Sei sulla pagina 1di 25

Le interfacce RS422 e

RS485
Questo tutorial illustra gli aspetti principali di due standard di trasmissione digitale
differenziale spesso utilizzati per trasmissioni seriali in ambiente industriale: EIA/TIA-
422 ed EIA/TIA-485, nel seguito indicati semplicemente come RS422 e RS485.

La scelta di descrivere nello stesso documento queste due interfacce deriva dal
fatto che sono molto simili tra loro ed in alcune applicazioni intercambiabili.

Prima di iniziare, una premessa: questi standard in teoria si riferiscono


esclusivamente agli aspetti elettrici del segnale (il cosiddetto livello 1 o physical
layer dello standard ISO/OSI), ignorando completamente ogni definizione del
significato delle tensioni trasmesse. Nel seguito violer per alcuni aspetti questa
premessa, accennando in particolare alla trasmissione seriale asincrona su lunghe
distanze in ambienti industriali, ambito che a rigore dovr essere ritenuto solo un
esempio applicativo anche se ampiamente diffuso.

A puro titolo informativo, accenno ad altre due applicazioni in cui questi standard
sono (o meglio erano) utilizzati:

bus SCSI differenziali: la trasmissione sincrona ed avviene in parallelo,


utilizzando molte decine di fili, a velocit e distanze medie (decine di
Mbyte/s, pochi metri).
reti locali di computer 10baseTX: sono utilizzate due coppie di cavi, su
distanze fino a 100 m e velocit di 10 Mbit/s; ciascun bit ha generalmente
una codifica di tipo Manchester ed inserito in un frame composto da
migliaia di bit,trasmessi serialmente.

Tipologie di segnali digitali

I segnali con cui si ha a che fare nei sistemi digitali sono spesso di tipo single ended
o sbilanciati: la tensione misurata rispetto ad un riferimento comune indicato
come massa (o pi propriamente come reference o signal ground). Due esempi di
tali segnali sono, per rimanere nel campo dei sistemi di comunicazione:

la porta parallela Centronics: tensioni maggiori di 2 V indicano luno logico,


tensioni minori di 0.8 V identificano lo zero logico, definizioni coincidenti con
quelle utilizzate per i segnali TTL
la porta seriale RS232: l'uno logico identificato da una tensione negativa
compresa, in modulo, tra 3 e 15 V e lo zero da una tensione positiva
maggiore di 3 V.

Per trasmettere un singolo bit usando un segnale sbilanciato evidentemente


necessario usare un solo filo oltre alla massa che unica e comune a tutti i
segnali.

I limiti nell'uso di segnali non bilanciati nella trasmissione di informazioni derivano


da due considerazioni:

Se vero, almeno in prima approssimazione, che il potenziale di massa


univocamente definito in un circuito di piccole dimensioni, tale concetto
diventa una illusione quando le distanze sono elevate; infatti la corrente,
scorrendo nel filo di riferimento, produce differenze di potenziali a causa
dell'impedenza elettrica del collegamento. Questo fatto gi abbastanza
rilevante in corrente continua (quando occorre tener conto della sola
resistenza del cavo) ma fondamentale quando, usando segnali ad alta
velocit, l'induttanza del cavo diviene la l'elemento predominante
dell'impedenza.
Lungo un filo di lunghezza non trascurabile la tensione subisce l'influsso
casuale e continuamente variabile dei disturbi esterni: il ricevitore quindi
osserva un segnale digitale sovrapposto a "rumore" che, se elevato,
potrebbe portare ad interpretazioni errate del valore logico. Tale effetto si
verifica in modo casuale sia nei confronti del segnale sia nei confronti del
riferimento, per di pi con diversa intensit considerando che l'impedenza
equivalente verso massa diversa.

Una soluzione ad entrambi i problemi quella di adottare elevate escursioni del


segnale al fine di aumentare il rapporto tra segnale e disturbo (p.e. la RS232
prevede escursioni tipiche di 24 V) oppure mantenere corti i cavi (soluzione
ovviamente improponibile se i due oggetti da collegare sono fisicamente distanti)
oppure ancora usare, almeno per il segnale di riferimento, cavi di elevata sezione
(opzione con evidenti impatti negativi e comunque che porta a benefici solo
marginali).

Il secondo dei due problemi accennati inoltre parzialmente risolvibile utilizzando


cavi schermati.

Nei sistemi bilanciati o differenziali la tensione associata alla trasmissione di un


singolo bit misurata come differenza di potenziale tra due fili, tra loro identici e
pilotati da trasmettitori con la stessa impedenza di uscita: se la tensione
maggiore su uno dei fili il valore logico associato ad uno zero, se minore ad un
uno. Non ha invece nessuna importanza la tensione dei due fili rispetto a massa.

Questo metodo permette di superare i due problemi appena descritti:


Il valore logico associati alla differenza di potenziale tra due fili: il
potenziale assoluto della massa quindi teoricamente ininfluente. In questo
modo, anche se sul filo di massa scorrono correnti e quindi si creano
differenze di potenziale, non si generano effetti sui valori logici.
Si usa dire che un sistema di trasmissione differenziale non sensibile alla
tensione di modo comune (Vcm), definita come media della tensione dei
due fili che trasportano il segnale rispetto alla massa locale.
Visto che la coppia di fili su cui il segnale viaggia costituita da un
"doppino" pilotato da trasmettitori con la stessa impedenza di uscita, i
disturbi sono fortemente attenuati, come descritto in uno dei seguenti
paragrafi.

Esistono ovviamente anche degli svantaggi:

necessario prevedere un numero doppio di conduttori: per ogni singolo


segnale servono due fili, oltre alla massa comune a tutti i segnali ed in
genere necessaria.
Sono richiesti driver e ricevitori pi complessi. Utilizzando circuiti integrati
appositamente studiati e largamente diffusi, questo problema per
facilmente superabile.

Lo standard RS422

Questo standard stato originariamente proposto per la trasmissione di segnali


digitali fino a 10 Mbit/s (10 milioni di bit al secondo) su distanze fino a 4000 piedi
(circa 1200 m). Usando integrati moderni inoltre possibile superare i limiti imposti
dallo standard sia in termini di velocit che di distanza.

Lo standard RS422 prevede che ciascuna linea differenziale sia pilotata da un


driver. I ricevitori possono essere fino a 10 ma pi comune l'utilizzo di questo
standard nelle comunicazioni punto-punto, cio per collegare un singolo
trasmettitore ad un singolo ricevitore, come rappresentato nello schema.

