Sei sulla pagina 1di 1

La domanda non ha risposta!

Il fatto che i concetti di "faccia", "spigolo", "vertice" si applicano solo


ai poliedri, cio solidi in cui le facce sono tutti poligoni piani, i cui lati sono a loro volta gli spigoli del
solido, e in cui ogni spigolo congiunge due vertici del solido. A proposito di poliedri, ricordiamo una
famosa relazione, dovuta ad Eulero . Consideriamo un qualunque poliedro e indichiamo con F, S, V,
rispettivamente, il numero delle facce, degli spigoli e dei vertici. Allora si avr sempre che F-S+V=2,
qualunque sia il solido considerato. Questa formula permette, per esempio, di determinare il numero dei
vertici una volta che uno conosce il numero delle facce e quello degli spigoli. Quando si passa dai
poliedri a solidi pi generali delimitati da superfici curve, le cose cambiano. Sono d'accordo che il
concetto di faccia si riesce ad estendere intuitivamente abbastanza bene (ed il cilindro ha quindi 3 facce
in questo senso), ma sugli spigoli ed i vertici c' poco da fare. Il nostro web-nauta dice che il cilindro ha
almeno tre spigoli, ma forse altrettanto intuitivamente si potrebbe dire che ne ha solo due, e cio i bordi
delle due basi. Ancora meno chiaro sarebbe dire quanti spigoli ha un cono o una sfera! Concludo
proponendo al nostro giovane web-nauta una domanda: la citata formula di Eulero vale veramente per
ogni poliedro?

Massimo Gobbino Matematico

Domande e Risposte di SxT

< Prec

Succ >