dellintrattenimento, dove luomo
compare spesso come parte di una
folla indistinta. Ma chi ha spinto pi
lontano leredit dei Becher, analiz-
zando e sperimentando ogni tecnica
e declinazione del linguaggio foto-
5 grafico, stato Thomas Ruff (1958).
Ed proprio a lui che, non a caso,
toccato ricoprire tra il 2000 e il 2006 la
Quotazioni fino a 3 milioni di euro storica cattedra dei maestri allacca-
demia di Dsseldorf.
N egli ultimi anni le fotografie dei Becher e dei loro allievi hanno raggiunto prezzi
sorprendenti nelle aste internazionali. Le opere pi pagate sono quelle di
Andreas Gursky (record di 3.146.000 euro per Rhein li, 1999), Thomas Struth PHOTOGRAPHS BECOME PICTURES.
(record di 965mila euro per uno scatto del Pantheon di Roma, 1990), Thomas Ruff THE BECHER CLASS. Francoforte,
(record di 227mila euro per Jpeg Pt1, 2006) e Candida Hfer (record di 109mila Stdel Museum (www.staedelmuseum.
euro per un ritratto della Biblioteca dellUniversit di Coimbra, 2006). Il record dei de). Fino al 13 agosto.
Becher di 411mila euro per Wassertrme, 1972. In Italia il testo pi completo su
questo gruppo edito da Johan & Levi (La scuola di Dsseldorf, 2010, 68 euro).

160
SABRINA BERTOLELLI
www.sabrinabertolelli.com - info@sabrinabertolelli.com

artista partecipante al collettivo El Circulo Magico

Guatemala Pavilion
Biennale Arte 2017

SABRINA BERTOLELLI la
ar tista marge
Curated by
daniele radini tedeschi
Commissioner
Jos Luis Chea urruela

Coordinator Italy Guatemala


elsie Wunderlich

artists
Csar barrios , Lourdes de la riva

elsie Wunderlich, abrazo con la Naturaleza, bronze, 2,12 x 1,56 mt. 2017
arturo Monroy, andrea Prandi
erminio tansini, elsie Wunderlich
el crculo mgico (Mirella barberio, aldo basili
Sabrina bertolelli, daniele bongiovanni
Giancarlo Flati, Stefano di Loreto
Carlo Marraffa, roberto Miniati)

Palazzo albrizzi-Capello, Cannaregio, Venice


May 13th to November 26th 2017
Opening hours
from 10.00 am to 6.00 pm
closed on Monday

Free eNtraNCe
www.biennaleguatemala.com
SuPPOrterS

CONTEMPORARY-FLOWER...! tecnica mista installazione scultura cinetica


misure totali dellopera cm 187 x 70 diametro
misure complessive opera con base elettrica rotante 210 x 86 cm
anno 2017 - autore: Sabrina Bertolelli
A MODENA

Wainer
Vaccari
Enigmi, calembour e fanta-
sie, disseminati dallartista
modenese in una pittura vi-
sionaria e destabilizzante
D I A L B E R T O F I Z
Wainer Vacca-
ri, Senza titolo,

S
201 5, olio su
tela, cm 80x60. econdo Wainer Vaccari (Modena, 1949) il secolo
Lopera in mo- appena trascorso si pu riassumere cos: un pu-
stra nella sua gile stanco, seduto sul marciapiede, accanto a un
personale in orinatoio spezzato a met con a fianco unombra
corso fino al
30 giugno nella
inquietante. Il grande dipinto di quasi due metri, intito-
galleria Mazzoli lato Novecento, apre simbolicamente Visioni diverse, la sua
di Modena. personale in corso alla galleria Mazzoli fino al 30 giugno.

163
Nei miei lavori inserisco particelle poetiche,
che si incastonano come tasselli di un mosaico
Uno sberleffo a Marcel Duchamp che, mostra personale nello spazio di Maz- fluide e pulviscolari della pittura dis-
pi di ogni altro, ha condizionato le- zoli, dove Vaccari aveva gi esposto seminata si ricompattano intorno a
stetica sino a soffocarla: Lavanguar- nel 1982, nel 1983 e nel 2001. forme generatrici che, di volta in volta,
dia non pu durare centanni. Altri- verificano la loro esistenza scuotendo
menti diventa retroguardia, sbotta PITTURA INDOMITA. Per lartista i dalla sonnolenza e dalla noia lo spet-
Vaccari che non sopporta pi i ready- numeri contano, visto che non solo tatore. Da questo costante work in
made ripetuti allinfinito: La pittura un buon giocatore di scacchi, ma da progress emerge un processo seman-
stata sepolta da un conformismo una decina danni legge quasi esclusi- tico (lo si potrebbe chiamare per sem-
concettuale e poverista che non ha vamente saggi di matematica, scienza plicit neodivisionismo) che si allinea
pi alcuna necessit. Ma gli scara- e fisica. Unossessione che ha ampie ai paradossi dellindeterminazione e
mantici meglio che lo sappiano su- ricadute sugli esiti recenti della sua della fisica quantistica. Vaccari, scri-
bito: sono 17+1 (il suo autoritratto) i indagine pittorica. Alla figurazione ve Flavio Arensi nel saggio che accom-
dipinti esposti nella rassegna mode- sospesa e un po algida degli anni Ot- pagna la mostra da Mazzoli, destrut-
nese, una scelta non casuale visto che tanta e Novanta, si andata sostituen- tura il dipingere e rende pi evidenti
proprio nel 1917 Duchamp ha realiz- do una ricerca assai pi ambigua e le tracce mnemoniche poich sempre
zato Fountain, lorinatoio rovesciato. problematica, caratterizzata da pen- pi egli tratta di ricostruire il veduto
Sempre nel 1917 scoppiata la Rivo- nellate impreviste e segni indomiti che secondo uno sforzo mentale anzich
luzione dOttobre e, passando a even- eliminano ogni presunta oggettivit a anatomico, ossia renderlo come ele-
ti decisamente meno sensazionali, un immaginario che non rinuncia al mento nucleare ed energetico che
sono trascorsi 17 anni dalla sua ultima caos, ma tenta di governarlo. Le trame muove nel tempo e nello spazio.

1
Prezzi ancora
accessibili
I l principale riferimento
per lopera di Wainer
Vaccari la galleria Mazzoli
DAI PUGILI AI POLITICI. Per una de-
cina danni lartista ha volutamente
di Modena (tel. 059-243455). messo in crisi il proprio lavoro por-
Sono poche le occasioni tando, spesso, alle estreme conse-
per vedere le sue opere guenze il processo di sperimentazio-
allasta e laggiudicazione ne attraverso una serie di ritratti dove
pi elevata risale al 2008,
dellattualit veniva descritto il lato
quando George Foreman,
grottesco. Cos, ai pugili, grande pas-
un dipinto della serie
dei pugili, stato venduto sione di Vaccari, si alternavano poli-
da Meeting Art per 8mila tici come Silvio Berlusconi e Umberto
euro. Sul fronte privato Bossi, insieme ad amanti e pornostar
i prezzi dei dipinti spaziano intesi come stereotipi del circo media-
generalmente dai 10mila tico, tanto che venivano indicati senza
ai 25mila euro. I disegni, il loro nome con lanonima dicitura
invece, sono disponibili Senza titolo. Un cocktail, tuttavia, tal-
4 anche a mille euro. volta eccessivo e ridondante, dove la
pittura rischiava di essere travolta
1 Wainer Vaccari, La Signora Gdel, 2017, olio su tela, cm 100x90. 2 Sono soli
dalla cronaca e dal gossip. Ora larti-
loro, 2017, olio su tela, cm 80x100. 3 Mezzogiorno, 2017, olio su tela, cm 100x80. sta ha saputo trovare la giusta media-
4 Autoritratto, 2015, olio su tela, cm 40x30. zione tra la forza introiettiva di une-

165
Non rinuncia al caos,
cerca di dominarlo

5 6
5 Wainer Vaccari, Lorelei per sempre, 2016, olio su tela, cm 100x80. 6 Di torre in torre, 2016, olio su tela, cm 150x100.

stetica rinnovata e un mondo perso- na tra i muri e salgono persino sulla nicione di un condominio modenese
nale, autenticamente visionario e Ghirlandina, la torre campanaria del o imbattersi nella mitica signora
sempre destabilizzante. Senza retro- Duomo di Modena. Vaccari aveva gi Gdel, la moglie presunta del celebre
cedere dalle proprie posizioni, Vacca- svelato tutto in un poetico scritto del matematico che, contro ogni logica,
ri ha abbassato i toni e le cromie con- 1986: Popoler di nuovo questa ter- mette in mostra il sesso ma tiene rigo-
centrandosi sulle strutture composi- ra, amico: saranno esseri, uomini, rosamente coperto il volto, forse per
tive rese efficaci da particolari formal- donne, animali, un po matti. Li sca- non smentire i dettami islamici. Sono
mente verosimili in un contesto assur- raventer con forza nelle nostre livide fantasie, calembour, enigmi, rebus
do quanto misterioso. Se la materia vallate e sempre, sempre dovranno (compare persino il gatto di Schrdin-
fatta di particelle, dice, quelle che indicarci i percorsi e i luoghi pi na- ger, un paradosso scientifico proposto
inserisco nei miei lavori sono particel- scosti, le citt pi ebbre e immorali, dal fisico austriaco secondo cui il felino
le poetiche che sincastonano come pazze, non sante!... Piccole orde di pu essere allo stesso tempo morto e
tasselli di un mosaico. La pittura gentili bipedi occuperanno campa- vivo) di un giocoliere visionario che ha
tormentata scivola sulla tela inse- gne e piazze... formidabili costruttori imparato la lezione da maestri come
guendo i suoi personaggi che, come tutti dipinti. Tutti gi per terra; l Johann Heinrich Fssli, Arnold Bc-
neonati dalla fisionomia adulta (in dove nessuno guarda tra tubature, klin e Alfred Kubin.
molti di loro non difficile rintraccia- grate e tombini, si nascondono i guar-
re il volto dellartista o i suoi alter diani invisibili della citt in un con- WAINER VACCARI VISIONI DIVERSE.
ego), osservano il mondo dal basso, testo dove si pu incontrare la sirena Modena, galleria Mazzoli (www.
scalano le pareti, entrano in fila india- Lorelei con la lira appoggiata sul cor- galleriamazzoli.it). Fino al 30 giugno.

166
CAMILLA ANCILOTTO
Mutaforma
24 Giugno 8 Ottobre 2017
Spoleto, Palazzo Collicola Arti Visive
www.palazzocollicola.eu

www.camillaancilotto.com
Giuliana Maddalena Fusari

LAlbero di Vincent, 2002, acrilici su raso, cuciture in lana mohair, cm 36x29

Continua la PERSONALE a LE BANQUE Art Lounge Gallery, in Via Bassano Porrone 6 (zona Duomo)
a MILANO fino al 6 giugno. Inaugurazione il 19 maggio con musica dal vivo, gruppo Jazz, canto lirico,
sfilata di moda. Giuliana M Fusari ha letto le proprie Poesie. Durante linaugurazione a sorpresa le stato
conferito il Gran Premio BELLE ARTI MILANO X Edizione, 2 Classificato per lopera LAlbero di Vincent.

Esposizione e Concorso ARTE SALERNO 2017, Palazzo Fruscione, SALERNO.


4 - 11 giugno. Inaugurazione Domenica 4 con VITTORIO SGARBI.
Domenica 11 Premiazione alla Stazione Marittima con la presenza di DANIELE RADINI TEDESCHI,
di VITTORIO SGARBI e del Sindaco di Salerno Vincenzo Napoli.
Si esibiranno i Neri per caso e altri ospiti del mondo dello spettacolo.

PARMA, 16 - 29 giugno, Stars of Art, (mostra itinerante Tivoli, Bologna, Parma e Praga)
Galleria SantAndrea, Ex Monastero di SantAndrea. Curatori Roberto e Gabriele Giuliani.

BMM Biennale Museo MIIT, mostra vinta allInternazionale ItaliaArte


dal 21 aprile al 3 maggio. TORINO, corso Cairoli 4. Curatore Guido Folco

via Cappello, 49 - 37121 Verona - tel. 045 8036589 - e-mail: giulianammfusari@gmail.com


IN GALLERIA
di Cristiana Campanini

MILANO Gli aforismi di neon colorati BARI Lo sguardo ironico e surreale


di Maurizio Nannucci ........................... 170 di Rita Casdia sul mondo..................... 176
MILANO Il Carnevale ambrosiano NAPOLI Installazioni ambientali
di Calixto Ramirez ................................ 172 e dipinti di Salvatore Emblema ............ 177
MILANO Il Purgatorio di Dan Colen ROMA La filosofia del lucky loser
e il web di Andra Ursuta ...................... 174 secondo Davide Monaldi ..................... 178
MILANO Miroslaw Balka TORRE PELLICE Le vertiginose
riflette sul concetto di tempo ............... 174 e dinamiche sculture di Tony Cragg.... 178

ORIZZONTI EMOTIVI. Sono come carte


mosse dal vento i fogli di legno colorato
esposti da Vistamare (largo dei Frenta-
ni 13, Pescara, tel. 085-694570) fino al
23 giugno. Si tratta di dipinti fronte-retro
che compongono Carte, appunto, lieve
installazione a parete che costituisce il
cuore della personale di Ettore Spalletti
(Cappelle sul Tavo, Pescara, 1940). Nel
suo lavoro, lartista fa vibrare gamme
di colori tenui, in una tessitura di pig-
menti stesi con lentezza, che delineano
unopera intensa e poetica sempre a
cavallo tra pittura e scultura (nella fo-
to, uno scorcio dello studio di Spalletti
a Cappelle sul Tavo). In mostra anche
alcuni lavori del 2016, oltre a una serie
di sperimentazioni degli anni Novanta.
IN GALLERIA MILANO

Gli aforismi al neon


di Maurizio Nannucci
VIA BONAVENTURA CAVALIERI 6. Fino al 22 luglio, que-
siti esistenziali si accendono nelle installazioni lumino-
se di Maurizio Nannucci (Firenze, 1939) alla Galleria
Fumagalli (tel. 02-36799285). What to see what not to
see, What to feel what not to feel e What to love what
not to love sono solo alcune delle frasi che lartista ha
modellato in decine di tubi al neon. I suoi lavori, collezio- Maurizio Nannucci, panoramica dellinstallazione in galleria.
nati dalla Peggy Guggenheim di Venezia, dal Museum
of fine arts di Boston e dal Centre Pompidou di Parigi, e da un punto di vista sia di contenuti (tra citazioni, calem-
gi esposti alla Galleria degli Uffizi di Firenze nel 2010, al bour e aforismi), sia di forma, in quanto segno grafico che
Macro di Roma nel 2012 e al Museion di Bolzano nel 2015, si dilata nello spazio. I prezzi di queste sue installazioni
attingono alla parola intesa come materia da plasmare, luminose oscillano tra 40mila e 80mila euro.

La spaghettata con stile di Zagnoli


VIA SOLFERINO 44. di serigrafia e collage grafie ispirate agli scat-
Illustratrice di punta anni 60 e si trova in li- ti di Alfred Eisenstaedt
della scena italiana, breria, come in edicola (1898-1995). Pubblicati
Olimpia Zagnoli (Reg- (dalle cover del Book re- dalla rivista americana
gio Emilia, 1984) figlia view del New York Times Time Life nel 1932, mo-
darte: madre pittrice alle pagine di Time, The stravano una modella
(Emanuela Ligabue) e New Yorker, la Repubbli- alle prese con un piatto
padre fotografo (Miro ca, Rolling Stone), oltre a di spaghetti. Composta
Zagnoli). La sua sinte- popolare valigie e bor- e vestita di tutto punto,
si curvilinea dai colori se o i prodotti del web non sembrava per nul-
acidi parente digitale shop www.clodomiro. la a suo agio. Le donne
com. Fino al 30 luglio di Zagnoli, invece, sor-
la project room di An- ridono sfrontate e alle-
Olimpia Zagnoli, How to
eat spaghetti like a lady,
tonio Colombo (tel. gre, sdraiate o a testa in
2017, serigrafia su car- 02-29060171) raccoglie gi. I prezzi variano da
ta, cm 50x40. una selezione di seri- 200 a 2.500 euro.

Temi dattualit nelle installazioni di Mandla Reuter


VIA MASSIMIANO 25. Un enorme coperchio di un tombino proveniente
gonfiabile arancione ingombra lin- dalla citt peruviana di Iquitos. Lar-
gresso della galleria Francesca Mi- tista sudafricano, che ha esposto alla
nini (tel. 02-26924671). Usato dalle Neue Alte Brcke di Berlino nel 2008
squadre di recupero subacquee per e alla Kunsthalle di Basilea nel 2011,
riportare in superficie le antichit e gli affronta un tema attualissimo come la
oggetti dispersi sul fondale marino, mancanza di risorse idriche e il rap-
una delle installazioni di Mandla porto tra natura e urbanizzazione.
Reuter (1975) che la galleria propone Prezzi da 5mila a 30mila euro.
fino al 29 luglio. La circondano 1.000
litri di acqua potabile contenuti in Mandla Reuter, panoramica dellinstal-
bottiglioni di plastica azzurra, oltre al lazione in galleria.