I due stati di ciascuna linea sono definiti nel seguente modo:

Quando il terminale A negativo rispetto a B, la linea rappresenta un uno


binario. Tale stato rappresenta anche l'assenza di segnale (idle state)
Quando il terminale A positivo rispetto a B, la linea rappresenta uno zero
binario

Nella figura seguente viene mostrato l'andamento idealizzato dei segnali sui due
fili A (in rosso) e B (in blu): come si vede si tratta di due segnali tra loro in
opposizione di fase. Nell'immagine sono mostrati come variabili tra zero ed una
tensione positiva (come del resto avviene il pi delle volte anche nei sistemi reali)
anche se questo non richiesto dallo standard. La tensione differenziale quella
che effettivamente trasmette l'informazione ed positiva o negativa in funzione
del livello logico trasmesso.

Da notare che in molte realizzazioni il terminale A identificato come - ed il


terminale B come + oppure con altri nomi in cui evidenziato, anche
graficamente, che hanno sempre valori logici opposti.

All'uscita del trasmettitore la differenza di potenziale tra le linee A e B deve essere


di almeno 4 V e la tensione di modo comune deve essere minore di 7 V
(normalmente una linea vale 0 V e l'altra circa 5 V). Il ricevitore deve essere in
grado di interpretare correttamente lo stato della linea quando la differenza di
potenziale superiore in modulo a 200 mV. In appendice ho riportato una tabella
con tutti i valori elettrici definiti dallo standard.

Nel caso di realizzazioni industriali, la topologia pi frequente prevede due


dispositivi collegati tra loro attraverso due coppie di cavi (oltre la massa), una per
ciascun verso di trasmissione del segnale; in questo caso possibile realizzare una
comunicazione full-duplex: ciascuno dei due dispositivi pu
contemporaneamente ricevere e trasmettere dati.

Lo standard RS485

Lo standard RS485 dal punto di vista elettrico molto simile all'RS422: alcune
differenze minori sono riportate nelle tabelle in appendice.

La differenza sostanziale il supporto delle linee multi-drop, cio linee con la


coesistenza di pi ricevitori e trasmettitori sulla stessa coppia di fili. Al fine di evitare
conflitti ovviamente necessario che un solo trasmettitore alla volta sia attivo.
Questo implica l'uso di trasmettitori che, oltre alle uscite corrispondenti allo zero e
all'uno, possano gestire anche un "terzo stato" in cui l'elettronica appare come
fisicamente non collegata alla linea (stato detto ad alta impedenza, three-state o
Hi-Z).

I ricevitori possono invece essere tutti attivi contemporaneamente ed in genere lo


sono effettivamente.

La topologia pi usata con questo protocollo quella a due fili (oltre alla massa)
rappresentata nello schema seguente. Questa connessione permette la
trasmissione bidirezionale(ma ovviamente non contemporanea) tra due o pi nodi
che, dal punto di vista elettrico, sono tra loro equivalenti.

La sezione rice-trasmittente di ciascuno dei nodi evidenziato nella figura da un


rettangolo blu. Le connessioni verso la linea sono costituite semplicemente dai due
terminali A e B comuni sia alla sezione di ricezione che a quella di trasmissione e
dalla massa. Possono essere ovviamente presenti dei moduli dotati del solo
ricevitore o, caso meno probabile, del solo trasmettitore.

Ciascun modulo trasmettitore deve possedere, oltre un ingresso dati, anche un


ingresso di abilitazione alla trasmissione, pilotato localmente, che permette di
disabilitare il trasmettitore quando non serve: al fine di evitare conflitti necessario
prevedere un qualche meccanismo che impedisca l'attivazione contemporanea
di pi trasmettitori oppure sia in grado rilevare tali conflitti ed intervenire
opportunamente. I driver RS485 sono comunque progettati per non riportare danni
anche in caso di corto circuito permanente, limitando la corrente massima a 250
mA.

Nello schema disegnato previsto anche un segnale di abilitazione del ricevitore,


sebbene spesso non necessario: infatti possibile lasciare tutti i ricevitori sempre
attivi oppure collegare insieme i due ingressi di abilitazione essendo normalmente
attivi su livelli logici opposti.

Lo standard originario permette la connessione di massimo 32 ricevitori ma


utilizzando integrati a basso assorbimento tale limite pu essere
abbondantemente superato.
Adattamento di impedenza

In prima approssimazione, in un sistema digitale il concetto di "linea di trasmissione"


che verr illustrato in questa pagina deve essere applicato ogni volta in cui la
durata di un bit minore di 10 volte il tempo necessario al segnale a percorrere la
distanza tra trasmettitore e ricevitore oppure il tempo di salita dei segnali
maggiore di 5 volte il tempo di trasmissione.

La descrizione dei fenomeni associati alle linee di trasmissione vanno oltre gli scopi
di questo tutorial ma, per una comprensione almeno approssimativa necessario
tenere presente che:

Il segnale elettrico si propaga nei conduttori ad una velocit finita, prossima


a 2/3 di quella della luce.
Ciascun cavo caratterizzato da parametri elettrici di tipo distribuito
sintetizzabili con l'impedenza caratteristica Zo, un valore puramente resistivo
indipendente dalla lunghezza del cavo, dato dal produttore e non
misurabile con strumenti hobbistici.
Se la resistenza di uscita di un trasmettitore e la resistenza di ingresso di un
ricevitore non sono uguali all'impedenza caratteristica della linea usata, si
generano riflessioni del segnale cio, mi si scusi il paragone poco preciso, il
segnale "torna indietro" quando raggiunge la fine del cavo, causando
interferenze non trascurabili. Si usa dire, per indicare l'uguaglianza delle tre
resistenze, che le linee di trasmissione devono essere "adattate" oppure
"terminate", operazione che si riduce il pi delle volte all'aggiunta di uno o
pi resistori.

Purtroppo non sempre comodo terminare le linee (non tanto per i costi quanto
per il maggior assorbimento di corrente, una attenuazione del segnale, la difficolt
di manutenzione e/o estensione della rete) per cui prima opportuno chiedersi se
tale operazione sia effettivamente necessaria in una specifica applicazione.

I due parametri fondamentali da considerare sono ovviamente la lunghezza del


cavo e la velocit di trasmissione. Una buona regola empirica che si rif a quanto
detto nell'introduzione alla pagina afferma che la terminazione non necessaria
nel caso in cui la durata di un singolo bit molto maggiore del tempo impiegato
dal segnale per percorrere l'intera linea. Normalmente per "molto maggiore" si
intende almeno dieci volte pi grande. Questa regola trae origine dal fatto che le
eventuali riflessioni vengono attenuate dalla resistenza del cavo stesso e nel
volgere di poco tempo divengono trascurabili. Siccome la misura della tensione
viene normalmente effettuata dal ricevitore al centro del bit, possibile trascurare
gli effetti delle riflessioni se trascorso un tempo sufficiente rispetto al fronte del
segnale.

