Sei sulla pagina 1di 2

La dislessia un disturbo di lettura che interferisce con i meccanismi di codifica decodifica

grafema fonema del testo scritto.


Questo meccanismo, spontaneo ed inconsapevole in alcuni, non stato automatizzato nel soggetto
dislessico, che manifesta difficolt nella lettura ed una evidente disgrazia.
In effetti la sua lettura realizzata solo a partire da uno sforzo particolare che incide sullattenzione;
tale sforzo vanifica inoltre la comprensione semantica del testo.
Lalunno Andrea B. della classe I G, denota disturbi legati alla dislessia: difficolt di attenzione
scarsa concentrazione disgrazia iperattivit difficolt di decodifica del testo scritto .
Al fine di favorirne un proficuo inserimento nel gruppo classe e migliorarne le dinamiche cognitive,
in accordo con il C. di Classe, si decide di strutturare e somministrare al discente verifiche orali sia
sommative che formative.
In un secondo momento si provveder a far si che Andrea metta in pratica quanto ha appreso e
discusso oralmente in una verifica scritta, appositamente pensata e strutturata su livelli minimi di
conoscenza con risposte a completamento e a scelta ( vero/falso).
In effetti il soggetto dislessico evidenzia una diversa prestazione nel momento in cui gli si propone
una interrogazione orale e poi una verifica scritta.

Verifica Orale Leconomia curtense

Domanda: Che cosa si intende per corte?


R: La corte la parte produttiva del feudo
D. in quante parti si divide la corte?
R:si divide in due parti, parte domenica e parte massaricia
D. Chi erano i massari?
R. I massari erano i contadini liberi
D. Che cos la minuscola carolina?
R. E una calligrafia chiara, rapida e uguale per tutti
D.Che cosa si intende per autoconsumo?
R.Ci che si riesce a produrre da soli.
D. Descrivi la piramide feudale del potere?
R. La piramide feudale del potere si basa sui rapporti personali: al vertice c limperatore, poi ci
sono i conti, i marchesi, i cavalieri, gli uomini liberi e alla base i servi della gleba.
D:I feudi concessi da Carlo Magno ai vassalli erano ereditari?
R. I feudi erano concessi in custodia e non erano ereditari; in seguito lo diverranno.

Il discente ha risposto in maniera semplice, ma puntuale alle domande proposte, pertanto gli
obiettivi della verifica orale risultano ampiamente raggiunti.

Verifica scritta Leconomia curtense

Completa il seguente brano, utilizzando i termini proposti:

non ereditari custodia impero piramide feudale imperatore cristianit feudo feudale
sovrano legami personali

Carlo Magno concedeva i feudi solo in non ereditari(custodia), si riservava il diritto di riprenderseli
quando voleva e li considerava legami personali( non ereditari): proibiva cio che passassero
automaticamente di padre in figlio
Lorganizzazione data da Carlo Magno ai territori franchi era quindi una piramide feudale del potere
con a capo un impero(imperatore) che era contemporaneamente il capo dellimperatore(impero) e il
capo della custodia ( cristianit).
Essa era feudale non solo perch comprendeva la concessione di un sovrano (feudo), ma perch era
fondata sui legami personali di tutti i potenti con il feudo(sovrano)
Totale 3/10 Tra parentesi ci sono le risposte corrette

Indica con una crocetta se le seguenti affermazioni sono vere o false

La corte rappresenta la parte produttiva del feudo falso (vero)


Il sistema economico basato sulla corte si chiama sistema curtense falso (vero)
Il feudatario gestiva direttamente la parte massaricia vero (falso)
I massari erano servi falso
La parte domenica comprendeva tutti i campi coltivati vero(falso)
Il signore versava alla chiesa la decima vero
I massari dovevano al signore la corve falso (vero)
La piramide rappresenta la societ feudale falso(vero)
Il signore aveva diritto alla tassa sui beni del massaro vero
Lobbligo di residenza nel manso non fu esteso ai massari vero (falso)

Totale 3/10

Gli obiettivi della verifica non sono stati raggiunti

Conclusioni: Da una attenta analisi delle due prove si evidenzia che Andrea, in quanto dislessico,
necessita di tempi di attenzione e di concentrazione maggiori rispetto agli altri componenti del
gruppo classe; pertanto, visto che i risultati dellalunno risultano positivi nellinterrogazione orale e
deficitari nella verifica scritta che verteva sugli stessi argomenti,soprattutto perch nel discente
subentrato uno stato dansia dovuto al fatto che il meccanismo di codifica- decodifica grafema -
fonema non automatizzato , ma necessit di uno sforzo che compromette la comprensione, anche
semplice di un testo, si consiglia di somministrare ai soggetti dislessici , al fine di migliorarne le
capacit cognitive ed inferenziali, interrogazioni orali.