170
REMO FAGGI

Conte Carlo Guerrieri Rizzardi, Contessa Maria Cristina Rizzardi Loredan,


1985, olio, cm 70x100 1985, olio, cm 70x100

Composizione musicale, 1990, olio, cm 60x80

Un felice intuito personale emerge in particolare nel ritratto


che egli sa animare pur nella ricerca della fedelt dellimmagine,
Faggi si collega cos alla tradizione pi sicera ed espressiva
del migliore Ottocento italiano
Eucardio Momigliano
Remo Faggi
Tel. 0382 70175 - cell. 340 7840125
remo_faggi@libero.it - www.remofaggi.it
IN GALLERIA MILANO

Simon Fujiwara esplora


il tema della memoria
VIA TADINO 20. Simon tettura e letteratura per
Fujiwara (Londra, 1982) esplorare il tema della me-
elabora articolate installa- moria, con risvolti spesso
zioni multimediali, gi in autobiografici. Nel 2010
collezione al Guggenheim vince il prestigioso Frieze
di New York, alla Fonda- Cartier Award e due anni
zione Prada di Milano dopo gi impegnato con
e al Centre Pompidou. una personale alla Tate St.
Questo giovane artista di Ives seguita da quella al
origini anglo-giapponesi, Carpenter Center di Cam-
di base a Berlino (dove bridge, nel 2014. Fino al 30
ha lavorato nello studio settembre Gi Marconi
di Elmgreen & Dragset), (tel. 02-29404373) ospita
combina performance, le sue sperimentazioni re- Simon Fujiwara, Fabulous beasts (winter fox), 2015, pelliccia
musica, fotografia, archi- centi. Prezzi su richiesta. artificiale su tela, cm 120x90.

Calixto Ramirez fa quattro passi a Milano


VIA NERINO 3. Strade, grate e tombini punteggiati di co-
riandoli multicolori. Nel suo nuovo progetto fotografico,
Calixto Ramirez (1980) restituisce una Milano inaspettata.
Suggestionato da una residenza in citt nei giorni di Car-
nevale, lartista messicano, allievo di Jannis Kounellis, che
ha gi esposto alla Fondazione Memmo di Roma nel 2015
e al Museo del Novecento di Napoli nel 2016, ha rielabo-
rato leffimera allegria di questa festa in quindici scatti e
in un video. Fino al 21 luglio li raccoglie Maab gallery
(tel. 02-89281179) nella personale dal titolo Cuatro pasos |
Milano. I prezzi delle opere vanno da 2mila a 8mila euro.

Ramirez, Calle, 2017, foto digitale su carta cotone, cm 50x70.

Sogni e visioni nella festa di colori di Tarcisio Merati


VIA MARONCELLI 12. Uccelli e insetti, figure dinven-
zione, giocattoli astratti, forme e colori tra il naf e il mo-
struoso. Fino al 30 giugno Maroncelli 12 (tel. 335-8403484)
dedica una retrospettiva al pittore bergamasco Tarcisio
Merati (1934-1995). Esponente dellArt brut, gi in collet-
tiva a Palazzo della Ragione di Bergamo nel 2006, lartista,
affetto da schizofrenia e psicosi, si esprimeva anche attra-
verso la musica e la poesia. Il suo percorso sintetizzato
nella mostra Festa di colori attraverso una ventina di opere,
inclusi due arazzi. Prezzi da 3mila a 5mila euro.

Merati, Senza titolo, 1975, tempera su carta, cm 75,5x99,5.

172

Annamaria
LiGotti

L S S A F F S 2017
A CC S 22 S 25 2017
Foto di Roberto Marossi
IN GALLERIA MILANO

La guerra di Ursuta
e il Purgatorio di Colen
Foto di Roberto Marossi

2
1 Una veduta della mostra di Dan Colen nella sede di piazza
Belgioioso. 2 I disegni a inchiostro su carta di Andra Ursuta
nellex distretto industriale di via Ventura.

traverso un centinaio di di- newyorkese post pop (nel


segni a inchiostro su carta, gruppo dei figli di Andy
tutti dedicati al medesimo Warhol, con lartista e ami-
soggetto: unimmagine pe- co Dash Snow, stroncato da
scata in Rete che lartista ha unoverdose). Presente nel-
disegnato e ridisegnato per le collezioni del Museum
1 dieci anni. In largo anticipo of modern art di Oslo e del
sul tema della post verit, lo Whitney museum di New
VIA VENTURA 5 E PIAZ- di Lambrate, c la prima scatto raffigura il cadavere York, in Purgatory paintings
ZA BELGIOIOSO 2. Come intensa personale italiana di un caduto negli scontri propone atmosfere lievi,
notte e giorno. Massimo di Andra Ursuta, artista tra Russia e Cecenia a fine diversissime dai suoi esor-
De Carlo (tel. 02-70003987) rumena che vive e lavora anni 90, postato, e subito di, in un gioco luminoso
ospita fino al 14 luglio due a New York e ha gi espo- rimosso, da un sito di pro- fra astrazione e figurazio-
mostre agli antipodi. Le due sto alla Biennale di Venezia paganda russo. Nel cuore ne. I prezzi delle opere di
sedi milanesi sono dedicate nel 2013, al Palais de Tok- della citt, nelle sontuose Ursuta vanno da 13mila
alle ricerche recenti di due yo di Parigi e allHammer sale di Palazzo Belgioioso, euro (disegni) a 31mila
artisti stranieri, entrambi Museum di Los Angeles aleggiano nuvolette dai (trittici) fino a 125mila per
classe 1979, ma diversissi- nel 2014. La sua mostra, colori improbabili nel cie- le grandi installazioni;
mi. Nellex capannone del- intitolata The man from the lo dipinto da Dan Colen, quelli di Dan Colen supe-
la Faema, nellart district Internet, un percorso at- un ex bad boy della scena rano i 400mila euro.

Il concetto di tempo nelle opere di Miroslaw Balka


VIA STRADELLA 1/4/7. Fino al 29 luglio Miroslaw Balka
(Varsavia, 1958) reinterpreta i tre spazi di Raffaella Cor-
tese (tel. 02-2043555) attraverso un percorso di sculture
e installazioni dedicato al concetto di tempo. Al numero
civico 7 ci sono i lavori degli anni 80 e 90, in bilico tra
astrazione e figurazione; al numero 4 sono esposte due
opere sonore di una decina di anni fa e una scultura-
candelabro fuori scala posta accanto a un altoparlante
che trasmette una canzone di Drupi. Al numero 1, infine,
quattro installazioni inedite, composte da oggetti trova-
ti in strada. Lartista anche allHangar Bicocca fino al
30 luglio con una grande retrospettiva a cura di Vicente
Todol. Prezzi da 35mila a 170mila euro.

Miroslaw Balka, veduta della mostra da Raffaella Cortese.

174
Michele Cea
I N B R E V E

VIA MARONCELLI 7.
Gessetti, cannucce, palline,
sugheri, matite, corde
e fiammiferi compongono
le sculture della bresciana
Paola Pezzi (1963). Fino al
6 luglio opere dagli anni 80
sono alla Galleria Il Milione
(tel. 02-29063272) nella
personale Strati danimo.

VIA STOPPANI 15/C.


Fino al 23 giugno un murale
e alcuni acrilici su tela
dellartista olandese Jan
van der Ploeg (1959),
collezionato dallo Stedelijk
museum di Amsterdam,
sono visibili alla galleria
Renata Fabbri (tel. 02-
91477463) nella mostra
dal titolo There and while.

PIAZZETTA BOSSI 4.
Figure sgranate, ingrandite
fino a lasciar emergere
i pixel. I soggetti sono
i pi disparati, da animali
a oggetti quotidiani.
I dipinti di Aldo Sergio
(Salerno, 1982) sono riuniti
nella mostra intitolata
Isole, fino al 27 giugno
allo Studio Cannaviello
(tel. 02-84148818).
Opera N 38 Senza Titolo , 2014 ,
VIA BAROZZI 6. tecnica mista: acrilico e smalto su tela, 40 x 100 cm
In contemporanea
con la partecipazione A seconda dellintensit delle emozioni si mostrano
alla Biennale di Venezia i vari lati della personalit
(si veda a pag. 93), Michele Cea
Salvatore Arancio
(Catania, 1974), in preparazione la seconda edizione del Premio Michele Cea,
tra i partecipanti al Premio rivolto ai giovani artisti. Si segnala inoltre che in fase di costituzione
Cairo 2014, fino la Fondazione Michele Cea con lobiettivo di promuovere, a livello
al 15 luglio in mostra nazionale e internazionale, lopera dellartista scomparso nel luglio
da Federica Schiavo
(tel. 02-36706580) con
2015 e, al contempo, quella dei giovani che si distinguono nel
sculture e installazioni settore dellarte contemporanea.
recenti, ispirate alla natura.
www.michelecea.com
Gli Amici di MicheleCea; Michele Cea (Artist-in memoria di)
gliamicidimichelecea
175
IN GALLERIA

BAR I

Videoanimazioni e sculture di Casdia


VIA MURAT 122/B. Nelle sue vide- e al Mac di Lissone nel 2013, anno in
oanimazioni Rita Casdia, nata in cui ha partecipato al Premio Cairo.
provincia di Messina nel 1977, rac- La mostra, dal titolo Its you, presenta
conta storie buffe e surreali model- una selezione di video che esplora-
late nella pasta polimerica o nella no le relazioni tra luomo e il mondo
plastilina. Fino al 23 giugno la gal- esterno, con unattenzione partico-
leria Muratcentoventidue (tel. 334- lare al rapporto con gli animali. In
8714094) dedica una personale alla galleria anche alcuni disegni, oltre a
videoartista siciliana, di stanza a Mi- sculture abitate dalle medesime sil-
lano da molti anni, che ha esposto in houette di personaggi fantastici che
collettive al Museo Riso di Palermo, si ritrovano nelle videoanimazioni. Rita Casdia, Skin promenade, 2016,
al Palazzo Reale di Milano nel 2011 Prezzi da mille a 3mila euro. pasta polimerica, cm 95x50.

BRESCIA

Lalfabeto misterioso di Nathlie Provosty


PIAZZA TEBALDO BRU- to, che poi scompone fino un dipinto monumentale
SATO 35. Le composizioni allastrazione. Fino al 23 formato da quattro pan-
scarne di Nathlie Provo- settembre la pittrice, colle- nelli, alto quasi 5 metri e
sty (Cincinnati, 1981) sono zionata dal Museum of art largo pi di 4. Giocato nei
scandite da pochi segni di Portland e da quello di toni scurissimi del blu e
grafici e colori soft. Larti- Baltimora, in mostra da del nero, nasconde un in-
sta dipinge le lettere di un A Palazzo gallery (tel. 030- treccio di lettere, visibile
suo immaginario alfabe- 3758554) con la personale solo grazie ai riflessi della
dal titolo Life of forms, nove luce e alla posizione dello
Nathlie Provosty, Dream lavori recenti realizzati a spettatore. Prezzi da 6.500
sequence, 2017, cm 48x38. olio su lino. Spicca su tutti a 20mila euro.

CA P R I

Colori lisergici per i mandala astratti di Judy Pfaff


VIA LE BOTTEGHE 56. Coloratissi- 0490829). La galleria propone la sua con una tecnica mista fatta di colori
me astrazioni su carta, ispirate ai prima personale europea, intitolata a tempera, collage stratificati di fo-
mandala indiani e alla psichedelia Abstract poetry, che riunisce trenta- gli, fotografie e documenti. Prezzi
degli anni Sessanta e Settanta: sono quattro lavori su carta realizzati da 5mila a 15 mila euro.
le sperimentazioni recenti di Judy
Pfaff (1946), pittrice londinese di
nascita ma americana dadozio-
ne. Fino al 2 luglio lartista, che ha
rappresentato gli Stati Uniti alla
Biennale di San Paolo nel 1998,
ospite della sede estiva di Andrea
Ingenito contemporary art (tel. 081-

Judy Pfaff, ROOster 13, 2016, a tecni-


ca mista, cm 32x72.

176
Fra disfacimento e resurrezione,
sospese in quell'ambito della filosofia
ellenica abitata da valori eterni,
inedite entit, fiorite nella ricerca
Salvatore Emblema, panoramica dellinstallazione in galleria.
espressiva pi recente di Elena Rede,
aleggiano, ora, a un soffio dal cielo e
N A P OL I a un palmo da terra, l dove lo
spazio virtuale - invisibile ai pi e
Le rigorose sperimentazioni noto soltanto agli eletti -
raggiunge fascinose prospettive di
di Salvatore Emblema natura squisitamente mentale.
Giovanni Faccenda
VIA CHIAIA 229. Fino al 30 giugno installazioni ambientali
simili a paraventi, ma anche lavori tridimensionali a pare-
te e dipinti su tela di sacco dalla ridotta gamma cromatica
di Salvatore Emblema (1929-1979), gi nelle collezioni del
Madre di Napoli, sono esposti da Fonti (tel. 081-411409).
Da luglio a settembre Emblema sar anche protagonista di
una personale al Museo Riso di Palermo. Nato in provincia
di Napoli, si trasferisce prima a Roma e poi negli Usa, dove
frequenta gli studi di maestri come Pollock e Rothko. Alla
met degli anni 60 risale lincontro con lo storico dellarte
Giulio Carlo Argan, che contribuisce alla definizione critica
della sua opera rigorosa. Prezzi da 15mila a 81mila euro.

RO MA

Pedro Cabrita Reis


si fa in quattro
VIA DEI PREFETTI 17. Materiali provenienti dallindustria
e dalledilizia, ma anche oggetti comuni, come pneumatici
e tubi al neon. Fino al 25 luglio due sale di Magazzino Amore, bronzo esemplare unico
Arte moderna (tel. 06-6875951) ospitano quattro installa-
zioni del portoghese Pedro Cabrita Reis per la personale
dal titolo 4 volte Io. Nato a Lisbona nel 1956, ha esposto a
A UN SOFFIO DAL CIELO
Documenta di Kassel nel 1992 e alla Biennale di Venezia A UN PALMO DA TERRA
nel 1997 e nel 2003; alla Fondazione Merz di Torino nel
a cura di Giovanni Faccenda
2008 ha creato spazi archi-
tettonici monumentali e di-
sfunzionali, ispirati alle pro- 6 - 17 Giugno 2017
porzioni del corpo umano e Inaugurazione Marted 6 Giugno ore 18
al suo armonioso canone, tra
Arte povera e minimalismo.
I prezzi vanno da 20mila a
80mila euro.

Pedro Cabrita Reis, The Harbor


suite, 2017, cm 159x244x26,5.
Foro Buonaparte 67 Milano

www.elenarede.com
177 Atelier: Milano Via G.De Castillia 8
IN GALLERIA

RO MA

Bainbridge, ispirazione post dadaista


VIA SFORZA CESARINI 43/A. Og- dadaiste, accompagnate da disegni
getti comuni disparati, mix eteroge- e bozzetti. Chiudono la personale
nei di metalli, stracci per la polvere alcuni collage, realizzati con ritagli
e materiale da bricolage. Linglese da riviste di moda. Artista di lungo
Eric Bainbridge, classe 1955, com- corso, professore della facolt di Ar-
pone nei suoi assemblage sorpren- te alla University of Sunderland, ha
denti e al limite del kitsch un uni- esposto alla Biennale di Venezia nel
verso plastico ambizioso, erede del- 1986 e nel 1990 e al Pittsburgh Cen-
la grande tradizione della scultura ter for the arts nel 1992 ed collezio-
inglese e allo stesso tempo prosaico, nato dalla Tate Modern di Londra e
quotidiano. Fino al 17 giugno alla dallo Stedelijk museum di Amster-
galleria Monitor (tel. 06-39378024) dam. I prezzi delle opere vanno da Eric Bainbridge, Nostalgia, 2016, scul-
con una selezione di sculture post 2mila a 25mila euro. tura in ferro e stoffa, cm 90x15x15.

RO M A

Il lucky loser secondo Davide Monaldi


PIAZZA DANTE 2. Il eliminato nei match di tra i partecipanti al Pre-
titolo della mostra di qualificazione, viene mio Cairo 2016 e prota-
Davide Monaldi (San ripescato per parteci- gonista di una perso-
Benedetto del Tronto, pare al torneo solo do- nale a Palazzo Ducale
1983) fino al 30 giugno po il ritiro o la squalifi- di Urbino, dispone a
allo Studio Sales (tel. ca di un collega. Nasce terra un bilanciere da
06-77591122), Lucky cos il suo scombinato palestra realizzato con
loser, ironicamente universo sportivo, che piatti di ceramica, ma-
ispirato alla termino- popola gli spazi della teriale centrale nella
logia tennistica. Il per- galleria con sculture di pratica dellartista, che
dente fortunato chi, piccole e medie dimen- plasma anche pattini a
sioni, come la pioggia rotelle e palloni da ba-
Davide Monaldi, G.O.A.T.,
di medaglie doro ap- sket. I prezzi di queste
2017, ceramica, legno e pese a nastri colorati. opere possono variare
raso, cm 240x121. Lartista marchigiano, da 400 a 5mila euro.

T O R R E P EL L I C E

Laudace sfida ai materiali delle sculture di Tony Cragg


VIA STAMPERIA 9. Non copio la nel 1988 e del Praemium Imperiale
natura, spiega Tony Cragg (Liver- per la scultura nel 2007. Germoglia-
pool, 1949), grande sperimentatore no in studio a Wuppertal da vortici
di materiali (dal legno al marmo, al di linee su carta (senza software, di-
carbonio), esponente di una lunga chiara) e sono esposte fino al 30 luglio
tradizione plastica che va da Henry da Tucci Russo (tel. 0121-953357). I
Moore ad Anthony Caro. Vorrei sve- prezzi delle opere (2015-2016) vanno
larne lenergia, il flusso che lattraver- da 250mila a 800mila euro.
sa. Cos nascono le astrazioni dello
scultore vincitore del Turner Prize Tony Cragg, Spring, 2016, legno, cm 245.

178
CATALOGHI DARTE

I N B R E V E

BRESCIA. Larchitetto,
designer e pittore
FEOFEO
concettuale giapponese
Shusaku Arakawa (1936-
2010) disegnava edifici per
fermare linvecchiamento,
nei quali era impossibile
restare fermi. Dal 29 giugno

Feofeo io sono colore


al 29 luglio una selezione
di tele neodadaiste
esposta da Massimo
Minini (via Apollonio 68,
tel. 030-383034) .