Come esempio pratico, si consideri una linea di 1200 metri, il massimo previsto
dallo standard RS485. Sapendo che un segnale elettrico si propaga in un cavo
tipico a circa 2/3 della velocit della luce, il tempo impiegato per percorrere tale
distanza approssimativamente:

Se la trasmissione avviene a 9600 bit/s la durata di un singolo bit 104 us, valore
decisamente maggiore di 6, e quindi possibile non terminare la linea senza
effetti negativi sulla qualit del segnale. Se sulla stessa linea la trasmissione fosse
effettuata a 115.000 bit/s la terminazione sarebbe invece indispensabile in quanto
il singolo bit dura circa 8 us. Infine, se la linea fosse di soli 10 metri, anche a 230.000
bit/s la terminazione potrebbe essere evitata in quanto il tempo impiegato per
percorrere il tratto di linea dell'ordine dai 50 ns e la durata del bit circa 4000 ns.

Chi fosse interessato alla valutazione rigorosa delle riflessioni dei segnali digitali
lungo linee di trasmissione, pu per esempio consultare le AN 806, AN 807 ed AN
808 pubblicate da National Semiconductor e disponibili sul sito www.national.com.

Terminazione parallela

Il metodo di terminazione che offre le migliori prestazioni quello cosiddetto


parallelo. Nel caso di trasmissioni punto-punto, in parallelo al ricevitore ed il pi
possibile vicino ad esso necessario inserire tra i terminali A e B un resistore di
valore pari all'impedenza caratteristica della linea Zo.

I valori del resistore, usando i cavi normalmente impiegati per questo scopo, sono
compresi tra 100 e 120 ohm. Nelle trasmissioni ad alta velocit opportuno usare
resistori di tipo non induttivo, per esempio a carbone.

Nel caso in cui presente un solo trasmettitore e pi ricevitori sulla stessa linea
necessario mettere il trasmettitore ad un estremo della linea e l'unica resistenza di
terminazione all'estremo opposto. I ricevitori intermedi non vanno connessi a
resistenze aggiuntive.

Nel caso di connessioni multi-drop, le resistenze da inserire sono due, anche in


questo caso pari ciascuna a Zo. Queste due resistenze vanno poste agli estremi
fisici della linea, non necessariamente in corrispondenza di un ricevitore o di un
trasmettitore.

Le prestazioni di questo tipo di terminazione sono molte buone dal punto di vista
elettrico ma hanno il problema di richiedere un elevato assorbimento di corrente:
considerando la situazione normale con una resistenza di 100 ohm ed una
tensione differenziale di 5 V, il trasmettitore deve generare una corrente di 50 mA
oltre a quella assorbita dai ricevitori. Tale valore deve essere raddoppiato nelle
linee multi-drop in quanto le resistenze sono due.

Un secondo problema legato alle linee multi-drop deriva dal fatto che le
connessioni tra i nodi centrali ed il bus (i cosiddetti stub) devono essere mantenuti
il pi breve possibile in quanto non possibile inserire su ciascuno di essi un
resistore di terminazione

Terminazione serie

La terminazione serie utilizzata nel caso di trasmissioni punto-punto. In questo


caso due resistori pari a met dell'impedenza di linea meno l'impedenza di uscita
del trasmettitore sono poste in serie alle due uscite del trasmettitore: in questo
modo le riflessioni create dal segnale in corrispondenza del ricevitore sono
assorbite appena tornano al trasmettitore.

Da notare che molti trasmettitori hanno l'impedenza di uscita prossima a 100 ohm
e quindi la terminazione serie "automaticamente" presente.

Il metodo non applicabile ai sistemi multi-drop in quanto i ricevitori intermedi


osservano i segnali riflessi.

Terminazione AC

La terminazione di tipo AC cerca di risolvere i problemi di assorbimento di corrente


della terminazione parallela, particolarmente sentiti per esempio in applicazioni
alimentate a batteria. L'idea quella di inserire in serie al resistore di terminazione
un condensatore che ha lo scopo di annullare l'assorbimento di corrente in
assenza di trasmissione; il valore pu essere calcolato con la formula:

Dove Td il tempo impiegato dal segnale a percorrere il cavo e Zo l'impedenza


caratteristica della linea.

Le caratteristiche di questo tipo di terminazione sono di poco inferiori a quelle


della terminazione parallela come qualit del segnale ma sono utili solo alle
velocit pi basse in quanto, salendo in frequenza, l'impedenza del condensatore
diviene trascurabile.

Valutare la qualit della trasmissione


Nel mondo reale non sempre un segnale trasmesso interpretato correttamente
dal ricevitore a causa dei disturbi, delle distorsioni e della imprecisione dei
componenti, aspetti inevitabilmente sempre presenti.

Una valutazione complessiva del sistema di trasmissione deve tener conto di tutti i
componenti e della loro interazione:

L'algoritmo usato in ricezione per riconoscere se un bit zero oppure uno:


possibile per esempio effettuare un solo campionamento al "centro" del bit
oppure un certo numero di campionamenti (3, 5, o pi) e quindi decidere "a
maggioranza"
La precisione del clock del trasmettitore e del ricevitore
La capacit del ricevitore di impostare correttamente la soglia di
discriminazione tra i due valori logici
La qualit del segnale elettrico trasmesso, aspetto che coinvolge sia il
trasmettitore che il cavo di trasmissione

Tralascio intenzionalmente le tecniche meno "elettroniche" quali la rilevazione


degli errori attraverso CRC e le richieste di ri-trasmissione delle informazioni errate
piuttosto che la scelta di protocolli capaci di correggere gli errori (FEC).

In genere viene usata come unit di misura il BER (tasso di errori di trasmissione,
riferito al singolo bit, spesso espresso in percentuale). Esistono appositi strumenti di
misura che inviano al trasmettitore stringhe semi-casuali ed effettuano il conteggio
degli errori commessi dal ricevitore; non ovviamente difficile, anche per
l'hobbista, realizzare un simile dispositivo utilizzando, per esempio, un personal
computer sia come sorgente di dati casuali che come "controllore" della ricezione.

L'eye diagram

Una valutazione qualitativa pi specifica della sola sezione di trasmissione


differenziale pu essere fatta osservando con un oscilloscopio dotato di ingresso
differenziale il cosiddetto eye diagram (diagramma ad occhio). Il nome deriva dal
fatto che, con un po' di fantasia, si intravede la forma di un occhio la cui apertura
indice della facilit con cui possibile individuare correttamente il livello logico.

Per utilizzarlo necessario un trasmettitore che invia dati in modo casuale o


comunque abbastanza variabile ed un oscilloscopio con ingresso differenziale.
Occorre impostare il trigger dell'oscilloscopio coincidente con la soglia di
discriminazione tra 0 e 1 e la base dei tempi sulla lunghezza di due o tre bit.

Sullo schermo dell'oscilloscopio deve apparire un'immagine simile alle seguenti, la


prima riferita ad un segnale "pulito" e la seconda ad un segnale al limite della
possibilit di riconoscimento. Nella prima figura sono chiaramente visibili al centro
due "occhi" completi; nella seconda i segnali appaiono molto pi confusi, indice
di peggiore qualit del segnale.
La polarizzazione

La polarizzazione una necessit che riguarda i sistemi di trasmissione in cui


possibile disattivare i driver: in particolare deve quindi sempre essere tenuto
presente nelle reti RS485.

