Sei sulla pagina 1di 2

ELETTRONICA 1 ESERCITAZIONE 9

Circuiti digitali a logica combinatoria


OBIETTIVI:
I. Verificare la funzionalit utilizzando FF di tipo JK e si verifichi il T (funzione di toggle) e in
particolare si verifichi il divisore di frequenza.
II. Montare lo SHIFT REGISTER (SIPO) e verificare con lausilio del segnale di clock e
loscilloscopio, il conteggio mediante il led.
III. Modificare il circuito e montare il contatore modulo 10 verificando luscita con i led e con il display
a 7 segmenti mediante il circuito integrato decodificatore 7447
CENNI TEORICI:
I flip flop sono circuiti elettronici sequenziali utilizzati come dispositivi di memoria elementare. Il flip flop
JK caratterizzato da due ingressi J e K, due uscite complementari e un ingresso di sincronizzazione per il
clock. In questo tipo di flip flop gli ingressi possono assumere qualsiasi valore.
Quando entrambi gli ingressi sono all1 logico luscita commuta, divenendo un flip flop di tipo T (Toggle)
con un unico ingresso e due uscite complementari.
Il flip flop Delay invece un flip flop ad un ingresso per il dato, un ingresso di sincronizzazione e unuscita.
In corrispondenza del comando di clock, trasferisce lingresso alluscita.
I flip flop di tipo D sono utilizzati nella costruzione di registri a scorrimento. Questi sono costituiti da una
cascata di flip flop, tutti connessi allo stesso clock, e montati in modo tale che luscita di un flip flop sia
lingresso del successivo. In tal modo il dato memorizzato su unuscita viene trasferito, ad ogni colpo di
clock, al successivo. Dunque il clock definisce il tempo di permanenza del dato. I dati vengono inseriti in
maniera seriale.
I flip flop di tipo T invece sono impiegati nella realizzazione di contatori. In questo caso lingresso sempre
all1 logico per tutti i flip flop, mentre luscita di uno, fa da clock per il successivo. In questo modo si ottiene
un divisore di frequenza, che permette quindi il conteggio, da 0 fino a 2^n dove n indica il numero di flip
flop.
PROCEDIMENTO:
Si montato il FF di tipo JK, lo si verificato tramite la tabella verit e cortocircuitando gli ingressi all1
logico, si verificato il funzionamento Toggle e quindi il divisore di frequenza. Ci si visto prima tramite
lutilizzo dei led, notando che il tempo di accensione e spegnimento dei led era doppio rispetto alla frequenza
del clock, e in seguito tramite loscilloscopio, verificando che londa quadra in uscita aveva periodo doppo
rispetto a quello del clock in ingresso.
Si quindi passati allo SHIFT REGISTER secondo lo schema in figura:
Tramite i led si verificato il funzionamento di registro, notando lo spostamento sequenziale dei dati in
ingresso, inseriti manualmente.
Infine si montato il contatore tramite lutilizzo dei FF di tipo T, seguendo lo schema in figura:

Volendo un contatore modulo 10, si presa la precauzione di inserire, sempre come da schema, una porta
NAND, che una volta giunti al valore 9, entrava in azione e fungeva da reset. In questo modo si interrotto il
calcolo a 9, senza farlo arrivare a 15.
Il funzionamento da contatore si verificato in due modi:
Dapprima tramite luso dei led, considerando le sequenze binarie che era possibile leggere tramite
laccensione e lo spegnimento dei led. Era infatti possibile leggere i numeri, in codice binario, osservando,
ad ogni colpo di clock, quali led fossero accesi e quali spenti.
Si quindi montato il decodificatore e lo si collegato al display anodo comune, sul quale stato possibile
osservare la funzione di contatore.

Potrebbero piacerti anche