Feofeo
Sopita la mente, dunque i pensieri, lIo prende coscienza di

FOIANO DELLAIndividualmente
CHIANAlIo tende a riunirsi al Tutto, consapevole di non
Essere ed Esistere al di l della Materia, dello Spazio e del Tempo.

Esistere al di fuori del Divino, ma solo come emanazione di Esso.


(AR). Le installazioni
La trasmutazione si compiuta; il vile metallo si trasformato
in oro, lUomo si ricongiunto col Divino interiore e il fine della

io sono colore
recenti del fiorentino
ricerca inizia, dentro di S.

Massimo Barzagli (1960),


tra mani realizzate
in gesso e intrecci
di cinghie colorate, sono
riunite nella personale dal
titolo CIAO, fino al 30 luglio
35,00da Alessandro Bagnai
(I.V.A. inclusa)

(via della Repubblica 39,


tel. 0575-648975).

SAN GIMIGNANO. Fino


al 28 agosto Continua (via
A llinterno del panorama artistico contemporaneo,
loriginale figura di Feofeo risalta per merito di una
identit raggiunta sfuggendo a mode e omologazioni...
del Castello 11, tel. 0577-
943134) ospita lavori scrive Giovanni Faccenda nellintroduzione critica della
recenti di Subodh Gupta monografia, omaggio a una protagonista dellarte astratta.
(Khagaul, 1964). Lartista, Oltre 160 opere presentate, testi in italiano e in inglese.
che spazia tra installazione,
pittura, video, fotografia
Opere in mostra dal 10 giugno al 6 agosto
e scultura, ha esposto
allMMK di Francoforte nel presso il Museo Diocesano San Giovanni, via Natta 36, Asti
2014 e alla National Gallery Presentazione del volume sabato 10 giugno, ore 18
of Victoria nel 2016.
Volume di 192 pagine; formato cm 24 x 28; copertina cartonata
TORINO. Da Giorgio
In vendita nelle librerie a 35,00
Persano (via Principessa
Prezzo speciale per i nostri lettori a 31,50
Clotilde 45, tel. 011-
4378178) accanto a un
enorme gonfiabile sfilano, Per le ordinazioni scegliere tra: 1) Invio assegno bancario a Cairo Publishing Srl,
fino al 28 luglio, teschi corso Magenta 55 - 20123 Milano; 2) Versamento su c.c. postale n. 71587083 intestato
a Cairo Publishing Srl; 3) Bonifico, IBAN IT 66 X 02008 09432 000030040098 - Unicredit;
in bronzo, casette in metallo
4) Addebito su carta di credito (escluse le elettroniche e American Express).
e vetro, un trittico fotografico
Si prega di inviare lattestazione del pagamento al fax 02 43313580 o allindirizzo mail
ispirato alla Grande diffusione@cairoeditore.it, indicando un recapito telefonico. Per informazioni telefonare
guerra. Tutte opere recenti allo 02/43313517. Offerta valida sino al 31/12/2017.
di Per Barclay (Oslo, 1955).

I libri Giorgio Mondadori La bellezza della qualit


179
FLASH di Elisabetta Castellari

Territori pubblici e privati


segnati da Violenti confini
CITT DI CASTELLO (PG). La Pinacoteca Comunale (tel.
075-8554202) ospita fino al 2 luglio la rassegna Violenti con-
fini. Le opere di ventuno artisti propongono una rifles-
sione sul tema del territorio, inteso non solo come limite
geografico, ma anche come rifugio o barriera alle relazioni
umane. Organizzata in diverse sezioni, la mostra si apre
con linstallazione site-specific di Marco Baldicchi Ci
che non siamo ci che non vogliamo, una barricata ricoperta
di filo spinato su cui sono intrappolate leggiadre farfal-
le. Nella sezione Confini traumatici, lopera di Mircea
Cantor The world belongs to those who set it on fire, planisfero
in carta bruciata, reclama il ruolo dellartista come testi- Luca Vitone, Der Zukunft Glanz (Berlin), 2014, installazione.
mone dei cambiamenti e delle storture del nostro tempo.
Un messaggio di speranza, il desiderio di superare limiti un nido duccello, come uova pronte alla cova. Chiude la
e barriere, invece affidato allinstallazione di Claudio mostra la sezione Confini biografici, dove Luca Vitone
Parmiggiani (Senza titolo, 1997) nella sezione Confini im- espone Der Zukunft Glanz, installazione di oggetti quoti-
maginifici, dove tre piccoli mappamondi sono raccolti in diani che raccontano la sua vita da immigrato a Berlino.

Moore, il segno forte della grafica


LIVORNO. Grande protagonista dellarte del XX secolo, Henry Moore
(1898-1986) ha fatto della scultura al limite tra figura e astrazione il suo
tratto distintivo. I riferimenti nella sua ricerca spaziano dalla statuaria
rinascimentale al Cubismo e i soggetti, spesso morbidi corpi di donna
distesi, paiono intrecciati in abbracci senza fine. Innamorato dellIta-
lia, lartista la visit di frequente, acquistando una casa in Versilia nel
1965. La galleria Guastalla centro arte (tel. 0586-808518) gli rende oggi
omaggio con la mostra Henry Moore - Graphic works, fino al 15 luglio.
Venticinque tra acqueforti, acquetinte e litografie datate 1967-1979 ne
sintetizzano i temi ricorrenti: Reclining figures, alcune Helmet head litho-
Henry Moore, Draped reclining figure, 1975, li- graphs e studi per Mother and child, figure potenti in cui si riverberano
tografia, cm 57,2x77,5. le suggestioni formali delliconografia mariana classica.

Nello spazio di Natalino Tondo


MILANO. Con opere come Tensioni composizioni di cavi in alluminio, la
strutturate (1967) negli anni Sessanta serie Rilevamenti salentini (1974), in cui
Natalino Tondo (Salice Salentino, analizzava il suo territorio con la mac-
1938 Lecce, 2017), aveva avviato una china fotografica, il ciclo Oltre il nero
riflessione sul tema dello spazio, sui (1981), fino alla sintesi del suo pensie-
suoi limiti fisici e le possibilit di scon- ro, Spazio n-dimensionale, tele grigie da
finamento nellinfinito. Fino al 4 luglio cui si irradiano flussi di colore.
la galleria Davide Gallo (www.davi-
degallo.net) gli dedica una piccola ma Natalino Tondo, Spazio n-dimensionale
raffinata personale. In mostra le prime XIV, 1988, tecnica mista, cm 170x200.

180
Carolina Art Design

Lavventura
nel colore
di Nocera
BOLOGNA. Salvatore No-
cera (Bologna, 1928-2008)
si avvicina alla pittura nel
1952 frequentando i corsi
dellAccademia di Bologna
di Virgilio Guidi. Con i di-
pinti della fine degli anni
Cinquanta inizia a definire
uno stile personale dove la La Regina del Terrore, tecnica mista busto Diabolik ha colpito ancora, tecnica mista
figura umana appare tra di manichino applicato su tela dipinta a mosaico applicata su tela
dissolvenze e sfocature. A smalto con Fumetti di Eva Kant, cm 60x80
met degli anni Sessanta
arriva la svolta: prende uno LArte del Fumetto, lArte nel Fumetto
studio a Parigi e approda
Tutti noi, fin dalla pi tenera infanzia,siamo attirati dalle immagini, dalla loro forma e
allastrattismo. La materia
da i loro colori, ben presto poi, ci appassioniamo alle storie che vengono narrate per
pittorica si addensa, la pen-
sequenze. Non c alcun dubbio sul fatto che il fumetto, caratterizzato dallaccostamento
nellata breve e decisa. La
di testo e di immagini, possa oggi essere considerato non pi un tipo di linguaggio desti-
mostra Salvatore Nocera. Un
nato alle masse incolte, ma un vero e proprio genere narrativo, che si colloca a confine
decennio di ritardo, fino al 23
tra la letteratura e le arti visive. Dobbiamo poi ringraziare alcuni grandi artisti della Pop
Art, in particolare Roy Lichtenstein, con il suo modo nuovo di contaminare lArte, con la
<a> maiuscola, con stili presi dalla cultura bassa se il fumetto non pi visto sem-
plicemente come una popolare forma alternativa di comunicare in modo sintetico un
racconto, spesso in senso esilarante, ma come un vero e proprio mezzo espressivo che
pu giungere ad esiti indubbiamente di natura artistica. Fra i molti appassionati lettori
e collezionisti di un genere che ha attraversato le generazioni, immune ad una societ
dellimmagine che tende ad inondarci quotidianamente di raffigurazioni realizzate in sen-
so ipertecnologico Carolina Art Design, da alcuni anni ha trovato davvero un bel modo
di applicare il proprio talento e la propria spiccata creativit esplorando le possibilit
espressive derivanti dallabbinamento di questa particolare materia agli oggetti di arre-
Salvatore Nocera, Senza ti- do. quasi superfluo far notare che la fase della accurata scelta e della giustapposizione
tolo, 1965, olio su tela, cm dei ritagli, secondo giochi ed incastri variabili, quasi costituissero tessere di un moderno
38x54. ed innovativo mosaico, quella in cui maggiormente si esprime la creativit ed una ma-
nualit guidata da un bisogno estetico che fa leva soprattutto sullistinto e sullemozione.
luglio a Palazzo dAccur- Un materiale realizzato attraverso una tecnica meccanica e ripetitiva, la stampa, viene
sio (info@bolognaperlear- cos trasformato attraverso un lavoro manuale artistico, sviluppando un quid di unico da
ti.it), ricostruisce la vicenda un qualcosa di ripetitivo e massificato. Nella ampia produzione di Carolina Art Design
di un artista schivo attra- spiccano anche seducenti e caratteristici mezzibusti, di pura valenza estetica e del tutto
verso 40 dipinti, 30 disegni privi di alcun riferimento di tipo metafisico di dechirichiana memoria, anchessi decorati
e alcuni scritti. Documenti con la loro tecnica ed applicati su tela trattata pittoricamente. Cos come i sorprendenti
che danno conto di una quadri, costituiti di diversi frammenti concorrenti a collage, laddove una miriade di pez-
grande passione per larte zi applicati minuziosamente secondo accordi cromatici ben studiati, vanno a costituire
che lo port, alla soglia de- limmagine di una sorta di pointillisme alla rovescia, in cui solo avvicinandosi fortemente
gli ottantanni, a sperimen- allopera si riesce ad apprezzarne pienamente leccezionale valore. Unendo capacit,
tare nuove tecniche come il creativit ed intraprendenza, Carolina Art Design riuscita a portare nella propria at-
collage e lassemblaggio. tivit artistica la sua principale passione, quella per il fumetto, riuscendo a conseguire
nei non molti anni di vita numerosi successi e ad ottenere riconoscimenti significativi.
Informazioni: M +39 328 1045964 - info@carolinartdesign.it - www.carolinartdesign.it
181
Evaristo Fusar, I grandi reportages
11 marzo - 2 luglio
Museo dellArte Fabbrile
e delle Coltellerie, Maniago

La Progettualit dello Sguardo.


Fotografie di Paesaggio
di Gabriele Basilico
16 giugno - 10 settembre
Chiesa di San Lorenzo,
San Vito al Tagliamento

Mattia Balsamini
1 luglio - 3 settembre
Palazzo Tadea, Spilimbergo

Letizia Battaglia
1 luglio - 3 settembre
Palazzo Tadea, Spilimbergo

Evaristo Fusar. Primo Carnera


14 luglio - 3 settembre
Villa Carnera, Sequals

Il Volto del Cinema


15 luglio - 17 agosto
Terrazza Mare, Lignano Sabbiadoro

Paul Scheuermeier. Friuli 1922


29 luglio - 3 settembre
Scuola dAmbiente, Barcis

INFO: CRAF - Centro di Ricerca e Archiviazione della Fotografia


Palazzo Tadea - 33097 Spilimbergo
Tel. 0427 91453 - info@craf-fvg.it - www.craf-fvg.it
Segni della Vita Contadina
16 settembre - 22 ottobre
Chiesa di San Lorenzo,
San Vito al Tagliamento

Newsha Tavakolian
29 settembre - 29 ottobre
Galleria Tina Modotti, Udine

Donne & Fotografia


30 settembre - 7 gennaio 2018
Chiesa di San Francesco, Udine

I Fotografi Veneti del Novecento


4 novembre - 7 gennaio 2018
Chiesa di San Lorenzo,
San Vito al Tagliamento

Premio FVG Fotografia 2017 International Award of Photography 2017


(31 edizione) (22 edizione)
sabato 1 luglio, ore 17.30 venerd 29 settembre, ore 17.00
Palazzo La Loggia, Spilimbergo Loggia del Lionello, Udine
a Letizia Battaglia, a Mattia Balsamini a Newsha Tavakolian

Giovanna Calvenzi, Lopera di Gabriele Basilico Marianna Santoni, Fotografia, photoshop, Circolo Mignon di Padova, Circolo Fotogra-
gioved 15 giugno, ore 20.30, Teatro Arrigoni, San lightroom spiegati dal guru di Photoshop fico San Vitese - Photo 88, Mignon e la Street
INCONTRI CON LAUTORE

Vito al Tagliamento venerd 22 settembre, ore 20.30, Arena di Piazza Photography


Barbara Torresan, Osservo, fotografo, assaggio: Garibaldi, Spilimbergo mercoled 4 ottobre, ore 20.30 Ex Scuole Elemen-
la fotografia food ai tempi dei social Newsha Tavakolian tari di Gleris, San Vito al Tagliamento
nellambito di Biblioteche in Cortile, in colla- luned 2 ottobre, ore 9.00, Liceo artistico G. Sello Circolo Mignon di Padova, Circolo Fotografico
borazione con Sebico, parteciper Davide Larise, di Udine San Vitese - Photo 88, Robert Frank
sous chef al ristorante Joia di Milano luned 2 ottobre, ore 14.00, Palazzo Di Toppo venerd 6 ottobre, ore 20.30 Ex Scuole Elementari
venerd 23 giugno, ore 20.30, Villa Ciani, Lestans Wasserman, Universit degli Studi di Udine di Gleris, San Vito al Tagliamento
Letizia Battaglia con Michele Smargiassi Danielle van Zadelhoff Luigi Perissinotto, Direttore del Dipartimento di
venerd 30 giugno, ore 20.30, Cinema Teatro marted 3 ottobre ore 9.00, Liceo artistico G. Sello Filosofia e Beni Culturali dellUniversit C Foscari
Castello, Spilimbergo di Udine di Venezia, Il Veneto e la fotografia
Mattia Balsamini con Guido Cecere marted 3 ottobre, ore 15.00, Palazzo Di Toppo venerd 3 novembre, ore 20.30, Teatro Arrigoni,
domenica 2 luglio,ore 20.30, Cinema Teatro Wasserman, Universit degli Studi di Udine San Vito al Tagliamento
Castello, Spilimbergo

Seguici su: #FVGlive www.fvglivexperience.it


CATALOGHI DARTE

GIUSEPPE LOCATI - LARTE E IL PENSIERO

GIUSEPPE

LOCATI
Larte e il pensiero

EDITORIALE GIORGIO MONDADORI

S crittore, filosofo, artista, ingegnere di successo... Larte di Locati complessa nella propria
linearit scrive di lui Luigi Marsiglia, il curatore della monografia, che ne presenta la produzione,
preceduta da un bel saggio dello stesso artista. Circa 180 le opere pubblicate, dai primi oli del
1955 alle recentissime sculture in ottone cromato e smaltato: un viaggio affascinante nel mondo
di un autore che conosce il linguaggio della bellezza. Contributo critico di Pier Franco Bertazzini.

Volume di 208 pagine; formato cm 24 x 32; legatura cartonata con sovraccoperta


In vendita nelle librerie a 35,00. Prezzo speciale per i nostri lettori a 31,50
Per le ordinazioni scegliere tra: 1) Invio assegno bancario a Cairo Publishing Srl, corso Magenta 55 - 20123 Milano; 2) Versamento su c.c. postale
n. 71587083 intestato a Cairo Publishing Srl; 3) Bonifico, IBAN IT 66 X 02008 09432 000030040098 - Unicredit; 4) Addebito su carta di credito
(escluse le elettroniche e American Express). Si prega di inviare lattestazione del pagamento al fax 02 43313580 o allindirizzo
mail diffusione@cairoeditore.it, indicando un recapito telefonico. Per informazioni telefonare allo 02/43313517. Offerta valida sino al 31/12/2017.