Quando tutti i driver sono sconnessi dal bus il livello logico indeterminato e
questo pu causare falsi segnali sui ricevitori a causa della fluttuazione casuale
della tensione indotti dai disturbi esterni. In sistemi reali questa situazione molto
frequente in quanto necessario lasciar trascorrere un certo lasso di tempo tra la
disconnessione di un trasmettitore e la connessione di un altro, al fine di evitare
conflitti.

La soluzione normalmente adottata quella rappresentata nello schema


seguente: vengono aggiunte due resistenze di polarizzazione Rb in modo tale che
formino un partitore resistivo che mantenga la differenza di potenziale tra i
terminali A e B ad un valore di 200 mV nel caso in cui tutti i trasmettitore lungo la
linea siano disattivati.
Le connessioni rappresentate sono tali che il terminale A a potenziale minore
cio il valore logico corrisponde allo stato di riposo. Questa connessione spesso
indicata come fail-safe.

La scelta del valore di Rb dipende dalla configurazione della rete e dal numero di
nodi connessi. Si consideri il seguente caso: al bus sono collegati 32 ricevitori
(ciascuno con un'impedenza di ingresso di 12 kohm); sono inoltre presenti i due
resistori di terminazione Zo di 120 ohm. La resistenza complessiva tra le linee A e B
quindi di 120//120//(32 x 12k) cio circa 52 ohm. Per mantenere 200 mV ai capi di
tale resistenza occorre una corrente di poco meno di 4 mA. Considerando una
tensione di alimentazione di 5 V, le due resistenze Rb devono allora essere
ciascuna di circa:

Al fine di evitare fraintendimenti relativamente allo schema rappresentato


opportuno chiarire che:

In una rete RS485 il resistore Zo di terminazione va posto solo sui due nodi agli
estremi della rete
Le resistenze di polarizzazione vanno poste solo in punto della rete. Il nodo
nel quale sono inserite irrilevante anche se potrebbe essere comodo farlo
sul primo nodo, in corrispondenza di uno dei resistori di terminazione.

Si consideri come altro esempio una rete senza le due resistenze di terminazione. In
questo caso la resistenza tra le linee A e B causata dalla sola resistenza di ingresso
dei ricevitori di circa 375 ohm, la corrente necessaria di circa 0.53 mA e quindi
le due resistenze di polarizzazione devono essere di circa 4.5 kohm.

Molti dispositivi commerciali hanno resistori di polarizzazione gi integrati


(indicativamente qualche decina di kohm per ciascun nodo) e ci potrebbe
rendere inutile l'aggiunta d resistori esterni nel caso frequente in cui non si usino
resistenze di terminazione.

La protezione

Le linee che trasportano segnali RS485 si trovano spesso ad essere usate in


ambienti industriali grazie alla loro ottima immunit ai disturbi di origine esterna. In
questi ambienti possibile che accidentalmente i circuiti vengano a contatto con
tensioni e/o correnti molto elevate e tali da mettere a rischio la funzionalit dei
dispositivi che costituiscono la rete.
In genere sono due i problemi presenti:

Tensioni molto elevate (diversi kV) caratterizzate da una durata


estremamente breve (ordine di grandezza del millesimo di secondo). In
genere sono conseguenza di cariche elettrostatiche, della commutazione
di grossi carichi induttivi, di fenomeni atmosferici o "scintille" in genere.
Tensione minori (centinaia di volt) ma con durata molto lunga, tipicamente
generate da guasti che causano un corto circuito tra i cavi che trasportano
dati e quelli di alimentazione.

Inoltre i disturbi possono essere classificati in due grosse categorie:

Disturbi di modo comune, cio presenti su tutti i fili e misurati rispetto alla
massa locale del circuito. In genere la prima causa di questo tipo di tensioni
deriva dall'impossibilit pratica di ottenere collegamenti di massa a bassa
impedenza lunghi centinaia di metri, in particolare durante i transitori.
Disturbi differenziali, cio presenti tra le due linee di dati. Questa situazione si
ha per esempio nel caso di un corto circuito tra uno dei fili e un cavo di
alimentazione ad alta tensione.

L'isolamento galvanico

Questo approccio quello pi efficace ed universalmente adottato contro le


grosse differenze di potenziale di modo comune. importante capire che quando
si ha a che fare con distanze elevate impossibile garantire collegamenti a bassa
impedenza sia per la resistenza associata al cavi sia, soprattutto, per l'induttanza,
decisamente preponderante alle frequenze pi elevate. In queste condizioni
sbagliato ritenere che due punti collegati da un cavo siano allo stesso potenziale:
in particolare questo vero per la terra o in genere la massa. Su linee di molte
centinaia di metri non impossibile trovare differenze di potenziale di molte
centinaia di volt anche se dalla durata di frazioni di ms

Il metodo pi usato per garantire l'isolamento in sistemi di trasmissione digitale


l'utilizzo di fotoaccoppiatori cio di dispositivi che convertono i segnali elettrici in
segnali ottici e quindi ancora in segnali elettrici.

Le tensioni di modo comune che questi componenti sono in grado di gestire sono
dell'ordine di qualche kV, anche per tempi molto lunghi. Anche se non sempre
consigliabile, utilizzando dispositivi optoisolati le linee di trasmissione e il riferimento
possono essere di tipo floating, cio senza alcun riferimento a potenziali esterni alla
linea stessa.

I principali svantaggi di questo metodo sono:

La relativa lentezza della trasmissione: in funzione dei componenti usati, le


velocit difficilmente raggiunge i 10 Mbit/s.
La necessit di disporre di alimentazioni isolate per i due lati del circuito,
impedendo la possibilit di un'alimentazione unica per abbattere i costi.
L'efficacia nulla contro tensioni differenziali (anche se viene comunque
garantita la sicurezza dei dispositivi collegati alla rete anche nel caso di
eventi "catastrofici")

Le tecniche di shunt

Queste tecniche si basano sull'uso di componenti che riescono a bloccare la


tensione ai loro capi a valori predefiniti, assorbendo anche migliaia di ampere;
dispositivi di questo tipo sono i MOV, i Tranzorb, gli scaricatori a gas e, con
qualche limitazione, i diodi zener generici.

Nei casi pi complessi possono essere associati in parallelo dispositivi di tipo


diverso, collegando un componente di potenza elevata ma non particolarmente
veloce (quale uno scaricatore a gas) ad un altro pi veloce. I due dispositivi
devono essere connessi tra loro attraverso una resistenza di poche decine di ohm.

Le tensioni di soglia dei componenti di protezione devono essere scelte nell'ordine


dei 6-8 V e la capacit parassita la pi piccola possibile, soprattutto se sono
richieste velocit di trasmissione elevate.

