Sei sulla pagina 1di 10

Acciai basso-legati

Gli acciai basso legati oltre a contenere carbonio


(con tenori di 0,2 0,6%) hanno in lega elementi
(singolarmente fino a 3%) con lo scopo di elevarne
le caratteristiche di resistenza meccanica, la
profondit di penetrazione della tempra, la tenacit
alla frattura, ecc. Generalmente possiedono migliori
rapporti fra resistenza e peso rispetto agli acciai al
solo C; costano poco di pi (in rapporto al peso, ma
non in rapporto alla resistenza).
Le loro applicazioni sono per lo pi rappresentate
da organi meccanici fortemente sollecitati, in
maniera non statica.
Gli elementi di lega pi utilizzati negli acciai basso
legati sono:
Ni
Cr
Mo
Mn

Gli acciai basso legati sono in genere classificati in


relazione al tipo di trattamento termico (acciai per
bonifica, autotempranti, da cementazione, da
tempra superficiale, da nitrurazione) oppure in
relazione allimpiego (acciai per molle, per
cuscinetti, per valvole, ecc.). In tali famiglie, se le
propriet ottenibili sono adeguate per il tipo di
impiego previsto, sono anche compresi acciai al
solo C, con tenori di C variabili.
Condizioni di fabbricazione
Forgiatura: gli acciai basso-legati sono solamente
poco pi difficoltosi da forgiare rispetto agli acciai al
solo carbonio. Tuttavia, le massime temperature
indicate per tali operazioni sono generalmente
alcune decine di gradi pi basse rispetto a quelle
per gli acciai al C. Si richiedono anche minori
velocit di riscaldamento, pi brevi permanenze in
temperatura, e minori velocit di raffreddamento

Condizioni di fabbricazione segue

Formatura a freddo: gli acciai basso-legati sono


deformati plasticamente a freddo allo stato ricotto.
La loro deformabilit a freddo dipende dal tenore di
carbonio ed inferiore rispetto a quella degli acciai
al solo carbonio a pari C. Una volta trattati
termicamente (tempra + rinvenimento) questi acciai
possono essere deformati a freddo solo in misura
limitata a causa della loro elevata resistenza e
ridotta duttilit. Gli acciai a medio o alto tenore di C
sono solitamente sferoidizzati per avere le migliori
condizioni di deformabilit.
Condizioni di fabbricazione segue

Lavorazioni per asportazione di truciolo: gli acciai


basso legati hanno di solito una durezza pi alta di
quella degli acciai al solo carbonio a pari C. Per tale
ragione questi acciai sono in qualche modo pi facili
da lavorare nelle operazioni di finitura. Ai fini di una
migliore accuratezza dimensionale solitamente si
preferisce lavorare gli acciai da cementazione e
quelli temprabili a cuore nello stato finale di
trattamento termico. Ci comporta la necessit di
ricorrere a due successive fasi nella lavorazione: la
sgrossatura allo stato ricotto e la finitura dopo
trattamento termico.

Condizioni di fabbricazione segue

Lavorazioni per asportazione di truciolo: Una volta


trattati termicamente, per essere lavorati hanno
bisogno di idonei utensili, con adeguate velocit e
profondit di passata, e con lubrorefrigerazione
abbondante. Gli acciai a medio o alto tenore di C
sono solitamente sferoidizzati per avere una
ottimale lavorabilit agli utensili e, dopo trattamento
termico, sono usualmente lavorati mediante rettifica.
A molti acciai sono talvolta aggiunti zolfo o piombo
per migliorare la lavorabilit; tali acciai non sono
tuttavia adatti per manufatti altamente sollecitati a
causa delle loro basse propriet trasversali
Designati in funzione della composizione chimica e suddivisi
in base al trattamento termico:

Acciai da bonifica (C40, 39NiCrMo3)


Acciai da cementazione (C16, 18 NiCrMo3)
Acciai da nitrurazione (34CrAlMo4)
Acciai da tempra superficiale (C43)
Acciai autotempranti (34NiCrMo15)

Designati in funzione della composizione chimica e suddivisi


in base allimpiego:

Acciai per molle (50Si7)


Acciai per cuscinetti (100Cr6)
Acciai per valvole