I libri Giorgio Mondadori La bellezza della qualit


ASTE ANTICIPAZIONI D I M A N U E L A B R E V I

Tutti in Europa per gli ultimi acquisti


della stagione, da Prince a Quinn
S e New York fa da sfon-
do alle grandi vendite
di moderno e contempo-
raneo di maggio, a giugno
i collezionisti si radunano
in Europa. Si parte con
Ketterer Kunst, che nel
catalogo della vendita di
Monaco dell8 e 10 giu-
gno presenta opere di Ge-
org Baselitz (Zwei halbe
Khe, 1986, 500/600mila
euro); Gerhard Rich- 1 2
ter (Stadtbild, 1968,
300/400mila euro;
Rot-Blau-Gelb, 1973,
500/700mila euro); Robert
Longo (Untitled - Earth,
for Zander, 200/250mila
euro); Marc Quinn (Cho-
golisa sunrise, 2010, olio su
tela, 70/80mila euro, 4 ); e
Daniel Richter (Sthlerne
Erbsen, 1999-2000, olio e
vernice su tela, 70/80mila
euro). A Londra, il 28-29
giugno, Sothebys vende 3 4
una tela di Roy Lichten-
stein (Two paintings with Chillida (Lurra XXIII,
Dado, 1983) a 2,7 milioni di 1978, 76/100mila euro);
euro ( 2 ); un olio e collage una scultura in resina po-
su tela di Jean Dubuffet liestere di John McCra-
(Bret rose, 1956) a 1,4 mi- cken (Sculpture VI, 1985,
lioni di euro; e una stampa 236/353mila euro); e una
cromogenica di Wolfgang tela di Banksy (Gangsta
Tillmans (Freischwimmer rat, 2004, 82/118mila eu-
#81, 2005) a 94/141mila ro). Le vendite londinesi si
euro. Sempre a Londra, il concludono con Phillips,
29 giugno, Bonhams pro- il 29-30 giugno: nel cata- 5
pone un olio su masonite logo spiccano una gran-
di Josef Albers (Study for de serigrafia su acciaio 1967, 471/707mila euro); Grande assente nel calen-
Homage to the square: Au- specchiato di Michelan- una carta di Cy Twombly dario mensile Christies,
tumn 65, 1965, 212/295mi- gelo Pistoletto (La gabbia, (Untitled, 1981, 94/142mila che ha deciso di spostare
la euro); una tela di Gn- 1962-74, 4 parti, 1,4/2,1 euro); e una grande stam- la sua vendita londinese di
ther Frg (Untitled, 2008, milioni di euro, 5 ); un olio pa ektacolor di Richard contemporaneo a ottobre,
94/141mila euro, 3 ); una su carta su tela di Georg Prince (Untitled - Cowboys, in concomitanza con Frie-
terracotta di Eduardo Baselitz (Ein Werkttiger, 1992, 235/353mila euro, 1 ). ze art week.

185
ANTICIPAZIONI

1 2 3

Capolavori impressionisti e darte moderna a Londra


L ondra ospita anche le grandi
vendite di Impressionisti e arte
moderna del mese. Tra i fiori alloc-
circa, olio su tela, 212/260mila eu-
ro). Il capolavoro di Max Beckmann
Birds hell (1938, 1 ), per la prima vol-
di euro), realizzato da una serie di
disegni di Jean-Franois Millet inti-
tolata Les travaux des champs (1852).
chiello dellappuntamento con Bon- ta allincanto, il fiore allocchiello Gli italiani la fanno invece da padro-
hams, il 22 giugno, spiccano Rosen della vendita di Christies del 27-28 ne nella vendita di Sothebys del 6
und Flieder di Lovis Corinth (olio su giugno. Presentato in catalogo con giugno dedicata allOttocento. Una
tela, 1918, 295/412mila euro, 2 ); Les stima a richiesta, potrebbe diven- tela di Federico Zandomeneghi, La
toits de Paris di Maurice de Vlaminck tare il nuovo record dellartista te- curiosit, offerta a 176/234mila euro
(1911 circa, olio su tela, 212/260mila desco. Altri lotti di gran risalto sono ( 3 ); LArc de Triomphe, Paris di Giu-
euro); Le champ de courses de Deauvil- la malinconica tela di Egon Schiele seppe De Nittis (1875, olio su tela)
le di Raoul Dufy (1931, olio su tela, Einzelne Huser (Huser mit Bergen), a 585/820mila euro; e una tavola di
212/260mila euro); e un piccolo ri- del 1915 (23,5/35,3 milioni di euro); Guglielmo Ciardi, A view of St Marks
tratto di Pierre-Auguste Renoir (Tte e Le Moissonneur (dapres Millet) di basin with the Punta della Dogana, ha
denfant ou enfant la marinire, 1905 Van Gogh (1889, 14,7/19,4 milioni una stima di 70.500/93.500 euro.

Arte moderna e contemporanea 19 Cornette de Sain Cyr, 27 Dorotheum, Vienna.


CALENDARIO 8 Sothebys, New York. Parigi. Fotografia Arte moderna e contemporanea
Impressionisti e arte moderna 20-21 Martini studio darte, 27 Koller, Zurigo. Design,
1 Dorotheum, Vienna. 8 Wright, Chicago. Design Brescia. Arte contemporanea Art Deco e Art Nouveau
Arte contemporanea 8-10 Ketterer Kunst, Monaco. 20 Dorotheum, Vienna. Design 27 Sothebys, Zurigo.
1 Piasa, Parigi. Design Arte moderna e contemporanea 20-22 Im Kinsky, Vienna. Arte svizzera
1 Tajan, Parigi. Design 10-11 Meeting art, Vercelli. Arte moderna e contemporanea 27-28 Christies, Londra.
2 Grisebach, Berlino. Ottocento e Novecento 20-30 Christies, online. Impressionisti e arte moderna
Arte moderna e contemporanea 12 Sothebys, Londra. Impressionisti e arte moderna 28 Tajan, Parigi. Arte moderna
6 Bonhams, Hong Kong. Arte inglese moderna 21-22 Sothebys, Londra. 28-29 Sothebys, Londra.
Arte moderna e contemporanea e contemporanea Impressionisti e arte moderna Arte contemporanea
6 Bonhams, New York. 12 Cornette de Sain Cyr, Parigi. 22 Bonhams, Londra. 29 Bonhams, Londra.
Stampe e multipli Arte contemporanea Impressionisti e arte moderna Arte contemporanea
6 Phillips, New York. Design 13 Christies, Amsterdam. 22 Piasa, Parigi. Stampe e 29 Dorotheum, Vienna.
6 Sothebys, Londra. Ottocento e Novecento multipli moderni e contemporanei Ottocento
Dipinti europei Ottocento 13 Cornette de Sain Cyr, Parigi. 22 Wright, Chicago. 29 Tajan, Parigi.
6 Sothebys, New York. Design Impressionisti e arte moderna Stampe e multipli Arte contemporanea
6-7 Sothebys, Parigi. 14 Bonhams, Londra. 24 Artesegno, Udine. Novecento 29-30 Phillips, Londra.
Arte contemporanea Arte moderna inglese e irlandese 26 Cornette de Sain Cyr, Arte contemporanea
7 Christies, New York. Design 14 Dorotheum, Vienna. Bruxelles. Arte contemporanea 30 Koller, Zurigo. Arte svizzera,
7 Christies, Zurigo. Arte svizzera Fotografia e design impressionisti e arte moderna
7 Phillips, Londra. Editions 16 Dorotheum, Vienna. Grafica 26-27 Christies, Londra. 1 LUGLIO Artesegno, Udine.
7-8 Christies, Parigi. moderna e contemporanea Arte moderna inglese e irlandese Arte contemporanea
Arte contemporanea 17-25 Meeting art, Vercelli. 27 Bonhams, Londra. 1 Koller, Zurigo. Fotografia, arte
8 Piasa, Parigi. Arte moderna e contemporanea Stampe e multipli contemporanea, stampe e multipli

La redazione non responsabile di eventuali cambiamenti di date.

186
con il Patrocinio

C omune di Foggia
assessorato alla Cultura
s istema museale CiviCo

A S S U N TA C A S S A
oltre l orizzonte

ASSUNTA CASSA, Why, 2016, olio su tela, cm 100 x 100

FOGGIA -DAL23GIUGNOAL8LUGLIO2017
PALAzzETTO DELL ARTE andrea pazienza , vIA GALLIANI , 1
OPENING
vENERD23GIUGNOORE18,00
presentazione critica
GIUSEPPE MARRONE
filosofo, critico darte

Lesposizioneaccompagnatadaunamonografia LamostraapertadalMartedalSabato
acuradiGiuseppeBacci (DomenicaeLunedchiuso)
consaggidiGiuseppeMarrone,AnnaSoricaroeGiuseppeBacci dalle9:00alle13:00edalle17:00alle20:00
Perinformazioni:3939090249 Info:Tel.0881726008
info@assuntacassa.it www.assuntacassa.it INGRESSOLIBERO
Tutto il meglio dellEuropa.
Come nessun altro.

*BellEuropa: 4

In esclusiva con BellEuropa la guida della Spagna del Sud e Madrid


Una nuova iniziativa di BellEuropa per i suoi lettori: Rough Guide Spagna del Sud e Madrid: una guida completa
a Madrid e dintorni, Castiglia - La Mancia ed Estremadura, Andalusia, Valencia e Murcia e le isole Baleari. Informa-
zioni complete, cartine dettagliate e indicazioni precise su trasporti, alberghi e ristoranti. Tutto a solo 4 euro in pi.

EDITORIALE GIORGIO MONDADORI

SCARICA LAPP PER IPAD/IPHONE


PI DI 40 NUMERI DISPONIBILI
RECORD di Manuela Brevi

Jean-Michel Basquiat, Untitled, 1982, acrilico, pittura a spray e pastello a olio su tela, cm 183,2x173.

Basquiat lartista americano pi pagato in asta


NEW YORK. di 110,5 milioni di dollari il nuovo record Maezawa, Untitled (1982) ha raddoppiato il precedente
di Jean-Michel Basquiat (1960-1988), che segna anche la record dellartista di 57,2 milioni di dollari stabilito nel 2016
cifra pi alta mai raggiunta in asta da un artista americano da Christies per unaltra tela andata sempre a Maezawa.
e da unopera creata dopo il 1980. Acquistata alla vendita Anche questa volta, il magnate giapponese ha annunciato
di Sothebys del 18 maggio dal quarantunenne collezio- lacquisto sui social. E ora ha aggiunto un altro capolavoro
nista e imprenditore nel settore delle-commerce Yusaku per il museo che sta costruendo a Chiba, sua citt natale.

189
NICOLA PICA

Abbandonati, 2015 Sali in gondola, 2017


acrilico su tela bassorilievo in albastro e acrilico
50x70 cm. 80x100 cm.
Stima 2.000,00/3.000,00 Stima 3.500,00/4.500,00

emanuele vergari

A Double Bass in Rome Castel Sant'Angelo


fotografia digitale fotografia digitale
120x80 cm. 50x75 cm.
Stima 8.000,00/10.000,00 Stima 6.000,00/7.000,00

FINALMENTE SARANNO PRESENTI


GLI ARTISTI EMERGENTI CON LA LORO PERSONALE
QUOTATI E VENDUTI AD ARTE SALERNO DAL 4 - 11 GIUGNO 2017
PRINCE ART GALLERY casa daste info@princeartgallery.it ARTE SALERNO join@artesalerno.it
ASTE ARTE ITALIANA di Manuela Brevi

Nelle vendite italiane di aprile e maggio record per Giosetta Fioroni a 86mila euro
e per Fausto Melotti a 600mila euro, mentre Fontana e Castellani superano il milione
PITTURA
A
Carla Accardi Senza titolo, 1957-58, tempera alla caseina su tela, cm 70x60, 77.500
Sothebys Milano, 5 maggio 2017 (40.000/60.000)
Afro Blu cobalto, 1967, tecnica mista su compensato, cm 39x47, 55.000
Cambi Milano, 9 maggio 2017 (55.000/65.000)
Vincenzo Agnetti Assioma. La parola percorso, 1971, bachelite nera incisa e dipinta 68.750
con vernice binca, cm 70x70, Poleschi Milano, 9 maggio 2017 (70.000/80.000)
Getulio Alviani Superficie a testura vibratile, 1970-72, placche di alluminio 96.250
su tavola, cm 108x108, Sothebys Milano, 5 maggio 2017 (50.000/70.000)
Giovanni Anceschi Tavola di possibilit liquide, 1959, materiali vari e liquidi, 41.000
cm 145x145x4,5, Cambi Milano, 9 maggio 2017 (20.000/25.000)
1i Alighiero Boetti
Franco Angeli Bella ciao, 1964, acrilico e tulle su tela, cm 100x69,7, 40.000
Sothebys Milano, 5 maggio 2017 (20.000/30.000)
Rodolfo Aric Area B, 1973, acrilico su tela, cm 90x200x7, 52.500
Sothebys Milano, 4 maggio 2017 (30.000/40.000)
B
Enrico Baj Uomo contro due animali n. 9, 1955, tecnica mista su tela, 62.500
cm 95x118, Poleschi Milano, 9 maggio 2017 (55.000/60.000)
Alberto Biasi Dinamica alterna, 1964, rilievo in pvc su tavola, cm 60x60, 25.000
Cambi Milano, 9 maggio 2017 (25.000/35.000)
Alighiero Boetti
2i Alberto Burri
1 Senza titolo (ordine e disordine), 1977, ricamo, cm 54x52, 292.780
Christies Milano, 27 aprile 2017 (50.000/70.000)
Alighiero Boetti Aerei, 1978-79, biro nera su carta, 3 elementi, cm 43x94, 159.340
Christies Milano, 27 aprile 2017 (100.000/150.000)
Alberto Burri 2 Combustione plastica, 1967, plastica, combustione su telaio 607.500
di ferro, cm 60x90, Sothebys Milano, 4 maggio 2017 (500.000/700.000)
Alberto Burri Cellotex, 1992, acrilico e vinavil su tela, cm 54x74, 183.600
Christies Milano, 27 aprile 2017 (100.000/150.000)
C
Enrico Castellani Superficie bianca, 1987, acrilico su tela, cm 150x200, 1.117.690
Christies Milano, 27 aprile 2017 (500.000/800.000)
Enrico Castellani Superficie bianca, 1969, acrilico su tela estroflessa, cm 120x104, 475.500
Sothebys Milano, 4 maggio 2017 (400.000/600.000)
Roberto Crippa Composizione, 1956, olio su tavola, cm 100x80, 26.000 3i Piero Dorazio
Cambi Milano, 9 maggio 2017 (20.000/25.000)
D
Piero Dorazio 3 Sempreverde, 1960, olio su tela, cm 81x65, 150.000
Sothebys Milano, 4 maggio 2017 (120.000/180.000)
Piero Dorazio No stop II, 1996, olio su tela, cm 120x151, 32.500
Poleschi Milano, 9 maggio 2017 (25.000/30.000)
F
Tano Festa 4 Il primo giorno dellestate, 1965, smalto e acrilico su tela, 207.870
cm 199x239,5, Christies Milano, 27 aprile 2017 (70.000/100.000)
Tano Festa Les promenades dEuclide, 1965, acrilico e smalti su tela, 135.080
cm 162x130,7, Christies Milano, 27 aprile 2017 (70.000/100.000) 4i Tano Festa
Giosetta Fioroni Interno familiare, 1960, smalti su tela, cm 114,5x146,5, 86.560
R 5 Christies Milano, 27 aprile 2017 (30.000/50.000)
Giosetta Fioroni Liberty, 1965, matita e smalti su tela, cm 146x113,5, 80.490
Christies Milano, 27 aprile 2017 (60.000/80.000)
Lucio Fontana Concetto spaziale (attese), 1966, idropittura su tela, cm 55,3x46,3, 1.578.670
Christies Milano, 27 aprile 2017 (1.000.000/1.500.000)
Lucio Fontana Concetto spaziale, 1966, idropittura su tela, cm 50x60, 1.015.500
Sothebys Milano, 4 maggio 2017 (700.000/900.000)
G
Franco Grignani Vibrazioni, 1975, tecnica mista su cartone, cm 73x73, 16.000
Cambi Milano, 9 maggio 2017 (10.000/12.000) 5i Giosetta Fioroni iRecordi
Gli importi sono espressi in euro e sono comprensivi dei diritti dasta.
R Record per lartista.

191
ASTE ARTE ITALIANA

I
Emilio Isgr Nordliches Eismeer, 2007, acrilico su tela su tavola, cm 110x150, 32.500
Poleschi Milano, 9 maggio 2017 (25.000/35.000)
L
Osvaldo Licini Figura T 3, 1932-45, olio su tela su tavola, cm 25x19,5, 159.340
Christies Milano, 27 aprile 2017 (50.000/70.000)
Osvaldo Licini Angelo, 1953, tempera su carta su tela, cm 17x22,6, 40.000
Sothebys Milano, 5 maggio 2017 (40.000/50.000)

6i Michelangelo Pistoletto Francesco Lo Savio Spazio luce, 1960, acrilico su tela, cm 110x130, 486.880
Christies Milano, 27 aprile 2017 (350.000/500.000)
M
Renato Mambor La partita di pallone, 1965, smalto e pennarello su tela, 38.620
cm 79,7x100, Christies Milano, 27 aprile 2017 (30.000/50.000)
Piero Manzoni Achrome, 1960, tela cucita a riquadri applicata su tela, 487.500
cm 45x60, Sothebys Milano, 4 maggio 2017 (400.000/600.000)
Conrad Marca-Relli Senza titolo, 1955, olio e collage su tela, cm 92x80, 118.750
Sothebys Milano, 4 maggio 2017 (60.000/80.000)
Fausto Melotti Senza titolo, 1973, tempera e graffiti su gesso, cm 26,5x24, 30.000
Sothebys Milano, 5 maggio 2017 (10.000/15.000)
Giorgio Morandi Natura morta, 1962, olio su tela, cm 30,5x30,7, 511.500
7i Paolo Scheggi Sothebys Milano, 4 maggio 2017 (180.000/250.000)
Ennio Morlotti Paesaggio di Lombardia, 1955, olio su tela, cm 58,5x52, 46.250
Poleschi Milano, 9 maggio 2017 (45.000/55.000)
P
Achille Perilli La retorica irreale, 1966, tecnica mista su tela, cm 35x40, 20.000
Minerva Roma, 11 maggio 2017 (10.000/15.000)
Michelangelo La Venere con la pipa, 1973, serigrafia su acciaio lucidato 106.250
Pistoletto 6 a specchio, cm 125x150,5, Sothebys Milano, 5 maggio 2017 (60.000/80.000)
S
Salvatore Scarpitta Croce rotta bendata (bedroom wall), 1959, legno, resina e bende 268.520
su tavola, cm 38x49,5, Christies Milano, 27 aprile 2017 (250.000/350.000)
Paolo Scheggi 7 Zone riflesse, 1963, acrilico bianco su tre tele sovrapposte, 355.500
cm 80,5x80,5x5,5, Sothebys Milano, 4 maggio 2017 (300.000/350.000)

8i Mario Schifano Mario Schifano 8 Paesaggio anemico, 1965, smalto e grafite su tela, cm 160x130, 116.885
Christies Milano, 27 aprile 2017 (120.000/200.000)
Ettore Spalletti Impasto di colore eco rosso-azzurro girandola, 2009, colore su tavola 97.500
e foglia doro, cm 100x100x4, Sothebys Milano, 5 maggio 2017 (40.000/60.000)
T
Cesare Tacchi Quadro per una coppia felice, 1966, inchiostro su tessuto e chiodi 61.250
su tavola, cm 100x120x10, Sothebys Milano, 4 maggio 2017 (50.000/70.000)
Emilio Tadini Circuito chiuso / La ragazza di stoffa, 1969, acrilico su tela, 16.500
cm 160x130, Cambi Milano, 9 maggio 2017 (10.000/15.000)
Tancredi Senza titolo, 1957, olio su tela, cm 135x75, 150.000
Sothebys Milano, 4 maggio 2017 (120.000/180.000)
V
9i Emilio Vedova Emilio Vedova 9 Da dove, 1983, olio su tela, cm 230x300, 220.000
Christies Milano, 27 aprile 2017 (100.000/150.000)

S C U LT U R A
C
Alik Cavaliere Albero con frutti rossi, 1990, bronzo, terracotta, sassi, cm 164, 35.000
Sothebys Milano, 5 maggio 2017 (25.000/35.000)
M
Fausto Melotti R 10 Tema e variazioni I, 1970, oro con base in acciaio inox, 2 elementi, 608.190
cm 160 (in foto un particolare), Christies Milano, 27 aprile 2017 (200.000/300.000)
P
Arnaldo Pomodoro Sfera, 1985, bronzo e base in plexiglas, diametro cm 30, 168.750
Sothebys Milano, 4 maggio 2017 (100.000/150.000)
U
Giuseppe Uncini Cementarmato parabolico, 1961, cemento e ferro, cm 183,5, 220.000
10i Fausto Melotti iRecordi Christies Milano, 27 aprile 2017 (180.000/250.000)

Per le sculture, la misura riportata la maggiore.