Pur trattandosi di dispositivi in grado di gestire potenze istantanee di migliaia di


watt, gli scaricatori sono poco efficaci nel confronto di differenze di potenziale
applicate per lungo tempo, quali quelle causate da un corto circuito con le linea
di alimentazione. In questo caso opportuno collegare su ciascuna linee un
fusibile (tipicamente 125 mA, non indicato nello schema), possibilmente del tipo
auto-ripristinante. Il montaggio di questi dispositivi richiede che siano installati
presso ciascun trasmettitore e ricevitore, e che siano connessi alla terra locale di
protezione attraverso un percorso breve ed a bassa impedenza.
Un problema legato al collegamento diretto con la terra deriva dal fatto che in
questo modo il filo di riferimento della linea RS485 si comporta a sua volta come
"collegamento di terra" tra i vari nodi senza essere dimensionato correttamente
per questo scopo: quindi consigliata la connessione dei dispositivi di trasmissione
alla terra locale attraverso un resistore da 100 ohm - 1/2 W.

La combinazione di shunt ed isolamento

Si tratta ovviamente dell'insieme dei due sistemi precedentemente descritti.

La soluzione in assoluto pi sicura costituita dalla presenza dell'isolamento ottico


e di tre scaricatori per ciascun nodo, uno per ciascuna delle due linee di dati ed
una per la connessione di riferimento. richiesta la connessione all'impianto di
terra.

Una soluzione alternativa, da applicare solo qualora non fosse disponibile


un'adeguata connessione di terra, prevede sempre la presenza di tre scaricatori,
uno tra ciascuna copia di fili.

La selezione dei cavi

La selezione dei cavi un aspetto spesso trascurato ma che nelle installazioni che
richiedono alte velocit e grandi distanze di fondamentale importanza. Infatti
lungo il cavo il segnale subisce delle perdite a causa della resistenza non nulla del
conduttore e delle perdite dovute al tipo di dielettrico usato per l'isolamento.

Il cavo richiesto per le connessioni RS422 ed RS485 costituito da un doppino cio


di una coppia di cavi attorcigliati su se stessi e posti all'interno di una guaina
isolante. Non sono adatti per nessun tipo di applicazione collegamenti realizzati
utilizzando cavi non attorcigliati, tranne che tratte di poche decine di centimetri in
ambienti non elettricamente rumorosi e a velocit basse.

Il primo parametro da considerare ovviamente il numero di conduttori,


ricordandosi che necessario prevedere anche la presenza del riferimento: nel
caso di una rete RS485 quindi tipicamente necessario predisporre un cavo con
un doppino ed un terzo filo per il riferimento. Nella realizzazioni di reti in cui il costo
un aspetto importante comune l'utilizzo del filo di riferimento anche per
l'alimentazione dei circuiti periferici, con l'aggiunta di un quarto filo per
l'alimentazione non stabilizzata: ovviamente la soluzione praticabile solo se la
corrente assorbita piccola e le distanze non eccessive.
L'impedenza caratteristica del cavo un aspetto da verificare nel caso di velocit
elevate anche se i valori necessari, compresi tra 100 e 150 ohm, sono quelli pi
comuni. Nel caso di trasmissioni ad alta velocit importante mantenere bassa la
capacit del cavo per metro lineare per non sovraccaricare eccessivamente i
driver.

In genere l'uso di cavi schermati non necessario neppure negli ambienti


industriali pi rumorosi. Se non ci sono particolari problemi di peso, elevata
velocit, difficolt di montaggio o costo potrebbe comunque essere opportuna
l'adozione dei cavi schermati per la maggiore resistenza meccanica pi che per
ragioni di tipo elettrico. Occorre comunque notare che la presenza di uno
schermo aumenta la capacit dei conduttori verso massa, con effetti negativi
nelle trasmissioni ad alta velocit.

La scelta del tipo di cavo in genere fatta utilizzando un grafico di tipo empirico
fornito dal costruttore del cavo e simile a quello riportato a titolo di esempio e
riferito al classico "doppino telefonico" AWG24, usato dalle norme come
riferimento.

Al fine di una corretta interpretazione occorre verificare le condizioni operative


utilizzate per effettuare i test, in particolare il tipo di segnale utilizzato e la presenza
o meno del resistore di adattamento dell'impedenza. Come si pu vedere questo
cavo di bassissimo costo adeguato fino alla massima distanza prevista dallo
standard se la velocit si mantiene sotto i 100 kbit/s, valore largamente superiore a
quelli pi spesso usato.

Doppino

Un doppino (twisted pair) costituito da una coppia di fili tra di loro attorcigliati in
modo da formare una decina di spire per ogni metro. L'esempio pi noto forse il
doppino bianco/rosso usato negli impianti telefonici.

Si tratta del metodo migliore per ridurre le interferenze ed richiesto sia per la
RS422 che per la RS485. Se usato in configurazioni differenziali permette infatti di
garantire prestazioni adeguate anche in ambienti molto rumorosi e su grandi
distanze.
Un po' di teoria. I disturbi trasmessi tra due conduttori generici possono essere
classificati in due modi:

Trasmessi per effetto delle capacit parassite: dati due fili tra di loro isolati, si
forma una struttura simile ad un condensatore (due conduttori separati da
un dielettrico). Se tra i due conduttori vi una differenza di potenziale
variabile, nel condensatore parassita passa corrente che fa interferire i
segnali presenti. Ovviamente l'effetto influenzato dalla distanza, dalla
lunghezza/superficie, dalla frequenza del segnale e dall'ampiezza della
tensione.

Trasmessi per effetto induttivo: dato un filo in cui scorre corrente viene
generato un campo magnetico. Se presente un secondo conduttore che
forma una spira chiusa, viene generata una tensione se il campo
magnetico variabile. In questo caso l'effetto proporzionale alla
frequenza, alla distanza, all'area della spira e al suo orientamento,
all'intensit della corrente.

Il doppino permette di ridurre entrambi questi effetti:

Per gli accoppiamenti capacitivi, possiamo pensare che la sorgente del


disturbo (nell'immagine un cavo di alimentazione a 220V, di colore blu) sia
separate dai due fili del doppino dai due condensatori C1 e C2 tra di loro
uguali in quanto il sistema sostanzialmente simmetrico (anche se nella
figura, per ragioni grafiche, il filo bianco pi vicino di quello giallo...). La
corrente che scorre in C1 e C2 quindi uguale e, se le impedenze di uscita
dei due generatori collegati al doppino sono tra di loro uguali, anche il
cambiamento di tensione uguale. Trattandosi di un sistema differenziale in
cui ha importanza la differenza di potenziale tra il filo giallo e quello bianco,
l'influenza quindi nulla.

Si consideri ora un campo magnetico uniforme, rappresentato nella figura


seguente da linee verticali dirette verso l'alto, che attraversa le spire del
doppino. La tensione indotta innanzitutto proporzionale all'area compresa
tra i due fili: essendo questi molto vicini in quanto attorcigliati tra loro, questa
tensione piccola. Si consideri inoltre che le linee del campo rappresentate
in figura di colore nero attraversano la "spira" in un verso (facendo
riferimento alla cosiddetta "regola della mano destra", il filo giallo sul dorso
della mano) mentre quelle rosse nel verso contrario (ora il filo blu sul dorso
della mano): la tensione indotta ha quindi verso opposto nelle due spire e
quindi il contributo totale nullo.
L'uso di cavi attorcigliati praticamente l'unica richiesta nella specifica dei cavi.

Cavi schermati

Un cavo schermato (shielded) costituito da un cavo intorno al quale presente


un conduttore tubolare (detto calza, shield o schermo) che lo avvolge
completamente che ha lo scopo di ridurre le influenze dell'ambiente esterno sui
conduttori.

Due sono le soluzioni spesso adottate:

Lo schermo unico e racchiude tutti i conduttori necessari. Le prestazioni


sono buone nei confronti dei disturbi di origine esterna ma poco efficace
nei disturbi di "crosstalk" tra i vari conduttori
Ogni coppia di conduttori ha un proprio schermo, soluzione pi costosa ma
utile per evitare disturbi tra i segnali

Erroneamente viene a volte chiamato "schermato" anche un cavo coassiale, per


esempio quello dell'antenna televisiva, trattandosi di un oggetto costruttivamente
simile. La differenza sostanziale per gli effetti elettrici deriva dal fatto che in un
cavo coassiale la corrente che scorre nel conduttore esterno quella "di ritorno"
del conduttore interno mentre lo schermo non attraversato da alcuna corrente.

L'efficienza dello schermo, oltre che dalle caratteristiche costruttive e dai materiali,
dipende dalla frequenza del segnale di disturbo e dal tipo di accoppiamento.

Un caso concreto rappresentato dai disturbi generati dai cavi di alimentazione


in quanto, per ragioni di cablaggio, i cavi di segnale ed i cavi di alimentazione
occupano per lunghi tratti gli stessi passaggi. In questo caso un cavo schermato
permette di ridurre gli effetti dei disturbi causati per "effetto capacitivo": in assenza
di schermo il conduttore del segnale (bianco in figura) e quello di alimentazione
(blu) sono separati da un "condensatore parassita" C1che trasmette un disturbo in
quanto si ha passaggio di corrente; se si interpone lo schermo, collegato a massa,
la corrente che passa nel condensatore C2 non influenza il potenziale dello
schermo e quindi in C3 non passa corrente generata dal disturbo
Lo schermo invece inutile nella riduzione degli effetti causati dalla corrente
attraverso gli accoppiamenti induttivi: infatti i comuni materiali sono "trasparenti" ai
campi magnetici, almeno a bassa frequenza.

Per funzionare correttamente lo schermo deve essere collegato ad un potenziale


fisso, normalmente la terra. Tale collegamento pu essere effettuato ad un solo
capo (soluzione scelta quando il segnale a bassa velocit) e da ambedue i
capi (soluzione nella quale opportuno l'uso di un condensatore se si vogliono
evitare correnti causate dalla differenza di potenziale tra diversi punti della terra).

Un problema nell'uso dei cavi schermati deriva dal fatto che la presenza del
condensatore C3 tra cavo e schermo, di valore piuttosto elevato, potrebbe dare
problemi in caso di trasmissioni su distanze medio-lunghe a causa dell'eccessiva
corrente richiesta al trasmettitore, problema particolarmente sentito ad alta
velocit.

Lo standard RS422 non da indicazioni relativamente all'uso o meno della


schermatura anche se comunque necessario prevedere comunque l'uso di
doppini anche in caso di schermatura.

La conversione da RS232 a RS422 e RS485

Ho gi accennato al fatto che le norme relative agli standard RS422 e RS485 non
fanno alcun riferimento al significato dei segnali trasmessi sulla linea. Questo
paragrafo ed il seguente devono essere quindi intesi come presentazione di
esempi applicativi, sebbene frequentemente utilizzati e spesso, a torto, considerati
parte delle norme di riferimento.
La conversione da RS232 a RS422

Spesso i trasmettitori ed i ricevitori RS422 sono utilizzati per estendere la portata


delle porte RS232, in genere limitata a pochi metri oppure poche decine se le
velocit rimane sotto i 100 kb/s. Per fare ci viene effettuata una semplice
conversione dei livelli elettrici conservando per esempio la classica struttura del
byte composto da un bit di start, da 6 a 8 bit di dati ed almeno un bit di stop .

Per trasmettere un singolo segnale utilizzata una struttura simile a quella di


seguito rappresentata: il segnale RS232 viene prima convertito in TTL e quindi in
RS422; alla ricezione viene effettuata la conversione opposta. necessario
prevedere almeno due coppie di cavi, uno per ciascuna direzione, operazione
facilitata dal fatto che ciascun circuito integrato contiene a volte sia il ricevitore
che il trasmettitore.

Spesso non sono utilizzati i segnali di controllo quali RTS e CTS in quanto se la
distanza elevata il numero di conduttori necessari potrebbe essere un problema
ma, qualora fosse necessario, sufficiente duplicare il circuito tutte le volte che
serve. Dal punto di vista del software, la connessione perfettamente trasparente
a condizione di usare un sufficiente numero di cavi e quindi sono utilizzabili tutti i
protocolli normalmente adottati con le porte RS232 (half-duplex piuttosto che full-
duplex, con handshaking hardware oppure software).

Per il funzionamento di questo circuito richiesta una alimentazione esterna, in


genere di 5 volt.

Alcuni convertitori RS232/RS422 utilizzano come fonte di energia i livelli logici


presenti sulle porte seriali del PC (port powered): una soluzione comoda ma non
in grado di garantire il funzionamento della rete in caso di terminazioni parallele
o ricevitori multipli a causa delle grosse correnti richieste. Nel caso di PC portatili o
comunque a basso consumo, possibile che il convertitore port powered non
funzioni del tutto.

La conversione da RS232 a RS485

Spesso necessario connettere un PC o un altro computer ad una rete RS485. Lo


soluzione pi efficace quella di utilizzare apposite porte seriali RS485 disponibili
come accessorio standard su molti PC industriali o come schede aggiuntive per i
PC desktop.

Per una soluzione a basso costo possibile utilizzare un convertitore da RS232 a


RS485 che pur non avendo le medesime caratteristiche (in particolare ben poche
porte seriali raggiungono il Mbit/s) presenta indubbi vantaggi di costi, reperibilit e
flessibilit.