192
Chi si
abbona
La consegna rapida e gratuita.
Le spese postali
sono incluse.
ha di pi.

Nessun
numero perso

Il risparmio immediato
fino a 10 mesi gratis

Il rimborso
assicurato

I privilegi del Club degli Abbonati Il prezzo bloccato

Arte in abbonamento costa di meno e vale di pi,


grazie ai vantaggi riservati esclusivamente a chi si abbona.

FORMULA VANTAGGIO FORMULA FEDELT


abbonamento per 1 anno abbonamento per 2 anni
41 invece di  60  71 invece di 120
pari a 4 mesi gratis pari a 10 mesi gratis
Anche via internet su www.miabbono.com/arte
Il 28 maggio 2017 si svolto il vernissage inaugurale
con la speciale presenza del Prof. Vittorio Sgarbi

LIFE ART INVESTMENT s.r.l.


tel. 0828 1776556 - mail: info.lifeart@libero.it
Sede legale: Via Spineta, 89 - Unit Operativa: Viale Brodolini - Z.I. - 84091 BATTIPAGLIA (SA)
presenta

Nicoletta Lembo

Natura, opera unica


tecnica mista olio e acrilico su tela, cm 70x50
(collezione privata)

Il carnevale, opera unica


tecnica mista olio e acrilico su tela, cm 50x50
(collezione privata)

LIFE ART INVESTMENT s.r.l.


tel. 0828 1776556 - mail: info.lifeart@libero.it
Sede legale: Via Spineta, 89 - Unit Operativa: Viale Brodolini - Z.I. - 84091 BATTIPAGLIA (SA)
CATALOGHI DARTE

MADAME BUTTERFLY
REVISITED BY ANNA CHROMY

P resentato in concomitanza con il Festival Puccini di Torre del Lago nel corso della
stagione lirica 2017, il volume raccoglie una serie di bozzetti scenografici, accom-
pagnati da disegni di costumi, che Anna Chromy ha creato ispirandosi alla celebre opera
del grande compositore toscano. La struggente vicenda di Cio-Cio-san ha spinto larti-
sta a interpretare artisticamente il tema specifico dellautodistruzione e allannienta-
mento inserendolo nel progetto della Conscience Art, sviluppato negli ultimi decenni.

Volume di 64 pagine; formato cm 17 x 24; legatura in brossura


In vendita nelle librerie a 20,00. Prezzo speciale per i nostri lettori a 18,00
Per le ordinazioni scegliere tra: 1) Invio assegno bancario a Cairo Publishing Srl, corso Magenta 55 - 20123 Milano; 2) Versamento su c.c. postale
n. 71587083 intestato a Cairo Publishing Srl; 3) Bonifico, IBAN IT 66 X 02008 09432 000030040098 - Unicredit; 4) Addebito su carta di credito
(escluse le elettroniche e American Express). Si prega di inviare lattestazione del pagamento al fax 02 43313580 o allindirizzo
mail diffusione@cairoeditore.it, indicando un recapito telefonico. Per informazioni telefonare allo 02/43313517. Offerta valida sino al 31/12/2017.

I libri Giorgio Mondadori La bellezza della qualit


INVESTIMENTI di Renato Diez

1
1 Gerhard Richter, Flow 216, 2016, stampa cromogenica su alluminio, cm 100,3x200 (500 esemplari, 10mila euro). 2 Candle I,
1988, lito offset, cm 88,9x94,6 (250 esemplari, 35mila euro). 3 Ice, 1981, libro dartista in 90 esemplari (73mila euro).

I multipli, le foto e la grafica numerata di Gerhard Richter


T ra gli artisti pi apprezzati degli
ultimi cinquantanni, Gerhard
Richter (Dresda, 1932) anche uno
prestigioso Museum Folkwang di
Essen, che ne ha catalogate pi di
170, realizzate dal 1965 a oggi. Rap-
un libro dartista realizzato nel 1981
per la galleria Pieroni di Roma, che
si compone di 213 lito offset stam-
dei pi costosi. Nelle aste internazio- presentano un gruppo importante di pate in 90 esemplari (e 17 prove
nali sono 11 i suoi dipinti che hanno lavori nellambito della produzione dartista), ma con le copertine una
superato i 20 milioni di euro di ag- di Gerhard Richter. A seconda della diversa dallaltra. Nellaprile scorso
giudicazione, mentre sono 33 quelli tiratura, del soggetto e della tecnica, Sothebys Londra ha aggiudicato un
venduti a pi di 10 milioni di euro. hanno oggi un costo compreso tra esemplare a 73mila euro. Ma per ac-
Il record dasta stato stabilito nel 3/5mila e 35/50mila euro. Opere pi quistare Ice 2, una serigrafia del 2003
2015, quando Sothebys Londra ha rare o impegnative possono avere in 108 esemplari, sono stati sufficien-
aggiudicato a 41 milioni di euro Ab- un costo pi elevato. il caso di Ice, ti, nella stessa asta, 37mila euro.
straktes Bild, una grande tela astratta
del 1986 (cm 300,5x250,5), ma sono
richiestissimi anche i quadri figura-
tivi di Richter: una veduta di piazza
del Duomo a Milano, Domplatz, Mai-
land, dipinta nel 1968 (cm 275x290),
stata battuta a 28,6 milioni di euro,
nel 2013, da Sothebys New York.

LA GRAFICA NUMERATA. Lincre-


mento delle quotazioni registrato
negli ultimi dieci anni dai dipinti
di Richter ha trainato anche la sua
produzione numerata. Sono inci-
sioni, litografie, serigrafie, foto, li-
bri dartista e oggetti ai quali, fino
al 30 luglio, dedica una mostra il 2

197
INVESTIMENTI

1 Mario Nigro, Vi-


brazioni simulta-
nee, 1961, tempe-
ra su car ta, cm
76x103 (7mila
euro, Cambi Geno-
va, 2014). 2 Sen-
za titolo, 1965,
tecnica mista su
tela, cm 65x50
(30mila euro, Do-
rotheum Vienna,
2015).

Il Catalogo ragionato ha acceso linteresse per Mario Nigro


I l record dasta di Mario
Nigro (Pistoia, 1917 Li-
vorno, 1992), grande pro-
a 77mila euro Pannello a
scacchi bianchi e neri, una te-
la del 1950 (cm 175x108,3).
un altro dipinto del ciclo
Spazio totale, del 1955 (cm
50,3x60), resisteva dal
rio della nascita dellarti-
sta e curata da Luca Mas-
simo Barbero. La galleria
tagonista della stagione Nella stessa vendita uno 2007, quando Christies milanese da lungo tempo
storica dellastrattismo in Spazio totale del 1954 (cm Milano laveva aggiudica- tratta la produzione di
Italia, stato stabilito nel 130x65) stato battuto to a 57mila euro, il doppio Nigro. Le opere pi ricer-
2014, quando Christies a 45mila euro. Il record della stima pubblicata nel cate dai collezionisti sono
Milano ha aggiudicato precedente, registrato da catalogo dellasta. quelle che lartista ha di-
pinto nel ventennio com-
NIGRO IN GALLERIA. Le preso tra il 1948 e il 1968.
quotazioni di Mario Ni- Sono gli anni delle grandi
gro hanno cominciato a invenzioni: da Ritmo verti-
crescere dopo luscita del cale, del 1948, agli Scacchi,
Catalogo ragionato delle ai Pannelli a scacchi iterativi
opere dellartista, cura- e simultanei e agli Spazi to-
to da Germano Celant e tali della prima met degli
pubblicato da Skira nel anni Cinquanta, fino ai
2008. Cinque anni dopo, Collage vibratili modulari
nel 2013, a Nigro hanno del 1961 e alle strutture
dedicato una ricca retro- del Tempo totale, del 1965.
spettiva, con i lavori re- Oggi la produzione pi
alizzati dal 1952 al 1992, significativa di Mario Ni-
le Kunstsammlungen gro si trova in galleria: le
Chemnitz, in Germania. composizioni pi rare e
Alla fine di aprile, poi, si importanti, se di grande
chiusa la mostra Mario formato, possono toccare
Nigro: dal ritmo verticale al i 250mila euro, ma lavori
tempo totale, organizzata di buona qualit si posso-
da A arte Invernizzi di no pagare anche 30/50mi-
Milano (tel. 02-29402855) la euro. Per una carta si
in occasione del centena- parte da 7/10mila euro.

198
CATALOGHI DARTE

OMAGGIO A GIACOMO PUCCINI.


VISSI DARTE, VISSI DAMORE

I l volume ripercorre la vicenda artistica e umana di Giacomo Puccini attraverso


due interessanti saggi, a cura di Lodovico Gierut e di Marilena Cheli Tomei. La
pubblicazione presenta inoltre le opere di un centinaio gli artisti che, con modalit
espressive e stili diversi, hanno interpretato e reso omaggio ai dodici componimenti
del grande musicista toscano.
Opere in mostra dall8 giugno al 9 luglio nel foyer del Gran Teatro Puccini, via delle Torbiere, Torre del Lago
Presentazione del volume gioved 8 giugno ore 17
Volume di 192 pagine; formato cm 17 x 24; legatura in brossura con alette
In vendita nelle librerie a 20,00. Prezzo speciale per i nostri lettori a 18,00
Per le ordinazioni scegliere tra: 1) Invio assegno bancario a Cairo Publishing Srl, corso Magenta 55 - 20123 Milano; 2) Versamento su c.c. postale
n. 71587083 intestato a Cairo Publishing Srl; 3) Bonifico, IBAN IT 66 X 02008 09432 000030040098 - Unicredit; 4) Addebito su carta di credito
(escluse le elettroniche e American Express). Si prega di inviare lattestazione del pagamento al fax 02 43313580 o allindirizzo
mail diffusione@cairoeditore.it, indicando un recapito telefonico. Per informazioni telefonare allo 02/43313517. Offerta valida sino al 31/12/2017.

I libri Giorgio Mondadori La bellezza della qualit


INVESTIMENTI

Tornano a volare i prezzi 1 Cesare Tacchi,


Poltrona bianca con

di Cesare Tacchi, ma impronte di perso-


naggio romantico
sul tappeto, 1967,
non mancano i buoni affari cm 160x120x12.
2 I fidanzati, 1965,
cm 130x200. 3 Il

I ntorno alla met degli


anni Sessanta i suoi la-
vori, disegni a inchiostro
IL COSTO DEI QUADRI.
Nel 2006 un lavoro di
grande formato di Cesa-
letto (pensando a
un prato...!), 1966,
cm 250x150
(183mila euro, So-
su stoffa imbottita e su re Tacchi come Amore, del t h e by s M i l a n o ,
carta da parati, rappre- 1961 (cm 187x176,5), era 2015).
sentarono uno dei modi stato aggiudicato da Chri-
pi innovativi che gli sties Roma a 37mila eu-
artisti italiani trovarono ro. Cinque anni dopo, nel
per superare la tradi- 2011, la sua produzione,
zionale forma-quadro e dalla presenza rarefatta
suggerire, come aveva nelle aste, si pagava anco-
gi fatto Lucio Fonta- ra una somma compresa,
na, la terza dimensione. nella maggior parte dei ca-
Cesare Tacchi (Roma, si, tra 10/15mila e 30/40mi-
1940-2014) aveva fatto il la euro. Oggi le quotazioni
suo esordio nel 1959, in- di Tacchi sono molto pi 1
sieme a Mario Schifano elevate, anche se ancora
e Renato Mambor, nel- possibile mettere a segno sa vendita Quadro per una CHE COSA COMPRARE.
la galleria Appia Antica qualche buon affare. Nel coppia felice, unaltra ope- Le carte presentano al
di Roma. Poi era entra- novembre 2015 Sothebys ra del 1966, ma di medie momento un eccellente
to nella scuderia della Milano ha stabilito il nuo- dimensioni (cm 100x120), rapporto tra qualit e
galleria La Tartaruga di vo record dasta, aggiu- stata battuta a 61mila prezzo: nel giugno 2016,
Plinio de Martiis ed era dicando Il letto (pensando euro. Un anno prima, da da Dorotheum Vienna,
diventato uno dei pi at- a un prato...!), un lavoro di Christies Milano, un un lavoro del 1964, Taxi
tivi protagonisti dellef- grande formato del 1966 quadro del 1967, ... Col te- (pastelli a cera su carta,
fervescente stagione (cm 250x150), a 183mila lefono (cm 89x62), era stato cm 70x100), stato ven-
della Pop art italiana. euro. Nel corso della stes- venduto a 13mila euro. duto a 12,5mila euro.

200 3
Lo storico annuario per artisti, galleristi, collezionisti, associazioni darte e appassionati

848 pagine
UMBERTO
BOCCIONI Formato
cm 21,5 x 28,5
Luomo
Legatura cartonata
e lartista con sovraccoperta

Oltre 1600
LALTRO illustrazioni
a colori
NOVECENTO e in bianco e nero

Birolli, Casorati,
Semeghini...

IL RUOLO PREMIO
DELLESPERTO
I percorsi 2016
costruttivi Vincitori e
finalisti
INSERTI
SPECIALI
Fotografia
In copertina Arte Plastica
La Fontanella
di Norberto Metaformismo
Art Germany

Prezzo speciale
per i nostri
lettori 88,20

Info: tel. 02 43313549-533

I libri Giorgio Mondadori - La bellezza della qualit


Per le ordinazioni possibile scegliere tra: 1) Invio assegno bancario a Cairo Publishing Srl, corso Magenta 55 - 20123 Milano; 2)Versamento su
c.c. postale n. 71587083 intestato a Cairo Publishing Srl; 3) Bonifico, IBAN IT 66 X 02008 09432 000030040098 - Unicredit; 4) Addebito su carta
di credito (escluse le elettroniche e American Express). Si prega di inviare lattestazione del pagamento al fax 02 43313580
o allindirizzo mail diffusione@cairoeditore.it, indicando un recapito telefonico. Offerta valida sino al 31/12/2017.
I LIBRI di Cara Ronza

La storia delle immagini secondo Hockney & Gayford


L e parole sono importanti. Ma, sostengono David
Hockney e lamico critico Martin Gayford, anzitut-
to attraverso le immagini che noi pensiamo, sogniamo
caverna o sullo schermo di un computer, sono innanzi-
tutto delle immagini. In questo libro perci si cercano
i legami e le interazioni tra le molteplici variet di rap-
e cerchiamo di comprendere le persone e lambiente che presentazioni, facendo emergere che cosa le rende in-
ci circonda. Daltro canto, persino il termine apparen- teressanti, efficaci e quanto di vero o di falso riescano a
temente astratto di idea, dal greco, mette insieme i signi- comunicare. Hockney e Gayford mettono a confronto il
ficati di visione e conoscenza. Partendo da questo dato fotogramma di un cartone animato di Disney con una
di fatto, i due autori hanno intrapreso un viaggio mera- stampa di Hiroshige, una scena di un film di Ejzentejn
viglioso alla ricerca del come nel corso dei millenni siano con un dipinto di Velzquez e, sfondando il confine tra
state create certe immagini e del perch proprio quelle e cultura alta e bassa, giungono infine a una conclusione:
non altre. Non importa di che genere siano: tutte quante, le immagini continueranno a cambiare. Internet non
dalle pitture rupestri agli acquerelli su era stato previsto, neanche nella fanta-
carta, dai frame di un video ai disegni scienza, eppure qualcosa di grandio-
con lo smartphone, hanno dovuto ri- so. Alcune immagini si perderanno e
solvere lo stesso problema, quello di qualcosa di nuovo salter fuori, ma il
comprimere persone, cose e luoghi disegno ci accompagner sempre. Basti
tridimensionali su una superficie piat- pensare al mondo digitale, dove ci
ta. I risultati, spiegano gli autori, sono tante immagini disegnate a ma-
vengono spesso catalogati come pit- no, scrive Hockney. E molte sono
ture, fotografie o film, per poi essere ottime, a dire il vero.
ordinati secondo epoche e stili. Ma che
siano prodotti con un pennello, un ap- Una storia delle immagini, di David
parecchio fotografico o un programma Hockney, Martin Gayford, 350 pagg.,
digitale, che siano sulle pareti di una 341 ill. a colori e in b/n, Einaudi, 65.