Anche in questo tipo di applicazione pratica comune adottare un protocollo


che, a livello di byte, simile se non identico a quello usato dalle porte di
comunicazione RS232. Per poter effettuare questo tipo di conversione occorre
considerare i seguenti aspetti:

Per la conversione dei livelli dei segnali si usa un circuito simile a quello
descritto nel precedente paragrafo, usando ovviamente driver e ricevitori di
tipo RS485.
necessario provvedere ad un meccanismo per attivare il trasmettitore solo
durante la trasmissione di un byte; come verr descritto, questo aspetto pu
avere impatti sul software di comunicazione e, se mal gestito, rendere
impossibili le comunicazioni.
La trasmissione normalmente di tipo half-duplex dato che disponibile
una sola coppia di cavi da utilizzare sia per la trasmissione che per la
ricezione.

Il problema pi grosso associato alla necessit di attivare e disattivare il


trasmettitore. Una soluzione spesso adottata quella riportata nello schema
seguente: si utilizza un segnale della porta Rs232 (nell'immagine in DTR ma
potrebbe essere anche il RTS) e si controlla via software il suo livello:

1. Si attiva il trasmettitore portando basso il segnale DTR (nello schema


presente un inverter, fatto comune a quasi tutti i ricevitori RS232)
2. Si trasmette il byte utilizzando nel modo consueto la porta RS232
3. Si disattiva il trasmettitore portando alto il DTR

Non ho indicato nessuna connessione per l'abilitazione del ricevitore perch


spesso lasciata semplicemente sempre attiva collegandola a massa oppure
collegata direttamente alla linea DTR e quindi automaticamente disattivato solo
durante la trasmissione. Un circuito di questo tipo presente sul sito
http://www.vincenzov.net, nella sezione dedicata ai progetti.
Purtroppo non sempre possibile implementare questo semplicissimo protocollo
perch praticamente impossibile conoscere esattamente quanto tempo
impiega un byte ad essere trasmesso, soprattutto in ambienti multitasking. La
soluzione che spesso si adotta quella di lasciare sempre attivo il ricevitore e
disattivare il trasmettitore solo quando si ricevuto indietro quanto appena
trasmesso: purtroppo si rischia di inserire ritardi, spesso inaccettabili.

Una soluzione alternativa e decisamente pi efficace quella di inserire un


monostabile che attiva automaticamente il trasmettitore appena inizia la
trasmissione di un byte e lo disattiva al termine del bit di stop. Un circuiti di questo
tipo presente sul sito www.vincenzov.net, nella sezione dedicata ai progetti.

Cenni ai protocolli di trasmissione

Esistono numerosi protocolli che utilizzano come layer fisico lo standard RS485: per
tutti cito il CAN (originariamente pensato per applicazioni automobilistiche ma poi
affermatosi anche in ambito industriale) e il profibus (uno standard di fatto in
ambito industriale). La descrizione di questi protocolli va oltre gli scopi di questo
tutorial ed in questo paragrafo mi limiter a presentare tre tipologie che spesso si
incontrano in applicazioni industriali.

Master-slave

Questa la configurazione pi semplice da gestire quando si lavora con molti


dispositivi connessi alla rete. La struttura caratterizzata da un master e numerosi
slave, ciascuno individuato da un proprio indirizzo; tutti i dispositivi sono
elettricamente identici e deve esistere un accordo preventivo sulla velocit di
trasmissione ed il formato dei byte e dei pacchetti di dati. Tutti i dispositivi slave
sono permanentemente in ascolto sulla rete. Il dispositivo master (per esempio un
PC) l'unico che pu iniziare la trasmissione di dati, inviando un pacchetto
contenente l'indirizzo del nodo slave di destinazione ed il comando. Lo slave a cui
il comando indirizzato legger l'intero pacchetto, eseguir il comando ed
eventualmente risponder al master. Gli slave a cui il pacchetto non indirizzato
semplicemente ignoreranno il pacchetto. Non ammessa la comunicazione
diretta tra due slave ed i pacchetti broadcast (cio diretti contemporaneamente
dal master a tutti gli slave, quale potrebbe essere un comando di inizializzazione)
sono possibili solo a condizione che non richiedano risposte.

Questo protocollo ha lo scopo di impedire che due trasmettitori vengano attivati


contemporaneamente causando conflitti e, se non ci sono errori di trasmissione o
interpretazione, lo scopo raggiunto grazie al fatto che il master coordina tutte le
attivit.
Purtroppo sono sempre possibili malfunzionamenti: per esempio, a causa di un
errore di trasmissione, uno slave potrebbe interpretare scorrettamente un indirizzo
oppure leggere come indirizzo ci che in realt un comando o una risposta di
un altro slave. anche possibile che a causa di un errore di configurazione due
slave abbiano lo stesso indirizzo. Per questo opportuno prevedere alcune
strategie di controllo:

evidenziare se un byte rappresenta un indirizzo oppure un comando, per


esempio imponendo che uno dei bit di ogni byte trasmesso sia 1 se si tratta
di un indirizzo e 0 in tutti gli altri casi
inserire in ogni pacchetto un byte di controllo del tipo CRC oppure
checksum: questo permette di identificare e scartare pacchetti difettosi.
possibile anche l'utilizzo per ciascun byte di un "bit di parit" anche se non
una pratica frequente.
inserire in ogni pacchetto trasmesso l'indirizzo del mittente oltre che del
destinatario, al fine di permettere al master di identificare risposte non
richieste.
se non ci sono particolari problemi di efficienza, utilizzare pacchetti di
lunghezza omogenea (oppure includere un byte di conteggio) al fine di
identificare i frammenti dei pacchetti "spezzati".

Multi-master

Questa struttura finalizzata a realizzare nodi tra loro equivalenti dal punto di vista
logico: ciascun nodo identificato da un indirizzo univoco e pu inviare un
pacchetto a qualunque altro nodo in qualunque momento. Visto che non esiste
nessun controllo centralizzato dell'accesso alla linea sono sempre possibili conflitti
nel caso in cui due dispositivi decidano di inviare dati nello stesso momento.

Al fine di evitare un numero eccessivo di conflitti e comunque ridurre al minimo i


danni necessario:

adottare tutti gli accorgimenti di cui al paragrafo precedente


prima di iniziare una trasmissione verificare che la linea non sia gi
occupata, verificando che non ci traffico. Questo metodo produce in
ambienti ad alto traffico l'effetto secondario di picchi di trasmissioni dopo la
fine di un pacchetto di grosse dimensioni: quindi necessario attendere un
certo tempo, possibilmente casuale, dopo la fine di un pacchetto prima di
iniziare una nuova trasmissione.
utile "ascoltare" la linea durante la propria trasmissione al fine di
identificare sul nascere eventuali conflitti. L'ideale sarebbe verificare
condizioni di corto-circuito misurando la corrente ma spesso una soluzione
troppo complessa.

Quello appena descritto assomiglia all'algoritmo CSMA/CD utilizzato sulle reti


Ethernet ma possibile anche implementare un algoritmo ispirato al Token Ring o
ad altri protocolli di gestione dei conflitti.
Codifica ASCII

I segnali usati per trasmettere un byte su una rete RS485 in genere hanno un
formato uguale a quello usato nella trasmissione seriale asincrona RS232 tipica p.e.
dei personal computer: ciascun gruppo di 8 bit preceduto da un singolo bit di
start e seguito da almeno un bit di stop, oltre un eventuale bit di parit. Una delle
esigenze che possono nascere nella realizzazione di un protocollo di
comunicazione la possibilit di identificare facilmente se un byte rappresenta un
indirizzo, un comando o un dato generico. La tecnica spesso adottata quella di
codificare ciascun byte che deve essere trasmesso attraverso due o tre byte che
rappresentano ciascuno il codice ASCII di un carattere. Si consideri per esempio il
numero decimale 163 (rappresentato in esadecimale da 0xA3): per trasmettere
questo numero possono essere inviati i tre byte corrispondenti 0x31, 0x36 e 0x33
(oppure i due byte 0x41 e 0x33). In questo modo tutti i byte generici occupano i
soli sette bit meno significativi, rendendo disponibile l'MSB per identificare gli
indirizzi. I caratteri non utilizzati in questa codifica sono disponibili per indicare
comandi o delimitatori dei pacchetti. Lo svantaggio di tale tipo di codifica
l'occupazione di banda almeno doppia dello stretto necessario.

9 bit

Lo scopo di questo protocollo quello di identificare in modo immediato i byte


che rappresentano un indirizzo pur mantenere i dati lunghi 8 bit: l'idea quella di
utilizzare per la codifica di ciascun byte un blocco costituito da 9 bit: otto sono
quelli effettivi, il nono indica se si tratta di un byte generico oppure di un indirizzo.
Questa tecnica di codifica permette alle UART dotate della possibilit di gestire in
hardware questa modalit di generare un interrupt solo in presenza di un indirizzo:
in questo modo il processore non deve esaminate ogni singolo byte trasmesso
sulla linea per riconoscere pacchetti destinati al proprio indirizzo.

Purtroppo questa tecnica incompatibile con le UART normalmente installate nei


personal computer.

Dispositivi integrati

Esistono numerosi circuiti integrati per la gestione delle linee RS422 ed RS485.
Spesso il pin-out di dispositivi simili, anche se di produttori diversi, compatibile e
ci permette l'aggiornamento di schede con nuove caratteristiche.

Il dispositivo tipico per la realizzazione di una rete RS422 o RS485 costituito da un


integrato contenete un trasmettitore ed un ricevitore, in genere in un contenitore
ad 8 pin. L'alimentazione singola, normalmente 5 V anche se non mancano
dispositivi alimentati a 3 V. Alcuni integrati sono adatti per gestire sia reti RS422 che
RS485 ma la maggior parte sono specializzati per una specifica tipologia. A tal fine
necessario segnalare che un driver per reti RS485 deve essere necessariamente
dotato di ingresso di abilitazione mentre in un dispositivo RS422 necessario che
trasmettitore e ricevitore abbiano pin separati per ciascuna direzione di
trasmissione. Oltre ovviamente all'aderenza agli standard, molte sono le
caratteristiche aggiuntive che potrebbe essere utile considerare nella scelta:

Limitazione dello slew-rate (cio della velocit di commutazione) al fine di


ridurre le emissioni elettromagnetiche ed eccessive riflessioni su linee non
terminate, ovviamente a spese di una minore velocit operativa. Alcuni
dispositivi hanno lo slew-rate programmabile in base alle specifiche esigenze
operative
Integrazione di dispositivi per la protezione ESD
Integrazione di dispositivi fail-safe in grado di garantire livelli noti verso l'host
anche nel caso di cortocircuito o circuito aperto
Minore carico sulla linea, utile per aumentare il numero di nodi oltre i 32
previsti dalla norma originaria. Praticamente tutti i produttori dispongono di
driver con carico pari ad 1/4 del valore normale, permettendo l'estensione
della rete fino a 128 nodi senza ripetitori intermedi
Protezione contro i surriscaldamenti sempre possibili date le correnti non
trascurabili in gioco
Circuiti con pre-enfasi, utile per estendere la velocit operativa o le distanze
raggiungibili
Dispositivi a basso consumo, utili per gli apparecchi alimentati a batteria. A
volte sono disponibili anche pin di spegnimento per ridurre ulteriormente i
consumi in caso di non utilizzo

A puro titolo esemplificativo cito il 7517x (Motorala ed altri), il MAX485 (Maxim), il


DS3695 (National Semiconductor), ADM485 (Analog Device).

Sono disponibili anche circuiti che integrano numerosi trasmettitori e/o ricevitori. In
questo caso occorre tenere conto che il riscaldamento dell'integrato
significativo.

Passando ad un maggiore livello di integrazione cito due dispositivi della Maxim


molto interessanti:

Il MAX3140 integra in un solo integrato un driver, un receiver ed una UART con


caratteristiche particolarmente orientate alla realizzazione di reti industriali di
microcontrollori

Il MAX1480 integra in un solo dispositivo dalle dimensioni di un comune circuito


integrato DIP28 un driver ed un receiver RS485, un regolatore a commutazione, un
trasformatore e gli optoisolatori necessari a costituire un'interfaccia isolata
completamente utilizzando la sola alimentazione di +5 V dell'host.
Risorse in Rete

Sulla Rete sono presenti diversi siti che riportano informazioni relative sulle
interfacce RS422 ed RS485. Tutto il materiale evidentemente in lingua inglese.

Per una trattazione indirizzata alle tecnologie elettroniche sul sito


http://www.national.com sono disponibili numerose note applicative: a titolo
esemplificativo mi sento di segnalare le gi citate AN-806, 807 ed 808 sulle linee di
trasmissione, la AN-979 sulle regole pratiche per le reti RS485, la AN-916 sulla
selezione dei cavi, la AN-903 sulle tecniche di terminazione delle linee. E' inoltre
presente un motore di ricerca interno al sito. Ovviamente sono disponibili anche i
fogli tecnici di molti componenti elettronici specifici.

Sul sito commerciale http://www.bb-elec.com disponibile un'esauriente nota


applicativa sulle interfacce RS422 ed RS485 di 40 pagine. Sono disponibili anche
numerosi prodotti orientati al mercato industriale.

Il sito http://www.rs485.com, anch'esso orientato al settore commerciale, mette a


disposizione idee utili anche per lo sviluppo di propri dispositivi

Per quanto riguarda i componenti elettronici non posso non citare


http://www.maxim-ic.com che produce una gamma piuttosto ampia di
trasmettitori e invia gratuitamente campioni dei propri componenti

Infine sul sito http://www.vincenzov.net presente un tutorial che descrive il


protocollo tipicamente usato nelle trasmissione RS-232, spesso adottato anche
nelle reti RS-422 ed Rs485.