203
I LIBRI

Fatti, protagonisti e backstage di art/tapes/22


A Firenze, tra il 1973 e il 1977, si svolge poich alla vita del gruppo partecip
lattivit di uno dei primi e dei pi im- da vicino e fin dallinizio anche il foto-
portanti laboratori di produzione di grafo Gianni Melotti, di quellofficina
videoarte dellepoca: art/tapes/22. Fon- sempre in movimento documentato
dato da Maria Gloria Bicocchi con il oltre al lavoro anche il backstage. Dal
marito Giancarlo e ospitato negli spazi suo archivio ricchissimo provengono
al piano terra di via Ricasoli 22, il centro le immagini in bianco e nero di questa
vede nascere e svilupparsi le sperimen- pubblicazione: scatti poetici, ironici,
tazioni di Nam June Paik, Giuseppe che immortalano momenti e protago-
Chiari, Charlemagne Palestine e Da- nisti di quegli anni formidabili.
niel Buren, ma anche di Sandro Chia,
Urs Lthi, Giulio Paolini e di Bill Vio- Art/tapes/22 Video tape production,
la, che dellesperienza di art/tapes/22 di Gianni Melotti, 192 pagg., 360 ill. in b/n,
fu per tre anni il direttore tecnico. E Giunti, 25.

Duchamp, stratega persino dellinfrasottile


L a fotografia, senza volerlo, potente. livelli, fino a costruire attraverso di esso
Cattura il visibile, ma anche quei pas- la propria biografia di artista e di perso-
saggi di stato non retinici, al limite del na. Dalla tonsura a stella immortalata
percettibile e dellindefinibile, che Mar- da Man Ray allo scatto di Ugo Mulas,
cel Duchamp (1887-1968) metteva nella con Duchamp che guarda una foto di se
categoria dellinfrasottile. Li svela, tra stesso impegnato in una celebre partita
laltro, senza bisogno di fare nulla, in a scacchi, ogni immagine che lo ritrae
unottica pi che mai duchampiana. E un gioco di rimandi e allusioni, che di-
infatti il maestro francese, spiega Elio cono molto di pi di ci che si vede.
Grazioli, con la dimensione infrasottile
della fotografia ha giocato spesso e vo- Duchamp oltre la fotografia Strategie
lentieri. Senza mai scattare una foto, ha dellinfrasottile, di Elio Grazioli, 88 pagg.,
usato il mezzo fotografico a tutti gli altri 25 ill. in b/n, Johan&Levi, 16.

S C R I T T I , T E S T I M O N I A N Z E E D O C U M E N T I

Brera e lutopia attualissima di Franco Russoli


Direttore della Pinacoteca di Brera per ventanni a partire dal 1957, Franco Russoli
(1923-1977) era di quella generazione per cui il museo era unarma fondamentale contro
le forze che avevano sprofondato lEuropa in due guerre mondiali. Progettava la grande
Brera, un luogo inserito nel tessuto sociale, politico e geografico della citt, in cui
si costruisce e si vive lo sviluppo della realt contemporanea. Per questo ha lavorato,
organizzando mostre temporanee, invitando artisti di tutto il mondo a porsi
in diretto contatto con le opere di Brera ed elaborando un concetto di museo, che
soprattutto scuola e laboratorio, cio recinto in cui la contemplazione e la meditazione
si facciano attivit vitale. Questo volume ripropone i suoi testi e le sue idee.

Senza utopia non si fa la realt Scritti sul museo (1952-1977), di Franco Russoli, a cura
di Erica Bernardi, con unintroduzione di James M. Bradburne, 280 pagg., 26 ill. in b/n, Skira, 38.

204
Helvesana un rivoluzionario integratore
alimentare pronto da bere contro
linvecchiamento cellulare, lo stress
ossidativo, la stanchezza mentale e fisica
e la carenza di vitamine. La sua formula di
nuova generazione unica nel panorama
dei prodotti anti-et e aiuta a potenziare
lenergia dellorganismo, ad alzare le
difese immunitarie, a contrastare i radicali
liberi e a mantenere la pelle giovane.
Come spiega il Dott. Stilo Domenico,
esperto di nutraceutica
grazie allesclusivo processo brevettato di
nanotecnologia denominato micellazione tutte le
componenti, compresi il Coenzima Q10 e la vitamina
E, contenuti in Helvesana sono presenti in forma gi
idrosolubile, in modo tale da poter essere assorbiti
quasi interamente dallorganismo. Basta un flacone
al giorno dopo colazione da assumere ciclicamente
per ritrovare tono e vitalit. disponibile in farmacia
e sullo shop online del sito www.esseline.it

distribuito da

OLIVERIO STILO
COMPANY
I LIBRI

Ettore Sottsass nei diari di Barbara I N B R E V E

Una dichiarazione damore senza fine, come senza finale questo libro. Larte, unaraba fenice
Barbara Radice (Como, 1943), per trentanni compagna e poi moglie di Attacco allarte (180 pagg.,
LAsino doro, 18), di Simo-
Ettore Sottsass jr (1917-2007), ha riordinato e ora pubblica il diario che na Maggiorelli, indaga gli
ha iniziato il giorno dopo la morte di lui, il 31 dicembre 2007, e che ha episodi e i modi in cui, nel
tenuto per due anni, registrando eventi, sentimenti, ricordi e un dolore corso della storia, il linguag-
indicibile. Protagonista di queste cronache intime lassenza o piutto- gio delle immagini stato
sto la nuova, diversa presenza dellarchitetto che ha rasserenato il avversato con particolare
violenza. Dal sospetto con
design italiano e che con Barbara ha lavorato al progetto Memphis, cui stata accolta la scoper-
fondato la rivista Terrazzo, ma so- ta dellarte rupestre fino alle
prattutto condiviso la vita, a Milano distruzioni dellIsis, passan-
e a Filicudi, in giro per il mondo e a do per la mercificazione
dellarte contemporanea.
casa, dove, diceva Sottsass, sem-
pre bello tornare. Lui teneva le
cose sollevate da terra. Lei in Le verit di Flavio Caroli
questimpresa lo ha affiancato, pro- Flavio Caroli condensa
teggendolo dagli spiriti cattivi, aneddoti, incontri e cin-
come scrive lui a margine di un dise- quantanni di vita vissuta in
Storia di artisti e di bastardi
gno del 1998. Biglietti colorati, foto
(196 pagg., 160 ill. a colori e
di interni e paesaggi, scatti di amici in b/n, Utet, 25), scanzona-
e autoscatti completano la storia. to album di ricordi dove ogni
capitolo, scritto in forma di
Perch morte non ci separi, lettera alla nipote, dedicato
a un protagonista dellarte
di Barbara Radice, 176 pagg.,
del secondo Novecento. Da
60 ill. a colori e in b/n, Electa, 22,90.
Kounellis allAbramovic, da
De Dominicis a Warhol.

I segreti dellenigmatico Seurat Caleidoscopica Pipilotti Rist


Nella Ville Lumire di fine Ottocento, George Seurat (1859-1891) ha In occasione di una recente
retrospettiva newyorkese,
camminato silenzioso, quasi fuori posto, accanto a compagni di Phaidon ha pubblicato Pipilot-
strada anarchici e vulcanici come il giornalista e critico Flix Fnon, ti Rist: pixel forest (208 pagg.,
lamico, pittore e ammiratore Paul Signac e tanti artisti assai pi bio- 225 ill. a colori, 69,95). Il vo-
lume, a cura di Massimiliano
grafabili di lui, da Van Gogh a Gauguin, a Toulouse-Lautrec. Cal-
Gioni, la pi completa mo-
mo, riservato, orgoglioso e tenace, vicinissimo eppure lontano dalla nografia finora realizzata sulla
bohme parigina, ha inventato il pointillisme cromo-luminarista e il videoartista svizzera e offre in
mlange optique, novit rivoluzionarie ma fredde, emerse da pon- rassegna trentanni di lavori
derate riflessioni scientifiche e filosofiche. Intrigato dallenigma di immersivi, poetici, caleido-
scopici e seducenti.
questuomo che non amava parlare n far parlare di s, Francesco
Poli (Torino, 1949) si messo sulle sue
tracce, immaginando di incontrarlo e Le visioni di Alberto Martini
di guadagnarsi poco a poco la confi- Lopera di Alberto Martini
denza necessaria a sapere qualcosa di (1876-1954) molto legata al-
pi. Ci che Poli ha scoperto, nei fan- la narrativa visionaria di Edgar
Allan Poe. Tra il 1905 e il 1940
tasmatici appuntamenti che Seurat gli per le edizioni francesi dei
ha concesso, scritto in questo libro. Racconti, Martini realizz un
centinaio di Illustrazioni (248
Il pittore solitario Seurat e la Parigi pagg., 105 ill. in b/n, Quodli-
moderna, di Francesco Poli, 168 bet, 24). Alessandro Botta
pagg., Electa, 19,90. le presenta in questo saggio.

206
CATALOGHI DARTE

ALFONSO BORGHI
SULLE ALI DELLO SPIRITO
Melotti e le trappole
nate per necessit ALFONSO BORGHI
SULLE ALI DELLO SPIRITO

Questo volume, uscito in occasione


della mostra che nei mesi scorsi ha
toccato Milano e Roma, un omag-
gio allopera plastica di Fausto Me-

I
lotti (1901-1986). Testi e immagini l volume accompagna la mostra personale di Borghi nel ma-
riepilogano lintero percorso dellar- gnifico complesso monastico di Polirone, a San Benedetto Po.
tista trentino, ma per la prima volta Una trentina le opere in mostra e nel catalogo, a cura di Giam-
lattenzione puntata anzitutto sul- marco Puntelli. Testi di Giammarco Puntelli, Giovanni Faccenda,
la produzione ceramica degli anni
Gianfranco Ferlisi e Massimo Mussini.
Cinquanta e Sessanta, iniziata qua-
si per caso, trappolando. Conside-
Opere in mostra dal 18 marzo al 4 giugno 2017
rata una parentesi dai critici delle-
poca e dallo stesso Melotti una ne-
Refettorio Monastico Polironiano, San Benedetto Po (Mantova)
cessit in anni difficili, per non fare Mostra e catalogo realizzati Con il contributo di
debiti, essa riveste invece, come in collaborazione con
spiega il saggio di Lorenzo Fiorucci,
una straordinaria importanza per
lunicit dei lavori realizzati, cos
diversi per libert immaginativa.
Nel ricco parterre, sculture legge- Volume di 64 pagine; formato cm 24 x 28;
rissime ed instabili, ricoperte da co- legatura in brossura con alette
lori delicati e da vivi passaggi tona- In vendita nelle librerie a 20,00
li, vasi gallo, vasi sole, cerchi, ange- Prezzo speciale per i nostri lettori a 18,00
li e giraffe. Il libro include anche due
serie di fotografie inedite realizzate Per le ordinazioni scegliere tra: 1) Invio assegno bancario a Cairo Publishing Srl,
da Vittorio Pigazzini e da Toni Tho- corso Magenta 55 - 20123 Milano; 2) Versamento su c.c. postale n. 71587083 intestato
rimbert nel 1977 e nel 1983. a Cairo Publishing Srl; 3) Bonifico, IBAN IT 66 X 02008 09432 000030040098 - Unicredit;
4) Addebito su carta di credito (escluse le elettroniche e American Express).
Trappolando, di Fausto Melotti, a cura di Si prega di inviare lattestazione del pagamento al fax 02 43313580 o allindirizzo mail
Sara Fontana, Ruggero Montrasio, 256 diffusione@cairoeditore.it, indicando un recapito telefonico. Per informazioni telefonare
pagg., 80 ill. a colori e in b/n, Silvana, 30. allo 02/43313517. Offerta valida sino al 31/12/2017.

I libri Giorgio Mondadori La bellezza della qualit


207
LA SARDEGNA UN UNIVERSO A S.
SCOPRILA CON BELLITALIA.

VIAGGIA OLTRE I LUOGHI COMUNI CON LO SPECIALE SARDEGNA DI BELLITALIA.


Tuffati nelle acque cristalline delle spiagge pi spettacolari, lungo i litorali protetti. Vivi la natura di panorami straordinari,
tra macchia mediterranea, sugherete e olivi centenari. Cammina sui sentieri del Sulcis alla scoperta della terra delle miniere.
Lasciati incantare dai ricami delle rocce sul mare trasparente della Gallura. Sorprenditi di fronte agli affreschi delle chiese
romaniche nel cuore dellisola. Passeggia tra le vie di borghi appartati e ricchi di storia. Goditi i sapori della tradizione in una
nuova selezione di ristoranti. Assapora lintenso e aromatico Cannonau, il vino pi antico del Mediterraneo.

EDITORIALE GIORGIO MONDADORI


AGENDA di Michela Delfino

B L O C K N O T E S P E R U N M E S E

I N I TA L I A SOONJA HAN. MILENA SGAMBATO, B R E V I E B R E V I S S I M E


IL DESTINO INCANTATO MASSIMO DALLA POLA
BITONTO (BA)
ARIS, MARTINA MERLINI,
Il Ponte,
via di Mezzo 42/b,
Circoloquadro,
galleria Buenos Aires
La strada pop dellarte italiana
NELIO. ENDLESS tel. 055-240617. 13, tel. 02-6884442. Circa settanta opere di una ventina di artisti, al-
Magma, via Santo Fino al 30 luglio. Fino al 23 giugno. cune delle quali inedite, analizzano il percorso
Stefano 164, della Pop art italiana, tra la Roma della Scuola di
tel. 380-7675718. LIVORNO STPHANIE NAVA Piazza del Popolo e della dolce vita e la Mila-
Fino al 24 giugno. HANNES ZEBEDIN Crespi, via Mellerio 1, no dello Studio Marconi, tra comunicazione di
Carico Massimo, tel. 02-89072491. massa e stereotipi culturali. Fino all8 ottobre Il
BOLOGNA via della Cinta Esterna Fino al 14 luglio. mito del Pop alla Galleria darte moderna e
ANDREA CHIESI. 48-50, tel. 338-6270827. contemporanea Armando Pizzinato di Por-
PARALLELO Fino al 2 luglio. DAN COLEN. denone (www.artemodernapordenone.it).
Otto gallery, PURGATORY PAINTINGS
via DAzeglio 55, HENRY MOORE. Massimo De Carlo, Beverly Barkat a Venezia
tel. 051-6449845. GRAPHIC WORKS piazza Belgioioso 2, Monumentali pannelli in pvc sospesi al soffitto,
Fino al 20 giugno. Guastalla centro arte, tel. 02-70003987. dipinti da Beverly Barkat (1966) su entrambi i lati
via Roma 45, Fino al 14 luglio. con una tecnica che ricorda laction painting, tra-
PAOLO GHILARDI. tel. 0586-808518. sformano gli interni rinascimentali di Palazzo Gri-
TRAIETTORIE POLICROME Fino al 15 luglio. JAN VAN DER PLOEG mani, a Venezia. Fino al 26 novembre Evocative
Spazio Testoni, Fabbri, via Stoppani surfaces, linstallazione dellartista di origine su-
via DAzeglio 50, MARINA DI 15/c, tel. 02-91477463. dafricana, rende accessibile al pubblico il secon-
tel. 051-371272. PIETRASANTA (LU) Fino al 23 giugno. do piano del museo (www.palazzogrimani.org).
Fino al 30 giugno. DONATELLA IZZO
BOLZANO
La bottega, viale Apua MAURIZIO NANNUCCI. I riti di Biasiucci in universit
188, tel. 0584-22502. WHAT TO SEE WHAT
MICHELE BUBACCO Fino al 9 luglio. NOT TO SEE
Fino al 28 luglio lOpen space dellUniversit
Alessandro Casciaro, Fumagalli, via Iulm di Milano (www.iulm.it) presenta un pro-
via Dei Cappuccini 26, MILANO Bonaventura Cavalieri getto degli studenti dellateneo sul fotografo
tel. 0471-975461. MARIO BALLOCCO 6, tel. 02-36799285. Antonio Biasiucci (1961). La mostra Riti rilegge
Fino al 30 giugno. 10 A.M. art, via Barrili Fino al 22 luglio. cinque cicli di immagini in bianco e nero realiz-
31, tel. 02-92889164. zate tra gli Anni Ottanta e oggi, tra cui linedita
BRESCIA Fino al 1 luglio. PAOLA PEZZI videoinstallazione Corpo latteo.
IGOR TUVERI. BANSHUN Il Milione,
Dellincisione, EL SEED. TRADIZIONE via Maroncelli 7, A Camogli, Viel d conto di s
via Bezzecca 4, PROVERBIALE tel. 02-29063272. Figure, corpi e parole entrano in relazione nel lavo-
tel. 030-304690. Patricia Armocida, Fino al 6 luglio. ro di Cesare Viel (1964). Fino al 1 luglio opere su
Fino al 25 giugno. via Argelati 24, carta, un tappeto, fotografie e le immagini di alcu-
tel. 02-36519304. CALIXTO RAMREZ ne performance sono in scena alla Fondazione
CAPRI (NA) Fino al 30 giugno. Maab, via Nerino 3, Remotti di Camogli (www.fondazioneremotti.it).
JUDY PFAFF tel. 02-89281179.
Aica Andrea Ingenito GABRIELLA BENEDINI Fino al 21 luglio. Frammenti di Zanin a Modena
contemporary art, Arte 92, via Moneta
via Le Botteghe 56, 1/a, tel. 02-8052347. SALVATORE FALCI Marco Maria Zanin (1983) esplora il tema della
tel. 348-6003820. Fino al 24 giugno. Monopoli, via Ventura memoria e delle radici trasformando detriti e og-
Fino al 2 luglio. 6, tel. 02-36593646. getti di scarto in sculture e nature morte moran-
FRANOIS MORELLET. Fino al 24 giugno. diane. Fotografie e sculture fino al 16 luglio sono in
FIRENZE MAPPE VISIVE mostra a Palazzo Santa Margherita, a Modena
NICOLE MILLER Arte studio Invernizzi, REINHARD MUCHA (www.galleriacivicadimodena.it).
Base via San Niccol via Scarlatti 12, Rumma, via Stilicone
18/r, tel. 055-2207281. tel. 02-29402855. 19, tel. 02-29000101. Dalla Scuola di Urbino a Roma
Fino al 20 giugno. Fino al 12 luglio. Fino al 30 giugno. Fino al 30 settembre il Cesma-Centro studi
Marche di Roma (www.centrostudimarche.it)
LORENZO PERRONE PAOLA DI BELLO. MI NY SALVATORE ARANCIO espone le incisioni di Sergio Belfioretti, Eros
Frascione, via Maggio Bianconi, via Lecco Schiavo, via Barozzi 6, Donnini, Trento Cionini, Carlo Iacomucci e
5, tel. 055-2399205. 20, tel. 02-22228336. tel. 02-36706580. Valeriano Trubbiani.
Fino al 1 luglio. Fino al 22 giugno. Fino al 15 luglio.

209
AGENDA Dai rifiuti dei Chokor alla musica
La fotografa Valentina Tamborra e il giornalista Mario De
Sanctis raccontano come lassociazione Amref salvi i
Chokor (rifiuto in Swahili), i bambini di strada di Nairobi
che rovistano nelle discariche (a lato), trasformando i ba-
rattoli di latta in strumenti musicali. Dal 22 giugno al 22 lu-
glio Chokor Il barattolo che voleva suonare alla Galle-
ria Mario Giusti HQ di Milano (www.mariogiustihq.com).

B R E V I E B R E V I S S I M E MODICA (RG) ROMA CHIARA FUMAI,


MARYAM JAFRI ALESSANDRO TWOMBLY AGNE RACEVICIUTE,
Elogio della bici in Campari Laveronica, Alessandra Bonomo, ANILA RUBIKU
via Grimaldi 93, via del Ges 62, Rossmut, via dei Reti
Il Giro dItalia fa tappa alla Galleria Campari di Se-
tel. 0932-948803. tel. 06-69925858. 29/b, tel. 06-5803788.
sto San Giovanni, Milano (www.campari.com),
Fino al 30 giugno. Fino al 30 settembre. Fino al 30 giugno.
con Bike passion, dagli Album Campari una storia a
due ruote. In mostra fino al 28 luglio foto depoca, MONZA PIERLUCA CETERA BRUNA ESPOSITO
manifesti pubblicitari e nove biciclette della colle-
SHUZO AZUCHI GULLIVER Casa vuota, via Maia Studio Miscetti, via
zione Antonio Colombo firmate da artisti e designer
Cart, via Sirtori 7, 12, tel. 328-4615638. delle Mantellate 14,
quali Piero Fornasetti e Alessandro Mendini.
tel. 039-329101. Fino al 30 giugno. tel. 06-68805880.
Fino al 30 giugno. Fino al 30 giugno.
Lomaggio di Dondero a Praga AGNESE DE DONATO
NAPOLI De Crescenzo & DAVIDE MONALDI
Sulle tracce del protagonista di Utz, lultimo ro-
manzo di Bruce Chatwin, il fotografo Mario ALBERTO DI FABIO. Viesti, via Ferdinando Studio Sales,
Dondero (1928-2016) ha realizzato nel 2008 un CAMERE DEL SOGNO di Savoia 2, piazza Dante 2,
memorabile ritratto di Praga. I suoi scatti fino al Umberto Di Marino, tel. 06-95226414. tel. 06-77591122.
2 luglio sono alla Torre del Castello dei Vesco- via Alabardieri 1, Fino al 30 giugno. Fino al 30 giugno.
vi di Luni a Castelnuovo Magra (piazza Quer- tel. 081-0609318.
ciola, tel. 0187-693832). Fino al 30 giugno. STEFANO CERIO GUIDO GUIDI
Del Cembalo, Unosunove,
SALVATORE EMBLEMA largo della Fontanella via degli Specchi 20,
Ranieri combatte la guerra Fonti, via Chiaia 229, di Borghese 19, tel. 06-97613696.
Il 14 giugno il carro disarmato di Paride Ranieri tel. 081-411409. tel. 06-83796619. Fino al 24 giugno.
(1966), un mini carro armato realizzato con bossoli di Fino al 30 giugno. Fino all8 luglio.
fucile usati, sfila a Milano da piazza del Carmine a TORINO
via Fiori Chiari per la performance Un colpo, una vita. ROBERTO AMOROSO MAURIZIO GABRIELE TUROLA
Dino Morra, piazza CANNAVACCIUOLO Biasutti & Biasutti,
Lo sguardo di Insolera sulle citt Enrico De Nicola 46, Emmeotto, via di via Bonafous 7/l,
Con 50 immagini in bianco e nero di citt, lurbani- tel. 081-18745462. Monte Giordano 36, tel. 011-8173511.
sta Italo Insolera (1929-2012) fino al 9 luglio al Fino al 27 luglio. tel. 06-68301127. Fino al 30 giugno.
Museo di Roma in Trastevere (www.museodiro- Fino al 23 giugno.
PALERMO GIACOMO SOFFIANTINO
maintrastevere.it) nella veste inedita di fotografo.
CONCETTA MODICA. RACHEL LABASTIE. Del Ponte,
FRAGILE/EPICO DJELEM DJELEM
Dopo la tempesta a Bienno Francesco Pantaleone, Ex Elettrofonica,
corso Moncalieri 3,
tel. 011-8193233.
I dipinti di Daniele Fabiani (1988) fino al 18 giugno via Vittorio Emanuele vicolo di SantOnofrio Fino al 29 giugno.
sono riuniti nella mostra Dopo la tempesta, alla Casa 303, tel. 091-332482. 10-11, tel. 06-64760163.
degli artisti di Bienno, Brescia (www.bienno.info). Fino al 24 giugno. Fino al 30 giugno. DANIELE GALLIANO
In Arco, piazza
In Toscana larte di Fedeli PESCARA DAVID PRYTZ. EXOCENTER Vittorio Veneto 3,
Linstallazione Costellazioni dellaretino Franco Fe- ETTORE SPALLETTI Mario Iannelli, tel. 011-8122927.
deli (1951) dal 16 giugno al 20 agosto al Museo Vistamare, largo via Flaminia 380, Fino al 15 luglio.
di Lucignano (www.comune.lucignano.ar.it). dei Frentani 13, tel. 06-89026885.
tel. 085-694570. Fino al 30 giugno. STEFANIE POPP
Ad Asti i colori delle emozioni Fino al 23 giugno. Norma Mangione, via
PAOLO GRASSINO Matteo Pescatore 17,
Con i suoi dipinti astratti la pittrice Feofeo (1969) d PIETRASANTA (LU) Anna Marra, tel. 011-5539231.
vita a un arcobaleno di emozioni. Dal 10 giugno al 6
MATERIAL MATTERS. via SantAngelo Fino al 23 giugno.
agosto la mostra Io sono colore al Museo Dioce-
A SCULPTURE SHOW in Pescheria 32,
sano San Giovanni (museo.sicdat.it) di Asti.
Accesso, via Marzocco tel. 06-97612389. MARK HANDFORTH
68-70, tel. 340-4104004. Fino al 30 giugno. Franco Noero 2,
Gli atelier in scatola di Vicentini 18 giugno-14 luglio. piazza Carignano 2,
Scatole dai colori brillanti e puri, trasforma- FRANCESCO CERVELLI tel. 011-882208.
te in mini atelier/teatrini dartista (a lato, REGGIO EMILIA E MAURO DI SILVESTRE Fino al 2 settembre.
Atelier aperto), e nuovi dipinti di Giorgio LANDSCAPES Mucciaccia
Vicentini (1951) dal 10 giugno al 9 luglio 2000 & Novecento, contemporary, piazza KHASHAYAR NAIMANAN
sono in mostra al Museo Butti di Viggi, via Sessi 1/f, Borghese 1/a, Noire, via Piossasco
Varese (www.museiciviciviggiutesi.com). tel. 0522-580143. tel. 06-68309404. 29, tel. 349-8319532.
Fino al 30 giugno. Fino al 7 luglio. Fino al 30 giugno.

210
Elvi MACCARI
TORRE PELLICE (TO)
TONY CRAGG
Tucci Russo,
via Stamperia 9,
tel. 0121-953357.
Fino al 30 luglio.
VENEZIA
GRARD RANCINAN
Bel-air fine art, calle
dello Spezier 2765,
tel. 345-0596872.
Fino al 31 ottobre.

MANOLO VALDS
Contini, calle Larga
XXII Marzo, San Marco
2288, tel. 041-5230357.
Fino al 30 novembre.

HAMISH FULTON
Michela Rizzo, Ex
Birrificio, Giudecca
800/Q, tel. 041-8391711.
Fino al 15 luglio. GIRASOLI QUA E L e COLORI DI GIRASOLI QUA E L
dittico - cm 40 x 50 ciascuno - 2013
JOHN SMITH
Alma Zevi,
San Marco 3357,
salizzada San Samuele,
tel. 041-5209197. PARALLELISMI
Fino al 22 luglio.
VERONA Riportiamo parte del testo di presentazione dellultima personale dellArti-
A. BIANCONI, A. sta, svoltasi a Milano nella sede del Palazzo del Senato dal 4 al 17 marzo
CONNELLY, R. ZWILLINGER 2014, preceduta dalla mostra antologica al Complesso dei Dioscuri al Qui-
La giarina, via rinale patrocinata dal MiBac, con presentazione di Claudio Strinati e meda-
Interrato acqua morta glia del Presidente della Repubblica. Nel 2011, Elvi Maccari ha ricevuto in
82, tel. 045-8032316.
Campidoglio il Premio Personalit Europea per larte, in occasione della 41
Fino al 30 giugno.
Giornata dEuropa.
MEDHAT SHAFIK
Marcorossi, Elvi Maccari, che ha al suo attivo un ricco curriculum di mostre in Italia e
via G. Garibaldi 18/a, allestero con premi e riconoscimenti, presenta una sintesi della pi recente
tel. 045-597753.
produzione artistica con il titolo Parallelismi, risultato di unaccurata ricer-
Fino al 24 giugno.
ca con accostamenti e contrasti tra i due diversi generi di pittura figurativa
VICENZA e pittura astratta uniti, in parallelo appunto, in dittici e trittici. Opere com-
NICOLA CAREDDA plesse scrive il critico Francesco Giulio Farachi nella presentazione della
Apart spazio critico, mostra in cui la ricerca figurale e stilizzante dialoga e si fonde con quella
contr Pedemuro
S. Biagio 41,
schiettamente luministica e tonale, e la visione si fa cos composta e com-
tel. 347-5515115. pleta solo attraverso la corrispondenza, in simultanea esistenza, di reale e
Fino al 25 giugno. astratto. Elvi Maccari, che per anni ha insegnato nelle scuole pubbliche,
assegna anche una funzione didattica alle sue opere. Come ha scritto Clau-
EMILIANO ZUCCHINI dio Strinati, una pittrice che crede senza dubbio in ci che fa e instilla
Valmore, contr Porta
Santa Croce 14, nellosservatore un convincimento positivo e costruttivo del proprio Essere,
tel. 0444-322557. stimolandolo a osservare e capire senza intellettualismi ma sollecitandolo
Fino al 23 giugno. nella pi intima sostanza.

www.elvimaccari.it
211
AGENDA La Roma della Catalano a Mosca
Dopo lesordio nel cinema con Federico Fellini, Elisabetta
Catalano (1944-2015) si scopre fotografa ritrattista. Ave-
va il dono di mettere a fuoco i lati pi intimi dei suoi sog-
getti e tra il 1964 e il 2004 davanti al suo obiettivo, a Roma,
sfilano celebri artisti, scrittori, registi, attori. Il Multimedia
art museum di Mosca (www.mamm-mdf.ru) fino al 25
giugno ne espone 120 scatti (a lato, Talitha Getty 02).

BERGAMO
NEL MONDO ZACHARY ARMSTRONG RICHARD SMITH B R E V I E B R E V I S S I M E
GNYP, Flowers, 21, Cork street,
AUSTRIA Knesebeckstrasse 96, tel. 004420-74397766.
tel. 004930-31014010. 9 giugno-15 luglio. Hller inaugura il Centro Botn
VIENNA Fino al 25 giugno. Per il nuovo Centro de arte Botn (www.centrobo-
FANTASTIC CAPITALISM NEL AERTS tin.org) di Santander larchitetto Renzo Piano ha
Galerie Peithner- KIMSOOJA Carl Freedman, progettato due edifici autonomi, uniti da una pas-
Lichtenfels, Kewenig, 29, Charlotte road, serella, che si protendono sul mare. Il 23 giugno lo
Sonnenfelsgasse 6, Bruderstrasse 10, tel. 004420-76848890. inaugura una mostra dellartista belga Carsten
tel. 00431-2369236. tel. 004930-39880380. 22 giugno-29 luglio. Hller (1961) che ne ripercorre lultimo decennio
Fino al 1 luglio. Fino al 29 luglio. attraverso 14 opere. visibile fino a settembre in-
CHANNING HANSEN sieme a una selezione di disegni di Goya e a opere
CINA DSSELDORF Stephen Friedman, della collezione della Fondazione Botn.
DAVIDE LA ROCCA. 13K 11, 25-28 Old Burlington
HONG KONG
LEE KIT
Voss, Mhlengasse 3,
tel. 0049211-134982.
str., tel. 004420-74941434.
8 giugno-29 luglio.
In Messico con Candida Hfer
Massimo De Carlo, Fino al 1 luglio. DallHospicio Cabaas alla Biblioteca Palafoxiana
3/f Pedder building, CORNELIA PARKER di Puebla, al Teatro Jurez de Guanajuato. Venticin-
12, Pedder street, GRAN BRETAGNA Frith street, que eccezionali fotografie di grande formato di al-
tel. 0086852-26138062. 17-18, Golden square, trettanti spazi emblematici del Messico, realizzate
Fino all8 luglio. LONDRA tel. 004420-74941550. nel 2015 da Candida Hfer (1944), due proiezioni e
TIBOR HAJAS Fino al 21 giugno. altre 13 immagini della fotografa tedesca fino al 30
FRANCIA Austin / Desmond, luglio sono esposte nel Collegio di San Ildefonso
68-69, Gt. Russell str., FILIPA CSAR di Citt del Messico (www.sanildefonso.org.mx).
PARIGI tel. 004420-72424443. & LOUIS HENDERSON
PIETRO RUFFO. Fino al 30 giugno 17. Gasworks, De Jong mette in scena De Stijl
LILLUSION PARFAITE 155, Vauxhall street, Nella sua ultima installazione, intitolata Weird
Galerie italienne, ALAN JOHNSTON tel. 004420-75825202. science, lartista olandese Folkert de Jong (1972)
15, rue du Louvre, Bartha, 25, Margaret str., Fino al 25 giugno. riflette sullidealismo rivoluzionario dei protagonisti
tel. 00336-17782653. tel. 004420-79850015. del movimento artistico De Stijl. Creata per il Gem
Fino al 30 giugno. Fino all8 luglio. EMILIE PUGH Museum Voor Actuele Kunst dellAja (www.
Michael Goedhuis, gem-online.nl), in mostra fino al 20 agosto.
LUCIO FONTANA, BERNAR VENET 61, Cadogan square,
JAMES HD BROWN Blain / Southern, tel. 004420-78231395 .
Karsten Greve, 4, Hanover square, 29 giugno-20 luglio. Luniverso grottesco di Condo
5, rue Debelleyme, tel. 004420-74934492. Popolato da personaggi grotteschi e misteriosi che
tel. 00331-42771937. 8 giugno-22 luglio. ADRAN VILLAR ROJAS, fanno il verso ai celebri ritratti della storia dellarte,
Fino al 29 luglio. GIOVANNI ANSELMO come quelli di Goya, Velzquez, Manet o Picasso,
KATE HUNT Marian Goodman, luniverso di George Condo (1957) un luogo fan-
ALEX ISRAEL. SUMMER Cadogan, 87, Old 5-8, Lower John street, tastico che riflette per le ansie, i desideri e le paure
Almine Rech, Brompton road, tel. 004420-70990088. del nostro mondo. Fino al 25 giugno lo presenta
64, rue de Turenne, tel. 004420-75815451. Fino al 22 luglio. la mostra The way I think, alla Phillips collection
tel. 00331-45837190. Fino al 29 giugno. di Washington (www.phillipscollection.org).
Fino al 29 luglio. ANNE RYAN
WALTER LEBLANC Greengrassi, 1/a, Giacomo Balla a Londra
GERMANIA Cortesi, 41 Maddox str., Kempsford road,
Fino al 25 giugno la Estorick Collection di Londra
tel. 004420-749360090. tel. 004420-78409101.
AMBURGO (www.estorickcollection.com) ospita Giacomo Bal-
Fino al 21 luglio. Fino al 15 luglio.
la: designing the future: 116 opere, tra dipinti, dise-
MAN RAY
gni e altri pezzi raramente esposti, provenienti dalla
Levy, Osterfeldstrasse IAN DAVENPORT DAVID MACH. INCOMING
collezione di Laura Biagiotti e Gianni Cigna.
6, tel. 004940-459188. Alan Cristea, Griffin, 21, Evesham
Fino al 23 giugno. 31-34, Cork street, str., tel. 004420-84243203.
tel. 004420-74391866. Fino al 7 luglio. Le lezioni di Vergara a Bruxelles
BERLINO 8 giugno-31 luglio. Cinque film dellartista Angel Vergara (1958) rie-
SOON MORE. CAROLEE SCHNEEMANN. vocano le cinque lezioni tenute da Charles Bau-
WE KEEP YOU POSTED JOHN ARMLEDER MORE WRONG THINGS delaire a Bruxelles nel 1864 per difendere la sua
401 contemporary, Massimo De Carlo, Hales, 7, Bethnal concezione della modernit. Fino al 2 luglio al
Potsdamer strasse 81/b, 55, South Audley street , Green road, Muses royaux des Beaux-Arts de Belgique di
tel. 004930-47377783. tel. 004420-72872005. tel. 004420-70331938. Bruxelles (www.fine-arts-museum.be).
Fino al 1 luglio. Fino al 15 luglio. Fino al 24 giugno.

212
CATALOGHI DARTE

CATALOGO GENERALE DELLE OPERE DI

ANTONIO BUENO
CATALOGO GENERALE
DELLE OPERE DI
3
ANTONIO
BUENO
TERZO VOLUME (1939 - 1984)

D opo oltre due anni di ricerche e approfondimenti vede la luce il terzo volume
del Catalogo Generale di Antonio Bueno. I curatori Maria Isabella Bueno e
Giovanni Faccenda hanno selezionato oltre 280 opere, alcune inedite e altre
poco note, realizzate dallartista tra il 1939 e il 1984, anno della sua scomparsa.
Presentazione del volume marted 27 giugno, ore 17.30
Museo Novecento, Piazza di Santa Maria Novella 10, Firenze
Volume di 176 pagine; formato cm 24 x 32; legatura cartonata con sovraccoperta e cofanetto
In vendita nelle librerie a 100,00. Prezzo speciale per i nostri lettori a 90,00
Per le ordinazioni scegliere tra: 1) Invio assegno bancario a Cairo Publishing Srl, corso Magenta 55 - 20123 Milano; 2) Versamento su c.c. postale
n. 71587083 intestato a Cairo Publishing Srl; 3) Bonifico, IBAN IT 66 X 02008 09432 000030040098 - Unicredit; 4) Addebito su carta di credito
(escluse le elettroniche e American Express). Si prega di inviare lattestazione del pagamento al fax 02 43313580 o allindirizzo
mail diffusione@cairoeditore.it, indicando un recapito telefonico. Per informazioni telefonare allo 02/43313517. Offerta valida sino al 31/12/2017.

I libri Giorgio Mondadori La bellezza della qualit


Informazione Pubblicitaria
La grafica artista e cura-
trice romana Paola
Biadetti responsabile
del marketing e delle AGENDA
relazioni esterne dello
Spoleto Art Festival,
nonch segretario
generale del Premio
Spoleto Art Festival Arte
e Letteratura.

ANA MENDIETA CHELPA FERRO. BASILEA


Alison Jacques, SPACEMEN/CAVEMEN OLIVER KRHENBHL
16-18, Berners street, Sprovieri, Graf & Schelble,
tel. 004420-76314720. 23, Heddon street, Spalenvorstadt 14 ,
Fino al 24 giugno. tel. 004420-77342066. tel. 004161-2610911.
29 giugno-23 settembre. Fino al 30 giugno.
PRUNELLA CLOUGH
& SIGRID HOLMWOOD DING YI IMI KNOEBEL
Annely Juda, 23, Dering Timothy Taylor, Von Bartha,
str., tel. 004420-76297578. 15, Carlos place, Kannenfeldplatz 6,
Fino all8 luglio. tel. 004420-74093344. tel. 004161-3221000.
Fino al 25 giugno. 14 giugno-29 luglio.
CHUNG SANG-HWA
Lvy Gorvy, SARA BARKER. A WEAK INTERWALLS
22, Old Bond street, SPLIT IN THE EARTH Tony Wthrich,
tel. 004420-36965910. The approach, 1st Floor, Vogesenstr. 29,
Fino al 21 luglio . 47, Approach road, tel. 004161-3219192.
tel. 004420-89833878. Fino al 24 giugno.
VICKY WRIGHT. Fino al 25 giugno.
NIGHT SHIFT BERNA
Josh Lilley, 44-46, TADAAKI KUWAYAMA ERICH HECKEL
Riding House street, The Mayor, 21, Cork str., Henze & Ketterer,
tel. 004420-75805677. tel. 004420-77343558. Kirchstrasse 26,
Fino al 22 giugno. Fino al 28 luglio. tel. 004131-7810601.
Fino al 22 settembre.
JOYCE PENSATO. STATI UNITI
FORGETTABOUT IT GINEVRA
Lisson, 27, Bell street, NEW YORK MAKE AMERICA
tel. 004420-77242739. ANTHONY JAMES GREAT AGAIN
Fino al 24 giugno. Fort Gansevoort, Blondeau & Cie,
5 Ninth avenue, 5, rue de la Muse,
SSSSSSS AAS FSFSFFFS 2017 FS 22 FS 25 SSSSSSSAS AAS II S S CFSC

POLKE & PICABIA tel. 001917-6393113. tel. 004122-5449595.


Luxembourg & Fino all8 luglio. Fino all8 luglio.
Dayan, 2, Savile row,
tel. 004420-77341266. RONI HORN TITO HONEGGER.
12 giugno-12 agosto. Hauser & Wirth, DAPRS PEINTURES
548 West 22nd street, Anton Meier,
ALICE NEEL, tel. 001212-7903900. 2, rue de lAthne,
ISAAC JULIEN Fino al 29 luglio. tel. 004122-3111450.
Victoria Miro, Fino al 1 luglio.
16, Wharf road, ALEXANDER CALDER,
tel. 004420-75490422. CALDER / MIR: LUGANO
Fino al 29 luglio. CONSTELLATIONS TATSUO MIYAJIMA.
Pace, 32 East 57th str., C.T.C.S. FLOWER DANCE
NATHALIE DU PASQUIER tel. 001212-4213292. Buchmann,
Pace, 6, Burlington Fino al 30 giugno. via della Posta 2,
gardens, tel. 004191-9800830.
tel. 004420-32067600. ERIC FISCHL Fino al 26 agosto.
Fino al 29 luglio. Skarstedt,
550 West 21st street, SERENA MAISTO
HYNEK MARTINEC tel. 001212-9945200. Cortesi gallery,
Parafin, 18, Woodstock Fino al 24 giugno. via Frasca 5,
str., tel. 004420-74951969. tel. 004191-9214000.
Fino al 15 luglio. SVIZZERA Fino al 21 luglio.

HA CHONG-HYUN ASCONA SILVIA CAMPORESI


Almine Rech, RENZO FERRARI Photographica fineart,
Grosvenor Hill, Wolf, Carr dei Nasi 11, via Cantonale 9,
tel. 004420- 72873644. tel. 004191-2254608. tel. 004191-9239657.
Fino al 29 luglio. Fino al 2 luglio. Fino al 28 luglio.

paolabiadetti@gmail.com - spoletofestivalart@virgilio.it 214


cellulare +39 347 413 7208
CATALOGHI DARTE

COQUETTE ART DE PORT

AMLIE GRZINGER
oquete ar de por
FEATURING CHRISTIANE
MBUS. TRACES
Allegra Ravizza,
via Nassa 3/a,
tel. 004191-2243187.
Fino al 21 giugno.

LUCIANO BARTOLINI.
RESPIRO
Studio Dabbeni,
corso Pestalozzi 1,
tel. 004191-9232980.
Fino al 29 luglio.

GABRIELE BASILICO. IN
TRENO VERSO LEUROPA.
Tag, via Frasca 3,
tel. 004191-9214775.
Fino al 20 luglio.
e equenze dellnima suonate dallreTerapia
ZUOZ r Therapy Songs om the Soul
NOT VITAL, DAN WALSH
Tschudi, Chesa
Madalena, Somvih 115,
tel. 004181-8501390.
22 luglio-16 settembre.
ZURIGO
HERNAN BAS,
BEATRIZ GONZLEZ
L a Dama con lermellino di Leonardo, Il bacio di Hayez, la
Venere di Botticelli: sono solo alcune delle dieci opere a
forma di gambale che lartista Coquette art de port ha
Peter Kilchmann, realizzato utilizzando piccole pietre cubic zirconia di varie
Limmatstrasse 270,
tel. 004144-2781010. colorazioni. Come spiega lautrice, una modalit espressiva
10 giugno-28 luglio. ma anche un mezzo utile per rigenerare se stessi attraverso
la creativit. Il volume, unico nel suo genere, raccoglie le
THOMAS RUFF
Mai 36, Rmistrasse 37,
testimonianze di alcuni personaggi pubblici che si sono
tel. 004144-2616880. avvicinati al progetto dellartista.
9 giugno-29 luglio.

HENRY TAYLOR Presentazione del volume gioved 8 giugno


Eva Presenhuber, Sala Pirelli, Grattacielo Pirelli, via Fabio Filzi 22, Milano
Zahnradstrasse 21,
tel. 004143-4447050.
In collaborazione con Regione Lombardia
11 giugno-22 luglio.
Volume di 64 pagine; formato cm 24 x 28;
GIORGIO GRIFFA.
WORKS 1972-1983
legatura in brossura con alette
Annemarie Verna, In vendita nelle librerie a 20,00
Neptunstrasse 42, Prezzo speciale per i nostri lettori a 18,00
tel. 004144-2623820.
Fino all8 luglio. Per le ordinazioni scegliere tra: 1) Invio assegno bancario a Cairo Publishing Srl,
corso Magenta 55 - 20123 Milano; 2) Versamento su c.c. postale n. 71587083 intestato
CANDIDO STORNI, a Cairo Publishing Srl; 3) Bonifico, IBAN IT 66 X 02008 09432 000030040098 - Unicredit;
HANS JRG GLATTFELDER 4) Addebito su carta di credito (escluse le elettroniche e American Express).
Wenger,
Si prega di inviare lattestazione del pagamento al fax 02 43313580 o allindirizzo mail
Mhlebachstrasse 12,
tel. 004143-2113033. diffusione@cairoeditore.it, indicando un recapito telefonico. Per informazioni telefonare
Fino al 15 luglio. allo 02/43313517. Offerta valida sino al 31/12/2017.

I libri Giorgio Mondadori La bellezza della qualit


215
PROSSIMAMENTE
di Art Basel
IN FIERA Le tendenze

Numero 526
5,00 (in Italia)
Giugno 2017 zione
Cultura, Informa
Mensile di Arte,

Giugno 2017

10,20

> 70526
10,00-Spagna
5858

585003
ISSN 1122
o di Monaco

771122
Ticino chf 16,40-Principat
La rassegna YTALIA a Firenze: dal Forte Bel-

9
chf 16,60-Canton
IN FIERA Le tendenze di Art Basel

8,90-Svizzera
Giugno 2017 5,00 (in Italia)

1, LO/MI - Mensile go 8,90-Portogallo (Cont.)


Mensile di Arte, Cultura, Informazione

Francia 10,00-Germania 13,00-Grecia 9,55-Gran Bretagna igs 7,50-Lussemburgo 8,90-Portogallo (Cont.) 8,90-Svizzera chf 16,60-Canton Ticino chf 16,40-Principato di Monaco 10,00-Spagna 10,20

>
SPECIALE BIENNALE

70526
vedere agli Uffizi, da Palazzo Vecchio a Boboli.

ISSN 1122 5858


ABRAMOVIC

585003
SPECIALE

- Numero 526
Retrospettiva

771122
9
al Louisiana

igs 7,50-Lussembur
DI VENEZIA
FOTOGRAFIA
BIEN NALE7

9,55-Gran Bretagna
La scuola

art. 1, comma
Abramovic Art
dei Becher
o su Venezia 201
ABRAMOVIC

Poste Italiane Spa - Sped. In A.P. - D.L. 353/2003 art. 1, comma 1, LO/MI - Mensile - Numero 526
Tutt

A.P. - D.L. 353/2003


Retrospettiva

musei SPECIALE
dai padiglioni ai
VACCARI
al Louisiana

13,00-Grecia
Basel Becher
FOTOGRAFIA

A Roma, la collezione di TULLIO LEGGERI


Ultimi lavori
BIENNALE
La scuola
dei Becher
a Modena

Spa - Sped. In
Francia 10,00-Germania
VACCARI
Ultimi lavori
Tutto su Venezia 2017
dai padiglioni ai musei

Vaccari
a Modena

Poste Italiane
ORI
GIORGIO MONDAD
EDITORIALE
EDITORIALE GIORGIO MONDADORI

al Palatino e la retrospettiva di ARMAN a Pa- Arte ora


lazzo Cipolla. VINCENZO AGNETTI a Palaz- anche su iPad
e iPhone
zo Reale di Milano. Il REALISMO MAGICO al Il nostro mensile Arte
disponibile per iPad e
Mart di Rovereto. SUGIMOTO alla Fondazio- per iPhone, scaricando
la nuova app da iTunes
ne Sandretto Re Rebaudengo di Torino. DO- Store. Il numero
di prova, con indice

CUMENTA 14 a Kassel. HANS OP DE BEECK


interattivo e gli stessi
contenuti della
copia cartacea,
a Wolfsburg. ADRIN VILLAR ROJAS al Met gratuito. possibile
ingrandire testi,

di New York e alla Kunsthaus di Bregenz fotografie e disegni.

CERTIFICATO DI ABBONAMENTO AD ARTE


S, sottoscrivo un abbonamento alla rivista e scelgo la seguente formula: Italia Estero
1) PER 1 ANNO (12 NUMERI) con sconto ..................................................................................................... 41 78

2) PER 2 ANNI (24 NUMERI) con sconto ....................................................................................................... 71 129

Invio limporto con:


1 assegno bancario non trasferibile allegato, intestato a: Cairo Editore S.p.A.
N. ....................................................................... Banca .........................................................................................................................
2 versamento sul c/c postale n. 43459346 intestato a: Cairo Editore S.p.A., di cui allego ricevuta (indicare la causale)
3 carta di credito: Visa American Express CartaSi

N. Scadenza

Data ...................................................................... Firma ..........................................................................................................................


Cognome ............................................................. Nome .........................................................................................................................
Via o piazza ......................................................... N. ....... Cap ....... Citt ...................................................................... Prov. .........
Tel. ........................................................................ E-mail (facoltativo) ..................................................................................................
Abbonamenti via internet: www.miabbono.com

Informativa sulla privacy Trattamento dei dati personali ai sensi dellart. 13 D. Lgsl. 196/03 Informiamo che la compilazione di questa cedola autorizza Cairo Editore
S.p.A. in qualit di Titolare del trattamento a dare seguito alla sua richiesta. Con riferimento ai dati conferiti per la sottoscrizione dellabbonamento, I suoi dati saranno
trattati da Cairo Editore S.p.A. nonch dalle societ con essa in rapporto di controllo e collegamento ai sensi dellart. 2359 c.c. - Solo con il suo esplicito consenso da espri-
mere barrando le caselle riportate in calce, i suoi dati verranno utilizzati dal titolare del trattamento per le seguenti finalit: 1) Finalit di indagini di mercato e analisi di
tipo statistico anche al fine di migliorare la qualit dei servizi erogati, marketing diretto, attivit promozionali, offerte commerciali anche nellinteresse di terzi; 2) Finalit
connesse alla comunicazione dei suoi dati personali a proprie aziende partner per propri utilizzi aventi le medesime finalit di cui al suddetto punto 1).
Consenso al trattamento dati per le finalit e con le modalit indicate nellinformativa.
Vi autorizzo alla comunicazione dei miei dati per ricevere informazioni promozionali da parte di Cairo Editore S.p.A. come indicate al punto 1 dellinformativa
autorizzo non autorizzo
Vi autorizzo alla comunicazione dei miei dati per ricevere informazioni promozionali da parte di soggetti terzi come indicato al punto 2 dellinformativa
autorizzo non autorizzo

Per sottoscrivere labbonamento ad Arte, inviare questo tagliando o una fotocopia in busta chiusa a: Arte - Cairo Editore - Servizio Abbonamenti - corso
Magenta 55 - 20123 Milano. Per i suoi ordini con carta di credito, pu inviare via fax al n. 02/460869 oppure via mail a abbonamenti@cairoeditore.it. Con
labbonamento prevista liscrizione gratuita al Club degli Abbonati. Nel caso di abbonamento-dono aggiungere al tagliando i dati completi del donatore.
Con il patrocinio di

Premio internazionale
di Arte Contemporanea

4 - 11 GIUGNO 2017
stazione marittima palazzo fruscione complesso monumentale di s. sofia

Da unidea di Veronica Nicoli e Armando Principe


Direttore Artistico Vittorio Sgarbi - Presidente di Giuria Daniele Radini Tedeschi

SCARICA IL PROGRAMMA UFFICIALE SU:

w w w. a r t es alerno. i t
D ESI D E R I U N A Q UO TA ZI O NE UFFICIALE? INFO@PRINCEARTEGALLERY.IT
Prince Art Gallery - Casa dAste
Corso G. Garibaldi ,194 - 84122 Salerno (Campania)
Tel: 089 9713004 | E-mail: info@princeartgallery.it
| Web: www.princeartgallery.it
p.iva 05119470655
Giosetta Fioroni
Roma anni 60

MMOMA
Moscow Museum of
Modern Art
6 Settembre 2017
A cura di
Marco Meneguzzo
e Piero Mascitti

FOTO ELISABETTA CATALANO. COURTESY ARCHIVIO ELISABETTA CATALANO, ROMA

FONDAZIONE
GOFFREDO PARISE
E GIOSETTA FIORONI
pieromascitti1@gmail.com